Sei sulla pagina 1di 2

ANALISI TECNICA SU VALUTE

Euro-dollaro: il cambio prova un difficile rimbalzo tecnico


Strategia Euro/dollaro
Nella giornata di lunedì il cambio euro/dollaro (EUR/USD) ha compiuto un veloce
recupero, alimentato dal forte ipervenduto di breve termine, ed è risalito in area
1,1440-1,1445. Nonostante questo rimbalzo la struttura tecnica rimane precaria:
prima di poter iniziare una risalita di una certa consistenza sarà necessaria
un’adeguata fase laterale di riaccumulazione. Un ulteriore allungo dovrà affrontare un
primo ostacolo attorno a 1,1475 e una seconda barriera a ridosso di 1,15. Pericolosa
invece una discesa sotto 1,1330 anche se, da un punto di vista grafico, solo la rottura
di 1,13 potrebbe fornire un nuovo e pericoloso segnale ribassista. (riproduzione
riservata)
Gianluca Defendi

Strategia Euro/Yen
Nella giornata di lunedì il cambio euro/yen (EUR/YEN) si è appoggiato a quota 125,55
ed ha compiuto un veloce recupero, con le quotazioni che sono risalite fino a 126,50.
La situazione tecnica rimane precaria anche se il forte ipervenduto di brevissimo
termine può alimentare un’ulteriore rimbalzo verso 127 prima e in area 127,25-
127,30 poi. Pericoloso il ritorno sotto 125,50 anche se, da un punto di vista grafico,
soltanto la rottura di quota 125 potrebbe fornire un nuovo segnale ribassista di tipo
direzionale. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

Strategia Dollaro/Yen
Nella giornata di lunedì il cambio dollaro/yen (USD/YEN) ha subito una veloce
correzione ed è sceso in area 110,30-110,28. La situazione tecnica di breve termine
rimane ancora contrastata: soltanto il ritorno sopra 111,50 potrebbe fornire un
segnale di forza. Un’ulteriore flessione troverà invece un primo sostegno a quota
110,10, un secondo supporto in area 109,85-109,80 e un terzo supporto a ridosso di
109,40. Inversione ribassista soltanto con una discesa sotto 109,35. (riproduzione
riservata)
Gianluca Defendi
Cable: la tendenza primaria rimane ribassista
Il cambio sterlina/dollaro (GBP/USD) si trova all’interno di una solida tendenza
ribassista di breve termine. Le quotazioni hanno infatti subito una brusca flessione e
sono scese fino ad un minimo di 1,2910. L’analisi quantitativa conferma la presenza di
un solido down-trend e solo il forte ipervenduto registrato dagli oscillatori più impedire
un ulteriore cedimento. Un rimbalzo dovrà comunque affrontare una prima barriera in
area 1,3010-1,3020 e un secondo ostacolo a ridosso di 1,31. Difficile per adesso
ipotizzare il ritorno sopra quest’ultimo livello. Prima di poter iniziare una risalita di una
certa consistenza sarà pertanto necessaria un’adeguata fase laterale di
riaccumulazione. Un’ulteriore flessione può spingere il cambio in area 1,2890-1,2885
prima e attorno a 1,2865-1,2860 successivamente. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi

Euro/yen: la struttura tecnica si sta indebolendo


Nel corso delle ultime sedute la situazione tecnica del cambio euro/yen (EUR/YEN) si è
indebolita. Le quotazioni hanno infatti subito una veloce correzione e sono scese verso
il sostegno posto in area 128,60-128,50. L’analisi quantitativa evidenzia un
rafforzamento della pressione ribassista: il cedimento del sostegno posto a quota
128,50 può pertanto innescare un’ulteriore flessione verso 128,25 prima e attorno a
quota 128 successivamente. Un rimbalzo dovrà invece affrontare un primo ostacolo
attorno a 129,30-129,40 e una seconda barriera in area 130,15-130,30. Difficile per
adesso ipotizzare il ritorno sopra questa zona. (riproduzione riservata)
Gianluca Defendi