Sei sulla pagina 1di 3

HOME > BENVENUTI - INTERCULTURA BLOG > LA FRASE COMPLESSA – LE PROPOSIZIONI OGGETTIVE:

INDICATIVO O CONGIUNTIVO?

Italiano

La frase complessa – le
proposizioni oggettive:
indicativo o congiuntivo?
Prof. Anna
congiuntivo, grammatica, La lingua italiana, Sintassi
3 luglio 2014
Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, oggi completiamo il nostro studio
delle proposizioni oggettive, vedremo quando usare l’indicativo e quando il
congiuntivo.
Buona lettura!
Prof. Anna
USO DEL CONGIUNTIVO E DELL‘INDICATIVO NELLE OGGETTIVE
L’alternanza tra indicativo e congiuntivo nelle oggettive è regolata:
• da un criterio semantico, di significato:
⇒ se vogliamo enunciare un avvenimento certo useremo l’indicativo → sostengo
che è colpa tua;
⇒ se vogliamo enunciare un avvenimento presunto o probabile useremo il
congiuntivo → penso che sia colpa tua;
• da una scelta di registro: nello scritto e nel parlato formale si tende a usare il
congiuntivo secondo il criterio che abbiamo appena spiegato, mentre negli usi
informali si ricorre frequentemente all’indicativo al posto del congiuntivo: penso
che è colpa tua, penso che avete fatto bene ecc.
Per scegliere tra i due modi verbali più facilmente dobbiamo ricordare che
richiedono il congiuntivo i verbi che indicano una volontà, un desiderio, una
richiesta, un’aspettativa, un’opinione, una preghiera, un timore.
Vediamo alcuni di questi verbi:
accettare; aspettare; attendere; augurare; chiedere; credere;
desiderare; disporre; domandare; dubitare; esigere; fingere; immaginare; lasciare;
negare; ordinare; permettere; preferire; pregare; ritenere; sospettare; sperare;
supporre; temere; volere.
Vogliono invece l’indicativo i verbi di giudizio o di percezione:
accorgersi; affermare; confermare; constatare; dichiarare; dimostrare; dire;
giurare; insegnare; intuire; notare; percepire; promettere; ricordare; riflettere;
rispondere; scoprire; scrivere; sentire; sostenere; udire; vedere.
Alcuni verbi richiedono il congiuntivo o l’indicativo a seconda del significato.
Vediamo qualche esempio:
– ammettere:
→ vuole l’indicativo quando ha il significato di “riconoscere”: ammetterai che si è
comportato male;
→ vuole il congiuntivo quando ha il significato di “supporre”: ammettiamo che mi
sia sbagliato;
– capire:
→ vuole l’indicativo nel significato di “rendersi conto”: ho capito che era
innamorata di un altro;
→ vuole il congiuntivo nel significato di “trovare naturale”: capisco che tu sia
preoccupato per l’esame.

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo
diventare di colore verde.

1. Scegli la frase corretta:


Luca ha giurato che non è stato lui a rompere il computer.
Luca ha giurato che non sia stato lui a rompere il computer.

2 . Scegli la frase corretta:


I miei colleghi mi hanno confermato che la riunione è domani mattina.
I miei colleghi mi hanno confermato che la riunione sia domani mattina.

3. Scegli la frase corretta:


Desidero che voi siate felici.
Desidero che voi siete felici.

4. Scegli la frase corretta:


Preferisco che tu vieni in macchina con me.
Preferisco che tu venga in macchina con me.

5. Scegli la frase corretta:


Luca ha ammesso che voi mi avete mentito.
Luca ha ammesso che voi mi abbiate mentito.

6. Scegli la frase corretta:


Ammettiamo che tu sei molto ricco, come spenderesti i tuoi soldi?
Ammettiamo che tu sia molto ricco, come spenderesti i tuoi soldi?
Ammettiamo che tu sia molto ricco, come spenderesti i tuoi soldi?

7. Scegli la frase corretta:


Mi hanno detto che Marta ha superato l'esame.
Mi hanno detto che Marta abbia superato l'esame.

8. Scegli la frase corretta:


Finalmente ho capito che Alex non sia la persona giusta per me.
Finalmente ho capito che Alex non è la persona giusta per me.

9. Scegli la frase corretta:


Questa festa è molto noiosa, capisco che tu voglia andartene.
Questa festa è molto noiosa, capisco che tu vuoi andartene.

10. Scegli la frase corretta:


Voglio che tutto è pronto in tempo per la cena.
Voglio che tutto sia pronto in tempo per la cena.

Interessi correlati