Sei sulla pagina 1di 1

L’artista pensa attraverso le forme che crea: egli cerca di determinare ciñ che sta pensando attraverso il suo

sperimentare con le forme che rederanno percepibili ai suoi occhi i risultati delle sue riflessioni.
L’intenzione iniziale perciò non è solo un proposito, un intento che sta nella testa dell’artista, ma si
tratta di qualcosa che coinvolge, non in modo statico, ma dinamico, in progress, anche l’opera.
L’opera nel suo farsi rivela un’intenzionalità, una sorta di interna necessità, da cui deriva una
nozione dinamica dell’intenzione. Diversamente, una nozione statica dell’intenzione ridurrebbe il
lavoro a una sorta di arte puramente concettuale o ideale che si realizza in modo imperfetto.
Patterns of intentions: in questo libro frutto di un ciclo di conferenze tenuto a Berkley nel 1982, Michael
Baxandall si interroga in modo analitico su che cosa si intende per intenzione nella costruzione di un’opera
d’arte. Tambien nel libro tratta di cosa parliamo quando spieghiamo un quadro o in che rapporto si situano l
opera dipinta e la spiegazione stessa che non può che ricorrere a termini, parole concetti. Cercheremo di
focalizzare la nostra attenzione solo sul tema dell’intenzione per non discostarci dal filo logico della nostra
investigazione, nonostante l’importanza degli altri temi trattati dall’autore.

In questo libro esplicitamente Baxandall dichiara di non voler fare qui della storia sociale dell’arte («il libro
tralascia quindi una grande quantità di argomenti, e uno di questi è la sociologia dell’arte» precisa nella
prefazione, e poche righe sotto: «e rimarrò indifferente all’accusa di aver scritto un libro insoddisfacente dal
punto di vista della sociologia dell’arte»), quanto sulla natura, gli strumenti e le possibilità di quella che egli
chiama la ‘critica inferenziale’ o deduttiva, quella cioè che attraverso la lettura dell’opera cerca di formulare
le cause, le ragioni che hanno portato alla sua creazione, che, partendo dall’oggetto, o meglio dalla lettura
dell’oggetto, tenta di restituire il ventaglio delle motivazioni e delle intenzioni che ne hanno accompagnato
la nascita.