Sei sulla pagina 1di 2

PROPRIETÀ

Seriale sse ∀𝑥 ∈ 𝐴 ∃𝑦 ∈ 𝐴 𝑡𝑎𝑙𝑒 𝑐ℎ𝑒 (𝑥, 𝑦) ∈ 𝑅 Simmetrica ∀𝑥, 𝑦 ∈ 𝐴 (𝑥, 𝑦) ∈ 𝑅 ⇒ (𝑦, 𝑥) ∈ 𝑅 𝑜𝑝𝑝𝑢𝑟𝑒 𝑅 −1 ⊆ 𝑅
G da ogni vertice parte una freccia G tutte frecce ⟷
M su ogni riga c’è almeno un 1 M matrice simmetrica
Riflessiva sse ∀𝑥 ∈ 𝐴 (𝑥, 𝑥) ∈ 𝑅 𝑜𝑝𝑝𝑢𝑟𝑒 𝐼𝐴 ⊆ 𝑅 Antisimmetrica ∀𝑥, 𝑦 ∈ (𝐴 (𝑥, 𝑦) ∈ 𝑅 ∧ 𝐴 (𝑦, 𝑥) ∈ 𝑅 ⇒ 𝑥 = 𝑦)
G tutti autoanelli
Transitiva ∀𝑥, 𝑦, 𝑧 ∈ 𝐴 ((𝑥, 𝑦) ∈ 𝑅 ∧ (𝑦, 𝑧) ∈ 𝑅 ⟹ (𝑥, 𝑧) ∈ 𝑅)
M diagonale di tutti 1
CHIUSURE (per la relazione d’equivalenza) Classe di equivalenza di x rispetto a R
Riflessiva di R: 𝑅 ∪ 𝐼𝐴 ∀𝑥 ∈ 𝐴 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎 [𝑥]𝑅 = {𝑦 ∈ 𝐴 | (𝑥, 𝑦) ∈ 𝑅}
Simmetrica di R: 𝑅 ∪ 𝑅 −1 Insieme quoziente (insieme delle classi di equivalenza)
Transitiva di R: ⋃𝑛>1 𝑅 𝑛 = 𝑅1 ∪ 𝑅 2 … 𝐴⁄ = {[𝑥] | 𝑥 ∈ 𝑅}
𝑅 𝑅
Relazione d’ordine (rappresentazione tramite Minimale, se è unico allora è anche un minimo
diagramma di Hasse) Massimale, se è unico allora è anche un massimo
- Riflessiva 𝐵 ⊆ 𝐴, 𝑚 ∈ 𝐴, 𝑏 ∈ 𝐵
- Antisimmetrica (alternativa dimostro che non è 𝑚 ≤ 𝑏 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎 𝑚 è 𝑢𝑛 𝒎𝒊𝒏𝒐𝒓𝒂𝒏𝒕𝒆
simmetrica) 𝑏 ≤ 𝑚 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎 𝑚 è 𝑢𝑛 𝒎𝒂𝒈𝒈𝒊𝒐𝒓𝒂𝒏𝒕𝒆
- Transitiva 𝑚𝑎𝑠𝑠𝑖𝑚𝑜 𝑑𝑒𝑖 𝑚𝑖𝑛𝑜𝑟𝑎𝑛𝑡𝑖 → 𝑰𝑵𝑭(𝑩) (𝑠𝑒 𝑒𝑠𝑖𝑠𝑡𝑒 è 𝑢𝑛𝑖𝑐𝑜)
- Ben posta  non dipende dal rappresentante (va 𝑚𝑖𝑛𝑖𝑚𝑜 𝑑𝑒𝑖 𝑚𝑎𝑔𝑔𝑖𝑜𝑟𝑎𝑛𝑡𝑖 → 𝑺𝑼𝑷(𝑩) (𝑠𝑒 𝑒𝑠𝑖𝑠𝑡𝑒 è 𝑢𝑛𝑖𝑐𝑜)
dimostrato) Reticolo 𝑝𝑒𝑟 𝑜𝑔𝑛𝑖 𝑎, 𝑏 ∈ 𝐴 𝑒𝑠𝑖𝑠𝑡𝑜𝑛𝑜 inf{𝑎, 𝑏} 𝑒 sup{𝑎, 𝑏}

FUNZIONI (=applicazione=mappa) Iniettiva sse ammette inversa destra 𝑓 ∙ 𝑔 = 𝑖𝑎


𝑓: 𝐴 → 𝐵 𝑡𝑎𝑙𝑒 𝑐ℎ𝑒 𝑓(𝑎) = 𝑓(𝑏) ⇒ 𝑎 = 𝑏
𝑓(𝐴) = {𝑦 ∈ 𝐵 | ∃𝑥 ∈ 𝐴 𝑓(𝑥) = 𝑦} ⊆ 𝐵 𝑎 ≠ 𝑏 ⇒ 𝑓(𝑎) ≠ 𝑓(𝑏)
M un solo 1 su ogni riga M al più un 1 su ogni colonna
G esce una sola freccia dal dominio G arriva una freccia a ogni elemento del dominio
Prodotto di funzioni Suriettiva sse ammette inversa sinistra 𝑔 ∙ 𝑓 = 𝑖𝑎
𝑓 ∙ 𝑔: 𝐴 → 𝐵 ∀𝑥 ∈ 𝐴 (𝑓 ∙ 𝑔)(𝑥) = 𝑔(𝑓(𝑥)) ∀𝑦 ∈ 𝐵, ∃𝑥 ∈ 𝐴 | 𝑓(𝑥) = 𝑦
G arriva almeno una freccia a ogni vertice
Relazione identica
M almeno un 1 su ogni colonna
𝑖𝑎 : 𝐴 → 𝐴 ∀𝑥 ∈ 𝐴 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎 𝑖𝑎 (𝑥) = 𝑥
Relazioni di equivalenza/congruenza 𝑛° 𝑟𝑒𝑙𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖 = |𝑃(𝐴 × 𝐵)| = 2|𝐴×𝐵| (es.)
ker 𝑓 → {𝑓 −1 (𝑏) | 𝑏 ∈ 𝐵} 𝑑𝑖 𝐴 𝑛° 𝑓𝑢𝑛𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖 = |𝐵||𝐴|
(𝑎, 𝑏) ∈ ker 𝑓 𝑠𝑠𝑒 𝑓(𝑎) = 𝑓(𝑏) 𝑛° 𝑓𝑢𝑛𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖 𝑖𝑛𝑖𝑒𝑡𝑖𝑣𝑒 =
|𝐵| ∙ (|𝐵| − 1) ∙ (|𝐵| − 1) … (|𝐵| − |𝐴| + 1)
Proiezione canonica 𝜋𝜌
𝑛° 𝑓𝑢𝑛𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖 𝑏𝑖𝑢𝑛𝑖𝑣𝑜𝑐ℎ𝑒 = |𝐴|! = |𝐵|!
𝜌 𝑟𝑒𝑙𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑′ 𝑒𝑞𝑢𝑖𝑣𝑎𝑙𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑠𝑢 𝐴
𝜌 ⊆ 𝐴 × 𝐴, 𝐴⁄𝜌 𝑖𝑛𝑠𝑖𝑒𝑚𝑒 𝑞𝑢𝑜𝑧𝑖𝑒𝑛𝑡𝑒
𝜋𝜌 : 𝐴 → 𝐴⁄𝜌 ∀𝑎 ∈ 𝐴 𝜋𝜌 (𝐴) = [𝑎]𝜌

STRUTTURE ALGEBRICHE
- Semigruppi  proprietà associativa Sottogruppo sse 𝑎 ∙ 𝑏 −1 ∈ 𝐻 ∀ 𝑎, 𝑏 ∈ 𝐻 (criterio)
- Monoidi  semigruppi + elemento neutro Sottoanello sse 𝑎 − 𝑏 ∈ 𝐻 𝑒 𝑎 ∙ 𝑏 ∀𝑎, 𝑏 ∈ 𝐻 (criterio)
- Gruppo  monoide + inverso
Sottogruppo H di un gruppo (𝐴,∙) è normale rispetto ad A se
- Gruppo abeliano  gruppo + commutatività
∀ℎ ∈ 𝐻 𝑒 ∀𝑎 ∈ 𝐴 𝑠𝑖 ℎ𝑎: 𝑎 −1 ∙ ℎ ∙ 𝑎 ∈ 𝐻
- Anello 
Inoltre, se il sottogruppo è abeliano allora è normale
- (A, +) gruppo abeliano
- (A ,∙) semigruppo Ideale I (sottoinsieme di un anello) se:
- Vale la proprietà distributiva 𝑎 − 𝑏 ∈ 𝐼 ∀𝑎, 𝑏 ∈ 𝐼 𝑒 ∀𝑎 ∈ 𝐴 𝑠𝑖 ℎ𝑎 𝑎𝑖 ∈ 𝐼 𝑒 𝑖𝑎 ∈ 𝐼
𝑥 ∙ (𝑦 + 𝑧) = (𝑥 ∙ 𝑦) + (𝑥 ∙ 𝑧) Ideale proprio se non coincide con l’anello
- Corpo  anello + elem ≠0 sono invertibili+ elem neutro
- Campo  corpo + commutazione rispetto a ∙ Gruppo lineare generale 𝐺𝐿𝑛 (𝐾)  gruppo di tutte le
Omomorfismo chiuso rispetto alle operazioni: matrici 𝑛 × 𝑛 invertibili nel campo K
𝑓(𝑥 + 𝑦) = 𝑓(𝑥) ∙ 𝑓(𝑦) Gruppo lineare speciale 𝑆𝐿𝑛 (𝐾)  sottogruppo di 𝐺𝐿𝑛 (𝐾)
- Monomorfismo  omomorfismo iniettivo rispetto a f avente determinante uguale a 1
- Epimorfismo  omomorfismo suriettivo rispetto a f 𝑎 𝑏 −1 1 𝑑 −𝑏
Inverso matrice 2 × 2 𝑐 𝑑] = 𝑎 ∙ 𝑑 − 𝑏 ∙ 𝑐 ∙ [−𝑐 𝑎 ]
[
Isomorfismo  omomorfismo biunivoco rispetto a f
Teorema di deduzione semantica
LOGICA PROPOSIZIONALE 𝑆 ∪ {Ψ} ⊨ Φ 𝑠𝑠𝑒 𝑆 ⊨ Ψ ⇒ Φ
- Semantica  valore di verità Φ è 𝑐𝑜𝑛𝑠𝑒𝑔𝑢𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑠𝑒𝑚𝑎𝑛𝑡𝑖𝑐𝑎 𝑑𝑖 𝑆 ∪ {Ψ}
- Modello  se è vero = 1
- Soddisfacibile  almeno un modello Corollario 1: Ψ ⊨ Φ 𝑠𝑠𝑒 ⊨ Ψ ⇒ Φ
- Insoddisfacibile (o contraddizione)  nessun modello Corollario 2: S ⊨ Φ 𝑠𝑠𝑒 𝑆 ∪ { ¬Ψ} è 𝑖𝑛𝑠𝑜𝑑𝑑𝑖𝑠𝑓𝑎𝑐𝑖𝑏𝑖𝑙𝑒
- Tautologia  sempre modello e si indica con ⊨ Φ S ⊭ Φ 𝑠𝑠𝑒 𝑆 ∪ { ¬Ψ} è 𝑠𝑜𝑑𝑑𝑖𝑠𝑓𝑎𝑐𝑖𝑏𝑖𝑙𝑒
Φ 𝑛𝑜𝑛 è 𝑐𝑜𝑛𝑠𝑒𝑔𝑢𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑠𝑒𝑚𝑎𝑛𝑡𝑖𝑐𝑎 𝑑𝑖 𝑆 ∪ {Ψ}
Tavola di verità
¬ (¬ 𝐴) ≡ 𝐴 (𝐴 ∨ 𝐵) ∨ 𝐶 ≡ 𝐴 ∨ (𝐵 ∨ 𝐶) ¬ (𝐴 ∧ 𝐵) ≡ ¬ 𝐴 ∨ ¬ 𝐵
𝐴∧𝐴 ≡𝐴 𝐴 ∧ (𝐴 ∨ 𝐵) ≡ 𝐴 ¬ (𝐴 ∨ 𝐵) ≡ ¬ 𝐴 ∧ ¬𝐵 A B C f(A,B,C)
𝐴∨𝐴 ≡𝐴 𝐴 ∨ (𝐴 ∧ 𝐵) ≡𝐴 𝐴 ⇒ 𝐵 ≡ ¬𝐴 ∨ 𝐵 1 1 1 1
𝐴∧𝐵 ≡ 𝐵∧𝐴 𝐴 ∧ (𝐵 ∨ 𝐶) ≡ (𝐴 ∧ 𝐵) ∨ (𝐴 ∧ 𝐶) 𝐴 ⇒ 𝐵 ≡ ¬ (𝐴 ∧ ¬ 𝐵) 1 1 1 0
𝐴∨𝐵 ≡ 𝐵∨𝐴 𝐴 ∨ (𝐵 ∧ 𝐶) ≡ (𝐴 ∨ 𝐵) ∧ (𝐴 ∨ 𝐶) 𝐵 ≡ (¬ 𝐴 ∧ 𝐴) ∨ 𝐵 Pochi 1: (𝐴 ∧ 𝐵 ∧ 𝐶) ∨ (…
(𝐴 ∧ 𝐵) ∧ 𝐶 ≡ 𝐴 ∧ (𝐵 ∧ 𝐶) 𝐴⇒𝐵 ≡ ¬𝐵 ⇒¬𝐴 𝐵 ≡ (¬ 𝐴 ∨ 𝐴) ∧ 𝐵 Pochi 0: (¬𝐴 ∨ ¬𝐵 ∨
¬𝐶) ∧ (…

TEORIA L Teorema di correttezza e completezza


Teoria di correttezza e completezza Γ 𝑖𝑛𝑠𝑖𝑒𝑚𝑒 𝑑𝑖 𝑐𝑙𝑎𝑢𝑠𝑢𝑙𝑒 𝑖𝑛𝑠𝑜𝑑𝑑𝑖𝑠𝑓𝑎𝑐𝑖𝑏𝑖𝑙𝑒 𝑠𝑠𝑒 Γ ⊢𝑅 □
𝐴 𝑓𝑏𝑓 𝑑𝑖 𝐿 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎 ⊢𝐿 𝐴 𝑠𝑠𝑒 ⊨ 𝐴 Corollario Γ ⊢𝑅 𝐴 𝑠𝑠𝑒 Γ ∪ { A} è 𝑖𝑛𝑠𝑜𝑑𝑑𝑖𝑠𝑓𝑎𝑐𝑖𝑏𝑖𝑙𝑒
Teorema di correttezza e completezza forte 𝑐𝑖𝑜è 𝑞𝑢𝑎𝑛𝑑𝑜 Γ 𝑐 {¬A𝑐 } ⊢𝑅 □
Γ insime di 𝑓𝑏𝑓 𝑒 𝐴 𝑓𝑏𝑓 𝑎𝑙𝑙𝑜𝑟𝑎 Γ ⊢𝐿 𝐴 𝑠𝑠𝑒 Γ ⊨ 𝐴 Clausola  disgiunzione di letterali (𝐴 ∨ 𝐵 ∨ 𝐶 … )
Teorema di deduzione sintattica fbf in forma a clausole  fbf scirtta come
Γ ∪ {𝐵} ⊢𝐿 𝐴 𝑠𝑠𝑒 Γ ⊢𝐿 𝐵 ⇒ 𝐴 congiunzione di clausole 𝐴 ∧ (𝐵 ∨ 𝐶) → {{𝐴}, {𝐵, 𝐶}}
Risoluzione
- Algoritmo ¬∀𝑥𝐴(𝑥) ≡ ∃𝑥¬𝐴(𝑥) ¬∃𝑥𝐴(𝑥) ≡ ∀𝑥¬𝐴(𝑥)
𝑦 𝑦
o Arrivo alla clausola vuota 𝑅𝑖𝑠 𝑛 (Γ) = □ ∀𝑥𝐴(𝑥) ∧ 𝐵 ≡ ∀𝑦(𝐴[ ⁄𝑥 ] ∧ 𝐵) ∀𝑥𝐴(𝑥) ∨ 𝐵 ≡ ∀𝑦(𝐴[ ⁄𝑥 ] ∨ 𝐵)
o All’n-esimo passo arrivo a 𝑦 𝑦
∃𝑥𝐴(𝑥) ∧ 𝐵 ≡ ∃𝑦(𝐴[ ⁄𝑥 ] ∧ 𝐵) ∃𝑥𝐴(𝑥) ∨ 𝐵 ≡ ∃𝑦(𝐴[ ⁄𝑥 ] ∨ 𝐵)
𝑅𝑖𝑠 𝑛 (Γ) = 𝑅𝑖𝑠 𝑛−1 (Γ) 𝑦
∀𝑥𝐴(𝑥) ⇒ 𝐵 ≡ ∃𝑦(𝐴[ ⁄𝑥 ] ⇒ 𝐵)
𝑦
𝐵 ⇒ ∀𝑥 𝐴(𝑥) ≡ ∀𝑦(𝐵 ⇒ 𝐴[ ⁄𝑥 ])
- Struttura ad albero 𝑦 𝑦
∃𝑥𝐴(𝑥) ⇒ 𝐵 ≡ ∀𝑦(𝐴[ ⁄𝑥 ] ⇒ 𝐵) 𝐵 ⇒ ∃𝑥 𝐴(𝑥) ≡ ∃𝑦(𝐵 ⇒ 𝐴[ ⁄𝑥 ])

LOGICA DEL PRIMO ORDINE Chiusure


- Costanti  a,b,… - formula chiusa  non contiene occorrenze libere
- Variabili  x,y,… - chiusura universale di A è vera sse A è vera
- Lettere funzionali  f,g,… 𝐴(𝑦, 𝑧) ⇒ ∃𝑥𝐵(𝑥, 𝑦) 𝑑𝑖𝑣𝑒𝑛𝑡𝑎 ∀𝑦∀𝑧(𝐴(𝑦, 𝑧) ⇒ ∃𝑥𝐵(𝑥, 𝑦))
- chiusura esistenziale è vera sse A è soddisfacibile
- Lettere predicative  A,B,…
𝐴(𝑦, 𝑧) ⇒ ∃𝑥𝐵(𝑥, 𝑦) 𝑑𝑖𝑣𝑒𝑛𝑡𝑎 ∃𝑦∃𝑧(𝐴(𝑦, 𝑧) ⇒ ∃𝑥𝐵(𝑥, 𝑦))
Verità
- Soddisfacibile esiste un assegnamento che Forma normale prenessa (fnp)
soddisfa A Formula in cui tutti i quantificatori sono in testa
- Vera  ogni assegnamento è soddisfatto Forma di Skolem
- Falsa  nessun assegnamento è soddisfatto - fnp che non contiene quantificatori esistenziali
- logicamente valida  A è vera per ogni - sostituisco le variabili precedute da ∃ con lettere funzionali
interpretazione con variabili che sono precedute da ∀
- insoddisfacibile/contraddizione  falsa per
ogni interpretazione Teorema
Se è soddisfacibile in una forma di interpretazione iniziale allora è
LABORATORIO soddisfacibile nella forma di Skolem
begin problem(Nome problema). list_of_symbols. list_of_formulae(conjectures).
functions[(nome, arità), (nome, arità), …]. formula(testo formula).
list_of_descriptions.
predicates[(nome, arità), (nome, arità), …]. end_of_list.
name({*nome esercizio*}).
end_of_list.
author({**}). end_of_problem.
status(unsatisfiable).
list_of_formulae(axioms). forall([variabile quantificata], formula) implies(antecedente, conseguente)
description({*descrizione esercizio*}).
end_of_list. formula(testo formula). exists([variabile quantificata], formula) equiv(A1,A2)
end_of_list. or(A1, A2,...,An) not(formula)
Le costanti vanno definite come funzioni di arità 0 and(A1, A2,...,An) equal(A1,A2)