Sei sulla pagina 1di 5

ALLERGIE

Tutto quello che devi sapere

Allergeni stagionali
I Pollini
ALLERGIE
Tutto quello che devi sapere

Allergeni stagionali
I Pollini
Gli allergeni stagionali sono i pollini, di cui l’aria respirata
è satura solo in certi periodi dell’anno (stagione pollinica).
Quando le piante disperdono il loro polline per riprodursi.

Graminacee
Sono erbe molto diffuse. Caratterizzate dalla presenza di
spighette di varie dimensioni, che pollinano prevalentemente
in primavera e inizio autunno (da marzo a settembre compreso).
Raggiungono concentrazioni atmosferiche di polline più alte in
Italia settentrionale e centrale rispetto all’Italia meridionale.
Dove le temperature più elevate tendono a determinare un più
precoce essiccamento di queste erbe.
Tra le principali erbe classificate come graminacee ricordiamo:
gramigna, loglierella, erba codolina (coda di tipo),
erba mazzolina, bambagiona, paleo odoroso.

Calendario Pollinico G raminacee G F M A M G L A S O N D


Composite
Le composite comprendono l’ambrosia e l’artemisia o assenzio
selvatico .
L’ambrosia è un’erba infestante che cresce in prati asciutti e
soleggiati, lungo gli argini dei fiumi, sui margini delle strade e
in genere nei terreni abbandonati. E’ particolarmente diffusa
in Italia settentrionale.
Raggiunge generalmente un’altezza pari a 100-150 cm.
L’artemisia è un’erba perenne aromatica, che può raggiungere
i 100-120 cm di altezza. Cresce fino a 1200 m di altezza.
Il periodo di pollinazione sia dell’ambrosia che dell’artemisia
inizia a luglio, continua per tutto il mese di agosto e cala
progressivamente in settembre.

Calendario Pollinico Comp osite G F M A M G L A S O N D


ALLERGIE
Tutto quello che devi sapere

Parietaria

E’ un’erba altamente allergenica che cresce in tutta Italia.


Quest’erba deve il nome al suo habitat favorito:
i vecchi muri (paries in latino), meglio se all'ombra.
Ha un lunghissimo periodo di fioritura che va in genere da
marzo a fine ottobre.

Calendario Pollinico Parietaria G F M A M G L A S O N D

Betulla

Negli ultimi anni questo albero è sempre più utilizzato come


pianta ornamentale nei giardini di numerose
città italiane, soprattutto nell’Italia settentrionale.
Per questo motivo l’allergia da betulla rara in passato in Italia
è attualmente in notevole aumento.
La betulla ha una pollinazione precoce, da febbraio
a maggio compreso.

Calendario Pollinico B etulla G F M A M G L A S O N D

Nocciolo

La pianta è abbastanza diffusa, per le sue caratteristiche


ornamentali e per raccoglierne i frutti, le nocciole.
Il Nocciolo produce grandi quantità di pollini durante i mesi
invernali da dicembre a marzo.

Calendario Pollinico No cciolo G F M A M G L A S O N D


ALLERGIE
Tutto quello che devi sapere

Cipresso

Il cipresso si ritrova in tutte le regioni, dal livello del mare ad


oltre 3000 metri.
Negli ultimi anni i soggetti che soffrono di allergia invernale
da Cipresso sono in aumento.
Questo è dovuto all’aumento della coltivazione del Cipresso
a scopi ornamentali o di rimboschimento.
Il periodo di pollinazione del Cipresso va in genere da febbraio
a fine marzo con possibili anticipi a gennaio
o continuazioni fino ad aprile.

Calendario Pollinico Cipresso G F M A M G L A S O N D

Quercia

Il genere Quercia comprende numerose specie,


componenti importanti dei boschi di pianura e di collina.
Sempre più diffusi anche nelle città.
I pollini delle querce si rinvengono da aprile a luglio.

Calendario Pollinico Q uercia G F M A M G L A S O N D

Pioppo

Il pioppo comprende piante che raggiungono i 30 metri di


altezza.
E’ molto diffuso e viene coltivato sia come pianta ornamentale
che per l’impiego nell’industria cartaria.
I pollini si rinvengono da febbraio ad aprile.

Calendario Pollinico Piopp o G F M A M G L A S O N D


ALLERGIE
Tutto quello che devi sapere

Consigli utili

In presenza di sintomatologia che possa far sospettare


un’allergia la prima cosa da fare è rivolgersi al medico per la
corretta diagnosi e l’identificazione dell’allergene (o degli
allergeni) a cui si è sensibilizzati. Per stabilire un corretto
programma preventivo-terapeutico da mettere in atto prima
dell’inizio della stagione pollinica. L’esame da eseguire in prima
battuta è il prick test. La persona con diagnosi di allergia da
pollini dovrebbe consultare i calendari pollinici per conoscere il
periodo di fioritura delle piante responsabili delle
manifestazioni allergiche o i bollettini dei pollini per conoscere
effettivamente quali e quanti pollini siano diffusi nell’aria.

Durante i periodi di pollinazione:

1. evitare le uscite nelle ore di maggiore concentrazione


pollinica, preferendo preferendo invece la prima mattina
o la tarda serata.

2. evitare le gite in campagna, soprattutto se è presente vento e,


in special modo, non passeggiare nei prati dove sia stato
fatto di recente il taglio dell'erba.

3. evitare i viaggi in macchina o in treno con i finestrini aperti.


Se si viaggia in macchina, usare preferibilmente un impianto
di aria condizionata, munito di filtri di aerazione anti-polline.

4. evitare le attività all’aperto nelle ore centrali della giornata,


soprattutto nelle giornate soleggiate e ventose e respirare
attraverso il naso che filtra l'aria in entrata o indossare una
maschera antipolvere. Evitare inoltre le strade trafficate
e le aree verdi.

5. lavare con più frequenza i capelli, in quanto i pollini presenti


nell’aria possono finire tra i capelli e poi depositarsi
sul cuscino durante il sonno.

6. fare attenzione agli eventi temporaleschi.

7. in casa tenere chiuse le finestre durante le ore centrali


della giornata.