Sei sulla pagina 1di 4

TIPI DI RIUNIONI

INFORMAZIONE
in cui si comunica qualcosa
ad un gruppo di persone

ANALISI
in cui si prende in esame o si approfondisce
una situazione o un problema

CONSULTAZIONE
in cui ci si scambia delle informazioni

PROPOSTA
in cui si cercano idee e proposte nuove
e/o creative

DECISIONE
in cui si perviene insieme a fare delle scelte
o prendere delle decisioni
I “COMPITI” DELL’ANIMATORE

CENTRATI SUL CENTRATI SUI


GRUPPO PARTECIPANTI

PROMUOVERE LA ASCOLTARE
COESIONE (ATTIVAMENTE =
RIFORMULARE)
RIASSUMERE PER TEMI
OFFRIRE SOSTEGNO
PROMUOVERE E PROTEZIONE
L’INTERAZIONE
PORRE DOMANDE
RISOLVERE I CONFLITTI
CONFRONTO
UN’ ADEGUATA
DOSE DI PAURA CONOSCERE
LA PERSONALITÀ
DEI MEMBRI
FASI DI LAVORO

1. PREPARAZIONE
 Progettare, eventualmente per scritto, i seguenti punti:
 Scopo della riunione
 Argomento/problema da trattare
 Risultati attesi e priorità da non mancare
 Definizione di un tempo adeguato
 Luogo, data e ora
 Eventuale documentazione da predisporre
 Ordine del giorno:
 Meglio UNO SOLO o pochi argomenti
 Distribuirlo in fotocopia qualche giorno prima

2. SVOLGIMENTO
 L’obiettivo della riunione dev’essere chiaro, condivisibile
e raggiungibile
 La riunione deve svolgersi in maniera “organizzata”,
secondo regole condivise (le regole del gioco)
 Usare bene il tempo a disposizione
 Sollecitare e favorire la partecipazione di tutti
 Tendere ad una conclusione
 Prendere appunti/tenere un agile verbale e distribuirlo
dopo l’incontro (anche ai genitori/insegnanti, se il caso)

3. VERIFICA (FOLLOW-UP)
 Cosa si é deciso esattamente (cfr. verbale)
 Chi dovrà fare cosa e quando
 Quali sono i tempi e i momenti di verifica sulle decisioni
prese
 Quando, se è il caso, ci si riunisce di nuovo