Sei sulla pagina 1di 2

CONSIGLIO d’EUROPA

Oggi sono 47 gli stati membri del Consiglio d’Europa,ma originariamente erano meno. Che cos’è il
Consiglio D’Europa? È un’organizzazione internazionale,quindi non è un’Istituzione dell’Unione Europea.
Nasce nel 1949,sono anni particolari,post guerra,alcuni paesi tra cui l’Italia,si decide di sottoscrivere un
Accordo Internazionale,è aperto anche a paesi che non fanno parte dell’Unione Europea. Non a paesi che si
trovano in aree geografiche lontane,però per esempio la Turchia non fa parte dell’Unione Europea, per una
serie di ragioni,fa parte del Consiglio d’Europa. A cosa serve quindi questo organismo internazionale? Ha
come obiettivo principale quello di promuovere la tutela di quei diritti che sono considerati
trasversalmente sono considerati diritti fondamentali,diritti che in nessun modo possono essere violati. (Da
un punto di vista giuridico esiste il principio generale della territorialità,per cui ogni paese è sovrano del
proprio territorio. Allora decidere di entrare a far parte di un’organizzazione Internazionale,vuol dire in
qualche modo,auto vincolare la propria sovranità,perchè aderisco a questa organizzazione,che individua
una serie di.....di fronte ai quali io mi impegno,quindi, poi internamente,poichè il consiglio d’europa non ha
il potere di incidere direttamente sui singoli paesi,ogni aese di impegna,ad adeguare la propria normativa
interna rispetto a quanto previsto nell’ambito del Consiglio d’Europa. Quindi l’obiettivo è la tutela di questi
diritti,più in generale,una democrazia all’interno dei paesi. Democrazia che ha una serie di applicazioni,non
è solo l’organizzazione dello Stato,la base è rappresentatadal fatto che il popolo deve poter votare il
proprio rappresentante delle istituzioni parlamentari,ma non è solo questo,la democrazia si manifesta
anche nella possibilità di esprimere il proprio pensiero liberamente,la democrazia si manifesta in relazione
alla possibilità di accedere alle informazioni rilevanti per ciascun cittadino. Troviamo nelle discipline dei
singoli paesi, una serie di strumenti e di luoghi in cui si manifesta o non si manifesta uno spirito
democratico cioè tutte le volte in cui viene garantito o meno al popolo di partecipare realmente al governo
della propria comunità. In questo senso il Consiglio d’Europa ha anche un ruolo di supervisore,quindi
laddove uno dei paesi membri,per esempio internamente va ad emanare una disciplina che in qualche
modo contraddice lo spirito democratico di un’impresa,ad esempio: se domani renzi impazzisce e decide di
chiudere tutte le reti televisie tranne una,è evidente che si va ad agire contro una forma di democrazia in
termini di libertà di espressione ed il C.d’E. interverrebbe come,da punto di vista politico no può intervenire
con un atto specifico con cui ordina a renzi di aprire anche le altre concessioni,cioè di consentire questo
servizio,ma diplomaticamente può chiedere all’Italia di rientrare nella democrazia. Come primo
atto,particolarmente rilevante,che rappresente il cuore del Consiglio d’Europa,nel 1950 il C.d’E.da vita e
approva un Trattato Internazionale,stila un documento che tutti i paesi devono rispettare,che è la
Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo,CEDU.

Anche qui c’è il rischio confusione,il Consiglio d’Europa non c’entra niente con il Consiglio Europeo,che è
un’istituzione dell’Unione Europea. Anche se simili nel nome sono molto differenti. Anche qui abbiamo la
Convenzione dei Diritti Europei dell’Uomo che è espressione del consiglio d’europa,poi abbiamo la Carte
dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea che è un’altra cosa,ovviamente,troveremo una serie di
elementi analogi in questi documenti. La convenzione europea dei diritti dell’uomo dal trattato
Internazionale impregna molti più paesi,rispetto a quelli che soo obbligati dalla carte dei diritti fodamenteli
dell’Unione Europea,impegna solo i paesi dell’Unione Europea. Hanno una forma diversa di eventuale
applicazione forzata,perchè la CEDU contiene una serie di,protemmo dire una parte positiva ed una parte
negativa. La parte positiva è rappresentata dall’elenco di diritti considerati diritti fondamentali,come il
diritto alla vita, il diritto alla formazione della famiglia,diritto ad un equo processo,proibita la tortura,la pate
negativa invece è nel senso che bisogna evitare,c’è una parte di obbligo di doveri e una parte di obbligo di
divieti.
Perchè la CEDU rappresenta il cuore del consiglio d’Europa?perchè sulla base della convenzione europea ci
si è domandati chi è che verifica che i singoli paesi rispettino ciò che è scritto in questo accordo. Lo può
verificare chi ha istituito questo accordo,il Consiglio d’Europa non ha strumenti per valutare i singoli
paesi,cosi è stata istituita la Corte Europea dei Diritti Dell’Uomo che è una corte internazionale,che non va
confusa con la corte di giustizia che è la corte dell’Unione Euroepa,quindi giudica solo sul rispetto o meno di
quanto c’è scritto sulla CEDU. Si trova a Strasburgo,ogni giudice poù giudicare solo su alcune questioni,la
corte europea dei diritti dell’uomo giudica solo se sono stati violati articoli del CEDU. Mentre la corte di
Giustizia è la corte dell’Unione Europea e giudica se i paesi hanno violato le norme europee.

Chi è che può recarsi davanti alla corte europea dei diritti dell’uomo? Sia un singolo stato,sia il singolo
cittadino. Prima di andare d’avanti alla corte devo aver tentato tutte le strade di tutela previste dal mio
ordinamento nazionale. Dagli anni ’50 ad oggi la Corte ha sempre di più ha incrementato la sua
importanza,il suo potere da un punto di vista politico.