Sei sulla pagina 1di 5

Prima settimana di spettacoli della rassegna

In scena
danza e teatro nei luoghi d’arte del Lazio
6 luglio > 8 settembre 2018

Prende avvio la rassegna In scena - danza e teatro nei luoghi d’arte del Lazio nell'ambito di
ArtCity organizzata dal Polo Museale del Lazio, diretto da Edith Gabrielli, con la cura affidata ad
Anna Selvi, direttore dell’ufficio per il teatro e la danza.
Il Museo Archeologico di Vulci, venerdì 6 luglio ore 21.00 ospita BACH DANCE SUITES della
Compagnia Virgilio Sieni, una delle formazioni di danza contemporanea più interessanti nel
panorama italiano. Le Suites per violoncello Solo, composte da J.S. Bach tra il 1717 e il 1723,
eseguite dal vivo da Michele Tazzari, violoncellista dell'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino,
saranno lo spazio entro il quale dispiegare un discorso che indaga, attraverso il movimento, il
rapporto dell'uomo con la danza sfaldando così i meccanismi del quotidiano. Il coreografo Virgilio
Sieni, direttore della Biennale di Venezia-Settore Danza dal 2013 al 2016 e nominato Chevalier de
l’ordres des arts et de lettres dal Ministro della cultura francese nel 2013 ci invita a una "riflessione
sull’abitare il mondo".
Due sono le date per KRIMINAL TANGO, recital firmato da Fanny & Alexander, con Marco
Cavalcoli e con la musica eseguita dal vivo dell’Orchestrina Bluemotion (pianoforte e mellotron
Andrea Pesce; contrabbasso Francesco Redig de Campos; batteria Cristiano De Fabritiis), in cui un
emblematico intrattenitore mette in luce, suo malgrado, le contraddizioni dei nostri tempi attraverso
l'interpretazione o le storpiature delle canzoni di Fred Buscaglione: sabato 7 luglio ore 21.00 a
Villa Lante a Bagnaia e domenica 8 luglio ore 21.00 alla Necropoli della Banditaccia a Cerveteri.

In Scena - danza e teatro nei luoghi d’arte del Lazio coinvolge 23 tra musei, abbazie e siti
archeologici del Lazio che saranno invasi, attraversati, vissuti tramite un ricco calendario di
appuntamenti, 52 in totale, tra teatro, danza e performance, con l'obiettivo di valorizzare il nostro
patrimonio culturale attraverso un'inedita prospettiva di esplorazione, nuove geografie di riflessione
che dalla storia si muove, attraverso la creazione artistica contemporanea, verso la realizzazione di
un'unica e personale fruizione. Gli artisti coinvolti nel progetto rappresentano la poliedricità e
vivacità del panorama teatrale italiano in uno sguardo trasversale che attraversa le generazioni e gli
stili.

In collaborazione con Casa dello Spettatore, il Polo Museale del Lazio presenta anche il primo
appuntamento della rassegna I Bambini e ArtCity, destinata alla fascia d'età tra i 3 e i 10 anni - per
una esperienza complessiva dello sguardo in cui gli elementi di dialogo tra museo e teatro sono le
tracce da seguire lungo un percorso di apprendimento collettivo. Per ogni appuntamento è prevista
una particolare attività di accompagnamento alla visita museale e di introduzione allo
spettacolo pensata per combinare i due momenti in maniera organica all’interno di un’occasione di
crescita e di educazione partecipata.
Villa Lante a Bagnaia ospita Storia d’amore e alberi (8 luglio - ore 19.00) liberamente ispirato a
L’uomo che piantava gli alberi di Jean Giono, racconto di un grande uomo, piccolo giardiniere di
Dio, e della sua poetica resistenza e ostinata generosità, di Luigi D'Elia e Francesco Niccolini -
INTI. [dai 6 anni]
Le attività sono aperte a gruppi di 20 bambini al massimo e iniziano due ore prima dello spettacolo.
L’accesso è gratuito per i bambini. Gli adulti possono accedere con il biglietto d’ingresso del sito,
ove presente.

www.art-city.it

Programma:

venerdì 6 luglio ore 21.00 | Danza | Museo Archeologico di Vulci (VT)


BACH DANCE SUITES
a cura di Compagnia Virgilio Sieni
coreografia Virgilio Sieni
interpreti Noemi Biancotti, Linda Pierucci, Jari Boldrini, Maurizio Giunti
musica Suites per violoncello Solo di J.S. Bach eseguita dal vivo al violoncello dal M° Michele Tazzari

La Compagnia Virgilio Sieni è sostenuta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo,
Regione Toscana, Comune di Firenze

Le Suites per violoncello Solo di J.S.Bach formano il territorio sul quale dispiegare il discorso narrativo della
danza. La successione architettonica di brani musicali da “abitare” ci guida verso la costruzione di
costellazioni gestuali che lasciano spazio all’incontro dell’uomo con la simbologia del corpo e le figure dello
spazio.
La periferia dello spazio e l’attenzione ai valori sottili, tattili, nascosti del movimento, divengono i temi,
insieme alla pietà, che agiscono le suite: atlante figurale e emozionale che mostra l’idea di marginalità,
interstizio, raccoglimento, dimora, vuoto, accoglienza.
Si potrebbe dire che ogni danza è alla ricerca delle peculiarità dello spazio che la ospita, indagandone le parti
nascoste, i vuoti, attraverso la densità e il tono del movimento. Danze sussurrate, rituali da meditare che
rinnovano il senso dell’adiacenza dell’uomo alla forza simbolica della danza nel suo disfarsi dei meccanismi
quotidiani.
Trame originate dalla vibrazione di energie raccolte in una successione di danze “nuove”, dal Solo al
Quartetto, sulla rigenerazione dello spazio ma anche liturgie gestuali che, percorrendo i sentieri e le
declinazioni poetiche della musica di Bach, ci invitano a una riflessione sull’abitare il mondo.
Virgilio Sieni

VIRGILIO SIENI
Si forma in discipline artistiche e architettura dedicandosi parallelamente a ricerche sui linguaggi del corpo e
della danza. Approfondisce tecniche di danza moderna, classica, release con Traut Streiff Faggioni,
Antonietta Daviso, Katie Duck. Nel 1983, dopo quattro anni di studio sul senso dell’improvvisazione nei
linguaggi contemporanei della danza tra Amsterdam, Tokyo e New York, fonda la compagniaParco
Butterflye nel 1992 la Compagnia Virgilio Sieni, affermandosi come uno dei protagonisti della scena
contemporanea internazionale.
Dal 2003 dirige Cango Cantieri Goldonetta Firenze, il Centro Nazionale di produzione per la danza nato per
sviluppare ospitalità, residenze, spettacoli e progetti di trasmissione fondati sulla natura dei territori.
Nel 2007 fonda l’Accademia sull’arte del gesto, contesto innovativo di formazione rivolto a professionisti e
cittadini sull’idea di comunità del gesto e sensibilità dei luoghi.
Dal 2013 al 2016 è direttore della Biennale di Venezia-Settore Danza.
Nel 2013 è nominato Chevalier de l’ordres des arts et de lettres dal Ministro della cultura francese.
Lavora per le massime istituzioni teatrali, musicali, fondazioni d’arte e musei internazionali, realizzando
progetti sulla geografia della città e dei territori che coinvolgono intere comunità sui temi dell’individuo e
della moltitudine poetica, politica, archeologica.

Museo Archeologico di Vulci – Viterbo - Località Vulci - 01011 Canino (VT)


tel. +39 0761 437787
biglietto intero € 2,00, ridotto € 1,00

sabato 7 luglio ore 21.00 | concerto-spettacolo | Villa Lante – Bagnaia (VT)


KRIMINAL TANGO

domenica 8 luglio ore 21.00 | concerto-spettacolo | Necropoli della Banditaccia - Cerveteri (RM)
KRIMINAL TANGO

KRIMINAL TANGO
di Fanny & Alexander
con Marco Cavalcoli
e con l’Orchestrina Bluemotion:
pianoforte e Mellotron Andrea Pesce
contrabbasso Francesco Redig de Campos
batteria Cristiano De Fabritiis
e con la partecipazione di Chiara Lagani
ideazione Luigi De Angelis e Chiara Lagani
drammaturgia e costumi Chiara Lagani
progetto sonoro Luigi De Angelis e Andrea Pesce
regia Luigi De Angelis
produzione E / Fanny & Alexander col sostegno di Angelo Mai
si ringraziano Giorgina Pilozzi, Gianluca Falaschi, Nicola Fagnani,Paola Granato, Kinkaleri

KRIMINAL TANGO è il recital, spregiudicato e pirotecnico, del nostro Mediattore alle prese con le canzonette
che ama. Dopo l’incarnazione con lo Scrooge dei fumetti, e a partire dal repertorio più famoso dell’adorato
Fred Buscaglione, ammaliato forse dal bagliore un po’ vintage da anni del miracolo economico e storpiando i
testi originali a suo uso e consumo, il nostro continua così a costruire il suo personaggio metamorfico: latin
lover, un poco gangster, un poco amabile spaccone, scialacquatore e prodigo, ma anche avido e taccagno.
Duro e furbo, “povero milionario”, guardia e ladro, cinico e romantico, lucido sognatore. I testi del suo
concerto da avanspettacolo, riscritti sul filo teso dell’utopia liberale che lo anima, diventano una sorta di
mostruoso manifesto, emblematico delle forti contraddizioni dei nostri tempi, e danno vita al più straniato dei
concerti: discorso in musica sugli archetipi di ricchezza e povertà, sospeso tra mito, storia e sogno.

Fanny & Alexander è una bottega d’arte fondata a Ravenna nel 1992 da Luigi De Angelis e Chiara Lagani. Si
aggregano stabilmente alla compagnia nel 1997 Marco Cavalcoli, attore e nel 2002 Marco Molduzzi,
organizzatore. Fanny & Alexander produce spettacoli teatrali, laboratori, progetti video, installazioni, azioni
performative, mostre fotografiche, pubblicazioni, convegni e seminari di studi, festival e rassegne.
Nel 2012 Fanny & Alexander fonda, insieme a ErosAntEros,gruppo nanou e Menoventi, la E, cooperativa di
artisti e organizzatori che ne cura la gestione dei progetti e delle creazioni.

Villa Lante, Via Jacopo Barozzi, 71 - 01100 località Bagnaia, Viterbo


tel +39 0761 288008
biglietto intero € 5,00, ridotto € 2,50

Necropoli della Banditaccia, Piazza Santa Maria - 00053 Cerveteri (RM)


tel +39 06 9941354
Si consiglia l’uso di calzature adeguate
biglietto intero € 6,00, ridotto € 3,00

domenica 8 luglio ore 19.00 | Narrazione | Bagnaia


Dai 6 anni. Durata 60 minuti circa.
STORIA D’AMORE E ALBERI
Liberamente ispirato a L’UOMO CHE PIANTAVA GLI ALBERI
di Jean Giono
di Francesco Niccolini
con Luigi D’Elia
regia Francesco Niccolini e Luigi D’Elia
scene Luigi D’Elia
con l’amichevole collaborazione di Enzo Toma, Luci Paolo Mongelli
una produzione Thalassia
distribuzione INTI
Terzo classificato Premio Nazionale EOLO Awards 2011 per il Teatro Ragazzi, Menzione speciale
al Festival Festebà 2011

Ai giardinieri di Dio Un piccolo uomo dal passo da pinguino entra in sala, si aggira nello spazio,
chiede conferma a chiunque incontri che lì troverà dei bambini, che quello è un teatro, una scuola,
un festival, una piazza. È un po’ confuso e soprattutto sporco. Ha una valigia recuperata chissà
dove, tenuta insieme da spago e ricordi. Un barbone, verrebbe da pensare. Eppure quando parla sa
essere molto tenero, e ti vien voglia di ascoltarlo, tanto sembra indifeso e bisognoso di aiuto. Ma chi
è? Quando la sala è piena, guarda i bambini, tira un grosso sospiro e insieme alla sua valigia e alla
sua strana andatura va in proscenio. È emozionato: vorrebbe parlare ma ha paura. Non trova il
coraggio di iniziare. Poi, finalmente, attacca e racconta, racconta, racconta… racconta di nuvole
perdute, cieli e montagne, ma soprattutto racconta di un grande uomo, piccolo giardiniere di Dio,
della sua poetica resistenza e della sua ostinata generosità.
Racconta dell’uomo che piantava gli alberi.

Villa Lante - Via Jacopo Barozzi, 71 - 01100 località Bagnaia (VT)


tel +39 0761 288008
Biglietto: intero € 5,00, ridotto € 2,50
Per info e prenotazioni tel. 345.5523049 – 333.4954424

Ufficio Stampa AGTW: Emanuela Rea 3338537295 - e.rea@agtw.it; Rosario Capasso 3929542809
- r.capasso@agtw.it