Sei sulla pagina 1di 1203

Help

aggiornato al 14/04/2017 (E.11 - R.6)


Sommario

Gli Elementi del Programma .......................................................................................................................... 1


Gli Elementi del Programma ...................................................................................................................... 1
La Home del Programma ........................................................................................................................... 2
La Finestra del Programma ...................................................................................................................... 21
La Barra Multifunzione ............................................................................................................................. 23
I Toolbox della Finestra del Programma .................................................................................................. 27
Il Toolbox Gestione Progetto: il Navigatore del Progetto ......................................................................... 29
Come Impostare i Separatori dei Numeri ................................................................................................. 33
Come si Lavora ............................................................................................................................................ 34
Come si Lavora ........................................................................................................................................ 34
Come Progettare e Verificare una Struttura con EdiLus .......................................................................... 35
I Dati della Struttura ..................................................................................................................................... 38
I Dati della Struttura .................................................................................................................................. 38
I Dati Generali........................................................................................................................................... 39
Le Preferenze di Calcolo .......................................................................................................................... 42
Dati Norma ............................................................................................................................................... 51
Il Calcolo dei Parametri di Pericolosità Sismica ....................................................................................... 56
Le Preferenze per la Configurazione del Solutore SAP ........................................................................... 61
Le Tavole di Disegno dei Piani .................................................................................................................... 66
Le Tavole di Disegno dei Piani ................................................................................................................. 66
Definizioni e Considerazioni Generali ...................................................................................................... 67
Come Creare la Pianta di un Piano dell'Edificio ....................................................................................... 69
Come Modificare un Piano dell'Edificio .................................................................................................... 72
Come Eliminare un Piano dell'Edificio ...................................................................................................... 73
Come Accedere alla Pianta di un Piano ................................................................................................... 74
Le Finestre delle Piante ............................................................................................................................ 75
Le Sezioni di Travi e Pilastri ......................................................................................................................... 78
Le Sezioni di Travi e Pilastri ..................................................................................................................... 78
La Finestra Gestione Sezioni ................................................................................................................... 79
Come Definire una Nuova Sezione .......................................................................................................... 82
Come Modificare una Sezione ................................................................................................................. 84
Come Eliminare una Sezione ................................................................................................................... 85
Le Sezioni Personalizzate ........................................................................................................................ 86
Le Sezioni per Materiali Generici ............................................................................................................. 93
Le Sezioni dei Profilati in Acciaio ............................................................................................................. 95
La Definizione dei Materiali e dei Terreni .................................................................................................. 100
La Definizione dei Materiali e dei Terreni ............................................................................................... 100
La Gestione dei Materiali ........................................................................................................................ 101
Help di EdiLus

Come Definire un Nuovo Materiale ........................................................................................................ 102


Applicare una Texture o un Colore ad un Materiale............................................................................... 123
Come Modificare un Materiale ............................................................................................................... 126
Come Eliminare un Materiale ................................................................................................................. 127
La Gestione dei Terreni .......................................................................................................................... 128
La Stratigrafia del Terreno ...................................................................................................................... 132
I Carichi ...................................................................................................................................................... 136
I Carichi .................................................................................................................................................. 136
Analisi dei Carichi ................................................................................................................................... 137
I Carichi Superficiali ................................................................................................................................ 139
Tipologie di Carico .................................................................................................................................. 142
Combinazioni di Carico .......................................................................................................................... 144
Il Disegno degli Oggetti .............................................................................................................................. 146
Il Disegno degli Oggetti .......................................................................................................................... 146
Indicazioni di Carattere Generale ........................................................................................................... 148
I Pilastri ................................................................................................................................................... 168
Le Travi ................................................................................................................................................... 185
Le Pareti ................................................................................................................................................. 219
Le Solette ............................................................................................................................................... 232
I Fori ....................................................................................................................................................... 242
I Solai ...................................................................................................................................................... 252
Balconi e Sbalzi ...................................................................................................................................... 274
Le Scale.................................................................................................................................................. 283
Le Tamponature ..................................................................................................................................... 294
La Travetta cfc ........................................................................................................................................ 302
I Plinti ...................................................................................................................................................... 312
Le Platee ................................................................................................................................................ 319
Le Polilinee ............................................................................................................................................. 330
Testi, Etichette e Bollini .......................................................................................................................... 335
I Disegni DWG o DXF............................................................................................................................. 342
Le Misure ................................................................................................................................................ 346
I Punti Guida ........................................................................................................................................... 349
Le Linee Guida ....................................................................................................................................... 352
Le Griglie Guida...................................................................................................................................... 356
La Spinta del Terreno ............................................................................................................................. 369
La Spinta Idrostatica ............................................................................................................................... 377
L'Oggetto Infittimento ............................................................................................................................. 383
L'Oggetto Muro ....................................................................................................................................... 387
L'Oggetto Rappezzo ............................................................................................................................... 394
L'Oggetto Rinforzo .................................................................................................................................. 401
L'Oggetto Nicchia ................................................................................................................................... 408
Sommario

L'Oggetto Catena ................................................................................................................................... 415


I Cavi di Precompressione nelle Murature ............................................................................................. 419
Le Volte .................................................................................................................................................. 424
Le Fondazioni in Muratura ...................................................................................................................... 430
L'Oggetto Pilastro in Muratura ................................................................................................................ 431
I Plinti a Bicchiere ................................................................................................................................... 432
I Plinti su Pali .......................................................................................................................................... 434
I Pali per Travi e Platee di Fondazione .................................................................................................. 438
L'Oggetto Setto ....................................................................................................................................... 442
L'Oggetto Piano di Zero Sismico ............................................................................................................ 446
I Parametri per il Calcolo del Carico Limite del Terreno......................................................................... 449
Le Utilità del Disegno ................................................................................................................................. 452
Le Utilità del Disegno.............................................................................................................................. 452
Le Griglie Guida...................................................................................................................................... 453
Il PAN (Spostamento) ............................................................................................................................. 455
Gli Zoom ................................................................................................................................................. 456
La Lente di Ingrandimento ...................................................................................................................... 457
Copiare le Entità di un Piano su un Altro Piano ..................................................................................... 458
Visibilità sullo Sfondo di Oggetti Disegnati su Altre Tavole (Background) ............................................. 460
La Visibilità degli Oggetti sulle Tavole e nelle Viste 3D ......................................................................... 462
Punti Guida e Linee Guida ..................................................................................................................... 464
Generazione di Travi da Pareti e Muri in Background ........................................................................... 465
Inserimento di Disegni DWG o DXF nella Tavola .................................................................................. 467
Gli Snap .................................................................................................................................................. 473
Le Magnetic Grid .................................................................................................................................... 486
Le Viste 3D................................................................................................................................................. 535
Le Viste 3D ............................................................................................................................................. 535
Come Creare una Vista 3D .................................................................................................................... 536
La Finestra della Vista 3D ...................................................................................................................... 538
L'Editor 3D .............................................................................................................................................. 542
Come Personalizzare una Vista 3D ....................................................................................................... 547
Come Selezionare gli Oggetti nella Vista 3D ......................................................................................... 550
Come Rinominare una Vista 3D ............................................................................................................. 552
Come Aprire una Vista 3D ...................................................................................................................... 553
Come Eliminare una Vista 3D ................................................................................................................ 554
Come Disegnare/Modificare gli Oggetti nella Vista 3D .......................................................................... 555
La Vista Strutturale ................................................................................................................................. 559
La Vista 3D dei Solai .............................................................................................................................. 575
Come Applicare Ulteriori Forze alla Struttura ......................................................................................... 584
La Vista Maschi ...................................................................................................................................... 612
La Vista Eccezioni .................................................................................................................................. 614
Help di EdiLus

La Vista PlayStructure di EdiLus ............................................................................................................ 620


Il Calcolo .................................................................................................................................................... 627
Il Calcolo ................................................................................................................................................. 627
Le Fasi di Calcolo ................................................................................................................................... 628
La Definizione del Modello Strutturale.................................................................................................... 629
Il Calcolo delle Sollecitazioni .................................................................................................................. 631
Il Calcolo delle Verifiche ......................................................................................................................... 634
Il Calcolo delle Armature e delle Carpenterie ......................................................................................... 637
Il Calcolo dei Solai .................................................................................................................................. 638
Il Calcolo COMPLETO ........................................................................................................................... 640
La Diagnostica ........................................................................................................................................ 644
I Risultati di Calcolo.................................................................................................................................... 648
I Risultati di Calcolo ................................................................................................................................ 648
Come Visualizzare i Risultati del Calcolo ............................................................................................... 649
I Risultati Numerici.................................................................................................................................. 651
Le Viste dei Risultati ............................................................................................................................... 656
La Gerarchia delle Resistenze ............................................................................................................... 690
Carpenterie, Telai, Allineamenti e Facciate ............................................................................................... 698
Carpenterie, Telai, Allineamenti e Facciate ........................................................................................... 698
Come Visualizzare le Carpenterie .......................................................................................................... 699
Come Personalizzare una Carpenteria .................................................................................................. 702
I Telai delle Strutture in Cemento Armato .............................................................................................. 703
Gli Allineamenti delle Strutture in Muratura ............................................................................................ 705
Le Facciate delle Strutture in Muratura .................................................................................................. 708
Le Armature ............................................................................................................................................... 710
Le Armature ............................................................................................................................................ 710
La Scelta dei Criteri di Armatura ............................................................................................................ 711
Le Tavole delle Armature ....................................................................................................................... 758
Relazione e Tabulati .................................................................................................................................. 824
Relazione e Tabulati ............................................................................................................................... 824
La Relazione Tecnica e i Tabulati .......................................................................................................... 825
Come Richiedere la Composizione della Relazione Tecnica ................................................................ 826
Come Richiedere la Composizione dei Tabulati .................................................................................... 828
Il Word Processor del Programma ......................................................................................................... 832
Esportazione in PDF ed Organizzazione degli Elaborati in Documenti PDF-FolderMaker ................... 836
L'Anteprima di Stampa ........................................................................................................................... 840
La Stampa Fronte/Retro degli Elaborati ................................................................................................. 842
L'Esportazione degli Elaborati ................................................................................................................ 845
La Relazione di Accettabilità dei Risultati .............................................................................................. 847
I Risultati Sintetici e i Grafici Sintetici ..................................................................................................... 851
La Relazione Geotecnica ....................................................................................................................... 857
Sommario

Il Piano di Manutenzione delle Strutture ................................................................................................ 862


Le Tavole Esecutive ................................................................................................................................... 864
Le Tavole Esecutive ............................................................................................................................... 864
Come Creare una Tavola Esecutiva ...................................................................................................... 865
La Finestra TAVOLE ESECUTIVI .......................................................................................................... 867
Come Inserire i Grafici del Progetto in una Tavola Esecutiva ................................................................ 869
La Generazione Automatica delle Tavole Esecutive.............................................................................. 872
Ulteriori Utilità per la Composizione delle Tavole Esecutive .................................................................. 882
L'Inserimento dei Dati nel Cartiglio ......................................................................................................... 885
Come Aprire una Tavola Esecutiva ........................................................................................................ 887
Come Eliminare una Tavola Esecutiva .................................................................................................. 888
Come Modificare una Tavola Esecutiva ................................................................................................. 889
Come Stampare una Tavola Esecutiva .................................................................................................. 891
Come Personalizzare un Modello di Cartiglio ........................................................................................ 892
Le Variabili .............................................................................................................................................. 893
Il Computo Metrico della Struttura ............................................................................................................. 896
Il Computo Metrico della Struttura .......................................................................................................... 896
Come Richiedere il Computo della Struttura .......................................................................................... 897
Come Sostituire le Voci di EP del Computo con Quelle Effettive .......................................................... 901
Come Riportare il Computo delle Strutture nel Computo Complessivo dell'Opera................................ 907
Come Esportare il Computo delle Strutture ........................................................................................... 909
Personalizzazioni del Programma ............................................................................................................. 911
Personalizzazioni del Programma .......................................................................................................... 911
Il Dialog Opzioni PROGRAMMA ............................................................................................................ 912
Le Preferenze del Programma ............................................................................................................... 913
La Personalizzazione dei Tabulati di Calcolo ......................................................................................... 916
La Personalizzazione delle Carpenterie ................................................................................................. 918
Sistemi di Riferimento ................................................................................................................................ 921
Riferimento Globale ................................................................................................................................ 921
Riferimento Locale per le Travi .............................................................................................................. 922
Riferimento Locale per i Pilastri.............................................................................................................. 924
Riferimento Locale per i Muri e le Pareti ................................................................................................ 925
Riferimento Locale per le Solette ........................................................................................................... 927
Riferimento Locale per le Platee ............................................................................................................ 928
Le Strutture in Muratura ............................................................................................................................. 929
Le Strutture in Muratura ......................................................................................................................... 929
Maschi, Sub Maschi, Fasce e Sezioni di Verifica................................................................................... 930
Modalità di Rottura dei Maschi ............................................................................................................... 936
Criteri di Esclusione delle Combinazioni di Carico NON Significative ................................................... 938
Le Verifiche delle Sezioni di Maschi e Fasce ......................................................................................... 940
Strutture Miste ........................................................................................................................................ 963
Help di EdiLus

Analisi dei Meccanismi Locali di Collasso: Generalità ........................................................................... 967


L'Analisi Statica NON Lineare .................................................................................................................... 975
L'Analisi Statica NON Lineare ................................................................................................................ 975
Il Calcolo NON Lineare delle Strutture ................................................................................................... 976
I Risultati di Calcolo NON Lineare delle Strutture .................................................................................. 982
La Finestra dei Grafici delle Iterazioni .................................................................................................... 992
L’Analisi Non Lineare - Cenni Introduttivi ............................................................................................... 995
Le Strutture in Acciaio .............................................................................................................................. 1005
Le Strutture in Acciaio .......................................................................................................................... 1005
L'Oggetto Trave in Acciaio ................................................................................................................... 1007
L'Oggetto Pilastro in Acciaio................................................................................................................. 1009
I Vincoli Interni degli Elementi Beam in Acciaio ................................................................................... 1011
I Controventi ......................................................................................................................................... 1012
L'Oggetto Solaio in Acciaio................................................................................................................... 1015
L'Oggetto Balcone in Acciaio................................................................................................................ 1017
L'Oggetto Capriata ............................................................................................................................... 1019
L'Editor dei Collegamenti delle Strutture in Acciaio.............................................................................. 1024
Le Verifiche degli Elementi in Acciaio .................................................................................................. 1061
I Criteri per la Definizione dei Collegamenti ......................................................................................... 1067
Le Strutture in Legno................................................................................................................................ 1071
Le Strutture in Legno ............................................................................................................................ 1071
L'Oggetto Trave in Legno ..................................................................................................................... 1073
L'Oggetto Pilastro in Legno .................................................................................................................. 1075
L'Oggetto Capriata in Legno................................................................................................................. 1077
L'Editor dei Collegamenti delle Strutture in Legno ............................................................................... 1082
Come Collegare Pilastri e Travi in Legno ............................................................................................. 1085
Il Disegno degli Arcarecci ..................................................................................................................... 1106
Il Calcolo del Legno .............................................................................................................................. 1109
Carpenterie e Telai delle Strutture in Legno ........................................................................................ 1111
Risultati e Controlli delle Verifiche ........................................................................................................ 1113
Edifici Esistenti ......................................................................................................................................... 1115
Edifici Esistenti ..................................................................................................................................... 1115
I Tipi di Documento di EdiLus-EE......................................................................................................... 1116
Le Verifiche delle Strutture Esistenti .................................................................................................... 1117
Il Progetto di Miglioramento .................................................................................................................. 1135
Il Progetto di Adeguamento .................................................................................................................. 1140
Gli Interventi ......................................................................................................................................... 1143
Calcolo dei Cedimenti e Verifica a Scorrimento ...................................................................................... 1164
Come Richiedere il Calcolo dei Cedimenti e la Verifica a Scorrimento ............................................... 1164
Il Calcolo dei Cedimenti ........................................................................................................................ 1166
I Risultati di Calcolo dei Cedimenti e della Verifica allo Scorrimento ................................................... 1169
Sommario

Tasti Funzione.......................................................................................................................................... 1175


Tasti Funzione ...................................................................................................................................... 1175
Lista dei Tasti Funzione ....................................................................................................................... 1176
Funzionalità Attivabili con il Mouse ...................................................................................................... 1179
Gli Elementi del Programma

Gli Elementi del Programma

Nella presente sezione dell’Help vengono descritti gli Elementi che costituiscono la Finestra di EdiLus.
Anche se non vengono trattati aspetti puramente operativi, si consiglia di prestare particolare
attenzione agli argomenti trattati.
Con i termini click e doppio click si indicherà, rispettivamente, un click e un doppio click effettuati con
il pulsante sinistro del mouse.

Vedi Anche
La Finestra del Programma
I Toolbox della Finestra del Programma
La Toolbar
Tasti Funzione

1
Help di EdiLus

La Home del Programma

La Home del Programma

All'apertura di EdiLus si apre la Home del Programma.

Nella parte sinistra della Home sono presenti le funzioni per la gestione dei progetti:
Nuovo: avvia la procedura per la creazione di un nuovo progetto di EdiLus;
Apri: avvia la procedura per la l'apertura di un progetto di EdiLus;
Salva: avvia la procedura per il salvataggio del progetto aperto;
Salva con nome: avvia la procedura per salvare il progetto con altro nome e quindi eseguire una
copia del progetto;
Stampa: avvia la procedura per la stampa dell'elaborato a video;
Imposta stampante: per scegliere e definire le impostazioni generali della stampante
Esci: per uscire dal programma
Info sistema: per visualizzare le informazioni sul sistema in uso (sistema, cpu, schermo, scheda
video, ecc.);
Opzioni: contiene le funzioni per la personalizzazione del programma.

Nella parte destra della Home è presente la sezione servizi:

2
Help di EdiLus

Help: per risolvere le tue necessità e usare le funzioni del software correttamente.
Forum: uno spazio virtuale dedicato allo scambio di esperienze, al confronto e alla discussione.
AmiCus: per consentire un apprendimento più rapido e l'utilizzo corretto dei suoi software, ACCA
propone per alcuni applicativi il servizio di assistenza e manutenzione AmiCus.
Video Tutorial...: una piattaforma interattiva per imparare velocemente ad usare il software, con i
problemi più frequenti risolti mediante appositi video.
Aggiornamenti da internet: consente di verificare gli aggiornamenti disponibili, con le relative
istruzioni per l'installazione.
Altri servizi: consente di visualizzare altri servizi sul sito internet di ACCA software.
La Sezione Gli Indispensabili!!! contenente i video che non puoi non vedere se vuoi iniziare a
lavorare subito nel modo corretto.
La Sezione Informazioni e Assistenza contenente le informazioni on-line su aggiornamenti, corsi,
video, trasmissioni televisive, ovvero, tutto quello che c'è da sapere sul software in tuo possesso.

ATTENZIONE!
I Servizi illustrati sono disponibili esclusivamente on-line, pertanto, è necessario che sul PC
sia disponibile una connessione ad internet.

3
Help di EdiLus

Come Creare un Nuovo Progetto

Per avviare la creazione di un nuovo progetto di EdiLus basta pigiare sul menu File e dalla Home scegliere
l'opzione Nuovo.

Questa operazione propone un dialog in cui è possibile indicare il tipo di progetto da effettuare.

In particolare, nel list box Edificio del dialog scegliere la tipologia prevalente della struttura oggetto
del calcolo (Cemento Armato, Muratura, Muratura Armata o Acciaio).

4
Help di EdiLus

Naturalmente, se NON si dispone di un programma della Soluzione EdiLus (ad es. EdiLus-MU),
selezionando una delle corrispondenti opzioni nel list box Edificio (Muratura o Muratura Armata), viene
segnalata l’impossibilità di creare il documento.

Nel sottostante list box Costruzione occorre indicare se la struttura è Nuova (da progettare) oppure è
Esistente.

Il list box Costruzione risulta abilitato per la scelta solo se nel list box Edificio è stato selezionato
Cemento Armato o Muratura.

I list box Situazione ed Intervento risultano abilitati solo se la Costruzione (in Cemento Armato o
Muratura) da verificare è Esistente.
In tal caso, infatti, nel list box Situazione è possibile indicare se l’oggetto della verifica è lo Stato di
Fatto della struttura oppure la relativa ristrutturazione (di Progetto).
Nel list box Intervento occorre, invece indicare se l’oggetto del calcolo è un intervento di
Miglioramento rispetto allo Stato di Fatto oppure di Adeguamento alle norme vigenti.

Effettuate le scelte opportune, basta cliccare l’icona Conferma, sulla barra inferiore del
dialog per chiuderlo ed avviare la creazione del documento richiesto.
Il documento creato viene aperto nella Finestra del Programma in cui viene proposta la tavola Piano 1
per il disegno delle entità (elementi strutturali) del primo piano dell’edificio.
Il programma, in questa fase, non impone di salvare il progetto creato. Alla chiusura del progetto o del
programma verrà richiesto, mediante un apposito messaggio, se salvare o meno il progetto creato.
Essendo il progetto creato non salvato, il programma gli assegna, per default, come nome, la stringa
Progetto seguita da un numero (ad es., per il primo progetto creato viene proposto il nome “Progetto
1”). Quando si procederà al primo salvataggio del progetto sarà possibile assegnargli il nome
desiderato.

Ovviamente, è buona norma salvare quanto prima il progetto creato ed effettuarne dei salvataggi ad
intervalli ragionevoli di tempo, in modo da registrare i dati imputati e non perderli in caso di
malfunzionamenti del computer.

Per effettuare il primo salvataggio del progetto creato basta effettuare le seguenti operazioni:
pigiare il bottone Salva della toolbar oppure selezionare l’opzione Salva o Salva con nome del
menu File; questa operazione apre il dialog SALVA DOCUMENTO;
 nel dialog SALVA DOCUMENTO selezionare la directory in cui salvare il progetto,
specificare il nome del documento (sostituendo quello proposto) nel campo Nome File e pigiare il
bottone Salva.

5
Help di EdiLus

Vedi Anche
Gli Elementi del Programma
La Finestra del Programma
I Toolbox della Finestra del Programma
Come Salvare il Progetto
Come Aprire un Progetto
Come Chiudere un Progetto
Come Esportare gli Elaborati Grafici nei Formati DXF o DWG
Come Chiudere il Programma
Come Impostare i Separatori dei Numeri
La Toolbar
Tasti Funzione
Edifici Esistenti

6
Help di EdiLus

Come Salvare un Progetto

Per salvare un progetto basta portarsi nella Home del programma e selezionare l'apposita opzione
Salva.
Se si hanno più progetti aperti, viene chiesto quale si desidera salvare.

Scegliendo l'opzione Salva con nome si può salvare il progetto aperto con un altro nome; in questo
caso si aprirà un dialog per la scelta del nuovo nome e del percorso di salvataggio;

7
Help di EdiLus

8
Help di EdiLus

Come Aprire un Progetto

Per aprire un progetto di EdiLus precedentemente creato basta effettuare le seguenti operazioni:
pigiare il bottone Apri della toolbar o selezionare l’omonima opzione della Home;

Dalla Home è possibile scegliere diverse opzioni:

Computer: consente di selezionare un file qualsiasi all'interno del PC.

Cliccando sul bottone Sfoglia si apre il dialog APRI DOCUMENTO;

9
Help di EdiLus

Nel dialog APRI DOCUMENTO selezionare il file del progetto di EdiLus (con icona a lato) da aprire
e pigiare il bottone Apri.
Nella Finestra del Programma vengono aperte tutte le finestre (tavole) del progetto scelto che erano
aperte al momento dell’ultimo salvataggio prima della sua chiusura.

Si noti che, per i progetti di EdiLus visualizzati, nel dialog, oltre ai classici dati caratteristici dei files
(Nome, Dimensione, ecc.), viene anche riportata la versione e la release del programma con cui esso è
stato gestito.

Documenti recenti: consente di scegliere il file da aprire tra gli ultimi documenti aperti.

10
Help di EdiLus

Esempi: consente di scegliere il file da aprire tra gli esempi forniti con il programma.

Un progetto di EdiLus può anche essere aperto con un doppio click sull’icona del relativo file nella
cartella in cui questo risiede.

Vedi Anche
Gli Elementi del Programma
La Finestra del Programma
I Toolbox della Finestra del Programma
I Menu
Il Menu File
Come Creare un Nuovo Progetto
Come Salvare il Progetto
Come Chiudere un Progetto
Come Cancellare un Progetto
Come Duplicare un Progetto
Come Esportare gli Elaborati Grafici nei Formati DXF o DWG
Come Chiudere il Programma
Come Impostare i Separatori dei Numeri
La Toolbar
Tasti Funzione

11
Help di EdiLus

Come Chiudere un Progetto

Per chiudere il progetto di EdiLus attivo nella Finestra del Programma basta selezionare l’opzione
Chiudi dalla Home.
Se sono aperti più progetti, nella Home occorrerà scegliere quale dei progetti si vuole chiudere.

Un progetto può anche essere chiuso chiudendo ogni sua Finestra aperta pigiando il bottoncino
Chiudi in alto a destra sulla relativa barra del titolo.
Alla chiusura del progetto viene chiesto se si intende salvare le modifiche ad esso apportate.

Vedi Anche
Gli Elementi del Programma
La Finestra del Programma
I Toolbox della Finestra del Programma
Come Creare un Nuovo Progetto
Come Salvare il Progetto
Come Aprire un Progetto
Come Cancellare un Progetto
Come Duplicare un Progetto
Come Esportare gli Elaborati Grafici nei Formati DXF o DWG
Come Chiudere il Programma
Come Impostare i Separatori dei Numeri
La Toolbar
Tasti Funzione

12
Help di EdiLus

Come Chiudere il Programma

Per chiudere il Programma basta selezionare l’opzione Esci del menu File oppure pigiare il bottone
Chiudi sulla barra del titolo della Finestra del Programma.
Alla chiusura del programma vengono chiusi anche tutti i progetti eventualmente aperti. Inoltre, alla
chiusura di ogni progetto viene chiesto se si intende salvare le modifiche ad esso apportate.

Vedi Anche
Gli Elementi del Programma
La Finestra del Programma
I Toolbox della Finestra del Programma
Come Creare un Nuovo Progetto
Come Salvare il Progetto
Come Aprire un Progetto
Come Chiudere un Progetto
Come Cancellare un Progetto
Come Duplicare un Progetto
Come Esportare gli Elaborati Grafici nei Formati DXF o DWG
Come Impostare i Separatori dei Numeri
La Barra Multifunzione
Tasti Funzione

13
Help di EdiLus

Come Esportare gli Elaborati Grafici nei Formati DXF o DWG

EdiLus consente di esportare, nei formati DXF e DWG, gli elaborati grafici (carpenterie, tavole di
armature, tavole esecutive) nella finestra attiva del progetto.
Questa funzionalità consente di visualizzare e/o gestire, con un qualsiasi CAD, gli elaborati grafici di
un progetto di EdiLus anche a chi non possiede il programma.
Il programma consente di esportare sia il singolo elaborato visualizzato nella finestra attiva del
progetto, sia interi gruppi di elaborati (ad es. tutte le carpenterie e/o tutte le tavole delle armature).

Come Esportare un Singolo Elaborato


Per esportare l’elaborato grafico proposto nella finestra attiva del progetto basta effettuare le seguenti
operazioni:
 scegliere l’opzione Esportazioni del menu File e, nell’ulteriore menu che si apre,
selezionare l’opzione Formato DXF, DWG … ; questa operazione apre il dialog "Salva con
nome";
 nel dialog Salva con nome scegliere la directory in cui si intende esportare l’elaborato;
 nel campo Nome file specificare il nome che si intende assegnare al file esportato;
 nel list box Salva come selezionare il formato in cui si intende esportare l’elaborato;
 pigiare il bottone Salva per chiudere il dialog ed avviare l’esportazione.
Ultimata la procedura, un messaggio informa sull’esito dell’esportazione.

Come Esportare uno o più Gruppi di Elaborati


Per esportare uno o più gruppi di elaborati (carpenterie, telai e/o tavole delle armature) del progetto
basta effettuare le seguenti operazioni:
 scegliere l’opzione Esportazioni del menu File e, nell’ulteriore menu che si apre,
selezionare l’opzione TUTTO in formato DXF, DWG … ; questa operazione apre il dialog Opzioni
Esportazione;
 nel dialog Opzioni Esportazione effettuare le seguenti operazioni:
 indicare la directory di esportazione in cui deve essere inserita la cartella (creata
automaticamente dal programma e denominata con il nome del progetto) in cui verrano inseriti
i files degli elaborati esportati; per effettuare questa operazione basta pigiare il bottoncino a
destra del campo Directory Esportazione e, nel dialog che si apre, selezionare la directory di
esportazione e pigiare il bottone OK;

14
Help di EdiLus

Per default il programma propone, come directory di esportazione, la cartella ExportDXF_DWG, a sua
volta contenuta nella directory di installazione del programma.

 nel list box Formato Esportazione scegliere il formato in cui si intende esportare l’elaborato;
 nella sezione Gruppi da esportare selezionare i check box relativi ai gruppi di elaborati
(Carpenterie, Telai, Armature, Allineamenti, Facciate e/o Esecutivi) da esportare;
 pigiare il bottone OK per chiudere il dialog ed avviare l’esportazione.
Ultimata la procedura, un messaggio informa sull’esito dell’esportazione.

Richiedendo nuovamente l’esportazione degli elaborati, i nuovi files esportati andranno a sovrascrivere
quelli precedentemente esportati perdendo le eventuali modifiche apportate ad essi.
Per NON perdere le modifiche apportate ai files precedentemente esportati è necessario rinominarli
oppure scegliere, per la nuova esportazione, una Directory di Esportazione diversa da quella scelta
precedentemente.

Vedi Anche
Gli Elementi del Programma
La Finestra del Programma
I Toolbox della Finestra del Programma
I Menu
Il Menu File
Come Creare un Nuovo Progetto
Come Salvare il Progetto
Come Aprire un Progetto

15
Help di EdiLus

Come Chiudere un Progetto


Come Cancellare un Progetto
Come Duplicare un Progetto
Come Chiudere il Programma
Come Impostare i Separatori dei Numeri
La Toolbar
Tasti Funzione

16
Help di EdiLus

Esportazione degli Elaborati in Formato PDF-FolderMaker

PDF-FolderMaker è l’applicativo ACCA che consente di organizzare in maniera semplice e razionale


tutta la documentazione di una pratica in unico file.
PDF-FolderMaker comprende un software per PC e uno per iPad, iPhone ed iPod touch.
PDF-FolderMaker per PC consente di organizzare, in una struttura di cartelle e sottocartelle
liberamente definita:
 tutti gli elaborati di una pratica (o di più pratiche) prodotti con i software ACCA di ultima
generazione, come Edificius, EdiLus, PriMus, CerTus, CerTus-LdL, TerMus, ecc.

La nuova generazione di applicativi ACCA prevede anche una strutturazione automatica degli elaborati
con PDF-FolderMaker, in modo che il tecnico possa archiviare razionalmente progetti architettonici,
calcoli, elaborati strutturali, computi, piani di sicurezza, ecc. sul proprio PC e averli disponibili sempre ed
ovunque.

 elaborati e documenti prodotti in vari formati standard, come PDF, RTF, TXT, XML, CSV,
WMF ed EMF.
Ogni elaborato inserito, con una semplice operazione di Drag&Drop, nella struttura di cartelle e
sottocartelle del documento di PDF-FolderMaker viene automaticamente trasformato in formato PDF,
ottenendo l’intera pratica in un unico file di dimensioni contenute rendendone, quindi, più funzionale
l’archiviazione e più semplice e veloce la consultazione su qualsiasi PC e anche su iPad, iPhone ed
iPod touch.
PDF-FolderMaker è anche in grado di trasformare in un unico file la struttura di cartelle e sottocartelle
definita sul PC con “Esplora Risorse” per archiviare una pratica, un progetto, ecc., trasformando
automaticamente, in formato PDF, tutti i file contenuti in tali cartelle.
Grazie a PDF-FolderMaker per iPad, iPhone e iPod touch, la pratica di PDF-FolderMaker definita
sul PC viene riproposta, con la stessa struttura di cartelle e sottocartelle, sulla piattaforma MOBILE di
APPLE, in modo da renderla consultabile, sempre ed ovunque, con la stessa semplicità e funzionalità.

PDF-FolderMaker per PC viene installato automaticamente durante l’installazione del programma.


L’installazione di PDF-FolderMaker su PC su cui NON è installato alcun programma ACCA di ultima
generazione può essere effettuata scaricando gratuitamente il programma da www.acca.it/pdf-
foldermaker oppure da un DVD DEMO ACCA recente.
L’installazione di PDF-FolderMaker per iPad, iPhone ed iPod touch può essere richiesta gratuitamente
su App Store.

EdiLus prevede l’esportazione degli elaborati composti nel documento attivo, in un file di PDF-
FolderMaker, organizzandoli automaticamente, in quest’ultimo, mediante una struttura di cartelle e
sottocartelle, in modo da archiviare razionalmente tutta la documentazione della sicurezza del cantiere
per poterla consultare, in qualsiasi momento e luogo.
Per esportare gli elaborati del documento attivo di EdiLus nel formato di PDF-FolderMaker basta:
 Selezionare l’opzione Esportazioni \ Esporta Documento in formato PDF-FolderMaker
del menu File.
Questa operazione apre il dialog Esportazione documento in formato PDF-FolderMaker in cui è
possibile scegliere quali elaborati del documento riportare nel file da esportare in formato PDF-
FolderMaker.

17
Help di EdiLus

 Nella sezione Gruppi da esportare del dialog selezionare i check box relativi ai gruppi di
elaborati (Carpenterie, Telai, Armature, Allineamenti, Facciate, Esecutivi e/o Risultati
Sintetici) da esportare.

I bottoni in alto a destra velocizzano le operazioni di selezione degli elaborati.


Pigiando il bottone Seleziona tutto viene, infatti, proposto il menu con le opzioni:
Seleziona Tutto: seleziona, in un’unica soluzione, i tutti gli elaborati composti.
Seleziona tutto il gruppo: seleziona, in un’unica soluzione, i tutti gli elaborati composti appartenenti al
gruppo selezionato nel dialog.
Pigiando il bottone Deseleziona tutto viene, invece, proposto il menu con le opzioni:
Deseleziona tutto: rimuove, in un’unica soluzione, la selezione da tutti gli elaborati.
Deseleziona tutto il gruppo: rimuove, in un’unica soluzione, la selezione da tutti gli elaborati
appartenenti al gruppo selezionato nel dialog.

 Ultimata la scelta degli elaborati da esportare, pigiare il bottone OK per confermare e


chiudere il dialog. Questa operazione propone il dialog Salva con nome documento PDF-
FolderMaker.
 Nel nuovo dialog assegnare un nome al file PDF-FolderMaker da esportare e scegliere la
cartella in cui salvarlo.

18
Help di EdiLus

 Pigiare il bottone Salva per confermare, chiudere il dialog ed avviare l’esportazione degli
elaborati scelti.
Ad esportazione ultimata, un messaggio chiede se visualizzare il file esportato nel programma PDF-
FolderMaker.

Pigiando il bottone Sì del messaggio, viene aperto il programma PDF-FolderMaker in cui viene
proposto il documento con gli elaborati esportati.

Con le modalità illustrate il file PDF-FolderMaker prodotto potrà essere integrato con elaborati di altri
programmi ACCA e con un qualsiasi documento in formato PDF, RTF, TXT, XML, CSV, WMF ed
EMF.

Vedi Anche
Esportazione in PDF ed Organizzazione degli Elaborati in Documenti PDF-FolderMaker
Gli Elementi del Programma

19
Help di EdiLus

La Finestra del Programma


I Toolbox della Finestra del Programma
Come Creare un Nuovo Progetto
Come Salvare il Progetto
Come Aprire un Progetto
Come Chiudere un Progetto
Come Cancellare un Progetto
Come Duplicare un Progetto
Come Esportare gli Elaborati Grafici nei Formati DXF o DWG
Come Chiudere il Programma
La Toolbar
Tasti Funzione

20
Help di EdiLus

La Finestra del Programma

Si avvii EdiLus selezionando l’opzione Programmi\Applicazioni ACCA\EdiLus del menu del


bottone Start (Avvio) di Windows.
Questa operazione apre sul desktop la Finestra di EdiLus (anche detta "Finestra del Programma").
La Finestra di EdiLus risulta sormontata da una Barra del Titolo che riporta, da sinistra, il nome e la
versione del programma.
Sotto la Barra del Titolo si trova la barra Multifunzione.
In questa fase, non essendo aperto alcun progetto, gran parte dei bottoni della barra Multifunzione
non risultano abilitati.
Si apra, quindi, il progetto ESEMPIO presente nella directory di installazione del programma
(C:\ACCA\EdiLus).
Proseguendo verso il basso, lungo entrambi i bordi verticali della Finestra del Programma risultano
disposte altre due toolbar.

Cliccando uno dei bottoni di tali toolbar si apre il relativo toolbox: una finestra a scomparsa che
rende, a seconda del tipo, rende immediatamente fruibili le funzionalità del programma e disponibili i
dati del progetto.
Generalmente, nella Finestra del Programma risultano sempre aperti, per default, i seguenti toolbox:
Gestione Progetto, detto anche Navigatore del progetto. Tale toolbox, proposto nella parte sinistra
della Finestra del Programma, contiene uno schema ad albero di tutti i dati e gli elaborati del
progetto in modo da renderli immediatamente reperibili.
Proprietà. Tale toolbox, proposto nella parte destra della Finestra del Programma, propone, per la
visualizzazione e la modifica, tutte le proprietà (dati caratteristici) dell’oggetto (Trave, Pilastro,
Armatura, ecc.) selezionato in una delle finestre del progetto.
La parte centrale della Finestra del Programma è destinata a contenere le varie finestre (tavole di
disegno, viste 3D, ecc.) dei progetti di EdiLus aperti.

21
Help di EdiLus

Vedi Anche
Gli Elementi del Programma
I Toolbox della Finestra del Programma
Come Chiudere il Programma
La Toolbar
Tasti Funzione

22
Help di EdiLus

La Barra Multifunzione

La Finestra del Programma è dotata di una Barra Multifunzione su cui sono riportati i bottoni per
l'attivazione delle funzionalità di uso più frequente.

NOTA! Se non risulta aperto alcun progetto di EdiLus, alcuni bottoni della toolbar non sono attivi in
quanto le relative funzionalità si riferiscono al documento attivo.
Per rendere attivi i suddetti bottoni basta aprire o creare un progetto di EdiLus.

I comandi risultano organizzati nelle sezioni Disegno, Calcolo, Strumenti, Finestra, Servizi, ? (Help) ed
Edito 3D a cui si accede cliccando gli omonimi menu posizionati sulla barra stessa. In ogni sezione i
comandi sono, a loro volta, organizzati in gruppi.
Ogni gruppo di comandi è contornato da un rettangolo. Il nome di ogni gruppo viene riportato nella
parte inferiore del rettangolo.

Al di sopra della Barra Multifunzione è presente una toolbar principale con comandi di uso di uso
frequente:

Principale
Il gruppo Principale della Toolbar è costituito dai seguenti bottoni:
Nuovo: attiva il dialog per la creazione di un nuovo progetto; un progetto può anche essere creato
selezionando l’opzione Nuovo del menu File.
Apri: apre il dialog per la scelta del progetto da aprire; un progetto può anche essere aperto
selezionando l’omonima opzione del menu File.
Salva: salva le modifiche apportate al progetto attivo.
Stampa: avvia la stampa del contenuto (piante, viste 3D, dati, tavole esecutive) della finestra attiva
nella Finestra del Programma.
Anteprima di stampa: apre l’anteprima di stampa del contenuto (carpenterie, viste 3D, tavole
esecutive, ecc.) della finestra attiva.
Taglia: elimina l’elemento selezionato e lo copia.
Copia: copia l’elemento selezionato.
Incolla: incolla, nella finestra attiva, l’elemento precedentemente copiato.
Annulla: annulla, in sequenza, le ultime modifiche precedentemente apportate al progetto.
Ripristina: ripristina, in sequenza, le ultime modifiche precedentemente annullate.

Disegno

La barra multifunzione Disegno è suddivisa nelle seguenti sezioni:

Disegno: contiene le funzioni per la modellazione della struttura e per la selezioni degli elementi;
Appunti: contiene le funzioni di Taglia, Copia, Incolla;

23
Help di EdiLus

Zoom: contiene le funzioni per l'attivazione degli Zoom;


Snap: contiene le funzioni per la definizione degli Snap da utilizzare nel disegno;
Visibilità: contiene i comandi per la gestione delle Visualizzazioni della struttura.

Calcolo

La Barra multifunzione Calcolo contiene i bottoni che avviano le varie fasi del calcolo della struttura.
I bottoni presenti nella barra sono:
Calcolo COMPLETO: avvia il calcolo completo della struttura, in cui tutte le fasi del calcolo vengono
eseguite in sequenza.
Reset COMPLETO: annulla tutte le fasi di calcolo eseguite.
Calcolo Modello Strutturale: avvia il calcolo del modello strutturale. Dopo aver richiesto il calcolo del
modello, il bottone "Calcolo Modello Strutturale" si trasforma in Reset Modello Strutturale che
annulla il calcolo del modello strutturale eseguito.
Calcolo Sollecitazioni: avvia il calcolo delle sollecitazioni.
Dopo aver richiesto il "Calcolo delle Sollecitazioni", il bottone "Calcolo Sollecitazioni" si trasforma in
Reset Sollecitazioni che annulla il calcolo delle sollecitazioni eseguito.
Calcolo Verifiche: avvia il calcolo delle verifiche. Dopo aver richiesto le verifiche, l’opzione "Calcolo
Verifiche" si trasforma in Reset Verifiche che annulla il calcolo delle verifiche eseguito.
Calcolo Armature e Carpenterie: avvia il calcolo delle Armature e delle Carpenterie.
Dopo aver richiesto il calcolo delle armature e delle carpenterie il bottone "Calcolo Armature e
Carpenterie" si trasforma in Reset Armature e Carpenterie che annulla il calcolo eseguito.
Calcolo Solai: avvia il calcolo dei Solai del progetto.
Dopo aver richiesto il calcolo dei Solai il bottone "Calcolo Solai" si trasforma in Reset Solai che annulla
il calcolo eseguito.
Calcolo Non Lineare (PushOver): avvia il calcolo NON Lineare di una struttura.
Dopo aver richiesto il calcolo NON Lineare di una struttura il bottone “Calcolo Non Lineare” si trasforma
in Reset Non Lineare (PushOver) che annulla il calcolo eseguito.
Diagnostica Generale: apre l’omonima finestra in cui vengono segnalati tutti gli eventuali errori
riscontrati nel calcolo eseguito (elementi NON verificati, ecc.); ovviamente, tale bottone risulta
abilitato se è stata richiesta almeno una delle fasi di calcolo.

Strumenti

24
Help di EdiLus

La barra multifunzione Strumenti contiene le seguenti opzioni:

Gestione Livelli: attiva la finestra per la definizione dei piani della struttura
Separatori Numerici: attiva il dialog per la scelta dei separatori (delle migliaia e dei decimali) dei
numeri che devono essere adottati nella stampa degli elaborati
Wizard Tavole: attiva il wizard per la composizione automatica delle tavole esecutive
Wizard Vincoli: attiva il wizard per la modifica dei vincoli interni tra gli elementi strutturali
Opzioni Analisi Non Lineare: attiva il dialog per la impostazione dei parametri per l' Analisi Statica non
Lineare (push-Over). Tale bottone risulta attivo se si è scelto di eseguire tale analisi nel nodo Dati
delle Struttura > Preferenze di Calcolo > Generali.
Opzioni...: apre il dialog per le personalizzazioni del programma, dei tabulati di calcolo e delle
carpenterie.

Finestra

Affianca orizzontalmente: dispone automaticamente, l’una sull’altra, le finestre dei documenti aperti.
Affianca verticalmente: dispone automaticamente, l’una di fianco all’altra, le finestre dei documenti
aperti.
Sovrapponi: dispone automaticamente, nella finestra del programma, le finestre di documenti aperti,
in modo che risulti sempre visibile almeno parte delle relative barre del titolo.
Minimizza: minimizza le finestre dei documenti aperti, visualizzando, in basso nella finestra del
programma, parte della loro barra del titolo. Un doppio click su un documento minimizzato lo riporta
nella configurazione originaria.
Chiudi tutto: chiude tutti i documenti di EdiLus aperti.
Cambia Finestra: consente di passare la selezione da una finestra ad un'altra.

Vedi Anche
Gli Elementi del Programma

25
Help di EdiLus

La Finestra del Programma


I Toolbox della Finestra del Programma
Come Creare un Nuovo Progetto
Come Salvare il Progetto
Come Aprire un Progetto
Tasti Funzione

26
Help di EdiLus

I Toolbox della Finestra del Programma

L’interfaccia di EdiLus è stata oggetto di uno studio ergonomico per rendere immediatamente
reperibile, in maniera intuitiva, tutti gli strumenti e le utilità del programma e qualsiasi dato del progetto
attivo.
Gran parte delle funzionalità del programma e tutti i dati del progetto attivo risultano organizzati in
apposite finestre a scomparsa, dette toolbox a cui è possibile accedere senza imparare ed eseguire
particolari procedure.
Un toolbox di EdiLus si apre semplicemente cliccando l’opportuno bottone delle toolbar verticali
disposte lungo i bordi della Finestra del Programma.

Se nella Finestra del Programma non risulta aperto alcun progetto, i bottoni per l’attivazione dei toolbox
risultano disabilitati.

Un toolbox è vincolato al bordo della Finestra del Programma che ospita la toolbar verticale con il
bottone per la sua apertura e si apre sempre verso l’interno della Finestra del Programma.

27
Help di EdiLus

Effettuata una prima operazione nel toolbox, questo rimane aperto fino a quando non si clicca in una
qualsiasi altra finestra. In questo modo è possibile tenere aperto il toolbox per tutto il tempo
necessario per effettuarvi le operazioni opportune.
L’Utente può anche scegliere di tenere sempre aperto un toolbox oppure di renderlo completamente
invisibile fino a quando non lo vuole nuovamente a disposizione.
Gli strumenti che consentono di scegliere il funzionamento di un toolbox sono i seguenti bottoncini a
destra sulla barra del titolo del toolbox:
Il bottoncino Puntina Orizzontale viene proposto sulla barra quando il toolbox è "a scomparsa".
Pigiando il bottoncino Puntina Orizzontale, il toolbox rimane "sempre aperto" nella Finestra del
Programma.
Il bottoncino Puntina Verticale viene proposto sulla barra del toolbox quando questo risulta "sempre
aperto". Quando il toolbox è sempre aperto, il bottone per la sua apertura viene rimosso dalla
relativa toolbar.
Pigiando il bottoncino Puntina Verticale, il toolbox viene reso nuovamente "a scomparsa".
I Bottoncini Puntina Orizzontale e Verticale sono presenti esclusivamente nei toolbox Proprietà e
Gestione Progetto.

Vedi Anche
Gli Elementi del Programma
La Finestra del Programma
Il Toolbox Gestione Progetto: il Navigatore del Progetto
Come Creare un Nuovo Progetto
Come Aprire un Progetto
La Toolbar
Tasti Funzione

28
Help di EdiLus

Il Toolbox Gestione Progetto: il Navigatore del Progetto

Il toolbox Gestione Progetto della Finestra del Programma è sicuramente quello più importante per la
gestione dei dati dei progetti aperti di EdiLus, al punto tale che conviene tenerlo sempre aperto.
Se non risulta "sempre aperto", al toolbox Gestione Progetto si accede cliccando sull’omonimo
bottone della toolbar verticale disposta lungo il bordo sinistro della Finestra del Programma.
Il toolbox Gestione Progetto presenta, subito sotto la sua barra del titolo, un list box in cui vengono
proposte, come opzioni, i nomi di tutti i progetti aperti.
La selezione di una delle opzioni di tale list box rende attivo il progetto corrispondente nella Finestra
del Programma e propone, nella restante parte del toolbox, il Navigatore del progetto stesso.
Il Navigatore è uno schema ad albero in cui risultano organizzati tutti gli elementi (dati, tavole,
elaborati, ecc.) del progetto attivo.
Grazie al Navigatore è possibile individuare immediatamente qualsiasi elemento del progetto in modo
da accedervi e gestirlo senza dover conoscere ed eseguire particolari procedure.

29
Help di EdiLus

In pratica, il Navigatore è uno strumento potentissimo che fornisce una visione sintetica
dell’organizzazione del progetto e consente di gestirne ogni suo aspetto in maniera ordinata, veloce
ed intuitiva.
Sul ramo principale dell’albero del Navigatore vengono proposti una serie di nodi principali (Dati della
Struttura, Grafici, ecc.) che rappresentano i raggruppamenti degli elementi omogenei del progetto. Un
nodo principale può anche contenere nodi che rappresentano ulteriori sotto-raggruppamenti di
elementi omogenei del progetto.
Ad esempio, il nodo Grafici conterrà il nodo Piante, destinato a contenere le tavole su cui si disegnano
gli impalcati dei vari piani, il nodo Viste 3D destinato a contenere le viste 3D della struttura create, e
così via.
I nodi dell’albero che contengono altri nodi NON possono essere eliminati e risultano preceduti dal
simbolo:
se i nodi contenuti risultano nascosti; per visualizzare i nodi nascosti sul ramo che si diparte dal nodo
contenitore, basta cliccare sul simbolo a lato oppure fare un doppio click sul nodo contenitore;
se i nodi contenuti risultano visualizzati sul ramo che si diparte dal nodo contenitore; per nascondere i
nodi contenuti basta cliccare sul simbolo a lato oppure fare un doppio click sul nodo contenitore.
Un doppio click su un nodo del Navigatore apre, nella Finestra del Programma, la finestra con i dati e
le informazioni relative.
I nodi dell’albero del Navigatore di un Progetto di EdiLus sono:
DATI della STRUTTURA. Il nodo principale DATI della STRUTTURA contiene i seguenti nodi:
Dati Generali. Un doppio click su tale nodo apre la finestra in cui vanno specificati i dati di carattere
generale del progetto e in cui vanno effettuate delle scelte di carattere generale per il tipo di calcolo
che si intende effettuare.
Preferenze di Calcolo. Un doppio click su tale nodo apre la finestra in cui vanno specificati i dati
per l’analisi sismica della struttura.
Dati Norma:. Un doppio click su tale nodo apre la finestra in cui vanno specificati alcuni dati per il
calcolo in virtù della normativa prescelta per il calcolo,
PROGETTAZIONE. Il nodo principale Progettazione contiene i nodi Livelli, Viste 3D, Carpenterie,
Telai, Armature e Risultati Sintetici illustrati di seguito.
Livelli. Questo nodo contiene i nodi per l’accesso alle tavole per il disegno dei piani dell’edificio.
Inizialmente nel nodo sono proposti i nodi “Fondazione” e “Piano Terra” per l’accesso,
rispettivamente, alla tavola per il disegno della fondazione e del primo impalcato, ma in esso
verranno riportati anche i nodi delle tavole per il disegno degli altri piani creati. Un doppio click su
un nodo contenuto nel nodo Piante apre (o porta in primo piano), nella Finestra del Programma, la
finestra con la tavola di disegno del relativo piano.
Viste 3D. Il nodo 3D è destinato a contenere i nodi relativi alle viste 3D dell’edificio create nel
progetto.
Tale nodo, per default, già contiene il nodo 3D relativo alla prima vista 3D proposta per default nel
progetto, ma in esso saranno riportati tutti i nodi relativi alle viste 3D create nel progetto.
Un doppio click su uno dei nodi contenuti nel nodo 3D apre (o porta in primo piano) la finestra con
la vista relativa.
Carpenterie. Il nodo Carpenterie è destinato a contenere i nodi per accedere alle tavole delle
carpenterie dei vari piani (impalcati) dell’edificio prodotte automaticamente dopo il Calcolo.
Telai.... Un doppio click su questi nodi consente di accedere alle tavole dei telai della struttura,
prodotti automaticamente dopo il Calcolo del Modello Strutturale.
Armature. Il nodo Armature contiene i nodi (Travi, Pilastri, Pareti, Solette, Platee e Plinti) per
l’accesso alle tavole delle armature dei vari elementi della struttura.
Risultati Sintetici. Questo nodo contiene i nodi per accedere alle Tavole in cui richiedere la
generazione automatica della rappresentazione grafica sintetica di specifici risultati del progetto. Le
tavole sintetiche dei risultati generate potranno essere composte automaticamente nell’unico
elaborato Grafici Sintetici (v. avanti) per ottemperare a quanto richiesto, in proposito, dal D.M.
14/01/2008.

30
Help di EdiLus

ELEMENTI. Il nodo ELEMENTI del Navigatore contiene i seguenti nodi:


Sezioni Travi e Pilastri. Un doppio click sul tale nodo apre la finestra del progetto in cui vanno
definite le sezioni delle travi, dei pilastri e delle travette cfc.
Sezioni in Legno. Un doppio click su tale nodo apre la finestra del progetto in cui vanno definite le
sezioni in Legno.
Sezioni in Acciaio. Un doppio click su tale nodo apre la finestra del progetto in cui vanno definite le
sezioni in Acciaio.
Sezioni Setti. Un doppio click su tale nodo apre la finestra del progetto in cui vanno definite le
sezioni dei Setti.
Materiali. Un doppio click su tale nodo apre la finestra del progetto in cui vanno definite le
caratteristiche dei materiali utilizzati.
Terreni. Un doppio click sul tale nodo apre la finestra del progetto in cui vanno definite le
caratteristiche del terreno.
Stratigrafia Terreni. Un doppio click su tale nodo apre la finestra del progetto in cui vanno definite le
stratigrafie del terreno.
Materiali Collegamenti. Un doppio click su tale nodo apre la finestra del progetto in cui vanno
definiti i materiali dei collegamenti.
Analisi dei Carichi. Il nodo Analisi dei Carichi contiene i seguenti nodi:
Analisi Carichi. Un doppio click su tale nodo consente apre la finestra del progetto in cui vanno
definiti i carichi per solai, tamponature, solette, balconi, scale, ecc..
Tipologia di Carico . Un doppio click su tale nodo apre la finestra del progetto in cui vengono
riportate le tipologie di carico accidentale previste ed in cui è possibile definirne liberamente altre
personalizzate.
Combinazioni di Carico. Un doppio click su tale nodo (abilitato solo dopo il calcolo del modello
strutturale) apre la finestra del progetto in cui vengono riportate le combinazioni di carico
eseguite e in cui è possibile apportare delle personalizzazioni.
ELABORATI. Il nodo ELABORATI, che risulta abilitato solo dopo il calcolo, contiene i seguenti nodi:
Relazione di Calcolo. Il nodo Relazione di Calcolo contiene i seguenti nodi:
Relazione. Un doppio click su tale nodo apre la finestra del progetto in cui è possibile richiedere
la compilazione automatica della relazione.
Tabulati. Un doppio click su tale nodo apre la finestra del progetto in cui è possibile richiedere la
compilazione automatica dei tabulati con i dati di calcolo da allegare alla relazione.
Relazione di Accettabilità dei Risultati. Un doppio click su questo nodo apre l’editor per la
redazione della Relazione di Accettabilità dei risultati, secondo quanto previsto dal D.M.
14/01/2008.
Relazione Geotecnica. Un doppio click su questo nodo apre l’editor di testo con l’apposito Wizard
per la redazione della Relazione Geotecnica.
Grafici Sintetici. Un doppio click su questo nodo apre l’editor per la composizione, in un unico
elaborato, di tutti i grafici sintetici generati nel nodo Risultati Sintetici del Navigatore.
TAVOLE ESECUTIVI. Il nodo Tavole Esecutivi è destinato a contenere i nodi relativi alle tavole
esecutive create nel progetto.
Computo e Stima. Un doppio click sul nodo Computo e Stima apre la finestra di computo metrico in
cui viene proposto il computo metrico delle strutture del progetto.
Piano di Manutenzione. Un doppio click su questo nodo avvia la procedura per l’esportazione del
file con il piano di Manutenzione delle strutture da importare nel programma ManTus-P, specifico
per la redazione dei Piani di Manutenzione.
RISULTATI del CALCOLO. Un doppio click su tale nodo (abilitato solo dopo il calcolo) apre la finestra
del progetto in cui è possibile visualizzare e stampare i risultati di calcolo desiderati.
DIAGNOSTICA. Un doppio click su tale nodo apre l’omonima finestra in cui vengono proposti gli errori
rilevati durante l’ultima fase di calcolo richiesta per il progetto.

31
Help di EdiLus

Alcuni nodi (quelli relativi alle tavole dei piani, alle viste 3D, ecc.) possono essere gestiti (creati,
cancellati, ecc.) direttamente nel Navigatore.
Cliccando, con il pulsante destro del mouse, su uno dei nodi suddetti lo si seleziona e,
contestualmente, si apre il menu locale contenente le opzioni per la loro gestione.

Vedi Anche
Gli Elementi del Programma
La Finestra del Programma
I Toolbox della Finestra del Programma
I Menu
Come Creare un Nuovo Progetto
Come Aprire un Progetto
Il Menu Visualizza
La Toolbar
Tasti Funzione

32
Help di EdiLus

Come Impostare i Separatori dei Numeri

Per impostare i separatori delle migliaia e dei decimali con cui devono essere proposti i dati numerici
(quantità ed importi) nella stampa degli elaborati del progetto attivo, basta effettuare le seguenti
operazioni:
 selezionare l’opzione Imposta Separatori Numeri… del menu File; questa operazione
attiva il dialog Impostazione separatori numeri;

 nel dialog effettuare le seguenti operazioni:


 nel combo box Separatore delle migliaia selezionare il separatore (punto, virgola spazio o
apostrofo) da adottare per le migliaia;
 nel combo box Separatore dei decimali selezionare il separatore (punto o virgola) da
adottare per i decimali;

Nel campo bianco a destra nel dialog viene proposto, a titolo di esempio, un numero che visualizza in
rosso i separatori scelti nei due combo box dello stesso dialog.

 pigiare il bottone OK per confermare le scelte effettuate e chiudere il dialog.

Vedi Anche
Gli Elementi del Programma
La Finestra del Programma
I Toolbox della Finestra del Programma
Come Creare un Nuovo Progetto
Come Salvare il Progetto
Come Aprire un Progetto
Come Chiudere un Progetto
Come Cancellare un Progetto
Come Duplicare un Progetto
Come Esportare gli Elaborati Grafici nei Formati DXF o DWG
Come Chiudere il Programma
La Toolbar
Tasti Funzione

33
Help di EdiLus

Come si Lavora

Come si Lavora

Nella presente sezione dell’help vengono elencate le principali fasi per effettuare il progetto di una
struttura in cemento armato o in muratura rispettivamente con i programmi EdiLus-CA ed EdiLus-MU
della Soluzione EdiLus.
EdiLus, come tutti i programmi ACCA, non prevede una procedura rigida per l’input dei dati di un
progetto. Le fasi del progetto riportate, pertanto non sono da eseguire in maniera tassativamente
sequenziale.
L’ordine con cui le fasi per la progettazione vengono proposte nella presente sezione è, però, quello
che certamente rende più semplice e produttivo il lavoro del Tecnico.
Nella progettazione di una struttura si consiglia, pertanto, di cercare di svolgere le operazioni
necessarie nell’ordine in cui vengono proposte di seguito.

Vedi Anche
Come Progettare e Verificare una Struttura con EdiLus

34
Help di EdiLus

Come Progettare e Verificare una Struttura con EdiLus

Nella presente pagina vengono elencate schematicamente le principali operazioni per effettuare il
progetto di una struttura in cemento armato o in muratura rispettivamente con EdiLus-CA e/o EdiLus-
MU.
Per ognuna delle operazioni viene riportato il rimando all’opportuna pagina o sezione del presente
help in cui vengono illustrate dettagliatamente le modalità operative per poterla effettuare.
Per progettare una struttura con EdiLus occorre effettuare le seguenti operazioni:
 Creare un nuovo documento relativo al tipo di struttura (in c.a. o in muratura) da progettare.
 Specificare i Dati Generali del progetto. In questa fase oltre ai dati di carattere generale
vanno anche indicati il tipo di analisi sismica che si intende effettuare e i dati opportuni per poterla
eseguire.
 Definire i piani dell'edificio da progettare. La definizione dei piani dell’edificio comporta la
creazione di tutte le tavole per il disegno delle strutture dei piani stessi.
 Nel progetto creato vengono già proposti, per default, il piano per il disegno delle strutture di
fondazione (travi, plinti o platee) e quello per il disegno del primo impalcato.
 Definire tutte le sezioni che si intende adottare per le travi, i pilastri ed eventuali "travette
cfc".

In questa fase è necessario definire le sole sezioni di progetto che si intende assegnare a travi, pilastri
ecc..
Se, nel corso della progettazione, si rendesse necessario l’utilizzo di altre sezioni, queste potranno
anche essere create al momento.

 Definire le caratteristiche dei materiali (calcestruzzi, murature, acciai, ecc.) utilizzati per le
strutture (travi, pilastri, muri, ecc.) del progetto.
Nella sezione per la definizione dei materiali del progetto creato vengono proposti una serie di
materiali per cui risultano già specificate le opportune caratteristiche (resistenza, peso, ecc.).
Se un materiale utilizzato non fosse disponibile, occorre definirlo creandolo ex novo oppure
modificando un materiale esistente.
 Definire le caratteristiche del terreno (o dei terreni) di fondazione.
Nella sezione per la definizione dei terreni del progetto vengono proposti una serie di terreni per cui
risultano già specificate le opportune caratteristiche.
Se il terreno del proprio progetto non fosse disponibile, occorre definirlo creandolo ex novo oppure
modificando un terreno esistente.
 Definire i carichi (peso proprio e sovraccarico permanente ed accidentale) per solai, sbalzi,
solette, platee, scale e tamponature. In questa fase vanno anche specificate le informazioni
opportune per definire le condizioni di carico adottate nel calcolo.
 Definire (solo per le strutture in Cemento Armato), per ogni tipo di elemento strutturale (travi,
pilastri, pareti, ecc.), i criteri in base ai quali il programma provvederà ad armarli.
 Per ogni piano creato dell’edificio effettuare le seguenti operazioni:
 Aprire la relativa tavola di disegno.
 Disegnare tutti gli oggetti necessari (pilastri, travi, pareti, muri, solai, balconi, tamponature,
ecc.) per definire il relativo impalcato.
Nella fase di disegno di ogni oggetto è necessario assegnargli le opportune proprietà nel toolbox
delle Proprietà.
Per default, il programma assegna ad ogni oggetto disegnato le proprietà dell’oggetto disegnato
precedentemente. Ciò consente di NON assegnare gran parte delle proprietà (sezione,
materiale, ecc.) a tutti gli oggetti da disegnare.

35
Help di EdiLus

Le proprietà di un oggetto potranno essere modificate in qualsiasi momento antecedente al


calcolo.
In questa fase può risultare molto utile controllare che il disegno effettuato risulti corretto,
visualizzando l’edificio disegnato in una vista 3D. In una vista 3D è anche possibile modificare
opportunamente gli elementi disegnati.
 Per le strutture in muratura indicare, mediante il disegno dell’oggetto Facciate le sezioni
delle facciate esterne dell’edificio per cui si richiedono le verifiche a Ribaltamento e a
Spanciamento.
 Richiedere il Calcolo. Il calcolo può essere richiesto per fasi sequenziali (ad es. per una
struttura in c. a., Calcolo del Modello Strutturale, Calcolo delle Sollecitazioni, Calcolo delle
Verifiche e Calcolo delle Armature e Carpenterie e Calcolo dei Solai) oppure in un’unica fase
(Calcolo Completo).

Se si dispone del modulo EdiLus-CA SOLAI per poter richiedere il calcolo dei solai è necessario aver
anche indicato quali sono le sezioni dei solai che devono essere oggetto di calcolo. Questa operazione
si effettua disegnando opportunamente, sui solai da calcolare, l’oggetto Solaio (sezione di calcolo).

Dopo il calcolo NON è più possibile modificare alcun dato del progetto (dati generali, materiali,
sezioni, oggetti disegnati e relative proprietà).
Dopo ogni fase di calcolo il programma propone nella finestra Diagnostica tutti gli errori rilevati
(elementi non verificati, incongruenze, ecc.) raggruppati per tipologia.
In questa fase, un’altra utilissima funzionalità consente di individuare tutti gli elementi della struttura
sui quali sono stati riscontrati errori evidenziandoli in una vista 3D.
Nel Calcolo delle Armature e delle Carpenterie il programma produce automaticamente tutte le
carpenterie dell’edificio e le tavole delle armature per i vari elementi (travate, pilastrate, pareti, ecc.)
della struttura.
 Prendere visione dei risultati di calcolo proposti nell’apposita sezione del programma. In
questa fase è anche possibile stampare i risultati di calcolo che si desidera valutare con più
attenzione.
I risultati di calcolo possono anche essere valutati, in una vista 3D del progetto, opportunamente
diagrammati o in un’efficacissima mappatura a colori,.
 Se dalla valutazione dei risultati o dagli elaborati grafici prodotti si rilevano delle situazioni
NON accettabili o, in ogni caso, migliorabili, è possibile annullare il calcolo per apportare le
modifiche opportune alla struttura e/o ai dati di input in generale.
Apportate le modifiche, è possibile richiedere nuovamente il calcolo per valutare il loro effetto sul
comportamento della struttura.
 Visualizzare ed eventualmente personalizzare le carpenterie prodotte. Tali elaborati grafici
possono essere stampati direttamente, esportati o possono essere composti, con altri elaborati
grafici nelle tavole esecutive (v. avanti).
 Visualizzare ed eventualmente personalizzare le tavole delle armature proposte per i vari
elementi strutturali progettati. Tali elaborati grafici possono essere stampati direttamente,
esportati, o possono essere composti, con altri elaborati grafici nelle tavole esecutive (v. avanti).
 Creare le tavole esecutive (se necessario) in cui comporre opportunamente gli elaborati
grafici prodotti ed eventualmente personalizzati (carpenterie, tavole delle armature, viste 3D,
ecc.). In una tavola esecutiva ogni elaborato grafico può essere inserito con la scala opportuna.
Oltre ad essere stampate, le tavole esecutive possono anche essere esportate nei formati DXF e
DWG in modo che possano essere visualizzate, gestite e stampate anche da chi non possiede il
programma.
 Richiedere la composizione automatica della relazione di calcolo. La relazione di calcolo
risulta costituita da una relazione tecnica e dai tabulati con i risultati di calcolo.
Il Tecnico può scegliere liberamente quali risultati di calcolo intende riportare nei tabulati prodotti.
Naturalmente, sia la relazione tecnica che i tabulati ottenuti sono personalizzabili dall’Utente prima
di procedere alla loro stampa o alla loro esportazione nei consueti formati standard (RTF, DOC,
HTML).

36
Help di EdiLus

Anche l’archiviazione del progetto di EdiLus risulta estremamente semplice, veloce e, soprattutto,
funzionale.
Tutti i dati di input (dati generali, materiali, terreni, sezioni, tavole con gli oggetti disegnati, ecc.), tutti
gli elaborati grafici (viste 3D, carpenterie, tavole delle armature e tavole esecutive) e tutta la
documentazione (relazione e tabulati) vengono archiviati nell’unico file del progetto.
Per ritrovare un qualsiasi dato o elaborato basterà aprire nuovamente il progetto ed accedervi
immediatamente con un semplice doppio click sul relativo nodo del Navigatore.

Vedi Anche
Come si Lavora
Gli Elementi del Programma
Come si Lavora
I Dati della Struttura
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Sezioni di Travi e Pilastri
La Definizione dei Materiali e dei Terreni
I Carichi
Il Disegno degli Oggetti
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Il Calcolo
I Risultati di Calcolo
Le Carpenterie
Le Armature
La Relazione di Calcolo
Le Tavole Esecutive
Il Computo Metrico della Struttura
Personalizzazioni del Programma
Sistemi di Riferimento
Tasti Funzione

37
Help di EdiLus

I Dati della Struttura

I Dati della Struttura

Nelle presenti pagine dell’Help viene descritta la sezione di EdiLus in cui è necessario specificare,
oltre ai dati di carattere generale del progetto (dati del lavoro e dello studio tecnico), i dati di carattere
generale necessari al calcolo e per l’Analisi Sismica della struttura.
Gran parte dei dati di carattere generale sono comuni sia ai progetti delle strutture in cemento armato
che ai progetti di quelle in muratura.

Vedi Anche
I Dati Generali
I Dati dell'Analisi Sismica
Il Calcolo dei Parametri di Pericolosità Sismica
I Risultati dell'Analisi Sismica: Masse e Modi di Vibrazione

38
Help di EdiLus

I Dati Generali

I dati di carattere generale del progetto si specificano nella finestra DATI della STRUTTURA: Dati
Generali che, in seguito, sarà chiamata semplicemente Dati Generali.
Per accedere alla finestra Dati Generali basta:
fare doppio click sul nodo DATI della STRUTTURA del Navigatore per esploderlo e visualizzare i
nodi contenuti;
fare doppio click sul nodo Dati Generali; questa operazione apre la finestra Dati Generali nella
Finestra del Programma.
La finestra Dati Generali è costituita da tre pagine attivabili alternativamente cliccando sulle apposite
linguette sulla sinistra della finestra stessa.
Gran parte dei dati specificati nelle pagine della finestra Dati Generali verranno automaticamente
riportati negli elaborati prodotti, quali la relazione e le tavole esecutive.
All'interno della finestra, nella parte alta destra, sono presenti i bottoni Conferma, per salvare le
modifiche apportate alla finestra in esame, e Annulla, per annullare le modifiche apportate.
Di seguito vengono descritte le pagine della finestra Dati Generali.

39
Help di EdiLus

Pagina Dati del Lavoro


La pagina Dati del Lavoro (v. figura precedente) della finestra Dati Generali presenta i campi per la
caratterizzazione del lavoro da eseguire. Nella sezione Posizione Geografica è possibile
georeferenziare l'opera che si sta progettando. Tale operazione può essere eseguita in diversi modi:
- indicando le coordinate nei relativi campi (Latitudine, Longitudine, Altitudine);
- attivando il bottone Archivio Comuni, e scegliendo il comune d'interesse nell'apposito archivio;
- attivando il bottone Mappa e individuando sulla mappa il sito d'interesse.
L'individuazione della Posizione Geografica eseguita in questa sezione consente già di individuare i
parametri di pericolosità sismica per eseguire l'analisi.

Pagina Descrizione dell’Opera


La pagina Descrizione dell’Opera presenta un unico campo in cui è possibile inserire (digitandola o
incollandola) la descrizione generale dell’opera.

Pagina Dati dello Studio


La pagina Dati dello Studio contiene i campi per l'inserimento dei dati dello studio e del progettista.

Vedi Anche
I Dati della Struttura
I Dati dell'Analisi Sismica
Il Calcolo dei Parametri di Pericolosità Sismica
I Risultati dell'Analisi Sismica: Masse e Modi di Vibrazione

40
Help di EdiLus

Come Richiedere il Calcolo dei Cedimenti e la Verifica a Scorrimento

41
Help di EdiLus

Le Preferenze di Calcolo

La pagina Preferenze si specifica in maniera differente a seconda che del tipo di struttura (cemento
armato, muratura, edifici esistenti etc....) del progetto.

Pagina Generali

Box Generali
Nel box Generali vengono proposti i campi:
Delta della QuotaPiano (+/-) per considerare un nodo appartenente ad un piano, in cui va
specificato il massimo valore (in cm) dello scostamento di un nodo da un piano entro il quale un
nodo viene ancora considerato appartenente al piano.
Solaio Rigido anche per Condizioni Statiche, la cui selezione richiede che i solai della struttura
vengano considerati “rigidi” anche in condizioni statiche (senza sisma).
Considerare Conci Rigidi per Luci di calcolo Beam, attivando questa opzione si utilizza un modello
F.E.M. con braccetti rigidi nelle intersezioni trave colonna. Disattivando tale impostazione, il modello
considerato è senza braccetti rigidi e pertanto l'asta che schematizza l'elemento viene considerata
da nodo a nodo.

Box Tipo di Analisi


Nel box Tipo di Analisi vengono proposti i campi:
Analisi Sismica, in cui va specificato il tipo di analisi sismica che si intende eseguire. Se non si vuole
eseguire un' Analisi Sismica si sceglierà l'opzione Nessuna;
Calcolo con PushOver, se si intende eseguire un'Analisi Statica non Lineare. Tale tipo di analisi può
essere eseguita su strutture in cemneto armato, se si è in possesso del modulo EdiLus-PO, e su
strutture in muratura, se si è in possesso del modulo EdiLus-MU.

Box Sisma e Struttura


Nel box Sisma e Struttura vengono proposti i campi:
Direzione del sisma rispetto all’asse X, in cui va specificato, in gradi sessadecimali, l’angolo che la
direzione del sisma forma con l’asse X del riferimento globale;
Numero modi di vibrazione, in cui va specificato il numero dei modi di vibrazione da considerare
nell’analisi dinamica modale.

Box Redistribuzione delle Tensioni [SHELL]


In questo box è proposto il list box in cui è possibile scegliere l’entità della redistribuzione dei picchi di
tensione rilevati nel calcolo sulle shell di pareti, muri, solette e platee.

Nel nodo di una shell può verificarsi un picco di tensione per la presenza di una forza concentrata, un
vincolo, ecc.. In realtà tale picco non interessa un singolo punto di un elemento (parete, muro, ecc.), ma
una certa porzione della sua superficie.
Indicando, nel list box Redistribuzione delle Tensioni, l’opzione opportuna (MINIMA, MEDIA o
MASSIMA) si ottiene la redistribuzione delle tensioni desiderata tra i nodi delle shell. Naturalmente
scegliendo l’opzione NESSUNA, non viene effettuata alcuna redistribuzione delle tensioni.

Box Preferenze per il SAP


Il bottone Modifica configurazione del solutore nel box preferenze apre il dialog in cui è possibile
modificare la configurazione proposta per default per il solutore del programma.

Box Gestore della Memoria

42
Help di EdiLus

In questo box è presente il check box Abilita la Gestione della Memoria su file, la cui selezione
richiede che i dati, durante il calcolo, NON siano tenuti tutti in memoria ma vengano temporaneamente
riversati su file. Questa opzione consente, nel caso di calcoli molto onerosi (strutture molto grandi e/o
con molti modi di vibrazione), di evitare la possibilità di mettere in crisi il sistema per insufficienza di
memoria disponibile.
Naturalmente, la modalità di calcolo descritta, prevedendo ulteriori trasferimenti di dati dalla memoria
al file e viceversa, risulta più lento della modalità ordinaria.

Pagina Edifici Esistenti


Box Generali
Nel box Generali vengono proposti i campi:
Tipo Intervento, in cui va indicata la tipologia d'intervento tra Adeguamento o Miglioramento;
Situazione, in cui viene riportata la scelta effettuata al momento dell'apertura del nuovo documento
sul tipo di situazione che sui sta analizzando se di Fatto o di Progetto. Cliccando sull'apposito
bottone sarà possibile trasformare un file in situazione di Progetto in un file in situazione di Fatto.
Livello di Conoscenza, in cui è possibile scegliere direttamente il Livello di Conoscenza della
struttura in esame.
Predisporre Scheda di Sintesi di Verifica Sismica, in cui è possibile richiedere la predisposizione
dell'elaborato che riporta i dati relativi alla vulnerabilità sismica dell'edificio.

Pagina Calcestruzzo Armato


Box Generali
Nel box Generali vengono proposti i campi:
Verifica TRAVI a Torsione, la cui selezione richiede che, nel calcolo, siano effettuate le verifiche a
torsione per tutte le travi del progetto. La scelta effettuata in questa fase potrà essere modificata per
ogni singola trave nell’apposita vista eccezioni.
Verifica a PUNZONAMENTO, la cui selezione richiede che venga effettuata la verifica a
punzonamento sulle Platee e sulle Solette. La verifica a punzonamento sui Plinti viene effettuata
comunque, anche se NON risulta selezionato tale check.
Adottare Copriferro di Calcolo unico in Progetto Shell, questa scelta interessa il progetto delle
armature degli elementi bidimensionali (pareti, solette, platee). Si può decidere se adottare lo
stesso copriferro per le due direzioni di armatura oppure differenziarlo in base alla reale posizione
nello spazio delle barre.

Pagina Muratura
Box Generali
Nel box Generali vengono proposte i seguenti campi:
Lunghezza minima del MASCHIO murario [cm], in cui va indicata la lunghezza, in centimetri, a
partire dalla quale un elemento in muratura viene considerato un “Maschio”. Elementi con
lunghezza inferiore verranno considerati solo nel calcolo delle sollecitazioni ma NON nelle verifiche.
Altezza minima del Sub MASCHIO murario [cm], in cui va indicata l’altezza, in centimetri, a partire
dalla quale un elemento in muratura viene considerato un “sub Maschio”. Elementi con lunghezza
inferiore verranno considerati solo nel calcolo delle sollecitazioni ma NON nelle verifiche.

Box Criteri di Verifica


Nel box Criteri di Verifica vengono proposte le seguenti sezioni:

43
Help di EdiLus

Modalità di rottura dei MASCHI


La rottura di un Maschio "tozzo" avviene prevalentemente per taglio, mentre quella di un Maschio
"snello" avviene per pressoflessione. I dati della sezione Modalità di rottura dei MASCHI consentono
di richiedere le verifiche opportune su ogni maschio in funzione della sua snellezza al fine di NON
snaturare l’effettivo comportamento della muratura.

Questo modalità non è espressamente prevista dalla normativa vigente, ma è largamente accettabile
nell’ottica di normative sempre più prestazionali e non prescrittive.
La normativa vigente si limita a indicare che il maschio deve essere verificato, tra l’altro, a
pressoflessione nel piano (Mnp) e a taglio (Tnp).

Nella sezione Modalità di Rottura dei MASCHI vengono proposti i campi:


Rapporto massimo H/L del MASCHIO per rottura a solo Taglio [Ht], in cui va indicato il rapporto tra
altezza e lunghezza del Maschio, al di sotto del quale esso è da considerarsi "tozzo", con modalità
di rottura a solo Taglio. Tutti i Maschi con H/L inferiore al valore specificato NON verranno verificati
a pressoflessione.

44
Help di EdiLus

In ogni caso, per evitare che per un Maschio non sia disponibile alcuna informazione sul suo
comportamento per azioni nel piano, viene comunque effettuata una verifica a sforzo normale.

Rapporto minimo H/L del MASCHIO per rottura a sola Pressoflessione nel Piano [Hf], in cui va
indicato il rapporto tra altezza e lunghezza del Maschio, al di sopra del quale esso è da considerarsi
"snello", con modalità di rottura a sola Pressoflessione. Tutti i maschi con H/L maggiore del valore
specificato NON verranno verificati a taglio.

Per valori compresi tra Ht ed Hf, vengono effettuate sia la verifica a Taglio che a Pressoflessione nel
piano del Maschio, visto che in questo intervallo NON è definibile un meccanismo di rottura prevalente
del Maschio.

Esclusione delle Combinazioni di Carico NON significative


Come prescritto dalla vigente Normativa, il programma effettua, per ogni sezione, le verifiche per
TUTTE le combinazioni di carico, conservando i valori più gravosi. Tra le varie combinazioni, alcune,
poco probabili o significative, potrebbero comportare la mancata verifica del Maschio. Nella sezione
Esclusione delle Combinazioni di Carico NON significative è possibile indicare, al programma, i
criteri per l’esclusione di determinate combinazioni di carico. In questa sezione vengono, infatti,
proposti i campi:
Compressione minima per la verifica a Pressoflessione fuori Piano (in percentuale rispetto alla
resistenza - Fcm(k). Questo parametro viene utilizzato nelle verifiche a pressoflessione fuori piano.
Se la tensione a compressione calcolata per una combinazione di carico (considerando la sezione
interamente reagente) è inferiore o uguale al valore impostato dall’utente, per tale combinazione
NON viene effettuata la verifica.
Compressione minima per la verifica a Pressoflessione nel Piano (in percentuale rispetto alla
resistenza - Fcm(k). Questo parametro viene utilizzato nelle verifiche a pressoflessione nel piano.
Se la tensione a compressione calcolata per una combinazione di carico (considerando la sezione
interamente reagente) è inferiore o uguale al valore impostato dall’utente, per tale combinazione
NON viene effettuata la verifica.
Trazione minima per la verifica a Pressoflessione nel Piano e Taglio nel Piano (in percentuale
rispetto alla resistenza - ftk). Questo parametro viene utilizzato nelle verifiche a pressoflessione e
taglio nel piano. Se la tensione a trazione o a taglio calcolata per una combinazione di carico
(considerando la sezione interamente reagente) è inferiore o uguale al valore impostato dall’utente,
per tale combinazione NON viene effettuata la verifica.

Modalità per la Verifica a Taglio


La selezione del check box della sezione Modalità per la Verifica a Taglio richiede che venga
considerata, come area resistente per la verifica a Taglio, anche parte della zona tesa della sezione di
verifica.
Come area della sezione resistente a Taglio viene considerata tutta la zona compressa e parte della
zona tesa fino al lembo in cui si attinge la massima tensione di trazione ammessa dall’Utente. La
tensione massima di trazione ammessa va specificata, come percentuale della Resistenza
caratteristica a Trazione [ftk] del materiale (Muratura), nel campo della sezione che si abilita
selezionando il check box.

La Normativa prevede, per la verifica a Taglio, di considerare, come sezione resistente, la sola parte
compressa.
Ciò è vero in linea generale, ma può essere penalizzante in particolari casi. Ad esempio, per
combinazioni di valori M e N non elevati, ma comportanti eccentricità rilevanti, può verificarsi che la
sezione non sia in grado di resistere ad alcuna sollecitazione di taglio per l’esiguità o l’inesistenza della
parte compressa.

Box Sezioni di Verifica

45
Help di EdiLus

Con EdiLus è possibile richiedere le verifiche in un numero di sezioni dei Maschi e delle Fasce
notevolmente superiore a quello delle sezioni previste dalla normativa vigente.
Naturalmente, quanto più è alto il numero di sezioni da verificare per ogni Maschio e Fascia, tanto più
alto risulterà il tempo di elaborazione.
Nel box Sezioni di Verifica l’Utente può scegliere liberamente per quali sezioni richiedere le verifiche
previste (a Pressoflessione Nel Piano, a Pressoflessione Fuori Piano e a Taglio Nel Piano).
Nella sezione Maschi vengono proposti i check box per la scelta delle sezioni da verificare per ogni
Maschio della struttura.
Nella sezione Fasce vengono proposti i check box per la scelta delle sezioni da verificare per ogni
Fascia della struttura.

Si noti che le scelte consentite nelle sezioni Fasce e Maschi del box Sezioni di Verifica sono tali da
garantire sempre il numero minimo di verifiche previste dalla Normativa.
Ad esempio, per una determinata verifica, NON è consentito deselezionare tutte le sezioni oppure, per
la "Verifica a Pressoflessione Fuori Piano" dei Maschi, NON è consentito togliere la selezione dalle
sezioni per cui essa è prevista per legge.

Pagina Acciaio
Nella Pagina Acciaio sono presenti il box Spostamenti Ammissibili per le Verifiche di
Deformabilità allo SLE e Travi da Verificare a Pressoflessione Deviata (anche Instabilità).

Pagina Legno
Nella Pagina Legno sono presenti il box SLimitazione alla freccia per travi appoggiate e
Limitazione alla freccia per travi a mensola.

Pagina Fondazioni

46
Help di EdiLus

Tab Preferenze per Fondazioni DIRETTE

Box Generali
Nel box Generali vengono proposti i seguenti campi:
Spessore Magrone, in cui va specificato (in centimetri) lo spessore del magro di fondazione; tale
valore comporterà, nel calcolo, un incremento della base della fondazione.

Metodo di Calcolo Effetti Inerziali per Fondazioni, in cui va scelto il metodo di calcolo per la
valutazione degli effetti inerziali di tutte le strutture di fondazione superficiali del progetto.

47
Help di EdiLus

Box Parametri calcolo dei CEDIMENTI e verifiche allo SCORRIMENTO


In questo box sono proposti gli strumenti per definire i parametri necessari al calcolo dei cedimenti e le
verifiche allo scorrimento delle fondazioni.
In alto nel box è presente il check box Calcolo dei CEDIMENTI e verifica allo SCORRIMENTO la cui
selezione richiede di effettuare il calcolo dei cedimenti e le verifiche a scorrimento delle fondazioni e,
di conseguenza, abilita tutti i restanti strumenti del box.
Per default su ogni nuovo documento di EdiLus il check Calcolo dei CEDIMENTI e verifica allo
SCORRIMENTO viene proposto NON selezionato.

Naturalmente. richiedendo il Calcolo dei Cedimenti e la verifica allo Scorrimento i tempi di calcolo
possono subire un sensibile aumento.

Nel campo Distorsione Angolare Ammissibile (L/W) occorre specificare il valore del rapporto
ammissibile tra lunghezza di ogni elemento della fondazione e il relativo cedimento differenziale.
Sotto gli strumenti descritti sono proposti i check box:
Considerare la resistenza passiva nella verifica a scorrimento, la cui selezione richiede di portare
in conto la resistenza passiva del terreno sulla superficie laterale della fondazione.
Considerare l’effetto del Sisma allo SLD nel calcolo Cedimenti, la cui selezione richiede la verifica
dei cedimenti allo Stato Limite di Danno.
Applicare decrementi di Pressione dovuti agli Scavi, la cui selezione richiede di portare in conto,
nel calcolo, i decrementi di pressione litostatica dovuta agli scavi.
Sotto i check box descritti vengono proposti i campi:
Numero medio di Bound per metro quadro, in cui occorre specificare, in funzione del livello di
dettaglio desiderato, il numero medio di bound (molle) per m2 di area di impronta della fondazione.

Il modello risultante da tale schematizzazione è visualizzabile, dopo il calcolo del modello strutturale,
nella vista 3D-Strutturale cliccando l’icona Impronta di fondazione della relativa toolbar.

48
Help di EdiLus

Altezza per il SubStrato per il calcolo di Pressioni e Cedimenti, in cui occorre indicare l’altezza dei
substrati in cui suddividere la stratigrafia del terreno, in modo da ottenere la necessaria
discretizzazione per il calcolo dei cedimenti.
Il calcolo dei cedimenti viene effettuato a partire dagli incrementi di tensione nel sottosuolo valutati
al centro dei suddetti strati elementari.

Multiplo della dimensione Significativa Travi Winkler, in questo campo occorre indicare il multiplo
della larghezza delle travi di fondazione per definire l’altezza del volume (significativo) di terreno
utilizzato per “tarare” le rigidezze dei bound.

Le rigidezze dei bound vengono determinate in funzione delle costanti di sottofondo dei terreni ricadenti
nel volume significativo.

Multiplo della dimensione Significativa Platee, in questo campo occorre indicare il multiplo della
media dei lati delle platee per definire l’altezza del volume (significativo) di terreno utilizzato per
“tarare” le rigidezze dei bound.

49
Help di EdiLus

Multiplo della dimensione Significativa Plinti, in questo campo occorre indicare il multiplo della
media dei lati dei plinti per definire l’altezza del volume (significativo) di terreno per “tarare” le
rigidezze dei bound.

Tab preferenze per Fondazioni PROFONDE

Nella scheda Pali vengono proposti i campi in cui riportare, per le varie tipologie di pali e
dell’addensamento del terreno (Sciolto o Denso), i coefficienti di trasformazione della pressione sui
pali da verticale in orizzontale.

Vedi Anche
I Dati della Struttura
I Dati dell'Analisi Sismica
Il Calcolo dei Parametri di Pericolosità Sismica
I Risultati dell'Analisi Sismica: Masse e Modi di Vibrazione
Come Richiedere il Calcolo dei Cedimenti e la Verifica a Scorrimento

50
Help di EdiLus

Dati Norma

La pagina Dati Norma contiene le impostazioni specifiche richiesta dalla normativa adottata per il
calcolo.

Pagina Analisi Sismica

51
Help di EdiLus

In questa finestra vengono indicati i dati per l'analisi sismica della struttura.

Ovviamente, alla pagina Analisi Sismica NON è possibile accedere se, nella pagina Preferenze di
Calcolo nel box Tipo di Analisi è stata scelta l’opzione Nessuna.

Box Sisma e Struttura

Nel Box Sisma e Struttura è presente il bottone MODIFICA, cliccando il quale si attiva il dialog per la
definizione dei parametri di pericolosità sismica per il sito in esame. Le scelte effettuate in tale dialog
vengono riportate (in sola lettura) nel campi Accelerazione orizzontale massima del terreno (SLV),
Tipo di terreno Prevalente, Classe dell'edificio.
Sono inoltre presenti i seguenti campi:
Tipologia della struttura, in cui va scelta la tipologia della struttura; naturalmente, in questo list box
vengono proposte opzioni differenti a seconda del tipo di struttura (c.a., muratura, ecc.);
Classe di duttilità [presente solo per strutture in c.a.], in cui va scelta la classe (Alta o Bassa) di
duttilità della struttura;
Livello di sismicità della zona
Irregolarità Tamponamenti in Pianta, la cui selezione indica la presenza di irregolarità dei
tamponamenti in pianta.
Rispettare la gerarchia delle resistenze, con cui si può disattivare l'applicazione della gerarchia
delle resistenze nel calcolo della struttura
Deformabilità torsionale dei piani, la cui selezione implica un controllo da parte del programma per
verificare che la struttura risulti deformabile torsionalmente.
Considerare la presenza di Elementi Secondari. Alcuni elementi strutturali possono essere
considerati “secondari” nel modello strutturale. In tal caso sia la rigidezza che la resistenza di tali
elementi vengono ignorate nell’analisi della risposta sismica. Settando tale campo, il programma
consente di escludere dal modello sismico le aste per le quali viene deselezionato il check
Principale per azione sismica (vedi figura sotto). Ciò comporta che, per tali aste, occorre
considerare, nel modello sismico, uno svincolo alle rotazioni iniziali e finali, attorno ai loro assi locali
2 e 3.

52
Help di EdiLus

Modo applicazione Eccentricità Accidentale, in cui va scelta l’opzione che determina la modalità
per portare in conto l’eccentricità accidentale secondo quanto previsto dalla vigente normativa.

Box Coefficienti
Nella sezione Coefficienti vengono proposti i seguenti campi:
Coefficiente viscoso equivalente, in cui va specificato il valore del coefficiente viscoso equivalente
per definire gli spettri di risposta (v. avanti);
Coefficiente di amplificazione topografica, in cui viene riportato il valore di amplificazione
topografica previsto in funzione della normativa di riferimento scelta. Tale valore è modificabile solo
nei casi previsti dalle specifiche normative di riferimento.

Box Fattori di Riduzione degli Spettri (fattori di struttura)


Nella sezione Fattori di Riduzione degli Spettri sono presenti i campi in cui vengono proposti i valori
dei fattori utilizzati per la determinazione degli spettri di risposta della struttura.
In questa sezione viene proposto il check box Calcolo automatico dei Fattori SLU per sisma
orizzontale. La selezione di questo check richiede che, in fase di calcolo, i valori dei fattori di struttura
per sisma orizzontale vengano desunti automaticamente secondo le modalità previste dalla normativa
scelta e vengano riportati nei campi sottostanti (SLU per sisma orizzontale in direzione X e SLU per
sisma orizzontale in direzione Y).
Se il check box Calcolo automatico… risulta NON selezionato, l’Utente potrà specificare liberamente
i valori desiderati nei campi descritti.
Sotto i campi descritti sono presenti inoltre i campi:
SLU per sisma verticale, in cui va specificato il “fattore di struttura” riduttivo [1.5] per la definizione
dello spettro di progetto per lo stato limite ultimo per sisma verticale.
SLD per sisma orizzontale e verticale, in cui va specificato il fattore di riduzione [2.5] per la
definizione dello spettro di progetto per lo stato limite di danno per sisma orizzontale e verticale.
Fattore di riduzione di Q0, in cui va specificato il fattore di riduzione previsto dalla normativa per le
strutture “a pareti o miste equivalenti a pareti”, “Due pareti per direzione non accoppiate” o
“deformabili torsionalmente”. Tale campo è abilitato solo se, nel list box Tipologia della
struttura della pagina Sisma e Struttura, è stata scelta una delle tipologie indicate.

Pagina Regolarità Struttura

53
Help di EdiLus

La pagina Regolarità Struttura della finestra Dati Analisi Sismica è costituita dalle
sezioni: Regolarità della Struttura in Pianta e Regolarità della Struttura in Altezza contenenti le
opzioni per definire la regolarità della struttura. Nelle due sezioni vanno selezionati i check box
corrispondenti alle caratteristiche dell’edificio da progettare. Ulteriori caratteristiche NON devono
essere specificate perché saranno rilevate automaticamente dal programma dopo il calcolo

Pagina Spettri di Risposta

La pagina Spettro di Risposta consente di visualizzare i diagrammi degli Spettri per la


struttura in esame. Nel box Filtro è possibile impostare dei criteri per la individuazione
degli spettri da visualizzare

Pagina Fondazioni

Nella pagina Fondazioni sono presenti i campi:


Modalità di rispetto della Gerarchia Resistenze per Fondazione, in cui è possibile definire la
modalità di calcolo delle sollecitazioni per la fondazione. Le scelte possibili sono:
- Non applicare Sovraresistenza, la struttura di fondazione viene calcolata unitariamente alla
struttura di elevazione con le sollecitazioni derivanti dall'analisi senza alcuna amplificazione;
- Sovraresistenza Calcolo Separato, la struttura di fondazione viene calcolata separatamente
applicando le sollecitazioni (sismiche) derivanti dalla struttura di elevazione amplificate del fattore Rd
(1,1 per CD"B", 1,3 per CD"A" ) come previsto al p.to 7.2.5 delle NTC2008
- Sovraresistenza Calcolo Unitario, la struttura di fondazione viene calcolata unitariamente alla
struttura di elevazione con sollecitazioni (sismiche) amplificate del fattore Rd* come previsto al p.to
4.4.2.6 dell' Eurocodice8; il fattore va definito dal tecnico nel toolbox delle proprietà dell'elemento di
fondazione (vedi figura);

54
Help di EdiLus

- Calcolo con q=1, la struttura di fondazione viene calcolata unitariamente alla struttura di elevazione
ma con le sollecitazioni derivanti dall'applicazione dello spettro elastico come previsto al p.to 7.2.5
delle NTC2008.
Approccio nelle verifiche GEO, in cui si sceglie l'approccio da utilizzare per le verifiche geotecniche.
Attualmente è possibile scegliere solo l'approccio 2.

Pagina Preferenze Generali


In questa sezione sono presenti i campi:
Effettuare Verifiche di Duttilità: per richiedere l'esecuzione delle verifiche di Duttilità di Curvatura
secondo quanto previsto al p.to 7.4.4 delle NTC 2008
Considerare Permanenti Non Strutturali come Permanenti: per unificare i carichi Permanenti Non
Strutturali e i Carichi Permanenti e quindi considerarli con gli stessi coefficienti di combinazione.

Vedi Anche
I Dati della Struttura
I Dati Generali
Il Calcolo dei Parametri di Pericolosità Sismica
I Risultati dell'Analisi Sismica: Masse e Modi di Vibrazione

55
Help di EdiLus

Il Calcolo dei Parametri di Pericolosità Sismica

I parametri di pericolosità sismica per la definizione degli Spettri di Risposta vengono determinati con
le modalità previste dal D.M. 14/01/2008.
Per richiedere la determinazione dei parametri di pericolosità sismica basta effettuare le seguenti
operazioni:
Pigiare il bottone MODIFICA del box Sisma e Struttura della finestra Dati Norma; questa operazione
apre il dialog Parametri dell’azione sismica su sito di riferimento in cui vanno specificati i dati
necessari al calcolo dei parametri sismici secondo le modalità previste dal D.M. 14/01/2008.

Se NON risultano specificati i Parametri di Pericolosità Sismica, a sinistra del bottone AZIONE SISMICA
viene riportata, in rosso, la stringa Parametri NON INSERITI, ad indicare che il loro inserimento è
necessario per definire gli spettri di risposta e, quindi, per effettuare il calcolo.

56
Help di EdiLus

Nel presente dialog vanno inseriti i dati:


Tipo di terreno Prevalente, in cui va scelta una delle categorie di terreno previste dalla normativa.
Modalità di generazione degli Spettri, in cui va scelta la modalità di generazione dello spettro di
risposta. Le scelte possibili sono:
- Modo 0: lo spettro viene generato automaticamente in base ai parametri previsti dalla normativa per
il sito di riferimento scelto nell'Archivio Comuni o mediante Mappe Sismiche;
- Modo 1: genera uno spettro personalizzato in cui l'utente definisce i parametri Ag/g, F0,T*c, Cc, Ss. I
parametri Tb,Tc,Td invece risultano automaticamente determinati in base a quanto previsto dalla
normativa.
- Modo 2: genera uno spettro completamente personalizzato in cui l'utente definisce anche i parametri
anche i parametri Tb,Tc,Td.

Se nel campo Tipo di terreno Prevalente si è scelto categoria S1 o S2, l'unica opzione attiva sarà
Modo 2

In particolare, nel dialog, occorre indicare la Classe dell’edificio e la Vita Nominale della Struttura.
Indicando questi dati, nel campo sottostante viene automaticamente calcolato il Periodo di
Riferimento per l’azione sismica.

57
Help di EdiLus

Sotto i campi suddetti occorre riportare le coordinate geografiche dell’Edificio (Latitudine,


Longitudine ed Altitudine).

Il valore dell’Altitudine NON è necessario per il calcolo dei parametri sismici, bensì alla determinazione
del coefficiente di combinazione dell’eventuale carico da Neve sulla struttura

Indicati i dati richiesti, basta pigiare il bottone Calcola per veder apparire, nella parte inferiore del
dialog, la tabella con i valori dei parametri sismici calcolati.
Pigiando il bottone OK, il dialog viene chiuso e a sinistra del bottone AZIONE SISMICA viene
riportato, in verde, il valore di Ag ad indicare che i parametri di Pericolosità sismica risultano calcolati.
Naturalmente specificare i valori delle coordinate geografiche dell’edificio NON è un’operazione
semplice ed immediata. Per questo EdiLus mette a disposizione del tecnico due utilissimi strumenti:
 L’Archivio dei Comuni d’Italia, in cui, per ogni Comune, vengono riportati la latitudine e la
longitudine di riferimento.
 Il collegamento con le Mappe Sismiche on line di EdiLus-MS.
Di seguito vengono illustrate le modalità per il calcolo dei parametri sismici utilizzando sia l’archivio dei
Comuni che le Mappe Sismiche.

Utilizzo dell’Archivio dei Comuni


Per assegnare all’edificio le coordinate geografiche del Comune di riferimento basta:

Pigiare il bottone Archivio Comuni; questa operazione propone il dialog Gestione Comuni.
 Nel list box Seleziona Comune del dialog scegliere il Comune di riferimento. Questa
operazione fornirà per il comune in esame i valori delle coordinate richieste.

 Pigiare il bottone Ok per confermare e chiudere il dialog.


Questa operazione riporta la Latitudine e Longitudine del Comune scelto nel dialog Parametri
dell’azione sismica su sito di riferimento e, contestualmente, effettua il calcolo dei parametri
sismici.

Utilizzo delle Mappe Sismiche

58
Help di EdiLus

Per poter utilizzare le Mappe Sismiche di EdiLus-MS è necessario che il computer su cui si opera risulti
connesso ad Internet.

Per specificare le coordinate geografiche dell’edificio utilizzando le Mappe on line di EdiLus-MS, basta
effettuare le seguenti operazioni:

Pigiare il bottone Mappa Sismica; questa operazione apre il dialog Gestione Comuni già descritto.
 Nel dialog scegliere il Comune; questa operazione riporta, negli appositi campi, la Latitudine
e la Longitudine del Comune di Riferimento.
 Pigiare il bottone Ok per chiudere il dialog; questa operazione riporta la Latitudine, la
Longitudine e tutti i parametri sismici calcolati nel dialog Parametri “dell’azione sismica su sito
di riferimento”; contestualmente viene anche avviato il collegamento on line con EdiLus-MS.

Nel campo di ricerca della finestra di EdiLus-MS indicare l’indirizzo, la città, ecc. dell’area su cui deve
sorgere l’edificio e pigiare il bottone Cerca; questa operazione propone, la mappa della zona
indicata.

La mappa di EdiLus-MS può essere ingrandita o ridotta pigiando i bottoncini + e – a sinistra in alto nella
mappa stessa.

59
Help di EdiLus

Per spostarsi verso le zone non visualizzate della mappa basta premere le freccette opportune in alto a
sinistra oppure cliccare, senza rilasciare il pulsante sinistro del mouse, nella mappa ed effettuare gli
spostamenti desiderati.

Cliccare nel punto della mappa in cui si intende spostare il segnalino per indicare con precisione il
punto in cui sorgerà l’edificio; la Latitudine e la Longitudine del punto individuato vengono riportate
sotto la mappa e, nella tabella a destra, vengono dinamicamente calcolati i Parametri di pericolosità
sismica.
 Pigiare il bottone OK per chiudere la finestra e riportare i Parametri di Pericolosità Sismica
calcolati nella tabella del dialog Parametri dell’azione sismica su sito di riferimento.

Vedi Anche
I Dati della Struttura
I Dati Generali
I Dati dell'Analisi Sismica
I Risultati dell'Analisi Sismica: Masse e Modi di Vibrazione

60
Help di EdiLus

Le Preferenze per la Configurazione del Solutore SAP

Il solutore MicroSAP (v. manuale d’uso del solutore) di EdiLus prevede numerosi settaggi per
ottimizzarne il funzionamento nelle varie fasi del calcolo del progetto attivo, determinando, in genere,
la precisione e la rapidità con cui vengono ottenuti i risultati.
Ovviamente, per default, la configurazione del solutore risulta già ottimizzata in funzione dei calcoli da
effettuare, evitando all’Utente l’onere di apprendere complesse procedure matematiche e come
queste ultime vengono influenzate da determinati parametri.
Naturalmente all’Utente esperto di procedure di solutori matematici viene lasciata la libertà di
intervenire sui parametri che determinano la configurazione del solutore di EdiLus.

La configurazione proposta per default per il solutore del programma risulta ottimizzata per i vari tipi di
calcolo.
Si consiglia, pertanto, di NON modificare i parametri della configurazione del solutore e, in ogni caso, di
effettuare eventuali modifiche solo dopo uno studio approfondito del “Manuale d’uso di MicroSAP” per
conoscere con precisione gli effetti che esse avranno sul calcolo.

I parametri per la configurazione del solutore di EdiLus possono essere modificati nella finestra
Configurazione del solutore MicroSAP, a cui si accede pigiando il bottone Modifica
configurazione del solutore nel box Preferenze per il SAP nella scheda Preferenze della finestra dei
Dati Generali del progetto.

Alla finestra Configurazione del solutore MicroSAP è anche possibile accedere scegliendo un
Profilo (Tuning) personalizzato nel dialog Calcolo: Analisi Statica NON LINEARE proposto quando si
avvia il calcolo NON Lineare di una struttura.

Nella finestra Configurazione del solutore MicroSAP, i parametri per la configurazione del solutore
vengono proposti in una tabella e raggruppati per tipologia.
Ogni tipologia (con titolo in rosso scuro) presenta, a sinistra, l’icona:
se i relativi parametri risultano nascosti; cliccando su questa icona, la tipologia viene esplosa e i
parametri in essa contenuti vengono visualizzati;
se i relativi parametri risultano visualizzati; cliccando su questa icona, la tipologia viene chiusa e i
parametri contenuti vengono nascosti.
Per default, nella tabella del dialog vengono proposti solo i parametri di base per la configurazione del
solutore.

61
Help di EdiLus

In particolare, nella tipologia Parametri Lineari vengono proposti i seguenti parametri che influenzano
il calcolo lineare:
Correzione Labilità della Matrice di Rigidezza, in cui è possibile scegliere (prevalentemente nel
caso di calcolo NON lineare), la modalità per la correzione di eventuali labilità della Matrice di
Rigidezza in modo da poter procedere nel calcolo.
Procedura per l’Estrazione dei Modi di Vibrazione, in cui è possibile scegliere la modalità più
opportuna per l’estrazione dei modi di vibrazione della struttura.
Nella tipologia dei Parametri NON Lineari (che, naturalmente, influenzano il calcolo in regime NON
Lineare) viene proposto il list box in cui scegliere il Criterio di continuazione dello step di carico.

Subito sotto, nella sezione Parametri di convergenza per MicroSAP (Tuning) della tabella, vengono
proposti i parametri per la messa a punto del solutore per la convergenza dei risultati.
I parametri di convergenza vengono proposti sia per la colonna Step 1, relativa agli Incrementi del
Carico Verticale, che per la colonna Step 2, relativa agli incrementi delle Azioni Orizzontali.
Naturalmente, l’indicazione di tali parametri NON è semplice in quanto presuppone una perfetta
conoscenza delle procedure del calcolo NON Lineare e dei complessi algoritmi di calcolo del solutore.
Per semplificare quest’operazione, il programma prevede, sia per lo Step 1 che per lo Step 2, di poter
scegliere, nel list box Profilo scelto, una configurazione di calcolo che fissa i corrispondenti parametri
e l’algoritmo utilizzati dal solutore per ottimizzare la convergenza delle soluzioni nel procedimento
iterativo e, quindi, per ottimizzare risultati e tempi di calcolo.

Le configurazioni previste nel list box Profilo scelto sono:

62
Help di EdiLus

VELOCE: consente di giungere ad una soluzione nel modo più rapido possibile; naturalmente, la
soluzione trovata potrebbe anche essere sensibilmente lontana dall’effettiva capacità di resistenza
della struttura; questa configurazione di calcolo va richiesta, ad esempio, nel caso di strutture di
grandi dimensioni e/o particolarmente complesse, per farsi un’idea di massima del loro
comportamento.
DEFAULT: è un buon compromesso tra velocità di calcolo ed una certa attendibilità della soluzione
che, comunque, potrebbe essere ancora lontana dall’effettiva capacità di resistenza della struttura;
questa configurazione di calcolo è consigliata per farsi un’idea del comportamento di strutture
“ordinarie”.
MEDIO: consente di raggiungere una soluzione abbastanza vicina a quella effettiva, con una velocità
di calcolo intermedia tra le configurazioni precedenti e quelle successive.
LENTO: consente di raggiungere una soluzione molto vicina a quella effettiva, a scapito della velocità
di calcolo che risulterà molto lenta; si consiglia di adottare questa configurazione dopo essersi fatti
un’idea del comportamento della struttura mediante un calcolo più “veloce”.
ESTREMO: effettua il calcolo più accurato consentendo di raggiungere la soluzione più vicina a quella
effettiva a scapito della velocità di calcolo che risulterà la più lenta in assoluto; si consiglia di
adottare questa configurazione di calcolo dopo essersi fatti un’idea del comportamento della
struttura mediante un calcolo più “veloce”.
Si noti che la scelta di una configurazione in uno dei list box Profilo scelto, comporta, nei campi
sottostanti della stessa colonna, l’impostazione dei parametri e la scelta dell’algoritmo opportuni per
ottenere il tipo di calcolo richiesto.
Naturalmente, facendo parte di impostazioni predefinite per la specifica configurazione scelta nel list
box Profilo scelto, i valori nei campi sottostanti vengono riportati in blu ad indicare che NON sono
modificabili.
Il Tecnico, può comunque definire liberamente i parametri e l’algoritmo della configurazione di calcolo
scegliendo l’opzione PERSONALIZZATO nel list box Profilo scelto. Questa operazione riporta in
nero i valori nei campi sottostanti lasciando al tecnico la facoltà di modificarli.

Naturalmente, per personalizzare i parametri della configurazione di calcolo, è NECESSARIO che il


Tecnico abbia una conoscenza approfondita delle problematiche e degli algoritmi di calcolo dell’Analisi
Statica NON Lineare, trattati nella relativa Letteratura Tecnica.

Il programma fornisce al Tecnico un adeguato supporto anche per la definizione di configurazioni di


calcolo personalizzate.

Selezionando, infatti, nella tabella il rigo di un parametro del solutore e pigiando il bottone Help
sulla barra inferiore della finestra, si apre il Manuale d’uso del Solutore MicroSAP alla pagina che
ne illustra il significato.

63
Help di EdiLus

Pigiando il bottone Mostra/Nascondi Parametri Avanzati sulla barra inferiore, nella finestra
Configurazione del solutore MicroSAP vengono proposti anche i Parametri Avanzati del solutore
che all’apertura della finestra risultano nascosti.

La personalizzazione delle configurazioni di calcolo che prevedono l’intervento su tali parametri


presuppone una conoscenza approfondita del solutore e, pertanto, è consigliata esclusivamente ad
esperti di tali problematiche per evitare di comprometterne il corretto funzionamento.

64
Help di EdiLus

In ogni caso, pigiando il bottone Ripristina Configurazione Default sulla barra inferiore della finestra,
tutte le modifiche in essa apportate vengono eliminate ripristinando la configurazione proposta
originariamente dal programma alla creazione del documento.

Vedi Anche
I Dati della Struttura
I Dati Generali
Il Calcolo dei Parametri di Pericolosità Sismica
I Risultati dell'Analisi Sismica: Masse e Modi di Vibrazione

65
Help di EdiLus

Le Tavole di Disegno dei Piani

Le Tavole di Disegno dei Piani

La presente sezione dell’Help illustra le modalità operative per la gestione delle tavole per il disegno
dei vari piani (impalcati) dell’edificio.
Questa fase del progetto è estremamente importante in quanto, in essa, vengono definite le altezze e
le quote delle tavole degli impalcati che determineranno il posizionamento spaziale ed il
dimensionamento degli oggetti (pilastri, pareti, travi, solai, ecc.) su esse disegnati.

Vedi Anche
Definizioni e Considerazioni Generali
Come Creare la Pianta di un Piano dell'Edificio
Come Modificare un Piano dell'Edificio
Come Eliminare un Piano dell'Edificio
Come Accedere alla Pianta di un Piano
Le Finestre delle Piante

66
Help di EdiLus

Definizioni e Considerazioni Generali

Gli Oggetti (pilastri, travi, muri, solai, ecc.) che costituiscono un piano dell’edificio devono essere
disegnati su una determinata tavola di disegno del progetto di EdiLus.
Con EdiLus disegnando semplicemente la carpenteria del piano si definiscono anche
tridimensionalmente gli oggetti.
Ad esempio, per un pilastro disegnato, viene automaticamente definita anche l’altezza e, per una
trave, viene definita la sua collocazione spaziale (quota) nell’edificio.
Ogni tavola di disegno è posizionata ad un determinato Livello, cioè risulta caratterizzata dall’avere
una sua collocazione spaziale. In particolare, il piano del disegno (Pianta) di una tavola coincide con
l’estradosso (piano di calpestio) del relativo impalcato.
Ogni piano (pianta) del progetto risulta, quindi, caratterizzato da una Quota ed da un’Altezza.
La Quota del piano è la sua distanza dal piano assunto come riferimento (ad es. il piano del terreno).
L’Altezza di un piano è, invece, la differenza tra la quota del piano superiore e quella del piano stesso.
Tutte le strutture verticali (pilastri, pareti, ecc.) assumeranno, per default, l’altezza della pianta su cui
vengono disegnate.
Tutte le strutture orizzontali, invece, vengono disegnate, per default, a partire dalla quota della tavola
su cui vengono disegnate.
Per ogni nuovo progetto il programma genera automaticamente, per default, le tavole Piano Terra e
Fondazione.
La tavola Fondazione è destinata al disegno della fondazione dell’Edificio e, pertanto, su essa, non
possono essere disegnate strutture verticali (pilastri, pareti, ecc.).
Tale tavola deve essere sempre presente in un progetto di EdiLus e, quindi, può essere rinominata
ma non eliminata dal progetto.
La tavola Fondazione è caratterizzata dalla sua quota rispetto al piano di riferimento e, ovviamente,
da un’altezza pari a zero. Non possono esistere, infatti, livelli inferiori a quello di Fondazione.

Si precisa che la pianta Fondazione NON coincide con il piano di fondazione ma con il piano da cui si
dipartono i pilastri del primo piano (impalcato).
Naturalmente sulla tavola della pianta Fondazione è possibile disegnare e copiare unicamente strutture
di Fondazione (travi alla Winkler, plinti, ecc.) ed entità puramente grafiche (quote, linee guida, griglie,
ecc.).

La tavola Piano Terra, invece, oltre a poter essere rinominata può anche essere eliminata dal
progetto. Tale tavola, inoltre, viene anche aperta automaticamente alla creazione di un nuovo progetto
di EdiLus.
Lo schema seguente riassume sinteticamente i concetti illustrati.

67
Help di EdiLus

Vedi Anche
Le Tavole di Disegno dei Piani
Come Creare la Pianta di un Piano dell'Edificio
Come Modificare un Piano dell'Edificio
Come Eliminare un Piano dell'Edificio
Come Accedere alla Pianta di un Piano
Le Finestre delle Piante

68
Help di EdiLus

Come Creare la Pianta di un Piano dell'Edificio

Per creare le tavole di disegno delle piante dei piani di un progetto di EdiLus basta effettuare le
seguenti operazioni:
fare click, con il pulsante destro del mouse sul nodo Piante del Navigatore del progetto oppure su
uno dei nodi (Piano Terra o Fondazione) presenti sul ramo che si diparte dal nodo Piante; questa
operazione apre il menu locale del nodo selezionato;
 selezionare l’opzione Gestione Livelli del menu locale per accedere all’omonimo dialog per
la gestione dei piani dell’edificio;
 nel dialog Gestione Livelli effettuare le seguenti operazioni:
1) nel campo Piano/Livello del rigo Fondazione della griglia specificare (eventualmente) il nome da
assegnare al piano (livello) Fondazione;
2) nel campo Quota del rigo Fondazione specificare, in metri, la quota del piano Fondazione; la
quota specificata viene automaticamente riproposta come quota del "Piano Terra";

Si ricordi che la quota della pianta Fondazione coincide con il piano da cui si dipartono i pilastri del
primo impalcato (Piano Terra).

3) nel campo Piano/Livello del rigo "Piano Terra" specificare (eventualmente) il nome da
assegnare al piano (impalcato);
4) nel campo Altezza dello stesso rigo specificare l’altezza del primo piano (impalcato);
5) selezionare il check box Rigido se l’impalcato deve essere considerato "infinitamente rigido";

In molti casi (per impalcati non orizzontali, non regolari, ecc.), l’ipotesi di rigidezza infinita dell’impalcato
introduce un modello di calcolo poco realistico.
EdiLus precede anche la possibilità di introdurre la rigidezza per ogni singolo solaio disegnato piuttosto
che per l’intero impalcato consentendo di ottenere un modello di calcolo estremamente più efficace.
Ovviamente, se si intende assegnare la rigidezza ad ogni solaio disegnato è opportuno NON definire
come "rigidi" gli impalcati nel dialog Gestione Piani.

69
Help di EdiLus

Per approfondire la problematica accennata e per una corretta assegnazione delle rigidezze ai
singoli solai e/o all’intero impalcato è assolutamente necessario leggere la sezione Impalcati
Rigidi e Solai Rigidi del presente help.

6) nel campo Riduzione Tamp. va indicato se è presente una significativa riduzione di tamponature
tra un piano e l'altro. Se No va scelto il coefficiente 1, se SI va scelto il coefficiente 1,4. Questo
comporterà, come prevede la norma, un'amplificazione delle sollecitazioni di calcolo per il piano
in esame.
7) nel list box che si attiva posizionando il cursore nel campo Collegamento Tamp. selezionare
l’opzione (Rigidamente o Elasticamente) che indica il tipo di collegamento tra le tamponature e
la struttura al piano;
8) pigiare il bottone Inserisci della toolbar del dialog; questa operazione inserisce, nella griglia, un
nuovo rigo (piano) sopra il rigo selezionato (Pianta 1); per il nuovo rigo viene proposto il nome
"Pianta";

I nomi delle piante proposti nella griglia del dialog Gestione Piani, compresi quelli dei piani proposti per
default (Fondazione e Pianta 1), possono essere liberamente modificati.

9) ripetere le operazioni 3), 4), 5), 6) e 7) per specificare tutti i dati necessari alla definizione del
nuovo piano;
10) ripetere le operazioni 8) e 9) per creare tutti gli altri piani dell’edificio;
11) pigiare il bottone OK del dialog per chiuderlo ed ottenere la creazione dei piani richiesti.
Sul ramo che si diparte dal nodo Piante nel Navigatore viene creato un nodo "Pianta" per ogni piano
definito nel dialog Gestione Piani.
Cliccando su un nodo "Pianta" creato si accede alla tavola su cui devono essere disegnati gli oggetti
(pilastri, travi, ecc.) necessari a definirne l'input del progetto.
Un nuovo piano può anche essere inserito tra due piani esistenti nella griglia del dialog Gestione
Piani.
Per inserire un nuovo piano tra due livelli esistenti basta:
 selezionare il rigo della griglia relativo al livello immediatamente inferiore al livello da creare;
 pigiare il bottone Inserisci della toolbar del dialog Gestione Piani; questa operazione
inserisce un nuovo piano nella griglia prima del piano precedentemente selezionato;
 specificare i dati del piano inserito.
Se il piano inserito ha una quota minore di zero (cioè è ad una quota inferiore a quella del piano di
riferimento posto, per definizione, a quota 0.00), il nuovo piano viene inserito abbassando la quota dei
piani sottostanti. In pratica, tutti i piani interrati posti sotto a quello inserito vengono ulteriormente
affondati nel terreno dell’altezza del piano inserito.

Per inserire un nuovo piano a quota minore di zero, senza variare la quota dei piani sottostanti, basta
modificare opportunamente la quota del livello della Fondazione dopo aver effettuato l’inserimento.

Se, invece, il piano inserito ha una quota maggiore di zero (cioè è ad una quota superiore a quella del
piano di riferimento), il nuovo piano viene inserito aumentando la quota dei piani sovrastanti.
In pratica, tutti i piani in elevazione superiori a quello inserito vengono ulteriormente elevati di una
quantità pari all’altezza del piano inserito.
Pigiando il bottone Anteprima della toolbar del dialog Gestione Piani, viene proposta un’anteprima del
disegno effettuato sul piano selezionato.

70
Help di EdiLus

Ovviamente, l’anteprima del piano nasconde alcuni dati della griglia che possono essere comunque
visualizzati spostandosi nella griglia stessa mediante la barra di scorrimento che appare nella sua
parte inferiore.
Pigiando, invece, il bottone Struttura della toolbar del dialog Gestione Piani, viene proposto uno
schema dei piani dell’Edificio con le relative Quote ed Altezze.

Al dialog Gestione Livelli è possibile accedere in qualsiasi momento, con le modalità descritte, per
modificare i dati di ogni piano.

Vedi Anche
Le Tavole di Disegno dei Piani
Definizioni e Considerazioni Generali
Come Modificare un Piano dell'Edificio
Come Eliminare un Piano dell'Edificio
Come Accedere alla Pianta di un Piano
Le Finestre delle Piante

71
Help di EdiLus

Come Modificare un Piano dell'Edificio

Prima di richiedere il calcolo, i dati di ogni piano definito nel dialog Gestione Livelli possono essere
liberamente modificati.
In particolare esistono specifiche funzionalità di ancoraggio degli oggetti (pilastri, pareti, ecc.) al piano
su cui vengono disegnati che consentono persino, modificando l’altezza del piano, di ottenere,
contestualmente, anche la opportuna modifica degli oggetti.
Per modificare i dati caratteristici (quota, altezza, ecc.) di un piano dell’Edificio basta effettuare le
seguenti operazioni:
fare click, con il pulsante destro del mouse sul nodo Piante del Navigatore del progetto oppure su
uno dei nodi (Piano o Fondazione) presenti sul ramo che si diparte dal nodo Piante; questa
operazione apre il menu locale del nodo selezionato;
 nel menu locale selezionare l’opzione Gestione Livelli; questa operazione apre l’omonimo
dialog contenente la griglia per la gestione dei piani dell’edificio;
 nella griglia del dialog Gestione Livelli selezionare il piano da modificare;
 apportare le modifiche opportune al piano selezionato e pigiare il bottone OK per confermare
e chiudere del dialog.
In particolare, modificando la descrizione di un piano, questo viene rinominato anche nel Navigatore.
Un Piano può anche essere rinominato senza accedere al dialog Gestione piani effettuando le
seguenti operazioni:
 cliccare su nodo del piano con il pulsante destro del mouse per accedere al suo menu
locale;
 nel menu locale selezionare l’opzione Rinomina; questa operazione rende editabile il nome
del nodo a destra dell’icona;
 modificare il nome del nodo del piano e pigiare INVIO della tastiera per rendere nuovamente
NON editabile il campo.

Vedi Anche
Le Tavole di Disegno dei Piani
Definizioni e Considerazioni Generali
Come Creare la Pianta di un Piano dell'Edificio
Come Eliminare un Piano dell'Edificio
Come Accedere alla Pianta di un Piano
Le Finestre delle Piante

72
Help di EdiLus

Come Eliminare un Piano dell'Edificio

Per eliminare un piano (livello) dell’edificio di un documento di EdiLus basta effettuare le seguenti
operazioni:
esplodere il nodo Piante del Navigatore per visualizzare tutti i nodi dei piani in esso contenuti;
 fare click, con il pulsante destro del mouse, sul nodo corrispondente al piano (livello) da
eliminare; questa operazione seleziona il piano ed apre il menu locale del nodo;
 nel menu locale selezionare l’opzione Gestione Livelli per accedere all’omonimo dialog;
 nel dialog Gestione Livelli selezionare il rigo relativo al piano da eliminare e pigiare il
bottone Elimina della sua toolbar;
 pigiare il bottone OK del dialog per chiuderlo confermando le modifiche (eliminazione del
piano) effettuate.
Il piano selezionato viene eliminato dall’edificio con tutti gli oggetti disegnati sulla relativa tavola di
disegno.
Se il piano (livello) eliminato aveva una quota minore di zero (cioè era ad una quota inferiore a quella
del piano di riferimento posto, per definizione, a quota 0.00), la quota di tutte i piani sottostanti
(compreso il livello Fondazione) viene aumentata dell’altezza del piano stesso.
In pratica, tutti i piani interrati sottostanti a quello eliminato vengono elevati di una quantità pari
all’altezza del piano eliminato.
Se, invece, il piano eliminato aveva una quota maggiore di zero (cioè era ad una quota superiore a
quella del piano di riferimento), la quota di tutti i piani superiori viene diminuita dell’altezza dello stesso
piano eliminato. In pratica, tutti i piani in elevazione superiori a quello eliminato vengono abbassati di
una quantità pari all’altezza del piano eliminato.

Vedi Anche
Le Tavole di Disegno dei Piani
Definizioni e Considerazioni Generali
Come Creare la Pianta di un Piano dell'Edificio
Come Modificare un Piano dell'Edificio
Come Accedere alla Pianta di un Piano
Le Finestre delle Piante

73
Help di EdiLus

Come Accedere alla Pianta di un Piano

Creati i piani dell’Edificio del progetto attivo, è possibile procedere al disegno, sulle relative tavole,
degli opportuni oggetti (pilastri, travi, ecc.) di EdiLus.
Ovviamente, per poter disegnare gli oggetti su una tavola di un piano del progetto attivo, è necessario
che questa risulti aperta.
Per aprire la tavola di disegno (pianta) di un piano del progetto attivo basta:
esplodere il nodo Piante del Navigatore per visualizzare tutti i nodi dei piani (livelli) in esso
contenuti;
 fare doppio click sul nodo del piano di cui si intende aprire la tavola del disegno.
La tavola di disegno del piano scelto viene proposta nella finestra Piante... che viene aperta nella
Finestra del Programma.
Sulla barra del titolo della finestra aperta, oltre alla stringa "Piante:" viene riportato anche il nome del
piano (ad es. "Piano 1") di cui risulta aperta la tavola del disegno.
Nella Finestra del Programma è possibile aprire tutte le tavole del piani (finestre Piante) che si
desidera.
Quando risultano aperte più tavole di disegno, facendo un doppio click sul nodo di un piano nel
Navigatore, la relativa finestra viene portata in primo piano rispetto alle altre tavole.
Nel Navigatore il nome della tavola del piano aperta viene proposto in grassetto e campito in giallo.

Vedi Anche
Le Tavole di Disegno dei Piani
Definizioni e Considerazioni Generali
Come Creare la Pianta di un Piano dell'Edificio
Come Modificare un Piano dell'Edificio
Come Eliminare un Piano dell'Edificio
Le Finestre delle Piante

74
Help di EdiLus

Le Finestre delle Piante

Si acceda alla pianta di un piano facendo un doppio click sul relativo nodo nel Navigatore.
Questa operazione apre la finestra della pianta richiesta nella Finestra del Programma. Se, invece, la
finestra risulta già aperta, questa viene semplicemente portata in primo piano rispetto alle altre finestre
del progetto aperte.
La finestra della pianta aperta risulta sormontata, come di consueto, da una Barra del Titolo che
riporta, da sinistra, la stringa Piante: seguita dal nome del piano a cui la pianta si riferisce.

EdiLus consente di aprire più progetti contemporaneamente.


Se, nella Finestra del Programma, risulta aperto più di un progetto è opportuno prestare molta
attenzione al progetto a cui appartengono le tavole.

Se la finestra della pianta di un piano del Progetto risulta estesa a tutta la Finestra del Programma, la
sua barra del titolo non risulta visualizzata e il suo nome viene riportato sulla barra del titolo della
Finestra del Programma.

La finestra della pianta di un piano è una tavola grafica per il disegno delle entità (oggetti pilastri, travi,
ecc.) del piano.
Facendo un click, con il pulsante destro del mouse, in un qualsiasi punto della Tavola, si apre il menu
locale della tavola stessa in cui generalmente vengono proposte le seguenti opzioni:
Seleziona oggetti: attiva la modalità per la selezione degli oggetti nella tavola.
Oggetto…: attiva la modalità per il disegno dell’oggetto proposto come opzione. Generalmente
l’oggetto proposto per la selezione è l’ultimo disegnato.

Cliccando sulla freccetta a destra dell’opzione si apre un menu con la lista delle tipologie di oggetti.
Selezionando una tipologia si apre un ulteriore menu per la scelta dell’oggetto (di quella tipologia)
da disegnare nella tavola.

75
Help di EdiLus

Zoom Esteso [F2]: visualizza, nella Finestra, tutta l’area della tavola occupata dal disegno
estendendola a tutta la parte visibile della Finestra della Tavola.
Zoom Window [F3]: ingrandisce la porzione di tavola racchiusa nel rettangolo di selezione tracciato
con il mouse.
L’ingrandimento viene effettuato estendendo il rettangolo di selezione tracciato alla parte visibile
della Finestra della Tavola.
Zoom Precedente [SHIFT+F2]: ripropone la vista della tavola precedente l’ultima operazione di
zoom effettuata.
Ovviamente tale opzione produce un effetto solo se sono state precedentemente effettuate altre
operazioni di zoom.
Zoom Successivo [SHIFT+F3]: ripropone la vista della tavola successiva all’ultima operazione di
zoom effettuata.
Ovviamente tale opzione produce un effetto solo se, precedentemente, sono state effettuate
operazioni di "zoom precedente".

Gli ingrandimenti e le riduzioni richieste selezionando le opzioni Zoom Avanti e Zoom Indietro
possono anche essere ottenute, in maniera ancora più rapida ed intuitiva, ruotando la rotellina del
mouse.

Nel menu locale vengono anche proposte funzionalità specifiche per il disegno di alcuni oggetti.
Nelle Tavole dei Piani sono disponibili molteplici potentissime funzionalità ed utilità che rendono
estremamente semplice, rapido ed agevole il disegno degli oggetti.

Vedi Anche
Le Tavole di Disegno dei Piani
Definizioni e Considerazioni Generali

76
Help di EdiLus

Come Creare la Pianta di un Piano dell'Edificio


Come Modificare un Piano dell'Edificio
Come Eliminare un Piano dell'Edificio
Come Accedere alla Pianta di un Piano
Il Disegno degli Oggetti

77
Help di EdiLus

Le Sezioni di Travi e Pilastri

Le Sezioni di Travi e Pilastri

Le sezioni dei pilastri, delle travi, e delle travette cfc vanno assegnate, al momento del loro disegno
scegliendole tra quelle preventivamente definite dall’Utente nel progetto.
Le sezioni delle travi e dei pilastri vanno definite, per ogni progetto, nella finestra
ELEMENTI:Gestione Sezioni del progetto stesso.
Di seguito, per brevità, la finestra "ELEMENTI:Gestione Sezioni" sarà chiamata semplicemente
Gestione Sezioni.

Vedi Anche
La Finestra Gestione Sezioni
Come Definire una Nuova Sezione
Come Modificare una Sezione
Come Eliminare una Sezione
Le Sezioni Personalizzate
Le Sezioni per Materiali Generici
Le Sezioni dei Profilati in Acciaio

78
Help di EdiLus

La Finestra Gestione Sezioni

La finestra Gestione Sezioni di un progetto di EdiLus è l’editor per la gestione delle sezioni delle travi
e dei pilastri del progetto stesso.
La finestra Gestione Sezioni del progetto attivo di EdiLus si apre nella Finestra del Programma
effettuando le seguenti operazioni:
esplodere, con un doppio click, il nodo ELEMENTI del Navigatore del progetto per visualizzare i
nodi contenuti;
fare un doppio click sul nodo Sezioni Travi e Pilastri; questa operazione apre la finestra Gestione
Sezioni nella Finestra del Programma.

Quando nella Finestra del Programma è attiva la finestra Gestione Sezioni, sotto il Navigatore nel
toolbox Gestione Progetto viene proposto il box Sezioni Travi e Pilastri.
Nel box "Sezioni Travi e Pilastri" vengono proposti, in uno schema ad albero, i nodi relativi a tutte i tipi
di sezioni che è possibile creare per il progetto.
Ognuno di tali nodi (Tipologia) è destinato a contenere i nodi relativi alle sezioni create appartenenti
alla tipologia che esso rappresenta.
Ogni nodo Tipologia, inoltre, è contraddistinto da un’icona che raffigura proprio il tipo della sezione
che esso è destinato a contenere.
I nodi Tipologia NON possono essere eliminati.
Per default nei nodi Tipologia del progetto vengono già proposte delle sezioni già definite.
Ovviamente il Tecnico può definire liberamente tutte le sezioni desiderate creandone altre oppure
modificando opportunamente quelle proposte.

79
Help di EdiLus

In fase di disegno il Tecnico potrà scegliere quale sezione adottare, tra quelle definite nella finestra
Gestione Sezioni, per ogni pilastro, trave o "travetta cfc".

Quando si inizia il disegno, il programma assegna, per default, ai pilastri ed alle travi, la Sezione
Rettangolare 30x50.
Successivamente, nel disegno dei pilastri e delle travi, verrà proposta per default l’ultima sezione
assegnata.

Quando un nodo Tipologia contiene almeno una Sezione (nodo) risulta preceduto dal simbolo:
se i nodi Sezione contenuti risultano nascosti; per visualizzare i nodi Sezione sul ramo che si diparte
dal nodo Tipologia, basta cliccare sul simbolo a lato oppure fare un doppio click sullo stesso nodo
Tipologia;
se i nodi Sezione contenuti risultano visualizzati sul ramo che si diparte dal nodo Tipologia; per
nascondere i nodi Sezione basta cliccare sul simbolo a lato oppure fare un doppio click sul nodo
Tipologia.
La selezione di una sezione (ad es. 30x50), mediante un semplice click sul relativo nodo, ne
visualizza il grafico nella finestra Gestione Sezioni ed i parametri geometrici caratteristici nel toolbox
delle Proprietà che si attiva a destra nella finestra del Programma.
La finestra Gestione Sezioni risulta sormontata dalla relativa barra del titolo che, da sinistra, riporta il
nome del progetto attivo ed il nome della finestra stessa (Gestione Sezioni).
Sotto la barra del titolo è presente una toolbar con i seguenti bottoni:

Aggiungi: crea una nuova sezione appartenente alla tipologia selezionata nel box Tipologia
Sezioni che appare sotto il toolbox Gestione Progetto;

Elimina: elimina la sezione selezionata nel box Sezioni Travi e Pilastri.

Copia da …: apre il dialog in cui è possibile scegliere il progetto di EdiLus da cui si intende
copiare tutte le sezioni create differenti da quelle già presenti nel progetto attivo.

Le opzioni Aggiungi, Elimina e Copia da …per la gestione delle sezioni del progetto sono anche
disponibili nel menu locale del box Sezioni Travi e Pilastri.
Per selezionare il nodo (Tipologia o Sezione) su cui effettuare un’operazione ed attivare il menu locale
del box "Sezioni Travi e Pilastri" basta fare click, con il pulsante destro del mouse, sul nodo stesso.
Se il nodo selezionato è una Tipologia di Sezione, nel menu locale NON risulta abilitata l’opzione
Elimina in quanto una tipologia di sezione non può essere eliminata.

Nello spazio della finestra Gestione Sezioni sottostante la sua toolbar viene proposta la tavola in cui
viene visualizzato il grafico della sezione selezionata con le relative dimensioni.
Cliccando nella tavola con il pulsante destro del mouse si attiva un menu locale contenente le
consuete opzioni per la scelta delle funzionalità di zoom.
Sotto la tavola del grafico della sezione viene proposta una vista assonometrica di un elemento
strutturale (pilastro o trave) con la sezione selezionata.
Il toolbox delle Proprietà della sezione selezionata nel box Topologia Sezioni presenta le seguenti
proprietà:
Descrizione: in tale campo va specificata la breve descrizione che identificherà la sezione nel list box
Sezione del toolbox delle Proprietà per la scelta della sezione dei pilastri e delle travi.
Label: in tale campo va specificata la breve descrizione che identificherà la sezione delle travi nel
disegno e delle travi e dei pilastri nei risultati di calcolo.

Geometria
Nel raggruppamento Geometria vengono proposti i campi in cui vanno specificati, in centimetri, tutti i
parametri geometrici necessari alla definizione della sezione. Ovviamente, i righi contenuti in tale
raggruppamento sono differenti a seconda della tipologia di sezione selezionata.

80
Help di EdiLus

Inoltre, per le sezioni che possono essere sia simmetriche che asimmetriche, nel raggruppamento
Geometria viene proposto il check box Simmetrica che, per default, risulta sempre selezionato.
Deselezionando il check Simmetrica (per indicare che la sezione selezionata è asimmetrica), nel
raggruppamento vengono aggiunti i campi per l’inserimento degli ulteriori parametri geometrici per la
definizione della sezione.
Nel raggruppamento Geometria viene anche proposto il campo Area che riporta, in cm2, la superficie
calcolata della sezione. Ovviamente il valore riportato nel campo Area NON risulta modificabile.

Caratteristiche
Nel raggruppamento Caratteristiche vengono proposti tutti i parametri calcolati (e non modificabili)
della sezione selezionata necessari per il calcolo.

Aspetto

Vedi Anche
Le Sezioni di Travi e Pilastri
Come Definire una Nuova Sezione
Come Modificare una Sezione
Come Eliminare una Sezione
Le Sezioni Personalizzate
Le Sezioni per Materiali Generici
Le Sezioni dei Profilati in Acciaio

81
Help di EdiLus

Come Definire una Nuova Sezione

Quando si crea un nuovo progetto, risultano già create, per default, un gran numero di sezioni.

Se una sezione proposta per default nel progetto non viene adottata per nessun elemento strutturale
dell’edificio, può anche essere modificata oppure può essere eliminata.

Per creare una ulteriore sezione da adottare per le travi e i pilastri dell’edificio, basta effettuare le
seguenti operazioni:
esplodere, con un doppio click, il nodo ELEMENTI del Navigatore del progetto per visualizzare i
nodi contenuti;
fare un doppio click sul nodo Sezioni Travi e Pilastri; questa operazione apre la finestra Gestione
Sezioni, visualizza il box Sezioni Travi e Pilastri sotto il Navigatore ed il toolbox delle Proprietà
della sezione sul bordo destro della Finestra del Programma;
 nel box Sezioni Travi e Pilastri selezionare il nodo relativo alla tipologia di appartenenza
della sezione che si intende creare;
 pigiare il bottone Aggiungi della toolbar della finestra Gestione Sezioni; questa operazione
crea la nuova sezione aggiungendo un nuovo nodo al ramo che si diparte dal nodo della tipologia
selezionata; la nuova sezione viene proposta già selezionata e con un nome, una label e delle
dimensioni di default che possono essere liberamente modificati dall’Utente;
 nel toolbox delle Proprietà della sezione (selezionata) specificare la descrizione, la label e le
caratteristiche geometriche della nuova sezione modificando i valori proposti per default dal
programma; ad ogni modifica dei parametri geometrici nel toolbox delle Proprietà corrisponde
l’immediata modifica del grafico della sezione nella finestra Gestione Sezioni.

Ogni valore inserito in un campo del toolbox delle Proprietà della sezione selezionata va confermato
pigiando INVIO della tastiera dopo averlo digitato oppure spostando il cursore in un altro campo dello
stesso toolbox.

Le nuove sezioni da inserire nel progetto attivo possono anche essere acquisite da vecchi progetti in
cui queste sono gia state inserite.
Per acquisire, nel progetto attivo, tutte le sezioni presenti in un vecchio progetto di EdiLus differenti da
quelle già presenti nello stesso progetto attivo, basta effettuare le seguenti operazioni:
pigiare il bottone Copia da … della toolbar della finestra Gestione Sezioni oppure selezionare
l’omonima opzione del menu locale del box Sezioni Travi e Pilastri; questa operazione apre un
dialog;
 nel dialog selezionare il progetto di EdiLus da cui devono essere copiate le sezioni da
acquisire nel progetto attivo;
 pigiare il bottone Apri per chiudere il dialog confermando la scelta effettuata; questa
operazione carica, nel progetto attivo, tutte le sezioni del progetto scelto differenti da quelle già
presenti in esso.

Vedi Anche
Le Sezioni di Travi e Pilastri
La Finestra Gestione Sezioni
Come Modificare una Sezione
Come Eliminare una Sezione

82
Help di EdiLus

Le Sezioni Personalizzate
Le Sezioni per Materiali Generici
Le Sezioni dei Profilati in Acciaio

83
Help di EdiLus

Come Modificare una Sezione

Le modifiche apportate ad una sezione si ripercuotono su tutti i pilastri, le travi e/o le travette cfc
disegnati a cui essa è stata assegnata.

Per modificare una sezione già creata nel progetto attivo basta effettuare le seguenti operazioni:
esplodere, con un doppio click, il nodo ELEMENTI del Navigatore del progetto per visualizzare i
nodi contenuti;
fare un doppio click sul nodo Sezioni Travi e Pilastri; questa operazione apre la finestra Gestione
Sezioni, visualizza il box Sezioni Travi e Pilastri sotto il Navigatore ed il toolbox della Proprietà
delle sezione;
 nel box Sezioni Travi e Pilastri esplodere, con un doppio click, il nodo Tipologia contenente
la sezione da modificare;
 selezionare il nodo della sezione da modificare; questa operazione visualizza il grafico della
sezione nella finestra Gestione Sezioni e propone, nel toolbox delle Proprietà della sezione, tutti i
relativi dati e parametri geometrici;
 nel toolbox delle Proprietà della sezione apportare le modifiche desiderate; ad ogni modifica
dei parametri geometrici nel toolbox delle Proprietà corrisponde l’immediata modifica del grafico
della sezione nella finestra Gestione Sezioni.

Ogni valore modificato in un campo del toolbox delle Proprietà della sezione selezionata va confermato
pigiando INVIO della tastiera dopo averlo digitato oppure spostando il cursore in un altro campo dello
stesso toolbox.

Vedi Anche
Le Sezioni di Travi e Pilastri
La Finestra Gestione Sezioni
Come Definire una Nuova Sezione
Come Eliminare una Sezione
Le Sezioni Personalizzate
Le Sezioni per Materiali Generici
Le Sezioni dei Profilati in Acciaio

84
Help di EdiLus

Come Eliminare una Sezione

NON è possibile eliminare una sezione se questa risulta assegnata ad almeno una trave, un pilastro o
un corsolo disegnati.

Per eliminare una sezione dal progetto attivo di EdiLus basta effettuare le seguenti operazioni:
esplodere, con un doppio click, il nodo ELEMENTI del Navigatore del progetto per visualizzare i
nodi contenuti;
fare un doppio click sul nodo Sezioni Travi e Pilastri; questa operazione apre la finestra Gestione
Sezioni, visualizza il box Sezioni Travi e Pilastri sotto il Navigatore;
 nel box Sezioni Travi e Pilastri esplodere, con un doppio click, il nodo Tipologia contenente
la sezione da eliminare;
 selezionare il nodo della sezione da eliminare;
 pigiare il bottone Elimina della toolbar della finestra Gestione Sezioni; questa operazione
elimina la sezione rimuovendo anche il suo nodo dal ramo che si diparte dalla Tipologia di
appartenenza.

Vedi Anche
Le Sezioni di Travi e Pilastri
La Finestra Gestione Sezioni
Come Definire una Nuova Sezione
Come Modificare una Sezione
Le Sezioni Personalizzate
Le Sezioni per Materiali Generici
Le Sezioni dei Profilati in Acciaio

85
Help di EdiLus

Le Sezioni Personalizzate

Oltre alle tipologie di sezioni per travi e pilastri già previste nel box Sezioni Travi e Pilastri l’Utente
può definire, liberamente ed in maniera semplicissima, delle Sezioni Personalizzate di forma e
dimensioni qualsiasi.
Un potentissimo Wizard, infatti, guida il tecnico nella definizione delle caratteristiche geometriche della
sezione e dei punti sensibili per l’inserimento nel disegno delle travi e dei pilastri che la adottano.

Creazione della Sezione Personalizzata


Per creare, nel progetto attivo, una nuova sezione personalizzata basta effettuare le seguenti
operazioni:
esplodere, con un doppio click, il nodo Elementi del Navigatore del progetto per visualizzare i nodi
contenuti;
fare un doppio click sul nodo Sezioni Travi e Pilastri; questa operazione apre la finestra Gestione
Sezioni, visualizza il box Sezioni Travi e Pilastri sotto il Navigatore ed il toolbox delle Proprietà
della sezione sul bordo destro della Finestra del Programma;
nel box Sezioni Travi e Pilastri selezionare il nodo Sezioni Personalizzate;
 pigiare il bottone Aggiungi della toolbar della finestra Gestione Sezioni; questa operazione:
 crea la nuova sezione personalizzata aggiungendo un nuovo nodo al ramo che si diparte dal
nodo selezionato;
 propone, nella finestra Gestione Sezioni, il Wizard per la definizione della sezione.
La finestra Gestione Sezioni risulta sormontata da una toolbar contenente i seguenti bottoni:

Seleziona: attiva la modalità per la selezione degli elementi (lati delle polilinee, linee, ecc.) disegnati
nella finestra Gestione Sezioni;

Punto Guida: attiva la modalità per il disegno di un Punto Guida;

Linea Guida: attiva la modalità per il disegno di una Linea Guida da utilizzare come riferimento per
il disegno della sezione;

Disegno DXF/DWG: attiva la modalità per il caricamento di un grafico in formato Dxf o Dwg da
utilizzare come riferimento per il disegno della sezione;

Foro [abilitato solo nell’apposita pagina del Wizard] (v. avanti): attiva la modalità per il disegno di
eventuali fori all’interno della sezione;

Punti Sensibili [abilitato solo nell’apposita pagina del Wizard] (v. avanti): apre il menu per la scelta
del tipo di riferimento (faccia superiore ed inferiore, punti sensibili, ecc.) da definire per la sezione;

86
Help di EdiLus

Esci: chiude il Wizard eliminando la sezione personalizzata appena creata; se la sezione è stata già
creata precedentemente (v. avanti), la chiusura del Wizard comporta l’annullamento di tutte le
modifiche ad essa apportate dopo l’ultimo salvataggio;

Avanti: apre la pagina successiva del Wizard;

Indietro: apre la pagina precedente del Wizard;

Termina [presente solo nell’ultima pagina del Wizard] (v. avanti): chiude il Wizard confermando la
sezione definita.
Creata una sezione personalizzata, è necessario passare alla definizione del suo contorno esterno.

Definizione del Contorno Esterno della Sezione Personalizzata


Il Wizard per la definizione della Sezione Personalizzata propone una prima pagina in cui deve essere
definito il suo contorno esterno.
Per default, come contorno della sezione personalizzata, viene proposta una polilinea chiusa di forma
rettangolare.
Tale polilinea deve essere opportunamente modificata dal Tecnico fino a farle assumere la forma e le
dimensioni del contorno della Sezione Personalizzata da definire.
La polilinea può essere modificata, con le modalità previste per la gestione delle polilinee inserendo
ulteriori nodi per creare nuovi lati e o eliminando un nodo esistente per eliminare un lato.

Si ricorda che:
 per inserire un nuovo nodo nel punto medio del lato selezionato di una polilinea basta
premere INS della tastiera;
 per eliminare il nodo selezionato della polilinea basta premere CANC della tastiera.

I nodi della polilinea vanno, quindi, spostati opportunamente per assegnare, ad ogni lato, la lunghezza
e l’inclinazione opportuna.
Ogni lato della polilinea del contorno può, inoltre, essere trasformato in un arco di cerchio di cui è
possibile definire liberamente il raggio e l’estensione.

Definito il contorno esterno della sezione occorre pigiare il bottone Avanti della toolbar della finestra
Gestione Sezioni per passare alla pagina del Wizard in cui vanno definiti gli eventuali Fori della
sezione.

Definizione di Eventuali Fori della Sezione


Per definire un foro nella sezione basta disegnare un’altra polilinea chiusa all’intero della sezione
stessa effettuando le seguenti operazioni nell’apposita pagina del Wizard:

87
Help di EdiLus

verificare che risulti premuto il bottone Foro della toolbar della finestra Gestione Sezioni in modo
che sia attiva la modalità per il disegno della polilinea chiusa che definisce il foro;
 cliccare nel punto in cui va posizionato il primo vertice della polilinea;
 trascinare il cursore nel punto in cui va posizionato il secondo vertice (definendo il primo lato
del foro) e cliccare per fissarne la posizione;
 ripetere l’operazione precedente per definire tutti gli altri i lati del foro;

 fissato l’ultimo vertice, senza spostare il cursore, cliccare il pulsante destro del mouse e, nel
menu locale che si apre, selezionare l’opzione Termina.
Definiti gli eventuali fori della sezione occorre pigiare il bottone Avanti della toolbar della finestra
Gestione Sezioni per passare alla pagina del Wizard in cui vanno definiti i Punti Caratteristici della
sezione.

Definizione dei Punti Caratteristici della Sezione


Definita la sezione con gli eventuali fori, occorre procedere alla definizione dei punti caratteristici
necessari per il disegno delle travi e dei pilastri che assumeranno la sezione stessa nel progetto.
Per la sezione disegnata vengono automaticamente assunti, come Punti Sensibili, il suo baricentro e i
vertici e i punti medi di ogni suo lato. Tali Punti sono già sufficienti per disegnare un pilastro a cui si
assegna la sezione.
Una trave, invece, viene disegnata mediante l’indicazione di un punto sensibile generalmente
appartenente alla sua faccia superiore (in modo che la quota del suo estradosso coincida con quella
del piano del disegno e, quindi, con quella dell’impalcato).
Per una sezione personalizzata è, quindi necessario indicare quali sono i suoi Punti Sensibili per il
disegno delle travi.

Sezione per Pilastri Sezione per Travi


Per il corretto posizionamento dei solai e delle solette, inoltre, è necessario indicare la Faccia
Superiore e la Faccia Inferiore della sezione.

88
Help di EdiLus

Ciò consente al programma di conoscere a quali punti delle travi collegare solai e solette e di
verificare che tali collegamenti risultino possibili.

Naturalmente, in questa fase, non sapendo ancora se la sezione sarà assegnata a travi o pilastri, il
programma richiede di specificare comunque tutti gli elementi caratteristici della sezione descritti.

Nella pagina del Wizard per la definizione degli elementi caratteristici della sezione viene proposta,
per default, l’indicazione della sua Faccia Superiore, mediante una linea tratteggiata azzurra, e della
sua Faccia Inferiore, mediante una linea tratteggiata verde.
Le due estremità della Faccia Superiore della sezione individuano anche i Punti Sensibili (destro e
sinistro) proposti per il disegno delle travi a cui essa viene assegnata.
Sulla Faccia Superiore viene anche proposto il Centro: un terzo Punto Sensibile per il disegno della
travi, generalmente in posizione intermedia tra i primi due.
Infine, sui vertici del contorno esterno della sezione possono essere proposti altri due Punti Sensibili: il
Punto Notevole 1 ed il Punto Notevole 2.
La Faccia Superiore e la Faccia Inferiore della sezione proposte dal programma possono essere
liberamente modificate dall’Utente.
Di conseguenza anche i primi due punti sensibili della sezione, coincidenti con le estremità della sua
Faccia Superiore, possono assumere la posizione desiderata.
Anche il Centro può essere liberamente spostato nell’estremità o nel punto medio di qualsiasi lato
della sezione.
I Punti Notevoli, invece, se presenti, possono essere spostati in un qualsiasi vertice del contorno
esterno della sezione.
Se per la sezione NON vengono proposti Punti Notevoli, il Tecnico può comunque inserirli liberamente
nei vertici opportuni della sezione.

Modifica della Faccia Superiore ed Inferiore della Sezione


Se le facce della sezione proposte per default NON sono quelle attese, l’Utente può modificarle
liberamente.
I punti alle estremità della linea proposta possono essere selezionati e spostati in altri vertici della
sezione con le consuete modalità.
Una linea per l’indicazione di una Faccia della sezione può anche essere eliminata e disegnata
successivamente ex novo.
Per eliminare una linea basta, come di consueto, basta selezionarla e pigiare CANC della tastiera.
Per disegnare una nuova linea per l’indicazione della faccia Superiore (Inferiore) della sezione (se
questa è stata preventivamente cancellata) basta effettuare le seguenti operazioni:
 pigiare il bottone Punti Sensibili della toolbar della finestra Gestione Sezioni e nel menu
che si apre selezionare l’opzione Faccia Superiore (Faccia Inferiore);
 cliccare sul vertice della sezione che coincide con un’estremità della sua Faccia Superiore
(Inferiore);

La Faccia Inferiore (Superiore) di una sezione può comprendere anche più lati della sezione stessa.

 trascinare il cursore sul vertice della sezione che coincide con l’altra estremità della sua
Faccia Superiore (Inferiore);
 se la Faccia disegnata è quella desiderata, cliccare per fissare la sua seconda estremità;

89
Help di EdiLus

 se, invece, la Faccia viene disegnata nel verso opposto a quello desiderato occorre:
 fare click con il pulsante destro del mouse e, nel menu che si apre, selezionare l’opzione
Inverti Verso;
 cliccare, con il pulsante sinistro del mouse, sul vertice della sezione coincidente con la
seconda estremità della faccia.

La Faccia Superiore/Inferiore di una sezione va definita anche quando essa degenera in un punto (v.
figura).
In questo caso, per disegnare la Faccia, è necessario creare ad hoc, sul contorno esterno della sezione,
due punti a cui collegare le sue estremità.

I Punti creati devono essere quanto più vicini possibile al punto suddetto e la Faccia deve essere
disegnata in modo tale da contenerlo.
In ogni caso si consiglia sempre di smussare di pochi centimetri il vertice della sezione, in modo da
definire la sua Faccia in maniera più semplice ed efficace.

Modifica del Centro


Per modificare la posizione del Centro della Faccia Superiore della sezione basta:
cliccare sul simbolo del Centro per selezionarlo;
 cliccare nuovamente sul Centro per sbloccarlo dalla sua posizione e trascinarlo
sull’estremità o sul punto medio del lato del contorno esterno della sezione in cui si intende
posizionarlo;
 cliccare per fissare la nuova posizione del Centro.
Il Centro proposto può anche essere cancellato per poterlo disegnare successivamente.
Per eliminare il centro basta cliccare su esso per selezionarlo e pigiare CANC della tastiera;
Per disegnare il Centro, dopo averlo preventivamente cancellato, basta:

90
Help di EdiLus

 pigiare il bottone Punti Sensibili della toolbar della finestra Gestione Sezioni e, nel menu
che si apre, selezionare l’opzione Centro;
cliccare nella tavola della finestra Gestione Sezioni e trascinare il simbolo del centro nell’estremità o
nel punto medio del lato del contorno esterno della sezione in cui si intende posizionarlo;
 cliccare nuovamente per fissare la posizione del Centro.

Modifica e Inserimento dei Punti Notevoli


Gli eventuali Punti Notevoli proposti per la sezione possono essere spostati in un qualsiasi vertice del
contorno esterno della sezione con le stesse modalità previste per spostare il Centro.

Per posizionare un Punto Notevole in un punto qualsiasi di un lato del contorno, occorre effettuare le
seguenti operazioni nella pagina del Wizard per la definizione contorno stesso:
 sezionare il lato e pigiare INS della tastiera per inserire un nuovo nodo nel suo punto medio
(in pratica si spezza in due il lato selezionato);
 spostare il nodo inserito nel punto del lato in cui va posizionato il Punto Notevole.

Per disegnare un Punto Notevole della sezione (se questo è stato cancellato oppure se NON ne sono
stati proposti) basta:
 pigiare il bottone Punti Sensibili della toolbar della finestra Gestione Sezioni e, nel menu
che si apre, selezionare l’opzione Punto Notevole 1 (Punto Notevole 2);
cliccare nella tavola della finestra Gestione Sezioni e trascinare il simbolo del Punto Notevole sul
vertice del contorno esterno della sezione in cui si intende posizionarlo;
 cliccare nuovamente per fissare la posizione del Punto Notevole.

Ultimata la definizione della sezione premere il bottone Termina della Toolbar della finestra per
confermare ed uscire dal Wizard.

Definizione delle Proprietà della Sezione


Nella finestra Gestione Sezioni, la sezione personalizzata definita nel Wizard viene proposta come
tutte le altre sezioni delle tipologie predefinite del programma.

91
Help di EdiLus

Nel toolbox delle Proprietà, inoltre, vengono proposte le proprietà della sezione creata (selezionata nel
box "Sezioni Travi e Pilastri").
In particolare, nel toolbox delle Proprietà è necessario specificare la Descrizione e la Label
identificative della sezione.
Nei restanti campi del toolbox delle Proprietà vengono proposti in blu tutti i valori caratteristici della
sezione (area, inerzie, ecc.) calcolati automaticamente dal programma. Tali valori NON possono
essere modificati dall’Utente.
Naturalmente, per salvare la sezione creata, occorre pigiare il bottone Salva della Toolbar della
Finestra del Programma.
Accedendo nuovamente al Wizard, una sezione personalizzata può essere liberamente modificata,
con le modalità illustrate, anche in un momento successivo alla sua creazione.
Per accedere nuovamente al Wizard di una sezione personalizzata già creata basta:
esplodere il nodo Sezioni Personalizzate nel box Sezioni Travi e Pilastri e selezionare, sul ramo
che da esso si diparte, il nodo della sezione da modificare;

pigiare il bottone Edita della toolbar della finestra Gestione Sezioni.

Vedi Anche
Le Sezioni di Travi e Pilastri
La Finestra Gestione Sezioni
Come Definire una Nuova Sezione
Come Modificare una Sezione
Come Eliminare una Sezione
Le Sezioni per Materiali Generici
Le Sezioni dei Profilati in Acciaio

92
Help di EdiLus

Le Sezioni per Materiali Generici

Per assegnare un materiale generico ad una Trave o ad un Pilastro nelle relative Proprietà è
necessario aver preventivamente assegnato ad essi una Sezione per Materiale Generico.
Una Sezione per Materiale Generico si definisce in maniera differente da quelle previste per il
Cemento Armato.
Per definire una Sezione per Materiale Generico, infatti, occorre effettuare le seguenti operazioni:
esplodere, con un doppio click, il nodo Elementi del Navigatore del progetto per visualizzare i nodi
contenuti;
fare un doppio click sul nodo Sezioni Travi e Pilastri; questa operazione apre la finestra Gestione
Sezioni, visualizza il box Sezioni Travi e Pilastri sotto il Navigatore ed il toolbox delle Proprietà
della sezione sul bordo destro della Finestra del Programma;
nel box Sezioni Travi e Pilastri selezionare il nodo Sezione per materiale generico;
 pigiare il bottone Aggiungi della toolbar della finestra Gestione Sezioni; questa operazione
crea la nuova sezione aggiungendo un nuovo nodo al ramo che si diparte dal nodo "Sezione per
materiale generico"; la sezione risulta anche selezionata per specificarne immediatamente i dati;
 nel toolbox delle Proprietà specificare la Descrizione e la Label della sezione;

 nella sezione Geometria del toolbox specificare la Base e l’Altezza del minimo rettangolo
che contiene la sezione e la sua Area effettiva;

93
Help di EdiLus

 Nella sezione Caratteristiche specificare le seguenti caratteristiche della sezione:


 Le Aree per deformazione a taglio sia in direzione X che in direzione Y;
 L’Inerzia Torsionale, l’Inerzia rispetto a X, l’Inerzia rispetto a Y e l’Inerzia rispetto a XY;
In funzione dei dati precedentemente specificati, nell’ultimo campo della sezione Caratteristiche, viene
automaticamente calcolata la Rotazione degli Assi d’Inerzia.

Le Caratteristiche richieste nel toolbox delle Proprietà della "Sezione per materiale generico" sono
generalmente reperibili nelle schede tecniche dei produttori.
Se tali dati non risultassero disponibili, è possibile dedurli con le classiche modalità suggerite dalla
letteratura tecnica.
Ad esempio, le aree per deformazione a taglio (in direzione X ed Y) di una sezione (ad es. un profilato)
possono essere calcolate dividendo l’area della sezione per gli opportuni fattori di taglio.

Per default le estremità di travi e pilastri vengono vincolate con un incastro agli altri elementi della
struttura. Questo comportamento è valido, in generale, per le strutture esclusivamente in cemento
armato.
Quando nella struttura sono collegati elementi di materiale diverso e, in ogni caso, NON TUTTI in
cemento armato, l’incastro applicato alle estremità di Travi e Pilastri potrebbe NON coincidere con il
vincolo effettivamente realizzato.
Per le Travi e i Pilastri in materiale generico è necessario verificare che i vincoli alle loro estremità siano
quelli effettivi realizzato e, all’occorrenza, modificarli opportunamente.

Vedi Anche
Le Sezioni di Travi e Pilastri
La Finestra Gestione Sezioni
Come Definire una Nuova Sezione
Come Modificare una Sezione
Come Eliminare una Sezione
Le Sezioni Personalizzate
Le Sezioni dei Profilati in Acciaio

94
Help di EdiLus

Le Sezioni dei Profilati in Acciaio

Ogni progetto di EdiLus è corredato da un fornitissimo archivio di profilati in acciaio per accedere al
quale basta:
esplodere, con un doppio click, il nodo Elementi del Navigatore del progetto per visualizzare i nodi
contenuti;
fare un doppio click sul nodo Sezioni in Acciaio; questa operazione apre la finestra Gestione
Profilati nella Finestra del Programma ed il box Sezioni in Acciaio sotto il Navigatore.
Nel box “Sezioni in Acciaio” vengono proposti, in un albero, i nodi relativi alle tipologie di sezione del
progetto, destinati a contenere i nodi delle sezioni disponibili per la tipologia rappresentata.

Il nodo di una tipologia è caratterizzato dall’icona raffigurante il tipo di sezioni che esso è destinato a
contenere.
I nodi delle tipologie di sezione NON possono essere eliminati.
Selezionando una sezione nel box, questa viene visualizzata nella finestra Gestione Profilati e, nel
toolbox delle proprietà, vengono visualizzati i suoi dati caratteristici senza, però, avere la possibilità di
modificarli direttamente (v. avanti).
Per default, nei nodi delle tipologie più utilizzate (IPE, HE, ecc.) è già presente la stragrande
maggioranza delle sezioni reperibili in commercio.
Ovviamente il Tecnico può eliminare dal progetto le sezioni NON utilizzate, modificare quelle esistenti
oppure crearne altre ad hoc.
I nodi delle tipologie di sezione meno comuni risultano, invece, vuoti (l’icona NON è preceduta dal
bottoncino ) per evitare di appesantire il progetto con molte sezioni NON utilizzate.
Se, però, è necessario utilizzare una di queste sezioni, è possibile acquisirla dall’archivio generale
delle sezioni in acciaio del programma.
Per acquisire una sezione in acciaio nel progetto attivo basta effettuare le seguenti operazioni:
 Nel box Sezioni in Acciaio cliccare, con il pulsante destro del mouse, sulla tipologia della
sezione da acquisire e selezionare Importa nel menu locale che si apre. Questa operazione apre

95
Help di EdiLus

il dialog Importa Profilati in cui vengono proposti i profilati della tipologia cliccata presenti in
Archivio.

 Nella lista a sinistra nel dialog Importa Profilati scegliere le sezioni da acquisire,
selezionando i relativi check box. Nelle pagine Dati Geometrici e Dati Statici, a destra nel dialog,
vengono proposti tutti i dati caratteristici del profilato selezionato nell’elenco.

96
Help di EdiLus

Pigiare il bottone Conferma per chiudere il dialog ed acquisire i profilati scelti nella tipologia
di sezioni precedentemente cliccata nel progetto.
Le modalità per la cancellazione delle sezioni in acciaio presenti e l’acquisizione delle sezioni presenti
in un altro progetto di EdiLus sono analoghe a quelle previste per una sezione qualsiasi.

Per accedere al dialog Importa Profilati è anche possibile pigiare il bottone Importa della
toolbar della finestra Gestione Profilati.

Per modificare una sezione in acciaio del progetto occorre effettuare le seguenti operazioni:
 Cliccare, con il pulsante destro del mouse, sulla sezione da modificare nel box “Sezioni in
Acciaio” e selezionare l’opzione Modifica nel menu locale che si apre. Questa operazione apre il
dialog Modifica Profilato, costituito dalle pagine Dati Geometrici e Dati Statici attivabili
cliccando le omonime linguette in alto.

 Nella pagina Dati Geometrici del dialog “Modifica Profilato” specificare i dati geometrici del
nuovo profilato.
 Nella pagina Dati Statici specificare i dati statici del profilato.

97
Help di EdiLus

Pigiare il bottone Conferma del dialog per chiuderlo ed apportare le modifiche effettuate al
profilato selezionato.
Per creare una nuova sezione in acciaio occorre, invece, effettuare le seguenti operazioni:
 Nel box “Sezioni in Acciaio” cliccare, con il pulsante destro del mouse, sul nodo della
tipologia della sezione da creare (o sul nodo di una sezione dello stesso tipo già presente) e
selezionare Nuovo nel menu locale che si apre. Questa operazione apre il dialog Nuovo
Profilato, identico a quello appena descritto.

 Nella pagina Dati Geometrici del dialog specificare i dati geometrici del nuovo profilato.
 Nella pagina Dati Statici specificare i dati statici del profilato.
Pigiare il bottone Conferma del dialog per chiuderlo ed ottenere la creazione della nuova
sezione in acciaio.

Per creare una nuova sezione della tipologia selezionata nel box Sezioni in Acciaio, è
anche possibile pigiare il bottone Nuovo della toolbar della finestra Gestione Profilati.

Analogamente, per modificare la sezione in acciaio selezionata nel box, è anche possibile
pigiare il bottone Modifica della stessa toolbar.

98
Help di EdiLus

Vedi Anche
Le Sezioni di Travi e Pilastri
La Finestra Gestione Sezioni
Come Definire una Nuova Sezione
Come Modificare una Sezione
Come Eliminare una Sezione
Le Sezioni Personalizzate
Le Sezioni per Materiali Generici

99
Help di EdiLus

La Definizione dei Materiali e dei Terreni

La Definizione dei Materiali e dei Terreni

In fase di disegno, per gli oggetti appartenenti alla tipologia Strutturale (travi, pilastri, pareti, ecc.)
occorre specificare le caratteristiche del materiale di cui risultano costituiti.
Analogamente, per le strutture di fondazione, vanno necessariamente specificate le caratteristiche del
terreno.
Per ogni elemento strutturale disegnato, l’indicazione delle caratteristiche dei materiali e/o del terreno
si effettua selezionando, negli appositi list box nel toolbox delle sue Proprietà, una delle tipologie di
materiale e/o di terreno preventivamente definite.

Vedi Anche
La Gestione dei Materiali
Come Definire un Nuovo Materiale
Il Materiale Generico
Come Modificare un Materiale
Come Eliminare un Materiale
La Gestione dei Terreni

100
Help di EdiLus

La Gestione dei Materiali

Per gran parte degli oggetti della tipologia Strutturale (travi, pilastri, pareti, ecc.) disegnati è necessario
indicare il materiale di cui risultano costituiti.
Il materiale di un oggetto si specifica scegliendolo, tra quelli disponibili nel list box che si attiva
cliccando nel rigo Materiale del toolbox delle sue Proprietà.
In tale list box vengono proposti, per la scelta, tutti i materiali preventivamente definiti dal Tecnico
nella sezione Materiali del progetto.
Per accedere alla sezione Materiali del progetto attivo di EdiLus basta effettuare le seguenti
operazioni:
esplodere, con un doppio click, il nodo ELEMENTI del Navigatore del progetto per visualizzare, sul
ramo che da esso si diparte, il nodo "Materiali";
fare un doppio click sul nodo Materiali; questa operazione apre:
 la finestra ELEMENTI: Gestione Materiali nella Finestra del Programma; di seguito, per
brevità. tale finestra sarà chiamata semplicemente Gestione Materiali;
 il box Materiali sotto il toolbox (Gestione Progetto) del Navigatore del progetto.
Nel box Materiali vengono proposte, in uno schema ad albero, le cartelle destinate a contenere le varie
tipologie di materiale (Calcestruzzo armato, Acciaio, ecc.) che è possibile creare per il progetto.
Esplodendo una cartella (facendo un doppio click su essa o un click sul bottoncino alla sua sinistra)
vengono visualizzati sul ramo che si diparte da essa, i nodi dei Materiali in essa contenuti.
Selezionando il nodo di un materiale, nella finestra Gestione Materiali vengono proposti i campi in cui è
possibile gestire i suoi dati caratteristici.
Nel box Materiali NON è possibile eliminare le cartelle (tipologie di materiali) ma è possibile gestire
liberamente (creare o eliminare) i nodi relativi ai materiali.
La finestra Gestione Materiali, come di consueto, risulta sormontata da una toolbar con i seguenti
bottoni:
Annulla Modifiche: annulla tutte le modifiche apportate ai dati del materiale selezionato nel box
Materiali;
Aggiungi: crea un nuovo materiale appartenente alla tipologia selezionata nel box Materiali;
Elimina: elimina il materiale selezionato nel box Materiali.
Copia da…: apre il dialog in cui è possibile scegliere il progetto di EdiLus da cui si intende copiare
tutti i materiali creati differenti da quelli già presenti nel progetto attivo.

Le opzioni Aggiungi, Elimina e Copia da… sono anche disponibili nel menu locale del box Materiali
che si attiva cliccando, con il pulsante destro del mouse, sul nodo (Tipologia o Materiale) su cui occorre
effettuare l’operazione.
Se il nodo selezionato è una cartella (tipologia di materiale), nel menu locale l’opzione Elimina NON
risulta abilitata in quanto questa non può essere eliminata.

Vedi Anche
La Definizione dei Materiali e dei Terreni
Come Definire un Nuovo Materiale
Il Materiale Generico
Come Modificare un Materiale
Come Eliminare un Materiale
La Gestione dei Terreni

101
Help di EdiLus

Come Definire un Nuovo Materiale

Come Definire un Nuovo Materiale

Quando si crea un nuovo progetto di EdiLus, per alcune tipologie di materiali risultano già definiti dei
materiali. Nelle cartelle delle Tipologie di materiali risultano, infatti, già presenti dei nodi materiale.

Se un materiale (nodo) proposto nel progetto non viene adottato per nessuna struttura (trave, pilastro,
ecc.) dell’edificio, può anche essere modificato o eliminato.

Per creare un ulteriore materiale nel progetto attivo di EdiLus basta effettuare le seguenti operazioni:
esplodere, con un doppio click, il nodo ELEMENTI del Navigatore.
sul ramo che si diparte dal nodo ELEMENTI, fare un doppio click sul nodo Materiali; questa
operazione apre la finestra Gestione Materiali e visualizza il box Materiali sotto il Navigatore;
nel box Materiali fare click, con il pulsante destro del mouse, sulla cartella che rappresenta la
Tipologia di appartenenza del materiale da creare; questa operazione seleziona la cartella
(Tipologia) ed attiva un menu locale;
nel menu locale selezionare l’opzione Aggiungi; questa operazione:
 crea, sul ramo che si diparte dalla cartella selezionata, il nodo del nuovo materiale;
 abilita, nella finestra Gestione Materiali, i campi per la specificazione dei dati del materiale
creato;
 nella finestra Gestione Materiali specificare i dati caratteristici del nuovo materiale.

Per creare un nuovo materiale è anche possibile:


 nel box Materiali selezionare la cartella che rappresenta la tipologia del materiale da creare e
in cui questo deve essere inserito;
 pigiare il bottone Aggiungi della toolbar della finestra Gestione Materiali.

La descrizione inserita nel campo Descrizione viene assegnata, come nome, al nodo del materiale
creato nel box Materiali.
Inoltre, se il materiale creato appartiene alla tipologia "Calcestruzzo armato", nel list box Tondini
Acciaio della finestra Gestione Materiali va scelto anche il materiale "Acciaio in Tondini" previsto per
l’armatura. Pertanto, per definire un "Calcestruzzo armato", occorre aver preventivamente definito, con
le modalità illustrate, il materiale dei tondini metallici nella cartella (Tipologia) "Acciaio in Tondini" del
box "Materiali".
I nuovi materiali da inserire nel progetto attivo possono anche essere acquisiti da vecchi progetti in cui
questi sono gia stati inseriti.
Per acquisire, nel progetto attivo, tutti i materiali presenti in un vecchio progetto di EdiLus, differenti da
quelli già presenti nello stesso progetto attivo, basta effettuare le seguenti operazioni:

pigiare il bottone Copia da … della toolbar della finestra Gestione Materiali oppure
selezionare l’omonima opzione del menu locale del box Materiali; questa operazione apre un
dialog;
 nel dialog selezionare il progetto di EdiLus da cui devono essere copiati i materiali da
acquisire nel progetto attivo;
 pigiare il bottone Apri per chiudere il dialog confermando la scelta effettuata; questa
operazione carica, nel progetto attivo, tutte i materiali del progetto scelto, differenti da quelli già
presenti in esso.

102
Help di EdiLus

La finestra Gestione Materiali è costituita dalle pagine Caratteristiche Lineari, Caratteristiche non
Lineari e Grafica, attivabili cliccando le omonime linguette in alto nella finestra stessa.

Pagina Caratteristiche Lineari


Nella pagina Caratteristiche Lineari della finestra Gestione Materiali vanno specificati i dati del
materiale necessari per l’Analisi Lineare della struttura.
In particolare, la descrizione inserita nel campo Descrizione viene assegnata, come nome, al nodo
del materiale creato nel box Materiali.
Inoltre, se il materiale appartiene alla tipologia “Calcestruzzo armato”, nel list box Tondini Acciaio va
scelto anche il materiale “Acciaio in Tondini” previsto per l’armatura. Pertanto, per definire un
“Calcestruzzo armato”, occorre aver preventivamente definito il materiale dei tondini metallici nella
cartella (tipologia) “Acciaio in Tondini” del box “Materiali”.

103
Help di EdiLus

Se il documento di EdiLus è finalizzato alla verifica di una Struttura Esistente, nella sezione Altre
caratteristiche la selezione del check Inputa Resistenza media in luogo della Resistenza
caratteristica consente di specificare, nel campo sottostante, la Resistenza media cubica (Rcm) (in
N/mm2) del calcestruzzo esistente in luogo della sua Resistenza caratteristica cubica (Rck).

Per la verifica di una Struttura Esistente, inoltre, nella sezione Altre caratteristiche NON occorre
specificare la Resistenza di calcolo a trazione e la Resistenza media a trazione per flessione del
calcestruzzo.

Pagina Resistenze di Calcolo


La pagina Resistenze di Calcolo viene proposta nella finestra Gestione Materiali solo quando il
documento attivo di EdiLus è finalizzato alla verifica di un Edificio Esistente.
Nella pagina Resistenze di Calcolo della finestra Gestione Materiali vanno specificate le
caratteristiche di resistenza del materiale dell’Edificio Esistente oggetto di verifica.

Pagina Caratteristiche non Lineari


Nella pagina Caratteristiche non Lineari della finestra Gestione Materiali vanno specificati i dati del
materiale necessari per l’Analisi NON Lineare della struttura.
In basso, nella pagina vengono anche proposti i rami della curva che schematizzano il comportamento
del materiale a trazione e compressione.
Naturalmente le curve riportate saranno differenti a seconda che il materiale è “calcestruzzo armato”
oppure “muratura”.
La pagina Caratteristiche non Lineari per il cemento armato è analoga a quella della muratura già
descritta.

104
Help di EdiLus

Un doppio click sul diagramma lo esplode per visualizzarlo nella sua interezza.

105
Help di EdiLus

Pagina Grafica
Nella pagina Grafica della finestra Gestione Materiali è possibile assegnare al materiale il colore o la
texture con cui esso sarà rappresentato nelle viste 3D del progetto.

Un materiale definito nella sezione Materiali di un progetto di EdiLus può essere modificato o
eliminato.

Vedi Anche
La Definizione dei Materiali e dei Terreni
La Gestione dei Materiali
Il Materiale Generico
Come Modificare un Materiale
Come Eliminare un Materiale
La Gestione dei Terreni
I Materiali dei Profilati e dei Bulloni in Acciaio
I Materiali dei Collegamenti in Acciaio

106
Help di EdiLus

Il Materiale Generico

EdiLus-CA ed EdiLus-MU sono programmi per la progettazione e la verifica, rispettivamente, delle


strutture in Cemento Armato e in Muratura.
I programmi eseguono, però, anche il calcolo delle sollecitazioni per quelle piccole parti di struttura
realizzate con elementi (travi, ecc.) di materiali differenti da quelli strettamente previsti per le strutture
oggetto del calcolo (Calcestruzzi Armati, Acciaio in Tondini, Murature, Betoncini, ecc.), rendendo così
possibile l’ottenimento un modello strutturale più aderente alla realtà.

Il calcolo della struttura viene effettuato con i parametri specifici del materiale prevalente che è il
cemento armato.
Naturalmente, il programma NON esegue le verifiche degli elementi strutturali (travi, pilastri, ecc.) di
materiale generico di cui restituirà solo le sollecitazioni combinate secondo i criteri previsti dalla
Normativa scelta per il Calcolo.

Per inserire nel disegno di un progetto un elemento strutturale di Materiale Generico è necessario:
 creare il Materiale Generico e definirne le caratteristiche (v. avanti);
 creare la "Sezione per Materiale Generico " dell’elemento strutturale e definirne le
caratteristiche; questa operazione va effettuata per gli elementi strutturali caratterizzati, nelle
Proprietà, da una sezione (Travi e Pilastri);

NON è possibile inserire nel progetto elementi di fondazione (travi, platee, plinti, ecc.) di materiale
generico.

 nelle Proprietà dell’elemento (Trave o Pilastro) disegnato effettuare, nell’ordine, le seguenti


operazioni:
 assegnare all’elemento la "Sezione per Materiale Generico" creata;
 assegnare all’elemento il materiale "Generico" creato.

Ad una Trave o a un Pilastro è possibile assegnare, nelle relative Proprietà, un materiale generico
creato (v. avanti) solo se, ad essi, è stata preventivamente assegnata una "Sezione per Materiali
Generici ".

Come Definire un Materiale Generico


Per definire un Materiale Generico nel progetto attivo di EdiLus basta effettuare le seguenti
operazioni:
esplodere, con un doppio click, il nodo Elementi del Navigatore e, sul ramo che da esso si
diparte, fare un doppio click sul nodo Materiali; questa operazione apre la finestra Gestione
Materiali e visualizza il box Materiali sotto il Navigatore;
nel box Materiali fare click, con il pulsante destro del mouse, sulla cartella (Tipologia) Generico;
questa operazione apre un menu locale;

nel menu locale selezionare l’opzione Aggiungi; questa operazione:


 crea, sul ramo che si diparte dalla cartella selezionata, il nodo del nuovo "materiale
generico";
 abilita la finestra Gestione Materiali in cui vanno specificati i dati caratteristici del materiale;

107
Help di EdiLus

 nella finestra Gestione Materiali specificare la Descrizione, la Sigla e i dati caratteristici


richiesti del nuovo materiale.

Per default le estremità di travi e pilastri vengono vincolate con un incastro agli altri elementi della
struttura. Questo comportamento è valido, in generale, per le strutture esclusivamente in cemento
armato.
Quando nella struttura sono collegati elementi di materiale diverso e, in ogni caso, NON TUTTI in
cemento armato, l’incastro applicato alle estremità di Travi e Pilastri potrebbe NON coincidere con il
vincolo effettivamente realizzato.
Per le Travi e i Pilastri in materiale generico è necessario verificare che i vincoli siano quelli effettivi e,
all’occorrenza, modificarli opportunamente.

Vedi Anche
La Definizione dei Materiali e dei Terreni
La Gestione dei Materiali
Come Definire un Nuovo Materiale
Come Modificare un Materiale
Come Eliminare un Materiale
La Gestione dei Terreni
I Materiali dei Profilati e dei Bulloni in Acciaio
I Materiali dei Collegamenti in Acciaio

108
Help di EdiLus

Il Materiale Muratura

Nella Proprietà degli oggetti Muro, Rappezzo, Nicchia, Pilastro in Muratura e Fondazione in
Muratura degli edifici in Muratura va indicata, come materiale, la muratura di cui sono costituiti. Per le
strutture in Muratura è, quindi, necessario, definire preventivamente tutte le murature utilizzate nel
progetto.
Le modalità per la creazione di un materiale Muratura sono analoghe a quelle previste per la
creazione di un qualsiasi altro materiale.
Di seguito viene illustrata la finestra Gestione Materiali di una muratura.
La finestra Gestione Materiali di una muratura e le omonime finestre di tutti i materiali necessari per
un progetto di un edificio in muratura (Acciaio in Tondini per catene, Betoncino Armato e Rinforzo
FRP) sono costituite da più pagine attivabili cliccando le relative linguette in alto.

Pagina Caratteristiche Lineari


Nella pagina Caratteristiche Lineari vanno riportati tutti i dati caratteristici della muratura per il
calcolo lineare della stessa.
In particolare, nella sezione Altre Caratteristiche occorre definire il Coefficiente di sicurezza allo
SLU.

Se è stato richiesto il calcolo secondo il “Testo Unico 2005” oppure il “D.M. 14/01/2008”, per definire
questo parametro basta pigiare il bottone a destra del relativo campo e specificare i dati richiesti nel
dialog che si apre.

Pigiando il bottone OK del dialog, questo viene chiuso e il coefficiente individuato viene riportato nel
campo della sezione “Altre Caratteristiche”. Questo parametro può anche essere specificato
liberamente dal Tecnico.
Inoltre, nella sezione Tipo di Rottura a TAGLIO va indicato, per i MASCHI e per le FASCE, il tipo di
rottura a taglio.

109
Help di EdiLus

Le caratteristiche Lineari di una muratura possono anche essere attinte dai seguenti archivi a corredo
del programma:
 le tabelle della Circolare 21745 del 30 luglio 1981 o quelle dell’allegato 11.D dell’Ordinanza
3431/2005;
 le tabelle del D.M. LL.PP. 20/11/1987 (per nuove murature);
 le tabelle del D.M. 14/01/2008 (sia per murature esistenti che per nuove murature).
Le modalità per richiedere l’inserimento dei dati di una muratura nella finestra Gestione Materiali si
differenziano a seconda dell’archivio scelto.

Muratura Esistente - Circolare 21745 del 30/07/81

110
Help di EdiLus

Per assegnare, alla muratura selezionata nel box Materiali, i dati di una muratura esistente delle
tabelle della Circolare 21745/1981, basta:
Pigiare il bottone a destra del campo Descrizione della finestra Gestione Materiali e, nel menu che
si apre, scegliere Caratteristiche da Tabella (murature esistenti). Questa operazione apre
l’omonima finestra.

 Nel list box Fonte della finestra selezionare Circolare 21745 …, per riportare, nella finestra,
i dati delle murature previste.

 Nella griglia della finestra selezionare il tipo di muratura da inserire nella sezione materiali
del progetto. Questa operazione propone, nei campi sotto la griglia, i dati caratteristici della
muratura scelta.
 Pigiare il bottone OK per chiudere la finestra Caratteristiche da Tabella e riportare, nella
finestra Gestione Materiali della muratura selezionata, i dati delle caratteristiche ottenuti.

Muratura Esistente - Ordinanza 3431/2005


Per assegnare, alla muratura selezionata nel box Materiali, i dati di una muratura esistente delle
tabelle dell’Ordinanza 3431/2005, basta:
Pigiare il bottone a destra del campo Descrizione e, nel menu che si apre, scegliere
Caratteristiche da Tabella (murature esistenti). Questa operazione apre l’omonima finestra.

111
Help di EdiLus

 Nel list box Fonte della finestra selezionare Ordinanza 3431 …, per riportare, nella finestra,
i dati delle murature esistenti previste.

 Nella griglia della finestra selezionare il tipo di muratura da inserire nella sezione materiali
del progetto. Questa operazione propone, nei campi con sfondo azzurro, i valori Minimi e Massimi
delle caratteristiche della muratura scelta. Nei campi con sfondo giallo vengono, invece, riportati i
valori Medi delle caratteristiche che saranno effettivamente adottati.

Nei campi gialli sono riportati i valori derivanti dal Livello di Conoscenza indicato nella sezione Edifici
Esistenti della pagina Dati del Lavoro dei Dati Generali.
Il Tecnico, utilizzando l’apposito cursore a sinistra dei campi, può scegliere di adottare i valori minimi (0),
massimi (100) oppure dei valori intermedi.

 Pigiare il bottone OK per chiudere la finestra Caratteristiche da Tabella e riportare, nella


finestra Gestione Materiali della muratura selezionata, i dati delle caratteristiche ottenuti.

Muratura Esistente - Circolare D.M. 14 gennaio 2008

112
Help di EdiLus

Per assegnare, alla muratura selezionata nel box Materiali, i dati di una muratura esistente della
Circolare del D.M. 14/01/2008, basta:
Pigiare il bottone a destra del campo Descrizione e, nel menu che si apre, scegliere l’opzione
Caratteristiche da Tabella (murature esistenti). Questa operazione apre l’omonima finestra.

 Nel list box Fonte della finestra selezionare Circolare D.M. 14 gennaio 2008 … per
riportare, nella finestra, i dati delle murature esistenti previste.

La finestra Caratteristiche da Tabella e le modalità per assegnare, ad una muratura, i dati di una
muratura in essa contenuta sono identiche a quelle previste per il caso precedente (Muratura
Esistente - Ordinanza 3431/2005).

Nuova Muratura - D.M. 87 o D.M. 2008


Per assegnare, alla muratura selezionata nel box Materiali, le caratteristiche di una “nuova muratura”
prevista dal D.M. LL.PP. 20/11/1987 oppure dal D.M. 14/01/2008, basta:
Pigiare il bottone a destra del campo Descrizione della finestra Gestione Materiali e, nel menu che
si apre, scegliere l’opzione Caratteristiche da D.M.87 (murature nuove) oppure l’opzione
Caratteristiche da D.M.08 (murature nuove). Questa operazione apre l’omonima finestra.

113
Help di EdiLus

 Nel list box Materiale Blocco indicare il tipo di blocco da adottare per la realizzazione della
nuova muratura.

 Nel list box Tipo e classe della Malta indicare il tipo di malta utilizzata per la muratura.
 Nel campo Resist. compr. blocco verticale fbkv specificare, in N/mm2, la resistenza a
compressione del blocco in direzione verticale.

 Nel campo Peso specifico indicare, in N/m3, il peso specifico della muratura.
Nei restanti campi della finestra, vengono riportate tutte le altre caratteristiche della muratura
definite in funzione della scelta del tipo di blocco e della malta.
 Pigiare il bottone OK per chiudere la finestra e riportare le caratteristiche ottenute nella
finestra Gestione Materiali della muratura selezionata.
Tra le altre caratteristiche va anche specificata la Snellezza limite in condizioni sismiche dei maschi
murari. Selezionando un tipo di muratura nella lista proposta pigiando l’apposito bottone a destra del
campo, viene suggerito il valore della snellezza corrispondente.

114
Help di EdiLus

Pagina Caratteristiche non Lineari


Nella pagina Caratteristiche non Lineari vanno, invece, riportati tutti i dati caratteristici della
muratura per il suo calcolo in campo NON lineare.

Nella parte inferiore della pagina un’apposita legenda illustra graficamente le caratteristiche della
muratura richieste.
Nella seguente tabella, per ogni tipo di MURATURA e per ogni FASE, sono riportati i valori del range
di validità (min e max) e quello proposto dal programma (default). I valori evidenziati NON sono
editabili.

115
Help di EdiLus

(*) -> valori non modificabili.


N.B.: Le formule utilizzate per la determinazione dei parametri non lineari sono state reperite da
LETTERATURA.
Per TUTTI i tipi di materiale valgono le seguenti considerazioni:
 Cmp[FASE_ELASTICA] <= Cmp[FASE_PLASTICA] <= Cmp[FASE_SOFTENING]
 Trz[FASE_ELASTICA] <= Trz[FASE_PLASTICA] <= Trz[FASE_SOFTENING]
 La modifica dei campi E, RcFyk, Fctd comporta il ricalcolo delle caratteristiche .
Il DIAGRAMMA conterrà i valori in COMPRESSIONE nel III Quadrante, quelli in TRAZIONE nel I
Quadrante e sarà disegnato in modo da conservare la proporzione tra i tratti in COMPRESSIONE e
TRAZIONE.

Il DIAGRAMMA sarà disegnato calcolando l’ingombro in orizzontale (Cmp[FASE_SOFTENING] +


Trz [FASE_SOFTENING]) e quello in Verticale (Cmp[FASE_SOFTENING] + Trz
[FASE_SOFTENING]).
L’origine degli assi sarà “spostata” di conseguenza.

116
Help di EdiLus

Pagina Grafica
Nella pagina Grafica della finestra Gestione Materiale è possibile applicare una Texture o un colore
alla muratura.

Vedi Anche
La Definizione dei Materiali e dei Terreni
La Gestione dei Materiali
Come Definire un Nuovo Materiale
Applicare una Texture o un Colore ad un Materiale
Il Materiale Generico
Come Modificare un Materiale
Come Eliminare un Materiale
La Gestione dei Terreni
I Materiali dei Profilati e dei Bulloni in Acciaio
I Materiali dei Collegamenti in Acciaio

117
Help di EdiLus

118
Help di EdiLus

I Materiali dei Profilati e dei Bulloni in Acciaio

Nella Proprietà degli oggetti Trave e Pilastro in Acciaio e Controventi delle strutture in Acciaio occorre
indicare, oltre al tipo di profilato, anche le caratteristiche del materiale di cui questo risulta costituito.
Inoltre, per la definizione dei materiali dei collegamenti tra gli elementi in acciaio è necessario indicare,
oltre al tipo di bulloni utilizzati, anche tutte le caratteristiche del materiale di cui risultano costituiti.
Per le strutture in acciaio è, quindi, necessario, definire preventivamente le caratteristiche dei materiali
degli elementi che la compongono.
Per accedere alla sezione per la gestione di Materiali Acciaio per Profilati/Acciaio per bulloni basta:
esplodere, con un doppio click, il nodo Elementi del Navigatore per visualizzare il nodo Materiali
sul ramo che si diparte da esso;
fare un doppio click sul nodo Materiali per aprire, sotto il Navigatore, l’omonimo box.
nel box Materiali esplodere la cartella Acciaio per Profilati / Acciaio per Bulloni per visualizzare,
sul ramo che si diparte da essa, i nodi di tutti i materiali dei Profilati/Bulloni già inseriti nel progetto.

Cliccando il nodo di un materiale Acciaio per Profilati / Acciaio per Bulloni nel box, nella finestra
Gestione Materiali che si apre, vengono proposti i relativi dati caratteristici.
Le modalità per la gestione dei materiali Acciaio per Profilati e Acciaio per Bulloni sono analoghe a
quelle previste per qualsiasi altro materiale.
Come la finestra Gestione Materiali relativa agli altri materiali, la finestra per la gestione dei dati del
Materiale dei Profilati in Acciaio e dei Bulloni, risulta costituita da due pagine a cui è possibile
accedere alternativamente cliccando le omonime linguette in alto nella finestra stessa.
Nella pagina Caratteristiche Lineari vanno, ovviamente, specificati tutti i dati caratteristici del
materiale mentre, nella pagina Grafica, è possibile indicare il colore con cui deve essere
rappresentato il materiale nel progetto.

119
Help di EdiLus

Vedi Anche
La Definizione dei Materiali e dei Terreni
La Gestione dei Materiali
Come Definire un Nuovo Materiale
Applicare una Texture o un Colore ad un Materiale
Il Materiale Generico
Come Modificare un Materiale
Come Eliminare un Materiale
La Gestione dei Terreni
I Materiali dei Collegamenti in Acciaio

120
Help di EdiLus

I Materiali dei Collegamenti in Acciaio

Per le verifiche dei collegamenti delle strutture in acciaio è necessario indicare, per ognuno di essi, i
materiali degli elementi che lo costituiscono (Piastre, Bulloni e Saldature) e le relative caratteristiche.
Pertanto, per consentire le opportune verifiche sui collegamenti di una struttura in acciaio, è
necessario definire le caratteristiche di tutti gli elementi (Bulloni, Saldature, ecc.) che costituiscono
ogni tipo di collegamento adottato nel progetto.
Il programma è corredato di un archivio con un congruo numero di configurazioni di materiali e
caratteristiche di collegamenti. Il Tecnico può personalizzare liberamente le configurazioni creandone
di nuove o modificando quelle in archivio. Per accedere ad una configurazione dell’Archivio dei
Materiali dei Collegamenti basta:
Fare doppio click sull’icona Elementi del Navigatore per esploderla e visualizzare i nodi sul ramo
che si diparte da essa.
Fare doppio click sul nodo Materiali Collegamenti. Questa operazione apre la finestra Gestione
Collegamenti e il box sotto il navigatore, con le configurazioni di materiali di collegamenti presenti.

Cliccare l’icona relativa alla configurazione dei Materiali di cui si visualizzare i dati nella finestra
ELEMENTI: Gestione Collegamenti.
Le modalità per gestire le configurazioni di materiali dei collegamenti nell’Archivio sono analoghe a
quelle previste per l’archivio dei Materiali.
Come per gli altri archivi contenuti nella sezione ELEMENTI, è anche possibile copiare, da un altro
progetto di EdiLus-AC, tutte le configurazioni di materiali dei collegamenti differenti da quelli già
presenti nel progetto attivo.
Nella finestra ELEMENTI: Gestione Collegamenti, per una configurazione di Materiali, occorre, in
primo luogo, specificare la Descrizione che verrà proposta, per la scelta dei materiali del
collegamento, nel list box Parametri dell’editor di ogni collegamento.

Piastre

121
Help di EdiLus

Nella sezione Piastre va indicato il Materiale delle piastre del collegamento, scegliendolo
nell’apposito list box in cui vengono proposti i materiali precedentemente definiti nella sezione Acciaio
per Profilati dell’Archivio dei Materiali.

Bulloni
Nella sezione Bulloni vanno specificati i seguenti dati:
 Il Materiale dei bulloni, scegliendolo nell’apposito list box in cui sono proposti i materiali
definiti nella sezione Acciaio per Bulloni dell’Archivio dei Materiali. La scelta del materiale dei
bulloni comporta l’inserimento automatico della relativa Classe nel campo sottostante.
 Il tipo di Trattamento delle superfici a contatto, scegliendolo tra quelli previsti nell’apposito
list box.
 La Sezione interessata dalla verifica, scegliendola tra quelle previste nell’apposito list box.
 L’indicazione, mediante la selezione dell’apposito check box, di Considerare l’effetto leva.
 L’indicazione, nel list box Categoria precarico (consentita solo per bulloni ad alta
resistenza), delle verifiche da effettuare per bulloni soggetti a precarico (che lavorano ad attrito).
 L’indicazione della modalità di realizzazione della filettatura dei bulloni, mediante la
selezione o meno del check box Filettatura realizzata ad asportazione di truciolo.

Saldature
Nella sezione Saldature vanno specificati i seguenti dati:
 Il Materiale d’apporto delle saldature, scegliendolo nell’apposito list box in cui vengono
proposti i materiali precedentemente definiti nella sezione Acciaio per Profilati dell’Archivio dei
Materiali.
 La Categoria saldatura (a completa penetrazione o ad angolo) della saldatura,
scegliendola nell’omonimo list box.
 La Sezione di gola (lineare, concava o convessa) della saldatura, scegliendola
nell’omonimo list box.
 La percentuale del valore dell’Altezza di gola effettiva che si intende considerare per le
saldature.
In fase di definizione di un collegamento le informazioni sui materiali che lo costituiscono vengono
indicate scegliendo la descrizione della configurazione di materiali in archivio che si intende adottare.

Prima di scegliere, per il collegamento, una configurazione di materiali e caratteristiche dell’archivio è


necessario che il Tecnico verifichi accuratamente se questa corrisponde pienamente a quella che si
intende adottare e, se necessario, la modifichi opportunamente o ne crei una ad hoc.

Vedi Anche
La Definizione dei Materiali e dei Terreni
La Gestione dei Materiali
Come Definire un Nuovo Materiale
Applicare una Texture o un Colore ad un Materiale
Il Materiale Generico
Come Modificare un Materiale
Come Eliminare un Materiale
La Gestione dei Terreni
I Materiali dei Profilati e dei Bulloni in Acciaio

122
Help di EdiLus

Applicare una Texture o un Colore ad un Materiale

Ad ogni materiale creato nel progetto è possibile applicare un colore o una texture. Una texture è
un’immagine rappresentativa del materiale con cui rivestire gli elementi da esso costituiti.
Nelle viste 3D, potranno essere rappresentati con il colore o la texture caratteristica del materiale
stesso.

Nelle viste 3D, ogni elemento strutturale può anche essere rappresentato dal colore indicato nella
sezione Aspetto delle sue Proprietà, a prescindere dal materiale di cui risulta costituito.
Per visualizzare, in una vista 3D, gli elementi strutturali con le texture o i colori assegnati ai rispettivi
materiali, occorre che, nell’apposito list box della toolbar della finestra della vista 3D, risulti selezionata
l’opzione Texture/Colore Materiali.
Se in tale list box risulta selezionata l’opzione Colore Proprietà Oggetto, nella vista 3D ogni oggetto
disegnato sarà rappresentato con il colore specificato, per esso, nel list box Colore della sezione
Aspetto delle sue Proprietà.

L’applicazione delle texture ai materiali è particolarmente utile nei progetti di edifici in muratura dove,
ad esempio, è importante distinguere con chiarezza i materiali delle murature esistenti da quelle di
eventuali rinforzi, rappezzi, piattabande, mazzette, ecc..
Per applicare un colore o una texture ad un materiale basta effettuare le seguenti operazioni:
Fare doppio click sul nodo Materiali del Navigatore per accedere alla finestra Gestione Materiali del
progetto.
Nel box Materiali selezionare il nodo del materiale (contenuto nella cartella opportuna) a cui
assegnare il colore o la texture.
 Accedere alla pagina Grafica della finestra Gestione Materiali cliccando l’omonima linguetta
in alto nella finestra stessa.
Pigiare il bottone Sfoglia della sezione Immagine materiale; questa operazione propone il dialog
Apri.
 Nel dialog selezionare l’immagine (in formato .Jpg o .Bmp) della texture e pigiare il bottone
Apri per chiuderlo e caricare l’immagine scelta nel riquadro della sezione Immagine materiale.

123
Help di EdiLus

 Selezionare il check box Colore trasparenza immagine se la parte della texture con un
determinato colore deve risultare trasparente. Questa operazione abilita il corrispondente list box
in cui va scelto, con precisione, il colore della texture che deve risultare trasparente.

Il colore della trasparenza può essere indicato in uno dei seguenti modi:
scegliendolo nella lista che si apre pigiando il primo bottoncino a destra del list box;
selezionandolo, con precisione, nel dialog che si apre pigiando il secondo bottoncino a destra del list
box.

La possibilità di rendere trasparenti le parti della texture con un certo colore risulta utile quando, ad
esempio, si intende rappresentare il materiale di un Rinforzo con una sola rete elettrosaldata, in modo
da visualizzare (nelle viste 3D) anche la texture della muratura sottostante il Rinforzo stesso.

124
Help di EdiLus

In questo caso al materiale del rinforzo va applicata, come texture, l’immagine della rete elettrosaldata
avendo cura di indicare come colore trasparente quello delle parti comprese tra i ferri della rete.
Nell’esempio in questione, in una vista 3D del progetto, il rinforzo (rete) su una muratura esistente verrà
rappresentato come in figura.

Pigiando il bottone Anteprima della sezione "Immagine materiale" si apre una finestra che mostra
l’immagine della texture nelle dimensioni in cui è stata salvata.
Pigiando, invece, il bottone Elimina la texture applicata viene rimossa dal materiale.
Ad un materiale, in alternativa ad una texture, è anche possibile applicare un colore.
Per assegnare un colore al materiale selezionato nel box Materiali basta effettuare le seguenti
operazioni nella pagina Grafica della finestra Gestione Materiali:
 eliminare eventuali texture precedentemente applicate al materiale; ad un materiale, infatti
NON è possibile applicare contemporaneamente un colore ed una texture;
 scegliere il colore da applicare al materiale nel list box Colore del materiale della sezione
Colori materiale; il colore del materiale può essere indicato in uno dei seguenti modi:
scegliendolo nella lista che si apre pigiando il primo bottoncino a destra del list box;
selezionandolo, nel dialog che si apre pigiando il secondo bottoncino a destra del list box.

Vedi Anche
La Definizione dei Materiali e dei Terreni
La Gestione dei Materiali
Come Definire un Nuovo Materiale
Come Modificare un Materiale
Il Materiale Generico
Il Materiale Muratura
Come Eliminare un Materiale
La Gestione dei Terreni

125
Help di EdiLus

Come Modificare un Materiale

Un materiale creato in un progetto di EdiLus può essere modificato in qualsiasi momento fino a
quando non si richiede il calcolo.
Dopo il calcolo, infatti, nessun materiale può essere modificando se non annullando il calcolo stesso.

Le modifiche apportate ad un materiale si ripercuotono su tutti gli elementi strutturali disegnati a cui
questo è stato assegnato.

Per modificare un materiale creato nel progetto attivo basta effettuare le seguenti operazioni:
esplodere, con un doppio click, il nodo ELEMENTI del Navigatore;
sul ramo che si diparte dal nodo ELEMENTI fare un doppio click sul nodo Materiali; questa
operazione apre la finestra Gestione Materiali e visualizza il box Materiali sotto il Navigatore;
nel box Materiali esplodere, con un doppio click, la cartella (Tipologia) contenente il materiale da
modificare;
selezionare il nodo del materiale da modificare; questa operazione propone, nella finestra Gestione
Materiali, i campi per la gestione dei dati caratteristici del materiale;
 nella finestra Gestione Materiali apportare le opportune modifiche ai dati del materiale.

Vedi Anche
La Definizione dei Materiali e dei Terreni
La Gestione dei Materiali
Come Definire un Nuovo Materiale
Il Materiale Generico
Come Eliminare un Materiale
La Gestione dei Terreni

126
Help di EdiLus

Come Eliminare un Materiale

NON è possibile eliminare un materiale se questo risulta assegnato ad almeno un elemento (oggetto)
disegnato.

Per eliminare un materiale del progetto attivo di EdiLus basta effettuare le seguenti operazioni:
esplodere, con un doppio click, il nodo ELEMENTI del Navigatore;
sul ramo che si diparte dal nodo ELEMENTI fare un doppio click sul nodo Materiali; questa
operazione apre la finestra Gestione Materiali e visualizza il box Materiali sotto il Navigatore;
nel box Materiali esplodere, con un doppio click, la cartella (Tipologia) contenente il materiale da
modificare;
fare click, con il pulsante destro del mouse, sul nodo del materiale da eliminare e, nel menu locale
che si apre, selezionare l’opzione Elimina.
Il materiale selezionato può anche essere eliminato pigiando il bottone Elimina della toolbar della
finestra Gestione Materiali.

Vedi Anche
La Definizione dei Materiali e dei Terreni
La Gestione dei Materiali
Come Definire un Nuovo Materiale
Il Materiale Generico
Come Modificare un Materiale
La Gestione dei Terreni

127
Help di EdiLus

La Gestione dei Terreni

Per le strutture di fondazione (travi, plinti, platee, ecc.) disegnati è necessario indicare le
caratteristiche del terreno.
Il terreno su cui poggia un determinato oggetto (struttura di fondazione ) si specifica scegliendolo, tra
quelli disponibili nel list box che si attiva cliccando nel rigo Terreno del toolbox delle sue Proprietà. In
tale list box vengono proposti, per la scelta, tutti i terreni preventivamente definiti dal Tecnico nella
sezione Terreni del progetto.
Per accedere alla sezione Terreni del progetto attivo di EdiLus basta effettuare le seguenti operazioni:
esplodere, con un doppio click, il nodo ELEMENTI del Navigatore del progetto per visualizzare il
nodo Terreni;
fare un doppio click sul nodo Terreni; questa operazione apre:
 la finestra ELEMENTI: Gestione Terreni nella Finestra del Programma; di seguito, per
brevità. tale finestra sarà chiamata semplicemente Gestione Terreni;
 il box Terreni sotto il toolbox (Gestione Progetto) del Navigatore del progetto.

128
Help di EdiLus

Nel box Terreni viene proposta la cartella Terreno Generico destinata a contenere i vari terreni
necessari per il progetto.
Esplodendo una cartella (facendo un doppio click su essa o un click sul bottoncino alla sua sinistra)
vengono visualizzati sul ramo che si diparte da essa, i nodi dei terreni in essa contenuti.
Selezionando il nodo di un terreno, si apre la finestra Gestione Terreni in cui viene proposta, per
default, la pagina Caratteristiche.
Nella pagina Caratteristiche della finestra vengono proposti i campi in cui è possibile gestire i dati
caratteristici del terreno selezionato.
È importante sottolineare che, ai fini del Calcolo dei Cedimenti, assegnando un valore diverso da
zero alla Coesione NON Drenata, bisogna necessariamente specificare, nell’apposito campo, il
Modulo Elastico in Condizioni non drenate del terreno.
Per quantificare il Modulo Elastico in Condizioni non drenate è anche possibile utilizzare la
funzionalità che si attiva pigiando il bottone a destra del relativo campo.

129
Help di EdiLus

Tale bottone propone il dialog in cui, specificando il Grado di consolidamento e l’Indice di


plasticità del terreno, viene individuato, in funzione della Coesione Non drenata (specificata nella
finestra Terreni), il Modulo Elastico in condizioni non drenate.

Inoltre, in funzione del Grado di consolidamento specificato, nel dialog viene proposto anche il
valore del Coefficiente di Skempton e Bjerrum (Parametro A...) necessario per la stima del
cedimento di consolidazione.
Se al terreno è stata assegnata una Coesione NON drenata, il programma lo considera “a grana fine”
prevedendo, per esso, un cedimento iniziale (condizione a breve termine) ed un cedimento finale
(condizione a lungo termine).
In tal caso, il cedimento iniziale in condizioni non drenate viene calcolato in funzione del modulo
elastico in condizione non drenate. Il cedimento finale risulterà la somma del cedimento iniziale e di
quello di consolidazione determinato con il metodo edometrico.
Se al terreno non è assegnata una Coesione non drenata, il programma lo considera “a grana grossa”
e, pertanto, il cedimento iniziale coincide con il cedimento finale. In tal caso, per il calcolo del
cedimento, sarebbe indispensabile far ricorso a procedimenti empirici che utilizzano i risultati di prove
in sito. Viste le difficoltà e l’incertezza nella stima di specifici parametri geotecnici, per tali terreni il
programma stima il cedimento utilizzando il metodo edometrico.
Sotto i campi per specificare le caratteristiche del terreno viene proposto il check box Considera
come stratigrafia monostrato. Questo check va selezionato qualora si intenda procedere al:
 calcolo dei cedimenti delle fondazioni superficiali (travi, plinti e/o platee) in funzione di una
stratigrafia costituita unicamente dal terreno in questione;
 calcolo dei pali e plinti su pali sempre in funzione di una stratigrafia costituita dal solo terreno
in questione;

Naturalmente, il terreno “monostrato” adottato per il calcolo dovrà essere assegnato ad ognuno degli
elementi della fondazione nelle relative proprietà.

La selezione del check Considera come stratigrafia monostrato comporta l’abilitazione degli ultimi
tre list box in cui occorre specificare, solo se il terreno “monostrato” è adottato per il calcolo di pali e
plinti su pali, il Comportamento dello Strato, l’Addensamento dello Strato e la Variazione con la
profondità del modulo edometrico.
Nella pagina Grafica, attivabile cliccando l’omonima linguetta in alto nella finestra, è possibile
assegnare, al terreno, l’immagine con cui questo verrà rappresentato nelle eventuali stratigrafie
definite per il progetto.

130
Help di EdiLus

Le modalità per assegnare un’immagine ad un terreno sono analoghe a quelle illustrate per assegnare
una texture ad un materiale.
Nel box Terreni NON è possibile eliminare la cartella (tipologia di terreno) ma è possibile gestire
liberamente (creare o eliminare) i nodi relativi ai terreni contenuti.
La Finestra Gestione Terreni, come di consueto, risulta sormontata da una toolbar con i seguenti
bottoni:
Annulla Modifiche: annulla tutte le modifiche apportate ai dati del terreno selezionato nel box Terreni;
Aggiungi: crea un nuovo terreno nella cartella Terreno Generico nel box Terreni;
Elimina: elimina il terreno selezionato nel box Terreni.
Copia da…: apre il dialog in cui è possibile scegliere il progetto di EdiLus da cui si intende copiare
tutti i terreni creati differenti da quelli già presenti nel progetto attivo.

Le opzioni Aggiungi, Elimina e Copia da sono anche disponibili nel menu locale del box Terreni che si
attiva cliccando, con il pulsante destro del mouse, sulla cartella o sul nodo del Terreno su cui occorre
effettuare l’operazione.
Se si seleziona la cartella (tipologia di terreno), nel menu locale l’opzione Elimina NON risulta abilitata
in quanto questa non può essere eliminata.

Le modalità operative per la creazione di un nuovo terreno e per la sua modifica o eliminazione sono
analoghe a quelle previste per la gestione di un materiale.

Vedi Anche
La Definizione dei Materiali e dei Terreni
La Gestione dei Materiali
Come Definire un Nuovo Materiale
Il Materiale Generico
Come Modificare un Materiale
Come Eliminare un Materiale
La Stratigrafia del Terreno

131
Help di EdiLus

La Stratigrafia del Terreno

Per poter considerare la presenza dei pali nelle strutture di fondazione è necessario definire la
stratigrafia del terreno in cui questi verranno realizzati.
La stratigrafia del terreno ad un palo in una trave o una platea di fondazione oppure ai pali di un plinto
si assegna scegliendola, tra quelle disponibili nel list box che si apre cliccando nel rigo Stratigrafia del
toolbox delle relative Proprietà.
In tale list box vengono proposti, per la scelta, tutti le stratigrafie preventivamente definite dal Tecnico
nella sezione Stratigrafia Terreni del progetto.
Per accedere alla sezione Stratigrafia Terreni del progetto attivo di EdiLus basta effettuare le seguenti
operazioni:
esplodere, con un doppio click, il nodo Elementi del Navigatore del progetto per visualizzare il
nodo Terreni.
Fare doppio click sul nodo Stratigrafia Terreni; questa operazione apre:
 la finestra ELEMENTI: Stratigrafia Terreni nella Finestra del Programma; di
seguito, per brevità, tale finestra sarà chiamata semplicemente Stratigrafia Terreni;
 il box Stratigrafia Terreni sotto il toolbox del Navigatore.
Nel box Stratigrafia Terreni viene proposta la cartella destinata a contenere tutte le stratigrafie definite
per il progetto.
Esplodendo la cartella (con un doppio click su essa o un click sul bottoncino alla sua sinistra) vengono
visualizzati i nodi delle Stratigrafie del Terreno in essa contenute.

132
Help di EdiLus

Selezionando il nodo di una stratigrafia, si apre la finestra contenente i campi per l’indicazione dei suoi
dati caratteristici.
Per definire una nuova stratigrafia del Terreno di fondazione basta effettuare le seguenti operazioni:
 Cliccare, con il pulsante destro del mouse, nel box Stratigrafia Terreni e, nel menu locale
che si apre, selezionare Aggiungi; questa operazione crea il nodo della nuova stratigrafia nella
cartella e propone, nella finestra Stratigrafia Terreni, i campi per specificarne le caratteristiche.

Se nel progetto è stato disegnato un palo senza aver definito alcuna stratigrafia, nella cartella risulta già
presente un nodo Stratigrafia.
In questo caso, per definire la prima stratigrafia basta selezionare il nodo esistente nella cartella e
specificarne i dati caratteristici nella finestra Stratigrafia Terreni.

 Nel campo Descrizione digitare il nome della stratigrafia.


 Nel campo Quota iniziale della Stratigrafia indicare, in metri, la quota della stratigrafia
relativa alla quota 0.00 della struttura.

L’indicazione della Quota iniziale della Stratigrafia si rende necessaria quando essa NON è stata
definita a partire dal piano a quota 0 [zero] della struttura (in genere il piano di fondazione).
Naturalmente, se la quota della stratigrafia è inferiore alla quota 0, il suo valore deve essere preceduto
dal segno – [meno].
Nel riquadro a destra nella finestra viene proposto il grafico della stratigrafia che viene aggiornato
dinamicamente man mano che se ne specificano le caratteristiche.

133
Help di EdiLus

 Selezionare il check box Profondità della FALDA (dalla quota iniziale), se la stratigrafia è
interessata da una falda; la selezione di questo check abilita il campo adiacente in cui va riportata,
in metri, la profondità della falda. Nel grafico sottostante la falda viene rappresentata da una linea
spessa di colore azzurro.
 Definire tutti gli strati di terreno con le modalità riportate di seguito.

Definizione degli Strati


Gli strati della Stratigrafia selezionata nel box Stratigrafia Terreni si definiscono nel box Strato in cui
risulta sempre presente (e NON eliminabile) il rigo di uno degli n strati della stratigrafia.

Per creare nel box gli ulteriori n-1 righi (strati) della stratigrafia creata (e selezionata nel box Stratigrafia
Terreni) basta pigiare n-1 volte il bottone Aggiungi a sinistra del box stesso.
Per ognuno degli strati (righi) occorre effettuare le seguenti operazioni:
 Cliccare sul rigo dello strato per selezionarlo.
 Nel list box proposto nel rigo scegliere il terreno di cui è costituito il relativo strato tra quelli
preventivamente definiti nella sezione Terreni del progetto.

Prima di procedere alla definizione delle stratigrafie è NECESSARIO aver preventivamente definito tutti i
terreni che ne costituiscono i vari strati.
Se al terreno scelto è stato assegnato un grafico (campitura), nella rappresentazione della stratigrafia il
relativo strato risulta campito per l’intero spessore.

 Nel campo Spessore dello Strato specificare lo spessore dello strato di terreno selezionato.

Per lo strato di base (ultimo in basso nel box) NON va indicato lo spessore.
Quando risulta selezionato l’ultimo strato del box, infatti, nel campo Spessore dello Strato viene
proposta la stringa INF che NON risulta modificabile.

 Nel campo Comportamento dello Strato specificare il comportamento dello strato di


terreno selezionato (incoerente o coerente).
 Nel campo Addensamento dello Strato specificare l’addensamento dello strato di terreno
selezionato (sciolto o denso).
 Nel campo Variazione con la profondità del Modulo Edometrico indicare la tipologia di
variazione del modulo edometrico all’interno dello strato (nulla, lineare o radice quadrata).
Nel box Strato è anche possibile inserire un nuovo strato tra due strati esistenti selezionando il rigo in
cui si intende inserire il nuovo strato e pigiando il bottone Inserisci. Il nuovo strato viene creato nel
rigo selezionato, facendo scorrere verso il basso lo strato preesistente e tutti gli strati successivi.

Pigiando, invece, il bottone Aggiungi, un nuovo strato viene inserito in coda a tutti gli strati presenti nel
box. In questo caso occorre tener presente che il nuovo strato diventa quello di base (per cui NON va
specificato lo spessore), mentre occorre provvedere ad assegnare lo Spessore al penultimo strato
(che prima dell’inserimento era lo strato di base).

Per eliminare il rigo (strato) selezionato nel box Strato basta pigiare il bottone Elimina.

Vedi Anche
La Definizione dei Materiali e dei Terreni
La Gestione dei Materiali
Come Definire un Nuovo Materiale
Il Materiale Generico
Come Modificare un Materiale

134
Help di EdiLus

Come Eliminare un Materiale


La Gestione dei Terreni

135
Help di EdiLus

I Carichi

I Carichi

Nella presente sezione dell’Help vengono descritte le modalità operative per la definizione dei carichi
del progetto.
I carichi definiti agenti sui solai, solette, balconi, ecc. derivanti dall’analisi dei carichi, vengono ripartiti
dal programma di calcolo in modo automatico sulle membrature (travi, pilastri e pareti).
I carichi dovuti ai tamponamenti, sia sulle travi di fondazione che su quelle di piano, sono
schematizzati come carichi lineari agenti esclusivamente sulle aste.
Su travi e pilastri è, inoltre, possibile applicare direttamente ulteriori azioni concentrate e/o distribuite.

Vedi Anche
Analisi dei Carichi
I Carichi Superficiali
Le Condizioni di Carico Utente
Le Tipologie di Carico Accidentale
Le Condizioni di Carico del Calcolo

136
Help di EdiLus

Analisi dei Carichi

La definizione dei carichi del progetto va effettuata prima di procedere al disegno degli elementi
strutturali (travi, pilastri, solette, balconi, ecc.) che da essi saranno gravati.
Nella fase di disegno di un solaio, ad esempio, occorre specificare il Carico nell’omonimo list box del
toolbox delle Proprietà.
La definizione dei carichi, proposti per la scelta nel list box Carico, si effettua nella sezione Analisi
Carichi del progetto.
Per accedere alla sezione Analisi Carichi del progetto attivo basta:
esplodere il nodo ELEMENTI del Navigatore del progetto;
esplodere il nodo Analisi dei Carichi sul ramo che si diparte dal nodo ELEMENTI;
fare doppio click sul nodo Analisi Carichi sul ramo che si diparte dal nodo "Analisi dei Carichi".
Quest’ultima operazione apre la finestra Analisi dei Carichi: Gestione Analisi Carichi nella finestra
del programma e il box Analisi Carichi sotto il Navigatore.

Di seguito, per brevità, la finestra "Analisi dei Carichi: Gestione Analisi Carichi" sarà chiamata
semplicemente Gestione Analisi Carichi.
Nel box Analisi Carichi viene proposta le cartella destinata a contenere i carichi Superficiali del
progetto.
La finestra Gestione Analisi Carichi risulta sormontata da una toolbar con i seguenti bottoni:
Annulla Modifiche: annulla tutte le modifiche apportate ai dati del carico selezionato nel box Analisi
Carichi;
Aggiungi: crea un nuovo carico appartenente alla tipologia selezionata nel box Analisi Carichi;
Elimina: elimina il carico selezionato nel box Analisi Carichi;
Copia da…: apre il dialog in cui è possibile scegliere il progetto di EdiLus da cui si intende copiare
tutti i carichi creati differenti da quelle già presenti nel progetto attivo.

137
Help di EdiLus

Le opzioni Aggiungi, Elimina e Copia da… sono anche disponibili nel menu locale del box Analisi
Carichi che si attiva cliccando, con il pulsante destro del mouse, su un nodo (tipologia di carico o
carico) del box stesso.
Se il nodo selezionato è una cartella (tipologia di carico), nel menu locale l’opzione Elimina NON risulta
abilitata in quanto questa non può essere eliminata.

Vedi Anche
I Carichi
I Carichi Superficiali
Le Condizioni di Carico Utente
Le Tipologie di Carico Accidentale
Le Condizioni di Carico del Calcolo
Come Assegnare Ulteriori Forze al Pilastro
Come Assegnare Ulteriori Forze alla Trave
Come Applicare Forze Concentrate ad un Nodo

138
Help di EdiLus

I Carichi Superficiali

La definizione dei Carichi Superficiali del progetto attivo si effettua nella sezione Analisi
Carichi.
Accedendo alla sezione "Analisi Carichi" del progetto attivo si apre la finestra Gestione Analisi
Carichi e, sotto il Navigatore, viene proposto il box Analisi Carichi con le cartelle destinate a
contenere i vari tipi di carichi superficiali.

Il box Analisi Carichi contiene una cartella principale Carichi Superficiali che a sua volta contiene le
seguenti cartelle:

I carichi concentrati e i carichi lineari possono essere applicati su un elemento strutturale nell’apposita
sezione del toolbox delle sue proprietà.

SOLAI; destinata a contenere i carichi superficiali dei solai del progetto.


TAMPONATURE; destinata a contenere i carichi superficiali delle tamponature del progetto.
BALCONI e SBALZI; destinata a contenere i carichi superficiali di balconi e degli sbalzi in genere
del progetto.
SOLETTE; destinata a contenere i carichi superficiali delle solette del progetto.
PLATEE; destinata a contenere i carichi superficiali delle platee del progetto.
SCALE; destinata a contenere i carichi superficiali delle scale del progetto.
Le modalità operative per la definizioni dei carichi superficiali sono sostanzialmente le stesse per tutte
le tipologie di elementi strutturali (solai, tamponature, ecc.).
Pertanto di seguito vengono illustrate le sole modalità operative per la definizione dei carichi
superficiali relativi ai solai del progetto.
Per creare un nuovo carico superficiale relativo ad un solaio del progetto basta effettuare le seguenti
operazioni:
fare click con il pulsante destro del mouse sulla cartella SOLAI; questa operazione apre un menu
locale;
nel menu locale selezionare l’opzione Aggiungi; nella cartella SOLAI viene creato (e selezionato) il
nodo del carico superficiale e, nella finestra Gestione Analisi Carichi, vengono proposti i campi
per la sua definizione;
 specificare i dati del carico creato nella finestra Gestione Analisi Carichi.

139
Help di EdiLus

Per creare un nuovo carico è anche possibile:


 selezionare la cartella che rappresenta la tipologia del carico da creare nel box Analisi Carichi;
 pigiare il bottone Aggiungi della toolbar della finestra Gestione Analisi Carichi.

Nella finestra "Analisi dei Carichi: …" vengono proposti, dall’alto:


 la sezione Caratteristiche Generiche contenente:
 il campo Descrizione in cui viene proposta la stessa stringa con cui risulta nominato il nodo
del carico creato; tale stringa va sostituita con l’effettiva descrizione (o nome) del carico;
ovviamente, la stringa specificata in tale campo viene riportata anche come nome del nodo
creato nel box Analisi Carichi;

 il list box Condizione di Carico Utente in cui va scelta la tipologia (Carico da Neve, ecc.)
del carico tra quelle definite nella sezione Condizioni Carico Utente; la scelta di una opzione
in tale list box comporta la presenza, nella finestra, dei soli campi per specificare i dati
necessari;

La finestra "Analisi dei Carichi: …" viene illustrata nella sua configurazione completa che viene proposta
quando nel list box Condizione di Carico Utente risulta selezionata l’opzione Carico Verticale.

 le sezioni Peso Proprio, Sovraccarico Permanente e Sovraccarico Accidentale nei cui


campi va specificata la rispettiva descrizione ed il relativo valore del carico (in N/m2);

Se nel campo di destra di una delle sezioni (Peso Proprio, Sovraccarico Permanente e/o Sovraccarico
Accidentale) si inserisce un valore del carico diverso da zero, è necessario specificare anche la relativa
descrizione nel corrispondente campo di sinistra.

Nella sezione Sovraccarico Accidentale vengono anche proposti i seguenti strumenti per la
definizione della combinazione dell’azione sismica con le altre azioni:
 il list box Tipologia di Carico Accidentale, in cui va scelta la destinazione d’uso tra quelle
definite nella sezione Tipologie Carico Accidentale; la scelta di una opzione di tale list box
individua automaticamente il valore dell’opportuno coefficiente previsto dalla normativa;

140
Help di EdiLus

 il check box Carico per Neve la cui selezione abilita il corrispondente campo per la
specificazione del carico dovuto alla neve; ovviamente, se tale check risulta selezionato occorre
specificare necessariamente un carico per neve nel corrispondente campo;
In fase di disegno, ogni solaio, balcone, ecc. del progetto potrà essere caricato con uno dei carichi
definiti nella sezione Analisi Carichi.

Vedi Anche
I Carichi
Analisi dei Carichi
Le Condizioni di Carico Utente
Le Tipologie di Carico Accidentale
Le Condizioni di Carico del Calcolo
Come Assegnare Ulteriori Forze al Pilastro
Come Assegnare Ulteriori Forze alla Trave
Come Applicare Forze Concentrate ad un Nodo

141
Help di EdiLus

Tipologie di Carico

Per ogni carico presente nel progetto di EdiLus è necessario specificare la relativa condizione di carico.
Le condizioni di carico proposte nel list box Tipo di Carico di una determinata forza (o momento) risultano definite nella sezione Tipologia di
Carico del progetto di EdiLus.
Per accedere a tale sezione del progetto attivo basta:
esplodere il nodo ELEMENTI del Navigatore del progetto;
esplodere il nodo Analisi dei Carichi sul ramo che si diparte dal nodo ELEMENTI;
fare doppio click sul nodo Tipologia di Carico sul ramo che si diparte dal nodo "Analisi dei Carichi"; questa operazione apre la finestra
ANALISI CARICHI: Tipologie di Carico nella Finestra del Programma e il box Tipologia di Carico sotto il Navigatore.
Di seguito, per brevità, la finestra ANALISI CARICHI: Tipologie di Carico sarà chiamata semplicemente Tipologie di Carico.
Nel box Tipologie di Carico vengono proposte le seguenti cartelle:
Predefinite, contenente i nodi delle condizioni di carico previste dalla Normativa; tali condizioni NON possono essere eliminate dall’Utente.
Personalizzate, destinata a contenere le condizioni di carico definite liberamente dall’Utente con cui è possibile integrare le condizioni
predefinite. Ovviamente, per default, la cartella Personalizzati risulta vuota.
Per inserire una nuova condizione di carico nella cartella Personalizzate basta effettuare le seguenti operazioni:
fare click, con il pulsante destro del mouse, sulla cartella Personalizzate; questa operazione apre un menu locale;
nel menu locale selezionare l’opzione Aggiungi; nella cartella Personalizzati viene creato (e selezionato) il nodo della condizione di carico e,
nella finestra Tipologie di Carico, vengono proposti i campi per la sua definizione;

La finestra Tipologie di Carico è sormontata da una toolbar identica a quella della finestra Gestione Analisi Carichi.
Pertanto, per creare una nuova condizione di carico è anche possibile:

◾ selezionare la cartella Personalizzati nel box "Tipologie di Carico ";


◾ pigiare il bottone Aggiungi della toolbar della finestra "Analisi dei Carichi:…".

Nella finestra Tipologie di Carico vengono proposti, dall’alto:

• il campo Descrizione in cui va specificata una breve descrizione della condizione di carico; la stringa specificata in tale campo viene riportata
anche come nome del nodo creato nel box "Tipologie di Carico";

• il list box Classe di Durata del Carico, in cui si sceglie la classe di durata del carico secondo quanto previsto al p.to 4.4.4 del DM 14/01/2008.
Si ricorda che tale scelta riguarda solo le strutture in legno;
• il check box Agente con il sisma, la cui selezione indica che, per la condizione di carico creata, i relativi carichi devono essere combinati con
il sisma;
• il check box Applicare 2 volte la condizione con segni opposti, la cui selezione indica che, per la condizione di carico creata, i relativi
carichi devono essere applicati sia con segno positivo che con segno negativo;
• la sezione Coefficienti riduttivi dei carichi in ASSENZA di sisma, nei cui campi vanno specificati gli opportuni coefficienti riduttivi dei carichi
accidentali in assenza di sisma (j, 1j, 2j ) ;
• la sezione Coefficienti riduttivi dei carichi in PRESENZA di sisma, nei cui campi vanno specificati gli opportuni coefficienti riduttivi dei
carichi accidentali in presenza di sisma (j).

I dati delle condizioni di carico create possono essere modificati fino a quando non si richiede il calcolo.

142
Help di EdiLus

Per modificare i dati di una condizione di carico creata dall’utente (nella cartella Personalizzati) basta richiamare la finestra Tipologie di Carico
cliccando sul relativo nodo nel box Tipologie di Carico.
Una condizione di carico creata dall’Utente (nella cartella Personalizzati) può essere eliminata dal progetto effettuando le seguenti operazioni:
fare click, con il pulsante destro del mouse, sul nodo della condizione di carico da eliminare per selezionarla e richiedere l’apertura del menu
locale;

• selezionare l’opzione Elimina nel menu locale.

La condizione di carico selezionata nel box Tipologia di Carico può anche essere eliminata pigiando il bottone Elimina della toolbar della finestra
Tipologia di Carico.

Vedi Anche
I Carichi
Analisi dei Carichi
I Carichi Superficiali
Combinazione di Carico
Le Condizioni di Carico del Calcolo

143
Help di EdiLus

Combinazioni di Carico

Nella finestra Combinazioni di Carico è possibile visualizzare e gestire le combinazioni di carico che il programma effettuerà nel calcolo.

Tale sezione risulta attiva solo dopo avere eseguito il primo step di calcolo: “Modello Strutturale e Carpenterie”.

Per accedere alla sezione Combinazioni di Carico basta:


esplodere il nodo ELEMENTI del Navigatore del progetto;
esplodere il nodo Analisi dei Carichi sul ramo che si diparte dal nodo ELEMENTI;
fare doppio click sul nodo Combinazioni di Carico sul ramo che si diparte dal nodo "Analisi dei Carichi".
La finestra Combinazioni di Carico risulta suddivisa in due sezioni: Condizioni di Carico e Calcolo delle Combinazioni.

Condizioni di Carico
Nella finestra Condizioni di Carico viene visualizzato l’elenco di tutte le condizioni di carico predefinite dal programma e le eventuali create
dall’utente.

Le Condizioni di Carico presenti nel modello appena generato compaiono non-oscurate quelle non presenti compaiono in grigio e barrate.
In corrispondenza di ogni riga sono presenti le due colonne Dominante e Permanente e i relativi check botton.
Se si attiva il check Permanente per una determinata condizione di carico variabile, essa verrà trattata nelle combinazioni di carico al pari dei
carichi permanenti e quindi verrà moltiplicata per i coefficienti G = 1,3 (sfavorevole) e  G = 1 (favorevole).
Se si attiva il check Dominante per una determinata condizione di carico variabile, nelle combinazioni di carico essa verrà considerata nella sua
condizione “dominante” e quindi moltiplicata per i coefficienti Q = 1,5 (sfavorevole) e Q = 0 (favorevole). Tutte le altre condizioni variabili sono
considerate al loro valore ridotto e quindi moltiplicate per Q•0j. Tutte le condizioni di carico variabili (dominante) vengono permutate e quindi
considerate a rotazione come dominanti.
Se si disattiva il check Dominante per una determinata condizione di carico variabile, nelle combinazioni di carico essa verrà considerata solo al
suo valore ridotto (e quindi moltiplicata per Q•0j ) e mai come dominante (pertanto non viene moltiplicata per Q ).
Evitare di considerare una o più condizioni di carico come Dominanti comporterà il vantaggio di avere un numero inferiore di combinazioni di
carico.

In una struttura abbiamo le condizioni di carico riportate nella tabella sottostante. Se per la tabella condizioni di carico lasciamo attiva l’impostazione
di default potremo avere:

144
Help di EdiLus

Con queste impostazioni, le combinazioni di carico che verranno generate dal programma, nel rispetto della regola di combinazione fondamentale
prevista dalla norma (p.to 2.5.3 DM08), saranno:

Le combinazioni generate saranno 94, ma siccome alcune sono ripetute, si ridurranno a 48.
Se invece modifichiamo le impostazioni come nella tabella seguente:

Avremo le seguenti combinazioni di carico:

Le combinazioni generate sono 12, ma si riducono ad 8 in quanto alcune sono ripetute.


Come risulta evidente, le scelte eseguite consentono di ridurre notevolmente il numero delle combinazioni generate (si passa da 94 a 12) con
conseguente beneficio sui tempi di calcolo.

Le combinazioni di carico che si generano dalle scelte fatte nella finestra Condizioni di Carico, possono essere visualizzate contestualmente nella
finestra Calcolo delle Combinazioni oltre che nelle tabelle dei risultati del calcolo.

Calcolo delle Combinazioni


Nella finestra Calcolo delle Combinazioni è possibile visualizzare e modificare le combinazioni di carico generate dal programma.

145
Help di EdiLus

Nella sezione Gruppi si sceglie la tipologia di combinazione da visualizzare in base allo stato limite d’interesse. In base alla riga selezionata (ad
es. Ultimo – Non sismica), verranno visualizzate le combinazioni corrispondenti nella sezione Combinazioni.
La sezione Combinazioni è costituita da una griglia con righe e colonne.

Le colonne corrispondono alle condizioni di carico e sono individuate da un numero. La corrispondenza tra i numeri e le condizioni di carico è
riportata al di sopra della tabella.
Le righe corrispondono alle Combinazioni di Carico. Ad ogni Combinazione corrispondono due righe: una in rosa, che riporta l’espressione della
combinazione e una in bianco, in cui sono riportati i coefficienti di combinazione in corrispondenza delle varie colonne (che corrispondono alle
condizioni di carico).
Le combinazioni di carico possono essere personalizzate.
Sono infatti presenti i seguenti bottoni:

Per eliminare una combinazione dopo averla selezionata. Per eliminare più combinazioni contemporaneamente, occorre selezionarle tenendo il
tasto “shift” premuto.

Per ripristinare una combinazione precedentemente eliminata.

Per aggiungere una nuova combinazione. Nella combinazione aggiunta potremo definire i valori dei coefficienti di combinazione.

I coefficienti delle combinazioni di default non possono essere modificati. Se si ha necessità di intervenire su una di queste combinazioni, sarà
necessario eliminarla e crearne una nuova con gli opportuni coefficienti.

Le combinazioni di carico personalizzate dall’utente vengono conservate anche se si annulla il calcolo.


Se, a seguito di modifiche sulla struttura, una delle condizioni di carico venisse eliminata, ed essa era presente in una delle combinazioni definite
dall’utente, tale combinazione verrà eliminata.

Vedi Anche
I Carichi
Analisi dei Carichi
I Carichi Superficiali
Tipologie di Carico
Le Condizioni di Carico del Calcolo

146
Help di EdiLus

Il Disegno degli Oggetti

Il Disegno degli Oggetti

La presente sezione dell’Help illustra le modalità operative per il disegno degli Oggetti di EdiLus.
Gli Oggetti di EdiLus risultano suddivisi per tipologie. Gli oggetti delle tipologie Generali e Disegno
hanno solo una valenza grafica o di utilità per il disegno degli oggetti della tipologia Strutturale.
Il disegno degli oggetti della tipologia Strutturale, oltre a definire graficamente l’intero progetto,
determina anche l’input (Object Draw) della stragrande maggioranza dei dati necessari per consentire
al programma di svolgere i calcoli e di fornire gli opportuni elaborati (relazione e grafici).

Vedi Anche
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare un Oggetto
Come Modificare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Il Punto Sensibile degli Oggetti
I Pilastri
Pilastro Inclinato
Le Travi
Le Pareti
Le Solette
I Fori
I Solai
Balconi e Sbalzi
Le Scale
Le Tamponature
Travette cfc
I Plinti
Le Platee
La Polilinea
Il Testo
Disegno DXF e DWG
Le Misure
I Punti Guida
La Linea Guida
La Griglia Guida
L'Oggetto Infittimento
L'Oggetto Muro
L'Oggetto Rappezzo
L'Oggetto Rinforzo
L'Oggetto Nicchia

147
Help di EdiLus

Indicazioni di Carattere Generale

Indicazioni di Carattere Generale

Prima di illustrare nel dettaglio le modalità operative per il disegno e la gestione di ogni oggetto di
EdiLus nella tavola del disegno, è opportuno illustrare alcune operazioni di carattere generale.
Nelle pagine seguenti vengono illustrate le modalità per disegnare un oggetto nella tavola del piano
attiva. Vengono, inoltre, illustrate le modalità per la selezione di un oggetto disegnato per procedere
alla sua modifica e/o alla sua cancellazione.
Infine, vengono sommariamente descritte le modalità per la gestione delle proprietà di un oggetto.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Disegnare un Oggetto
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
I Filtri per la Selezione e la Ricerca degli Oggetti
Come Modificare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Il Punto Sensibile degli Oggetti
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

148
Help di EdiLus

Come Disegnare un Oggetto

Per disegnare un oggetto sulla tavola del Piano attiva basta effettuare le seguenti operazioni:

cliccare sul bottone Oggetti Disegno della barra multifunzione sulla Finestra del Programma;
questa operazione apre l’omonimo menu che propone, suddivisi per tipologia, gli oggetti che è
possibile disegnare; le opzioni per la scelta dell’oggetto da disegnare sono anche disponibili nel
menu che si apre selezionando l’equivalente opzione del menu locale della tavola;

 selezionare l’oggetto da disegnare; questa operazione attiva la modalità per il disegno


dell’oggetto e propone le relative proprietà nel toolbox delle Proprietà a destra nella Finestra del
Programma;
 specificare le proprietà (sezione, materiale, ecc.) dell’oggetto e procedere al suo disegno
nella tavola attiva.

Le proprietà di un oggetto e le modalità operative per il suo disegno possono differire anche
sensibilmente da quelle di un altro oggetto. Le proprietà e le modalità operative per il disegno di
ogni oggetto di EdiLus vengono illustrate nelle opportune pagine dell’help.

149
Help di EdiLus

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Modificare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Il Punto Sensibile degli Oggetti
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Il Calcolo
Personalizzazioni del Programma
Sistemi di Riferimento
Tasti Funzione

150
Help di EdiLus

Come Selezionare un Oggetto

Per modificare la posizione e/o le proprietà di un oggetto disegnato nella tavola di un piano, è
necessario che questo venga preventivamente selezionato.
Per selezionare un oggetto nella tavola attiva basta:
attivare la modalità per la selezione degli oggetti pigiando il bottone Seleziona oggetti della toolbar;
in tale modalità il cursore assume l’aspetto dell’icona del bottone "Seleziona oggetti"; la modalità
per la selezione degli oggetti può anche essere attivata mediante l’omonima opzione del menu
locale della tavola;

Al menu locale della tavola di disegno attiva si accede facendo un click, con il pulsante destro del
mouse nella tavola stessa.

 fare un click, con il pulsante sinistro del mouse sull’oggetto da selezionare nella tavola.
Quando un oggetto risulta selezionato presenta le maniglie per il suo spostamento e/o la sua
rotazione. Per ogni oggetto, tali maniglie assumono l’aspetto e le funzionalità più opportune.
Inoltre, quando un oggetto risulta selezionato, nel toolbox delle Proprietà vengono proposte, per
eventuali modifiche, le relative proprietà.
EdiLus consente perfino di selezionare un oggetto posizionato in secondo piano rispetto ad un altro
oggetto (ad es. una parete sotto una trave).
Per selezionare un oggetto in secondo piano basta:
 cliccare nel punto opportuno per selezionare l’oggetto desiderato; ovviamente, questa
operazione non seleziona l’oggetto desiderato, ma l’oggetto che è in primo piano rispetto ad esso;
 pigiare CTRL+SPAZIO della tastiera per spostare la selezione sull’oggetto in secondo piano
rispetto all’oggetto precedentemente selezionato.
Nella tavola attiva del progetto e/o nelle viste 3D è anche possibile selezionare un gruppo di oggetti
(selezione multipla) per poterli modificare (spostare, ruotare o cambiarne le proprietà) con un’unica
operazione.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
I Filtri per la Selezione e la Ricerca degli Oggetti
Come Modificare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Il Punto Sensibile degli Oggetti
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

151
Help di EdiLus

Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente

EdiLus consente di effettuare delle operazioni su più oggetti contemporaneamente. In questo caso è
necessario indicare, mediante una selezione multipla, su quali oggetti l’operazione deve essere
effettuata.
Per selezionare un gruppo di oggetti (selezione multipla) nella tavola di un piano del progetto o in una
sua vista 3D basta effettuare le seguenti operazioni:
attivare la modalità per la selezione degli oggetti; tale modalità risulta attiva quando il bottone
Seleziona oggetti della toolbar risulta premuto e il cursore assume l’aspetto dell’icona del bottone
stesso;

La modalità per la selezione degli oggetti può anche essere attivata scegliendo opzione Seleziona
oggetti del menu locale della tavola a cui si accede cliccando, con il pulsante destro del mouse, in un
punto della tavola stessa.

 tenere premuto SHIFT della tastiera;


 fare un click, con il pulsante sinistro del mouse, su ogni oggetto da selezionare;
 ultimata la selezione degli oggetti rilasciare il tasto SHIFT.
Per togliere la selezione da uno degli oggetti selezionati basta tenere premuto SHIFT della tastiera e
cliccare nuovamente su esso.
Per togliere la selezione da tutti gli oggetti selezionati basta cliccare in un qualsiasi punto della tavola.
Una selezione multipla può anche essere effettuata racchiudendo, in un rettangolo di selezione
(tracciato tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse), almeno un punto di ogni oggetto da
selezionare.
Ovviamente, il rettangolo di selezione va tracciato a partire da un punto in cui non è presente alcun
oggetto. Cliccando su un oggetto, infatti, si otterrebbe solo la sua selezione, senza la possibilità di
proseguire nel tracciamento del rettangolo.
Tenendo premuti CTRL + SHIFT della tastiera il triangolo di selezione può anche essere tracciato a
partire da un punto in cui risulta disegnato un oggetto (ad es, il rettangolo di selezione può essere
tracciato da un punto interno ad un solaio, una soletta, ecc.).
Molto utili per la selezione di più oggetti sono i seguenti bottoni della toolbar:
Seleziona Tutto: seleziona tutti gli oggetti (travi, pilastri, ecc.) visualizzati nella finestra attiva del
progetto.

Gli oggetti contenuti nella tavola della finestra attiva del progetto ma NON visualizzati NON vengono
selezionati.
Se si intende selezionare tutti gli oggetti contenuti nella finestra attiva del progetto è necessario
richiedere preventivamente uno Zoom Esteso.

Deseleziona Tutto: deseleziona tutti gli elementi selezionati visualizzati nella finestra attiva.
Inverte selezione: seleziona tutti gli oggetti non selezionati visualizzati e deseleziona tutti gli oggetti
selezionati visualizzati nella finestra attiva.
Il gruppo di oggetti selezionato presenta, in posizione baricentrica la maniglia per il suo spostamento
e/o la sua rotazione.

152
Help di EdiLus

Tale maniglia è costituita da un punto centrale e da quattro punti laterali collegati al punto centrale da
linee tratteggiate.
Cliccando sul punto centrale della maniglia, si attiva la modalità per lo spostamento dell’intero gruppo
di oggetti selezionato.
In tale modalità è possibile traslare il gruppo di oggetti selezionato spostandone il punto centrale della
maniglia nella posizione desiderata. Per fissare la nuova posizione del gruppo di oggetti selezionato
basta cliccare nel punto che deve assumere il suo baricentro.

Nella modalità per la traslazione del gruppo di oggetti selezionato il cursore assume l’aspetto a lato.
La maniglia del gruppo di oggetti selezionato può anche essere spostata in un qualsiasi punto di uno
degli oggetti stessi (ad es. il vertice di un pilastro, ecc.).
Per spostare la maniglia del gruppo di oggetti selezionato basta tenere premuto CTRL (CONTROL)
della tastiera e cliccare sul nuovo punto in cui essa deve essere applicata.

Facendo un click su uno dei punti esterni della maniglia, si attiva la modalità per la rotazione dell’intero
gruppo di oggetti selezionato intorno al punto centrale della maniglia. Spostando opportunamente il
punto cliccato, è possibile ruotare il gruppo di oggetti selezionato.
Quando il gruppo di oggetti risulta correttamente inclinato basta fare un click per fissarne la posizione.
Nella modalità per la rotazione di un gruppo di oggetti il cursore assume l’aspetto a lato.
Durante la rotazione il punto cliccato della maniglia può anche essere avvicinato o allontanato dal
centro di rotazione (punto centrale) per favorire eventuali allineamenti con altri oggetti.

153
Help di EdiLus

Quando nella tavola risulta selezionato un gruppo di oggetti, nel toolbox delle Proprietà vengono
proposte le sole proprietà comuni a tutti. In questo caso, la modifica di una proprietà (ad es. la
sezione) riguarderà tutti gli oggetti selezionati anche se sono di tipo differente (ad es. travi e pilastri).
Una ulteriore utilissima funzionalità per la selezione di più oggetti sono i Filtri per poter lasciare la
selezione solo su alcuni degli oggetti selezionati nella finestra.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare un Oggetto
Come Selezionare un Oggetto
I Filtri per la Selezione e la Ricerca degli Oggetti
Come Modificare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Il Punto Sensibile degli Oggetti
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Il Calcolo
Personalizzazioni del Programma
Sistemi di Riferimento
Tasti Funzione

154
Help di EdiLus

I Filtri per la Selezione e la Ricerca degli Oggetti

Un gruppo di oggetti selezionati nella tavola di un piano o in una vista 3D può essere "filtrato" in modo
da ottenere la selezione, tra questi, dei soli oggetti appartenenti ad una o più tipologie.
Ad esempio, per richiedere la selezione dei pilastri e delle travi, basta selezionare tutti gli oggetti
disegnati e applicare un filtro che richiede la selezione dei soli oggetti pilastro e trave.
Con un’unica operazione il Tecnico può, quindi, selezionare tutti gli oggetti di un certo tipo
appartenenti ad un certo gruppo di oggetti (selezionati), senza essere costretto a lunghe e onerose
multiselezioni.

I filtri sono utili anche per selezionare gran parte degli oggetti di una determinata tipologia. In questo
caso, infatti, basta selezionare, mediante i filtri, tutti gli oggetti della tipologia e, successivamente,
deselezionare quelli che non interessano.

Per selezionare, nella tavola o nella vista 3D attiva, gli oggetti di una o più tipologie appartenenti ad un
parte dell’edificio basta:
 selezionare l’intera parte di edificio da cui occorre estrarre gli oggetti da selezionare; per
effettuare questa operazione basta racchiudere la parte di edificio interessata in un rettangolo di
selezione;

Per selezionare tutti gli oggetti visualizzati in una tavola o in una vista 3D, basta pigiare Seleziona
Tutto della toolbar.

 aprire il toolbox Filtro e Ricerca cliccando sull’omonimo bottone della toolbar verticale sul
bordo sinistro della Finestra del Programma;
 accedere alla pagina Filtro Selezione del toolbox cliccando sulla omonima linguetta in alto
nel toolbox stesso;

 nella pagina Filtro Selezione selezionare i check box delle tipologie di oggetti che, tra quelli
prima selezionati, devono rimanere selezionati;
 pigiare il bottone Applica sulla toolbar del toolbox.

Naturalmente, se nella Tavola o nella vista 3D attiva non risultano selezionati degli oggetti NON ha
senso applicare alcun filtro è, pertanto NON è neanche possibile accedere alla pagina "Filtro Selezione"
del toolbox "Filtro e Ricerca".

155
Help di EdiLus

Per ottenere la selezione di un’unica tipologia di oggetti (ad es., le sole travi) è possibile operate in
maniera molto più rapida effettuando le seguenti operazioni:
 selezionare l’intera parte di edificio da cui occorre estrarre gli oggetti della tipologia da
selezionare; questa operazione attiva, in alto nella pagina Proprietà del toolbox delle Proprietà, il
list box "Filtro per tipologia" con l’elenco delle tipologie di oggetti selezionati;

Nel list box Filtro per tipologia viene anche indicato il numero di oggetti selezionati appartenenti ad
ogni tipologia.

 nel list box Filtro per tipologia selezionare la tipologia degli oggetti che devono rimanere
selezionati.

Nella pagina Ricerca avanzata del toolbox "Filtro e Ricerca" è possibile disporre di un potente motore
di ricerca degli oggetti della struttura.
Nei riquadri Tavole e Tipologia di entità della pagina è possibile indicare rispettivamente, mediante
la selezione degli opportuni check box, i piani (tavole) dell’edificio e le tipologie di oggetti a cui si
intende limitare la ricerca.

156
Help di EdiLus

Sopra i riquadri Tavole e Tipologia di Entità sono presenti i bottoni:


Seleziona Tutto, che seleziona tutti i check box del riquadro;
Deseleziona Tutto, che toglie la selezione da tutti i check box del riquadro.
Nella zona inferiore della pagina "Ricerca avanzata" sono presenti gli strumenti per imporre, sugli
oggetti indicati nei riquadri "Tavole" e "Tipologia di Entità" un’ulteriore condizione di ricerca sulle
proprietà degli oggetti da trovare.
Ad esempio, è possibile richiedere di ricercare "le travi e i pilastri del secondo piano" con "sezione"
"uguale a" "100x22".
Per definire una condizione di ricerca di questo tipo è, quindi, necessario indicare, per gli oggetti scelti
("travi e pilastri del secondo piano") nei riquadri Tavole e Tipologia di Entità:
 la Proprietà ("sezione") su cui si intende imporre la condizione;
 l’Operatore ("uguale a") che definisce il criterio di ricerca;
 il Valore di confronto ("100x22") per l’estrazione degli oggetti ricercati.
In pratica, per imporre una condizione di ricerca sulle proprietà degli oggetti, basta effettuare le
seguenti operazioni:
 Nel list box Proprietà fare doppio click sulla proprietà su cui si intende imporre la condizione
per selezionarla e richiudere il list box stesso.
Ovviamente, in tale list box vengono proposte le proprietà comuni alla tipologie di oggetti scelte nel
riquadro "Tipologia di entità".
Le proprietà proposte, inoltre, risultano raggruppate per tipologia, e quindi, per individuare la
proprietà da selezionare è necessario esplodere la relativa tipologia.

157
Help di EdiLus

 Nel list box Operatore selezionare l’operatore per la ricerca;

 Nel list box Valore di confronto selezionare il valore di confronto per l’estrazione degli
oggetti ricercati.

Naturalmente, in quest’ultimo list box vengono proposti i valori che la proprietà scelta assume per
tutti gli oggetti indicati nei riquadri "Tavole" e "Tipologia di Entità".

Per ottenere la selezione, nella tavola o nella vista 3D attiva, la selezione dei tutti gli oggetti trovati,
basta pigiare il bottone Applica della toolbar del toolbox Filtro e Ricerca.
Se, nella tavola o nella vista 3D attiva, oltre alla selezione degli oggetti individuati nella ricerca appena
effettuata, si intende ottenere anche la selezione di altri oggetti che soddisfano condizioni di ricerca
differenti da quelle precedenti basta:
 selezionare il check box Aggiungi a ricerche precedenti, in alto nella pagina "Ricerca
avanzata";
 impostare la nuova condizione di ricerca secondo le modalità già illustrate;

pigiare il bottone Applica della toolbar del toolbox Filtro e Ricerca.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare un Oggetto
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Modificare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

158
Help di EdiLus

Come Modificare un Oggetto

Per modificare un oggetto disegnato sulla tavola di un piano è necessario selezionarlo.


Un oggetto selezionato può essere liberamente traslato o ruotato nella tavola con modalità analoghe a
quelle previste per il suo disegno. L’oggetto selezionato, inoltre, può essere liberamente modificato
nelle sue proprietà.
Le modalità per la modifica vengono dettagliatamente illustrate, per ogni specifico oggetto, nelle
opportune pagine del presente Help.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare un Oggetto
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
I Filtri per la Selezione e la Ricerca degli Oggetti
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

159
Help di EdiLus

Come Cancellare un Oggetto

Per cancellare un oggetto disegnato sulla tavola attiva basta:


 selezionarlo;
 premere CANC (CANCEL) della tastiera.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare un Oggetto
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
I Filtri per la Selezione e la Ricerca degli Oggetti
Come Modificare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Le Tavole di Disegno dei Piani
Tasti Funzione

160
Help di EdiLus

Le Proprietà degli Oggetti

Il semplice disegno di un oggetto sulla tavola di un piano consente al programma di rilevare una
grande quantità di informazioni necessarie per effettuare i calcoli.
Tuttavia un oggetto (ad es. un pilastro) semplicemente disegnato nella tavola di un piano è ancora
"generico" e non un elemento specifico del progetto dell’Edificio.
Per rendere un oggetto un elemento specifico del progetto è necessario indicarne le proprietà nel
Toolbox delle Proprietà che si apre nella parte destra della Finestra del Programma durante il suo
disegno oppure quando esso risulta selezionato.
Il toolbox delle Proprietà di un oggetto risulta costituito dalle pagine Proprietà e Risultati a cui si
accede cliccando sulle omonime linguette in alto nel toolbox stesso.
Per default, nel toolbox delle Proprietà viene proposta la pagina Proprietà.

La pagina Proprietà
Nella pagina Proprietà vengono proposte le proprietà dell’oggetto selezionato o in fase di disegno.
Le Proprietà di un oggetto (ad es. la sezione, il materiale, ecc.) possono, pertanto, essere specificate
mentre lo si disegna ma possono anche essere specificate o modificate in un qualsiasi momento
successivo al disegno.
Nella pagina Proprietà del toolbox delle Proprietà i righi relativi alle varie proprietà di un oggetto
risultano raggruppati per tipologie in varie sezioni.
Ogni sezione risulta sormontata da una barra azzurra che ne riporta il titolo e il bottone per
visualizzare o nascondere le proprietà contenute.

161
Help di EdiLus

Se sulla barra di una sezione è presente il bottone a lato, le proprietà contenute risultano nascoste.
Cliccando sul bottone o sulla barra le proprietà della tipologia vengono visualizzate.
Quando le proprietà di una sezione risultano visualizzate, il bottone si trasforma in quello a lato. Per
nascondere le proprietà di una sezione basta pigiare il bottone a lato o sulla barra.
Generalmente le proprietà della sezione Aspetto della pagina Proprietà del toolbox delle proprietà
sono comuni a tutti gli oggetti. Nella sezione Aspetto vengono proposti i seguenti righi:
Descrizione, in cui è possibile assegnare una descrizione all’oggetto selezionato o da disegnare; per
default il programma, propone, come descrizione, il nome dell’oggetto (ad es. "Pilastro").
Colore, in cui è possibile personalizzare il colore di riempimento dell’oggetto selezionato o da
disegnare. Per alcune tipologie di oggetti (travi, pilastri, ecc.) il colore scelto viene proposto solo
nelle viste 3D, mentre, per altre tipologie (solai, ecc.), viene proposto anche nelle piante. Il colore
dell’oggetto selezionato può essere definito:
selezionandolo nel list box dei colori di base che si attiva quando il cursore è nel rigo;
oppure
scegliendolo nel dialog per la scelta dei colori personalizzati a cui si accede pigiando il bottone
proposto quando il cursore è nel rigo.
Colore Linee, in cui è possibile personalizzare il colore delle linee dell’oggetto selezionato o da
disegnare. Tale colore può essere definito:
selezionandolo nel list box dei colori di base che si attiva quando il cursore è nel rigo;
oppure
scegliendolo nel dialog per la scelta dei colori personalizzati a cui si accede pigiando il bottone
proposto quando il cursore è nel rigo.

162
Help di EdiLus

In alto nella pagina Proprietà è presente il list box Filtro per entità contenente la lista di tutti gli oggetti
selezionati nella tavola attiva (tavola di disegno, vista 3D, ecc.).
La scelta di una tipologia di oggetti nel list box "Filtro per tipologia" propone la selezione dei soli
oggetti ad essa appartenenti.
Ad esempio, se tra gli oggetti selezionati vi sono delle travi, selezionando l’opzione "Trave" del list
box, nella tavola attiva risulteranno selezionate le sole travi della precedente selezione.

La proprietà Tipo Situazione


Prima di descrivere le proprietà di ogni singola entità di EdiLus, è opportuno sottolineare l’importanza
della proprietà Tipo Situazione nell’analisi e nella verifica di strutture esistenti in Cemento Armato o in
Muratura.
La proprietà Tipo Situazione consente di specificare, mediante la scelta nel relativo list box, se l’entità
(da disegnare o selezionata nel disegno) è relativa allo Stato di Fatto dell’edificio esistente oppure è un
elemento di Progetto introdotto per il Miglioramento o l’Adeguamento dell’edificio esistente.

La proprietà Tipo Situazione viene proposta per:


 le entità strutturali in cemento armato (travi, pilastri, pareti, solette, ecc.) nei documenti per
la verifica degli edifici esistenti in c.a. e nei progetti di Miglioramento e/o Adeguamento degli stessi;
 le entità nei documenti per la verifica degli edifici esistenti in muratura (Muri, Rappezzi,
Nicchie, Volte, ecc.) ed in quelli dei relativi progetti di Miglioramento e/o Adeguamento.
Pertanto la proprietà Tipo Situazione risulterà disponibile:
 nelle proprietà delle entità in c.a. solo se si dispone del modulo EdiLus-EE di EdiLus per le
verifiche degli edifici esistenti in c.a.
oppure
 nelle proprietà delle entità utilizzate nelle strutture in muratura se si dispone di EdiLus-MU
per le verifiche delle strutture in muratura.

La pagina Risultati
Nella pagina Risultati del toolbox delle Proprietà è possibile visualizzare i risultati di calcolo
dell'oggetto selezionato nella tavola del disegno, in una carpenteria o in una vista 3D.

Di seguito, se non diversamente specificato, con il termine Toolbox delle Proprietà si identificherà la
pagina Proprietà del toolbox stesso.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare un Oggetto
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Modificare un Oggetto
Le Proprietà del Pilastro
Le Proprietà della Trave
Le Proprietà della Parete
Le Proprietà della Soletta
Le Proprietà del Foro
Le Proprietà del Solaio

163
Help di EdiLus

Le Proprietà del Balcone


Le Proprietà della Scala
Le Proprietà della Tamponatura
Le Proprietà delle Travette cfc
Le Proprietà del Plinto
Le Proprietà della Platea
Le Proprietà della Polilinea
Le Proprietà del Disegno DXF/DWG
Le Proprietà del Punto Guida
Le Proprietà della Linea Guida
Le Proprietà delle Griglie Guida
Sistemi di Riferimento

164
Help di EdiLus

Il Punto Sensibile degli Oggetti

Il disegno degli oggetti Pilastro e Trave, Parete e Travetta cfc di EdiLus nella tavola di un piano si
effettua mediante un particolare punto della relativa sezione: il Punto Sensibile.
Per disegnare un Pilastro, ad esempio, basta disporre, nella posizione opportuna, il punto sensibile
della sua sezione. Una trave o una parete viene, invece, disegnata tracciando il segmento che
congiunge i punti sensibili delle sezioni alle sue estremità.
La definizione, in fase del disegno di un oggetto, del punto sensibile della sua sezione consente di
fissare i punti fissi a partire dai quali l’oggetto viene posizionato nella struttura.
Si supponga, ad esempio, di posizionare, in uno spigolo dell’edificio, un pilastro avente come punto
sensibile della sua sezione proprio il punto coincidente con lo spigolo dell’edificio. Nella tavola il punto
sensibile della sezione di un pilastro selezionato è riconoscibile per la presenza della maniglia per il
suo spostamento e la sua rotazione (v. figura).
Sostituendo la sezione del pilastro, con una di dimensioni differenti, questa, risultando ancora
vincolata al punto sensibile della precedente sezione, verrà correttamente disegnata verso l’interno
dell’edificio.

Analogamente, è possibile scegliere di adottare, come punto sensibile del pilastro, il baricentro della
sezione o il punto medio di uno dei suoi lati.
Per un pilastro il punto sensibile della sua sezione coincide con il "Filo Fisso". Inoltre, adottando come
punto sensibile della sezione di una trave di bordo rettangolare, quello rivolto verso l’esterno
dell’edificio, anche cambiando la sezione, la trave rimane vincolata al bordo esterno dell’edificio.
La linea che unisce i punti sensibili delle sezioni di estremità di una trave è proposta con uno spessore
maggiore delle altre linee.
Quando la trave è in fase di disegno o è selezionata, su tale segmento viene, proposta una doppia
freccia cliccando la quale si sposta il punto sensibile della sezione.

La scelta del punto sensibile di un oggetto può anche essere effettuata nel rigo Allineamento delle
sue proprietà.
Inoltre, il punto sensibile di un oggetto può essere spostato, anche in fase di disegno, pigiando F5 (in
avanti) oppure F6 (indietro) della tastiera il numero necessario di volte.

165
Help di EdiLus

Oltre agli oggetti Pilastro e Trave, sono dotati di punti sensibili per il disegno anche l’oggetto Parete,
Scala e "Travetta cfc" e le selezioni multiple di oggetti.
Pigiando F7 o F8 della tastiera quando uno degli oggetti suddetti risulta selezionato (o in fase di
disegno), la sua sezione viene ruotata intorno al punto sensibile scelto, di 90° rispettivamente in senso
antiorario o orario.
Pigiando gli stessi tasti vengono ruotate allo stesso modo anche le selezioni multiple di oggetti intorno
alla maniglia scelta.
Di seguito vengono riportati i punti sensibili che è possibile fissare per la sezione dei pilastri e delle
travi.

Travi

Pilastri

166
Help di EdiLus

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare un Oggetto
Come Modificare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Come Disegnare i Pilastri
Come Disegnare le Travi
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Scale
Travette cfc
Tasti Funzione

167
Help di EdiLus

I Pilastri

I Pilastri

Per il disegno della struttura dell’edificio, gli oggetti Pilastro vanno semplicemente disposti sulla tavola
del piano di appartenenza.
Disponendo un pilastro sulla tavola di un piano viene rappresentata la sua base superiore, mentre la
sua base inferiore viene posizionata alla quota del piano sottostante.
L’altezza del pilastro risulta, pertanto, essere proprio quella specificata per il piano stesso.

Tale altezza, però, può essere modificata e le basi del pilastro possono essere sfalsate rispetto ai
piani su cui vengono disposte per default.
Il semplice posizionamento di un pilastro sulla tavola consente al programma di rilevare una grande
quantità di informazioni necessarie per effettuare i calcoli. Del pilastro disegnato, ad esempio, il
programma conosce già altezza, in quanto esso acquisisce l’altezza specificata per la Tavola del
piano su cui viene disegnato.
Tuttavia un pilastro semplicemente posizionato nella tavola di un piano è ancora un oggetto generico
e non un elemento specifico del progetto dell’Edificio. Per rendere un pilastro un elemento specifico
del progetto è necessario indicarne le proprietà specifiche nell’apposito toolbox.
Le proprietà di un pilastro possono essere specificate nella fase del suo disegno ma possono anche
essere specificate o modificate in un qualsiasi momento successivo.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Disegnare i Pilastri
Come Modificare un Pilastro Disegnato
Le Proprietà del Pilastro
Come Assegnare Ulteriori Forze al Pilastro
I Vincoli Interni del Pilastro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Sistemi di Riferimento

168
Help di EdiLus

Pilastro Inclinato

169
Help di EdiLus

Come Disegnare i Pilastri

Per disegnare un Pilastro sulla tavola di un piano basta effettuare le seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno; questa operazione propone,
nello stesso toolbox, la lista degli elementi strutturali che è possibile disegnare.
Nel toolbox Oggetti Disegno selezionare l’opzione Pilastro per attivare la modalità per il disegno dei
pilastri ed il toolbox delle Proprietà del pilastro da disegnare.

L’oggetto Pilastro consente di realizzare esclusivamente pilastri perfettamente verticali.


Per disegnare un pilastro inclinato è necessario utilizzare l’oggetto Pilastro Inclinato.

 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà del pilastro da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle principali proprietà del pilastro.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

Nel list box, proposto quando il cursore è nel rigo Sezione, scegliere la sezione del pilastro tra
quelle preventivamente definite.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo Materiale, scegliere il materiale del pilastro tra
quelli preventivamente definiti.
Pigiare il bottone proposto quando il cursore è nel rigo Allineamento per attivare il dialog per la
scelta del Punto Sensibile del pilastro.

Per scegliere il punto sensibile basta cliccare sul relativo quadratino (facendolo diventare rosso) e
pigiare il bottone in basso per chiudere il dialog. Con un doppio click sul punto sensibile lo si
seleziona e si chiude anche il dialog.

Il punto sensibile della sezione del pilastro da disegnare può anche essere scelto senza accedere
all’apposito dialog.
Pigiando F5 o F6 della tastiera, il punto sensibile si sposta nelle varie posizioni possibili della sezione
del pilastro.
Si noti, inoltre, che, per un pilastro, la scelta del punto sensibile coincide con l’indicazione del suo Filo
Fisso.

 Fare click nella tavola del disegno; questa operazione lega al cursore la sezione del pilastro
scelta.
 Definire l’orientamento (orizzontale o verticale) della sezione del pilastro. Pigiando F7 o F8
della tastiera, il pilastro ruota progressivamente di 90° (in senso antiorario o orario) intorno al

170
Help di EdiLus

punto sensibile scelto; se la sezione del pilastro deve essere ruotata di un angolo qualsiasi,
questo può essere specificato nel campo Rotazione del toolbox delle proprietà.
 Posizionare il pilastro nel punto opportuno della tavola; durante lo spostamento, nei campi
della sezione PUNTO inferiore del toolbox delle Proprietà vengono proposte dinamicamente
della barra di stato della Finestra del Programma.

Le stesse coordinate possono essere riportate dinamicamente anche nei campi opportuni del
toolbox delle Proprietà.
In questa fase le utilità di disegno di EdiLus (caricamento di disegni DXF o DWG, griglie, zoom,
snap, ecc.) rendono il lavoro estremamente semplice e rapido.

Durante gli spostamenti, il punto sensibile del pilastro assume le posizioni consentite dagli snap attivi.
Se un pilastro va posizionato in un punto differente da quelli consentiti, è necessario disabilitare uno o
più snap oppure regolarli opportunamente.

 Fare un click, con il pulsante sinistro del mouse, per fissare il pilastro nella posizione
desiderata. Tutti i dati relativi alla posizione e alle dimensioni del pilastro vengono riportati negli
opportuni campi del toolbox delle Proprietà.
Tutte le scelte effettuate per il pilastro disegnato (sezione, punto sensibile, ecc.) vengono riproposte
per il disegno del pilastro successivo.
Disegnato un pilastro il programma ripropone la modalità per il disegno dei pilastri successivi.
Per interrompere tale modalità basta pigiare il bottone Seleziona oggetti della toolbar (o selezionare
l’omonima opzione del menu locale della tavola) per passare alla modalità per la selezione degli
oggetti disegnati oppure procedere al disegno di un altro tipo di oggetto (ad es. una trave).
Per posizionare correttamente un pilastro nella tavola, oltre a tutti gli altri snap previsti dal programma,
sono disponibile utilissimi snap ad oggetto per facilitare gli allineamenti con i pilastri o altri oggetti già
disegnati.

Quando il pilastro che si sta disegnando risulta allineato con pilastri già disegnati, vengono proposte
dinamicamente le distanze da questi su apposite linee di quota.
Come traccia per il disegno dei pilastri è anche possibile utilizzare un disegno (una pianta del progetto
architettonico) in formato DXF o DWG. In questo caso, come ulteriore ausilio, sono disponibili gli snap
agli elementi (punti, linee, ecc.) del disegno DXF o DWG.
Un’altra utilità viene fornita dalla possibilità di visualizzare (in background), sul piano del disegno,
alcune entità (pilastri, travi, ecc.) già disegnate sulla tavola di un altro piano. Anche in questo caso
sono disponibili gli snap agli oggetti visualizzati per procedere in maniera semplice e rapida nel
disegno.
Sulla tavola di un piano, infine, è anche possibile copiare i pilastri (ed altre entità) già disegnati sulla
tavola di un altro piano.
Ogni pilastro disegnato può essere liberamente spostato, ruotato e modificato nelle proprietà.

171
Help di EdiLus

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Modificare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Il Punto Sensibile degli Oggetti
I Pilastri
Come Modificare un Pilastro Disegnato
Le Proprietà del Pilastro
Pilastro Inclinato
Come Assegnare Ulteriori Forze al Pilastro
I Vincoli Interni del Pilastro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Sistemi di Riferimento
Tasti Funzione

172
Help di EdiLus

Come Modificare un Pilastro Disegnato

Un pilastro disegnato nella tavola di un piano può essere liberamente spostato e/o ruotato. Anche le
Proprietà del pilastro disegnato (sezione, posizione del punto sensibile, vincoli, ecc.) possono essere
liberamente modificate.

Spostamento
Per spostare un pilastro già disegnato nella tavola basta effettuare le seguenti operazioni:
 selezionarlo; quando il pilastro è selezionato, sul suo punto sensibile viene proposta la
maniglia per lo spostamento e la rotazione;

fare click sul punto centrale (verde) della maniglia; questa operazione attiva la modalità per lo
spostamento del pilastro ed il cursore assume l’aspetto a lato;
 spostare il punto sensibile del pilastro nella posizione desiderata; in questa fase, per operare
maniera semplice e precisa, risultano molto utili le funzionalità del disegno di EdiLus (Snap,
Zoom, PAN, ecc.); in particolare, sono estremamente utili:

 gli snap attivi che facilitano gli allineamenti con i pilastri già disegnati;
 le linee di quota che riportano dinamicamente la distanza del pilastro che si sta spostando
dagli altri pilastri disegnati;
 le coordinate del punto sensibile del pilastro, che variano dinamicamente sulla barra di stato
ed, eventualmente, nella sezione PUNTO inferiore del toolbox delle proprietà;

Durante gli spostamenti, il punto sensibile del pilastro assume le sole posizioni consentite dagli snap
attivi.
Per posizionare un pilastro in un punto differente da quelli consentiti, è necessario disabilitare uno o più
snap o regolarli opportunamente.

 fare click per fissare la nuova posizione del pilastro.


Lo spostamento del pilastro selezionato può anche essere ottenuto:
 modificando le coordinate, in metri, del suo punto sensibile nei righi X e Y della sezione
Punto inferiore del toolbox delle Proprietà;
oppure
specificando lo spostamento orizzontale e verticale (lungo X e lungo Y) che deve subire il pilastro
nel dialog Sposta che si attiva pigiando il bottone nell’omonimo rigo del toolbox delle Proprietà.

Rotazione
Per ruotare un pilastro disegnato nella tavola basta effettuare le seguenti operazioni:
 selezionarlo; il pilastro selezionato presenta, sul suo punto sensibile, la maniglia per lo
spostamento e la rotazione; il punto sensibile (verde) fungerà anche da centro di rotazione;

Ovviamente, se si intende ruotare il pilastro intorno ad un altro punto, occorre spostare il suo punto
sensibile.
Per spostare il punto sensibile del pilastro selezionato basta pigiare F5 o F6 della tastiera il numero di
volte necessario per fargli assumere la posizione desiderata.

173
Help di EdiLus

fare click su uno dei punti esterni della maniglia; questa operazione attiva la modalità per la
rotazione del pilastro ed il cursore assume l’aspetto a lato;
 spostare opportunamente il punto della maniglia cliccato per ottenere la rotazione desiderata
del pilastro; il punto della maniglia può anche essere allontanato dal centro di rotazione (punto
centrale della maniglia) per favorire eventuali allineamenti con altri oggetti nella tavola.

Nel campo Rotazione delle Proprietà del pilastro può essere dinamicamente riportato l’angolo di
cui e ruotata la sua sezione;

Durante la rotazione, il punto della maniglia spostato assume le posizioni obbligate dagli snap attivi nella
tavola. Pertanto, le rotazioni ottenibili possono anche essere sensibilmente diverse da quella desiderata.
Per ruotare con precisione la sezione di un pilastro può essere necessario disabilitare o regolare
opportunamente gli snap.

 quando il pilastro risulta ruotato dell’angolo desiderato, fare un click per fissarne la
posizione.
Se durante la rotazione si preme, senza rilasciarlo, SHIFT della tastiera, il pilastro viene bloccato nella
posizione ruotata e si attiva la modalità per la sua traslazione. Rilasciando SHIFT si riattiva la modalità
per la rotazione.
Il pilastro selezionato può anche essere ruotato di 90°, in senso antiorario o orario, intorno al suo
punto sensibile pigiando rispettivamente F7 o F8 della tastiera.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
I Filtri per la Selezione degli Oggetti
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Il Punto Sensibile degli Oggetti
I Pilastri
Come Disegnare i Pilastri
Le Proprietà del Pilastro
Pilastro Inclinato
Come Assegnare Ulteriori Forze al Pilastro
I Vincoli Interni del Pilastro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento
Tasti Funzione

174
Help di EdiLus

Le Proprietà del Pilastro

Le Proprietà di un Pilastro possono essere visualizzate e modificate nel toolbox delle Proprietà che si
attiva durante la fase del suo disegno oppure quando esso risulta selezionato.
Le proprietà di un pilastro risultano raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Sezione: nel rigo Sezione viene riportata la stringa che identifica la sezione adottata per il pilastro.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere la sezione del pilastro tra
quelle preventivamente definite.
Materiale: nel rigo Materiale viene riportato il materiale scelto per il pilastro.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere il materiale del pilastro tra
quelli preventivamente definiti.
Allineamento: in tale rigo è possibile scegliere o modificare il punto sensibile del pilastro da utilizzare
per il suo disegno.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui va scelto il punto
sensibile.

Generazione automatica oggetto


Nella sezione Generazione automatica sono presenti i righi:
DXF/DWG, con il check box per richiedere la generazione automatica dei Pilastri a partire dal disegno
DXF/DWG caricato sulla tavola.
MagneticGrid, con il check box per richiedere la generazione automatica dei Pilastri direttamente
dalla MagneticGrid presente nella vista 3D.

Altre caratteristiche…
Nella sezione Altre caratteristiche… viene proposto il rigo Aggressività Ambiente. Nel list box che
si attiva selezionando il rigo va scelta l’opzione (poco, moderata o molto) relativa al livello di
aggressività dell’ambiente in cui si trova il pilastro selezionato.

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Altezza: in tale rigo viene riportata l’altezza, in metri, del pilastro selezionato. Tale altezza, per default,
è pari all’altezza del piano.
L’altezza proposta può essere modificata nel dialog a cui si accede pigiando il bottone visibile
quando il cursore à nel rigo Altezza. In tale dialog sono presenti:
 il campo nuova Altezza in cui va digitata la nuova altezza del pilastro; la modifica
dell’altezza del pilastro viene effettuata spostando la sua base superiore;
 il check box Sposta Entità Collegate la cui selezione richiede che tutte le entità (travi, ecc.)
collegate alla base superiore del pilastro vengano mantenute solidali ad essa e, quindi,
vengano opportunamente spostate lungo la verticale.
Pigiando il bottoncino OK (o INVIO della tastiera), il dialog si chiude e le modifiche richieste
vengono applicate ai pilastri selezionati. Questa funzionalità consente di definire, in maniera
semplicissima, un impalcato inclinato.

175
Help di EdiLus

Rotazione: in tale rigo viene riportato l’angolo di cui risulta ruotata la sezione del pilastro selezionato
intorno al suo punto sensibile. In tale rigo è anche possibile specificare direttamente l’angolo di
rotazione della sezione del pilastro per ottenerne l’inclinazione desiderata nella tavola.
Luce Libera: in tale rigo viene riportata, in metri, la lunghezza libera di inflessione del pilastro
selezionato. Tale valore NON è modificabile.

PUNTO inferiore
Nella sezione PUNTO inferiore vengono proposte (in metri) le coordinate (X, Y) e la Quota (rispetto
al piano del disegno) del punto sensibile della base inferiore del pilastro selezionato.
La Quota può essere modificata digitando il nuovo valore nel relativo campo.
Le coordinate X ed Y possono essere modificate nel dialog a cui si accede pigiando il bottone visibile
nel campo XY quando risulta selezionato il relativo rigo.
Pigiando il bottoncino OK del dialog si ottiene il posizionamento desiderato del pilastro nel disegno.

Ancora al Piano
Nella sezione Ancora al Piano vengono proposte le seguenti proprietà per definire il tipo di
ancoraggio tra la base superiore del pilastro e il piano su cui è stato disegnato:
SUPERIORE: nel list box che si attiva posizionando il cursore nel rigo è possibile scegliere una delle
seguenti opzioni:
SI: la base superiore del pilastro risulta ancorata al piano del disegno; pertanto, modificando la
quota del piano del disegno, la base superiore del pilastro rimane solidale ad esso; cliccando
sul bottoncino a sinistra del list box, viene proposto il campo delta in cui è anche possibile
richiedere uno scostamento, in metri, della base superiore del pilastro dal piano del disegno;
NO: tra la base superiore del pilastro e il piano del disegno NON esiste alcun ancoraggio; pertanto,
modificando la quota del piano del disegno, la quota della base superiore del pilastro rimane
invariata.

Se, per la base superiore del pilastro, occorre richiedere uno scostamento verso il basso rispetto al
relativo piano di appartenenza, il valore specificato nel campo delta deve essere preceduto dal segno –
(meno).
Ovviamente, lo scostamento richiesto viene mantenuto anche se si modifica l’altezza del piano.

Vincoli Interni
Nella sezione Vincoli Interni vengono proposte le seguenti proprietà:
Inferiore: nel rigo Inferiore vengono segnalati, mediante una sequenza di sei lettere S (SI) o N (NO),
quali sono i vincoli interni presenti sulla base inferiore del pilastro.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile
modificare i vincoli interni alle estremità del pilastro.
Superiore: nel rigo Superiore vengono segnalati, mediante una sequenza di sei lettere S (SI) o N
(NO), quali sono i vincoli interni presenti sulla base superiore del pilastro.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile
modificare i vincoli interni alle estremità del pilastro.

Carichi e Forze
Forze Lineari: in tale rigo viene riportato il numero di forze e momenti lineari che caricano il pilastro
selezionato.

176
Help di EdiLus

Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile prendere
visione dei carichi e dei momenti lineari derivanti dall’Analisi dei Carichi (effettuata automaticamente
dal programma) e degli eventuali carichi e momenti lineari aggiuntivi applicati al pilastro dall’Utente.
Forze Concentrate: in tale rigo viene riportato il numero di forze e momenti concentrati che caricano il
pilastro selezionato.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile prendere
visione delle forze e dei momenti concentrati derivanti dall’Analisi dei Carichi (effettuata
automaticamente dal programma) e delle eventuali forze e momenti concentrati aggiuntivi applicati
al pilastro dall’Utente.
Carico Termico: in tale rigo viene indicato (SI o NO) se esistono carichi termici sul pilastro
selezionato.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile
specificare liberamente i carichi termici (nelle tre direzioni) agenti sul pilastro selezionato.

Funzionalità
La sezione Funzionalità comprende le seguenti proprietà:
Mostra su Piano superiore: la selezione di tale check box richiede di assegnare il pilastro
selezionato anche al piano superiore. Al piano superiore, il pilastro viene rappresentato tratteggiato.
Sposta: questa proprietà consente di spostare il pilastro selezionato nel piano del disegno.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo Sposta si apre il dialog in cui vanno
specificate le componenti (lungo X e/o lungo Y) dello spostamento che deve subire il pilastro.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
I Pilastri
Come Disegnare i Pilastri
Come Modificare un Pilastro Disegnato
Pilastro Inclinato
Come Assegnare Ulteriori Forze al Pilastro
I Vincoli Interni del Pilastro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento

177
Help di EdiLus

Come Visualizzare le Forze su un Pilastro

Un pilastro disegnato viene automaticamente caricato con le forze derivanti dall’Analisi dei Carichi
effettuata automaticamente dal programma in funzione degli oggetti (travi, solai, ecc.) che gravano su
esso.
Prima di richiedere il calcolo, l’Utente può caricare liberamente un pilastro con ulteriori forze e
momenti.
Tutte le forze (concentrate e lineari) che competono ad un pilastro possono essere visualizzate nel
dialog Forze Lineari (Forze Concentrate).
Per accedere al dialog Forze Lineari (Forze Concentrate) di un pilastro basta selezionarlo e pigiare il
bottone proposto posizionando il cursore nell’omonimo rigo del toolbox delle Proprietà.
I dialog Forze Lineari e Forze Concentrate di un pilastro sono identici a quelli previsti per le travi.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
I Pilastri
Come Disegnare i Pilastri
Come Modificare un Pilastro Disegnato
Le Proprietà del Pilastro
Pilastro Inclinato
I Vincoli Interni del Pilastro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento

178
Help di EdiLus

I Vincoli Interni del Pilastro

I vincoli Interni di un Pilastro possono essere liberamente definiti dall’Utente con le stesse modalità
previste per la definizione dei vincoli interni delle Travi.
L’applicazione di vincoli esterni sui nodi della struttura può essere effettuata nella vista strutturale di
una vista 3D.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
I Pilastri
Come Disegnare i Pilastri
Come Modificare un Pilastro Disegnato
Le Proprietà del Pilastro
Pilastro Inclinato
Come Assegnare Ulteriori Forze al Pilastro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Viste 3D
Il Calcolo
Sistemi di Riferimento

179
Help di EdiLus

Pilastro Inclinato

L’oggetto Pilastro è un elemento esclusivamente verticale.


Per realizzare un pilastro inclinato il Tecnico ha a disposizione uno specifico oggetto, il Pilastro
Inclinato, che può essere inclinato rispetto alla verticale ruotandolo intorno all’asse x o y della relativa
sezione.
Per disegnare un Pilastro Inclinato sulla tavola di un piano basta effettuare le seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno; questa operazione propone,
nello stesso toolbox, la lista degli elementi strutturali che è possibile disegnare.
Nel toolbox selezionare Pilastro Inclinato per attivare la modalità per il disegno dei pilastri inclinati
ed il toolbox delle relative Proprietà.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà del pilastro inclinato da disegnare
effettuando le seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle proprietà del pilastro.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.
Le proprietà del Pilastro Inclinato sono analoghe a quelle del Pilastro verticale. Ulteriori proprietà
specifiche del Pilastro Inclinato vengono descritte di seguito.

Nel list box, proposto quando il cursore è nel rigo Sezione, scegliere la sezione del pilastro tra
quelle preventivamente definite.
Nel list box, proposto quando il cursore è nel rigo Asse Rotazione, scegliere:

180
Help di EdiLus

asse x, per inclinare il pilastro ruotandolo intorno all’asse parallelo all’orizzontale (asse x) della tavola
della sua sezione e passante per il punto sensibile (v. avanti) della sua base inferiore.
asse y, per inclinare il pilastro ruotandolo intorno all’asse parallelo alla verticale (asse y) della tavola
della sua sezione e passante per il punto sensibile (v. avanti) della sua base inferiore.

Gli schemi seguenti chiariscono ulteriormente gli aspetti appena esposti.

Sezione di base Rotazione intorno asse x Rotazione intorno asse y

 Nel campo inclinazione digitare l’angolo di cui si intende ruotare il pilastro intorno all’asse
scelto.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo Materiale, scegliere il materiale del pilastro tra
quelli preventivamente definiti.

181
Help di EdiLus

Pigiare il bottone proposto quando il cursore è nel rigo Allineamento per accedere al dialog per la
scelta del Punto Sensibile della base inferiore del pilastro. Per scegliere il punto sensibile basta
cliccare sul relativo quadratino e pigiare il bottone in basso per chiudere il dialog.

Un doppio click sul punto sensibile lo seleziona e chiude il dialog.

Il punto sensibile della sezione del pilastro da disegnare può anche essere scelto senza accedere
all’apposito dialog. Pigiando F5 o F6 della tastiera, il punto sensibile si sposta nelle varie posizioni
possibili della sezione del pilastro.
Per un pilastro inclinato, la scelta del punto sensibile influenza anche la sua modalità di inclinazione. Si
ricorda, infatti, che gli assi di rotazione (x o y descritti) per ottenere l’inclinazione del pilastro passano
per il punto sensibile della sua sezione di base.

 Cliccare nella tavola del disegno; questa operazione lega al cursore la sezione del pilastro
scelta. Del pilastro vengono rappresentate la base inferiore (tratteggiata) la base superiore. In
questa fase, pigiando F7 o F8 della tastiera, il pilastro ruota progressivamente di 90° (in senso
antiorario o orario) intorno al punto sensibile scelto; se la sezione del pilastro deve essere ruotata
di un angolo qualsiasi, questo può essere specificato nel campo Rotazione del toolbox delle
proprietà.

 Posizionare il pilastro nel punto opportuno della tavola; durante lo spostamento, le


coordinate del punto, oltre che sulla barra di stato della finestra del programma, vengono proposte
dinamicamente anche nei campi della sezione PUNTO inferiore del toolbox delle Proprietà.
 Cliccare nuovamente per fissare il pilastro nella posizione desiderata. Tutti i dati relativi alla
posizione e alle dimensioni del pilastro vengono riportati negli opportuni campi del toolbox delle
Proprietà.

Si noti che la Luce Libera del pilastro inclinato disegnato, riportata nel Toolbox delle Proprietà, risulta
sempre maggiore dell’altezza del piano.
Nell’Inclinazione, infatti, il programma modifica la lunghezza (luce libera) del pilastro per far si che il
nodo superiore dell’asta appartenga sempre al piano di competenza.

Per i pilastri inclinati vale quanto detto a proposito del disegno e della modifica dei pilastri verticali.

182
Help di EdiLus

L’inclinazione di un “pilastro inclinato” può anche essere modificata graficamente in una vista 3D del
progetto.
Per modificare graficamente l’inclinazione di un pilastro nella vista 3D attiva basta:
 Selezionare il pilastro. Quando un pilastro inclinato è selezionato viene visualizzato il piano
in cui risulta inclinato e la maniglia (pallino verde) del punto sensibile della sezione di base per cui
passa l’asse di rotazione (ortogonale al piano di inclinazione). In alto sul pilastro viene, inoltre,
proposta la maniglia verde per l’allungamento del pilastro e la maniglia azzurra (collegata al
pilastro da una linea tratteggiata) per la modifica dell’inclinazione

 Cliccare, senza rilasciare il pulsante sinistro del mouse sulla maniglia azzurra e spostare il
cursore per ottenere l’inclinazione desiderata. Durante l’inclinazione, nel campo Inclinazione del
Toolbox delle Proprietà viene dinamicamente proposto l’angolo di cui risulta ruotato il pilastro.

 Quando il pilastro risulta inclinato dell’angolo desiderato, cliccare nuovamente per fissarne la
posizione. Questa operazione propone il dialog in cui è possibile modificare il punto sensibile della
base del pilastro (modificando, di conseguenza, la posizione dell’asse di rotazione).

183
Help di EdiLus

 Cliccare sul punto sensibile da adottare per confermarlo e chiudere il dialog.

Pigiando il bottone del dialog a lato il pilastro viene ruotato in pianta di 90°.

Pigiando, invece, il bottone a lato il pilastro viene ruotato in pianta di 180°.

Naturalmente il Pilastro inclinato selezionato può anche essere modificato cambiando


opportunamente i valori delle sue proprietà nel Toolbox delle Proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Modificare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Il Punto Sensibile degli Oggetti
I Pilastri
Come Modificare un Pilastro Disegnato
Le Proprietà del Pilastro
Come Assegnare Ulteriori Forze al Pilastro
I Vincoli Interni del Pilastro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Sistemi di Riferimento
Tasti Funzione

184
Help di EdiLus

Le Travi

Le Travi

Le travi, come i pilastri, sono oggetti che vanno disegnati sulla tavola dei relativi piani di appartenenza.
Per poter disegnare le travi nella tavola NON è necessario aver preventivamente disegnato i pilastri a
cui collegarle. I pilastri, pertanto, possono essere disegnati anche dopo aver disegnato le travi del
piano.
Disegnando una trave, sulla tavola del piano viene rappresentata la base superiore della sua sezione.
La quota a cui viene posizionata la trave può essere liberamente modificata. È possibile, inoltre,
modificare la quota di una estremità della trave, modificandone l’inclinazione, e ruotare la sua sezione.

Il semplice disegno di una trave sulla tavola consente al programma di rilevare una grande quantità di
informazioni necessarie al calcolo.
Tuttavia una trave disegnata nella tavola di un piano è ancora un oggetto generico e non un elemento
specifico del progetto dell’Edificio.
Per rendere una trave disegnata un elemento specifico del progetto, è necessario indicarne le
Proprietà opportune nell’apposito toolbox.
Le proprietà di una trave possono essere specificate nella fase del suo disegno ma possono anche
essere specificate o modificate successivamente.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Le Proprietà degli Oggetti
Il Punto Sensibile degli Oggetti
Come Disegnare le Travi
Come Modificare una Trave Disegnata
Le Proprietà della Trave
Come Assegnare Ulteriori Forze alla Trave
I Vincoli Interni della Trave
Le Travi di Fondazione (Winkler)

185
Help di EdiLus

Travi in Comune Tra Due Impalcati


Trave Parete
Edificio con Piani Sfalsati
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Viste 3D

186
Help di EdiLus

Come Disegnare le Travi

Una trave si disegna semplicemente tracciando, sulla tavola del piano di appartenenza, uno dei punti
sensibili sul lato superiore della sua sezione.
Per disegnare una Trave nella tavola del piano attiva basta effettuare le seguenti operazioni:
 Selezionare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno; questa operazione propone,
nello stesso toolbox, la lista degli elementi strutturali di EdiLus.
Nel toolbox Oggetti Disegno selezionare l’opzione Trave (e Winkler) per attivare la modalità per il
disegno delle travi ed il toolbox delle Proprietà della trave da disegnare.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà della trave da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle principali proprietà della trave.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo Sezione, scegliere la sezione della trave tra quelle
preventivamente definite.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo Materiale, scegliere il materiale della trave tra
quelli preventivamente definiti.
Pigiare il bottone nel rigo Allineamento per aprire il dialog per la scelta del Punto Sensibile della
trave; per scegliere il punto sensibile basta:
 cliccare sul punto sensibile (quadratino) della sezione per selezionarlo; il punto sensibile
selezionato viene proposto in rosso;

pigiare in bottone in basso a sinistra per confermare la scelta e chiudere il dialog; un semplice
doppio click sul punto sensibile, oltre a selezionarlo, chiude direttamente anche il dialog.

Per la trave, a differenza del pilastro, vengono proposti, per la scelta, i soli punti sensibili della base
superiore della sua sezione. Una trave, infatti, si disegna rappresentandone la base superiore nella
tavola del piano di appartenenza.

 Fare click nel punto della Tavola in cui va posizionata la prima estremità della trave; le
coordinate della prima estremità della trave vengono riportate nei campi della sezione Punto
iniziale delle sue Proprietà.

Quando una trave risulta selezionata, il punto sensibile può anche essere scelto senza accedere
all’apposito dialog.
Pigiando F5 o F6 della tastiera, il punto sensibile viene spostato progressivamente nelle posizioni
possibili per la sezione scelta.
Ad esempio, per una trave a T, pigiando ripetutamente F5 o F6, il punto sensibile della sua sezione si
sposta (in avanti o indietro) in uno delle cinque possibili posizioni sulla sua base superiore.

187
Help di EdiLus

La congiungente del punto sensibile delle sezioni iniziale e finale viene evidenziata con uno spessore
maggiore.

 Spostare il cursore nel punto in cui va posizionata la seconda estremità della trave;
ovviamente, avendone fissata un’estremità, la trave può essere solo ruotata e dimensionata
(allungata o accorciata); durante gli spostamenti, su un’apposita linea di quota viene proposta
dinamicamente la lunghezza della trave e la sua inclinazione rispetto all’orizzontale.

In questa fase, tenendo premuto SHIFT della tastiera, si inibisce la possibilità di ruotare e dimensionare
la trave e si attiva la modalità per la sua traslazione. Per poter nuovamente ruotare e dimensionare la
trave basta rilasciare SHIFT della tastiera.
Durante il disegno, il punto sensibile della sezione delle estremità della trave assume le sole posizioni
compatibili con gli snap attivi.
Se una delle estremità deve essere posizionata in un punto differente da quelli consentiti dagli snap, è
necessario disabilitare uno o più snap oppure regolarli opportunamente.

 Cliccare nel punto della tavola in cui va posizionata la seconda estremità (Punto finale) per
fissare la trave disegnata.

È assolutamente necessario che le travi disegnate risultino correttamente collegate ai pilastri o agli altri
elementi strutturali.

Perché due oggetti risultino correttamente collegati tra loro è necessario che si tocchino in almeno un
punto.

La trave disegnata (e selezionata) presenta sulla congiungente i punti sensibili delle sezioni iniziale e
finale due freccette azzurre. Cliccando su tali freccette si sposta il punto sensibile della sezione della
trave.

188
Help di EdiLus

Sulla stessa congiungente viene, inoltre, riportata una freccetta nera che indica la direzione dell’asse
1 del riferimento locale della trave stessa.
Tutte le scelte effettuate per l’ultima trave disegnata (sezione, punto sensibile, ecc.) vengono
riproposte, per default, per il disegno della trave successiva.
Durante il disegno, il corretto posizionamento delle estremità della trave viene agevolato dalle potenti
funzionalità di disegno del programma. In particolare, oltre agli Snap, risultano estremamente utili le
seguenti funzionalità:
 Il Caricamento di una planimetria in formato DXF o DWG. Nella tavola di un piano è
possibile inserire, come sfondo, una planimetria in formato DXF o DWG in modo da avere una
traccia per l’immediata disposizione degli oggetti. La possibilità di disegnare senza prestare
alcuna attenzione alle misure rende l’input (disegno degli oggetti) particolarmente rapido e
comodo. Inoltre, gli elementi (punti, segmenti, ecc.) del grafico DXF o DWG definiscono degli
snap che consentono di posizionare e allineare gli oggetti in maniera semplice e precisa.
 Le Griglie Guida.
Un’altra importante utilità consiste nella possibilità di visualizzare, in Background, sulla tavola di
disegno di un piano, alcune entità (pilastri, travi, ecc.) già disegnate per altri piani. Anche in questo
caso è possibile usufruire degli snap agli oggetti visualizzati per procedere in maniera più semplice e
rapida nel disegno.
Sulla tavola di un piano, infine, è anche possibile copiare le travi (ed altre entità) già disegnate sulla
tavola di un altro piano.
Ogni trave disegnata può essere liberamente spostata, ruotata e modificata nelle proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Il Punto Sensibile degli Oggetti
Le Travi
Come Modificare una Trave Disegnata
Le Proprietà della Trave
Come Assegnare Ulteriori Forze alla Trave
I Vincoli Interni della Trave
Le Travi di Fondazione (Winkler)
Travi in Comune Tra Due Impalcati
Trave Parete
Edificio con Piani Sfalsati
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento
Tasti Funzione

189
Help di EdiLus

Come Modificare una Trave Disegnata

Una trave può essere liberamente traslata e/o ruotata nella tavola di un piano, anche dopo essere
stata disegnata.
Anche le Proprietà di una trave (sezione, punto sensibile, vincoli, ecc.) possono essere liberamente
modificate dopo il suo disegno.

Traslazione
Per traslare una trave già disegnata nella tavola del suo piano di appartenenza, basta effettuare le
seguenti operazioni:
 selezionare la trave; quando la trave risulta selezionata alle sue estremità vengono proposte
le maniglie (pallini) per lo spostamento dei punti sensibili delle sue estremità;

 tenere premuto SHIFT della tastiera e fare click sulla maniglia dell’estremità da prendere a
riferimento per lo spostamento della trave; questa operazione attiva la modalità per la traslazione
della trave;
 spostare l’estremità della trave nella posizione desiderata; le coordinate del punto sensibile
delle estremità della trave vengono proposte negli appositi campi del toolbox delle Proprietà; per
posizionare la trave in maniera semplice e precisa sono di grande aiuto le potenti funzionalità di
disegno del programma;

Durante gli spostamenti, il punto sensibile dell’estremità della trave spostata assume le sole posizioni
consentite dagli snap attivi.
Per posizionare l’estremità della trave in un punto differente da quelli consentiti, è necessario disabilitare
o regolare opportunamente gli Snap.
Se, durante lo spostamento, si rilascia SHIFT della tastiera si inibisce la modalità per la traslazione della
trave e si rende attiva la modalità per la sua rotazione e il suo dimensionamento (allungamento o
accorciamento) (v. avanti).

 fare click per fissare la nuova posizione dell’estremità della trave e rilasciare SHIFT della
tastiera; le coordinate dei punti sensibili delle estremità della trave vengono anche riportate negli
appositi campi del toolbox delle Proprietà.
Lo spostamento della trave selezionata può anche essere ottenuto modificando opportunamente le
coordinate, in metri, delle sue estremità nel toolbox delle Proprietà.

Rotazione
Per ruotare, nel piano del disegno, una trave già disegnata basta effettuare le seguenti operazioni:
 selezionare la trave; quando la trave risulta selezionata alle sue estremità vengono proposte
le maniglie (pallini) per lo spostamento dei punti sensibili delle sue estremità;

190
Help di EdiLus

 fare click sulla maniglia dell’estremità della trave opposta a quella che deve fungere da
centro di rotazione; questa operazione attiva la modalità per la rotazione ed il dimensionamento
della trave;

La modalità per la rotazione della trave nel piano del disegno viene proposta contestualmente alla
modalità per la modifica della sua lunghezza (v. avanti). Una rotazione della trave può, pertanto, essere
effettuata contestualmente al suo dimensionamento.
Ovviamente, per ruotare la trave intorno ad un altro punto della sua sezione di estremità, occorre
spostarne il punto sensibile.
Per spostare il punto sensibile della trave selezionata basta pigiare F5 o F6 della tastiera (o cliccare
sulle apposite freccette azzurre) il numero di volte necessario per fargli assumere la posizione
desiderata.

 spostare opportunamente l’estremità cliccata per ottenere la rotazione desiderata della trave;
durante la rotazione sull’apposita linea di quota viene riportato dinamicamente l’angolo di cui la
trave risulta ruotata nel piano del disegno;

L’estremità della trave spostata assume posizioni compatibili con gli snap attivi nella tavola. Di
conseguenza le rotazioni della trave che è possibile ottenere possono essere sensibilmente diverse da
quella desiderata.
Per ruotare con precisione una trave può essere necessario disabilitare o regolare opportunamente gli
snap attivi.

 quando la trave risulta ruotata dell’angolo desiderato, fare un click per fissarne la posizione;
l’angolo di cui risulta ruotata la trave viene riportato nel campo Angolo XY del toolbox delle
Proprietà.
Se durante la rotazione si preme, senza rilasciarlo, SHIFT della tastiera, la trave viene bloccata nella
posizione ruotata e si attiva la modalità per la sua traslazione. Rilasciando SHIFT viene riattivata la
modalità per la rotazione della trave.
La trave selezionata può anche essere ruotata intorno al suo Punto Iniziale modificando l’angolo che
essa forma con l’orizzontale nel campo Angolo XY del toolbox delle Proprietà.

Dimensionamento
Per modificare la lunghezza di una trave già disegnata basta effettuare le seguenti operazioni:
 selezionare la trave; quando la trave risulta selezionata alle sue estremità vengono proposte
le maniglie (pallini) per lo spostamento dei punti sensibili delle sue estremità;
 fare click sulla maniglia dell’estremità della trave che si intende spostare per modificarne la
lunghezza; questa operazione attiva la modalità per il dimensionamento e la rotazione della trave;
 spostare l’estremità cliccata per modificare la lunghezza della trave; durante le modifiche,
sull’apposita linea di quota, vengono dinamicamente proposte le nuove coordinate dell’estremità
spostata;

Durante il dimensionamento, l’estremità della trave spostata assume posizioni compatibili con snap
attivi. Di conseguenza la lunghezza della trave può risultare sensibilmente diversa da quella desiderata.
Per dimensionare con precisione una trave può essere necessario disabilitare o regolare
opportunamente gli snap attivi.

 quando la trave risulta della lunghezza desiderata oppure quando l’estremità spostata è nel
punto opportuno, fare un click per fissarne le dimensioni o la posizione.
Se durante il dimensionamento si preme, senza rilasciarlo, SHIFT della tastiera, la lunghezza della
trave viene bloccata e si attiva la modalità per la sua traslazione. Rilasciando SHIFT viene riattivata la
modalità per il dimensionamento e la rotazione della trave.

191
Help di EdiLus

La lunghezza della trave selezionata può anche essere variata modificando il valore del campo
Lunghezza del toolbox delle Proprietà.
Ulteriori possibilità di modifica della trave selezionata (variazioni di quota, ecc.) possono essere
effettuate intervenendo sulle opportune proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
I Filtri per la Selezione degli Oggetti
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Il Punto Sensibile degli Oggetti
Le Travi
Come Disegnare le Travi
Le Proprietà della Trave
Come Assegnare Ulteriori Forze alla Trave
I Vincoli Interni della Trave
Le Travi di Fondazione (Winkler)
Travi in Comune Tra Due Impalcati
Trave Parete
Edificio con Piani Sfalsati
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento
Tasti Funzione

192
Help di EdiLus

Le Proprietà della Trave

Le Proprietà di una Trave possono essere visualizzate e modificate nel toolbox delle Proprietà che si
attiva durante la fase del suo disegno oppure quando essa risulta selezionata.

Le proprietà di una trave vengono raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Sezione: nel rigo Sezione viene riportata la stringa che identifica la sezione adottata per la trave.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere la sezione della trave tra
quelle preventivamente definite.
Materiale: Nel list box di questo rigo occorre indicare il materiale della trave tra quelli
preventivamente definiti.

193
Help di EdiLus

Allineamento: in questo rigo va indicato il punto sensibile della sezione della trave da utilizzare per il
suo disegno.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il box in cui va selezionato il punto
sensibile della sezione.
Tipologia trave: nel list box proposto quando il cursore è nel rigo va scelta la tipologia di
appartenenza della trave (in Elevazione o di Fondazione).
Tipo situazione: in questo list box [proposto solo per travi in progetti di strutture esistenti], va indicato
se la trave selezionata fa parte dello stato di Fatto o è una nuova trave (di Progetto).

Generazione automatica oggetto


Nella sezione Generazione automatica oggetto vengono proposti i righi:
DXF/DWG, contenente il check box per richiedere la generazione automatica delle Travi a partire dal
disegno DXF/DWG caricato sulla tavola.
Parete/Muro, contenente il check box per richiedere la generazione automatica delle Travi a partire
dal disegno in background di Pareti e/o Muri disegnati su un altro piano.
MagneticGrid, con il check box per richiedere la generazione automatica delle Travi direttamente
dalla MagneticGrid presente nella vista 3D.

Altre caratteristiche…
Nella sezione altre caratteristiche… vengono proposti i righi:
Analisi Dinamica Verticale per: nel list box di questo rigo va scelta l’opzione opportuna a descrivere
la trave selezionata.

In funzione della scelta effettuata il programma eseguirà o meno l’analisi dinamica verticale sulla
trave selezionata con le modalità previste dalla vigente normativa.
Aggressività Ambiente: nel list box che si attiva posizionando il cursore nel rigo va scelta l’opzione
(poco, moderata o molto) relativa al livello di aggressività dell’ambiente per la trave selezionata.
Se la trave è “di fondazione” (nel list box Tipologia trave è selezionata Fondazione), nella sezione
viene proposto il check Zoppa la cui selezione indica che essa è “zoppa” e NON viene portata in
conto la parte di magro di fondazione con il relativo incremento della superficie di contatto con il
terreno.

Geotecnica
Nella sezione Geotecnica vengono proposte le seguenti proprietà:
Terreno/Stratigrafia: nel box che si apre cliccando il bottoncino proposto in questo rigo quando è
selezionato occorre selezionate la stratigrafia del terreno di fondazione.

194
Help di EdiLus

Se è stato richiesto il calcolo dei cedimenti nel rigo Terreno/Stratigrafia è necessario specificare la
stratigrafia del terreno di fondazione tra quelle preventivamente definite.
In questo caso è anche possibile assegnare, come stratigrafia, un singolo terreno, a condizione che
quest’ultimo sia stato definito come “monostrato” cioè che, nella finestra dei dati di tale terreno,
risulti selezionato il check box Considera come stratigrafia monostrato.

Profondità scavo rispetto a piano campagna: in questo rigo occorre specificare, in metri, la
profondità del piano di fondazione rispetto al piano di campagna.
Presenza falda: la selezione del check box in questo rigo indica la presenza di una falda nella
stratigrafia di fondazione.
Carico Limite: selezionando il bottone proposto nel rigo quando questo è selezionato, si apre il dialog
che riportata i parametri rilevati per il calcolo del Carico Limite. Se NON si desidera far calcolare il
Carico Limite dal programma perché noto, basta selezionare il check in alto a sinistra nel dialog e,
nel campo che si abilita a destra, riportare il valore opportuno.

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Rotazione: in questo rigo è possibile specificare l’angolo di cui si vuole ruotare la sezione della trave
intorno al suo punto sensibile. Tale rotazione consente, ad esempio, di rappresentare una trave a
spessore in un solaio inclinato.

195
Help di EdiLus

Luce Libera: in questo rigo viene riportata, in metri, la lunghezza libera di inflessione della trave. Tale
valore non può essere modificato.

Nel riquadro in cui si definisce l’allineamento della trave nella vista 3D è possibile, pigiando il
bottone a lato, richiedere di specchiare la trave selezionata rispetto alla linea che unisce i punti sensibili
delle sue sezioni di estremità.

PUNTO iniziale
Nella sezione PUNTO iniziale vengono proposte la Lunghezza, l’Angolo XY, le coordinate (X, Y) e la
Quota (rispetto al piano del disegno) del punto sensibile della sezione iniziale della trave selezionata.
Le coordinate X ed Y possono essere modificate nel dialog a cui si accede pigiando il bottone visibile
nel campo XY quando risulta selezionato il relativo rigo.
Pigiando il bottoncino OK del dialog si ottiene il posizionamento desiderato dell’estremità iniziale della
trave nel disegno.

Lunghezza: in tale rigo viene riportata la lunghezza, in metri, della trave selezionata. Il valore della
lunghezza riportato può essere modificato con la conseguente modifica della trave nel disegno
effettuata tenendo fermo il suo punto finale. Per ottenere la modifica della trave nel disegno è
necessario confermare il valore specificato pigiando INVIO della tastiera o spostando il cursore in
un altro rigo.
Angolo XY: questo rigo riporta l’angolo di cui è ruotata la trave rispetto all’orizzontale nel piano del
disegno. Il valore dell’Angolo XY può essere modificato con la conseguente modifica della trave nel
disegno effettuata tenendo fermo il suo punto iniziale. Per ottenere la modifica nel disegno occorre
confermare il valore specificato pigiando INVIO della tastiera o spostando il cursore in un altro rigo.
La Quota può essere modificata digitando il nuovo valore nel relativo campo.

PUNTO finale
Nella sezione PUNTO finale vengono proposte la Lunghezza, l’Angolo XY, le coordinate (X, Y) e la
Quota (rispetto al piano del disegno) del punto sensibile della sezione finale della trave selezionata.
Come per il punto iniziale, anche la quota e le coordinate dell’estremità finale della trave possono
essere modificate per ottenerne il posizionamento desiderato nel disegno.

196
Help di EdiLus

Ancora al Piano
Nella sezione Ancora al Piano vengono proposte le seguenti proprietà per definire il tipo di
ancoraggio della faccia superiore della trave selezionata al piano di appartenenza (piano del disegno):
SUPERIORE: nel list box che si attiva posizionando il cursore nel rigo è possibile scegliere una delle
seguenti opzioni:
NO: tra la trave ed il piano di appartenenza NON esiste alcun ancoraggio, per cui, modificando la
quota del piano di appartenenza, la quota della trave NON viene modificata;
Si: la trave risulta vincolata al piano di appartenenza; pertanto, modificando la quota di tale piano, la
trave rimane solidale ad esso; cliccando sul bottoncino (presente a sinistra del list box solo
quando in esso risulta selezionata l’opzione SI), vengono proposti i campi:
Delta Punto iniziale: in cui è possibile specificare, in metri, lo scostamento desiderato del
punto sensibile della sezione iniziale della trave dal piano di appartenenza;
Delta Punto finale: in cui è possibile specificare, in metri, lo scostamento desiderato del punto
sensibile della sezione finale della trave dal piano di appartenenza.

Se, per le estremità della trave, va richiesto uno scostamento verso il basso rispetto al piano di
appartenenza, i valori specificati nei campi delta Punto iniziale e/o delta Punto finale, devono essere
preceduti dal segno – (meno).
Ovviamente, gli scostamenti richiesti vengono mantenuti anche se si modifica l'altezza del piano di
appartenenza della trave.

Vincoli Interni
Nella sezione Vincoli Interni vengono proposte le seguenti proprietà:
Iniziale: nel rigo Iniziale vengono indicati, con una sequenza di sei lettere S (SI) o N (NO), quali sono i
vincoli interni sulla sezione iniziale della trave.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile
modificare i vincoli sulla sezione iniziale della trave.
Finale: nel rigo Finale vengono indicati, con una sequenza di sei lettere S (SI) o N (NO), quali sono i
vincoli interni sulla sezione finale della trave.
Pigiando il bottone proposto quando il rigo è selezionato, si apre il dialog in cui è possibile
modificare i vincoli interni alle estremità della trave.

Carichi e Forze
Nella sezione Carichi e Forze vengono proposte le seguenti proprietà:
Forze Lineari: in tale rigo viene riportato il numero di forze e momenti lineari che caricano la trave
selezionata.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile prendere
visione dei carichi e dei momenti lineari derivanti dall’Analisi dei Carichi (effettuata automaticamente
dal programma) e degli eventuali carichi e momenti lineari aggiuntivi applicati alla trave dall’Utente.
Forze Concentrate: in tale rigo viene riportato il numero di forze e momenti concentrati che caricano
la trave selezionata.
Pigiando il bottone proposto selezionando il rigo, si apre il dialog in cui è possibile prendere visione
delle forze e dei momenti concentrati sulla trave derivanti dall’Analisi dei Carichi (effettuata
automaticamente dal programma) e di eventuali forze e momenti aggiuntivi applicati, alla trave,
dall’Utente.
Carico Termico: in tale rigo viene indicato (SI o NO) se esistono carichi termici sulla trave
selezionata.
Pigiando il bottone proposto quando il rigo è selezionato, si apre il dialog in cui è possibile
specificare i carichi termici agenti sulla trave.

197
Help di EdiLus

Funzionalità
La sezione Funzionalità comprende le seguenti proprietà:
Mostra su Piano superiore: la selezione di tale check box richiede di assegnare la trave selezionata
anche al piano superiore.
Tale funzionalità è necessaria per disegnare un solaio quando una trave che lo delimita appartiene
al piano sottostante quello su cui esso viene disegnato. Al piano superiore, la trave del piano
inferiore viene rappresentata tratteggiata.

Sposta: pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile
specificare il valore (in metri) di cui si intende sollevare o abbassare verticalmente la trave
selezionata.
Angolo XY-Z: in tale rigo è possibile specificare il valore dell’angolo di cui si intende ruotare la trave
selezionata nel piano verticale passante per il suo asse. Il centro di rotazione attorno a cui viene
ruotata la trave è il Punto Sensibile della sua sezione iniziale.

Per ruotare la trave basta pigiare il bottone proposto quando il rigo è selezionato e indicare il valore
dell’angolo nel dialog che si apre.
Pigiando il bottone OK del dialog (o INVIO della tastiera), questo viene chiuso e la trave, nel
disegno, viene ruotata dell’angolo specificato.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

198
Help di EdiLus

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Le Travi
Come Disegnare le Travi
Come Modificare una Trave Disegnata
Come Assegnare Ulteriori Forze alla Trave
I Vincoli Interni della Trave
Le Travi di Fondazione (Winkler)
Travi in Comune Tra Due Impalcati
Trave Parete
Edificio con Piani Sfalsati
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento

199
Help di EdiLus

Come Visualizzare le Forze su una Trave

Ogni trave viene automaticamente caricata con le forze e i momenti Concentrati e/o Lineari e derivanti
dall’Analisi dei Carichi effettuata dal programma in funzione degli elementi (solai, tamponature, ecc.)
che gravano su essa.
Prima di richiedere il calcolo, l’Utente può caricare liberamente una trave con ulteriori forze, carichi e
momenti aggiuntivi.
Tutte le forze e i momenti lineari (concentrati) applicati ad una trave possono essere visualizzati, ma
NON modificati o cancellati, nel dialog Forze Lineari (Forze Concentrate).
Per accedere al dialog Forze Lineari (Forze Concentrate) di una trave basta selezionarla e pigiare il
bottone proposto selezionando il rigo Forze Lineari (Forze Concentrate) delle sue proprietà.
I dialog Forze Lineari e Forze Concentrate presentano, nella parte superiore, una tabella nei cui righi
vengono riportati i dati delle forze applicate alla trave. Selezionando una forza nella tabella, nelle
sezioni sottostanti, vengono riproposti i relativi dati.
In particolare, nella sezione Condizione di Carico, per la forza selezionata, vengono riportati la
descrizione, la condizione di carico, la tipologia di carico accidentale, il "coefficiente di riduzione delle
masse sismiche ed il sistema di riferimento (Globale o Locale) adottato.
Nella sezione inferiore dei dialog vengono, infine, proposte le componenti della forza (o momento) e i
dati relativi al suo posizionamento sulla trave.

Sia nella tabella che nei campi sottostanti i dati delle forze derivanti dall’Analisi dei Carichi effettuata
automaticamente dal programma vengono riportati in azzurro, mentre quelli delle forze aggiuntive
applicate alla trave dall’Utente vengono proposti in bordeaux.
Per una maggiore facilità di lettura, di seguito viene illustrato il significato di alcuni dati delle forze
riportati nei dialog Forze Lineari e Forze Concentrate.

200
Help di EdiLus

Dialog Forze Lineari


Nella sezione Punto Iniziale del dialog Forze Lineari sono proposti i campi:
Distanza LLI[i], che riporta la distanza dis[i], in metri, tra il punto iniziale della lunghezza libera di
inflessione della trave (LL[i]) e il punto a partire dal quale viene applicato il carico;

Il punto iniziale della lunghezza libera di inflessione della trave coincide con l’origine del suo riferimento
locale. Ovviamente, se il carico è stato applicato a partire dal punto iniziale della lunghezza libera di
inflessione LLI[i], la Distanza LLI[i] è pari a zero.

Carico X/1, Carico Y/2 e Carico Z/3, che riportano i valori (in N/m) delle componenti del carico lineare
nel primo punto [i] in cui questo è stato applicato; tale valori sono specificati, con il segno
opportuno, in funzione del sistema di riferimento (Globale o Locale) adottato;

I campi in cui vanno specificate le componenti del carico vengono nominati Carico X, Carico Y e
Carico Z, se per la definizione del carico è stato adottato il sistema di riferimento globale; vengono,
invece nominati Carico 1, Carico 2 e Carico 3 se è stato adottato il sistema di riferimento locale.

Momento torcente, che riporta il valore (in Nm/m) del momento torcente nel primo punto [i] della
trave in cui questo è stato applicato.
Nella sezione Punto Finale del dialog Forze Lineari vengono, invece, proposti i campi:
Distanza LLI[f], che riporta la distanza dis[f] (in metri) tra il punto finale di applicazione del carico e il
punto finale della lunghezza libera di inflessione della trave (LLI[f]);
Carico X/1, Carico Y/2 e Carico Z/3, che riportano i valori (in N/m) delle componenti del carico lineare
nell’ultimo punto [f] in cui questo è stato applicato; tale valori risultano specificato, con il segno
opportuno, in funzione del riferimento scelto (Globale o Locale);
Momento torcente indicare, in Nm/m, l’eventuale valore del momento torcente nell’ultimo punto [f] in
cui questo viene applicato.

Dialog Forze Concentrate


Nella sezione inferiore del dialog Forze Concentrate vengono proposti i campi:
Distanza LLI[i], che riporta (in metri) la distanza dis[i] tra il punto iniziale della lunghezza libera di
inflessione della trave (LL[i]) e il punto in cui viene applicata la forza;

Forza X, Forza Y e Forza Z, che riportano (in N) i valori delle componenti della forza concentrata nelle
tre direzioni del riferimento Globale; naturalmente tali valori risultano specificati con il segno
opportuno per definire il verso della forza;
Momento X, Momento Y e Momento Z, che riportano (in Nm) i valori delle componenti del momento
nelle tre direzioni del riferimento Globale; anche in questo caso i valori risultano essere specificati
con il segno opportuno.
Per uscire dal dialog basta pigiare il bottone Chiudi sulla sua barra inferiore.

Vedi Anche

201
Help di EdiLus

Il Disegno degli Oggetti


Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Le Proprietà degli Oggetti
Le Travi
Come Disegnare le Travi
Come Modificare una Trave Disegnata
Le Proprietà della Trave
I Vincoli Interni della Trave
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento

202
Help di EdiLus

I Vincoli Interni della Trave

Per default le estremità di una trave (e di un pilastro) vengono vincolate con un incastro ai nodi in cui
confluiscono gli altri elementi della struttura.

Questo comportamento è valido, in genere, per le strutture esclusivamente in cemento armato. Quando
nella struttura sono collegati elementi di materiale diverso e, in ogni caso, NON TUTTI in cemento
armato, l'incastro applicato alle estremità di Travi e Pilastri potrebbe NON coincidere con il vincolo
effettivamente realizzato.
Pertanto, prima di richiedere il calcolo, È OPPORTUNO VERIFICARE ATTENTAMENTE che il vincolo
applicato alle estremità di Travi e Pilastri sia quello effettivamente voluto dal Tecnico.

Tali vincoli Interni di una Trave possono essere liberamente definiti dall’Utente. Per definire il vincolo
interno alle estremità iniziale e finale di una Trave occorre effettuare le seguenti operazioni:
 Selezionare la trave per visualizzare il relativo Toolbox delle Proprietà.
Pigiare il bottone proposto quando il cursore è nel rigo Iniziale della sezione Vincoli Interni del
toolbox per accedere al dialog per la scelta del vincolo.

Pigiare il bottone Scegli vincolo predefinito e, nel menu che si apre, scegliere il vincolo per
l’estremità iniziale o per entrambe le estremità della trave. In funzione della scelta, nei campi della
sezione Vincolo allo Spostamento, per ogni asse di riferimento della trave (asse 1, asse 2 e asse
3), viene riportato il valore:
0 (zero), se il vincolo consente spostamenti lungo l’asse;
100, se lo spostamento lungo l’asse è impedito.

203
Help di EdiLus

Analoghi valori vengono riportati nei campi della sezione Vincolo alla Rotazione per indicare
l’effetto del vincolo scelto sulla rotazione dell’estremità iniziale della trave.
Il vincolo scelto può essere personalizzato dal Tecnico specificando nei campi descritti anche valori
intermedi tra 0 e 100, per definire il grado desiderato di rigidezza del vincolo allo spostamento e alla
rotazione dell’estremità iniziale della trave.
pigiare il bottone OK per confermare e chiudere il dialog; nei righi delle proprietà Iniziale e Finale
viene riportata una stringa composta da lettere (S = 100, N = 0) e dai valori numerici personalizzati
dall’Utente che forniscono un’indicazione sintetica del vincolo definito.
 Se necessario, nel rigo Finale definire, con le modalità illustrate, il vincolo interno
dell’estremità finale della trave.

Il vincolo interno all’estremità finale (iniziale) della trave potrebbe essere già stato definito in fase di
definizione di quello della sua estremità iniziale (finale).

L’applicazione di vincoli esterni sui nodi della struttura può essere effettuata in una vista strutturale
3D.

Vedi Anche
I Vincoli di Travi e Pilastri in Materiale Diverso dal Cemento Armato
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Le Proprietà degli Oggetti
Le Travi
Come Disegnare le Travi
Come Modificare una Trave Disegnata
Le Proprietà della Trave
Come Assegnare Ulteriori Forze alla Trave
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento

204
Help di EdiLus

I Vincoli di Travi e Pilastri in Materiale Diverso dal Cemento Armato

Per default le estremità di un elemento beam (trave o pilastro) di una struttura vengono vincolate agli
altri elementi strutturali con un incastro. Questo comportamento è valido, in generale, per le strutture
esclusivamente in cemento armato.
Quando nella struttura sono collegati elementi di materiale diverso e, in ogni caso, NON TUTTI in
cemento armato, l’incastro applicato alle estremità di Travi e Pilastri potrebbe NON coincidere con il
vincolo effettivamente realizzato.
Questa situazione si può verificare, ad esempio, per gli elementi in "materiale generico " inseriti in una
struttura in cemento armato, oppure per gli elementi in cemento armato o materiale generico inseriti in
una struttura in Muratura.
Pertanto, prima di richiedere il calcolo, È OPPORTUNO VERIFICARE ATTENTAMENTE che il
vincolo applicato alle estremità di Travi e Pilastri sia quello effettivamente voluto dal Tecnico.

Si ricordi che i vincoli di estremità di Travi e Pilastri possono essere visualizzati e modificati nella
sezione Vincoli Interni delle relative Proprietà.

In ogni caso, il programma, durante il Calcolo del Modello Strutturale segnala, mediante dei Warning,
la presenza di:
 Travi in c.a. su pilastri di materiale differente oppure Travi in materiale diverso dal c.a. su
elementi di materiale differente;
 Pilastri in c.a. collegati (in testa e/o al piede) ad elementi di materiale differente oppure
Pilastri in materiale diverso dal c.a. collegati (in testa e/o al piede) ad elementi di differente
materiale.

Nella Diagnostica le segnalazioni descritte, vengono proposte come Warning, cioè avvertenze che
consentono di procedere comunque nel calcolo, in quanto le situazioni rilevate potrebbero essere quelle
effettive.

Il Tecnico deve, quindi, accedere alla sezione Vincoli Interni delle Proprietà delle Travi e/o Pilastri del
tipo segnalato per verificare la correttezza dei vincoli applicati ed eventualmente modificarli
opportunamente in funzione del tipo di collegamento che verrà realizzato.

Per modificare i vincoli di estremità delle Travi e dei Pilastri NON è necessario annullare il Calcolo del
Modello Strutturale, se questo risulta già effettuato.

Per semplificare e velocizzare le operazioni di modifica dei vincoli di estremità delle sole Travi con i
collegamenti descritti, il programma mette a disposizione del Tecnico un’utile funzionalità: il Wizard
Vincoli.
Il Wizard Vincoli consente di modificare, in un’unica soluzione, il vincolo alla rotazione intorno all'asse
3 dell’estremità di tutte le Travi (Tipologia di Travi Esaminate) che ricadono nei casi descritti.

205
Help di EdiLus

Il vincolo alla rotazione intorno all’asse 3 è, infatti, quello su cui, in particolare per le strutture in
muratura, occorre intervenire più frequentemente per definire correttamente il collegamento delle travi
con gli altri elementi.
Per accedere al Wizard Vincoli basta fare doppio click sul Warning della Diagnostica che segnala la
presenza di travi con i collegamenti descritti oppure selezionare, anche prima di richiedere il Calcolo
del Modello Strutturale, l’opzione Wizard Vincoli del menu Strumenti.
Ogni rigo della tabella del Wizard riporta il materiale della Tipologia di Travi Esaminate, cioè del
gruppo di travi collegate, mediante un incastro, ad un nodo della struttura in cui confluisce uno stesso
gruppo di pilastri, muri, ecc. (Entità Collegate), di cui almeno uno è di materiale differente da quello
delle travi stesse.

206
Help di EdiLus

Le segnalazioni riportate nella tabella del Wizard si riferiscono ai collegamenti rilevati nel modello di
calcolo della struttura di esempio della figura precedente.
Si noti che nella tabella è presente un rigo per ogni tipo di collegamento tra le travi e gli altri elementi di
materiale differente. Ciò consentirà di modificare, con un’unica operazione, i vincoli alla rotazione
intorno all’asse 3 di tutte le travi con stesso tipo di collegamento (v. avanti).

Per ogni Tipologia di Travi Esaminate, vengono proposti:


 il check box Modifica Vincolo, la cui selezione richiede la modifica del vincolo alla rotazione
intorno all’esse 3 delle travi (v. avanti);
 il campo Materiale in cui viene indicato il materiale delle travi.
A destra dei dati della Tipologia di Travi Esaminate, vengono proposti il Tipo di Entità (pilastro, muro,
ecc.) ed il Materiale delle Entità Collegate al nodo in cui confluiscono le Travi della Tipologia.
Per modificare il vincolo alla rotazione intorno all’asse 3 di una delle "Tipologie di Travi Esaminate"
basta:
 selezionare il check box Modifica Vincolo del rigo relativo;
 nel list box della sezione Grado di Incastro scegliere il vincolo che collega l’estremità (v.
Importante seguente) della Tipologia di Travi al nodo in cui confluiscono le Entità Collegate; la
scelta dell’opzione Personalizzato abilita il campo adiacente in cui è possibile indicare
liberamente il grado di incastro del vincolo, specificando un valore compreso tra 0 (appoggio) e
100 (incastro);

Se le due estremità delle Travi della Tipologia Esaminata presentano lo stesso tipo di collegamento,
verranno modificati i vincoli alla rotazione intorno all’asse 3 di entrambe le estremità.
Se, invece, le due estremità presentano collegamenti differenti, nel Wizard viene riportato un rigo per
ogni tipo di collegamento (v. figura).

 ripetere le operazioni precedenti per le altre Tipologie di Travi Esaminate di cui occorre
modificare il vincolo;

207
Help di EdiLus

 pigiare il bottone OK per chiudere il Wizard ed ottenere tutte le modifiche richieste.


Naturalmente i collegamenti alle estremità di ogni trave possono essere ulteriormente personalizzati,
modificando opportunamente gli altri vincoli (alla rotazione e/o alla traslazione lungo gli assi del
proprio riferimento) nella sezione Vincoli Interni delle Proprietà di ognuna di esse.

Vedi Anche
I Vincoli Interni della Trave
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Le Proprietà degli Oggetti
Le Travi
Come Disegnare le Travi
Come Modificare una Trave Disegnata
Le Proprietà della Trave
Come Assegnare Ulteriori Forze alla Trave
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento

208
Help di EdiLus

Le Travi di Fondazione (Winkler)

Le travi di fondazioni (alla Winkler) sono comuni travi di EdiLus con specifiche caratteristiche.
Tali travi, pertanto, si disegnano, come qualsiasi altra trave in elevazione.
A parte la scelta di una sezione opportuna (a T rovescia), ciò che differenzia una trave di Fondazione
da una qualsiasi trave è la presenza del Terreno. Il programma, infatti, riconosce una trave di
fondazione per il fatto che, nelle sue proprietà, le è stato assegnato un terreno.
Generalmente, una trave di fondazione va disegnata sul piano Fondazione del progetto. Nulla vieta,
però, di disegnare una trave di fondazione anche su un altro piano del progetto.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Le Travi
Come Disegnare le Travi
Come Modificare una Trave Disegnata
Le Proprietà della Trave
Le Tavole di Disegno dei Piani

209
Help di EdiLus

Travi in Comune Tra Due Impalcati

Per poter disegnare un solaio è necessario che questo risulti racchiuso da travi o pareti.
Se per un solaio inclinato (falda) una delle travi che lo deve racchiudere appartiene al piano
sottostante, è possibile assegnare tale trave anche al piano in cui viene disegnato il solaio stesso.

Le modalità per il disegno del tipo di solaio descritto sono illustrate mediante un semplice esempio. Si
supponga di dover disegnare la struttura nella figura precedente.
Disegnati i pilastri, le travi ed il solaio del primo piano e i due pilastri e le due travi del secondo piano si
acceda, per maggior chiarezza, in una vista 3D (v. figura seguente).
Per disegnare correttamente il solaio inclinato del piano superiore basta:
 selezionare, la trave del primo piano che deve racchiudere il solaio inclinato superiore e
selezionare il check Mostra su Piano superiore nel toolbox delle proprietà;

La stessa operazione va fatta anche per i due pilastri adiacenti alla trave;
 selezionare le due travi del piano superiore e, nel toolbox delle Proprietà, modificare la
Quota della loro estremità libera per portarla alla quota del piano sottostante (nel caso in esame la
quota dell’estremità libera delle travi deve essere posta pari a zero);

210
Help di EdiLus

 nella pianta del piano superiore disegnare il solaio della falda inclinata.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare i Pilastri
Come Modificare un Pilastro Disegnato
Le Proprietà del Pilastro
Come Disegnare le Travi
Come Modificare una Trave Disegnata
Le Proprietà della Trave
Trave Parete
Edificio con Piani Sfalsati
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

211
Help di EdiLus

Trave Parete

L’Oggetto Trave Parete di EdiLus consente di risolvere brillantemente le problematiche derivanti dalla
presenza, nella struttura, di travi estradossate a cui collegare solai a quote differenti.
Una trave parete, quindi, è una trave generalmente di altezza maggiore delle altre che viene
modellata come una parete ai fini del calcolo delle sollecitazioni, ma che viene armata come trave.

Per la corretta computazione automatica degli elementi costituenti le travi pareti (calcestruzzo, casseri,
ecc.) è necessario che queste vengano disegnate con la loro lunghezza effettiva.

Le modalità per il disegno di una Trave Parete sono identiche a quelle di una qualsiasi trave.
Di seguito si riporta un semplice esempio di utilizzo di una Trave Parete.

Per realizzare la struttura in figura basta disegnare, in pianta, il piano dell’edificio (con il solaio alla
quota superiore), come se non esistesse alcuno sfalsamento con il solaio adiacente, e disegnando,
come trave centrale, una Trave Parete.
Naturalmente, se lo spessore dei due solai è di 0,20 m e il loro sfalsamento è di 0,50 m, occorre che
la Trave Parete abbia un’altezza almeno pari a 0,70 m.

212
Help di EdiLus

Per maggior chiarezza si procede operando in una vista 3D del progetto.


Si selezionino le tre travi perimetrali del solaio che deve avere una quota inferiore e pigiare il bottone
che si attiva nel campo Sposta della sezione Funzionalità del toolbox delle Proprietà.

Questa operazione propone il dialog in cui va specificato il valore, in metri, di cui si occorre spostare le
travi selezionate lungo la verticale. Si digiti, quindi -50 nel campo del dialog.

213
Help di EdiLus

Naturalmente, dovendo richiedere una riduzione di quota delle travi, il valore indicato deve risultare
negativo.
Pigiando INVIO della tastiera o l’apposito bottoncino, il dialog viene chiuso e le travi selezionate
vengono portate, con il relativo solaio, alla quota desiderata.

Se necessario, è possibile eliminare i monconi di pilastro risultati dalla riduzione di quota delle travi
selezionandoli e premendo CANC della tastiera.

La stessa struttura potrebbe essere disegnata in maniera differente, magari direttamente in una vista
3D, utilizzando specifiche funzionalità del programma, quali le Magnetic Grid.
In questo caso, disegnando dapprima Pilastri, Travi e Travi Parete, se i solai devono essere orditi come
in figura, il solaio di sinistra si collegherà automaticamente al bordo superiore della trave centrale e il
suo piano risulterà inclinato.
Per ovviare a questo inconveniente basta:
- selezionare il solaio in questione (inclinato);
- nel list box proposto quando il cursore è nel rigo Tipo Riconoscimento del toolbox delle Proprietà
selezionare l’opzione Orizzontale;
- nel campo Quota (sottostante) digitare la quota del piano di calpestio del solaio.

Con le stesse modalità illustrate nell’esempio di edificio a piani sfalsati, è possibile copiare il disegno
effettuato su tutti gli altri livelli (piante) del progetto e dimensionare opportunamente i pilastri copiati
che risultano più corti del necessario.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Disegnare i Pilastri
Come Modificare un Pilastro Disegnato

214
Help di EdiLus

Le Proprietà del Pilastro


Le Travi
Come Disegnare le Travi
Come Modificare una Trave Disegnata
Le Proprietà della Trave
Travi in Comune Tra Due Impalcati
Edificio con Piani Sfalsati
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

215
Help di EdiLus

Edificio con Piani Sfalsati

Grazie alle potenti funzionalità di disegno di EdiLus anche il disegno di un edificio con piani sfalsati
risulta estremamente semplice e rapido.
Di seguito viene illustrata, mediante un semplice esempio, la modalità più efficace per il disegno di un
edificio a piani sfalsati.
Si supponga di dover disegnare l’edificio in figura.

La prima operazione da effettuare è disegnare il primo piano dell’edificio (quello con il solaio a quota
più elevata) come se non esistesse il piano sfalsato (con il solaio a quota inferiore).

Per maggior chiarezza si procede operando in una vista 3D del progetto.

Si selezionino le quattro travi perimetrali del solaio che deve essere disegnato a quota inferiore e
pigiare il bottone che si attiva nel campo Sposta della sezione Funzionalità delle proprietà delle travi.
Questa operazione propone il dialog in cui va specificato il valore, in metri, di cui si intende spostare le
travi selezionate lungo la verticale.

216
Help di EdiLus

Si digiti -1.50 nel campo Delta Z del dialog e si pigi il bottone OK per confermare. Questa operazione
trasla le travi selezionate verso il basso (il valore specificato è negativo). Questa operazione spezza
anche i pilastri all’intersezione con le travi.

Si selezionino gli spezzoni di pilastro eccedenti in figura e si cancellino pigiando CANC della tastiera.

Si proceda al disegno, nella tavola del piano, della trave centrale che deve racchiudere il solaio a
quota superiore.
Nella tavola del piano, la nuova trave deve essere disegnata sovrapponendola a quella esistente che,
essendo stata traslata, si trova ad una quota inferiore.

Si disegnino, quindi, i solai.

217
Help di EdiLus

Se i solai devono essere orditi come in figura, il programma potrebbe non riconoscere a quale delle
travi centrali (superiore o inferiore) si devono collegare.
Per ovviare a tale problema basta disegnare i simboli dei due solai partendo da un punto prossimo
alle travi che certamente appartengono al piano del solaio (nel caso in esame quelle più esterne).
Completato il disegno del primo livello (pianta), è possibile copiare il disegno effettuato su tutti gli altri
livelli (piante) del progetto.
Dalla vista 3D, risulta evidente che, ai piani superiori, i pilastri più bassi copiati dal primo livello
risultano di altezza inferiore a quella del piano.

Per ovviare a tale incongruenza basta:


 selezionare i pilastri di altezza insufficiente (v. figura);
 nel campo Quota della sezione Geometria\Punto Inferiore del toolbox delle Proprietà,
specificare il valore opportuno (-1.50) della quota della loro base affinché essi poggino sui pilastri
sottostanti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Disegnare i Pilastri
Come Modificare un Pilastro Disegnato
Le Proprietà del Pilastro
Come Disegnare le Travi
Come Modificare una Trave Disegnata
Le Proprietà della Trave
Travi in Comune Tra Due Impalcati
Trave Parete
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

218
Help di EdiLus

Le Pareti

Le Pareti

Gli oggetti Parete vanno semplicemente disegnati sulla tavola del piano (impalcato) di appartenenza.
Disponendo una parete sulla tavola di un piano viene rappresentata la sua base superiore, mentre la
sua base inferiore viene posizionata alla quota del piano sottostante.
L’altezza della parete risulta, pertanto, essere proprio quella specificata per il piano stesso.

Ovviamente tale altezza può essere modificata e le basi delle pareti possono essere sfalsate rispetto
ai piani su cui vengono disposte per default.
Il semplice posizionamento di una parete sulla tavola consente al programma di rilevare una grande
quantità di informazioni (ad es. l’altezza e la lunghezza) necessarie per effettuare i calcoli.
Tuttavia una parete semplicemente posizionata nella tavola di un piano è ancora un oggetto generico
e non un elemento specifico del progetto dell’edificio.
Per rendere una parete un elemento specifico del progetto è necessario indicarne le proprietà
specifiche nel toolbox delle Proprietà. Le proprietà di una parete possono essere specificate nella fase
del suo disegno ma possono anche essere specificate o modificate in un qualsiasi momento
successivo.
Una parete di EdiLus può anche essere inserita in un telaio composto da travi e pilastri.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare le Pareti
Come Modificare una Parete Disegnata
Le Proprietà della Parete
Le Tavole di Disegno dei Piani
Disegnare Liberamente i Profili di Pareti e Muri

219
Help di EdiLus

Come Disegnare le Pareti

Una parete si disegna tracciando sulla tavola il punto sensibile scelto del lato superiore della sua
sezione verticale. In pratica, una parete si disegna tracciando sulla tavola un lato o l’asse della sua
base superiore.
Per disegnare una Parete nella tavola del piano attiva basta effettuare le seguenti operazioni:
 Selezionare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno; questa operazione propone,
nello stesso toolbox, la lista degli elementi strutturali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Parete del toolbox per attivare la modalità per il disegno delle pareti ed il
toolbox delle Proprietà della parete da disegnare.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà della parete da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle principali proprietà della parete.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

 Nel campo Spessore del toolbox delle Proprietà specificare lo spessore, in metri, della
parete.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo Materiale, scegliere il materiale della parete tra
quelli preventivamente definiti.
Pigiare il bottone proposto nel rigo Allineamento per attivare il dialog per la scelta del Punto
Sensibile della sezione verticale della parete; per scegliere il punto sensibile della parete basta:
 cliccare sul punto sensibile (quadratino) della sezione verticale della parete per
selezionarlo; il punto sensibile selezionato viene proposto in rosso;
pigiare in bottone in basso a sinistra per confermare la scelta e chiudere il dialog.
Un semplice doppio click sul punto sensibile, oltre a selezionarlo, chiude direttamente anche il
dialog.

Si noti che per una parete vengono proposti, per la scelta, i soli punti sensibili della base superiore della
sua sezione verticale.
Una parete, infatti, si disegna rappresentandone la base superiore nella tavola del piano di
appartenenza.

Durante il disegno della parete o quando essa risulta selezionata, il punto sensibile può anche essere
scelto senza accedere all’apposito dialog.
Pigiando F5 o F6 della tastiera, il punto sensibile si sposta progressivamente nelle tre posizioni possibili
per la sezione verticale della parete.

220
Help di EdiLus

Sulla parete disegnata la congiungente il punto sensibile delle sezioni iniziale e finale viene evidenziata
con uno spessore maggiore.

 Fare click nel punto della Tavola in cui va posizionata la prima estremità della parete; le
coordinate della prima estremità della trave vengono riportate nei campi della sezione PUNTO
iniziale delle sue Proprietà.
 Spostare il cursore nel punto in cui va posizionata la seconda estremità della parete; in
questa fase, avendo fissata un’estremità, la parete può essere solo ruotata e dimensionata
(allungata o accorciata); durante gli spostamenti, su un’apposita linea di quota viene proposta
dinamicamente la lunghezza della parete e la sua inclinazione rispetto all’orizzontale. I dati
geometrici caratteristici della parete possono essere proposti dinamicamente anche nel toolbox
delle Proprietà.

In questa fase, tenendo premuto SHIFT della tastiera, si inibisce la possibilità di ruotare e dimensionare
la parete e si attiva la modalità per la sua traslazione. Per poter nuovamente ruotare e dimensionare la
parete basta rilasciare SHIFT della tastiera.
Durante il disegno, il punto sensibile della sezione delle estremità della parete assume le sole posizioni
compatibili con gli snap attivi.
Se una delle estremità deve essere posizionata in un punto differente da quelli consentiti dagli snap, è
necessario disabilitare uno o più snap oppure regolarli opportunamente.

 Fare click nel punto della tavola in cui va posizionata la seconda estremità (PUNTO finale)
per fissare la lunghezza e l’inclinazione della parete.

È assolutamente necessario che le pareti disegnate risultino correttamente collegate agli altri elementi
della struttura (pilastri, ecc.).
Perché due oggetti risultino correttamente collegati tra loro è necessario che si tocchino in almeno un
punto.

La parete disegnata (e selezionata) presenta sulla congiungente i punti sensibili delle sezioni iniziale e
finale due freccette azzurre. Cliccando su tali freccette si sposta il punto sensibile della sezione della
parete.
Sulla stessa congiungente viene, inoltre, riportata una freccetta nera che indica la direzione dell’asse
1 del riferimento locale della parete.
Tutte le scelte effettuate per l’ultima parete disegnata (punto sensibile, ecc.) vengono riproposte, per
default, per il disegno della parete successiva.
Durante il disegno, il corretto posizionamento delle estremità della parete viene agevolato dalle potenti
funzionalità del programma.
Ogni parete disegnata può essere liberamente spostata, ruotata e modificata nelle proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Le Proprietà degli Oggetti
Il Punto Sensibile degli Oggetti
Le Pareti
Come Modificare una Parete Disegnata
Le Proprietà della Parete
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

221
Help di EdiLus

Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento
Tasti Funzione
Disegnare Liberamente i Profili di Pareti e Muri

222
Help di EdiLus

Come Modificare una Parete Disegnata

Le modalità operative per la modifica delle pareti disegnate nel disegno sono analoghe a quelle
previste per la modifica della travi.
Ovviamente, la parete selezionata nel disegno può anche essere liberamente modificata nelle
proprietà

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Il Punto Sensibile degli Oggetti
Le Pareti
Come Disegnare le Pareti
Le Proprietà della Parete
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione
Disegnare Liberamente i Profili di Pareti e Muri

223
Help di EdiLus

Disegnare Liberamente i Profili di Pareti e Muri

I profili inferiore e superiore delle Pareti e dei Muri disegnati possono essere liberamente sagomati
dall’Utente.
Nella presente pagina dell’help vengono illustrate le modalità per definire il profilo superiore di una
Parete. Con modalità analoghe è possibile definire il profilo inferiore di una Parete e i profili superiore
ed inferiore di un Muro.
Per definire il profilo superiore/inferiore di una Parete disegnata basta effettuare le seguenti
operazioni:
 Selezionare la parete di cui occorre definire il profilo nella Tavola (pianta) del progetto in cui
è stata disegnata.
 Cliccare con il pulsante destro del mouse sulla parete selezionata e, nel menu locale che si
apre, selezionare l’opzione Aggiungi profilo superiore; questa operazione trasforma il bordo
superiore della parete in una Polilinea costituita da due tratti di lunghezza uguale. Cliccando su
un tratto, questo viene selezionato (v. figura) e, nelle proprietà della Parete, viene visualizzata la
sezione Caratteristiche\Tratto Selezionato, in cui è possibile gestire i suoi parametri geometrici.

La possibilità di definire i profili superiore ed inferiore mediante un oggetto Polilinea consente di definire
liberamente Pareti e Muri di forma qualsiasi.
Ogni tratto di una polilinea, infatti, può essere rettilineo oppure può essere trasformato in curva.

 Definire tutti i tratti della polilinea del profilo. Per creare un nuovo tratto delle polilinea basta:
 selezionare il tratto (esistente) della polilinea nella posizione in cui si intende creare il nuovo
tratto;
 cliccare, sul tratto selezionato, con il pulsante destro del mouse e, nel menu locale che si
apre, selezionare Inserisci Nodo; questa operazione spezza il tratto selezionato inserendo,
nel suo punto medio, un nuovo nodo (estremità).
 Definire la posizione delle estremità (nodi) [1] e [2] dei tratti della polilinea nel piano della
parete. Per definire la posizione delle estremità di un tratto basta selezionarlo ed effettuare le
seguenti operazioni nella sezione Tratto Selezionato del Toolbox delle Proprietà:
pigiare il bottoncino nel campo Nodo [1] (Nodo [2]) in cui vengono proposte le coordinate delle
estremità [1] ([2]) del tratto di profilo selezionato;
 nei campi X ed Y del dialog che si apre specificare le nuove coordinate dell’estremità [1]
([2]) del tratto;

224
Help di EdiLus

pigiare il bottone OK per chiudere il dialog ed ottenere le modifiche richieste nel disegno.
Nei campi Lunghezza ed Angolo della sezione vengono riportati, rispettivamente, la lunghezza del
tratto selezionato e l’angolo che esso forma con l’orizzontale (v. figura).

Con le modalità illustrate è possibile definire il profilo superiore di una parete anche in una vista 3D del
progetto.
In questo caso, per lavorare in maniera più agevole e chiara si consiglia di operare in una vista
prospettica della parete da modificare.
In pianta, la posizione (lungo la parete) delle estremità del tratto del profilo selezionato può essere
modificata anche graficamente effettuando le seguenti operazioni:
 cliccare sul nodo (pallino blu) dell’estremità del tratto da spostare per sbloccarla e spostarla
nel punto desiderato; durante lo spostamento viene proposto dinamicamente il valore della
proiezione in pianta della lunghezza del tratto;
 quando l’estremità è nel punto desiderato cliccare nuovamente per fissarne la posizione.
Con la stessa modalità, in una vista 3D del progetto è possibile modificare graficamente la quota di
un’estremità del tratto selezionato usufruendo dell’apposito snap verticale.

225
Help di EdiLus

Operando in pianta, la quota di un’estremità del tratto selezionato può essere definita solo
modificandone la coordinata Y nel dialog del toolbox delle proprietà descritto.
Operando in una vista 3D, la posizione (lungo l’asse X della parete) di un’estremità del tratto selezionato
può essere definita solo modificandone la coordinata X nello stesso dialog del toolbox delle proprietà.
Per operare esclusivamente in maniera grafica, è possibile definire la posizione in pianta (X)
dell’estremità del tratto e, quindi, definirne la quota (Y) in una vista 3D.

Sia in una Tavola (pianta) che in una vista 3D, cliccando, con il pulsante destro del mouse, sul tratto
selezionato del profilo di una parete si apre il menu locale che, oltre alle consuete opzione per la
selezione degli oggetti e per gli zoom, presenta le seguenti opzioni per la gestione del tratto stesso:

Annulla: chiude il menu senza effettuare alcuna operazione.


Termina: termina il disegno effettuato visualizzando (in 3D) il risultato ottenuto.
Cancella profilo: elimina l’intero profilo selezionato.
Cambia in Arco: trasforma il tratto selezionato in un arco di cerchio.
Inserisci Nodo: crea un nuovo tratto del profilo inserendo un nodo al centro del tratto selezionato.
Elimina Nodo: cancella il tratto selezionato eliminando il nodo della sua estremità [2].

Il nodo (e, quindi, il tratto selezionato) NON può essere eliminato se coincide con un nodo di estremità
dell’intero profilo della parete.
Per eliminare un tratto NON eliminabile basta eliminare un tratto eliminabile ad esso adiacente.

Per le modalità per eliminare un tratto di un profilo di una Parete o per trasformarlo in un arco di curva,
si rimanda alla pagina "Come Modificare una Polilinea Disegnata " del presente help.

226
Help di EdiLus

Selezionando un tratto ad arco di un profilo nella sezione Tratto Selezionato del Toolbox delle
proprietà della Parete vengono proposti anche i parametri geometrici per la definizione dell’arco
stesso.
Per modificare un tratto di un profilo superiore di una parete precedentemente definito è necessario
selezionare il tratto stesso ed effettuare le operazioni precedentemente descritte.
Per selezionare (sia in pianta che in una vista 3D) un tratto di un profilo superiore di una parete è
possibile effettuare le seguenti operazioni:

1) selezionare la parete;
2) cliccare, con il pulsante destro della parete selezionata e, nel menu che si apre selezionare
l’opzione Seleziona profilo superiore; questa operazione visualizza il profilo superiore della
parete;
3) nel profilo selezionare il tratto da modificare.
In una vista 3D le operazioni 1) e 2) possono essere sostituite da un semplice click in prossimità del
profilo della parete contenente il tratto da selezionare.

La lunghezza di una parete per cui è stato definito un profilo potrà essere modificata solo
compatibilmente con il profilo stesso.
Ad esempio, NON è possibile accorciare una parete di un valore tale da comportare l’eliminazione di un
nodo del suo profilo.
Per modificare liberamente la lunghezza di una parete con profili è necessario eliminare i nodi opportuni
del suo profilo oppure eliminare l’intero profilo.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Le Pareti
Come Disegnare le Pareti
Come Modificare una Parete Disegnata
Le Proprietà della Parete
Le Tavole di Disegno dei Piani
Sistemi di Riferimento

227
Help di EdiLus

Le Proprietà della Parete

Tutte le Proprietà di una Parete possono essere visualizzate e modificate nel toolbox delle Proprietà
che si attiva durante la fase del suo disegno oppure quando essa risulta selezionata.
Le proprietà di una parete risultano raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Spessore: nel campo Spessore va specificato, in centimetri, lo spessore della parete selezionata o da
disegnare.
Materiale: nel rigo Materiale viene riportato il materiale della parete.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere il materiale tra quelli
preventivamente definiti.
Allineamento: in tale rigo è possibile scegliere o modificare il punto sensibile della parete da utilizzare
per il suo disegno.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui va scelto il punto
sensibile.

Passo HPSHELL
Nella sezione Passo HPSHELL vengono proposti i campi:
Bordi, in cui va indicato il passo, in centimetri, dei nodi delle Shell lungo i bordi della Parete.
Interno, in cui va indicato il passo, in centimetri, dei nodi delle Shell della parte interna della Parete; in
pratica, in questo campo, va indicato il lato dei triangoli equilateri che costituiscono le shell in cui
verrà suddivisa la Parete in fase di calcolo del Modello Strutturale.

Quanto più piccolo è il passo dei nodi delle shell all’"Interno" della Parete, più accurato sarà il calcolo
delle sollecitazioni e sensibilmente più elevati risulteranno i tempi di elaborazione.
La possibilità di indicare, lungo i bordi, un passo dei nodi delle shell inferiore rispetto a quello
dell’"Interno" della Parete, consente di ottenere, per tali zone, un calcolo più accurato, senza comportare
un considerevole aumento dei tempi di elaborazione.

Generazione automatica oggetto


Nella sezione Generazione automatica oggetto viene proposto il rigo da DXF/DWG, con il check
box per richiedere la generazione automatica delle Pareti a partire dal disegno DXF/DWG caricato
sulla tavola.

Altre caratteristiche…
Nella sezione altre caratteristiche… viene proposto il rigo Aggressività Ambiente. Nel list box che
si attiva posizionando il cursore nel rigo va scelta l’opzione (poco, moderata o molto) relativa al
livello di aggressività dell’ambiente per la parete selezionata.

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Lunghezza: in tale rigo viene riportata la lunghezza, in metri, della parete selezionata. Il valore della
lunghezza riportato può essere modificato con la conseguente modifica della parete nel disegno
effettuata tenendo fermo il suo punto iniziale.

228
Help di EdiLus

Angolo XY: in tale rigo viene riportato l’angolo di cui risulta ruotata la parete rispetto all’orizzontale nel
piano del disegno. Il valore dell’Angolo XY riportato può essere modificato con la conseguente
modifica della parete nel disegno effettuata tenendo fermo il suo punto iniziale.

PUNTO iniziale
Nella sezione PUNTO iniziale vengono proposti:
 l’Altezza (in metri) della parete selezionata in corrispondenza della sua estremità iniziale;
 le coordinate X ed Y (in metri) del punto sensibile dell’estremità iniziale della parete;
 la Quota (in metri), rispetto al piano del disegno, della base inferiore della parete nella sua
estremità iniziale.
I parametri descritti possono essere modificati, ottenendo il posizionamento e l’altezza desiderati
dell’estremità iniziale della parete nel disegno.
La Quota e l’Altezza dell’estremità iniziale della parete possono essere modificate digitando i nuovi
valori nei rispettivi campi.
Le coordinate X ed Y possono essere modificate nel dialog a cui si accede pigiando il bottone visibile
nel campo XY quando risulta selezionato il relativo rigo.
Pigiando il bottoncino OK del dialog si ottiene il posizionamento desiderato dell’estremità iniziale della
parete nel disegno.

PUNTO finale
Nella sezione PUNTO finale vengono proposti, per l’estremità finale della parete, gli stessi parametri
geometrici (Altezza, X, Y e Quota) descritti per il suo punto iniziale. Anche questi valori possono
essere modificati per ottenere, nel disegno, il posizionamento e l’altezza desiderati per l’estremità
finale della parete.

Ancora al Piano
Nella sezione Ancora al Piano vengono proposte le seguenti proprietà per definire il tipo di
ancoraggio della faccia superiore della parete selezionata al piano di appartenenza (piano del
disegno):
SUPERIORE: nel list box che si attiva posizionando il cursore nel rigo è possibile scegliere una delle
seguenti opzioni:
NO: tra la parete ed il piano di appartenenza NON esiste alcun ancoraggio, per cui, modificando la
quota del piano di appartenenza, la quota della faccia superiore della parete NON viene
modificata;
SI: la parete risulta vincolata al piano di appartenenza; pertanto, modificando la quota di tale piano,
la faccia superiore della parete rimane solidale ad esso; cliccando il bottoncino (a sinistra del
list box quando in questo risulta selezionata l’opzione SI), vengono proposti i campi:
Delta Punto iniziale: in cui è possibile specificare, in metri, lo scostamento desiderato del
punto sensibile dell’estremità iniziale della parete dal piano di appartenenza;
Delta Punto finale: in cui è possibile specificare, in metri, lo scostamento desiderato del punto
sensibile dell’estremità finale della parete dal piano di appartenenza.

Se, per le estremità della parete, occorre richiedere uno scostamento verso il basso rispetto al piano di
appartenenza, i valori specificati nei campi delta Punto iniziale e/o delta Punto finale, devono essere
preceduti dal segno – (meno).
Ovviamente, gli scostamenti richiesti vengono mantenuti anche se si modifica l'altezza del piano di
appartenenza della parete.

229
Help di EdiLus

Carichi e Forze
Nella sezione Carichi e Forze vengono proposte le seguenti proprietà:
Forze Lineari: in tale rigo viene riportato il numero di carichi lineari derivanti dall’Analisi dei Carichi
(effettuata automaticamente dal programma) presenti sulla parete selezionata.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile prendere
visione dei soli carichi lineari derivanti dall’Analisi dei Carichi (effettuata automaticamente dal
programma).
Forze Superficiali: in tale rigo viene riportato il numero di carichi superficiali derivanti dall’Analisi dei
Carichi (effettuata automaticamente dal programma) sulla parete selezionata.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile prendere
visione dei soli carichi superficiali derivanti dall’Analisi dei Carichi (effettuata automaticamente dal
programma).

Nei dialog Forze Lineari e Forze Superficiali NON vengono riportate eventuali spinte (del terreno o
Idrostatiche) e forze o carichi aggiuntivi applicati alla parete dall’Utente.
Le forze derivanti da una spinta (del terreno o idrostatica) vengono trasferite direttamente alle shell
della parete. Tali forze, pertanto, possono essere visualizzate nel dialog Forze Superficiali delle shell
della parete.
Ulteriori carichi e forze aggiuntive applicati alla parete dall’Utente vengono trasferite direttamente ai
sub nodi delle shell della parete. L’effetto di tali forze, pertanto, potrà essere valutato nel dialog Forze
Concentrate dei sub nodi delle shell della parete.
Ulteriori forze, possono anche essere applicate ai nodi di estremità di una parete. Vincoli e/o
cedimenti possono anche essere applicati ai sub nodi di ogni shell della parete.

Carico Termico: in tale rigo viene indicato (SI o NO) se esistono carichi termici sulla parete
selezionata.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile
specificare la variazione termica tra le facce della parete selezionata.

Funzionalità
La sezione Funzionalità comprende le seguenti proprietà:
Mostra su Piano superiore: la selezione di tale check box richiede di assegnare la parete
selezionata anche al piano superiore. Al piano superiore, la parete viene rappresentata tratteggiata.
Sposta (XY): questa proprietà consente di traslare l’intera parete selezionata nel piano del disegno.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo Sposta si apre il dialog in cui vanno
specificate, in metri, le componenti (Delta X e/o Delta Y) della traslazione che deve subire la
parete. Selezionando anche il check box Sposta Entità Collegate del dialog vengono traslati
anche tutti gli elementi collegati alla parete.
Sposta (Z): questa proprietà consente di traslare l’intera parete selezionata lungo la verticale.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo Sposta si apre il dialog in cui va specificato
il valore, in metri, della traslazione (Delta Z) che la parete deve subire lungo la verticale.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Selezionare un Oggetto

230
Help di EdiLus

Le Proprietà degli Oggetti


Le Pareti
Come Disegnare le Pareti
Come Modificare una Parete Disegnata
Le Tavole di Disegno dei Piani
Sistemi di Riferimento
Disegnare Liberamente i Profili di Pareti e Muri

231
Help di EdiLus

Le Solette

Le Solette

Una volta disegnato le travi e/o le pareti necessarie, è possibile procedere al disegno delle eventuali
solette.
Una soletta si definisce indicando, mediante il disegno dell’oggetto Soletta nella tavola del piano di
appartenenza, la sua direzione principale e, di conseguenza, la direzione secondaria (ortogonale a
quella principale).
Le direzioni principale e secondaria specificate per una soletta consentono la sua modellazione
mediante la suddivisione in shell. In pratica, le direzioni definite per una soletta sono anche quelle
lungo le quali saranno disposte le armature.
Il programma raccorda automaticamente la soletta agli elementi (travi e/o pareti) su cui poggia
individuando tre punti per cui passa il suo piano. I primi due punti sono le intersezioni della direzione
principale della soletta con le travi o pareti su cui questa poggia, mentre il terzo è l’intersezione
dell’ortogonale alla direzione principale con la relativa trave o parete.
Quindi, comunque risultino inclinati gli appoggi (ad es. le travi), il programma collega automaticamente
ad esse la soletta disegnandola nel miglior modo possibile.
In ogni caso il tecnico può modificare la soletta disegnata dal programma potendo, definire
manualmente i tre punti per cui passa il suo piano.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Le Proprietà degli Oggetti
Come Disegnare le Solette
Come Modificare una Soletta Disegnata
Le Proprietà della Soletta
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento

232
Help di EdiLus

Come Disegnare le Solette

Per disegnare una soletta nella tavola del piano attiva basta effettuare le seguenti operazioni:

Ovviamente, per poter disegnare una soletta è necessario che risultino disegnate le travi e/o le pareti su
cui essa deve poggiare.

 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno; per visualizzare la lista degli
elementi strutturali che è possibile disegnare.
Nel toolbox selezionare l’opzione Soletta per attivare la modalità per il disegno delle solette ed il
toolbox delle Proprietà della soletta da disegnare.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà della soletta da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle principali proprietà della soletta.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

 Nel campo Spessore del toolbox delle proprietà specificare lo spessore, in centimetri, della
soletta.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo Materiale, scegliere il materiale della soletta tra
quelli preventivamente definiti.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo Analisi Carichi, scegliere l’analisi dei carichi
della soletta tra quelle preventivamente definite.
 Nei campi della sezione Dimensioni SHELL specificare, in centimetri, i passi per la
suddivisione in shell per la modellazione della soletta.
 Fare click nella zona dell’impalcato in cui va disegnata la soletta. Questa operazione
inserisce, nel punto cliccato, il simbolo dell’oggetto Soletta che può ruotare liberamente intorno al
suo punto centrale.
 Ruotare il simbolo della soletta in modo da indicare, con le apposite freccette, la direzione
principale ed il relativo verso. La direzione secondaria risulta definita di conseguenza in quanto
ortogonale alla principale. Le direzioni specificate sono necessarie per la modellazione
(suddivisione in shell) della soletta e anche quelle di armatura.

233
Help di EdiLus

Il verso della direzione principale della soletta, indicato dalla doppia freccia de suo simbolo, definisce il
verso dell’asse 2 del suo sistema di riferimento locale.
Questa indicazione è necessaria per consentire, all’Utente di applicare correttamente delle forze
aggiuntive alla soletta.

 Quando la direzione principale della soletta è quella corretta cliccare nuovamente per
fissarla. Se la soletta è stata definita correttamente viene campita in grigio scuro.

Il programma collega automaticamente il solaio agli elementi (travi e/o pareti) a cui esso è vincolato.
Esistono, però, dei casi in cui il programma potrebbe non riconoscere correttamente gli elementi (ad
es. le travi) che lo racchiudono. Ad esempio, quando, due travi sono a quota differente.
Il programma segnala l’eventuale incongruenza con la stringa Errore in rosso sul simbolo della
soletta.

In questo caso il tecnico può definire manualmente il piano della soletta con modalità analoghe a
quelle descritte per i solai.

Importanti Precisazioni sulla Verifica a Punzonamento delle Solette


Selezionando il check box Verifica a Punzonamento nella pagina Preferenze dei Dati Generali del
progetto, si richiede che venga effettuata la verifica a punzonamento su solette e platee.
In tal caso, per le solette, viene effettuata la verifica a punzonamento nei nodi al piede e in testa dei
pilastri ad essa collegati che, a loro volta, NON risultano collegati a travi emergenti o pareti.
Perché il programma, riconosca un pilastro isolato (NON collegato a travi o pareti) e, quindi, effettui la
verifica a Punzonamento su una soletta, è necessario che i nodi in testa e/o al piede del pilastro siano
collegati a un altro elemento strutturale “annegato” nella soletta.

234
Help di EdiLus

Soluzioni NON Corrette

In pratica il nodo del pilastro deve essere collegato ad una Trave a spessore o ad una Travetta CFC
il cui spessore NON ecceda quello della soletta stessa.
Inoltre, se la presenza di Travi a spessore o Travette CFC comporta la suddivisione di una soletta in
più solette confluenti nel nodo oggetto di verifica, queste devono essere complanari, avere tutte lo
stesso spessore ed essere costituite dallo stesso materiale.

Per la correttezza della verifica a punzonamento è opportuno, collegare il nodo oggetto di verifica (in
testa o al piede del pilastro) ad una Trave a spessore “annegata” nella soletta solo quando questa è
effettivamente presente nella struttura. In tutti gli altri caso si consiglia di collegare tale nodo ad una o
più Travette CFC.
Una Travetta CFC è finalizzata al solo disegno di una soletta per evitare di doverla delimitare, lungo
tutto il perimetro, con travi o pareti. Una Travetta CFC. pertanto, NON ha alcuna valenza strutturale e,
quindi, NON influisce assolutamente sul calcolo e, quindi, sul risultato della verifica a punzonamento.

Nella figura in basso sono riportati esempi di collegamento, mediante Travette CFC, di un pilastro
isolato ad una soletta, in modo da poterne richiedere la verifica a punzonamento.

235
Help di EdiLus

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Le Solette
Come Modificare una Soletta Disegnata
Le Proprietà della Soletta
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Personalizzazioni del Programma
Sistemi di Riferimento

236
Help di EdiLus

Come Modificare una Soletta Disegnata

Per modificare una soletta disegnata è necessario selezionarla cliccando su essa nella modalità per la
selezione degli oggetti.
Quando la soletta risulta selezionata, sul suo simbolo viene proposta la maniglia per lo spostamento e
la rotazione.
In particolare, una rotazione del simbolo della soletta comporta la modifica delle sue direzioni
principale e secondaria.
Per modificare la direzione principale della soletta selezionata basta:
 cliccare sul pallino all’estremità del simbolo della soletta che indica la sua direzione
principale per sbloccarla;
 ruotare il simbolo della soletta spostando la sua estremità sbloccata;

Tenendo premuto SHIFT della tastiera si inibisce la modalità per la rotazione del simbolo della soletta e
si attiva la modalità per la sua traslazione.
Effettuata la traslazione desiderata, per ripristinare la modalità per la rotazione basta rilasciare il tasto
SHIFT.

 quando il simbolo risulta correttamente posizionato ed orientato nella tavola cliccare


nuovamente per fissarlo.
La soletta selezionata può anche essere modificata liberamente nelle proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Le Solette
Come Disegnare le Solette
Le Proprietà della Soletta
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento

237
Help di EdiLus

Le Proprietà della Soletta

Le Proprietà di una Soletta possono essere visualizzate e modificate nel toolbox delle Proprietà che si
attiva durante la fase del suo disegno oppure quando essa risulta selezionata.
Le proprietà di una soletta risultano raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Spessore: nel campo Spessore va specificato, in centimetri, lo spessore della soletta selezionata o da
disegnare.
Materiale: in tale rigo viene riportato il materiale della soletta.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere il materiale tra quelli
preventivamente definiti.
Analisi Carichi: in tale rigo viene riportata l'analisi dei carichi adottata per la soletta.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere l’analisi dei carichi della
soletta tra quelle preventivamente definite.

Passo HPSHELL
Nella sezione Passo HPSHELL vengono proposti i campi:
Bordi, in cui va indicato il passo, in centimetri, dei nodi delle Shell lungo i bordi della Soletta.
Interno, in cui va indicato il passo, in centimetri, dei nodi delle Shell della parte interna della Soletta; in
pratica, in questo campo, va indicato il lato dei triangoli equilateri che costituiscono le shell in cui
verrà suddivisa la Soletta in fase di calcolo del Modello Strutturale.

Quanto più piccolo è il passo dei nodi delle shell all’"Interno" della Soletta, più accurato sarà il calcolo
delle sollecitazioni e sensibilmente più elevati risulteranno i tempi di elaborazione.
La possibilità di indicare, lungo i bordi, un passo dei nodi delle shell inferiore rispetto a quello
dell’"Interno" della Soletta, consente di ottenere, per tali zone, un calcolo più accurato, senza
comportare un considerevole aumento dei tempi di elaborazione.

La discretizzazione della Soletta viene effettuata rendendo parallelo alla sua direzione Principale uno
dei lati dei triangoli equilateri delle shell.

Altre caratteristiche…
Nella sezione altre caratteristiche… viene proposto il rigo Aggressività Ambiente. Nel list box che
si attiva posizionando il cursore nel rigo va scelta l’opzione (poco, moderata o molto) relativa al
livello di aggressività dell’ambiente per la soletta selezionata.

238
Help di EdiLus

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Superficie: nel campo superficie viene riportata la superficie (in m2) della soletta selezionata,
calcolata automaticamente dal programma. Ovviamente, tale valore NON è modificabile.

PUNTO inserimento
Nella sezione PUNTO inserimento vengono proposte le coordinate (X ed Y), in metri, del punto
centrale (fucsia) del simbolo della soletta selezionata.

Le coordinate X ed Y possono essere modificate nel dialog a cui si accede pigiando il bottone visibile
nel campo XY quando risulta selezionato il relativo rigo.
Pigiando il bottoncino OK del dialog si ottiene il posizionamento desiderato del punto centrale del
simbolo della soletta.

PUNTO di direzione Principale


Nella sezione PUNTO di direzione Principale vengono proposte le coordinate (X ed Y), in metri, del
punto (blu) del simbolo della soletta con la doppia freccia che indica la sua direzione principale.
Le coordinate di questo punto possono essere modificate, per ottenere il suo posizionamento
desiderato nel disegno, con le stesse modalità previste per la modifica delle coordinate del "PUNTO
Inserimento".

Angolo XY
Nel campo Angolo XY è possibile modificare l’angolo di inclinazione della direzione principale della
soletta selezionata rispetto all’orizzontale.

Riconoscimento PIANO
Nella sezione Riconoscimento PIANO sono presenti le seguenti proprietà per la definizione dei criteri
che il programma deve adottare per il riconoscimento del piano della soletta:
Tipo Riconoscimento: nel list box che si attiva quando il cursore è in tale rigo è possibile scegliere
una delle seguenti opzioni:
automatico: richiede che l’individuazione della soletta disegnata venga effettuata automaticamente
dal programma; tale opzione è quella consigliata nella stragrande maggioranza dei casi.
orizzontale: richiede che l’individuazione della soletta disegnata venga effettuata automaticamente
dal programma imponendo, però, che essa deve essere sempre orizzontale; in questo caso il
programma, nel definire la soletta NON tiene conto di eventuali travi o pareti che ne possono
compromettere l’individuazione.
manuale: richiede che la soletta venga definita manualmente dall’Utente mediante il
posizionamento di tre punti per cui passa il suo piano; la selezione di tale opzione, infatti,
rappresenta la soletta (nel piano del disegno e nelle viste 3D) con tre pallini verdi numerati da
spostare in tre punti che certamente fanno parte del piano del soletta stessa.
Tipo Quota [presente se nel list box Tipo Riconoscimento è stata scelta l’opzione Orizzontale o
Manuale]: nel list box, che si attiva quando il cursore è in tale rigo, è possibile scegliere una delle
seguenti opzioni:

239
Help di EdiLus

relativa al piano: se il valore della quota nel campo Quota sottostante deve essere riferito al piano
su cui la soletta viene disegnata;
assoluta: se il valore della quota nel campo Quota sottostante deve essere riferito al piano a quota
0 (zero).
Quota [presente se nel list box Tipo Riconoscimento è stata scelta l’opzione Orizzontale]: nel campo
quota viene riportata, in metri, la quota del piano della soletta selezionata. Il valore riportato in tale
campo può essere variato con la conseguente modifica della soletta nel disegno. Ovviamente la
quota va espressa rispetto:
 al piano del disegno se nel list box Tipo Quota risulta selezionata l’opzione "relativa al
piano";
 al piano a quota 0 (zero) se nel list box Tipo Quota risulta selezionata l’opzione "assoluta".

PUNTO [1], PUNTO [2] e PUNTO [3]


Le sezioni PUNTO [1], PUNTO [2] e PUNTO [3] risultano visualizzate solo se, nel list box Tipo
Riconoscimento risulta selezionata l’opzione manuale.
Nei campi di tali sezioni vengono proposte, in metri, le coordinate X, Y e la Quota dei tre punti per la
definizione manuale del piano della soletta.
La Quota di ogni Punto può essere specificata digitandola nell’apposito campo della relativa sezione e
pigiando INVIO della tastiera per confermare.
Le coordinate X ed Y di ognuno dei tre punti per cui deve passare il piano della soletta, oltre a poter
essere definite graficamente nel disegno, possono essere specificate nel dialog a cui si accede
pigiando il bottone visibile nel rigo XY della relativa sezione quando questo risulta selezionato.
Pigiando il bottoncino OK del dialog si ottiene il posizionamento desiderato del punto per la definizione
del piano della soletta nel disegno.

Carichi e Forze
Nella sezione Carichi e Forze vengono proposte le seguenti proprietà:
Forze Superficiali: in tale rigo viene riportato il numero dei carichi superficiali sulla soletta selezionata
derivanti dall’Analisi dei carichi effettuata automaticamente dal programma.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile prendere
visione dei soli carichi superficiali derivanti dall’Analisi dei Carichi effettuata dal programma.

Nel dialog Forze Superficiali NON vengono riportate eventuali forze o carichi aggiuntivi applicati alla
soletta dall’Utente.
Carichi e forze aggiuntive applicate alla soletta dall’Utente vengono trasferiti direttamente ai sub nodi
delle shell della soletta. L’effetto di tali forze, pertanto, potrà essere valutato nel dialog Forze
Concentrate dei sub nodi delle shell della soletta.
Ulteriori forze possono anche essere applicate ai nodi di estremità di una soletta. Vincoli e/o cedimenti
possono anche essere applicati ai sub-nodi di ogni shell della soletta.

Carico Termico: in tale rigo viene indicato (SI o NO) se esistono carichi termici sulla soletta
selezionata.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile
specificare la variazione termica tra le facce della soletta selezionata.

Aspetto

240
Help di EdiLus

Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Le Solette
Come Disegnare le Solette
Come Modificare una Soletta Disegnata
Le Tavole di Disegno dei Piani
Sistemi di Riferimento

241
Help di EdiLus

I Fori

Come Disegnare un Foro

EdiLus consente di praticare fori in Pareti o Solette e Platee.


Per disegnare un foro in una parete, in una soletta o in una Plateadisegnata nella tavola del piano
attiva, basta effettuare le seguenti operazioni:
 Selezionare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno; questa operazione propone,
nello stesso toolbox, la lista degli elementi strutturali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Foro del toolbox per attivare la modalità per il disegno dei fori ed il toolbox
delle Proprietà del foro da disegnare.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà del foro da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle principali proprietà del foro.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

Nel list box Forma del toolbox delle Proprietà scegliere la forma del foro (rettangolare, circolare,
libero, ecc.) da disegnare.

Naturalmente, se nel list box Forma si seleziona l’opzione Libero per indicare che si intende disegnare
un foro di forma qualsiasi in una parete, il disegno del foro può essere effettuato unicamente in una vista
3D dell’edificio (v. avanti).
In questo caso, ovviamente, tutti i campi della sezione Geometria del toolbox delle Proprietà vengono
nascosti in quanto la geometria del foro può essere solo definita graficamente dall’utente in una vista
3D.

 Nei restanti campi della sezione Geometria del toolbox delle Proprietà specificare tutti i
parametri geometrici necessari per la definizione del foro. Ovviamente, nella sezione
Geometria vengono proposti i campi opportuni in relazione alla forma del foro scelta.

Fare click sulla base superiore della parete disegnata nella tavola; questa operazione attiva la
modalità per il posizionamento del foro definito. Il cursore si trasforma in quello a lato ad indicare
che in questa fase è possibile spostare liberamente il foro lungo la parete.
 Spostare il foro nel punto opportuno della parete e fare click per fissarne la posizione.
Nella tavola di un piano il disegno di un foro in una soletta è agevole in quanto si opera proprio nel
piano in cui il foro va disegnato.
Il disegno di un foro in una parete nella tavola del piano in cui questa è stata disegnata risulta meno
intuitivo in quanto il foro viene ad essere rappresentato da una sua sezione orizzontale.
Per disegnare un foro in una parete può risultare conveniente operare in una vista 3D della struttura.
Peraltro, il disegno di un foro di forma qualsiasi (Libero) può essere effettuato unicamente in una vista
3D o nell’opportuno prospetto che è possibile ottenere in essa.

Modificando una soletta (o platea) oppure uno degli elementi ad essa collegati (travi, ecc.) potrebbe
essere perso il foro su essa disegnato.
Si consiglia, pertanto, di procedere al disegno dei fori solo quando si è certi che gli elementi da forare
non saranno più modificati.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti

242
Help di EdiLus

Indicazioni di Carattere Generale


Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Modificare un Foro Disegnato
Le Proprietà del Foro
Le Proprietà dei Fori in Pareti, Solette e Platee
Le Proprietà dei Fori nei Muri
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

243
Help di EdiLus

Come Modificare un Foro Disegnato

Le modalità operative per la modifica di un foro sono analoghe a quelle previste per tutti gli altri
oggetti.
Per modificare un foro disegnato basta, infatti, selezionarlo ed intervenire graficamente secondo le
modalità illustrate per il suo disegno oppure intervenire sulle sue proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Proprietà del Foro
Le Proprietà dei Fori in Pareti, Solette e Platee
Le Proprietà dei Fori nei Muri
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

244
Help di EdiLus

Le Proprietà del Foro

Le Proprietà di un Foro possono essere visualizzate e modificate nel toolbox delle Proprietà attivo
durante il suo disegno oppure quando esso risulta selezionato.
Il toolbox delle Proprietà di un Foro si presenta in maniera differente a seconda che esso risulti
inserito in un elemento (pareti, solette, e platee) di una struttura in cemento armato oppure in un Muro.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Come Modificare un Foro Disegnato
Le Proprietà dei Fori in Pareti, Solette e Platee
Le Proprietà dei Fori nei Muri
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

245
Help di EdiLus

Le Proprietà dei Fori in Pareti, Solette e Platee

Il toolbox delle Proprietà di un Foro disegnato in una Parete, una Soletta o una Platea in cemento
armato risulta organizzato nelle seguenti sezioni.

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà del Foro:

Forma: nel list box del rigo Forma va definita la forma del Foro selezionato o da disegnare, scegliendo
una delle seguenti opzioni:
Rettangolo: richiede che il Foro abbia forma rettangolare;
Cerchio: richiede che il Foro abbia forma circolare;
Arco+Rettangolo: richiede che il Foro abbia la forma di un rettangolo sormontato da un arco di
cerchio;
Trapezio: richiede che il Foro abbia la forma di un trapezio rettangolo;
Doppio Trapezio: richiede che il Foro abbia la forma di un rettangolo sormontato da un triangolo;
Ovale: richiede che il Foro abbia forma ellittica;
Libero: richiede che il Foro venga definito dall’Utente mediante il disegno di una Polilinea.

Passo HPSHELL
Nel campo Bordi della sezione Passo HPSHELL va indicato, in centimetri, il passo dei nodi dei
triangoli delle shell della parete/soletta/platea sul bordo del Foro inserito. La possibilità di indicare
questo valore consente di creare degli infittimenti dei nodi delle shell sul bordo del Foro per ottenere,
in queste zone, un calcolo delle sollecitazioni più accurato.

Geometria
La sezione Geometria delle proprietà di un Foro presenta sempre i campi:
Rotazione [abilitato solo se il foro è disegnato in una soletta o in una platea], che riporta l’angolo di
cui è ruotato il Foro rispetto alla direzione principale della soletta o platea su cui viene disegnato.

I Fori possono essere ruotati solo nelle Solette e nelle Platee.


Ruotando o spostando la maniglia per la definizione della direzione principale di una soletta o di una
platea, i fori su essa disegnati potrebbero essere persi.

246
Help di EdiLus

Distanza BASE: in tale campo viene riportata la distanza del punto più basso del foro dal bordo
dell’elemento (parete, ecc.) in cui esso risulta inserito. Tale distanza, riportata anche nel disegno,
viene misurata lungo la direzione principale dell’elemento in cui risulta inserito il foro.
Distanza LATERALE: in tale campo viene riportata la distanza del punto più esterno del Foro dal
bordo dell’elemento (parete, ecc.) in cui esso risulta inserito. Tale distanza, riportata anche nel
disegno, viene misurata lungo la direzione secondaria dell’elemento in cui risulta inserito il foro.
Modificando i valori nei campi descritti si ottengono i corrispondenti spostamenti del Foro (selezionato)
nel disegno.

Per ottenere, nel disegno, le modifiche corrispondenti alle modifiche apportate nei campi delle Proprietà,
è necessario confermare i nuovi valori pigiando INVIO della tastiera o spostando il cursore in un altro
campo.

Gli altri campi proposti nella sezione Geometria variano in funzione della forma del Foro scelta nel list
box Forma.

Rettangolo
Se nel list box Forma risulta selezionato Rettangolo, nella sezione Geometria vengono proposti i
campi:
Larghezza, che riporta la larghezza, in metri, del Foro.
Altezza, che riporta l’altezza, in metri, del Foro.
Modificando i valori nei campi si ottengono le corrispondenti modifiche nel disegno.

Cerchio
Se nel list box Forma risulta selezionato Cerchio, nella sezione Geometria viene proposto il campo
che riporta il Raggio (in metri) del Foro. Modificando il valore del campo si ottiene la modifica del
cerchio nel disegno.

Arco + Rettangolo
Se nel list box Forma risulta selezionato Arco + Rettangolo, nella sezione Geometria vengono
proposti i campi:
Larghezza, che riporta la larghezza (in m) della parte rettangolare del Foro.
Altezza, che riporta l’altezza (in m) della parte rettangolare del Foro.
Raggio Arco, che riporta il raggio (in m) dell’arco che sormonta il rettangolo.
Modificando i valori nei campi si ottengono le corrispondenti modifiche nel disegno.

Trapezio e Doppio Trapezio


Se nel list box Forma risulta selezionato Trapezio (Doppio Trapezio), nella sezione Geometria
vengono proposti i campi con i parametri per la definizione della geometria del Foro. Modificando i
valori nei campi si ottengono le corrispondenti modifiche nel disegno.

Ovale
Se nel list box Forma risulta selezionata l’opzione Ovale, nella sezione Geometria vengono proposti i
campi Semiasse Maggiore, Semiasse Minore e Rotazione che riportano, in metri, i parametri
geometrici dell’ovale. Modificando i valori nei campi si ottengono le corrispondenti modifiche nel
disegno.

Libero
La selezione dell’opzione Libero nel list box Forma non propone alcun campo nella sezione
Geometria, in quanto la sua scelta richiede di definire liberamente il foro mediante il disegno di una
polilinea.

247
Help di EdiLus

Naturalmente, per disegnare un foro di forma qualsiasi su una parete o un muro, occorre operare
necessariamente in una Vista 3D del Progetto o in una sua vista prospettica.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Come Modificare un Foro Disegnato
Le Proprietà del Foro
Le Proprietà dei Fori nei Muri
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

248
Help di EdiLus

Le Proprietà dei Fori nei Muri

Il toolbox delle Proprietà di un Foro disegnato in un oggetto Muro presenta le stesse proprietà di un
Foro disegnato in una Parete in cemento armato.
Oltre alle stesse proprietà del Foro in una Parete, il Foro in un Muro presenta le seguenti proprietà
nella sezione Caratteristiche del Toolbox delle Proprietà.

Fasce resistenti a trazione


In questa sezione il Tecnico può indicare, mediante la selezione dei check box Superiore e/o
Inferiore, se la fascia sovrastante e/o sottostante il foro presenta un elemento resistente a trazione.
La presenza di un elemento resistente a trazione in corrispondenza di una fascia comporta, per
quest’ultima, verifiche molto meno onerose.
Il programma tiene conto comunque della presenza di un elemento resistente a trazione per una
fascia, se questa si trova in corrispondenza della piattabanda o della cerchiatura prevista per il foro (v.
avanti).
In assenza di piattabanda o cerchiatura del foro, la selezione dei check Superiore e/o Inferiore
consente di tener conto, per le fasce, della presenza di elementi resistenti a trazione non rilevabili dal
programma (cordoli di piano, catene, ecc.).

Per default i check box Superiore ed Inferiore risultano selezionati in quanto, generalmente, le fasce si
trovano in corrispondenza di un elemento resistente a trazione. Pertanto, se per una fascia non si
prevede la presenza di elementi resistenti a trazione oppure il Tecnico NON intenda tener conto di quelli
presenti, è necessario deselezionare il check opportuno della sezione “Fasce resistenti a trazione”.

Cerchiatura
La sezione Cerchiatura presenta il check box Inserita, la cui selezione richiede l’inserimento della
cerchiatura del foro ed abilita, nella stessa sezione:
 il list box Materiale in cui va scelto il materiale della cerchiatura tra quelli della tipologia
Calcestruzzo armato, preventivamente definiti nella sezione Materiali del documento;

249
Help di EdiLus

 il campo Spessore, in cui va indicato lo spessore, in metri, della cerchiatura.

La richiesta di una Cerchiatura per il foro disabilita le proprietà Mazzette, Piattabanda e Sotto finestra
descritte di seguito.

Mazzette
La sezione Mazzette presenta il check box Inserite, la cui selezione richiede l’inserimento di mazzette
ai lati del foro ed abilita:
 il list box Materiale in cui va scelto il materiale delle mazzette tra quelli delle tipologie
Muratura, Materiale Generico e Calcestruzzi preventivamente definiti nella sezione Materiali
del documento;
 il campo Spessore, in cui va indicato lo spessore, in metri, delle mazzette.

Piattabanda
La sezione Piattabanda presenta il check box Inserita, la cui selezione richiede l’inserimento di una
piattabanda sul foro ed abilita:
 Il check box con Travetti, la cui selezione richiede che la piattabanda venga eseguita con
un certo numero di travetti (in acciaio, ecc.).
 Il list box Materiale in cui va scelto il materiale della piattabanda. Se il check box con
Travetti risulta selezionato, i materiali proposti per la scelta sono quelli della tipologia Generico,
preventivamente definiti nella sezione Materiali del documento. Se, invece, il check NON risulta
selezionato, oltre ai materiali "generici", vengono proposti anche quelli definiti per la tipologia
Calcestruzzo armato.
 Il list box Sezione (visualizzato solo se risulta selezionato il check box con Travetti), in cui va
scelta la sezione "generica" preventivamente definita dei travetti adottati per la Piattabanda.
 Il campo n° Travetti (proposto solo se risulta selezionato il check con Travetti), in cui va
indicato il numero di travetti adottati per la piattabanda.
 Il campo Appoggio, in cui va indicato la lunghezza, in metri, di ognuno dei tratti di
piattabanda che poggiano sul muro.
 Il campo Grado Incastro (proposto solo se risulta selezionato il check con Travetti), in cui
va indicato il grado di rigidezza flessionale del travetto adottato, con un valore compreso tra zero
(cerniera) e 100 (incastro).
 Il campo Altezza (proposto solo se NON risulta selezionato il check box con Travetti) in cui
va indicata l’altezza, in metri, della piattabanda.

Sotto finestra

250
Help di EdiLus

La sezione Sotto finestra presenta il check box Inserito, la cui selezione richiede l’inserimento di un
"sotto finestra" sotto il foro ed abilita, nella stessa sezione, il list box Materiale in cui va scelto il
materiale del sotto finestra, tra quelli delle tipologie Muratura e Generico preventivamente definiti
nella sezione Materiali del documento.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Come Modificare un Foro Disegnato
Le Proprietà del Foro
Le Proprietà dei Fori in Pareti, Solette e Platee
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

251
Help di EdiLus

I Solai

I Solai

Una volta disegnato le travi e/o le pareti di un piano (impalcato), è possibile procedere al disegno dei
solai.
Il disegno di un solaio comporta:
 l’assegnazione automatica dei relativi carichi (peso proprio e sovraccarichi) agli elementi
strutturali a cui esso risulta collegato;
 la definizione dei dati necessari per procedere al suo calcolo e alla sua armatura.
Un solaio si disegna semplicemente indicando, mediante l’oggetto Solaio, la direzione dell’orditura dei
travetti nella tavola del suo piano di appartenenza.
Il programma raccorda automaticamente il solaio agli elementi (travi, pareti, ecc.) a cui risulta vincolato
individuando tre punti per cui passa il suo piano. I primi due punti sono le intersezioni della direzione
dell’orditura dei travetti con le travi su cui questi poggiano. Il terzo punto è l’intersezione
dell’ortogonale ai travetti con la relativa trave. Quindi, comunque risultino inclinate le travi, il
programma collega automaticamente ad esse i solai disegnati nel miglior modo possibile.
In ogni caso il tecnico può modificare i solai disegnati dal programma potendo, definire manualmente i
tre punti per cui passa il suo piano.
Una straordinaria caratteristica dei solai di EdiLus è la possibilità di indicare, per ciascuno di essi, se è
infinitamente rigido nel suo piano. Ciò consente di ottenere un modello di calcolo più realistico di
quello introdotto dall’ipotesi di intero impalcato infinitamente rigido.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare i Solai
Come Modificare un Solaio Disegnato
Le Proprietà del Solaio
Come Disegnare un Solaio Inclinato
Le Tavole di Disegno dei Piani
Gli Oggetti Solaio in Acciaio e Solaio Generico

252
Help di EdiLus

Come Disegnare i Solai

Per disegnare un solaio nella tavola del piano attiva basta effettuare le seguenti operazioni:

Ovviamente, per poter disegnare un solaio di un piano è necessario che risultino disegnate almeno le
travi e/o le pareti su cui esso deve essere appoggiato.

 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno; per visualizzare, nel toolbox
stesso, la lista degli elementi strutturali che è possibile disegnare.
Nel toolbox selezionare l’opzione Solaio per attivare la modalità per il disegno dei solai ed il toolbox
delle Proprietà del solaio da disegnare.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà del solaio da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle principali proprietà del solaio.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

 Nel campo Spessore del toolbox delle proprietà specificare lo spessore, in centimetri, del
solaio.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo Analisi Carichi, scegliere l’analisi dei carichi del
solaio tra quelle preventivamente definite.
 Nel list box Rigidezza scegliere l’opzione infinita per indicare che il solaio deve essere
infinitamente rigido nel suo piano oppure nessuna per indicare che esso non lo è.

La rigidezza infinita dell’intero impalcato può anche essere richiesta al momento della creazione della
relativa tavola (pianta). In molti casi, però, l’ipotesi di impalcati infinitamente rigidi (non orizzontali, non
regolari, ecc.) introduce un modello di calcolo poco realistico.
La possibilità di introdurre la rigidezza per ogni singolo solaio disegnato, piuttosto che per l’intero
impalcato, offre al Tecnico la possibilità di ottenere un modello di calcolo estremamente più efficace.
Per approfondire la problematica accennata e per la corretta assegnazione delle rigidezze ai
singoli solai e/o all’intero impalcato è assolutamente necessario leggere la sezione Impalcati
Rigidi e Solai Rigidi del presente help.

 Nel list box Tipologia indicare la tipologia (gettato in opera, travetti precompressi,
travetti tralicciati o pannelli prefabbricati) del solaio; questa informazione comporta la
definizione della sezione che, a sua volta, sarà considerata nel calcolo del solaio e per la
modalità di armatura dello stesso.
 Nel list box Tipo della sezione Carpenteria indicare se il travetto del solaio è monotrave o
bitrave; questa informazione determina la sezione di calcolo del solaio e, quindi, se ne terrà
conto nel calcolo e nella modalità di armatura dello stesso.
 Nei restanti campi della sezione Carpenteria specificare le dimensioni (in cm) del Travetto,
della Pignatta, della Soletta, della Fascia piena, del travetto Rompitratta, ecc.; tali dati sono
necessari al calcolo del solaio oppure, se non si intende richiedere il calcolo del solaio, al
disegno della relativa carpenteria.
 Cliccare in un punto della prima campata del solaio e tracciare il segmento rosso che indica
la direzione dell’orditura dei travetti. Se il solaio è a più campate e la direzione dell’orditura non
varia, il segmento va prolungato fino ad un punto dell’ultima campata.

253
Help di EdiLus

 Fare click per fissare il secondo punto del simbolo che indica l’orientamento.
Se il solaio è stato definito correttamente le sue campate vengono campite in grigio e, in esse, viene
riportato, in nero, il simbolo che indica la direzione dell’orditura dei travetti.

Nella stragrande maggioranza dei casi, il programma provvede a collegare automaticamente il solaio
agli elementi (travi e/o pareti) a cui esso è vincolato.
In alcuni casi, però, il programma potrebbe non riconoscere correttamente gli elementi (ad es. le travi)
che lo racchiudono. Ad esempio, quando, sullo stesso piano, si disegnano due travi a quota differente.
In questo caso, per uno dei solai disegnati potrebbe essere segnalato un errore mediante la stringa
Solaio errore in rosso.
In questo caso il tecnico deve definire manualmente il piano del solaio effettuando le seguenti
operazioni:
 selezionare il solaio cliccando sul suo simbolo nella modalità Selezione;

cliccare nel rigo Tipo Riconoscimento delle proprietà del solaio e, nel list box che si attiva,
selezionare l’opzione manuale; questa operazione propone sul piano del disegno i tre pallini verdi
numerati per la definizione del piano del solaio;
 spostare i pallini nei tre punti che devono definire il piano del solaio; la posizione dei pallini
può anche essere definita specificandone le coordinate XY e la Quota nella sezione del toolbox
delle proprietà proposta quando si seleziona l’opzione manuale nel list box Tipo
Riconoscimento.

254
Help di EdiLus

La possibilità di definire manualmente il piano del solaio specificando le coordinate dei tre punti (pallini
verdi) che lo definiscono può risultare utile nel caso di particolari solai inclinati.
In ogni caso, il problema che si può verificare per l’esempio in figura può essere risolto semplicemente
disegnando il solaio partendo da un punto prossimo alla trave che appartiene certamente al piano del
solaio (nell’esempio la trave di destra).

In corrispondenza del simbolo di ogni solaio disegnato viene riportata la sua superficie e la lettera R,
se esso è "rigido", cioè se è stata selezionata l’opzione infinita nel campo Rigidezza delle sua
proprietà.

Disegnati i solai, prima di richiedere il loro calcolo, è necessario indicare al programma, le sezioni di
calcolo mediante il disegno dell’oggetto Solaio (sezione di calcolo) di EdiLus.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Cancellare un Oggetto
I Solai
Come Modificare un Solaio Disegnato
Le Proprietà del Solaio
Come Disegnare un Solaio Inclinato
Gli Oggetti Solaio in Acciaio e Solaio Generico
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

255
Help di EdiLus

Come Modificare un Solaio Disegnato

Un solaio disegnato può essere modificato nell’orditura dei travetti oppure in una delle sue proprietà.
Per modificare la direzione dell’orditura del travetti di un solaio basta:
 selezionarlo cliccando in un punto della zona da esso occupato nella modalità seleziona;
questa operazione propone sul simbolo dell’oggetto solaio le maniglie (pallini) per il suo
spostamento;
 cliccare sul pallino all’estremità del simbolo che si intende spostare per sbloccarla dalla sua
posizione;
 ruotare il simbolo del solaio spostando la sua estremità sbloccata;

Tenendo premuto SHIFT della tastiera si inibisce la modalità per la rotazione del simbolo del solaio e si
attiva la modalità per la sua traslazione.
Effettuata la traslazione desiderata, per ripristinare la modalità per la rotazione basta rilasciare il tasto
SHIFT.

 quando il simbolo risulta correttamente posizionato ed orientato nella tavola cliccare


nuovamente per fissarlo.
Per modificare una o più proprietà di un solaio basta selezionarlo ed apportare le opportune modifiche
nel toolbox delle sue proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Cancellare un Oggetto
I Solai
Come Disegnare i Solai
Le Proprietà del Solaio
Come Disegnare un Solaio Inclinato
Gli Oggetti Solaio in Acciaio e Solaio Generico
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

256
Help di EdiLus

Le Proprietà del Solaio


.

Tutte le Proprietà di un Solaio possono essere visualizzate e modificate nel toolbox delle Proprietà
che si attiva durante la fase del suo disegno oppure quando essa risulta selezionato.
Le proprietà di una solaio sono raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Spessore: nel campo Spessore va specificato, in centimetri, lo spessore del solaio selezionato o da
disegnare.
Analisi Carichi: in tale rigo è possibile scegliere o modificare la definizione dell’analisi dei carichi del
solaio.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere l’analisi dei carichi del solaio
tra quelle preventivamente definite.
Rigidezza: nel list box di questo rigo è possibile scegliere l’opzione infinita oppure nessuna per
indicare, rispettivamente, che il solaio selezionato è infinitamente rigido nel suo piano oppure che
non lo è.

La rigidezza infinita dell’intero impalcato può anche essere richiesta al momento della creazione della
relativa tavola (pianta). In molti casi, però, l’ipotesi di impalcati infinitamente rigidi (non orizzontali, non
regolari, ecc.) introduce un modello di calcolo poco realistico.
La possibilità di introdurre la rigidezza per ogni singolo solaio disegnato piuttosto che per l’intero
impalcato offre al Tecnico la possibilità di ottenere un modello di calcolo estremamente più efficace.
Per approfondire la problematica accennata e per una corretta assegnazione delle rigidezze ai
singoli solai e/o all’intero impalcato è assolutamente necessario leggere la sezione Impalcati
Rigidi e Solai Rigidi del presente help.

Tipologia: nel list box proposto quando il cursore è nel rigo Tipologia va specificata la tipologia del
solaio (gettato in opera, travetti precompressi, travetti tralicciati o pannelli prefabbricati)
selezionato o da disegnare.
La scelta della tipologia comporta, ovviamente, la definizione della sezione che sarà considerata nel
calcolo del solaio e per la modalità di armatura dello stesso.

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Superficie: nel campo superficie viene riportata la superficie (in m2) del solaio selezionato, calcolata
automaticamente dal programma. Ovviamente, tale valore NON è modificabile.

PUNTO inserimento
Nella sezione PUNTO inserimento vengono proposte le coordinate (X ed Y), in metri, del primo punto
(fucsia) disegnato del simbolo che indica l’orditura del solaio selezionato.

Le coordinate X ed Y possono essere modificate nel dialog a cui si accede pigiando il bottone visibile
nel campo XY quando risulta selezionato il relativo rigo.
Pigiando il bottoncino OK del dialog si ottiene il posizionamento desiderato della prima estremità del
simbolo del solaio nel disegno.

257
Help di EdiLus

PUNTO di direzione
Nella sezione PUNTO di direzione vengono proposte le coordinate (X ed Y), in metri, del secondo
punto (blu) disegnato del simbolo che indica l’orditura del solaio selezionato.
Le coordinate di questo punto possono essere modificate, per ottenere il suo posizionamento
desiderato nel disegno, con le stesse modalità previste per la modifica delle coordinate del "PUNTO
Inserimento".

Angolo XY
Nel campo Angolo XY è possibile modificare l’angolo di inclinazione dei travetti del solaio selezionato
rispetto all’orizzontale.

Riconoscimento PIANO
Nella sezione Riconoscimento PIANO sono presenti le seguenti proprietà per la definizione dei criteri
per il riconoscimento del piano del solaio da parte del programma:
Tipo Riconoscimento: nel list box che si attiva quando il cursore è in tale rigo è possibile scegliere
una delle seguenti opzioni:
automatico (1): richiede che l’individuazione del solaio disegnato venga effettuata
automaticamente dal programma; questa opzione è consigliata nella stragrande maggioranza dei
casi.
automatico (2): richiede l’individuazione automatica del solaio ma, lasciando inalterata l’effettiva
direzione dei travetti (indicata dalla freccia), lo fa comportare come se questi ultimi fossero disposti
ortogonalmente a se stessi. Questa opzione, utile in alcuni casi di solaio inclinato, consente, una
differente visualizzazione, nelle viste 3D, del solaio ottenuto con l’opzione automatico (1), ma NON
comporta alcuna differenza nell’analisi dei carichi e nella modellazione della struttura.

riconoscimentoa automatico (1) riconoscimento automatico (2)

orizzontale: richiede che l’individuazione del solaio disegnato venga effettuata automaticamente
dal programma imponendo, però, che esso deve essere orizzontale; in questo caso il programma,
nel definire il solaio NON tiene conto di eventuali travi o pareti che ne possono compromettere
l’individuazione del solaio.
manuale: richiede che il solaio venga definito manualmente dall’utente mediante il posizionamento
di tre punti per cui passa il suo piano; la selezione di tale opzione, infatti, rappresenta il solaio (nel

258
Help di EdiLus

piano del disegno e nelle viste 3D) con tre pallini verdi numerati da spostare in tre punti che
certamente fanno parte del piano del solaio stesso.
Tipo Quota [visibile solo se nel list box Tipo Riconoscimento è stata scelta l’opzione Orizzontale o
Manuale]: nel list box, che si attiva quando il cursore è in tale rigo, è possibile scegliere una delle
seguenti opzioni:
relativa al Piano: se il valore della quota nel campo Quota sottostante deve essere riferito al piano
su cui il solaio viene disegnato;
assoluta: se il valore della quota nel campo Quota sottostante deve essere riferito al piano a quota
0 (zero).
Quota [visibile solo se nel list box Tipo Riconoscimento è stata scelta l’opzione Orizzontale]: nel
campo Quota viene riportata, in metri, la quota del piano di calpestio del solaio selezionato. Il valore
riportato in tale campo può essere variato con la conseguente modifica della quota del solaio nel
disegno. Ovviamente la quota va espressa rispetto:
 al piano del disegno se nel list box Tipo Quota risulta selezionata l’opzione "relativa al
Piano";
 al piano a quota 0 (zero) se nel list box Tipo Quota risulta selezionata l’opzione "assoluta".

PUNTO [1], PUNTO [2] e PUNTO [3]


Le sezioni PUNTO [1], PUNTO [2] e PUNTO [3] risultano visualizzate solo se, nel list box Tipo
Riconoscimento risulta selezionata l’opzione manuale.
Nei campi di tali sezioni sono proposte (in m) le coordinate X, Y e la Quota dei tre punti per la
definizione manuale del piano del solaio.
La Quota di ogni Punto può essere specificata digitandola nell’apposito campo della relativa sezione e
pigiando INVIO della tastiera per confermare.
Le coordinate X ed Y di ognuno dei tre punti per cui deve passare il piano del solaio, oltre a poter
essere definite graficamente nel disegno, possono essere specificate nel dialog a cui si accede
pigiando il bottone visibile nel rigo XY corrispondente quando questo risulta selezionato.
Pigiando il bottoncino OK del dialog si ottiene il posizionamento desiderato del punto per la definizione
del piano del solaio nel disegno.

Ammorsamento
La sezione Ammorsamento viene proposta solo se il progetto in cui si disegna il solaio riguarda una
struttura in Muratura.

Per le strutture in Muratura Nuova gran parte delle proprietà della sezione Ammorsamento risultano
predefinite e NON modificabili in quanto le caratteristiche di ammorsamento dei solai nei muri risultano
univocamente definite dalla Normativa.
Per lo stesso motivo le proprietà dell’Ammorsamento dei Solai di strutture in Muratura Armata risultano
già definite e NON modificabili.

Nella sezione Ammorsamento vanno specificate le seguenti proprietà per la definizione del grado di
ancoraggio del solaio nelle murature:
Tipo Ammorsamento: nel list box proposto quando il cursore è in questo rigo è possibile scegliere
l’opzione:
Uguale per Tutti i Lati, se le caratteristiche dell’ammorsamento del solaio (cioè le restanti
Proprietà della sezione Ammorsamento) sono uguali per tutti i lati del solaio;
Diverso Lato per Lato, se le caratteristiche dell’ammorsamento dei vari lati del solaio sono
differenti e pertanto vanno definite per ogni lato; quanto risulta selezionata questa opzione si attiva

259
Help di EdiLus

la modalità per la selezione di ogni singolo lato del solaio per consentire di definirne le specifiche
caratteristiche di ammorsamento (nei restanti righi della sezione Ammorsamento).

Per selezionare un lato del solaio (opzione Diverso Lato per Lato selezionata) basta cliccare nel solaio
in prossimità del lato stesso.

IDLato (abilitato solo se nel list box Tipo Ammorsamento è stata scelta l’opzione Diverso Lato per
Lato): in questo campo viene riportato il codice identificativo del muro in cui è ancorato il lato del
solaio selezionato.
Ribaltamento Impedito: la selezione di questo check indica che il lato selezionato del solaio o tutti i
suoi lati (a seconda che, nel list box Tipo Ammorsamento, sia stato scelto Diverso Lato per Lato
oppure Uguale per Tutti i Lati) risultano ammorsati al muro in maniera tale da impedire il per tutta
la parte della facciata sottostante. Naturalmente la presenza di questo ammorsamento costituisce
anche un vincolo per lo spanciamento della facciata. La selezione o meno di questo check per i vari
solai ai vari piani determina, pertanto gli schemi che saranno adottati per le verifiche a Ribaltamento
e Spanciamento delle Facciate.
Momento: la selezione di questo check box indica che il solaio trasmette un momento al muro sul suo
lato selezionato oppure lungo tutti i lati (a seconda che, nel list box Tipo Ammorsamento, sia stato
scelto, rispettivamente, Diverso Lato per Lato oppure Uguale per Tutti i Lati). Il valore del
momento trasmesso al muro può essere scelto dall’Utente nel list box Valore che viene visualizzato
cliccando sul bottoncino a sinistra del rigo Momento. Per default, nel list box viene proposto q x
l2/30 , ma è possibile scegliere valori compresi tra q x l2/100 a q x l2/12.

Profondità Appoggio
La sezione Profondità Appoggio, viene proposta abilitata nella sezione Ammorsamento solo se il
progetto attivo è relativo ad una struttura in Muratura Esistente. Per strutture in "Muratura Nuova" o
in "Muratura Armata", infatti, l’appoggio dei solai risulta definito dalla Normativa.
Nella sezione Profondità Appoggio viene proposto il list box Tipologia in cui è possibile scegliere
l’opzione:
%, se la profondità dell’appoggio del lato selezionato del solaio o di tutti i suoi lati (a seconda della
scelta effettuata nel list box Tipo Ammorsamento) va definita come percentuale dello spessore del
muro su cui esso grava.
assoluto, se la profondità dell’appoggio del lato del solaio selezionato o di tutti i suoi lati (a seconda
della scelta effettuata nel list box Tipo Ammorsamento) va definita specificandone l’effettivo
valore.
A seconda della scelta effettuata nel list box Tipologia, nel sottostante campo Appoggio va
specificata la percentuale opportuna o il valore, in centimetri, dell’appoggio.
La definizione dell’appoggio dei solai influisce sulle verifiche in quanto determina eventuali eccentricità
del carico trasmesso dal solaio al muro.

Carpenteria
Nella sezione Carpenteria vanno specificate le informazioni necessarie al programma per la
definizione delle Carpenterie. In tale sezione vengono, pertanto, proposte le seguenti proprietà:
Tipo: nel list box proposto quando il cursore è in questo rigo va indicata la tipologia (monotrave o
bitrave) del travetto del solaio. L’indicazione della tipologia del travetto comporta la definizione
della sezione del solaio e, pertanto, è una informazione necessaria per il calcolo del solaio stesso.
Travetto: nel campo Travetto va specificata la larghezza, in centimetri, dei travetti del solaio
selezionato.
Travetto (larghezza resistente a taglio) [visibile solo se nel list box "Tipologia" della sezione
"Caratteristiche" è stato scelto "travetti tralicciati" oppure "pannelli prefabbricati"]: in questo campo
va specificata la larghezza resistente a taglio del travetto. Tale valore deve essere:

larghezza travetto <= larghezza resistente a taglio <= 1.5 x larghezza travetto

260
Help di EdiLus

Per default, nel campo "Travetto (larghezza resistente a taglio)" viene proposta la larghezza del
travetto specificata nel campo precedente.
Se si modifica la larghezza del travetto (nel campo precedente) il valore della sua larghezza
resistente a taglio viene automaticamente riportato a quello specificato nel campo Travetto.
Pignatta: nel campo Pignatta va specificata la larghezza, in centimetri, delle pignatte del solaio
selezionato.

Per poter procedere al calcolo del solaio è assolutamente necessario specificare la larghezza del
travetto e quella della pignatta.
Se NON si intende richiedere il calcolo del solaio, le dimensioni suddette vengono utilizzate unicamente
per il disegno delle carpenterie. In questo caso per il Travetto e/o la Pignatta è anche possibile
spacificare una larghezza nulla per NON farli risultare nelle carpenterie.

Spessore soletta sup.: in questo campo va specificato, in cm, lo spessore della soletta superiore del
solaio. Naturalmente, tale valore deve essere maggiore di zero ed inferiore allo spessore del solaio.
Spessore soletta inf. [visibile solo se nel list box "Tipologia" della sezione "Caratteristiche" è stato
scelto "pannelli prefabbricati"]: in questo campo va specificata la larghezza, in cm, della soletta
inferiore dei solai a pannelli prefabbricati. Naturalmente, tale valore deve essere maggiore di zero e
la somma degli spessori della soletta inferiore e di quella superiore non può eccedere lo spessore
del solaio.
Fascia piena: in questo campo va specificata la lunghezza, in centimetri, delle fasce piene del solaio
selezionato, nel caso in cui NON si intenda richiedere il calcolo del solaio. In questo caso il valore
specificato è necessario per il disegno della carpenteria.
Richiedendo, invece, il calcolo del solaio, la lunghezza della fascia piena del solaio nella
carpenteria sarà quella derivante dal calcolo, qualunque sia il valore specificato nel campo Fascia
Piena.
Rompitratta: nel campo Rompitratta va specificata la larghezza, in centimetri, dei travetti rompitratta
(di ripartizione) del solaio selezionato.
Tale valore è necessario per la rappresentazione del travetto rompitratta nella carpenteria.
Ovviamente, se nel campo Rompitratta si riporta il valore zero, il travetto rompitratta del solaio non
verrà rappresentato nella carpenteria.
Numero rompitratta: in tale campo va specificato il numero di travetti rompitratta del solaio
selezionato; tale valore è necessario per il disegno dei travetti rompitratta nella carpenteria.
Armatura rompitratta: in tale campo va digitata la stringa descrittiva dell’armatura del travetto
rompitratta del solaio selezionato; tale stringa verrà riportata nella carpenteria prodotta dal
programma.
A destra del campo è presente il bottoncino pigiando il quale si inserisce il simbolo ø nel punto
in cui è presente il cursore.
Armatura di ripartizione: in tale campo va specificata la stringa descrittiva dell’armatura di
ripartizione del solaio selezionato; tale stringa verrà riportata nella carpenteria prodotta dal
programma.
Anche in questo campo è presente il bottoncino per l’inserimento del simbolo ø nel punto in cui è
presente il cursore.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
I Solai

261
Help di EdiLus

Come Disegnare i Solai


Come Modificare un Solaio Disegnato
Come Disegnare un Solaio Inclinato
Gli Oggetti Solaio in Acciaio e Solaio Generico
Le Tavole di Disegno dei Piani

262
Help di EdiLus

Come Disegnare un Solaio Inclinato

Per disegnare un solaio inclinato (ad esempio la falda di una copertura) è, ovviamente, possibile
disegnare i pilastri del piano con una determinata altezza, disegnare le travi opportune, modificandone
opportunamente le quote delle estremità per collegarle ai pilastri ed, infine disegnare i solai.
Esiste però una modalità estremamente più semplice e rapida per disegnare un solaio inclinato: basta
disegnare il solaio come un qualsiasi solaio piano e, successivamente modificare la quota dei pilastri
opportuni.
Si disegni, ad esempio, il piano in figura (1° livello) e lo si copi sulla tavola del piano superiore (2°
livello).

Per maggiore semplicità e chiarezza si visualizzi l’edificio in una vista 3D del progetto.
Si supponga di realizzare l’inclinazione del solaio superiore allungando i pilastri centrali del piano ed
accorciando quelli laterali.
Per allungare i pilastri centrali basta:
 selezionarli (nella finestra 3D) racchiudendo almeno un punto di ognuno in un rettangolo di
selezione oppure cliccando su ognuno di essi tenendo premuto SHIFT della tastiera;

263
Help di EdiLus

 cliccare nel rigo Altezza delle Proprietà dei pilastri selezionati e pigiare il bottone che si
attiva nel rigo stesso;
 nel campo nuova Altezza del dialog che si apre digitare la nuova altezza, in metri, dei
pilastri selezionati;
 selezionare il check box Sposta Entità Collegate del dialog per richiedere che le travi e i
solai collegati alla base superiore dei pilastro vengano spostati con quest’ul-tima;
 pigiare INVIO della tastiera per chiudere il dialog ed ottenere le modifiche richieste nel
disegno.

Si selezionino, quindi, i sei pilastri laterali e, con la stessa modalità descritta, se ne modifichi l’altezza
per ottenere il disegno desiderato.

264
Help di EdiLus

La possibilità di selezionare un gruppo di oggetti (seleziona multipla) nella Vista 3D attiva consente
ulteriori possibilità di modifica al disegno.

Ad esempio, selezionando il pilastro di sinistra del secondo livello, le travi che in esso confluiscono e il
relativo solaio (racchiudendo almeno un punto di tali oggetti in un rettangolo di selezione), è possibile
immediatamente cancellarli (pigiando CANC della tastiera) per creare un terrazzo.

265
Help di EdiLus

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare i Pilastri
Le Proprietà del Pilastro
Come Disegnare le Travi
I Solai
Come Disegnare i Solai
Come Modificare un Solaio Disegnato
Le Proprietà del Solaio
Gli Oggetti Solaio in Acciaio e Solaio Generico
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

266
Help di EdiLus

Impalcati Rigidi e Solai Rigidi

EdiLus consente al Tecnico di assegnare una rigidezza infinita ad ogni impalcato della struttura.
L’assegnazione di una rigidezza infinita ad un intero impalcato si effettua nel dialog Gestione Piani al
momento della creazione della tavola di disegno del relativo piano.

L’ipotesi di impalcato infinitamente rigido, per cui tutti i suoi punti si spostano in maniera solidale,
risulta poco realistica nel caso di impalcati non orizzontali (coperture), non regolari (con rientranze,
sporgenze e/o fori di dimensioni significative), ecc..
Tale ipotesi, inoltre, non risulta aderente alla realtà in presenza di solai sfalsati e di corpi di fabbrica
differenti che si dipartono da un unico corpo di fabbrica di base.
In EdiLus tutti i problemi introdotti dall’ipotesi di impalcato infinitamente rigido sono stati brillantemente
risolti offrendo la possibilità di assegnare la rigidezza per ogni singolo oggetto di solaio disegnato,
ossia per ogni singolo "riquadro" di solaio.
La possibilità di assegnare la rigidezza ad ogni singolo solaio consente di ottenere un modello di
calcolo estremamente efficace, in quanto la rigidezza viene considerata proprio nel piano del solaio
(risolvendo il problema della modellazione dei solai inclinati) ed ha effetto unicamente sui nodi degli
elementi strutturali che lo contornano.
L’assegnazione della rigidezza ad ogni singolo oggetto solaio non comporta un ulteriore onere da
parte dell’Utente. Tale assegnazione, infatti, si effettua direttamente nella fase del suo disegno
selezionando l’opzione infinita nel list box Rigidezza del toolbox delle sue proprietà. L’opzione
"infinita", peraltro risulta già selezionata per default.
Un solaio di EdiLus, inoltre, essendo un oggetto, è in grado di "riconoscere" automaticamente tutti i
nodi al suo contorno.
Naturalmente, se si assegnano le rigidezze ai singoli riquadri dei solai, è opportuno che gli impalcati
definiti nel dialog Gestione Piani risultino NON Rigidi, cioè il check box rigido dei vari impalcati deve
risultare NON selezionato.
In ogni caso, in fase di calcolo il programma segnala, mediante dei Warning, eventuali incongruenze
commesse in fase di assegnazione delle rigidezze dei solai (solai rigidi disegnati su impalcati rigidi,
solai non rigidi disegnati su impalcati non rigidi, ecc.).

Il programma, in fase di calcolo, segnala con dei Warning la contemporanea assegnazione della
rigidezza ad un impalcato e ad uno o più dei suoi solai per lasciare la possibilità di proseguire nel
calcolo.
In alcuni casi, infatti, può risultare utile assegnare o meno l’infinita rigidezza ad un intero impalcato ed
assegnare o meno la rigidezza ad uno o più solai [ad esempio, a solai disegnati sulla stessa pianta
(tavola) ma posti ad un livello differente).

Vedi Anche

267
Help di EdiLus

Il Disegno degli Oggetti


Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare i Pilastri
Le Proprietà del Pilastro
Come Disegnare le Travi
I Solai
Come Disegnare i Solai
Come Modificare un Solaio Disegnato
Le Proprietà del Solaio
Gli Oggetti Solaio in Acciaio e Solaio Generico
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

268
Help di EdiLus

L’Indicazione delle Sezioni di Calcolo dei Solai

Il disegno di un oggetto solaio di EdiLus comporta la definizione di tutte le caratteristiche e dell’orditura


dei travetti di ogni singolo "riquadro" di solaio dei vari impalcati.
Se si intende richiedere il calcolo dei solai dell’edificio, è necessario, pertanto, indicare quali sono le
campate di solaio e gli eventuali balconi che definiscono lo schema statico che il programma deve
considerare.
L’indicazione delle campate e dei balconi di un solaio da calcolare si effettua mediante il disegno
dell’oggetto Solaio (sezione di calcolo) di EdiLus.
Per disegnare un oggetto Solaio (sezione di calcolo) del solaio da calcolare basta effettuare le
seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi che è possibile disegnare.
Selezionare l’oggetto Solaio (sezione di calcolo) del toolbox per attivare la modalità per il disegno
delle sezioni di calcolo dei solai ed attivare il relativo toolbox delle Proprietà .
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà dell’oggetto da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo Materiale, scegliere il materiale della solaio tra
quelli preventivamente definiti.
 Selezionare il check box Braccetti rigidi se si intende considerare la presenza di braccetti
rigidi nel modello di calcolo del solaio.
 Selezionare il check box Disegno armatura se si desidera che l’armatura del solaio venga
riportata, oltre che nell’apposita tavola, anche sulla relativa carpenteria.
 Nella sezione Ferri di armatura definire l’aspetto grafico del disegno dei ferri del solaio in
carpenteria effettuando le seguenti operazioni:
 Nel list box Spessore indicare lo spessore (da 1 a 5) del tratto con cui vengono
rappresentati i ferri del solaio in carpenteria.
 Nel list box Colore scegliere il colore con cui i ferri del solaio devono essere rappresentati in
carpenteria.
 Nel campo Compattazione definire la spaziatura dei ferri del solaio in carpenteria, indicando
una percentuale (da 1 a 300) della spaziatura dei ferri del solaio nella relativa tavola delle
armature.
 Tracciare la linea della sezione di calcolo effettuando le seguenti operazioni:
 Fare click nel punto della prima campata del solaio (o del balcone) che deve essere
calcolato; questa operazione fissa sulla tavola la prima estremità (pallino verde) della sezione
di calcolo e propone la modalità per il posizionamento della seconda estremità.
 Spostare la seconda estremità della sezione nell’ultima campata (o balcone) del solaio da
calcolare e cliccare in un punto di questa per fissarla.

269
Help di EdiLus

La sezione di calcolo è rappresentata da un segmento rosso con tratteggio "tratto e punto". Un


segmento più sottile con tratteggio normale congiunge, inoltre, le estremità della sezione con il bordo
della campata o del balcone in cui esse sono state disegnate, in modo da rappresentare tutta
l’estensione della sezione di calcolo.

Le estremità della sezioni di calcolo possono anche posizionate all’esterno dell’area delle campate o dei
balconi del solaio da calcolare a condizione che esse NON ricadano in campate di altri solai.

Quando l’oggetto Sezione di Calcolo risulta selezionato, su esso vengono rappresentati gli elementi
descritti di seguito.

Alle estremità della sezione sono presenti i consueti pallini verdi per la modifica della posizione delle
estremità stesse.

270
Help di EdiLus

All’estremità sinistra della sezione è presente un’etichetta circolare in cui è riportata la stringa solaio.
Dopo aver richiesto il calcolo dei solai, in luogo di tale stringa, saranno riportati i numeri che
identificano il solaio nella carpenteria.
Al centro dell’etichetta è presente la maniglia (pallino verde) per poterla ruotare intorno all’estremità
sinistra della sezione di calcolo.

Nella parte centrale della sezione è presente una freccia rossa che indica il verso della sezione di
calcolo.
Cliccando sulla freccia verde a destra della freccia rossa viene invertito il verso della sezione di calcolo.

La definizione del verso della sezione di calcolo determina la rappresentazione grafica della sezione del
solaio nella relativa tavola delle armature.

Dopo aver disegnato i solai e le relative sezioni di calcolo è possibile accedere ad un’efficacissima
vista 3D in cui è possibile applicare, ai solai stessi, eventuali ulteriori forze, vincoli e/o cedimenti.
Dopo aver disegnato le sezioni di calcolo per tutti i solai è anche possibile richiedere al programma il
loro calcolo.

La fase di calcolo dei solai è successiva a quella del calcolo Completo dell’intera struttura. Pertanto,
richiedendo il calcolo dei solai, il programma esegue prima tutte le altre fasi di calcolo.
Il calcolo dei solai va, quindi, richiesto dopo aver richiesto tutte le altre fasi di calcolo (Calcolo Completo)
della struttura.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare i Pilastri
Le Proprietà del Pilastro
Come Disegnare le Travi
I Solai
Come Disegnare i Solai
Come Modificare un Solaio Disegnato
Le Proprietà del Solaio
Gli Oggetti Solaio in Acciaio e Solaio Generico
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

271
Help di EdiLus

Gli Oggetti Solaio in Acciaio e Solaio Generico

Gli oggetti Solaio in Acciaio e Solaio Generico di EdiLus sono del tutto analoghi all’oggetto Solaio.
Sostanzialmente un Solaio in Acciaio ed un Solaio Generico differiscono da un Solaio (in c.a. o
precompresso) per la differente analisi dei carichi che è possibile associare ad essi.
Infatti, nel list box Analisi Carichi del toolbox delle Proprietà è possibile scegliere esclusivamente:
 una delle analisi dei carichi relative ai solai in c.a. o precompresso definite nella cartella
Carichi Superficiali \ SOLAI \ C.A. e C.A.P. del box del nodo Analisi Carichi del Navigatore, se
l’oggetto selezionato è un Solaio.

 una delle analisi dei carichi relative ai solai in acciaio definite nella cartella Carichi
Superficiali \ SOLAI \ ACCIAIO dello stesso box del Navigatore, se l’oggetto selezionato è un
Solaio in Acciaio.
 una delle analisi dei carichi relative ai solai in legno definite nella cartella Carichi
Superficiali \ SOLAI \ GENERICO dello stesso box del Navigatore, se l’oggetto selezionato è un
Solaio in Legno o in qualsiasi altro materiale differente dal c.a. o dall’acciaio.
Naturalmente, per i solai Generici NON è possibile richiedere il calcolo, mentre per i Solai in Acciaio,
al momento, la procedura di calcolo NON risulta implementata nel programma.

272
Help di EdiLus

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare i Pilastri
Le Proprietà del Pilastro
Come Disegnare le Travi
I Solai
Come Disegnare i Solai
Come Modificare un Solaio Disegnato
Le Proprietà del Solaio
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

273
Help di EdiLus

Balconi e Sbalzi

Balconi e Sbalzi

Con il termine balcone si identifica una sbalzo in genere.


Un balcone si definisce semplicemente disegnandolo, mediante l’oggetto Balcone di EdiLus, sulla
tavola del piano di appartenenza.

L’oggetto balcone si rappresenta disegnandone il contorno esterno con le stesse modalità previste per
il disegno di una polilinea costituita da segmenti e/o archi di cerchio.
In questo modo è possibile definire balconi di forma qualsiasi.
I due estremi della polilinea del balcone devono necessariamente intersecare la faccia esterna di un
pilastro, di una trave o di una parete.
Inoltre, nessun tratto della polilinea del balcone può intersecarsi con un altro suo tratto.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare un Balcone o uno Sbalzo
Come Modificare un Balcone Disegnato
Le Proprietà del Balcone
Le Tavole di Disegno dei Piani

274
Help di EdiLus

Come Disegnare un Balcone o uno Sbalzo

Per ragioni di semplicità vengono, inizialmente, illustrate le modalità per il disegno di un balcone
delimitato da tratti rettilinei, illustrando, in un secondo momento, le modalità per il disegno di tratti di
balcone costituiti da archi di cerchio.
Per disegnare un Balcone o un qualsiasi sbalzo nella tavola di un piano dell’edificio basta effettuare le
seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno; questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi strutturali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Balcone del toolbox per attivare la modalità per il disegno degli sbalzi ed
attivare il toolbox delle Proprietà del balcone da disegnare.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà del balcone da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle principali proprietà del balcone.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

 Nel campo Spessore delle proprietà del balcone specificare lo spessore in metri dello
sbalzo.
Nel list box Analisi Carichi scegliere il carico da applicare allo sbalzo tra quelli preventivamente
definiti.
Nel list box Tipologia indicare la tipologia (gettato in opera, travetti precompressi, travetti
tralicciati, pannelli prefabbricati o soletta piena) del balcone; questa informazione comporta la
definizione della sezione che, a sua volta, sarà considerata nel calcolo del solaio di cui il balcone
fa parte e per la modalità di armatura dello stesso.
Nel list box Tipo Riconoscimento scegliere una delle seguenti opzioni:
Automatica: ruota il balcone dello stesso angolo di cui risulta ruotata, intorno al suo asse, la
trave a cui esso viene collegato.
Orizzontale: qualunque sia la rotazione della trave a cui viene collegato il balcone, questo viene
disposto orizzontalmente.
Manuale: consente di definire liberamente il piano dello sbalzo mediante il disegno dei tre vertici
di un triangolo nello spazio.
Nel list box Tipo della sezione Carpenteria indicare se il travetto del balcone è monotrave o
bitrave; questa scelta determina la sezione di calcolo del balcone e, quindi, se ne terrà conto nel
calcolo del solaio e nella modalità di armatura dello stesso.
 Nei restanti campi della sezione Carpenteria specificare le armature MOLLE, MONCONI e
FERRI di RIPARTIZIONE del balcone se NON si intende procedere al calcolo del solaio di cui
il balcone fa parte; se si richiede il calcolo del solaio comprendente il balcone, le armature
verranno definite automaticamente dal programma e, pertanto, questa operazione NON va
effettuata.
 Disegnare il primo tratto della polilinea del balcone effettuando le seguenti operazioni:
 fare click sulla faccia esterna dell’elemento (trave, pilastro, ecc.) e tracciare il primo
segmento della polilinea verso l’esterno;

Il primo tratto del balcone deve toccare o intersecare la faccia esterna dell’elemento a cui si aggancia
(trave, ecc.) ma NON DEVE ASSOLUTAMENTE intersecare la sua faccia interna.
Per agevolare l’intersezione del tratto di polilinea con l’elemento a cui si deve agganciare, si consiglia di
far uso degli opportuni snap.

275
Help di EdiLus

durante il disegno, sul tratto, viene proposto un triangolino grigio che indica l’interno del balcone e,
quindi, la direzione in cui il balcone deve essere disegnato; per disegnare il balcone nella
direzione opposta a quella indicata basta selezionare l’opzione Inverti Verso del menu locale
della tavola oppure pigiare F5 o F6 della tastiera;
 quando il secondo estremo del tratto è correttamente posizionato, fare click nella tavola per
fissarlo; questa operazione propone direttamente la modalità per il disegno del secondo tratto
di polilinea.

Durante il disegno, sul tratto di polilinea che si traccia viene proposta una linea di quota che ne riporta
dinamicamente la lunghezza e l’inclinazione.
Per operare con rapidità e precisione si consiglia di utilizzare le utilità del disegno messe a disposizione
dal programma.

 Cliccare nel punto della tavola in cui va posizionato la seconda estremità del secondo tratto
e proseguire in questo modo fino al disegno del penultimo tratto della polilinea.
 Disegnare l’ultimo tratto di polilinea avendo cura, per il posizionamento della sua seconda
estremità, di cliccare sulla faccia esterna dell’elemento (trave, pilastro, ecc.) a cui questo deve
essere collegato; anche in questo caso l’ultimo tratto di polilinea può intersecare la faccia esterna
dell’elemento (senza intersecare quella interna).
 Selezionare l’opzione Termina del menu locale della tavola per interrompere il disegno del
balcone.
Se il balcone risulta disegnato correttamente viene campito in rosso, quando risulta selezionato, e in
grigio scuro quando non risulta selezionato.
Se in un balcone occorre disegnare uno o più archi di cerchio, basta:
 disegnare, con le modalità illustrate, i tratti rettilinei della polilinea che precedono l’arco;
 selezionare l’opzione Cambia in Arco del menu locale della tavola; questa operazione
propone un arco di cerchio a partire dall’ultimo tratto disegnato;
 disegnare il tratto di cerchio della polilinea;
 se, dall’arco disegnato, occorre procedere con un altro tratto (rettilineo o curvo) selezionare
l’opzione Continua Disegno del menu locale della tavola e procedere nel disegno;
 disegnato l’ultimo tratto della polilinea selezionare l’opzione Termina del menu locale.
Un balcone disegnato può essere liberamente modificato nella geometria e nelle proprietà anche
successivamente al suo disegno.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Cancellare un Oggetto
Balconi e Sbalzi
Come Modificare un Balcone Disegnato
Le Proprietà del Balcone
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

276
Help di EdiLus

Come Modificare un Balcone Disegnato

Un balcone disegnato può essere liberamente spostato nel piano del disegno ma può anche essere
liberamente modificato nella geometria e nelle proprietà.

Come Modificare le Proprietà di un Balcone


Per modificare le proprietà di un balcone disegnato basta selezionarlo cliccando in un suo punto
(oppure su un tratto della relativa polilinea) nella modalità Selezione.
La selezione di un balcone nella tavola, infatti, propone, le sue proprietà nel toolbox delle Proprietà.

Come Spostare un Balcone


Per spostare un balcone nella tavola in cui è stato disegnato basta effettuare le seguenti operazioni:
 cliccare, senza rilasciare il pulsante sinistro del mouse, in un punto qualsiasi del balcone;
 trascinare il balcone nella posizione desiderata avendo cura che le due estremità della sua
polilinea tocchino (o intersechino) la faccia esterna di una trave, un pilastro o una parete;
 quando il balcone è nella posizione desiderata rilasciare il pulsante del mouse.
Potendo spostare le estremità della poligonale all’interno dell’elemento (trave, pilastro, ecc.) in cui il
balcone si aggancia, l’operazione descritta consente anche di effettuare piccoli accorciamenti del
balcone.

Ovviamente, non potendo intersecare, con le estremità della polilinea, la faccia interna dell’elemento
(trave, pilastro, ecc.), gli accorciamenti del balcone devono essere necessariamente inferiori allo
spessore dell’elemento stesso.
Le parti dei tratti di estremità della polilinea che ricadono all’interno dell’elemento in cui si aggancia il
balcone vengono automaticamente eliminati dal programma.

Come Inserire un Nuovo Tratto di Polilinea


Un nuovo tratto di polilinea può essere inserito ad una estremità della polilinea stessa o su un suo
tratto intermedio.
Per aggiungere un nuovo tratto di polilinea ad una delle sue estremità basta:
 selezionare il tratto di estremità a cui si intende collegare il nuovo tratto cliccando su esso
nella modalità Seleziona;
 selezionare l’opzione Aggiungi Nodo del menu locale della tavola.
Per inserire un nuovo tratto nella Polilinea di un balcone basta spezzare un tratto esistente mediante
l’inserimento di un nuovo nodo.
Per inserire nuovo nodo in un tratto della polilinea basta:
 selezionare il tratto in cui va inserito il nuovo nodo cliccando su esso nella modalità
Seleziona;
 selezionare l’opzione Inserisci Nodo del menu locale della tavola oppure pigiare INS della
tastiera.
Ovviamente, dopo aver inserito un nuovo tratto occorre spostare i nodi della polilinea per definire il
balcone nella maniera desiderata.

Come Eliminare un Tratto di Polilinea


Per eliminare un tratto di polilinea del contorno del balcone basta:
 selezionarlo cliccando su esso nella modalità Seleziona;
 selezionare l’opzione Elimina Nodo del menu locale della tavola oppure premere CANC
(CANCEL) della tastiera.

Come Modificare un Lato del Balcone

277
Help di EdiLus

Un tratto di polilinea di un balcone disegnato può essere liberamente modificato spostandone le


estremità nella tavola.
Per spostare l’estremità di un tratto di polilinea del balcone basta:
 selezionare il tratto cliccando su esso nella modalità Seleziona;
 cliccare sulla maniglia all’estremità da spostare; questa operazione sblocca l’estremità
consentendo di spostarla;
 quando l’estremità è nel punto opportuno cliccare nuovamente per fissare la sua nuova
posizione.
Un tratto della polilinea di un balcone può anche essere trasformato da "rettilineo" ad "arco di cerchio"
e viceversa.
Un tratto rettilineo della polilinea può essere, infatti, trasformato in un arco di cerchio selezionandolo e
scegliendo l’opzione Cambia in Arco del menu locale della tavola. Analogamente, un tratto curvo
della polilinea può essere trasformato in un tratto rettilineo selezionandolo e scegliendo l’opzione
Cambia in Linea del menu locale della tavola.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Balconi e Sbalzi
Come Disegnare un Balcone o uno Sbalzo
Le Proprietà del Balcone
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

278
Help di EdiLus

Le Proprietà del Balcone

Tutte le Proprietà di un Balcone possono essere visualizzate e modificate nel toolbox delle Proprietà
che si attiva durante la fase del suo disegno oppure quando esso risulta selezionato.
Le proprietà di un balcone sono raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Spessore: nel campo Spessore va specificato, in centimetri, lo spessore del balcone.
Analisi Carichi: in tale rigo viene riportata l’analisi dei carichi adottata per il balcone.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere l’analisi dei carichi del
balcone tra quelle preventivamente definite.
Genera Torsione al: in tale campo va specificata quale percentuale della torsione generata dallo
sbalzo si desidera venga trasmessa all’elemento a cui esso risulta collegato.
Tipologia: nel list box proposto quando il cursore è nel rigo Tipologia va specificata la tipologia del
balcone (gettato in opera, travetti precompressi, travetti tralicciati, pannelli prefabbricati o
soletta piena) selezionato o da disegnare.
La scelta della tipologia comporta, ovviamente, la definizione della sezione che sarà considerata nel
calcolo del solaio di cui fa parte il balcone e per la modalità di armatura dello stesso.

Ovviamente, i balconi che non fanno parte di alcun solaio NON vengono calcolati, anche indicando per
essi una specifica sezione di calcolo.

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Superficie: nel campo Superficie viene riportata la superficie (in m2) del balcone selezionato, rilevata
automaticamente dal programma. Ovviamente, tale valore NON è modificabile.

Riconoscimento PIANO
Nella sezione Riconoscimento PIANO sono presenti le seguenti proprietà per la definizione dei criteri
che il programma deve adottare per il riconoscimento del piano del balcone:
Tipo Riconoscimento: nel list box che si attiva quando il cursore è in tale rigo è possibile scegliere
una delle seguenti opzioni:
automatico: richiede che l’individuazione del balcone disegnato venga effettuata automaticamente
dal programma; tale opzione è quella consigliata nella stragrande maggioranza dei casi.
orizzontale: richiede che l’individuazione del balcone disegnato venga effettuata automaticamente
dal programma imponendo, però, che esso deve essere sempre orizzontale; in questo caso il
programma, nel definire il balcone NON tiene conto di eventuali travi o pareti che ne possono
compromettere l’individuazione.
manuale: richiede che il balcone venga definito manualmente dall’Utente mediante il
posizionamento di tre punti per cui passa il suo piano; la selezione di tale opzione rappresenta il
balcone (nel piano del disegno e nelle viste 3D) con tre pallini verdi numerati da spostare in tre
punti che certamente fanno parte del piano del balcone stesso.
Tipo Quota [presente se nel list box Tipo Riconoscimento è stata scelta l’opzione Orizzontale o
Manuale]: nel list box, che si attiva quando il cursore è in tale rigo, è possibile scegliere una delle
seguenti opzioni:
relativa al Piano: se, nel campo Quota sottostante, la quota del balcone deve essere riferita al
piano su cui esso viene disegnato;
assoluta: se, nel campo Quota sottostante, la quota del balcone deve essere riferita al piano a
quota 0 (zero).

279
Help di EdiLus

Quota [presente se nel list box Tipo Riconoscimento è stata scelta l’opzione Orizzontale]: nel campo
quota viene riportata la quota del piano del balcone selezionato. Tale valore può essere variato con
la conseguente modifica della quota del balcone nel disegno. La quota va espressa rispetto:
 al piano del disegno se nel list box "Tipo Quota" risulta selezionata l’opzione "relativa al
Piano";
 al piano a quota 0 (zero) se nel list box "Tipo Quota" risulta selezionata l’opzione "assoluta".

PUNTO [1], PUNTO [2] e PUNTO [3]


Le sezioni PUNTO [1], PUNTO [2] e PUNTO [3] risultano visualizzate solo se, nel list box Tipo
Riconoscimento risulta selezionata l’opzione manuale.
Nei campi di tali sezioni vengono proposte, in metri, le coordinate X, Y e la Quota dei tre punti per la
definizione manuale del piano del balcone.
La Quota di ogni Punto può essere specificata digitandola nell’apposito campo della relativa sezione e
pigiando INVIO della tastiera per confermare.
Le coordinate X ed Y di ognuno dei tre punti per cui deve passare il piano del balcone, oltre a poter
essere definite graficamente nel disegno, possono essere specificate nel dialog a cui si accede
pigiando il bottone visibile nel rigo XY della relativa sezione quando questo risulta selezionato.
Pigiando il bottoncino OK del dialog si ottiene il posizionamento desiderato del punto per la definizione
del piano del balcone nel disegno.

Carpenteria
Nella sezione Carpenteria vanno specificate le informazioni sul balcone selezionato necessarie al
programma per la definizione delle Carpenterie.
In tale sezione vengono, pertanto, proposte le seguenti proprietà:
Tipo: nel list box proposto quando il cursore è in questo rigo va indicata la tipologia (monotrave o
bitrave) del travetto del balcone selezionato. L’indicazione della tipologia del travetto comporta la
definizione della sezione del balcone e, pertanto, è una informazione necessaria per il calcolo del
solaio di cui esso fa parte.
Riportare indicazioni Taglio [visibile solo se nel list box "Tipologia" della sezione "Caratteristiche" è
stato scelto "travetti tralicciati" oppure "pannelli prefabbricati"]: la selezione del check box in questo
rigo richiede che venga riportata l’indicazione del taglio sul balcone selezionato nelle carpenterie e
nelle tavole delle armature dei solai prodotte.
Spessore soletta sup.: in questo campo va specificato, in cm, lo spessore della soletta superiore del
balcone. Naturalmente, tale valore deve essere maggiore di zero ed inferiore allo spessore del
solaio.
Spessore soletta inf. [visibile solo se nel list box "Tipologia" della sezione "Caratteristiche" è stato
scelto "pannelli prefabbricati"]: in questo campo va specificata la larghezza, in cm, della soletta
inferiore se il balcone selezionato è del tipo a "pannelli prefabbricati".
Disegno Armatura: in tale rigo viene proposto un check box la cui selezione consente di specificare
le armature del balcone selezionato da riportare nella relativa carpenteria, nel caso NON si intenda
procedere al calcolo del solaio di cui questo fa parte.
Se tale check risulta NON selezionato nella carpenteria non sarà riportate alcuna indicazione
sull’armatura del balcone selezionato.
Se, invece, tale check risulta selezionato, nella restante parte della sezione Carpenteria vengono
proposte le seguenti proprietà necessarie alla definizione dell’armatura del balcone selezionato.

280
Help di EdiLus

Naturalmente, se il balcone selezionato fa parte di un solaio di cui si intende richiedere il calcolo, le sue
armature verranno definite automaticamente dal programma e, pertanto, i dati delle sezioni MOLLE,
MONCONI e FERRI di RIPARTIZIONE NON vanno specificati.

MOLLE
La sezione MOLLE comprende le seguenti proprietà per la definizione delle molle dello sbalzo nella
carpenteria:
Diametro: nel list box proposto quando il cursore è in questo rigo va scelto il diametro dei ferri da
utilizzare, come molle, nel balcone selezionato.
Passo: in tale campo va specificato il passo, in centimetri, delle molle.

MONCONI
La sezione MONCONI comprende le seguenti proprietà per la definizione dei monconi dello sbalzo
nella carpenteria:
Diametro: nel list box proposto quando il cursore è in questo rigo va scelto il diametro dei ferri da
utilizzare, come monconi, nel balcone selezionato.
Passo: in tale campo va specificato il passo, in centimetri, dei monconi.

FERRI di RIPARTIZIONE
La sezione FERRI di RIPARTIZIONE comprende le seguenti proprietà per la definizione dei ferri di
ripartizione dello sbalzo nella carpenteria:
Superiori: in tale campo va specificata la stringa (ad es. ø8/25) descrittiva dell’armatura di ripartizione
superiore del balcone selezionato; tale stringa verrà riportata nella carpenteria prodotta dal
programma. Posizionando il cursore nel campo viene anche proposto (a destra) il bottone Fi (ø)
che inserisce il simbolo ø nel punto in cui è posizionato il cursore.
Inferiori: in tale campo va specificata la stringa (ad es. ø8/25) descrittiva dell’armatura di ripartizione
inferiore del balcone selezionato; tale stringa verrà riportata nella carpenteria prodotta dal
programma. Posizionando il cursore nel campo viene anche proposto (a destra) il bottone Fi (ø)
che inserisce il simbolo ø nel punto in cui è posizionato il cursore.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Balconi e Sbalzi
Come Disegnare un Balcone o uno Sbalzo
Come Modificare un Balcone Disegnato
Le Tavole di Disegno dei Piani
Tasti Funzione

281
Help di EdiLus

L’Oggetto Balcone Generico

L’oggetto Balcone Generico di EdiLus è del tutto analogo all’oggetto Balcone.


Sostanzialmente un Balcone Generico differisce da un Balcone per la differente analisi dei carichi
che è possibile associare ad esso.
Mentre per la proprietà Analisi Carichi di un Balcone in c.a. o precompresso, vengono proposte le
sole analisi dei carichi definite nella cartella Carichi Superficiali \ BALCONI e SBALZI \ C.A. e
C.A.P. del box del nodo Analisi Carichi del Navigatore, per un balcone Generico vengono proposte
le sole analisi definite nella cartella Carichi Superficiali \ BALCONI e SBALZI \ GENERICO dello
stesso box.

Naturalmente, per un balcone Generico NON è possibile richiedere il calcolo.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Balconi e Sbalzi
Come Disegnare un Balcone o uno Sbalzo
Come Modificare un Balcone Disegnato
Le Tavole di Disegno dei Piani
Tasti Funzione

282
Help di EdiLus

Le Scale

Le Scale

Grazie alla straordinaria tecnologia di EdiLus la definizione del modello strutturale delle scale risulta
estremamente semplice e rapida.
Un potentissimo Wizard, dal semplicissimo disegno della scala, genera automaticamente il suo
modello strutturale creando tutte le travi (a ginocchio e non) necessarie all’interno della struttura e
applicando, su queste, tutti i carichi.

Il disegno della scala ha, come unico obiettivo, la definizione del relativo modello strutturale che sarà
possibile visualizzare, dopo il disegno della scala e la generazione automatica delle travi, in una vista
strutturale.
Pertanto, durante il disegno, più che preoccuparsi dell’aspetto architettonico, è necessario verificare che
il modello strutturale risultante dal disegno effettuato sia corretto.

La straordinaria potenza di questa funzionalità evita al Tecnico il lavoro complesso ed oneroso per la
definizione, nella struttura, delle travi della scala e il caricamento opportuno di queste ultime con i
carichi calcolati manualmente.
Ovviamente, non viene preclusa la possibilità di definire manualmente il modello strutturale della scala
disegnando le travi opportune e caricandole con le forze (carichi, momenti, ecc.) desiderate.
Per richiedere la generazione automatica del modello strutturale di una scala basta che questa venga
disegnata nelle opportune tavole dei piani.
Grazie all’oggetto Scala di EdiLus anche il disegno della scala risulta estremamente intuitivo, semplice
e rapido: basta comporre la scala con gli oggetti Scala necessari.
Per "oggetto Scala" deve intendersi uno o più elementi che costituiscono la scala nel suo complesso.
Al massimo un oggetto Scala può essere composto da:
pianerottolo inferiore + rampa + pianerottolo superiore.
Un oggetto Scala, però, può anche essere composto da un singolo pianerottolo, dalla sola rampa
oppure da un pianerottolo più la rampa.

Una scala a due rampe di tipo tradizionale viene, quindi, realizzata semplicemente disegnando nella
tavola di un piano due oggetti Scala: il primo che composto da un pianerottolo iniziale, una rampa ed
un pianerottolo finale ed il secondo, composto dagli stessi elementi, che parte alla quota del
pianerottolo finale del primo oggetto.
Grazie alla possibilità di disegnare un singolo pianerottolo, una singola rampa oppure una rampa più
un pianerottolo e di comporre liberamente tali elementi, è possibile realizzare scale di qualsiasi tipo e
forma.

283
Help di EdiLus

È opportuno precisare che, come per il pilastri e le pareti, la scala che giunge ad un piano va
rappresentata sul piano del disegno del piano stesso e le quote che è necessario specificare devono
essere espresse a partire dal piano inferiore a quello del disegno.
Una scala disegnata può essere liberamente modificata sia graficamente che nelle proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare le Scale
La Generazione Automatica della Struttura della Scala Disegnata
Come Modificare una Scala Disegnata
Le Proprietà della Scala
Le Tavole di Disegno dei Piani
Tasti Funzione

284
Help di EdiLus

Come Disegnare le Scale

Per disegnare una Scala nella tavola di un piano dell’edificio basta effettuare le seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi strutturali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Scala del toolbox per attivare la modalità per il disegno delle scale ed attivare
il toolbox delle Proprietà della scala da disegnare.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà dell’oggetto scala da disegnare
effettuando le seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle principali proprietà della scala.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

Nel list box, proposto quando il cursore è nel rigo Tipologia indicare la tipologia dell’oggetto
Scala scegliendo tra le opzioni:
Soletta rampante, se la scala deve essere a "soletta rampante"; la scelta di tale opzione attiva,
nel toolbox, la sezione GENERAZIONE Travi in cui è possibile richiedere (mediante la
selezione degli opportuni check) a quale pianerottolo (iniziale e/o finale) deve essere collegata
la trave che lo deve sostenere;
Trave SX (ginocchio), se a sinistra della rampa, nel verso di salita, deve essere presente una
trave a ginocchio;
Trave DX (ginocchio), se a destra della rampa, nel verso di salita, deve essere presente una
trave a ginocchio.
Nel list box Materiale scegliere il materiale della scala tra quelli preventivamente definiti. Il
materiale scelto verrà assegnato anche alle travi della scala generate automaticamente.
Nel list box Analisi Carichi scegliere l’analisi dei carichi della scala tra quelle preventivamente
definite.
Pigiare il bottone nel rigo Allineamento per attivare il dialog per la scelta del Punto Sensibile per
il disegno dell’oggetto Scala.

Per scegliere il punto sensibile basta cliccare sul relativo quadratino (facendolo diventare rosso) e
pigiare il bottone in basso per chiudere il dialog. Con un doppio click sul punto sensibile lo si
seleziona e si chiude anche il dialog.
Nel list box, proposto quando il cursore è nel rigo Sezione Travi (da generare), scegliere la
sezione (solo rettangolare) delle travi (tra quelle precedentemente definite) che devono essere
generate automaticamente per l’oggetto Scala da disegnare.
 Nel campo Larghezza specificare la larghezza, in metri, della rampa.

285
Help di EdiLus

Pigiare il bottone proposto quando il cursore è nel rigo COMPOSIZIONE e, nel dialog che si apre,
selezionare i check box, gli elementi (rampa e/o pianerottoli) che devono costituire l’oggetto
Scala da disegnare.
Pigiare, quindi, il bottoncino OK per confermare e chiudere il dialog.

 Nella sezione QUOTE specificare le quote del punto iniziale e finale della rampa dell’oggetto
scala.
 Nelle sezioni PIANEROTTOLO iniziale e PIANEROTTOLO finale specificare la Lunghezza
(in m) e lo Spessore (in cm) dei due pianerottoli (se presenti).
 Nella sezione RAMPA specificare, in cm, la dimensione della Pedata e lo Spessore della
rampa ed indicare il numero di Alzate necessarie.

Per procedere al disegno in maniera agevole e precisa si consiglia vivamente di utilizzare le utilità del
disegno più opportune.
In particolare, per posizionare in maniera semplice, rapida e precisa l’oggetto Scala si consiglia di
utilizzare, come riferimenti, strumenti quali le Griglie Guida, le Linee Guida ecc..

 Fare click in un punto della tavola; questa operazione propone, legato al cursore del
disegno, l’oggetto scala definito nelle proprietà; sul punto sensibile scelto per l’oggetto viene
proposta la maniglia per lo spostamento e la rotazione; sull’oggetto vengono, inoltre
rappresentate le travi richieste nel list box Tipologia e/o nella sezione GENERAZIONE Travi del
toolbox delle Proprietà. In questa fase le eventuali travi risultano tratteggiate in quanto, non
essendo ancora state generate non vengono ancora considerati come elementi strutturali.

 Se necessario, ruotare la Scala specificando l’angolo opportuno nel campo Rotazione delle
proprietà; l’oggetto Scala può anche essere ruotato per via grafica (dopo averlo posizionato)
utilizzando l’apposita maniglia.
 Fare click nel punto della tavola in cui va posizionato il punto sensibile scelto per la scala; si
ricorda che in questa fase è sempre possibile modificare il punto sensibile nell’apposito dialog
delle proprietà o pigiando progressivamente F5 o F6 della tastiera.
 Disegnata la prima rampa, con la modalità descritta, procedere al disegno delle altre rampe
del piano.
Per verificare la correttezza del disegno effettuato (quote, ecc.) è possibile richiederne la
visualizzazione in una vista 3D del progetto.
In una vista 3D del progetto è anche possibile apportare le modifiche opportune (ad es. variazioni di
quota, modifica della sezione delle travi, ecc.) ai vari oggetti scala disegnati.

286
Help di EdiLus

Ultimato il disegno dell’oggetto Scala e verificatane la correttezza nella vista 3D, è possibile
richiedere, per esso, la generazione automatica delle strutture (travi).
La scala disegnata può essere copiata su tutti i piani dell’edificio su cui essa si presenta con la stessa
configurazione.

Copiando un oggetto Scala, NON vengono copiati gli elementi strutturali (travi) e le forze del modello
strutturale eventualmente generato.
Pertanto, per gli oggetti Scala copiati, sarà necessario richiedere la generazione automatica del modello
strutturale.
Per definire il modello strutturale della scala in maniera comoda e veloce si consiglia di operare nel
seguente modo:
 Disegnare gli oggetti scala necessari ai vari piani dell’edificio; una volta disegnata la scala ad
un piano è possibile duplicarla per tutti gli altri piani dell’edificio;
 Selezionare tutti gli oggetti scala ai vari piani e richiedere, con un’unica operazione, la
generazione automatica del loro modello strutturale.
La modalità più rapida per selezionare tutte le scale ai vari piani prevede la selezione di tutti gli oggetti
disegnati in una vista 3D e la selezione dell’opzione Scala nel list box Filtro per tipologia in alto nel
toolbox delle Proprietà.

L’oggetto scala disegnato può essere liberamente modificato in qualsiasi momento precedente al
calcolo delle strutture.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Cancellare un Oggetto
Il Punto Sensibile degli Oggetti
Le Scale
La Generazione Automatica della Struttura della Scala Disegnata
Come Modificare una Scala Disegnata
Le Proprietà della Scala
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

287
Help di EdiLus

La Generazione Automatica della Struttura della Scala Disegnata

Disegnata la scala mediante gli oggetti Scala necessari ed indicata, per ogni oggetto, la tipologia, il
programma è in grado di generare automaticamente la struttura della scala stessa.
In pratica, se per un oggetto scala (rampa + pianerottoli) selezionato, risulta selezionata l’opzione
Trave SX (a ginocchio) del list box Tipologia delle sue proprietà, già in fase di disegno viene
visualizzata, a sinistra della scala nel verso di salita, la relativa trave a ginocchio.
Richiedendo la generazione automatica della scala, i suoi elementi (trave a ginocchio o soletta
rampante) diventano veri e propri elementi strutturali dell’edificio caricati con le forze opportune.

Per le scale a soletta rampante, oltre alla Tipologia è anche necessario specificare, mediante la
selezione degli appositi check box della sezione GENERAZIONE Travi delle sua proprietà, per quali
travi (superiore e/o inferiore) si richiede la generazione automatica.

Per richiedere la generazione automatica delle strutture dell’oggetto Scala selezionato nel disegno
basta effettuare le seguenti operazioni:
pigiare il bottone proposto quando il cursore è nel rigo Funzionalità\Genera Struttura; questa
operazione apre un messaggio che illustra l’operazione che si sta effettuando;
pigiare il bottone OK del messaggio per confermare l’operazione.
A generazione effettuata le travi della scala, che precedentemente erano proposte solo graficamente
(tratteggiate in pianta e bianche nelle viste 3D), vengono rappresentate come qualsiasi altra trave (con
tratto continuo in pianta e in un altro colore nella vista 3D).
Nella vista 3D anche il colore dell’oggetto scala (rampa e pianerottoli) per cui è stata richiesta la
generazione viene proposto con un colore differente da quello della scala disegnata ma NON
generata.
Ad indicare che, per l’oggetto Scala selezionato è stata effettuata la generazione, nel rigo
"Funzionalità\Genera Struttura" del toolbox delle Proprietà viene anche riportata la stringa Generata.

Copiando un oggetto Scala, NON vengono copiati gli elementi (travi) del modello strutturale
eventualmente generato e le forze applicate durante la generazione.
Pertanto, per gli oggetti Scala copiati, è necessario richiedere la generazione automatica del modello
strutturale.

Dopo la richiesta della generazione del modello, le proprietà dell’oggetto scala non potranno più
essere modificate se non richiedendo la cancellazione del modello stesso (v. avanti).

Eventuali modifiche apportate ai dati dell’analisi dei carichi, del materiale, ecc. nella sezione ELEMENTI
del progetto NON comportano la modifica automatica delle corrispondenti proprietà dell'oggetto scala
per cui è stata richiesta la generazione automatica.
Per modificare le proprietà (analisi dei carichi, materiale, ecc.) di un oggetto Scala è necessario
richiedere preventivamente la cancellazione del suo modello strutturale (v. avanti).

La struttura generata per l’oggetto Scala può anche essere visualizzata nella vista strutturale di una
vista 3D.
Le travi generate per l’oggetto scala possono anche essere modificate, per piccoli aggiustamenti con
le consuete modalità previste per la modifica delle travi.

288
Help di EdiLus

Se, però i cambiamenti da apportate alle travi della scala sono onerose o è necessario modificare le
proprietà dell'oggetto Scala (NON modificabili dopo la generazione), è necessario richiedere la
cancellazione della generazione effettuata, con l’eliminazione di tutte le travi create
automaticamente e delle forze applicate alla struttura.
Dopo la cancellazione del modello strutturale basterà semplicemente apportare le modifiche
opportune all’oggetto Scala disegnato e richiedere nuovamente alla generazione automatica della
struttura.
Per richiedere la cancellazione della generazione automatica delle strutture di un oggetto Scala basta:
 selezionarlo;
pigiare il bottone proposto quando il cursore è nel rigo Funzionalità\Genera Struttura del toolbox
delle Proprietà; questa operazione apre un messaggio che illustra l’operazione (eliminazione degli
elementi strutturali) che si sta effettuando;
pigiare il bottone OK del messaggio per confermare l’operazione.
Questa operazione elimina tutte le travi della struttura dell’oggetto scala selezionato precedentemente
generate.
Ovviamente, con le travi della scala, il programma elimina anche tutti i carichi applicati alla struttura
nella generazione automatica.

Richiedendo la cancellazione della generazione della struttura di un oggetto Scala "a ginocchio", viene
eliminata solo la parte inclinata della trave a ginocchio (inclinata) relativa alla rampa.
Ovviamente, i tratti orizzontali della trave a ginocchio NON vengono eliminati in quanto questi fanno
parte delle corrispondenti travi di piano.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Scale
Come Disegnare le Scale
Come Modificare una Scala Disegnata
Le Proprietà della Scala
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

289
Help di EdiLus

Come Modificare una Scala Disegnata

Un oggetto Scala disegnato può essere liberamente modificato sia nella posizione che nelle proprietà
solo prima di aver richiesto la Generazione Automatica delle strutture che la compongono.

Dopo aver richiesto la Generazione Automatica di una scala sarà comunque possibile modificare, nella
tavola del disegno, la geometria e le proprietà delle singole strutture (travi) che la compongono.

Per modificare un oggetto Scala è necessario selezionarlo cliccando su esso nella modalità per la
selezione degli oggetti.
L’oggetto Scala può essere liberamente modificato, sia nella geometria che in tutte le altre proprietà,
con modalità analoghe a quelle previste per gli altri oggetti di EdiLus.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Cancellare un Oggetto
Le Scale
Come Disegnare le Scale
La Generazione Automatica della Struttura della Scala Disegnata
Le Proprietà della Scala
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

290
Help di EdiLus

Le Proprietà della Scala

Tutte le Proprietà di una Scala possono essere visualizzate e modificate nel toolbox delle Proprietà
che si attiva durante la fase del suo disegno oppure quando essa risulta selezionata.
Si ricorda che l’oggetto Scala può comprendere uno o due pianerottoli e/o una rampa.

Per oggetto Scala deve intendersi uno o più elementi che costituiscono la scala nel suo complesso.
Al massimo un oggetto Scala può essere composto da un pianerottolo inferiore, da una rampa e da un
pianerottolo superiore. Un oggetto Scala, però, può anche essere composto da un singolo
pianerottolo, dalla sola rampa oppure da un pianerottolo più una rampa.
Le proprietà dell’oggetto Scala di EdiLus scala risultano raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Tipologia: in tale rigo viene riportata la tipologia scelta per la scala selezionata o da disegnare.
La tipologia (soletta rampante, a ginocchio, ecc,) della scala va scelta nel list box proposto quando il
cursore è nel rigo Tipologia.
Materiale: in tale rigo viene riportato il materiale della soletta.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere il materiale della struttura
della scala tra quelli preventivamente definiti.
Analisi Carichi: in tale rigo viene riportata l’analisi dei carichi adottata per la scala.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere l’analisi dei carichi della scala
tra quelle preventivamente definite.
Allineamento: in tale rigo è possibile scegliere o modificare il punto sensibile adottato come
riferimento per il disegno della scala.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui va scelto il punto
sensibile.
Sezione Travi (da generare): in tale rigo viene riportata la stringa che identifica la sezione che sarà
adottata per le travi (a ginocchio, ecc.) che saranno generate automaticamente dal programma.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere la sezione della travi da
generare tra quelle preventivamente definite.

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Larghezza: in tale campo va specificata la larghezza della rampa selezionata o da disegnare.
Rotazione: in tale rigo viene riportato l’angolo di cui risulta ruotato, nel piano del disegno, l’oggetto
scala selezionato intorno al suo punto sensibile. In tale rigo è anche possibile specificare l’angolo di
rotazione dell’oggetto scala per ottenerne (dopo aver pigiato INVIO della tastiera) l’inclinazione
desiderata nella tavola.

291
Help di EdiLus

COMPOSIZIONE: in tale rigo viene indicata, mediante una sequenza di lettere P (pianerottolo) ed R
(rampa) la composizione dell’oggetto Scala selezionato o da disegnare (ad esempio, la stringa PRP
indica che la scala e composta da due pianerottoli ed una rampa).
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile indicare,
mediante la selezione degli opportuni check box, gli elementi (pianerottoli e/o rampa) che
compongono l’oggetto Scala.

Ovviamente, nel dialog per la composizione dell’oggetto Scala deve risultare selezionato almeno uno
degli elementi (pianerottolo o rampa) che lo costituisce.
Non è possibile, inoltre, comporre l’oggetto Scala con due pianerottoli senza che sia presente la rampa.

Quote
Nella sezione Quote vengono proposti i campi:
Iniziale, in cui va specificata, in metri, la quota iniziale dell’oggetto Scala selezionato o da disegnare;
Finale, in cui va specificata, in metri, la quota finale dell’oggetto Scala selezionato o da disegnare.

PIANEROTTOLO iniziale
La sezione PIANEROTTOLO iniziale risulta visibile solo se nella sezione COMPOSIZIONE è stato
indicato che l’oggetto Scala selezionato o da disegnare comprende il pianerottolo iniziale. In tale
sezione vengono proposti i campi:
Lunghezza, in cui va specificata, in metri, la lunghezza del pianerottolo iniziale (v. figura precedente);
Spessore, in cui va specificato, in centimetri, lo spessore del pianerottolo iniziale (v. figura
precedente).

RAMPA
La sezione RAMPA risulta visibile solo se nella sezione COMPOSIZIONE è stato indicato che
l’oggetto Scala selezionato o da disegnare comprende la rampa. In tale sezione vengono proposti i
campi:
Pedata, in cui va specificata, in centimetri, la dimensione delle pedate;
Alzate (numero), in cui va specificato il numero di alzate;
Alzate (altezza), in cui viene proposta, in centimetri, l’altezza calcolata delle alzate [= (quota finale –
quota iniziale)/numero di alzate]; ovviamente tale valore NON è modificabile.

Si noti che, per comodità, la lunghezza della rampa viene definita specificando la dimensione delle
pedate ed il loro numero (= numero di alzate - 1).

Spessore, in cui va specificato, in centimetri, lo spessore della rampa (v. figura precedente).
Nel campo Spessore viene proposto, per default, uno spessore di 4 cm se nel precedente list box
Tipologia della sezione Caratteristiche è stata scelta una tipologia di scala con "trave a
ginocchio". Viene, invece, proposto uno spessore di 16 cm se la tipologia della scala è a "soletta
rampante".

PIANEROTTOLO finale
La sezione PIANEROTTOLO finale risulta visibile solo se nella sezione COMPOSIZIONE è stato
indicato che l’oggetto Scala selezionato o da disegnare comprende il pianerottolo finale. In tale
sezione vengono proposti i campi:
Lunghezza, in cui va specificata, in metri, la lunghezza del pianerottolo finale (v. figura precedente);
Spessore, in cui va specificato, in centimetri, lo spessore del pianerottolo finale (v. figura precedente).

GENERAZIONE Travi

292
Help di EdiLus

La sezione GENERAZIONE Travi risulta visibile solo se la Scala (oggetto) selezionata o da disegnare
è a "soletta rampante", cioè se nel list box Tipologia è stata scelta l’opzione Soletta rampante.
In tale sezione è possibile indicare quali travi si desidera vengano generate automaticamente dal
programma. Nella sezione GENERAZIONE Travi vengono proposti i check box:
Iniziale, la cui selezione richiede che, nella generazione della struttura (v. avanti), la trave iniziale
dell’oggetto Scala venga generata automaticamente dal programma;
Finale, la cui selezione richiede che, nella generazione della struttura (v. avanti), la trave finale
dell’oggetto Scala venga generata automaticamente dal programma.

Funzionalità
La sezione Funzionalità presenta il solo rigo Genera Struttura. In tale rigo viene proposta la stringa:
Non Generata, se, per l’oggetto Scala selezionato, non è stata richiesta la generazione automatica
delle strutture.
Generata, se, per l’oggetto Scala selezionato, è stata già richiesta la generazione automatica delle
strutture.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è in tale rigo, si apre il dialog in cui è possibile
richiedere la generazione automatica delle strutture dell’oggetto Scala selezionato.
Richiedendo tale operazione, vengono automaticamente generate le travi della scala in funzione
delle indicazioni e delle richieste specificate nelle precedenti sezioni del toolbox delle Proprietà.
Se, per l’oggetto Scala selezionato è stata già richiesta la generazione automatica delle strutture,
pigiando il bottone nel rigo Genera Struttura, si apre il dialog in cui è possibile richiedere di
cancellare tutte le travi precedentemente generate per l’oggetto.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Le Scale
Come Disegnare le Scale
La Generazione Automatica della Struttura della Scala Disegnata
Come Modificare una Scala Disegnata
Le Tavole di Disegno dei Piani

293
Help di EdiLus

Le Tamponature

Le Tamponature

L’oggetto Tamponature di EdiLus consente di applicare, in maniera semplice ed intuitiva, il carico della
tamponatura sulle opportune travi e pareti dell’edificio.
Una Tamponatura si disegna applicandola, con un semplice click, sulle opportune travi o pareti dei
vari piani dell’edificio.
Naturalmente una tamponatura può essere applicata sulla trave o sulla parete di un piano unicamente
se è presente un piano superiore. Una tamponatura, pertanto, non può essere applicata ad una trave
dell’ultimo impalcato dell’edificio.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare le Tamponature
Come Modificare una Tamponatura Disegnata
Le Proprietà della Tamponatura
Le Tavole di Disegno dei Piani

294
Help di EdiLus

Come Disegnare le Tamponature

Per disegnare una Tamponatura su una trave o su una parete della tavola del piano attiva basta
effettuare le seguenti operazioni:

Naturalmente una tamponatura può essere applicata su una trave o una parete di un piano solo se
esiste un piano superiore.
Una tamponatura, pertanto, NON va applicata a travi e pareti dell’ultimo piano dell’edificio.

 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno per visualizzare la lista degli
elementi strutturali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Tamponatura del toolbox per attivare il toolbox delle Proprietà della
tamponatura da disegnare.
Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà della tamponatura. In particolare nel list box
Analisi Carichi va scelto il tipo di tamponatura tra quelle preventivamente definite in fase di analisi
dei carichi; questa operazione assegna alla tamponatura che si sta disegnando il peso proprio e il
sovraccarico permanente.

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle principali proprietà della tamponatura.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

 Cliccare in prossimità della trave a cui va applicata la tamponatura per attivare la modalità
per il suo disegno.
Cliccare nel punto della trave in cui si intende applicare il simbolo dell’oggetto Tamponatura (a lato).
Applicando la tamponatura ad altre travi o pareti del piano vengono mantenute tutte le proprietà
assegnate all’ultima tamponatura disegnata.
La posizione lungo la trave o la parete su cui viene applicata la tamponatura non è influente ai fini del
calcolo.
Una tamponatura, infatti, viene automaticamente estesa a tutto lo spazio compreso tra gli elementi
(travi e pilastri) che la delimitano.
Il Tecnico può, però, modificare la configurazione di default di tale carico modificando l'altezza della
tamponatura rilevata automaticamente dal programma e scegliendo di applicarla solo su un
determinato tratto della trave o della parete di competenza.
L’oggetto Tamponatura inserito può anche essere spostato lungo la trave o la parete su cui è stato
applicato.
Nelle viste 3D l’oggetto tamponatura viene rappresentato non come semplice simbolo ma come un
piano trasparente.
Con le modalità descritte, l’inserimento di una tamponatura su una trave o una parete può anche
essere effettuato in una vista 3D del progetto.

295
Help di EdiLus

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Cancellare un Oggetto
Le Tamponature
Come Modificare una Tamponatura Disegnata
Le Proprietà della Tamponatura
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

296
Help di EdiLus

Come Modificare una Tamponatura Disegnata

Per illustrare le modalità operative per la modifica delle tamponature si fa riferimento alle sole
tamponature applicate sulle travi. Quanto detto varrà, analogamente, anche per le pareti.
Prima di richiedere il calcolo, oltre a poter spostare il simbolo della tamponatura disegnata lungo la
trave su cui è stata applicata (senza alcun effetto sulla distribuzione dei carichi), è anche possibile
modificare l’altezza e/o la distribuzione della tamponatura stessa sulla trave.
Una tamponatura disegnata, inoltre. può anche essere modificata liberamente nelle proprietà.
Di seguito vengono descritte le modalità operative per apportare le modifiche suddette ad una
tamponatura.

Come Spostare l’Oggetto Tamponatura


Il simbolo di una tamponatura può essere spostato lungo la trave o parete su cui è stato inserito,
senza (ovviamente) alcun effetto sulla distribuzione dei carichi.
Per spostare il simbolo dell’oggetto tamponatura lungo la trave su cui è stato disegnato basta
effettuare le seguenti operazioni:
 selezionare la tamponatura cliccando sul suo simbolo nella modalità Selezione; la
tamponatura selezionata viene proposta in rosso e, al suo centro, appare la maniglia (pallino) per
il suo spostamento;
 cliccare sulla maniglia per sbloccare la tamponatura dalla sua posizione;
 traslare il simbolo della tamponatura nel punto desiderato della trave e cliccare nuovamente
per fissarlo.

Una tamponatura disegnata NON può essere spostata in una vista 3D del progetto.

Come Modificare l’Altezza e/o la Lunghezza della Tamponatura


Per maggior chiarezza le operazioni descritte di seguito si effettuano in una vista 3D del progetto.
Per default, il carico (N/m2) lineare della tamponatura viene applicato lungo tutta la lunghezza della
trave e per tutta l’altezza disponibile tra il piano del disegno e la trave del piano superiore.

Tale configurazione del carico può essere modificata variando l’altezza della tamponatura e/o la sua
zona di incidenza sulla trave.
Per modificare l’altezza della tamponatura selezionata basta effettuare le seguenti operazioni:

297
Help di EdiLus

 nel list box Tipo Riconoscimento della sezione Riconoscimento del toolbox delle
Proprietà selezionare l’opzione manuale; questa operazione propone, nei righi sotto il list box, i
campi per la modifica della tamponatura;
 nel campo PUNTO iniziale\Altezza specificare l’altezza della punto iniziale della
tamponatura nel riferimento locale della trave e pigiare INVIO della tastiera per confermare;
 nel campo PUNTO finale\Altezza specificare l’altezza della seconda estremità della
tamponatura nel riferimento locale della trave e pigiare INVIO della tastiera per confermare.

La possibilità di specificare l’altezza delle due estremità della tamponatura consente di definire
manualmente anche tamponature di forma trapezia e triangolare.

Oltre all’altezza, è anche possibile modificare la distribuzione di una tamponatura su una trave
indicando la distanza delle sue estremità dalle estremità della trave nel suo riferimento locale.
Per modificare la distribuzione della tamponatura selezionata sulla trave di competenza basta
effettuare le seguenti operazioni:
 nel campo PUNTO iniziale\Distanza specificare la distanza del punto iniziale della
tamponatura dal punto iniziale della trave e pigiare INVIO della tastiera per confermare;
 nel campo PUNTO finale\Distanza specificare la distanza del punto finale della
tamponatura dal punto finale della trave e pigiare INVIO della tastiera per confermare.

Le modifiche descritte possono anche essere effettuate in una vista 3D del progetto.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto

298
Help di EdiLus

Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente


Le Tamponature
Come Disegnare le Tamponature
Le Proprietà della Tamponatura
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento

299
Help di EdiLus

Le Proprietà della Tamponatura

Tutte le Proprietà di una Tamponatura possono essere visualizzate e modificate nel toolbox delle
Proprietà che si attiva durante la fase del suo disegno oppure quando essa risulta selezionata.
Le proprietà di una tamponatura risultano raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Analisi Carichi: in tale rigo viene riportata l’analisi dei carichi adottata per la tamponatura.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere l’analisi dei carichi della
tamponatura tra quelle preventivamente definite.

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Superficie: nel campo superficie viene riportata la superficie (in m2) della tamponatura selezionata,
rilevata automaticamente dal programma. Ovviamente, tale valore NON è modificabile.

Riconoscimento
Nella sezione Riconoscimento va specificata la posizione e/o l’altezza del punto iniziale e finale della
tamponatura selezionata o da disegnare. In tale sezione vengono, infatti, proposte le seguenti
proprietà:
Tipo Riconoscimento: in tale list box è possibile scegliere una delle seguenti opzioni:
automatico: richiede che le altezze dei punti iniziale e finale della tamponatura selezionata o da
disegnare vengano rilevate automaticamente dal programma;

manuale: richiede che le altezze dei punti iniziale e finale della tamponatura selezionata o da
disegnare vengano definite manualmente dall’Utente; questa possibilità è utile quando la
tamponatura deve avere un’altezza inferiore rispetto a quella rilevata automaticamente.
PUNTO iniziale
Nella sezione PUNTO iniziale sono presenti i seguenti campi per la definizione della posizione e
dell’altezza (in "manuale") del punto iniziale della tamponatura:

Naturalmente il Punto Iniziale e il Punto Finale della tamponatura coincidono, rispettivamente, con il
Punto Iniziale ed il Punto Finale della trave o della parete su cui essa poggia.

300
Help di EdiLus

Distanza: in tale campo va specificata la distanza del punto iniziale della tamponatura dal punto
iniziale della trave o della parete su cui essa poggia.
Altezza: in tale campo (abilitato solo se nel list box "Tipo Riconoscimento" risulta selezionata l’opzione
"manuale") va specificata l’altezza, in metri, del punto iniziale della tamponatura. Per default,
quando si sceglie l’opzione "manuale" del list box "Tipo Riconoscimento", nel campo Altezza viene
riportata l’altezza del piano.
PUNTO finale
Nella sezione PUNTO finale sono presenti i seguenti campi per la definizione (manuale) della
posizione e dell’altezza del punto finale della tamponatura:
Distanza: in tale campo va specificata la distanza del punto finale della tamponatura dal punto finale
della trave o della parete su cui essa poggia.
Altezza: in tale campo (abilitato solo se nel list box "Tipo Riconoscimento" risulta selezionata l’opzione
"manuale") va specificata l’altezza, in metri, del punto finale della tamponatura. Per default, quando
si sceglie l’opzione "manuale" del list box "Tipo Riconoscimento", nel campo Altezza viene riportata
l’altezza del piano.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Le Proprietà degli Oggetti
Le Tamponature
Come Disegnare le Tamponature
Come Modificare una Tamponatura Disegnata
Le Tavole di Disegno dei Piani
Sistemi di Riferimento
Tasti Funzione

301
Help di EdiLus

La Travetta cfc

La Travetta CFC

Il Travetta cfc (Chiusura/Collegamento Fuori Calcolo) di EdiLus è un elemento di supporto alla


definizione del modello strutturale. Esso consente di rappresentare, nel disegno, qualsiasi elemento
fuori calcolo e/o di ottenere la corretta modellazione di alcune strutture particolari.
Un Travetta cfc è un elemento che, pur presentando delle analogie, per quanto riguarda le modalità di
disegno, con l'oggetto trave, si differenzia notevolmente da quest’ultimo.
La Travetta cfc, infatti, NON è un elemento strutturale e, quindi, NON è oggetto di calcolo e non viene
armato automaticamente dal programma. L’armatura di una Travetta cfc, pertanto, deve essere
specificata dal tecnico.

In figura vengono riportati due portali: uno in cui l’elemento orizzontale è una Trave e l’altro in cui
l’elemento orizzontale è una Travetta cfc.

Dalle viste strutturali dei due portali risulta evidente che, nel secondo portale, il Travetta NON venga
portato in conto nella modellazione della struttura.

Il carico che grava su una Travetta cfc, inoltre, viene trasferito, come forze concentrate. ai nodi di
estremità degli elementi su cui esso poggia.
Con una Travetta cfc è, ad esempio, possibile disegnare un solaio o una soletta senza dover
necessariamente contornarlo con travi o pareti. Gli oggetti Solette e Solai, infatti, devono essere
necessariamente delimitati, per l’intero perimetro, da oggetti Pareti, Travi e/o Travette cfc.
L’oggetto Travetta cfc va utilizzato con estrema attenzione. Un utilizzo improprio delle Travette cfc
può, infatti, comportare errori anche rilevanti nella modellazione della struttura.
Di seguito vengono illustrati dettagliatamente i vari casi in cui è possibile utilizzare l’oggetto Travetta
cfc e le modalità per ottenere una corretta modellazione della struttura.

Impiego della Travetta cfc con l’oggetto "Soletta"


Nel caso della "Soletta", che è un elemento strutturale, la Travetta cfc può essere impiegato per
definirne l’intero perimetro.
In altre parole, tutti gli elementi di bordo possono essere costituiti da Travette cfc, come mostrato in
figura.

302
Help di EdiLus

Le Travette cfc può anche essere utilizzato per definire solette non complanari che non poggiano su
"Travi" o "Pareti" (v. figura sotto).

L’oggetto Travetta cfc consente anche di modellare correttamente un pilastro (una trave o una parete)
con un’estremità sulla soletta (vedi figura seguente).
In questo caso, per ottenere la corretta modellazione della struttura occorre operare come illustrato
nelle figure seguenti.

Impiego della Travetta cfc con l’oggetto Solaio

303
Help di EdiLus

Nel caso del "Solaio" l’utilizzo della Travetta cfc deve essere preferibilmente evitato perché può
condurre ad un’errata modellazione strutturale.
Non essendo un elemento strutturale, infatti, la Travetta non può essere caricato. Pertanto, tutti i
carichi che gravano su esso (incluso il peso proprio) vengono applicati, come carichi concentrati, nei
nodi alle estremità.
Le situazioni descritte di seguito e quelle ad esse riconducibili, sono da evitare in maniera
tassativa:

Solaio poggiante su 2 Travi e 2 Travette cfc (anche paralleli all’orditura)


La struttura viene schematizzata con due telai separati e un’aliquota del carico dei solai viene riportata
nei nodi come forza concentrata.

Dal Modello Strutturale e dalla distribuzione dei carichi lineari e delle forze concentrate ottenute risulta
evidente che la MODELLAZIONE è ERRATA.

Solaio poggiante su 4 Travette cfc


la struttura viene schematizzata con 4 pilastri indipendenti ed il carico del solaio viene ripartito
integralmente sui nodi.

304
Help di EdiLus

Tutti gli elementi orizzontali sono "Fuori Calcolo" e NON sono oggetto di alcuna verifica.
Anche in questo caso, dal Modello Strutturale e dalla distribuzione dei carichi lineari e delle forze
concentrate ottenute si evince che la modellazione è errata.
La corretta modellazione della struttura precedente è solo quella rappresentata nella figura seguente
relativa a Solaio poggiante su 4 Travi.

Dalle immagine precedenti si può verificare come, in questo caso, la modellazione risulti essere
CORRETTA.
La Travetta cfc può essere utilizzato per "contornare" il solaio (se non si vuole inserire un’ulteriore
trave) nelle situazioni illustrate nelle figure, in cui le approssimazioni introdotte nella modellazione
possono essere ritenute accettabili.

305
Help di EdiLus

Lo schema della prima figura consente anche di realizzare un bow-window poggiando una
tamponatura sulla Travetta cfc.
In questo caso i carichi della tamponatura vengono trasferiti sui nodi di estremità della Travetta è,
quindi, alle travi laterali.

Impiego della Travetta con l’oggetto Parete


L'oggetto Travetta cfc NON DEVE ESSERE ADOPERATO COME CORDOLO DI SOMMITÀ DELLE
PARETI.
Disponendo una Travetta cfc sulla sommità di una parete, infatti, tutti i carichi distribuiti sulla sommità
della parete vengono riportati nei nodi di estremità della Travetta stessa (e quindi della parete),
definendo un modello di calcolo completamente ERRATO (v. figura).

Sulla stessa struttura, senza Travetta, infatti, il carico del solaio risulta correttamente ripartito in
maniera uniforme sulla parete.

In questo caso, la modellazione risulta CORRETTA.

Impiego della Travetta cfc con l’oggetto Balcone


La Travetta cfc NON può essere utilizzato come elemento di supporto per i balconi.
Anche per una Travetta cfc disegnato è necessario specificare le proprietà opportune nel toolbox delle
Proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Disegnare e Modificare una Travetta cfc
Le Proprietà della Travetta cfc
Le Travi
Come Disegnare le Travi
Come Modificare una Trave Disegnata

306
Help di EdiLus

Le Tavole di Disegno dei Piani


Il Calcolo

307
Help di EdiLus

Come Disegnare e Modificare una Travetta CFC

Le modalità operative per il disegno e la modifica di una Travetta cfc sono analoghe a quelle previste
per il disegno e la modifica di una trave.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Cancellare un Oggetto
Il Punto Sensibile degli Oggetti
Le Travetta cfc
Le Proprietà della Travetta cfc
Le Travi
Come Disegnare le Travi
Come Modificare una Trave Disegnata
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Tasti Funzione

308
Help di EdiLus

Le Proprietà della Travetta CFC

Le Proprietà di una Travetta cfc possono essere visualizzate e modificate nel toolbox delle Proprietà
che si attiva durante la fase del suo disegno oppure quando essa risulta selezionata.
Le proprietà di una Travetta cfc vengono raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Sezione: nel rigo Sezione viene riportata la stringa che identifica la sezione adottata per la Travetta
cfc selezionata.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere la sezione della travetta, tra
quelle preventivamente definite.
Materiale: nel rigo Materiale viene riportato il materiale della travetta.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere il materiale tra quelli
preventivamente definiti.
Allineamento: in tale rigo è possibile scegliere o modificare il punto sensibile della sezione della
travetta da utilizzare per il suo disegno.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui va scelto il punto
sensibile.
Armatura: nel campo Armatura va specificata la stringa di testo (del tipo "4ø14 con staffe ø8/20") che
descriverà l’armatura della travetta nella relativa carpenteria. Posizionando il cursore nel campo
viene anche proposto (a destra) il bottone Fi (ø) che inserisce il simbolo ø nel punto in cui è
posizionato il cursore.

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Lunghezza: in tale rigo viene riportata la lunghezza, in metri, della travetta selezionata. Il valore della
lunghezza riportato può essere modificato con la conseguente modifica della travetta nel disegno
effettuata tenendo fermo il suo punto iniziale. Per ottenere la modifica della travetta nel disegno è
necessario confermare il valore specificato pigiando INVIO della tastiera o spostando il cursore in
un altro rigo.
Rotazione: in tale rigo è possibile specificare l’angolo di cui si intende ruotare la sezione della travetta
intorno al suo punto sensibile. Tale rotazione consente, ad esempio, di rappresentare correttamente
una travetta di un solaio inclinato.
Angolo XY: in tale rigo viene riportato l’angolo di cui risulta ruotata la travetta rispetto all’orizzontale
nel piano del disegno. Il valore dell’Angolo XY riportato può essere modificato con la conseguente
modifica della travetta nel disegno effettuata tenendo fermo il suo punto iniziale. Per ottenere la
modifica della travetta nel disegno è necessario confermare il valore specificato pigiando INVIO
della tastiera o spostando il cursore in un altro rigo.
Angolo XZ: in tale rigo è possibile specificare il valore dell’angolo di cui si intende ruotare la travetta
selezionata nel piano verticale passante per il suo asse. Il centro di rotazione attorno a cui viene
ruotata la travetta è il Punto Sensibile della sua sezione iniziale. Per ottenere la rotazione richiesta
è necessario confermare il valore inserito pigiando INVIO della tastiera oppure spostando il cursore
in un altro campo.
Luce Libera: in tale rigo viene riportata, in metri, la lunghezza libera di inflessione della travetta
selezionata. Tale valore non può essere modificato.

PUNTO iniziale

309
Help di EdiLus

Nella sezione PUNTO iniziale vengono proposte (in metri) le coordinate (X, Y) e la Quota (rispetto al
piano del disegno) del punto sensibile della sezione iniziale della travetta selezionata.
La Quota può essere modificata digitando il nuovo valore nel relativo campo.
Le coordinate X ed Y possono essere modificate nel dialog a cui si accede pigiando il bottone visibile
nel campo XY quando risulta selezionato il relativo rigo.
Pigiando il bottoncino OK del dialog si ottiene il posizionamento desiderato dell’estremità iniziale della
travetta nel disegno.

PUNTO finale
Nella sezione PUNTO finale vengono proposte (in metri) le coordinate (X, Y) e la Quota (rispetto al
piano del disegno) del punto sensibile della sezione finale della travetta selezionata. Come per il punto
iniziale, anche la quota e le coordinate dell’estremità finale della travetta possono essere modificate
per ottenerne il posizionamento desiderato nel disegno.

Ancora al Piano
Nella sezione Ancora al Piano vengono proposte le seguenti proprietà per definire il tipo di
ancoraggio della faccia superiore della travetta selezionata al piano di appartenenza (piano del
disegno):
SUPERIORE: nel list box che si attiva posizionando il cursore nel rigo è possibile scegliere una delle
seguenti opzioni:
NO: tra la travetta ed il piano di appartenenza NON esiste alcun ancoraggio, per cui, modificando la
quota del piano di appartenenza, la quota della travetta NON viene modificata;
Si: la travetta risulta vincolato al piano di appartenenza; pertanto, modificando la quota di tale
piano, la travetta rimane solidale ad esso; cliccando sul bottoncino (presente a sinistra del list
box solo quando in esso risulta selezionata l’opzione SI), vengono proposti i campi:
Delta Punto iniziale: in cui è possibile specificare, in metri, lo scostamento desiderato del
punto sensibile della sezione iniziale della travetta dal piano di appartenenza;
Delta Punto finale: in cui è possibile specificare, in metri, lo scostamento desiderato del punto
sensibile della sezione finale della travetta dal piano di appartenenza.

Se, per le estremità della travetta, va richiesto uno scostamento verso il basso rispetto al piano di
appartenenza, i valori specificati nei campi Delta Punto iniziale e/o Delta Punto finale, devono essere
preceduti dal segno – (meno).
Ovviamente, gli scostamenti richiesti vengono mantenuti anche se si modifica l'altezza del piano di
appartenenza della travetta.

Funzionalità
La sezione Funzionalità comprende le seguenti proprietà:
Mostra su Piano superiore: la selezione di tale check box richiede di assegnare la travetta
selezionata anche al piano superiore.
Sposta: pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile
specificare il valore (in metri) di cui si intende sollevare o abbassare verticalmente la travetta
selezionata.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

310
Help di EdiLus

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Le Travette cfc
Come Disegnare e Modificare una Travetta cfc
Le Travi
Come Disegnare le Travi
Come Modificare una Trave Disegnata
Le Tavole di Disegno dei Piani

311
Help di EdiLus

I Plinti

I Plinti

Una delle tipologie di fondazione prevista da EdiLus e quella "su plinti".


Come tutte le altre strutture di fondazione, i plinti e le relative travi di collegamento vanno
generalmente disegnati nella tavola del piano Fondazione del progetto.
Nulla vieta, però, di disegnare i plinti su un altro piano dell’edificio per realizzare fondazioni su diversi
livelli.
Ovviamente, perché un plinto possa essere inserito nella struttura, è necessario che, sul piano
superiore a quello su cui esso deve essere disegnato, sia stato disegnato il pilastro che deve poggiare
su esso.
Pertanto, per disegnare i plinti sul piano fondazione è necessario aver disegnato i corrispondenti
pilastri del primo piano della struttura.
La base superiore di un plinto disegnato viene posizionata alla quota del piano del disegno e,
pertanto, esso si sviluppa al di sotto dello stesso piano.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
I Pilastri
Come Disegnare i Plinti
Come Modificare un Plinto Disegnato
Le Proprietà del Plinto
Le Tavole di Disegno dei Piani

312
Help di EdiLus

type="text/javascript">

Come Disegnare i Plinti

Effettuato il disegno dell’Edificio è possibile procedere al disegno delle relative fondazioni.


Una delle tipologie di fondazione prevista da EdiLus e quella "su plinti". I plinti e le relative travi di
collegamento vano generalmente disegnati nella tavola del piano Fondazione del progetto.
Per disegnare un plinto di fondazione del progetto attivo basta effettuare le seguenti operazioni:
Fare doppio click sul nodo Fondazione contenuto nel nodo Piante del Navigatore per ottenere
l’apertura, nella Finestra del Programma, della finestra Piante: Fondazione in cui devono essere
disegnate le strutture di fondazione dell’edificio.
 Nella finestra "Piante: Fondazione" visualizzare in Background i pilastri disegnati sulla tavola
del primo piano (primo livello).
 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi strutturali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Plinto del toolbox per attivare la modalità per il disegno dei plinti ed attivare il
toolbox delle Proprietà del plinto da disegnare.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà del plinto effettuando le seguenti
operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle principali proprietà del plinto.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

nel campo Materiale selezionare il materiale di cui è costituito il plinto tra quelli preventivamente
definiti;
nel campo Terreno selezionare il tipo di terreno di fondazione del plinto tra quelli
preventivamente definiti;
 nei campi Lunghezza, Larghezza ed Altezza specificare le dimensioni, in metri, del plinto;
 nel campo Rotazione specificare l’eventuale angolo di cui deve risultare ruotato il plinto
rispetto all’orizzontale nel piano del disegno.
 Cliccare sul pilastro visualizzato in background a cui si intende applicare il plinto; questa
operazione disegna il plinto.

Il plinto disegnato viene disposto nella tavola facendo coincidere il suo baricentro con quello del
pilastro a cui viene collegato.
Il plinto disegnato NON può essere spostato. Esso, infatti rimane solidale al pilastro a cui è stato
collegato.
Spostando il pilastro (del piano superiore) a cui il plinto risulta collegato viene automaticamente
spostato anche il plinto stesso.

313
Help di EdiLus

Un plinto disegnato può essere, però liberamente modificato nelle proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare i Pilastri
I Plinti
Come Modificare un Plinto Disegnato
Le Proprietà del Plinto
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

314
Help di EdiLus

Come Modificare un Plinto Disegnato

Un plinto disegnato può essere modificato unicamente nelle proprietà ma non può essere spostato
nella tavola su cui è stato spostato.
Per modificare le proprietà di un plinto disegnato basta selezionarlo e modificare le sue proprietà
(dimensioni, ecc.) nel toolbox delle proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Cancellare un Oggetto
I Plinti
Come Disegnare i Plinti
Le Proprietà del Plinto
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

315
Help di EdiLus

Le Proprietà del Plinto

Le Proprietà di un Plinto possono essere visualizzate e modificate nel toolbox delle Proprietà che si
attiva durante la fase del suo disegno oppure quando esso risulta selezionato.

Le proprietà di un plinto vengono raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Materiale: nel list box di questo rigo va scelto il materiale del plinto selezionato tra quelli
preventivamente definiti.
Tipo Situazione: nel list box di questo rigo [proposto solo in progetti di strutture esistenti], va indicato
se il plinto selezionato fa parte dello stato di Fatto o è un nuovo plinto (di Progetto).

Geotecnica
Nella sezione Geotecnica vengono proposte le proprietà:
Terreno/Stratigrafia: nel box che si apre cliccando il bottoncino proposto in questo rigo quando è
selezionato occorre selezionate la stratigrafia del terreno di fondazione.

316
Help di EdiLus

Se è stato richiesto il calcolo dei cedimenti, nel rigo Terreno/Stratigrafia è necessario specificare la
stratigrafia del terreno di fondazione tra quelle preventivamente definite.
In questo caso è anche possibile assegnare, come stratigrafia, un singolo terreno, a condizione che
quest’ultimo sia stato definito come “monostrato” cioè che, nella finestra dei dati di tale terreno,
risulti selezionato il check box Considera come stratigrafia monostrato.
Profondità scavo rispetto a piano campagna: in questo rigo occorre specificare, in metri, la
profondità del piano di fondazione rispetto al piano di campagna.
Presenza falda: la selezione del check box in questo rigo indica la presenza di una falda nella
stratigrafia di fondazione.
Il check Presenza falda viene abilitato solo quando, nel list box Terreno/Stratigrafia si sceglie un
terreno “monostrato” e NON una stratigrafia. Per una stratigrafia, infatti, l’eventuale presenza di
una falda, viene indicata nella fase di definizione della stratigrafia stessa.
Se, come Terreno/Stratigrafia, si sceglie un terreno monostrato, la selezione del check Presenza
falda propone, nel rigo sottostante, il campo Profondità falda rispetto a piano campagna in cui
occorre riportare, in metri, la profondità della falda rispetto al piano di campagna.
Carico Limite: selezionando il bottone proposto nel rigo quando questo è selezionato, si apre il dialog
che riportata i parametri rilevati per il calcolo del Carico Limite. Se NON si desidera far calcolare il
Carico Limite dal programma (perché noto), basta selezionare il check in alto a sinistra e, nel
campo che si abilita a destra, riportare il valore opportuno.

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposti i seguenti campi per la specificazione delle caratteristiche
geometriche del plinto:
Lunghezza: in cui va specificata la lunghezza, in metri, del plinto;
Larghezza, in cui va specificata la larghezza, in metri, del plinto;
Altezza: in cui va specificata l’altezza, in metri, del plinto;
Rotazione: in cui va specificato l’eventuale angolo di rotazione del plinto rispetto all’orizzontale nel
piano del disegno.

Aspetto

317
Help di EdiLus

Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
I Plinti
Come Disegnare i Plinti
Come Modificare un Plinto Disegnato
Le Tavole di Disegno dei Piani

318
Help di EdiLus

Le Platee

Come Disegnare una Platea

Come ogni altra struttura di fondazione una platea va generalmente disegnata sul piano Fondazione.
Nulla vieta però di disegnare una platea su qualsiasi piano definito per l’edificio per poter realizzare
fondazioni su più livelli.
Una platea può essere disegnata sia prima che dopo aver definito la struttura dell’edificio.
Per maggior semplicità e rapidità si consiglia di disegnare una platea dopo aver definito le strutture in
elevazione in modo da avere, come riferimento nella tavola, in background, i pilastri del primo livello.
Per disegnare una platea nella tavola del piano attiva basta effettuare le seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno; per visualizzare, nel toolbox
stesso, la lista degli elementi strutturali che è possibile disegnare.
Nel toolbox selezionare l’opzione Platea per attivare la modalità per il disegno delle platee ed il
toolbox delle Proprietà della platea da disegnare.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà della platea da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle principali proprietà della platea.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

 Nel campo Spessore del toolbox delle proprietà specificare lo spessore, in centimetri, della
platea.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo Materiale, scegliere il materiale della platea tra
quelli preventivamente definiti.
Nel list box Analisi Carichi, scegliere l’analisi dei carichi della platea tra quelle preventivamente
definite.
Nel list box Terreno, scegliere il tipo di terreno di fondazione tra quelli preventivamente definiti.
 Nei campi della sezione Dimensioni SHELL specificare, in centimetri, i passi da adottare
per la suddivisione in shell per la definizione del modello strutturale della platea.
 Disegnare la platea come una qualsiasi polilinea con soli tratti rettilinei.
 Disegnato l'ultimo tratto della polilinea della platea che definisce la platea fare click, con il
pulsante destro del mouse e, nel menu locale che si apre, selezionare l’opzione Termina.
 Fare click sul pallino blu della maniglia nel baricentro della platea e ruotarla per definire, con
il verso indicato dalle frecce, la direzione principale della platea; la direzione secondaria viene
definita di conseguenza in quanto ortogonale a quella principale.

319
Help di EdiLus

La definizioni principale e secondaria della platea sono necessarie per la sua modellazione
(suddivisione in shell) e per la definizione delle direzioni della sua armatura.

Il verso della direzione principale della platea, indicato dalla doppia freccia de suo simbolo, definisce il
verso dell’asse 2 del suo sistema di riferimento locale.
Questa indicazione è necessaria per consentire, all’Utente di applicare correttamente delle forze
aggiuntive alla platea.

Platee Nervate
Sulla stessa tavola è possibile combinare il disegno della platea e quello di travi di fondazione per
realizzare una platea nervata.

Per la corretta schematizzazione di una Platea Nervata va assegnato il terreno alla sola platea. Alle travi
della platea nervata NON va invece assegnato alcun terreno.

In questo caso, sia la base superiore della platea che quella delle travi di fondazione vengono a
trovarsi alla quota della base inferiore dei pilastri.

Occorre, pertanto, "estradossare" tutte le travi disegnate aumentando la loro quota (zero) rispetto al
piano del disegno in modo che la loro base inferiore coincida con la base inferiore della platea.

Se si affonda la platea per far coincidere la sua base inferiore con la base inferiore delle travi, NON si
ottiene una corretta modellazione della platea stessa.

320
Help di EdiLus

Per modificare la quota di tutte le travi di fondazione in maniera estremamente semplice e rapida
basta effettuare le seguenti operazioni:
 richiedere, per la tavola di disegno, uno Zoom Esteso [F2] in modo che, in essa, risultino
visualizzati tutti gli elementi (travi e platea) della fondazione;
pigiare il bottone Seleziona Tutto della toolbar per selezionare tutti gli oggetti visualizzati nella
tavola;
 pigiare il bottone Filtro Selezione sulla toolbar verticale disposta lungo il bordo sinistro della
Finestra del Programma; questa operazione apre il toolbox Filtro Selezione in cui vengono
proposti i check box (Platea e Trave) delle tipologie di oggetti selezionate nella tavola;
 nel toolbox Filtro Selezione lasciare selezionato il solo check box Trave e pigiare il bottone
Applica della sua toolbar; questa operazione lascia selezionate le sole travi nella tavola;
pigiare il bottone proposto posizionando il cursore nel rigo Funzionalità\Sposta del toolbox delle
proprietà del gruppo di travi selezionate; questa operazione apre un piccolo dialog;
 nel campo Delta Z del dialog specificare, in metri, la variazione di quota (positiva) delle travi
per portare a coincidere la loro base inferiore con la base inferiore della platea;
pigiare il bottone OK per chiudere il dialog ed ottenere le modifiche richieste nel disegno.

La platea disegnata può essere liberamente modificata o cancellata.


Perché una platea nervata venga modellata correttamente, è necessario che nessuna trave
(nervatura) fuoriesca dal bordo della platea stessa.
È, quindi, possibile inserire una trave (nervatura) "a filo" del bordo di una platea (v. figura sotto).

È anche possibile definire una fondazione composta da più platee affiancate, qualora, per ognuna di
esse occorra specificare differenti proprietà (ad es. carichi, spessori, terreno, ecc.).

Due platee di diverso spessore devono avere necessariamente la base superiore alla stessa quota.

321
Help di EdiLus

Affinché due platee possano essere affiancate è necessario che abbiano in comune tutti i vertici
confinanti (v. figura).

Ad esempio, con riferimento ai casi in figura, perché le platee A e B risultino correttamente affiancate,
è necessario che abbiano in comune i vertici 1, 2, 3 e 4. Occorre, pertanto, creare i nodi 1 e 4 anche
nella polilinea che contorna la platea B.
Perché risultino correttamente affiancate le platee C e D, è necessario, invece, che esse abbiano in
comune i vertici 5 e 6 delle polilinee che le contornano. In questo caso è, quindi, necessario creare i
nodi 5 e 6 anche nella polilinea che contorna la platea C.

Per inserire un nuovo nodo nel punto medio di in un lato di una polilinea, è necessario selezionare il lato
stesso e pigiare INS della tastiera.
Successivamente è possibile spostare il nodo inserito nella posizione desiderata.

Nel caso di platee affiancate è anche possibile inserire una trave con asse coincidente con la linea di
confine tra le platee stesse.

Ulteriori combinazioni tra platee e travi possono essere realizzate disegnando travi congiungenti tratti
di una stessa platea e perfino di platee diverse.
Una trave può anche essere disegnata con un’estremità all’interno di una platea ed una all’esterno di
essa.

322
Help di EdiLus

È anche possibile che una trave con entrambe le estremità all’esterno di una platea la attraversi
completamente.

Infine, è possibile congiungere con una parete due platee a quote differenti.
La platea disegnata può essere liberamente modificata o cancellata.
Una Platea può anche essere forata disegnando su essa un oggetto Foro.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Selezionare più Oggetti Contemporaneamente
Come Cancellare un Oggetto
Come Modificare una Platea
Le Proprietà della Platea
Come Disegnare una Polilinea
Le Proprietà della Polilinea
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento

323
Help di EdiLus

Come Modificare una Platea

Una platea disegnata può essere selezionata cliccando in un suo punto nella modalità per la selezione
degli oggetti.
La platea selezionata può essere liberamente cancellata o modificata nella geometria, con le stesse
modalità previste per la modifica di una polilinea. Ovviamente la platea selezionata può anche essere
modificata nelle proprietà.
Naturalmente, cliccando su un tratto della polilinea, oltre alla platea, viene selezionato anche il tratto
stesso.
Premendo CANC della tastiera viene eliminato il tratto selezionato della platea. Per cancellare
(sempre pigiando CANC della tastiera) l’intera platea è necessario che questa risulti selezionata
senza che risulti selezionato alcun tratto.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare una Platea
Le Proprietà della Platea
Come Modificare una Polilinea Disegnata
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D
Sistemi di Riferimento

324
Help di EdiLus

Le Proprietà della Platea

Tutte le Proprietà di una Platea possono essere visualizzate e modificate nel toolbox delle Proprietà
che si attiva durante la fase del suo disegno oppure quando essa risulta selezionata.

Le proprietà di una platea risultano raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Spessore: nel campo Spessore va specificato, in centimetri, lo spessore della platea selezionata o da
disegnare.
Materiale: nel list box di questo rigo va scelto il materiale della platea tra quelli preventivamente
definiti.
Analisi Carichi: nel list box di questo rigo va scelta l’analisi dei carichi adottata per la platea tra quelle
tra preventivamente definite.
Tipo Situazione: nel list box di questo rigo [proposto solo in progetti di strutture esistenti], va indicato
se la platea selezionata fa parte dello stato di Fatto o è una nuova platea (di Progetto).

325
Help di EdiLus

Passo HPSHELL
Nella sezione Passo HPSHELL vengono proposti i campi:
Bordi, in cui va indicato il passo, in centimetri, dei nodi delle Shell lungo i bordi della Platea.
Interno, in cui va indicato il passo, in centimetri, dei nodi delle Shell della parte interna della Platea; in
pratica, in questo campo, va indicato il lato dei triangoli equilateri che costituiscono le shell in cui
verrà suddivisa la Platea in fase di calcolo del Modello Strutturale.

Quanto più piccolo è il passo dei nodi delle shell all’"Interno" della Platea, più accurato sarà il calcolo
delle sollecitazioni e sensibilmente più elevati risulteranno i tempi di elaborazione.
La possibilità di indicare, lungo i bordi, un passo dei nodi delle shell inferiore rispetto a quello
dell’"Interno" della Platea, consente di ottenere, per tali zone, un calcolo più accurato, senza comportare
un considerevole aumento dei tempi di elaborazione.

La discretizzazione della Platea viene effettuata rendendo parallelo alla sua direzione Principale uno
dei lati dei triangoli equilateri delle shell.

Altre caratteristiche…
Nella sezione altre caratteristiche… viene proposto il rigo Aggressività Ambiente. Nel list box di
questo rigo va scelta l’opzione (poco, moderata o molto) relativa al livello di aggressività
dell’ambiente per la platea.

Geotecnica
Nella sezione Geotecnica vengono proposte le proprietà:
Terreno/Stratigrafia: nel box che si apre cliccando il bottoncino proposto in questo rigo quando è
selezionato occorre selezionate la stratigrafia del terreno di fondazione.

Se è stato richiesto il calcolo dei cedimenti, nel rigo Terreno/Stratigrafia è necessario specificare la
stratigrafia del terreno di fondazione tra quelle preventivamente definite.
In questo caso è anche possibile assegnare, come stratigrafia, un singolo terreno, a condizione che
quest’ultimo sia stato definito come “monostrato” cioè che, nella finestra dei dati di tale terreno (v.
§ 8.2), risulti selezionato il check box Considera come stratigrafia monostrato.

Profondità scavo rispetto a piano campagna: in questo rigo occorre specificare, in metri, la
profondità del piano di fondazione rispetto al piano di campagna.

326
Help di EdiLus

Presenza falda: la selezione del check box in questo rigo indica la presenza di una falda nella
stratigrafia di fondazione.
Il check Presenza falda viene abilitato solo quando, nel list box Terreno/Stratigrafia si sceglie un
terreno “monostrato” e NON una stratigrafia. Per una stratigrafia, infatti, l’eventuale presenza di una
falda, viene indicata nella fase di definizione della stratigrafia stessa.
Se, come Terreno/Stratigrafia, si sceglie un terreno monostrato, la selezione del check Presenza
falda propone, nel rigo sottostante, il campo Profondità falda rispetto a piano campagna in cui va
indicata, in metri, la profondità della falda rispetto al piano di campagna.

Carico Limite: selezionando il bottone proposto nel rigo quando questo è selezionato, si apre il dialog
che riportata i parametri rilevati per il calcolo del Carico Limite. Se NON si desidera far calcolare il
Carico Limite dal programma (perché noto), basta selezionare il check in alto a sinistra nel dialog e,
nel campo che si abilita a destra, riportare il valore opportuno.

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Superficie: nel campo Superficie viene riportata la superficie (in m2) della platea selezionata,
calcolata automaticamente dal programma. Ovviamente, tale valore NON è modificabile.
Quota: nel campo Quota viene riportata la quota (in metri) della platea selezionata. Il valore proposto
in tale campo può essere modificato con la conseguente variazione di quota della platea nel
disegno.

PUNTO inserimento
Nella sezione PUNTO inserimento vengono proposte le coordinate (X ed Y), in metri, del punto
centrale (fucsia) del simbolo della platea selezionata.

327
Help di EdiLus

Le coordinate X ed Y possono essere modificate nel dialog a cui si accede pigiando il bottone visibile
nel campo XY quando risulta selezionato il relativo rigo.
Pigiando il bottoncino OK del dialog si ottiene il posizionamento desiderato del punto centrale del
simbolo della platea.

PUNTO di direzione Principale


Nella sezione PUNTO di direzione Principale vengono proposte le coordinate (X ed Y), in metri, del
punto (blu) del simbolo della platea con la doppia freccia che indica la sua direzione principale.
Le coordinate di questo punto possono essere modificate, per ottenere il suo posizionamento
desiderato nel disegno, con le stesse modalità previste per la modifica delle coordinate del "PUNTO
Inserimento".

Angolo XY
Nel campo Angolo XY è possibile modificare l’angolo di inclinazione della direzione principale della
platea selezionata rispetto all’orizzontale.

Carichi e Forze
Nella sezione Carichi e Forze vengono proposte le seguenti proprietà:
Forze Superficiali: in tale rigo viene riportato il numero dei carichi superficiali sulla platea selezionata
derivanti dall’Analisi dei carichi effettuata automaticamente dal programma.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile prendere
visione dei soli carichi superficiali sulla platea derivanti dall’Analisi dei Carichi effettuata dal
programma.

Nel dialog Forze Superficiali NON vengono riportate eventuali forze o carichi aggiuntivi applicati alla
platea dall’Utente.
Carichi e forze aggiuntive applicate alla platea dall’Utente vengono trasferiti direttamente ai sub nodi
delle shell della platea. L’effetto di tali forze, pertanto, potrà essere valutato nel dialog Forze
Concentrate dei sub nodi delle shell della platea.
Ulteriori forze possono anche essere applicate ai nodi di estremità di una platea. Vincoli e/o cedimenti
possono anche essere applicati ai sub-nodi di ogni shell della platea.

Carico Termico: in tale rigo viene indicato (SI o NO) se esistono carichi termici sulla platea
selezionata.
Pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si apre il dialog in cui è possibile
specificare la variazione termica fra le facce della platea.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Come Disegnare una Platea

328
Help di EdiLus

Come Modificare una Platea


Le Tavole di Disegno dei Piani
Sistemi di Riferimento

329
Help di EdiLus

Le Polilinee

Come Disegnare una Polilinea

Sulle tavole dei piani e in qualsiasi altra tavola (carpenterie, armature, tavole esecutive) è possibile
disegnare liberamente delle polilinee.
Ovviamente l’oggetto Polilinea di EdiLus ha unicamente una valenza grafica anche quando viene
disegnato nelle tavole dei piani.
Esistono, però anche oggetti della tipologia Strutturale (balcone, foro, ecc.) che, pur essendo
rappresentati mediante polilinee, sono parte integrante della struttura e sono, quindi, oggetto di
Calcolo da parte del programma.
Per maggior semplicità vengono, inizialmente, illustrate le modalità operative per il disegno di una
polilinea costituita unicamente da tratti rettilinei, illustrando, in un secondo momento, le modalità per il
disegno di polilinee con tratti costituiti da archi di cerchio.

Disegno di una Polilinea con tratti rettilinei


Per disegnare una polilinea nella tavola attiva del progetto basta effettuare le seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Generali del toolbox Oggetti Disegno questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi della tipologia Generali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Polilinea del toolbox per attivare la modalità per il disegno di una polilinea ed
attivare il relativo toolbox delle Proprietà.
 Disegnare il primo tratto della polilinea effettuando le seguenti operazioni:
 fare click nel punto in cui si intende disporre la prima estremità del primo tratto della
polilinea;
 tracciare il primo tratto di polilinea e, quando la sua seconda estremità risulta correttamente
posizionata, fare click nella tavola per fissarla; questa operazione propone direttamente la
modalità per il disegno del secondo tratto di polilinea a partire dalla seconda estremità
disegnata del primo tratto.
 Cliccare nel punto della tavola in cui va posizionato la seconda estremità del secondo tratto
e proseguire in questo modo fino al disegno dell’ultimo tratto della polilinea.
 Disegnato l’ultimo tratto di polilinea, fare click con il pulsante destro del mouse per accedere
al menu locale della tavola e, in questo, selezionare l’opzione Termina per interrompere il
disegno della polilinea.
Se la polilinea deve essere chiusa, basta procedere nel disegno fino al suo penultimo tratto e
selezionare l’opzione Chiudi Polilinea del menu locale.

Disegno di una Polilinea con tratti curvilinei (archi di cerchio)


Se, durante il disegno di una polilinea, occorre disegnare un tratto costituito da un arco di cerchio,
basta:
 disegnare, con le modalità illustrate, gli eventuali tratti della polilinea che precedono l’arco;
disegnato l’ultimo tratto rettilineo della polilinea, risulta attiva la modalità per il disegno del tratto
successivo;
 tracciare il successivo tratto rettilineo della polilinea senza cliccare per bloccarne la seconda
estremità;
 selezionare l’opzione Cambia in Arco del menu locale della tavola per trasformare il tratto
della polilinea tracciato in un arco di cerchio;
 posizionare la seconda estremità dell’arco di cerchio nel punto opportuno della tavola e fare
un click, con il pulsante sinistro del mouse, per fissarne la posizione; questa operazione disegna
l’arco di cerchio ed interrompe il disegno della polilinea; l’arco disegnato risulta selezionato;
 regolare la curvatura dell’arco mediante le apposite maniglie proposte alle sue estremità
quando esso risulta selezionato; in particolare:

330
Help di EdiLus

 spostando i pallini blu delle maniglie laterali contrassegnati, nello schema, con il numero 3, si
modifica l’inclinazione della tangente nel punto centrale della maniglia (pallino 1) con il relativo
spostamento del centro del cerchio e la relativa modifica del raggio;

 spostando i pallini blu delle maniglie contrassegnati con il numero 1, si ottiene lo


spostamento del corrispondente nodo della polilinea mantenendo fissi il centro ed il raggio del
cerchio; in pratica si modifica la lunghezza dell’arco;
 spostando la maniglia numero 4, oltre allo spostamento del centro dell’arco si modifica
anche il raggio del cerchio;
 spostando la maniglia numero 5, si ottiene, invece, la modifica del raggio senza modificare la
posizione del centro;
 spostando la maniglia numero 6 (pallino verde) si sposta l’intera polilinea senza modificarne
alcun tratto;
 definito l’arco, cliccare con il pulsante destro del mouse su una delle maniglie per accedere
al menu locale della tavola e, a seconda delle necessità, selezionare una delle seguenti opzioni:
Termina, se bisogna interrompere il disegno della polilinea;
Continua Disegno, se bisogna procedere nel disegno della polilinea partendo dall’ultima estremità
dell’arco disegnata;
Chiudi Polilinea, se bisogna chiudere la polilinea raccordando (con un tratto rettilineo) l’ultima
estremità dell’arco disegnata con la prima estremità del primo tratto di polilinea.
La polilinea disegnata può essere liberamente spostata nella tavola e modificata in ogni suo tratto.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Modificare una Polilinea Disegnata
Le Proprietà della Polilinea
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

331
Help di EdiLus

Come Modificare una Polilinea Disegnata

Una polilinea disegnata nella tavola attiva può essere liberamente spostata ma può anche essere
modificata nella geometria e nelle proprietà.

Come Modificare le Proprietà di una Polilinea


Per modificare le proprietà di una polilinea disegnata basta selezionarla e modificare le sue
caratteristiche negli opportuni righi del toolbox delle Proprietà.

Come Spostare una Polilinea


Per spostare una polilinea nella tavola attiva del progetto basta effettuare le seguenti operazioni:
 selezionare la polilinea cliccando su un suo tratto o un suo nodo nella modalità Seleziona;
quando la polilinea risulta selezionata presenta, in posizione baricentrica rispetto ai suoi tratti, una
maniglia per lo spostamento costituita da un pallino verde;
 cliccare sul pallino verde per sbloccare la polilinea dalla sua posizione originaria e trascinarla
nella nuova posizione;
 quando risulta opportunamente collocata nella tavola fare un click con il pulsante sinistro del
mouse per fissarne nuovamente la posizione.

Come Inserire un Nuovo Tratto in una Polilinea


Un nuovo tratto di polilinea può essere inserito a partire dalla sua ultima estremità disegnata oppure
può essere inserito spezzando un tratto esistente.
Per aggiungere un nuovo tratto di polilinea alla sua ultima estremità disegnata basta:
 selezionare la polilinea cliccando su un suo tratto nella modalità Seleziona;
 fare click, con il pulsante destro del mouse, su un tratto della polilinea per richiedere
l’apertura del menu locale della tavola;
 nel menu locale selezionare l’opzione Aggiungi Nodo; questa operazione crea un nuovo
tratto di polilinea collegato alla sua ultima estremità libera disegnata;
 tracciare il nuovo tratto di polilinea e cliccare nel punto in cui occorre fissare la sua seconda
estremità.
Per inserire un nuovo tratto di polilinea, spezzando in due un suo tratto con l’inserimento di un nuovo
nodo, basta:
 selezionare il tratto di polilinea che si intende spezzare cliccando su esso nella modalità
Seleziona; il tratto selezionato viene proposto in verde;
 fare click, con il pulsante destro del mouse, sul tratto selezionato per richiedere l’apertura del
menu locale della tavola;
 nel menu locale selezionare l’opzione Inserisci Nodo; questa operazione spezza il tratto
selezionato inserendo un nuovo nodo nel suo punto medio;
 spostare i nodi della polilinea (v. avanti) per farle assumere la configurazione desiderata.

Come Eliminare un Nodo di una Polilinea


Per eliminare un nodo di una polilinea, con la conseguente eliminazione dell’ultimo tratto disegnato ad
esso collegato, basta:
 selezionare il nodo cliccando su esso (o racchiudendolo in un rettangolo di selezione) nella
modalità Seleziona; il nodo selezionato risulta contrassegnato da un pallino blu;
 fare click sul nodo, con il pulsante destro del mouse, per accedere al menu locale della
polilinea;
 selezionare l’opzione Elimina Nodo del menu locale.
Il nodo selezionato può anche essere eliminato premendo semplicemente CANC (CANCEL) della
tastiera.

Come Eliminare un Tratto di Polilinea Chiusa


332
Help di EdiLus

Per eliminare un tratto di una polilinea chiusa (in cui l’ultimo tratto è stato disegnato selezionando
l’opzione Chiudi Polilinea, basta:
 selezionare il tratto da eliminare cliccando su esso nella modalità Seleziona; il tratto
selezionato viene proposto in verde;
 fare click sul tratto, con il pulsante destro del mouse, per accedere al menu locale della
polilinea e, in questo, selezionare l’opzione Apri Polilinea Qui del menu locale.

Come Eliminare l’intera Polilinea


Per eliminare un’intera polilinea dalla tavola del disegno attiva basta effettuare le seguenti operazioni:
 selezionare un qualsiasi tratto di polilinea cliccando su esso nella modalità Seleziona;
 fare click sul tratto selezionato con il pulsante destro del mouse, per accedere al menu
locale della polilinea e, in questo, selezionare l’opzione Elimina Oggetto del menu locale.

Come Modificare un Tratto di Polilinea


Un tratto di polilinea di una polilinea può essere liberamente modificato spostandone i nodi di
estremità nella tavola.
Per spostare un nodo (estremità) di un tratto di polilinea basta effettuare le seguenti operazioni:
 selezionare il nodo cliccando su esso (o racchiudendolo in un rettangolo di selezione) nella
modalità Seleziona; il nodo selezionato risulta contrassegnato da un pallino blu;
 cliccare sul nodo selezionato per sbloccarlo dalla sua posizione originaria;
 spostare il nodo nel punto opportuno della tavola e cliccare con il pulsante sinistro del mouse
per fissarlo nella nuova posizione.
Un tratto di polilinea può anche essere trasformato da "rettilineo" ad "arco di cerchio" e viceversa.
Per trasformare il tratto rettilineo di polilinea selezionato in un arco di cerchio basta:
 fare click su esso con il pulsante destro del mouse per accedere al menu locale della
polilinea;
 nel menu locale selezionare l’opzione Cambia in Arco.
Per trasformare l’arco di cerchio selezionato di una polilinea in un tratto rettilineo basta:
 fare click su esso con il pulsante destro del mouse per accedere al menu locale della
polilinea;
 nel menu locale selezionare l’opzione Cambia in Linea.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare una Polilinea
Le Proprietà della Polilinea
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

333
Help di EdiLus

Le Proprietà della Polilinea

Tutte le Proprietà di un tratto di una polilinea disegnata possono essere visualizzate e modificate nel
toolbox delle Proprietà proposto quando esso risulta selezionato.
Le proprietà di un tratto di polilinea sono raggruppate nelle seguenti sezioni:

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Spessore linea: selezionando tale rigo appare il list box in cui è possibile scegliere lo spessore della
intera polilinea selezionata.

Tratto selezionato
Nella sezione Tratto selezionato vengono proposti i seguenti righi:
Lunghezza [m]: in cui viene riportata, in metri, la lunghezza (NON modificabile) del tratto di polilinea
selezionato.
Angolo [°ssdc]: in cui viene riportato, in gradi sessadecimali, l’angolo (NON modificabile) che il tratto
di polilinea selezionato forma con l’orizzontale.
Nodo[1] [m], in cui vengono riportate le Coordinate (in m) dell’estremità del tratto di polilinea
selezionato contrassegnata con [1] nel disegno.
Pigiando il bottoncino proposto quando il rigo risulta selezionato, viene proposto un piccolo dialog in
cui è possibile modificare le coordinate X ed Y dell’estremità [1] del tratto di polilinea selezionato.
Nodo[2] [m], in cui vengono riportate le Coordinate (in m) dell’estremità del tratto di polilinea
selezionato contrassegnata con [2] nel disegno.
Pigiando il bottoncino proposto quando il rigo risulta selezionato, viene proposto un piccolo dialog in
cui è possibile modificare le coordinate X ed Y dell’estremità [2] del tratto di polilinea selezionato.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Come Disegnare una Polilinea
Come Modificare una Polilinea Disegnata
Le Tavole di Disegno dei Piani

334
Help di EdiLus

Testi, Etichette e Bollini

Come Inserire un Testo sulla Tavola

Nella tavole dei piani e in qualsiasi altra tavola grafica del progetto (Carpenterie, Armature e Tavole
Esecutive) prodotte dal programma è possibile inserire liberamente dei testi.
Per inserire un testo nella tavola attiva del progetto basta effettuare le seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Generali del toolbox Oggetti Disegno questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi della tipologia Generali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Testo del toolbox per attivare la modalità per l’inserimento di un testo ed
attivare il toolbox delle Proprietà del testo da inserire.

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle principali proprietà del testo.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

 Nel toolbox delle Proprietà del testo effettuare le seguenti operazioni:


 nel campo Testo inserire la stringa di testo che si intende riportare nella tavola;
posizionare il cursore nel rigo Font e pigiare il bottone che si attiva in esso; questa operazione
apre il dialog "Tipo di carattere";
 nel dialog Tipo di carattere scegliere il tipo di carattere, lo stile (Corsivo, Grassetto, ecc.), le
sue dimensioni in punti, il colore, ecc. e pigiare il bottone OK per richiuderlo.

Gran parte delle scelte effettuate nel dialog Tipo di carattere possono anche essere effettuate, in
maniera più rapida, nei righi del toolbox delle Proprietà del Testo che vengono visualizzati esplodendo il
rigo Font con un click sul bottoncino alla sua sinistra.

 Fare click in prossimità del punto della tavola in cui si intende inserire il testo; questa
operazione lega il testo richiesto al cursore.
 Sostare il testo nel punto preciso della tavola in cui si intende inserirlo e cliccare con il
pulsante sinistro del mouse per fissarne la posizione.
L’oggetto Testo inserito può essere liberamente spostato e ruotato nella tavola e può essere
modificato sia nel contenuto che nell’aspetto.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Come Modificare un Testo Inserito
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

335
Help di EdiLus

Come Modificare un Testo

Un Testo inserito in una tavola del progetto di EdiLus può essere liberamente modificato.
In particolare un testo può essere spostato e ruotato nella tavola e può essere modificato sia nel
contenuto che nell’aspetto.

Come Spostare un Testo


Per spostare un Testo inserito nella tavola attiva del progetto di EdiLus, basta effettuare le seguenti
operazioni:
 selezionare il testo facendo click su esso nella modalità seleziona; questa operazione attiva,
sull’oggetto, la maniglia (pallino) verde per la sua traslazione nella tavola;
 fare click sulla maniglia verde per sboccare il testo dalla sua posizione;
 spostare il testo nel punto della tavola desiderato e cliccare nuovamente per fissarne la
posizione.

La posizione del Testo selezionato può anche essere modificata per via numerica, nel toolbox delle
Proprietà, effettuando le seguenti operazioni:
 pigiare il bottoncino proposto nel rigo XY (della sezione Geometria) quando questo risulta
selezionato;
 nel dialog che si apre specificare le nuove coordinate della maniglia verde del testo;
 pigiare il bottoncino OK per chiudere il dialog ed ottenere lo spostamento desiderato nel
disegno.

Come Ruotare un Testo


Per ruotare un Testo inserito nella tavola attiva del progetto di EdiLus, basta effettuare le seguenti
operazioni:
 selezionare il testo facendo click su esso nella modalità seleziona; questa operazione attiva,
sull’oggetto, la maniglia (pallino) rossa per la sua rotazione nella tavola;
 fare click sulla maniglia rossa per consentire la rotazione del testo;
 spostare opportunamente il cursore per ottenere la rotazione del testo desiderata;
ovviamente, per ruotare in maniera semplice e precisa il testo è possibile usufruire degli snap
attivi nella tavola e dalla possibilità di allontanare la maniglia rossa dal centro di rotazione per
favorire eventuali allineamenti con altri oggetti nella tavola.

Se, durante la rotazione si tiene premuto SHIFT della tastiera questa viene inibita e viene attivata la
modalità per la traslazione dell’oggetto.
Rilasciando SHIFT della tastiera viene ripristinata la modalità per la sola rotazione dell’oggetto.
La nuova inclinazione del Testo selezionato può anche essere definita numericamente specificando il
nuovo angolo che esso forma con l’orizzontale nel rigo Rotazione del toolbox delle sue Proprietà e
pigiando INVIO della tastiera per confermare.

Come Modificare il Contenuto e l’Aspetto di un Testo


Per modificare la stringa di testo contenuta nell’oggetto Testo selezionato, basta modificare
opportunamente il contenuto del campo Testo del toolbox delle sue Proprietà.
Per modificare, invece l’aspetto (tipo di carattere, dimensioni, stile, colore, ecc.) del testo selezionato
basta apportare le opportune modifiche nel dialog Tipo di carattere.
Al dialog Tipo di carattere si accede pigiando il bottone che si attiva posizionando il cursore nel rigo
Font del toolbox delle Proprietà del testo selezionato.

336
Help di EdiLus

Gran parte della scelte effettuate nel dialog Tipo di Carattere possono anche essere effettuate, in
maniera più rapida, nei righi del toolbox delle Proprietà del Testo che vengono visualizzati esplodendo il
rigo Font con un click sul bottoncino alla sua sinistra.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Come Inserire un Testo sulla Tavola
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

337
Help di EdiLus

Le Etichette

L’oggetto Etichetta di EdiLus consente di associare un testo ad un elemento del disegno.


Un’etichetta, infatti, risulta costituita da un testo con un segmento, detto "Indicatore" che lo collega
all’elemento a cui questo si riferisce. Il testo può essere riportato su una o due righe.

Le etichette vengono utilizzate dal programma nelle carpenterie composte automaticamente, ma


possono essere inserite dall’Utente in qualsiasi tavola di disegno del progetto (tavole per il disegno
degli oggetti, carpenterie, tavole delle armature e tavole esecutive).
Per inserire un’etichetta su una tavola di disegno basta effettuare le seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Generali del toolbox Oggetti Disegno questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi della tipologia Generali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Etichetta del toolbox per attivare la modalità per l’inserimento di un’etichetta
ed attivare il toolbox delle Proprietà dell’etichetta da inserire.

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo le principali proprietà dell’etichetta.


Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

 Nel toolbox delle Proprietà dell’etichetta effettuare le seguenti operazioni:


 nei campi Testo superiore e/o Testo inferiore digitare le stringhe di testo da riportare nelle
due righe dell’etichetta; ovviamente se il testo dell’etichetta va riportato su un unico rigo,
questo va specificato nel solo campo (Testo superiore o Testo inferiore) relativo alla posizione
che il testo deve assumere nell’etichetta stessa;
posizionare il cursore nel rigo Font superiore e pigiare il bottone che si attiva in esso; questa
operazione apre il dialog "Tipo di carattere";
 nel dialog Tipo di carattere scegliere il tipo di carattere, lo stile (Corsivo, Grassetto, ecc.), le
dimensioni in punti, il colore, ecc. del testo superiore dell’etichetta e pigiare il bottone OK per
richiuderlo;
 con modalità analoghe definire l’aspetto del testo inferiore dell’etichetta;

Gran parte delle scelte effettuate nel dialog Tipo di carattere possono anche essere effettuate, in
maniera più rapida, nei righi del toolbox delle Proprietà che vengono visualizzati esplodendo il rigo Font
... con un click sul bottoncino alla sua sinistra.

nel list box proposto posizionando il cursore nel rigo Orientamento scegliere l’orientamento
(Orizzontale o Verticale) dell’etichetta nella tavola;
 selezionare il check box Disegna Freccia, se si desidera che sia presente un freccia
all’estremità dell’Indicatore.
 Fare click in prossimità dell’elemento a cui il testo si riferisce (ad es. una trave, un ferro di
armatura, ecc.); questa operazione posiziona la prima estremità dell’indicatore e lega al cursore
l’etichetta richiesta.
 Spostare l’etichetta nel punto della tavola in cui questa deve essere inserita e cliccare
nuovamente per fissarne la posizione.
Un’etichetta inserita in una tavola può essere liberamente modificata o cancellata.
Per modificare la posizione di un’etichetta nella tavola basta:
 selezionarla, quando un’etichetta risulta selezionata vengono proposte le due maniglie
(pallini) per lo spostamento del suo testo e dell’Indicatore;

338
Help di EdiLus

 cliccare sulla maniglia dell’elemento dell’etichetta (testo o indicatore) che si intende spostare
per sbloccarla dalla sua posizione;
 effettuare lo spostamento desiderato e cliccare nuovamente per fissare la nuova posizione
della maniglia.
Un’etichetta selezionata può essere liberamente modificata anche nelle proprietà precedentemente
descritte.
In particolare, le maniglie dell’etichetta selezionata possono anche essere spostate modificando le
relative coordinate negli appositi campi della sezione Geometria del toolbox delle Proprietà.
Per cancellare un’etichetta basta selezionarla e pigiare CANC (CANCEL) della tastiera.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Come Inserire un Testo sulla Tavola
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

339
Help di EdiLus

I Bollini

L’oggetto Bollino di EdiLus consente di contrassegnare un elemento del disegno con una lettera, un
numero o una stringa di testo contenuti in cerchio, un quadrato o un rettangolo.
I bollini vengono utilizzati dal programma nelle carpenterie composte automaticamente ma possono
essere inseriti dall’Utente in qualsiasi tavola di disegno del progetto (tavole per il disegno degli oggetti,
carpenterie, tavole delle armature e tavole esecutive).
Per inserire un bollino su una tavola di disegno basta effettuare le seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Generali del toolbox Oggetti Disegno questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi della tipologia Generali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Bollino del toolbox per attivare la modalità per l’inserimento di un bollino ed
attivare il toolbox delle Proprietà del bollino da inserire.
 Nel toolbox delle Proprietà dell’etichetta effettuare le seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo le principali proprietà del bollino.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

 nel campo Testo digitare il testo del bollino;


posizionare il cursore nel rigo Font e pigiare il bottone che si attiva in esso; questa operazione
apre il dialog "Tipo di carattere";
 nel dialog Tipo di carattere scegliere il tipo di carattere, lo stile (Corsivo, Grassetto, ecc.), le
dimensioni in punti, il colore, ecc. del testo del bollino e pigiare il bottone OK per richiuderlo;

Gran parte delle scelte effettuate nel dialog Tipo di carattere possono anche essere effettuate, in
maniera più rapida, nei righi del toolbox delle Proprietà che vengono visualizzati esplodendo il rigo Font
con un click sul bottoncino alla sua sinistra.

nel list box proposto posizionando il cursore nel rigo Tipo forma scegliere la forma (Cerchio,
Quadrato o Rettangolo) del bollino;
 nel campo Margine dal testo specificare, in centimetri, la minima distanza del testo inserito
dal bordo della forma (cerchio, quadrato o rettangolo) scelta.
 Fare click sulla tavola; questa operazione lega al cursore il bollino richiesto.
 Posizionare il bollino nel punto opportuno e cliccare nuovamente per fissarlo.
Un bollino inserito in una tavola può essere liberamente modificato o cancellato.
Per modificare la posizione di un bollino nella tavola basta:
 selezionarlo, quando un bollino risulta selezionato, nel suo centro viene proposta la maniglia
(pallino) per il suo spostamento;
 cliccare sulla maniglia del bollino per sbloccarlo dalla sua posizione;
 effettuare lo spostamento desiderato e cliccare nuovamente per fissare la nuova posizione
del bollino.
Un bollino selezionato può essere liberamente modificato anche nelle proprietà precedentemente
descritte.
In particolare, la posizione del centro del bollino selezionato può anche essere spostata modificando
le relative coordinate nel campo XY della sezione Geometria del toolbox delle Proprietà.
Per cancellare un bollino basta selezionarlo e pigiare CANC (CANCEL) della tastiera.

Vedi Anche

340
Help di EdiLus

Il Disegno degli Oggetti


Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Come Inserire un Testo sulla Tavola
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

341
Help di EdiLus

I Disegni DWG o DXF

Come Caricare un Disegno DWG o DXF nella Tavola

La disposizione di tutti gli oggetti necessari (pilastri, travi, ecc.) nella tavola di un piano dell’edificio può
essere resa estremamente semplice, rapida e precisa utilizzando, come traccia, un disegno in formato
DWG o DXF.
Ad esempio, per disegnare gli elementi strutturali di un piano è possibile riportare, come riferimento
nella relativa tavola, l’opportuna planimetria del progetto architettonico.
Qualsiasi elemento (linea, punto, ecc.) del disegno DWG o DXF riportato nella tavola è sensibile agli
Snap di EdiLus.
La possibilità di "calamitare" gli oggetti da disegnare (pilastri, travi, ecc.) ai punti del grafico DWG o
DXF e di allinearli ai suoi elementi (linee, curve, ecc.) rende il disegno degli oggetti in maniera
estremamente semplice e rapida.
Per caricare sulla tavola di un piano un disegno in formato DXF o DWG basta effettuare le seguenti
operazioni:

Per caricare un disegno in formato DXF o DWG in una tavola è NECESSARIO che l’opzione Blocca
tipologia Entità \ DXF/DWG del menu Disegno risulti NON selezionata.

 pigiare il bottone Generali del toolbox Oggetti Disegno; questa operazione propone, nel
toolbox stesso, la lista degli oggetti appartenenti alla tipologia "Generali";
selezionare l’opzione Disegno DXF/DWG del toolbox per attivare la modalità per l’inserimento di un
disegno DXF/DWG ed attivare il toolbox delle Proprietà dell’Oggetto da inserire;
 fare click nel punto della tavola in cui si intende posizionare il vertice inferiore sinistro del
minimo rettangolo che racchiude il disegno da caricare; questa operazione inserisce sulla tavola
l’oggetto DWG/DXF (un quadratino di colore rosso di cui risulta evidenziato il vertice inferiore
sinistro) e, contestualmente attiva il dialog Apri;
 nel dialog Apri selezionare il file DWG o DXF del disegno da caricare e pigiare il bottone
Apri; questa operazione chiude il dialog Apri e propone il dialog "Impostazione scala del disegno";
 nel dialog Impostazione scala del disegno specificare il Fattore di scala per riportare nella
scala opportuna il disegno e pigiare il bottone OK per confermare; questa operazione chiude il
dialog e riporta il disegno scelto sulla tavola.

L’Unità di Disegno delle Tavole di EdiLus è il metro. Le dimensioni degli oggetti e le distanze tra essi
sono, infatti, espresse in metri.
Se la planimetria DXF/DWG da riportare nella tavola è stata disegnata adottando la stessa unità di
disegno (il metro), nel campo Fattore di scala deve essere specificato il valore 1 (proposto per default).
Se, invece, la planimetria DXF/DWG è stata disegnata con un’unità di disegno differente, nel campo
Fattore di scala va indicato il valore opportuno per riportare al metro l’unità di disegno utilizzata per il
DXF/DWG.
Ad esempio, se, come unità di disegno per la planimetria DXF/DWG, è stato adottato il centimetro, nel
campo "Fattore di scala" va riportato il valore 0.01.

Il disegno caricato nella tavola può essere liberamente spostato e modificato nell’aspetto.

Prima di procedere al disegno degli oggetti utilizzando come traccia la planimetria DWG/DXF caricata, si
consiglia di bloccarla per evitare che un suo eventuale spostamento possa far perdere i riferimenti per il
disegno.

342
Help di EdiLus

Per bloccare la planimetria DXF/DWG selezionata nella tavola del disegno basta selezionare il check
box Blocca Spostamento nel toolbox delle Proprietà.
Per bloccare TUTTE le planimetrie DXF inserite nelle tavole del progetto basta selezionare l’opzione
Blocca tipologia Entità \ DXF/DWG del menu Disegno.

Come Spostare il Disegno DWG/DXF nella Tavola


Per spostare un Disegno DWG o DXF caricato nella tavola attiva basta effettuare le seguenti
operazioni:

Per spostare un disegno DXF o DWG in una Tavola è NECESSARIO che:


 l’opzione Blocca tipologia Entità \ DXF/DWG del menu Disegno risulti NON selezionata;
 il check box Blocca spostamento nelle proprietà del Disegno DXF/DWG da spostare risulti
NON selezionato.

attivare la modalità per la selezione degli oggetti accertandosi che il bottone Seleziona della toolbar
risulti premuto;

fare click sul punto (vertice di un poligono, estremità di un segmento, ecc.) del disegno DWG o DXF
che si intende prendere come riferimento per il suo spostamento; questa operazione seleziona il
disegno DWG o DXF ed evidenzia il punto cliccato con il puntatore a lato;

 fare click sul punto evidenziato per attivare la modalità per lo spostamento del disegno;
 spostare il cursore nella posizione desiderata nella tavola; durante lo spostamento, nella
parte destra della barra di stato vengono proposte dinamicamente le nuove coordinate del punto
spostato;
 quando il disegno risulta correttamente posizionato nella tavola fare un click per fissarne la
posizione.
Per modificare l’aspetto (colore delle linee, ecc.) del disegno DWG O DXF selezionato basta
intervenire opportunamente negli appositi righi del toolbox delle sue Proprietà.
Ultimato il disegno degli oggetti, il disegno in formato DWG o DXF caricato può essere eliminato dalla
tavola.

Come Eliminare un Disegno DWG o DXF dalla Tavola


Effettuato il disegno degli oggetti utilizzando, come traccia, un disegno DXF o DWG, questo può
anche essere eliminato dalla tavola del disegno.

Per eliminare un disegno DXF o DWG da una Tavola è NECESSARIO che:


 l’opzione Blocca tipologia Entità \ DXF/DWG del menu Disegno risulti NON selezionata;
 il check box Blocca spostamento nelle proprietà del Disegno DXF/DWG da eliminare risulti
NON selezionato.

Per eliminare un disegno DWG o DXF dalla tavola attiva basta effettuare le seguenti operazioni:

343
Help di EdiLus

attivare la modalità per la selezione degli oggetti accertandosi che il bottone Seleziona della toolbar
risulti premuto;
 fare click su un qualsiasi punto (vertice di un poligono, estremità di un segmento, ecc.) del
disegno DWG o DXF per selezionarlo;
 premere CANC (CANCEL) della tastiera.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Le Proprietà del Disegno DXF/DWG
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

344
Help di EdiLus

Le Proprietà del Disegno DXF/DWG

Avendo un oggetto Disegno DXF/DWG una valenza esclusivamente grafica e di utilità del disegno,
presenta, oltre alle consuete proprietà della sezione Aspetto, le sole proprietà:
Blocca Spostamento. La selezione del check box nel rigo Blocca Spostamento delle proprietà di un
oggetto DXF/DWG blocca il disegno caricato nella tavola per evitare che un suo eventuale
spostamento possa far perdere il riferimento per il disegno degli oggetti da disegnare.

La selezione dell’opzione Blocca tipologia Entità \ DXF/DWG del menu Disegno blocca, invece, tutti i
disegni DXF/DWG inseriti nelle varie tavole del progetto.

Visibile in 3D. La selezione del check box nel rigo Visibile in 3D delle proprietà di un DXF/DWG
richiede che l’oggetto venga visualizzato anche nell’Editor 3D di una qualsiasi vista 3D del progetto
per averlo come riferimento grafico anche durante il disegno direttamente in 3D dell’edificio.
La possibilità di combinare il riferimento ai piani dei grafici DXF/DWG caricati e le Magnetic Grid,
rendono il disegno degli oggetti estremamente semplice e veloce anche nell’Editor 3D.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Come Caricare un Disegno DWG o DXF nella Tavola
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

345
Help di EdiLus

Le Misure

Come Disegnare una Misura

Sulle tavole dei piani e in qualsiasi tavola delle carpenterie, e delle armature prodotte dal programma
è possibile quotare gli elementi del disegno mediante l’inserimento di linee di quota.
Una linea di quota viene disegnata mediante l’inserimento di un oggetto Misura nella tavola.
Per inserire una linea di quota nella tavola attiva del progetto basta effettuare le seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Generali del toolbox Oggetti Disegno questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi della tipologia Generali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Misura del toolbox per attivare la modalità per l’inserimento di una misura ed
attivare il toolbox delle Proprietà della linea di quota da inserire.
 Fare click nel punto della tavola in cui va posizionata la prima estremità della linea di quota.
 Tracciare la linea di quota; durante il tracciamento, sulla linea di quota, viene dinamicamente
riportato il valore in metri della sua lunghezza.
 Cliccare nel punto della tavola in cui va posizionata la seconda estremità della linea di quota.
Per maggior comodità e per il corretto posizionamento delle estremità conviene disegnare la misura in
un punto della tavola in cui ci si può avvalere degli Snap ad oggetto attivi.
La misura disegnata può, quindi, essere spostata nella posizione opportuna effettuando le seguenti
semplici operazioni:
 selezionare la misura;
 cliccare sulla maniglia (pallino grigio) nella parte centrale della misura per sbloccarla dalla
sua posizione;
 spostare la misura (parallelamente a se stessa) fino a raggiungere la posizione desiderata e
cliccare nuovamente per fissarla.

Una misura disegnata, inoltre, può essere liberamente modificata sia nel valore della quota che
nell’aspetto.
Anche il posizionamento delle estremità della Misura può essere definito, per via numerica, nella
sezione Geometria delle sue Proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Cancellare un Oggetto
Come Modificare una Misura Disegnata
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

346
Help di EdiLus

Come Modificare una Misura Disegnata

Una misura disegnata in una tavola del progetto di EdiLus può essere liberamente traslata, ruotata e
modificata nell’aspetto anche dopo essere stata disegnata.

Traslazione
Per traslare nella tavola attiva una misura precedentemente disegnata basta effettuare le seguenti
operazioni:
 selezionare la misura da traslare cliccando su essa nella modalità Selezione; quando la
misura risulta selezionata, alle sue estremità vengono proposte le maniglie (pallini) per lo
spostamento;
 tenere premuto SHIFT della tastiera;
 fare click sulla maniglia all’estremità della misura da prendere a riferimento per lo
spostamento; questa operazione attiva la modalità per la traslazione della misura;
 spostare l’estremità della misura nella posizione desiderata; nella traslazione possono
risultano di grande aiuto le funzionalità di disegno di EdiLus (Snap, Zoom, PAN, ecc.);

Se, durante lo spostamento, si rilascia SHIFT della tastiera si inibisce la modalità per la traslazione della
misura e si rende attiva la modalità per la sua rotazione e il suo dimensionamento (allungamento o
accorciamento) (v. avanti).

 fare click per fissare la nuova posizione dell’estremità spostata della misura e rilasciare
SHIFT della tastiera.

Rotazione
Per ruotare, nella tavola attiva, una misura precedentemente disegnata basta effettuare le seguenti
operazioni:
 selezionare la misura; quando una misura risulta selezionata, alle sue estremità vengono
proposte le maniglie (pallini) per lo spostamento delle sue estremità;
 fare click sulla maniglia all’estremità della misura opposta a quella che deve fungere da
centro di rotazione; questa operazione attiva la modalità per la rotazione ed il dimensionamento
della misura;

La modalità per la rotazione della misura nel piano del disegno viene proposta contestualmente alla
modalità per la modifica della sua lunghezza (v. avanti).
Una rotazione della misura può, pertanto, essere effettuata contestualmente al suo dimensionamento.

 spostare opportunamente l’estremità cliccata per ottenere la rotazione desiderata della


misura; in questa fase risultano utili le utilità del disegno di EdiLus ed, in particolare, gli Snap;

Durante la rotazione, l’estremità della misura spostata assume le posizioni obbligate dagli snap attivi. Di
conseguenza le rotazioni ottenibili possono anche essere sensibilmente diverse da quella desiderata.
Per ruotare con precisione una misura può essere necessario disabilitare o regolare opportunamente gli
snap attivi.

 quando la misura risulta ruotata dell’angolo desiderato, fare un click per fissarne la
posizione.
Se durante la rotazione si tiene premuto SHIFT della tastiera, la misura viene bloccata nella posizione
ruotata e si attiva la modalità per la sua traslazione. Rilasciando SHIFT viene ripristinata la modalità
per la rotazione della misura.

Dimensionamento

347
Help di EdiLus

Per modificare la lunghezza di una misura già disegnata basta effettuare le seguenti operazioni:
 selezionare la misura da dimensionare; quando la misura risulta selezionata, alle sue
estremità vengono proposte le maniglie (pallini) per lo spostamento delle sue estremità;
 fare click sulla maniglia dell’estremità della misura da spostare per ottenere il suo
allungamento o accorciamento; questa operazione attiva la modalità per il dimensionamento e la
rotazione della misura;
 spostare opportunamente l’estremità cliccata per modificare la lunghezza della trave;
durante il dimensionamento sulla misura viene dinamicamente riportato il valore della sua
lunghezza;

Durante il dimensionamento, l’estremità della misura assume le posizioni obbligate dagli snap attivi. Di
conseguenza, la lunghezza che è possibile ottenere può anche essere sensibilmente diversa da quella
desiderata.
Per dimensionare con precisione la misura può essere necessario disabilitare o regolare
opportunamente gli snap attivi.

 quando la misura risulta della lunghezza desiderata oppure quando l’estremità spostata è
nel punto opportuno, fare un click per fissarne le dimensioni e/o la posizione.
Se durante il dimensionamento si preme, senza rilasciarlo, SHIFT della tastiera, la lunghezza della
misura viene bloccata e si attiva la modalità per la sua traslazione nella tavola.
Rilasciando il tasto SHIFT viene nuovamente attivata la modalità per il dimensionamento e la
rotazione della misura.
Lo spostamento, la rotazione e/o il dimensionamento della Misura selezionata può essere ottenuto
anche per via numerica modificando le coordinate delle sue estremità nella sezione Geometria del
toolbox delle Proprietà.

Modifica dell’Aspetto
Per modificare l’aspetto e persino il valore della misura selezionata basta apportare le opportune
modifiche nei campi del toolbox delle sue Proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare una Misura
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

348
Help di EdiLus

I Punti Guida

Come Disegnare un Punto Guida

Nella tavole dei piani e in qualsiasi altra tavola del progetto (carpenterie, armature e tavole esecutive)
prodotte dal programma è possibile inserire liberamente dei Punti Guida.
Un Punto Guida è un utile riferimento per il disegno. Esso infatti consente di definire, nella tavola del
disegno, un punto di snap ad oggetto.
Se risulta attivo anche lo snap Prolungamento, un Punto Guida definisce anche gli snap per
l’allineamento dell’oggetto che si disegna con l’orizzontale e/o la verticale passanti per esso.
Inoltre, grazie alle potenti funzionalità per la copia degli oggetti, i Punti Guida disegnati sulla tavola di
un piano possono essere riportati automaticamente su altri piani dell’edificio, definendo, veri e propri
riferimenti "spaziali" per il disegno di quest’ultimo.
Per inserire un Punto Guida nella tavola di disegno attiva del progetto basta effettuare le seguenti
operazioni:
 Pigiare il bottone Disegno del toolbox Oggetti Disegno questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi della tipologia Disegno che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Punto Guida del toolbox per attivare la modalità per il disegno di un punto
guida; questa operazione propone anche le proprietà del punto guida da disegnare nel toolbox delle
Proprietà.

Fare click nella zona della tavola in cui va posizionato il punto guida; questa operazione lega al
cursore il punto guida da disegnare.
 Spostare il punto guida nel punto della tavola in cui va collocato e cliccare con il pulsante
sinistro del mouse per fissarne la posizione.
Come di consueto, il disegno di un punto guida viene reso estremamente agevole e preciso dalle
potenti utilità del disegno di EdiLus.
La posizione di un punto guida nella tavola può anche essere definita per via numerica. Per effettuare
questa operazione basta:
 selezionare il punto guida cliccando su esso (o racchiudendolo in un rettangolo di selezione)
nella modalità Selezione;
 specificare le coordinate (X, Y e Z), in metri, del punto guida nella sezione Geometria del
toolbox delle Proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Cancellare un Oggetto
Come Modificare un Punto Guida Disegnato
Le Proprietà del Punto Guida
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

349
Help di EdiLus

Come Modificare un Punto Guida Disegnato

Un punto guida disegnato può essere liberamente spostato sia graficamente che numericamente.
Per spostare un punto guida nella tavola attiva basta effettuare le seguenti operazioni:

selezionare il punto guida cliccando su esso (o racchiudendolo in un rettangolo di selezione) nella


modalità Selezione; un punto guida selezionato viene proposto in rosso e, al centro della crocetta
che lo rappresenta viene proposta la maniglia (pallino) per il suo spostamento;
 cliccare, con il pulsante sinistro del mouse, sulla maniglia verde per sbloccare il punto guida
dalla sua posizione originaria;
 effettuati gli spostamenti opportuni cliccare nuovamente per fissare la nuova posizione del
punto guida.
Il punto guida selezionato può anche essere spostato per via numerica modificando le sue coordinate
nella sezione Geometria del toolbox delle Proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare un Punto Guida
Le Proprietà del Punto Guida
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

350
Help di EdiLus

Le Proprietà del Punto Guida

Il Punto Guida, avendo come unica funzione quella di essere un riferimento per il disegno di altri
oggetti, presenta solo le seguenti proprietà:

Geometria
La sezione Geometria contiene la sola sezione PUNTO iniziale che riporta le coordinate (X, Y, Z), in
metri, del Punto Guida selezionato.
Le coordinate del Punto Guida possono essere modificate nel dialog a cui si accede pigiando il
bottone visibile nel rigo XYZ quando questo risulta selezionato.
Pigiando il bottoncino OK del dialog lo si chiude, ottenendo, nel disegno, il posizionamento desiderato
del Punto Guida.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Come Disegnare un Punto Guida
Come Modificare un Punto Guida Disegnato
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

351
Help di EdiLus

Le Linee Guida

Come Disegnare una Linea Guida

Nella tavole dei piani e in qualsiasi altra tavola del progetto (carpenterie, armature e tavole esecutive)
prodotte dal programma è possibile inserire liberamente delle Linee Guida.
Una Linea Guida è un utilissimo riferimento per il disegno.
Ogni linea guida, infatti, definisce nella tavola attiva dei punti di snap ad oggetto (estremità e punto
medio) e una serie di snap per l’allineamento dell’oggetto che si disegna con la sua direzione, il suo
prolungamento, la sua perpendicolare, ecc..
Inoltre, grazie alla potenti funzionalità per la copia degli oggetti, le Linee Guida disegnate sulla tavola
di un piano possono essere riportate automaticamente su altri piani dell’edificio, definendo, veri e
propri riferimenti "spaziali" per il disegno di quest’ultimo.
Per il disegno delle linee guida, oltre alle utilità del disegno previste per tutti gli oggetti è prevista una
ulteriore funzionalità.
Il disegno di una linea guida viene reso ancora più semplice e preciso dalle quote riportate in
corrispondenza delle sue intersezioni con le altre linee guida disegnate.

Per inserire una Linea Guida nella tavola attiva del progetto basta effettuare le seguenti operazioni:

Per inserire una Linea Guida in una tavola è NECESSARIO che l’opzione Blocca tipologia Entità \
Linea Guida del menu Disegno risulti NON selezionata.

 Pigiare il bottone Disegno del toolbox Oggetti Disegno questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi della tipologia Disegno che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Linea Guida del toolbox per attivare la modalità per il disegno di una linea
guida ed attivare il relativo toolbox delle Proprietà.
 Fare click nel punto della tavola in cui va posizionato la prima estremità della linea guida.
 Spostare la seconda estremità nel punto opportuno della tavola; sulla linea di quota (blu)
proposta durante lo spostamento, vengono dinamicamente proposti la lunghezza della linea guida
e l’angolo che essa forma con l’orizzontale.

Ovviamente, in questa fase, avendo fissato la prima estremità, spostando la seconda estremità della
linea guida, è solo possibile ruotarla e definirne la lunghezza.
Se, durante queste operazioni, si tiene premuto SHIFT della tastiera, viene inibita la possibilità di ruotare
e dimensionare la linea guida e viene resa attiva la modalità per la sua traslazione nella tavola.
Rilasciando SHIFT, viene ripristinata la modalità per ruotare e dimensionare la linea guida.

 Fare click con il pulsante sinistro del mouse nel punto in cui va posizionata la seconda
estremità della linea guida per fissarla.

352
Help di EdiLus

Prima di procedere al disegno degli oggetti è possibile bloccare le Linee Guida disegnate per evitare
che un loro eventuale spostamento possa far perdere i riferimenti per il disegno.
Per bloccare tutte le Linee Guide disegnate basta selezionare l’opzione Blocca Spostamento Entità \
Linea Guida del menu Disegno.

La posizione di una linea guida nella tavola può anche essere definita per via numerica effettuando le
seguenti operazioni:
 selezionare la linea guida disegnata cliccando su essa (o racchiudendola in un rettangolo di
selezione) nella modalità Selezione;
 negli appositi campi della sezione PUNTO iniziale e PUNTO finale del toolbox delle
Proprietà specificare le coordinate, in metri, delle due estremità della linea guida.

Si ricorda che ogni valore inserito nei campi del toolbox delle Proprietà deve essere confermato
pigiando INVIO della tastiera oppure spostando il cursore in un altro campo.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Cancellare un Oggetto
Come Modificare una Linea Guida Disegnata
Le Proprietà della Linea Guida
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

353
Help di EdiLus

Come Modificare una Linea Guida Disegnata

Una linea guida disegnata può essere liberamente traslata, ruotata e ridimensionata sia graficamente
che numericamente.

Per modificare una Linea Guida disegnata è NECESSARIO che l’opzione Blocca tipologia Entità \
Linea Guida del menu Disegno risulti NON selezionata.

Ovviamente, per modificare graficamente la dimensione o l’inclinazione di una linea guida basta
spostare una delle sue estremità.
Per spostare una estremità di una linea guida basta:
 selezionare la linea guida cliccando su essa (o racchiudendola in un rettangolo di selezione)
nella modalità Selezione; la linea guida selezionata presenta, alle estremità, le maniglie (pallini
blu) per il loro spostamento e una linea di quota che ne riporta la lunghezza e l’inclinazione
rispetto all’orizzontale;
 cliccare, con il pulsante sinistro del mouse, sulla maniglia dell’estremità da spostare per
sbloccarla dalla sua posizione;
 spostare la maniglia nel punto opportuno della tavola; durante lo spostamento della maniglia,
sulla linea di quota vengono dinamicamente proposti la lunghezza della linea guida e la sua
inclinazione;
 quando l’estremità della linea guida risulta correttamente posizionata nella tavola cliccare
nuovamente per fissarla.
Per traslare la linea guida selezionata nella tavola attiva, senza modificarne la lunghezza e
l’inclinazione, basta:
 tenere premuto SHIFT della tastiera;
 fare click, con il pulsante sinistro del mouse su una delle maniglie di estremità della linea
guida ed effettuare gli spostamenti opportuni;
 quando la linea guida risulta correttamente posizionata cliccare nuovamente nella tavola per
fissarla e rilasciare il tasto SHIFT.
Le operazioni descritte possono anche essere effettuate per via numerica selezionando la linea guida
e modificando opportunamente le coordinate, in metri, delle sue estremità (PUNTO iniziale e PUNTO
finale) negli appositi campi del toolbox delle Proprietà.

Si ricorda che ogni valore inserito nei campi del toolbox delle Proprietà deve essere confermato
pigiando INVIO della tastiera oppure spostando il cursore in un altro campo.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare una Linea Guida
Le Proprietà della Linea Guida
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

354
Help di EdiLus

Le Proprietà della Linea Guida

La Linea Guida, avendo come unica funzione quella di essere un riferimento per il disegno di altri
oggetti, presenta solo le seguenti proprietà:

Geometria
La sezione Geometria contiene le sezioni Punto Iniziale e Punto Finale in cui vengono riportate le
coordinate (X, Y, Z), in metri, delle estremità (iniziale e finale) della Linea Guida selezionata.
Le coordinate di un’estremità della linea guida possono essere modificate nel dialog a cui si accede
pigiando il bottone visibile nel corrispondente rigo XYZ quando questo risulta selezionato.
Pigiando il bottoncino OK del dialog lo si chiude, ottenendo, nel disegno, il posizionamento desiderato
dell’estremità della linea guida.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Come Disegnare una Linea Guida
Come Modificare una Linea Guida Disegnata
Come Disegnare una Griglia Guida
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

355
Help di EdiLus

Le Griglie Guida

Come Disegnare una Griglia Guida

DI seguito vengono illustrate le modalità operative per il disegno delle Griglie Guida Rettangolari e
Radiali su una tavola di un piano del progetto.

Per disegnare una Griglia Guida Rettangolare (Radiale) è NECESSARIO che l’opzione Blocca
tipologia Entità \ Griglia Guida Rettangolare (Radiale) del menu Disegno risulti NON selezionata.

Griglia Guida Rettangolare


Per disegnare una Griglia Guida Rettangolare sulla tavola attiva del progetto basta effettuare le
seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Disegno del toolbox Oggetti Disegno; questa operazione propone, nello
stesso toolbox, le opzioni per il disegno delle Griglie Guida.
Nel toolbox selezionare l’opzione Griglia guida rettangolare.
 Fare click nella tavola; questa operazione apre il dialog Impostazione Righe e Colonne.
 Nella sezione COLONNE del dialog effettuare le seguenti operazioni:
1) nel campo Dis. [m] del primo rigo (n 1) della tabella, specificare la distanza (in metri) tra le prime
due linee verticali a sinistra della griglia stessa;
2) pigiare il bottone Aggiungi per inserire un nuovo rigo nella tabella;

3) nel campo Dis. [m] del nuovo rigo (n 2) della tabella specificare la distanza (in metri) tra la
seconda e la terza linea verticale della griglia;
4) ripetere le operazioni 2) e 3) per definire le altre linee verticali della griglia;
5) nel campo Lunghezza linee etichette specificare la lunghezza (in metri) dei segmenti che
collegano ogni linea verticale della griglia all’etichetta che ne riporta il relativo nome (specificato
nelle colonne Linea… della tabella).

Le sigle Y1, Y2, ..., proposte nei righi della tabella del dialog Impostazione Righe e Colonne sono
identificative delle linee verticali della griglia.
Tali sigle possono essere liberamente modificate nei campi della tabella.
Se, per le linee verticali si intende mantenere la numerazione assegnata automaticamente dal
programma ma si vuole sostituire il prefisso Y (proposto per default) con un altro prefisso (ad es. LV),
basta specificare il nuovo prefisso nel campo Prefisso linee della sezione COLONNE e pigiare il
sottostante bottone Re-imposta.

356
Help di EdiLus

 Nella sezione RIGHE del dialog effettuare le seguenti operazioni:


1) nel campo Dis. [m] del primo rigo (n 1) della tabella, specificare la distanza (in metri) tra le prime
due linee orizzontali in basso della griglia;
2) pigiare il bottone Aggiungi per inserire un nuovo rigo nella tabella;
3) nel campo Distanza del nuovo rigo (n 2) della tabella specificare la distanza (in metri) tra la
seconda e la terza linea orizzontale della griglia;
4) ripetere le operazioni 2) e 3) per definire le altre linee orizzontali della griglia;
5) nel campo Lunghezza linee etichette specificare la lunghezza (in metri) dei segmenti che
collegano ogni linea orizzontale della griglia all’etichetta che ne riporta il nome (specificato nelle
colonne Linea… della tabella).

Le sigle X1, X2, ..., proposte nei righi della tabella del dialog Impostazione Righe e Colonne sono
identificative delle linee orizzontali della griglia.
Tali sigle possono essere liberamente modificate nei campi della tabella.
Se, per le linee orizzontali si intende mantenere la numerazione assegnata automaticamente dal
programma ma si vuole sostituire il prefisso X (proposto per default) con un altro prefisso (ad es. LO),
basta specificare il nuovo prefisso nel campo Prefisso linee della sezione RIGHE e pigiare il bottone
Re-imposta.

 Pigiare il bottone OK per chiudere il dialog; questa operazione propone, nella tavola, la
griglia guida definita.

 Spostare la griglia guida per posizionarla nel punto della tavola opportuno; per spostare con
precisione la griglia guida è possibile avvalersi delle potenti funzionalità di disegno del
programma.
 Fare click nel punto della tavola in cui si intende posizionare il vertice inferiore sinistro della
griglia guida; in questa fase la griglia guida risulta ancora selezionata per poterla eventualmente
modificare.
La griglia guida disegnata nella tavola può essere liberamente ruotata nell’angolo desiderato.

Griglia Guida Radiale


La Griglia Guida Radiale consente di rappresentare su una tavola di un piano una maglia costituita da
segmenti di settore circolare.
Gli elementi che costituiscono una Griglia Guida Radiale sono:

357
Help di EdiLus

 una serie di archi di cerchio concentrici ad una determinata distanza l’uno dall’altro;
 una serie di linee confluenti nel centro dei cerchi.
L’utente può definire liberamente la distanza tra gli archi di cerchio e l’angolo formato dalle varie linee.

Per disegnare una Griglia Guida Radiale sulla tavola attiva del progetto basta effettuare le seguenti
operazioni:
 pigiare il bottone Disegno del toolbox Oggetti Disegno; questa operazione propone, nello
stesso toolbox, le opzioni per il disegno delle Griglie Guida;
nel toolbox selezionare l’opzione Griglia guida radiale;
 fare click nella tavola; questa operazione apre il dialog Impostazione Righe e Colonne;
 nella sezione COLONNE del dialog effettuare le seguenti operazioni:
1) nel campo Angolo del primo rigo (n 1) della tabella, specificare l’angolo (in gradi) tra la prima
linea (Y1) (che, per default, è verticale) e la seconda (Y2);
2) pigiare il bottone Aggiungi per inserire un nuovo rigo nella tabella;
3) nel campo Angolo del nuovo rigo (n 2) della tabella specificare l’angolo tra la seconda linea (Y2)
e la terza;
4) ripetere le operazioni 2) e 3) per definire le altre linee della griglia;
5) nel campo Lunghezza linee etichette specificare la lunghezza (in metri) del segmento che
collega ogni linea della griglia e l’etichetta che ne riporta il nome (specificato nelle colonne
Linea… della tabella);

Le sigle Y1, Y2, ..., proposte nei righi della tabella del dialog Impostazione Righe e Colonne sono
identificative delle linee della griglia.
Tali sigle possono essere liberamente modificate nei campi della tabella.
Se, per le linee si intende mantenere la numerazione assegnata automaticamente dal programma ma si
vuole sostituire il prefisso Y (proposto per default) con un altro prefisso (ad es. L), basta specificare il
nuovo prefisso nel campo Prefisso linee della sezione COLONNE e pigiare il sottostante bottone Re-
imposta.

 nella sezione RIGHE del dialog effettuare le seguenti operazioni:


1) nel campo Dis. [m] del primo rigo (n 1) della tabella, specificare il raggio (in metri) del primo arco
di cerchio della griglia a partire dal centro;
2) pigiare il bottone Aggiungi per inserire un nuovo rigo nella tabella;
3) nel campo Dis. [m] del nuovo rigo (n 2) della tabella specificare la distanza (in metri) tra il primo
arco di cerchio (X1) e il secondo (X2);
4) ripetere le operazioni 2) e 3) per definire gli altri archi di cerchio della griglia;

358
Help di EdiLus

5) nel campo Lunghezza linee etichette specificare la lunghezza (in metri) del segmento che
collega ogni arco di cerchio della griglia e l’etichetta che ne riporta il nome (specificato nelle
colonne della tabella);

Le sigle X1, X2, ..., proposte nei righi della tabella del dialog Impostazione Righe e Colonne sono
identificative degli archi di cerchio della griglia.
Tali sigle possono essere liberamente modificate nei campi della tabella.
Se, per gli archi si intende mantenere la numerazione assegnata automaticamente dal programma ma si
vuole sostituire il prefisso X (proposto per default) con un altro prefisso (ad es. C), basta specificare il
nuovo prefisso nel campo Prefisso linee della sezione RIGHE e pigiare il bottone Re-imposta.

 pigiare il bottone OK per chiudere il dialog; questa operazione propone, nella tavola, la
griglia guida definita;
 spostare la griglia guida per posizionarla nel punto della tavola opportuno; per spostare con
precisione la griglia guida è possibile avvalersi delle potenti funzionalità di disegno del
programma;
 fare click nel punto della tavola in cui si intende posizionare il centro dei cerchi della griglia
guida; in questa fase la griglia risulta ancora selezionata per poterla eventualmente modificare.

La griglia guida disegnata nella tavola può essere liberamente ruotata nell’angolo desiderato.
Al dialog Impostazione Righe e Colonne di una griglia è possibile accedere anche successivamente al
suo disegno.
Per accedere nuovamente al dialog "Impostazione Righe e Colonne" di una griglia basta:
 selezionare la griglia nella tavola; questa operazione propone le proprietà della griglia nel
toolbox delle Proprietà;
pigiare il bottone proposto posizionando il cursore nel rigo Imposta Righe e Colonne del toolbox
delle Proprietà.

Prima di disegnare gli oggetti è possibile bloccare le Griglie Guida disegnate per evitare che un loro
eventuale spostamento possa far perdere i riferimenti per il disegno.
Per bloccare tutte le Griglie Guide Rettangolari (Radiali) disegnate basta selezionare l’opzione Blocca
Spostamento Entità \ Griglia Guida Rettangolare (Radiale) del menu Disegno.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Cancellare un Oggetto

359
Help di EdiLus

Come Modificare una Griglia Guida


Come Spostare e Ruotare una Griglia Guida
Le Proprietà delle Griglie Guida
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

360
Help di EdiLus

Come Modificare una Griglia Guida

Una Griglia Guida (Rettangolare o Radiale) disegnata in una tavola del progetto può essere
liberamente modificata.

Per modificare una Griglia Guida Rettangolare (Radiale) disegnata è NECESSARIO che l’opzione
Blocca tipologia Entità \ Griglia Guida Rettangolare (Radiale) del menu Disegno risulti NON
selezionata.

Per modificare una Griglia Guida è possibile cambiarne i parametri caratteristici nel dialog
Impostazione Righe e Colonne oppure operare, per via grafica, direttamente nella tavola in cui essa è
stata disegnata.

Modifica dei Parametri della Griglia


Per modificare i parametri specificati, per una griglia, nel momento in cui questa è stata definita nella
tavola, basta effettuare le seguenti operazioni:
 selezionare la griglia guida; questa operazione propone le proprietà della griglia nel toolbox
delle Proprietà;
pigiare il bottone che si attiva posizionando il cursore nel rigo Imposta Righe e Colonne del toolbox
delle Proprietà; questa operazione apre il dialog "Impostazione Righe e Colonne" in cui sono stati
specificati i parametri caratteristici della griglia quando questa è stata disegnata;
 nel dialog Impostazione Righe e Colonne effettuare le modifiche opportune e pigiare il
bottone OK per richiuderlo e riscontrare le modifiche richieste sulla griglia nella tavola.

Modifica della Griglia per Via Grafica


Gli elementi delle Griglie Guida Rettangolari e Radiali possono essere liberamente spostati anche per
via grafica.

Modifiche Grafiche alla Griglia Guida Rettangolare


Per spostare una linea (verticale o orizzontale) di una Griglia Guida Rettangolare basta effettuare le
seguenti operazioni:
 Attivare la modalità per la selezione degli oggetti.
 Cliccare sulla linea della griglia da spostare; questa operazione, oltre a proporre la maniglia
(a croce) per lo spostamento e la rotazione dell’intera griglia, propone anche due maniglie (pallini
blu) alle estremità della linea cliccata.
 Fare click su una delle maniglie (pallino blu) all’estremità della linea da spostare per
sbloccarla dalla sua posizione.
 Muovere opportunamente il cursore per spostare la linea selezionata; durante lo
spostamento, sulle linee di quota in blu, vengono proposte dinamicamente le distanze della linea
spostata da quelle adiacenti.

361
Help di EdiLus

 Quando la linea è nella posizione desiderata cliccare nuovamente per bloccarla.

Modifiche Grafiche alla Griglia Guida Radiale


Un arco di cerchio di una Griglia Guida Radiale può essere spostato con modalità analoghe a quelle
previste per spostare una linea di una Griglia Guida Rettangolare.

Per ruotare una delle linee di una Griglia Guida Radiale occorre, invece, effettuare le seguenti
operazioni:
 Attivare la modalità per la selezione degli oggetti.
 Cliccare sulla linea della griglia da ruotare; questa operazione, oltre a proporre la maniglia (a
croce) per lo spostamento e la rotazione dell’intera griglia, propone anche due maniglie (pallini
blu) alle estremità dalla linea cliccata.
 Fare click su una delle maniglie (pallino blu) all’estremità della linea per sbloccarla dalla sua
posizione.
 Muover opportunamente il cursore per ruotare la linea; durante la rotazione, sulle linee di
quota (in blu), vengono proposti dinamicamente gli angoli che la linea forma con le linee adiacenti.

362
Help di EdiLus

 Quando la linea risulta ruotata correttamente nella griglia, cliccare nuovamente per
bloccarla.
Ovviamente, a tutte le modifiche apportate graficamente ad una griglia guida, corrispondono le
opportune modifiche dei propri parametri caratteristici nel dialog Impostazione Righe e Colonne.
Ulteriori personalizzazioni della Griglia Guida selezionata e/o degli elementi (linee e/o archi di cerchio)
che la costituiscono possono essere richieste nel toolbox delle sue proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare una Griglia Guida
Come Spostare e Ruotare una Griglia Guida
Le Proprietà delle Griglie Guida
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

363
Help di EdiLus

Come Spostare e Ruotare una Griglia Guida

Una Griglia Guida (Rettangolare o Radiale) può essere liberamente spostata e ruotata nella tavola in
cui è stata disegnata.

Per spostare o ruotare una Griglia Guida Rettangolare (Radiale) disegnata è NECESSARIO che
l’opzione Blocca tipologia Entità \ Griglia Guida Rettangolare (Radiale) del menu Disegno risulti
NON selezionata.

Spostamento
Per traslare, nella tavola attiva, una griglia guida disegnata basta effettuare le seguenti operazioni:
 attivare la modalità per la selezione degli oggetti;
 fare click sul punto della griglia (intersezione tra due linee o tra una linea ed un arco di
cerchio) che si intende prendere come riferimento per lo spostamento; questa operazione
seleziona la griglia e propone, sul punto cliccato, la maniglia per il suo spostamento e la sua
rotazione;

fare click, senza rilasciare il pulsante sinistro del mouse, sul punto centrale (verde) della maniglia;
questa operazione attiva la modalità per lo spostamento dell’intera griglia e il cursore assume
l’aspetto a lato;
 effettuare gli spostamenti opportuni nella tavola; durante lo spostamento le coordinate del
punto spostato vengono dinamicamente proposte sulla barra di stato della finestra del
programma;

 quando la griglia risulta correttamente posizionata fare un click con il pulsante sinistro del
mouse per fissarla; le nuove coordinate del punto spostato vengono riportate nei campi X e Y del
toolbox delle Proprietà.

Ovviamente, durante lo spostamento, il punto di riferimento (maniglia verde) della griglia assume le
posizioni determinate dagli snap attivi nella tavola.
Se il punto della griglia deve essere spostato in posizioni differenti da quelle a cui obbligano gli snap
attivi può essere necessario disabilitare o regolare opportunamente gli snap.

Una griglia guida può anche essere spostata mediante le seguenti operazioni:
 cliccare sul punto della griglia da prendere come riferimento per lo spostamento; questa
operazione seleziona il punto e l’intera griglia;
selezionare il rigo XY del toolbox delle Proprietà e pigiare il bottoncino che proposto nel rigo stesso;
questa operazione apre il dialog in cui vengono riportate le coordinate del punto della griglia
selezionato;

364
Help di EdiLus

nel dialog specificare le nuove coordinate del punto selezionato e pigiare il bottoncino OK per
richiuderlo ed ottenere lo spostamento della griglia richiesto.

Lo spostamento della griglia effettuato nell’ultimo modo descritto NON risente dei vincoli imposti dagli
Snap attivi.

Rotazione
Per ruotare una griglia guida disegnata basta:
 Selezionare il punto della griglia (intersezione tra due linee o tra una linea ed un arco) che
deve fungere da centro di rotazione; questa operazione seleziona anche la griglia e propone, sul
punto cliccato, la maniglia per il suo spostamento e la sua rotazione;
fare click su uno dei punti esterni (blu) della maniglia; questa operazione attiva la modalità per la
rotazione dell’intera griglia e il cursore assume l’aspetto a lato;
 effettuare gli spostamenti opportuni del punto della maniglia cliccato per ottenere la
rotazione desiderata della griglia; il punto della maniglia può anche essere allontanato dal centro
di rotazione (punto centrale verde della maniglia) per favorire eventuali allineamenti con altri
oggetti presenti nella tavola; durante la rotazione sulla linea di quota della griglia viene
dinamicamente proposto l’angolo di cui essa risulta ruotata;

 quando la griglia risulta ruotata correttamente, fare un click con il pulsante sinistro del mouse
per fissarla; l’angolo di cui è stata ruotata la griglia viene riportato nel campo Rotazione del
toolbox delle sue Proprietà.

Ovviamente, durante la rotazione, il punto (blu) della maniglia spostato è vincolato ad assumere le
posizioni obbligate dagli snap attivi. Di conseguenza le rotazioni della griglia che è possibile ottenere
possono essere sensibilmente diverse da quella desiderata.
Per ruotare con precisione una griglia guida di un determinato angolo può essere necessario disabilitare
o regolare opportunamente gli snap.

Se durante la rotazione si preme, senza rilasciarlo, SHIFT della tastiera, la griglia guida viene bloccata
nella posizione ruotata e si attiva la modalità per la sua traslazione. Rilasciando il tasto SHIFT viene
riattivata la modalità per la rotazione della griglia.
Una griglia guida può anche essere ruotata effettuando le seguenti operazioni:

365
Help di EdiLus

 Selezionare il punto della griglia che deve fungere da centro di rotazione; questa operazione
seleziona il punto e la griglia proponendone le proprietà nel toolbox delle Proprietà.
 nel campo Rotazione del toolbox delle Proprietà l’angolo (in gradi) di cui si intende ruotarla
e pigiare INVIO per confermare.

La rotazione della griglia effettuata nell’ultimo modo descritto NON risente dei vincoli imposti dagli Snap
attivi.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare una Griglia Guida
Come Modificare una Griglia Guida
Le Proprietà delle Griglie Guida
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

366
Help di EdiLus

Le Proprietà delle Griglie Guida

Tutte le caratteristiche di una Griglia Guida possono essere visualizzate e modificate nel toolbox
delle sue Proprietà che si attiva durante la fase del suo disegno oppure quando essa risulta
selezionata.
Le proprietà della Griglia Guida selezionata risultano raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
La sezione Caratteristiche comprende i seguenti righi:
Imposta Righe e Colonne: pigiando il bottone proposto quando il cursore è nel rigo, si accede al
dialog per la definizione delle caratteristiche geometriche della griglia guida.

Descrizione Linea
La sezione Descrizione Linea comprende i seguenti campi:
Descrizione Linea, in cui è possibile modificare la descrizione della linea o dell’arco di cerchio
selezionato nella griglia guida proposta per default dal programma (del tipo "X1").
Spostando il cursore in un altro rigo, la nuova descrizione viene riportata nell’etichetta (cerchietto
blu) identificativa della linea selezionata della griglia guida.
Distanza Etichette, in cui è possibile modificare la distanza, dalla griglia, dell’etichetta identificativa
della linea o dell’arco di cerchio selezionato.
La distanza di tutte le etichette delle linee orizzontali e/o verticali dalla griglia può essere definita
anche nel dialog Impostazione Righe e Colonne.

Etichette Griglia
La sezione Etichette Griglia comprende i seguenti check box:
Destra, la cui selezione richiede la presenza delle etichette delle linee o degli archi di cerchio a destra
della griglia guida.
Sinistra, la cui selezione richiede la presenza delle etichette delle linee o degli archi di cerchio a
sinistra della griglia guida.
Sopra, la cui selezione richiede la presenza delle etichette delle linee o degli archi di cerchio sopra la
griglia guida.
Sotto [solo per griglie guida rettangolari], la cui selezione richiede la presenza delle etichette delle
linee o degli archi di cerchio sotto la griglia guida.

Geometria
La sezione Geometria comprende i seguenti campi:
X Y, in cui vengono proposte le coordinate del punto selezionato della griglia guida.
Le coordinate del punto selezionato possono essere modificate nel dialog a cui si accede pigiando il
bottone visibile nel campo XY quando risulta selezionato il relativo rigo.
Pigiando il bottoncino OK del dialog lo si chiude, ottenendo il posizionamento desiderato del punto
selezionato della griglia nel disegno.

Rotazione, in cui viene proposto l’angolo di cui risulta ruotata la griglia guida nel piano del disegno.
Variando il valore proposto nel campo Rotazione e pigiando INVIO della tastiera per confermare,
nel disegno si ottiene la rotazione desiderata della griglia guida intorno al suo punto selezionato.

367
Help di EdiLus

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Come Selezionare un Oggetto
Le Proprietà degli Oggetti
Come Disegnare una Griglia Guida
Come Modificare una Griglia Guida
Come Spostare e Ruotare una Griglia Guida
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

368
Help di EdiLus

La Spinta del Terreno

La Spinta del Terreno

La spinta del terreno sulla Pareti si applica mediante il semplice disegno dell’oggetto Spinta Terreno
(su pareti).
L’oggetto "Spinta Terreno (su pareti)" è una polilinea che, disegnata in prossimità di una Parete (a
distanza inferiore di 5 cm) applica a questa una spinta del terreno.
Ovviamente, la spinta sulla parete viene definita in funzione delle caratteristiche specificate nel
toolbox delle proprietà dell’oggetto Spinta Terreno disegnato.
Per applicare una spinta del terreno su una parete basta, pertanto, effettuare le seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi della tipologia scelta che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Spinta Terreno (su pareti) del toolbox per attivare la modalità per il disegno
della spinta del terreno ed attivare il relativo toolbox delle Proprietà.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà comuni a tutti i tratti di polilinea
dell’oggetto Spinta Terreno da disegnare;

Ovviamente, per definire correttamente l’oggetto da disegnare OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE


PROPRIETÀ NECESSARIE.
Se la quota e l’altezza non sono costanti per tutti i punti del terreno, le proprietà della sezione Geometria
vanno specificate per ogni punto durante il disegno (v. avanti).

 Fare click nel punto in cui si intende disporre la prima estremità della primo tratto ([1] - [2]) di
polilinea.

Dovendo applicare la spinta alle pareti, i punti della sua polilinea devono coincidere con punti delle
pareti stesse.
Per disegnare agevolmente i punti della polilinea nella parte centrale di una parete è opportuno che
risulti attivo anche lo Snap Vicino.

 Nelle sezioni Geometria\Punto [1] e Geometria\Punto [2] del toolbox delle proprietà
specificare (in metri) la Quota e l’Altezza del terreno alle estremità del primo tratto di polilinea.
Naturalmente, dopo l’inserimento di ogni valore, è necessario confermare pigiando INVIO della
tastiera.

369
Help di EdiLus

 Tracciare il primo tratto di polilinea e, quando la sua seconda estremità risulta posizionata,
fare click nella tavola per fissarla; questa operazione propone la modalità per il disegno del tratto
di polilinea successivo.

Se il verso della spinta del terreno indicato dalle frecce riportate sul tratto disegnato o che si sta
disegnando è opposto a quello desiderato basta pigiare il pulsante sinistro del mouse nella tavola e, nel
menu locale che si attiva, selezionare l’opzione Inverti verso Spinta.
L’operazione descritta inverte il verso della spinta del terreno sulla parete.
L’inversione del verso della spinta del terreno selezionata può anche essere ottenuta pigiando F5 o F6
della tastiera.

 Se occorre disegnare ulteriori tratti di polilinea effettuare, per ognuno di essi, le seguenti
operazioni:
 nella sezione Geometria\Punto [2] del toolbox delle proprietà indicare (in metri) la Quota e
l’Altezza del terreno nella seconda estremità del tratto da disegnare (quota e altezza della

370
Help di EdiLus

prima estremità sono state specificate per il tratto precedente) e confermare pigiando INVIO
della tastiera;
 fare click nel punto della tavola in cui va posizionata la seconda estremità del tratto.
 Ultimato il disegno della polilinea fare click nella tavola con il pulsante destro del mouse per
attivarne il menu locale e, in questo, selezionare l’opzione Termina per concludere il disegno. Se
la polilinea deve risultare chiusa (il primo e l’ultimo punto disegnati coincidono), dopo aver
disegnato il penultimo tratto, per ultimare il disegno basta selezionare l’opzione Chiudi Poligono
del menu locale della tavola.
Il disegno dell’oggetto Spinta Terreno può anche essere effettuato senza specificare la quota e
l’altezza dei punti della polilinea. La quota e l’altezza di ogni punto della polilinea, infatti, può anche
essere definita in maniera più chiara ed intuitiva in una vista 3D.
Per assegnare la quota e l’altezza di un punto della polilinea della Spinta del Terreno in una vista 3D
basta:
 Selezionare il tratto della Spinta del Terreno da modificare. Il tratto selezionato in una vista
3D risulta contornato in verde e, alla base e alla sommità delle sue estremità, vengono proposte
le maniglie (pallini gialli) per modificarne graficamente la quota e l’altezza.

Le estremità del tratto selezionato, inoltre, risultano identificate con i numeri [1] e [2], in modo da
leggere agevolmente, nel toolbox delle proprietà, i relativi valori della quota e dell’altezza.
 Nelle sezioni Geometria\Punto [1] e Geometria\Punto [2] del toolbox delle proprietà
specificare (in metri) la Quota e l’Altezza del terreno alle estremità del tratto di polilinea. Dopo
l’inserimento di ogni valore, è necessario confermare pigiando INVIO della tastiera.
Le modifiche descritte possono anche essere effettuate graficamente spostando opportunamente,
verso l’alto o verso il basso, le maniglie (pallini gialli) alla base ed alla sommità del tratto di terreno
selezionato. A modifica effettuata, i nuovi valori della quota e dell’altezza delle estremità del tratto di
terreno vengono riportate negli opportuni campi delle sezioni Punto [1] e Punto [2] del toolbox delle
proprietà.
Ovviamente, la Spinta del Terreno su una o più pareti va disegnata sulla tavola di un unico piano
anche quando essa interessa più piani dell’edificio (ad es. un piano interrato ed un piano
seminterrato).
Con le modalità descritte, la spinta del terreno può essere estesa ad un piano superiore o inferiore a
quello su cui è stata disegnata.
La spinta del terreno rappresentata nella figura può essere disegnata indifferentemente nella tavola
del disegno del piano inferiore o di quello superiore modificando opportunamente le quote dei vari
tratti dell’oggetto disegnato.

371
Help di EdiLus

Nella figura seguente viene riportato un particolare caso di applicazione della spinta del terreno. Le
spinte del terreno contrassegnate con 1 e 2 sono state disegnate sulla tavola del disegno del piano
superiore. Naturalmente, per queste due spinte, l’altezza è quella che va dal piano del disegno al
punto più basso dell’edificio. L’altezza della spinta 2, quindi, va opportunamente ridotta in quanto essa
interessa solo il piano superiore.

Per definire correttamente le spinte del terreno è necessario che, sul piano superiore, vengano
disegnate due differenti spinte (1 e 2).

372
Help di EdiLus

Disegnando, infatti, un’unica spinta e modificando l’altezza delle estremità del tratto di spinta
corrispondente alla spinta 2, verrebbero modificate anche le altezze delle estremità dei tratti adiacenti
che, però, devono rimanere inalterate.

La spinta 3 viene disegnata sulla tavola del piano inferiore. In questo caso sul terreno 3 occorre
applicare il sovraccarico del terreno sovrastante per tener conto dell’effetto di quest’ultimo sulla spinta
orizzontale sulla parete.

Un oggetto Spinta del Terreno trasmette all’edificio solo una spinta orizzontale sulla parete su cui viene
disegnato ma NON trasmette alcun carico verticale su eventuali elementi strutturali (solai, solette, ecc.)
posizionati sotto il terreno stesso.
I carichi verticali dovuti al peso del terreno vanno applicati con le modalità previste per ogni elemento
strutturale (solaio, soletta, platea, trave, ecc.).

È da tener presente, inoltre, che, se occorre applicare una spinta del terreno ad entrambe le facce di
una stessa parete (ad es., nel caso della parete di contenimento della rampa in figura), è necessario
disegnare su essa due differenti oggetti Spinta Terreno (1 e 2).

Applicando, infatti, ad entrambe le facce di una parete la stessa spinta (1) (v. figura seguente) si
possono ottenere risultati NON corretti.

373
Help di EdiLus

Disegno CORRETTO

Disegno NON CORRETTO


Le modalità per la modifica e la cancellazione dei vari tratti dell’oggetto Spinta Terreno sono le stesse
previste per la modifica e la cancellazione dell’oggetto Polilinea.

Vedi Anche
Gli Snap
Le Griglie Guida
Il PAN (Spostamento)
Gli Zoom
La Lente di Ingrandimento
Copiare le Entità di un Piano su un Altro Piano
Visibilità sullo Sfondo di Oggetti Disegnati su Altre Tavole (Background)
La Visibilità degli Oggetti sulle Tavole e nelle Viste 3D
Inserimento di Disegni DWG o DXF nella Tavola
Punti Guida e Linee Guida

374
Help di EdiLus

Le Proprietà della Spinta del Terreno

Tutte le Proprietà di un oggetto Spinta Terreno (su pareti) possono essere visualizzate e modificate
nel toolbox delle Proprietà che si attiva durante la fase del suo disegno oppure quando esso risulta
selezionato.
Le proprietà di un oggetto Spinta Terreno (su pareti) risultano raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposti i righi:
Terreno, in cui viene proposto (quando è selezionato) il list box per la scelta del terreno che
determina la spinta, tra quelli preventivamente definiti nel progetto.
Tipo senza sisma, in cui viene proposto (quando è selezionato) il bottone per accedere al dialog
con il list box per la scelta del tipo di spinta (passiva, a riposo, attiva o utente) in assenza di
sisma. La scelta dell’opzione utente nel list box propone il campo in cui è possibile specificare
liberamenete il coefficiente di spinta desiderato.

Tipo con sisma, in cui viene proposto (quando è selezionato) il bottone per accedere al dialog con
il list box per la scelta del tipo di spinta (passiva o attiva) in presenza di sisma.

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Lunghezza: in tale rigo viene riportata la lunghezza, in metri, del tratto di terreno selezionato. Il valore
riportato in questo campo non è modificabile se non modificando graficamente il tratto di terreno.
Angolo XY: in tale rigo viene riportato l’angolo di cui risulta ruotato il tratto selezionato di terreno
rispetto all’orizzontale nel piano del disegno. Il valore riportato in questo campo non è modificabile
se non modificando graficamente il tratto di terreno.

PUNTO [1] e Punto [2]


Nella sezioni PUNTO [1] e PUNTO [2] vengono proposte (in metri) le coordinate X ed Y delle
estremità [1] e [2] del tratto di Spinta selezionato e la Quota e l’Altezza del terreno negli stessi punti.
La Quota e l’Altezza del terreno alle estremità del tratto selezionato possono essere modificate
digitando i nuovi valori nei rispettivi campi e pigiando INVIO della tastiera per confermare.
Le coordinate X ed Y di un’estremità del tratto di spinta selezionato possono essere modificate nel
dialog a cui si accede pigiando il bottone visibile nel campo XY quando risulta selezionato il relativo
rigo.
Pigiando il bottoncino OK del dialog si ottiene il posizionamento desiderato dell’estremità del tratto di
spinta selezionato nel disegno.

375
Help di EdiLus

Ancora al Piano
Nella sezione Ancora al Piano vengono proposte le seguenti proprietà per definire il tipo di ancoraggio
della faccia superiore della Spinta del Terreno selezionata al piano di appartenenza (piano del
disegno):
SUPERIORE: nel list box che si attiva posizionando il cursore nel rigo è possibile scegliere una delle
seguenti opzioni:
NO: tra la faccia superiore del terreno ed il piano di appartenenza NON esiste alcun ancoraggio,
per cui, modificando la quota del piano, la quota del terreno NON viene modificata;
Si: la faccia superiore del terreno risulta vincolata al piano di appartenenza; pertanto, modificando
la quota del piano, la faccia superiore del terreno rimane ad esso solidale; cliccando sul
bottoncino , proposto a sinistra del list box quando in esso risulta selezionata l’opzione SI,
vengono proposti i campi:
Delta Punto [1]: in cui viene proposta la differenza tra la quota dell’estremità [1] del tratto di
terreno selezionato e la quota del piano del disegno. Tale valore non è modificabile se non
modificando il tratto di terreno nel disegno.
Delta Punto [2]: in cui viene proposta la differenza tra la quota dell’estremità [2] del tratto di
terreno selezionato e la quota del piano del disegno. Tale valore non è modificabile se non
modificando il tratto di terreno nel disegno.

Carichi e Forze
Nella sezione Carichi e Forze è presente il campo Sovraccarico sul Terreno in cui è possibile
specificare, in N/m2, l’entità di un eventuale sovraccarico sul terreno.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alle Proprietà degli Oggetti.

Vedi Anche
Gli Snap
Le Griglie Guida
Il PAN (Spostamento)
Gli Zoom
La Lente di Ingrandimento
Copiare le Entità di un Piano su un Altro Piano
Visibilità sullo Sfondo di Oggetti Disegnati su Altre Tavole (Background)
La Visibilità degli Oggetti sulle Tavole e nelle Viste 3D
Inserimento di Disegni DWG o DXF nella Tavola
Punti Guida e Linee Guida

376
Help di EdiLus

La Spinta Idrostatica

La Spinta Idrostatica

La spinta idrostatica di un liquido (acqua) su una Parete si applica mediante il semplice disegno
dell’oggetto Spinta Idrostatica (su pareti).
L’oggetto "Spinta Idrostatica (su pareti)" è una polilinea che, disegnata in prossimità di una Parete (a
distanza inferiore di 5 cm) applica a questa una spinta di un liquido.
Ovviamente, la spinta sulla parete viene definita in funzione delle caratteristiche specificate nel
toolbox delle proprietà della Spinta Idrostatica disegnata.
Per applicare una spinta idrostatica su una parete basta, pertanto, effettuare le seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi della tipologia scelta che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Spinta Idrostatica (su pareti) del toolbox per attivare la modalità per il disegno
della spinta idrostatica ed attivare il relativo toolbox delle Proprietà.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà comuni a tutti i tratti di polilinea
dell’oggetto Spinta Idrostatica da disegnare; in particolare nel campo Quota livello della sezione
Geometria va specificata la quota del liquido che, ovviamente NON può variare per i vari tratti
dell’oggetto.

Ovviamente, per definire correttamente l’oggetto da disegnare OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE


PROPRIETÀ NECESSARIE.
Se l’altezza del liquido non è costante per tutti i punti dell’oggetto, le proprietà della sezione Geometria
possono essere specificate, per ogni punto, durante il disegno (v. avanti).

 Fare click nel punto in cui si intende disporre la prima estremità della primo tratto ([1] - [2]) di
polilinea.

Dovendo applicare la spinta alle pareti, i punti della sua polilinea devono coincidere con punti delle
pareti stesse.
Per disegnare agevolmente i punti della polilinea nella parte centrale di una parete è opportuno che
risulti attivo anche lo Snap Vicino.

 Nelle sezioni Geometria\Punto [1] e Geometria\Punto [2] del toolbox delle proprietà
specificare (in metri) l’Altezza del liquido alle estremità del primo tratto di polilinea. Naturalmente,
dopo ogni inserimento, è necessario confermare pigiando INVIO della tastiera.

377
Help di EdiLus

 Tracciare il primo tratto di polilinea e, quando la sua seconda estremità risulta posizionata,
fare click nella tavola per fissarla; questa operazione propone la modalità per il disegno
dell’eventuale tratto di polilinea successivo.

Se il verso della spinta idrostatica indicato dalle frecce riportate sul tratto disegnato o che si sta
disegnando è opposto a quello desiderato basta pigiare il pulsante sinistro del mouse nella tavola e, nel
menu locale che si attiva, selezionare l’opzione Inverti verso Spinta.
L’operazione descritta inverte il verso della spinta idrostatica sulla parete.
L’inversione del verso della spinta idrostatica selezionata può anche essere ottenuta pigiando F5 o F6
della tastiera.

 Se occorre disegnare ulteriori tratti di polilinea effettuare, per ognuno di essi, le seguenti
operazioni:
 nella sezione Geometria\Punto [2] del toolbox delle proprietà indicare (in metri) l’Altezza
del liquido nella seconda estremità del tratto da disegnare (quota e altezza della prima
estremità sono state specificate per il tratto precedente) e confermare pigiando INVIO della
tastiera;
 fare click nel punto della tavola in cui va posizionata la seconda estremità del tratto.
 Ultimato il disegno della polilinea fare click nella tavola con il pulsante destro del mouse per
attivare il menu locale dell’oggetto e, in questo, selezionare l’opzione Termina per concludere il
disegno.
Se la polilinea della Spinta Idrostatica deve risultare chiusa (il primo e l’ultimo punto disegnati
coincidono), dopo aver disegnato il penultimo tratto, per ultimare il disegno basta selezionare l’opzione
Chiudi Poligono del menu locale dell’oggetto.

378
Help di EdiLus

Nel disegnare una Spinta Idrostatica in una vasca, per ottenere anche l’effetto grafico del liquido
all’interno della vasca stessa, è necessario che la polilinea della Spinta risulti chiusa mediante l’opzione
Chiudi Poligono del suo menu locale.

Il disegno dell’oggetto Spinta Idrostatica può anche essere effettuato senza specificare l’altezza del
liquido per ogni tratto della polilinea.
L’altezza del liquido per ogni punto della polilinea, infatti, può anche essere definita in maniera più
chiara ed intuitiva in una vista 3D.

Per assegnare l’altezza del liquido in un punto della polilinea della Spinta Idrostatica in una vista 3D
basta:
 Selezionare il tratto della Spinta Idrostatica da modificare. In una vista 3D il tratto selezionato
risulta contornato in verde e, alla base e alla sommità delle sue estremità, vengono proposte le
maniglie (pallini gialli) per modificarne graficamente la quota e l’altezza. Le estremità del tratto
selezionato, inoltre, risultano identificate con i numeri [1] e [2], in modo da leggere agevolmente,
nel toolbox delle proprietà, i relativi valori della quota e dell’altezza.

 Nelle sezioni Geometria\Punto [1] e Geometria\Punto [2] del toolbox delle proprietà
specificare (in metri) la Quota e l’Altezza del liquido alle estremità del tratto di polilinea.
Dopo l’inserimento di ogni valore, è necessario confermare pigiando INVIO della tastiera.

L’altezza del liquido può essere modificata per ogni estremità di ogni tratto di polilinea della Spinta
Idrostatica.
Modificando, invece, la quota (QUOTA livello) di un tratto della spinta idrostatica viene modificata,
ovviamente, anche la quota di tutti i restanti tratti.

Le modifiche descritte possono anche essere effettuate graficamente spostando opportunamente,


verso l’alto o verso il basso, le maniglie (pallini gialli) alla base ed alla sommità del tratto di spinta
idrostatica selezionato.

379
Help di EdiLus

A modifica effettuata, i nuovi valori della quota e dell’altezza delle estremità del tratto di spinta
vengono riportati negli opportuni campi delle sezioni Punto [1] e Punto [2] del toolbox delle proprietà.
Ovviamente, la Spinta Idrostatica su una o più pareti va disegnata sulla tavola di un unico piano,
anche quando essa interessa più piani dell’edificio (ad es. un piano interrato ed un piano
seminterrato).
Con le modalità appena descritte, la spinta idrostatica può essere estesa ad un piano superiore o
inferiore a quello su cui è stata disegnata.

La spinta idrostatica nell’esempio sopra può essere disegnata indifferentemente nella tavola del
disegno del piano inferiore o di quello superiore modificandone opportunamente la quota.

Un oggetto Spinta Idrostatica trasmette all’edificio solo una spinta orizzontale sulla parete su cui viene
disegnato ma NON trasmette alcun carico verticale su eventuali elementi strutturali (solai, solette, ecc.)
posizionati sotto il liquido.
I carichi verticali dovuti al peso del liquido vanno applicati con le modalità previste per ogni elemento
strutturale (solaio, soletta, platea, trave, ecc.).

Le modalità per la modifica e la cancellazione dei vari tratti dell’oggetto Spinta Idrostatica sono le
stesse previste per la modifica e la cancellazione dell’oggetto Polilinea.

Vedi Anche
Gli Snap
Le Griglie Guida
Il PAN (Spostamento)
Gli Zoom
La Lente di Ingrandimento
Copiare le Entità di un Piano su un Altro Piano
Visibilità sullo Sfondo di Oggetti Disegnati su Altre Tavole (Background)
La Visibilità degli Oggetti sulle Tavole e nelle Viste 3D
Inserimento di Disegni DWG o DXF nella Tavola
Punti Guida e Linee Guida

380
Help di EdiLus

Le Proprietà della Spinta Idrostatica

Tutte le Proprietà di un oggetto Spinta Idrostatica (su pareti) possono essere visualizzate e modificate
nel toolbox delle Proprietà che si attiva durante la fase del suo disegno oppure quando esso risulta
selezionato.
Le proprietà di un oggetto Spinta Idrostatica (su pareti) risultano raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposti i campi:
Liquido, in cui è possibile digitare il nome del liquido
Peso specifico, in cui va specificato, in N/m3, il perso specifico del liquido.

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Lunghezza: in tale rigo viene riportata la lunghezza, in metri, del tratto di Spinta Idrostatica
selezionato. Il valore riportato in questo campo non è modificabile se non modificando graficamente
il tratto selezionato.
Angolo XY: in tale rigo viene riportato l’angolo di cui risulta ruotato il tratto di Spinta idrostatica
selezionato rispetto all’orizzontale nel piano del disegno. Il valore riportato in questo campo non è
modificabile se non modificando graficamente il tratto selezionato.
QUOTA livello liquido: in tale rigo viene riportata la quota del livello del liquido (spinta) selezionato.
Modificando il valore in questo campo e confermando pigiando INVIO della tastiera, si ottiene la
corrispondente variazione di quota nel disegno.

PUNTO [1] e Punto [2]


Nella sezioni PUNTO [1] e PUNTO [2] vengono proposte (in metri) le coordinate X ed Y delle
estremità [1] e [2] del tratto di Spinta selezionato e l’Altezza del liquido negli stessi punti.
L’Altezza del liquido alle estremità del tratto di spinta selezionato può essere modificata digitando i
nuovi valori nei rispettivi campi e pigiando INVIO della tastiera per confermare.
Le coordinate X ed Y di un’estremità del tratto di spinta selezionato possono essere modificate nel
dialog a cui si accede pigiando il bottone visibile nel campo XY quando risulta selezionato il relativo
rigo.
Pigiando il bottoncino OK del dialog si ottiene il posizionamento desiderato dell’estremità del tratto di
spinta selezionato nel disegno.

Ancora al Piano
Nella sezione Ancora al Piano vengono proposte le seguenti proprietà per definire il tipo di
ancoraggio della faccia superiore del liquido (Spinta) selezionato al piano di appartenenza (piano del
disegno):
SUPERIORE: nel list box che si attiva posizionando il cursore nel rigo è possibile scegliere una delle
seguenti opzioni:
NO: tra la faccia superiore del liquido ed il piano di appartenenza NON esiste alcun ancoraggio, per
cui, modificando la quota del piano, la quota del liquido NON viene modificata;

381
Help di EdiLus

Si: la faccia superiore del liquido risulta vincolata al piano di appartenenza; pertanto, modificando la
quota del piano, la faccia superiore del liquido rimane ad esso solidale.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alle Proprietà degli oggetti.
Tra le consuete proprietà della sezione Aspetto è presente il check box Animazione la cui
selezione/deselezione consente di visualizzare/nascondere l’effetto di animazione del liquido nelle
viste 3D.

Vedi Anche
Gli Snap
Le Griglie Guida
Il PAN (Spostamento)
Gli Zoom
La Lente di Ingrandimento
Copiare le Entità di un Piano su un Altro Piano
Visibilità sullo Sfondo di Oggetti Disegnati su Altre Tavole (Background)
La Visibilità degli Oggetti sulle Tavole e nelle Viste 3D
Inserimento di Disegni DWG o DXF nella Tavola
Punti Guida e Linee Guida

382
Help di EdiLus

L'Oggetto Infittimento

L'Oggetto Infittimento

La presenza di una rilevante forza concentrata su un elemento bidimensionale (parete, muro, soletta,
ecc.) oppure dell’innesto, su esso, di un elemento beam (trave o pilastro) molto caricato può
richiedere la necessità di un calcolo più accurato nella zona interessata.
L’oggetto Infittimento è uno strumento che consente di considerare, in una zona con una forte
concentrazione di sollecitazioni di un elemento bidimensionale (parete, ecc.), una maglia di shell più
fitta in modo da ottenere, per quella zona, risultati di calcolo più precisi.
Un Infittimento va disegnato nella tavola del piano (pianta) opportuno, se esso va applicato ad una
soletta o una platea, mentre conviene operare in una vista 3D, se esso va applicato ad una parete o
un muro.
Per disegnare, un’area di infittimento delle shell su un elemento bidimensionale (ad esempio una
parete), basta effettuare le seguenti operazioni:
 Pigiare il bottone Strutturale o Muratura del toolbox Oggetti Disegno; questa operazione
propone, nello stesso toolbox, la lista degli elementi strutturali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Infittimento del toolbox per attivare la modalità per il disegno dell’oggetto ed
il relativo toolbox delle Proprietà.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà dell’Infittimento da disegnare effettuando
le seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle proprietà dell’Infittimento. Ovviamente,
per definire correttamente l’oggetto da disegnare, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ
NECESSARIE.

Nel list box Forma del toolbox delle Proprietà scegliere la forma dell’Infittimento (rettangolare,
circolare, libero, ecc.) da disegnare.

Un infittimento di forma qualsiasi (opzione Libero del list box Forma) in una parete o un muro può
essere definito graficamente dall’utente in una vista 3D dell’edificio.
Un infittimento "libero" si disegna come una qualsiasi Polilinea.

 Nella sezione Passo HPSHELL indicare, in centimetri, il passo dei nodi delle shell lungo i
Bordi e all’Interno dell’area dell’Infittimento.
 Nei restanti campi della sezione Geometria del toolbox delle Proprietà specificare i
parametri necessari per la definizione della geometria dell’area dell’Infittimento. Ovviamente,
nella sezione Geometria vengono proposti i campi opportuni in relazione alla forma
dell’Infittimento scelta.

Fare click sulla base superiore della parete disegnata nella tavola (se si opera in pianta); questa
operazione attiva la modalità per il posizionamento dell’Infittimento. Il cursore si trasforma in quello
a lato ad indicare che in questa fase è possibile spostare liberamente l’Infittimento lungo la parete.
 Spostare l’infittimento nel punto opportuno e cliccare nuovamente per fissarne la posizione.
Nella tavola di un piano il disegno di un infittimento in una soletta o in una platea risulta agevole in
quanto si opera proprio nel piano in cui l’oggetto va disegnato.
Il disegno di un Infittimento in una parete o un muro nella tavola del piano in cui questo è stato
disegnato risulta meno intuitivo in quanto esso viene rappresentato da una sua sezione orizzontale.
Per disegnare un Infittimento in una parete o un muro può risultare conveniente operare in una vista
3D dell’edificio.
Peraltro, il disegno di un Infittimento di forma qualsiasi (Libero) in una parete o un muro può essere
effettuato unicamente in una vista 3D o nell’opportuno prospetto che è possibile visualizzare in essa.

383
Help di EdiLus

Modificando una soletta (o platea) oppure uno degli elementi ad essa collegati (travi, ecc.) potrebbe
essere perso l’infittimento su essa definito.
Si consiglia, pertanto, di procedere al disegno degli Infittimenti solo quando si è certi che gli elementi su
cui essi vanno definiti non saranno più modificati.

Vedi Anche
Le Proprietà dell'Oggetto Infittimento
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

384
Help di EdiLus

Le Proprietà dell'Oggetto Infittimento

Le Proprietà di un oggetto Infittimento possono essere gestite nel toolbox delle Proprietà attivo
durante il suo disegno oppure quando esso risulta selezionato.
Le proprietà di un Infittimento sono raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche viene proposto il list box Forma in cui va definita la forma
dell’infittimento selezionato o da disegnare, scegliendo una delle opzioni già illustrate per la scelta
della forma dell’oggetto Foro.

Sotto il list box Forma è presente la sezione Passo HPSHELL in cui va indicato, in centimetri, il passo
dei nodi delle shell lungo i Bordi e all’Interno dell’area dell’Infittimento.

Geometria
La sezione Geometria delle proprietà di un Infittimento è identica a quella dell’omonima sezione delle
proprietà di un Foro.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
L'Oggetto Infittimento
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno

385
Help di EdiLus

Le Viste 3D

386
Help di EdiLus

L'Oggetto Muro

L'Oggetto Muro

L’oggetto Muro di EdiLus è praticamente identico all’oggetto Parete, sia per quanto riguarda le
modalità di disegno che per le Proprietà.
Mentre, però, i Muri e le Pareti possono essere entrambi utilizzati in progetti di strutture in Muratura,
ovviamente, nei progetti di strutture in Cemento Armato, NON è possibile utilizzare i Muri.
Ciò che differenzia sostanzialmente i Muri dalle Pareti è il Materiale: ad una Parete è possibile
assegnare, come materiale, un Calcestruzzo Armato, mentre ad un Muro è possibile assegnare solo
una Muratura.

Vedi Anche
Le Proprietà della Muratura Armata
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

387
Help di EdiLus

Le Proprietà della Muratura Armata

Il toolbox delle Proprietà di una "Muratura Armata" presenta le seguenti differenze rispetto a quello di
una Muratura ordinaria:
 il materiale che è possibile assegnare ad una Muratura Armata è uno di quelli della tipologia
Muratura armata preventivamente definiti nella sezione Materiali del progetto;
 nel toolbox delle Proprietà di una Muratura Armata, oltre alle sezioni proposte per la
Muratura ordinaria, è presente la sezione Armatura Muratura per la definizione delle armature
del Muro.

Figura 1a

388
Help di EdiLus

Figura 1b - distribuzione armature nel MURO

Con riferimento alle figure (1a - 1b) riportate sopra, la sezione Armatura Muratura contiene le
seguenti sezioni:

Concentrata Verticale (ferri A in figura 1b)


Nella sezione Concentrata Verticale vanno specificate le caratteristiche dell’armatura concentrata,
disposta, verticalmente, agli estremi (iniziale e finale) dei singoli Maschi presenti nel Muro. In tale
sezione vengono proposti i seguenti campi:
Diametro dei Tondini [DT], in cui va indicato, in millimetri, il diametro del tondino utilizzato per
l’armatura concentrata verticale.
Numero dei Tondini [NT], in cui va indicato il numero di tondini che costituiscono l’armatura
concentrata verticale (i tondini si “distribuiscono”, nel foro del blocco, lungo l’asse del muro - vedi
figura 2).

389
Help di EdiLus

Figura 2

Passo dei Tondini [PT] (editabile solo se il Numero di Tondini è maggiore di 1), in cui è possibile
indicare l’eventuale interasse (asse-asse) tra i tondini (verticali) disposti agli estremi del maschio
murario; tale valore è funzione delle dimensioni dei fori verticali presenti nei blocchi (vedi figura 2).
Copriferro dei Tondini [CT], in cui va indicata, in centimetri, la distanza dell’armatura dal bordo della
sezione di verifica del Muro. Se l’armatura concentrata verticale è costituita da più tondini, come
copriferro va indicata la distanza dal bordo del tondino più esterno (vedi figura 2).

Concentrata Orizzontale (ferri B in figura 1b)


Nella sezione Concentrata Orizzontale vanno specificate le caratteristiche dell’armatura concentrata,
disposta, orizzontalmente, in testa ed al piede delle Fasce (vedi figura 1b). In tale sezione vengono
proposti i seguenti campi:
Diametro dei Tondini [DT], in cui va indicato, in millimetri, il diametro del tondino utilizzato per
l’armatura concentrata orizzontale.
Numero dei Tondini [NT], in cui va indicato il numero di tondini dell’armatura concentrata orizzontale,
disposti lungo lo spessore del Muro.
Passo dei Tondini [PT], (editabile solo se il Numero di Tondini è maggiore di 1), in cui è possibile
indicare l’eventuale interasse (asse-asse) tra i tondini orizzontali disposti lungo lo spessore del
Muro; tale valore è funzione dello spessore dei blocchi (vedi figura 3).

390
Help di EdiLus

Figura 3

Copriferro dei Tondini [CT], in cui va indicata in centimetri la distanza dell’armatura concentrata
orizzontale dal bordo esterno della sezione di verifica del Muro. Se l’armatura concentrata
orizzontale è costituita da più tondini, come copriferro va indicata la distanza dal bordo del tondino
più esterno (vedi figura 3).

Diffusa Verticale (ferri C in figura 1b)


Nella sezione Diffusa Verticale è presente il check box Presenza dell’Armatura, la cui selezione
indica la presenza, nel Muro (maschi e fasce), di un’armatura diffusa verticale ed abilita i seguenti
campi:
Diametro dei Tondini [DT], in cui va indicato, in millimetri, il diametro dei tondini utilizzati per
l’armatura verticale diffusa.
Passo dei Tondini [PT], in cui è possibile indicare l’interasse (asse-asse) con cui devono essere
disposti i tondini dell’armatura verticale diffusa; tale valore è funzione della distanza dei fori verticali
disponibili nei blocchi (vedi figura 4).

391
Help di EdiLus

Figura 4

Diffusa Orizzontale (ferri D in figura 1b)


Nella sezione Diffusa Orizzontale è presente il check box Presenza dell’Armatura, la cui selezione
indica la presenza, nel Muro (maschi e fasce), di un’armatura diffusa orizzontale ed abilita i seguenti
campi:
Diametro dei Tondini [DT], in cui va indicato, in millimetri, il diametro dei tondini utilizzati per
l’armatura orizzontale diffusa.
Numero dei Tondini [NT], in cui è possibile indicare il numero di ferri (orizzontali) che devono essere
disposti tra le file di blocchi. In questo campo viene proposto 2 come valore di default, in quanto,
generalmente, come armatura orizzontale diffusa si adottano staffoni a due braccia.

392
Help di EdiLus

Figura 5

Passo dei Tondini [PT], in cui va indicato l’interasse (asse-asse) con cui devono essere disposti i
tondini dell’armatura diffusa orizzontale; tale valore è funzione dell’altezza dei blocchi (vedi figura
5).

Vedi Anche
L'Oggetto Muro
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

393
Help di EdiLus

L'Oggetto Rappezzo

L'Oggetto Rappezzo

Un "rappezzo", cioè il classico intervento di sostituzione di una parte di muratura esistente


danneggiata o ammalorata, con una muratura di caratteristiche migliori, si rappresenta mediante
l’oggetto Rappezzo di EdiLus.

Un Rappezzo può essere disegnato sia nella stessa tavola del progetto (pianta) su cui è stato
disegnato il muro, sia in una vista 3D (o nel prospetto opportuno in essa richiesto).
Naturalmente, in una vista 3D, il disegno di un Rappezzo su un Muro risulterà più agevole e chiaro. Di
seguito vengono descritte le modalità per il disegno di un Rappezzo in una vista 3D del progetto.

Le modalità per il disegno di un Rappezzo nella tavola (pianta) del progetto in cui è stato disegnato il
muro sono analoghe a quelle illustrate di seguito.
Naturalmente, molti parametri geometrici di un Rappezzo (dimensioni e posizione) che, nel 3D, possono
essere definiti graficamente, in pianta potranno essere definiti solo specificandone le opportune
proprietà.

Per disegnare un Rappezzo sul muro su cui deve essere realizzato, basta effettuare le seguenti
operazioni:
 Accedere ad una vista 3D e modificarla per portare in primo piano il Muro su cui occorre
disegnare il Rappezzo.
 Pigiare il bottone Muratura del toolbox Oggetti Disegno; per visualizzare, in esso la lista
degli oggetti appartenenti all’omonima tipologia.
Selezionare l’opzione Rappezzo del toolbox per attivare la modalità per il disegno dell’oggetto ed il
relativo toolbox delle Proprietà.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà del Rappezzo da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle proprietà del Rappezzo.
Ovviamente, per definire correttamente il Rappezzo da disegnare, OCCORRE SPECIFICARNE TUTTE
LE PROPRIETÀ NECESSARIE.

394
Help di EdiLus

Nel list box Forma scegliere la forma del Rappezzo (rettangolare, circolare, libero, ecc.).

La scelta dell’opzione Libero del list box Forma consente di definire liberamente il Rappezzo mediante
il disegno di una Polilinea.
Un Rappezzo di forma qualsiasi può anche essere ottenuto in maniera ancora più semplice ed intuitiva,
richiedendone la Generazione automatica a partire da un semplice schizzo effettuato sul muro a cui va
applicato.

Nel list box Materiale scegliere il materiale del Rappezzo tra quelli della tipologia Muratura,
preventivamente definiti nella sezione Materiali del Progetto.
 Nel campo Bordi sezione Passo HPSHELL indicare, in centimetri, il passo dei nodi delle
shell lungo i Bordi del Rappezzo.
 Selezionare il check box Specifica interno se i nodi delle Shell interne al Rappezzo devono
avere un passo differente da quello delle Shell del Muro; questa operazione propone visualizza
il campo Interno, in cui va indicato il passo dei nodi delle Shell nell’area del Rappezzo.
 Nei campi della sezione Geometria specificare i parametri necessari per definire la
geometria e la posizione del Rappezzo, se non si intende definirli graficamente (v. avanti). In
questa sezione vengono proposti i campi opportuni in relazione alla Forma scelta per il
Rappezzo.

Cliccare in un punto del Muro; questa operazione inserisce il Rappezzo a partire dalla base inferiore
del Muro proponendo la selezione della maniglia (pallino verde) per il suo spostamento.

 Posizionare il Rappezzo e cliccare nuovamente per fissarne la posizione. Durante gli


spostamenti vengono proposte, come riferimento per il posizionamento, le distanze del Rappezzo
dai bordi del Muro.
Cliccando sulle altre maniglie proposte quando il Rappezzo è selezionato si attivano le modalità per
poterne definire graficamente le dimensioni.
Il Rappezzo disegnato su una faccia del Muro viene, ovviamente, rappresentato anche sull’altra
faccia.
Un Rappezzo disegnato può essere modificato selezionandolo e cambiandone le proprietà nel toolbox
delle Proprietà oppure operando graficamente con le consuete modalità.
In particolare, cliccando con il pulsante destro del mouse, sul Rappezzo selezionato si apre il menu
locale in cui, oltre alle opzioni per la sua gestione (ad es. per la modifica dei lati della polilinea per i
Rappezzi di forma Libera), è presente l’opzione Copri intera parete, che estende il Rappezzo a tutto
il Muro a cui è stato applicato.

Vedi Anche
Le Proprietà dell'Oggetto Rappezzo
Generazione Automatica di Rappezzi

395
Help di EdiLus

Il Disegno degli Oggetti


Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

396
Help di EdiLus

Le Proprietà dell'Oggetto Rappezzo

Le Proprietà di un oggetto Rappezzo possono essere gestite nel toolbox delle Proprietà attivo durante
il suo disegno oppure quando esso risulta selezionato.
Le proprietà di un Rappezzo sono raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà dell’oggetto Rappezzo:
Forma. Nel list box Forma va scelta la forma del Rappezzo selezionato o da disegnare; le forme
disponibili sono le stesse proposte per l’oggetto Foro.
Materiale. Nel list box Materiale va scelto il materiale del rappezzo tra quelli della tipologia Muratura
preventivamente definiti nella sezione Materiali del progetto.

Passo HPSHELL
Nella sezione Passo HPSHELL vengono proposti:
 Il campo Bordi, in cui va specificato il passo, in cm, dei nodi delle Shell lungo i bordi del
Rappezzo.
 Il check box Specifica interno, la cui selezione richiede di specificare, per la parte interna
del Rappezzo, una suddivisione in Shell con passo dei nodi differente da quella indicata per il
Muro in cui esso è inserito. La selezione di questo check visualizza il campo Interno sottostante
in cui va indicato il passo dei nodi delle Shell della parte interna dell’area del Rappezzo.
Lasciando NON selezionato il check box "Specifica interno", per il Rappezzo verrà adottata la
stessa suddivisione in Shell della parte interna del Muro.

Generazione automatica oggetto


Questa sezione presenta il check box da Muro/Rappezzo, la cui selezione attiva la modalità per
definire, in una vista 3D, un nuovo Rappezzo (o per modificarne uno già disegnato), mediante un

397
Help di EdiLus

semplice schizzo sul muro. Dallo schizzo il programma, infatti, è in grado di generare
automaticamente l’oggetto Rappezzo.

La sezione Generazione automatica oggetto NON viene proposta nel toolbox delle Proprietà quando
si seleziona un Rappezzo già disegnato, ma solo quando si seleziona l’opzione Rappezzo del toolbox
Oggetti Disegno o di uno dei menu in cui questa risulta disponibile.

Geometria
La sezione Geometria delle proprietà di un Rappezzo è identica a quella della stessa sezione delle
proprietà di un Foro.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
L'Oggetto Rappezzo
Generazione Automatica di Rappezzi
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

398
Help di EdiLus

Generazione Automatica di Rappezzi e Rinforzi

Un Rappezzo o un Rinforzo di un Muro possono essere definiti, anche mediante un semplice schizzo
sul muro stesso. Dallo schizzo effettuato, infatti, il programma è in grado di generare automaticamente
l’oggetto Rappezzo o Rinforzo da applicare al muro.
Nella presente pagina dell’help vengono illustrate le modalità operative per ottenere la generazione
automatica di un Rappezzo. Con modalità analoghe sarà possibile ottenere la generazione automatica
di un Rinforzo.
Per disegnare lo schizzo di un Rappezzo sul muro a cui questo deve essere applicato, basta
effettuare le seguenti operazioni:
 Accedere ad una vista 3D e ruotarla in modo che risulti visibile il Muro su cui occorre
disegnare il Rappezzo.
 Pigiare il bottone Muratura del toolbox Oggetti Disegno; questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi strutturali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Rappezzo del toolbox per attivare la modalità per il disegno dell’oggetto ed il
relativo toolbox delle Proprietà.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà del Rappezzo da disegnare e selezionare
il check box da Muro/Rappezzo della sezione Generazione automatica oggetto.

Questa operazione attiva la modalità per disegnare lo schizzo del rappezzo e il cursore, nel
disegno, assume l’aspetto di una bacchetta magica.
 Cliccare nel punto del muro in cui occorre schizzare il nuovo rappezzo o cliccare sul
rappezzo già disegnato da modificare. Questa operazione:
 porta in primo piano, nella vista 3D, il muro cliccato, nascondendo eventuali texture o colori
applicati e ne propone una vista prospettica in modo da poter disegnare agevolmente;
 visualizza la barra degli strumenti (Wizard) per lo schizzo del Rappezzo.

Accertarsi che risulti premuto il bottone Pennello (per default già premuto) per attivare la
modalità per lo schizzo del Rappezzo; in questa modalità il cursore del disegno si trasforma
anch’esso in un pennello.
 Nel campo spessore della barra definire lo spessore del pennello.
 Cliccare sul muro, senza rilasciare il pulsante sinistro del mouse, e colorare (in rosso) la
superficie del rappezzo.

399
Help di EdiLus

Eventuali correzioni alla superficie del Rappezzo possono essere effettuate premendo il bottone
Gomma della barra degli strumenti e cliccando sulla parti dello schizzo da cancellare.
Premendo, invece, il bottone Contorno della barra, viene visualizzato il solo contorno dell’area del
Rappezzo disegnata.

Quando l’area del rappezzo risulta definita, pigiare il bottone OK per ottenere la generazione
automatica del Rappezzo.

Pigiando, invece, il bottone Chiudi, la modalità per lo schizzo del Rappezzo viene interrotta senza
procedere alla generazione.

Vedi Anche
L'Oggetto Rinforzo
L'Oggetto Rappezzo
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

400
Help di EdiLus

L'Oggetto Rinforzo

L'Oggetto Rinforzo

Un "rinforzo" è un intervento di recupero di una muratura danneggiata o ammalorata che prevede, in


genere, l’applicazione, su una o entrambe le sue facce, di un betoncino armato o un materiale
composito fibro rinforzato (FRP).

L’applicazione di un rinforzo ad un Muro si effettua disegnando, su esso, l’oggetto Rinforzo di EdiLus.


Un Rinforzo può essere disegnato sia nella stessa tavola del progetto (pianta) su cui è stato disegnato
il muro, sia in una vista 3D (o nel prospetto opportuno in essa richiesto). Naturalmente, in una vista
3D, il disegno di un Rinforzo su una faccia del Muro risulterà più agevole e chiaro.
Di seguito vengono descritte le modalità per il disegno di un Rinforzo in una vista 3D del progetto.

Le modalità per il disegno di un Rinforzo nella tavola (pianta) del progetto in cui è stato disegnato il muro
sono analoghe a quelle illustrate di seguito.
Naturalmente, molti parametri geometrici di un Rinforzo (dimensioni e posizione) che, nel 3D, possono
essere definiti graficamente, in pianta potranno essere definiti solo specificandone le opportune
proprietà.

Per disegnare un Rinforzo sul muro a cui deve essere applicato, basta effettuare le seguenti
operazioni:
 Accedere ad una vista 3D e modificarla per portare in primo piano il Muro su cui occorre
disegnare il Rinforzo.
 Pigiare il bottone Muratura del toolbox Oggetti Disegno; per visualizzare, in esso la lista
degli oggetti appartenenti all’omonima tipologia.
Selezionare l’opzione Rinforzo del toolbox per attivare la modalità per il disegno dell’oggetto ed il
relativo toolbox delle Proprietà.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà del Rinforzo da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:

401
Help di EdiLus

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle proprietà del Rinforzo.
Ovviamente, per definire correttamente il Rinforzo da disegnare, OCCORRE SPECIFICARNE TUTTE
LE PROPRIETÀ NECESSARIE.

Nel list box Forma scegliere la forma del Rinforzo (rettangolare, circolare, libero, ecc.).

La scelta dell’opzione Libero del list box Forma consente di definire liberamente il Rinforzo mediante il
disegno di una Polilinea.
Un Rinforzo di forma qualsiasi può anche essere ottenuto in maniera ancora più semplice ed intuitiva,
richiedendone la Generazione automatica a partire da un semplice schizzo effettuato sul muro a cui va
applicato.

Nel list box Materiale scegliere il materiale del Rinforzo tra quelli delle tipologie Betoncino
Armato o Rinforzo FRP, preventivamente definiti nella sezione Materiali del Progetto.
 Nel campo Bordi sezione Passo HPShell indicare, in centimetri, il passo dei nodi delle shell
lungo i Bordi del Rappezzo.
 Selezionare il check box Entrambe le facce se il Rinforzo deve essere applicato ad
entrambe le facce del muro, altrimenti scegliere, nel list box Faccia rinforzo, l’unica faccia del
Muro (Sinistra o Destra) a cui esso deve essere applicato.
 Nel campo Spessore rinforzo specificare, in centimetri, lo spessore del Rinforzo.
 Nei campi della sezione Geometria specificare i parametri necessari per definire la
geometria e la posizione del Rinforzo, se non si intende definirli graficamente (v. avanti). In
questa sezione vengono proposti i campi opportuni in relazione alla Forma scelta per il
Rinforzo.

Cliccare in un punto del Muro; questa operazione inserisce il Rinforzo a partire dalla base inferiore
del Muro proponendo la selezione della maniglia (pallino verde) per il suo spostamento.

 Spostare il Rinforzo nel punto opportuno e cliccare nuovamente per fissarne la posizione.
Durante lo spostamento vengono proposte, come riferimento per il posizionamento, le distanze del
Rinforzo dai bordi del Muro.
Cliccando sulle altre maniglie proposte quando il Rinforzo è selezionato si attivano le modalità per
poterne definire graficamente le dimensioni.
Se nelle proprietà risulta selezionato il check box Entrambe le facce, il Rinforzo disegnato viene
rappresentato su entrambe le facce del Muro.
Un Rinforzo disegnato può essere modificato selezionandolo e cambiandone le proprietà nel Toolbox
delle Proprietà oppure operando graficamente con le consuete modalità.
In particolare, cliccando con il pulsante destro del mouse, sul Rinforzo selezionato si apre il menu
locale in cui, oltre alle opzioni per la sua gestione (ad es. per la modifica dei lati della polilinea per un
Rinforzo di forma qualsiasi), è presente l’opzione Copri intera parete, che estende il Rinforzo a tutto il
Muro a cui è stato applicato.

402
Help di EdiLus

Vedi Anche
Le Proprietà dell'Oggetto Rinforzo
Generazione Automatica di Rinforzi
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

403
Help di EdiLus

Le Proprietà dell'Oggetto Rinforzo

Le Proprietà di un oggetto Rinforzo possono essere gestite nel toolbox delle Proprietà attivo durante il
suo disegno oppure quando esso risulta selezionato.
Le proprietà di un Rinforzo sono raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Forma. Nel list box Forma va scelta la forma del Rinforzo selezionato o da disegnare; le forme
disponibili sono le stesse proposte per l’oggetto Foro.
Materiale. Nel list box Materiale va scelto il materiale del Rinforzo tra quelli delle tipologie Betoncino
Armato o Rinforzo FRP preventivamente definiti nella sezione Materiali del progetto.

Passo HPSHELL
Nella sezione Passo HPSHELL viene proposto il campo Bordi, in cui va specificato il passo, in
centimetri dei nodi delle Shell lungo i bordi del Rinforzo.
Sotto la sezione Passo HPSHELL sono presenti:
 Il check box Entrambe le facce, la cui selezione richiede che il Rinforzo venga applicato ad
entrambe le facce del Muro.

404
Help di EdiLus

 Il list box Faccia rinforzo (proposto solo se il check box "Entrambe le facce" risulta NON
selezionato) in cui va scelta la faccia del Muro (Sinistra o Destra) a cui va applicato il Rinforzo.
 Il campo Spessore rinforzo, in cui va indicato, in centimetri, lo spessore del Rinforzo.

Barre Verticali
In questa sezione vengono proposti i campi per l’indicazione del Diametro (in mm) e del Passo (in
cm) delle barre metalliche (tondini) verticali da inserire nel Rinforzo.

Barre Orizzontali
In questa sezione vengono proposti i campi per l’indicazione del Diametro (in mm) e del Passo (in
cm) delle barre metalliche (tondini) orizzontali da inserire nel Rinforzo.

Generazione automatica oggetto


Questa sezione presenta il check box da Muro/Rinforzo, la cui selezione attiva la modalità per
definire, in una vista 3D, un nuovo Rinforzo (o per modificarne uno disegnato), mediante un semplice
schizzo sul muro. Dallo schizzo il programma, infatti, è in grado di generare automaticamente l’oggetto
Rinforzo.

La sezione Generazione automatica oggetto NON viene proposta nel toolbox delle Proprietà quando
si seleziona un Rinforzo già disegnato, ma solo quando si seleziona l’opzione Rinforzo del toolbox
Oggetti Disegno o di uno dei menu in cui questa risulta disponibile.

Geometria
La sezione Geometria delle proprietà di un Rinforzo è identica a quella della stessa sezione delle
proprietà di un Foro.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
L'Oggetto Rinforzo
Generazione Automatica di Rinforzi
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

405
Help di EdiLus

Generazione Automatica di Rappezzi e Rinforzi

Un Rappezzo o un Rinforzo di un Muro possono essere definiti, anche mediante un semplice schizzo
sul muro stesso. Dallo schizzo effettuato, infatti, il programma è in grado di generare automaticamente
l’oggetto Rappezzo o Rinforzo da applicare al muro.
Nella presente pagina dell’help vengono illustrate le modalità operative per ottenere la generazione
automatica di un Rappezzo. Con modalità analoghe sarà possibile ottenere la generazione automatica
di un Rinforzo.
Per disegnare lo schizzo di un Rappezzo sul muro a cui questo deve essere applicato, basta
effettuare le seguenti operazioni:
 Accedere ad una vista 3D e ruotarla in modo che risulti visibile il Muro su cui occorre
disegnare il Rappezzo.
 Pigiare il bottone Muratura del toolbox Oggetti Disegno; questa operazione propone, nello
stesso toolbox, la lista degli elementi strutturali che è possibile disegnare.
Selezionare l’opzione Rappezzo del toolbox per attivare la modalità per il disegno dell’oggetto ed il
relativo toolbox delle Proprietà.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà del Rappezzo da disegnare e selezionare
il check box da Muro/Rappezzo della sezione Generazione automatica oggetto.

Questa operazione attiva la modalità per disegnare lo schizzo del rappezzo e il cursore, nel
disegno, assume l’aspetto di una bacchetta magica.
 Cliccare nel punto del muro in cui occorre schizzare il nuovo rappezzo o cliccare sul
rappezzo già disegnato da modificare. Questa operazione:
 porta in primo piano, nella vista 3D, il muro cliccato, nascondendo eventuali texture o colori
applicati e ne propone una vista prospettica in modo da poter disegnare agevolmente;
 visualizza la barra degli strumenti (Wizard) per lo schizzo del Rappezzo.

Accertarsi che risulti premuto il bottone Pennello (per default già premuto) per attivare la
modalità per lo schizzo del Rappezzo; in questa modalità il cursore del disegno si trasforma
anch’esso in un pennello.
 Nel campo spessore della barra definire lo spessore del pennello.
 Cliccare sul muro, senza rilasciare il pulsante sinistro del mouse, e colorare (in rosso) la
superficie del rappezzo.

406
Help di EdiLus

Eventuali correzioni alla superficie del Rappezzo possono essere effettuate premendo il bottone
Gomma della barra degli strumenti e cliccando sulla parti dello schizzo da cancellare.
Premendo, invece, il bottone Contorno della barra, viene visualizzato il solo contorno dell’area del
Rappezzo disegnata.

Quando l’area del rappezzo risulta definita, pigiare il bottone OK per ottenere la generazione
automatica del Rappezzo.

Pigiando, invece, il bottone Chiudi, la modalità per lo schizzo del Rappezzo viene interrotta senza
procedere alla generazione.

Vedi Anche
L'Oggetto Rinforzo
L'Oggetto Rappezzo
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

407
Help di EdiLus

L'Oggetto Nicchia

L'Oggetto Nicchia

L’oggetto Nicchia consente di rappresentare, per tenerne conto nel calcolo, eventuali nicchie
all’interno dei Muri.

Una Nicchia può essere disegnata sia nella stessa tavola del progetto (pianta) su cui è stato disegnato
il muro, sia in una vista 3D (o in un prospetto in essa richiesto). Naturalmente, in una vista 3D, il
disegno di una Nicchia in un Muro risulta più agevole e chiaro.
Di seguito vengono descritte le modalità per disegnare una Nicchia in una vista 3D del progetto.

Le modalità per il disegno di una Nicchia nella tavola (pianta) del progetto in cui è stato disegnato il
muro sono analoghe a quelle illustrate di seguito.
Naturalmente, molti parametri geometrici di una Nicchia (dimensioni e posizione) che, nel 3D, possono
essere definiti graficamente, in pianta potranno essere definiti solo specificandone le opportune
proprietà.

Per disegnare una Nicchia su un Muro, basta effettuare le seguenti operazioni:


 Accedere ad una vista 3D e modificarla per portare in primo piano il Muro in cui disegnare la
Nicchia.
 Pigiare il bottone Murature del toolbox Oggetti Disegno; per visualizzare, in esso la lista
degli oggetti appartenenti all’omonima tipologia.
Selezionare l’opzione Nicchia del toolbox per attivare la modalità per il disegno dell’oggetto ed il
relativo toolbox delle Proprietà.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà della Nicchia da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune proprietà della Nicchia.
Ovviamente, per definire correttamente la Nicchia da disegnare, OCCORRE SPECIFICARNE TUTTE
LE PROPRIETÀ NECESSARIE.

Nel list box Forma scegliere la forma della Nicchia (rettangolare, circolare, libero, ecc.).

408
Help di EdiLus

La scelta dell’opzione Libero del list box Forma consente di definire liberamente la Nicchia mediante il
disegno di una Polilinea.

Nel list box Materiale scegliere il materiale della chiusura della Nicchia tra quelli della tipologia
Muratura, preventivamente definiti nella sezione Materiali del Progetto.
 Nel campo Bordi della sezione Passo HPSHELL indicare, in centimetri, il passo dei nodi
delle shell lungo i Bordi della Nicchia.
 Selezionare il check box Specifica interno se i nodi delle Shell interne alla Nicchia devono
avere un passo differente da quello delle Shell del Muro; questa operazione visualizza il
campo Interno, in cui va indicato il passo, in centimetri, dei nodi delle Shell interne alla
Nicchia.
 Nelle sezioni Cerchiatura, Mazzette, Piattabanda e/o Sotto finestra indicare la presenza
dei relativi elementi e definirli per un Foro in un Muro.
 Nel list box Allineamento Nicchia scegliere:
Destra, per disporre il vuoto della Nicchia lungo il lato destro del muro, guardandolo nella
direzione della freccia proposta quando esso è selezionato;

Sinistra, per disporre il vuoto della Nicchia lungo il lato sinistro del muro, guardandolo nella
direzione della freccia proposta quando esso risulta selezionato;
Libero, per poter disporre liberamente la parte in muratura (chiusura) della Nicchia lungo lo
spessore del muro (v. avanti).
 Nel campo Profondità Sx (abilitato solo se nel list box precedente è stato scelto Sinistra o
Libero) indicare lo spessore, in metri, del vuoto a sinistra della chiusura della nicchia.
 Nel campo Profondità Dx (abilitato solo se nel list box precedente è stato scelto Destra o
Libero) indicare lo spessore, in metri, del vuoto a destra della chiusura della nicchia.

Avendo il Muro uno spessore definito, specificando la Profondità Sx e/o la Profondità Dx della Nicchia,
risulta di conseguenza definito lo spessore della parte in muratura della nicchia nel campo Spessore
Chiusura.

 Nel campo Spessore Chiusura viene proposto, in centimetri, lo spessore della Nicchia.
Naturalmente, modificando il valore riportato in questo campo vengono, di conseguenza
modificati i valori dei due campi precedenti.
 Nei campi della sezione Geometria specificare i parametri necessari per definire la
geometria e la posizione della Nicchia, se non si intende definirli graficamente (v. avanti). In
questa sezione vengono proposti i campi opportuni in relazione alla Forma scelta per la
Nicchia.

Cliccare in un punto del Muro; questa operazione inserisce la Nicchia a partire dalla base inferiore
del Muro proponendo la selezione della maniglia (pallino verde) per il suo spostamento.

409
Help di EdiLus

 Spostare la Nicchia nel punto opportuno e cliccare nuovamente per fissarne la posizione.
Durante lo spostamento vengono proposte, come riferimento per il posizionamento, le distanze
della Nicchia dai bordi del Muro.
Cliccando sulle altre maniglie proposte quando la Nicchia è selezionata, si attivano le modalità per
poterne definire graficamente le dimensioni.
Una Nicchia disegnata può essere modificata selezionandola e cambiandone le proprietà nel Toolbox
delle Proprietà oppure operando graficamente con le consuete modalità.

Vedi Anche
Le Proprietà dell'Oggetto Nicchia
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

410
Help di EdiLus

Le Proprietà dell'Oggetto Nicchia

Le Proprietà di un oggetto Nicchia possono essere gestite nel toolbox delle Proprietà attivo durante il
suo disegno o la sua selezione.
Le proprietà di una Nicchia risultano raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Forma. Nel list box Forma va scelta la forma della Nicchia selezionata o da disegnare; le forme
disponibili sono le stesse proposte per l’oggetto Foro.
Materiale. Nel list box Materiale va scelto il materiale della chiusura della Nicchia tra quelli della
tipologia Muratura preventivamente definiti nella sezione Materiali del progetto.

411
Help di EdiLus

Passo HPSHELL
Nella sezione Passo HPSHELL vengono proposti:
 Il campo Bordi, in cui va specificato il passo, in centimetri dei nodi delle Shell lungo i bordi
della Nicchia.
 Il check box Specifica interno, la cui selezione richiede di specificare, per la parte interna
della chiusura della Nicchia, una suddivisione in Shell con passo dei nodi differente da quella del
Muro in cui è inserita.
La selezione di questo check visualizza il campo Interno in cui va indicato il passo dei nodi delle
Shell interne alla Nicchia. Lasciando NON selezionato il check "Specifica interno", per la Nicchia
verrà adottata la stessa suddivisione in Shell della parte interna del Muro.

Fasce resistenti a trazione

412
Help di EdiLus

In questa sezione il Tecnico può indicare, mediante la selezione dei check box Superiore e/o
Inferiore se la fascia sovrastante e/o sottostante (eventualmente generata nella fase di calcolo del
modello strutturale) la nicchia presenta un elemento resistente a trazione. La presenza di un elemento
resistente a trazione in corrispondenza di una fascia comporta, per quest’ultima, verifiche molto meno
onerose.
Il programma tiene conto comunque della presenza di un elemento resistente a trazione per una
fascia, se questa si trova in corrispondenza della piattabanda o della cerchiatura prevista per la
nicchia (v. avanti).
In assenza di piattabanda o cerchiatura della nicchia, la selezione dei check Superiore e/ o Inferiore
consente di tener conto, per le fasce, della presenza di elementi resistenti a trazione non rilevabili dal
programma (cordoli di piano, catene, ecc.).

Per default i check box Superiore ed Inferiore risultano selezionati in quanto, generalmente, le fasce si
trovano in corrispondenza di un elemento resistente a trazione. Pertanto, se per una fascia non si
prevede la presenza di elementi resistenti a trazione oppure il Tecnico NON intenda tener conto di quelli
presenti, è necessario deselezionare il check opportuno della sezione “Fasce resistenti a trazione”.

Cerchiatura, Mazzette, Piattabanda e Sotto Finestra


Nelle sezioni Cerchiatura, Mazzette, Piattabanda e Sotto finestra è possibile indicare, per un Foro
in un Muro, la presenza di una Cerchiatura, delle Mazzette, della Piattabanda e del Sotto finestra della
Nicchia, definendone anche le caratteristiche.
Sotto le sezioni descritte vengono proposte le seguenti proprietà della sezione Caratteristiche:
Allineamento nicchia. Nel list box "Allineamento nicchia" va definita su quale faccia del muro è
presente il vuoto della Nicchia, scegliendo una delle seguenti opzioni:
Destra, dispone il vuoto della Nicchia lungo il lato destro del muro, guardandolo nella direzione
della freccia proposta quando esso è selezionato;
Sinistra, dispone il vuoto della Nicchia lungo il lato sinistro del muro, guardandolo nella direzione
della freccia proposta quando esso risulta selezionato;
Libero, consente di disporre liberamente la parte in muratura (chiusura) della Nicchia lungo lo
spessore del muro.

Profondità Sx. In questo campo (abilitato solo se nel list box precedente è stato scelto Sinistra o
Libero) va indicato lo spessore, in metri, del vuoto a sinistra della chiusura della nicchia.
Profondità Dx. In questo campo (abilitato solo se nel list box precedente è stato scelto Destra o
Libero) va indicato lo spessore, in metri, del vuoto a destra della chiusura della nicchia.
Spessore Chiusura. In questo campo va indicato lo spessore, in metri, del vuoto a destra della
chiusura della nicchia.

Avendo il Muro uno spessore definito, specificando la Profondità Sx e/o la Profondità Dx della Nicchia,
risulta di conseguenza definito lo spessore della parte in muratura della nicchia nel campo Spessore
Chiusura.
Analogamente, definendo lo spessore della parte in muratura della Nicchia nel campo Spessore
Chiusura ed una delle Profondità (Sx o Dx), risulta definita anche l’altra Profondità (Dx o Sx).

413
Help di EdiLus

Geometria
La sezione Geometria delle proprietà di una Nicchia è identica a quella della stessa sezione delle
proprietà di un Foro.

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
L'Oggetto Nicchia
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

414
Help di EdiLus

L'Oggetto Catena

L'Oggetto Catena

L’inserimento di Catene in un edificio in muratura si effettua mediante il semplice disegno dell’Oggetto


Catena.
Per disegnare una Catena basta effettuare le seguenti operazioni:
 Accedere alla Tavola (pianta) del progetto in cui sono stati disegnati i muri da collegare con
la Catena.
 Pigiare il bottone Murature del toolbox Oggetti Disegno; per visualizzare, in esso la lista
degli oggetti appartenenti all’omonima tipologia.
Selezionare l’opzione Catena del toolbox per attivare la modalità per il disegno dell’oggetto ed il
relativo toolbox delle Proprietà.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà della Catena da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune delle proprietà della Catena.
Ovviamente, per definire correttamente la Catena da disegnare, OCCORRE SPECIFICARNE TUTTE
LE PROPRIETÀ NECESSARIE.

Nel list box Materiale scegliere il materiale della Catena tra quelli delle tipologie Acciaio in
Tondini, preventivamente definiti nella sezione Materiali del Progetto.
 Nel campo Diametro specificare, in millimetri, il diametro della Catena.
Nel list box Tipo Capochiave scegliere la forma del capochiave. La scelta di una forma propone,
sotto il list box, i campi in cui vanno specificate, in millimetri, le dimensioni del capochiave (Base
ed Altezza per capochiave Rettangolare e Raggio per capochiave Circolare).
 Nel campo Quota delle sezioni PUNTO [1] e PUNTO [2] indicare, in metri, le quote (rispetto
al calpestio del piano) delle estremità della Catena.

La quota delle estremità di una Catena possono essere definite anche graficamente in una vista 3D del
progetto sfruttando, anche la funzionalità dello snap verticale.

 Cliccare nel punto del muro in cui va posizionata la prima estremità della Catena. Questa
operazione fissa l’estremità della Catena ed attiva la modalità per il disegno della sua seconda
estremità.

 Cliccare nel punto dell’altro muro in cui va posizionata la seconda estremità della Catena.

415
Help di EdiLus

Vedi Anche
Le Proprietà dell'Oggetto Catena
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

416
Help di EdiLus

Le Proprietà dell'Oggetto Catena

Le Proprietà di un oggetto Catena possono essere gestite nel toolbox delle Proprietà attivo durante il
suo disegno o la sua selezione.
Le proprietà di una Catena risultano raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposto il solo list box Materiale in cui va scelto il materiale
della Catena tra quelli della tipologia Acciaio in Tondini preventivamente definiti nella sezione
Materiali del progetto.

Geometria
Diametro. Nel campo Diametro va indicato, in millimetri, il diametro della Catena.
Tipo Capochiave. Nel list box Tipo Capochiave va scelta la forma (Rettangolare o Circolare) del
Capochiave della Catena. La scelta effettuata propone, sotto il list box, i campi in cui vanno
specificate, in millimetri, le dimensioni del capochiave (Base ed Altezza per capochiave
Rettangolare e Raggio per capochiave Circolare).

Punto [1] e Punto [2]


Nella sezione Punto [1] (Punto [2]) vengono proposti i campi:
 XY, che riporta le coordinate, in metri, della prima (seconda) estremità della catena nel piano
del disegno.

Pigiando il bottoncino proposto nel campo quando si seleziona il rigo XY, si apre il dialog in cui è
possibile modificare i valori delle coordinate, con il conseguente spostamento dell’estremità della
Catena nel disegno.
 Quota, che riporta la quota, in metri, della prima (seconda) estremità della Catena rispetto al
calpestio del piano. La modifica del valore proposto comporta il corrispondente spostamento
dell’estremità in una vista 3D.

417
Help di EdiLus

Aspetto
Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
L'Oggetto Catena
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

418
Help di EdiLus

I Cavi di Precompressione nelle Murature

I Cavi di Precompressione nelle Murature

EdiLus consente di inserire cavi di precompressione orizzontali e/o verticali nei muri di una struttura in
muratura. Naturalmente un cavo di precompressione può essere inserito solo su un muro già
disegnato.
Per disegnare i cavi di precompressione in un muro basta effettuare le seguenti operazioni:
Accedere ad una vista 3D del progetto e effettuare le operazioni opportune (scelta isometrie, o
prospetti, spostamenti e zoom) per portare in primo piano il muro in cui occorre inserire i cavi.
Selezionare l’opzione Cavo precompressione nel toolbox Oggetti Disegno per attivare la modalità
per il disegno dei cavi.
 Nel Toolbox delle proprietà definire le proprietà del cavo da inserire. In particolare:

 Nel list box Materiale della sezione Caratteristiche scegliere il materiale del cavo tra quelli
del tipo Generico definiti nella sezione Materiali del progetto.
 Nel list box Direzione cavo della sezione Geometria indicare se il cavo è Orizzontale o
Verticale.
 Nel campo Tiro digitare (in N) la forza di tiro del cavo.
 Cliccare sulla superficie del muro per inserirvi il cavo.

419
Help di EdiLus

 Spostare il cavo nella posizione desiderata e cliccare nuovamente per fissarlo; durante gli
spostamenti linee di quota indicano la distanza del cavo dalle estremità del muro e/o dai cavi già
disegnati.
 Ripetere le ultime due operazioni per disegnare ulteriori cavi di precompressione con le
stesse proprietà.
Il cavo selezionato può essere bloccato nella posizione in cui è stato inserito selezionando il check
box Blocca cavo nel toolbox delle Proprietà. Per spostare un cavo disegnato è, quindi, necessario
deselezionare il check "Blocca cavo" nelle sua proprietà.
Nel campo Distanza del toolbox delle Proprietà viene proposta la distanza, in metri, del cavo
selezionato dal bordo inferiore o dal bordo iniziale del muro. Modificando il valore nel campo e
pigiando Invio della tastiera, si ottiene il corrispondente spostamento del cavo nel disegno.
Per l’inserimento dei cavi di precompressione il programma mette a disposizione del Tecnico anche il
Wizard Cavi di precompressione: una potentissima utilità per la creazione guidata dei cavi che
rende il lavoro estremamente semplice e rapido.
Per disegnare i cavi in un muro utilizzando il Wizard, basta:
 Selezionare il muro in una vista 3D del progetto;
 Cliccare sul muro selezionato con il pulsante destro del mouse e, nel menu locale che si
apre, selezionare l’opzione Wizard Cavi di precompressione. Questa operazione apre il "Wizard
Cavi di precompressione".

Nella prima pagina del Wizard vengono proposti i bottoni per la scelta del tipo di creazione guidata dei
cavi di precompressione.
I tre tipi di creazione guidata previsti dal Wizard vengono dettagliatamente descritti di seguito.

Creazione per numero di cavi/parete

Pigiando il bottone Creazione per numero di cavi/parete della prima pagina del Wizard, si richiede
la modalità di creazione guidata che prevede l’indicazione del numero di cavi di precompressione
orizzontali e/o verticali.
I cavi indicati vengono distribuiti lungo il muro con passo uniforme, calcolato automaticamente dal
programma.

420
Help di EdiLus

Pigiando il bottone Avanti viene proposta la seconda pagina del Wizard che risulta suddivisa nelle
sezioni Cavi Orizzontali e Cavi Verticali.
La selezione del check box Cavi Orizzontali (Cavi Verticali) richiede l’inserimento di cavi orizzontali
(verticali) nel muro ed abilita i campi:
Numero Cavi, in cui va indicato il numero di cavi orizzontali (verticali) da inserire distribuendoli
uniformemente nel muro.
Tiro, in cui va indicata la forza di tiro di ogni cavo.
Pigiando il bottone OK il Wizard viene chiuso e, nel muro, vengono inseriti i cavi con le proprietà e le
indicazioni specificate.

Creazione con passo fisso

Pigiando il bottone Creazione con passo fisso della prima pagina del Wizard, si richiede la
modalità di creazione guidata che prevede l’indicazione del passo fra i cavi orizzontali e/o verticali. I
cavi vengono distribuiti uniformemente lungo il muro con il passo indicato.
La pagina del Wizard che viene proposta risulta suddivisa nelle sezioni Cavi Orizzontali e Cavi
Verticali.
La selezione del check box Cavi Orizzontali (Cavi Verticali) richiede l’inserimento di cavi orizzontali
(verticali) nel muro ed abilita i campi:
Passo Cavi, in cui va indicato il passo dei cavi orizzontali (verticali) nel muro.
Tiro, in cui va indicata la forza di tiro di ogni cavo.

421
Help di EdiLus

Pigiando il bottone OK il Wizard viene chiuso e, nel muro, vengono inseriti i cavi con le proprietà e le
indicazioni specificate.

Creazione personalizzata

Pigiando il bottone Creazione personalizzata della prima pagina del Wizard, si richiede la modalità
di creazione guidata che prevede la disposizione libera dei cavi orizzontali e/o verticali.
Ogni cavo viene disposto in funzione della sua distanza (indicata dal Tecnico) dal suo bordo iniziale
del muro o dal cavo che lo precede.
La pagina del Wizard che viene proposta risulta sempre suddivisa nelle sezioni Cavi Orizzontali e
Cavi Verticali.
La selezione del check Cavi Orizzontali (Cavi Verticali) richiede l’inseri-mento di cavi orizzontali
(verticali) nel muro ed abilita la tabella Definizione cavi orizzontali (Definizione cavi verticali) in cui
vanno specificate la posizione e le caratteristiche di ogni cavo orizzontale (verticale) da inserire.

422
Help di EdiLus

Nella tabella deve essere creato un rigo per ogni cavo da aggiungere nel muro.
Per aggiungere un nuovo rigo (cavo) nella tabella, in coda a quelli esistenti basta pigiare il bottone
Aggiungi alla sua destra.
Per inserire, invece, un nuovo rigo (cavo) in una determinata posizione della tabella basta selezionare
il rigo nella posizione che deve essere occupato dal nuovo rigo e pigiare il bottone Inserisci.
Per ogni rigo in tabella vanno specificati il Passo ed il Tiro del cavo corrispondente.
Pigiando il bottone OK il Wizard viene chiuso e, nel muro, vengono inseriti i cavi con le proprietà e le
indicazioni specificate.
Se in un muro i cavi devono essere disposti in una sequenza che si ripete più volte basta definire una
sola volta i cavi della sequenza nella tabella e richiederne la ripetizione selezionando il check box
Ripeti sequenza sotto la tabella. Ad esempio, se in un muro si inserisce un cavo con passo 0.30 cm
ed il successivo con passo 0.50 cm e questa sequenza va ripetuta, basta definire solo le
caratteristiche dei primi due cavi e selezionare il check "Ripeti sequenza", per ottenere, alla chiusura
del Wizard, la distribuzione dei cavi desiderata.
Per eliminare il cavo selezionato nella tabella occorre, invece, premere il bottone Elimina alla sua
destra.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

423
Help di EdiLus

Le Volte

Le Volte

L’Oggetto Volta è disponibile unicamente nei programmi EdiLus-CA+MU ed EdiLus-MU.


L’inserimento degli oggetti Volta in una struttura in muratura consente al programma di valutare
automaticamente i carichi e le spinte che queste comportano sulla struttura stessa.

Il programma NON effettua alcuna verifica di resistenza delle volte inserite in una struttura.

Il programma prevede il disegno di volte a Botte, a Padiglioni e Sferiche.

Condizioni per il disegno delle volte


Per inserire una volta in una struttura è necessario che il vano di competenza risulti completamente
chiuso da muri e/o pareti.
Inoltre, a seconda della tipologia della volta occorre rispettare le seguenti condizioni:

Volta a Botte
Per inserire una volta a Botte in un vano è necessario che la sua pianta sia un quadrilatero con
almeno due lati paralleli.
Naturalmente, l’asse della volta a Botte deve avere la stessa direzione dei lati paralleli del
quadrilatero.
Se il vano ha solo due lati paralleli il programma provvede automaticamente a disporre l’asse della
volta nella loro direzione.
L’asse della volta può anche essere inclinato per poter realizzare delle volte a botte sulla rampa di una
scala.

Volta a Padiglioni
Per inserire una volta a Padiglioni in un vano è necessario che la sua pianta abbia forma rettangolare.
Per l’inserimento di una volta Sferica, a parte il fatto di dover essere contornata da muri o pareti, NON
esistono ulteriori condizioni.
Per disegnare una volta in un vano della tavola attiva basta:
 Pigiare il bottone Muratura del toolbox Oggetti Disegno per visualizzare gli oggetti per il
disegno delle strutture in muratura.
Selezionare l’opzione Volta del toolbox per attivare la modalità per il disegno delle volte ed il toolbox
delle Proprietà della volta da disegnare.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà della volta da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:

424
Help di EdiLus

Di seguito, per semplicità, vengono illustrate solo alcune proprietà della volta.
Ovviamente, OCCORRE SPECIFICARE TUTTE LE PROPRIETÀ NECESSARIE per definire
correttamente l’oggetto da disegnare.

 nel campo spessore sommitale indicare, in cm, lo spessore sommitale della volta (v. fig.);

 nel campo Sp. riemp. in chiave indicare lo spessore, in cm, del riempimento in chiave della
volta (v. fig.);
 nel campo spessore alle imposte indicare, in cm, lo spessore alle imposte della volta (v.
fig.);
nel list box Mat. volta scegliere il materiale di cui risulta costituita la volta tra quelli
preventivamente definiti nella tipologia Muratura della sezione Materiali del progetto;
Nel list box Materiale Riempimento scegliere il materiale di riempimento della volta tra quelli
preventivamente definiti nella tipologia Generico della sezione Materiali del progetto;
Nel list box Forma della volta della sezione Geometria scegliere la tipologia (Padiglione, Botte,
Sferica) della volta da disegnare.

Se la volta da disegnare è "a Botte", nella sezione Geometria del toolbox vengono anche proposti i
campi Quota 1 e Quota 2 in cui è possibile modificare le quota delle estremità del suo asse in modo da
poterlo inclinare o ribassare. Occorre precisare che in ogni caso, pur modificando la quota della volta, i
corrispondenti carichi (orizzontali e verticali) vengono sempre applicati sulla sommità del muro.
La possibilità di inclinare l’asse di una volta a botte consente, ad esempio, di realizzare la classica
copertura a volta delle rampe di scale.

 Cliccare nel vano definito nella tavola per inserirvi la volta.


Per una Volta a Botte disegnata in un vano rettangolare è possibile modificare la direzione del suo
asse proposta per default.
Quando la volta risulta selezionata viene visualizzata la maniglia per lo spostamento e la rotazione del
suo asse.
Cliccando sul pallino bianco della maniglia si attiva la modalità per la traslazione dell’asse nel vano.

La traslazione dell’asse di una volta a Botte ha solo una valenza grafica e NON ha alcun effetto sulla
sua geometria e sulla sua effettiva disposizione nel vano.

Cliccando, invece, sul pallino giallo della maniglia si attiva la modalità per la rotazione dell’asse della
volta. Le modalità per ruotare l’asse di una volta sono analoghe a quelle descritte per definire la
direzione dell’orditura di un solaio.

425
Help di EdiLus

Vedi Anche
Le Proprietà della Volta
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

426
Help di EdiLus

Le Proprietà della Volta

Le Proprietà di una Volta possono essere visualizzate e modificate nel toolbox delle Proprietà attivo
durante il suo disegno oppure quando esso risulta selezionato.
Le proprietà di una volta sono raggruppate nelle seguenti sezioni:

Caratteristiche
Nella sezione Caratteristiche vengono proposte le seguenti proprietà:
Spessore sommitale: in questo campo va specificato, in centimetri, lo spessore sommitale della volta
(v. figura);

Sp. riemp. in chiave: in questo campo va specificato, in centimetri, lo spessore del riempimento in
chiave della volta (v. figura);
Spessore alle imposte: in questo campo va specificato, in centimetri, lo spessore alle imposte della
volta (v. figura);
Mat. volta: nel rigo Mat. volta va specificato il materiale della volta.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere il materiale, tra quelli della
tipologia "Muratura" preventivamente definiti.

427
Help di EdiLus

Mat. riempimento: nel rigo Materiale va indicato il materiale di riempimento della volta.
Nel list box proposto quando il cursore è nel rigo, è possibile scegliere il materiale, tra quelli della
tipologia Generico preventivamente definiti.

Geometria
Nella sezione Geometria vengono proposte le seguenti proprietà:
Forma della volta. Nel list box del rigo va indicata la tipologia della volta (a Padiglioni, a Botte o
Sferica) selezionata o da disegnare.
Livello di dettaglio. Nel list box del rigo è possibile scegliere il livello di dettaglio ("Poco dettagliato",
"Dettagliato" o "Molto dettagliato") del disegno della volta nelle viste 3D del documento.
Superficie. Nel campo del rigo viene riportato il valore (NON modificabile) della superficie del vano in
cui è stata inserita la volta selezionata.

PUNTO inserimento
Nel rigo XY della sezione PUNTO inserimento vengono riportate le coordinate della maniglia (pallino
bianco) che indica il punto di inserimento della volta nel vano di appartenenza.
La posizione del punto di inserimento può essere modificata cambiando le sue coordinate nel dialog
che si apre pigiando il bottoncino proposto nel rigo XY quando questo risulta selezionato.

PUNTO di direzione
Nel rigo XY della sezione PUNTO di direzione vengono riportate le coordinate della maniglia (pallino
giallo) per definire la direzione dell’asse della volta (a Botte).
La posizione del punto di direzione può essere modificata cambiando le sue coordinate nel dialog che
si apre pigiando il bottoncino proposto nel rigo XY quando questo risulta selezionato.

Aspetto

428
Help di EdiLus

Per la descrizione delle proprietà della sezione Aspetto si rimanda alla pagina dell’Help che illustra, in
generale, le proprietà degli oggetti.

Vedi Anche
Le Volte
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

429
Help di EdiLus

Le Fondazioni in Muratura

Le Fondazioni in Muratura

L’Oggetto Fondazioni in Muratura è disponibile unicamente nei programmi EdiLus-CA+MU ed EdiLus-


MU.
Generalmente le fondazioni di edifici in muratura, si disegnano, come qualsiasi altra struttura di
fondazione, sul piano Fondazione del progetto.
Nulla vieta, però, di disegnare le fondazioni anche su un altro piano del progetto.
Naturalmente le fondazioni di una struttura in muratura possono essere a Travi (Winkler) in cemento
armato oppure possono essere anch’esse in muratura.
Una fondazione in muratura si realizza disegnandola con l’oggetto Fondazione Muratura di EdiLus.
L’oggetto Fondazione Muratura è analogo sia per le modalità di disegno che per le proprietà alla
Trave (Winkler) di fondazione in cemento armato.
Naturalmente i due oggetti differiscono per il fatto che una Trave (Winkler) può essere esclusivamente
in cemento armato mentre una Fondazione in Muratura può essere costituita esclusivamente da una
muratura.
Per disegnare le fondazioni di una struttura in muratura basta effettuare le seguenti operazioni:
Selezionare l’opzione Fondazione Muratura nel toolbox Oggetti Disegno per attivare la modalità
per il disegno delle travi.
 Proseguire con le stesse modalità illustrate per il disegno delle Travi (Winkler).
Per la descrizione delle proprietà di una fondazione in muratura si rimanda alla pagina dell’help
relativa alle proprietà della trave.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

430
Help di EdiLus

L'Oggetto Pilastro in Muratura

L'Oggetto Pilastro in Muratura

L’oggetto Pilastro in Muratura di EdiLus è praticamente identico all’oggetto Pilastro adottato per le
strutture in cemento armato, sia per quanto riguarda le modalità di disegno che per le Proprietà.
Mentre, però, Pilastri in Muratura e Pilastri (in c.a.) possono essere entrambi utilizzati in progetti di
strutture in Muratura, ovviamente, nei progetti di strutture in Cemento Armato, NON è possibile
utilizzare i Pilastri in Muratura.
Ciò che differenzia sostanzialmente i Pilastri in Muratura dai Pilastri (in c.a.) è il Materiale: ad una
Pilastro (in c.a.) è possibile assegnare, come materiale, un Calcestruzzo Armato, mentre ad un
Pilastro in Muratura è possibile assegnare solo una Muratura.
Per le modalità di disegno dell'oggetto Pilastro in Muratura e l’illustrazione delle relative Proprietà si
rimanda rispettivamente alle relative pagine dell’help.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Come Disegnare le Pareti
Come Disegnare le Solette
Come Disegnare un Foro
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

431
Help di EdiLus

I Plinti a Bicchiere

I Plinti a Bicchiere

Su un Plinto disegnato è possibile inserire un bicchiere per l’inserimento di un Pilastro, generalmente


prefabbricato.
Per disegnare un bicchiere su un plinto basta effettuare le seguenti operazioni:
 Accedere alla Tavola (in genere Fondazione) del progetto su cui sono stati disegnati i Plinti.
 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno per visualizzare la lista degli
oggetti dell’omonima tipologia.

Selezionare l’opzione Bicchiere del toolbox Oggetti Disegno per attivare la modalità per il disegno
del bicchiere ed il relativo toolbox delle Proprietà.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà del bicchiere da disegnare effettuando le
seguenti operazioni:
 nella sezione Spallette specificare le dimensioni, in centimetri, degli spessori della base e
della testa e l’altezza interna delle spallette;
 nel rigo ZATTERA indicare l’altezza della zattera del bicchiere;
 nella sezione Giunto indicare, in centimetri, lo spessore del giunto orizzontale e di quello
verticale del bicchiere;

432
Help di EdiLus

 Cliccare sul pilastro riportato in Background sul plinto disegnato. Questa operazione disegna
il bicchiere sul plinto.

Un bicchiere disegnato potrà essere selezionato (nella tavola in cui è stato disegnato o in una vista
3D) per modificarlo cambiandone le proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

433
Help di EdiLus

I Plinti su Pali

I Plinti su Pali

Per disegnare un plinto di fondazione del progetto attivo basta effettuare le seguenti operazioni:
Accedere alla Pianta Fondazione (su cui vanno disegnate le fondazioni dell’edificio) cliccando sul
relativo nodo del Navigatore. Su tale pianta risultano visualizzati in Background i pilastri disegnati
sulla tavola del primo piano (primo livello).
Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno per visualizzare gli oggetti dell’omonima
tipologia e selezionare Plinto su Pali. Questa operazione attiva la modalità per il disegno dei plinti
su pali ed attiva il toolbox delle Proprietà del plinto da disegnare.
 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà del plinto su pali da disegnare,
effettuando le seguenti operazioni:
 Nel list box Tipo selezionare il tipo di plinto (forma e numero di pali) da disegnare.
 Nel list box Materiale scegliere il materiale di cui è costituito il plinto, tra quelli
preventivamente definiti.
 Nel list box Materiale Palo scegliere il materiale di cui sono costituiti i pali del plinto, tra
quelli preventivamente definiti.

434
Help di EdiLus

 Nel campo Num. Indagini Strg. Significative indicare il numero di indagini stratigrafiche
significative.
 Nel list box Tipologia Pali indicare se i pali sono Trivellati o Battuti.
 Nel list box Tecnologia Pali indicare, scegliendo l’opzione opportuna, se i pali sono
Prefabbricati o realizzati In Opera; naturalmente, se i pali sono di Tipo Trivellato, in questo list
box viene proposto “In Opera” come unica opzione.
 Nel list box Tipo Calcolo Pali indicare se il Carico Limite dei pali deve essere calcolato in
condizioni Drenate o NON Drenate, oppure se adottare il carico limite Minimo tra quelli in
condizioni Drenate e NON Drenate.
 Nel rigo Coeff. Riduz. Attrito Pali specificare il coefficiente di attrito tra terreno e palo
effettuando le seguenti operazioni:
pigiare il bottoncino nel rigo e digitare il valore desiderato nel campo del dialog che si apre;
pigiando il bottoncino a destra del campo, viene suggerito un valore in funzione del Tipo e
della Tecnologia dei Pali;

435
Help di EdiLus

pigiare il bottone OK per chiudere il dialog confermando il valore specificato.


 Nel campo Coeff. Riduz. Coesione Pali specificare il coefficiente di riduzione della
coesione del terreno effettuando le seguenti operazioni:
pigiare il bottoncino nel rigo e digitare il valore desiderato nel campo del dialog che si apre;
pigiando il bottoncino a destra del campo, viene suggerito un valore in funzione del Tipo di
Pali;

pigiare il bottone OK per chiudere il dialog confermando il valore specificato.


 Nella sezione Geotecnica del Toolbox occorre specificare le seguenti proprietà:
 Nel list box Terreno/Stratigrafia scegliere la stratigrafia del terreno di fondazione tra quelle
definite. In luogo di una stratigrafia è anche possibile indicare un singolo terreno definito come
“monostrato”.

 Nel campo Profondità scavo rispetto a piano campagna viene riportato il valore non
editabile rilevato dalla stratigrafia scelta. Se NON è stata scelta una stratigrafia ma un terreno
monostrato il campo è editabile per potervi specificare l’effettiva distanza tra il piano di
campagna ed il piano di posa del plinto selezionato.

Si raccomanda di specificare il giusto valore della distanza tra il piano di campagna e il piano di posa
della fondazione (testa dei pali) in quanto questo influenzerà il calcolo del carico limite del terreno.

 Il check box Presenza falda risulta NON abilitato se nel list box “Stratigrafia/Terreno” è stata
scelta una stratigrafia. In tal caso questo check risulta selezionato o meno a seconda che nella
stratigrafia sia stata indicata la presenza di una falda. Se, invece, in luogo di una stratigrafia è
stato indicato un terreno “monostrato”, il check risulta abilitato per poter indicare, mediante la
sua selezione, la presenza di una falda. Naturalmente, quando il check Presenza falda è
selezionato, nel rigo sottostante viene proposto il campo in cui specificare, in metri, la
Profondità della falda rispetto al piano di campagna.
Selezionando il rigo Carico Limite noto viene proposto il bottoncino che apre il dialog in cui,
selezionando il check Resistenza progetto nota, è possibile richiedere al programma di NON
effettuare il calcolo del carico limite dei pali in modo da poterlo specificare liberamente. In questo
caso occorre specificare manualmente, in Newton, i valori opportuni del Resistenza progetto
Orizzontale, del Resistenza progetto Laterale e del Resistenza progetto alla Punta del palo.

436
Help di EdiLus

 Nella sezione Geometria del toolbox delle Proprietà occorre specificare le proprietà descritte
di seguito.
 Nel campo Altezza specificare l’altezza, in metri, del plinto.
 Nel campo Rotazione specificare l’eventuale angolo di cui deve risultare ruotato il plinto
rispetto all’orizzontale nel piano del disegno.
 Nel campo Diametro Pali indicare, in centimetri, il diametro dei pali del plinto.
 Nei campi Lunghezza Pali ed Interasse Pali specificare, in metri, rispettivamente la
lunghezza dei pali del plinto ed il loro interasse.
 Nel campo Sporgenza Pali specificare, in metri, la distanza minima tra il bordo del palo e
quello del plinto.
 Cliccare sul pilastro visualizzato in background a cui si intende applicare il plinto per ottenere
il disegno dello stesso con i relativi pali.

Il plinto disegnato potrà essere spostato solo spostando il pilastro (del piano superiore) a cui esso
risulta collegato.
Un plinto su pali selezionato in pianta o in una vista 3D può essere liberamente modificato nelle
proprietà.

Vedi Anche
Il Disegno degli Oggetti
Indicazioni di Carattere Generale
Come Cancellare un Oggetto
Le Tavole di Disegno dei Piani
Le Utilità del Disegno
Le Viste 3D

437
Help di EdiLus

I Pali per Travi e Platee di Fondazione

I Pali per Travi e Platee di Fondazione

Il disegno dei pali delle Travi e delle Platee di fondazione si effettua semplicemente riportando, su
esse, gli oggetti Palo di EdiLus.

Si ricorda che i Plinti su Pali si disegnano mediante l’oggetto Plinto su Pali di EdiLus.

Il Disegno dei Pali della Trave di Fondazione


Per applicare i pali ad una Trave di Fondazione disegnata basta effettuare le seguenti operazioni:
Accedere alla tavola (Fondazione) su cui è stata disegnata la Trave di Fondazione.
 Pigiare il bottone Strutturale del toolbox Oggetti Disegno per visualizzare la lista degli
oggetti dell’omonima tipologia.
Selezionare l’opzione Palo del toolbox Oggetti Disegno per attivare la modalità per il disegno del
palo ed il relativo toolbox delle Proprietà.

 Nel toolbox delle Proprietà specificare le proprietà del palo descritte di seguito.
 Nel list box Tipologia indicare, scegliendo l’opzione opportuna se il palo è Trivellato o
Battuto.

438
Help di EdiLus

 Nel list box Tecnologia indicare se il palo è Prefabbricato o realizzato In Opera; se il palo è
“Trivellato”, in questo list box viene proposta “In Opera” come unica opzione.
 Nel list box Tipo Calcolo indicare se il Carico Limite deve essere calcolato in condizioni
Drenate, NON Drenate o se adottare il carico limite Minimo tra quelli in condizioni Drenate e
NON Drenate.
 Nel list box Materiale scegliere, tra i materiali definiti, quello di cui è costituito il palo.
 Nel campo Num. Indagini Strg. Significative indicare il numero di indagini stratigrafiche
significative.
 Nel rigo Coeff. Riduz. Attrito specificare il coefficiente di attrito tra terreno e palo
effettuando le seguenti operazioni:
pigiare il bottoncino nel rigo e digitare il valore desiderato nel campo del dialog che si apre;
pigiando il bottoncino a destra del campo, viene suggerito un valore in funzione del Tip