Sei sulla pagina 1di 28

www.naturopatia.

org/blog/
EBOOK GRATUITO

5
PRATICHE NATURALI
PER LA TUA
SALUTE QUOTIDIANA

www.naturopatia.org/blog/
Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
1
www.naturopatia.org/blog/

INDICE
La mossa migliore per la tua salute? 3

PRATICA #1 5
La salute comincia... dalla tua colazione

PRATICA #2 9
Supporta il tuo organismo con i rimedi naturali

PRATICA #3 14
Ritrova elasticità, energia e vitalità con lo yoga

PRATICA #4 24
Riequilibra le tue energie con la meditazione

PRATICA #5 26
Nutri il tuo spirito con l’energia dei mantra

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


2
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

La mossa migliore per la tua salute?


Coltivala quotidianamente curando ogni parte di te.

Ogni individuo è un essere multiforme e complesso, di una complessità


meravigliosa che dona ad ognuno di noi l’unicità, a volte appena percepi-
bile, del nostro modo di essere, della nostra storia, di reazioni interazioni
e relazioni.

Siamo “forme articolate”, un po’ come un puzzle la cui armonia generale


dipende dal giusto posizionamento di ogni tessera, che necessariamente
concorre all’equilibrio dell’insieme.

Un buon naturopata conosce molto bene questa premessa: la salute del


tutto dipende da quella delle singole parti, perciò non si sofferma sui sin-
tomi che di volta in volta si presentano e, solitamente, ci angustiano, ma
analizza i differenti piani che compongono la persona e le relazioni fra gli
stessi.

Siamo formati da quattro piani – fisico, emotivo, mentale e spirituale –


che hanno nutrimenti, prodotti di scarto e tecniche di riequilibrio specifici.
Essi, non essendo compartimenti stagni, interagiscono costantemente l’u-
no con l’altro e cooperano per il mantenimento ed il miglioramento della
salute della persona: supportano una carenza (momentanea o strutturale),
smorzano “un’esuberanza invadente”, collaborano per il raggiungimento
di un risultato (un esempio fra tanti: il piano emotivo con un buono stato
d’animo sostiene il piano fisico impegnato in una prova gravosa, come
potrebbe essere una lunga corsa).

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


3
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

Coltivare salute significa, quindi, curare le sin-


gole parti di cui siamo composti nel modo più
consono, per generare armonia nell’insieme.
Qui di seguito alcune pratiche fondamentali che possiamo attuare da
subito, ogni giorno:

Alimentazione Sana

Rimedi naturali

Yoga

Meditazione

Preghiera

IMPORTANTE
Questo ebook è protetto da copyright.
La riproduzione totale o parziale del testo è vietata.
Quanto descritto in questo manuale non è da considerarsi
in alcun modo sostitutivo di altre terapie mediche,
psicologiche o psicoterapeutiche.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


4
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

PRATICA #1
La Salute comincia...
dalla tua colazione
CAMBIARE ALIMENTAZIONE SI PUO’
Ormai qualunque persona mediamente informata sa quanto le abitudini di
vita incidano sulla salute; all’interno del mare magnum dello stile di vita indi-
viduale, grande spazio occupano le abitudini alimentari.

Se ne parla ovunque, ma sapere davvero quali sono le abitudini alimentari


sane non è così semplice e, successivamente, cambiare le proprie in favore di
quelle nuove è un passo difficile, arduo soprattutto da mantenere nel tempo.

Ricordo una pubblicità che andava per la maggiore quando ero bambina:
“Il cervello ha bisogno di zucchero” recitava il jingle ed una donna bella ed
in forma (come avrebbe potuto essere altrimenti?) saltava divertita piena di
energia.

Giocava, questo spot, sul carburante che usano le nostre cellule, anche quel-
le nervose, proponendo lo zucchero da tavola come alimento sano e neces-
sario. Oggi quanti fra noi non nutrono almeno qualche dubbio in merito?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, già da un paio di anni, ha aggiornato


le linee guida sul consumo di zucchero (non solo quello aggiunto, ma anche
quello contenuto in cibi e bevande) raccomandando fortemente una riduzio-
ne della sua assunzione giornaliera ad una quantità inferiore al 10% dell’e-
nergia totale che assumiamo attraverso i cibi ogni giorno.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


5
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

L’OMS si spinge oltre e, quando possibile, raccomanda un’ulteriore diminuzio-


ne dello zucchero a meno del 5% della quantità di energia totale giornaliera.

DA DOVE PARTIRE PER MANGIARE


MENO ZUCCHERO?
Spesso la nostra colazione è ricca di dolci, anche quella dei nostri figli con pro-
dotti loro dedicati dall’industria alimentare, che pericolosamente abbondano di
zuccheri semplici e grassi saturi, ed è proprio da qui che possiamo cominciare
a cambiare per vivere meglio e nutrire la nostra salute.

Statisticamente chi fa una “buona” colazione mangia meglio anche durante la


giornata, distribuendo in modo appropriato l’ingresso energetico quotidiano,
mangiando meno cibi calorici fra un pasto e l’altro e mantenendo con più fa-
cilità il peso forma nel tempo.

Tanti sono i tipi di colazione che possiamo scegliere a rotazione per farlo di-
ventare un pasto completo e sano, quel “pasto da re” citato nel vecchio adagio
popolare.

Protagonista delle nostre colazioni sane potrebbe essere il Pane, eccellente


cibo semplice, economico e versatile: integrale e di pasta madre, con farine
differenti a rotazione, privilegiando grani antichi a basso tenore di glutine (pro-
teina molto presente nell’alimentazione moderna).

Associare ad esso un po’ di proteine, qualche noce, mandorla o nocciola, lo


rende più equilibrato: piccoli frutti da sgranocchiare o sotto forma di crema su
una fetta, arricchita da una deliziosa marmellata senza zucchero aggiunto (ma
in ogni caso ricca di zuccheri).
Il pane è un ottimo complemento anche per un olio di qualità, meglio se spre-
muto al momento, o per una crema salata di verdure (noi adoriamo quella di
carciofi, di cipolle, di peperoni oppure il classico pesto).

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


6
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

Secco e tostato sostituisce egregiamente le fette biscottate; impreziosito con


uvetta rimpiazza i dolci industriali senza rimpianti; spezzettato, insieme a frutta
fresca, semi e un estratto fresco o un latte vegetale, costituisce una sorta di
“zuppa” gustosa e variabile in base alla stagionalità.

Il pane integrale sazia a lungo, allontanando gli spuntini “spezza-fame” poco


salutari di metà mattina e permettendo di approcciarsi al pranzo in modo equi-
librato, con la giusta attitudine perchè il cibo assuma il ruolo di carburante
prezioso per il nostro organismo, non di sfogo compensatorio od oggetto di
ricerca e desiderio quotidiano.

PANE DI PASTA MADRE DI FARRO INTEGRALE

Ingredienti:

• 600 g di farina integrale di farro


• 200 g di pasta madre rinfrescata
• 350 ml circa di acqua tiepida
• 17 gr di sale
• 1 cucchiaino di malto di riso
• 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva

Preparazione:

Disponi sulla spianatoia la farina di farro integrale a fontana, fai il classico buco
al centro e mettici la pasta madre (rinfrescata il giorno prima), dopodiché scio-
glila versando un po’ di acqua.

Aggiungi il cucchiaio di olio extravergine d’oliva, il cucchiaino di malto di riso e


impasta per almeno dieci minuti, versando lentamente il resto dell’acqua.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


7
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

Quando avrai ottenuto un impasto liscio, crea una palla, infarinala legger-
mente e lasciala riposare in un recipiente coperto al riparo dalle correnti d’a-
ria, per circa un’ora.
Dopodiché forma una pagnotta della forma che desideri e posizionala sulla
teglia del forno, precedentemente foderata con carta forno e infarinata.

Copri con un telo umido e la coperta. Lascia lievitare per almeno altre quat-
tro ore, fino a quando l’impasto sarà raddoppiato.

Prima di infornare controlla che sia ben lievitato e fai un’ incisione profonda.
Scalda il forno a 180° con un pentolino di acqua all’interno e inforna.
Quando la superficie del tuo Pane di Pasta Madre avrà raggiunto un colorito
dorato che ti soddisfa e quando bussandolo sul fondo, con le nocche, darà
un suono sordo significherà che il tuo pane è cotto.

Sforna e mettilo ad asciugare su di una griglia o in posizione verticale.

Mangia il tuo Pane solo quando si sarà completamente raffreddato.


(La ricetta è stata tratta dal nuovo libro edito da LUMEN Edizioni: Pane per Natura)

A CURA DI:

VINCENZO SORECA
BioPanettiere e docente della Scuola di Cucina
Naturale LUMEN

ELENA SOLDI
Naturopata specializzata in Alimentazione Naturale e
docente di LUMEN, Scuola di Naturopatia Olistica

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


8
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

PRATICA #2
Supporta la tua
salute con i rimedi
naturali
TRE RIMEDI NATURALI CON
L’ARGILLA
L’argilla, rimedio antichissimo che vanta un millenario utilizzo, è il più semplice
e immediato dei materiali usati dall’uomo per produrre guarigione ed è un me-
todo basato sull’applicazione prolungata del composto di minerali.

L’argilla è generata dall’unione di terra e acqua, entrambi elementi molto pre-


ziosi e presenti nell’essere umano e nella natura; esse sono sostanze che com-
pongono il pianeta, fondamenti primordiali del mondo, di cui possiamo osser-
vare le qualità rivitalizzanti.

L’argilla è un rimedio estremamente efficace e versatile grazie alle sue pro-


prietà:

DISINFIAMMANTI, CICATRIZZANTI, RIMINERALIZZANTI


E ASSORBENTI.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


9
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

INDICAZIONI GENERALI
Quale argilla devo utilizzare?
Ti consiglio di utilizzare l’argilla verde ventilata; è quella che si presta meglio
ai diversi utilizzi.

Dove la posso acquistare?


La puoi trovare facilmente in farmacia ed erboristeria.

Ci sono controindicazioni?
L’utilizzo dell’acqua argillosa è sconsigliato in caso di frequenti coliche renali.

L’argilla utilizzata per un trattamento si può riutilizzare?


Solitamente l’argilla già utilizzata va buttata, ma se vuoi puoi rivitalizzarla la-
sciandola al sole per almeno 4 ore.

ATTENZIONE: per mantenere inalterate la proprietà dell’argilla, essendo ric-


ca di minerali, ti consiglio di utilizzare, per lavorarla, unicamente strumenti in
legno, vetro o ceramica, escludendo quelli in metallo.

In questo capitolo ti proporrò 4 modi di utilizzare l’argilla per uso esterno che
possono far parte della tua quotidianità per risolvere piccoli disturbi e regalarti
benessere.

1. Impacco di Argilla
2. Applicazione Cicatrizzante
3. Peeling o Frizioni
4. Bagno con acqua argillosa

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


10
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

1. IMPACCO DI ARGILLA
UTILE IN CASO DI: OCCORRENTE:
• Distorsioni • Argilla verde ventilata
• Dolori mestruali • Ciotola in vetro, legno o ceramica
• Scottature da calore • Acqua
• Scottature da raggi solari • Cucchiaio in legno

Versa nella ciotola prima l’argilla e poi l’acqua in proporzione 2 a 1, lascia as-
sorbire e poi mescola delicatamente con il cucchiaio in legno; l’impasto che
otterrai dev’essere morbido, ma compatto.

Stendi uno strato spesso almeno 1 cm sulla zona da trattare, copri con un pan-
no e lascia riposare l’impacco da trenta minuti a un’ora e trenta.

L’applicazione può essere ripetuta fino a due volte al giorno fino alla scom-
parsa del disagio o per un massimo di due settimane.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


11
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

2. APPLICAZIONE CICATRIZZANTE
UTILE IN CASO DI: OCCORRENTE:
• Ferite • Argilla verde ventilata
• Vesciche aperte
• Eritemi essudativi
• Pruriti con essudazione

Applica con le dita l’argilla verde asciutta sulla zona interessata, rimuovi la pol-
vere in eccesso e lascia assorbire.

Un paio di applicazioni dovrebbero essere sufficienti e non è necessario la-


vare la zona subito dopo (in tal modo si vanificherebbe l’effetto assorbente
e cicatrizzante).

3. BAGNO CALDO IN ACQUA ARGILLOSA


UTILE IN CASO DI: OCCORRENTE:
• Ansia e Stress • Argilla verde ventilata
• Stanchezza • Acqua calda

Versa nella vasca da bagno 3 o 4 cucchiai di argilla e mescola bene con le mani
o con un chicchiaio di legno.

Immergiti nell’acqua e rilassati per almeno 20/30 minuti.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


12
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

4. PEELING O FRIZIONI
UTILE IN CASO DI: OCCORRENTE:
• Pelle secca e disidratata • Argilla verde ventilata
• Rinnovo cutaneo e cellulare • Panno umido

Prendi tra le mani un po’ di argilla verde ventilata e applicala sulla zona interes-
sata eseguendo delle frizioni e dei movimenti circolari per circa un minuto in
ogni area trattata: in tal modo effettui un ricambio cellulare.
Fai attenzione a non eccedere con la pressione (specialmente sul viso o zone
con pelle delicata) perché rischi di irritare la cute in quanto l’argilla ventilata è
particolarmente fine e il peeling risulterà profondo.

Terminata l’operazione pulisci la pelle passando un panno umido.

A CURA DI:
SOILI RAINIERI
Naturopata specializzata in Rimedi Naturali, Medicina
Cinese e Kinesiologia, docente di LUMEN Scuola di
Naturopatia Olistica

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


13
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

PRATICA #3

, ,
Ritrova elasticità,
energia e vitalità
con lo yoga
YOGA, UNIONE TRA CORPO, MENTE,
CUORE E SPIRITO
Lo yoga è una disciplina molto antica originaria dell’India e fin qui nulla di nuo-
vo. Quello che meno magari conosci è il significato di yoga e il perché della
sua origine.
Oggi è molto diffuso anche in Occidente e ci sono scuole e corsi per tutti i
gusti che fanno appello a diverse tecniche e origini.

Torniamo al significato originale; YOGA significa “unione”.


Unione tra i diversi piani dell’uomo, sinergia tra corpo, mente, cuore e spirito;
si tratta di una disciplina che diventa uno stile di vita.

Se vivi in tutta la sua integrità e profondità lo yoga, potrai scoprire che è dav-
vero trasformante, ti permette di produrre cambiamenti benefici sia fisici che
interiori.

In queste pillole potrai conoscere un po’ più da vicino questa meravigliosa tec-
nica antica e magicamente sempre attuale, partendo proprio dal piano fisico.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


14
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

Lo stile di vita in cui siamo immersi è estremamente stimolante, forse troppo,


induce in te competizione, stress e continui stati di tensione.
Se fatichi a scrollarti di dosso tutto questo carico, mantieni, contro il tuo vole-
re, stati muscolari tesi e contratti che ti limitano nel tempo, nel movimento e
nello stato di benessere, e ti puoi sentire intrappolato/a in un corpo bloccato,
pesante e poco vitale.

La contrazione è un blocco, l’energia non scorre da un lato e c’è un dispendio


dall’altro in quanto le fibre muscolari continuano a bruciare energia per man-
tenersi tese senza alcuna ragione.

Ovviamente questo coinciderà anche con uno stato interiore mai del tutto
rilassato e appagato.

Ecco alcuni dei più semplici e rapidi progressi e miglioramenti che potrai speri-
mentare con una pratica costante di semplici esercizi di almeno 20/30 minuti
per 3 volte la settimana:

• maggiore elasticità del corpo


• maggior senso di vitalità e vigore
• respirazione più ampia
• umore più positivo
• miglior conoscenza del proprio corpo e dei propri blocchi tensivi

E’ importante precisarti che la sequenza di esercizi qui illustrati non rappre-


senta una seduta di yoga, si tratta di movimenti e posizioni di propedeutica,
che ti aiuteranno a sperimentare i benefici di una pratica che ha come obietti-
vo principale stimolare il movimento consapevole e il rilassamento attraverso
posture e respiro.

Se desideri avvicinarti alla pratica della disciplina dello yoga il consiglio è, e


sarà sempre, quello di cercare un bravo insegnante che ti segua nell’esecuzio-
ne della pratica.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


15
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

COMINCIAMO!
Cosa ti occorre:
• abiti comodi che ti agevolino nel movimento
• uno spazio adeguato dove poter stendere un tappetino da yoga o una co-
perta piegata
• se sono presenti suoni disturbanti (traffico, treno, ecc.) metti della musica
rilassante

Cosa evitare:
• evita di accendere incensi, renderanno difficile la respirazione

Es. 1 - RESPIRAZIONE SU TRE LIVELLI

• In piedi, porta i piedi paralleli tra loro ad un pugno di distanza tra i 2 alluci.
• In piedi, inspirando porta le braccia sopra la testa e cerca di allungarti come
se volessi raggiungere qualcosa in alto e disegna un arco con la schiena
senza forzare
• Espirando sino a svuotare i polmoni, scendi piegandoti in avanti sino a che
potrai scaricare il peso delle mani a terra (piega pure le gambe se necessa-
rio) in modo da rilassare la schiena.
• Rimani piegato in avanti per qualche istante (in apnea).
• Risali srotolando la schiena, tendendoti verso l’alto, lasciando testa e spalle
pesanti.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


16
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

• Quando sei in posizione eretta inspira all’altezza dell’addome ponendo le


mani come in foto
• Continuando ad inspirare, sali sino al diaframma e respira a quest’altezza
• Continuando ad inspirare, continua a salire sino a distendere le braccia
sopra la testa e porta l’aria nel torace. Prosegui qualche istante a inspirare
(anche se hai l’impressione che non entri più aria).
• Ora espira ripiegandoti in avanti e ripeti la sequenza.
• Ripetere il ciclo per almeno 4 volte

Es. 2 - RILASSAMENTO E ALLUNGAMENTO DELLA SCHIENA


Fase 1

• In piedi, porta i piedi paralleli tra loro ad un pugno di distanza tra i 2 alluci
• In piedi, inspirando, porta le braccia sopra la testa e cerca di allungarti come
se volessi raggiungere qualcosa in alto e disegna un arco con la schiena
senza forzare
• Espirando sino a svuotare i polmoni, scendi piegandoti in avanti sino a che
potrai scaricare il peso delle mani a terra (piega pure le gambe se necessa-
rio) in modo da rilassare la schiena.
• Rimani piegato in avanti per 4 profonde respirazioni.
• Risali srotolando la schiena, tendendoti verso l’alto, lasciando testa e spalle
pesanti (inspirazione).
• Distendi le braccia sopra la testa e inarcati leggermente all’indietro (conti-
nua ad inspirare).

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


17
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

Fase 2

• In piedi, porta i piedi paralleli tra loro ad un pugno di distanza tra i 2 alluci
• In piedi, inspirando porta le braccia sopra la testa, cerca di allungarti come
se volessi raggiungere qualcosa in alto e disegna un arco con la schiena
senza forzare
• Espirando sino a svuotare i polmoni, scendi piegandoti in avanti sino a che
potrai scaricare il peso delle mani a terra (piega pure le gambe se necessa-
rio) in modo da rilassare la schiena.
• Rimani piegato in avanti per 2 profonde respirazioni.
• Ruota verso il piede sx cercando di tenere entrambe le mani a terra. Fai 3
profonde respirazioni cercando di portarle verso la lombare dx.
• Ritorna al centro, inspira ed espirando ruota verso il piede dx cercando di
tenere entrambe le mani a terra. Fai 3 profonde respirazioni cercando di
portarle verso la lombare sx.
• Ritorna al centro, fai 1 respiro.
• Risali srotolando la schiena tendendoti verso l’alto, lasciando testa e spalle
pesanti (inspirazione).
• Distendi le braccia sopra la testa e inarcati leggermente all’indietro (conti-
nua ad inspirare).
• Riporta le braccia lungo i fianchi, mantenendo la posizione eretta e l’addo-
me retratto.
• Ripeti il ciclo per almeno 3 volte

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


18
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

Es. 3 - TORSIONE DELLA SCHIENA

• In piedi, porta i piedi paralleli tra loro ad un pugno di distanza tra i 2 alluci.
• Distendi bene la schiena, porta dietro le spalle e allungati dalla testa.
• Distendi le braccia sopra la testa, coi palmi che si guardano, allungati come
se volessi raggiungere il piolo di una scala lontana, poi rilassa le spalle man-
tenendo le braccia distese.
• Inspirando, allungati ancora nella schiena, espirando ruota col busto a sx
avendo cura di mantenere fermo il bacino (altrimenti annullerai l’effetto
della torsione)
• Fermati alla prima resistenza. Fai 2 profondi respiri e ad ogni espirazione
vedi se, senza entrare in una fascia di dolore, riesci ad aumentare anche di
poco la torsione
• Inspirira ed espirando lentamente ritorna al centro.
• Inspirando allunga ancora la schiena, espirando ruota col busto a dx, aven-
do cura di mantenere fermo il bacino (altrimenti annullerai l’effetto della
torsione)
• Fermati alla prima resistenza. Fai 2 profondi respiri e ad ogni espirazione-
vedi se, senza entrare in una fascia di dolore, riesci ad aumentare anche di
poco la torsione
• Insprira ed espirando lentamente ritorna al centro.
• Inspira, allungati verso l’alto ed espirando ritorna con le braccia lungo i fian-
chi.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


19
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

Es. 4 - PIEGAMENTO E ALLUNGAMENTO LATERALE

• In piedi, porta i piedi paralleli tra loro ad un pugno di distanza tra i 2 alluci.
• Distendi bene la schiena, porta dietro le spalle e allungati dalla testa.
• Distendi le braccia sopra la testa, coi palmi che si guardano, allungati come
se volessi raggiungere il piolo di una scala lontana, poi rilassa le spalle man-
tenendo le braccia distese.
• Inspirando allunga ancora la schiena e flettiti verso il lato sinistro, avendo
cura di fare un allungamento laterale e non solo un piegamento. Tieni bene
allungate le braccia. Puoi anche facilitare il movimento incrociando i pollici.
• Tieni in linea il busto con la linea delle gambe, cioè abbi cura di non piegarti
in avanti o indietro.
• Inspirando ritorna in asse. Espira, abbassa e rilassa le spalle.
• Inspira ed espirando lentamente ritorna al centro.
• Ripeti il movimento per il lato destro.

Es. 5 - MOVIMENTO DELLA TIGRE

• In quadrupedia, le braccia divaricate pari alla larghezza delle spalle e le gi-


nocchia leggermente distanziate di modo che siano in linea con la larghez-
za delle anche. Tieni appoggiati i dorsi dei piedi.
• Bilancia bene il tuo peso tra mani e ginocchia.
• Inspirando, inizia lentamente ad inarcare verso il basso la schiena facendo
partire il movimento dalle vertrebre lombari, trasmettendolo sino alla cer-
vicale.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


20
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

• Esegui il movimento se puoi a occhi chiusi. Porta la tua attenzione alle sin-
gole vertebre interessate al movimento.
• Espirando, sempre partendo dalle vertebre lombari, inizia a incurvare verso
l’alto la schiena (ponte)
• Se puoi, tieni sempre gli occhi chiusi e porta la tua attenzione alle vertebre

Es. 6 - POSIZIONE DEL COBRA

• Posizione sdraiata a pancia in giù, qualche respiro appoggiando la guancia


sx e qualche respiro appoggiando quella dx.
• Appoggia la fronte, porta le mani sotto le spalle coi gomiti aderenti al cor-
po.
• Prova a tirarti su inarcando la schiena solo con la forza muscolare, senza
usare le braccia.
• Tieni la posizione per qualche respiro e poi, espirando, scendi appoggian-
do prima la fronte e poi rilassa, appoggiando la guancia sx.
• Ripeti la sequenza utilizzando le mani e le braccia, sollevando solo il petto.
Quando ti sollevi tieni i gomiti stretti e le spalle aperte, lontane dalle orec-
chie.

• Puoi provare a ripetere gli esercizi, ascoltando e rispettando le tue possi-


bilità fisiche, sollevandoti sino all’ombelico e in ultima battuta lasciando in
appoggio solo il pube

• Se ne senti il bisogno, ruota sulla schiena e vai in posizione di compensa-


zione.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


21
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

• Porta le mani sulle ginocchia. Inspirando allontana le gambe sino a disten-


dere le braccia.
• Espirando avvicina le gambe sino a comprimere l’addome. Concentrati
sull’allungamento della schiena.
• Ripeti l’operazione per qualche respiro ed infine abbraccia le ginocchia,
avendo cura di non curvare la schiena (deve rimanere dritta e appoggiata
sul tappetino) e portale al petto respirando liberamente.

Es. 7 - TORSIONE A TERRA

• A terra con la schiena appoggiata.


• Porta i piedi appoggiati vicino ai glutei, con le gambe che formano un an-
golo di 45°.
• Inspira e distendi la schiena; espirando fai scendere le gambe verso il lato
sx e ruota la testa a dx. Ruota solo fino a quando riesci a tenere la spalla dx
appoggiata a terra.
• Rimani lì per 3 o 4 respiri. (Attenzione: se non tocchi a terra con le ginoc-
chia, utilizza il supporto di 1 o più cuscini per poter rilassare la schiena.
• Ritorna dolcemente al centro.
• Ripeti l’operazione verso il lato dx.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


22
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

Es. 8 - RILASSAMENTO

• Posizione sdraiata a pancia in su.


• Lascia cadere i piedi verso l’esterno con le gambe leggermente divaricate.
Anche le braccia sono aperte e leggermente distanti dai fianchi con i palmi
rivolti verso l’alto.
• Fai qualche respiro.
• Poi appoggia le mani sotto l’ombelico, respira in modo profondo portando il
respiro proprio a livello addominale per 3 respiri.
• Sposta le mani appena sotto il torace e porta il respiro a quell’altezza per 3
respiri.
• Sposta le mani appena sotto le spalle e porta la respirazione verso la parte
più alta del torace per 3 respiri.
• Infine riporta le mani lungo i fianchi ancora per 3 respiri.
• Poi dolcemente riportati in posizione seduta a occhi chiusi per qualche re-
spiro.

A CURA DI:
ALESSANDRO PERA
Ha conseguito il titolo di istrutture di Yoga presso
““L’’’accademia di Ananda Yoga”” secondo l’antica tradi-
zione tramandata da Paramahansa Yogananda.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


23
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

PRATICA #4
Riequilibra le tue
energie con la
meditazione

SCARICA L’’’AUDIO: Traccia 4 - meditazione guidata

La Meditazione Guidata è una tecnica molto efficace, che ti consentirà di rag-


giungere un profondo stato di quiete e rilassamento, associato ad una nuova
sensazione di unità interiore. Infatti, con questa specifica meditazione, andrai
a interagire sull’equilibrio tra le due polarità energetiche che convivono in noi,
quella maschile e quella femminile.

Un buon equilibrio tra queste due energie, che puoi anche chiamare Luce e
Buio, Dentro e Fuori, Giorno e Notte, Azione e Riposo, Yin e Yang, ti aiuterà ad
Essere ciò che sei, a mostrare quello che vivi dentro, a creare quello che senti,
a riconoscere e portare fuori il tuo potenziale interiore.

Attraverso la meditazione guidata hai la possibilità di entrare in contatto e


comunicare con il tuo inconscio, di aprire porte finora chiuse, di illuminare lati
ancora bui della tua Interiorità.

Grazie alla pratica sarai supportato nel cambiamento e nella scoperta dei tuoi
talenti ancora inespressi.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


24
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

La meditazione è composta da due parti principali, una di rilassamento ed una


di visualizzazione guidata. Ti accorgerai che è un po’ come fare allenamento
fisico: più ti applicherai, meglio e più rapidamente riuscirai a passare le diverse
fasi .
E’ importante che, soprattutto all’inizio, tu segua qualche piccolo accorgimen-
to:

• Prenditi un buon tempo per seguire la meditazione. Questo ti permette di


poterti rilassare più profondamente e di poter godere dello stato di rilassa-
mento anche dopo la meditazione. Un ottimo momento può essere la sera,
prima di addormentarti.

• Mettiti in posizione comoda, che ti consenta anche di addormentarti, se


dovesse succedere. L’ambiente deve essere caldo e confortevole, una co-
perta può essere piacevole. Evita i luoghi rumorosi, tendono a portare via
la tua attenzione. Dedicati il tempo che ti meriti in un posto il più possibile
silenzioso.

• Pratica la meditazione una volta al giorno per almeno 21 giorni consecutivi.


Permetterai a te stesso di cambiare ed Essere ciò che sei.

• Anche durante la giornata, quando ti viene in mente, pensa ai luoghi che


frequenti e alle sensazioni che provi durante la meditazione ed immagina
di portarli nella tua quotidianità. Ti aiuterà a trasportare nella tua vita la tua
nuova realtà.

Ora agisci, mettiti comodo e rilassati, buona meditazione!

A CURA DI:
DAVIDE PIROVANO
Mind Coach e Trainer in PNL, fondatore dell’’ecovillag-
gio LUMEN, Docente di Mindfulness e Comunicazione
Efficace.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


25
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

PRATICA #5
Nutri il tuo spirito
con l’’’energia
dei mantra
SCARICA L’’’AUDIO: Traccia 5 - mantra fiducia

Mantra è una parola sanscrita, formata da due termini “man” e “tra” che insie-
me formano il significato di “strumento che modifica il pensiero”, ma non solo:
strumento “che libera, che compie, che agisce, che protegge”, “formula che
libera la mente”, “pratica che protegge il pensare”.

Il mantra è in grado di modificare concretamente la nostra vita e permette di


produrre un reale cambiamento interiore.

Il mantra che ti propongo è Credo Mihi, che inisieme ad altri 9 mantra è stato
creato in LUMEN dalla volontà di dar vita a qualcosa di prezioso che potesse
nutrire armonia e salute.

Questo mantra esprime l’energia della fiducia, il faro che illumina la vita.
La fiducia verso se stessi e verso gli altri attiva forze celate che saranno risve-
gliate attraverso la recita di questo mantra.
Favorisce inoltre l’armonizzazione delle energie personali e la risoluzione dei
conflitti, alimentando la fiducia nelle proprie capacità e in quelle di chi ci sta
accanto.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


26
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

Credo Mihi, Confido in Te


CREDO IN ME, HO FIDUCIA IN TE

CREDO MIHI, CONFIDO IN TE


3 VOLTE

AMO VITAM, PERFECTUM EST

CREDO IN ME HO FIDUCA IN TE
AMO LA VITA, E’ PERFETTO

Siediti comodo e ascolta rimanendo concentrato; quando inizi a sentire la


bellezza e la gioia di questo brano espandersi al tuo interno è il momento di
alzarti e iniziare a ruotare su te stesso, apri le braccia, apri i palmi e inizia a
espandere intorno a te il tuo sentimento di fiducia incondizionata.

Ora tutto è perfetto.

Credo Mihi ti aiuterà a trovare la voglia e il desiderio di fare, ti sosterrà per


continuare con rinnovata fiducia il percorso intrapreso, favorendo la ricon-
nessione con la fonte più luminosa della vita.

A CURA DI:

MILENA SIMEONI
Naturopata e direttrice didattica di LUMEN,
Scuola di Naturopatia Olistica.

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


27
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.
www.naturopatia.org/blog/

Scopri i percorsi formativi LUMEN:

Scuola di Naturopatia Olistica


Scuola di Naturopatia diretta da Milena Simeoni con sede a Piacenza, Milano e Padova. Pro-
pone il Triennio di Naturopatia e corsi monografici di medicina naturale tra cui Alimentazione,
Naturopatia, Medicina Cinese, Medicina Ayurvedica, Iridologia, Fiori di Bach e Riflessologia
Plantare.
VAI AL SITO>>

Wellness Academy
Wellness Accademy propone corsi di massaggio per estetiste e professionisti di spa e centri
benessere tra cui Antistress, Ayurvedico, Sportivo, Emolinfatico, Aromamassaggio e Linfodre-
naggio. I corsi, integrati con altri, formano percorsi formativi utili a lavorare in strutture del
benessere.
VAI AL SITO>>

Scuola di Cucina Naturale


Scuola di Cucina mirata al miglioramento delle abitudini e conoscenze culinarie. Oltre ai corsi
teorici la scuola propone corsi di Verdure, Cereali, Legumi, Proteine vegetali (tofu, seitan, tem-
peh), Ricette senza glutine, Sughi per la pasta, Basi della Pasticceria Naturale.
VAI AL SITO>>

LUMEN - Associazione per la Medicina Naturale


Via Polignano, 5 - 29010 San Pietro in Cerro - PC
T. 0523 838172 • info@naturopatia.org • www.naturopatia.org

Vietata la riproduzione del presente materiale sotto qualunque forma


28
COPY RIGHT 2017 LUMEN ED.