Sei sulla pagina 1di 2

Fisica Tecnica – Esercizio del 25/6/2015 – Ing.

Civile, Edile, CEA, Gestionale, Elettrica

Un locale per abitazione è dotato di un sistema di raffrescamento a soffitto. Per una prima analisi di
larga massima, si schematizza la superficie interna del locale assumendo due soli valori di
temperatura, uno per il soffitto freddo e uno per le pareti ed il pavimento. Tali valori di temperatura
sono uniformi sulle relativi superfici e costanti nel tempo.
Tutte le superfici sono assimilabili a corpi grigi. L’aria entro il locale è in quiete. Sono dati:

lato del locale L 4 m


altezza del locale H 3 m
temperatura soffitto T1 18 °C
temperatura pareti e pavimento T2 28 °C
umidità relativa interna ϕ 0.5
emissività di tutte le superfici ε 0.8
Numero di Prandt aria Pr 0.71
-5 2
Viscosità cinematica aria υ 1.57⋅10 m /s
Conducibilità termica aria k 0.027 W/(m K)
-8 2 4
Costante di Stefan Boltzman σ 5.67⋅10 W/(m K )

Calcolare:
1. La temperatura dell’aria entro il locale (12 punti)
2. La potenza termica da asportare attraverso il soffitto (12 punti)
3. Se esiste il rischio di formazione di condensa sul soffitto (6 punti)

Campo di validità Nu = C · Gra ·Prb


Situazione geometrica Ra = Gr · Pr Note
C a b
103 ÷ 109 0.59 0.25 0.25 Nu e Gr in
Superficie piana o
funzione
cilindrica verticale 109 ÷ 1012 0.13 0.33 0.33 della verticale L
5 7
Superficie piana 10 ÷ 2×10 0.54 0.25 0.25 flusso termico
orizzontale, quadrata 2×107 ÷ 3×1010 0.14 0.33 0.33 verso l’alto
di lato L 105 ÷ 1010 0.25 0.25 0.25 verso il basso