Sei sulla pagina 1di 11

Ing.

Mauro Malizia – Prevenzione Incendi Attività soggette - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

D.M. 16 febbraio 1982


Modificazioni del decreto ministeriale 27 settembre 1965, concernente la determina-
zione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi.
(Gazzetta Ufficiale 9 aprile 1982, n. 98)

Articolo 1
I locali, le attività, i depositi, gli impianti e le industrie pericolose i cui progetti sono soggetti
all'esame e parere preventivo dei comandi provinciali dei vigili del fuoco ed il cui esercizio è
soggetto a visita e controllo ai fini del rilascio del Certificato di prevenzione incendi, nonché la
periodicità delle visite successive, sono determinati come dall'elenco allegato che, controfirmato
dal Ministro dell'interno e dal Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato, forma par-
te integrante del presente decreto.
I responsabili delle attività soggette alle visite ed ai controlli di prevenzione incendi di cui al
presente decreto hanno l'obbligo di richiedere il rinnovo del Certificato di prevenzione incendi
quando vi sono modifiche di lavorazione o di struttura, nei casi di nuova destinazione dei locali
o di variazioni qualitative e quantitative delle sostanze pericolose esistenti negli stabilimenti o
depositi, e ogniqualvolta vengano a mutare le condizioni di sicurezza precedentemente accerta-
te, indipendentemente dalla data di scadenza dei certificati già rilasciati.
La scadenza dei Certificati di prevenzione incendi già rilasciati e validi alla data di emanazione
del presente decreto, dovrà intendersi modificata secondo i nuovi termini da questo previsti.
Agli stabilimenti ed impianti che comprendono, come parti integranti del proprio ciclo
produttivo, più attività singolarmente soggette al controllo da parte dei comandi pro-
vinciali dei vigili del fuoco, dovrà essere rilasciato un unico Certificato di prevenzione
incendi relativo a tutto il complesso e con scadenza triennale.

Si riportano alcuni chiarimenti di carattere generale:


 Qualora la richiesta interessi più attività singolarmente elencate nell'allegato al DM 16 febbraio
1982, la durata del servizio è pari a quella complessivamente risultante dalla durata prevista
per ogni singola attività.
Un’attività generale comprendente più attività singolarmente soggette, anche se individuate
dal medesimo punto dell’elenco allegato al D.M. 16 febbraio 1982, devono essere considerate
separatamente ai fini determinazione del versamento.
Esempi:
Ogni locale caldaia (att. 91), ogni serbatoio o gruppo di serbatoi di G.P.L. individuabili
come depositi distinti (att. 4B), ogni vano ascensore o montacarichi (att. 95), ecc. costitui-
scono attività distinte e per ognuna di esse deve essere effettuato il relativo versa-
mento.
 Per complessi edilizi ad uso civile includenti più attività distintamente indicate nel nuovo
decreto possono, in via generale, considerarsi due casi:
a) complesso edilizio ad unica gestione nel quale coesistono più attività soggette ai con-
trolli di prevenzione incendi e che sono a servizio esclusivo del complesso edilizio stesso (ad
esempio ospedali includenti impianti di produzione di calore, depositi, lavanderie, ecc.; al-
berghi includenti autorimesse, sale di riunione, centrali termiche, locali di spettacolo e trat-
tenimento includenti centrali termiche, di condizionamento, ecc.). In tale caso, anche a
norma dell'art. 2 della legge 966/1965, dovrà essere rilasciato un unico Certificato di
prevenzione incendi relativo a tutto il complesso, con la scadenza prevista nel decreto, e
che dovrà contenere le indicazioni relative alle singole attività in analogia a quanto già indi-
cato per gli stabilimenti ed impianti industriali;
b) complesso edilizio polifunzionale a gestione non unica nel quale coesistono più attivi-
tà soggette ai controlli di prevenzione incendi e che non sono a servizio del complesso edili-
zio stesso (ad esempio attività commerciali, locali di trattenimento o spettacolo, scuole,
ecc.). In tale caso dovrà essere rilasciato a ciascuna gestione dell'attività un Certifica-
to di prevenzione incendi con le relative scadenze previste nel decreto. (Circolare n.
25/MI.SA. del 2/6/1982)

Pag. 1
Ing. Mauro Malizia – Prevenzione Incendi Attività soggette - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

 Per i complessi edilizi ad uso civile a gestione unica comprendenti più attività, in cui l’attività
principale è individuata tra quelle contemplate ai punti 83, 84, 85, 86 e 87 dell’elenco allega-
to al D.M. 16 febbraio 1982 deve procedersi al rilascio di un unico certificato di prevenzio-
ne incendi con scadenza triennale (Nota prot. n. P725/4122 sott. 67 del 4 giugno 2001).
Si forniscono due esempi utili a chiarire:
Att. 43 e 91  scadenza CPI 6 anni
Att. 83 e 91  scadenza CPI 3 anni
 Il titolare dell’attività che normalmente coincide con il titolare dell’autorizzazione ammini-
strativa prevista dalle specifiche normative per l’esercizio dell’attività medesima, è il sogget-
to tenuto a richiedere al comando provinciale dei Vigili del Fuoco il certificato di preven-
zione incendi, nelle forme stabilite dai citati provvedimenti.
Nei casi in cui il titolare dell’attività non coincide con il gestore della stessa, in quanto trattasi
di soggetti diversi, con rapporti regolati da contratti, alcuni obblighi gestionali di cui all’articolo
5 del DPR n. 37 del 1998 possono essere affidati, sulla base di specifici accordi contrattuali, al
gestore: in tale circostanza il titolare dell’attività dovrà specificare nelle dichiarazioni di cui
agli allegati III e IV al D.M. 4/5/98, quali obblighi, tra quelle previsti dall’articolo 5 del DPR n.
37 del 1998, ricadono sul titolare medesimo e quali sul gestore, allegando al riguardo apposi-
ta dichiarazione di quest’ultimo attestante l’assunzione delle connesse responsabilità e
l’attuazione dei relativi obblighi (Nota prot. n. P1113/4101 sott. 72/E del 31 luglio 1998).
 Qualora le attività soggette ai controllo dei vigili del fuoco siano gestite da differenti titolari
(intesi come titolari dell'autorizzazione amministrativa prevista per l'esercizio, dell'attività
stessa) ed esistano aspetti di interconnessione dal punto di vista impiantistico o comun-
que della sicurezza antincendio, il certificato di prevenzione incendi deve essere unico,
eventualmente cointestato. In tal caso dovrà essere chiaramente indicata l'eventuale ripar-
tizione degli obblighi di cui all'art. 5 DPR 37/98 tra i diversi titolari (Nota prot. n. P33/4101
sott. 106/16 del 18 marzo 2004).
 Qualora due o più attività comunicanti tra loro tramite filtro a prova di fumo, singolarmente
non soggette ai controlli di prevenzione incendi, abbiano un solo titolare, devono essere consi-
derate come un’unica attività ai fini della eventuale assoggettabilità ai controlli dei Vigili del
Fuoco per il rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi.
Nel caso invece in cui le attività, pur comunicando tra loro, appartengano a titolare diversi,
dovranno osservare singolarmente le norme di sicurezza vigenti ivi comprese le eventuali
specifiche disposizioni di prevenzione incendi (Nota prot. n. P401/4101 sott. 106/33 del 23
aprile 1998).
 Relativamente ai versamenti per i servizi di prevenzione incendi su conto corrente postale a fa-
vore della Tesoreria Provinciale dello Stato si chiarisce che, non è dovuta l'imposta di bollo
di € 1,81 per ì versamenti superiori a € 77,47 (Lire 150.000), effettuati a mezzo di conto cor-
rente postale in quanto tali documenti sono esenti dall'imposta di bollo e tale esenzione pre-
scinde dalla causale del pagamento (Chiarito con nota dell'Agenzia dell'Entrate - Direzione
Centrale Normativa e Contenzioso prot. n.954-33625/2009 del 13 maggio 2009).

Pag. 2
Ing. Mauro Malizia – Prevenzione Incendi Attività soggette - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

Allegato 1
Elenco dei depositi e industrie pericolosi soggetti alle visite ed ai controlli di prevenzione incendi
(art. 4 della legge 26 luglio 1965, n. 966)
Scad.
Attività
C.P.I.
Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas combustibili, gas comburenti
(compressi, disciolti, liquefatti) con quantità globali in ciclo o in deposito superiori a 50
1 Nmc/h 3
(esclusi: impianti di produzione, di estrazione e coltivazione mineraria del gas metano, impianti di compressione
d'aria per martelli pneumatici, per gonfiaggio gomme e simili)
Impianti di compressione o di decompressione dei gas combustibili e comburenti con poten-
zialità superiore a 50 Nmc/h
2 (esclusi: gruppi di riduzione del gas naturale inseriti nelle reti di trasporto e distribuzione cittadina con pressione 6
di esercizio non superiore a 5 bar, impianti di compressione d'aria per martelli pneumatici, per gonfiaggio gomme e
simili)
Depositi e rivendite di gas combustibili in bombole:
(compresi: impianti di stoccaggio di bombolette spray pressurizzate con G.P.L.; esclusi: carri bombolai di emergenza per
attività di carattere temporaneo)

3 per capacità complessiva da 0,75 a 2 mc 6


a) compressi:
per capacità complessiva superiore a 2 mc 3
b) disciolti o liquefatti (in bombole o bido- per quantitativi complessivi da 75 a 500 kg 6
ni): per quantitativi complessivi superiori a 500 kg 3
Depositi di gas combustibili in serbatoi fissi:
per capacità complessiva da 0,75 a 2 mc 6
a) compressi:
4 per capacità complessiva superiore a 2 mc 3
per capacità complessiva da 0,3 a 2 mc 6
b) disciolti o liquefatti:
per capacità complessiva superiore a 2 mc 3
Depositi di gas comburenti in serbatoi fissi:
5 a) compressi per capacità complessiva superiore a 3 mc 6
b) liquefatti per capacità complessiva superiore a 2 mc 6
Reti di trasporto e distribuzione di gas combustibili, compresi quelli di origine petrolifera o
6 chimica, con esclusione delle reti di distribuzione cittadina e dei relativi impianti con pres- u.t.
sione di esercizio non superiore a 5 bar
7 Impianti di distribuzione di gas combustibili per autotrazione 6
Officine e laboratori con saldatura e taglio dei metalli utilizzanti gas combustibili e/o combu-
8 renti, con oltre 5 addetti 6
(per numero di addetti si intende il numero massimo di lavoratori che, nel medesimo turno di lavoro, operano nel
reparto in cui si svolgono lavorazioni che sono pericolose ai fini dell’esplosione o dell’incendio)
9 Impianti per il trattamento di prodotti ortofrutticoli e cereali utilizzanti gas combustibili 6
10 Impianti per l'idrogenazione di olii e grassi 6
11 Aziende per la seconda lavorazione del vetro con l'impiego di oltre 15 becchi a gas 6
Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano liquidi infiammabili (punto di in-
12 fiammabilità fino a 65 ºC) con quantitativi globali in ciclo e/o in deposito superiori a 0,5 m3 3
(comprese: distillerie con produzione e/o detenzione di alcool con concentrazione superiore al 60% in volume)
Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano liquidi combustibili con punto di in-
13 fiammabilità da 65 ºC a 125 ºC, per quantitativi globali in ciclo o in deposito superiori a 0,5 3
m3
14 Stabilimenti ed impianti per la preparazione di olii lubrificanti, olii diatermici e simili 6
Depositi di liquidi infiammabili e/o combustibili (come modificato dal DM 27/3/1985)
(esclusi: contenitori distributori mobili utilizzati per il rifornimento di macchine in uso esclusivamente presso aziende agri-
cole, cave e cantieri; compresi: contenitori distributori mobili utilizzati per il rifornimento di macchine non targate e non
circolanti su strada in uso presso altre attività produttive; compresi: quelli definiti all'art. 82 del DM 31 luglio 1934).
(Classificazione dei depositi - uso industriale: quelli destinati ed inseriti nei cicli di produzione industriale; uso artigianale:
quelli destinati all’esercizio di attività artigianali; uso agricolo: quelli destinati all’esercizio di aziende agricole; uso privato:
15 quelli necessari per riscaldamento ambienti, produzione di acqua calda per edifici civili, cucine e lavaggio stoviglie, sterilizza-
zioni e disinfezioni mediche, lavaggio biancheria, distruzione rifiuti, forni da pane e forni di imprese artigiane trattanti mate-
riali non combustibili non infiammabili)
a) per uso industriale o artigianale con capacità geometrica complessiva da 0,5 a 25 m3 6
b) per uso industriale, artigianale, agricolo o privato con capacità geometrica complessiva
3
superiore a 25 m3

Pag. 3
Ing. Mauro Malizia – Prevenzione Incendi Attività soggette - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

Depositi e/o rivendite di liquidi infiammabili e/o combustibili per uso commerciale:
16 - per capacità geometrica complessiva da 0,2 a 10 m3 6
- per capacità geometrica complessiva superiore a 10 m3 3
Depositi e/o rivendite di olii lubrificanti, di olii diatermici e simili per capacità superiore ad 1
17 6
m3
Impianti fissi di distribuzione di benzina, gasolio e miscele per autotrazione ad uso pubblico
e privato con o senza stazione di servizio
(compresi: contenitori-distributori rimovibili per il rifornimento di automezzi destinati all'attività di autotrasporto
18 di cui al DM 12/9/2003; compresi: impianti per la distribuzione di carburanti per natanti; esclusi: contenitori di- 6
stributori mobili utilizzati per il rifornimento di macchine in uso esclusivamente presso aziende agricole, cave e
cantieri; esclusi: contenitori distributori mobili utilizzati per il rifornimento di macchine non targate e non circolanti
su strada in uso presso altre attività produttive. - Vedi att. n. 15; esclusi: Impianti di distribuzione di kerosene a
servizio di elisuperfici)
Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano o detengono vernici, inchiostri e lacche
19 infiammabili e/o combustibili con quantitativi globali in ciclo e/o in deposito superiori a 500 3
kg
Depositi e/o rivendite di vernici, inchiostri e lacche infiammabili e/o combustibili:
20 - con quantitativi da 500 a 1000 kg 6
- con quantitativi superiori a 1000 kg 3
Officine o laboratori per la verniciatura con vernici infiammabili e/o combustibili con oltre
21 5 addetti 6
(per numero di addetti si intende il numero massimo di lavoratori che, nel medesimo turno di lavoro, operano nel
reparto in cui si svolgono lavorazioni che sono pericolose ai fini dell’esplosione o dell’incendio)
Depositi e/o rivendite di alcoli a concentrazione superiore al 60% in volume:
22 - con capacità da 0,2 a 10 mc 6
- con capacità superiore a 10 mc 3
Stabilimenti di estrazione con solventi infiammabili e raffinazione di olii e grassi vegetali ed
23 3
animali, con quantitativi globali di solventi in ciclo e/o in deposito superiori a 0,5 mc
Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano o detengono sostanze esplodenti clas-
sificate come tali dal regolamento di esecuzione del testo unico delle leggi di pubblica sicu-
24 rezza approvato con regio decreto 6 maggio 1940, n. 635, e successive modificazioni ed in- 3
tegrazioni, nonché perossidi organici
(Modifica apportata con Circolare del 28 giugno 1986, n. 17: Inclusione dei perossidi organici fra le sostanze
esplodenti)
Esercizi di minuta vendita di sostanze esplodenti di cui ai D.M. 18 ottobre 1973 e D.M. 18
25 6
settembre 1975, e successive modificazioni ed integrazioni
Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano o detengono sostanze instabili che pos-
26 sono dar luogo da sole a reazioni pericolose in presenza o non di catalizzatori 3
(compresi: perossidi organici - modifica apportata con Circolare del 28 giugno 1986, n. 17: Inclusione dei peros-
sidi organici fra le sostanze esplodenti)
Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano o detengono nitrati di ammonio, di me-
27 3
talli alcalini e alcalino-terrosi, nitrato di piombo e perossidi inorganici
Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano o detengono sostanze soggette all'ac-
28 3
censione spontanea e/o sostanze che a contatto con l'acqua sviluppano gas infiammabili
Stabilimenti ed impianti ove si produce acqua ossigenata con concentrazione superiore al
29
60% di perossido di idrogeno 3
Fabbriche e depositi di fiammiferi
30 (sono soggetti i depositi commerciali di fiammiferi con quantitativo lordo di fiammiferi depositato superiore a 250 6
kg, come chiarito con Lett. Circ. prot. n. P223/4142 sott. 1 del 1 Febbraio 1997)
Stabilimenti ed impianti ove si produce, impiega e/o detiene fosforo e/o sesquisolfuro di fo-
31 3
sforo
32 Stabilimenti ed impianti per la macinazione e la raffinazione dello zolfo 3
33 Depositi di zolfo con potenzialità superiore a 100 q.li 6
Stabilimenti ed impianti ove si produce, impiega o detiene magnesio, elektron e altre leghe
34 3
ad alto tenore di magnesio
Mulini per cereali ed altre macinazioni con potenzialità giornaliera superiore a 200 q.li e rela-
35 6
tivi depositi
Impianti per l'essiccazione dei cereali e di vegetali in genere con depositi di capacità supe-
36 riore a 500 q.li di prodotto essiccato 6
(sono soggetti solamente gli impianti di essiccazione ubicati nello stesso locale destinato al deposito del prodotto
essiccato) (Esclusi: depositi di granaglie, sfarinati, mangimi, ecc.)
37 Stabilimenti ove si producono surrogati del caffè 6

Pag. 4
Ing. Mauro Malizia – Prevenzione Incendi Attività soggette - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

38 Zuccherifici e raffinerie dello zucchero 6


39 Pastifici con produzione giornaliera superiore a 500 q.li 6
40 Riserie con potenzialità giornaliera superiore a 100 q.li 6
Stabilimenti ed impianti ove si lavora e/o detiene foglia di tabacco con processi di essicca-
41 zione con oltre 100 addetti con quantitativi globali in ciclo e/o in deposito superiore a 500 6
q.li
Stabilimenti ed impianti per la produzione della carta e dei cartoni e di allestimento di pro-
42 dotti carto-tecnici in genere con oltre 25 addetti e/o con materiale in deposito o lavorazione 6
superiore a 500 q.li
Depositi di carta, cartoni e prodotti cartotecnici nonché depositi per la cernita della carta usa-
ta, di stracci di cascami e di fibre tessili per l'industria della carta con quantitativi superiori a
43 50 q.li 6
(sono soggetti gli archivi con quantitativi superiori a 50 q.li solamente se gli stessi sono realizzati in apposito loca-
le)
Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano e/o detengono carte fotografiche, cal-
44 cografiche, eliografiche e cianografiche, pellicole cinematografiche; radiografiche e fotografi- 6
che di sicurezza con materiale in deposito superiore a 100 q.li
Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano e detengono pellicole cinematografiche
45 3
e fotografiche con supporto infiammabile per quantitativi superiori a 5 kg
Depositi di legnami da costruzione e da lavorazione, di legna da ardere, di paglia, di fieno, di can-
ne, di fascine, di carbone vegetale e minerale, di carbonella, di sughero e di altri prodotti affini,
esclusi i depositi all’aperto con distanze di sicurezza esterne non inferiori a 100 m, misurate se-
condo le disposizioni di cui al punto 2.1 del DM 30/11/1983. (così modificato dal DM 30/10/1986).
46 (possono essere considerati depositi all'aperto anche quelli aventi protezioni orizzontali e verticali dagli agenti atmosferici
realizzati con materiali di qualsiasi genere. Per prodotti affini si intendono i prodotti aventi caratteristiche tali da rendere
possibili processi di combustione) (Esclusi: depositi di granaglie, sfarinati, mangimi, ecc.)
- da 500 a 1000 q.li 6
- superiore a 1000 q.li 3
Stabilimenti e laboratori per la lavorazione del legno con materiale in lavorazione e/o in deposito:
47 - da 50 a 1000 q.li 6
- oltre 1000 q.li 3
Stabilimenti ed impianti ove si producono, lavorano e detengono fibre tessili e tessuti naturali e ar-
tificiali, tele cerate, linoleum e altri prodotti affini, con quantitativi:
48
- da 50 a 1000 q.li. 6
- oltre 1000 q.li. 3
Industrie dell'arredamento, dell'abbigliamento e della lavorazione della pelle; calzaturifici:
49 - da 25 a 75 addetti 6
- con oltre 75 addetti 3
Stabilimenti ed impianti per la preparazione del crine vegetale, della trebbia e simili, lavora-
50 zione della paglia, dello sparto e simili, lavorazione del sughero, con quantitativi in lavorazione 6
o in deposito pari o superiori a 50 q.li
51 Teatri di posa per le riprese cinematografiche e televisive 6
52 Stabilimenti per lo sviluppo e la stampa delle pellicole cinematografiche 6
53 Laboratori di attrezzerie e scenografie teatrali 6
Stabilimenti ed impianti per la produzione, lavorazione e rigenerazione della gomma, con
54 6
quantitativi superiori a 50 q.li
55 Depositi di prodotti della gomma, pneumatici e simili con oltre 100 q.li 6
(compresi: i depositi all'aperto)
Laboratori di vulcanizzazione di oggetti di gomma con più di 50 q.li in lavorazione o in de-
56 6
posito
Stabilimenti ed impianti per la produzione e lavorazione di materie plastiche con quantitativi
57 3
superiori a 50 q.li
58 Depositi di manufatti in plastica con oltre 50 q.li 6
(compresi: i depositi all'aperto)
Stabilimenti ed impianti ove si producono e lavorano resine sintetiche e naturali, fitofarmaci,
59 coloranti, organici e intermedi e prodotti farmaceutici con l'impiego di solventi ed altri pro- 3
dotti infiammabili
Depositi di concimi chimici a base di nitrati e fosfati e di fitofarmaci, con potenzialità globale
60 superiore a 500 q.li
6
(sono da intendersi quelli aventi quantitativi in deposito superiori a 500 q.li)

Pag. 5
Ing. Mauro Malizia – Prevenzione Incendi Attività soggette - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

61 Stabilimenti ed impianti per la fabbricazione di cavi e conduttori elettrici isolati 6


62 Depositi e rivendite di cavi elettrici isolati con quantitativi superiori a 100 q.li 6
63 Centrali termoelettriche 3
Gruppi per la produzione di energia elettrica sussidiaria con motori endotermici di potenza
64 complessiva superiore a 25 kW 6
(esclusi: i gruppi elettrogeni mobili o carrellati per attività di carattere temporaneo)
Stabilimenti ed impianti ove si producono lampade elettriche, lampade a tubi luminescenti,
65 6
pile ed accumulatori elettrici, valvole elettriche, ecc.
66 Stabilimenti siderurgici e stabilimenti per la produzione di altri metalli 3
Stabilimenti e impianti per la zincatura, ramatura e lavorazioni similari comportanti la fusio-
67 3
ne di metalli o altre sostanze
68 Stabilimenti per la costruzione di aeromobili, automobili e motocicli 6
69 Cantieri navali con oltre 5 addetti 6
Stabilimenti per la costruzione e riparazione di materiale rotabile ferroviario e tramviario con
70
oltre 5 addetti 6
71 Stabilimenti per la costruzione di carrozzerie e rimorchi per autoveicoli con oltre 5 addetti 6
Officine per la riparazione di autoveicoli con capienza superiore a 9 autoveicoli; officine mec-
caniche per lavorazioni a freddo con oltre 25 addetti
72 (L'indicazione circa il numero massimo di autoveicoli in riparazione ricade sotto la responsabilità del titolare dell'at- 6
tività)
(Definizione di “autoveicolo” tratta dal DM 1/2/1986: veicolo o macchina muniti di motore a combustione interna)
Stabilimenti ed impianti ove si producono laterizi, maioliche, porcellane e simili con oltre 25
73 3
addetti
74 Cementifici 3
Istituti, laboratori, stabilimenti e reparti in cui si effettuano, anche saltuariamente, ricerche
scientifiche o attività industriali per le quali si impiegano isotopi radioattivi, apparecchi con-
tenenti dette sostanze ed apparecchi generatori di radiazioni ionizzanti (art. 13 della legge 31
75 dicembre 1962, n. 1860 e art. 102 del D.P.R. 13 febbraio 1964, n. 185) 6
(escluse: attività che detengono o impiegano macchine radiogene a scopo terapeutico, autorizzate dal medico
provinciale a norma dell’art. 96 del DPR 13.02.1964, n. 185; escluse: attività con impiego temporaneo di sorgenti
radioattive, es. per alcuni giorni per saltuari lavori di controlli per conto terzi, anche all'aperto)
76 Esercizi commerciali con detenzione di sostanze radioattive (capo IV DPR 13/2/64, n. 185) 6
Autorimesse di ditte in possesso di autorizzazione permanente al trasporto di materie fissili
77 speciali e di materie radioattive (art. 5 della legge 31 dicembre 1962, n. 1860, sostituito
6
dall'art. 2 del D.P.R. 30 dicembre 1965, n. 1704)
78 Impianti di deposito delle materie nucleari, escluso il deposito in corso di spedizione 6
Impianti nei quali siano detenuti combustibili nucleari o prodotti residui radioattivi (art. 1,
79 6
lettera b) della legge 31 dicembre 1962, n. 1860)
Impianti relativi all'impiego pacifico dell'energia nucleare ed attività che comportano pericoli
di radiazioni ionizzanti derivanti dal predetto impiego: impianti nucleari, reattori nucleari (ec-
80 cettuati quelli che facciano parte di un mezzo di trasporto), impianti per la preparazione o 6
fabbricazione delle materie nucleari; impianti per la separazione degli isotopi, impianti per il
trattamento dei combustibili nucleari irradianti
Stabilimenti per la produzione di sapone, di candele e di altri oggetti di cera e di paraffina, di
81 acidi grassi, di glicerina grezza quando non sia prodotta per idrolisi, di glicerina raffinata e di- 3
stillata ed altri prodotti affini
82 Centrali elettroniche per l'archiviazione e l'elaborazione di dati con oltre 25 addetti u.t.
Locali di spettacolo e di trattenimento in genere con capienza superiore a 100 posti
(compresi: case da gioco, sale giochi, videogiochi, drive in, sale da fitness, palestre per l’esercizio di attività spor-
tiva, di trattamenti fisici ai fini estetici e simili, circoli privati ove si svolgono trattenimenti danzanti; compresi: lo-
83 cali di spettacolo e di intrattenimento in genere, a prescindere dal carattere “pubblico” o “privato” ad essi attribui- 6
to; compresi: teatri di posa per le riprese cinematografiche e televisive (di cui al punto 51), laddove sia pre-
vista la presenza di spettatori in numero superiore a 100 unità; esclusi: ristoranti, bar, sale consiliari, chiese ed
edifici destinati al culto, scuole di danza)
Alberghi, pensioni, motels, dormitori e simili con oltre 25 posti-letto
(compresi: seminari, studentati, villaggi albergo, affittacamere, villaggi turistici, alloggi agroturistici, case per fe-
rie, ostelli per la gioventù quando nel loro ambito esistono unità immobiliari con oltre 25 posti letto ciascuna;
esclusi: rifugi alpini, comunità religiose, caserme, case di reclusione, istituti di prevenzione e pena, case albergo e
84 residence quando non è prevista apposita licenza di pubblica sicurezza, condomini composti da piccoli appartamenti 6
senza servizi e impianti comuni, case e appartamenti per vacanze, residenze turistico- alberghiere, campeggi, vil-
laggi turistici, alloggi agroturistici, case per ferie, ostelli per la gioventù quando nel loro ambito non esistono unità
immobiliari con oltre 25 posti letto ciascuna). (Nel numero di posti letto sono computati soltanto quelli a disposi-
zione degli ospiti con esclusione del personale addetto).

Pag. 6
Ing. Mauro Malizia – Prevenzione Incendi Attività soggette - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

85 Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti 6
(esclusi: asili nido; comprese: università, seminari)

86 Ospedali, case di cura e simili con oltre 25 posti-letto 6


(comprese: case di riposo)
Locali adibiti ad esposizione e/o vendita all'ingrosso o al dettaglio con superficie lorda supe-
87 riore a 400 mq comprensiva dei servizi e depositi 6
(compresi: musei, gallerie, negozi di profumeria, di mobili, di abbigliamento, librerie, ferramenta, autosaloni,
manifestazioni fieristiche anche se a carattere temporaneo ed allestite in tendostrutture)
Locali adibiti a depositi di merci e materiali vari con superficie lorda superiore a 1.000 mq
88 (compresi: ricoveri di autoveicoli, a condizione che gli automezzi siano privi di carburante e che l'alimentazione 6
elettrica sia disconnessa; compresi: depositi di granaglie, sfarinati, mangimi, ecc.)
Aziende ed uffici nei quali siano occupati oltre 500 addetti
(compresi: edifici di tipo civile e comunque uffici nei quali sono occupati contemporaneamente in un unico edifi-
cio a più di un piano oltre 500 addetti; esclusi: uffici di controllo e gestione diretta annessi o inseriti in reparti di la-
vorazione e/o deposito di attività industriali e/o artigianali). (Il parametro adottato per determinare l'assogget-
89 u.t.
tabilità degli uffici è il numero di addetti, diverso da quello a cui riferire invece l'applicazione delle misure di sicu-
rezza di cui al D.M. 22 febbraio 2006, vale a dire il numero complessivo di persone presenti). (Permane
l’obbligo della richiesta di rilascio di certificati di prevenzione incendi separati per le varie attività soggette ai con-
trolli ed inserite nei complessi edilizi come ad esempio centrali termiche, gruppi elettrogeni, autorimesse, ecc.)
Edifici pregevoli per arte o storia e quelli destinati a contenere biblioteche, archivi, musei,
gallerie, collezioni o comunque oggetti di interesse culturale sottoposti alla vigilanza dello
Stato di cui al regio decreto 7 novembre 1942, n. 1664
(compresi: edifici pregevoli per arte o storia nei quali si svolge una o più delle attività elencate nel D.M.
16/2/1982, quali musei, esposizioni, alberghi, ospedali, scuole, teatri, cinematografi; compresi: edifici pregevoli
90 per arte e storia destinati a contenere biblioteche, archivi, musei, gallerie, collezioni o comunque oggetti sottoposti u.t.
a tutela, ai sensi del D.lgs 22/1/2004, n. 42, indipendentemente dalla loro superficie lorda e del quantitativo
di beni culturali mobili in essi presenti; esclusi: edifici pregevoli per arte o storia nei quali non si svolge alcuna
delle attività elencate nel D.M. 16/2/1982). (Permane l’obbligo della richiesta di rilascio di certificati di prevenzione
incendi separati per le varie attività soggette ai controlli ed inserite nei complessi edilizi, come ad esempio centrali
termiche, gruppi elettrogeni, autorimesse, ecc.)
Impianti per la produzione del calore alimentati a combustibile solido, liquido o gassoso con
potenzialità superiore a 100.000 Kcal/h (116 kW)
91 (compresi: forni da pane; esclusi: impianti inseriti in cicli di produzione industriale; caldaie locomobili per attività 6
di carattere temporaneo, impianti di potenzialità inferiore alle 100.000 Kcal/h qualunque sia la capacità del relativo
serbatoio)
Autorimesse private con più di 9 autoveicoli, autorimesse pubbliche, ricovero natanti, ricove-
ro aeromobili
92 (compresi: le rimesse, anche per una sola unità, per natanti dotati di motore a combustione interna e serbatoio 6
fisso per il carburante; esclusi: autorimesse a box, quando ciascun box ha accesso da spazio a cielo libero, auto-
saloni); (4 motocicli sono equivalenti a un'autovettura)
93 Tipografie, litografie, stampa in offset ed attività similari con oltre 5 addetti 6
Edifici destinati a civile abitazione con altezza in gronda superiore a 24 metri
(escluse: Residenza turistico alberghiera anche se di altezza in gronda superiore a 24 metri).
(Ai fini esclusivamente dell’assoggettabilità al p.to n. 94 si deve fare riferimento all’altezza in gronda, definita
come “l'altezza massima misurata dal piano esterno accessibile ai mezzi di soccorso dei vigili del fuoco all'intrados-
94 so del soffitto del più elevato locale abitabile”, e non all’altezza antincendi che compare nella classificazione degli u.t.
edifici nell’allegato al DM 16/5/1987 n. 246; pertanto un edificio di civile abitazione anche di altezza antincendi in-
feriore a 24 m può essere soggetta all’att. n. 94); (Permane l’obbligo della richiesta di rilascio di certificati di pre-
venzione incendi separati per le varie attività soggette ai controlli ed inserite nei complessi edilizi come ad esempio
centrali termiche, gruppi elettrogeni, autorimesse, ecc.)
Vani di ascensori e montacarichi in servizio privato, aventi corsa sopra il piano terreno mag-
giore di 20 metri, installati in edifici civili aventi altezza in gronda maggiore di 24 metri e
95 quelli di cui all'art. 9 del D.P.R. 29 maggio 1963, n. 1497 u.t.
(compresi: Vani di ascensori e montacarichi installati in edifici industriali indipendentemente dall’altezza)
(NB: I vani ascensori anche se installati in edifici civili soggetti all’att. 94, con altezza in gronda maggiore di 24 me-
tri, possono non essere soggetti se hanno vano corsa inferiore a 20 m)
Piattaforme fisse e strutture fisse assimilabili di perforazione e/o produzione di idrocarburi di
96 cui al D.P.R. 24 maggio 1979, n. 886 u.t.
(compresi: impianti off-shore; escluse: attività in terraferma ed anche eventuali impianti e/o depositi a servizio
degli insediamenti stessi)
97 Oleodotti con diametro superiore a 100 mm u.t.
Attività non comprese nell’elenco allegato al DM 16 febbraio 1982:
Attività a rischio di incidente rilevante:
(In aggiunta alle attività elencate nel D.M. 16/2/1982)
-- Attività soggette a “Notifica” (art. 6 del D.lgs 17/8/1999, n. 334 e s.m.i.) -
Attività soggette a “Notifica” e “Rapporto di Sicurezza” (art. 8 del D.lgs 17/8/1999, n. 334 e
5
s.m.i.)

Pag. 7
Ing. Mauro Malizia – Tariffe e durata C.P.I. attività soggette - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

Elenco delle attività soggette al controllo di prevenzione incendi ai sensi dell’art. 4 della legge 966/1965 e D.M. 16 febbraio 1982
Durata del Servizio (espresso in ore) ai sensi della Legge n. 966/65 e Durata del C.P.I (in anni)
Dura-
Attività Sub EP Sop Rinn
ta CPI
Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas combustibili, gas comburenti (compressi, disciolti, liquefatti) con quantità
1 6 8 4 3
globali in ciclo o deposito superiori a 50 Nmc/h
Impianti di compressione e di decompressione dei gas combustibili e comburenti con 1 Impianti 6 8 3 6
2
potenzialità superiore a 50 Nmc/h 2 Cabine 2 3 1 6
Depositi e rivendite di gas combustibili in bombole; 1 per capacità complessiva da 0,75 a 2 mc 2 3 1 6
3a
a) compressi 2 per capacità complessiva sup. a 2 m 3
4 6 2 3
Depositi e rivendite di gas combustibili in bombole; 1 per quantitativi complessivi da 75 a 500 kg 2 3 1 6
3b
b) disciolti o liquefatti (in bombole o bidoni) 2 per quantitativi complessivi sup. a 500 kg 4 6 2 3
Depositi di gas combustibili in serbatoi fissi; 1 per capacità complessiva da 0,75 a 2 m3 2 3 1 6
4a
a) compressi 2 per capacità complessiva sup. a 2 mc 4 6 2 3
1 per capacità complessiva da 0,3 a 2 mc 2 3 1 6
Depositi di gas combustibili in serbatoi fissi; 2 per capacità complessiva sup. 2 m3 fino a 5 m3 2 3 1 3
4b
b) disciolti o liquefatti 3 per capacità complessiva sup. 5 m3 fino 50 m3 5 6 3 3
4 per capacità complessiva sup. 50 m3 7 9 4 3
5a Depositi di gas comburenti in serbatoi fissi; a) compressi 1 per capacità complessiva sup. 3 m3 4 6 2 6
3
5b Depositi di gas comburenti in serbatoi fissi; b) liquefatti 1 per capacità complessiva sup. 2 m 4 6 2 6
Reti di trasporto e distribuzione di gas combustibili, compresi quelli di origine petrolifera o chimica, con esclusione delle reti di distribu-
6 8 10 - u.t.
zione cittadina e dei relativi impianti con pressione di esercizio non superiore a 5 bar
Impianti di distribuzione di gas combustibili per autotrazione 1 Impianti singoli 6 8 3 6
7
Impianti di distribuzione di gas combustibili per autotrazione 2 Impianti misti (gpl e metano) 8 10 4 6
Officine e laboratori con saldatura e taglio dei metalli utilizzanti gas combustibili e/o 1 fino a 10 addetti 4 6 2 6
8
comburenti, con oltre 5 addetti 2 oltre 10 addetti 6 8 3 6
9 Impianti per il trattamento di prodotti ortofrutticoli e cereali utilizzanti gas combustibili 4 6 2 6
10 Impianti per l'idrogenazione di olii e grassi 6 8 3 6
11 Aziende per la seconda lavorazione del vetro con l'impiego di oltre 15 becchi a gas 4 6 2 6
Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano liquidi infiammabili (punto di infiammabilità fino a 65 ° C) con quantitativi glo-
12 6 8 3 3
bali in ciclo e/o deposito superiori a 0,5 mc
Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano liquidi combustibili con punto di infiammabilità da 65° C a 125° C, per quantita-
13 6 8 3 3
tivi globali in ciclo e/o deposito superiori a 0,5 mc
14 Stabilimenti ed impianti per la preparazione di olii lubrificanti, olii diatermici e simili 6 8 3 6
a) per uso industriale o artigianale per capacità
1 2 3 1 6
geometrica complessiva da 0,5 a 25 m3
b) per uso industriale o artigianale o agricolo o
2 privato, per capacità geometrica complessiva 5 6 3 3
15 Depositi liquidi infiammabili e/o combustibili
superiore a 25 mc e fino a 3000 m3
b) per uso industriale o artigianale o agricolo o
3 privato, per capacità geometrica complessiva 7 9 4 3
superiore a 3000 m3
per capacità geometrica complessiva da 0,2 a
1 2 4 1 6
16 Depositi e/o rivendite di liquidi infiammabili e/o comburenti per uso commerciale 10 m3
2 per capacità geometrica complessiva sup. 10 m3 4 6 2 3
Depositi e/o rivendite di olii lubrificanti, di olii diatermici e simili per capacità supe- 1 per quantitativi fino a 25 m3 2 3 1 6
17
riore a 1 mc 2 per quantitativi oltre 25 m3 4 6 2 6
18 Impianti fissi di distribuzione di benzina, gasolio e miscele per autotrazione ad uso pubblico e privato con o senza stazioni di servizio 4 6 2 6
Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano o detengono vernici, inchiostri e lacche infiammabili e/o combustibili con quanti-
19 4 6 2 3
tativi globali in ciclo e/o deposito superiori a 500 kg
1 con quantitativi da 500 a 1.000 kg 2 4 1 6
20 Depositi e/o rivendite di vernici, inchiostri e lacche infiammabili e/o combustibili
2 con quantitativi superiori a 1.000 kg 4 6 2 3
21 Officine o laboratori per la verniciatura con vernici infiammabili e/o combustibili con oltre 5 addetti 4 6 2 6
1 con capacità da 0,2 a 10 mc 2 4 1 6
22 Depositi e/o rivendite di alcoli a concentrazione superiore al 60% in volume
2 con capacità superiore a 10 mc 4 6 2 2
Stabilimenti di estrazione con solventi infiammabili e raffinazione di olii e grassi vegetali ed animali, con quantitativi globali di solventi in
23 6 8 3 3
ciclo e/o deposito superiori a 0,5 mc
Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano o detengono sostanze esplo- 1 stabilimenti 8 10 4 3
24 denti classificate come tali dal regolamento di esecuzione del T.U.L.P.S. approvato
con R.D. 6 maggio 1940, n. 635, e succ. mod. ed integr., nonché perossidi organici 2 depositi 6 8 3 3

25 Esercizi di minuta vendita di sostanze esplodenti di cui ai decreti ministeriali 18/10/1973 e 18/9/1975, e succ. mod. ed integr. 2 4 1 6

Pag. 8
Ing. Mauro Malizia – Tariffe e durata C.P.I. attività soggette - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano o detengono sostanze instabili 1 stabilimenti 8 10 4 3


26 che possono dar luogo da sole a reazioni pericolose in presenza o non di catalizzatori
(compresi perossidi organici) 2 depositi 6 8 3 3

Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano o detengono nitrati di ammonio, 1 stabilimenti 8 10 4 3


27
di metalli alcalini e alcalino-terrosi, nitrato di piombo e perossidi inorganici 2 depositi 6 8 3 3
Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano o detengono sostanze soggette 1 stabilimenti 8 10 4 3
28 all'accensione spontanea e/o sostanze che a contatto con l'acqua sviluppano gas in-
fiammabili 2 depositi 6 8 3 3

Stabilimenti ed impianti ove si produce acqua ossigenata con concentrazione superiore 1 stabilimenti 8 10 4 3
29
al 60% di perossido di idrogeno 2 depositi 6 8 3 3
1 fabbriche 8 10 4 6
30 Fabbriche e depositi di fiammiferi
2 depositi 6 8 3 6
31 Stabilimenti ed impianti ove si produce, impiega e/o detiene fosforo e/o sesquisolfuro di fosforo 6 8 3 6
32 Stabilimenti ed impianti per la macinazione e la raffinazione dello zolfo 6 8 3 6
33 Depositi di zolfo con potenzialità superiore a 100 q.li 6 8 3 6
34 Stabilimenti ed impianti ove si produce, impiega o detiene magnesio, elektron e altre leghe al alto tenore di magnesio 6 8 3 6
35 Mulini per cereali ed altre macinazioni con potenzialità giornaliera superiore a 200 q.li e relativi depositi 6 8 3 6
36 Impianti per l'essiccazione dei cereali e di vegetali in genere con depositi di capacità superiore a 500 q.li di prodotto essiccato 6 8 3 6
37 Stabilimenti ove si producono surrogati del caffè 6 8 3 6
38 Zuccherifici e raffinerie delle zucchero 6 8 3 6
39 Pastifici con produzione giornaliera superiore a 500 q.li 6 8 3 6
40 Riserie con potenzialità giornaliera superiore a 100 q.li 6 8 3 6
Stabilimenti ed impianti ove si lavora e/o detiene foglia di tabacco con processi di essiccazione con oltre 100 addetti con quantitativi
41 6 8 3 6
globali in ciclo e/o deposito superiori a 500 q.li
Stabilimenti ed impianti per la produzione della carta e dei cartoni e di allestimento di prodotti carto-tecnici in genere con oltre 25 ad-
42 6 8 3 6
detti e/o con materiale in deposito o lavorazione superiore a 500 q.li
Deposito di carta, cartoni, e prodotti cartotecnici nonché depositi per la cernita della 1 per quantitativi da 50 q.li a 500 q.li 3 4 1 6
43 carta usata, stracci e cascami e di fibre tessili per l'industria della carta con quantitativi
superiori a 50 q.li 2 per quantitativi superiori a 500 q.li 6 8 3 6

Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano e/o detengono carte fotografiche, calcolgrafie, eliografiche e cianografiche, pelli-
44 4 6 2 6
cole cinematografiche, radiografiche e fotografiche di sicurezza con materiale in deposito sup. a 100 q.li
Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano e detengono pellicole cinematografiche e fotografiche con supporto infiammabile
45 4 6 2 3
per quantitativi superiori a 5 kg.
Depositi di legnami da costruzione e da lavorazione, di legna da ardere, di paglia, di
fieno, di canne, di fascine, di carbone vegetale e minerale, di carbonella, di sughero e di 1 da 500 q.li a 1000 q.li 5 6 2 6
46
altri prodotti affini; esclusi i depositi all’aperto con distanze di sicurezza esterne non
inferiori 100 m. misurate secondo le disposizioni di cui al punto 2.1 del D.M. 30/11/83 2 superiore a 1000 q.li 7 8 3 3
Stabilimenti e laboratori per la lavorazione del legno con materiale in lavorazione e/o in 1 da 50 a 1000 q.li 5 6 2 6
47
deposito 2 superiore a 1000 q.li 7 8 3 3
Stabilimenti ed impianti ove si producono, lavorano e detengono fibre tessili e tessuti 1 da 50 a 1000 q.li 5 6 2 6
48
naturali ed artificiali, tele cerate, linoleum, ed altri prodotti affini con quantitativi 2 oltre 1000 q.li 7 8 3 3
Industrie dell'arredamento, dell'abbigliamento e della lavorazione della pelle, calzaturi- 1 da 25 a 75 addetti 4 6 2 6
49
fici 2 oltre 75 addetti 8 10 4 3
Stabilimenti ed impianti per la preparazione del crine vegetale, della trebbia e simili, lavorazione della paglia, dello sparto e simili, lavo-
50 4 6 2 6
razione del sughero con quantitativi in lavorazione o in deposito pari o superiori a 50 q.li
51 Teatri di posa per le riprese cinematografiche e televisive 4 6 2 6
52 Stabilimenti per lo sviluppo e la stampa delle pellicole cinematografiche 4 6 2 6
53 Laboratori di attrezzerie e scenografie teatrali 4 6 2 6
54 Stabilimenti ed impianti per la produzione, lavorazione e rigenerazione della gomma, con quantitativi superiori ai 50 q.li 4 6 2 6
55 Depositi di prodotti della gomma, pneumatici e simili con oltre 100 q.li 4 6 2 6
56 Laboratori di vulcanizzazione di oggetti di gomma, con più di 50 q.li in lavorazione o in deposito 4 6 2 6
57 Stabilimenti ed impianti per la produzione e lavorazione di materie plastiche con quantitativi superiori a 50 q.li 4 6 2 3
1 fino a 500 q.li 3 4 1 6
58 Depositi di manufatti in plastica con oltre 50 q.li
2 oltre 500 q.li 6 8 3 6
Stabilimenti ed impianti ove si producono e lavorano resine sintetiche e naturali, fitofarmaci, coloranti, organici e intermedi e prodotti
59 6 8 3 3
farmaceutici con l'impiego di solventi ed altri prodotti infiammabili
60 Depositi di concimi chimici a base di nitrati e fosfati e di fitofarmaci, con potenzialità globale superiore a 500 q.li 4 6 2 6
61 Stabilimenti ed impianti per la fabbricazione di cavi e conduttori elettrici isolati 6 8 3 6
62 Depositi e rivendite di cavi elettrici isolati con quantitativi superiori a 100 q.li 4 6 2 6

Pag. 9
Ing. Mauro Malizia – Tariffe e durata C.P.I. attività soggette - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

63 Centrali termoelettriche 8 10 4 3
Gruppi per la produzione di energia elettrica sussidiaria con motori endotermici di po- 1 per potenza complessiva da 25 kw a 100 kw 2 3 1 6
64
tenza complessiva superiore a 25 kw 2 per potenza complessiva superiore a 100 kw 4 6 2 6
Stabilimenti ed impianti ove si producano lampade elettriche, lampade a tubi luminescenti, pile ed accumulatori elettrici, valvole elettri-
65 6 8 3 6
che, ecc.
66 Stabilimenti siderurgici e stabilimenti per la produzione di altri metalli 6 8 3 3
67 Stabilimenti ed impianti per la zincatura, ramatura e lavorazioni similari, comportanti la fusione di metalli o altre sostanze 6 8 3 3
68 Stabilimenti per la costruzione di aeromobili, automobili e motocicli 8 10 4 6
69 Cantieri navali con oltre 5 addetti 8 10 4 6
70 Stabilimenti per la costruzione e riparazione di materiale rotabile ferroviario e tranviario con oltre 5 addetti 8 10 4 6
71 Stabilimenti per la costruzione di carrozzerie e rimorchi per autoveicoli con oltre 5 addetti 8 10 4 6
Officine per la riparazione di autoveicoli con capienza superiore a 9 autoveicoli; offi- 1 officine fino a 20 autoveicoli 2 4 1 6
72
cine meccaniche per lavorazioni a freddo con oltre 25 addetti 2 officine con oltre 20 autoveicoli 4 6 2 6
73 Stabilimenti ed impianti ove si producono laterizi, maioliche, porcellane e simili con oltre 25 addetti 6 8 3 3
74 Cementifici 6 8 3 3
Istituti, laboratori, stabilimenti e reparti in cui si effettuano, anche saltuariamente, ricerche scientifiche o attività industriali per le quali
75 si impiegano isotopi radioattivi, apparecchi contenenti dette sostanze ed apparecchi generatori di radiazioni ionizzanti (art. 13 della leg- 4 6 2 6
ge 31/12/62, n. 1860 e art. 102 del D.P.R. 13/2/64, n. 185)
76 Esercizi commerciali con detenzione di sostanze radioattive (capo IV del D.P.R. 13 febbraio 1964, n. 185) 4 6 2 6
Autorimesse di ditte in possesso di autorizzazione permanente al trasporto di materie fissili speciali e di materie radioattive (art. 5 della
77 4 6 2 6
legge 31/12/1962, n. 1860 sostituito dall'art. 2 del D.P.R. 30/12/1965, n. 1704)
78 Impianti di deposito delle materie nucleari escluso il deposito in corso di spedizione 4 6 2 6
79 Impianti nei quali siano detenuti combustibili nucleari o prodotti o residui radioattivi (art. 1, lett. b) della legge 31/12/1962, n. 1860) 4 6 2 6
Impianti relativi all'impiego pacifico dell'energia nucleare ed attività che comportano pericoli di radiazioni ionizzanti derivanti dal pre-
detto impiego: impianti nucleari; reattori nucleari, eccettuati quelli che facciano parte di un mezzo di trasporto; impianti per la prepara-
80 10 14 5 6
zione o fabbricazione delle materie nucleari; impianti per la separazione degli isotopi; impianti per il trattamento dei combustibili nu-
cleari irradianti
Stabilimenti per la produzione di sapone, di candele e di altri oggetti di cera e di paraffina, di acidi grassi, di glicerina grezza quando non
81 4 6 2 3
sia per idrolisi, di glicerina raffinata e distillata ed altri prodotti affini
82 Centrali elettroniche per l'archiviazione e l'elaborazione di dati con oltre 25 addetti 4 6 - u.t.
1 con capienza da 100 a 500 posti 4 6 2 6
83 Locali di spettacolo e di trattenimento in genere con capienza superiore a 100 posti 2 con capienza superiore a 500 e fino a 2000 posti 6 8 3 6
3 con capienza superiore a 2000 posti 8 10 4 6
1 da 25 a 100 posti letto 4 6 2 6
84 Alberghi, pensioni, motel, dormitori e simili con oltre 25 posti letto 2 da 101 a 500 posti letto 6 8 3 6
3 oltre 500 posti letto 8 10 4 6
1 da 100 e fino a 500 persone presenti 4 6 2 6
Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone
85 2 da 501 e fino a 2000 persone presenti 6 8 3 6
presenti
3 oltre 2000 persone presenti 8 10 4 6
1 da 25 e fino a 100 posti letto 4 6 2 6
86 Ospedali, case di cura e simili con oltre 25 posti letto 2 da 101 e fino a 500 posti letto 6 8 3 6
3 oltre 500 posti letto 6 8 3 6
1 con superficie lorda fino a 1.000 mq 4 6 2 6
Locali adibiti ad esposizione e/o vendita all'ingrosso e al dettaglio con superficie con superficie lorda superiore a 1.000 mq e fino a
87 2 6 8 3 6
lorda superiore a 400 mq comprensiva dei servizi e depositi 5.000 mq
3 con superficie lorda superiore a 5.000 mq 8 10 4 6
Locali adibiti a depositi di merci e materiali vari con superficie lorda superiore a 1 con superficie lorda fino a 4.000 mq 4 6 2 6
88
1000 mq 2 con superficie lorda superiore a 4.000 mq 8 10 4 6
89 Aziende ed uffici nei quali siano occupati oltre 500 addetti 6 8 - u.t.
Edifici pregevoli per arte o storia e quelli destinati a contenere biblioteche, archivi, musei, gallerie, collezioni o comunque di interesse
90 8 10 - u.t.
culturale sottoposti alla vigilanza dello Stato di cui al R.D. 7/11/1942, n. 1564
Impianti per la produzione del calore alimentati a combustibile solido, liquido o 1 Con potenzialità fino a 350 KW 2 3 1 6
91
gassoso con potenzialità superiore a 100.000 kcal/h (116 KW) 2 Con potenzialità superiore a 350 KW 4 6 2 6
1 Con capienza fino a 50 autoveicoli 2 3 1 6
Autorimesse private con più di 9 autoveicoli, autorimesse pubbliche, ricovero na- Con capienza superiore a 50 e fino a 300 autovei-
92 2 4 6 2 6
tanti, ricovero aeromobili coli
3 Con capienza superiore a 300 autoveicoli 6 8 3 6

Pag. 10
Ing. Mauro Malizia – Tariffe e durata C.P.I. attività soggette - Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno

1 da 5 e fino a 10 addetti 4 6 2 6
93 Tipografie, litografie, stampa in offset ed attività similari con oltre 5 addetti
2 oltre 10 addetti 6 8 3 6
1 con altezza da 24 m e fino a 32 m 2 3 - u.t.
94 Edifici destinati a civile abitazione con altezza in gronda superiore a 24 m. 2 con altezza superiore a 32 m e fino a 50 m 4 6 - u.t.
3 con altezza superiore a 50 m 6 8 - u.t.
Vani di ascensori e montacarichi in servizio privato, aventi corsa sopra il piano ter- 1 con corsa fino a 32 m 2 3 - u.t.
reno maggiore di 20 m., installati in edifici civili aventi altezza in gronda maggiore
95
di 24 m. e quelli installati in edifici industriali di cui all'art. 9 del DPR 29/5/1963, n.
2 con corsa superiore a 32 m 4 6 - u.t.
1497
96 Piattaforme fisse e strutture fisse assimilabili di perforazione e/o produzione di idrocarburi di cui al D.P.R. 24/5/1979, n. 886 8 10 - u.t.
97 Oleodotti con diametro superiore a 100 mm 8 10 - u.t.
1 Attività soggette a notifica art. 6 10 14 5 -
- Attività ricadenti tra quelle a rischio di incidente rilevante
2 Attività soggette a notifica e R.d.S. art. 8 14 20 7 5

Tariffa oraria:
Esame progetto € 44,00 (da applicare anche per il Rinnovo del CPI)
Sopralluogo € 48,00

Per le deroghe, la durata del servizio è calcolata sulla base di quella prevista per i pareri di conformità del progetto del-
le corrispondenti attività, maggiorata del 50%.

Pag. 11