Sei sulla pagina 1di 9

SVILUPPO PRODOTTO ESEMPIO

Azienda produttrice di utensili deve sviluppare un nuovo prodotto


e quindi il relativo “CONCEPT” di “AGGRAFFATRICE”

© 2017 – Francesco Liguori - Consulente Direzionale - www.francescoliguori.it

DOMANDE:

- Quali concetti disponibili si possono utilizzare?

- Quali nuovi concetti possono essere sviluppati ?

- Quali metodi possono essere ultilizzati per sviluppare il concept?

1 Definizione 2 Ricerca 3 Ricerca


del PROBLEMA ESTERNA INTERNA

5 Riflessioni 4 Esplorazione
finali SISTEMATICA
1 - Definizione del PROBLEMA

1a) Per chiarire il problema si raccolgono, analizzano e si fa una gerarchia dei


“BISOGNI”.
 La graffatrice è leggera
 La graffatrice è rapida, impiega poco tempo per completare il ciclo dopo aver premuto il comando
 La graffatrice può operare in rapida successione (frequenza alta, elevato numero di graffe/minuto)
 Può operare in spazi ridotti

1b) Definizione della specifica TARGET, specifica obiettivo:


 Il peso dell’elettroutensile deve essere inferiore a 45 kg
 La graffatrice ha un ritmo di 5 pezzi/minuto
 Il tempo massimo di reazione dopo aver premuto il comando è di 0,3 secondi
 La forza di graffatura arriva fino 1800N
 La lunghezza delle graffe è compresa tra 5 e 60 mm
1c) Blak box, diagramma funzionale graffatrice:

Convertire
ACCUMULARE o
ENERGIA l’energia in
RICEVERE energia
traslazione

Applicazione
IMMAGAZZINARE Isolare la dell’energia GRAFFA
MATERIALI
le graffe graffa di CONFICCATA
traslazione

RICEZIONE del Attivare


SEGNALI
comando l’utensile

1d) Concentrare l’attenzione

I sotto-prolemi prioritari considerati sono

- L’accumulo di energia

- La conversione di energia

Considerando che la forma, l’ergonomia, la facilità di utilizzo non possono esser


econdizionati dalle decisioni prese sui sotto-problemi prioritari
2 - Ricerca Esterna
Risultati della ricerca esterna:
- BREVETTI: Utilizzo del “principio di accumulo di energia” Graffatrice azionata da un motore a doppio
volano, con coversione rapida dell’energia cinetica in enegia di traslazione tramite funzione di attrito.

- PRODOTTI CORRELATI:

Utensile a colpo singolo azionato da polvere da sparo

Cucitrice con attuatore a selenoide elettrico

Cucitrice pneumatica per uso industriale e una per uso fai da te

I prodotti con funzionalità correlata utilizzavano: air-bag, propellente sodio-azoto, fucili ad aria, batterie dei
computer portatili

Tutti i prodotti correlati vengono smontati ed analizzati per scoprire i concept utilizzati su cui erano basati,
informazioni operative quali il tipo di materiali utilizzati, i fornitori.
3 - Ricerca Interna
 Sessioni di analisi individuale e di gruppo
 Assegnazione ad ogni singolo componente del team di uno o più sotto-
problemi per sviluppare dei “concept”
 Assegnazioni ai singoli di obiettivi di generazione di “10 concept”
 Successive riunioni per discutere e valutare i “concept individuali” e scegliere i
più promettenti.
 Utilizzo del Metodo TRIZ
4 - Esplorazione Sistematica
 Focalizzazione prioritaria sui sotto-problemi di accumulo, conversione e
trasmissione dell’energia
 Combinazione di sottoproblemi per valutarne la fattibilità, alcun enon
avevano senso
 Individuazione di due strumenti di gestione delle analisi : a) Albero di
classificazione dei concetti b) Tavola delle combinazioni

a)Albero di classificazione

SVILUPPO PRODOTTO Definizione del Concept: 4 ESPLORAZIONE Sistematica,


ALBERO, ESEMPIO

CHIMICA Sistemi aria-


combustibile

Sistemi
Esplosivi
Pneumatica

Immagazzinare
o Ricevere IDRAULICA
ENERGIA
PRESA
CORRENTE
ELETTRICA
BATTERIA

Celle a
Combustione

NUCLEARE

© 2017 – Francesco Liguori - Consulente Direzionale - www.francescoliguori.it

Potatura rami:

1. Nella selezione e vaglio dei concept si eliminano i concept meno promettenti,


potatura dei rami di “ alimentazione con energia nucleare” per motivi
normativi e di investimenti richiesti per lo sviluppo di applicazioni provenienti
ad esempio da applicazioni in “cuori artificiali”
2. Identificazione problemi indipendenti:
sono stati identificati due “concept” promettenti indipendenti assegnati a due
sotto-gruppi indipendenti per la loro soluzione

3. Evidenza di sottovalutazione di rami: nello sviluppo del concept emerse di


aver dedicato troppa poca attenzione allo sviluppo delle fonti e delel
tecnologie di conversione dell’enetgia idraulica, quindi decisione di
approfondire l’argomento
4. Scomposizione del problema del singolo ramo, es. Fonte dell’Energia Elettrica.

L’analisi del processo di graffatura stabilì che il fabbisogni di potenza era di


10.000W per alcuni millisecondi, che è superiore alla potenza disponibile da
una presa di corrente o di una batteria o di di una cella a combustibile
commerciale.
La conclusione fu che necessitava “accumulare e rilasciare rapidamente
l’energia”
Si aggiunse di conseguenza una sottofunzione “ accumulare energia di
traslazione”dopo la conversione di energia elettrica in meccanica, e si scelse
di accumulare energia di tipo elettrico in un accumulatore.

b) Tavola Di Combinazione Dei Concetti

Dai sotto-problemi individuati dalla ricerca interna ed esterna si elabora la


tavola dove in colonna si riportano le soluzioni ai sottoproblemi identificati
dalla “scomposizione in sottoproblemi del punto precedente”

Tabella 1 - INDIVIDUAZIONE SOTTOPROBLEMI

Energia Convertire Applicazione Utilizzo


Accummulazione
Elettrica EE in di Energia di dell’energia
di Energia di
Energia di traslazione applicata
Traslazione
traslazione alla graffa alla graffa

Con l’esaminazione sistematica della combinazione delle soluzioni applicata al


“ramo elettrico” i sottoproblemi della figura vengono riportati quali titoli di
colonna. Le righe riportano le possibili soluzioni per ciascun sottoproblema.
Regole utilizzate per combinare i concetti:
regola a) Eliminazione immediata di aspetti irrealizzabili, parti o frazioni di
concetti, irrealizzabili con conseguente riduzione delle possibili combinazioni
regola b) Focalizzazione dei sottoproblemi accoppiati, quindi nel caso
specifico la fonte di Energia Elettrica non è un titolo di colonna , ma lo è “La
conversione di energia” dalla quale è indipendente
regola c) Il numero di sottoproblemi presenti nella tavola non deve essere
superiore a quattro
CONCEPT conseguente alla combinazione di “ motore elettrico e trasmissione” +
“molla” + “impatti multipli”

Tabella 2 Tavola di combinazione dei concetti motore+molla+impatti

Sottoproblema 1: Sottoproblema 3:
Convertire EE in Sottoproblema 2: Applicare l'energia
energia di Accumulare energia alla traslazione della
traslazione graffa
Motore elettrico
e trasmissione Impatto singolo
Molla
Motore lineare
Impatti multipli
Solenoide
Massa in
movimento Pressare la graffa
Pistola a binario