Sei sulla pagina 1di 2

DESTA E SINISTRA HEGELIANA 1831

Alla morte di Hegel, la scuola si spaccò in due a causa del modo che avevano i discepoli di intendere
la religione e la politica.
Hegel sosteneva che religione e filosofia rivelano la stessa verità in modo diverso:
R=rappresentazione, F=concetto.
DESTRA SINISTRA

Identità di contenuto tra religione e filosofia. Diversità di forma tra religione e filosofia: la
La filosofia è la conservazione della religione. filosofia è la distruzione della religione.
Carattere conservatore. Filosofia= critica dell’esistente.
CArattere rivoluzionario.
SINISTRA​:
- religione​: analisi critico-razionale dei testi biblici → inadeguatezza nel raccontare i fatti.
- politica​: la storia viene interpretata in modo materialistico e rivoluzionario (Marx).
​FEUERBACH
“ ​Il fondatore dell’ateismo filosofico​”
1. Rovesciamento dei rapporti tra soggetto e predicato​:
● IDEALISMO:
○ pensiero= soggetto;
○ essere= predicato;
“​Fare del concreto (essere) un predicato astratto (pensiero)​”
→ non si giunge mai alla verità
es. Hegel: il Soggetto spirituale crea l’uomo, la natura, ...
● REALTÀ EFFETTIVA:
○ essere= soggetto;
○ pensiero= predicato;
2. Dio come proiezione dell’uomo​:
Applicazione della ​filosofia materialistica ​anche nel campo della religione: non è Dio (astratto) a
creare l’uomo (concreto), ma ​è l’uomo a creare Dio​.
Dio è una proiezione dell’uomo​, delle sue ​perfezioni. ​(Simile alla concezione di Nietzsche)
→ proiezione illusoria che incarna determinate qualità (positive) dell’uomo, quali: regione, cuore,
volontà.
Religione​: insieme dei rapporti dell’uomo con il proprio IO (l’essere).
L’​antropologia ​è la chiave di lettura della religione: Dio è semplicemente l’immagine che l’uomo ha
di se stesso.
Come nasce l’idea di Dio? ​F. ha tre interpretazioni:
1. L’uomo si sente un essere debole e impotente (come individuo), ma si sente anche
onnipotente e infinito (come specie) → Dio incarna le qualità della specie-.
2. Dio incarna i desideri irrealizzabili dall’uomo.
3. Dipendenza dell’uomo nei confronti della ​natura​ → l’uomo venera le cose senza cui può
vivere (luce, acqua, ecc..).

3. Alienazione, ateismo e compito della filosofia


❖ Alienazione​: l’uomo proietta fuori di sé un Dio che possiede tutte le sue qualità positive ->
sottomissione.
❖ Ateismo positivo​: riportare dentro se stessi le qualità positive che si erano proiettate fuori di sé
→ Dio deve tornare a essere il predicato e l’uomo il vero soggetto.
➢ Ateismo positivo perché “​divinizza​” la potenzialità umana.
➢ Dio da soggetto diventa predicato.

❖ Compito della filosofia​: la filosofia non pone più l’uomo come un prodotto di Dio, ma Dio
diventa un prodotto dell’uomo.

4. Critica a Hegel
F inizialmente era un seguace di Hegel, ma successivamente definì la sua filosofia come teologia
razionalizzata.
Hegel concepisce lo Spirito come una realtà vera da cui deriva l’uomo, la natura e la storia umana.
Invece la realtà coincide con il finito (natura, uomo), mentre lo spirito è qualcosa di secondario.
Lo spirito è un’astrazione alienante​.

Secondo Feuerbach, Hegel ha commesso lo stesso errore della filosofia: cercare di ridurre il finito
dall'infinito, ma in realtà Hegel ha ricavato le determinazioni dell'infinito partendo dalla realtà finita.

Hegel​: la realtà coincide con l’Infinito, l’Assoluto.


Feuerbach​: la realtà coincide con il finito.

UMANISMO E FILANTROPISMO
Nuova filosofia incentrata sull’uomo → ​filosofia dell’avvenire.
Caratteri​:
➢ umanismo​: l’uomo è l’unico oggetto e il fine della filosofia;
➢ naturalistico​: la natura è realtà primaria da cui deriva ogni cosa, incluso l’uomo.
L’​antropologia ​diventa la scienza per eccellenza.
L’uomo è una realtà vivente con sensibilità e bisogni fisici. La sensibilità ha valore conoscitivo e
pratico (collegato al sentimento dell’amore).
L’​amore ​è una passione fondamentale → è il motore della vita, rende felice l’uomo, la sua assenza lo
rende infelice → l’io da solo non può stare, ma esiste solo insieme al tu.
L’uomo non può stare senza l’altro uomo, le idee scaturiscono dalla comunicazione, per creare un
uomo sono necessari due uomini e attraverso la conoscenza dell’altro si ha la certezza dell’esistenza di
altre cose oltre all’io.
“​Comunismo filosofico​”: l’io ha senso solo in relazione al tu ​→ teoria degli alimenti (​l’uomo è ciò
che mangia​):
● l’uomo ha una realtà psico-fisica;
● se si vogliono migliorare le condizioni di un popolo bisogna migliorare le sue condizioni
materiali.
La filosofia di F costituisce una forma di filantropia in quando il filosofo sposta l’attenzione da Dio
all’uomo, sostituendo l’amore per Dio con l’amore per l’uomo.