Sei sulla pagina 1di 20

Approfondimenti

Teoremi di Green, Stokes e Gauss

In questa sezione dimostriamo i Teoremi di Green (detto anche Formula di Guass-Green),


di Stokes (o del rotore) e di Guass (o della divergenza).

1.1 Teorema di Green

(1.1) Teorema (di Green (o formula di Gauss-Green)) Siano Ω ⊆ R2


aperto non vuoto, F : Ω → R2 un campo vettoriale di classe C 1 , F = (f1 , f2 ), A ⊆
Ω un aperto limitato tale che ∂A ⊆ Ω è il sostegno di una curva parametrica chiusa,
semplice e regolare a tratti γ : [a, b] → Ω. Supponiamo che ∂A sia orientamento
positivamente.
Allora I Z  
∂f2 ∂f1
F · dP = (x, y) − (x, y) dx dy.
∂A A ∂x ∂y

Dimostrazione. Consideriamo inizialmente alcuni casi particolari e poi procediamo


con il caso generale.
1) Supponiamo che l’insieme A sia della forma
n o
A = (x, y) ∈ R2 : a < x < b, α(x) < y < β(x) ,

dove α, β : [a, b] → R sono due funzioni di classe C 1 tali che α(x) < β(x) per ogni
x ∈ [a, b] (vedi Fig. 1.1). 1

1
Analogamente si procede se A è della forma
n o
2
A= (x, y) ∈ R : a < y < b, α(y) < x < β(y) ,

dove α, β : [a, b] → R sono due funzioni di classe C 1 tali che α(y) < β(y) per ogni y ∈ [a, b].

1
2 S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

y = β(x)

γ3

γ4 γ2
A

γ1

y = α(x)

O a b x

Fig. 1.1: L’insieme A.

Si ha che ∂A = im (γ) = im (γ1 ) ∪ im (γ2 ) ∪ im (γ3 ) ∪ im (γ4 ), dove

γ1 (t) = (t, α(t)), ∀t ∈ [a, b],

γ2 (t) = (b, t), ∀t ∈ [α(b), β(b)],


 
γ3 (t) = b + t(a − b), β(b + t(a − b)) , ∀t ∈ [0, 1],
 
γ4 (t) = a, β(a) + t(α(a) − β(a)) , ∀t ∈ [0, 1].

Poiché le quattro curve sono orientate in modo coerente con il verso di percorrenza
antiorario indotto da γ su ∂A, si ha che
I Z Z Z Z Z
F · dP = F · dP = F · dP + F · dP + F · dP + F · dP =
∂A γ γ1 γ2 γ3 γ4

Z b Z β(b)
= F (γ1 (t)) · γ10 (t) dt + F (γ2 (t)) · γ20 (t) dt+
a α(b)
Z 1 Z 1
+ F (γ3 (t)) · γ30 (t) dt + F (γ4 (t)) · γ40 (t) dt =
0 0

essendo F = (f1 , f2 ), γ10 (t) = (1, α0 (t)), γ20 (t) = (0, 1), γ30 (t) = a − b, (a − b)β 0 (b + t(a −
  
b)) , γ40 (t) = 0, α(a) − β(a) , si ha
Z bh i Z β(b)
0
= f1 (t, α(t)) + α (t)f2 (t, α(t)) dt + f2 (b, t) dt+
a α(b)
1.1 Teorema di Green 3

Z 1h    i
+ (a−b)f1 b+t(a−b), β(b+t(a−b)) +(a−b)β 0 (b+t(a−b))f2 b+t(a−b), β(b+t(a−b)) dt+
0
Z 1   
+ α(a) − β(a) f2 a, β(a) + t(α(a) − β(a)) dt =
0

operando le sostituzioni s = b + t(a − b) e s = β(a) + t(α(a) − β(a)) rispettivamente nel


terzo e quarto integrale si ottiene
Z bh i Z β(b)
= f1 (t, α(t)) + α0 (t)f2 (t, α(t)) dt + f2 (b, t) dt+
a α(b)

Z bh i Z β(a)
0
− f1 (s, β(s)) + β (s)f2 (s, β(s)) ds − f2 (a, s) ds.
a α(a)

Si ha che
Z b Z b Z b Z b
f1 (t, α(t)) dt − f1 (s, β(s)) ds = f1 (x, α(x)) dx − f1 (x, β(x)) dx =
a a a a
Z bh i
=− f1 (x, β(x)) − f1 (x, α(x)) dx =
a
∂f1
essendo f1 di classe C 1 e quindi la funzione continua,
∂y
Z Z ! Z
b β(x) ∂f1 ∂f1
(1.2) =− (x, y) dy dx = − (x, y) dx dy.
a α(x) ∂y A ∂y

Consideriamo le funzioni G : [a, b] × R × R → R e ϕ : [a, b] → R definite da


Z v
∀x ∈ [a, b], ∀u, v ∈ R : G(x, u, v) = f2 (x, y) dy,
u
Z β(x)
∀x ∈ [a, b] : ϕ(x) = f2 (x, y) dy,
α(x)

Evidentemente si ha che ϕ(x) = G(x, α(x), β(x)), per ogni x ∈ [a, b]. Per il Teorema di
derivazione sotto il segno di integrale2 si ha che G è derivabile rispetto a x con
Z v
∂G ∂f2
∀x ∈ [a, b], ∀u, v ∈ R : (x, u, v) = (x, y) dy.
∂x u ∂x
2
Teorema di derivazione sotto il segno di integrale. Siano I, J due intervalli chiusi e limitati
di R e f : I × J → R una funzione continua. Supponiamo che f ammetta derivata parziale rispetto a x
∂f
e che la funzione ∂x : I × J → R sia continua.
Allora la funzione g : I → R definita da
Z
∀x ∈ I : g(x) = f (x, y) dy
J

è derivabile e si ha che Z
∂f
∀x ∈ I : g 0 (x) = (x, y) dy.
J
∂x
4 S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

Essendo α e β derivabili, anche ϕ risulta derivabile per composizione e, applicando la


regola della derivata parziale della funzione composta e il Teorema fondamentale del
calcolo integrale, si ha che per ogni x ∈ [a, b]

∂G ∂G ∂G
ϕ0 (x) = (x, α(x), β(x)) + (x, α(x), β(x)) · α0 (x) + (x, α(x), β(x)) · β 0 (x) =
∂x ∂u ∂v
Z β(x) ∂f2
= (x, y) dy + β 0 (x)f2 (x, β(x)) − α0 (x)f2 (x, α(x)).
α(x) ∂x
Ne segue che
Z β(b) Z β(a) Z β(b) Z β(a)
f2 (b, t) dt − f2 (a, s) ds = f2 (b, y) dy − f2 (a, y) dy = ϕ(b) − ϕ(a) =
α(b) α(a) α(b) α(a)

per il Teorema di Torricelli-Barrow


Z Z Z !
b b β(x) ∂f2
0
= ϕ (x) dx = (x, y) dy + β 0 (x)f2 (x, β(x)) − α0 (x)f2 (x, α(x)) dx =
a a α(x) ∂x
Z Z bh
∂f2 i
= (x, y) dx dy + β 0 (x)f2 (x, β(x)) − α0 (x)f2 (x, α(x)) dx =
A ∂x a
Z Z b Z b
∂f2
= (x, y) dx dy + β 0 (s)f2 (s, β(s)) ds − α0 (t)f2 (t, α(t)) dt.
A ∂x a a

Quindi
Z b Z b Z β(b) Z β(a)
0 0
α (t)f2 (t, α(t)) dt − β (s)f2 (s, β(s)) ds + f2 (b, t) dt − f2 (a, s) ds =
a a α(b) α(a)

Z
∂f2
(1.3) = (x, y) dx dy.
A ∂x
Ne segue che
I Z bh i Z β(b)
0
F · dP = f1 (t, α(t)) + α (t)f2 (t, α(t)) dt + f2 (b, t) dt+
∂A a α(b)

Z bh i Z β(a)
0
− f1 (s, β(s)) + β (s)f2 (s, β(s)) ds − f2 (a, s) ds =
a α(a)
Z b Z b Z b Z b
0
= f1 (t, α(t)) dt − f1 (s, β(s)) ds + α (t)f2 (t, α(t)) dt − β 0 (s)f2 (s, β(s)) ds+
a a a a
Z β(b) Z β(a)
+ f2 (b, t) dt − f2 (a, s) ds =
α(b) α(a)

per (1.2) e (1.3)


Z Z Z  
∂f1 ∂f2 ∂f2 ∂f1
=− (x, y) dx dy + (x, y) dx dy = (x, y) − (x, y) dx dy.
A ∂y A ∂x A ∂x ∂y
1.1 Teorema di Green 5

A2

A1
γ

O x

Fig. 1.2: L’insieme A = A1 ∪ A2 .

2) Supponiamo che la chiusura di A sia suddivisibile nell’unione delle chiusure di due


insiemi della forma considerata nel caso precedente, ad esempio sia A = A1 ∪ A2 , dove
n o
A1 = (x, y) ∈ R2 : a1 < x < b1 , α1 (x) < y < β1 (x) ,
n o
A2 = (x, y) ∈ R2 : a2 < y < b2 , α2 (y) < x < β2 (y) ,

con α1 , β1 , α2 , β2 soddisfacenti ipotesi conformi con il caso precedente (analogamente


negli altri casi).
Allora si ha che Z  
∂f2 ∂f1
(x, y) − (x, y) dx dy =
A ∂x ∂y
Z   Z  
∂f2 ∂f1 ∂f2 ∂f1
= (x, y) − (x, y) dx dy + (x, y) − (x, y) dx dy =
A1 ∂x ∂y A2 ∂x ∂y
per il caso precedente applicato ad A1 e A2
I I
= F · dP + F · dP.
∂A1 ∂A2

Gli integrali di linea sui tratti dei bordi di A1 e A2 interni ad A (in Fig. 1.2 la linea trat-
teggiata) sono calcolati due volte, ma a causa del verso di percorrenza opposto indotto
dalle curve che parametrizzano questi tratti dei bordi di A1 e A2 la loro somma è nulla.
Quindi si ottiene
Z   I I I I
∂f2 ∂f1
(x, y) − (x, y) dx dy = F · dP + F · dP = F · dP = F · dP.
A ∂x ∂y ∂A1 ∂A2 γ ∂A
6 S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

3) Caso generale: si dimostra che se A è un insieme soddisfacente le ipotesi, allora la sua


chiusura è suddivisibile nell’unione di un numero finito di chiusure di insiemi della forma
considerata nel punto 1). Applicando il procedimento del punto 2) a questi insiemi si
giunge alla tesi.
1.2 Teorema di Stokes 7

1.2 Teorema di Stokes

(1.4) Teorema (di Stokes (o del rotore)) Siano Ω ⊆ R3 aperto non vuoto,
F : Ω → R3 un campo vettoriale di classe C 1 , F = (f1 , f2 , f3 ), A ⊆ R2 un
aperto limitato connesso per archi tale che ∂A è l’unione di un numero finito di
sostegni a due a due disgiunti di curve parametriche chiuse, semplici e regolari a
tratti, K = A = A ∪ ∂A e σ : K → Ω una calotta regolare con ∂σ orientamento
positivamente.
Allora I Z
F · dP = rotF · n,
∂σ σ

dove rotF è il rotore del campo F , definito formalmente da




i j k


∂ ∂ ∂

∀(x, y, z) ∈ Ω : rotF (x, y, z) = ∂x ∂y ∂z
.



f (x, y, z) f2 (x, y, z) f3 (x, y, z)
1

Dimostrazione. Dimostriamo per semplicità il Teorema nell’ipotesi ulteriore che σ sia


di classe C 2 . Per brevità espositiva, nel seguito data una funzione ϕ = ϕ(x1 , x2 , · · · , xn )
denoteremo la derivata parziale rispetto alla variabile xi con ϕxi e la derivata parziale
rispetto alle variabili xi e xj con ϕxi xj .
Sia γ : [a, b] → R2 una curva parametrica semplice e regolare che parametrizza
il bordo di K (essendo σ di classe C 2 esiste una parametrizzazione regolare di ∂K).
Poniamo η = σ ◦ γ. Quindi η : [a, b] → Ω è una parametrizzazione del bordo di Σ, dove
Σ = σ(K). Si ha che
I I Z b
F · dP = F · dP = F (η(t)) · η 0 (t) dt =
∂σ η a
essendo η 0 (t) = Jσ (γ(t)) γ 0 (t), dove Jσ (γ(t)) è la matrice Jacobiana di σ in γ(t)
Z b  
= F (σ(γ(t))) · Jσ (γ(t)) γ 0 (t) dt.
a

Consideriamo il campo vettoriale G : K → R2 definito da

G(u, v) = F (σ(u, v)) Jσ (u, v). 3

Osserviamo che
 
F (σ(γ(t))) · Jσ (γ(t)) γ 0 (t) = G(γ(t)) · γ 0 (t).
3
Si intende il prodotto matriciale fra la matrice 1 × 3 (vettore riga) F (σ(u, v)) e la matrice 3 × 2
Jσ (u, v).
8 S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

Infatti,

 
F (σ(γ(t))) · Jσ (γ(t)) γ 0 (t) =

 
σ1,u (γ(t)) σ1,v (γ(t)) !
    γ10 (t)
= f1 (σ(γ(t))), f2 (σ(γ(t))), f3 (σ(γ(t))) · 
 σ2,u (γ(t)) σ2,v (γ(t))  =
γ20 (t)

σ3,u (γ(t)) σ3,v (γ(t))

per la proprietà associativa del prodotto matriciale

  
σ1,u (γ(t)) σ1,v (γ(t)) !
    γ10 (t)
 f1 (σ(γ(t))), f2 (σ(γ(t))), f3 (σ(γ(t)))  σ2,u (γ(t))
=  σ2,v (γ(t))   =
γ20 (t)

σ3,u (γ(t)) σ3,v (γ(t))
| {z }
=G(γ(t))

= G(γ(t)) · γ 0 (t).

Quindi

I Z b   Z b I
F · dP = F (σ(γ(t))) · Jσ (γ(t)) γ 0 (t) dt = G(γ(t)) · γ 0 (t) = G · dP =
∂σ a a γ

e applicando il Teorema di Green al campo vettoriale G = (g1 , g2 ) si ottiene

Z  
∂g2 ∂g1
(1.5) = (u, v) − (u, v) du dv,
K ∂u ∂v

dove

g1 (u, v) = f1 (σ(u, v)) σ1,u (u, v) + f2 (σ(u, v)) σ2,u (u, v) + f3 (σ(u, v)) σ3,u (u, v),

g2 (u, v) = f1 (σ(u, v)) σ1,v (u, v) + f2 (σ(u, v)) σ2,v (u, v) + f3 (σ(u, v)) σ3,v (u, v).
1.2 Teorema di Stokes 9

Si ha che
∂g2 ∂g1
(u, v) − (u, v) =
∂u ∂v
 
= f1,x (σ(u, v)) σ1,u (u, v) + f1,y (σ(u, v)) σ2,u (u, v) + f1,z (σ(u, v)) σ3,u (u, v) σ1,v (u, v)+
+f1 (σ(u, v)) σ1,uv (u, v)+
 
+ f2,x (σ(u, v)) σ1,u (u, v) + f2,y (σ(u, v)) σ2,u (u, v) + f2,z (σ(u, v)) σ3,u (u, v) σ2,v (u, v)+
+f2 (σ(u, v)) σ2,uv (u, v)+
 
+ f3,x (σ(u, v)) σ1,u (u, v) + f3,y (σ(u, v)) σ2,u (u, v) + f3,z (σ(u, v)) σ3,u (u, v) σ3,v (u, v)+
+f3 (σ(u, v)) σ3,uv (u, v)+
 
− f1,x (σ(u, v)) σ1,v (u, v) + f1,y (σ(u, v)) σ2,v (u, v) + f1,z (σ(u, v)) σ3,v (u, v) σ1,u (u, v)+
−f1 (σ(u, v)) σ1,vu (u, v)+
 
− f2,x (σ(u, v)) σ1,v (u, v) + f2,y (σ(u, v)) σ2,v (u, v) + f2,z (σ(u, v)) σ3,v (u, v) σ2,u (u, v)+
−f2 (σ(u, v)) σ2,vu (u, v)+
 
− f3,x (σ(u, v)) σ1,v (u, v) + f3,y (σ(u, v)) σ2,v (u, v) + f3,z (σ(u, v)) σ3,v (u, v) σ3,u (u, v)+
−f3 (σ(u, v)) σ3,vu (u, v) =

essendo σ di classe C 2 le derivate seconde miste delle sue componenti sono uguali e si
ottiene
 
= f1,x (σ(u, v)) σ1,u (u, v) + f1,y (σ(u, v)) σ2,u (u, v) + f1,z (σ(u, v)) σ3,u (u, v) σ1,v (u, v)+
 
+ f2,x (σ(u, v)) σ1,u (u, v) + f2,y (σ(u, v)) σ2,u (u, v) + f2,z (σ(u, v)) σ3,u (u, v) σ2,v (u, v)+
 
+ f3,x (σ(u, v)) σ1,u (u, v) + f3,y (σ(u, v)) σ2,u (u, v) + f3,z (σ(u, v)) σ3,u (u, v) σ3,v (u, v)+
 
− f1,x (σ(u, v)) σ1,v (u, v) + f1,y (σ(u, v)) σ2,v (u, v) + f1,z (σ(u, v)) σ3,v (u, v) σ1,u (u, v)+
 
− f2,x (σ(u, v)) σ1,v (u, v) + f2,y (σ(u, v)) σ2,v (u, v) + f2,z (σ(u, v)) σ3,v (u, v) σ2,u (u, v)+
 
− f3,x (σ(u, v)) σ1,v (u, v) + f3,y (σ(u, v)) σ2,v (u, v) + f3,z (σ(u, v)) σ3,v (u, v) σ3,u (u, v) =
h i
= f3,y (σ(u, v)) σ2,u (u, v)σ3,v (u, v) − σ3,u (u, v)σ2,v (u, v) +
h i
−f2,z (σ(u, v)) σ2,u (u, v)σ3,v (u, v) − σ3,u (u, v)σ2,v (u, v) +
h i
+f1,z (σ(u, v)) σ3,u (u, v)σ1,v (u, v) − σ1,u (u, v)σ3,v (u, v) +
(1.6) h i
−f3,x (σ(u, v)) σ3,u (u, v)σ1,v (u, v) − σ1,u (u, v)σ3,v (u, v) +
h i
+f2,x (σ(u, v)) σ1,u (u, v)σ2,v (u, v) − σ2,u (u, v)σ1,v (u, v) +
h i
−f1,y (σ(u, v)) σ1,u (u, v)σ2,v (u, v) − σ2,u (u, v)σ1,v (u, v) .
10 S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

Inoltre si ha che
Z Z
rotF · n = rotF (σ(u, v)) · N (u, v) du dv,
σ K

dove

i j k

∂ ∂ ∂

rotF (σ(u, v)) = ∂x ∂y ∂z
=


f (σ(u, v)) f2 (σ(u, v)) f3 (σ(u, v))
1
 
= f3,y (σ(u, v)) − f2,z (σ(u, v)), f1,z (σ(u, v)) − f3,x (σ(u, v)), f2,x (σ(u, v)) − f1,y (σ(u, v))

e

i j k


N (u, v) = σu (u, v) ∧ σv (u, v) = σ1,u (u, v) σ2,u (u, v) σ3,u (u, v) =

σ (u, v) σ2,v (u, v) σ (u, v)
1,v 3,v
 
σ2,u (u, v)σ3,v (u, v) − σ3,u (u, v)σ2,v (u, v)
 
 σ3,u (u, v)σ1,v (u, v) − σ1,u (u, v)σ3,v (u, v)  .
= 

σ1,u (u, v)σ2,v (u, v) − σ2,u (u, v)σ1,v (u, v)


Quindi
rotF (σ(u, v)) · N (u, v) =
 
= f3,y (σ(u, v)) − f2,z (σ(u, v)), f1,z (σ(u, v)) − f3,x (σ(u, v)), f2,x (σ(u, v)) − f1,y (σ(u, v)) ·
 
σ2,u (u, v)σ3,v (u, v) − σ3,u (u, v)σ2,v (u, v)
 
·
 σ3,u (u, v)σ1,v (u, v) − σ1,u (u, v)σ3,v (u, v)  =

σ1,u (u, v)σ2,v (u, v) − σ2,u (u, v)σ1,v (u, v)


h i
= f3,y (σ(u, v)) σ2,u (u, v)σ3,v (u, v) − σ3,u (u, v)σ2,v (u, v) +
h i
−f2,z (σ(u, v)) σ2,u (u, v)σ3,v (u, v) − σ3,u (u, v)σ2,v (u, v) +
h i
+f1,z (σ(u, v)) σ3,u (u, v)σ1,v (u, v) − σ1,u (u, v)σ3,v (u, v) +
h i
−f3,x (σ(u, v)) σ3,u (u, v)σ1,v (u, v) − σ1,u (u, v)σ3,v (u, v) +
h i
+f2,x (σ(u, v)) σ1,u (u, v)σ2,v (u, v) − σ2,u (u, v)σ1,v (u, v) +
h i
−f1,y (σ(u, v)) σ1,u (u, v)σ2,v (u, v) − σ2,u (u, v)σ1,v (u, v) =
x

(1.6)

∂g2 ∂g1
= (u, v) − (u, v).
∂u ∂v
Ne segue che
Z Z Z   I
∂g2 ∂g1
rotF ·n = rotF (σ(u, v))·N (u, v) du dv = (u, v) − (u, v) du dv =
x F ·dP
σ K K ∂u ∂v  ∂σ
(1.5)
1.2 Teorema di Stokes 11

che è la tesi.

(1.7) Teorema Siano Ω ⊆ R3 un aperto non vuoto, F : Ω → R3 un campo


vettoriale di classe C 1 , D ⊆ Ω un aperto con bordo tale che ∂D ⊆ Ω.
Allora il flusso (sia uscente che entrante) del rotore del campo F dal bordo di D è
zero, cioè Z
rotF · n = 0.
∂D

Dimostrazione. È sufficiente dimostrare che il flusso uscente è nullo. Sia (x0 , y0 , z0 ) ∈


D. Osserviamo che ∂D = Σ1 ∪ Σ2 , dove

Σ1 = {(x, y, z) ∈ ∂D : z ≤ z0 } , Σ2 = {(x, y, z) ∈ ∂D : z ≥ z0 } .

Si ha che Σ1 ∩ Σ2 = {(x, y, z) ∈ ∂D : z = z0 } è in generale l’unione di un numero finito


n
[
di linee chiuse in R3 , ossia Σ1 ∩ Σ2 = Γi , dove Γi è una linea chiusa in R3 , per ogni
i=1
i = 1, · · · , n. Per semplicità espositiva supponiamo che Σ1 ∩ Σ2 = Γ, con Γ linea chiusa
in R3 .

z
N2

Σ2


γ2
Γ

γ1
N1
Σ1
y

Se orientiamo Σ1 e Σ2 secondo il verso uscente da D, si ha che


Z Z Z
rotF · n = rotF · n + rotF · n.
∂D Σ1 Σ2
12 S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

Evidentemente Γ = ∂Σ1 = ∂Σ2 . Siano γ1 la curva parametrica chiusa, semplice e rego-


lare a tratti che parametrizza Γ in senso antiorario rispetto al vettore normale N1 uscente
da Σ1 e γ2 la curva parametrica chiusa, semplice e regolare a tratti che parametrizza Γ in
senso antiorario rispetto al vettore normale N2 uscente da Σ2 . Poiché N1 e N2 inducono
versi di percorrenza opposti su Γ, si ha che γ1 e γ2 inducono versi opposti su Γ. Per le
proprietà degli integrali di linea di un campo vettoriale
I I
F · dP = − F · dP.
γ1 γ2

Applicando il Teorema di Stokes alle superfici Σ1 e Σ2 si ha che


Z I Z I
rotF · n = F · dP, rotF · n = F · dP.
Σ1 γ1 Σ2 γ2

Quindi
Z Z Z I I
rotF · n = rotF · n + rotF · n = F · dP + F · dP = 0.
∂D Σ1 Σ2 γ1 γ2

(1.8) Osservazione Il Teorema di Green altro non è che il Teorema di Stokes in due
dimensioni. Infatti, siano F : Ω → R2 , A e γ = (γ1 , γ2 ) soddisfacenti le ipotesi del
Teorema di Green (supponiamo per semplicità espositiva che γ sia regolare; se fosse
solo regolare a tratti, a patto di fare qualche piccola modifica, si riotterrebbe lo stesso
risultato).

N
y
A
x γ

Fig. 1.3: L’insieme A visto come sottoinsieme di R3 .

Consideriamo il campo vettoriale G(x, y, z) = (f1 (x, y), f2 (x, y), 0) e la calotta re-
golare σ : A → R3 definita da σ(x, y) = (x, y, 0). In pratica G è il campo F a cui è stata
1.2 Teorema di Stokes 13

aggiunta la terza componente nulla mentre σ è la superficie che descrive l’insieme A visto
come sottoinsieme di R3 (ovvero σ parametrizza il grafico della funzione identicamente
nulla definita sull’insieme A). Si osserva che im (σ) = A ⊆ dom (G). Poiché γ induce su
∂A un verso di percorrenza antiorario rispetto al versore fondamentale dell’asse z (vedi
Fig. 1.3), anche ∂σ = σ|∂A , che parametrizza ∂A, deve indurre lo stesso orientamento.
Un vettore normale (nello spazio tridimensionale) a im (σ) che induca un orientamento
antiorario su ∂A rispetto al versore fondamentale dell’asse z è

∂σ ∂σ
N (x, y) = (x, y) ∧ (x, y) = (0, 0, 1).
∂x ∂y

Applicando il Teorema di Stokes a G e σ si ottiene


I Z
(1.9) G · dP = rotG · n.
∂σ σ

Una parametrizzazione equivalente di ∂σ è η : [a, b] → R3 definita da η(t) = (γ(t), 0) =


(γ1 (t), γ2 (t), 0). Ne segue che
I I Z b Z b
0
G · dP = G · dP = G(η(t)) · η (t) dt = G(γ(t), 0) · (γ 0 (t), 0) dt =
∂σ η a a
Z b    Z bh i
= f1 (γ(t)), f2 (γ(t)), 0 · γ10 (t), γ20 (t), 0 dt = f1 (γ(t))γ10 (t) + f2 (γ(t))γ20 (t) dt =
a a
Z b    Z b Z I
= f1 (γ(t)), f2 (γ(t)) · γ10 (t), γ20 (t) dt = F (γ(t))·γ (t) dt =0
F ·dP = F ·dP.
a a γ ∂A

Inoltre
Z Z Z
rotG · n = rotG(σ(x, y)) · N (x, y) dx dy = rotG(x, y, 0) · (0, 0, 1) dx dy =
σ A A
Z Z  
∂f2 ∂f1
= rot(f1 (x, y), f2 (x, y), 0)·(0, 0, 1) dx dy = 0, 0, (x, y) − (x, y) ·(0, 0, 1) dx dy =
A A ∂x ∂y
Z  
∂f2 ∂f1
= (x, y) − (x, y) dx dy.
A ∂x ∂y
Quindi (1.9) diventa
I Z  
∂f2 ∂f1
F · dP = (x, y) − (x, y) dx dy
∂A A ∂x ∂y

che è la formulazione del Teorema di Green.


14 S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

1.3 Teorema di Gauss

(1.10) Teorema (di Gauss (o della divergenza)) Siano Ω ⊆ R3 un aperto


non vuoto, F : Ω → R3 un campo vettoriale di classe C 1 , F = (f1 , f2 , f3 ), D ⊆ Ω
un aperto con bordo tale che ∂D ⊆ Ω.
Allora il flusso uscente del campo F dal bordo di D è dato da
Z Z
F ·n= divF (x, y, z) dx dy dz,
∂D D

dove divF è la divergenza del campo F , definita da

∂f1 ∂f2 ∂f3


∀(x, y, z) ∈ Ω : divF (x, y, z) = (x, y, z) + (x, y, z) + (x, y, z).
∂x ∂y ∂z

Dimostrazione. Dimostriamo il Teorema nel caso particolare in cui D è un insieme


convesso4 nelle tre direzioni degli assi coordinati. Dobbiamo dimostrare che
Z Z  
∂f1 ∂f2 ∂f3
(1.11) (f1 , f2 , f3 ) · n = (x, y, z) + (x, y, z) + (x, y, z) dx dy dz.
∂D D ∂x ∂y ∂z

Essendo F = (f1 , f2 , f3 ) = (f1 , 0, 0) + (0, f2 , 0) + (0, 0, f3 ), è sufficiente dimostrare che


Z Z
∂f1
(1.12) (f1 , 0, 0) · n = (x, y, z) dx dy dz,
∂D D ∂x

Z Z
∂f2
(1.13) (0, f2 , 0) · n = (x, y, z) dx dy dz,
∂D D ∂y

Z Z
∂f3
(1.14) (0, 0, f3 ) · n = (x, y, z) dx dy dz.
∂D D ∂z
Infatti, sommando (1.12), (1.13) e (1.14) si ottiene (1.11).
Proviamo (1.14). In modo simile si provano anche (1.12) e (1.13). Per semplicità
espositiva supponiamo che, essendo D un aperto con bordo convesso nella direzione di
z, si abbia che D = D ∪ ∂D è della forma
n o
D = (x, y, z) ∈ R3 : (x, y) ∈ K, α(x, y) ≤ z ≤ β(x, y) ,

dove K ⊆ R2 è un compatto e α, β : K → R sono di classe C 1 con α(x, y) ≤ β(x, y) per


ogni (x, y) ∈ K.5
4 3
Un insieme D ⊆ R è convesso se per ogni X, Y ∈ D e per ogni t ∈ [0, 1] si ha che X + t(Y − X) ∈ D,
1.3 Teorema di Gauss 15

Σ3 z = β(x, y)

Σ2

Σ1 z = α(x, y)
y
K
x

Fig. 1.4: Una possibile (semplice) rappresentazione dell’insieme D.

Si ha che ∂D = Σ1 ∪ Σ2 ∪ Σ3 con
n o
Σ1 = (x, y, z) ∈ R3 : (x, y) ∈ K, z = α(x, y) ,
n o
Σ2 = (x, y, z) ∈ R3 : (x, y) ∈ ∂K, α(x, y) ≤ z ≤ β(x, y) ,
n o
Σ3 = (x, y, z) ∈ R3 : (x, y) ∈ K, z = β(x, y) .

Quindi
Z Z Z Z
(0, 0, f3 ) · n = (0, 0, f3 ) · n + (0, 0, f3 ) · n + (0, 0, f3 ) · n.
∂D Σ1 Σ2 Σ3

Essendo Σ1 il grafico della funzione α : K → R, si ha che Σ1 = σ1 (K) dove σ1 (x, y) =


(x, y, α(x, y)). Quindi
Z Z
(0, 0, f3 ) · n = (0, 0, f3 (σ1 (x, y))) · N1 (x, y) dx dy,
Σ1 K

ovvero se il segmento che unisce X e Y è tutto contenuto in D.


n m
[ [
5
In generale si ha che α(K) = αi (Ki ) e β(K) = βj (Hj ), dove Ki , Hj sono compatti di R2
i=1 j=1
n m
[ [
tali che K = Ki = Hj , Ki ∩ Kp e Hj ∩ Hq hanno al più in comune solo parti dei loro bordi, e
i=1 j=1

αi : Ai → R e βj : Bj → R sono funzioni di classe C 1 definite rispettivamente su Ai e Bj aperti di R2


tali che Ki ⊆ Ai e Hj ⊆ Bj .
16 S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

dove N1 (x, y) è un vettore normale al piano tangente a Σ1 in σ1 (x, y) uscente da D.


Essendo
   
∂α ∂α ∂α ∂α
N1 (x, y) = − − (x, y), − (x, y), 1 = (x, y), (x, y), −1 ,
∂x ∂y ∂x ∂y

si ottiene Z Z
(0, 0, f3 ) · n = (0, 0, f3 (σ1 (x, y))) · N1 (x, y) dx dy =
Σ1 K
Z    ∂α
∂α
 Z
= 0, 0, f3 (x, y, α(x, y)) · (x, y), (x, y), −1 dx dy = − f3 (x, y, α(x, y)) dx dy.
K ∂x ∂y K

Essendo Σ3 il grafico della funzione β : K → R, si ha che Σ3 = σ3 (K) dove σ3 (x, y) =


(x, y, β(x, y)). Quindi
Z Z
(0, 0, f3 ) · n = (0, 0, f3 (σ3 (x, y))) · N3 (x, y) dx dy,
Σ3 K

dove N3 (x, y) è un vettore normale al piano tangente a Σ3 in σ3 (x, y) uscente da D.


Essendo  
∂β ∂β
N3 (x, y) = − (x, y), − (x, y), 1 ,
∂x ∂y
si ottiene Z Z
(0, 0, f3 ) · n = (0, 0, f3 (σ3 (x, y))) · N3 (x, y) dx dy =
Σ3 K
Z    ∂β ∂β
 Z
= 0, 0, f3 (x, y, β(x, y)) · − (x, y), − (x, y), 1 dx dy = f3 (x, y, β(x, y)) dx dy.
K ∂x ∂y K

Infine, osserviamo che Σ2 è la porzione del cilindro retto generato dalle rette parallele
all’asse z passanti per il bordo di K. Quindi in ogni punto di Σ2 il vettore normale N2
al piano tangente a Σ2 in tale punto è ortogonale a una di queste rette e di conseguenza
è ortogonale al versore k = (0, 0, 1). In particolare N2 · (0, 0, f3 ) = 0. Ne segue che se
σ2 : K2 → R3 è una parametrizzazione di Σ2 , allora
Z Z
(0, 0, f3 ) · n = (0, 0, f3 (σ2 (u, v))) · N2 (u, v) du dv = 0.
Σ2 K2

In definitiva
Z Z Z Z
(0, 0, f3 ) · n = (0, 0, f3 ) · n + (0, 0, f3 ) · n + (0, 0, f3 ) · n =
∂D Σ1 Σ2 Σ3
Z  
(1.15) = f3 (x, y, β(x, y)) − f3 (x, y, α(x, y)) dx dy.
K

Consideriamo ora Z
∂f3
(x, y, z) dx dy dz.
D ∂z
1.3 Teorema di Gauss 17

Integrando per fili paralleli all’asse z, si ha che


Z Z Z !
∂f3 β(x,y) ∂f3
(x, y, z) dx dy dz = (x, y, z) dz dx dy =
D ∂z K α(x,y) ∂z
Z   Z
= f3 (x, y, β(x, y)) − f3 (x, y, α(x, y)) dx dy. =
x (0, 0, f3 ) · n,
K  ∂D
(1.15)

che è (1.14).

(1.16) Osservazione Il Teorema di Green altro non è che il Teorema di Gauss in


due dimensioni. Infatti, siano F = (f1 , f2 ), A e γ = (γ1 , γ2 ) soddisfacenti le ipotesi
del Teorema di Green (supponiamo per semplicità espositiva che γ sia regolare; se fosse
solo regolare a tratti, a patto di fare qualche piccola modifica, si riotterrebbe lo stesso
risultato). Un vettore normale a ∂A = im (γ) nel punto γ(t) è N (t) = (γ20 (t), −γ10 (t)).
Infatti, essendo γ 0 (t) il vettore tangente a im (γ) in γ(t), si ha che

N (t) · γ 0 (t) = (γ20 (t), −γ10 (t)) · (γ10 (t), γ20 (t)) = γ20 (t)γ10 (t) − γ10 (t)γ20 (t) = 0.

Il versore associato è
N (t) (γ 0 (t), −γ 0 (t))
n(t) = = 2 0 1 .
kN (t)k kγ (t)k

γ 0 (t)
A γ20 (t)
γ(t) 

γ10 (t)

−γ10 (t) N (t)


γ20 (t)

O x

Fig. 1.5: L’insieme A e i vettori tangenti e normali a ∂A.


18 S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

Osserviamo (vedi Fig. 1.5) che questo versore è esterno ad A. Consideriamo il


campo vettoriale G = (−f2 , f1 ). Anche G è di classe C 1 e applicando il Teorema di
Green al campo G si ottiene
I Z   Z
∂f1 ∂f2
(1.17) G · dP = (x, y) + (x, y) dx dy = divF (x, y) dx dy,
∂A A ∂x ∂y A

∂f1 ∂f2
dove divF (x, y) = (x, y) + (x, y) è la divergenza del campo vettoriale F . Con-
∂x ∂y
sideriamo ora l’integrale curvilineo (di prima specie) della funzione f = F · n lungo il
bordo di A orientato positivamente. Si ha che
Z Z Z bh Z bh
i N (t) i 0
F ·n ds = F ·n ds = F (γ(t))·n(t) kγ 0 (t)kdt = F (γ(t))· kγ (t)kdt =
∂A γ a a kN (t)k
Z b  Z bh i
= f1 (γ(t)), f2 (γ(t) · (γ20 (t), −γ10 (t)) dt = f1 (γ(t))γ20 (t) − f2 (γ(t))γ10 (t) dt =
a a
Z b  Z b Z I
= −f2 (γ(t)), f1 (γ(t) ·(γ10 (t), γ20 (t)) dt = G(γ(t))·γ 0 (t) dt = G·dP = G·dP.
a a γ ∂A
Da (1.17) segue che Z Z
(1.18) F · n ds = divF (x, y) dx dy,
∂A A
che è la versione bidimensionale del Teorema della divergenza, dove l’integrale di sinistra
(che è un integrale curvilineo di prima specie) rappresenta il flusso uscente del campo F
dal bordo di A.

Una conseguenza diretta dei teoremi di Green e Gauss è la cosidetta Formula di


integrazione per parti negli integrali multipli, che estende la ben nota Formula di inte-
grazione per parti negli integrali definitivi (di funzioni reali di una variabile) alle funzioni
di più variabili.
Una prima formulazione vettoriale per i campi di R3 è la seguente.

(1.19) Teorema (Formula di integrazione per parti per i campi vettoriali


in R3 ) Siano Ω ⊆ R3 un aperto non vuoto, F : Ω → R3 un campo vettoriale di
classe C 1 , g : Ω → R una funzione di classe C 1 , D ⊆ Ω un aperto con bordo tale
che ∂D ⊆ Ω e n il versore normale a ∂D uscente da D.
Allora, posto x = (x1 , x2 , x3 ), si ha che
Z Z Z
∇g(x) · F (x) dx1 dx2 dx3 = g F · n dσ − g(x) divF (x) dx1 dx2 dx3 ,
D ∂D D

dove divF è la divergenza del campo vettoriale F .6


1.3 Teorema di Gauss 19

Dimostrazione. Consideriamo il campo vettoriale H : Ω → R3 definito da H = gF .


Applicando il Teorema di Gauss ad H si ha che
Z Z
(1.20) divH(x) dx1 dx2 dx3 = H · n dσ.
D ∂D

Posto F = (f1 , f2 , f3 ), si ha che H = (gf1 , gf2 , gf3 ) e quindi per ogni x ∈ Ω

∂(gf1 ) ∂(gf2 ) ∂(gf3 )


divH(x) = (x) + (x) + (x) =
∂x1 ∂x2 ∂x3
∂g ∂f1 ∂g ∂f2 ∂g ∂f3
= (x) f1 (x)+g(x) (x)+ (x) f2 (x)+g(x) (x)+ (x) f3 (x)+g(x) (x) =
∂x1 ∂x1 ∂x2 ∂x2 ∂x3 ∂x3
   
∂g ∂g ∂g  ∂f1 ∂f2 ∂f3
= (x), (x), (x) · f1 (x), f2 (x), f3 (x) +g(x) (x) + (x) + (x) =
∂x1 ∂x2 ∂x3 ∂x1 ∂x2 ∂x3
= ∇g(x) · F (x) + g(x)divF (x).

Sostituendo in (1.20) si ha
Z   Z
∇g(x) · F (x) + g(x)divF (x) dx1 dx2 dx3 = gF · n dσ.
D ∂D

da cui segue immediatamente la tesi.

Una formulazione analoga per i campi vettoriali di R2 è la seguente

(1.21) Teorema (Formula di integrazione per parti per i campi vettoriali


in R2 ) Siano Ω ⊆ R2 aperto non vuoto, F : Ω → R2 un campo vettoriale di classe
C 1 , F = (f1 , f2 ), A ⊆ Ω un aperto limitato tale che ∂A ⊆ Ω è il sostegno di una
curva parametrica chiusa, semplice e regolare a tratti γ : [a, b] → Ω. Supponiamo
che ∂A sia orientamento positivamente.
Allora, posto x = (x1 , x2 ), si ha che
Z Z Z
∇g(x) · F (x) dx1 dx2 = g F · n ds − g(x) divF (x) dx1 dx2 ,
A ∂A D

∂f1 ∂f2
dove divF (x) = (x) + (x) è la divergenza del campo vettoriale F e n è il
∂x1 ∂x2
versore normale a ∂A uscente da A.7

Z
6
L’integrale g F · n dσ è il flusso uscente del campo vettoriale g F dal bordo di D.
Z ∂D
7
L’integrale g F · n ds è il flusso uscente del campo vettoriale g F dal bordo di A, ovvero l’integrale
∂A
curvilineo di prima specie della funzione gF · n lungo il bordo di A.
20 S. Lancelotti, Lezioni di Analisi Matematica II

Dimostrazione. Si applica (1.18) al campo vettoriale H = gF e poi si procede come


nella dimostrazione del teorema precedente.

Da questi teoremi scendono immediatamente le Formule di integrazione per parti


negli integrali doppi e tripli.

(1.22) Teorema (Formula di integrazione per parti negli integrali tripli)


Siano Ω ⊆ R3 un aperto non vuoto, f, g : Ω → R due funzioni di classe C 1 , D ⊆ Ω
un aperto con bordo tale che ∂D ⊆ Ω e n il versore normale a ∂D uscente da D.
Allora, posto x = (x1 , x2 , x3 ), per ogni i = 1, 2, 3 si ha che
Z Z Z
∂g ∂f
(x) f (x) dx1 dx2 dx3 = f g ni dσ − g(x) (x) dx1 dx2 dx3 ,
D ∂xi ∂D D ∂xi

dove ni è la componente i-esima del versore normale n.8

Dimostrazione. Per ogni i = 1, 2, 3 si applica il Teorema (1.19) al campo vettoriale F


avente la componente i-esima uguale a f e le altre nulle.

(1.23) Teorema (Formula di integrazione per parti negli integrali doppi)


Siano Ω ⊆ R2 un aperto non vuoto, f, g : Ω → R due funzioni di classe C 1 , A ⊆ Ω
un aperto limitato tale che ∂A ⊆ Ω è il sostegno di una curva parametrica chiusa,
semplice e regolare a tratti γ : [a, b] → Ω e n il versore normale a ∂A uscente da
A.
Allora, posto x = (x1 , x2 ), per ogni i = 1, 2 si ha che
Z Z Z
∂g ∂f
(x) f (x) dx1 dx2 = f g ni ds − g(x) (x) dx1 dx2 ,
A ∂xi ∂A A ∂xi

dove ni è la componente i-esima del versore normale n.9

Dimostrazione. Per ogni i = 1, 2 si applica il Teorema (1.21) al campo vettoriale F


avente la componente i-esima uguale a f e l’altra nulla.

Z
8
L’integrale f g ni dσ è l’integrale di superficie della funzione reale f g ni sul bordo di D.
Z∂D
9
L’integrale f g ni ds è l’integrale curvilineo di prima specie della funzione reale f g ni lungo il
∂A
bordo di A.