Sei sulla pagina 1di 204

Annuario statistico della Ragioneria

Generale dello Stato


Anno 2016

Luglio 2016

Questa pubblicazione rientra nel Programma Statistico Nazionale.


I dati possono essere riutilizzati liberamente secondo i termini della licenza Italian Open
Data License (IODL 2.0).
ANNUARIO STATISTICO 2016

INDICE

Presentazione .......................................................................................................... 11

Principali risultati ...................................................................................................... 14

Schema dei dati presentati ........................................................................................ 16

CAPITOLO 1 - Conti di cassa delle Amministrazioni pubbliche ...................................... 19


1.1 - I conti di cassa del Settore pubblico ................................................................. 22
1.2 - Il conto di cassa del Settore Statale ................................................................. 28

CAPITOLO 2 - Bilancio dello Stato .............................................................................. 34


2.1 - Le Entrate....................................................................................................... 39
2.2 - Le Spese ......................................................................................................... 49
2.3 - Il conto del patrimonio.................................................................................... 84

CAPITOLO 3 - La spesa statale regionalizzata .............................................................. 91

CAPITOLO 4 - La tesoreria dello Stato ...................................................................... 107


4.1 - La gestione complessiva della tesoreria dello Stato ......................................... 107
4.2 - I flussi finanziari tra l’Italia e l’Unione Europea ............................................... 119

CAPITOLO 5 - Personale dipendente delle Amministrazioni pubbliche ......................... 131

CAPITOLO 6 - Mutui contratti dagli enti territoriali .................................................... 146

CAPITOLO 7 - Politiche di sviluppo socio-economico cofinanziate dall’Unione


Europea ............................................................................................................. 156

Glossario e link utili ................................................................................................ 173

Indice analitico ....................................................................................................... 201

5
ANNUARIO STATISTICO 2016

INDICE DELLE TAVOLE

CAPITOLO 1 - Conti di cassa delle Amministrazioni pubbliche


Tavola 1.I: Principali saldi di finanza pubblica. Anni 2013-2015 (dati in milioni di euro e
in % di PIL) ............................................................................................................... 21
1.1 - I conti di cassa del Settore pubblico
Tavola 1.1.1: Conto di cassa del settore pubblico. Anni 2013–2015 (dati in milioni di
euro) ...................................................................................................................... 24
Tavola 1.1.2: Conto consolidato di cassa delle Amministrazioni centrali. Anni 2013–
2015 (dati in milioni di euro) ..................................................................................... 25
Tavola 1.1.3: Conto consolidato di cassa delle Amministrazioni locali. Anni 2013–2015
(dati in milioni di euro) .............................................................................................. 26
Tavola 1.1.4: Conto consolidato di cassa degli Enti di previdenza. Anni 2013–2015 (dati
in milioni di euro) ..................................................................................................... 27
1.2 - Il conto di cassa del Settore Statale
Tavola 1.2.1: Copertura del fabbisogno del Settore statale. Anni 2013–2015 (dati in
milioni di euro) ......................................................................................................... 32
Tavola 1.2.2: Conto di cassa del Settore statale - rappresentazione secondo gli standard
GFSM2001. Anni 2013-2015 (dati in milioni di euro) ................................................. 33

CAPITOLO 2 - Bilancio dello Stato


Tavola 2.I: Saldi del bilancio dello Stato, previsioni e stanziamenti definitivi di
competenza. Anni 2006-2015 (dati in milioni di euro)................................................ 35
2.1 - Le Entrate
Tavola 2.1.1: Previsioni definitive, accertamenti e versamenti del bilancio dello Stato per
titolo. Anni 2006-2015 (dati in milioni di euro) .......................................................... 41
Tavola 2.1.2: Confronti annuali tra previsioni definitive e risultanze di gestione per titolo
e categoria. Anni 2013-2015 (dati in milioni di euro) ................................................. 42
Tavola 2.1.3: Confronti annuali tra previsioni definitive e risultanze di gestione per titolo
e categoria. Anni 2013-2015 (valori percentuali)........................................................ 45
Tavola 2.1.4: Indicatori gestionali per titolo e categoria. Anni 2013-2015 (valori
percentuali) .............................................................................................................. 48
2.2 - Le Spese
Tavola 2.2.1: Stanziamenti definitivi, impegni e pagamenti totali del bilancio dello Stato
per titolo. Anni 2006-2015 (dati in milioni di euro) .................................................... 53
Tavola 2.2.2: Scostamento tra stanziamenti iniziali e stanziamenti definitivi di
competenza, per Missione e tipologia di variazione di bilancio
Anno 2015 (dati in milioni di euro) ............................................................................ 54
Tavola 2.2.3: Scostamento tra stanziamenti iniziali e stanziamenti definitivi di cassa, per
Missione e tipologia di variazione di bilancio
Anno 2015 (dati in milioni di euro) ............................................................................ 55
Tavola 2.2.4: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per
missione e programma. Anno 2015 (dati in milioni di euro)........................................ 56

6
ANNUARIO STATISTICO 2016

Tavola 2.2.5: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per
titolo e categoria economica. Anni 2013-2015 (dati in milioni di euro) ....................... 64
Tavola 2.2.6: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per
Amministrazione. Anni 2013- 2015 (dati in milioni di euro) ........................................ 67
Tavola 2.2.7: Indicatori gestionali per missione e programma. Anno 2015 (valori
percentuali) .............................................................................................................. 70
Tavola 2.2.8: Indicatori gestionali per titolo e categoria economica. Anni 2013-2015
(valori percentuali) .................................................................................................... 78
Tavola 2.2.9: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione della spesa delle
amministrazioni centrali dello Stato per missione secondo la classificazione di bilancio
del 2015. Anni 2010-2015 (dati in milioni di euro) ..................................................... 80
2.3 - Il conto del patrimonio
Tavola 2.3.1: Riassunto delle attività e passività dello Stato per tipologia. Anni 2006-
2015 (dati in milioni di euro) e variazioni annue ......................................................... 85
Tavola 2.3.2: Attività e passività dello Stato per tipologia. Anni 2013-2015 (dati in
milioni di euro) ......................................................................................................... 86
Tavola 2.3.3: Attività e passività dello Stato secondo l’Amministrazione che le ha in
gestione. Anni 2013-2015 (dati in milioni di euro) ..................................................... 87
Tavola 2.3.4: Aumenti e diminuzioni delle attività e delle passività. Anno 2015 (dati in
milioni di euro) ......................................................................................................... 88
Tavola 2.3.5: Attività e passività dello Stato per voce. Anni 2014-2015 (datiinmigliaia di
euro) ...................................................................................................................... 89

CAPITOLO 3 - La spesa statale regionalizzata


Tavola 3.I: Distribuzione per categoria economica e area geografica delle spese finali
regionalizzate al netto degli interessi sui titoli di Stato. Anno 2014 (valori in percentuale
della spesa regionalizzata) ......................................................................................... 93
Tavola3.II: Distribuzione per missione e area geografica delle spese finali regionalizzate
al netto degli interessi sui titoli di Stato. Anno 2014 (valori in percentuale della spesa
regionalizzata) .......................................................................................................... 94
Tavola 3.1: Spesa finale al netto degli interessi sui titoli di Stato per regione. Anni 2005–
2014 (dati in milioni di euro) ..................................................................................... 96
Tavola 3.2: Spesa corrente al netto degli interessi sui titoli di Stato per regione. Anni
2010-2014 (dati in milioni di euro) ............................................................................ 98
Tavola 3.3: Spesa in conto capitale per regione. Anni 2010-2014 (dati in milioni di euro)99
Tavola 3.4: Analisi dei pagamenti del bilancio dello Stato di parte corrente per regione e
categoria economica al netto degli interessi sui titoli di Stato. Anno 2014 (dati in
migliaia di euro)...................................................................................................... 100
Tavola 3.5: Analisi dei pagamenti del bilancio dello Stato in c/capitale per regione e
categoria economica. Anno 2014 (dati in migliaia di euro) ....................................... 101
Tavola 3.6: Analisi dei pagamenti del bilancio dello Stato per regione e per missioni e
programmi al netto degli interessi sui titoli di Stato.
Anno 2014 (dati in migliaia di euro) ........................................................................ 102
Tavola 3.7: Spesa finale al netto degli interessi sui titoli di Stato. Graduatorie regionali.
Anno 2014 ............................................................................................................. 106

7
ANNUARIO STATISTICO 2016

CAPITOLO 4 - La tesoreria dello Stato


4.1 - La gestione complessiva della tesoreria dello Stato
Tavola 4.1.1: Movimento generale di cassa. Anni 2006-2015 (dati in milioni di euro) 111
Tavola 4.1.2: Gestione della tesoreria dello Stato. Partite debitorie e creditorie. Anni
2006–2015 (dati in milioni di euro) ......................................................................... 113
Tavola 4.1.3: Gestione della tesoreria dello Stato. Stock di debiti e di crediti al 31
dicembre. Anni 2006-2015 (dati in milioni di euro) .................................................. 117
4.2 - I flussi finanziari tra l’Italia e l’Unione Europea
Grafico 4.2.I. Posizione netta dell’Italia. Versamenti, accrediti e movimenti netti. Anni
2000-2015 (dati in milioni di euro). ......................................................................... 119
Tavola 4.2.1: Versamenti dell'Italia all’Unione Europea per tipologia di risorsa. Anni
2000-2015 (dati in milioni di euro) .......................................................................... 125
Tavola 4.2.2: Accrediti dell'Unione Europea all'Italia per fonte finanziaria. Anni 2000-
2015 (dati in milioni di euro) ................................................................................... 126
Tavola 4.2.3: Accrediti dell'Unione Europea all'Italia per area geografica. Anni 2000-
2015 (dati in milioni di euro) ................................................................................... 127
Tavola 4.2.4: Accrediti dell'Unione Europea all'Italia per area geografica e fonte
finanziaria. Anni 2000-2015 (dati in milioni di euro)................................................. 128

CAPITOLO 5 - Personale dipendente delle Amministrazioni pubbliche


Grafico 5.I: Numero di occupati a tempo indeterminato. Anni 2002-2014 ................ 134
Grafico 5.II: Unità annue di personale flessibile. Anni 2002-2014 ............................. 134
Grafico 5.III: Costo del lavoro. Anni 2002-2014 (dati in milioni di euro) .................... 134
Tavola 5.1: Pubblico impiego. Principali variabili per comparto. Anni 2006-2014....... 138
Tavola 5.2: Numero di occupati e unità annue di personale per comparto e per tipologia
di rapporto di lavoro. Anni 2012-2014 .................................................................... 139
Tavola 5.3: Oneri che concorrono a formare il costo del lavoro per comparto. Anni
2012–2014 (dati in milioni di euro) ......................................................................... 141
Tavola 5.4: Retribuzioni medie per comparto e per voce di spesa. Anni 2012–2014 (dati
in euro) .................................................................................................................. 143
Tavola 5.5: Personale in servizio al 31 dicembre per regione. Anni 2012-2014 .......... 145

CAPITOLO 6 - Mutui contratti dagli enti territoriali


Grafico 6.I: Mutui concessi alle Amministrazioni regionali e agli Enti locali. Anni 2002-
2014 (dati in milioni di euro) ................................................................................... 148
Grafico 6.II: Debito residuo al 1° gennaio delle Amministrazioni regionali e Enti locali.
Anni 2002-2015 (dati in milioni di euro) .................................................................. 148
Tavola 6.1: Mutui concessi e debito residuo al 1° gennaio per tipologia di ente. Anni
2002-2015 (dati in milioni di euro) .......................................................................... 150
Tavola 6.2: Mutui concessi e debito residuo al 1° gennaio per regione e tipologia di
ente. Anni 2012-2015 (dati in milioni di euro) ......................................................... 151
Tavola 6.3: Mutui concessi agli enti territoriali per oggetto del mutuo e tipologia di ente.
Anni 2012 – 2014 (dati in milioni di euro) ............................................................... 152

8
ANNUARIO STATISTICO 2016

Tavola 6.4: Mutui concessi nell'anno 2014 per oggetto del mutuo e classe di enti (dati
in milioni di euro) ................................................................................................... 153
Tavola 6.5: Rate di ammortamento dovute dagli Enti territoriali nell'anno 2014 per
oggetto del mutuo e classe di ente (dati in milioni di euro) ....................................... 154
Tavola 6.6: Debito residuo degli Enti territoriali al 1° gennaio 2015 per oggetto del
mutuo e classe di ente (dati in milioni di euro) ......................................................... 155

CAPITOLO 7 - Politiche di sviluppo socio-economico cofinanziate dall’Unione


Europea
Tavola 7.1: Importi programmati per area geografica. Anni 2000-2015 (dati in milioni di
euro) .................................................................................................................... 159
Tavola 7.2: Importi programmati per area geografica e intervento. Anni 2008-2015 (dati
in milioni di euro) ................................................................................................... 163
Tavola 7.3: Spese sostenute per area geografica. Interventi UE programmazione
2000/2006, 2007/2013 e 2014/2020 (dati in milioni di euro) ................................... 169
Tavola 7.4: Spese sostenute per area geografica e intervento. Interventi UE
programmazione 2000/2006, 2007/2013 e 2014/2020 (dati in milioni di euro)......... 170

9
PRESENTAZIONE

Presentazione

L’obiettivo istituzionale del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato è


quello di garantire la corretta programmazione e la rigorosa gestione delle risorse
pubbliche. La produzione e la diffusione di dati relativi alle grandezze e agli andamenti
della finanza pubblica sono parte integrante di questa funzione.

La Ragioneria è preposta al monitoraggio degli obiettivi di finanza pubblica e dei


flussi di cassa e alla predisposizione e gestione del bilancio dello Stato e del conto del
Patrimonio; partecipa alla formazione, esecuzione e certificazione del Bilancio dell'Unione
Europea e alla valutazione dei suoi riflessi sulla finanza nazionale; verifica l’avanzamento
dei programmi comunitari; effettua rilevazioni in materia di personale delle pubbliche
amministrazioni; contribuisce all’analisi e alla verifica della spesa pubblica.

Da queste attività deriva un patrimonio informativo che può contribuire


considerevolmente all’analisi e alla formazione delle politiche pubbliche.

L’Annuario mira a fornire una visione d’assieme delle statistiche prodotte dalla
Ragioneria, che dia conto delle attività svolte e, soprattutto, ne faciliti la comprensione da
parte di tutti i soggetti interessati.

Nel documento viene dedicata particolare attenzione alla definizione dei raccordi tra
le variabili: ciò per consentire, anche all’utente non specializzato, una lettura delle relazioni
tra le quantificazioni presentate nelle diverse sezioni. Un capitolo iniziale fornisce, in un
quadro sinottico, una rappresentazione grafica di tali relazioni che supporta la lettura dei
diversi capitoli del volume. In ogni capitolo sono previsti appositi riquadri metodologici che
danno sinteticamente conto delle caratteristiche delle informazioni oggetto del volume,
nonché delle relazioni con le altre parti dell’Annuario. Il testo si conclude con un glossario
che definisce le voci presentate nelle tavole.

La diffusione di informazioni in serie storica consente l’analisi delle dinamiche dei


diversi fenomeni di finanza pubblica così come emergono dai dati di consuntivo registrati
negli ultimi anni.

Si è individuata una struttura-tipo del set di tavole presentate in ciascun capitolo: la


prima tavola copre una serie storica estesa (generalmente a partire dall’anno 2006 nel
volume cartaceo e dal 2002 nella sezione del sito istituzionale del Dipartimento)
relativamente alle variabili più rilevanti; seguono alcune tavole più articolate relative
all’ultimo triennio disponibile e, infine, una o più tavole di dettaglio, con riferimento
all’anno più recente.

All’Annuario si associano varie altre pubblicazioni di carattere più specifico, quali


quelle sul bilancio dello Stato, la Legge di stabilità e le manovre di finanza pubblica, sulla
spesa sanitaria, sugli andamenti di lungo periodo della spesa previdenziale e socio-
sanitaria, sugli ordinamenti e sui costi del lavoro pubblico, sulla spesa pubblica delle

11
ANNUARIO STATISTICO 2016

amministrazioni dello Stato, su quella statale regionalizzata, sul confronto con il contesto
europeo, sui mutui contratti dagli enti territoriali per il finanziamento degli investimenti,
sui rapporti finanziari tra Italia e Unione europea.

Lo sforzo è quello di fornire agli specialisti e all’opinione pubblica informazioni


approfondite e facilmente fruibili su tutti gli ambiti economico finanziari in cui la
Ragioneria Generale dello Stato è presente.

Il Ragioniere Generale dello Stato

12
PRESENTAZIONE

Avvertenze

Note e segni convenzionali


I dati riportati nel presente volume sono tutti valori assoluti in milioni, salvo diversa
specificazione. Nelle tavole sono utilizzati i seguenti segni convenzionali:
- “0”: il fenomeno esiste ma presenta un valore arrotondato inferiore all’unità
- Trattino “-“: il fenomeno non esiste o presenta valore nullo
- Cella vuota “ “: nel caso di rapporti il cui denominatore è nullo
Le composizioni percentuali sono arrotondate automaticamente alla seconda cifra
decimale. Il totale dei valori percentuali così calcolati può risultare non uguale a 100.

Ripartizioni geografiche
Nord
Articolazione territoriale che comprende: Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia,
Liguria, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna e le Province Autonome di Trento
e Bolzano.
Centro
Articolazione territoriale che comprende: Toscana, Umbria, Marche e Lazio.
Sud
Articolazione territoriale che comprende: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia,
Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna.

13
ANNUARIO STATISTICO 2016

Principali risultati

• Il fabbisogno del Settore pubblico nell’anno 2015 è stato pari a 51.993 milioni (3,2
per cento del PIL), in miglioramento rispetto al 2014 di 18.138 milioni (70.131 milioni, 4,4
per cento del PIL), con incassi pari a 805.102 milioni e pagamenti pari a 857.095 milioni. Il
saldo al netto degli interessi è stato positivo (avanzo primario) per 24.831 milioni.
• Nel 2015 il bilancio dello Stato ha registrato un saldo netto da finanziare pari a
65.551 milioni, con entrate pari a 559.157 milioni (di cui 478.138 per entrate tributarie,
70.861 per entrate extra-tributarie e 10.158 per altre entrate finali) e spese pari a 624.708
milioni (di cui 582.392 per spese correnti e 42.316 per spese in conto capitale).
• Il conto generale del patrimonio dello Stato al 31.12.2015 riporta, per le attività,
risultanze contabili complessive pari a 962.609 milioni (di cui 657.100 per attività
finanziarie, 301.269 per attività non finanziarie prodotte e 4.240 per attività non
finanziarie non prodotte) e per le passività finanziarie, un importo pari a 2.721.031
milioni.
• Le spese finali dello Stato nel 2014, al netto di quelle per interessi sui titoli di Stato,
sono attribuite al Nord per il 37,5 per cento, al Centro per il 24,9 per cento e al Sud per il
37,6 per cento.
• La gestione della tesoreria dello Stato ha registrato nel 2015 incassi per 3.182.575
milioni e pagamenti per 3.144.248 milioni. Unitamente alla gestione di bilancio si è avuto
un movimento generale di cassa di 3.954.104 milioni in entrata e 3.957.152 milioni in
uscita: conseguentemente il saldo del conto disponibilità del tesoro è peggiorato di 3.047
milioni.
• Nel 2015, l’Italia, a fronte di versamenti al bilancio generale dell’Unione Europea
per un importo complessivo pari a di 16.180 milioni, ha ricevuto contributi per un totale di
11.480 milioni. L’Italia ha, quindi, registrato un saldo netto negativo di circa 4.700 milioni.
• Nel 2014, le oltre 10 mila amministrazioni pubbliche rilevate dal Conto annuale
occupavano circa 3,3 milioni di dipendenti a tempo determinato e indeterminato con una
spesa annua di 159 miliardi.
• Il debito residuo per mutui al 1° gennaio 2015 ammontava per le regioni a 14.306
milioni e per gli enti locali a 42.140 milioni.

Summary of highlights

• The Public sector cash borrowing requirement was 51,993 million euro in 2015
(3.2 per cent of GDP), down from 4.4 per cent in 2014. Revenues amounted to 805,102
million and expenditures to 857,095 million. The primary balance was +24,831 million.
• In 2015, the State budget recorded a net balance of -65,551 million euro,
revenues amounting to 559,157 million (of which 478,138 due to tax revenues, 70,861 to
no tax current revenues and 10,158 to other final revenues) and expenditures to 624,708

14
PRESENTAZIONE

million (of which 582,392 due to current expenditure and 42,316 to capital expenditure).
• In the State balance sheet on December 31st 2015, assets added up to 962,609
million euro (of which 657,100 million were financial assets, 301,269 million were non-
financial produced assets and 4,240 million non-financial non-produced assets) and
financial liabilities amounted to 2,721,031 million.
• In 2014, 37.5 per cent of the final State expenditure, excluding interest on State
bonds, was disbursed in the North of Italy, 24.9 per cent in the Center, 37.6 per cent in
the South.
• In 2015, the operations of the State Treasury gave rise to inflows for 3,182,575
million euro and outflows for 3,144,248 million. Jointly with the State budget operations,
the overall cash flows were 3,954,104 million as concerns revenues and 3,957,152 million
as concerns expenditure: as a consequence the Treasury availability account decreased by
3,074 million.
• The net contribution to the general budget of the European Union for Italy was
4,700 million euro in 2015, due to contributions in favor of the EU of 16,180 million euro
and to transfers from the EU of 11,480 million.
• General Government bodies employed around 3.3 million people in 2014,
including open ended and fixed term contracts. Expenditure for personnel amounted to
159 billion euro.
• The stock of outstanding loans to Regions at 01.01.2015 was 14,306 million euro,
while the stock of outstanding loans to local bodies was 42,140 million.

15
ANNUARIO STATISTICO 2016

Schema dei dati presentati

Lo schema sinottico dei dati presentati fornisce una visione d’insieme del patrimonio
informativo messo a disposizione nell’annuario, dando conto delle relazioni che
intercorrono tra i dati forniti nelle varie sezioni del volume.
Lo schema individua un nucleo centrale, il quadro di finanza pubblica, nel quale
sono rappresentati i flussi informativi prodotti dalla Ragioneria Generale dello Stato e
direttamente destinati alla costruzione dei conti di cassa delle amministrazioni pubbliche,
dal lato della formazione e dal lato della copertura. Tali conti si alimentano principalmente
con i dati provenienti dal bilancio dello Stato e dalla tesoreria statale, nei quali a loro volta
confluiscono quelli sui flussi finanziari da e verso la UE.
Una seconda sezione dello schema, riportata sulla destra del nucleo centrale,
contiene le altre elaborazioni presentate nel volume, i cui dati non concorrono
direttamente alla costruzione del quadro, ma riguardano comunque aspetti connessi ai
fenomeni in esso rappresentati. E’ il caso ad esempio della spesa statale regionalizzata,
che ripartisce territorialmente la voce dei pagamenti per spese finali del bilancio dello
Stato, o del conto annuale, che fornisce informazioni in merito al pubblico impiego e alla
spesa per il personale delle amministrazioni pubbliche.
Ai fini di una rappresentazione completa del processo di costruzione del quadro di
finanza pubblica, lo schema mostra come tale processo benefici anche di dati provenienti
da fonti non incluse nell’annuario, anche prodotte da enti esterni alla Ragioneria Generale
dello Stato, relative principalmente ai flussi di cassa delle altre Amministrazioni pubbliche.
Dal lato della formazione, si possono menzionare i flussi relativi agli enti territoriali,
rilevati mediante il sistema SIOPE, agli enti previdenziali, agli enti del comparto della
Sanità, ad altre amministrazioni centrali e locali. Dal lato della copertura, le informazioni
fanno riferimento, prevalentemente, a dati forniti dalla Banca d’Italia.
Oltre a fornire una rappresentazione dei raccordi logici tra le diverse informazioni, lo
schema fornisce, attraverso opportune forme grafiche, indicazioni sulla natura delle
differenze nelle quantificazioni e nelle classificazioni che si possono riscontrare tra
informazioni riguardanti fenomeni simili ma registrati da fonti diverse. Nei singoli capitoli,
attraverso appositi box metodologici, si descrivono più dettagliatamente i raccordi tra le
variabili presentate nelle diverse sezioni dell’annuario.

16
SCHEMA DEI DATI PRESENTATI

17
ANNUARIO STATISTICO 2016

Nello schema sono infatti individuate tre tipologie di relazioni tra le informazioni
reperibili nelle diverse sezioni. In particolare:
1. Nel caso in cui due variabili sono congiunte da una linea continua ( ), si intende
indicare che il dato di origine confluisce nella variabile di destinazione senza alcuna
modifica. E’ il caso dei dati della spesa statale regionalizzata che coincidono
totalmente con quelli rinvenibili nelle uscite del bilancio dello Stato, sia in termini di
quantificazione, che di classificazione economica e funzionale. In tali casi, dove il
dato sia fornito con il medesimo livello di disaggregazione, sarà possibile verificare
l’uguaglianza tra i dati riportati in sezioni differenti del volume;
2. Nel caso in cui due variabili sono congiunte da una linea composta da trattini e
punti ( ), si intende indicare che il dato di origine confluisce nella variabile di
destinazione con alcune modifiche nei caratteri distintivi. Ad esempio i dati del
bilancio dello Stato confluiscono nei quadri di finanza pubblica essendo, in alcuni
casi, sottoposti ad una riclassificazione della natura economica dei flussi. Ciò si
spiega con la necessità di garantire una maggiore raccordabilità dei dati sottostanti
al calcolo del saldo di cassa con le informazioni relative agli altri aggregati con cui
tale saldo viene usualmente posto a confronto, quale ad esempio l’indebitamento
netto delle Amministrazioni Pubbliche.
3. Nel caso in cui due variabili sono congiunte da una linea composta da soli punti
( ), si intende indicare che il dato di origine, pur riguardando il medesimo
fenomeno, non confluisce direttamente nella variabile di destinazione. Ad esempio, i
dati sul costo del personale riportati nel conto annuale sono costruiti con una logica
differente (in quanto, ad esempio, l’insieme dei comparti di contrattazione non
coincide con il settore delle amministrazioni pubbliche ) rispetto a quelli sui redditi
da lavoro dipendente riportati nei quadri di finanza pubblica, pur essendo entrambi
relativi al fenomeno del pubblico impiego.
Alcune linee sono rappresentate come frecce: in tal caso si intende indicare, oltre
alla presenza di un raccordo logico tra le due fonti, che i dati della prima alimentano la
seconda.

18
CONTI DI CASSA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CAPITOLO 1 - Conti di cassa delle Amministrazioni pubbliche

I saldi riportati nella tavola 1.I riguardano i saldi di cassa del settore pubblico e di
conto economico delle Amministrazioni Pubbliche (AP), in valore assoluto e in percentuale
1
del PIL .
I saldi di cassa riportati sono il Saldo di parte corrente, il Saldo primario e il
Fabbisogno di cassa del Settore Pubblico (saldo negativo).
I saldi del conto economico presenti nella tavola sono il Saldo di parte corrente, il
Saldo primario e l’indebitamento netto nominale delle AP (saldo negativo in quanto il
complesso delle spese eccede il complesso delle entrate). In aggiunta all’Indebitamento
netto nominale sono, inoltre, riportati l’Indebitamento netto strutturale (in rapporto al PIL),
al netto delle misure una tantum e corretto per gli effetti del ciclo economico, e il debito
delle AP (in rapporto al PIL), che insieme, rappresentano i principali parametri di
riferimento per le politiche di convergenza dell’Unione Monetaria Europea (UEM) e in
2
particolare del rispetto del Patto di Stabilità e Crescita .
Per quel che riguarda i saldi di cassa, dall’analisi dei dati della tavola 1.I emerge che:
a. il saldo di parte corrente continua nel 2015 a contrassegnarsi con segno negativo,
registrando, tuttavia, un miglioramento di oltre 20 miliardi attestandosi a -7.657
milioni. Un miglioramento del saldo di parte corrente non si registrava dal 2012.
Sull’andamento del saldo del 2015 ha inciso l’allargamento, a seguito del passaggio
al SEC 2010, del perimetro delle unità istituzionali rilevate dall’ISTAT (la c.d. Lista S 13) per
la compilazione delle statistiche di finanza pubblica. L’allargamento del perimetro di
rilevazione ha determinato un aumento più che proporzionale degli incassi (36,7 miliardi;
+4,8% sul 2014) rispetto ai pagamenti correnti (circa 16,7 miliardi; +2,1% rispetto al
2014).
L’evoluzione positiva degli incassi correnti è spiegata, in particolare, dai maggiori
trasferimenti correnti dalle imprese (un aumento di oltre 4 miliardi con una variazione
3
rispetto al 2014 del 74 per cento), nonché dagli incassi tributari .
b. il saldo primario, si attesta nel 2015 a 24.831 milioni, in miglioramento di oltre 11
miliardi rispetto al 2014, quando ha segnato un miglioramento di circa 3,2 miliardi
rispetto al 2013;

1
I principali saldi di finanza pubblica per il triennio 2013-2015 sono anche pubblicati nel Documento di economia e finanza
(DEF) 2016.
2
Sull’implementazione del Patto di Stabilità e Crescita si veda, da ultimo, European Commission, “ Vade mecum on the
stability and Growth Pact – 2016 edition”, Institutional Paper 021, March 2016
3
Sulla crescita dei Trasferimenti dalle imprese incide l’ingresso nella Lista S 13 della Cassa conguaglio del settore elettrico.
Tale inclusione ha comportato anche un aumento degli incassi tributari, in quanto si registrano in tale voce gli introiti relativi
alla componente tariffaria A3. Cfr. DEF Sezione II “Analisi e tendenze della Finanza Pubblica”, par. IV.1.

19
ANNUARIO STATISTICO 2016

c. il fabbisogno di cassa del Settore Pubblico misura l’eccedenza delle erogazioni sugli
incassi derivanti dalle operazioni correnti, in conto capitale e finanziarie del settore
pubblico. Nel 2015 il fabbisogno si attesta a 51.993 milioni (-3,2 per cento del PIL), in
miglioramento di oltre 18 miliardi rispetto al 2014.
Con riferimento al conto economico si rileva che:
a. il saldo di parte corrente, corrispondente al “risparmio pubblico” si attesta nel 2015 a
19.002 milioni (1,2 per cento del PIL), in aumento di oltre 14,7 miliardi rispetto al
2014, quando il saldo è aumentato, nel confronto con l’anno precedente, di circa 2,8
miliardi. Il risultato positivo del 2015 è riconducibile a un’evoluzione sostenuta delle
entrate correnti (+1,2 per cento rispetto al 2014) e alla riduzione contenuta delle spese
correnti (-0,7 per cento). In valori assoluti, le entrate correnti sono aumentate di circa
9,2 miliardi, riconducibili per 5 miliardi alle entrate tributarie e per 4,2 miliardi ai
contributi sociali. La dinamica positiva delle entrate tributarie è riconducibile alla
variazione delle imposte dirette (+4,4 miliardi; + 1,9 per cento rispetto al 2014). Nel
comparto delle spese correnti (pari a 759.684 milioni), la voce più consistente, relativa
alle prestazioni sociali (pari a 332.985 milioni), è risultata in aumento di oltre 6 miliardi
rispetto all’anno precedente. Tale incremento risulta più che compensato dalla
riduzione di altre voci. Segnatamente, nel 2015, continua la riduzione della spesa per
interessi passivi scesa a 68.440 milioni, da 74.340 milioni del 2014 (-5,9 miliardi; -7,9
per cento rispetto all’anno precedente). Altra voce in riduzione rispetto al dato del
2014 sono i redditi da lavoro dipendente (-1,1 per cento);
b. il saldo primario, la cui voce è costituita dall’indebitamento al netto della spesa per
interessi, è positivo dal 2010, attestandosi nel 2015 a 26.052 milioni, pari al 1,6 per
cento del PIL;
c. L’indebitamento netto delle Amministrazioni Pubbliche rappresenta il saldo finale del
conto economico delle AP ed è calcolato dall’ISTAT sulla base dei criteri della
4
competenza economica definiti dalle regole del SEC 2010 . Il risultato per l’anno 2015
è di un rapporto indebitamento netto/PIL pari al 2,6 per cento a fronte del 3,0 per
cento del 2014. In termini assoluti, l’indebitamento netto è migliorato di 6,5 miliardi
rispetto all’anno precedente passando da 48.936 milioni del 2014 a 42.338 milioni del
2015.
L’indebitamento netto strutturale, corretto per il ciclo e al netto delle misure una
tantum, nel 2015 è risultato essere pari a -0,6 in percentuale del PIL, in discesa di 2 decimi
di punto rispetto al 2014.
Il debito pubblico rappresenta lo stock delle passività finanziarie lorde delle
Amministrazioni pubbliche. I dati del debito per le Amministrazioni Pubbliche sono di
fonte Banca d’Italia, e sono al lordo degli interventi di sostegno finanziario all’Area euro.
Rispetto al 2014, il debito pubblico è aumentato nel 2015 di 35.467 milioni, segnando un
rallentamento nella crescita rispetto alla variazione registrata tra il 2014 e il 2013 (oltre 66
miliardi). L’attenuazione dell’incremento di volume del debito, rispetto agli scorsi anni è
imputabile in parte alla tenue ripresa dell’economia, e in parte alla discesa dei tassi di
interesse sui titoli di debito: questi fattori si sono riflessi in un rapporto debito/PIL giunto al
132,7 nel 2015, cresciuto di soli due decimi di punto percentuale rispetto al 2014, mentre
nel biennio precedente l’incremento è stato di 3,5 punti percentuali.

4
Sistema adottato dal Parlamento europeo e dal Consiglio con Regolamento UE n. 549/2013 del 26 giugno 2013.

20
CONTI DI CASSA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

Tavola 1.I: Principali saldi di finanza pubblica. Anni 2013-2015 (dati in milioni di euro e in % di PIL)

2013 2014 2015

Sa l d i d i c a s s a del set t ore pubblico

Saldo di parte corrente -22.878 -27.725 -7.657


(in % di PIL) -1,4 -1,7 -0,5
Saldo al netto delle partite finanziarie -62.184 -63.204 -46.821
(in % di PIL) -3,9 -3,9 -2,9
Saldo primario 10.249 13.699 24.831
(in % di PIL) 0,6 0,8 1,5

F abbisogno del set t ore pubblico - 73.248 - 70.131 - 51.993

(in % di PIL) - 4,6 - 4,4 - 3,2

Sa l d i d e l c o n to e c o n o mi c o d e l l e Ammi n i s tra z i o n i Pu b b l i c h e

Saldo di parte corrente 1.204 4.254 19.002


(in % di PIL) 0,1 0,3 1,2
Saldo primario 30.487 25.404 26.052
(in % di PIL) 1,9 1,6 1,6

Indebit ament o net t o della PA * - 47.455 - 48.936 - 42.388

(in % di PIL) - 2,9 - 3,0 - 2,6

Indebit ament o net t o della PA corret t o per il ciclo


- 0,7 - 0,8 - 0,6
e al net t o delle una t ant um (in % del PIL)

De b i to p u b b l i c o

Debito (a lordo dei sostegni)** 2.068.722 2.136.204 2.171.671


(in % di PIL) 128,5 132,5 132,7

PIL nominale 1.609.462 1.611.884 1.636.372

*I valori dei saldi del Conto economico delle Amministrazioni pubbliche sono di fonte ISTAT “Notifica dell’indebitamento
netto e del debito delle Amministrazioni pubbliche secondo il Trattato di Maastricht – anni 2012-2015“, 21 aprile 2016 . Tali
valori sono altresì riportati nel DEF 2016, Sezioni I e II.
** I valori del Debito (a lordo dei sostegni) sono fonte Banca d’Italia “Finanza pubblica, fabbisogno e debito”, n. 4 (gennaio
2016) e n. 24 (maggio 2016

21
ANNUARIO STATISTICO 2016

1.1 - I conti di cassa del Settore pubblico

I dati presentati in questo capitolo sono tratti dal Documento di Economia e Finanza
5
2016 e dal Rapporto sul saldo di cassa del settore statale .
Tali dati sono relativi ai risultati registrati per il settore pubblico negli anni 2013-
2015, articolati per sottosettore-istituzionale: Amministrazioni Centrali, Locali ed Enti di
Previdenza.
Nel 2015 il fabbisogno del settore pubblico si è attestato a 51.993 milioni, (2,0 per
cento del PIL), in riduzione di 18.138 milioni rispetto al valore rilevato nel 2014 (70.131
milioni, pari al 4,4 per cento del PIL).
L’analisi per sottosettore evidenzia, per le Amministrazioni Centrali, un fabbisogno
di 60.212 milioni, in riduzione di 14.661 milioni rispetto all’importo di 74.873 milioni
rilevato nel 2014; le Amministrazioni locali hanno riportato un saldo positivo pari a 8.219
milioni, con un incremento di 3.476 milioni rispetto al 2014.
Nel confronto con l’anno precedente, la contrazione del fabbisogno del Settore
Pubblico è riconducibile all’evoluzione favorevole registrata negli incassi finali, in parte
attenuata dall’incremento dei pagamenti finali.
Gli incassi finali, pari a 805.102 milioni, risultano più elevati di 38.219 milioni
rispetto al 2014, per effetto dell’incremento registrato negli incassi correnti e, in
particolare negli incassi tributari (+22.555 milioni). Tale incremento si determina anche per
la considerazione degli introiti relativi alla componente tariffaria A3, contabilizzati a partire
dal 2015. Alla crescita degli incassi correnti concorrono anche gli incassi per contributi
sociali (+3.635 milioni) ed i trasferimenti da altri soggetti (+5.637 milioni),
prevalentemente imputabili all’aumento dei trasferimenti provenienti da imprese e estero.
Risultano in aumento anche gli incassi per partite finanziarie, che si attestano a 4.961
milioni (+3.212 milioni). In riduzione, invece, gli incassi in conto capitale (-1.718 milioni
rispetto al risultato del 2014).
I pagamenti finali risultano pari a 857.095 milioni, con un incremento di circa
20miliardi rispetto al livello registrato nel corrispondente periodo del 2014 (837.014
milioni), a seguito dei maggiori esborsi effettuati per pagamenti correnti (+16.657 milioni).
In particolare, a fronte del netto calo registrato nelle erogazioni per interessi passivi (-
7.000 milioni) e della sostanziale stabilità della spesa per il personale, si riscontra un
generale andamento crescente nelle altre voci di pagamenti correnti, più sostenuto nel
caso dei trasferimenti ad altri soggetti (+12.675 milioni) e degli altri pagamenti correnti
(+5.920 milioni). La crescita dei trasferimenti ad altri soggetti è il risultato delle maggiori
erogazioni a favore di famiglie (+10.029 milioni) e imprese (+3.710 milioni) e dei minori
trasferimenti verso estero (-1.064 milioni). I maggiori trasferimenti a famiglie sono
connessi sia ai pagamenti effettuati a partire da agosto per far fronte alla rivalutazione
delle pensioni sancita dalla sentenza 70 del 2015 della Corte Costituzionale, sia al
riconoscimento per l’intero periodo del Bonus di 80 euro, che nel 2014 è stato erogato
solo a partire dal mese di maggio. Si registra un incremento anche per i pagamenti per
acquisto di beni e servizi (+4.752 milioni), su cui ha inciso, da un lato, l’inclusione tra le
amministrazioni centrali dei pagamenti effettuati dal Gestore dei Servizi Elettrici e dall’altro

5
Integrato ai sensi dell’art. 14, comma 3, della legge 31 dicembre 2009, n. 196.

22
CONTI DI CASSA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

i risparmi realizzati dalle Amministrazioni locali. I pagamenti in conto capitale si attestano


a 44.121 milioni, in aumento di circa 2.000 milioni, mentre quelli per partite finanziarie
crescono di circa 1.500 milioni. Il risultato registrato per i pagamenti in conto capitale è
determinato in prevalenza dai maggiori trasferimenti in conto capitale a altri soggetti
(+1.829 milioni), interamente a beneficio di imprese, e in misura minore agli altri
pagamenti in conto capitale (+347 milioni). Gli investimenti fissi lordi fanno registrare una
leggera contrazione (-209 milioni).

23
ANNUARIO STATISTICO 2016

Tavola 1.1.1: Conto di cassa del settore pubblico. Anni 2013–2015 (dati in milioni di euro)
in % del PIL V ariazioni A ssolut e V ariazioni %
2013 2014 2015
2013 2014 2015 2014- 2013 2015- 2014 2014/2013 2015/2014

Incassi corrent i 759.112 758.460 795.185 47,3 47,1 48,6 - 652 36.724 - 0,1 4,8

Tributari 475.913 476.501 499.057 29,7 29,6 30,5 588 22.555 0,1 4,7
Contributi sociali 210.580 210.122 213.757 13,1 13,0 13,1 - 458 3.635 - 0,2 1,7
Trasferimenti da altri soggetti 29.975 30.592 36.230 1,9 1,9 2,2 618 5.637 2,1 18,4
Trasferimenti da famiglie 13.445 14.980 14.852 0,8 0,9 0,9 1.535 - 128 11,4 - 0,9
Trasferimenti da imprese 4.408 5.568 9.694 0,3 0,3 0,6 1.160 4.126 26,3 74,1
Trasferimenti da estero 12.122 10.045 11.684 0,8 0,6 0,7 - 2.078 1.639 - 17,1 16,3
Altri incassi correnti 42.644 41.244 46.141 2,7 2,6 2,8 - 1.400 4.897 - 3,3 11,9

Incassi in cont o capit ale 7.207 6.675 4.957 0,4 0,4 0,3 - 532 - 1.718 - 7,4 - 25,7

Trasferimenti da altri soggetti 3.019 2.544 2.398 0,2 0,2 0,1 - 475 - 145 - 15,7 - 5,7
Trasferimenti da famiglie 704 688 620 0,0 0,0 0,0 - 17 - 68 - 2,4 - 9,9
Trasferimenti da imprese 2.269 1.794 1.729 0,1 0,1 0,1 - 475 - 65 - 20,9 - 3,6
Trasferimenti da estero 46 62 50 0,0 0,0 0,0 16 - 12 35,0 - 19,9
Altri incassi in conto capitale 4.188 4.131 2.559 0,3 0,3 0,2 - 57 - 1.572 - 1,3 - 38,1

Incassi part it e f inanziarie 3.665 1.748 4.961 0,2 0,1 0,3 - 1.916 3.212 - 52,3 183,7

Incassi f inali 769.983 766.883 805.102 48,0 47,6 49,2 - 3.100 38.219 - 0,4 5,0

Pagament i corrent i 781.990 786.185 802.842 48,7 48,8 49,1 4.195 16.657 0,5 2,1

Personale in servizio 161.563 158.930 159.246 10,1 9,9 9,7 - 2.633 316 - 1,6 0,2
Acquisto beni e servizi 133.352 132.857 137.609 8,3 8,2 8,4 - 495 4.752 - 0,4 3,6
Trasferimenti a altri soggetti 367.014 369.176 381.851 22,9 22,9 23,3 2.163 12.675 0,6 3,4
Trasferimenti a famiglie 324.842 328.117 338.147 20,2 20,4 20,7 3.276 10.029 1,0 3,1
Trasferimenti a imprese 23.427 22.076 25.785 1,5 1,4 1,6 - 1.351 3.710 - 5,8 16,8
Trasferimenti a estero 18.745 18.983 17.919 1,2 1,2 1,1 238 - 1.064 1,3 - 5,6
Interessi passivi 83.497 83.830 76.824 5,2 5,2 4,7 333 - 7.006 0,4 - 8,4
Altri pagamenti correnti 36.564 41.392 47.311 2,3 2,6 2,9 4.828 5.920 13,2 14,3

Pagament i in cont o capit ale 46.512 42.154 44.121 2,9 2,6 2,7 - 4.358 1.966 - 9,4 4,7

Investimenti fissi lordi 28.685 25.651 25.442 1,8 1,6 1,6 - 3.034 - 209 - 10,6 - 0,8
Trasferimenti a altri soggetti 15.678 15.230 17.059 1,0 0,9 1,0 - 448 1.829 - 2,9 12,0
Trasferimenti a famiglie 1.437 1.999 1.846 0,1 0,1 0,1 562 - 153 39,1 - 7,7
Trasferimenti a imprese 13.467 12.584 14.856 0,8 0,8 0,9 - 883 2.272 - 6,6 18,1
Trasferimenti a estero 774 647 357 0,0 0,0 0,0 - 127 - 290 - 16,4 - 44,8
Altri pagamenti in conto capitale 2.149 1.273 1.619 0,1 0,1 0,1 - 876 347 - 40,8 27,2
Pagament i part it e
14.467 8.675 10.133 0,9 0,5 0,6 - 5.793 1.458 - 40,0 16,8
f inanziarie

Pagament i f inali 842.969 837.014 857.095 52,5 51,9 52,4 - 5.955 20.081 - 0,7 2,4

Saldo di part e corrent e - 22.878 - 27.725 - 7.657 - 1,4 - 1,7 - 0,5 - 4.847 20.068 21,2 - 72,4

Saldo primario 10.511 13.699 24.831 0,7 0,8 1,5 3.188 11.132 30,3 81,3

Saldo - 72.986 - 70.131 - 51.993 - 4,5 - 4,4 - 3,2 2.855 18.138 - 3,9 - 25,9

PIL 1.604.478 1.611.884 1.636.372

24
CONTI DI CASSA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

Tavola 1.1.2: Conto consolidato di cassa delle Amministrazioni centrali. Anni 2013–2015 (dati in milioni di
euro)
in % del PIL V ariazioni A ssolut e V ariazioni %
2013 2014 2015
2013 2014 2015 2014- 2013 2015- 2014 2014/2013 2015/2014

Incassi corrent i 422.286 421.598 455.698 26,3 26,2 27,8 - 689 34.101 - 0,2 8,1

Tributari 370.133 368.339 390.590 23,1 22,9 23,9 -1.794 22.250 -0,5 6,0
Contributi sociali - - - - - - - -
Trasferimenti da amministrazioni
6.330 7.624 9.824 0,4 0,5 0,6 1.294 2.200 20,4 28,9
pubbliche
Trasferimenti da altri soggetti 29.255 29.722 35.559 1,8 1,8 2,2 467 5.837 1,6 19,6
Trasferimenti da famiglie 13.256 14.861 14.726 0,8 0,9 0,9 1.605 -135 12,1 -0,9
Trasferimenti da imprese 3.892 4.830 9.167 0,2 0,3 0,6 938 4.338 24,1 89,8
Trasferimenti da estero 12.107 10.032 11.666 0,8 0,6 0,7 -2.075 1.634 -17,1 16,3
Altri incassi correnti 16.568 15.912 19.726 1,0 1,0 1,2 -656 3.813 -4,0 24,0

Incassi in cont o capit ale 3.121 3.725 2.234 0,2 0,2 0,1 604 - 1.491 19,4 - 40,0

Trasferimenti da amministrazioni
329 250 695 0,0 0,0 0,0 -79 445 -24,0 178,0
pubbliche
Trasferimenti da altri soggetti 20 15 27 0,0 0,0 0,0 -5 12 -25,1 78,4
Trasferimenti da famiglie - - - - - - - -
Trasferimenti da imprese - 1 27 - 0,0 0,0 1 26 3.657,2
Trasferimenti da estero 20 14 - 0,0 0,0 - -6 -14 -28,7 -
Altri incassi in conto capitale 2.771 3.460 1.512 0,2 0,2 0,1 688 -1.948 24,8 -56,3

Incassi part it e f inanziarie 5.032 3.037 3.395 0,3 0,2 0,2 - 1.994 357 - 39,6 11,8

Incassi f inali 430.439 428.360 461.327 26,8 26,6 28,2 - 2.079 32.967 - 0,5 7,7

Pagament i corrent i 455.674 461.431 485.877 28,4 28,6 29,7 5.757 24.446 1,3 5,3

Personale in servizio 90.603 89.803 91.077 5,6 5,6 5,6 -799 1.274 -0,9 1,4
Acquisto di beni e servizi 15.605 15.342 25.408 1,0 1,0 1,6 -263 10.066 -1,7 65,6
Trasferimenti a amministrazioni
211.235 212.688 215.034 13,2 13,2 13,1 1.453 2.346 0,7 1,1
pubbliche
Trasferimenti a altri soggetti 36.020 38.424 48.501 2,2 2,4 3,0 2.404 10.078 6,7 26,2
Trasferimenti a famiglie 5.657 10.036 15.796 0,4 0,6 1,0 4.379 5.760 77,4 57,4
Trasferimenti a imprese 11.632 9.440 14.795 0,7 0,6 0,9 -2.193 5.356 -18,9 56,7
Trasferimenti a estero 18.730 18.948 17.910 1,2 1,2 1,1 218 -1.038 1,2 -5,5
Interessi passivi 78.831 79.448 73.375 4,9 4,9 4,5 617 -6.073 0,8 -7,6
Altri pagamenti correnti 23.381 25.726 32.481 1,5 1,6 2,0 2.345 6.755 10,0 26,3

Pagament i in cont o capit ale 28.409 23.634 23.536 1,8 1,5 1,4 - 4.775 - 98 - 16,8 - 0,4

Investimenti fissi lordi 8.478 8.783 7.017 0,5 0,5 0,4 304 -1.766 3,6 -20,1
Trasferimenti a amministrazioni
9.978 4.950 4.871 0,6 0,3 0,3 -5.028 -79 -50,4 -1,6
pubbliche
Trasferimenti a altri soggetti 9.861 9.800 11.586 0,6 0,6 0,7 -61 1.786 -0,6 18,2
Trasferimenti a famiglie 196 758 736 0,0 0,0 0,0 562 -22 286,7 -2,9
Trasferimenti a imprese 8.902 8.407 10.503 0,6 0,5 0,6 -495 2.096 -5,6 24,9
Trasferimenti a estero 763 635 347 0,0 0,0 0,0 -128 -288 -16,8 -45,4
Altri pagamenti in conto capitale 91 101 62 0,0 0,0 0,0 10 -39 10,7 -38,8

Spese part it e f inanziarie 25.625 18.168 12.126 1,6 1,1 0,7 - 7.457 - 6.042 - 29,1 - 33,3

Pagament i f inali 509.708 503.233 521.539 31,8 31,2 31,9 - 6.475 18.306 - 1,3 3,6

Saldo di part e corrent e - 33.388 - 39.834 - 30.179 - 2,1 - 2,5 - 1,8 - 6.446 9.655 19,3 - 24,2

Saldo primario - 438 4.575 13.163 - 0,0 0,3 0,8 5.014 8.588 - 1.143,9 187,7

Saldo - 79.269 - 74.873 - 60.212 - 4,9 - 4,6 - 3,7 4.396 14.661 - 5,5 - 19,6

PIL 1.604.478 1.611.884 1.636.372

25
ANNUARIO STATISTICO 2016

Tavola 1.1.3: Conto consolidato di cassa delle Amministrazioni locali. Anni 2013–2015 (dati in milioni di euro)
in % del PIL V ariazioni A ssolut e V ariazioni %
2013 2014 2015
2013 2014 2015 2014- 2013 2015- 2014 2014/2013 2015/2014

Incassi corrent i 228.105 231.717 235.117 14,2 14,4 14,4 3.612 3.401 1,6 1,5

Tributari 105.780 108.162 108.467 6,6 6,7 6,6 2.382 305 2,3 0,3
Contributi sociali 17 20 21 0,0 0,0 0,0 3 1 17,6 5,0
Trasferimenti da amministrazioni
97.612 98.910 101.723 6,1 6,1 6,2 1.298 2.813 1,3 2,8
pubbliche
Trasferimenti da altri soggetti 718 869 671 0,0 0,1 0,0 151 -198 21,0 -22,8
Trasferimenti da famiglie 189 119 126 0,0 0,0 0,0 -70 7 -36,9 5,9
Trasferimenti da imprese 516 737 527 0,0 0,0 0,0 221 -210 42,8 -28,5
Trasferimenti da estero 13 13 18 0,0 0,0 0,0 -0 5 -1,1 38,4
Altri incassi correnti 23.978 23.756 24.235 1,5 1,5 1,5 -223 480 -0,9 2,0

Incassi in cont o capit ale 14.503 8.499 8.213 0,9 0,5 0,5 - 6.003 - 286 - 41,4 - 3,4

Trasferimenti da amministrazioni
9.978 4.950 4.871 0,6 0,3 0,3 -5.028 -79 -50,4 -1,6
pubbliche
Trasferimenti da altri soggetti 2.999 2.529 2.371 0,2 0,2 0,1 -470 -157 -15,7 -6,2
Trasferimenti da famiglie 704 688 620 0,0 0,0 0,0 -17 -68 -2,4 -9,9
Trasferimenti da imprese 2.269 1.793 1.702 0,1 0,1 0,1 -476 -91 -21,0 -5,1
Trasferimenti da estero 26 48 50 0,0 0,0 - 22 2 84,6 4,2
Altri incassi in conto capitale 1.526 1.021 971 0,1 0,1 0,1 -505 -50 -33,1 -4,9

Incassi part it e f inanziarie 15.509 14.829 10.968 1,0 0,9 0,7 - 681 - 3.860 - 4,4 - 26,0

Incassi f inali 258.117 255.044 254.299 16,1 15,8 15,5 - 3.072 - 746 - 1,2 - 0,3

Pagament i corrent i 220.348 223.375 216.172 13,7 13,9 13,2 3.027 - 7.203 1,4 - 3,2

Personale in servizio 67.961 66.451 65.203 4,2 4,1 4,0 -1.509 -1.249 -2,2 -1,9
Acquisto di beni e servizi 115.684 115.814 110.073 7,2 7,2 6,7 130 -5.741 0,1 -5,0
Trasferimenti a amministrazioni
905 2.439 5.651 0,1 0,2 0,3 1.534 3.212 169,5 131,7
pubbliche
Trasferimenti a altri soggetti 18.115 18.683 16.854 1,1 1,2 1,0 569 -1.830 3,1 -9,8
Trasferimenti a famiglie 7.138 6.867 6.624 0,4 0,4 0,4 -271 -243 -3,8 -3,5
Trasferimenti a imprese 10.969 11.791 10.221 0,7 0,7 0,6 823 -1.570 7,5 -13,3
Trasferimenti a estero 8 25 8 0,0 0,0 0,0 17 -17 212,5 -68,0
Interessi passivi 5.349 5.422 4.553 0,3 0,3 0,3 73 -869 1,4 -16,0
Altri pagamenti correnti 12.335 14.565 13.839 0,8 0,9 0,8 2.230 -727 18,1 -5,0

Pagament i in cont o capit ale 28.296 23.785 25.643 1,8 1,5 1,6 - 4.511 1.858 - 15,9 7,8

Investimenti fissi lordi 19.774 16.195 17.732 1,2 1,0 1,1 -3.579 1.537 -18,1 9,5
Trasferimenti a amministrazioni
329 250 695 0,0 0,0 0,0 -79 445 -24,0 178,0
pubbliche
Trasferimenti a altri soggetti 5.817 5.430 5.473 0,4 0,3 0,3 -387 43 -6,7 0,8
Trasferimenti a famiglie 1.241 1.241 1.110 0,1 0,1 0,1 0 -131 0,0 -10,6
Trasferimenti a imprese 4.565 4.176 4.353 0,3 0,3 0,3 -388 176 -8,5 4,2
Trasferimenti a estero 11 12 10 0,0 0,0 0,0 1 -2 9,1 -16,7
Altri pagamenti in conto capitale 2.376 1.911 1.743 0,1 0,1 0,1 -466 -167 -19,6 -8,8

Pagament i part it e f inanziarie 3.189 3.141 4.265 0,2 0,2 0,3 - 48 1.124 - 1,5 35,8

Pagament i f inali 251.833 250.301 246.080 15,7 15,5 15,0 - 1.532 - 4.221 - 0,6 - 1,7

Saldo di part e corrent e 7.757 8.342 18.945 0,5 0,5 1,2 585 10.604 7,5 127,1

Saldo primario 11.633 10.166 12.772 0,7 0,6 0,8 - 1.467 2.606 - 12,6 25,6

Saldo 6.283 4.743 8.219 0,4 0,3 0,5 - 1.540 3.476 - 24,5 73,3

PIL 1.604.478 1.611.884 1.636.372

26
CONTI DI CASSA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

Tavola 1.1.4: Conto consolidato di cassa degli Enti di previdenza. Anni 2013–2015 (dati in milioni di euro)
in % del PIL V ariazioni A ssolut e V ariazioni %
2013 2014 2015
2013 2014 2015 2014- 2013 2015- 2014 2014/2013 2015/2014

Incassi corrent i 327.175 326.822 330.457 20,4 20,3 20,2 - 353 3.635 - 0,1 1,1

Tributari - - - - - - - -
Contributi sociali 210.563 210.102 213.736 13,1 13,0 13,1 -461 3.634 -0,2 1,729
Trasferimenti da amministrazioni
113.623 113.778 113.315 7,1 7,1 6,9 155 -463 0,1 -0,4
pubbliche
Trasferimenti da altri soggetti 2 1 - 0,0 0,0 - -1 -1 -50,0
Trasferimenti da famiglie - - - - - - - -
Trasferimenti da imprese - 1 - - 0,0 - 1 -1

Trasferimenti da estero 2 - - 0,0 - - -2 -


Altri incassi correnti 2.987 2.941 3.406 0,2 0,2 0,2 -46 465 -1,5 15,8

Incassi in cont o capit ale 327 387 262 0,0 0,0 0,0 60 - 125 18,3 - 32,3

Trasferimenti da amministrazioni
- - - - - - - -
pubbliche
Trasferimenti da altri soggetti - - - - - - - -

Trasferimenti da famiglie - - - - - - - -
Trasferimenti da imprese - - - - - - - -

Trasferimenti da estero - - - - - - - -
Altri incassi in conto capitale 327 387 262 0,0 0,0 0,0 60 -125 18,3 -32,3

Incassi part it e f inanziarie - - 1.890 - - 0,1 - 1.890

Incassi f inali 327.502 327.209 332.609 20,4 20,3 20,3 - 293 5.400 - 0,1 1,7

Pagament i corrent i 324.423 323.055 326.881 20,2 20,0 20,0 - 1.368 3.826 - 0,4 1,2

Personale in servizio 3.000 2.675 2.966 0,2 0,2 0,2 -325 291 -10,8 10,9
Acquisto di beni e servizi 2.063 1.701 2.128 0,1 0,1 0,1 -362 427 -17,5 25,1
Trasferimenti a amministrazioni
5.425 5.185 4.177 0,3 0,3 0,3 -240 -1.008 -4,4 -19,4
pubbliche
Trasferimenti a altri soggetti 312.879 312.069 316.496 19,5 19,4 19,3 -810 4.427 -0,3 1,4
Trasferimenti a famiglie 312.046 311.214 315.726 19,4 19,3 19,3 -832 4.512 -0,3 1,4
Trasferimenti a imprese 826 845 769 0,1 0,1 0,0 19 -76 2,3 -9,0
Trasferimenti a estero 7 10 1 0,0 0,0 0,0 3 -9 42,9 -90,0
Interessi passivi 114 59 72 0,0 0,0 0,0 -55 13 -48,2 22,0
Altri pagamenti correnti 942 1.366 1.042 0,1 0,1 0,1 424 -324 45,0 -23,7
Pagament i in cont o
433 674 694 0,0 0,0 0,0 241 21 55,5 3,0
capit ale
Investimenti fissi lordi 433 674 694 0,0 0,0 0,0 241 21 55,5 3,0
Trasferimenti a amministrazioni
- - - - - - - -
pubbliche
Trasferimenti a altri soggetti - - - - - - - -

Trasferimenti a famiglie - - - - - - - -
Trasferimenti a imprese - - - - - - - -

Trasferimenti a estero - - - - - - - -
Altri pagamenti in conto capitale - - - - - - - -
Pagament i part it e
2.646 3.481 5.034 0,2 0,2 0,3 835 1.553 31,6 44,6
f inanziarie

Pagament i f inali 327.502 327.209 332.609 20,4 20,3 20,3 - 293 5.400 - 0,1 1,7

Saldo di part e corrent e 2.752 3.767 3.576 0,2 0,2 0,2 1.015 - 191 36,9 - 5,1

Saldo primario 114 59 72 0,0 0,0 0,0 - 55 13 - 48,4 22,7

Saldo - -0 0 - - 0,0 0,0 -0 0 - 175,8

PIL 1.604.478 1.611.884 1.636.372

27
ANNUARIO STATISTICO 2016

1.2 - Il conto di cassa del Settore Statale

Di seguito si riportano i dati relativi al settore statale per gli anni 2013-2015 secondo
lo standard previsto dal Fondo Monetario Internazionale (FMI). Tali dati sono oggetto di
specifica pubblicazione mensile da parte dell’Ispettorato Generale per la Contabilità e la
Finanza Pubblica – I.Ge.Co.Fi.P del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato.
Il comparto del Settore Statale circoscrive una componente significativa delle
Amministrazioni Centrali, sotto-settore del Settore Pubblico. Esso comprende il Bilancio
dello Stato consolidato con le operazioni della tesoreria statale. Il saldo tra gli incassi e i
pagamenti di tale comparto, se negativo, si definisce fabbisogno ed esprime le esigenze di
copertura finanziaria dello Stato, mediante il ricorso al mercato(vedi tavola1.2.1).
La copertura del fabbisogno è composta dalla differenza tra le operazioni di
accensione e rimborso dei prestiti dello Stato, dalla variazione delle giacenze sui conti
correnti presso la tesoreria statale intestati a soggetti esterni alla Pubblica
6
Amministrazione , cui si aggiungono, inoltre, i prestiti accesi da soggetti esterni alla
Pubblica Amministrazione per i quali sia stato riconosciuto un effettivo impegno al relativo
rimborso da parte dello Stato, ovvero quelli contratti dai soggetti medesimi, nonché da
soggetti pubblici, attualizzando i contributi statali.
Il saldo di cassa del Settore Statale, determinato dalla differenza tra gli incassi e i
pagamenti di parte corrente, in conto capitale e del saldo delle partite finanziarie, ha fatto
registrare nel 2015 un disavanzo pari a 59.079 milioni, inferiore di 16.675 milioni rispetto
a quello del 2014. Tale dato concorre al disavanzo del settore pubblico che, come si è
visto nel paragrafo precedente, è pari a 51.993 milioni.
Nella tabella che segue si evidenzia un disavanzo pari a 59.691 milioni nel 2014 e
53.235 milioni nel 2015. La differenza rispetto al disavanzo del settore statale citato prima
è da ricondursi alla diversa modalità di rappresentazione contabile adottata dal Fondo
Monetario Internazionale. Nell’ambito dei prospetti contabili peculiari del GFSM2001, le
attività finanziarie poste in essere dalla pubblica amministrazione rientrano, infatti, in un
concetto di copertura diverso e più ampio di quello ad oggi adottato nell’ambito del
settore pubblico. Il saldo di cassa, dal lato della formazione, secondo gli standard del FMI,
si esaurisce nella differenza tra le partite correnti e in conto capitale, determinando, di
fatto, una proxy di cassa dell’indebitamento netto delle Amministrazioni Pubbliche.
La differenza nei saldi è quindi attribuibile al saldo delle partite finanziarie, che tra il
7
2014 e il 2015 ha mostrato un miglioramento (+10.219 milioni) .
Tra gli incassi, si è registrato l’incremento delle imposte al lordo dei rimborsi e delle

6
Al netto della variazione del conto disponibilità e di altre partite minori.
7
Nel 2014 si sono registrati gli esborsi di circa 2.800 milioni relativo alla quota di sottoscrizione del capitale del Meccanismo
Europeo di Stabilità (MES) (Legge 23 luglio 2012 n. 116) e di circa 12.400 milioni per le anticipazioni fornite agli enti
territoriali per fornire la liquidità necessaria ai pagamenti dei debiti della pubblica amministrazione (Decreto Legge 8 aprile
2013, n. 35, convertito con modificazioni in Legge 6 giugno 2013, n. 64). Nel 2015 si è registrato l’esborso di circa 3.750
milioni per le anticipazioni fornite agli enti territoriali, oltre il finanziamento alle Regioni per il rimborso anticipato di loro
titoli obbligazionari.

28
CONTI DI CASSA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

8 9
compensazioni, principalmente per le maggiori riscossioni dell’IRPEF , dell’IVA e per la
variazione di aliquota sulla tassazione dei proventi derivanti dalla partecipazione ad
OICVM di diritto estero . In aumento anche i trasferimenti correnti dall’Unione Europea
(+1.624 milioni) per la riattivazione di flussi finanziari già sottoposti a procedura di
sospensione. Tra i pagamenti, risultano in diminuzione i trasferimenti agli enti di
previdenza (-468 milioni), agli enti locali (-1.569 milioni) e ad altre amministrazioni locali
ad esclusione di regioni e spesa sanitaria (-1.487 milioni), anche per il riversamento su
10
conti di Tesoreria delle disponibilità liquide detenute dalle Camere di Commercio . Si
riducono, inoltre, i trasferimenti verso l’Unione Europea (-1.015 milioni) e la spesa per
interessi tra cui quella sui conti correnti di tesoreria statale (-1.738 milioni). In aumento i
trasferimenti alle famiglie (+5.739 milioni), parzialmente per il riconoscimento del bonus di
11
80 euro , oltre alle somme destinate ai rimborsi ed alle compensazioni di imposta
12
(+11.566 milioni) e i trasferimenti a Ferrovie (+1.012 milioni) e a Poste S.p.A. (+1.062
13
milioni) .

8
Riconducibile principalmente agli effetti delle disposizioni del D.Lgs n. 175/2014 relative al modello di versamento delle
imposte.
9
Dovuta anche all’applicazione del meccanismo dello “Split Payment”, Legge 23 dicembre 2014 n. 190.
10
Legge 23 dicembre 2014 n. 190.
11
Decreto legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito con modificazioni in Legge 23 giugno 2014, n. 89.
12
Come per l’IRPEF riconducibile principalmente agli effetti delle disposizioni del D.Lgs n. 175/2014 relative al modello di
versamento delle imposte.
13
Pagamento di arretrati sul contratto di programma dal 2012.

29
ANNUARIO STATISTICO 2016

ASPETTI METODOLOGICI

Per fabbisogno del Settore Pubblico si intende il risultato del


consolidamento tra i flussi di cassarelativi agli incassi e ai pagamenti (di parte
corrente, in conto capitale e legati a operazioni finanziarie) effettuati dagli enti
componenti il Settore Pubblico nel periodo in esame (tavola1.1.1). Il conto
consolidato di cassa qui indicato è riferito al Settore Pubblico, che allo stato
attuale rappresenta un universo quasi coincidente con il comparto della
pubblica amministrazione della lista S13. I dati relativi ai diversi livelli di
governo sono stati aggregati in modo da rappresentare i tre sottosettori
dell’Amministrazione centrale, locale e degli Enti di previdenza.
La tavola1.2.2contiene la classificazione del conti di cassa del settore
statale secondo lo standard del Fondo Monetario Internazionale: il
Government Finance Statistics Manual (GFSM). Il GFSM descrive un sistema
statistico integrato per la produzione dei dati di finanza pubblica per il settore
delle pubbliche amministrazioni, coerente con gli indirizzi forniti dal sistema di
contabilità nazionale delle Nazioni Unite (System of National Accounts - SNA)
e dal manuale SEC10 che, del SNA, costituisce la trasposizione a livello
europeo, pur mantenendo rispetto a questi una modalità di presentazione
delle informazioni differente. Il saldo risultante dallo Statement of Sources and
Uses of Cash presentato in questo capitolo approssima il saldo di cassa al
netto delle partite finanziarie.
Per fabbisogno del settore statale si intende il saldo di cassa
(fabbisogno/avanzo) quale risultato del consolidamento tra i flussi di cassa del
bilancio dello Stato e della tesoreria statale. Esso esprime il fabbisogno da
finanziare attraverso emissioni di titoli di Stato e altri strumenti a breve e lungo
termine (art. 44, comma 1, legge 196/2009).

30
CONTI DI CASSA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

RACCORDI CON ALTRE VARIABILI

I dati presentati in questo SCHEMA SINOTTICO DEI DATI PRESENTATI


capitolo provengono da fonti Quadro di finanza pubblica Altre elaborazioni
diverse: alla produzione del conto
del settore statale concorrono i dati
Politiche di
Flussi finanziari
sviluppo
da/per la UE
della UE

di Corte dei Conti, TAR, Agenzie


fiscali e Presidenza del Consiglio dei
Bilancio Tesoreria Bilancio
dello Stato dello Stato Spesa statale
statale
- Entrate - - Uscite - regionalizzata

Ministri unitamente ai dati del


bilancio dello Stato, ai flussi di Formazione del fabbisogno

tesoreria e al conto dei flussi Entrate Totali Uscite Totali Conto Annuale

da/verso l’Unione Europea,


riconducibili alla sezione centrale Copertura Finanziaria
Mutui degli

dello schema sinottico qui


Enti Locali

presentato.
Gli altri dati che concorrono alla produzione del conto del settore
pubblico sono tratti da fonti interne e esterne alla Ragioneria Generale dello
Stato, non oggetto di specifico approfondimento nel presente annuario.
I dati di Regioni, Sanità, Comuni e Province, Altri enti pubblici
consolidati sono ottenuti mediante il SIOPE (Sistema informativo sulle
operazioni degli enti pubblici), un sistema di rilevazione telematica degli incassi
e dei pagamenti effettuati dai tesorieri di tutte le amministrazioni pubbliche.
I dati degli enti di previdenza e assistenza sociale derivano da
elaborazioni sui flussi di cassa, Rendiconti Generali inviati alla Ragioneria
Generale dello Stato direttamente dagli enti.
Alla formazione del comparto degli altri enti pubblici consolidati
concorrono altri enti non territoriali della pubblica amministrazione.

31
ANNUARIO STATISTICO 2016

Tavola 1.2.1: Copertura del fabbisogno del Settore statale. Anni 2013–2015 (dati in milioni di euro)

2013 2014 2015

F ORM A Z IONE Saldo Set t ore St at ale - 80.417 - 75.754 - 59.079

Titoli a breve termine -10.020 -15.603 -10.422


Titoli a medio-lungo termine 107.361 89.769 34.652
Titoli esteri -3.673 -1.571 17.188
COPERT URA
Altre operazioni -13.251 3.159 17.661

T ot ale Copert ura 80.417 75.754 59.079

32
BILANCIO DELLO STATO

Tavola 1.2.2: Conto di cassa del Settore statale - rappresentazione secondo gli standard GFSM2001. Anni
2013-2015 (dati in milioni di euro)
Percent age change
T ransazioni 2013 2014 2015
2014- 2013 2015- 2014

Ent rat e di cassa relat iv e alle


733.468 730.114 759.707
at t iv it à operat iv e
Imposte 469.622 464.406 489.547 -1,1 5,4
Contributi sociali 210.563 210.103 213.736 -0,2 1,7
Trasferimenti da organizzazioni
12.098 10.024 11.648 -17,1 16,2
internazionali
Trasferimenti da altre amministrazioni
7.376 8.948 10.454 21,3 16,8
pubbliche
Altre entrate 33.809 36.633 34.322 8,4 -6,3
Pagament i di cassa relat iv i alle
786.173 784.126 808.472
at t iv it à operat iv e
Redditi da lavoro dipendente 84.727 83.884 84.841 -1,0 1,1
Consumi intermedi 11.770 11.929 12.133 1,4 1,7
Interessi 79.872 80.825 74.041 1,2 -8,4
Contributi 6.823 5.347 6.070 -21,6 13,5
Trasferimenti a organizzazioni
17.151 17.195 16.180 0,3 -5,9
internazionali
Trasferimenti a altre amministrazioni
200.026 192.496 200.677 -3,8 4,3
pubbliche
Prestazioni sociali 317.581 321.167 331.440 1,1 3,2
Altri pagamenti 68.223 71.283 83.090 4,5 16,6
Saldo delle operazioni relat iv e alle
- 52.705 - 54.012 - 48.765
at t iv it à operat iv e

Saldo delle at t iv it à non prodot t e 5.683 5.679 4.470

A cquist o di at t iv it à non
5.683 5.679 4.470
f inanziarie
Investimenti fissi lordi 5.683 5.679 4.470 -0,1 -21,3

F abbisogno - 58.388 - 59.691 - 53.235

33
ANNUARIO STATISTICO 2016

CAPITOLO 2 - Bilancio dello Stato

I dati presentati in questo capitolo sono tratti dal rendiconto generale dello Stato e
riguardano il periodo 2006 – 2015.
I suddetti dati, esposti nella tavola 2.I, si riferiscono sia alle entrate che alle spese del
bilancio dello Stato e sono aggregati secondo un criterio che evidenzia la loro natura
economica. Nella tavola 2.I sono riportati, inoltre, alcuni indicatori rappresentativi
dell’andamento del bilancio dello Stato.
Sulla base della normativa contabile, ed in particolare delle disposizioni dettate
dall’articolo 25, comma 7, della legge n. 196 del 2009, il primo degli indicatori è il
risparmio pubblico che consente di conoscere il grado di copertura degli oneri derivanti dal
funzionamento corrente dell’apparato dello Stato. Esso misura, se positivo, la quota di
risparmio prodotta e, se negativo, la quota di risparmio assorbita. Come si evince dalla
tavola, gli unici esercizi in cui si è registrato un risultato positivo sono il 2007, pari a
15.959 milioni, il 2012, per 25.896 milioni, il 2013 per 16.307 milioni e il 2014 per 8.205
milioni, mentre nel 2015 si registra un saldo negativo pari a 33.393 milioni.
Il successivo indicatore è rappresentato dall’indebitamento netto, che costituisce il
saldo del conto economico e misura l’eccedenza della spesa rispetto alle risorse a
disposizione, includendo anche quelle in conto capitale, da finanziare attraverso la vendita
di attività o l’aumento delle passività finanziarie. A causa dell’eccedenza delle spese sulle
entrate, tale saldo mostra sempre un risultato negativo con un picco nel 2009 pari a -
74.144. Nell’esercizio 2015, il valore registrato è pari a -66.019 milioni.
Un altro indicatore da considerare è il saldo netto da finanziare, ottenuto
aggiungendo, al saldo precedente, spese ed entrate per attività finanziarie. L’importo di
tale saldo è espressamente indicato nell’articolo 1 della legge di stabilità. Tale importo non
può essere modificato nel corso dell’esame parlamentare del provvedimento. Esso
costituisce il vincolo attorno al quale viene strutturata la manovra di finanza pubblica
recata dal bilancio dello Stato. Negli anni presi a riferimento il saldo netto da finanziare ha
registrato il miglior risultato nell’esercizio 2012, con un valore di -18.492 milioni.
Infine l’ultimo indicatore differenziale è rappresentato dal ricorso al mercato,
anch’esso indicato nell’articolo 1 della legge di stabilità, che esprime il risultato
differenziale tra il totale delle entrate finali (escluse quelle per accensione prestiti) ed il
totale delle spese (incluso il rimborso dei prestiti). Il risultato peggiore si è registrato nel
2015 (-298.613 milioni), mentre il risultato migliore si è avuto nell’esercizio 2007
(-223.640 milioni).

34
Tavola 2.I: Saldi del bilancio dello Stato, previsioni e stanziamenti definitivi di competenza. Anni 2006-2015 (dati in milioni di euro)

2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015

Entrate correnti (Titoli I e II) A=A1+A2 431.046 473.726 486.153 477.326 478.369 489.884 534.344 545.070 551.435 548.999
Entrate tributarie (Titolo I) A1 402.348 440.510 453.581 441.152 443.440 452.261 482.459 470.025 478.538 478.138
Entrate extra-tributarie (Titolo II) A2 28.698 33.216 32.572 36.174 34.929 37.623 51.885 75.045 72.897 70.861
Spese correnti (Titolo I) B 439.558 457.767 489.192 497.582 491.816 490.490 508.448 528.763 543.231 582.392

Risparmio pubblico C= A - B - 8.512 15.959 - 3.039 - 20.256 - 13.447 - 606 25.896 16.307 8.205 - 33.393

Entrate in conto capitale al netto della riscossione


D 1.865 5.613 2.268 2.235 1.289 2.371 1.081 2.340 4.948 8.190
crediti (Titolo III al netto della cat.15)

Spese in conto capitale al netto delle acquisizioni di


E 38.956 53.752 55.127 56.123 47.101 43.423 38.875 44.316 40.609 40.816
attività finanziarie (Titolo II al netto della cat.31)

Indebit ament o net t o F = C+ D- E - 45.603 - 32.180 - 55.898 - 74.144 - 59.259 - 41.658 - 11.898 - 25.669 - 27.456 - 66.019

Riscossione di crediti (cat. 15) G 1.467 755 1.210 681 907 983 1.361 1.445 1.552 1.969
Acquisizione di attività finanziarie (cat.31) H 868 1.021 9.723 4.583 5.447 5.390 7.955 26.964 36.929 1.500

Saldo net t o da f inanziare * I= F + G- H - 45.004 - 32.446 - 64.411 - 78.046 - 63.799 - 46.065 - 18.492 - 51.188 - 62.833 - 65.551

Spese per rimborso prestiti (Titolo III) L 189.124 191.194 194.473 215.960 224.954 197.216 248.404 199.492 226.890 233.063

Ricorso al mercat o M = I- L - 234.128 - 223.640 - 258.884 - 294.006 - 288.753 - 243.281 - 266.896 - 250.680 - 289.723 - 298.613

* Il saldo netto da finanziare è anche definito come differenza tra entrate finali (A+D+G nella tabella) e spese finali (B+E+H)

al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/


La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato
BILANCIO DELLO STATO

35
ANNUARIO STATISTICO 2016

ASPETTI METODOLOGICI

ENTRATE

I dati di bilancio relativi alle entrate si riferiscono al consuntivo e


vengono esposti per competenza e cassa. I prospetti illustrativi che seguono
riportano le previsioni e le risultanze di gestione distinte per i tre livelli di
aggregazione.
Nel primo livello si ha una suddivisione per titoli: 1) Tributarie; 2) Extra-
tributarie; 3) Alienazione e ammortamento dei beni patrimoniali e riscossione
di crediti; 4) Accensione di prestiti. Al secondo livello è esposta la distinzione
tra entrate ricorrenti ed entrate non ricorrenti. Al terzo livello è evidenziata la
tipologia dell’entrata.
Si segnala che per un confronto tra gli esercizi anteriori al 2009 è stato
utilizzato provvisoriamente un criterio di analisi legato alle tradizionali
categorie di entrata, in quanto solo a partire dall’esercizio finanziario 2008 è
stata introdotta la nuova struttura di bilancio che prevede la classificazione tra
entrate “ricorrenti” e “non ricorrenti” e per diverse tipologie di cespite.

SPESE

I dati di bilancio relativi alle spese sono dati da consuntivo e vengono


esposti per voci economiche e per missioni e programmi.
Con riferimento alle voci economiche, le spese sono ripartite nei tre
titoli. Alcune tabelle espongono le spese ripartite tra il titolo I “spese correnti”
e il titolo II “spese in conto capitale, al netto del titolo III “rimborso di prestiti”.
Al secondo livello è esposta la distinzione dei titoli secondo le categorie, che
corrispondono ai principali aggregati economici previsti dalla classificazione
SEC 95.
In relazione alle spese per missioni, il documento espone un aggregato
che raffigura le 34 missioni che rappresentano aggregati omogenei di attività
dirette al conseguimento degli obiettivi definiti nell’ambito della singola
missione. I dati di bilancio evidenziano le risorse stanziate per perseguire le
specifiche finalità.
A partire dal 2008, il bilancio dello Stato è classificato per missioni e
programmi al fine di meglio rappresentare tramite il prospetto contabile le
finalità della spesa: la legge n. 196/2009 stabilisce come unità di voto
parlamentare il programma. Nel corso del tempo, l’articolazione per
programmi del bilancio ha subito variazioni in termini di numerosità,
denominazioni e contenuti, con riflessi anche sull’aggregato più ampio delle
missioni. Le revisioni sono in parte legate all'istituzione e soppressione di
programmi di spesa ma anche alla riorganizzazione delle strutture
amministrative che la gestiscono e a successivi affinamenti nel contenuto.
Il dato riclassificato presentato nella tavola 2.2.9 di questo annuario
consente un confronto in serie storica della spesa del bilancio dello Stato, in
particolare per quanto attiene a una lettura per missioni e programmi. La

36
BILANCIO DELLO STATO

ricostruzione in serie storica è stata effettuata riconducendo le singole unità


gestionali del bilancio (i piani gestionali) di ciascun esercizio alla classificazione
per missioni e programmi adottata nella legge di bilancio 2015. Nel caso di
piani gestionali scorporati in più programmi da un anno all'altro, si assume
che la ripartizione delle risorse sia proporzionale a quella del 2015.
Se, da una parte, il dato del Conto consuntivo del bilancio espone le
scelte di rappresentazione effettuate per ciascun esercizio finanziario,
dall’altra, la ricostruzione in serie storica rende significativo il confronto a
parità della classificazione del bilancio.
Ulteriori indicazioni sulla metodologia di stima per la riclassificazione in
serie storica, tavole e database elaborabili per effettuare elaborazioni ed
estrazioni personalizzate sono disponibili nell’area della pubblicazione “La
spesa delle Amministrazioni centrali dello Stato” al
link:http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-
I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/La-spesa-delle-amministrazioni-
centrali/

PATRIMONIO

I dati contenuti nelle tabelle inerenti il conto generale del patrimonio


sono dati consuntivati nella parte II del Rendiconto generale dello Stato; essi
corrispondono alle voci economiche previste dalla classificazione SEC95 e si
riferiscono ai componenti attivi e passivi significativi del patrimonio, illustrati in
base alla voce e secondo i Ministeri che li hanno in gestione.
In altra tavola sono esposte le attività e le passività, sia finanziarie che
patrimoniali, con le variazioni derivanti dalla gestione del bilancio e quelle
verificatesi per qualsiasi altra causa, così come previsto dall’art.36, comma 3,
della Legge 31 dicembre 2009, n.196.
L’art. 3 del Decreto Interministeriale 18 aprile 2002 stabilisce i criteri di
valutazione degli elementi patrimoniali secondo le indicazioni contenute
nell’allegato 3 del medesimo decreto.

37
ANNUARIO STATISTICO 2016

RACCORDI CON ALTRE VARIABILI

Il bilancio dello Stato SCHEMA SINOTTICO DEI DATI PRESENTATI

rappresenta lo strumento principale, Quadro di finanza pubblica Altre elaborazioni


ma non esclusivo, di prelievo e Politiche di

redistribuzione di risorse nei


Flussi finanziari
sviluppo
da/per la UE
della UE

confronti del sistema economico. Il Bilancio Tesoreria Bilancio

fabbisogno del settore pubblico, dello Stato Spesa statale


statale dello Stato
regionalizzata
- Entrate - - Uscite -

come si evince dallo schema, è in


larga parte finanziato ricorrendo al Formazione del fabbisogno

bilancio dello Stato: Entrate Totali Uscite Totali Conto Annuale

- sia direttamente attraverso i Mutui degli


flussi di entrata e uscita del bilancio; Copertura Finanziaria
Enti Locali

- sia indirettamente.
Per quanto concerne i trasferimenti del bilancio dello Stato che
indirettamente finanziano il fabbisogno del settore pubblico si considerano:
- i trasferimenti effettuati alle Amministrazioni centrali, in primis Corte
dei Conti, TAR, Agenzie Fiscali e Presidenza del Consiglio dei Ministri;
- i trasferimenti che alimentano una parte dei conti di Tesoreria. Tra le
due gestioni si instaurano rapporti di carattere contabile, legati alla discrasia
temporale tra il momento in cui si verifica il flusso finanziario di riscossione o
pagamento e quello in cui la partita viene contabilizzata.
- erogazioni a favore di Regioni alimentati dal bilancio statale, che si
conciliano perfettamente sia a livello di quantificazione, che a livello di
classificazione economico e funzionale;
- versamenti al bilancio UE, vale a dire flussi disposti per finanziare le
spese del bilancio comunitario, che trovano conciliazione con il Bilancio dello
stato solo al termine del periodo di programmazione di riferimento.

38
BILANCIO DELLO STATO

2.1 - Le Entrate

La revisione della struttura del bilancio dello Stato, applicata a partire dal 2008 e
proseguita con le novità introdotte dalla legge 31 dicembre 2009, n. 196 (Legge di
contabilità e finanza pubblica), ha inciso sulla struttura classificatoria delle entrate.
Per effetto della suddetta legge, dal primo gennaio 2010, le entrate dello Stato sono
ripartite in:
a. titoli, a seconda che siano di natura tributaria, extra-tributaria o che provengano
dall'alienazione e dall'ammortamento di beni patrimoniali, dalla riscossione di crediti
ovvero dall'accensione di prestiti ;
b. ricorrenti e non ricorrenti, a seconda che si riferiscano a proventi la cui acquisizione
sia prevista a regime ovvero limitata ad uno o più esercizi;
c. tipologie, ai fini dell'approvazione parlamentare e dell'accertamento dei cespiti;
d. categorie, secondo la natura dei cespiti;
e. capitoli, eventualmente suddivisi in articoli secondo il rispettivo oggetto, ai fini della
rendicontazione.
E’ inoltre prevista una classificazione economica conforme ai criteri adottati in
contabilità nazionale per i conti del settore della pubblica amministrazione.
Ciò premesso, si rappresenta che, nelle tavole di seguito indicate, sono esposti i dati
previsionali e le risultanze di gestione delle entrate distinti per:
- titoli di entrata (tavola 2.1.1) esercizi finanziari dal 2006 al 2015;
- titoli e categorie (tavole 2.1.2, 2.1.3, 2.1.4) esercizi finanziari dal 2012 al 2015.
Nel 2015, per le entrate complessive (Titoli dal I al IV), risultano versamenti totali pari
a 771.529 milioni, mentre per le entrate finali, (Titoli I, II e III) i versamenti totali risultano
pari a 511.987 milioni, in aumento del 5,7 per cento rispetto agli incassi del 2014 (pari a
484.306 milioni), dovuto, in prevalenza, all’andamento degli incassi tributari a fronte di
una sostanziale invarianza di quelli del Titolo II.
Con riferimento agli accertamenti , nel 2015, per le entrate complessive, si rileva un
ammontare pari a 829.108 milioni, in diminuzione rispetto agli accertamenti registrati nel
2014 (pari a 840.160 milioni). Di contro, gli accertamenti delle entrate finali, pari a
569.566 milioni, presentano nel 2015 un aumento complessivo di 19.379 milioni rispetto
all’anno precedente, da imputarsi agli aumenti degli accertamenti del Titolo I – Entrate
tributarie (per l’importo di 16.924 milioni) e del Titolo III – Alienazione ed ammortamento
di beni patrimoniali e riscossione di crediti (per l’importo di 3.239 milioni), mentre, di
segno contrario, è l’andamento degli accertamenti registrati per il Titolo II – Entrate extra-
tributarie che, infatti, presentano un flessione pari a 784 milioni rispetto all’anno
precedente.
Con riferimento al Titolo I, nel 2015 gli incassi totali (449.786 milioni) aumentano
del 5,7 per cento rispetto a quelli del 2014 (425.588 milioni) e del 5,1 per cento rispetto a
quelli del 2013 (427.901 milioni). La principale componente è costituita dalla Categoria I,
che comprende i principali tributi diretti quali l’IRPEF, l’IRES e le imposte dirette sostitutive.
Per tale categoria, i versamenti (pari a 249.634 milioni) rappresentano, infatti, nel 2015, il

39
ANNUARIO STATISTICO 2016

55,5 per cento del totale delle entrate tributarie, mentre, rispetto alle entrate finali,
l’incidenza è pari al 48,7 per cento.
Gli accertamenti tributari sono risultati pari a 477.178 milioni, inferiori rispetto alle
previsioni definitive
di competenza per circa 960 milioni, in particolare, per effetto della riduzione
rilevata sia per le imposte dirette (Categoria I), per circa 182 milioni, sia per le imposte
indirette, (Categorie da II a V) per complessivi 778 milioni. Queste ultime si concentrano,
in particolare, nella Categoria III (relativa alle imposte sulla produzione e sui consumi), la
cui differenza rispetto alle previsioni è risultata pari a 1.234 milioni, e nella Categoria V
(relativa alle entrate da giochi, lotto e lotterie), con una differenza pari a milioni 1.254,
solo in parte compensate dai risultati positivi rispetto alle attese rilevati nella Categoria II
(relativa a tasse e imposte sugli affari), per 1.575 milioni, e nella Categoria IV (relative alle
entrate da Monopoli), per 135 milioni.
Il grado di realizzazione delle previsioni, infatti, per la categoria dei tributi diretti si
attesta al 99,9 per cento, così come risulta la pressoché completa realizzazione delle stime
per le Categorie II e IV. Il grado di realizzazione si attesta, invece, su valori inferiori per la
Categoria V, pari al 90,2 per cento, e alla Categoria III, con un rapporto del 96,4 per
cento. In termini di cassa, le percentuali di realizzazione si attestano su valori ben inferiori
per tutte le categorie.
Con riferimento alle entrate extra-tributarie (Titolo II), nel 2015 gli incassi totali
ammontano a 53.441 milioni, in aumento dello 0,3 per cento rispetto a quelli del 2014
(53.280 milioni) e del 2 per cento rispetto a quelli del 2013 (52.406 milioni). In costante
riduzione, invece, nel triennio 2013-2015, gli accertamenti che, in valore assoluto,
ammontano nel 2015a 83.603 milioni, con una riduzione di 784 milioni rispetto al valore
del 2014 (84.387 milioni) e di 2.062 milioni rispetto a quello del 2013 (85.665 milioni). Si
rileva, inoltre, che, nel 2015, l’incidenza di tali entrate rispetto al totale delle entrate finali,
in termini di cassa si attesta su una percentuale di circa il 10 per cento, mentre, in termini
di competenza, la percentuale aumenta al 15 per cento.
Relativamente al Titolo III, nel triennio 2013-2015 si rileva un andamento positivo
dei versamenti totali, i quali raggiungono l’importo di 8.760 milioni nel 2015, a fronte di
5.438 milioni del 2014 e di 3.358 milioni del 2013. Tale aumento è determinato, in buona
misura, dall’aumento degli incassi della Categoria XIII (Vendita di beni e affrancazione di
canoni) che, nel 2015, sono risultati pari a 6.620 milioni, rispetto a quanto affluito nel
2014, pari a 3.504 milioni, e nel 2013, pari a 1.657 milioni.
Per quanto riguarda i residui attivi, alla fine dell’esercizio 2015 la gestione ha
determinato l’importo complessivo di 208.260 milioni, in riduzione di 867 milioni rispetto
a quanto rilevato al termine dell’esercizio 2014. Gli effetti di tale riduzione si riscontrano
nel Titolo I (-4.287 milioni) compensati, in prevalenza, dall’aumento registrato nel Titolo II
(3.395 milioni) e, sebbene in misura più contenuta, nel Titolo III (25 milioni).

40
BILANCIO DELLO STATO

Tavola 2.1.1: Previsioni definitive, accertamenti e versamenti del bilancio dello Stato per titolo. Anni 2006-
2015 (dati in milioni di euro)
T it olo III -
A lienazione ed
Prev isioni def init iv e, T it olo II - ammort ament o T it olo IV -
T it olo I - Ent rat e T ot ale
A nno accert ament i e v ersament i del Ent rat e ext ra- di beni A ccensione di
t ribut arie complessiv o
bilancio dello St at o t ribut arie pat rimoniali e prest it i
riscossione di
credit i
Previsioni Definitive CP 402.348 28.698 3.332 235.595 669.972
Accertamenti 429.363 48.759 1.921 182.127 662.170
2006 Previsioni Definitive CS 390.711 26.353 3.332 266.175 686.571
Totale V ersato 398.826 27.557 1.906 182.127 610.416
di cui: V ersato in c/competenza 387.027 26.621 1.902 182.127 597.677
Previsioni Definitive CP 440.510 33.216 6.368 211.314 691.408
Accertamenti 444.168 49.382 6.121 182.747 682.418
2007 Previsioni Definitive CS 424.522 28.000 6.368 258.204 717.094
Totale V ersato 417.843 26.442 6.110 182.747 633.143
di cui: V ersato in c/competenza 404.740 24.988 6.104 182.747 618.580
Previsioni Definitive CP 453.581 32.572 3.478 242.724 732.354
Accertamenti 446.165 49.400 2.182 222.489 720.236
2008 Previsioni Definitive CS 434.305 25.605 3.478 290.426 753.814
Totale V ersato 422.639 30.569 2.155 222.489 677.853
di cui: V ersato in c/competenza 406.684 29.144 2.145 222.489 660.462
Previsioni Definitive CP 441.152 36.174 2.916 296.073 776.316
Accertamenti 439.017 66.150 2.630 269.718 777.514
2009 Previsioni Definitive CS 420.024 29.629 2.866 353.111 805.630
Totale V ersato 414.010 39.583 2.609 269.718 725.920
di cui: V ersato in c/competenza 395.782 38.074 2.601 269.718 706.175
Previsioni Definitive CP 443.440 34.929 2.196 288.861 769.425
Accertamenti 441.614 61.791 1.921 272.921 778.247
2010 Previsioni Definitive CS 418.392 26.900 2.186 347.067 794.545
Totale V ersato 408.952 33.335 1.855 272.921 717.063
di cui: V ersato in c/competenza 392.655 31.793 1.850 272.921 699.220
Previsioni Definitive CP 452.261 37.623 3.354 243.223 736.461
Accertamenti 452.731 65.698 3.313 228.422 750.165
2011 Previsioni Definitive CS 423.953 27.035 3.355 303.042 757.384
Totale V ersato 415.649 33.770 3.238 228.422 681.080
di cui: V ersato in c/competenza 397.921 32.085 3.235 228.422 661.663
Previsioni Definitive CP 482.459 51.885 2.442 266.672 803.458
Accertamenti 463.769 74.076 7.947 239.784 785.575
2012 Previsioni Definitive CS 450.057 34.504 2.442 339.086 826.090
Totale V ersato 426.006 37.776 7.896 239.784 711.462
di cui: V ersato in c/competenza 404.223 35.956 7.889 239.784 687.852
Previsioni Definitive CP 470.025 75.045 3.785 249.632 798.487
Accertamenti 464.884 85.665 3.442 264.847 818.839
2013 Previsioni Definitive CS 436.389 55.717 3.785 321.986 817.876
Totale V ersato 427.901 52.406 3.358 264.847 748.512
di cui: V ersato in c/competenza 405.343 49.820 3.354 264.847 723.364
Previsioni Definitive CP 478.538 72.897 6.500 290.692 848.628
Accertamenti 460.253 84.387 5.546 289.973 840.160
2014 Previsioni Definitive CS 444.526 52.534 6.500 363.199 866.760
Totale V ersato 425.588 53.280 5.438 289.973 774.279
di cui: V ersato in c/competenza 399.720 48.478 5.425 289.973 743.595
Previsioni Definitive CP 478.138 70.861 10.158 304.652 863.809
Accertamenti 477.178 83.603 8.785 259.542 829.108
2015 Previsioni Definitive CS 447.580 52.902 10.158 364.084 874.724
Totale V ersato 449.786 53.441 8.760 259.542 771.529
di cui: V ersato in c/competenza 416.797 48.666 8.751 259.542 733.756

La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato
al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/

41
ANNUARIO STATISTICO 2016

Tavola 2.1.2: Confronti annuali tra previsioni definitive e risultanze di gestione per titolo e categoria. Anni
2013-2015 (dati in milioni di euro)
2013
T it olo e Cat egoria Prev isioni Prev isioni
Residui al T ot ale di cui
def init iv e def init iv e A ccert at o
31/12 V ersat o V ersat o CP
CP CS

T it olo I - Ent rat e t ribut arie 137.890 470.025 436.389 464.884 427.901 405.343

Categoria I - Imposte sul patrimonio e sul reddito 55.999 259.368 234.103 252.634 236.494 224.934
Categoria II - Tasse e imposte sugli affari 63.513 153.448 145.077 154.769 136.550 128.465
Categoria III - Imposte sulla produzione, sui consumi e
14.818 35.209 35.209 36.137 33.100 32.071
dogane
Categoria IV - Monopoli 1.274 10.926 10.926 10.375 10.404 9.854
Categoria V - Lotto, lotterie ed altre attività di
2.286 11.075 11.075 10.969 11.352 10.020
giuoco

T it olo II - Ent rat e ext ra- t ribut arie 122.852 75.045 55.717 85.665 52.406 49.820

Categoria V I - Proventi speciali 216 812 812 677 672 633


Categoria V II - Proventi di servizi pubblici minori 37.482 33.096 23.423 27.093 17.724 16.498
Categoria V III - Proventi dei beni dello Stato 659 349 350 413 386 376
Categoria IX - Prodotti netti di aziende autonome ed
0 1.806 1.806 2.249 2.249 2.249
utili di gestioni
Categoria X - Interessi su anticipazioni e crediti vari
10.150 4.819 2.858 4.704 2.315 2.107
del Tesoro
Categoria XI - Ricuperi, rimborsi e contributi 73.171 31.932 24.237 48.415 27.048 26.135
Categoria XII - Partite che si compensano nella spesa 1.172 2.231 2.231 2.115 2.012 1.821
T it olo III - A lienazione ed ammort ament o di
382 3.785 3.785 3.442 3.358 3.354
beni pat rimoniali e riscossione di credit i
Categoria XIII - V endita di beni ed affrancazione di
2 1.315 1.315 1.658 1.657 1.657
canoni
Categoria XIV - Ammortamento di beni patrimoniali - 1.024 1.024 300 300 300
Categoria XV - Rimborso di anticipazioni e crediti vari
380 1.445 1.445 1.484 1.401 1.397
del Tesoro

T it olo IV - A ccensione di prest it i - 249.632 321.986 264.847 264.847 264.847

T ot ale Ent rat e 261.124 817.876 798.487 818.839 748.512 723.364

(segue)

42
BILANCIO DELLO STATO

segue Tavola 2.1.2: Confronti annuali tra previsioni definitive e risultanze di gestione per titolo e categoria.
Anni 2013-2015 (dati in milioni di euro)
2014
T it olo e Cat egoria Prev isioni Prev isioni
Residui al T ot ale di cui
def init iv e def init iv e A ccert at o
31/12 V ersat o V ersat o CP
CP CS

T it olo I - Ent rat e t ribut arie 112.393 478.538 444.526 460.253 425.588 399.720

Categoria I - Imposte sul patrimonio e sul reddito 45.059 266.543 241.115 244.865 228.600 216.514
Categoria II - Tasse e imposte sugli affari 50.893 154.128 145.544 158.266 138.702 130.169
Categoria III - Imposte sulla produzione, sui consumi e
14.050 36.039 36.039 35.465 35.448 32.936
dogane
Categoria IV - Monopoli 1.287 10.735 10.735 10.370 10.357 9.836
Categoria V - Lotto, lotterie ed altre attività di
1.105 11.093 11.093 11.287 12.480 10.265
giuoco

T it olo II - Ent rat e ext ra- t ribut arie 96.249 72.897 52.534 84.387 53.280 48.478

Categoria V I - Proventi speciali 222 743 743 721 715 697


Categoria V II - Proventi di servizi pubblici minori 34.023 32.604 22.016 25.293 18.017 14.578
Categoria V III - Proventi dei beni dello Stato 678 412 415 419 393 383
Categoria IX - Prodotti netti di aziende autonome ed
0 1.678 1.678 1.952 1.952 1.952
utili di gestioni
Categoria X - Interessi su anticipazioni e crediti vari
8.088 4.609 2.626 5.843 3.217 3.053
del Tesoro
Categoria XI - Ricuperi, rimborsi e contributi 52.020 30.395 22.600 47.872 26.764 25.817
Categoria XII - Partite che si compensano nella spesa 1.217 2.456 2.456 2.288 2.223 1.997
T it olo III - A lienazione ed ammort ament o di
485 6.500 6.500 5.546 5.438 5.425
beni pat rimoniali e riscossione di credit i
Categoria XIII - V endita di beni ed affrancazione di
1 3.868 3.868 3.503 3.504 3.503
canoni
Categoria XIV - Ammortamento di beni patrimoniali - 1.081 1.081 357 357 357
Categoria XV - Rimborso di anticipazioni e crediti vari
483 1.552 1.552 1.686 1.578 1.565
del Tesoro

T it olo IV - A ccensione di prest it i - 290.692 363.199 289.973 289.973 289.973

T ot ale Ent rat e 209.126 866.760 848.628 840.160 774.279 743.595

43
ANNUARIO STATISTICO 2016

segue Tavola 2.1.2: Confronti annuali tra previsioni definitive e risultanze di gestione per titolo e categoria.
Anni 2013-2015 (dati in milioni di euro)
2015
T it olo e Cat egoria Prev isioni Prev isioni
Residui al T ot ale di cui
def init iv e def init iv e A ccert at o
31/12 V ersat o V ersat o CP
CP CS

T it olo I - Ent rat e t ribut arie 108.106 478.138 447.580 477.178 449.786 416.797

Categoria I - Imposte sul patrimonio e sul reddito 43.144 259.645 245.114 259.462 249.634 230.480
Categoria II - Tasse e imposte sugli affari 49.189 160.511 144.484 162.086 144.616 133.477
Categoria III - Imposte sulla produzione, sui consumi e
13.330 34.613 34.613 33.379 33.353 32.136
dogane
Categoria IV - Monopoli 1.295 10.581 10.581 10.716 10.705 10.169
Categoria V - Lotto, lotterie ed altre attività di
1.146 12.788 12.788 11.534 11.478 10.534
giuoco

T it olo II - Ent rat e ext ra- t ribut arie 99.644 70.861 52.902 83.603 53.441 48.666

Categoria V I - Proventi speciali 171 808 808 664 655 638


Categoria V II - Proventi di servizi pubblici minori 35.697 30.736 22.439 26.708 19.822 16.423
Categoria V III - Proventi dei beni dello Stato 700 398 402 379 356 348
Categoria IX - Prodotti netti di aziende autonome ed
0 1.545 1.545 1.623 1.623 1.623
utili di gestioni
Categoria X - Interessi su anticipazioni e crediti vari
8.376 4.907 2.586 5.183 2.554 2.348
del Tesoro
Categoria XI - Ricuperi, rimborsi e contributi 53.518 29.910 22.565 46.632 26.038 25.100
Categoria XII - Partite che si compensano nella spesa 1.182 2.558 2.558 2.413 2.393 2.186
T it olo III - A lienazione ed ammort ament o di
510 10.158 10.158 8.785 8.760 8.751
beni pat rimoniali e riscossione di credit i
Categoria XIII - V endita di beni ed affrancazione di
2 7.244 7.244 6.620 6.620 6.619
canoni
Categoria XIV - Ammortamento di beni patrimoniali - 946 946 366 366 366
Categoria XV - Rimborso di anticipazioni e crediti vari
508 1.969 1.969 1.799 1.775 1.765
del Tesoro

T it olo IV - A ccensione di prest it i - 304.652 364.084 259.542 259.542 259.542

T ot ale Ent rat e 208.260 874.724 863.809 829.108 771.529 733.756

44
BILANCIO DELLO STATO

Tavola 2.1.3: Confronti annuali tra previsioni definitive e risultanze di gestione per titolo e categoria. Anni
2013-2015 (valori percentuali)
2013
T it olo e Cat egoria Prev isioni Prev isioni
Residui al T ot ale di cui
def init iv e def init iv e A ccert at o
31/12 V ersat o V ersat o CP
CP CS

T it olo I - Ent rat e t ribut arie 52,8 58,9 53,4 56,8 57,2 56,0

Categoria I - Imposte sul patrimonio e sul reddito 21,4 32,5 28,6 30,9 31,6 31,1
Categoria II - Tasse e imposte sugli affari 24,3 19,2 17,7 18,9 18,2 17,8
Categoria III - Imposte sulla produzione, sui consumi e
5,7 4,4 4,3 4,4 4,4 4,4
dogane
Categoria IV - Monopoli 0,5 1,4 1,3 1,3 1,4 1,4
Categoria V - Lotto, lotterie ed altre attività di
0,9 1,4 1,4 1,3 1,5 1,4
giuoco

T it olo II - Ent rat e ext ra- t ribut arie 47,0 9,4 6,8 10,5 7,0 6,9

Categoria V I - Proventi speciali 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1


Categoria V II - Proventi di servizi pubblici minori 14,4 4,1 2,9 3,3 2,4 2,3
Categoria V III - Proventi dei beni dello Stato 0,3 0,0 0,0 0,1 0,1 0,1
Categoria IX - Prodotti netti di aziende autonome ed
0,0 0,2 0,2 0,3 0,3 0,3
utili di gestioni
Categoria X - Interessi su anticipazioni e crediti vari
3,9 0,6 0,3 0,6 0,3 0,3
del Tesoro
Categoria XI - Ricuperi, rimborsi e contributi 28,0 4,0 3,0 5,9 3,6 3,6
Categoria XII - Partite che si compensano nella spesa 0,4 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3
T it olo III - A lienazione ed ammort ament o di
0,1 0,5 0,5 0,4 0,4 0,5
beni pat rimoniali e riscossione di credit i
Categoria XIII - V endita di beni ed affrancazione di
0,0 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2
canoni
Categoria XIV - Ammortamento di beni patrimoniali - 0,1 0,1 0,0 0,0 0,0
Categoria XV - Rimborso di anticipazioni e crediti vari
0,1 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2
del Tesoro

T it olo IV - A ccensione di prest it i 31,3 39,4 32,3 35,4 36,6

T ot ale Ent rat e 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0

(segue)

45
ANNUARIO STATISTICO 2016

segue Tavola 2.1.3: Confronti annuali tra previsioni definitive e risultanze di gestione per titolo e categoria.
Anni 2013-2015 (valori percentuali)
2014
T it olo e Cat egoria Prev isioni Prev isioni
Residui al T ot ale di cui
def init iv e def init iv e A ccert at o
31/12 V ersat o V ersat o CP
CP CS

T it olo I - Ent rat e t ribut arie 53,7 56,4 51,3 54,8 55,0 53,8

Categoria I - Imposte sul patrimonio e sul reddito 21,5 31,4 27,8 29,1 29,5 29,1
Categoria II - Tasse e imposte sugli affari 24,3 18,2 16,8 18,8 17,9 17,5
Categoria III - Imposte sulla produzione, sui consumi e
6,7 4,2 4,2 4,2 4,6 4,4
dogane
Categoria IV - Monopoli 0,6 1,3 1,2 1,2 1,3 1,3
Categoria V - Lotto, lotterie ed altre attività di
0,5 1,3 1,3 1,3 1,6 1,4
giuoco

T it olo II - Ent rat e ext ra- t ribut arie 46,0 8,6 6,1 10,0 6,9 6,5

Categoria V I - Proventi speciali 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1


Categoria V II - Proventi di servizi pubblici minori 16,3 3,8 2,5 3,0 2,3 2,0
Categoria V III - Proventi dei beni dello Stato 0,3 0,0 0,0 0,0 0,1 0,1
Categoria IX - Prodotti netti di aziende autonome ed
0,0 0,2 0,2 0,2 0,3 0,3
utili di gestioni
Categoria X - Interessi su anticipazioni e crediti vari
3,9 0,5 0,3 0,7 0,4 0,4
del Tesoro
Categoria XI - Ricuperi, rimborsi e contributi 24,9 3,6 2,6 5,7 3,5 3,5
Categoria XII - Partite che si compensano nella spesa 0,6 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3
T it olo III - A lienazione ed ammort ament o di
0,2 0,8 0,7 0,7 0,7 0,7
beni pat rimoniali e riscossione di credit i
Categoria XIII - V endita di beni ed affrancazione di
0,0 0,5 0,4 0,4 0,5 0,5
canoni
Categoria XIV - Ammortamento di beni patrimoniali - 0,1 0,1 0,0 0,0 0,0
Categoria XV - Rimborso di anticipazioni e crediti vari
0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2
del Tesoro

T it olo IV - A ccensione di prest it i 34,3 41,9 34,5 37,5 39,0

T ot ale Ent rat e 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0

(segue)

46
BILANCIO DELLO STATO

segue Tavola 2.1.3: Confronti annuali tra previsioni definitive e risultanze di gestione per titolo e categoria.
Anni 2013-2015 (valori percentuali)
2015
T it olo e Cat egoria Prev isioni Prev isioni
Residui al T ot ale di cui
def init iv e def init iv e A ccert at o
31/12 V ersat o V ersat o CP
CP CS

T it olo I - Ent rat e t ribut arie 51,9 55,4 51,2 57,6 58,3 56,8

Categoria I - Imposte sul patrimonio e sul reddito 20,7 30,1 28,0 31,3 32,4 31,4
Categoria II - Tasse e imposte sugli affari 23,6 18,6 16,5 19,5 18,7 18,2
Categoria III - Imposte sulla produzione, sui consumi e
6,4 4,0 4,0 4,0 4,3 4,4
dogane
Categoria IV - Monopoli 0,6 1,2 1,2 1,3 1,4 1,4
Categoria V - Lotto, lotterie ed altre attività di
0,6 1,5 1,5 1,4 1,5 1,4
giuoco

T it olo II - Ent rat e ext ra- t ribut arie 47,8 8,2 6,0 10,1 6,9 6,6

Categoria V I - Proventi speciali 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1


Categoria V II - Proventi di servizi pubblici minori 17,1 3,6 2,6 3,2 2,6 2,2
Categoria V III - Proventi dei beni dello Stato 0,3 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0
Categoria IX - Prodotti netti di aziende autonome ed
0,0 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2
utili di gestioni
Categoria X - Interessi su anticipazioni e crediti vari
4,0 0,6 0,3 0,6 0,3 0,3
del Tesoro
Categoria XI - Ricuperi, rimborsi e contributi 25,7 3,5 2,6 5,6 3,4 3,4
Categoria XII - Partite che si compensano nella spesa 0,6 0,3 0,3 0,3 0,3 0,3
T it olo III - A lienazione ed ammort ament o di
0,2 1,2 1,2 1,1 1,1 1,2
beni pat rimoniali e riscossione di credit i
Categoria XIII - V endita di beni ed affrancazione di
0,0 0,8 0,8 0,8 0,9 0,9
canoni
Categoria XIV - Ammortamento di beni patrimoniali - 0,1 0,1 0,0 0,0 0,0
Categoria XV - Rimborso di anticipazioni e crediti vari
0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2
del Tesoro

T it olo IV - A ccensione di prest it i - 35,3 41,6 31,3 33,6 35,4

T ot ale Ent rat e 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0

47
48
Tavola 2.1.4: Indicatori gestionali per titolo e categoria. Anni 2013-2015 (valori percentuali)

Grado di realizzazione delle Grado di realizzazione Percent uale di riscossione di Percent uale di realizzazione dei
prev isioni def init iv e complessiv a compet enza residui
T it olo e Cat egoria v ersament i in cont o
accert ament i / prev isioni v ersament i t ot ali / massa v ersament i in cont o residui /
compet enza /
def init iv e*100 acquisibile*100 residui iniziali*100
accert ament i*100
ANNUARIO STATISTICO 2016

2013 2014 2015 2013 2014 2015 2013 2014 2015 2013 2014 2015

T it olo I - Ent rat e t ribut arie 98,9 96,2 99,8 71,5 69,0 76,2 87,2 86,8 87,3 17,6 18,8 29,4

Categoria I - Imposte sul patrimonio e sul reddito 97,4 91,9 99,9 75,9 70,9 81,9 89,0 88,4 88,8 22,2 21,6 42,5
Categoria II - Tasse e imposte sugli affari 100,9 102,7 101,0 64,5 63,7 68,4 83,0 82,2 82,3 13,9 13,4 21,9
Categoria III - Imposte sulla produzione, sui consumi e dogane 102,6 98,4 96,4 67,4 69,7 68,5 88,7 92,9 96,3 7,4 17,0 8,7
Categoria IV - Monopoli 95,0 96,6 101,3 85,1 86,2 90,2 95,0 94,9 94,9 42,2 40,9 41,6
Categoria V - Lotto, lotterie ed altre attività di giuoco 99,0 101,8 90,2 82,6 93,3 82,6 91,3 90,9 91,3 49,9 96,9 85,4

T it olo II - Ent rat e ext ra- t ribut arie 114,2 115,8 118,0 27,5 27,2 32,0 58,2 57,4 58,2 2,2 3,9 5,0

Categoria V I - Proventi speciali 83,5 97,0 82,3 67,1 74,6 63,6 93,5 96,7 96,0 20,4 8,5 7,9
Categoria V II - Proventi di servizi pubblici minori 81,9 77,6 86,9 26,8 25,7 30,6 60,9 57,6 61,5 3,7 9,2 10,0
Categoria V III - Proventi dei beni dello Stato 118,1 101,8 95,3 39,2 36,7 33,1 91,2 91,4 91,7 1,5 1,5 1,3
Categoria IX - Prodotti netti di aziende autonome ed utili di gestioni 124,5 116,3 105,1 124,5 116,3 105,1 100,0 100,0 100,0 0,0 0,0 0,0
Categoria X - Interessi su anticipazioni e crediti vari del Tesoro 97,6 126,8 105,6 15,8 21,8 19,7 44,8 52,3 45,3 2,1 1,6 2,5
Categoria XI - Ricuperi, rimborsi e contributi 151,6 157,5 155,9 26,3 25,8 31,8 54,0 53,9 53,8 1,3 1,3 1,8
Categoria XII - Partite che si compensano nella spesa 94,8 93,2 94,3 60,2 61,3 63,4 86,1 87,3 90,6 17,2 19,3 17,0
T it olo III - A lienazione ed ammort ament o di beni
90,9 85,3 86,5 82,3 79,0 82,3 97,4 97,8 99,6 1,4 3,6 1,9
pat rimoniali e riscossione di credit i
Categoria XIII - V endita di beni ed affrancazione di canoni 126,0 90,6 91,4 125,9 90,6 91,4 100,0 100,0 100,0 15,6 38,9 6,8
Categoria XIV - Ammortamento di beni patrimoniali 29,3 33,0 38,7 29,3 33,0 38,7 100,0 100,0 100,0 0,0 0,0 0,0
Categoria XV - Rimborso di anticipazioni e crediti vari del Tesoro 102,7 108,6 91,4 80,5 81,7 72,4 94,1 92,8 98,1 1,4 3,4 1,9

T it olo IV - A ccensione di prest it i 106,1 99,8 85,2 106,1 99,8 85,2 100,0 100,0 100,0 0,0 0,0 0,0
BILANCIO DELLO STATO

2.2 - Le Spese

Nel corso del tempo sono state definite varie metodologie di classificazione della
spesa pubblica: accanto alla tradizionale classificazione economica per titoli e categorie,
definita in coerenza con il Sistema europeo dei conti SEC , secondo il contenuto
economico della spesa, nel 2008 è stata introdotta una classificazione per missioni e
programmi.
 le “Missioni” , che esprimono le funzioni principali e gli obiettivi strategici
perseguiti con la spesa pubblica;
 i “Programmi” , attraverso i quali si realizzano concretamente le Missioni,
rappresentano aggregati omogenei di attività svolte all’interno di ogni singola
Amministrazione, allo scopo di perseguire obiettivi ben definiti nell’ambito
delle finalità istituzionali, riconosciute al Dicastero competente.
Nelle tavole di seguito indicate, si analizzano gli stanziamenti definitivi (cassa e
competenza), gli impegni e i pagamenti del bilancio dello Stato relativi all’esercizio
finanziario 2015, nonché agli esercizi precedenti, distinti in:
 Titoli di spesa (tavola 2.2.1);
 Missioni e Programmi (tavole 2.2.2, 2.2.3, 2.2.4, 2.2.7 e 2.2.9);
 Categorie economiche (tavole 2.2.5 e 2.2.8);
 Amministrazioni (tavola 2.2.6).
Dall’analisi dei dati esposti in tavola 2.2.1, si evidenzia, relativamente alle variabili
analizzate (stanziamenti definitivi di competenza e cassa, impegni e pagamenti) , un trend
crescente nel periodo 2006-2009. Dal 2009 al 2011 si è registrata una riduzione a cui fa
seguito, nel biennio successivo, un aumento dei livelli di spesa, che si attestano sui valori
più elevati dell’intero periodo analizzato. Tale aumento è attribuibile principalmente alle
spese per trasferimenti agli enti previdenziali, per interessi e per acquisizioni di attività
finanziarie (in particolar modo per spese volte ad assicurare agli enti territoriali la liquidità
necessaria per i pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili).
Più in dettaglio, la spesa presenta un totale complessivo di pagamenti per il 2015
pari a 812.904 milioni.
Concentrandosi poi sulla spesa finale, si nota come gli stanziamenti di competenza
passino da 479.382 milioni nel 2006 a 624.708 milioni nel 2015, che rappresentano
anche il valore minimo e il valore massimo del periodo. Analogo andamento crescente si
riscontra nell’ambito dell’impegnato, che rappresenta in media il 97,8 per cento degli
stanziamenti definitivi di competenza, e per il pagato, che ne costituisce a sua volta il 90,9
per cento circa dello stanziamento definitivo di cassa.
Lo stanziamento definitivo è il risultato delle modifiche apportate, nel corso
dell’esercizio, all’iniziale allocazione di risorse approvata dal Parlamento con la legge di
bilancio. Tali modifiche includono le variazioni apportate con legge di assestamento,
quelle derivanti da nuove leggi (intervenute dopo la legge di assestamento), dalla
reiscrizione di residui passivi perenti, dalla riassegnazione di entrate, dalla ripartizione di
fondi e da variazioni compensative effettuate dalle amministrazioni nell’ambito delle
flessibilità di bilancio. Nelle tavole 2.2.2 e 2.2.3 si analizza tale aspetto, rappresentando lo
scostamento tra gli stanziamenti iniziali e gli stanziamenti definitivi (cassa e competenza)

49
ANNUARIO STATISTICO 2016

della spesa complessiva del bilancio dello Stato per Missione relativamente all’esercizio
finanziario 2015 evidenziando la tipologia di variazione di bilancio intervenuta.
14
Come indicato nella tavola 2.2.2 , la previsione iniziale di competenza è passata da
847.313 milioni a 857.771 milioni (con un incremento pari all’1,2 per cento); la variazione
con segno negativo è pari complessivamente a -2.510 milioni, di cui -773 milioni dovuti
alla legge di assestamento 2015 e -1.737 milioni per riduzioni apportate da nuove leggi di
spesa. Tale variazione è più che compensata da nuove risorse per riassegnazioni di entrate
ai capitoli di spesa per un importo di 12.968 milioni. Le missioni che sono state
maggiormente interessate da un incremento sono: Politiche economico-finanziarie e di
bilancio (+25.115 milioni), Politiche previdenziali (+3.306 milioni) e Istruzione scolastica
(+1.528 milioni). Hanno visto, invece, una riduzione della spesa stanziata le missioni
Relazioni finanziarie con le autonomie territoriali (-15.566 milioni) e Debito pubblico (-
5.769 milioni).
15
Dal lato degli stanziamenti di cassa, rappresentati nella tavola 2.2.3 , si registra un
incremento complessivo della previsione iniziale di 35.404 milioni (pari al 4 per cento)
dovuto a riduzioni apportate da nuove leggi di spesa per -1.916 milioni, più che
compensate dalle variazioni di assestamento (pari a +24.353 milioni) e dalle riassegnazioni
di entrate (pari a +12.968 milioni). Gli incrementi nella legge di assestamento sono dovuti
prevalentemente all’aumento delle somme necessarie al pagamento dei residui passivi per
assicurare agli enti territoriali la liquidità necessaria al pagamento dei debiti certi, liquidi ed
esigibili, alle ulteriori risorse da destinare alle Regioni per ripristinare le risorse rimodulate
dai capitoli relativi alla compartecipazione IVA e dal Fondo sanitario nazionale (utilizzate,
per aumentare le dotazioni del Fondo per assicurare agli Enti Territoriali la liquidità

14
In coerenza con quanto previsto dalla Legge di stabilità 2015 approvata dalle Camere, per il 2015 gli
stanziamenti comprendono anche 5 milioni di euro - in termini di competenza e di cassa - relativi alle spese
correnti per Trasferimenti correnti a imprese della missione "Diritto alla mobilità e sviluppo dei sistemi di
trasporto", programma "Sviluppo e sicurezza della navigazione e del trasporto marittimo e per vie d'acqua
interne", del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Tali importi non sono indicati nella Legge di bilancio
2015-2017 ma sono stati successivamente rettificati con la Legge di assestamento. Nella tavola pertanto gli
stanziamenti iniziali tengono conto anche dei 5 milioni di euro per la missione “Diritto alla mobilità e sviluppo
dei sistemi di trasporto” mentre il valore indicato delle variazioni di assestamento è stato nettizzato di pari
importo.
Le operazioni relative al fondo di riserva delle spese impreviste dello stato di previsione del Ministero
dell'Economia e delle Finanze sono state considerate come variazioni compensative. Il fondo ha la funzione di
assicurare, a tutte le amministrazioni, le risorse finanziarie necessarie per fronteggiare eventi eccezionali e non
prevedibili al momento della programmazione finanziaria del bilancio con riferimento alle tipologie di spesa
indicate nell’elenco 2 allegato allo stato di previsione del Ministero dell’Economia e delle Finanze e che non
impegnino i bilanci futuri con carattere di continuità.

15
In coerenza con quanto previsto dalla Legge di stabilità 2015 approvata dalle Camere, per il 2015 gli stanziamenti
comprendono anche 5 milioni di euro - in termini di competenza e di cassa - relativi alle spese correnti per Trasferimenti
correnti a imprese della missione "Diritto alla mobilità e sviluppo dei sistemi di trasporto", programma "Sviluppo e sicurezza
della navigazione e del trasporto marittimo e per vie d'acqua interne", del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Tali
importi non sono indicati nella Legge di bilancio 2015-2017 ma sono stati successivamente rettificati con la Legge di
assestamento. Nella tavola pertanto gli stanziamenti iniziali tengono conto anche dei 5 milioni di euro per la missione
“Diritto alla mobilità e sviluppo dei sistemi di trasporto” mentre il valore indicato delle variazioni di assestamento è stato
nettizzato di pari importo.
Le operazioni relative allo fondo di riserva delle spese impreviste dello stato di previsione del Ministero dell'Economia e delle
Finanze sono state considerate come variazioni compensative. Il fondo ha la funzione di assicurare, a tutte le
amministrazioni, le risorse finanziarie necessarie per fronteggiare eventi eccezionali e non prevedibili al momento della
programmazione finanziaria del bilancio con riferimento alle tipologie di spesa indicate nell’elenco 2 allegato allo stato di
previsione del Ministero dell’Economia e delle Finanze e che non impegnino i bilanci futuri con carattere di continuità.

50
BILANCIO DELLO STATO

necessaria al pagamento di debiti), alle maggiori dotazioni sui capitoli di trasferimenti alle
famiglie e ai maggiori contributi agli investimenti alle imprese.
Le missioni che sono state maggiormente interessate da un incremento dello
stanziamento iniziale di cassa sono: Politiche economico-finanziarie e di bilancio (+25.964
milioni), Competitività e sviluppo delle imprese (+7.308 milioni) e Politiche previdenziali
(+3.389 milioni). Hanno visto, invece, una riduzione della spesa stanziata le missioni
Debito pubblico (-5.292 milioni) e Relazioni finanziarie con le autonomie territoriali (-4.313
milioni).
In generale, per la missione Relazioni finanziarie con le autonomie territoriali, si
rileva una ricomposizione dell’aggregato di spesa, per circa 15 miliardi, derivante dalla
riallocazione delle regolazioni delle entrate erariali per le Regioni Sicilia, Friuli Venezia
Giulia e province autonome Trento e Bolzano in relazione alle compensazioni fruite dai
contribuenti delle citate autonomie in sede di versamenti unificati F24 e agli
accantonamenti effettuati negli anni pregressi per il concorso delle autonomie alle
manovre di finanza pubblica, nella categoria delle poste correttive e compensative delle
entrate, in un capitolo di spesa di nuova istituzione destinato ai recuperi tributari effettuati
nei confronti delle suddette regioni e province autonome da versare all’entrata del bilancio
dello Stato. La riduzione che si osserva per gli stanziamenti della missione Debito pubblico
è invece dovuta all’adeguamento delle spese per interessi al nuovo profilo, minore, dei
tassi vigenti sui mercati internazionali.
Nell’ambito dell’ammontare complessivo della spesa pubblica distinta per missione
(tavola 2.2.4), quelle che hanno assorbito maggiori risorse finanziarie nel 2015 sono:
 Debito pubblico, di competenza esclusiva del Ministero dell’Economia e delle
Finanze, che concerne i rimborsi del debito statale e le spese per interessi ed è
la missione finanziariamente più rilevante e rappresenta il 35 per cento della
spesa complessiva;
 Relazioni finanziarie con le autonomie territoriali, che rappresenta il 13,4 per
cento circa della spesa, e si riferiscono principalmente a trasferimenti dello
Stato a favore degli Enti Locali in attuazione del federalismo amministrativo e
fiscale. La parte più consistente delle risorse della missione è concentrata nel
programma “Federalismo”, che, nel 2015, presenta impegni e pagamenti pari,
rispettivamente, a 69.665 milioni e 57.427 milioni (rispettivamente, il 59 e il 53
per cento del totale degli impegni e dei pagamenti della missione);
 Politiche previdenziali, che rappresenta il 12,5 per cento circa della spesa, a
titolo di trasferimenti a fondi e casse previdenziali. Il programma
finanziariamente più significativo è “Previdenza obbligatoria e complementare,
assicurazioni sociali”, di competenza del Ministero del Lavoro e delle politiche
sociali, che assorbe oltre l’87 per cento sia degli impegni che dei pagamenti;
 Politiche economico-finanziarie e di bilancio, che rappresenta l’11 per cento
della spesa, relativa alle restituzioni e rimborsi d’imposta. Nell’ambito della
missione il programma finanziariamente più rilevante è “Regolazioni contabili,
restituzioni e rimborsi di imposte“ che costituisce oltre il 71 per cento degli
impegni e oltre il 72 per cento dei pagamenti del totale della missione;
 Istruzione scolastica, 5,3 per cento circa del totale della spesa, connessa al
finanziamento dell’istruzione primaria e secondaria. Nell’ambito della missione
il programma di spesa più rilevante è “Istruzione secondaria di II grado”
(impegni e pagamenti rispettivamente per 14.273 milioni e 14.110 milioni),

51
ANNUARIO STATISTICO 2016

seguito da “Istruzione primaria” (impegni e pagamenti per circa 13.000


milioni) e da “Istruzione secondaria di I grado” (impegni e pagamenti per oltre
9.000 milioni).
Le missioni indicate, assieme ad altre, quali L’Italia in Europa e nel mondo. Giustizia,
Ordine pubblico e sicurezza e Istruzione universitaria sono quelle che, con riferimento
all’esercizio finanziario 2015, presentano i livelli più elevati in termini di capacità di
impegno e di capacità di spesa complessiva (tavola 2.2.7).
Con riferimento alla capacità di spesa complessiva, le categorie economiche che
hanno registrato i valori più elevati sono i redditi da lavoro dipendente e gli interessi
passivi e redditi da capitale, in quanto spese di natura obbligatoria, e le risorse proprie
Unione Europea, relative a spese derivanti dalla partecipazione italiana alle politiche di
bilancio in ambito comunitario.
Relativamente all’ammontare complessivo della spesa pubblica distinta per categorie
economiche (tavole 2.2.5 e 2.2.8), prendendo a riferimento le spese finali dell’esercizio
finanziario 2015, le categorie economiche che hanno assorbito maggiori risorse finanziarie
sono:
 Trasferimenti correnti ad Amministrazioni pubbliche, pari a 254.147 milioni,
che rappresentano il 42,33 per cento del pagato per spese finali;
 Redditi da lavoro dipendente, pari a 86.953 milioni, che rappresentano il 14,5
per cento circa del pagato per spese finali;
 Interessi passivi e redditi da capitale, pari a 74.563 milioni, che rappresentano il
12,42 per cento del pagato per spese finali.
Riguardo, infine, l’ammontare complessivo della spesa pubblica distinta per
Amministrazioni (tavola 2.2.6), al Ministero dell’Economia e delle Finanze è attribuibile la
parte preponderante, in misura pari al 68 per cento circa nel 2015 in termini di pagato,
anche in considerazione del fatto che tale dicastero gestisce la componente della spesa
relativa al debito pubblico; seguono, con importi decisamente più contenuti, il Ministero
del Lavoro e delle Politiche Sociali e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della
Ricerca, che assorbono, rispettivamente, il 15 e il 7 per cento circa del totale dei
pagamenti .
Per quanto riguarda i dati esposti in tavola 2.2.9, che riporta in serie storica gli
stanziamenti definitivi e i risultati di gestione della spesa delle amministrazioni centrali
dello Stato per missione riclassificati secondo la struttura del bilancio del 2015, si evidenzia
una crescita della spesa complessiva nel periodo 2008-2015.
Le missioni che hanno avuto un maggiore incremento della spesa nel periodo 2008-
2015, dal lato della competenza, sono Competitivita' e sviluppo delle imprese (con un
aumento di oltre il 200 per cento), nonché Politiche per il lavoro, Casa e assetto
urbanistico, Energia e diversificazione delle fonti energetiche e Sviluppo e riequilibrio
territoriale (con un aumento di ben oltre il 100 per cento). Tra le missioni che nel
medesimo periodo hanno registrato un decremento della spesa emergono invece
Regolazione dei mercati (con una diminuzione di circa il -90 per cento), Turismo (circa -70
per cento), nonché Servizi istituzionali e generali delle amministrazioni pubbliche e
Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell'ambiente (circa -40 per cento). Analoga
situazione si presenta per la parte di cassa, con differenze nelle percentuali di variazione.

52
BILANCIO DELLO STATO

Tavola 2.2.1: Stanziamenti definitivi, impegni e pagamenti totali del bilancio dello Stato per titolo. Anni 2006-
2015 (dati in milioni di euro)

Ti to l o I I I -
Sta n z i a me n ti d e fi n i ti vi , Ti to l o I I -
Ti to l o I - Sp e s e R i mb o rs o To ta l e
An n o i mp e g n i e p a g a me n ti d e l Sp e s e i n c o n to Sp e s a fi n a l e
c o rre n ti p a s s i vi tà c o mp l e s s i vo
b i l a n c i o d e l l o Sta to c a p i ta l e
fi n a n z i a ri e
Stanziamenti Definitivi CP 439.558 39.824 479.382 189.124 668.506
Impegni 428.139 38.954 467.094 163.620 630.714
2006 Stanziamenti Definitivi CS 444.711 51.759 496.469 190.571 687.040
Totale Pagato 421.831 37.971 459.802 158.149 617.951
di cui: Pagato in c/competenza 400.729 19.965 420.695 156.727 577.422
Stanziamenti Definitivi CP 457.767 54.773 512.540 191.194 703.734
Impegni 437.189 53.157 490.346 164.199 654.545
2007 Stanziamenti Definitivi CS 465.602 69.048 534.650 193.386 728.036
Totale Pagato 430.276 45.685 475.961 166.990 642.951
di cui: Pagato in c/competenza 410.959 23.951 434.910 161.222 596.132
Stanziamenti Definitivi CP 489.192 64.850 554.042 194.473 748.516
Impegni 472.685 63.052 535.737 184.808 720.544
2008 Stanziamenti Definitivi CS 499.285 76.061 575.346 194.460 769.806
Totale Pagato 463.065 60.957 524.021 187.853 711.874
di cui: Pagato in c/competenza 440.693 38.999 479.692 184.167 663.859
Stanziamenti Definitivi CP 497.582 60.706 558.288 215.960 774.248
Impegni 481.578 58.913 540.492 176.141 716.633
2009 Stanziamenti Definitivi CS 511.155 73.193 584.348 216.592 800.940
Totale Pagato 469.577 53.670 523.247 176.103 699.350
di cui: Pagato in c/competenza 444.681 31.864 476.545 175.473 652.018
Stanziamenti Definitivi CP 491.816 52.548 544.363 224.954 769.317
Impegni 474.662 52.282 526.944 188.435 715.380
2010 Stanziamenti Definitivi CS 499.808 67.795 567.603 225.627 793.229
Totale Pagato 452.441 51.547 503.988 189.104 693.092
di cui: Pagato in c/competenza 430.121 30.137 460.258 188.435 648.693
Stanziamenti Definitivi CP 490.490 48.813 539.303 197.216 736.519
Impegni 472.320 48.502 520.822 186.135 706.957
2011 Stanziamenti Definitivi CS 503.924 56.278 560.203 197.216 757.419
Totale Pagato 471.545 47.830 519.375 186.012 705.387
di cui: Pagato in c/competenza 440.524 30.433 470.957 186.012 656.969
Stanziamenti Definitivi CP 508.448 46.830 555.277 248.404 803.681
Impegni 489.351 45.653 535.004 214.334 749.337
2012 Stanziamenti Definitivi CS 520.744 55.454 576.198 248.533 824.731
Totale Pagato 482.885 47.558 530.442 213.934 744.376
di cui: Pagato in c/competenza 461.321 32.203 493.524 213.792 707.317
Stanziamenti Definitivi CP 528.763 71.280 600.043 199.492 799.535
Impegni 510.835 71.175 582.010 170.973 752.983
2013 Stanziamenti Definitivi CS 543.817 74.946 618.762 200.042 818.805
Totale Pagato 499.799 60.813 560.612 171.089 731.701
di cui: Pagato in c/competenza 473.327 50.563 523.890 170.579 694.469
Stanziamenti Definitivi CP 543.231 77.538 620.769 226.890 847.658
Impegni 526.195 76.830 603.025 207.562 810.587
2014 Stanziamenti Definitivi CS 554.369 84.082 638.451 227.144 865.595
Totale Pagato 503.709 59.406 563.115 207.618 770.732
di cui: Pagato in c/competenza 476.907 49.893 526.799 207.197 733.996
Stanziamenti Definitivi CP 582.392 42.316 624.708 233.063 857.771
Impegni 569.801 41.310 611.111 215.520 826.631
2015 Stanziamenti Definitivi CS 600.135 60.124 660.259 233.437 893.696
Totale Pagato 555.063 45.199 600.262 212.642 812.904
di cui: Pagato in c/competenza 521.708 26.386 548.094 212.286 760.380

La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato
al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/

53
54
Tavola 2.2.2: Scostamento tra stanziamenti iniziali e stanziamenti definitivi di competenza, per Missione e tipologia di variazione di bilancio
Anno 2015 (dati in milioni di euro)

A t t i amminist rat iv i
(int erv enut i dopo la legge di assest ament o) Sc ost ament o t ra
St anz iament i St anz iament i V ariaz ioni di st anz iament i
M issione iniz iali def init iv i assest ament o Nuov e leggi di Reisc riz ione Riassegnaz ione T ot ale (i) = def init iv i e
(a) (b) (c ) Ripart o f ondi A lt re v ariaz ioni
spesa residui ent rat e (d)+ (e)+ (f )+ (g)+ ( st anz iament i L B
(g) c ompensat iv e (h) (b)- (a) = (c )+ (i)
(d) (e) (f ) h)
ANNUARIO STATISTICO 2016

Organi costituzionali, a rilev anza costituzionale e Presidenza del


2.667 2.681 30 -28 - 12 0 - -16 14
Consiglio dei ministri
Amministrazione generale e supporto alla rappresentanza generale di
521 597 41 -0 - 28 8 0 36 76
Gov erno e dello Stato sul territorio
Relazioni finanziarie con le autonomie territoriali 131.157 115.591 -14.750 -1.620 466 679 56 -398 -816 -15.566
L'Italia in Europa e nel mondo 26.376 25.904 -702 180 9 36 6 -1 230 -472
Difesa e sicurezza del territorio 19.706 20.470 279 229 144 47 -10 76 485 764
Giustizia 7.799 8.320 128 -15 12 141 137 117 393 521
Ordine pubblico e sicurezza 10.724 11.446 151 18 48 337 86 81 571 722
Soccorso civ ile 3.764 4.320 225 197 20 73 23 18 331 556
Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca 835 1.015 58 0 55 14 40 13 122 179
Energia e div ersificazione delle fonti energetiche 265 660 1 -9 1,028 401 1 0 393 395
Competitiv ita' e sv iluppo delle imprese 16.059 17.165 215 126 152 470 139 3 891 1.105
Regolazione dei mercati 12 40 12 0 1 15 0 1 17 28
Diritto alla mobilita' e sv iluppo dei sistemi di trasporto (1) 11.665 11.711 17 -205 156 31 46 0 28 46
Infrastrutture pubbliche e logistica 4.646 4.900 -123 62 56 255 4 0 377 254
Comunicazioni 686 1.071 36 3 339 4 3 -1 349 385
Commercio internazionale ed internazionalizzazione del sistema
251 263 -0 10 0 1 1 0 12 12
produttiv o
Ricerca e innov azione 2.621 2.869 42 66 119 2 16 3 206 248
Sv iluppo sostenibile e tutela del territorio e dell'ambiente 763 1.322 28 200 34 284 11 2 531 559
Casa e assetto urbanistico 1.703 1.873 103 21 46 0 0 0 67 170
Tutela della salute 930 1.633 24 4 14 27 227 408 680 703
Tutela e v alorizzazione dei beni e attiv ita' culturali e paesaggistici 1.388 1.592 47 -2 8 62 62 26 156 204
Istruzione scolastica 41.589 43.116 438 609 0 9 418 53 1.089 1.528
Istruzione univ ersitaria e formazione post-univ ersitaria (2) 7.730 7.780 -10 2 7 27 15 7 59 49
Diritti sociali, politiche sociali e famiglia 34.144 34.889 421 128 8 194 -6 0 324 745
Politiche prev idenziali 102.767 106.073 3.072 -495 12,055 719 -2 0 234 3.306
Politiche per il lav oro 10.376 10.589 -196 280 7 165 6 -49 409 213
Immigrazione, accoglienza e garanzia dei diritti 1.794 2.279 320 -3 8 141 16 4 166 485
Sv iluppo e riequilibrio territoriale 6.207 6.012 0 -426 230 0 0 - -196 -196
Politiche economico-finanziarie e di bilancio 68.011 93.126 24.694 -309 23 607 29 72 421 25.115
Giov ani e sport 632 688 28 20 - 8 - - 28 56
Turismo 30 29 -1 0 - 0 0 - 1 -0
Serv izi istituzionali e generali delle amministrazioni pubbliche 1.465 1.843 107 15 5 109 131 10 270 377

(1) La Missione ha cambiato denominazione nel 2015; in precedenza era denominata "Diritto alla mobilità"
F ondi da ripartire 9.749 3.392 -1.991 -796 -1.982 320 -1.463 -445 -4.366 -6.357

(2) La Missione ha cambiato denominazione nel 2015; in precedenza era denominata "Istruzione universitaria"
Debito pubblico 318.280 312.511 -13.518 1 - 7.750 - - 1,300 7.749 -5.769

T OT A L E 847.313 857.771 - 773 - 1.737 0 12.968 -0 0 11.231 10.458


Tavola 2.2.3: Scostamento tra stanziamenti iniziali e stanziamenti definitivi di cassa, per Missione e tipologia di variazione di bilancio
Anno 2015 (dati in milioni di euro)
A t t i amminist rat iv i
(int erv enut i dopo la legge di assest ament o) Sc ost ament o t ra
st anz iament i
St anz iament i St anz iament i V ariaz ioni di
M issione A lt re v ariaz ioni def init iv i e
iniz iali (a) def init iv i (b) assest ament o (c )
Nuov e leggi di Reisc riz ione Riassegnaz ione T ot ale (i) = st anz iament i L B
Ripart o f ondi (g) c ompensat iv e
spesa (d) residui (e) ent rat e (f ) (d)+ (e)+ (f )+ (g)+ (h) (b)- (a) = (c )+ (i)
(h)

Organi costituzionali, a rilev anza costituzionale e Presidenza del


2.667 2.705 53 -28 - 12 0 0 -16 37
Consiglio dei ministri
Amministrazione generale e supporto alla rappresentanza generale di
521 603 42 -0 - 28 8 4 40 83
Gov erno e dello Stato sul territorio
Relazioni finanziarie con le autonomie territoriali 131.158 126.846 -3.424 -1.620 466 679 67 -482 -889 -4.313
L'Italia in Europa e nel mondo 26.376 25.948 -694 180 9 36 6 35 266 -428
Difesa e sicurezza del territorio 21.021 21.877 280 229 144 47 146 10 576 857
Giustizia 7.799 8.415 244 -15 12 141 137 95 371 616
Ordine pubblico e sicurezza 10.727 11.935 406 18 48 337 121 278 802 1.208
Soccorso civ ile 3.767 4.449 227 197 20 73 89 76 456 682
Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca 955 1.203 126 0 55 14 40 13 122 248
Energia e div ersificazione delle fonti energetiche 265 1.079 416 -9 1,028 401 1 5 398 814
Competitiv ita' e sv iluppo delle imprese 16.069 23.378 6.433 126 152 470 141 -14 876 7.309
Regolazione dei mercati 12 36 12 0 1 15 0 -3 12 25
Diritto alla mobilita' e sv iluppo dei sistemi di trasporto (1) 11.739 13.932 1.692 -205 156 31 546 -27 501 2.193
Infrastrutture pubbliche e logistica 4.734 5.193 49 62 56 255 4 34 411 460
Comunicazioni 686 2.409 1.313 3 339 4 50 12 410 1.723
Commercio internazionale ed internazionalizzazione del sistema
251 263 -0 10 0 1 1 0 12 12
produttiv o
Ricerca e innov azione 2.656 3.725 703 66 119 2 121 57 365 1.069
Sv iluppo sostenibile e tutela del territorio e dell'ambiente 794 1.563 189 200 34 284 61 1 580 769
Casa e assetto urbanistico 1.703 2.671 937 21 46 0 0 -35 32 969
Tutela della salute 934 1.821 192 4 14 27 227 424 695 887
Tutela e v alorizzazione dei beni e attiv ita' culturali e paesaggistici 1.393 1.673 87 -2 8 62 78 47 193 280
Istruzione scolastica 41.589 43.883 1.188 609 0 9 418 70 1.106 2.294
Istruzione univ ersitaria e formazione post-univ ersitaria (2) 7.730 8.479 684 2 7 27 20 9 65 748
Diritti sociali, politiche sociali e famiglia 34.148 35.436 493 128 8 194 265 200 795 1.289
Politiche prev idenziali 102.779 106.169 3.166 -495 12,055 719 -2 -10 224 3.390
Politiche per il lav oro 10.376 11.077 293 280 7 165 6 -50 408 701
Immigrazione, accoglienza e garanzia dei diritti 1.821 2.579 427 -3 8 141 24 161 331 758
Sv iluppo e riequilibrio territoriale 6.207 6.012 0 -426 230 0 0 0 -196 -196
Politiche economico-finanziarie e di bilancio 68.259 94.223 25.623 -489 23 607 64 138 342 25.965
Giov ani e sport 632 697 28 20 - 7,618 9,065 0 37 65
Turismo 30 92 68 0 - 0 2 - 8,971 -6 62

(1) La Missione ha cambiato denominazione nel 2015; in precedenza era denominata "Diritto alla mobilità"
Serv izi istituzionali e generali delle amministrazioni pubbliche 1.465 1.993 169 5 5 109 146 93 359 528

(2) La Missione ha cambiato denominazione nel 2015; in precedenza era denominata "Istruzione universitaria
BILANCIO DELLO STATO

F ondi da ripartire 18.749 8.345 -4.076 -786 -1.982 320 -2.797 -1.083 -6.327 -10.403

55
Debito pubblico 318.280 312.987 -12.993 1 - 7.750 0 -51 7.700 -5.293

T OT A L E 858.291 893.696 24.353 - 1.916 0 12.968 0 -0 11.051 35.405


56
Tavola 2.2.4: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per missione e programma. Anno 2015 (dati in milioni di euro)

St anziament i St anziament i di cui


M issione e Programma Residui Iniziali Impegnat o T ot ale Pagat o
def init iv i CP def init iv i CS Pagat o CP

1 Organi cost it uzionali, a rilev anza cost it uzionale e Presidenza del Consiglio dei minist ri 26 2.681 2.705 2.681 2.694 2.671

1 Organi costituzionali - 1.760 1.760 1.760 1.760 1.760


ANNUARIO STATISTICO 2016

2 Organi a rilevanza costituzionale 23 498 521 498 512 489


3 Presidenza del Consiglio dei Ministri 3 424 424 424 422 422
A mminist razione generale e support o alla rappresent anza generale di Gov erno e dello St at o sul
2 7 597 603 580 572 566
t errit orio
Attuazione da parte delle Prefetture - Uffici Territoriali del Governo delle missioni del Ministero dell'Interno sul
2 7 595 601 579 570 564
territorio
3 Supporto alla rappresentanza generale di Governo e dello Stato sul territorio e amministrazione generale sul territorio 0 2 2 2 2 2

3 Relazioni f inanziarie con le aut onomie t errit oriali 38.586 115.591 126.846 115.455 108.906 94.737

1 Erogazioni a Enti territoriali per interventi di settore 9.958 573 10.088 572 5.695 251
2 Interventi, servizi e supporto alle autonomie territoriali 77 32 33 31 30 26
Elaborazione, quantificazione, e assegnazione dei trasferimenti erariali; determinazione dei rimborsi agli enti locali
3 269 14.077 14.201 14.032 13.376 13.259
anche in via perequativa
4 Federalismo 18.074 68.771 69.665 68.757 57.427 54.529
5 Regolazioni contabili ed altri trasferimenti alle Regioni a statuto speciale 2.895 24.483 24.777 24.409 24.727 22.526
6 Concorso dello Stato al finanziamento della spesa sanitaria 7.209 6.996 7.396 6.995 7.009 3.540
7 Rapporti finanziari con Enti territoriali 82 628 628 628 597 577
8 Gestione dell'albo dei segretari comunali e provinciali 22 32 59 32 46 28

4 L'It alia in Europa e nel mondo 439 25.904 25.948 24.704 24.714 24.508

1 Protocollo internazionale 0 8 8 6 6 5
2 Cooperazione allo sviluppo 157 931 948 898 893 774
4 Cooperazione economica e relazioni internazionali 19 44 42 42 39 21
6 Promozione della pace e sicurezza internazionale 8 626 623 613 612 607
7 Integrazione europea 31 27 50 24 47 21
8 Italiani nel mondo e politiche migratorie 0 45 45 44 44 44
9 Promozione del sistema Paese 8 152 149 142 139 134
10 Partecipazione italiana alle politiche di bilancio in ambito UE - 23.000 23.000 21.874 21.874 21.874
11 Politica economica e finanziaria in ambito internazionale 1 391 392 390 390 389
12 Presenza dello Stato all'estero tramite le strutture diplomatico-consolari 9 111 117 111 117 108
(segue)
segue Tavola 2.2.4: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per missione e programma. Anno 2015 (dati in milioni di euro)

St anziament i St anziament i di cui


M issione e Programma Residui Iniziali Impegnat o T ot ale Pagat o
def init iv i CP def init iv i CS Pagat o CP
13 Rappresentanza all'estero e servizi ai cittadini e alle imprese 11 542 539 532 521 514
14 Coordinamento dell'Amministrazione in ambito internazionale 16 23 28 23 28 14
15 Comunicazione in ambito internazionale 2 5 6 4 6 4
16 Cooperazione economica, finanziaria e infrastrutturale 176 0 0 0 - -

5 Dif esa e sicurezza del t errit orio 2.832 20.470 21.877 20.228 20.655 18.769

1 Approntamento e impiego Carabinieri per la difesa e la sicurezza 226 5.748 5.816 5.700 5.710 5.488
2 Approntamento e impiego delle forze terrestri 197 4.990 5.043 4.982 4.964 4.854
3 Approntamento e impiego delle forze navali 62 2.185 2.203 2.179 2.143 2.097
4 Approntamento e impiego delle forze aeree 66 2.692 2.680 2.689 2.666 2.618
5 Interventi non direttamente connessi con l'operativita' dello strumento militare 10 461 466 458 456 450
6 Pianificazione generale delle Forze Armate e approvvigionamenti militari 2.271 4.393 5.638 4.220 4.717 3.262
8 Missioni militari di pace - 1 32 - - -

6 Giust izia 784 8.320 8.415 8.268 7.780 7.377

1 Amministrazione penitenziaria 145 2.857 2.906 2.821 2.822 2.741


2 Giustizia civile e penale 505 5.086 5.114 5.087 4.604 4.334
3 Giustizia minorile 26 164 176 151 154 136
5 Giustizia tributaria 108 214 219 210 200 166

7 Ordine pubblico e sicurezza 902 11.446 11.935 11.237 11.214 10.647

4 Sicurezza democratica 7 645 652 645 632 625


5 Concorso della Guardia di Finanza alla sicurezza pubblica 131 1.385 1.443 1.288 1.307 1.229
6 Sicurezza pubblica in ambito rurale e montano 6 180 182 175 175 170
7 Sicurezza e controllo nei mari, nei porti e sulle coste 124 768 795 711 752 655
8 Contrasto al crimine, tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica 378 6.973 7.178 6.945 6.891 6.603
9 Servizio permanente dell'Arma dei Carabinieri per la tutela dell'ordine e la sicurezza pubblica 22 786 800 786 778 756
10 Pianificazione e coordinamento Forze di polizia 234 708 884 687 679 609
(segue)
BILANCIO DELLO STATO

57
58
segue Tavola 2.2.4: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per missione e programma. Anno 2015 (dati in milioni di euro)

St anz iament i St anz iament i di c ui


M issione e Programma Residui Iniz iali Impegnat o T ot ale Pagat o
def init iv i CP def init iv i CS Pagat o CP

8 Soc c orso c iv ile 242 4.320 4.449 4.210 4.151 3.963

1 Interv enti per soccorsi 12 140 142 127 124 114


ANNUARIO STATISTICO 2016

2 Gestione del sistema nazionale di difesa civ ile 3 6 9 6 6 5


3 Prev enzione dal rischio e soccorso pubblico 128 2.158 2.224 2.101 2.059 1.959
4 Interv enti per pubbliche calamita' 42 148 150 141 121 100
5 Protezione civ ile 57 1.868 1.925 1.835 1.842 1.785

9 A gric olt ura, polit ic he agroaliment ari e pesc a 307 1.015 1.203 1.010 972 789

2 Politiche europee ed internazionali e dello sv iluppo rurale 169 453 569 452 443 362
3 Sostegno al settore agricolo - 183 183 183 183 183
5 V igilanza, prev enzione e repressione frodi nel settore agricolo, agroalimentare, agroindustriale e forestale 5 48 51 46 45 42
6 Politiche competitiv e, della qualita' agroalimentare, della pesca, dell'ippica e mezzi tecnici di produzione 133 330 400 328 302 202

10 Energia e div ersif ic az ione delle f ont i energet ic he 502 660 1.079 656 458 180

6 Sicurezza approv v igionamento, infrastrutture mercati gas e petrolio e relazioni internazionali nel settore energetico 0 17 17 17 5 4
7 Regolamentazione del settore elettrico, nucleare, delle energie rinnov abili e dell'efficienza energetica, ricerca per lo sv iluppo sostenibile
310 547 785 546 350 170
8 Sv iluppo, innov azione, regolamentazione e gestione delle risorse minerarie ed energetiche 192 96 277 93 103 6

11 Compet it iv it a' e sv iluppo delle imprese 7.241 17.165 23.378 17.070 22.031 15.640

Promozione e attuazione di politiche di sv iluppo, competitiv ità e innov azione, di responsabilità sociale d'impresa e
5 893 2.851 3.063 2.851 2.724 2.379
mov imento cooperativ o
6 V igilanza sugli enti, sul sistema cooperativ o e sulle gestioni commissariali 12 318 326 318 18 10
7 Incentiv azione del sistema produttiv o 530 1.578 1.990 1.575 1.478 1.195
8 Incentiv i alle imprese per interv enti di sostegno 276 359 462 298 356 96
9 Interv enti di sostegno tramite il sistema della fiscalita' 5.438 11.984 17.409 11.956 17.354 11.916
10 Lotta alla contraffazione e tutela della proprieta' industriale 92 74 127 72 100 45
Coordinamento azione amministrativ a, attuazione di indirizzi e programmi per fav orire competitiv ità e sv iluppo delle
11 - 1 1 0 0 0
imprese, dei serv izi di comunicazione e del settore energetico

12 Regolaz ione dei merc at i 15 40 36 39 18 13

4 V igilanza sui mercati e sui prodotti, promozione della concorrenza e tutela dei consumatori 15 40 36 39 18 13

13 Dirit t o alla mobilit a' e sv iluppo dei sist emi di t rasport o 7.169 11.711 13.932 11.644 11.845 8.592

1 Sv iluppo e sicurezza della mobilita' stradale 165 343 352 328 299 239
2 Autotrasporto ed intermodalita' 131 253 304 251 208 165
(segue)
segue Tavola 2.2.4: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per missione e programma. Anno 2015 (dati in milioni di euro)

St anziament i St anziament i di cui


M issione e Programma Residui Iniziali Impegnat o T ot ale Pagat o
def init iv i CP def init iv i CS Pagat o CP
4 Sviluppo e sicurezza del trasporto aereo 40 165 150 149 117 78
5 Sistemi ferroviari, sviluppo e sicurezza del trasporto ferroviario 830 807 898 806 467 32
6 Sviluppo e sicurezza della mobilita' locale 439 5.869 5.858 5.864 5.404 5.288
8 Sostegno allo sviluppo del trasporto 5.082 3.528 5.551 3.528 4.704 2.298
9 Sviluppo e sicurezza della navigazione e del trasporto marittimo e per vie d'acqua interne 481 747 819 719 646 491

14 Inf rast rut t ure pubbliche e logist ica 4.501 4.900 5.193 4.849 3.725 2.389

5 Sistemi idrici, idraulici ed elettrici 16 69 69 64 61 52


8 Opere pubbliche e infrastrutture 59 510 566 510 316 316
9 Sicurezza, vigilanza e regolamentazione in materia di opere pubbliche e delle costruzioni 1 8 9 7 7 6
10 Opere strategiche, edilizia statale ed interventi speciali e per pubbliche calamita' 3.739 3.351 3.472 3.318 2.688 1.588
11 Sistemi stradali, autostradali ed intermodali 685 963 1.078 951 653 427

15 Comunicazioni 1.568 1.071 2.409 1.069 2.116 771

3 Servizi postali e telefonici 1.301 676 1.954 676 1.766 487


4 Sostegno all'editoria 47 225 225 225 203 197
5 Pianificazione, regolamentazione, vigilanza e controllo delle comunicazioni elettroniche e radiodiffusione, riduzione inquinamento elettromagnetico
0 18 18 17 18 17
8 Servizi di Comunicazione Elettronica, di Radiodiffusione e Postali 218 112 172 112 92 34
9 Attività territoriali in materia di comunicazioni e di vigilanza sui mercati e sui prodotti 1 40 40 38 37 36

16 Commercio int ernazionale ed int ernazionalizzazione del sist ema produt t iv o 41 263 263 262 198 188

4 Politica commerciale in ambito internazionale 0 7 7 7 7 7


5 Sostegno all'internazionalizzazione delle imprese e promozione del made in Italy 41 255 255 255 192 182

17 Ricerca e innov azione 1.702 2.869 3.725 2.848 3.076 2.324

3 Ricerca in materia ambientale 0 82 82 82 82 82


4 Ricerca educazione e formazione in materia di beni e attivita' culturali 0 19 19 20 20 19
6 Ricerca nel settore dei trasporti 9 4 4 4 4 4
11 Ricerca tecnologica nel settore della difesa 104 53 87 33 56 6
15 Ricerca di base e applicata 48 219 219 218 123 118
18 Ricerca, innovazione, tecnologie e servizi per lo sviluppo delle comunicazioni e della societa' dell'informazione 4 11 11 12 11 9
BILANCIO DELLO STATO

59
(segue)
60
segue Tavola 2.2.4: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per missione e programma. Anno 2015 (dati in milioni di euro)

St anziament i St anziament i di cui


M issione e Programma Residui Iniziali Impegnat o T ot ale Pagat o
def init iv i CP def init iv i CS Pagat o CP
20 Ricerca per il settore della sanita' pubblica 235 310 362 310 269 182
21 Ricerca per il settore zooprofilattico 13 15 15 15 13 4
ANNUARIO STATISTICO 2016

22 Ricerca scientifica e tecnologica di base e applicata 1.290 2.156 2.924 2.155 2.499 1.897

18 Sv iluppo sost enibile e t ut ela del t errit orio e dell'ambient e 493 1.322 1.563 1.294 980 631

3 V alutazioni e autorizzazioni ambientali 4 21 21 20 16 14


5 Sviluppo sostenibile, rapporti e attività internazionali 168 119 195 118 119 25
7 Tutela e conservazione della fauna e della flora e salvaguardia della biodiversita' 15 207 214 189 188 181
8 V igilanza, prevenzione e repressione in ambito ambientale 1 22 20 22 20 19
11 Coordinamento generale, informazione e comunicazione 10 16 16 16 3 3
12 Gestione delle risorse idriche, tutela del territorio e bonifiche 129 435 429 433 286 235
13 Tutela e conservazione della fauna e della flora, salvaguardia della biodiversita' e dell'ecosistema marino 50 169 170 166 137 114
14 Sostegno allo sviluppo sostenibile 78 187 337 185 156 4
15 Prevenzione e gestione dei rifiuti, prevenzione degli inquinamenti 27 60 72 60 36 25
16 Programmi e interventi per il governo dei cambiamenti climatici, gestione ambientale ed energie rinnovabili 11 86 87 85 17 12

19 Casa e asset t o urbanist ico 1.019 1.873 2.671 1.854 1.758 1.277

1 Edilizia abitativa e politiche territoriali 815 1.419 2.234 1.419 1.416 990
2 Politiche abitative, urbane e territoriali 204 454 438 435 341 287

20 T ut ela della salut e 472 1.633 1.821 1.619 1.401 1.268

1 Prevenzione e promozione della salute umana ed assistenza sanitaria al personale navigante e aeronavigante 56 112 122 102 101 72
2 Sanita' pubblica veterinaria 8 44 46 43 43 38
3 Programmazione del Servizio Sanitario Nazionale per l'erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza 10 793 798 792 693 688
4 Regolamentazione e vigilanza in materia di prodotti farmaceutici ed altri prodotti sanitari ad uso umano 11 19 24 19 15 10
5 V igilanza, prevenzione e repressione nel settore sanitario 3 12 13 11 12 9
Comunicazione e promozione per la tutela della salute umana e della sanita' pubblica veterinaria e attivita' e
6 6 27 32 26 25 22
coordinamento in ambito internazionale
7 V igilanza sugli enti e sicurezza delle cure 361 583 736 583 470 399
(segue)
segue Tavola 2.2.4: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per missione e programma. Anno 2015 (dati in milioni di euro)

St anziament i St anziament i di cui


M issione e Programma Residui Iniziali Impegnat o T ot ale Pagat o
def init iv i CP def init iv i CS Pagat o CP
8 Sicurezza degli alimenti e nutrizione 7 11 16 11 10 4
9 Attivita' consultiva per la tutela della salute 0 2 2 2 2 2
10 Sistemi informativi per la tutela della salute e il governo del Servizio Sanitario Nazionale 9 22 24 22 22 16
11 Regolamentazione e vigilanza delle professioni sanitarie - 4 4 4 4 4
12 Coordinamento generale in materia di tutela della salute, innovazione e politiche internazionali 1 3 4 3 3 3

21 T ut ela e v alorizzazione dei beni e at t iv it a' cult urali e paesaggist ici 230 1.592 1.673 1.596 1.583 1.402

2 Sostegno, valorizzazione e tutela del settore dello spettacolo 108 497 525 497 510 422
5 V igilanza, prevenzione e repressione in materia di patrimonio culturale 0 5 5 5 5 5
6 Tutela dei beni archeologici 17 147 156 232 236 223
9 Tutela e valorizzazione dei beni archivistici 4 144 144 143 137 135
10 Tutela e valorizzazione dei beni librari, promozione e sostegno del libro e dell'editoria 4 139 142 140 139 136
12 Tutela delle belle arti e tutela e valorizzazione del paesaggio 25 191 215 279 282 264
13 V alorizzazione del patrimonio culturale e coordinamento del sistema museale 4 252 249 87 60 57
14 Coordinamento ed indirizzo per la salvaguardia del patrimonio culturale 5 7 7 8 8 7
15 Tutela del patrimonio culturale 62 197 216 195 197 144
16 Tutela e promozione dell'arte e dell'architettura contemporanee e delle periferie urbane 1 13 13 11 10 10

22 Ist ruzione scolast ica 908 43.116 43.883 43.361 42.803 42.240

1 Programmazione e coordinamento dell'istruzione scolastica 170 868 917 857 601 516
2 Istruzione prescolastica 83 5.226 5.309 5.227 5.129 5.063
8 Iniziative per lo sviluppo del sistema istruzione scolastica e per il diritto allo studio 19 45 64 43 47 31
9 Istituzioni scolastiche non statali 232 472 704 472 638 417
10 Sostegno all'istruzione 15 14 15 14 15 -
11 Istruzione primaria 126 12.960 13.086 13.063 12.932 12.883
12 Istruzione secondaria di primo grado 64 9.202 9.266 9.201 9.138 9.103
13 Istruzione secondaria di secondo grado 181 14.118 14.295 14.273 14.110 14.041
15 Istruzione post-secondaria, degli adulti e livelli essenziali per l'istruzione e formazione professionale 1 14 15 14 14 13
(segue)
BILANCIO DELLO STATO

61
62
segue Tavola 2.2.4: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per missione e programma. Anno 2015 (dati in milioni di euro)

St anziament i St anziament i di cui


M issione e Programma Residui Iniziali Impegnat o T ot ale Pagat o
def init iv i CP def init iv i CS Pagat o CP
16 Realizzazione degli indirizzi e delle politiche in ambito territoriale in materia di istruzione 16 197 213 197 181 173

23 Ist ruzione univ ersit aria e f ormazione post - univ ersit aria 993 7.780 8.479 7.774 8.280 7.476
ANNUARIO STATISTICO 2016

1 Diritto allo studio nell'istruzione universitaria 84 240 274 240 271 189
2 Istituti di alta cultura 12 455 466 455 460 449
3 Sistema universitario e formazione post-universitaria 898 7.084 7.738 7.079 7.548 6.838

24 Dirit t i sociali, polit iche sociali e f amiglia 645 34.889 35.436 34.686 34.093 33.299

Terzo settore (associazionismo, volontariato, Onlus e formazioni sociali) e responsabilita' sociale delle imprese e delle
2 33 246 518 245 403 126
organizzazioni
4 Lotta alle dipendenze 2 9 11 9 10 7
5 Protezione sociale per particolari categorie 381 5.221 5.412 5.205 5.214 4.839
6 Garanzia dei diritti dei cittadini 36 154 176 137 158 129
7 Sostegno alla famiglia - 25 25 25 25 25
8 Promozione e garanzia dei diritti e delle pari opportunita' 1 84 84 84 83 82
11 Sostegno in favore di pensionati di guerra ed assimilati, perseguitati politici e razziali 5 773 773 604 604 603
12 Trasferimenti assistenziali a enti previdenziali, finanziamento nazionale spesa sociale, programmazione, monitoraggio e valutazione187
politiche sociali28.377
e di inclusione attiva
28.437 28.377 27.597 27.488

25 Polit iche prev idenziali 14.163 106.073 106.169 105.984 101.676 95.207

2 Previdenza obbligatoria e complementare, sicurezza sociale - trasferimenti agli enti ed organismi interessati 1.070 13.438 13.529 13.350 12.713 11.760
3 Previdenza obbligatoria e complementare, assicurazioni sociali 13.094 92.635 92.639 92.634 88.963 83.447

26 Polit iche per il lav oro 4.066 10.589 11.077 10.537 9.388 7.545

2 Infortuni sul lavoro - 6 6 0 0 0


6 Politiche passive del lavoro e incentivi all'occupazione 4.023 10.096 10.583 10.095 8.988 7.173
Coordinamento e integrazione delle politiche del lavoro e delle politiche sociali, innovazione e coordinamento
7 7 28 28 14 15 9
amministrativo
8 Politiche di regolamentazione in materia di rapporti di lavoro 6 18 22 17 21 17
Programmazione e coordinamento della vigilanza in materia di prevenzione e osservanza delle norme di legislazione
9 4 46 50 46 46 42
sociale e del lavoro
10 Politiche attive del lavoro, i servizi per il lavoro e la formazione 20 82 73 80 38 30
11 Servizi territoriali per il lavoro 2 298 298 269 268 267
Sistemi informativi per il lavoro e servizi di comunicazione istituzionale in materia di politiche del lavoro e politiche
12 5 15 17 15 13 9
sociali
(segue)
segue Tavola 2.2.4: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per missione e programma. Anno 2015 (dati in milioni di euro)
St anz iament i St anz iament i di c ui
M issione e Programma Residui Iniz iali Impegnat o T ot ale Pagat o
def init iv i CP def init iv i CS Pagat o CP

27 Immigraz ione, ac c oglienz a e garanz ia dei dirit t i 342 2.279 2.579 2.277 2.433 2.161

2 F lussi migratori, garanzia dei diritti e interv enti per lo sv iluppo della coesione sociale 259 1.214 1.452 1.212 1.320 1.104
5 Rapporti con le confessioni religiose e amministrazione del patrimonio del F ondo Edifici di Culto 0 5 5 5 5 5
6 F lussi migratori per motiv i di lav oro e politiche di integrazione sociale delle persone immigrate 83 10 72 10 57 2
7 Rapporti con le confessioni religiose - 1.050 1.050 1.050 1.050 1.050

28 Sv iluppo e riequilibrio t errit oriale 13.151 6.012 6.012 5.338 4.780 1.343

Sostegno alle politiche nazionali e comunitarie riv olte a promuov ere la crescita ed il superamento degli squilibri socio-
4 13.151 6.012 6.012 5.338 4.780 1.343
economici territoriali

29 Polit ic he ec onomic o- f inanz iarie e di bilanc io 6.313 93.126 94.223 90.945 89.474 84.662

1 Regolazione giurisdizione e coordinamento del sistema della fiscalita' 5.739 22.709 23.495 22.359 21.218 16.758
3 Prev enzione e repressione delle frodi e delle v iolazioni agli obblighi fiscali 209 2.464 2.578 2.377 2.441 2.289
4 Regolamentazione e v igilanza sul settore finanziario 4 493 495 488 218 214
5 Regolazioni contabili, restituzioni e rimborsi d'imposte 127 66.609 66.624 64.927 64.828 64.813
6 Analisi e programmazione economico-finanziaria 170 316 425 287 304 171
7 Analisi, monitoraggio e controllo della finanza pubblica e politiche di bilancio 46 302 370 282 238 202
Supporto all'azione di controllo, v igilanza e amministrazione generale della Ragioneria generale dello Stato sul
8 18 233 237 224 227 214
territorio
30 Giov ani e sport 28 688 697 687 667 655
1 Attiv ita' ricreativ e e sport 28 633 642 632 632 620
2 Incentiv azione e sostegno alla giov entu' - 55 55 55 35 35

31 T urismo 175 29 92 30 48 23

1 Sv iluppo e competitiv ita' del turismo 175 29 92 30 48 23

32 Serv iz i ist it uz ionali e generali delle amminist raz ioni pubblic he 402 1.843 1.993 1.759 1.817 1.489

2 Indirizzo politico 12 213 215 184 183 177


3 Serv izi e affari generali per le amministrazioni di competenza 169 1.004 1.049 965 957 843
4 Serv izi generali, formativ i ed approv v igionamenti per le Amministrazioni pubbliche 217 479 581 474 546 342
Rappresentanza, difesa in giudizio e consulenza legale in fav ore delle Amministrazioni dello Stato e degli enti
5 4 147 148 135 131 128
autorizzati

33 F ondi da ripart ire 2.414 3.392 8.345 1.433 790 343

1 F ondi da assegnare 2.414 2.948 3.325 1.433 790 343


2 F ondi di riserv a e speciali - 444 5.021 - - -

34 Debit o pubblic o 578 312.511 312.987 288.645 285.809 285.233

1 Oneri per il serv izio del debito statale 227 80.396 80.521 74.066 74.107 73.882
BILANCIO DELLO STATO

63
2 Rimborsi del debito statale 351 232.115 232.466 214.579 211.702 211.351

T ot ale 113.254 857.771 893.696 826.631 812.904 760.380


ANNUARIO STATISTICO 2016

Tavola 2.2.5: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per titolo e categoria
economica. Anni 2013-2015 (dati in milioni di euro)
2013
T it olo e cat egoria economica Residui St anziament i St anziament i T ot ale di cui
Impegnat o
Iniziali def init iv i CP def init iv i CS Pagat o Pagat o CP

T it olo I - Spese corrent i 51.042 528.763 543.817 510.835 499.799 473.327

Redditi da lavoro dipendente 2.062 87.922 88.417 87.206 87.300 85.912


Consumi intermedi 2.767 12.761 14.002 12.183 11.564 9.458
Imposte pagate sulla produzione 21 4.730 4.739 4.706 4.710 4.682
Trasferimenti correnti ad Amministrazioni pubbliche 39.277 244.234 247.187 243.493 234.927 216.536
Amministrazioni centrali 474 9.200 9.578 9.110 9.225 8.766
Amministrazioni locali 23.252 119.524 120.623 119.157 112.560 103.895
- Regioni 21.116 97.764 98.148 97.421 92.908 85.794
- Comuni e Province 884 7.037 7.310 7.027 4.985 4.595
- Enti produttori di servizi sanitari 179 273 322 273 262 161
- Enti locali produttori di servizi economici e di
regolazione dell'attività economica
- Enti locali produttori di servizi assistenziali,
744 7.378 7.677 7.372 7.421 6.669
ricreativi e culturali
- Comuni e Province-Devoluzione di Tributi erariali 330 7.071 7.167 7.064 6.984 6.677
Enti di previdenza 15.551 115.510 116.986 115.226 113.143 103.875
Trasferimenti a famiglie e istituzioni sociali private 661 4.394 4.751 4.228 4.125 3.701
Trasferimenti correnti a imprese 1.879 6.640 7.054 5.790 5.895 4.759
Trasferimenti correnti a estero 150 1.778 1.783 1.703 1.577 1.511
Risorse proprie Unione Europea - 18.600 18.600 17.622 17.622 17.622
Interessi passivi e redditi da capitale 262 89.883 90.083 81.869 81.966 81.712
Poste correttive e compensative 2.628 54.938 57.076 50.483 48.923 46.693
Ammortamenti - 1.024 1.024 300 300 300
Altre uscite correnti 1.334 1.859 9.100 1.253 891 441

T it olo II - Spese in cont o capit ale 24.593 71.280 74.946 71.175 60.813 50.563

Investimenti fissi lordi e acquisti di terreni 4.919 6.551 7.246 6.541 5.763 3.180
Contributi agli investimenti 4.443 13.873 15.899 13.862 14.388 11.397
Amministrazioni centrali 831 8.826 8.691 8.826 8.426 7.813
Amministrazioni locali 3.612 5.043 7.205 5.033 5.960 3.581
- Regioni 2.691 2.202 3.260 2.203 2.532 1.407
- Comuni e Province 583 2.063 3.077 2.052 2.803 1.702
- Enti produttori di servizi sanitari 67 25 25 25 4 2
- Enti locali produttori di servizi economici e di
235 737 802 736 582 465
regolazione dell'attività economica
- Enti locali produttori di servizi assistenziali,
36 16 42 16 39 6
ricreativi e culturali
Enti di previdenza e assistenza sociale - 3 3 3 3 3
Contributi agli investimenti ad imprese 4.014 11.217 12.119 11.148 9.751 6.983
Contributi agli investimenti a famiglie e istituzioni sociali
114 54 151 54 99 45
private
Contributi agli investimenti a estero 381 770 779 769 763 757
Altri trasferimenti in conto capitale 9.838 11.851 11.404 11.838 5.000 3.602
Acquisizioni di attività finanziarie 883 26.964 27.347 26.964 25.049 24.598

T it olo III - Rimborso passiv it à f inanziarie 682 199.492 200.042 170.973 171.089 170.579

T ot ale spesa f inale 75.634 600.043 618.762 582.010 560.612 523.890

T ot ale spese 76.316 799.535 818.805 752.983 731.701 694.469

(segue)

64
BILANCIO DELLO STATO

segue Tavola 2.2.5: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per titolo e categoria
economica. Anni 2013-2015 (dati in milioni di euro)
2014
T it olo e cat egoria economica Residui St anziament i St anziament i T ot ale di cui
Impegnat o
Iniziali def init iv i CP def init iv i CS Pagat o Pagat o CP

T it olo I - Spese corrent i 51.042 543.231 554.369 526.195 503.709 476.907

Redditi da lavoro dipendente 1.974 87.417 87.751 86.538 86.497 85.301


Consumi intermedi 3.288 12.639 13.664 12.284 11.657 9.093
Imposte pagate sulla produzione 33 4.707 4.744 4.659 4.680 4.642
Trasferimenti correnti ad Amministrazioni pubbliche 38.066 252.207 257.456 250.612 235.880 217.889
Amministrazioni centrali 367 9.007 9.058 8.888 8.864 8.516
Amministrazioni locali 23.417 121.192 125.522 119.909 110.312 100.947
- Regioni 19.437 103.768 104.893 102.627 90.696 85.027
- Comuni e Province 2.677 2.616 4.950 2.527 4.586 2.172
- Enti produttori di servizi sanitari 165 584 641 584 550 417
- Enti locali produttori di servizi economici e di
- 0 0 0 0 0
regolazione dell'attività economica
- Enti locali produttori di servizi assistenziali,
732 7.418 7.833 7.416 7.396 6.641
ricreativi e culturali
- Comuni e Province-Devoluzione di Tributi erariali 406 6.806 7.205 6.755 7.083 6.689
Enti di previdenza 14.282 122.008 122.876 121.815 116.704 108.426
Trasferimenti a famiglie e istituzioni sociali private 809 10.449 11.019 10.330 5.025 4.467
Trasferimenti correnti a imprese 1.637 6.069 6.471 5.521 5.129 4.461
Trasferimenti correnti a estero 229 1.836 1.897 1.755 1.748 1.593
Risorse proprie Unione Europea - 18.000 18.000 17.659 17.659 17.659
Interessi passivi e redditi da capitale 162 90.792 90.795 81.073 80.992 80.845
Poste correttive e compensative 3.907 55.986 56.120 54.182 53.598 50.179
Ammortamenti - 1.081 1.081 357 357 357
Altre uscite correnti 936 2.048 5.372 1.225 486 422

T it olo II - Spese in cont o capit ale 32.657 77.538 84.082 76.830 59.406 49.893

Investimenti fissi lordi e acquisti di terreni 5.257 5.536 6.555 5.527 5.290 2.700
Contributi agli investimenti 5.285 13.537 15.822 13.517 12.892 10.004
Amministrazioni centrali 1.799 8.809 9.264 8.808 8.463 7.370
Amministrazioni locali 3.486 4.729 6.558 4.710 4.429 2.634
- Regioni 2.402 1.294 2.812 1.295 1.945 825
- Comuni e Province 523 2.751 2.937 2.732 1.781 1.365
- Enti produttori di servizi sanitari 44 19 25 19 9 1
- Enti locali produttori di servizi economici e di
389 579 607 578 552 382
regolazione dell'attività economica
- Enti locali produttori di servizi assistenziali,
127 86 177 86 143 61
ricreativi e culturali
Enti di previdenza e assistenza sociale 0 0 0 0 0 0
Contributi agli investimenti ad imprese 5.514 10.371 10.920 10.344 8.491 6.420
Contributi agli investimenti a famiglie e istituzioni sociali
64 254 302 252 300 246
private
Contributi agli investimenti a estero 203 644 650 641 645 626
Altri trasferimenti in conto capitale 13.538 10.268 10.747 9.620 5.245 3.811
Acquisizioni di attività finanziarie 2.796 36.929 39.085 36.928 26.542 26.086

T it olo III - Rimborso passiv it à f inanziarie 517 226.890 227.144 207.562 207.618 207.197

T ot ale spesa f inale 83.699 620.769 638.451 603.025 563.115 526.799

T ot ale spese 84.216 847.658 865.595 810.587 770.732 733.996

(segue)

65
ANNUARIO STATISTICO 2016

segue Tavola 2.2.5: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per titolo e categoria
economica. Anni 2013-2015 (dati in milioni di euro)
2015
T it olo e cat egoria economica Residui St anziament i St anziament i T ot ale di cui
Impegnat o
Iniziali def init iv i CP def init iv i CS Pagat o Pagat o CP

T it olo I - Spese corrent i 67.565 582.392 600.135 569.801 555.063 521.708

Redditi da lavoro dipendente 1.651 87.432 87.908 86.966 86.953 86.100


Consumi intermedi 3.676 13.261 14.454 12.866 11.722 9.205
Imposte pagate sulla produzione 19 4.748 4.767 4.718 4.722 4.698
Trasferimenti correnti ad Amministrazioni pubbliche 48.980 271.467 274.845 271.213 254.147 235.229
Amministrazioni centrali 405 9.334 9.414 9.313 9.058 8.694
Amministrazioni locali 30.202 126.441 129.220 126.310 114.783 104.734
- Regioni 28.561 107.107 108.970 107.023 95.736 86.810
- Comuni e Province 565 6.060 6.324 6.017 5.723 5.509
- Enti produttori di servizi sanitari 200 276 328 276 256 171
- Enti locali produttori di servizi economici e di
0 1 1 1 1 1
regolazione dell'attività economica
- Enti locali produttori di servizi assistenziali,
799 7.337 8.019 7.333 7.865 7.085
ricreativi e culturali
- Comuni e Province-Devoluzione di Tributi erariali 77 5.660 5.579 5.660 5.203 5.158
Enti di previdenza 18.373 135.693 136.210 135.590 130.306 121.801
Trasferimenti a famiglie e istituzioni sociali private 6.262 14.025 20.246 13.800 19.345 13.331
Trasferimenti correnti a imprese 1.606 7.782 9.017 7.670 7.001 5.865
Trasferimenti correnti a estero 203 1.908 1.942 1.860 1.868 1.705
Risorse proprie Unione Europea - 17.900 17.900 16.785 16.785 16.785
Interessi passivi e redditi da capitale 240 80.857 80.985 74.523 74.563 74.336
Poste correttive e compensative 4.047 79.330 79.905 77.571 76.754 73.514
Ammortamenti - 946 946 366 366 366
Altre uscite correnti 879 2.737 7.220 1.464 838 572

T it olo II - Spese in cont o capit ale 45.226 42.316 60.124 41.310 45.199 26.386

Investimenti fissi lordi e acquisti di terreni 5.056 5.601 7.244 5.417 4.918 2.638
Contributi agli investimenti 18.062 21.464 23.664 20.750 18.873 13.604
Amministrazioni centrali 15.233 14.355 15.050 13.681 12.690 8.546
Amministrazioni locali 2.828 7.104 8.610 7.065 6.179 5.054
- Regioni 672 1.922 2.122 1.898 1.426 1.220
- Comuni e Province 1.573 4.587 5.725 4.573 4.168 3.474
- Enti produttori di servizi sanitari 35 30 31 30 9 6
- Enti locali produttori di servizi economici e di
438 491 598 490 480 309
regolazione dell'attività economica
- Enti locali produttori di servizi assistenziali,
110 74 135 74 97 46
ricreativi e culturali
Enti di previdenza e assistenza sociale - 4 4 4 4 4
Contributi agli investimenti ad imprese 7.365 9.415 12.221 9.365 10.387 6.555
Contributi agli investimenti a famiglie e istituzioni sociali
11 245 238 240 236 234
private
Contributi agli investimenti a estero 197 664 702 664 351 302
Altri trasferimenti in conto capitale 3.671 3.426 4.247 3.374 3.514 2.097
Acquisizioni di attività finanziarie 10.865 1.500 11.809 1.500 6.919 955

T it olo III - Rimborso passiv it à f inanziarie 462 233.063 233.437 215.520 212.642 212.286

T ot ale spesa f inale 112.792 624.708 660.259 611.111 600.262 548.094

T ot ale spese 113.254 857.771 893.696 826.631 812.904 760.380

66
Tavola 2.2.6: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per Amministrazione. Anni 2013- 2015 (dati in milioni di euro)

2013
Ammi n i s tra z i o n e
di cui
Re sidui Sta n z i a me n ti Sta n z i a me n ti To ta l e
I mp e g n a to Pa g a to i n
Inizia li d e fi n i ti vi CP d e fi n i ti vi CS Pa g a to
c /c o mp e te n z a

Ministero dell'Economia e delle Finanze 35.466 543.688 557.355 497.740 488.496 471.562

Ministero dello Sviluppo Economico 8.044 13.367 12.901 13.331 7.891 5.507

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali 14.564 111.694 113.581 111.576 109.824 101.178

Ministero della Giustizia 614 8.012 8.239 7.830 7.800 7.355

Ministero degli Affari Esteri 212 2.092 2.110 1.967 1.848 1.740

Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione


Internazionale

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca 3.104 53.046 54.086 53.365 52.694 50.767

Ministero dell'Interno 2.343 26.218 27.370 25.978 23.971 22.303

Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del mare 436 659 891 640 709 529

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 6.153 13.811 14.429 13.703 12.065 10.050

Ministero della Difesa 4.082 22.192 22.754 22.169 22.076 19.691

Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali 289 1.546 1.661 1.525 1.428 1.290

Ministero dei Beni e delle attività culturali e del Turismo

Ministero per i Beni e le attività culturali 215 1.692 1.833 1.655 1.609 1.442

Ministero della Salute 795 1.517 1.595 1.505 1.292 1.055


BILANCIO DELLO STATO

67
T ot ale complessiv o 76.316 799.535 818.805 752.983 731.701 694.469

(segue)
68
Segue Tavola 2.2.6: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per Amministrazione. Anni 2013- 2015 (dati in milioni di euro)
2014
Ammi n i s tra z i o n e
di cui
Re sidui Sta n z i a me n ti Sta n z i a me n ti To ta l e
I mp e g n a to Pa g a to i n
Inizia li d e fi n i ti vi CP d e fi n i ti vi CS Pa g a to
c /c o mp e te n z a
ANNUARIO STATISTICO 2016

Ministero dell'Economia e delle Finanze 37.262 592.458 601.429 557.136 525.493 510.478

Ministero dello Sviluppo Economico 12.822 11.732 11.949 11.108 6.842 4.843

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali 13.333 117.859 119.157 117.796 112.971 105.250

Ministero della Giustizia 591 7.890 8.128 7.703 7.557 7.160

Ministero degli Affari Esteri 272 2.054 2.088 1.958 1.909 1.735

Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione


Internazionale

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca 3.792 52.817 54.668 52.652 52.353 50.213

Ministero dell'Interno 4.361 22.277 25.707 21.980 24.857 20.841

Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del mare 325 895 991 874 637 513

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 6.234 13.768 14.268 13.582 12.197 10.055

Ministero della Difesa 3.869 21.052 22.010 21.027 21.519 19.141

Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali 353 1.368 1.508 1.339 1.317 1.118

Ministero dei Beni e delle attività culturali e del Turismo 258 1.941 2.065 1.883 1.680 1.489

Ministero per i Beni e le attività culturali

Ministero della Salute 745 1.549 1.628 1.549 1.401 1.161

T ot ale complessiv o 84.216 847.658 865.595 810.587 770.732 733.996

(segue)
Segue Tavola 2.2.6: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione del bilancio dello Stato per Amministrazione. Anni 2013- 2015 (dati in milioni di euro)
2015
Ammi n i s tra z i o n e
di cui
Re sidui Sta n z i a me n ti Sta n z i a me n ti To ta l e
I mp e g n a to Pa g a to i n
Inizia li d e fi n i ti vi CP d e fi n i ti vi CS Pa g a to
c /c o mp e te n z a

Ministero dell'Economia e delle Finanze 75.475 588.128 616.242 557.700 553.152 518.075

Ministero dello Sviluppo Economico 2.328 6.062 7.228 6.042 5.241 4.177

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali 17.464 131.696 132.582 131.634 126.339 118.540

Ministero della Giustizia 709 8.177 8.299 8.127 7.681 7.279

Ministero degli Affari Esteri

Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione


280 2.616 2.665 2.537 2.548 2.329
Internazionale

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca 3.574 53.278 55.412 53.514 53.622 51.655

Ministero dell'Interno 1.426 26.760 27.627 26.582 25.925 25.058

Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del mare 403 1.040 1.125 1.024 739 549

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 7.053 13.880 14.333 13.675 11.715 9.372

Ministero della Difesa 3.035 20.952 22.401 20.672 21.122 19.184

Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali 343 1.434 1.634 1.389 1.346 1.140

Ministero dei Beni e delle attività culturali e del Turismo 441 1.681 1.842 1.686 1.691 1.468

Ministero per i Beni e le attività culturali

Ministero della Salute 722 2.067 2.307 2.050 1.783 1.554


BILANCIO DELLO STATO

69
T ot ale complessiv o 113.254 857.771 893.696 826.631 812.904 760.380
70
Tavola 2.2.7: Indicatori gestionali per missione e programma. Anno 2015 (valori percentuali)
2015
Smalt iment o degli
Capacit à di spesa
M issione e Programma Capacit à di impegno impegni nell'anno di Smalt iment o dei residui
complessiv a
compet enza
impegni / st anziament i pagament i in pagament i t ot ali / massa pagament i in c.residui /
def init iv i c.compet enza / impegni spendibile residui iniziali
ANNUARIO STATISTICO 2016

Organi cost it uzionali, a rilev anza cost it uzionale e Presidenza del Consiglio dei minist ri 100,00 99,63 99,52 89,24

Organi costituzionali 100,00 100,00 100,00 0,00


Organi a rilevanza costituzionale 100,00 98,25 98,33 100,00
Presidenza del Consiglio dei Ministri 100,00 99,69 99,04 0,00
A mminist razione generale e support o alla rappresent anza generale di Gov erno e dello
97,22 97,44 94,70 92,37
St at o sul t errit orio
Attuazione da parte delle Prefetture - Uffici Territoriali del Governo delle missioni del Ministero
97,22 97,44 94,70 92,42
dell'Interno sul territorio
Supporto alla rappresentanza generale di Governo e dello Stato sul territorio e amministrazione generale
95,60 98,36 93,84 81,80
sul territorio

Relazioni f inanziarie con le aut onomie t errit oriali 99,88 82,05 70,64 36,72

Erogazioni a Enti territoriali per interventi di settore 99,99 43,87 54,07 54,66
Interventi, servizi e supporto alle autonomie territoriali 96,12 85,41 27,66 5,12
Elaborazione, quantificazione, e assegnazione dei trasferimenti erariali; determinazione dei rimborsi agli
99,68 94,50 93,24 43,30
enti locali anche in via perequativa
Federalismo 99,98 79,31 66,13 16,03
Regolazioni contabili ed altri trasferimenti alle Regioni a statuto speciale 99,70 92,29 90,32 76,05
Concorso dello Stato al finanziamento della spesa sanitaria 99,98 50,61 49,34 48,13
Rapporti finanziari con Enti territoriali 99,98 92,01 84,13 23,67
Gestione dell'albo dei segretari comunali e provinciali 99,96 87,63 85,80 83,16

L'It alia in Europa e nel mondo 95,37 99,21 93,82 47,03

Protocollo internazionale 80,34 84,65 69,31 93,96


Cooperazione allo sviluppo 96,43 86,18 82,06 75,86
Cooperazione economica e relazioni internazionali 96,17 48,74 62,33 98,54
Promozione della pace e sicurezza internazionale 97,87 99,08 96,46 56,62
Integrazione europea 89,67 84,30 80,63 85,10
Italiani nel mondo e politiche migratorie 97,60 98,85 96,35 76,09
Promozione del sistema Paese 93,77 94,30 87,14 62,24
Partecipazione italiana alle politiche di bilancio in ambito UE 95,11 100,00 95,11 0,00
Politica economica e finanziaria in ambito internazionale 99,65 99,78 99,42 95,92
Presenza dello Stato all'estero tramite le strutture diplomatico-consolari 99,71 97,87 97,08 91,00
Rappresentanza all'estero e servizi ai cittadini e alle imprese 98,17 96,56 94,21 66,47
(segue)
Segue Tavola 2.2.7: Indicatori gestionali per missione e programma. Anno 2015 (valori percentuali)
2015
Smalt iment o degli
Capacit à di spesa
M issione e Programma Capacit à di impegno impegni nell'anno di Smalt iment o dei residui
complessiv a
compet enza
impegni / st anziament i pagament i in pagament i t ot ali / massa pagament i in c.residui /
def init iv i c.compet enza / impegni spendibile residui iniziali
Coordinamento dell'Amministrazione in ambito internazionale 101,21 59,45 71,15 86,57
Comunicazione in ambito internazionale 93,14 95,21 91,41 98,75
Cooperazione economica, finanziaria e infrastrutturale 100,00 0,00 0,00 0,00

Dif esa e sicurezza del t errit orio 98,82 92,78 88,64 66,63

Approntamento e impiego Carabinieri per la difesa e la sicurezza 99,16 96,28 95,59 98,35
Approntamento e impiego delle forze terrestri 99,83 97,42 95,68 55,90
Approntamento e impiego delle forze navali 99,76 96,21 95,37 73,96
Approntamento e impiego delle forze aeree 99,88 97,37 96,67 72,99
Interventi non direttamente connessi con l'operativita' dello strumento militare 99,31 98,42 96,81 53,28
Pianificazione generale delle Forze Armate e approvvigionamenti militari 96,06 77,28 70,78 64,09
Missioni militari di pace 0,00 0,00 0,00 0,00

Giust izia 99,38 89,22 85,46 51,37

Amministrazione penitenziaria 98,74 97,20 94,02 55,58


Giustizia civile e penale 100,02 85,19 82,36 53,60
Giustizia minorile 92,00 90,33 81,11 68,51
Giustizia tributaria 98,27 78,92 62,01 31,14

Ordine pubblico e sicurezza 98,17 94,76 90,82 62,83

Sicurezza democratica 100,00 96,83 96,87 100,00


Concorso della Guardia di Finanza alla sicurezza pubblica 92,99 95,40 86,21 59,63
Sicurezza pubblica in ambito rurale e montano 97,55 97,21 94,16 73,99
Sicurezza e controllo nei mari, nei porti e sulle coste 92,50 92,14 84,23 78,02
Contrasto al crimine, tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica 99,59 95,08 93,74 76,25
Servizio permanente dell'Arma dei Carabinieri per la tutela dell'ordine e la sicurezza pubblica 99,88 96,28 96,22 98,03
Pianificazione e coordinamento Forze di polizia 97,04 88,68 72,17 30,13
(segue)
BILANCIO DELLO STATO

71
72
Segue Tavola 2.2.7: Indicatori gestionali per missione e programma. Anno 2015 (valori percentuali)
2015
Smalt iment o degli
Capac it à di spesa
M issione e Programma Capac it à di impegno impegni nell'anno di Smalt iment o dei residui
c omplessiv a
c ompet enz a
impegni / st anziament i pagament i in pagament i t ot ali / massa pagament i in c.residui /
def init iv i c.compet enza / impegni spendibile residui iniziali
ANNUARIO STATISTICO 2016

Soc c orso c iv ile 97,46 94,14 90,99 77,54

Interv enti per soccorsi 91,02 89,51 81,48 81,47


Gestione del sistema nazionale di difesa civ ile 94,64 86,67 65,89 29,91
Prev enzione dal rischio e soccorso pubblico 97,39 93,25 90,08 77,72
Interv enti per pubbliche calamita' 95,28 71,11 63,52 48,72
Protezione civ ile 98,20 97,27 95,66 100,00

A gric olt ura, polit ic he agroaliment ari e pesc a 99,50 78,18 73,57 59,59

Politiche europee ed internazionali e dello sv iluppo rurale 99,77 80,02 71,12 47,73
Sostegno al settore agricolo 100,00 100,00 100,00 0,00
V igilanza, prev enzione e repressione frodi nel settore agricolo, agroalimentare, agroindustriale e forestale 95,27 91,44 84,45 56,76
Politiche competitiv e, della qualita' agroalimentare, della pesca, dell'ippica e mezzi tecnici di produzione 99,48 61,64 65,18 74,74

Energia e div ersif ic az ione delle f ont i energet ic he 99,35 27,46 39,36 55,23

Sicurezza approv v igionamento, infrastrutture mercati gas e petrolio e relazioni internazionali nel settore
99,21 26,70 26,97 47,53
energetico
Regolamentazione del settore elettrico, nucleare, delle energie rinnov abili e dell'efficienza energetica,
99,85 31,10 40,76 57,90
ricerca per lo sv iluppo sostenibile
Sv iluppo, innov azione, regolamentazione e gestione delle risorse minerarie ed energetiche 96,58 6,09 35,92 50,92

Compet it iv it a' e sv iluppo delle imprese 99,45 91,62 90,27 88,26

Promozione e attuazione di politiche di sv iluppo, competitiv ità e innov azione, di responsabilità sociale
99,99 83,45 72,76 38,67
d'impresa e mov imento cooperativ o
V igilanza sugli enti, sul sistema cooperativ o e sulle gestioni commissariali 99,97 3,04 5,40 67,46
Incentiv azione del sistema produttiv o 99,83 75,86 70,14 53,50
Incentiv i alle imprese per interv enti di sostegno 82,98 32,15 56,11 94,43
Interv enti di sostegno tramite il sistema della fiscalita' 99,77 99,67 99,61 100,00
Lotta alla contraffazione e tutela della proprieta' industriale 97,88 61,57 60,16 60,07
Coordinamento azione amministrativ a, attuazione di indirizzi e programmi per fav orire competitiv ità e
1,93 96,05 1,86 0,00
sv iluppo delle imprese, dei serv izi di comunicazione e del settore energetico

Regolaz ione dei merc at i 98,29 33,10 32,92 33,97

V igilanza sui mercati e sui prodotti, promozione della concorrenza e tutela dei consumatori 98,29 33,10 32,92 33,97

Dirit t o alla mobilit a' e sv iluppo dei sist emi di t rasport o 99,43 73,79 62,74 45,38

Sv iluppo e sicurezza della mobilita' stradale 95,59 72,79 58,90 36,66


Autotrasporto ed intermodalita' 99,25 65,94 54,10 32,24
Sv iluppo e sicurezza del trasporto aereo 90,16 52,60 57,16 97,21
(segue)
Segue Tavola 2.2.7: Indicatori gestionali per missione e programma. Anno 2015 (valori percentuali)
2015
Smalt iment o degli
Capac it à di spesa
M issione e Programma Capac it à di impegno impegni nell'anno di Smalt iment o dei residui
c omplessiv a
c ompet enz a
impegni / st anziament i pagament i in pagament i t ot ali / massa pagament i in c.residui /
def init iv i c.compet enza / impegni spendibile residui iniziali
Sistemi ferrov iari, sv iluppo e sicurezza del trasporto ferrov iario 99,93 3,92 28,53 52,47
Sv iluppo e sicurezza della mobilita' locale 99,91 90,18 85,67 26,43
Sostegno allo sv iluppo del trasporto 100,00 65,15 54,63 47,33
Sv iluppo e sicurezza della nav igazione e del trasporto marittimo e per v ie d'acqua interne 96,30 68,36 52,64 32,14

Inf rast rut t ure pubblic he e logist ic a 98,96 49,27 39,62 29,67

Sistemi idrici, idraulici ed elettrici 93,27 80,79 71,61 55,48


Opere pubbliche e infrastrutture 100,00 61,94 55,48 0,00
Sicurezza, v igilanza e regolamentazione in materia di opere pubbliche e delle costruzioni 89,09 90,92 76,49 45,37
Opere strategiche, edilizia statale ed interv enti speciali e per pubbliche calamita' 99,00 47,87 37,91 29,42
Sistemi stradali, autostradali ed intermodali 98,77 44,94 39,65 32,99

Comunic az ioni 99,82 72,11 80,18 85,78

Serv izi postali e telefonici 100,00 71,99 89,33 98,35


Sostegno all'editoria 100,00 87,32 74,51 12,93
Pianificazione, regolamentazione, v igilanza e controllo delle comunicazioni elettroniche e radiodiffusione,
97,37 98,02 95,25 88,22
riduzione inquinamento elettromagnetico
Serv izi di Comunicazione Elettronica, di Radiodiffusione e Postali 99,80 30,35 27,81 26,54
Attiv ità territoriali in materia di comunicazioni e di v igilanza sui mercati e sui prodotti 96,88 94,93 91,60 79,46

Commerc io int ernaz ionale ed int ernaz ionaliz z az ione del sist ema produt t iv o 99,90 71,79 65,32 24,62

Politica commerciale in ambito internazionale 97,75 95,74 92,85 74,11


Sostegno all'internazionalizzazione delle imprese e promozione del made in Italy 99,96 71,13 64,63 24,28

Ric erc a e innov az ione 99,27 81,59 67,29 44,22

Ricerca in materia ambientale 99,99 99,91 99,89 100,00


Ricerca educazione e formazione in materia di beni e attiv ita' culturali 102,72 99,39 101,69 65,54
Ricerca nel settore dei trasporti 100,00 99,00 33,46 1,77
Ricerca scientifica e tecnologica di base 0,00 0,00 0,00 0,00
Ricerca tecnologica nel settore della difesa 62,51 19,75 35,61 47,41
Ricerca di base e applicata
BILANCIO DELLO STATO

99,63 54,29 46,04 9,03

73
(segue)
74
Segue Tavola 2.2.7: Indicatori gestionali per missione e programma. Anno 2015 (valori percentuali)
2015
Smalt iment o degli
Capacit à di spesa
M issione e Programma Capacit à di impegno impegni nell'anno di Smalt iment o dei residui
complessiv a
compet enza
impegni / st anziament i pagament i in pagament i t ot ali / massa pagament i in c.residui /
def init iv i c.compet enza / impegni spendibile residui iniziali
ANNUARIO STATISTICO 2016

Ricerca, innovazione, tecnologie e servizi per lo sviluppo delle comunicazioni e della societa'
101,40 80,76 73,89 49,77
dell'informazione
Ricerca per il settore della sanita' pubblica 99,94 58,91 49,34 36,79
Ricerca per il settore zooprofilattico 99,46 28,47 45,54 66,65
Ricerca scientifica e tecnologica di base e applicata 99,96 88,04 72,52 46,65

Sv iluppo sost enibile e t ut ela del t errit orio e dell'ambient e 97,88 48,79 53,99 70,71

V alutazioni e autorizzazioni ambientali 95,90 69,32 64,41 54,29


Sviluppo sostenibile, rapporti e attività internazionali 99,34 20,92 41,23 55,71
Tutela e conservazione della fauna e della flora e salvaguardia della biodiversita' 91,29 95,64 84,91 51,30
V igilanza, prevenzione e repressione in ambito ambientale 99,99 85,94 85,85 83,18
Coordinamento generale, informazione e comunicazione 97,87 19,47 13,19 3,78
Gestione delle risorse idriche, tutela del territorio e bonifiche 99,63 54,18 50,84 40,22
Tutela e conservazione della fauna e della flora, salvaguardia della biodiversita' e dell'ecosistema marino 98,16 69,07 62,70 45,62
Sostegno allo sviluppo sostenibile 98,98 1,98 58,88 194,96
Prevenzione e gestione dei rifiuti, prevenzione degli inquinamenti 98,78 41,22 41,63 43,69
Programmi e interventi per il governo dei cambiamenti climatici, gestione ambientale ed energie
99,23 14,57 18,00 45,81
rinnovabili

Casa e asset t o urbanist ico 98,98 68,86 60,79 47,22

Edilizia abitativa e politiche territoriali 100,00 69,76 63,41 52,35


Politiche abitative, urbane e territoriali 95,81 65,95 51,88 26,71

T ut ela della salut e 99,11 78,35 66,52 28,00

Prevenzione e promozione della salute umana ed assistenza sanitaria al personale navigante e


91,47 70,60 60,40 51,99
aeronavigante
Sanita' pubblica veterinaria 97,23 88,52 83,09 66,46
Programmazione del Servizio Sanitario Nazionale per l'erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza 99,95 86,87 86,31 47,22
Regolamentazione e vigilanza in materia di prodotti farmaceutici ed altri prodotti sanitari ad uso umano 99,20 54,28 50,88 45,54
V igilanza, prevenzione e repressione nel settore sanitario 97,95 82,38 79,60 75,67
Comunicazione e promozione per la tutela della salute umana e della sanita' pubblica veterinaria e
93,50 86,37 75,19 48,73
attivita' e coordinamento in ambito internazionale
V igilanza sugli enti e sicurezza delle cure 99,97 68,42 49,78 19,73
(segue)
Segue Tavola 2.2.7: Indicatori gestionali per missione e programma. Anno 2015 (valori percentuali)
2015
Smalt iment o degli
Capac it à di spesa
M issione e Programma Capac it à di impegno impegni nell'anno di Smalt iment o dei residui
c omplessiv a
c ompet enz a
impegni / st anziament i pagament i in pagament i t ot ali / massa pagament i in c.residui /
def init iv i c.compet enza / impegni spendibile residui iniziali
Sicurezza degli alimenti e nutrizione 96,78 40,92 52,30 72,55
Attiv ita' consultiv a per la tutela della salute 91,65 87,01 79,93 99,99
Sistemi informativ i per la tutela della salute e il gov erno del Serv izio Sanitario Nazionale 99,74 72,91 72,42 71,70
Regolamentazione e v igilanza delle professioni sanitarie 98,51 95,24 93,82 0,00
Coordinamento generale in materia di tutela della salute, innov azione e politiche internazionali 89,10 89,62 64,66 16,27

T ut ela e v aloriz z az ione dei beni e at t iv it a' c ult urali e paesaggist ic i 100,28 87,82 86,90 78,79

Sostegno, v alorizzazione e tutela del settore dello spettacolo 99,99 85,04 84,25 80,66
V igilanza, prev enzione e repressione in materia di patrimonio culturale 100,00 99,90 99,90 99,71
Tutela dei beni archeologici 157,62 96,06 143,61 75,61
Tutela e v alorizzazione dei beni archiv istici 99,71 94,29 92,87 52,95
Tutela e v alorizzazione dei beni librari, promozione e sostegno del libro e dell'editoria 100,68 97,22 97,70 91,46
Tutela delle belle arti e tutela e v alorizzazione del paesaggio 145,89 94,45 130,08 71,52
V alorizzazione del patrimonio culturale e coordinamento del sistema museale 34,30 65,55 23,22 67,36
Coordinamento ed indirizzo per la salv aguardia del patrimonio culturale 117,02 79,28 65,66 23,37
Tutela del patrimonio culturale 98,84 74,02 76,06 85,33
Tutela e promozione dell'arte e dell'architettura contemporanee e delle periferie urbane 87,21 87,44 75,36 62,11

Ist ruz ione sc olast ic a 100,57 97,41 97,23 62,09

Programmazione e coordinamento dell'istruzione scolastica 98,69 60,27 57,87 49,67


Istruzione prescolastica 100,02 96,86 96,61 79,79
Iniziativ e per lo sv iluppo del sistema istruzione scolastica e per il diritto allo studio 96,66 71,87 73,08 81,53
Istituzioni scolastiche non statali 99,95 88,37 90,54 95,05
Sostegno all'istruzione 100,00 0,00 51,37 100,00
Istruzione primaria 100,79 98,62 98,82 38,96
Istruzione secondaria di primo grado 99,99 98,94 98,61 54,08
Istruzione secondaria di secondo grado 101,10 98,37 98,67 38,10
Istruzione post-secondaria, degli adulti e liv elli essenziali per l'istruzione e formazione professionale 99,10 96,98 94,95 76,03
Realizzazione degli indirizzi e delle politiche in ambito territoriale in materia di istruzione 100,16 87,42 84,79 50,84

Ist ruz ione univ ersit aria e f ormaz ione post - univ ersit aria 99,93 96,17 94,38 80,97
BILANCIO DELLO STATO

75
Diritto allo studio nell'istruzione univ ersitaria 99,60 78,86 83,71 98,60
Istituti di alta cultura 99,99 98,60 98,55 96,92
Sistema univ ersitario e formazione post-univ ersitaria 99,93 96,60 94,57 79,12
(segue)
76
Segue Tavola 2.2.7: Indicatori gestionali per missione e programma. Anno 2015 (valori percentuali)
2015
Smalt iment o degli
Capac it à di spesa
M issione e Programma Capac it à di impegno impegni nell'anno di Smalt iment o dei residui
c omplessiv a
c ompet enz a
impegni / st anziament i pagament i in pagament i t ot ali / massa pagament i in c.residui /
def init iv i c.compet enza / impegni spendibile residui iniziali
ANNUARIO STATISTICO 2016

Dirit t i soc iali, polit ic he soc iali e f amiglia 99,42 96,00 95,94 122,95

Terzo settore (associazionismo, v olontariato, Onlus e formazioni sociali) e responsabilita' sociale delle
99,52 51,28 144,02 834,34
imprese e delle organizzazioni
Lotta alle dipendenze 100,00 85,08 88,40 100,00
Protezione sociale per particolari categorie 99,70 92,95 93,07 98,48
Garanzia dei diritti dei cittadini 89,03 93,89 82,99 80,43
Sostegno alla famiglia 100,00 100,00 100,00 0,00
Promozione e garanzia dei diritti e delle pari opportunita' 100,00 98,44 98,45 100,00
Sostegno in fav ore di pensionati di guerra ed assimilati, perseguitati politici e razziali 78,19 99,80 77,66 22,82
Trasferimenti assistenziali a enti prev idenziali, finanziamento nazionale spesa sociale, programmazione,
100,00 96,87 96,61 57,92
monitoraggio e v alutazione politiche sociali e di inclusione attiv a

Polit ic he prev idenz iali 99,92 89,83 84,56 45,68

Prev idenza obbligatoria e complementare, sicurezza sociale - trasferimenti agli enti ed organismi interessati 99,35 88,09 87,63 89,13
Prev idenza obbligatoria e complementare, assicurazioni sociali 100,00 90,08 84,14 42,13

Polit ic he per il lav oro 99,51 71,61 64,06 45,31

Infortuni sul lav oro 3,23 100,00 3,23 0,00


Politiche passiv e del lav oro e incentiv i all'occupazione 99,99 71,05 63,66 45,12
Coordinamento e integrazione delle politiche del lav oro e delle politiche sociali, innov azione e
51,12 60,58 42,66 92,34
coordinamento amministrativ o
Politiche di regolamentazione in materia di rapporti di lav oro 95,92 98,86 87,26 64,93
Programmazione e coordinamento della v igilanza in materia di prev enzione e osserv anza delle norme di
98,95 90,72 90,06 93,11
legislazione sociale e del lav oro
Politiche attiv e del lav oro, i serv izi per il lav oro e la formazione 97,96 36,85 37,22 41,82
Serv izi territoriali per il lav oro 90,46 99,02 89,47 73,02
Sistemi informativ i per il lav oro e serv izi di comunicazione istituzionale in materia di politiche del lav oro e
100,05 62,36 66,34 78,33
politiche sociali

Immigraz ione, ac c oglienz a e garanz ia dei dirit t i 99,90 94,92 92,81 79,40

F lussi migratori, garanzia dei diritti e interv enti per lo sv iluppo della coesione sociale 99,86 91,10 89,67 83,57
Rapporti con le confessioni religiose e amministrazione del patrimonio del F ondo Edifici di Culto 96,07 99,47 95,53 85,50
F lussi migratori per motiv i di lav oro e politiche di integrazione sociale delle persone immigrate 96,79 22,27 61,41 66,43
Rapporti con le confessioni religiose 100,00 100,00 100,00 0,00
(segue)
Segue Tavola 2.2.7: Indicatori gestionali per missione e programma. Anno 2015 (valori percentuali)

2015
Smalt iment o degli
Capacit à di spesa
M issione e Programma Capacit à di impegno impegni nell'anno di Smalt iment o dei residui
complessiv a
compet enza
impegni / st anziament i pagament i in pagament i t ot ali / massa pagament i in c.residui /
def init iv i c.compet enza / impegni spendibile residui iniziali

Sv iluppo e riequilibrio t errit oriale 97,66 93,09 89,98 76,22

Sostegno alle politiche nazionali e comunitarie rivolte a promuovere la crescita ed il superamento degli
98,46 74,95 74,58 77,70
squilibri socio-economici territoriali

Polit iche economico- f inanziarie e di bilancio 97,66 93,09 89,98 76,22

Regolazione giurisdizione e coordinamento del sistema della fiscalita' 98,46 74,95 74,58 77,70
Prevenzione e repressione delle frodi e delle violazioni agli obblighi fiscali 96,47 96,26 91,32 73,13
Regolamentazione e vigilanza sul settore finanziario 99,09 43,90 43,89 93,86
Regolazioni contabili, restituzioni e rimborsi d'imposte 97,47 99,83 97,14 11,23
Analisi e programmazione economico-finanziaria 90,69 59,72 62,55 78,19
Analisi, monitoraggio e controllo della finanza pubblica e politiche di bilancio 93,51 71,34 68,50 80,31
Supporto all'azione di controllo, vigilanza e amministrazione generale della Ragioneria generale dello Stato
96,08 95,61 90,07 67,50
sul territorio

Giov ani e sport 99,87 95,32 93,14 43,14

Attivita' ricreative e sport 99,85 98,12 95,64 43,14


Incentivazione e sostegno alla gioventu' 100,00 63,35 63,35 0,00

T urismo 101,65 77,63 23,27 13,94

Sviluppo e competitivita' del turismo 101,65 77,63 23,27 13,94

Serv izi ist it uzionali e generali delle amminist razioni pubbliche 95,45 84,70 80,97 81,54

Servizi generali, formativi, assistenza legale ed approvvigionamenti per le Amministrazioni pubbliche 0,00 0,00 0,00 0,00
Indirizzo politico 86,67 95,95 81,63 54,49
Servizi e affari generali per le amministrazioni di competenza 96,20 87,29 81,58 67,41
Servizi generali, formativi ed approvvigionamenti per le Amministrazioni pubbliche 98,94 72,12 78,39 93,91
Rappresentanza, difesa in giudizio e consulenza legale in favore delle Amministrazioni dello Stato e degli
91,58 94,95 87,04 90,45
enti autorizzati

F ondi da ripart ire 42,24 23,97 13,60 18,49

Fondi da assegnare 48,61 23,97 14,73 18,49


Fondi di riserva e speciali 0,00 0,00 0,00 0,00

Debit o pubblico 92,36 98,82 91,29 99,63


BILANCIO DELLO STATO

77
Oneri per il servizio del debito statale 92,13 99,75 91,92 99,20
Rimborsi del debito statale 92,45 98,50 91,07 99,90

T ot ale complessiv o 96,37 91,99 83,72 46,38


78
Tavola 2.2.8: Indicatori gestionali per titolo e categoria economica. Anni 2013-2015 (valori percentuali)

Smalt iment o degli impegni Capacit à di spesa


Capacit à di impegno Smalt iment o dei residui
nell'anno di compet enza complessiv a
T it olo e cat egoria economica impegni / st anziament i pagament i in c.compet enza / pagament i t ot ali / massa pagament i in c.residui /
def init iv i impegni spendibile residui iniziali
ANNUARIO STATISTICO 2016

2013 2014 2015 2013 2014 2015 2013 2014 2015 2013 2014 2015

T it olo I - Spese corrent i 96,6 96,9 97,8 92,7 90,6 91,6 86,2 84,8 85,4 51,9 52,5 49,4

Redditi da lavoro dipendente 99,2 99,0 99,5 98,5 98,6 99,0 97,0 96,8 97,6 67,4 60,6 51,6
Consumi intermedi 95,5 97,2 97,0 77,6 74,0 71,5 74,5 73,2 69,2 76,1 78,0 68,5
Imposte pagate sulla produzione 99,5 99,0 99,4 99,5 99,6 99,6 99,1 98,7 99,0 132,7 116,4 124,7
Trasferimenti correnti ad Amministrazioni pubbliche 99,7 99,4 99,9 88,9 86,9 86,7 82,9 81,3 79,3 46,8 47,3 38,6
Amministrazioni centrali 99,0 98,7 99,8 96,2 95,8 93,4 95,4 94,6 93,0 96,8 94,8 89,7
Amministrazioni locali 99,7 98,9 99,9 87,2 84,2 82,9 78,8 76,3 73,3 37,3 40,0 33,3
- Regioni 99,6 98,9 99,9 88,1 82,9 81,1 78,2 73,6 70,6 33,7 29,2 31,3
- Comuni e Province 99,9 96,6 99,3 65,4 86,0 91,6 62,9 86,7 86,4 44,1 90,2 37,8
- Enti produttori di servizi sanitari 100,0 100,0 100,0 58,8 71,4 62,2 57,9 73,4 53,9 56,4 80,7 42,4
- Enti locali produttori di servizi economici e di regolazione dell'attività
0,00 100,0 100,0 0,00 91,8 100,0 0,00 91,8 94,3 0,00 0,0 0,0
economica
- Enti locali produttori di servizi assistenziali, ricreativi e culturali 99,9 100,0 100,0 90,5 89,5 96,6 91,4 90,8 96,7 101,1 103,1 97,5
- Comuni e Province-Devoluzione di Tributi erariali 99,9 99,2 100,0 94,5 99,0 91,1 94,4 98,2 90,7 93,0 97,1 57,9
Enti di previdenza 99,8 99,8 99,9 90,1 89,0 89,8 86,3 85,6 84,6 59,6 58,0 46,3
Trasferimenti a famiglie eistituzioni sociali private 96,2 98,9 98,4 87,6 43,2 96,6 81,6 44,6 95,4 64,0 69,1 96,0
Trasferimenti correnti a imprese 87,2 91,0 98,6 82,2 80,8 76,5 69,2 66,6 74,6 60,5 40,8 70,7
Trasferimenti correnti a estero 95,8 95,6 97,5 88,8 90,8 91,7 81,8 84,6 88,5 43,8 67,3 80,3
Risorse proprie Unione Europea 94,7 98,1 93,8 100,0 100,0 100,0 94,7 98,1 93,8 0,0 0,0 0,0
Interessi passivi e redditi da capitale 91,1 89,3 92,2 99,8 99,7 99,7 90,9 89,0 91,9 97,0 90,4 94,7
Poste correttive e compensative 91,9 96,8 97,8 92,5 92,6 94,8 85,0 89,5 92,1 84,9 87,5 80,0
Ammortamenti 29,3 33,0 38,7 100,0 100,0 100,0 29,3 33,0 38,7 0,0 0,0 0,0
Altre uscite correnti 67,4 59,8 53,5 35,2 34,4 39,1 27,9 16,3 23,2 33,7 6,9 30,2
(segue)
Segue Tavola 2.2.8: Indicatori gestionali per titolo e categoria economica. Anni 2013-2015 (valori percentuali)

Smalt iment o degli impegni Capacit à di spesa


Capacit à di impegno Smalt iment o dei residui
nell'anno di compet enza complessiv a
T it olo e cat egoria economica impegni / st anziament i pagament i in c.compet enza / pagament i t ot ali / massa pagament i in c.residui /
def init iv i impegni spendibile residui iniziali
2013 2014 2015 2013 2014 2015 2013 2014 2015 2013 2014 2015

T it olo II - Spese in cont o capit ale 99,9 99,1 97,6 71,0 64,9 63,9 63,4 53,9 51,6 41,7 29,1 41,6

Investimenti fissi lordi e acquisti di terreni 99,8 99,8 96,7 48,6 48,9 48,7 50,2 49,0 46,1 52,5 49,3 45,1
Contributi agli investimenti 99,9 99,9 96,7 82,2 74,0 65,6 78,6 68,5 47,8 67,3 54,6 29,2
Amministrazioni centrali 100,0 100,0 95,3 88,5 83,7 62,5 87,2 79,8 42,9 73,7 60,7 27,2
Amministrazioni locali 99,8 99,6 99,4 71,2 55,9 71,5 68,9 53,9 62,2 65,9 51,5 39,8
- Regioni 100,0 100,1 98,7 63,8 63,7 64,3 51,7 52,6 55,0 41,8 46,6 30,7
- Comuni e Province 99,5 99,3 99,7 82,9 49,9 76,0 105,9 54,4 67,7 188,9 79,6 44,1
- Enti produttori di servizi sanitari 100,0 100,0 100,0 6,4 6,9 19,6 4,8 13,9 13,3 4,3 16,9 7,8
- Enti locali produttori di servizi economici e di regolazione dell'attività
99,8 99,7 99,8 63,2 66,1 63,0 59,9 57,0 51,6 49,7 43,7 39,1
economica
- Enti locali produttori di servizi assistenziali, ricreativi e culturali 100,0 100,0 100,0 37,3 71,0 62,1 74,1 67,1 52,5 90,8 64,4 46,1
Enti di previdenza e assistenza sociale 100,0 100,0 100,0 98,1 100,0 100,0 98,1 100,0 100,0 0,0 100,0 0,0
Contributi agli investimenti ad imprese 99,4 99,7 99,5 62,6 62,1 70,0 64,0 53,5 61,9 68,9 37,6 52,0
Contributi agli investimenti a famiglie e istituzioni sociali private 99,8 99,5 97,9 84,6 97,5 97,6 59,1 94,5 92,4 47,2 84,5 20,1
Contributi agli investimenti a estero 99,8 99,6 99,9 98,4 97,6 45,5 66,3 76,1 40,7 1,7 9,3 24,6
Altri trasferimenti in conto capitale 99,9 93,7 98,5 30,4 39,6 62,1 23,1 22,0 49,5 14,2 10,6 38,6
Acquisizioni di attività finanziarie 100,0 100,0 100,0 91,2 70,6 63,7 90,0 66,8 56,0 51,1 16,3 54,9

T it olo III - Rimborso passiv it à f inanziarie 85,7 91,5 92,5 99,8 99,8 98,5 85,5 91,3 91,1 74,7 81,3 77,0

T ot ale complessiv o 94,2 95,6 96,4 92,2 90,6 92,0 83,5 82,7 83,7 48,8 43,6 46,4
BILANCIO DELLO STATO

79
ANNUARIO STATISTICO 2016

Tavola 2.2.9: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione della spesa delle amministrazioni centrali dello Stato
per missione secondo la classificazione di bilancio del 2015. Anni 2010-2015 (dati in milioni di euro)

St anziament i def init iv i di compet enza


M issione
2010 2011 2012 2013 2014 2015
Organi costituzionali, a rilevanza
costituzionale e Presidenza del Consiglio dei 3.267 2.913 2.854 2.711 2.716 2.681
ministri
Amministrazione generale e supporto alla
rappresentanza generale di Governo e dello 540 695 607 560 557 597
Stato sul territorio
Relazioni finanziarie con le autonomie
116.342 112.951 113.565 123.959 131.319 115.591
territoriali
L'Italia in Europa e nel mondo 25.452 26.018 26.586 29.024 26.111 25.904
Difesa e sicurezza del territorio 22.059 22.443 21.670 21.667 20.568 20.470
Giustizia 7.676 8.427 8.125 8.173 8.044 8.320
Ordine pubblico e sicurezza 11.180 11.738 11.424 10.976 11.073 11.446
Soccorso civile 5.072 5.434 4.939 4.988 5.149 4.320
Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca 1.259 981 1.102 1.135 952 1.015
Energia e diversificazione delle fonti
284 259 488 301 549 660
energetiche
Competitivita' e sviluppo delle imprese 7.039 4.667 4.995 6.326 12.340 17.165
Regolazione dei mercati 76 48 67 65 27 40
Diritto alla mobilita' e sviluppo dei sistemi di
11.139 10.383 11.402 14.377 12.969 11.711
trasporto (1)
Infrastrutture pubbliche e logistica 5.895 3.643 4.776 4.421 4.763 4.900
Comunicazioni 1.337 1.482 1.006 1.160 1.428 1.071
Commercio internazionale ed
268 152 155 140 163 263
internazionalizzazione del sistema produttivo
Ricerca e innovazione 3.298 3.056 2.849 3.456 2.904 2.869
Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e
1.209 1.053 806 796 1.028 1.322
dell'ambiente
Casa e assetto urbanistico 587 481 499 597 830 1.873
Tutela della salute 1.123 1.065 1.111 1.105 1.148 1.633
Tutela e valorizzazione dei beni e attivita'
1.678 1.721 1.698 1.601 1.669 1.592
culturali e paesaggistici
Istruzione scolastica 45.094 42.899 42.230 42.139 42.463 43.116
Istruzione universitaria e formazione post-
8.522 8.144 8.199 7.795 7.886 7.780
universitaria (2)
Diritti sociali, politiche sociali e famiglia 31.701 31.215 31.028 32.690 33.728 34.889
Politiche previdenziali 72.697 72.522 80.936 88.360 93.054 106.073
Politiche per il lavoro 5.283 6.040 5.686 9.175 10.110 10.589

Immigrazione, accoglienza e garanzia dei diritti 1.724 1.652 1.679 1.698 2.390 2.279

Sviluppo e riequilibrio territoriale 2.453 7.596 3.329 8.120 5.966 6.012


Politiche economico-finanziarie e di bilancio 66.660 63.469 65.442 77.668 82.336 93.126
Giovani e sport 793 666 623 635 698 688
Turismo 73 31 25 30 199 29
Servizi istituzionali e generali delle
2.839 2.141 2.247 1.959 1.910 1.843
amministrazioni pubbliche
Fondi da ripartire 4.571 4.109 4.974 2.700 3.672 3.392
Debito pubblico 300.127 276.426 336.558 289.029 316.939 312.511

T ot ale complessiv o 769.317 736.519 803.681 799.535 847.658 857.771

(1) La Missione ha cambiato denominazione nel 2015; in precedenza era denominata "Diritto alla mobilità" (segue)
(2) La Missione ha cambiato denominazione nel 2015; in precedenza era denominata "Istruzione universitaria"

80
BILANCIO DELLO STATO

segue Tavola 2.2.9: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione della spesa delle amministrazioni centrali dello
Stato per missione secondo la classificazione di bilancio del 2015. Anni 2010 -2015 (dati in milioni di euro)
Impegni
M issione
2010 2011 2012 2013 2014 2015
Organi costituzionali, a rilevanza
costituzionale e Presidenza del Consiglio dei 3.263 2.913 2.808 2.708 2.714 2.681
ministri
Amministrazione generale e supporto alla
rappresentanza generale di Governo e dello 499 684 577 516 547 580
Stato sul territorio
Relazioni finanziarie con le autonomie
114.728 110.179 112.696 123.736 130.032 115.455
territoriali
L'Italia in Europa e nel mondo 23.573 24.994 24.699 27.877 25.623 24.704
Difesa e sicurezza del territorio 21.957 22.428 21.654 21.654 20.545 20.228
Giustizia 7.516 8.408 7.733 7.988 7.857 8.268
Ordine pubblico e sicurezza 10.852 11.498 11.175 10.743 10.861 11.237
Soccorso civile 5.007 5.428 4.866 4.839 5.041 4.210
Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca 1.261 974 1.095 1.126 948 1.010
Energia e diversificazione delle fonti
283 259 487 298 543 656
energetiche
Competitivita' e sviluppo delle imprese 6.788 4.414 4.967 6.110 12.208 17.070
Regolazione dei mercati 72 45 66 64 27 39
Diritto alla mobilita' e sviluppo dei sistemi di
11.048 10.218 11.047 14.306 12.839 11.644
trasporto (1)
Infrastrutture pubbliche e logistica 5.883 3.616 4.705 4.408 4.751 4.849
Comunicazioni 1.336 1.476 1.003 1.110 1.407 1.069
Commercio internazionale ed
267 150 154 138 162 262
internazionalizzazione del sistema produttivo
Ricerca e innovazione 3.284 3.039 2.843 3.455 2.898 2.848
Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e
1.167 1.015 786 778 1.003 1.294
dell'ambiente
Casa e assetto urbanistico 586 478 499 598 830 1.854
Tutela della salute 1.116 1.067 1.094 1.096 1.152 1.619
Tutela e valorizzazione dei beni e attivita'
1.656 1.739 1.679 1.570 1.617 1.596
culturali e paesaggistici
Istruzione scolastica 44.057 42.779 42.394 42.465 42.313 43.361
Istruzione universitariaIstruzione universitaria e
8.544 8.080 8.185 7.788 7.875 7.774
formazione post-universitaria (2)
Diritti sociali, politiche sociali e famiglia 31.184 31.012 30.846 32.348 33.463 34.686
Politiche previdenziali 71.921 72.108 80.862 88.155 92.986 105.984
Politiche per il lavoro 5.215 5.983 5.625 9.103 10.064 10.537

Immigrazione, accoglienza e garanzia dei diritti 1.725 1.651 1.674 1.676 2.384 2.277

Sviluppo e riequilibrio territoriale 2.430 7.569 3.326 8.116 5.377 5.338


Politiche economico-finanziarie e di bilancio 64.987 58.875 59.356 71.254 79.412 90.945
Giovani e sport 788 662 623 634 698 687
Turismo 73 31 25 30 199 30
Servizi istituzionali e generali delle
2.718 2.047 2.147 1.871 1.832 1.759
amministrazioni pubbliche
Fondi da ripartire 1.498 1.165 1.840 1.340 2.148 1.433
Debito pubblico 258.095 259.970 295.798 253.084 288.232 288.645

T ot ale complessiv o 715.380 706.957 749.337 752.983 810.587 826.631

(1) La Missione ha cambiato denominazione nel 2015; in precedenza era denominata "Diritto alla mobilità" (segue)
(2) La Missione ha cambiato denominazione nel 2015; in precedenza era denominata "Istruzione universitaria"

81
ANNUARIO STATISTICO 2016

segue Tavola 2.2.9: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione della spesa delle amministrazioni centrali dello
Stato per missione secondo la classificazione di bilancio del 2015. Anni 2010 -2015 (dati in milioni di euro)

St anziament i def init iv i di cassa


M issione
2010 2011 2012 2013 2014 2015
Organi costituzionali, a rilevanza
costituzionale e Presidenza del Consiglio dei 3.499 3.246 2.914 2.752 2.725 2.705
ministri
Amministrazione generale e supporto alla
rappresentanza generale di Governo e dello 558 713 612 572 559 603
Stato sul territorio
Relazioni finanziarie con le autonomie
114.065 115.404 114.552 124.982 137.183 126.846
territoriali
L'Italia in Europa e nel mondo 27.022 26.146 26.488 29.105 26.174 25.948
Difesa e sicurezza del territorio 22.521 23.729 22.689 22.245 21.575 21.877
Giustizia 8.262 8.681 8.499 8.396 8.282 8.415
Ordine pubblico e sicurezza 12.237 12.374 11.990 11.497 11.363 11.935
Soccorso civile 6.001 6.269 6.078 5.560 5.221 4.449
Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca 1.664 1.244 1.316 1.230 1.061 1.203
Energia e diversificazione delle fonti
341 364 580 388 778 1.079
energetiche
Competitivita' e sviluppo delle imprese 9.715 5.632 5.814 6.801 12.965 23.378
Regolazione dei mercati 103 66 71 82 73 36
Diritto alla mobilita' e sviluppo dei sistemi di
14.277 14.411 13.909 14.948 13.275 13.932
trasporto (1)
Infrastrutture pubbliche e logistica 6.875 4.705 5.830 5.349 5.631 5.193
Comunicazioni 1.522 1.545 1.583 1.233 1.619 2.409
Commercio internazionale ed
305 209 184 163 191 263
internazionalizzazione del sistema produttivo
Ricerca e innovazione 4.347 3.771 3.453 3.777 3.710 3.725
Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e
1.851 1.474 1.334 1.032 1.136 1.563
dell'ambiente
Casa e assetto urbanistico 757 866 562 731 852 2.671
Tutela della salute 1.708 1.433 1.184 1.132 1.164 1.821
Tutela e valorizzazione dei beni e attivita'
1.828 1.922 1.859 1.716 1.770 1.673
culturali e paesaggistici
Istruzione scolastica 45.812 43.685 42.408 42.431 43.071 43.883
Istruzione universitariaIstruzione universitaria e
10.165 8.687 8.601 8.251 8.408 8.479
formazione post-universitaria (2)
Diritti sociali, politiche sociali e famiglia 32.308 32.214 32.050 33.225 34.440 35.436
Politiche previdenziali 72.852 77.377 81.234 88.350 92.990 106.169
Politiche per il lavoro 5.838 6.111 7.054 10.615 10.833 11.077

Immigrazione, accoglienza e garanzia dei diritti 1.785 1.913 1.748 1.741 2.531 2.579

Sviluppo e riequilibrio territoriale 2.774 4.574 3.108 7.076 5.231 6.012


Politiche economico-finanziarie e di bilancio 71.434 64.794 66.779 81.652 83.795 94.223
Giovani e sport 843 724 635 658 707 697
Turismo 73 31 25 30 199 92
Servizi istituzionali e generali delle
3.089 2.459 2.471 2.029 2.004 1.993
amministrazioni pubbliche
Fondi da ripartire 5.777 3.966 10.450 9.451 6.895 8.345
Debito pubblico 301.021 276.680 336.667 289.605 317.187 312.987

T ot ale complessiv o 793.229 757.419 824.731 818.805 865.595 893.696

(1) La Missione ha cambiato denominazione nel 2015; in precedenza era denominata "Diritto alla mobilità" (segue)
(2) La Missione ha cambiato denominazione nel 2015; in precedenza era denominata "Istruzione universitaria"

82
BILANCIO DELLO STATO

segue Tavola 2.2.9: Stanziamenti definitivi e risultati di gestione della spesa delle amministrazioni centrali dello
Stato per missione secondo la classificazione di bilancio del 2015. Anni 2010 -2015 (dati in milioni di euro)
T ot ale pagament i
M issione
2010 2011 2012 2013 2014 2015
Organi costituzionali, a rilevanza
costituzionale e Presidenza del Consiglio dei 3.323 3.230 2.857 2.740 2.714 2.694
ministri
Amministrazione generale e supporto alla
rappresentanza generale di Governo e dello 501 689 572 525 544 572
Stato sul territorio
Relazioni finanziarie con le autonomie
103.275 110.158 107.998 115.162 111.185 108.906
territoriali
L'Italia in Europa e nel mondo 24.669 25.040 24.484 27.799 25.608 24.714
Difesa e sicurezza del territorio 20.678 22.826 22.337 21.643 21.126 20.655
Giustizia 7.928 8.282 7.827 7.937 7.676 7.780
Ordine pubblico e sicurezza 10.923 11.587 11.307 10.900 10.971 11.214
Soccorso civile 5.468 5.658 5.573 5.194 4.968 4.151
Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca 1.329 1.145 1.149 1.039 929 972
Energia e diversificazione delle fonti
245 277 494 167 273 458
energetiche
Competitivita' e sviluppo delle imprese 7.900 5.018 5.093 5.972 6.463 22.031
Regolazione dei mercati 78 57 48 38 62 18
Diritto alla mobilita' e sviluppo dei sistemi di
10.080 12.648 11.327 12.672 11.447 11.845
trasporto (1)
Infrastrutture pubbliche e logistica 3.232 3.424 4.565 3.853 4.402 3.725
Comunicazioni 1.369 1.183 1.398 978 561 2.116
Commercio internazionale ed
230 196 136 147 184 198
internazionalizzazione del sistema produttivo
Ricerca e innovazione 3.669 3.260 3.178 3.035 2.878 3.076
Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e
1.335 1.182 1.034 815 738 980
dell'ambiente
Casa e assetto urbanistico 575 792 536 567 775 1.758
Tutela della salute 1.000 1.104 913 915 1.004 1.401
Tutela e valorizzazione dei beni e attivita'
1.639 1.766 1.761 1.534 1.581 1.583
culturali e paesaggistici
Istruzione scolastica 44.468 43.310 42.150 42.235 42.055 42.803
Istruzione universitariaIstruzione universitaria e
9.415 8.532 8.072 7.808 7.899 8.280
formazione post-universitaria (2)
Diritti sociali, politiche sociali e famiglia 30.909 31.501 31.481 32.417 33.762 34.093
Politiche previdenziali 62.372 70.156 78.152 86.743 88.367 101.676
Politiche per il lavoro 4.157 6.024 6.771 8.611 9.388 9.388

Immigrazione, accoglienza e garanzia dei diritti 1.561 1.836 1.653 1.618 2.234 2.433

Sviluppo e riequilibrio territoriale 2.078 3.030 3.104 2.961 1.602 4.780


Politiche economico-finanziarie e di bilancio 66.378 58.460 59.489 69.556 78.241 89.474
Giovani e sport 838 719 628 648 698 667
Turismo 73 31 25 30 24 48
Servizi istituzionali e generali delle
2.032 2.211 2.148 1.738 1.790 1.817
amministrazioni pubbliche
Fondi da ripartire 616 365 415 473 374 790
Debito pubblico 258.751 259.691 295.699 253.230 288.210 285.809

T ot ale complessiv o 693.092 705.387 744.376 731.701 770.732 812.904

(1) La Missione ha cambiato denominazione nel 2015; in precedenza era denominata "Diritto alla mobilità"
(2) La Missione ha cambiato denominazione nel 2015; in precedenza era denominata "Istruzione universitaria"

83
ANNUARIO STATISTICO 2016

2.3 - Il conto del patrimonio

Il conto generale del patrimonio (parte IIa del rendiconto generale dello Stato)
rappresenta il documento contabile che, annualmente, fornisce la situazione patrimoniale
dello Stato alla chiusura dell’esercizio.
L’articolo 36, comma 3, della legge 31 dicembre 2009, n.196 “Legge di contabilità
e finanza pubblica”, stabilisce che, nel conto generale del patrimonio dello Stato, sono
comprese le attività e le passività finanziarie e patrimoniali con le variazioni derivanti dalla
gestione del bilancio e quelle verificatesi per qualsiasi altra causa, nonché la dimostrazione
dei vari punti di concordanza tra la contabilità del bilancio e quella patrimoniale.
Inoltre, il conto generale del patrimonio dello Stato, in attuazione delle disposizioni
derivanti dall’applicazione degli articoli 13 e 14 del decreto legislativo 7 agosto 1997,
n.279, risponde ad una impostazione tesa a fornire una maggiore significatività dei valori
rappresentati dalle consistenze patrimoniali, con riferimento all’economicità della gestione
patrimoniale ed espone, pertanto, i conti accesi ai componenti attivi e passivi significativi
del patrimonio, raccordati con il SEC95, come specificato negli allegati 1 e 2 al decreto
interministeriale del 18 aprile 2002.
Nelle tavole 2.3.1, 2.3.2, 2.3.3 e 2.3.5 sono riportati i dati delle attività e passività
dello Stato distinti per livello SEC95, per tipologia, secondo i Ministeri che li hanno in
gestione e per voce, evidenziando, per l’esercizio 2015, un peggioramento patrimoniale di
66.846 milioni rispetto all’esercizio precedente, determinato da una diminuzione delle
attività per 5.957 milioni e da un aumento delle passività per 60.889 milioni, tale da
portare l’eccedenza complessiva delle passività, al termine dell’esercizio, a 1.758.422
milioni.
Analizzando tali risultanze contabili nel dettaglio, si rileva che le attività finanziarie
hanno presentato una diminuzione complessiva di 11.941 milioni, passando da 669.041 a
657.100 milioni, caratterizzata dalla diminuzione registrata nelle attività finanziarie di
breve termine (-19.825 milioni), che risulta compensata in parte dall’aumento registrato
nelle attività finanziarie di medio – lungo termine (+7.885 milioni).
Le attività non finanziarie prodotte hanno riportato un incremento di 6.040 milioni,
mentre per le attività non finanziarie non prodotte si è registrata una diminuzione di 56
milioni.
Le passività finanziarie, da una consistenza di 2.660.142 milioni, sono passate ad
una consistenza di 2.721.031 milioni, con un incremento di 60.889 milioni, al quale
hanno contribuito in aumento gli incrementi registrati nei debiti a medio – lungo termine
(per 36.453 milioni), nei debiti a breve termine (+22.136 milioni), mentre si è registrato un
incremento delle anticipazioni passive (+2.300 milioni).
Nella tavola 2.3.4, infine, tramite i risultati differenziali degli aumenti e delle
diminuzioni delle attività e delle passività, viene data contezza del peggioramento
patrimoniale complessivo, determinato in 66.846 milioni, ricavato dal totale scaturito dalla
variazione in aumento apportata al patrimonio dall’esercizio di bilancio (+2.477 milioni) e
dalle diminuzioni apportate dalla variazione dovuta alle operazioni patrimoniali con riflessi
sul bilancio (-32.845 milioni) e dalla variazione netta verificatasi negli elementi patrimoniali
(-36.478 milioni).

84
Tavola 2.3.1: Riassunto delle attività e passività dello Stato per tipologia. Anni 2006-2015 (dati in milioni di euro) e variazioni annue

T ipologia 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015

A T T IV IT A ' 566.935 530.179 619.062 785.828 835.563 820.719 979.717 999.008 968.566 962.609

A t t iv it à f inanziarie 459.100 417.406 486.384 534.282 566.397 545.750 694.086 704.453 669.041 657.100
Attività finanziarie a breve termine 317.162 275.525 334.859 371.237 397.465 369.382 396.762 384.886 344.579 324.754
Attività finanziarie a medio-lungo termine 141.938 141.882 151.525 163.046 168.931 176.368 297.324 319.566 324.462 332.347
Attività non finanziarie prodotte 105.027 109.682 128.820 247.445 265.186 270.833 281.645 290.355 295.229 301.269
Attività non finanziarie non prodotte 2.808 3.090 3.857 4.101 3.981 4.135 3.986 4.200 4.296 4.240

PA SSIV IT A ' 1.985.816 2.004.178 2.123.383 2.211.523 2.279.923 2.343.939 2.513.467 2.561.001 2.660.142 2.721.031

Passiv it à f inanziarie 1.985.816 2.004.178 2.123.383 2.211.523 2.279.923 2.343.939 2.513.467 2.561.001 2.660.142 2.721.031
Debiti a breve termine 732.760 665.668 736.733 722.469 701.097 696.777 709.881 673.535 710.715 732.851
Debiti a medio-lungo termine 1.210.552 1.297.627 1.349.031 1.453.247 1.543.794 1.612.330 1.766.861 1.851.471 1.914.033 1.950.486
Anticipazioni passive 42.504 40.884 37.619 35.807 35.032 34.832 36.725 35.995 35.394 37.694

ECCEDENZ A DELLE PA SSIV IT A ' 1.418.881 1.474.000 1.504.321 1.425.695 1.444.360 1.523.220 1.533.751 1.561.993 1.691.576 1.758.422

Miglioramento (+)/peggioramento (-) patrimoniale -64.834 -55.118 -30.322 78.627 -18.665 -78.860 -10.531 -28.242 -129.583 -66.846

T ipologia
2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2014

A T T IV IT A ' - 32.612 - 36.756 88.883 166.767 49.735 - 14.845 158.998 19.291 - 30.442 - 5.957

A t t iv it à f inanziarie - 35.447 - 41.694 68.978 47.898 32.114 - 20.647 148.336 10.367 - 35.412 - 11.941
Attività finanziarie a breve termine -29.611 -41.638 59.334 36.378 26.228 -28.083 27.380 -11.876 -40.307 -19.825
Attività finanziarie a medio-lungo termine -5.835 -56 9.644 11.520 5.886 7.437 120.956 22.242 4.896 7.885
Attività non finanziarie prodotte 2.722 4.655 19.139 118.624 17.741 5.647 10.811 8.710 4.874 6.040
Attività non finanziarie non prodotte 112 283 766 244 -120 155 -150 214 96 -56

PA SSIV IT A ' 32.222 18.362 119.205 88.140 68.400 64.016 169.529 47.534 99.141 60.889

Passiv it à f inanziarie 32.222 18.362 119.205 88.140 68.400 64.016 169.529 47.534 99.141 60.889
Debiti a breve termine -3.541 -67.092 71.065 -14.263 -21.372 -4.320 13.104 -36.346 37.180 22.136
Debiti a medio-lungo termine 24.114 87.075 51.404 104.216 90.547 68.537 154.531 84.610 62.562 36.453
Anticipazioni passive 11.648 -1.621 -3.265 -1.812 -774 -201 1.893 -730 -601 2.300

al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/


BILANCIO DELLO STATO

La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato

85
ANNUARIO STATISTICO 2016

Tavola 2.3.2: Attività e passività dello Stato per tipologia. Anni 2013-2015 (dati in milioni di euro)

T ipologia 2013 2014 2015

A T T IV IT A ' 999.008 968.565 962.609

A t t iv it à f inanziarie 704.453 669.041 657.100

Biglietti monete e depositi - - -


Titoli diversi dalle azioni 4.071 1.071 -
Azioni ed altre partecipazioni 256.321 260.390 263.047
Quote di fondi di investimento - - -
Crediti 384.886 344.579 324.754
Anticipazioni attive 58.544 62.380 68.157
Altri conti attivi 631 621 1.142

A t t iv it à non f inanziarie prodot t e 290.355 295.228 301.269

Capitale fisso 125.234 127.254 129.163


Scorte 836 821 808
Oggetti di valore 164.285 167.153 171.298

A t t iv it à non f inanziarie non prodot t e 4.200 4.296 4.240

PA SSIV IT A ' 2.561.001 2.660.142 2.721.031

Passiv it à f inanziarie 2.561.001 2.660.142 2.721.031

Debiti 2.525.006 2.624.748 2.683.337


Anticipazioni passive 35.995 35.394 37.694

86
Tavola 2.3.3: Attività e passività dello Stato secondo l’Amministrazione che le ha in gestione. Anni 2013-2015 (dati in milioni di euro)
A t t iv it à Passiv it à
A mminist razione
2013 2014 2015 2013 2014 2015
Ministero dell'Economia e delle Finanze 751.840 723.069 712.644 2.506.996 2.613.964 2.681.208
Ministero dello Sviluppo Economico 178 173 168 11.746 12.082 9.556
Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali 7 5 4 7.274 4.327 5.010
Ministero della Giustizia 345 337 318 658 315 380
Ministero degli Affari Esteri 965 964 46 231 197 171
Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca 8.280 2.906 2.678 4.160 3.271 3.188
Ministero dell'Interno 2.557 2.596 2.613 9.752 8.488 2.293
Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del mare 1 1 1 1.276 1.303 1.266
Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 5.348 5.327 5.516 11.778 10.305 11.843
Ministero della Difesa 63.426 64.277 65.589 1.886 1.751 1.877
Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali 1.840 1.830 1.810 2.252 1.780 1.789
Ministero per i Beni e le attività culturali 164.211 167.071 171.212 1.301 659 587
Ministero della Salute 10 10 10 1.691 1.700 1.863

T OT A LE 999.008 968.566 962.609 2.561.001 2.660.142 2.721.031


BILANCIO DELLO STATO

87
88
Tavola 2.3.4: Aumenti e diminuzioni delle attività e delle passività. Anno 2015 (dati in milioni di euro)
O p e ra z i o n i O p e ra z i o n i Re a li
Re a li
Ac c e rta me n ti p a tri mo n i a l i Tra s fo rma z i o n e Ac c e rta me n ti p a tri mo n i a l i Tra s fo rma z i o n e d i mi n u z i o n i
a u me n ti d i To ta l e To ta l e
di bila ncio c o n ri fl e s s i d i e l e me n ti di bila ncio c o n ri fl e s s i d i e l e me n ti di
p a tri mo n i o mi g l i o ra me n ti p e g g i o ra me n ti
(a ) sul bila ncio p a tri mo n i a l i (d ) sul bila ncio p a tri mo n i a l i p a tri mo n i o
(c )
(b ) (e ) (f)
ANNUARIO STATISTICO 2016

ATTIV ITA' 829.108 8.090 4.315.552 40.032 5.192.782 760.381 4.955 4.349.664 83.739 5.198.739
PASSIV ITA' - 222.063 2.252.949 16.769 2.491.781 66.250 258.043 2.218.838 9.540 2.552.671

T OT A LE 829.108 230.153 6.568.501 56.801 7.684.563 826.631 262.998 6.568.502 93.279 7.751.410

R i s u l ta ti d i ffe re n z i a l i

1. V ariazione apportata al patrimonio dall' esercizio del bilancio a-d 2.477


2. V ariazione dipendente dalle operazioni patrimoniali con riflessi sul bilancio b-e -32.845
3. V ariazione netta verificatasi negli elementi patrimoniali c-f -36.478

V A RIA Z IONE PA T RIM ONIA LE 1+ 2+ 3 - 66.846


BILANCIO DELLO STATO

Tavola 2.3.5: Attività e passività dello Stato per voce. Anni 2014-2015 (datiinmigliaia di euro)

2014 2015 d i ffe re n z e

A T T IV IT A ' 968.565 962.609 - 5.956

A t t iv it à f inanziarie 669.041 657.100 - 11.941


Bigliet t i monet e e deposit i - - -
T it oli div ersi dalle azioni 1.071 - - 1.071
A zioni ed alt re part ecipazioni 260.390 263.047 2.657
Azioni quotate 10.460 10.252 -208
Azioni non quotate 64.603 66.503 1.900
Altre partecipazioni 185.327 186.292 965
Quot e di f ondi di inv est iment o - - -
Credit i 344.579 324.754 - 19.825
Crediti di Tesoreria 135.452 116.494 -18.958
Residui attivi per denaro presso gli agenti della riscossione 41.509 37.290 -4.219
Residui attivi per denaro da riscuotere 167.618 170.970 3.352
A nt icipazioni at t iv e 62.380 68.157 5.777
Fondi di garanzia 3.251 3.234 -17
Fondi di rotazione 4.382 4.152 -230
Fondi scorte 129 136 7
Crediti ad enti pubblici ed istituti di credito 42.771 45.844 3.073
Crediti ad aziende ed enti privati 933 1.005 72
Altre anticipazioni attive 10.914 13.786 2.872
A lt ri cont i at t iv i 621 1.142 521
Fondo ammortamento titoli 1 512 511
V alore commerciale dei metalli monetati 620 630 10
A t t iv it à non f inanziarie prodot t e 295.228 301.269 6.041
Capit ale f isso 127.254 129.163 1.909
Abitazioni 1.367 1.246 -121
Fabbricati non residenziali 34.619 34.975 356
Beni immobili di valore culturale 20.827 21.129 302
Altre opere 4.078 4.070 -8
Diritti reali di godimento sui beni altrui 114 115 1
Impianti, attrezzature e macchinari 4.193 3.999 -194
Mobili ed arredi 750 687 -63
Materiale bibliografico 75 71 -4
Mezzi di trasporto 3.311 3.249 -62
Armi e armamenti militari 44.787 46.269 1.482
Equipaggiamenti e vestiari 8.711 8.770 59
Strumenti musicali 9 8 -1
Coltivazioni ed allevamenti 4 4 -
Altri beni materiali prodotti 4.396 4.404 8
Beni immateriali prodotti 13 167 154
Scort e 821 808 - 13
Materie prime e prodotti intermedi 801 788 -13
Prodotti in corso di lavorazione 15 15 0,00
Prodotti finiti 5 5 -
Ogget t i di v alore 167.153 171.298 4.145
Beni mobili di valore culturale, biblioteche ed archivi 167.058 171.203 4.145
Altri oggetti di valore 95 95 0
A t t iv it à non f inanziarie non prodot t e 4.296 4.240 - 56
Terreni 4.200 4.112 -88
Giacimenti 96 128 32
Risorse biologiche non coltivate 0 0 -

(segue)

89
ANNUARIO STATISTICO 2016

segue Tavola 2.3.5: Attività e passività dello Stato per voce. Anni 2014-2015 (dati in migliaia di euro)

2014 2015 d i ffe re n z e

PA SSIV IT A ' 2.660.142 2.721.031 60.889

Passiv it à f inanziarie 2.660.142 2.721.031 60.889


Debit i 2.624.748 2.683.337 58.589
Debito fluttuante 173.758 162.187 -11.571
Conti correnti di tesoreria 297.975 316.003 18.028
Incassi da regolare 2.801 936 -1.865
Altre gestioni di tesoreria 122.927 140.694 17.767
Residui passivi 113.254 113.031 -223
Debiti redimibili 1.664.910 1.707.296 42.386
Altri debiti 249.123 243.190 -5.933
A nt icipazioni passiv e 35.394 37.694 2.300

90
LA SPESA STATALE REGIONALIZZATA

CAPITOLO 3 - La spesa statale regionalizzata

I dati presentati in questo capitolo sono tratti dalla pubblicazione “La spesa statale
regionalizzata” e riguardano l’articolazione della spesa dello Stato per regione. I flussi
sono registrati al momento della loro regolazione per cassa e riguardano pertanto i
pagamenti del bilancio statale. Le tabelle sono articolate secondo le principali dimensioni
del bilancio dello Stato, ossia secondo la classificazione amministrativa, per ministero,
quella economica, per categoria, e quella funzionale, per missione e programma.
Le tabelle contengono una parte non regionalizzata costituita da una componente
di erogazioni ad altri enti o a fondi alimentati dal bilancio statale, che non sono
regionalizzati in quanto nella pubblicazione (a cui si rimanda) si fornisce la ripartizione
territoriale delle spese direttamente erogate da tali enti e fondi, e da una componente di
flussi non regionalizzati in senso stretto, di cui fanno parte pagamenti non regionalizzabili
per natura (come i flussi destinati all’estero) o per mancanza di informazioni sufficienti.
I pagamenti complessivi del bilancio dello Stato sono passati, tra il 2005 e il 2014,
da 406,6 a 500,1 miliardi. La quota degli stessi che viene allocata alle singole regioni è
intorno al 44-45 per cento. La parte principale della quota non regionalizzata è composta
dalle erogazioni ad enti e fondi.
Una prima analisi a livello di macroarea della spesa allocata alle singole regioni
(tavola 3.I) consente di quantificare nel 38,2 per cento la quota di spese correnti (al netto
degli interessi sui titoli di Stato) relativa alle regioni del Nord, a fronte di un 23,7 per cento
nel Centro e di un 38,1 per cento nel Sud. Per la spesa in conto capitale tali percentuali
sono pari al 30,6per il Nord, al 36,4 per il Centro e al 33 per il Sud. Nelle regioni del
Centro risultano concentrate le spese legate alla produzione del servizio pubblico (spese di
personale e acquisti di beni e servizi) oltre ai trasferimenti alle amministrazioni centrali, il
che si spiega in larga misura con la presenza nel Lazio di buona parte delle
amministrazioni statali, mentre le restanti spese di trasferimento sono maggiormente
allocate alle regioni del Nord e del Sud.
I dati a livello di missione (tavola 3.II) mostrano come siano particolarmente elevate
le quote del Nord per le missioni Infrastrutture pubbliche e logistica (63,6 per cento),
Diritto alla mobilità (47,5 per cento)e Ricerca e innovazione (46,6 per cento); le missioni
più concentrate nel Centro sono Organi costituzionali (oltre il 99 per cento), L’Italia in
Europa e nel mondo (96,2 per cento) e Servizi istituzionali e generali delle amministrazioni
pubbliche (82,6 per cento), mentre al Sud sono le missioni Sviluppo e riequilibrio
territoriale (88,6 per cento), Fondi da ripartire (56,4 per cento) e Politiche Previdenziali
(45,4 per cento).
Per quanto riguarda la parte corrente (tavola 3.2), le regioni a cui afferisce la spesa
più rilevante sono il Lazio (circa 29 miliardi nel 2014, pari al 14,8 per cento della spesa
regionalizzata), la Lombardia (circa 21 miliardi pari all’10,5 per cento) e la Sicilia (circa 20
miliardi, pari al 10,0 per cento). Le categorie economiche di parte corrente maggiormente
significative sono i Trasferimenti ad altre amministrazioni pubbliche, principalmente
Regioni ed Enti Locali, e i Redditi da lavoro dipendente (tavola 3.4). Per quanto riguarda la
parte capitale (tavola 3.3), le regioni che registrano la spesa più elevata sono il Lazio (6,7

91
ANNUARIO STATISTICO 2016

miliardi nel 2014, pari al 31,8 per cento della spesa regionalizzata), Sicilia e Campania (1,9
miliardi in ciascuna delle due regioni pari al 9,2 per cento).
La tavola 3.7 presenta le graduatorie delle regioni relativamente alle spese finali al
netto degli interessi sia in termini assoluti, che pro-capite e in rapporto al PIL.
Relativamente ai valori assoluti, le graduatorie riprendono i dati già commentati in
precedenza; in termini pro-capite, le regioni con i valori più elevati sono la Provincia
Autonoma di Bolzano (8.964 euro nel 2014), la Provincia Autonoma di Trento (7.638
euro) e la Valle d’Aosta (7.475 euro). Per quanto riguarda i dati in rapporto al PIL, la
graduatoria è guidata dalla Sardegna, con un valore pari al 27,2 per cento, seguita dalla
Calabria (26,8 per cento) e dalla Sicilia (25,9 per cento).
NOTA BENE: È attualmente in corso una revisione delle serie storiche della spesa
statale regionalizzata a partire dal 2008: tale attività sarà ultimata entro la fine del
corrente anno. I dati costruiti secondo la nuova impostazione metodologica sono stati già
pubblicati con riferimento agli anni 2013 e 2014. Pertanto, le tavole in serie storica del
presente volume (tavole 3.1, 3.2 e 3.3), espongono i dati relativi agli anni fino al 2012
nella versione precedente alla revisione e quelli relativi al 2013 sia nella versione
precedente che in quella successiva alla revisione: ciò al fine di consentire di apprezzare
l’effetto della revisione su tale anno, l’unico al momento disponibile nelle due versioni. Il
dato 2014 è coerente con quello 2013 post revisione.

92
LA SPESA STATALE REGIONALIZZATA

Tavola 3.I: Distribuzione per categoria economica e area geografica delle spese finali regionalizzate al netto
degli interessi sui titoli di Stato. Anno 2014 (valori in percentuale della spesa regionalizzata) *
A rea geograf ica
Cat egoria economica
Nord Cent ro Sud IT A LIA
Redditi da lavoro dipendente 33,9 26,4 39,7 100,0
Consumi intermedi 19,6 55,8 24,6 100,0
Imposte pagate sulla produzione 34,4 25,9 39,7 100,0
Trasferimenti correnti ad Amministrazioni pubbliche 42,5 19,3 38,2 100,0
Amministrazioni centrali 26,3 55,1 18,5 100,0
Amministrazioni locali 43,5 17,0 39,5 100,0
- Regioni 44,0 15,6 40,4 100,0
- Comuni e Province 40,1 21,1 38,8 100,0
- Enti produttori di servizi sanitari 62,0 28,6 9,4 100,0
- Enti prod. servizi econ., ass. culturali e altro 42,2 26,7 31,1 100,0
Enti di previdenza 43,8 11,8 44,4 100,0
Trasferimenti a famiglie e istituzioni sociali private 27,7 39,7 32,6 100,0
Trasferimenti correnti a imprese 40,3 27,1 32,6 100,0
Trasferimenti correnti a estero 23,2 67,4 9,4 100,0
Risorse proprie Unione Europea - - - -
Interessi passivi e redditi da capitale al netto degli interessi sui titoli di Stato 35,6 17,9 46,4 100,0
Poste correttive e compensative - - - -
Ammortamenti - - - -
Altre uscite correnti 22,6 26,3 51,1 100,0
T it olo I - Spese corrent i al net t o degli int eressi sui t it oli di st at o 38,2 23,7 38,1 100,0
Investimenti fissi lordi e acquisti di terreni 39,4 26,7 33,9 100,0
Contributi agli investimenti 35,8 18,8 45,3 100,0
Amministrazioni centrali 49,2 45,3 5,5 100,0
Amministrazioni locali 27,2 18,3 54,5 100,0
- Regioni 27,5 13,7 58,8 100,0
- Comuni e Province 21,0 23,0 56,0 100,0
- Enti produttori di servizi sanitari 45,7 50,9 3,4 100,0
- Enti prod. servizi econ., ass. culturali e altro 56,7 14,2 29,1 100,0
Enti di previdenza 53,2 34,9 11,8 100,0
Contributi agli investimenti ad imprese 58,5 20,8 20,7 100,0
Contributi agli investimenti a famiglie e istituzioni sociali private 31,7 53,7 14,6 100,0
Contributi agli investimenti a estero - - - -
Altri trasferimenti in conto capitale 31,3 14,3 54,4 100,0
Acquisizioni di attività finanziarie 16,5 57,0 26,5 100,0
T it olo II - Spese in cont o capit ale 30,6 36,4 33,0 100,0

Spesa f inale al net t o degli int eressi sui t it oli di st at o 37,5 24,9 37,6 100,0

Dati provvisori.
* L’incidenza della spesa non regionalizzata sulle singole categorie si trova nelle tavole 3.4 e 3.5

93
ANNUARIO STATISTICO 2016

Tavola3.II: Distribuzione per missione e area geografica delle spese finali regionalizzate al netto degli interessi
sui titoli di Stato. Anno 2014 (valori in percentuale della spesa regionalizzata) *
A rea geograf ica
M issione
Nord Cent ro Sud IT A LIA
Organi costituz. a rilevanza costituz. e PCM 0,4 99,1 0,5 100,0
Amm. Gen. e supporto rappres. gen. del Governo e dello Stato sul
36,1 26,5 37,4 100,0
territorio
Relaz. finanz. con autonomie territoriali 40,5 19,5 40,0 100,0
L'Italia in Europa e nel mondo 2,8 96,2 0,9 100,0
Difesa e sicurezza del territorio 26,1 34,3 39,6 100,0
Giustizia 31,8 23,8 44,4 100,0
Ordine pubblico e sicurezza 30,9 33,3 35,8 100,0
Soccorso civile 39,1 27,2 33,7 100,0
Agricoltura politiche agroalimentari e pesca 24,7 64,7 10,5 100,0
Energia e diversificaz. delle fonti energetiche 18,8 70,8 10,5 100,0
Competitivita' e sviluppo delle imprese 28,9 40,8 30,2 100,0
Regolazione dei mercati 13,8 82,1 4,0 100,0
Diritto alla mobilita' 47,5 24,3 28,2 100,0
Infrastrutture pubbliche e logistica 63,6 12,8 23,7 100,0
Comunicazioni 35,9 28,5 35,6 100,0
Commercio internaz. ed internazionalizzazione del sistema produttivo 18,9 77,9 3,2 100,0
Ricerca e innovazione 46,6 44,2 9,2 100,0
Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell'ambiente 22,1 49,7 28,2 100,0
Casa e assetto urbanistico 46,7 26,7 26,6 100,0
Tutela della salute 10,3 70,0 19,7 100,0
Tutela e valorizzaz. beni e attivita' culturali e paesaggistici 30,7 38,8 30,5 100,0
Istruzione scolastica 39,8 19,1 41,0 100,0
Istruzione universitaria 41,7 26,7 31,5 100,0
Diritti sociali, politiche sociali e famiglia 34,9 38,0 27,1 100,0
Politiche previdenziali 30,3 24,3 45,4 100,0
Politiche per il lavoro 36,7 25,7 37,7 100,0
Immigrazione accoglienza e garanzia dei diritti 32,3 27,2 40,5 100,0
Sviluppo e riequilibrio territoriale 5,5 5,8 88,6 100,0
Politiche economico-finanziarie e di bilancio 29,2 48,1 22,7 100,0
Giovani e sport 30,1 67,1 2,9 100,0
Turismo 14,4 85,6 0,0 100,0
Servizi istituzionali e generali delle amm. Pubbliche 6,8 82,6 10,6 100,0
Fondi da ripartire 6,0 37,5 56,4 100,0
Debito pubblico 31,4 24,5 44,1 100,0
Dati provvisori.
* L’incidenza della spesa non regionalizzata sulle singole missioni si trova nella tavola 3.6.

94
LA SPESA STATALE REGIONALIZZATA

ASPETTI METODOLOGICI

La regionalizzazione della spesa statale si basa principalmente su


informazioni disponibili presso il Data Warehouse della Ragioneria Generale
dello Stato e riguardanti gli aspetti territoriali della spesa. In particolare sono
note la tesoreria centrale o provinciale erogante, l’area di intervento, la
ragioneria provinciale competente, la residenza del beneficiario. Un sistema di
regole di attribuzione consente di tenere in conto tutti gli elementi informativi
menzionati al fine dell’appropriata individuazione della regione di riferimento.
Laddove le informazioni presenti nel sistema informatico della RGS non
consentono tale individuazione, ulteriori elementi sono acquisiti direttamente
dai soggetti coinvolti nel processo di spesa (ministeri e altri enti centrali, Banca
d’Italia, imprese pubbliche).
Rimane comunque una quota di spesa non regionalizzabile. Si tratta
soprattutto di pagamenti per loro natura non attribuibili ad alcuna regione,
quali le spese dirette all’estero, le partite correttive e compensative delle
entrate e gli ammortamenti. Sono poi individuate numerose voci di importo
modesto per le quali il recupero degli elementi informativi necessari presenta
problemi insormontabili dal punto di vista operativo.
Il criterio adottato per la attribuzione dei pagamenti ai territori è quello
dell'allocazione fisica dei fattori produttivi impiegati per la produzione di
servizi e per gli investimenti, mentre le spese di trasferimento sono
regionalizzate secondo la localizzazione del beneficiario.

RACCORDI CON ALTRE VARIABILI

I dati della regionalizzazione SCHEMA SINOTTICO DEI DATI PRESENTATI

della spesa statale sono pienamente Quadro di finanza pubblica Altre elaborazioni

coerenti con quelli relativi ai Flussi finanziari


Politiche di
sviluppo

pagamenti del bilancio dello Stato,


da/per la UE
della UE

sia dal punto di vista della Bilancio


dello Stato
Tesoreria
statale
Bilancio
dello Stato
Spesa statale

quantificazione che delle


regionalizzata
- Entrate - - Uscite -

classificazioni economiche e
funzionali. La spesa oggetto di
Formazione del fabbisogno
Entrate Totali Uscite Totali Conto Annuale

regionalizzazione è quella finale, al


netto cioè del titolo III – Rimborso di Mutui degli
Prestiti. Copertura Finanziaria
Enti Locali

95
96
Tavola 3.1: Spesa finale al netto degli interessi sui titoli di Stato per regione. Anni 2005–2014 (dati in milioni di euro)

A nno 2005 A nno 2006 A nno 2007 A nno 2008 A nno 2009 A nno 2010
Regione
V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. %
Abruzzo 4.601 2,44 4.485 2,26 5.165 2,41 4.814 2,04 5.192 2,28 6.099 2,69
Basilicata 2.293 1,21 2.222 1,12 2.340 1,09 2.534 1,08 2.605 1,15 2.502 1,10
ANNUARIO STATISTICO 2016

Calabria 7.454 3,95 7.952 4,00 8.126 3,79 8.305 3,53 8.556 3,76 8.286 3,66
Campania 19.518 10,33 21.112 10,62 22.942 10,71 22.415 9,52 22.945 10,10 22.945 10,13
Emilia Romagna 10.717 5,67 11.326 5,70 12.170 5,68 12.614 5,36 12.899 5,68 12.748 5,63
Friuli V enezia Giulia 5.039 2,67 5.742 2,89 6.196 2,89 6.108 2,59 6.233 2,74 6.067 2,68
Lazio 22.629 11,98 22.727 11,43 25.304 11,81 35.420 15,05 30.258 13,31 28.612 12,63
Liguria 5.423 2,87 5.338 2,69 6.304 2,94 6.355 2,70 6.960 3,06 6.521 2,88
Lombardia 19.807 10,49 21.305 10,72 22.382 10,44 24.325 10,33 24.000 10,56 24.750 10,92
Marche 3.944 2,09 4.333 2,18 4.701 2,19 4.704 2,00 5.012 2,21 4.874 2,15
Molise 1.159 0,61 1.043 0,52 1.674 0,78 1.666 0,71 1.442 0,63 1.697 0,75
Piemonte 10.963 5,80 11.983 6,03 12.938 6,04 13.761 5,85 13.827 6,08 14.396 6,35
Puglia 12.829 6,79 14.406 7,25 15.159 7,07 14.839 6,30 15.675 6,90 15.001 6,62
Sardegna 7.571 4,01 7.829 3,94 8.663 4,04 9.348 3,97 9.202 4,05 9.080 4,01
Sicilia 22.097 11,70 22.786 11,46 23.081 10,77 27.090 11,51 24.377 10,73 23.644 10,44
Toscana 10.344 5,48 10.910 5,49 11.598 5,41 11.944 5,07 12.408 5,46 12.185 5,38
Umbria 2.719 1,44 2.725 1,37 2.911 1,36 3.084 1,31 3.292 1,45 3.037 1,34
V alle d'Aosta 1.222 0,65 1.265 0,64 1.316 0,61 1.514 0,64 1.392 0,61 1.498 0,66
V eneto 11.285 5,97 12.051 6,06 13.551 6,32 13.897 5,90 14.442 6,35 14.290 6,31
Trento 3.509 1,86 3.807 1,91 4.021 1,88 5.880 2,50 3.149 1,39 4.479 1,98
Bolzano 3.758 1,99 3.476 1,75 3.766 1,76 4.798 2,04 3.411 1,50 3.846 1,70

Spesa regionalizzat a 188.882 100,00 198.823 100,00 214.306 100,00 235.414 100,00 227.275 100,00 226.557 100,00

Spesa non regionalizzat a 217.773 215.410 211.828 235.123 243.295 227.258

di cui: Erogazioni ad Enti e Fondi 112.102 118.918 120.426 131.905 138.670 132.422

T OT A LE SPESA 406.655 414.233 426.134 470.538 470.570 453.816

(segue)

al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/


La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato
segue Tavola 3.1: Spesa finale al netto degli interessi sui titoli di Stato per regione. Anni 2005 –2014 (dati in milioni di euro)

A nno 2011 A nno 2012 A nno 2013 A nno 2013 A nno 2014 (*)
Regione
V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. %

* Stima provvisoria
Abruzzo 5.634 2,42 5.646 2,51 6.611 2,91 6.510 2,85 5.202 2,37
Basilicata 2.626 1,13 2.428 1,08 2.242 0,99 2.223 0,97 2.274 1,04
Calabria 8.976 3,85 8.175 3,64 8.224 3,63 8.137 3,56 8.197 3,73
Campania 23.771 10,20 23.153 10,30 22.818 10,06 22.484 9,84 21.335 9,72
Emilia Romagna 13.539 5,81 13.181 5,87 13.294 5,86 13.122 5,74 11.924 5,43
Friuli V enezia Giulia 6.454 2,77 7.287 3,24 6.219 2,74 6.208 2,72 6.391 2,91
Lazio 29.860 12,81 27.952 12,44 30.678 13,53 34.890 15,27 36.070 16,43
Liguria 6.640 2,85 6.306 2,81 6.153 2,71 6.101 2,67 5.586 2,54
Lombardia 26.879 11,53 27.125 12,07 25.261 11,14 24.495 10,72 22.625 10,30
Marche 5.267 2,26 4.976 2,21 4.768 2,10 4.711 2,06 4.522 2,06
Molise 1.573 0,67 1.473 0,66 1.455 0,64 1.446 0,63 1.332 0,61
Piemonte 14.419 6,19 13.223 5,89 15.669 6,91 15.446 6,76 12.608 5,74
Puglia 15.633 6,71 15.259 6,79 13.838 6,10 13.697 5,99 13.906 6,33
Sardegna 8.967 3,85 9.635 4,29 9.178 4,05 9.130 4,00 8.486 3,86
Sicilia 23.766 10,19 23.380 10,41 21.151 9,32 20.951 9,17 21.811 9,93
Toscana 12.716 5,45 11.672 5,19 12.169 5,37 12.060 5,28 11.343 5,17
Umbria 3.147 1,35 2.965 1,32 2.885 1,27 2.866 1,25 2.784 1,27
V alle d'Aosta 1.431 0,61 1.291 0,57 1.039 0,46 1.038 0,45 960 0,44
V eneto 14.816 6,36 14.346 6,39 14.664 6,46 14.519 6,35 13.507 6,15
Trento 3.594 1,54 2.768 1,23 4.165 1,84 4.167 1,82 4.100 1,87
Bolzano 3.412 1,46 2.436 1,08 4.339 1,91 4.331 1,90 4.635 2,11

Spesa regionalizzat a 233.121 100,00 224.678 100,00 226.822 100,00 228.534 100,00 219.598 100,00

Spesa non regionalizzat a 233.034 245.414 272.719 271.008 280.490

di cui: Erogazioni ad Enti e Fondi 143.514 153.719 168.489 168.149 179.973

al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/


T OT A LE SPESA 466.155 470.092 499.541 499.541 500.089
LA SPESA STATALE REGIONALIZZATA

La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato

97
98
Tavola 3.2: Spesa corrente al netto degli interessi sui titoli di Stato per regione. Anni 2010-2014 (dati in milioni di euro)

A nno 2010 A nno 2011 A nno 2012 A nno 2013 A nno 2013 A nno 2014 (*)
Regione
V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. %

* Stima provvisoria
Abruzzo 4.751 2,2 5.232 2,5 4.868 2,3 4.625 2,3 4.560 2,2 4.392 2,2
Basilicata 2.260 1,1 2.333 1,1 2.260 1,1 2.146 1,1 2.127 1,0 2.153 1,1
ANNUARIO STATISTICO 2016

Calabria 7.541 3,6 7.809 3,7 7.625 3,7 7.278 3,6 7.191 3,5 7.091 3,6
Campania 21.087 9,8 21.806 10,2 21.407 10,3 20.207 10,0 19.881 9,8 19.386 9,8
Emilia Romagna 11.535 5,6 12.639 5,9 12.509 6,0 11.818 5,9 11.645 5,7 11.051 5,6
Friuli V enezia Giulia 5.736 2,9 6.109 2,9 7.014 3,4 5.958 3,0 5.946 2,9 6.177 3,1
Lazio 25.151 11,2 25.292 11,9 25.264 12,2 24.796 12,3 29.016 14,3 29.316 14,8
Liguria 5.746 2,8 5.955 2,8 5.619 2,7 5.374 2,7 5.322 2,6 4.997 2,5
Lombardia 22.215 10,7 24.740 11,6 24.104 11,6 23.061 11,4 22.295 11,0 20.923 10,5
Marche 4.597 2,2 5.035 2,4 4.796 2,3 4.589 2,3 4.532 2,2 4.412 2,2
Molise 1.347 0,7 1.354 0,6 1.324 0,6 1.286 0,6 1.276 0,6 1.254 0,6
Piemonte 12.380 5,8 13.261 6,2 12.400 6,0 12.152 6,0 11.929 5,9 11.454 5,8
Puglia 13.900 6,8 14.633 6,9 14.591 7,0 13.121 6,5 12.972 6,4 13.187 6,6
Sardegna 8.667 4,4 8.477 4,0 9.182 4,4 9.009 4,5 8.961 4,4 8.221 4,1
Sicilia 22.060 11,5 22.191 10,4 21.332 10,3 20.222 10,0 20.022 9,8 19.861 10,0
Toscana 11.129 5,4 11.866 5,6 11.167 5,4 11.105 5,5 10.995 5,4 10.571 5,3
Umbria 2.833 1,4 2.998 1,4 2.867 1,4 2.797 1,4 2.778 1,4 2.708 1,4
V alle d'Aosta 1.474 0,8 1.414 0,7 1.264 0,6 1.032 0,5 1.031 0,5 927 0,5
V eneto 12.474 5,9 13.349 6,3 13.195 6,3 12.874 6,4 12.729 6,3 11.657 5,9
Trento 4.399 3,1 3.503 1,6 2.735 1,3 4.123 2,0 4.125 2,0 4.069 2,1
Bolzano 3.804 2,2 3.381 1,6 2.403 1,2 4.277 2,1 4.269 2,1 4.580 2,3
SPESA
205.087 100,0 213.379 100,0 207.927 100,0 201.849 100,0 203.601 100,0 198.386 100,0
REGIONA LIZ Z A T A
SPESA NON
197.182 204.946 214.607 236.880 235.127 242.296
REGIONA LIZ Z A T A
di cui: Erogazioni ad
117.388 104.966 137.626 151.245 150.893 153.752
Enti e Fondi

T OT A LE SPESA 402.269 418.325 422.534 438.728 438.728 440.683


Tavola 3.3: Spesa in conto capitale per regione. Anni 2010-2014 (dati in milioni di euro)

A nno 2010 A nno 2011 A nno 2012 A nno 2013 A nno 2013 A nno 2014 (*)
Regione
V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. % V al. ass. V al. %

* Stima provvisoria
Abruzzo 1.348 1,5 402 2,0 778 4,6 1.986 8,0 1.950 7,8 811 3,8
Basilicata 242 1,1 293 1,5 168 1,0 96 0,4 96 0,4 121 0,6
Calabria 745 3,6 1.167 5,9 550 3,3 946 3,8 946 3,8 1.106 5,2
Campania 1.858 9,6 1.965 10,0 1.746 10,4 2.611 10,5 2.603 10,4 1.949 9,2
Emilia Romagna 1.212 4,5 900 4,6 672 4,0 1.476 5,9 1.477 5,9 873 4,1
Friuli V enezia Giulia 331 1,0 345 1,7 273 1,6 262 1,0 261 1,0 214 1,0
Lazio 3.461 29,4 4.568 23,1 2.688 16,0 5.882 23,6 5.874 23,6 6.754 31,8
Liguria 775 2,2 685 3,5 687 4,1 779 3,1 779 3,1 589 2,8
Lombardia 2.535 7,2 2.139 10,8 3.021 18,0 2.200 8,8 2.200 8,8 1.702 8,0
Marche 277 1,3 231 1,2 179 1,1 179 0,7 180 0,7 111 0,5
Molise 350 1,0 219 1,1 148 0,9 169 0,7 169 0,7 78 0,4
Piemonte 2.016 5,9 1.158 5,9 824 4,9 3.517 14,1 3.517 14,1 1.153 5,4
Puglia 1.102 4,4 1.000 5,1 667 4,0 717 2,9 726 2,9 719 3,4
Sardegna 414 2,2 490 2,5 453 2,7 169 0,7 170 0,7 265 1,3
Sicilia 1.584 13,9 1.575 8,0 2.048 12,2 929 3,7 929 3,7 1.950 9,2
Toscana 1.056 3,3 850 4,3 505 3,0 1.064 4,3 1.065 4,3 772 3,6
Umbria 204 0,9 149 0,8 99 0,6 88 0,4 88 0,4 76 0,4
V alle d'Aosta 24 0,1 17 0,1 27 0,2 8 0,0 8 0,0 33 0,2
V eneto 1.816 6,5 1.466 7,4 1.152 6,9 1.789 7,2 1.790 7,2 1.851 8,7
Trento 80 0,3 91 0,5 33 0,2 42 0,2 42 0,2 31 0,1
Bolzano 42 0,3 32 0,2 34 0,2 62 0,2 62 0,2 55 0,3
SPESA
21.471 100,0 19.742 100,0 16.751 100,0 24.974 100,0 24.932 100,0 21.212 100,0
REGIONA LIZ Z A T A
SPESA NON
30.076 28.088 30.807 35.839 35.880 38.194
REGIONA LIZ Z A T A
di cui: Erogazioni ad
15.034 14.380 16.093 17.244 17.256 26.222
Enti e Fondi

T OT A LE SPESA 51.547 47.830 47.558 60.813 60.813 59.406


LA SPESA STATALE REGIONALIZZATA

99
Tavola 3.4: Analisi dei pagamenti del bilancio dello Stato di parte corrente per regione e categoria economica al netto degli interessi sui titoli di Stato. Anno 2014

100
(dati in migliaia di euro)

T rasf eriment i T rasf . c orrent i a


Reddit i da lav oro Impost e pagat e T rasf . c orrent i alle T rasf . c orrent i Risorse proprie Int eressi passiv i e Post e c orret t iv e e A lt re usc it e

Dati provvisori
Regione T ot ale Consumi int ermedi c orrent i ad A mm. f amiglie e ist . soc . A mm.t i
dipendent e sulla produz ione imprese all'est ero Unione Europea reddit i da c apit ale c ompensat iv e c orrent i
Pubb. priv at e

Abruzzo 4.391.649 1.351.563 175.771 119.377 2.322.633 80.097 37.729 230 293.756 10.493
ANNUARIO STATISTICO 2016

Basilicata 2.153.122 556.031 67.557 50.791 1.233.657 37.459 12.774 40 190.861 3.951

Calabria 7.091.464 2.010.786 281.574 182.767 3.852.241 140.377 97.019 269 504.039 22.393

Campania 19.385.792 5.403.817 672.725 492.710 10.870.962 223.090 197.913 704 1.491.069 32.802

Emilia Romagna 11.050.994 2.800.335 343.468 256.346 6.962.267 170.274 146.173 1.643 361.653 8.836

F riuli V enezia Giulia 6.176.674 1.230.313 164.558 111.130 4.437.732 67.885 57.596 270 104.464 2.727

Lazio 29.315.660 8.694.990 5.473.763 767.182 12.041.354 1.009.437 450.969 12.874 792.656 72.435

Liguria 4.997.453 1.346.348 195.291 122.057 2.900.512 86.172 82.348 1.111 244.340 19.274

Lombardia 20.923.020 5.549.702 639.434 513.548 12.526.484 260.562 357.439 2.003 1.057.698 16.150

Marche 4.411.711 1.249.385 140.620 112.774 2.520.505 83.389 41.927 545 255.146 7.419

Molise 1.253.819 318.597 44.738 29.489 693.646 23.748 8.061 39 131.615 3.886

Piemonte 11.454.428 2.930.649 351.948 269.961 6.987.930 150.840 169.581 789 580.920 11.810

Puglia 13.187.102 4.204.299 520.767 378.571 7.234.170 192.644 105.225 249 479.641 71.537

Sardegna 8.221.079 1.682.551 240.373 154.633 5.885.655 62.787 38.813 838 139.817 15.612

Sicilia 19.860.746 4.821.567 679.223 439.814 12.631.236 323.511 302.095 574 634.080 28.644

Toscana 10.571.015 2.903.517 380.823 260.894 6.357.667 167.964 142.263 7.296 343.511 7.078

Umbria 2.707.577 703.428 96.116 64.090 1.644.832 58.944 28.749 311 100.836 10.272

V alle d'Aosta 927.374 50.834 9.369 4.674 812.951 4.161 16.603 33 28.708 41

V eneto 11.656.571 3.166.715 356.659 290.163 6.978.396 155.948 136.553 1.070 551.790 19.278

Trento 4.069.311 164.885 36.670 14.637 3.806.930 15.137 7.593 200 17.948 5.310

Bolzano 4.579.691 177.603 38.004 15.470 4.304.990 11.809 13.507 111 17.928 268

Spesa regionaliz z at a 198.386.251 51.317.916 10.909.450 4.651.077 117.006.748 3.326.235 2.450.933 31.200 8.322.476 370.216

Spesa non
242.296.437 35.179.370 747.216 29.337 118.873.535 1.699.011 2.678.512 1.716.394 17.658.801 9.643.148 53.598.381 356.835 115.896
regionaliz z at a

di cui: Erogazioni ad Enti


153.751.685 33.493.736 39.022 13 117.398.175 750.222 2.007.595 4.007 207 58.708
e F ondi

T OT A L E SPESA 440.682.688 86.497.286 11.656.666 4.680.414 235.880.283 5.025.246 5.129.445 1.747.595 17.658.801 17.965.625 53.598.381 356.835 486.112
Tavola 3.5: Analisi dei pagamenti del bilancio dello Stato in c/capitale per regione e categoria economica. Anno 2014 (dati in migliaia di euro)

Inv est iment i f issi Cont ribut i agli Cont rib. inv est . A cquisizioni
Cont ribut i agli Cont rib. inv est . A lt ri t rasf . in

Dati provvisori
Regione T ot ale lordi e acquist o inv est iment i alle a f amiglie e ist . at t iv it à
inv est iment i all'est ero cont o capit ale
t erreni imprese sociali f inanziarie
Abruzzo 810.536 57.158 704.093 33.574 1.321 14.389
Basilicata 120.954 20.984 22.296 17.483 724 59.467
Calabria 1.105.605 54.734 388.656 41.521 1.988 618.705
Campania 1.949.180 120.715 191.264 295.907 1.570 83.066 1.256.657
Emilia Romagna 873.156 66.040 278.739 196.036 2.955 183.872 145.515
Friuli V enezia Giulia 214.141 32.998 99.104 78.136 1.505 2.398
Lazio 6.753.889 380.580 677.409 494.422 37.156 247.572 4.916.750
Liguria 588.831 47.091 250.612 143.127 2.074 68.566 77.362
Lombardia 1.701.817 453.706 405.927 673.366 7.770 161.048
Marche 110.713 16.371 51.499 35.430 1.367 6.046
Molise 78.007 9.819 37.019 12.942 489 1.361 16.378
Piemonte 1.153.410 37.286 315.610 277.931 3.095 9.834 509.654
Puglia 719.181 129.392 116.992 134.915 2.733 16.978 318.171
Sardegna 265.302 118.036 122.463 19.383 523 4.898
Sicilia 1.949.772 108.235 556.859 116.200 3.615 273.881 890.981
Toscana 771.598 68.838 146.785 126.583 7.089 18.304 404.000
Umbria 76.206 21.127 13.613 17.835 2.242 9.162 12.226
V alle d'Aosta 32.715 2.723 24.248 1.946 0 3.797
V eneto 1.850.570 73.426 306.143 468.810 10.815 181.126 810.249
Trento 31.056 4.109 4.802 16.344 15 5.787
Bolzano 55.493 2.373 7.520 45.547 15 38

Spesa regionalizzat a 21.212.132 1.825.743 4.721.654 3.247.436 89.063 1.970.293 9.357.944

Spesa non regionalizzat a 38.193.680 3.464.271 8.170.528 5.243.938 210.961 644.790 3.274.814 17.184.377

di cui: Erogazioni ad Enti e Fondi 26.221.631 3.163 7.316.717 2.118.644 210.176 3.498 3.173.405 13.396.028

T OT A LE SPESA 59.405.812 5.290.014 12.892.182 8.491.375 300.024 644.790 5.245.107 26.542.321


LA SPESA STATALE REGIONALIZZATA

101
Tavola 3.6: Analisi dei pagamenti del bilancio dello Stato per regione e per missioni e programmi al netto degli interessi sui titoli di Stato.

102
Anno 2014 (dati in migliaia di euro)
03 Relaz . f inanz . c on aut onomie t errit oriali 04 L 'It alia in Europa e nel mondo
02 A mm. Gen.
01 Organi
e support o 04_ 10

Dati provvisori
c ost it it uz . a 05 Dif esa e 07 Ordine
rappres. gen. 03_ 06 Conc orso Part ec ipaz ione
Regione T ot ale rilev anz a 04_ A lt ri sic urez z a del 06 Giust iz ia pubblic o e
del Gov erno e 03 T ot ale St at o al f inanz . 03_ A lt ri programi 04 T ot ale it aliana polit ic he
c ost it it uz . e programmi t errit orio sic urez z a
dello St at o sul spesa sanit aria bilanc io ambit o
PCM
t errit orio UE
ANNUARIO STATISTICO 2016

Abruzzo 5.202.185 13.948 1.858.295 59.281 1.799.013 49 49 362.216 163.034 165.633

Basilicata 2.274.076 275 6.450 1.072.511 63.139 1.009.372 15 15 97.104 65.469 51.862

Calabria 8.197.069 619 22.411 3.834.789 61.532 3.773.257 109 109 334.596 298.696 304.298

Campania 21.334.971 1.800 30.028 10.448.968 492.876 9.956.092 453 453 1.240.213 723.985 589.622

Emilia Romagna 11.924.151 1.757 30.033 5.594.440 373.646 5.220.794 422 422 553.031 289.830 365.176

F riuli V enezia Giulia 6.390.816 610 11.109 4.065.148 78.854 3.986.294 933 933 508.695 89.514 175.209

Lazio 36.069.549 1.965.325 53.038 12.095.043 1.231.065 10.863.978 170.163 170.163 3.587.022 864.251 1.816.081

Liguria 5.586.283 827 13.388 2.336.242 123.718 2.212.525 857 857 356.255 177.012 309.534

Lombardia 22.624.838 2.489 38.148 9.712.856 832.394 8.880.461 1.020 1.020 713.103 645.155 640.179

Marche 4.522.424 552 14.338 2.057.839 122.575 1.935.264 313 313 208.097 113.742 226.307

Molise 1.331.826 193 5.516 602.494 22.822 579.671 4 4 65.625 41.679 45.926

Piemonte 12.607.839 1.720 23.254 6.142.536 421.761 5.720.775 1.644 1.644 520.768 360.640 374.383

Puglia 13.906.283 1.512 24.576 6.537.707 265.361 6.272.346 96 96 1.674.599 389.977 478.100

Sardegna 8.486.380 547 12.268 5.562.864 22.856 5.540.008 763 763 546.059 194.978 287.898

Sicilia 21.810.518 4.684 37.685 12.662.113 2.072.310 10.589.804 232 232 1.114.015 733.964 775.418

Toscana 11.342.613 1.266 34.228 5.264.285 342.764 4.921.520 8.559 8.559 792.065 317.647 377.589

Umbria 2.783.783 328 6.642 1.323.690 83.476 1.240.214 286 286 126.287 104.570 89.913

V alle d'Aosta 960.090 131 78 793.891 170 793.721 2 2 23.833 12.141 21.624

V eneto 13.507.140 1.162 26.709 6.399.530 236.487 6.163.042 269 269 674.904 238.647 345.201

Trento 4.100.367 95 2.084 3.759.460 3.759.460 56 56 98.955 38.048 46.354

Bolzano 4.635.184 95 2.760 4.271.505 9.284 4.262.221 80 80 128.092 19.086 56.229


SPESA
219.598.383 1.985.989 408.691 106.396.205 6.916.372 99.479.833 186.323 186.323 13.725.535 5.882.066 7.542.535
REGIONA L IZ Z A T A
SPESA NON
280.490.118 794.464 135.451 4.925.424 212.575 4.712.849 25.592.561 22.823.517 2.769.044 7.629.536 1.794.404 3.373.345
REGIONA L IZ Z A T A
di cui: Erogazioni ad
179.973.318 745.070 131.391 4.388.198 141.704 4.246.495 5.186.455 5.103.291 83.164 4.582.999 1.689.358 2.343.404
Enti e F ondi

T OT A L E SPESA 500.088.501 2.780.453 544.141 111.321.629 7.128.947 104.192.682 25.778.884 22.823.517 2.955.367 21.355.070 7.676.471 10.915.880

(segue)
segue Tavola 3.6: Analisi dei pagamenti del bilancio dello Stato per regione e per missioni e programmi al netto degli interessi sui titoli di Stato.
Anno 2014 (dati in migliaia di euro)
08 Soc c orso c iv ile 14 Inf rast rut t ure pubblic he e logist ic a

Dati provvisori
09 A gric
segue Tavola 3.6: Analisi dei pagamenti del bilancio dello Statoolt uraper10regione 11
Energia e e per missioni 14_ 10 Opere
e programmi al netto degli interessi sui titoli di Stato. Anno 2013 (dati
08_ 05 polit ic he div ersif ic az . Compet it iv it a' e 12 Regolaz ione 13 Dirit t o alla 14_ 05 Sist emi 14_ 08 Opere st rat egic he
Regione
in migliaia di euro) 08_ A lt ri 14_ A lt ri
08 T ot ale agroaliment . e
Prot ez ione delle f ont i sv iluppo delle dei merc at i mobilit a' 14 T ot ale idric i idraulic i pubblic he e ediliz ia st at ale e
programmi pesc a energet ic he imprese programmi
c iv ile ed elet t ric i inf rast rut t ure int erv ent i
spec iali

Abruzzo 41.262 41.262 2.781 8.042 158 192.555 44.609 147 5.186 39.207 69

Basilicata 39.758 39.758 2.158 3 8.754 46 96.629 66.212 1.080 6.722 58.383 28

Calabria 65.515 65.515 3.601 3 23.272 306 326.642 94.623 2.771 9.516 72.705 9.631

Campania 155.209 155.209 13.380 476 164.267 418 899.369 97.883 894 11.452 85.372 165

Emilia Romagna 271.221 271.221 28.647 96 25.006 610 691.119 66.700 203 25.437 34.585 6.475

F riuli V enezia Giulia 43.698 43.698 13.868 37 3.154 225 116.888 46.067 119 9.198 8.374 28.376

Lazio 311.101 311.101 279.544 4.894 346.576 27.364 1.259.486 320.261 5.310 16.175 293.379 5.397

Liguria 65.637 65.637 2.925 2 18.121 273 472.051 111.960 93 16.213 95.604 48

Lombardia 141.085 141.085 25.335 763 156.731 2.599 1.558.309 836.226 129 90.718 527.341 218.037

Marche 47.580 47.580 4.092 2.078 266 194.368 32.266 95 14.846 17.308 16

Molise 13.895 13.895 921 3.765 52.037 10.627 489 2.901 7.223 14

Piemonte 86.542 86.542 16.401 242 50.359 652 879.493 78.624 103 35.368 29.534 13.618

Puglia 85.495 85.495 10.083 1 28.848 164 606.534 75.689 17.600 11.671 46.387 30

Sardegna 66.877 66.877 6.685 133 8.639 282 60.042 98.037 2.405 44.809 50.823

Sicilia 146.323 146.323 12.474 119 28.036 435.962 227.405 395 101.083 117.616 8.311

Toscana 107.453 107.453 22.396 78 18.912 80 704.169 26.825 197 11.098 15.500 30

Umbria 28.848 28.848 13.624 1.642 180 140.675 6.352 58 13 6.272 10

V alle d'Aosta 1 1 697 296 58 16.757 19.546 18.442 1.102 2

V eneto 102.960 102.960 26.265 179 6.923 282 679.149 757.281 231 52.496 594.211 110.343

Trento 27 27 4.596 553 19.410 2.093 37 881 1.169 7

Bolzano 3.528 607 53.320 1.356 27 1.320 9


SPESA
1.820.486 1.820.486 494.001 7.026 904.583 33.960 9.454.965 3.020.643 32.385 439.416 2.097.403 451.439
REGIONA L IZ Z A T A
SPESA NON
3.147.854 2.415.483 732.372 417.258 5.945 5.165.307 27.609 1.939.242 1.390.367 5.101 770.925 614.341
REGIONA L IZ Z A T A
di cui: Erogazioni ad
2.896.990 2.415.483 481.507 166.884 3.431 2.704.719 2.715 726.276 1.288.051 1.838 706.124 580.088
Enti e F ondi

T OT A L E SPESA 4.968.340 2.415.483 2.552.858 911.259 12.972 6.069.890 61.569 11.394.206 4.411.010 37.486 439.416 2.868.328 1.065.780

(segue)
LA SPESA STATALE REGIONALIZZATA

103
segue Tavola 3.6: Analisi dei pagamenti del bilancio dello Stato per regione e per missioni e programmi al netto degli interessi sui titoli di Stato. Anno 2014

104
(dati in migliaia di euro)

16 Commerc io 18 Sv iluppo 21 T ut ela e

Dati provvisori
int ernaz ionale ed sost enibile e 19 Casa e v aloriz z az . beni 24 Dirit t i soc iali,
17 Ric erc a e 20 T ut ela 22 Ist ruz ione 23 Ist ruz ione
Regione 15 Comunic az ioni int ernaz ionaliz . t ut ela del asset t o e at t iv it a' polit ic he soc iali
innov az ione della salut e sc olast ic a univ ersit aria
del sist ema t errit orio e urbanist ic o c ult urali e e f amiglia
produt t iv o dell'ambient e paesaggist ic i
ANNUARIO STATISTICO 2016

Abruzzo 3.030 5.071 39.623 4.500 8.546 44.723 709.999 201.178 44.785

Basilicata 336 1.850 13.133 1.851 2.945 25.926 369.360 39.616 16.299

Calabria 4.198 1.734 17.786 5.976 12.537 36.629 1.289.731 193.640 55.487

Campania 10.140 102 59.628 40.161 21.954 22.899 135.827 3.511.293 740.761 122.833

Emilia Romagna 6.256 378 20.905 22.549 13.127 7.805 68.209 2.009.042 753.322 113.080

F riuli V enezia Giulia 2.743 69.849 5.025 3.688 4.458 28.731 587.852 207.709 39.141

Lazio 28.668 13.112 435.536 227.426 41.793 391.393 297.486 2.737.775 971.639 479.186

Liguria 4.003 296 124.570 8.852 11.756 17.472 35.391 662.201 187.129 49.723

Lombardia 11.500 2.227 205.732 32.756 62.981 14.764 96.525 4.288.547 1.004.896 180.782

Marche 3.075 4.390 12.517 5.355 3.697 25.585 788.078 218.501 48.481

Molise 847 5.015 1.441 2.500 1.008 12.577 179.797 36.474 11.249

Piemonte 8.239 165 66.097 25.440 16.255 6.433 53.085 2.040.149 466.020 87.511

Puglia 12.404 52 18.054 22.455 11.615 25.873 49.308 2.237.219 398.351 82.687

Sardegna 3.485 1.281 10.609 4.456 4.921 40.406 929.173 211.144 33.350

Sicilia 13.868 420 6.081 23.187 16.741 35.072 28.538 2.954.194 585.159 103.430

Toscana 6.172 752 33.002 42.784 17.603 8.745 122.009 1.706.824 694.847 102.002

Umbria 788 56 3.217 14.444 5.225 670 30.897 449.664 155.615 29.613

V alle d'Aosta 148 2 4.266 739 382 37 1.444 1.612 2.187

V eneto 13.671 320 13.259 22.278 12.940 6.649 91.200 2.242.999 539.822 124.402

Trento 617 749 10.494 297 492 1.127 28 21.024 5.220

Bolzano 1.527 138 662 337 1.010 2.666 48 3.027 4.650


SPESA
135.714 17.880 1.076.160 597.888 261.688 577.770 1.226.882 29.695.415 7.631.487 1.736.098
REGIONA L IZ Z A T A
SPESA NON
432.658 186.016 2.007.964 125.735 512.957 313.302 300.726 12.352.917 238.506 31.892.325
REGIONA L IZ Z A T A
di cui: Erogazioni ad
190.601 158.493 1.337.999 50.947 506.975 32.469 235.919 11.922.012 124.380 31.810.959
Enti e F ondi

T OT A L E SPESA 568.372 203.895 3.084.124 723.623 774.645 891.072 1.527.608 42.048.332 7.869.992 33.628.423

(segue)
segue Tavola 3.6: Analisi dei pagamenti del bilancio dello Stato per regione e per missioni e programmi al netto degli interessi sui titoli di Stato. Anno 2014
(dati in migliaia di euro)

27

Dati provvisori
29 Polit iche 32 Serv izi
Immigrazione 28 Sv iluppo e
25 Polit iche 26 Polit iche economico 30 Giov ani e ist it uzionali e 33 F ondi da 34 Debit o
Regione accoglienza e riequilibrio 31 T urismo
prev idenziali per il lav oro f inanziarie e di sport generali delle ripart ire pubblico
garanzia dei t errit oriale
bilancio amm. Pubbliche
dirit t i

Abruzzo 19.532 32.379 37.980 681.300 226.289 3.027 5.581 226 281.833

Basilicata 9.901 6.525 27.478 58 62.339 329 3.300 26 185.558

Calabria 29.198 22.039 98.055 398.313 222.697 1.130 11.553 79 486.808

Campania 81.837 29.888 144.407 167 574.347 4.281 28.695 1.863 1.437.817

Emilia Romagna 35.916 46.116 119.632 32.013 435.115 3.787 10.836 46 307.929

Friuli V enezia Giulia 11.541 9.685 41.397 60 205.508 946 5.150 125 92.055

Lazio 80.450 89.586 335.254 39.721 4.217.360 360.730 19.814 781.428 2.046 1.418.995

Liguria 15.826 10.734 52.924 23.663 276.128 5.444 8.859 226.229

Lombardia 57.339 56.393 190.405 5.041 970.235 17.586 3.346 19.180 71 930.534

Marche 21.537 13.073 47.729 672 180.917 1.464 4.330 121 241.065

Molise 5.229 4.375 17.302 28.397 50.934 480 2.864 3 128.653

Piemonte 25.643 36.161 97.791 110 464.780 132.694 6.834 2 537.172

Puglia 58.009 26.313 151.884 125 423.359 2.175 19.376 854 452.788

Sardegna 22.975 15.338 36.671 101 189.705 1.175 6.813 27 128.678

Sicilia 69.292 59.509 263.712 279.360 562.005 3.040 24.964 756 602.762

Toscana 41.360 23.512 104.038 51.176 393.819 2.654 10.323 220 305.222

Umbria 15.097 7.492 34.721 46 97.533 950 3.993 164 90.560

V alle d'Aosta 749 1.595 2.375 2.835 25.371 218 37 27.039

V eneto 44.188 30.255 100.601 17.132 474.435 2.461 12.395 149 498.526

Trento 4.243 6 8.997 45 60.686 444 2.313 17 11.838

Bolzano 1.669 5 6.730 5.843 58.435 444 348 10.986


SPESA
651.531 520.977 1.920.083 1.566.178 10.171.996 545.458 23.160 969.172 6.794 8.403.046
REGIONA LIZ Z A T A
SPESA NON
87.715.165 8.890.460 313.819 46.710 68.069.392 152.223 719 630.871 400.806 9.568.080
REGIONA LIZ Z A T A
LA SPESA STATALE REGIONALIZZATA

105
di cui: Erogazioni ad
86.464.411 8.876.090 8.869 37.065 10.745.370 152.223 547 411.473 50.573 1
Enti e Fondi

T OT A LE SPESA 88.366.696 9.411.437 2.233.902 1.612.888 78.241.388 697.681 23.879 1.600.043 407.599 17.971.126
ANNUARIO STATISTICO 2016

Tavola 3.7: Spesa finale al netto degli interessi sui titoli di Stato. Graduatorie regionali. Anno 2014

Regioni (in ordine decrescent e)

Spesa (in milioni di euro) Spesa per abit ant e (in euro) Spesa in % del Prodot t o int erno lordo

Lazio 36.070 Bolzano 8.964 Sardegna 27,19


Lombardia 22.625 Trento 7.638 Calabria 26,82
Sicilia 21.811 V alle D'Aosta 7.475 Sicilia 25,95
Campania 21.335 Lazio 6.133 Trento 22,85
Puglia 13.906 Friuli V enezia Giulia 5.203 Bolzano 22,68
V eneto 13.507 Sardegna 5.101 Molise 22,51
Piemonte 12.608 Sicilia 4.282 Basilicata 21,46
Emilia Romagna 11.924 Molise 4.241 Campania 21,39
Toscana 11.343 Calabria 4.143 Puglia 20,96
Sardegna 8.486 Basilicata 3.938 V alle D'Aosta 20,33
Calabria 8.197 Abruzzo 3.903 Lazio 19,58
Friuli V enezia Giulia 6.391 Campania 3.637 Friuli V enezia Giulia 18,18
Liguria 5.586 Liguria 3.519 Abruzzo 16,97
Abruzzo 5.202 Puglia 3.400 Umbria 12,73
Bolzano 4.635 Umbria 3.108 Marche 11,70
Marche 4.522 Toscana 3.023 Liguria 11,62
Trento 4.100 Marche 2.914 Toscana 10,44
Umbria 2.784 Piemonte 2.846 Piemonte 9,98
Basilicata 2.274 V eneto 2.741 V eneto 9,14
Molise 1.332 Emilia Romagna 2.681 Emilia Romagna 8,27
V alle D'Aosta 960 Lombardia 2.265 Lombardia 6,28

It alia (spesa reg.t a) 219.598 It alia (spesa reg.t a) 3.612 It alia (spesa reg.t a) 13,58

It alia 500.089 It alia 8.227 It alia 30,92

Dati provvisori

106
LA TESORERIA DELLO STATO

CAPITOLO 4 - La tesoreria dello Stato

4.1 - La gestione complessiva della tesoreria dello Stato

La struttura dei flussi finanziari secondo la classificazione formale utilizzata in questa


sede mostra una sostanziale omogeneità degli andamenti nel corso degli anni, con
movimentazioni riferite alla gestione di tesoreria che assumono un’incidenza rilevante
(circa l’80 per cento del totale dei flussi finanziari) rispetto a quelle relative alla gestione
del bilancio statale. Ciò deriva dall’eterogeneità e dalla numerosità delle movimentazioni
imputate alla gestione di tesoreria, alcune riconducibili comunque al bilancio dello Stato
(somme gestite dai funzionari delegati su contabilità speciali, pagamenti anticipati dalla
tesoreria per conto del bilancio), altre riferite a enti e società che detengono in tutto o in
parte disponibilità liquide depositate presso la tesoreria statale, altre ancora collegate alla
gestione del debito fluttuante. Con riferimento a quest’ultima componente, poi, il rinnovo
ripetuto nel corso dell’anno di prestiti a breve o brevissimo termine può dare origine a
movimenti finanziari reiterati, con un’influenza significativa sulla grandezza delle
movimentazioni. Anche nell’anno 2015, come nel 2014, l’incidenza della gestione di
tesoreria rispetto a quella del bilancio statale, è pari a circa l’85 per cento del totale dei
flussi finanziari, per i motivi che saranno di seguito illustrati.
Nell’ambito delle partite debitorie, le voci di maggiore rilevanza sono quelle relative
alla categoria “Conti di tesoreria e contabilità speciali”, che assorbono tra il 75 per cento e
l’83 per cento dei movimenti finanziari complessivi, mentre le movimentazioni riferite al
debito fluttuante si attestano su una percentuale variabile tra il 13 e il 20 per cento. Nel
corso degli anni, e fino al 2011,la categoria delle “Altre partite” ha assunto un valore
sempre più residuale, tenuto conto che l’informatizzazione delle procedure di tesoreria e
l’utilizzo del bonifico per finalizzare i pagamenti hanno consentito di ridurre in maniera
rilevante il ricorso da parte della Banca d’Italia agli “Ordini di pagamento per trasferimento
fondi”. Significative discontinuità nel trend omogeneo dei dati sono rilevabili in
conseguenza di fatti riorganizzativi che hanno modificato sostanzialmente detti
andamenti. Un incremento rilevante di questa voce è stato invece registrato nel 2012, ma
si tratta di un fatto di natura eccezionale e di carattere meramente contabile. Si può
notare, infatti, come nel corso del 2014 e del 2015 si sia registrata una nuova contrazione
della voce in questione.
Nell’ambito delle partite debitorie le discontinuità più rilevanti hanno riguardato:
 l’abrogazione del vincolo di destinazione gravante sulla raccolta dei conti
correnti postali della clientela privata e il conseguente obbligo per Poste
Italiane di investire detti fondi in titoli governativi dell’area euro. A seguito di
tale innovazione, in attuazione di una specifica norma della legge finanziaria
per il 2007, nel 2007 le movimentazioni riferite alla voce “Conti correnti
postali” (per la quale sono generalmente rilevati saldi positivi:
incassi>pagamenti) hanno fatto registrare un saldo negativo di oltre 30
miliardi;

107
ANNUARIO STATISTICO 2016

 il ricorso a operazioni di emissione di prestiti a carattere transitorio sul mercato


monetario (voce “Operazioni sul mercato finanziario (raccolta)”), attuata a
partire dall’anno 2007, per coprire momentanei squilibri di cassa;
 il passaggio in tesoreria unica mista di tutti gli enti territoriali a partire dal 1°
gennaio 2009, che ha comportato una forte riduzione delle movimentazioni
sulle contabilità speciali di tesoreria unica, in quanto una parte rilevante dei
finanziamenti ricevuti dagli enti, e precisamente la quota che non proviene
direttamente dal bilancio statale, non transita più sui conti intestati agli enti in
essere presso la tesoreria statale. Ciò ha comportato una riduzione di circa il 60
per cento delle movimentazioni registrate su queste contabilità tra il 2008 e il
2009;
 la sospensione della tesoreria unica mista dal mese di gennaio 2012 e
l’assoggettamento al regime di tesoreria unica nel corso del 2012 dei
dipartimenti universitari e delle istituzioni scolastiche, che hanno determinato
un rilevante incremento delle movimentazioni delle contabilità speciali di
tesoreria unica;
 la rilevazione a partire dal mese di dicembre 2011 delle partite riferite alla voce
“Titoli emessi da esitare”;
 l’assoggettamento al regime di tesoreria unica, nel corso del 2015, delle
Camere di Commercio.
Per quanto riguarda le partite creditorie, la voce maggiormente significativa è quella
delle “Partite da regolare”, le cui movimentazioni si attestano intorno al 90 per cento del
complesso fino a tutto il 2010. La modifica delle modalità di gestione della liquidità e di
funzionamento del conto Disponibilità del tesoro , a partire dal mese di dicembre 2011, ha
modificato sostanzialmente questa incidenza.
Per la voce “Partite da regolare” si osserva che nel corso degli anni si è fortemente
accresciuta la disponibilità di informazioni, che dal 2006 in poi ha consentito di fornire
un’analisi delle diverse componenti più dettagliata rispetto agli anni precedenti. In
particolare a questo proposito si segnala che fino all’anno 2005, in sede di elaborazione
dei dati per il rendiconto generale dello Stato, i pagamenti da regolare per i quali non era
disponibile un dettaglio venivano “registrati” sotto la voce “titoli stralciati in corso di
regolazione”. La maggiore analiticità di informazioni acquisita dal 2006 ha consentito di
superare questa pratica operativa.
Nell’ambito delle partite creditorie una discontinuità rilevante è da segnalare per la
voce “Anticipazioni a Regioni per finanziamento spesa sanitaria”. La procedura di
trasferimento alle Regioni dei finanziamenti destinati alla Sanità adottata a partire
dall’anno 2009, ha infatti consentito di ridurre drasticamente le anticipazioni di tesoreria a
favore delle medesime Regioni. I relativi pagamenti, che costituiscono le anticipazioni
concesse, sono infatti passati da 70 miliardi nel 2008 a 24 miliardi, in media, nel periodo
2009 - 2015.
La revisione delle modalità di funzionamento del conto Disponibilità del tesoro,
conseguente all’attuazione dell’art. 47 della legge 196/2009, ha portato dal 2011 alcune
modifiche nella rappresentazione delle partite debitorie e creditorie che riguardano:
1. la rilevazione tra i debiti di tesoreria – altre operazioni – dell’importo dei titoli di
spesa emessi e già contabilizzati come pagamenti per il bilancio statale (ovvero già

108
LA TESORERIA DELLO STATO

addebitati sui rispettivi conti di tesoreria), ma non ancora esitati, cioè materialmente
16
pagati dalla tesoreria statale .
2. la rilevazione tra i crediti di tesoreria delle partite relative alla gestione della liquidità
in esubero rispetto al limite remunerato che può essere detenuto sul conto
17
Disponibilità del tesoro e che si concretizzano in operazioni di impiego sul mercato
monetario.

16
Si tratta dei pagamenti da effettuare in contanti non ancora riscossi dai beneficiari, dei pagamenti aventi data di
esigibilità 31 dicembre, quando tale data cade in una giornata non lavorativa, delle regolazioni contabili (es. sistemazione
anticipazioni di tesoreria) disposte con titolo di spesa, preso in carico ma non ancora finalizzato da parte della tesoreria
statale.

17
L’Indirizzo della Banca Centrale Europea del 20.02.2014 all’art. 5 ha previsto che giornalmente l’ammontare complessivo
dei depositi overnight di tutte le amministrazioni pubbliche presso una Banca Centrale Nazionale – e quindi anche il conto
Disponibilità del tesoro – eccedente il valore più elevato tra: a) euro 200 milioni; ovvero b) lo 0,04 per cento del prodotto
interno lordo dello Stato membro nel quale la Banca Centrale Nazionale ha sede, è remunerato a un tasso di interesse dello
zero per cento.

109
ANNUARIO STATISTICO 2016

ASPETTI METODOLOGICI

Le grandezze complessive dei flussi della tesoreria statale esposte nelle


tavole 4.1.1 e 4.1.2 sono desunte dalla rendicontazione mensile e annuale
resa dalla Banca d’Italia quale organismo cui è affidato il servizio di tesoreria.
La tavola4.1.1 (Movimento generale di cassa) riporta sinteticamente tutti
gli incassi e i pagamenti effettuati tramite la tesoreria statale e imputati alla
gestione del bilancio, ovvero a quella della tesoreria. Lo sbilancio del
movimento di cassa complessivo si concretizza in una variazione delle somme
depositate sul conto Disponibilità del tesoro , incrementale nel caso di avanzo,
decrementale nel caso opposto.
Per la gestione di tesoreria la tavola 4.1.2 riporta una sintesi degli incassi
e dei pagamenti riferiti alle partite debitorie e creditorie della gestione nei
confronti del bilancio statale o di soggetti diversi, di massima enti e organismi
pubblici, ma anche società private titolari di conti aperti presso la Tesoreria
statale.
Per le voci i cui flussi sono riportati nella tavola 4.1.2, la tavola 4.1.3
fornisce lo stock delle partite debitorie e creditorie alla fine di ogni esercizio.

RACCORDI CON ALTRE VARIABILI

Tra la gestione del bilancio e SCHEMA SINOTTICO DEI DATI PRESENTATI


quella della tesoreria si instaurano Quadro di finanza pubblica Altre elaborazioni
rapporti di carattere contabile, Politiche di
legati alla discrasia temporale che Flussi finanziari
da/per la UE
sviluppo
della UE

può generarsi tra il momento in cui


si verifica il flusso finanziario di
Bilancio Tesoreria Bilancio
dello Stato dello Stato Spesa statale
statale
- Entrate - - Uscite - regionalizzata

riscossione o pagamento e quello in


cui la partita viene contabilizzata. Formazione del fabbisogno

Sul fronte delle entrate le partite Entrate Totali Uscite Totali Conto Annuale

sospese riguardano generalmente


fondi che affluiscono alla tesoreria e Copertura Finanziaria
Mutui degli
Enti Locali
costituiscono giacenze temporanee,
depositate ad esempio su
contabilità speciali, destinate
a tramutarsi in entrate di bilancio. Dal lato delle uscite, invece, fenomeno più
rilevante è quello dei pagamenti da regolare, cioè pagamenti anticipati dalla
tesoreria per conto del bilancio dello Stato.

110
Tavola 4.1.1: Movimento generale di cassa. Anni 2006-2015 (dati in milioni di euro)

2006 2007 2008 2009 2010


Inca ssi Pa g a me n ti Inca ssi Pa g a me n ti Inca ssi Pa g a me n ti Inca ssi Pa g a me n ti Inca ssi Pa g a me n ti
Gest ione di Bilancio:
Entrate finali 428.289 - 450.395 - 455.364 - 456.202 - 444.142 -
Spese finali - 459.802 - 475.961 - 524.021 - 523.247 - 503.988
Rimborso prestiti - 158.149 - 166.990 - 187.853 - 176.103 - 189.104
Accensione prestiti 182.127 - 182.747 - 222.489 - 269.718 - 272.921 -

T ot ale gest ione di Bilancio 610.416 617.951 633.143 642.951 677.853 711.874 725.920 699.350 717.063 693.092

Gest ione di T esoreria:


Debiti di tesoreria 2.107.168 2.112.446 2.302.238 2.340.812 2.477.480 2.404.098 2.173.655 2.194.545 1.929.342 1.962.323
Crediti di tesoreria 386.501 365.815 413.926 375.475 360.005 389.939 303.345 298.407 268.817 247.183

T ot ale gest ione di T esoreria 2.493.669 2.478.261 2.716.164 2.716.286 2.837.485 2.794.037 2.476.999 2.492.952 2.198.159 2.209.506

T OT A LE COM PLESSIV O
3.104.085 3.096.212 3.349.307 3.359.237 3.515.338 3.505.911 3.202.919 3.192.303 2.915.222 2.902.598
M OV IM ENT O DI CA SSA
Decreti ministeriali di scarico - - - 2.685 - - - - - -
V ariazione conto Disponibilità del
- 7.873 12.615 - - 9.426 - 10.617 - 12.624
Tesoro (pagamenti (+) / incassi (-) )

T OT A LE PA REGGIO 3.104.085 3.104.085 3.361.922 3.361.922 3.515.338 3.515.338 3.202.919 3.202.919 2.915.222 2.915.222

(segue)

al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/


LA TESORERIA DELLO STATO

La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato

111
112
segue Tavola 4.1.1: Movimento generale di cassa. Anni 2006-2015 (dati in milioni di euro)
2011 2012 2013 2014 2015
Inca ssi Pa g a me n ti Inca ssi Pa g a me n ti Inca ssi Pa g a me n ti Inca ssi Pa g a me n ti Inca ssi Pa g a me n ti
Gest ione di Bilancio:
Entrate finali 452.657 - 471.678 - 483.665 - 484.306 - 511.987
ANNUARIO STATISTICO 2016

Spese finali - 519.375 - 530.442 - 560.612 - 563.115 600.262


Rimborso prestiti - 186.012 - 213.934 - 171.089 - 207.618 212.642
Accensione prestiti 228.422 - 239.784 - 264.847 - 289.973 - 259.542

T ot ale gest ione di Bilancio 681.080 705.387 711.462 744.376 748.512 731.701 774.279 770.732 771.529 812.904

Gest ione di T esoreria:


Debiti di tesoreria 2.027.542 2.016.735 2.706.477 2.674.253 2.175.139 2.221.672 2.037.137 2.028.994 2.206.176 2.183.817
Crediti di tesoreria 435.603 458.145 1.640.839 1.637.940 2.180.969 2.151.776 2.016.005 2.027.927 976.399 960.431

T ot ale gest ione di T esoreria 2.463.146 2.474.880 4.347.315 4.312.192 4.356.108 4.373.448 4.053.141 4.056.921 3.182.575 3.144.248

T OT A LE COM PLESSIV O
3.144.225 3.180.267 5.058.777 5.056.569 5.104.620 5.105.148 4.827.420 4.827.653 3.954.104 3.957.152
M OV IM ENT O DI CA SSA
Decreti ministeriali di scarico - - - - - - - - 58 -
V ariazione conto Disponibilità del
36.042 - - 2.209 529 - 233 - 2.989 -
Tesoro (pagamenti (+) / incassi (-) )

T OT A LE PA REGGIO 3.180.267 3.108.267 5.058.777 5.058.777 5.105.148 5.105.148 4.827.653 4.827.653 3.957.152 3.957.152

al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/


La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato
Tavola 4.1.2: Gestione della tesoreria dello Stato. Partite debitorie e creditorie. Anni 2006–2015 (dati in milioni di euro)

2006 2007 2008 2009 2010


Part it e debit orie
Incassi Pagament i Incassi Pagament i Incassi Pagament i Incassi Pagament i Incassi Pagament i
Debit o f lut t uant e:
Buoni ordinari del Tesoro (valore nominale) 210.583 205.609 229.552 224.030 267.548 248.097 267.546 275.203 210.642 220.684
Operazioni su mercati finanziari (raccolta) - - 55.412 55.412 49.009 49.009 26.808 26.808 40.806 40.806
Conti correnti postali 83.297 79.170 82.609 113.330 114.091 115.185 112.844 110.860 113.907 115.214
di cui:
Conti correnti postali clientela privata - - - - 38.874 38.084 33.943 33.217 35.812 36.487
Conti correnti postali Amministrazioni pubbliche 75.217 77.101 78.901 77.643 78.095 78.727
Risparmio postale 529 6.429 5.348 2.836 9.269 9.654 3.069 1.851 5.536 4.569

T ot ale 294.408 291.208 372.921 395.608 439.917 421.945 410.267 414.722 370.891 381.272

Cont i corrent i e cont abilit à speciali:


Conti correnti presso la Tesoreria centrale 502.134 511.054 544.670 565.060 603.630 545.734 766.265 790.116 554.553 588.346
Contabìlìtà speciali 751.346 749.441 807.999 811.258 878.478 873.341 775.046 768.486 791.935 778.562
Contabilità speciali di tesoreria unica 467.093 468.493 489.379 481.699 462.533 472.791 192.035 188.872 173.140 175.391

T ot ale 1.720.573 1.728.989 1.842.048 1.858.016 1.944.641 1.891.866 1.733.347 1.747.474 1.519.627 1.542.300

A lt re operazioni:
Ordini di pagamento per trasferimento fondi 91.917 91.915 87.001 86.901 92.700 90.004 29.206 31.743 37.988 37.713
Titoli di spesa emessi da esitare - - - - - - - - - -
Depositi di terzi 60 83 60 57 67 47 51 63 38 57
Partite diverse 210 252 207 229 155 235 784 543 798 982

T ot ale 92.188 92.249 87.268 87.188 92.922 90.287 30.041 32.349 38.824 38.751

T OT A LE PA RT IT E DEBIT ORIE 2.107.168 2.112.446 2.302.238 2.340.812 2.477.480 2.404.098 2.173.655 2.194.545 1.929.342 1.962.323

(segue)

al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/


LA TESORERIA DELLO STATO

La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato

113
114
segue Tavola 4.1.2: Gestione della tesoreria dello Stato. Partite debitorie e creditorie. Anni 2006–2015 (dati in milioni di euro)

2010 2011 2012 2013 2014 2015


Part it e debit orie
Incassi Pagament i Incassi Pagament i Incassi Pagament i Incassi Pagament i Incassi Pagament i Incassi Pagament i
Debit o f lut t uant e:
Buoni ordinari del Tesoro (valore nominale) 210.642 220.684 205.813 204.174 240.735 221.309 218.336 228.356 182.407 198.010 164.130 174.610
Operazioni su mercati finanziari (raccolta) 40.806 40.806 32.735 32.735 - - - - - - - -
ANNUARIO STATISTICO 2016

Conti correnti postali 113.907 115.214 117.929 117.054 102.444 103.521 107.510 108.716 104.965 104.172 112.929 113.084
di cui:
Conti correnti postali clientela privata 35.812 36.487 41.648 41.659 36.354 35.787 37.933 38.801 36.723 36.319 41.640 42.183
Conti correnti postali Amministrazioni pubbliche 78.095 78.727 76.281 75.394 66.090 67.734 69.577 69.915 68.242 67.853 71.289 70.901
Risparmio postale 5.536 4.569 4.000 5.281 2.644 5.092 1.701 3.026 1.817 3.448 1.498 2.435

T ot ale 370.891 381.272 360.477 359.244 345.823 329.922 327.547 340.098 289.189 305.630 278.558 290.129

Cont i corrent i e cont abilit à speciali:


Conti correnti presso la Tesoreria centrale 554.553 588.346 597.085 601.873 870.251 859.040 514.872 545.126 481.751 468.917 484.340 466.312
Contabìlìtà speciali 791.935 778.562 665.975 669.593 606.224 599.755 735.749 740.947 840.236 831.220 913.709 901.550
Contabilità speciali di tesoreria unica 173.140 175.391 301.668 291.494 540.764 535.739 480.650 477.495 369.138 368.524 380.934 375.329

T ot ale 1.519.627 1.542.300 1.564.727 1.562.960 2.017.239 1.994.534 1.731.270 1.763.569 1.691.125 1.668.661 1.778.983 1.743.191

A lt re operazioni:
Ordini di pagamento per trasferimento fondi 37.988 37.713 13.973 14.338 155.975 156.064 32.886 32.745 17.209 16.720 13.848 14.569
Titoli di spesa emessi da esitare - - 87.424 79.358 186.547 192.892 82.716 84.426 38.885 37.477 134.100 135.072
Depositi di terzi 38 57 25 23 142 32 22 141 22 21 21 17
Partite diverse 798 982 916 813 750 809 697 692 707 485 667 839

T ot ale 38.824 38.751 102.337 94.531 343.414 349.798 116.322 118.005 56.823 54.703 148.636 150.497

T OT A LE PA RT IT E DEBIT ORIE 1.929.342 1.962.323 2.027.542 2.016.735 2.706.477 2.674.253 2.175.139 2.221.672 2.037.137 2.028.994 2.206.176 2.183.817

(segue)

al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/


La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato
segue Tavola 4.1.2: Gestione della tesoreria dello Stato. Partite debitorie e creditorie. Anni 2006–2015 (dati in milioni di euro)
2006 2007 2008 2009 2010
Part it e credit orie
Incassi Pagament i Incassi Pagament i Incassi Pagament i Incassi Pagament i Incassi Pagament i
Gest ione disponibilit à liquide
Operazioni sul mercato monetario (impieghi) - - - - - - - - - -
Depositi V incolati - - - - - - - - - -

T ot ale - - - - - -

Pagament i da regolare
Pagamenti urgenti e pagamenti ex art. 14 d.l. 669/1996 1.149 1.501 2.239 2.772 14.335 15.500 8.399 10.412 7.222 3.159
Cedole interessi B.O.T. (in corso di scadenza) 3.160 4.302 4.855 5.685 6.111 6.033 4.599 1.820 1.454 1.619
Anticipazioni a Regioni per finanziamento spesa sanitaria 79.572 60.551 71.908 67.353 48.617 70.189 32.657 29.299 39.007 23.602
Anticipazioni a Poste SpA-Convenz. Tesoro-Poste 255.259 257.189 264.154 260.966 255.097 255.131 216.360 215.380 176.832 176.448
di cui:
Prelevamento fondi c/o tesoreria centrale 180.984 181.403 189.622 188.695 194.199 193.975 164.231 163.111 131.291 130.779
Giacenza dì cassa 73.839 75.662 74.510 72.270 60.898 61.155 52.129 52.269 45.541 45.669
Pagamento spese di giustizia 436 124 22 - - - - - - -
Anticipazioni a enti locali ex lege 30/97 art. 9 - - - - - - - - - -
Anticipazioni a FEOGA ex d.lgs 165/1999 2.860 1.300 1.000 1.745 1.545 1.800 800 2.400 2.000 2.600
Anticipazioni a INPS/INPDAP ex art. 35 L. 448/1998 - - - - - 3.620 3.620 - 1.650 2.000
Servizio finanziario prestiti esteri 13.133 12.880 7.579 7.875 12.889 12.885 12.880 12.540 11.041 11.060
Titoli stralciati in corso di regolazione 49 50 597 598 169 169 206 210 210 211
Altri pagamenti da regolare 4.343 4.130 2.803 2.541 790 475 2.573 2.676 5.011 5.404

T ot ale 359.525 341.903 355.135 349.534 339.554 365.803 282.093 274.737 244.428 226.103

A lt ri credit i

Pagamenti per conto amministrazioni autonome da


26.724 23.702 22.249 25.734 20.216 23.981 20.708 22.903 23.406 20.275
rimborsare sui rispettivi conti correnti
Sovvenzioni del Tesoro alle Poste per pagamenti erariali
- - 36.313 - - - - - - -
fuori dei capoluoghi di provincia
Partite diverse 252 210 229 207 235 155 543 767 982 804

al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/


T ot ale 26.976 23.912 58.791 25.941 20.451 24.137 21.252 23.670 24.389 21.080
LA TESORERIA DELLO STATO

La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato

115
T OT A LE PA RT IT E CREDIT ORIE 386.501 365.815 413.926 375.475 360.005 389.939 303.345 298.407 268.817 247.183

(segue)
116
segue Tavola 4.1.2: Gestione della tesoreria dello Stato. Partite debitorie e creditorie. Anni 2006–2015 (dati in milioni di euro)

2011 2012 2013 2014 2015


Part it e c redit orie
Inc assi Pagament i Inc assi Pagament i Inc assi Pagament i Inc assi Pagament i Inc assi Pagament i
Gest ione disponibilit à liquide
Operazioni sul mercato monetario (impieghi) 129.371 129.371 964.582 964.582 1.547.535 1.557.535 1.614.936 1.642.936 797.198 789.198
ANNUARIO STATISTICO 2016

Depositi V incolati 40.000 57.000 456.000 464.000 419.500 413.500 227.500 208.500

T ot ale 169.371 186.371 1.420.582 1.428.582 1.967.035 1.971.035 1.842.436 1.851.436 797.198 789.198

Pagament i da regolare
Pagamenti urgenti e pagamenti ex art. 14 d.l. 669/1996 6.079 6.530 5.080 2.926 5.579 5.213 4.801 4.316 3.987 3.992
Cedole interessi B.O.T. (in corso di scadenza) 1.872 4.043 4.336 3.480 2.948 1.434 1.291 638 507 89
Anticipazioni a Regioni per finanziamento spesa sanitaria 24.453 25.830 30.249 25.547 40.759 20.416 18.755 23.822 19.900 21.328
Anticipazioni a Poste SpA-Conv enz. Tesoro-Poste 183.504 183.332 120.993 120.422 129.456 129.971 127.361 127.521 126.630 126.397
di cui:
Prelev amento fondi c/o tesoreria centrale 133.975 133.878 68.282 67.562 72.042 72.526 70.048 69.841 72.828 72.899
Giacenza dì cassa 49.529 49.454 52.712 52.860 57.414 57.445 57.313 57.680 53.803 53.498
Pagamento spese di giustizia - -
Anticipazioni a enti locali ex lege 30/97 art. 9 0 - 953 - - - - - 5.361 -
Anticipazioni a F EOGA ex d.lgs 165/1999 2.700 1.950 1.700 1.600 1.651 1.600 1.161 1.200 636 2.000
Anticipazioni a INPS/INPDAP ex art. 35 L. 448/1998 1.050 4.200 3.500 3.500 3.500 -
Serv izio finanziario prestiti esteri 15.662 19.636 26.771 22.874 7.465 7.384 7.715 7.770 13.397 13.391
Titoli stralciati in corso di regolazione 315 315 269 269 555 555 541 541 654 654
Altri pagamenti da regolare 4.501 5.188 8.539 7.434 7.539 9.202 7.571 5.798 162 155

T ot ale 240.136 251.023 202.390 188.052 195.951 175.774 169.195 171.606 174.734 168.005

A lt ri c redit i

Pagamenti per conto amministrazioni autonome da


25.284 19.833 17.057 20.555 17.291 4.293 3.888 4.163 3.628 2.546
rimborsare sui rispettiv i conti correnti
Sov v enzioni del Tesoro alle Poste per pagamenti erariali
- - - - - - - - - -
fuori dei capoluoghi di prov incia
Partite div erse 813 918 809 751 692 674 485 722 839 682

al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/


T ot ale 26.096 20.751 17.866 21.306 17.983 4.967 4.373 4.885 4.467 3.227

La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato
T OT A L E PA RT IT E CREDIT ORIE 435.603 458.145 1.640.839 1.637.940 2.180.969 2.151.776 2.016.005 2.027.927 976.399 960.431
Tavola 4.1.3: Gestione della tesoreria dello Stato. Stock di debiti e di crediti al 31 dicembre. Anni 2006-2015 (dati in milioni di euro)

Part it e debit orie 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015

Debit o f lut t uant e:


Buoni ordinari del Tesoro (valore nominale) 122.838 128.360 147.810 140.153 130.112 131.751 151.177 141.156 125.553 115.074
Operazioni su mercati finanziari (raccolta) - - - - - - - - - -
Conti correnti postali 38.151 7.431 6.337 8.321 7.014 7.890 6.814 5.607 6.401 6.246
di cui:
Conti correnti postali clientela privata - - 790 1.516 841 829 1.397 529 934 391
Conti correnti postali Amministrazioni pubbliche - - 5.546 6.805 6.173 7.061 5.416 5.078 5.467 5.855
Risparmio postale 44.177 46.690 46.305 47.523 48.490 47.209 44.761 43.435 41.804 40.867

T ot ale 205.167 182.480 200.452 195.997 185.616 186.849 202.751 190.199 173.758 162.187

Cont i corrent i e cont abilit à speciali:


Conti correnti presso la Tesoreria centrale 329.111 308.722 366.618 342.767 308.973 304.185 315.396 285.141 297.975 316.003
Contabìlìtà speciali 33.947 30.688 35.824 42.394 55.766 52.149 58.618 53.419 62.446 74.604
Contabilità speciali di tesoreria unica 43.161 50.842 40.584 43.738 41.487 51.660 56.686 59.841 60.443 66.048

T ot ale 406.219 390.251 443.026 428.899 406.226 407.993 430.699 398.400 420.865 456.656

A lt re operazioni:
Ordini di pagamento per trasferimento fondi 63 163 2.858 321 596 230 141 282 771 51
Titoli di spesa emessi da esitare - - - - - 8.066 1.721 11 1.419 447
Depositi di terzi 52 55 74 62 43 45 155 36 37 41
Partite diverse 385 363 284 525 341 444 385 390 611 438

T ot ale 500 580 3.216 907 979 8.785 2.402 719 2.838 977

T OT A LE PA RT IT E DEBIT ORIE 611.885 573.311 646.693 625.802 592.821 603.628 635.852 589.319 597.461 619.820

(segue)

al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/


LA TESORERIA DELLO STATO

La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato

117
118
segue Tavola 4.1.3: Gestione della tesoreria dello Stato. Stock di debiti e di crediti al 31 dicembre. Anni 2006-2015 (dati in milioni di euro)

Part it e credit orie 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015

Gest ione disponbilit à liquide:


Disponibilità del Tesoro per il servizio di tesoreria 20.738 13.324 15.888 14.426 22.299 9.684 19.110 29.727 42.351 6.309 8.517 7.989 7.756 4.767
Operazioni sul mercato monetario (impieghi) - - - - - - - - - - - 10.000 38.000 30.000
ANNUARIO STATISTICO 2016

Depositi vincolati - - - - - - - - - 17.000 25.000 19.000 - -

T ot ale 20.738 13.324 15.888 14.426 22.299 9.684 19.110 29.727 42.351 23.309 33.517 36.989 45.756 34.767

Pagament i da regolare:
Pagamenti urgenti e pagamenti ex art. 14 d.l. 669/1996 - - - - 4.767 5.301 6.465 8.479 4.416 4.867 2.713 2.347 1.862 1.868
Cedole interessi B.O.T. (in corso di scadenza) 2.909 2.037 2.010 2.055 3.197 4.027 3.949 1.171 1.336 3.506 2.649 1.136 483 64
Anticipazioni a Regioni per finanziamento spesa sanitaria 32.367 19.882 39.953 71.993 52.972 48.417 69.989 66.631 51.225 52.602 47.899 27.557 32.624 34.052
Anticipazioni a Poste SpA-Convenzione Tesoro-Poste 10.663 8.313 6.314 6.001 7.931 4.742 4.776 3.796 3.412 3.240 2.669 3.183 3.343 3.110
di cui:
Prelevamento fondi c/o tesoreria centrale - - - - 3.625 2.700 2.476 1.356 844 746 27 511 304 375
Giacenza dì cassa - - - - 4.282 2.043 2.300 2.440 2.569 2.494 2.642 2.673 3.039 2.374
Pagamento spese di giustizia - - - - 22 - - - - - - - - -
Anticipazioni a enti locali ex lege 30/1997 art. 9 6.570 6.314 6.314 6.314 6.314 6.314 6.314 6.314 6.314 6.314 5.361 5.361 5.361 -
Anticipazioni a FEOGA ex d.lgs 165/1999 - - - - 3.394 4.139 4.394 5.994 6.594 5.844 5.744 5.693 5.732 7.096
Anticipazioni a INPS/INPDAP ex art. 35 L. 448/1998 - - - - - - 3.620 - 350 3.500 3.500 3.500 3.500 -
Servizio finanziario prestiti esteri - - - - 279 576 572 232 251 4.225 328 247 302 296
Titoli stralciati in corso di regolazione 13.586 18.106 11.162 10.832 0 1 1 4 5 4 4 4 4 4
Altri pagamenti da regolare - - - - 717 455 140 243 636 1.323 219 1.882 109 101

T ot ale 66.095 54.651 65.752 97.195 79.573 73.972 100.220 92.864 74.539 85.426 71.087 50.910 53.320 46.591

A lt ri credit i:
Pagamenti per conto amministrazioni autonome da rimborsare
28.108 23.254 14.664 13.537 10.514 13.999 17.765 19.959 16.828 11.377 14.875 1.877 2.152 1.071
sui rispettivi conti correnti
Sovvenzioni del Tesoro alle Poste per pagamenti erariali fuori
71.330 71.330 69.941 69.941 69.941 33.629 33.629 33.629 33.629 33.629 33.629 33.629 33.629 33.629
dei capoluoghi di provincia
Partite diverse 761 682 677 427 385 363 284 507 329 435 376 358 595 437

T ot ale 100.198 95.266 85.283 83.906 80.841 47.991 51.677 54.095 50.786 45.441 48.880 35.864 36.376 35.136

T OT A LE PA RT IT E CREDIT ORIE 187.031 163.241 166.923 195.526 182.714 131.646 171.007 176.686 167.676 154.175 153.484 123.763 135.452 116.494

al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/


La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato
LA TESORERIA DELLO STATO

4.2 - I flussi finanziari tra l’Italia e l’Unione Europea

La presente sezione espone i dati relativi ai movimenti finanziari intercorrenti tra


l’Italia e l’Unione Europea.
Tali flussi si sostanziano nei versamenti disposti dall’Italia per finanziare le spese del
bilancio comunitario rivolte a realizzare le politiche dell’Unione Europea nonché ad
assicurare il funzionamento delle istituzioni comunitarie e negli accrediti effettuati
dall’Unione Europea, in favore dell’Italia, per concorrere alla realizzazione di molteplici
interventi, nell’ambito delle politiche di sviluppo perseguite dall’UE in base al Trattato sul
funzionamento dell’Unione Europea.
Dal raffronto annuale delle grandezze relative ai movimenti in uscita (ossia i
versamenti effettuati dall’Italia al bilancio comunitario) ed i movimenti in entrata (costituiti
dalle somme accreditate all’Italia a fronte dell’attuazione degli interventi finanziati
dall’Unione Europea) scaturisce la posizione netta dell’Italia nei confronti dell’UE. La
relativa serie storica è rappresentata nel grafico che segue.

Grafico 4.2.I. Posizione netta dell’Italia. Versamenti, accrediti e movimenti netti. Anni 2000-2015 (dati in
milioni di euro).

2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015
20.000
15.000
10.000
5.000
-
(5.000)
(10.000)

MOVIMENTI NETTI Versamenti Accrediti

L’andamento dei dati esposti nel grafico è determinato, per un verso, dai parametri
che disciplinano, a livello comunitario, la quantificazione della contribuzione del nostro
paese al bilancio comunitario, essenzialmente legati alla dimensione del reddito nazionale,
dall’altro, dai criteri di ripartizione delle dotazioni complessive dei fondi comunitari tra le
regioni europee e dalla capacità di utilizzo di tali risorse.
Nel corso dell’ultimo esercizio, il 2015, l’Italia a fronte di versamenti al bilancio
generale dell’Unione Europea per un importo complessivo pari a 16.180,01 milioni , ha
18
ricevuto contributi per un totale di 11.479,63 . Nel corso del 2015, l’Italia ha, quindi,
registrato un saldo netto negativo di circa 4.700 milioni. Tale posizione negativa è in linea
con il trend avviato a partire dal 2008, peggiorativo rispetto al periodo precedente (anni
2000-2007) in cui invece la posizione netta dell’Italia si assestava, in media, intorno ai
3.200 milioni. Tale variazione di tendenza si può giustificare alla luce dell’allargamento
dell’Unione ai nuovi paesi, che ha determinato un innalzamento della contribuzione del

18
Il totale dei contributi ricevuti dall’Italia comprende esclusivamente gli importi transitati per il Fondo di Rotazione. La
Commissione europea, invece, nelle Relazioni finanziarie che annualmente rendicontano i flussi finanziari tra l’Unione
Europea e gli Stati membri considera, tra i fondi assegnati all’Italia, anche quelli relativi a programmi comunitari che non
transitano per il Fondo di Rotazione.

119
ANNUARIO STATISTICO 2016

nostro paese al bilancio comunitario e a cui si è aggiunta la riduzione delle risorse


trasferite al nostro paese, a fronte degli interventi comunitari attivati. Il dato del 2015
presenta una differenza positiva di oltre 2,6 miliardi rispetto al 2014 determinata da una
riduzione dei versamenti complessivi al bilancio comunitario (pari a circa 1 miliardo), e da
un consistente aumento degli accrediti a favore del nostro paese di circa 1,6 miliardi.
Per quanto attiene il lato delle uscite, i dati relativi ai versamenti dell’Italia all’UE
sono esposti nella tavola 4.2.1 distintamente per le Risorse Proprie Tradizionali, la risorsa
IVA e la risorsa basata sull’RNL (Reddito Nazionale Lordo).
La voce Risorse Proprie Tradizionali (attualmente costituita da dazi doganali e
contributi alla produzione di zucchero e derivati) ricomprende le somme versate all’UE
sulla base dell’esistenza di uno spazio doganale unificato e costituisce circa il 10,5 per
cento delle risorse versate nel 2015 al bilancio comunitario. Rispetto al 2014, si registra un
incremento dell’11,4 per cento dei contributi versati legato all’aumento del gettito relativo
al transito delle merci di provenienza extracomunitaria.
Gli importi dei versamenti classificati sotto la voce Risorsa IVA si riferiscono ai
contributi versati all’UE, applicando l’aliquota uniforme di prelievo pari allo 0,30 per cento
sulla base imponibile nazionale armonizzata. Il dato relativo al versamento della Risorsa
IVA è superiore a quello dell’anno precedente per circa 416 milioni, pari ad oltre il 21 per
cento. Le risorse versate ogni anno a titolo di tale risorsa dipendono, oltre che dalla
crescita o diminuzione della base imponibile, dai conguagli positivi o negativi relativi alla
revisione delle basi imponibili degli anni precedenti. Nel 2015 si è verificata una
determinazione della base imponibile effettiva inferiore alla stima precedente, sia una
revisione al ribasso delle basi imponibili degli anno precedenti. Di conseguenza, l’Italia ha
beneficiato di un cospicuo conguaglio sulla risorsa IVA.
La Risorsa RNL (Reddito Nazionale Lordo), definita anche “Risorsa complementare”,
è commisurata alla quota parte dei RNL nazionali sul RNL comunitario e consiste in un vero
e proprio esborso di fondi aggiuntivi da parte degli Stati membri, finalizzato a finanziare le
spese di bilancio non coperte dalle Risorse Proprie Tradizionali e dalla Risorsa IVA. I
versamenti effettuati dall’Italia a titolo di Risorsa RNL, pari a 12.934 milioni per l’anno
2015, rappresentano la più importante voce di risorsa pari a quasi l’80 per cento di tutta la
contribuzione italiana. Rispetto al 2014, si è registrato un decremento pari a circa il 5,6
per cento degli oneri a carico dell’Italia per effetto delle differenze, nei due anni
considerati, dei conguagli positivi e negativi per revisione delle basi imponibili degli anni
precedenti, a fronte di una sostanziale stabilità del livello dei pagamenti da finanziare..
Per quanto attiene, invece, ai movimenti registrati in entrata, le tavole 4.2.2 e
seguenti espongono secondo diverse prospettive (fonte di finanziamento, area geografica
e area/fonte finanziaria) le somme trasferite dall’UE a valere sulle risorse finanziarie che
l’Unione destina agli Stati membri nell’ambito del perseguimento delle finalità di sviluppo
socio-economico previste dal trattato.
Le voci di entrata più consistenti attengono, sul piano generale, ai contributi erogati
per la realizzazione delle azioni previste dalla Politica Agricola Comune (PAC) finanziate
attraverso il FEAGA, istituito dall’articolo 2, paragrafo a), del Regolamento (CE) del
Consiglio del 21 giugno 2005, n.1290 e che finanzia, a partire dall’1/1/2007, in
sostituzione del FEOGA Garanzia, le spese sostenute dagli Stati membri per le tipologie di
spesa previste dalla normativa comunitaria. Le risorse che affluiscono all’Italia per
l’attuazione della PAC) sono pari mediamente a circa 4,5 – 5 miliardi.
In questo ambito, la Commissione Europea, individuati gli stanziamenti necessari

120
LA TESORERIA DELLO STATO

nell’ambito del bilancio comunitario, nel corso dell’esercizio finanziario di riferimento, li


mette a disposizione degli Stati membri, mediante pagamenti mensili. Tali risorse vengono
successivamente trasferite, previa indicazione di AGEA -Organismo di coordinamento -agli
organismi pagatori incaricati dell’attuazione dei predetti interventi.
Per la restante parte dei finanziamenti comunitari, la quota prevalente dei contributi
assegnati inerisce il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR).Nel 2015 le risorse
rimborsate sono state pari a circa 4,1 miliardi, ben al di sopra degli importi medi annuali
che si collocano tra gli 1,4 e i 3 miliardi. Tale situazione è stata determinata dalla
contemporanea chiusura del periodo di ammissibilità della spesa relativa ai programmi del
periodo di programmazione 2007/2013, con conseguente incremento dei rimborsi
effettuati dall’Unione Europea, ed dalla approvazione dei programmi del nuovo periodo di
programmazione 2014/2020, con conseguente accredito delle anticipazioni delle risorse
comunitariea valere su tali programmi. Il Fondo Sociale Europeo (FSE), il cui range di valori
si muove, nel periodo di riferimento, tra i 400 e i 1.500 milioni ha fatto registrare accrediti
per oltre 996 milioni. Tali risorse finanziano l’attuazione degli interventi di sviluppo socio-
economico, attivati dalle Amministrazioni nazionali e regionali, nell’ambito degli appositi
programmi operativi.
Le risorse attribuite all’Italia per lo sviluppo rurale, finanziate dal FEOGA
Orientamento per la programmazione 2000/2006 e dal FEASR per i due successivi periodi
di programmazione, hanno fatto registrare accrediti pari a circa 1.340 milioni.
Le risorse attribuite per le politiche della pesca finanziate dal FEAMP per il periodo di
programmazione 2014/2020 e dallo SFOP e dal FEP per i periodi precedenti, hanno fatto
registrare accrediti pari a circa 42 milioni.
Un’ulteriore voce di entrata è costituita dalle risorse erogate dall’UE a valere sulle
altre linee del bilancio comunitario che hanno una incidenza minore; nel 2015 si sono
attestate ad oltre 316 milioni.
In generale, si tratta di somme trasferite all’Italia per finanziare numerosi progetti
comunitari di modesta entità finanziaria, perlopiù gestiti dalle Amministrazioni centrali
dello Stato, su tematiche attinenti ai settori rientrati nelle proprie specifiche competenze.
Nel corso del 2015, sono affluiti circa 170,25 milioni dal fondo YEI (Youth
Employement Initiative) a seguito dell’adozione, da parte della Commissione europea, del
programma operativo nazionale per l'implementazione dell'iniziativa a favore
dell'occupazione giovanile. Il programma operativo dovrà contribuire ad attuare la riforma
su scala europea volta ad assicurare che ogni giovane riceva un'offerta qualitativamente
valida di lavoro, di istruzione o di formazione entro quattro mesi dall'inizio della
disoccupazione o dall'abbandono dell'istruzione formale.
La distribuzione degli accrediti comunitari per area geografica, evidenzia
l’ammontare dei finanziamenti di cui sono stati destinatari gli specifici programmi realizzati
per sostenere lo sviluppo socio economico delle singole regioni/aree di intervento.
Infine, stante la peculiarità di ciascuno strumento finanziario, rispetto agli obiettivi e
alle tipologie di azioni finanziabili, attraverso i dati della tavola 4.2.4 è possibile desumere
le informazioni necessarie per analizzare la tipologia di azioni che all’interno di ciascuna
area geografica ha ricevuto finanziamenti comunitari.

121
ANNUARIO STATISTICO 2016

ASPETTI METODOLOGICI

Tutti i dati esposti si basano su informazioni presenti sul sistema


informativo della Ragioneria Generale dello Stato ‐ IGRUE e riguardano i flussi
finanziari intercorrenti tra l’Italia e l’Unione Europea. Dal raffronto tra le
grandezze relative a tali flussi, deriva la cosiddetta posizione netta dell’Italia.
determinata dalla differenza tra i movimenti in uscita (ossia i versamenti
effettuati dall’Italia al bilancio comunitario) ed i movimenti in entrata (costituiti
dalle somme accreditate all’Italia a fronte dell’attuazione degli interventi
finanziati dall’Unione Europea).
Sul piano dei versamenti al bilancio UE, l’articolazione esposta nella
tavola 4.2.1 rispecchia la ripartizione delle risorse in:
• Risorse Proprie Tradizionali riscosse dagli Stati membri per conto della
Comunità e versate direttamente alle casse comunitarie, previa
deduzione del 25 per cento a titolo di rimborso delle spese di
riscossione. Esse sono rappresentate dalle seguenti voci di risorsa:
- dazi doganali percepiti sulle importazioni delle merci provenienti dai
paesi extracomunitari;
- contributi provenienti dall’imposizione di diritti alla produzione dello
zucchero e dell’isoglucosio.
• Risorsa IVA, costituita da un contributo a carico di ciascuno Stato
membro, determinato dall’applicazione di un’aliquota uniforme sulle
basi imponibili nazionali;
• Risorsa RNL (Reddito Nazionale Lordo), commisurata alla quota parte dei
RNL nazionali rispetto al RNL comunitario, finalizzata a finanziare le
spese di bilancio non coperte dalle altre risorse.
La tavola 4.2.2 espone l’articolazione, per fonte finanziaria, delle risorse
accreditate all’Italia negli anni 2000‐2015. Per quanto riguarda gli accrediti
disposti dall’UE a valere sul FEAGA, i Fondi strutturali, il FEASR e il FEP, il FEAD
ed lo YEI tenuto conto che ciascuna fonte comunitaria è finalizzata al
finanziamento di specifiche tipologie di azioni, i dati prospettati nella presente
tavola, consentono di individuare la misura dei contributi assegnati per la
realizzazione delle specifiche finalità a cui ciascuna fonte finanziaria è rivolta.
Per la voce residuale “Altro” trattasi di accrediti attribuibili a diverse
linee del bilancio comunitario deputate a finanziare diversificate finalità e che
vengono attribuite all’Italia per la realizzazione di numerosi progetti
contraddistinti da specifici obiettivi.
La tavola 4.2.3 espone la distribuzione territoriale delle risorse
accreditate all’Italia negli anni 2000-2015. Tale distribuzione riguarda, in
particolare, gli accrediti a valere sui Fondi strutturali, sul FEASR e sugli
strumenti di politica della pesca (SFOP, FEP e FEAMP), che vengono attivati
nell’ambito di specifici programmi a titolarità regionale. Per quanto attiene
invece gli accrediti corrisposti in attuazione dei programmi gestiti dalle
Amministrazioni centrali o i programmi che coinvolgono diverse regioni, questi
sono sintetizzati nella voce complessiva “Amministrazioni
Nazionali/Multiregionali” non essendo definita la ripartizione territoriale, se
non a livello delle successive erogazioni in favore dei beneficiari finali.

122
LA TESORERIA DELLO STATO

Analogamente, per quanto riguarda le risorse destinate a realizzare le


azioni PAC, attraverso il FEAGA (ex FEOGA Garanzia) viene indicata un’unica
voce “FEOGA Garanzia / FEAGA” in cui sono allocati gli accrediti disposti
dall’UE. Anche in tal caso, infatti, la ripartizione per territorio viene effettuata
in sede di successiva erogazione ai beneficiari finali.
Infine, nella voce residuale “Altri accrediti” sono riportati i movimenti in
entrata disposti a valere sulle altre linee del bilancio UE per l’attuazione di una
varietà di singole azioni comunitarie, per le quali, parimenti, la distribuzione
territoriale è possibile solo dopo che sia avvenuto il concreto trasferimento
delle somme agli aventi diritto.
La tavola 4.2.4 riporta i dati relativi alle risorse accreditate dall’UE
all’Italia nel periodo 2000-2015, disaggregate per area territoriale e fonte di
cofinanziamento UE. Gli accrediti corrisposti in attuazione dei programmi
gestiti dalle Amministrazioni Centrali o i programmi che coinvolgono diverse
regioni, sono sintetizzati, come nella tavola 4.2.3, nella voce complessiva
“Amministrazioni Nazionali/Multiregionali”. Ciò vale anche per la voce “Altri
accrediti” che racchiude i movimenti in entrata disposti a valere sulle altre
linee del bilancio UE per l’attuazione di una molteplicità di azioni comunitarie.

123
ANNUARIO STATISTICO 2016

RACCORDI CON ALTRE VARIABILI

La presente sezione espone SCHEMA SINOTTICO DEI DATI PRESENTATI


dati riguardanti i flussi di cassa Quadro di finanza pubblica Altre elaborazioni
intercorrenti a livello generale tra lo Politiche di

Stato e la UE.
Flussi finanziari
sviluppo
da/per la UE
della UE

I flussi UE in uscita Bilancio


dello Stato
Tesoreria
statale
Bilancio
dello Stato Spesa statale

(versamenti dell’Italia al bilancio - Entrate - - Uscite - regionalizzata

comunitario) risultano commisurati,


limitatamente alle voci delle Risorse Formazione del fabbisogno
Entrate Totali Uscite Totali Conto Annuale

Proprie Tradizionali, al flusso


informativo proveniente dall’entrata
del bilancio dello Stato, e per le
Mutui degli
Copertura Finanziaria Enti Locali

Risorse IVA ed RNL alle


richieste mensili della Commissione europea, mentre quelli in entrata (accrediti
UE) sono determinati dalla Commissione: sulla base delle spese rendicontate a
valere sugli interventi comunitari; sulla base delle anticipazioni conseguenti
alle decisioni di approvazione dei programmi Il dato degli accrediti UE può
essere in qualche misura raccordato con quello delle spese annuali sostenute
dai beneficiari titolari degli interventi UE esposto nel capitolo 7 “Politiche di
sviluppo socio economico cofinanziate dall’Unione Europea”. In ogni caso i
dati esposti nella presente sezione (parte accrediti) e in quella correlata
tematicamente (capitolo 7) ritrovano una riconciliazione globale soltanto al
termine del periodo di programmazione di riferimento, allorché tutte le risorse
stanziate avranno formato oggetto, da un lato, di spesa e di rendicontazione
e, dall’altro, di approvazione e liquidazione da parte delle istituzioni
comunitarie.
La sezione “Politiche di sviluppo socio economiche cofinanziate
dall’Unione Europea”, pur essendo correlata dal punto di vista tematico,
espone i dati di competenza riguardanti:
 gli stanziamenti annuali previsti dai piani finanziari dei programmi
approvati dall’UE per l’Italia (cfr. tavole sugli importi programmati);
 le spese annuali sostenute dai beneficiari titolari dei singoli interventi
realizzati con il concorso delle risorse comunitarie.

124
LA TESORERIA DELLO STATO

Tavola 4.2.1: Versamenti dell'Italia all’Unione Europea per tipologia di risorsa. Anni 2000-2015 (dati in milioni
di euro)

T ipologia di risorsa

. A nno Risorse
Risorsa Risorsa
Proprie T ot ale
I.V .A . R.N.L.
T radizionali
2000 1.489 4.198 5.326 11.014
2001 1.404 4.960 5.236 11.600
2002 1.071 4.010 6.225 11.306
2003 1.123 3.567 7.758 12.448
2004 1.242 3.170 8.628 13.040
2005 1.350 3.033 9.747 14.130
2006 1.583 2.909 9.458 13.950
2007 1.696 2.920 9.226 13.842
2008 1.658 4.118 9.490 15.266
2009 1.510 2.348 11.149 15.007
2010 1.672 1.694 11.523 14.889
2011 1.745 1.812 12.658 16.215
2012 1.567 2.294 12.112 15.973
2013 1.428 1.904 13.818 17.150
2014 1.518 1.970 13.700 17.188
2015 1.692 1.554 12.934 16.180

125
126
Tavola 4.2.2: Accrediti dell'Unione Europea all'Italia per fonte finanziaria. Anni 2000-2015 (dati in milioni di euro)

F ont e A nno
f inanziaria 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015

FESR 2.556 1.255 1.397 3.033 2.237 2.666 2.971 2.982 2.859 1.405 2.028 1.561 1.680 4.312 2.815 4.131
ANNUARIO STATISTICO 2016

FSE 1.216 736 448 1.099 1.755 1.052 888 1.419 782 918 535 906 1.171 1.422 1.052 997

FEOGA
961 415 193 588 544 545 582 521 370 230 95 118 37 21 - 64
Orientamento
FEASR - - - - - - - 446 680 355 648 1.102 1.308 1.267 1.199 1.335

SFOP 104 78 35 14 33 21 76 60 38 22 5 - 0 - 6 -

FEP - - - - - - - - 59 - 45 59 - 78 48 43

FEAD - - - - - - - - - - - - - - 74 -

YEI - - - - - - - - - - - - - - 6 170

ALTRO 32 54 52 84 94 48 43 58 147 169 166 153 997 274 204 316

Sub t ot ale 4.870 2.538 2.125 4.818 4.664 4.332 4.561 5.486 4.935 3.099 3.521 3.898 5.194 7.373 5.403 7.057

FEOGA
Garanzia / 5.046 5.331 5.683 5.377 5.006 5.500 5.461 4.641 4.310 4.683 4.829 4.747 4.575 4.531 4.478 4.423
FEAGA

T ot ale 9.915 7.869 7.809 10.195 9.669 9.832 10.021 10.127 9.245 7.782 8.350 8.645 9.769 11.904 9.882 11.480
Tavola 4.2.3: Accrediti dell'Unione Europea all'Italia per area geografica. Anni 2000-2015 (dati in milioni di euro)
A rea geograf ica 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015
Abruzzo 16 33 43 46 67 73 55 74 76 39 47 34 45 104 36 121
Basilicata 107 125 58 161 86 61 117 175 168 101 36 96 171 99 116 112
Bolzano 7 11 20 30 29 28 22 45 32 30 40 33 37 19 10 9
Calabria 391 25 63 280 292 181 378 250 428 324 114 107 196 231 135 961
Campania 395 375 71 460 523 583 676 943 412 476 386 212 600 614 1.096 923
Emilia Romagna 37 57 69 97 155 104 81 155 97 62 90 205 107 154 137 142
Friuli V . G. 17 13 14 72 62 55 40 72 51 37 17 35 63 54 52 41
Lazio 69 114 23 55 141 140 94 115 105 149 96 181 101 195 152 185
Liguria 71 31 11 40 61 62 63 83 58 35 35 52 62 89 52 79
Lombardia 97 29 90 223 224 121 101 181 78 75 100 139 160 190 133 80
Marche 50 115 13 51 82 42 29 50 88 37 50 34 66 57 57 83
Molise 27 27 3 57 28 47 32 42 36 16 13 23 28 44 23 40
Piemonte 262 85 42 99 203 184 163 202 119 77 161 222 211 181 229 153
Puglia 399 39 202 191 471 423 333 508 518 123 740 600 796 727 383 1.142
Sardegna 449 21 61 341 237 282 306 340 331 198 181 90 209 350 215 212
Sicilia 313 110 417 578 447 416 385 823 860 403 639 216 442 1.344 751 826
Toscana 73 17 8 113 122 122 92 123 149 70 106 116 180 192 150 179
Trento 8 10 7 21 26 25 21 19 30 16 25 32 31 30 15 10
Umbria 236 55 6 101 31 44 47 70 67 48 49 70 91 96 72 106
V alle d’Aosta 4 3 2 18 8 12 5 12 15 7 15 20 13 12 11 16
V eneto 109 42 39 95 143 93 113 141 77 68 111 130 193 182 152 93
Amministrazioni Nazionali /
1.658 1.110 797 1.604 1.130 1.187 1.366 1.006 994 547 304 1.097 421 2.131 1.144 1.057
Multiregionali
Altri accrediti 75 91 66 84 94 48 43 58 147 161 166 153 971 278 204 316
FEAD - - - - - - - - - - - - - - 74 -
YEI - - - - - - - - - - - - - - 6 170
FEOGA Garanzia / FEAGA 5.046 5.331 5.683 5.377 5.006 5.500 5.461 4.641 4.310 4.683 4.829 4.747 4.575 4.531 4.478 4.423

T ot ale 9.915 7.869 7.809 10.195 9.669 9.832 10.021 10.127 9.245 7.782 8.350 8.645 9.769 11.904 9.882 11.480
LA TESORERIA DELLO STATO

127
128
Tavola 4.2.4: Accrediti dell'Unione Europea all'Italia per area geografica e fonte finanziaria. Anni 2000-2015 (dati in milioni di euro)
F ont e
A rea geograf ica 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015
f inanziaria
FEOGA / FEASR - - 4 11 - 4 2 - 23 9 11 25 28 26 18 35
FESR 4 27 27 20 26 48 43 42 24 23 11 5 1 78 17 28
Abruzzo
FSE 11 6 13 14 42 21 9 32 29 7 25 4 15 - - 58
ANNUARIO STATISTICO 2016

ALTRO - - - - - - - - 0 - - - - - - -
FEOGA / FEASR 12 111 6 28 45 19 44 19 66 41 16 56 56 59 36 57
Basilicata FESR 56 13 32 94 26 30 61 111 62 23 2 21 96 - 71 38
FSE 39 0 20 39 15 12 12 44 40 37 18 19 19 40 8 17
FEOGA / FEASR 0 1 4 6 1 1 2 22 19 19 25 21 18 14 6 3
Bolzano FESR - 2 3 11 11 11 9 17 11 4 9 4 10 4 4 5
FSE 7 8 13 13 18 16 11 6 2 6 6 8 10 1 - 1
FEOGA / FEASR 143 14 5 82 40 78 92 74 88 73 13 106 99 121 76 103
FESR 219 9 53 175 146 99 281 166 320 58 79 1 - - - 853
Calabria FSE 28 - 5 24 106 - - 9 13 192 22 - 97 110 59 5
SFOP - 1 0 - - 3 4 2 6 2 - - - - 0 -
ALTRO - - - - - - - - - - - - 0 - - -
FEOGA / FEASR 46 130 4 121 107 124 119 203 89 57 76 196 124 143 157 225
FESR 258 198 66 283 302 334 421 607 269 344 308 - 377 369 745 587
Campania
FSE 91 44 0 54 107 113 131 127 52 76 2 16 99 102 194 112
SFOP - 3 0 1 8 11 5 7 1 - - - - - - -
FEOGA / FEASR 1 1 - 11 3 8 5 51 17 14 55 72 64 75 80 77
Emilia Romagna FESR 13 9 1 20 17 17 35 17 25 11 8 24 11 39 20 26
FSE 23 48 68 65 136 79 41 86 54 36 27 109 31 40 38 39
FEOGA / FEASR 4 1 - 0 4 1 1 16 7 10 4 9 16 20 14 17
FESR 6 7 10 9 30 20 28 30 33 14 3 12 19 9 18 16
Friuli V . G.
FSE 6 6 4 63 29 34 11 25 11 13 10 15 28 25 19 9
ALTRO - - - - - - - - - - - - 0 - - -
FEOGA / FEASR 27 2 - 0 15 1 4 2 37 9 20 40 47 42 47 60
Lazio FESR 28 99 4 36 45 66 90 53 50 39 23 63 19 74 75 75
FSE 14 14 19 19 81 73 - 59 18 101 53 79 34 79 29 51
(segue)
segue Tavola 4.2.4: Accrediti dell'Unione Europea all'Italia per area geografica e fonte finanziaria. Anni 2000-2015 (dati in milioni di euro)
F ont e
A rea geograf ica 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015
f inanziaria
FEOGA / FEASR 2 0 0 1 0 1 1 15 6 7 8 13 15 16 13 22
FESR 55 14 0 28 20 37 34 39 35 16 15 15 29 45 18 38
Liguria
FSE 14 15 10 11 41 24 28 30 17 11 12 25 18 29 21 19
ALTRO - 1 - - - - - - - - - - - - - -
FEOGA / FEASR 13 1 - 12 2 1 2 60 19 19 40 50 90 93 65 22
FESR - 5 22 23 37 61 30 59 37 39 11 36 22 42 24 49
Lombardia
FSE 84 23 68 188 184 59 69 61 21 17 50 53 48 54 44 9
ALTRO - - - - - - - - - - - - 0 - - -
FEOGA / FEASR 7 65 4 0 22 4 2 1 50 15 21 14 17 19 26 36
Marche FESR 29 49 1 31 11 25 19 27 22 10 20 4 27 16 12 29
FSE 14 1 9 20 49 13 8 21 16 13 9 16 21 22 20 18
FEOGA / FEASR 3 26 1 4 4 22 12 8 19 8 5 7 14 17 14 16
FESR 16 - 1 49 17 20 18 30 12 3 5 14 7 18 4 19
Molise
FSE 8 1 2 4 8 5 2 4 6 5 3 3 7 9 5 5
SFOP - 0 - - - 0 0 0 0 - - - 0 - - -
FEOGA / FEASR 3 12 - 6 4 0 3 39 21 25 35 57 74 61 59 53
Piemonte FESR 182 55 5 55 102 118 99 108 62 31 50 82 83 40 95 61
FSE 77 18 36 37 97 66 61 54 36 21 77 83 53 80 75 39
FEOGA / FEASR 117 - 138 23 76 84 91 100 165 16 120 212 124 143 125 148
FESR 242 37 63 134 235 288 159 273 300 90 616 276 572 411 120 896
Puglia
FSE 39 - 2 34 158 48 77 130 48 16 - 112 100 174 137 98
SFOP - 2 0 0 2 3 6 5 4 - 4 - - - 1 -
FEOGA / FEASR 181 - 9 29 77 56 65 78 79 59 54 44 102 74 74 92
FESR 205 19 36 265 102 163 202 204 187 106 80 14 17 246 82 103
Sardegna FSE 63 - 15 47 57 60 33 56 65 24 48 33 68 29 59 17
SFOP - 2 1 0 2 3 6 2 0 1 - - - - - -
ALTRO - - - - - - - - 0 9 - - 22 - - -
(segue)
LA TESORERIA DELLO STATO

129
130
segue Tavola 4.2.4: Accrediti dell'Unione Europea all'Italia per area geografica e fonte finanziaria. Anni 2000-2015(dati in milioni di euro)

F ont e
A rea geograf ica 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015
f inanziaria
FEOGA / FEASR 87 - 14 190 124 134 125 141 260 134 93 125 225 166 191 236
FESR 159 27 391 262 216 262 244 400 558 230 521 70 5 844 467 406
Sicilia FSE 67 80 12 126 101 20 - 278 42 26 24 21 209 334 88 184
ANNUARIO STATISTICO 2016

SFOP - 4 - 0 6 1 15 4 - 13 1 - - - 5 -
ALTRO - - - - - - - - - - - - 3 - - -
FEOGA / FEASR 20 - 4 3 7 2 3 38 18 15 44 39 56 53 60 62
Toscana FESR 10 11 3 54 68 53 52 52 69 19 47 27 72 73 51 74
FSE 43 6 - 56 47 68 38 33 62 36 15 50 52 65 40 43
FEOGA / FEASR 3 2 0 10 0 0 1 1 25 8 8 19 22 12 8 7
Trento FESR - 1 1 3 3 5 3 4 1 1 3 3 3 2 1 1
FSE 6 7 6 9 23 20 17 14 4 8 14 11 6 16 6 1
FEOGA / FEASR 114 20 - 40 1 1 2 31 25 20 31 31 59 45 39 52
Umbria FESR 115 15 1 43 10 25 35 25 29 16 12 23 15 32 18 39
FSE 7 20 5 18 19 18 11 14 13 12 5 17 17 19 15 15
FEOGA / FEASR - 1 - 0 0 1 0 0 11 0 11 11 7 3 2 7
V alle d’Aosta FESR - 1 1 9 2 6 3 2 1 2 3 2 2 3 2 4
FSE 4 1 1 8 6 5 1 10 4 4 0 7 4 6 6 5
FEOGA / FEASR 18 2 0 7 5 2 3 37 6 25 47 71 82 79 82 43
V eneto FESR 37 24 8 34 72 51 53 52 29 5 42 17 34 34 22 6
FSE 54 16 31 54 66 39 57 51 42 38 22 42 77 69 49 44
FEOGA / FEASR 161 27 0 4 8 1 3 29 0 1 5 5 7 6 6 26
Amministrazioni FESR 877 595 654 1.394 740 925 1.051 662 719 321 160 850 259 1.929 949 780
Nazionali / Multiregionali FSE 516 422 108 194 366 261 270 274 189 218 94 183 155 119 141 208
SFOP / FEP 104 66 34 12 16 - 41 41 86 7 45 59 - 78 48 43
FESR 42 38 13 0 - - - - - - - - - 4 - -
Altri accrediti
ALTRO 32 53 52 84 94 48 43 58 147 161 166 153 971 274 204 316
FEAD - - - - - - - - - - - - - - 74 -
YEI - - - - - - - - - - - - - - 6 170
FEOGA Garanzia / FEAGA 5.046 5.331 5.683 5.377 5.006 5.500 5.461 4.641 4.310 4.683 4.829 4.747 4.575 4.531 4.478 4.423

T OT A LE 9.915 7.869 7.809 10.195 9.669 9.832 10.021 10.127 9.245 7.782 8.350 8.645 9.769 11.904 9.882 11.480
PERSONALE DIPENDENTE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CAPITOLO 5 - Personale dipendente delle Amministrazioni


pubbliche

Molti eventi hanno influenzato gli andamenti nell’intervallo temporale di


riferimento, quali la nascita di nuovi comparti, il passaggio di enti tra comparti, l’ingresso o
l’uscita di enti dal contesto del pubblico impiego, il recepimento di norme (restrizioni sulle
assunzioni, attuazione di programmi di stabilizzazione del lavoro precario, etc.). Solo gli
eventi più rilevanti sono sinteticamente descritti nel seguito.
Si segnala come gli andamenti registrati siano solo in minima parte influenzati dal
progressivo ridursi, fin quasi ad azzerarsi, delle inadempienze.

Consistenza del personale

Sebbene siano espressi in unità di misura differenti (persone al 31/12 per il tempo
indeterminato e anni uomo per il personale flessibile costituito da: tempo determinato,
formazione, e lavoro, interinali e lavoratori socialmente utili), e dunque l'operazione di
somma non sia propriamente corretta, considerando nel complesso il personale a tempo
indeterminato e quello flessibile, negli anni considerati si osserva un andamento a fasi
alterne.
Nei primi tre anni (vedi grafici 5.I e 5.II) il livello complessivo è stabilmente sopra i 3,6
milioni di occupati. In questi primi anni si assiste tuttavia ad una variazione della
composizione interna tra il personale a tempo indeterminato, che si riduce di circa 27.000
unità, e il personale con rapporto flessibile che, dopo una piccola riduzione iniziale, arriva
nel 2006 ad avere il suo anno di massimo dell’intera serie, con circa 475.000 unità. Da
notare che a partire dal 2004 al movimento nel personale con rapporto flessibile
contribuisce la graduale eliminazione del personale di leva.
Il 2006 rappresenta l'anno di massimo per il totale dell’occupazione pubblica, di non
19
molto inferiore al precedente massimo raggiunto nel 2002 . Contribuiscono a questo
risultato le circa 16.000 unità censite per la prima volta come dipendenti delle province
autonome di Trento e Bolzano ma impiegate nella scuola.
Nel 2007 l’occupazione stabile continua a diminuire, ed anche quella flessibile
inverte la tendenza, sia per il minor ricorso al personale non di ruolo della scuola, sia per il
definitivo assestamento degli allievi e volontari delle Forze Armate e dei Corpi di Polizia
che, negli anni successivi, oscilleranno di pochissimo rispetto al valore raggiunto nel 2007,
per diminuire ancora in modo consistente solo nel 2012.
La riduzione generalizzata del personale flessibile iniziata nel 2007 si manifesterà per

19
Ad esclusione dei grafici i dati per gli anni precedenti al 2006 sono resi disponibili sul sito.

131
ANNUARIO STATISTICO 2016

tutti gli anni restanti, a tratti con vistose accelerazioni, legate anche alle particolari
limitazioni imposte all’utilizzo di questo personale, per arrestarsi solo nell’ultimo anno
della serie e manifestando anzi un leggero incremento nel 2014, in parte dovuto
all’ingresso nella rilevazione del nuovo gruppo di enti inseriti nell’elenco Istat denominato
“lista S13” e non già presenti negli altri comparti.
La dinamica delle diverse serie è spesso impressa dal comparto Scuola; nessuno dei
restanti comparti ha movimenti tali da compensare interamente quelli del comparto
Scuola che, da solo, costituisce un terzo del pubblico impiego.
Questo comparto nei primi tre anni perde circa 19.000 unità di ruolo, raggiungendo
nel 2006 il minimo dell’occupazione a tempo indeterminato, ulteriormente ridotto solo a
partire dal 2009. Fa però un maggior ricorso al personale non di ruolo per 49.000 unità,
ed infatti arriva a toccare, nel medesimo anno, il massimo assoluto dell’intero periodo,
oltrepassando le 250.000 unità di tempo determinato.
Nella prima metà della serie, la Sanità presenta un consistente incremento
nell’utilizzo del personale flessibile, che raggiungerà il massimo nel 2008, per poi ridursi
progressivamente senza però tornare sui livelli di inizio periodo.
Nel 2008 prosegue più timidamente la tendenza alla riduzione complessiva del
personale impiegato dalle amministrazioni pubbliche, ma con un consistente travaso dal
personale flessibile a quello a tempo indeterminato operato attraverso le stabilizzazioni.
La riduzione del personale a tempo indeterminato che si era arrestata nel 2008
riprende l’anno successivo in modo consistente, nonostante il processo di stabilizzazione
non sia ancora concluso. Per la prima volta nel decennio il personale di ruolo della scuola
scende sotto le 900.000 unità ed il personale non di ruolo sotto la soglia delle 200.000
unità, soglia costantemente superata a partire dal 2004.
In questi anni un ruolo importante è stato giocato dal processo di razionalizzazione
avviato con le misure di cui all’art. 64 della legge 6 agosto 2008, n. 133, essenzialmente
dovute al compimento del processo di stabilizzazione del personale precario ed alle
restrizioni sulle assunzioni che hanno fortemente penalizzato i comparti dei Ministeri, degli
Enti Pubblici non economici e dell’Università.
Nel 2010 tutti i comparti manifestano la tendenza alla diminuzione del personale sia
a tempo indeterminato che flessibile, con la sola eccezione del comparto Ricerca che
mantiene una sostanziale stabilità. Per la Scuola, il valore raggiunto nel 2010 nel personale
di ruolo rappresenta il minimo dell’intero decennio.
Nel 2011, solo la Scuola e la Ricerca presentano valori del personale a tempo
indeterminato in ripresa, mentre tutti gli altri comparti presentano delle riduzioni più o
meno marcate. Senza l’ingresso nella rilevazione della Regione Siciliana anche gli Enti
Locali presenterebbero una consistente riduzione del tempo indeterminato. Per il
personale con contratti flessibili, il 2011 è il primo anno nel quale si scende al di sotto del
valore di 300.000 unità, valore ridotto di oltre un terzo rispetto a 5 anni prima. In
particolare, la Scuola raggiunge il suo valore minimo (136.000 unità) che è quasi
dimezzato rispetto al massimo del 2006.
Nel 2012 è proseguita la riduzione del personale pubblico, con un tasso di
decremento che è tornato ad avvicinarsi a quello degli anni precedenti. In termini assoluti
– e sempre considerando i nuovi ingressi - in soli sei anni il pubblico impiego ha perso circa
200.000 unità.
Anche nel 2013 è proseguita la contrazione del personale, ma con variazioni molto

132
PERSONALE DIPENDENTE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

contenute all’interno dei singoli comparti, mentre nel 2014 la riduzione è tornata ad
essere consistente, sebbene sia mascherata dall’estensione della rilevazione al nuovo
gruppo di enti della lista S13..
Nel complesso, il comparto sicurezza–difesa, che ha beneficiato di specifici
interventi, ha manifestato una crescita notevole a metà del periodo considerato per effetto
della “professionalizzazione”. Gli Enti Pubblici non economici ed i Ministeri e gli altri
comparti del settore statale hanno subito una contrazione del personale a tempo
indeterminato pari rispettivamente al 26 per cento ed al 15 per cento della loro
consistenza iniziale. In quest’ultimo comparto, anche il personale con contratti flessibili,
che aveva una consistenza apprezzabile in valore assoluto, si è ridotto ad un terzo del
contingente dell’inizio del decennio. I restanti comparti hanno un andamento in riduzione
per il personale flessibile con delle oscillazioni per quel che riguarda il tempo
indeterminato.

133
ANNUARIO STATISTICO 2016

Grafico 5.I: Numero di occupati a tempo indeterminato. Anni 2002-2014


3.250.000

3.200.000

3.150.000

3.100.000

3.050.000

3.000.000
2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014

Numero di occupati a tempo indeterminato

Grafico 5.II: Unità annue di personale flessibile. Anni 2002-2014


530.000

480.000

430.000

380.000

330.000

280.000
2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014

Unità annue tempo flessibile

Grafico 5.III: Costo del lavoro. Anni 2002-2014 (dati in milioni di euro)

180.000

170.000

160.000

150.000

140.000

130.000

120.000
2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013

Costo del lavoro

134
PERSONALE DIPENDENTE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

Costo del lavoro

La principale determinante che spiega l’andamento del costo del lavoro va ricercata
nell’applicazione delle norme contrattuali. Oltre alla normale corresponsione di benefici
per i bienni economici, la tardiva sottoscrizione dei rinnovi contrattuali ha dato sovente
luogo all'erogazione di consistenti somme a titolo di arretrati. Da ciò scaturisce il tipico
andamento a dente di sega della spesa dei singoli comparti: notevoli incrementi nell'anno
di applicazione, stasi o leggera crescita nei successivi o, in qualche caso, riduzione se gli
arretrati corrisposti sono stati particolarmente rilevanti. Inoltre, nel caso in cui i rinnovi
contrattuali si siano avuti negli ultimi giorni dell’anno, il loro effetto va ricercato nell’anno
successivo in virtù del criterio di cassa seguito dalla rilevazione del conto annuale. Lo
sfasamento temporale nella sigla e nell'applicazione dei contratti può compensare
l’andamento dei rinnovi dei singoli comparti con un risultato più lineare al livello generale
di pubblico impiego.
Negli anni 2009 e 2010 è stato completato l’iter contrattuale del quadriennio 2006-
2009 per la quasi totalità dei comparti, per alcuni dei quali gli effetti in termini di spesa si
sono prolungati nell’anno 2011. Nonostante l’applicazione dei corrispondenti benefici
economici e del pagamento degli arretrati contrattuali, la spesa del 2011 è più bassa
rispetto ai quattro anni precedenti.
Per il successivo triennio contrattuale 2010-2012, l’articolo 9, comma 17, del
decreto legge 78/2010 ha sancito il blocco della contrattazione del pubblico impiego – in
seguito ulteriormente prorogato - prevedendo l’attribuzione della sola indennità di
vacanza contrattuale. La spesa del 2012 ha così presentato una vistosa riduzione,
proseguita nei due anni successivi, con il valore del 2014 che senza l’ingresso dei nuovi
enti nella rilevazione si attesterebbe su un livello assoluto inferiore a quello del 2007.
Rispetto al 2009 – l’anno in cui la spesa è stata massima – al netto dei nuovi enti, nel 2014
sono stati spesi per il pubblico impiego circa 12,5 miliardi in meno.
Oltre ai nuovi ingressi nella rilevazione, che incrementano la spesa conosciuta
attraverso il conto annuale, diversi altri fattori influenzano l'andamento della spesa, quali
l'evoluzione della consistenza del personale, ivi comprese le mutazioni della sua
composizione interna ad opera delle progressioni di carriera, e l’applicazione di contratti
integrativi con utilizzo anche dei risparmi di gestione per l’incentivazione della produttività.
La riduzione registrata negli ultimi anni è conseguenza diretta della normativa di
contenimento della dinamica della spesa che ha caratterizzato gli ultimi anni, che ha
riguardato tutti i possibili fattori di crescita.
A partire dai primi anni l'andamento del costo del lavoro risente anche del
progressivo impegno sostenuto per le missioni internazionali di pace.
Come per la consistenza del personale, anche nel caso della spesa è l’andamento del
comparto della Scuola che detta il segno e buona parte delle dimensioni delle variazioni di
tutto il pubblico impiego.

135
ANNUARIO STATISTICO 2016

ASPETTI METODOLOGICI

Nel presente capitolo è illustrata una descrizione sintetica dei risultati,


per gli anni dal 2006 al 2014, della rilevazione Conto Annuale, effettuata dal
Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato ai sensi del titolo V del
decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. E' una rilevazione di tipo censuario
che coinvolge oltre 10 mila amministrazioni pubbliche che hanno occupato
nell’ultimo anno circa 3,3 milioni di dipendenti a tempo determinato e
indeterminato con una spesa di circa 159 miliardi.
Le informazioni acquisite costituiscono la base conoscitiva per il referto
della Corte dei conti al Parlamento sul costo del lavoro che comprende anche
un’apposita sezione dedicata all’analisi della contrattazione integrativa in
applicazione dell’art.40-bis del citato decreto legislativo 165/2001.
Oltre alla consistenza e struttura del personale in servizio ed al suo costo
– che insieme permettono il calcolo delle retribuzioni medie pro-capite - le
variabili rilevate sono: assenze retribuite e non retribuite; turn-over e mobilità;
età anagrafica e anzianità di servizio; titoli di studio; distribuzione geografica;
fondi della contrattazione integrativa.
Nei dati presentati non sono comprese alcune tipologie di personale
quali i supplenti brevi per la scuola, i cui dati disponibili sono limitati alle
relative spese; i professori e ricercatori a contratto, circa 18.000 unità
impiegate nell'università con contratti da 60 ore annue.

136
PERSONALE DIPENDENTE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

RACCORDI CON ALTRE VARIABILI

Le principali differenze tra i SCHEMA SINOTTICO DEI DATI PRESENTATI

dati del Conto annuale e quelli del Quadro di finanza pubblica Altre elaborazioni

Rendiconto generale dello Stato Flussi finanziari


Politiche di

sono riconducibili ai seguenti


sviluppo
da/per la UE
della UE

elementi. Bilancio Tesoreria Bilancio


Spesa statale
dello Stato statale dello Stato
regionalizzata

La voce di primo livello del


- Entrate - - Uscite -

Rendiconto generale denominata Formazione del fabbisogno


“Redditi da lavoro dipendente” è Entrate Totali Uscite Totali Conto Annuale

suddivisa in quattro sottovoci


(retribuzioni in denaro, retribuzioni Mutui degli
in natura, contributi sociali effettivi,
Copertura Finanziaria
Enti Locali

contributi figurativi a carico del


datore di lavoro), mentre nel Conto annuale la stessa macrovoce è composta
da elementi differenti (retribuzioni lorde lavoratori dipendenti, oneri sociali a
carico del datore di lavoro, benessere del personale, somme rimborsate ad
altre amministrazioni per spese di personale, rimborsi ricevuti da altre
amministrazioni per spese di personale).
Nel Conto annuale, nella voce “retribuzioni lorde lavoratori dipendenti”
sono comprese sia le retribuzioni in denaro che quelle in natura; nella voce
oneri sociali sono compresi i soli contributi sociali effettivi a carico delle
Amministrazioni. Nel totale del costo del lavoro dipendente i dati di Conto
annuale comprendono anche le spese per la formazione, e le spese per
missioni e indennità di trasferimento del personale in servizio - che nel
Rendiconto generale dello Stato sono classificate come “consumi intermedi” -
e non comprendono la spesa per il vestiario che è invece considerata nei dati
di Rendiconto.
Nel Conto annuale non sono incluse le spese per lo stipendio e per gli
altri assegni corrisposti ai ministri e ai sottosegretari, nonché quelle per il c.d.
20
personale in ausiliaria inclusi invece nel Rendiconto.
Il diverso grado di dettaglio e l’universo di riferimento non
perfettamente coincidente costituiscono le principali differenze riscontrabili fra
il costo del personale rilevato dal Conto annuale e la voce “Personale” del
Conto di cassa consolidato del settore pubblico.

20
Al raggiungimento dei limiti di età per il collocamento obbligatorio in quiescenza (od in altri casi particolari disciplinati
dalla legge), il personale militare (Forze armate e Corpi di polizia ad ordinamento militare), ha la possibilità di transitare in
ausiliaria per un periodo massimo di 5 anni (a seconda del grado rivestito al momento del congedo), previa disponibilità ad
essere richiamato in servizio per le esigenze dall’amministrazione. Nel periodo di ausiliaria, in aggiunta al trattamento di
quiescenza provvisorio, viene corrisposta una specifica indennità pari al 50% della differenza tra il predetto trattamento e
quello spettante al parigrado in servizio. Al termine del periodo di ausiliaria, la pensione definitiva viene calcolata
considerando anche il periodo trascorso in tale posizione e la percezione della relativa indennità.

137
Tavola 5.1: Pubblico impiego. Principali variabili per comparto. Anni 2006-2014

138
2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014
Co mp a rto
Nu me ro d i o c c u p a ti a te mp o i n d e te rmi n a to (* )
Ministeri, comparti del settore statale ed altre amministrazioni centrali 298.313 294.400 291.983 286.794 280.787 270.330 266.994 264.739 262.169
Corpi di Polizia e Forze Armate 469.040 472.615 472.057 471.051 466.913 465.428 462.760 462.528 456.754
Scuola e A.F.A.M. 907.594 911.200 915.880 887.173 870.012 889.391 880.483 887.644 894.529
Enti di Ricerca 16.171 15.848 17.421 18.186 18.111 20.733 21.078 20.909 20.810
ANNUARIO STATISTICO 2016

Università 116.956 116.577 119.869 115.912 111.004 106.942 105.574 103.695 101.383
Enti pubblici non economici 59.719 58.608 56.235 53.888 52.144 49.849 48.625 46.961 45.739
Servizio Sanitario Nazionale 686.505 682.197 689.856 693.716 688.847 681.194 673.416 670.240 663.793
Regioni ed Autonomie Locali ed altri enti territoriali 598.571 590.483 599.823 598.554 593.632 596.800 593.195 587.448 575.538
Enti Lista S13 ISTAT - - - - - - - - 34.289
TO TALE PUB B LI CO I M PI EGO 3 .1 5 2 .8 6 9 3 .1 4 1 .9 2 8 3 .1 6 3 .1 2 4 3 .1 2 5 .2 7 4 3 .0 8 1 .4 5 0 3 .0 8 0 .6 6 7 3 .0 5 2 .1 2 5 3 .0 4 4 .1 6 4 3 .0 5 5 .0 0 4
Un i tà a n n u e te mp o fl e s s i b i l e (* * )
Ministeri, comparti del Settore Statale ed altre amministrazioni centrali 14.130 11.903 7.371 6.669 5.700 7.098 4.652 5.135 3.872
Corpi di Polizia e Forze Armate (***) 68.173 52.702 50.699 54.537 51.766 51.986 44.968 39.514 44.621
Scuola e A.F.A.M. (****) 250.547 235.492 223.725 197.227 183.057 135.714 142.297 150.028 154.292
Enti di Ricerca 3.749 4.128 4.794 3.579 2.521 3.260 3.129 3.251 4.060
Università (*****) 5.828 5.419 4.694 2.886 4.032 4.050 2.491 2.757 3.159
Enti pubblici non economici 4.548 4.296 3.605 3.087 3.217 3.121 2.687 2.022 880
Servizio Sanitario Nazionale 38.931 40.769 42.512 40.421 40.053 33.466 32.144 32.267 34.218
Regioni ed Autonomie Locali ed altri enti territoriali 88.377 86.926 78.427 69.546 66.108 69.442 59.386 56.740 56.569
Enti Lista S13 ISTAT - - - - - - - - 3.233
TO TALE PUB B LI CO I M PI EGO 4 7 4 .2 8 4 4 4 1 .6 3 5 4 1 5 .8 2 7 3 7 7 .9 5 2 3 5 6 .4 5 3 3 0 8 .1 3 7 2 9 1 .7 5 3 2 9 1 .7 1 4 3 0 4 .9 0 5
Co s to d e l l a vo ro (d a ti i n mi l i o n i d i e u ro )
Ministeri, comparti del Settore Statale ed altre amministrazioni centrali 15.280 15.080 15.199 15.255 15.007 15.129 14.794 14.801 14.562
Corpi di Polizia e Forze Armate 24.260 24.839 25.276 26.375 26.979 28.242 26.835 26.422 26.111
Scuola e A.F.A.M. 45.207 41.144 46.897 46.009 43.786 41.639 40.221 40.470 40.903
Enti di Ricerca 1.466 1.252 1.296 1.474 1.347 1.559 1.510 1.476 1.467
Università 7.266 7.199 7.599 7.749 7.549 7.098 6.798 6.452 6.435
Enti pubblici non economici 4.020 3.770 3.684 3.616 3.646 3.258 3.180 3.030 2.856
Servizio Sanitario Nazionale 39.394 39.027 40.406 41.190 41.367 40.687 40.154 39.476 39.126
Regioni ed Autonomie Locali ed altri enti territoriali 26.785 25.499 27.488 27.424 27.044 27.566 26.830 26.087 25.095
Enti Lista S13 ISTAT - - - - - - - - 2.454
TO TALE PUB B LI CO I M PI EGO 1 6 3 .6 7 8 1 5 7 .8 1 0 1 6 7 .8 4 5 1 6 9 .0 9 1 1 6 6 .7 2 6 1 6 5 .1 7 8 1 6 0 .3 2 2 1 5 8 .2 1 4 1 5 9 .0 0 9

(*) Le principali variazioni registrate nel periodo in esame relative agli enti censiti sono: a partire dal 2006 viene rilevato anche il personale della scuola dipendente dalle Province autonome di Trento e Bolzano

al seguente link: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/Pubblicazioni/Pubblicazioni_Statistiche/Annuario-statistico-RGS/


per circa 16.000 unità; nel 2011 vengono rilevate per la prima volta fra le Regioni ed autonomie locali la Regione Siciliana, l'Ente Foreste Sardegna ed alcuni altri enti di minori dimensioni per un totale di circa
22.000 unità; nel 2014 sono presentati per la prima volta gli enti non compresi nei comparti, ma inclusi nella lista S13 curata dall'ISTAT.

La serie storica completa, a partire dal 2002, può essere consultata sul sito istituzionale della Ragioneria Generale dello Stato
(**) Per i Corpi di Polizia, le Forze Armate, la Scuola e l'A.F.A.M. il personale è espresso in unità al 31/12 mentre per gli altri comparti è espresso in termini di unità annue
(***) Nel 2004 è presente anche il personale di leva
(****) Nel 2004 gli insegnanti di religione sono considerati interamente fra il personale a tempo indeterminato (circa 24.000 unità), mentre dal 2005 è stata introdotta nella rilevazione la distinzione fra docenti
di religione a tempo indeterminato e determinato. Non sono disponibili dati relativi alle unità annue utilizzate relative ai supplenti brevi, per i quali sono invece rilevate le spese
(****) Non sono compresi i professori e ricercatori a contratto, circa 18.000 unità impiegate per contratti da 60 ore annue, per i quali sono invece rilevate le spese
Tavola 5.2: Numero di occupati e unità annue di personale per comparto e per tipologia di rapporto di lavoro. Anni 2012-2014

T empo indet erminat o T empo Det erminat o (*) Int erinale


Compart o (numero di occupat i) (unit à annue) (unit à annue)
2012 2013 2014 2012 2013 2014 2012 2013 2014
SCUOLA 873.041 880.267 887.001 140.550 147.964 151.985 - - -
IST. FORM.NE ART.CO MUS.LE 7.442 7.377 7.528 1.744 2.061 2.298 3 1 6
MINISTERI 163.232 161.401 157.808 1.474 1.926 1.419 41 42 38
PRESIDENZA CONSIGLIO MINISTRI 2.347 2.272 2.209 68 56 38 7 4 4
AGENZIE FISCALI 53.412 52.529 52.570 - - - - - -
V IGILI DEL FUOCO 31.732 32.231 33.139 2.776 2.807 2.059 - - -
CORPI DI POLIZIA 314.728 313.245 308.894 5.676 3.472 5.093 - - -
FORZE ARMATE 148.032 149.283 147.860 39.292 36.042 39.528 - - -
MAGISTRATURA 10.308 10.425 10.588 - - - - - -
CARRIERA DIPLOMATICA 923 910 933 - - - - - -
CARRIERA PREFETTIZIA 1.315 1.277 1.232 - - - - - -
CARRIERA PENITENZIARIA 370 356 349 - - - - - -
ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI 48.625 46.961 45.739 2.449 1.780 624 44 28 18
ENTI DI RICERCA 21.078 20.909 20.810 3.122 3.241 4.046 6 11 15
UNIV ERSITA' 105.574 103.695 101.383 2.368 2.638 3.060 77 88 84
SERV IZIO SANITARIO NAZIONALE 673.416 670.240 663.793 27.155 27.334 28.265 4.408 4.270 5.095
REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI 490.165 484.063 472.523 27.407 25.308 24.154 2.743 2.710 2.937
REGIONI A STATUTO SPECIALE 93.394 93.605 93.427 11.122 10.885 10.949 442 433 394
AUTORITA' INDIPENDENTI 2.016 2.043 2.085 196 213 212 32 31 36
ENTI ART.70-COMMA 4 - D.165/01 1.339 1.295 1.256 42 44 61 15 12 4
ENTI ART.60 -COMMA 3- D.165/01 9.636 9.780 9.588 1.082 1.072 1.027 226 209 317
ENTI LISTA S13 ISTAT - - 34.289 - - 2.935 - - 293

T OT A LE PUBBLICO IM PIEGO 3.052.125 3.044.164 3.055.004 266.523 266.843 277.754 8.043 7.839 9.240

(*) Per i Corpi di Polizia e le Forze Armate (allievi e volontari), la Scuola e l'A.F.A.M. il personale è espresso in unità al 31/12 mentre per gli altri comparti è espresso in unità annue
(segue)
PERSONALE DIPENDENTE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

139
140
segue Tavola 5.2: Numero di occupati e unità annue di personale per comparto e per tipologia di rapporto di lavoro. Anni 2012-2014

L.S.U. F ormazione Lav oro


Compart o (unit à annue) (unit à annue)
2012 2013 2014 2012 2013 2014
SCUOLA - - - - - -
ANNUARIO STATISTICO 2016

IST. FORM.NE ART.CO MUS.LE - 2 3 - - -


MINISTERI - - - - - -
PRESIDENZA CONSIGLIO MINISTRI - - - - - -
AGENZIE FISCALI - - - 2 - -
V IGILI DEL FUOCO - - - - - -
CORPI DI POLIZIA - - - - - -
FORZE ARMATE - - - - - -
MAGISTRATURA - - - - - -
CARRIERA DIPLOMATICA - - - - - -
CARRIERA PREFETTIZIA - - - - - -
CARRIERA PENITENZIARIA - - - - - -
ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI 194 214 238 - - -
ENTI DI RICERCA 1 - - - - -
UNIV ERSITA' 47 25 16 - 5 -
SERV IZIO SANITARIO NAZIONALE 576 660 851 4 3 8
REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI 15.518 15.200 15.479 113 105 186
REGIONI A STATUTO SPECIALE 722 784 1.082 7 7 4
AUTORITA' INDIPENDENTI - - - - - -
ENTI ART.70-COMMA 4 - D.165/01 - - - - - -
ENTI ART.60 -COMMA 3- D.165/01 - 26 13 5 - 27
ENTI LISTA S13 ISTAT - 5

T OT A LE PUBBLICO IM PIEGO 17.057 16.911 17.681 131 120 229


Tavola 5.3: Oneri che concorrono a formare il costo del lavoro per comparto. Anni 2012–2014 (dati in milioni di euro)
Ret ribuzioni lorde lav orat ori a t empo Benessere del personale, somme rimborsat e
Oneri Sociali a carico del dat ore di lav oro
Compart o indet erminat o, det erminat o ed in f ormazione ad amminist razioni per spese personale,
2012 2013 2014 2012 2013 2014 2012 2013 2014
SCUOLA 28.667 28.776 28.841 8.623 8.678 9.128 2.436 2.427 2.440
IST. FORM.NE ART.CO MUS.LE 321 328 313 97 101 98 27 27 26
MINISTERI 5.060 5.049 4.901 1.448 1.454 1.427 511 507 502
PRESIDENZA CONSIGLIO MINISTRI 192 180 164 54 52 45 30 30 32
AGENZIE FISCALI 2.045 2.028 1.985 595 594 573 183 181 166
V IGILI DEL FUOCO 1.183 1.180 1.219 363 362 365 115 114 110
CORPI DI POLIZIA 12.408 12.227 12.111 3.608 3.562 3.539 1.083 1.092 1.083
FORZE ARMATE 6.722 6.536 6.495 1.949 2.003 1.974 1.055 971 891
MAGISTRATURA 1.512 1.559 1.556 427 431 443 138 137 151
CARRIERA DIPLOMATICA 171 177 174 38 35 36 14 21 19
CARRIERA PREFETTIZIA 130 119 120 38 35 35 15 12 12
CARRIERA PENITENZIARIA 32 30 28 9 8 8 3 2 2
ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI 2.242 2.125 2.009 657 647 593 257 247 244
ENTI DI RICERCA 1.003 994 982 342 331 327 126 118 121
UNIV ERSITA' 5.118 4.942 4.774 1.499 1.444 1.416 16 - 79 98
SERV IZIO SANITARIO NAZIONALE 28.379 27.972 27.757 8.342 8.219 8.084 2.583 2.472 2.453
REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI 15.256 14.856 14.462 4.346 4.239 4.100 786 790 344
REGIONI A STATUTO SPECIALE 3.518 3.464 3.442 1.080 1.076 1.066 236 189 212
AUTORITA' INDIPENDENTI 188 188 193 64 62 71 27 27 26
ENTI ART.70-COMMA 4 - D.165/01 76 77 74 25 23 23 25 19 18
ENTI ART.60 -COMMA 3- D.165/01 326 330 336 91 95 97 24 13 13
ENTI LISTA S13 ISTAT - - 1.562 - - 527 - - 124

T OT A LE PER PUBBLICO IM PIEGO 114.550 113.137 113.497 33.693 33.451 33.975 9.690 9.318 9.086

(segue)
PERSONALE DIPENDENTE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

141
142
segue Tavola 5.3: Oneri che concorrono a formare il costo del lavoro per comparto. Anni 2012–2014 (dati in milioni di euro)

Oneri per Personale est raneo T ot ale Cost i Personale dipendent e ed


Cost o del Lav oro Dipendent e
Compart o all'A mminist razione est raneo all'amminist razione
2012 2013 2014 2012 2013 2014 2012 2013 2014
SCUOLA 39.726 39.881 40.409 48 128 48 39.774 40.009 40.457
ANNUARIO STATISTICO 2016

IST. FORM.NE ART.CO MUS.LE 445 456 437 2 5 9 447 460 446
MINISTERI 7.020 7.010 6.831 45 57 38 7.065 7.067 6.869
PRESIDENZA CONSIGLIO MINISTRI 276 263 241 6 6 7 281 269 248
AGENZIE FISCALI 2.822 2.803 2.724 21 34 27 2.843 2.837 2.751
V IGILI DEL FUOCO 1.661 1.656 1.694 0 0 0 1.661 1.656 1.694
CORPI DI POLIZIA 17.099 16.882 16.732 8 12 8 17.106 16.894 16.741
FORZE ARMATE 9.727 9.509 9.359 1 20 11 9.728 9.529 9.371
MAGISTRATURA 2.077 2.127 2.149 0 1 1 2.078 2.127 2.150
CARRIERA DIPLOMATICA 223 233 229 0 0 - 223 233 229
CARRIERA PREFETTIZIA 183 165 167 1 0 1 184 166 169
CARRIERA PENITENZIARIA 43 41 38 0 0 0 43 41 39
ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI 3.157 3.020 2.846 24 11 10 3.180 3.030 2.856
ENTI DI RICERCA 1.471 1.443 1.430 39 33 36 1.510 1.476 1.467
UNIV ERSITA' 6.633 6.308 6.288 164 144 146 6.798 6.452 6.435
SERV IZIO SANITARIO NAZIONALE 39.304 38.664 38.293 850 812 833 40.154 39.476 39.126
REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI 20.388 19.885 18.906 956 836 834 21.345 20.721 19.740
REGIONI A STATUTO SPECIALE 4.833 4.729 4.719 184 177 171 5.017 4.906 4.890
AUTORITA' INDIPENDENTI 278 277 290 6 4 5 284 281 296
ENTI ART.70-COMMA 4 - D.165/01 126 118 114 6 6 4 132 125 118
ENTI ART.60 -COMMA 3- D.165/01 442 439 446 26 21 19 468 460 465
ENTI LISTA S13 ISTAT - - 2.213 - - 241 - - 2.454

T OT A LE PER PUBBLICO IM PIEGO 157.933 155.906 156.558 2.389 2.308 2.451 160.322 158.214 159.009
Tavola 5.4: Retribuzioni medie per comparto e per voce di spesa. Anni 2012–2014 (dati in euro)
St ipendio più I.I.S. RIA T redicesima
Compart o
2012 2013 2014 2012 2013 2014 2012 2013 2014
SCUOLA 19.393 19.396 19.293 4.308 4.444 4.508 2.033 2.041 2.044
IST. FORM.NE ART.CO MUS.LE 23.064 22.874 22.811 6.799 6.564 6.397 2.493 2.491 2.487
MINISTERI 20.636 20.674 20.586 424 470 424 1.826 1.833 1.843
PRESIDENZA CONSIGLIO MINISTRI 27.424 27.295 27.328 699 666 649 2.974 2.987 2.890
AGENZIE FISCALI 21.614 21.699 21.769 413 390 374 1.945 1.954 1.958
V IGILI DEL FUOCO 19.497 19.474 19.457 133 120 108 2.085 2.080 2.079
CORPI DI POLIZIA 20.292 20.242 20.188 369 331 303 2.477 2.466 2.450
FORZE ARMATE 22.841 22.637 22.447 518 528 490 2.693 2.699 2.655
MAGISTRATURA 75.392 75.538 76.217 38.549 38.744 39.288 9.241 9.546 9.608
CARRIERA DIPLOMATICA 57.920 55.795 54.613 2.091 1.783 1.597 6.136 5.828 5.790
CARRIERA PREFETTIZIA 55.611 55.496 55.497 1.347 1.221 1.100 7.004 6.961 7.033
CARRIERA PENITENZIARIA 37.514 37.646 37.341 4.352 3.112 2.883 5.681 5.711 5.633
ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI 23.536 23.776 23.767 489 422 400 2.141 2.155 2.154
ENTI DI RICERCA 28.092 28.001 27.792 3.853 3.538 3.369 2.690 2.680 2.628
UNIV ERSITA' 28.685 28.624 28.669 5.889 5.480 5.169 2.906 2.858 2.810
SERV IZIO SANITARIO NAZIONALE 24.923 24.925 24.914 2.398 2.335 2.280 2.728 2.720 2.701
REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI 21.501 21.484 21.452 297 283 274 1.915 1.923 1.928
REGIONI A STATUTO SPECIALE 24.890 25.096 25.073 1.499 1.484 1.471 2.559 2.551 2.514
AUTORITA' INDIPENDENTI 49.732 49.520 50.114 3.490 3.684 3.810 5.425 5.534 5.583
ENTI ART.70-COMMA 4 - D.165/01 29.541 30.093 29.944 1.739 1.560 1.535 3.148 3.168 3.068
ENTI ART.60 -COMMA 3- D.165/01 21.793 21.816 22.214 998 946 1.250 3.414 3.425 3.537
ENTI LISTA S13 ISTAT - - 30.572 - - 1.804 - - 4.092

V A LORE M EDIO PUBBLICO IM PIEGO 22.183 22.177 22.212 2.350 2.365 2.362 2.324 2.326 2.338

(segue)
PERSONALE DIPENDENTE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

143
144
segue Tavola 5.4: Retribuzioni medie per comparto e per voce di spesa. Anni 2012–2014 (dati in euro)
T ot ale V oci St ipendiali T ot ale Indennit à f isse e A ccessorie Ret ribuzione complessiv a
Compart o
2012 2013 2014 2012 2013 2014 2012 2013 2014
SCUOLA 25.733 25.880 25.844 3.815 3.588 3.286 29.548 29.468 29.130
IST. FORM.NE ART.CO MUS.LE 32.355 31.929 31.695 3.559 4.113 3.801 35.914 36.043 35.496
ANNUARIO STATISTICO 2016

MINISTERI 22.886 22.977 22.852 6.679 6.921 6.447 29.564 29.898 29.299
PRESIDENZA CONSIGLIO MINISTRI 31.097 30.948 30.867 27.746 26.740 26.374 58.843 57.688 57.240
AGENZIE FISCALI 23.972 24.043 24.101 13.332 13.293 13.716 37.304 37.336 37.817
V IGILI DEL FUOCO 21.715 21.674 21.645 9.707 9.946 10.059 31.421 31.620 31.703
CORPI DI POLIZIA 23.139 23.040 22.942 15.063 15.054 14.988 38.202 38.094 37.930
FORZE ARMATE 26.052 25.864 25.592 12.941 12.938 12.644 38.993 38.802 38.236
MAGISTRATURA 123.183 123.828 125.114 18.492 18.784 17.440 141.675 142.611 142.554
CARRIERA DIPLOMATICA 66.147 63.406 61.999 26.067 25.086 25.926 92.215 88.492 87.925
CARRIERA PREFETTIZIA 63.962 63.678 63.631 28.622 27.506 28.292 92.584 91.184 91.922
CARRIERA PENITENZIARIA 47.547 46.469 45.858 32.071 33.079 32.163 79.618 79.549 78.021
ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI 26.167 26.354 26.321 15.604 15.281 14.801 41.771 41.635 41.122
ENTI DI RICERCA 34.634 34.219 33.790 6.884 6.628 6.249 41.518 40.847 40.039
UNIV ERSITA' 37.479 36.962 36.649 6.279 6.261 6.268 43.758 43.223 42.917
SERV IZIO SANITARIO NAZIONALE 30.050 29.980 29.894 8.848 8.710 8.679 38.898 38.690 38.573
REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI 23.713 23.690 23.654 5.829 5.862 5.455 29.542 29.552 29.109
REGIONI A STATUTO SPECIALE 28.947 29.131 29.059 6.496 6.208 6.376 35.443 35.339 35.435
AUTORITA' INDIPENDENTI 58.647 58.738 59.508 23.898 24.028 24.477 82.545 82.766 83.984
ENTI ART.70-COMMA 4 - D.165/01 34.427 34.821 34.547 17.718 17.581 17.591 52.146 52.402 52.138
ENTI ART.60 -COMMA 3- D.165/01 26.205 26.186 27.000 4.470 4.692 4.390 30.675 30.878 31.390
ENTI LISTA S13 ISTAT - - 36.469 - - 7.416 - - 43.885

V A LORE M EDIO PUBBLICO IM PIEGO 26.857 26.869 26.913 7.755 7.655 7.435 34.612 34.523 34.348
PERSONALE DIPENDENTE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

Tavola 5.5: Personale in servizio al 31 dicembre per regione. Anni 2012-2014


2012 2013 2014
Regione
% T ot ale % T ot ale % T ot ale
Abruzzo 2,25 72.784 2,23 71.891 2,23 72.022
Basilicata 1,06 34.209 1,07 34.574 1,06 34.338
Calabria 3,51 113.364 3,47 111.901 3,49 112.785
Campania 9,14 294.922 9,09 293.102 9,09 293.883
Emilia Romagna 7,02 226.638 7,02 226.388 6,55 211.635
Friuli V enezia Giulia 2,64 85.350 2,66 85.594 2,64 85.353
Lazio 12,24 395.000 12,31 396.879 12,49 403.650
Liguria 3,04 98.008 3,04 97.929 3,06 98.967
Lombardia 12,58 406.155 12,72 409.903 12,72 411.019
Marche 2,52 81.219 2,51 81.063 2,54 82.137
Molise 0,59 19.177 0,59 19.090 0,58 18.902
Piemonte 6,81 219.739 6,78 218.507 6,82 220.428
Puglia 6,47 209.025 6,45 207.808 6,39 206.686
Sardegna 3,36 108.383 3,38 109.071 3,46 111.791
Sicilia 8,85 285.748 8,74 281.766 8,74 282.623
Toscana 6,41 207.006 6,41 206.636 6,40 206.830
Umbria 1,53 49.339 1,53 49.266 1,54 49.760
V alle d'Aosta 0,37 11.889 0,37 11.903 0,38 12.188
V eneto 6,95 224.387 6,95 223.987 7,06 228.325
Provincia Autonoma di Trento 1,19 38.513 1,22 39.374 1,36 43.986
Provincia Autonoma di Bolzano 1,24 40.105 1,22 39.481 1,15 37.086

T ot ale It alia 99,77 3.220.960 99,77 3.216.113 99,76 3.224.394

Estero 0,23 7.478 0,23 7.325 0,24 7.695

T OT A LE PUBBLICO IM PIEGO 100 3.228.438 100 3.223.438 100 3.232.089

(*) E' compreso il personale a tempo determinato di scuola e AFAM, gli allievi e volontari dei Corpi di polizia e delle Forze armate. Le
differenze con i totali della Tav. 5.1 sono dovuti a dati errati o mancanti sulla distribuzione territoriale del personale.

145
ANNUARIO STATISTICO 2016

CAPITOLO 6 - Mutui contratti dagli enti territoriali

Le informazioni presentate in questo capitolo sono tratte dalla pubblicazione


“Indagine sui mutui contratti dagli enti territoriali per il finanziamento degli investimenti”
e riguardano il debito finanziario contratto dalle regioni e province autonome e dagli enti
locali. Sono fornite informazioni sulle concessioni di mutui, sullo stock di debito residuo e
sulle rate di ammortamento.
Per quanto riguarda le Amministrazioni regionali, tra il 2002 e il 2014, il debito
residuo è passato da 6.522 milioni a 15.190 milioni. Le concessioni annue hanno
registrato valori compresi tra un minimo di 222 milioni nel 2014 e un massimo di 4.143
milioni nel 2008 (Tavola 6.1).
L’analisi dei dati relativi agli enti locali (province, comuni e comunità montane)
evidenzia un aumento del debito residuo che dai 40.610 milioni del 2002 passa ai 44.537
milioni del 2014. Relativamente alle concessioni annue, il valore più basso si osserva
nell’anno 2013 con 628 milioni mentre quello più alto è del 2003 con 7.388 milioni
(Tavola 6.1).
La dinamica annuale delle predette variabili nell’arco del periodo analizzato è
riportata nei grafici 6.I e 6.II nonché nelle tavole del presente capitolo.
Nell’ultimo anno oggetto di rilevazione, il 2014, le concessioni di crediti alle
amministrazioni regionali sono risultate pari, come rilevato, a 222 milioni a fronte dei 461
milioni dell’anno precedente con una diminuzione pari al 51,8 per cento mentre gli enti
locali mostrano un livello di nuove concessioni pari a 923 milioni, superiore rispetto ai 628
milioni rilevati nel 2013 (+47,1 per cento) (Tavola 6.1).
La distribuzione territoriale del debito residuo delle Amministrazioni regionali pone
in luce che, nel 2014, i valori più elevati risultano essere quelli di Piemonte, Lazio, Sicilia e
Lombardia mentre per gli enti locali l’indebitamento presenta valori più elevati in
Lombardia, Lazio, Piemonte e Campania (Tavola 6.2).
Nel 2014, le concessioni per tipologia di opera mostrano, per le amministrazioni
regionali, l’importo più elevato, pari a 222 milioni, nella tipologia “Opere varie” (si rinvia al
glossario per il contenuto di tale voce), invece per gli enti locali queste si concentrano
maggiormente nella tipologia “Viabilità e Trasporti” (332 milioni) (Tavola 6.3).
L’ammontare delle concessioni distinto, invece, per classe di enti risulta più elevato nei
comuni capoluogo (509 milioni) e nei comuni con popolazione inferiore a 20.000 abitanti
(183 milioni) (Tavola 6.4).
La distinzione per classe di enti, ancorché con il solo dettaglio tra mutui per opere
pubbliche e per altri scopi, è fornita per il debito residuo e per le rate di ammortamento.
Dall’esame dell’esposizione debitoria si evince che al 1° gennaio 2015, le quote maggiori
di indebitamento gravano sui comuni con popolazione inferiore a 20.000 abitanti (16.252
milioni), seguiti dalle amministrazioni regionali (14.306 milioni) (Tavola 6.6).

146
MUTUI CONTRATTI DAGLI ENTI TERRITORIALI

Nell'anno 2014 l’ammontare globale delle rate d’ammortamento si è attestato per le


amministrazioni regionali a 1.693 milioni, di cui 1.177 per la quota capitale e 516 per la
quota interessi, mentre per gli enti locali le rate di ammortamento ammontano a 4.776
milioni, di cui 2.986 per la quota capitale e 1.790 per la quota interessi (Tavola 6.5).

147
148
Grafico 6.I: Mutui concessi alle Amministrazioni regionali e agli Enti locali. Anni 2002-2014 (dati in milioni di euro)

12.000

10.000
ANNUARIO STATISTICO 2016

8.000

6.000

4.000

2.000

0
2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014

Amministrazioni regionali Enti locali

Grafico 6.II: Debito residuo al 1° gennaio delle Amministrazioni regionali e Enti locali. Anni 2002-2015 (dati in milioni di euro)

72.000

62.000

52.000

42.000

32.000

22.000

12.000

2.000
2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015

Amministrazioni regionali Enti locali


MUTUI CONTRATTI DAGLI ENTI TERRITORIALI

ASPETTI METODOLOGICI

L’Indagine ha per oggetto i mutui concessi da un campione significativo


di banche residenti in Italia alle Regioni, alle Province autonome e agli enti
locali per il finanziamento degli investimenti: relativamente a ciascun anno
sono rilevati, oltre all’ammontare dei mutui di nuova concessione, lo stock del
debito residuo al 31 dicembre e le rate di ammortamento in scadenza, distinte
per quota capitale e quota interessi.
Le informazioni sono disponibili con il dettaglio per classe di ente
beneficiario (amministrazioni regionali e province autonome, amministrazioni
provinciali; comuni capoluogo; comuni non capoluogo con popolazione
superiore a 20.000 abitanti; comuni non capoluogo con popolazione inferiore
a 20.000 abitanti; comunità montane), per Regione e per oggetto del mutuo
secondo l’articolazione per tipologia di opera illustrata nel glossario.
I mutui rilevati sono esclusivamente quelli per finalità di investimento,
intendendosi esclusi quelli per ristrutturazione di operazioni già in essere o
ripiano di disavanzi o perdite di gestione. Sono rilevati i soli finanziamenti il cui
onere rimane a carico diretto degli stessi Enti mutuatari, con esclusione quindi
dei mutui a carico dello Stato o di enti diversi.

RACCORDI CON ALTRE VARIABILI

I dati dell’Indagine non SCHEMA SINOTTICO DEI DATI PRESENTATI

trovano corrispondenza con altre Quadro di finanza pubblica Altre elaborazioni

informazioni incluse nell’annuario.


Nello schema dei quadri di finanza
Bilancio Bilancio Spesa statale
Flussi finanziari
dello Stato dello Stato regionalizzata
da/per la UE
- Entrate - - Uscite -
pubblica secondo cui il fabbisogno
può calcolarsi dal lato della Tesoreria
statale Conto Annuale

formazione o dal lato della


copertura, i fenomeni rilevati Formazione del fabbisogno Politiche di

costituiscono strumenti finanziari di Entrate Totali Uscite Totali sviluppo


della UE

debito attivati dalle Amministrazioni


territoriali per la copertura degli Copertura Finanziaria Mutui degli
Enti Locali

oneri derivanti dalle spese di


investimento.

149
ANNUARIO STATISTICO 2016

Tavola 6.1: Mutui concessi e debito residuo al 1° gennaio per tipologia di ente. Anni 2002-2015 (dati in
milioni di euro)

debito residuo A mminist razioni regionali Ent i locali


A nno Debit o residuo Debit o residuo
M ut ui concessi M ut ui concessi
al 1° gennaio al 1° gennaio
2002 2.622 6.522 4.862 40.610
2003 2.515 7.898 7.388 41.868
2004 1.498 9.504 7.141 44.084
2005 1.657 10.758 6.127 47.504
2006 3.622 11.692 6.109 49.706
2007 1.569 14.081 4.184 48.004
2008 4.143 14.649 4.269 49.386
2009 952 15.578 3.904 50.039
2010 2.382 15.679 3.087 50.918
2011 1.964 17.120 1.888 50.982
2012 446 17.438 1.443 50.165
2013 461 16.528 628 47.025
2014 222 15.190 923 44.537
2015 14.306 42.140

150
Tavola 6.2: Mutui concessi e debito residuo al 1° gennaio per regione e tipologia di ente. Anni 2012-2015 (dati in milioni di euro)

A mminist razioni regionali Ent i locali


Regione M ut ui concessi Debit o residuo al 1° gennaio M ut ui concessi Debit o residuo al 1° gennaio
2012 2013 2014 2013 2014 2015 2012 2013 2014 2013 2014 2015

V alle d'Aosta - - - 55 40 25 5 0 4 154 140 126

Piemonte 1 - - 3.551 3.261 3.017 94 17 44 5.508 5.224 4.916

Lombardia - - - 1.854 1.759 1.675 373 199 246 6.974 6.710 6.579

Trentino Alto Adige - - - 91 18 13 4 4 4 994 911 788

V eneto - - - 405 352 302 26 18 26 3.127 2.856 2.611

Friuli-V enezia Giulia 366 88 28 202 167 131 129 19