Sei sulla pagina 1di 4

Operazioni tra matrici

Due matrici mn a coefficienti reali si possono SOMMARE, effettuando l’addizione


termine a termine. Eseguiamo, ad esempio, la somma di due matrici 23:

1 0 2   3 4 0   1 3 04 2  0 
 1  
 2 3   2 2 1   1  2 22 3  1 

La matrice somma è dunque:

 4 4 2 
 1 0 4 

Due matrici si possono sommare solo se hanno lo stesso numero di righe e lo stesso
numero di colonne. In generale, la somma di due matrici mn si effettua secondo la
formula:

(aij )1i n  (bij )1i n  ( aij  bij )1i n


1 j  m 1 j  m 1 j  m

Osservazioni
 La somma di matrici è commutativa: la matrice somma non cambia se si
scambiano gli addendi. Ad esempio:

 5 3 1 6 2 0 1 5 1 
0  
 4 3   2 1 1   2 4 4 
6 2 0   5 3 1  1 5 1 
2  
 1 1   0 4 3   2 4 4 

 Una matrice rimane immutata se la si somma ad una matrice i cui coefficienti


sono tutti uguali a zero (matrice nulla).

 3 4   0 0   0 0   3 4   3 4 
7 2   0 0  0 0   7 2    7 2 
         
Due matrici mn e np si possono MOLTIPLICARE, secondo un’operazione detta
prodotto righe per colonne. Ecco come un vettore riga viene moltiplicato per un
vettore colonna della stessa lunghezza:

 1
( 3 1 2 )   4   ( 3  1  ( 1)  4  23 )
 
 3
 

(5)
Il vettore risultante è dunque:

Abbiamo moltiplicato una matrice 13 per una matrice 31 ed abbiamo ottenuto una
matrice 11. In generale, il prodotto di una matrice mn ed una matrice np è una
matrice mp. A titolo d’esempio moltiplichiamo una matrice 34 ed una matrice
42:

 0 4 
 1 1 0 2   3 9 
 2 1 1 1  
3 0   7 4 
   2 1   
 2 4 1 2   
   4 19 
 1 3 

Il risultato è un matrice 32, in cui, come evidenziato nella figura:


 il coefficiente di posto (1,1) è il prodotto della 1a riga della prima matrice e della
1a colonna della seconda matrice;
 il coefficiente di posto (2,1) è il prodotto della 2a riga della prima matrice e della
1a colonna della seconda matrice;
 il coefficiente di posto (3,2) è il prodotto della 3a riga della prima matrice e della
2a colonna della seconda matrice;

In generale:
Il coefficiente di posto (i,j) è il prodotto della i-esima riga della prima matrice e della
j-esima colonna della seconda matrice.

Due matrici si possono moltiplicare solo se il numero di colonne della prima è pari
al numero di righe della seconda. Il prodotto righe per colonne di un matrice mn
per una matrice np si effettua secondo la formula:

n
( aij )1i m  (bij )1i n  (  aik bkj )1i m
1 j  n 1 j  p k 1 1 j  p

Osservazioni
 Due matrici quadrate possono essere moltiplicate in qualunque ordine. Il prodotto,
però, in generale, non è commutativo. Lo dimostra il seguente controesempio:

1 0  3 1  3 1
2    
 2   4 2   14 6 
3 1 1 0 5 2
4    
 2  2 2 8 4 

 Una matrice quadrata nn rimane immutata se la si moltiplica (a destra o a


sinistra) per una matrice nn i cui coefficienti sulla diagonale principale sono tutti
uguali a 1, mentre gli altri sono tutti uguali a 0:

 1 0 L 0 L 0
 0 1 L 0 L 0 

 M M O M M M
 
 0 0 L 1 L 0
 M M M M O M
 0 0 L 0 L

1 

Questa è detta matrice identità. Ad esempio, si può verificare che:


2 3  1 0 2 3 
 0 4    0 1    0 4 
     
1 0  2 3   2 3 
 0 1    0 4    0 4 
     