Sei sulla pagina 1di 2

El testament d’Amelia (Miguel Llobet, 1900),

tratto da una canzone popolare catalana di origine medievale, è la triste storia di


una regina che, gelosa della bellezza della propria figlia, la avvelena,
annodandole letteralmente il cuore.
Narrador:
Malalta està, malalta,
la filla del bon rei.
Comtes la van a veure
comtes i noble gent.

Cor: Amelia:
"Ai, que el meu cor s'em nua
como un pom de clavells".

Narrador:
També hi va sa mare
quan ja no hi ha remei.

Reina:
"Filla, la meva filla,
de quin mal us queixeu?"

Cor: Amelia:
"Ai, que el meu cor s'em nua
como un pom de clavells".

Amelia:
"Mare, la meva mare,
bé prou que ho sabeu,
metzines m'heu donades
que em nuen el cor meu".

Cor: Amelia
"Ai, que el meu cor s'em nua
como un pom de clavells”

Narratore:
E’ malata, sta male
la figlia del buon re.
I conti vanno a farle visita,
conti e gentiluomini.

Amelia:
“Ahimè, il mio cuore è annodato
come un pugno di garofani”

Narratore:
Anche sua madre va a farle visita
quando ormai non c’è più rimedio
Regina:
“Figlia, figlia mia,
da quale male sei afflitta?”

Amelia:
“Ahimè, il mio cuore è annodato
come un pugno di garofani”

“Madre, madre mia,


lo sai molto bene,
tu m’hai dato il veleno
che mi ha annodato il cuore”

“Ahimè, il mio cuore è annodato


come un pugno di garofani”