Sei sulla pagina 1di 20

PAPER

WORKING

Anno 1, Numero 2 - Luglio 2010

ABSTRACT
This second Working Paper, published by the Italian In the first article, signed by Ludovico Carlino, we
Center for the Study of Political Islam (CISIP), will dissecting the presence of al-Qaeda in the Yemen’s
observe the nature of the variuos movements which territory trying to draw an overall picture about the
actually operate in Yemen. Making a deep difference terroristic organization in the peninsula.
between the Islamic movements related to the Muslim The following paper, in our second section, edited
Brothers and the other organizations linked with al- by Marco Di Donato, observes the really nature of
Qaeda, we will try to analyze this difficult and really the other Islamist parties located in Yemen which
complex reality. A reality where not only the Islamic are too ften represented as terroristic organizations ,
religion plays a fundamental role in the power games even if they do not participate to violence or armed
of the nation. The tribalism indeed appears the real conflicts.
centre of power of the entire region which can not be
separated from the religion, or better is not possible
to separate it from the logic tribes.
Islam e tribalismo:
il caso dello Yemen
Congregation
for Reform Party Le radici dello Yemen Congregation
for Reform Party
Come già accennato nell’introduzione, le radici del
di Marco Di Donato partito islamista yemenita dell’I¡l…| si agganciano,
almeno inizialmente, nella già consolidata tradizione
Introduzione del movimento egiziano dei Fratelli Musulmani.
La penisola arabica è storicamente da considerare Fin dalla fine degli anni ‘40 i Fratelli Musulmani,
come la culla della religione islamica, come il vero più specificamente con l’azione politica intrapresa
luogo di nascita della terza ed ultima delle tre grandi da uno dei suoi rappresentanti, l’algerino Fuÿail
confessioni monoteistiche rivelate. Una regione al-Wartal…ni, provarono ad influenzare le politiche
dove, fin dalla sua nascita, l’Islam ha dovuto locali sostenendo il, fallito, colpo di stato contro
necessariamente rapportarsi con logiche di carattere l’allora regnante im…m Ya|y…. Vent’anni dopo,
tribale entrandovi, specialmente al principio della sua durante il 1962, un altro fratello musulmano,
diffusione, in netto e violento contrasto. Volendoci questa volta di origine egiziana e rispondente al
allora occupare di quei movimenti politici islamici nome di ¼Abduh Mu|ammad al-Ma²l…fi, fondò
che operano all’interno dell’odierno Yemen, che di l’organizzazione islamica al-¦al†¼a. Fedele alla linea
quell’antica penisola è l’estremità più meridionale, della Fratellanza ed in particolare allineato sulle
non potremo ignorare l’influenza dell’elemento radicali ideologie del pensatore egiziano Sayyid
tribale all’interno dei giochi di potere di questa Qu¥b, il nuovo movimento ebbe tuttavia vita breve
determinata realtà geografica. Volendoci avvicinare poiché nel 1967 il suo leader nonché fondatore
allo Yemen, ed intendendo soffermarci ad analizzare venne ucciso dalle truppe egiziane in ritirata dal
nello specifico il caso del partito islamista al- paese2. Sempre nel 1962 uno yemenita di nome
1
Taºammu¼ al-Yaman† l-il I¡l…| , bisognerà tenere Ma|m™d al-Zubayri fondò anch’egli un movimento
nel giusto conto il peso e l’influenza di quelle ispirato all’ideologia dei Fratelli Musulmani egiziani
logiche tribali, affatto scomparse, che rendono ma, contrariamente all’esperienza di al-Ma²l…fi,
oggi questo paese un caso del tutto eccezionale. egli preferì seguire la liena tracciata da ðasan al-
Ed eccezionale è nello specifico anche la realtà Bann…. Ispirandosi al modello proposto dalla prima
concernente il partito dell’I¡l…|. Movimento che guida spirituale della Fratellanza egiziana, Zubayri
trova le sue origini nel solco della storica tradizione fondò dunque agli albori degli anni ‘60 il Partito
dei Fratelli Musulmani, ma che si differenzia dagli di Dio (dall’arabo ðizball…h) con il preciso scopo
stessi per effetto di una leadership di impronta tribale di racchiudere all’interno dello stesso differenti
che ne ha storicamente condizionate le politiche. segmenti della società yemenita ed in particolare gli
Un movimento troppo spesso confuso con realtà di intellettuali di matrice islamica e i vari leader tribali
natura terroristica e che invece rappresenta uno degli presenti sul territorio3. Gli intenti di Zubayri furono
esempi più riusciti di partecipazione governativa e però drammaticamente stroncati nel 1965 quando il
di cooptazione democratica all’interno del processo leader del Partito di Dio venne assassinato.
elettorale. L’idea di fondere in un sol corpo le diverse anime
della società yemenita raccogliendole sotto l’egida
del Corano, sopravvisse però al suo ideatore e

1 Il partito viene comunemente conosciuto con il nome di I¡l…|. La sua denominazione estesa ha moltissime traduzioni possibili in
italiano: Alleanza Yemenita per la Riforma, Unione Riformista Yemenita anche Congregazione Yemenita per la Riforma. Noi qui
ci riferiremo al partito nella nella forma semplificata che si trova sul sito internet dello stesso: Yemeni I¡l…| Party.
2 Gabriele Vom Bruck, Disputing Descent-Based Authority in the Idiom of religion: The Case of the Republic of Yemen, in Die
Welt des Islam, New Series, Vol. 38, Issue 2, July 1998, p. 154.
3 Laurent Bonnefoy, Varieties of Islamism in Yemen: The Logic of Integration Under Pressure, in Meria, Vol. 13, n. 1, March 2009,
p. 2.
2
Islam e tribalismo: il caso dello Yemen
Congregation for Reform Party

rappresentò il comune denominatore ideologico rappresentata dall’elemento tribale.


per quei Fratelli Musulmani che operarono da La conciliante condotta tenuta, almeno fino al 1997,
quegli anni a seguire sul territorio yemenita. dall’I¡l…| ha permesso allo stesso di godere di un
Come abbiamo infatti già anticipato, il processo di notevole coinvolgimento all’interno dell’azione
formazione che porterà nel 1990 alla nascita dello governativa, conseguendo importanti risultati
Yemen Congregation for Reform Party coinvolgerà elettorali. In particolare la costante partecipazione
non solo i Fratelli Musulmani, ma anche diversi nel quadro delle attività dell’esecutivo ebbe, almeno
leader tribali e, sorprendentemente ma non troppo, nella sua fase iniziale, una funzione propedeutica
anche svariati uomini d’affari yemeniti. al fine di limitare le crescenti influenze socialiste
che andavano aumentando in termini di peso e
volume all’interno del paese. A tal fine, nel triennio
L’I¡l…|: origini e connivenze politiche compreso fra il 1990 ed il 1993, il presidente Ÿ…le|
nominò alcuni membri dell’I¡l…| presso importanti
Fin dal principio l’I¡l…| ebbe un atteggiamento dicasteri: affari legali, governance locale, salute,
decisamente conciliante nei confronti del affari religiosi e commercio. Non solo. In quello
potere costituito. Tale atteggiamento può essere stesso periodo il partito islamista si aggiudicò
principalmente spiegato in base alle politiche l’importante carica di vice primo ministro. In questa
intraprese dal suo storico leader, ¼Abdallah ðusayn prima fase dunque la vicinanza fra I¡l…| ed il General
al-A|mar, ed alla sua personale vicinanza con il People Congress (in acronimo GPC) capeggiato
presidente yemenita ¼Al† ¼Abdallah Ÿ…le|. Tale dal presidente della Repubblica ¼Al† ¼Abdallah
sintonia e corrispondenza con il potere costituito Ÿ…le| non sarebbe potuta essere più evidente ed i
ha però comportato come inevitabile conseguenza beneficii di questa durevole e solida alleanza non
una scarsa e limitata crescita dell’I¡l…| dal punto di sarebbero potuti essere migliori. Durante le prime
vista più specificamente ideologico. Storicamente elezioni parlamentari dello Yemen unificato, l’I¡l…|
il partito non ha assunto un atteggiamento critico si affermò come il secondo partito della nazione,
nei confronti dei governanti in carica e questo non immediatamente dopo l’irraggiungibile GPC. Nello
ha permesso lo sviluppo di quel confronto dialettico specifico i risultati furono i seguenti: il partito del
necessario alla crescita politica della classe dirigente presidente Ÿ…le| vinse in 123 collegi elettorali,
del partito. l’I¡l…| giunse secondo assicurandosi 62 posti,
In questo scenario le logiche tribali hanno giocato lo Yemen Socialist Party conquistò 57 seggi, gli
un ruolo fondamentale. Tanto al-A|mar quanto Ÿ… indipendenti se ne aggiudicarono 47, il Ba¼aÅ sette, i
le| vantavano la medesima origine clanica. I due tre partiti d’ispirazione Nasserista ognuno un seggio
uomini politici erano infatti appartenenti alla potente e la compagine minoritaria al-ðaq ne conquistò solo
confederazione tribale degli ð…šid e addirittura al- due.
A|mar ne rimase a capo fino al 2007, anno della Ad appena tre anni dalla sua nascita, l’I¡l…|
sua morte. Già partendo da questa prima riflessione raggiunse dunque un risultato importante che non
possiamo dunque notare come all’interno della riuscì tuttavia a mascherare l’effettiva pochezza
pur variegata composizione del partito islamista delle ideologie prodotte in quegli anni dal partito
yemenita, l’asse portante sia stata storicamente islamista. In un articolo del 1993 a firma della

3
Islam e tribalismo: il caso dello Yemen
Congregation for Reform Party

professoressa Sheila Carapico, l’I¡l…| viene definito Il partito capeggiato da al-A|mar si schierò senza
alla stregua di “un matrimonio di convenienza indugi al fianco del presidente Ÿ…le| nella guerra
tra lo sceicco ¼Abdallah ðusayn al-A|mar, capo civile che scoppiò in quello stesso anno contro le
della potente confederazione ð…šid, ed i Fratelli forze socialiste presenti nel sud del paese. Una guerra
Musulmani presenti nelle città yemenite4”. La breve ma intensa che si concluse con la vittoria del
Carapico sottolinea inoltre, a conferma dell’enorme blocco governativo e la conseguente espulsione
peso della componente tribale, come la maggior parte dei leader socialisti presenti nel paese. Anche in
dei voti gudagnati dall’I¡l…| durante le votazioni del quest’occasione, l’I¡l…| ebbe da guadagnare per il
‘93 fu ottenuta grazie alle preferenze espresse dai suo assoluto e costante supporto al presidente della
vari clan appartenenti proprio alla confederazione Repubblica. La drastica riduzione dell’elemento
tribale degli ð…šid. socialista nel sud del paese permise al movimento
L’allenza, anch’essa certamente d’interesse, con il islamista di radicarsi in aree storicamente di fede
partito del presidente Ÿ…le| portò comunque i suoi socialista, allargando così notevolmente la sfera
frutti. A seguito dell‘ottimo risultato elettorale, al- d’influenza del partito. E fu così che dal 1994 in
A|mar fu nominato speaker del parlamento mentre poi dunque l’I¡l…| si espanse a colmare il vacuum
un‘altra figura di rilievo del partito islamista, ¼Abd politico e sociale creatosi nel sud della nazione in
al-Maº†d al-Zind…n†, divenne parte del consiglio seguito alla sconfitta delle frange socialiste6. Non
personale del presidente della Repubblica.Al-Zind…n† solo. La vittoriosa battaglia combattuta dal partito
è storicamente considerato come la guida spirituale contro i socialisti garantì ai militanti islamici la
(muršid ¼…mm) dell’I¡l…| e dunque rappresenta le nomina presso altre cariche governative: ¼Abd al-
istanze della componente religiosa del partito. Un Wah…b al-¼Ans† fu nominato vice-primo ministro,
uomo che ha costantemente rifiutato la sottomissione Ý…lib ¼Abd al-K…f† al-Qirš† agli Affari Religiosi,
ad altre logiche che non fossero quelle imposte dalla ¼Abduh ¼Al† al-Qu¥ab† presso il Ministero
šar†¼a e che per tal motivo ha intrattenuto pochi o dell’Educazione, ¼Abdallah Mu|sin al-Akwa¼ venne
nulli rapporti con le varie tribù locali. La sua figura designato Ministro per il controllo dell’Elettricità e
riflette per molta parte quella di altri leader religiosi dell’ Acqua, ¼Abd al-Ra|man ¼abd al-Q…dir Bafaÿl
musulmani: laureatosi in Egitto presso la cattedra alle Risorse Marine, NaÞ†b Sa¼†d Ýan†m alla Salute,
di Farmacologia negli anni ‘70, diviene ben presto ¼Abd al-Wah…b Lu¥f† al-Daylam† alla Giustizia,
delegato ufficiale della Lega Mondiale Islamica e Mu|ammad ðassan al-Damm…Þ presso il dicastero
negli anni ‘80 viene nominato Segretario Generale dell’Amministrazione locale ed infine Mu|ammad
dell’Istituto per l’Inimitabilità Scientifica del Corano ¼abd al-Wah…b al-ßub…ri al Commercio7. Secondo
e della Sunna5. Un personaggio tuttavia stimato in alcuni studiosi però, non fu soltanto la brama di
modo estremamente controverso: considerato alla conquistare nuove cariche governative che spinse
stregua di un terrorista dal Dipartimento di Stato l’I¡l…|, ed in particolare il suo leader, a partecipare
americano, ma anche seguito come uno dei più attivamente all’interno della guerra civile del 1994.
importanti ed autorevoli im…m del mondo islamico Seguendo la suggestione proposta nello scritto di
dai fedeli musulmani. Gabriele Vom Bruck, al-A|mar avrebbe partecipato
L’anno successivo alle elezioni, il 1994, vide l’I¡l…| allo scontro armato con uno scopo ben preciso:
completare appieno la sua funzione anti-socialista. affermare la componente tribale all’interno del partito

4 Sheila Carapico, Election and mass politics in Yemen, in Middle East Report, November-Dicember 1993.
5 Paul Dresch, Bernard Haykel, Steretypes and Political Styles: Islamist and Tribesfolk in Yemen, in International Journal of
Middle East Studies, Vol. 27, n. 4, p. 410.
6 Gabriele Vom Bruck, op. cit.., p. 185.7ociety and History, Vol. 33, n. 1, 1991, p. 19.
7 Per una consultazione completa di tutti gli esecutivi in carica in Yemen dal 1990 al 1998 è possibile consultare il seguente link:
http://www.al-bab.com/yemen/gov/gov2.htm#Government%20list.
4
Islam e tribalismo: il caso dello Yemen
Congregation for Reform Party

a scapito delle più moderate ale islamiste8. Esponenti 1997 i rapporti fra le parti iniziano, nemmeno troppo
religiosi e šay²9 tribali entravano in contrasto per la lentamente, ad incrinarsi.
gestione del potere all’interno del partito rendendo A seguito della disfatta socialista del ‘94, l’I¡l…|
evidente la profonda spaccatura che ha storicamente aveva allargato in maniera significativa la propria
caratterizzato il movimento fin dalla sua nascita. presenza nel Sud del paese. Con grande disappunto
del General People Congress, la componente
islamica del partito di al-A|mar, per inciso quella
Dalla collaborazione all’opposizione: il 1997 che faceva riferimento ai Fratelli Musulmani, aveva
dato il via ad una serie di iniziative di supporto
I primi anni di vita dello Yemen Congregation for alla popolazione col risultato di guadagnare
Reform Party risultarono dunque caratterizzati da un significativo incremento di consensi. Dal
una totale coincidenza con il potere rappresentato dal canto suo fu anche lo stesso GPC, sebbene in
presidente della Repubblica ¼Al† ¼Abdallah Ÿ…le|. misura più ridotta, a favorire la separazione dallo
L’I¡l…| non costituì mai una voce critica all’interno storico alleato. La direzione del partito era infatti
della compagine governativa, ma finì per avallare in convinta che il GPC non avesse ormai più bisogno
toto le scelte del General People Congress e del suo dell’I¡l…| per continuare a governare stabilmente
leader. In questi primi anni inoltre, l’elemento tribale il paese. Consapevoli del peso fondamentale che
si affermò come principale componente del partito la componente tribale giocava all’interno del
e l’ingombrante leadership di ¼Abdallah ðusayn partito islamista, i quadri dirigenti del GPC non si
al-A|mar finì con il condizionare qualsiasi scelta preoccupavano in maniera eccessiva della crescita
all’interno dello stesso. di consenso che la componente islamista del partito
L’I¡l…| parve quindi principalmente interessato a stava conoscendo nel paese. In base al ragionamento
rimanere nei giochi di potere attraverso la formazione del GPC, difficilmente al-A|mar, viste le comuni
di allenze tribali o tramite l’appoggio incondizionato origini tribali con il presidente della Repubblica,
al presidente della Repubblica ed al suo partito. Fino al avrebbe potuto prendere radicali distanze dal
1997, l’I¡l…| non sviluppò alcuna posizione riguardo governo fino a formare un vero e proprio partito di
moltissime tematiche pur urgenti e sostanziali, opposizione. Mai ragionamento risultò più esatto.
rifugiandosi in una stucchevole retorica islamica Sebbene l’I¡l…|, in particolare nella sua componente
senza cercare un vero e profondo ripensamento della puramente islamista, si differenziò sempre di più
religione in chiave moderna così come molti altri rispetto al governo, al-A|mar non recedette mai dal
movimenti islamisti avevano invece provato a fare. dimostrare la sua vicinanza politica e personale con
Fino al 1997 il General People Congress e l’I¡l…| il presidente Ÿ…le|, cosa questa che gli garantì di
esprimevano dunque due identiche facce della stesse rimanere in carica come speaker del parlamento dal
medaglia. 1993 fino alla morte avvenuta nel 2007.
Lo scenario muta solo alcuni anni dopo: precisamente Le elezioni del 1997 rappresentarono dunque
a tre anni dalla fine della guerra civile del 1994. il turning point all’interno della vita politica
Nonostante i leader dei due partiti insistano nel dell’I¡l…|. È in quel momento che il partito
ricordare e sottolineare l’alleanza strategica ed islamista, o almeno una parte di esso, evolve verso
indissolubile che lega le due fazioni politiche, nel una forma di opposizione politica scevra da quella

8 bid, p. 183.
9 Termine arabo che si utilizza per indicare i dignitari delle tribù.

35
Islam e tribalismo: il caso dello Yemen
Congregation for Reform Party

retorica islamica e quel clientelismo che avevano tutti gli anni ‘90, lo si presentava come un partito
imbrigliato lo sviluppo di una visione politica in cui l’elemento tribale rappresentava la prima
ed ideologica propria. Dal 1997 l’I¡l…| muta e maggioritaria componente, nel 2007 Mona
radicalmente il proprio atteggiamento divenendo Yacoubian ci presenta l’I¡l…| in questi termini:
un partito di opposizione che chiede riforme sociali “membri dei Fratelli Musulmani, pii uomini
ed economiche dall’interno di un sistema politico musulmani collegabili alle maggiori istituzioni del
che viene definito come autoritario. Attraverso la paese ed infine elementi chiave della popolazione
regolare partecipazione ai processi elettorali indetti tribale...rappresentanti giovani ed arrabbiati contro
12
nel paese e ricorrendo esclusivamente ai meccanismi lo status quo ”. Dal 1997 l’I¡l…| diviene a tutti gli
democratici previsti dalle legge yemenita10, l’I¡l…| effetti un’organizzazione politica a base popolare
è dunque divenuto un partito di opposizione a tutti che prova a riformare tutti gli aspetti della vita sulla
13
gli effetti: il maggiore del paese. base dei principi e degli insegnamenti islamici .
Il partito riorganizza se stesso abbandonando quel È dunque in questa seconda fase della sua storia che
pragmatismo politico fino ad allora fin troppo legato il partito islamista yemenita assomiglia decisamente
a logiche di carattere tribale. La religione diviene, di più ai corrispettivi movimenti politici islamici
o torna ad essere, il principale punto di riferimento che fanno riferimento ai Fratelli Musulmani. E
e la šar¼ia la prima e sola fonte: l’unico punto di questo non perché, come invece sostenuto da alcuni
partenza possibile per qualsivoglia riflessione di analisti, si passi inusualmente dalla collaborazione
natura dottrinale. governativa all’opposizione politica, ma perché
Ed allora, sebbene solo in parte liberi dal retaggio liberi da alcuni vincoli di natura tribale ci si trovi più
tribale, gli appartenenti all‘I¡l…| iniziano a liberi di attuare un programma politico dal carattere
contrapporsi alle politiche governative assumendo riformatore ed innovativo.
posizioni talvolta in netto contrasto con le indicazioni Tuttavia la stessa natura della società yemenita ha
del presidente della Repubblica. Attraverso le dimostrato l’impossibilità per il partito di slegarsi
sue moschee, i centri di istruzione dislocati nel totalmente da logiche claniche anche perché, almeno
paese, tramite il suo giornale al-Q…hira, l’I¡l…| ha fino al 2007, al-A|mar ha mantenuto le politiche del
rappresentato la più autorevole ed ascoltata voce partito in un costante stato di ambiguità.
all’interno del panorama politico yemenita. Tramite Un’ambiguità che è costata cara al partito tanto in
la pubblicazione del suo programma elettorale termini di consenso che di sviluppo ideologico.
presentato proprio alle elezioni del 1997, il partito Partiamo dall’analizzare il primo punto. Nonostante
islamista ha chiesto al governo di attuare riforme il rivoluzionario programma presentato alle
in campo politico, diminuendo ad esempio i poteri consultazioni elettorali del 1997, proprio in
dell’esecutivo, in campo giudiziario, garantendo quell‘occasione l’I¡l…| subì un calo di consensi (dal
una maggiore indipendenza alla magistratura, ma 20,9% al 17,6%) guadagnando 53 seggi: nove in
soprattutto in ambito militare chiedendo una sollecita meno rispetto a 3 anni prima14. Il GPC raggiunse di
e rapida de-politicizzazione dell’esercito11. contro un risultato d’incredibile spessore ottenendo
Che la natura del movimento risulti mutata lo ben 226 seggi (candidati indipendenti inclusi).
dimostra anche la definizione che gli analisti La squadra di governo fu epurata dai ministri
internazionali forniscono dello stesso. Se durante appartenenti all’I¡l…| e conseguentemente il partito

10 Amr Hamzawy, Between Government and Opposition: The case of the Yemeni Congregation for Reform, in Carnegi Papers, n.
18, Novembre 2009, p. 11.
11 Mona Yacoubian, Engaging Islamist and Promoting Democracy. A preliminary Assessment, in United States Insitute of Peace
“Special Report”, n. 190, August 2007, p. 12.
12 Ibid., p. 11.
13 Amr Hamzawy, op. cit., p. 3.
14 Per una panoramica maggiormente esaustiva delle elezioni elettorali del 1997 consultare il seguente link: http://www.al-bab.
com/yemen/pol/election1997.htm.
6
Islam e tribalismo: il caso dello Yemen
Congregation for Reform Party

del presidente Ÿ…le| assunse il completo e totale quando si affrontano tematiche come quella della
controllo dell’esecutivo. parità sociale fra uomini e donne. Come osservato
15
La successiva tornata elettorale, quella del 2003 , da Michel Zogby, nei discorsi dei suoi leader o
non portò alcun miglioramento per il partito islamista. nelle intenzioni dichiarate, l’I¡l…| sembra assumere
Anzi. L’I¡l…| perse ancora terreno nei confronti un atteggiamento progressista nei confronti
dell‘ormai acclarato strapotere del GPC, attestandosi dell’argomento condannando ad esempio le
al 15,3% e perdendo altri sette seggi rispetto al ‘9716. I ingiustizie subite dalle donne nel paese e chiedendo
46 seggi conquistati garantivano comunque al partito che a quest’ultime vengano riconosciuti gli stessi
islamista di affermarsi come prima, e forse unica, diritti dell’uomo, specialmente nell’ambito della
voce di opposizione, ma mettevano altresì in luce le partecipazione politica. Poi però quando andiamo
evidenti difficoltà nel misurarsi contro lo strapotere ad osservare le azioni effettivamente promosse in
del GPC. Bisogna tuttavia rilevare come molta questa direzione scopriamo una realtà ben diversa.
parte della stampa internazionale, nonché alcune Alle elezioni parlamentari del 1997 su 241 candidati
importanti organizzazioni internazionali, abbiano presentati dall’I¡l…| non vi era nemmeno una donna,
denunciato evidenti brogli i quali evidentemente mentre il GPC ne presentava 2 così come il partito
17
condizionarono l’esito finale delle votazioni . socialista del Ba¼aÅ. Non solo. Nel 2005 l’I¡l…| decise
Ma del resto, nonostante i brogli, forse il partito non di bloccare una proposta di legge presentata dal
avrebbe potuto ottenere più di quanto effettivamente GPC la quale prevedeva l’introduzione di una quota
raccolse. Bisogna infatti considerare come, tanto nel rosa al parlamento (pari al 10% dei seggi totali) ed
1997 quanto nel 2003, l’elemento tribale giocasse all’interno dei consigli municipali (fra il 15% ed il
ancora un ruolo importante, gettando pesanti ombre 20%). Di più. Nel 2009 alcuni parlamentari afferenti
sull’effettiva opposizione del partito alle manovre al partito islamista si opposero ad un emendamento
governative. Basti pensare che in occasione delle governativo il quale, prevedendo alcune modifiche
elezioni dell’Aprile 1997 la dirigenza dell’I¡l…| dello statuto civile (leggi 14/2002 e 20/1992), mirava
si accordò previamente con il GPC per dividersi ad innalzare da 15 a 18 anni l’età minima legale
più o meno equamente alcune regioni elettorali18. affinché una donna possa contrarre matrimonio19.
Attraverso compromessi elettorali i due partiti Sempre secondo Zogby, l’I¡l…| risulterebbe inoltre
decisero di non entrare in diretta competizione carente anche sotto altri punti di vista. Ad esempio
garantendosi così alcuni importanti seggi già prima il ricercatore svizzero sottolinea come il partito
dell’effettivo svolgimento delle elezioni. islamista non abbia sviluppato una posizione
Ma non è stata esclusivamente l’ambiguità prodotta propria ed indipendente su tematiche di rilievo
dalle politiche attuate dal leader del partito al- come il rapporto fra Islam e modernismo o anche la
A|mar a rappresentare il punto debole dell’I¡l…|. La globalizzazione.
sua variegata e conflittuale composizione ha fatto si A favorire le incertezze e ad acuire le divisioni
che su molte tematiche il partito abbia sviluppato interne al partito bisogna riconoscere come un
una posizione non omogenea o addirittura in alcuni ruolo fondamentale lo abbia infine giocato lo stesso
casi palesemente contraddittoria. In particolare GPC. Attuando la consolidata tattica del separa et

15 Le elezioni legislative previste per il 2001 risultarono essere posposte al 2003 a causa di gravissimi fatti di ordine pubblico che
sconvolsero il paese.
16 Anche in questo caso per avere una panoramica più dettagliata delle elezioni si consiglia di vistare il sito: http://www.al-bab.
com/yemen/pol/election2003.htm.
17 In particolare il Supreme Commission for Elections and Referendum (SCER), parlò in quell’occasione di “inevitabili
violazioni e brogli” mentre lo United States Institute for Peace (USIP)fa riferimento a quelle elezioni come “macchiate da diffuse
irregolarità”.
18 Jillian Schwedler, The Islah Party in Yemen: Political Opportunities and Coalition Buildingin Transnational Polity”, in
Quintan Witrowicz, Islamic Activism: A social Movement Approach, Indiana University Press, Bloomigton, 2004, p. 221.
19 Amr Hamzawy, op. cit., p. 17.
37
Islam e tribalismo: il caso dello Yemen
Congregation for Reform Party

impera, il presidente Ÿ…le| si è di volta in volta Conclusioni


schierato al fianco di questa o quella componente
del partito proprio al fine di creare profonde fratture In questo breve saggio si è dunque cercato di
al suo interno. In particolare il GPC ha spinto tracciare, quanto più linearmente possibile,la
sulla minoritaria componente salafita dell’I¡l…| parabola evolutiva del partito yemenita dell‘I¡l…|:
affinché si staccasse dal corpo centrale del partito a partire dalla sua nascita, passando per i suoi
creando una propria identità indipendente. Avendo primi anni contrassegnati da una continua e
già ampiamente sotto controllo la componente proficua collaborazione governativa, fino alle sue
tribale, Ÿ…le| si è dunque preoccupato di spaccare ultime stagioni caratterizzati da una sempre più
dall’interno la parte religiosa del partito: quella ostinata opposizione alle politiche governative.
vicina ai Fratelli Musulmani. Il tutto anche al fine Un’opposizione vigorosa e convinta che ha portato
di limitare il controllo sulle attività delle moschee l’I¡l…| ad allinearsi anche con formazioni politiche
vicine alla Fratellanza fiaccando conseguentemente si segno diametralmente opposto.
la capacità di mobilitazione popolare dell’I¡l…|. Basti pensare che a partire dal Novembre 2005,
Ma se finora abbiamo evidenziato i punti deboli, le il partito islamista ha compiuto un passo decisivo
contraddizioni e le ambiguità tipiche di un partito decidendo di aderire al Joint Meeting Parties
dalla variegata composizione e che deve conciliare (JMP), coalizione politica di sei partiti yemeniti che
le sue diverse anime, dobbiamo osservare come auspicano una riforma in senso democratico della
almeno su una tematica il partito abbia mantenuto società yemenita. Una coalizione di cui fa parte
una posizione tanto salda quanto coerente. Se è vero anche il ricostituito partito lo socialista: il cosiddetto
che nel 2004 il partito ha siglato una dichiarazione Yemen Socialist Party (YSP). Pur di raggiungere i
congiunta insieme ad altri gruppi islamisti al fine propri obiettivi, l’I¡l…| ha dunque deciso in ultima
di incoraggiare la resistenza all’occupazione istanza di allearsi con partiti d’ispirazione secolare,
in Iraq e Palestina anche sotto forma di ºih…d, dimostrando un pragmatismo politico di stampo
bisogna riconoscere come il partito abbia sempre occidentale.
e costantemente rifiutato il ricorso alle violenza Il partito ha dato anche il via ad un processo di
nell’ambito del confronto con le autorità statali. democratizzazione delle proprie strutture interne.
A conferma di quanto appena esposto, dobbiamo Allo stato attuale, l’I¡l…| si compone di sei organi
infatti ricordare come l’I¡l…|, a differenza dei gruppi legislativi ed esecutivi: il Congresso Generale
affiliati ad al-Q…¼ida e dei revivalisti Zayditi, non (principale organo esecutivo), il Consiglio Centrale
abbia mai posto in essere un confronto violento della Š™ra, il Consiglio Supremo, il Segretariato
con lo stato centrale. Anzi. Come primo e maggiore Generale, il Consiglio Giudiziario più venti congressi
partito di opposizione, l’I¡l…| ha costantemente e consigli locali in ogni governatorato dello Yemen.
inquadrato la propria attività di contrapposizione Dal 2009 lo statuto del partito ha subito diverse
allo stato all’interno di una diretta ed evidente variazioni proprio al fine di garantire una sempre
partecipazione al processo elettivo democratico. maggiore trasparenza interna nonché una maggiore
21
Come sottolineato da Laurent Bonnefoy, l’I¡l…| ha decentralizzazione e partecipazione .
fin dal principio accettato il sistema multipartitico Tutto questo ci dimostra dunque come il principale
yemenita rifiutandosi di supportare qualsiasi azione obiettivo del partito islamista yemenita sia quello
20
armata diretta nei confronti del governo .

20 Laurent Bonefoy, op. cit., p. 3.


21 Amr Hamzawy, op. cit., p. 20.
8
Islam e tribalismo: il caso dello Yemen
Congregation for Reform Party

di presentarsi come un soggetto politico credibile


agli occhi della popolazione. Non solo. Al fine di
assumere gradualmente posizioni di politica tanto
interna quanto estera sempre più improntate alla
moderazione, il partito ha espulso, nel 2007, lo
šhay² Al-Zind…n† dal Consiglio Centrale della Š™ra
dimostrando in tal modo estrema attenzione alle
pressioni statunitensi in merito22.
Riforme, moderazione e democrazia. Così si
potrebbero riassumere in breve gli obiettivi ed i
metodi che l’I¡l…| ha adottato, e con tutta probabilità
adotterà negli anni a venire, fino ai giorni nostri. A
seguito della morte di al-A|mar, il partito è risultato
libero di attuare le sue politiche senza scendere più
a compromessi con il governo. Anzi. L’alleanza con
le vecchie forze nemiche socialiste è il segnale di
un pragmatismo politico che mira esclusivamente
al raggiungimento di quegli obiettivi previamente
fissati all’interno dei programmi elettorali. Il suo è
un ruolo fondamentalmente all’interno della società
yemenita poiché attraverso l’Islam cerca di unificare
le sue diverse anime, fungendo in molti casi, come
riconosciuto anche dall’International Crisis Group,
anche da soggetto mediatore fra lo stato e gli
elementi più conservativi della società.
Per chiudere con una citazione riportata da Gregory
Johnsen nel suo Profile of Sheikh Abd al-Majid
al-Zindani, “esistono due filoni dell’islamismo
yemenita: gruppi radicali che si oppongono allo
stato e parimenti all’Occidente e membri dell’I¡l…|
che hanno invece optato per una partecipazione
all’interno del sistema statale”.

22 Al-Zind…n† è infatti dal 2004 identificato come Specially Designated Global Terrorist (SDGT).

39
Al-Qa’ ida in Yemen:
una storia ventennale
di Ludovico Carlino

Introduzione puro e musulmano [...] di diecimila soldati che


sia pronto, con il minimo preavviso, a mettersi in
Negli ultimi mesi lo Yemen è stato presentato da marcia per liberare la terra dei due luoghi santi.
più parti come il nuovo fronte della lotta contro Questa è la realizzazione di un’idea che è germinata
l’estremismo jihadista, nonché come nuova e dieci anni fa nella terra dello Yemen1”. Sebbene il
potenziale roccaforte di al-Q…¼ida e dei gruppi riferimento allo Yemen potesse apparire all’epoca
militanti che gravitano attorno la sua orbita. Queste disorientante, quel messaggio dimostrava già un
valutazioni sono state fortemente condizionate da decennio addietro quanto il piccolo stato arabo
una serie di recenti eventi collegati ad al-Q…¼ida fosse legato a doppio filo alla strategia del nascente
nello Yemen, primo tra tutti il fallito attentato del movimento jihadista globale. Quanto “germinato”
dicembre 2009 su un aereo di linea diretto a Detroit, dieci anni prima nello Yemen era difatti ricollegato
che hanno alimentato il timore che il fragile stato ad un evento che può definirsi cruciale per la stessa
arabo possa dare vita ad un nuovo regime in stile evoluzione strategica di al-Q…¼ida e che segnò quel
talebano. Valutazioni che sembrano tuttavia non passaggio negli obiettivi dal nemico vicino a quello
2
tenere in considerazione il fatto che la Penisola lontano tanto caro alla retorica qaedista. Quando
Araba rappresenti da almeno un ventennio un il 2 agosto del 1990 il dittatore iracheno Ÿadd…m
terreno estremamente fertile per l’attività di al-Q… ðusse†n invase improvvisamente il piccolo e ricco
¼ida. La terra che ospita i due principali luoghi santi stato del Kuwait, nel settembre di quello stesso
dell’Islam, la Mecca e Medina, oltre a far parte della anno Bin L…den, di rientro in Arabia Saudita dopo la
retorica ideologica e propagandistica del gruppo conclusione della prima esperienza afgana, presentò
sin dalla sua costituzione, è emersa nel tempo al Principe Sul¥…n, all’epoca Ministro della Difesa,
come uno dei principali serbatoi per la militanza un piano dettagliato su come organizzare una forza
jihadista globale. Tuttavia la struttura tribale dello di militanti islamici in grado di difendere il regno
Yemen, le sue tradizioni culturali e le sue pratiche dalla minaccia rappresentata dall’Iraq di Ÿadd…m
religiose appaiano non perfettamente conciliabili ðusse†n3. La casa regnante dei Sa¼™d preferì
con quel salafismo-jihadista caratteristico di al- tuttavia declinare l’offerta, accettando al contrario
Q…¼ida, lasciando aperta l’ipotesi di una possibile l’assistenza offerta dagli Stati Uniti che nell’agosto
contrapposizione tra l’internazionalismo qaedista di quell’anno dispiegarono le proprie truppe sul
ed il localismo tribale yemenita. suolo dei due luoghi santi.
Il rifiuto dei Sa¼™d ed il conseguente arrivo degli
statunitensi, lasciaroano un segno profondo su molti
arabi e musulmani, contribuendo ad aprire un solco
1990-2000. tra la retorica sponsorizzata dal Regno, che aveva
Dall’Aden-Abyan Islamic Army ad al-Q…¼ida spinto migliaia di sauditi a recarsi in Afghanistan
per combattere il Þih…d anti sovietico, e la mancanza
Nel maggio del 2001 lo sceicco saudita Os…ma di riconoscenza mostrata nei loro confronti una
Bin L…den diffuse un comunicato tra i membri di volta rientrati in patria. Questo senso di umiliazione
al-Q…¼ida per spiegare il progetto del suo gruppo. e delusione sarà ripreso nella maggior parte delle
“Vi porto buone notizie”, recitava il messaggio, “Il dichiarazioni diffuse da Bin L…den negli anni
momento è giusto per la formazione di un esercito successivi, e verrà legato ad un |ad†Å destinato

1 Roland Jacquard, Les Archives Secretes de Al Qaida, Parigi, Jean Picollec Editeur, 2002, p.346.
2 Nella retorica qaedista il nemico vicino, al-¼aduw al-qar†b, è rappresentato dai regimi arabi considerati apostati perché restii
ad applicare la legge islamica. Il nemico lontano, al-’aduw al-ba’ îd, risiede invece nei governi occidentali, i “sionisti ed i
crociati”.
3 ason Burke, Al Qaeda, la vera storia, Milano, Feltrinelli Editore, 2004, p. 146.
10
Al-Qa’ ida in Yemen:
una storia ventennale

a diventare un punto cardine dell’armamentario “comunisti senza Dio”. Fu proprio in questo ambiente
ideologico adoperato dai militanti islamisti: favorevole agli estremismi che la “lotta contro il
“Non rimangano due religioni nella Penisola nemico lontano” ebbe inizio. Nel dicembre 1992,
degli Arabi!4. Dopo il colloquio con il principe davanti ai due alberghi più lussuosi di Aden esplosero
Sul¥…n, sembra quindi verosimile ritenere che il due autobombe che uccisero altrettante persone.
primo esperimento intrapreso da Bin L…den per L’attentato era rivolto contro le truppe statunitensi di
organizzare una militanza all’estero sia avvenuto passaggio nel paese e dirette in Somalia, ma mancò
proprio nello Yemen, una base strategica ideale per l’obiettivo solo perché i soldati avevano già lasciato
colpire gli statunitensi e la casa regnante dei Sa¼™d la struttura. La responsabilità dell’episodio rimane
colpevole di aver tradito la umma. Nel corso degli ancora oggi avvolta da diversi dubbi, ma numerosi
anni ‘80 lo stato arabo contribuì del resto con un analisti considerano oggi le bombe di Aden come
considerevole numero di muÞ…hid†n alla guerra il primo attentato perpetrato da al-Q…¼ida6, mentre
contro i sovietici. In Afghanistan il gruppo degli altri suggeriscono che il coinvolgimento di Bin L…
yemeniti era guidato da un importante capo tribale, den si sia limitato al supporto logistico e finanziario
¦…riq al-Faÿl†, il quale strinse amicizia con Bin L… concesso al gruppo di ¦…riq al-Faÿl†7. Quel che
den sul finire degli anni’80. Alla conclusione del appare certo è che un campo di addestramento di
conflitto, come accadde per gli altri “arabi afgani”, al-Q…¼ida venne costruito negli anni ‘90 a Mudiyah,
gli yemeniti rientrarono nel loro paese per tentare un villaggio nel governatorato dello Abyan, che
di replicare il successo ottenuto in Afghanistan e, circa 221 delle 1100 telefonate effettuate da Bin L…
sotto la guida di al-Faÿl†, iniziarono ad organizzare den, ed intercettate nella metà degli anni ‘90, furono
diversi campi di addestramento nella regione effettuate proprio verso lo Yemen, ed infine che un
settentrionale dello Yemen al confine con l’Arabia cospicuo numero di armi venne inviato dal Sudan
Saudita5. Nel frattempo le congiunture politiche alle tribù yemenite.
interne allo Stato arabo sembrarono favorire questa Nonostante una vera e propria roccaforte di stampo
spinta iniziale. La caduta dell’Unione Sovietica qaedista verrà creata nello Yemen solo negli anni
portò infatti all’unificazione del paese, diviso fino successivi, la diffusione del salafismo jihadista nel
ad allora in uno Stato islamico nel nord ed uno laico paese arabo passò in questo periodo sotto altre sigle.
e marxista nel sud, ma la centralizzazione operata Ad esempio l’Aden-Abyan Islamic Army8 (AAIA)
dal Presidente ¼Al† ¼Abdall…h Ÿ…le| non concesse di Ab™ ðasan Za†n al-¼Abid†n al-Miÿ…r (anche lui
stabilità al paese. Nel 1994 un gruppo di ufficiali un veterano dell’Afghanistan), del quale faceva
e politici di ispirazione marxista proclamò la parte anche al-Faÿl†, iniziò ben presto a gravitare
secessione della regione meridionale dello Yemen, attorno l’orbita di al-Q…¼ida. Tuttavia diversi dei
un evento questo che contribuì all’esplosione di una suoi membri strinsero rapporti con il Governo (lo
guerra civile che causò 7000 vittime e la repressione stesso al-Faÿl† era consigliere del Ministro degli
9
del tentativo separatista. La vittoria di Ÿ…le| fu in Interni ) in virtù del sostegno garantito contro
gran parte dovuta al tentativo riuscito di cooptare i secessionisti del sud nel 1994, dando vita ad un
i combattenti islamici rientrati dall’Afghanistan rapporto di ambigua collaborazione che si rafforzò
chiamati a combattere, questa volta in terra propria, i negli anni seguenti quando Sana’a ricorse ancora una

4 André Ferré, Muhammad a-t-il exclu de l’Arabie les juifs et les chrétiens?, in Islamochristiana 16, Roma, 1990, pp. 43-65.
5 Paul Bergen, Holy War, p. 185.
6 Jonathan Schanzer, Yemen’s War on Terror”, in Orbis, Vol.45, Issue 3, 2004, pag. 517 e Rohan Gunaratna, Inside Al Qaeda,
Global Network of Terror, New York, Berkley Publishing Group, 2002, p.186.
7 Paul Bergen, ibid, p.188.
8 Il gruppo prendeva il nome da un hadíth apocrifo secondo il quale negli ultimi giorni un esercito sarebbe sorto da Aden-Abyan
per combattere in nome di Dio, il quale avrebbe garantito loro la vittoria.
9 Gregory D.Johnsen, “The Resiliency of Yemen’s Aden-Abyan Islamic Army”, in Terrorism Monitor, Jamestown Foundation,
Vol.4, Issue 14, luglio 2006.
131
Al-Qa’ ida in Yemen:
una storia ventennale

volta ai militanti per contrastare la rivolta della setta 2002- 2006.


sciita degli Zaidi nel nord del Paese. Tuttavia verso il Dagli anni del declino alla riorganizzazione di
1996 l’AAIA iniziò a colpire il Governo e gli interessi al-Q…¼ida nello Yemen
occidentali nel Paese in seguito al rifiuto di Ÿ…le| di
instaurare uno Stato Islamico basato sulla šar†¼a. Il L’attentato contro l’USS Cole, ed un anno dopo
29 maggio del 1998 il gruppo rilasciò il suo primo agli attacchi dell’11 settembre 2001, costrinsero Ÿ…
comunicato annunciando l’intenzione di rovesciare le| ad operare una scelta di campo. Gli Stati Uniti
il Governo e di espellere gli interessi stranieri dallo minacciarono una drastica riduzione degli aiuti
Yemen, palesando il proprio sostegno a favore degli economici in caso di mancata collaborazione, e
attentati contro le Ambasciate statunitensi in Kenya e Sana’a si ritrovò ben presto a far parte della coalizione
Tanzania di quello stesso anno. Nel mese di dicembre contro il terrorismo annunciata da George W. Bush.
l’AAIA sequestrò 16 turisti occidentali in risposta alle Nel novembre del 2002 gli USA inflissero il primo
dure rappresaglie governative, ma nel successivo raid duro colpo alla rete jihadista yemenita uccidendo in
delle forze di sicurezza 4 di questi rimasero uccisi un raid Ab™ ¼Al† al-ð…r†Åi, il quale nel 2001, chiusa
ed al-Miÿ…r venne prima arrestato e poi giustiziato la fase militante dell’AAIA, era diventato il primo
nel 1999. Nonostante le numerose promesse il comandante della cellula di al-Q…¼ida nello Yemen.
Governo yemenita si dimostrò tuttavia incapace, o A distanza di un anno, nel novembre del 2003, le
poco volenteroso, nello sradicare completamente forze yemenite riuscirono anche ad arrestare anche
le radici del gruppo, che in quel frangente adottò il suo successore: Mu|ammad al-Ahd…l. Entrambi
posizioni sempre più estremiste. Il 12 ottobre del avevano preso parte all’operazione contro l’USS
2000 la relazione tra l’AAIA ed al-Q…¼ida divenne Cole ed il passato di al-ð…r†Åi, il quale era stato
chiara in seguito ad uno spettacolare attentato: un la guardia del corpo di Bin L…den in Sudan,
piccolo battello carico di esplosivo si schiantò contro confermava gli stretti contatti che i jihadisti yemeniti
una nave militare statunitense attraccata nel porto di mantenevano con la stessa leadership di al-Q…
Aden, la USS Cole, uccidendo 17 marinai americani. ¼ida. La campagna anti-terrorista inaugurata nello
In seguito all’attacco la polizia yemenita arrestò sei Yemen, alla quale seguì quella dell’Arabia Saudita,
uomini, tutti veterani della guerra in Afghanistan. Il contribuì ad ogni modo a garantire circa tre anni
presunto capo della cellula dichiarò di essere stato di relativa calma, un arco di tempo nel corso del
addestrato nel “Campo Þih…d n.1” di Bin L…den in quale la stessa presenza di al-Q…¼ida nella penisola
Afghanistan, e di aver ricevuto istruzioni da ¼Abd araba venne messa in discussione anche in seguito
al-Ra|†m al-Naš†r†, uno yemenita di origini saudite all’invasione statunitense dell’Iraq che richiamò
sospettato tra l’altro di aver reclutato l’attentatore numerosi combattenti yemeniti contribuendo
10
suicida dell’attacco di Nairobi del 1998 . conseguentemente ad allentare la spinta interna dei
militanti qaedisti.
Tale situazione mutò tuttavia radicalmente nel
febbraio 2006 quando N…¡ir al-Wa|ayš† e altri 22
prigionieri riuscirono ad evadere da un carcere di
massima sicurezza di Sana’a. Questa fuga segnò
l’inizio della seconda fase della storia di al-Q…¼ida
nello Yemen. Insieme al suo luogotenente, Q…sim
al-Raymi (anche lui tra i fuggitivi), al-Wa|ayš†
riuscì a ricostruire completamente l’organizzazione,

10 Jason Burke, op. cit, p. 216.


12
Al-Qa’ ida in Yemen:
una storia ventennale

portandola addirittura ad un livello di forza maggiore destino del suo gruppo. Con un filmato intitolato
rispetto al 2002 grazie alle sue personali credenziali “Da qui noi cominciamo ed in Gerusalemme ci
costruite dopo anni di militanza jihadista. Al- incontreremo”, al-Wa|ayš†, Sa¼†d al Šihr†, Q…sim
Wa|ayš† aveva infatti lasciato lo Yemen negli anni al-Raymi e Mu|ammad al-¼Awf† annunciarono
‘90 per recarsi in Afghanistan, dove divenne, tra ufficialmente la nascita di al-Q…¼ida nella Penisola
le altre cose, anche segretario di Bin L…den11. Un Araba (AQAP)12, organizzazione che da allora
contatto così stretto con la leadership di al-Q…¼ida si presenta come la fusione delle due precedenti
che con tutta probabilità gli ha poi garantito il estensioni territoriali di al-Q…¼ida: quella
sostegno adatto per guidare la seconda generazione yemenita e quella saudita. La nuova leadership
dell’organizzazione. Dopo la fuga dall’Afghanistan, dell’organizzazione presentò subito la propria
nel 2001, al-Wa|ayš† venne arrestato in Iran, per poi campagna come parte di una più ampia lotta per
essere estradato nello Yemen nel 2003 insieme ad liberare la Palestina e l’intera comunità islamica
altri 8 prigionieri e rimanere in carcere, dove venne mondiale, ricollegandosi a pieno titolo alla retorica
nominato a capo del gruppo, fino alla citata evasione globale proposta più volte da Bin L…den e dal suo vice
del 2006,. La ripresa attività dell’organizzazione Ayman al-®aw…hir†. Il tutto senza tuttavia tagliare
venne confermata dalle pubblicazioni di Ÿada al- definitivamente i ponti con il suo passato. In quello
Mal…|im (Eco delle Battaglie), il giornale ufficiale stesso comunicato venne infatti citato un famoso
del gruppo il quale inizialmente si presentò con il |ad†Å secondo il quale “un esercito di 12000 uomini
nuovo nome di Organizzazione di al-Q…¼ida per il sorgerà da Abyan per combattere per la vittoria nel
Jihad nel Sud della Penisola Araba, ma soprattutto nome di Allah e del suo Messaggero”. Un |ad†Å dal
con una nuova campagna di violenza terrorista. Il quale derivava il nome dell’Aden-Abyan Islamic
primo attacco della ricostituita organizzazione è Army e che riprendeva non a caso il messaggio di
datato settembre 2006: un duplice attentato suicida Bin L…den del maggio 2001 denotando una sapiente
fallito contro le strutture petrolifere di Marib e scelta di linguaggio mirata ad enfatizzare la volontà di
Hadramawt. Nel luglio 2007 nove persone, tra i adottare un’agenda globale senza tuttavia rinunciare
quali 7 spagnoli, rimasero vittime di un attacco in a mire locali. La debolezza del ramo saudita in
una zona archeologica della provincia di Marib, confronto a quello yemenita divenne subito chiara
nel gennaio 2008 le vittime furono altri due turisti, dal fatto che furono i sauditi a prestare giuramento
questa volta belgi, e 2 yemeniti, il 6 di aprile di di fedeltà, la cosiddetta bay¼a, ad al-Wa|ayš†, il
quello stesso anno venne colpito un complesso quale venne anche nominato am†r con al Šihr† come
residenziale di lavoratori occidentali a Sana’a ed suo vice13. Una serie di altri elementi indicavano
infine, nell’attacco più spettacolare di questa nuova inoltre una forte influenza dei combattenti rientrati
campagna, il 17 settembre 2008 un attentatore dall’Iraq rendendo evidente la relazione esistente
suicida si lasciò esplodere contro l’Ambasciata tra AQAP e al-Q…¼ida in Iraq. Già alla fine del
statunitense a Sana’a provocando ben 18 morti. 2007 il leader di AQI, Ab™ ðamza al-Muh…Þir,
si era rivolto ai militanti yemeniti chiedendo
(2009. La nascita ufficiale di al-Q…¼ida nella sostegno per i muÞ…hid†n iracheni, una richiesta
Penisola Araba) alla quale al-Wa|ayš† diede immediatamente il suo
assenso14. Successivamente la parola “al-Þih…d”
Il 24 gennaio del 2009 un video diffuso in diversi venne aggiunta al nome del gruppo che ora risulta
forum jihadisti confermò quanto N…¡ir al-Wa|ayš† essere Tan©†m Q…¼idat al-ßih…d fi ßaz†rat al-¼Arab,
fosse riuscito ad imprimere una svolta cruciale al denominazione questa molto simile a quello del

11 Gregory D.Johnsen, “Al Qaeda in Yemen reorganizes under Nasir al-Wahayshi, en Terrorism Focus, Vol.5, Issue 11, 2008.
12 “From Here we will begin and in al-Aqsa we shall meet”, 24 gennaio 2009, NEFA Foundation.
13 Fred Burton e Scott Stewart, “Al Qaeda in the Arabian Peninsula: Desperation o new life?”, Stratford Intelligence Report, 28
gennaio 2009.
14 Message from the Amir of al-Qa’ida in Yemen to Abu Hamza al-Muhajir, November 29, 2007.
13
3
Al-Qa’ ida in Yemen:
una storia ventennale

ramo iracheno (Tan©†m Q…¼idat al-ßih…d fi Bil…d relazione è spesso citata all’interno della propaganda
al-R…fid†n), e la bandiera dello Stato Islamico d’Iraq, di AQAP. Una propaganda affidata al braccio
comparsa per la prima volta come sfondo nel video mediatico dell’organizzazione, la al-Mal…|em
del 24 gennaio15, continua ad essere spesso presente Media Foundation, il quale funziona perfettamente
nel materiale di propaganda del gruppo yemenita. anche come strumento di reclutamento. Al-Wa|ayš†
Nel comunicato del gennaio 2009 la leadership ha inoltre cercato di modellare la sua organizzazione
yemenita prestò inoltre giuramento di fedeltà a Bin seguendo la traiettoria del suo mentore, cosicché i
L…den ed al-®aw…hir†, minacciando nuovi attacchi suoi seguaci devono prestargli giuramento di fedeltà
contro gli interessi occidentali nella penisola ed esattamente come i membri operativi di al-Q…¼ida
annunciando la nascita dell’Emirato Islamico dello fanno con Bin L…den.
16
Yemen . Il luogotenente di Bin L…den parlò tra Q…sim bin Mahd† al-Raymi, anch’egli yemenita,
l’altro dello Yemen poco tempo dopo, in occasione è il capo militare di AQAP. Ex muÞ…hid†n in
del messaggio del 22 febbraio 2009 “Da Kabul Afghanistan, al-Raymi venne addestrato nel campo
a Mogadiscio”, lodando il “crescente risveglio di Faruq, dove avrebbe anche incontrato Bin L…
jihadista” del Paese. La risposta di AQAP giunse den, per poi essere arrestato nello Yemen al suo
puntuale il 15 marzo del 2009 con un attentato ritorno e prendere parte alla fuga del 2006. Sembra
ai danni di 4 turisti sudcoreani e della loro guida che al-Raymi incarni la fazione più dura all’interno
yemenita, mentre nel mese di agosto il gruppo del gruppo17, e nonostante sia stata annunciata a
alzò il tiro tentando di assassinare il capo dell’anti- più riprese la sua cattura o la sua morte (l’ultima nel
terrorismo saudita, nonché Ministro degli Interni, gennaio di quest’anno), al-Raymi nel maggio 2010
Mu|ammad bin N…yif, spingendo la casa reale araba è finito sulla lista nera del Dipartimento di Stato
ad inaugurare un nuovo giro di vite. statunitense smentendo le voci sulla sua possibile
A livello strutturale, a seguito della sua scomparsa.
riorganizzazione AQAP presenta al suo interno Uno dei principali punti di forza di AQAP risiede
modalità piuttosto gerarchiche e una “divisione del tuttavia nel suo apparato religioso, composto
lavoro” ben definita che si snoda attraverso le sue da diverse personalità di indubbia influenza e
basi principali dislocate a Marib, Shabwa e Abyan e particolarmente attive sul piano teologico. Tra
che si estendono fino ad Hadramawt e Hudayda, nella questi figurano Ibr…h†m Sulaym…n al-Rubayš,
costa occidentale dello Yemen. L’organizzazione, trentenne saudita di Buraydah considerato il
composta perlopiù da yemeniti e sauditi, ha un principale ideologo del gruppo, ed ¼Adil al-Abab, i
leader politico che fornisce una direzione generale cui scritti appaiono spesso sul giornale del gruppo,
al gruppo, un capo militare che pianifica i dettagli Ÿada al-Mal…|im. Negli ultimi mesi è poi emersa
operativi, un apparato di propaganda particolarmente un’altra personalità legata ad al-Q…¼ida nella
efficace e sviluppato ed un ramo religioso che offre penisola araba, una figura che sembra già destinata
una prospettiva ideologica e teologica in linea con a diventare un punto di riferimento non solo per la
i dettami del movimento salafita-jihadista globale. stessa organizzazione, ma per l’intero movimento
Per quanto riguarda la leadership di AQAP si è già salafita-jihadista. Il suo nome è Anwar al-Awlaq†.
detto di N…¡ir al-Wa|ayš†, l’ex segretario di Bin L…
den, il quale garantisce al gruppo un collegamento
diretto con la cupola di al-Q…¼ida in Pakistan. Questa

15 Ibid.
16 Faloja1.net, January 25.
17 Barak Barfi, Yemen on the brink? New American Foundation, Gennaio 2010, p.3.
14
Al-Qa’ ida in Yemen:
una storia ventennale

Anwar al-Awlaq†, l’ideologo di al-Q…¼ida che autorità statunitensi di essere un organizzazione


influenza i musulmani d’occidente di facciata creata per finanziare al-Q…¼ida. L’ente
venne tra l’altro fondato dallo sceicco yemenita
Nato nel New Mexico, ma di origini yemenite, e leader della Iman University of Sana’a ¼Abd
al-Awlaq† è uno dei personaggi attualmente più al MaÞ†d al-Zind…n†, leader spirituale del partito
discussi nei circoli dell’antiterrorismo di tutto yemenita dell’Isla| (formazione politica vicina ai
il mondo. Presentato da alcuni come il nuovo Fratelli Musulmani), il quale nel 2004 venne inserito
Os…ma Bin L…den e da altri come la principale nella lista Specially Designated Global Terrorist
minaccia per la sicurezza degli USA, il religioso del Dipartimento del Tesoro USA con l’accusa di
yemenita si presenta in realtà come il perfetto reclutare potenziali terroristi per conto di al-Q…
esempio del moderno “predicatore on-line” capace ¼ida18. Negli anni successivi Awlaq† divenne im…m
di sfruttare le infinite possibilità offerte dalla presso la moschea Dar al-Hijrah in Virginia, dove
rete informatica per tradurre in realtà le sue idee entrò in contatto con due degli attentatori dell’11
estremiste. Una serie di recenti attacchi perpetrati settembre del 2001, finendo ben presto nei radar
sul suolo statunitense, tra i quali il massacro di Fort dell’antiterrorismo statunitense pur senza essere
Hood del novembre 2009 ed il fallito attentato di incriminato di alcun reato. Nel 2002 lasciò il paese
Detroit del dicembre di quello stesso anno, sono per trasferirsi a Londra dove continuò con la sua
stati ricollegati proprio all’opera di proselitismo attività religiosa organizzando e partecipando a
realizzata da al-Awlaq†, suggerendo come che il varie conferenze. Dal 2004 Awlaq† si sposta nello
religioso, ormai perfettamente inquadrato proprio Yemen, dove inizia ad insegnare presso la già citata
tra i ranghi di al-Q…¼ida nella penisola araba, sia Università di Sana’a. Nel 2006 il religioso venne
passato da un semplice ruolo ideologico ad uno arrestato dalle autorità yemenite perché sospettato
più operativo. Non solo i suoi messaggi ed il suo di mantenere legami con al-Q…¼ida. A testimonianza
lavoro sono ampiamente disponibili nei vari siti del crescente interesse di Washington nei suoi
radicali islamici della rete internet, ma il religioso confronti, durante i 18 mesi di detenzione viene più
ha anche un suo blog, “Imam Anwar’s Blog”, volte interrogato da agenti dell’FBI. I mesi trascorsi
tramite il quale i visitatori possono contattarlo per in cella sembrano tra l’altro aver contribuito a
chiedergli suggerimenti. Circostanze queste che, radicalizzare ulteriormente al-Awlaq† rafforzando la
unite al carisma di al-Awlaq†, hanno contribuito sua fede jihadista. Nonostante avesse già mostrato in
ad offuscare il confine, un tempo facilmente passato la propria contiguità nei confronti del credo
identificabile, tra predicatore e terrorista. Prima del salafita-jihadista, fu proprio dopo la sua liberazione
massacro di Fort Hood, quando il Maggiore di fede che il religioso iniziò a difendere la necessità di
musulmana Niÿ…l ðassan aprì il fuoco contro i suoi una lotta violenta appellandosi al Þih…d contro
commilitoni uccidendo 13 persone, al-Awlaq† era l’Occidente19. In seguito alla sua scarcerazione
uno dei tanti im…m statunitensi impegnato in varie al-Awlaq† è praticamente scomparso dalla scena
moschee sparse nel paese. Dopo aver ricevuto parte pubblica, pur continuando a pubblicare messaggi
della sua educazione nello Yemen, al-Awlaq† aveva sulla rete. Sul web il religioso yemenita ha iniziato
infatti proseguito i suoi studi negli USA prima di a propugnare l’idea del Þih…d quale farÿ ¼ayn20,
recarsi in Afghanistan: un viaggio questo che con dando il via ad un processo di radicalizzazione
tutta probabilità contribuì alla sua formazione ideologica che trova il suo apice nel gennaio del
ideologica. Una volta rientrato a San Diego, tra il 2009 con la pubblicazione di un articolo di cruciale
1998 ed il 1999 Awlaq† divenne vice presidente importanza, “44 modi per sostenere il Jihad”, e di un
della Charitable Society for Social Welfare, ramo libello in sei parti, “Costanti nel Sentiero del Jihad”,
di un ente caritatevole yemenita sospettato dalle diventata la sua opera più famosa e disponibile nei

18 Anwar al-Awlaki: pro al-Qa’ ida ideologue with influence in the West, NEFA Foundation, 5 febbraio 2009.
19 Christopher Heffelfinger, Anwar al-Awlaqi: Profile of a Jihadi Radicalizer, CTC Sentinel, marzo 2010.
20 Nel diritto islamico con questo termine si vuole indicare un obbligo individuale da adempire per ogni musulmano.
15
3
Al-Qa’ ida in Yemen:
una storia ventennale

principali forum di internet. In quest’ultima opera Awlaq† è stato associato a diversi complotti che da
Awlaq† legge il testo arabo dello Šay² Y™suf al- Canada, USA, Somalia e Gran Bretagna sono finiti
¼Uyayree, considerato uno dei più noti ideologi tutti inevitabilmente nello Yemen, una circostanza
di al-Q…¼ida, e lo traduce in inglese, aggiungendo questa che suggerisce quanto sia forte l’influenza
i suoi commenti su ciò che il testo significa per i esercitata da questo religioso nell’inspirare gli
musulmani. Diversi analisti considerano questa islamisti radicali.
serie di letture alla stregua di una “bibbia virtuale” Al-Awlaq† è stato per più di dieci anni un predicatore
per i radicali islamisti, grazie alla capacità di Awlaq† per i musulmani di tutto il mondo, ma ora, oltre ad
di fornire una giustificazione al Þih…d individuale, essere diventato un reclutatore per al-Q…¼ida nella
di condensare in poche parole ed in perfetto inglese Penisola Araba (come dimostra il caso di F…r™k
la strategia di al-Q…¼ida e di renderla disponibile ¼Abd al-Mu¥¥alab, il nigeriano che il 25 dicembre
per un pubblico molto più ampio rispetto a quello 2009 ha tentato di far esplodere un aereo di linea
raggiunto in precedenza dalla stessa propaganda diretto a Detroit), si sta presentando come uno
qaedista.21. È tuttavia significativo il fatto che dei massimi ideologi del neo-salafismo di stampo
in queste due opere sul Þih…d, Awlaq† prenda in jihadista a livello globale.
prestito il lavoro di ideologi ben conosciuti, ed a
questo si deve parte della sua popolarità. Di Y™suf
al ¼Uyayree si è già detto, mentre per quanto Al-Q…¼ida tra salafismo, tradizione e società
riguarda i “44 modi per sostenere il Jihad” è chiaro tribale yemenita
il riferimento ai “29 modi di servire e partecipare
al Jihad” di Mu|ammad bin A|mad al-S…lim L’interrogatorio di ¼Umar F…r™k ¼Abd al-Mu¥¥alab
(peraltro non menzionato nel testo di Awlaq†). ha rivelato come quest’ultimo abbia trascorso
Tuttavia la forza di questo religioso yemenita diverso tempo nello Yemen (qui avrebbe ricevuto
nato negli USA risiede nella facile divulgazione il suo addestramento), come prima di compiere
e nell’altrettanto semplice comprensione del suo l’attentato frequentasse regolarmente il sito web
messaggio rivolto prevalentemente ad un pubblico di Awlaq†. F…r™k ¼Abd al-Mu¥¥alab si sarebbe
giovane, che non conosce la lingua araba, e che inoltre recato nel paese arabo proprio su invito di
appartiene prevalentemente a quella comunità Awlaq†, il quale avrebbe poi assunto il ruolo di
musulmana sparsa per il mondo alla quale Awlaq† contatto con i militanti di al-Q…¼ida nella Penisola
appare evidentemente in grado di fornire delle Araba. L’episodio ha alimentato diversi dubbi, e
risposte sulla base della propria esperienza preoccupazioni, sul fatto lo Yemen possa trasformarsi
personale. Appare inoltre importante sottolineare in un regime in stile talebano, o in una nuova
come il suo incredibile successo all’interno del roccaforte di al-Q…¼ida dalla quale i muÞ…hid†n
web derivi soprattutto dalla sua abilità nello potranno ideare e perpetrare nuovi attacchi contro
sfruttare le potenzialità della rete utilizzando forum gli Stati Uniti e l’Occidente. Tuttavia l’obiettivo
estremamente popolari come Facebook o YouTube. ultimo di al-Q…¼ida, che è quello di stabilire
Attraverso questi canali il maggiore Niÿ…l ðassan un Califfato Islamico, rischia di non coincidere
e il nigeriano F…r™k ¼Abd al-Mu¥¥alab sono stati esattamente con le priorità delle tribù yemenite
evidentemente indottrinati prima di colpire, o tentare che potrebbero considerare ingombrante nel lungo
di colpire, i loro obiettivi, proiettando al-Awlaq† termine la presenza dei salafiti qaedisti. In altre
nella cerchia di quei personaggi che secondo la CIA parole, non è escluso che anche nello Yemen possa
è legittimo eliminare pur di contrastarne la spinta ripresentarsi una situazione di contrapposizione tra
estremista. Del resto negli ultimi mesi il nome di al-

21 Katherine Zimmerman, Militant Islam’s Global Preacher: The radicalizing effect of Sheikh Anwar al Awlaqi, marzo 2010,
American Enterprise Institute.

16
Al-Qa’ ida in Yemen:
una storia ventennale

quell’internazionalismo caratteristico di al-Q…¼ida, governo di Sana’a e resistano alle pressioni dello


al quale AQAP sembra effettivamente vincolato, ed stato intenzionato a controllare il loro territorio,
il localismo tribale yemenita fatto di specificità non mentre il secondo ha apertamente esortato le tribù
solo culturali, ma anche religiose. Uno scenario yemenite a comportarsi come i fratelli di Pakistan
simile ha del resto già condizionato le esperienze e Afghanistan e sostenere al-Q…¼ida ed il Þih…d: “
jihadiste dall’Afghanistan all’Iraq, dove l’utopistico Oh nobili e coraggiose tribù dello Yemen , recita
obiettivo di riunire la umma intera sotto la bandiera un messaggio del febbraio 2009 “potete permettere
di un nuovo Califfato Islamico improntato ai dettami che lo Yemen diventi il fulcro della Crociata contro
di un neo-salafismo che bolla come pericolose le i Paesi musulmani?....non siate i sostenitori di Ali
bid¼a22 dell’Islam puro, si è scontrato con realtà Abdullah Salih, l’agente dei Crociati, sostenete i
differenti fatte di tradizioni locali radicate da secoli vostri fratelli Mujahidin23”. La retorica di AQAP
che hanno dato vita a forme altre, ma non per tende a dipingere la violenza statale, alle prese non
questo imperfette, di vivere la religiosità islamica. solo con la minaccia terrorista ma anche con quella
Lo Yemen è del resto un Paese caratterizzato da una secessionista, come direttamente indirizzata nei
società fortemente tribale regolata da un complesso confronti delle tribù, presentando di conseguenza
sistema di logiche e leggi interne, ed AQAP, nella le ambizioni jihadiste di rovesciare un governo
sua veste di attore sostanzialmente esterno con corrotto e apostata in linea con le resistenze tribali nei
una chiara e definita agenda operativa, rappresenta confronti della spinta statale. Il gruppo tende inoltre
una minaccia a questi meccanismi. Se le cellule di a sfruttare l’ampia insoddisfazione radicata a livello
AQAP continueranno a crescere tentando di imporre sociale nei confronti del governo enfatizzando la
la loro politica, automaticamente tenderanno a sua natura oppressiva ed il suo unico interesse nel
richiedere un territorio più vasto per organizzare le rimanere al potere, esortando le tribù ad unirsi alla
proprie roccaforti e le proprie strutture operative. sua causa in nome di un presunto ideale comune.
Tuttavia un maggiore controllo del territorio potrà Tuttavia legittimando se stessa come possibile
significare una maggiore contrapposizione con le alternativa all’attuale regime, l’organizzazione da
tribù, poiché queste ultime verrebbero relegate ad per scontata un’assunzione automatica del modello
24
uno status subordinato in palese contrasto con la politico jihadista all’interno della società tribale ,
tradizionale autonomia che ne contraddistingue la tralasciando le differenti interpretazioni del credo
struttura sociale e la stessa storia. islamico che effettivamente dividono i due attori.
AQAP sta cercando di distruggere l’attuale All’interno della regione medio orientale il
sistema politico yemenita, forte anche della palese salafismo ha guadagnato una crescente importanza
debolezza del regime di ¼Al† ¼Abdall…h Ÿ…le|, e di negli ultimi decenni, specialmente in alcuni paesi
crearne un altro al suo posto, ma per raggiungere come l’Arabia Saudita dove una versione politica
tale obiettivo è costretta a cooptare gli strati tribali del salafismo, conosciuta come ¡a|wa, si è imposta
della società yemenita proprio in quelle aree dove come significativo movimento sociale. Nello
il gruppo terroristico ha i propri santuari. Tanto il Yemen, tuttavia, la versione principale del salafismo
leader di AQAP, al-Wa|ayš†, quanto Ayman al- è caratterizzata da un’apparente posizione apolitica,
®aw…hir†, il numero due di al-Q…¼ida, hanno del sviluppatasi nel corso degli anni ‘80 grazie all’opera
resto dimostrato di aver compreso quanto la società di Muqbil bin H…d† al-W…di¼i ed all’istituto Dar al-
tribale yemenita sia cruciale all’interno del sistema Hadith nella città di Dammaj. Il religioso, educato
di autorità e potere del paese. Il primo si è appellato in Arabia Saudita, rimarrà ambiguamente legato
più volte alle tribù perché si sollevino contro il all’establishment politico yemenita fino alla sua

22 Dall’arabo letteralmente “innovazioni”.


23 Ayman al-Zawahiri: Da Kabul a Mogadiscio, messaggio del 22 febbraio 2009.
17
3
Al-Qa’ ida in Yemen:
una storia ventennale

morte, nel 2001, contribuendo alla diffusione di politica, mentre i jihadisti assumono una posizione
diversi centri religiosi nel Paese improntati sul militante e sostenendo come il contesto mondiale
suo credo25. Ebbene, la principale caratteristica attuale richieda l’utilizzo della violenza e del Þih…
di questa versione del salafismo, conosciuta come d27. Una strategia estremamente differente che
purista, include la rivendicazione di fedeltà nei automaticamente si trasferisce anche sul piano
confronti dei governanti, che si tratti di un am†r, politico. Quando nel maggio 2009 al-Wahayshi ha
di un re o di un presidente, anche qualora lo stesso annunciato il proprio sostegno alla popolazione del
governante sia considerato ingiusto o corrotto. Sud dello Yemen nella sua lotta per staccarsi dallo
Allo scopo di preservare i musulmani dal conflitto stato centrale, il leader di AQAP ha comunque
attraverso il disimpegno politico, al-W…di¼i credeva mantenuto una cornice di riferimento jihadista,
al contrario di poter giocare un ruolo più attivo sottolineando come la legge islamica sia l’unico
nel cambiamento delle politiche statali attraverso modo per superare le ingiustizie prodotte dal
i consigli privati nei confronti del governante26. governo. La tradizionale insistenza salafita riguardo
Queste posizioni differiscono chiaramente da altre l’unità della umma è tuttavia in aperto contrasto con
versioni del salafismo, come quello professato da la spinta locale di un movimento secessionista28, e
al-Q…¼ida, soprattutto se consideriamo come questa AQAP non può sostenere una frattura all’interno
forma di salafismo apolitico generalmente condanni della umma se la sua missione è quella di stabilire un
la violenza e gli attacchi contro i civili. Non a caso Califfato internazionale. Tentare di unire obiettivi
al-W…di¼i, sin dagli anni ‘90, è stato sempre contrario internazionalisti ad un’ideologia locale è spesso
alla strategia jihadista tanto a livello globale quanto una strategia contraddittoria. AQAP, consapevole di
all’interno dello Yemen, arrivando a criticare questa contrapposizione, cerca tuttavia di spostare
apertamente anche Os…ma Bin L…den, e sempre questa competizione sul piano ideologico, ad
non a caso il presidente Ÿ…le| ha sempre tentato esempio utilizzando spesso un |ad†Å del Profeta per
di cooptare i religiosi salafiti per legittimare il suo enfatizzare i legami tra la missione del proselitismo
potere consapevole della loro docilità politica. islamico e lo Yemen: “Quando Allah mi ha inviato
É bene comunque sottolineare come questa per la mia missione, mi posizionò con la faccia
contrapposizione non riguardi principalmente la rivolta verso la Siria e le spalle verso lo Yemen
sfera del credo religioso in se, ma interessi in larga e disse: Tu farai per me della Siria un luogo di
parte il livello strategico-politico, estendendosi fino bottino e sostentamento e dello Yemen un luogo di
all’interpretazione del mondo contemporaneo ed profondità strategica e rinforzi29”.
alle differenti soluzioni proposte ai problemi ad esso Le tribù non costituiscono infine un blocco
connessi. Come sapientemente osservato da Quintan monolitico all’interno della società tribale, ma sono
Wiktorowicz, la differente analisi contestuale dei più che altro gruppi frammentati. Le loro priorità
testi sacri ha prodotto una tripartizione all’interno sono condizionate da lotte intestine che di volta in
della comunità salafita tra puristi, politici e volta determinano la ricerca di un aiuto esterno in
jihadisti. I puristi pongono l’accento sui metodi grado di aumentare il peso della loro influenza. Di
non violenti di proselitismo, sulla purificazione e conseguenza il possibile sostegno nei confronti di
sull’importanza dell’educazione; i politici puntano al-Q…¼ida non è una questione scontata, ed in più
sull’applicazione del credo salafita nell’arena di un’occasione diverse tribù hanno promesso al

24 Sarah Phillips, al-Qa’ida, The Tribes and State Building, Carnagie Papers, marzo 2010.
25 Laurent Bonnefoy, Salafism in Yemen: a Saudisation?, London, Hurst, 2008, p. 245-262.
26 Laurent Bonnefoy, Deconstructing salafism in Yemen, CTC Sentinel, Gennaio 2010.
27 Quintan Wiktorowicz, Anatomy of the Salafi Movement, Studies in Conflict and Terrorism, 2006, p. 208.
28 Barfi, op. cit., p. 13.
29 Sada al-Malahim, v.2, v.6 e v. 7.
18
Al-Qa’ ida in Yemen:
una storia ventennale

governo l’espulsione dell’organizzazione dalle


proprie aree d’influenza in cambio di concessioni
politiche in chiave autonomista. In questo contesto
un rapporto ambiguo con AQAP permette alle
tribù di utilizzare il gruppo terroristico come uno
strumento per esercitare pressioni sul regime, nella
speranza che i colpi inflitti al governo possano
spingere Sana’a ad adottare politiche più favorevoli
nei loro confronti, costringendo il presidente Ÿ…
le| ad assumere una posizione difensiva che di
conseguenza contribuisce a preservare l’autonomia
tribale. AQAP ha del resto affrontato la questione
di questo rapporto conflittuale in diversi numeri di
Eco delle Battaglie evocando alcuni esempi storici
nei quali i musulmani hanno concesso rifugio ai loro
correligionari perseguitati. Tuttavia il sostegno o la
tolleranza concesse dalle tribù yemenite ad AQAP
risiedono su considerazioni di opportunismo politco
più che ideologiche. Alcuni clan tribali supportano
il gruppo per esprimere la loro disaffezione con il
governo, altri cercano di utilizzare AQAP come uno
strumento in chiave anti-governativa o addirittura
contro altre tribù. Al-Q…¼ida è quindi solo l’ultimo
di una serie di gruppi che si sono opposti al governo
di Sana’a e che hanno ricevuto il sostegno tribale.
In passato le tribù hanno cercato il sostegno degli
atei marxisti e dei baathisti iracheni, ed ora lo fanno
con al-Q…¼ida. Tuttavia l’obiettivo qaedista di
stabilire un Emirato Islamico basato su una rigida
ed anacronistica interpretazione del Corano e della
Sunna, contrasta in ultima istanza con tradizioni e
pratiche tribali di una società che nonostante sia
ancorata alla dottrina salafita, appare lontana ed
estranea all’estremismo professato dai jihadisti.

19
3
Cisip

Cosa è il CISIP
IN QUESTO NUMERO:
Il Centro Italiano di Studi sull’Islam Politico è un
progetto di ricerca nato e sviluppatosi in seno alle
attività del Think Tank internazionale di Equilibri. Islam e nazionalismo:
Compoasto da giovani ricercatori universitari movimenti, organizazioni e partiti nel mondo
coadiuvati da autorevoli collaboratori di riconosciuta contemporaneo
competenza, il C.I.S.I.P. è stato creato con uno scopo
preciso e chiaro: studiare, analizzare ed esaminare la
religione islamica nella sua declinazione maggiomente La Fitna all’interno del mondo islamico
discussa ma decisamente peggio interpretata: la
politica.

Marco Di Donato
Laureato presso la Facoltà di Studi Arabo-islamici
e del Mediterraneo dell’Università degli studi
di Napoli “L’Orientale”, con una tesi di natura
sperimentale sul movimento di resistenza islamico di
Hamas. Attualmente è Dottorando di ricerca presso
l’Università degli Studi di Genova dove svolge
attività di ricerca nell’ambito del corso di dottorato
in Pensiero politico e Comunicazione Politica. Fra
le sue pubblicazioni un saggio concernente lo studio
politico, sociale ed ideologico del movimento
islamico palestinese di Hamas per la casa editrice
Utet. Dal 2007 collabora con
Equilibri.net all’interno del Desk Medio Oriente ed
attualmente è coordinatore responsabile del Centro
Italiano di Studi sull’Islam Politico.

Ludovico Carlino
Laureato presso la Facoltà di Scienze Politiche
dell’Università La Sapienza di Roma e specializzato
Equilibri S.r.l. - Sede legale:
in Relazioni Internazionali, ha ottenuto un Mphil Via Vigevano 39, 20144 Milano
in Analisi e Prevenzione del Terrorismo presso Tel. +39 028360642 Fax. +39 0258109661
Email info@equilibri.net
l’Università Rey Juan Carlos di Madrid. Attualmente
è PhD Candidate presso questa Università con una
tesi di ricerca sulle linee evolutive della presenza CISIP WORKING PAPER
CISIP Working Paper n.1
jihadista in Italia ed Europa, e svolge attività di Inserto online del quotidiano Equilibri.net
ricerca sul terrorismo internazionale presso il Centro Registrazione presso il Tribunale di Firenze del 19 Gennaio
2004 numero 5320
Alti Studi per la Lotta al Terrorismo ed alla Violenza
Politica di Roma dove collabora nell’ambito del Tutti i diritti riservati: è permesso l’uso personale dei
contenuti pubblicati da Equilibri.net solo a fini non
programma I.C.T.A.C. (International Counter commerciali. L’utilizzo commerciale, la riproduzione, la
Terrorism Accademic Community). Dal 2008 pubblicazione e la distribuzione può avvenire solo
previo accordo con Equilibri S.r.l..
collabora con Equilibri.net all’interno del Desk
Medio Oriente ed ha all’attivo diverse pubblicazioni SERVER LOCATION:
C/O Telnet S.r.l., Via Buozzi, 5 27100 Pavia
riguardanti il terrorismo jihadista e salafita. Equilibri S.r.l. è una società del gruppo Bridge That Gap.
Bridge That Gap Group: Via Vigevano 39, 20144 Milano
Tel. +39 028360642 Fax. +39 0258109661

20