Sei sulla pagina 1di 154

IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E

Regione Lazio
Comune di Ponzano Romano
DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI
DA RACCOLTA DIFFERENZIATA E DI NATURA
AGRO-INDUSTRIALE CON PRODUZIONE DI
BIOMETANO ED ANIDRIDE CARBONICA

PROPONENTE

Sogliano Ambiente S.p.a.


Piazza Garibaldi, 12 - 47030 Sogliano Al Rubicone (FC)
Tel: 0541.948908 Fax: 0541.948908
E-mail: info@soglianoambiente.it

PROGETTAZIONE

Sogliano Ambiente S.p.a. - Ing. M. Carbone


Piazza Garibaldi, 12 - 47030 Sogliano Al Rubicone (FC)
Tel: 0541.948908 Fax: 0541.948908
E-mail: info@soglianoambiente.it

C.G.A. S.r.l. - Prof. Ing. G. M. Baruchello


Via Blaserna, 66 - 00147 - Roma (Rm)
Tel: 06.64012749 Fax: 06.64012750
E-mail: cga@cgaonline.it

Idroesse Engineering S.r.l. - Ing. A. Cecchini


Via G. Matteotti , 27 - 35137 - Padova (PD)
Tel: 049.8064111 Fax: 049.8064100
E-mail: info@idroesseeng.it

ELABORATO

TITOLO:
RELAZIONE TECNICA

CODICE: SCALA: DATA:


B.18 - MAG. 2018

Revisione Descrizione
Rev.01 Ottenimento autorizzazione
Rev.02 -
Rev.03 -
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 1
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

INDICE

1. ALLEGATI GRAFICI....................................................................................... 6

2. PREMESSA .................................................................................................. 8

3. OGGETTO DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ..................................... 12

4. SOGGETTO PROPONENTE ......................................................................... 14

5. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO DEL SITO ......................................... 15

5.1 INQUADRAMENTO GEOLOGICO ........................................................................................ 15


5.2 INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO .................................................................................. 17

6. INQUADRAMENTO DELL’AREA.................................................................. 20

7. INDIVIDUAZIONE QUALIQUANTITATIVA DEI RIFIUTI DA TRATTARE .......... 27

8. RIFERIMENTI NORMATIVI ......................................................................... 29

8.1 RECUPERO DEI RIFIUTI .................................................................................................. 29


8.2 COMPOSTAGGIO ......................................................................................................... 30
8.2.1 Normativa Comunitaria ................................................................................................................................... 30
8.2.2 Settore ambientale .......................................................................................................................................... 30
8.2.3 Settore sanitario .............................................................................................................................................. 30
8.2.4 Agricoltura biologica ........................................................................................................................................ 30
8.2.5 Normativa Nazionale ....................................................................................................................................... 31
8.2.6 Settore ambientale .......................................................................................................................................... 31
8.2.7 Settore fertilizzanti ........................................................................................................................................... 32

8.3 ATMOSFERA - QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO .......................................................... 32


8.4 AMBIENTE IDRICO - QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO ................................................... 33
8.5 SUOLO E SOTTOSUOLO - QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO ............................................. 33
8.6 RUMORE E VIBRAZIONI - QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO ............................................. 33
8.7 AREE PROTETTE E BELLEZZE NATURALI .............................................................................. 35

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 2
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

8.8 SICUREZZA E PREVENZIONE INCENDI ................................................................................. 36


8.9 NUOVO PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA REGIONE LAZIO................................................ 36
8.10 BAT TECNICHE ............................................................................................................ 40
8.10.1 Tipologia di rifiuti trattabili .............................................................................................................................. 41
8.10.2 Principi generali del processo........................................................................................................................... 42
8.10.3 Ruolo digestione anaerobica ........................................................................................................................... 45

8.11 PIANO ENERGETICO REGIONALE ....................................................................................... 47


8.12 PIANO ENERGETICO DELLA PROVINCIA DI ROMA .................................................................. 50
8.12.1 LE FONTI RINNOVABILI ..................................................................................................................................... 50
8.12.2 ENERGIA DA BIOMASSE ................................................................................................................................... 51
8.12.3 APPROCCIO “LIFE CYCLE” ALLA GESTIONE DEI RIFIUTI .................................................................................... 51

8.13 PIANO DI AZIONE PER L’ENERGIA SOSTENIBILE DELLA PROVINCIA DI ROMA ................................. 53

9. DESCRIZIONE GENERALE DELL’IMPIANTO ................................................. 55

9.1 DATI OPERATIVI DELL’IMPIANTO ...................................................................................... 55


9.2 AREE OPERATIVE ......................................................................................................... 61
9.3 DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI PRETRATTAMENTO E DIGESTIONE ANAEROBICA DEI RIFIUTI ............... 62
9.3.1 Conferimento ................................................................................................................................................... 62
9.3.2 Fossa di Conferimento ..................................................................................................................................... 64
9.3.3 Pretrattamento ................................................................................................................................................ 64
9.3.4 Carico del digestore ......................................................................................................................................... 65
9.3.5 Digestione anaerobica ..................................................................................................................................... 65
9.3.6 Estrazione del digestato ................................................................................................................................... 66
9.3.7 Caldaia opzionale per il riscaldamento dei digestori ....................................................................................... 67

9.4 SEZIONE DI COMPOSTAGGIO ........................................................................................... 67


9.4.1 Area miscelazione ............................................................................................................................................ 67
9.4.2 Area digestione aerobica - biocelle areate: ..................................................................................................... 67
9.4.3 Area di prima maturazione digestato: ............................................................................................................. 68
9.4.4 Area di seconda maturazione: ........................................................................................................................ 70
9.4.5 Area raffinazione e stoccaggio compost maturo: ............................................................................................ 71

9.5 SEZIONE DI BIOFILTRAZIONE E TRATTAMENTO DELLE ARIE ESAUSTE ............................................ 71

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 3
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

9.6 SEZIONE DI RAFFINAZIONE DEL BIOGAS E PRODUZIONE DI BIOMETANO ........................................ 72


9.7 SEZIONE DI RECUPERO DELLA CO2 .................................................................................... 73
9.8 SEZIONE OPZIONALE DI COGENERAZIONE PER AUTOCONSUMO.................................................. 73

10. Descrizione opere elettromeccaniche ....................................................... 74

10.1 OPERE ELETTRO MECCANICHE - PRETRATTAMENTO MECCANICO ............................................... 74


10.1.1 Carroponte “tipo” (CP-01) ................................................................................................................................ 74
10.1.2 Trituratore aprisacchi “tipo” (TR-01/02) .......................................................................................................... 75
10.1.3 Deferrizzatore “tipo”(DF – 01/02) .................................................................................................................... 75
10.1.4 Vaglio stellare “tipo” (VS-01/02) ..................................................................................................................... 76
10.1.5 Separatore centrifugo “tipo”( SC – 01) ............................................................................................................ 76
10.1.6 Cippatore del verde “tipo”(CI-01)..................................................................................................................... 77
10.1.7 Nastri trasportatori “tipo”(NT-X) ..................................................................................................................... 78

10.2 OPERE ELETTROMECCANICHE – DIGESTIONE ANAEROBICA.............................................. 78


10.2.1 Digestori “tipo” (DA - 01/03) ........................................................................................................................... 78
10.2.2 filtropressa “tipo” (FP-01/04) .......................................................................................................................... 79
10.2.3 Centrifuga a doppio stadio “tipo”(CF-01) ........................................................................................................ 80

10.3 OPERE ELETTROMECCANICHE - PROCESSO DI PRODUZIONE DI BIOMETANO ......................... 81


10.3.1 Macchine e forniture “tipo” ............................................................................................................................. 81
10.3.2 Compressione del biometano a 50-bar “tipo” ................................................................................................. 82
10.3.3 Iniezione del gas e unità di monitoraggio “tipo” ............................................................................................. 82
10.3.4 Sistema di monitoraggio “tipo” ....................................................................................................................... 83

10.4 OPERE ELETTROMECCANICHE - STAZIONE DI RECUPERO DELLA CO2 .................................. 83


10.5 OPERE ELETTROMECCANICHE – STAZIONE OPZIONALE DI COGENERAZIONE PER AUTOCONSUMO 84
10.6 OPERE ELETTROMECCANICHE - PROCESSO DI DIGESTIONE AEROBICA ................................. 85
10.6.1 Miscelatore (MS-01) “tipo” .............................................................................................................................. 85
10.6.2 Biocelle aerobiche (BC-01/12) “tipo” ............................................................................................................... 85
10.6.3 Fase di maturazione – platea areata di prima maturazione (PV-01/03) “tipo” ............................................... 87

10.7 OPERE ELETTROMECCANICHE - VAGLIATURA E RAFFINAZIONE ......................................... 87

10.7.1 Vaglio a tamburo “tipo” (VT-01/02)“tipo” ....................................................................................................... 87

10.8 SISTEMA DI EMERGENZA ................................................................................................ 88

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 4
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

10.8.1 Torcia di combustione a due fasi “tipo” ........................................................................................................... 88


10.8.2 Sistema idraulico di sovrappressione del gas “tipo” ........................................................................................ 89
10.8.3 Controllo elettronico del sistema di digestione anaerobica “tipo” .................................................................. 89

11. DIMENSIONAMENTO SISTEMA DI TRATTAMENTO ARIA DI PROCESSO ..... 91

11.1 SISTEMA DI ABBATTIMENTO EMISSIONI IN ATMOSFERA ........................................................... 94

11.1.1 Scrubber ........................................................................................................................................................... 95


11.1.2 biofiltro ............................................................................................................................................................ 96

11.2 SISTEMA DI UMIDIFICAZIONE BIOFILTRO ............................................................................. 98


11.3 LEGNO PER BIOFILTRO ................................................................................................... 99

12. OPERE CIVILI servizi generali e opere complementari ..............................100

12.1 CAPANNONE ............................................................................................................ 100


12.2 PAVIMENTAZIONE ...................................................................................................... 103
12.3 UFFICI .................................................................................................................... 104

13. Approvvigionamento idrico e fabbisogno ................................................107

13.1 ACQUE POTABILI........................................................................................................ 107


13.2 ACQUE PER LA GESTIONE IMPIANTISTICA .......................................................................... 107

14. Emissioni in corpo idrico ..........................................................................111

14.1 GESTIONE ACQUE METEORICHE ...................................................................................... 112


14.1.1 Acque meteoriche provenienti dalle coperture degli edifici ........................................................................... 113

14.2 ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PIAZZALI E STRADE ..................................................... 113


14.2.1 Verifica vasca di prima pioggia ...................................................................................................................... 113

14.3 ACQUE REFLUE CIVILI .................................................................................................. 116


14.3.1 Vasca imhoff .................................................................................................................................................. 117
14.3.2 Fitodepurazione ............................................................................................................................................. 119

14.4 PERCOLATI PRODOTTI NELL’IMPIANTO E ACQUE DI LAVAGGIO DEL CAPANNONE ........................... 122

15. Impianto di depurazione .........................................................................127

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 5
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

15.1 CHEMICALS .............................................................................................................. 129


15.2 PARAMETRI ACQUE IN USCITA ....................................................................................... 130

16. Viabilità di collegamento .........................................................................132

17. Opere accessorie .....................................................................................134

17.1 PESA A PONTE........................................................................................................... 134


17.2 RECINZIONE PERIMETRALE DELL’AREA E CANCELLO DI INGRESSO .............................................. 134
17.3 CORTINA ARBOREA E OPERE DI SISTEMAZIONE A VERDE ........................................................ 135
17.4 CABINA IDRICA E VASCA DI ACCUMULO ACQUA INDUSTRIALE E ANTINCENDIO.............................. 136
17.5 STAZIONE DI POMPAGGIO ACQUA ANTINCENDIO ................................................................ 136
17.6 ANELLO DI DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA ANTINCENDIO ......................................................... 136
17.7 SISTEMA IDRANTI....................................................................................................... 137
17.8 EQUIPAGGIAMENTO PORTATILE ..................................................................................... 137

18. Rumore ...................................................................................................138

19. Piano di monitoraggio .............................................................................142

19.1 ACCESSO AI DATI E AI RISULTATI DELLE CAMPAGNE DI MONITORAGGIO ..................................... 142


19.2 AFFIDABILITÀ DEI MONITORAGGI E DEI CONTROLLI .............................................................. 142

20. Ricadute sociali economiche e occupazionali ...........................................144

20.1 ASPETTI SOCIALI ................................................................................................... 144


20.2 ASPETTI ECONOMICO-OCCUPAZIONALI ................................................................. 145

21. Piano di dismissione ................................................................................149

1.1 OPERE DI RIVEGETAZIONE E DI RIPRISTINO AMBIENTALE ........................................................ 150

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 6
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

1. ALLEGATI GRAFICI

 Tav 01 - Inquadramento territoriale


 Tav 02 - Inquadramento Paesaggistico
 Tav 03 - Documentazione fotografica
 Tav 04 - Rilievo dello stato attuale
 Tav 05 - Planimetria generale
 Tav 06 - Layout capannone
 Tav 07 - Sezioni capannone
 Tav 08 - Diagramma tecnologico del trattamento
 Tav 09 - Bilancio di massa - Copia
 Tav 10 - Bilancio acqua
 Tav 11 - Bilancio aria
 Tav 12 - Planimetria superfici
 Tav 13 - Planimetria acque reflue
 Tav 14 - Planimetria antincendio
 Tav 15 - Planimetria aree di stoccaggio
 Tav 16 - Planimetria impianto elettrico
 Tav 17 - Planimetria rete aria
 Tav 18 - Planimetria monitoraggio
 Tav 19 - Planimetria viabilità
 Tav20 - Zona trattamento aria Biofiltro
 Tav 21 – Depuratore
 Tav 22 - Planimetria e prospetti palazzina accettazione e guardiania
 Tav 23 - Planimetria e prospetti palazzina uffici
 Tav 24 - Prima Pioggia
 Tav 25 - Particolare fitodepurazione

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 7
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

 Tav 26 - Particolari costruttivi piazzale operativo e pavimentazioni


 Tav 27 - Cabina idrica
 Tav 28 - Cabina Elettrica
 Tav 29 - Particolare facciata verde
 Tav 30 - Planimetria fondazioni capannone
 Tav 31 - Carpenteria carroponte
 Tav 32 - Planimetria travi di copertura
 Tav 33 - Planimetria tegoli di copertura
 Tav 34 - Sezioni struttura
 Tav 35 - Profili intero lotto
 Tav 35 – Prospetti
 Tav 36 – Profili
 Tav 37 – Render
 Tav 38 – Bilancio delle terre
 Tav.39 – Planimetria edificio magazzino ricambi
 Tav.40 - Tavola variante urbanistica
 Tav.41 – Collegamento rete biogas
 Tav.42 – Viabilità di collegamento

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 8
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

2. PREMESSA

Con nota del 26/06/2017 la scrivente Sogliano Ambiente Spa ha inviato al Comune di Ponzano Romano
una proposta per la realizzazione nel territorio comunale di un “impianto per il compostaggio e
digestione anaerobica di rifiuti organici di natura agro-industriale da raccolta differenziata con
produzione di biometano e CO2” nella forma di Finanza di Progetto, ai sensi dell’art. 183 del D.lgs.
50/2016 che di seguito si riporta:

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 9
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

L’iniziativa è stata accolta dall’Amministrazione del Comune di Ponzano Romano che non nota n. 985
del 19/07/2017 di seguito riportata, ha formalmente indicato alla scrivente le particelle catastali sulle
quali prevedere il progetto.

Con successivo provvedimento prot. n. 1054 del 13 marzo 2018 il Comune di Ponzano Romano ha
confermato la messa a disposizione delle aree alla scrivente Società, ai fini dell’avvio dei necessari
procedimenti autorizzativi.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 10
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

A valle di quanto sopra la presente relazione descrive l’impianto basato sul processo di digestione
anaerobica di rifiuti organici di natura agro-industriale prodotti raccolta differenziata con produzione di
compost di qualità, biometano da immettere nella rete di distribuzione nazionale e recupero di CO2 .
Il processo di trattamento previsto, si basa sulla digestione anaerobica del tipo "semi-secco"
modulare.
L’iniziativa è il frutto dell’esperienza maturata dalla società Sogliano Ambiente SpA, società a
prevalente capitale pubblico, da anni attiva nell’ambito della progettazione, costruzione e gestione di
impianti per il trattamento e la valorizzazione dei rifiuti. Attraverso la massimizzazione del recupero di
energia e di materia dai residui, e la relativa minimizzazione degli scarti da avviare a discarica,
l’iniziativa proposta permetterà di chiudere il ciclo dei rifiuti, e garantirà la massima salvaguardia
ambientale grazie all’impiego delle più recenti tecnologie per il contenimento e l’abbattimento delle
emissioni.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 11
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

L’impianto proposto permetterà di trattare una circa 130.000 t/a di cui 105.000 FORSU e 25.000 t/a
VERDE.
Con la produzione di:
 4.986.000 Nmc/anno di biometano
 19.276 tons/anno di compost di qualità
 4.986.000 Nmc/anno di CO2
Nell'impianto in oggetto verranno svolte le attività previste dalla parte quarta del decreto legislativo 3
aprile 2006, n. 152.
Operazioni di recupero:
R3 - Riciclaggio/recupero delle sostanze organiche non utilizzate come solventi, comprese le operazioni
di compostaggio e altre trasformazioni biologiche.
R13 - Messa in riserva di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate nei punti R3 ed R4.
R1 - Recupero energetico
Operazioni di smaltimento esclusivamente sui reflui autoprodotti:
D8: Trattamento biologico non specificato altrove nel presente allegato, che dia origine a composti o a
miscugli che vengono eliminati secondo uno dei procedimenti elencati nei punti da D1 a D12
D9: Trattamento fisico-chimico non specificato altrove nel presente allegato che dia origine a composti
o a miscugli eliminati secondo uno dei procedimenti elencati nei punti da D1 a D12 (a esempio
evaporazione, essiccazione, calcinazione, ecc.)
D15 - Deposito preliminare.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 12
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

3. OGGETTO DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE

La procedura che si propone di seguire è quella prevista all’art. 183, quindicesimo comma, del D.Lgs.vo
50/2016 e s.m.e i. “Finanza di progetto”:
Gli operatori economici possono presentare alle amministrazioni aggiudicatrici proposte relative alla
realizzazione in concessione di lavori pubblici o di lavori di pubblica utilità…….La proposta contiene un
progetto di fattibilità, una bozza di convenzione, il piano economico-finanziario asseverato da uno dei
soggetti di cui al comma 91, primo periodo, e la specificazione delle caratteristiche del servizio e della
gestione. …….. Il piano economico-finanziario comprende l'importo delle spese sostenute per la
predisposizione della proposta, comprensivo anche dei diritti sulle opere dell'ingegno di cui all'articolo
2578 del codice civile. La proposta è corredata dalle autodichiarazioni relative al possesso dei requisiti
di cui al comma 172, dalla cauzione di cui all'articolo 93, e dall'impegno a prestare una cauzione nella
misura dell'importo di cui al comma 9, terzo periodo, nel caso di indizione di gara. L'amministrazione
aggiudicatrice valuta, entro il termine perentorio di tre mesi, la fattibilità della proposta. A tal fine
l'amministrazione aggiudicatrice può invitare il proponente ad apportare al progetto di fattibilità le
modifiche necessarie per la sua approvazione. Se il proponente non apportale modifiche richieste, la
proposta non può essere valutata positivamente. Il progetto di fattibilità eventualmente modificato, è
inserito negli strumenti di programmazione approvati dall'amministrazione aggiudicatrice sulla base

1 Comma 9. Le offerte devono contenere un progetto definitivo, una bozza di convenzione, un piano economico-finanziario asseverato da un istituto di
credito o da società di servizi costituite dall'istituto di credito stesso ed iscritte nell'elenco generale degli intermediari finanziari, ai sensi dell'articolo 106
del decreto legislativo 1º settembre 1993, n. 385, o da una società di revisione ai sensi dell'articolo 1 della legge 23 novembre 1939, n. 1966, nonché la
specificazione delle caratteristiche del servizio e della gestione, e dare conto del preliminare coinvolgimento di uno o più istituti finanziatori nel progetto. Il
piano economico-finanziario, oltre a prevedere il rimborso delle spese sostenute per la predisposizione del progetto di fattibilità posto a base di gara,
comprende l'importo delle spese sostenute per la predisposizione delle offerte, comprensivo anche dei diritti sulle opere dell'ingegno di cui all'articolo
2578 del codice civile. L'importo complessivo delle spese di cui al periodo precedente non può superare il 2,5 per cento del valore dell'investimento, come
desumibile dal progetto di fattibilità posto a base di gara. Nel caso di strutture destinate alla nautica da diporto, il progetto definitivo deve definire le
caratteristiche qualitative e funzionali dei lavori ed il quadro delle esigenze da soddisfare e delle specifiche prestazioni da fornire, deve contenere uno
studio con la descrizione del progetto ed i dati necessari per individuare e valutare i principali effetti che il progetto può avere sull'ambiente e deve essere
integrato con le specifiche richieste dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti con propri decreti.

2 Comma 17. Possono presentare le proposte di cui al comma 15, primo periodo, i soggetti in possesso dei requisiti di cui al comma 8, nonché i soggetti
con i requisiti per partecipare a procedure di affidamento di contratti pubblici anche per servizi di progettazione eventualmente associati o consorziati con
enti finanziatori e con gestori di servizi. La realizzazione di lavori pubblici o di pubblica utilità rientra tra i settori ammessi di cui all'articolo 1, comma 1,
lettera c-bis), del decreto legislativo 17 maggio 1999, n. 153. Le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, nell'ambito degli scopi di utilità
sociale e di promozione dello sviluppo economico dalle stesse perseguiti, possono aggregarsi alla presentazione di proposte di realizzazione di lavori
pubblici di cui al comma 1, ferma restando la loro autonomia decisionale.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 13
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

della normativa vigente ed è posto in approvazione con le modalità previste per l'approvazione di
progetti; il proponente è tenuto ad apportare le eventuali ulteriori modifiche chieste in sede di
approvazione del progetto; in difetto, il progetto si intende non approvato. Il progetto di fattibilità
approvato è posto a base di gara, alla quale è invitato il proponente. Nel bando l'amministrazione
aggiudicatrice può chiedere ai concorrenti, compreso il proponente, la presentazione di eventuali
varianti al progetto. Nel bando è specificato che il promotore può esercitare il diritto di prelazione. I
concorrenti, compreso il promotore, devono essere in possesso dei requisiti di cui al comma 8 3, e
presentare un'offerta contenente una bozza di convenzione, il piano economico-finanziario asseverato
da uno dei soggetti di cui al comma 9, primo periodo, la specificazione delle caratteristiche del servizio
e della gestione, nonché le eventuali varianti al progetto di fattibilità; si applicano i commi 4, 5, 6, 7 e
13. Se il promotore non risulta aggiudicatario, può esercitare, entro quindici giorni dalla comunicazione
dell'aggiudicazione, il diritto di prelazione e divenire aggiudicatario se dichiara di impegnarsi ad
adempiere alle obbligazioni contrattuali alle medesime condizioni offerte dall'aggiudicatario. Se il
promotore non risulta aggiudicatario e non esercita la prelazione ha diritto al pagamento, a carico
dell'aggiudicatario, dell'importo delle spese per la predisposizione della proposta nei limiti indicati nel
comma 9. Se il promotore esercita la prelazione, l'originario aggiudicatario ha diritto al pagamento, a
carico del promotore, dell'importo delle spese per la predisposizione dell'offerta nei limiti di cui al
comma 9.

3 8. Alla procedura sono ammessi solo i soggetti in possesso dei requisiti per i concessionari, anche associando o consorziando altri soggetti, ferma
restando l'assenza dei motivi di esclusione di cui all'articolo 80.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 14
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

4. SOGGETTO PROPONENTE

Il soggetto proponente l'impianto di compostaggio e digestione anaerobica con annessa produzione di


biometano e recupero di CO2 è:
Sogliano Ambiente SpA Piazza Garibaldi, 12, 47030 Sogliano Al Rubicone FC.
Si precisa che l’autorizzazione rilasciata all’esito di tale procedimento sarà destinata al soggetto che
risulterà definitivamente affidatario della procedura ad evidenza pubblica che verrà avviata dal
Comune ai sensi del d.lg. n. 50/2016 (e dunque: laddove l’autorizzazione sia rilasciata prima
dell’affidamento della procedura, la scrivente Società, nel caso in cui non risulterà aggiudicataria,
provvederà a effettuarne voltura a favore dell’aggiudicatario; laddove invece l’aggiudicazione della
procedura intervenga quando il procedimento autorizzativo non sarà ancora concluso, nel medesimo
subentrerà, qualora la scrivente Società non risulti aggiudicataria, il soggetto aggiudicatario).

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 15
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

5. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO DEL SITO

Di seguito si riporta un estratto della Relazione “Geologico-Geomorfologica Studio di microzonazione


sismica di II Livello” redatta dal Dott. Geol. Leonardo Nolasco a cui si rimanda per maggiori indicazioni.

5.1 INQUADRAMENTO GEOLOGICO

L’area in studio è ubicata nel Comune di Ponzano Romano in località Brecceto a N del centro del
Comune e subito ad est dell’asse autostradale A1 ad un’altitudine media di circa 47 metri s.l.m. (da
rilievo topografico fornito dalla committenza, circa 56 m s.l.m. da CTR) alle coordinate geografiche
medie (WGS84) (Cfr. Figg. 1, 2, 3):
- Lat. 42,281715
- Lon. 12,526369.
La situazione geologica del settore in esame evidenzia un netto dominio di prodotti di origine marina
ed in subordine salmastra e continentale, collegati alla vasta trasgressione marina, che, nel Pliocene
superiore, conseguentemente al ritirarsi del mare ha dato luogo alla dorsale appenninica e
all’impostarsi del reticolo idrografico che prende particolare sviluppo in questa zona del Lazio.
Infatti il Fiume Tevere e la sua valle alluvionale si sovrappongono ai depositi pliocenici di origine
marina argillo-sabbiosi.
All’interno della valle il fiume divaga con i suoi meandri depositando, nel tempo, serie schiettamente
alluvionali caratterizzate da alternanze di sabbie e ghiaie con interposti livelli e lenti argillose.
L’area in studio da bibliografia si inserisce in questo contesto geologico ed è quindi caratterizzata dai
prodotti alluvionali del Fiume Tevere (TAV. 4 e 5). Nella realtà a seguito di interventi antropici dovuti
alla realizzazione dell’autostrada sono presenti nel sito di studio anche delle coperture di riporto più o
meno importanti.
I sondaggi effettuati in linea di massima, confermano ciò che è riportato nella carta geologica; infatti la
stratigrafia media dell’area dedotta dai logs stratigrafici mette in evidenza il seguente modello
stratigrafico medio:
• Riporti: coltre di copertura caotica più o meno superficiale, con caratteristiche composizionali e
granulometriche spesso simili a quelle dei terreni rinvenibili nella zona;

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 16
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

• Ghiaia: di natura calcarea in matrice limoso argillosa e limoso sabbiosa con elementi eterometrici da
angolari a sub arrotondati;
• Sabbie limose grigio giallastre;
• Argilla limosa grigia molto consistente.

Figura 1 - Carta Geolitogica

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 17
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Figura 2 – Carta Geolitologica

5.2 INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO

La situazione idrografica dell'area è dominata dalla vicinanza del Fiume Tevere, che risulta essere il
ricettore finale di tutte le acque che incidono sulla zona.
Particolare interesse rappresenta l’andamento dell’alveo del Fiume Tevere che segna il confine Nord
del Comune di Ponzano Romano per una lunghezza di circa 10 km. Nel tratto in esame è dotato di un
accentuato andamento meandriforme a testimonianza della maturità morfologica del fiume stesso che
ormai ha esaurito l’energia di rilievo e pertanto tende a depositare i materiali.
La zona in oggetto è drenata verso il Fiume Tevere dal Fosso di Brecceto che borda il confine SE
dell’area e possiede parte del suo alveo incassato nei depositi di riporto. Inoltre da rilievo in parte, il
fosso risulta intubato.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 18
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

L’idrogeologia del settore in cui ricade l’area di studio è condizionata essenzialmente dalle
caratteristiche di permeabilità delle pozioni di terreno più superficiali ed è legata alla porosità dei
litotipi presenti.
Per l’area in studio (Tav. 12) si riscontrano i seguenti complessi idrogeologici:
• complesso dei depositi alluvionali recenti (Fascia NE dell’area) Depositi da mediamente a poco
permeabili per porosità
• Riporti (Fascia SW dell’area): Depositi mediamente permeabili per porosità.
I dati bibliografici mostrano che la falda, nell’area, si dispone ad una sotto i 50 m slm (Tav. 12 da
Relazione geologica a firma del Dott. Geol.
Emanuele Pinto agosto 2017) con direzione del deflusso da SW verso NE.
Nella zona di studio e nelle immediate vicinanze si segnala la presenza di numerose sorgenti legate alle
condizioni litostratigrafiche dell’area, dalle quali è stato possibile valutare l’andamento delle
isofreatiche e delle sue direttici di flusso. Nella zona di studio in particolare, risulta da bibliografia la
presenza di una sorgente (U. Ventriglia 1989) con portata generica di 1 l/s.
L’analisi dei dati bibliografici insieme alle misurazioni effettuate all’interno del piezometro installato
nel 2015 e dalle misurazioni eseguite in foro di sondaggio (SOND_2), evidenziano una falda superficiale
che si approfondisce verso i rilievi collinari con direzione di deflusso verso il Fiume Tevere.
All’interno del sondaggio S1 (2015) è stato installato un piezometro per il rilievo della falda. Dalle
misurazione eseguite su questo piezometro (gennaio 2015 e agosto 2017) e da quelle eseguite nel
sondaggio S2 (2017)(agosto 2017), il livello piezometrico risulta attestarsi a quote medie di 47.3 m slm
nel PZ1 e 46.7 nel sondaggio S2.
Pertanto la falda mediamente si ubica a 47 m slm.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 19
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Figura 3 - Carta Idrogeologica

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 20
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

6. INQUADRAMENTO DELL’AREA

Di seguito si riporta l’inquadramento satellitare dell’area di interesse e su Carta Tecnica Regionale in


scala 1: 10.000.

Figura 4- Inquadramento area su ortofoto (Fonte: Google Earth)

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 21
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Figura 5 - Carta Tecnica Regionale Lazio - scala 1:10.000 quadrante 356110

L’area ricade nel Comune di Ponzano Romano in provincia di Roma a ridosso dell’Autostrada Roma-
Milano in località Brecceto, all’interno di un’area individuata dalle particelle38 e 39 del foglio 20 e dalla
particella 28 del foglio 22 della cartografia ufficiale del Comune di Ponzano Romano.
Con provvedimento prot. n. 1054 del 13 marzo 2018 il Comune di Ponzano Romano ha messo a
disposizione l’area alla scrivente Società, ai fini dell’avvio dei necessari procedimenti autorizzativi.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 22
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Figura 6 - Stralcio mappa catastale comune di Ponzano Romano

L’accesso all’area è garantito da una strada secondaria percorribile uscendo dal casello autostradale
Ponzano Romano–Soratte dell’Autostrada Roma-Napoli e percorrendo la strada provinciale 30/b, come
è mostrato dalla figura seguente.
In virtù della propria collocazione geografica si può ritenere quindi che l’area d’interesse possa
beneficiare di un buon grado di accessibilità con la viabilità principale e secondaria.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 23
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Strade Provinciale
30/b

Autostrada
A1 Milano Napoli

Casello Ponzano Romano-


Soratte

Figura 7 - Estratto cartografico viabilità (Fonte: Google Earth).

Secondo il Piano Regolatore Generale del Comune di Ponzano Romano, adottato con Deliberazione di
Consiglio Comunale n° 106 del 19.10.1974 e la 1° Variante Generale al PRG, adottata con
Deliberazione di Consiglio Comunale n° 5 del 18.01.1999, l’area in esame è classificata come zona E2 –
Verde agricolo Vincolato, come mostrato nella figura riportata alla pagina seguente.
Secondo il Piano di gestione dei Rifiuti della Regione Lazio, le aree agricole risultano adatte alla
realizzazione di impianti simili a quello in oggetto.
Per garantire una maggiore coerenza con il futuro uso del terreno, in ogni caso, allegato al progetto è
stata inserita la Proposta di Variante Urbanistica, per classificare l’area come zona D1-zona per
impianti di valorizzazione dei rifiuti con produzione di biometano, ai sensi art. 29-quarter comma 11
del D.lgs. 152/06, la futura eventuale approvazione del progetto, da parte degli Enti competenti nel
corso della Conferenza di Servizi, indetta per l’ottenimento dell’autorizzazione integrata ambientale,
comporterà l’approvazione anche di detta variante e quindi la riclassificazione dell’area.
Infatti l’articolo citato definisce tutte le autorizzazioni acquisite attraverso l’ottenimento
dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, tra le quali l’autorizzazione ex art. 208, che costituisce
variante allo strumento urbanistico.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 24
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Di seguito si riportano gli stralci del PRG Comunale rispetto allo stato attuale e rispetto alla stato
futuro.

Figura 8 - Stralcio PRG comune di Ponzano Romano – Stato attuale

Figura 9- Stralcio PRG comune di Ponzano Romano – Stato dopo autorizzazione

Di seguito si riportano gli indici urbanistici previsti nella variante al PRG:

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 25
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

In merito alla variante urbanistica per il lotto di interesse si rimanda alla relazione “Geologico-
Geomorfologica Studio di microzonazione sismica di II Livello” redatta dal Dott. Geol. Leonardo Nolasco
di cui di seguito si riportano le conclusioni relative alla idoneità territoriale.
“Sulla base di tutti gli elementi di studio dell’area è stata prodotta la Carta dell’Idoneità territoriale su
sito predisposto. Nella carta sono state evidenziate TRE aree a colori differenti pieni:
 Area di colore verde: Area idonea dal punto di vista morfologico e sismico senza nessuna
prescrizione;
 Area di colore arancio: rappresenta la fascia di rispetto del Fosso di Brecceto considerata 10 m
per lato sulle sponde così come prescritto al RD 523 del 1904, RD 368 art.133 del 1904 e
all’Art.115 del D.Lgs 152/06.
 Area di colore magenta: rappresenta la fascia di rispetto autostradale per una larghezza di
metri 30.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 26
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 27
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

7. INDIVIDUAZIONE QUALIQUANTITATIVA DEI RIFIUTI DA TRATTARE

Di seguito, è riportato l’elenco dei rifiuti, classificato sulla scorta dei CER di cui alla direttiva
2000/532/CE al D.M. 05/02/98, che è previsto vengano conferiti, da terzi, all’impianto in progetto.
Codici CER destinati alla digestione anaerobica:
Attività CER Descrizione
R3, R12, R13 02 05 01 Scarti inutilizzabili per il consumo o la trasformazione
R3, R12, R13 02 07 02 Rifiuti prodotti dalla distillazione di bevande alcoliche
R3, R12, R13 02 07 04 Scarti inutilizzabili per il consumo o la trasformazione
R3, R12, R13 20 01 08 Rifiuti urbani biodegradabili di cucine e mense
R3, R12, R13 20 02 01 Rifiuti urbani biodegradabili prodotti da giardini e parchi
R3, R12, R13 20 03 02 Rifiuti urbani dei mercati

Codici CER destinati al compostaggio:


Attività CER Descrizione
R3, R12, R13 02 01 03 Scarti di tessuti vegetali da agricoltura
R3, R12, R13 02 03 04 Scarti inutilizzabili per il consumo o la trasformazione
R3, R12, R13 02 05 01 Scarti inutilizzabili per il consumo o la trasformazione
R3, R12, R13 Rifiuti prodotti dalle operazioni di lavaggio, pulizia
02 07 01
e macinazione della materia prima
R3, R12, R13 02 07 02 Rifiuti prodotti dalla distillazione di bevande alcoliche
R3, R12, R13 02 07 04 Scarti inutilizzabili per il consumo o la trasformazione
R3, R12, R13 03 01 01 Scarti di corteccia e sughero della lavorazione del legno
R3, R12, R13 03 01 05 Segatura, trucioli, residui di taglio, legno, pannelli di truciolare
R3, R12, R13 Scarti di corteccia e legno della produzione di polpa, carta e
03 03 01
cartone
R3, R12, R13 04 02 21 rifiuti da fibre tessili grezze
R3, R12, R13 15 01 01 Imballaggi di carta e cartone
R3, R12, R13 15 01 03 Imballaggi di legno

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 28
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Attività CER Descrizione


R3, R12, R13 19 08 12 Esclusivamente di autoproduzione: fanghi prodotti dal
trattamento biologico delle acque reflue industriali, diversi da
quelli di cui alla voce 190811.
R3, R12, R13 20 01 01 Carta e cartone
R3, R12, R13 20 01 38 Legno da rifiuti urbani
R3, R12, R13 20 02 01 Rifiuti biodegradabili

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 29
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

8. RIFERIMENTI NORMATIVI

Le norme citate nei paragrafi seguenti, vengono applicate negli elaborati per la richiesta di
autorizzazione, oppure lo saranno in sede di progettazione esecutiva, in dipendenza della specificità
delle norme stesse.

8.1 RECUPERO DEI RIFIUTI

Il Decreto Ministeriale del 5 Febbraio 1998 così come modificato da:


 D.M. 9 gennaio 2003 (18-01-2003)
 D.M.. 27 luglio 2004 (03-08-2004)
 D.M. 5 aprile 2006, n. 186 (03-06-2006)
 D.lgs 16 gennaio 2008, n. 4 (13-02-2008)
Individua i rifiuti non pericolosi sottoposti alle procedure semplificate di recupero ai sensi degli art. 31
e 33 del Decreto legislativo del 5 Febbraio 1997, n. 22, emesso per l’attuazione delle direttive
91/156/CEE sui rifiuti.
Al Paragrafo 16 dell’Allegato 1 Sub-allegato 1 del Decreto Ministeriale vengono indicate le tipologie di
rifiuti ammessi per la produzione di compost di qualità nonché le caratteristiche di detti rifiuti.
Vengono inoltre definite le caratteristiche che deve garantire l’attività di recupero attraverso il
processo di trasformazione biologica - aerobica delle matrici che, porta alla stabilizzazione della
sostanza organica.
Tale processo deve essere condotto in modo da garantire:
 il controllo dei rapporti di miscelazione e delle caratteristiche chimico fisiche delle matrici
organiche di partenza;
 il controllo della temperatura di processo;
 un apporto di ossigeno sufficiente a mantenere le condizioni aerobiche della massa;
La durata del processo non deve essere inferiore a 90 giorni comprendenti una fase di bio-ossidazione
biologica accelerata durante la quale viene assicurato un apporto di ossigeno alla massa mediante
rivoltamento e/o areazione, seguito da una fase di maturazione in cumulo.
La temperatura deve essere mantenuta per almeno 3 giorni oltre i 55 gradi.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 30
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

La fase di stoccaggio delle matrici e la fase di bio-ossidazione accelerata devono avvenire in ambiente
confinato per il contenimento delle polveri e degli odori per i quali deve essere previsto un sistema di
abbattimento prima dell’immissione in atmosfera.
Le fasi di stoccaggio delle matrici, di bio-ossidazione accelerata, di maturazione e di stoccaggio del
prodotto finito devono avvenire su superfici impermeabilizzate, dotate di un sistema di captazione dei
reflui per l’idoneo smaltimento o riutilizzo nel ciclo produttivo.

8.2 COMPOSTAGGIO

8.2.1 NORMATIVA COMUNITARIA

Nell’ambito della Normativa Comunitaria l’argomento ammendanti organici e compost è trattato in


più passaggi da norme riguardanti in particolare i settori ambientale, sanitario e l’agricoltura biologica.

8.2.2 SETTORE AMBIENTALE

Direttiva Europea sui Rifiuti 91/156 CEE e Direttiva Europea sui Rifiuti 2006/12 dell'aprile 2006 - la
Commissione Europea con le Direttive elencate, individua la relazione tra il recupero della sostanza
organica (e quindi anche la gestione dei rifiuti organici) con la tutela del suolo, dei terreni e con le più
ampie tematiche affrontate dal Protocollo di Kyoto sulla protezione del pianeta dai cambiamenti
climatici (Working Document on Sludge 3th Draft, 2000; Working Document on Biological Treatment of
Biowaste 2th Draft, 2001, Protocollo di Kyoto).

8.2.3 SETTORE SANITARIO

Reg.(CE) n. 1774/2002 del Parlamento Europeo e Del Consiglio del 3 ottobre 2002 -recante norme
sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano.
Reg.(CE) N. 197/2006 della Commissione Europea del 3 febbraio 2006 - contenente modifiche al
regolamento CEE 1774/02 sui sottoprodotti animali.
Reg. (CE) 185/2007 della Commissione Europea del 20 febbraio 2007 - riguarda la proroga delle
misure transitorie concernenti gli impianti di compostaggio e di produzione di biogas ai sensi del
regolamento (CE) n. 1774/2002.

8.2.4 AGRICOLTURA BIOLOGICA

Reg. CE 592/2006 del 12 aprile 2006 - la Commissione Europea con il regolamento citato mette fine al

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 31
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

regime transitorio per l’utilizzo di ammendante compostato in agricoltura biologica.


Restano invariate le caratteristiche del compost destinato alle produzioni biologiche e le procedure per
comunicare l’iscrizione al Registro per i Fertilizzanti da impiegare in agricoltura biologica.

8.2.5 NORMATIVA NAZIONALE

La normativa italiana per quanto attiene la produzione di compost, fa riferimento a due principali
argomenti di intervento:
 la gestione dei rifiuti
 la commercializzazione e l’utilizzo dei fertilizzanti

8.2.6 SETTORE AMBIENTALE

D.Lgsn.152 del 3 aprile 2006 -Il testo unico in materia ambientale interessa per diversi aspetti il
settore degli ammendanti e del compost .
Coordina la legislazione ambientale per quanto riguarda le procedure per le autorizzazioni ambientali
integrate (IPPC), la difesa del suolo e la lotta alla desertificazione, la tutela delle acque e la gestione
delle risorse idriche e la gestione dei rifiuti, che abroga il D.lgs 22/97.
Il Testo Unico è stato modificato dal D.Lgs. 4 del 16/01/08, riportante ulteriori disposizioni correttive
ed integrative; in particolare, all’art. 183, viene definita la nozione di “Compost di qualità” come
“prodotto ottenuto dal compostaggio di rifiuti organici raccolti separatamente, che rispetti i requisiti e
le caratteristiche stabilite dall’allegato 2 del decreto legislativo 2 aprile 2010, n. 75 e successive
modifiche e integrazioni".
Ulteriori modifiche sono avvenute con il D.Lgs. 128 del 29 giugno e con il D.lgs. 205/2010.
Quest’ultimo decreto introduce, tra l’altro, nuove definizioni come quella di rifiuto organico:
“rifiuti biodegradabili di giardini e parchi, rifiuti alimentari e di cucina prodotti da nuclei domestici,
ristoranti, servizi di ristorazione e punti vendita al dettaglio e rifiuti simili prodotti dall’industria
alimentare raccolti in modo differenziato”.
La nuova definizione sembra essere più aderente ai codici CER dei rifiuti biodegradabili. Si introduce lo
scarto vegetale di giardini e parchi, ribadendo, qualora ce ne fosse bisogno, che sono e rimangono
rifiuti.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 32
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

8.2.7 SETTORE FERTILIZZANTI

D.Lgs. 75 del 26 maggio 2010- sostituisce il D.Lgs. 217/06. Si è resa necessaria l’abrogazione dell’ormai
vecchio decreto 217 per un vizio di forma, ovvero la mancata notifica all’Unione Europea che ha
causato l’apertura di una procedura di infrazione.

8.3 ATMOSFERA - QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

D.Lgs. 3 Aprile 2006 n. 152 e s.m.i. – Norme in Materia Ambientale - Parte Quinta, Norme in materia di
tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera.
Nell’Allegato VI alla parte quinta sono stabiliti i criteri per la valutazione della conformità dei valori
misurati ai valori limite di emissione.
D. Lgs. 13 agosto 2010 n. 155 - Attuazione della direttiva 2008/50/CE relativa alla qualità dell'aria
ambiente e per un'aria più pulita in Europa.
D.C.R. 10 dicembre 2009 n. 66 – Piano di risanamento della Qualità dell’Aria della Regione Lazio.
D.G.R. 5 settembre 1996 n. 7104 - Direttiva alle amministrazioni provinciali in materia di prevenzione e
controllo dell'inquinamento atmosferico ai sensi della Legge regionale 48/89 (S.O. No .2 al B.U.R.L. No.
36 del 30/12/96).
D.P.R. 15 Aprile 1971, n. 322 - Decreto del Presidente della Repubblica Regolamento per l'Esecuzione
della Legge 31 Luglio 1966, No. 615, Recante Provvedimenti contro l'Inquinamento Atmosferico,
Limitatamente al Settore delle Industrie (S.O. alla G.U. No. 145 del 916/71).
D.Lgs. 4 agosto 1999, n. 351 - "Attuazione della Direttiva Europea 96/62/CE del 27 settembre 1996
sulla valutazione e gestione della qualità dell’aria ambiente".
Con questa direttiva sono state ridefinite le sostanze inquinanti da monitorare e da controllare in base
a metodi di analisi e valutazione standardizzati, nonché definite le linee generali, alle quali gli stati
membri devono attenersi, per l’attivazione di piani di risanamento nelle aree in cui la qualità dell’aria
non risulti conforme ai valori limite, che verranno progressivamente aggiornati (o ai piani di
mantenimento nel caso essa risulti inferiore ai limiti) (G.U. No. 241 del 13/10/99).
La legislazione italiana introduce il concetto di standard di qualità dell'aria (SQA), cioè i livelli di
inquinamento che non devono essere superati in qualunque punto del territorio, in quanto
costituiscono soglie di esposizione agli agenti inquinanti ritenuti dannosi per la salute umana.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 33
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

8.4 AMBIENTE IDRICO - QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

D.Lgs. 3 Aprile 2006 n. 152 e s.m.i. – Norme in Materia Ambientale - Parte Terza, Norme in materia di
difesa del suolo e lotta alla desertificazione, di tutela delle acque dall'inquinamento e di gestione delle
risorse, sezione II e sezione III.
I limiti previsti dal Decreto relativamente all’Ambiente Idrico sono contenuti nell’Allegato 5.
Fatto salvo quanto disposto dalla parte terza del D.Lgs. 152/06 e s.m.i., esistono anche alcuni criteri di
valutazione della contaminazione del suolo e delle acque sotterranee riportati nel Titolo V alla Parte
quarta dello stesso decreto, in cui vengono stabiliti i limiti di accettabilità della contaminazione dei
suoli, delle acque superficiali e delle acque sotterranee in relazione alla specifica destinazione d'uso dei
siti e le corrispondenti procedure di riferimento per il prelievo e l'analisi dei campioni.

8.5 SUOLO E SOTTOSUOLO - QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

D.Lgs. 3 Aprile 2006 n. 152 e s.m.i.– Norme in Materia Ambientale - Parte Terza, Sezione I (Norme in
materia di difesa del suolo e lotta alla desertificazione).
Le disposizioni di cui alla presente sezione sono volte ad assicurare la tutela ed il risanamento del suolo
e del sottosuolo, il risanamento idrogeologico del territorio tramite la prevenzione dei fenomeni di
dissesto, la messa in sicurezza delle situazioni a rischio e la lotta alla desertificazione.
Fatto salvo quanto disposto dalla parte terza del D.Lgs. 152/06 e s.m.i., esistono anche alcuni criteri di
valutazione della contaminazione del suolo e delle acque sotterranee riportati nel Titolo V alla Parte
quarta dello stesso decreto, in cui vengono stabiliti i limiti di accettabilità della contaminazione dei
suoli, delle acque superficiali e delle acque sotterranee in relazione alla specifica destinazione d'uso dei
siti e le corrispondenti procedure di riferimento per il prelievo e l'analisi dei campioni.

8.6 RUMORE E VIBRAZIONI - QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

D.P.C.M. 31 Marzo 1998 - Atto di Indirizzo e Coordinamento Recante Criteri Generali per l'Esercizio
Dell’Attività del Tecnico Competente in Acustica, ai Sensi dell'Art. 3, Comma 1 Lett. b), e dell’Art. 2,
Commi 6, 7 e 8 della Legge 26 Ottobre 1995 No. 447 Legge Quadro sull'Inquinamento Acustico (G.U.
No. 120 del 26/5/98).
D.M. 16 Marzo 1998 - Tecniche di Rilevamento e di Misurazione dell'Inquinamento Acustico (G.U. No.
76 del 1/4/98).

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 34
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

D.P.C.M. 14 novembre 1997 (G.U. No. 280 del 1/12/97) recante “Determinazione dei valori limite delle
sorgenti sonore”.
Legge 26 ottobre 1995, n. 447e s.m.i. - "Legge quadro sull'inquinamento acustico" (in particolare l’art.
8 - Disposizioni in materia di impatto acustico). (G.U. No. 254 del 30/10/95).
D.P.C.M. 1 Marzo 1991e s.m.i. - Limiti Massimi di Esposizione al Rumore negli Ambienti Abitativi e
nell'Ambiente Esterno (G.U. No. 57 del 8/3/91).
L.R. Lazio n°18 del 3/8/2001 e s.m.i. - Disposizioni in materia di inquinamento acustico per la
pianificazione ed il risanamento del territorio - modifiche alla legge regionale 6/8/1999, n. 14.
La disciplina relativa all’inquinamento acustico in Italia è normata principalmente dalla legge 26
ottobre 1995, n. 447 (nella fattispecie l’art. 8 - Disposizioni in materia di impatto acustico) ed ai
successivi decreti, tra cui assume particolare rilevanza il D.P.C.M. 14 novembre 1997. Tale
provvedimento specifica, infatti, i valori limite di emissione, i valori limite di immissione, i valori di
attenzione ed i valori di qualità ai quali fa riferimento l’art. 2 della L. 447/95 e ai quali i livelli di
inquinamento acustico associati al funzionamento dell’impianto in esame debbono essere posti in
relazione.
I valori limite assoluti di immissione (art. 3) corrispondono a quelli già indicati dal D.P.C.M. 1 marzo
1991. Ad essi vengono, tuttavia, affiancati i valori limite differenziali di immissione (art. 4), posti uguali
a 5 dB per il periodo diurno ed a 3 dB per il periodo notturno, all’interno degli ambienti abitativi (tali
valori hanno un campo d’applicazione limitato, in quanto non possono essere fatti valere all’interno
delle aree di classe VI e nei casi in cui il livello di inquinamento acustico sia nullo o trascurabile 4).
I valori limite di emissione (art. 2) sono fissati, fino all’emanazione della relativa norma UNI, 5 dB al di
sotto dei valori limite assoluti di immissione. Non vi sono limiti di applicabilità, in quanto tali limiti sono
riferiti sia alle sorgenti mobili sia a quelle fisse, e “si applicano a tutte le aree del territorio, secondo la
rispettiva classificazione in zone”5.
I valori di qualità (art. 7) sono posti 3 dB al di sotto dei valori limite assoluti di immissione, con
l’eccezione delle zone VI, per le quali lo scarto si annulla.
I valori di attenzione (art. 6) sono invece posti 10 dB al di sopra dei valori limite assoluti di immissione

4 Cioè quando i livelli equivalenti di pressione sonora negli ambienti abitativi risultano inferiori, nei periodi diurni, a 50 dB (A) a finestre aperte e 35 dB
(A) a finestre chiuse, e nei periodi notturni a 40 dB (A) a finestre aperte e 25 dB (A) a finestre chiuse.
5 Il decreto tuttavia specifica che “i rilevamenti e le verifiche sono effettuati in corrispondenza degli spazi utilizzati da persone e comunità”.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 35
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

per i periodi diurni. Tale scarto si riduce a 5 dB per i periodi notturni6.

Tabella 8-1- Valori limite assoluti di immissione e Valori limite di emissione relativi alle classi di
destinazione d’uso del territorio (D.P.C.M. 14.11.97)

Classi di destinazione d'uso del Valori limite assoluti di Valori limite di


territorio dB(A)
immissione dB(A)
emissione
Diurni Notturni Diurni Notturni
6÷22 22÷6 6÷22 22÷6
I aree particolarmente protette 50 40 45 35
II aree prevalentemente residenziali 55 45 50 40
III aree di tipo misto 60 50 55 45
IV aree di intensa attività umana 65 55 60 50
V aree prevalentemente industriali 70 60 65 55
VI aree esclusivamente industriali 70 70 65 65

Tabella 8-2 - Valori di qualità e di attenzione relativi alle classi di destinazione d’uso del territorio
(D.P.C.M. 14.11.97)
Classi di destinazione d'uso del territorio Valori di qualità Valori di attenzione (orari)
dB(A) dB(A)
Diurni notturni diurni notturni
6÷22 22÷6 6÷22 22÷6
I aree particolarmente protette 47 37 57 42
II aree prevalentemente residenziali 52 42 62 47
III aree di tipo misto 57 47 67 52
IV aree di intensa attività umana 62 52 72 57
V aree prevalentemente industriali 67 57 77 62
VI aree esclusivamente industriali 70 70 80 75

8.7 AREE PROTETTE E BELLEZZE NATURALI

D.Lgs. 22 Gennaio 2004, n. 42 – Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della
legge 6 luglio 2002, n. 137

6 I valori di attenzione si ritengono riferiti a singoli intervalli orari. Il decreto definisce anche valori di attenzione riferiti al tempo a lungo termine (TL),
ovvero al tempo “...all’interno del quale si vuole avere la caratterizzazione del territorio dal punto di vista della rumorosità ambientale...”, definito in
relazione alle variazioni dei fattori che influenzano la rumorosità nel lungo termine.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 36
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

D.P.R 8 Settembre 1997, n. 357 - Regolamento Recante Attuazione della Direttiva 92/43/CEE relativa
alla Conservazione degli Habitat Naturali e Seminaturali, nonché della Flora e della Fauna Selvatiche
(G.U. 23/10/1997, No. 248)
Legge 6 Dicembre 1991, n. 394 - Legge Quadro sulle Aree Protette (S.O. alla G.U. No. 292 del
13/12/91)
Legge 8 Agosto 1985, n. 431 legge Galasso - Conversione in Legge, con Modificazioni, del
Decreto-Legge 27 Luglio 1985, No. 312, Recante Disposizioni Urgenti per la Tutela delle Zone di
Particolare Interesse Ambientale e successive norme di applicazione (G.U. No. 197 del 22/8/85)

8.8 SICUREZZA E PREVENZIONE INCENDI

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di
tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.
D.P.R. 1 Agosto 2011, n. 151 - Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti
relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell'articolo 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31
maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.
Decreto Legislativo 4 Agosto 1999, n. 359 - Attuazione della Direttiva 95/63/CE che Modifica la
Direttiva 89/655/CE Relativa ai Requisiti Minimi di Sicurezza e Salute per l'Uso di Attrezzature di Lavoro
da Parte dei Lavoratori (G.U. No. 246 19/10/99).
D.M. 4 Maggio 1998 - Disposizioni Relative alle Modalità di Presentazione ed al Contenuto delle
Domande per l'Avvio dei Procedimenti di Prevenzione Incendi, Nonché all'Uniformità dei Connessi
Servizi Resi dai Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco (G.U. No. 104 del 7/5/98).
Decreto 10 Marzo 1998 - Criteri Generali di Sicurezza Antincendio e per la Gestione dell'Emergenza nei
Luoghi di Lavoro (S.O. No. 64 alla G.U. del 7/4/98).
Legge 5 Marzo 1990, n. 46 e s.m.i.- Norme per la Sicurezza degli Impianti (G.U. No. 59 del 12/3/90).

8.9 NUOVO PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA REGIONE LAZIO

Il Nuovo Piano di Gestione dei Rifiuti della Regione Lazio è stato approvato il 18 Gennaio 2012 dal
Consiglio Regionale e dota il Lazio di un ciclo integrato nella gestione dei rifiuti.
Al capitolo 10.4 il Nuovo Piano tratta il tema della Pianificazione degli impianti, al paragrafo 10.4.4 si
introduce l’argomento per quanto attiene gli impianti di compostaggio.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 37
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

L’analisi degli scenari di recupero della frazione organica dei rifiuti urbani viene effettuata sulla base
del principio di prossimità di trattamento del rifiuto urbano rispetto al luogo di produzione. Il rispetto
del principio di prossimità non esclude la possibilità di trattamento sul territorio extra regionale
secondo il disposto di cui al c. 5) art. 181 del D. Lgs. 152/2006, che esclude dal divieto di smaltimento
fuori regione le frazioni di rifiuti urbani oggetto di raccolta differenziata destinate al recupero per le
quali e sempre ammessa la libera circolazione sul territorio nazionale.
Al fine di promuovere il recupero dei rifiuti organici, la Regione Lazio incoraggia il trattamento delle
frazioni organiche da raccolta differenziata negli impianti di trattamento meccanico biologico laddove
possibile dal punto di vista tecnico.
Nel Nuovo Piano in primo luogo è possibile identificare i fattori preferenziali di localizzazione degli
impianti di compostaggio come di seguito si riporta:
Aspetti strategico funzionali
 Aree con destinazione industriale (aree artigianali e industriali esistenti o previste dalla
pianificazione comunale) e agricola.
 Baricentricità del sito rispetto al bacino di produzione e di smaltimento del rifiuti.
 Accessibilità da parte del mezzi conferitori senza particolare aggravio rispetto al traffico locale
 Presenza di aree degradate da bonificare (D.M. 16/5/89, D.Lgs n. 22/97), ad esempio aree
industriali dimesse.
 Aree a destinazione industriale (aree artigianali e industriali esistenti o previste dalla
pianificazione comunale) o a servizi tecnici o contigue alle stesse.
Il Nuovo Piano recepisce tutte le innovazioni di legge intervenute dalla precedente pianificazione del
2002, fino all’ultima modifica apportata al Testo Unico Ambientale (D.Lgs. 205/2010).
Informazioni inerenti l’impianto oggetto del presente studio possono rintracciarsi al Capitolo12 -
Impianti di compostaggio da raccolta differenziata e compostaggio di qualità, il Nuovo Piano
identifica il compost di qualità con la definizione attribuita dall’ultimo decreto in materia di
fertilizzanti, ovvero il decreto legislativo 29 aprile 2010, n. 75.
Va ricordato che il D.Lgs. 217/2006 risulta abrogato a partire dal 10/06/2010 dal D.Lgs. 75/2010
“Riordino della disciplina dei fertilizzanti”.
La norma comunque (confermando nella sostanza le prescrizioni della precedente) definisce le

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 38
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

condizioni di immissione sul mercato dei concimi, degli ammendanti, dei correttivi e dei prodotti
correlati.
Il processo di compostaggio è un operazione di recupero che rientra nella definizione dell’allegato C del
D. Lgs. 152/2006 come: R3 - “riciclo/recupero delle sostanze organiche non utilizzate come solventi
(comprese le operazioni di compostaggio e altre trasformazioni biologiche)”.
La trasformazione dei rifiuti organici raccolti in forma differenziata che avviene in appositi impianti di
compostaggio consente di produrre un ammendante utilizzabile e commercializzabile come
fertilizzante.
Il recupero della frazione organica dei rifiuti urbani mediante compostaggio contribuisce in maniera
sostanziale al rispetto dei principi di gestione dei rifiuti e al raggiungimento degli obiettivi che la
normativa a livello comunitario e nazionale ha posto.
Inoltre la direttiva 2008/98/CE entrata in vigore il 12 dicembre 2008; recepita in Italia con D.Lgs.
205/2010, (rispetto alla gerarchia di gestione dei rifiuti), mette in primo piano il recupero di materia
che, dopo la prevenzione e la preparazione per il riutilizzo, e anteposto non soltanto allo smaltimento,
ma anche al recupero di energia.
L’art.182 ter della 205/2010 incoraggia:
 la raccolta separata dei rifiuti organici;
 il trattamento dei rifiuti organici in modo da realizzare un livello elevato di protezione
ambientale;
 l’utilizzo di materiali sicuri per l’ambiente ottenuti dai rifiuti organici, ciò al fine di proteggere la
salute umana e l’ambiente
Occorre mettere in evidenza che la raccolta differenziata delle frazioni organiche del rifiuto urbano e il
compostaggio di qualità contribuiscono alla riduzione dei rifiuti biodegradabili in discarica (come
disposto dalla Direttiva discariche 1999/31/CE e recepito dal D.Lgs. 36/2003).
La verifica della filiera del recupero delle frazioni umide del rifiuto urbano e dunque utile alla Regione
per la pianificazione e il controllo del funzionamento della gestione dell’intero ciclo integrato dei rifiuti
(basti pensare che dalle stime sulla composizione merceologica dei rifiuti urbani, le frazioni organiche
compostabili, comprensive degli scarti alimentari e degli sfalci e le potature, rappresentano circa il 30%
del totale dei rifiuti urbani prodotti).

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 39
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

In ambito comunitario le direttive in materia di rifiuti sono:


 91/156/CEE sui rifiuti,
 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi
 nuova Direttiva 2008/98 CE del 19 novembre 2008 sugli imballaggi e rifiuti di imballaggio.
In relazione ai rifiuti biodegradabili nella nuova normativa si fa riferimento a meccanismi per definire
classi di qualità del compost ed in particolare si definisce all’art. 22, “Gli Stati membri adottano, se del
caso e a norma degli articoli 4 e 13, misure volte a incoraggiare:
 la raccolta separata dei rifiuti organici ai fini del compostaggio e dello smaltimento dei rifiuti
organici
 il trattamento dei rifiuti organici in modo da realizzare un livello elevato di protezione
ambientale
 l'utilizzo di materiali sicuri per l'ambiente ottenuti dai rifiuti organici”
Il compost di qualità è un elemento utile a contrastare i processi di degrado del suolo quali la
desertificazione, l’erosione e la diminuzione di sostanza organica, in questo senso la Comunità Europea
si confronta con tematiche come il cambiamento climatico, l’inquinamento da nitrati e antiparassitari,
la salvaguardia del suolo, la gestione delle risorse idriche e la conservazione della biodiversità
ponendosi come obiettivo la prevenzione dei rischi di degrado e la promozione di un’agricoltura
sostenibile anche attraverso misure di sostegno a pratiche agricole coerenti con la tutela dell’ambiente
e del patrimonio agricolo.
Il compost di qualità e riconosciuto, al pari del letame, come “il miglior ammendate organico in grado
di “costituire l’humus, che a sua volta migliora le caratteristiche del suolo”, grazie alla materia organica
stabile in esso contenuta”.
Anche nelle norme per lo sviluppo dell’agricoltura biologica, le politiche indirizzano chiaramente a fare
“affidamento prevalentemente sull’uso di risorse rinnovabili nell’ambito di sistemi agricoli organizzati a
livello locale” e a “limitare al minimo l’uso di risorse non rinnovabili, i rifiuti e i sottoprodotti di origine
animale e vegetale che dovrebbero essere riciclati per restituire gli elementi nutritivi alla terra”.
Per quanto riguarda le norme relative all’utilizzo del prodotto nel D.Lgs. 152/2006 (art. 195, comma 2,
lettera o) si stabilisce tra le competenze dello Stato quella di adottare norme tecniche, delle modalità e
delle condizioni di utilizzo del prodotto ottenuto mediante compostaggio, con particolare riferimento

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 40
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

all'utilizzo agronomico come fertilizzante, ai sensi del decreto legislativo 29 Aprile 2010, n. 75, e del
prodotto di qualità ottenuto mediante compostaggio da rifiuti organici selezionati alla fonte con
raccolta differenziata.
Non essendo ancora stato emanato il decreto attuativo, le indicazioni sulle caratteristiche del compost
di qualità e sulla tipologia dei rifiuti che possono essere utilizzati per la sua produzione si ritrovano
unicamente nel D.Lgs. 75/2010.
Il Decreto definisce il compost prodotto a partire da matrici selezione tramite raccolta differenziata
come un ammendante, ossia un “materiale da aggiungere al suolo in situ, principalmente per
conservarne o migliorarne le caratteristiche fisiche e/o chimiche e/o l’attività biologica, i cui tipi e
caratteristiche sono riportati nell’allegato 2”. In particolare, anche a seguito delle modifiche avvenute
con il DM 22 gennaio 2009, si intende per:
 ammendante compostato verde il prodotto ottenuto mediante un processo controllato di
trasformazione e stabilizzazione di rifiuti organici che possono essere costituiti da scarti della
manutenzione del verde ornamentale, altri materiali vegetali come sanse vergini (disoleate o
meno) od esauste, residui delle colture, altri rifiuti di origine vegetale.
 ammendante compostato misto: prodotto ottenuto mediante un processo controllato di
trasformazione e stabilizzazione di rifiuti organici che possono essere costituiti dalla frazione
organica degli RSU proveniente da raccolta differenziata, da rifiuti di origine animale compresi
liquami zootecnici, da rifiuti di attività agroindustriali e da lavorazione del legno e del tessile
naturale non trattati, da reflui e fanghi, nonché dalle matrici previste per l’ammendante
compostato verde.
 ammendante torboso composto: prodotto ottenuto per miscela di torba con ammendante
compostato verde e/o misto.
In relazione alle sue caratteristiche agronomiche, dunque il compost di qualità rappresenta una fonte
di sostanza organica utilizzabile nei suoli agricoli per fronteggiare l’impoverimento dovuto a pratiche
agricole non sostenibili.

8.10 BAT TECNICHE

La scelta delle BAT nel campo del compostaggio di qualità può essere effettuata sulla base dei seguenti
criteri:

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 41
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

 affidabilità del processo in funzione del massimo rendimento qualitativo


 possibilità di monitoraggio dei parametri di processo e conseguente possibilità di intervento
 ricerca del minore impatto ambientale
 contenimento dei costi
La complessità tecnologica di un impianto di compostaggio non sempre corrisponde alla migliore
tecnica disponibile; le scelte progettuali e organizzative dipendono infatti:
 dalle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti da trattare
 dal contesto urbanistico e sociale in cui gli impianti sono inseriti
 dal tipo di prodotto che si intende ottenere
Nel trattamento delle frazioni organiche del rifiuto solido urbano derivanti dalla raccolta differenziata
che sono normalmente caratterizzate da eterogeneità merceologica, fisica e chimica e da elevata
fermentescibilità può essere utile l’applicazione di impianti che prevedano la possibilità di:
a) intervenire sui parametri di processo attraverso sistemi per l’aerazione il rivoltamento e
l’umidificazione della biomassa, sistemi di miscelazione, triturazione e/o vagliatura;
b) contenere gli impatti ambientali derivanti da odori e percolati attraverso il confinamento degli
ambienti maggiormente impattanti (chiusura dei capannoni, impermeabilizzazione dei piazzali)
e la realizzazione di sistemi per l’avvio a trattamento delle acque e di trattamento delle arie
esauste;
c) controllare e standardizzare il processo;
d) favorire la creazione di buone condizioni di lavoro per gli addetti;

8.10.1 TIPOLOGIA DI RIFIUTI TRATTABILI

La tipologia dei rifiuti trattabili negli impianti di compostaggio che producono ammendante
compostato ai sensi della normativa fertilizzanti (D.Lgs. 75/2010 e s.m.) sono indicate nel decreto
come:
 frazione organica degli RSU proveniente da raccolta differenziata
 rifiuti di origine animale compresi liquami zootecnici
 rifiuti di attività agroindustriali e da lavorazione del legno e del tessile naturale non trattati
 reflui e fanghi (definiti ai sensi del D.Lgs. 99/92)
 scarti della manutenzione del verde ornamentale

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 42
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

 residui delle colture


 altri rifiuti di origine vegetale

8.10.2 PRINCIPI GENERALI DEL PROCESSO

La produzione di compost consiste in un processo di “stabilizzazione biologica in fase solida di scarti,


residui e rifiuti organici fermentescibili, in condizioni aerobiche (presenza di ossigeno molecolare) tali
da garantire alla matrice in trasformazione il passaggio spontaneo attraverso una fase di
autoriscaldamento, dovuto alle reazioni microbiche.
Il processo trasforma il substrato di partenza in un prodotto stabile, simile all’humus, chiamato
compost.
Il processo di compostaggio finalizzato al recupero delle frazioni organiche attraverso la
trasformazione in ammendante compostato misto e/o verde ai sensi della normativa sui fertilizzanti, è
dunque un processo aerobico e/o anaerobico di durata variabile in funzione della tipologia di rifiuto
trattato e delle scelte tecnologiche e organizzative adottate.
I fattori che influenzano il funzionamento del processo di trasformazione della sostanza organica sono:
 le caratteristiche chimico fisiche del materiale in ingresso
 la disponibilità di ossigeno
 l’umidità
 la temperatura della biomassa
Il processo di produzione di compost di qualità negli impianti industriali di trattamento dei rifiuti può
essere, generalmente suddiviso in quattro fasi:

1. Trattamenti preliminari:
I pretrattamenti consistono in operazioni volte a condizionare la natura fisica (pezzatura, umidità,
porosità, qualità) del rifiuto organico che deve essere avviato a compostaggio, coerentemente con il
processo di biostabilizzazione che questo deve subire.
Le principali operazioni di pretrattamento presenti negli impianti che trattano matrici selezionate alla
fonte sono:
a. Vagliatura: permette di allontanare sostanze non compostabili che possono essere
presenti nel rifiuto organico raccolto e di raggiungere una pezzatura omogenea che

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 43
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

favorisca un processo aerobico uniforme in tutta la biomassa;


b. Deferrizzazione per l’allontanamento dei metalli;
c. Triturazione: riduce la pezzatura del materiale in ingresso alla fase di stabilizzazione
aumentando la superficie esposta all’attacco della flora microbica;
d. Miscelazione: permette di miscelare scarti ad elevato tenore di umidita e scarti a basso
tenore di umidita equilibrando il rapporto carbonio/azoto, la struttura e il contenuto di
umidita a livelli ottimali per il processo di degradazione.
2. Biossidazione:
La Biossidazione rappresenta la fase attiva del processo di compostaggio in cui i microrganismi operano
la degradazione della sostanza organica inducendo un intenso abbattimento della fermentescibilità del
materiale e un innalzamento della temperatura.
Questo processo può essere svolto in fase aerobica ed anche anaerobica, quest’ultimo caso permette
inoltre la produzione di biogas da cui ottenere energia elettrica e termica.
3. Maturazione:
La maturazione è lo stadio finale del processo di compostaggio. Durante questa fase il materiale
staziona in cumuli per un periodo sufficiente alla completa decomposizione delle molecole più
complesse. Durante questa fase si formano le sostanze umiche che rendono il compost molto simile,
anche nell’aspetto, ad un terriccio.
4. Trattamenti intermedi e/o raffinazione del prodotto:
Sono costituiti da tutti i trattamenti aggiuntivi impiegati per condizionare la biomassa semi lavorata
e/o il prodotto finale prima di trasportarlo all'esterno dell'impianto e destinarlo all’utilizzo.
L'obiettivo specifico è di uniformarne la granulometria ed allontanarne i corpi indesiderati
eventualmente sfuggiti ai pretrattamenti e di renderlo commercializzabile attraverso operazioni di
insacchettamento, etichettatura etc. che ne garantiscano qualità e requisiti costanti nel tempo.
5. Tecnologie di trattamento della frazione organica da raccolta differenziata
Le tecnologie di trattamento della frazione organica da RD si distinguono in:
 sistemi per la biossidazione all’aperto: che prevedono la stabilizzazione dei materiali in cumuli
collocati all’aperto: il rifiuto in uscita dalla fase dei pretrattamenti è disposto in cumuli di varie
dimensioni che possono essere statici o rivoltati. Il rivoltamento, che può avvenire con semplici

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 44
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

pale meccaniche o con mezzi più avanzati, consente l’aerazione della massa conferendo il
giusto apporto di ossigeno ai microrganismi e regolando la temperatura di processo. Attraverso
l’aerazione si evita la creazione di percorsi preferenziali dell’aria e quindi la nascita di zone di
anaerobiosi. La frequenza dei rivoltamenti dipende dal contenuto di umidità, dal tasso di
decomposizione e dalla porosità del substrato. Questo genere di sistema, molto semplice e
poco costoso è idoneo per matrici a bassa fermentescibilità il cui impatto odorigeno è ridotto.
 sistemi per la biossidazione in ambiente confinato: tra questi si ricordano:
 Bacini: strutture in cemento armato di varie dimensioni e forme all’interno dei quali, il
materiale organico staziona in cumuli (bacino a ciclo discontinuo) o subisce un rivoltamento
mediante macchine traslatrici o coclee rivoltatici montate su carroponte (bacino a ciclo
continuo);
 Corsie: strutture di cemento armato delimitate da pareti in muratura poste in batteria di
lunghezza variabile; le corsie possono essere a ciclo discontinuo o continuo; in questo
ultimo caso le masse sono rivoltate e trasferite lungo la corsia da una macchina rivoltatrice
che procede lungo lo sviluppo delle corsie. Ad ogni passaggio della macchina il materiale
viene trasferito lungo la corsia e in tal modo la miscela, introdotta dalla zona di
alimentazione, giunge all’estremità opposta (zona di scarico) avendo subito la prima
stabilizzazione;
 Bioreattori: strutture metalliche o in cemento di forma cilindrica o a sezione rettangolare o
ottagonale poste in posizione orizzontale e verticale, di misure variabili, rotanti per mezzo di
motori elettrici. Il materiale, inserito nei reattori da un’estremità, viene frantumato
amalgamato e ossigenato per un tempo variabile. All’uscita dal bioreattore, normalmente il
materiale deve terminare la fase di stabilizzazione attraverso un periodo di biossidazione in
cumuli.
 Biocelle: sono reattori in cemento armato a tenuta stagna di forma rettangolare di varie
dimensioni. Il materiale viene caricato al loro interno mediante pala meccanica e vi
permane per un tempo variabile, durante il quale viene sottoposto ad aerazione forzata e
umidificazione. L’aria viene insufflata all’interno delle biocelle attraverso piastre forate
poste sul pavimento della cella;

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 45
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

 Biotunnel: moduli in muratura o metallo affiancati in batteria a ciclo continuo o


discontinuo. Il materiale caricato in testa al biotunnel staziona (biotunnel statici) o trasla
mediante sistemi di avanzamento fino all’estremità del reattore (biotunnel dinamici) in
tempi definiti. I biotunnel prevedono sistemi di aerazione della biomassa;
 Biocontainers: strutture metalliche di forma rettangolare di varie dimensioni statiche o
dinamiche, in cui il materiale rimane per un tempo variabile in funzione della possibilità di
movimentazione al suo interno (biocontainers dinamici). I biocontainers prevedono sistemi
di aerazione della biomassa.
La stabilizzazione in ambiente confinato è più idonea a matrici a più elevata putrescibilità e consente il
controllo anche informatizzato dei parametri di processo.

8.10.3 RUOLO DIGESTIONE ANAEROBICA

Come annunciato in premessa il presente progetto presentato prevede la realizzazione di un impianto


che produca compost di qualità ed energia eletrica.
Il processo previsto prevede quindi una prima fase anaerobica in cui si innesta la produzione di biogas
utilizzato in seguito nel processo di produzione di energia elettrica, nonché una seconda fase di
maturazione in biocelle eplatee areate per la stabilizzazione del compost.
Il Piano della Regione Lazio per la Gestione dei Rifiuti descrive il processo di digestione anaerobica
come il un processo di degradazione della sostanza organica in condizioni di assenza di ossigeno,
finalizzato alla produzione di biogas destinato al recupero energetico.
Il processo, che si svolge in reattori chiusi produce tre flussi in uscita:
 biogas costituito per il 50-60% da metano, utilizzabile a scopo energetico con PCI da 4.500 a
6.500 kcal/Nmc
 digestato costituito dalla frazione organica semi stabilizzata
 liquido di scarto della digestione anaerobica da inviare a trattamento
I fattori che influenzano il processo sono sostanzialmente gli stessi elencati per la stabilizzazione
aerobica.
Fasi di processo:
A. Pretrattamenti: I pretrattamenti della digestione anaerobica sono normalmente piu spinti di
quelli che siprevedono negli impianti di compostaggio in quanto i digestori sono sistemi dalle

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 46
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

tecnologie delicate eche meno sopportano disomogeneita o impurezze: i pretrattamenti


comprendono tutte le operazionifinalizzate a condizionare la biomassa di partenza per renderla
idonea alla digestione regolandone latemperatura, il contenuto di umidita, l’uniformita. Le
principali operazioni di pretrattamento sono:
 Deferrizzazione per l’allontanamento dei metalli
 Vagliatura permette di allontanare sostanze non compostabili e di raggiungere una
pezzaturaomogenea della biomassa
 Lacerazione dei sacchi e triturazione riduce la pezzatura del materiale in ingresso
 Miscelazione o idropolpatura
 Riscaldamento della miscela o dell’acqua di diluizione
 Eventuale pressatura/spremitura della sostanza organica che separa il liquido presente
nellasostanza organica dalla parte solida disidratata
B. Digestione anaerobica:Il processo di digestione anaerobica puo essere distinto, in base a:
 la concentrazione di solidi della biomassa di partenza in:
 digestione a umido [ST]<10%
 digestione a semi secco 10%<[ST]<20%
 digestione a secco 20%<[ST]<40%
 numero delle fasi di digestione:

 monofase

 separazione della fase idrolitico fermentativa dalla fase metanigena

 temperatura di processo:

 mesofila (35 C°)

 termofila (55C°)

 tipologia di processo:

 in continuo

 in reattore

A. Post trattamenti:

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 47
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

 Trattamenti del biogas finalizzati a renderlo idoneo alla produzione di energia elettrica. Il
biogasviene sottoposto a trattamento di deumidificazione (con gruppo frigorifero),
desolforazione (conscrubber, carbone attivo o adsorbenti) e rimozione della CO2 (con
adsorbimento o membrana).

 trattamenti del digestato finalizzati a portare il contenuto di umidita a livelli inferiori al 45%.
Inbase alla tipologia di digestione i trattamenti possono essere effettuati mediante centrifuga
onastro pressa (digestione a umido), pressa a vite (digestione a secco). Il liquido di scarto
dalladisidratazione che non viene ricircolato nella fase di miscelazione, deve essere sottoposto
atrattamento in appositi impianti di depurazione

Negli ultimi anni ricerca e industria si sono orientate nella sperimentazione e applicazione di sistemi
integrati didigestione anaerobica e compostaggio delle frazioni organiche compostabili.
La digestione anaerobica applicata ai rifiuti organici da raccolta differenziata consente di sfruttare il
poterecalorifico della sostanza organica prima di avviarla a compostaggio, riducendo i volumi da
trattare nella fasesuccessiva di compostaggio e contenendo le emissioni odorigene della prima fase di
degradazione.

8.11 PIANO ENERGETICO REGIONALE

Il nuovo Piano Energetico Regionale (PER) è lo strumento di programmazione strategica in ambito


energetico, con cui Regione Lazio definirà le modalità per fare fronte agli impegni al 2020 in coerenza
con gli obiettivi di sviluppo delle fonti rinnovabili individuati per le Regioni attraverso il Decreto del
Ministero dello Sviluppo Economico 15 Marzo 2012 (cosiddetto “Decreto Burden Sharing”) e con la
nuova Programmazione Comunitaria 2014 - 2020.
Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 15 Marzo 2012, cosiddetto “Burden Sharing” , per
Ogni Regione assegna una quota minima di incremento dell' energia (elettrica, termica e trasporti)
prodotta con fonti rinnovabili (FER), necessaria a raggiungere l'obiettivo nazionale – al 2020 – del 17%
Del consumo finale lordo (CFL), obiettivo assegnato dall’Unione Europea all’Italia con Direttiva
2009/28, recepita con D.Lgs. 28/2011. In realtà, tra le Regioni non è ripartito per intero l’obiettivo del
17%, ma solo il 14,3% poiché “il consumo di biocarburanti per trasporti (FER - T) e le importazioni di
energia rinnovabile da Stati membri e da Paesi terzi (FER-E estero)” sono considerate di competenza

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 48
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

nazionale.
Gli obiettivi di breve e medio periodo previsti dal D.M. per la Regione Lazio sono:

Al capitolo 6 del Nuovo PER - Azioni da attuare nel medio termine per l’uso efficiente dell’energia,
perl’utilizzodellefontirinnovabilidienergiaelariduzionedellaCO2 - viene indicato, per lo sviluppo
sostenibile delle energie rinnovabili che i principali interventi da realizzare dovranno essere individuati
privilegiando le tecnologie con maggiori ricadute sulla filiera economica regionale attraverso Specifiche
azioni tra cui:
“In particolare va posta attenzione all’integrazione con il nuovo piano regionale dei rifiuti, che
prevedrà nei prossimi anni un grande incremento Della quantità di FORSU (Frazione Organica Frazione
Organica dei Rifiuti Solidi Urbani) proveniente dalla diffusione della raccolta differenziata; va quindi
favorita la realizzazione di impianti di digestione anaerobica della FORSU, per produrre biometano
per l’immissione in rete o, meglio, l’autotrazione, prima di inviare il residuo a compostaggio”.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 49
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

L’importanza della produzione di biometano per lo sviluppo energetico regionale viene ribadita nel
Nuovo PER in merito al settore delle biomasse che comprende un insieme di tecnologie e fonti
eterogenee.
In generale nel contesto italiano le filiere agro energetiche che hanno avuto la maggior diffusione e che
hanno il potenziale per svilupparsi nell'immediato futuro, anche alla luce dei nuovi sistemi incentivanti
nazionali (Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 6 luglio 2012), in essere sono:
 Filiera oli, sia alla piccola scala per la autoproduzione di energia da olii vegetai autoprodotti o
da raccolta di olii di scarto e/o eventuale fornitura ad industrie di trasformazione per la
produzione di biodiesel;
 Filiera biocombustibili solidi, sia per produzione termica che elettrica da scarti agricoli, residui,
sottoprodotti di natura lignocellulosica. Vi sono diverse varianti tecnologiche che fanno uso di
scarti tal quali o di biomasse densificate e producono energia con rendimenti elevati e bassi
livelli emissivi.
 Filiera biogas, tramite la codigestione di biomasse di origine agro zootecnica e non. Vi sono
diverse soluzioni tecnologiche capaci di valorizzare sia i prodotti ad alto che basso contenuto di
umidità ed anche sistemi integrati alla produzione in sequenza di compost tramite processi
aerobici. Vi è un crescente interesse ed è in corso la realizzazione dei primi impianti per la
purificazione del biogas e l'upgrading a biometano utilizzabile anche nell'ambito dei trasporti.
Le biomasse a differenza delle altre fonti rinnovabili sono suscettibili di essere raccolte, trasportate e
concentrate in luoghi ed impianti deputati alla loro trasformazione in energia (elettrica o termica).
Sono disperse sul territorio in aree a differente grado di accessibilità e in un numero, talvolta molto
ampio di aziende: sono inoltre disponibili in stagioni differenti. Tutto ciò deve essere attentamente
analizzato per poter valutare quanta parte del potenziale netto possa essere effettivamente utilizzata
ai fini energetici.
Entrano infatti in gioco molteplici fattori che rendono possibile (tecnicamente ed economicamente) o
meno raccogliere ed utilizzare tali residui. Su taluni di questi fattori politiche attive possono agire al
fine di creare le condizioni per favorire l'impiego energetico delle biomasse disponibili.
In linea di principio, il Piano indica come “la combustione di biomasse ha un effetto neutro sulle
emissioni di gas serra ………… tuttavia non bisogna trascurare il fatto che le biomasse usate come

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 50
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

combustibile, anche dopo depurazione dei fumi prodotti, provocano l'immissione nell'ambiente di
quantità non trascurabili di numerosi macro e micro inquinanti (polveri sottili ed ultra sottili, ossidi di
azoto, idrocarburi policiclici aromatici, ecc)”.
In base al Nuovo Piano Energetico risulta più ecosostenibile è la realizzazione di impianti di
fermentazione anaerobica, progettati secondo le migliori tecnologie disponibili, dimensionati per il
trattamento degli scarti agricoli e degli allevamenti di bestiame operanti in zona e al trattamento della
frazione umida dei rifiuti urbani da raccolta differenziata.

8.12 PIANO ENERGETICO DELLA PROVINCIA DI ROMA

Con Delibera n. 237 del 15 febbraio 2008, il Consiglio Provinciale di Roma ha approvato la proposta di
Piano Energetico Provinciale predisposta dal Servizio Tutela Aria ed Energia del Dipartimento IV.
La proposta di Piano, prima della approvazione da parte del Consiglio Provinciale, è stata oggetto di
consultazione presso i Comuni e i referenti locali nel corso di incontri territoriali che hanno visto
grande partecipazione e coinvolgimento da parte delle Istituzioni locali e della cittadinanza.

8.12.1 LE FONTI RINNOVABILI

In Italia le fonti rinnovabili di energia - che rappresentano comunque la principale fonte di energia
endogena - hanno contribuito nel 2004 a poco più del 7% del consumo interno lordo.
Tale percentuale, pur allineata alla media europea, è dovuto essenzialmente al contributo
dell’idroelettrico e della geotermia che hanno coperto insieme oltre il 65% del totale.
Il contributo di energia da biomasse e rifiuti, si attesta oltre il 30% mentre il contributo di eolico e
solare - le cosiddette “nuove rinnovabili” - non raggiunge complessivamente il 3% con un contributo
del solare inferiore allo 0,15%.
Di seguito si riporta la situazione delle fonti rinnovabili nella Provincia di Roma per quanto riguarda gli
impianti elettrici centralizzati, tralasciando i dati sui piccoli impianti presso l’utenza.
Il ruolo della provincia di Roma nel panorama nazionale è assolutamente di scarso rilievo come si
rileva dalla tabella che segue, desunta dal Rapporto Energia e Ambiente dell’ENEA 2004.
Tabella 8-3 - Potenza elettrica lorda da impianti a fonti rinnovabili – anno 2003 (MWe)

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 51
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

8.12.2 ENERGIA DA BIOMASSE

La biomassa rappresenta la più consistente tra le fonti di energia rinnovabile anche se esistono
molteplici difficoltà di impiego dovute all’ampiezza e all’articolazione delle fasi che costituiscono le
singole filiere.
Le biomasse possono essere classificate in dipendenza del tipo di origine e di utilizzo dei prodotti
energetici finali. Più in particolare si distinguono:
 biomasse residuali o dedicate di origine agro – forestale da destinare alla produzione di
combustibili solidi (materiale sfuso, legna da ardere in ciocchi, cippato, pellet ecc.) idonei per
impianti termici di piccola, media e grande taglia (potenze termiche massime di 50-100 MW e
minime di pochi kW);
 biomasse residuali solide umide (>60-70%; esempio: cascami della lavorazione delle produzioni
orticole e fruttifere, fanghi di depurazione dell’industria alimentare, deiezioni animali, residui
dell’industria saccarifera ecc.) da avviare a processi di fermentazione anaerobica per la
produzione di biogas da destinare a scopi energetici (calore e/o elettricità);
 biomasse idonee per la produzione di biocombustibili liquidi, da impiegare nell’autotrazione in
sostituzione del gasolio e della benzina.

8.12.3 APPROCCIO “LIFE CYCLE” ALLA GESTIONE DEI RIFIUTI

Nel Piano Energetico della provincia di Roma viene valutato il potenziale energetico dei rifiuti
adottando l’approccio “life cycle”.
Ogni sistema economico/produttivo è attraversato da flussi di materiali in entrata e flussi di materiali
in uscita.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 52
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

A questi flussi di materia corrispondono flussi energetici; un flusso di energia che attraversa il sistema,
vi entra producendo un beneficio, e ne esce irreversibilmente degradata.
L’analisi verrà limitata ai beni che escono dal sistema produttivo come scarti e quindi al segmento
energeticamente preponderante del ciclo di vita di un prodotto.
Per effettuare questa analisi si deve introdurre il parametro “Vantaggio Energetico dei rifiuti”, ovvero
il valore del risparmio di energia, associato a diverse forme di gestione dei vari rifiuti.
Il Vantaggio Energetico è l’energia risparmiata nella produzione dell’oggetto, al netto dell’energia
spesa per il riciclaggio dei vari materiali di cui è composto. Per ogni oggetto il parametro è funzione di
due componenti:
 Ei,l’energia contenuta nel materiale in entrata nel sistema di gestione dei rifiuti: è costituita
dall’energia spesa per produrre i materiali di cui è composto l’oggetto, l’energia spesa per la
sua realizzazione (assemblaggio e forma), il potere calorifico dei materiali che costituiscono
l’oggetto;
 Eu,l’energia utile derivante dalla destinazione del materiale: è costituita dall’energia
contenuta nel rifiuto ancora utilizzabile (per produrre nuovi oggetti da reimmettere nel sistema
produttivo) al netto dell’energia spesa nelle operazioni di gestione dei rifiuti Il Vantaggio
Energetico si esprime in MJ/kg e dipende dalla forma di gestione del rifiuto: presenta il valore
più alto se il suo destino è il riuso e decresce via via che si passa alle altre soluzioni ( riciclo,
incenerimento) fino ad annullarsi per lo smaltimento in discarica.

Nella tabella seguente è riportato il quadro di sintesi dei valori adottati per il Vantaggio Energetico
delle singole frazioni di rifiuto, al netto dei costi energetici di recupero (trasporto, separazione, etc.).
Tabella 8-4 - Vantaggi energetici delle componenti merceologiche del rifiuto in funzione delle destinazioni finali

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 53
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Tra le varie destinazioni è citata anche la voce “Prevenzione dei rifiuti” intesa come produzione di
rifiuti evitata. In questo caso il Vantaggio Energetico coincide con l’energia contenuta nell’oggetto
“non prodotto”.

8.13 PIANO DI AZIONE PER L’ENERGIA SOSTENIBILE DELLA PROVINCIA DI ROMA

Con Delibera n. 28 del 11.06.2009, il Consiglio Provinciale di Roma ha approvato il Piano di Azione per
l’Energia Sostenibile.
La Provincia di Roma ha aderito al Patto dei Sindaci, l’iniziativa lanciata dalla Commissione Europea
per il clima e l’energia, in qualità di Struttura di Supporto e ha deciso di attuare l’adesione al Patto con
un duplice impegno:
1 Elaborare un proprio Piano di Azione Energia Sostenibile (SEAP) con riferimento al territorio
della Provincia di Roma con indicazione delle priorità d’azione dell’Ente a breve termine (2010 -
2013) e a medio termine (2013 - 2020), della struttura organizzativa e dei mezzi finanziari per
perseguire gli obiettivi indicati, delle azioni da prendere e i risultati previsti.
2 Promuovere come Struttura di Supporto nei Comuni della Provincia l’adesione al Patto dei
Sindaci, l’elaborazione e l’attuazione dei rispettivi SEAP con sostegno strategico, tecnico e
finanziario
Tra le azioni prefissate dal Piano di Azione Provinciale per il periodo 2013 – 2020 risultano tra le altre
L’impiego del Biogas derivante dal trattamento della FORSU:
La produzione elettrica da biomasse da rifiuti rappresenta nella Provincia di Roma la seconda fonte
rinnovabile dopo l’idroelettrico, con 196.500 MWh al 2008, di cui circa un terzo da termovalorizzazione
e i due terzi da recupero di biogas nelle discariche.
Il primo asse strategico su cui promuovere il recupero energetico è quello relativo al biogas da
compostaggio della frazione organica raccolta in modo differenziato e da captazione in discarica.
Sulla base delle analisi esistenti, in prima approssimazione per la Provincia di Roma si fissa al 30% la
quota della frazione organica sul rifiuto totale. Al 2020, su una produzione di RU attesa pari a circa 2,55
Mt, ciò si traduce in circa 765.000 t di materiale organico. La Direttiva
2008/98 prevede che dal 2020 almeno il 50% venga raccolto in maniera differenziata. Per poter
raggiungere una quota di RD totale del 60% a quella data, si ipotizza che la quantità di materiale

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 54
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

organico raccolto in modo differenziato sia superiore all’obiettivo minimo della Direttiva, e in linea con
quello provinciale complessivo. Il recupero energetico da FORU
viene stimato ipotizzando di avviare 459.000 t di materiale organico a compostaggio con digestione
anaerobica e produzione di biogas per la generazione elettrica. La produzione
attuale da tale tecnologia nella Provincia di Roma è nulla. Nel complesso di possono ottenere circa 80
GWhe con un risparmio di CO2 emessa pari a 33.000 tonnellate, cui si aggiungono ulteriori 80 GWh
termici utilizzabili che comporterebbero un risparmio di CO2 pari a circa
17.000 tonnellate.
Secondo i dati ISPRA, nella Provincia di Roma al 2008 sono operativi 4 impianti di compostaggio dei
rifiuti selezionati, per una potenzialità di trattamento autorizzata di 88.825
t, a cui si aggiungono 40.000 t da impianti in collaudo e in costruzione. Allo stato attuale nessuno di
questi impianti prevede il recupero energetico del biogas.
Oltre al biogas da compostaggio di FORU, la Provincia di Roma presenta anche un notevole potenziale
di produzione elettrica connessa al recupero di biogas da discarica. Nel 2008 sono state smaltite in
discarica quasi 2,1 Mt di rifiuti non pericolosi, il 13% del totale nazionale, dato che vede la Provincia di
Roma ampiamente in testa alla classifica nazionale. Nel 2008 il
GSE stima una produzione elettrica da biogas nella Provincia di Roma pari a circa 69 GWh,
sostanzialmente riconducibile al recupero di biogas da discarica. Attualmente risultano in fase di
richiesta di autorizzazione tre nuovi impianti di questo tipo, per una potenza aggiuntiva di
6,5 MWe. Al 2020 si può ipotizzare per questa tecnologia almeno il mantenimento dell’attuale livello di
produzione integrata da quella derivante dagli impianti in fase di autorizzazione, per un totale di circa
110 GWh con un risparmio di CO2 pari a 46.000 tonnellate

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 55
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

9. DESCRIZIONE GENERALE DELL’IMPIANTO

9.1 DATI OPERATIVI DELL’IMPIANTO

L’impianto in oggetto, prevede il trattamento integrato dei rifiuti organici attraverso la digestione
anaerobica e compostaggio, finalizzati alla produzione di biometano, da immettere nella rete di
distribuzione nazionale, oltre a compost di qualità, per la fertilizzazione organica e l’ammendamento
dei terreni agricoli e recupero della CO2 prodotta.

Figura 10 - Stralcio Planimetria generale

L’applicazione della digestione anaerobica al trattamento delle matrice organica, consente sia di
conseguire il recupero energetico attraverso l’utilizzo del biogas prodotto durante il processo di bio-
digestione che di ottenere, mediante il processo di compostaggio del digestato, un prodotto
stabilizzato da impiegare come ammendante organico in agricoltura o per ripristini ambientali.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 56
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Fermo restando che la FORSU che verrà accettata presso l’impianto in oggetto dovrà garantire una
percentuale di impurità inferiore al 20%, si assumono i seguenti parametri operativi di funzionamento
dell'impianto:
Quantità FORSU t/a 105.000,00
Densità FORSU e Digestato solido t/mc 0,65
Quantità Verde t/a 25.000,00
Densità Verde triturato t/mc 0,55
Densità Digestato e organico recuperato da bioseparatrice t/mc 0,80
giorni lavorativi annui g 320,00
giorni funzionamento biostabilizzazione g 365,00

Per il dimensionamento delle diverse aree adibite alla bio-ossidazione del materiale, al fine di definire
la durata minima del processo, è stato preso come riferimento quanto riportato nel Il Decreto
Ministeriale del 5 Febbraio 1998 - Individuazione dei Rifiuti non pericolosi sottoposti alle procedure
semplificate di recupero ai sensi dell’articoli 31 e 33 del decreto legislativo 5 Febbraio 1997, n. 22 – il
quale stabilisce (al Paragrafo 16 dell’Allegato 1 Sub-allegato 1) che “la durata totale del processo non
dovrà essere inferiore ai 90 giorni” comprendenti la fase attiva e la fase di maturazione, in questo
stadio la temperatura deve essere mantenuta per almeno tre giorni ad una temperatura superiore ai
55° C.
Nell’impianto in progetto come meglio illustrato nei successivi capitoli sono stati considerati i seguenti
tempi di permanenza nelle diverse sezioni:
 Digestore anaerobico: 21 giorni
 Biocelle areate: 17 giorni
 Platea di prima maturazione ventilata: 30 giorni
 Platea di seconda maturazione non ventilata: 22 giorni
Per un totale di 90 giorni di trattamento.
L’impianto proposto prevede il recupero annuo di biometano di circa4.986.000Nmc/anno, e una
produzione di ammendante compostato di qualità pari a circa il compreso tra il 10% ed il 20% della
potenzialità totale dell’impianto (stimato in media in 19.276 ton/anno e circa 4.986.000 Nmc/anno di
CO2 che verrà raffinata, liquefatta e stoccata per essere commercializzata.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 57
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Nello specifico gli scarti da avviare a discarica previsti in uscita dall’impianto a seguito delle operazioni
di pretrattamento e raffinazione, saranno pari a circa 19.500 ton/anno, che corrispondono all’15% dei
residui in ingresso.
Le caratteristiche del compost in uscita dall’impianto rispetteranno i limiti imposti dalla normativa
vigente come indicato all’allegato 2 del D.Lgs. 75 del 26 maggio 2010 per gli ammendanti compostati
misti, che di seguito si riportano:
TITOLO MINIMO IN ELEMENTI E/O SOSTANZE UTILI, CRITERI CONCERNENTI LA VALUTAZIONE . ALTRI
REQUISITI RICHIESTI
Umidità massima 50%
pH compreso tra 6 e 8,5
C organico sul secco: minimo 20%
C umico e fulvico sul secco: minimo 7%
Azoto organico sul secco: almeno 80% dell’Azoto totale
C/N massimo: 25

Per quanto attiene la presenza di metalli pesanti il compost prodotto rispetterà i limiti indicati nella
tabella riportata all’allegato 2 del citato D.Lgs per quanto attiene gli ammendanti.
Metalli Mg/kg
Piombo totale 140
Cadmio totale 1,5
Nichel totale 100
Zinco totale 500
Rame totale 230
Mercurio totale 1,5
Cromo esavalente totale 0,5
Il sistema di immissione del biometano nella rete di distribuzione nazionale rispetterà le indicazioni
contenute nelle Norme UNI/TR 11537:2014 per l’immissione del biometano, ottenuto dalla
purificazione di gas prodotti da fonti rinnovabili, nelle reti di trasporto e distribuzione per garantire le
condizioni di servizio e sicurezza.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 58
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Secondo la norma citata, per l’immissione in rete, il biogas prodotto dovrà garantire le seguenti
caratteristiche:
 gas della seconda famiglia tipo H;
 potere calorifico superiore compreso tra 34,95 e 45,28 MJ/m3;
 indice di Wobbe compreso tra 47,31 e 52,33 MJ/m3;
 densità relativa compresa tra 0.5548 e 0,8;
 punto di rugiada dell’acqua ≤ -5 °C alla pressione di 7.000 kPa relativi;
 punto di rugiada degli idrocarburi ≤ 0 °C nel campo di pressione compreso tra 100 kPa e 7.000
kPa relativi;
 contenuto di ossigeno ≤ 0,6% mol;
 contenuto di anidride carbonica ≤ 3% mol;
 contenuto di solfuro di idrogeno ≤ 6,6 mg/m3;
 contenuto di zolfo da mercaptani ≤ 15,5 mg/m3;
 contenuto di zolfo totale ≤ mg/m3.
Inoltre, per rendere sicura l’accettazione in rete di biometano, verranno rispettati anche i seguenti
limiti per i quali ad oggi non esistono normative specifiche ed indicati nella Norma UNI 11537:2014:
 contenuto di Ossido di Carbonio CO ≤ 0,1% mol;
 contenuto di silicio Si ≤ 5 ppm;
 contenuto di ammoniaca NH3 ≤ 3% mol;
 contenuto di idrogeno H2 ≤ 0,5% Vol;
 contenuto di mercurio Hg ≤ 1 μg/m3;
 contenuto di fluoro F < 3 mg/m3;
 contenuto di cloro Cl < 1 mg/m3.
Inoltre conformemente a quanto indicato dalla Legislazione nazionale prima dell’immissione del
biometano in rete verrà verificata la condizione che esso sia odorizzabile secondo quanto contenuto
nella norma UNI 7133 e comporti condizioni che possano coprire o modificare l’effetto delle sostanze
odorizzanti caratteristiche.
Di seguito si riporta il diagramma di flusso del processo previsto.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2 Pag59
RELAZIONE TECNICA

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 60
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Al fine di facilitare la comprensione delle fasi principali delle lavorazioni che verranno condotte presso
l’impianto, si riportano nella planimetria seguente le indicazioni dei macchinari presenti nel capannone
e la legenda dei relativi codici (si rimanda alla tavola T.05 – Planimetria generale).

Figura 9-11 - Planimetria dell'area del capannone

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 61
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

9.2 AREE OPERATIVE

Di seguito si riporta la planimetria con l’indicazione delle principali aree di lavorazione per maggiori
indicazioni si rimanda alla tavola T.12 – Planimetria superfici.

Figura 12 - stralcio tavola T.12

L’impianto occupa un lotto della superficie di circa 60.880,00 m2 così suddiviso:


 Piazzali ed aree di manovra: 15.641,00 m2
 Aree verdi: 18.369,00 m2
 Palazzina uffici e servizi: 624,00 m2

Aree tecniche (upgrading del biometano, depurazione..): 6.665,00 m2
 Biofiltazione e trattamento aria: 2.300,00 m2

Capannone di lavorazione: 17.289,00 m2

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 62
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA


Fascia di rispetto autostradale (30,00 m): 11.511,00 m2
Tutte le operazioni di trattamento e valorizzazione effettuate sui rifiuti organici saranno svolte
all’interno del capannone di nuova realizzazione.
I rifiuti verdi saranno invece stoccati e trattati al di sotto di una tettoia dedicata contigua al capannone
di lavorazione dotata di pavimentazione industriale e rete di raccolta dei percolati.
All’esterno del fabbricato di lavorazione il progetto prevede la realizzazione delle seguenti aree
funzionali:
1. Zona di ingresso: zona dove sono localizzate le attività di ricezione, l’ufficio pesa e la bascula per
il riconoscimento dei mezzi e le operazioni pesatura.
2. Palazzina uffici e servizi accessori: comprendente la palazzina uffici e servizi (servizi igienici,
mensa, spogliatoi, ecc.), oltre a parcheggi.
3. Area di trattamento e valorizzazione
4. Impianto di depurazione delle acque di processo.
5. Aree di trattamento aria e biofiltrazione, costituito da scrubber e biofiltri.
6. Aree verdi sulle quali è prevista la piantumazione di specie arboree ed arbustive al fine di creare
uno schermo naturale di mitigazione ambientale
Il capannone sarà messo in depressione e dotato di un sistema per il trattamento dell’aria che
permetterà di eliminare le molestie olfattive verso l’esterno garantendo contemporaneamente la
salubrità degli ambienti lavorativi.
Il trattamento anaerobico avverrà invece all’interno dei digestori strutture chiuse ed ermetiche il cui
carico e scarico di materiale avverrà tramite tubazioni. Il Biogas prodotto verrà aspirato direttamente
dai digestori ed avviato alla stazione di upgrading per la raffinazione, il recupero di CO2 e la successiva
immissione del biometano nella rete nazionale.

9.3 DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI PRETRATTAMENTO E DIGESTIONE ANAEROBICA DEI RIFIUTI

9.3.1 CONFERIMENTO

Tutte le fasi di trattamento della frazione organica avvengono all’interno del capannone di nuova
realizzazione, la frazione verde sarà invece stoccata in un’area dedicata adiacente al capannone al di
sotto di una tettoia.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 63
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Al fine di impedire qualsivoglia fuoriuscita di emissioni odorigene al momento del conferimento della
FORSU, la zona ad esso deputata, come l’intero capannone, è posta in leggera depressione, con doppi
portoni di accesso del tipo a chiusura rapida.
Il conferimento della frazione organica avviene all’interno di una bussola, questo prevede che il mezzo
conferitore entri in retromarcia attraverso l’apertura del primo portone esterno. Una volta raggiunto lo
stallo di scarico il portone esterno verrà richiuso e verrà aperto il portone interno, che permette al
mezzo di effettuare lo scarico del materiale.
Finite le operazioni di scarico verrà richiuso il portone interno e verrà riaperto il portone esterno per
permettere al mezzo di uscire.
I mezzi conferiranno direttamente nella fossa di scarico.
Questa soluzione impedisce efficacemente la fuoriuscita di qualsiasi tipo di emissione odorigena al
momento del conferimento.
I principali vantaggi sono:
 il materiale viene scaricato in posizione sottostante rispetto alla quota bussola impedendo così
il contatto fra i pneumatici del camion ed il materiale scaricato;
 vengono evitate le problematiche di accumulo di materiale durante le fasi di scarico anche dai
mezzi a maggior capacità di carico;
 i percolati che fuoriescono dal materiale vengono interamente raccolti dal sistema di
captazione previsto all’interno della fossa;
 la presenza del doppio portone ad alzata rapida in combinazione con il sistema di aspirazione
impediscono la fuoriuscita di odori sgradevoli.
I materiali conferiti vengono quindi avviati, attraverso l’impiego di un carroponte, alla fase di
pretrattamento meccanico che prevede, a valle della separazione delle frazioni non biodegradabili, dai
rifiuti in ingresso, la loro diluizione con acqua.
Al termine delle operazioni di pretrattamento il materiale è pronto per essere avviato alla fase
digestione anaerobica.
Il conferimento del verde avviene invece a raso, in un’area dedicata posta sotto tettoia, da dove
tramite pala gommata gli sfalci vengono avviati al Cippatore (CI-01) e successivamente alla sezione di
digestione anaerobica.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 64
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Vista la stagionalità del materiale, l’area di deposito del verde garantirà un tempo di stoccaggio
superiore ai 30 giorni.
DIMENSIONAMENTO AREA STOCCAGGIO VERDE
DATI BILANCIO
Verde triturato medio in ingresso t/g 78,13
volume giornaliero in ingresso mc/g 142,05
DATI DIMENSIONALI
Lunghezza platea m 35,58
Larghezza platea m 38,70
Altezza cumulo m 4,50
Volume utile fossa di stoccaggio mc 6.196,26
Giorni di stoccaggio mc 43,62

9.3.2 FOSSA DI CONFERIMENTO

La fossa per il conferimento della FORSU ha una superficie di circa 34,61 x 18,30 m ed una profondità
di 3 metri, sebene al termine di ogni giornata lavorativa i rifiuti ingresso verranno avviati a trattamento
e detta area verrà ripulita, le dimensioni consentono, in caso di necessità lo stoccaggio della FORSU per
3 giorni.
DIMENSIONAMENTO FOSSA STOCCAGGIO PRELIMINARE FORSU
DATI BILANCIO
Forsu giornaliera media in ingresso t/g 328,13
volume giornaliero in ingresso mc/g 504,81
durata massima stoccaggio preliminare g 3,00
Volume massimo stoccaggio temporaneo mc 1.514,42
DATI DIMENSIONALI
Lunghezza fossa m 34,61
Larghezza fossa m 18,30
Profondità fossa m 3,00
Volume utile fossa di stoccaggio mc 1.900,09

9.3.3 PRETRATTAMENTO

Un carroponte automatizzato (CP-01) alimenterà il sistema di pretrattamento meccanico del rifiuto


organico costituito da due trituratori primari (TR-01/02), aventi la funzione principale di apertura
sacchi ed omogeneizzazione della frazione organica.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 65
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Successivamente il materiale verrà deferrizzato (DF-01/02)inviato ad due vagli stellari (VS-01/02)


ottenendo in tal modo due frazioni:
- la frazione di sottovaglio, che sarà avviata tramite un nastro trasportatore alla tramoggia di
dosaggio e alimentazione del digestore;
- la frazione di sopravaglio costituita dagli scarti inorganici.
Per il recupero della parte organica dal sopravaglio si prevede l’impiego di un separatore centrifugo (SC
– 01) che permetterà di recuperare ulteriore frazione organica da avviare al digestore (ottimizzando il
processo di pretrattamento).
Il materiale organico in uscita dai separatori centrifughi sarà avviato direttamente al digestore, mentre
i sovvalli saranno avviati ad un’area di stoccaggio dedicata per essere poi avviati ad impianti esterni
autorizzati.
Le operazioni di pretrattamento attraverso l’impiego di separatore centrifugo consentono di separare
più del 50% dell’organico dai sovvalli garantendo sia un maggior recupero di organico da avviare a
trattamento presso l’impianto sia di avviare presso impianti terzi autorizzati residui che presentino un
più basso livello di sostanza organica.

9.3.4 CARICO DEL DIGESTORE

La frazione di sotto vaglio e parte del verde strutturante verrà inviata ai digestori.
Il carico di ciascun digestore verrà effettuato in automatico (anche senza presidio di operatori)
attraverso un sistema di controllo in remoto.

9.3.5 DIGESTIONE ANAEROBICA

Il processo di digestione anaerobica si fonda su un sistema a “semi secco”.


L’impianto sarà dotato di 3 digestori (DG-01/03) modulari che costituiranno il fulcro del processo di
digestione della matrice organica utilizzata.
All’interno dei digestori avverrà una fermentazione anaerobica di tipo termofilo o mesofilo con
produzione di biogas, attraverso la quale nell’arco di circa 21 giorni il materiale organico verrà
igienizzato.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 66
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

I digestori saranno alimentati con frazione organica pretrattata unita a frazione verde, che permetterà
di accelerare il processo di fermentazione, e con acqua di processo per ottenere la consistenza
ottimale per la fase di biodegradazione.
Il composto ottenuto, attraverso un sistema rotante di miscelazione e omogeneizzazione, verrà
rimescolato periodicamente ottimizzando il processo di digestione ed evitando la formazione di sacche
di gas.
La temperatura verrà controllata grazie ad una centrale termica.
Il biogas prodotto verrà avviato alla sezione di upgrading.
Per la fase anaerobica si prevede l’impiego di 3 moduli di digestione ciascuno dotato di un sistema di
estrazione del metano da avviare a recupero.
VERIFICA DIGESTORI
DATI BILANCIO
FORSU vagliata accettata t/g 269,06
Forsu recuperata da bioseparatrice t/g 26,25
Rifiuto verde (10% ca.) t/g 6,85
Miscela totale accettata (320 giorni) t/g 302,16
Miscela totale alla digestione (365 giorni) t/g 264,91
Volume giornaliero alla digestione mc/g 331,14
durata ciclo di trattamento g 21,00
volume alla digestione per ciclo mc 6.953,86
perdita di massa (18% - al netto dei ricircoli di
digestato) mc 1.251,69
volume medio in digestione per ciclo mc 6.328,01
numero cicli in un anno n 17,38
volume annuo occorrente n 109.986,90
DATI DIMENSIONALI
Capacità annua di trattamento digestore t/a 29.360,00
volume annuo equivalente mc/a 36.700,00
volume digestori occorrenti mc 3,00

9.3.6 ESTRAZIONE DEL DIGESTATO

Al completamento della fase di digestione anaerobica il digestato verrà estratto da un sistema di


pompe a pistone che opera in ciclo automatico. Lo stesso sistema di pompe eseguirà il ricircolo del
materiale di inoculo.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 67
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Il digestato estratto verrà inviato alla sezione di separazione solido-liquido costituita da una sezione di
ispessimento ad opera di filtropresse (FP-01/04) e centrifughe a doppio stadio (CF-01/04).
Il liquido separato verrà avviato all’interno del digestore, mentre l’eventuale esubero sarà avviato
all’impianto di depurazione.
La frazione solida di risulta dalla centrifuga sarà raccolta in un area dedicata dove per mezzo di pala
gommata verrà inviata al miscelatore (MS – 01) per poi essere avviata al compostaggio.

9.3.7 CALDAIA OPZIONALE PER IL RISCALDAMENTO DEI DIGESTORI

I digestori saranno coibentati e dotati di un sistema di riscaldamento atto a promuovere i processi


fermentativi. Per il riscaldamento dei digestori sarà impiegato il calore prodotto dal motore di
cogenerazione previsto per la produzione di energia elettrica e termica per l’autoconsumo e descritto
al paragrafo 9.8.
Nel caso in cui non venisse realizzata la linea di cogenerazione per autoconsumo si provvederà ad
installare una caldaia alimentata dal biometano prodotto della potenzialità di 455 kWt che permetterà
di diffondere il calore sul fondo e le pareti del digestore attraverso un sistema di serpentine.

9.4 SEZIONE DI COMPOSTAGGIO

In questa sezione il materiale digestato in uscita verrà unito alla frazione verde ed avviato alla fase di
maturazione aerobica per la produzione del compost di qualità.

9.4.1 AREA MISCELAZIONE

In questa sezione il digestato ed il verde precedentemente triturato vengono miscelati prima di essere
avviati al processo di digestione aerobica.

9.4.2 AREA DIGESTIONE AEROBICA - BIOCELLE AREATE:

Il materiale in uscita dalla sezione di digestione anaerobica triturato e mescolato con il verde viene
caricato con una pala meccanica nelle biocelle areate per iniziare il processo di biodigestione aerobica.
L’area ospiterà le 12biocelle (BC 01/12) dotate di apposito impianto di insufflaggio e aspirazione
dell’aria, ognuna delle dimensioni di 38,70 x 6,45 m x 5,00 m di altezza.
Le biocelle saranno riempite in cumuli dell’altezza di circa 2,80 m, il processo avrà una durata di circa
17 giorni.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 68
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

A seguito dell’intensa attività biologica sviluppatasi, che ha favorito la rapida decomposizione delle
sostanze organiche, l’ammasso subirà una diminuzione del volume fino a circa il 45 - 50 % di quello
iniziale.
Nel complesso questa sezione occuperà una superficie di circa 4.400 m2.
VERIFICA BIOCELLE
DATI BILANCIO
Digestato Solido a maturazione t/a 43.300,00
Digestato giornaliero a maturazione t/g 135,31
Fanghi e solidi sospesi da depuratore t/a 2.000,00
Fanghi e solidi sospesi da depuratore giornalieri t/g 6,25
Volume rifiuto organico digestato giornaliero a
maturazione mc/g 217,79
Verde triturato annuo 90 % ca. t/a 22.500,00
Sovvalli cellulosici di ricircolo t/a 5.000,00
Scarti ligneo cellulosici giornalieri ai biotunnel t/g 85,94
Volume verde giornaliero ai biotunnel mc/g 156,25
volume totale giornaliero totale ai biotunnel mc/g 374,04
durata ciclo di trattamento g 17,00
volume occorrente per ciclo mc 6.358,65
DATI DIMENSIONALI
Lunghezza biocella m 38,70
Larghezza biocella m 6,45
altezza media cumulo m 2,80
Numero biocelle mc 12,00
volume utile biocelle mc 8.387,06

9.4.3 AREA DI PRIMA MATURAZIONE DIGESTATO:

Al termine dei circa 17 giorni in biocella aerobica il materiale verrà spostato nell’area di maturazione
(curing) costituita da 3 platee areate (PV-01/03) della dimensione ciascuna di circa 20,55 x 38,7 m ,
dove subirà un ulteriore processo di maturazione in circa 30 giorni. Il materiale verrà disposto in cumuli
dell’altezza di circa 3 metri.
Durante tale periodo, la biomassa, che ha subito già una reazione accelerata prima nel digestore e poi
in biocella, è soggetta ad un’ulteriore maturazione che porta all’abbattimento di sostanza organica.
In questa fase l’ammasso verrà caricato e scaricato con l’ausilio di mezzi meccanici (pala).

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 69
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

I fattori principali di controllo del processo, che garantiscono le ottimali condizioni di sviluppo della
microflora e che consentono di accelerare le reazione di decomposizione-trasformazione, sono
rappresentati da:
 Concentrazione di ossigeno: (ed il rapporto ossigeno/anidride carbonica);
la corretta concentrazione di ossigeno garantisce il perdurare delle condizioni di perfetta aerobiosi
indispensabile per il processo di biossidazione che, a sua volta, consente di ridurre i fenomeni
putrefattivi causa primaria di odori molesti; il flusso di aria deputato alla adduzione di ossigeno
all’interno della massa di rifiuti in compostaggio, garantisce contestualmente l’asportazione del calore
in eccesso e (se necessario) l’allontanamento dell’eccesso di umidità sotto forma di vapore acqueo.
La percentuale di ossigeno richiesta decresce al protrarsi del processo di stabilizzazione.
 Temperatura:
la temperatura si innalza come conseguenza del calore biogeno sviluppato dai processi degradativi; il
suo accumulo nella massa dipende dall’equilibrio tra:
 sviluppo di calore (legato alla fermentescibilità degli scarti);
 dispersione di calore (legato alla dimensione della massa ed alla sua umidità, dal momento che
l’evaporazione di acqua assorbe calore sia per l’innalzamento della temperatura dell’acqua
stessa che per il suo passaggio allo stato di vapore);
 Umidità:
è indispensabile per lo sviluppo microbico che risente fortemente sia di eccessi di umidità che di
mancanza.
I valori ottimali della umidità della massa tendono a decrescere con il procedere dei processi di
stabilizzazione e conseguentemente con il decremento delle attività biologiche a carico della massa in
trasformazione. Il materiale iniziale deve invece avere una umidità relativamente elevata per esaltare
le funzioni di termoregolazione collegate alla evaporazione della stessa e evitare al contempo
disseccamenti precoci.
VERIFICA DIMENSIONALE PLATEA VENTILATA
DATI BILANCIO
miscela annua in ingresso t/a 50.960,00
miscela giornaliera in ingresso t/g 139,62
miscela in uscita t/a 38.220,00
miscela giornaliera in uscita t/g 119,44

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 70
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

peso specifico t/mc 0,65


volume giornaliero medio mc/g 199,27
durata ciclo di trattamento g 30,00
volume occorrente per ciclo mc 5.978,17
DATI DIMENSIONALI
larghezza platea m 38,70
lunghezza platea m 20,55
Numero platee n 3,00
Superficie totale m 2.385,86
altezza massima cumulo m 3,00
volume utile platee mc 7.157,57

9.4.4 AREA DI SECONDA MATURAZIONE:

Al termine della prima maturazione il materiale verrà spostato nell’area di seconda maturazione
costituita da2 platee non areata della dimensione ciascuna di 20,55 x 38,70 m, Questa fase vede il
completarsi dei fenomeni degradativi a carico delle molecole meno reattive ed in cui intervengono
reazioni di trasformazione e polimerizzazione che portano alla “sintesi” delle sostanze umiche e avrà
una durata di circa 22 giorni. Il materiale verrà disposto in cumuli di circa 3 m di altezza.
Al termine della permanenza nell’aia di seconda maturazione il compost, che ha subito ormai un
processo di ossidazione in condizioni controllate di almeno 90 giorni totali, ha subito un’intensa azione
di degradazione biologica, di disgregazione meccanica e di riduzione del tenore di umidità.
Pertanto esso si presenta nelle condizioni idonee per essere depurato con il massimo successo dai
contaminanti leggeri e pesanti, poco o niente degradabili, che lo accompagnano, senza partecipare alla
trasformazione biologica.
VERIFICA DIMENSIONALE PLATEA SECONDA MATURAZIONE
DATI BILANCIO
miscela annua in ingresso t/a 38.220,00
miscela giornaliera in ingresso t/g 104,71
miscela in uscita t/a 30.576,00
miscela giornaliera in uscita t/g 83,77
peso specifico t/mc 0,60
volume giornaliero medio mc/g 157,07
durata ciclo di trattamento g 22,00
volume occorrente per ciclo mc 3.455,51
DATI DIMENSIONALI
larghezza platea m 20,55

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 71
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

lunghezza platea m 38,70


Numero platee n 2,00
Superficie totale m 1.590,57
altezza massima cumulo m 3,00
volume utile platee mc 4.771,71

9.4.5 AREA RAFFINAZIONE E STOCCAGGIO COMPOST MATURO:

La raffinazione del materiale potrà avvenire, in base alle esigenze ed alla qualità del rifiuto in ingresso,
all’uscita dalle biocelle, ovvero al termine della fase act o in uscita dalla fase di maturazione su platee
(curing). Il materiale verrà quindi avviato al sistema di raffinazione; in questa sezione saranno svolte le
operazioni di vagliatura attraverso un vaglio a tamburo (VT – 03) del compost.
Gli scarti, costituiti sovvalli plastici, verranno portati ad idoneo smaltimento presso impianto esterno
debitamente autorizzato. I sovvalli ligneo cellulosici saranno invece ricircolati come strutturante nella
fase di compostaggio.
Il compost maturo sarà quindi stoccato nella limitrofa area della superficie di 20,55 x 38,70m che
permetterà circa 30 giorni di stoccaggio del materiale in uscita.
VERIFICA DIMENSIONALE STOCCAGGIO COMPOST
DATI BILANCIO
miscela annua matura t/a 30.576,00
Sovvalli da raffinazione (scarto + ricircolo) t/a 11.300,00
Compost maturo raffinato t/a 19.276,00
Compost maturo giornaliero t/g 60,24
peso specifico t/mc 0,55
volume giornaliero medio mc/g 109,52
DATI DIMENSIONALI
Lunghezza platea m 20,55
Larghezza platea m 38,70
Altezza cumulo m 4,50
Volume utile di stoccaggio mc 3.578,78
Giorni di stoccaggio g 32,68

9.5 SEZIONE DI BIOFILTRAZIONE E TRATTAMENTO DELLE ARIE ESAUSTE

Il capannone, all’interno del quale verranno effettuate tutte le operazioni di trattamento dei rifiuti
organici sarà tenuto in costante depressione al fine di evitare emissioni fuggitive. L’aria estratta sarà

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 72
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

avviata un sistema di abbattimento composto da due moduli ciascuno costituito da un gruppo di 2


scrubber e da un biofiltro realizzato in 4 moduli ciascuno delle dimensioni di 20,00 x 13,00 m per una
superficie totale di 1.040 mq.

9.6 SEZIONE DI RAFFINAZIONE DEL BIOGAS E PRODUZIONE DI BIOMETANO

Il biogas prodotto durante la fase di digestione anaerobica viene captato mediante tubazioni dalla
parte sommitale di ogni digestore e trasferito nella unità di upgrading (UU-01) dove verrà trattato per
essere poi alimentato all’unità di compressione e quindi immesso nella rete di distribuzione.
In caso di mal funzionamento il biogas sarà avviato alla combustione nell’apposita torcia di sicurezza.
L’impianto di trattamento è progettato per lavorare in automatico, le operazioni di avvio, fermo
impianto, normale attività e sospensione per emergenza, saranno compiute in automatico e
monitorate dal sistema di controllo.
La supervisione dell’impianto da parte del personale si riduce quindi essenzialmente ad ispezioni
regolari e di manutenzione determinate a scadenze prestabilite.
Il sistema consiste essenzialmente delle fasi seguenti:
 Raffreddamento del biogas.
 Compressione del biogas.
 Deumidificazione del biogas.
 Desolforazione.
 Rimozione SiOx/BTEX / VOC.
 Arricchimento del metano.
Il biogas in ingresso all’impianto di trattamento avrà una pressione di circa 5 mbar g ed una
temperatura di circa 50°C, verrà quindi sottoposto ad un raffreddamento fino alla temperatura di
meno di 20°C e successivamente compresso a circa 6 bar.
Dopo la compressione il biogas sarà inviato allo stazione di deumidificazione dove verrà raffreddato a
più stadi fino a circa 5°C con lo scopo di condensare la parte umida del gas.
Dopo la stazione di deumidificazione, il biogas verrà scaldato ad una temperatura di circa 50°C e
inviato ad un secondo stadio di rimozione di H2S per la desolforazione in reattore.
Prima di entrare alla stazione di arricchimento di metano, il gas deumidificato e desolforato verrà
raffreddato alla temperatura ambiente.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 73
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

9.7 SEZIONE DI RECUPERO DELLA CO2

Il processo di raffinazione del biometano comporterà una significativa produzione di CO2 che si
prevede di recuperare per la commercializzazione annullando così anche le eventuali emissioni in
atmosfera.
La CO2 verrà compressa e purificata ed inviata al liquefattore e da qui avviata al serbatoio di stoccaggio.

9.8 SEZIONE OPZIONALE DI COGENERAZIONE PER AUTOCONSUMO

Al fine di ridurre il consumo energetico si prevede opzionalmente di inserire una sezione di


cogenerazione (CG-01) per l’autoconsumo.
Energia da cogenerazione: 999 kW x 7.583 (ore equivalenti) = 7.575.417 kWh
Per il funzionamento del motore di cogenerazione si prevede l’impiego di circa 500 Nmc/h di biogas.
Da quanto sopra considerando le ore di funzionamento del motore pari a 7.583 si stima che il biogas
necessario all’erogazione elettrica annua sia:
Biogas per produzione energia elettrica: 500 Nmc/h x 7.583 = 3.791.500 mc.
La quota di biogas che alimenta il motore a gas verrà de-umidificata, raffreddata e portata ad una
pressione superiore nelle unità di trattamento collocate nel container dove sono alloggiate le unità di
cogenerazione.
Qualora l’unità di cogenerazione non sia funzionante per motivi di manutenzione oppure guasto, il
biogas prodotto sarà bruciato dalla torcia di sicurezza.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 74
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

10. DESCRIZIONE OPERE ELETTROMECCANICHE

Si riporta di seguito una descrizione delle opere elettromeccaniche che si prevedono di impiegare
nell’impianto proposto, attraverso la presentazione, riportata a titolo indicativo, di macchinari “tipo”.
Visto quanto sopra si specifica che in fase di realizzazione la tipologia di macchinari impiegati potrà
subire variazioni.

10.1 OPERE ELETTRO MECCANICHE - PRETRATTAMENTO MECCANICO

I rifiuti presenti nella fossa verranno prelevati da un carroponte (CP-01) ed avviati al pretrattamento.
Come descritto precedentemente il sistema di pretrattamento meccanico sarà costituito da 2
trituratori primari (TR-01/02)con la funzione principale di aprire i sacchi ed omogeneizzare la frazione
organica.
La frazione in uscita dal trituratore sarà deferrizzata (DF -01/02) e quindi caricata tramite il carroponte.
Tramite il carroponte il materiale verrà inviato a due vagli stellari VS-01/02ottenendo due frazioni:
 la frazione di sottovaglio (pezzatura 60 mm), che sarà poi avviata tramite il nastro trasportatore
(NT-2) alla tramoggia di dosaggio e alimentazione del digestore;
 la frazione di sopravaglio che sarà avviata al bioseparatore (SC – 01).
Il bioseparatore permetterà di recuperare dal sovvallo ulteriore materiale organico da avviare ai
digestori, mentre la frazione di scarto sarà avviata ad impianti esterni autorizzati.

10.1.1 CARROPONTE “TIPO” (CP-01)

Il carroponte “tipo” o equivalente che si intende istallare descritto di seguito è formato da due travi
principali in lamiera saldata opportunamente irrigidita.
Sulle travi principali del carriponte sono saldate le rotaie di supporto e di guida del carrello porta-
argano, che scorre su quattro ruote con bordino, due delle quali motrici.
La struttura portante del carrello è realizzata in profilati di acciaio saldati e sostiene il tamburo di
avvolgimento del cavo elettrico di sollevamento della benna.
L’argano è completo di finecorsa elettromeccanici del tipo normale e di emergenza, carter di
protezione e tutti gli altri dispositivi di sicurezza necessari.
Caratteristiche carroponte

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 75
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

U.M. Parametri
Scartamento del carroponte m 13
Capacità di sollevamento Kg 5.000
Velocità di sollevamento m/min 50
Velocità di traslazione m/min 60
Corsa verticale benna m/min 9
10.1.2 TRITURATORE APRISACCHI “TIPO” (TR-01/02)

Descrizione
Il macchinario “tipo” o equivalente che si intende istallare è descritto di seguito descritto.
La macchina è costituita da una robusta costruzione in acciaio nella quale sono collocati il rullo
frantumatore e gli altri organi di triturazione e movimento, opportunamente separati dall’unità di
comando situata nella parte anteriore e adeguatamente protetta da polveri e sporco.
Il sistema di triturazione disporrà di un pettine di frantumazione mobile per consentire la regolazione
della pezzatura del materiale triturato

10.1.3 DEFERRIZZATORE “TIPO”(DF – 01/02)

Il macchinario è essenzialmente costituito da un magnete (permanente) attorno al quale gira un nastro


chiamato nastro estrattore.
Il separatore è fornito di un quadro elettrico che trasforma la tensione di linea da alternata a continua
(ac/dc) e comanda il motore del nastro estrattore. I comandi sono possibili da fronte quadro (Local
Control) o da comando remoto (Remote Control) tramite selettore.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 76
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

10.1.4 VAGLIO STELLARE “TIPO” (VS-01/02)

Il vaglio stellare “tipo” o equivalente che si intende istallare è descritto di seguito:


Dati dimensionali:
A : 4.000 mm
B : 1.215 mm
C : 1.370 mm
Inclinazione : 0°– 15°

10.1.5 SEPARATORE CENTRIFUGO “TIPO”( SC – 01)

Il separatore centrifugo o bioseparatore “tipo” o equivalente che si intende istallare è descritto di


seguito. La macchina è progettata per separare la sostanza organica, derivante dalla raccolta
differenziata o dagli alimenti confezionati, da quella inorganica, come le confezioni in cartone, le
bottigliette in plastica ecc.
Dati tecnici
Dimensione
Lunghezza totale 6 180 mm
Larghezza totale 2 500 mm

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 77
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Altezza totale 3 510 mm


Caratteristiche funzionali
Velocità di rotazione albero gruppo di spremitura 800 giri/m
Motori (corrente alternata) 3
Potenza installata motore coclea di alimentazione 7,5 kW
Potenza installata motore gruppo di spremitura 55 kW
Potenza installata motore coclea estrazione secco 2,2 kW
Varie
Alloggiamento motori Protetto
Trasmissione coclea di alimentazione Motoriduttore
Trasmissione gruppo di spremitura Diretta
Quadro comandi SI
Interruttore principale blocco impianto SI
10.1.6 CIPPATORE DEL VERDE “TIPO”(CI-01)

Di seguito si riportano i principali dati tecnici dell’ apparecchiatura “tipo” o equivalente che verrà
impiegata:
 motore endotermico alimentato a gasolio, posizionato nella parte anteriore della macchina e
raffreddato a liquido con potenza non inferiore a 140 kW;
 apparato di triturazione costituito da un robusto rotore:
- diametro: > 800 mm
- larghezza: > 1400 mm
- denti di triturazione imbullonati: > 20 pz.
- Mazze osclillanti con propri denti imbullonati: > 15 pz.
- Velocità: > 1000 giri/min
- Peso: > 1200 Kg
- potenzialità oraria di triturazione 50-80 mc/h;
 n° 1 rullo di introduzione dentato e oscillante per facilitare l’introduzione di materiale
voluminoso quale ramaglie o ceppi di legno;
 griglia di post frantumazione intercambiabile con maglia a losanga (da 40mm a 280mm a scelta
del committente) per variare la pezzatura del materiale triturato;
 tramoggia di carico antiurto con fondo convogliatore in spranghe di materiale Hardox, l’altezza
della tramoggia dal piano campagna deve essere adeguata per permettere il carico con normali
pale meccaniche (3 metri) o caricatori dotati di polipo;

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 78
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

 peso complessivo del trituratore: > 14.000 Kg


 nastro posteriore idraulico costituito da telaio e tappeto in gomma altamente resistente e
dotato di listelli a spina di pesce per facilitare lo scarico del materiale triturato:
- lunghezza nastro trasportatore: > 5.000 mm
- larghezza nastro trasportatore: > 1.400 mm

10.1.7 NASTRI TRASPORTATORI “TIPO”(NT-X)

I nastri trasportatori “tipo” o equivalenti impiegati saranno realizzati in profili di lamiera in acciaio, con
sponde laterali per il contenimento del materiale trasportato; la fuoriuscita di materiale dal
trasportatore con il conseguente spargimento a terra sarà evitata grazie all’adozione di un
trasportatore di tipo piano nella parte centrale e marginalmente inclinato verso i bordi laterali; la
struttura sarà carenata lateralmente.

10.2 OPERE ELETTROMECCANICHE – DIGESTIONE ANAEROBICA

10.2.1 DIGESTORI “TIPO” (DA - 01/03)

La digestione termofila o mesofila, verrà effettuata in 3 digestori (DA-01/03).

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 79
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Le caratteristiche dei digestori riportate di seguito sono relative a digestori “tipo” con flusso a pistone
continuo ad una temperatura di min. 55°C con un tempo di permanenza idraulica in media di circa 14 –
28 giorni.
Il processo previsto permette al materiale di passare dall'entrata all'uscita del digestore in un flusso a
pistone stabile, evitando la miscelazione del materiale in entrata con il materiale già trattato evitando
quindi i corti circuiti di materiale non trattato in uscita dal digestore.
Il tempo di ritenzione definito, permette di igienizzare il materiale eliminando organismi patogeni,
semi di piante, etc, allo stesso tempo permette un'ottimale decomposizione del materiale organico
con relativa cospicua produzione di biogas.
L'agitatore, incorporato nel digestore, evita la formazione di sedimenti nel fondo e dell'eventuale
crosta alla superficie del substrato in digestione, in più fa in modo che il biogas riesca ad accumularsi
facilmente nella parte superiore del digestore.
Tutte le parti che necessitano di manutenzione sono accessibili dall'esterno. Questo per fare in modo
che non si debba interrompere la funzione del digestore per eventuale manutenzione.
I parametri principali del processo sono controllati dalla centrale di controllo.
Il fermentatore lavora ad una pressione tra 15 – 60 mbar.

10.2.2 FILTROPRESSA “TIPO” (FP-01/04)

La filtropressa “tipo” è in grado di dividere una matrice nelle sue componenti solida e liquida tramite
compressione della stessa in una camera.
La pressione di esercizio è variabile in funzione della matrice e del risultato che si vuole ottenere e il
sistema idraulico di spinta è compensato da un accumulatore ad azoto per evitare rotture per presenza
di corpi estranei o eventi di “sovrappressione”.
Tale dispositivo è costituito da una robusta struttura cilindrica in acciaio che ospita una coclea a passo
variabile che trasporta e spreme la matrice contro le pareti fessurate della struttura cilindrica.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 80
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

La pressione è registrabile tramite un cono comandato idraulicamente che mantiene costante la


pressione sul materiale.
Dimensioni e pesi
Peso ca. 4 tons
Lunghezza 4.500 mm
Larghezza 1.250 mm
Altezza 1.200 mm

10.2.3 CENTRIFUGA A DOPPIO STADIO “TIPO”(CF-01)

La macchina “tipo” o equivalente che si intende istallare è descritta di seguito.


Il digestato liquido proveniente dalla sezione di ispessimento, verrà infine indirizzato ad una centrifuga
in grado di trattare 45 m3/d di refluo.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 81
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Dimensioni d'ingombro e peso

Lunghezza max mm 3917


Larghezza max mm 1635
altezza mm 1720
peso kg 3350

10.3 OPERE ELETTROMECCANICHE - PROCESSO DI PRODUZIONE DI BIOMETANO

Di seguito si riportano le caratteristiche dei diversi componenti dell’impianto di raffinazione del


biometano “tipo” o equivalente che si intende istallare.

10.3.1 MACCHINE E FORNITURE “TIPO”

Compressore del biogas

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 82
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Compressore a vite monofase con lubrificazione ad olio e raffreddamento ad acqua per la


compressione del biogas. Lubrificazione con separatore ad olio. Bilanciamento del carico tramite
l'attivazione graduale di compressori individuali e controllo della velocità delle due macchine.
Pompa del vuoto
Pompa di aspirazione rotante con lubrificazione ad olio e raffreddamento ad acqua.
Raffreddatore a secco
Raffreddatore a secco con raffreddamento ad aria con circuito chiuso di raffreddamento, serbatoio di
espansione e doppia stazione di pompaggio per la fornitura di acqua fredda per il compressore del
biogas, pompa del vuoto e raffreddamento del gas.
Unità di raffreddamento dell’acqua
Unità di raffreddamento dell’acqua ad aria composta da due circuiti chiusi refrigeranti, serbatoio di
refrigerazione e doppia stazione di pompaggio per la fornitura di biogas-congelato e biometano
raffreddato.
Raffreddatore del gas grezzo
Unità di raffreddamento dell’acqua ad aria composta da due circuiti chiusi refrigeranti serbatoio di
refrigerazione e doppia stazione di pompaggio per la fornitura di biogas
Strumentazione del compressore dell’aria
Stazione di compressione basata su compressione a coclea ad olio rotante, essiccatori, filtri dell’aria,
regolatori di pressione e locali di immagazzinamento.

10.3.2 COMPRESSIONE DEL BIOMETANO A 50-BAR “TIPO”

Il sistema di compressione comprende un’unità completamente separata. Le macchine saranno


composte da due compressori a tre stadi di cui uno operante a pieno regime e l’altro come unità di
back-up. Ogni compressore ha una sezione di pressurizzazione intermedia, un raffreddatore finale e
uno smorzatore di impulsi.

10.3.3 INIEZIONE DEL GAS E UNITÀ DI MONITORAGGIO “TIPO”

Unità di progetto

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 83
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

La pompa dosatrice è progettata per misurare il volume del gas, e sulla base della qualità di alcuni
parametri dello stesso lo può accettare o rifiutare.
Nel caso in cui il gas venisse rifiutato verrà chiusa la valvola a sfera elettrica per interromperne il flusso.
Un gascromatografo è connesso a sonde di campionamento.

10.3.4 SISTEMA DI MONITORAGGIO “TIPO”

Il gascromatografo misurerà le principali caratteristiche della qualità del gas. La strumentazione utilizza
due canali analitici:
 il primo canale è un filtro molecolare a colonna per la misurazione di O2 e N2.
 Il secondo canale è utilizzabile per la misurazione di CO2, metano, H2S e COS. Finché il metano
non viene miscelato con GPL i componenti non contengono idrocarburi più pesanti il che
significa che la durata del ciclo può essere ridotto a 4 minuti. In casi opzionali quando viene
miscelato il propano la durata attesa del ciclo può essere di 7 -10 minuti.
Questo è un beneficio per il tempo totale di risposta.
Come conseguenza di questa analisi veloce la eventuale quantità di gas che torna indietro sarà ridotta.

10.4 OPERE ELETTROMECCANICHE - STAZIONE DI RECUPERO DELLA CO2

L’anidride carbonica proveniente dal sistema di upgrading è convogliata all’unità per il recupero.
La CO2 viene compressa in un compressore non lubrificato a due stadi e passa attraverso l’essiccatore
automatico a setacci molecolari per rimuovere completamente l’umidità.
Quindi, passa attraverso il purificatore a carboni attivi e il filtro anti-polvere per rimuovere le
impurezze e le polveri rimanenti.
Il gas così purificato è inviato al liquefattore CO2; le tracce dei gas non condensabili, ancora contenuti
nella CO2, rimangono allo stato gassoso quando la CO2 diventa liquida nel liquefattore.
L'aria e i gas non condensabili sono utilizzati per la rigenerazione dell’essiccatore; mentre la CO2 pura
liquida viene immessa nel serbatoio stoccaggio.
Dal serbatoio la CO2 può essere prelevata, vaporizzata e inviata alla linea di utilizzo.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 84
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Figura 13 – Schema di flusso dell’impianto di recupero della CO2

10.5 OPERE ELETTROMECCANICHE – STAZIONE OPZIONALE DI COGENERAZIONE PER


AUTOCONSUMO

Di seguito si riportano le caratteristiche del cogeneratore “tipo” previsto a sostegno dell’impianto in


progetto.
Il cogeneratore permetterà la produzione di energia elettrica a sostegno di quella comunque addotta
dalla rete nazionale e per la quale si prevede l’allaccio. L’impiego del cogeneratore garantirà inoltre la
produzione di energia termica necessaria al processo escludendo l’istallazione della caldaia
precedentemente descritta.
Il sistema di produzione di energia elettrica sarà composto dai seguenti elementi:
 Sistema rampa gas motore
 n° 1 Container insonorizzato - modulo di produzione
 Quadro di comando e controllo motore
 Trasformatore elevatore
 Quadro MT per trasferimento dell’energia in rete stabilimento
 Linea di connessione MT alla cabina di ricezione
L’impianto di cogenerazione sarà costituito da un modulo di produzione elettrica con recupero
termico, alloggiato in apposito container insonorizzato.
Il motore verrà alimentato con il biogas prodotto dai processi di biofermentazione.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 85
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

il motore e l’alternatore sincrono saranno alloggiati sul telaio con giunto elastico sull’accoppiamento
alternatore.
Le vibrazioni verranno eliminate mediante l’impiego d’appositi supporti elastici opportunamente
dimensionati.

10.6 OPERE ELETTROMECCANICHE - PROCESSO DI DIGESTIONE AEROBICA

10.6.1 MISCELATORE (MS-01) “TIPO”

Il miscelatore ha la funzione di omogeneizzare il materiale da avviare alla fase aerobica di


compostaggio.
Grazie alle peculiari caratteristiche costruttive, la macchina consente di ottenere un’equilibrata azione
di sfribratura e triturazione anche di materiali legnosi, conferendo al prodotto in uscita caratteristiche
idonee per il processo di compostaggio.
Semplice ed affidabile, è in grado di processare anche prodotti molto umidi come erba, fogliame,
ramaglie, letami, fanghi di depurazione, torbe, terricci ed altro ancora, assicurando nel contempo
un’attiva azione di miscelazione con prodotti diversi.
La triturazione/miscelazione viene sviluppata attraverso il movimento lento di due alberi controrotanti
a spiralatura convergente, muniti di lame e controlame che favorisco la sfribratura dei prodotti legnosi
evitando la formazione di chips e segature, fornendo in tal modo delle superficie più idonee all’innesco
della decomposizione.
Realizzata con acciai speciali antiusura, la macchina è equipaggiata di un gruppo di trasmissione ad
elevata potenza e di un sistema di triturazione brevettato ad elevato rendimento.
Con capacità fino a 30 mc, la macchina soddisfa pienamente le esigenze di trattamento delle frazioni
organiche.

10.6.2 BIOCELLE AEROBICHE (BC-01/12) “TIPO”

La singola unità di trattamento sarà costituita da un reattore chiuso (biocella) realizzato in cemento
armato delle dimensioni di circa 6,45 x 38,7 m per 5,00 m di altezza.
Nell’impianto in oggetto verranno istallate 12 biocelle (BC-01/12) che, considerati i dati dimensionali
di ognuna, consentiranno il trattamento del quantitativo conferito all’impianto (mantenendo un
margine di sicurezza in caso di manutenzione delle stesse).

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 86
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Ogni singola biocella verrà dotata di un sistema di areazione che opererà attraverso l’insufflazione
forzata di aria, fornita attraverso ugelli troncoconici posti su tubi in PVC annegati nella pavimentazione.
Le biocelle saranno tutte collocate all’interno del capannone.
Sistema di aspirazione forzata nelle biocelle
Nelle biocelle i ricambi d’aria/ora sono legati principalmente alle esigenze di corretta biossidazione
della massa. La linea di aspirazione ed espulsione dell’aria dalle biocelle, sarà realizzata in tubazioni a
sezione circolare in alluminio saldate. Al fine di ridurre l’uso di aria fresca, l'aria aspirata dagli edifici
(per la quale è comunque previsto il trattamento prima della sua immissione in atmosfera), sarà
riutilizzata per l'ossigenazione della biomassa.

Figura 10-14 - Sistema di insufflazione forzata collocata nel pavimento della biocella

L’aria, una volta attraversata la massa in compostaggio, verrà aspirata dal condotto di uscita e
nuovamente rinviata nella pavimentazione e quindi ricircolata nella massa.
Il sistema computerizzato di gestione del processo stabilirà la miscelazione dell’aria di processo con
aria fresca e la sua umidificazione con acqua.
Ogni biocella sarà equipaggiata con il rispettivo ventilatore (VB-01/12) del tipo “GR 630/2” dotato di
un motore 2.900 giri per una portata d’aria di 15.000 mc/h e una potenza motore 22 Kw.
Inoltre un inverter consentirà l’inversione del flusso di aria quando necessario.
Finito il ricircolo dell’aria all’interno della massa in compostaggio essa verrà avviata agli scrubber e alla
sezione di biofiltrazione.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 87
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Al termine del processo il materiale sottoposto a biossidazione accelerata potrà essere trasferito
all’area di raffinazione e successivamente completare la maturazione nelle platee.

10.6.3 FASE DI MATURAZIONE – PLATEA AREATA DI PRIMA MATURAZIONE (PV-01/03) “TIPO”

Il compost verrà trasferito, tramite pala meccanica alla platea di prima maturazione situato anch’esso
all’interno del fabbricato.
L’unità di maturazione sarà costituita da 3 platee rettangolari realizzate in cemento armato di
dimensioni rispettivamente di circa 38,70 x 20,55m (2.385 m2 totali), dove subirà un ulteriore processo
di maturazione in circa 30 giorni. Il materiale verrà disposto in cumuli dell’altezza di circa 3 metri.
Questa area è caratterizzata dalla presenza di una rete per l’insufflaggio dell’aria collocata all’interno
della pavimentazione. In questa fase detta di “curing”, il materiale, al termine del processo di
biodigestione, viene avviato ad una di maturazione dove, senza subire alcun rivoltamento meccanico
verrà disposto in cumuli non più alti di 3,00 metri e sottoposto ad insufflazione forzata di aria.
L’areazione avverrà grazie a tre ventilatori (VP-01/03)del tipo “GR 630/2” dotato di un motore 2.900
giri per una portata d’aria di 15.000 mc/h. Al termine del processo il materiale sarà trasferito all’area di
seconda maturazione e da questa all’occorrenza alla sezione di raffinazione.

10.7 OPERE ELETTROMECCANICHE - VAGLIATURA E RAFFINAZIONE

10.7.1 VAGLIO A TAMBURO “TIPO” (VT-01/02)“TIPO”

Il vaglio a tamburo rotante impiegato “tipo” o equivalente che si intende istallare è descritto di seguito.
Il macchinario consiste in una costruzione in acciaio completa di passerelle e scale per il controllo della
macchina, con la quale è possibile separare il materiale trattato in due o più frazioni.
Grazie al suo tamburo di grandi dimensioni è particolarmente consigliato per il trattamento dei rifiuti
solidi urbani.
Il moto al tamburo viene impresso a mezzo di un sistema pignone-catena, quest’ultima saldata al
tamburo medesimo, da motori elettrici di adeguata potenza.
Per semplificare l'operazione del cambio tamburo sono stati previsti dei sistemi che minimizzano i
tempi di scambio.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 88
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Il vaglio previsto sarà del tipo chiuso con telaio rigido dotato di flange di collegamento ad eventuali
sistemi di aspirazione polveri in modo da garantire la completa eliminazione di polveri e
microparticelle disperse nell'ambiente.
I punti di carico e scarico del materiale sono equipaggiati di tramogge in modo da garantire una
ottimale trasferimento del materiale.

10.8 SISTEMA DI EMERGENZA

10.8.1 TORCIA DI COMBUSTIONE A DUE FASI “TIPO”

Le 3 torce di emergenza a servizio dei 3 digestori “tipo” o equivalente che si intendono istallare sono
descritte di seguito.
Le torce consentiranno la combustione del biogas dell’eventuale gas da surplus prodotto dal processo
di fermentazione anaerobico, da utilizzarsi nel caso di fermata dell’impianto per manutenzioni o guasti,
o di un suo utilizzo parziale.

La combustione avverrà in un tubo d'acciaio, di modo che la fiamma non sarà visibile ed il
funzionamento non potrà essere alterato da vento oppure da altre intemperie meteorologiche.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 89
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

10.8.2 SISTEMA IDRAULICO DI SOVRAPPRESSIONE DEL GAS “TIPO”

Sarà previsto un dispositivo di controllo della sovrappressione del gas flangiato direttamente su ogni
modulo di fermentatore per lo sfogo del gas in caso di sovrappressione e per la protezione del
fermentatore stesso. La costruzione consisterà in un contenitore cilindrico chiuso, dotato di una
guardia idraulica ad acqua. Il livello dell’acqua di tenuta verrà visualizzato mediante una apposita
finestrella in vetro. Il livello verrà mantenuto sempre a 600mm. Nel caso di sovrappressione (oltre 60
mbar) il gas potrà fuoriuscire attraverso la torcia.

10.8.3 CONTROLLO ELETTRONICO DEL SISTEMA DI DIGESTIONE ANAEROBICA “TIPO”

L'impianto sarà controllato da un sistema PLC (Program Logic Controller) che permetterà di operare 24
ore su 24 anche in assenza di personale.
L'intervento manuale nel controllo elettronico resterà comunque assicurato da un terminale installato
sull'impianto oppure remoto.
In caso di malfunzione dell'impianto un sistema d'allarme verrà attivato e l'operatore verrà allarmato
tramite teleallarme.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 90
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

La centrale elettronica sarà preinstallata in un container a norma, come anche l'impianto di


riscaldamento, idraulico ed elettrico.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 91
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

11. DIMENSIONAMENTO SISTEMA DI TRATTAMENTO ARIA DI PROCESSO

Il sistema di aspirazione manterrà in depressione tutte le aree dei fabbricati.


Le zone della fossa di scarico FORSU, pretrattamento, miscelazione e l’aia di maturazione saranno
dotate di una rete di aspirazione di tipo “ambientale”, in aggiunta in prossimità di determinati
macchinari quali vagli e i trituratori, al fine di diminuire le emissioni pulverulente derivanti dalle
operazioni effettuate, verranno istallati degli aspiratori di tipo puntuale.
L’aria captata dalla rete di aspirazione sarà avviata a trattamento al fine di ridurre le emissioni
odorigene e pulverulente garantendo all’interno delle aree di lavoro il rispetto dei limiti igienico
sanitari imposti dalla legge.
Il sistema è stato concepito nel seguente modo:
1. numero minimo di 4 ricambi d’aria per i locali dove avverranno le lavorazioni sulla FORSU
(Bussola di conferimento, fossa di conferimento, zona pretrattamento);
2. numero minimo di 3 ricambi d’aria per i locali dove avverranno le lavorazioni suldigestato in
uscita dalla sezione anaerobica (Vasche di disidratazione e corridoio di movimentazione);
3. numero minimo di 2 ricambi d’aria per i locali dove avverranno le lavorazioni sul materiale in
uscita dalle biocelle aerobiche (platea di maturazione primaria, platea di maturazione
secondaria e stoccaggio compost maturo);
4. l’aria dalle sezioni in aspirazione, verrà aspirata dai condotti a servizio e quindi indirizzata per
garantire l’aerazione alle biocelle;
5. L’aria in uscita dalle biocelle sarà avviata al sistema di depurazione costituito da un lavaggio ad
acqua preliminare e quindi alla biofiltrazione;
6. utilizzo di tubazioni in alluminio.
Per ciò che riguarda le sezioni delle tubazioni aspiranti, ciascun tratto è progettato considerando,
all’interno di ciascun tubo facente parte dell’impianto di aspirazione e trattamento aria una velocità
non inferiore a 10 m/s).
Si riporta di seguito la descrizione del sistema di aspirazione e trattamento dell’aria, nonché il
dimensionamento dei ventilatori.
Per maggiori indicazioni si rimanda alla tavola T.17 - Planimetria rete aria.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 92
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

A seguire si riporta il calcolo della volumetria dell’aria estratta, ai fini dei calcoli del sistema di
aspirazione.
IMPIANTO TRATTAMENTO ARIA CAPANNONE B
Velocità media aria nei canali m/s 16 (min 13-max 20)
A ZONA BUSSOLA DI CONFERIMENTO
Altezza media ambiente m 11
Superficie ambiente mq 677
Volume ambiente mc 7447
Volume materiali a detrarre mc 500
Volume effettivo mc 6947
Ricambi ora richiesti n° 4
Volume aria totale mc/h 27788
Punti di aspirazione localizzata (4000 mc/h) n° 0
Aria da aspirazione localizzata mc/h 0
Volume aria residuo mc/h 27788
Numero di bocchette n° 10
Portata 1 bocchetta mc/h 2779
Velocità aria bocchetta m/s 6
Area bocchetta dmq 13
Dimensioni canale Portata Min.Dia. Dia Vel.eff.
tratto N° diffuse N° localizzate mc/h mm mm m/s
A.1 1 - 2779 248 250 15,72
A.2 2 - 5558 350 350 16,05
A.3 4 - 11115 496 500 15,72
A.4 6 - 16673 607 600 16,38
A.5 8 - 22230 701 700 16,05
A.6 10 - 27788 784 800 15,36
B FOSSA DI CONFERIMENTO
Altezza media ambiente m 16
Superficie ambiente mq 601
Volume ambiente mc 9616
Volume materiali a detrarre mc 3005
Volume effettivo mc 6611
Ricambi ora richiesti n° 4
Volume aria totale mc/h 26444
Punti di aspirazione localizzata (4000 mc/h) n° 0
Aria da aspirazione localizzata mc/h 0
Volume aria residuo mc/h 26444
Numero di bocchette n° 6
Portata 1 bocchetta mc/h 4407
Velocità aria bocchetta m/s 6
Area bocchetta dmq 20
Dimensioni canale Portata Min.Dia. Dia Vel.eff.
tratto N° diffuse N° localizzate mc/h mm mm m/s
B.1 1 - 4407 312 315 15,71
B.2 2 - 8815 441 450 15,40
B.3 3 - 13222 541 550 15,46
B.4 6 - 26444 765 750 16,63
C ZONA PRETRATTAMENTO
Altezza media ambiente m 8
Superficie ambiente mq 1031
Volume ambiente mc 8248
Volume materiali a detrarre mc 600
Volume effettivo mc 7648
Ricambi ora richiesti n° 4
Volume aria totale mc/h 30592
Punti di aspirazione localizzata (4000 mc/h) n° 0
Aria da aspirazione localizzata mc/h 0
Volume aria residuo mc/h 30592
Numero di bocchette n° 12
Portata 1 bocchetta mc/h 2549
Velocità aria bocchetta m/s 6
Area bocchetta dmq 12
Dimensioni canale Portata Min.Dia. Dia Vel.eff.
tratto N° diffuse N° localizzate mc/h mm mm m/s
C.1 1 - 2549 237 250 14,43
C.2 2 - 5099 336 350 14,72
C.3 4 - 10197 475 500 14,43
C.4 8 - 20395 671 700 14,72
C.5 8 - 30592 822 850 14,98
D CORRIDOIO DI MOVIMENTAZIONE
Altezza media ambiente m 8
Superficie ambiente mq 2821 2018
VolumeC.G.A.
ambienteSrl Idroesse Engineering Srl mc 22568 Sogliano Ambiente Spa
Volume materiali a detrarre mc 1000
Volume effettivo mc 21568
Ricambi ora richiesti n° 3
Volume aria totale mc/h 64704
Punti di aspirazione localizzata (4000 mc/h) n° 0
Aria da aspirazione localizzata mc/h 0
Volume aria residuo mc/h 26444
Numero di bocchette n° 6
Portata 1 bocchetta mc/h 4407
Regione
Velocità aria bocchetta
Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale
m/s
– Comune
6
di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA
Area bocchetta dmq DI RIFIUTI
20 ORGANICI DI NATURA AGRO-
Dimensioni canale Portata Min.Dia. Dia Vel.eff. Pag 93
INDUSTRIALE
tratto
DA
N° diffuse
RACCOLTA DIFFERENZIATA
N° localizzate
CON PRODUZIONE
mc/h
DI BIOMETANO
mm
Emm
CO2 m/s
B.1 1 RELAZIONE -TECNICA
4407 312 315 15,71
B.2 2 - 8815 441 450 15,40
B.3 3 - 13222 541 550 15,46
B.4 6 - 26444 765 750 16,63
C ZONA PRETRATTAMENTO
Altezza media ambiente m 8
Superficie ambiente mq 1031
Volume ambiente mc 8248
Volume materiali a detrarre mc 600
Volume effettivo mc 7648
Ricambi ora richiesti n° 4
Volume aria totale mc/h 30592
Punti di aspirazione localizzata (4000 mc/h) n° 0
Aria da aspirazione localizzata mc/h 0
Volume aria residuo mc/h 30592
Numero di bocchette n° 12
Portata 1 bocchetta mc/h 2549
Velocità aria bocchetta m/s 6
Area bocchetta dmq 12
Dimensioni canale Portata Min.Dia. Dia Vel.eff.
tratto N° diffuse N° localizzate mc/h mm mm m/s
C.1 1 - 2549 237 250 14,43
C.2 2 - 5099 336 350 14,72
C.3 4 - 10197 475 500 14,43
C.4 8 - 20395 671 700 14,72
C.5 8 - 30592 822 850 14,98
D CORRIDOIO DI MOVIMENTAZIONE
Altezza media ambiente m 8
Superficie ambiente mq 2821
Volume ambiente mc 22568
Volume materiali a detrarre mc 1000
Volume effettivo mc 21568
Ricambi ora richiesti n° 3
Volume aria totale mc/h 64704
Punti di aspirazione localizzata (4000 mc/h) n° 0
Aria da aspirazione localizzata mc/h 0
Volume aria residuo mc/h 64704
Numero di bocchette n° 32
Portata 1 bocchetta mc/h 2022
Velocità aria bocchetta m/s 6
Area bocchetta dmq 9
Dimensioni canale Portata Min.Dia. Dia Vel.eff.
tratto N° diffuse N° localizzate mc/h mm mm m/s
D,1 1 - 2022 211 250 11,44
D,2 2 - 4044 299 350 11,68
D,3 4 - 8088 423 450 14,13
D,4 8 - 16176 598 650 13,54
D,5 16 - 32352 846 900 14,13
D,6 32 - 64704 1196 1300 13,54
E PLATEA DI MATURAZIONE PRIMARIA
Altezza media ambiente m 8
Superficie ambiente mq 2454
Volume ambiente mc 19632
Volume materiali a detrarre mc 9800
Volume effettivo mc 9832
Ricambi ora richiesti n° 2
Volume aria totale mc/h 19664
Punti di aspirazione localizzata (4000 mc/h) n° 0
Aria da aspirazione localizzata mc/h 0
Volume aria residuo mc/h 19664
Numero di bocchette n° 8
Portata 1 bocchetta mc/h 2458
Velocità aria bocchetta m/s 6
Area bocchetta dmq 11
Dimensioni canale Portata Min.Dia. Dia Vel.eff.
tratto N° diffuse N° localizzate mc/h mm mm m/s
E,1 1 - 2458 233 250 13,91
E,2 2 - 4916 330 350 14,19
E,3 4 - 9832 466 450 17,17
E,4 6 - 14748 571 550 17,24
E,5 8 - 19664 659 650 16,46
F PLATEA DI MATURAZIONE SECONDARIA E STOCCAGGIO COMPOST
Altezza media ambiente m 8
Superficie ambiente mq 2454
Volume ambiente mc 19632
Volume materiali a detrarre mc 9800
Volume effettivo mc 9832
Ricambi ora richiesti n° 2
Volume aria totale mc/h 19664 2018
Punti diC.G.A. Srl localizzata (4000Idroesse
aspirazione mc/h) Engineering Srl n° 0 Sogliano Ambiente Spa
Aria da aspirazione localizzata mc/h 0
Volume aria residuo mc/h 19664
Numero di bocchette n° 8
Portata 1 bocchetta mc/h 2458
Velocità aria bocchetta m/s 6
Aria da aspirazione localizzata mc/h 0
Volume aria residuo mc/h 19664
Numero di bocchette n° 8
Portata 1 bocchetta mc/h 2458
Velocità aria bocchetta m/s 6
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
Area bocchetta dmq 11
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI
Dimensioni canale Portata
Dia DI Vel.eff.
NATURA AGRO-
Min.Dia.
tratto N° diffuse N° localizzate mc/h mm mm m/s Pag 94
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA
E,1 1 CON PRODUZIONE
- DI BIOMETANO
2458E CO2
250 233
13,91
E,2 2 RELAZIONE -TECNICA 4916 350 330
14,19
E,3 4 - 9832 466 450 17,17
E,4 6 - 14748 571 550 17,24
E,5 8 - 19664 659 650 16,46
F PLATEA DI MATURAZIONE SECONDARIA E STOCCAGGIO COMPOST
Altezza media ambiente m 8
Superficie ambiente mq 2454
Volume ambiente mc 19632
Volume materiali a detrarre mc 9800
Volume effettivo mc 9832
Ricambi ora richiesti n° 2
Volume aria totale mc/h 19664
Punti di aspirazione localizzata (4000 mc/h) n° 0
Aria da aspirazione localizzata mc/h 0
Volume aria residuo mc/h 19664
Numero di bocchette n° 8
Portata 1 bocchetta mc/h 2458
Velocità aria bocchetta m/s 6
Area bocchetta dmq 11
Dimensioni canale Portata Min.Dia. Dia Vel.eff.
tratto N° diffuse N° localizzate mc/h mm mm m/s
F,1 1 - 2458 233 250 13,91
F,2 2 - 4916 330 350 14,19
F,3 4 - 9832 466 450 17,17
F,4 6 - 14748 571 550 17,24
F,5 8 - 19664 659 650 16,46
G VASCHE DI DISIDRATAZIONE
Altezza media ambiente m 8
Superficie ambiente mq 592
Volume ambiente mc 4736
Volume materiali a detrarre mc 3552
Volume effettivo mc 1184
Ricambi ora richiesti n° 3
Volume aria totale mc/h 3552
Punti di aspirazione localizzata (4000 mc/h) n° 0
Aria da aspirazione localizzata mc/h 0
Volume aria residuo mc/h 3552
Numero di bocchette n° 1
Portata 1 bocchetta mc/h 3552
Velocità aria bocchetta m/s 6
Area bocchetta dmq 16
Dimensioni canale Portata Min.Dia. Dia Vel.eff.
tratto N° diffuse N° localizzate mc/h mm mm m/s
G.1 1 - 3552 280 300 13,96

11.1 SISTEMA DI ABBATTIMENTO EMISSIONI IN ATMOSFERA

L’aria all’interno delle aree di lavorazione sarà sempre mantenuta in depressione attraverso
l’aspirazione forzata tramite due ventilatori.
L’aria aspirata verrà avviata ad un sistema di abbattimento odori e polveri costituito da due sezioni
ciascuna costituita da 2 scrubber e dal biofiltro.
Nello specifico alla sezione 1 saranno avviate le arie esauste estratte dalle sezioni
 Bussola conferimento
 Vasche di disidratazione
 Corridoio di movimentazione
Per una portata di aria totale pari a 96.044Nmc/h.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 95
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Figura 15 - Schema aria modulo 1

Alla sezione 2 saranno avviate le arie provenienti dalle sezioni:


 Conferimento FORSU
 Pretrattamento
 Platea di maturazione primaria,
 Platea di maturazione secondari e stoccaggio compost maturo
Per una portata di aria totale pari a 96.364 Nmc/h.

Figura 16 – Schema aria modulo 2

11.1.1 SCRUBBER

Saranno impiegati 4 scrubber (2 a servizio di ogni sezione di trattamento dell’aria), che consentiranno
di assorbire per reazione chimica tramite lavaggio con opportuno reagente di abbattimento gli
inquinanti contenuti nell'aria aspirata.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 96
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

L’aria avviata agli scrubber per effetto della forte turbolenza creata nella gola, dall'alta velocità, viene a
contatto con la soluzione di lavaggio, realizzando un ottimo preabbattimento.

L’aria viene quindi avviata alla torre di lavaggio dove viene ulteriormente lavata in controcorrente, a
bassa velocità, su un'ampia superficie di contatto. Nella torre sono inseriti opportuni demister, pacchi
alveolari separatori di gocce, che eliminano gli effetti di trascinamento. L’aria viene veicolata
attraverso lo scrubber, tramite un ventilatore standard e una volta depurata viene immessa nel
biofiltro per l’abbattimento delle emissioni odorigene.

Caratteristiche dello scrubber


Dotazione:
 stadio di lavaggio composto da ugelli nebulizzatori equamente distribuiti;
 corpi di riempimento ad alta superficie ed a bassa resistenza al passaggio dell’aria per
aumentare tempo e superficie di contatto;
 vasca di servizio per pompe e contenimento liquidi, completa di valvole di scarico e troppo
pieno;
 separatore di gocce;
 controllo di livello a quattro posizioni;
 elettropompe (due ogni stadio di lavaggio);
 oblò visivi;
 elettrovalvole per ripristino automatico liquidi;
 portelli di ispezione;
 valvola per scarico di fondo;
 valvola per carico manuale liquidi;
 golfari per il sollevamento.

11.1.2 BIOFILTRO

Come specificato in precedenza verranno realizzati 2 biofiltri, uno a disposizione di ciascuna sezione di
trattamento dell’aria.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 97
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Ciascuno dei due biofiltri sarà costituito da 4 moduli ciascuno delle dimensioni di 20,00 x 13,00 m per
una superficie totale di 1.040 mq con altezza della massa filtrante sarà di circa 2,00 m.
L’aria aspirata dalle varie aree dell’impianto verrà convogliata al biofiltro dopo il passaggio forzato a
due scrubber.
Il principio di funzionamento dei sistemi biologici di trattamento (biofiltri, bioscrubber) è basato
sull’ossidazione biologica delle sostanze inquinanti effettuato da batteri immobilizzati su un supporto
naturale.
Il loro funzionamento è molto semplice: l’aria di processo viene aspirata da un ventilatore e
convogliata al letto filtrante dove passa attraverso il supporto naturale del biofiltro, il quale viene
inoculato con specifici ceppi batterici, selezionati per massimizzare le performance del sistema.
I vantaggi connessi all’impiego di metodi biologici sono innanzitutto di carattere ecologico. Dal
momento che i composti chimici da ossidare sono il nutrimento dei batteri, il trattamento dell’aria non
comporta il trasferimento dei composti inquinanti da un supporto ad un altro (es. carboni attivi) o il
consumo di reagenti (torri chimiche) e energia (ossidazione termica) con conseguente produzione di
inquinamento indiretto.
Questi vantaggi in termini ecologici si traducono in sensibili vantaggi in termini di oneri di gestione
(assenza di prodotti inquinanti da smaltire e riduzione dell’energia necessaria per effettuare il
trattamento).
Dal punto di vista dell’efficacia del processo i metodi biologici, sono in grado di trattare una grande
variabilità di molecole inquinanti sia organiche che inorganiche.
Nella tabella che segue si riporta il calcolo della portata d’aria indirizzata al biofiltro, considerando la
quantità di aria che complessivamente viene aspirata dai locali e quella che viene indirizzata dai
biotunnel al biofiltro. (si rimanda alla tavola T.20 – Zona di trattamento aria - Biofiltro).
Si sottolinea che il dimensionamento è stato progettato al fine di garantire i requisiti indicati dalle BAT
di settore anche nel caso di funzionamento di soli 3 dei moduli costituenti i biofiltri (come ad esempio
durante le operazioni di manutenzione).
Di seguito si riporta la verifica per il Biofiltro 1 su 3 e 4 moduli funzionanti:

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 98
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

VERIFICA BIOFILTRO 1 (ZONE: A, D, G)


Dati di Progetto
Lunghezza Modulo Biofiltro 20,00 m
Larghezza Modulo Biofiltro 13,00 m
Superficie Modulo Biofiltro 260,00 mq
Altezza Materiale Filtrante 2,00 m
Numero Moduli 4,00 n
Superficie totale 1.040,00 mq
Volume Materiale Filtrante 2.080,00 mc
Volume Aria da Trattare 96.044,00 Nmc/h
Verifica di dimensionamento e congruenza alle BAT
Eserc. 4 mod Verif. 3 mod Limite BAT
Cv Carico Specifico Volumetrico 46,18 61,57 < 80 Nmc/mc mat/h
Tr Tempo di Resistenza 77,96 58,47 >45 s

Di seguito si riporta la verifica per il Biofiltro 2 su 3 e 4 moduli funzionanti:


VERIFICA BIOFILTRO 2 (ZONE: B,C,E,F)
Dati di Progetto
Lunghezza Modulo Biofiltro 20,00 m
Larghezza Modulo Biofiltro 13,00 m
Superficie Modulo Biofiltro 260,00 mq
Altezza Materiale Filtrante 2,00 m
Numero Moduli 4,00 n
Superficie totale 1.040,00 mq
Volume Materiale Filtrante 2.080,00 mc
Volume Aria da Trattare 96.364,00 Nmc/h
Verifica di dimensionamento e congruenza alle BAT
Eserc. 4 mod Verif. 3 mod Limite BAT
Cv Carico Specifico Volumetrico 46,33 61,77 < 80 Nmc/mc mat/h
Tr Tempo di Resistenza 77,71 58,28 >45 s

11.2 SISTEMA DI UMIDIFICAZIONE BIOFILTRO

Il sistema di umidificazione del biofiltro verrà realizzato con tubazioni 1,5"" Mannesmann zincate con
2 elettrovalvole per bagnatura biofiltri da inserire sulle tubazioni per l'aspersione della massa filtrante
con acqua depurata biologicamente proveniente dalla vasca di accumulo o con acqua di rete, con
funzione di regolazione dell'umidità nel contesto della massa filtrante.
Il circuito di regolazione sarà asservito a timer che attiva le 2 elettrovalvole.
Nella fornitura sono compresi pompa, tubazioni, ugelli, elettrovalvole installate in opera con accessori
di montaggio e collegamenti.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 99
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

11.3 LEGNO PER BIOFILTRO

La massa filtrante utilizzata nel biofiltro sarà costituita da una miscela vegetale calibrata derivante da
cippato di conifera in pezzatura grande e media con ottime caratteristiche di durata, porosità e
rendimento.
Si riportano di seguito le caratteristiche del materiale impiegato.

Umidità Fra 35% e 55 %


Contenuto sostanza organica Fra 35% e 70 %
Spazi liberi occupati dall’aria (FAS) Fra 40% e 80%
Granulometria Almeno 60% delle particelle con  40mm

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 100
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

12. OPERE CIVILI SERVIZI GENERALI E OPERE COMPLEMENTARI

12.1 CAPANNONE

Le operazioni descritte nei paragrafi precedenti si svolgeranno all’interno di una struttura industriale in
di nuova realizzazione.
All’interno del capannone troveranno posto l’area di ricevimento e conferimento, la selezione di
pretrattamento, le aree di maturazione aerobica e l’area di raffinazione e stoccaggio.
L’edificio di nuova realizzazione si sviluppa su un unico livello per un’altezza utile massima variabile tra
circa 7,00 m e 16,00 m per maggiori indicazioni si rimanda alla tavola T.07 – Sezioni capannone.
Al fine di mitigare l’opera con il contesto ambientale si prevede una finitura della facciata del
capannone realizzata attraverso l’istallazione di “pareti verdi” (vedi tavola T.29 – Particolare facciata
verde), ovvero l’istallazione di una seconda parete costituita da un reticolato metallico che permetterà
la crescita di piante rampicanti.

Figura 17 - Particolari facciata verde

Questa soluzione che, assieme alla realizzazione di una cortina arborea perimetrale al lotto,
permetterà di mitigare l’impatto visivo della struttura, è meglio descritta nella tavola T.37- Render di
cui di seguito si riportano degli stralci di seguito.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 101
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Di seguito si riportano le immagini che mostrano da differenti angolazioni lo stato di fatto,


l’inserimento dell’impianto e l’inserimento dell’impianto e della cortina arborea. Per maggiori
indicazioni si rimanda Studio di Inserimento Paesaggistico a firma dell’Arch. Birindelli.
Fotoinserimenti - Vista 1

Fotoinserimenti - Vista 2

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 102
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 103
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Fotoinserimenti - Vista 3

12.2 PAVIMENTAZIONE

Su tutta l’area interessata dall’impianto è prevista una pavimentazione impermeabile atta ad impedire
che i rifiuti possano venire a contatto con il suolo.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 104
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Due differenti tipologie di pavimentazione caratterizzeranno le aree di transito dalle aree interne agli
edifici adibiti al trattamento dei rifiuti (si rimanda alla tavola T.26 – Particolari costruttivi piazzale
operativo e pavimentazioni).
Per i piazzali e le zone di transito è prevista una pavimentazione costituita dalla sovrapposizione dei
seguenti materiali:
- Fondazione in misto di cava compattato 50,00 cm;
- Strato di fondazione base binder dello spessore di 8,00 cm;
- strato di usura dello spessore di 5 cm.
Il piazzale sarà chiuso da un cordonato delle dimensioni di 12,00 x 24,00 cm, poggiante su un massetto
di fondazione in calcestruzzo magro alto 10,00 cm.
Le aree interne del capannone esistente presentano già una pavimentazione di tipo industriale, è
prevista la realizzazione di pavimentazione impermeabilizzata di tipo industriale anche sulla porzione
di capannone di nuova realizzazione, finita con uno strato lavabile, come prescritto dalla normativa
vigente (DPR 303/56). Tale pavimentazione sarà quindi così realizzata:
- Fondazione in misto di cava compattato 40,00 cm;
- Magrone di sottofondazione 10,00 cm;
- Telo di HDPE 3 mm;
- Rete elettrosaldata 20x20 φ 8,00 mm con tralicci distanziatori
- Calcestruzzo C 25/30 10 cm
- Superficie ventolata con indurimento a spolvero 5kg/mq di quarzo sferoidale.

12.3 UFFICI

Si prevede di realizzare 2 edifici destinati al personale e alle operazioni amministrative: la palazzina


uffici e servizi e la palazzina dell’ufficio pesa e guardiania.
Entrambe, di nuova realizzazione, presenteranno una struttura in cemento armato e saranno
localizzate in prossimità dell’area di ingresso.
La palazzina uffici e servizi (tavola T.23) si sviluppa su un unico piano dove troveranno posto i servizi
del personale e gli spogliatoi, la segreteria, l’area ristoro, l’infermeria e i locali tecnici, l’ufficio tecnico,
la direzione e la sala riunioni.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 105
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Figura 18 - Palazzina uffici e servizi

Le dimensioni dei locali rispetteranno le quanto prescritto dalle norme igienico-sanitarie.

L’ufficio pesa e guardiania (tavola T.22) sarà sempre realizzato su un unico piano e troveranno
collocazione l’ufficio dedicato alle operazioni amministrative per l’accettazione dei rifiuti e l’area
destinata al domicilio del custode.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 106
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Figura 19 - Ufficio pesa e guardiania

Le dimensioni dei locali rispetteranno le quanto prescritto dalle norme igienico-sanitarie.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 107
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

13. APPROVVIGIONAMENTO IDRICO E FABBISOGNO

Per la rete di approvvigionamento idrico si rimanda alla tavola T.14–Planimetria impianto idrico ed
antincendio.

13.1 ACQUE POTABILI

Per l’acqua ad uso civile si prevede di effettuare un allaccio ad un pozzo di nuova realizzazione nel caso
in cui fossero garantiti i parametri di potabilità, in caso contrario si provvederà a distribuire l’acqua
potabile alle seguenti utenze:
 servizi igienici;
 mensa.
Attraverso una riserva idrica rifornita da autocisterna.
Fabbisogno idrico utenze civili
Si prevede l’impiego di un totale di 30 addetti/giorno, per i quali è stato dimensionamento il sistema
idrico.
Il fabbisogno idrico può essere così stimato sulla base delle dotazioni idriche seguenti:
DOTAZIONE IDRICA
Addetti 30 persone 0,08 m3/(persona x giorno)

Da tali dati si calcola una portata media giornaliera pari 2,4 m3/giorno per le utenze di tipo civile, che
valutato su base annua, per corrispondenti 320 giorni/anno, risulta essere di 768 m 3/anno

13.2 ACQUE PER LA GESTIONE IMPIANTISTICA

Per l’approvvigionamento idrico si prevede di effettuare un allaccio ad un pozzo di nuova realizzazione.


Ad ogni modo per ridurre il consumo di risorsa idrica si prevede:
 di avviare le acque meteoriche di seconda pioggia e le acque bianche delle coperture ad una
vasca di stoccaggio per garantire una riserva idrica da impiegare all’occorrenza per la riserva
antincendio o come acqua ad uso industriale.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 108
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

 di reimpiegare sempre a scopi industriali di gestione l’acqua depurata in uscita dall’impianto di


depurazione previsto in progetto.
Le utenze alimentate dall’acqua ad uso industriale comprenderanno:
 manichette per il lavaggio piazzali;
 manichette per il lavaggio delle aree interne agli edifici di lavorazione;
 rete antincendio.
 Rete di umidificazione del biofiltro
 Rete per l’umidificazione della biomassa in fase di stabilizzazione aerobica
 Rete di irrigazione aree verdi

Fabbisogno idrico sezione anaerobica


L’acqua necessaria al processo di digestione anaerobica sarà addotta dall’area di disidratazione
dell’effluente, che verrà quindi ricircolato per una quota di circa 50,41 mc/giorno. Per tale motivo il
fabbisogno idrico della sezione di digestione anaerobica non rientra nel calcolo nella stima del
fabbisogno idrico. Il surplus sarà avviato in parte alla sezione di maturazione aerobica e per la restante
parte all’impianto di depurazione previsto in progetto e descritto al capitolo 16 della presente
relazione.

Fabbisogno idrico sezione aerobica


Il processo di maturazione (in biocella e su platee) prevede l’impiego dell’acqua depurata dall’impianto
previsto in progetto per l’umidificazione delle biomasse in maturazione.
Per l’irrorazione del materiale all’interno delle biocelle, per tutta la fase di trattamento, si prevedono
circa 0,5 l/giorno per m2 di superficie.
Per le 12 biocelle utilizzate nell’impianto proposto, delle dimensioni di 6,45 x 38,7 m si renderà
necessaria irrorazione di circa 1,5 m3/g, per totali 547 mc/anno, volume dedotto dai calcoli seguenti.
Sup biocella 6,45 m x 38,7 m = 250 m2
250 m2x 12 biocelle x 0,5l = 1,5 m3/g
Per l’irrorazione del materiale all’interno delle platee di prima maturazione, per tutta la fase di
trattamento, si prevedono circa 0,5 l/giorno per m2 di superficie.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 109
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Per le 3 platee impiegate, delle dimensioni di 20,55 x 38,7 m si renderà necessaria irrorazione di circa
1,2 m3/g, per totali 435 mc/anno, volume dedotto dai calcoli seguenti.
Sup platea20.55 m x 38,7 m = 795 m2
795 m2x 3platee x 0,5 l= 1,2 m3/g
Fabbisogno idrico biofiltro
Come è noto, l’attività di depurazione degli effluenti effettuata dal biofiltro avviene in ambiente
umido. La percentuale di umidità ottimale del materiale filtrante è >50%.
Il letto di torba una volta adeguatamente bagnato conserva la sua umidità grazie al passaggio dell’aria
umida. Un apposito impianto di spruzzatura assicura il mantenimento della percentuale di umidità
corretta.
Tanto premesso, per quanto alle necessità di approvvigionamento idrico per il funzionamento del
biofiltro si specifica quanto di seguito.
La quota d’acqua da apportare si stima tra i 40 e i 60 litri giorno per metro cubo di biofiltro. L’apporto
da effettuare è anche funzione della umidità dell’aria inviata al trattamento (aria prelevata
direttamente dai cumuli o dall’ambiente in cui si svolge il processo), della presenza di sistemi specifici
di umidificazione o di eventuali sistemi di pretrattamento a umido (scrubber).
Nel caso di aria proveniente per aspirazione dai cumuli o da sistemi di umidificazione atti a saturare
l’aria, l’apporto di acqua al letto segue prevalentemente questa via (80-90 % dell’apporto richiesto).
La distribuzione dell’umidità lungo il profilo del letto si mantiene sufficientemente omogenea e la
richiesta d’acqua superficiale ha lo scopo prevalente di compensare l’evaporazione dovuta
all’irraggiamento che interessa lo strato superficiale in misura diversa (da 5 a 15 cm) in funzione della
stagione. La distribuzione dell’umidità lungo il profilo del letto si mantiene sufficientemente omogenea
e la richiesta d’acqua superficiale ha lo scopo prevalente di compensare l’evaporazione dovuta
all’irraggiamento che interessa lo strato superficiale in misura diversa (da 5 a 15 cm) in funzione della
stagione. In base a quanto sopra vista la volumetria dello strato filtrante prevista in progetto e pari a
4.160 m3 (biofiltro zona 1 paria 2.080 m3 e biofiltro zona 2 paria 2.080 m3).
Considerando un fabbisogno medio di circa 5 litri per mc di materiale filtrante (ovvero il 10% di 50
litri)Il fabbisogno idrico per l’umidificazione del biofiltro è stato stimato pari a circa 20,8 mc/giorno,
ovvero 7.592 mc/anno, come indicano i seguenti calcoli:

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 110
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

4.160 mc volume biofiltro X 0,005 mc/giorno =.20,8 mc/giorno

Fabbisogno idrico gestione impianto


Il fabbisogno idrico può essere così stimato sulla base delle dotazioni idriche seguenti:
DOTAZIONE IDRICA
Manichette per lavaggio 20 unità
0,1 m3/(unità x giorno)
Piazzali esterni
Manichette per lavaggio aree 7 unità
0,1 m3/(unità x giorno)
interne edificio trattamento

Da tali dati si calcola una portata media giornaliera pari2m3/giorno per le manichette di lavaggio
esterno al capannone; per le manichette di lavaggio interne al capannone si calcola invece una portata
media giornaliera di 0,7m3/giorno.
Pertanto l’approvvigionamento idrico per le per le manichette di lavaggio esterno al capannone
valutato su base annua, per corrispondenti 320 giorni/anno, risulta essere di 640m3/anno; per le
manichette lavaggio interne al capannone, su base annua, per corrispondenti 320giorni/anno, risulta
invece di 224m3/anno.

Fabbisogno idrico innaffiatura aree verdi


Considerando un fabbisogno di circa 5 l/mq giornaliero, considerando che l’area adibita a verde
ornamentale si estende su un area di circa 18.832 mq verranno utilizzati circa 94 mc giorno per
l’innaffiatura pari a circa 34.300 mc/anno.

Riassumendo si hanno i seguenti fabbisogni idrici annui:


servizi igienici 768m3/anno
manichette lavaggio piazzali 864m3/anno
Umidificazione Biofiltro 7.592 m3/anno
Totale 9.224 m3/anno

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 111
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

14. EMISSIONI IN CORPO IDRICO

Occorre distinguere le reti di collettamento delle acque reflue in funzione della loro provenienza.
I flussi che verranno a crearsi durante l’operatività dell’impianto saranno :
 acque meteoriche provenienti dalle coperture degli edifici;
 acque meteoriche provenienti dai piazzali scoperti e dalle aree di viabilità;
 acque reflue civili;
 percolato e acque di processo;
 acque di lavaggio del capannone.
Per maggiori informazioni si rimanda alla Tavola T.13 – Planimetria acque reflue riportata in stralcio di
seguito.

Figura 20 - planimetria rete di raccolta delle acque

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 112
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

14.1 GESTIONE ACQUE METEORICHE

Per la valutazione degli afflussi meteorici sono stati considerati i dati meteo desunti dalla centralina
meteo di Monterotondo.
Di seguito si riporta uno stralcio della tavola T.10 – Schema a blocchi gestione acque relativo alle
acque meteoriche.

Figura 21 - Stralcio tavola T.10 – Schema a blocchi gestione acque

La stazione meteorologica, in provincia di Roma, nel comune di Monterotondo, a 165 metri s.l.m. e alle
coordinate geografiche 42°03′N, 12°37′E.
Nella tabella seguente si riportano i dati meteo ed in particolare l’indicazione dell’altezza di pioggia
media annuale che, secondo i dati medi del trentennio 1961-1990, risulta essere pari a 973 mm/anno.
Mesi
TEROTONDO Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic
T. max. media (°C) 9,0 11,7 14,8 19,2 23,8 27,4 31,5 31,5 26,9 21,2 15,2 11,2 20,3
T. min. media (°C) −1,8 −0,2 2,7 6,1 9,8 14,0 16,3 15,4 12,7 8,8 5,9 1,2 7,6

Precipitazioni (mm) 80 68 81 69 54 54 21 22 115 112 143 154 973

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 113
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Giorni di pioggia 9 8 10 11 7 6 3 3 6 9 13 12 97
Umidità relativa media (%) 78 72 71 70 66 61 54 55 65 73 81 82 69

14.1.1 ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DALLE COPERTURE DEGLI EDIFICI

Le acque meteoriche provenienti dalle coperture degli edifici(per un totale di circa 17.930 m2), saranno
avviate, per mezzo di una rete di raccolta dedicata, alla vasca di stoccaggio per essere reimpiegate
come riserva antincendio e a fini industriali, l’eventuale esubero sarà avviato al limitrofo Fosso
Brecceto attraverso lo scarico finale MN3.
Si prevede quindi in base ai dati di pioggia precedentemente indicati una portata annua di 17.446
mc/anno di acque provenienti bianche dalle coperture.

14.2 ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA PIAZZALI E STRADE

Le acque meteoriche provenienti dai piazzali e dalle strade saranno avviate auna vasca di prima pioggia
con annesso impianto di trattamento costituito dasgrigliatore dissabbiattore e desoleatore e di seguito
avviate allo scarico al colatore naturale (Fosso del Brecceto) attraverso lo scarico MN2.
Le acque di seconda pioggia saranno invece avviate alla vasca di stoccaggio e l’esubero eventuale al
Fosso del Brecceto.
La quota di acque meteoriche provenienti dai piazzali e dalle aree drenate (marciapiedi, aree
tecniche, aree di manovra) della superficie 22.306 mq, in base ai dati di pioggia rilevati può essere
stimata in circa 21.703 mc/anno così suddivise:
 acque di prima pioggia: 2.170 mc
 acque di seconda pioggia: 19.533 mc

14.2.1 VERIFICA VASCA DI PRIMA PIOGGIA

La vasca di prima pioggia (tavola T.24 - Vasca Prima Pioggia) è stata dimensionata cautelativamente
in base a quanto disposto dall’ Estratto dalle Linee Guida Arpa LG28/DT – Criteri di applicazione DGR
286/05 e 1860/06 Acque Meteoriche Di Dilavamento.
Le linee guida identificano le acque di prima pioggia come i primi 5 mm di acqua meteorica di
dilavamento, uniformemente distribuita su tutta la superficie scolante servita dal sistema di drenaggio.
Per il calcolo delle relative portate si assume che tale valore venga raggiunto dopo un periodo di tempo
di 15 minuti di pioggia.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 114
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Pertanto il valore di intensità di pioggia i, utilizzato per il dimensionamento, viene impostato sulla base
di tale premessa, in:
i(intensità delle precipitazioni piovose) = 5 mm/m2 per un tempo massimo di 15 min,
da cui si calcola l’intensità su base oraria:
i = 20 mm/m2 per un tempo di 1 h
pari a:
20 mm/m2 / 3600 s = 0,0056 l/s m2

I coefficienti di afflusso alla rete Ca sono stimati in base alla natura del fondo di scorrimento, come
espresso nella tabella seguente:
Coefficiente di afflusso Ca Superficie
1 Superfici totalmente impermeabili
0,8 Cemento o ardesia
0,3 Ghiaia
0,3 Stabilizzato

Nel caso specifico la superficie asfaltata viene considerata come totalmente impermeabile pertanto il
coefficiente utilizzato risulta Ca = 1.0.
Per stimare il volume di fanghi in sospensione nelle acque di prima pioggia, viene considerata invece la
natura delle operazioni prevista sull’area asfaltata in base:

Tipologia della lavorazione Coefficiente Cf


Tutte le aree di raccolta dell’acqua piovana in cui
sono presenti piccole quantità di limo prodotto
Ridotta dal traffico o similari, vale a dire bacini di raccolta 100
in aree di stoccaggio carburante e stazioni di
rifornimento coperte.
Stazioni di rifornimento, autolavaggi manuali,
Media 200
lavaggio di componenti, aree di lavaggio bus.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 115
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Impianti di lavaggio per veicoli da cantiere,


Elevata macchine da cantiere, aree di lavaggio autocarri, 300
autolavaggi self-service.

Il piazzale asfaltato sarà utilizzato unicamente per il traffico veicolare.


A si considera dunque il coefficiente Cf pari a 100.

Il volume minimo della vasca di prima pioggia è pari alla somma del volume delle acque di prima
pioggia e del volume dei fanghi sedimentati:
Vtot = Vpp + Vsed

Nel caso in esame, (superficie asfaltata 22.306 mq) il volume delle acque di prima pioggia risulta:
Vpp = 111,50 m3
La portata Q risulta pari a:
Q = 124,91 l/s.
Il volume di sedimentazione da prevedere sarà quindi:
Vsed = 12,50 m3

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 116
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Il volume totale minimo della vasca di prima pioggia pertanto risulta:


Vtot = 124 m3
La vasca prevista nel progetto, avrà un volume di circa 125 mc comprendente il volume di
sedimentazione e le seguenti dimensioni utili: 6,00 x 5,20 x 4,00m.
Il disoleatore posto a trattamento delle acque di prima pioggia a valle della vasca di raccolta, va
calcolato invece a partire dalla portata della pompa presente nella vasca e del tempo di separazione,
funzione della densità degli oli, che le linee guida separano in:
Densità olio g/cm3 Tempo di separazione tsminuti
Fino a 0,85 16,6 stazioni di servizio
Tra 0,85 e 0,90 33,3 impianti tipo autolavaggi;
Tra 0,90 e 0,95 50,0 autodemolitori e rottamazione

Tale volume è pari a


Vdis = Qp x Ts
Nel caso specifico, ipotizzando una pompa della portata di 2 l/s( portata minima prevista 1l/s) e
scegliendo un tempo Ts = 50,0 minuti, il volume del disoleatore da disporre risulta:
Vdis = 6,00 m3

14.3 ACQUE REFLUE CIVILI

Le acque nere provenienti dall’area servizi saranno raccolte mediante tubazioni in PVC, e convogliate al
sistema di trattamento previsto che si articola in due fasi principali:
· Pretrattamento: fossa biologica Imhoff (acque nere) e sgrassatore (acque grigie)
· Trattamento finale mediante sistema di subirrigazione a vassoi assorbenti.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 117
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Figura 22 - Stralcio tavola T.10 – Schema a blocchi gestione acque

La vasca settica di tipo Imhoff ha la funzione di provocare la sedimentazione del materiale grossolano
trasportato dallo scarico oppure la separazione di materiale che tende ad affiorare quali: grasso, olio e
sapone. Il trattamento primario svolto produce una chiarificazione del liquame riducendone il carico
inquinante (abbattimenti di BOD e COD del 30% e di solidi sospesi del 50%); il sedimento delle fosse
settiche può andare incontro a digestione anaerobica e deve essere periodicamente asportato
mediante autospurgo.
Per il corretto funzionamento dell’impianto, la capacità della fossa Imhoff è stata calcolata in base al
numero di abitanti equivalenti stimato.
La capacità depurativa della vasca dovrà essere pari al numero degli AE aumentato del 20%.

14.3.1 VASCA IMHOFF

Il liquame chiarificato proveniente dalla fossa Imhoff e degrassatosi, mediante condotta a tenuta,
perviene in un pozzetto dotato di sifone di cacciata installato per garantire una distribuzione uniforme
del liquame lungo tutta la condotta disperdente e consentire un certo intervallo tra un’immissione di
liquame e l’altra, nella rete di sub-irrigazione, in modo tale da agevolare l’ossigenazione e
l’assorbimento del terreno.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 118
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Figura 23 - Schema vasca Imhoff

La vasca Imhoff definita è cilindrica, a base circolare costruita con elementi anulari, in cemento
armato.
La scelta è stata effettuata, ipotizzando un numero di abitanti equivalenti pari a 30 (sovrastimando il
numero di addetti all’impianto).
Il dimensionamento è stato effettuato secondo le Norme Tecniche contenute nella Delibera del
04/02/1977, in particolare per il comparto di sedimentazione sono stati considerati 50 l procapite per
un totale di 50 * 30 = 1.500 litri e per il compartimento del fango sono stati considerati 80 litri
procapite per un totale di 80 * 50 = 4.000 litri.
Di conseguenza la volumetria necessaria è pari a circa 5,50 m3.
In particolare il comparto di sedimentazione sarà dimensionato per permettere circa 4 ore di
detenzione per le portate di punta.
La vasca Imhoff sarà completamente interrata, avrà un accesso dall’alto tramite apposito vano a livello
del piano di campagna, dotato di chiusino a tenuta e sigillato e sarà dotata di idoneo tubo con bocca
inferiore al di sopra del pelo libero e bocca superiore che si apre al di sopra della copertura
dell’edificio.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 119
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

I fanghi, raccolti periodicamente, saranno smaltiti presso impianti autorizzati.

14.3.2 FITODEPURAZIONE

Gli impianti di sub-irrigazione a vassoi assorbenti vengono utilizzati per scarichi di origine civile che non
hanno recapitano in pubblica fognatura o in corpo idrico superficiale.
Nei sistemi di fitodepurazione gli habitat naturali per lo sviluppo delle piante sono ricostruiti
artificialmente allo scopo di rimuovere gli inquinanti provenienti dalle acque reflui civili mediante
complessi processi biologici e chimico fisici, tra i quali molto importante è la cooperazione tra piante e
microrganismi, i quali trovano in esse un habitat favorevole.
I sistemi di fitodepurazione consentono di abbinare al trattamento depurativo con la conseguente
possibilità di creare una superficie verde alberata.
Le piante costituiscono l’elemento attivo nel sistema di fitodepurazione, in quanto hanno un’elevata
capacità di assorbire e quindi utilizzare alcuni elementi chimici, impedendo loro di arrivare ai corpi
idrici superficiali per lisciviazione del suolo.
La scelta delle essenze da impiegare è fatta tenendo conto delle condizioni climatiche, in modo da
favorirne un buono sviluppo nel tempo e una maggiore resistenza alle avversità. E’ preferibile piantare
essenze già ben sviluppate in modo che l’impianto entri rapidamente a pieno regime.
Per il mantenimento delle funzioni evaporative è necessario provvedere alla periodica manutenzione
della vegetazione.
I reflui in ingresso all’impianto sono distribuiti all’interno di diversi vassoi, ciascuno contenente un
numero opportuno di piante. Il processo depurativo per mezzo d’impianti di sub-irrigazione, in grado di
sfruttare la capacità di evapotraspirazione del terreno, sia diretta che tramite piante e l’assorbimento
degli elementi organici dei liquami da parte degli apparati radicali delle piante stesse, è
particolarmente adatto per piccole e medie comunità in quanto consentono i seguenti vantaggi:
 Semplificazione del tipo di trattamento
 Ottenimento di uno standard depurativo molto elevato ed eliminazione del problema di scarico
dell’effluente
 Semplicità di gestione e di manutenzione
 Nessun consumo elettrico

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 120
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

 Possibilità di ampliamento dell’impianto nel tempo senza particolare aggravio di costi e con
estrema facilità operativa
Il principio di funzionamento del sistema si basa, come già anticipato, sia sulla capacità di
evapotraspirazione del terreno, sia sull’azione di assorbimento svolta dalle essenze vegetali messe a
dimora nel sito.
L’impianto è, infatti, costituito da una serie di vassoi in polietilene, collegati tra loro ed alimentati a
mezzo di un apposito pozzetto di carico, all’interno dei quali è posto un primo strato di riempimento in
ghiaia seguito da un secondo strato in terreno vegetale separati da uno strato di tessuto non tessuto.
Nel terreno vengono piantumate essenze vegetali idrofile sempreverdi (Cornus mas, Cornus sanguinea,
Laureuscerasus, Rhamnus Frangula e Salix rosmarinifolia) ed il sistema successivamente viene
alimentato con le acque reflue civili pretrattate (acque nere in uscita da fossa biologica Imhoff).
In questo modo il liquame è sottoposto ad un processo di fitotraspirazione e completamente assorbito
dal sistema.
Quest’ultimo è dotato di un pozzetto finale, munito di troppo pieno, allo scopo di favorire
l’evacuazione di eventuali acque meteoriche cadute in corrispondenza dei vassoi.
Gli elementi costitutivi dell’impianto sono pertanto i seguenti:
· Pretrattamenti: fossa biologica Imhoff e sgrassatore;
· Pozzetto di carico iniziale;
· Vassoi assorbenti e relative tubazioni di collegamento
· Pozzetto finale.
I pretrattamenti sono costituiti da una fossa biologica Imhoff per il trattamento delle acque nere ed un
sistema sgrassatore per il trattamento delle acque grigie.
Il pozzetto di carico iniziale assolve il compito di riunire, miscelandoli, gli scarichi provenienti dai
pretrattamenti per poi ridistribuirli tra i diversi vassoi assorbenti posizionati.
I vassoi assorbenti sono contenitori, realizzati in polietilene monoblocco aperti superiormente, ciascun
aventi dimensioni L x P x H = cm 120 x 160 x 55, corrispondenti ad una superficie assorbente pari a
circa 2 m².
I vassoi, in grado di assicurare la tenuta idraulica, sono collegati al collettore di alimentazione;
quest’ultimo si sviluppa a partire dal pozzetto di carico iniziale sino al pozzetto finale. All’interno dei

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 121
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

vassoi è posto uno strato di tessuto non tessuto, per evitare occlusioni delle tubazioni da parte delle
radici delle essenze vegetali poste a dimora nei vassoi stessi.
Si provvede in questo modo alla creazione di aiuole impermeabilizzate, costituite da vassoi in
polietilene completamente interrati. Questi, raggiunti dai liquami convogliati con un sistema di
tubazioni sigillate, sono in grado di trattenere gli stessi consentendone l'assorbimento da parte di
apposita piantumazione insediata in superficie.
Il vassoio assorbente è costituito da una vasca o bacino a tenuta stagna), con il fondo orizzontale a
perfetto livello situato a circa 80 cm di profondità.
Il bacino viene riempito a partire dal fondo con uno strato di ghiaione lavato (40-70 mm) per uno
spessore di circa 15 cm, onde facilitare la ripartizione del liquame, e successivamente uno strato di
ghiaietto lavato (10-20 mm) dello spessore di circa cm 25, come supporto alle radici. Sopra lo strato di
ghiaietto sono posti un telo di "tessuto non tessuto" e 40-50 cm di una miscela costituita all’incirca dal
50% di terreno vegetale e 50% di torba su cui saranno messe a dimora le piante.
Il sistema è dimensionato in modo tale da avere una superficie del letto assorbente in grado di non
avere alcuno scarico in uscita eliminando completamente le acque reflue grazie all’evaporazione e
traspirazione delle piante.

Figura 24 - Schema tipo vassoi assorbenti per fitodepurazione, bibliograficamente indicata pari a circa 5 mq per abitante
equivalente per garantire la completa eliminazione del refluo, avrà un’estensione compressiva di 60 mq (30 vassoi
assorbenti con superficie ciascuno pari a 2 mq).

A monte del letto assorbente e comunque a valle della fossa Imhoff, sarà posizionato un pozzetto per il
controllo del livello dell’acqua nell’impianto.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 122
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

14.4 PERCOLATI PRODOTTI NELL’IMPIANTO E ACQUE DI LAVAGGIO DEL CAPANNONE

Per le aree di lavorazione interne ai capannoni, è prevista la realizzazione di una rete di raccolta e
collettamento dei percolati e delle acque di lavaggio, separata dalle precedenti, che convoglierà le
acque all’impianto di depurazione.
Di seguito uno stralcio dello schema a blocchi delle acque reflue.

Figura 25 - Stralcio tavola T.10 – Schema a blocchi gestione acque

Acque di lavaggio del capannone


Il volume di acque di lavaggio del capannone previsto pari a 0,7 mc/giorno (ovvero 224 mc/anno)
discende dalla valutazione riportata al precedente paragrafo 13.2.
Al depuratore verranno convogliate inoltre le acque in uscita dal processo di digestione anaerobica:

Effluente liquido ricircolato ai digestori:


Il digestato in uscita dalla sezione di digestione anaerobica verrà inviato alla sezione di disidratazione
da cui verranno recuperati circa 126,03m3/giorno di reflui. Si prevede di ricircolare circa

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 123
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

50,41m3/giorno direttamente ai digestori mentre circa 75.62m3/giorno saranno avviati all’impianto di


depurazione (per totali 27.600 mc/anno).

La stima dei percolati prodotti dipende dalla qualità del rifiuto in ingresso, va inoltre osservato che
durante il processo di maturazione aerobica il materiale depositato in cumuli presenterà un
coefficiente di rilascio che andrà diminuendo con l’avanzare del tempo di stabilizzazione.
Per tale motivo la stima riportata di seguito indica una produzione media prevista per le differenti
sezioni.
Percolati da ricezione rifiuti umidi (interna capannone).
La produzione attesa risponde alla seguente formula parametrica:
Qg = R x Q: 1.000
dove:

- Qg: produzione giornaliera

- R: coefficiente di rilascio, assunto pari a 3 l/t/giorno

- Q: quantità di rifiuti stoccati giornalmente, pari a circa 328,12 t


La produzione massima giornaliera è valutabile in 0,98 m3.

Percolati da rifiuti verdi


La produzione attesa risponde alla seguente formula parametrica:
Qg = R x Q: 1.000
dove:

- Qg: produzione giornaliera

- R: coefficiente di rilascio, assunto conservativamente pari a 1,5 l/t/giorno,

- Q: quantità di rifiuti stoccati, pari a 78,13t di verde


La produzione massima giornaliera è valutabile in 0,117 m3.

Percolati aree di stoccaggio comparto di miscelazione (interna capannone)


La produzione attesa risponde alla seguente formula parametrica:

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 124
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Qg = R x Q: 1.000
dove:

- Qg: produzione giornaliera

- R: coefficiente di rilascio, assunto pari a 2 l/t/giorno per i rifiuti organici, 1 l/t/giorno per il verde

- Q: quantità di rifiuti stoccati giornalmente, pari a 233 t di digestato e fanghi da depuratore


biologico e86,31 t di verde e sovvalli cellulosici da ricircolo.
La produzione massima giornaliera è valutabile in 0,55 m3.

Percolati da biocelle aerobiche


La produzione attesa risponde alla seguente formula parametrica:
Qg = R x Q: 1.000
dove:

- Qg: produzione giornaliera

- R: coefficiente di rilascio, assunto pari a 1,5 l/t/giorno

- Q: quantità di rifiuti stoccati, pari a circa 5.101 t, pari al quantitativo di rifiuti messi a stabilizzare
all’interno delle biocelle che sono state considerate tutte completamente piene
contemporaneamente.
La produzione massima giornaliera è valutabile in 7,6 m3.

Percolati cumuli in aia di prima maturazione


La produzione attesa risponde alla seguente formula parametrica:
Qg = R x Q: 1.000
dove:

- Qg: produzione giornaliera

- R: coefficiente di rilascio, assunto pari a 1l/t/giorno

- Q: quantità di rifiuti stoccati, pari a circa 4.652t pari al quantitativo di biostabilizzato messo a
maturare all’interno dell’aia di maturazione che è stata considerata completamente piena.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 125
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

La produzione massima giornaliera è valutabile in 4,6 m3.

Percolati cumuli in aia di seconda maturazione


La produzione attesa risponde alla seguente formula parametrica:
Qg = R x Q: 1.000
dove:

- Qg: produzione giornaliera

- R: coefficiente di rilascio, assunto pari a 0,50 l/t/giorno

- Q: quantità di rifiuti stoccati, pari a circa 2.836 t pari al quantitativo di biostabilizzato messo a
maturare all’interno dell’aia di seconda maturazione che è stata considerata completamente
piena.
La produzione massima giornaliera è valutabile in 1,4 m3.

Vengono di seguito individuati i quantitativi di acque e percolati prodotti dall’impianto di trattamento


aria (colaticci dal biofiltro e condense):

Percolati biofiltro
La volumetria dello strato filtrante dei due biofiltri risulta pari a 4.160 m3 che, con un p.s. ~ 0,25 t/m3,
determina una quantità di circa 1.040 t. La stima tiene conto anche delle portate delle acque di
irrigazione e di umidificazione dell’aria in ingresso al biofiltro.
La produzione attesa risponde alla seguente formula parametrica:
Qg = R x Q: 1.000
dove:

- Qg: produzione giornaliera

- R: coefficiente di rilascio, assunto pari a 1,50 l/t/giorno

- Q: quantità di materiale stoccato, pari a circa 1.040 t


La produzione media giornaliera è valutabile in 1,56 m3.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 126
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Acque di condensazione
La produzione annua è stimata in 190 m3/anno, corrispondente a 0,52 m3/giorno.

Da quanto sopra discende che il quantitativo totale di reflui prodotti dalle fasi di processo ammonta a
circa 17,45 mc/giorno pari a circa 6.253 mc/anno così suddivisi:
Percolati: 5.537 mc/anno
Acque e condense da sistema di areazione: 715 mc/anno

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 127
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

15. IMPIANTO DI DEPURAZIONE

L’impianto sarà dotato di un sistema di depurazione dei percolati, delle acque di lavaggio e delle acque
“madri” provenienti dal comparto di disidratazione meccanica del digestato.
Il refluo avviato alla sezione di depurazione sarà primariamente soggetto ad un trattamento di
separazione dei solidi sospesi tramite centrifugazione su decanter.
Il refluo così chiarificato sarà trattato in un impianto biologico MBR, il trattamento sarà completato da
una sezione di filtrazione a doppio passaggio su membrane osmotiche.
L’impianto di trattamento proposto sarà costituito da tre linee di trattamento biologico operanti in
parallelo ed in grado di trattare circa 110 m3/d (pari a circa 40.000 ton/anno) di refluo chiarificato.
La linea di trattamento proposta consiste nei seguenti stadi di trattamento:
Sezione preliminare di separazione dei solidi
pompa di sollevamento refluo chiarificato (dopo separazione solidi) per sollevamento alla sezione di
grigliatura.
 unità di grigliatura composta da due stadi in filtrazione in serie.
 unità di trattamento biologico costituita da una sezione di denitrificazione e da una sezione di
ossidazione composta da due linee.
 sezione di post denitrificazione dotata di sistema di miscelazione, alimento della successiva
batteria di ultrafiltrazione.
 unità di raffreddamento dell’aria compressa insufflata nelle linee di ossidazione biologica,
costituita da uno scambiatore di calore aria/acqua, da una torre di raffreddamento dotata dei
necessari accessori per il controllo automatico della unità e da una stazione di ricircolo
dell’acqua di raffreddamento.
 unità di ultrafiltrazione a membrane tubolari MBR, dotata di sistema ad inversione di flusso per
acque cariche, flussaggio automatico di fine ciclo per singolo modulo, stazione di cleaning
(C.I.P) automatica, sistema di mantenimento del ricircolo in denitrificazione nel caso di pausa
dell’impianto, sistema di riscaldamento e mantenimento della temperatura dell’acqua di
lavaggio durante la fase di CIP (scambiatore di calore a fascio tubiero acqua/acqua completo di
accessori).

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 128
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

 unità di osmosi inversa a doppio stadio doppio passaggio di filtrazione, dotata di flussaggio
automatico di fine ciclo, stazione di cleaning (C.I.P) automatica, sistema di riscaldamento e
mantenimento della temperatura dell’acqua di lavaggio durante la fase di CIP (scambiatore di
calore a fascio tubiero acqua/acqua completo di accessori)
 unità autoclave in di pressurizzazione acqua trattata a servizio dell’impianto di trattamento.
 unità di sollevamento acque di flussaggio delle unità a membrane, drenaggio dei serbatoi CIP e
spanti del comparto membrane.
 unità di supervisione generale impianto.
Di seguito si riporta una planimetria dell’impianto previsto:

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 129
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Figura 26 - Impianto trattamento reflui

15.1 CHEMICALS

Di seguito si rimette l’elenco dei reagenti che si prevede di impiegare nelle differenti fasi di
depurazione dei reflui:

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 130
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

15.2 PARAMETRI ACQUE IN USCITA

Le tabelle riportate di seguito indicano i parametri delle acque in uscita dalla sezione di ultrafiltrazione
Permeato Ultra Filtrazione
Portata 110 mc/g
COD <2000 ppm
BOD >1000 ppm
SS 0,0 ppm
N-NH4+ <200 ppm
N-NO3 <300 ppm

E dalla sezione di osmosi inversa:


Permeato Osmosi Inversa a doppio passaggio (da avviare a scarico superficiale o impiegare a fini
industriali)
Portata 82,13 mc/g
COD <100 ppm
BOD - ppm
SS 0,0 ppm
N-NH4+ <15 ppm
N-NO3 <20 ppm

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 131
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Le acque depurate saranno impiegate nella gestione dell’impianto e l’esubero sarà avviato al Fosso del
Brecceto attraverso lo scarico SF1.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 132
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

16. VIABILITÀ DI COLLEGAMENTO

Il progetto prevede il ripristino della viabilità di collegamento al sito. In particolare si prevede di


asfaltare il tratto della Strada Comunale di Ramiano che dal Fosso del Brecceto conduce al nuovo
impianto, realizzando inoltre sistemi di illuminazione e banchine lungo il ciglio della strada.
Il tratto di strada ripristinata, della lunghezza di circa 700,72 m, presenterà una larghezza complessiva
di 10,50 m.

Figura 27 - In azzurro il tratto di strada che verrà ripristinato.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 133
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Figura 28 - sezione viabilità ripristinata

Attualmente la viabilità interessata dall’intervento presenta la massicciata stradale ma non la finitura


che si prevede di completare attraverso la stesura di binder e tappeto di usura.
Si rimanda alla tavola T.42 – Viabilità di collegamento per maggiori dettagli.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 134
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

17. OPERE ACCESSORIE

17.1 PESA A PONTE

I mezzi autorizzati al conferimento dei rifiuti presso l’impianto saranno sottoposti ad una fase di
accertamento e verifica formale, attraverso la postazione dell’ufficio pesa. Tale postazione avrà lo
scopo di accertare il peso del rifiuto trasportato, e quindi destinato ad essere conferito presso
l’impianto. Tale determinazione sarà effettuata mediante una pesa a ponte completamente
automatizzata, che consentirà la stampa di uno scontrino di pesata da rilasciare al trasportatore.
Il software di gestione dei dati consentirà altresì la stampa dei registri di carico e scarico, nonché la
trasmissione dei dati mensili ad una postazione remota per la fatturazione.
Tale postazione sarà assistita da un software di gestione dei movimenti in ingresso ed in uscita
dall’impianto.
Il software prevede l’approntamento di una anagrafica dei produttori abilitati a conferire presso
l’impianto, ad ognuno dei quali è associato un trasportatore autorizzato con elenco mezzi di trasporto.
L’accettazione del conferimento sarà subordinata solo alla rispondenza tra i dati inseriti in anagrafica
(Produttore, Trasportatore, Mezzi autorizzati al trasporto dei rifiuti, codice CER del rifiuto trasportato,
ecc.) e quelli dichiarati dal trasportatore al momento dell’ingresso in impianto.
I dati acquisiti dalla postazione di accettazione dei mezzi di conferimento dei rifiuti, saranno condivisi
con il sistema di supervisione dell’impianto, ed utilizzati per la elaborazione dei parametri di gestione
dell’impianto.
La pesa a ponte è costituita da travi principali in profilati HE opportunamente irrigiditi per mezzo di
profilati IPN che sostengono la tavola della pesa.
L’oscillazione della piattaforma avviene tramite speciali supporti a sfere autocentranti con limitatori di
oscillazione paracolpi.

17.2 RECINZIONE PERIMETRALE DELL’AREA E CANCELLO DI INGRESSO

Tutta l’area verrà perimetrata da una recinzione di nuova realizzazione.

La recinzione avrà un’altezza complessiva pari a pari a 2.45 mt.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 135
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Sarà realizzata con rete zincata e montanti in profilati di acciaio zincato.


I pali saranno sorretti da un cordolo in calcestruzzo armato continuo alto 40 cm fuoriterra, in grado di
opporsi al ribaltamento sotto l’effetto del vento.
Il cancello sarà realizzato in struttura metallica, automatizzato e dotato di segnalatore luminoso (si
rimanda alla tavola T.26 – Particolari costruttivi piazzale operativo e pavimentazioni).

17.3 CORTINA ARBOREA E OPERE DI SISTEMAZIONE A VERDE

Al fine di ridurre l'impatto visivo dell'opera, verrà realizzata una cortina arborea lungo tutto il
perimetro del lotto, inoltre verranno realizzate opere di sistemazione a verde in aiuole e scampoli di
terreno liberi dalle strutture dell’impianto.
Queste aree correttamente separate dalla sede stradale tramite la realizzazione di cicli di
contenimento dei terreni, verranno riempite con terreno coltivabile e piantumate.
Nelle zone a verde si provvederà a realizzare un manto erboso continuo e a piantumare
preferibilmente del verde nobile (alberi sempreverdi, cespugli fioriti) richiedente comunque scarsa
manutenzione.
In particolare verrà realizzata una cortina arborea a schermatura e protezione dell’impianto di Acer
negundo.
Nella realizzazione delle aree verdi onde evitare danni dovuti all'espansione dell'apparato radicale
degli alberi a opere civili o alle stesse piante, si manterranno distanze di sicurezza. In via propositiva si
segnalano i seguenti valori indicativi:
Altezza definitivadegli Distanza minima da Distanza minima da
Sesto di impianto
alberi (m) cordolo edifici (m)
(m)
marciapiede(m)
> 20 12 3 8
16 10 2 6
12 8 2 4
8 6 1.5 3
6 4 1.5 3

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 136
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

17.4 CABINA IDRICA E VASCA DI ACCUMULO ACQUA INDUSTRIALE E ANTINCENDIO

Un’unica costruzione in calcestruzzo armato includerà la vasca di accumulo per l’acqua industriale e
antincendio e la cabina idrica ove sono installate le apparecchiature di trattamento e pressurizzazione
delle reti .
La vasca di accumulo avrà un volume di 200 m3 per l’acqua antincendio.
L’acqua industriale sarà stoccata in una sezione dedicata della stessa vasca.

17.5 STAZIONE DI POMPAGGIO ACQUA ANTINCENDIO

La stazione di pompaggio ha la funzione di alimentare il sistema di distribuzione ad anello di acqua


antincendio.
Essa consisterà principalmente di:
 2 pompe acqua antincendio principali azionate da motore elettrico;
 una pompa di pressurizzazione del sistema di distribuzione acqua antincendio.
La pompa di pressurizzazione interverrà per mantenere in pressione il circuito antincendio in caso di
perdite o di modesti prelievi, senza provocare la messa in marcia delle pompe principali.
Se la pressione dell'anello di distribuzione dovesse scendere al di sotto di un valore limite, entrerà in
funzione l'elettropompa antincendio principale. In caso di mancato intervento dell'elettropompa, verrà
messa in marcia la seconda pompa principale azionata da motore diesel.
Tutte le pompe saranno alimentate dalla vasca di accumulo acqua antincendio/industriale con capacità
tale da garantire l'alimentazione della rete antincendio almeno per due ore.
A valle delle pompe principali sarà installata la tubazione di prova, con valvola di intercettazione
normalmente chiusa, che consentirà di effettuare, per mezzo di un diaframma tarato, la misura di
portata delle pompe, rimandando l'acqua direttamente nella vasca di stoccaggio.

17.6 ANELLO DI DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA ANTINCENDIO

L'acqua antincendio verrà distribuita agli idranti, posti all’esterno degli edifici, per mezzo di un sistema
di distribuzione ad anello costituito da tubazioni in acciaio interrate.
L’attacco dell’autopompa dei vigili del fuoco è previsto in prossimità del cancello di ingressi.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 137
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

17.7 SISTEMA IDRANTI

Gli idranti saranno collegati all'anello di distribuzione principale; sono stati previsti idranti soprassuolo
a colonna UNI 70, posti lungo il perimetro dell'impianto, ed un certo numero di idranti a naspo UNI 45,
posti soprattutto all’interno ed in prossimità del capannone.
Ogni idrante soprassuolo UNI 70 sarà dotato di n. 2 bocche di uscita UNI 70 e di un attacco per
motopompa UNI 70, Nei pressi dell'idrante verrà posizionata una cassetta antincendio completa di n. 2
manichette UNI 70 da 20 m, n. 2 lance UNI 70 in rame-ottone e chiave per raccordi UNI.
Ogni idrante a cassetta UNI 45 sarà dotato di rubinetto idrante, manichetta UNI 45 da 20 m e lancia
UNI 45 in rame-ottone.

17.8 EQUIPAGGIAMENTO PORTATILE

Sono previsti estintori ricaricabili portatili posizionati all’interno degli edifici ed estintori ricaricabili
carrellati posizionati all’esterno in punti strategici, per un'azione protettiva nei confronti di incendi a
localizzazione limitata.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 138
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

18. RUMORE

Per la valutazione dell’inquinamento acustico vengono in genere adottati due criteri complementari: il
criterio relativo ed il criterio assoluto.
Il primo è basato sul limite di tollerabilità della differenza tra rumore ambientale e rumore residuo;
viene utilizzato per la valutazione del rumore in un ambiente abitativo effettuandone la misura
all’interno.
Il secondo, utilizzato per tipologie impiantistiche del tipo in oggetto, effettua la valutazione del rumore
in ambiente esterno eseguendo la misura all’esterno; definisce il livello sonoro che un’attività
rumorosa può provocare agli insediamenti abitativi circostanti col vantaggio di fissare un tetto
massimo non superabile.
I limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e in quello esterno sono stati fissati
dall’ultimo DPCM del 14 novembre 1997.
Attraverso l’utilizzo di tali criteri, l’imprenditore può eseguire una stima finanziaria di fattibilità,
scegliere la più idonea localizzazione dell’attività e preventivare i costi degli interventi antirumore.
Il DPCM del 14 novembre 1997 distingue le seguenti sei classi per le quali, in funzione delle
destinazioni d’uso del territorio, è definito ammissibile un livello sonoro equivalente continuo (Leq)
espresso in dB(A):
CLASSE DESCRIZIONE TEMPI DI RIFERIMENTO Leq in dB(A)
EMISSIONI IMMISSIONI
Diurno Notturno Diurno Notturno
(06.00- (22.00- (06.00- (22.00-06.00)
22.00) 06.00) 22.00)
I Aree nelle quali la quiete rappresenta un
AREE PARTICOLARMENTE elemento di base per la loro utilizzazione: aree 45 35 50 40
PROTETTE ospedaliere, scolastiche, destinate al riposo e allo
svago, residenziali rurali, di particolare interesse
urbanistico, parchi naturali, ecc.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 139
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

II Aree urbane interessate prevalentemente da


AREE DESTINATE AD USO traffico veicolare locale, con bassa densità di 50 40 55 45
PREVALENTEMENTE popolazione, con limitata presenza di attività
RESIDENZIALE commerciali ed assenza di attività industriali ed
artigianali.
III Aree urbane interessate da traffico veicolare
AREE DI TIPO MISTO locale o di attraversamento, con media densità di 55 45 60 50
popolazione, con presenza di attività commerciali
e uffici, con limitata presenza di attività artigianali
e con assenza di attività industriali; aree rurali
interessate da attività che impiegano macchine
operatrici.

IV Aree urbane interessate da intenso traffico


AREE DI INTENSA ATTIVITÀ veicolare, con alta densità di popolazione, con
UMANA elevata presenza di attività commerciali e uffici, 60 50 65 55
con presenza di attività artigianali e con presenza
di attività industriali; aree in prossimità di strade
di grande comunicazione e di linee ferroviarie;
aree portuali; aree con limitata presenza di
piccole industrie.

V Aree interessate da insediamenti industriali con


AREE PREVALENTEMENTE scarsità di abitazioni. 65 55 70 60
INDUSTRIALI
VI Aree esclusivamente interessate da attività
AREE ESCLUSIVAMENTE industriali e prive di insediamenti abitativi. 65 65 70 70
INDUSTRIALI

Figura 18.1 - Valori limite di emissione e di immissione fissati dal DPCM 14 Novembre 1997.

I valori limite assoluti di immissione (art. 3) corrispondono a quelli già indicati dal D.P.C.M. 1 marzo
1991. Ad essi vengono, tuttavia, affiancati i valori limite differenziali di immissione (art. 4), posti uguali
a 5 dB per il periodo diurno ed a 3 dB per il periodo notturno, all’interno degli ambienti abitativi (tali
valori hanno un campo d’applicazione limitato, in quanto non possono essere fatti valere all’interno
delle aree di classe VI e nei casi in cui il livello di inquinamento acustico sia nullo o trascurabile7).

7 Cioè quando i livelli equivalenti di pressione sonora negli ambienti abitativi risultano inferiori, nei periodi diurni, a 50 dB (A) a finestre

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 140
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

I valori limite di emissione (art. 2) sono fissati, fino all’emanazione della relativa norma UNI, 5 dB al di
sotto dei valori limite assoluti di immissione. Non vi sono limiti di applicabilità, in quanto tali limiti sono
riferiti sia alle sorgenti mobili sia a quelle fisse, e “si applicano a tutte le aree del territorio, secondo la
rispettiva classificazione in zone”8.
I valori di qualità (art. 7) sono posti 3 dB al di sotto dei valori limite assoluti di immissione, con
l’eccezione delle zone VI, per le quali lo scarto si annulla.
I valori di attenzione (art. 6) sono invece posti 10 dB al di sopra dei valori limite assoluti di immissione
per i periodi diurni. Tale scarto si riduce a 5 dB per i periodi notturni9.
Il Comune di Ponzano Romano, non ha effettuato la classificazione acustica del territorio comunale.
I livelli sonori all’interno e all’esterno dell’impianto, sia in fase di cantiere che di gestione saranno
garantiti entro i previsti limiti di legge, e saranno monitorati attraverso apposite campagne ad hoc.
Le sorgenti di rumore o vibrazioni possono distinguersi in base alle attività svolte:
 Fase di cantiere dovute alla presenza dei mezzi d’opera;
 Fase operativa dovuta al traffico veicolare ed ai macchinari in uso.
In entrambi i casi tali sorgenti sonore appaiono del tutto trascurabili sia per la distanza dell’impianto da
aree residenziali che per la modesta entità delle stesse.
Durante la fase di gestione dell’impianto in oggetto si prevede la presenza di alcune sorgenti sonore
riconducibili essenzialmente a:
 apparecchiature fisse e mobili adibite al trattamento dei rifiuti e del materiale in ingresso
all’impianto (trituratori, vagli, nastri trasportatori ecc.);
 apparecchiature afferenti ai sistemi di estrazione, insufflazione, ricircolo e trattamento dell’aria
(ventilatori e d estrattori);
 mezzi d’opera (pale meccaniche, ecc);
 mezzi di conferimento e allontanamento dei rifiuti/materiali in ingresso/uscita.

aperte e 35 dB (A) a finestre chiuse, e nei periodi notturni a 40 dB (A) a finestre aperte e 25 dB (A) a finestre chiuse.
8 Il decreto tuttavia specifica che “i rilevamenti e le verifiche sono effettuati in corrispondenza degli spazi utilizzati da persone e
comunità”.
9 I valori di attenzione si ritengono riferiti a singoli intervalli orari. Il decreto definisce anche valori di attenzione riferiti al tempo a lungo
termine (TL), ovvero al tempo “...all’interno del quale si vuole avere la caratterizzazione del territorio dal punto di vista della rumorosità
ambientale...”, definito in relazione alle variazioni dei fattori che influenzano la rumorosità nel lungo termine.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 141
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Tutti i macchinari fissi e mobili utilizzati nel processo saranno di recente costruzione e rispondenti alle
direttive macchine (marchio CE).
Per tutti gli strumenti collocati all’interno del capannone la struttura provvederà a contenere la
diffusione sonora all’esterno.
Il livello di rumore all’esterno dei macchinari impiegati rispetterà la Direttiva 2000/14/CE, le
attrezzature elettromeccaniche saranno garantite dal fornitore.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 142
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

19. PIANO DI MONITORAGGIO

Fermo restando che il piano di monitoraggio sarà concordato con l’Ente di Controllo preposto (ARPA
Lazio),l’impianto in oggetto provvederà a seguire il piano di monitoraggio sulle seguenti matrici
ambientali:
 acque sotterranee;
 acque di drenaggio superficiale;
 qualità dell’aria;
 parametri meteoclimatici;
 rumore;
Per ulteriori indicazioni si rimanda la Piano di Monitoraggio e Controllo.

19.1 ACCESSO AI DATI E AI RISULTATI DELLE CAMPAGNE DI MONITORAGGIO

Tutti gli esiti dei controlli e dei monitoraggi previsti nel presente programma, saranno conservati
presso l’impianto e in copia presso la funzione tecnica centrale.
Le concentrazioni dei parametri e il loro andamento spazio – temporale saranno correlati, al fine di far
emergere tempestivamente eventuali anomalie, individuarne le cause e attuare gli interventi
necessari.
Le suddette informazioni saranno trasmesse agli Enti di controllo con le modalità e le tempistiche
previste dalla normativa vigente e dalle prescrizioni autorizzative.

19.2 AFFIDABILITÀ DEI MONITORAGGI E DEI CONTROLLI

I laboratori cui saranno affidate le analisi previste nel presente programma dovranno essere laboratori
certificati e dovranno operare secondo metodiche riconosciute e riportare su ciascun certificato di
analisi, per ogni parametro, il riferimento alla metodica utilizzata. Ogni certificato dovrà essere
sottoscritto da tecnico abilitato.
Tutta la strumentazione utilizzata per le misure sarà manutenuta, tarata e calibrata nel rispetto di
quanto previsto dagli specifici manuali di uso e manutenzione.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 143
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Qualora le misure e i controlli siano affidati a fornitore terzo, sarà richiesta documentazione che
consenta di identificare la strumentazione utilizzata, accompagnata dai certificati di calibrazione della
suddetta strumentazione e dalle relative scadenze.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 144
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

20. RICADUTE SOCIALI ECONOMICHE E OCCUPAZIONALI

Di seguito si riporta una valutazione delle possibili ricadute, sociali, occupazionali ed economiche
dell'intervento a livello locale, come richiesto dal Par. 13.1, lett.b), Punto v., Parte III delle “Linee guida
per il procedimento di cui all'articolo 12 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387 per
l'autorizzazione alla costruzione e all'esercizio di impianti di produzione di elettricità da fonti
rinnovabili nonché linee guida tecniche per gli impianti stessi”, in allegato al D.M. 10 settembre 2010.
Si ritiene che la previsione di un’analisi sugli impatti attesi dall’attuazione del progetto sotto il profilo
sociale ed economico risponda alla ratio insita nel D.M. 10/09/2010, secondo cui occorre verificare la
compatibilità dell’esercizio della specifica attività, per la produzione di energia elettrica da fonti
rinnovabili, con gli interessi pubblici, allorché tale attività è ammessa a fruire di incentivi di tipo
economico, nonché di procedure acceleratorie (autorizzazione unica).
La logica insita in tale approccio è quella di mostrare come l’intervento in oggetto sia in grado di
cogliere, a livello locale, sfide e obiettivi posti a livello europeo e nazionale alla produzione di energia
da fonti rinnovabili, producendo, a tale scala, gli effetti attesi in termini di creazione di nuova
occupazione e nuovo valore aggiunto

20.1 ASPETTI SOCIALI

La produzione di energia da fonti rinnovabili è universalmente conosciuta per essere un imperativo a


livello globale dal quale dipende la sopravvivenza stessa del pianeta. In questo contesto il biometano
assume un ruolo di primo piano sul fronte della lotta al mutamento climatico, è in grado di
determinare una transazione energetica verso una economia a basso contenuto di carbonio fondata
sulla sostenibilità e sulla circolarità nell’utilizzo delle risorse. I benefici che la drastica diminuzione delle
emissioni prodotte in larga parte dai combustibili fossili, sono stati riconosciuti non solo dal punto di
vista ambientale, ma anche economico poiché possono portare sviluppo scientifico e tecnologico,
creazione di nuovi settori produttivi e, conseguentemente, un aumento di posti di lavoro ed una
opportunità per il futuro delle nuove generazioni.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 145
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

È in questo contesto che va vista la produzione di biometano anche nella considerazione che il suo
processo produttivo rende disponibile il compost il cui utilizzo agronomico comporta una riduzione
delle emissioni che alterano il clima e un progressivo aumento della sostanza organica dei terreni che
questa tecnologia di trasformazione consente una riduzione drastica degli inquinanti immessi nel
terreno e quindi nella falda sotto forma di fertilizzanti.
Nella progettazione dell’impianto, la società proponente ha cercato di tenere in considerazione
principi di efficienza, rispetto per l’ambiente e prospettive socio economiche sostenibili. Nella
individuazione del sito ha tenuto conto:
 della posizione attigua ad una importante viabilità ed ai siti di reperimento delle materie in
ingresso al processo;
 della marginalità territoriale, trovandosi a debita distanza da centri abitati;
 la prossimità ad una linea del gas metano per l’immissione in rete.
L’aspetto maggiormente rilevante è l’aspetto sociale legato all’abbattimento dell’inquinamento, che
nella fattispecie si configura in sostanze azotate. L’eliminazione di tali sostanze, o anche solo la
modifica del tenore delle stesse, disperse nel terreno come fertilizzanti contribuisce a migliorare la
qualità delle acque di falda da cui i pozzi (anche per uso umano) attingono e dei corsi d’acqua
superficiali.
Quale ricaduta sociale primaria non possiamo ignorare il forte valore etico della scelta di un’energia
che deriva da una fonte rinnovabile e quindi totalmente ecologica; l’impianto, infatti, contribuirà
autonomamente al processo di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul biogas e sul biometano.

20.2 ASPETTI ECONOMICO-OCCUPAZIONALI

Le ricadute occupazionali dovute alla realizzazione di un impianto come questo in oggetto, possono
essere distinte principalmente in due macrocategorie: dirette e indirette. Per ricadute dirette si
intende lo specifico numero di addetti che direttamente saranno impiegati nell’impianto oggetto di
analisi e che comprendono diverse figure a partire dai progettisti, fino agli addetti alla costruzione e
installazione dell’impianto nonché al sua gestione. Le ricadute indirette o indotte riguardano tutto quel
numero di addetti indirettamente correlati alla produzione di un bene, in questo caso il compost, e gli
addetti alla fornitura della filiera.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 146
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Tenendo conto di questi aspetti, si può suddividere il ciclo di vita dell’impianto in due fasi principali:
• fase di realizzazione;
• fase di esercizio
• fase di dismissione
In linea di massima, si ritiene che dall’iniziativa industriale in oggetto possano trarre vantaggio:
 nuove professionalità, che a diretto contatto con le nuove tecnologie (“verdi”), possono aver
bisogno di nuove qualifiche e di un aggiornamento continuo;
 professionalità tradizionali, che, pur esplicandosi direttamente nell’esercizio dell’impianto o
nelle attività economiche indotte, non richiedono l’acquisizione di nuove skill per gestire
proficuamente il proprio lavoro;
 figure professionali provenienti da settori o aziende in crisi, i quali possono godere di una
condizione di “rivitalizzazione” sul territorio, generata dallo sviluppo dell’iniziativa e
dall’attivazione della filiera industriale per la produzione energetica, per cogliere appieno la
quale possono aver bisogno di un’integrazione delle proprie competenze o di nuova
formazione.
Considerando il fatto che, come detto, l’installazione di un impianto per la produzione di biometano
necessita di conoscenza specifiche, saranno studiati dei brevi percorsi formativi da attivare anche in
base ad alcune esperienze precedenti della società proponente; saranno poi prese in esame le
strategie che le imprese che parteciperanno alla realizzazione dell’impianto adotteranno per il
reclutamento della manodopera necessaria, valutando i problemi incontrati nella gestione delle
squadre sul campo.
Tali strategie ribadiscono fortemente il ruolo che il Proponente assegna alla formazione e
all’aggiornamento tecnologico delle proprie risorse in questa realtà, con l’obiettivo di verificare
l’accessibilità a queste opportunità lavorative delle persone residenti nell’area limitrofa . Non
bisogna inoltre sottovalutare il fatto che le persone che partecipano alla costruzione di un impianto
simile acquisiscono una specializzazione tale da potersi poi in qualche modo rivendere anche su
mercati diversi.
Riguardo alla fase di esercizio dell’impianto, altro fattore da non sottovalutare, quando si effettuano le
stime dell’impatto economico e occupazionale, riguarda la nascita e la crescita di un piccolo indotto

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 147
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

attorno all’impianto: la manutenzione delle apparecchiature e l’esigenza di conservazione in ottimo


stato dell’impianto, infatti, rendono necessario prevedere delle figure professionali presenti
nell’area, in grado di saper gestire al meglio le problematiche e poter risolvere le emergenze con
interventi mirati o attivando una squadra specialistica.
La realizzazione dell’impianto e delle opere necessarie alla sua funzionalità, in particolare le opere
civili, assicurerà l’impiego di risorse locali per la preparazione del terreno, i movimenti terra, gli scavi, la
fornitura ed il trasporto di materiale non specialistico, la costruzione dei manufatti.
Per l’esecuzione delle opere civili ed il montaggio degli impianti si stima l’impiego per 24 mesi di 20
operai di cui 10 specializzati che potrebbero essere reperiti in loco.
Inoltre l’impianto a regime offrirà lavoro in ambito locale:
− a personale non specializzato per le necessità connesse alla guardiania;
− al personale necessario alla manutenzione ordinaria per il taglio controllato della vegetazione
che sarà utilizzata come schermo di mitigazione;
− a personale qualificato necessario a gestire il processo;
− a personale specializzato per il controllo e la manutenzione delle apparecchiature elettriche,
meccaniche ed elettroniche;
Si stima che nella fase gestionale l’impianto, per i compiti sopra individuati, necessita di circa 30
addetti.
Nella fase di dismissione, quando l’impianto avrà terminato la sua vita utile, sarà impiegato parte del
personale utilizzato nella gestione operativa dello stesso. Si stimano quindi in questo caso l’impiego di
almeno 10 addetti.
Nell’analisi finora fatta sono state considerate le ricadute di tipo occupazionale e socio–economico
“dirette”; è tuttavia necessario fare accenno anche a tutte quelle che, invece, derivano da impatti
“indiretti”: tra queste si possono citare la riduzione del prezzo del metano (a livello macroscopico),
l’incremento della competitività del sistema e, non ultima, l’attrazione di nuove attività produttive
nell’area , l’impiego di ulteriori addetti per il mantenimento della filiera che verrà creata dalla
realizzazione dell’impianto.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 148
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

Infine, ai sensi del D.M. 10 Settembre 2010 – Linee Guida Nazionali – il Comune beneficerà, a spese
del soggetto che realizzerà l’impianto, di nuove opere di interesse pubblico che, diversamente, non
avrebbero trovato fonte di finanziamento.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 149
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

21. PIANO DI DISMISSIONE

Nel capitolo seguente si riportano le operazioni da effettuare al termine della vita utile dell’impianto,
attraverso la dismissione dello stesso ed il ripristino dello stato dei luoghi.
Conseguentemente tutte le strutture costituenti gli impianti, i piazzali e le opere civili, verranno
smontate e/o demolite per rendere le aree nelle condizioni originarie.
Le attività, che avranno una durata di 75 giorni, a partire dal termine dei conferimenti saranno:
1. vuotatura completa dell’aia di maturazione dal compost (tale operazione verrà effettuata a
seguito del blocco dei conferimenti di rifiuti) ;
2. smontaggio e alienazione dei macchinari, dei fabbricati e di tutti gli altri allestimenti a servizio
dell’impianto;
3. smontaggio e avvio allo smaltimento e/o recupero delle reti di servizio;
4. decorticazione dei piazzali ed avvio al trattamento e/o al recupero;
5. demolizione strutture in cls (piattaforme di fondazione palazzina uffici) ed avvio allo
smaltimento e/o al recupero;
6. recupero naturalistico dell’area.

Dall’attività descritta deriveranno:


a) macchinari e strutture recuperabili (opere elettromeccaniche, strutture prefabbricate, pesa,
serbatoi);
b) asfalto da avviare al recupero/smaltimento;
c) demolizioni di cls armato (solette, muri, tubazioni, pozzetti, recuperabili e/o smaltibili);
d) impianti elettrici da recuperare e/o smaltire.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 150
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

1.1 OPERE DI RIVEGETAZIONE E DI RIPRISTINO AMBIENTALE

Al termine della vita utile dell’impianto avranno inizio le attività di dismissione al cui termine si passerà
al recupero naturalistico dell’area, volto a restituire all’area le caratteristiche morfologiche e
vegetazionali originali.
Verranno realizzati i seguenti interventi:
- Inerbimento di tutte le superfici a mezzo prato da idrosemina a manutenzione ordinaria;
- Formazione della copertura arborea ed arbustiva .
Le tecniche impiegate per la realizzazione di questi interventi sono quelle dell'ingegneria naturalistica
in accordo con le caratteristiche morfologiche e climatiche dell’area e con la distribuzione e tipologia
delle specie vegetali locali.
Lo scopo assolto dall’elemento “copertura vegetale” è sia di ordine estetico che tecnico.
Il primo consente di reinserire, in maniera armonica, la zona compromessa all'interno del paesaggio
circostante; il secondo di preservare dall'erosione operata dal vento e dalle acque il sistema di
copertura, di massimizzare l'evapotraspirazione dell'acqua presente nello strato superficiale e di
aumentare la stabilità del suolo.
I manto erboso ed i cespugli che verranno impiantati garantiranno la prevenzione dell’erosione;
infatti la vegetazione sviluppa un sistema radicale fitto e di breve estensione che è più efficace di
quella che presenta radici rade e di lunga estensione.
Verranno adottati i metodi e le tecniche dell’Ingegneria naturalistica ed in particolare quelli relativi al
verde tecnico, cioè degli interventi di rivegetazione su superfici con condizionamenti derivati
dall’attività dell’uomo.
Valgono in questo caso le quattro finalità classiche dell’Ingegneria Naturalistica:
1. tecnico – funzionale relativamente alle funzioni antierosive e stabilizzanti delle superfici di
ricopertura;
2. ecologico – naturalistica in quanto la prima finalità viene raggiunta mediante la rivegetazione
con specie autoctone in consociazioni che fanno riferimento agli stadi della serie dinamica della
vegetazione potenziale naturale del sito;
3. paesaggistica dando per scontato che in ambiti extraurbani il miglior reinserimento nel
paesaggio sia quello che utilizza le piante locali con esclusione di quelle esotiche talvolta

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 151
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

proposte dal mercato internazionale;


4. economica intesa sia come risparmio rispetto a tecniche dell’ingegneria tradizionale, sia come
indotto economico (ditte vivaistiche specializzate, manutenzioni del verde, monitoraggi).

Si ricordano in sintesi i principali elementi di riferimento adottati:


 Impiego prevalente di suoli autoctoni;
 Uso altresì di ammendanti di origine organica (fertilizzanti, fibre vegetali, ecc.) per riportare il suolo
a condizioni di fertilità adeguate alla riuscita degli interventi di rivegetazione;
 Impiego prevalente di miscele di specie erbacee locali;
 Impiego esclusivo di specie legnose autoctone e derivate da materiale da propagazione raccolto
nell’area geografica dell’intervento;
 Adozione di tecniche di Ingegneria dimensionate alla necessità di opere antierosive, stabilizzanti e
di consolidamento effettivamente necessarie alla riuscita tecnico-naturalistica degli interventi a
verde;
 Adozione di tecniche di ingegneria tradizionali solo se non sostituibili con tecniche di ingegneria
naturalistica.

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 152
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

TEMPORIZZAZIONE DELLE OPERAZIONI DI DISMISSIONE DELL’IMPIANTO


MESE 1
Attività 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 3
1 2 3 4 5 6 7 8 9
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0
Vuotatura aia di maturazione al termine del processo di stabilizzazione del
1 30 gg
compost

2 Smontaggio e smaltimento elementi prefabbricati delle opere civili 21 gg

Smontaggio e alienazione macchinari sezione pretrattamento e digestione


3 15 gg
anaerobica

4 Decorticazione piazzali

5 Smontaggio e smaltimento reti di servizio

6 Demolizione strutture in CLS

7 Riprofilatura del terreno

8 Recupero naturalistico (inerbimento)

9 Recupero naturalistico (piantumazione)

MESE 2
Attività 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 3
1 2 3 4 5 6 7 8 9
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0
Vuotatura aia di maturazione al termine del processo di stabilizzazione del
1
compost

2 Smontaggio e smaltimento elementi prefabbricati delle opere civili 2g

Smontaggio e alienazione macchinari sezione pretrattamento e digestione


3
anaerobica

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa
Regione Lazio – Città Metropolitana di Roma Capitale – Comune di Ponzano Romano
IMPIANTO PER IL COMPOSTAGGIO E DIGESTIONE ANAEROBICA DI RIFIUTI ORGANICI DI NATURA AGRO-
Pag 153
INDUSTRIALE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CON PRODUZIONE DI BIOMETANO E CO2
RELAZIONE TECNICA

4 Decorticazione piazzali 17 gg

5 Smontaggio e smaltimento reti di servizio 14 gg

6 Demolizione strutture in CLS 17 gg

7 Riprofilatura del terreno 10 gg

8 Recupero naturalistico (inerbimento)

9 Recupero naturalistico (piantumazione)

MESE 1
Attività 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 3
1 2 3 4 5 6 7 8 9
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0
Vuotatura aia di maturazione al termine del processo di stabilizzazione del
1
compost

2 Smontaggio e smaltimento elementi prefabbricati delle opere civili

Smontaggio e alienazione macchinari sezione pretrattamento e digestione


3
anaerobica

4 Decorticazione piazzali

5 Smontaggio e smaltimento reti di servizio

6 Demolizione strutture in CLS

7 Riprofilatura del terreno

8 Recupero naturalistico (inerbimento) 15 gg

9 Recupero naturalistico (piantumazione) 15 gg

2018
C.G.A. Srl Idroesse Engineering Srl Sogliano Ambiente Spa