Sei sulla pagina 1di 2

PLESSI VENOSI VERTEBRALI

Strutture
venose che si
dispongono

internamente ed esternamente al canale vertebrale.


Raccolgono il sangue refluo dai piani superficiali delle regioni posteriori del tronco, muscoli
delle docce vertebrali, corpi vertebrali, meningi e midollo spinale.

Si aprono:
-A livello cervicale: nelle vene vertebrale e giugulare posteriore
-A livello toracico: nelle vene azygos, emiazygos ed emiazygos accessoria
-Caudalmente: nelle vene lombari, ileolombari e sacrali

Rappresentano quini una via anastomotica tra cava superiore e cava inferiore.

PLESSI VENOSI VERTEBRALI ESTERNI


Si distinguono in:
ANTERIORI: sulla superficie anteriore della colonna vertebrale, drenano dai corpi vertebrali e
si aprono nelle vene intervetrebrali.

POSTERIORI: sulla superficie posteriore delle lamine vertebrali e a livello dei processi spinosi,
trasversi e articolari. Aprono nelle vene vertebrali, giugulari posteriori, occipitali, intercostali
e lombari.
Sono piuù sviluppati nella regione cervicale.

PLESSI VENOSI VERTEBRALI INTERNI

Situati all’interno del canale vertebrale, nello spazio peridurale.


Drenano il sangue refluo dai corpi vertebrali, attraverso le vene basivertebrali.
Dal midollo e dalle meningi attraverso le vene midollari.
Sono divisi in 2 plessi anteriori e 2 posteriori, connessi da plessi anastomotici trasversi.
Defluiscono nelle vene intervetrebrali.
A livello del grande foro occipitale sono anastomizzati con vene vertebrali, seno occipitale e
seno sigmoideo.

VENE INTERVERTEBRALI

Oiginano dai plessi venosi interni (e da parte degli esterni), attraversano i fori intervertebrali e
si aprono nelle vene vertebrali, nel ramo dorsospinale delle intercostali, nelle lombari e nelle
sacrali laterali.