Sei sulla pagina 1di 54

M. FRISINA - V. GIUDICI - A. PARISI - F.

RAINOLDI

SETTIMANA
SANTA
DOMENICA DELLE PALME - GIOVEDì E VENERDÌ SANTO
CANTI PER LA LITURGIA

dine
I:nITnUI" I a:: A I Iflln\lll;;l\/1
INDICE

Domenica delle Palme


6 OSANNA A COLUI CHE VIENE (Ca!lto per l'inizio e la processione)
Musica: Vincenzo Giudici - Testo: Anna Maria Galliano
_ 11 SOLLEVATE PORTE I FRONTALI (Canto per l'ingresso in chiesa)
Musica: Vincenzo Giudici - Testo: Liturgia
_19 MIO DIO PERCHÉ (Salmo responsoriale, dal Salmo 21)
Musica: Vincenzo Giudici - Testo: Liturgia
_ 22 GLORIA E ONORE A TE (Canto prima del Vangelo)
Musica: Vincenzo Giudici - Testo: Liturgia

Giovedì Santo: Cena del Signore


24 NOSTRA GLORIA È LA CROCE (Canto d'ingresso)
Musica e Testo: Marco Frisina
28 . IL TUQ CALICE SIGNORE (Salmo responsoriale, dal Salmo 115)
Musica: Marco Frisina - Testo: Liturgia
29 GLORIA A CRISTO SIGNORE (Canto prima del Vangelo)
Musica: Marco Frisina - Testo: Liturgia
31 CON AMORE INFINITO (Canto per il rito della Lavanda dei piedi)
Musica: Antonio Parisi - Testo: Anna Maria Galliano

Venerdì Santo: Passione del Signore


34 PADRE NELLE TUE MANI (Salmo responsoriale, dal Salmo 30)
Musica: Antonio Parisi - Te~to: Liturgia
35 KYRIE ELEISON - AMEN (Risposte alla Preghiera universale)
Musica: Antonio Parisi - Testo: Liturgia
36 ECCO IL LEGNO DELLA CROCE (Canto all'astensione della Croce)
Musica: Antonio_Parisi - Testo: Liturgia
_ 39 ADORIAMO LA TUA CROCE (Antifona per l'adorazione della Croce)
Musica: Antonio Parisi - Testo: Liturgia
- 40 DA SEMPRE TI HO AMATO (Canto dei Lamenti del Signore)
Musica: Antonio Parisi - Testo: Anna Maria Galliano
45 BEATA PASSIONE (Inno)
Musica: Felice Rainoldi - Testo: Anna Maria Galliano
48 O C~OCE GLORIOSA (Canto all'esaltazione della Croce)
Musica: Felice Rainoldi - Testo: Anna Maria Galliano
50 O FIGLIO CROCIFISSO (Canto di contemplazione)
Musica: Antonio Parisi - Testo: Anna Maria Galliano

Imprimatur
Bari, 2.12.1996
7 Mariano A Magrassi,
Arcivescovo di Bari-Bitonto

2 101997 FSP. ROlllil. Tutti i diritti riservati.


PRESENTAZIONE

La Settimana Santa "ha lo scopo di ricordare la Passione del Signore fin dal suo
ingresso messianico in Gerusalemme" (Norme gen. 34). Questa prospettiva (un
tempo si parlava dei 'giorni dell'amarezza') si tende al Venerdì santo come ad apice
memoriale del mistero della Passione sacrificale del Signore. /I Venerdì santo, a
sua volta, è momento cerniera che immerge ne~ Tridao pasquale, che va dai Vespri
del Giovedì nella Cena del Signore ai Vespri della Domenica di Risurrezione.
Un corredo di canti che va sotto il titolo di 'Settimana santa' non include, pertanto,
il repertorio completo per le celebrazioni del Triduo 'del Crocifisso, del Sepglto e del
Risorto'. D'altro lato, un programma studiato come Triduo' escluderebbe la
Domenica delle Palme o della Passione del Signore.

V'è tutto un gioco di 'incastri' nel dipanarsi celebrativo dei segni liturgico-sacra-
mentali, che rendono presente il mistero della Pasqua e ci attirano in e.sso. E assie-
me agli 'incastri' ricorrono i 'contrasti': un alternarsi di gesti e di annunci che acce-
lerano i ritmi del cuore e inducono a celebrare 'ad alta tensione'.

La Domenica delle Palme rappresenta, sotto questo profilo, uno straordinario


intreccio di ouverture. Si configura come evento speculare alla Domenica di
Risurrezione: qui una gioia che si dissolve, fino a cedere all'angoscia: là un dolore,
redentore e redento, che rimonta al gaudio di una nuova creazione.
uOS~l'lM à CO\U'I che v'lenel\, dunque; ed IIEntri ìl re dena glorialI. Un gesto festoso
di popolo: dialogo acclamante per il Figlio benedetto e marcia trionfale per un Re-.
pastore che si fa Agnello per il sacrificio. Se noi discepoli tacessimo, griderebbero
le pietre (Lc 19,4). Le quali però - !1J0nito a cuori di pietra - celebrano a loro modo:
col frantumarsi della loro durezza rocciosa (Mt 27,5) annunciano l'orrore per l'e-
clissi di un Dio che pare sordo a chi 'gli è amico': "Perché mi hai abbandonato?". È
più gemito che canto, questo dare voce, col 5121, al Giusto sofferente. Intanto è
ancora Lui che interpreta ed inscrive, in voce di preghiera, tutte le nostre tragedie.
/I Signore Gesù è degno anche dell'acclamazione in quanto 'Vangelo', presente in
persona quale Signore esaltato. Ma oggi, più che la gloria del suo aspetto trasfigu-
rato, contempliamo il suo volto sfigurato e le stigmate della sua fedeltà.

Poi potremo proclamare, con cuore purificato, il paradossale "Nostra gloria è la


croce di Cristo". È la sera del Giovedì santo, momento privilegiato per risvegliare
la certezza di sentirei figli e amici, il senso di sicurezza della protezione che ei cir-
conda, l'onore di una saggezza che ei guida. Tutta protesa all'evento del Calvario,
questa Cena ci si colora di una gioia misurata, chiede intimità più che estroversio-
ne: il Cenacolo 'raccoglie'. Si odono parole testamentarie e si compiono gesti incre-
dibili: scandalo per il capovolgimento della nostra logica, disorientamento perché è

f!flP EDITORIALE AUDIOVISIVI 3


scossa ogni presunzione. Perché quel calice sia 'dono di salvezza' dobbiamo impara-
re a berlo, mentre il Signore iconizza il suo 'battesimo' (Mc 10,47). Capire come si
deve 'essere grandi' (Lc 22,26). Imparare che la dimensione dell'infinito è quella del-
l'amore che non ci disloca lontano, ma ci china su dei piedi da lavare. Oppure quella
del lasciarsi frangere e mangiare, come pane.

Quando arriva il Venerdì santo ecco il grido del SI21 placarsi nella confidente con-
segna del SI 3u: "Padre, nelle tue mani". Oggi, certamente, è il memoriale del consu-
marsi della tragedia più tragica della storia, ma anche il compimento del rivelarsi del
mistero 'più grande di ogni cuore'. Siamo invitati a calarci nella sua forma per attin-
gerne l'energia vivificante. Rifulge il mistero della Croce: ci incombe la necessità inte-
riore di proclamarlo, 'ricolmi di stupore', con una offerta di gesti adoranti e con una
sequela di inni che esaltano fronde, fiori e frutti dell'Albero della vita. C'è ancora l'eco
di qualche pianto: sono le lacrime del non credere, tino in fondo, all'amore che eson-
da dal cuore trafitto. O anche lacrime di riconoscenza, per quel bacio che Lui osa rice-
vere dalle nostre labbra.

Felice Rainoldi

4 © 1997 FSP, Roma. Tutti i diritti riservati.


Mons. MARCO FRISINA - Si è laureato iYJ Lettere all'Università "La Sapienza" e
diplomato in composizione al Conservatorio di "S. Cecilia" in Roma. Dopo gli studi
teologici all'Università Gregoriana si è licenziato in Sacra Scrittura al Pontificio
Istituto Biblico di Roma. È responsabile del Centro Pastorale per il Culto del Vicariato
di Roma e Maestro di Cappella della Basilica di S. Giovanni In Laterano. Svolge da
'tempo la sua attività di Compositore sia nell'ambito della musica liturgica, che nel-
l'ambito sinfonico e cameristico. Recentemente ha composto anche la colonna sono-
ra per i film della Bibbia televisiva. È Rettore della Ba~ilica di S. Maria in Montesanto
in cui ha sede la "Messa degli Artisti" di Roma. ..

VINCENZO GIUDICI - Studi musicali - violino, pianoforte, composIzione - al


Conservatorio di Zurigo. Corsi con Cari Orff a Salisburgo e con Stockhausen e Ligeii
a Darmstadt. Composizioni soprattutto vocali e in massima parte a carattere religio-
so. Trascrizioni, adattamenti e versioni italiane di opere classiche e contemporanee.
Collaboratore della Radio e della Televisione della Svizzera Italiana e'critico musica-
le. Direttore del Coro della Cattedrale di Lugano, membro della Commissione Musica
del Centro di Liturgia della Diocesi di Lug:;lno e di Universa Laus Internazionale.

Don ANTONIO PARISI - Sacerdote e musicista della Diocesi di Bari-Bitonto.


Docente al Conservatorio "N. Piccinni" di Bari. Da circa vent'anni opera a livello
nazionale con pubblicazioni musicali, conferenze, dibattiti, impegnato ad animare il
settore del canto liturgico all'interno della Chiesa italiana. Responsabile nazionale
per la Musica Sacra presso l'Ufficio Liturgico Nazionale della CEI. Direttore
dell'Ufficio Musica Sacra della Diocesi Bari-Bitonto e responsabile regionale. .

Don FELICE RAINOLDI - Prete della diocesi di Como, è Maestro di Cappella della
cattedrale, docente di liturgia e di· musicologia liturgica nella locale facoltà teologica,
responsabile della Scuola "Luigi Picchi" per la formazione degli animatori musicali.
Da oltre trentacinque anni, dopo gli studi al Pontificio Istituto in Milano, è impegnato
nel settore del canto e della musica per la liturgia, mediante esperienze pastorali,
attività didattica, conferenze, organizzazione di corsi, redazione di repertori, varia
pubblicistica ed impegno compositivo. È collaboratore della sezione Musica Sacra
dell'Ufficio Liturgico Nazionale.

8 EDITORIALE AUDIOVISIVI 5
OS/L\I~NA A COLUI CHE VIFNE
Musica di Vincer1zo Giudici Canto per i! rito d'inizio, DOMENICA DELLE PALME

uoci maschili Lam Re Lam Re Mirn Fa Mim Lam Mim


.~
_.
~ I
tT,j .
- I
- ====lI
====l
~

SeA
1-tJ-.
O - san - na!
- --- ,
- --"
-W
~
- - -

c
fI
-
O

san na, 0- san - na a Co-lui che vie
- .-
ne nel

"1---i----t---1
~
-
~

T
:
.,.O -
_.
san
. - na,
('-
0-


san - na

-
a Co-lui che vie
• • .,. - ne nel
• •
.....
O - san - na, 0- san - na a Co-lui che vie - ne nel
:
B
-

O
,
san -
L-J
.-
I
na, 0- san - na
-
a Co-lui che vie - ne nel

Rem Do Lam Re Fa Sol

n
uoci maschili

) I~ j J
SeA
1J.
~_. I
..
• O san • na'
• - I
..-- .....• -

r.~
T
~

fI
no- me del ~i- 9no- re! O - san - na, o - san -
c ..1
T1 T1
~
no- me del Si- 9no- re! O - san - na, o -
s;n f na
.", {'- {'- {'-
~}:
• •
T

no- me del Si- gno- re! O - san - na, o - san - na

: -.- - . ~
B
I
I f'- r~
=r, --
---

I ~
no - me del Si - 9no- re! '"
o san - na, o - san na

6 © 1997 FSP, Roma. Tutti i diritti riservati.


La Sol Re VOCI- maschili Lam Fa Lam

Be - ne det - to il Fi- glio di Da- vid, il


, f\ ~ .1"""--0... i I .J.
~ - r
,
SeA V"" -
~ I
a Co- lui che vie- ne!

c
ti
I - - "

@)
" I
..

T
!

f-L-~ ··
~ ..
a Co- lui che vie- ne!
~ fI- fI- "-
, "----
, rfl-
~-

a Co- lui che vie- ne!

B ·· , - -

~-

I I I
a Co - lui che vie- ne!

Mim Do Fa Lam Mim


voci femminil~

Il I~ li:*" ~\...-J
,
-
SeA
r.
re d'l- sra- e - le,
I
,
I - - I ~
Hy'.-T
- 1-7.-- -:j~
Be- ne-
J:--

I~ Be-ne - det - to Co - lui che vie - ne! l


I
Ilte
.
-- ,
c ,
@) •
Be-ne - det - to Co - lui che vie - ne!
~ • ~ ~
• •
,
·· ,
1
-

--

I
I Be-ne - det - to Co - lui che vie - ne!
-

~ .ù.. -r
-
B I

, ,
Be-ne det to Co - lui che vie - ne!

fIJìj EDITORIALE AUDIOVISIVI 7


Do Do6 Sol Rem Larn
r--- 3 -,
~
" J I +~ l-
l~~ r r L-.J J
~ I ! I r r ~

det - to il Fi - glio diA - bra - mo, mes - si - a pro- mes - so.


~~
~
~
Be - ne-
f\
c
.J
Be - ne-
o
o
T
----..
Be - ne-
~~

~-
o
o
B - - f'l-~ ,
,
~ ~~
----..
Be- ne-

Lam Mirn Fa Sol Do Sol Larn Lam


voci maschili

- ì le
. O - san - na l
f\ ,...--""1 I I
.
~


~
det - to Co - lui che vie - ne! O -
c
-.ti -
. •
I-'.L
~ ]i
det
... - ---
to Co - lui che vie - ne! O -
o
~ f'- ~ f'- ~
o
T

det - to Co - lui che vie - ne! O -


o

-
o
B , 7
det to Co - lui
- che vie - ne! O

8 © 1997 FSP, Roma. Tutti i diritti riservati.


Re Lam7 Re Mim Fa Mim Lam Mim Rem Mim Rem 1)0
voci maschili
- I ."

SeA
f

~
- ~

I
- - ..-
-
o -

-
-
san na, 0- san- na a Co-lui che vie ne nel no~'me del Si- gno- re!
f\
-
c
..
I
I

. -•
@) TI

··
san -

,.
na, 0-


san- na a Co-lui che vie
• • ,
ne nel

no-me del Si- gno- re!

-
T

san - na, 0- san- na a Co-lui che vie - ne nel no-me del Si- gno- re!

B ·· .......
-
I

I
I
J L...-.J I I

san - na, 0- san- na a Co- lui che vie - ne nel no- me del Si- gno- re!

f\

'-
~
Lam
- I
Re

"
Re
--
-
Fa Sol

I
La Sol

-
Re

Il
f\
san - nal
~ l D ! I
-I i J:=1 I I
SeA ,
,
~ I.....J I ~ ~ I

O
I....J-
- san na, 0- san - na a Co - lui che vie - ne!
11. I
I

c
~

,. ,.
11 11 11

O - san - na,
• ,. f'-
0- san
~r:-
-
,.
na
~~-
a
,
Co - lui che
t-
vie - ne!

T
:
--- " f-:

O - san - na, o - san - na a Co - lui che vie - ne!

B ··
i"
-
I ......, I
I I
O san - na, o - san - na a Co - lui che vie - ne!

é!fJiJ EDITORIALE AUDIOVISIVI 9


OSANNA A COLUI CHE VIENE Per l'esecuzione: È un'acclamazione a Cristo
Testo di Anna Maria Galliano re, quasi una sigla per introdurre la celebrazio-
ne liturgica che commemora l'ingresso del
Osanna! Signore in Gerusalemme.
Osanna, osanna a Colui che viene Può essere ripresa al termine della lettura del
nel nome del Signore! Vangelo ed impiegata durante la processione
Osanna! verso la chiesa: a questo scopo sono proposte
Osanna, osanna a Colui che viene! altre coppie di versetti.
La partitura, così come proposta per soli, coro
Benedetto il Figlio di David, a quattro voci e assemblea, non incuta timore ai
il re d'Israele. piccoli gruppi di animazione. /I tutto può essere
Benedetto Colui che viene! eseguito ad una sola voce purché si rispettino i
Benedetto il Figlio di Abramo, ruoli indicati.
messi a promesso. Ogni intervento dell'assemblea è preceduto da
Benedetto Colui che viene! un "Osanna", intonato da una o più voci soliste,
che funge da invito ad acclamare. I solisti pro-
Osanna ... clamano i versetti, cui fa eco la schola con l'ac-
Benedetto il Figlio di Dio, clamazione "Benedetto Colui che viene", quindi
la nostra salvezza. l'assemblea è invitata a riprendere il ritornello.
Benedetto Colui che viene! " ritornello venga attaccato con slancio; le
acclamazioni solistiche si eseguano in tempo
Benedetto il Figlio dell'uomo, più disteso, si può anche lasciare un certo spa-
speranza del mondo. zio tra un'acclamazione e l'altra.
Benedetto Colui che viene! La parte d'organo può essere tranquillamente
omessa: è difficile immaginare come si possa
Osanna ... accompagnare il canto di una processione all'a-
Benedetto il Figlio di Maria, perto con questo strumento. L'organo potrà
il Verbo incarnato. essere impiegato nel caso in cui questa cele-
Benedetto Colui che viene' brazione avvenga all'interno della chiesa.

Benedetto il Figlio unigenito


che dona la vita.
Benedetto Colui che viene!

Osanna ...

Benedetto il Figlio diletto


mandato dal Padre.
Benedetto Colui che viene!
Benedetto il Figlio obbediente
da Dio esaltato.
Benedetto Colui che viene!

Osanna ...

10 © 1997 FSP, Roma. Tutti i diritti riservati.


FRONTALl
Musica di Vincerlzo Giudici Canto per l'ingresso in chiesa, DOfVlENICA Dl=LlL PALME

Re Fa R~ Fa Re Fa Re Fa Re R~ Re Sol La

Ari ~.
, - I
- ---- --,1

i - I
- I - -ilA! • •~
F C±f I
Sol-le - va - te, por- te, fron -i
If-~" =:. -T 1- I
S fn... c-1+.{" .. . .. I .......
, .. _. -
,
tJ I ~
I
Sol-le va - te, por- te, I ron -
C
. "

tJ
Il
• - -- .---
_.--
-- ......

.-

, , .
T ··
i
!
,
,
Sol-le


va - te, por- te, i fron
L L
,
L . -I
I
I Sol-le va - te, por- te, i fron -
I
B ·· :
---;-
I

Sol-le - va - te, por- te, i fron-

Re Fa~m Sim La Re Sim Sol Fa#mMim


1 1 I 1 1 .--,,
" Il
A I
4
,
, ,
tJ

-
I ,[
ta - li, al - za - te - vi por - te an - ti - che ed en - tri il

S
" Il
1

+ ·1
I
. ., .,.. 1 1
I
, T
t-p-
tJ
, ,, i
--
I
ta - li, al za - te - vi por - te
r
an - ti - che ed en - tri il I
.1 Il ~ ~ I
.+
C
~
I
'--
--- - -
..!-
-j
..L
-. ,
...

" " -
4

1 ··
ta - li,
~ f- .al
f'-
-+ -+_.
za - te
f'-
-+
- vi
f'-
..
por - te
r,
--
.,. ..
an - ti - che
f'- f-
ed


en

•,
tri
.".
il

• 4

ta - li, al za - te - vi por - te an .. ti .. che ed en - tri il

·· • • • -- -+•
i
B ..-- -- ,,- - ,

ta - li, al .. za.. te - vi por .. te an .. ti.. che ed en - tri il

r!i!fìJJ EDITORIALE AUDIOVISIVI 11


--~~--------------------

Re Siro Miro La6 5 Re Re Miro7

e J a 11 •
re , - ed en tri
I .,~
il
- - 1-


re del - la
m • o
glo- ria
I ~ II~ H
I Il In

S .
.)
re,

ed en - tri il re del-la
I!

glo-ria.
D

II " li
C :

I.J
I
u· •
il
-. --- #-
re del-la
i • o
glo- ria.
I re, ed en - tri
!
I
l- o
o
• • •-- • , .-p- ---o:, - F=t--
1. I
-+-- --l._..i_- ~ -F
~
I
1

I
_re, ed en - tri il re del-la glo-ria. Chi " I

è que- sto re del-la


o
o ,
B. -fr- -1-::+-- ,
1
-. 1 r' 1 ~

re, ed en - tri il re del- la glo-ria. Chi è que- sto re del- la

Sol Re Re La Miro

12
, " li •
S I ---- FP
l! .J - 1 \...--"
! ; Il Si gno - re de- gli e
....-. •
-
, I li
-:;-- +H
C
~4
-- -
- . __ ._.--I +
.J
i Il Si gno - re de- gli e
I
I
: •
1 I

,
, gloria? Chi è que- sto re del- la glo- ria?
i
i -
o
o
B' ,

gloria? Chi è que- sto re del- la


- -I-

glo- ria?

12 ID 1 ')97 FSP, ROIllJ. Tutti i diritti r!Sl'rvdli


Fa#m Re Mim Fa#mSol La Fa Lam

A~
.J
~ e - j~ - I
I
- --l
---I

li ,
r-...
.
I I I
,, ,
s ~-I
-_. ;
-~. --
.J ~
ser- ci - ti èil re del- la glo-ria.
,
HJ-lI .. ~

C .;I- -, - - -

~ ..- • ,
• ~III

T ··
ser- ci - ti èil re del- la glo-ria.

~---
,
,
O - san-na!
~j!:
" • " ~
.. ,
I ,
,
:

0- san - na, o - san - na.Glo- ria a te che ,


B ·· -- - --}-.
,
~~--

0- san na, o - san- na. __

Sim Sim Mim Fa#m Sol lVIim La Re


" li
A t
@)

"
s f®--
li -, ~
, ~-#
~ !
Sol - le
~

~ ..
~--
-
t17"o
.J ~
ple- no di bon tà e di mi - se - ri cor- dia. Sol - le
" li
1- -I
..
~

~-

C ;
---#~
~
-,,- ..- r ~--
-

T ·· • •
pie- no
L ,
L
di bon
..- .,.
;
..
tà e di mi - se - ri - cor- dia. Sol - le


-

vie- ni, pie- no di bon tà e di mi - se - ri


- i-
~
-~-

cor- dia. Sol - le -

B ·· ~
---- ~

Sol - le

8 EDITORIALE AUDIOVISIVI 13

..
-~- ----~~ ------------

Re Sol La Fa#m Sim La Re Sim

~ ~
I
~
I I
A[
I

~ I
EfF~g • I f Fr Dr I P- I E2 ~m
, J.I
va - te, por-te, i fron - ta - li,
I I I
al
,
- za - te - vi por- te an ti - che
I I
ed

S
~
,- f

~ r I r
I ~
va - te, por-te, I ron ta - li, al za - te - vi por- te an ti - che ed
~lI
,
.. .. --, ~
C
-1- f-lt
tI) •
va - te, por-te, i fron ta - li, al za - te - vi por- te an - ti - che ed
~
I fl- J'- fl- l'- !l- (2 # !'- f'-:_ L r-: ~ -# L f- •
T ·· -+I-

• --- -
--1
-
!
f--

- --------'-'- --- - -

va - te, por-te, i fron ta - li, al za - te - vi por- te an ti - che ed

B ·· I I
,
• • ,•
,
-

I

va - te, por-te, i fron - ta - li, al - za - te - vi por- te an - ti - che ed

Sol Fa#mMim Re Sim Mim La6 5 Re


-~
" J.I ,
A
, --r-t- -!"ì I
t
tI) I
--
• .L u
en - tri il ·re, ed en - tri il re del- la glo- ria.
~-o -j:n--..- ,"""""'-' , - - - r-;
S -#-- -li----
-T I
n ,
--~-
• • u ----- f-U

~
!
en - tri il
i re, ed en - tri il re del- la glo- ria.
c
I li i --
I

C -r- ± ---
~ •
,

en - tri il

re,
-

ed
--~


en - tri il
...
re
-#
del- la
... • u
glo- ria.

• ~ • • • •- •
··
--
T ,
r--t-J- -
r
en - tri il re, ed en - tri il re del- la 910- ria. Chi

B ·· I
,
--
--

I I I r
en - tri il re, ed en - tri il re del - la glo- ria. Chi

14 © 1997 1'5 P, ROllli)_ Tutti i diritti riservati.


-----~---

Re Sol Re

f\ Il
S
- -
-n----
-
~
]] Si
1LlL ~

C "'-.---- "

.~

T ·· -
.-
,
• I
Il Si

I ~
è que-sto re del-la glo- ria? Chi è que- sto re del-la glo-ria?
- -
B
-4' : ,
I '---i
è que-sto re del-la glo- ria? Chi è que- sto re del-la --- glo-ria?

Re La Mirn Faj!nRe Mim Faj!m Sol La


1LII
I
AI -
--
J
tJ
f\ Il ~ I r--
s """ --
--

or
tJ
9no - re for-te e po - ten - te, po- ten - te in bat ta- glia.
Il Il l

C
~
gno- re for-te e po - ten
• -,;:'
- te, po- ten - te in bat
,
. ta- glia.
-
O -

T -L ·· --
---

O - san - na, o -
B ·· ---

O - san na, 0-

8 EDITORIALE AUDIOVISIVI 15
-

Fa Lam Sim Sim MimFa#mSol Mim

l 12

S
; I lo!
,
I

-
.•.. .. '
~
+ - l'''---

" p ie- no di bon tà e di mi- se - ri -


~

..
f\ I

.
.!""""""'I"'
...
..
C
~
, "
. ,. ,
.
.

·
san- nal
~,
• • • •
pie- no
.L .L
di bon ~
, ,. ..
tà e di

.,
mi-se- ri

..., ·mi
-I

-
T fL-"':~

san- na. Glo ~ ria a te che vie- ni, pie- no di bon tà . e di mi- se- ri -,I,

B ·· I I
- ----
.

san- na.

La Re Re Sol La Re Fa#m Sim La

A
[ ~.

~
fL~
,
I I

..
I
,
~
l ..l.

......
,

r I
I

r
,

Sol-le - va - te, por- te, i fron - ta - li, al - za - te - vi por- te an -


,
I ~ I

.~
I
, ~
, ... " I I I
... -j
S .•...
.

f) I -.,! r I -Y
cor-dia. Sol- le II-I va - te, por-te, i fron
,
ta - li, al za - te - vi por- te an
,
-II
f\ ~ , ,
C
,
, + .. , :

.~

-
cor-dia. Sol-le
_. va - te, por-te, i fron
~. f'- !Il- 1'"
ta - li,
fI- _f- ,
al za - te - vi por- te an -
f'-- ~ .~
..-
l-
, •
T ·· -f t-
, , -+)- . '

B ··
eor-dia. Sol-le
...
..
'.

.F--
- va - te, por- te, i fron

··r'
ta - li, al

.
• • . ....
za - te - vi por- te an - ,
.

t,I-+-Fr---1
"
I
I

Sol-le va - te, por- te, i fron - ta - li, al - za - te - vi por- te an-

16 () 19'17 FSP, Roma. futti i diritti riselvJ!i.


Re Sim Sol Fa#mMim Re Sim Mim La6 5 ne
-.
A[t$ ~~ J j
,.) ti-che
J lì
ed
r
en - tri
J J
il
le J.
re,

ed
f ty J li)
en - tri il
n
re del- la
;
glo- ria.
FINE

J-d
~jj ,-.
S~
I

---f ..... ..-


,n-' -
.,1

~. I • .. v·
~!- che ed
I
en- tn
.
il re, ed en - tri il re del- la
I
glo- ria.
I
" Il
I

I
.. • .
I
I
I
C I I
- - i'r'" :--
• • •
I
• • • •
..
•j
U· v·
ti- che ed en - tri il re, ed en - tri il re del- la glo- ria.
Il
T ··
• f2

I
I

I
rt'- .L .&
- :
.,
I ••
,
I
!

ti- che ed en - tri il re, ed en - tri il re del- la glo- ria.

B ·· I-

I I
I I
• • :
ti- che ed en - tri il re, ed en- tri il re del- la glo- da.

Coda Re Fa Re Fa Re Fa Re Do Re

A~, #; ; d Il
glo-ria.

glo-ria.

({ffP EDITORIALE AUDIOVISIVI 17


SOLl_EVATE PORTE I FRONTALI Per l'esecuzione: Questo canto è scritto per
Testo dalla Liturgia concatenarsi direttamente al precedente. Ap-
pena la processione giunge alla soglia della
Sollevate, porte, i frontali, chiesa, dopo l'ultimo ritornello del canto prece-
alzatevi, porte antiche, dente, l'organo attacca la festosa introduzione.
ed entri il re, Questa, come pure l'accompagnamento del
ed entri il re della gloria. primo e dell'ultimo ritornello, sono concepiti per
il grande organo a canne e per un'assemblea
Chi è questo re della gloria? cantante abbastanza numerosa. In caso con-
Chi è questo re della gloria? trario è meglio iniziare direttamente col rilornel-
Il Signore degli eserciti è il re della gloria. lo accompagnandolo nel modo più semplice
Osanna, osanna l come indicato per la successiva ripresa (batt.
Gloria a te che vieni, 26-34).
pieno di bontà e di misericordia. Va da sé che può essere impiegato come canto
d'ingresso anche in assenza della processione.
Sollevate, porte, i frontali, Il musicista noterà come nell'armonizzazione
alzatevi, porte antiche, del ritornello, nelle prime quattro battute i bassi
ed entri il re, del coro non eseguono il basso dell'armonia:
ed entri il re della gloria. quest'anomalia è voluta per dare maggiore bril-
lantezza all'acclamazione.
~ Chi è questo re della gloria?
Chi è questo re della gloria?
Il Signore forte e potente, potente in battaglia.
Osanna, osanna!
Gloria a te che vieni,
pieno di bontà e dì misericordia.

Sollevate, porte, i frontali,


alzatevi, porte antiche,
ed entri il re,
ed entri il re della gloria.

18 © 1997 FSP, Roma. Tutti i diritti riservati.


IVII U l)' Il L;
' , L)
I L
I H ,v- 'Hlc . S2! rìm respOllsorlale (dal Séllmo 21)

~v1USICé::\ di Vincenzo GiudicI DO[\'~ENICA OELU~ PALME

[. I
0·=42
Do

t
Sc>lz.sta.

Mi - o
.J
" : 1',1 :'gj ; i •
+-

per
I

. ché
Do

..,
' I


mi
I
I

Do Sol Lam Rem7 Sol Do Lam Do

[~t! GO'
I

I
• • .,I
-(ii- J§ .! t i
J :
4- -111- ______•
1
J f8
hai ab- ban- do na - to? Mi - o Di - o', mi- o

Lam Mim Lam Sol Do


., Solista

[~ J J .. . .. .,
I

Di
j ~G

- o,
Fil
per -
I cJ
ché mi
.' hai ab- ban-do
I
o
na - to?
• !____
: -+
tI-
1. Mi scher-

Lam Mim Lam 7 Fa Rem

.
3

[t$rl~
-j I • I

.J
--. • • i J JJ • .' j • '
'1 'i
~ .,I • •i
I
1
i • li
:\ '1
• • ;
!

ni- sco- no quel- li che mi ve- do- no, stor- co- no le lab- bra, scuo- to- no il

Sol Do Mim Lam Fa


~ ,--3_

[I~ j §1.P·FEi J .f~ .,•.i ','i,.~


ca- po: Si è af- ti - da- to al Si- gno- re, lui lo scam- pi: lo Ii- be~ ri, se è su- o a-

Sol Do Lam Do Lam Mim Lam


Assemblea

[i& J ; -112
J - .,o I 1 -e J----.
1 ., : I I .--#I Il6 • l =--d
I

-----
6
*-
,

i i)'
tJ • G

mi-co. Mi Di - o, mi-o Di - 0, per - 'ché mi hai

Sol Do Solista Lam Mim Lam 7

['J .. ., - J
i I
.- i~
t
J 'i ~. . I
~
• n 3• • I
•-i -J 1 J ., : J l
ab-ban-do na - to? * 2, Un bran- co di ca· ni mi cir - con-da, mi as-

Fa Rem Sul Do Mim

(~ .0 r=--t: • U 1 •~
,.,
:::1I

-i

I
I
I
• •
I
J .. I J J> I
• 1
..
iif
i i 1

se- dia u- na ban- da di mal - va- gi; han- no to ra - to le mie ma- ni e i miei

(ffJìj EDITORIALE AUDIOVISIVI 19


-

Lam Fa Rem So! Do Lam


Assemblea,

[~~ -- :±; j
~

J l"
I

j • È:\
~~ ì ~ • J • 112 ! I
,
J8
~- -

pie-di, pos-so con



- ta - re tut-te le mie 05- sa.
-&
Mi - o
J Di
I
-e
- o, ---
Do Lam Mim Lam Sol Do

[i~ • J • ~.-
I 6'
: li
• _________ G J -i
CI

~i
W- I J • -"
ì
I- i
-& .-
~JE
mi- o Di - o, per - ché mi hai ab-ban-do - na - to?

Do Solista Lam !'.1i !IL 3 -----; Lam 7 Fa Rem

[tt-~
.J
ra= i
3. Si di
, ~~ •~
vi- do- no
:;~---=r-.,'~
•• i..
~
le mi- e
j


ve- sti,
JJJ j
sul mio ve
JI
I


su·to
J'i)
..
J J ±ad
get-ta-no la

Do Mim Lam Fa Rem

r F t,.
,--3 ~
...
~
I I
J •
-
I •! J ~ ..i i
• •
i ) )1 J •
I -~

.. 3 t

sor- te. Ma tu, Si - gno- re, non sta- re lon - ta- no, mia for- za, ac- cor- ri in mi- o a-

Do
Sol Assemblea Lam Do Lam Mim

[tiQ ~f±- .l JI j ________ o


I J E~l J
I

~
iu- to.
112
o-
Mi -
--,I
O
I
I i
-&
Di -
. ,,------,'" •
!

o,
I 1

mi- o Di - o,
I j

per - ché
o

mi

Lam Sol Do SolistCl Lam Mim

[~J. J J .-
,
,I
7f -e
i
.-
i~
., :=
I

• •
J Il ~,
~
~) ì ;1
,

: ..--j J • -3d -j

hai ab- ban-do na - to? 4. An- nun- zie rò il tuo no- me ai miei fra -

Lam 7 Fa Re III Sol

[I~ ~
• J '"I --i
~.
• J n ì
IO

• • J J
4
- j •=t J
*
•2 rn
tel - li, ti lo - de - rò in mez- zo al- l'as - sem - ble - a. Lo -

i'l'li III Rem Fa


3~

~ JJ
da- te il Si- gno- re, voi che lo te me- te, gli dia glo- ria la stir- pe di Gia ~

')()
© 1 C)l); FSP, Rom,), Tutti, clilltti riserv<1ti.
Do Lam
Sol Fa Rem Sol
.. o piccolo COTO
Solista
(1'1'\
r:+
II~ -r-----.; • • • I
J. I i- 4d
te- :
ma i tut- ta la stir- pe d'l- sra e- le. Mi - I
~,o~be, lo e
i Assemblea
i,
I
,
-
I
7f
Mi - o Di - o,

Do Lam Mim Lam Sol Do


f\ I I i I
'd--- ,
, , , j.-r;
- .
T -
~

i
I I I

Di - o, per I
ché mi hai ab- ban-de na - to?
I
1'\
i
I I

.; .. . mi- o Di - o,
---- per - ché mi hai
-

T

...
abban-do - na - te?
ij . ..
MIO DIO PERCHÉ - Dal Salmo 21 Annunzierò il tuo nome ai miei fratelli,
Testo dalla Liturgia ti loderò in mezzo all'assemblea.
Lodate il Signore, voi che lo temete,
Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato? gli dia gloria la stirpe di Giacobbe,
lo tema tutta la stirpe d'Israele.
Mi scherniscono quelli che mi vedono,
storcono le labbra, scuotono il capo:
Si è affidato al Signore, lui lo scampi;
lo liberi, se è suo amico.

Un branco di cani mi circonda, Per l'esecuzione: /I ritornello è da battere in


mi assedia una banda di malvagi; uno e la parte solistica in due. Soli e ritornello si
hanno forato le mie mani e i miei piedi, a/temano senza interruzione mantenendo lo
posso contare tutte le mie ossa. stesso tempo. La minima puntata del ritornello
ha /0 stesso va/ore della minima dell'ass%. AI
Si dividono le mie vesti, solista non solo è concessa, ma addirittura rac-
sul mio vestito gettano la sorte. comandata, una certa libertà nel rubato per sot-
Ma tu, Signore, non stare lontano, tolineare l'espressione del testo, il ritornello
mia forza, accorri in mio aiuto. venga invece eseguito esattamente in tempo.

fiJP EDITOI\IALE AUDIOVISIVI 21


GLORIA O~,jORE .A TE- Carl10 primo 'del Vallgelo

DOMENICA DELL E PALME

I
ci-=50-56 Do fa Do Fa Do Fa Do
Solo ,

o
i
.,l j •
l J Fl-J I
(). =d. o' g
Glo- ria e 0- no - re a te, Cri- sto Si - gno re!

Fa Do Rem Solm Lam Rem D04 3


11
, I i

SeA df± ! c
, c). i
ù
~
Glo - ria e 0- no - re a te, Cri - sto Si - gno - - - re!
Il
f\
,
c i

+- ,le
~ U· • • • -G' --'
~.
~.

Glo - ria e o-no - re a te, Cri - sto Si - gno - - - re!

··
-
-- \7.
T -
i
, -
I
I
Glo'- ria e 0- no - re a te, Cri - sto Si - gno - - - re!
I i I
r--
B ·· ..
--
-- re
- l

Glo - ria e 0- no - re a te, Cri - sto Si gno re!

Rem Solm Lam Solm 3 Fa Rem r~ Do


Solo 3~ ,-3--, ~ ~ ,--3--, 3-,
"1] ~ ., ; J j J J .3 J J J I il J.O FJ Jj J li 2
Per noi Cri-sto si-è fat-to ob-be-dien-te fi-no aHa morte, e al-Ia mor-te di cro-ce.

,... Fa Do Rem Solm Lam Rem 004 -


-

J I J. -- m
~ - ---
SeA
~
,.)
• I
..i --

i
.; -- Il'

,... Glo- ria e 0- no - re a te, Cri - sto Si gno - - - re!

c i
-
I --- ~
rr.
.,J U·
• • ., 4' i
-e-
-cF
Glo- ria e 0- no - re a te, Cri - sto Si - gno - - - re!

T ·· i -

I
,

- II
Glo- ria e
l
, I
0- no - re a
I ,
te,
I
Cri - sto Si - gno
i
- - re!
--Jl.
H
~J:

Glo-riaeo-no - rea te,


- i

Cri - sto
~ ~
Si
-
I d·
gno
o

re!

22 © 1997 FSP, Roma. Tutti i rliritti riservati.


Do Rem ~ik 3--, Mib Fa
SoLo

rrt! j--*-tzr·
<:
- -

El • •
I ,
f-t2 -•i 7Z o-
I • ,.-- .E:df-P~
, tJ
Per que - sto Di - o
-

l'ha e- sal ta - to
-
~----

e gli ha da - to il

Rem Lam Rem Solm7 Do

e ,.i
;::
rt&b 11. I ; 2 •'"I 3 Il !s
. I
J e=I
~J
no me
- -

j
che è
11.

so
11.

pra
i

0- gni al- tro


.. no

me.

Fa Do Rem Solm Lam Rem D04 3


f\ I

..
..
'-'-
,
SeA ir~-j) ,
!- --
-----t-
~_. _ -O.

Glo - ria e no - re a te, Cri - sto Si -!


I
gno - -
-I re!
f\
0- I

,i
-I
.- -T' -
c
@)
.,,
v· . .. .. .g' -
-
-e
I -4'
Glo - ria e 0- no - re a te, Cri - sto Si - gno . - - - re!

.. I, -
T - - f--
~ --- - - .

Glo - ria e 0- no - re a. te, Cri - sto Si - II gno • - - re!


I I - : , II --
B
: _._- +
---O-'
i
, .. I
_. ,
-" -

Glo - ria e 0- no - re a te, Cri - sto Si gno - re!

GLORIA E ONORE A TE Per l'esecuzione: L'andamento dell'acclama-


Testo dalla Liturgia zione ha una certa somiglianza con il ritornello
del salmo precedente. Venga però presa con
Gloria e onore a te, Cristo Signore! più slancio. È da battere in due mentre i verset-
ti in quattro. La minima puntata dell'acclamazio-
Per noi Cristo si è fatto obbediente
ne ha lo stesso valore della semiminima del
fino alla morte,
versetto.
e alla morte di croce.
Gloria e onore a te, Cristo Signore!
Per questo Dio l'ha esaltato
e gli ha dato il nome
che è sopra ogni altro nome.
Gloria e onore a te. Cristo Signore!

({fJjj EDITORIALE AUDIOVISIVI 23


NOSTRA GLORIA È LA CROCE
---------------_._---- --.-
Musica di Marco Frisina Canto d'Ingresso, GIOVEDì SANTO CENA DEL SIGNORE

I~
"
Lam Lam7 Fa Mi m7

:eAr~~~~~~~~~~~~;-§-:-§.~.~-'~'~~~~~~~~~~~~~,~~~~~~~~·t~··~+ì'~'~-~~E~
.. i
Lam

-.
'
- Mim

1
Fa7+

.. • ci
Mi

~ I
No-stra I glo-ria è la Cro-ce di Cri-sto, in lei la vit- to - ria; il Si-I
1\ _... I
c r\:. -

I.J ., .. I
, I
,
I ..... ' •
I--- -,
-+ .::.r-.;
# . # ..
~
I

y).
I ~

I
No-stra Il glo-ria è la Cro-ce di Cri-sto, in lei la vit- to ria; il Si-I

! " I i---; +--- I !"'- I - I


T ~- - " -

I~ N-;;:';'tra!! glo-riaèlaCro-;-di i ~ri-sto, r" lei la vit-to - ria; il Si-!

Bl~~:~~~=B~-~~,~~.~~~~1~~~~~:~ttlg·.~~~~~~··~r~. ~~~~~~~~,~·~51~-8-~
No-stra glo-ria è la Cro-ce di Cri-sto, in lei la vlt- to ria; il Si-

Lam Fa 6 LamMim Rem4 Rem6+ Lam Mi Lam

I~
l -'
I 1 Non
2.0
3. Tu in-
.--9:- ...

--
, - . ---
+.-
-
! .--'\-
,.
..
,
. .
. I
,
t J .•L
~-
~
---+. .- --1
gno-re è la no- stra sal J vez- za, la
I vi-ta, la ri- sur- re zio - ne.
I
" I ~
c
.
"
)
I
,.
-..

,
. .. •
,
,
-,; -li -,; ~ -J
-
.e-
--

--
gno-re è la no- stra sal vez- za, la vi- ta, la ri- sur- re zio ne.

T
"
,
-- -+ --, -.
_
,
f--- ,
,......,
,
I
i
I
I

.-

~
i

gno-re è la no-stra sal vez- za, la I vi-ta, la ri- sur- re zio - ne.

.. -.--
-,,- ,,-
I I
B

-
1-' I
, ---j--L r IW ~ I ,
-0-
--

gno- re è la no- stra sal - vez - za, la vi - ta, la ri- sur- re - zio ne.

24
Lam Mim Fa 7+ Lam Mim Rern Lam Mi4 J

[~ F r~f$f3
+-
•~
I.
• f

rr
- I~~
,~

~ ~
r
I

I t2
! • ~=---t ~-T-----i
~ .....- i ~/
I

c'è a- mo- re più gran - de di chi do-na la su - a vi ta. O


AI- be- ro del- la vi ta che ti in - nal- zi co- me un ves - sii lo, tu
se- gni o- gni sa - pie n - za e con-fon-di o - gni sto I - tez za; in

[~~
~:
~
Lam

Cro-ce

,
~
Il

tu
Mim7


do- ni

la
Fa

vi
.. J
-
Mim

ta
~
~ ~"


e
i=L ~.u~
!
Rem

splen- di

- r
~
Lam

,
.
• -- •
di glo- ria im- mor - ta
Mi4

~
O
-
3

oS

le.
::=.:::3l!

gui-da - ci ver-so la me - ta, o se - 9no po-ten - te di gra - zia.


te con-tem- plia-mo l'a- mD - re, da te ri - ce-via - mQ la vi ta.
i

~ - - - ..
~l'
SeA ~
!
! ~- : ,
i .j
I I I
! I No-stra
i ,i I
h , I
c I~ ,
+
~

i.J , 7T 1T
i No-stra I
:" I ·1
i~· ~
I I
i
!
T .~ , , ~

~. I!
i
~)
i ~II
No-stra I
I I
I Ij
I
lFF" - -
-tJ
J,

B
~.
.~ .
I

i -' iIl!
t

N o-stra

I~
J:tiP EDITORIALE AliDIOVISIVI 25
------ - - - - - - - - - - - - - - - - -

SeA
-----G-
Lam
--, r---
,-- t--~
Mim Fa 7-+ Mi
...

... T
-
-

'J ! I • u

I:
glo- ria è la Cro- ce di Cri - sto, in lei la vit - to - I
ria; il Si -
c
I~ ..•.
I

I~
--J . j
+ - l.
I
- .-

r~ • -:; -:; l -d.


~
-#1- 7T
l' IV
glo- ria è la Cro- ce di Cri - sto, in lei la vit - to - ria; il Si
- I
,......., .----.
" I I - I

-
I I
-
T --,J - -~. ,
--
,
I --=---
!~ I /"
I

I
I
~
glo- ria è la Cro- ce di Cri - sto, in lei la vit - to - i ria; il Si - II
I
,
I :-r.~' •
-
~,- ..
B r--:;P-- . . _.
. I

glo- ria è la Cro - ce di Cri - sto, in lei la vit - to ria; il Si -

Lam Fa 6 LamMim Rem4 Rem 6+ - Lam Mi Lam


" -I,.
SeA
l! ~; .......... """---i
• •
,
• ... •
t

- - -
Ij~
gno-re è la no-stra sal vez- za, la vi - ta, la ri - sur- re zio ne.
o

c
.. . ...
I ,
,
.., I-
I I

!~ ..,.. -i
I

T
I

11 -&
I

-o -e
gno-re è la no-stra sal vez- za, la vi· ta, la ri - sur- re - zio - - ne.

T !~
I

if\

-c·
I
--: I
, -,
I
I I

I
- I
- I
I

i ~ I
I
~
gno-re è la no-stra sal vez- za, la vi - ta, la ri - sur- re - zio . - ne.
l .. I
.-
B I
I
_.
_0.._
r
i..-i I
I '--' I I I

gnO:te è la no-stra sal - vez- za, la vi - ta, la ri - sur- re - zio ne.

26 © 1997 rsp, Roma. Tutti i diritti riservati,


NOSTRA GLORIA È LA CROCE Per l'esecuzione: È il canto che accompagna
Testo di Marco Frisina /a solenne processione d'ingresso della Messa
in "Cena Domini".
Nostra gloria è la Croce di Cristo, Solenne e al tempo stesso pacato, può essere
in lei la vittoria; eseguito da/l'assemblea, che canta il ritornello,
il Signore è la nostra salvezza, e 'dalla schola a cui sono affidate /e strofe. /I
la vita, la risurrezione. ntorne/lo può essere cantato all'unisono, ma è
auspicabile venga eseguito a quattro voci insie-
Non c'è amore più grande
di chi dona la sua vita.
me all'assemblea. ..
O Croce tu doni la vita
e splendi di gloria immortale.

Nostra gloria è la Croce di Cristo,


in lei la vittoria;
il Signore è la nostra salvezza,
la vita, la risurrezione.

O Albero della vita


che ti innalzi come un vessillo,
tu guidaci verso la meta,
o segno potente di grazia.

Nostra gloria è la Croce di Cristo,


in lei la vittoria;
il Signore è la nostra salvezza,
la vita, la risurrezione.

Tu insegni ogni sapienza


e confondi ogni stoltezza;
in te contempliamo l'amore,
da te riceviamo la vita.

Nostra gloria è la Croce di Cristo,


in lei la vittoria;
il Signore è la nostra salvezza,
la vita, la risurrezione.

~ EDITORIALE AUDIOVISIVI 27
IL TUO CALICE SIGNORE -Salmo r8sponsoriale
Musica di Marco Frisina GIOVEDì SANTO: CENA DEL SIGNORE

Fa Do Lam Rem Fa Do4 3


Solista c poi Assemblea

rt&f=B- J.
Il tuo
i

ca - li - ce,
rJ Si -
d

gno - re,
W. 3i
è
t ~
----'
do - no
J

di
El
sal - vez

Si~

-;
Fa Fa Lam 6 Rem Solm7 Rem
Solista

r~ J 1@j1
~

I
.i""l F ,- .. l o
tI

za. 1. Che co- sa ren - de- rò al Si - gno - re per quan - to mi ha


2. Pre- zio- sa a-gli oo-chi del Si - gno - re la morte dei suoi te-
3. A te of - fri- rò sa- cri-fici di lode e invocherò il nome del Si-

Solm7 Du Solm l.a4 3


..
f! J •
I
J• -.r r ~
:
I
.=

r ~
.I •
F •
I ====iI
I

da to? AI - ze rò il ca - li -
ce' del la sal
de li. lo son tuo ser - vo, ti - glio del - la tua an -
9no re. A dem - pi rò miei vo - ti al Si

Solm Do4 3

b ; ..
;
i=:=; .,
I<;
I
Il
-
~ ~.
• • f-
. •
I

vez za e in - vo - che - rò il no - me del Si - 9no re.


cel la; hai spez - za - to le mie ca - te ne.
9 no re da - van - ti a tut to il -su - o po - po - lo.

IL TUO CALICE SIGNORE - Dal Salmo 115 A te offrirò sacrifici di lode


Testo dalla Liturgia e invocherò il nome del Signore.
Adempirò i miei voti al Signore
Il tuo ca/ice, Signore, è dono di salvezza. davanti a tutto il suo popolo.
Che cosa renderò al Signore Il tuo calice, Signore, è dono di salvezza.
per quanto mi ha dato?
Alzerò il calice della salvezza
e invocherò il nome del Signore.
Per l'esecuzione: È un salmo responsoriale
Preziosa agli occhi del Signore dal ritornello largo e cantabile. I versetti richie-
la morte dei suoi fedeli. dono al solista un po' di attenzione, perché
lo san tuo servo, figlio della tua ancella; variano di lunghezza. La musicassetta offre un
hai spezzato le mie catene. buon aiuto per l'esecuzione.

28 © l 'l'l7 FSP, Roma. Tutti I diritti riservati.


GLORIA A CRISTO SIGNORE
Musica di Marco Frisina Canto 81 Vangelo, GIOVEDì SANTO CENA DEL SIGNORE

Re La Siro Sol Re La Re

n&#è
Solista

J FJ
I

d '==r- , ----• + J I
I ----t-

~
JJ~ Il
I ' CI
I 6! ::D Il
Glo- ria e lo - de a te, Cri - sto Si - gno - re.

Re La Sim Sol Re ., La Re
Assemblea

(~1j: =-,
iD g
I !

,i • j
P>
~

.~
~ , I
Il
I
:
-----.'
I tI
I ~
() Il
Glo- ria e lo - de a te, Cri - sto Si - gno - - - re.
,!'. j,I ~

, •
s
I 1
. i
I)
,
, J. '/ ;Jj
@.) I
,
,
- _1 I
,

Glo- ria e lo - de a te, Cri - sto


- Si gno - - re.
-I Vi
I i
ti l! I
..
I ,
c I I
.; •
I

-- , • I I !
,
I

"~
Glo- ria
I
e
,
--
lo - de
I
a
I
te,

F>
Cri- sto

• • •
Si
-I I
gno

p'
- - -I
,
i
re.
6'
r
Vi

~
I i
T I
I F' J
~

I I

I i ,
I I

I~ Glo- ria e lo - de a
1
te, Cri - sto Si gno - - -j re. Vi !

IbiI-
. -• -: I
I i
~
I

J
i

• ! : I
1
I ,
B I
Il .~ , I
p
I tI
6' ~
,
I
I ~ • I i r
"

Glo- ria e lo - de a te, Cri- sto Si - gno - re. Vi

Re Siro Sol Re La Re

di - ce il Si- gno re,


,.
i !- - f==+ .
do un co - man - da - men - to nuo - vo, II di - ce il S'I- gno re,

6' Et+~E~'~·-----&~"I,~~';
do un co - man - da - men - to nuo - vo, di - ce il Si- gno re,

f1t!l!5 EDITORIALE .,,",UOIOVISI\l1 29


---------- ------ ---------

Sim Sim7 Sol Mim4 3 Sim Sol Mim Ll4 3


fl li -

f -~ .. ,
s
.. .!
I
I J.I
~ I
t-
=t= I

che vi a- mia- te a vi - cen- da co- me i - o ho a- ma-to vo - i.

.... I
c -," Il
-, -t-
~
~. .,
• --
• •
t
" . .. . . .. . .. -
c..-
_.-

-6i-

che vi a- mia- te a vi - cen- da co- me i - o ho a - ma- to vo - i.

T
~~ . -
• • • ,
-- : ..
: I
.l ! I

r~ che
t

vi a- mia- te a
i....-.oJ
vi -
I
cen- da
I
co- me i - o ho a - ma- to ve - i.

f-4-l:
.. JL
, - I
-- I -"
B - ,

che vi a- mia- te a vi
-

cen- da
.

co- me i - o
- --- -

ho
-
a - ma - to ve - i.

GLORIA A CRISTO SIGNORE Per l'esecuzione: Il solista propone l'acclama-


Testo dalla Liturgia zione, che viene ripresa dall'assemblea insie-
me ai contralti.
Gloria e lode a te, Cristo Signore. La schola esegue il versetto a quattro voci.

Vi do un comandamento nuovo,
dice il Signore:
che vi amiate a vicenda,
come io ho amato~voi.

Gloria e lode a te, Cristo Signore.

30 © 1997 FSP, Roma_ Tutti i diritti riservati.


co,'\j A MO RE I~~ FIN ITO - Cante r~1 !a Lavanda dci piedi

Musica di AntolllO ParlSI GIOVE:oì SAI\JTCJ CENfI Dt=L SIGNOri!

Do7 Fa Sib Fa Do Fa Solm7


.=74 Assemblea

~·~~I~~E7~··Si-zb~:-~~-~-I~=~---,~~~~§~..-~
.. ~J?~~·n5F~'T~:fBH-~~
Con a mo- re in - ti ni - to vi ho a -
D onne
ti
- - i ~
.-"t
1 _ _ _ _ _ --

- - •
- _.
I
--l-
.J I
Con a -I mo- re in- ti - ni - to vi ho a -

·
I
I

----
I
Uomini
-
- --- --...
----
.-
• --

Con a mo- re in- ti ni - to vi ho a -

"
Fa7+
l l
I
-._- t
Sol

_.~-
--1\ --
Do7

I
Lam
-. .
+
,
Lam

I

ma - ti,
- _L

di-ceil Si - gno - re. Con a -


.

mo- re
- i

sin -
-------j

" ~
---.;: --
l ...
I

I .,
-@-"-
t!
l l ., .--- --. I • • I

i
!
• • !!

ma - ti, di- ce il Si - gno - re. Con a - I mo- re sin -


·· ~
b. ,. • J
_. +
..- ..-
,
,l
I
..
ma - ti, di-ceil Si gno - re. Con a mo - re sin-

·I Fa 4
Lam S ID 3
r-- l
---1\ : ,

-
I

i
tJ
-- ___ o

-- _. ~--

,. _---.1

c e - ro vi a- me - re - te, a - mi - ci mie - i.

" - ,
___ o
l
J ---=+- -. -.,;
,

-:=:d

tJ
ce - ro vi a- me - re
l
- te,
I
a - mi - ci mie - i. I
·· - I
I
--

....-- --

ce-ro via-me - re - te, a - mi - ci mie - i.

fdJ1i5 EDITORIALE AUDIOVISIVI 31


-----~~-----------------------------------------

Do7 voci femminili Fam Rel, Mib Lab

[I&~ ~ 'I
b
Il bl'b~
•F J fJ
-,
J •I •I I- .~n pilE • dg
~ "*II "
-" •
Ho mes-so il mio cuo- re ae - can- to al vo- stro GUO - re,

Sibm Sibm7 Sidim Do Do 6b


Assemblea , ----,
I
~ ~
! I.. ,
~

- 1 ~~ ... ~
.

~
per - ehé l'a - mo - re ere- sea in voi.
I , Donne
" ~ - .,

~ 9' • , ,, '1
-
,
I

-z~ ·
Uomini
per .
..
ehé l'a

- mo- re ere- sca in
6. • ,. ,.
voi.
fr
.
I
!
I

,
per ché l'a - mo- re ere- sca in voi.
voci maschili
~ I

.
I
-
-
-
~
Ho

Fam Rel, Mib L'Il,

[~+''I,~ f J
--,
J -3 J ; El i?j
• I I J T3
"*
mes - so la mia vi - ta a ser vi - zio del - la vo - stra,

-
Solm7 Sibm7 Sidim Do
Assemblea
~ I ~ I I l.. -,
ti -
~-
~h'

Donne
per - ché la vi - ta ab- bon - di in voi.
.1 J l

.)
.-"-
~ -
-: 9~
.. .. .. -
l
~~-~---

··
Uomini
.,
per - ehé
.. . ~,

-
la I
I

i b.
,
VI - ta ab- bon -
• •
di in
~
_I
voi.
f'~

lL --

per ché la vi - ta ab· bon - di in voi.

32 © 19CJ7 FSr, Roma, Tutti i diritti riserv.lli


----_.---- ---------- ----

CON AMORE INFINITO Ho messo la mia voce


Testo di Anna Maria Galliano nel cuore di chi è sordo,
perché la fede aumenti in voi.
Con amore infinito vi ho amati, Ho messo la mia luce .•
dice il Signore, davanti a chi è smarrito,
con amore sincero vi amerete, perché speranza torni in voi.
amici r.;iei.
Con amore infinito vi ho amati,
Ho messo il mio cuore dice il Signore,
accanto al vostro cuore, con amore sincero. vi amerete,
perché l'amore cresca in voi. amici miei.
Ho messo la mia vita
a servizio della vostra,
perché la vita abbondi in voi

Con amore infinito vi ho amati,


dice il Signore,
con amore sincero vi amerete,
amici miei.

Ho messo le mie mani


sugli occhi di chi è cieco,
perché la luce splenda in voi.
Ho messo i miei piedi
sui passi di chi è solo,
perché la gioia nasca in voi.

Con amore infinito vi ho amati,


dice il Signore,
con amore sincero vi amerete,
amici miei.

Ho messo il mio pane


in mano a chi ha fame,
perché la forza torni in voi. Per l'esecuzione: Canto del mandato, rievoca
i gesti di amore del Signore verso di noi, gesti
Ho messo la mia grazia
che dobbiamo imitare per esprimere l'amore
nel corpo di chi soffre,
scambievole verso tutti.
perché la pace sia in voi.
/I ritornello può essere eseguito a tre voci.
Con amore infinito vi ho amati, L'ultimo verso delle strofe è cantato a tre voci
dice il Signore, dal coro insieme all'assemblea. È bene alterna-
con amore sincero vi amerete, re le due strofe tra voci femminili e voci maschi-
amici miei. li, come indicato nella partitura.

{[fjfJ EDITORIALE AU DIOVISIVI 33


PADR E NELLE TLJ E r\~AN! -Salmo resporlscmaie
Musica di Antonio Parlsi VENF:RDì SANTO. PASSIONE DEL SIGI\lORE

Rem Fa6 Sol Rem Fa6 Fa Sol

- i
. ."--,,,.
Pa-dre, nel-le tue
. J IJ ~
ma - n i con - se- gno il mio spi - ri· to.

Solm Dom7 Sofm


Solista

o
o
r (o)
-LJ--- •i J J1• • I

In te, Signore, mi sono rifu - gia - to, mai sa - rò de - lu - so;

Fa Solm Si~ Dom nom7


b ]\

t


o
p -
I
I
.per la tua giustizia sal - va - mi. Mi affido alle tue ma - ni;
Dom Re7 Solm

(t&t--: Il •
I
! - -M-- J - iiil
tu mi riscatti, Signore, Dio -
·fe de - le.

PADRE NELLE TUE MANI - Dal Salmo 30


Testo dalla Liturgia

Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito. Fa' splendere il tuo volto sul tuo servo,
salvami per la tua misericordia.
In te, Signore, micsono rifugiato, mai sarò deluso; Siate forti, riprendete coraggio,
per la tua giustizia salvami. o voi tutti che sperate nel Signore.
Mi affido alle tue mani;
tu mi riscatti, Signore, Dio fedele.

Sono l'obbrobrio dei miei nemici,


il disgusto dei miei vicini, l'orrore dei miei conoscenti;
chi mi vede per strada mi sfugge.
Sono caduto in oblìo come un morto,
sono divenuto un rifiuto.

lo confido in te, Signore; dico: Tu sei il mio Dio, Per l'esecuzione: /I salmo va cantato
nelle tue mani sono i miei giorni. lentamente e con espressione. /I solista
Liberami dalla mano dei miei nemici, deve porre particolare attenzione nella
dalla stretta dei miei persecutori. cantillazione delle strofe.

34 © 1997 FSP. Roma. Tutti i diritti riserv'lti.


KYRIL t=LEISOf\l A1\/1 EN - RispC:::'le alla Pregll18ra u\ìlversalt;

Musica di Antonio Pari si VF[\j[RUì SANTO PASSIOI\JE DEL S!GI\J(JR[

PREGHIERA UNIVERSALE
Testo dalla Liturgia

1. Per la santa Chiesa:


Preghiamo, fratelli carissimi, per la santa Chiesa di Dio:
ii Signore le conceda unità e pace,
la protegga su tutta la terra,
e doni a noi, in una vita serena e tranquilla,
di render gloria a Dio Padre onnipotente.
.,
A 4 voci dispari
,.,
Lam
I

[!
.-"""'1
Lam7

i
I

I
Fa7+

r
I
- I
Lam
- ---
;
Fa7+

I
J
l
Mi4 Mi3

I i ,j
, r
Ky - ri - e e lei - son,
I
I

Ky -
LJ
ri- e e
i i
lei - son,
i
Ky - ri - e e
U I r
lei - sono
r
J n .I • ì
.I n J .I
i
. ---
I JI --J ....ll.
I
I
i

f.l
I--!- - - - .. .Ll-+ + :J - - l-
I
--i ..
I I

Ky ri - - e e - le - i - son, Ky - ri - e e - lei - sono

Dio onnipotente ed eterno,


che hai rivelato in Cristo la tua gloria a tutte le genti,
custodisci l'opera della tua misericordia,
perché la tua Chiesa, diffusa su tutta la terra,
perseveri con saldezza di fede nella confessione del tuo nome.
Per Cristo nostro Signore.

A 4 voci dispari
,., Mim Mim Lam
I
Lam
I
,

!! r r r r r
A - - - meno A - - - - mjn.
.1 I I
l ~
-
I --
tJ I

Per l'esecuzione: Dopo il momento di silenzio, che segue l'intenzione di preghiera


detta dal diacono, si propone l'invocazione in canto del Kyrie eleison.
A conclusione dell'orazione del celebrante si canta l'Amen.
Le due proposte possono essere eseguite all'unisono o a quattro voci.

f1!1ìJJ EDITORIALE AUDIOVISIVI 35


ECCO IL LEGNO DELLA CROCE
Musica di Antonio Parisi VENERDì SANTO· PASSIONE DEL SIGNORE

Sacerdote o Diacono

I~
J A111~ f5
Ec-co il le - gno del-la
J11 li
Cro- ce, .
~ .. al qua-Ie fu ap-
li. ilo -
-
~

bocca chiusa
J -f -1
·· I
- I
--
I
--- I
-
. ..1_ i
I
j

li. jf o
~ I I ~
o

~ ......... I I I I
pe- so il Cri - sto, Sal- va - to - re del mon - do.
A 4 voci dispari
" Il o .-
I
o
,
- o

~
- .,.
~ ~u
I
bocca chiusa
I
V
Ve -
j -~:- j j rJ J ~
·· I
, ·0

I
i I J r

Ve -

Do Re c Sim Sim7 Mim4 3 Sacerdote o Diacono


" Il I I
-- .--
r- o

" o _

.)
Ec-co il
, Il -- ~ I I

-~
~I
i i -"I i .~

i r--f--i
ni - te,
I i
a - do - ria - mo. I
I bocca ch usa
.# .ti J i: :I

·· ,
--- cn

I -1 , I ,
ni - te, a - do ria - mo.

36 CD 1997 FSP, Roma. Tutti i diritti riservJti.


[~
f)
I I 1"""'"'1 !
,
i
~

-
~
!,"-,

~ ~~
- •

- -

i,...ooI
,

I
le - 9no del-la Cro-ce, al qua-le fu ap
,;
- pe-so il Cri - sto,
~ I I -~~

" .. '.
f)

I
J J il Ji
· c;
i
-
-----

i
~ ~

: ,

~ I I
Re Mib Dom Dom7

I I I
I
-
Sal- va
i

-
!

---
to - re del
I

mon- do.
I I

A 4 voci qispari
~~

=-+-
i
:--.-
.::±
~-

• l
~ i I f

··
~d
!

-
d J- ~
Ve
~~ .ni - te,
i

~ ~ ..J
a - do -

~~
;
I I I I
i

Ve - ni - te, a - do

f)
I I
Fam4 3
~-
~~ JL iL
L
.
Sacerdote o Diacono

_J~
-
l- i
I

-+~
~!4

Ec-co il le - 9 no del-la
Il I I -L JLJi
-
--- -- -
~ li-
i i 11-
l
ria - ma.
I bocca chi lsa
~ I I
f-- ·
. ~~_v Il
i ,
, -
ti
..li
i
-

i
-

ria - ma.

{{!jfj EDITORIAU AUDIOVISIVI 37


Cro-ce, al qua-Ie fu ap - pe- so il Cri - sto, Sal- va - to- re del

.J
.
bocca chiusa
.. 11
I
-&
I
J J J d d I
~ ,
~

f\ Il ~
Re S'J D o #m D om7 # 4
F am 3
~
---- -
.~

I
.J I I

mon-do.
f\ Il #
o~.
I
A 4 vo~i dispari
I
,
- I

~ 11
V
Ve
I

ni .
Iii
te,
r
a - do
.
-
r r
ria - mo.
r
I I

IX:
Il J ~ ~ #.
----
J I -J ~
I
J J
.
I
~
~.Lb ,
I , I I I

Ve - ni • te, a - do ria - mo.

ECCO IL LEGN01)ELLA CROCE Per l'esecuzione: È una melodia semplice e


Canto all'osterisione della Croce intensa che permette al sacerdote o al diacono
Testo dalla Liturgia di cantarla agevolmente.
Nel clima del Venerdì Santo è opportuno fare
Ecco il legno della Croce, un uso molto discreto degli strumenti, si propo-
al quale furappeso il Cristo, ne perciò questo accompagnamento a bocca
Salvatore del mondo. chiusa. Sarebbe veramente bello e suggestivo
eseguire il canto all'ostensione della croce, co-
Venite, adoriamo.
me indicato. In caso contrario può essere ac-
compagnato da un "bordone" e da un "flauto 8"
dell'organo.

38 © 1997 FSP, Roma. Tutti i diritti riservati.


AUUHIAIVIU I
LI,
/ '. ; I
I 'J A
l'' I .
\.J I
Hl) '---' L P . ~
~ A!ìllforl2
Musica di Antonio Pa,;si Vc~,JER[j1 SAr\JTO Pf\-SS!Or\JE Da slc;r\JOp.~

Sim Fa ~ 4 3 Sim ~lIn Sim7

[~=',
~~
===tt~~EI~-~51~.~1~i~,~.:-5J~~~~"',. 'I~r~rA Assemblea

7T .. ----tJ •
A- do - ria- ma la tua Cro- ce, Si-

Sim Re Sim Si

,I

! I
J E I .[1.0 I
gno- re, lo dia - mo e glo- ri - fi chia- ma la tua san- ta ri - sur- re -

Mim4 3 Fa# Fa#7 ..Si

zio - ne.
•• ,.
Dal
J J~ j
le - gno del - la
I
• è; J
Cro - ce

è
jJ

ve -
lr nu - ta
J
la
11
Re Re7+

['*~ ~
.,L ,
J ; •I • •F li
~
. I
()

~J
gio ia in tut to il mon - do.

Sim Mim 6+ Sim

[1~li e
D p r e ~'
.~'p
I
,.
Dio abbia pie - tà di noi e ci be ne - di - ca;

Mim Do#dim Soltidim Fa#


[I~U# ~ =t~
"

su di noi faccia splendere il


*

suo
~p
voi - to
r
i
I
e

e abbia mi
'. t~ P
se - - ri
D
cor- dia.
53
ADORIAMO LA TUA CROCE Per l'esecuzione: Questa antifona dall'an-
Testo dalla Liturgia damento largo invita alla meditazione, va
perciò eseguita con calma e raccoglimento.
Adoriamo la tua Croce, Signore,
lodiamo e glorifichiamo la tua santa risurrezione. 1/ versetto, cantato dal solista, deve essere,
Dal legno della Croce invece, eseguito con slancio.
è venuta la gioia in tutto il mondo.
Dio abbia pietà di noi e ci benedica;
su di noi faccia splendere il suo volto
e abbia misericordia.
Adoriamo la tua Croce, Signore ...

{{fjjj EDITORIALE AUDIOVISIVI 39


DA SEf\,~PRE TI HO Atv'lATO-LamentideISiQnore

Musica di Antonio Parisi VENERDì SANTO PASSIONE DEL SIGNORE

Lam Fa7+ Mi4 3 Lam Do Sol4 3


(r-D--n-
;eAI~'I. - tJ-x-
~) ••• ! • •

,

Da sem- pre ti ho a - ma-to, po- po- lo di


I
c - ,I

~ 7J -&
•• -,; -r--
Da sem- pre ti ho a - ma-to, po-po-Io di

Da sem- pre ti ho a - ma-to, po-po-Io di

+- •
Da sem- pre ti ho a - ma-to, po- po-Io di

004 3 Rem7

•.
Lam Mi4 3 Lam43 La
,

~
I I

,eA :1 j lJ • -t I ~ :it· dt~ -,;-- ,



Di-o,
I •
i- o, la tua
'--j+-
. gui-da,
Vi tu- ° Pa - sto- re. Con . I
tem- pia il mio
I f\
il I I
c --

~ •• -' • ~#
- -J ; -.-
• -e

T
:-r'I.-.
Di-o,

-.- 77
i- o, la tua

--f'-.
-- -
+
.•
gui-da, il

+ -I -
.- _. - .
tu- o

L_ ,•
:
Pa

c
('-
-
I
sto- re. Con

f-
r-- __L_
[----
• •
I
l-
--
- tem- pia il mio

I
,

Di-o, i- o, la tua gui-da, il tu- o Pa - sto- re. Con - tem- pia il mio
-.
.. I i • --.--
-
I
B ,
I

I I I I I

Di-o, i- o, la tua gui-da, il tu- o Pa sto- re. Con - tem - pia il mio

40 © l l),)! FSP, Roma. Tutti i diritti ri,t'rvati.


Rem 7 Sol Do9Do Fa Rem7 Mi4 3
A , ,
,

•tJ i
I
T

l
~


:
., I
I

I
.. .. ~


;

:
vol-to, fit- to, I
J
il cuo- re tra e ! cre- di al-l'a , mo- re del tu - o
--ft--- ,~ l I
i
I "'
Si
!
i

I~ • .. • .. t
• • I
.- ..-

-t

l ..- ., ., ~~
--~

., -,}
l-
• 7f 7ff
I
~
-
,I

I
vol-to, il cuo-.re tra - fit- to, e ere- di al-l'a mo- re del tu - o Si
,'J I i
.. t: -" '" , -
f
I
,
-
-~

!
I I
, , I
-i
~
-~~

I
l
,
:

! I ;
vol-to, il cuo- re tra
i fit- to, e l ere- di al-l'a - mo- re del tu - o Si - .
I

l I ;

rcY.
I I I
, ! I ,

:
f.T"-' c- r- I
- I ,
I I I I

vol- to, il cuo- re tra - fit- to, e cre- di al- l'a - mo- re del tu - o Si·

la4 3 Do Sol Lam Do Mi7


., } tll
Solista
RIj
r~-
-
I

Per
fJ fJ
te ho pre-pa
I

-
I j
I -#---"
ra- to la
-
-I

--
~

men-sa del-la

vi - ta
Jj
e
J~ iJ
tu mi ver-si an-

~
1l

~)
~ ~

.;'
. - I
- -
,i
- ,
- '\c
I
~
- ,I
i
I
I

gno- re. I i I
I i I !
C
I-

r~
"
• .,.
~, ~

- -~

I
,
- !I
I
I
-
- !, -~ --,,
!
I
I

I i
I gno- re.
I
I

T .. -
I
, I

,
,! i: --I
I

gno- re.
i
I I I
B
tra.
~
_.~
,
,
. -
- I

I
I
- I
I
- sU -- I
I
,

gno- re.

M
rtb1P COITORIALE AUDIOViSIVI 41
Rem Lam Mi Lam Sol Fa Lam Do

(~
--,--
i
j t""'j I
J l J J

i
~ i i
----.
!
-, .

--
~I 71 -I
i co - ra un ca-li-ce di

mor - te.
~

SeA.
f\
- - I I

.
-LI
I

-
..

I
-
-~

f)
I -
I
I
I
i
Per - ché non com pren- di
, f\
c
i f)
_. t
I
.. - :J-
.. •
. ..
I
I
I !
I
Per - ché non com - pren- di

~ •
!
T
r--
- - i r
I -~
--

I
I
Per - ché non com - pren-di
I -
B ·· _.' . .
.-
I
,

'-- I
r
Per - ché non com - pren- di

Fa7 Mi4 3 L:Jm Rem 6+ Sol

Per te ho mol- ti- pii - ca - to il pa- ne del mio

.,.
. .. .
\-'" . -
SeA. . --I -
I
,.

I:~ il tuo Si
-.
gno - re?

c
~ ..
il
~
tuo Si
7 7
gl10 - n~?
7,
I

,7'
--
--

. ": .' u
T ·· ~

il tuo Si gno - re?

B
=--
· ~
-- -
--

! ~
I

I I I
I
il tuo Si - gno - re?

42 © 1997 FSP, Roma. Tutti i rlintll riservati.


Do') Do Mi 7 Rem Lam Mi Lam
...........
[RT~ f- a FJ .. D,m
~ ~

--i
..
i ,

t-'
• • i I

I
J i
-,;- • • !
--l =r

i

~
I
cie - lo e tu mi sa-zian - co - ra col pa - ne del do lo - re.

Sol Fa Lam Do Fa7+ Mi4 3 Lam

~; d -dJ
.,
[ I
i"-' .1
I

+- l ,~~

-.-
- ---
.'-
A ~-!- I - , ..

~
,,-~~ "
~
Per ché non com - pren- di il tuo Pa sto - re? Da

,
--
C ----;
Jj ~";
+ , -~-
,
t • • • ~ ~ -. I
,-,i. ~i--

Per ché non com - pren-di il tuo Pa sto - re? Da


.- 1'"_ .-
T ·· ",
- - -,-
r

Per ché non com - pren-di il tuo Pa sto - re? Da


I

B ·· ,
,
, ,
I
r I

Per - ché non com - pren- di il tuo Pa - sto - re? Da

~ EDITORIALE AUDIOVISIVI 43
~-------------------------

DA SEMPRE TI HO AMATO Da sempre ti ho amato, popolo di Dio...


Testo di Anna Maria Galliano
Per te ho risvegliato i morti dal sepolcro
Da sempre ti ho amato, popolo di Dio, e tu decreti ancora di togliermi dal mondo.
io, la tua guida, il tuo Pastore. Perché non comprendi il tuo Signore?
Contempla il mio volto, il cuore trafitto, Per te, per Iiberarti, ho dato la mia vita
e credi all'amore del tuo Signore. e tu nei miei fratelli rinnovi la mia morte.
Perché non comprendi il tuo Pastore?
Per te ho preparato la mensa della vita
e tu mi versi ancora un calice di morte.
Da sempre ti ho amato, popolo di Dio ...
Perché non comprendi il tuo Signore?
Per te ho moltiplicato il pane del mio cielo
e tu mi sazi ancora col pane del dolore.
Perché non comprendi il tuo Pastore?

Da sempre ti ho amato, popolo di Dio...

Per te ho rinnovato il vino delle nozze


e tu ricambi ancora rompendo l'alleanza.
Perché non comprendi il tuo Signore?
Per te ho pronunciato parole di perdono
e tu mi insulti ancora colpendo il mio cuore.
Perché non comprendi il tuo .Pastore?

Da sempre ti ho amato, popolo di Dio...

Per te ho liberato oppressi e prigionieri


e tu mi inchiodi ancora al legno della croce. Per l'esecuzione: Canto dei "Lamenti del Si-
Perché non comprendi il tuo Signore? gnore" per la processione di adorazione della
Croce.
Per te ho risanato i figli tuoi lebbrosi
e tu ricopri a~cora di piaghe il mio corpo. Inizia l'assemblea e il coro a quattro voci, con
una melodia molto grave e intensa: è il Signore
Perché non comprendi il tuo Pastore?
che parla al suo popolo, mostrando il proprio
Da sempre ti ho amato, popolo di Dio... amore e il cuore trafitto. Segue la strofa esegui-
ta da una voce femminile e la risposta di un pic-
Per te ho ridonato la vista a molti ciechi éolo coro, a quattro voci. Poi ancora la strofa
e tu rispondi ancora spegnendo i miei occhi. cantata da una voce maschile e la risposta di
un piccolo coro, sempre a quattro voci. Quindi si
Perché non comprendi il tuo Signore?
riprende il ritornello.
Per te ho ridonato parola ai sordomuti Le strofe vanno eseguite con molta espressio-
e tu ricambi ancora togliendomi la voce. ne, mettendo in evidenza la bellezza e la
Perché non comprendi il tuo Pastore? profondità del testo.

44 © 199ì FSP, Roma. lutti i diritti riservati.


BEATA PASSIONE-Inno
Musica di Felice Rainoldi VENERDì SANTO: PASSIONE DEL SIGNORE

Tutti
g. ~ ~ j
Be -

[~ j Jta pasJ o
I
! j [] 1 F •
I -

a - sio ne di Cri sto Si - gno- re, mi

, ~.-3~' ,----:- .3 -----,


-l- ,
J f '=p
[~ pç J J ~ i• -;~ ~
J ~J2J
--j

cJ ~ •
ste ro di Di - o, spe - ran- za al do - lo - re del mon

~ Il -l
do.
~ ;
I
----'T -- --->,-
,I
, --- -

t
Be - a -
•ta pas - sio - ne di un
I

Fi - glio
I
che
,
I
!tffi----' , 1-- "t --~-

-
t • -#~ .... ---.r .~ -
I
Be - a - la pas - sio - ne diun Fi - glio che
~ ~. ~L
. --.- • ~ ~

-- ,

Be - a - ta pas - sia - ne diun Fi - glia che


I I ~ li
--
tS" I
I ---
-~

I I

Be - a ta pas - sio ne diun Fi glie che

rDP EDITORIALE AUDIOVISIVI 45


seA~+=,

;'"
~
-----f>'--
,
Il
:,
"+-~
I I
i
! I

u
I
., Id j
~ .q I

i a - ma, of - ta d'a - mo - re diun Dio che per -;I


,
I

i " I IN , I

c ~i ,
;.J~ J J I>iJ :J ! ,1 ,. u
"

~ . .,~.
' "

" ""

.. ,

T
~
I
I a - ma, of -I fer - ta ~;a - mo - re diun Dio che per -
,. ,
I
I
I ~. ~ ., ' ~.,
f2Ef
li "

" "
,
T , ,
, "

"

I a - ma, of fer - ta d'a - ma - re diun Dio che per -


I ~ , -I :=-:..." \ ~ ,
B ·· " "

""
""

" "

,
I

- I
I I I
;

I I

a ma, of - fer ta d'a mo re diun Dio che per-

~
" ""
I

SeA 61 i- I """

'* o'
l'" do - - - na ,'er - I ro
----o
- - - - re.

~
I
I

c
1';1 J,____--"'1i
do - - -
t~
na
..
-+
,'er -
1
I
4
ro
-- - -
~
- -
=d.
re.
I ~ '\~ J ~
T [% F il
,
1 r ,
I
I
"

do - - - na ,'er - ro - - - - re.

B
.· ~ 11-3 • I
I

, "

I
I I
do na ,'er ro re.

46 © 1997 FSP, Roma. Tutti i diritti riservati"


BEATA PASSIONE Per l'esecuzione: Questo inno strofico, che si
Testo di Anna Maria Galliano ispira ad antiche sequenze, ha una melodia che
si ripete, ma con la variazione dello spunto
Beata passione cadenziale (prima modulante e aperto, e poi
di Cristo Signore, chiuso) e con l'alternanza della realizzazione
mistero di Dio, voçale: unisono nella prima parte e polifonia a
speranza al dolore quattro voci nella seconda.
del mondo.

Beata passione
di un Figlio che ama,
offerta d'amore
di un Dio che perdona
l'errore.

Beata passione
del Figlio di Dio,
totale obbedienza
che dà al Padre suo
la gloria.

Beata passione
del Figlio dell'uomo,
tu vinci la morte,
ridoni ad ognuno
la vita.

Beata passione
di nostro Signore,
la Chiesa ti canta
aprendo il suo cuore
a Dio.

Beata passione
che salvi la storia,
al nostro universo
sei via alla gloria
del cielo.

@ EDITORIAl.F AUDIOVISIVI 47
o C RoC E G LO RIOSA - Canto all'esaltazione della Croce

Musica di Felice Rainoldi VENERDì SANTO: PASSIONE DEL SIGNORE

• F 01
o Cro- ce glo- rio- sa di Cri - sto Si-

, r-3---, r---3~1

J J ka·.··.·~
~ ...
t
I
li J • - [ J0 j B
gno- re, co - ro - ni la Chie- sa che im - pa ra a sof - fri - re con

t~~b --~. ~b' j t VOcimaSCh.i.li


.. ~
~
j
lui.
-'-'-. Il Fi glio di Di o su
.
te ha ri - po -

[I~b D
sa - to
=J
Il

, :~.
=-
com - pien -
[n
do il cam
i

- mi
•r J !l I ..
no che
r-3--,

J
,

l'ha in- nal- za - to


J E~; j I ,
il

al

Rit. Tu.tti

[t&! r r r -G
......

J J
-----/---

il
FJ j
@.l
cie -
!
lo.
I
I

Cro - ce
Il
san
r ta,
"1
D ii

Cro- ce glo
I
- rio - sa,

r- 3_,

[~ .-1- ..
* •~
...
-f~
• 'W
•'"
p I
• J
,
JI J J • 7'"
se - gno di Di - o da-toal-Ia Chie sa, se - gno dia -

,-3---, ,-3===1 ,
[;J J ; J ~ JJ%f
@.l
i - m I F=~:' . JJ Il
mo- re per l'u- ma- ni - tà: noi ci glo - ria - mo in te!

48 © 1997 FSP, ROIìlZl. Tutti i rliritti riservati,


o CROCE GLORIOSA Croce santa, Croce g/oriosa ...
Testo di Anna Maria Galliano
O Via del regno di Cristo Signore
conduci alla gloria che.iDio vuoi dare
o Croce gloriosa di Cristo Signore, ai figli.
coroni la Chiesa che impara a soffrire
Tu apri alla terra un nuovo cammino,
con lui.
sostieni la fede nel cuore dell'uomo
Il Figlio di Dio su te ha ,i posato
che ama.
compiendo il cammino che l'ha innalzato
al cielo. Croce santa, Croce g/oriosa ...
Croce santa, Croce gloriosa,
segno di Dio dato al/a Chiesa,
segno di amore per l'umanità:
noi ci gloriamo in te!

o segno pasquale del Figlio dell'uomo,


annunci l'amore più grande e profondo
di Dio.
Per te si rinnova divina alleanza
che offre alla terra la sola speranza
di vita.

Croce santa, Croce g/oriosa ...

O Albero santo che mostri il tuo fiore,


maturi nel grembo il frutto e il dolore
del mondo.
Ti innalzi nel tempo di tutte le croci,
resisti nel vento che porta le voci
dei poveri.

Croce santa, Croce g/oriosa ...

Vessillo regale che orienti nazioni, Per l'esecuzione: Questo inno prevede l'ese-
sul monte tuo santo ancora raduni cuzione delle strofe alternando /e voci femmini-
i popoli. li a quelle maschili. " ritornello, invece, di natu-
A te noi leviamo lo sguardo credente, ra cara/e, va affidato all'assemb/ea.
o Croce gloriosa del Figlio obbediente L'inno deve essere eseguito con slancio dando
al Padre. risalto a questo testo ricco di immagini.

~ EDITORIALEI\UDIOVISIVI 49
o FIGL lO CROC IFlSSO - Canto di ccmtemplazlone

Musica di Anionio 1'8f181 VENERDì SJ\I\lTO PASSIONE DEL SIGNORE

Si III So17+ Fa~4 3 Si III Sim


voci femmin.ili
'1
C
~\ Il: 1
~
I
3Z.fJ •
I J. . ]tg
o Fi - glio ero - ci fis - so, im -

Sim Sim7 Sol }<~a#m Mim7

[I~## El r #J If r D r r El I J J. J~ II
\o

~
ì
. ~-
·t


:
i

ma - gi - ne dia - mo- re, del no- stro u - ni - ver- so tu por- ti il do -

Fa#4 3 Sim Sim Sim Sim7


voci maschili

~~ ## ~ #J. •
! _.I
lo - re. Le brac-cia ste- se al mon- do vo - lan- do 01- tre il tem- po co -
Contralti

Le brac-cia mon- do vo - lan- do 01- tre il tem- po co-

r1l.J!
Sol
..
.. .-r.
1

+-+
Mim7
t
, -, 1 ..- ,.

-
_
tt
~ 1

lom- ba del- la pa - ce a - sciu- ghi il no - stro pian - to.


/', lt
Soprani e Assemblea
- . - t'

.J
i
"
tt

Noi Il
lt I
l
-+ .r--1
I
.-
I

-
t

.J -i --
... • 7T .,;
I

lom- ba del- la pa - ce a - sciu- ghi il no - stro pian - to. Noi


Uomini
.. -- . ,
i

Noi

50 © 1997 FSP, Roma. Tutti i diritti riservilti.


Si l\1im4 3

fi - gli del - la Cro - ce lo i sguar- do a te le .. ~ via - ma: Ge - I


,-I I -~
#. __ ]u •i l• J j j-- i
..
-- r-
---- --~---01
-

del - la
ti - gli Cro - ce lo
-1 sguar- do a
, te le
I
----
via - ma:
-.-
I .---
Ge
!
'

~
I
j

• -=i
--t
fi - gli del - la Cro - ce lo sguar- do a te le via - mo: Ge

r
H

tJ
,
Re
:

I
-
Re
---
,
-,; I
,
Do:,-


--
- Fa#m4
, 3
-
Sim Fa#7

,
sù, sei il Si -' gno-re! Nel cuo - re ti a - do - ria - mo. ,

ilI ~ -

.. ..
T - -------;-
, - I
I - -----'-

tJ • !T -# -,; :&
sù, sei il Si - gno-re! Nel cuo - re ti a - do - ria - mo.

il-
--
~ -

I
fI
-~
i I ~ I I I ~

sù, sei il Si - gno- re! Nel cuo - re ti a - do ria - mo.

,€P EDITORIALE AUDIOVISIVI 51


o FIGLIO CROCIFISSO o Figlio benedetto
Testo di Anna Maria Galliano dal Padre esaltato
Signore nel suo regno
o Figlio crocifisso, aperto ad ogni uomo.
immagine di amore, " popolo credente
del nostro universo ricolmo di stupore
tu porti il dolore. proclama il tuo mistero
Le braccia stese al mondo più grande di ogni cuore.
volando oltre il tempo
colomba della pace Noi figli della Croce ...
asciughi il nostro pianto.

Noi figli della Croce


lo sguardo a te leviamo:
Gesù, sei il Signore!
Nel cuore ti adoriamo.

o Figlio obbediente
dal cuore spalancato,
l'amore come un fuoco
ti ha infine consumato.
Ma Dio onnipotente
a lui ti ha innalzato
e un fiume d'acqua viva
per noi è scaturito.

Noi figli della Croce ...

O Figlio prediletto,
tu servo del SignGre, Per l'esecuzione: È un canto di contemplazio-
agnello della Pasqua ne del Figlio di Dio crocifisso. Va eseguito con
per noi sei immolato. dolcezza.
Germoglio .di speranza La prima strofa è cantata dalle voci femminili. la
respiri nella luce, seconda dalle voci maschili, mentre i contralti
dai vita alla radice entrano con la seconda voce.
di questa nostra pianta. Il ritornello viene cantato dall'assemblea insie-
me ai soprani e da altre due voci: contralti e
Noi figli della Croce ... uomini.

52 © 199;' FSP, Roma. Tutti i diritti risel'\ ,lti.