Sei sulla pagina 1di 10

DIPARTIMENTO DELLE CHIRURGIE

SC UROLOGIA

Rev. 3 del 20/12/2013


Profilo di posto: OSS
Pag. 1 / 8

1. INTERFACCE E RAPPORTO

Sul piano organizzativo l’Operatore di supporto che opera presso la SC di Urologia e’ collocato co-
me segue:

INTERFACCIA A MONTE INTERFACCIA A VALLE RAPPORTO FUNZIONALE


 Direttore SC  Addetti al trasporto dei pazien-
ti
 Infermiere  Operatori della squadra esterna
di pulizie
 RPD del Dipartimento delle  Servizi logistico alberghieri
Chirurgie
 Coordinatore Infermieristico  Centrale di sterilizzazione

Responsabile Coordinamento  Medici SC Urologia


personale infermieristico e tecnico
sanitario
 Infermieri della SE

 Personale di altre SC

 Personale dei vari servizi

 Assistente Amministrativo del-


la SC

2. RUOLO PROFESSIONALE
Operatore socio sanitario addetto all’assistenza: O.S.S.

3. FINALITA’ DEL RUOLO


File PROFILO OSS Urologia Approvazione

Data applicazione 1/1/20014 Validazione


CI Paola Denarier,
Redazione Ratifica e diffusione
Infermiere Petitjacques Dolores
DIPARTIMENTO DELLE CHIRURGIE
SC UROLOGIA

Rev. 3 del 16/12/2013


Profilo di posto: OSS
Pag. 2 / 8

L’operatore di supporto e’ colui che svolge attività finalizzata a :


• soddisfare i bisogni primari della persona nell’ambito delle proprie aree di competenza , in un
contesto sia sociale che sanitario
• favorire il benessere e l’autonomia dell’utente
• svolgere attività alberghiere, di sanificazione e manutenzione di apparecchi e/o presidi utilizzati
dai pazienti, dal personale medico o infermieristico per l’assistenza al paziente.

4. COMPETENZE
L’operatore di supporto che opera presso la SC di Urologia si occupa , su indicazione o in autono-
mia, di attività assistenziali conformi alle direttive del Responsabile dell’assistenza infermieristica,
come da DM 739/94 e da L.1/2002.
L’OSS possiede le competenze e le conoscenze necessarie per svolgere le seguenti attività:

FUNZIONE: PREVENZIONE EDUCAZIONE ALLA SALUTE


Collabora con l’infermiere nel guidare ed indirizzare la persona assistita sull’adozione di abitudini di
vita sana e a modificare stili di vita a rischio

FUNZIONE: ASSISTENZA (relazione d’aiuto)


Accoglie e orienta la persona assistita e i famigliari, all’arrivo in reparto
Fornisce tutte le informazioni sia al paziente sia ai familiari sull’organizzazione del reparto (orario del-
la distribuzione dei pasti, orario di visita dei parenti,ecc.)
Orienta la persona assistita e la sua famiglia all’interno dei servizi ospedalieri
Utilizza, con la persona assistita e i suoi famigliari modalità comunicative interpersonali verbali e non
verbali coerente e comprensibile dall’interlocutore
Informa la persona assistita delle azioni che svolge, motivando le ragioni e incoraggiando la persona ad
utilizzare le risorse proprie
Attiva altri operatori quando le informazioni da fornire alla persona assistita non sono di sua compe-
tenza
Riporta all’équipe i dati utili all’assistenza in modo preciso, pertinente, tempestivo e di sua iniziativa,
assicurando la risposta alle chiamate della persona assistita senza essere sollecitato
Relaziona con i diversi ruoli professionali presenti nel reparto
Collabora con l’infermiere nell’accompagnare e sostenere la persona assistita ed i familiari nella fase
terminale della vita, garantendo la sua presenza (ascolto attivo) in più momenti del turno lavorativo
DIPARTIMENTO DELLE CHIRURGIE
SC UROLOGIA

Rev. 3 del 16/12/2013


Profilo di posto: OSS
Pag. 3 / 8

Possiede le conoscenze necessarie ad utilizzare le seguenti scale di valutazione:


• Barthel Index
• Indice di Norton
• Scale di Conley
• SPQMS
• VAS
• GLASGOW
• SWAMA

Conosce aspetti teorici elementari delle seguenti patologie:


Andrologiche: fimosi, varicocele, idrocele, epididimite, prostatiti, malformazioni organi genitali ma-
schili, tumori degli organi genitali maschili, traumi organi genitali maschili
Urologiche: stenosi uretrale ed ureterale, neoformazioni vescicali, calcolosi renale, calcolosi ureterali,
iperplasie prostatiche benigne, tumori prostatici, tumori renali, tumori vescicali, tumori surrenalici,
traumi renali, incontinenza urinaria
Uro-ginecologiche: tumori organi genitali femminili, cistocele, rettocele, isterocele, incontinenza uri-
naria

Conosce aspetti teorici sui principali interventi eseguiti in radiologia: posizionamento o sostituzione di
nefrostomici, scleroembolizzazione di arteria renale, radiofrequenza renale
Conosce aspetti teorici sugli interventi chirurgici eseguiti in Sala Operatoria ed in Endoscopia Urologi-
ca
Conosce le principali complicanze urologiche postoperatorie (emorragie, shock, infezioni/ sepsi)
Conosce aspetti teorici sugli esami diagnostici e biopsie eseguiti in Endoscopia Urologica

FUNZIONE: ASSISTENZA
Prepara il materiale ed esegue le attività sotto elencate su affido e/o in collaborazione con
l’infermiere:
la vestizione e svestizione della persona assistita
le cure igieniche parziali e totali, a letto o in bagno
(pulizia del viso e del cavo orale, igiene perineale, cura dei piedi, cura delle unghie e dei capelli, rasa-
tura della barba)
l’applicazione e cura della protesi dentaria
la preparazione del letto, dei presidi e se necessario aiutare la persona a sistemare i propri effetti perso-
nali
tenere in ordine gli effetti personali del paziente non autonomo
la preparazione della p.a. sottoposta ad esami diagnostici
aiuta la p.a. nell’espletamento delle funzioni fisiologiche
DIPARTIMENTO DELLE CHIRURGIE
SC UROLOGIA

Rev. 3 del 16/12/2013


Profilo di posto: OSS
Pag. 4 / 8

fornisce ausili per l’eliminazione, quali padelle, pappagalli, comode, ai pazienti allettati
fornisce ausili per la raccolta dei residui organici (pannoloni, condom) e li sostituisce quando necessa-
rio
trasporto in carrozzina /letto/ barella della p.a. portatrice di fleboclisi, catetere vescicale, drenaggi
assistenza della p.a. nella deambulazione anche con l’utilizzo di ausili
la prevenzione delle più comuni sindromi da allettamento
utilizza correttamente gli ausili per il posizionamento e la movimentazione della persona
collabora con l’infermiera durante l’urgenza
aiuta l’infermiere durante l’applicazione del catetere vescicale
aiuta l’infermiere durante l’effettuazione del clistere evacuativo
controlla il corretto funzionamento dei presidi per ossigenoterapia
rileva la temperatura timpanica identificando e riferendo eventuali segni e sintomi
rileva: polso periferico, frequenza respiratoria, saturazione dell’ossigeno tramite saturimetro, identifi-
cando e riferendo tempestivamente alterazioni significative dei relativi valori
rileva il peso corporeo
posiziona borsa del ghiaccio o dell’acqua calda
esegue, su indicazione del personale infermieristico, la rilevazione della glicemia con utilizzo del re-
flettometro, con segnalazione del dato
prepara il materiale da inviare in sterilizzazione e lo ritira, secondo le disposizioni della centrale di ste-
rilizzazione
applica le misure idonee alla corretta conservazione del materiale sterile
allestisce il campo sterile quando necessario
assistere il paziente con emesi
collaborare con l’infermiere nella ricomposizione della salma

Possiede le competenze, nella fase preoperatoria, necessarie a:


garantire la vestizione con camice e cuffia della persona sottoposta ad intervento chirurgico applicando
il protocollo pre operatorio in uso in reparto
eseguire o far eseguire la doccia pre operatoria la sera precedente e la mattina dell’intervento, fornendo
informazioni relative alla modalità di lavaggio, alle caratteristiche del disinfettante usato e
all’appropriatezza d’uso
eseguire la tricotomia, come previsto da protocollo, rispettando criteri di pulizia e tempi di esecuzione
rimuovere i monili, piercing e protesi (acustiche, dentarie, lenti a contatto), spiegando alla persona le
motivazioni che sottendono l’atto
fornire informazioni dettagliate e precise relative alla logistica del percorso reparto, sala operatoria e
rientro in reparto
posizionare le calze elastiche come da procedura
applicare i protocolli alimentari nella fase pre operatoria facendo rispettare il digiuno
DIPARTIMENTO DELLE CHIRURGIE
SC UROLOGIA

Rev. 3 del 16/12/2013


Profilo di posto: OSS
Pag. 5 / 8

Possiede le competenze, nella fase post operatoria, necessarie a:


rilevare lo stato di coscienza
garantire l’accoglienza del paziente al rientro dalla S.O.in collaborazione con l’Infermiere
garantire il bisogno di igiene e di cura della persona
eseguire la mobilizzazione precoce secondo i protocolli in uso in reparto
mantenere un corretto posizionamento dei presidi sanitari durante la mobilizzazione
( cateteri vescicali, derivazioni urinarie, drenaggi, cateterino peridurale, sondini nasogastrici )
aiutare il paziente a mantenere una postura adeguata, favorendo l’espletamento di movimenti semplici
garantire la dieta prevista nella fase di re-alimentazione, come da protocolli in uso

ASSISTENZA SPECIALISTICA

Possiede le competenze necessarie a:


provvedere al rifacimento del letto occupato in collaborazione con l’Infermiere, in presenza della de-
clinata criticita’ assistenziale:
• persona affetta da trauma renale
• persona nell’immediato post operatorio di intervento chirurgico complesso
• instabilita’ dei parametri vitali.
identificare e trasmettere tempestivamente alterazioni significative quali: sanguinamenti, colore cute e
mucose alterati, stato di confusione, dispnea, agitazione, brivido, dolore
sostituire il sacchetto del paziente portatore di stomie, rilevare i caratteri delle urine e delle feci (qua-
li/quantitativo)

fornire assistenza di base al paziente portatore di cateteterino peridurale


eseguire la rilevazione della diuresi identificando e riferendo tempestivamente alterazioni significative
(albarelle o sacche della diuresi)
eseguire la raccolta dei campioni biologici, precedentemente etichettati
eseguire medicazioni semplici, quali l’applicazione di pomate, la disinfezione e copertura a piatto di
lesioni di primo stadio (su indicazione), riconoscendo segni e sintomi di una ferita infetta e riportando
il dato
riconoscere i ferri chirurgici ed il relativo utilizzo
preparare il materiale necessario per il lavaggio vescicale continuo e controllarne il corretto funziona-
mento
svuotare la sacca di raccolta del lavaggio vescicale continuo, rilevando le caratteristiche qualitative
della soluzione
confezionare sostegni scrotali e posizionarli correttamente
DIPARTIMENTO DELLE CHIRURGIE
SC UROLOGIA

Rev. 3 del 16/12/2013


Profilo di posto: OSS
Pag. 6 / 8

FUNZIONE: ALBERGHIERA E DI IGIENE AMBIENTALE


(in autonomia)
Possiede le competenze necessarie a:
provvedere alla pulizia e alla disinfezione terminale/periodica degli arredi e delle attrezzature
dell’unita’ di degenza, nonché assicurare la pulizia ,la disinfezione e la conservazione di utensili, appa-
recchiature, attrezzature e presidi usati dall’assistito e dal personale per fini assistenziale
provvedere alla pulizia e alla disinfezione della sala di endoscopia, al termine di ogni intervento chi-
rurgico, nei giorni di seduta operatoria in narcosi
provvedere al controllo delle scadenze del materiale sanitario e dei farmaci (secondo schema), con pu-
lizia periodica degli armadi e dei carrelli
provvedere al rifacimento del letto libero/barella utilizzando in modo corretto la biancheria pulita
provvedere alla pulizia e riordino quotidiano del carrello dell’igiene
provvedere alla richiesta quotidiana del vitto secondo le direttive aziendali
ritiro del carrello del vitto
distribuire del vitto secondo le diete prescritte e le esigenze espresse
ritirare i vassoi, riordinare la cucina, restituzione del carrello
aiutare la p.a. nell’assunzione del cibo e/o bevande adattando gli interventi in base al grado di dipen-
denza
verificare e registrare l’avvenuta assunzione del pasto e segnalare eventuali problemi
pulire gli arredi della cucina e controllare la temperatura dei frigoriferi
conservare gli alimenti secondo le regole igieniche
tiene in ordine gli effetti personali della p.a dipendente
assicurare il microclima
assicurare lo stoccaggio, il riordino del materiale sanitario e farmaceutico
utilizzare i dispositivi di protezione individuale
effettuare la raccolta e l’allontanamento della biancheria sporca o infetta secondo protocolli in uso
provvedere alla decontaminazione ambientale in caso di dispersione di liquidi biologici
assicurare lo smaltimento differenziato dei rifiuti ospedalieri
Attenersi alle misure di prevenzione della trasmissione delle infezioni ospedaliere (Germe Stop)
DIPARTIMENTO DELLE CHIRURGIE
SC UROLOGIA

Rev. 3 del 16/12/2013


Profilo di posto: OSS
Pag. 7 / 8

Conoscere e applicare le istruzioni operative, le procedure e i protocolli aziendali e/o interni


per quanto di competenza dell’elenco sottostante:
 Igiene delle mani
 Prevenzione e cura delle lesioni da decubito
 Prevenzione cadute accidentali
 Pulizia e disinfezione letti elettrici
 Richiesta e sanificazione presidi antidecubito
 Utilizzo antisettici e disinfettanti
 Decontaminazione di una superficie
 Raccolta differenziata dei rifiuti
 Trasporto materiale biologico
 Linee guida HCCP (igiene e conservazione degli alimenti)
 Capitolato tecnico squadra pulizie
 La movimentazione dei carichi con l’utilizzo degli ausili
 L’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale
 Legge 626/96 in materia di prevenzione infortuni sul lavoro
 Preparazione preoperatoria
 Dimissione protetta
 Compilazione documentazione infermieristica
 Gestione cartella clinica
 Cateterismo vescicale
 Inserimento e gestione dispositivi intravascolari
 Acquisizione e Trasporto di campioni Istologici e modalità di richiesta
 sostituzione assenza operatori
 comfort e rispetto privacy
 flusso informativo per autorizzazione alla fornitura di presidi per incontinenza
 richiesta quotidiana del vitto
 distribuzione del vitto e schema diete
 gestione strumentario chirurgico
 gestione e conservazione dispositivi medici
 Protocolli preoperatorio specifici
 Procedura per la prevenzione delle infezioni ospedaliere associate - Germe stop
 Piani di lavoro
DIPARTIMENTO DELLE CHIRURGIE
SC UROLOGIA

Rev. 3 del 16/12/2013


Profilo di posto: OSS
Pag. 8 / 8

FUNZIONE: GESTIONE
Possiede le competenze necessarie a:
utilizzare gli strumenti informativi in uso per la registrazione e trasmissione di informazioni
Utilizzare i seguenti strumenti informatici:
- Novoportal (richiesta pasti)

- INTRANET
-
identificare il quantitativo e la tipologia del materiale utilizzato al fine di ordinarlo settimanalmente

utilizzare e fare manutenzione semplice alle apparecchiature elettromedicali in uso nella SC:
sollevatore, presidi antidecubito, letti elettrici, saturimetro, termometro timpanico, clipper, pompe infu-
sionali, gambali a pressione alternata

provvedere allo stoccaggio e riordino del materiale sanitario e dei farmaci


utilizzare i servizi aziendali nelle attività quotidiane (servizi: trasporto pazienti, trasporto campioni bio-
logici, smaltimento rifiuti, commessi, economale, farmacia, logistico-alberghiera, tecnico-
manutenzione, necrofori, squadra pulizie esterne)

FUNZIONE: FORMAZIONE
Partecipare attivamente alla formazione sul campo
Realizzare attività di guida di tirocinio, rivolta a studenti OSS
Realizzare attività di guida, rivolta ad operatori neoassunti OSS

5. MODALITÀ FORMATIVE DA ATTUARE PER ACQUISIRE LE COMPETENZE SPE-


CIALISTICHE:

COMPETENZE SPECIALISTICHE SCORE


Conoscenza dei bisogni di assistenza di base del paziente chirurgico sottoposto 3/4
ai vari interventi urologici, andrologici ed uro-ginecologici

SCORE MODALITA’ FORMATIVE PER ACQUISIRE LE COMPETENZE


1 Autoapprendimento del singolo operatore
2 Apprendimento guidato all’interno della struttura
Autoapprendimento del singolo operatore e apprendimento guidato all’interno della
3 struttura
DIPARTIMENTO DELLE CHIRURGIE
SC UROLOGIA

Rev. 3 del 16/12/2013


Profilo di posto: OSS
Pag. 9 / 8

4 Partecipazione a specifico corso di formazione

6. BIBLIOGRAFIA:
 Provvedimento 22 febbraio 2001 "Accordo tra il Ministero della sanità, il Ministero per la soli-
darietà sociale e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano per l'individuazione della
figura e del relativo profilo professionale dell'operatore socio-sanitario e per la definizione
dell'ordinamento didattico dei corsi di formazione"
 L’operatore socio-sanitario, manuale per la formazione (di M. Vanzella e F. Vallicella)

7. CONDIVISIONE ALL’INTERNO DEL GRUPPO PROFESSIONALE DEL PROFILO


DI POSTO

DATA NOMINATIVO OPERATORE FIRMA


24/12/2013 AVANTEY VILMA
DEMATTEIS ROSALIA
FUOCO AURORA
FURNO GIANNI
MASONI VILMA
SAIA GIUSEPPINA
DA RUGNA URSULA

8. STATO DI REVISIONE DEL PROFILO DI POSTO

Prossima revisione 2015


DIPARTIMENTO DELLE CHIRURGIE
SC UROLOGIA

Rev. 3 del 16/12/2013


Profilo di posto: OSS
Pag. 10 / 8