Sei sulla pagina 1di 47

MANUALE DI PRODOTTO

GRUPPI STATICI DI CONTINUITA’ Italiano

 B8031FXS 10kVA (3F / 1F)


 B8031FXS 15kVA (3F / 1F)
 B8031FXS 20kVA (3F / 1F)
 B8033FXS 10kVA (3F / 3F)
 B8033FXS 15kVA (3F / 3F)
 B8033FXS 20kVA (3F / 3F)
 B8033FXS 30kVA (3F / 3F)
 B8033FXS 40kVA (3F / 3F)

 Il presente manuale costituisce parte integrante della documentazione tecnica di supporto del prodotto. Leggere
attentamente le avvertenze in esso contenute, in quanto forniscono importanti indicazioni riguardanti la sicurezza
d’uso.
 Questa apparecchiatura dovrà essere destinata al solo uso per il quale è stata espressamente concepita. Ogni
altro uso è da considerarsi improprio e quindi pericoloso. Il Costruttore non può essere considerato responsabile
per eventuali danni causati da usi impropri, erronei ed irragionevoli.
 BORRI si ritiene responsabile della macchina nella sua configurazione originale.
 Qualsiasi intervento che alteri la struttura o il ciclo di funzionamento della macchina deve essere eseguito ed
autorizzato direttamente da BORRI.
 BORRI non si ritiene responsabile delle conseguenze derivanti dall’utilizzo di ricambi non originali.

 BORRI si riserva di apportare eventuali modifiche tecniche sul presente manuale e sulla macchina senza
l’obbligo di preavviso. Qualora vengano rilevati errori tipografici o di altro genere, le correzioni saranno incluse
nelle nuove versioni del manuale.
 BORRI si ritiene responsabile delle informazioni riportate nella versione originale del manuale in lingua italiana.
 Proprietà riservata – Riproduzione vietata. BORRI tutela i propri diritti sui disegni e sui cataloghi a termine di
legge.

Borri S.p.A.
Via 8 Marzo, 2 – Soci
52010 Bibbiena (AR)
Tel. +39 0575 5351 – Fax +39 0575 561438
Web site: www.borri.it – e-mail: info@borri.it

Descrizione Data Emesso Approvato Lingua Pagina di Pag.


Rev.
Description Date Issued Approved Language Page of Pag.
C Aggiornamento codice 20.05.13 E. Biancucci F. Berti
I 1 47
Codice / Code

OMD91045
 
Indice

1.   DESCRIZIONE GENERALE UPS ....................................................... 5 


1.1   RADDRIZZATORE / CARICA BATTERIA ....................................................... 8 
1.1.1  Caratteristica di carica batteria ............................................................... 9 
1.2  INVERTER ........................................................................................................ 9 
1.2.1  Funzionamento con carico non lineare ................................................ 11 
1.2.2  Gestione sovraccarico ........................................................................... 11 
1.2.3  Funzionamento in corto circuito........................................................... 13 
1.2.4  Protezione ponte IGBT .......................................................................... 13 
1.3  BATTERIA ...................................................................................................... 13 
1.4  STATIC SWITCH ............................................................................................ 14 
1.4.1  Trasferimento Inverter  Bypass ......................................................... 14 
1.4.2  Trasferimento Bypass  Inverter ......................................................... 14 
1.5  BY-PASS MANUALE ..................................................................................... 14 
2.   STATI DI FUNZIONAMENTO............................................................ 15 
2.1  FUNZIONAMENTO NORMALE ...................................................................... 15 
2.2  FUNZIONAMENTO DA BATTERIA................................................................ 16 
2.3  FUNZIONAMENTO DA BYPASS ................................................................... 17 
2.4  BYPASS MANUALE....................................................................................... 18 
3.   PANNELLO FRONTALE ................................................................... 19 
3.1  TASTI FUNZIONE........................................................................................... 19 
3.2  FUNZIONE DEI LED DEL SINOTTICO .......................................................... 20 
3.3  ALLARMI E STATI DI FUNZIONAMENTO .................................................... 21 
3.3.1  Allarmi ..................................................................................................... 21 
3.3.2  Stati di funzionamento ........................................................................... 21 
3.4  MISURE DISPONIBILI SUL DISPLAY ........................................................... 22 
4.   INFORMAZIONI TECNICHE GENERALI .......................................... 23 
4.1   DATI TECNICI................................................................................................. 23 
4.2  ISTRUZIONI PER L’INSTALLAZIONE .......................................................... 23 
4.2.1  Ricezione dell’UPS ................................................................................. 23 
4.2.2  Immagazzinamento ................................................................................ 23 
4.3   MOVIMENTAZIONE DELL’UPS ..................................................................... 24 
4.4  POSIZIONAMENTO E INSTALLAZIONE ....................................................... 25 

OMD91045 rev C
2
4.4.1  Pianta di base, carichi statici e pesi ..................................................... 25 
4.4.2  Dimensioni e distanze ........................................................................... 26 
4.4.3  Criteri d’installazione ............................................................................. 27 
4.4.4   Condizioni ambientali di installazione ................................................. 27 
4.5   ALLACCIAMENTO ELETTRICO .................................................................... 29 
4.6   PROTEZIONE CONTRO IL RITORNO DI TENSIONE (BACKFEED) ............ 32 
4.7  MORSETTIERE ............................................................................................. 33 
4.7.1  Dettagli collegamento elettrico ............................................................. 33 
4.8   COLLEGAMENTO CONDUTTORI DI POTENZA .......................................... 34 
4.9  POSIZIONAMENTO E ALLACCIAMENTO BATTERIE ................................. 35 
4.9.1  Armadio batteria esterno ....................................................................... 36 
4.10  INTERFACCE SERIALI .............................................................................. 39 
5.   OPZIONI ............................................................................................ 41 
5.1   OPZIONI INCLUSE COME STANDARD SETTABILI DA SOFTWARE ......... 41 
5.1.1  Off-Line ................................................................................................... 41 
5.1.2  Soft-Start raddrizzatore programmabile (Walk-In) .............................. 41 
5.1.3  Partenza sequenziale raddrizzatore per sistemi parallelo (Hold-off) . 41 
5.1.4  Convertitore di frequenza ...................................................................... 41 
5.2   OPZIONI FORNIBILI SU RICHIESTA ............................................................ 42 
5.2.1  Compensazione Termica Carica Batteria ............................................. 42 
5.2.2  Trasformatore di isolamento Bypass ................................................... 43 
5.2.3  Kit ingresso separato ............................................................................ 43 
5.2.4  Trasformatori adattamento tensione .................................................... 43 
5.2.5  Scheda allarmi ........................................................................................ 44 
5.2.6  Interfaccia seriale RS-485 (protocollo Mod-Bus) ................................. 45 
5.2.7  Adattatore SNMP .................................................................................... 45 
5.2.8  Pannello remoto ..................................................................................... 45 
5.2.9  Kit parallelo............................................................................................. 45 
5.2.10  Kit connessioni per Armadio Batterie Esterno ................................ 46 
5.2.11  Sezionatore con fusibili per Batteria per Montaggio a parete ........ 46 
5.2.12  Verniciatura speciale .......................................................................... 46 
5.2.13  Generatore Diesel ............................................................................... 47 
5.2.14  Manual Bypass Esterno ..................................................................... 47 
5.2.15  Spengimento Remoto (EPO).............................................................. 47 
5.2.16  BACK FEED (Protezione del non ritorno in rete di energia) ........... 47 
OMD91045 rev C
3
Indice delle figure
Figura 1 – Schema a blocchi UPS ............................................................................................................... 5 
Figura 2 – Interconnessioni B8031FXS 10÷20kVA ...................................................................................... 6 
Figura 3 – Interconnessioni B8033FXS 10÷40kVA ...................................................................................... 7 
Figura 4 – Raddrizzatore .............................................................................................................................. 8 
Figura 5 – Caratteristica di carica batteria.................................................................................................... 9 
Figura 6 – Inverter e static switch ................................................................................................................. 9 
Figura 7 – Funzionamento con carico non lineare ..................................................................................... 11 
Figura 8 – Caratteristica di immagine termica ............................................................................................ 11 
Figura 9 – Sovraccarico con bypass disponibile ........................................................................................ 12 
Figura 10 – Sovraccarico con bypass non disponibile ............................................................................... 12 
Figura 11 – Caratteristica di corto circuito (bypass non disponibile) .......................................................... 13 
Figura 12 – Funzionamento normale ......................................................................................................... 15 
Figura 13 – Funzionamento da batteria ..................................................................................................... 16 
Figura 14 – Funzionamento da Bypass (trasferimento manuale) .............................................................. 17 
Figura 15 – Funzionamento da Bypass (trasferimento automatico) .......................................................... 17 
Figura 16 – Bypass Manuale per prove funzionali ..................................................................................... 18 
Figura 17 – Bypass Manuale per manutenzione o riparazione .................................................................. 18 
Figura 18 – Pannello frontale UPS ............................................................................................................. 19 
Figura 19 – Movimentazione dell’UPS fino a 40kVA .................................................................................. 24 
Figura 20 – Pianta di base.......................................................................................................................... 25 
Figura 21 – Dimensioni e distanza dalle pareti .......................................................................................... 26 
Figura 22 – Morsettiera B8031FXS 10-15-20kVA ...................................................................................... 33 
Figura 23 – Morsettiera B8033FXS 10-15-20kVA ...................................................................................... 33 
Figura 24 – Morsettiera B8033FXS 30-40kVA ........................................................................................... 33 
Figura 25 – Pianta di base armadi batteria esterna ................................................................................... 36 
Figura 26 – Dimensioni armadio batteria esterna ...................................................................................... 37 
Figura 27 – Collegamento tra UPS e armadio batteria .............................................................................. 38 
Figura 28 – Interfacce B8000FXS .............................................................................................................. 40 
Figura 29 – Curva tensione di carica / temperatura ................................................................................... 42 
Figura 30 – Esempio UPS collegati in configurazione parallelo................................................................. 46 
Figura 31 – Schema a blocchi interfaccia Generatore Diesel .................................................................... 47 

OMD91045 rev C
4
1. DESCRIZIONE GENERALE UPS
Gli UPS della serie B8031FXS 10÷20 kVA e B8033FXS 10÷40kVA sono del tipo “ON
LINE DOPPIA CONVERSIONE” e sono connessi fra la rete di alimentazione e le utenze
(vedi figura 1). Per quanto concerne l’architettura e il layout, il progetto è ottimizzato con
particolare cura al fine di renderlo adatto per applicazioni dove l’affidabilità e le alte
prestazioni sono fondamentali per l’alimentazione di carichi critici.
Il funzionamento dell’UPS è ottimizzato dal controllo digitale a microprocessore e
l’inverter a IGBT utilizza la modulazione PWM ad alta frequenza.
L’intero UPS è monitorato da un microprocessore DSP a 32 bit, che permette il
controllo digitale del sistema.
Le procedure di avviamento, arresto, commutazioni su by-pass e viceversa sono
mostrate passo-passo sul display LCD, in modo da semplificare all’utente le manovre
sul sistema.
Le misure elettriche, così come lo stato della batteria, gli allarmi, gli stati operativi e la
memoria eventi sono visualizzati in tempo reale sul display.

Figura 1 – Schema a blocchi UPS


Con questa configurazione l’UPS garantisce l’alta qualità della tensione di uscita,
necessaria per carichi che richiedono una sorgente di alimentazione pulita e stabile. Le
principali caratteristiche sono:

 Protezione della interruzioni di rete, nei limiti dell’autonomia di batteria


 Completo filtraggio dei disturbi di rete
 Alimentazione di alta qualità, in tutte le condizioni di carico e di tensione di
ingresso
 Frequenza di uscita stabile e indipendente da quella di ingresso
 Compatibilità con ogni tipo di carico
 Adattabile a qualsiasi configurazione di neutro (su richiesta)
 Controllo automatico della batteria, sia nella fase di carica che in quella di
scarica
 Semplice da interfacciare con dispositivi di monitoraggio
 Auto-diagnostica e supporto alla ricerca guasti
 Flessibilità nella configurazione di bypass
 Completo accesso dal fronte e dal tetto per manutenzione

OMD91045 rev C
5
Gli UPS della serie B8031FXS e B8033FXS sono costituiti da tre moduli di
conversione monofasi AC/AC, interconnessi fra loro in modo da ottenere, a seconda
della configurazione desiderata, UPS con uscita monofase o trifase. Il microprocessore
controlla i parametri di funzionamento di ciascun modulo. Le figure seguenti mostrano le
interconnessioni di UPS con uscita monofase o trifase.

Figura 2 – Interconnessioni B8031FXS 10÷20kVA

OMD91045 rev C
6
Figura 3 – Interconnessioni B8033FXS 10÷40kVA

OMD91045 rev C
7
Lo schema a blocchi della figura 1 mostra i sotto-sistemi che saranno analizzati nei
paragrafi seguenti:

 Raddrizzatore/Carica batteria (R)


 Inverter (I)
 Batteria (B)
 Static switch: Static switch Inverter (SSI) e Static switch Bypass (SB)
 Bypass manuale (MB)

NOTA
Le descrizioni e i diagrammi delle varie sezioni si riferiscono sempre al singolo
modulo di conversione.
1.1 RADDRIZZATORE / CARICA BATTERIA
Il Raddrizzatore/Carica batteria converte la tensione di ingresso AC in tensione DC,
alimentando l’inverter e tenendo la batteria in carica.

Figura 4 – Raddrizzatore
Il raddrizzatore è basato su un ponte a IGBT controllato in maniera completamente
digitale, che permette di ridurre al minimo le armoniche re-iniettate in rete e di
contenere la distorsione armonica della corrente ad un valore inferiore al 3%. La
tecnologia PFC (Power Factor Correction) consente di ottenere un assorbimento quasi
sinusoidale con un fattore di potenza maggiore di 0,99.
Ogni IGBT del ponte raddrizzatore lavora su una polarità di batteria, e il conduttore di
neutro della rete di ingresso rappresenta il punto centrale.
Il trasduttore TA1 fornisce il segnale di feed-back della corrente di ingresso la cui
forma d’onda è utilizzata dal microprocessore per variare la modulazione PWM degli
IGBT.
La corrente di carica delle batterie viene limitata automaticamente dal software di
controllo, utilizzando i segnali di feed-back provvisti dai trasduttori TA3-TA4.
Le induttanze L3-L4, installate in OPZIONE, servono a ridurre il ripple di corrente al
fine di ottimizzare la vita attesa delle batterie.

OMD91045 rev C
8
1.1.1 Caratteristica di carica batteria
Viene utilizzata la carica ad un livello, soluzione ottimale per batterie ermetiche al
piombo che, a causa della tecnologia costruttiva, hanno un range di tensione molto
stretto. Infatti, la tensione nominale di carica varia intorno a 2,25÷2,27 V/el, con un
valore massimo di 2,3 V/el. La figura seguente mostra le curve di carica con valori di
corrente diversi; più alta è la corrente, maggiore è la capacità ricaricata in funzione del
tempo, minore è il tempo di carica.

Figura 5 – Caratteristica di carica batteria


1.2 INVERTER
L’inverter converte la tensione di ingresso DC in tensione AC, stabilizzata in
frequenza e valore RMS.
La tensione DC è convertita dal ponte ad IGBT, che utilizza due “interruttori”
controllati usando la tecnologia PWM (Pulse Width Modulation) ad alta frequenza di
commutazione. La generazione del PWM e il controllo delle variabili operative sono
completamente gestiti dal microprocessore.

Figura 6 – Inverter e static switch

OMD91045 rev C
9
L’induttanza L2, insieme ai condensatori AC, forma un filtro passa-basso che elimina
il ripple ad alta frequenza e mantiene la distorsione armonica totale (THD) della
tensione ad un valore inferiore al 2% (con carico lineare).
La stabilità della tensione di uscita e la risposta dinamica sono ottimizzate. A tale
scopo sono utilizzati due loop di corrente e di tensione annidati. La componente
continua della tensione di uscita è controllata da un loop separato.(Anti Saturation Loop
“ASL”).
La distorsione armonica totale della tensione di uscita è mantenuta molto bassa sia
in caso di carico lineare che non lineare (vedi descrizione al paragrafo 2.2.1) tramite il
controllo “CBG” (Current Boost Gain).
La selettività in caso di corto circuito (vedi figura 12) è veramente molto alta ed il
tempo di ripristino della tensione è controllato digitalmente (Soft Short Recovery Loop
“SSRL”).
L’inverter, grazie alla tecnologia costruttiva e al controllo a microprocessore, è in
grado di alimentare indifferentemente carichi induttivi o capacitivi. Nel caso il carico sia
fortemente capacitivo (cos  < 0,9) contattare l'ufficio commerciale per verificare se sia
necessario o meno un leggero declassamento in potenza.

OMD91045 rev C
10
1.2.1 Funzionamento con carico non lineare
Un carico non lineare è caratterizzato da un rapporto molto elevato tra i valori di
picco e RMS della corrente, e in condizioni normali può causare distorsione della forma
d’onda della tensione di uscita. L’inverter è provvisto di un correttore a controllo
istantaneo, completamente gestito dal microprocessore, che provvede a variare la
generazione degli impulsi (PWM) in accordo alla reale forma d’onda di uscita, al fine di
mantenere il THD entro il 5% anche con carichi aventi fattore di cresta pari a 3.

Figura 7 – Funzionamento con carico non lineare

1.2.2 Gestione sovraccarico


L’inverter può alimentare continuativamente il 100% del carico nominale e tollerare
condizioni di sovraccarico fino al 125% per 10 minuti o 150% per 30 secondi.
Assorbimenti di picco, come l’inserzione di motori o parti magnetiche, sono gestiti
limitando la corrente di uscita al 200% per 5 cicli, e riducendola poi al 150%.
Ogni volta che la potenza di uscita supera il 100% l’inverter continua ad alimentare i
carichi, mentre il microprocessore attiva l’algoritmo di “immagine termica”, per calcolare
l’accumulo dell’energia in base alla corrente di uscita e alla durata del sovraccarico.
I carichi sono alimentati dall’inverter fino al termine del tempo ammesso, dopo
l’interruttore statico trasferisce il carico sulla linea di bypass senza soluzione di
continuità.

Figura 8 – Caratteristica di immagine termica


OMD91045 rev C
11
1) BYPASS DISPONIBILE
In condizioni di sovraccarico
l’algoritmo inizia a calcolare
l’incremento dell’energia.
Quando viene raggiunto il
valore di soglia il carico viene
trasferito su bypass.
Per garantire il
raffreddamento dei
componenti (trasformatore,
IGBT) l’inverter viene spento
per 30 minuti.
Trascorso questo tempo
l’inverter viene riavviato e il
carico trasferito nuovamente
Figura 9 – Sovraccarico con bypass disponibile sull’alimentazione primaria.
 

2) BYPASS NON DISPONIB.


In condizioni di sovraccarico
l’algoritmo inizia a calcolare
l’incremento dell’energia.
Quando viene raggiunto il
valore di soglia l’inverter
viene spento per evitare
danni ai componenti.
Non appena il bypass è
disponibile il carico è
alimentato dall’interruttore
statico di bypass.
Dopo 30 minuti l’inverter è
riavviato e il carico trasferito
nuovamente
sull’alimentazione primaria.
Figura 10 – Sovraccarico con bypass non disponibile
ATTENZIONE: questa
condizione causa la perdita
di continuità sui carichi

OMD91045 rev C
12
1.2.3 Funzionamento in corto circuito
In caso di corto circuito in uscita all’UPS (allarme A11), il carico è trasferito
immediatamente alla linea di bypass, che provvede ad eliminare il guasto grazie alla
sua maggiore corrente di corto circuito.
Nel caso il bypass non sia disponibile, l’inverter riduce la tensione di uscita e limita la
corrente al 200% per 100ms, e dopo al 150% per 5 secondi, trascorsi i quali viene
spento (in accordo alle EN 62040-3 / EN 50091-3).

Figura 11 – Caratteristica di corto circuito (bypass non disponibile)

1.2.4 Protezione ponte IGBT


I semiconduttori di potenza del ponte inverter sono protetti per mezzo di fusibili extra-
rapidi connessi in ingresso al ponte.
1.3 BATTERIA
Sugli UPS della serie B8000FXS 10÷20kVA la batteria può essere montata all’interno
dell’UPS per la serie 10 – 15 – 20kVA (max. 60 a 62 monoblocchi da 9Ah) oppure in
armadio esterno per capacità di batteria maggiori mentre per la serie 30 – 30 kVA la
batteria viene sempre installata in armadio esterno . La batteria al piombo di tipo
ermetico è composta da due banchi, formati da 180 celle + 180 celle (totale 60
monoblocchi) oppure 186 celle + 186 celle (totale 62 monoblocchi) .
La logica del carica-batteria è completamente integrata nella scheda di controllo del
raddrizzatore; la batteria viene caricata, in accordo alla norma DIN41773,
successivamente ad ogni scarica, parziale o completa. Viene mantenuta in carica
tampone, anche quando carica, per compensare l’auto-scarica.

OMD91045 rev C
13
1.4 STATIC SWITCH
L’interruttore statico, il cui diagramma è mostrato nella figura 6, è composto da
tiristori, dimensionati per funzionare continuativamente al 200% della potenza nominale
di uscita.
I componenti connessi alla rete di bypass sono protetti da fusibili extra-rapidi.
L’interruttore statico è provvisto di una protezione che riduce al minimo il pericolo
causato da eventuali ritorni della tensione di inverter in caso di mancanza della rete di
emergenza (back-feed protection). Grazie alla logica di trasferimento integrata nel
controllo, il carico è alimentato da bypass anche in caso di guasto del microprocessore.
La sovraccaricabilità dello static switch è mostrata di seguito.

Sovraccaricabilità: 200% continuo


1000% per 1 ciclo

1.4.1 Trasferimento Inverter  Bypass


Il trasferimento è attivato solo nel caso la linea di bypass sia in tolleranza (in meno di
0,5 ms), per le seguenti cause:

CAUSA CONDIZIONI DI COMMUTAZIONE


Corto circuito in uscita Linea di bypass nei limiti di tolleranza
Guasto inverter o tensione inverter fuori tolleranza Linea di bypass nei limiti di tolleranza
Tensione DC fuori tolleranza (Inverter OFF) Linea di bypass nei limiti di tolleranza
Sovra-temperatura Linea di bypass nei limiti di tolleranza
Arresto per immagine termica Linea di bypass nei limiti di tolleranza
Commutazione forzata tramite “BYPASS SWITCH” Linea di bypass nei limiti di tolleranza e
(test o service) inverter SINCRONIZZATO

1.4.2 Trasferimento Bypass  Inverter


Quando l’inverter funziona correttamente ed è sincronizzato, l’UPS trasferisce
automaticamente il carico sotto inverter in meno di 1 msec. In caso di frequenti
commutazioni (6 volte in 2 minuti), viene generato un allarme per informare l’utente e il
carico viene bloccato sulla linea di bypass. E’ necessario un reset manuale per ri-
trasferire l’alimentazione sotto inverter.
1.5 BY-PASS MANUALE
Per garantire la manutenzione e la riparazione in sicurezza, l’UPS è provvisto di un
sezionatore di bypass manuale.
In tale condizione possono essere effettuate tutte le attività di prova per verificare
l’efficienza del sistema. Il bypass manuale deve essere inserito seguendo le istruzioni
riportate nel manuale operativo. Il trasferimento in bypass manuale è effettuato senza
soluzione di continuità.

OMD91045 rev C
14
2. STATI DI FUNZIONAMENTO
2.1 FUNZIONAMENTO NORMALE
Durante il funzionamento normale tutti gli interruttori/sezionatori sono chiuso, eccetto
MBCB (bypass di manutenzione).
Il raddrizzatore è alimentato dalla tensione di ingresso trifase AC attraverso
l’induttanza di filtro, alimenta a sua volta l’inverter e compensa le variazione della
tensione di rete così come quelle di carico, mantenendo al tensione DC costante. Allo
stesso tempo provvede a tenere la batteria in stand-by (carica tampone o carica rapida
in funzione del tipo di batteria). L’inverter converte la tensione DC in una sinusoide AC,
stabilizzata in tensione e frequenza, e provvede ad alimentare il carico tramite il suo
static switch SSI.

Figura 12 – Funzionamento normale


 

OMD91045 rev C
15
2.2 FUNZIONAMENTO DA BATTERIA
In caso di mancanza rete, o guasto raddrizzatore la batteria provvede senza
interruzione ad alimentare l’inverter. La tensione di batteria scende in funzione
dell’ampiezza della corrente di scarica; la caduta di tensione non ha alcun effetto sulla
tensione di uscita che è tenuta costante variando la modulazione PWM. Un allarme
viene attivato quando la batteria si avvicina al valore minimo di scarica.
Nel caso l’alimentazione venga ripristinata prima che la batteria sia completamente
scarica, il sistema si riporta automaticamente in funzionamento normale. Nel caso
inverso, l’inverter si arresta e il carico viene trasferito alla rete di bypass (funzionamento
da bypass). Se la rete di bypass non è disponibile o fuori dai limiti di tolleranza
l’alimentazione ai carichi viene interrotta appena la batteria raggiunge la soglia limite di
scarica (black-out).
Appena viene ripristinata l’alimentazione il raddrizzatore provvede alla ricarica della
batteria. Nella configurazione standard l’alimentazione ai carichi viene ripristinata
appena la rete è nuovamente disponibile, ed avviene tramite l’interruttore statico SSB. Il
riavvio dell’inverter avviene quando la batteria ha ripristinato parte della sua capacità.
La ripartenza del sistema dalla condizione di black-out può essere personalizzata
sulla base delle esigenze dell’impianto in tre modalità differenti:
 Bypass  i carichi vengono alimentati appena la rete di bypass è
disponibile (configurazione di fabbrica).
 Inverter  i carichi vengono alimentati dall’inverter (anche se la rete di
bypass è disponibile) quando la tensione di batteria ha
raggiunto la soglia programmata, successivamente al riavvio
del raddrizzatore.
 Inverter Man. l’alimentazione in uscita NON viene ripristinata
automaticamente; il sistema chiede conferma del riavvio, che
può essere effettuato solo manualmente da un operatore
tramite pannello frontale.

Figura 13 – Funzionamento da batteria


 

OMD91045 rev C
16
2.3 FUNZIONAMENTO DA BYPASS
Il carico può essere trasferito sotto bypass sia automaticamente che manualmente. Il
trasferimento manuale è dovuto al BYPASS SWITCH, che forza il carico su bypass. In
caso di guasto della linea di bypass, il carico è trasferito nuovamente sotto inverter
senza interruzione.

Figura 14 – Funzionamento da Bypass (trasferimento manuale)


Le cause del trasferimento automatico sono descritte al paragrafo 2.4.1 e comunque
in qualsiasi caso l’inverter non possa garantire l’alimentazione in tolleranza ai carichi.

Figura 15 – Funzionamento da Bypass (trasferimento automatico)

OMD91045 rev C
17
2.4 BYPASS MANUALE
Il funzionamento in bypass manuale è necessario ogni volta che si voglia provare la
funzionalità dell’UPS, oppure durante lavori di manutenzione o riparazione.
La procedura di bypass manuale è descritta all’interno del manuale operativo e deve
essere seguita attentamente per evitare possibili danneggiamenti all’UPS.
Durante i controlli funzionali dell’UPS tutti gli interruttori possono essere chiusi,
eccetto l’interruttore di uscita OCB, così da provare tutte le varie sezioni.

Figura 16 – Bypass Manuale per prove funzionali


Durante il bypass manuale per riparazione o manutenzione l’UPS è completamente
spento e il carico è alimentato direttamente dalla rete di bypass.

Figura 17 – Bypass Manuale per manutenzione o riparazione

OMD91045 rev C
18
 

3. PANNELLO FRONTALE
Il pannello frontale dell’UPS è composto da un display alfanumerico a 4 righe più 5
tasti funzione e consente il completo monitoraggio dello stato dell’UPS.
Il sinottico di flusso agevola la comprensione dello stato di funzionamento.

Figura 18 – Pannello frontale UPS


3.1 TASTI FUNZIONE
Il pannello frontale dell’UPS è provvisto di 5 tasti, le cui funzioni sono indicate nella
tabella seguente:

Tasto  Funzioni assegnate 

 Scorre i menu verso l’alto 
 Incrementa i valori di una unità 
 Seleziona un valore 
 Scorre i menu verso il basso 
 Decrementa i valori di una unità 
 Seleziona un valore 
 Seleziona un menu 
 Conferma le modifiche 

 Silenzia il buzzer (attivato a seguito di un allarme o anomalia) 

 Torna al menu precedente 

OMD91045 rev C
19
3.2 FUNZIONE DEI LED DEL SINOTTICO

  VERDE Rete AC ingresso raddrizzatore in tolleranza


LED 1       VERDE Senso ciclico errato
  OFF Mancanza rete AC ingresso raddrizzatore

  VERDE Rete AC bypass in tolleranza

LED 2       VERDE Senso ciclico errato


Rete AC bypass fuori tolleranza
  OFF
Mancanza rete AC bypass
      VERDE Raddrizzatore spento oppure guasto

LED 3   ROSSO Tensione DC fuori tolleranza

  VERDE Raddrizzatore acceso e tensione DC in tolleranza

  VERDE Interruttore BCB chiuso e batteria in carica

      VERDE Batteria in scarica o in TEST


LED 4       ARANCIO Interruttore BCB aperto

  ROSSO Batteria guasta (a seguito test di batteria)


  OFF Batteria non presente

  VERDE Tensione inverter in tolleranza e static switch chiuso


LED 5       VERDE Sovraccarico inverter o corto circuito
  OFF Inverter spento o tensione fuori tolleranza

      ARANCIO Ritrasferimento bloccato


LED 6   ARANCIO Static switch bypass chiuso
  OFF Static switch bypass aperto

  VERDE Interruttore di uscita OCB chiuso


LED 7
  OFF Interruttore di uscita OCB aperto

  ARANCIO Interruttore di bypass manuale MBCB chiuso


LED 8
  OFF Interruttore di bypass manuale MBCB aperto

  ROSSO Arresto di emergenza (EPO) attivato


LED 9
  OFF Funzionamento normale

      ARANCIO Richiesta intervento di manutenzione (lampeggio lento)


LED 10       ARANCIO Allarme critico (lampeggio veloce)
  OFF Funzionamento normale

OMD91045 rev C
20
3.3 ALLARMI E STATI DI FUNZIONAMENTO
Il display alfanumerico offre una diagnostica completa del sistema, mostrando la
descrizione di 28 allarmi e 6 stati di funzionamento. Ogni allarme è associato ad una
protezione interna, controllata dal microprocessore, che disabilita certe funzioni
dell’UPS al fine di evitare possibili interruzioni di alimentazione alle utenze.
Gli allarmi e gli stati sono associati a codici; i codici di allarme sono memorizzati nella
memoria eventi. La gestione del display per gli allarmi e gli stati, inclusa la
visualizzazione dello storico, è descritta nella sezione 3.3.1.

3.3.1 Allarmi

A1 MANCANZA RETE A27 ERRORE EEPROM


A2 ER SENSO CICL ING A28 GUASTO CRITICO
A3 RADD SPENTO A29 MANUTENZ PROGRAM
A4 ANOMALIA RADD A30 ALLARME GENERALE
A5 TENS DC ERRATA A31 MBCB BUS CHIUSO
A6 BATTERIA IN TEST A32 EPO BUS
A7 BCB APERTO A33 CARICO ASIMMETR
A8 BATTERIA IN SCAR A34 RICHIESTA SERV
A9 FINE AUT BATTERIA A35 BATT DIESEL MODE
A10 ANOMALIA BATT A36 SPEGNIM VELOCE
A11 CORTO CIRCUITO A38 INV --> CARICO
A12 STOP TIMEOUT CC A39 ERRORE LOOP INV
A13 INV FUORI TOL A40 ANOMALIA SSI
A14 ER SENSO CIC BYP A41 ERR LOOP TEN RAD
A15 BYPASS NON DISP A43 ERR LOOP COR RAD
A16 BYP --> CARICO A46 PERDITA RIDOND
A17 RITRASF BLOC A47 ERR INVIO PARAM
A18 MBCB CHIUSO A48 ERR RIC PARAM EE
A19 OCB APERTO A49 DISCOR TEST MODE
A20 SOVRACCARICO A50 SSW BLOCCATO
A21 IMMAGINE TERMICA A51 TEMPERATURA BATT
A22 BYPASS SWITCH A53 ER COMP FIRMWARE
A23 EPO CHIUSO A54 ERRORE CAN
A24 ALTA TEMPERATURA A55 CAVO PAR DISC
A25 INVERTER SPENTO A56 TERNA SBILANCIATA
A26 PERDITA COMUNIC A63 SEQ AVVIO BLOCC

3.3.2 Stati di funzionamento

S1 BOOSTER OK
S2 BATTERIA OK
S3 INVERTER OK
S4 INV --> CARICO
S5 INV BYPASS SINCRO
S6 BYPASS OK
S7 BYPASS --> CARICO
S9 INV MASTER SINCRO

OMD91045 rev C
21
3.4 MISURE DISPONIBILI SUL DISPLAY
Sotto-menu Dati visualizzati Accuratezza
Tensione ingresso raddrizzatore (1) (2) 1V
Corrente ingresso raddrizzatore (3) 1A
INGRESSO
Frequenza 0,1 Hz
Potenza di ingresso 1 kVA
Tensione (1) (2) 1V
Corrente (3) 1A
Frequenza 0,1 Hz
USCITA
Potenza attiva 1 kW
Potenza apparente 1 kVA
Percentuale di carico 1%
Tensione (1) (2) 1V
BYPASS
Frequenza 0,1 Hz
Tensione (1) (2) 1V
INVERTER
Frequenza 0,1 Hz
AC / DC Tensione uscita raddrizzatore 1V
Tensione e corrente 1V/1A
BATTERIA Capacità nominale 1 Ah
Autonomia residua 1 min / 1 %
(1)
Le misure di tensione sono sempre riferite tra fase e neutro
(2)
Le tre tensioni sono visualizzate in una schermata unica nella forma “xxx yyy zzz V”
(3)
Le tre correnti di linea sono visualizzate in una schermata unica nella forma “xxx yyy zzz A”

OMD91045 rev C
22
4. INFORMAZIONI TECNICHE GENERALI
4.1 DATI TECNICI
Per informazioni sui dati tecnici di prodotto, fare riferimento alla specifica tecnica.
4.2 ISTRUZIONI PER L’INSTALLAZIONE

4.2.1 Ricezione dell’UPS


Si prega di ispezionare il dispositivo prima di procedere all'installazione. Se dalle
condizioni dell'imballaggio e/o dall'aspetto esterno dell'apparecchiatura si rileva un
qualunque danno, contattare immediatamente la società di spedizione o il proprio
rivenditore. La dichiarazione di danno deve essere effettuata entro 6 giorni dalla
ricezione del prodotto e deve essere notificata direttamente al vettore di spedizione. Se
è necessario rispedire il prodotto al costruttore, si prega di utilizzare l'imballaggio
originale.

Pericolo per le persone a seguito di danni da trasporto


  Il danneggiamento meccanico dei componenti elettrici costituisce un grave
pericolo per persone e cose. Qualora si abbia il dubbio di una non completa
integrità dell'imballo o del prodotto entro ad esso contenuto, contattare
l’azienda produttrice prima di effettuare l'installazione e/o la messa in servizio.

4.2.2 Immagazzinamento
La protezione contro l’umidità ed eventuali danni durante il trasporto è normalmente
garantita dall’imballaggio. Non conservare l’UPS all’aperto.

Pericolo di danneggiamento a causa di stoccaggio inappropriato


   Le condizioni ambientali di stoccaggio sono le stesse valide per
l’installazione del dispositivo.
 Conservare il dispositivo solamente in locali protetti da polvere e umidità.
 Il dispositivo non può essere conservato all’esterno.

Alla ricezione dell’UPS, si provveda a rimuovere l’imballo e ad eseguire un accurato


controllo visivo, in modo da accertarsi che l’apparato non abbia subito danneggiamenti
durante il trasporto.

IMPORTANTE
In caso di contestazione relativa a danni subiti durante il trasporto, questa deve
essere avanzata alla compagnia di trasporto immediatamente dopo la ricezione.

In caso che l’UPS non venga installato subito, si dovrà avere cura di immagazzinarlo
in posizione verticale, secondo quanto indicato nell’imballo, di conservarlo in luogo
asciutto e riparato e di coprirlo con un involucro che lo ripari dalla polvere.

OMD91045 rev C
23
4.3 MOVIMENTAZIONE DELL’UPS
Per gli spostamenti dell’UPS prima del posizionamento finale si consiglia di non
rimuoverlo dal pancale in legno sul quale è fissato, per evitare eventuali rischi di
ribaltamento.
Prima del posizionamento finale sul luogo di ubicazione, rimuovere l’UPS dal
pancale, togliendo le staffe di fissaggio.
L’UPS può essere sollevato e spostato tramite elevatore a forca o carrello elevatore.
Gli UPS fino a 40kVA (serie B8031FXS e B8033FXS) sono movimentabili tramite le
quattro ruote piroettanti di cui sono provvisti.
La targhetta dati tecnici dell’UPS è fissata sul retro.

Figura 19 – Movimentazione dell’UPS fino a 40kVA

OMD91045 rev C
24
4.4 POSIZIONAMENTO E INSTALLAZIONE
L’UPS deve essere installato in un luogo pulito ed asciutto, possibilmente non
polveroso. L’utente deve assicurarsi che nell’ambiente vi sia sufficiente ricambio di aria
in modo che l’apparato possa raffreddarsi adeguatamente. Qualora questo non sia
garantito, si dovrà provvedere a raffreddare l’ambiente in modo adeguato.
Qualora l’UPS contenga le batterie all’interno (10-15-20kVA), si dovrà assicurare un
ricambio d’aria adeguato in accordo alle prescrizioni della EN62040-1, allegato N.

4.4.1 Pianta di base, carichi statici e pesi

Figura 20 – Pianta di base

UPS (kVA) 10 15 20 30 40
B8000FXS B8031FXS/B8033FXS B8033FXS

L1 – mm 450
P1 – mm 650
L2 – mm -

B8031FXS (kVA) 10 15 20
Peso senza batteria – kg 100 110 110
Min. 175 Min. 260 Min. 260
Peso con batteria – kg
Max. 285 Max. 285 Max. 285
Min. 470 Min. 829 Min. 829
Carico statico con batterie –kg/m2 Max. 945 Max. 895 Max. 895
Carico statico senza batterie – kg/m2 315 348 348

B8033FXS (kVA) 30 40
Peso senza batteria – kg 140 140
Peso con batteria – kg - -
Carico statico – kg/m2 464 464

OMD91045 rev C
25
4.4.2 Dimensioni e distanze

Figura 21 – Dimensioni e distanza dalle pareti


10 15 20 30 40
Potenza (kVA)
B8031FXS/B8033FXS B8033FXS
L - mm 450
P - mm 670
H - mm 1200
X (min.) - mm 50 100
Y (min.) - mm 500
CABINET ADD. COD. AS553
L1 - mm 503
P1 - mm 647
H1 - mm 1200

La tabella seguente mostra il volume d’aria richiesto per la ventilazione e il


raffreddamento ottimali del dispositivo.

OMD91045 rev C
26
 

4.4.3 Criteri d’installazione


L’ UPS deve essere installato in maniera da garantirne l’ispezionabilità e favorire per
quanto possibile il corretto flusso di aria.

La tabella seguente mostra il volume d’aria richiesto per la ventilazione e il


raffreddamento ottimali del dispositivo.

10 15 20 30 40
Potenza (kVA)
B8031FXS/B8033FXS B8033FXS
Volume aria (m3/h) 500 600 800 900

4.4.4 Condizioni ambientali di installazione


L’aria viene classificata dalla norma EN 60721-3-3 (Classificazione dei parametri
ambientali e loro severità – Uso in posizione fissa in luoghi protetti dalle intemperie),
sulla base delle condizioni climatiche, biologiche e delle sostanze meccanicamente e
chimicamente attive.
Il luogo di installazione deve quindi soddisfare a determinati requisiti per garantire il
rispetto delle condizioni per le quali è stato progettato l’apparato.

 Condizioni climatiche in accordo alla specifica tecnica B8000FXS

Parametro ambientale
Minima temperatura di esercizio (°C) – 10
Massima temperatura di esercizio (°C) + 40
Minima umidità relativa (%) 5
Massima umidità relativa (%) 95
Condensazione NO
Precipitazione con vento (acqua, neve, grandine, ecc.) NO
Acqua di origine diversa dalla pioggia NO
Formazione di ghiaccio NO

 Classificazione delle condizioni biologiche (EN 60721-3-3)

Classe
Parametro ambientale
3B1 3B2 3B3
Presenza di muffa, funghi, Presenza di muffa, funghi,
a) Flora NO
ecc. ecc.
Presenza di roditori e altri Presenza di roditori e altri
b) Fauna NO animali dannosi ai prodotti, animali dannosi ai prodotti,
escludendo le termiti includendo le termiti

OMD91045 rev C
27
 Classificazione delle sostanze meccanicamente attive (EN 60721-3-3)

Classe
Parametro ambientale
3S1 3S2 3S3 3S4
a) Sabbia [mg/m3] No 30 300 3000
b) Polvere (sospensione) [mg/m3] 0,01 0,2 0,4 4,0
c) Polvere (sedimentazione) [mg/(m2·h) 0,4 1,5 15 40
Luoghi dove sono state prese precauzioni per rendere minima
la presenza di polvere. Luoghi non in prossimità di sorgenti di x
polvere
Luoghi senza speciali precauzioni per rendere minima la
presenza di sabbia o polvere, ma non posti in prossimità di x
sorgenti di sabbia o polvere
Luoghi posti in prossimità di sorgenti di sabbia o polvere x
Luoghi posti in prossimità di processi lavorativi che producono
sabbia o polvere, o in zone geografiche aventi un’alta
proporzione di sabbia portata dal vento o di polvere sospesa
x
nell’aria

 Classificazione delle sostanze chimicamente attive (EN 60721-3-3)

Classe
Parametro ambientale
3C1R 3C1L 3C1 3C2 3C3 3C4
Nebbia Nebbia Nebbia
a) Sali marini No No No
salina salina salina
b) Anidride solforosa [mg/m3] 0,01 0,1 0,1 1,0 10 40
c) Idrogeno solforato [mg/m3] 0,0015 0,01 0,01 0,5 10 70
d) Cloro [mg/m3] 0,001 0,01 0,1 0,3 1,0 3,0
e) Acido cloridrico [mg/m3] 0,001 0,01 0,1 0,5 5,0 5,0
f) Acido fluoridrico [mg/m3] 0,001 0,003 0,003 0,03 2,0 2,0
g) Ammoniaca [mg/m3] 0,03 0,3 0,3 3,0 35 175
h) Ozono [mg/m3] 0,004 0,01 0,01 0,1 0,3 2,0
i) Ossido d’azoto (espresso in valori equivalenti di
biossido d’azoto) [mg/m3]
0,01 0,1 0,1 1,0 9,0 20
Luoghi con atmosfera strettamente monitorata e
controllata (categoria “camera pulita”)
X
Luoghi con atmosfera continuamente controllata X
Luoghi posti in zone rurali e urbane dove sono
modeste le attività industriali e il traffico è moderato
X
Luoghi in zone urbane con attività industriali e/o
grande traffico
X
Luoghi posti in prossimità di sorgenti industriali con
emissioni chimiche
X
Luoghi posti all’interno di installazioni industriali.
Emissioni di inquinanti chimici molto concentrati
X

L’UPS B8000FXS è progettato per essere installato all’interno di un ambiente che


soddisfi le seguenti classificazioni.

K Condizioni climatiche In accordo alla specifica tecnica


B Condizioni biologiche 3B1 (EN 60721-3-3)
C Sostanze chimicamente attive 3C2 (EN 60721-3-3)
S Sostanze meccanicamente attive 3S2 (EN 60721-3-3)

Nell’eventualità che le condizioni ambientali del locale di installazione non soddisfino


ai requisiti indicati è necessario adottare misure aggiuntive al fine di ridurre i valori in
eccesso entro i limiti specificati

OMD91045 rev C
28
4.5 ALLACCIAMENTO ELETTRICO
L’allacciamento elettrico rientra normalmente nelle competenze della azienda che
esegue l’installazione del prodotto, e il costruttore dell’UPS non può essere ritenuto
responsabile per eventuali danni dovuti a collegamenti errati.

  Impiegare solamente personale qualificato

  Tutte le operazioni di allacciamento elettrico devono essere effettuate da


personale qualificato ed addestrato.

  Lavorare in conformità alle normative locali

  L'installazione dell'UPS B8000FXS deve essere eseguita in accordo alle


normative nazionali e locali.

  Collegamento cavo di terra

  L’UPS deve essere obbligatoriamente collegato alla terra, mediante l'apposito


morsetto. Si consiglia vivamente di collegare il morsetto di terra come primo
terminale.

L’allacciamento elettrico fa parte della posa in opera e normalmente viene eseguito


dall’impresa che si occupa dell’impianto elettrico e non dal costruttore dell’UPS. Per
questo motivo, quanto segue è da ritenersi indicativo, in quanto il costruttore dell’UPS
non è responsabile dell’impianto elettrico. In ogni caso si raccomanda di eseguire
l’installazione e le connessioni elettriche di ingresso e di uscita, osservando gli standard
locali.
La scelta dei cavi deve essere fatta tenendo in considerazione gli aspetti tecnici,
economici e di sicurezza. La scelta e il dimensionamento dei cavi dal punto di vista
tecnico è funzione della tensione, della corrente assorbita dall’UPS, dalla rete bypass e
dalle batterie, della temperatura ambiente e della caduta di tensione, infine si deve
tenere in particolare considerazione il tipo di posa del cavo.
Ulteriori chiarimenti sulla scelta e il dimensionamento dei cavi potranno essere
desunti dalle norme CEI relative, in particolare dalla norma CEI 64-8.
Tra le principali cause di danneggiamento dei cavi vi sono le “correnti di cortocircuito”
(correnti molto elevate ma di breve durata) e quelle di “sovraccarico” (correnti
relativamente elevate ma con tempi lunghi). Il sistema di protezione normalmente
impiegato per la protezione dei cavi sono: gli interruttori automatici magnetotermici o i
fusibili. La scelta degli interruttori di protezione deve essere effettuata sia in funzione
della corrente massima di cortocircuito (Icc max), utile per stabilire il potere di
interruzione degli interruttori automatici, che di quella minima (Icc min) necessaria per
stabilire la massima lunghezza della linea protetta. La protezione contro il cortocircuito
deve intervenire sulla linea, prima che gli effetti termici ed elettrotermici delle
sovracorrenti possano danneggiare il cavo e le relative connessioni.
OMD91045 rev C
29
Durante l’installazione elettrica si deve prestare particolare attenzione a rispettare il
senso ciclico delle fasi.

  Allacciamento alla rete

  L’allacciamento alla rete deve essere fatto interponendo fra questa e l’UPS
dei fusibili di protezione.
E’ sconsigliato l’utilizzo di dispositivi di protezione differenziali nella
linea di alimentazione dell’UPS; la corrente di dispersione verso terra,
dovuta ai filtri RFI è abbastanza elevata e può causare interventi
intempestivi della protezione.
In accordo alla norma CEI EN62040-1, si possono utilizzare dispositivi
differenziali a soglia di intervento tarabile, al fine di tenere in considerazione la
corrente di dispersione dovuta all’UPS.

  Allacciamento alla rete

Utilizzare un dispositivo di interruzione appropriato e facilmente


accessibile nel cavo che collega l’UPS alla rete.

Per proteggere l’uscita contro il rischio di shock elettrico, usare i seguenti dispositivi
differenziali:

B8033FXS: DISPOSITIVO AS TIPO B (IEC/TR 60755/A2)

B8031FXS: DISPOSITIVO AS TIPO A (IEC 61081-1 o IEC 61091-1)

Dettagli collegamento elettrico


10 15 20
Potenza (kVA)
B8031FXS

Fusibili di ingresso Raddrizzatore 3x25 3x32 3x32


(A) Bypass 1x80 1x110 1x150

Cavi di ingresso Raddrizzatore 4x6 4x10 4x10


(mm2) Bypass 2x16 2x25 2x35
Cavi di uscita (mm2) 2x16 2x25 2x35
Cavi di batteria (mm2) 3x6 3x6 3x6

OMD91045 rev C
30
 

Dettagli collegamento elettrico


10 15 20 30 40
Potenza (kVA)
B8033FXS

Fusibili di ingresso Raddrizzatore 3x25 3x32 3x32 3x70 3x70


(A) Bypass - - - - -

Cavi di ingresso Raddrizzatore 4x6 4x6 4x10 4x25 4x25


(mm2) Bypass - - - - -
Cavi di uscita (mm2) 4x6 4x6 4x10 4x25 4x25
Cavi di batteria (mm2) 3x6 3x6 3x6 3x16 3x16

OMD91045 rev C
31
4.6 PROTEZIONE CONTRO IL RITORNO DI TENSIONE (BACKFEED)
Il dispositivo di protezione contro il ritorno di tensione, come indicato dalla norma CEI
EN 62040-1, è opzionale e può essere previsto in fase d'ordine; l'installazione
successiva può essere effettuata solo da parte di personale specializzato.
Il dispositivo consiste in un contattore che provvede al distacco automatico della
linea di bypass in caso di guasto dell'interruttore statico, per evitare che in assenza rete
ci sia ritorno di tensione sui morsetti di ingresso.
L'utilizzo di un dispositivo installato internamente all'UPS consente una maggiore
flessibilità d'uso, dal momento che viene sezionata solamente la rete di bypass,
lasciando inalterato il funzionamento del raddrizzatore carica batteria.
L'utilizzo di un dispositivo esterno obbliga a separare le linee di alimentazione
dell'UPS (raddrizzatore e bypass) se si vuole mantenere inalterata la flessibilità e la
disponibilità dell'apparato.
Nel caso si preveda un dispositivo di sezionamento esterno all'UPS la tabella
seguente mostra le caratteristiche principali.

Backfeed protection device


Potenza UPS (kVA) - 3100 10 15 20
Massima tensione di utilizzo (Vac) 690
Corrente minima (A) 65 100 130
Categoria di impiego AC-1

Backfeed protection device


Potenza UPS (kVA) - 3300 10 15 20 30 40
Massima tensione di utilizzo (Vac) 690
Corrente minima (A) 25 35 50 70 100
Categoria di impiego AC-1

OMD91045 rev C
32
4.7 MORSETTIERE
L’UPS B8000FXS è provvisto di morsettiere per l’allacciamento dei cavi di potenza e
delle connessioni ausiliarie.

Figura 22 – Morsettiera B8031FXS 10-15-20kVA

Figura 23 – Morsettiera B8033FXS 10-15-20kVA

Figura 24 – Morsettiera B8033FXS 30-40kVA

4.7.1 Dettagli collegamento elettrico


L’allacciamento elettrico fa parte della posa in opera e normalmente viene eseguito
dall’impresa che si occupa dell’impianto elettrico e non dal costruttore dell’UPS. Per
questo motivo, quanto segue è da ritenersi indicativo, in quanto il costruttore dell’UPS
non è responsabile dell’impianto elettrico. In ogni caso si raccomanda di eseguire
l’installazione e le connessioni elettriche di ingresso e di uscita, osservando gli standard
locali.
Durante l’installazione elettrica prestare particolare attenzione a rispettare il senso
ciclico delle fasi.

- UPS fino 10-20 kVA


Le morsettiere sono posizionate sul retro dell’UPS, sotto gli interruttori. Per accedere
ai morsetti rimuovere la protezione posteriore estraendo le viti di fissaggio.

- UPS 30-40 kVA


Le morsettiere sono posizionate sul fronte dell’UPS. Per accedere ai morsetti
rimuovere la protezione frontale estraendo le viti di fissaggio.

OMD91045 rev C
33
4.8 COLLEGAMENTO CONDUTTORI DI POTENZA
Per il collegamento elettrico dell’ UPS B8000FXS è necessario allacciare i seguenti
conduttori:

 Alimentazione DC da batteria;
 Alimentazione AC dalla rete di alimentazione raddrizzatore e bypass;
 Uscita AC verso i carichi.

Pericolo di lesioni a seguito shock elettrico


Sono presenti tensioni molto elevate ai capi dei cavi provenienti dalla
batteria:
 sezionare la batteria con interruttori DC prima di collegarla all' UPS;
 collegare il conduttore di terra all’apposita barra prima di effettuare
qualsiasi altro collegamento interno all’apparato.

Pericolo di danni al dispositivo a causa di isolamento insufficiente


 I cavi devono essere protetti da cortocircuiti e contro le dispersioni verso
terra;
 i punti di inserimento devono essere chiusi ermeticamente per evitare
che l’aria venga aspirata attraverso il passaggio cavi.

Pericolo di danni al dispositivo a seguito cablaggio errato


Per effettuare il collegamento del dispositivo seguire scrupolosamente lo
schema elettrico e rispettare la polarità dei cavi.

OMD91045 rev C
34
4.9 POSIZIONAMENTO E ALLACCIAMENTO BATTERIE
IMPORTANTE
Una batteria può costituire un rischio di scossa elettrica e di un’elevata corrente di
cortocircuito. Quando si opera sulle batterie devono essere osservate le seguenti
precauzioni:
a) Rimuovere orologi da polso, anelli e altri oggetti metallici;
b) Utilizzare utensili con impugnatura isolata;
c) Indossare guanti e scarpe di gomma;
d) Non appoggiare utensili od oggetti metallici sulla parte superiore delle batterie;
e) Scollegare la sorgente di carica prima di collegare o scollegare i morsetti della
batteria;
f) Verificare se la batteria sia stata inavvertitamente collegata a terra. In questo
caso, scollegare la sorgente di terra. Il contatto con una parte qualsiasi della
batteria messa a terra può causare una scossa elettrica. La probabilità può
essere ridotta se i collegamenti di terra vengono interrotti durante l’installazione
e la manutenzione (applicabile ad apparecchiature e ad alimentazioni a batteria
poste a distanza, prive di circuito di alimentazione messo a terra”).

IMPORTANTE
Per l’installazione delle batterie attenersi rigorosamente alle EN62040-1-2, inoltre
dovrà essere seguito il manuale di installazione dell’ UPS.
Per ottenere una durata di vita della batteria pari a quella indicata dal costruttore, la
temperatura di esercizio deve essere compresa fra 0 e 25°C. La batteria può comunque
operare fino a 40°C, con forte riduzione della durata di vita.
Al fine di prevenire la formazione di qualsiasi miscela potenzialmente esplosiva di
idrogeno ed ossigeno, si deve provvedere una ventilazione idonea dell’ ambiente in cui
è ubicata la batteria (vedi EN62040-1-2 allegato N).
Per i materiali installati in Francia, si applicano le prescrizioni della normativa NFC
15-100 articolo 554.2: il volume d’aria rinnovato deve essere almeno uguale allo 0,05 NI
metri cubi per ora, dove N è il numero degli elementi all’interno della batteria ed I è la
corrente massima del raddrizzatore.

Le batterie possono essere interne o esterne, ma in qualsiasi caso, si raccomanda di


installarle quando l’UPS è in grado di provvedere alla loro carica. Si ricorda che se la
batteria viene tenuta senza la necessaria carica per un periodo superiore a 2-3 mesi,
può subire irreparabili degradazioni.

IMPORTANTE
L’UPS B8031FXS e B8033FXS da 10 a 20kVA ha batterie interne.
Assistenza sulle batterie deve essere effettuata da personale qualificato.
Sostituire le batterie con lo stesso numero di elementi, della stessa capacità.
Utilizzare solo batterie originali.
ATTENZIONE: non avvicinare la batteria a sorgenti di calore, potrebbe esplodere.
ATTENZIONE: non aprire il contenitore delle batterie. L’elettrolito rilasciato è
pericoloso per la pelle e per gli occhi. Può essere tossico.
ATTENZIONE: non gettare le batterie esauste nell’ambiente.

Per l’installazione delle batterie attenersi alle istruzioni riportate sul Manuale
Operativo.
OMD91045 rev C
35
4.9.1 Armadio batteria esterno
L’armadio Batteria può essere utilizzato per aumentare l’autonomia dell’UPS per la
linea B8000FXS 10-15-20kVA dove la batteria può essere inserita all’interno dell’UPS.

IMPORTANTE
Con la batteria esterna non è necessario avere la batteria interna.

Le batterie esterne (costituite da 120 monoblocchi, con 6 elementi ciascuno, per un


totale di 720 elementi), sono installate nell’armadio:

- AS533 per batterie da 7Ah, 9Ah e 12Ah


Sull’armadio esterno è previsto l’interruttore sezionatore di batteria e i fusibili di
protezione.
Per l’installazione dell’armadio batteria esterno attenersi alle istruzioni riportate sul
Manuale Operativo.
4.9.1.1 Dimensioni e pesi
Le dimensioni ed i pesi dell’armadio batteria sono indicati di seguito.

Figura 25 – Pianta di base armadi batteria esterna

OMD91045 rev C
36
Figura 26 – Dimensioni armadio batteria esterna

Armadio AS553
L (mm) 503
P (mm) 647
H (mm) 1200
L1 (mm) 500
P1 (mm) 625
L2 (mm) 50

120 x 120 x 120 x 60 x


Armadio AS553
7Ah 9Ah 12Ah 12Ah
Peso senza batteria (kg) 120 120 120 120
Peso con batteria (kg) 408 459 645 385
Carico statico con batteria (kg/m2) 1255 1412 1984 1184

OMD91045 rev C
37
4.9.1.2 Collegamento
La figura seguente mostra il collegamento elettrico tra l’UPS e l’armadio batteria
esterno.

Figura 27 – Collegamento tra UPS e armadio batteria


Per il collegamento sopra decritto utilizzare i cavi già cablati sull’armadio batterie.

OMD91045 rev C
38
4.10 INTERFACCE SERIALI
L’UPS è provvisto di interfacce seriali per la comunicazione verso l’esterno degli stati
di funzionamento e dei parametri operativi.

 RS232 / USB: utilizzata per il collegamento con software proprietario di


programmazione e controllo.
 MODBUS (OPZIONALE): utilizzata per la trasmissione dei dati all’esterno per
mezzo di protocollo MODBUS (RS485) con morsettiera.
 PARALLELO (OPZIONALE): utilizzata per la comunicazione tra UPS in
configurazione parallelo.
 SNMP (OPZIONALE): utilizzata per la trasmissione dei dati all’esterno via
LAN.
 SELETTORE NORMAL/BYPASS: trasferisce il carico su bypass.
 INGRESSO SERVICE: utilizzata solo per manutenzione.

OMD91045 rev C
39
Figura 28 – Interfacce B8000FXS

OMD91045 rev C
40
5. OPZIONI
5.1 OPZIONI INCLUSE COME STANDARD SETTABILI DA SOFTWARE
1. Off-line
2. Soft-start raddrizzatore programmabile (Walk-In)
3. Partenza sequenziale raddrizzatore per sistemi parallelo (Hold-off)
4. Convertitore di frequenza

5.1.1 Off-Line
E’ possibile abilitare la funzione OFF-LINE “ in configurazione singola” tramite
l’apposito Software di Test; Il carico verrà alimentato dal bypass elettronico fino a
quando il bypass sarà presente ed in tolleranza. In caso di guasto della linea di bypass,
il carico sarà trasferito sotto inverter senza interruzione.

5.1.2 Soft-Start raddrizzatore programmabile (Walk-In)


E’ possibile abilitare ed impostare i valori della funzione Soft-Start “ Walk-In” tramite
l’apposito Software di Test; i valori che possono essere impostati sono da 5 a 30
secondi
La funzione di Walk-in permette di variare il soft-start del raddrizzatore, dalla
tensione DC formata dal ponte SCR a quella imposta dalla ricarica di Batteria o
tensione tampone. La funzione Walk-in come la funzione della partenza ritardata del
raddrizzatore permette di diminuire le perturbazioni sul generatore diesel dovute alla
alimentazione degli UPS.

5.1.3 Partenza sequenziale raddrizzatore per sistemi parallelo (Hold-off)


E’ possibile abilitare ed impostare i valori della funzione Partenza Sequenziale
Raddrizzatori tramite l’apposito Software di Test; i valori che possono essere impostati
sono da 1 a 300 secondi.
La funzione di partenza ritardata del raddrizzatore è utile quando si hanno diversi
UPS alimentati dallo stesso generatore Diesel. Infatti in questo caso può essere utile
poter riavviare i raddrizzatori degli UPS ad intervalli di tempo diversi, in modo da
distribuire temporalmente il carico alimentato dal generatore medesimo.

5.1.4 Convertitore di frequenza


E’ possibile abilitare ed impostare i valori della funzione Convertitore di frequenza
tramite l’apposito Software di Test.
La funzione di convertitore di frequenza permette di avere una frequenza in uscita
UPS a 60 Hz mentre la frequenza d’ ingresso è 50 Hz o viceversa. Abilitando questa
funzione, il bypass verrà disabilitato automaticamente non essendo più possibile
sincronizzare le due fonti.
 

OMD91045 rev C
41
5.2 OPZIONI FORNIBILI SU RICHIESTA
1. SONDA PER COMPENSAZIONE TERMICA DELLA TENSIONE DI BATTERIA
2. TRASFORMATORE DI ISOLAMENTO SU LINEA DI BYPASS
3. KIT PER INGRESSO SEPARATO
4. AUTO-TRASFORMATORE PER ADATTAMENTO TENSIONE DI INGRESSO
5. SCHEDA ALLARMI
6. INTERFACCIA SERIALE RS-485 (protocollo ModBus)
7. ACCESSORIO SNMP
8. PANNELLO REMOTO
9. KIT PARALLELO
10. ARMADIO BATTERIE
11. SEZIONATORE CON FUSIBILI PER BATTERIA PER MONTAGGIO A
PARETE
12. VERNICIATURA SPECIALE
13. KIT “LOAD-SYNC BUS”
14. GENERATORE DIESEL
15. CONTATTO AUSILIARIO EPO ESTERNO
16. CONTATTO AUSILIARIO MBCB ESTERNO
17. BACK FEED PROTECTION

5.2.1 Compensazione Termica Carica Batteria


Questo optional prevede un sensore termico di temperatura da installare in
prossimità della batteria in modo da rilevare la temperatura di esercizio. Tale trasduttore
è in grado di interfacciarsi con la logica di controllo del raddrizzatore al fine di variarne
la tensione di tampone in funzione della temperatura, secondo la curva tipica fornita dai
costruttori di batterie. Normalmente viene usata per le batterie ermetiche, la cui vita
attesa è maggiormente sensibile alla temperatura.
Sarà possibile visualizzare la temperatura registrata dalla sonda dal display frontale;
se essa sarà fuori dai limiti impostati con l’apposito software, l‘UPS attiverà un allarme.

Figura 29 – Curva tensione di carica / temperatura


Il sensore di temperatura è installato è provvisto del cavo di collegamento, che deve
essere connesso ad una scheda di interfaccia installata nella sezione morsettiera
dell’UPS. Il sensore di temperatura può essere installato ad una distanza massima di 15
metri dall’UPS.

OMD91045 rev C
42
5.2.2 Trasformatore di isolamento Bypass
E’ utilizzato quando la rete di ingresso è sprovvista di neutro oppure è richiesto
l’isolamento galvanico fra rete e carichi.
Durante il normale funzionamento il trasformatore dell’inverter provvede a garantire
l’isolamento AC/AC, mentre nel funzionamento da bypass la rete alimenta direttamente
i carichi. Normalmente il trasformatore di isolamento è usato quando è necessario avere
un diverso conduttore di neutro per i carichi, tale da permettere la divisione degli
impianti di terra.

5.2.3 Kit ingresso separato


Il seguente Kit può essere utilizzato solamente per gli UPS con ingresso ed uscita
trifase ed è utilizzato quando si vuole separare la rete di ingresso raddrizzatore dalla
rete di ingresso Bypass .
Per gli UPS con uscita monofase, l’ingresso bypass e l’ingresso del raddrizzatore
sono già separati.

5.2.4 Trasformatori adattamento tensione


Un trasformatore di adattamento tensione può essere connesso ai terminali di uscita
dell’UPS per adattare la tensione di uscita standard al valore richiesto dai carichi. Può
essere inoltre connesso in ingresso per adattare il valore effettivo di rete ai valori definiti
in specifica tecnica. Nel caso non sia richiesto l’isolamento galvanico, possono essere
utilizzati degli auto-trasformatori.

OMD91045 rev C
43
5.2.5 Scheda allarmi
L’UPS B8000FXS, nella sua configurazione completa, è provvisto di una scheda relè
per la ripetizione remota di stati di funzionamento e allarmi. Il collegamento elettrico è
realizzato direttamente sui morsetti a bordo della scheda.

M1 Led
Stato in Stato in
Relè Allarmi/Stati Stato
Pin funzionamento Nome funzionamento
normale normale
Non energizzato 2-3 Chiuso
RL1 Allarme = A30 ALLARME GENERALE se allarme è DL1 On
presente 1-2 Aperto
Non energizzato 5-6 Chiuso
RL2 Allarme = A1 MANCANZA RETE se allarme è DL2 On
presente 4-5 Aperto
Non energizzato 8-9 Chiuso
RL3 Allarme = A9 FINE AUT BATTERIA se allarme è DL3 On
presente 7-8 Aperto
Non energizzato 11-12 Chiuso
RL4 Allarme = A13 INV FUORI TOL se allarme è DL4 On
presente 10-11 Aperto

Non energizzato 14-15 Chiuso


MODALITA’ NORMALE se allarme è
RL5 Allarme = A16 BYP  CARICO presente
DL5 On
-------------------------- -------------
MODALITA’ ECO Energizzato se
Stato = S7 BYPASS  CARICO stato è presente 13-14 Aperto

Chiuso 
Non energizzato 17-18
RL6 BATTERIA NON IN SCARICA se batteria in DL6 On
scarica 16-17 Aperto

MODALITA’ NORMALE Energizzato se 20-21 Chiuso


Stato = S4 INV  CARICO stato è presente
RL7 -------------------------- ------------ DL7 On
MODALITA’ ECO Non energizzato
Allarme = A38 INV  CARICO se allarme è 19-20 Aperto
presente

23-24 Chiuso
Energizzato se
RL8 Stato = S6 BYPASS OK DL8 On
stato è presente
22-23 Aperto

Specifica uscita relè:


Tensione 120 VAC Corrente 1A
Tensione 50 VDC Corrente 1A Carico resistivo

Il pacchetto è composto da:

- Scheda interfaccia SRC


- 4 dadi di plastica per l’installazione
- Manuale di installazione e utilizzo

OMD91045 rev C
44
5.2.6 Interfaccia seriale RS-485 (protocollo Mod-Bus)
Consiste in una scheda aggiuntiva che deve essere installata in uno spazio
appositamente predisposto sul fronte dell’UPS. Sulla scheda è presente sia un
connettore a 3 poli “+” e “−” “ ground” sia una porta seriale RS485, che devono essere
utilizzati per il collegamento al MODBUS-master, sulla quale sono disponibili i parametri
operativi dell’UPS convertiti in protocollo MODBUS.

5.2.7 Adattatore SNMP


La Linea FXS è predisposta, di serie, per l’installazione di un adattatore SNMP
direttamente sul fronte dell’UPS, grazie alla presenza sia del cavo di alimentazione, sia
del flet-cable per scambio dati con la scheda microprocessore.
L’adattatore SNMP converte il protocollo di comunicazione dell’UPS in protocollo
SNMP (Simple Network Management Protocol) che appartiene alla suite di protocolli
Internet e permette di rendere disponibili in rete le principali informazioni sul
funzionamento e lo stato di salute dell’UPS stesso.
L’adattatore SNMP può essere configurato come RCCMD Server (Remote Control
Command) in modo da pianificare lo “shutdown” di uno o più PC in particolari casi di
anomalia o guasto dell’UPS.
Perché questo sia possibile è necessario installare il software RCCMD su ogni PC di
cui si vuole gestire lo “shutdown” (l’adattatore SNMP viene fornito corredato da una sola
licenza, licenze aggiuntive devono essere acquistate separatamente).

5.2.8 Pannello remoto


Il pannello remoto è utilizzato per visualizzare 4 allarmi visivi indipendenti. Ogni
evento attiva il lampeggio dell’ultimo led “Allarme Generale” ed un segnale acustico
tacitabile dall’utente. Le condizioni di funzionamento regolare dell’UPS vengono indicate
dall’accensione del led “UPS OK”.

5.2.9 Kit parallelo


Il Kit di parallelo permette di poter predisporre un UPS configurato come unità
singola, per la sua connessione e configurazione in un sistema parallelo ridondante.
Grazie al microprocessore DSP e al sistema di comunicazione CAN-BUS, la
configurazione da singola a parallelo diventa molto semplificata, in pratica plug-and-
play; inoltre è possibile collocare gli UPS costituenti il parallelo anche in locali diversi,
con una lunghezza massima del cavo di parallelo pari a 30mt.
Esistono due tipologie di parallelo configurabili da software: parallelo ridondante e
parallelo di potenza.
In entrambi i casi il sistema può essere formato da “n” UPS (fino a 6); Solo il bypass
manuale può essere esterno ed unico per tutte le unità.
Il sistema parallelo ridondante garantisce una continuità di alimentazione anche nel
caso in cui si verifichi più di un guasto sul sistema.
Questo è possibile perché tutte le unità sono costantemente operative ed alimentano
il carico in parallelo al “carico totale / n” ciascuna, dove “n” è il numero delle unità.
Il controllo automatico di ripartizione della corrente AC, equalizza le correnti delle “n”
unità e riduce lo sbilanciamento al meno del 10%, in tutte le condizioni di carico. Il
carico è alimentato dagli inverter in parallelo anche nel caso in cui si verifichi un
sovraccarico istantaneo  “n x 150%” del carico nominale di ogni singola unità. Nel caso

OMD91045 rev C
45
si verifichi un guasto in una delle unità, il carico viene alimentato dalle altre. Solo nel
caso in cui si verifichino ulteriori guasti nelle altre unità, il carico viene alimentato dalla
rete.
Anche per il sistema parallelo di potenza Il controllo automatico di ripartizione della
corrente AC, equalizza le correnti delle “n” unità e riduce lo sbilanciamento al meno del
10%, in tutte le condizioni di carico.
Il carico è alimentato dagli inverter in parallelo anche nel caso in cui si verifichi un
sovraccarico istantaneo  “n x 150%” del carico nominale di ogni singola unità.
Nel caso si verifichi un guasto in una delle unità il carico viene trasferito sulla Rete di
Emergenza (Bypass), come avviene nel caso di un UPS in configurazione singola.

Figura 30 – Esempio UPS collegati in configurazione parallelo

5.2.10 Kit connessioni per Armadio Batterie Esterno


Il kit di connessione viene sempre fornito a corredo dell’armadio batteria esterno
(vedi paragrafo 4.7) e consiste di morsetti e cavi aggiuntivi che permettono il
collegamento dell’UPS all’armadio aggiuntivo.
E’ comunque acquistabile separatamente nel caso la batteria esterna non venga
fornita direttamente da BORRI.

5.2.11 Sezionatore con fusibili per Batteria per Montaggio a parete


Il sezionatore con fusibili per la batteria è utilizzato per separare l’UPS dalla batteria
esterna. Il sezionatore è necessario in impianti dove la batteria è installata in una stanza
dedicata e quindi si rende necessario l’utilizzo di un dispositivo di sezionamento tra
l’UPS e la batteria.
E’ montato in una cassetta separata ed è equipaggiato di un contatto ausiliario per
l’indicazione della posizione del sezionatore (aperto-chiuso) e dello stato dei fusibili

5.2.12 Verniciatura speciale


E’ possibile richiedere, con un costo addizionale, tutti i colori della scala RAL.

OMD91045 rev C
46
5.2.13 Generatore Diesel
Il Kit di GENERATORE DIESEL permette di poter predisporre un UPS alla funzione
Diesel Mode; l’interfaccia generatore diesel provvede a ridurre la tensione di uscita del
raddrizzatore per evitare di ricaricare le batterie durante il funzionamento del
generatore. In questo modo al raddrizzatore è richiesta una corrente inferiore per
alimentare i carichi DC (inverter) e viene risparmiata energia così da poter ridurre la
potenza nominale del generatore.
Un contatto indicante il funzionamento del generatore deve essere connesso a due
morsetti XD1 XD2 già provvisti nella morsettiera dell’UPS.

Figura 31 – Schema a blocchi interfaccia Generatore Diesel

5.2.14 Manual Bypass Esterno


Il Kit di MANUALN BYPASS ESTERNO permette di poter predisporre in morsettiera
un contatto ausiliario (morsetti MBY1-MBY2) da collegare all’ interruttore di Manual
Bypass Esterno.
Un contatto normalmente aperto deve essere connesso ai terminali dell’UPS (MBY1-
MBY2) alla chiusura del contatto (vedere procedura di Bypass Manuale), il
microprocessore acquisirà lo stato del contatto e arresterà l’inverter.

5.2.15 Spengimento Remoto (EPO)


Il Kit di EPO REMOTO permette di poter predisporre in morsettiera un contatto
ausiliario (morsetti EAC1 -EAC2) da collegare al pulsante EPO Esterno.
L’alimentazione ai carichi può essere interrotta da una postazione remota utilizzando
questa contatto (es. per requisiti di sicurezza). Un contatto normalmente chiuso deve
essere connesso ai terminali dell’UPS (EAC1-EAC2); all’apertura del contatto gli
interruttori statici di inverter e di bypass si aprono togliendo alimentazione ai cari.

5.2.16 BACK FEED (Protezione del non ritorno in rete di energia)


Questa opzione, è standard per gli apparati 10–20kVA mentre opzionale per gli
apparati 30–40kVA; la back feed protection previene i rischi derivati da ritorni di energia
in rete dai guasti causati dalla rottura degli SCR del commutatore statico di Bypass.

OMD91045 rev C
47