Sei sulla pagina 1di 5

I Inni

5. Vexilla Regis prodeunt (quaresima - S. Croce)


Inno per le lodi mattutine e i vespri, oppure da usare come canto d’ingresso nel tempo
di quaresima e nei primi tre giorni della Settimana santa; da utilizzare anche per la
festa dell’Esaltazione della santa Croce (14 settembre) e quando si imparte la benedi-
zione con la santa Croce.
L’inno viene proposto nella forma breve tradizionale (Antifonale Schuster – Suñol).

Vexilla Regis prodeunt, Del Re il vessillo sfolgora,


fulget Crucis mysterium, la Croce appare in gloria,
qua vita mortem pertulit da cui la vita agli uomini
et morte vitam reddidit. morendo volle rendere.

Figunt cruenti numinis Le mani e i piedi inchiodano;


clavi manus, vestigia: Gesù sospeso sanguina:
redemptionis gratia e muore qui il Signore
hic immolatur hostia. che il mondo vuol redimere.

Post vulneratus impiae Spietata poi la lancia


mucrone diro lanceae, trapassa il cuore esanime;
ut nos lavaret crimine, l’acqua ed il sangue sgorgano
manavit unda et sanguine. che i nostri errori lavano.

Impleta sunt quae concinit Veraci ora si adempiono


David fideli carmine le profezie di Davide:
dicendo nationibus: Dal legno del patibolo
“Regnavit a ligno Deus”. regna il Signor dei secoli.

Arbor decora et fulgida, O Croce degna e fulgida,


ornata Regis purpura, del Re il sangue sfolgora;
electa digno stipite tu sola scelta a reggere
22 le membra sue santissime.
tam sancta membra tangere.
Inni I
Beata, cuius brachiis Beata Croce, albero
salus pependit saeculi! che ci doni la vita!
Statera facta est corporis Tu porti, appesa vittima,
tulitque praedam Tartari. chi ci salvò dagli inferi.

O Crux, ave, spes unica! Croce, speranza unica,


Hoc passionis tempore la Chiesa oggi ti celebra:
piis adauge gratiam ai buoni aggiungi grazie,
reisque dele crimina. ai rei cancella i crimini.

Te, summa caeli Trinitas, O Trinità ti adorino


collaudet omnis spiritus; i tuoi redenti unanimi:
quos per Crucis mysterium la Croce ebbe a redimerli
salvas, tuere iugiter. Amen con la tua Croce salvali. Amen.

6. Magnum salutis gaudium (Domenica delle palme)


Per la processione e l’ingresso solenne nella Domenica delle palme.

Magnum salutis gaudium! Gran giorno, immenso gaudio!


Laetetur omne saeculum: Le genti si rallegrino:
Iesus redemptor gentium Gesù ha redento i popoli
sanavit orbem languidum. ha risanato gli uomini.

Sex ante Paschae ferias La Pasqua era già prossima


advenit in Bethaniam, quando arrivò a Betania:
ubi pie post triduum e fece là risorgere
resuscitavit Lazarum. il morto amico Lazzaro.

Nardi Maria pistici Versò Maria di balsamo


sumpsit libram mox optimi, un vaso preziosissimo
unxit beatos Domini e gli unse i piedi tenera,
di lacrime bagnandoli.
23
pedes rigando lacrymis.
VI Antifone e sallende
Quaresima
Delle cinque antifone che seguono, nella messa le prime tre (nn. 7-9) si possono usare indif-
ferentemente come canto di ingresso (anche in qualità di sallenda) o come canto dopo il van-
gelo. La n. 10 (Ego sum) si può usare in funzione di canto dopo il vangelo oppure di canto
allo spezzare del pane, e così anche le antifone nn. 7 (Tempus acceptabile) e 8 (Adoramus
Crucem tuam).
L’antifona n. 11 (Hosanna in excelsis) è destinata unicamente ai riti della Domenica delle
palme: durante la processione iniziale si canta l’inno proprio (Magnum salutis gaudium,
cfr. p. 00), poi i dodici Kyrie, eleison (cfr. pp. 00) e, come sallenda, l’antifona Hosanna in
excelsis. Le antifone Adoramus Crucem tuam (n. 8) e Ego sum (n. 10) si possono invece
usare anche nelle celebrazioni del tempo ordinario.

7. Tempus acceptabile

Tempus acceptabile, [Ecco] il tempo propizio,


dies poenitentiae: [ecco] il giorno della penitenza;
cum abstinentia serviamus Domino. nell’astinenza serviamo il Signore.

8. Adoramus Crucem tuam

Adoramus Crucem tuam, Adoriamo la tua Croce


et signum de Cruce tua: e il segno della tua Croce;
et, qui crucifixus es, virtutem. e la potenza di te [Signore], che sei stato
50
crocifisso.
Antifone e sallende VI
9. Miserere mei

Miserere mei, quia peccavi tibi, Domine Pietà di me, Signore mio Dio, perché ho
Deus meus. peccato contro di te.
Miserere mei, Deus, secundum magnam Pietà di me, o Dio, secondo la tua grande
misericordiam tuam. misericordia.

10. Ego sum

Ego sum resurrectio, et vita: Io sono la risurrezione e la vita:


qui credit in me chi crede in me,
etiam si mortuus fuerit vivet, anche se morto vivrà;
et omnis qui vivit et credit in me e chiunque vive e crede in me
non morietur in aeternum: non morrà in eterno, 51
dicit Dominus. dice il Signore.
VI Antifone e sallende
11. Hosanna in excelsis

Hosanna in excelsis: Osanna nell’alto dei cieli!


benedictus qui venit Benedetto colui che viene
in nomine Domini: nel nome del Signore.
hosanna in excelsis. Osanna nell’alto dei cieli!
Deus Dominus * et illuxit nobis: Il Signore è Dio * e ha brillato su noi.
hosanna. Osanna!

52

Potrebbero piacerti anche