Sei sulla pagina 1di 19

SOM M ARIO:

Pisa al 50° Salone Nauti- 2


co Internazionale di
Genova

Navicelli News
Invito al Salone Nautico 3
di Genova

Nautica: tra ripresa e 4


sostenibilità ambientale

L’industria nautica 5
secondo UCINA
V O L U M E 1 , N U M E R O I I I D A T A 2 9 / 0 9 / 2 0 1 0
Cantiere Fontani: la 6
tradizione dei maestri
d'ascia LA NAUTICA PISANA AL 50° SALONE NAUTICO
INTERNAZIONALE DI GENOVA
Trasporto merci sul 7
canale Editoriale del Presidente della Navicelli Spa
Principi del lean thinking 7
Il terzo numero del nostro del mare” a cui partecipano, ture, scuole d’eccellenza e
notiziario è dedicato al Sa- oltre a me, il Sindaco di Pisa centri di ricerca.
Boccadarno porto di Pisa 8 lone Nautico Internazionale Marco Filippeschi, il Presiden- La partecipazione così com-
di Genova, a cui la città di te della Provincia di Pisa An- patta di enti e società pisa-
Il modello golena d’Arno 9 Pisa partecipa per il terzo drea Pieroni, il Presidente ne al Salone Nautico Inter-
anno consecutivo. Comune Camera di Commercio di Pisa nazionale di Genova è per
Progetto CENTO 9 di Pisa, Provincia di Pisa, Pierfrancesco Pacini, il Presi- me motivo di grande soddi-
Camera di Commercio di dente Parco Migliarino S. sfazione e spero che possa
Nuova darsena sui Navi- 10 Pisa, Navicelli di Pisa Spa, Rossore Massaciuccoli Gian- suscitare l’interesse di tante
celli Boccadarno Porto di Pisa carlo Lunardi, il Presidente persone.
Lavori in corso sul Cana- 11 Spa e i cantieri navali pre- Boccadarno Porto di Pisa Spa Non mi resta quindi che in-
le dei Navicelli senti nell’area dei Navicelli Stefano Botta e il Direttore vitare tutti i nostri lettori a
s o n o p r e s e n t i Toscana Promozione Stefano visitare lo stand della città
Unione navigazione in- 12 all’importante appunta- Giovannelli. di Pisa presso la Fiera di
terna italiana mento con la nautica. Sarà l’occasione per fare il Genova e a partecipare al
punto sullo sviluppo del polo dibattito sulla nautica pisa-
Il circolo velico Marine 13 Infatti, come è ormai con-
One base logistica della nautico pisano e sul nascente na.
suetudine, istituzioni e so-
squadra olimpica classe porto turistico di Marina di
Star cietà pubbliche e private
Pisa, ma anche per parlare
pisane, organizzano insie-
Caratterizzazione 13 dei numerosi progetti in corso
me la presenza al Salone
dell’analisi chimico-fisica che riguardano l’area dei Na-
del Canale dei Navicelli
Nautico di Genova in un
vicelli.
unico stand.
Cucinare a bordo: dal 14
Quello della nautica è un set-
megayacht di 33 metri Inoltre quest’anno è in tore importante per la Tosca-
alla piccola imbarcazione programma per il 5 Otto- na, in cui Pisa ha un ruolo da
bre , alle ore 11, il dibatti- protagonista grazie alle gran- Giovandomenico Caridi
Le ricette a bordo di 14
Federica Sanguineti
to sul tema "La nautica di potenzialità di sviluppo,
pisana, una realtà in per la sua posizione logistica,
L’Assessore Regionale 16 crescita nella Toscana per la presenza di infrastrut-
Luca Ceccobao a Pisa per
visitare l’area dei
Navicelli Confcommercio Pisa
Progetto SE.RE.NA 17
In Confcommercio Pisa ospitiamo al bliche siano ca-
nostro interno ben due sindacati che paci, con scelte
Recensione libro:”Aree 17 si occupano di nautica e molti im- oculate e convin-
protette e nautica
prenditori associati. La consapevolez- centi, di suppor-
sostenibile”
za dell'importanza di questo settore tare questo set-
Progetto MISTRAL 17 per tutto il territorio provinciale è tore e tutti gli
molto forte e come associazione di imprenditori che
La redazione 18 categoria lavoriamo attivamente in vi operano.
direzione di un suo rafforzamento. Si
tratta di un settore che riguarda un
giro d'affari di oltre 160 milioni di eu- Come Confcommercio Pisa lavoriamo a
Reg. Tribunale di Pisa Numero 8/09

ro e che merita la massima attenzio- fianco dei nostri associati, soprattutto


ne di tutti i soggetti coinvolti. L'eco- in termini di consulenza, prestazione di
nomia del mare è un tipo di economia servizi e formazione, per sviluppare
che riesce a legare e connettere indu- sempre di più saperi e conoscenze dif-
stria, tecnologia, servizi, formazione, fuse, determinanti per riuscire a vince-
all'interno di una cornice distrettuale re la sfida dello sviluppo di una nuova
capace di creare ricchezza, occupa- economia del mare.
zione, sviluppo, innovazione.
Ci aspettiamo che le istituzioni pub- Federico Pieragnoli
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 2

Pisa al 50° Salone Nautico Internazionale di Genova


Anche quest’anno Pisa sarà ma anche di trasferimenti. della navigazione, delle ma-
presente al Salone Nautico Il secondo riguarda il trasferi- novre, dei vari e degli alag-
Internazionale di Genova: mento del Cantiere Fratelli gi per le imbarcazioni da
istituzioni, associazioni, socie- Rossi e della Società navale diporto all’interno del porto
tà pubbliche e private pisane pisana, ma anche l’arrivo di pisano e lungo il canale dei
saranno riunite in un unico un nuovo cantiere navale dal Navicelli. Inoltre ha il com-
stand all’interno della Fiera di Veneto e l’allargamento del pito di Comando di Porto su
Genova che vedrà la presenza cantiere che si occupa di logi- delega del Comune di Pisa.
di 1.400 espositori e di 2.300 stica. Tre le aree interessate: la
barche. Il terzo progetto interesserà Darsena pisana, ovvero
l’area più grande, di proprietà l’area portuale, dove ha
della Sviluppo Navicelli Srl, sede la società con il Centro
con 46 ettari di estensione, Servizi Yachting Lab, la do-
suddivisa in cinque macro- gana e la maggior parte dei
lotti. Sono in arrivo cinque cantieri navali; l’area di
grandi nomi della nautica, tra Tombolo e l’area di Ca-
cui Codecasa, Overmarine e lambrone.
Virde, e ventitre cantieri più
piccoli, ma anche strutture Inoltre nella vicina Marina
Un appuntamento ormai irri- per i servizi e imprese della di Pisa sta sorgendo il nuo-
nunciabile per la città di Pisa new economy. vo porto turistico da 475
che è destinata a diventare il posti barca. La Boccadar-
secondo Polo nautico Italiano Tutta l’area è gestita dalla no Porto di Pisa Spa ha
dopo Viareggio: entro il 2011 Navicelli di Pisa Spa, la socie- garantito che la prima im-
è infatti previsto l’arrivo di tà interamente a capitale barcazione entrerà in porto
sessanta cantieri navali, pro- pubblico partecipata al 33% nel 2012. Saranno poi ne-
venienti da Viareggio, ma an- dal Comune di Pisa, al 33% cessari altri due anni per il
che dalla Liguria e dal Veneto. dalla Provincia di Pisa e al completamento dell’area,
33% dalla Camera di Com- per un investimento com-
Il Polo nautico pisano sta sor- mercio, Industria, Artigianato plessivo di 100 milioni di
gendo nell’area dei Navicelli, e Agricoltura di Pisa. euro Il progetto riguarda
dove attualmente sono pre- La Navicelli di Pisa Spa prov- una superficie di 20 ettari,
senti quindici cantieri navali di cui 50 mila metri quadra-
su una superficie di 180 mila ti di edificato nell’area retro
metri quadrati, per un totale portuale: 30 mila di resi-
di 320 dipendenti e 700 tecni- denze e 20 mila di attività
ci dell’indotto. La produzione commerciali, artigianali e
di megayacht è affidata ad turistiche, che saranno ge-
operatori storici, come Cantie- stite direttamente dalla so-
ri di Pisa, il Cantiere Fratelli cietà.
Rossi, il Cantiere Arno e Pisa D.S.
Superyachts.
Pisa è presente al
Lo sviluppo futuro vede come PADIGLIONE S - STAND
protagonisti i progetti del vede all’amministrazione del E19
Consorzio I Navicelli (CNA patrimonio demaniale di ter-
di Pisa), del Consorzio Dar- reni e fabbricati,
sena pisana e della Svilup- all’assegnazione delle conces-
po Navicelli Srl. sioni demaniali, la loro ge-
Il primo progetto prevede do- stione e controllo,
dici cantieri provenienti da all’esecuzione di opere di ma-
Viareggio e dalla Liguria. Si nutenzione, dragaggio ed
tratta principalmente escavazione dei fondali, al
dell’apertura di nuove sedi, coordinamento e controllo

NAVICELLI NEWS
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 3

50° Salone Nautico Internazionale di Genova


INVITO

Martedì, 5 Ottobre 2010 – ore 11.00

“La nautica pisana,


una realtà in crescita nella Toscana del Mare”
Parteciperanno:

Sindaco di Pisa Marco Filippeschi

Presidente della Provincia di Pisa Andrea Pieroni

Presidente Camera di Commercio di Pisa Pierfrancesco Pacini

Presidente Navicelli di Pisa Spa Giovandomenico Caridi

Presidente Parco Migliarino S. Rossore Massaciuccoli


Giancarlo Lunardi

Presidente Boccadarno Porto di Pisa Spa Stefano Bottai

Direttore Toscana Promozione Stefano Giovannelli

Fiera di Genova - Stand E19 - Padiglione S

NAVICELLI NEWS
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 4

Nautica: tra ripresa e sostenibilità ambientale

Nel corso dell’estate la nautica è stata al centro di basta spostarsi di poco ai confini delle due
molte attenzioni dei mezzi di informazione, che regioni, e cioè sul Magra, non a caso un baci-
non hanno riguardato soltanto gli aspetti - diciamo no idrografico interregionale su cui opera un
così - più stagionali, ma anche la crisi più generale parco regionale ligure - quello appunto di
dell’economia che non può non avere effetti nega- Montemarcello-Magra - per avere analoghe
tivi sul comparto. A questi si sono aggiunti, anche conferme di queste difficoltà, ma anche pos-
in Toscana, quelli della portualità turistica con sibilità di trovare soluzioni ecosostenibili.
risvolti polemici assai vivaci. Le pagine economico- Soluzioni
finanziarie dei maggiori giornali italiani hanno for- che come
nito a più riprese i dati preoccupanti sulla situazio- sappiamo
ne del settore, le cui difficoltà nei suoi aspetti più tanto a Boc-
critici e allarmanti riguardano l’occupazione come cadarno con
abbiamo potuto il porto at-
vedere anche tualmente
nella nostra in costruzio-
città. Un settore ne quanto a
insomma che Bocca di
risente chiara- Magra, dove
mente e diretta- la Regione Liguria ha da poco approvato il
mente di quella piano del parco regionale sulla nautica, non
crisi economica sono avvenute senza colpo ferire.
più generale Che sia stata finalmente e positivamente av-
con la quale viata, ad esempio, la messa in regola della
non solo il nostro paese deve fare i conti. golena dell’Arno, grazie all’impegno congiun-
Per la nautica vi sono naturalmente, come abbia- to delle nostre istituzioni e delle rappresen-
mo potuto chiaramente registrare anche nella no- tanze delle categorie, è sicuramente la con-
stra regione e nella vicina Liguria, aspetti specifici ferma che una accresciuta capacità pianifica-
che riguardano anche gli impatti ambientali di un toria è la sola ricetta che paga.
settore che sovente mal si concilia con le esigenze Come paga il rapporto e la collaborazione
- anch’esse ormai ineludibili - di una politica mari- crescente con il mondo della ricerca, tanto
no-costiera che non può non farsi carico della sua che Pisa con i Navicelli può aspirare a diven-
sostenibilità, come è tornata recentemente a ricor- tare capitale delle energie rinnovabili.
darci anche la Comunità Europea specialmente, Qui si pone - anzi si ripropone - un questione
ma non soltanto, in riferimento al Santuario dei che ho già posto più volte: come riuscire a
cetacei. ‘spendere’ sul piano nazionale questi nostri
La nuova Giunta regionale toscana, rispetto a risultati.
questa realtà più volte salita alla ribalta di una Su Il Sole 24 Ore recentemente Aldo Bono-
cronaca non sempre benevola, sta cercando di di- mi, sociologo attento ai fenomeni economico
sinnescare le situazioni più delicate per poterle sociali specie al nord, ha rilevato che in quei
ricondurre a una territori negli ultimi tempi si sono moltiplicate
programmazio- le iniziative riguardanti più che i distretti che
ne regionale che noi toscani conosciamo bene, attività parti-
presenta ancora colari nuove, capaci però di aggregare molte-
ritardi e anche plici interessi e in primis proprio il mondo
impostazioni più della cultura e della ricerca. A me sembra
che discutibili che questa nuova tipologia di eventi ben si
alle quali è ur- attagli alla nautica e alla nostra realtà.
gente rimediare. Se ne parlò anche in occasione della mostra
D’altronde - nautica allo scalo Roncioni, ma io credo che
come abbiamo sarebbe bene passare dalle parole ai fatti
avuto modo di sottolineare già su questa stessa verificando se e a quali condizioni, istituzioni,
rivista, ma anche su Cosmonautica e Toscanapar- società, associazioni di categoria etc se la
chi - specialmente nella nostra città le attività della sentono di misurarsi con un impegno del ge-
nautica nella sua più complessa accezione interes- nere.
sano direttamente o ai suoi più immediati confini Renzo Moschini
un parco storico e un territorio di grandissimo pre-
gio e perciò anche estremamente vulnerabile. Ma

NAVICELLI NEWS
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 5

UCINA

L’industria nautica italiana ha dovuto fare i conti con le


difficoltà del momento, ma ha saputo trovare in sé stessa la
forza per superarle. Adesso occorre una politica per la nautica
“L’industria nautica ha vissuto una crisi economica che per la nautica. “Lo scorso anno – sottolinea Alber-
ha messo a dura prova la capacità di tenuta di molte toni - abbiamo presentato all’Assemblea straordi-
aziende. Oggi, nonostante si intraveda qualche segna- naria della nautica il Piano generale per la nauti-
le di lieve miglioramento, sappiamo che il cammino da ca, che avrebbe attratto 3 miliardi di euro di inve-
percorrere sarà ancora lungo e che ci vorrà ancora del stimenti privati. Tuttavia, dopo nove mesi, la rifor-
tempo per recuperare i livelli produttivi passati e intra- ma della legge 84/94 sui porti attende ancora il
prendere la via della crescita”. Queste le parole del parere della Conferenza delle Regioni per prose-
Presidente UCINA, Confindustria Nautica, Anton Fran- guire il cammino parlamentare, mentre non abbia-
cesco Albertoni alla presentazione del 50° Salone Nau- mo avuto alcuna risposta sulla linea di azione di
tico Internazionale di Genova. “Nel primo trimestre Italia Navigando e la ridefinizione dei canoni de-
2010 – spiega Albertoni - il Pil dell’Italia è cresciuto maniali e’ rimandata alla realizzazione del federa-
dello 0,6% rispetto al 2009 con una performance mi-
gliore rispetto a Francia, Spagna e Gran Bretagna.
Segnali positivi arrivano anche dall’export dove si è
registrata, nel primo trimestre, una crescita delle espor-
tazioni del 17,2%. Ciò dimostra la forza del Made in
Italy. Per quanto riguarda il comparto della nautica da
diporto, per il 2009 avevamo stimato una contrazione
contenuta in una forbice compresa fra il 27% e il 35%.
Oggi, sulla base dalle prime elaborazioni dei dati con-
suntivi 2009, siamo in grado di confermare un calo
complessivo, 2009 su 2008, del 30,5 %. In questo valo-
re si registra una maggiore sofferenza dei comparti
motori e componentistica , rispetto alla cantieristica.
Siamo comunque convinti che al momento della ripre-
sa economica, la nautica da diporto sarà uno dei settori
con maggiori margini di crescita. Le nostre aziende lismo. La riforma delle aree marine protette è stata
hanno sempre saputo incardinata al Senato, ma muove troppo lenta-
anticipare le tendenze mente i primi passi dell’iter parlamentare.
di mercato e stanno Sono stati aperti i tavoli tecnici per aggiornare il
tuttora investendo per Regolamento di attuazione del Codice della Nauti-
meglio cogliere i primi ca e il decreto sui titoli professionali e un altro per
segnali di ripresa”. creare un esame unico nazionale a quiz per la
Nel corso degli anni la patente nautica, ma sono tutti da concludere. Poi
nautica si è trasformata si è aggiunta la questione oggi più attuale, per non
da settore di nicchia a dire drammatica, perché ha messo in difficoltà il
comparto industriale nostro Paese sui mercati internazionali del noleg-
A destra che può ancora vantare gio dei grandi yacht. Mi riferisco alla mancanza di
Anton una leadership mondia- norme e interpretazioni certe sugli aspetti fiscali e
le con il 51,3% del por- doganali che spinge i broker a far partire le unità
Francesco tafoglio ordini, nel comparto delle grandi barche. “Con da paesi esteri, in primo luogo la Francia, regalan-
Albertoni oltre 3 miliardi di dollari di valore – dichiara il Presiden- do a loro i benefici fiscali e il rilevante indotto, pro-
Presidente te UCINA - l’industria nautica italiana si presenta al prio come avveniva prima dell’introduzione del
primo posto della classifica dei primi 20 paesi esporta- leasing nautico italiano. Leasing che in soli cinque
UCINA
tori di yacht e barche da diporto nel mondo. Rispetto anni ha portato 800 milioni di IVA nelle casse
ad altri settori del Made in Italy, storicamente votati dell’erario italiano, denari altrimenti incassati
all’esportazione, la nostra quota di export si è ridotta ad all’estero”.
oggi solo del 15%. La nautica è comunque al quinto In conclusione il Presidente UCINA ha ricordato
posto, nella graduatoria dei prodotti che guidano la che l’industria nautica italiana ha dovuto fare i
leadership del Made in Italy e che vede l’Italia primo conti con le difficoltà del momento, ma ha saputo
Paese esportatore mondiale, come recentemente certi- trovare in sé stessa la forza per superarle. Adesso
ficato da una ricerca della Fondazione Edison”. però la politica deve avere il coraggio di guardare
Alla base della tenuta del settore, nonostante la crisi, ci oltre, fornendo gli strumenti per continuare a esse-
sono gli investimenti sull’innovazione del prodotto e del re leader nel mondo.
servizio, ma anche l’aver puntato sull’individuazione di
nuovi mercati di sbocco. Adesso occorre una politica Daniela Salvestroni

NAVICELLI NEWS
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 6

Passato, presente e futuro alla Navicelli di Pisa Spa:


la mostra permanente
"Cantiere Fontani: la tradizione dei maestri d'ascia"

La Navicelli di Pisa Spa ospita una mostra guerra mondiale per il trasporto fluviale di
permanente dedicata all’antica carpenteria materiali pesanti, da cui ha preso il nome il
navale pisana: "Cantiere Fontani: la tradi- Canale dei Navicelli.
zione dei maestri d'ascia" è un omaggio al La costruzione di una barca aveva inizio da
passato nel luogo in cui si lavora al rilancio un’attenta selezione del legname, privilegian-
dell’area del canale dei Navicelli. do pino, olmo e quercia, nei boschi del Tom-
bolo e di San Rossore, che una volta tagliato,
doveva essere stagionato per oltre un anno,
all’aperto oppure immerso nelle acque
1919
dell’Arno, nel caso di una qualità più giovane.
Nella foto: Per conferire l’elasticità, le tavole venivano
Odoardo poi immerse nelle vasche con l’acqua bollen-
Fontani con il te. La fase progettuale della barca consisteva
in uno schema generale che veniva tracciato
figlio Carlo e
a terra oppure su tavole di legno, senza uti-
un artigiano lizzare il metro. L’operazione finale, prima
della tinteggiatura, era il calafataggio, che
serviva a impermeabilizzare le imbarcazioni.
“Il presente e il futuro di quest’area – di- Alle varie lavorazioni necessarie alla costru-
chiara il Presidente Giovandomenico Caridi zione contribuivano 20 addetti circa.
– sono infatti il frutto della storia del Can- Dal Can-
tiere Fontani e di altri maestri d’ascia, che t i e r e
qui hanno sempre lavorato. E’ quindi giu- Fontani
sto darne risalto nella nostra sede con una uscirono
mostra permanente, affinché non se ne nel 1933
perda la memoria. La sfida che i cantieri le imbar-
navali pisani, nelle loro punte di eccellen- cazioni
za, hanno saputo vincere è stata quella di per le
coniugare questa sapienza secolare nel Regate
trattare il legno con i nuovi materiali che s to r ic h e
la tecnologia attuale ci mette a disposizio- di San
ne e con i procedimenti più avanzati della Ranieri, ma anche un motoscafo e una barca
produzione industriale moderna”. da pesca per i Savoia, che all’epoca avevano
La mostra, curata da Renato Papale, espo- la loro residenza estiva a San Rossore.
ne gli strumenti raccolti dalla famiglia Fon- In seguito il Cantiere ha avuto altre sedi,
tani: pialle, asce, tenaglie, trivelline e se- prima lungo il Canale dei Navicelli, poi in
garelle accompagnate da vecchie foto rac- Barbaricina e, a partire dal 1960, nella Gole-
contano la storia di come nasceva una na d’Arno, dove è stato il primo a insediarsi.
barca nei piccoli cantieri che sorgevano Negli anni ’80 con l’avvento della vetroresina
lungo l’Arno nei pressi dei vecchi arsenali. si è interrotta l’attività di costruzione di bar-
Il Cantiere Fontani sorgeva a Pisa in piazza che e ha avuto inizio quella commerciale di
San Paolo a Ripa d’Arno, come testimonia rimessaggio e servizi, a cui si dedica oggi
una vecchia foto del 1919 in cui è ritratto Alberto Fontani con il socio Maurizio Fiaschi.
Odoardo Fontani con il figlio Carlo e un D.S.
artigiano. Tra tutti i maestri d’ascia, Odo-
ardo, conosciuto come “pallino”, era il più
famoso. Nato nel 1876, era l’erede di
quell’antica tradizione pisana, che nella
sua famiglia aveva avuto inizio prima
dell’ottocento ed era stata tramandata per
almeno tre generazioni.
La produzione copriva tutta la gamma di
imbarcazioni per la navigazione fluviale e
lungo costa: navicelli, barconi, rimorchia-
tori, pescherecci, barchetti, gozzi a remi e
patini. Il “navicello” era un tipo di imbar-
Canale dei Navicelli. Antica
cazione in uso dal 1500 fino alla seconda
veduta

NAVICELLI NEWS
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 7

Trasporto merci sul canale


Il Canale dei Navicelli come soluzione alterna- cipale di questa nuova sfida attraverso tre azioni
tiva al trasporto merci su gomma è un'idea fondamentali: l'inizio delle attività di dragaggio,
più che concreta, voluta fortemente dalla Na- la redazione di un regolamento per il trasporto
vicelli di Pisa Spa, che ha recepito l'importan- merci lungo il canale e la redazione di un regola-
za di riportare il canale ai fasti che furono per mento inerente al trasporto di merci pericolose. Il
quanto riguarda il trasporto. Questa volontà sogno è quello di far diventare il canale dei Navi-
si basa sulla necessità di dare sviluppo all'a- celli un prolungamento naturale dell'Autostrada
rea dei Navicelli e più in generale a tutto il del Mare Tirrenica (Tarragona – Livorno) permet-
territorio pisano. Se guardiamo fuori dal no- tendo alla merci di penetrare nei centri di disloca-
stro paese, con le dovute proporzioni , è em- mento interni in maniera ecosostenibile. Questo è
blematica l'esperienza di Amsterdam che de- un sogno davvero ambizioso, ma in fondo - ri-
ve gran parte della sua prosperità al canale prendendo una citazione di Paulo Coelho - ”Il
che la collega al Mare del Nord. Inoltre i dati mondo è nelle mani di coloro che hanno il corag-
dell'Ue dimostrano come la navigazione inter- gio di sognare e di correre il rischio di vivere i
na rappresenta la modalità di trasporto merci propri sogni”.
più rispettosa dell'ambiente con una totalità Piero Pagliaro
di costi esterni calcolata in 10 euro per 1.000
tonnellate/chilometro. Se si fa un confronto,
tale cifra sale a 35 euro per il trasporto su
strada e a 15 euro per il trasporto ferroviario.
Inoltre si è rivelata la più sicura, come dimo-
stra il fatto che l'incidentalità in Olanda, che
ha la più alta quota di merci trasportate sui
canali, è molto inferiore a quella degli altri
paesi.
La Navicelli Spa dunque si fa interprete prin-

Il pensiero snello – I principi di Lean Thinking

Visto il periodo buio che ha attraversato il disposto a pagare. In questo modo sarà
settore nautico in questo ultimo periodo, no- possibile identificare le attività prive di valo-
nostante gli re aggiunto. Il secondo passaggio è quello
spiragli di di identificare il flusso di valore (value stre-
ripresa, si am), ovvero mettere a flusso tutte le attivi-
percepisce tà che creano valore. In tal caso possono
l’esigenza essere suddivise le attività che creano valo-
La Piramide di individu- re e il cui costo non può essere ridotto, le
dei Principi are nuovi attività che sono necessarie ma che non
del Lean modelli di producono valore e le attività che non han-
Thinking impresa che no alcun valore e che non sono necessarie,
siano in quindi devono essere eliminate. La terza
grado si fase riguarda lo scorrere del flusso di valore
affrontare e (flow), cioè implementare il processo di mi-
sostenere le glioramento in cui, eliminate tutte le attività
sfide future non a valore aggiunto, la produzione fluisce
del mercato. Per tale motivo i nuovi modelli liberamente. Il quarto punto è far tirare la
di impresa snella rappresentano il punto chia- produzione (pull), ovvero i reali consumi a
ve per l’eliminazione degli sprechi, in modo valle del processo produttivo che determi-
da produrre con un minor consumo di risorse. nano i fabbisogni di attività: bisogna quindi
Il Lean Thinking rappresenta questo, con ri- che i livelli di scorte e produzione siano bi-
sultati che arrivano a raggiungere un incre- lanciati tra di loro. Infine vi è l’ultima fase
mento del 100% di produttività con una note- riguardante la perfezione (perfection), che
vole riduzione di “customer lead time” e di richiede un continuo miglioramento nelle
scorte. Il modello Lean Thinking è applicabile varie fasi di processo, iniziando nuovamente
a tutte le imprese di qualsiasi comparto e set- dal primo passaggio. Alcuni illustri esperti
tore, comprese le aziende della filiera nautica. sostengono che è auspicabile estendere i
Il leitmotiv del modello Lean Thinking è pro- principi di Lean Thinking sopra indicati an-
prio quello di riuscire a individuare ed elimi- che alle società di subfornitura, in modo da
nare gli sprechi così da impiegare minori ri- ottimizzare l’intero processo di filiera.
sorse nella produzione e avere quindi minori Andrea Bruscoli
costi. Il primo passo è quello di definire il va-
lore, inteso come tutto ciò per cui il cliente è

NAVICELLI NEWS
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 8

Boccadarno il porto di Pisa


Ora a Boccadarno si comincia davvero a vedere degli approdi più interessanti della complessiva of-
qualcosa di concreto. Il grande diaframma di ferta italiana rivolta al diportismo di qualità. Anche
cemento che affonda fino a 17 metri e delimita per il mix dei suoi 370-400 posti barca, apposita-
l'area dei bacini portuali dall'abitato di Marina di mente studiato per rispondere alle domande del
Pisa è stato completato e presto cominceranno i mercato che si orientano, oltre ai tradizionali attrac-
lavori di ricostruzione della diga a nord, destina- chi per natanti piccoli e medi (a partire da dieci me-
ta ad accogliere una straordinaria passeggiata tri), anche verso imbarcazioni di maggiori dimensio-
pedonale panoramica. E' un gran bel porto quel- ni, fino a 50 metri.
lo che sta sorgendo a Boccadarno, sulla riva Giunto in dirittura d'arrivo
sinistra del fiume, proprio alla foce. Inserito dopo un lungo e complesso
nell'abitato di Marina di Pisa , al cui tessuto iter progettuale dovuto alla
urbano caratterizzato da ville liberty e infra- esigenza di rispettare i vin-
strutture turistiche e di servizio si collegherà con coli paesaggistici e quelli
percorsi pedonali, ha connotati inconfondibili e prescritti dalla necessità di
di gran pregio. Il nuovo Porto di Pisa, che richia- una reale armonizzazione
ma un'antica vocazione marinara della città to- con l'ambiente circostante, il
scana il cui stemma compare sulla bandiera del- porto di Boccadarno sarà
la marineria italiana insieme a quelli di Genova, pronto per accogliere le prime imbarcazioni già nella
Venezia e Amalfi, si trova infatti nel più grande primavera del 2012. Oggi l'area è un grande can-
parco naturale della Toscana, quello di San Ros- tiere dove i lavori veri e propri iniziati lo scorso apri-
sore, Migliarino, Massaciuccoli, esteso per le preceduti da un'accurata bonifica dei terreni, ven-
24mila ettari sulla costa fra Livorno e Viareggio. gono eseguiti dalla Cmc di Ravenna, una delle più
E questa è una caratteristica che rende il porto importanti aziende italiane specializzata in opere
pisano unico, nel pur vasto panorama italiano marittime e grandi interventi infrastrutturali. La
delle infrastrutture nautiche da diporto. vendita dei posti barca, che saranno ceduti in pro-
prietà, è cominciata con successo, a testimonianza
Ricco di dell'interesse che il porto pisano sta suscitando a
habitat natu- livello nazionale e internazionale, stante la sua posi-
rali sottoposti zione strategica facilmente raggiungibile in aereo
a vincoli di dalle principali capitali europee.
tutela che Ad accrescere le attrattive del porto di Boccadarno
sono stati c'è anche la storia dell'area dove sta sorgendo e
tenuti ben dove, a partire dalle prime case di Marina di Pisa, si
presenti nella estende il Litorale Pisano che comprende e Tirrenia
progettazione e Calambrone, fino alle porte di Livorno. Un'ottima
del porto e dotazione alberghiera, un ambiente naturale che ha
della zona ben pochi eguali e un'offerta gastronomica di quali-
residenziale collegata, il Parco Naturale racchiu- tà sono le caratteristiche principali della zona, insie-
de aree di grande valore naturalistico protette me a impianti sportivi di livello nazionale, come il
dalle normative europee per la presenza di e- Centro Coni e l'impianto golfistico a diciotto buche
semplari originari di flora e fauna tipici della co- del complesso residenziale Cosmopolitan.
sta mediterranea. E' a Boccadarno, infine, che è stata scritta una pagi-
Pisa e la Versilia sono a due passi, come na di storia italiana quando sulla riva destra del fiu-
altrettanto facili da raggiungere sono città d'arte me, nella tenuta di San Rossore, si ritiravano a vi-
come Lucca, Volterra, Firenze. E a dieci chilo- vere i membri di casa Savoia, a cominciare da Vitto-
metri dal costruendo bacino portuale si trovano rio Emanuele II che in quest'oasi incontaminata og-
le piste dell'aeroporto internazionale “Galileo gi inserita nel Parco Naturale, trascorreva gran par-
Galilei”, gli svincoli della grande viabilità auto- te dell'anno nella grande villa costruita dai Lorena.
stradale e la linea ferroviaria della Toscana occi- Fu poi nell'area di Boccadarno, oggi destinata a o-
dentale. Si aggiunga che le isole dell'Arcipelago spitare il bacino portuale, che negli anni Venti si
Toscano e la stessa costa orientale della Corsi- innalzavano i capannoni, poi demoliti per far posto
ca, in gran parte visibili a occhio nudo, sono a al porto, dove furono costruiti gli idrovolanti Dor-
poche ore di navigazione. Inoltre il porto di Boc- nier “Wal”, protagonisti delle prime transvolate oc-
cadarno fa parte dello stesso comparto nautico ceaniche e della missione al Polo Nord con l'esplora-
pisano in cui si trova la grande area cantieristica tore Roald Amundsen.
del canale dei Navicelli che collega Pisa con Li- Una lunga storia quella del luogo dove il fiume to-
vorno. Qui, a fianco di marchi storici come i scano conclude il suo corso dopo avere attraversato
Cantieri dell'Arno della famiglia Picchiotti dove l'intera regione e città come Firenze e Pisa. Una sto-
nascono i “Leopard”, i Cantieri di Pisa e i Cantie- ria che ora si apre su scenari nuovi, ricchi di nuove
ri dei Fratelli Rossi stanno per insediarsi gli im- prospettive che la pongono al centro di un nuovo
pianti di Codecasa, Overmarine, Benetti, Virde. destino, quale protagonista di un capitolo importan-
Ricco di appeal per il contesto in cui si trova, il te dello sviluppo della nautica italiana da diporto.
porto di Boccadarno si presenta sul mercato Giuseppe Meucci
con tutte le carte in regola per diventare uno
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 9

Il modello Golena d’Arno


Uno dei pregi che il comparto nau- go la sponda sinistra del tratto to organizzata sui lungarni di
tico presente alla foce dell'Arno da finale dell'Arno infatti operano Pisa nel giugno scorso. Un mo-
oltre trent'anni, è riuscito a evi- circa cinquanta rimessaggi con do semplice ma efficace per
denziare è la perfetta corrispon- una presenza costante di quasi dimostrare che le barche rap-
denza con le nuove esigenze del tremila imbarcazioni. Le dimensio- presentano anche una grande
mercato legato al diporto. Dopo il ni degli scafi vanno da un massi- risorsa turistica con le quali si
trionfo delle megastrutture e dei mo di 25 metri fino ai gommoni, può attirare e convogliare visi-
pesanti impatti sulle coste italiane, permettendo l'attracco e la sosta tatori nautici fin sotto le Torre di
i rimessaggi dell'Arno stanno di- sia in acqua che a terra a una u- Pisa, uno dei monumenti più
mostrando a distanza di anni che tenza varia e di ogni ceto sociale. celebri del mondo.
le scelte delle piccole dimensioni e In pratica su questa riva del fiume Non solo. L'obbiettivo della mo-
soprattutto la snellezza di una è sorta una struttura da fare invi- stra è stato anche quello di ce-
ospitalità basata sulla leggerezza dia alle più blasonate realtà nauti- lebrare la maturità degli opera-
delle strutture, ben integrate nel che, senza però porre quegli osta- tori nautici pisani, quelli per
comparto naturale, costituiscono coli economici e sociali che alla intenderci, che hanno fatto na-
non solo un valore aggiunto per lunga si stanno dimostrando un scere tra difficoltà e iniziali diffi-
gli utenti, ma anche una soluzione freno allo sviluppo della nautica denze la nautica dell'Arno, pri-
per il futuro. Una soluzione, è be- italiana. Sull'Arno, in sostanza, mo insediamento di un circuito
ne sottolinearlo, che ormai si sta prolifera una realtà capace di o- che si sta completando e arric-
caldeggiando anche a livello politi- spitare utenti dei vari ceti sociali chendo di altre importanti realtà
co, dopo tante scelte fatte in que- capace di attirare ormai da anni come il costruendo porto da 450
sti ultimi anni a danno dell'am- clientele da altre regioni, stufe di posti proprio sulla foce del fiu-
biente. In sostanza il comparto sopportare prezzi esosi e balzelli me e i grandi cantieri sorti lun-
L’inaugurazione del Battello sui Navicelli
vari. go il canale Navicelli, antica via
alla presenza del Sindaco di Pisa
Una formula ormai ben radicata e d'acqua medicea che unisce
M. Filippeschi e del Presidente della
riconosciuta anche a livello politico Pisa a Livorno.
Provincia di Pisa A. Pieroni locale, ma che deve adesso deve I tempi che la nautica italiana
raggiungere una completa regola- sta vivendo non sono certo dei
rizzazione superando gli ostacoli migliori, ma ciò che i rimessaggi
rappresentati da vecchie legisla- dell'Arno stanno facendo rap-
zioni e di problematiche modifiche presenta in qualche modo una
urbanistiche. Una sfida raccol- risposta adeguata alla crisi.
ta dalla nuova associazione Arno Grande flessibilità e prezzi con-
costituita recentemente da alcuni tenuti. Una politica che dovreb-
dei più importanti rimessaggi che be essere più incentivata e so-
nautico dell'Arno sta dimostrando hanno già dato prova di efficienza stenuta anche a livello politi-
che è possibile creare un polo pro- con una serie di iniziative tra le co.
duttivo di grande valore economi- quali la più importante e suggesti- Roberto Galli
co, senza stravolgere niente. Lun- va è stata la prima mostra merca-

Progetto Cento
La Navicelli settore mobile e camper, Etruria ad una presenza sempre più
Spa ag- Innovazione per la parte ICT, la massiccia ai saloni nautici di
giunge un Navicelli SpA per la cantieristica mezzo mondo. Riguardo l'am-
altro tas- nautica e il Consorzio Polo Tec- bito strettamente produttivo i
sello alla lista dei progetti finan- nologico della Magona per lo servizi richiesti e che la Navi-
ziati, questa volta si tratta del sviluppo ed applicazione di ma- celli potrà offrire sono, tra gli
progetto CENTO, destinato alla teriali innovativi. Il progetto è altri, la ricerca e analisi di
realizzazione di un Centro di partito con un'analisi dei fabbi- nuove tecnologie e materiali,
competenza per il sistema sogni delle aziende del settore, il trasferimento trasversale di
“interni” toscano nei settori del in particolare nel settore nauti- competenze tra settori appa-
mobile-complemento, camper e co, la Navicelli ha intervistato 9 rentemente scollegati. La con-
nautica. Tre settori questi ultimi società (che si ringraziano per sulenza gestionale, la certifi-
molto affini per quel che riguar- la loro disponibilità), e ha rile- cazione di qualità, sicurezza e
da le tecnologie, i materiali e i vato una forte domanda di for- ambiente completano il qua-
processi produttivi utilizzati nella mazione professionale. Sul fron- dro dei fabbisogni di servizi .
realizzazione degli interni. Il par- te commerciale invece i cantieri
tenariato vede come capofila il cominciano a sentire l'esigenza Nicola Varrese
Centro Sperimentale del mobile di un marketing focalizzato sui
che ha competenze specifiche nel mercati internazionali, puntando
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 10

Conclusi i lavori della nuova darsena sul canale dei Navicelli


Sarà inaugurata il 23 ottobre insieme al grande travel lift
Realizzata in pochi anni e contando su una ri- Pisa del gruppo Baglietto, i cantieri dei Fratelli
presa del settore che, almeno qui, nella Toscana Rossi e altri. Ora sul canale dei Navicelli hanno
che guarda al mare, sembra ormai avviata, l'a- piantato le tende anche nomi come Codecasa,
rea cantieristica della Sviluppo Navicelli è dive- Virde, Overmarine, Benetti. E altri arriveran-
nuta una realtà operativa ben precisa. Il 23 no, dopo aver già acquistato le aree attrezzate
ottobre sarà inaugurata la nuova, grande darse- dove sono in via di realizzazione anche infra-
na pensata anche per le grandi barche che sa- strutture di servizio e edifici da destinare a
ranno costruite nei nuovi cantieri e il paesaggio uffici e insediamenti commerciali.
è caratterizzato dal gigantesco “travel lift” che è
capace di sollevare imbarcazioni fino a 670 ton- Ma che cosa rende particolarmente interessan-
nellate. Di queste dimensioni e capacità operati- te l'area per la cantieristica nautica sul canale
ve non ce ne sono molti in tutta Italia. Una real- dei Navicelli? Innanzitutto la posizione. L'area
tà di grande interesse economico, dunque, quel- si trova a metà strada fra Pisa e Livorno, dove
la che si sta consolidando sul canale dei Navicel- è aperto lo sbocco
li, che non è tale soltanto per il comprensorio di al mare attraver-
riferimento dell'area pisana, di cui pure rappre- so i bacini portua-
senta una delle voci più significative sia per il li. Raggiungibili in
volume d'affari sia per l'occupazione, diretta e pochi minuti, gra-
indotta. L'arrivo di nuovi cantieri sulla riva est zie a uno svincolo
dell'antica via d'acqua artificiale che collega il appositamente
Porto di Livorno con la Darsena Pisana, assume realizzato, sono
infatti un significato particolare ed ha una valen- poi la grande via-
za nazionale. Il caso di Pisa e delle sue grandi bilità autostradale
possibilità nel comparto del diportismo, che ri- tirrenica e l'aero-
sultano in crescita invece di rimanere ferme o porto internazio-
addirittura arretrare, sono invece lì a dimostrare nale “Galileo Galilei” collegato quotidianamente
che superare la difficile congiuntura è possibile. con tutte le capitali europeee e le città più im-
L'importante è mettere in campo idee, progetti portanti. L'area pisana per la cantieristica è
concreti e realizzabili e capacità imprenditoriali. inoltre collocata nell'ambito dei confini del Par-
Come ha fatto decidendo di investire nel settore co Naturale di San Rossore, Migliarino, Massa-
della cantieristica da diporto e dei servizi ad es- ciuccoli che si estende dalla provincia di Livor-
sa collegata, la no fino a Viareggio ed è il più grande della To-
Sviluppo Navi- scana. Una localizzazione particolarmente im-
celli. portante questa che sottolinea l'importanza del
binomio nautica-ambiente, già segnalato lo
Quello che sta scorso anno da un convegno organizzato a
accadendo Pisa dalla Federparchi italiana e incentrato pro-
all'ombra della prio sul tema “Area protette e nautica sosteni-
Torre Pendente, bile”. Una condizione ideale quella dell'inte-
a pochi minuti di grazione fra strutture destinate al diportismo e
navigazione in- alla cantieristica e ambiente che, se altrove
terna dal porto viene ancora vista come un obbiettivo da rag-
di Livorno, è un dunque un fenomeno che vale giungere nel medio e lungo termine, qui è già
la pena di osservare con grande attenzione. Non una realtà precisa.
soltanto il porto turistico di Boccadarno sta a- A tutto questo si aggiunga che presto inzie-
vanzando felicemente verso la conclusione dei ranno i lavori per collegare il canale dei Navi-
lavori prevista nell'estate del 2012, ma sul ca- celli all'Arno, ripristinando alla periferia di Pisa
nale dei Navicelli arrivano i nuovi cantieri che l'opera idraulica distrutta dai bombardamenti
hanno acquistato i lotti appositamente attrezzati durante l'ultima guerra. Si crerà così un circui-
dalla Sviluppo Navicelli srl, la società formata da to nautico interno che collegherà il porto di
capitali locali e guidata da Stefano Bottai Livorno al porto di Boccadarno, attraverso un
(amministratore delegato e presidente anche percorso quasi interamente compreso nei con-
della Boccadarno Porto di Pisa spa). fini del Parco Naturale e che arriverà a lambire
Nuovi cantieri che si aggiungono ai marchi il centro storico di Pisa.
“storici” già presenti sulla riva est della via d'ac- G. M.
qua, come i Cantieri dell'Arno della famiglia Pic-
chiotti (da lì escono i “Leopard”), i Cantieri di

NAVICELLI NEWS
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 11

Lavori in corso sul canale


I dati emersi dalle diverse inda- trame e pozzetti-torretta di dre- termine fitoremediation (phyto =
gini a carattere chimico-fisico naggio. pianta e remediation = correzione)
sui fanghi di dragaggio, hanno In un settore della nuova vasca 2, descrive la capacità di cui sono
indotto la Navicelli di Pisa Spa a opportunamente adibito, è previ- dotate certe piante di rimuovere,
dover svolgere un intenso lavo- sta le realizzazione del sistema per degradare o rendere innocui alcuni
ro di pianificazione prima e di la fitodepurazione delle acque di inquinanti (Cunningham e Berti,
successiva progettazione che percolazione dei fanghi provenienti 1993).
potesse in qualche modo dare dalla stessa vasca 2 e, grazie a un
inizio a una serie di interventi sistema di condotte, verranno pre-
per il ripristino delle condizioni se in consegna anche le acque di
ottimali di navigabilità percolazione relative alla vasca 1.
dell’idrovia e che il tutto fosse in Successivamente si darà inizio alla
sintonia con la normativa vigen- fase di dragaggio, che prevederà
te. la rimozione dei 40.000 mc sedi-
Al fine di dare una adeguata menti presenti nei quattro transet-
risposta alle emergenze di navi- ti di cui sopra, ritenuti dopo lo stu-
gabilità e di sistemazione am- dio del profilo batimetrico i più
bientale del Canale dei Navicelli, interrati.
il volume totale necessario per Il trasferimento nella nuova vasca Processo di fitorimediazione
lo stoccaggio dei fanghi di dra- di 11.000 mc di sedimenti prove-
gaggio risulta pari a circa nienti dalla vasca 7 è dovuta inve- Fino ad oggi sono state individuate
50.000 mc. ce, sulla base delle analisi chimi- circa 400 taxa vegetali adatte a
Si è pensato pertanto di proce- che, alla non riutilizzabilità degli questo scopo (Brooks,1998), la
dere su più fronti: innanzitutto stessi ai sensi delle norme vigenti maggior parte delle quali di tipo
si è resa necessaria la predispo- e necessitano pertanto di opportu- erbaceo o di limitato apparato ra-
sizione di una struttura adibita no trattamento. dicale.
allo stoccaggio transitorio dei Le attività di trasferimento dei L'esecuzione dei lavori di sistema-
materiali contenuti nelle vasche fanghi della vasca 7 si conclude- zione delle vasche che ospiteranno
1 e 2. ranno con una operazione di scor- i fanghi sono state affidate alla
tico del terreno imposto sottostan- società SALES Spa
te il corpo dei rifiuti, per circa 0,2 Le operazioni di dragaggio dei
- 0,3 m di profondità, con il tra- quattro transetti di cui sopra sono
sporto e lo stoccaggio di detti ma- state affidate alla società TESECO
teriali nella nuova vasca e con Spa, in quanto risultata essere la
l’esecuzione di cinque indagini a- ditta vincitrice della gara d'appal-
nalitiche a livello del terreno impo- to.
sto, dopo lo scortico. In coerenza L'appalto per l'installazione
con i risultati delle indagini pre- dell'impiantistica elettromeccanica
gresse eseguite sui fanghi della relativa al trattamento di fitodepu-
Il manufatto in questione consi- vasca 7 verranno ricercati: razione è stato affidato alla ditta
ste in una struttura adeguata- C > 12 ITALPROGETTI Spa.
mente impermeabilizzata adibi- IPA Totali e singoli congeneri Allo stato attuale sono in fase ter-
ta al deposito temporaneo di Metalli pesanti (Cd, Cr totale, minale i lavori di sistemazione del-
materiali derivanti dalle attività Hg, Pb, Cu, Zn, Be, Ni). le vasche 1 e 2 da parte della SA-
di dragaggio ai sensi dell’art. 1, Una volta completate tutte le ope- LES Spa che si protrarranno orien-
comma 996-11 quinquies del razioni (rimozione e trasferimento tativamente fino alla fine del mese
collegato alla Finanziaria del dei fanghi di dragaggio, esiti nega- di Ottobre 2010. In seguito potrà
2007. tivi sui campioni di fondo scavo) si prendere il via la rimozione dei
Tale struttura dovrà prendere in provvederà a una sistemazione sedimenti dall'idrovia. Parallela-
consegna i sedimenti che saran- morfologica dell’area, ripristinando mente a questa fase di lavoro avrà
no dragati lungo i quattro tratti lo stato dei luoghi preesistente alla inizio il trattamento dei sedimenti
(circa 40.000 mc) oltre ai sedi- realizzazione delle stesse vasche. mediante la tecnica della fitodepu-
menti provenienti dalla vasca 7 L’ultima fase del progetto, termi- razione.
(circa 11.000 mc) che saranno nate le operazioni di accumulo dei Il dragaggio del Canale dei Navi-
rimossi e trasferiti nelle nuove sedimenti nella vasca di nuova celli verrà concluso orientativa-
vasche da realizzare . realizzazione, consta nella realiz- mente alla fine dell’anno e questo
Le vasche saranno opportuna- zazione di un sistema di fitodepu- consentirà in futuro di gestire e-
mente impermeabilizzate con razione. sclusivamente le vasche di accu-
geomembrana: si realizzerà al Tra le tecniche naturalistiche di mulo dei sedimenti e verificare che
loro interno un sistema di dre- bonifica, la fitorimediazione rap- la concentrazione degli inquinanti
naggio e raccolta delle acque di presenta un’ottima strategia per la rientri nei parametri richiesti dalla
percolazione e meteoriche me- rimozione di metalli pesanti e normativa vigente.
diante trincee riempite con pie- composti organici inquinanti. Il Nicola D'Andretta
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 12

Unione Navigazione Interna Italiana

La Navicelli di Pisa Spa nel 2009 è entrata a far stato determinante per l’approvazione della
parte dell'associazione “Unione Navigazione legge n. 380, sia per quanto ha riguardato
Interna Italiana” (UNII) con la quale sta por- la definizione del tracciato del sistema, sia
tando avanti una serie di progetti mirati a otte- per l’ottenimento delle risorse messe a di-
nere i finanziamenti inerenti alla rivalorizza- sposizione per la realizzazione delle infra-
zione della navigazione interna. strutture.
L’UNII è stata istituita il 19 dicembre 1919 allo Sono stati recentemente raggiunti alcuni
scopo di dare incremento e sviluppo, nel piano risultati lu-
generale di ricostruzione del Paese dopo la fine singhieri re-
della prima guerra mondiale, alla costruzione lativamente
di una buona rete navigabile e a disciplinare ai finanzia-
l’esercizio della navigazione interna. menti auto-
L’ UNII è un’associazione, senza scopo di lucro, rizzati con la
cui possono partecipare gli Enti Pubblici e i loro legge n.
Consorzi (Regioni, Province, Comuni, Camere 194/1998
di Commercio, Aziende Portuali, Consorzi di (spesa di 80
Sviluppo Industriale) per una quota superiore miliardi di lire
al 50% e i privati (Imprese, Aziende ed Asso- per gli anni
ciazioni di operatori interessati alla navigazione 1997- 1998 -
interna). 1999) e con la legge n.413/1998 sul rifi-
L’Ente ha sede a Marghera (Venezia) e con il nanziamento degli interventi per l’industria
D.M. del 19 Giugno 1992 n. 1866 le è stata cantieristica e amatoriale e attuazione della
riconosciuta personalità giuridica. normativa comunitaria del settore: l’art.11
della suddetta legge autorizza, ai fini del
risanamento del sistema idroviario padano-
veneto, un limite di impegno economico
quindicennale di 40 miliardi di lire all’anno,a
decorrere dal 2000.

Il 13 marzo 1999 è stato firmato a Chioggia


il Protocollo d’Intesa per lo Sviluppo del Si-
stema Idroviario Padano-Veneto, sottoscrit-
to dal Ministro dei Trasporti e della Naviga-
zione, dagli Assessori ai trasporti della Re-
gione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della
Regione Emilia Romagna, della Regione
I suoi organi sono: il Consiglio, al quale sono Lombardia, della Regione Piemonte e della
rimesse le decisioni più importanti; l'Assemble- Regione Veneto: si tratta di una tappa posi-
a dei Soci; il Presidente che segue in generale tiva, frutto del lavoro dell’UNII e dei suoi
il funzionamento dell’associazione; il Collegio Associati. Nel 2010 sono state varie le atti-
dei Revisori dei Conti. vità svolte dall'UNII, tra cui la partecipazio-
ne alla giornata dell'acqua, inserita nel
L’UNII ha come finalità lo sviluppo della navi- “LIFE 2020” organizzata dalla Navicelli di
gazione interna sia commerciale, sia turistica e Pisa Spa, nella quale il Presidente dell' UNII
pertanto svolge essenzialmente un’attività di Mario Borgatti ha evidenziato l'importanza
tipo promozionale. Inoltre svolge attività di del Canale dei Navicelli come idrovia ai fini
ricerca mirate allo sviluppo del settore attra- di un maggior sviluppo economico del terri-
verso una gestione continua di rapporti con le torio pisano.
Autorità Nazionali, Regionali e Locali e con gli
operatori nazionali e internazionali del settore.
L’attività dell’UNII ha solo effetti indiretti sullo
Per tutte le attività svolte dall’UNII, dal
sviluppo della rete idroviaria e dei traffici di
2006 al 2010, è possibile visitare il sito
navigazione interna.
www.unii.org
Si può comunque affermare che il suo ruolo è

NAVICELLI NEWS
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 13

Il circolo velico Marine One base logistica della squadra olimpica classe Star

Il nuovo circolo velico MarineOne dell’Inghilterra, dove da aprile a con le lezioni che avranno inizio
nella golena d’Arno ha stretto un maggio prossimi si svolgeranno le nel mese di ottobre. La scuola
accordo con la squadra olimpica selezioni per le Olimpiadi. di vela è importante per raffor-
classe Star e dal Luglio scorso è Il Marine One è stato considerato zare il carattere e affrontare la
diventato la base logistica per la la base logistica ideale per gli al- vita che non è facile. Il ruolo
sessione annuale degli allenamenti. lenamenti sia per la posizione sul dell’istruttore è quello di accen-
L’accordo è stato reso ufficiale con fiume sia per lo spazio disponibile dere il fuoco, la passione, in
l’incontro tra l’Assessore allo sport per tutto il materiale tecnico ne- tutti, anche in quelli che non
della Provincia di Pisa Salvatore cessario, dalle vele agli alberi ai vogliono diventare professioni-
Sanzo e l’allenatore della Federa- gommoni. sti. Contano le regole ma so-
zione Italiana Vela Valentin Man- Inoltre il team utilizza per gli alle- prattutto il rapporto con la na-
kin. Pisa è stata preferita ad Alas- namenti tre imbarcazioni, tutte tura, che deve diventare nostra
sio e al lago di Garda grazie alle classe Star di 6.70 metri. amica”.
caratteristiche geografiche, logisti- Valentin Mankin è anche a capo Diego Negri è il timoniere, ha
che e meteorologiche della Golena della scuola di vela per ragazzi del 39 anni, vive a Diano Marina e
d’Arno. Marine One. Un onore per la no- fa parte dei gruppi sportivi delle
Mankin e stra città, dal momento che è Fiamme gialle.
gli atleti considerato uno dei più grandi Enrico Voltolini è il prodiere,
Diego Ne- velisti di tutti i tempi con tre me- ventitreenne di La Spezia sta
gri, già daglie d’oro e una d’argento con- proseguendo gli studi dopo la
medaglia quistate dal 1968 al 1989 in tre laurea in ingegneria.
olimpica, classi diverse. Originario di Kiev, La loro giornata inizia al mattino
ed Enrico risiede a Livorno dal 1991. Ha presto con ginnastica, lezioni
Voltolini, allenato i campioni italiani France- teoriche in aula, uscite in mare,
sco Bruni, Tommaso Chieffi, Ales- analisi dell’allenamento, miglio-
Salvatore Sanzo con Valentin Mankin sandra Sensini e Gabrio Zandonà, ramenti tecnici della barca e per
Foto di Fabio Muzzi ed è stato maestro dei due tecnici finire palestra oppure piscina.
FIV Luca De Pedrini e Paolo Ghio- L’allenamento dura una setti-
futuri rappresentanti della classe ne. mana a cui ne segue una di ri-
Star alle prossime Olimpiadi, han- “Per gli allenamenti degli atleti – poso per consentire agli atleti di
no basato la loro scelta sul facile spiega Mankin - ho scelto l’Arno tornare a casa. Dopo le selezio-
sbocco in mare e sulla presenza di anche perché mi ricorda il fiume ni del campionato italiano il Ma-
correnti medie e forti tipiche del della mia gioventù a Kiev. Qui rine One ospiterà anche altri
nord Europa, in particolar modo di spero di riuscire ad avvicinare al equipaggi con i loro allenatori.
Weymouth, la località nel sud ovest mio sport tanti bambini e ragazzi D.S.

Caratterizzazione dell’analisi chimico-fisica del Canale dei Navicelli

La gestione dei fanghi di dra- terizzazione chimica e biologica dei


gaggio del Canale dei Navicelli fanghi prelevati sul fondo del ca- di proprietà della società (una
rappresenta per la società una nale al piccola imbarcazione di 5 metri
problematica costante su cui fine di di lunghezza con un motore da
vengono investite ingenti individua- 40 cv) consente che l'attività di
energie con la finalità di tro- re i prin- campionamento, così come qual-
vare il matching ideale di tec- cipali in- siasi altra attività di ispezione e
nologie e tecniche che per- quinanti ricognizione dell'idrovia, sia
mettano il corretto uso, riuso presenti completamente indipendente da
e/o smaltimento del materiale nel sedi- soggetti terzi. Questo aspetto,
dragato. mento. La come ovvio, rappresenta note-
È di pochi giorni fa la stipula caratterizzazione prevede il prelie- voli vantaggi pratici ed economi-
di una convenzione intercorsa vo di due campioni ogni chilometro ci.
con il Dipartimento di Biologia di canale per un totale di 34 cam- Sono piccole cose, apparente-
dell'Università di Pisa per lo pioni su cui eseguire l’analisi. mente inezie, ma il mare non è
sviluppo di un progetto relati- L'aspetto interessante è che l'atti- forse fatto di piccole gocce?
vo all'abbattimento della con- vità di campionamento può essere
taminazione di natura organi- definita “fatta in casa”, in quanto è
ca dei sedimenti derivanti stato interamente ideato, proget- N.D’A.
dall'attività di dragaggio del tato e realizzato dallo staff della
canale mediante biopila e/o Navicelli di Pisa Spa un tubo cam-
landfarming. pionatore che permette il prelievo
Sulla base di tale progetto si è di fango dal fondo del canale. Inol-
deciso di procedere alla carat- tre la messa a punto della pilotina
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 14

Cucinare a bordo: dal megayacht di 33 metri alla piccola imbarcazione

L’organizzazione in cucina e una moria, ovvero i collegamenti con Questo lavoro richiede una conti-
buona cambusa possono cambiare la l’autoctono, le reinterpretazioni e
nua ricerca sulla materia prima e
qualità di vita a bordo. Parola di Fe- le rivisitazioni, e le nuove combi-
sugli accostamenti più armonici
derica Sanguineti, esperta di cucina nazioni. La gastronomia è una nell’ottica di ottenere cibi meno
e chef di bordo. Nel suo curriculum forma di linguaggio, di espressio-carichi e quindi più leggeri”.
anche un’esperienza sul “Kauris III” ne creativa, con cui si esprimono La cucina a bordo si differenzia a
di Marco Tronchetti Provera, un armonia, felicità, sensibili-
seconda del tipo d’imbarcazione:
Wally di 33 metri progettato da Ger- tà ,altruismo, magia e humor. un superyacht necessita di uno
man Frers, con il quale il Presidente Anche modificando le caratteristi-chef, mentre per una “normale”
di Pirelli che di un prodotto con tempera- vacanza in barca tra amici tutto è
& C. Spa tura, consistenza e forma, la mia più semplice, anche se va comun-
partecipa aspirazione è quella di mantenere que organizzato.
anche la purezza del sapore. E’ diverten-
“Quando si ha l’incarico di chef di
alle re- te per un cuoco stupire
bordo – spiega Federica Sanguineti
gate. Di l’inconscio, incuriosire il commen-
– sono fondamentali l'organizzazio-
persona- sale con le “texture”, lavorando ne della cambusa e la pianificazio-
lità e- nel piatto in modo che a un ele- ne della rotazione dei menù, per-
Federica Sanguineti clettica, mento morbido ne corrisponda ché non sempre si ha la possibilità
la giova- uno che costringa a masticare. di scendere a terra con calma per
ne genovese sviluppa le sue prime Attraverso i miei piatti vorrei co-
acquistare tutto il necessario sul
esperienze lavorative nell’ambito posto. La conoscenza del territorio
dell’arte, prima di approdare alla cu- è quindi basilare per poter essere
cina. Frequenta i corsi dei migliori in grado di caratterizzare la cucina
chef, da Cipriani a Vissani, e nel dei sapori del luogo in cui si è or-
2004 inizia a lavorare come cuoca di meggiati e per far degustare agli
bordo. L’esperienza sul Kauris III ospiti gli aromi e la materia prima
dura tre anni, nel corso dei quali rivi- locale. Nel caso di una semplice
sita le ricette tradizionali trasforman- vacanza con gli amici, invece, in
dole in piatti leggeri, senza trascura- genere si ha tutto il tempo di deci-
re gusto e presentazione, riuscendo dere quando scendere a terra per
a soddisfare i palati più rinomati. municare gioia, piacere, godimen- fare la spesa ed è possibile cucina-
“Esistono per me due strade per to e divertimento, i sentimenti re anche senza programmazione.
raggiungere l’armonia di prodotti e che provo quando mi trovo in cu- Tutto, infatti, nasce spontaneo,
sapori – dichiara Federica - la me- cina. divertendosi”. D.S.

Le ricette a bordo di Federica Sanguineti

INSALATA DI FARRO AL PE- 500 Grammi di farro integrale filo d’olio e i pinoli.
STO 250 Grammi di fagiolini Una volta ottenuto il pesto, ag-
Piatto svelto di origine Ligure 100 Grammi di pinoli giungete il parmigiano
100 Grammi di parmigiano senza frullarlo troppo.
SUGGERIMENTI 5 Mazzi di basilico Allungate il pesto con
La quantità d’aglio nel pesto è 1/2 Spicchio d’aglio un po’ d’acqua di bol-
soggettiva. Olio extra vergine d’oliva litura, al momento di
Per tagliare il basilico più rapi- Sale condire il farro e i fa-
damente aiutatevi con le forbi- giolini.
ci. PROCEDIMENTO
Asciugate le foglie con uno Controllate il tempo di cottura
strofinaccio senza strizzarle. sulla confezione del farro (40 mi- VARIANTI
Per conservare il pesto per 4/ 5 nuti circa). Con lo stesso procedi-
giorni, tenetelo in frigo coperto Lavatelo sotto l’acqua corrente, mento potete utilizza-
da un leggero strato d’olio ex- lessatelo in abbondante acqua re il mortaio, ottenen-
travergine d’oliva. salata, scolatelo e fatelo asciuga- do un pesto più grossolano ma
Se avete necessità di conser- re.Dopo aver bollito i fagiolini in ugualmente intenso nel sapore.
varlo più a lungo evitate di acqua salata, tagliateli a pezzetti. Nell’antica ricetta ligure il pesto
mettere il parmigiano, ma ri- si faceva esclusivamente con il
cordatevi di aggiungerlo al mo- IL PESTO mortaio di marmo.
mento di servire. Lavate le foglie del basilico, frulla- Potete utilizzare anche il formag-
tele con un po’ di sale, l’aglio, un gio pecorino, dando al pesto un
INGREDIENTI Per 8 persone: sapore più forte e deciso.

NAVICELLI NEWS
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 15

RAGU’ DI TOTANI ROSSI

Tipico piatto Eoliano di Salina te, controllando che non siano rimasti resi-
dui di sabbia.
SUGGERIMENTI Tagliate i totani e frullateli grossolanamen-
Sugo di pesce ai sapori mediterranei di velo- te.
ce preparazione. Tritate aglio, pinoli, capperi, qualche foglia
Ricordatevi di lavare i capperi sotto l’acqua di prezzemolo, peperoncino e il finocchiet-
corrente per eliminare il sale. to.
“ Totani rossi Le ricette tradizionali siciliane usano il pan- In una padella antiaderente fate scaldare
in vendita al grattato anche per finire i primi piatti. l’olio, rosolate il trito di sapori, aggiungete i
mercato di totani e fateli insaporire a fiamma alta.
Palermo”
INGREDIENTI Dividete i pomodori a metà, uniteli ai totani
Per 6 persone e proseguite la cottura per 5 minuti
a fiamma vivace.
1,8 kg di Totani rossi Abbassate la fiamma e continuate a cuoce-
700 Grammi di pomodori ciliegia re il ragù per altri 20 minuti.
100 Grammi di pinoli Nel frattempo tostate il pangrattato che
1 Pugno di capperi sotto sale avrete pronto al momento di servire la pa-
1 Spicchio d’aglio sta.
1 Ciuffo di prezzemolo VARIANTI
Peperoncino Potete aggiungere a questa ricetta delle
Finocchietto selvatico o semi di finocchio melanzane tagliate a cubetti.
Pangrattato
Olio extravergine d’oliva ABBINAMENTI
Sale Potete abbinare il sugo a della pasta fresca
PROCEDIMENTO all’uovo
Pulite e lavate i totani sotto l’acqua corren-

MATTONELLA CIOCCOLATO E CAFFE’

Dolce di lunga durata ottimo a bordo


per le lunghe traversate PROCEDIMENTO

SUGGERIMENTI Preparate il caffè e lasciatelo


raffreddare.
Utilizzate un piatto di portata lungo e Montate i rossi d’uovo con lo
stretto. zucchero utilizzando la frusta
Per la finitura, spalmate la crema aiu- elettrica, incorporate il burro
tandovi con un coltello a lama sottile, ammorbidito e lavoratelo fino
bagnatelo con l’acqua per aiutare la a ottenere una crema omoge-
scorrevolezza. nea.
Considerate due cucchiai abbonanti di Aggiungete al composto il ca-
crema per ogni strato. cao amaro, unite i bianchi montati a neve poco
per volta, lavorateli delicatamente con un movi-
INGREDIENTI mento lento dal basso verso l’alto.
Per 8 persone Immergete i biscotti rapidamente nel caffè.
Nel piatto di portata disponete il primo strato di
450 Grammi di gallette gallette su due file e a seguire i successivi strati
200 Grammi di zucchero alternati dalla crema di burro.
200 Grammi di burro ammorbidito Rifinite la mattonella con la restante crema,
2 Bicchieri di caffè aiutandovi con un coltello.
5 Rossi d’uovo Finite il dolce con una spolverata di cacao ama-
5 Bianchi d’uovo montati a neve ro.
4 Cucchiai di cacao amaro in polvere Lasciatelo riposare in frigo per 2 ore.
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 16

L’Assessore Regionale Luca Ceccobao a Pisa per visitare l’area dei Navicelli

La Navicelli di Pisa Spa ha ospitato ma del dragaggio del canale dei to Caridi – abbiamo bisogno di
la visita dell’Assessore Regionale Navicelli. una normativa regionale per
alle Infrastrutture per la Mobilità, “Questa – ha dichiarato evitare l’attuale iter complesso
Logistica, Viabilità e Trasporti Luca l’Assessore Regionale Luca Cecco- e che non è uguale per tutti.
Ceccobao per illustrare l’attività bao - è la mia prima presa di con- Dobbiamo smaltire 200 mila
svolta dalla società e per parlare tatto diretta con la realtà della
dello svilup- nautica a Pisa, che conoscevo solo
po futuro sulla carta. Ma vorrei ricordare che
della nautica la Regione non è il sig. Bonaven-
pisana. tura che a tutti regalava un milio-
All’incontro ne. Ci sono opere che devono ave-
erano pre- re il sostegno pubblico e altre che
senti il Vice necessitano dell’intervento dei
Sindaco Pao- privati. Un’idea moderna di svilup-
lo Ghezzi, il po prevede la connessione inter-
Presidente modale,il rafforzamento dell’ ele-
della Provin- mento produttivo e la valorizzazio-
Nella foto l’Assessore cia Andrea ne della costa. metri cubi di fanghi: l’obiettivo
Luca Ceccobao Pieroni e il Il Presidente della Regione Tosca- è quello di portare il canale a
Presidente na Enrico Rossi ha infatti annun- 3,5 metri di profondità per tutti
della Navicelli di Pisa Spa Giovan- ciato la volontà di costituire i suoi 17 chilometri. Inoltre sarà
domenico Caridi. Tra il pubblico un’autorità per i porti di interesse necessario innalzare il ponte
l’Amministratore Delegato di Svi- regionale”. dell’autostrada per il passaggio
luppo Navicelli Srl Stefano Bottai, i Il Vice Sindaco Paolo Ghezzi e il degli yacht di 60 metri”.
rappresentanti dell’Interporto To- Presidente della Navicelli di Pisa Per il rilancio dell’economia to-
scano Amerigo Vespucci e gli ope- scana, l’importanza della realtà
ratori della nautica. pisana è tale che, secondo il
Negli ultimi anni la Navicelli di Pisa presidente della Provincia An-
Spa ha svolto, oltre al ruolo di co- drea Pieroni, la Regione non
mando di porto sul canale, anche può non tenerne conto.
varie attività nell’ambito della ri- La visita dell’Assessore Regio-
cerca, della formazione e del mar- nale Luca Ceccobao è poi prose-
keting. Attraverso la struttura guita con la navigazione di un
Yachting Lab sta infatti portando tratto del canale a bordo di un
avanti alcuni progetti, come quelli Akhir di 22 metri dei Cantieri di
dedicati allo sviluppo sostenibile, Pisa. D.S.
alla filiera idrogeno, al portale a
supporto della nautica dell’alto me- Spa Giovandomenico Caridi hanno
diterraneo e all’ottimizzazione delle espresso la necessità di una legge
reti. La società funge da cerniera regionale sullo smaltimento dei
con i cantieri navali presenti fanghi per risolvere il problema del
nell’area dei Navicelli e collabora dragaggio del canale dei Navicelli.
con istituzioni e privati per la for- “Stiamo correndo il rischio – ha
mazione di figure professionali del detto Ghezzi – di paralizzare tutto
comparto nautico. e di vanificare gli sforzi fatti. La
Lo sviluppo dell’area è già una re- Regione deve dare certezza a ope-
altà con i big della nautica in arri- ratori e amministratori”.
vo, la realizzazione di una nuova Tanto per fare un esempio, lo
darsena ad opera della Sviluppo smaltimento dei fanghi nel tratto
Navicelli Srl e l’avvio dei lavori di pisano del canale dei Navicelli è
apertura dell’Incile nel Gennaio diverso da quello livornese.
2011. Resta da risolvere il proble- “Piuttosto che di soldi – ha spiega-

NAVICELLI NEWS
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 17

Progetto SE.RE.NA
Il periodo di congiuntura economica ro, coinvolgendo sia enti ed agen- zione dalla Provincia di Pisa alla
che ha colpito tutti i settori, ha con- zie italiane che francesi (Corsica) Navicelli Spa, in collaborazione
seguentemente portato gravi diffi- dell’area Alto Tirrenica: la Provincia con gli Assessorati alla Forma-
coltà sul fronte occupazionale. A di La Spezia, l’Agenzia Liguria La- zione e allo Sviluppo Econo-
risentirne maggiormente sono in voro, l’Agenzia Regionale per il La- mico e in particolare con gli uf-
particolar modo le aziende della su- voro della Regione Sardegna, la fici del Servizio Lavoro e del
bfornitura nautica, in generale di Provincia di Lucca, l’AFPA, la Pole Sociale, gli uffici del Centro
piccole dimensioni, ma tale è stata Emploi e la Provincia di Sassari. per l’Impiego provinciale e gli
la crisi che anche i grandi cantieri Sono previste 5 fasi (gestione mo- uffici delle Politiche Comuni-
storici ne hanno risentito in maniera nitoraggio rendicontazione, Indagi- tarie e Relazioni Internazio-
più o meno grave(i.e. Cantieri di ne, Matching, Sperimentazione, nali.
Pisa). La tendenziale riduzione delle Comunicazione) che permetteran- Le attività previste sono:
commesse a portato inevitabilmente no ai partner di sviluppare ed ap- l’individuazione di nuove figure
ad un taglio delle spese e quindi, in plicare metodi congiunti di monito- lavorative nel settore nautico,
primis, al taglio del personale dipen- raggio ed analisi continuative dei l’aggiornamento delle figure pro-
dente. fabbisogni professionali, di creare fessionali già esistenti nel terri-
strumenti e metodi di lavoro in rete torio pisano, la condivisione di
per favorire il matching tra doman- una mappatura professionale nel
da e offerta di lavoro nel settore comparto nautico sul territorio
nautico e della sua filiera, di elabo- pisano.
rare standard formativi sul settore
nautico e creare così un repertorio I benefici auspicati interesseran-
di figure professionali condivise. no in primo luogo i servizi pub-
Con l’obiettivo di rafforzare la “Rete Una volta realizzati i suddetti pro- blici per l’impiego, perché avran-
dei Servizi Pubblici per l'impiego” e dotti, questi verranno sperimentati no nuovi strumenti condivisi e
potenziare il mondo del lavoro della nei territori dello spazio di coopera- aggiornati per poter favorire
nautica la Navicelli Spa ed il suo zione, con l’obiettivo di potenziare l’occupazione nel settore nauti-
centro servizi Yachting lab sta parte- l’attrattività del settore nautico co; in maniera indiretta l’impatto
cipando da settembre 2009 ad un come bacino di impiego attraverso interesserà fortemente le impre-
importante progetto europeo: il percorsi di scoperta delle sue pro- se del settore, i disoccupati e gli
Progetto SE.RE.NA, finanziato dal fessioni, in particolar modo presso i altri stakeholders territoriali (i.e.
Programma Comunitario di Coopera- giovani. agenzie formative).
zione Transfrontaliera Italia – Fran- Attualmente è in corso la terza fase
cia Marittimo. del progetto. Le attività sono state Marco Sammataro
Il progetto ha respiro transfrontalie- affidate in incarico tramite conven-

Recensione libro:”Aree protette e nautica sostenibile”


Il volume, curato da Renzo Moschi- l’esperienza cantieristica sul Canale
ni, affronta una tematica sempre dei Navicelli; Giuseppe Meucci, zio Parchi e
più necessaria di riflessione e cen- giornalista; Marco Filippeschi, Sin- Aree Protette
trale al giorno d’oggi nelle proble- daco di Pisa; Giancarlo Lunardi, della Regione
matiche di sviluppo territoriale: il Presidente dell’Ente Parco Regionale Liguria, e Pa-
rapporto tra Nautica e Ambiente, Migliarino San Rossore Massaciuccoli trizio Scar-
con particolare riferimento alle are- (MSRM); Paolo Fontanelli, ex Sin- pellini, Diret-
e naturali protette. daco di Pisa e parlamentare respon- tore del Parco
Il libro comprende una raccolta di sabile di Enti Locali del PD; Stefano Naturale Re-
esperienze significative in Toscana Bottai, Presidente di Boccadarno gionale di Montemarcello - Ma-
e in Liguria, a dimostrazione che è Porto di Pisa Spa e Sviluppo Navicel- gra, riportano le esperienze esi-
possibile indirizzare e rendere li Srl; Sandro Picchiotti, Ammini- stenti nell’area del fiume Magra
maggiormente compatibile lo svi- stratore Delegato del Cantiere Nava- e in Liguria; Simone Paniga-
luppo della nautica con le esigenze le Arno; Valter Picchi, Assessore da, Presidente dell’European
di tutela ambientale del territorio provinciale all’ambiente e Andrea Cetacean Society, Sebastiano
terrestre e marino su cui insiste. Pieroni, Presidente della Provincia Venneri, Responsabile delle
I contributi sono tutti di soggetti di Pisa, danno testimonianza della Aree Protette Marine di Legam-
che operano fortemente sul territo- gestione del litorale pisano; Sergio biente, e Renzo Moschini,
rio, ognuno dei quali è portatore di Paglialunga, Direttore dell’Ente chiudono con interessanti consi-
punti di vista diversi e, proprio per Parco MSRM, affronta nello specifico derazioni, rispettivamente, sul
questo, utili a comprendere la il tema del confronto tra il parco traffico marittimo nel Santuario
complessità dell’argomento: Gio- toscano e la nautica; Gianluca Ma- dei Cetacei, sul recente proto-
vandomenico Caridi, Presidente grini, Direzione industrializzazione e collo d’intesa tra Legambiente e
e Amministratore Delegato della servizi generali della Sanlorenzo l’UCINA, e sulle aree protette
Navicelli di Pisa Spa, descrive Spa; Giovanni Diviacco, del Servi- marine in appendice.
M.S.
VOLUME 1, NUMERO III
PROGETTO MISTRAL PAGINA 18

Modello integrato strategico transfrontaliero per le attività del litorale


Il progetto transfrontaliero Mistral, strutturato in due differenti portali, modulo potrà interfacciarsi con
che coinvolge la regione Toscana, le rivolti ai due target precedentemen- altri sistemi di prenotazione, in
provincie dell’area costiera, la Sarde- te citati (diportisti e produzione), ed modo che gestori di aree portuali
gna, la Liguria e la Corsica, ha come è suddiviso in quattro livelli logici. o marine, che hanno già realizza-
obiettivo il miglioramento delle rela- Un primo livello, entertainment, to sistemi di prenotazione on line,
zioni tra le imprese della Filiera della prevede servizi informativi, ai quali possano integrarli direttamente
Nautica da Diporto, i Porti, i Diportisti tutti gli utenti del portale potranno con la piattaforma, senza modifi-
e l’indotto turistico per creare un Polo accedere gratuitamente ed effettu- care la loro piattaforma di preno-
di Competitività della Nautica da di- are ricerche relative ad informazioni tazione, ma semplicemente a-
porto dell’Alto Mediterraneo sosteni- di carattere più specifico sui sogget- prendola alla piattaforma Mistral.
bile, innovativo, integrato ed evoluto. ti e gli attori appartenenti alla filiera
Le attività sono state affidate, trami- nautica produttiva e turistica; un ERP (Enterprise Resource
te convenzione, dalla Provincia di secondo livello, area Planning): si tratta di un sistema
Pi- Business2Business, dove sarà di gestione che integra tutti gli
sa possibile creare una vera e propria aspetti del business ed i suoi cicli,
alla analisi dei costi per la realizzazione inclusa la pianificazione, la realiz-
Na- di un’imbarcazione, un’attività preli- zazione del prodotto
minare alla vendita consistente nel- (manufacturing), le vendite, gli
la raccolta di requisiti, promozione approvvigionamenti, gli acquisti,
di nuove soluzioni, servizi, per met- la logistica di magazzino e il mar-
tere on-line la propria offerta; Il keting. Il pacchetto ERP permette
terzo livello, area managed- all’impresa di automatizzare in
services, in cui saranno disponibili maniera più estesa le proprie atti-
per gli utenti servizi (software ge- vità amministrative e operative. I
vicelli Spa, in collaborazione con l’ stionali d’impresa) secondo la mo- moduli di tale sistema possono
Assessorato allo Sviluppo Econo- dalità SaaS (Software as a servi- essere classificati in: logistica,
mico. In tale ambito la Navicelli SpA, ces). contabilità, controllo di gestione,
mediante l’attività svolta dallo Attraverso la struttura SaaS, la gestione del capitale . Il sistema
Yachting lab, sta realizzando un data piattaforma offrirà un supporto allo ERP consentirà la semplificazio-
center ed una piattaforma di servizi sviluppo delle imprese per compete- ne dei processi e dei flussi di
rivolti agli operatori del settore nauti- re in un contesto globale. I princi- lavoro, un sistema totalmente
co da diporto e ai diportisti. Per pali servizi che verranno offerti so- integrato, la condivisione dei
quanto riguarda il portale a supporto no i seguenti: dati tra vari dipartimenti di
della filiera produttiva dovrà fornire, Prenotazione porti: Permetterà un’organizzazione, il migliora-
attraverso i propri servizi creati dalla di creare ex novo un sistema di pre- mento dei livelli di produttivi-
cooperazione transfrontaliera, un notazione dei posti barca per un tà ed efficienza, la riduzione dei
supporto alle imprese che ne fanno ente gestore di un’ area portuale, o costi e il miglioramento del ser-
parte in modo da agevolarle in un una marina, che intende sviluppare vizio clienti. La piattaforma sarà
mercato sempre più globale e com- una prenotazione dei porti on line. inoltre dotata del sistema CRM,
petitivo; in merito invece al diporti- In tal senso sarà possibile effettua- che aiuterà le aziende ad ottimiz-
sta, il portale sarà in grado di accom- zare le relazioni con i clienti inte-
pagnarlo sia nella fase di program- ARCHITETTURA DELLA PIATTAFORMA grando capacità di marketing,
mazione del proprio itinerario, che sales e service. Il sistema per-
PIATTAFORMA
durante la navigazione all’interno metterà un dialogo continuo e
dell’area di riferimento. MISTRAL / ENTERTAINMENT
Modelli di
processi coerente con il cliente basato su
Sulla base di una serie di documenti di filiera
informazioni in tempo reale. La
e analisi effettuati visionando vari AREA
INFORMATIVA B2B MANAGED-
SERVICES soluzione CRM fornirà gli stru-
portali rivolti alla nautica già presenti Payment
menti necessari all'azienda per
sul web, riviste di settore, e in segui- I
Mod. E C sviluppare con i clienti un dialogo
Ana N Pren.
to a interviste e colloqui con operato- grafe F
O
off.
Comm.
R
P
R
M
Porti
multicanale closed-loop, in grado
ri del settore, sono stati definiti una PARTNET
di accrescere la fedeltà ai prodotti
PROGETTO
serie di servizi rivolti sia ai cantieri PUBBLICO
PRIVATI e ai servizi, migliorando i risultati
navali, sia ai diportisti, senza trala- complessivi. I risultati che ne de-
sciare le esigenze dell’indotto. Il si- riveranno saranno: maggiore cu-
stema data center consentirà al com- re anche le transazioni necessarie stode satisfaction e incremento
parto nautico di adattarsi e di confor- per sicurezza e pagamento. Tale dei tassi di conversione delle ven-
marsi alle esigenze di mercato, in modulo dovrà avere anche un inter- dite, prestazioni di vendita miglio-
modo da far interagire e scambiare facciamento grafico che permetterà rate su tutti i canali (diretti, indi-
conoscenze ed esperienze tra i vari di impostare graficamente la pro- retti e partner), costi ridotti, ri-
operatori delle regioni interessate, pria area portuale e definire le poli- torni d’immagine. La realizzazione
per permettere un effettivo trasferi- tiche e le modalità di acquisizione della piattaforma ha avuto inizio
mento di tecnologie e una continua dei posti barca. In particolare il mo- con l’assegnazione del bando di
diffusione delle informazioni tra gli dulo permetterà: la prenotazione gara alla TD Group S.p.A. e si
stakeholders del sistema. L’obiettivo del posto barca, la ricerca avanzata prevede l’attivazione del servizio
del data center è quello di promuove- della disponibilità dei posti barca, la entro l’ottobre 2010.
re e sostenere il rafforzamento com- prenotazione dei servizi delle varie
petitivo della filiera dell’intero com- aree portuali e di quelli da attivare
parto nautico transfrontaliero, è per il singolo posto barca. Inoltre il Marco Magnarosa
VOLUME 1, NUMERO III PAGINA 19

ONDA 2008

Editore
Spa Navicelli
Navicelli News Presidente
La Redazione Giovandomenico Caridi
Direttore Responsabile
Indirizzo Via della Darsena 3
Andrea Bruscoli
56121 Pisa
Grafica ed impaginazione
Tel.: 050-26158 Nicola Varrese
Fax: 050-46478 Redattori
e-mail: info@navicelli.it
Paolo Cini
info@yachtinglab.it
Ilaria Deverio
Sito web: www.navicelli.it
Daniela Gennusa
www.yachtinglab.it
Ilaria Lotti
Marco Magnarosa
Hanno collaborato a questo numero:
Patrizia Mammini
Giuseppe Meucci
Renzo Moschini
Federico Pieragnoli
Roberto Galli Piero Pagliaro
Andrea Pecori
Gaetano Petrizzo
Simone Pistolesi
Daniela Salvestroni
Marco Sammataro
Nicola D’Andretta
Chiuso in redazione il 29/09/2010

NAVICELLI NEWS Reg. Tribunale di Pisa Numero 8/09

Potrebbero piacerti anche