You are on page 1of 9

La Nuova Terra I

Jeshua canalizzato da Pamela Kribbe

Di questi tempi, una transizione sta avendo luogo sulla terra. Sta
spuntando una nuova coscienza che prenderà forma materiale prima o
poi. Come accadrà questa transizione, quale forma assumerà, non è una
cosa stabilita. Il futuro è sempre indeterminato. L'unica cosa che sia
davvero fissa è questo momento: l'Ora. Dalla fonte dell'Ora si diramano
innumerevoli strade possibili, una rete infinita di futuri probabili.

Basandoci sul passato, noi possiamo predire che un particolare futuro è


più probabile di un altro, ma la scelta è sempre vostra. Siete voi a
decidere se lasciare che il passato determini il vostro futuro! Le
previsioni si basano sempre sulle probabilità. Le probabilità sono
collegate col passato. È in vostro potere, come esseri umani, tagliare i
ponti col passato, stabilire un diverso corso. Voi siete dotati di libero
arbitrio. Avete il potere di cambiare, di ricreare voi stessi. In questo
potere sta la vostra divinità. È il potere di creare dal nulla (di creare ex
nihilo). Questo potere divino appartiene all'essenza stessa di chi siete.

Nel parlare di questi tempi come di un'epoca di transizione, non


dimenticatevi mai che siete padroni della vostra realtà. Non esiste una
cosa come un Piano predestinato o un Potere Cosmico, che domini il
cammino individuale della vostra anima o il vostro potere individuale
di creare la vostra realtà. Non funziona in questo modo. Ogni anima
sulla terra vivrà questa transizione nella maniera che si adatta alle sue
inclinazioni interiori. Esistono molte realtà. La realtà che scegliete
risponderà alle vostre necessità e ai vostri desideri interiori.

Ciò che rende speciale questo periodo di tempo (1950 – 2070


approssimativamente) è il fatto che ci sono due diversi cicli di
coscienza che stanno terminando: un ciclo personale (o una serie di
cicli personali) e un ciclo planetario. Il completamento di questi cicli
coincide, così che l'uno rafforza l'altro.

Per una parte dell'umanità, il completamento del suo ciclo personale di


vite terrene è vicino. La maggioranza delle anime coinvolte in questo
completamento sono operatori di luce. Parleremo molto più
dettagliatamente di questo gruppo di anime di operatori di luce. Qui
vorremmo spiegare la natura di questo ciclo personale: che cosa
significhi attraversarlo e quale sia lo scopo del vivere tutte queste vite
abbastanza complicate sulla terra.

Il ciclo karmico personale


Le vite terrene che vivete fanno parte di un ciclo più grande della
vostra anima. Questo ciclo fu progettato per permettervi di
sperimentare appieno la dualità. All'interno di questo ciclo avete
sperimentato com'è essere maschio e femmina, sano o malato, ricco o
povero, "buono" e "cattivo". In alcune vite siete stati intensamente
coinvolti nel mondo materiale, essendo contadini, operai o artigiani. Ci
sono state delle vite più spiritualmente orientate, in cui avete portato
dentro di voi una forte consapevolezza delle vostre origini spirituali. In
quelle vite siete stati spesso attratti da vocazioni religiose. Ci sono state
anche delle vite in cui avete esplorato il dominio terreno del potere,
della politica, ecc. Possono esserci state delle vite dedicate
all'espressione artistica di voi stessi.

Spesso le anime tendono a specializzarsi alquanto nel corso di tutte


queste vite. Questo può essere riconosciuto chiaramente in persone che
posseggono un dono naturale in un certo ambito. Sembra che, già da
piccoli, abbiano un potenziale che ha bisogno solo di essere risvegliato
nel momento giusto e poi può essere facilmente sviluppato.

Le anime operatrici di luce sono spesso attratte da vite religiose e


hanno vissuto molte vite come monaci, monache, preti, sciamani,
streghe, psichici, ecc. Hanno fatto da intermediari tra il mondo
materiale, fisico, e i regni spirituali. E così hanno sviluppato un'abilità
in questo campo. Quando sentite questo richiamo, questo forte impulso
ad essere coinvolti nella spiritualità, anche se non si adatta alla vostra
normale vita quotidiana, può darsi benissimo che facciate parte di
questa famiglia di operatori di luce.

Vivere sulla terra vi fornisce un'opportunità di sperimentare appieno


com'è essere umani. Ora potreste chiedere: che cosa c'è di tanto
speciale nell'essere umani? Perché mai avrei voluto sperimentarlo?

L'esperienza umana è sia diversa sia intensa. Quando vivete una vita
umana, siete temporaneamente immersi dentro un campo schiacciante
di sensazioni fisiche, pensieri e sentimenti. A causa della dualità
intrinseca a questo campo, ci sono grandi contrasti e intensità nelle
vostre esperienze, molto più grandi di quelli che avete quando vi
trovate ai livelli astrali, come li chiamate voi. (Questi sono i livelli a cui
voi entrate dopo la morte e dove rimanete tra le vite.) Può darsi che sia
difficile per voi immaginarlo, ma molte entità dalla nostra parte
vorrebbero essere nei vostri panni. Amerebbero essere umani, ottenere
esperienze umane. L'esperienza umana ha una sorta di 'realità' che è
inestimabile per loro. Sebbene possano creare innumerevoli realtà col
potere della loro immaginazione, questo dà loro meno soddisfazione
della creazione di un'unica realtà "reale" sulla terra.

Sulla terra, il processo di creazione è spesso una lotta. Tipicamente voi


andate incontro a molta resistenza nel realizzare i vostri sogni. La
creazione del tipo mentale è molto più facile nel mondo astrale. Non
esiste intervallo di tempo tra il pensiero di qualcosa e la sua effettiva
creazione. Inoltre, è possibile creare qualsiasi realtà desideriate o
riusciate a pensare. Non ci sono limiti. Nell'istante in cui immaginate
un bel giardino, esso è lì perché ci entriate dentro.

Far nascere un'idea sulla terra, renderla realtà nel mondo materiale, è
una grande impresa. Richiede una forte intenzione, perseveranza,
chiarezza mentale e un cuore fiducioso. Sulla terra, dovete affrontare la
lentezza e l'ostinatezza del mondo materiale. Dovete affrontare gli
impulsi contraddittori in voi stessi: dubbi, disperazione, mancanza di
conoscenza, perdita di fede, ecc. Il processo di creazione può essere
ostruito o anche fallire a causa di uno qualsiasi di questi elementi.
Eppure questi problemi potenziali, persino i fallimenti, sono proprio i
motivi che rendono così preziosa l'esperienza della vita terrena. In
questo processo, le sfide che affrontate sono i vostri più grandi
insegnanti. Danno alla vita terrena una profondità, che è tanto più
intensa e più ampia del processo creativo, senza sforzo, dei livelli
astrali. Questa mancanza di sforzo genera mancanza di senso e
significato. Le entità astrali, che non hanno ancora vissuto delle vite
sulla terra, sanno e comprendono questo.

Spesso vi scoraggiate e vi disperate persino a causa della natura


inadempiente della vostra realtà. Così spesso la realtà non corrisponde
ai vostri desideri e alle vostre speranze. Così spesso le vostre intenzioni
creative sembrano finire in dolore e disillusione. Tuttavia, ad un certo
punto voi troverete quella chiave di pace e felicità. Troverete quella
chiave dentro il vostro stesso cuore. E quando la trovate, la gioia che
ne deriva non sarà uguagliata da nulla creata ai livelli astrali. Sarà la
nascita della vostra maestria, la vostra divinità.

L'estasi che sperimenterete, quando la vostra divinità si risveglia, vi


darà il potere di guarire voi stessi. Questo amore divino vi aiuterà a
riprendervi dalle profondi ferite che avete subito nel corso delle vostre
vite sulla terra.

Dopo sarete in grado di aiutare gli altri, che hanno passato le stesse
prove e pene. Riconoscerete il loro dolore. Lo vedrete nei loro occhi. E
sarete in grado di guidarli nel loro cammino verso la divinità.

Lo scopo del passare attraverso la dualità


Per favore non sottovalutate il significato delle vostre vite sulla terra.
Voi appartenete alla parte più creativa, avanzata e coraggiosa di Dio
(Tutto Ciò Che È). Siete esploratori dell'ignoto e creatori del nuovo. Le
vostre esplorazioni attraverso il regno della dualità sono servite ad uno
scopo che va ben oltre la vostra immaginazione. È difficile spiegarvi il
significato più profondo dei vostri viaggi, ma possiamo dire che voi
avete creato un nuovo tipo di coscienza, una che non esisteva in
precedenza.

Questa coscienza fu manifestata per la prima volta da Cristo, quando si


trovava sulla terra. Questa coscienza, che io chiamo la coscienza
cristica, deriva da un'alchimia spirituale. L'alchimia fisica è l'arte del
trasformare il piombo in oro. L'alchimia spirituale è l'arte di
trasformare l'energia oscura nella "terza energia", l'oro spirituale
presente nell'energia di Cristo.

Vi prego di notare che non stiamo dicendo che lo scopo sia di


trasformare l'oscurità in luce, o il male in bene. L'oscurità e la luce, il
male e il bene, sono degli opposti naturali; esistono per grazia
reciproca.

La vera alchimia spirituale introduce una "terza energia", un tipo di


coscienza, che abbraccia entrambe le polarità attraverso le energie
dell'amore e della comprensione. Il vero scopo del vostro viaggio non è
quello di far sì che la Luce conquisti l'Oscurità, ma è quello di andare
oltre questi opposti e creare un nuovo tipo di coscienza, che riesca a
mantenere l'unità in presenza sia della luce sia dell'oscurità.

Spiegheremo questo punto piuttosto difficile con l'aiuto di una


metafora. Immaginate di essere dei subacquei in cerca di una perla.
Ripetutamente vi immergete nell'oceano per trovare questa particolare
perla, di cui tutti parlano ma che nessuno ha in effetti visto. Corre voce
che nemmeno Dio, il Capo Subacqueo, abbia mai toccato la perla.

Immergersi nell'oceano è pieno di pericoli, poiché potete perdervi o


andare troppo in profondità per riuscire a respirare in tempo. Eppure vi
ostinate e vi tuffate sempre di nuovo, perché siete decisi e ispirati. Siete
forse pazzi?

No, voi siete esploratori del nuovo.

Il segreto è: nel processo di trovare la perla, la state creando. La perla


è l'oro spirituale della coscienza di Cristo. La perla siete voi,
trasformati dall'esperienza della dualità.

Quello che abbiamo qui è un vero paradosso: nell'esplorare il Nuovo,


voi lo state creando. Siete diventati la perla della creazione di Dio.

Dio non aveva altro modo per farlo, poiché ciò che voi stavate tentando
di trovare, non esisteva ancora; doveva essere creato da voi. Perché Dio
era così interessato a creare qualcosa di nuovo? Esponiamolo nella
maniera più semplice possibile.

Inizialmente, Dio era interamente BUONO. C'era bontà ovunque e


tutt'attorno. Infatti, dato che non esisteva nient'altro, le cose erano
alquanto statiche. La sua creazione mancava di vivacità; mancava la
possibilità di crescita ed espansione. Si potrebbe dire che era bloccata.

Per creare cambiamento, per creare opportunità di movimento ed


espansione, Dio dovette introdurre nella sua creazione un Elemento,
che fosse diverso dalla Bontà che permeava il tutto. Questo fu molto
difficile per Dio, giacché come puoi creare qualcosa che è non-te?
Come può la Bontà creare la Malvagità? Non può. Quindi, Dio dovette
inventarsi un trucco, per così dire. Questo trucco è chiamato ignoranza.

L'ignoranza è l'elemento che si oppone alla Bontà. Crea l'illusione di


essere al di fuori della Bontà, di essere separato da Dio. “Non sapere
chi siete" è l'incentivo dietro il cambiamento, la crescita e l'espansione
nel vostro universo. L'ignoranza genera paura, la paura genera il
bisogno di controllare, il bisogno di controllare genera la lotta per il
potere, ed ecco che abbiamo tutte le condizioni per far prosperare il
"Male". Il terreno è stato preparato per la battaglia tra il Bene e il Male.

Dio aveva bisogno della dinamica degli opposti per "sbloccare" la sua
creazione. Può essere molto difficile per voi comprenderlo,
considerando tutta la sofferenza causata dall'ignoranza e dalla paura,
ma Dio ha attribuito grande valore a queste energie, poiché gli
fornivano un modo per andare oltre Se Stesso/a.

Dio chiese a voi, che appartenete alla parte più creativa, avanzata e
coraggiosa di se stessa, di indossare il velo dell'Ignoranza. Per
sperimentare la dinamica degli opposti nella maniera più approfondita
possibile, foste temporaneamente immersi nella dimenticanza della
vostra vera natura. Voi acconsentiste a fare questo tuffo nell'ignoranza,
ma anche questo fatto fu coperto dal velo dell'oblio. Così ora maledite
spesso Dio perché siete nella situazione in cui vi trovate: le difficoltà,
l'ignoranza - e noi comprendiamo. Tuttavia, in sostanza: voi siete Dio,
Dio è voi.

Malgrado tutti i guai e dolori, nell'intimo dentro di voi c'è ancora un


senso di meraviglia ed eccitazione riguardo al vivere nella dualità, allo
sperimentare e creare il Nuovo. Questa è l'eccitazione originale di Dio,
la ragione per cui Dio, in primo luogo, intraprese il suo viaggio
attraverso Voi.

Quando siete partiti per il vostro viaggio, avete affrontato il Male


(paura, ignoranza) con in mente soltanto un ricordo vago del Bene
(Casa). Avete iniziato a combattere la paura e l'ignoranza, mentre
avevate nostalgia di Casa. Tuttavia, voi non ritornerete a Casa, nel
senso di ritornare ad uno stato del vostro passato. Perché la creazione è
cambiata grazie al vostro viaggio.

La fine del vostro viaggio sarà che sarete diventati più ampi del bene e
del male, della luce e dell'oscurità. Avrete creato una terza energia,
l'energia di Cristo, che abbraccia e trascende entrambi. Avrete fatto
espandere la creazione di Dio. Sarete la Nuova Creazione di Dio. Dio
sarà andato oltre Se Stesso/a, quando la coscienza cristica sarà nata
pienamente sulla terra.

La coscienza di Cristo non esisteva prima della "esperienza umana". La


coscienza cristica è la coscienza di uno che è passato attraverso i
molteplici strati dell'esperienza della dualità, è venuto a patti con essa
ed emerge "dall'altra parte". Sarà l'abitante della Nuova Terra. Egli avrà
abbandonato la dualità. Avrà riconosciuto e abbracciato la propria
divinità. Sarà diventato uno con il proprio Sé divino. Ma il suo Sé
divino sarà diverso da prima. Sarà più profondo e più ricco della
coscienza da cui è nato. O si potrebbe dire: Dio avrà arricchito Se
Stesso/a passando attraverso l'esperienza della dualità.

Questa storia è semplificata e falsata, così come qualsiasi cosa noi


diciamo viene falsata dalle illusioni di tempo e separazione. Queste
illusioni sono servite ad uno scopo prezioso. Ma è arrivato il momento
di andare oltre. Per favore, cercate di sentire l'energia dietro alle nostre
parole, storie e metafore. Quest'energia è, in un certo senso, la vostra
stessa energia. È l'energia dei vostri futuri sé Cristici, che sta parlando
attraverso me, Jeshua. Stiamo aspettando che vi uniate a noi.

Come superare la dualità – il completamento


del ciclo karmico
Il vostro ciclo di vite terrene finisce quando il gioco della dualità non
ha più ascendente su di voi. È essenziale per il gioco dualistico che vi
identifichiate con una particolare posizione nel campo giochi delle
polarità. Vi identificate con il povero o il ricco, il famoso o l'umile,
l'uomo o la donna, l'eroe o il cattivo. In realtà non ha tanta importanza
quale ruolo state recitando. Fin quando v'immedesimate con l'attore sul
palco, la dualità ha ancora una presa salda su di voi.

Naturalmente, questo non è sbagliato. In un certo senso, è così che deve


essere. Dovevate dimenticare il vostro vero sé. Per sperimentare tutti
gli aspetti della dualità, dovevate limitare la vostra coscienza a un
particolare ruolo nel dramma della vita terrena.

E l'avete recitato bene. Siete rimasti talmente invischiati nei vostri ruoli
da dimenticare completamente lo scopo e il proposito iniziali per cui
dovevate passare attraverso questo ciclo di vite. Siete stati talmente
dimentichi di voi stessi, che avete preso i giochi e i drammi della
dualità per l'unica realtà che esista. Alla fine, questo vi ha fatto sentire
molto soli e pieni di paura, il che non è affatto sorprendente dato che il
gioco della dualità stessa, come abbiamo menzionato nella sezione
precedente, si basa sugli elementi dell'ignoranza e della paura.

Per comprendere il funzionamento della dualità nella vostra vita


quotidiana, vorremmo menzionare alcune caratteristiche tipiche del
gioco della dualità.

Caratteristiche del gioco della dualità

1) La vostra vita emozionale è essenzialmente instabile.

Non è presente alcuna ancora emozionale, poiché siete sempre


nell'estremo "alto" o "basso" di uno stato d'animo. Siete arrabbiati o
indulgenti, prevenuti o generosi, depressi o entusiasti, felici o tristi. Le
vostre emozioni fluttuano continuamente tra gli estremi. Sembra che
abbiate solo un controllo limitato su queste fluttuazioni.

2) Siete intensamente coinvolti con il mondo esterno.

Il modo in cui gli altri vi giudicano è molto importante per voi. La


vostra autostima dipende da quello che il mondo esterno (la società o i
vostri cari) vi rispecchia riguardo a chi siete. State cercando di essere
all'altezza dei suoi criteri di giusto e sbagliato. State facendo del vostro
meglio.

3) Avete delle forti opinioni su ciò che è bene e ciò che è male. Il
giudicare vi dà un senso di sicurezza. La vita è così ben organizzata
quando dividete le azioni, i pensieri o le persone in giusti o sbagliati.

Ciò che accomuna tutte queste caratteristiche è il fatto che in tutto ciò
che fate o sentite, voi non siete realmente presenti. La vostra coscienza
risiede negli strati periferici del vostro essere, dove è spinta dai modelli
di pensiero e comportamento basati sulla paura.

Facciamo un esempio. Se siete abituati ad essere gioviali e disponibili


per tutto il tempo, state manifestando un modello di comportamento
che non nasce dal vostro essere interiore. In effetti state sopprimendo
dei segnali provenienti dal vostro intimo. State cercando di essere
all'altezza delle aspettative di qualcun altro, per non perdere il suo
amore, ammirazione o sollecitudine. State reagendo in base alla paura.
Vi state limitando nella vostra espressione. Tuttavia, la parte di voi che
non viene espressa, vivrà una vita nascosta tutta sua, creando
insoddisfazione e stanchezza nel vostro essere. In voi possono esserci
rabbia e irritazione di cui nessuno è consapevole, nemmeno voi!

La via per uscire da questo stato di abnegazione è creare un contatto


con le parti represse e nascoste dentro di voi.

Stabilire un contatto con le vostre parti represse e nascoste non è


difficile, nel senso che richieda abilità o conoscenze particolari. Non
fate dell'"entrare dentro" un processo difficile, che gli altri vi devono
insegnare o fare per voi. Potete farlo voi stessi e troverete un vostro
modo di farlo. La motivazione e l'intento sono molto più importanti
delle abilità e dei metodi. Se intendete davvero conoscere voi stessi, se
siete decisi ad entrare dentro di voi e cambiare i pensieri e le emozioni
paurosi, che bloccano la vostra strada verso una vita felice e realizzata,
lo farete con qualunque metodo vi si presenti.

Avendo detto questo, vorremmo offrirvi una semplice meditazione che


può aiutarvi a stabilire un contatto con le vostre emozioni.

Prendetevi un momento per rilassare i muscoli delle spalle e del collo,


state seduti diritti e appoggiate i piedi bene per terra. Fate un profondo
respiro.

Immaginatevi a camminare lungo una strada di campagna sotto un


vasto cielo blu. Assorbite i suoni della natura e sentite il vento nei
vostri capelli. Siete liberi e felici. Più lontano, sulla strada,
all'improvviso vedete alcuni bambini che stanno correndo verso di voi.
Vi si stanno avvicinando. Come risponde il vostro cuore a questa
visione?

Poi i bambini sono davanti a voi. Quanti sono? Che aspetto hanno?
Sono maschi o femmine, o entrambi?

Li salutate con un ciao. Dite loro quanto siete felici di vederli. Poi
stabilite un contatto con uno dei bambini in particolare, che vi sta
guardando negli occhi. Lei o lui ha un messaggio per voi. È scritto
negli occhi del bambino. Riuscite a leggerlo? Che cosa vuole dirvi? Vi
porta un'energia che vi serve proprio ora. Date un nome all'energia
che questo bambino interiore è venuto a portarvi, senza giudicarla.
Ringraziate semplicemente e poi lasciate andare l'immagine.

Sentite di nuovo la terra saldamente sotto i vostri piedi e respirate


profondamente per un po'. Avete appena preso contatto con una parte
nascosta di voi stessi.

Potete ritornare a questa scena ogni volta che volete e forse parlare
anche con gli altri bambini presenti.

Entrando dentro e stabilendo un contatto con le parti nascoste, represse,


di voi stessi, diventerete più presenti. La vostra coscienza sta salendo al
di sopra dei modelli di pensiero e comportamento motivati dalla paura,
che per tanto tempo avete dato per scontati. Si sta assumendo la
responsabilità di se stessa. Si prende cura della tristezza, della rabbia e
del dolore interiori, come un genitore si prende cura dei figli.
Descriveremo questo processo molto più dettagliatamente altrove
(vedete Operatori di Luce III).

Caratteristiche del lasciar andare la dualità

1) Ascoltate il linguaggio della vostra anima, che vi parla attraverso i


vostri sentimenti.

2) Agite in base a questo linguaggio e create i cambiamenti che la


vostra anima desidera che facciate.

3) Apprezzate il tempo quieto passato da soli, poiché soltanto nel


silenzio potete sentire i sussurri della vostra anima.
4) Mettete in dubbio l'autorità dei modelli di pensiero o regole di
comportamento che bloccano la libera espressione della vostra vera
ispirazione e delle vostre reali aspirazioni.

Il punto di svolta nel lasciar andare la


dualità
Il vostro ciclo di vite terrene termina quando la vostra coscienza è in
grado di tenere in mano tutte le esperienze della dualità, rimanendo
centrata e pienamente presente. Fin quando vi identificherete con un
aspetto della dualità piuttosto che con un'altra (con la luce opposta
all'oscurità, con il ricco opposto al povero, ecc.), la vostra coscienza è
in oscillazione. Karma non è altro che l'armonizzatore naturale per le
oscillazioni in cui s'impegna la vostra coscienza. Voi abbandonate i
vostri legami col ciclo karmico, quando la vostra coscienza trova il suo
punto di ancoraggio nel centro immobile dell'altalena.

Questo centro è il punto d'uscita dal ciclo karmico. Le tonalità di


sentimento predominanti in questo centro sono quiete, compassione e
gioia tranquilla. I filosofi greci ebbero delle premonizioni di questo
stato, che chiamavano atarassia: imperturbabilità.

Giudizio e paura sono le energie che maggiormente vi portano fuori


centro. Mentre rilasciate sempre di più queste energie, diventate più
tranquilli e aperti dentro di voi. Entrate realmente in un altro mondo, un
altro livello di coscienza.

Questo si manifesterà nel vostro mondo esteriore. Sarà spesso un tempo


di cambiamenti e di addii agli aspetti della vostra vita, che non VI
rispecchiano più. Possono esserci grandi sconvolgimenti nel campo
delle relazioni e del lavoro. Di solito, il vostro intero stile di vita si
capovolge. Questo è solo naturale, dal nostro punto di vista, in quanto i
cambiamenti interiori sono sempre dei precursori di cambiamenti nel
vostro mondo esteriore. La vostra coscienza crea la realtà materiale in
cui dimorate. È sempre così.

Rilasciare la presa della dualità richiede del tempo. Districare tutti gli
strati dell'oscurità (inconscio) è un processo graduale. Tuttavia, una
volta che vi siete incamminati su questa strada, la strada verso il Sé
interiore, vi state allontanando lentamente dal gioco della dualità.
Quando avete assaggiato il verso significato dell'atarassia, si effettuerà
la svolta. Quando avete sentito la gioia silenziosa, che tuttavia pervade
tutto, la gioia del semplice essere con voi stessi, saprete che è questo
che avete sempre cercato. Entrerete dentro di voi sempre di nuovo per
sperimentare questa pace interiore.

Non eviterete le gioie terrene. Ma avrete trovato un'ancora di divinità


dentro di voi, e sperimenterete il mondo e tutta la sua bellezza da
quello stato di beatitudine. In verità, la beatitudine non è mai stata nelle
cose materiali. Risiede nel modo in cui le sperimentate. Quando c'è
pace e gioia nel vostro cuore, le cose e le persone che incontrate vi
daranno pace e gioia.

Di questi tempi, un certo gruppo di anime si sta preparando ad


abbandonare il ciclo karmico. Parleremo in dettaglio di questo gruppo
nei prossimi capitoli. Tuttavia, non è soltanto un gruppo di anime
umane che sta adesso raggiungendo la fine di un ciclo di
trasformazione personale. La terra stessa, su cui vivete, sta subendo una
profonda e totale trasformazione. Anche un ciclo planetario sta
svolgendo a termine. Quest'epoca è così speciale grazie al coincidere di
questi due cicli. Ora parleremo del ciclo planetario.

© Pamela Kribbe
http://www.jeshua.net/