Sei sulla pagina 1di 2

I SOCI RACCONTANO Psicosintesi < n.

12 Ottobre 2009 31

Sensi di colpa
quali le cause?
Giuseppina Vallini

E’ molto difficile individuare luppo e maturazione, ragion agire nel modo giusto rispetto scompare quando, una volta
le cause della paura d’essere per cui per moltissimo tem- alle aspettative degli altri. In divenuti adulti, ciò che pen-
responsabili di ciò che ac- po è realmente inadeguato, cambio riceverà affetto, cibo, sano gli altri non è più una
cade attorno a noi. Occorre incapace e inadatto alla vita calore e protezione. “questione di vita o di mor-
rifarsi all’infanzia, al rappor- sociale. Nei primi anni di vita si forma te”.
to che si è instaurato con i Una simile realtà non può probabilmente l’associazione La paura più grande per un
genitori e ai condizionamenti non lasciare tracce profonde tra l’idea che gli altri hanno essere umano, oltre a quella
dell’ambiente in cui ciascuno e durature nel modo di pen- di noi e le nostre possibilità della propria morte, è di non
ha vissuto. sare e di sentire dell’adulto. di sopravvivere, compresa la valere nulla agli occhi degli
La nostra specie, a differenza Un bambino si specchia a conseguenza logica di “sen- altri e di essere considerato
di quasi tutte le altre, mette lungo negli occhi e nei com- tirsi in colpa” come effetto di negativamente e con ostili-
al mondo cuccioli inadatti portamenti degli adulti che comportamenti non adeguati tà.
alla sopravvivenza autonoma. lo circondano, accorgendosi alle richieste e alle aspetta- Dalla paura di essere valuta-
In effetti, un bambino nasce e intuendo che è necessario, tive altrui. ti negativamente dagli altri,
con un cervello incompiuto per stare bene, per essere Quest’esperienza fondamen- e poi da se stessi, deriva il
soggetto a lunghi anni di svi- ben voluto e ben valutato, tale non si ridimensiona né senso di colpa, universalmen-

Lupi - Mongolia, XX secolo


32 Psicosintesi < n. 12 Ottobre 2009 VIVERE LA PSICOSINTESI:

te diffuso, che è secondo chi e degli adulti che si occupa- I mezzi usati sono soprattutto loro origini e conseguenze,
scrive l’ostacolo più rilevante no dei bambini, insegnanti ed l’aggressione fisica o verba- riandando con la memoria
alla felicità umana. educatori compresi. le, la parola denigratoria o all’infanzia e al comporta-
Il disagio di colui che non I genitori dovrebbero prestare insultante, il distacco emo- mento degli adulti che aveva
ha stima di se stesso risale attenzione quando rimprove- tivo, il ritiro dell’attenzione, attorno a sé.
ad una cosciente o inconscia rano i propri figli: stare attenti l’ironia, il sarcasmo e simili, Allo stesso tempo può osser-
accusa rivolta contro se stes- in pratica a non colpevolizza- tutti veleni che intossicano vare il suo comportamento
so di essere sbagliato, di non re, a non essere aggressivi e chi li riceve, ma anche chi verso altri, siano essi figli,
valere a sufficienza, di non svalutanti rispetto al bambi- li produce. partner, amici o colleghi, e
essere idoneo alla vita e tutto no, ma positivamente critici Sono tutti metodi ignobili e rendersi conto se non tende
questo per propria colpa. rispetto alla trasgressione. In distruttivi, usati largamente a riprodurre lo stesso compor-
Quando si prova questa sensa- altri termini colpire il peccato con i figli, soprattutto nei de- tamento subito negli anni di
zione, è evidente che stanno ma non il peccatore. cenni passati, e, tranne rare formazione.
agendo ricordi emotivi di feri- Quanto più sono critiche e eccezioni, nella coppia. Perché, come dice qualcuno
te che, durante l’infanzia, ha aggressive le colpevolizza- Ognuno può interrogarsi sui “i bambini imparano ciò che
subito la propria autostima. zioni genitoriali, tanto più propri sensi di colpa, sulle vivono”. <
Traumi dovuti ad un inade- si radica nel futuro adulto il
guato modello educativo, ad senso di colpa, provocando I bambini imparano ciò che vivono1
episodi come l’abbandono, la forti emozioni, base di pos-
mancanza d’affetto, critiche sibili nevrosi. Se il bambino è criticato, impara a condannare.
malevole e distruttive, man- La colpevolizzazione è lo Se vive nell’ostilità, impara ad aggredire.
canza di rispetto per i propri strumento più potente ed il Se è deriso, impara la timidezza.
bisogni emotivi e così via. metodo più utilizzato, a volte Se vive vergognandosi, impara a sentirsi colpevole.
Le sofferenze che ne derivano senza nemmeno rendersene Se è trattato con tolleranza, impara ad essere paziente.
sono spesso inevitabili, legate conto, per fare sentire inade- Se vive nell’incoraggiamento, impara la fiducia.
come sono al processo evolu- guato qualcuno. Se vive nell’approvazione, impara ad apprezzare.
tivo della specie umana e ai L’obiettivo, molto sottile, è Se vive nella lealtà, impara la giustizia.
molti conflitti esistenti nelle quello di ottenere un dominio Se vive con sicurezza, impara ad avere fede.
famiglie, ma possono e devo- sull’altro dopo averlo indebo- Se si sente amato, impara a trovare amore ed amicizia nel
no essere prevenute attraverso lito psicologicamente, susci- mondo.
una maggiore informazione e tando dubbi sul suo valore o
sensibilizzazione dei genitori sulle sue capacità. 1) Dorothy Law Nolte

Feeling guilty which are the causes?


Feeling guilty, as many ce, that remains in the dee- not to the person. exam of ourselves with
other heavy burdens we pest part of us,can be difficult Also laying the blame on each the consciousness that
bring with us in our adult to reveal in our adult life and other in a subtle way in the we’ll build more transpa-
life,rises in the first infan- often our esteem depends on relationship makes it bad and rent ant clear relationshi-
cy when the child associa- how much we felt guilty in our creates wrong dependences ps leaving out our senses
tes the idea to be loved to childhood for not having do- that imprison ourselves. of guilt about the others
the answer of his parents, ne what the world was asking Often the aim is to gain power and ourselves.
or people who are close to us. on the other person after
him, expectations. Being good educators means having shut down his self
The “ more I am a good” to pay attention when we pu- esteem doubting about his
child the”more I’ll be lo- nish or correct a child’s mi- value or capacities.
ved”, on the contrary the stake to how much in doing It seems a wicked attitude and
“less I am the way the it is due to our neglected it is, but who never had it?
others want me to be” and expectations or suffering or Therefore let’s do an accurate
“the less I’ll be worthy of memory of our frustration and
their love, care, protection the negative response should
and sympathy”. always be to the action and
This important experien-