Sei sulla pagina 1di 1

03

SET
6 Approfondimenti
2010 l’ecoARCA - daily gratuito scritto, stampato e distribuito presso la 67 mostra internazionale d’arte cinematografica di venezia

Sangue, lavoro e disinformazione


Una conversazione con Andrea Segre, regista di “Il Sangue Verde” dedicato alle
proteste degli immigrati africani di Rosarno

“Contro di loro la minoranza di una società, di un’eco-


della terra urla, arresta, nomia e di un’agricoltura
respinge. Finanzia confini, progressivamente infettate e
campi, dittature. Diffonde rovinate dall’egemonia della
paure e raccoglie consensi. ‘ndrangheta.
Protegge con la forza la Da sempre impegnato non
propria posizione, traccia con solo in campo cinematogra-
il potere il proprio orizzonte. fico ma anche in progetti di
Non per espellere, ma per solidarietà internazionale,
sfruttare”: loro sono gli immi- Andrea Segre ha fatto parte
grati africani protagonisti di dal 2000 al 2006 dell’ICS
“Il Sangue Verde”, il docu- – Consorzio Italiano di
mentario di Andrea Segre Solidarietà per il quale ha grazione da diversi anni: Democratico che ha fornito
presentato alla Mostra del seguito progetti e missioni inizialmente mi sono dedicato le immagini di repertorio sul
Cinema di Venezia nell’am- in Albania , Kosovo, Bosnia, all’immigrazione dall’Europa lavoro agricolo nella Calabria
bito delle Giornate degli Iraq, Moldova e Tunisia: da lì dell’Est e successivamente del dopoguerra.
Autori, ma soprattutto i prota- è nato il gruppo ZaLab con a quella africana; tra l’altro,
gonisti delle manifestazioni di il quale è stato realizzato nel 2008 ho girato “Come Il documentario racconta
protesta esplose a Rosarno, anche “Il Sangue Verde”; Un Uomo Sulla Terra” (che non solo le storie perso-
in Calabria, lo scorso lo abbiamo incontrato per raccontava il terribile viaggio nali degli intervistati ma
gennaio. Il film di Segre – rea- conoscere la genesi del film attraverso la Libia affrontato anche la storia di una terra,
lizzato con il patrocinio della e le motivazioni che l’hanno da un giovane etiope per rag- la Calabria, e del lavoro
sezione italiana di Amnesty spinto a porsi in ascolto degli giungere l’Italia), perciò ero agricolo che su questa
International – raccoglie le immigrati di Rosarno. già in contatto con diverse terra è nato ed è profonda-
testimonianze dirette dei Come è nato il progetto? persone che poi sono finite mente cambiato nel corso
braccianti agricoli africani, Come avete lavorato in “Il Sangue Verde”. Dopo i del tempo, soprattutto a
sfruttati e costretti a vivere per raccogliere le testi- fatti di Rosarno, ho contattato causa delle interferenze
in condizioni disumane, per monianze dei vostri anche alcune associazioni della ‘ndrangheta.
poi porle a confronto con la protagonisti? di volontariato che operano A me interessava soprattutto
storia della terra calabrese, Lavoro sul tema dell’immi- nella zona e insieme abbiamo raccontare l’esperienza di
domandato a questi ragazzi lavoro di queste persone,
di raccontarci, a distanza di perciò perché non riproporre
poche settimane, ciò che anche vecchie immagini di
avevano vissuto: abbiamo repertorio che aiutassero
incontrato una grande a riportare alla memoria il
disponibilità, dovuta ad una nostro passato? Il centro del
forte urgenza di raccontare film è proprio il confronto tra
il proprio punto di vista. Le chi lavora oggi e chi lavorava
riprese sono durate due setti- ieri: ormai non siamo più in
mane, spesso procedevamo grado di riconoscere, nelle
in maniera improvvisata; fatiche dei lavoratori stranieri,
abbiamo realizzato il docu- le nostre fatiche e quelle dei
mentario grazie allo ZaLab nostri padri. Se ci fosse più
– un piccolo gruppo di consapevolezza del legame
registi impegnati nella rea- tra passato e presente, ci
lizzazione di documentari sarebbe anche meno aggres-
e laboratori video in Italia e sività razzista.
all’estero – ma anche grazie
al sostegno della Rai, della Quali musiche sono state
Aeternam Films (una casa di usate e come le avete
produzione francese), della abbinate alle immagini?
Jole Film di Marco Paolini Una parte delle musiche è
e all’Archivio Audiovisivo stata composta dalla Piccola
del Movimento Operaio e Bottega Baltazar, una forma-