Sei sulla pagina 1di 4

Treccani, il portale del sapere Pagina 1 di 4

Serbocroata, Comunita
Enciclopedia dell'Italiano - stampa

di Antonietta Marra

serbocroata, comunità
1. Territorio
Le comunità serbocroate molisane (o slavomolisane), tutelate dalla legge 482/1999
come minoranza linguistica (➔ minoranze linguistiche; ➔ legislazione linguistica),
risiedono in tre comuni della provincia di Campobasso: Acquaviva Collecroce (Kruč;
800 abitanti), Montemitro (Mundimitar; 468 abitanti) e San Felice del Molise (Filič;
813 abitanti; fig. 1). Tutti e tre i comuni, soprattutto a partire da metà Novecento,
hanno subito una forte riduzione della popolazione, con conseguenze sul numero dei
parlanti della lingua locale.
Preesistenti all’arrivo degli slavi ma con presenze slavofone sin dal 1200, le tre
comunità sono ciò che rimane dei numerosi insediamenti slavi nell’area adriatica
documentati dalla fine del XII secolo, alcuni dei quali anche in altre zone del Molise
fino a metà Ottocento (Rešetar 1997: 31-43). Sulla base dei dati linguistici, tuttavia,
Rešetar sostiene che le attuali comunità slavofone provengono dall’area del fiume
Neretva, in Bosnia Erzegovina (dopo un probabile passaggio anche in territori croati
della Dalmazia), non prima del XVI secolo.
Le parlate slave molisane, pur contenendo qualche elemento lessicale del gruppo
čakavo, sono riconducibili ai dialetti serbocroati del gruppo štokavo-ikavo. I parlanti le
hanno a lungo chiamate semplicemente na-našu («nella nostra [lingua]») o naš jezik
(«la nostra lingua»), ma oggi le definiscono piuttosto zlav «slavo». Gli studiosi
preferiscono parlare di slavomolisano (o anche slavisano; Breu & Piccoli 2000), e non
più di croato molisano, per via della complessa situazione dialettale serbocroata che
non permette di identificare univocamente lo slavo del Molise come un dialetto
semplicemente croato.
I tre comuni hanno mantenuto a lungo una forte identità linguistica (che si è in parte
indebolita con l’aumento dei contatti con le zone limitrofe e soprattutto in seguito alle
migrazioni dell’ultimo secolo), benché la consapevolezza dell’origine slava si sia
sviluppata solo nella seconda metà dell’Ottocento, come effetto delle prime visite di
studiosi. Solo in epoca recente si sono avuti contatti istituzionali con la Croazia, con

http://www.treccani.it/enciclopedia/comunita-serbocroata_(Enciclopedia-dell'Italiano)... 08/11/2013
Treccani, il portale del sapere Pagina 2 di 4

visite ufficiali, invio di docenti croati, istituzione di borse di studio in Croazia e, dal
2004, l’insediamento di un consolato onorario croato.
I primi studi sulle comunità slavomolisane risalgono alla seconda metà dell’Ottocento.
Tra questi Rešetar 1997, che contiene tutta la bibliografia precedente e testi raccolti
anche da altri studiosi, rappresenta a tutt’oggi la più completa monografia
sull’argomento. L’interesse si è rinnovato verso la metà del Novecento: singoli,
associazioni culturali e istituzioni hanno proposto attività di tutela e promozione della
lingua e della cultura locale (con riviste bilingui, corsi della varietà locale e di croato
standard, concorsi di scrittura, riscoperta di tradizioni) e diversi studiosi hanno
realizzato nuove ricerche etnografiche (Cirese 1953), storico-sociali (Neri 1987) e,
soprattutto negli ultimi decenni, linguistiche. Per lo slavomolisano ci sono oggi opere
di consultazione (per es., Breu & Piccoli 2000; Piccoli & Sammartino 2000;
Sammartino 2004) e parziali descrizioni linguistiche e sociolinguistiche. Mancano
invece ancora strumenti per la didattica.
2. Peculiarità linguistiche
I tre comuni presentano alcune specificità linguistiche. Oltre a ovvie differenze nel
lessico, sono interessanti fenomeni di lunghezza e accentazione vocalica, che rendono
le marche di caso nella parlata di Montemitro più percepibili rispetto a quelle delle
altre due località (Breu & Piccoli 2000: 387-388). Pur avendo conservato molte
caratteristiche delle lingue del territorio d’origine, lo slavomolisano si caratterizza per
modificazioni dovute in parte al contatto con le varietà romanze (dialetti molisani e
italiano). Il lessico è il livello con maggior numero di interferenze ed è ricco di prestiti,
per lo più del tutto integrati.
La classe dei nomi ha mantenuto una ricca flessione, anche se i paradigmi originari si
sono trasformati e in parte semplificati: in seguito alla perdita del ➔ neutro
(conservato solo marginalmente; Breu 2004) i nomi si distribuiscono secondo due soli
generi (maschile e femminile) e la loro flessione presenta solo cinque forme di caso
(nominativo, genitivo, dativo, accusativo e strumentale). La scomparsa del locativo ha
prodotto la ridistribuzione delle sue funzioni sintattiche: l’accusativo, per es., oltre a
segnalare il moto a luogo, è usato anche per lo stato. Lo strumentale e, parzialmente, il
genitivo devono essere introdotti da preposizioni, anche per le funzioni primarie: do
brata «del fratello» oltre che brata, s nožem «con il coltello» e mai nožem (Breu 2003;
Marra 2009). Peculiare è la formazione di un articolo indeterminativo, sviluppato per
interferenza delle varietà romanze, grazie anche alla presenza del numerale slavo jena
(Breu 2005a): na medik «un medico».
Il sistema verbale ha solo tre forme semplici (presente, imperfetto e imperativo). Le
forme composte si realizzano con diversi ausiliari: bi (forma del verbo essere) per il
condizionale, bit «essere» per il passato composto perfetto e piuccheperfetto, jimat
«avere/dovere» e tit «volere» per il futuro indicativo. Per quest’ultimo, le due perifrasi
hanno anche valore modale. La forma con jimat, oggi assente in area balcanica, è

http://www.treccani.it/enciclopedia/comunita-serbocroata_(Enciclopedia-dell'Italiano)... 08/11/2013
Treccani, il portale del sapere Pagina 3 di 4

probabilmente dovuta ai dialetti romanzi meridionali, nei quali la struttura avere +


infinito è usata per indicare il futuro (d’obbligo e necessità) in mancanza di una forma
sintetica (Marra 2005).
Al contatto romanzo sono dovute anche la conservazione dell’imperfetto indicativo e la
perdita dell’aoristo, distintive rispetto alle altre lingue slave. Il sistema verbale, inoltre,
conserva l’opposizione d’aspetto, le cui coppie sono formate attraverso prefissazione
(krest imperfettivo / ukrest perfettivo «rubare»), suffissazione dell’elemento radicale
(dat imperfettivo / davat perfettivo «dare»), oppure con elementi suppletivi (mečat
imperfettivo / vrč perfettivo «mettere»; Breu 2007).
I tre comuni si differenziano notevolmente per repertorio linguistico, sia per il numero
delle varietà che li costituiscono sia per le dinamiche tra queste esistenti (➔
bilinguismo e diglossia). Ad Acquaviva si ha un diffuso trilinguismo varietà locale /
dialetto molisano / italiano, con l’italiano, qui come negli altri due comuni, come
codice alto che, negli ultimi decenni, ha invaso anche i domini dei codici bassi. A
Montemitro, invece, le varietà utilizzate sono essenzialmente lo slavo e l’italiano,
anche se il dialetto molisano è generalmente compreso (ma solo marginalmente
utilizzato); qui si ha ancora una condizione di diglossia, e la tenuta della varietà locale
è alta anche nelle generazioni più giovani. A San Felice, al contrario, è diffusissimo
l’uso del dialetto romanzo e dell’italiano in tutti i contesti; gli slavofoni sono pochi, per
lo più adulti e soprattutto anziani, in quanto dagli anni Cinquanta del XX secolo (che
videro una forte immigrazione dalle aree circostanti) le lingue materne più diffuse
sono le varietà romanze.
3. Vitalità
Secondo i parametri UNESCO, lo slavo molisano si colloca tra le lingue minacciate di
estinzione per il modesto numero di parlanti e per la ridotta trasmissione
intergenerazionale in due dei tre comuni (Marra 2007). Il riconoscimento ufficiale
della varietà locale e gli interventi per la sua diffusione nei mezzi di comunicazione e
nella scuola, pur avendo prodotto maggiore sensibilità ai problemi di tutela e
mantenimento e migliorato, anche tra i giovanissimi, l’atteggiamento nei suoi
confronti, non ne hanno accresciuto l’effettivo uso. L’impiego rimane limitato, in tutti
e tre i comuni, ai domini informali e, anche in questi contesti, non è ampiamente
diffuso tra le giovani generazioni di Acquaviva (per le quali sta crescendo il ruolo del
dialetto molisano e dell’italiano) né tra gli anziani di San Felice.
Studi
Breu, Walter ( 2003), Bilingualism and linguistic interference in the Slavic-Romance
contact area of Molise, in Words in time. Diachronic semantics from different points
of view, edited by R. Eckardt, K. von Heusinger & C. Schwarze, Berlin - New York,
Mouton de Gruyter, pp. 351-373.

http://www.treccani.it/enciclopedia/comunita-serbocroata_(Enciclopedia-dell'Italiano)... 08/11/2013
Treccani, il portale del sapere Pagina 4 di 4

Breu, Walter (2004), Die Genuskategorie im Moliseslavischen, in Germano-


Slavistische Beiträge. Festschrift für Peter Rehder zum 65. Geburtstag, hrsg. von M.
Okuka & U. Schweier, München, Sagner, pp. 1-15.
Breu, Walter (2005a), Il sistema degli articoli in slavo molisano (SML): eccezione a
un universale tipologico, in Id. 2005b, pp. 111-139.
Breu, Walter (a cura di) (2005b) L’influsso dell’italiano sulla grammatica delle lingue
minoritarie. Problemi di morfologia e sintassi. Atti del Convegno internazionale
(Costanza, 9-11 ottobre 2003), Rende, Università della Calabria. Centro editoriale e
librario.
Breu, Walter (2007), Il sistema degli aspetti verbali dello slavo molisano e l’influsso
dell’italiano come L2, in Consani & Desideri 2007, pp. 186-204.
Breu, Walter & Piccoli, Giovanni (2000), Dizionario croato molisano di Acquaviva
Collecroce. Dizionario plurilingue della lingua slava della minoranza di provenienza
dalmata di Acquaviva Collecroce in provincia di Campobasso. Dizionario, registri,
grammatica, testi, con la collaborazione di S. Marčec, Campobasso, Arti grafiche La
regione.
Cirese, Eugenio (1953), I canti popolari del Molise, con saggi delle colonie albanesi e
slave, Rieti, Nobili.
Consani, Carlo & Desideri, Paola (a cura di) (2007), Minoranze linguistiche.
Prospettive, strumenti, territori, Roma, Carocci.
Marra, Antonietta (2005), Mutamenti e persistenze nelle forme di futuro dello slavo
molisano, in Breu 2005b, pp. 141-166.
Marra, Antonietta (2007), Politiche linguistiche e piccole comunità minoritarie, tra
sociolinguistica e glottodidattica, in Consani & Desideri 2007, pp. 171-185.
Marra, Antonietta (2009), Tra lessico e sintassi: preposizioni e sintagmi
preposizionali nello slavo del Molise, in Von Zuständen, Dynamik und Veränderung
bei Pygmäen und Giganten. Festschrift für Walter Breu zu seinem 60. Geburtstag,
hrsg. von L. Scholze & B. Wiemer, Bochum, Brockmeyer, pp. 261-277.
Neri, Pierino (1987), I paesi slavi del Molise, Campobasso, Enne.
Piccoli, Agostina & Sammartino, Antonio (2000) Dizionario dell’idioma croato-
molisano di Montemitro. Rječnik moliškohrvatskoga govora Mundimitra,
Montemitro, Fondazione “Agostina Piccoli”; Zagreb, Matica Hrvatska.
Rešetar, Milan (1997), Le colonie serbocroate nell’Italia meridionale, a cura di W.
Breu & M. Gardenghi, Campobasso, Amministrazione Provinciale (ed. orig. Die
serbokroatischen Kolonien Süditaliens, Wien, Hölder, 1911).
Sammartino, Antonio (2004), Grammatica della lingua croato-molisana. Gramatika
moliškohrvatskoga jezika, Montemitro, Fondazione “Agostina Piccoli”; Zagreb, Profil
International.

http://www.treccani.it/enciclopedia/comunita-serbocroata_(Enciclopedia-dell'Italiano)... 08/11/2013