Sei sulla pagina 1di 37

Grazie Raphael Van Assche

per la tua sete di scoperte


e per averci regalato questo test.
Se fossi un albero, berrei l’acqua che mi circonda. Mi muoverei so-
spinto dal vento, mi nutrirei del sole splendente e sopporterei le ferite
dei coltelli che incidono cuori sulla mia corteccia.
Se fossi acqua, scorrerei liberamente. Mi unirei ad altra acqua, mi scio-
glierei in un ruscello con il caldo e diventerei ghiaccio con il freddo.
Se fossi un uccello, sarei capace di volare, di camminare, talvolta di
tuffarmi. Sarei libero e andrei ovunque desideri.
Ma sono un essere umano.
E fintanto che sono un essere umano, ho sempre la possibilità di sce-
gliere se fare o non fare una cosa, quando farla e come. In qualunque
momento, posso trovarmi a un bivio e dover prendere una decisione.
A volte prendo decisioni giuste, a volte no. A volte è il mio intuito
a guidarmi, a volte mi lascio condizionare da voci esterne. Tutto il
resto è pura coincidenza.
Se voglio un tragitto sicuro, ci sono strade ampie e rettilinee; se voglio
respirare l’aria fresca della libertà, ci sono strade che si snodano nel
verde; se voglio raccogliere fiori, ci sono i prati.
E poi c’è la nostra saggezza interiore, che può guidarci. La incontria-
mo sotto forma di sensazione istintiva, vago presentimento, visione
o test muscolare, che si manifesta per esempio in un mutamento della
lunghezza delle braccia quando diciamo “sì” o “no”.
Sì o no! La vita è tutto fuorché un “forse”!

3
CAPITOLO 1

IL TEST KINESIOLOGICO

4
CHE COS’È IL TEST MUSCOLARE?

Il test muscolare è il sistema di analisi più sensibile e il suo rag-


gio d’azione è il più diversificato:
• Non costa nulla.
• Chiunque può praticarlo in autonomia.
• È a portata di mano ovunque ci troviamo.
• Possono usarlo anche i bambini!
• Non dobbiamo più delegare l’analisi a uno strumento; dob-
biamo solo fidarci del nostro corpo.
• Il test muscolare può fare molto di più che esprimere sempli-
cemente un “sì” o un “no”.
• Rivela quanto è grande lo stress: un piccolo “no”, un “no” me-
dio, un grande “no”.
• Rivela se siamo in condizioni di squilibrio generale.
• Indica se siamo liberi o intrappolati in uno stato di rigidità.
• Mostra anche se qualcosa scatena in noi un senso di panico o
una reazione allergica.

5
Il test muscolare (lunghezza delle braccia): “sì”, o equilibrio

Il test muscolare (lunghezza delle braccia): “no”, o stress

Questo metodo artigianale, provato


e collaudato non può essere sostituito
da un pendolo o da un sistema informatico.

6
COME FUNZIONA IL TEST MUSCOLARE?

Non si tratta di una moda esoterica. Si tratta di un riflesso neu-


rologico per cui i muscoli si rilassano da un lato del corpo e si
contraggono dall’altro. È per questo che, per esempio, le braccia
assumono lunghezze diverse.
È una reazione del nostro sistema muscolare allo stress. In con-
dizioni di stress, il cervello controlla i muscoli mediante un neu-
ropeptide, la sostanza P, che viaggia alla velocità di 1.500 metri
al secondo e induce i nostri forti muscoli a indebolirsi improv-
visamente.
Nella mia professione di medico, analizzo ogni aspetto delle
condizioni di salute misurando la lunghezza delle braccia. In
quale stato sono gli organi? Quant’è alto il livello di energia vi-
tale? Quale trauma infantile non è stato ancora risolto? Qual
è la terapia più adatta? Il paziente ha una reazione allergica a
un materiale odontoiatrico? Ma innanzitutto, il paziente vuole
veramente guarire?
Il test mette in collegamento la mente e il cuore. In questo
modo, il cuore può comunicare alla mente scettica verità non
comprensibili a livello logico.

7
COME MI HA TROVATO
IL TEST MUSCOLARE

A quel tempo credevo ancora alle coincidenze, ma erano troppo


frequenti perché potessi evitare di riconoscere che il vero moto-
re era la serendipità.
Io sono un medico e, oltre alla medicina convenzionale, avevo
studiato molti metodi di cura alternativi. A quell’epoca, quand’e-
ro davanti ai miei pazienti, mi trovavo a chiedermi quale fosse la
terapia più efficace per poterli aiutare.
Così cominciai a sperimentare diverse terapie, usando prima un
pendolo, poi un biotensore e poi l’antenna di Lecher. Essen-
do convinto che “quando non hai nulla da perdere, hai tutto da
guadagnare”, cominciai a utilizzare il biotensore direttamente
nei trattamenti. Per i miei pazienti era meno strano di quanto lo
fosse per me.
Probabilmente sono stato un po’ lento, perché ho dovuto rompe-
re ben tre punte metalliche del biotensore per capire che quello
strumento non mi serviva più. In realtà lo utilizzavo per pro-
iettare sullo strumento la reazione dei pazienti. L’epoca del re-
sponso del pendolo era conclusa. Era sufficiente usare le braccia.
Tornare ai metodi artigianali.
Numerose “coincidenze” mi portarono da un insegnante di fi-
sioenergetica. Insegnava il test muscolare usando la lunghezza
delle braccia, scoperto dall’osteopata belga Raphael Van Assche.
Molti anni fa, Raphael Van Assche esaminò le catene muscolari
di una donna. La paziente era sdraiata in posizione supina e
teneva le braccia distese sopra la testa. Le braccia avevano una
lunghezza identica. Poi la donna cominciò a parlare del marito

8
e dei loro enormi problemi. All’improvviso, senza alcun movi-
mento intenzionale da parte della donna, le sue braccia mostra-
rono lunghezze diverse. Fu così che tutto cominciò. E oggi mi-
gliaia di terapisti usano questo test nella loro pratica.
Cominciai subito a utilizzarlo anch’io nel mio studio medico e
inoltre insegnavo ai pazienti come praticarlo, in modo che potes-
sero trovare giovamento da soli, se ne avessero avuto bisogno. Era
il 1996. Era l’inizio di un viaggio di scoperta e di un grande amore.

CHI RISPONDE AL TEST MUSCOLARE?

Di primo acchito potremmo pensare che sia la mente conscia a


rispondere. Ma diversi fattori contraddicono quest’ipotesi.
1. Il test funziona perfettamente su pazienti in stato di coma.
Nessuno potrebbe sostenere seriamente che la loro risposta
sia dettata dalla mente conscia. Ci sono validi motivi se lo
stato di coma viene definito “inconscio”.
2. Il test funziona anche su cani e gatti e alcuni terapisti l’hanno
utilizzato addirittura sui cavalli.
3. Il test funziona su persone e animali anche se la domanda è
semplicemente scritta su un pezzo di carta e posizionata sul
corpo della persona o dell’animale, o quando un soggetto che
svolge il test in autonomia si limita a pensare alla domanda.
4. Funziona anche quando il soggetto testato sta dormendo.
5. Si può praticare anche sui bambini.
6. Spesso la risposta è l’esatto opposto di ciò che pensa il sog-
getto testato.

9
Tutti questi fattori avvalorano la mia convinzione che la risposta
non arrivi dalla mente conscia.
Se non siamo inclini a credere che sia addirittura Dio a parlarci
attraverso i nostri muscoli, il subconscio – l’interlocutore del no-
stro dialogo – rimane l’unica possibile fonte della risposta.
Un altro fenomeno si verifica quando diversi testatori specia-
lizzati ricevono da un soggetto testato la stessa risposta su un
particolare argomento senza conoscere i risultati ottenuti dai
colleghi.
Questo vale non solo per le domande che concernono le perso-
ne, ma anche per domande che riguardano situazioni e progetti.
Viene dunque da chiedersi se il subconscio di ogni essere umano
sia in una condizione di isolamento o se esista un campo comu-
ne in cui, almeno in parte, il subconscio di tutte le persone si
incontri e si mescoli.
Non posso offrire una risposta irrevocabile su chi sia il nostro
interlocutore quando usiamo il test muscolare; l’unica cosa che
posso dire con certezza è che non si tratta della mente conscia.

IMPARARE A UTILIZZARE
IL TEST MUSCOLARE DELLA
LUNGHEZZA DELLE BRACCIA

I seguenti esercizi ti aiuteranno a imparare, passo dopo passo,


come utilizzare il test muscolare della lunghezza delle braccia e
ad acquisire sicurezza nel praticarlo.

10
Passo 1: La visione sferica

Per ottenere risultati affidabili con il test, devi adottare un nuovo


tipo di visione.
Devi imparare a guardare le cose dall’esterno. Ciò significa che
devi anche guardare te stesso dall’esterno, se il test riguarda te.
Per quanto tempo l’umanità ha creduto che la Terra fosse piatta
e si trovasse al centro dell’Universo mentre il Sole le orbitava
intorno? È questo ciò che accade quando guardi le cose soltanto
dalla tua prospettiva, invece di guardarle con distacco da fuori.
Dovrai evitare che questo accada quando svolgi il test, altrimenti
testerai solo assurdità o mezze verità; perciò la prima cosa che
devi fare è imparare un nuovo modo di vedere, che si chiama
“visione sferica”.
È molto difficile guardare te stesso dall’esterno, in modo completa-
mente distaccato, come se non ti importasse nulla del tuo destino.
Di solito tutti noi consideriamo un argomento o un problema
da un punto di vista personale; ciò significa che vediamo solo
una piccola parte della verità. E ciascuno di noi vede qualcosa
di diverso.
Se applichi questo modo di vedere a qualcosa o qualcuno, la ri-
sposta del test muscolare è corretta solo all’80 per cento, quindi
è inutile.
Per adottare la visione sferica, puoi immaginare di stare al cen-
tro di una grande sfera. L’involucro della sfera è composto dagli
occhi con cui puoi osservarti.
Altrimenti puoi immaginare di essere la Terra e di guardare te
stesso da ogni direzione, come se le stelle avessero gli occhi.

11
La visione sferica

Non è facile adottare la visione sferica. Per alcune persone è pro-


prio questa la parte più difficile del test muscolare, perché chi lo
pratica deve sempre adottare questa visione mentre lo svolge.
Adesso sei pronto per cominciare a esercitarti.
1. Guarda un mazzo di fiori. Osservane un dettaglio – una fo-
glia, una venatura o un fiore – e focalizzati solo su quel punto.
2. Ora cambia prospettiva. Immagina di poter guardare il maz-
zo di fiori da tutte le direzioni: da davanti, da dietro, dall’alto
e dal basso, adottando tutti questi punti di vista contempora-
neamente. Riesci a farlo quando non guardi più direttamente
in un punto, ma ti focalizzi sullo spazio che circonda il mazzo
di fiori. Come se volessi vedere il suo campo energetico.
3. Ora passa più volte da una prospettiva all’altra alternando
modalità di osservazione.

12
Solo se impari a vedere in questo modo puoi veramente fidarti
del test muscolare.
Ciò significa che non adotti più solo la tua prospettiva limitata
per osservare, giudicare e confrontare, ma adotti una visione in-
dipendente dalla tua volontà.

Passo 2: Sentire i colori

1. Immagina di indossare abiti di colori diversi: viola, blu, aran-


cione, verde chiaro, rosso, giallo e bianco.
2. Senti l’effetto che i colori esercitano su di te, le sensazioni che
suscitano. Dedica qualche minuto a questo passaggio.
3. Quali colori ti fanno sentire bene?
4. Quali sono i cambiamenti che i diversi colori determinano
dentro di te? Quali reazioni scatenano in te?
5. Ora prova a fare questo esercizio con gli occhi chiusi.

Passo 3: Sentire il “sì” e il “no”

Aiuto! Il mio corpo mi sta parlando!


1. Dovunque tu sia e in qualunque momento, mettiti in posi-
zione eretta ma rilassata, sintonizzati su te stesso e senti:
–– la tua postura;
–– il tuo respiro;
–– il ritmo del tuo cuore;
–– la tua aura;
–– il tuo campo energetico;

13
–– la tensione dei tuoi muscoli;
–– i ritmi del tuo corpo.
2. Ora pensa a una situazione meravigliosa che hai sperimenta-
to nella tua vita e senti le sensazioni del tuo corpo.
3. Poi pensa a una situazione spiacevole, o addirittura orribile,
che hai sperimentato nella tua vita e sintonizzati di nuovo sul
tuo corpo. Avvertirai molte differenze dentro di te.
4. A questo punto afferma “sì” ad alta voce e sintonizzati su di
te.
5. Ora afferma “no” ad alta voce e sintonizzati ancora una volta
su di te. Cambia qualcosa dentro di te quando dici “no”?
6. Ripeti più volte questo esercizio, passando dal “sì” al “no” fino
a quando non sei sicuro di poterti fidare delle tue sensazioni
e del fatto che sono reali, non inventate.

Puoi anche svolgere questo esercizio stando seduto, ma poi ti


consiglio di ripeterlo in posizione eretta, perché alcune sensa-
zioni si percepiscono solo in piedi.

Passo 4: Sono una bilancia

1. Immagina di essere una bilancia. La bilancia è in equilibrio


oppure no?
2. Se la bilancia non è in equilibrio, immagina anche in questo
caso diversi colori. Quale colore ripristina l’equilibrio?
3. Quando hai identificato il colore giusto, indossa abiti di que-
sto colore o immagina semplicemente di indossarli. Puoi
metterti anche solo una sciarpa o un calzino, oppure puoi

14
tenere in tasca un pezzo di carta che abbia quel colore. Se non
trovi nessun colore che riesca a ripristinare l’equilibrio della
tua bilancia, prendi il colore che funziona meglio e immagina
diversi profumi. La combinazione tra profumi e colori ripor-
terà la tua bilancia in equilibrio.
4. Continua solo quando hai ripristinato l’equilibrio della tua
bilancia.

Bilancia in equilibrio

Bilancia in lieve squilibrio

15
Bilancia in evidente squilibrio

Congratulazioni! Ti sei appena fatto un trattamento!

Se adesso la tua bilancia è in equilibrio, immagina di aggiungere


un piccolo peso su un piatto e osserva come si muove la bilan-
cia. Poi aggiungi un peso maggiore, seguito da un altro molto
pesante.
È possibile che la tua bilancia rimanga nella stessa posizione
a prescindere da quanto è pesante il sasso che aggiungi nella
tua immaginazione. Significa che sei in uno stato di rigidità: sei
bloccato. Puoi eseguire lo stesso trattamento che ho descritto
per la bilancia quando non è in equilibrio. Per uscire da questo
stato di rigidità, usa i colori, i profumi o gli infusi di erbe.
Sostanzialmente, verificare la propria condizione è molto sem-
plice:
• Se siamo in equilibrio, la nostra bilancia è in equilibrio;
• Se siamo stressati, la nostra bilancia non è in equilibrio. È
come se avesse un peso su un piatto solo.

16
• Se siamo in uno stato di rigidità, la bilancia non si muove
a prescindere dalla condizione di equilibrio o di squilibrio
che presentava al momento dell’irrigidimento. Significa che
ci troviamo in uno stato di shock, congelati, intrappolati in
un trauma. La gioia di vivere è scomparsa e la vita diventa un
peso. Per noi il tempo sembra essersi fermato. Lo percepiamo
in modo diverso da come faremmo normalmente. Afferma-
zioni come “Cosa? L’estate è già finita?” sono tipiche di chi si
trova in questo stato.

Passo 5: Il test muscolare


della lunghezza delle braccia

1. Mettiti in piedi con le braccia morbidamente distese lungo i


fianchi. Rilassa le braccia e le spalle.
2. Ora unisci le mani in modo rilassato davanti al corpo, proprio
in corrispondenza del centro. Tieni i dorsi delle mani all’esterno,
così potrai usare le unghie dei pollici come strumenti di misura-
zione. Quando sei in equilibrio, i pollici sono alla stessa altezza.

Il test muscolare della lunghezza delle braccia: “sì” o equilibrio

17
3. Riporta le braccia lungo i fianchi e ricorda di adottare la vi-
sione sferica.
4. Afferma “sì” e riporta le braccia unite davanti al tuo corpo.
Avranno ancora una lunghezza identica.
5. Rilassa le braccia e riportale lungo i fianchi.
6. Ora afferma “no” e riporta le braccia unite davanti al tuo cor-
po. Questa volta non avranno una lunghezza identica. Avran-
no lunghezze diverse, a meno che tu non sia bloccato in uno
stato di rigidità (approfondiremo l’argomento nel prossimo
capitolo). Il tuo corpo dice “no”. È sotto stress quando espri-
me qualcosa di negativo.

Il test muscolare della lunghezza delle braccia:


“no” o stress

7. Ora svolgi gli stessi passaggi tenendo gli occhi chiusi. Io


tengo spesso gli occhi chiusi quando voglio sentire qualcosa,
perché in questo modo la visione si amplifica.

18
Il test muscolare della lunghezza delle braccia:
la posizione delle due braccia

All’inizio, la differenza della lunghezza delle braccia durante il


test può essere lieve, variando da uno a tre centimetri. Ma più ti
rilassi e più ti eserciti, più sarà marcata. Non sono rari i casi in
cui la differenza arriva a dieci centimetri. Devi solo rilassarti e la
risposta sarà inequivocabilmente chiara.
Con l’andare del tempo, la reazione dei tuoi pollici non avrà
più una grande importanza perché ti fiderai del tuo corpo. Sarai
diventato un testatore perfetto.
In questo modo, potrai parlare al tuo subconscio attraverso il
corpo:
–– pensa a qualcosa di positivo e le tue braccia avranno una lun-
ghezza identica;
–– pensa a qualcosa di negativo e le tue braccia avranno due
lunghezze diverse.

Così facendo, avrai sempre con te il tuo personale rivelatore di


stress e bugie.

19
IL TEST MUSCOLARE: SITUAZIONI INIZIALI
Test regolare

Quando dici “sì” e svolgi il test, le tue braccia hanno una lun-
ghezza identica.
Quando dici “no” e svolgi il test, le due braccia hanno due lun-
ghezze diverse.
Puoi svolgere il test!

Il test muscolare della lunghezza Il test muscolare della lunghezza


delle braccia: “sì” o equilibrio delle braccia: “no” o stress

Bilancia in equilibrio

20
Stress iniziale

Nonostante un “sì”, le tue braccia mostrano lunghezze diverse.


Sei in uno stato di squilibrio. Un peso grava su un piatto della
tua bilancia.

Il test muscolare della lunghezza delle braccia mostra un “no”,


o risposta di stress, anche se stai affermando un “sì”

Bilancia in lieve squilibrio

21
Con un “no”, aggiungi un peso sull’altro piatto della bilancia.
Sembra che la bilancia sia in equilibrio, ma ci sono pesi su en-
trambi i piatti. Se sei bravo in matematica, puoi pensarla in que-
sti termini: due “no” equivalgono a un “sì”.

La prima cosa da fare è un trattamento!

Il test muscolare della lunghezza delle braccia mostra quello che


sembra un “sì”, o risposta di equilibrio, pur affermando un “no”

Bilancia in stato di stress iniziale affermando un “no”

22
Blocco o rigidità

• Sei congelato! Sei bloccato in uno stato di equilibrio o di stress.


• Le tue braccia non rispondono più quando dici “sì” o “no”. La
loro lunghezza, identica o diseguale, rimane immutata.

Il test muscolare della lunghezza Il test muscolare della lunghezza


delle braccia mostra un “sì”, delle braccia mostra un “sì”,
o condizione di equilibrio, o condizione di equilibrio,
affermando un “sì” affermando un “no”

Lo shock congelato in condizione di equilibrio

23
Il test muscolare della Il test muscolare della
lunghezza delle braccia lunghezza delle braccia
mostra un “no”, o risposta di mostra un “no”, o risposta di
stress, affermando un “sì” stress, affermando un “no”

Lo shock congelato in condizione di stress

La prima cosa da fare è un trattamento!

24
STRESS E STATO DI RIGIDITÀ
INIZIALE: IL TRATTAMENTO

C’è sempre un rimedio.


Se fai la cosa giusta, o semplicemente la immagini, il blocco del-
lo stress si scioglie.
Hai sempre il rimedio giusto a portata di mano. Fidati di te stesso.
Ecco alcuni rimedi e modi per favorire la guarigione:
• Bere acqua
• Cambiare il colore di ciò che s’indossa
• Immaginare bellissime situazioni o colori
• Ascoltare musica
• Dire la verità
• Meditare
• Fare yoga
• Pronunciare affermazioni
• Pregare
• Dipingere
• Fare una doccia
• Odorare fiori
• Bere infusi d’erbe
• Danzare
• Usare i fiori di Bach o l’omeopatia
• Fare una passeggiata

25
CHE COSA PUÒ RIVELARE
IL TEST MUSCOLARE USANDO
LA LUNGHEZZA DELLE BRACCIA?

Il test muscolare usando la lunghezza delle braccia può rivelare


molto più di un semplice “sì” o “no”. Può anche esprimere:
–– un piccolo no, o un basso livello di stress;
–– un grande no, o un alto livello di stress.
E può rivelare:
–– Panico e allergie

Le immagini che seguono mostrano tutti questi possibili sce-


nari:

Il test muscolare della lunghezza delle braccia:


sì, o equilibrio

26
Il test muscolare della lunghezza delle braccia:
piccolo no, o basso livello di stress

Il test muscolare della lunghezza delle braccia:


no di media entità, o stress medio

27
Il test muscolare della lunghezza delle braccia:
grande no, o alto livello di stress

Il test muscolare della lunghezza delle braccia:


enorme no, o altissimo livello di stress

28
Allergia o panico

La differenza nella lunghezza delle braccia aumenta gradual-


mente se ripeti il test più volte di fila. La causa può essere un’al-
lergia o una forma di panico emotivo.
–– Si tratta di allergia se stai testando un alimento, uno sham-
poo, un materiale per otturazioni odontoiatriche o qualun-
que altra sostanza che potrebbe scatenare in te una reazione
allergica.
–– Si tratta di panico se stai pensando a una situazione che po-
trebbe scatenare in te una reazione di panico.

Il test muscolare della lunghezza delle braccia:


reazione allergica o reazione di panico

29
Sì/no o equilibrio/stress

Come puoi valutare la risposta muscolare? Dipende da cosa stai


testando:
–– Se stai testando affermazioni come “Io faccio…”, la lunghez-
za identica delle braccia indica “Equilibrio: questa cosa mi
fa bene.”
Al contrario, una lunghezza diseguale indica “Stress: questa
cosa non mi fa bene.”
Usando affermazioni simili, puoi svolgere il test in modo sicuro
fin da subito, anche se sei principiante.
–– Se stai testando affermazioni come “Dovrei fare…?” o “Que-
sta cosa/persona mi fa male?”, la valutazione della risposta
muscolare dipende interamente dalla formulazione della do-
manda. Il test può rivelare solo un “sì” o un “no”.

Se la cosa/persona ti fa male, le tue braccia hanno una lunghezza


identica. Quindi il tuo corpo risponde “sì (questa cosa/persona
ti fa male)”.
Usare le domande nel test muscolare è un’opzione che consiglio
solo a chi ha già acquisito dimestichezza e sicurezza nel suo
impiego, e dunque sa valutare in anticipo cosa significa per lui
una risposta del tipo “sì” o “no”.

Valutare la risposta del test

Quando testi delle affermazioni:


–– braccia di lunghezza identica: equilibrio. Questa cosa mi fa
bene;

30
–– braccia di lunghezza diversa: stress. Questa cosa non mi fa
bene;

Quando testi delle domande:


–– braccia di lunghezza identica: sì, è esatto;
–– braccia di lunghezza diversa: no, è falso.

CHE COSA NON DOVRESTI TESTARE?

Esistono cose che non siamo tenuti a sapere perché prima di


tutto dobbiamo sperimentarle. Perciò faresti meglio a evitare di
testarle. Se lo facessi, otterresti risposte insensate.
La nostra esperienza è la nostra ricchezza! È per questo motivo
che le domande riguardanti il futuro non possono essere testate.
Lo stesso vale per i numeri del lotto, perché la vincita ci allonta-
nerebbe dal percorso della nostra vita.
Inoltre, non è consentito testare altre persone senza il loro con-
senso, perché sarebbe un’operazione manipolatoria.
Svolgere il test per condizionare qualcuno, creare dipendenze,
ottenere un controllo o far del male a un’altra persona ti farà
guadagnare una “bella lezione” a tua volta. In questo la vita è
molto equa.
Per essere sicuri, è meglio iniziare chiedendo:
1. Ho il diritto di porre questa domanda?
2. Otterrò una risposta significativa?

31
Con questi due interrogativi preliminari, eviterai risposte insen-
sate che ti distoglieranno dalla verità.
Se ottieni un “sì” a entrambi gli interrogativi, puoi formulare la
tua domanda.

USA IL TEST MUSCOLARE


DOVUNQUE TI TROVI

Ora tocca a te usare il test muscolare il più possibile. Svolgilo in


piedi, disteso o seduto, a occhi aperti o chiusi.
È come imparare a suonare il pianoforte, solo che richiede mol-
to meno tempo. Più ti eserciti a usare il test muscolare, più ac-
quisisci fiducia nei suoi risultati. Continua a esercitarti con il “sì”
e con il “no”.
Testa cose semplici, come il colore da scegliere per gli abiti che
indosserai oggi.
Chiedi semplicemente “Dovrei indossare…” e poi svolgi il test. I
tuoi muscoli ti diranno “Sì, è perfetto” oppure “No! Sei matto?!”.
Più sei aperto e più è alta la tua frequenza vibrazionale, più sarà
evidente la differenza nella lunghezza delle braccia durante il
test.
È come un tergicristallo: quanto più ampia è la superficie che
pulisce, tanto maggiore sarà la visibilità.

32
ENTRA NELLA COMMUNIT Y
My Life la Community #1 in Italia per la Crescita Personale

Guarda gratis 500 ore di video su www.mylife.it/tv


la prima WebTV italiana di Self Help
con oltre 50 milioni di video visualizzati

Iscriviti al canale You Tube:


www.youtube.com/mylifetvit

Unisciti ora al gruppo Facebook di My Life


per essere aggiornato in tempo reale:
www.facebook.com/edizionimylife

Per informazioni: Telefono 0541 341038 - Email: segreteria@mylife.it


SEGUI I CORSI
My Life la Community #1 in Italia per la Crescita Personale

Dal vivo in sala


www.mylife.it/eventi

Subito in streaming
www.mylife.it/streaming

Con i video corsi in DVD


www.mylife.it/videocorsi

Per informazioni: Telefono 0541 341038 - Email: segreteria@mylife.it


E B O O K G R AT U I T I

Visita:
www.mylife.it/omaggi

e scarica gratis eBook in omaggio per te


estratti dai migliori Best Seller.

Buona lettura ;-)


TI È PIACIUTO QUESTO EBOOK?

Quando leggi un bel libro spesso


emerge il desiderio di condividere
le emozioni vissute durante la lettura.
Ora puoi farlo!
C’è una community di lettori
in attesa di leggere il tuo parere e i tuoi consigli.

Vai sul sito www.mylife.it/biblioteca,


cerca il titolo del libro e scrivi cosa ne pensi.

Nella Biblioteca di My Life trovi anche tanti articoli,


recensioni, estratti che puoi consultare gratuitamente
per scegliere il tuo prossimo libro da leggere
o per consigliarlo a un amico.

Ti aspettiamo in Biblioteca ;-)

www.mylife.it/biblioteca

Per informazioni: Telefono 0541 341038 - Email: segreteria@mylife.it