Sei sulla pagina 1di 179

COLLANA DI MANUALI

DI PROGETTAZIONE ANTISISMICA
VOLUME 5

PROGETTO DI EDIFICI
CON ISOLAMENTO SISMICO

M. Dolce, D. Cardone, F. C. Ponzo, A. Di Cesare


INDICE

CAPITOLO 1: Introduzione all’isolamento sismico delle strutture.................................... 1

1.1 Introduzione ............................................................................................................. 1


1.2 Basi teoriche dell’isolamento sismico....................................................................... 6
1.3 Dispositivi e sistemi di isolamento .........................................................................17
1.3.1 Sistemi basati su isolatori elastomerici............................................................... 20
1.3.2 Sistemi basati su isolatori a scorrimento ........................................................... 25
1.4 Effetti dell’isolamento sismico sugli edifici ............................................................29
1.5 Sviluppo dell’isolamento sismico in Italia e nel Mondo ........................................41
1.6 Recenti applicazioni ad edifici e ponti ...................................................................44
1.6.1 Applicazioni a ponti e viadotti............................................................................ 45
1.6.2 Applicazioni ad edifici.......................................................................................... 45
1.7 Aspetti normativi....................................................................................................47

CAPITOLO 2: Commentario alle Norme............................................................................. 57

2.1 Scopo (punto 10.1) .................................................................................................57


2.2 Definizioni e simboli (punto 10.2) .........................................................................59
2.3 Requisiti generali e criteri per il loro soddisfacimento (punto 10.3) ......................62
2.1 Sicurezza nei confronti della stabilità (Stato Limite Ultimo – SLU) ..........................63
2.2 Protezione nei confronti del danno (Stato Limite di Danno – SLD) ........................63
2.4 Caratteristiche e criteri di accettazione dei dispositivi (punto 10.4) ......................66
2.4.1 Isolatori elastomerici (punto 10.4.1) .................................................................. 68
2.4.2 Isolatori a scorrimento (punto 10.4.2)............................................................... 71
2.4.3 Dispositivi ausiliari a comportamento non lineare (punto 10.4.3)................ 72
2.4.4 Dispositivi ausiliari a comportamento viscoso (punto 10.4.4) ...................... 77
2.4.5 Dispositivi ausiliari a comportamento lineare o quasi lineare (punto
10.4.5) ..................................................................................................................... 78
2.5 Indicazioni progettuali (punto 10.5).......................................................................79
2.5.1 Indicazioni riguardanti i dispositivi (punto 10.5.1 )......................................... 79
2.5.2 Controllo di movimenti indesiderati (punto 10.5.2)........................................ 80
2.5.3 Controllo degli spostamenti sismici differenziali del terreno (punto 10.5.3)81
2.5.4 Controllo degli spostamenti relativi al terreno e alle costruzioni circostanti
(punto 10.5.4) ........................................................................................................ 82
2.6 Azione sismica (punto 10.6) ...................................................................................83
2.6.1 Spettri di progetto (punto 10.6.1)....................................................................... 83
2.6.2 Impiego di accelerogrammi (punto 10.6.2)....................................................... 84
iv Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

2.7 Modellazione e analisi strutturale (punto 10.7) ......................................................85


2.7.1 Proprietà del sistema di isolamento (punto 10.7.1) ......................................... 85
2.7.2 Modellazione (punto 10.7.2) ............................................................................... 87
2.7.3 Metodi di analisi (punto 10.7.3).......................................................................... 88
2.7.4 Analisi statica lineare (punto 10.7.4) .................................................................. 88
2.7.5 Analisi dinamica lineare (punto 10.7.5) ............................................................. 90
2.7.6 Analisi dinamica non lineare (punto 10.7.6) ..................................................... 92
Si riporta, per comodità di lettura, il punto 4.5.5 delle norme:................................. 92
4.5.5 Analisi dinamica non lineare................................................................................. 92
2.8 Verifiche (punto 10.8) ............................................................................................92
2.8.1 Stato limite di danno - SLD (punto 10.8.1) ...................................................... 92
2.8.2 Stato limite ultimo - SLU (punto 10.8.2) .......................................................... 94
2.9 Aspetti costruttivi, manutenzione, sostituibilità (punto 10.9) ................................98
2.10 Collaudo (punto 10.10) ...........................................................................................99

CAPITOLO 3: Esempi di applicazione ............................................................................... 101

3.1 Progettazione di una nuova struttura isolata alla base......................................... 106


3.1.1 Geometria (BLOCCO 1)................................................................................... 108
3.1.2 Materiali e dettagli costruttivi (BLOCCO 2) .................................................. 109
3.1.2.1 Caratteristiche dei materiali .................................................................. 109
3.1.2.2 Dettagli costruttivi ................................................................................. 110
3.1.3 Carichi ed azioni (BLOCCO 3) ........................................................................ 111
3.1.3.1 Analisi dei carichi ................................................................................... 111
3.1.3.2 Azione sismica........................................................................................ 112
3.1.4 Predimensionamento (BLOCCO 4)................................................................ 114
3.1.4.1 Vano scala ............................................................................................... 114
3.1.4.2 Pilastri ...................................................................................................... 115
3.1.4.3 Travi......................................................................................................... 117
3.1.4.4 Sottostruttura.......................................................................................... 119
3.1.4.5 Configurazione strutturale finale......................................................... 120
3.1.4.6 Combinazione dell’azione sismica con le altre azioni ...................... 124
3.1.4.7 Masse e azione sismica.......................................................................... 125
3.1.4.8 Sistema d’isolamento............................................................................. 126
3.1.5 Modellazione e analisi della struttura a base fissa (BLOCCO 5) ................ 135
3.1.6 Verifiche ............................................................................................................... 139
3.1.6.1 Verifiche della struttura (BLOCCO 6) ............................................... 143
3.1.6.2 Verifiche dei dispositivi (BLOCCO 7) ............................................... 159
3.1.6.3 Giunti e connessioni non strutturali (BLOCCO 8).......................... 168
3.1.7 Modellazione e analisi dinamica della struttura a base isolata ..................... 169
3.2 Adeguamento antisismico di una struttura esistente mediante isolamento
sismico ................................................................................................................. 171
3.2.1 Geometria (BLOCCO 1)................................................................................... 177
3.2.2 Materiali e dettagli costruttivi (BLOCCO 2) .................................................. 177
3.2.2.1 Caratteristiche dei materiali .................................................................. 177
3.2.2.2 Dettagli costruttivi ................................................................................. 181
3.2.3 Carichi ed azioni (BLOCCO 3) ........................................................................ 182
3.2.3.1 Analisi dei carichi ................................................................................... 182
3.2.3.2 Combinazione dell’ azione sismica con le altre azioni ..................... 184
3.2.3.3 Masse e azione sismica .......................................................................... 185
3.2.4 Valutazione della resistenza alle azioni orizzontali (BLOCCO 4) .............. 185
3.2.4.1 Modellazione e analisi della struttura a base fissa ............................. 186
3.2.4.2 Determinazione di Se ............................................................................. 189
3.2.5 Progetto del sistema di isolamento (BLOCCO 5)......................................... 206
3.2.5.1 Caratteristiche globali del sistema di isolamento .............................. 207
3.2.5.2 Distribuzione delle rigidezze degli isolatori ....................................... 209
3.2.5.3 Dimensionamento di massima degli isolatori.................................... 211
3.2.6 Verifiche ............................................................................................................... 217
3.2.6.1 Modellazione e analisi dinamica della struttura a base isolata......... 218
3.2.6.2 Verifica della struttura (BLOCCO 6) ................................................. 227
3.2.6.3 Verifica dei dispositivi d’isolamento (BLOCCO 7).......................... 230
3.2.6.4 Giunti e connessioni non strutturali (BLOCCO 8).......................... 233
3.2.7 Realizzazione dell’intervento............................................................................. 235

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI..................................................................................... 244


CAPITOLO 1: INTRODUZIONE ALL’ISOLAMENTO
SISMICO DELLE STRUTTURE

1.1 INTRODUZIONE

La moderna progettazione antisismica realizza i suoi obiettivi fondamentali, ossia


evitare il collasso delle strutture per terremoti di forte intensità e il danneggiamento delle
parti non strutturali per terremoti di media intensità, mediante criteri per la scelta ottimale
dei parametri fondamentali, quali rigidezza, resistenza e, soprattutto, duttilità e regole
progettuali che consentono di ottenere un buon controllo del comportamento dinamico
delle costruzioni in campo non lineare[Petrini et al. 2004].
La progettazione antisismica delle strutture è, come per altre condizioni di carico
(gravità, vento, ecc.), basata sul soddisfacimento della disequazione:

CAPACITÀ ≥ DOMANDA

in cui la domanda è determinata dal moto del terreno sottostante la struttura. Un evento
sismico genera, nella struttura, delle forze d’inerzia proporzionali al prodotto delle sue
masse per le accelerazioni indotte dal terreno. Per evitare danni strutturali durante un
sisma all’aumentare della sua intensità attesa, sarebbe necessario aumentare
proporzionalmente la resistenza della struttura. Il danno strutturale, tuttavia, non
corrisponde alla condizione di collasso che si vuole evitare, avendo la struttura ancora
importanti riserve di sopravvivenza grazie alla sua duttilità, ossia alla capacità dei suoi
elementi strutturali di sostenere escursioni in campo plastico, mantenendo pressoché
costante la loro portanza. Per di più non è economicamente conveniente aumentare
indefinitamente la resistenza della struttura, vista la ridotta, ma non trascurabile,
probabilità di accadimento di eventi sismici alle massime intensità, durante i quali
l’accelerazione di picco orizzontale del terreno (PGA) può, in zone ad elevata sismicità,
raggiungere e anche superare l’accelerazione di gravità. Di conseguenza, i codici sismici
moderni consentono di far ricorso alla duttilità strutturale per soddisfare la disequazione
Capacità ≥ Domanda, che diviene condizione sulla duttilità, o sulle deformazioni e le
grandezze ad esse correlate, e non più sulla resistenza. L’accettazione di elevate richieste
di duttilità, tuttavia, implica l’accettazione di danni agli elementi strutturali, a seguito di
eventi sismici di moderata-alta intensità, e dei relativi costi di riparazione e di interruzione
del servizio.
Un filosofia di progettazione basata sull’aumento della capacità porta quindi alla scelta
fra due possibili alternative: (i) aumentare la resistenza della struttura, sopportando costi
di realizzazione più elevati ed accettando maggiori accelerazioni sulla struttura, (ii)
2 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

aumentare la duttilità della struttura, con una progettazione finalizzata a sviluppare


meccanismi di plasticizzazione favorevoli (“capacity design” o criterio della gerarchia delle
resistenze) e ad ottenere elevate capacità duttili locali mediante accurati dettagli
costruttivi. Questa seconda alternativa è quella cui le normative moderne si ispirano,
applicando i criteri del capacity design per ridurre la domanda sugli elementi strutturali e
sui meccanismi di funzionamento sfavorevoli allo sviluppo di una buona duttilità
d’insieme. Il progetto è poi completato con il controllo degli spostamenti interpiano per
terremoti di media intensità, così da limitare i danni alle parti non strutturali.
Alcune moderne tecniche di protezione sismica passiva delle strutture (v. Fig. 1.1)
utilizzano appositi dispositivi per ridurre la domanda e/o concentrare in essi, anziché in
zone dissipative della struttura, l’assorbimento e la dissipazione di energia.

Fig. 1.1 Esempi di introduzione dei controventi dissipativi negli edifici intelaiati

Una tecnica molto efficace è quella della dissipazione d’energia, generalmente basata
sull’uso di controventi inseriti nelle maglie strutturali di edifici con struttura intelaiata e
dotati di speciali dispositivi, che dissipano l’energia trasmessa dal terremoto nella
struttura, riducendo sensibilmente gli spostamenti della struttura, e, dunque, le richieste di
duttilità (v. Fig. 1.1). Se la dissipazione è di tipo viscoso, non si determinano particolari
variazioni al comportamento della struttura nel suo insieme, se la dissipazione è di tipo
isteretico, in particolare realizzata attraverso un comportamento elasto-plastico, il limite di
forza dei dispositivi rappresenta il parametro di progetto degli elementi strutturali
connessi, nella logica del “capacity design”. Se la riduzione delle accelerazioni è notevole
e/o se la struttura vera e propria è sufficientemente deformabile in campo elastico, la
dissipazione di energia avviene solamente nei dispositivi aggiuntivi senza alcun danno alla
struttura.
Ancor più efficace è l’isolamento sismico [Skinner et al. 1993], perché realizza la
strategia di riduzione della domanda in maniera globale, abbattendo drasticamente
l’energia trasmessa dal suolo all’intera struttura.
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 3

(a) (b)

Fig. 1.2 Introduzione dei sistemi di isolamento in (a) edifici e (b) ponti

L’isolamento sismico consiste essenzialmente nel disaccoppiare il moto del terreno da


quello della struttura, introducendo una sconnessione lungo l’altezza della struttura stessa
(generalmente alla base, nel caso degli edifici, fra la pila e l’impalcato, nei ponti, come è
illustrato in Fig. 1.2), che risulta quindi suddivisa in due parti: la sottostruttura,
rigidamente connessa al terreno, e la sovrastruttura. La continuità strutturale, e con essa la
trasmissione dei carichi verticali al terreno, è garantita attraverso l’introduzione, fra
sovrastruttura e sottostruttura, di particolari apparecchi di appoggio, detti isolatori,
caratterizzati da un’elevata deformabilità e/o da una bassa resistenza al moto in direzione
orizzontale e, normalmente, da una notevole rigidezza in direzione verticale.
La sottostruttura, generalmente molto rigida, subisce all’incirca la stessa accelerazione
del terreno, mentre la sovrastruttura fruisce dei benefici derivanti dall’aumento di
deformabilità conseguente all’introduzione degli isolatori. Gli spettri di risposta in termini
di accelerazioni della maggior parte dei terremoti, infatti, presentano una forte
amplificazione nell’intervallo 0.2÷0.8 sec, dove cade il periodo proprio di vibrazione di
molte delle usuali strutture fisse alla base. Assumendo, per semplicità, che i dispositivi
d’isolamento abbiano un comportamento di tipo elastico o ad esso assimilabile, l’aumento
di deformabilità conseguente all’introduzione degli isolatori porta il periodo proprio del
sistema strutturale (sottostruttura-isolamento-sovrastruttura) in una zona dello spettro a
più bassa accelerazione. Di conseguenza, le accelerazioni prodotte dal sisma sulla struttura
isolata risultano drasticamente minori rispetto a quelle prodotte nella configurazione a
base fissa (v. Fig. 1.3(a)), a tal punto che la struttura può essere agevolmente progettata
per resistere a terremoti violenti senza dover subire danni alle parti strutturali.
Naturalmente l’aumento di periodo si traduce anche in un incremento di spostamenti (v.
Fig. 1.3(b), che però si concentrano negli isolatori, dove viene assorbita e dissipata gran
parte dell’energia immessa dal terremoto nel sistema strutturale. La sovrastruttura si
comporta quasi come un corpo rigido, subendo spostamenti relativi interpiano molto
contenuti. Di conseguenza si riducono drasticamente o si eliminano totalmente anche i
danni alle parti non strutturali. Per evitare eccessivi spostamenti del sistema d’isolamento,
che risulterebbero condizionanti nella progettazione degli impianti a terra o dei giunti di
separazione con strutture adiacenti, il sistema di isolamento nel suo insieme può essere
4 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

dotato di un’elevata capacità dissipativa, corrispondente a rapporti di smorzamento


dell’ordine del 10÷30%.

Elongazione periodo

Spostamento spettrale (m)


Accelerazione spettrale (m/sec2)

15 5

Isolata
Fissa Riduzione
Base

Base
4 spostamento
ξ = 2% per incremento
10 smorzamento
Elongazione periodo 3
10%
2

Riduzione
5 ξ = 2% 20%

forza
10% 1
20%
0 0
0 1 2 3 0 1 2 3
Periodo (sec) Periodo (sec)
Incremento
spostamento per
elongazione periodo

Fig. 1.3 Effetti dell’isolamento sismico su forze e spostamenti per un sisma con
periodo dominante di 0.5s

L’isolamento sismico può realizzarsi secondo diverse strategie [Dolce 1994], che
possono ricondursi essenzialmente a due (v. Fig. 1.4):
(i) incremento del periodo, senza o con dissipazione di energia,
(ii) limitazione della forza, senza o con dissipazione di energia.

Incremento del periodo Incremento del periodo Dissipazione di


Incremento dello energia
Accelerazione
Accelerazione

smorzamento
Spostamento

Spostamento

Incremento dello
smorzamento

Periodo Periodo Periodo Periodo

a) Incremento del periodo (e smorzamento) b) Limitazione della forza (e dissipazione)

Fig. 1.4 Strategie di riduzione della domanda mediante isolamento sismico

Nella strategia dell’incremento del periodo si utilizzano dispositivi a comportamento


quasi-elastico per abbattere le accelerazioni sulla struttura secondo i principi appena
esposti e sintetizzati nella Fig. 1.4. In un’interpretazione energetica del comportamento
del sistema strutturale, la riduzione degli effetti sulla struttura è conseguita principalmente
attraverso l’assorbimento nei dispositivi di gran parte dell’energia sismica in input, sotto
forma di energia elastica di deformazione, in parte dissipata al completamento del ciclo.
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 5

La dissipazione d’energia del sistema d’isolamento è sfruttata sia per ridurre gli
spostamenti alla base, che, entro certi limiti, le forze trasmesse alla sovrastruttura.
Nella strategia della limitazione della forza si utilizzano dispositivi a comportamento
rigido- o elastico- perfettamente plastico, o comunque fortemente non lineare, con un
ramo pressoché orizzontale per grandi spostamenti (incrudimento quasi nullo). La
riduzione degli effetti sulla struttura avviene attraverso la limitazione, da parte dei
dispositivi (in quanto insita nella forma stessa del loro ciclo di isteresi), della forza
trasmessa alla sovrastruttura. L’imposizione di un limite massimo alla forza trasmessa può
essere anche vista come un’applicazione del capacity design a livello di sistema strutturale,
nel quale viene stabilita una gerarchia tra la resistenza globale della struttura e la
“resistenza” del sistema di isolamento. La dissipazione d’energia del sistema d’isolamento
è sfruttata essenzialmente per contenere gli spostamenti alla base. Ciò si traduce anche in
una riduzione della forza trasmessa nel caso d’incrudimento non trascurabile. Le
variazioni brusche di rigidezza tipiche di alcuni legami fortemente non lineari possono
comportare maggiori valori delle accelerazioni nella parte alta della sovrastruttura.
La strategia basata sull’incremento del periodo è certamente la più frequentemente
adottata nell’isolamento degli edifici, per ragioni diverse, tra cui, non secondarie, quelle
legate ad aspetti tecnologici e realizzativi. Quella basata sulla limitazione della forza trova
impiego soprattutto nei casi in cui il controllo delle forze indotte dal sisma sulla struttura
rappresenta l’aspetto cruciale della progettazione (come può accadere nell’adeguamento
sismico delle strutture esistenti), ed in linea di principio anche nei casi in cui la strategia ad
incremento del periodo raggiunge i suoi limiti di applicabilità e convenienza (ad esempio
in presenza di strutture deformabili o di terremoti attesi con elevato contenuto energetico
alle basse frequenze) [Dolce 1994]. Un aspetto positivo della strategia a limitazione della
forza è la sostanziale indipendenza dell’efficacia dell’isolamento dalle caratteristiche del
sisma (intensità e contenuto in frequenze), a condizione di poter accettare spostamenti
anche molto ampi del sistema di isolamento [Constantinou 1988].
I benefici derivanti dall’adozione dell’isolamento sismico sono molteplici. La sensibile
riduzione delle accelerazioni sulla struttura, rispetto alla configurazione a base fissa,
determina infatti:
a. un forte abbattimento delle forze di inerzia (e quindi delle sollecitazioni) prodotte
dal sisma sulla struttura, tale da evitare il danneggiamento degli elementi
strutturali (travi, pilastri, ecc.) anche sotto terremoti violenti,
b. una drastica riduzione degli spostamenti interpiano, tale da eliminare il danno agli
elementi non strutturali (tamponature, tramezzi, ecc.), così da garantire la piena
funzionalità dell’edificio anche a seguito di un terremoto violento,
c. un’elevata protezione del contenuto strutturale,
d. una percezione molto minore delle scosse sismiche da parte degli occupanti.
Quanto detto si traduce, in primo luogo, in una drastica riduzione o nel totale
azzeramento dei costi di riparazione dell’edificio a seguito di un evento sismico di elevata
intensità. Tutto ciò a fronte di un costo iniziale leggermente superiore (dell’ordine del
10% del costo strutturale [Kelly 2001]), o anche inferiore, rispetto ad una normale
struttura antisismica, essendo funzione di numerosi parametri, quali:
6 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

ƒ le dimensioni e, soprattutto, il numero di piani,


ƒ la configurazione dell’edificio, in relazione alla facilità di sistemare il piano di
isolamento,
ƒ la maglia strutturale, in relazione al numero di dispositivi necessari per realizzare
il sistema di isolamento;
ƒ il contenuto in frequenze dell’azione di progetto, in relazione all’entità
dell’abbattimento dell’azione;
ƒ la presenza di edifici in adiacenza, in relazione alla realizzazione di giunti di
separazione e alle relative problematiche architettoniche e impiantistiche;
ƒ il tipo di dispositivi del sistema di isolamento.

In particolare il numero di piani può risultare sfavorevole se troppo piccolo o troppo


grande. Nel primo caso l’incidenza è ovviamente maggiore, in quanto il costo dei
dispositivi e delle maggiori lavorazioni sulla struttura nel piano d’isolamento si ripartisce
su un numero limitato di piani, nel secondo caso il periodo della struttura, considerata a
base fissa, può risultare elevato e tale da limitare i vantaggi dell’isolamento in termini di
riduzione delle forze sismiche.
I vantaggi di tipo socio-economico dell’isolamento sismico si apprezzano appieno
soprattutto per gli edifici che, per la funzione ivi svolta, devono rimanere operativi dopo
un terremoto violento, ad esempio gli ospedali o i centri operativi per la gestione
dell’emergenza (centri di protezione civile, caserme dell’Esercito e dei Vigili del Fuoco,
ecc.), oppure per le strutture il cui contenuto ha un valore di gran lunga superiore a quello
della struttura stessa (scuole, musei, banche, centri di calcolo, ecc.) o per quelle ad alto
rischio (centrali nucleari o chimiche, ecc.) [Dolce 1994].

1.2 BASI TEORICHE DELL’ISOLAMENTO SISMICO

Per semplificare al massimo l’interpretazione del comportamento di un edificio isolato


alla base, si individuano due componenti fondamentali nella deformabilità complessiva
del sistema strutturale: l’isolamento sismico e la sovrastruttura, e due componenti
inerziali, la massa del basamento della struttura, direttamente vincolata a terra attraverso il
sistema di isolamento e la massa della sovrastruttura, esclusa la massa di base, che si
muove rispetto a quest’ultima, essendo ad essa collegata dalla sovrastruttura stessa. Per
illustrare i concetti fondamentali dell’isolamento sismico si fa riferimento ad un sistema
elastico lineare a masse concentrate, come quello illustrato in Fig. 1.5 [Naeim and Kelly
1999], che rappresenta la semplificazione estrema del sistema strutturale detto, nel quale
masse, rigidezze e dissipazione di energia della sovrastruttura sono distribuiti lungo
l’altezza dell’edificio. In esso, m rappresenta la massa della sovrastruttura, ad esclusione
del piano di base, e mb la massa del piano di base al di sopra degli isolatori. La rigidezza e
lo smorzamento della sovrastruttura e del sistema d’isolamento (pensato a
comportamento elastico) sono indicati con ks e cs, e con kb e cb, rispettivamente. Il
modello è caratterizzato da due gradi di libertà dinamici, corrispondenti agli spostamenti
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 7

orizzontali delle due masse, denotati in Fig. 1.5 con us e ub, mentre ug rappresenta lo
spostamento del terreno.

m us

ks, cs

mb ub
kb, cb
ug
Fig. 1.5 Modello a due gradi di libertà di una struttura isolata alla base

Ai fini di una più semplice e diretta interpretazione del comportamento del sistema,
conviene svolgere la trattazione in termini di spostamenti relativi vb e vs, ossia,
rispettivamente, lo spostamento degli isolatori e lo spostamento interpiano:

vb = ub – ug (1.1)

vs = us – ub (1.2)

Le equazioni del moto del sistema a due gradi di libertà mostrato in Fig. 1.5 si scrivono
(applicando il principio di D’Alembert):

( m + mb ) ⋅ &v&b + m ⋅ &v&s + c b ⋅ v&b + kb ⋅ v b = −( m + mb ) ⋅ u&&g (1.3)

m ⋅ &v&b + m ⋅ &v&s + c s ⋅ v&s + ks ⋅ v s = − m ⋅ u&&g (1.4)

Definito il rapporto di massa:

m
γ= (1.5)
m + mb

ed il rapporto delle pulsazioni:


8 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

2
ω2 kb ⋅ m ⎛T ⎞
ε = b2 = = ⎜⎜ s ⎟⎟ (1.6)
ωs ( m + mb ) ⋅ ks ⎝ Tb ⎠

ed introdotti i rapporti critici di smorzamento viscoso, ξb e ξs, legati alle precedenti


grandezze dalle note relazioni:

cb
2 ⋅ ωb ⋅ ξb =
( m + mb )
(1.7)
cs
2 ⋅ ωs ⋅ ξ s =
m

è possibile riscrivere le equazioni del moto del sistema nel seguente modo:

&v&b + γ ⋅ &v&s + 2 ⋅ ωb ⋅ ξb ⋅ v&b + ωb2 ⋅ v b = −u&&g (1.8)

&v&b + &v&s + 2 ⋅ ωs ⋅ ξ s ⋅ v&s + ωs2 ⋅ v s = −u&&g (1.9)

Si noti come le grandezze ωb, Tb, ξb e ωs, Ts, ξs sono la pulsazione, il periodo e il
rapporto di smorzamento rispettivamente di due oscillatori elementari, l’uno costituito
dall’intera massa del sistema vincolata dal sistema di isolamento, l’altro dalla sola
sovrastruttura assunta fissa alla base. Accanto al rapporto delle pulsazioni può essere
introdotto il rapporto d’isolamento, pari al rapporto tra i periodi Tb/Ts , e dunque pari alla
radice quadrata dell’inverso di ε.
La risoluzione del problema agli autovalori ed autovettori porta alla definizione dei
due modi di vibrare della struttura. Assumendo ε << 1, cioè sovrastruttura molto più
rigida degli isolatori, è possibile semplificare notevolmente la trattazione. Le espressioni
approssimate delle due pulsazioni modali si riducono a:

ω12 = ωb2 ⋅ ( 1 − γ ⋅ ε ) (1.12)

ωs2
ω22 = ⋅( 1 + γ ⋅ ε ) (1.13)
(1 − γ )

Analogamente, le forme modali assumono le seguenti semplici espressioni approssimate:

φ 1T = {1, ε } (1.14)
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 9

⎧ 1 ⎫
φ T2 = ⎨1,− ⋅ [1 − ( 1 − γ ) ⋅ ε ]⎬ (1.15)
⎩ γ ⎭

Determinati i modi di vibrare della struttura, la risposta del sistema si esprime come
combinazione lineare delle forme modali φ 1 e φ 2 attraverso due coefficienti (q1 e q2)
funzione del tempo:

v b = q1 ⋅ φ11 + q 2 ⋅ φ12 (1.16)

v s = q1 ⋅ φ21 + q 2 ⋅ φ22 (1.17)

L’introduzione dei modi di vibrare consente di disaccoppiare le equazioni del moto, che si
riscrivono quindi:

q&&1 + 2 ⋅ ω1 ⋅ ξ1 ⋅ q&1 + ω12 ⋅ q1 = −π1 ⋅ u&&g (1.18)

q&&2 + 2 ⋅ ω2 ⋅ ξ 2 ⋅ q&2 + ω22 ⋅ q 2 = −π 2 ⋅ u&&g (1.19)

in cui π1 e π2 rappresentano i coefficienti di partecipazione modale, che, nelle ipotesi


fatte, assumono le seguenti espressioni:

π1 = 1 − γ ⋅ ε (1.20)

π 2 = γ ⋅ε (1.21)

Analogamente è possibile esprimere in forma compatta i rapporti di smorzamento


associati ai due modi di vibrare della struttura:

ξ1 = ξb ⋅ ( 1 − 32 ⋅ γ ⋅ ε ) (1.22)

ξ s + γ ⋅ ξb ⋅ ε ⎛ γ ⋅ ε ⎞
ξ2 = ⋅ ⎜1 − ⎟ (1.23)
1−γ ⎝ 2 ⎠

Assumendo un generico spettro di risposta di riferimento, in termini di spostamento


Sd(ω,ξ) o (pseudo)accelerazione Sa(ω,ξ), è possibile calcolare i massimi modali della
risposta della struttura:
10 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

q1 max = π1 ⋅ Sd ( ω1 , ξ1 ) (1.24)

q 2 max = π 2 ⋅ Sd ( ω2 , ξ 2 ) (1.25)

e quindi, ricorrendo ad un’opportuna legge di combinazione (ad esempio la SRSS), il


valore massimo dello spostamento degli isolatori:

v b max = (q1 max ⋅ φ11 )2 + (q2 max ⋅ φ12 )2 (1.26)

ed il valore massimo del drift interpiano:

v s max = (q1 max ⋅ φ21 )2 + (q 2 max ⋅ φ22 )2 (1.27)

Sfruttando le Eq.(1.20), Eq.(1.21), Eq.(1.24) e Eq.(1.25) essi si riscrivono:

v b max = (1 − γ ⋅ ε )2 ⋅ [Sd ( ω1 , ξ1 ) ]2 + γ 2 ⋅ ε 2 ⋅ [Sd ( ω2 , ξ 2 ]2 (1.28)

v s max = ε ⋅ (1 − 2 ⋅ γ ⋅ ε )2 ⋅ [Sd ( ω1 , ξ1 ) ]2 + [1 − 2 ⋅ (1 − γ ) ⋅ ε ]2 ⋅ [Sd ( ω2 , ξ 2 ) ]2 (1.29)

Per spettri di risposta usuali risulta Sd(ω2,ξ)<<Sd(ω1,ξ). In tal caso il termine


ε 2 ⋅ Sd ( ω2 , ξ 2 ) può essere trascurato e pertanto le Eq.(1.28) e Eq.(1.29) si riducono a:

v b max = (1 − γ ⋅ ε ) ⋅ [Sd ( ω1 , ξ1 ) ] (1.30)

v s max = ε ⋅ [Sd ( ω1 , ξ1 )]2 + [Sd ( ω2 , ξ 2 )]2 (1.31)

Analogamente, il coefficiente di taglio, ovvero il valore dell’accelerazione che moltiplicato


per la massa dà il valore del taglio, alla base della sovrastruttura:

ks ⋅ v s
C s = max = ωs2 ⋅ v s max (1.32)
m

si può esprimere come:


Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 11

Cs = [Sa ( ω1 , ξ1 )]2 + ε 2 ⋅ [Sa ( ω2 , ξ 2 )]2 (1.33)

Avendo assunto che ε<<1 e quindi, dalle Eq.(1.12), Eq.(1.20) e Eq.(1.22), che:

ω1 ≅ ωb , π1 ≅ 1 , ξ1 ≅ ξb (1.34)

e trascurando i termini con Sd(ω2,ξ2) nelle Eq.(1.28) e Eq.(1.29), essendo normalmente


Sd(ω2, ξ2) << Sd(ω1, ξ1), si ottengono delle espressioni approssimate della risposta
massima della struttura particolarmente compatte e significative:

v b max = Sd ( ωb , ξb ) (1.35)

v s max = ε ⋅ Sd ( ωb , ξb ) (1.36)

C s = Sa ( ωb , ξb ) (1.37)

Le espressioni precedenti possono essere lette nel seguente modo: per piccoli valori di
ε e per gli spettri di risposta usuali, il sistema di isolamento può essere progettato per uno
spostamento massimo pari a Sd ( ωb , ξb ) e la sovrastruttura per un coefficiente di taglio
pari a Sa ( ωb , ξb ) . Questi due valori si sarebbero potuti ottenere riferendosi all’oscillatore
elementare, di cui si è detto in precedenza, con massa pari alla massa totale della
sovrastruttura, ossia quella al di sopra del sistema di isolamento m+mb nello schema di
Fig. 1.5, e con rigidezza e smorzamento pari alle corrispondenti grandezze del sistema di
isolamento kb e ξb.
Lo spostamento interpiano, direttamente legato al danno prodotto dal sisma negli
elementi strutturali e non, risulta proporzionale al rapporto delle pulsazioni ε ed allo
spostamento massimo alla base Sd ( ωb , ξb ) . Lo spostamento interpiano, pertanto, si
riduce al diminuire del rapporto fra il periodo della struttura a base fissa e quella isolata ed
all’aumentare dello smorzamento del sistema di isolamento. Lo stesso spostamento è
ottenibile come rapporto tra la forza sismica, calcolata moltiplicando il coefficiente di
taglio Cs per la massa m, e la rigidezza della sovrastruttura ks.
Data l’ottima approssimazione ottenibile dal modello ad un grado di libertà, è evidente
che, quando il comportamento della struttura è assimilabile ad elastico, gli spettri di
risposta costituiscono degli strumenti progettuali diretti, che forniscono immediatamente
il massimo spostamento, Sd ( Tb , ξb ) , e il massimo taglio, ( mb + m s ) ⋅ S a ( Tb , ξb ) , del
sistema di isolamento. Il modo migliore per quantizzare gli effetti dell’isolamento sismico
è fare riferimento a spettri di risposta elastici di caratteristiche medie, come quelli forniti
dalle norme per diversi tipi di terreno (da molto rigidi a poco addensati e/o consistenti).
Si ricorda che gli spettri elastici di normativa forniscono la risposta massima (o meglio un
12 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

determinato frattile superiore della distribuzione dei massimi) di oscillatori elementari di


diverso periodo (in ascissa) e smorzamento viscoso (curve a diverso ξ), per effetto di una
serie di eventi sismici aventi lo stesso periodo di ritorno [Chopra 1995]. La tipica forma di
questi spettri è data dalle seguenti equazioni:

⎛ T ⎞
0 ≤ T < TB S e ( T ) = a g ⋅ S ⋅ ⎜⎜1 + ⋅ (η ⋅ 2 ,5 − 1)⎟⎟ (1.38)
⎝ TB ⎠
TB ≤ T < TC S e ( T ) = a g ⋅ S ⋅ η ⋅ 2 ,5 (1.39)
⎛T ⎞
TC ≤ T < TD S e ( T ) = a g ⋅ S ⋅η ⋅ 2 ,5 ⎜ C ⎟ (1.40)
⎝T ⎠

TD ≤ T ⎛T T ⎞
S e ( T ) = a g ⋅ S ⋅η ⋅ 2 ,5 ⋅ ⎜ C 2 D ⎟ (1.41)
⎝ T ⎠

nelle quali:
S fattore che tiene conto del profilo stratigrafico del suolo di fondazione (vedi
punto 3.1);
η fattore che tiene conto di un coefficiente di smorzamento viscoso equivalente
ξ, espresso in punti percentuali (η=1 per ξ=5);
T periodo di vibrazione dell’oscillatore semplice;
TB TC TD periodi che separano i diversi rami dello spettro, dipendenti dal profilo
stratigrafico del suolo di fondazione.
Sa (m/sec2)

Sd (m)

4 0.18
Suolo A Suolo A
3.5 0.16
Suolo B-C-E Suolo B-C-E
3 0.14 Suolo D
Suolo D
0.12
2.5
0.1
2
0.08
1.5
0.06
1
0.04
0.5 0.02
0 0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4 0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4
Periodo (sec) Periodo (sec)

Fig. 1.6 Spettri di risposta elastici di (pseudo)accelerazioni e di spostamenti per


smorzamento viscoso 5%, normalizzati ad ag=1, per la progettazione delle
strutture isolate secondo le norme italiane per diverse categorie di suolo

Nelle norme contenute nell’Ordinanza 3274/2003 i valori dei suddetti parametri per
gli spettri da utilizzare nella progettazione delle strutture isolate sono riassunti in tabella
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 13

1.1 ed il fattore riduttivo che tiene conto dello smorzamento è dato dall’espressione
η = 10 /( 5 + ξ ) ≥ 0 ,55 . I corrispondenti spettri di pseudoaccelerazione e spostamento,
quest’ultimo facilmente ottenibile dal primo moltiplicando le ordinate spettrali per
T2/(2π)2, sono rappresentati nei diagrammi di Fig. 1.6.

Tabella 1.1 Parametri che descrivono gli spettri di risposta elastici per la
progettazione con isolamento sismico nella norma italiana
Categoria suolo S TB TC TD
A 1,0 0,15 0,40 2,5
B, C, E 1,25 0,15 0,50 2,5
D 1,35 0,20 0,80 2,5

Come si può vedere, questi spettri presentano tre tratti d’interesse per gli usuali valori
del periodo delle strutture fisse alla base e isolate. Nell’intervallo compreso tra TB (=0.15-
0.20sec.) e TC (=0.40-0.80 sec.), in cui ricadono la gran parte delle strutture a base fissa,
l’accelerazione è costante e lo spostamento crescente con il quadrato del periodo.
Nell’intervallo successivo tra TC (=0.40-0.80 sec.) e TD (=2.50 sec.), in cui ricadono la
gran parte delle strutture isolate, l’accelerazione decresce con l’inverso del periodo e lo
spostamento è proporzionale al periodo stesso, mentre la (pseudo)velocità rimane
costante. Nel terzo intervallo (T>TD) in cui ricadono le strutture con isolamento molto
spinto, lo spostamento è costante e l’accelerazione decresce ancor più rapidamente.
Indicando con Csa il coefficiente di taglio relativo al tratto dello spettro ad
accelerazione costante e con Csv il coefficiente di taglio relativo al tratto dello spettro a
velocità costante, si può scrivere:

C sa
C sv = (1.42)
T
C ⋅T
v b max = sa 2 (1.43)
4 ⋅π

da cui si ricava:

C sv ⋅ v b max = (C sa 2π )2 (1.44)

Le equazioni (1.42) e (1.43) mettono in luce come raddoppiando il periodo proprio di


vibrazione della struttura isolata, si raddoppia lo spostamento alla base e si dimezza il
taglio. Nell’intervallo considerato, il prodotto fra il coefficiente di taglio massimo Csv e lo
spostamento massimo alla base vbmax risulta costante, una volta fissato il tipo di terreno ed
il livello di sismicità del sito (v. Eq.(1.44)). Ciò mette chiaramente in evidenza come nella
progettazione di un sistema di isolamento, occorra raggiungere un compromesso fra
taglio massimo e spostamento massimo alla base. E’ interessante, anche, osservare che
14 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

incrementando il periodo della struttura isolata nel terzo intervallo (T>TD) si ottengono
ulteriori riduzioni del taglio alla base senza incrementi dello spostamento, almeno, per
quanto riguarda le norme italiane, fino al raggiungimento di un periodo di 4 sec.
Nelle considerazioni fatte finora si è volutamente trascurata la capacità dissipativa del
sistema d’isolamento, espressa dal rapporto critico di smorzamento ξb. Mentre
l’incremento del periodo determina effetti opposti sull’accelerazione e sullo spostamento,
l’aumento dello smorzamento (dal 2÷7% della struttura a base fissa in campo elastico al
10÷30% della struttura isolata) produce una riduzione sia del taglio che dello spostamento
massimo alla base. Le norme permettono di tener conto dell’abbattimento della risposta
massima conseguente ad uno smorzamento ξ superiore al 5%, assunto come valore di
riferimento, mediante il coefficiente riduttivo η, valutabile con la semplice espressione
riportata in precedenza.
La riduzione delle accelerazioni nella risposta sismica delle strutture isolate, ottenuta
incrementando il periodo e lo smorzamento, è generalmente superiore alla riduzione dello
spettro di risposta elastico nella traduzione in spettro di progetto delle strutture a base
fissa, effettuata con il fattore di struttura, in funzione della loro duttilità. Facendo
riferimento alle strutture in c.a., le norme italiane prevedono valori del fattore di struttura
compresi tra circa 2 e circa 6 in relazione alla tipologia strutturale, alle caratteristiche di
regolarità, alla classe di duttilità adottata nella progettazione, alle caratteristiche di
sovraresistenza della struttura. Considerando una struttura con periodo, nella condizione
di base fissa, T=0.4 sec., isolata con periodo T=2÷4 sec. e smorzamento del 10÷20%, e
considerando diversi tipi di suolo (A, B-C-E, D) l’accelerazione spettrale può essere
ridotta, rispetto a quella della struttura a base fissa in campo elastico, di un fattore
compreso tra circa 3 (suolo D, T=2 sec., ξ=10%) e circa 25 (suolo A, T=4 sec., ξ=20%).
L’efficacia dell’isolamento sismico si riduce nelle strutture con periodo a base fissa
elevato. In generale è chiaro che le strutture con isolamento sismico non debbono far
affidamento sulle loro capacità di deformazione inelastica per sopravvivere a terremoti
violenti e che il concetto di isolamento integrale (ossia di assenza di deformazione
inelastiche in tutta la struttura) può essere economicamente applicato nella gran parte
delle situazioni progettuali. D’altra parte i vantaggi che una strategia d’isolamento parziale,
ossia l’accettazione d’importanti escursioni in campo anelastico, sarebbero ridotti da un
punto di vista economico. Per di più la progettazione con analisi lineari effettuata con uno
spettro ridotto attraverso un fattore di struttura non garantisce una completo controllo
sul comportamento reale della struttura [Vestroni et al. 1992, Dolce e Quinto 1994].
Particolarmente utile è la rappresentazione ADRS (Acceleration-Displacement Response
Spectrum) dello spettro elastico. Tale rappresentazione, alternativa a quella più usuale nel
piano periodo (o frequenza) – pseudoaccelerazione (o spostamento), vede lo spostamento
massimo in ascissa e la (pseudo)accelerazione massima in ordinata. Le rette per l’origine
risultano inclinate di un angolo θ legato al periodo di vibrazione attraverso la seguente
espressione:
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 15

Spettro normalizzato ag = 1 - suolo A


TC=0,4 s
3
T=1,0 s
2.5 ξ = 5%

ξ = 10%
2

Sa (m/s )
2
ξ = 20%
1.5
T=1,5 s
ξ ≥ 28%
1
T=2,0 s
0.5 T=2,5 s
T=3,0 s
T=3,5 s
T=4,0 s
0
0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07
Sd (m)

(a) Suolo A
Spettro normalizzato ag = 1 - Suolo B,C, E
TC=0,5 s T=1,0 s
3.5
ξ = 5%
3
ξ = 10%
2.5
ξ = 20%
Sa (m/s )
2

2
T=1,5 s
1.5 ξ ≥ 28%

T=2,0 s
1
T=2,5 s
0.5 T=3,0 s
T=3,5 s
T=4,0 s
0
0 0.02 0.04 0.06 0.08 0.1
Sd (m)

(b) Suolo B-C-E


Spettro normalizzato ag = 1 - Suolo D
TC=0,8 s T=1,0 s
4
ξ = 5%
3.5 T=1,5 s

3 ξ = 10%
2.5
Sa (m/s )

ξ = 20%
2

2 T=2,0 s
ξ ≥ 28%
1.5
T=2,5 s
1 T=3,0 s
T=3,5 s
0.5 T=4,0 s

0
0 0.05 0.1 0.15 0.2
Sd (m)

(c) Suolo D
Fig. 1.7 - Rappresentazione in formato ADRS degli spettri elastici
normalizzati ad ag=1 per le diverse categorie di suolo.
16 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

S a 4π 2
tg ( θ ) = = 2 (1.45)
Sd T

Il formato ADRS, normalmente utilizzato nell’applicazione dei metodi di analisi statica


non lineare [ATC 1996], permette di identificare immediatamente, su un unico grafico, le
grandezze fondamentali per la progettazione di una struttura isolata. Nella Fig. 1.7 sono
riportati gli spettri in tale formato per le diverse tipologie di suolo di fondazione. In
ciascun diagramma sono riportate le curve degli spettri normalizzati ad ag=1 per diversi
valori dello smorzamento. La loro utilizzazione è immediata, una volta identificata la
categoria del suolo di fondazione (A, B-C-E o D) e la zona di classificazione sismica del
sito in esame e, conseguentemente, il valore ag competente a tale zona. Infatti, noto il
periodo della struttura isolata, ci si posiziona sulla retta inclinata ad esso relativa
(eventualmente ottenuta per interpolazione), in corrispondenza della curva relativa allo
smorzamento considerato. È allora immediato leggere il massimo spostamento in ascissa
e la massima accelerazione in ordinata, che andranno moltiplicate per il valore di ag
competente alla zona sismica in considerazione. Negli stessi spettri è possibile riconoscere
i diversi intervalli di periodo nei quali si collocano le strutture a base fissa e le strutture
isolate. In particolare s’individua l’intervallo TC-TD (=2.5 sec.), nel quale si collocano
molte applicazioni dell’isolamento sismico, e l’intervallo successivo (2.5-4 sec.) nel quale
lo spostamento si mantiene costante mentre continua a diminuire l’accelerazione.

Il confronto tra gli spettri di norma relativi a diverse condizioni del suolo di
fondazione evidenzia le notevoli differenze che queste possono comportare nella risposta
delle strutture isolate, sia in termini di accelerazione sulla sovrastruttura che di
spostamento del sistema di isolamento. L’applicabilità e l’efficienza dell’isolamento
sismico in funzione delle caratteristiche “sismiche” del sito è argomento al quanto
delicato e complesso. Ogni terremoto genera un sistema di onde sismiche che
attraversano la crosta terrestre fino a raggiungere la superficie, con diversi percorsi e
subendo differenti fenomeni di rifrazione, riflessione e filtrazione. Per uno dato evento
sismico, le caratteristiche delle scosse prodotte nei diversi siti (più o meno lontani dalla
sorgente, su roccia, su terreno deformabile, su cresta o su pendio ecc.) presentano
differenze sostanziali fra di loro. In alcuni casi le scosse presentano tali peculiarità da
renderle sostanzialmente diverse dai terremoti di progetto di norma. Situazioni che
richiedono particolare attenzione sono quelle generate da scosse registrate in vicinanza
della faglia sorgente (“near fault”) di terremoti di elevata magnitudo e/o quelle in siti
caratterizzati da spessi strati di molte decine o centinaia di metri di terreno deformabile
e/o con sorgente molto profonda (più di un centinaio di km) [Kelly 2001].
Le prime (ad esempio la scossa registrata a Imperial Valley nel 1969) sono spesso
caratterizzate da singole pulsazioni a bassa frequenza con elevate velocità del terreno. Tali
effetti sono chiaramente visibili negli spettri di risposta e si traducono in un picco della
risposta sugli alti periodi (anche oltre i 2 secondi) e, conseguentemente, in notevoli
spostamenti (anche oltre 1 metro) per i valori del periodo normalmente adottati per
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 17

l’isolamento. Si riscontrano spesso anche elevate accelerazioni verticali che possono


indurre condizioni di trazione nei dispositivi d’isolamento.
Le seconde (di cui è un esempio il terremoto di Mexico City del 1985) generano un
moto del terreno caratterizzato da una serie di pulsazioni a basse frequenze di notevole
intensità e durata. Il picco degli spettri di risposta si situa su valori alti del periodo
(intorno ai 2 secondi per il terremoto citato).
È evidente che tali terremoti hanno un potenziale distruttivo molto elevato per
un’ampia classe di strutture, convenzionali e con isolamento sismico. In tali situazioni
occorre ben valutare se l’isolamento sismico è effettivamente la scelta ottimale per la
protezione sismica delle strutture in esame. In ogni caso occorre ben calibrare le
caratteristiche del sistema stesso, sulla base di attenti studi sismologici, eventualmente
forzando sensibilmente il periodo d’isolamento su valori elevati (dell’ordine dei 4-5 sec.) o
adottando strategie non più basate sull’incremento del periodo ma, piuttosto, sulla
limitazione della forza. In ogni caso i dispositivi d’isolamento dovranno essere in grado di
sopportare ampi spostamenti, ben superiori a quelli previsti usualmente dalle norme.
Tornando ai diagrammi di Fig. 1.7, si osserva che l’incremento dello smorzamento del
sistema d’isolamento risulta, apparentemente, sempre benefico, sia in termini di
accelerazioni che di spostamenti. Occorre tener presente, tuttavia, che il confronto è fra
grandezze legate al primo modo di vibrare della struttura, nella configurazione a base fissa
ed isolata, con un approccio semplificato nel quale si assume la completa disaccoppiabilità
dei modi. Elevati valori di smorzamento nel sistema d’isolamento possono, invece,
produrre un incremento delle accelerazioni legate ai modi superiori, con conseguenze
negative soprattutto nei riguardi del contenuto non strutturale [Naeim and Kelly 1999,
Kelly 2001]. Ciò è vero, in particolare, quando lo smorzamento è di natura isteretica, cioè
legato al comportamento non lineare del sistema di isolamento, funzione dello
spostamento. In tal caso, infatti, ogni passaggio del sistema d’isolamento per la sua fase
elastica, all’atto dell’inversione della direzione del moto, determina una ridistribuzione
dell’energia fra i modi di vibrare della struttura, con un aumento del contributo dei modi
superiori. Accelerazioni ad alte frequenze possono modificare la distribuzione delle forze
lungo l’altezza della struttura (e conseguentemente anche i drift interpiano) e produrre
effetti più gravosi sugli oggetti portati.

1.3 DISPOSITIVI E SISTEMI DI ISOLAMENTO

Un sistema d’isolamento deve in generale possedere le seguenti caratteristiche:

(i) capacità di sostenere i carichi gravitazionali in condizioni di riposo e in


condizioni sismiche (funzione di appoggio),
(ii) elevata deformabilità (o bassa resistenza) in direzione orizzontale sotto azioni
sismiche,
(iii) buona capacità dissipativa,
(iv) adeguata resistenza ai carichi orizzontali non sismici (vento, traffico, ecc.),
18 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Un requisito addizionale è la capacità di ricentraggio, che permette di avere spostamenti


residui nulli o trascurabili al termine del sisma. Altre caratteristiche quali: durabilità,
facilità di installazione, costi contenuti, ingombro limitato, ecc., possono influenzare la
scelta del dispositivo o del sistema di isolamento, ma non le sue prestazioni meccaniche in
condizioni di installazione e manutenzione corrette.
Un sistema d’isolamento è costituito da un insieme di dispositivi che tra loro
combinati permettono di ottenere il comportamento richiesto. I dispositivi possono
essere tutti dello stesso tipo o di tipo diverso (generalmente non più di due), e sono
opportunamente disposti per collegare la sottostruttura con la sovrastruttura in
corrispondenza del piano d’isolamento. Diversi dispositivi e sistemi di isolamento sono
stati proposti e sviluppati negli ultimi 20 anni [Housner et al 1998, Bucale and Mayes
1990]. Alcuni di essi hanno trovato vasta applicazione e diffusione in tutto il mondo.
I componenti di un sistema di isolamento si possono distinguere in isolatori e
dispositivi ausiliari. Gli isolatori sono dispositivi che svolgono la funzione di sostegno dei
carichi gravitazionali, sono dunque dei particolari apparecchi di appoggio generalmente
bidirezionali, con elevata rigidezza in direzione verticale ed elevata deformabilità (ovvero
bassa resistenza) in direzione orizzontale. A tale funzione possono essere associate o
meno quelle di dissipazione di energia, di vincolo laterale sotto carichi orizzontali di
servizio non sismici (vento, ecc.), di ricentraggio della struttura al termine del sisma. In
figura 1.8 è mostrato il loro comportamento meccanico ideale attraverso curve
caratteristiche schematiche forza-spostamento. Gli isolatori attualmente in uso possono
essere distinti in due principali categorie: (a) isolatori in materiale elastomerico ed acciaio,
basati sull’elevata deformabilità elastica della gomma, e (b) isolatori a scorrimento, basati
sulla bassa resistenza d’attrito che si sviluppa tra superfici di alcuni materiali
opportunamente trattati.

a) b)

Figura 1.8. Diagrammi schematici forza-spostamento di dispositivi isolatori (a) in


materiale elastomerico e acciaio e (b) a scorrimento
I dispositivi ausiliari svolgono la funzione di dissipazione di energia e/o di ricentraggio
del sistema e/o di vincolo laterale sotto carichi orizzontali di servizio non sismici (vento,
ecc.). In figura 1.9 è mostrato il comportamento meccanico schematico di alcuni
dispositivi ausiliari in termini di diagramma forza-spostamento. Tra di essi si distinguono:
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 19

ƒ dispositivi a comportamento non lineare, indipendente dalla velocità di


deformazione, basati sull’isteresi di alcuni metalli, quali l’acciaio e il piombo
(curve a in Fig. 1.9), sull’attrito fra superfici opportunamente trattate (curva b) o
sulle proprietà superelastiche di particolari leghe metalliche, quali le leghe a
memoria di forma [Duerig et al 1990, Cardone and Dolce 2002], sfruttate per
ottenere ottime capacità di ricentraggio (curva c);
ƒ dispositivi a comportamento viscoso (curva d), dipendente dalla velocità di
deformazione, basati sull’estrusione di fluidi altamente viscosi all’interno di un
cilindro con pistone dotato di orifizi di opportune dimensioni;
ƒ dispositivi a comportamento lineare, o quasi lineare (curva e), assimilabile a
viscoelastico, basati sulla deformazione a taglio di speciali polimeri.

a) b) c)

d) e)

Fig. 1.9 Tipici diagrammi forza-spostamento di dispositivi ausiliari a


comportamento non lineare basati: (a) sull’isteresi di alcuni metalli, (b) sull’attrito
e (c) sulle proprietà superelastiche delle leghe a memoria di forma; (d) dispositivi
ausiliari a comportamento viscoso e (e) dispositivi a comportamento quasi lineare

Un sistema di isolamento può essere costituito unicamente da isolatori elastomerici,


eventualmente realizzati con elastomeri ad alta dissipazione o comprendenti inserti di
materiali dissipativi (ad es. piombo, fluidi viscosi), oppure unicamente da isolatori a
scorrimento (o rotolamento), che inglobano funzioni dissipative e/o ricentranti, per la
presenza di elementi capaci di svolgere tali funzioni, oppure da un’opportuna
combinazione di isolatori e dispositivi ausiliari, questi ultimi con funzione dissipativa,
ricentrante e/o di vincolo.
20 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

1.3.1 Sistemi basati su isolatori elastomerici

Gli isolatori in gomma armata sono i componenti fondamentali di questi sistemi di


isolamento. Essi sono realizzati alternando strati di elastomero dello spessore di 5-20 mm
con lamierini in acciaio dello spessore di 2-3 mm (v. Fig. 1.11). Questi ultimi esplicano
un’azione di confinamento sull’elastomero, che ne limita la deformabilità verticale (così da
contenere in 1-3 mm l’abbassamento del dispositivo sotto i carichi di esercizio),
incrementandone sensibilmente la portanza ai carichi verticali, senza influenzare
significativamente la deformabilità a taglio dell’isolatore in direzione orizzontale.
Per le proprietà di resistenza a fatica e di elasticità della gomma, gli isolatori
elastomerici sono in grado di soddisfare molti dei requisiti di un sistema di isolamento.
Alcune varianti, ottenute attraverso l’uso di speciali mescole additivate o di inserti atti ad
aumentarne le capacità dissipative e a variarne in maniera favorevole la rigidezza,
permettono di conseguire in pieno tali requisiti e di realizzare sistemi di isolamento
costituiti unicamente da isolatori elastomerici, senza altri dispositivi ausiliari.
Alcune problematiche sono comuni a tutti i dispositivi di isolamento in gomma. Fra di
esse si ricordano: (i) la stabilità del dispositivo sotto compressione e taglio, (ii) l’aumento
di deformazione sotto carico costante (creep) della gomma, (iii) l’efficacia dell’aderenza
gomma-acciaio ad elevati spostamenti e (iv) le variazioni di comportamento meccanico
dell’elastomero con la temperatura, la frequenza di oscillazione e l’invecchiamento.
Ciascuno di tali aspetti va valutato attentamente in fase sperimentale (vedi prove di
qualificazione sui dispositivi) e portato debitamente in conto in fase di progettazione e
verifica della struttura isolata. Molte normative prescrivono l’esecuzione della cosiddetta
“Upper and Lower Bound Analysis”, prendendo in considerazione i valori minimi e massimi
dei parametri di comportamento raggiungibili durante la vita utile del dispositivo nelle
diverse condizioni di lavoro, con particolare riferimento agli effetti della temperatura e
dell’invecchiamento [Morgan and Whittaker 2001], per determinare i parametri della
risposta del sistema strutturale.
Caratteristica comune a tutti gli isolatori in gomma è la riduzione della loro capacità
portante verticale al crescere dello spostamento orizzontale applicato, sia per la
deformazione a taglio indotta che per la riduzione dell’area di impronta effettiva [Kelly
2001]. Ciò è chiaramente messo in luce dalla Fig. 1.10, che mostra la capacità portante di
alcuni isolatori in gomma di diverso diametro, per tre diverse condizioni di carico: (i) in
presenza di soli carichi gravitazionali, (ii) in presenza di una deformazione a taglio γ del
150%, corrispondente ad un’area di impronta effettiva (Ar) pari al 50% di quella lorda
(Ag) e (iii) in presenza di una deformazione a taglio γ del 250%, corrispondente ad
un’area di impronta effettiva (Ar) pari al 25% di quella lorda (Ag). Come si può vedere, la
capacità portante verticale dei dispositivi elastomerici si riduce rapidamente al crescere
dello spostamento orizzontale applicato. Ciò può rendere abbastanza problematico il
dimensionamento di tali dispositivi in zone ad elevata sismicità, ove sono previsti
spostamenti considerevoli, soprattutto se la struttura è affetta da significative variazioni
del carico assiale negli isolatori [Kelly 2001].
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 21

30000
Carico verticale
25000 γ = 150%, Ar = 0.5 Ag

Carico verticale (kN)


γ = 250%, Ar = 0.25 Ag
20000

15000

10000

5000

0
400 500 600 700 800 900 1000
Diametro (mm)
Fig. 1.10 Capacità portante di isolatori in gomma armata al variare della
deformazione a taglio applicata

Esistono sostanzialmente tre tipi di isolatori elastomerici attualmente in commercio,


classificabili in relazione alle caratteristiche dissipative dell’elastomero e all’eventuale
presenza di inserti (v. Fig. 1.11): (i) in gomma armata a basso smorzamento, (ii) in gomma
armata ad elevato smorzamento (iii) in gomma armata con nucleo in piombo o altro
materiale dissipativo.
Gli isolatori in gomma armata a basso smorzamento [Kelly and Quiroz 1992, Taylor
et al. 1992] presentano un comportamento meccanico sostanzialmente elastico (rigidezza
quasi costante) al crescere della deformazione ed un rapporto di smorzamento molto
basso, dell’ordine del 2-4% (v. Fig. 1.11(a)). Sono semplici da realizzare, facili da
modellare ed il loro comportamento meccanico risulta sostanzialmente indipendente dalla
frequenza di oscillazione e poco sensibile alla temperatura. Per contro, un sistema di
isolamento realizzato con tali isolatori richiede opportuni dispositivi ausiliari, per
incrementarne la capacità dissipativa sotto sisma ed evitare movimenti eccessivi della
struttura per effetto delle azioni orizzontali di esercizio (vento, ecc.).
Gli appoggi in gomma armata ad elevato smorzamento [Kelly 1991, Derham et al.
1985] sono ottenuti aggiungendo alla mescola della gomma opportuni additivi (resine, oli,
ecc.) che consentono di raggiungere valori di smorzamento compresi fra il 10% ed il 20%,
per deformazioni a taglio dell’ordine del 100%. La natura della dissipazione di energia è in
parte viscosa, ossia quadratica con lo spostamento, ed in parte isteretica, ossia lineare con
lo spostamento (v. Fig. 1.11(b)) [Naeim and Kelly 1999]. Ciò implica una certa
dipendenza di comportamento meccanico dalla frequenza di oscillazione, cui si aggiunge
anche un’influenza non trascurabile della temperatura.
22 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Fori di fissaggio Gomma naturale

Lamierini in acciaio

Sforzo di taglio (P)


Ricoprimento
in gomma

Flange Spostamento trasversale (X)

(a)

Fori di fissaggio Gomma ad alto smorzamento

Lamierini in acciaio

Sforzo di taglio (P)


Ricoprimento
in gomma

Flange Spostamento trasversale (X)

(b)
Nucleo in piombo Gomma naturale
Fori di fissaggio
Lamierini in acciaio
Sforzo di taglio (P)

Ricoprimento
in gomma

Flange Spostamento trasversale (X)

(c)
Fig. 1.11 Configurazione e comportamento meccanico schematico di isolatori
elastomeri (a) a basso smorzamento, (b) ad elevato smorzamento e (c) con nucleo
in piombo

Sia il modulo a taglio che lo smorzamento dipendono in modo significativo dalla


deformazione a taglio (γ) applicata. A bassi livelli di deformazione (γ< 10%) il modulo di
taglio risulta piuttosto elevato, anche di 5-10 volte maggiore di quello relativo ai livelli di
deformazione raggiunti nelle condizioni sismiche di progetto. All’aumentare della
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 23

deformazione oltre tali livelli, il modulo di taglio torna a crescere, a causa del processo di
cristallizzazione della gomma.
Gli isolatori in gomma ad elevato smorzamento possono da soli realizzare un sistema
di isolamento completo, che soddisfa i requisiti fondamentali precedentemente espressi.
L’elevata capacità dissipativa assicura un buon controllo degli spostamenti indotti dal
sisma. L’elevata rigidezza iniziale limita gli spostamenti sotto i carichi orizzontali non
sismici. Il comportamento quasi-elastico garantisce ottime capacità di ricentraggio. Inoltre
l’incrudimento della gomma, a deformazioni maggiori di quelle associate al terremoto di
progetto, può risultare utile nel limitare gli spostamenti nel caso di eventi sismici di
anomali per intensità o per contenuto in frequenza.

Le proprietà meccaniche degli isolatori ad elevato smorzamento variano in modo


significativo durante i primi cicli di deformazione, a causa del fenomeno noto come
“scragging” [Morgan and Whittaker 2001], che corrisponde ad un cambiamento di
struttura molecolare della gomma. Dopo i primi 2-3 cicli di carico il comportamento
meccanico del dispositivi risulta stabile e ripetitivo per deformazioni minori o uguali a
quelle di “scragging” (v. Fig. 1.12). All’atto dello scarico si ha un parziale recupero delle
proprietà iniziali. E’ importante osservare a riguardo che le specifiche sulle caratteristiche
del dispositivo indicate in fase di progetto andrebbero comunque riferite al 2° - 3° ciclo di
carico allo spostamento di progetto.
τ (MPa)

1
0.8
Test4-Cop3-4-P1

0.6
0.4
0.2
0
-250 -200 -150 -100 -50-0.2 0 50 100 150 200 250
-0.4 γ (%)
G (MPa)

0.5
-0.6 γ = 100%
0.4
-0.8 0.3 γ = 200%

0.2
-1
0.1
0
0 1 2 3 4 5
No. cicli

Fig. 1.12 Tipico comportamento sperimentale di isolatori elastomerici ad alta


dissipazione (prove eseguite presso l’Università della Basilicata).
24 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Gli isolatori in gomma armata con nucleo in piombo [Robinson 1982, Kelly 1992]
utilizzano uno o più inserti cilindrici in piombo disposti verticalmente nell’isolatore in
gomma armata, per ottenere la necessaria rigidezza ai carichi orizzontali di servizio
(vento, forze di frenatura nei ponti, ecc.) unitamente ad un’elevata capacità dissipativa
sotto sisma. Il comportamento meccanico di tali dispositivi (vedi Fig. 1.11(c)) risulta
sostanzialmente combinazione di quello elastico lineare degli appoggi elastomerici a basso
smorzamento con quello elasto-plastico del nucleo in piombo sottoposto ad un regime
deformativo di tipo tagliante. La deformazione a taglio del nucleo è assicurata dall’azione
di confinamento delle piastre d’acciaio del dispositivo in gomma. Lo smorzamento
viscoso equivalente, associato ai cicli di isteresi descritti, risulta tipicamente compreso fra
il 15% ed il 35%, a seconda dello spostamento imposto e della dimensione dell’inserto in
piombo [Naeim and Kelly 1999].

(KN)
100
Test4-Cop3-4-P1
80

60

40

20

0
-100 -80 -60 -40 -20 0 20 40 60 80 100
-20
(mm)
-40

-60

-80

-100

(%)
(KN/mm)

3 Rigidezza secante 30 Smorzamento equivalente

2 20

1 10

0 0
0 20 40 60 80 100 0 20 40 60 80 100
(%) (%)

(a) (b)
Fig. 1.13 Tipico comportamento sperimentale di isolatori con nucleo (a) in
piombo [Skinner et al. 1993] (b) in materiale ad elevata viscosità

La rigidezza secante e lo smorzamento viscoso equivalente risultano funzione del


numero di cicli applicato. Sia la rigidezza che l’energia dissipata diminuiscono
progressivamente al crescere del numero di cicli, tendendo a stabilizzarsi dopo 10-15 cicli
di carico, con un fenomeno analogo allo “scragging” nella gomma, ma con effetti più
marcati. Questo comportamento è evidenziato dal grafico inferiore della Fig. 1.13(a), nel
quale sono riportati i valori della forza registrati in diverse serie di cicli consecutivi in
corrispondenza dello spostamento nullo e dello spostamento massimo. La ripetizione
delle serie a distanza di 5 minuti e di 12 giorni dimostra il recupero delle caratteristiche
iniziale. All’origine di tale fenomeno c’è il surriscaldamento del nucleo in piombo,
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 25

prodotto dai ripetuti cicli di oscillazione ad alta frequenza [Kelly 2001]. L’entità della
diminuzione di rigidezza e smorzamento al crescere del numero di cicli applicato è
funzione delle dimensioni del dispositivo in gomma e del nucleo in piombo.
Elevate capacità dissipative ma con un’aliquota viscosa decisamente più elevata ed un
comportamento più stabile, possono essere ottenute utilizzando nuclei di materiali
polimerici ad elevata viscosità, come per i dispositivi proposti in [Dolce at al. 2003a], di
cui in Fig. 1.13(b) si riporta un diagramma sperimentale forza-spostamento, ottenuto
effettuando serie consecutive con spostamento massimo crescente e corrispondente, nelle
singole serie, ad una deformazione di taglio della gomma pari al 5%, 30%, 50%, 70%,
100%. In basso, nella stessa figura, sono riportati i valori della rigidezza secante e dello
smorzamento equivalente valutati al terzo ciclo delle singole serie, che evidenziano valori
della rigidezza decrescenti al crescere dell’ampiezza del ciclo, con un rapporto di circa 3
tra la rigidezza per deformazione al 100% e la rigidezza per deformazione al 5%, e valori
pressoché costanti, dell’ordine del 25%, dello smorzamento equivalente.

1.3.2 Sistemi basati su isolatori a scorrimento

Gli isolatori a scorrimento possono essere unidirezionali e multidirezionali,


permettendo spostamenti in una sola direzione e in tutte le direzioni del piano
orizzontale, rispettivamente. I primi hanno trovato e possono trovare applicazione
nell’isolamento sismico dei ponti, essendo questi caratterizzati da un comportamento
totalmente diverso nelle due direzioni e necessitando, talvolta, di un sistema d’isolamento
efficace in una sola direzione (spesso quella longitudinale). Negli edifici, ovviamente, si
tende ad ottenere un comportamento isotropo (nel piano orizzontale) del sistema
d’isolamento nel suo complesso e si preferiscono gli isolatori multidirezionali. Questi
ultimi sono costituiti da due dischi di diverso diametro che scorrono l’uno sull’altro,
costituiti da materiali particolari che sviluppano una bassa resistenza d’attrito tra le
superfici a contatto. Le superfici di scorrimento più utilizzate, e ampiamente sperimentate
nella tecnologia degli appoggi per ponti, sono di acciaio inossidabile lucidato e PTFE
(Teflon). Il coefficiente di attrito dinamico risulta, in tal caso, compreso fra il 6% ed il
12%, riducendosi all’ 1÷2% in caso di lubrificazione delle superfici [Constantinou et al.
1988, Tyler 1977], ed è funzione (i) della pressione di contatto, (ii) della velocità di
scorrimento e (iii) della temperatura [Bondonet and Filiatrault 1997, Constantinou et al.
1987]. Anche il numero di cicli, o più precisamente la distanza totale percorsa dalle
superfici a contatto nello scorrimento relativo, influenza in modo non trascurabile il
coefficiente d’attrito dinamico [Hwang et al. 1990].
In Fig. 1.14 sono mostrati i risultati più significativi di una vasta sperimentazione
[Dolce et al. 2003] per la determinazione della legge di variazione del coefficiente di
attrito dinamico di appoggi scorrevoli acciaio-PTFE, in funzione dello stato di
lubrificazione delle superfici a contatto, della pressione di contatto, della velocità di
scorrimento e della temperatura dell’aria. Dall’esame di Fig. 1.14 emergono le seguenti
caratteristiche di comportamento del coefficiente d’attrito:
26 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

-10°C_NL x 20°C_NL 50°C_NL


-10°C_L + 20°C_L 50°C_L
P = 9.36 MPa
T = 20 °C
(%)

(KN)
21 8 v = 316 mm/sec
P = 9.36 MPa
18 6
15 4
Non lubrificato

12
2 Lubrificato
9
0
6 -60 -40 -20 0 20 40 60
-2
3 (mm)
-4
0
0 50 100 150 200 250 300 350 -6
(mm/sec) -8 P = 9.36 MPa
T = 20 °C

(KN)
v = 316 mm/sec
(%)

21 8
P = 18.7 MPa Non lubrificato
18 6
15 4
12 2 Lubrificato
9
0
6 -60 -40 -20 0 20 40 60
-2
(mm)
3
-4
0
0 50 100 150 200 250 300 350 -6
(mm/sec) -8 P = 9.36 MPa
T = 20 °C
v = 316 mm/sec
(KN)
(%)

21 8
Non lubrificato
P = 28.1 MPa 6
18
15 4
12 Lubrificato
2
9 0
6 -60 -40 -20 0 20 40 60
-2
(mm)
3
-4
0
-6
0 50 100 150 200 250 300 350
(mm/sec) -8

Fig. 1.14 (A sinistra) Variazioni del coefficiente di attrito di appoggi scorrevoli


acciaio-Teflon con la velocità di scorrimento, la temperatura dell’aria, la pressione
di contatto e lo stato di lubrificazione delle superfici a contatto. (A destra) Tipici
diagrammi forza-
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 27

• aumenta rapidamente al crescere della velocità, da 0 fino a 150-200 mm/sec,


mantenendosi, però, pressoché costante nell’intervallo di velocità tipicamente
raggiunte in condizioni sismiche (200-800 mm/sec),
• si riduce all’incirca linearmente al crescere della pressione di contatto,
• diminuisce al crescere della temperatura,
• è fortemente influenzato dallo stato di lubrificazione delle superfici a contatto,
con differenze di un ordine di grandezza in condizioni limite (superfici
perfettamente lubrificate al confronto con superfici non lubrificate, ad elevate
velocità di scorrimento).
Nella pratica, si rinuncia quasi sempre a sfruttare la dissipazione di energia per attrito
degli isolatori a scorrimento, per l’eccessiva variabilità del coefficiente d’attrito, nel tempo
e a causa delle diverse condizioni ambientali (temperatura, umidità) e di pulizia nelle quali
l’isolatore può svolgere la sua funzione antisismica. Si utilizzano, perciò, isolatori
lubrificati, con l’unica funzione di sostegno dei carichi verticali, lasciando praticamente
liberi gli spostamenti orizzontali. Per questo gli appoggi scorrevoli in acciaio-PTFE non
sono utilizzati quasi mai come unico componente del sistema di isolamento, a meno che
non incorporino elementi atti ad aumentarne la rigidezza iniziale e la capacità dissipativa
e/o fornire capacità di ricentraggio.
L’unico dispositivo d’isolamento a scorrimento che incorpora in sé la funzione
ricentrante e dissipativa senza l’aggiunta di altri elementi sono quelli con superfici di
scorrimento curve. Tra questi il più noto è il “Friction Pendulum System” (FPS) [Al Hussaini
et al. 1994], la cui capacità di ricentraggio deriva dall’impiego di una superficie di
scorrimento di tipo sferico non lubrificata, e perciò in grado anche di dissipare energia. Al
raggio di curvatura di tale superficie sferica è legata la rigidezza effettiva del dispositivo e
quindi il periodo di vibrazione della struttura isolata. I problemi principali del FPS sono
legati alle sue notevoli dimensioni, ai movimenti verticali che inevitabilmente
accompagnano gli spostamenti orizzontali, che possono produrre effetti parassiti sulla
struttura, all’affidabilità nel tempo dell’attrito tra le superfici di contatto, ai costi.
Gli isolatori in acciaio-PTFE lubrificati a superficie piana devono, invece, essere
utilizzati congiuntamente a dispositivi ausiliari aventi funzione ricentrante e/o dissipativa.
Frequente è l’utilizzazione di dispositivi in gomma [Naeim and Kelly 1999], sia come
dispositivi ausiliari, quindi senza funzione di appoggio, che come isolatori veri e propri. In
questo ultimo caso si realizzano dei sistemi di isolamento ibridi, in cui coesistono
isolatori elastomerici ed isolatori a scorrimento. Questa configurazione presenta
interessanti vantaggi sia tecnici che economici. Essa permette di ottenere sistemi a bassa
rigidezza (lungo periodo), con notevoli abbattimenti degli effetti del sisma, anche quando
la massa strutturale competente a ciascun isolatore è limitata, e buone capacità ricentranti,
senza l’utilizzazione di dispositivi ausiliari. La principale controindicazione è legata alla
differente deformabilità verticale, sia istantanea, sia differita nel tempo (creep), che può
determinare spostamenti differenziali verticali in corrispondenza dei diversi isolatori, sia
in condizioni statiche, sia sismiche. In tali casi è importante limitare al massimo tali
differenze (ad esempio adottando isolatori elastomerici molto rigidi verticalmente) e
28 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

valutare attentamente le conseguenze degli spostamenti differenziali sulla struttura.


Qualora sussistano dubbi su tali conseguenze, è comunque possibile utilizzare gli isolatori
in gomma, nelle diverse versioni viste in precedenza, unicamente come dispositivi ausiliari
multidirezionali a comportamento quasi-elastico. In tal caso, ovviamente, decadendo la
funzione di sostegno dei carichi verticali, il loro dimensionamento non sarà più
condizionato dalla rigidezza e dalla portanza ai carichi verticali, ma unicamente dalle
proprietà di rigidezza e dissipazione rispetto ai movimenti orizzontali che si vogliono
conseguire.
Fra i dispositivi ausiliari per il completamento di un sistema basato su isolatori a
scorrimento, si ricordano [Soong and Dargush 1997, Hanson et al. 1993, Constantinou et
al. 1998] i dispositivi a comportamento non lineare fortemente dissipativi basati sullo
snervamento dell’acciaio, che sfruttano elementi opportunamente conformati deformati
in regime di flessione e/o torsione, e i dispositivi basati su elementi in piombo sollecitati a
taglio oppure in cui il piombo è estruso all’interno di un cilindro da un pistone (“Lead
Extrusion Damper”). Per ottenere una perfetta capacità ricentrante dell’intero sisma, tenuto
anche conto della resistenza d’attrito che si sviluppa negli isolatori, una soluzione
proposta di recente [Dolce et al. 2000, Dolce et al. 2001a] prevede l’utilizzo di dispositivi
ausiliari basati su leghe a memoria di forma (LMF), ancora a comportamento fortemente
non lineare. Una funzione esclusivamente dissipativa è svolta, invece, dai dissipatori
viscosi, basati sull’estrusione di un fluido altamente viscoso all’interno di un cilindro con
pistone dotato di un orifizio di opportune dimensioni. In generale questi dispositivi
svolgono, oltre alla funzione dissipativa e/o ricentrante sotto azioni sismiche, anche
quella di vincolo laterale sotto carichi orizzontali non sismici (vento, ecc.).
Una questione molto discussa è la necessità di dotare il sistema d’isolamento di
capacità ricentranti. Mancando queste ultime, la risposta del sistema mostrerebbe una
deriva in una certa direzione ed un elevato spostamento residuo al termine dell’evento
sismico. Questo fenomeno può risultare particolarmente accentuato in presenza di
terremoti di elevata intensità in vicinanza della sorgente sismica (“Near Fault”). Il
problema si pone innanzitutto rispetto alle condizioni di utilizzabilità della struttura dopo
l’evento (eccessivi spostamenti residui potrebbero non essere compatibili con le
condizioni di utilizzazione) e quindi rispetto alle condizioni di sicurezza nei confronti di
scosse successive (“aftershocks”) che potrebbero fare assumere al fenomeno dimensioni
eccessive. Per questo molte normative accettano l’utilizzo di sistemi di isolamento privi di
capacità ricentrante, a patto di far riferimento ad uno spostamento superiore, addirittura
pari a tre volte in [ICBO 1997], allo spostamento massimo di progetto del sistema di
isolamento, per la verifica di giunti, impianti, ecc.. In generale il problema del
riposizionamento della struttura nella sua configurazione originaria non presenta
particolari difficoltà di soluzione se già nel progetto si prevedono elementi di contrasto da
cui spingere la struttura, avendo disconnesso i dispositivi ausiliari dissipativi così da
limitare la forza necessaria allo spostamento alla sola reazione di attrito negli isolatori a
scorrimento.
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 29

1.4 EFFETTI DELL’ISOLAMENTO SISMICO SUGLI EDIFICI

Le considerazioni di carattere teorico e su modelli semplificati svolte nel par. 1.2


hanno evidenziato come l’introduzione di un sistema di isolamento alla base in un edificio
determini una drastica riduzione delle forze di inerzia e, di conseguenza, una netta
diminuzione dei tagli di piano e degli associati spostamenti interpiano normalizzati
rispetto all’altezza di piano. Nel presente capitolo verranno approfonditi alcuni importanti
aspetti del comportamento degli edifici con isolamento sismico, attraverso l’esame dei
risultati di indagini sperimentali e numeriche relative a strutture multipiano protette con
diversi sistemi di isolamento.
Numerosi studi di carattere sperimentale, su modelli strutturali in scala ridotta ed al
vero, sono stati compiuti a partire dagli anni ’80, al fine di valutare l’efficacia
dell’isolamento sismico nella protezione sismica delle costruzioni.
Le tecniche di prova adoperate allo scopo sono essenzialmente due: (i) prove su tavola
vibrante e (ii) prove pseudodinamiche. Nelle prove su tavola vibrante, il modello
strutturale, generalmente in scala ridotta, poggia su una piattaforma di opportune
dimensioni e massa, azionata da una serie di attuatori dinamici, che riproducono la storia
degli spostamenti del terreno relativa ad un prefissato accelerogramma. La durata della
prova risulta in genere di qualche decina di secondi, essendo pari alla durata del terremoto
diviso la radice quadrata della scala del modello.
Nella prova pseudodinamica [Shing and Mahin 1984] le forze d’inerzia di piano che
nascerebbero sulla struttura sottoposta al sisma vengono calcolate mediante una
simulazione numerica che aggiorna le caratteristiche del modello istante per istante e
vengono applicate alla struttura di prova tramite degli attuatori fissati ad una parete di
contrasto di opportune dimensioni. Completano l’apparato di prova una serie di sensori,
fra cui le celle di carico ed i trasduttori di spostamento dei martinetti, interfacciati ad un
computer dotato di un software specifico per questo tipo di prova. Le forze di inerzia da
applicare, istante per istante, ai piani del modello sono ottenute risolvendo le equazioni
del moto del sistema ad “N” gradi di libertà che schematizza il comportamento dinamico
della struttura, aggiornando la matrice di rigidezza, per portare in conto eventuali non
linearità della struttura. I tempi di una prova pseudodinamica sono ovviamente molto
maggiori di quelli di una prova dinamica, essendo funzione dell’efficienza del sistema di
controllo, dell’intervallo di integrazione scelto, della risposta (in campo elastico o meno)
della struttura, oltre che naturalmente della durata dell’accelerogramma.
Fra le diverse tipologie strutturali testate, maggiore attenzione è stata rivolta finora alle
strutture intelaiate in c.a., data la loro vasta diffusione, e in acciaio, data la maggiore
semplicità di messa a punto del modello sperimentale. Le prove di simulazione sismica
sono state condotte in prevalenza su modelli in scala ridotta, sia piani che tridimensionali,
tamponati e non, progettati come strutture fisse alla base per resistere ad azioni sismiche
decisamente minori di quelle applicate nelle prove o ai soli carichi verticali. Per adeguare
la struttura alle forze sismiche di progetto si sono adottati diversi sistemi d’isolamento, sia
a comportamento (quasi-)elastico che a comportamento fortemente non lineare. Per
30 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

verificare l’efficacia dei diversi sistemi d’isolamento, si è sempre cercato di confrontare la


risposta sismica dei modelli isolati alla base con quella di uguali modelli a base fissa.

130.0 345.0

105.0
99.0

90.0
150.0 150.0

105.0
99.0

90.0
366.5
366.5

112.5
106.5

97.5
Celle di carico
Celle di carico
Celle di carico
Celle di carico

353.0
Tavola vibrante
Tavola Vibrante Tavola
Tavolavibrante
Vibrante

Fig. 1.15 Modello di telaio piano in c.a., in scala 1:3.3, testato su tavola vibrante
nell’ambito del progetto MANSIDE

Nell’ambito del progetto MANSIDE (“Memory Alloys for New Seismic Isolation Devices”)
[Proc. MANSIDE project 1999, Dolce et al. 2001], sono stati realizzati sette modelli
identici, di cui tre dotati di tamponature in mattoni, utilizzando tre diverse tecniche di
protezione sismica: (i) convenzionale, affidando alla duttilità la capacità di sostenere il
terremoto, (ii) isolamento alla base e (iii) dissipazione di energia. In Fig. 1.15 è mostrato lo
schema del modello a telaio piano in c.a., in scala 1:3.3, progettato con riferimento
all’Eurocodice 8 [CEN 1994] per strutture a bassa duttilità (q = 2.5) in zone a bassa
sismicità (PGA = 0.15g) e terreno tipo B. Diversi dispositivi d’isolamento e di
dissipazione sono stati utilizzati nelle prove, basati sia su tecnologie correnti (isolatori in
gomma armata ed elementi dissipativi in acciaio) che su materiali avanzati come le leghe a
memoria di forma [Dolce and Cardone 2001c,d]. Il modello è stato testato sulla tavola
vibrante dell’Università Tecnica di Atene, assumendo come input sismico un
accelerogramma artificiale, coerente con lo spettro di risposta elastico dell’EC8 [CEN
1994] per suolo tipo B (caratteristiche intermedie), incrementandone l’intensità (espressa
in PGA) prova dopo prova, fino al collasso della struttura (per i modelli convenzionali)
ovvero fino al raggiungimento dei limiti operativi della tavola e/o dei dispositivi di
protezione sismica.
In Fig. 1.16 è confrontata la risposta massima del modello convenzionale a base fissa
(FB) con quella del modello dotato di isolatori in gomma (BI). Il confronto è effettuato in
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 31

termini di: (a) accelerazioni di piano, (b) tagli di piano, (c) spostamenti assoluti di piano,
(d) spostamenti relativi (drift) interpiano, per due diversi livelli d’intensità sismica,
corrispondenti ad un’accelerazione della tavola pari a 0.15g e 0.5g circa. La struttura a
base fissa ha raggiunto le condizioni di collasso a 0.5g, per la formazione di un
meccanismo di piano, come testimonia il drift massimo dell’8% circa del primo piano. Al
contrario, il drift massimo registrato dalla struttura isolata per la stessa intensità sismica si
attesta intorno allo 0.6%, valore corrispondente allo sviluppo delle prime deformazioni
plastiche negli elementi strutturali in c.a. [Dolce et al. 2001a]. Ad intensità sismiche minori
(0.15g), la presenza dell’isolamento alla base garantisce comunque un livello di protezione
nettamente maggiore, rispetto alla struttura a base fissa, sia nei confronti degli elementi
non strutturali (v. drift interpiano) che del contenuto strutturale (v. accelerazioni di
piano). In aggiunta, l’isolamento sismico, in questo caso a comportamento lineare,
determina una netta riduzione sia del taglio alla base che del momento ribaltante (vedi
andamento lungo l’altezza delle accelerazioni di piano), con conseguenti riduzioni delle
sollecitazioni in fondazione.

BI_0.13g FB_0.14g BI_0.52g FB_0.48g

3 3 3 3

2 2 2 2

2.2 %

1 1 1 1

7.8 %

0 0 0 0
0 2 4 6 8 0 25 50 0 30 60 90 120 0 0.5 1 1.5 2
(m/sec2) (KN) (mm) (%)

(a) (b) (c) (d)

Fig. 1.16 Confronto fra le risposte massime del modello fisso alla base (FB) e del
modello con isolatori in gomma a basso smorzamento (BI) del progetto
MANSIDE, per due diversi livelli di intensità sismica: (a) accelerazioni di piano,
(b) tagli di piano, (c) spostamenti assoluti di piano, (d) drift interpiano.

La tecnica dell’isolamento alla base può essere molto efficace anche nell’adeguamento
sismico delle strutture esistenti, ossia di quelle strutture che, anche se dotate di una
resistenza alle forze laterali, certamente non soddisfano tutti quei requisiti (colonne
“forti” e travi “deboli”, adeguato quantitativo di staffe e legature nei nodi e nelle zone
terminali di travi e pilastri, etc.) indispensabili per sostenere significative escursioni
inelastiche e/o che hanno rigidezza insufficiente per limitare o evitare danni alle parti non
32 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

strutturali. L’isolamento sismico può essere efficace anche nel caso dei telai in c.a.
progettati per soli carichi verticali, ma dotati anch’essi, per sovradimensionamenti nella
progettazione, di una minima resistenza alle azioni laterali.
L’efficacia dell’isolamento sismico nel caso delle strutture intelaiate esistenti è
conseguente al drastico abbattimento delle accelerazioni agenti sulle masse strutturali, e
dunque delle forze sismiche, fino a riportarle al di sotto della resistenza laterale della
struttura. Il mantenimento della struttura in campo sostanzialmente elastico elimina o
limita sensibilmente la necessità d’interventi di rafforzamento molto costosi ed invasivi
sulla struttura in elevazione, con il conseguente rifacimento di molte parti non strutturali,
e in fondazione. L’adozione dell’isolamento può essere risolutiva anche per quelle
strutture suscettibili di un cattivo comportamento sotto sisma a causa di irregolarità
(geometriche, nella distribuzione delle masse, nella distribuzione delle rigidezze) in pianta
e/o in elevazione, che ne limitano notevolmente la duttilità.

Fig. 1.17 Modello di telaio in c.a., in scala 1:4, testato su tavola vibrante
nell’ambito del progetto TREMA

Finalizzate alla valutazione dell’efficacia di diversi sistemi d’isolamento sismico per


l’adeguamento delle strutture intelaiate progettate per soli carichi verticali, le prove su
tavola vibrante svolte nell’ambito del progetto TREMA (Tecnologie per la Riduzione
degli Effetti sismici sui Manufatti Architettonici in muratura e in c.a.) [Cardone et al.
2003] presso il Laboratorio dell’ENEA-Casaccia hanno riguardato il modello di telaio
tridimensionale in c.a. in scala 1:4, mostrato in Fig. 1.17. La struttura è stata progettata per
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 33

soli carichi verticali, secondo la normativa vigente in Italia prima del 1971 (anno di
emanazione della L. 1086). I sistemi d’isolamento sono stati realizzati con appoggi
scorrevoli acciaio-PTFE a basso attrito (≈ 2%) e tre tipi di dispositivi ausiliari, dissipativi
e/o ricentranti, basati sulle proprietà: (i) elastiche della gomma, (ii) isteretiche di elementi
di acciaio opportunamente conformati e (iii) superelastiche di fili in lega a memoria di
forma Ni-Ti. Il modello testato era dotato di tamponature in mattoni di calcestruzzo
alleggerito (siporflex), disposte come mostrato in Fig. 1.18.
Come input sismico della tavola vibrante, si sono adottate le due componenti
orizzontali (Est-Ovest e Nord-Sud) della registrazione di Colfiorito del terremoto
Umbro-Marchigiano del 1997. Le suddette componenti sono state applicate
contemporaneamente alla tavola, secondo le due direzioni principali del modello (v. Fig.
1.17). L’accelerazione di picco della tavola, in entrambe le direzioni, è stata aumentata
progressivamente nel corso delle prove, fino al raggiungimento dei limiti operativi dei
dispositivi (per il modello isolato) ovvero fino al collasso della struttura (per il modello
non protetto).

Fig. 1.18 Disposizione delle tamponature nei telai secondo X e secondo Y del
modello testato nell’ambito del progetto TREMA

Per la progettazione dei dispositivi d’isolamento, si è fatto riferimento alla resistenza


laterale del telaio in c.a., considerato privo di tamponature, determinata tramite analisi di
spinta (“push-over”) [ATC 1996] su modelli numerici a fibre [Prakash et al. 1994].
Durante le prove sul modello isolato si sono raggiunte accelerazioni della tavola molto
alte, fino a 2g, registrando danni trascurabili, e solo sulle parti non strutturali. Il modello a
base fissa è riuscito a sostenere accelerazioni della tavola fino a 1g, valore per il quale si
registravano condizioni di collasso. Tutto ciò appare evidente dall’esame della Fig. 1.19, in
cui sono riportati i massimi drift registrati nei due telai secondo Y del modello, fisso alla
base e isolato con dispositivi in gomma, nel corso di alcune prove a diversa intensità
sismica (PGA). I massimi drift interpiano nella struttura isolata si sono mantenuti al di
sotto dello 0.5%, fino ad intensità sismiche pari a circa 2g, assicurando, così, un elevato
livello di protezione anche alle parti non strutturali sotto terremoti molto violenti. Si
ricorda a tal proposito che il limite posto dalla nuova normativa allo spostamento
34 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

d’interpiano, per il contenimento dei danni delle parti non strutturali, è pari proprio allo
0.5% dell’altezza di piano.

(%)

(%)
4.0 4.0
Telaio 1Y _ Piano 3 Telaio 2Y _ Piano 3
3.5 3.5
BI_gomma BI_gomma
3.0 3.0
FB FB
2.5 2.5

2.0 2.0

1.5 1.5

1.0 1.0

0.5 0.5

0.0 0.0
0 0.25 0.5 0.75 1 1.25 1.5 1.75 2 0 0.25 0.5 0.75 1 1.25 1.5 1.75 2
PGA (g) PGA (g)

(%)
(%)

4.0 4.0
Telaio 1Y _ Piano 2 Telaio 2Y _ Piano 2
3.5 3.5
BI_gomma BI_gomma
3.0 3.0
FB FB
2.5 2.5

2.0 2.0

1.5 1.5

1.0 1.0

0.5 0.5

0.0 0.0
0 0.25 0.5 0.75 1 1.25 1.5 1.75 2 0 0.25 0.5 0.75 1 1.25 1.5 1.75 2
PGA (g) PGA (g)
(%)

(%)

4.0 4.0
Telaio 1Y _ Piano 1 Telaio 2Y _ Piano 1
3.5 3.5
BI_gomma BI_gomma
3.0 3.0
FB FB
2.5 2.5

2.0 2.0

1.5 1.5

1.0 1.0

0.5 0.5

0.0 0.0
0 0.25 0.5 0.75 1 1.25 1.5 1.75 2 0 0.25 0.5 0.75 1 1.25 1.5 1.75 2
PGA (g) PGA (g)

Fig. 1.19 Confronto fra i drift massimi interpiano nei due telai secondo Y della
struttura fissa alla base e quelli della struttura con isolamento in gomma, al
variare della accelerazione di picco della tavola

Nella struttura a base fissa, si nota che i massimi drift interpiano crescono più che
linearmente al crescere dell’intensità sismica, passando da valori dell’ordine dello 0.2% a
basse intensità sismiche (0.15g) a valori compresi fra lo 0.5% e l’1.2% ad intensità
sismiche più elevate (0.75g). Da notare, sempre con riferimento alla struttura a base fissa,
il brusco incremento del drift del terzo interpiano, per intensità dell’ordine di 1g, a causa
del crollo delle tamponature e per la contemporanea rottura di alcuni nodi d’angolo. Gli
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 35

elevati livelli di accelerazione alla base sostenuti sia nelle condizioni fisse che in quelle
isolate, rispetto alla sperimentazione illustrata in precedenza, sono giustificati, da una
parte, dalla presenza delle tamponature, distribuite in maniera regolare, e quindi in grado
di contribuire significativamente alla resistenza globale del modello, dall’altro, al
contenuto di energia decisamente inferiore dell’input sismico naturale (Colfiorito ’97)
rispetto a quelli artificiali utilizzati in altre sperimentazioni.

Isolatore in
LMF

Isolatore elastomerico

Isolatore con elementi i acciaio

Slitte acciaio-teflon

(a) (b)
Fig. 1.20 (a) Modello in c.a., in scala 1:2.5, isolato alla base, testato con la tecnica
pseudodinamica, (b) sistemi di isolamento testati alternativamente

Alla medesima conclusione si arriva se si analizzano i risultati di una campagna di


prove pseudodinamiche svolte presso l’Università della Basilicata, nell’ambito di una
convenzione con il Dipartimento della Protezione Civile - Servizio Sismico Nazionale
[Dolce et al. 2003c]. Le prove in questione sono state effettuate su un telaio
tridimensionale in c.a., di quattro piani, in scala 1:2.5, progettato per soli carichi verticali,
secondo la normativa vigente in Italia prima del 1971 (v. Fig. 1.20(a)). Anche in questo
caso, durante le prove, si sono alternati tre diversi sistemi d’isolamento, tutti basati
sull’accoppiamento d’isolatori acciaio-PTFE a basso attrito (≈ 2%) con dispositivi
dissipativi e/o ricentranti, rispettivamente, in gomma, acciaio e lega a memoria di forma
(v. Fig. 1.20(b)).
Le prove sono state svolte con due diversi accelerogrammi: (i) la componente Est-
Ovest della già citata registrazione di Colfiorito del 1997 e (ii) un accelerogramma
artificiale, generato a partire dallo spettro elastico dell’EC8 [CEN 1994] per terreno tipo
B. Le prove pseudodinamiche sul modello in questione sono state effettuate, inizialmente,
nella configurazione a base isolata e, successivamente, in quella a base fissa, giungendo
fino a 0.35g di accelerazione di picco al suolo in entrambi i casi. L’apparato di prova era
costituito da quattro attuatori, per l’applicazione delle forze di piano, e quattro trasduttori,
per la lettura degli spostamenti di piano, come schematizzato in Fig. 1.21.
36 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Fig. 1.21 Apparato per prove pseudodinamiche

In Fig. 1.22 sono confrontati i massimi drift interpiano registrati dal modello nella
configurazione a base fissa (FB) ed in quella con isolamento in gomma (BI_gomma), per
effetto dell’accelerogramma artificiale a diverse intensità (PGA). Le prove sulla struttura a
base fissa sono state condotte assumendo uno smorzamento del 4% e dell’1%, per tener
conto di dissipazioni d’energia aggiuntive a quelle isteretiche direttamente presenti nel
modello, e legate alla maggior velocità di esecuzione della prova. A basse intensità
sismiche (0.1g), i massimi drift interpiano registrati sul modello a base isolata risultano da
1.2 a 3.4 volte (a seconda del piano considerato) minori rispetto al modello a base fissa. In
entrambi i casi, i drift maggiori si hanno al terzo piano, in conseguenza della riduzione di
sezione ed armatura delle colonne centrali del modello. Ad elevate intensità sismiche
(0.35g), il fattore di riduzione dei massimi drift interpiano risulta pari a circa 5.5 al terzo e
quarto piano, riducendosi a 3.5 al secondo piano ed, infine, a circa 2 al primo piano. Le
richieste di deformazione registrate dal modello a base fissa tendono a concentrarsi al
terzo livello, mentre quelle relative al modello a base isolata risultano distribuite
abbastanza uniformemente lungo l’altezza della struttura. In pratica, nel modello a base
fissa si verifica la formazione di un meccanismo di piano, fenomeno osservato in molti
edifici a struttura intelaiata a seguito di recenti eventi sismici [ASCE 1998], realizzati senza
alcuna regola di progettazione antisismica. Per di più, la rastremazione delle colonne
centrali al terzo piano, e la corrispondente diminuzione d’armatura, rende la struttura in
esame “irregolare in altezza” ai sensi delle moderne norme sismiche. Tale irregolarità,
accentuando gli effetti dei modi superiori, produce la formazione di un piano soffice.
Riducendo il rapporto critico di smorzamento del telaio in c.a. dal 4% all’1%, valore che
appare più plausibile, il drift massimo del terzo interpiano raggiunge valori dell’ordine del
5.4% già a 0.3g, corrispondenti ad una condizione di collasso incipiente della struttura.
Anche in questo caso, nonostante la struttura a base fissa avesse un periodo piuttosto
elevato, e, conseguentemente, le condizioni dell’isolamento non fossero ottimali (basso
rapporto d’isolamento e quindi elevato valore di ε, come definito dall’Eq.(1.6)),
l’isolamento sismico si è rivelato estremamente efficace nel ridurre i danni alla struttura e
alle parti non strutturali, abbattendo i valori raggiunti dal drift.
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 37

FB(4%)@0.10g

FB(4%)@0.35g

FB(1%)@0.30g

BI_gomma@0.10g

BI_gomma@0.35g

0 1 2 3 4 5 6
(%)

Fig. 1.22 Massimi drift interpiano registrati dal modello nelle configurazioni a
base fissa (FB) e con isolamento in gomma (BI_gomma), per effetto
dell’accelerogramma artificiale EC8 a diverse intensità (PGA)

Nei precedenti confronti fra la risposta strutturale nella configurazione a base fissa e
nella configurazione a base isolata si è fatto esplicito riferimento ai sistemi di isolamento
in gomma, in quanto essi rappresentano i sistemi di isolamento sismico da più tempo
studiati ed attualmente i più diffusi in Italia e nel mondo per le applicazioni agli edifici.
Come accennato in precedenza, però, nelle sperimentazioni effettuate si sono testati
anche altri sistemi d’isolamento, che hanno fornito prestazioni altrettanto buone e
convincenti.
Nel mostrare i risultati delle prove sperimentali, si è concentrata l’attenzione
prevalentemente su aspetti riguardanti il potenziale danneggiamento della struttura e delle
parti non strutturali solidali con la struttura (tamponature e tramezzature), esaminando gli
spostamenti d’interpiano come parametro della risposta. Come detto in precedenza, in
talune applicazioni è importante anche valutare i possibili effetti sugli oggetti portati dalla
struttura stessa, particolarmente quando tali oggetti hanno valore molto elevato dal punto
di vista artistico, strategico, sociale e/o economico. Uno strumento molto utile per
giudicare l’entità di tali effetti sono gli spettri di risposta delle accelerazioni di piano
[Suarez and Singh 1987]. Assimilando gli oggetti presenti all’interno della struttura ad
oscillatori elementari di massa trascurabile (rispetto a quella della struttura) ed a basso
smorzamento viscoso (tipicamente pari al 2%), gli spettri di piano permettono di
38 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

conoscere le accelerazioni cui tali oggetti sono sottoposti per effetto del terremoto che
colpisce la struttura che li contiene. Gli spettri di piano possono essere ottenuti sia
numericamente, mediante simulazioni numeriche del comportamento sismico delle
strutture, sia sperimentalmente, registrando, durante una prova su modello strutturale, le
accelerazioni di ciascun piano. È, però, più interessante esaminare i risultati sperimentali,
essendo quelli numerici troppo condizionati da alcuni dettagli di modellazione che
influiscono sensibilmente sulle accelerazioni di piano. In Fig. 1.23 sono mostrati gli spettri
di risposta delle accelerazioni registrate sulla sommità del telaio piano in c.a. della Fig.
1.15, testato nell’ambito del progetto MANSIDE. I sistemi d’isolamento considerati sono
costituiti da: (i) isolatori in gomma con smorzamento pari all’8% circa, (ii) isolatori
acciaio-PTFE a basso attrito (3% circa del peso della struttura) con dispositivi basati su
leghe a memoria di forma (LMF) a comportamento non lineare fortemente ricentrante
(smorzamento viscoso equivalente del sistema allo spostamento massimo pari circa al
20%) e (iii) isolatori acciaio-PTFE a basso attrito con componenti dissipativi in acciaio a
comportamento elasto-plastico (smorzamento viscoso equivalente del sistema allo
spostamento massimo pari circa al 30%). In Fig. 1.23, gli spettri di piano valutati
all’ultimo piano della struttura con i diversi sistemi di isolamento (BI-) sono confrontati
con quello della struttura a base fissa (BF) [Dolce and Cardone 2003d], avendo
adimensionalizzato le accelerazioni spettrali rispetto alla PGA. Quest’ultima era pari a
circa 0.3g in tutte le prove prese in considerazione.
Sa/PGA

16
14 BF

12 BI_acciaio
BI_lmf
10
BI_gomma
8
6
4
2
0
0 5 10 15 20
Frequenza (Hz)
Fig. 1.23 Spettri di risposta delle accelerazioni registrate sulla sommità di un
struttura a base fissa (BF) o isolata (BI) con diversi sistemi di isolamento

L’esame del diagramma evidenzia come lo spettro di piano della struttura a base fissa
presenti tre picchi, uno per ogni modo di vibrare della struttura, a frequenze via via
crescenti, con amplificazione spettrale pari a circa 15, in corrispondenza del primo modo,
e con un livello di amplificazione molto elevato in un esteso range di frequenze che
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 39

interessano ampie categorie di oggetti (da 1 a 5 Hz). Con il sistema di isolamento a


comportamento (quasi)-elastico (BI-gomma) si rilevano due picchi, concentrati attorno
alle frequenze dei primi due modi di vibrare della struttura, mentre con il sistema
elastoplastico (BI-acciaio) si individua un solo picco in corrispondenza del secondo modo
di vibrare e con il sistema elastico fortemente ricentrante (BI-sma) si individuano due
picchi in corrispondenza del secondo e del terzo modo. Per le altre frequenze, le
accelerazioni spettrali risultano piuttosto piccole e prossime alla PGA. In definitiva tutti i
sistemi d’isolamento considerati, risultano in grado di eliminare il picco di risonanza in
corrispondenza del periodo fondamentale di vibrazione della struttura a base fissa,
migliorando sensibilmente la protezione degli oggetti contenuti. Tuttavia, i sistemi di
isolamento a comportamento non lineare determinano amplificazioni su precisi valori
delle alte frequenze, tanto maggiori quanto maggiore è il carattere di non linearità del
sistema d’isolamento.

Come si è potuto vedere dai pochi diagrammi riportati in questo testo, l’isolamento
sismico è estremamente efficace nel ridurre la risposta sismica delle strutture, in
particolare degli edifici. È immediato verificare, confrontando la risposta di una struttura
isolata con quella della stessa struttura non isolata, che la riduzione può essere di un
ordine di grandezza. Ciò significa che per terremoti che normalmente causano gravi danni
o addirittura il collasso di strutture convenzionali (drift interpiano dell’ordine del 2-4%
per PGA dell’ordine di 0.3-0.4g) non si hanno praticamente danni agli edifici con
isolamento sismico (drift dell’ordine dello 0.1-0.3%). Per di più, anche per terremoti
decisamente più violenti di quelli usualmente assunti come terremoti di progetto, si
registrano solo lievi danni agli elementi strutturali e non strutturali (drift dell’ordine di
0.51% per terremoti con PGA di 1g ed oltre). In nessun test sperimentale è stato possibile
raggiungere la condizione di collasso della struttura isolata. Le differenti tecnologie, che
fanno uso di isolatori in gomma o in acciaio-PTFE e dispositivi ausiliari basati sulla
gomma, sull’acciaio, sulle leghe a memoria di forma, possono fornire, se adeguatamente
progettate, prestazioni tra loro paragonabili in termini di effetti sulla struttura.
La scelta del tipo d’isolamento da adottare appare in principio non scontata,
dipendendo fortemente dal tipo di applicazione da effettuare (realizzazione di una
costruzione nuova o adeguamento di una esistente, importanza strategica dell’edificio nel
dopo sisma, caratteristiche dell’input sismico in termini di contenuto in frequenze e
spostamenti attesi, valore del contenuto strutturale, costo e affidabilità dei dispositivi, loro
collocazione nella struttura, ecc.). Non secondaria è la capacità del progettista e del
direttore dei lavori di comprendere appieno il funzionamento dei dispositivi e di
governare il processo progettuale e realizzativo, che può implicare l’uso di analisi non
lineari, la sperimentazione e la posa in opera di dispositivi di nuova concezione, etc..
Anche la progettazione del sistema d’isolamento implica necessariamente un
compromesso fra un certo numero di fattori. Ad esempio, una riduzione del taglio
massimo alla base comporta, generalmente, un aumento dello spostamento massimo del
sistema d’isolamento e/o, in relazione al tipo di isolamento scelto, la comparsa di
significative accelerazioni ad alte frequenze. Queste ultime possono influenzare in modo
40 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

sensibile la distribuzione delle forze d’inerzia lungo l’altezza dell’edificio e, di


conseguenza, l’andamento dei tagli di piano e drift d’interpiano, producendo, inoltre,
spettri di risposta di piano molto più penalizzanti.
La selezione del sistema d’isolamento più appropriato per una particolare applicazione
dipende, quindi, da quale dei parametri di risposta della struttura risulta maggiormente
critico in fase di progettazione. Facendo sempre riferimento ad un edificio multipiano
isolato alla base, è possibile individuare, sostanzialmente, tre diversi obiettivi prestazionali:
(i) minimizzare il taglio alla base della struttura;
(ii) minimizzare lo spostamento alla base della struttura;
(iii) minimizzare le accelerazioni di piano ad alte frequenze (> 2 Hz).
Le accelerazioni di piano ad alte frequenze sono importanti quando la protezione del
contenuto rappresenta un punto critico della progettazione. In tal caso, l’adozione di
sistemi a comportamento (quasi-)lineare (come ad esempio i dispositivi in gomma a basso
smorzamento o, sotto certe ipotesi, i dispositivi elastomerici ad elevato smorzamento)
rappresenta una scelta ottimale.
L’introduzione di una certa non linearità nel sistema d’isolamento si traduce
generalmente in una riduzione del taglio massimo e/o dello spostamento massimo alla
base. I sistemi d’isolamento a scorrimento di tipo tradizionale (cioè a superficie di
scorrimento piana), dotati o meno di dispositivi dissipativi ausiliari basati sull’isteresi di
elementi in acciaio e piombo, sono quelli che assicurano il miglior controllo della forza
trasmessa alla sovrastruttura (ossia del taglio massimo alla base), soprattutto in presenza
di terremoti inattesi per intensità o contenuto in frequenza. Ciò, tuttavia, avviene a prezzo
di elevati spostamenti residui al termine del sisma e di un incremento dello spostamento
massimo calcolato, per portare in conto possibili derive della risposta. I sistemi di
isolamento a comportamento elasto-plastico (ad esempio i dispositivi elastomerici con
nucleo in piombo o i sistemi a scorrimento denominati “Friction Pendulum Systems”)
garantiscono di solito i valori minori dello spostamento alla base, a prezzo però di tagli
alla base ed accelerazioni di piano relativamente elevate.
Le osservazioni fatte finora sono il frutto di numerosi studi sia di carattere numerico
che sperimentale, a cui si rimanda per un approfondimento dell’argomento [Skinner and
al. 1993, Naeim and Kelly 1999, Constantinou et al. 1988, Kelly JM 1999, Kelly TE 2001,
Dolce et al. 2001e, Cardone and Dolce 1999], evidenziando, tuttavia, che la scelta
“ottimale” da un punto di vista tecnico assoluto (miglior compromesso in relazione ai tre
obiettivi prestazionali sopra riportati) non necessariamente risulta ottimale dal punto di
vista economico e realizzativo. Altri parametri altrettanto importanti sono la costanza di
comportamento nel tempo e nelle varie condizioni di lavoro, nonché la “vita utile” dei
dispositivi. Infine non è da trascurare, tra i parametri che possono e debbono influenzare
tale scelta, la “confidenza” del progettista e della direzione dei lavori verso il sistema
scelto, “confidenza” intesa nel doppio significato di conoscenza del sistema, e dunque
capacità di governare il processo progettuale e realizzativo, e di fiducia nella sua efficacia.
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 41

1.5 SVILUPPO DELL’ISOLAMENTO SISMICO IN ITALIA E NEL MONDO

L’idea che una struttura possa essere protetta dal terremoto, ossia dal moto del
terreno, disconnettendola dal terreno stesso non può ritenersi nuova né applicata solo
negli ultimi 40 anni. In realtà si ritrovano concrete prove dell’applicazione del concetto di
isolamento sismico presso le antiche civiltà, in Cina, Grecia, Perù, Italia [Dolce et al.
2004a], disponendo strati di materiali (carbone, velli di lana, sabbia) in fondazione, per
favorire lo scorrimento della struttura rispetto al terreno stesso. La sopravvivenza di
alcuni monumenti o parti di essi a terremoti disastrosi è anche dovuta a queste
precauzioni costruttive. Anche agli inizi del secolo appena concluso l’isolamento sismico
è stato più volte proposto, compatibilmente con la tecnologia all’epoca disponibile, ma
raramente applicato in maniera sistematica e pienamente consapevole. Solo negli anni ’60
si è iniziato ad applicare l’isolamento sismico nell’ex-Unione Sovietica, con tecnologie
ancora rudimentali, fino ad arrivare, nel 1969, alla prima, pionieristica, applicazione
dell’isolamento sismico con isolatori in gomma nella scuola elementare Pestalozzi di
Skopje (Macedonia), ad opera di un gruppo di ingegneri svizzeri. Il sistema di isolamento
impiegato, denominato “Swiss Full Base Isolation 3D (FBI-3D)” [Staudacher et al. 1970],
consisteva in semplici appoggi in gomma (non armata), con rigidezza in direzione
verticale paragonabile a quella in direzione orizzontale. L’adozione di tali dispositivi si
rivelò in seguito non del tutto soddisfacente, determinando un forte accoppiamento fra il
moto orizzontale della struttura e quello verticale legato ad effetti di rocking. Tra l’altro la
bassa rigidezza orizzontale costrinse ad utilizzare in seguito dei vincoli aggiuntivi
(realizzati con dei blocchi di vetro) per far fronte alle sollecitazioni di servizio di natura
non sismica (tipo il vento, ecc.).
L’isolamento sismico è diventato una realtà negli anni settanta allorché, in Inghilterra,
vennero prodotti i primi appoggi elastomerici armati ad opera della MRPRA (Malaysian
Rubber Producers’ Research Association), che per prima nel mondo mise a punto un processo
per la vulcanizzazione di strati di gomma con lamierini di acciaio.
La prima applicazione dell’era moderna dell’isolamento sismico è stata effettuata in
Francia, nei primi anni ‘70, allo scopo di proteggere una serie di centrali nucleari ed i
relativi impianti (reattori dell’acqua pressurizzata, depositi dei combustibili esausti, ecc.),
da terremoti di intensità di progetto pari a 0.2g, senza apportare modifiche alle strutture
esistenti. La soluzione trovata consisteva nell’applicazione di isolatori in gomma
(neoprene) armata ed in seguito, per aree a maggiore intensità sismica, in una
combinazione in serie di isolatori in gomma armata con dispositivi a scorrimento
caratterizzati da un coefficiente di attrito del 20% (Electricité de France System).
Altri studiosi fanno risalire l’era moderna dell’isolamento sismico alla metà degli anni
’70, con la costruzione di un ponte isolato sul fiume Rangitikei in Nuova Zelanda, che
sfruttava un sistema basato sull’accoppiamento di elementi flessibili con elementi
dissipativi, realizzati con barre d’acciaio sottoposte a torsione.
Alla fine degli anni ‘70, il concetto di isolamento sismico fu introdotto anche in Italia,
dove fu applicato diffusamente a ponti e viadotti, proprio in un periodo di notevole
42 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

sviluppo della rete autostradale. Fu così che l’Italia acquisì a quell’epoca una leadership
mondiale nel settore.
Negli anni ‘80 la tecnica dell’isolamento sismico si diffuse in tutto il mondo con
importanti applicazioni a ponti ed edifici strategici, soprattutto negli Usa, in Giappone ed
in Nuova Zelanda. Vasto impiego trovarono, negli USA ed in Nuova Zelanda, gli isolatori
elastomerici ad elevato smorzamento, utilizzando gomma ad alta dissipazione (HDRB) o
isolatori con inserti in piombo (LRB) [Tarics et al. 1984, Anderson 1989, Charlerson
1987, Reaveley et al. 1988], mentre in Giappone la soluzione inizialmente più adottata
prevedeva l’utilizzo di dispositivi elastomerici a basso smorzamento (LDRB) con
l’aggiunta di dissipatori di tipo viscoso o isteretico [Kelly JM 1988].
Una notevole spinta all’applicazione dell’isolamento sismico è venuta poi dai risultati
dei numerosi studi e progetti di ricerca, sia di carattere numerico che sperimentale, svolti a
partire dagli anni ’80, in diverse parti del mondo, ricerche che confermarono in pieno
l’efficacia dell’isolamento sismico nel proteggere le parti strutturali e non (compreso il
contenuto strutturale) dal danneggiamento in presenza di terremoti violenti. Un impulso
ancora maggiore venne, alla metà degli anni ’90, quando due eventi sismici catastrofici, il
terremoto di Northridge del 1994 e il terremoto di Kobe del 1995, colpirono,
rispettivamente, la California (USA) ed il Giappone, in due aree dove erano già presenti
alcune strutture isolate. L’ottimo comportamento “sul campo” di tali strutture,
paragonato a quello di strutture simili realizzate nelle immediate vicinanze, dimostrò in
maniera lampante le enormi potenzialità dell’isolamento sismico. A tal riguardo,
emblematico è il caso dei due ospedali realizzati, nelle immediate vicinanze l’uno
dell’altro, nei pressi di Los Angeles, e colpiti dal terremoto di Northridge del 1994. L’uno
(l’Olive View Hospital) di tipo convenzionale fu evacuato al termine del sisma, per il
danneggiamento delle finiture e delle attrezzature, mentre il secondo (l’University
Teaching Hospital), isolato alla base, mantenne in pieno la sua funzionalità, ospitando
anche i degenti del primo ospedale [Asher et al. 1995]. Altro caso emblematico è
rappresentato dal grandissimo complesso del ministero delle Telecomunicazioni della
prefettura di Sanda City, nei pressi di Kobe a 30 km dall’epicentro del terremoto del 1995,
il più grande edificio isolato all’epoca, che non riportò il minimo danno. Dopo tali eventi
si è assistito, soprattutto in Giappone (anche grazie ad una normativa più agile e
flessibile), ad un crescita di tipo esponenziale delle applicazioni dell’isolamento sismico a
ponti ed edifici, non solo di carattere strategico ma anche di ordinaria importanza.
Notevole è anche l’interesse per le applicazioni sulle strutture esistenti, nelle quali
l’isolamento sismico consente di raggiungere livelli di sicurezza nettamente superiori a
quelli ottenibili attraverso interventi d’adeguamento di tipo tradizionale, evitando costosi
(e spesso tecnicamente problematici) interventi sulla struttura esistente. Negli USA i primi
esempi di adeguamento sismico di edifici esistenti tramite isolamento alla base risalgono
alla metà degli anni ’90. Le strutture interessate dall’intervento furono quelle di grandi
edifici dei primi del ‘900, quali le City Hall di Oakland [Walters et al. 1995], San Francisco
[Naaseh 1995] e Los Angeles [Youssef 1995], che, negli USA, hanno anche un notevole
valore storico-artistico. In tutti e tre i casi furono impiegati dispositivi in gomma con
inserto in piombo o ad elevato smorzamento (LRB o HDRB). L’inserimento dei
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 43

dispositivi avvenne previo il taglio delle colonne al primo piano, con l’ausilio temporaneo
di martinetti idraulici. Recentemente sono da annoverare, sempre negli USA, importanti
interventi di adeguamento basati sull’impiego d’isolatori a scorrimento con superficie
curva del tipo FPS [Amin and Mokha 1995] o piana, con l’aggiunta di dispositivi ausiliari
di ricentraggio in gomma [Way and Howard 1990].
La storia dell’isolamento sismico in Italia ha vissuto fasi alterne. L’inizio è da far
risalire all’indomani del terremoto del Friuli (1976), allorché ci si accorse che il viadotto
Somplago, protetto con un sistema di isolamento sismico relativamente semplice ma
efficace, era l’unica opera, tra quelle in costruzione nel tronco autostradale Udine-Carnia,
a non aver subito danni. Ciò convinse la Società Autostrade a prescrivere l’adozione
dell’isolamento sismico, ovviamente con tecnologie più sofisticate [Dolce and Ducci
1990], per tutti i ponti e viadotti del successivo tronco Carnia-Tarvisio, e ad emettere nel
1990 le “Istruzioni per la progettazione antisismica dei ponti con l'impiego di dispositivi
isolatori/dissipatori” [Dolce and Ducci 1991], tra le prime al mondo. Nel decennio dal
1983 al 1993 l’isolamento sismico fu così largamente utilizzato in Italia per la protezione
di ponti e viadotti autostradali. Fra le nuove realizzazioni e l’adeguamento di quelle
esistenti, nel decennio in questione furono effettuate più di 150 applicazioni, per un totale
di 150.000 metri lineari di impalcato [Medeot 1991].
Nello stesso decennio, però, nonostante un significativo numero di proposte
progettuali, piuttosto limitate (appena 15) furono le applicazioni agli edifici, soprattutto a
causa della mancanza di una normativa di riferimento e per il lungo e complesso iter
necessario per ottenere l’approvazione dei progetti da parte del Consiglio Superiore dei
Lavori Pubblici. Si ricorda che le prime “Linee Guida per il progetto di edifici con
isolamento sismico” furono emanate solo nel 1993 ad opera del Servizio Sismico
Nazionale (SSN) [Berardi et al. 1993], seguite solo nel 1998 dalle “Linee Guida per la
Progettazione, l’Esecuzione ed il Collaudo delle opere isolate dal sisma” emesse dal
Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici [C.S.LL.PP, 1998].
Negli ultimi dieci anni, importanti programmi di ricerca, a carattere sia nazionale che
internazionale, hanno coinvolto imprese, enti di ricerca ed università italiane, con la
finalità di verificare l’efficacia dell’isolamento sismico e di altre tecniche innovative di
protezione, di mettere a punto e sperimentare nuove tecnologie per dispositivi e sistemi
di isolamento, di mettere a punto criteri e metodi di calcolo e verifica della sicurezza.
L’attenzione è stata rivolta non solo agli edifici moderni e alle strutture da ponte, ma
anche ad edifici monumentali e a piccoli oggetti di particolare valore storico-artistico
(statue, etc.), a strutture di vitale importanza nei sistemi infrastrutturali a rete (serbatoi
idrici, trasformatori elettrici, etc.), a contenitori di materiali pericolosi per l’ambiente, ed
altro ancora [Melkumyan 2003]. Le ricerche sperimentali hanno riguardato lo studio
dell’isolamento sismico a diversi livelli e su diversi “oggetti”: dall’esecuzione di prove
dinamiche su isolatori singoli in scala ridotta [Kelly and Quiroz 1992] ed al vero [Braga et
al. 1997], all’esecuzione di prove dinamiche con tavola vibrante su modelli in scala ridotta
di strutture isolate [Dolce et al. 2001a, Cardone et al. 2003], dall’esecuzione di prove
pseudodinamiche con parete di contrasto su strutture in scala ridotta [Dolce et al. 2003c]
ed al vero [Molina et al. 1996], all’esecuzione di prove di rilascio “in situ”, su edifici reali,
44 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

come quelli facenti parte del complesso Telecom di Ancona [Giuliani 2003], della nuova
sede dell’Università della Basilicata [Bixio et al. 2000] e l’edificio ATER di Rapolla (PZ)
[Braga et al. 2001, Dolce et al. 2001f].
Alla diffusione in Italia dell’isolamento sismico e di altre tecnologie innovative hanno
dato un forte impulso le ampie collaborazioni che sono state attivate dal Gruppo di
Lavoro Isolamento Sismico (GLIS), costituito nel 1989 e da diversi anni aderente
all’Associazione Nazionale Italiana di Ingegneria Sismica (ANIDIS). Nel 2002 il GLIS
stesso ha poi promosso, avvalendosi delle collaborazioni internazionali sviluppate negli
anni con partner stranieri, europei ed extraeuropei, la fondazione dell’Anti-Seismic
Systems International Society (ASSISi), che organizza ogni due anni un convegno
mondiale sulle applicazioni e gli sviluppi della ricerca nel settore delle tecniche innovative
di protezione sismica delle strutture. Il primo evento ufficiale di ASSISi è stato l’8°
Seminario mondiale tenutosi a Yerevan (Armenia) nell’ottobre 2003 [Melkumyan ed.
2003].

1.6 RECENTI APPLICAZIONI AD EDIFICI E PONTI

Recentemente, si sono verificati considerevoli progressi sia nello sviluppo di nuovi


dispositivi che nell’applicazione di quelli disponibili, a strutture nuove o esistenti, che,
infine, nella stesura di normative specifiche riguardanti l’isolamento sismico, come
testimoniano i lavori presentati agli ultimi convegni e seminari scientifici sul tema
[12WCEE 2000, 5JBSS 2001, 7ISIED 2001, 12ECEE 2002, 8ISIED 2003].
L’adozione, in molti paesi, di regole specifiche per il progetto di strutture isolate ha
convinto progettisti e costruttori a guardare con maggior interesse l’isolamento sismico.
Tali regole, tuttavia, nonché l’iter approvativo ad esse connesso, sono ancora
profondamente diverse da paese a paese.
La conseguenza di ciò è che in alcune parti del mondo, dove l’uso dell’isolamento
sismico è agevolato o quantomeno non ostacolato (ad esempio in Giappone, nella
Repubblica Popolare Cinese ed a Taiwan), il numero di strutture isolate dal sisma
continua ad essere, o è attualmente, in forte crescita, mentre in altri paesi (ad esempio gli
USA), dove la normativa in materia è penalizzante, il numero di nuove applicazioni è più
limitato.
In Italia si è ad un punto di svolta. L’entrata in vigore della nuova normativa sismica
[Ordinanza No. 3274], avvenuta l’8 maggio del 2003, infatti, liberalizza e semplifica l’uso
dell’isolamento sismico, ponendo le premesse per un rapido recupero del terreno
perduto, tenuto anche conto che l’Italia è uno dei leader mondiali nella ricerca, sviluppo e
produzione di dispositivi antisismici.
Regole di progettazione differenti da paese a paese, portano, inevitabilmente, a costi
alquanto diversi per le strutture isolate. Nella Repubblica Popolare Cinese (RPC), ad
esempio, l’adozione dell’isolamento sismico porta a costruzioni complessivamente meno
costose, così da far aumentare notevolmente il numero di applicazioni, che per i soli
edifici sono passate, nel giro di un paio di anni, da 160 (agosto 1999) a 458 (fine 2002),
riguardando sia edifici strategici che ad uso residenziale. Il Giappone, poi, si è dotato di
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 45

una normativa molto avanzata che consente, ad esempio, sforzi di trazione negli isolatori
elastomerici, rendendo possibile l’adozione dell’isolamento sismico in edifici molto alti.
Negli USA, al contrario, i costi di realizzazione di edifici di piccole/medie dimensioni
dotati di isolamento alla base risultano maggiori di quelli delle costruzioni convenzionali,
e ciò ha ovviamente limitato l’applicazione dell’isolamento sismico ad edifici di grandi
dimensioni e strategici.

1.6.1 Applicazioni a ponti e viadotti

Negli ultimi anni, le applicazioni a ponti e viadotti, sia di nuova costruzione che
esistenti, sono considerevolmente aumentate sia in Europa che nel resto del mondo, ed in
particolare negli USA (dove la normativa per i ponti ed i viadotti isolati sismicamente non
è penalizzante come quella riguardante gli edifici), in Cile, in Giappone, nella RPC a
Taiwan (in conseguenza del terremoto del 1999) ed in Corea.
In Giappone, ad esempio, più di 2000 ponti e viadotti isolati sono stati realizzati negli
ultimi 10 anni [Kawashima 2001]. Un significativo cambio di rotta si nota, tuttavia, a
partire dal 1995, anno del terremoto di Kobe: mentre prima, infatti, la tendenza era quella
di adottare dispositivi di isolamento e dissipazione di energia di tipo elasto-plastico (in
pratica dispositivi basati sullo snervamento di elementi in acciaio), in seguito la maggior
parte delle applicazioni ha visto l’utilizzo di dispositivi elastomerici ad elevato
smorzamento (HDRB o LRB).
Per quanto riguarda l’Europa, risultano circa 200 le nuove applicazioni di sistemi di
isolamento sismico e dissipazione di energia a ponti e viadotti (autostradali, stradali e
ferroviari), effettuate a partire dal 2000 [Martelli & Forni 2004]. Circa la metà di esse ha
riguardato l’Italia, che si conferma quindi leader del mondo nel settore. Fra i sistemi
d’isolamento e dissipazione di energia più spesso utilizzati, occorre ricordare: (i) gli
appoggi in gomma ad elevato smorzamento e (ii) gli appoggi scorrevoli acciaio-PTFE
accoppiati con dispositivi dissipativi ausiliari, che sfruttano le proprietà isteretiche di
acciaio e piombo, ovvero, le proprietà viscose di fluidi speciali. Sempre in Europa, sono
state di recente proposte nuove tecnologie per l’isolamento sismico dei ponti, che
sfruttano la proprietà di materiali avanzati, come le leghe a memoria di forma [Dolce et al.
2004b] o particolari oli siliconici [Dolce et al. 2003a].

1.6.2 Applicazioni ad edifici

Alla fine del 2002 il numero totale di edifici isolati aveva superato, nel mondo, quota
2700, di cui ben 1600 nel solo Giappone [Martelli & Forni 2004]. Nel 2003 il numero
complessivo di edifici isolati è significativamente cresciuto, soprattutto in Giappone, ma
l’esatta entità di tale crescita risulta al momento difficilmente quantificabile.
Fra le numerose nuove applicazioni, le prime da citare sono quelle agli edifici strategici
(in particolare, ai centri di gestione dell’emergenza e agli ospedali), per i quali l’integrità
assoluta e la piena funzionalità al termine del terremoto sono requisiti essenziali.
Numerose sono state anche le nuove applicazioni a scuole e ad altri grandi edifici
46 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

pubblici, soprattutto in chiave di adeguamento o miglioramento sismico. La vera novità


sta nel crescente uso dell’isolamento sismico negli edifici residenziali, soprattutto in
Giappone ed in Cina.
Alla fine del 2003, il numero complessivo di applicazioni in Italia era di 25 edifici
isolati. Con l’entrata in vigore della nuova normativa sismica e con la riclassificazione
sismica del territorio nazionale (che ha aumentato la percentuale del territorio considerato
sismico, dal precedente 43% all’attuale 70% circa, oltre alla introduzione di requisiti
sismici minimi anche per le restanti zone), si è assistito ultimamente ad un vero boom di
nuove progettazioni, il cui numero è in continua evoluzione e difficile da fissare. Le
applicazioni riguardano non solo edifici strategici (ospedali, caserme dei vigili del fuoco,
etc.) e ad elevato valore del contenuto (scuole, contenitori museali, etc.), ma anche edifici
di civile abitazione. Importanti e impegnativi dal punto di vista progettuale, per la varietà
di soluzioni proposte, sono anche gli interventi di adeguamento sismico su edifici esistenti
[Martelli & Forni 2004]. Infine numerose sono le proposte in via di progettazione e
realizzazione di nel settore della protezione del patrimonio storico-artistico, in cui l’Italia è
all’avanguardia. Oggetto degli interventi sono non solo edifici monumentali, ma anche
statue, reperti archeologici, oggetti museali, etc..
La situazione nel resto del mondo appare, come detto in precedenza, piuttosto
variegata. Nei paesi dotati di normative sismiche che incoraggiano l’uso dell’isolamento, il
numero delle applicazioni è in costante crescita. Nei paesi dotati di norme più
penalizzanti, in relazione alle forze sismiche da adottare e ai margini di sicurezza da
assumere nella progettazione dei dispositivi, si sta assistendo ad un periodo di relativa
stasi. Emblematici appaiono a riguardo i casi di Giappone e RPC, da un lato, e degli USA,
dall’altro.
In Giappone, le applicazioni dell’isolamento sismico negli otto mesi successivi al
terremoto di Kobe del 1995 furono ben 60 (contro le precedenti 79 realizzazioni) e l’anno
dopo più di 200, con ulteriori incrementi negli anni successivi. Oggi è difficile fornire un
numero di applicazioni in Giappone, che sono, comunque, dell’ordine delle migliaia
[Martelli & Forni 2004]. Molti di questi edifici sono privati e ad uso residenziale, ma
diverse sono le applicazioni su opere di notevole impegno. Per quanto riguarda le più
recenti realizzazioni, c’è da osservare innanzitutto un’inversione di tendenza nella scelta
dei sistemi d’isolamento adottati. Ai dispositivi elastomerici ad alto smorzamento si
preferiscono sempre più sistemi misti ottenuti accoppiando appoggi scorrevoli o a
rotolamento a dispositivi ausiliari ricentranti e/o dissipativi, generalmente basati su
materiali elastomerici [Fujita 2003]. Spesso si punta ad ottenere periodi di vibrazione
dell’ordine di 4÷6 secondi, particolarmente nelle applicazioni più impegnative, così da
estendere il campo di applicazione a strutture più alte e migliorare la protezione del
contenuto. Di particolare interesse sono le recenti applicazioni dell’isolamento sismico ad
edifici di notevole altezza, rese possibili dall’adozione dei suddetti sistemi di isolamento e
dalla contemporanea accettazione (da parte delle norme) di sforzi di trazione nei
dispositivi. Si ricorda, a tal proposito, che a Tokyo è stato da poco completato un edificio
isolato alto 87m ed uno ancor più alto (130 m) è attualmente in fase di realizzazione ad
Osaka [Fujita 2003]. Infine, vale la pena citare un’avveniristica realizzazione in corso a
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 47

Tokyo, con la costruzione di un’enorme piastrone in c.a., di 12349 mq di superficie,


poggiato su isolatori sismici, su cui sorgeranno 21 edifici residenziali alti dai 6 ai 14 piani.
Il piastrone, al di sotto del quale è stato ricavato un grande parcheggio, è sorretto da 242
isolatori che determinano un periodo di 6.7 secondi ed uno spostamento di progetto di
ben 800 mm [Fujita 2003]. Il sistema di isolamento è costituito da una combinazione di
isolatori scorrevoli, a rotolamento e in gomma ad elevato smorzamento (LRB).
Anche nella RPC, dove la comparsa dell’isolamento sismico è relativamente recente
(primi anni ’90), ma il numero di edifici isolati (in molti casi residenziali) è in forte
crescita, avendo sicuramente superato quota 460 [Zhou et al. 2003]. Basta citare l’ultima
importante realizzazione prevista a Pechino [Zhou et al. 2003], dove stanno per essere
costruiti 50 edifici isolati alla base, di 7÷9 piani di altezza. La peculiarità di questa
realizzazione è che tutti gli edifici sorgono su di un’unica enorme sottostruttura a 2 piani,
di 3 kmq di superficie(1500 m x 2000 m), che contiene tutti i servizi e le infrastrutture,
inclusi treni e metropolitane. La soluzione adottata ha consentito un risparmio del 25%
sul costo di costruzione totale.
Ben diversa appare la situazione negli USA, dove a causa di una normativa sismica
piuttosto penalizzante, gli edifici isolati alla base sono “soltanto” un centinaio e
principalmente pubblici, trattandosi, nel 45% dei casi circa, di adeguamenti sismici di
strutture esistenti.

1.7 ASPETTI NORMATIVI

Il crescente numero applicazioni dell’ isolamento sismico ad edifici e ponti e la


diversificazione delle tecnologie disponibili, in aggiunta ai risultati dei recenti studi, a
carattere numerico e sperimentale, su dispositivi di isolamento e strutture isolate in scala
ridotta ed al vero, hanno portato i paesi a più elevata sismicità a dotarsi di (nuove) norme
per la progettazione di strutture isolate dal sisma, al passo con l’attuale tecnologia ed in
linea con i progressi tecnico-scientifici al riguardo [Martelli and Forni 2003, Dolce e
Santarsiero 2004c]. L’Eurocodice 8, nelle parti 1 e 2 [CEN-1998-1-1 2003, CEN-1998-1-2
2004], relative rispettivamente agli edifici (e alle strutture in generale) e ai ponti, trattano la
progettazione delle strutture dotate d’isolamento sismico in specifici capitoli. Nell’ambito
dello stesso CEN è in corso di sviluppo una normativa, armonizzata con l’EC8, per i
dispositivi da inserire nelle strutture con lo scopo di modificarne la risposta alle azioni
sismiche [CEN-TC340 2004]. In tale normativa vengono specificati i requisiti funzionali e
le regole generali di progettazione, le caratteristiche dei materiali, i requisiti di produzione
e verifica sperimentale, i criteri di accettazione, installazione e manutenzione.
Anche le nuove norme sismiche italiane contengono due specifici capitoli, nelle parti
relative rispettivamente agli edifici e ai ponti, che permettono di eseguire una
progettazione delle strutture con isolamento sismico pienamente coerente con i criteri e
gli obiettivi generali delle norme. Infatti, le peculiarità di comportamento delle strutture
isolate e il ruolo cruciale svolto dai dispositivi d’isolamento richiedono la trattazione
specifica, in relazione alla peculiarità degli obiettivi del progetto rispetto ad una struttura a
48 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

base fissa, alla particolarità del comportamento delle strutture isolate (metodi di analisi), al
progetto e al controllo sperimentale dei dispositivi di isolamento.
Rispetto alle Linee guida del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (LL.PP.),
riferimento per i progettisti di edifici dotati dei moderni sistemi antisismici descritti nel
Cap. 5 prima dell’entrata in vigore dell’ Ordinanza, e il cui rispetto comunque non
esimeva da sottoporre il progetto dall’iter di approvazione dello stesso Consiglio, le nuove
norme conseguono i seguenti obiettivi:
ƒ semplificazione delle procedure di analisi:
ƒ chiara definizione del ruolo dei diversi dispositivi di isolamento e delle modalità
di verifica sperimentale;
ƒ congruenza con le altre parti della norma.
Nel confronto con l’EC8, di cui ereditano i criteri e gran parte dei contenuti, le nuove
norme italiane sono più attente ad una serie di aspetti riguardanti sia i diversi metodi di
analisi e la relativa applicabilità. Inoltre, a differenza dell’EC8, sono trattati in dettaglio sia
i diversi tipi di dispositivi che formano un sistema d’isolamento che le relative procedure
di accettazione e qualificazione, così da rendere le norme sismiche immediatamente e
pienamente operative, in mancanza di una specifica normativa sui dispositivi.
Gli obiettivi generali della progettazione antisismica sono riferiti a due livelli
prestazionali, denominati stato limite di danno (SLD) e stato limite ultimo (SLU). Nel
caso di strutture con isolamento sismico, per l’evento SLU, gli elementi della
sovrastruttura (porzione della struttura al di sopra dell’interfaccia di isolamento), devono
essere verificati riducendo le sollecitazioni di un fattore di struttura q il cui valore è molto
vicino all’unità. Infatti, per le strutture intelaiate in c.a. a più piani e più campate esso vale
tipicamente 1.5. Ciò si traduce nella sostanziale assenza di danno strutturale, anche sotto
terremoti molto violenti, conseguibile grazie al drastico abbattimento delle accelerazioni
sulla struttura. Per la verifica allo SLD è richiesta la sola limitazione degli spostamenti
interpiano, ai fini del danneggiamento delle parti non strutturali, e la verifica degli
spostamenti all’interfaccia d’isolamento.
L’azione sismica è definita ancora attraverso lo spettro di risposta elastico, che subisce
lievi modificazioni rispetto a quello di riferimento per le strutture convenzionali, così da
ottenere una valutazione più cautelativa delle accelerazione e degli spostamenti nel campo
degli alti periodi (T > 2 s), nel quale operano le strutture con isolamento sismico. Tali
spettri, riportati in due diversi formati nelle Fig. 1.6 e 1.7, sono stati già discussi,
valutandone le peculiarità rispetto alla progettazione della struttura.
Le ampie potenzialità d’applicazione dell’isolamento sismico, determinate
dall’abbattimento delle accelerazioni sulla struttura, sono riassunte nei grafici della Figura
1.25 [Dolce and Santarsiero 2004d]. Essi mostrano il rapporto tra le accelerazioni di
progetto spettrali allo SLU e allo SLD di strutture in c.a. irregolari e a bassa duttilità,
progettate senza e con isolamento sismico. Nel caso di isolamento sismico le
accelerazioni sono ridotte di un fattore di struttura q=1.5, mentre nel caso di struttura
fissa alla base è stato applicato, oltre al fattore di struttura q = 3.3, un ulteriore fattore
riduttivo λ=0.85, per tener conto della partecipazione modale del primo modo, così come
previsto nelle norme per l’esecuzione dell’analisi statica lineare. Tali rapporti sono
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 49

interpretabili anche come rapporti tra le risultanti delle forze sismiche di progetto, e,
pertanto, forniscono una misura dei possibili risparmi ottenibili nella costruzione della
struttura e delle fondazioni con l’adozione dell’isolamento sismico. È ovvio che tali
risparmi andranno a compensare, in parte o in tutto, i maggiori costi di costruzione
determinati dai dispositivi di isolamento, dai giunti, dalle strutture aggiuntive e da altri
dettagli strutturali necessari all’introduzione dell’isolamento sismico, senza escludere la
possibilità che in situazioni favorevoli si possa determinare un risparmio complessivo sui
costi dell’opera. Nei diagrammi della Fig. 1.25, Tf è il periodo della struttura fissa alla base
e Tis è il periodo della struttura isolata. S’ipotizza che l’isolamento abbia un
comportamento quasi elastico (isolatori in gomma), con smorzamento pari al 10%, e che
il suolo abbia caratteristiche di media deformabilità (spettro tipo B-C-E).
7.0 16.0
Rapp. Accelerazioni spettrali

Tf=0.5s Tf=0.5s

Rapp. Accelerazioni spettrali


6.0 14.0
Tf=0.7s Tf=0.7s
5.0 12.0
Tf=1.0s Tf=1.0s
4.0 10.0
Tf=1.5s Tf=1.5s
8.0
3.0
6.0
2.0
4.0
1.0
2.0
0.0
0.0
1.5 2.0 2.5 3.0 3.5 4.0
1.5 2.0 2.5 3.0 3.5 4.0
Periodo Isolamento Tis (s)
Periodo d'isolamento Tis (s)

Fig. 1.25 Rapporti delle accelerazioni spettrali per il calcolo delle forze sismiche
allo SLU e allo SLD.

I due diagrammi evidenziano le notevoli riduzioni delle forze sismiche di progetto


conseguibili con l’adozione dell’isolamento. Facendo riferimento agli usuali valori dei
periodi di una struttura isolata, dell’ordine di 2 – 2.5 s, e di una struttura a base fissa,
dell’ordine di 0.5 s, si rileva che le forze sismiche di una struttura isolata sono circa la
metà per la progettazione allo SLU e circa 5 – 6 volte più basse per la progettazione allo
SLD. Il vantaggio dell’isolamento sismico, però, deve essere giudicato soprattutto rispetto
agli effetti dei terremoti più violenti, come è anche risultato chiaro dall’esame svolto in
precedenza di alcune prove sperimentali. Essi, infatti, producono danni anche gravi, al
limite del collasso, in una struttura a base fissa progettata secondo le norme, come
evidenzia l’entità del fattore di struttura, mentre in una struttura isolata gli stessi terremoti
non producono danni sostanziali, nemmeno alle parti non strutturali.
Le nuove norme lasciano ampio margine all’innovazione, sia progettuale che
tecnologica, prendendo in esame e fornendo gli strumenti per il progetto con le diverse
strategie d’isolamento sismico, incremento del periodo o limitazione della forza (v. Fig.
1.4), realizzate mediante dispositivi con diversi comportamenti (isolatori in gomma e a
scorrimento, dispositivi ausiliari a comportamento lineare, non lineare e viscoso).
50 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Per tutti i dispositivi d’isolamento le norme forniscono le prescrizioni per la loro


sperimentazione ai fini della qualificazione dei prototipi e dell’accettazione dei dispositivi
da mettere in opera, così da garantirne la massima affidabilità, in relazione al ruolo critico
da essi svolto nella protezione sismica della struttura.
Riguardo alle modalità di calcolo e di progettazione, non v’è dubbio che il
mantenimento in campo sostanzialmente elastico della struttura semplifica e rende più
affidabile l’intera procedura di progettazione, grazie alla migliore aderenza del modello di
calcolo al reale comportamento della struttura sotto terremoti violenti. Le norme
recepiscono tali vantaggi, consentendo l’esecuzione di analisi semplificate, di tipo statico,
e permettendo la progettazione senza l’adozione di particolari regole per la
determinazione delle sollecitazioni di progetto, contrariamente a quanto avviene
nell’applicazione delle regole di gerarchia delle resistenze per le strutture ad “alta”
duttilità”. Non è, inoltre, richiesto né il rispetto di prescrizioni geometriche molto
restrittive, sebbene sia sempre consigliabile tenerle in conto nell’impostazione e nel
dimensionamento della struttura, né l’esecuzione di dettagli costruttivi, a volte molto
complicati e di difficile realizzazione nelle strutture in c.a.. Quest’ultimo aspetto ha dei
riflessi positivi anche sulla realizzazione della struttura. La semplificazione dei dettagli
costruttivi, oltre a ridurre i costi, aumenta l’affidabilità delle fasi costruttive, talvolta
cruciali ai fini delle buone prestazioni sismiche di una struttura.
La semplificazione del calcolo è direttamente legata alla semplicità di funzionamento
di una struttura isolata, ampiamente discussa e verificata in un precedente paragrafo. Ciò
rende estremamente affidabile la valutazione degli effetti mediante analisi semplificate
(statiche equivalenti), anche quando il sistema di isolamento ha un comportamento
marcatamente non lineare. Per questo la normativa le consente, pur mantenendo un
atteggiamento ancora cautelativo nel conservare alcuni dei limiti di applicazione validi per
le strutture convenzionali.
La normativa dedica una particolare attenzione alla corretta impostazione del progetto
dell’opera, cruciale per il buon funzionamento dell’isolamento sismico, fornendo
importanti indicazioni progettuali riguardanti i dispositivi e il sistema strutturale nel suo
insieme. Le prime sono volte ad evitare malfunzionamenti dei dispositivi per difetti propri
o di montaggio e a rendere possibile in ogni momento la loro ispezione, manutenzione e,
eventualmente, sostituzione. Le seconde sono volte ad ottenere un comportamento
corretto e ottimale del sistema d’isolamento, assicurando innanzitutto il libero movimento
della porzione dell’opera isolata (sovrastruttura) rispetto: al resto dell’opera
(sottostruttura), a strutture circostanti, al terreno. Particolare attenzione è rivolta alla
limitazione degli effetti torsionali e di sollecitazioni anomale su singoli dispositivi e alla
limitazione di spostamenti differenziali tra le diverse parti della struttura.
Nelle verifiche di sicurezza, oltre all’usuale controllo delle resistenze degli elementi
strutturali e del corretto comportamento dei dispositivi, per spostamenti cautelativamente
maggiorati rispetto a quelli di progetto, sono prescritti i controlli di compatibilità dei
giunti di separazione e, soprattutto, dei collegamenti impiantistici con gli spostamenti che
essi debbono sostenere sotto sisma in relazione al funzionamento del sistema di
isolamento.
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 51

A garanzia dell’affidabilità del sistema d’isolamento, è richiesto sistematicamente il


collaudo in corso d’opera, nel quale particolare attenzione dovrà essere rivolta alla
corretta realizzazione dei dispositivi e delle fasi più delicate della loro messa in opera. È
prevista, inoltre, la possibilità di effettuare prove di collaudo mediante spostamento e
rilascio della struttura.

È interessante valutare lo stato delle normative in altri paesi, particolarmente in quelli


in cui l’isolamento sismico ha una storia più lunga e/o la cui applicazione negli ultimi
tempi è stata numericamente rilevante, quali Giappone, USA, Cina, Nuova Zelanda,
Francia, Cile, Russia, Armenia. Le normative o linee guida di questi paesi sono raccolte in
[Martelli and Forni 2003].
Per quanto riguarda le tipologie di sistemi e dispositivi d’isolamento, la maggior parte
delle norme esaminate trattano sistemi composti da dispositivi diversi, che possono essere
distinti in isolatorie dispositivi ausiliari. La norma italiana, come detto, fornisce specifiche
indicazioni progettuali per sistemi d’isolamento costituiti da isolatori elastomerici, isolatori
a scorrimento, dispositivi ausiliari a comportamento viscoso, quasi lineare o non lineare.
Anche la norma giapponese prevede contributi viscosi, isteretici ed elastici alla forza
totale portata dal sistema di isolamento [Kani 2001].
Riguardo alle tipologie strutturali, in tutti i paesi in questione le norme trattano edifici,
ponti e strutture industriali, genericamente indicate come “altro”. In Armenia, le norme
(o linee guida) sull’isolamento sismico sono dirette alla progettazione di strutture in
genere, ma unicamente dotate di dispositivi in elastomero naturale armato ad alto
smorzamento, con l’obiettivo principale di allungare il periodo proprio di vibrazione della
struttura. In Russia, e negli altri stati delle ex Unione sovietica, le norme trattano sistemi
d’isolamento cosiddetti “adattanti” all’azione sismica, che utilizzano elementi di riserva
ovvero fusibili. Tipicamente, tali sistemi d’isolamento sono realizzati al piano terra della
struttura, e sono costituiti da elementi in c.a. flessibili (ad es. colonne snelle oppure
colonne tozze ad estremità ellittiche) che portano il carico verticale, e da pareti rigide o
elementi di controvento collegati alla struttura portante per mezzo di dispositivi sacrificali
(elementi di riserva), che cessano di fornire contributi di forza e rigidezza in
corrispondenza di diversi e predeterminati livelli di spostamento [Eisemberg et al. 1997].
Quindi, il sistema d’isolamento varia le proprie caratteristiche in funzione dell’intensità
sismica. Le norme in questione riguardano solo gli edifici, limitatamente a quelli con non
più di 12 piani.
Passando ai metodi di analisi per strutture isolate, va detto che la maggior parte delle
norme o linee guida mondiali consentono di seguire tre strade diverse: (i) analisi statica
lineare, (ii) analisi dinamica lineare e (iii) analisi dinamica non lineare, differenziandone
sensibilmente i limiti di applicabilità.
Tutte le normative più avanzate sono concordi nella possibilità di effettuare analisi
semplificate (come l’analisi statica lineare), stante l’affidabilità offerta dai dispositivi di
isolamento e la semplicità di comportamento dinamico delle strutture isolate, a patto che
siano soddisfatte una serie di condizioni riguardanti: (A) le caratteristiche meccaniche del
52 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

sistema di isolamento e (B) le caratteristiche meccaniche e geometriche della sovra-


struttura, più un’altra serie di limitazioni sul terreno di fondazione e la sismicità del sito.
Le condizioni sulle caratteristiche meccaniche del sistema di isolamento riguardano
nello specifico:
A1. la variazione di rigidezza del sistema di isolamento nel range di spostamenti
d’interesse,
A2. il rapporto critico di smorzamento viscoso equivalente,
A3. la capacità ricentrante del sistema di isolamento,
A4. la dipendenza del comportamento meccanico del sistema di isolamento dalla
velocità di deformazione e dai carichi verticali applicati.
Le condizioni sulle caratteristiche meccaniche e geometriche della sovrastruttura
riguardano nello specifico:
B1. la regolarità in pianta ed in elevazione della sovrastruttura,
B2. l’altezza della sovrastruttura e/o il suo numero di piani,
B3. il periodo Tis dell’oscillatore semplice, che modella il comportamento dinamico
della struttura isolata,
B4. le dimensioni in pianta della struttura,
B5. il rapporto tra le rigidezze in direzione verticale ed orizzontale del sistema di
isolamento Kv/Kh e/o il valore del periodo della struttura in direzione verticale Tv.
B6. eventuali sforzi di trazione (o sollevamenti) nel sistema di isolamento,
B7. eventuali eccentricità tra centro di massa della sovrastruttura e centro di rigidezza
del sistema di isolamento.
Ulteriori limitazioni riguardano:
C1. la presenza di strati di terreno deformabile in fondazione,
C2. la vicinanza della struttura a faglie attive.
La norma italiana impone delle limitazioni su tutte le condizioni appena elencate,
tranne la C1 e la C2, inoltre della B1 viene richiesta solo la regolarità in pianta.
La norma armena impone che Tf (primo periodo di vibrazione della struttura a base
fissa) sia < 0.6sec, condizione quest’ultima equivalente alla limitazione del numero di
piani secondo la norma italiana (5 piani). Inoltre, è specificato uno smorzamento massimo
del 10% (A2) rispetto al 28% circa previsto in Italia. In Armenia, le condizioni di tipo B
sono richieste sostanzialmente tutte, tranne quella riguardante le massime dimensioni in
pianta (B2).
Anche la norma statunitense contiene gran parte delle condizioni sopra elencate, senza
però porre limiti allo smorzamento posseduto dal sistema di isolamento (A2), al rapporto
Kv/Kh (B5), alle dimensioni in pianta (B4) ed all’eccentricità fra centro di massa e di
rigidezza (B7). È consentita trazione e/o sollevamenti nei singoli dispositivi (B6), a patto
che questo non crei condizioni d’instabilità o sollecitazioni non compatibili. E’, inoltre,
aggiunta una condizione che limita la sismicità del sito, a prescindere dalla presenza di
faglie in vicinanza.
In Giappone lo smorzamento massimo che si può portare in conto nel calcolo
dell’accelerazione spettrale è pari circa al 28%, come in Italia. Viene prescritto un valore
minimo del periodo della struttura isolata, il quale però non dipende dal periodo della
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 53

corrispondente struttura a base fissa, come invece accade nelle altre normative. Non viene
fissato, inoltre, un valore massimo del periodo della struttura isolata, mentre l’altezza
massima della sovrastruttura (B2) è posta pari a 60 m (contro i 20m previsti in Italia,
Armenia e USA). L’eccentricità fra centro di massa e di rigidezza (B7) è limitata al 3% del
giratore di inerzia del sistema di isolamento (e non della dimensione trasversale della
struttura come in Italia). La presenza della componente sismica verticale non deve
determinare trazione negli isolatori. Sono, inoltre, imposte limitazioni al tipo di suolo in
fondazione e viene esclusa la possibilità di adottare l’isolamento sismico sui terreni
suscettibili di fenomeni di liquefazione.
La norma francese prevede quasi tutte le condizioni di tipo A, B e C con le seguenti
eccezioni: nessun limite all’altezza e al numero di piani della sovrastruttura (B2), nessun
riferimento alla vicinanza di una faglia attiva (C2), ogni dispositivo d’isolamento, inoltre,
deve essere posto al di sotto di elementi strutturali che portino carico verticale.
La norma russa non consente alcun metodo semplificato di progettazione, in cui la
struttura isolata venga assimilata ad un sistema ad un solo grado di libertà a massa
concentrata, essendo prescritta di norma l’analisi modale.
La norma cinese prevede l’uso di metodi semplificati con limitazioni in parziale
accordo con quelle di tipo A, B e C precedentemente elencate, con le seguenti
precisazioni: la limitazione dell’altezza dell’edificio è riportata in termini di periodo di
vibrazione della struttura fissa Tf ≤ 1.0 sec., il che corrisponde tipicamente ad edifici di
10-12 piani (in Italia è 5 piani, in USA 4 piani, in Giappone 60 m). Il periodo massimo
della struttura isolata è il minimo tra 2 sec e 5 volte Tg, periodo caratteristico del terreno
di fondazione che segna la fine del tratto orizzontale dello spettro elastico, equivalente al
periodo TC della norma italiana. E’ esplicitamente richiesta la regolarità in elevazione e la
differenza tra i periodi dei modi di vibrazione fondamentali della struttura isolata, nelle
due direzioni in pianta, deve essere inferiore al 30% [Mezzi 2003]. Infine, sono previste
limitazioni sulle classi di terreno di fondazione. Inoltre, la valutazione degli spostamenti
del sistema di isolamento è affetta da coefficienti amplificativi, che dipendono dalla
distanza dalla faglia attiva.
I metodi d’analisi semplificati, quando applicabili, forniscono il taglio totale alla base
della struttura, da distribuire lungo l’altezza della stessa secondo leggi coerenti con le
limitazioni assunte per l’applicabilità dei metodi semplificati.
La norma italiana e quella francese, ad esempio, prevedono distribuzioni di forza
proporzionali alla massa, nell’ipotesi di accelerazioni di piano costanti lungo l’altezza della
struttura. La norma statunitense, invece, prevede una distribuzione delle accelerazioni di
piano linearmente crescente lungo l’altezza della struttura. La norma cinese adotta, in
generale, una distribuzione lineare delle forze di piano, anche se, per edifici
sufficientemente rigidi (ad esempio quelli in muratura), consente una distribuzione
costante. Da segnalare, infine, la complessa distribuzione di forze previste dalla norma
giapponese, che consente l’analisi statica su edifici di altezza fino a 60 m, dipendente dai
contributi al taglio totale alla base dato dai dispositivi lineari, viscosi ed isteretici.
L’analisi dinamica lineare si rende necessaria quando le condizioni di tipo B non sono
verificate, implicando che la sovrastruttura non sia assimilabile ad una massa rigida.
54 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Trattandosi di un’analisi lineare, le condizioni di tipo A risultano comunque necessarie e,


nella norma italiana, sono anche sufficienti. Negli USA, invece, risulta necessario anche il
rispetto delle condizioni C, sul tipo di suolo e sulla sismicità del sito. Inoltre, l’esecuzione
dell’analisi statica è comunque obbligatoria (in aggiunta all’analisi dinamica), per avere dei
valori minimi da assumere come taglio e spostamento di progetto (pari rispettivamente
allo 80% ed al 90% dei valori ottenuti dall’analisi statica). La norma giapponese impone di
passare direttamente all’analisi dinamica non lineare, qualora non siano soddisfatte le
condizioni per l’analisi statica. La norma russa, infine, prevede l’utilizzo di un’analisi
dinamica lineare con spettro di risposta per ogni stadio del sistema di isolamento
“adattante”, di cui il primo corrispondente alla situazione di base fissa (fusibili integri) ed i
successivi alla situazione di base isolata (fusibili rotti).
L’analisi dinamica non lineare è sempre applicabile e prevede l’impiego di
accelerogrammi coerenti con le caratteristiche spettrali dei terremoti che possono
verificarsi nel sito in esame. L’analisi dinamica non lineare consente di portare in conto le
non linearità di comportamento del sistema di isolamento e, ove necessario, della
sovrastruttura. Da segnalare che la norma italiana, a differenza delle altre normative,
consente di modellare in maniera semplificata le strutture che soddisfano le condizioni di
tipo B (ma non quelle di tipo A), assimilando la sovrastruttura ad una massa rigida
collegata a terra tramite isolatori di cui, invece, viene richiesto un accurato modello
numerico non lineare.
Il sistema di isolamento svolge un ruolo cruciale all’interno di una struttura isolata. Ad
esso, infatti, è completamente affidato il vincolo, sia verticale che orizzontale, della
sovrastruttura. Per tale motivo, tutte le norme sismiche sono concordi nel richiedere un
livello di sicurezza superiore rispetto alle altre parti della struttura, ovvero a definire un
ulteriore stato limite per la verifica del sistema di isolamento, il cui terremoto di
riferimento ha un periodo di ritorno maggiore.
L’approccio della norme francese ed armena è basato sull’incremento dello
spostamento di progetto di una percentuale opportuna. Nella norma italiana questo
approccio è valido solo per i sistemi a comportamento quasi elastico, con incremento pari
al 20%, mentre per i sistemi non lineari lo spostamento deve essere calcolato con analisi
non lineari effettuate con azioni sismiche incrementate del 20%. Sotto lo spostamento
così calcolato, ogni dispositivo costituente il sistema d’isolamento deve mantenere la sua
piena funzionalità. La norma giapponese richiede invece che il massimo spostamento del
sistema di isolamento non superi il minore degli spostamenti ultimi dei singoli dispositivi,
minorati di un certo coefficiente di sicurezza, funzione del fatto che il dispositivo porti o
meno carico verticale e del rischio di instabilità (0.8 per appoggi in gomma, 0.9 per
appoggi ad attrito, 1.0 per dispositivi ausiliari dissipativi). L’approccio della normativa
statunitense e cinese risulta (ma solo formalmente) diverso. Entrambe le norme, infatti,
definiscono uno stato limite apposito per la verifica di stabilità e resistenza dei dispositivi
costituenti il sistema di isolamento, stato limite che fa riferimento ad un terremoto con
periodo di ritorno di 2500 anni (contro i 500anni previsti allo SLU).
Le prestazioni del sistema di isolamento non sono costanti ma possono variare in
funzione di una serie di fattori meccanici, ambientali e temporali di cui si deve tenere
Capitolo 1. Introduzione all’Isolamento 55

conto durante la progettazione sia dei dispositivi d’isolamento che degli elementi della
sovra- e sotto- struttura (variabilità all’interno di una stessa fornitura, velocità di
deformazione, entità dei carichi verticali, deformazioni simultanee nelle due direzioni,
temperatura, invecchiamento). A tal riguardo, la norma italiana impone di considerare le
proprietà meccaniche più sfavorevoli che emergono dalle prove di qualificazione dei
dispositivi, sia per il calcolo delle sollecitazioni che degli spostamenti, definendo un
preciso range di velocità di deformazione entro cui indagare le caratteristiche meccaniche
dei dispositivi (±30% del valore di progetto). Per gli edifici di minore importanza (ad
esempio quelli per civile abitazione) la norma italiana consente di far riferimento ai valori
medi delle caratteristiche meccaniche dei dispositivi, a patto che i relativi massimi e
minimi non differiscano di più del 20% rispetto ai valori medi. Per edifici di maggiore
importanza (ad esempio quelli strategici) la norma italiana impone di effettuare più analisi,
assumendo i valori più sfavorevoli contemporaneamente presenti. Anche l’approccio
delle norme statunitensi, francesi ed armene è basato sulla determinazione dei valori più
sfavorevoli delle caratteristiche meccaniche dei dispositivi (in termini di rigidezze,
smorzamento ed attrito), ai fini della verifica di spostamenti e sollecitazioni. Nella norma
giapponese, invece, l’incertezza legata alla variabilità delle caratteristiche meccaniche dei
dispositivi viene portata in conto direttamente attraverso un coefficiente maggiorativo del
taglio totale alla base. Tale coefficiente maggiorativo risulta funzione della dipendenza del
comportamento meccanico del sistema di isolamento dalle variazioni di temperatura,
dall’invecchiamento e dalla variabilità nell’ambito della singola fornitura. La norma cinese,
infine, non richiede (almeno esplicitamente) di considerare, ai fini delle verifiche, i valori
più sfavorevoli delle caratteristiche meccaniche dei dispositivi di isolamento.
Per quanto riguarda la caratterizzazione e la verifica dei dispositivi, la norma italiana
appare la più completa, fornendo indicazioni precise sulle modalità di prova e sulla
determinazione dei parametri sperimentali dei singoli dispositivi. La norma Armena è,
anch’essa, molto dettagliata ma è rivolta ai soli isolatori elastomerici. Le altre norme
danno solo indicazioni di carattere generale sulle prove di qualificazione da effettuare
senza specifiche sulle procedure di test per i diversi tipi di dispositivi che possono
concorrere a comporre un sistema di isolamento, eventualmente rimandando a specifiche
norme sui dispositivi. Nella norma russa, data la particolare natura del sistema di
isolamento considerato e tenuto conto degli innumerevoli modi in cui può essere
realizzato, non è riportata nessuna specifica sulle prove di qualificazione dei dispositivi,
semplicemente raccomandando la massima qualità.
È evidente che le differenze tra le diverse normative scaturiscono dalle diversità delle
esperienze e delle tradizioni progettuali e costruttive, dal livello di avanzamento
tecnologico, dal tipo di sismicità delle diverse aree, dall’atteggiamento più o meno
prudenziale dei normatori, essendo peraltro impensabile che si possa avere una perfetta
uniformità di approccio in paesi dalle caratteristiche molto diverse, come quelli presi in
considerazione. Una conclusione può però trarsi. Le differenze osservate fanno ritenere
che l’atteggiamento molto prudenziale presente nelle norme di cinque o dieci anni fa si sta
attenuando progressivamente, man mano che le conoscenze migliorano e le esperienze
dei terremoti confermano l’efficacia e la “robustezza” concettuale e sostanziale
56 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

dell’isolamento sismico. In questo quadro, la norma italiana si pone in una posizione di


apertura alle nuove tecnologie, ma anche di rigoroso controllo, e di abbandono di alcuni
pregiudizi che hanno ostacolato l’applicazione dell’isolamento. Essa tenta di valorizzarne i
vantaggi, senza penalizzazioni derivanti dal conseguimento di obiettivi nettamente
superiori a quelli richiesti per le costruzioni convenzionali.
CAPITOLO 2: COMMENTARIO ALLE NORME
Nel presente capitolo vengono forniti, in forma di commentario, alcune note e
delucidazioni sulle norme per l’isolamento sismico degli edifici contenute nel Capitolo 10
(“Edifici con isolamento sismico”) dell’Allegato 2 dell’Ordinanza 3274 e successive
modificazioni. Di seguito viene, pertanto, riportato il testo della norma nella sua forma
completa, evidenziato nei riquadri, integrato con specifiche note di chiarimento. Sebbene,
in alcuni casi, le note ripetano dei concetti già espressi nel precedente capitolo e applicati
nel successivo, si è ritenuto comunque utile riproporli in affiancamento al testo della
norma per una migliore e più immediata interpretazione della stessa.
Nel testo che segue, la numerazione delle formule è mantenuta invariata rispetto a quella
dell’Ordinanza 3274.

2.1 SCOPO (punto 10.1)

Il presente capitolo fornisce criteri e regole per il progetto degli edifici nuovi e dell’adeguamento di quelli
esistenti, nei quali un sistema d'isolamento sismico è posto al disotto della costruzione medesima, o
sotto una sua porzione rilevante, allo scopo di migliorarne la risposta nei confronti delle azioni
sismiche orizzontali.

L’isolamento sismico rientra tra le strategie di protezione sismica delle strutture


usualmente raggruppate sotto la denominazione di “controllo passivo delle vibrazioni”.
Di queste, quelle più comunemente utilizzate negli edifici sono l’”isolamento sismico” e la
“dissipazione d’energia”. La prima è essenzialmente finalizzata a limitare l’energia che
entra nella struttura, la seconda consente di dissipare l’energia in entrata attraverso
meccanismi di dissipazione controllati in appositi dispositivi distribuiti nella struttura.
Per realizzare l’isolamento sismico, occorre creare una sorta di discontinuità strutturale
lungo l’altezza della costruzione (interfaccia d’isolamento), spesso alla base tra la
fondazione e l’elevazione (isolamento alla base) o immediatamente al di sopra di un piano
scantinato. La trasmissione dell’energia di movimento alla sovrastruttura viene limitata
grazie alla disposizione tra la sottostruttura e la sovrastruttura di speciali apparecchi di
appoggio (“isolatori”) ed eventualmente altri “dispositivi ausiliari”, che permettono ampi
spostamenti con basse resistenze ai movimenti orizzontali. La maggior parte dell’energia
in entrata viene così immagazzinata e dissipata nei dispositivi, grazie agli ampi
spostamenti che essi sono in grado di compiere senza danneggiarsi o con un
danneggiamento controllato.
I criteri e le regole di progettazione e verifica riportate nel presente capitolo valgono
anche per gli interventi di adeguamento degli edifici esistenti trattati nel cap. 11, che rinvia
58 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

al presente capitolo nei casi in cui la protezione sismica è ottenuta mediante l’isolamento
(punto 11.2.8).

La riduzione della risposta sismica orizzontale, qualunque siano la tipologia e i materiali strutturali
dell’edificio, può essere ottenuta mediante una delle seguenti strategie d'isolamento, o mediante una loro
appropriata combinazione:
a) incrementando il periodo fondamentale della costruzione per portarlo nel campo delle minori
accelerazioni di risposta;
b) limitando la massima forza orizzontale trasmessa.
In entrambe le strategie le prestazioni dell’isolamento possono essere migliorate attraverso la
dissipazione di una consistente aliquota dell'energia meccanica trasmessa dal terreno alla costruzione.

Il comportamento di un sistema d’isolamento può essere ben interpretato facendo


riferimento alle forme tipiche degli spettri di risposta elastici delle accelerazioni e degli
spostamenti, riferiti a diversi rapporti di smorzamento. Considerando una struttura che ha
un periodo fondamentale dell’ordine di 0.5- 1.0 sec., l’inserimento di un sistema di
isolamento può produrre i seguenti effetti:
a) l’incremento del periodo fino ed oltre i 2.0 sec. determina una sensibile riduzione
dell’accelerazione sulla struttura (spettro delle accelerazioni) ed un notevole
incremento degli spostamenti, essenzialmente concentrati nel sistema di isolamento;
b) la limitazione della forza trasmessa, grazie all’adozione di dispositivi a
comportamento elasto-plastico o elastico non lineare, limita l’accelerazione sulla
struttura, ancora a scapito di un sensibile incremento degli spostamenti nel sistema di
isolamento;
c) la dissipazione di energia, associata al comportamento a) o b) o ad un
comportamento intermedio (elasto-plastico con incrudimento) determina una
considerevole riduzione degli spostamenti nel sistema di isolamento

Le prescrizioni del presente capitolo non si applicano ai sistemi di protezione sismica basati
sull'impiego di elementi dissipativi distribuiti a vari livelli, all'interno della costruzione.

Le peculiarità di comportamento delle strutture con isolamento sismico e i diversi e più


elevati livelli di sicurezza conseguibili richiedono una trattazione specifica, che non è
strettamente necessaria per i sistemi di protezione basati sulla dissipazione di energia
diffusa su tutta la struttura, per i quali si possono utilizzare i criteri generali e i metodi di
analisi previsti per le costruzioni usuali, adottando opportuni valori del coefficiente di
smorzamento, del fattore di struttura q o assegnando le corrette caratteristiche
meccaniche (in termini di relazioni forza-spostamento) a seconda del tipo funzionamento
dei dispositivi dissipativi e del tipo di analisi che, conseguentemente, si adotta.
Occorre peraltro evidenziare che le tecnologie dei dispositivi per l’isolamento e per la
dissipazione di energia sono le stesse, o molto simili, e che gran parte dei requisiti e delle
tecniche di sperimentazione presentano forti analogie. La differenzia sostanziale, infatti,
risiede nell’entità degli spostamenti, dell’ordine della o delle decine di centimetri nei
Capitolo 2. Commentario alle Norme 59

dispositivi per “l’isolamento sismico” e della o delle decine di mm nei dispositivi per la
“dissipazione di enegia”.

2.2 DEFINIZIONI E SIMBOLI (punto 10.2)

Centro di rigidezza equivalente: Centro delle rigidezze equivalenti dei dispositivi che costituiscono il
sistema di isolamento e della sottostruttura. Il contributo di quest’ultima è generalmente
trascurabile negli edifici.
Ciclo bilineare teorico: Ciclo di comportamento meccanico forza-spostamento, definito convenzionalmente
per identificare le principali caratteristiche meccaniche di un dispositivo a comportamento non
lineare, mediante i valori di rigidezza di due rami definiti dai seguenti parametri:
del = spostamento nel primo ramo di carico in una prova sperimentale entro il quale il comportamento è
sostanzialmente lineare. In generale può assumersi un valore pari a d2/20;
Fel = Forza corrispondente a del, nel ramo di carico iniziale sperimentale.
d1 = ascissa del punto d’intersezione della linea retta congiungente l’origine con il punto (del , Fel) e la
linea retta congiungente i punti (d2/4, F(d2/4)) e (d2, F2) nel terzo ciclo della prova
sperimentale;
F1 = ordinata del punto d’intersezione della linea retta congiungente l’origine con il punto (del, Fel) e
la linea retta congiungente i punti (d2/4, F(d2/4)) and (d2, F2) nel terzo ciclo della prova
sperimentale;
d2 = Spostamento massimo di progetto in un dispositivo d’isolamento, corrispondente allo SLU;
F2 = forza corrispondente allo spostamento d2, ottenuta al terzo ciclo sperimentale.
Coefficiente viscoso equivalente: Coefficiente viscoso ξ che dissipa la stessa quantità di energia meccanica
del sistema d’isolamento durante un ciclo di ampiezza assegnata, tipicamente pari a quella di
progetto.
Dispositivi d'isolamento: Componenti del sistema d'isolamento, ciascuno dei quali fornisce una singola o
una combinazione delle seguenti funzioni:
ƒ di sostegno dei carichi verticali con elevata rigidezza in direzione verticale e bassa rigidezza o
resistenza in direzione orizzontale, permettendo notevoli spostamenti orizzontali;
ƒ di dissipazione di energia, con meccanismi isteretici e/o viscosi;
ƒ di ricentraggio del sistema;
ƒ di vincolo laterale, con adeguata rigidezza elastica, sotto carichi orizzontali di servizio (non
sismici).
Elementi base: elementi e/o meccanismi facenti parte di dispositivi di isolamento, che ne determinano le
caratteristiche meccaniche fondamentali ai fini della loro utilizzazione nell’ambito di un sistema
di isolamento sismico.
Energia dissipata: Energia dissipata da un dispositivo d'isolamento quando ad esso siano imposte
deformazioni orizzontali.
Interfaccia d'isolamento: Superficie di separazione nella quale è attivo il sistema d'isolamento, interposto
fra la sovrastruttura isolata e la sottostruttura soggetta direttamente agli spostamenti imposti dal
movimento sismico del terreno.
Isolatore: Dispositivo di isolamento che svolge la funzione di sostegno dei carichi verticali con elevata
rigidezza in direzione verticale e bassa rigidezza e/o resistenza in direzione orizzontale,
60 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

permettendo notevoli spostamenti orizzontali. A tale funzione possono essere associate o no quelle di
dissipazione di energia, di ricentraggio del sistema, di vincolo laterale sotto carichi orizzontali di
servizio (non sismici).
Periodo equivalente: Periodo naturale d'oscillazione orizzontale della costruzione assimilata ad un
oscillatore a un grado di libertà, con la massa della sovrastruttura e la rigidezza uguale alla
rigidezza equivalente del sistema d’isolamento, per uno spostamento di ampiezza uguale allo
spostamento di progetto.
Rigidezza equivalente: Rigidezza secante di un dispositivo d'isolamento o di un sistema d'isolamento,
valutata su un ciclo forza-spostamento con spostamento massimo assegnato, tipicamente pari a
quello di progetto.
Sistema d'isolamento: Sistema formato da un insieme di dispositivi d'isolamento, disposti nell’interfaccia
d’isolamento, al di sotto della sovrastruttura, determinandone l’isolamento sismico. Fanno parte
integrante del sistema d'isolamento gli elementi di connessione, nonché eventuali vincoli
supplementari disposti per limitare gli spostamenti orizzontali dovuti ad azioni non sismiche
(ad es. vento).
SLD: Sigla che indica lo Stato Limite di Danno di progetto.
SLU: Sigla che indica uno Stato Limite Ultimo di progetto.
Sottostruttura: parte della struttura posta al di sotto dell’interfaccia di isolamento. Essa include le
fondazioni e la sua deformabilità orizzontale è in genere trascurabile.
Sovrastruttura: parte della struttura posta al di sopra dell’interfaccia di isolamento, e che risulta, perciò,
isolata.
Spostamento di progetto del sistema d’isolamento in una direzione principale: massimo spostamento
relativo orizzontale in corrispondenza del centro di rigidezza equivalente tra l’estradosso della
sottostruttura e l’intradosso della sovrastruttura, prodotto dall’azione sismica di progetto.
Spostamento di progetto totale di un dispositivo d’isolamento in una direzione principale: massimo
spostamento orizzontale in corrispondenza del dispositivo, ottenuto dalla combinazione dello
spostamento di progetto del sistema di isolamento e quello aggiuntivo determinato dalla torsione
intorno all’asse verticale.
a =(αxbx2+ αyby2) : Dimensione equivalente, usata per valutare la deformazione di taglio per rotazione
2

in un isolatore rettangolare di dimensioni bx, by e rotazioni αx, αy;


a = 3 α D /4
2 2 : Dimensione equivalente, utilizzata per valutare la deformazione di taglio per
rotazione in un isolatore circolare;
A : Area della superficie del singolo strato di elastomero depurata degli eventuali fori (se non
riempiti successivamente);
A’ : Area della superficie comune alla singola piastra d’acciaio e allo strato di elastomero depurata
degli eventuali fori (se non riempiti successivamente);
Ar : Area ridotta efficace dell’isolatore, valutata come Ar = Min [(bx – drftx – dEx)⋅(by – drfty
– 0,3dEy) , (bx – drftx – 0,3dEx)⋅(by – drfty – dEy)], per isolatori rettangolari di lati bx e
by, Ar = (ϕ - sinϕ)D2/4 con ϕ= 2 arccos(dEd/D) per isolatori circolari di diametro D;
bx,by : Dimensioni in pianta, secondo x ed y, della singola piastra di acciaio di un isolatore
elastomerico rettangolare ;
bmin= min (bx,by)
Capitolo 2. Commentario alle Norme 61

d : Spostamento massimo raggiunto dal dispositivo d’isolamento in un ciclo di carico;


d1 : Spostamento corrispondente al limite elastico nel ciclo teorico bilineare di un dispositivo
d’isolamento non lineare;
d2 : Spostamento massimo di progetto in un dispositivo d’isolamento, corrispondente allo SLU;
ddc : Spostamento massimo di progetto del centro di rigidezza del sistema d’isolamento, corrispondente
allo SLU;
del = spostamento nel primo ramo di carico in una prova sperimentale entro il quale il comportamento è
sostanzialmente lineare. In generale può assumersi un valore pari a d2/20;
dEx,dEy: Spostamenti relativi tra le due facce (superiore e inferiore) di un isolatore, o tra le estremità di un
dispositivo, prodotti dalla azione sismica agente nelle direzioni x e y;
drftx,drfty: Spostamenti relativi tra le due facce (superiore e inferiore) degli isolatori, o tra le estremità di un
dispositivo, prodotto dalle azioni di ritiro, fluage, e termiche (ridotte al 50%), ove rilevanti;
dE = Max{ [(dEx+drftx)2 + (0,3dEy+drfty )2]1/2 , [(0,3dEx+drftx)2 + (dEy+drfty )2]1/2 } = d2
D : Diametro della singola piastra di acciaio negli isolatori circolari o dimensione in pianta,
misurata parallelamente all’azione orizzontale agente, della singola piastra di acciaio;
Eb : Modulo di compressibilità volumetrica della gomma, da assumere pari a 2000 MPa in assenza
di determinazione diretta;
Ec : Modulo di compressibilità assiale valutato (in MPa) come Ec = (1/(6GdinS12)+4/(3Eb))-1;
F : Forza massima raggiunta dal dispositivo d’isolamento in un ciclo di carico;
F1 : Forza corrispondente al limite elastico nel ciclo teorico bilineare di un dispositivo d’isolamento
non lineare;
F2 : Forza corrispondente allo spostamento massimo di progetto allo SLU in un dispositivo
d’isolamento;
Fel = Forza corrispondente a del, nel ramo di carico iniziale sperimentale di un dispositivo non lineare;
G : Modulo di taglio, convenzionalmente definito come il modulo secante tra le deformazioni di
taglio corrispondenti agli spostamenti 0,27te e 0,58te;
Gdin : Modulo dinamico equivalente a taglio, valutato come Gdin =Fte/(Ad) in corrispondenza di
uno spostamento d=te;
Ke = F/d = Gdin A/te : Rigidezza equivalente di un dispositivo d’isolamento in un singolo ciclo di
carico;
Kesi = Σj (Kej ) : Rigidezza totale equivalente del sistema di isolamento;
Kv = Σj (Kvj ) : Rigidezza totale verticale del sistema di isolamento;
K1 = F1/d1 : Rigidezza elastica (del primo ramo) del ciclo bilineare teorico di un dispositivo di
isolamento a comportamento non lineare;
K2 = F2/d2 : Rigidezza post-elastica (del secondo ramo) del ciclo teorico di un dispositivo di
isolamento non lineare;
L : Superficie laterale libera del singolo strato di elastomero di un isolatore elastomerico maggiorata
della superficie laterale degli eventuali fori (se non riempiti successivamente);
M : Massa totale della sovrastruttura;
mj : Massa del piano j-esimo della sovrastruttura;
S1 = A’/L : Fattore di forma primario di un isolatore elastomerico;
62 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

S2 = D/te : Fattore di forma secondario di un isolatore elastomerico, nella direzione in esame;


S2min = bmin /te : Fattore di forma secondario minimo di un isolatore elastomerico rettangolare;
ti : Spessore del singolo strato di elastomero;
te : Somma degli spessori dei singoli strati di elastomero valutata maggiorando lo spessore dei due
strati esterni, se maggiore di 3 mm, del fattore 1,4;
t1, t2 : Spessore dei due strati di elastomero direttamente a contatto con la piastra considerata;
ts : Spessore della piastra generica;
T : Periodo generico;
Tbf : primo periodo proprio della struttura a base fissa;
Tis : primo periodo proprio della struttura isolata ;
Tv : periodo di vibrazione in direzione verticale della struttura isolata ;
V : Carico verticale di progetto agente sull’isolatore in presenza di sisma ;
Vmax : Valore massimo di progetto di V;
Vmin : Valore minimo di progetto di V;
Wd : Energia dissipata da un dispositivo d’isolamento in un ciclo completo di carico;
αx,αy : Rotazioni relative tra le facce superiore e inferiore di un isolatore elastomerico rispettivamente
attorno alle direzioni x ed y;
α = (αx + αy2)1/2;
2

γ : Deformazione di taglio generica;


γc = 1,5V/(S1GdinAr) : Deformazione di taglio dell’elastomero prodotta dalla compressione assiale;
γs = dE/te : Deformazione di taglio dell’elastomero prodotta dallo spostamento sismico totale,
inclusi gli effetti torsionali;
γα = a /2tite : Deformazione di taglio dell’elastomero dovuta alla rotazione angolare;
2

γt = γc+γs+γα : Deformazione totale di taglio;


ξe = Wd / (2πFd)= Wd / (2πKed2) : coefficiente di smorzamento viscoso equivalente in un singolo ciclo
di carico di un dispositivo d’isolamento;
ξesi = Σj (Wdj) / (2πKesid2) : coefficiente di smorzamento viscoso equivalente del sistema d’isolamento.

2.3 REQUISITI GENERALI E CRITERI PER IL LORO


SODDISFACIMENTO (punto 10.3)

Gli edifici con isolamento sismico debbono soddisfare i requisiti generali di sicurezza e i criteri di
verifica riportati nel capitolo 2 di queste norme. In particolare valgono integralmente le prescrizioni
riguardanti la sicurezza nei confronti della stabilità (SLU), della limitazione dei danni (SLD), i
terreni di fondazione.

Per comodità di lettura si riporta di seguito l’enunciato dei punti 2.1 e 2.2:
Capitolo 2. Commentario alle Norme 63

2.1 Sicurezza nei confronti della stabilità (stato limite ultimo – SLU)
Sotto l'effetto della azione sismica di progetto definita al successivo punto 3, le strutture degli edifici,
ivi compresi gli eventuali dispositivi antisismici di isolamento e/o dissipazione, pur subendo danni di
grave entità agli elementi strutturali e non strutturali, devono mantenere una residua resistenza e
rigidezza nei confronti delle azioni orizzontali e l’intera capacità portante nei confronti dei carichi
verticali.
2.2 Protezione nei confronti del danno (stato limite di danno – SLD)
Le costruzioni nel loro complesso, includendo gli elementi strutturali e quelli non strutturali, ivi
comprese le apparecchiature rilevanti alla funzione dell’edificio, non devono subire danni gravi ed
interruzioni d'uso in conseguenza di eventi sismici che abbiano una probabilità di occorrenza più
elevata di quella della azione sismica di progetto.
Per particolari categorie di costruzioni, in relazione alla necessità di mantenerle pienamente
funzionali anche dopo terremoti violenti, si possono adottare valori maggiorati delle azioni, facendo
riferimento a probabilità di occorrenza simili o più vicine a quelle adottate per la sicurezza nei
confronti del collasso.

Il soddisfacimento è assicurato dal rispetto delle condizioni espresse in 2.3, salvo condizioni particolari
specifiche degli edifici con isolamento sismico, per i quali vale, in aggiunta o in sostituzione, quanto
contenuto nei successivi paragrafi.

Per comodità di lettura si riporta di seguito l’enunciato del punto 2.3 richiamato:
Il requisito enunciato al punto 2.1 si considera soddisfatto se vengono seguite le disposizioni contenute
nelle presenti norme, con riferimento particolare a:
• la scelta della azione sismica di progetto in relazione alla zonazione sismica ed alle categorie di
suolo di fondazione di cui al punto 3.1;
• l'adozione di un modello meccanico della struttura in grado di descriverne con accuratezza la
risposta sotto azione dinamica, secondo quanto indicato al punto 4.4;
• la scelta di un metodo di analisi adeguato alle caratteristiche della struttura, secondo quanto
indicato al punto 4.5;
• l'esecuzione con esito positivo delle verifiche di resistenza e di compatibilità degli spostamenti
• l'adozione di tutte le regole di dettaglio volte ad assicurare caratteristiche di duttilità agli
elementi strutturali ed alla costruzione nel suo insieme, secondo quanto indicato nei capitoli
relativi a strutture realizzate con i diversi materiali.
Il requisito enunciato al punto 2.2 si considera soddisfatto se vengono seguite le disposizioni contenute
nelle presenti norme, con particolare riferimento ai punti 3.2.6 e 4.11.2 ed ai dettagli costruttivi contenuti
nei capitoli relativi a strutture realizzate con i diversi materiali.

La sovrastruttura e la sottostruttura si devono mantenere sostanzialmente in campo elastico. Per


questo la struttura potrà essere progettata con riferimento ai particolari costruttivi della zona 4, con
deroga, per le strutture in c.a., a quanto previsto al par. 5.5.2.1.

Il comportamento di una struttura con isolamento sismico risulta ben prevedibile se i suoi
elementi strutturali non subiscono grandi escursioni in campo plastico. Studi numerici
64 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

hanno dimostrato che la completa plasticizzazione della struttura in elevazione può


condurre, sotto certe condizioni (strutture con uno o due piani, con alti periodi di
isolamento, scarsa ridondanza e basso incrudimento post-elastico), a notevoli richieste di
duttilità, difficilmente controllabili con un calcolo elastico. Da ciò nasce questa
prescrizione, che, automaticamente, implica un livello di danneggiamento della struttura
isolata allo SLU molto più limitato, praticamente nullo, di quello di una struttura
antisismica convenzionale, nella quale lo SLU è caratterizzato da notevoli richieste di
duttilità. Essendo nulle o molto limitate le richieste di duttilità agli elementi strutturali,
l’adozione di una progettazione in alta duttilità comporterebbe degli inutili aggravi di
costo senza sostanziali vantaggi. Pertanto per i dettagli costruttivi (e solo per questi) si fa
riferimento alle regole delle strutture da realizzare in zona 4, per le quali non si richiedono
particolari capacità dissipative, ma solo un’adeguata resistenza laterale. In particolare, per
le strutture in c.a., non è necessario rispettare il punto 5.5.2.1, che recita:
La larghezza della trave, b, non deve essere minore di 20 cm e, per le travi basse comunemente
denominate "a spessore", non maggiore della larghezza del pilastro, aumentata da ogni lato di metà
dell’altezza della sezione trasversale del pilastro stesso.
Il rapporto b/h non deve essere minore di 0,25.

Non valgono pertanto le limitazioni dimensionali delle travi degli edifici convenzionali.

Un’affidabilità superiore è richiesta al sistema di isolamento per il ruolo critico che esso svolge. Tale
affidabilità si ritiene conseguita se il sistema di isolamento è progettato e verificato sperimentalmente
secondo quanto stabilito nel punto 10.8 e negli allegati 10.A, 10.B.
In particolare nel punto 10.8 è richiesto che il raggiungimento dello SLU nei dispositivi
avvenga per terremoti d’intensità del 20% superiore a quella di riferimento per lo SLU
della struttura.

Per i dispositivi costituenti il sistema di isolamento valgono, inoltre, le condizioni seguenti:


• I dispositivi saranno accompagnati da una relazione che illustri il comportamento meccanico sia di
insieme che dei singoli componenti, così da minimizzare la possibilità del verificarsi di comportamenti
non previsti.

La relazione deve soprattutto chiarire la funzione dei singoli componenti ed il modo in


cui ciascuno di essi deve assolverla. Si eviteranno in tal modo variazioni o manomissioni
nel tempo che possano compromettere il corretto comportamento del dispositivo.

• La definizione del comportamento meccanico del dispositivo sotto azioni orizzontali (sisma, vento,
ecc.), sia ai fini della risposta del sistema strutturale che lo contiene che ai fini del dimensionamento
del dispositivo stesso, sarà basata su un modello strutturale sufficientemente realistico (ove necessario
non lineare, dipendente dallo sforzo assiale, ecc.) e su prove di laboratorio effettuate in condizioni più
Capitolo 2. Commentario alle Norme 65

• aderenti possibile alle condizioni reali in termini di accelerazione, velocità, spostamento e


sollecitazione. Eventuali modifiche di tale comportamento, sia in fase di costruzione che di messa in
opera e nella successiva vita utile del dispositivo, possono essere ammesse solo con adeguate
giustificazioni e verifiche, incluso il controllo che non siano state introdotte sfavorevoli sovraresistenze
e sovrarigidezze rispetto alle richieste di progetto.

I modelli analitici o numerici del dispositivo per la sua progettazione e per il suo
dimensionamento potranno differire dai modelli utilizzati ai fini dell’analisi della struttura
nel suo insieme. Per queste ultime si adotteranno modellazioni semplificate secondo
quanto previsto in 10.7.
Differenze di resistenza e/o di rigidezza del singolo dipositivo rispetto a quelle previste in
progetto determinano malfunzionamenti del sistema d’isolamento nel suo insieme. Esse
possono portare a forze eccessive nella struttura o a spostamenti eccessivi del sistema
stesso, se le differenze sono presenti in tutti i dispositivi in egual misura, o a effetti
torsionali imprevisti, se sono diverse da dispositivo a dispositivo. L’adozione di un
modello corretto ai fini del dimensionamento del dispositivo e l’esecuzione di idonee
prove di laboratorio contribuiranno ad evitare che si verifichino tali malfunzionamenti

• Nell’ambito del progetto si dovrà redigere un piano di qualità riguardante sia la progettazione del
dispositivo, che la costruzione, la messa in opera, la manutenzione e le relative verifiche analitiche e
sperimentali. I documenti di progetto indicheranno i dettagli, le dimensioni e le prescrizioni sulla
qualità, come pure eventuali dispositivi di tipo speciale e le tolleranze concernenti la messa in opera.
Elementi di elevata importanza, che richiedano particolari controlli durante le fasi di costruzione e
messa in opera, saranno indicati negli elaborati grafici di progetto, insieme alle procedure di controllo
da adottare.

Saranno, in generale, da considerare elementi di particolare importanza quelli che


determinano il comportamento (lineare, viscoso, non lineare) che caratterizza il
dispositivo, ai fini della protezione sismica della struttura. Per essi è importante che, come
detto al punto precedente, il comportamento reale corrisponda a quello teorico previsto
nei limiti di tolleranza ammessi. Per le altre parti (organi di attacco e parti strutturali del
dispositivo) è, invece, fondamentale che non si abbiano variazioni in difetto delle
resistenze e delle rigidezze.

Tutte le condutture degli impianti che attraversano i giunti intorno alla struttura isolata dovranno non
subire danni e rimanere funzionanti per i valori di spostamento corrispondenti allo SLD. Quelle del
gas e di altri impianti pericolosi che attraversano i giunti di separazione dovranno essere progettati per
consentire gli spostamenti relativi della sovrastruttura isolata corrispondenti allo SLU, con lo stesso
livello di sicurezza adottato per il progetto del sistema di isolamento.
66 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Essendo i giunti soggetti a spostamenti dell’ordine di qualche centimetro anche per il


terremoto di progetto allo SLD, occorre prestare particolare attenzione ai dettagli degli
impianti, soprattutto delle condutture, in corrispondenza dell’attraversamento dei giunti.
Per queste ultime occorre adottare delle giunzioni flessibili e comunque che permettano
di subire spostamenti dell’entità detta, senza determinare danni e perdite.
Si raccomanda di valutare, di caso in caso, se nell’economia generale del progetto può
valere la pena elevare la protezione degli impianti, riferendola al terremoto di progetto
allo SLU o comunque a un’azione di intensità superiore a quella dello SLD.
Per gli impianti pericolosi, in particolare per le condutture del gas, la verifica va
obbligatoriamente riferita alle condizioni di SLU, in relazione all’alto rischio che essi
implicano e che, in caso di rottura, può portare allo SLU la struttura o creare condizioni
di pericolo per la vita umana.

2.4 CARATTERISTICHE E CRITERI DI ACCETTAZIONE DEI


DISPOSITIVI (punto 10.4)

Ai fini delle presenti disposizioni, i dispositivi facenti parte di un sistema d’isolamento si distinguono
in isolatori e dispositivi ausiliari.

Sono state proposte numerose classificazioni dei dispositivi per l’isolamento sismico. In
quella adottata si fa la distinzione tra i dispositivi che sostengono il carico verticale
(isolatori), dunque fondamentali e sempre presenti, da quelli che forniscono proprietà
aggiuntive al sistema di isolamento (dispositivi ausiliari).

Gli isolatori sono dispositivi che svolgono fondamentalmente la funzione di sostegno dei carichi
verticali, con elevata rigidezza in direzione verticale e bassa rigidezza o resistenza in direzione
orizzontale, permettendo notevoli spostamenti orizzontali. A tale funzione possono essere associate o
no quelle di dissipazione di energia, di ricentraggio del sistema, di vincolo laterale sotto carichi
orizzontali di servizio (non sismici). Essendo fondamentalmente degli apparecchi di appoggio, essi
debbono rispettare le relative norme per garantire la loro piena funzionalità rispetto alle azioni di
servizio.
Tra gli isolatori si individuano:
• isolatori in materiale elastomerico ed acciaio,
• isolatori a scorrimento.

L’applicazione dell’isolamento sismico delle costruzioni è fondamentalmente rivolta alla


riduzione degli effetti prodotti dalle azioni orizzontali. Le azioni verticali, infatti, sono di
entità generalmente inferiore ed incrementano l’effetto dei carichi verticali rispetto ai quali
le usuali strutture sono già naturalmente concepite per resistere. L’efficacia di un sistema
d’isolamento in una data direzione è legata alla sua capacità di permettere grandi
spostamenti nella direzione considerata opponendo una minima resistenza, garantendo
comunque le condizioni di vincolo richieste sotto le azioni di servizio.
Capitolo 2. Commentario alle Norme 67

Le tipologie d’isolatori prese in considerazione sono quelle più usuali, affidabili ed


economiche, oltre che largamente collaudate anche in applicazioni di tipo diverso
dall’isolamento (in particolare come apparecchi d’appoggio per ponti).

I dispositivi ausiliari svolgono fondamentalmente la funzione di dissipazione di energia e/o di


ricentraggio del sistema e/o di vincolo laterale sotto carichi orizzontali di servizio (non sismici), rispetto
alle azioni orizzontali. Tra di essi si distinguono
• dispositivi a comportamento non lineare, indipendente dalla velocità di deformazione,
• dispositivi a comportamento viscoso, dipendente dalla velocità di deformazione,
• dispositivi a comportamento lineare o quasi lineare.

La classificazione proposta fa unicamente riferimento al tipo di comportamento del


dispositivo, e non al tipo di materiale o meccanismo utilizzato. I singoli comportamenti
sono, infatti, realizzabili con materiali e meccanismi diversi. Nell’effettuazione delle analisi
può essere ammessa una modellazione diversa dal comportamento in relazione al quale il
dispositivo è stato classificato, se il sistema di isolamento, nel suo insieme, soddisfa i
requisiti per una modellazione più semplice. Ad esempio un dispositivo ausiliario a
comportamento non lineare, dissipativo, può far parte di un sistema d’isolamento che, nel
suo insieme, può essere modellato come lineare, se soddisfa i requisiti di cui al punto
10.7.2.

Un sistema di isolamento può essere costituito unicamente da isolatori elastomerici, eventualmente


realizzati con elastomeri ad alta dissipazione o comprendenti inserti di materiali dissipativi (ad es.
piombo), oppure unicamente da isolatori a scorrimento o rotolamento, che inglobano funzioni
dissipative o ricentranti per la presenza di elementi capaci di svolgere tali funzioni, oppure da
un’opportuna combinazione di isolatori e dispositivi ausiliari, questi ultimi generalmente con funzione
dissipativa, ricentrante e/o di vincolo.

Gli isolatori elastomerici, dato il loro comportamento quasi elastico, la loro elevata
rigidezza verticale ed essendo dotati di discrete capacità dissipative (in relazione al tipo di
mescola e additivi utilizzati), sono in grado di svolgere tutte le funzioni essenziali di un
sistema di isolamento. Salvo condizioni particolari o l’adozione di gomme a bassa
dissipazione, essi non necessitano di dispositivi ausiliari e possono da soli realizzare
sistemi di isolamento completi. Nei casi in cui sia necessaria una maggiore dissipazione di
energia, soprattutto ai fini di un contenimento degli spostamenti, si possono adottare
isolatori con speciali inserti di materiali dissipativi, spesso inseriti in fori circolari verticali.
Gli isolatori a scorrimento, generalmente realizzati con apparecchi uni o bi-direzionali in
acciaio-teflon, permettono ampi spostamenti, senza sostanziali limitazioni, sfruttando la
bassa resistenza d’attrito tra le superfici di acciaio inossidabile lucidato ed il teflon
(PTFE), eventualmente lubrificate (l‘attrito è dell’ordine di qualche percento). Le capacità
68 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

dissipative sono legate alla resistenza d’attrito nel movimento, soggetta però a notevole
variabilità relativa, e perciò poco affidabile. Essi necessitano di elementi di
completamento interni o dispositivi ausiliari esterni, capaci di fornire proprietà dissipative
e, se necessario, ricentranti al sistema di isolamento.

I dispositivi di isolamento possono essere basati su materiali e meccanismi diversi, dai quali dipendono
le loro proprietà meccaniche. Le proprietà di un sistema di isolamento, nel suo complesso, e la loro
costanza scaturiscono dalla combinazione delle proprietà dei dispositivi e degli isolatori che lo
costituiscono.
Tutte le parti strutturali dei dispositivi, non direttamente impegnate nella funzione d’isolamento,
devono essere capaci di sopportare le massime sollecitazioni di progetto rimanendo in campo elastico,
con un adeguato coefficiente di sicurezza.

Le modalità di verifica sono precisate nel punto 10.8.2. Particolare attenzione va rivolta
agli elementi di connessione tra i dispositivi e la struttura. È assolutamente necessario che
si realizzino condizioni di vincolo perfetto, affinché la funzione del dispositivo non sia
vanificata o fortemente compromessa.

L’idoneità all’impiego deve essere accertata mediante le prove sui materiali e sui dispositivi descritte
nell’allegato 10.B eseguite e certificate da laboratori ufficiali, ai sensi dell’art. 20 della legge 1086/71,
dotati delle necessarie attrezzature e della specifica competenza.
In generale saranno richieste, qualunque sia la tipologia di dispositivo, prove di
accettazione dei materiali, prove di qualificazione dei dispositivi e prove di accettazione
dei dispositivi. In particolare le seconde sono finalizzate ad accertare che i dispositivi
siano effettivamente in grado di svolgere correttamente e nelle diverse condizioni di
lavoro tutte le funzioni ad essi richieste nelle condizioni di esercizio e del terremoto di
progetto allo SLD e, soprattutto, allo SLU.

2.4.1 Isolatori elastomerici (punto 10.4.1)

Gli isolatori elastomerici sono costituiti da strati di materiale elastomerico (gomma naturale o
materiali artificiali idonei) alternati a piastre di acciaio, aventi prevalente funzione di confinamento
dell’elastomero, e vengono disposti nella struttura in modo da sopportare le azioni e deformazioni
orizzontali di progetto trasmesse (sisma, vento, dilatazioni termiche, viscosita’, ecc.) mediante azioni
parallele alla giacitura degli strati di elastomero ed i carichi permanenti ed accidentali verticali
mediante azioni perpendicolari agli strati stessi.

Gli isolatori elastomerici sono costituiti da strati di gomma alternati a lamierini di acciaio
solidarizzati in un processo di vulcanizzazione.
Capitolo 2. Commentario alle Norme 69

Le piastre di acciaio saranno conformi a quanto previsto nelle norme per gli apparecchi di appoggio con
un allungamento minimo a rottura del 18% e spessore minimo pari a 2 mm per le piastre interne e a
20 mm per le piastre esterne.
Gli isolatori debbono avere pianta con due assi di simmetria ortogonali, così da presentare un
comportamento il più possibile indipendente dalla direzione della azione orizzontale agente. Ai fini
della determinazione degli effetti di azioni perpendicolari agli strati, le loro dimensioni utili debbono
essere riferite alle dimensioni delle piastre in acciaio, mentre per gli effetti delle azioni parallele alla
giacitura degli strati si considererà la sezione intera dello strato di gomma.

Si definiscono due fattori di forma:


S1, fattore di forma primario, rapporto tra la superficie A’ comune al singolo strato di elastomero ed
alla singola piastra d’acciaio, depurata degli eventuali fori (se non riempiti successivamente), e la
superficie laterale libera L del singolo strato di elastomero, maggiorata della superficie laterale degli
eventuali fori (se non riempiti successivamente) ossia S1=A’/L;
S2, fattore di forma secondario, rapporto tra la dimensione in pianta D della singola piastra in
acciaio, parallelamente all’azione orizzontale agente, e lo spessore totale te degli strati di elastomero
(te è ottenuto come somma dello spessore dei singoli strati, maggiorando lo spessore dei due strati
esterni, se maggiore di 3 mm, del fattore 1,4) ossia S2 = D/te.

I due fattori di forma S1 e S2 sono due parametri fondamentali nella progettazione degli
isolatori elastomerici armati.
Il fattore primario S1 condiziona principalmente la rigidezza verticale dell’isolatore,
nonché le deformazioni tangenziali della gomma e le tensioni di trazione nei lamierini di
acciaio prodotte dal carico verticale, grazie all’azione di confinamento svolta dai lamierini
di acciaio sui singoli strati di gomma tra di essi compresi. La sostanziale trascurabilità
dello strato laterale esterno di gomma non confinato ai fini della portanza per carichi
verticali giustifica l’adozione dell’area del lamierino A’ nella valutazione di S1, piuttosto
che di quella totale dell’intero strato di gomma A.
Il fattore secondario S2 condiziona principalmente la portanza degli isolatori elastomerici
in relazione ai fenomeni di instabilità, tenuto anche conto che la portanza del carico
verticale deve essere garantita anche nelle condizioni di massima deformazione sotto
sisma.
Nell’allegato 10.A sono fornite le modalità di verifica rispetto alle problematiche citate
(verifica della gomma per deformazioni tangenziali, dell’acciaio a trazione, dell’isolatore
per instabilità), nelle quali entrano i due fattori di forma. In termini generali si può
affermare che valori elevati (superiori a 10) di S1 garantiscono un miglior funzionamento
dell’isolatore nella portanza dei carichi verticali, in termini di rigidezza e resistenza,
mentre l’assunzione di valori di S2 superiori a 4 danno buone garanzie sulla verifica di
sicurezza all’instabilità.
70 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Gli isolatori in materiale elastomerico ed acciaio sono individuati attraverso le loro curve caratteristiche
forza - spostamento, generalmente non lineari, tramite i due parametri sintetici: la rigidezza
equivalente Ke, il coefficiente di smorzamento viscoso equivalente ξe.
La rigidezza equivalente Ke , relativa ad un ciclo di carico, è definita come rapporto tra la forza F
corrispondente allo spostamento massimo d raggiunto in quel ciclo e lo stesso spostamento (Ke = F/d)
e si valuta come prodotto del modulo dinamico equivalente a taglio Gdin per A/te.
Il coefficiente di smorzamento viscoso equivalente ξe si definisce come rapporto tra l’energia dissipata in
un ciclo completo di carico Wd e 2πFd, ossia ξ e = Wd/(2π Fd).

La rigidezza equivalente Ke ed il coefficiente di smorzamento viscoso equivalente ξe oltre


a definire in maniera sintetica il comportamento di un isolatore elastomerico sono anche i
parametri fondamentali nella modellazione degli isolatori e del sistema di isolamento
quando si esegue l’analisi lineare (statica o dinamica) della struttura. In particolare
l’espressione di ξe scaturisce dall’imposizione dell’equivalenza dell’energia effettivamente
dissipata dall’isolatore in un ciclo e quella che verrebbe dissipata da un dissipatore viscoso
lineare nello stesso ciclo.
Data l’effettiva non linearità di comportamento degli isolatori elastomerici, questi due
parametri sono comunque funzione dell’ampiezza massima dello spostamento raggiunto
nel ciclo di carico considerato, percorso alla frequenza propria del sistema strutturale.

Le caratteristiche meccaniche (Ke e ξe) dei dispositivi reali, valutate in corrispondenza dello
spostamento massimo di progetto d2, dovranno avere variazioni limitate come segue:
• nell’ambito di tutta la fornitura per la singola opera i valori medi delle suddette caratteristiche non
possono differire di più del ± 10% rispetto ai corrispondenti valori di progetto, e le differenze,
rispetto ai valori medi, non possono superare il ± 10%;
• le variazioni legate all’invecchiamento dell’elastomero, valutate come indicato nel seguito, non
dovranno superare il 20% del valore iniziale;
• le variazioni dovute a fattori ambientali (temperatura), valutate per le condizioni estreme di
progetto dei fattori stessi e con riferimento al valore misurato in condizioni medie di tali fattori, non
dovranno superare il ± 20%;
• le variazioni dovute al carico verticale, valutate come differenza tra i valori corrispondenti al carico
verticale massimo ed a quello minimo, non dovranno superare il 15% del valore di progetto;
• le variazioni dovute alla velocità di deformazione (frequenza), valutate in un intervallo di ±30%
del valore massimo, non dovranno superare il ± 10%;
Capitolo 2. Commentario alle Norme 71

Gli isolatori elastomerici devono inoltre essere in grado di sostenere almeno 10 cicli con spostamento
massimo impresso pari a 1,2 d2. I cicli si intendono favorevolmente sostenuti se saranno soddisfatte le
seguenti condizioni:
• i diagrammi forza-spostamento mostreranno sempre un incremento di carico al crescere dello
spostamento;
• le caratteristiche meccaniche dei dispositivi (Ke e ξe), nei cicli successivi al primo, non varieranno di
più del 15% rispetto alle caratteristiche riscontrate durante il terzo ciclo, ossia |Ke(i) -Ke(3)|/Ke(3)
< 0,15 e |ξe(i) -ξe(3)|/ξe(3) < 0,15, avendo contrassegnato con il pedice “(i)” le caratteristiche
valutate all’i-esimo ciclo e con il pedice “(3)” le caratteristiche valutate al terzo ciclo.

2.4.2 Isolatori a scorrimento (punto 10.4.2)

Gli isolatori a scorrimento sono costituiti da appoggi a scorrimento (acciaio-PTFE) caratterizzati da


bassi valori delle resistenze per attrito.
Le superfici di scorrimento in acciaio e PTFE devono essere conformi alla normativa vigente per gli
apparecchi di appoggio.
Gli isolatori a scorrimento dovranno avere un coefficiente d’attrito in tutte le condizioni di lavoro del
sistema di isolamento sismico compreso tra 0 e 4 %, ossia tenuto conto di:
• differenze nell’ambito della singola fornitura rispetto al valore di progetto;
• variazioni legate all’invecchiamento;
• variazioni dovute a fattori ambientali (temperatura), valutate per condizioni estreme dei fattori
stessi e con riferimento al valore misurato in condizioni medie di tali fattori;
• variazioni dovute al carico verticale, valutate come differenza tra i valori corrispondenti al carico
verticale massimo ed a quello minimo;
• variazioni dovute alla velocità (frequenza), valutate in un intervallo di ±30% del valore massimo;
Gli isolatori a scorrimento devono inoltre essere in grado di sopportare, sotto spostamento massimo
impresso pari a 1,2 d2 , almeno 10 cicli di carico e scarico. I cicli si riterranno favorevolmente
sopportati se il coefficiente d’attrito (f), nei cicli successivi al primo, non varierà di più del 15% rispetto
alle caratteristiche riscontrate durante il terzo ciclo, ossia
|f(i) -f(3)|/f(3) < 0,15,
avendo contrassegnato con il pedice “(i)” le caratteristiche valutate all’i-esimo ciclo e con il pedice “(3)”
le caratteristiche valutate al terzo ciclo. Qualora l’incremento della forza nel sistema di isolamento per
spostamenti tra 0,5ddc e ddc sia inferiore all’ 1,25% del peso totale della sovrastruttura, gli isolatori a
scorrimento debbono essere in grado di garantire la loro funzione di appoggio fino a spostamenti pari
ad 1,5 d2.

L’ultimo capoverso richiede che sia garantita il contatto tra superfici a basso attrito per
spostamenti incrementati del 50%, qualora il sistema d’isolamento nel suo complesso
abbia un comportamento poco incrudente, e quindi scarse capacità di ricentraggio
dinamico. Lo stesso requisito non è richiesto agli eventuali elementi dissipativi presenti
72 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

nel dispositivo, che debbono invece garantire il loro corretto funzionamento fino a
spostamenti pari a 1,2 d2, come per tutti gli altri dispositivi.

2.4.3 Dispositivi ausiliari a comportamento non lineare (punto 10.4.3)

I dispositivi ausiliari a comportamento non lineare trasmettono, in generale, soltanto azioni orizzontali
ed hanno rigidezza trascurabile rispetto alle azioni verticali. Essi possono realizzare comportamenti
meccanici diversi, ad elevata o bassa dissipazione di energia, con riduzione o incremento della rigidezza
al crescere dello spostamento, con o senza spostamenti residui all’azzeramento della forza. Nel seguito
si tratteranno essenzialmente dispositivi caratterizzati da una riduzione della rigidezza, ma con forza
sempre crescente, al crescere dello spostamento, i cui diagrammi forza-spostamento sono sostanzialmente
indipendenti dalla velocità di percorrenza e possono essere schematizzati come nella figura 10.1.
I dispositivi a comportamento non lineare sono costituiti da elementi base che ne determinano le
caratteristiche meccaniche fondamentali ai fini della loro utilizzazione nell’ambito di un sistema di
isolamento sismico. Ove necessario tali elementi potranno essere sottoposti singolarmente a prove
sperimentali di qualificazione e accettazione.

I dispositivi di isolamento non lineari sono individuati dalla curva caratteristica che lega la forza
trasmessa dal dispositivo al corrispondente spostamento; tali curve caratteristiche sono, in generale,
schematizzabili con delle bilineari, definite dalle coordinate (F1, d1), corrispondenti al limite teorico del
comportamento elastico lineare del dispositivo, e dalle coordinate (F2, d2) corrispondenti al valore di
progetto allo SLU dello spostamento.

Figura 10.1 – Diagrammi forza – spostamento per dispositivi non lineari

Il ciclo bilineare teorico è definito dai seguenti parametri:


del = spostamento nel primo ramo di carico in una prova sperimentale entro il quale il comportamento
è sostanzialmente lineare. In generale può assumersi un valore pari a d2/20;
Fel = Forza corrispondente a del, nel ramo di carico iniziale sperimentale.
d1 = ascissa del punto d’intersezione della linea retta congiungente l’origine con il punto (del , Fel) e
la linea retta congiungente i punti (d2/4, F(d2/4)) and (d2, F2) nel terzo ciclo della prova
sperimentale;
Capitolo 2. Commentario alle Norme 73

F1 = ordinata del punto d’intersezione della linea retta congiungente l’origine con il punto (del, Fel) e
la linea retta congiungente i punti (d2/4, F(d2/4)) and (d2, F2) nel terzo ciclo della prova
sperimentale;
d2 = Spostamento massimo di progetto in un dispositivo d’isolamento, corrispondente allo SLU;
F2 = forza corrispondente allo spostamento d2, ottenuta al terzo ciclo sperimentale.
Le rigidezze elastica e post-elastica, rispettivamente del primo ramo e del secondo ramo, vengono
definite come: K1 = F1/d1 ; K2 = (F2-F1)/(d2-d1).
Il ciclo teorico che eventualmente si assume per l’esecuzione delle analisi non lineari per la progettazione
della struttura, completato dei rami di scarico e ricarico coerenti con il comportamento reale, dovrà
essere tale che l’energia dissipata in un ciclo non differisca di più del 10% dall’energia dissipata nel
terzo ciclo di carico della prova sperimentale.
Le curve caratteristiche nel terzo ciclo di carico, valutate in termini di forza, in corrispondenza degli
spostamenti d1 e d2, e di rigidezza K2, dovranno avere variazioni limitate come segue:
• nell’ambito di tutta la fornitura per la singola opera i valori medi delle suddette caratteristiche non
possono differire di più del ± 10% rispetto ai corrispondenti valori di progetto, e le differenze,
rispetto ai valori medi, non possono superare il ± 10%;
• le variazioni legate all’invecchiamento dei materiali, valutate come indicato nel seguito, non
dovranno superare il 20% del valore iniziale;
• le variazioni dovute a fattori ambientali (temperatura), valutate per le condizioni estreme di
progetto dei fattori stessi e con riferimento al valore misurato in condizioni medie di tali fattori, non
dovranno superare il ± 20%;
• le variazioni dovute alla velocità di deformazione (frequenza), valutate in un intervallo di ±30%
del valore massimo, non dovranno superare il ± 10%.
I dispositivi a comportamento non lineare devono inoltre essere in grado di sostenere almeno 10 cicli con
spostamento massimo impresso pari a 1,2 d2. I cicli si intendono favorevolmente sostenuti se saranno
soddisfatte le seguenti condizioni:
• i diagrammi forza-spostamento mostrano sempre un incremento di carico al crescere dello
spostamento;
• le curve caratteristiche, nei cicli successivi al primo, valutate in corrispondenza degli spostamenti d1
e d2, non variano di più del 15%, in termini di forza e di rigidezza K2, rispetto alle
caratteristiche riscontrate durante il terzo ciclo, ossia:
⏐F(i) –F(3)⏐/ F(3) < 0,15, ⏐K2(i) – K2(3)⏐/ K2(3) < 0,15 avendo contrassegnato con il pedice “(i)”
le caratteristiche valutate all’i-esimo ciclo e con il pedice “(3)” le caratteristiche valutate al terzo ciclo.

Differenti categorie di dispositivi a comportamento non lineare possono essere


identificate, in relazione alle diverse caratteristiche dei cicli forza-spostamento, derivanti
dalle caratteristiche peculiari dei materiali e dei meccanismi di cui sono costituiti.
Una prima classificazione può essere fatta in relazione alla loro capacità di dissipare
energia e include le seguenti categorie:
• Dispositivi dissipativi (EDD), ad esempio se ξ > 15% ;
74 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

• Dispositivi elastici non lineari (NLED), ad esempio se ξ ≤ 15%.

Un secondo criterio di classificazione può essere riferito alla variabilità della rigidezza in
funzione dello spostamento applicato ed individua le seguenti categorie:
• Dispositivi incrudenti (HD), quando K2/K1 > 1;
• Dispositivi Softening (SD), quando K2/K1 ≤ 1.

Una terza classificazione può prendere a riferimento la capacità ricentrante del


dispositivo, ossia la capacità di recuperare la forma iniziale quando la forza esterna
applicata è nulla oppure di far recuperare al sistema strutturale la sua configurazione
iniziale ovvero di limitare gli spostamenti residui al termine del terremoto. Si possono così
individuare le seguenti categorie:
• Dispositivi ricentranti dinamicamente (DRD) o dispositivi debolmente ricentranti,
quando l’energia immagazzinata reversibilmente dal dispositivo (energia elastica di
deformazione ed energia potenziale) Es è maggiore del 25% dell’energia dissipata per
deformazione isteretica Eh.
• Dispositivi ricentranti staticamente (RCD) o dispositivi debolmente ricentranti,
quando lo spostamento per forza nulla è minore del 10% del massimo spostamento
raggiunto;
• Dispositivi ricentranti staticamente con forza supplementare (SRCD), quando lo
spostamento nel ramo di scarico è minore del 10% del massimo spostamento
raggiunto, anche quando una forza esterna almeno pari al 10% della massima forza
resiste al recupero della configurazione iniziale del dispositivo.

Gli EDD sono normalmente dispositivi softening basati sulle proprietà isteretiche di
metalli (acciaio, piombo, leghe a memoria di forma) o sulla resistenza all’attrito tra
superfici opportunamente trattate. Dispositivi idraulici, il cui funzionamento sia
opportunamente calibrato per fornire una forza elasto-plastica quasi indipendente dalla
velocità possono essere considerati come NLD. EDD possono anche essere ottenuti
usando leghe a memoria di forma.
Gli NLED possono essere dispositivi sia a rigidezza decrescente che crescente
(incrudenti). Alcuni di essi sono basati sulle proprietà elastiche di speciali acciai ad alta
resistenza, altri sulla gomma sollecitata a compressione o ancora sulle proprietà
superelastiche delle leghe a memoria di forma. Il comportamento non lineare è talvolta
dovuto ad effetti di non linearità geometrica per la forma particolare dei loro elementi
base.
I dispositivi NLD a rigidezza decrescente, sia EDD che NLED, con rigidezza quasi nulla
nel secondo ramo di carico (K2≈0), come i dispositivi elastici-perfettamente plastici,
possono essere concepiti come elementi di connessione che impediscono il trasferimento
di forze maggiori della loro soglia plastica tra le diverse parti strutturali (sottostruttura e
sovrastruttura).
Capitolo 2. Commentario alle Norme 75

F F

F =F F1 =F2
1 2

tg -1 K tg -1 K
sec sec

d1 d2 d d1=0 d2 d

Fig. 2.1 Dispositivi elasto-plastici Fig. 2.2 Dispositivi rigido- plastici.

F F

F2 F2
F
1

F1
-1 -1
tg Ksec tg K
sec
d1 d2 d d d2 d
1

Fig. 2.3 Dispositivi “Softening” con Fig. 2.4 Dispositivi incrudenti.


bassa rigidezza iniziale.

La capacità di ricentraggio è una questione molto dibattuta. Da una parte essa può essere
riferita all’intero sistema strutturale in condizioni dinamiche sismiche, ossia con il sistema
in possesso di energia sia cinetica che potenziale al termine dell’azione esterna. In questo
caso, poiché il termine cinematico dell’energia non è noto a priori, la definizione della
condizione di ricentraggio può essere stabilita solo su base probabilistica o statistica.
D’altra parte, la capacità di ricentraggio può essere riferita al singolo dispositivo o
all’intero sistema strutturale in condizioni statiche. In questo caso un dispositivo o
sistema d’isolamento ricentrante è quello la cui forza a spostamento nullo è nulla, in
qualsiasi fase di carico o scarico (la curva forza-spostamento passa sempre per l’origine
degli assi). Inoltre, quando la forza nella fase di scarico è ancora grande per piccoli
spostamenti, un dispositivo può fornire al sistema un’ulteriore forza (supplementare) di
ricentraggio, anche in presenza di forze parassite non conservative. Differentemente dai
sistemi dinamicamente ricentranti, i sistemi staticamente ricentranti sono capaci di
riportare staticamente il sistema strutturale nella sua configurazione iniziale in qualsiasi
situazione che soddisfi le condizioni di progetto.
La capacità di ricentraggio è una questione molto dibattuta. Da una parte essa può essere
riferita all’intero sistema strutturale in condizioni dinamiche sismiche, ossia con il sistema
in possesso di energia sia cinetica che potenziale al termine dell’azione esterna. In questo
76 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

caso, poiché il termine cinematico dell’energia non è noto a priori, la definizione della
condizione di ricentraggio può essere stabilita solo su base probabilistica o statistica.

Dispositivi ricentranti staticamente Dispositivi ricentranti con forza


supplementare

Fig. 2.5 Dispositivi ricentranti

D’altra parte, la capacità di ricentraggio può essere riferita al singolo dispositivo o


all’intero sistema strutturale in condizioni statiche. In questo caso un dispositivo o
sistema d’isolamento ricentrante è quello la cui forza a spostamento nullo è nulla, in
qualsiasi fase di carico o scarico (la curva forza-spostamento passa sempre per l’origine
degli assi). Inoltre, quando la forza nella fase di scarico è ancora grande per piccoli
spostamenti, un dispositivo può fornire al sistema un’ulteriore forza (supplementare) di
ricentraggio, anche in presenza di forze parassite non conservative. Differentemente dai
sistemi dinamicamente ricentranti, i sistemi staticamente ricentranti sono capaci di
riportare staticamente il sistema strutturale nella sua configurazione iniziale in qualsiasi
situazione che soddisfi le condizioni di progetto.
La capacità di ricentraggio è una questione molto dibattuta. Da una parte essa può essere
riferita all’intero sistema strutturale in condizioni dinamiche sismiche, ossia con il sistema
in possesso di energia sia cinetica che potenziale al termine dell’azione esterna. In questo
caso, poiché il termine cinematico dell’energia non è noto a priori, la definizione della
condizione di ricentraggio può essere stabilita solo su base probabilistica o statistica.
D’altra parte, la capacità di ricentraggio può essere riferita al singolo dispositivo o
all’intero sistema strutturale in condizioni statiche. In questo caso un dispositivo o
sistema d’isolamento ricentrante è quello la cui forza a spostamento nullo è nulla, in
qualsiasi fase di carico o scarico (la curva forza-spostamento passa sempre per l’origine
degli assi). Inoltre, quando la forza nella fase di scarico è ancora grande per piccoli
spostamenti, un dispositivo può fornire al sistema un’ulteriore forza (supplementare) di
ricentraggio, anche in presenza di forze parassite non conservative. Differentemente dai
sistemi dinamicamente ricentranti, i sistemi staticamente ricentranti sono capaci di
riportare staticamente il sistema strutturale nella sua configurazione iniziale in qualsiasi
situazione che soddisfi le condizioni di progetto.
Capitolo 2. Commentario alle Norme 77

La capacità di ricentraggio è una questione molto dibattuta. Da una parte essa può essere
riferita all’intero sistema strutturale in condizioni dinamiche sismiche, ossia con il sistema
in possesso di energia sia cinetica che potenziale al termine dell’azione esterna. In questo
caso, poiché il termine cinematico dell’energia non è noto a priori, la definizione della
condizione di ricentraggio può essere stabilita solo su base probabilistica o statistica.
D’altra parte, la capacità di ricentraggio può essere riferita al singolo dispositivo o
all’intero sistema strutturale in condizioni statiche. In questo caso un dispositivo o
sistema d’isolamento ricentrante è quello la cui forza a spostamento nullo è nulla, in
qualsiasi fase di carico o scarico (la curva forza-spostamento passa sempre per l’origine
degli assi). Inoltre, quando la forza nella fase di scarico è ancora grande per piccoli
spostamenti, un dispositivo può fornire al sistema un’ulteriore forza (supplementare) di
ricentraggio, anche in presenza di forze parassite non conservative. Differentemente dai
sistemi dinamicamente ricentranti, i sistemi staticamente ricentranti sono capaci di
riportare staticamente il sistema strutturale nella sua configurazione iniziale in qualsiasi
situazione che soddisfi le condizioni di progetto.

2.4.4 Dispositivi ausiliari a comportamento viscoso (punto 10.4.4)

I dispositivi ausiliari a comportamento viscoso trasmettono, in generale, soltanto azioni orizzontali ed


hanno rigidezza trascurabile rispetto alle azioni verticali. Essi sono caratterizzati da un valore della
forza proporzionale a va, e pertanto non contribuiscono alla rigidezza del sistema. La relazione forza
spostamento di un dispositivo viscoso, per una legge sinusoidale dello spostamento è riportata in figura
10.2. La forma del ciclo è ellittica per α=1. Il valore massimo della forza viene sempre raggiunto in
corrispondenza dello spostamento nullo.
Il loro comportamento è caratterizzato dalla massima forza sviluppata Fmax e dall’energia dissipata
Ed in un ciclo, per una prefissata ampiezza e frequenza, ossia dalle costanti C e α. L’identificazione
di tali parametri ai fini della modellazione meccanica del sistema d’isolamento dovrà essere fatta con
riferimento ai valori di forza massima ed energia dissipata durante il terzo ciclo di carico, dovendo
essere non superiore al 10% la differenza tra il valore teorico e il valore sperimentale delle due
grandezze dette.
Fmax
α<1

α=1

d = dmax sin(ω t) with ω = 2π / T eff


F = C vα = Fmax (cos(ω t))α
Ed Fmax = C (dmax ω)α
dmax

Figura 10.2 – Dispositivi a comportamento viscoso


78 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Le caratteristiche meccaniche (Fmax e Ed) dei dispositivi reali, valutate per velocità di applicazione
delle deformazioni pari a quelle di progetto, dovranno avere variazioni limitate come segue:
• nell’ambito di tutta la fornitura per la singola opera i valori medi delle suddette caratteristiche non
possono differire di più del ± 10% rispetto ai corrispondenti valori di progetto, e le differenze,
rispetto ai valori medi, non possono superare il ± 10%;
• le variazioni legate all’invecchiamento dei materiali, valutate come indicato nel seguito, non
dovranno superare il 15% del valore iniziale;
• le variazioni dovute a fattori ambientali (temperatura), valutate per le condizioni estreme di
progetto dei fattori stessi e con riferimento al valore misurato in condizioni medie di tali fattori, non
dovranno superare il ± 20%.

I dispositivi a comportamento viscoso devono essere in grado di sopportare, sotto spostamento massimo
impresso pari a 1,2 d2, almeno 10 cicli. I cicli si intendono favorevolmente sopportati se saranno
soddisfatte le seguenti condizioni:
• le curve caratteristiche, nei cicli successivi al primo, valutate nel terzo ciclo di carico, non variano di
più del 15%, in termini di forza massima e di energia dissipata, rispetto alle caratteristiche
riscontrate durante il terzo ciclo, ossia ⏐F(i) –F(3)⏐/F(3) < 0,15 , ⏐Ed(i) – Ed(3)⏐/ Ed(3) < 0,15
avendo contrassegnato con il pedice (i) le caratteristiche valutate all’i-esimo ciclo e con il pedice 3 le
caratteristiche valutate al terzo ciclo.

2.4.5 Dispositivi ausiliari a comportamento lineare o quasi lineare (punto 10.4.5)

I dispositivi ausiliari a comportamento lineare o quasi lineare trasmettono, in generale, soltanto azioni
orizzontali ed hanno rigidezza trascurabile rispetto alle azioni verticali. Il loro comportamento è
definito tramite la rigidezza equivalente Ke e il coefficiente di smorzamento viscoso equivalente ξe.
Le caratteristiche meccaniche (Ke e ξe) dei dispositivi reali, valutate in corrispondenza dello
spostamento massimo di progetto d2, e per una frequenza di applicazione del carico pari a quella di
progetto, dovranno avere variazioni limitate come segue:
• nell’ambito di tutta la fornitura per la singola opera i valori medi delle suddette caratteristiche non
possono differire di più del ± 10% rispetto ai corrispondenti valori di progetto, e le differenze,
rispetto ai valori medi, non possono superare il ± 10%;
• le variazioni legate all’invecchiamento dei materiali, valutate come indicato nel seguito, non
dovranno superare il 15% del valore iniziale;
• le variazioni dovute a fattori ambientali (temperatura), valutate per le condizioni estreme di
progetto dei fattori stessi e con riferimento al valore misurato in condizioni medie di tali fattori, non
dovranno superare il ± 20%;
• le variazioni dovute alla velocità di deformazione (frequenza), valutate in un intervallo di ±30%
del valore di progetto, non dovranno superare il ± 10%.
Capitolo 2. Commentario alle Norme 79

I dispositivi a comportamento lineare o quasi lineare devono inoltre essere in grado di sopportare, sotto
spostamento massimo impresso pari a 1,2 d2, almeno 10 cicli di carico e scarico. I cicli si riterranno
favorevolmente sopportati se saranno soddisfatte le seguenti condizioni:
• i diagrammi forza-spostamento mostreranno sempre un incremento di carico al crescere dello
spostamento;
• le caratteristiche meccaniche dei dispositivi (Ke e ξe), nei cicli successivi al primo, non varieranno di
più del 15% rispetto alle caratteristiche riscontrate durante il terzo ciclo, ossia |Ke(i) -Ke(3)|/Ke(3)
< 0,15 e |ξe(i) -ξe(3)|/ξe(3) < 0,15, avendo contrassegnato con il pedice “(i)” le caratteristiche
valutate all’i-esimo ciclo e con il pedice “(3)” le caratteristiche valutate al terzo ciclo.

2.5 INDICAZIONI PROGETTUALI (punto 10.5)

2.5.1 Indicazioni riguardanti i dispositivi (punto 10.5.1 )

• L’alloggiamento dei dispositivi d’isolamento ed il loro collegamento alla struttura devono essere
concepiti in modo da assicurarne l’accesso e rendere i dispositivi stessi ispezionabili e sostituibili. È
necessario anche prevedere adeguati sistemi di contrasto, idonei a consentire l’eventuale ricentraggio
dei dispositivi qualora, a seguito di un sisma, si possano avere spostamenti residui incompatibili
con la funzionalità dell’edificio e/o con il corretto comportamento del sistema d’isolamento.

Il sistema d’isolamento è l’elemento chiave per la salvaguardia della costruzione dai


terremoti. Malfunzionamenti del sistema possono sopraggiungere, durante la sua vita
utile, per invecchiamento dei materiali, come gli elastomeri degli isolatori, o, più in
generale, per il loro deterioramento o per un eccessivo accumulo di deformazioni
plastiche a seguito di un terremoto. Ad esempio, non essendo ancora nota la vita utile
degli isolatori elastomerici nelle effettive condizioni di lavoro (sotto carico costante ma,
almeno negli edifici, in una condizione generalmente favorevole di scarsità di luce e
minimo ricambio di aria), occorre prevedere la possibilità di sostituzione, e dunque
predisporre la struttura in modo che sia possibile trasferire temporaneamente in
fondazione, attraverso martinetti opportunamente disposti, il carico gravante sul singolo
isolatore, e prevedere un adeguato spazio per le operazioni necessarie alla rimozione e
sostituzione.
Spostamenti residui possono aversi in caso di sistemi non ricentranti (ad esempio sistemi
costituiti da isolatori a scorrimento ed elementi dissipativi isteretici). Se eccessivi essi
debbono poter essere ridotti o annullati, eventualmente previa rimozione degli elementi o
dei dispositivi dissipativi, per sostituirli o per ridurre la forza di reazione del sistema
d’isolamento. Occorre pertanto prevedere punti di contrasto contro cui mettere in forza
dei martinetti agenti orizzontalmente per spingere la struttura nella sua posizione
originaria.
80 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

• Ove necessario, gli isolatori dovranno essere protetti da possibili effetti derivanti da attacchi del
fuoco, chimici o biologici. In alternativa, occorre prevedere dispositivi che, in caso di distruzione
degli isolatori, siano idonei a trasferire il carico verticale alla sottostruttura.

Tra i dispositivi in grado di sostenere l’edificio sono stati utilizzati, nel passato, una sorta
di baggioli o blocchi di calcestruzzo collocati in vicinanza dell’isolatore e in modo da
entrare in carico per abbassamenti di qualche centimetro, scaricando sulla sottostruttura il
peso sopportato dall’isolatore.

• I materiali utilizzati nel progetto e nella costruzione dei dispositivi dovranno essere conformi alle
corrispondenti norme in vigore.
• Gli isolatori soggetti a forze di trazione o a sollevamento durante l’azione sismica dovranno
essere in grado di sopportare la trazione o il sollevamento senza perdere la loro funzionalità
strutturale. Tali effetti andranno debitamente messi in conto nel modello di calcolo ed il
comportamento degli isolatori a trazione dovrà essere verificato sperimentalmente

La presenza di sforzi di trazione eccessivi negli isolatori elastomerici può indurre


cavitazione nella gomma e l’innesco di rotture.
Nel caso di isolatori a scorrimento si determinano sollevamenti e quindi distacchi tra le
superfici di scorrimento, con possibili negativi effetti di impatto.
v. anche commenti al 10.5.2.

2.5.2 Controllo di movimenti indesiderati (punto 10.5.2)

• Per minimizzare gli effetti torsionali, la proiezione del centro di massa dell’edificio sul piano
degli isolatori ed il centro di rigidezza dei dispositivi di isolamento o, nel caso di sottostruttura
flessibile, il centro di rigidezza del sistema sottostruttura-isolamento debbono essere, per quanto
possibili, coincidenti. Inoltre, nei casi in cui il sistema di isolamento affidi a pochi dispositivi le
sue capacità dissipative e ricentranti rispetto alle azioni orizzontali, occorre che tali dispositivi
siano, per quanto possibile, disposti perimetralmente e siano in numero staticamente ridondante.

Gli effetti torsionali d’insieme del sistema strutturale determinano spostamenti diversi nei
dispositivi e, nel caso di forti non linearità, differenze di comportamento che possono
ulteriormente accentuare la torsione. Occorre pertanto evitare o limitare quanto più
possibile le eccentricità massa-rigidezza, cosa peraltro facilmente ottenibile attraverso una
corretta progettazione degli isolatori e dei dispositivi ausiliari, e incrementare la rigidezza
e/o resistenza torsionale. Quest’ultimo obiettivo viene conseguito maggiorando, rispetto
alla rigidezza derivante da un dimensionamento basato sulle tensioni verticali di
compressione, gli isolatori in gomma disposti lungo il perimetro oppure collocando i
dispositivi ausiliari, quando presenti, lungo il perimetro.
Capitolo 2. Commentario alle Norme 81

• Per minimizzare le differenze di comportamento degli isolatori, le tensioni di compressione a cui


lavorano devono essere per quanto possibile uniformi. Nel caso di sistemi d’isolamento che
utilizzano isolatori di diverso tipo, particolare attenzione andrà posta sui possibili effetti della
differente deformabilità verticale sotto le azioni sia statiche che sismiche.

Sistemi d’isolamento che combinano isolatori elastomerici e isolatori a scorrimento


possono fornire ottime prestazioni in relazione alla necessità di conseguire un elevato
periodo di vibrazione sotto bassi carichi verticali. È opportuno in tal caso, in relazione
alle problematiche di cui al punto precedente, collocare gli isolatori in gomma lungo il
perimetro e quelli a scorrimento nella zona centrale. Si sottolinea, inoltre, la necessità di
valutare i possibili effetti sulla struttura legati alla deformabilità verticale degli isolatori in
gomma, funzione delle caratteristiche geometriche dell’isolatore e meccaniche
dell’elastomero, e a quella pressoché nulla degli isolatori a scorrimento. Si possono avere
spostamenti differenziali significativi sia nella fase elastica di caricamento, sia nella fase
successiva, di deformazioni lente (creep della gomma), sia, infine, sotto l’azione del
terremoto. L’isolatore in gomma, infatti, sottoposto a spostamento laterale, subisce anche
accorciamenti verticali non trascurabili, a causa della concentrazione degli sforzi di
compressione nell’area di sovrapposizione tra la piastra superiore e quella inferiore, nella
condizione di isolatore deformato. In termini generali è consigliabile adottare isolatori in
gomma molto rigidi verticalmente e, dunque, con fattori di forma primario e secondario
piuttosto elevati, così da minimizzare gli spostamenti verticali in condizioni statiche e
sismiche.

• Per evitare o limitare azioni di trazione negli isolatori, gli interassi della maglia strutturale
dovranno essere scelti in modo tale che il carico verticale “V” di progetto agente sul singolo
isolatore sotto le azioni sismiche e quelle concomitanti, risulti essere sempre di compressione o, al
più, nullo.

La trazione negli isolatori determina comportamenti non lineari, difficilmente valutabili


attraverso un calcolo lineare, ed una condizione di lavoro degli isolatori di solito non
verificata sperimentalmente. La progettazione del sistema dovrà essere finalizzata, per
quanto possibile, ad evitare tali situazioni.

2.5.3 Controllo degli spostamenti sismici differenziali del terreno (punto 10.5.3)

• Le strutture del piano di posa degli isolatori e del piano su cui appoggia la sovrastruttura devono
essere dimensionate in modo da assicurare un comportamento rigido nel piano suddetto, così da
limitare gli effetti di spostamenti sismici differenziali.

La rigidità strutturale dei piani immediatamente al di sotto e al di sopra del sistema di


isolamento va intesa soprattutto nel piano orizzontale, ed è finalizzata anche a garantire
una distribuzione uniforme degli sforzi tra i diversi isolatori, anche in caso di
82 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

funzionamenti difformi da quelli previsti, e a distribuire correttamente le forze degli


eventuali dispositivi ausiliari (che sono in genere in numero limitato) tra gli elementi
strutturali che debbono assorbirli. Si pensi ad esempio a sistemi d’isolamento costituiti da
isolatori a scorrimento, disposti sotto ogni pilastro, e da un numero limitato (ad esempio
4) dispositivi di richiamo e/o dissipativi disposti perimetralmente, che debbono assorbire,
a coppie, le componenti principali delle forze d’inerzia della sovrastruttura,
trasmettendole alla sottostruttura, opportunamente ripartite tra gli elementi strutturali di
quest’ultima, grazie alla presenza del piano rigido inferiore.

• La condizione precedente si considera soddisfatta se un diaframma rigido costituito da un solaio


in c.a. oppure da una griglia di travi progettata tenendo conto di possibili fenomeni di instabilità
è presente sia al di sopra che al di sotto del sistema di isolamento e se i dispositivi del sistema di
isolamento sono direttamente fissati ad entrambi i diaframmi, oppure attraverso elementi verticali
il cui spostamento orizzontale in condizioni sismiche sia minore di 1/40 dello spostamento
relativo del sistema di isolamento. Tali elementi dovranno essere progettati per rispondere in
campo rigorosamente elastico, tenendo anche conto della maggiore affidabilità richiesta ai
dispositivi di isolamento.

Il ruolo dei diaframmi rigidi orizzontalmente è tanto più importante quanto meno
uniforme è la trasmissione degli sforzi orizzontali tra la sovrastruttura e la sottostruttura.
Dunque, mentre l’adozione di sistemi con soli isolatori in gomma, normalmente
dimensionati in base al carico verticale che debbono sostenere, non comporta importanti
problemi di ridistribuzione degli sforzi orizzontali, l’adozione di sistemi con pochi
dispositivi ausiliari richiede un impegno notevole da parte delle strutture di diaframma e
degli eventuali elementi verticali citati nella norma.

2.5.4 Controllo degli spostamenti relativi al terreno e alle costruzioni circostanti


(punto 10.5.4)

• Adeguato spazio dovrà essere previsto tra la sovrastruttura isolata e il terreno o le costruzioni
circostanti, per consentire liberamente gli spostamenti sismici in tutte le direzioni.
• Le eventuali connessioni, strutturali e non, fra la struttura isolata e il terreno o le parti di
strutture non isolate devono essere progettate in modo tale da assorbire, con ampio margine di
sicurezza, gli spostamenti relativi previsti dal calcolo. Particolare attenzione, a tale proposito,
deve essere posta negli impianti.
• Occorre anche attuare adeguati accorgimenti affinché l’eventuale malfunzionamento delle
connessioni a cavallo dei giunti non possa compromettere l’efficienza dell’isolamento.

Il corretto funzionamento dell’isolamento sismico si realizza solo a condizione che la


massa isolata, ossia quella della sovrastruttura, possa muoversi liberamente in tutte le
direzioni orizzontali per spostamenti almeno pari a quelli di progetto. Questa condizione
Capitolo 2. Commentario alle Norme 83

deve essere continuamente verificata in tutte le fasi progettuali e realizzative. In


particolare si raccomanda di controllare che elementi non strutturali e/o impianti non
riducano o annullino le possibilità di movimento della struttura previste nella
progettazione strutturale. In tal senso è richiesta la massima sensibilizzazione e la piena
consapevolezza da parte di tutti i progettisti (particolarmente di quelli architettonici e
impiantisti) e della direzione dei lavori rispetto alle modalità di funzionamento di una
struttura con isolamento sismico.

2.6 AZIONE SISMICA (punto 10.6)

Ai fini della progettazione l’azione sismica è fondamentalmente definita, in termini di intensità, ovvero
accelerazione massima del terreno, forme spettrali, durata degli accelerogrammi, nel capitolo 3 delle
presenti norme, salvo quanto prescritto in modo specifico per la progettazione di edifici con isolamento
sismico in questo paragrafo.

In particolare le differenze rispetto a quanto previsto nel cap. 3 per le strutture con
isolamento sismico sono relative alle forme spettrali per gli alti periodi (10.6.1) e alle
caratteristiche degli accelerogramma (v. 10.6.2).

2.6.1 Spettri di progetto (punto 10.6.1)

In generale gli spettri elastici definiti al punto 3.2.3. verranno adottati come spettri di progetto,
assumendo TD=2,5 s. Le ordinate spettrali per T>4s saranno assunte pari all’ordinata
corrispondente a T=4s. Gli spettri di progetto allo stato limite di danno si ottengono dividendo le
ordinate spettrali per 2.5.

Gli spettri elastici definiti al punto 3.2.3, che valgono in generale per qualsiasi tipo di
struttura, sono stati modificati nel campo degli alti periodi, ai fini di una maggiore cautela,
nella progettazione degli edifici con isolamento sismico, sul parametro cui i calcoli di
verifica sono più sensitivi.

In alternativa all’impiego delle forme standard dello spettro di risposta elastico di cui al punto 3.2.3.
associate al valore di ag fornito nel par. 3.2.1. per le diverse zone sismiche, è consentito l’impiego di
spettri di risposta specifici per il sito considerato, caratterizzati dalle probabilità di superamento
richieste per ciascuno dei due stati limite, ricavati direttamente sulla base di conoscenze
geosismotettoniche e geotecniche, oppure da dati statistici applicabili alla situazione in
esame. Le ordinate di tali spettri, in corrispondenza dei periodi propri di interesse per il sistema, non
potranno essere assunte inferiori alle ordinate dello spettro elastico standard applicabile, in relazione al
profilo di suolo.
84 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

2.6.2 Impiego di accelerogrammi (punto 10.6.2)

L’impiego di accelerogrammi è regolato dalle prescrizioni del punto 3.2.7. e dalle seguenti.

In particolare si ricorda che gli accelerogrammi dovranno essere coerenti con lo spettro
elastico definito in 10.6.1 e che, come recita il punto 3.2.7:
“La durata degli accelerogrammi dovrà essere stabilita sulla base della magnitudo e degli altri parametri
fisici che determinano la scelta del valore di ag e S. In assenza di studi specifici la durata della parte
pseudo – stazionaria degli accelerogrammi sarà almeno pari a 10 s.
Il numero di accelerogrammi o, per analisi spaziali, di gruppi di accelerogrammi deve essere almeno pari a
3. La coerenza con lo spettro elastico è da verificare in base alla media delle ordinate spettrali ottenute con
i diversi accelerogrammi per un coefficiente di smorzamento viscoso equivalente ξ del 5%”.
Nel capoverso successivo vengono precisate le condizioni minime che gli accelerogrammi
utilizzati per la progettazione di una struttura isolata, debbono soddisfare in termini di
durata e di coerenza con gli spettri.

La parte pseudostazionaria deve essere preceduta e seguita da tratti ad intensità crescente da zero e
decrescente a zero, di modo che la durata complessiva dell’accelerogramma sia non inferiore a 25 s.
La coerenza con lo spettro di riferimento va verificata con le seguenti regole, che sostituiscono quelle
riportate in 3.2.7. Nel campo 0,8Tbf ÷ 1,2Tis, ove Tbf rappresenta la stima inferiore del primo
periodo proprio della struttura a base fissa e Tis rappresenta la stima superiore del periodo
fondamentale equivalente della struttura isolata, la media delle ordinate spettrali, in corrispondenza di
ogni periodo, deve risultare non inferiore al 90% delle ordinate spettrali di riferimento. Comunque, nel
campo di periodi compreso tra 0,15 sec. e 4,00 sec., la stessa media non deve risultare inferiore all’
80% delle ordinate spettrali di riferimento.

La prescrizione di una durata complessiva minima di 25 sec. è legata ai lunghi periodi che
caratterizzano le strutture con isolamento sismico. La durata dell’accelerogramma, deve
essere sufficiente ad attivare significativamente il sistema d’isolamento, in relazione al suo
periodo equivalente
A titolo indicativo, le rampe a intensità crescente e decrescente possono avere durata
dell’ordine dei 5 secondi, in modo che la durata della parte stazionaria sia almeno di 15
sec.
La coerenza con lo spettro di riferimento è importante soprattutto nel campo di periodi
nel quale si localizzano i primi (che tipicamente eccitano una massa superiore al 90%) e i
secondi modi di vibrare della struttura isolata. Tale coerenza va verificata con riferimento
allo smorzamento 5%, per il quale sono definiti gli spettri elastici.
Capitolo 2. Commentario alle Norme 85

2.7 MODELLAZIONE E ANALISI STRUTTURALE (punto 10.7)

2.7.1 Proprietà del sistema di isolamento (punto 10.7.1)

Le proprietà meccaniche del sistema di isolamento da adottare nelle analisi di progetto, derivanti dalla
combinazione delle proprietà meccaniche dei singoli dispositivi che lo costituiscono, saranno le più
sfavorevoli che si possono verificare durante la sua vita utile.

Ai fini della valutazione globale delle variazioni di caratteristiche meccaniche da mettere


in conto nelle analisi, occorrerà tener conto sia della probabilità di occorrenza del
terremoto con le diverse condizioni che determinano tali variazioni, sia la correlazione tra
le variazioni dei diversi parametri che definiscono il comportamento meccanico dei
diversi dispositivi che compongono il sistema di isolamento (in altre parole se le
variazioni avvengono con stesso segno o con segno opposto).

Esse dovranno tener conto, ove pertinente, dell’influenza di:

• entità delle deformazioni subite in relazione allo stato limite per la verifica del quale si svolge
l’analisi,

l’entità delle deformazioni subite in relazione allo stato limite considerato ha notevole
influenza nel caso di sistemi a comportamento non lineare, minore nel caso di sistemi a
comportamento quasi-lineare. Nel primo caso, quando si esegue l’analisi non lineare, tale
variabilità è automaticamente messa in conto nel modello. Qualora, invece, fosse possibile
adottare l’analisi lineare, particolare cura dovrà essere rivolta alla determinazione delle
caratteristiche lineari equivalenti del sistema. Per i sistemi quasi lineari l’effetto risulterà
tanto maggiore quanto maggiore è la dissipazione di energia. Nel caso di isolatori in
gomma, per rapporti di smorzamento dell’ordine del 10%, le analisi per lo SLU e per lo
SLD possono eseguirsi, in genere, con gli stessi valori di rigidezza e di smorzamento, se i
valori di deformazione raggiunti per i due livelli di azione sono compresi tra il 50% e il
150% .

• variabilità delle caratteristiche meccaniche dei dispositivi nell’ambito della fornitura,

Tale variabilità può essere trattata assumendo nell’analisi il valore medio delle
caratteristiche per tutti i dispositivi, nel caso in cui i dispositivi siano in numero
sufficientemente alto, come nel caso degli isolatori, da ritenere scarse le probabilità di una
sistematica differenza di caratteristiche in una precisa zona del sistema di isolamento, tale
da determinare effetti significativi di eccentricità rigidezza-massa. Per i dispositivi presenti
in numero limitato occorrerà valutare attentamente l’effetto di differenze significative
portandole in conto nell’analisi. È probabile che in questi casi occorrerà imporre limiti più
stringenti di quelli riportati nei corrispondenti paragrafi del punto 10.4.
86 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

• velocità massima di deformazione (frequenza), in un intervallo di variabilità di ±30% del valore


di progetto,

La velocità di deformazione (frequenza), nell’ intervallo di variabilità del ±30% del valore
di progetto ha, per la maggior parte dei dispositivi normalmente utilizzati, influenza
trascurabile. Più importanti sono le differenze di comportamento tra le condizioni di
esercizio (ad esempio in relazione a spostamenti lenti dovuti a variazioni termiche) e
quelle sismiche, differenziandosi le velocità di qualche ordine di grandezza.

• entità dei carichi verticali agenti simultaneamente al sisma,

La rigidezza o la resistenza agli spostamenti orizzontali di alcuni tipi di isolatori


dipendono dall’entità degli sforzi verticali agenti simultaneamente al sisma. Ciò accade in
maniera significativa per gli isolatori a scorrimento e, in misura minore, per gli isolatori
elastomerici con basso fattore di forma secondario. La variabilità della resistenza per
attrito può essere direttamente messa in conto nei modelli non lineari, attraverso
l’adozione di programmi capaci di variare la resistenza orizzontale in funzione dello
sforzo verticale in ciascun isolatore. Per gli isolatori elastomerici con elevati fattori di
forma e con verifiche di stabilità soddisfatte con ampi margine, la dipendenza della
rigidezza orizzontale dallo sforzo verticale presente è in genere trascurabile.

• entità dei carichi e delle deformazioni in direzione trasversale a quella considerata,

Il comportamento di un dispositivo secondo una direzione può essere, per alcuni tipi,
influenzato dalle deformazioni in direzione trasversale a quella considerata, per effetti del
second’ordine non trascurabili.

• temperatura, per i valori massimo e minimo di progetto,

Le variazioni di caratteristiche meccaniche conseguenti alle variazioni termiche potranno


essere valutate coerentemente con i valori di combinazione degli effetti termici.

• cambiamento delle caratteristiche nel tempo (invecchiamento).


Gli effetti dell’invecchiamento sono particolarmente significativi per i dispositivi
elastomerici, ai quali possono essere applicate procedure di invecchiamento accelerato per
determinare le variazioni di caratteristiche nel tempo.

Si dovranno, pertanto, eseguire più analisi per ciascuno stato limite da verificare, attribuendo ai
parametri del modello i valori estremi più sfavorevoli ai fini della valutazione delle grandezze da
verificare e coerenti con l’entità delle deformazioni subite dai dispositivi. In generale i valori massimi
Capitolo 2. Commentario alle Norme 87

degli spostamenti del sistema d’isolamento si otterranno attribuendo i valori minimi alle caratteristiche
di rigidezza, smorzamento, attrito, mentre i valori massimi delle deformazioni e tensioni nella
struttura si otterranno attribuendo a tali caratteristiche i valori massimi.

Nella progettazione degli edifici in categoria d’importanza III, si possono adottare i valori medi delle
proprietà meccaniche del sistema di isolamento, a condizione che i valori estremi (massimo oppure
minimo) non differiscano di più del 20% dal valor medio.

Una differenza del 20% sulle caratteristiche meccaniche del sistema di isolamento rispetto
al valore medio, assunto come valore di progetto, comporta, se si fa riferimento ad un
sistema elastico o quasi elastico, un differenza del periodo proprio dell’ordine del 10% e
analoghe differenze in termini di accelerazioni sulla struttura.

2.7.2 Modellazione (punto 10.7.2)

La sovrastruttura e la sottostruttura verranno modellate sempre come sistemi a comportamento elastico


lineare. Il sistema di isolamento può essere modellato, in relazione alle sue caratteristiche meccaniche,
come avente comportamento visco-elastico lineare oppure con legame costitutivo non lineare. La
deformabilità verticale degli isolatori dovrà essere messa in conto quando il rapporto tra la rigidezza
verticale del sistema di isolamento Kv e la rigidezza equivalente orizzontale Kesi è inferiore a 800.

Se viene utilizzato un modello lineare, si dovrà adottare la rigidezza secante riferita allo spostamento
totale di progetto per lo stato limite in esame, di ciascun dispositivo facente parte del sistema di
isolamento. La rigidezza totale equivalente del sistema di isolamento, Kesi, sarà pari alla somma delle
rigidezze equivalenti dei singoli dispositivi. L’energia dissipata dal sistema d’isolamento dovrà essere
espressa in termini di coefficiente di smorzamento viscoso equivalente del sistema d’isolamento ξesi,
valutato con riferimento all’energia dissipata dal sistema di isolamento in cicli con frequenza
nell’intervallo delle frequenze naturali dei modi considerati. Per i modi superiori della struttura, al di
fuori di tale intervallo, il rapporto di smorzamento del modello completo dovrà essere quello della
sovrastruttura nella condizione di base fissa.
Quando la rigidezza e/o lo smorzamento equivalenti del sistema di isolamento dipendono
significativamente dallo spostamento di progetto, dovrà applicarsi una procedura iterativa fino a che la
differenza tra il valore assunto e quello calcolato non sia inferiore al 5%.

Il comportamento del sistema di isolamento può essere modellato come lineare equivalente se sono
soddisfatte tutte le seguenti condizioni:

a) la rigidezza equivalente del sistema d’isolamento è almeno pari al 50% della rigidezza secante per
cicli con spostamento pari al 20% dello spostamento di riferimento;
b) lo smorzamento lineare equivalente del sistema di isolamento, come definito in precedenza, è
inferiore al 30%;
88 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

c) le caratteristiche forza-spostamento del sistema di isolamento non variano di più del 10% per
effetto di variazioni della velocità di deformazione, in un campo del ±30% intorno al valore di
progetto, e dell’azione verticale sui dispositivi, nel campo di variabilità di progetto;
d) l’incremento della forza nel sistema di isolamento per spostamenti tra 0,5ddc e ddc è almeno pari
all’ 1,25% del peso totale della sovrastruttura.

Nel caso in cui si adotti un modello non lineare, il legame costitutivo dei singoli dispositivi del sistema
di isolamento deve riprodurre adeguatamente il loro comportamento nel campo di deformazioni e
velocità che si verificano durante l’azione sismica, anche in relazione alla corretta rappresentazione
dell’energia dissipata nei cicli di isteresi.

2.7.3 Metodi di analisi (punto 10.7.3)

In relazione alle caratteristiche dell’edificio e del sistema di isolamento possono essere utilizzati i
seguenti metodi di analisi:
a) statica lineare
b) dinamica lineare
c) dinamica non lineare

Si possono applicare, in generale, i metodi previsti per gli edifici convenzionali. Non è
citata l’analisi statica non lineare, in quanto, dovendo essere trascurabili le non linearità
che si sviluppano nella struttura, l’adozione dell’analisi statica non lineare determinerebbe
non comporterebbe particolari vantaggi nella progettazione della struttura. L’analisi statica
non lineare potrebbe invece essere effettuata sulla struttura a base fissa, con la
distribuzione di forze specificata in 10.7.4, per determinare il rapporto αu/α1 , e,
conseguentemente, il coefficiente di riduzione q delle sollecitazioni di progetto della
sovrastruttura.

2.7.4 Analisi statica lineare (punto 10.7.4)

L’analisi statica lineare considera due traslazioni orizzontali indipendenti, cui sovrappone gli effetti
torsionali. Si assume che la sovrastruttura sia un solido rigido che trasla al di sopra del sistema di
isolamento, con un periodo equivalente di traslazione pari a:
Tis = 2π M / K esi (10.1)
in cui:
M è la massa totale della sovrastruttura;
Kesi è la rigidezza equivalente orizzontale del sistema d’isolamento, ottenuta trascurando eventuali
effetti torsionali a livello di isolamento.

Il metodo dell'analisi statica lineare può essere applicato se la costruzione isolata soddisfa i requisiti
seguenti:
Capitolo 2. Commentario alle Norme 89

• il sistema resistente all'azione sismica possiede una configurazione strutturale regolare in pianta,
come è definita al punto 4.3.
• la sovrastruttura ha altezza non maggiore di 20 metri e non più di 5 piani.
• la sottostruttura può essere considerata infinitamente rigida ovvero il suo periodo proprio è non
maggiore di 0,05 sec.
• la maggiore dimensione in pianta della sovrastruttura è inferiore a 50 m;
• il sistema d'isolamento può essere modellato come lineare, in accordo con il precedente punto 10.7.2
• il periodo equivalente Tis della costruzione isolata ha un valore compreso fra 3·Tbf e 3.0 s, in cui
Tbf è il periodo della sovrastruttura assunta a base fissa, stimato con un’espressione approssimata.
• la rigidezza verticale del sistema di isolamento Kv è almeno 800 volte più grande della rigidezza
equivalente orizzontale del sistema di isolamento Kesi.
• Il periodo in direzione verticale Tv, calcolato come Tv = 2π M / K v , è inferiore a 0,1 s
• Nessuno isolatore risulta in trazione per l’effetto combinato dell’azione sismica e dei carichi
verticali.
• In ciascuna delle direzioni principali orizzontali l’eccentricità totale (esclusa quella accidentale) tra
il centro di rigidezza del sistema di isolamento e la proiezione verticale del centro di massa non è
superiore al 3% della dimensione della sovrastruttura trasversale alla direzione orizzontale
considerata.

Sotto tali condizioni il calcolo potrà essere svolto su due modelli separati, per ciascuno dei quali si
assumerà il valore corrispondente dello smorzamento, uno per la sovrastruttura ed uno per la
sottostruttura. Su quest’ultimo agiranno le forze ricavate dal primo modello e le forze d’inerzia
prodotte direttamente dal moto del terreno.
Lo spostamento del centro di rigidezza dovuto all’azione sismica ddc verrà calcolato, in ciascuna
direzione orizzontale, mediante la seguente espressione:
M ⋅ S e (Tis , ξ esi ) (10.2)
d dc =
K esi , min

In cui Se(Tis, ξesi) è l’accelerazione spettrale definita in 3.2.3 per la categoria di suolo di fondazione
appropriata e Kesi,min è la rigidezza equivalente minima in relazione alla variabilità delle proprietà
meccaniche del sistema di isolamento, per effetto dei fattori definiti in 10.7.1.
Le forze orizzontali da applicare a ciascun piano della sovrastruttura debbono essere calcolate, in
ciascuna direzione orizzontale, mediante la seguente espressione:

fj = mj ⋅ Se(Tis, ξesi) (10.3)

in cui mj è la massa del piano j-esimo.

Gli effetti della torsione d’insieme della sovrastruttura sui singoli dispositivi di isolamento possono
essere messi in conto amplificando in ciascuna direzione gli spostamenti e le forze precedentemente
90 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

definiti mediante i fattori δxi e δyi , per le azioni in direzione x e y:

etot , y e tot ,x
(10.4)
δ xi = 1 + yi δ yi = 1 + xi
r 2 rx2
y

in cui:
(xi, yi) sono le coordinate del dispositivo rispetto al centro di rigidezza;
etot x, y è l’eccentricità totale nella direzione x, y, inclusa quella accidentale;
rx, y è il raggio torsionale del sistema di isolamento, dato dalla seguente espressione:
2
(
rx = ∑ xi K yi + yi K xi / ∑ K yi
2 2
) 2
( 2 2
)
ry = ∑ xi K yi + yi K xi / ∑ K xi (10.5)

Kxi e Kyi sono le rigidezze equivalenti del dispositivo i-esimo nella direzione x e y rispettivamente.
Gli effetti torsionali sulla sovrastruttura, ai fini della verifica degli elementi strutturali, saranno
valutati come specificato in 4.5.2.

L’analisi statica lineare è comunque un semplice metodo di progettazione del sistema di


isolamento e dei principali elementi strutturali ed i suoi risultati possono fornire utili
indicazioni sull’impostazione generale del progetto e sui risultati ottenuti con analisi più
sofisticate. Si consiglia di eseguirla sempre, almeno nei passi relativi alla verifica del
sistema di isolamento e alla valutazione del taglio alla base.

2.7.5 Analisi dinamica lineare (punto 10.7.5)

L’analisi dinamica lineare è ammessa quando risulta possibile modellare elasticamente il


comportamento del sistema di isolamento, nel rispetto delle condizioni di cui al punto 10.7.2. Per il
sistema complessivo, formato dalla sottostruttura, dal sistema d’isolamento e dalla sovrastruttura, si
assume un comportamento elastico lineare. Il modello comprenderà sia la sovrastruttura che la
sottostruttura, qualora il sistema di isolamento non sia immediatamente al di sopra delle fondazioni.
L’analisi potrà essere svolta mediante analisi modale con spettro di
risposta o mediante integrazione al passo delle equazioni del moto, eventualmente previo
disaccoppiamento modale, considerando un numero di modi tale da portare in conto anche un’aliquota
significativa della massa della sottostruttura, se inclusa nel modello.
L’analisi modale con spettro di risposta dovrà essere svolta secondo quanto specificato in 4.5.3, salvo
diverse indicazioni fornite nel presente paragrafo. Le due componenti orizzontali dell’azione sismica si
considereranno in generale agenti simultaneamente, adottando, ai fini della combinazione degli effetti,
le regole riportate in 4.6. La componente verticale dovrà essere messa in conto nei casi previsti in 4.6 e,
in ogni caso, quando il rapporto tra la rigidezza verticale del sistema di isolamento Kv e la rigidezza
equivalente orizzontale Kesi è inferiore a 800. In tali casi si avrà cura che la massa eccitata dai modi
in direzione verticale considerati nell’analisi sia significativa.
Capitolo 2. Commentario alle Norme 91

Per l’applicazione del metodo dello spettro di risposta, lo spettro elastico definito in 3.2.3 va ridotto
per tutto il campo di periodi T ≥ 0,8 Tis , assumendo per il coefficiente riduttivo η il valore
corrispondente al coefficiente di smorzamento viscoso equivalente ξesi del sistema di isolamento.

Ovviamente il riferimento dello spettro elastico di progetto indicato nel testo della norma
con par. 3.2.3 va inteso come integrato dalle prescrizioni del par. 10.6.1. Nel caso in cui si
assumano più valori dei parametri del sistema di isolamento il periodo Tis va riferito alla
situazione in esame o, più in generale, al valore minimo di progetto di Tis. Per il
coefficiente riduttivo η verrà assunto di volta in volta il valore corrispondente al
coefficiente di smorzamento viscoso equivalente ξesi adottato

Nel caso di analisi lineare con integrazione al passo si può adottare un solo accelerogramma, purché
esso rispetti le condizioni di coerenza con lo spettro di partenza specificate, al punto 3.2.7. La messa
in conto del corretto valore del coefficiente di smorzamento viscoso equivalente ξ si ottiene, quando si
opera sulle singole equazioni modali disaccoppiate, assegnando a ciascuna equazione il corrispondente
valore modale di ξ, quando si opera sul sistema completo, definendo in maniera appropriata la matrice
di smorzamento del sistema.

La matrice di smorzamento, in caso di integrazione diretta delle equazioni del moto


(analisi con accelerogrammi), può essere definita, se non si può determinarla direttamente,
con la classica formulazione:

C = αM + βK

Con:
α = 4 π (ξ2T2 − ξ1T1) / (T22 – T12)
β = [(T1 T2) / π] [(ξ1T2 − ξ2T1) / (T22 – T12)]
ξ = valore dello smorzamento che si vuole attribuire ai modi principali
T1 e T2 definiscono il range di periodi per il quale si vuole che lo smorzamento sia
all’incirca pari a ξ (con valore esatto agli estremi dell’intervallo).
Si possono adottare due diverse strategie nel fissare i parametri ξ1, T1 , ξ2, T2 :
• Assumere T1 circa pari a quello della struttura a base fissa e T2 circa pari a quello
della struttura isolata (in caso di modello 3D si hanno tre periodi di isolamento);
• Assumere T1 e T2 estremi dell’intervallo di periodi in cui si situano i tre periodi di
isolamento del modello 3D.

Per scegliere nella maniera più opportuna occorre tener conto dello smorzamento
risultante per gli altri modi di vibrare dall’adozione dei coefficienti α e β tarati su due soli
modi, ricavabile con la formula seguente:
92 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

ξi = 0.5 [(αTi)/(2π) + (2πβ)/(Ti)]

2.7.6 Analisi dinamica non lineare (punto 10.7.6)

L’analisi dinamica non lineare può essere svolta in ogni caso. Essa è obbligatoria quando il sistema
d’isolamento non può essere rappresentato da un modello lineare equivalente, come stabilito in 10.7.2.
Le analisi dovranno essere svolte nel rispetto delle prescrizioni riportate in 4.5.5. Il modello dovrà
rispettare quanto riportato in 10.7.5.
Nel caso in cui sussistano le condizioni per l’esecuzione di analisi statiche lineari specificate al punto
10.7.4, con la sola eccezione del comportamento del sistema d’isolamento, si potrà utilizzare un
modello semplificato del sistema strutturale, considerando la struttura come una massa rigida, collegata
a terra tramite elementi che riproducano correttamente il comportamento del sistema d’isolamento
risultante dal contributo di tutti i suoi dispositivi. Lo spostamento ottenuto dall’analisi verrà assunto
come spostamento di progetto del sistema d’isolamento, mentre l’accelerazione massima sulla massa
rigida sarà utilizzata, nell’ipotesi di distribuzione linearmente crescente lungo l’altezza
dell’accelerazione, per la valutazione delle forze d’inerzia da applicare ai singoli piani nella formula
(4.2) del par. 4.5.2, in sostituzione di Sd(T1). Gli effetti torsionali sul sistema d’isolamento verranno
valutati come precisato in 10.7.4, adottando valori delle rigidezze equivalenti coerenti con gli
spostamenti risultanti dall’analisi.

Si riporta, per comodità di lettura, il punto 4.5.5 delle norme:


4.5.5 Analisi dinamica non lineare
La risposta sismica della struttura può essere calcolata mediante integrazione delle equazioni del moto,
utilizzando un modello tridimensionale dell’edificio e gli accelerogrammi definiti al punto 3.2.7.
Il modello costitutivo utilizzato per la rappresentazione del comportamento non lineare della struttura
dovrà essere giustificato, anche in relazione alla corretta rappresentazione dell’energia dissipata nei cicli di
isteresi.
Nel caso in cui si utilizzino almeno 7 diversi gruppi di accelerogrammi le azioni potranno essere
rappresentate dai valori medi ottenuti dalle analisi, nel caso di un numero inferiore di gruppi di
accelerogrammi si farà riferimento ai valori più sfavorevoli.
Il fattore d’importanza di cui ai punti 2.5 e 4.7 dovrà essere applicato alle ordinate degli accelerogrammi.
Si ricorda che il numero di accelerogrammi o gruppi di accelerogrammi è comunque pari a
3 (3.2.7 delle norme)

2.8 VERIFICHE (punto 10.8)

2.8.1 Stato limite di danno - SLD (punto 10.8.1)

Il livello di protezione richiesto per la sottostruttura e le fondazioni nei confronti dello SLD è da
ritenere conseguito se sono soddisfatte le relative verifiche nei confronti dello SLU, di cui al punto
10.8.2.
Capitolo 2. Commentario alle Norme 93

La verifica allo SLD della sovrastruttura verrà svolta controllando che gli spostamenti interpiano
ottenuti dall’analisi siano inferiori ai limiti indicati nel punto 4.10.2.

Per comodità di lettura si riporta di seguito il punto 4.11.2:


4.11.2 Stato limite di danno
Per l’azione sismica di progetto di cui al punto 3.2.6 dovrà essere verificato che gli spostamenti strutturali
non producano danni tali da rendere temporaneamente inagibile l’edificio. Questa condizione si potrà
ritenere soddisfatta quando gli spostamenti interpiano ottenuti dall’analisi (dr) siano inferiori ai limiti
indicati nel seguito.
a) per edifici con tamponamenti collegati rigidamente alla struttura che interferiscono con la deformabilità
della stessa: dr<0.005 h (4.14)
b) per edifici con tamponamenti collegati elasticamente alla struttura: dr<0.0075 h (4.15)
d) per edifici con struttura portante in muratura ordinaria: dr< 0.003 h
e) per edifici con struttura portante in muratura armata dr<0.005 h
dove: dr è lo spostamento interpiano, ovvero la differenza tra gli spostamenti al solaio superiore ed
inferiore, calcolati secondo il punto 4.8
h è l’altezza del piano.
In caso di coesistenza di diversi tipi di tamponamenti o struttura portante nel medesimo piano dell’edificio
dovrà essere assunto il limite di spostamento più restrittivo.
È opportuno ricordare che, ai sensi del punto 2.5, nella valutazione degli effetti del sisma
occorre sempre incrementare gli effetti del fattore d’importanza, se l’azione adottata
nell’analisi non è stata già maggiorata.
In generale questa verifica viene più facilmente rispettata dagli edifici isolati alla base,
rispetto a quelli fissi alla base, grazie alla forte riduzione dell’ordinata spettrale legata
all’incremento del periodo proprio e dello smorzamento, che può risultare dell’ordine di
4-5 volte e più.

I dispositivi del sistema di isolamento non debbono subire danni che possano comprometterne il
funzionamento nelle usuali condizioni di servizio e per il terremoto di progetto allo SLU. In caso di
sistemi a comportamento fortemente non lineare, gli eventuali spostamenti residui al termine dell’azione
sismica debbono essere compatibili con la funzionalità della costruzione. Il primo requisito si ritiene
normalmente soddisfatto se sono soddisfatte le verifiche allo SLU. Il secondo requisito si ritiene
normalmente soddisfatto quando lo spostamento corrispondente all’azzeramento della forza nel ramo
di scarico del ciclo di massima ampiezza forza-spostamento del sistema di isolamento è non maggiore
di 10 mm. Si adotteranno valori inferiori al limite detto quando particolari esigenze funzionali
dell’edificio lo richiedano.

La presenza di spostamenti residui, ad esempio derivanti da plasticizzazioni più o meno


estese degli elementi base, non dovrebbe, in generale, portare né a malfunzionamenti del
sistema d’isolamento, né a compromissione delle normali condizioni di esercizio
94 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

dell’edificio. La presenza di un residuo massimo di 10 mm è ritenuto ininfluente, anche


tenuto conto delle usuali tolleranze nella realizzazione degli edifici. Per di più la stima del
residuo è effettuata con una procedura che fornisce un limite superiore del valore
effettivo dello spostamento residuo. Per alcune situazioni particolari potrebbe comunque
essere necessario imporre limiti più restrittivi.

Qualora il sistema di isolamento sia realizzato mediante isolatori elastomerici, con o senza inserti in
materiale dissipativo (ad es. piombo), il livello di protezione richiesto è da ritenersi conseguito se sono
soddisfatte le verifiche nei confronti dello SLU, di cui al successivo punto 10.8.2.

Il comportamento quasi-elastico degli isolatori in gomma garantisce un ritorno alla


condizione indeformata, anche se non necessariamente immediato, e garantisce il
ripristino delle condizioni pre-sisma, senza necessità di verifiche apposite.

Le eventuali connessioni, strutturali e non, particolarmente quelle degli impianti, fra la struttura
isolata e il terreno o le parti di strutture non isolate, devono assorbire gli spostamenti relativi massimi
ottenuti dal calcolo senza alcun danno o limitazioni d’uso.

Per il modo di funzionare di una struttura con isolamento alla base, possono verificarsi,
anche per terremoti ad elevata probabilità di arrivo rispetto ai quali occorre garantire la
piena funzionalità dell’edificio, spostamenti relativi non trascurabili (qualche cm) tra la
sovrastruttura e le parti fisse (sottostruttura, terreno, costruzioni adiacenti). Tali
spostamenti porterebbero a danni alle connessioni che non vengono esplicitamente
progettate per sostenerli ed alle tubazioni rigide tipicamente adottate nella transizione tra
edifici fissi alla base e terreno (o altre costruzioni o parti strutturali).

2.8.2 Stato limite ultimo - SLU (punto 10.8.2)

Lo SLU della sottostruttura e della sovrastruttura dovranno essere verificati con i valori di γM
utilizzati per gli edifici non isolati.

Gli elementi della sottostruttura dovranno essere verificati rispetto alle sollecitazioni ottenute
direttamente dall’analisi, quando il modello include anche la sottostruttura. In caso contrario, essi
dovranno essere verificati rispetto alle sollecitazioni prodotte dalle forze trasmesse dal sistema
d’isolamento combinate con le sollecitazioni prodotte dalle accelerazioni del terreno direttamente
applicate alla sottostruttura. Nel caso in cui la sottostruttura possa essere assunta infinitamente rigida
(periodo proprio inferiore a 0,05 s) le forze d’inerzia direttamente applicate ad essa possono essere
assunte pari al prodotto delle masse della sottostruttura per l’accelerazione del terreno ag.
Capitolo 2. Commentario alle Norme 95

La combinazione delle sollecitazioni potrà essere effettuata mediante la regola della radice quadrata
della somma dei quadrati (v. punto 4.5.3, eq. 4.4).

Per un corretto e prevedibile funzionamento del sistema di isolamento, occorre che la


sottostruttura rimanga in campo sostanzialmente elastico, sotto l’effetto delle azioni
sismiche di progetto. Le forze d’inerzia rispetto alle quali occorre verificare gli elementi
della sottostruttura saranno quelle della sovrastruttura, trasmesse attraverso il sistema di
isolamento, e quelle determinate dalle accelerazioni del terreno direttamente applicate alla
sottostruttura. In considerazione dell’usuale elevata rigidezza della sottostruttura e,
dunque, della sostanziale assenza di amplificazioni, le forze d’inerzia agenti alla
sottostruttura potranno essere calcolate applicando direttamente la massima accelerazione
del terreno alle masse struttura. In virtù della bassa probabilità che i massimi delle
sollecitazioni indotte nella sottostruttura dalle forze d’inerzia sulla sovrastruttura e dalle
forze d’inerzia direttamente applicate alla sottostruttura siano contemporanei, si può
applicare la regola di combinazione della radice quadrata della somma dei quadrati, anche
nel caso in cui le sollecitazioni prodotte dai due sistemi di forze d’inerzia (sulla
sovrastruttura e sulla sottostruttura) siano calcolate separatamente mediante analisi
statiche.
Alle sollecitazioni calcolate dall’analisi non va applicato alcun coefficiente di struttura
riduttivo.

Le condizioni di resistenza degli elementi strutturali della sovrastruttura possono essere soddisfatte
considerando gli effetti dell’azione sismica divisi dal fattore q = 1,15 ⋅ αu /α1, combinati con le altre
azioni secondo le regole del punto 3.3. Il valore di αu /α1 può essere calcolato per mezzo di un analisi
statica non lineare (punto 4.5.4) o assunto pari al valore
specificato per le diverse tipologie strutturali nei corrispondenti punti di questa norma. In nessun caso
può essere assunto superiore a 1,5.
Le considerazioni ed i commenti relativi ai requisiti di cui al punto 10.3, portavano a
limitare le plasticizzazioni negli elementi strutturali, e dunque, il valore del coefficiente di
struttura.
Per comodità di lettura, si riporta di seguito l’enunciato del punto 5.3.2 relativo alla
definizione del rapporto αu /α1 :

α1 è il moltiplicatore della forza sismica orizzontale per il quale il primo elemento strutturale raggiunge
la sua resistenza flessionale
αu è il moltiplicatore della forza sismica orizzontale per il quale si verifica la formazione di un numero di
cerniere plastiche tali da rendere la struttura labile.
Il valore di αu /α1 può essere calcolato per mezzo di un analisi statica non lineare (punto 4.5.4) e non
può in ogni caso essere assunto superiore a 1,5.
96 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Qualora non si proceda ad una analisi non lineare per la valutazione di αu /α1, i seguenti valori possono
essere adottati:
edifici a telaio di un piano αu /α1 = 1,1
edifici a telaio a più piani, con una sola campata αu /α1 = 1,2
edifici a telaio con più piani e più campate αu /α1 = 1,3
edifici a pareti non accoppiate αu /α1 = 1,1
edifici a pareti accoppiate o miste telaio-pareti αu /α1 = 1,2

L’espressione riportata in 10.8.2, in assenza di una specifica analisi statica non lineare,
limita il valore di q ad un massimo pari a 1.15·1.3 =1.50, che può raggiungere il valore
massimo di 1.73, nel caso in cui il rapporto αu /α1 venga valutato con una analisi statica
non lineare. Tali valori sono indipendenti dalle condizioni di regolarità della struttura ed è,
come già detto, riferito ad una classe di duttilità B. A titolo esemplificativo e di confronto
si può verificare come una struttura intelaiata in c.a. a base fissa, regolare in elevazione,
avrebbe un coefficiente di struttura q = 0.7·4.5· 1.3=4.10 oppure q = 0.7·4.5· 1.5=4.73,
ossia un valore 2.74 volte più elevato.

I giunti tra strutture contigue devono essere dimensionati secondo quanto previsto al punto 4.11.1.5.

Per comodità di lettura, di seguito si riporta l’enunciato del punto 4.11.1.5 e del punto 4.8:
Il martellamento tra strutture contigue deve essere evitato, creando giunti di dimensione non inferiore alla
somma degli spostamenti allo stato limite ultimo delle strutture medesime, calcolati secondo il punto 4.8.
Lo spostamento massimo di un eventuale edificio contiguo esistente potrà essere stimato in 1/100
dell’altezza dell’edificio.
Gli spostamenti indotti dall’azione sismica relativa allo stato limite ultimo potranno essere valutati
moltiplicando gli spostamenti ottenuti utilizzando lo spettro di progetto corrispondente (punto 3.2.5) per il
fattore di struttura (q) e per il fattore di importanza (γI, punti 2.5 e 4.7) utilizzati. Gli spostamenti
indotti dall’azione sismica relativa allo stato limite di danno potranno essere valutati moltiplicando gli
spostamenti ottenuti utilizzando lo spettro di progetto corrispondente (punto 3.2.6) per il fattore di
importanza utilizzato. In caso di analisi non lineare, statica o per integrazione delle equazioni del moto,
gli spostamenti saranno ottenuti direttamente dall’analisi.

Nel caso degli edifici con isolamento sismico, poiché l’analisi viene svolta con lo spettro
di risposta elastico non ridotto dal coefficiente di struttura, i giunti vanno dimensionati
con riferimento agli spostamenti ottenuti dall’analisi moltiplicati per il fattore
d’importanza.

I tubi per la fornitura del gas o che trasportano altri fluidi pericolosi, al passaggio dal terreno o da
altre costruzioni all’edificio in esame, dovranno sopportare senza rotture gli spostamenti relativi cui
sono sottoposti.
Capitolo 2. Commentario alle Norme 97

Le tubazioni che trasportano fluidi pericolosi necessitano, ovviamente, di un livello di


sicurezza superiore, riferibile all’assenza di danni per il terremoto di progetto allo SLU.

Negli edifici di categoria d’importanza I, le eventuali connessioni, strutturali e non, particolarmente


quelle degli impianti, fra la struttura isolata e il terreno o le parti di strutture non isolate devono
assorbire gli spostamenti relativi previsti dal calcolo, senza danni.

Gli edifici di categoria d’importanza I debbono mantenere la loro piena funzionalità


anche dopo un terremoto violento. Per i loro impianti, pertanto, si richiede che vengano
rispettati i requisiti di assenza di danni nelle connessioni anche per il terremoto di
progetto allo SLU. Nella valutazione degli spostamenti occorre tener conto della
maggiorazione legata al coefficiente d’importanza.

I dispositivi del sistema d’isolamento debbono essere in grado di sostenere, senza rotture, gli
spostamenti d2 , valutati per un terremoto avente probabilità di arrivo inferiori a quello di progetto allo
SLU, ottenuto amplificando quest’ultimo del 20%. Nel caso di sistemi di isolamento a
comportamento modellabile come lineare, è sufficiente maggiorare del 20% lo spostamento ottenuto con
il terremoto di progetto. Nel caso di sistemi a comportamento non lineare, occorre ripetere le analisi per
l’azione sismica maggiorata.

Questa prescrizione realizza il requisito enunciato in 10.3, relativo al livello superiore di


sicurezza richiesto al sistema d’isolamento. Lo spostamento d2, che definisce lo SLU dei
dispositivi di isolamento, è dunque riferito ad un terremoto di intensità superiore del 20%
all’intensità del terremoto per il quale vengono progettate le strutture allo SLU, e quindi
ad una probabilità di arrivo in 50 anni del 5-6 %. La necessità di ripetere le analisi per i
sistemi a comportamento non lineare è dovuta alla non proporzionalità tra intensità
dell’azione ed effetti.
Per tutti gli isolatori deve essere, in generale, soddisfatta la condizione: V ≥ 0 (assenza di trazione).
Nel caso in cui dall’analisi risultasse V<0 in condizioni sismiche, occorrerà che la tensione di
trazione sia inferiore al valore minore tra 2G e 1 MPa negli isolatori elastomerici oppure, per gli
isolatori di altro tipo, dimostrare, attraverso adeguate prove sperimentali, che l’isolatore sia in grado di
sostenere tale condizione oppure predisporre opportuni dispositivi in grado di assorbire integralmente la
trazione.

v. commenti al punto 10.5.

Nelle condizioni di massima sollecitazione le parti dei dispositivi non impegnate nella funzione
dissipativa devono rimanere in campo elastico, nel rispetto delle norme relative ai materiali di cui sono
costituite, e comunque con un coefficiente di sicurezza almeno pari a 1,5.
98 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Le parti cui si riferisce la norma sono, ad esempio, gli elementi di connessione alla
struttura (bulloni, piastre, etc.), le piastre cui sono attaccate le superfici di scorrimento
degli isolatori in acciaio-PTFE, il cilindro e lo stelo di un dispositivo viscoso, tutti gli
elementi costruttivi e le connessioni di un dispositivo elasto-plastico ad esclusione degli
elementi dissipativi (metallici o altro), etc.

Gli isolatori elastomerici debbono soddisfare le verifiche riportate nell’allegato 10.A.


Le modalità di effettuazione delle prove sperimentali sui dispositivi, atte a verificare la rispondenza dei
dispositivi alle ipotesi progettuali e alle condizioni da rispettare agli stati limite sono riportate
nell’allegato 10.B

2.9 ASPETTI COSTRUTTIVI, MANUTENZIONE, SOSTITUIBILITÀ (punto


10.9)

Il progetto dei dispositivi di qualsiasi tipo comprende la redazione di un piano di qualità, che prevede,
fra l'altro, la descrizione delle loro modalità di installazione durante la fase di costruzione dell'opera
da isolare, nonché il programma dei controlli periodici e degli interventi di manutenzione durante la
vita di progetto della struttura, la cui durata deve essere specificata nei documenti di progetto e che,
comunque, non deve risultare minore di 60 anni.
Ai fini della durabilità sono rilevanti le differenti proprietà di invecchiamento degli elastomeri (gomme)
e dei polimeri termoplastici (teflon), l'azione degradante esercitata dall'ossigeno atmosferico sulle
superfici degli elementi di acciaio, le caratteristiche fisiche e chimiche degli adesivi, utilizzati per
incollare le lamiere di acciaio alla gomma, e quelle dei polimeri organici del silicio a catena lineare (olii
e grassi siliconici), utilizzati nei dispositivi viscosi.
Ai fini della qualità della posa in opera, gli isolatori devono essese installati da personale
specializzato, sulla base di un disegno planimetrico recante le coordinate e la quota di ciascun
dispositivo, l'entità e la preregolazione degli eventuali dispositivi mobili a rotolamento, le dimensioni
delle eventuali nicchie predisposte nei getti di calcestruzzo per accogliere staffe o perni di ancoraggio, le
caratteristiche delle malte di spianamento e di sigillatura.
Ai fini della sostituzione degli isolatori, il progetto delle strutture di c.a. deve prevedere la possibilità di
trasferire temporaneamente i carichi verticali dalla sovrastruttura alla sottostruttura per il tramite di
martinetti oleodinamici, adiacenti all'isolatore da sostituire. A tale scopo il progetto delle strutture può
prevedere nicchie per l'inserimento dei martinetti tra la sottostruttura e la sovrastruttura ovvero altre
disposizioni costruttive equivalenti (per es. mensole corte che aggettano dalla base della sovrastruttura e
che appoggiano su due martinetti ai lati dell'isolatore).
Anche i percorsi, che consentono al personale addetto di raggiungere e di ispezionare gli isolatori,
devono essere previsti e riportati sul progetto esecutivo delle strutture portanti e su quello delle eventuali
murature di tamponamento, in modo da garantire l'accessibilità al dispositivo da tutti i lati.
Capitolo 2. Commentario alle Norme 99

Le risultanze delle visite periodiche di controllo devono essere annotate su un apposito documento, che
deve essere conservato con il progetto della struttura isolata durante l'intera vita di utilizzazione della
costruzione.

2.10 COLLAUDO (punto 10.10)

Il collaudo statico deve essere effettuato in corso d'opera; al riguardo si segnala che di fondamentale
importanza è il controllo della posa in opera dei dispositivi, nel rispetto delle tolleranze e delle modalità
di posa prescritte dal progetto.
Il collaudatore deve avere specifiche competenze, acquisite attraverso precedenti esperienze, come
progettista, collaudatore o direttore dei lavori di struttura con isolamento sismico, o attraverso corsi
universitari o di specializzazione universitaria.
Oltre a quanto indicato nelle norme tecniche emanate ai sensi dell'art.21 della legge 5.11.71 n.1086,
per le opere in c.a., in c.a.p. ed a struttura metallica, devono osservarsi le prescrizioni di minima di
seguito riportate:
• devono essere acquisiti dal collaudatore i documenti di origine, forniti dal produttore, unitamente ai
certificati relativi alle prove sui materiali ed alla qualificazione dei dispositivi, nonché i certificati
relativi alle prove di accettazione in cantiere disposte dalla Direzione dei Lavori;
• la documentazione ed i certificati sopraindicati devono essere esposti nella relazione a struttura
ultimata del Direttore dei Lavori cui spetta, ai sensi delle vigenti norme, il preminente compito di
accertare la qualità dei materiali impiegati nella realizzazione dell'opera.
Il collaudatore, nell'ambito dei suoi poteri discrezionali, potrà estendere i propri accertamenti, ove ne
ravvisi la necessità. In tale senso il collaudatore potrà disporre l'esecuzione di speciali prove per la
caratterizzazione dinamica del sistema di isolamento atte a verificare, nei riguardi di azioni di tipo
sismico, che le caratteristiche della costruzione corrispondano a quelle attese.
100 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico
CAPITOLO 3: ESEMPI DI APPLICAZIONE
Ai fini di una completa esposizione delle modalità applicative della normativa sismica
emanata con “Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20 marzo 2003 n.
3274/2003, all.2: primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica
del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica”, in
particolare per quel che riguarda il capitolo 10 dell’allegato 2, relativo agli edifici con
isolamento sismico, si espongono in questo capitolo due esempi di applicazione su di un
edificio reale, che permettono di illustrare e confrontare le procedure di progetto, ed i
relativi risultati, per strutture nuove e per l’adeguamento delle strutture esistenti.
Nel primo esempio la struttura viene interamente riprogettata per essere protetta dal
sisma mediante isolamento alla base con isolatori elastomerici, mantenendo invariata la
configurazione architettonica dell’edificio. In questo modo vengono illustrate le
procedure di progetto e verifica valide per una nuova struttura.
Nel secondo esempio viene progettato un intervento di adeguamento sismico
dell’edificio, ancora mediante l’applicazione dell’isolamento alla base con isolatori
elastomerici, facendo in modo di operare solamente al livello delle fondazioni, lasciando
sostanzialmente inalterata la struttura in elevazione.
La struttura considerata è quella, in calcestruzzo armato, di un edificio destinato a civile
abitazione, situato nel Comune di Bonefro (CB), ricadente in zona 2 secondo la recente
classificazione sismica (Criteri per l’individuazione delle zone sismiche -
individuazione, formazione e aggiornamento degli elenchi delle medesime zone -
Allegato A). L’edificio è stato realizzato nel 1982-83, per l’I.A.C.P. della Provincia di
Campobasso, ed è a pianta rettangolare, con quattro piani, di cui tre abitabili, per un totale
di n° 6 alloggi, un sottotetto non abitatile e copertura a falde inclinate (v. Fig. 3.1a e b).

Fig. 3.1a Immagine dell’edificio


102 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

21.20
9.40 2.40 9.40
1.50 4.40 2.30 2.40 2.40 2.30 4.40 1.50

0.90
1.20
1.30

1.20
1.30

1.30

1.20
1.30
4.30 2.75 1.55
LETTO LETTO
3.35
W.C.

4.85
0.90
1.10

10.00
1.70
4.80

LETTO
3.60

4.10
SOGGIORNO
3.95
3.10 CUCINA

3.40
2.90
0.90
2.20

0.90
2.20

1.05
1.20
1.30

1.50 4.40 2.60 4.20 2.60 4.40 1.50


7.25 6.70 7.25
Fig. 3.1b Pianta architettonica del piano tipo

La struttura, priva di particolari elementi irrigidenti, è costituita da 3 telai piani in


direzione X, tutti con travi emergenti e 4 telai piani in direzione Y, di cui due con travi
emergenti e due con travi a spessore (v. Fig. 3.2-3-4-5-6-7). Inoltre è presente un vano
scala in posizione eccentrica rispetto all’asse longitudinale (situato tra i pilastri 3-4-9-10),
con struttura della scala a soletta rampante (v. Fig. 3.8).

3.45 3.15 2.50 2.70 2.50 3.15 3.45


1 2 3 4 5 6 7 8
4.70

Y
9 10 X 15 16
9.70

11 12 13 14
2.70 2.95
5.00

17 18 19 20 21 22 23
0.35

0.35
3.80 3.20 3.20 3.80
20.90
Fig. 3.2 Posizione schematica dei pilastri in pianta
Capitolo 3. Esempi di applicazione 103

A
0.35 0.35 0.35 0.35 0.35 0.35 0.35 0.35
1.00 3.10 2.80 2.15 2.35 2.15 2.80 3.10 1.00

1.00
0.35
4.35
12.05
0.35
0.35 0.35 0.35 0.35
2.35 2.60 1.00 1.00 2.60 2.35

4.65
0.75

0.35
1.00
0.35 0.35 0.35 0.35 0.35 0.35 0.35
1.00 3.10 3.45 2.85 2.85 3.45 3.10 1.00
21.25

A
Fig. 3.3 Pianta delle fondazioni
A
0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30
3.15 2.85 2.20 2.40 2.20 2.85 3.15

0.30
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50 30x50
50x20 2 φ14 sup + 2 φ14 inf

50x20 2 φ14 sup + 2 φ14 inf


FASCIA PIENA

FASCIA PIENA
30x50

30x50

4.40
10.00
0.30
80x20 80x20 80x20 80x20 80x20 80x20 80x20

0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30


2.40 2.65 2.40 2.65 2.40
30x50

30x50

4.70
0.30

30x50 30x50 30x50 30x50 30x50 30x50


0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30
3.15 3.50 2.90 2.90 3.50 3.15
21.20

A
Fig. 3.4 Pianta I° piano
104 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

A
0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30
3.15 2.85 2.20 2.40 2.20 2.85 3.15

0.30
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

50x20 2 φ14 sup + 2 φ14 inf

50x20 2 φ14 sup + 2 φ14 inf


FASCIA PIENA

FASCIA PIENA
30x50

30x50

4.40
10.00
0.30
80x20 80x20 80x20 80x20 80x20 80x20 80x20

50x20
30x50

30x50
50x20

4.70
80x20 80x20 80x20 80x20 80x20 80x20

0.30
0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30
3.15 3.50 2.90 2.90 3.50 3.15
21.20

A
Fig. 3.5 Pianta II° e III° piano

A
0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30
3.15 2.85 2.20 2.40 2.20 2.85 3.15

0.30
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50 30x50 30x50
30x50

50x20

50x20

30x50

4.40
10.00
0.30

80x20 80x20 80x20 80x20 30x50 80x20 80x20


50x20
30x50

50x20

30x50

4.70
0.30

30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30


3.15 3.50 2.90 2.90 3.50 3.15
21.20

A
Fig. 3.6 Pianta IV° piano – sottotetto
Capitolo 3. Esempi di applicazione 105

A
0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30
3.15 2.85 2.20 2.40 2.20 2.85 3.15

0.35
0.30
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

30x50

30x50

4.40
1.65

10.90
0.30
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50 30x50 30x50
30x50

30x50

4.70
0.30
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

0.35
0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30
3.15 3.50 2.90 2.90 3.50 3.15
0.35 0.35
21.90

A
Fig. 3.7 Pianta copertura
1.65
3.10

1.55
3.10
13.85

1.55
1.55
3.10

1.55
1.55
2.90

1.35

0.00
0.60 0.90
1.50

0.75 0.75 0.75


4.22 3.92
0.80 0.80

Fig. 3.8 Sezione A-A


106 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

I solai latero-cementizi hanno altezza di 20 cm (16+4), mentre le tamponature in


mattoni forati sono realizzate a doppia fodera con camera d’aria, per uno spessore di
12+10+8 cm.
A seguito delle scosse sismiche del 31.10.2002 e 1.11.2002, l’edificio ha subito danni
significativi alle strutture portanti del piano terra, oltre che alle tamponature dello stesso
piano, evidenziando la sua insufficiente capacità di resistere all’azione sismica, nonostante
fosse stato progettato per zona di seconda categoria, secondo la normativa sismica
vigente all’epoca. Nella Fig. 3.9 sono riportate alcune immagini dei danni subiti, che
evidenziano l’usuale inadeguatezza dei dettagli costruttivi (carenza di staffe nei pilastri in
vicinanza del nodo) e la pericolosa interazione con le tamponature.

Fig. 3.9 Danni subiti dall’edificio a seguito delle scosse sismiche del 31.10.2002 e
1.11.2002.

3.1 PROGETTAZIONE DI UNA NUOVA STRUTTURA ISOLATA ALLA


BASE

La procedura di progettazione, coerentemente con quanto previsto dalla normativa,


segue lo schema a blocchi riportato in Fig. 3.1.1, valido per l’adozione di sistemi
d’isolamento sia a comportamento elastico che a comportamento non lineare.
I blocchi 1, 2, 3 comprendono le operazioni propedeutiche al dimensionamento e alla
progettazione del sistema strutturale. Essi sono relativi alla fase di definizione della
struttura, nella sua geometria generale (fili fissi, posizione dei pilastri e delle travi, etc.) e
nei suoi materiali costitutivi e tipologia di dettagli costruttivi (caratteristiche di progetto
dei materiali, quantitativi minimi di armatura longitudinale e trasversale, etc.), nonché di
definizione dei carichi (destinazione d’uso per i carichi verticali, zona sismica e categoria
di suolo di fondazione per le azioni sismiche). Le operazioni svolte in questa fase fanno
riferimento essenzialmente ai capitoli 3-Azione Sismica e 4-Criteri Generali di
Progettazione.
Il blocco 4 si riferisce al predimensionamento degli elementi strutturali e alla
definizione delle caratteristiche fondamentali del sistema d’isolamento. La geometria degli
elementi strutturali viene definita essenzialmente sulla base delle sollecitazioni dovute ai
carichi verticali, mantenendo però i necessari margini per soddisfare le verifiche di
sicurezza anche in condizioni sismiche. Il sistema di isolamento viene definito, in questa
fase, in termini di proprietà generali di rigidezza e smorzamento, in termini di entità
globale e di distribuzione tra i vari dispositivi, rimandando alla fase di verifica (blocco 7)
Capitolo 3. Esempi di applicazione 107

la progettazione di dettaglio dei dispositivi stessi. Nel caso in esame, il sistema realizza la
strategia dell’incremento del periodo ed è basato, come ipotesi progettuale, su dispositivi
elastomerici armati (punto 10.4.1-Isolatori elastomerici).

1. Geometria

2. Materiali e Dettagli Costruttivi

3. Carichi e azioni sismiche

4. Predimensionamento
Struttura
Sistema d’isolamento

5. Modellazione e analisi strutturale

6. Verifiche struttura
SLU- sollecitazioni(Se ) ≤ resistenza
SLD- drift (Se /2.5) ≤ limite

7. Verifiche dispositivi

8. Giunti e connessioni non strutturali

Fig. 3.1.1 - Diagramma a blocchi della procedura di progettazione della nuova


struttura con isolamento sismico

Il blocco 4 si riferisce al predimensionamento degli elementi strutturali e alla


definizione delle caratteristiche fondamentali del sistema d’isolamento. La geometria degli
elementi strutturali viene definita essenzialmente sulla base delle sollecitazioni dovute ai
carichi verticali, mantenendo però i necessari margini per soddisfare le verifiche di
sicurezza anche in condizioni sismiche. Il sistema di isolamento viene definito, in questa
fase, in termini di proprietà generali di rigidezza e smorzamento, in termini di entità
108 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

globale e di distribuzione tra i vari dispositivi, rimandando alla fase di verifica (blocco 7)
la progettazione di dettaglio dei dispositivi stessi. Nel caso in esame, il sistema realizza la
strategia dell’incremento del periodo ed è basato, come ipotesi progettuale, su dispositivi
elastomerici armati (punto 10.4.1-Isolatori elastomerici).
La progettazione procede individuando innanzitutto la coppia periodo-smorzamento
(Tis, ξesi) che permette di ottenere un soddisfacente abbattimento delle forze sismiche
rispetto alla configurazione di struttura a base fissa, spostamenti abbastanza contenuti, in
relazione all’intensità e alle caratteristiche spettrali dell’azione sismica (punti 3.2.1- Zone
sismiche, 3.2.2- Descrizione dell’azione sismica, 3.2.3- Spettro di risposta elastico),
e una buona compatibilità con la produzione commerciale corrente, salvo esigenze
particolari.
Nel caso di sistemi a comportamento non lineare incrudente si può procedere
approssimando il loro comportamento ancora in termini di periodo e smorzamento
equivalenti, e quindi adottare la procedura appena vista. Nel caso di sistemi a soglia
plastica e tratto post-elastico quasi orizzontale, che permettono di realizzare la strategia di
limitazione della forza, occorrerà definire la soglia plastica pari alla massa della
sovrastruttura moltiplicata per l’accelerazione spettrale, per poi determinare, mediante
analisi al passo dell’oscillatore elementare o appositi spettri elastoplastici, il massimo
spostamento. Con riferimento a quest’ultimo, si procederà alla vera e propria
progettazione dei dispositivi.
Il blocco 5 si riferisce alla messa a punto del modello strutturale ed all’esecuzione delle
analisi (statiche e, ove necessario, dinamiche) necessarie alla valutazione delle
sollecitazioni negli elementi strutturali e delle deformazioni, per le successive verifiche allo
SLD e allo SLU.
I blocchi 6, 7 e 8 si riferiscono all’esecuzione delle procedure di progetto-verifica degli
elementi strutturali, rispetto alle sollecitazioni di progetto, dei dispositivi di isolamento,
rispetto alle sollecitazioni e alle deformazioni di progetto, dei giunti e delle connessioni
non strutturali (tubazioni, impianti, etc.), rispetto agli spostamenti di progetto.

3.1.1 Geometria (BLOCCO 1)

Le caratteristiche geometriche della struttura, quali posizione dei pilastri, orditura del
solaio e altezza (v. Fig. 3.1.1), sono fissate in base alla configurazione architettonica
dell’edificio esistente e tendono a realizzare una struttura intelaiata più equilibrata nelle
due direzioni. Confrontando la pianta dei fili fissi dei pilastri nelle due differenti situazioni
mostrate nelle Fig. 3.1.1 e Fig. 3.2, si può osservare come, nella nuova configurazione, i
pilastri siano in numero inferiore (18→23) e allineati in entrambe le direzioni.
Il livello d’imposta della fondazione è collocato ad una profondità di 2.50 m rispetto al
primo solaio, per realizzare un piano interrato che permetta l’ispezione e la manutenzione
dei dispositivi, come richiesto al punto 10.9-Aspetti costruttivi, manutenzione,
sostituibilità. In alternativa, si potrebbe approfondire ulteriormente il livello di imposta
così da utilizzare (come cantinato, garage ecc.) la volumetria del piano in cui vengono
posizionati gli isolatori, consentendo nel contempo l’accesso, la manutenzione, l’ispezione
Capitolo 3. Esempi di applicazione 109

e la sostituzione dei dispositivi. Le altezze dei vari piani sono immutate rispetto a quelle
della struttura esistente: piano terra 2.90 m, interpiano tipo 3.10 m e trave di colmo a 1.65
m dal solaio di sottotetto, per un’altezza complessiva dell’edificio fuori terra di 13.85 m.
Le fondazioni sono realizzate con un grigliato di travi rovesce.
Rispetto alla situazione esistente la struttura è stata regolarizzata con l’eliminazione di
un pilastro intermedio non appartenente ad alcun telaio trasversale, ottenendo così una
maglia regolare in pianta, in cui ciascun pilastro fa parte di un telaio sia secondo X che
secondo Y. Si migliora, così, anche la distribuzione dei carichi verticali sugli isolatori. Le
travi principali dei telai in direzione X sono tutte emergenti, comprese quelle interne, a
differenza della struttura esistente, che ha tutte travi a spessore nel telaio interno. Questa
scelta è legata all’aumento delle luci conseguente all’eliminazione dei pilastri intermedi
detti. Le travi secondarie esterne in direzione Y sono emergenti, per irrigidire
torsionalmente la struttura, così come sono emergenti quelle adiacenti al vano scala (3-9 e
4-10) e le travi di interpiano in direzione X. Quelle interne in direzione Y sono a spessore,
per esigenze architettoniche.
La nuova struttura è simmetrica rispetto all’asse Y e, di poco, non simmetrica rispetto
all’asse X.

3.1.2 Materiali e Dettagli Costruttivi (BLOCCO 2)

3.1.2.1 Caratteristiche dei Materiali

Le caratteristiche dei materiali sono conformi al D.M.LL.PP. del 9/1/96 “Norme


tecniche per il calcolo, l’esecuzione e il collaudo delle strutture in cemento armato,
normale e precompresso e per le strutture metalliche”. Sebbene non strettamente
necessario, esse soddisfano anche i requisiti riportati al punto 5.2-Caratteristiche dei
materiali, validi per le strutture non isolate:

• acciaio FeB44K:

fyk = 430 N/mm2


E = 206000 N/mm2
fsd = fyk/γs = 430/1.15 = 374 N/mm2

• calcestruzzo Rck = 25 N/mm2:

fcd = 0.85 · fck/γc = 0.85 · Rck · 0.83/1.6 = 11.0 N/mm2


E = 5700 ⋅ (Rck)1/2 = 28500 N/mm2
fctd = 1.02 N/mm2
γ = 24.00 kN/m3
ν = 0.2
110 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Tali caratteristiche dovranno essere controllate su provini di materiale prelevati durante


l’esecuzione dell’opera, secondo quanto previsto nello stesso D.M. LL.PP. del 9/1/96.

1 2 3 4 5 6

vano
scala
4.70

Y
7 8 9 X 10 11 12
9.70

5.00

13 14 15 16 17 18
3.45 5.65 2.70 5.65 3.45
20.90
1.65
3.10
3.10
13.85
3.10
2.90

kiso, ξesi kiso, ξesi


2.00

9.70 3.45 5.65 2.70 5.65 3.45


5.00 4.70 20.90

Fig. 3.1.1 Posizione dei pilastri (pianta fili fissi) e altezze dell’edificio

3.1.2.2 Dettagli Costruttivi

Essendo nulle o molto limitate le richieste di duttilità agli elementi strutturali, i dettagli
costruttivi potranno essere progettati con riferimento alle prescrizioni relative alle
strutture in zona sismica 4 (punto 10.3-Requisiti generali e criteri per il loro
soddisfacimento), rispettando le specifiche riportate nel punto 5.8-Edifici in zona 4,
ossia quelle valide per la progettazione “non sismica” delle strutture in c.a., con le
seguenti condizioni aggiuntive:
Capitolo 3. Esempi di applicazione 111

• Le travi devono rispettare in entrambe le direzioni le prescrizioni di cui ai punti


5.5.2.2-Armature trasversali e 5.5.2.3-Armature longitudinali, limitatamente a
quanto previsto per la classe di duttilità B, con la deroga rispetto al punto
5.5.2.1-Limiti geometrici.
• I pilastri devono rispettare le prescrizioni di cui al punto 5.5.3.3-Armature
trasversali, limitatamente a quanto previsto per la classe di duttilità B.
• Nei nodi trave-pilastro non confinati, ai sensi del punto 5.4.3.1-Definizioni,
devono essere disposte staffe di contenimento in quantità almeno pari alla
maggiore prevista nelle zone del pilastro inferiore e superiore adiacenti al nodo.
Tali condizioni vengono applicate al caso in esame e mostrate nel seguito in maniera più
dettagliata per le diverse tipologie di elemento.

3.1.3 Carichi ed Azioni (BLOCCO 3)

3.1.3.1 Analisi dei Carichi

L’analisi dei carichi di seguito riportata è svolta con riferimento al D.M.LL.PP. del
16/01/96 “Norme tecniche relative ai criteri generali per la verifica di sicurezza
delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi”.

Solaio

Il solaio è ordito in direzione parallela all’asse Y, ed il suo spessore è pari a:


s = L /25 = 0.2m
dove L è la luce più grande, nel caso in esame pari a 5.00 m.

Peso del solaio del piano tipo:


• carichi fissi 2.82 kN/m2
soletta in c.a. (spessore di 4 cm) 0.04m⋅25 kN/m3⋅1m⋅1m 1.00 “
travetti 2⋅(0.10⋅0.16)m2⋅25 kN/m3⋅1m 0.80 “
laterizi 2⋅(0.40⋅0.16)m2 ⋅8 kN/m3⋅1m 1.02 “
• carichi permanenti 2.80 kN/m2
massetto e pavimento 1.50 “
intonaco di calce (1.5 cm) 0.30 “
incidenza tramezzi 1.00 “
• TOTALE 5.62 kN/m2
• sovraccarichi variabili locali abitazione 2.00 “
balconi 4.00 kN/m2
112 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Peso del solaio di sottotetto:


• carichi fissi 2.82 kN/m2
soletta in c.a. (spessore di 4 cm) 0.04m⋅25 kN/m3⋅1m⋅1m 1.00 “
Travetti 2⋅(0.10⋅0.16)m2⋅25 kN/m3⋅1m 0.80 “
Laterizi 2⋅(0.40⋅0.16) m2 ⋅8 kN/m3⋅1m 1.02 “
• carichi permanenti 0.30 kN/m2
intonaco di calce (1.5 cm) 0.30 “
• TOTALE 3.12 kN/m2
• sovraccarichi variabili sottotetti accessibili
(per sola manutenzione) 1.00 kN/m2

Peso del solaio di copertura:


• carichi fissi 3.25 kN/m2
soletta in c.a. (spessore di 4 cm) 0.04m⋅25kN/m3⋅1m⋅1m/cos30° 1.15 “
in proiezione orizzontale
Travetti 2⋅(0.10⋅0.16)m2⋅25 kN/m3 ⋅1m 0.92
/ cos30° “
Laterizi 2⋅(0.40⋅0.16) m2 ⋅8 kN/m3⋅1m / 1.18
cos30° “
• carichi permanenti 2.08 kN/m2
massetto e coppi 1.50/ cos30° 1.73 “
intonaco di calce (1.5 cm) 0.30/ cos30° 0.35 “
• TOTALE 5.33 kN/m2
• carico neve (Zona I - 620 m slm - α = 30°) 2.86 kN/m2

Tamponature perimetrali
• Senza aperture (0.2m⋅8 kN/m3+0.60 kN/m2)⋅3m 6.60 kN/m
• Con aperture (0.2m⋅8 kN/m3+0.60 kN/m2)⋅3m⋅80% 5.28 kN/m

3.1.3.2 Azione Sismica

L’azione sismica è definita nel Capitolo 3-Azione Sismica, considerando quanto


prescritto in modo specifico nel punto 10.6.1-Spettri di progetto. Lo spettro di progetto
allo SLU è, perciò, dato dallo spettro di risposta elastico della componente orizzontale,
definito dalle seguenti espressioni:
Capitolo 3. Esempi di applicazione 113

⎛ T ⎞
0≤T<T Se (T) = a g ⋅ S ⋅ ⎜ 1 + ⋅ (η ⋅ 2.5 − 1) ⎟
B ⎜ T ⎟
⎝ B ⎠
T ≤T<T Se (T) = a g ⋅ S ⋅ η ⋅ 2.5
B C

⎛T ⎞
T ≤T<T Se (T) = a g ⋅ S ⋅ η ⋅ 2.5 ⎜⎜ C ⎟⎟ (3.1.1)
⎝ T⎠
C D

⎛T T ⎞
T ≤T S e (T) = a g ⋅ S ⋅ η ⋅ 2.5 ⋅ ⎜⎜ C 2 D ⎟⎟
⎝ T ⎠
D

⎛T T ⎞
4 sec ≤ T S e (T) = a g ⋅ S ⋅ η ⋅ 2.5 ⋅ ⎜⎜ C D ⎟⎟
⎝ 16 ⎠

Spettri di progetto - Suolo BCE - ag = 2.5 m/s2


10
T=0.5 s T=1.0 s

8 ξ = 5%

ξ = 10%
Sa (m/s2)

6
ξ = 20% T=1.5 s

4
ξ ≥ 28% T=2.0 s
2 T=2.5 s
T=3.0 s
T=4.0 s
0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25 0.3
Sd (m)
Fig. 3.1.2 Spettri nel piano ADRS per edifici isolati in zona sismica 2 e suolo di
fondazione B, C, E, per diversi valori di smorzamento.

nelle quali:
S fattore che tiene conto del profilo stratigrafico del suolo di fondazione;
η = 10/(5 + ξ) ≥ 0,55 fattore che tiene conto di un coefficiente di smorzamento
viscoso equivalente ξ diverso da 5%, espresso in punti percentuali (η=1 per ξ=5):
T periodo di vibrazione;
TB, TC, periodi che separano i diversi rami dello spettro, dipendenti dal profilo
stratigrafico del suolo di fondazione.
TD = 2.5 sec. (punto 10.6.1-Spettri di progetto)
114 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Nel caso in esame, sulla base delle indagini geotecniche effettuate per determinare il
profilo stratigrafico e le principali caratteristiche del suolo del Comune di Bonefro, si
assumerà lo spettro di risposta corrispondente al suolo tipo B, C, E (punto 3.1-
Categorie di suolo di fondazione), caratterizzato, per le componenti orizzontali
dell’azione, da TB = 0.15 sec, TC = 0.5 sec, S = 1.25 (v. punto 3.2.3-Spettro di risposta
elastico). Si ottengono, così, gli spettri di progetto rappresentati in Fig. 3.1.2 nel piano
ADRS (Acceleration-Displacement Response Spectrum), che riportano in ordinata la
pseudoaccelerazione spettrale, in ascissa lo spostamento spettrale e su rette diagonali i
periodi.
Lo spettro di progetto per lo SLD si ottiene riducendo le ordinate spettrali dello spettro
allo SLU di un fattore 2.5 (punto 3.2.6-Spettro di progetto per lo SLD e punto 10.6.1-
Spettri di progetto).

3.1.4 Predimensionamento (BLOCCO 4)

3.1.4.1 Vano Scala

La scala è a soletta rampante con spessore della soletta s = 15 cm. Lo schema di calcolo
considerato per il suo predimensionamento è quello di trave vincolata alle estremità con
asse inclinato nella parte centrale e carico variabile a tratti, come mostrato in Fig. 3.1.3.

0.80 2.70 1.20

B
1.55

Fig. 3.1.3 Schema di calcolo per il predimensionamento della soletta rampante.

I carichi verticali di progetto derivano dalla seguente analisi.

Le valutazioni eseguite rispetto ad un calcolo di massima delle sollecitazioni agenti per


effetto dei carichi verticali confermano la compatibilità dello spessore ipotizzato con le
sollecitazioni agenti.
Capitolo 3. Esempi di applicazione 115

Peso del pianerottolo


• carichi fissi 3.75 kN/m2
soletta in c.a. (spessore di 15 cm) 0.15m⋅25 kN/m3⋅1m⋅1m “
• carichi permanenti 1.80 kN/m2
massetto e pavimento in marmo 1.50 “
intonaco di calce (1.5 cm) 0.30 “
• TOTALE 5.55 kN/m2
• sovraccarichi variabili scale comuni 4.00 kN/m2

Peso della rampa


• carichi fissi 4.33 kN/m2
soletta in c.a. (spessore di 15 cm) 0.15m⋅25 kN/m3⋅1m⋅1m
in proiezione orizzontale /cos30° 4.33 “
• carichi permanenti 4.02 kN/m2

massetto e pavimento in marmo 1.50/cos30° 1.73 “


intonaco di calce (1.5 cm) 0.30/cos30° 0.35 “
gradini (cls alleggerito) 0.08m⋅21 kN/m3 ⋅1m⋅1m
in proiezione orizzontale /cos30° 1.94 kN/m2
• TOTALE 8.35 kN/m2
• sovraccarichi variabili scale comuni 4.00 kN/m2

3.1.4.2 Pilastri

L’area minima della sezione dei pilastri è valutata in modo che il pilastro lavori,
nell’ipotesi di compressione centrata ad una tensione media σm, pari ad un’aliquota della
resistenza di progetto fcd, per permettere al pilastro di sostenere anche gli incrementi di
sforzo assiale e i momenti flettenti derivanti dagli effetti del sisma. Nel caso in esame si
assume σm = fcd/2 = 5.5 N/mm2, mentre la forza di compressione dovuta al carico
verticale è calcolata sulla base dell’area d’influenza dei solai.
Successivamente viene definita l’orientazione dei pilastri, se di sezione rettangolare, ed
eventualmente vengono incrementate le loro dimensioni, compatibilmente con i vincoli
architettonici, in base a considerazioni sul comportamento dinamico globale della
struttura. Orientando opportunamente i pilastri si possono, infatti, ottenere modi di
vibrare puramente traslazionali e puramente torsionali della sovrastruttura considerata
fissa alla base, eliminando completamente gli effetti torsionali globali non derivanti da
eccentricità accidentali.
116 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Nel caso in esame possono essere individuate tre tipologie di pilastri, in funzione
dell’area d’influenza, come mostrato in Fig. 3.1.4.

1 2 3 4 5 6

vano
scala
4.70

Y
7 8 9 X 10 11 12
9.70

5.00

13 14 15 16 17 18
3.45 5.65 2.70 5.65 3.45
20.90

Fig. 3.1.4 Aree d’influenza delle tre tipologie di pilastri individuati nel caso in
esame

Prima tipologia – Pilastri centrali (pilastro 8)

L’area di influenza:
Ainf = (5/2 + 4.7/2)· (3.45/2 + 5.65/2) = 22.07 m2
considerando sia il carico del solaio tipo che quello dei solai di sottotetto e di copertura,
comprensivo di carichi permanenti e sovraccarichi variabili, si ottiene:
q = 7.62 kN/m 2
solaio

qsottotetto = 4.12 kN/m2


q cop = 8.19 kN/m2
si ha:
P =q ⋅A ⋅n = 7.62 ⋅ 22.07 ⋅ 3 = 504.52 kN
solaio solaio inf piani
Pcop = (qsottotetto + q cop ) ⋅ A = (4.12 + 8.19) ⋅ 22.07 = 271.68 kN
inf
Considerando lo sforzo normale totale dato dalla somma dei due contributi, si ottiene:
N fcd N 776.20 kN
≤ ⇒A≥ = = 1411.27 cm 2 ⇒
A 2 f /2 0.55 kN/cm 2
cd
Si assume pertanto una sezione 30x50, con area pari a:
Capitolo 3. Esempi di applicazione 117

A = 30 ⋅ 50 = 1500 cm 2 .
Questa valutazione vale anche per i pilastri 9,10 e 11.

Seconda tipologia – Pilastri perimetrali interni (Pilastro 17)

L’area di influenza:
Ainf = (5/2)· (3.45/2 + 5.65/2) = 11.38 m2
considerando sia il carico del solaio tipo che quello dei solai di sottotetto e di copertura:
q = 7.62 kN/m 2
solaio

q sottotetto = 4.12 kN/m 2


q cop = 8.19 kN/m 2
inoltre, bisogna considerare anche la tamponatura, per cui si ha:
P =q ⋅A ⋅n = 7.62 ⋅ 11.38 ⋅ 3 = 260.15 kN
solaio solaio inf piani
Pcop = (qsottotetto + q cop ) ⋅ A = (4.12 + 8.19) ⋅ 11.38 = 140.09 kN
inf
Ptamp = q tamp ⋅ L ⋅ n = 5.28 ⋅ (3.45/2 + 5.65/2) ⋅ 3 = 72.07 kN
piani

Considerando allora lo sforzo normale totale, dato dalla somma di questi contributi, si
ottiene:
N f cd N 472.31 kN
≤ ⇒A≥ = = 858.74 cm 2 ⇒
A 2 f /2 0.55 kN/cm 2
cd
Si assume pertanto una sezione minima 30x30, con area pari a:
A = 30 ⋅ 30 = 900 cm 2
Questa valutazione vale anche per i pilastri 2, 3, 4, 5, 7, 12, 14, 15, 16.

Terza tipologia – Pilastri d’angolo (Pilastro 13)

Considerando che la terza tipologia di pilastri (pilastri d’angolo) risulta essere


sicuramente meno caricata della seconda, si adottano le stesse dimensioni minime assunte
per la seconda tipologia (30x30 cm) anche per i rimanenti pilastri (1, 6, 13, 18).

3.1.4.3 Travi

Il predimensionamento delle travi è effettuato con riferimento alla flessione. Nel caso
in esame le travi principali caricate direttamente dai solai sono tutte emergenti, mentre le
travi secondarie sono a spessore. In questa fase si individua una sola tipologia, relativa alla
trave più caricata la 8-9 (v. Fig. 3.1.5).
118 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

1 2 3 4 5 6

vano
scala
4.70

Y
7 8 9 X 10 11 12
9.70

5.00

13 14 15 16 17 18
3.45 5.65 2.70 5.65 3.45
20.90

Fig. 3.1.5 Area di influenza della tipologia di trave individuata nel caso in esame.

Trave 8-9

Si considera come carico agente quello del solaio, comprensivo dei carichi permanenti e
sovraccarichi variabili, con l’applicazione dei coefficienti amplificativi dei carichi γg e γq:
q = 1.4 ⋅ 5.62 + 1.5 ⋅ 2.00 = 10.87 kN/m 2
solaio
su un’area di influenza di larghezza pari a:
linf = 5/2 + 4.7/2 = 4.85 m.
Assumendo uno schema di calcolo intermedio tra trave doppiamente incastrata (M-=
ql2/12) e trave su due appoggi (M+= ql2/8), con carico uniformemente distribuito, si
ottiene:
q ⋅ l 2 (10.87 ⋅ 4.85) ⋅ 5.65 2
M = = = 168.29kN ⋅ m
d 10 10
b
Se si assume la presenza di armatura in zona d’ A‘
compressa e fissati i seguenti parametri:
- µ = A' = 0.6 ; d
A
- d'
λ = = 0.07 ;
d
- b = 30 cm; A

si verifica facilmente che una sezione 30x50 soddisfa le condizioni di resistenza con
quantitativi di armatura compatibili con i massimi ammissibili. Essendo la trave in
Capitolo 3. Esempi di applicazione 119

questione quella con la luce maggiore, e quindi quella più sollecitata, si adotta la sezione
trovata per tutte le travi portanti (longitudinali) e per quelle perimetrali trasversali.
Le travi secondarie a spessore sono dimensionate con la stessa procedura, considerando
una fascia di influenza di solaio pari a un metro. Si verifica facilmente che una sezione
trasversale pari a 50x20 cm è più che adeguata a sostenere i carichi di competenza.
Per quanto riguarda le travi emergenti 3-9 e 4-10, adiacenti al vano scala, caricate dal
peso dovuto ad una fascia di influenza di 50 cm e dalle tamponature, si utilizza, per
semplicità, ancora una sezione 30x50 cm.

3.1.4.4 Sottostruttura

Il predimensionamento della sottostruttura, descritto in questo paragrafo per


completezza di esposizione, non è, in realtà, essenziale in questa fase della progettazione e
richiede alcuni dati di progetto ricavati successivamente (come dimensioni e rigidezza
degli isolatori).
Per il predimensionamento della sottostruttura occorre seguire le indicazioni riportate al
punto 10.5-Indicazioni progettuali. L’alloggiamento dei dispositivi d’isolamento ed il
loro collegamento alla struttura devono essere concepiti in modo da assicurarne l’accesso
e rendere i dispositivi stessi ispezionabili e sostituibili.
Le strutture del piano di posa degli isolatori e del piano su cui appoggia la
sovrastruttura devono essere dimensionate in modo da assicurare un comportamento
rigido nel piano suddetto, così da limitare gli effetti di spostamenti sismici differenziali.
Tale condizione si considera soddisfatta se un diaframma rigido costituito da un solaio in
c.a. oppure da un grigliato di travi è presente sia al di sopra che al di sotto del sistema di
isolamento e se i dispositivi del sistema di isolamento sono direttamente fissati ad
entrambi i diaframmi, oppure per il tramite di elementi verticali, il cui spostamento
orizzontale in condizioni sismiche sia minore di 1/40 dello spostamento del sistema di
isolamento, punto 10.5.3-Controllo degli spostamenti sismici differenziali del
terreno. Tali elementi dovranno essere progettati per rispondere in campo rigorosamente
elastico.
Nel caso in esame la sottostruttura, oltre ad un grigliato di travi rovesce di fondazione,
comprende elementi verticali (baggioli), uno sotto ciascun isolatore, la cui rigidezza allo
spostamento deve essere, per quanto detto, almeno 40 volte più grande della rigidezza
orizzontale del sistema d’isolamento. Inoltre le loro dimensioni possono prevedere
l’alloggiamento di martinetti da utilizzare in caso di sostituzione dei dispositivi. Le
dimensioni ed il numero di martinetti utili a tale operazione sono funzione dei carichi
verticali agenti sui dispositivi e quindi della portata dei martinetti stessi.
Considerando una rigidezza orizzontale del singolo dispositivo dell’ordine di 700 kN/m
(dato ricavato successivamente) si ottiene che la rigidezza minima degli elementi della
sottostruttura deve essere pari a 28000 kN/m. Considerando uno schema a mensola e
fissando l’altezza l = 1.20 m e una dimensione b = 0.75 m, in relazione alla dimensione
del grigliato di fondazione e degli isolatori (dato ricavato successivamente), si ottiene
l’altra dimensione minima h:
120 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

b ⋅ h3
3⋅ E ⋅( ) 4 ⋅ l3 ⋅ K
12 ≥ 28000 kN/m ⇒ h ≥ 4 ⋅ 1.2 3 ⋅ 28000
K = 3 f
=3 = 0.2 m
f l 3
E⋅b 28500000 ⋅ 0.75

Considerando i carichi verticali agenti sui singoli isolatori, nel caso in esame possono
essere necessari due martinetti da 350 kN. In relazione al loro ingombro in pianta, i
baggioli in c.a. hanno dimensioni 75x95x120 cm (v. Fig. 3.1.6, e Fig. 3.1.12),
sovrabbondanti rispetto alle esigenze di rigidezza.

3.1.4.5 Configurazione strutturale finale

Per soddisfare pienamente i requisiti di regolarità della struttura ed aumentare la


rigidezza torsionale d’insieme, tutti i pilastri vengono uniformati alla sezione 30x50 cm,
senza effettuare alcuna rastremazione in elevazione, assumendo l’orientamento in pianta
illustrato in Fig. 3.1.8. Tale orientamento è stato ottimizzato in modo da ottenere i primi
due modi di vibrare di tipo puramente traslazionale, secondo le direzioni principali della
struttura, e il terzo puramente rotazionale. I modi di vibrare sono stati valutati mediante
l’analisi modale mostrata in seguito, sulla sovrastruttura ipotizzata a base fissa.

24.65
3.45 5.65 2.70 5.65 3.45

Scala in ferro
4.70

B B
13.45
10.45

1.30
5.00

Canaletta di raccolta acqua

Intercapedine A Muro di sostegno

Fig. 3.1.6 Pianta fondazioni


Capitolo 3. Esempi di applicazione 121

Muro di sostegno
A

Coprigiunto Giunto

1.25
0.95
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

30x50

30x50

30x50

30x50

30x50

30x50

3.65
Scala in ferro

B B

0.95
13.45

30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

30x50
30x50

30x50

30x50

30x50

30x50

4.15
0.75
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

1.25
1.25 0.95 0.75 0.95 0.95 0.75 0.95
2.50 4.80 1.75 4.80 2.50

24.65

A
Fig. 3.1.7 Pianta solaio di base

A
0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30
3.15 5.35 2.40 5.35 3.15

0.50
30x50 30x50 30x50 30x50
30x50

30x50

30x50

30x50
50x20

50x20

4.10
B B
0.50

10.00
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

0.30
50x20
30x50

50x20

50x20

50x20

30x50

4.60
0.30

30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

0.50 0.30 0.50 0.50 0.30 0.50


2.95 5.25 2.20 5.25 2.95

A
Fig. 3.1.8 Pianta piano tipo
122 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

A
0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30
3.15 5.35 2.40 5.35 3.15

0.50
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

30x50

30x50

30x50

30x50
50x20

50x20

4.10
B B

10.00
0.50
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

0.30

50x20
30x50

50x20

50x20

50x20

30x50

4.60
0.30
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

0.50 0.30 0.50 0.50 0.30 0.50


2.95 5.25 2.20 5.25 2.95

A
Fig. 3.1.9 Pianta sottotetto

A
0.30 0.30 0.30 0.30 0.30 0.30
3.15 5.35 2.40 5.35 3.15

0.50
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50
30x35

30x35

30x35

30x35

30x35

30x35

4.10
1.65

B B

0.50

10.00
30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

0.30
30x35

30x35

30x35

30x35

30x35

30x35

4.60
0.30

30x50 30x50 30x50 30x50 30x50

0.50 0.30 0.50 0.50 0.30 0.50


2.95 5.25 2.20 5.25 2.95

A
Fig. 3.1.10 Pianta copertura
Capitolo 3. Esempi di applicazione 123

1.65
3.10

1.55
3.10
13.85

1.55
1.55
3.10

1.55
1.55
2.90

1.35
0.25
0.00
0.75
2.55
1.20
0.60

0.75 0.95 0.95


4.15 3.65
1.30 1.30
B

A
3.10 1.65
3.10
13.85
3.10
2.90

0.25
0.00
0.75
2.55
1.20
0.60

0.75 0.75 0.75 0.75 0.75 0.75


2.70 4.90 1.95 4.90 2.70
1.30
A

Fig. 3.1.11 Sezioni A-A e B-B


124 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Muro di sostegno Coprigiunto


Solaio di base
0.00
Intercapedine
Giunto
Dispositivo Sottostruttura
Canaletta di Fondazione
raccolta acqua

Fig. 3.1.12 Particolare dell’insieme isolatori, fondazione e sottostruttura

Nel definire la geometria generale della struttura dell’edificio e delle strutture adiacenti
(muri di sostegno) si è tenuto conto di quanto previsto al punto 10.5.4-Controllo degli
spostamenti relativi al terreno e alle costruzioni circostanti, in cui si richiede che
adeguato spazio sia previsto tra la sovrastruttura isolata e il terreno o le costruzioni
circostanti, per consentire gli spostamenti sismici della sovrastruttura in tutte le direzioni.
In fase di definizione dei dettagli architettonici e impiantistici, occorrerà anche
progettare le eventuali connessioni, strutturali e non, fra la struttura isolata e il terreno o le
parti di strutture non isolate, in modo tale da assorbire, con ampio margine di sicurezza,
gli spostamenti relativi previsti dal calcolo.

3.1.4.6 Combinazione dell’Azione Sismica con le altre Azioni

Le analisi di progetto e le successive verifiche agli Stati Limite Ultimo (SLU) e di Danno
(SLD) devono essere effettuate combinando gli effetti dell’azione sismica con le altre
azioni con la seguente formula di combinazione (punto 3.3-Combinazione dell’azione
sismica con le altre azioni):

γ E + G + P + ∑i( ψ Q ) (3.1.2)
I K K 2i Ki

dove:
γI fattore d’importanza, definito al punto 4.7- Fattori di importanza in funzione
della destinazione d’uso (pari a 1 nel caso in esame - edifici ordinari);
E azione sismica per lo stato limite in esame;
Gk carichi permanenti al loro valore caratteristico, da considerare interamente presenti
sulla struttura in occasione dell’evento sismico;
Pk valore caratteristico dell’azione di precompressione, a cadute di tensione avvenute,
da considerare per intero in occasione dell’evento sismico (assenti nel caso in
esame);
Qki valore caratteristico dell’azione variabile Qi;
ψ2i coefficiente di combinazione che fornisce il valore quasi-permanente della azione
variabile Qi.
Capitolo 3. Esempi di applicazione 125

I coefficienti ψ2i, riportati per il caso in esame in Tabella 3.1.1, sono definiti in funzione
della destinazione d’uso e tengono conto delle probabilità che durante l’evento sismico i
carichi variabili non siano interamente presenti (punto 3.3-Combinazione dell’azione
sismica con le altre azioni).

3.1.4.7 Masse e Azione Sismica

Le masse da prendere in considerazione nell’analisi della struttura sono quelle associate


ai seguenti carichi gravitazionali (punto 3.3):

Gk + ∑i (ψEi Qki) (3.1.3)

Dove ψEi = ψ2i⋅ϕ è il coefficiente di combinazione del carico variabile i-esimo per tener
conto della probabilità che le masse associate ai carichi variabili siano presenti sulla
struttura durante il sisma (punto 3.3, tabelle 3.4 e 3.5). Nel caso in esame le masse legate
ai carichi gravitazionali sono ottenute mediante i coefficienti riassunti nella Tabella 3.1.2.
Con tali coefficienti, e facendo riferimento alle tabelle del par. 3.1.3.1 relative ai carichi
fissi, permanenti ed accidentali gravanti sui solai, si ottengono le masse riportate in
Tabella 3.1.3.

Tabella 3.1.1: coefficienti di combinazione dei carichi gravitazionali, da adottare


nel caso in esame.
Carichi ψ2i
Abitazioni 0.3
Tetti e copertura con neve 0.2
Scale 0.8
Vento, variazione termica 0.0

Tabella 3.1.2: coefficienti di combinazione delle masse allo SLD e allo SLU.
Carichi ψEi
ψ2i ϕ ψ2i ⋅ ϕ
Accidentali (Abitazioni) 0.3 0.8 0.24
Tetti e coperture con neve 0.2 1.0 0.20
Scale 0.8 0.8 0.64
126 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Tabella 3.1.3: valori dei pesi e delle masse.


peso massa
Piano W W/g
[kN] [t]
sottostruttura 384.6 39.2
base 2124.8 216.6
I piano 2211.2 225.4
II piano 2220.0 226.3
III piano 2215.1 225.8
Sottotetto 2038.3 207.8
copertura 833.1 84.9
Totale 12027.1 1226.0

3.1.4.8 Sistema d’isolamento

La fase di predimensionamento viene completata con la definizione delle caratteristiche


del sistema di isolamento, ossia della sua rigidezza e della sua capacità dissipativa, da cui
dipendono i periodi propri e lo smorzamento del sistema strutturale e, conseguentemente,
le grandezze fondamentali della sua risposta: forze sismiche, sintetizzate nella loro
risultante ovvero nel taglio alla base, e spostamenti del sistema di isolamento. Più
precisamente, si definiscono innanzitutto i valori del periodo e dello smorzamento del
sistema che determinano un soddisfacente abbattimento degli effetti sismici sulla
sovrastruttura, successivamente vengono definite le caratteristiche di rigidezza del sistema
di isolamento nel suo insieme e quelle dei singoli isolatori. La progettazione definitiva
degli isolatori nei loro dettagli tecnologici verrà effettuata contestualmente alle loro
verifiche allo SLU.

3.1.4.8.1 Scelta del periodo e dello smorzamento

Adottando modelli di comportamento semplificati, che fanno riferimento al


metodo definito al punto 10.7.4 – Analisi statica lineare, è possibile valutare in maniera
approssimata, ma immediata, sia i livelli di forza che gli spostamenti derivanti da scelte
diverse del sistema di isolamento, fermo restando che tale sistema verrà realizzato con
isolatori elastomerici, e quindi avrà un comportamento assimilabile a visco-elastico
lineare. È inoltre possibile confrontare le forze sismiche di progetto della struttura isolata
con quelle della corrispondente struttura considerata a base fissa, ancora trattata con il
metodo semplificato (punto 4.5.2-Analisi statica lineare), così da verificarne le
differenze.
Nel caso in esame, il confronto riguarda quattro diverse situazioni d’isolamento per la
struttura a base isolata (BI), caratterizzate da due valori dello smorzamento, ξ = 10% e ξ
= 20%, e da due periodi di isolamento, Tis = 2.0 e Tis = 2.5 sec, e la struttura a base fissa
Capitolo 3. Esempi di applicazione 127

(BF). Gli effetti dovuti al sisma vengono valutati in termini di risultante del taglio sui
pilastri del primo ordine e di spostamento alla base (solo per l’edificio isolato).
Per confrontare le sollecitazioni di progetto della sovrastruttura, occorre fare
riferimento alle sollecitazioni calcolate con lo spettro di progetto allo SLU definito al par.
3.1.3.2 divise per il fattore q (punto 10.8.2-Stato limite ultimo). Conseguentemente, per
confrontare le forze sismiche o le loro risultanti, si farà riferimento direttamente alle
ordinate spettrali già divise per q, che per le strutture isolate è dato dall’espressione:

q = 1.15 * αu/α1

in cui:
αu/α1 rapporto tra moltiplicatore della forza sismica orizzontale per il quale si
verifica la formazione di un numero di cerniere plastiche tali da rendere la
struttura labile e moltiplicatore della forza sismica orizzontale per il quale il
primo elemento strutturale raggiunge la sua resistenza flessionale, come
specificato nel punto 5.3.2-Fattori di struttura.

Nel caso in esame, essendo la sovrastruttura in c.a. a telaio con più piani e più campate,
il rapporto αu/α1 vale 1.3 e quindi il fattore di struttura vale q = 1.495 ≈ 1.5.
Per la struttura fissa alla base, progettata in classe di duttilità bassa, vale lo spettro di
progetto allo SLU definito al punto 3.2.5-Spettri di progetto per lo SLU, le cui
ordinate si ottengono dalle seguenti espressioni:

⎡ T ⎛ 2,5 ⎞⎤
0≤T<T S (T) = a g ⋅ S ⋅ ⎢1 + ⋅ ⎜⎜ − 1⎟⎟⎥
B d
⎢⎣ TB ⎝ q ⎠⎥⎦
2,5
T ≤T<T S (T) = a g ⋅ S ⋅ (3.1.4)
B C d q
2,5 ⎛ TC ⎞
T ≤T<T S (T) = a g ⋅ S ⋅ ⎜ ⎟
C D d q ⎜⎝ T ⎟⎠
2,5 ⎛ TC TD ⎞
T ≤T S (T) = a g ⋅ S ⋅ ⋅⎜ ⎟
D d q ⎜⎝ T 2 ⎟⎠

Il fattore di struttura q è definito, al punto 5.3.2-Fattori di struttura, come:

q = q0 · KD · KR

ed assume il seguente valore:


128 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

q = 4.5 · 1.3 · 0.7 · 1.0 = 4.095 ≈ 4.1

essendo:
q0 = 4.5 αu /α1 = 4.5 *1.3 per strutture a telaio legato alla tipologia strutturale;
KD =0.7 per strutture di classe di duttilità bassa (CD”B”);
KR =1.0 per edifici regolari in altezza.

Spettri di progetto allo SLU per la struttura


Zona 2 - Suolo B, C, E
5
ξ=10% BI Se(10%-20%)/1.5
4
Se(5%)/4.82
Sa (m/sec2)

ξ=20%
3

2
1
BF 2 4
1
3 5
0
Tbf 2.5
0 1 2 3 4
Periodo (sec.)
Fig. 3.1.13 Spettri di progetto allo SLU per valutare i tagli alla base nei cinque casi
di configurazione considerati

Ovviamente in questa fase di predimensionamento e confronto, le componenti


dell’azione sismica si considerano agenti separatamente secondo ciascuna direzione
principale della struttura, mentre in fase di verifica i valori massimi della risposta ottenuti
per ciascuna delle due componenti orizzontali verranno combinati sommando ai massimi
ottenuti per l’azione applicata in una direzione il 30% dei massimi ottenuti per l’azione
applicata nella direzione ortogonale, secondo quanto prescritto al punto 4.6-
Combinazione delle componenti dell’azione sismica.
In Fig. 3.1.13 sono mostrati gli spettri di progetto che forniscono il valore
dell’accelerazione sulle masse, da considerare ai fini della valutazione delle sollecitazioni di
verifica sugli elementi strutturali. Le due curve relative alla struttura isolata forniscono le
accelerazioni massime già divise per il coefficiente di struttura q=1.5. La curva relativa alla
struttura a base fissa è data dallo spettro di progetto (per q=4.1) moltiplicato per il
coefficiente riduttivo λ pari a 0.85 (punto 4.5.2-Analisi statica lineare), per tener conto
della partecipazione modale del primo modo di vibrare, su cui è basata l’analisi statica
lineare.
Capitolo 3. Esempi di applicazione 129

Se(5%) = Se(5%) · λ / q = Se(5%) · 0.85 / 4.1 = Se(5%) / 4.82

Una stima del taglio totale cui sono soggetti i pilastri del piano terra
(trascurando i possibili effetti torsionali d’insieme) si ricava facilmente moltiplicando
l’accelerazione spettrale, corrispondente al periodo relativo alle diverse configurazioni, per
la massa della struttura sostenuta dagli stessi pilastri. Per la struttura a base fissa si è
assunto un periodo proprio pari a T = 0.54 sec, ottenuto con la formula approssimata,
riportata nel punto 4.5.2-Analisi statica lineare.
In sintesi i tagli alla base delle diverse configurazioni sono stati calcolati con la seguente
equazione (essendo in tutti i casi il valore del periodo compreso tra TC e TD), variando i
parametri T, η, q e λ:

2,5 ⎛ TC ⎞
Taglio = M ⋅ S (T) ⋅ λ = M ⋅ a g ⋅ S ⋅ η ⋅ ⎜ ⎟⋅λ (3.1.5)
1 d 1 q ⎜⎝ T ⎟⎠

in cui M1 è la massa totale della struttura dal primo livello alla copertura.
In Tabella 3.1.4 sono sintetizzati i valori dei parametri dell’equazione (3.1.5) nei cinque
casi considerati.

Tabella 3.1.4: riepilogo dei casi esaminati.


Caso Configurazione T ξ M1 ag S η q TC λ Taglio
[sec] [%] [t] [m/s2] [sec] [KN]
1 Base Fissa (BF) 0.54 5 970.2 2.45 1.25 1 4.1 0.5 0.85 1401
2 Base Isolata (BI) 2.00 10 970.2 2.45 1.25 0.82 1.5 0.5 1 998
3 Base Isolata (BI) 2.00 20 970.2 2.45 1.25 0.63 1.5 0.5 1 767
4 Base Isolata (BI) 2.50 10 970.2 2.45 1.25 0.82 1.5 0.5 1 798
5 Base Isolata (BI) 2.50 20 970.2 2.45 1.25 0.63 1.5 0.5 1 613

Nella Fig. 3.1.14 sono confrontate le risultanti dei tagli agenti sui pilastri di base, relativi
alle diverse configurazioni prese in esame. Si può notare che, rispetto alla configurazione
a base fissa, si ha una riduzione che va dal 29% al 56%, in relazione alle caratteristiche del
sistema di isolamento. Tale riduzione aumenta al crescere del periodo Tis e dello
smorzamento ξesi, come è facilmente rilevabile anche in Fig. 3.1.13.
Ai fini della progettazione degli isolatori elastomerici si considera lo spettro di progetto
allo SLU maggiorato del 20%, che rappresenta un terremoto avente probabilità di arrivo
inferiori a quello di progetto allo SLU, come previsto al punto 10.8.2 Stato limite
ultimo (SLU).
In Fig. 3.1.15 sono riportati gli spettri rappresentati nel piano ADRS, già riferiti a tale
terremoto, che forniscono direttamente i valori di progetto dello spostamento del centro
di rigidezza del sistema d’isolamento.
130 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Taglio alla base


1600

(kN) 1200

800

400

0
Caso 1 Caso 2 Caso 3 Caso 4 Caso 5

Fig. 3.1.14 Risultante dei tagli nei pilastri di base

Spettri di Progetto
Zona 2 - Suolo BCE - ξ =10%, 20%
10

ξ = 10%
8
Sa * 1.2 (m/s2)

ξ = 20%
6

4
T=2.0 s
2
2 3 5 4 T=2.5 s

0
0 0.05 0.1 0.15 0.2 0.25

Sd * 1.2 (m)
Fig. 3.1.15 Spettri di progetto allo SLU nel piano ADRS per valutare gli
spostamenti alla base nei quattro casi di configurazione isolata considerati

Lo spostamento del centro di rigidezza del sistema di isolamento si ricava, essendo


sempre Tis ≤ TD, con la seguente unica espressione (punto 10.7.4):

Se (Tis , ξesi ) T ⋅T
d dc2 = 1.2 ⋅ d dc = 1.2 ⋅ = 1.2 ⋅ a g ⋅ S ⋅ η ⋅ 2.5 ⋅ is 2C (3.1.6)
ω 2
(2π)
Capitolo 3. Esempi di applicazione 131

dove:
Se(Tis,ξesi): accelerazione spettrale letta nello spettro di progetto allo SLU in
corrispondenza di Tis;
ω = 2 π / Tis pulsazione della struttura isolata.

Nella Tabella 3.1.5 sono riportati i valori dei diversi parametri di progetto che entrano
nell’equazione (3.1.6) e lo spostamento del centro di rigidezza del sistema d’isolamento.

Tabella 3.1.5: spostamento del sistema di isolamento.


Caso Configurazione Tis ξ Miso ag S η TC 1.2⋅Se(T, ξ) dde
[sec] [%] [t] [m/s2] [sec] [m/s2] [mm]
2 Base Isolata (BI) 2.00 10 1186.8 2.45 1.25 0.82 0.5 1.88 190.8
3 Base Isolata (BI) 2.00 20 1186.8 2.45 1.25 0.63 0.5 1.45 146.6
4 Base Isolata (BI) 2.50 10 1186.8 2.45 1.25 0.82 0.5 1.50 238.5
5 Base Isolata (BI) 2.50 20 1186.8 2.45 1.25 0.63 0.5 1.16 183.3

Ovviamente i valori così ottenuti non tengono conto né del fattore d’importanza γI
(punto 4.7-Fattori d’importanza), né della contemporaneità delle componenti
dell’azione sismica nelle due direzioni (punto 4.6-Combinazione delle componenti
dell’azione sismica), né degli effetti torsionali, anche dovuti ad eccentricità accidentali
(punto 4.4 Modellazione della struttura), che possono incrementare in maniera non
trascurabile le grandezze di progetto (sollecitazioni e spostamenti), particolarmente quelle
relative agli elementi più periferici. In questa fase, una stima approssimativa degli
spostamenti per la verifica allo SLU dei singoli isolatori (d2), essendo γI = 1, può essere
ottenuta maggiorando del 20-30% lo spostamento ddc2.

3.1.4.8.2 Valutazione e distribuzione delle rigidezze

Fissato il periodo equivalente della struttura isolata, si procede alla determinazione della
rigidezza equivalente del sistema d’isolamento Kesi, assumendo ancora che la
sovrastruttura sia un solido rigido che trasla vincolato al sistema di isolamento (punto
10.7.4-Analisi statica lineare). La rigidezza equivalente orizzontale del sistema di
isolamento vale pertanto:

2
⎛ 2π ⎞
K = ⎜ ⎟ ⋅M (3.1.7)
esi ⎜T ⎟
⎝ is ⎠

dove:
M = Miso = è la massa totale della sovrastruttura.
132 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Per le diverse configurazioni del caso in esame si ottengono i valori di Kesi riportati
nella sesta colonna della Tabella 3.1.6. Ovviamente lo smorzamento non ha alcuna
influenza sul valore della rigidezza del sistema di isolamento.

Tabella 3.1.6: valori delle rigidezze dei dispositivi per i diversi casi in esame.
CASO Config.
Tis ξ Miso Kesi
[sec] [%] [t] [kN/m]
2 BI 2.00 10 1186.8 11713.2
3 BI 2.00 20 1186.8 11713.2
4 BI 2.50 10 1186.8 7496.5
5 BI 2.50 20 1186.8 7496.5

La rigidezza equivalente complessiva Kesi deve essere ripartita tra i diversi dispositivi,
situati sotto ciascun pilastro. Ai fini di un buon comportamento del sistema e di una
favorevole progettazione dei dispositivi, tale ripartizione deve essere effettuata in modo
da ridurre al minimo l’eccentricità del centro di rigidezza del sistema d’isolamento rispetto
alla proiezione del baricentro delle masse dell’edificio sul piano degli isolatori. Per
l’applicabilità dell’analisi statica, tale eccentricità dovrà risultare inferiore al 3% della
lunghezza massima dell’edificio nella stessa direzione dell’eccentricità considerata (punto
10.7.4-Analisi statica lineare).
In definitiva, le caratteristiche di rigidezza dei singoli isolatori devono soddisfare le
seguenti condizioni:

∑ K iso, i = K esi (3.1.8)


i
eccentricità massa-rigidezza = d(K; G) < 3% della dimensione parallela

La rigidezza degli isolatori elastomerici armati (punto 10.4.1-Isolatori elastomerici), è


funzione dell’area in pianta e dell’altezza complessiva di elastomero. Una maniera per
dimensionare il singolo isolatore, che garantisce il perfetto rispetto della seconda
condizione, sarebbe quella di assumere l’area in pianta dell’isolatore proporzionale al
carico verticale portato, di modo che la rigidezza dell’isolatore risulterebbe proporzionale
al peso (e dunque alla massa) portato. Questo criterio, però, presenta due inconvenienti. Il
primo è che ne risulterebbe un numero di tipologie praticamente pari, salvo situazioni di
simmetria, al numero di pilastri, con conseguenti sensibili incrementi del costo dei
dispositivi. Il secondo è che la rigidezza torsionale del sistema risulterebbe bassa e tale da
determinare un periodo del modo torsionale di vibrazione uguale a quello dei due modi
traslazionali, con conseguente esaltazione degli effetti torsionali. Nel caso in esame, la
sostanziale simmetria della struttura nelle due direzioni principali suggerisce l’adozione di
un’unica tipologia d’isolatori. Così facendo, la prima delle due condizioni (3.1.8) porta a
definire la rigidezza dei singoli isolatori come pari alla rigidezza complessiva divisa per il
numero totale degli isolatori, nel caso in esame 18, ottenendo:
Capitolo 3. Esempi di applicazione 133

per Tis = 2.0 sec Æ ki = 11713.2/18 = 650.7 kN/m


per Tis = 2.5 sec Æ ki = 7496.5/18 = 416.5 kN/m

Ovviamente tale possibilità va verificata rispetto alla condizione sull’eccentricità massa-


rigidezza, comportando, in caso di esito positivo, sensibili vantaggi in termini di
semplicità costruttiva e rigidezza torsionale d’insieme.

La distanza fra la proiezione del baricentro delle masse della sovrastruttura sul piano
dell’isolamento e il centro di rigidezza del sistema di isolamento deve rispettare, ai fini
della possibilità di effettuare l’analisi statica lineare, i seguenti limiti:

X: 3% 20.9 m = 0.627 m
d (K,G) < 3% della dimensione considerata dell’edificio
Y: 3% 9.7 m = 0.291 m

Le coordinate dei baricentri delle masse e delle rigidezze, rispetto ad un qualsiasi sistema
di riferimento, ad esempio quello mostrato in Fig. 3.1.1, sono, con ovvia notazione:

⎧ ∑ m j ⋅ xj
⎪x G =
⎪⎪ ∑ mj
⎨ coordinate del baricentro delle masse;
⎪ ∑ mj ⋅ yj
⎪ Gy =
⎪⎩ ∑ mj

⎧ ∑ k i ⋅ xi
⎪x K =
⎪ ∑ ki
⎨ coordinate del centro di rigidezza del sistema di isolamento.
⎪y = ∑ k i ⋅ y i
⎪ K ∑ ki

Nel caso in esame le coordinate del baricentro delle masse, calcolate considerando i
baricentri dei singoli piani riportati nella Tabella 3.1.7, sono:

xG = 0.00 m; yG = -0.07 m.

Il centro di rigidezza del sistema d’isolamento, i cui isolatori hanno le posizioni


riportate in Fig. 3.1.16 e indicate in Tabella 3.1.8, ha le seguenti coordinate,
indipendentemente dalle rigidezze dei singoli isolatori (se tra loro uguali):
xK = 0.00 m; yK = -0.10 m.
134 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Tabella 3.1.7: posizione dei baricentri di piano della sovrastruttura.


Piano xG yG
[m] [m]
base 0.00 -0.09
I piano 0.00 -0.07
II piano 0.00 -0.06
III piano 0.00 0.01
Sottotetto 0.00 -0.17
Copertura (*) 0.00 0.00
(*) considerato approssimativamente sulla linea di colmo della copertura

Tabella 3.1.8: coordinate e rigidezze teoriche degli isolatori.


CASI 2 e 3 CASI 4 e 5
Pilastro xi yi ki ki
[m] [m] [kN/m] [kN/m]
1 -10.45 4.70 650.7 416.5
2 -7.00 4.70 650.7 416.5
3 -1.35 4.70 650.7 416.5
4 1.35 4.70 650.7 416.5
5 7.00 4.70 650.7 416.5
6 10.45 4.70 650.7 416.5
7 -10.45 0.00 650.7 416.5
8 -7.00 0.00 650.7 416.5
9 -1.35 0.00 650.7 416.5
10 1.35 0.00 650.7 416.5
11 7.00 0.00 650.7 416.5
12 10.45 0.00 650.7 416.5
13 -10.45 -5.00 650.7 416.5
14 -7.00 -5.00 650.7 416.5
15 -1.35 -5.00 650.7 416.5
16 1.35 -5.00 650.7 416.5
17 7.00 -5.00 650.7 416.5
18 10.45 -5.00 650.7 416.5
totale 11712.6 7497.0

Le eccentricità lungo X e Y valgono pertanto:

d (xK,xG) =|0.00 - 0.00|= 0.00 m < 0.627 m

d (yK,yG) =|-0.10 - (-0.07)|= 0.03 m < 0.291 m


Capitolo 3. Esempi di applicazione 135

1 2 3 4 5 6

4.70

X
9.70

7 8 9 10 11 12
5.00

13 14 15 16 17 18

3.45 5.65 2.70 5.65 3.45


20.90

Fig. 3.1.16 Posizione in pianta degli isolatori uguali sotto tutti i pilastri

I valori Tis = 2.00s, ξ = 10% sono quelli più frequentemente utilizzati nella applicazioni
correnti, in relazione sia al contenimento degli spostamenti del sistema di isolamento
(basso periodo) che al facile conseguimento, dal punto di vista tecnologico, dello
smorzamento. Pertanto l’esempio di progettazione viene sviluppato in maniera completa,
con la verifica della struttura e degli isolatori, solo con riferimento al CASO 2.

3.1.5 Modellazione e analisi della struttura a base fissa (BLOCCO 5)

Ai fini della valutazione delle sollecitazioni di progetto sugli elementi strutturali e delle
relative verifiche, procedendo con l’analisi statica lineare, sarebbe sufficiente modellare la
sola sovrastruttura, considerandola fissa alla base. Tuttavia, per poter effettuare confronti
e procedere più rapidamente nella progettazione della sovrastruttura, è stato messo a
punto il modello illustrato in Fig. 3.1.17, che comprende anche la sottostruttura e il
sistema di isolamento. Questo stesso modello è utilizzabile anche per l’esecuzione delle
analisi sulla sovrastruttura considerata a base fissa, semplicemente bloccando tutti i gradi
di libertà dei nodi del grigliato di base della sovrastruttura ed al di sotto di esso.
Una volta messo a punto il modello, è immediato, anche se non strettamente necessario,
effettuare anche un’analisi dinamica modale sia sulla struttura a base fissa che su quella
isolata. L’analisi modale sulla sovrastruttura a base fissa è utile per verificare il
dimensionamento della struttura, in particolare per ciò che riguarda la distribuzione delle
rigidezze dei pilastri in pianta, ottimizzandolo rispetto a possibili effetti torsionali
d’insieme. La determinazione accurata dei periodi fondamentali permette, inoltre, di
verificare con precisione il grado d’isolamento, ossia il rapporto tra i periodi della struttura
isolata e della struttura a base fissa, che, oltre a condizionare la possibilità d’esecuzione
136 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

dell’analisi statica equivalente, punto 10.7.4-Analisi statica lineare, ha influenza


sull’efficacia dell’isolamento stesso.
Per gli aspetti legati alla modellazione della struttura bisogna seguire i criteri e le regole
riportati al punto 4.4-Modellazione della struttura. Il software utilizzato può essere un
programma commerciale agli elementi finiti di tipo generale, in grado di modellare
strutture elastiche a telaio.
Per la struttura si è adottato un modello tridimensionale a comportamento elastico
lineare, utilizzando un elemento finito monodimensionale rettilineo con comportamento
a trave di Timoshenko, per modellare travi e pilastri. Ai suddetti elementi sono assegnate
caratteristiche meccaniche coerenti con le dimensioni ricavate dal predimensionamento.
Per simulare la maggiore rigidezza in corrispondenza del nodo d’intersezione trave-
colonna, si assumono bracci rigidi di lunghezza pari ad 1/4 della larghezza dell’elemento
ortogonale all’elemento considerato. Per simulare la presenza del solaio, considerato
rigido nel proprio piano, viene assegnato ai nodi di ogni piano e di ogni pianerottolo di
riposo una condizione di vincolo, che costringe tutti i nodi dello stesso livello a spostarsi
in maniera coerente con l’ipotesi di diaframma infinitamente rigido, nelle traslazioni lungo
X e Y e nelle rotazioni intorno a Z (punto 4.4-Modellazione della struttura).
Il peso del solaio (permanenti e variabili) è assegnato come carico a metro lineare
uniformemente distribuito sugli elementi che rappresentano le travi di piano principali in
funzione dell’area d’influenza. Ai vari elementi vengono assegnati casi di carico differenti,
distinguendo tra carichi permanenti, sovraccarichi variabili, carico da neve.
La rigidezza nel proprio piano del solaio di copertura a falde inclinate, non essendo
utilizzabile la modellazione a diaframma rigido inclinato, viene modellata con delle bielle
rigide controventanti che collegano le estremità del sottotetto con la trave di colmo.
La scala a soletta rampante viene modellata ancora con elementi monodimensionali,
collegati ai pilastri adiacenti e al vano scala nei nodi di pianerottolo che dividono in due i
pilastri stessi.
Nel modello utilizzato, le masse sono assegnate direttamente agli elementi delle travi e
dei pilastri. Data l’assunzione di diaframma rigido, si potrebbe, in alternativa, concentrare
tutta la massa di piano in un nodo posizionato in corrispondenza del baricentro delle
masse, la cui posizione sia stata preventivamente calcolata. Ad esso debbono essere
assegnati tre valori di massa traslazionale (uguali nelle due direzioni orizzontali ortogonali
e nullo nella direzione verticale) e tre valori di massa rotazionale (nulli quelli relativi ai due
assi orizzontali e pari al momento d’inerzia delle masse intorno all’asse verticale, quello
relativo a quest’ultimo), anch’essi preventivamente calcolati. La modellazione a masse
distribuite sugli elementi, oltre ad automatizzare il calcolo delle grandezze inerziali e dei
baricentri delle masse di piano, permette di variare facilmente le masse, modificando
solamente i coefficienti di combinazione ψEi, e di valutare, con lo stesso modello, gli
effetti delle accelerazioni verticali sulle masse. È comunque sempre opportuno effettuare
un controllo del valore complessivo della massa restituito dal programma,
confrontandolo con il valore calcolato manualmente, anche in maniera approssimata.
Capitolo 3. Esempi di applicazione 137

a)

b)

c)
Fig. 3.1.17 -a) Modello tridimensionale della struttura; -b) dettaglio della
modellazione della scala; - c) modellazione della copertura a falde

Della sottostruttura vengono modellati i soli baggioli, considerati incastrati alla base,
nell’ipotesi che le travi di fondazione possano fornire una condizione di vincolo perfetto.
Tutti gli elementi della sottostruttura e della sovrastruttura vengono modellati sempre
come elementi a comportamento elastico lineare (punto 10.7.2-Modellazione).
I singoli isolatori sono modellati con elementi molla puntiformi, disposti in
corrispondenza di ciascun pilastro tra sottostruttura e sovrastruttura. Nel caso in esame il
sistema di isolamento, essendo costituito unicamente da isolatori elastomerici, soddisfa
138 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

sicuramente le condizioni riportate al punto 10.7.2-Modellazione, così da consentire


l’adozione del legame costitutivo elastico lineare, mettendo in conto la sua capacità
dissipativa attraverso lo smorzamento ξ e la conseguente riduzione dello spettro di
risposta.
Realizzato il modello e definite le masse, si procede ad una prima analisi del
comportamento della struttura a base fissa in modo da ricavare i primi modi di vibrare
caratteristici della struttura stessa in termini di periodi e direzioni principali.
Dall’analisi modale effettuata si ottengono i modi di vibrare ricapitolati nella Tabella
3.1.9, dove si riportano i periodi (in seconda colonna), i rapporti di massa partecipante
rispetto alla massa totale (in terza, quarta e quinta colonna), la somma progressiva dei
suddetti rapporti (in sesta, settima e ottava colonna).

Tabella 3.1.9: riassunto dei modi di vibrare propri della struttura in esame.
Periodo UX UY RZ ΣUX ΣUY ΣRZ
[sec] [%] [%] [%] [%] [%] [%]
Modo 1 0.60 0.000 0.822 0.000 0.000 0.822 0.000
Modo 2 0.56 0.841 0.000 0.003 0.841 0.822 0.003
Modo 3 0.55 0.003 0.000 0.835 0.844 0.822 0.838
Modo 4 0.18 0.099 0.000 0.006 0.943 0.822 0.844
Modo 5 0.17 0.000 0.115 0.000 0.943 0.937 0.844
Modo 6 0.16 0.006 0.000 0.103 0.949 0.937 0.947

Il valore più alto del periodo del modo in direzione Y indica che in quella direzione la
struttura è più deformabile. Si può osservare, inoltre, che i periodi dei primi due modi
traslazionali (0.60 e 0.56 sec) si differenziano da quello ottenuto con la formula
approssimata, riportata nel punto 4.5.2-Analisi statica lineare, di meno del 10%, infatti:

T1 = C1 · H3/4 = 0.075 ⋅ 13.85 = 0.54 sec (3.1.9)

dove:
C1 = 0.075, coefficiente da utilizzare per le strutture a telaio in calcestruzzo armato;
H = 13.85 m, altezza dell’edificio misurata a partire dal piano di fondazione.

Come si può osservare dai rapporti di massa eccitata, i primi due modi propri di vibrare
sono puramente traslazionali, il primo lungo Y e il secondo lungo X, mentre il terzo
modo è puramente rotazionale intorno a Z. Questo comportamento è dovuto alla
perfetta regolarità strutturale di rigidezza e di massa ottenuta con la distribuzione delle
rigidezze dei pilastri nelle due direzioni.
È interessante notare, a margine, come la considerazione dei soli primi 6 modi di
vibrare soddisfi pienamente il criterio di selezione del numero di modi da mettere in
Capitolo 3. Esempi di applicazione 139

conto nell’analisi, per il quale la massa partecipante totale deve essere superiore all’85%
della massa totale, come prescritto nel punto 4.5.3-Analisi dinamica modale.

3.1.6 Verifiche

Anche per gli edifici isolati, così come per le strutture convenzionali, sono previsti due
livelli di verifiche: allo Stato Limite di Danno e allo Stato Limite Ultimo (punto 10.8-
Verifiche e Capitolo 2-Requisiti di sicurezza e criteri di verifica). Le verifiche della
sovrastruttura, del sistema d’isolamento e della sottostruttura vengono effettuate con
riferimento ai risultati dell’analisi statica lineare, essendo possibile modellare elasticamente
il comportamento del sistema strutturale ed essendo soddisfatti i requisiti per
l’applicabilità di tale analisi, riportati nel punto 10.7.4-Analisi statica lineare. Infatti:
- La sovrastruttura rispetta i criteri di regolarità in pianta richiesti al punto 4.3.1-
Regolarità, in quanto:
ƒ la configurazione in pianta è compatta e approssimativamente simmetrica
rispetto alle due direzioni principali (ortogonali), in relazione alla
distribuzione di masse e rigidezze;
ƒ il rapporto tra i lati del rettangolo in cui l’edificio risulta inscritto è 2.15
(inferiore a 4);
ƒ non ci sono rientranze o sporgenze;
ƒ i solai possono essere considerati infinitamente rigidi nel loro piano
rispetto agli elementi verticali.
- La sovrastruttura ha altezza 14.60 m (< 20 m) e 4 piani (< 5 piani);
- La maggiore dimensione in pianta della sovrastruttura è 20.9 m (< 50 m);
- Il sistema d'isolamento può essere modellato come lineare, in accordo con il punto
10.7.2-Modellazione;
- Il periodo equivalente Tis = 2.00 sec della costruzione isolata ha un valore
compreso fra 3·Tbf = 1.80s e 3.00 sec, in cui Tbf è il primo periodo proprio della
struttura a base fissa, stimato mediante analisi dinamica della struttura a base fissa
o, in mancanza di tale analisi, con l’espressione approssimata (3.1.9);
- In ciascuna delle direzioni principali orizzontali l’eccentricità (esclusa quella
accidentale) tra il centro di rigidezza del sistema di isolamento e la proiezione
verticale del centro di massa non è superiore al 3% della dimensione della
sovrastruttura trasversale alla direzione orizzontale considerata, come mostrato in
precedenza.
- la sottostruttura può essere considerata infinitamente rigida (periodo proprio
largamente inferiore a 0.05 sec).

Inoltre, a valle dei calcoli strutturali si verificherà che:


- Nessun isolatore risulti in trazione (V ≥ 0) per l’effetto combinato dell’azione
sismica e dei carichi verticali;
e gli isolatori elastomerici verranno progettati in modo che:
140 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

- La rigidezza verticale del sistema di isolamento Kv sia più di 800 volte più grande
della rigidezza equivalente orizzontale del sistema di isolamento Kesi;
- Il periodo in direzione verticale Tv, calcolato come Tv = 2π M/Kv sia inferiore a
0.1 sec.

L’analisi statica lineare viene svolta applicando a ciascun piano della sovrastruttura,
separatamente in ciascuna direzione orizzontale (v. Fig. 3.1.18), le forze sismiche
orizzontali prodotte dall’accelerazione ricavata dagli spettri di progetto (definiti al punto
10.6.1) allo SLU e allo SLD (v. Fig. 3.1.19), relativi ad uno smorzamento ξesi = 10%,
(CASO 2). Nel caso di strutture isolate, per le condizioni poste sul rapporto d’isolamento,
i primi periodi traslazionali sono pressoché uguali nelle due direzioni principali, per cui le
forze possono essere assunte uguali nelle due direzioni.

fi fi
F0 F0

kiso kiso
f S/n
ξesi ξesi

Fig. 3.1.18 Applicazione statica delle forze sismiche sulla sovrastruttura e sulla
sottostruttura secondo le due direzioni principali orizzontali

Le forze orizzontali da applicare nel baricentro di ciascun piano della sovrastruttura (v.
Fig. 3.1.18), compreso il solaio di base, sono calcolate nell’ipotesi di accelerazione
costante lungo l’altezza dell’edificio, mediante l’espressione riportata nel punto 10.7.4-
Analisi statica lineare:

fj = mj ⋅ Se(Tis, ξesi) (3.1.10)

in cui:
mj è la massa del piano j-esimo;
Se(Tis, ξesi) è l’accelerazione spettrale di progetto definita a partire dallo spettro
elastico per la zona sismica e per la categoria di suolo di fondazione
appropriate, in relazione al tipo di verifica da effettuare e allo Stato
Limite considerato.
Capitolo 3. Esempi di applicazione 141

Spettri di progetto da utilizzare nel


CASO 2 (Tis=2.00s; ξ=10%)
7
6 SLU: Se(2.00s;10%)
5
Sa (m/sec2)
SLD: Se(2.00s; 10%)/2.5
4
3
2
1
0
0 1 2 3 4
Periodo (sec.)
Fig. 3.1.19 Spettri di progetto per le verifiche allo SLU e allo SLD nel CASO 2

Quando il modello generale include anche la sottostruttura, sugli elementi della


sottostruttura bisogna applicare, separatamente nelle due direzioni, le forze d’inerzia
orizzontali fs,X e fs,Y pari al prodotto delle masse della sottostruttura per l’accelerazione del
terreno (punto 10.8.2-Stato Limite Ultimo (SLU)), secondo la seguente espressione:

fs = ms ⋅ ag ⋅ S (3.1.11)

essendo ms la massa della sottostruttura, ag e S i parametri che definiscono l’azione


sismica, già definiti in precedenza (punti 3.1-Categorie di suolo di fondazione e 3.2-
Calcolo dell’azione sismica).

I valori massimi della risposta ottenuti da ciascuna delle due componenti orizzontali
dell’azione sismica applicate separatamente vengono combinati sommando ai massimi
ottenuti per l’azione applicata in una direzione il 30% dei massimi ottenuti per l’azione
applicata nell’altra direzione, come prescritto nel punto 4.6-Combinazione delle
componenti dell’azione sismica.
La combinazione delle sollecitazioni derivanti dalle suddette forze d’inerzia agenti sulle
masse della sottostruttura con quelle derivanti dalle forze d’inerzia agenti sulle masse della
sovrastruttura può essere effettuata con la regola di combinazione della radice della
somma dei quadrati (punto 10.8.2-Stato Limite Ultimo (SLU)). In via semplificativa, e
a favore di sicurezza, nel caso in esame la combinazione avviene per somma diretta, ossia
applicando contemporaneamente le forze alla sovrastruttura e alla sottostruttura
(ovviamente nelle stesso verso) sull’unico modello strutturale utilizzato.
142 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Gli effetti torsionali accidentali sulla sovrastruttura, di cui al punto 4.4-Modellazione


della struttura, ai fini della verifica degli elementi strutturali, saranno valutati come
specificato nel punto 4.5.2-Analisi statica lineare. Tali effetti possono essere messi in
conto in maniera semplificata amplificando le forze da applicare a ciascuna sottostruttura
verticale con il fattore amplificativo (δ), risultante dalla seguente espressione:

δ = 1 + 0.6 x / Le (3.1.12)

dove:
x è la distanza dell’elemento resistente verticale dal baricentro geometrico
dell’edificio, misurata perpendicolarmente alla direzione dell’azione sismica
considerata;
Le è la distanza tra i due elementi resistenti più lontani, misurata allo stesso modo.

Nella progettazione e verifica degli isolatori elastomerici, una delle grandezze più
influenti è lo spostamento massimo che i singoli isolatori subiscono durante il terremoto.
Tale spostamento differisce da quello del centro di rigidezza del sistema d’isolamento per
gli effetti torsionali dovuti all’eccentricità rispetto al centro di massa della sovrastruttura.
Sebbene tale eccentricità sia praticamente nulla nel caso in esame, occorre, comunque,
prendere in conto un’eccentricità accidentale pari al 5% della dimensione corrispondente
(punto 4.4-Modellazione della struttura). Gli effetti della torsione d’insieme della
sovrastruttura sui singoli isolatori possono, allora, essere valutati amplificando in ciascuna
direzione gli spostamenti e le forze precedentemente definiti mediante i fattori δXi e δYi,
per le azioni in direzione X e Y (punto 10.7.4-Analisi statica lineare):

e e
δ = 1+ tot, Y
y' ; δ = 1+ tot, X
x' ; (3.1.13)
Xi ry 2 i Yi ry 2 i

in cui:
(x’i, y’i) sono le coordinate dell’isolatore rispetto al centro di rigidezza;
etot X, Y valore assoluto dell’eccentricità effettiva tra centro di rigidezza del sistema di
isolamento e la proiezione del baricentro di massa sul piano degli isolatori in
direzione X e Y più l’eccentricità accidentale ottenuta spostando il centro di
massa, in ogni direzione considerata, di una distanza pari al 5% della
dimensione massima dell’edificio in direzione perpendicolare all’azione sismica
considerata (punto 4.4-Modellazione della struttura);

rx, y è il raggio torsionale del sistema di isolamento, dato dalla seguente espressione:

rx 2 = ∑ ⎛⎜ x' 2 K + y' 2 K ⎞⎟ / ∑ K ; ry 2 = ∑ ⎛⎜ x' 2 K + y' 2 K ⎞⎟ / ∑ K ;


⎝ i yi i xi ⎠ yi ⎝ i yi i xi ⎠ xi
Capitolo 3. Esempi di applicazione 143

dove:
Kxi e Kyi sono le rigidezze equivalenti del dispositivo i-esimo nella direzione x e y
rispettivamente.

3.1.6.1 Verifiche della Struttura (BLOCCO 6)

3.1.9.1.1 Stato Limite di Danno (SLD)

Il livello di protezione richiesto nei confronti dello SLD per la sottostruttura e le


fondazioni è da ritenere conseguito se sono soddisfatte le relative verifiche nei confronti
dello SLU (punto 10.8.1-Stato limite di danno (SLD)).

Sulla sovrastruttura, la verifica si effettua, controllando che gli spostamenti di interpiano


(dr) ottenuti dall’analisi siano inferiori ai limiti indicati nel punto 4.11.2-Stato limite di
danno, ossia:
⎧ 0.005 ⋅ 2.9 = 0.0145 m
⎪ (3.1.14)
d r < 0.005h ⎨
⎪⎩ 0.005 ⋅ 3.1 = 0.0155 m
dove:
dr è lo spostamento di interpiano, calcolato come descritto nel punto 4.8-
Valutazione degli spostamenti;
h è l’altezza del piano considerato.

Con il metodo dell’analisi statica lineare (punto 10.7.4-Analisi statica lineare) si


applicano alla sovrastruttura, a ciascun piano e separatamente nelle due direzioni, le forze
fi,X e fi,Y orizzontali d’inerzia derivanti dalle accelerazioni spettrali corrispondenti al
periodo del primo modo di vibrare della struttura allo SLD.

Tabella 3.1.10: valori delle masse e delle forze da applicare ad ogni piano della
sovrastruttura allo SLD per il CASO 2.
massa ag = Se(2.00s, 10%)/2.5 Forza
Piano W/g [t] [m/sec2] [kN]
base 216.6 135.2
I piano 225.4 140.6
II piano 226.3 141.2
1.56/2.5
III piano 225.8 140.9
sottotetto 207.8 129.7
Copertura 84.9 53.0
Totale 1186.8 740.6

In generale tale periodo potrà essere diverso dal periodo calcolato allo SLU, essendo
funzione della rigidezza secante del sistema d’isolamento in corrispondenza dello
144 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

spostamento massimo prodotto dall’azione sismica. In caso di comportamento


marcatamente non lineare, la rigidezza, e dunque, il periodo variano in funzione
dell’intensità dell’azione. Nel caso degli isolatori elastomerici con smorzamento 10% e
nelle usuali ipotesi progettuali (deformazioni tangenziali medie γs di progetto allo SLU
dell’ordine del 100-150%) si osserva una buona costanza di rigidezza nell’intervallo di
spostamento riscontrabile tra lo SLU e lo SLD. Pertanto si assume che il periodo allo
SLD sia lo stesso con cui si è progettato allo SLU e pari a Tis = 2.00 sec. Si ottengono
pertanto le forze sismiche riportate in Tabella 3.1.10.

Gli spostamenti d’interpiano dr da verificare si ottengono, come indicato nei punti


4.5.2-Analisi statica, 4.6-Combinazione delle componenti dell’azione sismica e 4.7-
Fattori di importanza, dalle seguenti espressioni:

dr x = γI*max{(δX|dr x,X|+ δY 0.3|dr x,Y|); (δX 0.3|dr x,X|+ δY|dr x,Y|)} (3.1.15)
dr y = γI*max{(δX 0.3|dr y,X|+ δY|dr y,Y|); (δX|dr y,X|+ δY 0.3|dr y,Y|)} (3.1.16)

dove:
dr x; dr y sono gli spostamenti interpiano in direzione X ed in direzione Y da
verificare secondo la (3.1.14)
dr x,X, dr y,X sono gli spostamenti interpiano in direzione X ed in direzione Y dovuti al
sisma in direzione X, ottenuti dall’analisi;
dr x,Y, dr y,Y sono gli spostamenti interpiano in direzione X ed in direzione Y dovuti al
sisma in direzione Y, ottenuti dall’analisi;
δX, δY fattori amplificativi per tener conto degli effetti torsionali per eccentricità
accidentale nell’analisi della componente sismica in direzione X e Y;
γI è il fattore d’importanza, dipendente dalla funzione dell’opera, pari ad 1 nel
caso in esame (edificio d’importanza ordinaria).

Si noti, in particolare, come anche per la sovrastruttura gli effetti dell’eccentricità siano
messi in conto in maniera semplificata, mediante un’amplificazione forfetaria ottenuta
applicando i coefficienti δX e δY agli spostamenti ottenuti dall’analisi in cui le forze
sismiche sono applicate nei baricentri delle masse di piano. Nella Tabella 3.1.11 sono
riportati i coefficienti δX e δY ricavati per i diversi allineamenti delle sottostrutture
verticali.
Gli spostamenti massimi si ottengono, ovviamente in corrispondenza degli spigoli
dell’edificio, e sono riassunti in Fig. 3.1.20. Essi sono abbondantemente al di sotto del
limite di norma (0.5% dell’altezza di interpiano), per cui la verifica allo SLD risulta
pienamente soddisfatta. Valori superiori si ritrovano in direzione Y, per la maggiore
deformabilità della sovrastruttura in questa direzione, già evidenziata dall’analisi modale.
Capitolo 3. Esempi di applicazione 145

Tabella 3.1.11: fattori per il calcolo degli effetti torsionali accidentali sulla struttura.
Nodi di xi yi δY δX
intersezione [m] [m]
1 -10.45 4.85 1.30 1.30
2 -7.00 4.85 1.20 1.30
3 -1.35 4.85 1.04 1.30
4 1.35 4.85 1.04 1.30
5 7.00 4.85 1.20 1.30
6 10.45 4.85 1.30 1.30
7 -10.45 0.15 1.30 1.01
8 -7.00 0.15 1.20 1.01
9 -1.35 0.15 1.04 1.01
10 1.35 0.15 1.04 1.01
11 7.00 0.15 1.20 1.01
12 10.45 0.15 1.30 1.01
13 -10.45 -4.85 1.30 1.30
14 -7.00 -4.85 1.20 1.30
15 -1.35 -4.85 1.04 1.30
16 1.35 -4.85 1.04 1.30
17 7.00 -4.85 1.20 1.30
18 10.45 -4.85 1.30 1.30

Spostamenti Interpiano

IV°- III° Direzione Y


Direzione X
III°- II°

II°- I°

I°- 0

0.0% 0.1% 0.2% 0.3% 0.4% 0.5%


spostamenti interpiano/altezza del piano (%)
Fig. 3.1.20 Diagramma degli spostamenti interpiano massimi allo SLD, espressi in
percentuale dell’altezza interpiano
146 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

È opportuno evidenziare come la procedura semplificata utilizzata fornisce una


valutazione approssimata degli spostamenti, tanto peggiore quanto più allungata è la
forma dell’edificio. Tuttavia, dati gli abbondanti margini di sicurezza ottenuti (peraltro
usuali nella verifica allo SLD delle strutture isolate) si è ritenuto non necessario migliorare
il grado di approssimazione, procedendo con l’applicazione diretta dei momenti torcenti
globali (punto 4.5.2-Analisi statica).

Per quanto riguarda la sottostruttura e le fondazioni, il livello di protezione richiesto nei


confronti dello SLD è da ritenere conseguito se sono soddisfatte le relative verifiche nei
confronti dello SLU (punto 10.8.1-Stato limite di danno (SLD)).

3.1.9.1.2 Stato Limite Ultimo (SLU)

In questo paragrafo vengono esaminate in dettaglio le procedure di verifica allo Stato


Limite Ultimo della sottostruttura e della sovrastruttura, tralasciando gli aspetti particolari
relativi alla verifica delle fondazioni, per le quali occorre seguire quanto prescritto al
punto 5.4.7-Elementi di fondazione in cemento armato dell’all. 2.

Gli elementi strutturali della sottostruttura dovranno essere verificati rispetto alle
sollecitazioni ricavate dall’analisi, avendo incluso nel modello anche la sottostruttura
(punto 10.8.2-Stato Limite Ultimo (SLU)). Con il metodo dell’analisi statica lineare
(punto 10.7.4-Analisi statica lineare) bisogna applicare a ciascun piano della
sovrastruttura e agli elementi della sottostruttura (v. Fig. 3.1.18), separatamente nelle due
direzioni, le forze fi,X e fi,Y orizzontali riportate in Tabella 3.1.12.

Nel caso in esame la sottostruttura è costituita da baggioli di dimensioni 75x95x120 cm


(v. Fig. 3.1.6 e Fig. 3.1.12) che collegano i dispositivi al grigliato di fondazione, assunto
infinitamente rigido. Le dimensioni e l’armatura dei baggioli (v. Fig. 3.1.21) devono essere
tali da resistere, oltre alle azioni di calcolo, anche alle azioni concentrate trasmesse dai
martinetti, dovute nell’eventuale operazione di sostituzione dei dispositivi (v. Fig. 3.1.22).
Le sollecitazioni di calcolo, ottenute direttamente dall’analisi statica lineare, sono dunque:

- Presso-flessione deviata ottenuta dalle seguenti combinazioni:

Nstat ± (δX NX + 0.3 δY NY) = N

STATICO ± SISMA X: Mx,stat ± (δX MxX + 0.3 δY MxY) = Mx

My,stat ± (δX MyX + 0.3 δY MyY) = My


Capitolo 3. Esempi di applicazione 147

Nstat ± (0.3 δX NX + δY NY) = N

STATICO ± SISMA Y: Mx,stat ± (0.3 δX MxX + δY MxY) = Mx

My,stat ± (0.3 δX MyX + δY MyY) = My

- Taglio Tx e Ty ottenuti dalle seguenti combinazioni:

Tx,stat ± (δX TxX + 0.3 δY TxY) = Tx


STATICO ± SISMA X:
Ty,stat ± (δX TyX + 0.3 δY TyY) = Ty

Tx,stat ± (0.3 δX TxX + δY TxY) = Tx


STATICO ± SISMA Y:
Ty,stat ± (0.3 δX TyX + δY TyY) = Ty

dove i simboli indicati nelle formule vengono specificati in seguito.

Tabella 3.1.12: valori delle masse e delle forze da applicare ad ogni piano della
sovrastruttura e alla sottostruttura allo SLU per il CASO 2.
massa ag= Sd(2.00s, 10%) Forza
Piano W/g [t] [m/sec2] [kN]
sottostruttura 39.2 3.07 120.3
base 216.6 337.9
I piano 225.4 351.6
II piano 226.3 353.0
1.56
III piano 225.8 352.2
sottotetto 207.8 324.2
Copertura 84.9 132.4
Totale 1226.0 1971.8

Le sollecitazioni agenti vanno confrontate con le capacità ultime della sezione per la
sollecitazione considerata, nel rispetto delle regole riportate al punto 5.4-
Dimensionamento e verifica degli elementi strutturali.
I coefficienti di sicurezza, γm sono invariati rispetto a quelli previsti dalla normativa per
gli edifici non isolati (punto 10.8.2), ossia quelli applicabili alle situazioni non sismiche
(punto 5.4.1-Travi e punto 5.4.2-Pilastri).
Armando la sezione nel rispetto dei minimi di norma, per i quali si fa riferimento alle
condizioni non sismiche, come in zona 4 (v. punto 5.8-Edifici in zona 4), si ottengono
le armature mostrate in Fig. 3.1.21 e la verifica risulta soddisfatta, essendo le sollecitazioni
agenti in ogni sezione minori o uguali alle sollecitazioni resistenti.
148 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

4φ20 [sv: 1.69m]


89
40 40

]
m
.49
:1
40

[sv
69

14
50

50

50
40

Staffe e legature

50

4φ14 [sv: 4.37m]


4φ14 [sv: 4.37m]

3+3φ14 [sv: 4.37m]


1.20

φ8/15
A A A A

337
1.80

1.80

337
337

337
0.60

50
50
50

50
Sezione A-A Staffa φ 8 Legatura φ 8
4φ14

3+3φ14

4φ14

Fig. 3.1.21 Carpenteria e armature degli elementi della sottostruttura

Nella Fig. 3.1.22 è riportato un disegno schematico del posizionamento dei martinetti di
sollevamento da utilizzare nell’eventualità di sostituzione degli isolatori.

travi del solaio


di base
Pilastro

Solaio

Martinetto
Martinetto
Isolatore
Isolatore Elemento della
Trave di
fondazione sottostrutura

Fig. 3.1.22 Ingombro dei martinetti nell’eventuale operazione di sostituzione dei


dispositivi
Capitolo 3. Esempi di applicazione 149

Le condizioni di resistenza degli elementi della sovrastruttura (punto 10.8.2-Stato


Limite Ultimo) debbono essere soddisfatte considerando gli effetti dell’azione sismica di
progetto allo SLU (v. Fig. 3.1.19) divisi dal fattore q = 1,15 ⋅ αu /α1, in cui il rapporto αu
/α1 è specificato nel punto 5.3.2-Fattori di struttura, combinati con le altre azioni
secondo le regole del punto 3.3-Combinazione dell’azione sismica con le altre
azioni. Con il metodo dell’analisi statica lineare (punto 10.7.4-Analisi statica lineare) si
applica alla sovrastruttura, nel baricentro di ciascun piano e separatamente nelle due
direzioni, le forze fi,X e fi,Y in direzione orizzontale descritte in precedenza, che nel caso in
esame assumono allo SLU i valori riportati in Tabella 3.1.12.
La combinazione dell’azione sismica con le altre azioni (3.1.2), da considerare nel caso
di analisi statica lineare per la sovrastruttura, come indicato in precedenza, è mostrata di
seguito.
Per i pilastri si considerano i seguenti stati di sollecitazione, ottenuti combinando gli
effetti dell’azione sismica e delle altre azioni, secondo quanto previsto nel punto 4.6-
Combinazione delle componenti dell’azione sismica, portando in conto anche gli
effetti torsionali accidentali:
- Presso-flessione deviata ottenuta dalle seguenti combinazioni:

Nstat ± (δX NX + 0.3 δY NY)/q = N

STATICO ± SISMA X: Mx,stat ± (δX MxX + 0.3 δY MxY)/q = Mx

My,stat ± (δX MyX + 0.3 δY MyY)/q = My

Nstat ± (0.3 δX NX + δY NY)/q = N

STATICO ± SISMA Y: Mx,stat ± (0.3 δX MxX + δY MxY)/q = Mx

My,stat ± (0.3 δX MyX + δY MyY)/q = My

- Taglio Tx e Ty ottenuti dalle seguenti combinazioni:

Tx,stat ± (δX TxX + 0.3 δY TxY)/q = Tx


STATICO ± SISMA X:
Ty,stat ± (δX TyX + 0.3 δY TyY)/q = Ty

Tx,stat ± (0.3 δX TxX + δY TxY)/q = Tx


STATICO ± SISMA Y:
Ty,stat ± (0.3 δX TyX + δY TyY)/q = Ty
150 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Per le travi si considerano i seguenti stati di sollecitazione:


- Flessione semplice nel piano verticale

STATICO ± SISMA X: Mx,stat ± (δX MxX + 0.3 δY MxY) /q = Mx

STATICO ± SISMA Y Mx,stat ± (0.3 δX MxX + δY MxY) /q = Mx

- Taglio nel piano verticale:

STATICO ± SISMA X: Ty,stat ± (δX TyX + 0.3 δY TyY) /q = Ty

STATICO ± SISMA Y: Ty,stat ± (0.3 δX TyX + δY TyY) /q = Ty

dove:
x, y = pedici indicanti l’asse del riferimento locale (gli assi x e y giacciono nel
piano della generica sezione normale dell’elemento);
X, Y = pedici indicanti la direzione della componente (orizzontale) in esame
dell’azione sismica;
Nstat = sforzo normale derivante dall’analisi statica verticale considerando i soli
carichi gravitazionali, combinati con i coefficienti ψ2i riportati nella Tabella
3.1.1;
Mx,stat = momento flettente intorno all’asse x del riferimento locale dell’elemento
considerato, derivante dall’analisi statica verticale, ottenuta allo stesso
modo;
My,stat = momento flettente intorno all’asse y del riferimento locale dell’elemento
considerato, derivante dall’analisi statica verticale, ottenuta allo stesso
modo;
Tx,stat = taglio in direzione x del riferimento locale dell’elemento considerato,
derivante dall’analisi statica verticale, ottenuta allo stesso modo;
Ty,stat = taglio in direzione y del riferimento locale dell’elemento considerato,
derivante dall’analisi statica verticale, ottenuta allo stesso modo;

NX = valore assoluto dello sforzo normale derivante dall’analisi statica


orizzontale in direzione X, ottenuto considerando le forze sismiche
orizzontali legate alle masse derivanti dai carichi gravitazionali secondo i
coefficienti riportati nella Tabella 3.1.2;
NY = valore assoluto dello sforzo normale derivante dall’analisi statica
orizzontale in direzione Y, ottenuto allo stesso modo;
MxX = valore assoluto del momento flettente intorno all’asse x del riferimento
locale dell’elemento considerato, derivante dall’analisi statica orizzontale in
direzione X, ottenuto allo stesso modo;
Capitolo 3. Esempi di applicazione 151

MxY = valore assoluto del momento flettente intorno all’asse x del riferimento
locale dell’elemento considerato, derivante dall’analisi statica orizzontale in
direzione Y, ottenuto allo stesso modo;
MyX = valore assoluto del momento flettente intorno all’asse y del riferimento
locale dell’elemento considerato, derivante dall’analisi statica orizzontale in
direzione X, ottenuto allo stesso modo;
MyY = valore assoluto del momento flettente intorno all’asse y del riferimento
locale dell’elemento considerato, derivante dall’analisi statica orizzontale in
direzione Y, ottenuto allo stesso modo;
TxX = valore assoluto del taglio in direzione x del riferimento locale
dell’elemento considerato, derivante dall’analisi statica orizzontale in
direzione X, ottenuto allo stesso modo;
TxY = valore assoluto del taglio in direzione x del riferimento locale
dell’elemento considerato, derivante dall’analisi statica orizzontale in
direzione Y, ottenuto allo stesso modo;
TyX = valore assoluto del taglio in direzione y del riferimento locale
dell’elemento considerato, derivante dall’analisi statica orizzontale in
direzione X, ottenuto allo stesso modo;
TyY = valore assoluto del taglio in direzione y del riferimento locale
dell’elemento considerato, derivante dall’analisi statica orizzontale in
direzione Y, ottenuto allo stesso modo;
δX = fattore amplificativo delle sollecitazioni dell’elemento in esame da
considerare nell’analisi della componente sismica orizzontale in direzione
X;
δY = fattore amplificativo delle sollecitazioni dell’elemento in esame da
considerare nell’analisi della componente sismica orizzontale in direzione
Y;
q = fattore di struttura.

I valori dei fattori amplificativi δX e δY che portano in conto gli effetti torsionali
accidentali sulla sovrastruttura sono riportati nella Tabella 3.1.11, mentre il fattore di
struttura q, nel caso in esame, vale 1.15 · 1.3 ≈ 1.5.
Nelle verifiche degli elementi della sovrastruttura, oltre alle combinazioni sismiche,
sopra descritte, va considerata anche l’azione dei soli carichi verticali combinati con i
coefficienti maggiorativi γg= 1.4 e γq= 1.5 (condizione statica: 1.4⋅Gk + 1.5⋅Qk).
La verifica risulta soddisfatta se in ogni sezione le sollecitazioni agenti sono minori o
uguali alle sollecitazioni resistenti.
Vengono di seguito mostrati i risultati della progettazione e verifica allo SLU delle travi
appartenenti ai due allineamenti, ortogonali tra loro, del primo livello e dei pilastri
appartenenti all’allineamento verticale intersecante i precedenti, individuati in Fig. 3.1.23.
Per le travi, si confrontano le sollecitazioni resistenti con il diagramma inviluppo delle
sollecitazioni flettenti e taglianti agenti (v. Fig. 3.1.24). Il diagramma dei momenti è
traslato nel verso più sfavorevole di una distanza pari a:
152 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

∆a = z/2 + s/2
dove:
z il braccio della coppia interna da assumere pari a 0.9 volte l’altezza utile della
sezione trasversale della trave (d);
s passo delle staffe.

Per i pilastri la verifica a taglio si effettua allo stesso modo, mentre la verifica a presso
flessione deviata si effettua con l’ausilio dei domini di rottura (v. Fig. 3.1.25).
Per gli stessi elementi vengono inoltre mostrate le carpenterie riportate in Fig. 3.1.24,
Fig. 3.1.25 e Fig. 3.1.27. 1055

9
1006 1007 1008 1009 1010
1056

309 309

209 209

109 109
1056 1055
1006 1007 1008 1009 1010
9 9

9s

Fig. 3.1.23 Travi e pilastri considerati nel progetto

La geometria e i dettagli di armatura delle travi e dei pilastri debbono rispettare le


condizioni seguenti.

Travi

La larghezza della trave (b) non deve essere minore di 20 cm e, per le travi basse
comunemente denominate “a spessore”, non maggiore della larghezza del pilastro,
aumentata da ogni lato di metà dell'altezza della sezione trasversale del pilastro stesso. Il
rapporto b/h non deve essere minore di 0.25, punto 5.5.2.1-Limiti geometrici.
Capitolo 3. Esempi di applicazione 153

Sollecitazioni di Progetto-Momenti Resistenti Travata X


160 155 kNm 155 kNm
130 kNm 130 kNm
120
Statica
80 Sisma X
M (kN/m) 40 Resistenza

0
-40
-80
-120 130 kNm 130 kNm 130 kNm
-160
0.30 0.30
Vista dall'alto 0.30
3.15 5.35 1.20
A B Nodo
tr. 1055

A B tr. 1056

0.30 0.30
Sezione Longitudinale 0.30
3.15 5.35 1.20
Pil. 109
A B Nodo
trave 1006 trave 1007 tr. 1008

A B Pil. 9
0.50 2.15 0.50 0.50 4.35 0.50 0.50 0.70
φ8/10 staffeφ8/35 φ8/10 φ8/10 staffeφ8/35 φ8/10 φ8/10 φ8/35

4φ14 [sv: 5.10m]


Distinta Armatura 4φ14 [sv: 4.95m]
358 108 112
4φ14 [sv: 7.90m] 270
112 515 113
1φ14 [sv: 3.20m] 1φ14 [sv: 5.90m]
112 96 112 112 366
640
42 835
ferri di parete φ14 [sv: 7.10m] 40
42
ferri di parete φ14 [sv: 9.15m]
640
40 835
4φ14 [sv: 5.10m] 4φ14 [sv: 4.95m]
358 108 4φ14 [sv: 7.90m] 112 270
112 515 113

Sezione A-A Sezione B-B Staffa φ 8

4φ14 4φ14
1φ14

2φ14 2φ14
4φ14 4φ14
154 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Sollecitazioni di Progetto-Momenti Resistenti Travata Y


160 155 kNm 155 kNm
Statica
130 kNm
120 Sisma Y
Resistenza
80
M (kN/m)

40 27 kNm
0
-40 27 kNm
-80
-120 130 kNm
-160
0.30
Vista dall'alto 0.30 0.30
4.70 4.40
A Nodo B
tr. 1007

tr. 1008
A B
Sezione Longitudinale
0.30 0.50 0.50
4.60 4.10
Pil. 109
A Nodo B
trave 1056 trave 1055

A Pil. 9 B
0.20 4.20 0.20 0.50 4.35 0.50
φ8/4 staffeφ8/16 φ8/4 φ8/10 staffeφ8/35 φ8/10

3φ14 [sv: 5.70m] Distinta Armatura


512
44
4φ14 [sv: 5.20m]
114 482
44
1φ14 [sv: 2.75m]
1φ14 [sv: 2.40m]
112 51 112
116 80 44
3φ14 [sv: 5.70m] 44
504
512
ferri di parete φ14 [sv: 5.60m]
504
4φ14 [sv: 6.00m]

504
Sezione A-A Sezione B-B Staffa φ 8

4φ14 4φ14

2φ14
2φ14
4φ14

Staffa φ 8

Fig. 3.1.24 Diagrammi inviluppo, carpenterie e armature delle travi progettate


Capitolo 3. Esempi di applicazione 155

In ogni sezione della trave, il rapporto d'armatura al bordo superiore e quello al bordo
inferiore deve essere compreso tra i limiti definiti al punto 5.5.2.2-Armature
longitudinali:
1.4 3.5
< ρ < ρ comp +
f f
yk yk
dove:
ρ è il rapporto geometrico di armatura = As/(b·h) oppure Ai/(b·h);
ρcomp è il rapporto geometrico di armatura relativo all’armatura compressa;
As e Ai rappresentano l'area dell'armatura longitudinale, rispettivamente
superiore e inferiore;
fyk è la tensione caratteristica di snervamento dell'acciaio (in N/mm2).

In corrispondenza degli appoggi della trave si deve disporre un’armatura inferiore in


grado di assorbire uno sforzo di trazione pari al taglio (D.M.LL.PP. 09/01/96).
Nelle zone di attacco con i pilastri, per un tratto pari a una volta l'altezza utile della
sezione trasversale, devono essere previste staffe di contenimento. La prima staffa di
contenimento deve distare non più di 5 cm dalla sezione a filo pilastro; le successive
devono essere disposte ad un passo non maggiore della più piccola delle grandezze
seguenti:
- un quarto dell'altezza utile della sezione trasversale;
- 15 cm;
Nelle rimanenti parti delle travi bisogna disporre le staffe ad un passo non superiore a
0.8 volte l’altezza utile della sezione (D.M.LL.PP. 09/01/96).
Per staffa di contenimento si intende una staffa rettangolare, circolare o a spirale, di
diametro minimo 6 mm, con ganci a 135° prolungati per almeno 10 diametri alle due
estremità. I ganci devono essere assicurati alle barre longitudinali.

Pilastri

Per l’armatura longitudinale valgono i limiti definiti per le strutture in zona non sismica
(D.M.LL.PP. 09/01/96); pertanto nei pilastri soggetti a compressione centrata od
eccentrica l'area minima di armatura longitudinale deve essere pari a:
N
0.15 ⋅ sd
f
yd

dove:
Nsd forza normale di calcolo (1.4Gk + 1.5Qk);
fyd valore di calcolo della tensione di snervamento dell'armatura ordinaria.

In ogni caso essa deve essere compresa tra lo 0.3% e il 6% della sezione effettiva e il
numero minimo di barre longitudinali pari a 4, con diametro non inferiore ai 12 mm.
156

4φ14 [sv: 5.20m]


4φ14 [sv: 6.00m] 465
45
337 113 4φ14 [sv: 4.20m]
50 465
310 110
337 4φ14 [sv: 4.20m] 45
310 110
2φ14 [sv: 5.10m]
50 113 2φ14 [sv: 4.20m] 45
2φ14 [sv: 6.00m] 310 110 465
50 2φ14 [sv: 4.20m]
337 113 310 110 45
4φ14 [sv: 4.20m] 4φ14 [sv: 5.20m]
50 310 110 465
4φ14 [sv: 6.00m] 4φ14 [sv: 4.20m]
Distinta Armatura

337 113 310 110

A
trave 1007

A
Pil. 9

Pil. 9s
Pil. 109
Pil. 209
Pil. 309
Pil. 409

trave 1008
0.15
1.00 1.40 1.50 1.60 1.50 1.60 1.50 1.60 1.50 1.00
Staffe e staffeφ8/20 φ8/7.5 staffeφ8/20 φ8/7.5 staffeφ8/20 φ8/7.5 staffeφ8/20 φ8/7.5 φ8/7.5
legature φ8/15
φ8/7.5

A
trave 1056

A
Sezioni Longitudinali Pilastrata

Pil. 9

Pil. 9s
Pil. 109
Pil. 209
Pil. 309
Pil. 409

trave 1055
0.60 0.26 0.50 0.50 0.50 0.50 0.50
1.20 2.40 2.60 2.60 2.60
2.56 2.90 3.10 3.10 3.10 1.65
Progetto di Edifici con Isolamento Sismico
Capitolo 3. Esempi di applicazione 157

Sezione A-A Sezione B-B Staffa φ 8 Legatura φ 8

3φ14 3φ14

4φ14 4φ14

3φ14 3φ14

Pil. 9 - 1° livello (Statica Vert.) Pil. 9 - 1° livello (Sima X) Pil. 9 - 1° livello (Sima Y)
150 150 150
My (kN m) N = 1007 kN My (kN m) N = 490 kN My (kN m) N = 770 kN

75 75 75

0 0 0
-300 -150 0 150 300 -300 -150 0 150 300 -300 -150 0 150 300

-75
Mx (kN m) Mx (kN m) -75
Mx (kN m)
-75

-150 -150 -150

Fig. 3.1.25 Carpenteria, armature dei pilastri progettati e domini di resistenza della
sezione di base del Pilastro del 1° livello

Alle due estremità del pilastro si devono disporre staffe di contenimento e legature per
una lunghezza, misurata a partire dalla sezione di estremità, pari alla maggiore delle
seguenti quantità (punto 5.5.3.3-Armature trasversali):
- il lato maggiore della sezione trasversale;
- un sesto dell'altezza netta del pilastro;
- 45 cm.
In ciascuna delle due zone di estremità del pilastro devono essere rispettate le
condizioni seguenti:
- le barre disposte sugli angoli della sezione devono essere contenute dalle staffe;
- almeno una barra ogni due, di quelle disposte sui lati, dovrà essere trattenuta da staffe
interne o da legature;
- le barre non fissate devono trovarsi a meno di 15 cm da una barra fissata.
Il diametro delle staffe di contenimento e legature non deve essere inferiore a 8 mm.
Esse saranno disposte ad un passo pari alla più piccola delle quantità seguenti:
- un quarto del lato minore della sezione trasversale;
- 15 cm.
Nelle rimanenti parti del pilastro bisogna disporre le staffe ad un interasse non
maggiore di 15 volte il diametro minimo delle barre di armatura longitudinale.
Nel caso in esame, essendo il lato minore di 30 cm, il passo delle staffe nelle zone
d’estremità sarà pari a 30/4 = 7.5 cm.
158 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Sezione Vista dal basso


Pilastro Elemento della Elemento della
Trave del
base del pilastro base del pilastro
solaio di base
N

Isolatore

4φ20
4φ20
T

Isolatore
Martinetto Trave del
Martinetto
N/2 N/2 solaio di base

Fig. 3.1.26 Modello per il calcolo ad elemento tozzo della base del pilastro 9 nella
condizione di sostituzione del dispositivo di isolamento

Alla base dei pilastri, in corrispondenza del ringrosso su cui convergono le travi del
grigliato di base, va considerata l’eventuale condizione di sollevamento, o meglio di
decompressione dell’isolatore e sostegno del carico verticale competente al singolo
pilastro, per la sostituzione dell’isolatore stesso. Questa condizione richiede una verifica
del ringrosso all’incrocio delle travi del grigliato, ad elemento tozzo, secondo uno schema
a traliccio (v. Fig. 3.1.26). Lo sforzo normale di progetto è quello prodotto dal carico
permanente e dai sovraccarichi variabili (Gk + Qk) agenti all’interfaccia dispositivo-
sovrastruttura in corrispondenza del pilastro considerato (nell’ipotesi che la sostituzione
avvenga durante il pieno uso della struttura).
Gli sforzi di compressione nella biella di calcestruzzo e di trazione nell’armatura tesa
vengono calcolati considerando una diffusione degli sforzi a 45°. Nel caso in esame, in
corrispondenza del pilastro considerato (Pil. 9), il valore di progetto di N, lo sforzo di
compressione nella biella compressa Nc e lo sforzo di trazione nell’asta tesa valgono T:

N = 878.51 kN;
N c = N/2 ⋅ cos 45 = 621.20 kN ;
T = N/2 = 439.26 kN .

Con tali valori si verifica la dimensione dell’elemento in calcestruzzo e si calcola


l’armatura inferiore aggiuntiva indicata in Fig. 3.1.26.

Nodo trave-pilastro

Si definisce nodo la zona del pilastro in cui s’incrocia con le travi ad esso concorrenti.
Per gli edifici isolati valgono le prescrizioni per le strutture in zona non sismica, con
Capitolo 3. Esempi di applicazione 159

l’obbligo di disporre, nei nodi trave-pilastro non confinati ai sensi del punto 5.4.3.1-
Definizioni, staffe di contenimento in quantità almeno pari alla maggiore prevista nelle
zone del pilastro inferiore e superiore adiacenti al nodo.
Il nodo considerato in esame è un nodo “non confinato”, in quanto sulle coppie di
facce opposte del nodo le sezioni delle travi 1055 e 1056 (v. Fig. 3.1.27) non si ricoprono
per almeno i 3/4 dell’altezza. Pertanto sarà necessario estendere le staffe presenti nel
pilastro con passo 7.5 cm.

Nodo trave-pilastro
Pil. 109 tr. 1055
tr. 1007

tr. 1056 tr. 1055


tr. 1007 tr. 1008

tr. 1056
tr. 1008
Pil. 9
Pil. 109 Pil. 109

tr. 1056
tr. 1007 tr. 1008 tr. 1055

Pil. 9 Pil. 9
Fig. 3.1.27 Carpenteria nodo d’intersezione (non confinato)

3.1.6.2 Verifiche dei dispositivi (BLOCCO 7)

Fino a questo punto la progettazione dei dispositivi del sistema di isolamento è stata
limitata alla determinazione dei due parametri comportamentali principali in maniera da
soddisfare le condizioni di progetto della struttura: la rigidezza e lo smorzamento. La
verifica allo SLU richiede, a questo punto, la precisa definizione delle caratteristiche
geometriche e meccaniche dei singoli isolatori con le quali si conseguono, da un lato, i
valori di progetto dei parametri suddetti (rigidezza e smorzamento), dall’altro, il
soddisfacimento delle verifiche di sicurezza. Nel caso particolare in cui i dispositivi siano
isolatori elastomerici armati, ossia costituiti da strati di elastomero alternati a lamierini di
acciaio, i principali parametri di progetto sono:
160 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

ƒ la rigidezza a taglio (orizzontale), funzione della geometria e del numero degli strati
di gomma e del tipo di elastomero (in particolare del modulo elastico tangenziale),
ƒ la rigidezza assiale (verticale), funzione degli stessi parametri che condizionano la
rigidezza a taglio.
ƒ lo smorzamento, funzione principalmente delle caratteristiche del materiale
elastomerico, nella sua composizione e nei suoi additivi.
La verifica analitica degli isolatori elastomerici armati, le cui modalità di esecuzione
sono specificate nell’ Allegato 10.A – Verifica allo SLU degli isolatori elastomerici, è
finalizzata a verificare la congruenza con i parametri di progetto detti, ad esclusione dello
smorzamento (verificabile solo sperimentalmente), e le condizioni di sicurezza rispetto a:
ƒ Tensione di trazione negli inserti in acciaio;
ƒ Deformazione tangenziale massima nella gomma;
ƒ Instabilità sotto carico assiale e in condizioni deformate a taglio (massimo
spostamento).
Alle verifiche analitiche, indispensabili ad un corretto dimensionamento dei dispositivi,
dovranno affiancarsi le verifiche sperimentali sui materiali e sui dispositivi, per questi
ultimi con prove di qualificazione e di accettazione, da svolgere conformemente a quanto
previsto nell’Allegato 10.B-Modalità di prova dei dispositivi di isolamento.
Essendo numerose le condizioni da soddisfare, il dimensionamento degli isolatori in
gomma non può che procedere per tentativi, attraverso un processo iterativo di progetto-
verifica, tendente ad ottimizzare le caratteristiche geometriche (forma e area in pianta,
numero e spessore degli strati, modulo elastico) in relazione ad eventuali vincoli tipo
tecnologico (spessore minimo degli strati, modulo elastico dell’elastomero) e progettuali
(ingombro in pianta e in altezza degli isolatori) e con l’obiettivo di minimizzare il costo, e
dunque le quantità dei materiali e delle lavorazioni. Spesso il processo d’ottimizzazione
viene effettuato dai produttori di dispositivi, che forniscono prodotti “a catalogo” con
predefinite caratteristiche di progetto (rigidezza orizzontale e verticale, smorzamento,
massimo carico verticale) o provvedono alla progettazione degli isolatori caso per caso. È
però utile che anche il progettista sia in grado di governare il problema del progetto-
verifica degli isolatori elastomerici, sicuramente quelli ad oggi più utilizzati nella
progettazione dell’isolamento sismico degli edifici, per poter controllare la correttezza
dell’intero procedimento di progettazione e la realizzabilità del sistema di isolamento.

3.1.9.2.1 Stato Limite di Danno (SLD)

Per gli isolatori elastomerici, il livello di protezione richiesto allo SLD è da ritenere
conseguito se sono soddisfatte le verifiche nei confronti dello SLU (punto 10.8.1-Stato
limite di danno).

3.1.9.2.2 Stato Limite Ultimo (SLU)

Il parametro principale per l’esecuzione delle verifiche allo Stato Limite Ultimo dei
dispositivi d’isolamento è lo spostamento massimo d2. In particolare la norma richiede
Capitolo 3. Esempi di applicazione 161

che i dispositivi del sistema d’isolamento siano in grado di sostenere, senza rotture, gli
spostamenti d2 valutati per un terremoto avente probabilità di arrivo inferiori a quello di
progetto allo SLU, ottenuto amplificando quest’ultimo del 20%, punto 10.8.2-Stato
limite ultimo (SLU).

Tabella 3.1.13: valori dei fattori amplificativi degli spostamenti per portare in conto
gli effetti torsionali accidentali della sovrastruttura sugli isolatori.
N° x’i y’i Kx,y i δXi δYi
[m] [m] [kN/m]
1 -10.45 4.80 650.7 1.04 1.16
2 -7.00 4.80 650.7 1.04 1.11
3 -1.35 4.80 650.7 1.04 1.02
4 1.35 4.80 650.7 1.04 1.02
5 7.00 4.80 650.7 1.04 1.11
6 10.45 4.80 650.7 1.04 1.16
7 -10.45 0.10 650.7 1.00 1.16
8 -7.00 0.10 650.7 1.00 1.11
9 -1.35 0.10 650.7 1.00 1.02
10 1.35 0.10 650.7 1.00 1.02
11 7.00 0.10 650.7 1.00 1.11
12 10.45 0.10 650.7 1.00 1.16
13 -10.45 -4.90 650.7 1.04 1.16
14 -7.00 -4.90 650.7 1.04 1.11
15 -1.35 -4.90 650.7 1.04 1.02
16 1.35 -4.90 650.7 1.04 1.02
17 7.00 -4.90 650.7 1.04 1.11
18 10.45 -4.90 650.7 1.04 1.16

Applicando l’analisi statica lineare, con le forze indicate in Tabella 3.1.12, gli
spostamenti massimi di progetto degli isolatori possono essere ricavati mediante le
formule analitiche riportate al punto 10.7.4-Analisi statica lineare, già utilizzate per
determinare lo spostamento del centro di rigidezza del sistema d’isolamento.
Gli effetti della torsione d’insieme della sovrastruttura sui singoli isolatori, tenuto anche
conto dell’eccentricità accidentale, possono essere portati in conto amplificando in
ciascuna direzione gli spostamenti mediante i fattori amplificativi δXi e δYi per le azioni
sismiche in direzione X e Y definiti precedentemente mediante l’equazione (3.1.13). Nel
caso in esame essi assumono i valori riportati in Tabella 3.1.13, calcolati considerando:

etot, X = d (xK,xG) + 5% LY = 0.00 + 0.05 * 9.7 = 0.00 + 1.045 = 1.045 m;


etot, Y = d (yK,yG) + 5% LX = 0.03 + 0.05 * 20.9 = 0.03 + 0.485 = 0.515 m;
rx,y2 = 69.03 m2.
162 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Gli spostamenti ottenuti dall’analisi per sisma nelle singole direzioni saranno quindi
combinati secondo le regole del punto 4.6-Combinazione delle componenti
dell’azione sismica:

± Sisma X:
dE-X x,i = γI * (δX i |sx,X i|+ δY i 0.3 |sx,Y i|) · 1.2 + drftx
dE-X y,i = γI * (δX i |sy,X i|+ δY i 0.3 |sy,Y i|) · 1.2 + drfty

± Sisma Y:
dE-Y x,i = γI * (0.3 δX i |sx,X i| + δY i |sx,Y i|) · 1.2 + drftx
dE-Y y,i = γI * (0.3 δX i |sy,X i| + δY i |sy,Y i|) · 1.2 + drfty

dove:
γI è pari ad 1;
sx,X i, sx,Y i sono gli spostamenti dell’i-esimo dispositivo in direzione X ottenuti dalle
analisi considerando il sisma nelle direzioni X e Y rispettivamente;
sy,X i, sy,Y i sono gli spostamenti dell’i-esimo dispositivo in direzione Y ottenuti dalle
analisi considerando il sisma nelle direzioni X e Y rispettivamente;
δXi fattore amplificativo degli spostamenti dell’i-esimo isolatore da considerare
nell’analisi della componente sismica orizzontale in direzione X;
δYi fattore amplificativo degli spostamenti dell’i-esimo isolatore da considerare
nell’analisi della componente sismica orizzontale in direzione Y;
drftx e drftx spostamenti relativi tra le due facce (superiore ed inferiore) degli isolatori,
prodotti dalle azioni di ritiro, fluage e termiche (ridotte al 50%), ove
rilevanti.

Lo spostamento di progetto è dato da:

dEd,i = max{( dE-X x,i2 + dE-X y,i 2)1/2; (dE-Y x,i 2+ dE-Y y,i 2)1/2} (3.1.17)

I risultati delle combinazioni degli spostamenti e quelli di progetto, nell’ipotesi che


siano nulli drftx e drftx, sono riassunti nella Tabella 3.1.14.
I principali parametri di progetto del complesso struttura-isolatori che influenzano il
dimensionamento degli isolatori elastomerici sono dati dalle seguenti equazioni:

G ⋅A
k = din
[kN/m]; rigidezza orizzontale dell’isolatore (3.1.18)
iso te
E c ⋅ A'
kv = [kN/m]; rigidezza verticale dell’ isolatore (3.1.19)
te
in cui:
Capitolo 3. Esempi di applicazione 163

A: area della superficie dello strato di elastomero, depurata degli eventuali fori(se non
riempiti successivamente);
A’: area della superficie comune alla singola piastra d’acciaio e allo strato di elastomero
depurata degli eventuali fori (se non riempiti successivamente);
D: dimensione in pianta, misurata parallelamente all’azione orizzontale, della singola
piastra di acciaio (diametro della singola piastra di acciaio negli isolatori circolari);
L: superficie laterale libera del singolo strato di elastomero per la parte confinata dalle
piastre in acciaio, maggiorata della superficie laterale degli eventuali fori (se non
riempiti successivamente);
te: somma degli spessori dei singoli strati di elastomero valutata maggiorando lo
spessore dei due strati esterni, se maggiore di 3 mm, del fattore 1.4;
ti: spessore del singolo strato di elastomero;
Gdin: modulo di elasticità tangenziale;
−1
⎛ 1 4 ⎞⎟ [MPa]; modulo di compressibilità assiale
Ec = ⎜ + (3.1.20)
⎜ 6G S 2 3E ⎟
⎝ din 1 b ⎠
Eb: modulo di compressibilità volumetrica della gomma, assunto pari a 2000 MPa.

Tabella 3.1.14: spostamenti ottenuti dalle analisi e spostamento di progetto per i


dispositivi allo SLU.

±SISMA X ±SISMA Y
N° sx,X sy,X sx,Y sy,Y dE-X x dE-X y dE-Y x dE-Y y dEd
[mm] [mm] [mm] [mm] [mm] [mm] [mm] [mm] [mm]
1 159 1 0 159 199 67 60 221 229
2 159 1 0 159 199 64 60 211 220
3 159 0 0 159 199 58 60 194 207
4 159 0 0 159 199 58 60 194 207
5 159 -1 0 159 199 64 60 211 220
6 159 -1 0 159 199 67 60 221 229
7 159 1 0 159 190 67 57 221 228
8 159 1 0 159 190 64 57 211 219
9 159 0 0 159 190 58 57 194 202
10 159 0 0 159 190 58 57 194 202
11 159 -1 0 159 190 64 57 211 219
12 159 -1 0 159 190 67 57 221 228
13 158 1 0 159 198 67 59 221 229
14 158 1 0 159 198 64 59 211 220
15 158 0 0 159 198 58 59 194 206
16 158 0 0 159 198 58 59 194 206
17 158 -1 0 159 198 64 59 211 220
18 158 -1 0 159 198 67 59 221 229
164 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

In funzione delle caratteristiche geometriche dell’isolatore, si definiscono due grandezze


che giocano un ruolo fondamentale sulla rigidezza e resistenza verticale e sulla stabilità
sotto carico verticale: i fattori di forma. Essi sono definiti dalle seguenti espressioni:

S1= A’/L fattore di forma primario (3.1.21)


S2 = D/te fattore di forma secondario (3.1.22)

Nella pratica si consiglia di non far scendere i valori di S1 ed S2 al disotto di 12 e di 3


rispettivamente, per limitare, da un lato, la deformabilità verticale degli isolatori e,
dall’altro, il rischio di instabilità dell’isolatore, potendo comunque derogare in relazione
agli esiti delle verifiche della rigidezza verticale e del carico critico. Inoltre il valore di Gdin
deve essere compreso nell’intervallo 0.35÷1.40 MPa (Allegato 10.B.1-Isolatori in
materiale elastomerico ed acciaio).
Gli isolatori elastomerici oltre a possedere le caratteristiche di rigidezza di progetto,
devono soddisfare anche le verifiche di sicurezza allo SLU alla trazione nell’acciaio, alla
deformazione tangenziale nella gomma, all’instabilità complessiva dell’isolatore, riportate
nell’Allegato 10.A-Verifica allo SLU degli isolatori elastomerici (punto 10.8.2), nel
quale si definiscono le seguenti grandezze:

a) la deformazione di taglio dell’elastomero prodotta dalla compressione:


1.5 ⋅ V
γc = (3.1.23)
S ⋅ G Ar
1 din
dove:
V sforzo normale massimo sull’isolatore, derivato dalla combinazione dell’azione
sismica con le altre azioni, secondo il punto 3.3-Combinazione dell’azione
sismica con le altre azioni;
Ar area ridotta efficace dell’isolatore calcolata, per isolatori circolari di diametro D,
come:
A r = ( ϕ − sen ϕ )D 2/4 con ϕ = 2 arcos (dEd/D); (3.1.24)

b) deformazione di taglio dell’elastomero prodotta dallo spostamento sismico totale,


inclusi gli effetti torsionali:
d
γ s = Ed (3.1.25)
te
c) deformazione di taglio dovuta alla rotazione angolare:
a2
γα = (3.1.26)
2 ⋅ t ⋅ te
i
dove:
a2 = 3 α D2 / 4 nel caso di isolatori circolari;
α = (αx2 + αy2)1/2;
Capitolo 3. Esempi di applicazione 165

αx e αy sono le rotazioni rispettivamente attorno all’asse x e y;

d) deformazione di taglio totale di progetto:

γ t = γ c + γs + γ α (3.1.27)

e) carico verticale critico:

Vcr = Gdin Ar S1 D/te (3.1.28)

Le verifiche da soddisfare sono le seguenti:


• tensione negli inserti in acciaio:

σs =1.3 V (t1 + t2) / (Ar ts) ≤ fyk (3.1.29)

dove:
σs tensione massima agente nella generica piastra in acciaio;
t1 e t2 sono gli spessori dei due strati di elastomero direttamente a contatto con la
piastra;
ts spessore della piastra ( ≥ 2 mm);
fyk tensione caratteristica di snervamento dell’acciaio.

• Deformazione di taglio massima degli isolatori:

γt ≤ 5.5 (3.1.30)
γs ≤ γ* / 1.5 ≤ 2 (3.1.31)

dove:
γ* valore massimo della deformazione di taglio raggiunto nelle prove di
qualificazione relative all’efficacia dell’aderenza elastomero acciaio, senza segni
di rottura.

• Instabilità:

V = Vcr / 2.0 (3.1.32)

Nel caso specifico si assume che gli isolatori abbiano forma circolare, con sezione piena
e geometria compatibile con la normale produzione industriale. Inoltre si assume il valore
minimo previsto nelle norme del modulo elastico tangenziale Gdin = 0.35 MPa, in
relazione ai bassi valori di rigidezza orizzontale da conseguire e acciaio Fe430 per gli
inserti metallici.
166 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

La progettazione e la verifica degli isolatori viene effettuata per tutte e quattro le


configurazioni definite in precedenza (CASO 2, 3, 4, 5). Le caratteristiche geometriche e
meccaniche complessive, ricavate dalle precedenti espressioni, e gli esiti delle verifiche di
sicurezza secondo l’Allegato 10.B.1-Isolatori in materiale elastomerico ed acciaio
sono riassunte nelle Tabella 3.1.15a e 3.1.15b rispettivamente.
Per il CASO 2, del quale è stato sviluppato completamente il progetto della struttura,
sono riportati in Tabella 3.1.16 i risultati completi delle verifiche sui singoli isolatori,
disposti come illustrato in Fig. 3.1.16, mentre le caratteristiche geometriche sono
visualizzate in .

A
20

40
foro φ17 foro φ17

Contropiastra
Piastra Bullone 8.8 Μ16
Ø5
10

30
Isolatore
14 strati di gomma
460
540

Ø530 s = 8mm

251
151
191
13 piastre di acciaio
s = 3mm

30
12 foro φ17 30
510
570
foro φ17 foro φ17 Isolatore
40

A
40 40
490
570

Fig. 3.1.28 Isolatore utilizzato per la configurazione del CASO 2.

Tabella 3.1.15a: caratteristiche degli isolatori da utilizzare nei diversi CASI.


CASO De D ti nti te Htot Gdin Kiso Ec Kv
[mm] [mm] [mm] [mm] [mm] [MPa] [kN/m] [N/mm ] [KN/m] 2

2 530 510 8.0 14 118.4 151.0 0.35 652.17 393.78 679407


3 460 440 7.0 12 89.6 117.0 0.35 649.18 385.64 654441
4 520 500 4.5 39 179.1 289.5 0.35 415.02 779.31 854369
5 460 440 4.5 30 138.6 222.0 0.35 419.67 683.63 749981

Tabella 3.1.15b: esiti delle verifiche sugli isolatori da utilizzare nei diversi CASI.
CASO S1 S2 Vmax Kv σs γs γc γα γt Vcrit
[kN] K iso [N/mm ] 2 Vmax

2 15.95 4.31 1042 1042 72.50 1.93 2.81 0.17 4.73 2.30
3 15.72 4.91 1008 1008 70.17 1.96 3.15 0.13 5.05 2.34
4 27.79 2.79 2059 2059 53.56 1.61 2.12 0.14 3.78 2.00
5 24.46 3.17 1787 1787 52.88 1.60 2.38 0.11 3.92 2.00
N.B.: I valori di γs, γc, γα e γt sono i massimi su tutti i dispositivi, per cui, in generale, γt ≠ γs+γc+γα
Capitolo 3. Esempi di applicazione 167

Tabella 3.1.16: Risultati delle verifiche allo SLU dei dispositivi nel CASO 2.
N° dEd ϕ Ar te S1 S2 Vmax Vmin γα γc γs γt Vcr
[mm] [mm2] [mm] [kN] [kN] [kN]
1 229 2.21 91549 118.4 15.95 4.31 874.8 228.7 0.12 2.57 1.93 4.62 2200.8
2 220 2.25 95798 118.4 15.95 4.31 852.3 457.1 0.11 2.39 1.86 4.36 2302.9
3 207 2.31 101730 118.4 15.95 4.31 1063.7 237.8 0.17 2.81 1.75 4.73 2445.5
4 207 2.31 101730 118.4 15.95 4.31 1040.4 282.6 0.16 2.75 1.75 4.66 2445.5
5 220 2.25 95798 118.4 15.95 4.31 853.9 454.3 0.11 2.40 1.86 4.36 2302.9
6 229 2.21 91549 118.4 15.95 4.31 874.1 229.4 0.13 2.57 1.93 4.62 2200.8
7 228 2.21 91836 118.4 15.95 4.31 770.8 440.1 0.08 2.26 1.93 4.26 2207.7
8 219 2.25 96099 118.4 15.95 4.31 751.3 742.4 0.06 2.10 1.85 4.01 2310.2
9 202 2.33 103830 118.4 15.95 4.31 980.7 505.1 0.07 2.54 1.71 4.32 2496.0
10 202 2.33 103830 118.4 15.95 4.31 963.4 516.5 0.07 2.49 1.71 4.27 2496.0
11 219 2.25 96099 118.4 15.95 4.31 751.2 743.2 0.06 2.10 1.85 4.01 2310.2
12 228 2.21 91836 118.4 15.95 4.31 769.0 440.0 0.08 2.25 1.93 4.26 2207.7
13 229 2.21 91584 118.4 15.95 4.31 851.2 257.1 0.06 2.50 1.93 4.49 2201.6
14 220 2.25 95835 118.4 15.95 4.31 847.9 464.5 0.11 2.38 1.86 4.34 2303.8
15 206 2.31 102174 118.4 15.95 4.31 842.5 423.0 0.04 2.22 1.74 4.00 2456.2
16 206 2.31 102174 118.4 15.95 4.31 843.7 422.0 0.04 2.22 1.74 4.00 2456.2
17 220 2.25 95835 118.4 15.95 4.31 831.7 479.4 0.11 2.33 1.86 4.30 2303.8
18 229 2.21 91584 118.4 15.95 4.31 854.3 254.8 0.07 2.51 1.93 4.51 2201.6

Sulla base degli esiti delle analisi strutturali si è altresì verificato la condizione di assenza
di trazione, ossia V ≥ 0, per tutti gli isolatori, come richiesto al punto 10.8.2-Stato limite
ultimo (SLU). Questa stessa condizione, insieme a quella sul rapporto tra le rigidezze
verticale e orizzontale Kv/Kiso > 800, ampiamente rispettata in tutti i casi (v. Tabella
3.1.15a), e quella sul periodo di vibrazione in direzione verticale, calcolato come
Tv = 2π M/Kv = 0.05 s (≤ 0.1 sec), rendono valida l’esecuzione dell’analisi statica lineare.

L’idoneità all’impiego dei dispositivi deve essere accertata mediante “prove di accettazione
dei materiali”, “prove di qualificazione dei dispositivi” e “prove di accettazione sui dispositivi” descritte
nell’Allegato 10.B-Modalità di prova dei dispositivi di isolamento eseguite e
certificate da laboratori ufficiali, ai sensi dell’art. 20 della legge 1086/71, dotati delle
necessarie attrezzature e della specifica competenza ed operanti in regime di qualità
(punto 10.4-Caratteristiche e criteri di accettazione dei dispositivi).
168 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

3.1.6.3 Giunti e connessioni non strutturali (BLOCCO 8)

Ai fini di un corretto funzionamento del sistema di isolamento e per evitare danni per
urto tra la sovrastruttura isolata e parti non isolate della stessa struttura o strutture
adiacenti, è necessario che la struttura possa muoversi liberamente fino ai massimi
spostamenti previsti allo SLU. Inoltre gli ampi movimenti previsti alla base debbono
essere tali da non pregiudicare la funzionalità degli impianti, per rottura delle connessioni
tra la sovrastruttura, isolata, ed il terreno o la sottostruttura, per l’azione sismica di verifica
dello SLD, o creare condizioni di pericolo per le tubazioni che trasportano fluidi
pericolosi, in particolare gas, per l’azione sismica di verifica dello SLU.
Le prescrizioni della norma, contenute nei punti 10.8.1-Stato limite di danno e
10.8.2-Stato limite ultimo, si particolarizzano al caso in esame come di seguito descritto.

3.1.6.3.1 Stato limite di danno (SLD)

Gli spostamenti minimi che le connessioni degli impianti non pericolosi (acqua,
fognature, elettricità, coprigiunti, etc.) tra la sottostruttura o il terreno e la sovrastruttura
debbono essere in grado di sopportare senza danni potranno essere valutati con
riferimento all’azione valida per lo SLD, a condizione che tali connessioni non siano in
grado di esercitare forze significative per spostamenti superiori a quelli di progetto. Essi,
inoltre, andrebbero valutati in corrispondenza della posizione in cui è posta la specifica
connessione, tenendo conto degli effetti torsionali d’insieme. In mancanza di precise
informazione e in via semplificativa, gli spostamenti per la verifica allo SLD possono
ottenersi considerando lo spostamento massimo del sistema di isolamento prodotto
dall’azione di progetto allo SLD, tenuto conto degli effetti torsionali globali. Tale calcolo
non è stato esplicitamente svolto in precedenza, essendo la verifica del sistema di
isolamento svolta direttamente allo SLU. Tuttavia, tenuto conto che l’azione allo SLD è
definita semplicemente come quella allo SLU ridotta di un fattore 2.5, e che gli
spostamenti degli isolatori riportati in Tabella 3.1.14 sono amplificati del 20%, e
assumono nulli gli spostamenti drftx e drftx , si ottiene che lo spostamento massimo in una
direzione qualsiasi è pari a dEd /1.2 = 229/1.2/2.5 = 76 mm.
Peraltro, è consigliabile sovradimensionare decisamente la capacità di spostamento delle
connessioni impiantistiche al livello di isolamento, almeno per quelle il cui sovraccosto è
accettabile, portandole ai valori previsti per lo SLU (v. paragrafo successivo). Si ottiene
così, la protezione integrale dell’edificio nella sua piena funzionalità (tenuto conto che
anche le verifiche allo SLD delle parti non strutturali danno esito abbondantemente
positivo) fino ad azioni sismiche di intensità pari a quelle normalmente previste per lo
stato limite ultimo delle strutture ordinarie.

3.1.6.3.2 Stato limite ultimo (SLU)

Nel caso in esame sono previsti giunti di separazione solamente tra la sovrastruttura ed
il terreno circostante (o meglio il muro di sostegno che circonda l’edificio). L’ampiezza
Capitolo 3. Esempi di applicazione 169

dei giunti di separazione dovrà essere almeno pari al massimo spostamento ottenuto con
lo spettro di progetto allo SLU. Poiché nel caso in esame gli isolatori sono quasi allineati
con i giunti, talché gli effetti torsionali non producono significative differenze, tale
spostamento può essere ricavato dalla Tabella 3.1.14, tenendo conto che i valori ivi
riportati considerano già l’incremento del 20% previsto specificatamente per i dispositivi
e che si è assunto che gli spostamenti drftx e drftx siano nulli. Pertanto, si ricava che la
minima ampiezza del giunto è pari al valore massimo di dEd di Tabella 3.1.14, diviso per
1.2, e dunque pari a 229/1.2 = 191mm. In definitiva, e per tener conto di quanto
premesso al par. 3.1.6.3, si può assumere un’ampiezza pari a 250 mm.
Per quanto riguarda i tubi per la fornitura del gas o che trasportano altri fluidi
pericolosi, lo spostamento da considerare è il massimo che si ottiene in una qualsiasi
direzione, e andrebbe valutato in corrispondenza dei punti di passaggio dalla struttura
fissa a quella isolata. In assenza di tale informazione sarà opportuno porsi nella
condizione più restrittiva, e pertanto si può assumere il valore calcolato per i dispositivi.

3.1.7 Modellazione e Analisi dinamica della Struttura a Base Isolata

L’esecuzione dell’analisi dinamica non è richiesta, qualora, essendo soddisfatte le


condizioni di applicabilità, si proceda con l’analisi statica lineare come nel caso in esame.
Tuttavia in questo paragrafo si riportano, a scopo sia esemplificativo che didascalico, i
risultati ottenuti con l’analisi modale, per verificare le caratteristiche dinamiche del sistema
strutturale a seguito della progettazione dei quattro diversi sistemi di isolamento. Si
sottolinea, peraltro, che il modello è lo stesso utilizzato per l’esecuzione dell’analisi statica
lineare, riportato in Fig. 3.1.17.
L’analisi modale della struttura isolata con il sistema d’isolamento relativo al CASO 2,
esaminato in dettaglio, e agli altri CASI 3, 4, 5, per i quali è stata solo svolta la
progettazione e verifica degli isolatori, fornisce i risultati riassunti nelle Tabella 3.1.17 e
nelle Tabella 3.1.18, Tabella 3.1.19 e Tabella 3.1.20. Esse mostrano i periodi dei primi sei
modi di vibrare e le relative masse partecipanti divise per la massa totale.

Tabella 3.1.17: primi sei modi di vibrare della struttura isolata alla base con i
dispositivi del CASO 2 (Tis=2.00s; ξ=10%) e relativa massa partecipante.
Periodo UX UY RZ ΣUX ΣUY ΣRZ
[sec] [%] [%] [%] [%] [%] [%]
Modo 1 2.08 0.000 0.983 0.000 0.000 0.983 0.000
Modo 2 2.06 0.983 0.000 0.000 0.983 0.983 0.000
Modo 3 1.90 0.000 0.000 0.980 0.983 0.983 0.980
Modo 4 0.36 0.000 0.002 0.000 0.983 0.985 0.980
Modo 5 0.32 0.002 0.000 0.000 0.985 0.985 0.980
Modo 6 0.31 0.000 0.000 0.002 0.985 0.985 0.982
170 Progetto di Edifici con Isolamento Sismico

Nel caso in esame l’errore che si commetterebbe considerando solo i primi 6 modi, ai
fini del calcolo della sottostruttura, sarebbe trascurabile, ma in situazioni in cui la massa
della sottostruttura è significativa rispetto a quella della sovrastruttura, è necessario
aumentare anche sensibilmente il numero di modi calcolati, per soddisfare la condizione
che una aliquota significativa della massa della sottostruttura sia messa in conto nell’analisi
dinamica (punto 10.7.5-Analisi dinamica lineare).

Tabella 3.1.18: primi sei modi di vibrare della struttura isolata alla base con i
dispositivi del CASO 3 (Tis=2.00s; ξ=20%) e relativa massa partecipante.
Periodo UX UY RZ ΣUX ΣUY ΣRZ
[sec] [%] [%] [%] [%] [%] [%]
Modo 1 2.08 0.000 0.983 0.000 0.000 0.983 0.000
Modo 2 2.07 0.983 0.000 0.000 0.983 0.983 0.000
Modo 3 1.90 0.000 0.000 0.980 0.983 0.983 0.980
Modo 4 0.36 0.000 0.002 0.000 0.983 0.985 0.980
Modo 5 0.32 0.002 0.000 0.000 0.985 0.985 0.980
Modo 6 0.31 0.000 0.000 0.002 0.985 0.985 0.982

Tabella 3.1.19: primi sei modi di vibrare della struttura isolata alla base con i
dispositivi del CASO 4 (Tis=2.50s; ξ=10%) e relativa massa partecipante.
Periodo UX UY RZ ΣUX ΣUY ΣRZ
[sec] [%] [%] [%] [%] [%] [%]
Modo 1 2.57 0.000 0.984 0.000 0.000 0.984 0.000
Modo 2 2.55 0.984 0.000 0.000 0.984 0.984 0.000
Modo 3 2.35 0.000 0.000 0.981 0.984 0.984 0.981
Modo 4 0.37 0.000 0.001 0.000 0.984 0.985 0.981
Modo 5 0.33 0.001 0.000 0.000 0.985 0.985 0.981
Modo 6 0.32 0.000 0.000 0.001 0.985 0.985 0.982

Tabella 3.1.20: primi sei modi di vibrare della struttura isolata alla base con i
dispositivi del CASO 5 (Tis=2.50s; ξ=20%) e relativa massa partecipante.
Periodo UX UY RZ ΣUX ΣUY ΣRZ
[sec] [%] [%] [%] [%] [%] [%]
Modo 1 2.55 0.000 0.984 0.000 0.000 0.984 0.000
Modo 2 2.54 0.984 0.000 0.000 0.984 0.984 0.000
Modo 3 2.34 0.000 0.000 0.981 0.984 0.984 0.981
Modo 4 0.37 0.000 0.001 0.000 0.984 0.985 0.981
Modo 5 0.33 0.001 0.000 0.000 0.985 0.985 0.981
Modo 6 0.32 0.000 0.000 0.001 0.985 0.985 0.982
Capitolo 3. Esempi di applicazione 171

Il confronto tra i vari casi permette di evidenziare la sostanziale uguaglianza dei risultati
relativi a casi con ugual periodo ma diverso smorzamento, non avendo quest’ultimo
nessuna influenza sull’analisi modale, salvo differenze legate all’approssimazione delle
rigidezze di progetto degli isolatori nel loro dimensionamento finale.
L’analisi dinamica è in questo caso uno strumento utilissimo per una verifica
complessiva del modello e dei risultati della progettazione, così come nel caso opposto,
ossia se l’analisi dinamica fosse utilizzata come strumento progettuale, l’analisi statica
sarebbe un ottimo e rapido strumento di verifica dei risultati del progetto.

3.2 ADEGUAMENTO ANTISISMICO DI UNA STRUTTURA ESISTENTE


MEDIANTE ISOLAMENTO SISMICO

La scelta del tipo di intervento di adeguamento o miglioramento sismico su di un


edificio esistente presenta problematiche complesse, che possono portare a soluzioni tra
loro totalmente diverse, da ottimizzare in relazione alle caratteristiche del singolo edificio
ed in particolare:
ƒ alla sua geometria (sviluppo planimetrico e altimetrico),
ƒ alle caratteristiche di resistenza dei materiali,
ƒ al livello di sicurezza della struttura esistente rispetto ai carichi verticali,
ƒ alla sua capacità resistente, pur se minima, alle azioni orizzontali,
ƒ alla distribuzione degli elementi non strutturali ed alla loro configurazione
geometrica (tamponature e tramezzature piene o con aperture),
ƒ ai dettagli costruttivi (armature trasversali in travi e colonne, lunghezze di
sovrapposizione e ancoraggio, armature nei nodi, per il c.a., ammorsamenti tra
pareti, collegamenti tra pareti e solai, etc. per la muratura).
La valutazione attenta di tutti questi elementi può portare ad una scelta che vede la
strategia dell’isolamento sismico vincente rispetto a soluzioni più tradizionali, qualora
siano verificate alcune condizioni sulla resistenza e sulla geometria della struttura. È
opportuno, infatti, ricordare che, a differenza di una costruzione tradizionale fissa alla
base, la protezione sismica mediante isolamento è affidata alla capacità dell’isolamento
stesso di ridurre drasticamente le accelerazioni, e quindi le forze d’inerzia, sulla struttura.
Grazie all’isolamento, una struttura con un’opportuna resistenza alle azioni orizzontali,
anche significativamente inferiore a quella richiesta ad una struttura fissa alla base, potrà
essere in grado di sostenere terremoti violenti mantenendosi sostanzialmente in campo
elastico, senza dover ricorrere, per evitare il collasso, alle sue capacità di deformazione
inelastica. Quasi sempre l’aspetto più critico in una struttura esistente, pur se progettata
con le vecchie norme sismiche, è proprio l’inadeguatezza dei dettagli costruttivi e la
mancanza di controllo dei meccanismi di danneggiamento (capacity design), e dunque
l’incapacità di sostenere grandi deformazioni inelastiche. Occorre altresì rilevare che
anche la presenza di irregolarità strutturali e non strutturali (ad esempio una distribuzione
sfavorevole delle tamponature), in pianta o in elevazione, che tipicamente comportano
concentrazione di richieste di duttilità in pochi elementi strutturali non in grado di