Sei sulla pagina 1di 35

CRONACHE di NAPOLI WWW.CRONACHEDINAPOLI.

ORG
Il quotidiano indipendente dell’informazione partenopea
Direzione, redazione: LIBRA EDITRICE soc. coop. a r.l., S.S. Sannitica km. 19,800 - Centro Tamarin - 81025 Marcianise (Ce) - Tel. 0823.581055 - 0823.581005 - 0823.821165 - Fax 0823.821725 Anno XII - Numero 109
Prezzi di vendita in abbonamento: sette numeri a settimana: annuale Euro 230,00; semestrale Euro 120,00; trimestrale Euro 65,00 - Arretrati Euro 2,00 - Concessionaria esclusiva per la pubblicità: Mercoledì 21 Aprile 2010
Publikompass Spa - Via dell’Incoronata, 20/27 - Napoli Tel. 081/4201411 - Poste Italiane S. p. A. spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/04 n. 46 art. 1 comma 1 DCBC Napoli) Sant’Anselmo d’Aosta Vescovo
Ufficio diffusione: Spreading Service - Via Epomeo, 63 - Napoli - Tel. 081.7283439-7672382 Euro 1,00

Afragola Modestino Pellino, 44 anni, scovato dai carabinieri in una palazzina nel centro storico

Stanato latitante dei Moccia


Ricercato dal 2008. Ritenuto il capozona a Frattamaggiore, Frattaminore, Caivano, Cardito e Crispano
Sono dei Tribunali, Pendino, Da sinistra
Mario
Razziarono 17 Rolex per un valore di 200mila euro
Mercato, Porto ed Afragola Mazza, Vin-
cenzo Tra- Rapina a Cremona, dentro in 4
Il colpo a segno nella gioielleria montano e
Cuocolo Sono di Caivano e di Arzano
‘Giannotti’ al Borgo Orefici Maurizio
In alto da
sinistra

Banda del buco, in cinque in manette


verso
destra
Pasquale
Cristiano e
Angelo


Il bottino ed altri preziosi per circa 200mila euro rinvenuti NAPOLI - Un lunga e difficile indagine si Vivace
è conclusa con l’arresto di cinque rapinatori In basso
in un ‘covo’ dopo le indagini della polizia nell’ottobre 2008 che - il diciannove giugno del 2008, con la da sinistra
Ciro Oliva
tecnica del buco - svaligiarono la gioelleria
e Vincen-


‘Giannotti’ in via Borgo Orefici realizzando


I gioielli furono esposti nei locali della caserma Iovino un bottino di circa duecentomila euro. zo Sorio
Modestino Pellino
A Pagina 17 e ben 83 visitatori rientrarono in possesso dei loro monili A Pagina 11 A Pagina 16

Cercola, S. Anastasia, Nola, Marigliano e Brusciano Rione Sanità La famiglia è ritornata nell’abitazione al Largo Donnaregina dopo il provvedimento del Nop
Camorra, il pm invoca
mille anni per 75 imputati Revocata la protezione ai Misso
Il capostipite Umberto: siamo dei morti viventi, dopo il pentimento di mio figlio se usciamo di casa ci ammazzano
Sono considerati capi e gregari dei Russo,
Pianese, Di Domenico, Rega e Ruocco Acerra In 14 a giudizio, proposti 15 anni per il collaboratore Delli Paoli e 24 a Mariniello per l’omicidio De Falco Giugliano
Furto all’Asl,
Delitto Borzacchiello, chiesti 12 ergastoli
In alto da sinistra
trafugata
la macchinetta
verso destra:
Pasquale Di
per pagare
Salvatore Russo Pasquale Russo Giuseppe Iovino
Fiore, Impero De
Falco,
il ticket
Elvira De Falco, All’interno c’erano
Giovanna Terrac-
ciano
circa 10mila euro
Umberto Misso
e Carmine Afelba.
In basso da sini-
A Pagina 15 A Pagina 13
stra verso destra:
Antonio Di Fiore,

Pasquale Nota Pasquale Carotenuto Domenico Romano


Sebastiano Fran-
zese, Antonio
Processo ai Sarno, Panico
A Pagina 21 Luggesi, Antonio
Papa
e Vincenzo Papa
e Piscopo Gallucci: risarcimento
NAPOLI A PAGINA 5 A Pagina 18 di 15 milioni alle parti civili
Rifiuti, autocompattatori fermi Dosi di cocaina
per la protesta di sette persone: Discarica abusiva a Marano, Casalesi, ucciso il fratello nel contenitore
della spazzatura,
ora la ditta è a rischio denuncia otto persone finiscono nei guai di un boss a Villa di Briano acciuffati in due
MARANO - I carabinieri NAPOLI - Un regola- a San Giovanni
NAPOLI A PAGINA 6
ed il personale dell’Arpac
hanno denunciato per
inquinamento ambientale
mento di conti. Crescenzo
Laiso, di Trentola Ducen-
ta, fratello maggiore di uno
Uno è di Marigliano,
l’altro è di Portici
Bilancio, discussione tranquilla: otto persone: in via del
Mare avevano allestito una
dei fedelissimi del clan
Schiavone, Salvatore detto
Il pm D’Onofrio
A Pagina 14 A Pagina 13
Iervolino supera la prima prova discarica di rifiuti, materia-
li di risulta provenienti
‘Chicchinos’, sarebbe stato
giustiziato per un tradi- Regione, ancora incertezza sui ricorsi
Forse domani il ‘via’ definitivo dalle operazioni di costru-
zione del manto stradale.
mento. Il delitto a Villa di
Briano, nel Casertano. Il provvedimento era atteso per ieri
La discarica a Marano A Pagina 20 Crescenzo Laiso A Pagina 10 A Pagina 7

Ercolano Svelati i retroscena dell’inchiesta Grumo Nevano Un commerciante costretto a pagare 450 euro per 30 colombe pasquali
Le minacce avanzate dalla cosca: a
chi non si affilia con noi, morirà
ERCOLANO - Per impor-
Estorsione, in 2 dietro le sbarre 3
GRUMO NEVANO - Un
re le proprie regole, una
cosca deve incutere terrore.
Calcio Napoli duplice arresto è stato messo
a segno dalla polizia. I due
Boscotrecase - L’uomo è titolare di una pescheria in città
Lo fa per assicurarsi che i
commercianti paghino il
Lavezzi fermati, già saliti agli onori
delle cronache per spaccio
Nascondeva una mitraglietta Skorpion in casa, preso DOMENICA 30 MAGGIO 2010
pizzo, ma anche per far
capire che durante una guer-
e Hamsik di stupefacenti, sono stati
sottoposti a fermo di polizia Ai domiciliari BOSCOTRECASE -
Detenzione illegale d’arma Regionalizzazione Alla manifestazione potranno partecipare
ra di camorra bisogna deci- all’assalto giudiziaria in quanto grave-
per stalking, da guerra. Questa l’ipotesi di
reato che ha portato all’arre- graduatorie, tutti gli atleti tesserati F.C.I., U.D.A.C.E.,
U.I.S.P. e Enti di promozione sportiva e cicloamatori
dere con chi stare. Imprendi- mente indiziati del reato di
tori, esercenti e ‘guaglioni’ del tabù estorsione aggravata e conti- va a ‘spasso’: sto di un trentaquattrenne,
amministratore di una ditta scatta la protesta in regola con la Federazione di appartenenza
per l’anno 2010, appartenenti a tutte le categorie,
visti in compagnia di soldati nuata - in concorso - con il
della fazione opposta ven- Cagliari metodo camorristico. Per gli spedito in cella del settore del commercio dei prof precari di ambo i sessi in età dai 15 anni in su
gono così schedati e convo- inquirenti sono due espo- ittico all’ingrosso. Nascon- LEGGI LE INFORMAZIONI COMPLETE
cati per essere ‘avvertiti’.
E Mazzarri sogna la Champions nenti del clan Aversano. Il trentanovenne di Acerra deva un mitra in casa. Critiche degli insegnanti:
e il record personale di punti in A A PAGINA 31 OPPURE SUL SITO
intercettato a Pomigliano è una proposta assurda
Alle Pagine 27, 28 e 29
www.granfondodelvolturno.it
A Pagina 25 A Pagina 19 A Pagina 18 A Pagina 12 A Pagina 8
CRONACHE di NAPOLI CRONACHE di NAPOLI
S.S. Sannitica km. 19,800
81025 Marcianise - Caserta
Tel. 0823.581055 - 0823.581005
- 0823.821165
Sito web: www.cronachedinapoli.org

Pagina 2
CRAOttualità
NACHE S.S. Sannitica km. 19,800
81025 Marcianise - Caserta
Tel. 0823.581055 - 0823.581005
- 0823.821165
Sito web: www.cronachedinapoli.org

Mercoledì 21 Aprile 2010

In serata vertice del partito a palazzo Grazioli: una proposta che non ha senso, richieste confuse ed annacquate
I fatti del giorno
Fini ‘lancia’ la propria corrente Cosenza
DALL’ITALIA...

Arrestato l’assessore provinciale Ruffolo del Pd


Il presidente della Camera: resto nel Pdl, ma Berlusconi accetti il dissenso
di Mario di Napoli nuova”. Che, però, porterà con sé un Alleanza nazionale e di Forza Italia e
COSENZA - L’assessore provinciale ai Lavori pubblici di
Cosenza Pietro Ruffolo del Partito democratico è stato arre-
stato per detenzione abusiva di armi. L’arresto di Ruffolo, che
interrogativo ancora irrisolto: “Il dis- di convocare un nuovo congresso. Senato, l’emendamento del governo alla commissione Giustizia è anche assessore comunale a Rende, nel Cosentino, è stato
ROMA - Resta, ma non tace. Semmai senso interno può esistere o siamo il Riaffermando la scelta “irreversibile” fatto nel corso di una perquisizione disposta dall’Antimafia
organizza quel dissenso all’interno del
Popolo della Libertà a cui vuol dare
partito del predellino? Spero che il
premier accetti che esista un dissenso,
del Pdl, che vogliono rafforzare
“restando all’interno”. Si tratta, per Intercettazioni solo con gravi indizi nell’ambito di un procedimento penale per usura. Nella sua
casa trovate due pistole ereditate dal padre e mai denunciate.
voce. Se gli verrà permesso, ovvia- vedremo quali saranno i patti consen- ora, di quarantuno deputati e di trenta-
mente. Gianfranco Fini ha raccolto i
suoi fedelissimi ed ha rilanciato le cri-
titi a questa minoranza interna. Sarà il
momento della verità”. E se alcuni
tré senatori, oltre al sindaco di Roma
Alemanno. Nel pomeriggio il Cavalie-
Carcere e multe per chi le pubblica Rovigo
tiche al Popolo della Libertà (“deve giornali grideranno al tradimento, sap- re ha convocato il vertice di maggio-
ROMA (Tiziana dell’Isola) - L’autorizzazione alle E’ in bancarotta, s’impicca e ‘ringrazia’ i creditori
intercettazioni può essere chiesta quando sussistono
essere libero e non può essere il parti- piano che “nove volte su dieci chi ranza. Alla riunione hanno partecipato gravi indizi di reato e “l’assoluta indispensabilità” di ROVIGO - Prima d’impiccarsi nel garage della sua abita-
to nato dal Predellino”) negando però davanti ti dice sempre ‘sì’, poi dietro ti i ministri Roberto Calderoli e Rober- queste per la prosecuzione delle indagini. E’ quanto pre- zione ha scritto un biglietto in cui ha chiesto scusa ai figli ed
di aver posto questioni “personalisti- tradisce”. Una lunga riflessione messa to Maroni, Altero Matteoli, Angeli- vede l’emendamento presentato dal governo al disegno ha ‘ringraziato’ le tre persone che, non avendogli mai dato i
che” o di “organigramma”. Fini vede nero su bianco su un documento che no Alfano, la vicepresidente del Sena- di legge intercettazioni uno, ora all’esame della com- soldi che gli dovevano, hanno causato il suo dissesto finan-
un partito che, visto il rapporto privile- hanno firmato cinquantacinque parla- to Rosy Mauro, Denis Verdini ed il missione Giustizia del Senato. Tra governo e maggio- ziario spingendolo a togliersi la vita. E’ la triste storia del
giato con la Lega, si muove con scarsa mentari. Il testo finale riconosce Fini sottosegretario Aldo Brancher. Giunti ranza sono stati presentati dodici emendamenti. Due cinquantenne Dario Brazzo, imbianchino di Villadose, in
“attenzione alla coesione sociale del quale rappresentante della componente anche Alemanno, Sandro Bondi e sono stati depositati in commissione Giustizia dal sotto- provincia di Rovigo, dove abitava con la moglie ed i figli.
paese”. Poi ha avvertito: “Non penso interna al Pdl e frena “il solo parlare Paolo Bonaiuti, Gasparri, Fabrizio segretario alla Giustizia Giacomo Caliendo e circa
a scissioni od a elezioni e non cerco di scissioni e di elezioni anticipate”. Cicchitto e Gaetano Quagliarello.
poltrone: ma non ho intenzione di Con questo mandato il presidente della “Non credo che sia una cosa che si
dieci sono quelli firmati dal relatore Roberto Centaro.
Eliminando dal testo gli “evidenti indizi di colpevolez-
Torino
stare zitto e farmi da parte”. Svanita Camera si presenterà giovedì alla dire- può ipotizzare, non ha alcun senso”: è za”, si può disporre intercettazioni anche nei procedi- Montezemolo lascia, Elkann nuovo presidente Fiat
quindi l’ipotesi dei gruppi autonomi. zione. Dentro al partito, però, molti stato quiesto il commento scaturito in menti a carico di ignoti. Per poter intercettare, però, è
Si è concretizzata invece la nascita di nomi illustri hanno prese le distanze serata dal vertice, dove le richieste del necessario che l’utenza sia intestata (od effettivamente TORINO - Luca Cordero di Montezemolo ha lasciato la
una corrente di minoranza che vede in dal loro ex leader: Ignazio La Russa, presidente della Camera sono state in uso) od all’indagato o ad una terza persona che, già presidenza della Fiat. L’annuncio è stato dato ieri. Dopo sette
Fini il suo leader. Fini è partito così: Maurizio Gasparri, Gianni Aleman- definite “confuse ed annacquate”. emersa dalle indagini come a conoscenza dei fatti per i anni, Montezemolo ha lasciato il timone a John Elkann, che
“Ci sono dei momenti in cui bisogna no, solo per citarne alcuni. Proprio Alla domanda su come si possa impe- quali si procede, si ritiene ne farà uso per conversazioni ha seguito da vicepresidente la rinascita dell’azienda di Tori-
guardarsi allo specchio”. Ha richia- quella componente si è mobilitata fir- dire la formazione di una corrente, il o comunicazioni che riguardino i fatti oggetto dell’inda- no. Montezemolo rimarrà nel consiglio d’amministrazione e
mato Ezra Pound quando ha detto mando un documento in cui si chiede partecipante ha aggiunto: “Non si può gine. Il principio vale anche per le riprese visive. I luo- manterrà la carica di presidente della Ferrari. Oggi Sergio
che “bisogna essere disposti a rischia- di superare “definitivamente” le impedire nulla, come non si potrebbe ghi sottoposti a sorveglianza devono appartenere od Marchionne illustrerà il nuovo piano dei prodotti.
re per le proprie idee”. Ed ha detto di “quote di provenienza” tra gli ex di impedirgli di andersene”. essere utilizzati dall’indagato o da persone diverse sem-
volero fare senza esitazioni: “Questo è pre che risultino, dalle indagini, già a conoscenza dei Reggio Calabria
il momento. Questa è una fase compli- L’ex patron Parmalat al processo di Milano: sono solo oggi più che mai fatti. L’emendamento prevede inoltre che “chiunque
cata, non ce la facevo più a porre sem- fraudolentemente effettui riprese o registrazioni di Tenta di uccidere l’ex capo, la pistola s’inceppa
pre le stesse questioni a Silvio Berlu- comunicazioni e conversazioni a lui dirette o comunque

Tanzi chiede perdono


REGGIO CALABRIA - Tragedia sfiorata a Reggio Cala-
sconi”. Le questioni Fini le ha elencate effettuate in sua presenza, sia punito con la reclusione bria. Il trentacinquenne Fortunato Pennestrì ha tentato di
l’una dopo l’altra. A partire dalla man- da sei mesi a quattro anni”. La punibilità, si legge anco- uccidere a colpi di pistola il direttore del supermercato che
canza di “proposte precise sulle rifor- ra nella proposta di modifica, è esclusa quando dalle l’ha licenziato, ma l’arma si è inceppata dopo il primo colpo
me”, ai contrasti “politici e non perso- riprese o dalle registrazioni emerge una notizia di reato e andato a vuoto. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine,
nali” con Giulio Tremonti (“senza di MILANO - L’ex patron di Parma- dosene promotori, quali aspetti dei questa viene tempestivamente comunicata all’autorità
lat Calisto Tanzi ha reso dichiara- finanziamenti di loro interesse cela- giudiziaria. Chi pubblica in tutto od in parte atti o docu- aveva con sé anche un caricatore di riserva, ma è stato bloc-
lui saremmo come la Grecia”), al rap- cato ed arrestato da una pattuglia intervenuta sul posto.
porto con la Lega “che è un alleato zioni spontanee nel processo mila- re al mercato, ed in che modo”. E’ menti di un procedimento penale di cui sia vietata per
importante ma non può essere il domi- nese d’appello per il crac del grup- questa la riflessione di Tanzi, impu- legge la pubblicazione, è punito con l’arresto fino a due
nus della coalizione”. Con la decisa po di Collecchio. “Sono un uomo tato per aggiotaggio. Ha voluto mesi o con l’ammenda dai due ai diecimila euro. Se ad DAL MONDO...
negazione di tramare ai danni del pre- oggi più che mai solo”, ha detto “ribadire con fermezza che soltan- essere pubblicato è il contenuto delle intercettazioni, si
mier: “Non credo di avere attentato al Tanzi e “chiedo perdono a chi per to la consapevolezza che mi deriva- applica l’arresto fino a due mesi e l’ammenda dai quat- Kabul
partito od al governo dicendo che su questa causa ha sofferto senza va dagli elementi” di conoscenza tromila ai ventimila euro. La condanna comporta anche I tre medici di Emergency tornati a casa ieri sera
alcuni temi c’è una distanza politica”. colpa”. “Io continuo a rivendicare “da parte degli istituti di credito la sospensione temporanea dall’esercizio di una profes-
Guarda alla direzione del Pdl di gio- che Parmalat non fosse una grande delle reali condizioni finanziarie sione o di un’arte. Identiche le pene per chi pubblica KABUL - I tre operatory di Emergency sono partiti ieri mat-
vedì, il presidente della Camera. Se da truffa”, ha affermato l’imprendito- del gruppo Parmalat mi ha indotto riprese e registrazioni, “salvo che il fatto costituisca più tina da Kabul, diretti a Roma, via Dubai. Marco Garatti,
quell’appuntamento uscirà “una pattu- re, che ha puntato il dito contro le a continuare in un’attività, com- grave reato”. Sarà inoltre il tribunale a decidere l’appli- Matteo dell’Aira e Matteo Pagani sono stati accompagnati
glia minoritaria in polemica con la banche, responsabili di aver emesso mettendo un errore di valutazione”. cabilità delle intercettazioni, e non più il giudice per le dall’inviato speciale della Farnesina Massimo Iannucci e
maggioranza”, significa “che ci sarà bond spazzatura. “Gli istituti di L’imprenditore ha aggiunto che indagini preliminari. Se si intercetta qualcuno che con- dal consigliere giuridico Rosario Aitala. In serata l’arrivo in
un confronto aperto”. Ed allora, ha credito finanziatori hanno contri- invece sarebbe servito “un decisivo versa con un parlamentare, sarà necessaria comunque Italia dei tre. “Hanno preso la decisione giusta”, ha spiegato
buito ed alcune volte ideato, facen- intervento di ripianamento”. l’autorizzazione della giunta di Camera o Senato. l’ambasciatore d’Italia a Kabul Claudio Glaentzer.
continuato Fini, si aprirà “una fase
CRONACHE di NAPOLI
Attualità Mercoledì 21 Aprile 2010
3
TRAGEDIA Tragedia improvvisa Il luogo del dramma I soccorsi del ‘118’ Aperta un’indagine

IN VACANZA

LA SITUAZIONE

Le due giovani romane erano sull’isola per frequentare una scuola di vela. Il dramma mentre attendevano il loro turno per l’esercitazione in mare

Crolla un costone di tufo, morte due ragazzine


Avevano tredici e quattordici anni: si trovavano sulla spiaggia di cala Rossano a Ventotene
di Dario De Rossi dichiarato lo stato di calamità. “Ditemi che non è di questo tipo”. Il gruppo di ragazzi si trovava
lei, non può essere”. Così la madre di una delle sulla spiaggia in attesa di salire a bordo dei ‘Vau-
LATINA - Due ragazze di tredici e di quattordici due ragazzine morte ha gridato il suo dolore rien’, piccole derive scuola, sulle quali avrebbero
anni, Francesca Colonnello e Sara Panuccio, quando ha saputo della tragedia. La donna si era dovuto fare lezione. Era stata messa in sicurezza
sono morte a Ventotene a causa del crollo di un recata a scuola per avere notizie. Urlando ha un anno fa la parete rocciosa che si trova sulla
costone venuto giù all’improvviso da una parete sbattuto i pugni sulla porta di vetro ferendosi. spiaggia di cala Rossano. Secondo il sindaco
di tufo sulla spiaggia di cala Rossano. Erano con “Ho visto due enormi massi di tufo staccarsi Assenso, non era possibile prevedere la tragedia.
altri coetanei che partecipavano alla ‘settimana all’improvviso dalla parete rocciosa, ho visto La scorsa estate, in un’altra zona dell’isola, una
azzurra’, una scuola di vela che opera nell’isola quei massi travolgere le ragazze”, ha detto Mat- turista romana rimase ferita da un masso crollato
pontina. Tutti frequentano due classi diverse teo Valle, geologo ed accompagnatore della da uno scoglio mentre faceva il bagno. La spiag-
della scuola media statale ‘Anna Magnani’ di via ‘Mediterranea Viaggi’, che stava con gli studenti gia dove è avvenuta la tragedia non era mai stata
del Fontanile Anagnino a Morena, una borgata sulla spiaggia di cala Rossano. “I massi di tufo soggetta ad interdizioni ed era normalmente fre-
alla periferia di Roma. Una delle due ragazze è sono caduti perpendicolarmente alla spiaggia, quentata. I carabinieri - che stanno seguendo le
morta sul colpo, l’altra è stata rianimata sul una spiaggia che l’amministrazione comunale indagini, coordinati dalla procura della Repubbli-
posto, ma non ce l’ha fatta. Altri due studenti - un considera sicura - ha aggiunto il geologo con la ca presso il tribunale di Latina - hanno effettuato
ragazzo ed una ragazza - sono rimasti feriti e tra- voce rotta dal pianto - il crollo è avvenuto istan- rilievi fotograffici e video della zona, che è già
sportati in elicottero al pronto soccorso di Latina. taneamente, niente lasciava presagire una cosa stata sottoposta a sequestro.
La ragazza - la quattordicenne Atena Raco - ha
rimediato una grave lesione al bacino, ma senza
complicazioni agli organi interni, ed ha subìto un Lo schianto all’alba di ieri sulla tratta Roma-Viterbo all’altezza di Prima Porta. Linea interrotta, autobus sostitutivi
delicato intervento chirurgico. Anche la tibia ed il
I fatti del giorno
Tamponamento tra treni, 140 feriti
perone sinistro sono fratturati. Il primo a soccor-
rerla ed a stabilizzare la frattura è stato il sindaco
di Ventotene Geppino Assenso, che è ortopedi-
co. Altri feriti, ma in modo lieve, sono stati inve- DALL’ITALIA...
ce medicati nel poliambulatorio di Ventotene. Il ROMA (Simone Santomartino) - Sono circa centoqua- via libera, ha spiegato, il treno non può neanche uscire dal
resto della comitiva, insegnanti compresi, sono ranta i feriti, tutti lievi, provocati da un tamponamento tra deposito. A quanto si è appreso il personale del treno non Milano
riusciti a non essere coinvolti dal crollo, perché - due treni sulla linea Roma-Viterbo, in località La Celsa, sarebbe rimasto ferito. A bordo circa trecento persone. Il Erba, confermati gli ergastoli per Olindo e Rosa
essendosi accorti della frana - sono riusciti ad all’altezza della Flaminia a Prima Porta. L’incidente Comune di Roma ha chiesto di MILANO - Cinque ore di camera di consiglio per arrivare
allontanarsi in tempo. Il gruppo era arrivato sul- intorno alle sette di ieri mattina. Secondo una prima rico- aprire una commissione interna al verdetto. I giudici della corte d’Assise d’Appello di Mila-
l’isola lunedì e sarebbe tornato a Roma domenica struzione, un convoglio era fermo ed il secondo è soprag- perché vengano accertate cause no hanno confermato l’ergastolo per i coniugi Olindo
prossima. “Non ci siamo accorti di niente, solo giunto, tamponandolo. Una carrozza è deragliata. Chiara e modalità dell’incidente. La Romano e Rosa Bazzi, condannati in primo grado dalla
un grande fragore e poi la roccia ci è piombata la dinamica dell’incidente. Il primo treno era rimasto circolazione dei treni tra Monte- corte d’Assise di Como per la strage di Erba, avvenuta l’un-
addosso. Ma dove sono gli altri, come stanno”, bloccato nella stazione di La Celsa con le porte che non si bello (nei pressi di Prima Porta) dici dicembre del 2006 ed in cui furono assassinate quattro
ripete in continuazione Riccardo Serenella, richiudevano quando è stato tamponato. Da accertare il e piazzale Flaminio a Roma è persone. Confermato anche i tre anni d’isolamento diurno.
quattordici anni, che se l’è cavata con una distor- perché si sia verificato il guasto alle porte ed il perché non stata interrotta. Sulla tratta urba-
sione alla caviglia. Al pronto soccorso di Latina ci sia stata nessuna segnalazione. Ci vorrà comunque na sono stati attivati bus sostitu- Alessandria
ha raccontato la sua esperienza: si trovava con gli qualche giorno per accertare le cause del tamponamento. tivi. Riattivata la tratta della fer-
altri sulla spiaggia di cala Rossano, in attesa del Fuoco sull’autobus, paura per venticinque bimbi
E’ quanto si apprende da Atac, che ha spiegato che è rovia regionale Roma-Civitaca- ALESSANDRIA - Un principio d’incendio su un autobus,
suo turno per salire sulle barche a vela a bordo necessario ora tirar fuori i dati del sistema di controllo di stellana-Viterbo tra piazzale
delle quali tutti stavano facendo addestramento, con venticinque scolari genovesi a bordo, ha provocato
marcia. Riguardo alla manutenzione ed ai controlli dei Flaminio e Grottarossa. Atac ha attivato un servizio sosti- momenti di panico ieri sull’autostrada ‘A26’, tra Masone e
nell’ambito della ‘settimana azzurra’, un circolo treni, Atac ha reso noto che vengono seguite scrupolosa- tutivo di navette tra Grottarossa e Montebello, mentre da
velico che organizza corsi a Ventotene. La presi- Ovada, nell’Alessandrino. Sono tutti riusciti a scendere
mente le indicazioni del ministero dei trasporti. Senza il Montebello in su il servizio procede regolarmente. mentre l’autista, con l’estintore di bordo, spegneva le fiam-
dente della Regione Lazio Renata Polverini ha
me. L’autobus trasportava la scolaresca di una elementare
di Genova, che doveva visitare il museo egizio di Torino.
Emergenza nei cieli Riaperto lo spazio aereo della maggior parte dei paesi europei, ma restano gli strascichi della crisi. Nuova nube verso l’Inghilterra DAL MONDO...

Si ritorna a volare, l’incubo è alle spalle ROMA (Claudio Traiano) - Dopo la notizia che una nuova nube si dirige
Bangkok
Italiano ucciso: morto dopo una rissa col trans
BANGKOK - Qualche parola di troppo con un transessuale,
poi la rissa finita in tragedia, con la morte per emorragia qual-
che ora dopo in ospedale. E’ questa l’ultima ricostruzione
cinque giorni di caos - che ha interes- verso la Gran Bretagna. Dalle otto di della morte di Simone Teneriello, il ventottenne di Castelfi-
sato milioni di passeggeri - i cieli ieri mattina, la gran parte dei paesi dardo, in provincia di Ancona, ucciso all’alba di sabato matti-
europei stanno gradualmente riapren- europei ha comunque revocato le na a Phuket, una delle principali località balneari della Thai-
do, come previsto dall’accordo rag- restrizioni dei voli imposte da giovedì landia. Fermato il trentaquattrenne Sathid Boonnuchit.
giunto lunedì dai ministri dei Trasporti scorso alle compagnie aeree. Air
dell’Unione europea. Quanto all’Ita- France prevede una “ripresa norma-
Estrazione Martedì 20 Aprile 2010 lia, i primi voli sono partiti da Fiumi- le” di quelli a lunga tratta dagli aero-
cino (due per Milano ed uno per porti parigini di Roissy e di Orly, così
Amsterdam) e dagli scali di Malpensa come di gran parte dei voli interni.
BARI 43 5 84 90 48 e Linate (collegamenti nazionali). Il Anche Italia, Scozia, Irlanda, Belgio,
CAGLIARI 88 72 29 55 26 che non significa che anche ieri non ci Lussemburgo e Svizzera hanno
FIRENZE 74 43 67 41 38 siano state molte cancellazioni: solo a cominciato a riavviare il traffico. Nuo-
Fiumicino ieri mattina i voli saltati vamente aperta anche l’Olanda anche Concorso di Martedì 20 Aprile 2010
GENOVA 47 83 45 90 48 sono stati circa cento. A metà mattina- se “non a tutti i voli”. L’Inghilterra ha
MILANO 49 58 82 86 4 ta Eurocontrol ha fatto sapere che “il aspettato il pomeriggio di ieri, la Ger- Conc. Ora Combinazione vincente Numerone

NAPOLI 28 32 8 44 80 75 per cento degli scali europei è aggiunto, ricordando che in ogni caso mania ha prorogato la chiusura fino 1418 08:00 1 3 4 7 9 11 12 15 17 20 2
aperto ed oggi (ieri per chi legge, ndr) la decisione finale sull’operatività dei alle otto di ieri sera. Il ritorno alla nor- 1419 09:00 3 5 8 9 12 13 14 15 16 19 8
PALERMO 29 79 17 71 50 volerà fino al 50 per cento degli voli spetta ai governi. E molti hanno malità in Europa è previsto non prima 1420 10:00 2 4 7 8 9 11 12 14 17 20 6
ROMA 54 67 36 20 48 aerei”, corrispondenti a 14mila voli. preferito aspettare. La Norvegia e di domani, sempre che l’eruzione non 1421 11:00 1 2 3 4 5 8 9 12 13 14 15
TORINO 55 5 64 71 66 Brian Flynn, vicecapo unità dell’or- l’Ungheria hanno chiuso di nuovo aumenti d’intensità. Secondo il British 1422 12:00 5 7 8 9 11 12 13 14 19 20 12
ganismo di controllo, ha precisato che parte del loro spazio aereo, la Polonia national air traffic service, è già acca- 1423 13:00 1 5 6 8 9 11 13 14 18 19 12
VENEZIA 33 55 11 4 53 parecchi aerei hanno volato anche ha confermato il blocco degli scali, duto: “L’eruzione in Islanda si è 1424 14:00 1 2 11 12 13 14 16 17 18 19 12
NAZIONALE 16 22 75 21 24 nella zona ‘gialla’, ovvero quella l’Irlanda ha aspettato, per riaprire, le rafforzata ed una nuova nuvola di 1425 15:00 2 3 7 9 10 11 15 16 17 20 6
cosiddetta ‘tampone’, nella quale i due di ieri pomeriggio, la Finlandia cenere si dirige verso Sud-Est, in dire- 1426 16:00 1 3 5 6 8 9 12 13 15 20 5
voli sono condizionati alle verifiche. aspetterà le otto di stamattina e la zione del Regno Unito”, ha comunica- 1427 17:00 1 2 4 5 6 9 11 12 16 20 5
10 e LOTTO “Non è stato riscontrato alcun proble- Danimarca le due. L’allarme alimen- to l’organismo. Smentita invece la 1428 18:00 4 5 7 12 14 15 16 17 19 20 7
5 28 29 32 33 ma, sono solo i modelli teorici che tato dalle ceneri del vulcano islandese notizia secondo cui si era risvegliato 1429 19:00 1 3 4 5 7 8 9 14 18 19 7
43 45 47 49 54 hanno mostrato potenziali rischi”, ha non è quindi cessato. E’ di lunedì sera un altro vulcano islandese, l’Hekla. 1430 20:00 1 2 5 12 14 15 16 17 19 20 15
55 58 67 72 74
79 82 83 84 88
CRONACHE di NAPOLI
Numero Superstar
CRONACHE di NAPOLI TAGLIANDO PER RICHIESTA ABBONAMENTO Il quotidiano indipendente dell’informazione partenopea

4 14 40 41 54 79 50 55 Il quotidiano indipendente dell’informazione partenopea Direttore Responsabile:


DOMENICO PALMIERO
Direttore Editoriale:
PINO DE MARTINO
JOLLY _ sottoscritt_ __________________________________________
www.cronachedinapoli.org Società editrice: Libra Editrice soc. coop. a r.l.
MONTEPREMI 65.432.499,29 EURO chiede di sottoscrivere un abbonamento a CRONACHE di NAPOLI
Direzione e redazione:
S.S. Sannitica, 87 km. 19,800 - Centro Tamarin- 81025 Marcianise (Ce)
Tel. 0823.581055 - 0823.581005 - 0823.821165 - Fax 0823.821725
nessun "punti 6" - Spedire il tagliando
 TRIMESTRALE  SEMESTRALE  ANNUALE Iscritta AGCI al n. 13738

Ai 2 "punti 5+" 335.109,46 euro e la copia del versamento effettuato Testata registrata con il n. 5086 del 9/11/1999 presso il Tribunale di Napoli
sul conto corrente postale n. 59384925 EURO 65,00 EURO 120,00 EURO 230,00 La testata beneficia dei contributi diretti di cui alla Legge n° 250/90 e successive modifiche ed integrazioni
Ai 19 "punti 5" 26.456,01 euro Stampa: Grafic Processing S.R.L. Z. I. Acerra - Agglomerato A.S.I. Pantano
in busta chiusa, al seguente indirizzo:
Ai 1.648 "punti 4" 305,01 euro e di poterlo ricevere al seguente indirizzo: 80011 Acerra (NA)
Ufficio diffusione: Spreading Service - Via Epomeo, 63 - Napoli - Tel. 081.7283439-7672382
Ai 56.680 "punti 3" 17,73 euro
LIBRA EDITRICE Via/Piazza___________________________________________________
E-mail: cronachedinapoli@yahoo.it
Concessionaria esclusiva per la pubblicità: PUBLIKOMPASS SpA
Via dell’Incoronata, 20/27 - Napoli - Tel. 081.4201411 - Fax 081.4201431
nessun "5 stella" - soc. coop. a r.l.
TARIFFE EDIZIONE NAZIONALE Euro
Agli 8 "4 stella" 30.501,00 euro S.S. Sannitica, 87 - Km. 19,800 Cap_______ Città_____________________________________ 4/c
b/n
Commerciali 41,00 62,00
Ai 227 "3 stella" 1.773,00 euro 81025 Marcianise - Caserta Autorizzo al trattamneto dei dati ai sensi del Dlgs. 196/03 Ricerche di personale 39,00 56,00
Ai 4.119 "2 stella" 100,00 euro Info: 0823/581055 - 581005 Comunicazione d'impresa 54,00 81,00
Pr.(____) ___/___/___ TARIFFE PICCOLA PUBBLICITA'
Ai 27.136 "1 stella" 10,00 euro


Necrologio testo a parola - -


info@cronachedinapoli.org Firma______________________ -
Adesioni a parola -
Ai 60.246 "0 stella" 5,00 euro Croce - -
4 Mercoledì 21 Aprile 2010
Campania CRONACHE di NAPOLI

I fatti del giorno


Avellino
Spacciava fuori scuola, incassa due anni di cella
AVELLINO - Nell’agosto scorso fu arrestato mentre spac-
ciava droga davanti ad alcune scuole di Avellino. Ieri il qua-
GRAZZANISE rantenne è tornato in carcere. Nei suo confronti è stata emes-
sa un’ordinanza di carcerazione per detenzione e spaccio di
Tra gli arrestati c’è anche Alfonso Cacciapuoti, considerato dagli inquirenti il referente della cosca degli Schiavone sostanze stupefacenti. Dovrà scontare due anni ed un mese
di reclusione. I carabinieri hanno arrestato l’uomo che anche
in passato era finito in carcere per vicende analoghe. Fu fer-

Estorsioni e rapine, dentro in sei


mato proprio mentre consegnava droga ad alcuni ragazzi.
Capaccio
Sgomberato il terreno dei clan occupato dal fattore
CAPACCIO - Sgombero coatto di un terreno appartenuto
alla camorra. E’ quanto accaduto ieri mattina a Capaccio,

E’ l’ultimo atto delle indagini che portarono in cella pure il figlio del boss
di Stella Bruni persone, tra cui la moglie ed il figlio
nel Salernitano, in località Chiorbo-Caiarda. L’appezza-
mento agricolo, delle dimensioni di oltre dodicomila metri
quadrati, confiscato alle cosche nel 2004, era stato infatti
occupato dall’agricoltore del posto C.D.R., nonostante
maggiore del capo-zona Cacciapuoti, MONTAGUTO fosse stato assegnato all’associazione ‘Verso la vita’, che
GRAZZANISE - Alfonso Caccia- che operavano attivamente sul territo- si occupa del recupero di giovani tossicodipendenti.
puoti, il 52enne ritenuto il referente a
Grazzanise del clan degli Schiavone;
rio commettendo numerose estorsioni.
Avviata nell’ottobre 2006, a seguito La polemica del deputato del Pd Bordo: il governo si è mosso lentamente Benevento
Gianluca Fulgido, 37 anni, Giovanni della denuncia sporta presso la stazio- Stalking alla ex, ventiseienne finisce in manette
Izzo, 44 anni, Antonio Mercadante,
32 anni; Gioacchino Tucci, 53enne
sono stati incastrati in carcere ieri
mattina da un’ordinanza di custodia
cautelare, emessa dalla procura della
ne di Grazzanise da un imprenditore
agricolo, e proseguita grazie ad atti-
vità tecniche supportate da numerosi
riscontri, l’attività ha consentitodi
ottenere un’aggiornata visione delle
Frana, pure il Genio in campo
MONTAGUTO (Clara di Francesco) - na dell’area. L’undicesimo reggimento
BENEVENTO - Ieri la polizia ha arrestato, a Marano di
Napoli, un ventiseienne in esecuzione di un’ordinanza di
custodia cautelare in carcere. Il giovane è accusato di stalking,
violazione degli obblighi d’assistenza inerenti la potestà geni-
Il dipartimento della Protezione civile ha genio guastatori di Foggia è inquadrato toriale, rapina, lesioni e violazione di domicilio. Dalle indagi-
Repubblica di Napoli su disposizione attività criminali e dell’articolazione ni è emerso che il ventiseienne, dal 2009 fino al marzo del
della direzione distrettuale antimafia interna del clan dei Casales” facente chiesto il concorso delle forze armate per nella brigata corazzata ‘Pinerolo’, con sede
far fronte all’esigenza della frana che sta a Bari. “Mi attendo dal governo atti con- 2010, ha posto in essere azioni persecutorie a carico della ex,
napoletana, per i reati di associazione capo a Francesco Schiavone San- commerciante trentottenne della provincia di Benevento.
per delinquere di tipo mafioso finaliz- dokan e ai suoi familiari e che si interessando il territorio di Montaguto, in creti e notizie certe innanzitutto sulle risor-
zata alle estorsioni, alle rapine in occupava, in un vasto settore della provincia di Avellino, con conseguente se da stanziare per superare l’emergenza Solofra
danno di autotrasportatori ed altro. Le provincia di Caserta, della gestione “a interruzione della tratta stradale e ferrovia- ed avviare la ricostruzione delle opere
stesse accuse sono state mosse anche tappeto” delle estorsioni ai danni di ria tra le province di Benevento e Foggia. pubbliche sepolte sotto centinaia di metri Lavoro nero nella conceria illegale, una denuncia
nei confronti di Salvatore Di Gio- operatori commerciali ed imprenditori Dopo la ricognizione tecnica ed operativa cubi di terra”. Lo ha affermato Michele SOLOFRA - Lavoro nero ed irregolarità nello smatimento
vanni, trentasei anni di Mondragone, edili, in danno di agricoltori per la condotta dal comandante dell’undicesimo Bordo alla vigilia del question time - in dei fumi industriali. Per questo i carabinieri hanno sequestrato
che ieri è stato raggiunto dai carabi- restituzione di trattori agricoli nonché reggimento genio guastatori di Foggia, programma alle tre di oggi pomeriggio - in
colonnello Ezio Bottoni, con il capo della cui sarà discussa l’interrogazione presenta- una conceria. Nell’azienda i militari dell’Arma hanno riscon-
nieri della stazione di Grazzanise, di rapine in danno di autotrasportato- trato l’assenza di autorizzazioni per l’emissione di fumi indu-
coordinati dal comandante Baldas- ri. La stessa attività ha dimostrato la Protezione civile Guido Bertolaso, è stata ta dal deputato del Partito democratico per
definita la tipologia d’intervento da attuare. sapere quali azioni saranno intraprese per striali, dei placet sanitari e dei certificati di agibilità ed anticen-
sarre Nero, e spedito nel carcere di recente espansione del gruppo camor- dio. Durante i controlli è emerso che i dipendenti non erano
Santa Maria Capua Vetere. Il provve- ristico oggetto d’interesse nella zona Già da domenica scorsa la task force del “far fronte ai drammatici effetti che la più
genio, costituita da circa centotrenta milita- grande frana attiva d’Europa ha provoca- mai stati sottoposti ai controlli medici ed a corsi di formazio-
dimento è “l’ultimo atto” (l’indagine di Capua e paesi limitrofi, a seguito ne, né avevano ricevuto dispositivi di sicurezza individuale.
della Dda è stata così denominata) di dei provvedimenti giudiziari eseguiti ri e cinquanta mezzi, ha iniziato a dispie- to al confine tra Puglia e Campania”.
una complessa e articolata attività dall’Arma che hanno decimato il garsi nell’area interessata dallo smotta-
mento per ripristinare le condizioni di via-
“Fino a questo momento - ha continuato
Bordo - il governo non ha certo brillato
Salerno
investigativa svolta sul territorio di gruppo criminale predominante fino a
Grazzanise e dei comuni limitrofi, in pochi mesi fa in quell’area, ha con- bilità del traffico stradale e ferroviario. per reattività: l’emergenza è stata dichia- Raid al distributore di benzina, via con l’incasso
particolare Santa Maria La Fossa e sentito di scongiurare un attentato L’intervento operativo consiste nel fornire rata quaranta giorni dopo l’interruzione SALERNO - Prima di entrare in azione hanno atteso l’im-
Sant’Andrea del Pizzone, dagli uomi- esplosivo alla stazione sarabinieri di un concorso tecnico e specialistico alla dei collegamenti ferroviari e, a due anni brunire. Poi, approfittando di un momento di sosta nel lavoro
ni dell’Arma della compagnia di Grazzanise e nel mese di maggio Protezione civile, svolgendo un’attività di dalla chiusura della strada statale ‘90’, del gestore, poco prima delle otto di ieri sera, hanno fatto scat-
Santa Maria coordinati dal capitano 2009 ha registrato l’omicidio di tre monitoraggio e drenaggio della frana, ministri e parlamentari di destra hanno tare il piano per rapinare il distributore di benzina ‘Agip’ di
Carmine Rosciano. L’ultimo atto dei elementi organici al gruppo Modesti- ripristino dei canali di scolo, approntamen- preferito polemizzare con la giunta regio- via Irno. Tre malviventi, tutti armati di pistola e con il volto
“Cento passi”, altra operazione della no Minutolo, Giovanni Battista Papa to dei siti per lo stoccaggio del materiale nale campana piuttosto che impegnarsi da coperto, hanno compiuto tutto rapidamente, prima intimando
fangoso, sgombero della massicciata stra- subito nelle attività indispensabili a proce-
Dda, portata a termine nel luglio del e Francesco Buonanno, a seguito di dale e ferroviaria ed illuminazione nottur- dere celermente con la ricostruzione”. al benzinaio di consegnare l’incasso, poi fuggendo per fare
2009, quando in cella finirono nove un’epurazione interna al clan. perdere le proprie tracce col bottino di ottocento euro.
S.S. Sannitica km. 19,800 - 81025 Marcianise - Caserta - Tel. 0823.581055 - 0823.581005 - 0823.821165
CRONACHE di NAPOLI CRONACHE di NAPOLI
S.S. Sannitica km. 19,800
81025 Marcianise - Caserta
Tel. 0823.581055 -
0823.581005 - 0823.821165

Sito web: www.cronachedinapoli.org

Mercoledì 21 Aprile 2010


CRONN ACHE
apoli
S.S. Sannitica km. 19,800
81025 Marcianise - Caserta
Tel. 0823.581055 -
0823.581005 - 0823.821165

Sito web: www.cronachedinapoli.org

Pagina 5

RIFIUTI Lunedì notte 400 tonnellate di rifiuti sono rimaste a marcire in strada per la protesta di 7 interinali La protesta

Bloccano gli autocompattatori Sit-in dei precari


della differenziata
fuori San Giacomo
NAPOLI (flo.pir.) -

Ora la ditta è a rischio denuncia Hanno manifestato ieri


sotto Palazzo San Giaco-
mo, mentre nelle stanze
dell’ente di piazza Mat-
teotti si parlava di ciclo
integrati di rifiuti. Sono i
precari del progetto

L’assessore all’Igiene: non possiamo più tollerare Bros, che continuano la


loro azione di protesta
contro chi non li vuole
vedere impegnati nel
di Flora Pironcini gente di quella società era mento delle proprie ore di
presente sul posto per lavoro. Già lo scorso 16 progetto di raccolta dif-
I commenti ferenziata. La delegazio-
NAPOLI - Quattrocento raccogliere le eventuali marzo, quando i precari
tonnellate di rifiuti ieri richieste dei lavoratori ed misero in scena la protesta ne di precari, guidata da
sono rimaste a marcire evitare il blocco dell'auto- incendiando i cumuli di Carlo Leoni del centro
per strada sotto gli occhi parco”, si legge ancora in immondizia e rovesciando Forza Sociale, scelgono
di tutti. E’ la seconda una nota del Comune. i bidoni nel pieno centro di scendere in piazza
volta in meno di un mese “Non possiamo più tolle- della City, da Palazzo San sventolando le bandiere
che accade. Questa è la rare - ha affermato l’as- Giacomo si cercò di tricolore. “E’ cosi che
prova che l’emergenza sessore all’Igiene urbana, avviare delle relazioni con mostriamo alle istituzio-
rifuti in Campania non è Paolo Giacomelli - che la il Prefetto, Alessandro ni il nostro senso di esse-
mai finita ma è stata solo città sia in balìa di qual- Pansa, per esprimere le re italiani e, quindi, di
Paolo Giacomelli essere trattati tutti nello
nascosta. Nella scorsa siasi protesta, in partico- preoccupazioni per quan-
notte, infatti, i compatta- “Valuteremo pene contrattuali lare se riguarda un setto- to accaduto e per l’even- stesso modo. - ha sottoli-
oltre alla denuncia NELLA FOTO L’immondi- neato Leoni - L’ammini-
tori della ditta Eneram- per interruzione re così delicato come la tualità che tali situazioni zia ieri mattina nelle star-
biente, società che gesti- raccolta dei rifiuti. Già a si ripetessero. Ma con de cittadine
strazione comunale non
di servizio pubblico” dà rassicurazioni sul
sce la raccolta e lo smalti- marzo l’Amministrazione quanto successo la scorsa
mento dei rifiuti in parte si era attivata in occasio- notte è sintomo che qual- Giacomelli. Provvedimen- tano. “Quanto è successo dovrebbe assolutamente nostro futuro”. Domande
della città per conto di ne di un episodio simile cosa sia andato storto. ti duri, quindi,quelli che si nuovamente in città è sin- manifestarsi”. Intanto, per che, ad oggi, dovrebbero
Asìa Napoli, sono stati con il Prefetto, le Forze di L’amministrazione comu- metteranno in campo. tomo di un grande equivo- garantire il rapido ritorno essere poste alla Provin-
bloccati da sette manife- Polizia e i dirigenti di nale partenopea, intanto, Azioni volte ad evitare co che trova le basi nel alla normalità di tutte le cia di Napoli a cui sono
stanti di una ditta di lavo- Enerambiente perché vi fa sapere che denuncerà la che blocchi simili si ripe- nuovo dispositivo che tra- zone della città, anticipan- stati trasferiti i compiti
ro interinale. “Né i diri- fosse il massimo impegno ditta Enerambiente. “Per sferisce le competenze do l'inizio del lavoro, l’A- legati ai rifiuti e che, lo
genti di Asia né l’Ammini- e attenzione a evitare il questo stiamo verificando, della gestione dei rifiuti sìa rimuoverà tutti i rifiuti scorso 30 dicembre
strazione Comunale sono ripetersi di tali situazioni. oltre all’applicazione solidi urbani all’ente pro- presenti in strada. La 2009, ha provveduto a
Anche a marzo costituire la società
stati avvisati del blocco Domenico Palmieri Oggi prendiamo atto che delle penali contrattual- viciale. - ha commentato grave conseguenza del
della raccolta da parte non è stato fatto nulla di mente previste, se vi sono per un episodio Domenico Palmieri, con- blocco degli autocompat- Sistema Ambiente Pro-
“E’ il sintomo vincia di Napoli (SapNa
dei responsabili della di un grosso equivoco
quanto richiesto”. Ancora gli estremi per presentare simile il prefetto sigliere comunale del tatori è il segnale che i
Spa) con amministratore
ditta Enerambiente e si è una volta i lavoratori inte- una denuncia per interru- Nuovo Psi - Una situazio- rifiuti, nella nostra regio-
appreso che al momento
nel trasferire la gestione
rinali chiedono il rispetto zione di servizio fu costretto ne che ha dell’assurdo e ne, resteranno sempre un delegato l’ex prefetto
all’ente provinciale” Corrado Catenacci.
della protesta nessun diri- dei loro diritti e il paga- pubblico” ha fatto sapere ad intervenire in questa città non grosso nodo da sciogliere.

LA TARIFFA Nel conteggio delle quote si è tenuto conto dell’impatto della differenziata attivata dagli enti locali Televisioni, materassi e sacchetti dell’immondizia

Tarsu, i Comuni virtuosi pagano meno Chiaiano, la discarica


Cesaro: occorre sinergia tra Sapna e Asìa è lungo le sue strade
NAPOLI (loredana lerose)
- La Provincia batte un
differenziata comunicati dai
92 comuni della provincia di
quantità di rifiuti da conferi-
re in discarica. Ma questi
I COSTI DELLA
colpo e spiega il rincaro Napoli che sono ancora in calcoli non si tramuteranno RACCOLTA RIFIUTI
sulla Tarsu. La gestione dei fase di validazione e che, per necessariamente in
rifiuti è una ‘patata bollente’ questo motivo, alla fine del- aumenti”. Durante la confe- COMUNE TARIFFA COMUNE TARIFFA
tra le mani dell’Ente che, l’anno, quando verranno renza, più volte, poi, è stato PROVVISORIA PROVVISORIA
2010 (E/ton) 2010 (E/ton)
consapevole di muoversi su ricalcolati, potrebbero subire sottolineato l’importante
un terreno scivoloso, ha delle variazioni. “Quella ruolo che dovrà svolgere la Acerra 101,77 Monte di Procida 72,17
fatto outing e per il momen- della gestione rifiuti è una nuova amministrazione di Afragola 100,70 Mugnano di Napoli 100,28
to ha parlato, più che di fatti, grande responsabilità, eco- Palazzo Santa Lucia. In Agerola 98,60 Napoli 99,64
di buona volontà. Ieri matti- nomica e organizzativa, che merito al Piano Regionale di Anacapri 61,52 Nola 91,13
na, il presidente della Pro- ci siamo assunti per il bene gestione dei rifiuti, è stato Arzano 97,60 Ottaviano 98,94
vincia, Luigi Cesaro, il pre- della collettività. - ha affer- sostenuto che esistono solo Bacoli 100,37 Palma Campania 89,31
sidente del Consiglio pro- mato il presidente Cesaro - delle Linee di piano 2010- Barano d'Ischia 94,94 Piano di sorrento 85,23
vinciale, Luigi Rispoli, l’as- Auspichiamo nella piena 2013 per la gestione dei Boscoreale 101,80 Pimonte 101,35
sessore all’Ambiente, Giu- collaborazione con gli altri rifiuti solido urbani, presen- Boscotrecase 94,12 Poggiomarino 93,61
seppe Caliendo, e l’ammi- enti, i Comuni dei nostri ter- tata dalla scorsa amministra- Brusciano 93,58 Pollena Trocchia 98,49 NAPOLI (flo.pir.) - Un fondo di Intanto, soldi pubblici vengono
nistratore delegato della ritori e soprattutto con il zione regionale, che rappre- Caivano 101,16 Pomigliano d'Arco 97,56 200mila euro per permettere la spesi e, ancora una volta a pagarne
Sapna, Corrado Catenacci, Comune di Napoli, al quale sentano un documento di Calvizzano 98,95 Pompei 91,06 rimozione di siti occupati da le conseguenze è l’immagine della
hanno reso noti i costi relati- abbiamo già offerto tutta la carattere generale assoluta- Camposano 90,67 Portici 97,71 cumuli di immondizia, l’impiego città e di quei cittadini onesti che,
vi alla tassa sui rifiuti che nostra disponibilità. La mia mente non esaustivo. Capri 92,98 Pozzuoli 99,18 della polizia municipale per inter- oltretutto, rispettano le leggi e
prevedono un aumento volontà è quella di rafforza- “Voglio apertamente dichia- Carbonara di Nola 81,29 Procida 100,34 cettare chi getta televisioni e rifiuti l’ambiente. Senza, poi, parlare
dell’8%. Tale dato è, però, re la sinergia con Palazzo rare - ha concluso Caliendo Cardito 97,71 Qualiano 101,71 voluminosi per strada, nuove san- della raccolta differenziata porta a
provvisorio poiché stimato San Giacomo e creare una - che in qualità di cittadino Casalnuovo 99,16 Quarto 100,22 zioni e la richiesta al prefetto di porta che dovrebbe essere un fiore
in base ai dati sulla raccolta concertazione operativa tra di questo Stato, ma soprat- Casamarciano 80,74 Roccarainola 79,00 impiegare polizia e carabinieri per all’occhiello per la città dopo lo
la Sapna e l’Asìa”. E’ ormai tutto di cittadino Campano, Casamicciola Terme 90,31 S. Gennaro Vesuviano 101,10 vigilare le discariche abusive. scandalo del 2007. Il ritiro dei
noto che la Provincia di non posso e non potrò mai Casandrino 99,16 S. Giorgio a Cremano 99,06 Questi i compiti principali che il rifiuti, infatti, spesso subisce dei
AVVISI Napoli ha deciso di determi- accettare che la Campania Casavatore 98,35 S. Giuseppe Vesuviano 87,44 sindaco di Napoli, Rosa Iervolino ritardi creando condizioni igienico
LEGALI nare i costi della Tarsu, non diventi una Regione a statu- Casola di Napoli 77,12 S. Paolo Bel Sito 87,77 Russo, qualche mese fa avrebbe sanitarie non delle migliori. Come
publikompass spa attraverso l’adozione di una to speciale per quanto Casoria 99,34 S. Sebastiano al Vesuvio 86,74 messo a punto per combattere i è accaduto ieri in alcune zone del
misura generale, ma attra- riguarda il solo ciclo inte- Castellamare 96,43 S. Vitaliano 89,11 depositi di rifiuti e ingombranti per quartiere dove, forse anche per
TELEFONO 081.4201411 FAX 081.7901216 Castello di Cisterna 97,23 Sant'Agnello 96,09
verso una previsione ponde- grato dei rifiuti. Chiederemo le vie cittadine. Ma basta essere un effetto del blocco degli autocom-
rata che differenzi i costi al neo Presidente della Cercola 91,75 Sant'Anastasia 95,78 po’ più attenti per rendersi conto di pattatori nel corso della notte ad
delle tariffe in relazione al Regione di realizzare subito Cicciano 80,32 Sant'Antimo 99,20 quanto siano ancora sporche le opera di 7 lavoratori interinali,
conseguimento dei migliori il Piano Regionale di Cimitile 85,67 Sant'Antonio Abate 92,12 strade della nostra città. E Chiaia- molti bidoncini per la raccolta dei
risultati raggiunti dai Comu- Gestione dei Rifiuti, così da Comiziano 78,48 Santa Maria la Carità 81,01 no, nota ormai a tutti per la presen- rifiuti indifferenziati non sono stati
ni nell’ambito della raccolta poter procedere rapidamen- Crispano 99,31 Saviano 93,13 za della discarica nella cava del svuotati. E per gli ingombranti non
differenziata. “Abbiamo rite- te alla redazione del Piano Ercolano 96,81 Scisciano 85,34 Poligono, è una delle zone in cui il sempre tutto fila per il verso giu-
nuto di premiare. - ha affer- di Gestione Provinciale e Forio d'Ischia 96,49 Serrara Fontana 99,39 discorso rifiuti si fa più serio. Via sto. A distanza di tre anni dalla
mato Caliendo - i Comuni finalmente attivare la realiz- Frattamaggiore 97,77 Somma Vesuviana 96,42 Fondina e via Cupa Toscanella catastrofe che fece conoscere il
virtuosi, e per essi gli sforzi zazione dell’impiantistica Frattaminore 100,16 Sorrento 81,09 sono le strade dell’eterna immon- lato scuro della città di Napoli,
profusi dai cittadini, nel necessaria per trasformare i Giugliano 101,21 Striano 96,57 dizia. In alcuni punti, sono vere e quindi, non tutto è cambiato. Non
raggiungimento degli obiet- rifiuti da problema ambien- Gragnano 92,32 Terzigno 98,14 proprie discariche abusive. Non si vedono più immensi cumuli di
tivi di corretta gestione dei tale e sociale a risorsa eco- Grumo Nevano 78,59 Torre Annunziata 97,08 c’è giorno, infatti, che qualcuno rifiuti per le strade della città ma,
rifiuti solidi urbani e di nomica ed occupazionale”. Ischia 87,74 Torre del greco 98,58 non venga a depositare rifiuti di ad ogni modo, il sistema che ruota
quelli ad essi equipararti. La Provincia bussa alla porta Lacco Ameno 84,36 Trecase 98,63 ogni genere. Dalle gomme di auto, intorno al ciclo integrato di rifiuti
Tale premialità rappresenta di Palazzo Santa Lucia e Lettere 95,11 Tufino 91,54 a sacconi neri con dentro chissà deve ancora essere messo a punto.
un elemento fondamentale confida nella nuova ammini- Liveri 86,71 Vico Equense 74,71
Marano 102,31 Villaricca 100,18 cosa. Sacchi che, poi, restano per Come ogni cosa è giusto concede-
che potrà concorrere ad strazione per ricevere gli settimane a marcire nonostante le re del tempo per il cosiddetto
incentivare la popolazione indirizzi in base ai quali rea- Mariglianella 90,68 Visciano 88,65
Massa di Somma 86,73 Volla 97,07 ripetute segnalazioni da parte dei ‘rodaggio’ ma, ormai, i mesi pas-
nel raggiungimento di livelli lizzare il proprio Piano residenti. E le azioni previste dal sano e ‘efficienza, capacità di svi-
elevati di raccolta differen- d’Ambito e il Piano Indu- Massa Lubrense 101,53
Melito di Napoli 102,22 sindaco? Dove sono le forze del- luppo ed innovazione’ non sem-
ziata, tanto da poter avere striale delle Società Provin- l’ordine che dovrebbero bloccare brano essere i punti saldi dichiarati
positive ripercussioni sulle ciali da poco costituitesi. Meta di Sorrento 93,82
chi deposita rifiuti per strada? dall’Asia.
6 Mercoledì 21 Aprile 2010
Napoli CRONACHE di NAPOLI

L’ASSESSORE SAGGESE HA ESCLUSO CAMBIAMENTI NELLE AZIENDE MUNICIPALI


L’ASSEMBLEA
DI VIA VERDI Partecipate, non c’è tempo per la riforma
NAPOLI (c.c.) - “Non c’è il per cento. Non si procederà delle partecipate sussistono le
tempo per la riforma delle azien- all’accorpamento di alcune azien- condizioni per abolire del tutto
de partecipate comunali”. Lo ha de municipalizzate, non saranno numerosi consigli di amministra-
L’opposizione accusa: “I conti sostenuto ieri in consiglio comu-
nale l’assessore al bilancio
nominati gli amministratori unici,
non è prevista una forte riduzione
zione e per sostituirli con degli
amministratori unici, il cui man-
non tornano, il documento Michele Saggese. La linea del
rigore che stava portando avanti il
delle consulenze esterne e la revi-
sione dell’albo dei fornitori. “Le
dato non sia continuamente pro-
rogabile - disse l’ex assessore -
contabile non ha considerato professore sannita Riccardo
Realfonzo è stata definitivamente
affermazioni di Saggese offendono
il consiglio comunale che da anni
Le resistenze esterne ed interne al
cambiamento si sono rivelate
l’incremento della Tarsu” liquidata. Ha prevalso ‘la norma-
lizzazione’. Anzi, nei prossimi
chiede la riforma delle partecipa-
te - sottolinea Roberto De Masi
forti e ben radicate. E i contratti
di servizio, per sostituire i paga-
giorni si utilizzerà il manuale consigliere dell’Udc - La realtà è menti a piè di lista, definendo l’o-
Cencelli. Non saranno ridotti i un’altra - aggiunge - Quest’ammi- perato effettivo delle società”.
di Ciro Crescentinii compensi e il numero degli ammi- nistrazione non poteva produrre Dunque è stata sconfitta la linea
nistratori delle partecipate comu- una vera riforma perché questo di rigore e di trasparenza. Palazzo
NAPOLI - La giunta Iervolino nali. Tra l’altro, i ‘salari’ dei avrebbe significato mettere in San Giacomo continuerà a ricicla-
supera la prima prova in consiglio membri dei consigli di ammini- crisi il sistema di potere su cui si re uomini politici o ex assessori
comunale sulla discussione del strazione, in base alle indicazioni fonda il centrosinistra”. Un siste- che hanno fallito all’appuntamen-
Bilancio di previsione 2010. Ma, i delle finanziarie 2007 e 2009, ma di potere denunciato dall’as- to con le urne: i cosiddetti “trom-
conti sono da rifare. “Il documento dovevano essere ridotti del dieci sessore Realfonzo. “Sul versante bati”.
contabile non ha tenuto
conto dell’incremento dei
costi della Tarsu” attacca
l’opposizione. E non finisce La seduta del consiglio comunale per la discussione sulla manovra di previsione 2010 è filata via senza ‘sorprese’ per il sindaco
qui. L’amministrazione di

Bilancio, Iervolino supera la prima prova


centrosinistra ha deciso di
aumentare l’addizionale
comunale Irpef. Le buste
paga dei lavoratori dipen-
denti napoletani saranno
decurtate di 34 euro. Intanto,
la maggioranza di centro
sinistra si ricompatta. Anzi,
si è addirittura allargata.
Infatti, sono tornati all’ovile,
i due consiglieri comunali,
Forse domani l’approvazione. Il primo cittadino: vorrei fare un viaggio al Polo Nord
Raffaele Scala (candidato alle regio-
nali con la Dc ma iscritto nel gruppo IL FOSSATO
Riformisti democratici) e Stefano PIENO DI RIFIUTI
Palomba (iscritto a Democrazia per
la Libertà ma candidato alle regionali
con l’Mpa). Entrambi candidati per il
Maschio Angioino
centro destra alle regionali hanno
fatto il salto della quaglia aderendo di
nuovo al centro sinistra. Hanno per-
ridotto a discarica,
corso la solita ‘strada partenopea’ al
gattopardismo e al trasformismo
interrogazione
politico. Quella che garantisce ‘siste-
mazioni di prestigio’ e posti di sotto-
governo. Assenti, invece, Gennaro
in Consiglio
Centanni ed Emilio Montemarano,
consiglieri ‘dissidenti’ del Pd. Dun-
que, ieri la prima seduta del consiglio
comunale si è terminata senza alcun
problema ascoltando la relazione sul
documento contabile dell’assessore
alle Risorse strategiche Michele Sag-
I ‘POSTI A TAVOLA’
gese. La seduta prevista per oggi è
stata revocata a causa dei funerali
d e l l a NAPOLI (c.c.) - “Signor Sin-
mamma di daco, il Maschio Angioino è
Leonardo NAPOLI (c.c.) - E’ scontro politico ridotto a una discarica a cielo
Impegno
(nella foto),
presidente
del consiglio
comunale,
tra i consiglieri comunali di Napoli del
Pdl e dell’Udeur. La battaglia politica
si è manifestata apertamente in consi-
glio comunale. Ieri mattina, nel corso
della seduta del parlamento cittadino, i
Pdl e Udeur ai ferri corti, poca collegialità aperto”. Ieri mattina, l’inchie-
sta e le foto sul degrado del
principale monumento cittadi-
no pubblicate su ‘Cronache di
Napoli’ è approdata in consi-
morta

Il documen-
to contabile
dovrebbe
la
scorsa notte.
consiglieri Ciro Monaco, Ciro Var-
riale, Pietro Mastranzo e Mariano
Malvano, tutti esponenti del partito di
Mastella hanno denunciato “arrogan-
za ed egemonia” del Pdl assumendo
Per riportare la ‘calma’ intervengono i big glio comunale. Il capogruppo
dell’Udeur Ciro Monaco ha
presentato un’interrogazione
consiliare al primo cittadino di
Napoli. “Bisogna intervenire
e s s e r e
approvato nella seduta di domani.
Saranno accolti emendamenti e
una posizione politica autonoma,
rimanendo in aula e garantendo il
numero legale. “In qualità di capo-
Prima la lite tra i consiglieri, poi il documento unitario delle segreterie urgentemente per rimuovere
dal fossato del Maschio
Angioin, i rifiuti di ogni genere
‘mozioni di accompagnamento’ pre- gruppo consiliare dei Popolari Udeur ne ‘contrattando’ l’approvazione di è corso ai ripari ricucendo il dialogo zione dell’assessore Saggese della differenziati e non, lattine,
sentati dai consiglieri della maggio- - ha detto Monaco - unitamente agli alcuni emendamenti e di una mozione con l’ Udeur. In una nota congiunta - quale ho apprezzato molti spunti di siringhe, vetri, abiti dimessi
ranza e dell’opposizione. “Riteniamo altri componenti, Pietro Mastranzo, di accompagnamento per una ‘gestio- firmata da Marcello Taglialatela verità sulla depositati dietro ai box e alle
insufficiente rispetto alle esigenze dei Mariano Malvano e Ciro Varriale, ne condivisa’ dei lavori per la manu- (Pdl), Ciro Alfano (Udc), Giulio Di situazione gra- baracche dei negozianti di
cittadini più deboli il bilancio predi- abbiamo assicurato la nostra presen- tenzione stradale e l’istituzione di una Donato (Udeur, nella foto a destra), vemente pro- fiori- ha sottolineato Monaco -
sposto dalla giunta” - sostengono za in aula, e non per sostenere il sin- commissione di vigilanza sulle parte- Ugo Grippo (Nuova Dc), Riccardo blematica in Una bidonville con discarica
responsabili provinciali del Prc e del daco Iervolino e la maggioranza di cipate comunali. “Reclamiamo - ha Villari (Mpa), Francesco Zuccaro cui versa è in pianta stabile da mesi, nel-
Pdci, Antonio D’Alessandro e Gia- centro-sinistra, ma prevalentemente sottolineato Monaco - maggior rispet- (Nuovo Psi) - è stata ufficializzata la Napoli come la l’indifferenza di tecnici e
como De Angelis - Proponiamo un per contestare l’arroganza del Pdl, to per il ruolo istituzionale rivestito e costituzione di un coordinamento uni- maggior parte assessori comunali”. Come è
emendamento che dichiari l’acqua che non tiene in debita considerazione per la storia politica del partito di tario dell’opposizione di centro dei Comuni possibile che una realtà del
bene di grande valore sociale, la la valenza politica dei propri alleati ed appartenenza, ragion per cui, in man- destra”. Sul ruolo dell’opposizione è italiani a genere, sotto gli occhi di tutti,
riallocazione dei 2,9 milioni tagliati intende solo imporre la propria strate- canza di una comune strategia di intervenuto il consigliere Roberto De cagione di un continui a ‘sfuggire’ all’atten-
dal fondo compensativo agli aumenti gia disponendo, a comando, l’entrata intenti con il Pdl, che veda coinvolte Masi (Udc): “Noi siamo un’opposi- inattuato fede- zione del sindaco di Napoli
Tarsu; il taglio ai compensi degli o l’uscita dei consiglieri dall’aula”. tutte le forze di opposizione, i consi- zione di centro, autonoma e indipen- ralismo, di una Rosa Russo Iervolino, del-
amministratori delle partecipate in Secondo alcune indiscrezioni trapelate glieri dell’Udeur si riterranno autono- dente che non mercanteggia ma pronti progressiva l’assessore alla cultura Nicola
nome di una politica di moralizzazio- nel corso della seduta del Consiglio, mi nelle scelte da operare”. La posi- a misurarci sui problemi reali che ma inesorabile Oddati, delll’assessore all’i-
ne e di razionalizzazione; la tutela due autorevoli esponenti del Pdl zione dei consiglieri è stata sostenuta interessano i cittadini napoletani”. E contrazione dei trasferimenti e dei giene Paolo Giacomelli, del-
del carattere prevalentemente pub- avrebbero garantito al sindaco un dal leader nazionale Clemente Mastel- il consigliere Fabio Benincasa (Udc): sempre più rigidi vincoli derivanti dal l’assessore al turismo Valeria
blico dei servizi a rete a partire dalla ruolo ‘morbido’ dell’intera opposizio- la. Nel primo pomeriggio di ieri il Pdl “Ho ascoltato con attenzione la rela- patto di stabilità”. Valente? Un piccolo caso che,
Napoletana Gas; la stabilizzazione in una metropoli come Napoli,
degli Lsu e dei lavoratori delle coo- non è per nulla isolato. Ma sta-
volta è il luogo, uno dei fiori
perative di unità sociale per i quali
occorre creare un fondo di rotazione RESTANO BLOCCATI NOVE MILIONI DI EURO PER FAR FRONTE ALL’EMERGENZA all’occhiello della città, ad ali-
che anticipi i fondi nazionali previsti mentare perplessità e rammari-
in finanziaria”. Secondo l’opposizio- co. Tanto da scomodare anche
il ministero per i Beni e le atti-
ne di centrodestra, sono da rifare i
conti del bilancio di previsione. “Il
documento contabile non ha tenuto
conto dell’incremento dell’8% dei
Case famiglia, Comune e Regione vità culturali Sandro Bondi,
che ha chiesto un immediato
intervento della soprintendenza
ai Beni architettonici e ambien-

proseguono nello scaricabarile


costi della Tarsu - ha detto Salvatore
Varriale, consigliere comunale del tali “considerata la posizione
Pdl - Il costo di smaltimento conside- eminente del sito in questione
rato nel bilancio approntato dall’as- molto significativo per la città
sessore Saggese è quello dello scorso e per il suo decoro”. Intanto
anno di 88 euro a tonnellata per un NAPOLI (f.pironcini) - nare lo sfacelo in cui ci tro- te l’utilizzo al superamento secondo quanto detto dal- sacrificali del meccanismo scoppia un’altra polemica.
totale di 39 milioni di euro per 450 Comune e Regione conti- viamo, tagliando rami sec- dell’emergenza e della sof- l’assessore, andranno alle sono però i quasi tremila L’amministrazione comunale
tonnellate di rifiuti smaltiti in città - nuano a fare a scaricabarile chi e spese superflue soprat- ferenza economica in cui strutture che accolgono i minori che ben presto si tro- di Napoli ha pubblicato l’elen-
spiega - mentre in base ai parametri a scapito delle case famiglie tutto per consulenze, con- versa il privato sociale napo- minori a rischio, mentre il veranno costretti a ripiom- co delle associazioni alle quali
diffusi dalla Provincia il costo salirà e centinaia di minori. E, centrandosi realmente sulle letano a tutela dei diritti dei restante dovrebbe andare a bare nelle realtà disagiate ha affidato la realizzazione
a 99.6 euro a tonnellata per un totale intanto, i nove milioni di situazioni di emergenza” ha minori erogando servizi di progetti aleatori di natura da cui gli operatori hanno degli eventi culturali previsti
di 44.8 milioni di euro, un deficit di euro utili per far uscire dal- sottolineato in Aula il consi- natura residenziale e semire- sociale”. Un quadro avvilen- tentato di salvarli” ha con- dal ‘maggio dei monumenti’
5.8 milioni di euro in più che dovran- l’emergenze le strutture gliere. Situazione, quindi, sidenziale. Il presidente del- te e che non vede un prospe- cluso il presidente dell’asso- sollevando le proteste degli
no essere recuperati dalla spesa cor- sociali, ancora non sono ancora al palo nonostante l’associazione Campania in ro futuro per le strutture. ciazione. Una situazione che operatori e le associazioni cul-
rente”. Il sindaco, invece, pensa al stati sbloccati. Problematica solo un mese fa si fosse Movimento, Chiara Gior- “La situazione dunque era e Campania Libera non per- turali che non hanno ‘santi in
suo futuro. “Vorrei fare un lungo riportata in auge dal consi- intravisto uno spiraglio nella dano, in rappresentanza resta grave, ma ora al metterà, ma continuerà a paradiso’ e dei consiglieri del-
viaggio al polo nord, occuparmi gliere comunale del Pdl, risoluzione dei mancati delle case famiglia e dei danno si aggiunge la beffa mantenere alta la protestare l’opposizione del centro destra.
della questione femminile, fare la Marco Nonno, durante la pagamenti con l’intervento semiconvitto ha incontrato della sottrazione di questi l’attenzione dei media, visto “In base a quali criteri sono
nonna a tempo pieno - ha detto il seduta dell’assemblea citta- di Alessandra Mussolini. Si ieri mattina l’assessore alle fondi che costituivano, per che di mezzo ci sono dei state selezionate le associazio-
primo cittadino - Poi mi piacerebbe dina riunita ieri. “Credo che riuscì, infatti, ad ottenere politiche sociali dell’ammi- le strutture di accoglienza, ragazzi già poco fortunati. ni affidatarie? - domanda Ciro
indossare la toga’’. Ma, i bene infor- sia arrivato il momento che l’approvazione di una deli- nistrazione comunale napo- una boccata di’ossigeno “Mi auguro - ha concluso Monaco - E con quali motiva-
mati sostengono che Rosetta avrà un questa giunta comunale bera commissariale esecuti- letana, Giulio Riccio. “Solo indispensabile dopo mesi di Nonno - che almeno il sin- zioni sono state escluse altre
ruolo di primo piano in una Fonda- ormai agli sgoccioli, si va, che svincolava i fondi quattro milioni di euro - ha totale abbandono da parte daco resti coerente e destini associazioni”.
zione. impegni realmente per argi- destinandone esclusivamen- spiegato la Giordano - delle istituzioni. Vittime i fondi”.
CRONACHE di NAPOLI
Napoli Mercoledì 21 Aprile 2010
7
CRONACA
POLITICA

C’è ancora incertezza sull’esito


dei ricorsi presentati da partiti
e candidati: il provvedimento L’intreccio
era atteso per ieri Un eventuale incarico potrebbe
rappresentare per qualche aspirante
assessore del Pdl una valida alternativa

La Corte d’Appello del Tribunale di Napoli non ha ancora proclamato gli eletti del nuovo consiglio regionale

Ufficio di presidenza, pronto l’assalto


Con l’insediamento dell’assemblea si assegneranno le prime poltrone che contano
NAPOLI (alfio mancini) - Tempi anco- - che vice lo è già stato, ma del governatore
ra incerti per la proclamazione degli Bassolino - per il Partito democratico e TAVOLI DI LAVORO SU BONIFICHE E DEFICIT
eletti al consiglio regionale della Cam- quello di Biagio Iacolare dell’Udc. Ai cen-
pania. Era attesa per ieri l’ufficializzazione tristi verrebbe quindi assicurato un primo Caldoro ha nominato il capo e il vicecapo di Gabinetto di Palazzo Santa Lucia
da parte della Corte d’Appelo di Napoli, tangibile ‘cadeau’ all’alleanza sancita nella

I primi incarichi a Del Gaizo e Di Ferrante


ma non è arrivata. Anzi si è diffusa la voce regione, anche se temiamo che si acconten-
che ci vorrà ancora un po’ di tempo prima teranno. Per i posti di questori, sempre due
che si arrivi a capo dei vari ricorsi presenta- e equamente divisi, in pole position per il
ti da partiti e candidati. Caldoro, dunque, è centrosinistra sembra esserci Raffaele
costretto ad attendere sperando che il Tri- Topo. Il sindaco Pd di Villaricca ha saputo
bunale al più presto depositi il verdetto. costruirsi una proverbiale abilità nel dispie-
Prima di allora non può far niente, tranne go delle bizantine pratiche dell’attività NAPOLI (ic) - Il passaggio di to loro, di due tavoli di lavoro sui
LA GIUNTA consegne tra Antonio Bassolino quali finiranno i problemi più spi-
concludere le operazioni per la composi- amministrativa pubblica e su questo fronte
zione della sua squadra di governo. Un non ha rivali. In particolar modo dopo l’u- e Stefano Caldoro si è completa- nosi, quello delle bonifiche e
lavoro questo, però strettamente intrecciato scita di scena dell’ex primo cittadino di to con quello tra gli staff, il moto- quello del deficit finanziario. Nei
alle cariche da assegnare per il funziona- Pomigliano - un altro che con la burocrazia re della macchina amministrativa. giorni prossimi si provvederà a
mento dell’assemblea regionale. Poltrone ci sapeva fare - Michele Caiazzo. Per il Insieme al neogovernatore del comporre i tavoli con esperti di stesura del programma di Caldo-
altrettanto ambite che Pdl, invece, Fulvio Martusciello vanta una I nomi centrodestra, infatti, hanno varca- settore. Manca, a questo punto, ro. Potrebbero far parte dell’ese-
potrebbero rappresentare significativa esperienza in materia e benchè to la soglia di palazzo Santa solo un pezzo. Un altro grosso cutivo, anche, Giancarlo Lanna,
La carica Ancora tempi Lucia Danilo Del Gaizo e Alber- pezzo. La giunta. La definizione presidente della Simest S.p.A.,
per alcuni aspiranti asses- la sua aspirazione sia quella di un assesso-
di presidente sori del Pdl, una valida rato, pare proprio che si dovrà accontenta- lunghi to Di Ferrante che Caldoro ha dell’esecutivo è ancora in sospe- finanziaria a capitale misto con
per la nomina nominato rispettivamente Capo e so. Tra le certezze che Caldoro finalità di supporto all’investi-
è quella alternativa. In attesa dun- re. C’è poi da eleggere i segretari, anche
della prima Vicecapo di Gabinetto. può mettere da parte quella di mento delle aziende italiane all’e-
que che vengano definiti questi in coppia e in maniera bipartisan. Il
più ambita i nomi di chi siederà tra i centrosinistra pare sia orientato ad assegna- giunta Il presidente si è affidato a due volere al suo fianco Nello Polese. stero. Nel mondo accademico
Il favorito banchi del Consiglio, re l’incarico a un uomo di Italia dei valori, regionale persone di fiducia: Sul resto bisognerà Caldoro potrebbe pescare Edoar-
in cui entrerà Danilo Del Gaizo, coniugare diverse do Cosenza, preside della Facoltà
è Paolo Romano prende corpo la lotta per i
posti da assegnare nel-
nella fattispecie il salernitano, Dario Bar-
birotti che tutti dicono sia vicino a Vincen- sicuramente napoletano, già Per l’assessorato alla Sanità esigenze, dalle di Ingegneria dell’Università
Polese capo legislativo del richieste dei partiti degli Studi di Napoli “Federico
l’Ufficio di presidenza.
Nomine che devono essere votate nella
zo De Luca. Sul fronte opposto dovrebbe
essere la volta buona per Pietro Diodato, L’Udc sarà Ministro Scajola, è spunta anche il nome per arrivare a quel- II”; il prorettore dell’Università
rappresentato stato collaboratore le del premier, Sil- Suor Orsola Benincasa Lucio
prima seduta del nuovo parlamento della anche se, pure nel suo caso, comporterà la
da due di Caldoro nei del dottor Delfino vio Berlusconi, D’Alessandro e il rettore della
Campania. Per quella data, dunque, i giochi rinuncia di qualsiasi velleità di ottenere una tempi in cui era che non rinuncerà, Seconda università di Napoli
dovranno essere fatti. Per la carica di presi- delega mimportante a Palazzo Santa Lucia. assessori
che dovrebbero Sottosegretario non solo ad avere Francesco Russo. Mentre tra le
dente dell’aula, la più ambita, non dovreb- Se così fosse, l’ufficio sarebbe già bello e all’Istruzione, all’Università e la sua parola nella formazione donne la partita è ancora aperta
bero esserci problemi per Paolo Romano, fatto. Fatto che consentirebbe di passare essere
Giuseppe alla Ricerca; Di Ferrante è stato dell’esecutivo, ma probabilmente tra l’imprenditrice napoletana
capogruppo del Pdl nella precendete legi- subito all’altra questione che l’insediamen- funzionario della presidenza del anche a suggerire a Caldoro per- Marilù Galdieri e la deputata
slatura. Sul suo nome, salvo imprevedibili to dell’assemblea comporterà. Vale a dire De Mita
e Pasquale Consiglio dei ministri. Per loro il sone di sua fiducia. Su tutto, la beneventana Nunzia De Girola-
mutamenti degli equilibri interni al partito, la composizione delle commissioni e l’as- passaggio di consegne è stato decisione del neo governatore di mo. Mentre tra le elette potrebbe
c’è ampia condivisione. L’unico dubbio segnazione delle presidenze. Molto proba- Sommese
Mentre sostanziale. Dopo un confronto non transigere rispetto a un parti- Caldoro scegliere Antonia Rug-
sarebbe legato all’Udeur che vorrebbe bilmente verranno confermate quelle spe- con i colleghi della gestione Bas- colare: la competenza. Mentre giero che nell’Avellinese ha rac-
riproporre all’incarico Sandra Lonardo. ciali che sono quattro e appannaggio del- tra le donneù
che aspirano solino, Del Gaizo e Di Ferrante si impazza il toto nomine un nuovo colto più di 11mila preferenze.
E’ risaputo che ci terrebbe a ritornare al suo l’opposizione. Poi tutte le altre di cui, sono messi subito all’opera. Nelle nome si aggiunge alla rosa di Avellino esprimerebbe un altro
posto e c’è da giurare che il il marito Cle- ovviamente non se ne può conoscere il a un posto
la corsa loro mani i primi e più importanti quelli avanzati come papabili per assessore regionale che dovrebbe
mente Mastella farà di tutto per acconten- numero. Dipende. Le variabili sono tante e documenti per avviare concreta- guidare l’assessorato alla Sanità. essere Giuseppe De Mita, nipote
tare la consorte. Per i due vice, che vanno la poltica è in continuo movimento. Tutto è tra Galdieri,
De Girolamo mente i lavori dell’amministrazio- A Calabrò e Scalera, si aggiunge di Ciriaco. L’Udc spinge anche
uno all’opposizione e l’altro alla maggio- può cambiare nel giro di poche ore e sov- ne regionale. Si inizia con il coor- Mario Delfino, medico, che ha per portare in giunta Pasquale
ranza, si fanno i nomi di Antonio Valiante vertire esiti che apparivano scontati. e Ruggiero
dinamento, che Caldoro ha affida- partecipato ai tavoli tecnici per la Sommese.

LA SOLLECITAZIONE DEL NEO GOVERNATORE IL CENTROSINISTRA


Il Governo sarebbe intenzionato a fermare con un decreto le demolizioni in Campania Bassolino convoca tutti alla Stazione Marittima per ricordare i dieci anni di governo
Abusivismo, stop agli abbattimenti Vertice tra gli eletti del Pd: De Luca capo
Il Pdl chiede di riaprire il condono dell’opposizione, manca il capogruppo
NAPOLI (alma) - Un decreto dal fatto che la precedente giunta è stato trasformato in una proposta NAPOLI (ic) - Dalla maggioran- ministrazione regionale perchè La Direzione regionale del Partito
legge per sospendere le procedure Bassolino adottò, nel 2004 e nel di legge firmata dal senatori del za all’opposizione. Metabolizzata rappresenta la maggioranza degli Democratico della Campania, la
di demolizione delle abitazioni 2006, due provvedimenti poi Pdl in Campania. A chiedere di la sconfitta il centrosinistra inizia eletti. Solo uno il consigliere di settimana scorsa, ha deciso che i
abusive in Campania: è quanto sta dichiarati illegittimi dalla Corte accelerare il provvedimento pare a pensare come mai aveva dovuto stretta osservanza deluchiana, congressi provinciali di Beneven-
ipotizzando il governo in vista di Costituzionale. Ma in forza di sia stato lo stesso neo pèresidnte fare negli ultimi dieci anni. In pic- mentre i rappresentanti delle altre to, Caserta, Napoli e Salerno si
una legge che la Regione ora pre- quelle misure poi bocciate dalla Caldoro a detta di Sarro, il quale colo. Dalla nomina di assessori e componenti interne al Pd sono in terranno entro
sieduta da Consulta - è il ragionamento di che questi avrebbe “interloquito consulenti ora il massimo dell’in- numero esiguo e comunque rite- il 30 Giugno
Stefano Cal- Sarro e di quei senatori che con con il presidente Berlusconi e con carico da assegnare sarà la presi- nuti in ‘comproprietà’ tra diverse 2010. Le com-
doro provve- Caldoro hanno sollecitato il gover- il sottosegretario Letta. Dalle denza di qualche commissione e correnti. Tutti gli indizi portano a missioni pro-
derebbe ad no ad intervenire quanto prima - si notizie in mio possesso, l’ipotesi di quelli più importanti, almeno dal una rosa ristretta di nomi, tutti di vinciali stabili-
emanare per sarebbe di fatto impedito ai cittadi- decreto potrebbe essere in tempi punto di vista politico, dei capi- stretta fede bassoliniana. Tuttavia ranno, entro il
riaprire i ter- ni campani di presentare domanda brevi alle’esame del consiglio dei gruppo. Al Pd, per ovvi motivi di l’esito unitario dell’ultima direzio- 30 aprile
mini del con- di condono per gli abusi commessi ministri”. Da quanto si è appreso ampiezza della compagine in Con- ne regionale potrebbe convincere 2010, il calen-
dono edilizio. prima del 31 marzo del 2003, da fonti governative, l’ipotizzato siglio, la scelta più difficile che i alcuni che sia il caso di individua- dario delle
A confermare come invece previsto dalla sanato- stop per decreto alle demolizioni consiglieri si accingono a fare. Si re un capogruppo largamente con- assemblee di
che il gover- ria varata sette anni fa dal prece- di abitazioni abusive sarebbe arri- aspetta la proclamazione degli diviso. La discussione ancora non circolo per l’e-
no, “forse già dente governo Berlusconi. “Nel vato sul tavolo del pre-consiglio eletti prima di individuare chi è entrata nel vivo e per questo il lezione del-
in settimana”, frattempo però sono stati emessi dei ministri ieri mattina su propo- dovrà rappresentare il gruppo, ma Pd si prepara ai due prossimi l’assemblea
sarebbe inten- procedimenti amministrativi e giu- sta del ministero delle Infrastuttu- in realtà i consiglieri si sono già appuntamenti. Uno imminente. provinciale e
zionato a fer- risdizionali di demolizione di re. Ma i tecnici di alcuni dicasteri - visti. Un incontro informale dal Domani pomeriggio, alle ore 17, l’elezione dei segretari di circolo e
mare per decreto le demolizioni opere abusive che non è stato pos- in particolare dell’Ambiente e del- quale è emersa soltanto la volontà Antonio Bassolino sarà il prota- gli organismi dirigenti e di garan-
abusive campane è stato Carlo sibile condonare - dice Sarro - La l’Interno - avrebbero espresso del candidato presidente, Vincen- gonista di “10 anni di governo”. zia e la data dei congressi provin-
Sarro (nella foto), senatore del procura generale della Corte di alcune riserve, considerando il zo De Luca, di fare il capo del- Alla Stazione Marittima interver- ciali. Parteciperanno, con diritto di
Pdl che aveva tentato di introdurre Appello di Napoli ne ha calcolate rischio di vanificare gli effetti l’opposizione, almeno fino a ranno ex assessori ed ex e nuovi voto, gli iscritti 2009 che rinnovi-
questa stessa soluzione nel decreto circa 66mila e di queste circa il delle sentenze penali di condanna quando l’incompatibilità glielo consiglieri. Guai a dire che si trat- no la tessera. I nuovi iscritti 2010
‘Milleproproghe’ con un emenda- 50% riguarderebbe abitazioni”. a carico di chi costruisce abusiva- consentirà. Il capogruppo, invece, terà di un revival. La speranza è possono essere eletti negli organi-
mento non ammesso dalla Com- Dichiarato inammissibile per non mente. Per questo il testo del dovrebbe essere individuato tra i piuttosto di guardarsi negli occhi smi dirigenti a tutti i livelli. La
missione affari Costituzionali. La congruenza con il decreto mille- decreto al momento non è stato bassoliniani. Tecnicamente per dirsi “non smobilitiamo”. Il corsa per la guida del partito nelle
riapertura dei termini del condono proproghe, l’emendamento pre- diramato e la questione potrebbe dovrebbe spettare alla componen- secondo appuntamento è quello province campane è appena inizia-
in Campania verrebbe giustificata sentato da Sarro lo scorso febbraio essere oggetto di altre riunioni. te che fa capo all’ex capo dell’am- ben più complicato dei congressi. ta.
8 Mercoledì 21 Aprile 2010
Napoli CRONACHE di NAPOLI

PIANETA SCUOLA IL DISEGNO DI LEGGE


Secondo il Consiglio di Stato Secondo la Gelmini “l’innovazione
la mozione contrasterebbe si inquadrerà in un nuovo contesto
con gli articoli 3 e 16 della Costituzione normativo per gli insegnanti”

Dura la critica degli insegnanti partenopei contro la proposta di introdurre graduatorie locali come auspicato dalla Lega Nord

Docenti regionali ‘doc’, Napoli non ci sta


I precari: è assurdo che per insegnare in una città bisogna essere residenti da tre anni
di Flora Pironcini gno di legge annunciato dal co e che le elevate professio- “Un provvedimento - ha com- nuato Antonella - che se io curricula, vuol dire aggiunge-
ministro Gelmini per elevare nalità dei docenti del Sud mentato Antonella Vaccaro, dovessi seguire mio marito re un altro tassello al distacco
Le reazioni NAPOLI - Il ministro della
pubblica istruzione, Maria-
la qualità dell'istruzione sco-
lastica è certamente condivi-
hanno, per tanti anni, colmato
questo deficit”. Per Ronghi,
insegnante precaria e membro
del Coordinamento Precari
trasferito per lavoro in un’al-
tra regione, non potrei più
del Nord dal Sud, vuol dire
‘padanizzare’ l’istruzione,
De Crescenzo stella Gelmini, apre alla Lega
e pensa di introdurre le gra-
sibile purchè non si trasformi
in un attacco al Sud Italia”.
dunque, la riforma del reclu-
tamento del personale docente
Scuola - che limita la mobilità
dell’uomo e, oltretutto azzere-
lavorare”. Insomma, un qua-
dro strano quello che si pro-
valorizzando oltre l’unione
fra persona e territori, non più
Cadono in questa duatorie regionali degli inse- E’ quanto afferma anche il dovrebbe essere effettuata rebbe il nostro passato di spetta per le insegnanti e la in chiave nazionalistica, ma in
maniera centocin- gnanti, come da sempre vice presidente del consiglio tendendo all’unico obiettivo insegnati”. Il ministro Gelmi- scuola stessa. “Sono precaria senso localistico.
quant’anni di storia d’Ita- auspicato dal leader Umberto regionale della Campania, di accrescere la già elevata ni, quindi, sembra stia facen- della scuola da dodici anni e
lia in cui abbiamo assi- Bossi. E’ la nuova, iniziativa Salvatore Ronghi, secondo il professionalità degli inse- do letteralmente a pezzi la dico no alla regionalizzazione


stito ad un autentico della Destra che, però, non è quale “la regionalizzazione gnanti e di valorizzarne lo scuola e continua ad inchinar- delle graduatorie degli inse-
vista di buon occhio dagli delle graduatorie dei docenti, status giuridico ed economico si ai imposizione leghistie che gnati cosi come della scuola.
saccheggio del Nord ai addetti ai lavori. Secondo la tanto cara alla Lega Nord, è e non allo scopo di pagare un stanno facendo a pezzi l’Ita- Spero, vivamente, che il dise-
danni del Mezzogiorno Gelmini “questa innovazione incostituzionale e non farebbe tributo politico agli alleati lia. “La regionalizzazione gno di legge non passi per
si inquadrerà in un nuovo altro che danneggiare l'unità della Lega Nord. Secondo il delle graduatorie degli inse- assicurare sempre un'alta
contesto normativo per gli culturale e il complessivo Consiglio di Stato, il disegno gnati, inoltre, prevede che per qualità della scuola” ha ter-
Ronghi insegnanti”. Quadro che, sistema scolastico del Paese, di legge contrasterebbe gli poter insegnare in una deter- minato la precaria. Una scuo-
E’ incostituzionale e non come afferma Gennaro De tenuto che il Nord, con i pro- articoli 3 e 16 della Costitu- minata regione, si abbia la la di ‘ghetto’, quella immagi-
Crescenzo, insegnate e com- pri docenti, non riesce a zione (principio di uguaglian- residenza dai tre ai cinque nata dal Ministro, che limiterà
farebbe altro che dan- ponente del movimento neo- coprire il fabbisogno scolasti- za e libertà di circolazione). anni. Ciò significa - ha conti- anche lo scambio culturale.
neggiare l’unità culturale borbinico di Napoli, “è anti- Una scuola del Nord, compo- Antonella Vaccaro
del Paese, visto che il costituzionale e vede cadere sta per il 75% da meridionali,
Nord con i propri docenti 150 di storia dell’Italia con che dovrà rinunciare, quindi, Non si ottiene
non riesce a coprire il un saccheggio del Nord ai
danni del Sud”. Dura, quindi,
agli insegnanti del Sud se il
progetto diventerà realtà. Un
in questo modo
suo fabbisogno la critica di chi da anni si programma di secessione che un’alta qualità
batte per ricostruire la storia assegnerà alle scuole setten-
del Sud e con essa l’orgoglio trionali docenti locali, come del sistema scolastico
di essere meridionali. “Il dise- l’introduzione dei dialetti nei

L’ODISSEA CAPODICHINO
Il costo della trasferta Verso la normalizzazione
‘alternativa’ è stato di decolli ed atterraggi
a carico delle famiglie nello scalo partenopeo
degli studenti napoletani con 52 voli cancellati

Liceo Pansini, il ritorno a casa


NAPOLI (loredana lerose) - Viaggio di visto in partenza i primi voli per Milano
ritorno attraverso la Manica, la classe del Linate e Genova, ma anche per Parigi
Pansini è finalmente riuscita a tornare a Orly, Amburgo, Colonia, da e per Buda-
casa. Ieri, dopo il prolungamento forzato pest, hanno dato vita ad un’ondata di
del soggiorno a Londra, dove si trovava- viaggiatori che hanno affollato lo scalo
no per uno stage, i diciassette alunni e i
tre insegnanti sono rimpatriati facendo
tappa a Milano e poi
raggiungendo, solo in
serata, Napoli. “Siamo
Ieri a Napoli la classe ‘ostaggio’ napoletano. Tra questi, alcuni erano
pronti per la partenza, altri invece, hanno
creato lunghe file alle
biglietterie e ai check-
in per avere informa-
a Linate - ha detto
Maria Palombo, l’in-
I 17 alunni bloccati a Londra per la nube di cenere hanno viaggiato su un bus zioni sulla possibilità
di mettersi, finalmente,
segnante di storia e in viaggio. Un’espe-
filosofia che ha accom- carico delle famiglie che si sono così Regno Unito. “Con me - ha così conclu- in Inghilterra così come la classe del rienza indimenticabile
pagnato la classe in organizzate con la scuola”. Più che so la Palombo - ci sono Guido D’Alessio Pansini, e per il loro rientro si sta orga- per gli studenti e i pro-
gita in Inghilterra- in un’odissea per gli alunni del liceo parte- che è insegnante di scienze nonché il nizzando il rientro in pullman. Intanto, i fessori in viaggio stu-
attesa di prendere l’al- nopeo, si è trattato di un’avventura. “Gli responsabile di questo progetto di studio disagi creati dalla nube sprigionata dal dio, o gita all’estero,
tro pullman che ci alunni - ha così spiegato la professoressa e Paola Stornaiuolo, insegnante di ingle- vulcano islandese continuano. A Capodi- che hanno potuto usu-
riporti a Napoli. Il pre- - all’inizio hanno pensato di sfruttare se. E’ stata una bella esperienza per gli chino, nella tarda mattinata di ieri, infat- fruire della transitabi-
side ha predisposto un viaggio in auto- questo imprevisto e considerarlo come il alunni, un’avventura che si conclude in ti, i voli cancellati sono stati 52 di cui 26 lità della Manica. La cancellazione dei
bus che attraverso la Manica ci ha por- prolungamento del viaggio studio e i modo avventuroso. Per tutto il tempo il in arrivo e altrettanti in partenza. La can- voli va man mano diminuendo e, questo,
tati prima da Londra a Milano e poi da loro animi sono sempre stati sereni. preside e le famiglie ci hanno sostenuti e cellazione di voli è dipesa o dalla manca- porta a sperare che presto la situazione
qui finalmente a Napoli. La spesa sarà a Adesso sono contenti di tornare a casa”. aggiornati sugli sviluppi della situazio- ta riapertura di singoli scali, come quelli aerea tornerà ad un’assoluta normalità.
Non una semplice gita, quindi, ma uno ne: quindi tutto è andato bene”. A vivere inglesi o Monaco in Germania, o dalla
stage, finanziato con i fondi europei, che la stessa avventura, anche gli alunni di mancanza di vettori nelle singole compa-
ha permesso ai ragazzi di studiare ingle- un altro liceo napoletano, il Vincenzo gnie aree. La riapertura dei voli di colle-
se per una settimana nella capiatale del Cuoco. Anche loro sono rimasti bloccati gamento, invece, con il nord Italia che ha

Le associazioni: la strada è un pericolo costante per pedoni ed automobilisti

Posillipo, saltano i sanpietrini: Ordine giornalisti e Assostampa:


scatta la protesta dei residenti Alfredo Catapano e il prevede di rimettere i sestata per tutta la sua
dubbi su bando Adisu del II Ateneo
NAPOLI - Ordine dei Giornalisti e
Assostampa Campania esprimono
Con la somma portavoce cittadino dei famigerati sanpietrini. Il lunghezza?, L’unica solu- dubbi e perplessità circa il bando
di un milione di euro circoli Rosario Lopa problema è che con que- zione è di fare tutta la Adisu Seconda Università di Napoli
denunciano per l’ennesi- sta esigua somma si riu- strada con l’asfalto idea- per esperto in comunicazione. Tra i
si riuscirà a rifare ma volta lo stato di scirebbe a rifare solo il le per via Posillipo che è requisti richiesti, infatti, vi sarebbe il
abbandono di via Posilli- 30% della superficie stra- diventata una delle prin- possesso della laurea triennale di uno
solo il 30% del manto: po. “Nonostante le nostre dale”. “E quale sarà que- cipali arterie di comuni- dei corsi della Facoltà di Psicologia da almeno 2
il resto verrà asfaltato numerose denunce, - sto 30% - si domandano i cazione. Nei prossimi anni. L’Ordine e Assostampa non la ritengono
dicono - nulla è cambia- due rappresentanti civici - giorni chiederemo al di sabbia e pozzolana. l’insufficienza di fondi. una competenza specifica.
to. In via Posillipo si visto che la strada è dis- soprintendente di essere Questo le conferisce ela- “Ci auguriamo - conclu-
NAPOLI (rc) - Via sono aperte per l’ennesi- ricevuti per potergli chie- sticità e capacità di coe- dono i due esponenti dei
Posillipo corre parallela ma volta voragini nel dere l’autorizzazione alla sione e adattamento al circoli, Lopa e Catapano - Lutto in casa Impegno:
alla costa da Mergellina manto stradale a causa posa dell’asfalto e per fondo stradale. Ha anche che finalmente una strada morta la mamma di Leonardo
fino a capo Posillipo. E’ della mancanza di manu- sottoporgli numerose il pregio di ‘lasciar respi- così importante di Napo-
una delle due strade che, tenzione della stessa. Il firme raccolte insieme al rare il terreno’ grazie agli li, e tra le mete principali NAPOLI - Lutto nel mondo della poli-
insieme a via Petrarca, Comune nei mesi scorsi numerosi cittadini di via spazi tra una piastrella e dei rarissimi turisti che tica campana. Ieri notte è morta Car-
attraversano parallele la aveva annunciato un rifa- Posillipo”. Eppure la tec- l’altra. Inoltre si può adat- vengono a visitare la melo Izzo, moglie di Berardo Impe-
collina di Posillipo. cimento totale della stra- nica dei sanpietrini è tare molto facilmente nostra città, possa essere gno e mamma del presidente del consi-
Eppure la carreggiata da ma il governo della un’arte antica che sfida il all’irregolarità del terreno tenuta in condizioni glio comunale Leonardo e di
stradale versa in condi- città ha mentito in quanto tempo. La caratteristica di ed è molto resistente. Ma dignitose e che non sia Roberto. Il figlio Leonardo, ieri,
zioni disastrose. E il cir- per il rifacimento del questo tipo di pavimenta- l’asfalto costa meno e, più un pericolo costante prima importante giornata di seduta
colo ‘Nuova Italia Chiaia manto stradale è stato zione è di non essere perciò, in via Posillipo per tutti gli automobilisti consiliare dedicata al bilancio preventivo 2010, è
Posillipo San Ferdinan- stanziato un milione di cementata, ma solo posa- sarà possibile utlizzare e centauri che giornal- stato regolarmente al suo posto, presiedendo i
do’, con il suo presidente euro con un progetto che ta e poi battuta su un letto solo quest’ultimo visto mente la attraversano”. lavori iniziati in tarda mattinata.
CRONACHE di NAPOLI
In primo piano Mercoledì 21 Aprile 2010
9
Sistema penitenziario al collasso

Le sedi che


oggi vivono
In tutta
la Campania

Sono i posti
letto per detenuto
i disagi
LE SEDI A RISCHIO m a g g i o r i s o n o I DETENUTI s o n o 7 8 4 7 In tutto ci sono
I POSTI LETTO i n C a m p a n i a
i detenuti

7 . 8 47
Poggioreale, per una situazione 2500 carcerati

4 5.317
Secondigliano, al limite in più rispetto
Pozzuoli e del collasso al limite consentito
Santa Maria Aumenta dalla capienza
C a p u a Ve t e r e il rischio sicurezza delle strutture

Secondo i dati forniti da sindacati e associazioni, ogni detenuto dispone di tre metri quadrati. Sul caso è pronto un dossier choc

Vecchie e affollate, carceri al collasso


Impossibile fronteggiare una rivolta, curare chi sta male e prevenire i suicidi. L’allarme cresce con il passare del tempo
POGGIOREALE SECONDIGLIANO POZZUOLI SANTA MARIA C.V.
La casa cir- Nella terra La struttura E’ il carcere
condariale delle faide che ospita nella terra dei
di Napoli è la di camorra, 173 detenuti Casalesi,
più grande il presidio è in crisi a causa importante e
della Campa- conta 1246 della cronica affollato, oltre
nia. In tutto carcerati su mancanza 400 detunuti
ospita 2803 una capienza di personale rispetto alla
detenuti di 1079 da impiegare capienza

Dell’Aquila: “Siamo Il caso I DATI De Benedectis:


davanti a strutture “Costretti a gestire
inadeguate da anni” Il personale nei penitenziari Nelle celle non ci sono le emergenze”
NAPOLI (dangae) -
è ridotto all’osso, un dipendente le docce, dal 2000 NAPOLI (dangae) -
“Il dato sul sovraffol-
lamento va incrociato ogni 200 carcerati la legge lo impone “Ormai siamo
costretti a gestire le
emergenze quotidia-
con quello relativo al
personale impiegato namente”. L’allarme
di Danio Gaeta personale. Il grande allarme è legato alla totale lanciato da Domenico
presso le strutture CARCERE DETENUTI CAPIENZA
penitenziarie”. Lo ha mancanza di dipendenti donne. Conseguenza De Benedectis, segre-
affermato Dario Ste- NAPOLI - Tre metri quadrati per ogni detenuto, naturale? Le poche ‘addette’ rimaste, sono Poggioreale 2803 1385 tario regionale della
fano Dell’Aquila, le carceri ‘scoppiano’. Tra insufficienze struttu- costrette a turni di lavoro massacranti ed a Secondigliano 1246 1079 Uil Pa penitiari. “Ci
portavoce dell’asso- rali, sovraffollamento e carenze di personale: la straordinari impressionanti. Nella terra dei Santa Maria C.V 939 547 siamo avviati verso
ciazione ‘Antigone situazione è al collasso. Il lungo viaggio nel Casalesi la situazione non è migliore. Nel car- Aversa (Opg) 356 259 una situazione dram-
Campania’, che da sistema penitenziario napoletano e campano cere di Santa Maria Capua Vetere, considerato matica - aggiunge - E’
mette in evidenza numeri da spavento: da allar- Carinola (Ce) 353 332
anni si batte per ren- uno dei più a rischio da sindacati ed associazio- S.Eframo (Opg) 123 100 chiaro che siamo
dere i penitenziari più me sociale. La capienza generale dei 17 impianti ni, i 939 detenuti superano il doppio dei posti sotto gli indici minimi
dislocati sul territorio regionale è di 5317 posti letto a disposizione.Questo sono quattro delle Ariano Irpino 152 125
sicuri. “I problemi di sicurezza. Da trop-
che attanagliano le letto a fronte di una popolazione carceraria di situazioni più a rischio, ma sono facilmente Arienzo (Av) 88 104 po tempo la qualità
17 carceri campane 7848 detenuti. Quasi 2600 carcerati in più rispet- comparabili con quelle dei penitenziari di Bel- Lauro 44 54 delle carceri si è atte-
sono accomunabili - to a quelli che potrebbero essere ospitati. La lizzi (Av); Benevento; Salerno e Aversa. Man- Bellizzi (Av) 447 306 stata su standard bas-


aggiunge Dell’Aquila situazione più drammatica, la più evidente è cano le docce nelle celle, strutture fatiscenti e Benevento (Av) 400 247 sissimi”. Problemi
- ma voglio centrare quella legata al super carcere di Poggioreale: la personale per recupero detenuti ridotte all’osso. Pozzuoli 173 91 strutturali, mancanza
l’attenzione su quat- casa circondariale più grande della Campania. A L’allarme è lanciato da più voci: dalle associa- Sala Consilina (Sa) 35 32 di personale, carceri
tro punti in particola- Poggioreale il sovraffolamento si nota ancor zioni come Antigone che da anni lavorano per Salerno 490 430 sovraffollate e fati-
re. In primo luogo è prima di entrare la condizione dei detenuti, e dei sindacati di Sant'A. de Lombardi 156 117 scenti: l’allarme lan-
diventata impossibile L’EMERGENA all’interno del categoria. Nei prossimi giorni sarà presentata Vallo della Lucania 47 53 ciato dall segretario
la gestione dell’ordi- carcere, ancor all’attenzione del Provveditore della Regione della Uil Pa peniten-
nario. Non si riesce Eboli 36 56 ziari tocca diversi
prima di avere i Campania, al Capo del personale ed al Capo
nemmeno a fronteg- Impossibile dati ufficiali sui dipartimento della polizia penitenziaria, un aspetti e si allarga su
giare banali sitazioni CAPIENZA GENERALE 5317 tutto il sistema peni-
figuriamoci eventuali
rieducare detenuti ospitati: dossier choc. L’ha preparato il segretario regio-
TOTALE DETENUTI 7848 tenziario. “Ci sono
la si capisce nei nale della Uil Pa penitenziari Domenico De
emergenze”. Il porta- i detenuti giorni dei collo- Benedectis, che in un lungo e dettagliato rap- dei casi estremi - spie-
voce di ‘Antigone’ qui. La fila di ga il segretario regio-
inoltre pone l’accento nelle attuali porto ha cercato di ripercorrere e ‘fotografare’ i
nale - mi riferisco alla
parenti e amici disagi dei penitenziari napoletani. Il caso è però
sulle carenze struttu- condizioni dei detenuti inizia drammatico in tutta Italia. La capienza tollera- casa circondariale di
rali dei penitenziari, ad infoltirsi poco bile delle carceri italiane è stata aumentata nel- Poggioreale, a quella
molti ancora lontani dopo le cinque del mattino. Alle 7 in punto è già di Pozzuoli, a quella
l'ultimo mese di 1.220 posti ma, in quanto a di Santa Maria Capua
dai requisiti minimi caos. La fotografia delle file all’esterno del car- vivibilità effettiva la situazione non è cambiata.
previsti dalla legge cere evidenzia una situazione drammatica all’in- Vetere ed anche a
che ha riformato l’or- I detenuti sono 22.441 in più: 67.000 per Salerno. Le quote
terno. Sono 2803 i detenuti ospitati nelle celle, 44.559 posti. rosa tra il personale
dinamento carcerario poco più di 1300 quelli che ci dovrebbero esse-
nel 2000. “Sono pas- sono ridotte all’osso;
sati 10 anni - afferma
re. Se questo semplice dato viene incrociato con ci sono dipendenti
quello del personale a disposizione disposizione L’ALLARME


Dell’Aquila - e anco- costrette a fare turni
ra ci sono carceri che della struttura i numeri diventano ancora più di lavoro massacran-
non hanno le docce in drammatici. Infatti, tra strordinari e turni di
lavoro massacranti, non sono più di 100 gli
Il direttore Ferraro: gli internati vivono in condizioni precarie, accomunati a normali carcerati ti; gli straordinari non
camera. I detenuti vengono pagati e al
sono costretti a vivere
in 3/4 metri quadrati IN ITALIA
addetti al carcere
del centro di L’Opg di Aversa sotto la lente d’ingrandimento dell’Unione Europea limite del paradosso
negli uffici manca
Napoli. A Secon-
ed in spazi ristretti. Ci
troviamo davanti a
strutture totalmente La situazione
digliano la situa-
zione è ancora
Pronte 84 pagine di denuncia sulle condizioni della struttura psichiatrica anche la carta per i
fax”. Una fotografiaq
chiara e precisa quella
più disperata. Nel NAPOLI (rc) - Ottantaquattro pagine vengono denunciati anche diversi casi “grande preoccupazione” per la man-
inadeguate”. Infine è la stessa: penitenziario che di dossier e una situazione al limite di maltrattamenti subiti al momento canza di tutele per chi viene fermato
fatta da De Benedectis
Dell’Aquila precisa che spiega chiaramen-
quanto incide il 67mila internati si ‘affaccia’ su dello scandalo. Legati al letto seminu- dell'arresto, subito dopo il fermo e in dalle forze dell'ordine, oltre che per la te quali sono i disagi
sovraffollamento sul Scampia, i dete- di, 24 ore su 24 anche per dieci gior- carcere di cui il Cpt ha trovato prove violenza tra detenuti. “Siamo proba- nei penitenziari. “Qui
principio rieducativo
contro 45mila nuti raggiungono ni, sdraiati su un materasso con un tangibili. Il Comitato esprime inoltre bilmente gli unici - spiega Adolfo si pensa alla gestione
della detenzione. posti le 1246 unità a foro al centro sotto al quale c'e' un Ferraro, psichiatra e direttore sanita- del quotidiano - con-


“Siamo in totale fronte di una secchio in cui finiscono gli escremen- rio della struttura - a non avere più clude il sindacalista -
assenza di personale - capienza di 1079. La differenza nel dato è che, ti: sono queste le condizioni in cui letti di contenzione. I problemi nasco- anche - anche perchè
spiega - Se si fa una nel quartiere della ‘faida’, i detenuti non sono di sono stati trovati alcuni detenuti nel- no invece dal fatto che c'è una caren- domani non sappiamo
media possiamo vede- passaggio dalle celle. Inoltre, un’ala della strut- l'ospedale psichiatrico giudiziario di za di personale sanitario a fronte di cosa può accadere.
Aversa. La denuncia arriva dal rap- Il rapporto una prevalenza di quello penitenzia-
re come ogni operato- tura da quasi un anno ospita l’ospedale psichia- del comitato Allo stato attuale
re deve raffrontarsi porto preparato dal Comitato per la rio in seguito a quanto previsto da un posso affermare che il
trico giudiziario di S.Eframo: 123 internati. La prevenzione della tortura (Cpt) del
per la pre-
Dpcm del governo Prodi che ha fatto
con centinaia di dete- struttura che aveva sede nella zona di via Salva- venzione personale attualmente
nuti. Di questo passo Consiglio d'Europa e anticipato da un della tortura degli Opg vere e proprie strutture impiegato nei peniten-
tor Rosa è stata chiusa temporaneamente per servizio del Sole 24 ore, dopo la visita carcerarie, con la prevalenza di un
la situazione non può gravi carenze strutturali in attesa di restauro. E’ effettuata in Italia tra il 16 e il 26 set-
L’indagine modello penitenziario rispetto a quel-
ziari, nonostante il
che peggiorare. ancora chiusa. Spostandoci a Pozzuoli le condi- lavoro massacrante,
Un’ultima analisi va tembre del 2008. Una situazione, L’indagine effettuata lo sanitario”. “Sono pessime le situa- avrebbe dei seri pro-
zioni non cambiano. Nella struttura penitenziaria quella di Aversa, definita “incredibi- zioni in cui si trovano gli internati -
fatta sui colloqui, non femminile ci sono detenute al momento 173 per- dal Cpt risale al settembre blemi a gestire situa-
si può pensare che i le” da Marc Neve, componente del dice Ferraro - perchè le persone vivo- zioni di emergenza
sone a fronte di una capienza che non supera i Comitato, e indicata come la più del 2008, è durata no ammassate l'una all'altra, in con-
familiari devono novanta posti letto. La condizione diventa anco- come tantativi di
affrontare file di ore grave nel documento pubblicato oggi una settimana dizioni di sovraffollamento con pre- rivolta, siucidi, o inci-
ra più drammatica se il dato viene sovrapposto a dopo il consenso giunto dal governo senze che sono il doppio di quelle che
intere” quello dell quote ‘rosa’ attualmente in forza al denti”.
italiano. Nelle 84 pagine del rapporto sarebbero consentite”.
10 Mercoledì 21 Aprile 2010 Napoli CRONACHE di NAPOLI

IL PERSONAGGIO
IL PROFILO DI SALVATORE LAISO
EMERGENZA Era il fratello di Salvatore Laiso, rite-
nuto luogotenente dei Casalasi

CRIMINALITA’ La dinamica dell’agguato Con una mazza da baseball


Le ipotesi investigative
per una ‘spedizione punitiva’
L’uomo avvicinato CASERTA - Il 26 Giugno del Fu anche fermato dai carabinieri
Era il fratello del ras Salvatore, da due sicari men-
tre si trovava in una
2008 i carabinieri effettuarono effet-
tuato una perquisizione domiciliare
con una mazza da baseball. Secon-
so la ricostruzione avrebbe dovuto
elemento di spicco dei Casalesi Smart presso l’abitazione del presunto
capozona dei Casalesi a Trentola-
fare una spedizione punitiva, ma
non si è mai capito chi fosse il desti-
Gli investigatori battono la pista Secono la ricostru-
zione è stato rag-
Ducenta: Salvatore Laiso (nella
foto), detto ‘chicchinos’, che non si
natario di questo raid. Salvatore
Laiso venne arrestato per la prima
giunto da almeno
del regolamento di conti nove pallottole
fece trovare a casa. L’uomo, al
tempo 27enne, era già ritenuto dagli
volta per detenzione illegale di due
pistole, ma per questo procedimen-
La zona è stata inquirenti un luogotenente del clan to, la sua posizione è stata stralciata.
A destra il corpo senza vita di Crescenzo Laiso, il transennata dagli dei Casalesi. Per un periodo di Crescenzo Laiso, fratello del latitan-
30enne ucciso a Villa di Briano, nel Casertano uomini delle forze tempo si era trasferito pre necessità te, fu arrestato poco tempo dopo:
Raggiunto da almeno dieci colpi di pistola dell’ordine logistica del gruppo sul territorio di come anche Salvatore Laiso, affilia-
Santa Maria Capua Vetere renden- ti alla fazione dei Casalesi che fa
dosi irreperibile dopo alcune scorri- capo a Francesco Schiavone detto
bande con altri personaggi del clan. Sandokan.

Ammazzato uomo del clan Schiavone


Il 30enne Crescenzo Laiso è stato ucciso con dieci colpi di pistola a Villa di Briano
di Luisa Conte IL PRECEDENTE
VILLA DI BRIANO - Un regolamento di conti.
L’omicidio di Crescenzo Laiso, 30 anni, di Tren-
tola Ducenta, fratello maggiore di uno degli
L’ipotesi dell’intesa
uomini considerati, almeno fino a qualche tempo
fa, fedelissimo al clan Schiavone, Salvatore
detto ‘Chicchinos’, sarebbe stata la giusta puni-
con il rione Monterosa
zione per un ‘traditore’. Modalità e luogo dell’ag- NAPOLI (rc) - Volevano riprendere il controllo
guato segnerebbero la linea rossa per capire il per- sui territori per conto di Schiavone, Zagaria e
ché della scia di sangue lasciata ieri sull’asfalto di Iovine. Volevano riportare il potere del vecchio


via Castagna a Villa di Briano. Erano da poco clan in quelle zone dove Giuseppe Setola aveva
passate le quindici quando quattordici colpi di I proiettili imposto l’influenza della famiglia dei Bidognetti.
pistola sono rimbombati nella strada di campagna esplosi Avevano già mostrato la loro forza a suon minac-
ed hanno raggelato il sangue nelle vene di Cre- dai due killer ce e di richieste di soldi da consegnare a Casale
scenzo Laiso. Quattordici proiettili di una pistola per i detenuti e le loro famiglie. Avevano anche
calibro nove, una semiautomatica, che in pochi DIECI COLPI che hanno già ricevuto risposte positive incassando alcune
secondi ha trucidato il corpo del 30enne. I sicari, aperto il fuoco tangenti e mostrandosi a commercianti e impren-
presumibilmente due, in sella ad una moto o ad

10
ditori come i nuovi esattori del clan. Ma il 7 otto-
uno scooter di grossa cilindrata, con i volti coperti contro bre del 2009 scattarono le manette. Un decreto di
dai caschi integrali, si sono affiancati alla Smart di il 30enne fermo bloccò l’attività di sette estorsori. In carce-
colore blu guidata da Laiso. Probabilmente la re tra gli altri finirono proprio Crescenzo Laiso,
moto arrivava dalla parte opposta alla direzione di Crescenzo
l’uomo assassinato ieri e
marcia della vettura e si è posizionata al lato del Laiso Carmine Lanzetta, 22enne
passeggero. Qui sono stati esplosi i primi cinque del rione Monterosa, ma a
colpi, che hanno mandato in frantumi il vetro Teverola. Quel tipo di arre-
della portiera ed hanno raggiunto, solo in parte, il sto fece maturare negli
torace del 30enne. Nell’immagine la vettu- Sono stati numerosi i Secondo gli inquirenti
ra su cui viaggiava Cre- colpi sparati dai due kil- avrebbe ricevuto anche inquirenti l’ipotesi di colle-
Questi ha tentato la gamenti tra i gruppi del
fuga, ma uscire dal- scenzo Laiso in via del ler e repertati dalle un colpo di pistola alla
l’auto è risultato inuti- Castagno forze dell’ordine testa Casertano e quelli di Scam-
le. E’ stato raggiunto pia. La zona del rione Mon-
da altri proiettili. I kil- terosa, secondo quanto rico-
ler ne hanno esplosi
nove, uno dopo l’altro
Fuorigrotta Il 57enne di Forcella nascondeva la refurtiva in due grossi plichi struito dalle inchieste della Crescenzo Laiso
procura, è storicamente la fu arrestato
e tutti concentrati nella roccaforte del gruppo Pre-
parte superiore del
corpo, senza dimenti-
care quello finale:
Ruba buoni pasto per duemila euro, preso stieri e di conseguenza per estorsione
avamposto degli scissionisti. con un 22enne
Per tutti l’accusa fu di estor-
quello sparato in testa NAPOLI (da. bor.) - Bloc- tratta in arresto dai carabi- mato in via Terracina alla allontanandosi dal proprio sione aggravata dal metodo di Scampia
per firmare l’esecuzio- cato dai carabinieri mentre nieri prestava servizio. Stan- guida della Fiat Punto di sua posto di lavoro, i carabinieri mafioso. Gli inquirenti veri-
ne, per concludere il trasportava i buoni pasto che do difati alle risultanze inve- proprietà dai rappresentanti hanno ritrovato buoni pasto, ficarono ben due estorsioni messe a segno a Cari-
lavoro e lanciare il aveva trafugato dal luogo di stigative pervenute, dalla dell’Arma, intervenuti pro- accumulati all’interno di due naro e a Teverola ai danni di un imprenditore
lavoro. Questo il breve reso- propria ditta il 57enne, resi- babilmente dietro segnala- grossi plichi, per un corri-
Ha tentato messaggio a chi sa
decifrare il linguaggio conto di quanto verificatosi dente al vicoletto San Gio- zione. A bordo della vettura spondente valore complessi-
edile di Parete e di suo figlio, gestore di un eserci-
zio commerciale. Ad eseguire il decreto di fermo
giorni fa nel quartiere di vanni ai Mannesi, a Forcella di Salvatore Pollaro, il quale vo di 2.200 euro. Messo
inutilmente delle armi. Dieci i fori
nel corpo di Laiso: Fuorigrotta, all’altezza di via avrebbe illecitamente trafu- stava in quel momento però alle strette dalle precise
emesso il 14 luglio del 2008 furono i carabinieri
del reparto territoriale di Aversa, ai comandi del
di fuggire due in testa, uno alla
gola e sette nel torace.
Terracina. Protagonisti dei
fatti di cui si fornisce più
gato dei buoni pasto. La
refurtiva, conservata all’in-
contestazioni rivoltegli dai
rappresentanti delle forze
tenente colonnello Francesco Marra, del nucleo
operativo e radiomobile, coordinati dai tenenti
uscendo I sicari hanno colpito
al cuore, al petto.
avanti resoconto, un 57enne
che risponde al nome di Sal-
terno di grossi pacchi è stata
ritrovata dai carabinieri in E stato bloccato
dell’ordine, il 57enne ha
dovuto finire per chiarire le
Domenico Forte e Giuseppe Fedele, e della sta-
zione di Parete, guidati dal maresciallo Antonio
dalla vettura, Laiso doveva morire: vatore Pollaro ed una ditta forza alla compagnia rione in via Terracina proprie responsabilità in Guadagnuolo. I sette indagati sono stati bloccati
per lui era scoccata di ristorazione collettiva che Traiano a bordo dell’auto merito alla provenienza di nelle rispettive abitazioni all’alba.
dai carabinieri
ma è stato l’ara decisiva. Il cada-
vere del 30enne è
ha sede in via Terracina.
Presso di questa la persona
del 57enne. Pollaro era stato
immediatamente prima fer- del rione Traiano
quanto ritrovato all’interno
della sua auto.
raggiunto rimasto sull’asfalto
per alcune ore, il
tempo necessario per i CONTROLLI DELLA POLIZIA MUNICIPALE
carabinieri del reparto territoriale di Aversa, coor-

Tassista drogato alla guida, ritirata la licenza


dinati dal tenente colonnello Francesco Marra, dal
capitano Domenico Forte e dal tenente Giuseppe
Fedele, di effettuare i primi rilievi, per il medico
legale di constatare il decesso e per il magistrato
di turno di predisporre il trasferimento della salma
al reparto di medicina legale. Lì il corpo di Laiso
è stato portato nel tardo pomeriggio di ieri e lì
rimarrà fino a quando non sarà effettuata l’auto-
Piazza Garibaldi, è un 35enne del Vomero. Controlli davanti alle scuole tra Chiaia, Avvocata e San Lorenzo
psia. Sull’asfalto di via Castagna è rimasto il san- NAPOLI (danilo borghesio) - infrazioni stradali in corrispon- circolanti. Una circostanza parti- 169 per tre dei conducenti, i San Giovanni Bosco, gli esiti
gue del 30enne. Anche l’auto, la Smart blu inte- Giro di vite sulle violazioni al denza delle strutture scolastiche. colarmente grave e frequente, quali trasportavano persone in degli accertamenti medici hanno
stata alla suocera di Crescenzo Laiso, è stata spo- codice della strada nei pressi Impiegati nelle operazioni dispo- questa, che rivela i limiti delle numero superiore a quello previ- confermato quanto emerso dal
stata. Sequestrata, la vettura, bucata da alcuni delle scuole napoletane: scattata ste dal comandante del corpo di campagne di sensibilizzazione sto. Verbali per gli altri due, ai test tossicologico. Ritirate al tas-
colpi di pistola anche nella carrozzeria, potrà rac- dalla mattinata di ieri un’opera- polizia municipale, generale alla responsabilità collettiva alla sensi dell’art. 85 comma 4 del sista patente e licenza, risultata
contare ancora qualche particolare dell’agguato: zione finalizzata al contrasto alle Luigi Sementa, numerosi agen- guida che si succedono senza regolamento, perché sorpresi intestata alla madre.
all’interno potrebbe esserci qualche traccia al ti. Le attività svolte sotto il coor- produrre alcuno degli effetti alla guida sprovvisti di licenza.
momento non individuata. I bossoli dei 13 colpi e dinamento dei tenenti Gaetano auspicati. Dalle operazioni è Nell’occhio dei controlli anche
l’ogiva (uno dei quattordici proiettili esplosi dai Frattini, Giuseppe Cortese e emerso il dato preoccupante di le minicar di Chiaia: in piazza
sicari non ha raggiunto il bersaglio) recuperati sul- Gaetano Amodio, hanno dato violazioni i cui protagonisti San Pasquale, agenti del reparto
l’asfalto e nell’auto dagli uomini della Scientifica gli attesi esiti: scarso il senso del sono proprio i genitori del mino- Motociclisti hanno sequestrato
sono stati portati in laboratorio: anche questi dovere civico dei napoletani alla ri, trasportati a bordo di ciclo- due veicoli condotti da minoren-
potranno dire qualche cosa di importante sull’o- guida. I primi controlli nelle motori sprovvisti dell’obbligato- ni che trasportavano passeggeri
micidio. Intanto i carabinieri hanno interrogato zone antistanti i plessi scolastici rio casco. Emblematico il caso a bordo. Infine i taxi circolanti in
alcuni residenti della zona. nessuna ha sentito né dei quartieri di Chiaia, San dell’intera famiglia - padre, città, alle cui verifiche hanno
visto nulla ad eccezione di una persona che ha Lorenzo e dell’Avvocata: dispo- madre e due figli (di cui uno di provveduto agenti in forza al
raccontato di aver sentito il rumore dei colpi ma sti dai rappresentanti del corpo tre anni privo di casco), che in nucleo di Polizia turistica insie-
di non aver avuto il tempo di affacciarsi per vede- di polizia municipale nel corso Viale Maria Cristina di Savoia me a rappresentanti dei Motoci-
re cosa succedeva. Interrogati anche alcuni paren- della fascia oraria più sensibile, era diretta alla scuola lì situata, clisti. In piazza Garibaldi, sor-
ti della vittima, tra i primi il fratello Salvatore, ai quella che coincide con l’ingres- percorrendo la strada nel senso preso al volante di una delle vet- LA ‘FAMIGLIA’ IN SCOOTER
IL MONITORAGGIO so degli alunni, tra le otto e di marcia contrario a quello sta- ture adibite a trasporto pubblico,
domiciliari a Trentola Ducenta. L’uomo è stato
portato nel tardo pomeriggio di ieri in caserma, ad
Aversa, ed è rimasto a disposizione degli inqui-
renti per alcune ore. non sono mancate alcune
VIABILITA’
mezza a le nove del mattino.
Oltre il centinaio le contravven-
zioni elevate in breve tempo. La
bilito dalla segnaletica stradale.
A Chiaia, agenti della quarta
sezione di Polizia Turistica del-
il 35enne G. C., del Vomero.
Narcotest per G. C. con la stru-
mentazione in dotazione alla
IL CASO
perquisizioni e la visita nella abitazioni di alcuni Le trasgressioni più frequenti parte del leone spetta ovviamen- l’Uri, diretta dal maggiore Sal- polizia municipale: così al con- Emblematica la scena di un’intera
personaggi di spicco della criminalità organizzata rilevate sono state quelle relative te alle violazioni relative al tra- vatore Greco e coordinata dal ducente del taxi gli agenti hanno famiglia: padre, madre e due figli
al trasporto di più persone sporto di più persone su ciclo- tenente Sabato Caputo, hanno contestato esiti positivi al tetrai- (di cui uno di tre anni privo di
che agisce sul territorio. Crescenzo Laiso è stato casco) che era diretta a scuola,
ucciso a Villa di Briano, a poca distanza da Casal su ciclomotore, alla guida senza motore. Quelle più consuete: constatato gravi infrazioni su un drocannabinolo, principio attivo
casco protettivo e alla mancanza guida senza casco e mancanza di terzo dei quindici autobus adibiti delle droghe leggere, probabil- percorrendo la strada nel senso
di Principe, in territorio di Sandokan, nel territorio di copertura assicurativa di marcia contrario
del gruppo al quale apparteneva. copertura assicurativa dei veicoli al trasporto di bambini: articolo mente marijuana. Trasportato al
CRONACHE di NAPOLI
Napoli Mercoledì 21 Aprile 2010
11
Raggiunti da un ordine di custodia, sarebbero i responsabili del colpo nella gioielleria ‘Giannotti’ al Borgo degli Orefici

‘Banda del buco’, cinque in manette


Sono residenti ai Tribunali, al Pendino, al Mercato, ad Afragola e a Portici
di Carlo Virno della banda ed quali sono stati i banda; fu recuperata una parte del
ruoli dei singoli arrestato nel bottino che i rapinatori un fuga
NAPOLI - Un lunga e difficile corso della rapina nella gioielleria furono costretti ad abbandonare,
indagine fatta dai poliziotti della ‘Giannotti’. I malviventi quel furono trovare tre pistola, gli indu-
sezione antirapine della squadra giorno entrarono nei locali della menti plastificati necessari per il
mobile, indagine coordinata dal gioielleria dopo aver fatto un foro passaggio nelle fogne, caschi,
procuratore aggiunto Giovanni in un locale attiguo alla gioielleria impermeabili ed altro. I primi ad
Melillo, si è conclusa con l’arre- locale preso in fitto da Vincenzo essere identificati furono Mario
sto di cinque rapinatori che il 19 Tramontano fin dall’ottobre del Mazza e Vincenzo Tramontano;
giugno del 2008, con la tecnica 2007; Quella casa in via Figurari, Tra gli arrestati c’è anche Mauri-
del buco, svaligiarono la giolleria 16 al piano ammezzato divenne il zio Cuocolo probabile ricettatore
‘Giannotti’ in via Borgo Orefici covo dei malviventi per program- perché gestisce nella zona degli
realizzando un bottino, oggetti mare e realizzare il colpo; i bandi- Orefici in vico Strettola un nego-
d’oro e preziosi, di circa 200mila ti con lavori di scavo entrarono zio per la compravendita di pre-
euro. Gli arrestati sono: Mario nel sistema fognario, in particola- ziosi; in casa di Cuocilo e nel suo
Mazza di 49 anni (abita in Vico re nel collettore di via Grande negozio i poliziotti hanno seque-
Purgatorio ad Arco nel cuore Archivio, e raggiunsero il sotto- strato oggetti in oro, preziosi ed
della città storica dei Tribunali), suolo di via Grande Archivio pro- euro per un valore complessivo di
Vincenzo Tramontano di 49 prio in prossimità della gioielleria un milione di euro quasi tutto pro-
vento di furti e rapine; tra i prezio-
si sequestrati ci sono anche ogget-
200MILA EURO ti rapinati nella gioielleria Gian-
notti ma anche in oreficeria di
Il bottino del colpo altre città d’Italia.
Nelle foto da sinistra due
degli arrestati: Mario
Mazza e Vincenzo Tra-
montano Tutte le fasi
anni (abita in vico Figurari nel da svaligiare. Non fu difficile ai
Nelle immagini alcuni
degli arrestati al momen- 19 giugno 2008 il ‘colpo’
dell’inchiesta
quartiere Pendino), Maurizio rapinatori, che indossavano tute to dell’uscita dalla que- La mostra della polizia LINGOTTI
Cuocolo di 47 anni (abita in piaz- bianche plastificate ed impugna- stura La banda ‘sgominata’
Era un commerciante
za Mercato) Mario Iollo di 38 vamo pistole, fare irruzione nella del borgo Orefici a rice-
anni (abita a Portici) ed il maroc- gioielleria. La proprietaria della vere gioielli e argente-
chino Azeddine El Monte di 43 gioielleria, che con coraggio tentò I banditi hanno por-
tato via un bottino ria da rapinatori e ladri
anni che abita in Afragola. Un una reazione, fu minacciata di
sesto complice si è reso irreperibi- morte e costretta ad inginocchiar- da duecentomila d’appartamento; dopo
le. I sei sono accusati di rapina e si; i rapinatori presero oggetti euro averli acquistati a prez-
di associazione per delinquere d’oro e preziosi e fuggirono riper- zi irrisori, li fondeva e li
Nella refurtiva c’era- rivendeva sotto forma
finalizzata alle rapine. Negli atti correndo la strada del “buco” no anche molti
dell’ordinanza il procuratore tenendosi sempre in contatto con i gioielli di vario tipo di lingotti
aggiunto Giovanni Melillo, con- “pali” che erano i strada munti di e fedi nuziali
cordando con l’azione investigati- radio ricetrasmittenti. Pochi minu- PROVVEDIMENTI
va dei poliziotti della sezione anti- ti dopo i poliziotti della antirapine L’arresto dei pre-
rapine diretta dal vice questore erano nella gioielleria e percorren- sunti responsabili è Mario Mazza, di 45
Massimo Sacco, specifica detta- do il “tragitto” fatto dai malviven- stato eseguito dalla anni, Vincenzo Tra-
gliatamente il modus operandi ti arrivarono al “covo” della polizia montano, di 45, Azze-
dine el Mone, di 44,
Maurizio Ciletti, di 41
Gli inquirenti: l’esercizio commerciale di Maurizio Cuocili è stato sempre un abituale punto di riferimento per ladri e rapinatori di preziosi (raggiunto dalla misura
cautelare emessa dalla

Un negozio come base per la ricettazione


procura, ma irreperibi-
le) e Mario Iollo, di 38

LA RAPINA
Le indagini scattarono
L’INCHIESTA DELLA PROCURA subito dopo la rapina
in una gioielleria del
centro antico, quella

1 LE INTERCETTAZIONI gestita dalle sorelle


Giannotti, portata a
Grazie a intercettazioni telefoniche, termine nel 2008 con
la tecnica della banda
pedinamenti e filmati sono stati del buco

indicati come ‘fornitori’ di Cuocolo RAID IN CASA


sia Mario Iollo che El Monte Le intercettazioni
telefoniche hanno con-
sentito agli investigatori
2 SEGRETI DEL MESTIERE di ricostruire abitudini e
tecniche della banda,
Il racconto: scegliamo anche le case, responsabile, secondo
suoniamo al citofono per vedere In alto alcune delle fedi
l’accusa, oltre che del
colpo, di centinaia di
se le persone sono dentro, poi nuziali che furono recu-
perate. Nella foto Mauri-
furti in appartamento in
tutta Italia
ci arrampichiamo ed entriamo zio Cuocolo

NAPOLI (rc) - Era un commer- spiegare i segreti del mestiere. ché la do è tutto cognome fuori alla porta, scen- Sempre il secondo piano, sem-
ciante del borgo Orefici a rice- “Maurì, se non comincio a tro- fuga ce spento”. “E non è do giù e busso al citofono, busso pre i piani bassi?”. “Va bé, io
vere gioielli e argenteria da rapi- vare niente io scavo da tutte le l’abbia- che stanno dormen- e non c’é, capisco che ha lascia- con Antonio primo, secondo,
natori e ladri d’appartamento; parti, però se acchiappo una mo”. “E do?”. “Prima, alle sei to la luce accesa. Ci sono parec- però loro più del secondo non
dopo averli acquistati a prezzi buona situazione...”. “Quanto come fai ad di sera, appena diventa chie persone che lasciano la salgono perché non sono agili
irrisori, li fondeva e li rivendeva tempo ci metti?”. “Dipende: un aprirla?”. “Hai buio, hai capito? Qualcuno luce accesa, Ora parecchi napo- come me: io faccio pure il quar-
sotto forma di lingotti. Si tratta quarto d’ora, venti minuti”. “Fa voglia ad aprirlo, lascia acceso in una stanza, uno letani, parecchi di loro, riman- to, il quinto”. “Non hai paura di
di Maurizio Cuocolo. Le inter- paura sempre, eh?”. “No, quale Maurì. Noi quello facciamo: i vedì, si mette a guardare dieci minu- gono la chiave dietro. Ora con il cadere, se devi scappare dai
cettazioni telefoniche hanno paura, dove sta ’sta paura? Per- ladri, fratello. Speriamo che venerdì e ti...”. “Ah, ho capito, devi sca- giravite lungo spingiamo da tubi?”. “No, è facile, Maurì,
consentito agli investigatori di ché poi di solito, per dirti, noi domani prendiamo una bella sabato”. “E come te ne accorgi valcare i tubi”. “Bravo, vedo sotto e facciamo fare lo scatto non ti preoccupare: come si dice
ricostruire abitudini e tecniche entriamo in modo che sta pure mappata d’oro”.“Mi vuoi por- che non ci stanno?”. Iollo: “E’ che non passa nessuno, apro il alla chiave: ta, ta, ta, ta, fa le a Napoli, più a dire che a fare.
della banda, responsabile, la fuga, non come fanno gli zin- tare qualcosa o no?”. Iollo: quella la bravura nostra, fratel- palazzo, vado fuori alla porta e quattro mandate. Lo devi saper Allora, mano mano che sali, che
secondo l’accusa, di centinaia di gari. Gli zingari entrano dalla “Domani esco, Maurizio, lo, appena si fa notte... Primo, vedo il cognome, qualcuno fare, Maurì, non è che vai bello arrivi al terzo, vedo che se è
furti in appartamento in tutta Ita- porta... Tu li acchiappi dentro... domani è giovedì. Faccio gio- secondo e terzo piano, il secon- lascia la luce accesa: vedo il e buono e lo sai fare. Fai le messa bene, che non sta la
lia. Nella conversazione che Noi invece entriamo per dietro, quattro mandate, poi con il filo crepa attorno, allora io salgo
segue Iollo, dopo aver racconta- dalla finestra per dietro”. “Ma di ferro lo metti dentro la mani- sempre. Se poi vedo che sta la
to a Cuocolo di un recente furto forse tu non apri la porta”. “No, IL PROCURATORE AGGIUNTO GIOVANNI MELILLO glia con l’occhiello, così apri ed crepa attorno e non mi sembra
nel quale ha razziato 15.000 per le porte no, per le finestre di entri”. “Eh, lo so, una cosa è a buono, me ne scendo e vado da
euro in contanti, si dilunga a ferro... Tanto rischio non è, per- parlare e una cosa è a farlo. un'altra parte, vado più avanti”.

LA REFURTIVA RECUPERATA
“Molti oggetti metallici venivano fusi” IL COMMERCIANTE FU GIA’ DENUNCIATO
NAPOLI (car. vir.) - Molti rilievi fotogra- di compravendita’ tra i vari esponenti del-
Oltre mille anelli e fedi nuziali fici di gioielli rapinati inseriti nel circuito
Internet della polizia di stato hanno con-
l’organizzazione; agivano nella reciproca
consapevolezza di appartenenza al medesi- Il sequestro da un milione
NAPOLI (cv) - Per dare un'idea di quanto pos- sentito a cittadini e commercianti vittime mo sistema di relazioni criminali, al punto NAPOLI - Le indagini scattarono subito dopo la
sono aver rapinato i sei colpiti da ordinanza di di furti e rapine di riavere i loro oggetti che si consigliavano sulle modalità attuati- rapina in una gioielleria del centro antico, quella
custodia cautelare in carcere va ricordato che dopo aver consegnato la denunzia fatta ve di colpi in negozi e di furti in apparta- gestita dalle sorelle Giannotti. Individuato Cuo-
nelle indagini successive alla rapina i poliziotti dopo il ‘colpo’ subito e dopo aver preso menti e sulle tecniche sella fusione di colo come ricettatore, gli agenti ne perquisirono
sequestrarono tantissimi preziosi tutti catalogati visione del materiale rinvenuto. Nessun oggetti d’oro. Va detto - ha affermato il negozio e l’abitazione, ritrovando gioielli,
e tra i quali c’erano mille fedi nuziali, duemila dubbio sulla ‘associazione’ tra gli arrestati ancora il Giovanni Melillo - che ancora argenteria e quadri dal valore complessivo di un
paia di orecchini d’oro e tanto ancora. Parte di che avevano un rapporto quotidiano e una volta è stata dimostrata la spregiudi- milione di euro. Il commerciante venne denun-
questi preziosi è stata già restituita alle vittime di costante: “Numerosi sono i riferimenti - ha cata commistione e la reciproca alimenta- ciato in stato di libertà, ma continuò la sua atti-
furti e rapine. La polizia ha raccolto fino ad oggi detto il procuratore aggiunto Giovanni zione di attività economiche lecite con le vità di ricettatore. Per evitare che gli oggetti
un centinaio di denunzie e l'indagine si riferisce Melillo - nelle conversazioni monitorate spregiudicate attività predatorie perpetrate d'oro fossero ritrovati in caso di nuova perquisi-
a colpi realizzati negli ultimi cinque anni. nelle quali venivano pattuite le ‘operazioni in danno dei cittadini”. zione, prese l’abitudine di fonderli subito.
12 Mercoledì 21 Aprile 2010 Napoli CRONACHE di NAPOLI

EMERGENZA
CRIMINALITA’
Nelle tasche di Di Pierno trovati SAN GIOVANNI
cento euro in contanti, il complice
è stato denunciato anche per aver no ad un contenitore della Alle nove di ieri mattina è
spazzatura. Lo hanno aper- stato rintracciato il legittimo
fornito false generalità to e hanno trovato un invo- proprietario, al quale è stato
lucro di plastica gialla. restituito il motorino.
All’interno c’erano diciotto
involucri termosigillati di
I CONTROLLI
Sono stati sorpresi plastica trasparente conte-
nenti cocaina. Gli agenti del
commissariato di
IL BILANCIO
in via Villa polizia San Gio-
vanni-Barra hanno

San Giovanni arrestato Karim


Ahmed Gaber Di
Bonito, 26enne di
Marigliano e Gian-
luca Di Pierno,
I poliziotti del commissariato San Giovanni- 21enne di Portici
Barra hanno sorpreso la coppia di spacciatori con l’accusa di
ieri notte in via Villa San Giovanni, non lonta- detenzione in con-
corso ai fini dello spaccio di
no dal vico ‘Emanuele’ sostanza stupefacente. La I contanti
droga è stata sottoposta a
Sono residenti a Marigliano e a Portici, intercettati e acciuffati a San Giovanni a Teduccio sequestro e in queste ore è
sotto la lente degli speciali-
Nelle tasche di uno
dei due giovani arre-
sti della sezione Scientifica stati sono stati recu-

Piazza di spaccio, due arresti


della Questura. Le persone perati i contanti rite-
arrestate sono state condotte nuti provento dell’atti-
presso la casa circondariale vità di spaccio
di Poggioreale,
dove restano a
disposizione del-
l’autorità giudizia-
ria. Di Bonito è
Avevano nascosto una busta con la cocaina nei pressi di un cassonetto stato inoltre denun-
ciato per false
dichiarazioni circa
di Davide Sergio concorso ai fini dello spac- sequestro. Ma ecco nei det- sono appostati a debita consegnava materialmente te intervenuta bloccandoli. la propria identità,
cio di sostanza stupefacente. tagli la ricostruzione delle distanza dal luogo segnalato le dosi di sostanza stupefa- Sono stati quindi immedia- in quanto prima
NAPOLI - Accusati di aver I poliziotti del commissaria- forze dell’ordine: i poliziotti quale abituale piazza di cente. Pochi minuti più tardi tamente sottoposti ad una dell’arresto aveva
organizzato un’attività di to San Giovanni-Barra li erano venuti a conoscenza spaccio. Giunti sul posto in è scattato l’intervento delle perquisizione personale che dichiarato ai poliziotti gene- Il territorio
spaccio notturna nascon- hanno sorpresi ieri notte in del fatto che nella zona tra borghese e con auto "civet- forze dell’ordine: approfit- ha portato al ritrovamento ralità false. Di Pierno è stato
dendo le dosi in un bidone via Villa San Giovanni, non via Villa San Giovanni e il ta", i poliziotti hanno potuto tando di un attimo di distra- nelle tasche di Di Pierno di invece anche denunciato Le forze dell’ordine
della spazzatura: Karim lontano dal vico ‘Emanue- vico detto ‘Emanuele’, era osservare Di Bonito e Di zione di Di Pierno, impe- 100 euro in banconote di per ricettazione del motori- tutti i fine settimana
Ahmed Gaber Di Bonito, le’. Hanno trovato la cocai- stata avviata da alcuni Pierno in piena attività di gnato a confabulare con il vario taglio. Sempre secon- no utilizzato durante l’atti- monitorano la zona
26enne di Marigliano e na in buste termosigillate ragazzi una fiorente attività spaccio. Il primo a bordo di socio, un’altra pattuglia di do quanto segnalato dai col- vità di spaccio: il mezzo è della periferia orienta-
Gianluca Di Pierno, 21 all’interno di un contenitore notturna di vendita di dro- un ciclomotore fungeva da poliziotti (allertata dai colle- leghi che si erano posti in risultato essere stato rubato le al confine con l’hin-
anni di Portici, sono stati per la spazzatura. Lo stupe- ghe pesanti. L’altro ieri sera vedetta e da ‘adescatore’ di ghi che stavano osservando servizio di osservazione, i a San Sebastiano al Vesu- terland sud
arrestati per detenzione in facente è stato sottoposto a sul tardi, alcuni agenti si clienti, mentre il secondo i due giovani), è rapidamen- poliziotti si sono recati vici- vio lo scorso 29 marzo.

Il 16enne della zona dei Tribunali fermato dalle forze dell’ordine: non si era fermato al posto di blocco ed ha assalito un poliziotto

Minore ruba un’auto e ferisce agente


ne ha ferito uno procurandogli lesioni
guaribili in cinque giorni. Si tratta di feri-
te superficiali: il poliziotto è stato medi-
cato in pronto soccorso e dimesso poche
ore più tardi. Lesioni provocate durante

Alla guida di una ‘500’, si è schiantato contro un pilastro le fasi dell’arresto. Intanto la Fiat 500
presentava segni di effrazione sulla por-
tiera sinistra e aveva una chiave di
metallo inserita nel blocco di accensio-
NAPOLI (giuseppe letizia) - Un mino- arrestato ed accompagnato presso il cen- guaribili in cinque giorni. Ma ecco nei Duomo e via Tribunali hanno intercetta- ne. G. R. è stato pertanto arrestato ed
re ruba un’autovettura nel centro storico, tro di prima accoglienza dei Colli Ami- dettagli la ricostruzione delle forze del- to una Fiat 500 con a bordo due giovani, accompagnato presso il centro di prima
non si ferma all’alt della polizia e ferisce nei. Nel tentativo di evitare la cattura, ha l’ordine: ieri mattina gli agenti del com- che alla loro vista, hanno improvvisa- accoglienza dei Colli Aminei, dove resta
un agente durante la fuga: G. R., 16 ferito un agente procurandogli lesioni missariato di polizia Dante tra via mente accelerato e preso la direzione di
anni, residente nella zona, è stato arresta- piazza San Gregorio Armeno. E’ segui-
to l’altro ieri dai poliziotti del commissa- to un inseguimento tra le stradine nel IL COMPLICE IN FUGA
riato Dante. Il complice è in fase di iden- L’ASSE TRA NAPOLI E LA PUGLIA centro storico. Nonostante le intimazioni Le forze dell’ordine
tificazione. L’accusa è furto aggravato, a fermarsi da parte della polizia, i due sono a caccia del

L’INSEGUIMENTO
resistenza a pubblico ufficiale e lesioni.
Alle cinque di ieri mattina avrebbero
superato un posto di controllo tra via
Olio adulterato, controlli dei Nas giovani hanno continuato la loro fuga a
velocità sostenuta sino a via San Nicola
a Nilo dove, con gli agenti alle calcagna,
complice del sedi-
cenne arrestato per
NAPOLI - I carabinieri del Nas di Bari, nel corso di controlli e il furto dell’autovet-
Duomo e via dei Tribunali a bordo di hanno urtato contro un paletto in cemen-

I VICOLI di servizi svolti nel territorio del capoluogo pugliese, hanno bloc- tura nella zona di
una Fiat 500 rubata. Sono stati raggiunti to armato posto a protezione di un porto- piazza Dante
in via San Nicola a Nilo, dove la vettura cato un uomo che, a bordo di una station wagon, trasportava un ne privato. I poliziotti del commissariato
si è schiantata contro un paletto in carico di olio sofisticato - circa 140 litri - che doveva essere con- Dante non li hanno mai persi di vista.
Dopo essere stato ferito dal gio- cemento armato (hanno tentato la fuga a segnato ai titolari di due ristoranti della zona. Nell’aprile del Hanno tallonato la macchina per oltre a disposizione dell’autorità giudiziaria. Il
vane che tentava la fuga il poli- piedi, ma uno è stato bloccato). Il veico- 2008, a conclusione di un’attività investigativa diretta dalla pro- un chilometro zigzagando tra i veicoli. 16enne è accusato dei reati di furto
ziotto è stato medicato in pronto lo è stato restituito alla legittima proprie- cura della Repubblica di Foggia, venne scoperto un gruppo di Ma i due giovani sono scesi dalla Fiat aggravato, resistenza a pubblico ufficiale
soccorso e dimesso poche ore taria. La Fiat 500 presentava segni di criminali che adulterava olio extravergine di oliva e che aveva 500 oramai inutilizzabile, continuando e lesioni. I fatti si sono svolti verso le 5
effrazione alla portiera sinistra, mentre ramificazioni a Milano, Napoli, Brindisi, Campobasso, Latina, la fuga a piedi e dividendosi tra i vicoli. di ieri mattina. L’autovettura è stata
più tardi. Lesioni provocate una chiave di metallo era stata inserita Salerno, Varese e Bari. Uno è stato però bloccato e nel tentativo prima sequestrata e poi consegnata alla
durante le fasi dell’arresto nel blocco di accensione. G. R. è stato di divincolarsi dalla presa degli agenti, legittima proprietaria.

MARIJUANA A SCAMPIA
La coppia di ‘vedette’ acciuffata nel corso dell’operazione in viale della Resistenza. I venditori sono riusciti a far perdere le proprie tracce

Blitz alla ‘Torre dell’erba’, due in manette


NAPOLI (rc) - Operazione dei paese, comunque, tra gli under 34
carabinieri a Scampia. Nel corso la media di chi ha consumato
di controlli effettuati in viale della cannabis nell’ultimo anno, per
Resistenza, all’altezza di una quanto al di sopra della media
‘piazza di spaccio’ nota anche europea (13%), è in discesa, con
come ‘Torre dell’erba’, i carabi- sesso di 6 grammi di marijuana. ra smercia più di quattromila zio e preferito dai clan locali che il 16,5% registrato negli ultimi
nieri della stazione ‘167’ hanno Gli arrestati sono in attesa di rito dosi, ognuna costa sui trenta controllano il quadrilatero com- mesi. La coca è ormai la seconda
arrestato Massimiliano Forte, 18 direttissimo. Il ‘supermarket’ euro, prima della guerra fra clan, preso tra le zone di Secondiglia- droga più diffusa in Europa dopo
anni, residente in via Labriola ed della droga non chiude mai, una piazza bruciava oltre cento- no, Scampia, Melito e Casavato- la cannabis. Una tendenza contra-
Egidio Peluso, 24 anni, residente kobrett, cocaina, eroina sono le mila euro al giorno di cocaina”, re. In Europa la droga più diffusa ria a quella del resto del mondo,
in via del Camposanto, entrambi droghe reperibili a Secondigliano, spiega un inquirente specialista restano le canne: 71 milioni di dove le anfetamine sono più dif-
già noti alle forze dell’ordine. gli inquirenti sostengono che esi- nell’azione di contrasto al narco- adulti hanno fumato uno spinello fuse. In Italia il consumo è in
L’accusa per la coppia è di spac- stono ben 20 piazze della droga traffico. Il supermarket della nella loro vita, il che corrisponde aumento dal 2004 e quest’anno
cio di stupefacebni in concorso tra Secondigliano e Scampìa. droga è strutturato come una al 22% della popolazione. Ad ha toccato il massimo storico.
con due complici in via di identi- “Con un chilo di coca la camor- moderna e flessibile azienda pri- avere fumato nell’ultimo mese,
ficazione. Dopo servizio di osser- vata. C’è una scala gerarchica, gli invece, sono in 12 milioni, una
stipendi cambiano a seconda del percentuale pari al 3,5% della

‘‘ ‘‘
vazione e controllo i carabinieri
sono intervenuti sorprendendo i ruolo che si occupa, si fa ricorso popolazione che in Italia sale al
due asvolgere la funzione di anche alle collaborazioni esterne. 5,8%. Tra i 15 e i 34 anni il con-
‘vedette’. Durante successive per- Ci sono premi di produttività. Si sumo di cannabis è ancora più
quisizioni locali sono stati rinve- fanno assunzioni e si pesca tra i alto: i giovani europei che ne
nuti e sequestrati nell’androne IL SEQUESTRO giovani. Intere famiglie - dicono hanno fatto uso sono il 31%, con LE DENUNCE
della Scala A 25 grammi di Nell’androne gli investigatori - tra Secondiglia- L’operazione dei carabinieri è stata effettuata in viale della 3,5 milioni di giovanissimi tra i Tre acquirenti sono stati
marijuana abbandonati dallo no e Scampìa, vivono di questo. Re sistenza, poco distante dalle Vele, nella ‘piazza di spac- 15 e i 16 anni che hanno già pro-
spacciatore che si è dato alla fuga. della Scala A sono stati E intascano cifre impensabili cio’ nota anche come la ‘Torre dell’erba’. Secondo gli inqui- vato (22,1% del totale). E sono in segnalati al Prefetto
Nel contesto sono stati segnalati recuperati 25 grammi anche per affermati professionisti renti lì si vende soprattutto marijuana. Nel corso del blitz ne aumento anche i “fumatori inten- come assuntori
al Prefetto tre assuntori di droga o esperti manager, quello della sono stati sequestrati 25 grammi pronti alla vendita sivi” di spinelli, specialmente in
trovati complessivamente in pos- di ‘erba’ abbandonati droga è il business molto redditi- Francia, Italia e Spagna. Nel Bel- di stupefacenti
CRONACHE di NAPOLI
Napoli Mercoledì 21 Aprile 2010
13
Umberto: “Lunedì mattina ci è stato detto che dovevamo lasciare l’abitazione che ci era stata affidata. Torneremo a Largo Donnaregina”

Revocata la protezione alla famiglia Misso


“Ho tra le mani un referto medico che testimonia un’aggressione subita in carcere da mio figlio Giuseppe”
LA RICOSTRUZIONE
Il ritorno Il provvedimento
a Napoli Si è chiuso per la famiglia Misso
il programma protezione, adesso
1
dovranno ritornare a Napoli e lasciare
IL PROGRAMMA il luogo segreto dove hanno
soggiornato negli ultimi anni
Da quattro anni sotto
il programma protezione La paura
destinato ai collaboratori
di giustizia, dopo
il pentimento dei figli
Teme per se e per i suoi cari
Ha dichiarato: “Siamo morti viventi
2
Giuseppe ed Emiliano
a Napoli mi vogliono uccidere
Zapata, è stato costretto
ci odiano tutti, non possiamo
a vivere presso una
località segreta
mettere un piede fuori di casa”
La critica
LA REVOCA
Il 24 febbraio la notifi-
Dure le accuse nei confronti
della giustizia italiana: “Abbiamo dato
3
ca di un verbale del una mano alla magistratura
Nop, avvertiva che la
e questa è la ricompensa,
commissione del Ser-
adesso siamo soli”
vizio centrale di prote-
zione aveva deliberato di Giuseppe Letizia Avremmo dovuto lasciare la località pro- pentimento di mio figlio, hanno comin- programma - ammette Umberto Misso - che i miei figli hanno fatto arrestare.
la revoca del program- tetta entro sessanta giorni. Così ieri mat- ciato a collaborare oltre quaranta perso- per esempio, due volte mio figlio mi chie- Senza contare che io ho problemi di
ma di protezione per NAPOLI - La famiglia Misso torna a tina (lunedì per chi legge, ndr) hanno ne provenienti da ogni quartiere di se di potermi raggiungere nella località cuore. Sono stato operato al Gemelli un
Giuseppe Misso Napoli dopo un anno: il programma di bussato alla porta di casa e hanno detto Napoli. Già in passato abbiamo subito protetta ed io acconsentii. Voleva veder- anno fa, prima di tornare nella località
protezione è stato revocato e nella tarda a chiare lettere che bisognava lasciare minacce pesanti”. Nell’aprile del 2009 il mi perché sono malato di cuore. Un’al- protetta. Ora non posso andare in ospe-
IL RITORNO serata dell’altro ieri ha fatto rientro in l’appartamento. In tarda serata abbiamo programma di protezione fu revocato tra volta Giuseppe rifiutò di cambiare dale per una visita, o uscire per acquista-
treno dalla località protetta. “Non poteva- preso il treno per tornare a Napoli, una prima volta e i Misso rientrarono a residenza, un passaggio previsto nel re una medicina. Abbiamo problemi
La famiglia Misso
mo più stare lì - spiega Umberto Misso, abbiamo viaggiato durante la notte da Largo Donnaregina dopo due anni tra- piano di protezione. Mentre io nei primi anche a fare la spesa. Solo le donne
73 anni, padre dei collaboratori di giusti- soli e senza scorta”. Umberto Misso scorsi in una località protetta. Pochi gior- giorni non volevo lasciare Napoli”. scendono da casa, dopo aver adottato
dopo il periodo
zia Giuseppe ed Emiliano Zapata - taglia corto: “Siamo morti viventi. Non ni dopo tornarono sotto protezione. Fino Quindi conclude: “Il punto è che ora non mille precauzioni. E temiamo per i bam-
trascorso sotto lunedì mattina ci è stato detto che dove- possiamo mettere il piede fuori casa. Ci all’altro ieri. “Alcuni nostri comporta- possiamo più stare a Napoli. Viviamo nel bini, sono quelli più esposti”. Umberto
protezione vamo lasciare l’abitazione che ci era odiano tutti i clan della camorra. Dopo il menti sono stati considerati violazioni del terrore. Tutt’intorno abitano le persone Misso ingoia amaro: “Se ci ammazzano,
ritorneranno a Napoli stata affidata. Non sapevamo dove anda- non importa a nessuno. Noi familiari
nel cuore della Sanità re. E siamo stati costretti a tornare a siamo fantasmi che camminano, mentre
a largo Donnaregina, Largo Donnaregina. Ora siamo terroriz- LA PRIMA REVOCA I MOTIVI mio figlio viene picchiato in carcere. Ho
a partire dai prossimi zati. Se metto piede fuori casa, mi tra le mani un referto medico che testi-
giorni ammazzano”. Poi spiega: “Il 24 febbraio Nell’Aprile del 2009 il programma “Alcuni nostri comportamenti sono monia una aggressione che ha subito
mi fu notificato un verbale del Nop. di protezione fu revocato una prima stati considerati violazioni Giuseppe il 24 gennaio del 2009. Fu
Avvertiva che la commissione del Servi- curato dal medico dell’istituto peniten-
zio centrale di protezione aveva delibera- volta dopo due anni trascorsi del programma, ue volte mio figlio ziario per lesioni ad uno zigomo, ad un
to la revoca del programma di protezio- in una località protetta mi chiese di potermi raggiungere” polso e al collo. Presenterò una denun-
ne per Giuseppe Misso e familiari. cia. Voglio sapere cosa sia successo”.

Vomero L’operazione è stata messa a segno dai militari dell’Arma lungo via Luca Giordano. La vittima è una 18enne del posto

Violenza sessuale, preso 60enne


tratto in arresto. Dura l’accusa di
violenza sessuale da cui dovrà
difendersi davanti al giudice
monocratico. Una ricerca Istat atte-
sta che ogni giorno in Italia sette
donne in media subiscono una vio-

Secondo le ricostruzioni ha abbordato la ragazza e l’ha palpeggiata


NAPOLI (rc) - Il Vomero scon- Dalle parole il sessantenne senza vittima, il 60enne ha cercato di dopo la segnalazione della diciot-
lenza sessuale. I dati si riferiscono
ovviamente ai casi che vengono
denunciati alle autorità; alcuni
studi stabiliscono che questi rap-
volto da un clamoroso caso di vio- fissa dimora è passato subito ai darsi alla fuga lungo via Luca tenne molestata hanno acciuffato presentano soltanto l’8% degli epi-
lenza sessuale. I carabinieri della fatti. Rifiutato dalla giovane spa- Giordano. La fuga dell’uomo è l’uomo che nel frattempo aveva sodi effettivi di violenza sessuale.
stazione Vomero-Arenella, nel ventata, ha iniziato a palpeggiarla però durata pochi istanti, infatti è provato a darsi alla fuga tra le
corso delle attività di controllo del nelle zone ‘intime’. Sul posto sono stato acciuffato e tratto in arresto. affollate strade del vomero. Il caso
territorio,hanno tratto in arresto per immediatamente arrivati i militari Adesso l’arrestato è in attesa del non è passato inosservato ed i mili- I DATI
violenza sessuale P. A., sessanten- dell’Arma che hanno bloccato le processo con il rito per direttissima tari hanno ricostruito nei dettagli, Secondo l’Istat
nenne, senza fissa dimora. Il caso cattive intenzioni dell’uomo. Nota- e dovrà rispondere della pesante anche grazie alla denuncia imme- il fenomeno delle
di cronaca è avvenuto lungo via to il sopraggiungere dei degli accusa di violenza sessuale. Prov- diata della donna, la dinamica della violenze sessuali è in
L’ABUSO Luca Giordano, nel cuore del quar- uomini della benemerita, interve- videnziale l’intervento delle forze violenza. Il sessantenne prima ha netto aumento, ma
tiere della Napoli bene. Secondo le nuti su diretta segnalazione della dell’ordine che giunte sul posto abborato la vittima, poi ha iniziato solo l’8% delle donne

LA DENUNCIA
ricostruzioni effettuate dalle forze a molestarla verbalmente per pas- hanno il coraggio di
dell’ordine che hanno messo a PIANURA sare ai fatti. Continua l’impegno denunciare
segno l’arresto è stato ‘curioso’ il delle forze dell’ordine sul territo-
modus operandi dell’uomo. I cara- rio. Un impegno costante mirato al Il restante 92% delle vittime, dun-
La vittima dell’aggressione binieri del Vomero- Arenella controllo del territorio e fnalizzato
ha immediatamente que, decide per motivi diversi (ver-
hanno ricostruito nei dettagli la tri- alla sconfitta dei fennomeni crimi- gogna o “copertura” del molestato-
chiamato le forze dell’ordine ste vicenda. L’uomo ha dapprima nosi e di devianza sociale. Grazie re, soprattutto se all’interno del
che giunte sul posto hanno tentato un approccio con una al tempestivo intervento l’uomo contesto familiare) di non denun-
rconosciuto l’uomo e bloccato 18enne del Vomero, poi ha iniziato che a seguito di controlli è risultato ciare la violenza subita alla polizia
dopo un inseguimento ad importunarla verbalmente. essere senza fissa dimora è stato o ai carabinieri.

CORSO ARNALDO LUCCI PIAZZA GARIBALDI


L’arrestato è accusato di istigazione alla corruzione Acciuffato all’interno della stazione nel corso di controlli
Prova a corrompere i carabinieri, Evade dagli arresti domiciliari,
ventisettenne finisce in manette bloccato 53enne di Ercolano
NAPOLI (Umberto Ciarlo) - Ivan
Shpytka, ventiseienne ucraino,
hanno preso le manette e gliele
hanno cinte ai polsi. Quello che per
Cade in un tombino e finisce in ospedale NAPOLI (ucia) - Il ventotto luglio
dell’anno scorso Agostino Sifo, cin-
poi rinchiuderlo in carcere perché, nel
frattempo, i giudici in forza alla
quando i carabinieri gli stavano per
contestare alcune sanzioni si è fatto
un rapido calcolo mentale poi ha
lui rappresentava una mutua conve-
nienza per i militari era un affronto
alla loro divisa oltre a rappresentare
Strazzullo (Pdl): “Denunciamo da mesi” quantaquattrenne di Ercolano, aprì la
porta di casa sua, ne varcò la soglia e
non vi fece più ritorno. Per i carabi-
sezione distaccata di Portici del tribu-
nale di Napoli avevano emesso al suo
indirizzo un ordine di custodia caute-
offerto loro del denaro. Un accordo il reato di istigazione alla corruzio- NAPOLI - Cade in un tombino sul Pablo Picasso, e più precisamente a nieri non si trattò dell’ennesima spari- lare in carcere. Le ricerche non ave-
ne. E così il ventiseienne ucraino è marciapiede di via Pablo Picasso a Pia- pochi metri dalla scuola materna ed vano però avuto successo, il cinquan-
finito rinchiuso in una cella del car- nura e finisce all’ospedale San Paolo elementare il Cigno, vi è ormai da taquattrenne si teneva ben lontano da
LA DINAMICA cere di Poggioreale in attesa di con trauma cranico e polso fratturato. mesi, un tombino dell’impianto fogna- L’OPERAZIONE casa facendo attenzione a non destare
essere chiamato dinanzi al giudice. A renderlo noto è il consigliere munici- rio privo di copertura. E’ intuibile che sospetti al fine di evitare qualsiasi
Il fatto è accaduto nella periferia pale del Pdl Pasquale Strazzullo, che tale situazione, oltre a creare seri disagi controllo da parte di membri apparte-
IL POSTO DI BLOCCO con insistenza aveva denunciato nei alla cittadinanza, costituisce un serio LE RICERCHE
orientale di Napoli, al corso nenti alle forze dell’ordine. Gli accor-
Al momento dello stop Armando Lucci. Shpytka viaggiava giorni scorsi sia al Servizio Manuten- pericolo per l’incolumità fisica delle Il cerchio si è chiuso gimenti adottati per non finire in
a bordo di una Bmw con targa zione Urbana della 9° Municipalità che persone che percorrono il marciapiede manette non sono però bastati ed ora
Il giovane ha accostato alla 2° Unità Operativa della Polizia in oggetto”. “E’ una vergogna - prose- Acciuffato all’interno
ucraina quando i carabinieri del Sifo ha tra se e la libertà ha le spesse
con la sua auto senza tentare nucleo radiomobile di Napoli, che Municipale, il pericolo imminente per gue l’esponente del PdL - In questi della stazione di Piazza Garibaldi mura del carcere di Poggioreale. Al
di fuggire all’alt dei militari avevano allestito un posto di bloc- la pubblica incolumità fisica delle per- giorni, ogni mattina prima di raggiun- Lo cercavano da mesi 53enne di Ercolano è capitato di
co, gli hanno ordinato di fermarsi. sone, ma soprattutto dei bambini, visto gere la commissione consiliare di cui incrociare proprio uno degli uomini
che sarebbe convenuto a tutti a suo Il giovane ha accostato senza tenta- che il marciapiede in oggetto è a pochi faccio parte, mi sono recato presso gli zione senza un perché, bensì di una che da tutti questi mesi gli hanno dato
giudizio, i carabinieri avrebbero re di fuggire. Come da prassi i mili- passi dall’ingresso di una scuola mater- uffici tecnici per sollecitare l’interven- semplice evasione. Sifo si trovava la caccia. E’ stato un incontro fortui-
racimolato un piccolo extra e lui tari gli hanno chiesto i documenti na ed elementare. Infatti, la nota di to, anche in virtù del fatto che a rischio infatti agli arresti domiciliari in via to, all’interno della stazione Centrale
pagato sicuramente meno delle di guida, patente e libretto di circo- Strazzullo data 11 aprile 2010, acquisi- ci fosse la vita dei bambini che sono cautelare poiché accusato dei reati di di Napoli. Sifo si trovava all’interno
multe. Il suo calcolo si è però rive- lazione, dando nel frattempo un’oc- ta al protocollo municipale n.782 del soliti raggiungere la scuola, tra l’altro estorsione ed usura. Da allora i mili- della stazione, ed appariva come uno
lato del tutto errato: i carabinieri chiata al talloncino dell’assicura- 12 aprile 2010, citava testualmente: “Si anche quella dei miei figli che frequen- tari gli hanno dato la caccia continua- dei tanti viaggiatori diretti verso mete
invece di prendere il suo denaro zione. d’incidenti. segnala che lungo il marciapiede di via tano proprio quell’istituto. mente cercando di rintracciarlo per più o meno lontane.
14 Mercoledì 21 Aprile 2010 Napoli CRONACHE di NAPOLI

L’INTERVENTO DI SILVANA FUCITO


Regione, Comune e 2 associazioni parti civili contro i Sarno, Panico e Gallucci
Ma le associazioni protestano: la nuova legge
Gli enti pubblici contro i clan, impedisce di intascare i soldi liquidati dai giudici
NAPOLI (maga) - In occasione nismo, all’indomani dell’entrata

disposto un risarcimento record del ventennale dell’associazione


antiracket che si è svolto a Napoli
lunedì mattina, il sottosegretario
all’Interno Alfredo Mantovano
ha promesso un crescente impe-
gno del Governo nell’azione di
in vigore del pacchetto sicurezza,
è palpabile. “Questa legge incide
molto sulla nostra attività - prose-
gue Silvana Fucito - Gli avvocati
che assistono le vittime del racket
lo fanno gratuitamente, la vittima
Le cosche condannate a pagare complessivamente 26 milioni di euro contrasto alla criminalità organiz-
zata e nel sostegno alle vittime
non paga nulla. I fitti per la sede
dell’associazione sono a spese
di Manuela Galletta del racket e a chi si batte per aiu- nostre, così i telefoni, i computer,
tare commercianti e imprenditori la luce. Senza la possibilità di
La decisione finiti nel mirino della camorra. avere accesso a un fondo che ci
NAPOLI - Una vittoria
col sapore della beffa, un Parole nobili, che danno speran- dia una mano, diventiamo tutti
successo dimezzato per via za, ma che nei fatti non corrispon- degli sfigati che lavarono senza
dono allo stato attuale delle cose. avere il supporto da alcuna
di una legge, introdotta nel La normativa introdotta col pac- parte”. Situazione contraria,
pacchetto sicurezza varato chetto sicurezza sull’accesso al invece, per le vittime del racket.
lo scorso anno, di cui nes- fondo statale per entrare in pos- Lo Stato con loro è diventato più
suno, o quasi, ha contezza sesso delle somme di denaro presente che mai. “Il risarcimen-
e che ha creato non pochi liquidate in sede penale in favore to danni per le vittime funziona
malumori nelle fila del di pubbliche amministrazioni ed benissimo - ci tiene a precisare
mondo dell'associazioni- associazioni antiracket ha inne- Silvana Fucito - Così come benis-
smo antiracket e delle pub- scato una girandola di polemiche simo funzionano una serie di altri
bliche amministrazioni. La
Scontri a Chiaiano per la discarica, Regione Campania e il
Comune di Napoli si erano
e di malcontento
soprattutto tra chi
meccanismi che con-
sentono alla vittima
opera nelle associa- di essere tutelata ed
il Riesame annulla le misure cautelari costituiti parte civile nel
maxi-processo ai clan
zioni a titolo volonta-
rio. Silvana Fucito
aiutata da parte delle
istituzioni. L’esempio
per cinque indagati fermati a marzo Sarno, Panico e Piscopo-
Gallucci che lunedì sera si
(nella foto), l’impren-
ditrice coraggio
più recente di quanto
dico è la riapertura in
NAPOLI - Il tribunale valutato gratuite e stru- è concluso in primo grado diventata simbolo 47 giorni del bar Sec-
del riesame ha annullato mentali le misure caute- con la condanna di 51 rivoluzionato il vecchio senza il “blocco” legislati- della lotta alla crimi- cia che era stato
le misure cautelari lari a due anni dai fatti, imputati, accusati di asso- accesso ai fondi statali a vo avrebbero potuto inta- nalità organizzata per distrutto da un incen-
imposte a cinque attivi- giudicando inconsistente ciazione mafiosa, estorsio- disposizione delle vittime scare cifre importanti attra- la sua denuncia contro dio provocato dalla
sti di Chiaiano per le l’impianto complessivo, ne e droga, a complessivi del pizzo, delle pubbliche verso lo strumento dell’an- le cosche di San Gio- criminalità organiz-
manifestazioni contro la “con particolare riferi- 588 anni e mezzo di reclu- amministrazioni e delle ticipo da parte dello Stato vanni a Teduccio ed zata. Nessuna delle
associazioni antiracket (che avrebbe poi ‘recupe- oggi in prima linea al fianco di vittime si può più lamentare, o
discarica del 23 e del 24
maggio 2008. Lo riferi-
mento all'operazione di
inserire nell'incarta-
sione. Al loro fianco anche
la Federazione antiracket risarcite in sede penale. In 51 rato’ l’esborso con la con- Tano Grasso con la Fai, parla per può dire che ha paura, o che lo
sce una nota del presidio mento la segnalazione di italiana (movimento che fa base al pacchetto sicurezza fisca dei beni): il tribunale tutte le associazioni di categoria e Stato non è loro vicino. Perché
capo a Tano Grasso) e il dello scorso anno, è vietato di Nola ha disposto infatti denuncia i problemi economici, non è vero”. Chi invece ha moti-
dei cittadini di Marano e tre motoveicoli attribuiti Condanne che si acuiranno col passare del vo di lamentarsi, sono le associa-
Chiaiano. I provvedi- a parenti di camorristi coordinamento napoletano l’accesso sia agli enti pub- una provvisionale di 12
Lunedì tempo, ai quali andranno incontro zioni antiracket. “Noi potremmo
menti furono eseguiti che sarebbero passati antiracket. Avevano tutti blici che alle associazioni milioni e 250mila euro
chiesto un risarcimento per al fondo statale, usato in sera i (contro i 100mila euro pro- i “movimenti” per via della lavorare molto meglio se avessi-
dalla Digos della que- dal quadrivio della giudici nuova e poco conosciuta normati- mo soldi. Tutti i giorni ci arran-
stura di Napoli nell’am- Rotonda Titanic nel il danno arrecato all’imma- passato per anticipare le posti) per la Regione Cam-
gine di Napoli e della somme liquidate nei pro- del tribu- pania (rappresentato in va introdotta nel pacchetto sicu- giamo, ma non dovremmo arran-
bito di un'inchiesta della corso dei tre mesi, senza rezza. “Le attività delle associa- giarci. Le associazioni svolgono
Regione intera dai malavi- cessi come provvisionali. nale di giudizio dall'avvocato
procura di Napoli. I cin- per altro indicare alcun zioni antiracket vanno avanti un ruolo importante nella lotta
que manifestanti, uno fu collegamento operativo tosi che dal 2004 alla fine Ne consegue che gli Enti Nola Speranza), 10 milioni di
dovranno attendere la con- euro (contro i 100mila grazie all’impegno di persone alla criminalità organizzata, basti
posto agli arresti domi- con la protesta o ipotiz- del 2006 hanno gestito gli hanno
che non prendono un soldo - pensare che tantissime delle vitti-
ciliari e per altri quattro zare alcuna contestazio- affari illeciti nelle zone di fisca dei beni dei malavito- condan- chiesti) per il Comune di chiarisce subito Silvana Fucito - me del racket prima vengono da
fu disposto l’obbligo di ne ai medesimi”. Per il Ponticelli, Calsanuovo, si per poter ottenere i soldi nato 51 Napoli (avvocato Mario Le associazioni non sono finan- noi e poi vanno a denunciare
firma, furono accusati di presidio dei cittadini di Sant’Anastasia e Somma che sono stati loro cono- persone Gioia), e 500mila euro a ziate dallo Stato. Tengo a chiari- dalle forze dell’ordine - aggiunge
incendio, violenza o Marano e Chiaiano si è Vesuviana. E le loro istan- sciuti. Fino ad allora il a com- testa (anziché complessivi re, perché non tutti lo sanno, che l’imprenditrice -. Noi speriamo
minaccia a pubblico trattato di un’operazione ze sono pure state accolte. risarcimento disposto in plessivi come era stato proposto) noi non siamo pagati da nessuno che qualcuno capisca e apprezzi
ufficiale, interruzione di di facciata che serviva I giudici del tribunale di sede penale resta “simboli- 588 anni
per la Fai (avvocato Ales- per fare questo lavoro. E invece quello che stiamo facendo.
pubblico servizio e gratuitamente a mettere Nola hanno disposto una co”, fermo sulla carta. Sto- sandro Motta) e per il in tanti credono che noi agiamo Abbiamo tante manifestazioni di
ria diversa, invece, per le e mezzo Coordinamento napoletano
furto. L’attività investi- in cattiva luce i manife- provvisionale (una sorta di per dovere, e non per un vero solidarietà, ma nessuno si chiede
anticipo sul risarcimento vittime del racket, che di galera antiracket (avvocato
gativa riportata nell’or- stanti anti-discarica con senso di responsabilità civile. come facciamo ad andare avanti.
dinanza cautelare rico- accostamenti del tutto vero e proprio da stabilire potranno sempre e comun- Alfredo Nello). Ventisei Detto questo, deve essere chiaro Questo è un problema di cui nes-
struì tutte le fasi dei vio- gratuiti. “La decisione in altra sede) da record in que rivalersi sul fondo sta- milioni di euro complessi- a tutti che le associazioni si auto- suno parla, nessuno si chiede
lenti scontri, gli episodi del riesame - conclude il favore dei quattro enti, 26 tale. A conti fatti, nel pro- vi, una somma di denaro finanziano proprio con i soldi che come mandiamo avanti l'atti-
incendiari e l’esplosione presidio dei cittadini - milioni e 250mila euro in cesso conclusosi lunedì, la consistente che dà l’idea vengono liquidati nei processi vità”. In futuro se ne parlerà di
di ordigni che in quel rappresenta una piccola totale, all’incirca due sola persona che sarà della consistenza del dove ci costituiamo parte civile. certo. Le associazioni premono
periodo furono realizza- goccia di giustizia nel miliardi delle vecchie lire, materialmente “ripagata”, danno che, secondo i giu- Con questa nuova normativa ci è affinché il problema economico
ti, con la partecipazione mare di prepotenza che somma nettamente più alta e a breve, del calvario pati- dici del tribunale di Nola, i stato impedito di poter prendere venga affrontato e risolto.
anche di frange del tifo ha sommerso la nostra di quella che era stata chie- to è l’imprenditore che si è clan Sarno, Panico, Pisco- questi soldi dal fondo statale “Dovremmo trovare un momento
organizzato e di pregiu- terra, al quale noi non sta. Un successo, se non costituito parte civile nel po-Gallucci (trascinati in all’esito di una sentenza penale di di raccoglimento per vedere
dicati, per impedire l’at- ci arrendiamo”. Il pros- fosse per il fatto che le due processo per essere finito giudizio dal pubblico mini- primo grado. Dobbiamo aspetta- come andare avanti, quali passi
tivazione dello sversato- simo primo maggio sono associazioni, il Comune e nella morsa degli estorsori stero antimafia Vincenzo re la confisca dei beni, dobbiamo fare”, annuncia Silvana Fucito.
rio nel quartiere di previsti una manifesta- la Regione non intasche- del clan Panico: ha ottenu- D’Onofrio, nella foto) attendere procedure più lunghe, La speranza è riuscire a sedersi
Chiaiano. Il tribunale zione e un concerto pro- ranno un solo centesimo di to, a titolo di provvisiona- hanno arrecato alla città quando invece la vecchia norma- attorno a un tavolo con gli espo-
del Riesame, si legge prio nel quartiere al nord quanto stabilito dal tribu- le, 10mila euro. Risarci- intera con i loro traffici, le tiva ci consentiva di poterci finan- nenti del Governo per cambiare
nale bruniano per via di mento “fantasma”, invece, loro alleanze e le loro ziare in tempi brevi”. Il malcon- l’aspetto del finanziamento alle
nella nota, ha invece di Napoli. tento nel mondo dell’associazio- associazioni antiracket.
una nuova legge che ha per i quattro Enti, che guerre.

Aveva risposto al fuoco nell’agguato teso ai suoi danni nel 2005 Ancelotti assente, bloccato dalla nube vulcanica che ha fermato i voli

Imputato per tentato omicidio, Calciopoli, i pm: nuovi elementi


accuse cadute per Michele Elia E l’ex arbitro De Santis si sfoga
NAPOLI - Nell’aprile del 2005 Quebec, colpito per errore alla NAPOLI - La nube vulcanica ha fatto protagonista rivestito da Moggi.
cadde vittima di un agguato di gamba sinistra da uno dei dieci la testimonianza in aula dell’allenatore Secondo indiscrezioni, i magistrati
camorra nel rione del Pallonetto di proiettili destinati ad una persona del Chelsea Carlo Ancelotti, che era stanno lavorando con il massimo riser-
Santa Lucia. Michele Elia jr (nella con la quale Elia aveva litigato per annunciata tra i momenti clou dell’u- bo su diversi filoni d’indagine i cui
foto), secondo la ricostruzione degli motivi di viabilità. Già socntata, dienza. Tuttavia ieri non sono mancate risultati saranno noti nelle prossime
investigatori, finì nel mirino del invece, la condanna ad un anno e le sorprese al processo di Calciopoli udienze. Altro momento saliente del- a sbagliare sono stati altri che paghi-
giorno in cui è caduto vittima del- ripreso davanti alla nona sezione del l’udienza è sta la dichiarazione sponta-
gruppo dei Bifulco che aveva avuto mezzo di reclusione che Michele l’agguato. Per il raid teso ai danni no loro. Sono stato intercettato e la
Tribunale di Napoli. Dopo la questione nea in aula dall’ex arbitro Massimo De mia vita passata al setaccio anche
il compito di eliminare il nipote del Elia ha rimediato anni fa per porto e di Elia, invece, è ancora in corso il delle telefonate “inedite” trascritte dai Santis, imputato nel processo. L’ex attraverso attivita' illecita messa in
boss del Pallonetto per vendicare la detenzione illegale di armi aggrava- processo di primo grado di giudizio consulenti della difesa di Luciano internazionale, indicato dalle indagini atto dal gruppo Telecom Pirelli. Per
morte di Francesco Di Biasi, il ta dall’articolo sette della legge che vede sul banco degli imputati Moggi (nella foto), stavolta il colpo di come componente della cosiddetta aver preso 23 magliette da distribuire
capostipite della famiglia dei Quar- antimafia del 1991, in riferimento Salvatore Bifulco, Armando scena lo ha riservato la procura. Il pm “combriccola romana” si è sfogato: ai miei collaboratori in occasione di
tieri Spagnoli giustiziato in casa alla pistola di cui era in possesso il Rizzo e Aniello Salvatore Bifulco. Giuseppe Narducci ha chiesto la “La mia vita è stata sconvolta e se ho un Lecce-Juventus, mi è stato attribui-
sua, il 20 aprile del 1999, in un parola per annunciare che da oggi, sbagliato sono pronto a pagare, ma se to un profilo mafioso”.
basso mono-locale in vico Figurelle nella segreteria della procura, saranno
a Montecalvario. Michele Elia jr, SCAMPIA a disposizione degli avvocati nuovi atti IL PROVVEDIMENTO
però, quel giorno era armato e di indagine. Si tratta di elementi emersi
rispose al fuoco. Non ferì alcuno,
ma tanto è bastato per farlo finire a Preso per stalking ai danni dell’amante, da una recente intervista al presidente
del Palermo Maurizio Zamparini in
cui si fa riferimento a un presunto
Pretendere la paghetta a 40 anni è reato,
processo con l’accusa di tentato
omicidio aggravata dalla matrice
camorristica. Il pubblico ministero
il giudice dubita della storia e lo scarcera intervento dell’ex dg della Juventus
Luciano Moggi per la designazione di la Cassazione condanna imputato a 2 anni
D’Addea lo voleva condannato a NAPOLI - Era stato arrestato minato anche del reato di violenza un arbitro nella partita Verona-Paler-
sabato scorso con l’accusa di sessuale. Secondo quanto riferito NAPOLI - Chi ha 40 anni e vive anco- sua pretesa “di ricevere denaro dai
sei anni di reclusione, ma nel primo mo del campionato di serie B 2003/04. ra con i genitori perché non trova lavo- genitori, considerato che era privo di
pomeriggio di ieri i giudici del tri- stalking ai danni della sua amante, dalla vittima, Monteasi aveva La registrazione dell’intervista all’e-
una donna dell’Arenaccia sposata costretto la donna ad avere rap- mittente Radio Radio è stata acquisita ro non può, con violenza, pretendere da lavoro e, per lo stretto legame di
bunale dei minori di Napoli hanno loro anche di ricevere la “paghetta” per parentela, aveva titolo per ottenere un
e con figli. Ma domenica mattina porti sessuali con lei per non rive- ieri dai carabinieri e ad essa si è
deciso per l’assoluzione dell’impu- aggiunta documentazione sul quell’in- le spese extra, non comprese nell’ordi- contributo da parte dei genitori stessi”.
tato. Sono state accolte in toto le Giovanni Monteasi, guardia giu- lare al marito la relazione extraco- nario mantenimento di vitto alloggio. Ma la Cassazione gli ha risposto che
rata di Scampia, è tornato in niugale che la donna aveva allac- contro (finito 2 a 1 per i siciliani). Gli
argomentazioni difensive dall’av- inquirenti ritengono che la circostanza Lo sottolinea la Corte Cassazione con- “pur essendo pacifico il principio che
vocato Paolo De Giorgio, che ha libertà e scarcerato perché la sto- ciato con lui quattro anni fa. Le fermando la condanna a due anni e l’obbligo dei genitori di concorrere al
ria raccontata dalla vittima non ha minacce sarebbero cominciate rappresenti un’ulteriore prova del pote-
smontato pezzo pezzo le conclusio- re dell’ex dg della Juventus, in grado quattro mesi di reclusione nei confronti mantenimento dei figli non cessa con il
convinto il giudice per le quando la signora ha cer- di Tommaso M., un quarantenne compimento della maggiore età ma
ni della magistratura inquirente. Per indagini preliminari San- cato di troncare ogni rap- di influire sulle designazioni dei diret-
Michele Elia una condanna scansa- tori di gara (e non solo per le partite in napoletano, senza lavoro, che viveva perdura finché il genitore non dia la
dro Ciampaglia del tri- porto. Una versione dei con i genitori e pretendeva da loro i prova che il figlio e' indipendente eco-
ta. Il ragazzo è attualmente detenu- bunale di Napoli che, in fatti che però non ha cui era interessata la squadra biancone-
to nel penitenziario dell’Aquila ra). Ma la notizia dei nuovi atti raccolti soldi per divertirsi. Davanti alle resi- nomicamente”, rileva che in questo
sede di convalida del convinto appieno il giu- stenze dei genitori, non aveva esitato a caso “le somme richieste con modalità
dove sta scontando una condanna - fermo, ha valutato gli dice per le indagini preli- dai pm Giuseppe Narducci e Stefano
da poche settimane diventata defi- Capuano ne nasconde un’altra ancora picchiare l’anziana madre. Condannato violente” non servivano per il manteni-
elementi indiziari. Il minari Ciampaglia che più rilevante: la procura sta infatti per maltrattamenti in famiglia, lesioni mento di Tommaso. Che, dunque, va
nitiva - per tentato omicidio. Elia 43enne (difeso dall’avvo- ha disposto l’immediata
deve ‘pagare’ per aver ferito, il 14 acquisendo in questi giorni altri ele- in danno della madre e tentata estorsio- condannato perché non è “legittimo”
cato Domenico Dello scarcerazione dell’inda- menti per provare la fondatezza dell’e- ne, Tommaso ha protestato in Cassa- pretendere “il di piu” per andare a
settembre del 2006, l’ingegnere Iacono) era stato incri- gato.
canadese Marc Saint Pierre, del sistenza di una “cupola” e del ruolo di zione sostenendo che era “legittima” la divertirsi.
CRONACHE di NAPOLI CRONACHE di NAPOLI

CNRapoli
ONANCord
HE
S.S. Sannitica km. 19,800 S.S. Sannitica km. 19,800
81025 Marcianise - Caserta 81025 Marcianise - Caserta
Tel. 0823.581055 - 0823.581005 Tel. 0823.581055 - 0823.581005
- 0823.821165 - 0823.821165
Sito web: www.cronachedinapoli.org Sito web: www.cronachedinapoli.org

Mercoledì 21 Aprile 2010 Pagina 15

GIUGLIANO - LA POLEMICA
CRIMINALITA’ Strisce blu, Magliacano: multe solo negli spazi
A GIUGLIANO GIUGLIANO (mf) - “Le multe
da parte dei vigilini possono
essere effettuate solo negli spazi
bisognerebbe - chiosa Magliaca-
no - bisognerebbe attuare un pò
di buonsenso nell’elevare le
delle strisce blu, quelle bianche multe visto che molte persone si
Gli inquirenti stanno effettuando non sono di loro pertinenza”. Lo
afferma il presidente della Con-
ritrovano a pagare contravven-
zioni per essere scese dall’auto
dei controlli perchè l’allarme fesercenti di Giugliano Giuseppe
Magliacano (nella foto), dopo la
per pochi istanti. Ci vorrebbe -
sottolinea Magliacano - un pizzi-
non è entrato in funzione: diatriba in consiglio comunale
sul pagamento da parte dei diver-
co di elasticità in più”. Poi la
richiesta: “Si potrebbero installa-
potrebbe non essere stato attivato samente abili del ticket parcheg-
gio. “Occorre rivedere tutto il
negli spazi gratuiti per chi non
espone il disco orario, e non cer-
re in città, come in altri comuni
limitrofi, le macchinette per l’e-
piano per quanto concerne i par- tamente gli ausiliari del traffico. rogazione dei ticket parcheggio
La porta dell’Asl forzata dai ladri cheggi a pagamento e quelli gra- Loro possono solo, come da con- al fine di evitare - conclude - inu-
tuiti - spiega Magliacano -. Solo i tratto, elevare le contravvenzioni tili file e preventivare anche la
vigili possono elevare multe nei parcheggi a pagamento. Ma sosta per mezzora”.

I ladri si sono intrufolati nella notte nella struttura di via Basile. Indagano gli agenti del Commissariato

Furto all’Asl, rubata la cassa del ticket


Hanno forzato una porta blindata e si sono impossessati dell’erogatore. All’interno vi erano circa 10mila euro
di Mariano Fellico scappati in tranquillità. E’ facilità un cancello che Romano. Gli inquirenti aggiunto il classico guasto rale nell’intera provincia
quello che è successo alla porta ai parcheggi della hanno avviato immediata- ai computer. Accettazione napoletana. Dilaganti sono
G I U G L I A N O - Hanno sede dell’Asl Napoli 2 struttura, poi, hanno forza- mente le indagini, reper- in tilt e utenti in fila per diventati gli episodi di
scalvato un cancello, for- Nord di via Basile (ex to una porta blindata. Una tando alcune impronte e ore per non perdere il microcriminalità da queste
zato una porta blindata, palazzo dell’Inam), dove la volta all’interno della interrogando i dipendenti. turno. Nel giuglianese le parti, ai quali sembra dif-
asportato l’erogatore e scorsa notte i ‘soliti ignoti’ struttura, utilizzato gli Tuttavia, da quanto appre- forze dell’ordine sono ficile saper porre un freno.
si sono introdotti nell’edi- ‘attrezzi’ da lavoro, hanno so, pare che l’allarme non impegnate da tempo nella Rapine, scippi e furti sono
ficio distaccato dell’ospe- asportato l’erogatore per sia scattato e gli investiga- lotta alla micro e alla purtroppo all’ordine del
dale San Giuliano di Giu- poi caricarlo a bordo di tori non escludono che macrocriminalità e negli giorno anche se i responsa-
L’erogatore gliano. L’erogatrice dei
ticket, che dispensa le pre-
un’auto e scappare via.
All’interno vi erano circa
possa essere stato disinse-
rito dalla gang di ladri o
ultimi mesi hanno messo a
segno numerosi arresti,
bili di questi reati vengono
sempre più spesso messi
dispensa notazioni previo pagamen- diecimila euro. A lanciare addirittura non messo in infliggendo duri colpi ad davanti alle proprie
to delle visite specialisti- l’allarme sono stati i funzione. Tuttavia i disagi organizzazioni e non solo. responsabilità. I controlli
le prenotazioni che, è stata completamente dipendenti che ha allertato non sono mancati visto che Non bastano però arresti, continuano al fine di poter
asportata dal muro. La gli agenti del Commissa- per diverse ore è stato controlli e perquisizioni assicurare alla giustizia chi
per le visite gang di ladri sapeva come riato di polizia di Giuglia- impossibile accettare pre- per sconfiggere questa non osserva le leggi e
specialistiche entrare in azione. Hanno
dapprima scavalcato con
no, diretti dal vicequestore
aggiunto Maria Rosaria
notazioni e pagamenti
ticket. Al furto infatti, si è
piaga da tempo ramificata
nel territorio e più in gene-
mette a segno furti, scippi
e rapine.

GIUGLIANO Giugliano
Oggi corteo degli abusivi nella Capitale per chiedere lo stop delle ruspe: “Ci incateneremo fuori il Parlamento se non ci ascolteranno”
Rogo in via Mazzini,
Demolizioni, marcia dei comitati su Roma
GIUGLIANO (antomangio) - manifestanti - avevano sostenuto smo presentata all’Assise,
a fuoco una fabbrica
GIUGLIANO (rp) - Il rogo si è sviluppato in
“Ci incateneremo fuori il Parla- Caldoro e le sue promesse di fer- dichiarò come i vani abusivi a via Mazzini, traversa di via Oasi Sacro Cuore
mento”. Tornano in piazza i mare le demolizioni. Tra i delega- Giugliano potrebbero essere più intorno alle 17. L’incendio ha interessato una
comitati antiabbattimenti dei vari ti anche gli abusivi del ‘Libero di trentamila. Il che significa die- fabbrica di lavorazione di argento e oro. Sul
comuni della provincia di Napoli Comitato Cittadino’, formato dai cimila case non dichiarate, al di posto sono intervenute tre autobotti dei vigili
su cui pende la scure delle ruspe. proprietari degli immobili abusivi fuori di ogni legge e riconosci- del fuoco di Napooi e gli agenti del commis-
Marceranno oggi su Roma e chie- costruiti nel territorio giuglianese, mento. In questi mesi gli abusivi sariato di polizia di Giugliano. Il rogo, secon-
deranno un incontro con qualche destinatari delle ordinanze di hanno cercato in tutti i modi di do un primo sopralluogo, potrebbe essere
esponente del Governo per chie- abbattimento dei propri manufatti fermare le ruspe, entrate in azione stato causato da un corto circuito, ma gli
dere un immediato stop alle disposte dalla magistratura e già quattro volte. Il primo manu- inquirenti non esludono altre ipotesi. L’incen-
demolizioni. Sono dunque di coordinate dal tavolo della task- fatto abusivo ad essere demolito è dio è stato dpmanto verso le 19:45. Momenti
nuovo pronti a scendere in piazza force costituitosi in prefettura, per stato il rustico a due piani edifica- di panico tra alcuni residenti della zona e traf-
sono i comitati dei comuni di veder salvare le proprie case. I to negli anni ‘80 a Lago Patria su fico in tilt. Dalla strada si è inalzata una nube
Giugliano, Afragola, Casoria, rappresentanti del comitato sono un suolo soggetto a vincolo nera che ha interessato tutto il quartiere. L’im-
Gragnano, Lettere, Santa Maria stati ricevuti più volte da Clau- archeologico, in quanto adiacente mediato intervento dei vigili del fuoco ha evi-
La Carità, Sant’Antonio Abate, dio Gorelli, Capo Dipartimento blocco delle ruspe e la sospensio- abusivismo a Giugliano non può gli scavi di Liternum. “Ci aveva- tato il peggio. Sul posto anche i medici del
Ischia, Procida, Pianura, Casola e per lo Sviluppo delle Economie ne di ogni provvedimento di essere ridotto agli 800 immobili no promesso che prima di proce- 118 che hanno visitato alcune persone che
Pimonte. Tutti uniti in un unico Territoriali della Presidenza del sgombero e demolizione delle individuati fino ad oggi dal pool dere agli sgomberi ed alle demo- sono state colte da lievi malori, causati, per lo
obiettivo: chiedere la sospensione Consiglio dei Ministri. Le ruspe case costruite senza licenza. Con- antiabusivismo della Procura di lizioni avrebbero fatto una nuova più, dallo spavento.
delle demolizione. Nonostante le però non si sono fermate, come segnò inoltre oltre tremila firme Napoli guidato dal procuratore mappatura del territorio, invece ci
proteste, resta il pugno duro da dimostrano le demolizioni degli raccolte a sostegno della loro aggiunto Aldo De Chiara. Del hanno riempito solo di chiacchie-
parte della Regione e soprattutto ultimi giorni eseguite nella peni- lotta, la mappatura completa ed resto, lo stesso assessore alla Pro- re - ha affermato nei giorni scorsi
della procura di Napoli. “La poli- sola sorrentina e Afragola. Il por- aggiornata dell’intero territorio grammazione, Riqualificazione gli abusivi. Ora chiediamo un
tica deve farsi carico del proble- tavoce del comitato nel primo campano e il piano regolatore del territorio e del patrimonio abi- intervento urgente presso gli
ma sociale. Siamo pronti ad aste- incontro con l’esponente di Palaz- della terza città della Campania, tativo Roberto Castelluccio, nella organi preposti affinchè vengano
nerci dal voto delle prossime ele- zo Chigi aveva chiesto proprio il per dimostrare che il fenomeno relazione sul fenomeno abusivi- sospesi gli abbattimenti previsti”.
zioni regionali e comunali se non
verranno ascoltate le nostre
richieste” - afferma Gennaro Di GIUGLIANO Giugliano, l’Asl Napoli 2 Nord in campo
Girolamo, rappresentante del per diffondere l’educazione alla salute
Libero Comitato cittadino di Giu-
gliano. Visti gli esiti infruttuosi
Il dipendente cieco in vertenza con il Comune non accetta gli accordi tra l’amministrazione e l’Uici
GIUGLIANO - L’Asl Napoli 2 aderi-
delle riunioni in prefettura, gli
abusivi hanno deciso di raggiun-
gere direttamente la capitale.
Pansa ha ascoltato più volte le
richieste dei comitati uniti che
Palma: l’incontro è stato una farsa
GIUGLIANO (antmang) - Non si placa la polemica tra l’amministra- sione della cultura tra i non vedenti” incasserà un contributo il cui
sce all’iniziativa dell’Oms che ha pro-
dotto di recente una pubblicazione
“Getting the message across” (Comuni-
ca il messaggio) in cui ha raccolto una
selezione di poster, realizzati in occa-
hanno reclamato un stop momen- sione di campagne di educazione alla salute di
taneo alle demolizioni decise da zione comunale e Mario Palma, dipendente non vedente che ha in importo oscillerà tra i 2 mila e gli 8mila euro. Pertanto - continua - non
corso una vertenza con il Comune. Dopo l’incontro del 13 aprile tra il risponde a verità quanto detto in proposito. Né i rappresentanti del ogni parte del mondo, con l’obiettivo di far riflet-
tavolo della task-force costituitasi tere su come potrebbero essere migliorate.
per gestire le demolizioni dei sindaco ed i vertici provinciali dell’Unione Italiana Ciechi Comune, né i rappresentanti dell’Uici provinciale di Napoli,
manufatti abusivi. La richiesta è sembrava arrivata ad una risoluzione la vertenza del dipen- Giovanni D’Alessandro e Gennaro Vilardi, mi hanno
stata però restituita al mittente. dente. Ieri invece c’è stata una nota ufficiale di quest’ultimo consentito di esporre le mie ragioni e di mettere le mie
Per le sentenze passate in giudica- che ha giudicato “come una farsa” l’incontro svoltosi in dichiarazioni a verbale, compiendo a mio avviso una gravis- Giugliano, campo sportivo in via Ripuaria
to - ha ribadito Pansa - non è pos- Comune. “E’ stata una parodia nelle quale il presidente e il sima scorrettezza etica, formale e giuridica. Riguardo alle in comodato d’uso alla chiesa di S. Luca
sibile alcun tipo di mediazione o vicepresidente provinciali dell’Uici di Napoli si sono schierati presunte mansioni che ancora una volta mi dovranno essere
marcia indietro. Dove la magi- in difesa della linea dilatoria ed evasiva del Comune - dichia- affidate nei contenuti reali, vorrei che mi spiegassero cosa GIUGLIANO - Proposta al consiglio
stratura si è pronunciata accertan- ra Palma - .Ne fa fede il verbale firmato dai due soggetti, ma vuol dire “intercettare le istanze dei non vedenti”. Dal canto comunale di concedere in comodato d’uso
do in via definitiva la commissio- non dal sottoscritto, al termine dell’incontro, durante il quale, sua l’amministrazione continua a ribadire l’impossibilità gratuito, per 29 anni, alla comunità religio-
ne del reato non c’è altra strada il sindaco non ha proferito parola perché ha trovato nei rap- della formalizzazione di alcune delle richieste del dipendente sa della Chiesa S.Luca Evangelista, rap-
che quella dell’arrivo delle ruspe. presentanti dell’Uici provinciale di Napoli i suoi difensori d’ufficio. Mario Palma ed in particolare l’incarico per lo svolgimento delle atti- presentata dal parroco don Carlo Villano,
Oggi una delegazione di comitati Nell’altra stanza dopo altri 5 minuti anche l’assessore Mario Delfino vità giornalistiche in quanto, secondo le declaratorie contrattuali, tali il terreno di circa 3mila metri quadrati
marcerà su Roma e chiederà di per impegni urgenti ha abbandonato la riunione dopo aver comunicato attività possono essere affidate solo a figure professionali appartenenti circa ubicato in via Ripuaria numero 48, in località
essere ricevuta dalla presidenza a voce che l’Unione ciechi di Napoli, dopo 15 anni che non ne riceve- alla categoria D, mentre il dipendente Mario Palma è attualmente Varcaturo. Il terreno sarà utilizzato per lo svolgimento
del Consiglio che - ribadiscono I va, per l’inclusione nel piano di zona del progetto “Promozione e diffu- inquadrato come Istruttore Amministrativo della categoria C”. di attività ricreative per minori.
16 Mercoledì 21 Aprile 2010 Napoli Nord CRONACHE di NAPOLI

AFRAGOLA Processato per direttissima e condannato a 4 mesi con pena sospesa


ARZANO
L’OPERAZIONE Non si ferma all’alt dei militari, bloccato un 18enne
AFRAGOLA (fra.cel.) - i modi di sfuggire al con- militari è emerso che lo
Non si ferma all’alt dei trollo con spintoni vari. scooter sul quale viaggia-
Sono stati incastrati Pasquale Cristiano Angelo Vivace
militari, ma viene raggiun- Ma non ci è riuscito. va era stato sequestrato.
to e bloccato. A scagliarsi Ammanettato sul posto è Non solo ma era anche
dalle impronte digitali, contro i carabinieri di stato subito portato in privo della copertura assi-
Afragola per un normale caserma per gli accerta- curativa. Lo scooter e fini-
dalle immagini delle telecamere controllo è stato E. A. menti di rito. Successiva- to sotto chiave. Il diciot-
e da alcuni testimoni al raid diciottenne incensurato di
Afragola. Nello specifico,
mente con l’accusa di resi-
stenza a pubblico ufficiale
tenne privo del casco,
della patente di guida, del
i militari a seguito di un e sottrazione di moto certificato di assicurazione
di Francesco Celardo controllo del territorio sequestrata è stato condan- e soprattutto a bordo di un
individuano il diciottenne scappare ma viene subito nato dal giudice, durante motoveicolo già sottopo-
ARZANO - Si chiude il cerchio degli in via La Pira a bordo di rincorso e bloccato. l’udienza tenuta con il sto a sequestro, ha tentato
arresti dei rapinatori in trasferta. A uno scooter per giunta già Durante la fase del con- processo per direttissima, di scappare sapendo che
finire in manette Pasquale Cristiano sottoposto a sequestro. trollo ha inveito contro i a quattro mesi con pena l’eventuale controllo pote-
21enne di Arzano, e Angelo Vivace All’alt dei militari tenta di militari. Ha cercato in tutti sospesa. Dal controllo dei va finire male.
anch’gli di 21 anni residente a Caiva- Ciro Oliva Vincenzo Sorio
no, ritenuti responsabili di
alcune rapine alle gioiellerie
tra cui quella compiuta ai
danni dell’oreficeria Bru-
Sono della zona e di Caivano. Altri due complici erano già stati catturati

Rapina in gioielleria, presi in due


gnelli di Cremona il 27 otto-
bre 2009. Due dei quattro
arrestati erano già detenuti
Ciro Oliva di 32 anni e Vin-
cenzo Sorio di 24 anni
entrambi di Caivano, finiti in
manette il due di marzo scor-
so. Ad eseguire l’arresto
sono stati gli agenti della
sezione investigativa del
commissariato di Afragola,
diretti dal vicequestore Paolo
Il colpo a Cremona. Si impossessarono di 17 Rolex del valore di circa 200mila euro
Iodice. La dinamica del
colpo è stata chiarita dalle indagini na dalla polizia e dai vigili urbani e
GIUGLIANO Il capogruppo in Assise Dell’Aquila: presenteremo la proposta nel consiglio comunale
portate avanti dagli inquirenti di Cre- all’ingresso dell’autostrada. Gli inqui-
mona. La mattina del colpo, uno dei
banditi effettuò un sopralluogo all’ore-
ficeria. Chiese di vedere un orologio,
poi se ne andò. Poco più tardi lui e i
tre complici tornarono nel negozio
renti hanno subito stabilito che il com-
mando proveniva dalla Campania. Il
riscontro sulle telefonate effettuate con
i cellulari ha permesso di identificare i
quattro componenti della banda e i due
Canoni idrici, il Pdl: sì alla rateizzazione delle bollette
GIUGLIANO (Antonio Mangione) - rato 3,4 milioni di euro di canoni idrici stando in avanti i termini per aderire al
armati di pistole. Immobilizzarono denunciati. La polizia di Cremona ha “Proporremo la possibilità per tutti i cit- pregressi, nel 2009 sono saliti a 5,4 concordato, ovvero comprendendo
con il nastro adesivo una dipendente e stabilito che i rapinatori hanno messo a tadini di rateizzare il pagamento dei milioni di euro”. Prosegue anche la anche gli anni 2007 e 2008, sperando di
cercarono di fare altrettanto con la segno con modalità analoghe colpi a canoni idrici”. A parlare è Antonio Del- campagna contro gli allacciamenti abu- mettere tutto a posto per le annate 2009
titolare, Floriana Brugnelli, che però Modena, Novara, Vercelli, Parma e l’Aquila (nella foto) capogruppo del sivi. Secondo i dati diffusi dall’ammini- e 2010”. Il primo concordato prevedeva
reagì urlando mentre cercava di divin- Fano. Dunque, a determinare l’arresto Pdl in Assise. Ieri mattina la riunione tra strazione comunale su 10000 attività un accordo con i cittadini per sanare le
colarsi. In pochi secondi i malviventi sono state fondamentali le collabora- i consiglieri del Popolo della Libertà, commerciali presenti sul territorio solo pendenze pregresse (1998/2005 ).
razziarono 17 Rolex per un valore di zioni tra le forze dell’ordine tra cui durante la quale è stato raggiunto l’ac- un 10% avrebbe le carte in regola per “Oltre al danno la beffa”. Si può sinte-
circa 200mila euro e fuggirono. La quelle campane. Infatti, a rintracciare i cordo di presentare nel prossimo consi- quanto riguardo l’acqua: “Grazie ai con- tizzare così la posizione della Cgil sulla
polizia arrivò poco dopo in negozio. due ci hanno pensato gli agenti dell’in- glio comunale una proposta che prevede trolli dei vigili urbani sono stati scoperti questione degli aumenti Tarsu. Tanti cit-
Determinanti ai fini dello sviluppo vestigativa di Afragola che in poco la rateizzazione dei canoni idrici. “Pre- centinaia di allacciamenti abusivi”. tadini hanno partecipato al dibattito pub-
positivo delle indagini sono state le tempo hanno stretto le manette ai polsi vediamo di dilazionare il pagamento in Sono 290 le denunce penali scattate per blico tenutosi ieri presso la sede del sin-
impronte digitali, le testimonianze ai due rapinatori, poi rinchiusi nel car- quattro rate - annuncia Dell’Aquila - ma furto aggravato. “Nonostante sia molto dacato in via Roma. Rosario Stor-
della proprietaria del negozio dei pas- cere di Poggioreale. Fondamentali è necessario che il consiglio modifichi il difficile effettuare certi tipi di controlli, naiuolo, presidente regionale Federcon-
santi e le immagini raccolte ai varchi sono state le intercettazioni telefoni- regolamento approvato qualche mese continueremo nella tolleranza zero con- sumatori Campania, Teresa Potenza,
elettronici nel centro storico di Cremo- che, ma anche le dichiarazioni rese da fa. Credo comunque che non ci saranno tro chi si appropria in maniera indebita segretaria Cgil Camera del lavoro di
uno dei due malviventi durante un problemi, visto che si tratta di un prov- di un bene pubblico”. Secondo la Corte Napoli e Luigi Cimmino, delegato
arresto per rapina fatto a Benevento ai vedimento che va a sostenere le tasche dei Conti l’evasione dei consumi idrici, della Cgil area giuglianese, hanno spie-
danni di una gioielleria del posto. In di tutti i cittadini di Giugliano. E’ un la Geset, concessionaria del servizio, ha e quindi dei tributi dovuti, ha raggiunto gato i motivi dell’aumento, di oltre il
quel frangente raccontò agli inquirenti nostro impegno, per quanto è possibile, ultimato il censimento delle utenze idri- in passato circa il 70%, creando un 30% rispetto all’anno scorso: “E’ un
di aver partecipato ad una rapina com- aiutare i cittadini, per questo siamo che e sta procedendo all’installazione danno notevole alle casse comunali. Il aumento ingiustificato rispetto al servi-
messa insieme ad altri complici a Cre- venuti incontro alle loro esigenze”. La dei nuovi contatori, così come previsto concordato è una sorta di seconda di zio alquanto scadente che viene offerto
mona. Il tutto è stato determinante per possibilità di rateizzare il pagamento del dal concordato. Le utenze idriche del sanatoria per gli anni pregressi di consu- ai cittadini del territorio giuglianese -
concordato idrico era stata annunciata Comune di Giugliano sono 41614, mo dell’acqua con il pagamento forfet- hanno affermato i sindacati - già la crisi
la ricostruzione delle correlazioni tra le da Marcello Postiglione, assessore alla 18mila i contatori già installati. “Preve- tario per tutti coloro che non hanno ade- ha messo in ginocchio i più deboli, con
varie rapine commesse dalla banda. Servizi infrastrutturali a rete, Bonifica diamo di installare gli altri 20mila con- rito al primo concordato. “La Corte dei quest’aumento le famiglie andranno
Insomma, la gang delle rapine del nord del Territorio, ma riguardava solo i citta- tatori entro la fine dell’anno - afferma Conti ha vincolato 31 milioni di euro ancora più in difficoltà. Abbiamo aperto
italia e finita in manette. i Rolex rubati, dini meno abbienti. Ora si estenderà a Postiglione - . Con questo nuovo con- delle casse comunali a causa della que- uno sportello per chiunque voglia chie-
secondo gli inquirenti servivano sicu- tutta la popolazione, che dunque potrà cordato abbiamo recuperato somme stione acqua, in passato gestita con trop- dere il rimborso della Tarsu del 2009.
ramente per il mercato nero. Ogni dilazionare il pagamento dei canoni idri- importati di denaro, tributi non versati pa superficialità. Con questa proposta C’è tempo fino al 30 marzo per presen-
pezzo costava oltre duemila euro. ci degli anni 2006, 2007 e 2008. Intanto dai cittadini. Nel 2008 abbiamo recupe- pensiamo di risolvere il problema, spo- tare la domanda”.

GIUGLIANO L’operazione la settimana scorsa. Sequestrati dosi di cocaina, hashish, marijuana, 9 cartucce ed una pistola

Traffico di stupefacenti, in due restano in cella


GIUGLIANO (ferd.oref.) all’obbligo della presenta- to nel 2008 ad opera dei
Qualiano, sosta selvaggia:
task force dei vigili urbani
- Domenica hanno avuto il zione alla polizia giudizia- carabinieri del Nucleo QUALIANO - Negli orari di punta ci sono strade che
faccia a faccia con il gip di ria). Questi ultimi sono Operativo e Radiomobile di ingolfano la viabilità dei paesi. Una di queste è Via Pri-
Napoli, al quale hanno stati raggiunti dalla stessa Sala Consilina, che hanno mavera, nella città di Qualiano. E’ un viottolo a doppio
detto entrambi che sono già ordinanza che giovedì scor- permesso agli inquirenti di senso che collega Qualiano a Villaricca. Ma è sempre più
stati arrestati tempo fa per so è stata notificata a annoverare tra gli indagati frequente la ‘sosta selvaggia’ su uno dei lati della strada,
questi fatti. Questo è in Castaldo e D’Alterio, ad ben 19 persone. L’opera- che fanno andare in escandescenza i residenti delle
sostanza quello che nel fine epilogo dell’articolata zione tra il 2008 ed il 2009 numerose villette ai lati della carreggiata.
settimana hanno dichiarato, indagine denominata permise di arrestare 10 per-
in presenza dei loro legali “Cross”, che ha interessato sone e di sequestrare 107
(gli avvocati Giovanni le zone di Sala Consilina, grammi di cocaina, 195,25 Quarto, via Montagna Spaccata: chiesto
Abbate e Loreto Zozza- Sassano, Pomigliano d’Ar- di hashish, 2 di marijuana, il potenziamento dell’illuminazione
ro), Mario Castaldo, 34 co, Giugliano ed anche 9 cartucce per pistola ed QUARTO - Uno scenario inquietante quello di via Monta-
anni, e Antonio D’Alterio, Napoli. Questo cordone una pistola semiautomatica gna Spaccata nella frazione di Quarto a nord di Napoli.
52 anni, i quali a conclu- investigativo sarebbe parti- calibro 6,35. L’asse viario, che collega Quarto e Pozzuoli alla zona più
sione dell’interrogatorio di centrale di Fuorigrotta, con il calare del sole sembra trasfor-
garanzia hanno visto la marsi nella scenografia di un film dell’orrore. Circondata da
toga confermare la misura terreni incolti e quasi completamente senza illuminazione, la
cautelare che li ha raggiun- SANT’ANTIMO Sono entrambi di Casandrino. Furono bloccati su un’auto risultata rubata strada desta la preoccupazione dell’automobilista, che deve
ti nei giorni scorsi (sono far fronte alle curve ed alle buche nascoste nell’oscurità.
entrambi detenuti nella
casa circondariale di Pog-
gioreale). L’accusa per loro
è quella di traffico di
sostanze stupefacenti, reato
Ricettazione, in due spediti ai domiciliari Qualiano, Circumvallazione: strada
pericolosa, allarme dei residenti
che i due giuglianesi avreb- SANT’ANTIMO (Ferdinan- Ed è proprio nella sala collo- denti non specifici. Nel piaz- QUALIANO - La Circumvallazione resta una delle strade
bero commesso, secondo do Orefice) - La scorsa setti- qui del penitenziario parteno- zale dove sono stati fermati i più pericolose dell’area nord di Napoli. La rotonda nei pressi
gli inquirenti, non solo in mana i carabinieri della Sta- peo che ieri il giudice per le due, i militari dell’Arma di Qualiano, che collega la città a Giugliano e Villaricca, è
trasferta, ma anche assieme zione locale, a seguito di un indagini preliminari Risolo hanno sequestrato ben altre stata spesso luogo di gravi incidenti stradali. Gli automobili-
a diversi complici, tra i appostamento, li hanno sor- del tribunale di Napoli ha quattro auto rubate: una Peu- sti, lanciati dai lunghi rettilinei del ‘doppio senso’, non riesco-
quali Giuseppe Lisa, anni presi in un piazzale a bordo fatto “visita” ai due presunti geot, una Bmw, una Fiat ed no a frenare in tempo e, perdendo il controllo dell’automobi-
49 di Sassano (anche lui di una Mercedes Cls sospetta. ricettatori, per sovrintendere un’altra Mercedes. Nonostan- le, vanno a finire nella rotatoria al centro della carreggiata.
detenuto in carcere); Anto- Così, dopo aver atteso il l’udienza di convalida del te i due siano stati scarcerati,
nino Carillo, anni 46, di momento giusto, sono entrati fermo. Sede in cui la difesa, però, sono in corso delle ulte- Mugnano, domani il sindaco uscente
Polla (agli arresti domici- in azione e li hanno fermati, rappresentata dal penalista riori indagini da parte degli
liari); Sebastian Granata, scoprendo che l’auto era Giovanni Abbate, è riuscita investigatori, i quali stanno Palumbo presenta il bilancio sociale
anni 29, di Sala Consilina rubata e non solo: nel piazza- ad ottenere la concessione cercando di risalire non solo MUGNANO - Si terrà giovedì a partire dalle 11 nel-
(sottoposto all’obbligo le c’erano altre auto proventi degli arresti domiciliari per il a coloro che avevano lasciato l’aula consiliare del Comune, il sindaco uscente
della presentazione alla di crimini analoghi. Di con- 32enne e l’obbligo di firma le auto in quel piazzale (che Daniele Palumbo presenta alla cittadinanza il “Cin-
polizia giudiziaria); ed infi- seguenza Pasquale Marraz- per l’appena 18enne, il quale forse era utilizzato proprio que anni di scelte - Il Bilancio sociale di mandato
ne Mario Fummo, anni 59, zo, 38 anni, e S. P., 18 anni, indiziato di delitto per ricet- può vantare una fedina pena- per fare da garage alle auto 2005 - 2010”. Lo strumento in questione utilizzato
di Pomigliano D’Arco entrambi di Casandrino, sono tazione e trasferiti nella casa le immacolata, a differenza di che scottavano), ma anche anche dal comune di Mugnano rappresenta un modo
(anche lui sottoposto stati sottoposti al fermo di circondariale di Poggioreale. Marrazzo che ha dei prece- agli autori dei furti. per rendere partecipe la cittadinanza del lavoro svolto
in tutto il periodo dall’amministrazione Palumbo”.
CRONACHE di NAPOLI
In primo piano Mercoledì 21 Aprile 2010
17
Stanato dai carabinieri ad Afragola. L’uomo è originario di Cardito e residente a Frattamaggiore

Clan Moccia, catturato il latitante Pellino


Era ricercato dal 2008. E’ ritenuto il capo della cosca: deve espiare 10 anni di reclusione
di Francesco Celardo azione, il clan mantiene la sua ege- Afragola, Caivano, Cardito, Cardi- della custodia cautelare in carcere

AFRAGOLA - Era sfuggito nume-


rose volte ai blitz ma stavolta è
monia territoriale, colpendo feroce-
mente gli esponenti delle formazio-
ni contrapposte. È ritenuto dagli
tello, Crispano, Frattamaggiore e
Frattaminore. Andava in giro anche
in motorino con il casco ben allac-
emessa dal Tribunale di Napoli a
carico di 37 persone per associazio-
ne per delinquere finalizzata alle
IL FERMO
finito in manette. A finire nelle
mani della giustizia è stato Mode-
inquirenti quindi, senza ombra di
dubbio, una figura importante tanto
ciato. Il tutto però non è sfuggito ai
militari che lo hanno individuato.
armi, estorsioni, stupefacenti e
altro. Le misure furono eseguite
‘Tradito’ dalla partita del Napoli
stino Pellino, 44enne latitante dal
2008, ritenuto elemento di spicco
del clan Moccia di Afragola. Ad
eseguire l’arresto sono stati i cara-
che il suo nome era stato proposto
per l’inserimento dei 100 ricercati
più pericolosi a livello nazionale.
Al momento, Modestino Pellino
Sono in corso accertamenti per risa-
lire al titolare dell’abitazione dove
si nascondeva il latitante. Su di lui
una condanna emessa il 30 dicem-
dalla Compagnia di Casoria il cin-
que gennaio scorso e il latitante
Pellino riuscì a sfuggire anche in
quel caso alla cattura. Ora dovrà
A febbraio fu preso
binieri del nucleo investigativo del
gruppo di Castello di Cisterna,
comandati dal colonnello Antonio
Iannece e guidati dal tenente
risulta essere capozona per diversi
comuni dell’hinterland, tra cui
bre dello scorso anno, con l’ordi-
nanza di ripristino della misura
espiare la pena di dieci anni di
reclusione.
Luigi Ferraiuolo
AFRAGOLA - Era Caivano, il clan di Fran-
colonnello Fabio Cagnazzo, e dai
sfuggito all’arresto all’i- cesco Pezzella egemone
carabinieri della Compagnia di LE INDAGINI nizio dello scorso gen- a Cardito, la cosca degli
Casoria. Con l’ausilio di un elicot-
naio, ma fu rintracciato Iavazzo operante a Frat-
tero i militari hanno scovato il covo
ed arrestato. A finire in tamaggiore, il clan del
di Pellino nella traversa senza usci- manette fu Luigi Fer- boss Antonio Cennamo
ta di via Angelo Cerbone situata nel IL NASCONDIGLIO raiuolo, cinquantunenne egemone su Crispano e
centro storico di Afragola. I militari di Caivano (originario di Frattaminore, boss
dopo aver circondato tutta la zona Si era rifugiato Cardito) legato al clan attualmente in carcere.
sono poi intervenuti. Salgono nel- camorristico dei Tra le ordinanze spicca-
l’appartamento situato al primo in via Angelo Moccia. La sua latitanza no i nomi di Francesco
piano e sfondano la porta. Non ha
opposto resistenza. I militari lo Cerbone è durata quasi un mese Ullero capoclan che ulti-
fino a quando i carabi- mamente si stava riorga-
hanno ammanettato e portato via. ad Afragola nieri del nucleo investi- nizzando con un proprio
Secondo gli inquirenti, il Pellino, gativo di Castello di cartello criminale, Anto-
latitante dal 2008 e ritenuto il luo- Cisterna, guidati dal nio Ciccarelli e Mode-
gotenente del potente clan tenente colonnello stino Pellino. L’indagi-
camorristico Moccia, ope- Fabio Cagnazzo, coa- ne è partita nel 1999 e
rante nel Comune di Afra- diuvati dai militari della nella stessa si evidenzia-
gola e zone limitrofe il Compagnia di Casoria, vano responsabilità nei
quale, avvalendosi di guidati dal capitano confronti di capi e gre-
alleanze “esterne” stabilite Gianluca Migliozzi, lo
con vari cartelli criminali hanno sorpreso in un
confinanti, tra cui quello appartamento di Afrago-
capeggiato da A n t o n i o la in compagnia della
Cennamo, alias ‘Tanuccio moglie. Erano le 22,30
‘o Malomm’ per la zona di di sabato. Tutto era
Crispano, gestiva numero- pronto per fare irruzione
se attività illecite tra cui le nell’appartamento situa-
estorsioni, il traffico di to al primo piano di via
sostanze stupefacenti e le Traversa Amendola. I
armi. Le indagini svolte in militari fecero irruzione
questi anni hanno determi- nell’appartamento e
nato il ruolo del Pellino nella con- l’uomo non oppose resi-
sorteria criminale locale. Gli inqui- stenza. Stava guardando Luigi Ferraiuolo
renti ritengono che controllava tutte LA CATTURA tranquillamente la partita
LA CATTURA
le attività illecite in mano ai Moc- del Napoli in televisione. Sta scontando
cia. Cresciuto sotto l’ala del boss
Utilizzato Ammanettato, fu portato
Antonio Cennamo, si è fatto strada anche l’elicot- Nel novembre del 2007 fu ammanettato in caserma per gli accer-
tamenti di rito. Successi-
undici anni
grazie alle sue spiccate doti di ‘con- e sei mesi
trollore’ delle attività illecite porta-
te avanti dal can degli afragolesi.
tero per bloc- dai militari di Crispano il boss Cennamo vamente fu arrestato e
condotto al carcere di di reclusione
E’ considerato una figura carismati- care l’uomo CRISPANO - Era il novembre taminore, Antonio Fatale quaran-
Poggioreale. Sta scon-
ca ed importante punto di riferi- tando undici anni e sei
del 2007 quando fu stangato il tatreenne residente a Frattamino-
mento in tutto l’ambiente criminale clan Cennamo. Otto furono gli re, Rocco Fatale 40enne residen- mesi di carcere. L’arre-
di appartenenza. Sfuggito al blitz arresti che furono eseguiti alle te a Cardito, sto scaturì dall’ordinan- gari delle cosche che si
che portò all’arresto di 33 persone IL BLITZ za di custodia cautelare erano spartite come un
prime luci dell’alba. Un’operazio- Vincenzo
dello scorso gennaio, del Pellino ne frutto di lunghe indagini ese- Vitale 39enne emessa dal tribunale di puzzle una vasta zona
ovviamente non si è saputo più
Non ha oppo- guite brillantemente dai carabi- residente a Napoli a firma del pub- dell’area a nord di Napo-
blico ministero Nunzio li, territorio dove ogni
nulla. Ma le sue attività andavano sto resistenza nieri in forza alla stazione di Cri- Sant’Arpino e
Fragliasso del trenta di spazio doveva fruttare
avanti. L’arresto del latitante, spano agli ordini del luogotenente Angelo Lisbi-
ovviamente pone seri interrogativi dopo l’irruzione Vincenzo Capoluongo. In cella no trentacin- dicembre scorso, nel- soldi. Estorsioni, traffico
sull’assetto del clan di Afragola. Antonio Cennamo (nella foto), quenne resi- l’ambito dell’operazione di droga e violazione
Molti dei luogotenenti sono finiti in dei militari capo della cosca, cinquantatreen- dente a che vedeva lo smantella- della legge sulle armi:
carcere. Il tutto potrebbe far presa- ne residente a Crispano sopranno- Sant’Arpino. mento di alcuni clan queste le accuse che
minato Tanuccio ‘o Malommo; in Le accuse di della camorra tra cui i hanno fatto poi emettere
gire un eventuale sgretolamento
manette anche Remigio Sciarra estorsione ed Natale/Marino per la la sentenza definitiva.
dell’assetto criminale. Dalle ultime
risultanze investigative, nonché dai IL MOTORINO quarantaduenne residente a Frat- usura ai danni zona di Caivano, i Un pericolo di fuga ha
taminore, Francesco Luongo di commer- Legnante/Pezzella ope- fatto poi scattare le ordi-
suoi numerosi pregiudizi penali, gli Girava in sella ad uno scooter quarantacinquenne meglio cono- cianti ed imprenditori. Un’azione ranti su Frattamaggiore, nanze di custodia caute-
inquirenti ritengono che lo stesso i Russo/Ciccarelli ope- lare dove all’appello
rappresenta uno dei più pericolosi indossando il casco sciuto con l’appellativo di Fran- messa in campo dalla Benemerita,
ranti al Parco Verde di mancava il Ferraiuolo.
componenti del ‘gruppo di fuoco’ cuccio ‘o sbirr assieme alla grazie alla collaborazione di una
per non destare sospetti moglie entrambi residenti a Frat- delle vittime.
del clan Moccia. Tramite la sua

IL PRECEDENTE In cella affiliati alle cosche dei Pezzella, Iavazzo, Natale, Russo-Cicciarelli e Cennamo
Il blitz di gennaio contro 6 clan portò all’arresto di 29 persone tra capi e gregari
CAIVANO (rp) - Dovevano ancora minali contrapposti con la finalità di
scontare il debito con la giustizia e
all’alba del 5 gennaio sono scattate le
manette. Sotto una persistente piog-
Le manette dopo l’emissione delle condanne nel processo contro le cosche spartirsi il territorio. La sentenza che
poi ha confermato gli elementi rac-
colti dalle indagini è stata emessa il
gia, i carabinieri della compagnia di minimo di sei anni di reclusione ad sette di ottobre scorso dal tribunale
Casoria e delle stazioni competenti
per territorio guidati dal capitano
La sentenza un massimo di ventotto anni di car-
cere. Colpiti i clan che si sono sparti-
di Napoli. Sentenza dove sono ascrit-
te condanne a carico dei responsabi-
Gianluca Migliozzi hanno stretto le ti il territorio a nord di Napoli tra cui li. E proprio a seguito dell’ordinanza
manette ai polsi di coloro i quali ave- I provvedimenti i Natale/Marino per la zona di Caiva- che è stato evidenziato il pericolo di
vano messo in piedi una serie di reati no, i Legnante/Pezzella operante su fuga da parte dei soggetti imputati
legati all’associazione per delinquere Il provvedimento fu Frattamaggiore, i Russo/Ciccarelli al ma anche della reiterazione del reato.
finalizzata al traffico di sostanze stu- emesso dal tribunale Parco Verde di Caivano, il clan di E proprio su questi due ‘pericoli’ che
pefacenti, all’estorsione e al possesso Francesco Pezzella egemone a Car- il pubblico ministero ha chiesto ed
illegale di armi da fuoco. Il provve-
di Napoli a firma del dito, la cosca Iavazzo operante a ottenuto il ripristino della misura
dimento emesso dal tribunale di pm Fragliasso: scaturì Frattamaggiore, il clan del boss cautelare in carcere che è stata accol-
Napoli a firma del pubblico ministe- da una sentenza di Antonio Cennamo egemone su Cri- ta dal tribunale il 30 dicembre scor-
ro Nunzio Fragliasso è scaturito da una serie di articolate spano e Frattaminore e attualmente so. I militari dell’Arma li hanno sor-
una sentenza di una serie di articolate in carcere. Tra le ordinanze spiccano presi nel sonno. A qualcuno e sem-
indagini partite dal 1997 dalla quale, indagini partite nel i nomi illustri tra cui Francesco brato invece che fosse solo un picco-
dopo due anni, erano già state emes- lotano 1997 Ullaro capoclan che ultimamente si lo residuo di pena da scontare. Cioè
se delle ordinanze di custodia caute- stava organizzando con un proprio una pena pari a qualche mese di car-
lare in carcere a carico di 96 persone cartello criminale, Antonio Cicca- cere invece le sentenze emesse parla-
tra cui quelli arrestati e quelli scarce- tacinque anni, Giovanni Vitale di 66 anni, Vincenzo Donadio di 50 anni, di trentaquattro anni, Vincenzo Pel- relli e Modestino Pellino. Le inda- vano chiaro: tutti condannati ad
rati per decorrenza dei termini. A anni, Rocco Spena, cinquantenne Luigi Giamattei di 36 anni, Alfonso lino di 33 anni, Michele Setola di gini partirono nel lontano 1996 espiare le pene in carcere per eventi
finire con le manette ai polsi per arrestato in provincia di Bologna, Iavazzo di 46 anni, Francesco Moc- anni trentanove e Salvatore Impa- quando fu azzerato il clan di Anto- delittuosi commessi in passato. Dopo
espletare le condanne in primo grado Daniele Pinto di trentacinque anni, cia di 48 anni, Raffaele Natale di rato di 33 anni. Tutti sono stati con- nio Gaglione. E da quella indagine le formalità di rito, furono tutti rin-
sono stati Massimo Acerra di tren- Antonio Ciccarelli di trentanove trentasette anni, Vincenzo Patricelli dannati a pene che vanno da un che emersero poi alcuni gruppi cri- chiusi a Poggioreale.
18 Mercoledì 21 Aprile 2010 Napoli Nord CRONACHE di NAPOLI

In alto da sinistra
verso destra:
ACERRA Pasquale Di
Fiore, Impero De
IL PROCESSO Falco,
Elvira De Falco,
Giovanna Terrac-
ciano
Il magistrato dell’accusa e Carmine Afel-
ba. In basso da
prima di presentare l’istanza sinistra verso
destra:
ha esposto ai giudici Antonio Di Fiore,
la ricostruzione dei fatti Sebastiano Fran-
zese, Antonio
Luggesi, Antonio
Papa
e Vincenzo Papa

Il delitto risale al 9 dicembre del 2006. Per il collaboratore di giustizia Domenico Delli Paoli invocati 15 anni di reclusione

Delitto Borzacchiello, chiesti 12 ergastoli


Il pm ha proposto 24 anni di cella per Antonio Mariniello per l’assassinio di Ciro De Falco
di Ferdinando Orefice ambientale catturò queste parole: “Io mi reagire, soprattutto per non essere tagliati sone, pur di vendicarsi. I vari agguati,
ACERRA - Ieri davanti alla quinta sezio-
aspettavo che moriva, ma ammazzato in
un agguato, non come uno scemo”. Quel-
fuori dalla spartizione delle estorsioni,
nella quale si era infilato anche Dario
però, non andarono a buon fine, ma nel ACERRA
frattempo si preparò l’omicidio di un
ne della Corte d’Assise di Napoli il pub- la morte, però, oltre a suscitare rammari- Tedesco, così venne dato un ordine a tutti uomo che tempo fa era stato un camorri-
blico ministero ha concluso la requisitoria,
invocando l’ergastolo quasi per tutti gli
imputati dell’omicidio dell’imprenditore
co per come era avvenuta, accese negli
animi degli eredi di De Falco un senti-
mento di rabbia e vendetta, ma soprattut-
gli affiliati: uccidere Mariniello o vendi-
carsi trasversalmente. Addirittura
Pasquale Di Fiore (definito dall’accusa
sta, Luigi Borzacchiello diventato nel
frattempo un imprenditore, il quale il fu
Snobba i domiciliari,
ucciso materialmente da Impero De
Luigi Borzacchiello, tranne che per
Domenico Delli Paoli (collaboratore di
giustizia) per il quale ha chiesto 15 anni di
to la voglia di far capire che il capo era
caduto, ma la sua dinastia era ancora viva
e voleva continuare a regnare. Dovevano
un feroce criminale), pensò di piazzare
una bomba sotto la casa-bunker di Mari-
niello: era pronto a far saltare un intero
Falco. Un omicidio questo che valse
come risposta a quello del boss e disse
silenziosamente: qui comandiamo ancora
trentanovenne si ritrova
reclusione. Per l’unico imputato per il
delitto del boss Ciro De Falco, Antonio
Mariniello, ha chiesto, invece, 24 anni di
dimostrare che il clan era unito e pronto a quartiere ed a far morire più di venti per- noi
in cella a Poggioreale
ACERRA (Ferdinando Ore- Stavolta, però, l’arresto non è
reclusione. Prima di invocare le condanne POZZUOLI -Nel weekend la situazione peggiora. L’assessore Morelli: enorme danno economico fice) - Circa due settimane fa avvenuto ad opera dei carabi-
per Pasquale Di Fiore (figlio del boss è stato arrestato per il reato di nieri della stazione locale,
Mario), Impero ed Elvira De Falco, Gio-
vanna Terracciano (rispettivamente figli
e moglie del boss assassinato), Carmine
Parcheggiatori abusivi, aumentano i controlli evasione dagli arresti domici-
liari. Lui che era stato relegato
in casa dall’autorità giudizia-
bensì di quelli della stazione
di Pomigliano, che dopo esse-
re entrati in possesso dell’or-
Afelba, Erminio Risci, Antonio Di
Fiore, Sebastiano Franzese, Antonio
Luggesi, Antonio Papa, Vincenzo Papa,
delle forze dell’ordine per ostacolare il fenomeno ria, perché a gennaio era stato
arrestato per minacce e
stalking (atti persecutori). Ieri,
dine di carcerazione, lo hanno
eseguito in tempi lampo.
D.B.P. aveva ottenuto la con-
Gaetano Sorrentino, oltre a quelle di però, D.B.P. è stato raggiunto cessione del beneficio degli
Delli Paoli e Mariniello. Però, il magistra- POZZUOLI (Alessandro Napolita- mine Morelli - non siamo ancora in Dopo i numerosi arresti molti di loro
no) - Una lotta impari con un finale grado di quantificare il danno econo- sembrano aver cambiato strategia. Ora da un ordine di carcerazione arresti domiciliari a seguito
to dell’accusa ha esposto ai giudici la sua che è stato emesso dalla pro- dell’arresto scaturito dall’arre-
ricostruzione dei fatti, usando come fonte che purtroppo sembra già scritto. E’ mico per le casse del comune. Gli la richiesta di soldi è più “morbida”.
quello che vede impegnati tutti i giorni unici interventi in questo senso sono le Ma nelle prossime settimane la vita cura generale della Repubbli- sto del 26 gennaio, data in cui
le indagini (perlopiù intercettazioni telefo- ca di Nola, in aggravamento si è resto protagonista di un
niche ed ambientali) e le dichiarazioni dei le forze dell’ordine contro il fenomeno denunce dei parcheggiatori sorpresi dei parcheggiatori abusivi potrebbe
dei parcheggiatori abusivi. Sono dap- nelle aree di soste delimitate dalle stri- diventare ben più dura. E’ infatti in del regime di arresti domici- episodio di stalking, per il
pentiti. Così, ha sostenuto che il 26 ottobre liari a cui era stato sottoposto quale è attualmente imputato.
del 2006 ha sostenuto Giovanna Terrac- pertutto e durante il weekend sembra- sce. Qui scattano anche le denunce per fase di ultimazione un progetto del
no addirittura moltiplicarsi. Le moda- occupazione del suolo pubblico e per comune che vedrà l’impiego di lavora- in precedenza. Inasprimento La concessione ricevuta, però,
ciano, moglie del defunto boss dei De della misura cautelare, questo, non è stata rispettata ed è,
Falco-Di Fiore, alias ‘o ciommo, vide lità di intervento da parte di polizia, appropriazione indebita”. Ma in città tori socialmente utili. “Questo proget-
carabinieri e caschi bianchi sono sem- sono diverse le aree dove in teoria non to vedrà l’impiego di circa 40 lsu - che non è altro che la conse- infatti, a causa di questo che
Mariniello attingere mortalmente suo guenza del processo per diret- ora il 39enne di via Palermo si
marito: ‘o ciommo era a bordo della sua pre le stesse: multe salate ai parcheg- è possibile parcheggiare le auto, ma aggiunge Morelli - i quali stanno ora
giatori, sequestro del denaro guada- che invece vengono “prese in gestio- seguendo un corso specifico presso il tissima che è stato chiamato trova recluso nel penitenziario
macchina con la moglie, quando incappò ad affrontare dopo l’arresto partenopeo, dove di certo non
in un’auto che lo urtò e deciso a capire chi gnato illecitamente e la sicurezza che ne” dagli abusivi, sfruttando la caren- comando della polizia municipale. Al
dopo 24 ore appena, lo stesso parcheg- za di posti auto. Villa Avellino, il termine questi lavoratori verranno per evasione dagli arresti potrà godere degli stessi
avesse osato fargli un simile affronto, ini- domiciliari, che è avvenuto lo confort, di cui avrebbe potuto
ziò a tallonarlo, pagando la sua audacia giatore si ritroverà al suo “posto di porto, piazza della Repubblica. Qui, impiegati direttamente in strada e
lavoro”. Tutto a discapito degli auto- anche dove non è concesso sostare, i muniti di ricetrasmittente collegata scorso 9 aprile, quando i cara- beneficiare a casa sua. Que-
con la morte. A bordo di quella macchina binieri della stazione di Acer- st’arresto, dunque, non fa
c’era Mariniello, che era stanco delle con- mobilisti e con un danno economico parcheggiatori costringono gli auto- con il comando di via Luciano. Oltre
anche per le casse comunali. Tra i mobilisti al pagamento di una somma al controllo della sosta gli lsu adde- ra lo sorpresero in flagranza di altro che confermare quello
tinue vessazioni subite, come hanno rac- reato. Difatti, nel comunicato che ormai è diventato un dato
contato alcuni pentiti, tra cui Delli Paoli danneggiati, infatti, c’è anche l’ente di denaro “volontaria”. Il prezzo, strati vigileranno anche sulla presenza
locale. Sempre di più sono gli automo- quando si è fortunati, non è mai troppo degli abusivi, segnalandone la presen- rilasciato dagli uomini della di fatto: nella zona partenopea
che dichiarò: “‘o ciommo ogni volta che Benemerita si legge chiara- i reati per evasione dagli arre-
vedeva Mariniello lo prendeva a male bilisti che si vedono costretti a pagare alto, m spesso accade di vedersi za ai vigili. Contiamo di partire al
al parcheggiatore abusivo pochi spic- minacciati. Danni alle auto se l’auto- massimo tra dici giorni”. Un piano mente: “Il provvedimento è sti domiciliari sono diventati
parole ed ultimamente pure a schiaffi, per stato emesso a seguito delle una sorta di “moda” e non
questo poi Antonio lo uccise”. Per cui il cioli e girando alla larga dal pagamen- mobilista decide di non pagare “qual- contro gli abusivi, dunque. Questa l’i-
to di quanto dovuto invece per la sosta cosa a piacere”. In questi casi sono dea dell’amministrazione comunale reiterate violazioni degli vanno considerati veniali, per-
movente dell’omicidio del boss sarebbe obblighi imposti dall’autorità ché chi si rende protagonista
questo. Una morte, quella di Ciro De sulle così dette “strisce blu”. Nono- scattate direttamente le manette per contro un fenomeno che, in special
stante i nostri numerosi interventi - estorsione o tentata estorsione nei con- modo con l’arrivo dell’estate, si allar- giudiziaria, a cui era sottopo- di questa violazione rischia il
Falco, che secondo il pubblico ministero sto il 39enne di via Palermo”. carcere.
scosse i suoi, infatti, un’intercettazione spiega l’assessore alla Viabilità, Car- fronti dei parcheggiatori abusivi. ga a dismisura.

BACOLI I disagi si ripercuotono ormai da anni BACOLI Il Coordinamento delle Periferie ha ha esposto denuncia

Sistema fognario ancora out Si attende il ‘progresso’ delle pompe


BACOLI (Josi Gerardo Della BACOLI (jogedera) - Dopo le proteste non denunciato tale situazione, sottolineandone la
Melito, presidenza del Consiglio:
Ragione) – Continuano le defi- sono ancora state apportate delle migliorie gravità igienico-sanitaria, alla stampa ed ai
giovedì summit in maggioranza
cienze dell’apparato fognario alle pompe di sollevamento di via Cuma: responsabili comunali interessandone il MELITO - Si terrà giovedì il summit in maggio-
bacolese: si attendono i fondi Fas scatta la denuncia per motivi igienico-sanitari comandante Fasano (stazione di Pozzuoli del ranza per decidere la strategia da attuare nel prossi-
della Comunità europea. Un siste- all’Asl Na2 ed al comando di Pozzuoli del corpo forestale dello stato). Effettuato un mo consiglio comunale. Nella riunione si discuterà
ma fognario progettato e parzial- corpo forestale dello Stato. E’ stato il Coordi- sopralluogo, gli uffici comunali hanno dichia- della presidenza del Consiglio che il sindaco è con-
mente realizzato nel 1977 alla cui namento delle periferie, in seguito alle rato che l’accaduto è dovuto al “troppo vinto venga affidata a Francesco Mottola (Pdl) sin
linea principale s’allacciano una roboanti e documentate segnalazioni dei gior- pieno” e che attualmente le pompe sono fun- dal primo scrutinio. Il centrodestra, secondo quanto
serie di linee secondarie, tramite ni scorsi presso gli organi competenti, a far zionanti (ovvero operativa una sola delle riferito dal sindaco Amente, sceglierà il nuovo lea-
gli impianti di sollevamento. Per- sapere con un comunicato ufficiale di aver già quattro previste). Su ripetuta nostra pressione, der a maggioranza giovedì per poi presentarsi uniti
corsi individuabili in una linea inviato una denuncia per iscritto presso le il X settore si era impegnato per effettuare e compatti il giorno seguente in Consiglio.
“Circumlago”, occlusa per un autorità sanitarie in modo tale da poter risol- una pulizia (mezzo idrante) e disinfestazione
50%, adiacente al lago Miseno, vere quanto prima la sconcertate situazione del sito e dei marciapiedi; cosa che però non è
che raccoglie tutte le acque nere generatesi nei pressi delle pompe di solleva- ancora avvenuta. Per tale motivo come comi- Casoria, controlli alla circolazione:
provenienti da Bacoli centro e con- mento di Cuma. Una struttura fatiscente, trop- tato restiamo vigili seguendo “da vicino” la nei guai ventinove persone
fluisce nell’impianto di solleva- si divide in due condotte di acque po spesso interessata da rotture improvvise e situazione e ribadendo l’urgenza per la nuova
mento di Miliscola, il quale preve- miste: la seconda è stata costruita difficilmente rimarginabili, posta a pochi amministrazione comunale d’affrontare orga- CASORIA - Durante servizi di controllo alla circolazione
de due linee di emergenza: una successivamente, nel 2004, proprio passi da un edificio scolastico notevolmente nicamente il rifacimento del sistema fognario stradale, i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà
sversante nel lago e l’altro diretta- per l’insufficienza della linea ini- popolato e che dovrebbe “pompare” le acque che costituisce la priorità per Bacoli”. Dichia- 29 persone e ne hanno segnalate 3 per uso di stupefacente.
mente nel canale di Procida attra- ziale. Da notare che, al di là dell’i- reflue del Comune di Bacoli verso il depura- razioni forti le quali, già in passato, spinsero nel contesto sono stati effettuati controlli a 1.276 veicoli e
verso una condotta in acciaio lunga nefficienza dei sistemi di pompag- tore regionale di Cuma-Licola. “Per tutta la gli uomini del Noe a recarsi in zona per con- contestate 369 violazioni al codice della strada con il ritiro
circa 2 km. Da detti impianti, i gio utili per trasportare le acque giornata del 18 aprile dalla condotta retrostan- statare l’effettiva efficienza dell’apparato di 32 carte di circolazione e 21 patenti di guida ed il
liquami vengono incanalati in nere direttamente nel depuratore te e dagli scoli pluviali antistanti le pompe di fognario locale. Intanto nel corso di un servi- sequestro amministrativo di 149 mezzi. Nell’ambito delle
un’unica condotta mista, acque regionale di Cuma-Licola, sebbene sollevamento di via Cuma (Bacoli, NA) è zio per il contrasto a fenomeni di inquina- violazioni accertati 76 casi di guida senza casco protettivo
bianche e nere, passante per v. il progetto originario prevedesse, fuoriuscito un copioso e continuo flusso di mento ambientale, i carabinieri della compa- e 66 casi di guida senza cinture di sicurezza.
Olimpico, v. Mercato di Sabato, v. su via Fusaro e via Cuma, una rete liquami fognari, che si sono quindi riversati gnia di Pozzuoli insieme a colleghi del nucleo
Giulio Cesare, e premuti all’im- per le acque bianche, questa non fu sullo spiazzale e sulla strada. Una situazione operativo ecologico di Napoli hanno denun- Giugliano, falso e ricettazione:
pianto di sollevamento stante pres- mai realizzata, utilizzando tuttora che si è protratta anche nel giorno successivo ciato in stato di libertà l’amministratore, un
so la Selex, classificato come “pic- per lo scolo delle acque pluviali, e per cui s’avverte nella zona un persistente 36enne del luogo, di una società con sede 31enne in cella per 32 mesi
chetto 1”: anche queste vasche, in un già esistente canale provinciale, cattivo odore mentre i cittadini, e specialmen- operativa e legale in via Dumas per chè rite-
caso di “troppo carico” o di avaria, di cui s’è provveduto alla pulizia GIUGLIANO - I carabinieri della locale stazione,
te i bambini andanti alla vicina scuola ele- nuto responsabile di omessa denuncia di atti- diretti dal capitano Alessandro Andrei, hanno rin-
sversano direttamente nel lago solo nel 1996. E per tale motivo, mentare, sono costretti a camminare sulla vità di verniciatura di natanti con emissioni
Fusaro. Da notare che su tale trat- tracciato ed arrestato Vincenzo Di matteo, 31 anni
per migliorare lo smaltimento delle melma fognaria accumulatasi sui marciapiedi. gassose inquinanti a causa dell’utilizzo di ver- del luogo. L’uomo è stato raggiunto da ordine di
ta, all’altezza di v. Olimpico, è acque piovane, su via Cuma, in Come residenti che vivono sulla propria nici acriliche, solventi e diluenti. È stato sot- carcerazione a regime di detenzione domiciliare
presente l’allacciamento della rete prossimità delle “Grotte dell’Ac- “pelle” questa inqualificabile vergogna – ha toposto a sequestro un manufatto di circa 100 emesso il 12 aprile dalla procura di Livorno. Il giu-
fognaria del comune di Monte di qua” fu realizzato nel 2007 un’ul- continuato un membro dello stesso Coordina- metri quadrati utilizzato per l’attività in que- glianese deve espiare la pena di 2 anni e 8 mesi di
Procida, a quella bacolese. Dagli teriore intervento prevedendo tre mento - abbiamo stamani immediatamente stione. reclusione per falso, truffa e ricettazione.
impianti del “picchetto 1” la linea nuovi scoli nel lago Fusaro.
CRONACHE di NAPOLI
Napoli Nord Mercoledì 21 Aprile 2010
19
FRATTAMAGGIORE Dipendente minacciato con un taglierino VILLARICCA Si lamentano i residenti. L’arteria collega i comuni di Villaricca e Calvizzano
GRUMO NEVANO
LE MANETTE Rapina alla Credem
FRATTAMAGGIORE (Ciro avessero obbedito e se solo
Lavori in corso, chiusa via Dante Alighieri
VILLARICCA (Fabio D’Avino) - In azione le inesistente, ed erano numerosi i rifiuti abbando-
Giugliano) - Ancora una rapi- avessero tentato di attivare l’al- amministrazioni comunali per la viabilità cittadi- nati nella zona. Pochi mesi fa, sul ciglio della
La coppia è stata rinchiusa na. Ancora ad una banca. E’ larme. Così ha preteso il conte- na. Dopo mesi di segnalazioni e lamentele dei strada, c’era anche uno scatolo pieno di pacchi
accaduto ieri alla Banca Cre- nuto delle casse: 1700 euro. cittadini, via Dante Alighieri, strada che collega sigillati di siringhe sterili probabilmente scadute
nella casa circondariale dem di piazza Riscatto: uno dei Attimi di terrore anche perchè Villaricca e Calvizzano, è chiusa per effettuare i o inutilizzabili. Inoltre, nella zona adiacente
banditi armato di taglierino è ad essere minacciati anche i lavori di riqualificazione dell’asse viario. I lavori all’asse viario, erano molti i rifiuti abbandonati
di Poggioreale: è a disposizione entrato all’interno della filiale e clienti dell'istituto di credito se sono effettuati dalle amministrazioni comunali di illegalmente, che contribuivano al degrado del-
Villaricca e Calvizzano, e agevo- l’intera area. Le amministrazioni
delle autorità giudiziarie si è diretto presso gli sportelli.
Arrivato vicino alle casse ha
solo avessero tentato di fare un
qualsiasi gesto inconsulto. Ad leranno la viabilità nella zona. Via comunali di Villaricca e Calviz-
estratto l’arma bianca ed inti- attenderelo fuori l’istituto i Dante Alighieri è una di quelle zano stanno mettendo una pezza
di Teresa Cerisoli mato a tutti di non muoversi, complici che sono scappati scorciatoie che in molti utilizzano a quella che è una delle strade
tra lo spavento generale di chi facendo perdere le proprie trac- per evitare il traffico sulla circum- più efficaci per collegare Villa-
GRUMO NEVANO - Un duplice era in fila ad aspettare il proprio ce. Il direttore ha denunciato la vallazione esterna. Ma l’asse via- ricca e Calvizzano. Un modo,
arresto è stato messo a segno dagli turno. Poi si è diretto verso un rapina aia carabinieri. I militari rio versava in condizioni davvero inoltre, per agevolare il transito
uomini del commissariato di poli- dipendente e, taglierino alla hanno sequestrato il cassetta pietose. Infatti, soprattutto nelle sulla circumvallazione esterna,
zia di Frattamaggiore, diretto dal mano, ha minacciato di tagliare del sistema di videosorveglian- giornate di maltempo, la viabilità asse viario sempre trafficato e ad
la gola all’impiegato se non za per catturare l’autore. era quasi impossibile. L’asfalto era alto rischio di incidenti.
vice questore aggiunto
Angelo Lamanna, nella
mattinata di ieri. I due fer-
mati, già saliti alle crona- La vittima era stata costretta ad acquistare colombe a un prezzo maggiorato: 450 euro per trenta pezzi
che per spaccio di stupefa-

Estorsione, fermati due del clan Aversano


centi, sono stati sottoposti
a fermo di polizia giudizia-
ria in quanto gravemente
indiziati di estorsione
aggravata e continuata in
concorso tra loro con il
metodo camorristico. Si
tratta di Alberto Stefano
Leo, ventiquattro anni, e
Daniele Oliviero, trentotto
anni,entrambi residenti a
Avevano preteso da un commerciante del posto una retta mensile pasquale di 1500 euro
Grumo Nevano. Entrambi, l’ordine, raccontando il “tunnel” in
secondo le risultanze investigative, cui stava precipitando. Le informa-
IL CASO La pace socliale nei comuni flegrei rischia di saltare. Disagi nel settore sanitario e in quello della grande distribuzione
vengono considerati affiliati al clan zioni, raccolte dalla polizia, soste-
camorristico degli Aversano, che si
occupa proprio del racket delle
estorsioni (pizzo ai cantieri, alle
piccole aziende ed ai commercian-
ti) e del traffico degli stupefacenti
nute soprattutto dalla denuncia
della vittima e una serie di elemen-
ti investigativi, hanno consentito
agli agenti del commissariato di
Polizia di Frattamaggiore di identi-
Precari in agitazione, cresce il malumore
QUARTO (alenap) - La pace percoop, ad attendere invano, da vani famiglie che si stanno per
proprio nel territorio di Grumo ficare i giovani e di rintracciarli sociale nei comuni flegrei rischia mesi, che il loro contratto smetta formare oltre a mortificare un
Nevano. I poliziotti della squadra presso le rispettive abitazioni. Non seriamente di saltare in aria sulla di essere a tempo determinato. intero territorio con il loro atteg-
investigativa, diretta dall’ispettore hanno opposto resistenza all’arre- mina vagante del lavoro precario. Tra loro c’è anche chi il lavoro lo giamento che crea vane speranze.
capo Domenico Farina, nel corso sto. Dopo le procedure di rito, Leo Da Pozzuoli a Quarto è dai lavo- ha perso, vedendosi il mancato Non voglio più incontrare i rap-
delle indagini hanno accertato che ed Oliviero sono stati accompagna- ratori sotto contratto a tempo rinnovo del contratto. Una situa- presentanti dell’Ipercoop fino a
un imprenditore di Grumo Nevano ti al carcere di Poggioreale a dispo- determinato che arrivano messag- zione che ha mandato su tutte le quando non si impegneranno a
era stato contattato da due giovani sizione dell’Autorità Giudiziaria. gi sempre meno incoraggianti. furie il sindaco di Quarto, Sauro trovare in concreto una soluzione
che gli chiedevano, con una certa Non è il primo arresto contro estor- Cresce il malumore in ogni setto- Secone. Rapporti sempre più tesi che scongiuri questa nuova crisi
insistenza, di pagare la somma di sori messo a segno in città. Sempre re, da quello sanitario a quello tra il primo cittadino ed i piani occupazionali tra i giovani.
1500 euro relativa alla retta di gli agenti della polizia di Fartta- della grande distribuzione. Da alti del centro commerciale. Cen- Vogliamo vedere atti e fatti con-
Pasqua. Nel corso dell’attività, maggiore, qualche mese fa, arresta- mesi, in diverse strutture dell’Asl tro che al momento della sua creti, non più generici impegni
emergeva inoltre che la vittima era rono due individui che imponevano Napoli 2 Nord, i precari lamenta- apertura al pubblico, nel dicem- formali. Questi giovani hanno un
stata costretta nel mese di marzo ad il pizzo ad una pizzetteria da aspor- no turni di lavoro massacranti, bre del 2007, era atteso come la buon curriculum professionale,
acquistare da uno degli arrestati to. Il proprietario dell’esercizio era con turnazione lavorativa ridotta soluzione alla domanda di lavoro hanno superato delle selezioni
delle colombe pasquali a un prezzo anche costretto ad acquistare la all’osso quando c’è e un futuro miraggio. Nessuna assemblea né dell’area flegrea. “Per i ragazzi e con la speranza di essere final-
maggiorato. L’uomo aveva impo- mozzarella da “amici” dei suoi sempre meno roseo, nonostante sospensione dal lavoro per i pre- le ragazze di Quarto che hanno mente entrati nel mondo del
sto l’acquisto di trenta colombe, aguzzini. L’estorsione è una delle le notizie che erano giunte dalla cari che lamentano turni insoste- lavorato da precari nell’Ipercoop lavoro, ma alla fine si sono ritro-
dolce tipico della pace che scaturi- più antiche attività della camorra Regione e riguardanti proprio la nibili all’ospedale Santa Maria del Centro commerciale Quarto vati per strada. L’apertura di un
sce dalla Pasqua, al costo di 450 perché legata all’idea del controllo stabilizzazione di centinaia di delle Grazie di Pozzuoli. Ma i Nuovo di via Masullo non si grande centro commerciali inevi-
euro. L’imprenditore non aveva del territorio; consiste, infatti, nel unità lavorative. Del recente malumori non cessano. Situazio- intravedono schiarite occupazio- tabilmente comporta la chiusura
potuto rifiutare. In questo periodo pretendere con violenza o minaccia decreto con cui veniva garantito ne per molti aspetti diversa, ma nali per colpa della scelta dei delle piccole botteghe; circostan-
di grave crisi economica, con non da un imprenditore o un commer- un contratto a tempo indetermi- con alla basa gli stessi timori vertici dell’Ipercoop che hanno za che viene controbilanciata da
poche difficoltà, aveva ceduto alle ciante il pagamento periodico di nato - firmato lo scorso 26 marzo circa il futuro lavorativo è quello deciso di mandare a casa 30 gio- un punto di vista sociale dalle
pressioni. Pensava di aver finito di una somma di danaro in cambio - non è stato ancora inserito nel che vede protagonisti decine di vani quartesi - ha dichiarato il assunzioni di giovani. Nel caso
“scontare la pena”, ma i due si dell’offerta di “protezione”. Secon- Bollettino Ufficiale della Regio- lavoratori impiegati presso il sindaco Secone - Ancora una dell’Ipercoop di Quarto l’effetto
sono ripresentati con una richiesta do la Confesercenti, la richiesta di ne Campania. Per molti la paura centro commerciale Quarto volta i rappresentanti dell’Iper è stato negativo due volte: molti
ancora più pesante. Ha quindi deci- pizzo, negli ultimi anni, ha assunto è che la tanto agognata stabiliz- Nuovo. In particolare sono i pre- dimostrano di voler mortificare piccoli negozi sono chiusi e tanti
so di chiedere aiuto alle forze del- contorni allarmanti. zazione sia solo un lontano cari, che hanno lavorato nell’I- le legittime aspirazioni di 30 gio- giovani sono stati licenziati”.

MARANO Il sindaco Perrotta: “La decisione della Provincia ha un effetto devastante, vanificati tutti i nostri sforzi”

La Tarsu aumenta del 25%, polemica in Comune


MARANO (Carmela ti fino a ieri dal Comune. Le Spi-pensionati, guidata vincia per spalmare sui
Marano, venerdì convegno
Maria Orlando) - Scoppia contromisure sono al vaglio dalla dirigente della segrete- Comuni i costi di gestione alla chiesa dell’Immacolata
la polemica dopo la comu- da stamattina, nel corso ria della Cgil Napoli, Teresa del carrozzone politico
nicazione della Provincia di della riunione convocata dal Potenza. Oltre al danno si varato con la SAP Na e che MARANO (cmo) - “Non solo un corpo nel baga-
aumentare la Tarsu del 25 sindaco con gli assessori aggiunge anche la beffa, in inoltre annulla tutte le age- gliaio di un’auto”, questo è il titolo del convegno
per cento. Una vera stoccata all’Igiene Urbana, Vincen- quanto Marano rivendica volazioni previste per la organizzato dall’associazione New Umor Sounf che
per l’amministrazione zo Passariello, ed al Bilan- anche la presenza della vicinanza alla discarica di si terrà venerdì 23 aprile presso l’auditorium della
comunale, che dopo diversi cio, Gemma Infantocci, con discarica proprio a ridosso Chiaiano - aggiunge il sin- Chiesa Maria SS. Immacolata in via Giordano
aumenti negli anni vedrà i rispettivi dirigenti di area, del proprio territorio, che ha daco Perrotta - e stiamo cer- Bruno. Durante l’evento sarà presentato anche il
lievitare ancora di più la Bruno Gagliardi e Dome- incrementato non solo i cando soluzioni, in un film “La verità negata” di Carlo Infanti e il libro
tassa sui rifiuti. “Un effetto nico De Biase. Al vertice, disagi della popolazione che periodo di grave crisi eco- “Nuvole Rosse, sulla trincea invisibile” di Maria
devastante: tutti gli sforzi approfittando della richiesta abita nei pressi dello sversa- nomica e con tutti i tagli del Fida Moro.
che avevamo fatto per man- formulata dal sindacato, ha toio, ma anche per i costo di governo centrale, per non
tenere inalterata la Tarsu partecipato anche una dele- ristoro della discarica. “Un gravare oltremodo sui nostri
sono stati vanificati dalla gazione di Cgil-Cisl-Uil e aumento che serve alla Pro- cittadini”. Marano, continua la raccolta
mano pesante della Provin-
cia che ci impone l’aumento di cellulari usati in città
di botto del 25 per cento,
peraltro rifilandoci il
‘pacco’ a 10 giorni dal ter-
MARANO L’assessore all’Igiene Passariello: coinvolgeremo i rappresentanti istituzionali per arginare questa iattura MARANO (cmo) - Continua la raccolta di cellulari
usati promossa dal Forum del Terzo Settore indetta
mine ultimo per l’approva- dal Magis, per realizzare opere in Africa. Diversi i
zione del Bilancio e metten- punti di raccolta in città: Palazzo comunale Via
doci in grave difficoltà
anche dal punto di vista
delle procedure”. Il sindaco
I sindacati: vogliamo lo stesso trattamento di Chiaiano Merolla,Uffici comunali Viale Duca d’Aosta, ASL
Distretto di Marano, Tribunale di Napoli Sede di
Marano, Parrocchia S. Ludovico d’Angiò, Parroc-
di Marano, Salvatore Per- MARANO (camaor) - Contro l’au- dini del Poggio Vallesana e via Cupa resteremo con le mani in chia Spirito Santo, Convento S.M.degli Angeli,
rotta (nella foto), non usa mento della Tarsu si mobilitano anche del Cane, che da un anno vivono con i mano - aggiunge l’assessore liceo scientifico Segrè, Liceo Psicopedagogico
mezzi termini e già da sta- i sindacati, che fanno parte del vertice disagi legati all’apertura dello sversa- Passariello - coinvolgeremo Levi.
mattina ha attivato un sum- operativo indetto dal Comune per fron- toio, si era già parlato in consiglio tutti i nostri rappresentanti
mit operativo con l’obietti- teggiare questa crescita del venticinque comunale. Purtroppo, come era stato istituzionali ai vari livelli sul
per cento, che si riverserà sulle tasche già anticipato nell’intervento tecnico territorio per arginare questa
vo di trovare una soluzione
dei cittadini. “Chiederemo alla Provin- del responsabile dell’Area Ambiente e iattura”. La beffa, infatti, che Marano, manutenzione convento
per disinnescare gli effetti
dell’aumento imposto dal- cia di individuare soluzioni analoghe a Territorio, l’ingegnere Bruno gagliar- si aggiunge al danno è tutta S. Maria delle Grazie: ecco 200mila euro
quelle adottate dal Comune di Napoli di, non è possibile fare sconti ai citta- nelle cifre: “Dopo averci
l’ente di piazza Matteotti. che con un accordo con Cgil, Cisl e dini coinvolti in prima fila sulla disca- violentati con la realizzazio-
Sulla scorta della legge Uil ha previsto la riduzione del 50 per rica. Secondo la nuova direttiva regio- ne della discarica, ci hanno MARANO (cmo) - Duecento mila euro per i lavori
26/10 che attribuisce alla cento per tutti i cittadini di Chiaiano - nale, che ha trasferito le competenze imposto un costo del servi- di manutenzione straordinaria del convento Santa
Provincia le competenze in annuncia Teresa Potenza, dirigente dal sottosegretariato ai rifiuti all’Ente zio derivante dal piano industriale for- L’assessore Maria delle Grazie. Il comune ha indetto il bando
materia di rifiuti solidi della segreteria della Cgil Napoli - di piazza Matteotti, dopo la chiusura mulato dal Conai nel progetto pilota - all’Igiene per avviare il cantiere. L’iniziativa fa seguito alla
urbani, infatti, la tariffa per Siamo pronti ad affiancare il Comune dell’emergenza rifiuti, per agevolare spiega l’assessora Infantocci - Ora, a e alla Sanità convenzione sottoscritta nell’agosto 2008 tra l’ente
lo smaltimento della spaz- di Marano in tutte le iniziative che questi cittadini, i costi si sarebbero fronte di 700mila euro di ristoro per la Vincenzo municipale e l’istituto religioso che, dopo la cessio-
zatura è stato fissata a vorrà adottare pur di riportare equità e dovuti ricaricare sugli altri residenti. discarica (spalmati in più anni) ci Passariello ne dei beni dell’ex Ipab al Comune, prevedeva la
102,31 euro a tonnellata a buonsenso in questa amara vicenda”. Dura la reazione anche dell’assessore aumentano di un milione e 200mila cessione in comodato d’uso dei locali dello stabile.
fronte degli 82 euro calcola- Della riduzione della Tarsu per i citta- all’Igiene e Sanità Passariello. “Non euro il costo. È assurdo”. La convenzione prevede inoltre la compartecipazio-
ne ai lavori di riadeguamento funzionale.
20 Mercoledì 21 Aprile 2010 Napoli Nord CRONACHE di NAPOLI

MARANO QUALIANO L’incontro si terrà alla scuola media Verdi: presenti anche il sindaco Onofaro e Del Giudice (Legambiente)

LA CRONACA Domani la giornata della legalità con il magistrato Raffaele Cantone


QUALIANO (rp) - Domani alle attraverso la donazione del culturali sotto la sfera della l’importanza della missione for-
I rifiuti venivano ore 16:30 presso la scuola media
statale “Giuseppe Verdi” di via
manto di erba sintetica della
struttura. Interverranno: il magi-
socialità, del sacrificio, del
rispetto delle regole e dell’arric-
mativa e costruttiva della scuola
in realtà difficili come le nostre.
ricoperti con terreno Silvio Pellico incontro pubblico
dal tema “Sport e Legalità”. L’e-
strato Raffaele Cantone (nella
foto); il sindaco di Qualiano, Sal-
chimento fisico, psichico e civi-
le. Elementi sostanziali ed indi-
Oltre a patrocinare moralmente
l’evento – continua il primo cit-
per tenerli lontano vento, promosso ed organizzato
dalla direzione scolastica, patro-
vatore Onofaro; Michele
Schiano di Visconti, consigliere
spensabili per contrastare il born-
out scolastico e realtà catalizza-
tadino – abbiamo chiesto alla
ditta esecutrice dei lavori dello
da occhi indiscreti cinato dal Comune di Qualiano,
si terrà in occasione dell’inaugu-
regionale della Campania; Raf-
faele del Giudice, direttore
trice per i giovani onde disto-
glierli dal mondo della strada ad
stadio comunale di prodigarsi
per l’applicazione del manto
razione alle ore 11:00 del cam- Legambiente Campania; Dome- appannaggio della partecipazio- erboso sintetico del campetto
petto di calcio dell’istituto messo nico Ciccarelli, responsabile set- ne scolastica, del senso civico e della scuola di via Silvio Pellico.
in pristino grazie all’interessa- tore sportivo Asl Na2; Davide filo conduttore della manifesta- della cittadinanza attiva e demo- Un modo per contribuire alla
di Mario Lemme zione, sottolineare ed evidenziare
mento dell’amministrazione Tizzano, Claudio Coldebella e cratica. “Il plauso dell’ammini- crescita infrastrutturale della
comunale che è riuscita a coin- Ciro Caruso in rappresentanza la connessione fondamentale e di strazione comunale - dichiara il nostra città credendo fortemente
MARANO - Nel corso di un ser- volgere nel progetto di rilevante del mondo sportivo. I relatori si considerevole impronta socio- sindaco Salvatore Onofaro – è nella valenza attrattiva e quindi
vizio per la prevenzione e repres- utilità sociale la ditta appaltatrice renderanno disponibili per un culturale tra la legalità e lo sport, indirizzato ad iniziative come sociale delle strutture e del terri-
sione di reati in materia di inqui- dei lavori di ristrutturazione del- dibattito con il pubblico parteci- intesi come interdipendenti e queste promosse dall’istituto torio in risposta alle esigenze di
namento ambientale, i carabinieri l’impianto sportivo comunale pante all’iniziativa. Obiettivo e concatenate dimensioni socio- Verdi. Progetti che denotano crescita della collettività”
insieme a personale dell’agenzia
regionale per la protezione
ambientale della Campa-
nia (Arpac), hanno denun-
ciato per inquinamento
La ditta di S. Prisco sversava il materiale proveniente dalle operazioni di demolizione del manto stradale
ambientale un 54enne, un
48enne, un 38enne, una
76enne e una 52enne, tutti
del luogo e incensurati. I
cinque, in qualità di pro-
prietari di un’area di
1.200 metri quadrati in
via del Mare, risultata
Inquinamento ambientale, in 8 nei guai
zona agricola sottoposta a
vincolo paesaggistico ed
idrogeologico, avevano
commissionato a una ditta
Sono di Marano, San Cipriano e San Prisco: il blitz in via Del Mare
40enne di San Cipriano d’Aversa
di costruzioni la recinzione di (legale rappresentante) e un
questa area con un muro di conte- 58enne napoletano (legale rappre- FRATTAMAGGIORE Fa discutere la carenza del personale infermieristico e degli operatori socio sanitari
nimento perimetrale, con il tacito sentante) per i medesimi reati
assenso di sversare abusivamente gravitanti nell’azienda con sede
in quel sottosuolo rifiuti speciali
non pericolosi, cioè materiali di
risulta per 3500 metri cubi prove-
niente dalle operazioni di costru-
zione e demolizione del manto
legale a San Prisco nel Casertano
Questi ultimi, con il chiaro inten-
to di eludere gli oneri connessi
allo smaltimento dei rifiuti a
norma di legge, adibivano l’area
Agitazione al presidio ospedaliero S. Giovanni di Dio
FRATTAMAGGIORE (Teresa L’ottimizzazione delle risorse
stradale che la ditta stava effet-
tuando per il prolungamento della
a discarica abusiva ricoprendo i
rifiuti con terreno che ne favoriva
Cerisoli) - Agitazione del perso-
nale del presidio ospedaliero San
Ieri si è tenuta l’assemblea dei lavoratori umane e la distribuzione nei vari
reparti è necessaria per dare le
rete fognaria nel tratto di via l’occultamento. Il personale Giovanni di Dio dell’Asl Na2 ta la direzione sanitaria del noso- interlocutorio. I due dirigenti si giuste risposte all’utenza che si
Marano-Pianura e via del Mare. Arpac ha accertato l’alto indice di nord. Ieri mattina si è svolta l’as- comio. Sindacalisti e lavoratori, sono detti pronti a trasmettere al reca in ospedale, per emergenze
Contestualmente sono stati inquinamento del predetto mate- semblea dei lavoratori, annuncia- successivamente, hanno incon- nuovo commissario straordinario o per interventi programmati.
denunciati un 56enne di Bruscia- riale che e’ stato posto sotto ta lo scorso 12 aprile, alla pre- trato il direttore sanitario del pre- dell’Asl tutta la questione al fine Non è la prima volta che i sinda-
no (direttore dei lavori), un sequestro insieme a tutta l’area. senza delle segreterie provinciali sidio ospedaliero Agnese Iovino di poter convocare un tavolo di cati lamentano la carenza di per-
dei sindacati Cgil, Cisl, Uil, Fsi e e il direttore amministrativo concertazione che si dovrebbe sonale infermieristico ed ausilia-
Filas. L’assemblea dei lavoratori Verde. L’incontro è stato solo svolgere nei prossimi giorni. rio. Già ai tempi dell’Asl Na3 i
ha avuto come temi: la carenza sindacati avevano fatto richiesta
del personale infermieristico e di cercare gli infermieri distratti
degli operatori socio sanitari che in altre mansioni per aumentare
comporta rischi seri all’incolu- il personale che lavora all’inter-
mità dei lavoratori stessi che non no dell’ospedale e di controllare
riescono a garantire l’assistenza i carichi di lavoro, senza succes-
essenziale all’utenza; l’inquadra- so.
mento del personale ausiliario; i I sindacati, ieri mattina, hanno
10/15 minuti di prolungamento anche lamentato di essere venuti
per il cambio turno. Dopo una a conoscenza dei lavori che si
prima assemblea, c’è stata l’oc- dovranno effettuare presso il
cupazione simbolica del quarto reparto di ginecologia ed ostetri-
piano del presidio, dove è alloca- cia solo in via informale.

CASORIA Il primo cittadino alla maggioranza: tramutare il consenso politico in un’efficace azione di governo nell’interesse della cittadinza

Ferrara: il Consiglio ha garantito le istituzioni


CASORIA (Raffaella Nola- del bilancio di previsione entro degli aspiranti revisori compa-
Dopo Giugliano, la ‘tammurriata’
sbarca nella città di Qualiano
sco) - Si è tenuto il giorno 19 la data stabilita” afferma Fer- riva anche Antonio Pugliese,
aprile il consiglio comunale rara ottimista. Il primo cittadi- padre di Pasquale Pugliese
avente come ordine del giorno no sembra essere rimasto l’u- (nella foto a destra) consiglie- QUALIANO - Dopo quella giuglia-
la nomina dei revisori dei nico a pensare in positivo, re comunale del Npsi. Antonio nese, ecco che la ‘tammurriata’ arri-
conti. Il sindaco Stefano Fer- mentre consiglieri e cittadini Pugliese è stato poi di fatto va anche nel territorio di Qualiano.
rara (nella foto a sinistra) ha casoriani non fanno previsioni nominato revisore dei conti. La tradizione della città di Giuglia-
espresso grande soddisfazione rosee per il futuro dell’ammi- Già nel corso della seduta con- no, dunque, conquista tutto l’hinter-
“perché il Consiglio è riuscito nistrazione. Dal consiglio siliare diversi membri del con- land dell’area nord. La location per
a garantire il funzionamento comunale è emersa l’ennesima siglio avevano fatto presente l’evento, stavolta, è stata il ‘ponte di
delle istituzioni con grande spaccatura all’interno della l’anomalia e chiesto che a Surriento’. Nacchere, tammorra e
senso di responsabilità” e si è maggioranza. Si è infatti potu- Pasquale Pugliese non fosse ‘siscariello’ hanno allietato anche la città di
rivolto alla sua maggioranza to procedere con la votazione concesso di votare per evidenti Qualiano e tutta la cittadinanza.
“affinché tramuti il notevole dei revisori dei conti grazie ad motivi. Non si è tenuto conto
consenso politico, ricevuto alle Idv e Pd, poiché consiglieri di tali richieste ed ora pare che
scorse elezioni regionali, in della maggioranza invece, verrà chiesta la revoca della Casoria, polemica per l’affissione
un’efficace azione di governo espressione del gruppo Udc- garantire la conformità dell’at- avendo visto rifiutare la propo- delibera. Dopo l’ennesima
nell’esclusivo interesse dei cit- Nuovo psi -; nella funzione di tività amministrativa agli sta di rinviare il consiglio per dimostrazione di mancanza di di manifesti sui cancelli della villa
tadini”. Queste le parole con dottore commercialista Emilio obiettivi stabiliti dalla legge. esaminare le schede dei candi- coesione nella maggioranza di
cui Ferrara ha commentato l’e- Cassandro - espressione del La maggioranza politica, costi- dati, hanno deciso di abbando- centro destra, retta da Stefano
sito del consiglio comunale di Pdl - mentre l’opposizione ha tuita da Pdl, Udc e Mpa - nare l’aula in netta opposizio- Ferrara, si attende il 30 aprile CASORIA (rn) - Affissi manifesti
lunedì. La votazione ha avuto eletto, nella funzione di ragio- Nuovo Psi, pur scontando ne al sindaco Ferrara. Pare quando sarà discusso il bilan- pubblicitari sui cancelli della villetta
il seguente esito: è stato eletto niere commercialista, Ciro Di diversità di posizioni, ha ini- inoltre che vi sia l’intenzione cio di previsione. Allora si comunale di Arpino di via Giacinto
presidente del collegio dei Matteo. “Si è costituita così la ziato con efficacia il percorso di presentare una revoca della potrà meglio capire quali sono Gigante. E’ polemica. I residenti pro-
revisori Antonio Pugliese, compagine istituzionale atta a che condurrà all’approvazione delibera poiché nella lista le posizioni in campo. testano, poiché già la villa versa in
uno stato di degrado, ora la sua
recinzione viene addirittura usata per
attaccarvi pubblicità di diverso gene-
CASORIA - Il presidente dell’Assise: il centrodestra era d’accordo con il sindaco a rinviare il punto ad un’altra seduta re. “Vorremmo sapere se è una cosa
lecita” afferma un residente a nome di diversi
abitanti del posto.

Nocera: i revisori dei conti non andavano nominati


CASORIA (rafnol) - Gennaro Nocera, stilando anche un documento, di rinviare contrariamente agli accordi presi in prece- queste nuove posizioni”. “Tra le altre cose
Casoria, uffici demografici
aperti nel pomeriggio di venerdì
presidente del consiglio comunale di la votazione al venerdì, per trovare un’in- denza”. Prosegue Nocera: “Il sindaco e - fa sapere Nocera - mi è giunta notizia CASORIA (rn) - Apertura pomeri-
Casoria e neo eletto al consiglio regiona- tesa. L’elenco dei revisori è stato conse- l’intero centro destra dovevano attenersi a che sarà presentata un revoca di questa diana straordinaria degli Uffici
le, si dissocia dal primo cittadino sulla gnato durante il Consiglio, serviva dun- quanto si era deciso prima, invece hanno delibera poiché illegittima per due ragio- Demografici. Gli uffici demografici
nomina dei revisori dei conti avvenuta nel que il tempo materiale per esaminare e agito in un modo che io non ho condiviso. ni: non c’era il numero legale per votare e (stato civile ed anagrafe) di Casoria
consiglio comunale di lunedì: “L’ho detto poi votare gli aspiranti revisori. Questo Evidentemente il sindaco sta trovando in secondo luogo non poteva il figlio di centro, di Arpino e della Cittadella
pubblicamente al microfono in consiglio era quanto la maggioranza aveva concor- una maggioranza diversa da quella del un candidato a ricoprire l’incarico di revi-
comunale di non essere d’accordo sul dato e l’accordo era stato sottoscritto con centro destra - facendo chiaro riferimento sore dei conti (poi votato) partecipare alla saranno aperti venerdì 23 aprile dalle
fatto di procedere in quella seduta con le apposita firma sul documento elaborato a Pd e Idv grazie ai quali si è potuto pro- votazione, sia per un fatto etico che giuri- ore 15:30 alle ore 17:30. I cittadini
nomine dei revisori dei conti - esclama per l’occasione anche dai consiglieri Ser- cedere con la votazione - Dato che io dico. Il sindaco vuole trovare una maggio- che ne hanno bisogno potranno dun-
Nocera spiegando poi le ragioni del dis- gio D’Anna, Orlando Esposito e Mauro sono il presidente del consiglio comunale ranza diversa da quella naturale che è que usufruire dei servizi degli uffici
senso- La maggioranza dei diciassette che Ferrara, che invece in consiglio comuna- votato dal centro destra e mi ritengo di quella del centro destra per cui non posso demografici di Casoria di pomeriggio, nella
sostengono il sindaco aveva concordato, le hanno cambiato atteggiamento e votato, centro destra, non sono d’accordo con essere d’accordo con lui”. giornata di venerdì 23 aprile, fino alle ore
17:30.
CRONACHE di NAPOLI CRONACHE di NAPOLI
S.S. Sannitica km. 19,800
81025 Marcianise - Caserta
Tel. 0823.581055 - 0823.581005
- 0823.821165
Sito web: www.cronachedinapoli.org

Mercoledì 21 Aprile 2010


CRdeOl NNolano
ACHE S.S. Sannitica km. 19,800
81025 Marcianise - Caserta
Tel. 0823.581055 - 0823.581005
- 0823.821165
Sito web: www.cronachedinapoli.org

Pagina 21

NOME ANNI

LE PERSONE COINVOLTE NEL MAXIPROCESSO AL CLAN RUSSO


SCACCO Aliperti Raffaele
Ambrosino Antonio
Ambrosino Vincenzo
assoluzione
12 anni
22 anni
ALLA CAMORRA Assegnati Marco
Bernardo Vincenzo
Calafato Aniello
12 anni
18 anni
7 anni
Caliendo Giovanni (del ’36) 11 anni
Caliendo Giovanni (del ’51) 11 anni
Cante Raffale 9 anni e 8 mesi
Le condanne proposte per 75 imputati: Carotenuto Pasquale Ambrosino Antonio Iovino Giuseppe Nota Pasquale
Capasso Antonio
Carotenuto Pasquale
15 anni
11 anni e 10 mesi
coinvolti nell’inchiesta che nel maggio 2007 Castaldo Walter
Covone Antonio
12 anni
30 anni
Cozzolino Ferdinando 3 anni
portò all’arresto di 87 persone Cutolo Francesco 10 anni
Mario Salvatore 4 anni
Alla sbarra i boss Salvatore e Pasquale Russo D'Avanzo Francesco
D'Avanzo Biagio
3 anni e 6 mesi
assoluzione
D'Avanzo Pasquale 2 anni e 4 mesi
Daniele Gennaro 14 anni e 8 mesi
De Cicco Annamaria 11 anni
De Filippo Stefania 3 anni e 10 mesi
De Lucia Giacomo 30 anni
De Simone Vincenzo 16 anni
Romano Domenico Russo Antonio Russo Pasquale Tecchia Gennaro Di Palma Vincenzo 11 anni
Esposito Antonio 10 anni
Esposito Gennaro 17 anni e 6 mesi

Mala nolana, chiesti oltre mille anni


Esposito Salvatore 5 anni e 10 mesi
Fiorentino Nunzio 9 anni
Gagliardi Angelo 9 anni
Galliano Marco 12 anni
Gallucci Antonio 12 anni
Guerra Sabato 7 anni
Ianniello Andrea 9 anni
Iovino Giuseppe 30 anni
La Marca Michele 28 anni

Sotto accusa i Russo, i Ruocco-Somma-La Marca e i Di Domenico Maffettone Vito


Malinconico Sergio
Manzi Pasquale
Marotta Michele
4 anni e 6 mesi
17 anni
12 anni
17 anni
di Laura Nazzari Russo, ma coinvolti anche no dei due fratelli più ritenersi Maturo Antonio 24 anni
altri clan dell’agro-nolano, “tosta” allo stesso modo dei Mauro Aniello 15 anni
NOLA - Sotto accusa c’è come la famiglia di Marcello trent'anni proposti per altri Mauro Renato 11 anni
tutto il gotha del clan Russo, il Di Domenico (le cui “quota- imputati. Non solo condanne. Mautone Felice prescrizione reato
potente sodalizio retto fino a zioni” e il cui potere nell’a- Il pubblico ministero antima- Menna Salvatore assoluzione
pochi mesi fa dagli inafferra- gro-nolano è aumentato in fia Simona Di Monte ha avan- Miele Franca 2 anni e 4 mesi
Miele Nicola 18 anni
bili boss Salvatore e Pasqua- seguito alla cattura dei due zato anche quattro richieste di Miranda Aniello 3 anni
le, fratelli di sangue e di lati- boss Salvatore e Pasquale assoluzione: dal processo non Mungiello Aniello deceduto
tanza, vissuti nell’ombra dal Russo), i Rega e gli Ianuale di sono emersi elementi, ha spie- Napolitano Giovanni 12 anni
1995, ricercati in mezzo Castello di Cisterna, il clan gato il magistrato, necessari a Nappi Gennaro 30 anni
mondo e nascosti a un tiro di Nino-Pianese e i Ruocco- provare una responsabiltà di Nino Alfonso 12 anni
schioppo da casa loro, da San Somma-La Marca. Sullo Raffaele Aliperti, Biagio Nota Pasquale 10 anni
Paolo Belsito. Ottanta persone sfondo alleanze e scontri per D’Avanzo, Salvatore Onofrietti Lucio 10 anni
in totale, per accuse contestate la gestione del malaffare nel- Menna ed Ernesto Sermino. Pandico Giovanni 21 anni
a vario titolo che coprono l'hinterland vesuviano, in una Il non luogo a procedere per Panico Umberto 2 anni e 6 mesi
Perretta Erasmo 4 anni
quasi per intero il ventaglio di terra che ha fatto la fortuna di Salvatore Russo, intervenuta prescrizione del Petrella Giovanni 25 anni
reati di cui un sodalizio crimi- Carmine Alfieri, il boss capo del sodalizio, è reato, invece, è stato proposto Ricca Renzo 10 anni
nale può macchiarsi: contesta- (pentito) di Piazzolla di Nola stato arrestato pochi per Felice Mautone, che Romano Annalisa 5 anni e 10 mesi
ti i reati di associazione di che diede vita al “sindacato” mesi fa col fratello rispondeva di una storia di Romano Domenico 24 anni
stampo mafioso, di estorsione, della Nuova Famiglia per voti di scambio con il clan Romano Giovanni 2 anni e 10 mesi
di riciclaggio di denaro sporco contrastare lo strapotere della Ruocco: il pm ha chiesto l’e- Ruocco Aniello 30 anni
e di favoreggiamento. Una Nuova Camorra Organizzata Una materiale accusatorio somma degli anni di galera pe Iovino, Gennaro Nappi, sclusione dell’aggravante del- Russo Antonio (del ’64) 30 annni
sfilza di illeciti che sarebbero del professore di Ottaviano ampio, numerosi gli episodi e invocati dal magistrato inqui- Aniello Ruocco, Antonio l’articolo sette della legge Russo Antonio (del ’79) 15 anni
stati commessi sino al maggio Raffaele Cutolo. E’ una sto- gli anedetti da raccontare. Il rente fa impressione: per il pm Russo (classe 1964) e Salva- antimafia del 1991, e la pre- Russo Carmine 12 anni
Russo Michele (del ’74) 15 anni
del 2007, quando i carabinieri ria di camorra densa di eventi. pubblico ministero antimafia sono 75 le persone responsa- tore Somma. Condanne lie- scrizione per il reato principa- Russo Michele (del ’81) 15 anni
del nucleo investigativo del Una storia ricostruita grazie Simona Di Monte ha piegato bili dei reati loro ascritti, 75 vemente più basse sono state, le. La procura ha scoperto le Russo Pasquale 24 anni
gruppo di Castello di Cisterna alle intercettazioni telefoniche quattro udienze fiume prima persone che rischiano com- invece, invocate per i boss sue carte, adesso la parola Russo Salvatore 24 anni
(guidati dal tenente colonnello e ambientali, ed anche grazie di tirare le somme del proces- plessivamente 1018 anni e Pasquale e Salvatore Russo, passa al collegio difensivo Sarmino Ernesto assoluzione
Fabio Cagnazzo) eseguirono al prezioso contributo dei col- so, prima di presentare ai giu- mezzo di reclusione. Una ma non perché non siano due (composto, tra gli altri, dagli Simonetti Nicola 9 anni e 10 mesi
ben 87 ordinanze di custodia laboratori di giustizia, vecchi dici del tribunale di Nola, col- mazzata. Le pene oscillano tra padrini della camorra, non avvocati Diego Abate, Raf- Sirico Giuseppe 10 anni
cautelare in carcere emesse boss della camorra soprattut- legio A, le condanne che si i due anni e quattro mesi e i perché non abbiano guidato il faele De Simone, Giuseppe Somma Giovanni 12 anni
dal giudice per le indagini pre- to, come Alfieri e Pasquale vorrebbe vedere comminate trent’anni di galera. Il massi- sodalizio: hanno già altre con- Ricciulli, Lucio Sena, Lucio Somma Luigi 19 anni
liminari Maria Vittoria De Galasso, che hanno consenti- agli imputati. Requisitoria mo possibile, in un processo danne sulle spalle, per alcuni Caccavale, Gennaro Peco- Somma Salvatore 30 anni
Tagliatela Ernesto 4 anni
Simone su richiesta dei pub- to alla magistratura inquirente interminabile, alla quale è ordinario che non ha ad fatti sono stati già giudicati e raro) che a partire dalla pros- Tecchia Gennaro 19 anni
blici ministeri antimafia di ricostruire la nascita dei stato messo un punto lunedì oggetto omicidi, è stato invo- ritenuti colpevoli, e stando sima udienza dovrà cercare di Viola Catello 7 anni
Simone Di Monte e Giusep- Russo come clan della camor- sera poco dopo le undici. Il cato per Antonio Covone, così le cose la pena di 24 anni ribaltare le conclusioni del pm Viscolo Vincenzo 5 anni e 4 mesi
pe Borrelli. Coinvolti i ra con una propria identità. conto che viene fuori dalla Giacomo De Lucia, Giusep- di galera invocata per ciascu- Simona Di Monte. Zoppino Fabio 15 anni

VOLLA
Le opere necessarie per tutelare la sicurezza stradale di automobilisti e pedoni. Sarà costruita una rotonda per rallentare il traffico

Al via il restyling di via Lufrano


VOLLA (Andrea Di di raccolta e di smalti-
Nola, per la giornata della legalità
incontro con Nando Dalla Chiesa
NOLA - Nell’ambito delle iniziati-
Chiara) - Per tutelare la mento delle acque meteo- NOLA - L’INIZIATIVA SAN GIUSEPPE VESUVIANO ve promosse ed organizzate dal-
sicurezza di automobilisti riche: il tutto sarà realiz- l’Assessorato ai Beni Culturali,
e pedoni ed arginare gli zato in circa centoventi domani, mercoledì 21 Aprile, alle
Strade colabrodo,
incidenti che purtroppo
caratterizzano la zona,
l’amministrazione comu-
giorni e costerà alle casse
comunali del Palazzo di
via Aldo Moro, che per la
Petillo: favorire l’integrazione petizione dei residenti
ore 18.00, presso la Chiesa dei SS.
Apostoli in Via San Felice, sarà
presentato il libro di Nando Dalla Chiesa,
nale, presieduta dal sinda-
co Salvatore Ricci (nella
foto), ha deciso di instal-
realizzazione dell’opera
ha contratto un mutuo con
la cassa depositi e prestiti,
tra le varie fasce sociali della città per sollecitare i lavori
SAN GIUSEPPE
“Album di Famiglia”. L’iniziativa rientra
nella Giornata della Legalità.

lare una rotonda in via circa duecentomila euro. NOLA (rc) - Mostra d’arte “Integriamoci nel Folklore
Nolano” Un momento di confronto artistico sul Folklore VESUVIANO - Esiste
Lufrano che regolamenta- Intanto svariati intereventi ed è seria la questione Nola, una tre giorni di convegni
rizzi il traffico veicolare: di manutenzione straordi- Nolano, che miri ad incentivare, in special modo, la par-
per la realizzazione della metri, verrà installata naria di alcuni tratti di tecipazione di artisti diversamente abili e studenti di ogni viabilità a Sant’Ana- all’insegna dell’arte teatrale
all’incrocio tra via Lufra- ordine e grado. È quanto prevede “Integriamoci nel stasia. Strade imper-
rotatoria, il governo citta- strade comunali sono stati Folklore Nolano”, la mostra d’arte ideata ed organizzata
dino ha inserito il proget- no, via Leopardi e Piazza- ordinati dall’ufficio tecni- corribili, ridotte a col- NOLA - Una tre giorni di convegni, una
dall’Istituto di riabilitazione Cfr di Nola, patrocinata dal qabrodo. Pericolose
to nel piano triennale le Vanvitelli (che da sem- co comunale della cittadi- Comune di Nola, che sarà inaugurata il 7 maggio prossi- rappresentazione teatrale, e ancora proie-
delle opere pubbliche ed pre sono teatro di nume- na dell’hinterland parte- per chi le percorre, zioni e dibattiti con un unico tema: la vita
mo, alle ore 10.00, nell’Aula Consiliare del Palazzo di danni enormi per l’e-
appostato i fondi necessa- rosi incidenti automobili- nopeo su disposizione Città. I lavori saranno invece esposti fino al 22 maggio ed il pensiero di Giordano Bruno. Svela in
ri in bilancio. I lavori per stici) dando vita ad un dell’amministrazione conomia. Per le tasche parte i progetti legati alla celebrazione dei
2010, presso la sala “Giordano Bruno” del Comune. Le dei cittadini e per i
la realizzazione della raccordo anulare di più o comunale: i lavori interes- opere dovranno essere consegnate, improrogabilmente, dieci anni del Certame bruniano l’assesso-
rotatoria dovrebbero ini- meno sette metri che seranno, oltre che via tempi di collegamento re ai Beni culturali Maria Grazia De Lucia, che dopo
dal 30 aprile al 5 maggio prossimi, presso l’Istituto che sono praticamente
ziare tra qualche tempo dovrebbe rendere più Lufrano, via Monteolive- C.F.R. di Via Seminario, a Nola. I migliori lavori saran- le polemiche dei mesi scorsi sulla mancata organizza-
insieme ai numerosi altri scorrevole il traffico vei- to, via Leopardi, via De raddoppiati. A nessu- zione del Certame per mancanza di fondi.
no premiate nel corso di una manifestazione che si svol- no sembra fregare
interventi di restayling, colare e contemporanea- Carolis, via Filichito, via gerà il 22 maggio 2010, dalle ore 10.00, nell’Aula Con-
tra cui quelli, sempre in mente tutelare la sicurez- Volta, via Romano e, niente di questa vera e
siliare del Comune. “Abbiamo accolto all’unanimità la propria emergenza.
via Lufrano, con i quali za dei pedoni grazie alle finanziati con fondi del proposta dell’Istituto Cfr perché rispecchia in pieno il Ottaviano, associazioni in campo
verrà interamente ristrut- due banchine perimetrali bilancio comunale, coste- Nessuno ha fatto e sta
concetto di piena integrazione - ha affermato il Presiden- facendo niente. Persi-
turata la piazza che ospita di raccordo pavimentate ranno alle casse dell’ente te della Commissione Pubblica istruzione e veni Cultu- no l’ordinaria manu-
per il sostegno agli ammalati
la vecchia casa comunale previste nel progetto. Il di via Aldo Moro circa rali Pasquale Petillo -. La finalità di tale iniziativa, infat-
vollese, sarà abbattuta piano di restyling della centottantaseimila euro. I tenzione è inesistente. OTTAVIANO - L’associazione “Il Cuore
ti, è quella di creare e favorire momenti di integrazione A protestare sono i
un’antica palazzina fati- zona, realizzato dall’uffi- cantieri sulle strade inte- tra le varie fasce sociali e contribuire a tenere alta la del volontariato” coordinata da Vincenzo
scente e verranno realiz- cio tecnico comunale, ressate dai lavori di resty- residenti del centro e Pescatore e che per il 24 aprile metterà in
discussione sulle problematiche che, ogni giorno, devo- della periferia che
zate aree a verde attrezza- prevede anche il rifaci- ling e riqualificazione no affrontare le persone colpite da handicap ed i loro scena presso il salone Regina Margherita di
to ed una struttura poliva- mento di alcuni marcia- urbana resteranno aperti hanno fatto una racco- Ottaviano un altro fondamentale appunta-
familiari. A nome della Commissione tutta e sono sicu- lata di firme per solle-
lente a servizio della col- piedi e dell’impianto di per circa un centinaio di ro, anche dell’Amministrazione e del Consiglio Comu- mento per sensibilizzare e avvicinare i tanti
lettività. La rotonda ‘alla pubblica illuminazione giorni, naturali e consecu- citare la questione alle cittadini al mondo del volontariato. Tra difficoltà e sor-
nale - ha concluso Petillo -, sono davvero ben lieto di uatorità preposte.
francese’, che si svilup- nonchè l’adeguamento e tivi a partire dalla data di poter contribuire alla riuscita di tale evento”. risi l’associazione continua le sue tante attività a soste-
perà per centoquindici l’ampliamento della rete consegna dei lavori. gno di quanti hanno problemi.
22 Mercoledì 21 Aprile 2010 Nolano CRONACHE di NAPOLI

SAVIANO Il lungo corteo ha percorso quasi due chilometri a piedi per accompagnare la salma del 16enne da casa fino alla chiesa di ‘San Michele’, in piazza Vittoria
MARIGLIANELLA
LA CRONACA Ieri l’ultimo saluto a Tobia, morto per una tragica fatalità
SAVIANO (Almerico Colizzi) – Uno zio deciso di non disporre neppure l’esame troppo in fretta. Il lungo corteo ha percorso
paterno morto d’infarto, una sorellina che autoptico sulla salma del sedicenne. Il ragaz- quasi due chilometri a piedi per accompa-
qualche tempo fa, ad appena due anni, è zo era stato colto da un malore improvviso, gnare la salma di Tobia da casa fino alla
morta in circostanze simili alle sue: da quan- l’altro ieri intorno alle quindici e si era acca- chiesa di ‘San Michele’, in Piazza Vittoria:
to si è appreso, a stroncare la giovane vita di sciato al suolo privo di vita, sotto gli occhi davanti al feretro del giovane, l’intero Ipsar
Tobia Napolitano potrebbe essere stata una increduli dei compagni di classe, tanto che si di Cicciano con la bandiera dell’istituto lista-
patologia cardiologica congenita che ha fatto erano rivelati inutili i tentativi di rianimazio- ta a lutto che spargeva sulla strada petali di
La donna negli ultimi tempi aveva dovuto fermare, troppo presto, il cuore del sedicenne ne messi in atto dal personale sanitario del fiori bianchi e la banda che suonava. Poco
mentre si stava recando, pare di corsa, alla 118, accorso sul posto pochi minuti dopo prima di arrivare in parrocchia, i compagni
sopportare dal marito da cui era di fatto stazione per non perdere il treno che da Cic- che Tobia si era sentito male, per salvarlo. del sedicenne hanno preso in spalla la bara
ciano, dove frequentava l’istituto alberghiero Da ieri mattina, fino alle quattro del pome- bianca per percorrere insieme un ultimo trat-
separata, ripetute minacce, ingiurie ‘Carmine Russo’, lo avrebbe riportato a casa
sua a Saviano. Del resto sulle cause della
riggio, un via vai di studenti, in visita ai
familiari del giovane per le condoglianze, ha
to di strada: la bara è arrivata nella piazza
principale di Saviano dove ad accogliere
e violenze di ogni genere morte non c’era stato nessun dubbio fin dal-
l’inizio tanto che il medico legale aveva atte-
caratterizzato via Torre, la strada dove abita-
va Tobia: poi, i funerali nella chiesa del
Tobia c’erano centinaia di persone che gli
hanno detto ‘addio’ con un lungo e fragoro-
stato subito, dopo la sola ispezione cadaveri- paese che si sono svolti in un composto so applauso che lo ha accompagnato fin den-
ca esterna, che a causare il decesso era stato silenzio carico di commozione e l’addio di tro la chiesa dove si sono celebrate le ese-
un infarto ed il magistrato di turno aveva familiari ed amici ad una vita strappata via quie.

Minaccia la moglie con un coltello, preso


Il 37enne arrestato per stalking. La donna perseguitata si era rifuggita a casa della madre
di Maria Benduce RITARDI CERCOLA
MARIGLIANELLA - Tampina l'ex per mesi, poi la
minaccia di morte nascondendo in tasca un coltello a serra Fermi i lavori per il Museo Stanziati 25mila euro
manico. Minacce e molestie conducono al un nuovo arre-
sto di un marito "stalker" R.M. 37 enne. Una telefonata
d'aiuto ai militari, preannuncia la paura racconta nel
della Cartapesta a Nola per via Ponte Cozzolino
tempo," il mio ex mi perseguita ora è qui…". L'ex marito, NOLA (adasc) - “ Si tratta semplicemente di uno CERCOLA (Alcol) – Aggiornamento e rigenera-
il persecutore, ha a lungo minacciato, pedinato, perseguita- stop tecnico”. Così l’assessore all’urbanistica zione urbana della cittadina vesuviana attraverso il
to e aggredito la sua ex moglie. Stanca di ricevere le visi- Roberto De Luca ha rassicurato, quanti hanno evi- recupero della vivibilità dei quartieri periferici,
te di un ex violento, la donna, una trentenne mariglianse, denziato, in questi giorni, i ritardi che stanno carat- troppo spesso 'abbandonati' dalle istituzioni locali:
chiede aiuto all'Arma che interviene immediatamente terizzando il programma dei lavori del realizzando è il caso della Contrada Ponte Cozzolino dove, a
cogliendo il 37 enne in flagranza di reato. Al giungere dei Museo della Cartapesta. “ Si tratta semplicemente breve, grazie ai venticinquemila euro di fondi
carabinieri , l'uomo, a voce grossa sull'uscio di casa di un ritardo tecnico – ha affermato l’ assessore stanziati dall’amministrazione comunale presiedu-
poneva minacce di morte nei confronti dell'ex moglie che Roberto De Luca – infatti in questa fase dei lavori ta dal sindaco Pasquale Tammaro, saranno realiz-
non voleva farlo entrare nell'appartamento. Il capo d'accu- dopo la sistemazione della struttura di lamillati in zati una serie di interventi di riqualificazione ed
sa a carico del trentasettenne è di stalking. Sul posto sono legno, il programma prevede la copertura in importanti infrastrutture primarie, opere di arredo
giunti i militari del Nucleo Radiomobile della Compagnia marmo. L’azienda che sta curando i lavori sta sce- urbano e verde attrezzato con la creazione di un
di Castello di Cisterna, che hanno bloccato e calmato l'in- gliendo ed attendendo l’arrivo dei blocchi di parco pubblico che servirà a potenziare l’aggrega-
dividuo prima di avviare la perquisizione personale. Un marmo. A breve il programma riprenderà in zione tra la gente che abita lì. Tra gli interventi
controllo che ha rivelato che R.M. nella tasca dei calzoni maniera regolare”. Secondo le previsione per il più rilevanti a cui il cantiere, aperto la scorsa setti-
nascondeva un coltello a serra manico, con una lama di mese di luglio i lavori relativi al primo lotto, quello mana, darà vita ci saranno un’area attrezzata con
dieci centimetri, una vera e propria arma. I militari di degli spazi espositivi, dovrebbero concludersi. giochi per bambini, una fontanella pubblica e
Cisterna hanno cosi disposto a sequestro l'oggetto e predi- Quello del Museo della Cartapesta, rappresenta un gazebo per anziani così come era stato deciso
sposto l'arresto del marito violento. La vittima, a seguito progetto di valenza strategica ai fini del rilancio e dagli stessi residenti della zona quando, con il
della denuncia ai danni del suo 'carnefice', ha elencato ai della valorizzazione della lavorazione della carta- consigliere comunale Silvano Fiengo (promotore
militari la lunga serie di episodi che l'hanno vista al centro pesta, legata alla plurisecolare tradizione dei Gigli. del progetto di restyling), incontrarono l’assessore
delle molestie. Sono state avviate le procedure di deposi- Il progetto avviato da tempo, aveva subito nel all’urbanistica ed ai lavori pubblici Mario Montel-
zione e ascolto della vittima che hanno concesso agli recente passato una battuta d’ arresto, a causa del la proprio per definire il da farsi in quell’area,
inquirenti che seguono il caso numerose rivelazioni anche ritrovamento della cittadella medioevale, emersa completamente abbandonata dalle amministrazio-
sulle condizioni psichiche della donna, messe a dura prova durante i lavori di scavo per la delocalizzazione ni comunali che si erano succedute negli anni al
a seguito delle continue violenze e persecuzioni poste dal dello stadio comunale. Insieme alla Sovrintendenza governo del paese vesuviano: “Qualche anno fa la

1
trentasettenne. La donna negli ultimi tempi, aveva dovuto è stata apportata anche una modifica al progetto gente di Ponte Cozzolino sistemò, a proprie spese,
sopportare dal marito, da cui era di fatto separata, ripetute originario, prevedendo un arretramento dell’intera una statua di Gesù Risorto nella piazzetta che si
minacce, ingiurie e violenze di ogni genere, che avevano
L’arresto

struttura. In questo modo, la stessa cittadella viene a creare all’incrocio tra le varie traverse del
finito col determinare in lei uno stato di prostrazione psi- medievale sarà preservata e resa visibile al pubbli- quartiere, provvide a recintarla e sistemò anche
cologica tale da costringerla a modificare le sue abitudini
di vita e relazionali. Infatti, la stessa, da quattro mesi era I fatti 1 co. La prima fase riguarda la realizzazione dei piante e fiori creando così un punto di ritrovo e di
I Carabinierihanno sorpreso r.m. primi due lotti, che comprendono il livello espositi- socializzazione – ha spiegato il consigliere comu-
costretta a vivere a casa della madre per sottrarsi alle vio- vo. Altro segmento è quello relativo alla realizza- nale Silvano Fiengo – Oggi, la nostra amministra-
lenze del marito. Il Decreto legge in vigore da poco più di mentre minacciava di morte la moglie
lo hanno trovato in possesso zione del terzo lotto, che riguarderà invece le botte- zione, che mette sempre le esigenze del cittadino
un anno aiuta a castigare i tormentatori ed a fare emergere di un coltello a serramanico ghe che avranno a disposizione uno spazio logisti- al centro del proprio operato, vuole rispondere in
sempre maggiormente casi di 'molestie'quelli che ieri più co importante e vitale per lo svolgimento della pro- modo concreto alle continue richieste della gente
di oggi legavano l'anima e le azioni delle vittime e quelle pria attività. Un progetto, quello del museo della
degli inquirenti. Tecnicamente si chiama "stalking" ciò realizzando in zona la piazzetta che da tanto desi-
cartapesta, rispetto al quale l’intera città ripone una dera e che è un piccolo intervento a favore della
che rientra nel ventaglio dei reati contro la libertà persona-

2
profonda aspettativa, in chiave d’immagine e di comunità di Ponte Cozzolino ma soprattutto di
le e consiste nel perpetuare comportamenti minacciosi, turismo. La struttura, infatti, una volta a regime
molesti e atti lesivi continui, i giudici prevedono pene anziani e bambini. Mi auguro che si riesca a com-
permetterà alla stessa festa dei Gigli di usufruire di pletare i lavori in modo che la popolazione locale
maggiorate se è proprio il coniuge legalmente separato o una vetrina importante per l’intero anno. L’altro
divorziato ad attuarle. Per la giovane di Mariglianella la possa inaugurare la nuova piazzetta in occasione
elemento fondamentale sarà quello dell’unione della celebrazione per la conclusione del mese di
richiesta d'aiuto rivolta ai militari, in questa occasione, si I fatti 2 delle antiche botteghe d’arte in unico consorzio. Maggio particolarmente sentito in loco e – ha con-
presume possa averle salvato la vita o quanto meno evitato L’uomo è stato arrestato Consorzio che consentirà alle tradizionali realtà
un epilogo tragico ad una storia prima d'amore e poi di cluso Fiengo – sono certo che a breve ci saranno
dai militari dell’aram artigianale di stare in maniera maggiormente com- buone nuove anche per le altre zone periferiche di
sudditanza, data dalla violenza e dove l'unica emozione di Castello di Cisterna scono petitiva sul mercato.
rimasta era quella della paura. Cercola”.
scattate le manette

Pollena, fissata per il 26 giugno


Prime quattro deleghe per la squadra di Provvisiero
CIMITILE (Maria Almavilla)
Continuano le operazioni di
Cimitile, prossimo appuntamento: l’approvazione del bilancio zione valorizzare e rendere
operativi tutti gli elementi di
la XIX edizione del “Graffito d'Argento” assestamento all’interno del fare parte della Giunta Comu- ha ricevuto le deleghe a Politi- questa maggioranza – ha
POLLENA TROCCHIA - L'incon- team Provvisiero. Dopo una nale e dall’altro, ottenere da che culturali, Programmi pro- dichiarato il sindaco Nunzio
tro tra poesia e 'Gente' comune va settimana dal primo Consiglio loro un ulteriore aiuto nella fessioni comunitari, Extraco- Provvisiero, che ha poi aggiun-
avanti più o meno da quando va comunale, durante il quale si è gestione della cosa pubblica munitari; Biagio Iovino (già to – Cimitile merita una mag-
avanti il mondo: da diciannove anni, provveduto alla nomina degli per i cinque anni a venire. I assessore allo Sport nella pas- gioranza stabile e operativa che
però, l’associazione socioculturale assessori e del Presidente del quattro consiglieri delegati sata amministrazione), ha rice- si metta a lavoro da subito per
Consiglio, sono arrivate ieri sono: Felice Amato, che ha vuto le deleghe a Sport, tempo il bene di tutta la cittadinanza,
‘Graffito d’Argento’ di Annamaria quattro deleghe attraverso le in continuità con quanto già
Romano si impegna perché i senti- ricevuto le deleghe per Organi libero, impianti sportivi, mani-
quali il sindaco Nunzio Prov- rappresentativi, Servizi logisti- festazione sportive, Panico fatto nei cinque anni addietro.
menti che gli scrittori racchiudono visiero ha voluto, da un lato, Sicuramente
ci e tecnico manutentivi (Patri- Giovanni che ha ricevuto le
nei loro componimenti vengano donati dagli valorizzare anche quei compo- monio comunale), Comunica- deleghe all’Identità, centro sto- all’apice delle
stessi autori, come patrimonio inestimabile, a nenti del suo gruppo di mag- zioni interne, Innovazioni tec- rico, servizio idrico integrato e nostre priorità di
migliaia di lettori. Della bontà dell’operato gioranza che non sono entrati a nologiche; Francesco Aprile , affari legali. Si completa così governo c’è la
della onlus di Pollena Trocchia se n’è accorto la squadra di definitiva risolu-
l’assessorato la turismo della Regione Puglia governo targata zione del proble-
. Provvisiero. ma parcheggio.
Volla, un cineforum Nelle prossime Domenica scorsa
per i “Regimi senza storia” settimane sono andate in
nuova convo- vigore le nuove
VOLLA – Parte “Regimi senza Storia”, cazione del zone a traffico
il primo cineforum organizzato dal circo- civico consesso limitato. Opera-
lo cinematografico Arci-Volla e dalla per l’approva- zione questa che ha riscontrato
Casa delle associazioni. Tale rassegna zione del grande successo presso i citta-
cinematografica sarà dedicata alle dittatu- Bilancio previ- dini che hanno potuto fruire del
re dimenticate ossia a quelle che la storia sionale e per la centro storico e raggiungere i
ha retrocesso in serie B, a cui non ha con- nomina delle luoghi di culto senza essere
cesso la giusta luce. Un viaggio multifor- commissioni disturbati dagli automobilisti o
me tra popoli oppressi con un unico filo conduttore: consiliari. “E’ dalla sosta selvaggia lungo
la memoria di immagini che ovunque nel mondo stata mia inten- Corso Umberto I”.
non debbano mai più essere riviste. Tutte le proie-
zioni si terranno presso la sede della ‘casa delle
associazioni’, al Parco Vesuvio ed il prezzo di
ingresso, simbolico, sarà di due euro.
CRONACHE di NAPOLI
Nolano Mercoledì 21 Aprile 2010
23
POMIGLIANO Castello di Cisterna - Posti di blocco della Benemerita per l’illegalità diffusa San Vitaliano - Aveva quattro grammi di marijuana
EMERGENZA LAVORO Giro CASTELLO
CISTERNA - Nel corso
DI

servizi di controllo alla


Droga, SAN VITALIANO -
Vendeva marijuana in
giornata. Difatti il capo
d’imputazione a suo cari-
piazza. Bloccato lo spac- co è quello di detenzione e
di vite circolazione stradale
predisposti per garantire pusher cio della pusher in gonnel-
la che è finita in cella. I
spaccio di stupefacenti. La
donna in piazza Eduardo
la sicurezza degli auto-
Ore di attesa per gli operai dell’Arma mobilisti, i carabinieri
della aliquota radiomo-
in gonnella braccialetti si sono stretti
attorno i polsi della spac-
ciatrice Rosa Filippini,
de Filippo, zona nella
quale risiedeva, era nota
per avere avviato uno
dell’indotto scettici In undici bile di castello di cister-
na hanno denunciato in sono stati complessiva-
mente controllati 493
finisce 32enne, già inserita nei
data base informatizzati
shop di stupefacenti. La
donna è stata bloccata e
stato di libertà 11 perso-
sui turni notturni, ma entusiasti finiscono ne: 2 per uso di veicoli veicoli e contestate 61
dietro
degli inquirenti per i
medesimi reati di spaccio.
tratta in arresto dai militari
della stazione di san Vita-
sottoposti a sequestro violazioni al codice con Aveva solo 4 grammi liano che da tempo segui-
per il rilancio del ‘Vico’
nei guai amministrativo e guida
senza aver mai consegui-
il ritiro di 16 patenti ed il
sequestro di 16 veicoli.
tra le violazioni conte-
le sbarre marijuana e una cifra di 2
mila e 890 euro, somma
vano le sue mosse. È stato
a seguito di una minuziosa
to la patente, 5 per guida rilevante e che avvalla l’i- e scrupolosa attività inter-
Controllati 493 veicoli, senza aver mai consegui-
to la patente, e 4 per uso
state: 21 per circolazione
senza revisione, 17 per Scoperta mentre potesi degli inquirenti che
la donna non aveva tutte le
cettativa, di osservazione e
pedinamento, che i milita-
mancanza di copertura dossi ed i prodotti stupefa- ri sono riusciti a chiudere
elevate sessantuno multe di veicoli sottoposti a
sequestro amminustrati-
vo. Durante i servizi
assicurativa e 5 per
guida senza cinture di
vendeva droga centi indosso, o che si tro-
vasse a conclusione di una
l’esercizio ‘ambulante’ di
spacciatrice della Filippi-
sicurezza. ‘ricca vendita’ e fruttuosa ni.

La Fiom: “Siamo disponibili alla trattativa, ma non alla resa. Abbiamo fatto delle proposte, vogliamo un accordo che comprenda la flessibilità”

Fiat, oggi la presentazione del piano industriale


Il nuovo programma dovrebbe garantire occupazione, ma sono previsti anche 500 tagli del personale
di Domenico Andolfo ro sul piano industriale lavoratori e degli stan- non alla resa – dice seguito un no della che perdita potrà esserci un prospetto illustrativo della Fismic, “al fine -
Fiat. Da un lato Fim, dard lavoratovi vigenti Andrea Amendola, Fiom ai 18 turni, apren- nell’indotto automobili- delle richieste Fiat per il ha detto – di portare la
POMIGLIANO D’AR- Uilm, Fismic, dall’altro anche in altri stabili- della segreteria provin- do però uno spiraglio stico del Vico, operai rilancio dello stabili- Panda a Pomigliano”.
CO - Ieri il passaggio di la Fiom. L’organizza- menti Fiat, con l’assen- ciale – abbiamo fatto sui 17 turni stile Melfi, senza qualifica giudicati mento commentate “Mi auguro che l’accor-
consegne tra Monteze- zione legata alla Cgil so, tra l’altro, anche delle proposte, voglia- e uno scetticismo sulle non ricollocabili. In pre- punto su punto dal sin- do venga sottoscritto
molo ed Elkann. Oggi la non disse si al piano di della Fiom. Alla vigilia mo un accordo che com- garanzie occupazionali visione dell’incontro di dacato. “Un informazio- unitariamente perché in
presentazione del piano rilancio di uno stabili- dell’incontro, la posi- prenda le flessibilità, ma per l’indotto. Il piano questo pomeriggio ieri ne corretta e costante”, questa maniera possia-
industriale e l’incontro mento in profonda crisi, zione della Fiom è la che non sia peggiorativo Fiat però dovrebbe esperti, rsu e attivisti ha commentato Luigi mo promuovere lo svi-
con i sindacati. La Fiat i cui 5000 addetti, circa seguente. “Siamo dispo- delle condizioni dei garantire l’occupazione Fismic hanno distribuito Mercogliano, della luppo in Campania”, ha
volta pagina e si affida 15.000 se consideriamo nibili alla trattativa, ma lavoratori”. A questo fa a tutte le tute blu. Qual- ai lavoratori del “Vico” segreteria regionale concluso Mercogliano.
ad un giovane rampollo anche l’indotto, soffro-
per completare no da due POMIGLIANO Le maestranze chiedono l’intervento del presidente della Regione per i lavoratori in cassa integrazione straordinaria
il processo anni la cassa
d’internaziona- integrazione
lizzazione del
Lingotto ini-
ziato cinque
anni fa con
Luca Cordero
costringendo
la Regione
Campania,
tra l’altro, a
garantire un
Gli operai lanciano l’sos a Caldoro: detassare il sostegno al reddito
POMIGLIANO (dom and) - vuti nel corso del 2009. “Una mento del nuovo governatore accompagnare o meno l’uscita ne al neo presidente della
di Montezemo- sostegno al Caldoro immediatamente al mazzata pesante – spiega avvenuto nei giorni scorsi. dalla crisi degli stabilimenti Giunta regionale è giunto il
lo. In un con- reddito attra- lavoro. Lo chiedono, con Giannone – in un periodo in Altra questione spinosa, ma dell’auto. monito degli operai a detassa-
testo d’interna- verso la for- forza, i lavoratori del “Gian cui non percepiamo integra- altrettanto di vitale importan- A Pomigliano la crisi sarà re il sostegno al reddito del
zionalizzazio- mazione. La Battista Vico”. Tre le questioni zione. L’accordo, di sostegno za, è la conferma del sostegno ancora lunga, non terminerà 2009. “L’Inps - spiega Gerar-
ne del marchio Fiom, pur poste dai sindacati e dalle tute al reddito, doveva prevedere al reddito attraverso la forma- prima del secondo semestre do Giannone, - sta inviando ai
torinese, a apprezzando blu dello stabilimento pomi- un’esenzione della tassazione, zione per il 2010. L’ammini- del 2011, quando è atteso l’av- lavoratori che hanno frequen-
Pomigliano arriva, dalla la volontà dell’azienda glianese: in prima battuta un invece adesso ci ritroviamo a strazione di centrosinistra fece vio della produzione della tato i corsi per il sostegno a
Polonia, la produzione di investire, da sola, 750 decreto che dia il via libera pagare anche questi soldi”, ha sapere di voler confermare la Panda. Tradotto, un altro anno reddito finanziati dalla Regio-
della nuova Panda. Que- milioni a Pomigliano, alla mobilità in deroga per i 53 concluso amaramente il segre- misura. Bisognerà vedere cosa di cassa integrazione, il terzo, ne, i Cud relativi allo scorso
sto dovrebbe conferma- non disse di si, perché il precari che hanno perso il tario di Csp. Ma, tra le tante, deciderà di fare Caldoro, se per le tute blu del “Vico”. Infi- anno, che faranno reddito per
re oggi a stampa e inve- piano Fiat dava sì lavo- posto di lavoro lo scorso l’urgenza più imminente la dichiarazione da presentare
stitori l’amministratore ro, peggiorando però, a marzo. Poi la conferma, così riguarda i 53 operai non con- in questi mesi. Per i lavoratori,
delegato Sergio Mar- detta della sola Fiom, le come annunciato dall’assesso- fermati e in attesa della mobi- che sono in cassa integrazione
c h i o n n e . Sarà così, a condizioni dei lavoratori rato al lavoro uscente, del lità in deroga. In assenza del straordinaria da mesi, si pro-
meno di sorprese e campani. Tra i suoi Rsu sostegno al reddito per il 2010 decreto regionale infatti l’Inps spetta quindi il pagamento di
scontri dell’ultimo c’era anche chi parlava da erogare attraverso la forma- sta rigettando tutte le domande circa 200 euro di tasse sui 940
minuto che però non di un salto all’indietro zione a tutti i cassintegrati del presentate dai disoccupati per percepiti nel 2009. Ma aveva-
sono da escludere viste di 40 anni nelle condi- sistema automobilistico cam- accedere alla mobilità in dero- mo richiesto che questo soste-
le tensioni e le profonde zioni dei lavoratori. pano. Ed infine l’ultima ga. Per questo motivo gli ope- gno fosse detassato, in modo
divergenze di queste Scenario questo smenti- richiesta, ma non per ordine rai stanno facendo pressione che non pesasse sulle tasche
ultime settimane. All’U- to da più fonti sindacali d’importanza ,sollevata ieri da sui sindacati per accedere vuote dei lavoratori, quindi
nione degli Industriali che hanno ammesso un Gerardo Giannone (nel all’ammortizzatore sociale. Si chiediamo al nuovo governa-
di Napoli due settimane maggior carico di lavo- riquadro) , rsu Fim e segreta- attende quindi adesso il decre- tore di interessarsi alla que-
fa infatti saltò l’accor- ro, ma sempre nel rio Csp, di detassare i compen- to della nuova amministrazio- stione per dare un po’ di sol-
do. I sindacati si divise- rispetto dei diritti dei si di sostegno al reddito rice- ne regionale, dopo l’insedia- lievo agli operai”.

CICCIANO L’attuale giunta ha perso nelle ultime settimane ben due assessori CERCOLA POMIGLIANO

Centro disabili Stalking, arrestato


Mascolo rimette la delega ancora chiuso un quarantenne Pomigliano, rapinò un minorenne:
in manette straniero 19enne
CICCIANO – A rimettere anche il consigliere Masco- dall’ente locale contenenti Crepa che il sindaco ha CERCOLA (Alcol) – POMIGLIANO D’AR-
nelle mani del sindaco lo ha gettato la spugna. requisiti d’accesso partico- cercato di chiudere, conge- E’stato inaugurato una ven- CO - I carabinieri del
Caccavale la delega ai ser- Mascolo, come si ricor- larmente “restrittivi”. Ed in lando le procedure concor- tina di giorni fa, più o meno, nucleo investigativo di POMIGLIANO D’ARCO - Aconclusione di attività
vizi cimiteriali è stato ieri derà, è uno dei quattro effetti sembra che i bandi suali in attesa di accerta- ma i disabili della cittadina Castello di Cisterna investigativa avviata dopo rapina ai danni di un mino-
mattina il consigliere componenti della maggio- “severi” abbiano contribui- menti. Il consigliere vesuviana e dei comuni hanno arrestato s. v., renne, i carabinieri della locale stazione hanno identi-
Carlo Mascolo. Dopo ranza che nel gennaio scor- to in qualche maniera ad Mascolo ha motivato la limitrofi non ci hanno anco- 40anne, del luogo, desti- ficato e sottoposto a fermo di indiziato di delitto
appena due mesi dall’uffi- so intervenne polemica- aprire una crepa nell’am- drastica decisione regi- ra messo piede: la struttura, natario di ordinanza di Saban Amran, della macedonia, 19enne, domiciliato a
cializzazione del nuovo mente sui concorsi banditi ministrazione Caccavale. strando sostanzialmente ubicata in via Aldo Moro, custodia cautelare in Mariglianella in via roma, mediante l’utilizzo del
esecutivo del comune di un’obiettiva difficoltà nel- all’interno della ‘Cittadella carcere emessa il 19 sistema informatico web-lase i cc hanno identificato il
Cicciano, il terzo del l’esercizio della delega dello Sport’ di Caravita, è aprile dal gip di Nola predetto quale l’autore della perpetrata rapina ai danni
secondo mandato Caccava- conferita. Sembrerebbe stata richiusa immediata- per stalking, maltratta- di un 17enne di Scisciano.
le, arriva un’altra scossa infatti che le richieste di mente dopo essere rimasta menti in famiglia, ingiu-
d’assestamento politica a
scuotere la cittadina del
Marigliano, auto incendiate in un terreno Mascolo, funzionali al
mandato ricevuto, non
aperta, qualche ora, per il
taglio del nastro e per i
rie, minacce, violenza
sessuale e lesioni. l’ar- Liveri, pioggia di finanziamenti
Nolano. L’attuale giunta
dell’ente di piazzetta San Gli investigatori non escludono nessuna pista abbiano trovato adeguato
sostegno e risposta da parte
festeggiamenti di routine.
“Non possiamo ancora
restato è stato associato
nella casa circondariale
per ridisegnare la città
Barbato infatti ha perso MARIGLIANO - Auto in fiamme in un terreno del sin- dell’amministrazione accogliere l’utenza per la di poggioreale. L’uomo
nelle ultime settimane ben daco l’attenzione è volta agli appalti pubblici. E’ancora comunale, rendendo così mancanza di alcune suppel- LIVERI - Opere pubbliche e riassetto della città
fu arrestato perché tor- questo l’obiettivo dell’amministrazione Coppola,
due assessori su sette. aperto il giallo sulle due auto rinvenute in un suolo terrie- particolarmente gravoso il lettili e delle attrezzature per mantava l’ex consorte.
Dopo le dimissioni di ro risultato essere di proprietà del sindaco della cittadina, corretto prosieguo dell’in- la sala computer e per la che nei giorni scorsi ha annunciato importanti
L’irruzione dei militari novità. Tra queste i finanziamenti regionali ad
Mario Marino, raggiunto Antonio Sodano. A seguito della scoperta, le indagini carico. Anche Mascolo tut- palestra che, sebbene già nell’appartamento della
da un avviso di garanzia espresse dagli inquirenti volgono lo sguardo all’ammini- tavia, come Galasso, non fa acquistate dal comune – ha alcuni progetti che trasformeranno la Civitas
moglie pose fine ad una Mariae in una città-cantiere. Le opere saranno inte-
per presunti abusi commes- strazione. Un ritrovamento che crea non poche tensioni mistero della sua contra- spiegato Maurizio Di Gen- serie di sorpusi che la
si durante i lavori nel cimi- nella cittadina ed anche negli ambiti politici, tante le rietà verso alcuni aspetti naro, presidente della coo- ramente finanziate dall’ente regionale. C’è molto
stessa aveva denunciato attesa in città per le opere di ripristino delle strade
tero comunale, e di France- domande per un episodio che solleva numerose ombre e della gestione dell’ente di perativa umanista ‘Mazra’ ai militari dell’Arma.
scantonio Galasso, che ha dubbi anche per gli inquirenti. Il luogo del rinvenimento piazzetta San Barbato. Il che gestirà il centro diurno e dei quartieri.
rimesso dieci giorni fa e ancor di più il suo proprietario, fanno emergere nume- consigliere in particolare per portatori di handicap –
nelle mani del primo citta- rosi interrogativi. A seguito del ritrovamento, le ipotesi al ha manifestato il suo disap- non potevano essere siste-
dino le deleghe all’Urbani- vaglia degli inquirenti vedono aggiungersi quelle degli punto per l’uso che l’am- mate all’interno dei locali San Gennaro Vesuviano, cd e dvd
stica ed Attività Produttive appalti e dunque una possibile, ma solo presunta, con- ministrazione Caccavale ha per motivi di sicurezza fino falsi: acciuffato un 34enne
per “motivi personali”, nessione tra amministrazione e criminalità, che potrebbe fatto negli ultimi tempi di a quando non fosse stato
lasciando però intendere avere azionato il meccanismo delle intimidazioni. Resta incarichi esterni e consu- completato l’impianto di SAN GENNARO VESUVIANO - I carabinieri
alla stampa locale che ci ad ogni modo tra le ipotesi accreditate, anche quella che lenze. Si attendono ulterio- videosorveglianza che vigi- della locale stazione hanno arrestato Hibraim
sono alla base del gesto vedrebbe le due auto andate in fiamme essere solo il ri sviluppi nelle prossime lerà sulla struttura e che è Joeb, senegalese, 34enne, in italia senza fissa
motivazioni più profonde, risultato di qualche banda criminale che ha attuato que- ore. È infatti convocato il stato terminato lo scorso dimora, sorpreso mentre esponeva in vendita 360
maturate in seguito ai forti sto stratagemma per cancellare possibili tracce di un civico consesso per giovedì lunedì pomeriggio: nei pros- supporti ottici (cd e dvd) illegalmente duplicati e
contrasti su diverse scelte colpo consumato in qualche luogo del territorio. prossimo, 22 aprile alle 18, simi giorni i locali del cen- privi di bollino siae. Il materiale e’ stato sottoposto
dell’amministrazione non presso il centro Nadur nel tro saranno allestiti con tutto
condivise dal Galasso, rione Gescal. ciò che occorre”. a sequestro. l’arrestato è in attesa di rito direttissi-
mo.
CRONACHE di NAPOLI CRONACHE di NAPOLI
S.S. Sannitica km. 19,800
81025 Marcianise - Caserta
Tel. 0823.581055 - 0823.581005
- 0823.821165
Sito web: www.cronachedinapoli.org
Pagina 24
CNRapoli
ONASCud
HE S.S. Sannitica km. 19,800
81025 Marcianise - Caserta
Tel. 0823.581055 - 0823.581005
- 0823.821165
Sito web: www.cronachedinapoli.org

Mercoledì 21 Aprile 2010

Blitz, controlli e sequestri dei militari dell’Arma sull’isola Azzurra. Aperti venti fascicoli di inchiesta sulle costruzioni abusive

Cemento selvaggio su Capri, 32 denunce


Fondi agricoli trasformati in terrazze e baracche per attrezzi adibite a monolocali, la mappa dello scempio
di Enzo Carraturo pliamento del piano terraneo di manufatto abusivo di sua proprietà
circa 10 mq mediante la realizza- in località “Maresutto”, già ogget- LA MANIFESTAZIONE Al termine della sfilata sit in davanti al palazzo comunale
CAPRI - Le inchieste delle magi- zione di una struttura in profilato to di sequestro da parte della sta-
stratura sul fenomeno dell’abusi- di ferro scatolare coperta con zione dei carabinieri di Anacapri.

Case abusive, corteo dei comitati


vismo edilizio sull’isola azzurra lamiera coibentata e chiusura con Lo stesso, inoltre, realizzava abu-
hanno aperto uno scenario agli infissi in vetro e alluminio, un sivamente, presso il medesimo
investigatori inquietante. Sono gazebo in legno poggiato sul fron- fabbricato, un viale in cemento ed
decine di sequestri fatti ogni setti- te del fabbricato costituito da un terrazzamento in cemento anti-
mana per costruzione di manufatti struttura in ferro, un pergolato in stante al fabbricato principale. E’

lungo le strade di Torre del Greco


illegali. Continua senza sosta l’o- legno di 12 mq coperto con tego- stato denunciato anche per viola-
pera dei carabinieri isolani a tutela lato e poggiato su area pavimenta- zione dei sigilli, un 74enne di
dell’ambiente caprese. Sale il ta, una installazione di prefabbri- Anacapri, una 38enne ed un
bilancio delle persone denunciate cato in legno, la realizzazione di 36enne di Capri. Per avere abusi-
e dei sequestri effettuati per abusi- un locale deposito e della facciata vamente realizzato, all’interno di
vismo edilizio ad Anacapri. solo a stucco dell’intero fabbricato un fondo di loro proprietà un fab- TORRE DEL GRECO (veronica distribuita dai manifestanti - è
negli ultimi due mesi sono state sono finiti nei guai un 72enne ed bricato della superficie di 65 mq, mosca) - Abitazioni abusive. privo di licenza edilizia a causa
ben 63 le persone denunciate per una sessantaseienne di Anacapri costituito da un soggiorno, sala da “Prime case” che secondo la dell’inerzia delle
abusivismo in entrambi i comuni (usufruttuari dell’immobile), un pranzo con angolo cottura e forno magistratura dovrebbero essere amministrazioni”. E a nulla è
dell’isola azzurra ed il fenomeno settantenne, una 31enne ed una in muratura, una camera da letto abbattute. Edifici costruiti più di valsa la sanatoria grazie alla quale
non accenna a diminuire. Ieri i 36enne di Anacapri risultati pro- ed un bagno, un 41enne di Milano trent’anni fa di cui solo ora gli i cittadini torresi hanno versato le
militari della stazione di Anacapri prietari della struttura e commit- (legale rappresentante di una organi competenti sembrano ricor- oblazioni del condono edilizio del
hanno deferito in stato di libertà tenti dei lavori. società finanziaria con sede a darsene. E solo in caso “punitivo” 1993 e del 2003 con la speranza di
32 persone. Ad Anacapri per aver Sempre ad Anacapri un venti- bologna) un 44enne di Capri, un ovvero per abbattere quelle che sanare l’abuso. sanatoria resa vana
abusivamente realizzato opere seienne è stato deferito all’autorità 40enne ed un 72enne dell’impresa ormai sono le case di molti cittadi- dalla decisione della Regione
edili in un’area sottoposta a vinco- giudiziaria per avere abusivamente edile sono stati denunciati in stato ni, senza le quali, rimarrebbero in Campania che con una legge, ha
lo ambientale e paesaggistico un realizzato, all’interno di un fondo di libertà. Ad Anacapri nei guai mezzo ad una strada. Non per stabilito, che la Campania è zona
33enne di Anacapri proprietario di loro proprietà, ubicato in via sono finiti anche un 50enne ed una prevenire, quando le abitazioni rossa: i cittadini quindi non
del manufatto, una 30enne com- mesola, un fabbricato di 20 mq, in 47enne del posto per lavori edili- furono costruite o dare un’alterna- potranno beneficiare del relativo
mittente dei lavori, un 49enne di ampliamento a quello già esistente zia non autorizzati. Per avere abu- tiva. E’ questo il concetto che ieri condono e i loro immobili sono
Napoli operaio edile ed un 24enne con annessa tettoia, pergolato, sivamente realizzato, all’interno di mattina circa duecento manife- quindi a rischio abbattimento. Ieri
di Anacapri operaio edile sono area cortilizia e baracca da cantie- un fondo agricolo di loro proprietà stanti hanno gridato a squarciago- seguito la discussione di un Dise- mattina i manifestanti sono stati
stati denunciati in stato di libertà. re in lamiera, nonchè un fabbrica- in via Solinaro, la movimentazio- la per le strade della città, durante gno Legge. Le case “di necessità”, ricevuti anche dal vicesindaco
Blitz anche in via Mesola dove, to di circa 80 mq composto da due ne di una superficie di circa 100 un corteo che è partito da Palazzo secondo i manifestanti , sono state Antonio Spierto, il quale ha sotto-
per avere abusivamente realizzato camere con bagni, soggiorno, sala mq, per un volume di circa 175 La Salle ed è giunto a Palazzo costruite sì abusivamente, ma per lineato, come ha già fatto nei gior-
un fabbricato in muratura dalle da pranzo, angolo cottura, ingres- metri cubi, di terreno e roccia, ed Baronale. Scopo della protesta è mancanza di strumenti urbanistici ni scorsi il sindaco Borriello, la
dimensioni di circa 75 mq, suddi- so, disimpegno e deposito; realiz- aver abusivamente realizzato una stato di bloccare la demolizione adeguati, appunto spesso per piena vicinanza ai propri concitta-
viso al suo interno in quattro zazione di una tettoia in tegole rampa di terreno un trentaquat- delle case di necessità, in attesa di “necessità” di nuclei familiari, che dini, spiegando che l’amministra-
ambienti, completo di infissi e sorretta da struttura di ferro di trenne, un sessantaduenne ed una una nuova normativa, dopo le ras- altrimenti avevano scarse possibi- zione sta facendo tutto il possibile,
parzialmente pavimentato sono circa 3 mq e copertura con pannel- 56enne di Anacapri assieme ad un sicurazioni ricevute in merito dal lità di avere un tetto sulla testa. La tra cui richiedere anche l’interven-
stati denunciati una 70enne, una li in lamiera coibentata; ingresso 73enne sono stati deferiti in stato Presidente del Consiglio e dal questione appare alquanto compli- to del Premier Berlusconi. Intanto
50enne, un 45enne, un 39enne, carrabile completo di area di sosta di libertà. Per avere abusivamente ministro Carfagna. La Procura ha cata perché nella città del corallo, questa mattina, salvo ultimi cam-
una 36enne, un 53enne ed una in cemento, avente una superficie realizzato, all’interno di un fondo disposto circa 450 abbattimenti, oltre all’abbattimento della prima biamenti, le ruspe abbatteranno la
34enne, tutti di Anacapri. Ma gli di 90 mq; vialetti in cemento e agricolo in via La Guardia, un alcuni già effettuati ed altri di casa che dovrebbe essere effettua- prima costruzione abusiva nella
interventi della Benemerita non si muretti in pietra delimitanti i lotti viale in cemento battuto intercala- prossima esecuzione, mentre i to questa mattina, salvo un ultimo zona di Cappella Bianchini, anche
sono esauriti con queste due ope- che costituiscono il fondo. In que- to da piccole rampe di scale in suddetti esponenti politici insieme contrordine, sono state firmate se i manifestanti hanno annunciato
razioni. Nelle scorse ore per avere sto caso le opere non sono state muratura colleganti i vari tappez- con il neogovernatore Caldoro si ordinanza per ben 1500 demoli- che non intendono permettere a
abusivamente realizzato, all’inter- sottoposte a sequestro. Ancora zamenti preesistenti a quote diver- erano impegnati per un Decreto zioni di manufatti abusivi. “Il 40% nessuno di toccare le proprie case,
no di un immobile di loro pro- denunce per aver violato i sigilli se, sono stati denunciati un 32enne Legge immediato, a cui sarebbe degli immobili - si legge nella nota seppure abusive.
prietà in via salita Ceselle, l’am- posti il 10 ottobre 2008 ad un ed una 30enne di Anacapri.

TORRE DEL GRECO Guido Bertolaso: la nube del vulcano sarebbe alta 28 chilometri TORRE ANNUNZIATA Un trentaduenne è finito in manette con l’accusa di evasione

“Un’eruzione del Vesuvio manderebbe in tilt l’Europa” Sorpreso al ‘Penniniello’, doveva trovarsi ai domiciliari
TORRE DEL GRECO tolaso, ha lanciato in un’altezza di 28 chilome- potrebbe arrivare fino a TORRE ANNUNZIATA (rp) - I direttissimo. Con il provvedimento che lo assistono. Se l’imputato non
(rp) - Un’eruzione del un’intervista alla Frank- tri, a fronte dei nove del Mosca, al Cairo oppure carabinieri della stazione di Torre che dispone gli arresti domiciliari, il può altrimenti provvedere alle sue
Vesuvio provocherebbe furter Allgemeine Zei- vulcano islandese”. Lo a Dakar”. Bertolaso ha Annunziata hanno tratto in arresto giudice prescrive all’imputato di indispensabili esigenze di vita ovve-
una nube tre volte più tung. “Un’eruzione del scenario sarebbe quasi spiegato che la situazione per evasione dagli arresti domicilia- non allontanarsi dalla propria abita- ro versa in situazione di assoluta
alta di quella lasciata dal Vesuvio avrebbe conse- apocalittico, poiché l’eru- sarebbe “molto peggiore ri Carlo La Rocca, trentaduenne zione o da altro luogo di privata indigenza, il giudice può autorizzar-
vulcano islandese e por- guenze molto più dram- zione “non avverrebbe al in Campania e nelle vici- del luogo già noto alle forze dell’or- dimora ovvero da un luogo pubbli- lo ad assentarsi nel corso della gior-
terebbe alla totale paralisi matiche”, ha spiegato circolo polare, ma a due nanze del Vesuvio, con dine. I militari dell’Arma hanno co di cura o di assistenza. Quando è nata dal luogo di arresto per il
del traffico aereo euro- Bertolaso, “secondo i ore di volo da Parigi o uno strato di cenere che sorpreso il trentaduenne nel rione necessario, il giudice impone limiti tempo strettamente necessario per
peo. E’ l’avvertimento nostri calcoli, la nube di Berlino”. “A seconda dei a terra potrebbe raggiun- popolare “Parco Penniniello”, fuori o divieti alla facoltà dell’imputato provvedere alle suddette esigenze
che il capo della Prote- cenere che uscirebbe dal venti”, ha osservato Ber- gere i 10 metri di dalla sua abitazione. L’arrestato è in di comunicare con persone diverse ovvero per esercitare una attività
zione civile, Guido Ber- vulcano arriverebbe a tolaso, “la nube di cenere altezza”. attesa di essere processato con rito da quelle che con lui coabitano o lavorativa.

VICO EQUENSE Divulgate le nuove regole per la raccolta differenziata POGGIOMARINO L’istanza di 100mila euro inoltrata alla Regione

Conto alla rovescia per il ‘porta a porta’ Chiesto il finanziamento per completare
Ercolano, una tavola rotonda per ricordare
la figura e l’opera di Madre Letizia Zagari Gli oggetti in vetro andranno separati i lavori di restauro alla cappella del Carmelo
VICO EQUENSE (rp) - liare presso le aree comu- quale la raccolta domici- POGGIOMARINO (rp) visitatori. In particolare,
ERCOLANO (nc) - La figura e l’opera di Madre Letizia Tra un mese partirà il ser- nali con accessibilità ridot- liare avveniva per le sole - Chiesto il finanziamen- gli interventi previsti
Zagari, fondatrice delle “Figlie di Nostra Signora dell’Eu- vizio di raccolta monoma- ta mediante l’utilizzo di attività turistico-commer- to per il completamento riguardano il restauro
caristia” sarà al centro di una tavola rotonda in programma teriale “porta a porta” del veicoli idonei. Inoltre ciali, mentre gli altri abi- del restauro della Cap- degli elementi architetto-
per mercoledì 21 aprile con inizio alle 17.30, presso l’isti- vetro. I cittadini, dunque, anche gli abitanti e gli ope- tanti dovevano ricorrere ai pella del Carmelo. L’am- nici in piperno, il restau-
tuto “Oasi del SS. Sacramento”. All’incontro che vedrà la non dovranno più inserire ratori turistici di Monte cassonetti stradali. Da ministrazione comunale ro del portone e di due
partecipazione del neo sindaco Vincenzo Strazzullo, par- oggetti di vetro nella busta Faito potranno differenzia- adesso in poi nella zona ha chiesto un finanzia- porte laterali in legno, la
teciperanno la giornalista di “Avvenire” Valeria Chiane- viola del multimateriale re i rifiuti attraverso un ser- scompariranno definitiva- mento alla Regione realizzazione della venti-
se, il vicedirettore de “La Nuova Stagione” don Doriano ma negli appositi conteni- vizio di raccolta “porta a mente”. Nuovi kit per la Campania, pari a circa lazione del piano interra-
De Luca, il docente di Teologia Morale Ignazio Schinel- tori che verranno distribuiti porta”. “Principale obietti- raccolta differenziata sono 100mila euro, per il com- to mediante la riapertura
la e Madre Candida Nocito Superiora. dal Comune di Vico vo cui mira l’amministra- in consegna alla cittadinan- pletamento del restauro e di due finestrine di luce,
Equense. Una decisione zione - spiega Francesco za, in collaborazione con la del risanamento conser- la coibentazione delle
presa alla luce dell’aumen- Coppola, assessore società terra delle Sirene, vativo della Chiesa tare maggiore, nonché il strutture esterne, la pavi-
Ambiente, salute e sicurezza alimentare: to del costo di selezione all’Ambiente - è quello di secondo un calendario pre- “Santa Maria del Carme- restauro della decorazio- mentazione del piano
a San Giorgio percorsi tematici per studenti del multimateriale e di continuare il percorso di stabilito che prevede: nei lo”, nota anche come ni in stucco della facciata interrato, la tinteggiatura
quelli di trasporto per le raccolta differenziata giorni 21 e 22 aprile distri- Cappella del Carmelo. e delle decorazioni musi- interna ed esterna, il
operazioni di avvio a recu- intrapreso anni fa e buzione ad Arola, 23 e 24 Negli anni passati l’am- ve in ceramica. Con que- completamento dell’im-
SAN GIORGIO A CREMANO (nc) - “Ambiente, salute e pero, che permetterà alla migliorarlo sempre di più. a Moiano, 26 e 27 a Mas-
sicurezza alimentare”: si concluderà giovedì 22 aprile il pro- ministrazione comunale sta ulteriore richiesta di pianto elettrico, la realiz-
città di fare un ulteriore La raccolta del vetro ci saquano, 28 a Bonea, 29 a
getto che l’amministrazione comunale ha organizzato in colla- passo in avanti verso una consentirà di compiere Fornacelle, 30 a San Salva- aveva già predisposto un finanziamento, l’ammini- zazione di un impianto di
borazione con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mez- corretta raccolta differen- uno step importante, così tore, 5 maggio a Ticciano, progetto di restauro e strazione guidata dal sin- fitodepurazione esterno
zogiorno. La manifestazione, che prevede il coinvolgimento ziata e un costante rispetto come l’introduzione del 6 a Prezzano, 7 a Vico cen- recupero, che prevedeva daco Vincenzo Vastola per lo scarico del bagno.
degli studenti delle seconde e terze classi della scuola secon- per l’ambiente. Ma le ‘porta a porta’ a Faito, tro, 8 a Sant’Andrea, 10 a il risanamento della crip- intende completare la La Cappella del Carmelo
daria inferiore “Massaia” di San Giorgio a Cremano, porterà novità non sono finite. E’ dove, fino a questo Montechiaro, 11 a Seiano, ta e diverse opere di con- riqualificazione della è ubicata al Corso Gari-
alla realizzazione di percorsi scolastici extracurricolari per stato da poco attivato il momento, è esistito un 12 a Vico centro, 13 a solidamento della sagre- Cappella, per renderla baldi e risale alla metà
alunni e genitori volti ad approfondire temi sull’ambiente. servizio di raccolta domici- sistema misto in base al Pacognano. stia, della cupola, dell’al- finalmente fruibile ai del Settecento.
CRONACHE di NAPOLI
Napoli Sud Mercoledì 21 Aprile 2010
25
Ercolano I retroscena dell’inchiesta ‘Centovetrine’ che ha portato all’arresto di 21 persone degli Ascione-Papale

Le minacce del boss: chi non si affilia morirà


Giorgio Di Bartolomeo convocava i ‘guaglioni’ che frequentavano i rivali: se non state con me vi elimino
di Davide Gambardella
LA CONTRAPPOSIZIONE
Portici ERCOLANO - Per imporre le proprie Le intercettazioni telefoniche tra appartenenti al gruppo
regole, una cosca deve incutere terrore. Lo
fa per assicurarsi che i commercianti paghi-
no il pizzo, ma anche per far capire che
durante una guerra di camorra bisogna
decidere con chi stare. Imprenditori edili,
Tensioni nel sodalizio, gli avversari
esercenti che non vogliono chinare la
testa alla legge del racket e “guaglioni”
visti in compagnia di soldati della fazio-
“fanno paura perché hanno coraggio”
ne opposta, vengono così schedati, tal- ERCOLANO (daga) - E’ il è uno di quelli più esposti. Ed i
volta fotografati, e convocati al parco della mese di maggio del 2009, su Birra sono gente “di vecchio
‘Moquette’, feudo del clan, da Giorgio Di Ercolano tornano a soffiare stampo”, fanno paura. “Hanno
Bartolomeo, uno dei pezzi grossi degli venti di guerra. Il clima che si le palle” dice nella telefonata
Ascione-Iacomino. Gli avvertimenti hanno respira nel gruppo degli Ascio- intercettata mentre parla col fra-
Assolta in Appello il sapore di un aut aut: chi non è con loro, ne-Iacomino è teso: i loro rivali
“fanno paura”, “hanno le
tello: “Mo’ è uscito il fratello di
Carmela, mo’ è uno scemo…
finisce per morire. “A questo punto Di Bar-
la diciannovenne tolomeo mi fece un discorso molto chiaro palle”, tanto da motivare alcuni venti di loro non sono capaci di
affiliati alla cosca di scappare prenderlo”. Biagio si riferisce
Cecilia Scafo dicendomi, senza troppi giri di parole, che
mi avevano più volte visto nella zona della dalla cittadina dell’immediato alla scarcerazione di un uomo
PORTICI (rp) - Il Cuparella e che addirittura avevano delle hinterland di Napoli. Tra questi dei Birra che gli Ascione non
giudice per l’udienza foto mie mentre mi trovavo a parlare assie- c’è Biagio Munizzi (nella foto), sono riescono ad eliminare, ed
preliminare Miraglia me a Zeno Giacomo fuori il terrazzo della componente del il fratello gli fa notare
del Giudice l’aveva sua abitazione. Dopo avermi contestato gruppo di estorsori che forse “s’impauri-
condannata a sei anni questa circostanza mi disse testualmente: guidato da Natale scono”. “Bravo, per
e otto mesi di reclu- ‘Faustì, qua si muore’ facendo anche il Dantese. Nelle inter- colpa di uno scemo…
sione per reati con- giro con l’indice della mano destra che nel cettazioni telefoniche e quando sarà il

90 18
cernenti le armi. gergo sta ad indicare proprio la morte”. trascritte e riportate momento che esce…
Reati in concorso, Uomini controllati a distanza e poi minac- nell’ordinanza del (riferito, secondo gli
s’intende. Ieri Cecilia ciati se trovati a parlare con gli affiliati alla blitz contro i 21 affi- inquirenti, alla scarce-
Scafo di diciannove cosca dei Birra-Iacomino: dalle dichiarazio- liati al clan di Ercola- razione di Cefariello,
anni di Portici, è stata
assolta in pieno dalla
ni del collaboratore di giustizia Fausto
Scudo, riportate nell’ordinanza ‘Centovetri-
GIORNI DETENUTI no, emerge che la affiliato ai Birra arre-
decisione di Munizzi stato durante l’opera-
terza sezione della ne’, emerge il metodo con il quale i ras Tre mesi, novanta Dei soggetti raggiunti di allontanarsi dalla zione ‘Centovetrine’,
Corte di Appello di degli Ascione avvertivano coloro che nel giorni durante i quali Pasquale Dentale Giorgio Di Bartolomeo dai provvedimenti cosca sia dovuta a molteplici ndr).. Che fate, mettete i cate-
Napoli. Un’assolu- 2003 - in piena faida - ancora orbitavano gli appartenenti al emessi dall’autorità fattori. Oltre ad un ammanco nacci?”. Gli Ascione vivono
zione totale merito attorno ai militanti nella consorteria crimi- gruppo degli Ascio- giudiziaria, diciotto del denaro proveniente dall’atti- dunque “chiusi nelle loro case”,
della strategia difen- nale nemica, determinandone addirittura ne sono riusciti a risultavano già dete- vità estorsiva, che lo spinge a sostiene Munizzi, lasciando per
siva dell’avvocato l’affiliazione. Alle accuse di Salvatore soggiogare i com- nuti in carcere per
Giuseppe Perna, suo rifugiarsi in Germania, a fargli strada la manovalanza che
Fiore, altra ‘gola profonda’ del clan, che ha mercianti altri reati prendere definitivamente le rischia per duecento euro a set-
legale di fiducia. I riferito nell’interrogatorio del 19 febbraio
fatti risalgono al 3 distanze dalla cosca, nell’agosto timana. Una guerra nella quale
del 2009 di riconoscere in Di Bartolomeo la
del 2009, è il contrasto diretto non viene risparmiato nemmeno

84 1
aprile dello scorso persona che per la cosca degli Ascione si
anno quando al rione occupava di droga ed estorsioni, oltre alla col Dantese (“un generale senza il sesso femminile: “Sono anda-
Pazzigno (periferia deliberazione di omicidi, si aggiungono gradi”, lo definisce mentre ti così in basso - gli dice al
est di Napoli) la quelle di Scudo, il quale - il 25 maggio del Vincenzo Spagnuolo Fausto Scudo
parla al telefono con il fratello telefono una donna - pure con
ragazza finì in manet- 2009 - parla del suo arruolamento nell’or- Lino): il rischio di finire le donne, capito se la prendono,
te a seguito di un’o- ganizzazione di “fuori al ponte” divenendo- ESTORSIONI RICERCATO ammazzato in un agguato è questi non stanno bene,
perazione svolta ne così un estorsore di fiducia. “Un giorno - sempre più concreto. Perché lui capito?”.
Con una media di Nella conta dei pre-
dagli uomini del racconta il pentito - se non ricordo male quasi un’estorsione giudicati di grosso
commissariato di siamo nel luglio o agosto del 2003, venni al giorno, sono 84 le calibro coinvolti nel-

LE MISURE RESTRITTIVE
polizia ‘San Giovan- chiamato da (…omissis…) il quale mi richieste di tangenti
disse che Giorgio Di Bartolomeo mi voleva l’operazione e rag-
ni-Barra’. C’era di messe a segno in
mezzo anche la parlare dentro al parco della ‘Moquette’. giunti da arresto
droga. Gli agenti Io sapevo che questo Di Bartolomeo era il quasi tre mesi manca all’appello COGNOME NOME ETA’ RESIDENZA STATO CLAN
intervennero nel cognato del defunto boss Raffaele Ascione nell’ultimo anno Ciro Papale Ascione Mario 22 Ercolano Detenuto Ascione
Antonio Sannino Pasquale Spronello
tardo pomeriggio in e quindi capii subito che dovevo aderire a Capasso Giuseppe 43 Ercolano Detenuto Ascione
via Pazzigno e riusci- questa richiesta di incontro altrimenti Cefariello Marco 24 Ercolano Detenuto Birra
rono a prendere tutti i sarebbe stato peggio”. Fiore si trovò cir-
condato da tre persone (“una di queste era De Crescenzo Michele 41 Ercolano Detenuto Ascione
componenti di quella
che fu definita una Michele Ascione, nipote del defunto boss Dentale Pasquale 19 Ercolano Detenuto Ascione
“paranza di pusher”. Raffaele”) ed a quel punto Di Bartolomeo Di Bartolomeo Giorgio 33 Ercolano Detenuto Ascione
Tutti furono accusati gli “fece un discorso senza troppi giri di Estilio Aniello 28 Ercolano Detenuto Ascione
tutti accusati di parole”: l’avevano visto in compagnia di Gargiulo Fabio 29 Ercolano Detenuto Ascione
detenzione e spaccio uno dei reggenti dei Birra, Giacomo Zeno, Grazioli Pasquale 25 Ercolano Detenuto Ascione
di sostanza stupefa- stava rischiando grosso. “Faustì, qua si Guida Ciro 33 Ercolano Detenuto Ascione
cente in concorso tra muore” gli disse Bartolomeo. E ancora: “Te Montella Ciro 34 Ercolano Detenuto Ascione
loro e detenzione di ne vuoi ire o stare con noi? Si trattava -
prosegue il collaboratore - di un vero e pro- Nocerino Ciro 29 Ercolano Detenuto Ascione
arma clandestina. Nocerino Domenico 58 Ercolano Detenuto Ascione
Nella casa-laboratorio prio ultimatum, nel senso che a detta del Di
dove avvenne il blitz Bartolomeo se non mi fossi schierato con Nocerino Domenico 24 Ercolano Detenuto Ascione
nel corso della perqui- loro io me ne sarei ‘andato’ cioè sarei stato Nocerino Luigi 53 Ercolano Detenuto Ascione
sizione furono rinvenu- ucciso”. Dal mese di luglio Scudo entra a Pazienza Michele 29 Ercolano Libero Ascione
te e sequestrate venti- far parte degli Ascione: il suo ruolo è con- Sannino Antonio 28 Ercolano Detenuto Ascione
due dosi di hashish e durre i titolari delle imprese edili “con can- Spagnuolo Vincenzo 42 Ercolano Detenuto Ascione
36 dosi marijuana tieri aperti nella città di Ercolano” al parco Spronello Pasquale 25 Ercolano Detenuto Ascione
nascoste tra i cuscini della ‘Moquette’. Le minacce, poi, era lo
stesso boss Mario Ascione a formularle col Munizzi Biagio 37 Ercolano Libero Ascione
del divano. Castaldo Enrico 27 Ercolano Libero Ascione
suo uomo di fiducia.
Papale Ciro 49 Ercolano Ricercato Papale
Scudo Fausto 23 Ercolano Pentito Ascione
L’ORGANIZZAZIONE
Due collaboratori di giustizia
ricostruiscono gli organici
e la struttura del clan che gestiva Terzigno, coppia di romeni cerca
il pizzo nella città degli Scavi di corrompere militari: nei guai
TERZIGNO - I carabinieri di Torre Annunziata hanno

Messaggeri e ‘squadre’
ERCOLANO (daga) - Le una serie di omicidi sui quali arrestato per istigazione alla corruzione Iordan Costel,
famiglie Ascione e Papale gli inquirenti stanno indagan- 21 anni e Gheroghe Petrica, 25enne, entrambi romeni.
avevano a disposizione decine do. Ognuno faceva riferimento Bloccati a bordo di un furgone hanno offerto ripetuta-
di uomini, saldamente inseriti ad un gruppo criminale vicino mente ai carabinieri la somma di 215 euro.
in sottogruppi specifici, impie- alle due famiglie, come ad
gati sia nel campo delle estor-
sioni che nello spaccio di
sostanze stupefacenti. Vere e
proprie “squadre”, come li
hanno definiti i negozianti di
esempio Michele De Cre-
scenzo, uomo di fiducia dei
Papale, riconosciuto l’11
marzo del 2009 in una foto-
grafia da Fiore, che avrebbe
per vessare gli esercenti Evade dai domiciliari, pensionato
fermato da un carabiniere di quartiere
CASTELLAMMARE DI STABIA - Il carabiniere di
Ercolano, pronte a taglieggiare
ed intimidire, al cui vertice vi
ricoperto un ruolo determinan-
te in un agguato di camorra.
Le dichiarazioni sono al vaglio dei magistrati inquirenti quartiere della stazione stabiese ha arrestato per evasione
V. C., 79enne, pensionato, sorpreso in stato di evasione
erano fiduciari dei boss che Dichiarazioni che al momento dagli arresti domiciliari ai quali era sottoposto per violen-
to alla decisione di uccidere per poi procedere alle estor- “trasmettere ordini e dare za sessuale commessa a Castelammare nel settembre
avevano un ruolo decisionale non troverebbero alcun riscon- (…omissis…) sollecitandomi a sioni. Tra gli emissari c’erano direttive, e all’occorrenza gira
determinante nella commissio- tro, e pertanto le persone tirate 2009.
sparargli in faccia (…omis- Antonio Sannino e Vincenzo armato sempre nell’interesse e
ne degli omicidi. Sono le in ballo sono da considerare sis…)”. Al “giro” nei cantieri Spagnuolo, e la scarcerazi