Sei sulla pagina 1di 9

R=è un softwere non a pagamento ma libero, non si avvale di celle per lavorare ma di un linguaggio estremamente semplice.

Matrice

> dati<-c(19,178,80,21,175,73,23,185,84)

> ragazzi<-matrix(dati,nrow=3,byrow=TRUE)

> ragazzi

[,1] [,2] [,3]

[1,]

19 178

80

[2,]

21 175

73

[3,]

23 185

84

> variabili<-c("età","altezza","peso")

> variabili

[1] "età"

"altezza" "peso"

> nomi<-c("marco","claudia","francesco")

> nomi

[1] "marco"

"claudia"

"francesco"

> dimnames(ragazzi)<-list(nomi,variabili)

> ragazzi

età altezza peso

marco

19

178

80

claudia

21

175

73

francesco 23

185

84

vettore

> vett<-c(13,16,48,75)

> vett

dimnames=intestazione

[1] 13 16 48 75

> vett2<-c(47,78,65,33)

> vett2

[1] 47 78 65 33

> vett+vett2

[1] 60 94 113 108

> vett1<-vett+vett2

> vett11

> vett1

[1] 60 94 113 108

MATRICE

> A<-matrix(3,2,1)

> A

[,1]

[1,]

3

[2,]

3

>

>

A<-matrix(0:5,2,3)

>

A

[,1] [,2] [,3]

[1,]

0

2

4

[2,]

1

3

5

> B<-matrix(0,10,2),2,3)

Errore: unexpected ',' in "B<-matrix(0,10,2),"

> B<-matrix(0:5,2,3)

> B

[,1] [,2] [,3]

[1,]

0

2

4

[2,]

1

3

5

> A+B

[,1] [,2] [,3]

[1,]

0

4

8

[2,]

2

6

10

> A*B

[,1] [,2] [,3]

[1,]

0

4

16

[2,]

1

9

25

C<-t(B)

> MATRICE TRASPOSTA

> C

[,1] [,2]

[1,]

0

1

[2,]

2

3

[3,]

4

5

SI USA LA TRASPOSTA SE LE DUE MATRICI HANNO NUMERO DI COLONNE E RIGHE DIVERSE!

Regressione

x<-c(21,25,27,32,34)

> y<-c(12,13,13,13,13)

> x

> y

> plot(x,y)

> lines(x,y)

> regressione<-lm(y~x)

> regressione

> a<-c(11.09386 )

> b<-(0.06137 )

> a

> b

> yteorici<-a+b*x

> yteorici

> plot(yteorici)

per visualizzare la retta

> points(x,yteorici.type="l",col="2")

TROVARE IL CHIQUADRO= è UN INDICE PER IL TEST DELLE IPOTESI

Dati<-c(206,85,504,702)

>dati

>tabella<-matrix(dati,2)

>colnames(tabella)<-c(“malati SI”,”malati NO”)

COLNAMES=NOME COLONNA

>rownames(tabella)<-(“terapia a”,”terapia b”)

>tavola<-as.table(tabella)

per fissarlo nella tabella di contingenza 2*2

>numeratore<-((tavola[1,1]*tavola[2,2])-(tavola[2,1]*tavola[2,1]))^2*1497

>numeratore

>denominatore<-

((tavola[1,1]+tavola[1,2])*(tavola[1,1]+tavola[2,1]))*(tavola[1,2]+tavola[2,2]*(tavo

la[2,1]+tavola[2,2]))

>denominatore

>chiquadro<-numeratore/denominatore

>chiquadro

OR

Dati<-c(206,85,504,702)

>dati

>tabella<-matrix(dati,2)

>colnames(tabella)<-c(“malati SI”,”malati NO”)

COLNAMES=NOME COLONNA

>rownames(tabella)<-(“terapia a”,”terapia b”)

>tavola<-as.table(tabella)

per fissarlo nella tabella di contingenza 2*2

>OR<-(tavola[1,1]*tavola[2,2])/(tavola[1,2]*tavola[2,1]

>OR

LE CLASSI (con ampiezza di 5 centimetri)

>dati<-c(23,45,7,98,45)

>dati

>classi<-c(23 ampiezza di cinque centimetri di differenza)

>classi.dati<-cut(dati,breaks=classi)

>classi.dati

se dice di calcolare le frequenze altrimenti fermarsi al passaggio sopra

>frequenze.assolute<-table(classi.dati)

>frequenze.assolute

>frequenze.relative<-table(classi.dati)/lenght(classi.dati)

>frequenze.relative

>frequenze.cumulaterelative<-cumsum(table(classi.dati))/lenght(classi.dati)

>frequenze.comulaterelative

SPSS

È un programma prettamente statistico che si usa per lo più per l’interazione

con più variabili. Oggi è uno dei programmi di statistica più utilizzati, perché permette di svolgere numerose operazioni che con i software di calcolo classici non è possibile effettuare. L’utilizzo di SPSS risulta semplice e

intuitivo perché dispone di un'interfaccia a finestre in stile Windows. Le analisi

possono essere eseguite anche attraverso la sintassi di SPSS, ossia un

linguaggio di programmazione interno e composto da comandi di esecuzione.

Nel momento in cui apriamo il nostro software si aprirà un riquadro che ci chiede cosa vogliamo fare: avere spiegazioni sul programma, digitare dato, entrare in un questionario già esistente, creare un nuovo questionario o aprire un file già esistente.

EXCELL= foglio elettronico o di calcolo, svolge analisi di dati numerici e

alfanumerici, dati per righe e colonne ma permette di svolgere su di esse numerose funzioni(calcoli tabellari), si possono ottenere grafici dai dati memorizzati.

Creare variabili casuali x e distribuzione di frequenze

=casuale.tra(1;100)

Creare una colonna di profotti x*fx =prodotto(A2;B2) E TRASCINO GIU’

media aritmetica=somma(A1:A5)/5

MEDIA(A1:A5)

Media geometrica= prodotto(A1:A5)^(1/5)

media(A1:A5)

media.geometrica(A1:A5)

Media armonica =

5/SOMMA(B1;B5)

media.armonica(A1:A5)

Scarto=

A1-$A$7

e trascino

$A$7 = MEDIA GEOMETRICA

Devianza=(C2)^2 e trascino

dev.q(A1:A5)

Varianza=somma(D1:D5)/5

var.pop.valori(A1:A5)

 

34,6041

SQM

radq(varianza)

radq(9,44)

9

CV= SQM/Media arit*100

MODA = moda(A1:A5)

Selezionare i dati-tasto destro- ordinamento-crescente-freq.cum-classi-posizio-media dei valori se n è pari=n/2+(n/2+1)*1/2 poi fare le frequ cumulate e fare le due medie tra i

MEDIAN due valori interni ; se n è dispari = n+1/2. La mediana divide la distribuzione in due parti

A uguali

Asimmetria( (xi-

xmedia)/SQM)^3

Curtosi ((xi-xmedia)/SQM)^4

Conta se (dove?cosa?)

conta.se(A1:A5;"CRITERIO")

Somma.se= somma.se(A1:A50;”a”;B1:B50)

(( SOMMA(C1:C5)/D9

(SOMM(C1:C5))/D9)^4

Media aritmetica ponderata = Sommatoria delle xi*fi/la sommatoria delle fi

Media armonica ponderata= sommatoria delle fi/sommatoria delle fi/xi