Sei sulla pagina 1di 16
Il turismo nel primo semestre 2010 I movimenti internazionali nel Mondo e in Europa. I risultati
 

Il turismo nel primo semestre 2010

I movimenti internazionali nel Mondo e in Europa. I risultati in Italia.

GHnet

settembre 2010 ghnet. it

Premessa Questo report utilizza esclusivamente i dati consuntivi e campionari ad oggi disponibili, mentre quello che
 

Premessa

Questo report utilizza esclusivamente i dati consuntivi e campionari ad oggi disponibili, mentre quello che è stato scritto e detto finora in Italia si basa su dati previsionali.

Le fonti utilizzate sono:

  • UNWTO: World Tourism Barometer

  • Eurostat: Tourism Database

  • Banca d’Italia: Indagine campionaria sul turismo internazionale dell’Italia

  • Istat: Movimento alberghiero. Ferragosto 2010

Highlights A Ferragosto sono le presenze straniere (+5%) a contenere i danni nelle strutture alberghiere: arrivi
 

Highlights

A Ferragosto sono le presenze straniere (+5%) a contenere i danni nelle strutture alberghiere: arrivi totali +1%, presenze -1,9%. Gli italiani sono al tracollo: -1,9% e -4,8% rispettivamente.

Anche nel primo semestre gli arrivi internazionali in Italia sono in ripresa: +4,7%, pernottamenti +2,1%. Ma il confronto è con il 2009, anno della grande débacle turistica. Siamo ancora lontani dai livelli del 2008.

I risultati positivi degli stranieri sono comunque in linea con i trend internazionali.

A tirare il mercato: Russia in primis, ma anche Giappone, Spagna, Austria e Svizzera.

I flussi mondiali nel primo semestre 2010 (UNWTO)

I flussi mondiali nel primo semestre 2010 (UNWTO)

 

Arrivi turistici internazionali

2009 (var. % su

Gen-giu 2010 (var.

2008)

% su gen-giu 2009)

Mondo

-4,2

+6,9

Europa

-5,7

+2,0

Europa Settentrionale

-5,5

-5,4

Europa Occidentale

-4,7

+4,6

Europa Centro-orientale

-10,5

+0,3

Europa Meridionale / Mediterraneo

-3,8

+2,5

(Dati UNWTO)

I dati UNWTO attestano per il primo semestre 2010 una buona ripresa del turismo internazionale a livello mondiale, dopo il crollo del 2009. L’Europa ha visto l’anno scorso un calo maggiore degli arrivi, e sta recuperando con più lentezza.

Il turismo internazionale nelle principali destinazioni europee nei primi mesi del 2010 (Eurostat)

Il turismo internazionale nelle principali destinazioni europee nei primi mesi del 2010 (Eurostat)

   

Pernottamenti

Arrivi (x1000)

 

(x1000)

2009

2010

Var %

2009

2010

Var %

Francia (gen-giu)

12.612

12.849

-1,2

28.314

28.829

+1,8

Spagna (gen-apr)

7.671

8.160

+6,4

31.077

31.107

+3,3

Germania (gen-giu)

9.188

10.236

+11,4

19.102

21.155

+10,7

Regno Unito (gen-mag)

6.277

6.203

-1,2

20.569

20.328

-1,2

(Dati Eurostat. Elaborazione GHnet)

I primi 6 mesi del 2010 mostrano una dinamica particolarmente positiva per la Germania, sia per arrivi che per presenze.

Discreto recupero per entrambi i valori della Spagna (primi 4 mesi).

La Francia vede un leggero ulteriore calo degli arrivi, ma anche una ripresa dei pernottamenti.

In diminuzione le dinamiche turistiche per il Regno Unito.

I viaggiatori stranieri in Italia: spesa, ingressi e

I viaggiatori stranieri in Italia: spesa, ingressi e

pernottamenti ( Banca d’ Italia)

 

Spesa (mln. euro)

Viaggiatori alle frontiere

Pernottamenti (x1000)

 

(x1000)

MOTIVO DEL

VIAGGIO

Gen-

giu

Gen-

giu

Var %

su

Gen-giu

2009

Gen-

giu

Var %

su 2009

Gen-

giu

Gen-

giu

Var %

su

2009

2010

2009

2010

2009

2010

2009

Vacanze e

                 

altri motivi

  • 9.150 +6,4

9.736

24.829

25.849

+4,1

104.032

110.816

+6,5

personali

Lavoro

 
  • 3.238 +2,1

3.306

 

7.014

7.503

+7,0

29.964

26.009

-13,2

Totale

                 

complessivo

12.388

13.042

+5,3

31.843

33.352

+4,7

133.996

136.825

+2,1

(Dati Banca d’Italia- Indagine campionaria sul turismo internazionale dell’Italia. Elaborazione GHnet)

Anche in Italia, secondo i dati di Banca d’ Italia, il turismo internazionale nei primi 6 mesi del 2010 vede una ripresa dei viaggiatori (+4,7%), delle notti (+2,1%) e soprattutto della spesa (+5,3%).

Alla ripresa dei viaggi per lavoro (+7,0%) si contrappone un netto calo dei pernottamenti per lo stesso motivo di viaggio (-13,2%).

I viaggiatori stranieri in Italia:

I viaggiatori stranieri in Italia:

comportamenti di acquisto (Banca d’Italia)

MOTIVO DEL

durata media del viaggio (notti)

spesa pro-capite per viaggio (euro)

spesa pro-capite giornaliera (euro)

VIAGGIO

Gen-giu

Gen-giu

Gen-giu

Gen-giu

Gen-giu

Gen-giu

2009

2010

2009

2010

2009

2010

Vacanze e altri motivi personali

4,2

4,3

  • 369 377

 

88

88

Lavoro

4,3

3,5

  • 462 441

 

108

127

Totale complessivo

4,2

4,1

  • 389 391

 

92

95

(Elaborazione GHnet su dati Banca d ’ Italia)

La durata media del viaggi vede un lieve aumento per i motivi di vacanza e personali, e una netta diminuzione per i motivi di lavoro: è per questo calo della permanenza media che risulta crescere in maniera significativa la spesa giornaliera dei viaggi di lavoro.

La spesa pro-capite per vacanze aumenta invece in funzione della durata media, con una spesa giornaliera invariata.

I viaggiatori stranieri in Italia:

I viaggiatori stranieri in Italia:

dati per provenienza (Banca d’ Italia)

   

Viaggiatori alle frontiere

 

STATO DI

Spesa ( mln. euro)

(x1000)

Pernottamenti (x1000)

RESIDENZA

Gen-giu

Gen-giu

Gen-giu

Gen-giu

Gen-giu

Gen-giu

2009

2010

2009

2010

2009

2010

Germania

1.982

2.026

  • 4.971 4.852

 
  • 25.079 24.456

 

USA

1.394

1.442

 
  • 1.168 1.239

  • 12.109 13.296

 

Francia

1.157

1.159

  • 4.559 4.281

 
  • 12.097 12.645

 

Regno U nito

  • 955 896

   
  • 1.670 1.576

9.728

9.066

Olanda

  • 379 369

 

733

788

4.853

4.518

Svizzera

  • 820 898

 

5.276

6.156

5.275

6.376

Austria

  • 640 760

 

3.333

3.413

6.567

7.489

Spagna

  • 570 644

 

1.214

1.393

7.571

7.900

Belgio

  • 236 234

 

524

496

2.757

2.617

Russia

  • 247 342

 

178

267

1.418

1.742

Australia

  • 301 314

 

231

253

2.865

2.416

Giappone

  • 201 284

 

168

192

1.228

1.684

Cina

85

87

70

68

956

747

Totale complessivo

12.388

13.042

31.843

33.352

133.996

136.825

(Dati Banca d’Italia- Indagine campionaria sul turismo internazionale dell’Italia.)

Viaggiatori stranieri in Italia:

Viaggiatori stranieri in Italia:

dati per provenienza - variazioni (Banca d’Italia)

 

Var. %, gen-giu 2010/gen-giu 2009

STATO DI

 

Viaggiatori

 

RESIDENZA

Spesa

alle frontiere

Pernottamenti

Germania

+2,2

-2,4

-2,5

USA

+3,4

+6,1

+9,8

Francia

+0,2

-6,1

+4,5

Regno U nito

-6,2

-5,6

-6,8

Olanda

-2,6

+7,5

-6,9

Svizzera

+9,5

+16,7

+20,9

Austria

+18,8

+2,4

+14,0

Spagna

+13,0

+14,7

+4,3

Belgio

-0,8

-5,3

-5,1

Russia

+38,5

+50,0

+22,8

Australia

+4,3

+9,5

-15,7

Giappone

+41,3

+14,3

+37,1

Cina

+2,4

-2,9

-21,9

Totale

     

complessivo

+5,3

+4,7

+2,1

(Elaborazione GHnet su dati Banca d ’ Italia)

L’analisi dei mercati mostra una forte dinamica da parte della Russia, con un aumento del 50% dei viaggiatori. Molto interessante il dato del Giappone, che sembra aumentare la permanenza media e la spesa media. In crescita anche i risultati del mercato spagnolo, svizzero, e austriaco. Tornano a crescere i visitatori statunitensi, con un buon incremento dei pernottamenti, e una più modesta dinamica di spesa. Unico calo significativo è quello del Regno Unito.

Viaggiatori stranieri in Italia:

Viaggiatori stranieri in Italia:

dati per struttura ricettiva (Banca d’ Italia)

 

Spesa (mln. euro)

Viaggiatori alle frontiere (x1000)

Pernottamenti (x1000)

Alloggio

Gen-giu

2009

Gen-giu

2010

Var % su

2009

Gen-

giu

Gen-

giu

Var % su

2009

Gen-giu

2009

Gen-giu

2010

Var %

su

2009

2010

2009

Albergo, villaggio turistico

 
  • 6.740 +9,2

7.362

 

10.113

10.751

+6,3

46.574

  • 49.393 +6,1

 

Casa in affitto*

 

1.839

  • 1.678 1.943

+9,6

 
  • 2.136 +9,9

 

31.669

  • 32.481 +2,6

 

Ospite di

parenti,amici

 
  • 1.769 -3,4

1.709

 

3.442

 
  • 3.551 +3,2

30.418

  • 30.242 -0,6

 

Altro**

 
  • 1.389 -0,7

1.379

 

3.536

 
  • 3.778 +6,8

25.335

  • 24.709 -2,5

 

Nessun

pernottamento

812

753

-7,3

 
  • 12.809 +2,5

13.135

 

-

-

-

Totale

complessivo

12.388

13.042

+5,3

 
  • 31.843 +4,7

33.352

 

133.996

136.825

+2,1

(Dati Banca d’Italia- Indagine campionaria sul turismo internazionale dell’Italia. Elaborazione GHnet)

* Comprende anche agriturismo e B&B ** Campeggi, roulotte, comunità religiose, case di cura, navi (in crociera)

Si registra un aumento sensibile dei viaggiatori che hanno scelto la casa in affitto (9,9%), ma i loro pernottamenti crescono in misura minore (2,6%). Crescono anche i viaggiatori in albergo e villaggio (6,3%) e in misura proporzionata anche i rispettivi pernottamenti (6,1%); maggiore invece l’ aumento della spesa per questa tipologia ricettiva (9,2%).

Viaggiatori stranieri in Italia:

Viaggiatori stranieri in Italia:

dati per area visitata (Banca d ’ Italia)

 

Spesa ( mln. euro)

Viaggiatori a destinazione (x1000)

Pernottamenti (x1000)

AREA

Gen-giu

Gen-giu

Var %

Gen-giu

Gen-giu

Var % su

Gen-giu

Gen-giu

Var % su

VISITATA

2009

2010

su 2009

2009

2010

2009

2009

2010

2009

Nord-ovest

 
  • 3.468 +0,1

  • 3.472 13.413

 
  • 12.765 +5,1

 

32.861

  • 33.276 +1,3

 

Nord-est

 
  • 3.487 +6,4

  • 3.709 13.179

 
  • 12.855 +2,5

 

41.311

  • 42.118 +2,0

 

Centro

 
  • 3.781 +9,2

  • 4.127 7.762

   
  • 8.131 +4,8

39.424

  • 40.328 +2,3

 

Sud e isole

 
  • 1.404 +2,4

  • 1.438 2.779

   
  • 2.903 +4,5

18.433

  • 19.146 +3,9

 

Non classificata

248

297

+19,8

2.663

 
  • 2.895 +8,7

1.967

1.957

-0,5

Totale

                 

complessivo

12.388

13.042

+5,3

38.825

40.521

+4,4

133.996

136.825

+2,1

(Dati Banca d’Italia- Indagine campionaria sul turismo internazionale dell’Italia. Elaborazione GHnet)

La distribuzione territoriale dei fenomeni mostra buone performance delle Regioni centrali su tutte le variabili. Buono l’ incremento della spesa anche nel Nord-Est. Il Nord-Ovest vede il miglior risultato nell’aumento dei viaggiatori, cui però non corrispondono miglioramenti sostanziali nella spesa e nei pernottamenti. Le Regioni meridionali e insulari hanno invece il miglior andamento dei pernottamenti, con buoni risultati anche per numero di viaggiatori e spesa.

Alberghi Ferragosto 2010:

Alberghi Ferragosto 2010:

arrivi e presenze (Istat)

RIPARTIZIONE

Arrivi (var. % su 2009)

Presenze (var. % su 2009)

GEOGRAFICA

Italiani

Stranieri

Totale

Italiani

Stranieri

Totale

Nord-ovest

-7,7

+3,1

-1,6

-8,3

+5,5

-2,3

Nord-est

-3,2

+0,3

-2,0

-4,8

+5,1

-2,2

Centro

-2,7

+12,4

+5,2

-7,1

+5,4

-2,0

Sud e isole

+4,3

+9,7

+5,6

-1,7

+3,4

-0,7

ITALIA

-1,9

+5,4

+1,0

-4,8

+5,0

-1,9

(Fonte: Istat. Movimento alberghiero Ferragosto 2010)

I dati Istat sulla settimana di Ferragosto mostrano una tenuta degli arrivi negli esercizi alberghieri, a fronte però un calo complessivo dei pernottamenti (-1,9%). Appaiono polarizzate le dinamiche di italiani e stranieri. Gli arrivi e le presenze domestiche calano infatti rispettivamente dell’1,9 e del 4,8%. Gli stranieri invece registrano un aumento del 5,4% negli arrivi e del 5% nelle presenze. Le Regioni del Centro, del Sud e le Isole ottengono i migliori risultati in termini di arrivi stranieri. Le Regioni del Nord vedono invece i peggiori risultati per il mercato domestico; netto anche il calo dei pernottamenti italiani al Centro.

Alberghi Ferragosto 2010:

Alberghi Ferragosto 2010:

permanenza media (Istat)

 

Permanenza media 2010

Permanenza media

RIPARTIZIONE

 

(giornate)

 

(variazione 2010 - 2009 )

GEOGRAFICA

Italiani

Stranieri

Totale

Italiani

Stranieri

Totale

Nord-ovest

4,04

2,44

3,09

-0,02

+0,05

-0,03

Nord-est

5,46

4,33

5,08

-0,10

+0,20

-0,01

Centro

4,06

2,52

3,20

-0,20

-0,16

-0,24

Sud e isole

4,59

3,37

4,29

-0,28

-0,21

-0,27

ITALIA

4,81

3,17

4,13

-0,15

-0,01

-0,12

(Fonte: Istat. Movimento alberghiero Ferragosto 2010)

La permanenza media è in netto calo, soprattutto a causa dell’andamento del mercato italiano.

La riduzione maggiore si registra nelle regioni meridionali e insulari. L’unico aumento riguarda la permanenza media degli stranieri nelle strutture del Nord-Est.

Alberghi Ferragosto 2010:

Alberghi Ferragosto 2010:

provenienza dei clienti italiani (Istat)

Area di provenienza dei clienti italiani. Ferragosto 2009 e 2010 (composizioni percentuali)

   

2009

 

2010

Stessa

Regioni

Altre

TOTALE

Stessa

Regioni

Altre

TOTALE

RIPARTIZIONE

regione dove

confinanti

regioni

regione

confinanti

regioni

GEOGRAFICA

è situato

rispetto a

dove è

rispetto a quella

l'albergo

quella in cui è

situato

in cui è situato

situato l'albergo

l'albergo

l'albergo

Nord-ovest

23,1

38,0

38,9

100,0

23,0

39,2

37,8

100,0

Nord-est

11,4

44,9

43,7

100,0

12,6

45,0

42,4

100,0

Centro

15,4

24,7

59,9

100,0

14,6

26,5

58,9

100,0

Sud e isole

31,3

17,6

51,1

100,0

23,6

19,8

56,6

100,0

ITALIA

17,6

35,2

47,2

100,0

17,0

35,7

47,4

100,0

(Fonte: Istat. Movimento alberghiero Ferragosto 2010)

  • I dati sulle aree di provenienza della clientela italiana non mostrano sostanziali variazioni rispetto al 2009.

    • I fenomeni di turismo di prossimità rimangono concentrati soprattutto nelle Regioni

nord-occidentali e meridionali, anche se in queste ultime risultano in diminuzione. Agli alberghi del Centro e del Sud e Isole resta la quota più alta di clienti provenienti da Regioni più lontane.

Alberghi Ferragosto 2010:

Alberghi Ferragosto 2010:

principali provenienze straniere (Istat)

NAZIONALITA’

1

a

2

a

3

a

Non

TOTALE

PREVALENTI

prevalente

Germania

33,1

12,2

8,6

46,1

100,0

Francia

20,9

11,4

6,3

61,4

100,0

Svizzera

6,1

9,8

9,2

74,9

100,0

Paesi Bassi e Belgio

4,6

9,0

6,4

80,0

100,0

Austria

4,9

8,3

6,1

80,7

100,0

Regno Unito e Irlanda

6,3

6,5

4,1

83,1

100,0

Spagna

4,9

4,5

4,7

85,9

100,0

Russia

3,1

2,7

4,5

89,7

100,0

Stati Uniti d’ America

4,2

3,0

1,9

90,9

100,0

Cina

1,6

0,1

0,3

98,0

100,0

Giappone

0,3

0,5

1,1

98,1

100,0

Australia e Nuova Zelanda

0,4

0,6

0,9

98,1

100,0

Altro

9,2

8,9

12,2

69,7

100,0

(Fonte: Istat. Movimento alberghiero Ferragosto 2010)

L’analisi delle provenienze straniere del 2010 mostra un’incidenza minore della Germania, Paesi Bassi e Belgio, e Stati Uniti. Mentre aumenta la rilevanza di mercati quali Francia, Svizzera, Russia, Spagna, Austria, Cina (vedi slide successiva per confrontare i dati del 2009).

Alberghi Ferragosto 2009:

Alberghi Ferragosto 2009:

principali provenienze straniere (Istat)

NAZIONALITA’

1

a

2

a

3

a

Non

TOTALE

PREVALENTI

prevalente

Germania

38,1

11,5

6,3

44,1

100,0

Francia

20,0

10,9

6,1

63,0

100,0

Svizzera

3,7

11,3

9,8

75,2

100,0

Paesi Bassi e Belgio

4,8

7,7

11,4

76,1

100,0

Austria

4,0

13,2

5,7

77,1

100,0

Regno Unito e Irlanda

4,5

6,0

8,6

80,9

100,0

Stati Uniti d’ America

8,1

3,7

2,6

85,6

100,0

Spagna

3,5

4,0

4,1

88,4

100,0

Russia

2,1

2,5

2,0

93,4

100,0

Australia e Nuova Zelanda

0,4

0,8

1,3

97,5

100,0

Giappone

0,7

0,8

0,5

98,0

100,0

Cina

0,1

0,2

0,6

99,1

100,0

Altro

10,2

6,9

8,3

74,6

100,0

(Fonte: Istat. Movimento alberghiero Ferragosto 2009)