Sei sulla pagina 1di 1015

Enzo Ruffaldi, Piero Carelli

IL NUOVO
PENSIERO PLURALE
Filosofia: storia, testi, questioni

2A DALL’UMANESIMO ALL’EMPIRISMO

LOESCHER EDITORE

Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione


© Loescher Editore - Torino - 2012
http://www.loescher.it

I diritti di elaborazione in qualsiasi forma o opera, di memorizzazione anche digitale su supporti di qualsiasi tipo (inclusi magnetici e ottici), di riproduzione
e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), i diritti di noleggio, di prestito e di traduzione sono
riservati per tutti i paesi. L’acquisto della presente copia dell’opera non implica il trasferimento dei suddetti diritti né li esaurisce.
Fotocopie per uso personale (cioè privato e individuale), nei limiti del 15% di ciascun volume, possono essere effettuate dietro pagamento alla SIAE
del compenso previsto dall’art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n. 633. Tali fotocopie possono essere effettuate negli esercizi commerciali
convenzionati SIAE. o con altre modalità indicate da SIAE.
Per riproduzioni ad uso non personale l’editore potrà concedere a pagamento l’autorizzazione a riprodurre un numero di pagine non superiore al 15%
delle pagine del presente volume. Le richieste per tale tipo di riproduzione vanno inoltrate a:
Associazione Italiana per i Diritti di Riproduzione delle Opere dell’ingegno (AIDRO)
Corso di Porta Romana n. 108, 20122 Milano
e-mail segreteria@aidro.org e sito web www.aidro.org
L’editore, per quanto di propria spettanza, considera rare le opere fuori del proprio catalogo editoriale. La fotocopia dei soli esemplari esistenti nelle
biblioteche di tali opere è consentita, non essendo concorrenziale all’opera. Non possono considerarsi rare le opere di cui esiste, nel catalogo dell’editore,
una successiva edizione, le opere presenti in cataloghi di altri editori o le opere antologiche.
Nel contratto di cessione è esclusa, per biblioteche, istituti di istruzione, musei ed archivi, la facoltà di cui all’art. 71 - ter legge diritto d’autore.
Maggiori informazioni sul nostro sito: http://www.loescher.it

Ristampe

6 5 4 3 2 1 N
2017 2016 2015 2014 2013 2012

ISBN 9788820134068

Nonostante la passione e la competenza delle persone coinvolte nella realizzazione


di quest’opera, è possibile che in essa siano riscontrabili errori o imprecisioni.
Ce ne scusiamo fin d’ora con i lettori e ringraziamo coloro che, contribuendo
al miglioramento dell’opera stessa, vorranno segnalarceli al seguente indirizzo:

Loescher Editore s.r.l.


Via Vittorio Amedeo II, 18
10121 Torino
Fax 011 5654200
clienti@loescher.it

Loescher Editore S.r.l. opera con sistema qualità


certificato CERMET n. 1679-A
secondo la norma UNI EN ISO 9001-2008

L’opera è frutto di un lavoro comune degli autori, che ne hanno insieme elaborato e discusso ogni parte. Per quanto riguarda il volume 2A, Enzo
Ruffaldi è autore di tutti i materiali, fatta esclusione per il testo, gli Itinerari di lettura e gli apparati didattici relativi a Spinoza, a cura di Piero
Carelli. A Ubaldo Nicola si deve la sezione “Eidos: dalle idee all’immaginario”.
La sezione “Il cammino delle idee” è a cura di Nicolò Seggiaro.

Coordinamento editoriale: Francesco Pastorelli


Redazione: Francesco Pastorelli, Valentina Luchelli
Ricerca iconografica: Emanuela Mazzucchetti
Progetto grafico: Apotema sas
Impaginazione: Puntografica – Torino
Cartografia: Studio Aguilar – Milano per le cartine del contesto storico-culturale; Erik Fadel – Suno (NO) per le cartine della sezione “Il
cammino delle idee”
Fotolito: Graphic Center – Torino
Copertina: Visual Grafika – Torino

Stampa: Sograte Litografia s.r.l. – Zona Industriale Regnano – 06012 Città di Castello (PG)

Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione


Indice
MODULO 1

2
3

4
Umanesimo e Rinascimento

Aspetti dell’Umanesimo
Dal Medioevo all’Umanesimo, 17
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO
..............................................................................................

La nascita della filologia


I nuovi atteggiamenti culturali del Rinascimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO Scienza e pittura in Leonardo da Vinci . . . .


1
Il contesto storico-culturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Uno sguardo d’insieme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

............................

La filosofia rinascimentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Il neoplatonismo: Cusano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
12
15
16

19
20
22
25
26
5 Il neoplatonismo: Ficino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO L’ermetismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO La magia rinascimentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO
Pico della Mirandola e la tesi della libertà umana ........................................................ 34
6 La filosofia della natura di Telesio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
7 Giordano Bruno: naturalismo e neoplatonismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
FONTI E SCRITTI Il mito di Atteone come immagine degli «eroici furori» ............... 41
8 Naturalismo e magia nel pensiero di Campanella . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
9 Naturalismo e aristotelismo in Pomponazzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
10 Il rinnovamento religioso e la Riforma protestante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
L’Umanesimo di Erasmo, 48 • La Riforma luterana, 49
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO La diffusione del luteranesimo ................. 50
La riforma nell’orizzonte dell’Umanesimo: Zwingli e Calvino, 54
11 Il pensiero politico rinascimentale: realismo e utopia ................................... 57
Il realismo di Machiavelli, 58
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO
La politica come analisi del «particulare»: Guicciardini. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
NODI DI DISCUSSIONE Interpretazioni su Machiavelli e il machiavellismo . . . . . . . . . . . . 62
Il pensiero utopistico, 63
12 Il pensiero politico nel Rinascimento europeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
13 Il Rinascimento europeo: Montaigne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66

Sintesi .............................................................................................................................. 68

Itinerari di lettura
1 L’universo infinito ......................................................................................................... 71
T1 Cusano: L’universo infinito, senza centro né circonferenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
3
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
T2 Bruno: La nuova cosmologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
T3 Bruno: L’universo come Uno-tutto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
2 La natura vivente ........................................................................................................... 74
T4 Ficino: L’anima del mondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
T5 Ficino: L’artista immanente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
T6 Campanella: Il senso delle stelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77

Laboratorio ............................................................................................................... 79
PREPARARSI ALL’INTERROGAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
Confronto tra filosofi, 83 – Confronto tra idee, 84

Questioni che contano


FILOSOFIA E ALTRI LINGUAGGI
Campanella poeta ............................................................................................................... 85
FILOSOFIA E CITTADINANZA
Giordano Bruno e il libero pensiero ................................................................................ 86
FILOSOFIA E CONOSCENZA DI SÉ
L’homo faber sui . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88

Eidos: dalle idee all’immaginario ................................................................................. 90


Riflettere sulle immagini
L’uomo come microcosmo

MATERIALI ONLINE
X X
WEB
I testi, Cusano: Gli abitanti degli altri mondi La storia e la cultura del tempo, L’utopia
(La dotta ignoranza) pedagogica di Comenio
X I testi, Bruno: L’intelletto universale (De la X Nodi di discussione, Frattura o continuità
causa, principio e uno) rispetto al Medioevo?
X La storia e la cultura del tempo, L’introdu- X Questioni che contano, Machiavelli e l’Italia
zione della stampa e la diffusione delle idee X Filosofia e Costituzione, Il giusnaturalismo
X La storia e la cultura del tempo, L’Italia del X Filosofia e Costituzione, Il contrattualismo
Rinascimento e la Costituzione
X La storia e la cultura del tempo, Montaigne X Il film, Un uomo per tutte le stagioni
e la scoperta della diversità culturale X La cartella di Diogene, Bruno: un filosofo
sempre attuale

MODULO 2

2
La rivoluzione scientifica
Il contesto storico-culturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Uno sguardo d’insieme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
La rivoluzione astronomica
Il modello aristotelico-tolemaico, 101 • Il nuovo modello del cosmo, 102
Copernico, 102 • Brahe e Keplero, 104
.......................................................................................

Bacone e il nuovo sapere scientifico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106


La rifondazione del sapere, 107 • Un nuovo metodo per un nuovo sapere, 110
• L’oggetto della ricerca scientifica, 114 • La scienza come sistema, 115
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO Le accademie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
2 96
99
100

3 Galilei: sensate esperienze e certe dimostrazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119


4
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Le osservazioni astronomiche, 120 • Ragione, esperienza e fede, 120
La nuova immagine del cosmo, 122
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO La Chiesa contro Galilei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
Il sistema copernicano e la relatività galileiana, 124 • Il metodo sperimentale, 127
Il realismo di Galilei, 129 • L’eredità galileiana, 130
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO Tecnica e scienza nel Seicento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131

4 Newton: le ricerche e il metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132


L’indagine sulla luce e il metodo sperimentale, 133
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO Le ricerche di Boyle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
Il metodo induttivo, 135 • Ipotesi scientifiche e ipotesi metafisiche, 135
L’indagine matematica della natura, 137 • La materia, 141
La prospettiva metafisica e la religione, 142 • Problemi interpretativi, 144
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO Newton e gli scienziati del Seicento . . . . . . . . . 145

Sintesi .............................................................................................................................. 146

Itinerari di lettura
1 Il metodo della nuova scienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
T1 Bacone: L’esigenza del metodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
T2 Bacone: La teoria degli idòla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
T3 Bacone: Formiche, ragni e api . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
T4 Bacone: Le caratteristiche del metodo induttivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
T5 Galilei: La struttura matematica dell’universo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
T6 Galilei: Esperienza e «certe dimostrazioni» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
T7 Newton: Il metodo induttivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
T8 Newton: Il metodo sperimentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
T9 Newton: Le regole del filosofare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
T10 Newton: La deduzione delle leggi di Keplero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
2 L’utopia tecnologica di Bacone ................................................................................. 163
T11 Bacone: La Casa di Salomone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
T12 Bacone: L’organizzazione della ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166

Laboratorio .................................................................................................................. 168

PREPARARSI ALL’INTERROGAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171


Confronto tra filosofi, 171 – Confronto tra idee, 173
VERSO L’ESAME . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 174
PER L’APPROFONDIMENTO. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
Dialogo tra filosofi, 176 – Nodi di discussione, 177 – La critica, 179 – Fonti e scritti, 182

Questioni che contano


FILOSOFIA E ALTRI LINGUAGGI
Galilei e il cinema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
FILOSOFIA E CITTADINANZA
Ricerca scientifica e libertà di pensiero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
Scienza e impegno sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187
FILOSOFIA E CONOSCENZA DI SÉ
Bacone, Gadamer e i pregiudizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
5
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Eidos: dalle idee all’immaginario ................................................................................. 190
Riflettere sulle immagini
La riscoperta del corpo umano
Galilei e il metodo scientifico

MATERIALI ONLINE
X
WEB
I testi, Galilei: Le Sacre Scritture e la scienza sofia naturale (Ottica)
(Lettera a don Benedetto Castelli) X La storia e la cultura del tempo, La nascita
X I testi, Galilei: Contro il finalismo (Dialogo della Royal Society
sopra i due massimi sistemi del mondo) X Dialoghi filosofici, La rivoluzione copernicana
X I testi, Newton: Il teleologismo (Ottica) X Dialoghi filosofici, La rivoluzione scientifica
X I testi, Newton: I limiti e i compiti della filo- X Dialoghi filosofici, Bacone

MODULO 3

1
Il razionalismo

Il metodo, il dubbio, il cogito, 205


LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO La geometria analitica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
Dal dubbio metodico alla certezza iniziale, 208 • Le idee e Dio, 210
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO
Pierre Gassendi: tra cristianesimo, epicureismo e nuova scienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
Le idee e il mondo: la fisica deduttiva e il meccanicismo, 216 • Il corpo, l’anima, le
3
Il contesto storico-culturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
Uno sguardo d’insieme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
Cartesio: il metodo del razionalismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204

passioni: il dualismo cartesiano, 220


2 Spinoza: Dio e l’universo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
Il superamento dei pregiudizi e la ricerca di un nuovo sapere, 223
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO
Spinoza e l’Olanda del Seicento, tra tolleranza e fanatismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
Da Dio all’etica, 232 • Dio ovvero l’ordine geometrico della natura scoperto dalla
scienza, 237 • L’uomo e il rapporto tra mente e corpo, 240 • La liberazione dalle pas-
sioni, 242 • Dal punto di vista del «finito» al punto di vista di «Dio», 245 • Le condi-
zioni politiche che agevolano il vivere sotto la guida della ragione, 247
3 Leibniz: razionalismo e ottimismo metafisico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
Arte combinatoria e matematica, 249 • Alle origini della nozione di monade, 251
La monadologia leibniziana, 256 • La materia, lo spazio e il tempo, 259
L’esistenza di Dio e l’armonia prestabilita, 261 • La polemica con l’empirismo e la
teoria della conoscenza, 264
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO
L’attività storica e diplomatica di Leibniz ...................................................................... 267

Sintesi .............................................................................................................................. 268

Itinerari di lettura
1 Il razionalismo e la conoscenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271
T1 Cartesio: Partire dalle idee . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271
6
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
T2 Cartesio: La conoscenza dei sensi non è scientifica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
T3 Cartesio: I sensi e la ragione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
T4 Leibniz: L’innatismo virtuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274
T5 Cartesio: La matematica come modello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275
T6 Spinoza: Il metodo deduttivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276
2 La ragione e le passioni ............................................................................................... 280
T7 Cartesio: La macchina-uomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
T8 Cartesio: Le passioni fondamentali e la loro connessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281
T9 Cartesio: L’importanza dell’abitudine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282
T10 Spinoza: Lo studio geometrico delle passioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
T11 Spinoza: Passioni e affetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
T12 Leibniz: L’automa spirituale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286
3 Spinoza: etica e libertà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
T13 Spinoza: Il fine dello Stato è la libertà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
T14 Spinoza: Stato e dissenso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289

Laboratorio .................................................................................................................. 292

PREPARARSI ALL’INTERROGAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 296


Confronto tra filosofi, 296 – Confronto tra idee, 298
VERSO L’ESAME . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 299
PER L’APPROFONDIMENTO. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
Dialogo tra filosofi, 301 – Nodi di discussione, 303 – La critica, 305 – Fonti e scritti, 306

Questioni che contano


FILOSOFIA E ALTRI LINGUAGGI
Gli scienziati e l’immagine spinoziana dell’universo ................................................... 309
FILOSOFIA E CITTADINANZA
Cartesio e la morale provvisoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310
Il problema della libertà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 311
FILOSOFIA E CONOSCENZA DI SÉ
La memoria e l’identità personale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312
La personalità e l’inconscio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313

Eidos: dalle idee all’immaginario ................................................................................. 314


Riflettere sulle immagini
Ambiguità e studio delle passioni

MATERIALI ONLINE
X
WEB
Itinerario di lettura, Un esempio di razionali- – I testi, Cartesio: I Princìpi e il cogito (I princìpi
tà filosofica: le Meditazioni di Cartesio della filosofia)
– I testi, Cartesio: Un’esperienza personale, X I testi, Spinoza: Le vittime del fanatismo
da discutere con altri (Meditazioni religioso (Trattato teologico-politico)
metafisiche) X Itinerario di lettura, Leibniz e il «migliore dei
– I testi, Cartesio: Parlare della propria espe- mondi possibili»
rienza (Meditazioni metafisiche) – I testi, Leibniz: Il palazzo dei destini (Teodicea)
– I testi, Cartesio: Immergersi in una situazione X Nodi di discussione, La discussione sul cri-
(Meditazioni metafisiche) stianesimo nel carteggio di Spinoza
– I testi, Cartesio: Le Meditazioni e il cogito X Fonti e scritti, Le radici del Trattato teologi-
(Meditazioni metafisiche) co-politico
– I testi, Cartesio: Il Discorso sul metodo e il X Dialogo tra filosofi, Il dibattito a distanza
cogito (Discorso sul metodo) con Newton: il carteggio Leibniz-Clarke

7
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
X X
WEB
Questioni che contano, Mente e corpo: Filosofia e Costituzione, Tolleranza:
dualismo o unità? libertà di religione e di culto
X Dialoghi filosofici, Cartesio X Il film, Blade runner
X Dialoghi filosofici, Spinoza X Il film, La vita è meravigliosa
X Dialoghi filosofici, Leibniz

MODULO 4

2
Il materialismo di Hobbes e l’empirismo

La materia e l’uomo, 326 • Dai sensi al pensiero, 327 • L’etica e la politica, 331
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO Il sistema del diritto: Pufendorf . . . . . . . . . . . . . . . 336
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO Le idee della rivoluzione inglese . . . . . . . . . . . . . . . 341

Locke: il fondatore dell’empirismo inglese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 342


Lo studio dell’intelletto umano, 343
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO I platonici di Cambridge . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345
4
Il contesto storico-culturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 320
Uno sguardo d’insieme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 323
Hobbes e il materialismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325

Le idee e la loro origine, 346 • I problemi dell’empirismo e l’analisi del linguaggio, 349
Il quarto libro del Saggio: il mondo, l’io, Dio, 351 • Il pensiero politico, 354
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO Il concetto di «società civile» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
La tolleranza, 359
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO Le Chiese protestanti in Inghilterra . . . . . . . . 361
L’influenza di Locke: empirismo e liberalismo, 362
3 Berkeley: contro il materialismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363
4 Hume: per una scienza dell’uomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 365
La teoria della conoscenza, 366 • La morale del sentimento, 375
L’estetica, la politica, la religione, 378

Sintesi .............................................................................................................................. 382

Itinerari di lettura
1 Dallo studio del mondo allo studio del soggetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 385
T1 Locke: Il criticismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 385
T2 Hume: La ricerca sulla natura umana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 386
T3 Locke: Determinare l’ambito del conoscibile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388
2 La critica della conoscenza oggettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 390
T4 Locke: Le idee complesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 390
T5 Locke: La critica dell’idea di sostanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
T6 Berkeley: Esse est percipi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 393
T7 Hume: Le leggi dell’associazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 395
T8 Hume: La causalità non è un nesso necessario tra i fatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 396
3 Assolutismo e liberalismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 399
T9 Hobbes: Lo stato di natura è guerra di tutti contro tutti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 400
T10 Hobbes: Il patto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 401
T11 Hobbes: La moltitudine e lo Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 402
T12 Locke: Lo stato di natura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 403
T13 Locke: Origine e caratteristiche della società civile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 404
8
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Laboratorio .................................................................................................................. 406

PREPARARSI ALL’INTERROGAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 410


Confronto tra filosofi, 410 – Confronto tra idee, 411
VERSO L’ESAME . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 412
PER L’APPROFONDIMENTO. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415
Dialogo tra filosofi, 415 – Nodi di discussione, 416 – La critica, 417 – Fonti e scritti, 418

Questioni che contano


FILOSOFIA E ALTRI LINGUAGGI
Hume e la scienza dell’uomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 421
FILOSOFIA E CITTADINANZA
Locke e la tolleranza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 422
L’origine convenzionale dello Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424
FILOSOFIA E CONOSCENZA DI SÉ
Che cosa c’è fuori della nostra mente? ............................................................................ 425

MATERIALI ONLINE
X X
WEB
I testi, Hume: Idee e fatti (Ricerca sull’intelletto Questioni che contano, La morale è univer-
umano) sale?
X I testi, Hume: Lo scetticismo moderato (Ricerca X Questioni che contano, Hume e la morale
sull’intelletto umano) del sentimento
X I testi, Locke: La legittimità della proprietà priva- X Dialoghi filosofici, Hobbes
ta (Due trattati sul governo) X Dialoghi filosofici, Locke
X La storia e la cultura del tempo, La Gloriosa X Dialoghi filosofici, Berkeley
rivoluzione X Dialoghi filosofici, Hume
X La storia e la cultura del tempo, David Hartley X Filosofia e Costituzione, Il giusnaturalismo
e le origini dell’associazionismo psicologico X Filosofia e Costituzione, Il contrattualismo e
X Nodi di discussione, Il pensiero di Hobbes: la Costituzione
interpretazioni e problemi X Il film, Gangs of New York

MODULO 5

3
4
Pascal e la religione nel Seicento

Malebranche e l’occasionalismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 433


LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO L’assolutismo in Francia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 434
5
Il contesto storico-culturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 428
Uno sguardo d’insieme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 430
Scettici e libertini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431
LA STORIA E LA CULTURA DEL TEMPO Il libertinismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432

I gesuiti e il giansenismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 436


Pascal: cristianesimo ed esistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 438
L’insufficienza della ragione, 439 • L’esprit de finesse e le ragioni del cuore, 440
L’uomo di fronte all’infinito, 442 • La fuga dall’infinito, 443
FONTI E SCRITTI Le Lettere provinciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 445
La duplicità della natura umana, 445 • Il cristianesimo come spiegazione della condi-
zione umana, 446 • La scommessa, 447
5 Bayle: la figura dell’ateo virtuoso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449

Sintesi .............................................................................................................................. 451

9
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Itinerari di lettura
1 Pascal: la condizione umana ...................................................................................... 452
T1 Pascal: Le ragioni del cuore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 452
T2 Pascal: I due infiniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 453
T3 Pascal: L’inquietudine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 455
T4 Pascal: La precarietà della condizione umana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 456
T5 Pascal: L’uomo «canna pensante» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 458
T6 Pascal: Miseria e grandezza dell’uomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 458

Laboratorio ................................................................................................................ 461


PREPARARSI ALL’INTERROGAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 464
Confronto tra filosofi, 464 – Confronto tra idee, 465
VERSO L’ESAME . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 466
PER L’APPROFONDIMENTO. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 468
Dialogo tra filosofi, 468 – Nodi di discussione, 470 – La critica, 470 – Fonti e scritti, 472

Questioni che contano


FILOSOFIA E ALTRI LINGUAGGI
Pascal e la matematica ....................................................................................................... 473
FILOSOFIA E CITTADINANZA
Le Lettere provinciali e le dispute religiose cristiane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 474
Il punto di vista della quotidianità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 476
FILOSOFIA E CONOSCENZA DI SÉ
Il cristianesimo spiega la contraddittorietà dell’uomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 477

Eidos: dalle idee all’immaginario ................................................................................. 479


Riflettere sulle immagini
La spiritualità giansenista
MATERIALI ONLINE
X X
WEB
Itinerario di lettura, Bayle: la dignità dell’ateismo La storia e la cultura del tempo, I gesuiti e
– I testi, Bayle: I moventi dell’azione umana l’insegnamento
(Pensieri sulla cometa) X La storia e la cultura del tempo, Le grand
– I testi, Bayle: I popoli cristiani non seguono i siècle della cultura francese
princìpi del cristianesimo (Pensieri sulla cometa) X Questioni che contano, La vita umana: il
– I testi, Bayle: La società di atei (Pensieri sulla mistero della nascita, il mistero della morte
cometa) X Dialoghi filosofici, Pascal

Il cammino delle idee . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 482


Soluzioni dei Test di autovalutazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 488
Indice delle schede lessicali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 488
Indice dei nomi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 489
ULTERIORI MATERIALI ONLINE
X
WEB
I generi filosofici dell’età moderna, Il trattato – La ragione, le passioni, la volontà – La politica
– Dizionari e enciclopedie – Il discorso – Il X I temi, Amore – Inconscio – Lavoro – Libertà e
saggio – Il dialogo determinismo nell’agire umano – Il linguaggio:
X Itinerari tematici, Essere – Natura – Storia – La matematica e l’interpretazione della realtà
Teologia – Cosmologia – Morale – Stato – Il problema mente/corpo – La morte dell’al-
X Percorsi trasversali, L’essere e la sostanza – La tro e la morte di sé – La filosofia come ricerca
natura e il cosmo – L’esistenza di Dio – I meto- – Progettare il mondo: l’utopia – La verità come
di della conoscenza – Il rapporto mente-corpo corrispondenza o come costruzione

10
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Il contesto
storico-culturale

La civiltà comunale si definisce a partire dal Trecento, per affermar-


Nel corso dei secoli xiii e xiv rilevanti trasforma- si compiutamente tra la seconda metà del Quat-
zioni economico-sociali cambiano, in tutta l’Euro- trocento e la prima del Cinquecento. Dal punto
pa, modi di vita e forme di organizzazione della di vista economico, tale processo è caratterizzato
cultura. La «civiltà comunale» si impone in misu- dall’ascesa della borghesia e dall’affermarsi di
ra sempre maggiore, la nuova economia artigia- un’economia manifatturiera e mercantile.
na e mercantile prende gradualmente il posto di Le monarchie nazionali
quella agraria basata sul latifondo nobiliare e sulla Politicamente, il processo principale è costituito
servitù della gleba. Si tratta di un processo desti- dalla nascita dei nuovi Stati nazionali, che sosti-
nato ad affermarsi molto gradualmente in tutta tuiscono le universalità medievali (Chiesa e Impe-
l’Europa, fino all’Illuminismo e alla Rivoluzione ro) ormai in crisi.
francese, ma che in alcune aree, e particolarmente
Alle trasformazioni economiche, politiche e socia-
in Italia dove i Comuni estendono la propria in-
li si accompagna la ricerca di nuovi valori, indivi-
fluenza nel contado fino a costituire veri e propri duati soprattutto nel mondo classico. L’interesse
Stati regionali, si traduce in una radicale trasfor- verso questo mondo si traduce nella riscoperta e
mazione non solo della cultura ma della menta- nello studio dei testi della tradizione greca e la-
lità, della Weltanschauung («visione del mondo») tina, nei quali viene individuata la rivalutazione
complessiva. della vita terrena e attiva, dell’individuo come ar-
Il Rinascimento costituisce il punto di arrivo di una tefice del proprio destino, dei sentimenti e della
complessa trasformazione politico-economica che bellezza.

LE IDEE 1452-1519 1463-94 1473-1543


Leonardo: l’arte ha Pico della Mirandola: Copernico: il Sole è al
valenza conoscitiva l’uomo è libero centro di un universo finito

1401-64 1433-99 1462-1525 1509-88


Cusano Ficino Pomponazzi Telesio
1469-1527
Machiavelli
Umanesimo e 1400 1450 1500
Rinascimento
1482 1511
Ficino, Erasmo,
Theologia Elogio
platonica della pazzia

1337-1453 1434-64 1492


guerra dei regime signorile 1454 scoperta
Cento Anni di Cosimo de’ Medici pace di Lodi dell’America

12
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Sul piano politico, nel Quattrocento giunge a com- zia dal xiii secolo e porta alla creazione di Stati
pimento il processo di costituzione delle grandi regionali, da quelli più estesi che dominano la
monarchie nazionali: a quella inglese, la più an- scena politica (la Repubblica di Genova; il Ducato
tica, si aggiungono quella francese, dopo la fine di Milano; la Repubblica di Venezia; Firenze che
della guerra dei Cent’anni, e quella spagnola, con passa più volte dalla Repubblica alla Signoria dei
l’unione dei regni di Castiglia e di Aragona (1469) Medici e viceversa; lo Stato della Chiesa e il Regno
e con la definitiva cacciata dei Mori (1492). di Napoli) ai numerosi staterelli minori (i Ducati
di Modena, di Mantova, di Ferrara, le Repubbliche
La nascita delle monarchie nazionali vede l’allean-
di Lucca e di Siena e altri compresi tra il Ducato
za della corona con la borghesia, contro l’aristo-
di Milano e quello di Savoia, all’epoca più proteso
crazia medievale che ancora conserva molti dei
verso la Francia che verso l’Italia). L’esistenza di
suoi privilegi.
questi Stati territoriali dominati dalle città fa sì
La cultura urbana che in Italia la nuova economia e la nuova men-
L’Umanesimo e il Rinascimento si sviluppano talità si diffondano anche nei centri minori, per
soprattutto nelle città dominate dai mercanti e cui il Rinascimento, pur rimanendo un fenomeno
dagli artigiani, cioè dalla nuova classe borghese principalmente cittadino, influenza in varia misu-
protagonista delle trasformazioni economiche e ra anche il contado. Nel resto d’Europa, invece, si
sociali che caratterizzano questo periodo. In Ita- dice che «l’aria della città rende liberi», perché al di
lia, dove manca uno Stato centrale e l’influenza fuori delle sue mura domina ancora una struttura
dell’Impero è ormai inesistente, le città principali socio-economica fondamentalmente feudale. Per
conoscono una progressiva espansione, che ini- questo il Rinascimento ha in Italia una diffusio-

1561-1626 1564-1642 1592-1655


Bacone: il sapere muove dai casi Galilei: i cieli non Gassendi: la conoscenza
particolari ai princìpi o leggi generali sono immutabili sperimentale è l’unica possibile

1533-92 1548 1568-1639 1600


Montaigne nasce Bruno Campanella Bruno muore
sul rogo

1550 1600 1650

1513 1516 1582 1586 1620


Machiavelli Moro, Montaigne, Saggi Telesio, De rerum Campanella,
scrive Utopia Bruno, La cena natura iuxta De sensu rerum et
Il Principe delle ceneri propria principia magia

1527 1562
i lanzichenecchi sac- inizio delle guerre di
cheggiano Roma religione in Francia

13
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Il contesto storico-culturale

ne e un’importanza superiore che negli altri Paesi l’Oriente dominato da Genova e da Venezia. Alla
europei e per questo l’Italia è il centro indiscusso grande fioritura rinascimentale del periodo che
della nuova cultura umanistico-rinascimentale. va dalla metà del Quattrocento ai primi decenni
I motivi della grandezza dell’Italia sono però an- del Cinquecento fa seguito una rapida decadenza
che i motivi della sua fragilità. Infatti la presenza che sposta l’asse economico, politico e culturale
di Stati regionali dominati dalle città impediscono verso le nuove potenze atlantiche; la Francia e la
la nascita di una monarchia nazionale e contem- Spagna faranno proprio della conquista dell’Italia
poraneamente la scoperta dell’America fa perdere un terreno di scontro per affermare la reciproca
importanza al Mediterraneo e al commercio con supremazia.

LA CULTURA E I LUOGHI DEL RINASCIMENTO EUROPEO


Tra la fine del Quat- scono, soprattutto in Rinascimento europeo. tecnologiche portano cerca di nuovi princìpi
trocento e l’inizio del Italia, le caratteristi- Il dinamismo della bor- sempre più l’uomo a segna anche l’indagine
Cinquecento si defini- che fondamentali del ghesia e le innovazioni considerare un valo- del fiorentino Machia-
re in sé anche la vita velli, che mira a fon-
terrena, a sentirsi pa- dare una scienza poli-
drone del proprio de- tica che sia autonoma
stino e capace di do- e aderente ai fatti e
minare la natura con alla natura dell’uomo.
l’uso della ragione. La L’epoca è scossa infi-
natura è vista come ne dalla Riforma lu-
Londra internamente anima- terana, sviluppatasi
Rotterdam Magdeburgo
Wittenberg ta e vitale (con il ne- in Germania ad ope-
Cues Eisleben oplatonismo, che si ra del monaco Martin
Noyon
sviluppa a Firenze gra- Lutero, il quale, in op-
Treviri
Parigi zie all’opera di Fici- posizione alla Chiesa
no), e come dotata di di Roma e alla vendita
Zurigo sensi e princìpi propri delle indulgenze, so-
(con Telesio). La visio- stiene che l’uomo non
Ginevra
Trento ne più grandiosa e in- può meritare la sal-
Venezia novativa dell’universo vezza con le opere, ma
Padova è però quella data da solo con l’intervento
Giordano Bruno (che della grazia divina.
Firenze gira l’Europa tra Italia, La proposta luterana
Parigi, Londra, Venezia, è sviluppata e rinnova-
Roma per trovare la morte ta da Calvino, grazie
Nola a Roma) il quale ritie- al quale il movimento
ne l’universo infini- di riforma si diffonde
to perché prodotto da in tutta Europa, dal-
Cosenza Dio, che ne è il princi- la Francia all’Olanda
Stilo pio immanente. La ri- all’Inghilterra.

14
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Uno sguardo
d’insieme

la centralità – uomo = copula mundi


una nuova – manifattura dell’interesse – homo faber
situazione – commercio per l’uomo – uomo artefice del proprio destino
politica ed – Stati nazionali
economica
l’interesse filosofia della natura
per la natura alla base della scienza moderna

sono alla base del che sostiene la ripresa e


RINASCIMENTO l’approfondimento aristotelismo e platonismo
del pensiero antico

– sul piano storico: nascita dello


l’autonomia Stato moderno
della politica – sul piano teorico: scienza politica
– studio dei testi antichi
– valore della «vita activa»
l’Umanesimo – partecipazione politica il desiderio – Umanesimo di Erasmo
– homo faber di rinnovamento – Riforma protestante
religioso

N el Medioevo la natura era considerata come do-


minata dalla volontà di Dio e vissuta con un at-
teggiamento di fatalistica rassegnazione. Ciò riflet-
La riscoperta dell’antichità, caratteristica
dell’Umanesimo, interessa anche la filosofia: nel
Quattrocento e nel Cinquecento si recupera il pen-
teva la posizione dell’uomo, che viveva soprattutto siero originario di Platone e di Aristotele, attingen-
grazie all’attività agricola, nei confronti degli eventi do direttamente ai testi greci per eliminare l’inter-
naturali: una grandinata o una gelata potevano rovi- pretazione spesso deformante datane dalla filosofia
nare l’intero raccolto, determinare una carestia e met- medievale: nascono così il neoaristotelismo e il neo-
tere in pericolo la sopravvivenza. Le nuove attività platonismo che hanno come centri di diffusione ri-
economiche (artigianato, manifattura e commercio) spettivamente Padova e Firenze. Si accentua inoltre
sono invece indipendenti dagli eventi naturali e lega- l’interesse per la natura, che dà vita a una vera e pro-
te alle capacità dell’individuo. Esse richiedono quindi pria filosofia della natura in cui convergono l’atten-
lo sviluppo della tecnica, basata sulla comprensione zione per l’esperienza e l’osservazione sperimentale,
delle leggi naturali a vantaggio dell’uomo, che viene assieme ad elementi magico-alchemici: è, da certi
così concepito come riferimento centrale dell’univer- punti di vista, l’avvio della scienza moderna.
so, punto di convergenza di ogni relazione (copula In ambito politico, con le nuove monarchie na-
mundi), artefice del proprio destino e della propria zionali si afferma lo Stato moderno e la corrispon-
stessa natura (homo faber sui). È evidente quindi dente nozione di sovranità nazionale, teorizzata
come il nuovo modello economico sia una compo- da Jean Bodin. Parallelamente a questo processo,
nente importante anche per il definirsi dell’atteggia- la teoria politica rompe i propri legami di dipen-
mento rinascimentale verso la natura: la nuova eco- denza, caratteristici del Medioevo, dalla religione e
nomia mette in primo piano la vita activa rispetto a dalla morale, affermandosi, con Niccolò Machiavel-
quella contemplativa; diventano importanti il lavoro, li, come vera e propria scienza politica e autonomo
ma anche la prassi sociale, l’impegno per migliorare ambito di conoscenza, fondato su princìpi propri. Il
la propria condizione e contribuire al tempo stesso al rinnovamento culturale riguarda in modo significa-
benessere e alla ricchezza della propria città. tivo la sfera religiosa, con la Riforma.

15
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

1 Aspetti dell’Umanesimo
Il rinnova- L’Umanesimo indica, come abbiamo chiarito sopra, il vasto rinnovamento culturale che
mento precede e prepara il Rinascimento. «Culturale» va qui inteso in due sensi: come sviluppo di
culturale
un nuovo sapere, basato sulle humanae litterae; come trasformazione degli atteggiamenti
di fondo verso la realtà (la natura, l’uomo, la religione) e della visione del mondo nel suo
insieme. Questi due aspetti sono strettamente legati: la riscoperta degli antichi è in realtà
soprattutto ricerca di un fondamento autorevole per nuovi valori, dato che nell’antichità
greca e latina si trovavano l’amore per la vita terrena, per la bellezza, l’esaltazione della di-
gnità dell’uomo e delle virtù civiche, che costituivano i valori vitali dell’epoca.
La Gli umanisti costruiscono, in modo graduale e non sistematico, una nuova visione del
costruzione mondo che emerge complessivamente dalle loro opere, anche se non è esposta sistema-
di una
nuova ticamente in nessuna. Nel pensiero dei principali rappresentanti dell’Umanesimo vanno
visione gradualmente definendosi i vari temi, dalla centralità dell’uomo all’importanza della fi-
del mondo lologia, dalla ricerca di nuovi valori, mediante la riscoperta degli antichi, al nuovo interes-
se per la vita quotidiana, la famiglia, gli affari.
Si afferma una visione laica della vita che, pur non rinunciando alla religione e alla fede,
ha al proprio centro l’uomo. Questa nuova laicità è espressa quasi in forma allegorica
WEB nell’organizzazione dei libri dei mercanti, dove fin dal Trecento è presente una sezio-
X Nodi di ne detta di solito «Libro di Messer Domineddio», in cui sono registrate le donazioni per
discussione,
Frattura beneficenza e per la salvezza dell’anima, separate però dalla contabilità ordinaria, dagli
o continuità
rispetto al affari, quasi a significare che gli affari si fanno mirando al guadagno e non ai principi etici
Medioevo?
e religiosi, per i quali poi si trova un posto specifico, ma separato dal resto.
Il nuovo spirito laico riguarda anche gli intellettuali, che hanno come luoghi di forma-
zione e di riferimento non più soltanto le università, ma le corti dei nuovi «signori»
(i Medici a Firenze, i Montefeltro a Urbino, gli Este a Ferrara, i Gonzaga a Mantova ecc.)
che amano circondarsi di filosofi, scrittori e poeti: il loro mecenatismo si coniuga con la
nuova cultura che si sviluppa tra la borghesia cittadina, nelle botteghe che sono luoghi di
formazione artistica e tecnica. Sono motivi e concetti che si delineano nell’Umanesimo e
che verranno poi ripresi e sviluppati nel Rinascimento.
I termini A proposito dei termini «Umanesimo» e «Rinascimento» sussiste, a partire dalla metà dell’Ot-
«Umane- tocento, un problema di interpretazione e di periodizzazione. Secondo il grande storico del
simo» e
«Rinasci- Rinascimento italiano, lo svizzero Jacob Burckhardt (1818-97, autore dell’importante La
mento» civiltà del Rinascimento in Italia, 1860), Umanesimo e Rinascimento sono movimenti distin-
ti. Il primo consiste prevalentemente in un rinnovamento degli studi letterari e filologici, il
secondo è invece un rinnovamento globale del modo di pensare e della visione del mondo.
Altri studiosi sostengono invece la tesi di una sostanziale continuità tra i due movimenti,
fino a vedere in essi quasi una sovrapposizione, e comunque una presenza dei temi rina-
scimentali già nell’Umanesimo del Trecento. Il più importante sostenitore di questa tesi
è lo storico tedesco Konrad Burdach (1859-1936), che vede già in Petrarca la presenza di
motivi umanistici che troveranno il loro sviluppo nel Rinascimento.
Anche Eugenio Garin (1909-2004), uno dei principali studiosi italiani della cultura rina-
scimentale, sottolinea la continuità con l’Umanesimo, che avrebbe già elaborato una pro-
pria filosofia ben riconoscibile. Inoltre, pur rappresentando il Rinascimento una rottura
con il pensiero medievale, è proprio dai problemi e dalle difficoltà evidenziati dalla tarda
16
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
1. Aspetti dell’Umanesimo

Scolastica che vengono poste le premesse per il suo superamento, compiuto nel periodo
umanistico e rinascimentale.

Dal Medioevo all’Umanesimo


Se riprendiamo l’interpretazione secondo cui Umanesimo e Rinascimento esprimono la nuova
visione del mondo borghese come superamento di quella feudale, notiamo che tale processo
si delinea, particolarmente in Italia, con molta gradualità, a partire dallo sviluppo dei primi
Comuni e della lotta contro l’Impero, fino alla nascita degli Stati regionali dominati dalle città
maggiori. Parallelamente, anche le trasformazioni culturali seguono questa dinamica, per cui

PROFILO
temi e concetti umanistici emergono gradualmente e con continuità dallo sviluppo della ci-
viltà comunale. L’Umanesimo, in particolare, è anticipato e in parte definito da poeti, scrittori
e intellettuali come Petrarca, Salutati, Bruni, per ricordare soltanto i principali.

„ Riscoperta dell’uomo e impegno civile: Petrarca, Salutati, Bruni


Petrarca Francesco Petrarca (1304-74) è figlio di un esule fiorentino che si era stabilito ad Avi-
gnone, allora sede della corte pontificia. In gran parte della sua opera scrive di sé, delle
proprie aspirazioni, delle incertezze e contraddizioni da cui non sa liberarsi, dei modi di
vita che preferisce. Poesie, lettere, scritti di riflessione morale sono espressione di questa
incessante ricerca di chiarezza interiore e di comunicazione.
La prospettiva filosofica è esplicitamente agostiniana, e ad Agostino Petrarca fa costante-
mente riferimento, tanto da sceglierlo come interlocutore nelle conversazioni che immagi-
na svolgersi alla presenza della verità, nell’opera De secreto conflictu curarum mearum. Scrit-
ta tra il 1342 e il 1343 e successivamente rivista, nota più brevemente come Secretum, essa
costituisce, secondo le intenzioni dello stesso Petrarca, il suo testamento spirituale. Nei
tre libri che la compongono, i temi della morte e del sentimento di colpa, del contrasto
tra le esigenze spirituali e i beni del mondo, la riflessione sulle passioni, disegnano una
ricerca interiore che prepara il nuovo senso umanistico dell’individualità e della scoperta
di sé. Si affaccia in questo modo il tema della dignità dell’uomo e del suo ruolo speciale tra
le creature, così come si definirà nell’Umanesimo e nel Rinascimento.
Salutati Attività letteraria e impegno civile appaiono strettamente connessi in Coluccio Salutati
(1331-1406), amico e ammiratore di Petrarca. Salutati occupa a lungo il posto di cancelliere
della Repubblica di Firenze; egli è sostenitore della vita attiva, della piena partecipazione
alle vicende umane. Per suo interessamento l’insegnamento del greco fu inserito nello «Stu-
dio generale» di Firenze. Comune a Petrarca e a Salutati è la cosiddetta «disputa delle arti»,
cioè la discussione che attraversa tutta la seconda metà del Trecento sulla superiorità delle
arti pratiche (in particolare la medicina) o delle humanae litterae. Entrambi concordano sulla
superiorità delle seconde. In particolare, Salutati contrappone la medicina e il diritto. Se-
condo la sua analisi, il sapere del medico non ha nulla a che fare con l’attività speculativa: la
medicina ha un fine pratico, mentre il fine dell’attività speculativa è il sapere in se stesso.
Viceversa, sarebbe errato ritenere che le leggi, perché orientate alla pratica, non abbiano
nulla a che fare con la ricerca teorica, quasi che l’uomo attivo non partecipasse della vita
speculativa. Anche chi si occupa di politica e di morale è persona che investiga; ma l’oggetto
della sua indagine è l’anima, non il corpo, e suo fine è l’operare, non il sapere.
L’atteggiamento verso le arti pratiche muterà sensibilmente nel corso del Quattrocento, con
una loro rivalutazione. Ma nel primo umanesimo l’homo faber è orientato alla costruzione di
nuovi valori e del vivere civile, non ancora allo studio e alla trasformazione della natura.
17
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

Bruni L’impegno civile e l’affermazione della centralità delle humanae litterae sono motivi co-
stanti dell’Umanesimo. Li ritroviamo in Leonardo Bruni (1370/4-1444), cancelliere della
Repubblica di Firenze dal 1427 al 1444, che fu tra l’altro uno dei primi a studiare il greco
nello Studio fiorentino. La conoscenza del greco gli consente un contatto diretto con au-
tori antichi, tra cui Platone e Aristotele; egli traduce diversi dialoghi di Platone, e scritti
di filosofia morale e filosofia politica di Aristotele (l’Etica Nicomachea, la Politica).
Bruni esalta gli studi delle humanae litterae nel loro valore di formazione dell’uomo e vede
nella storia recente di Firenze il rinnovarsi delle libertà civili dell’antica Roma.

„ Leon Battista Alberti: la filosofia del mercante


Alberti Leon Battista Alberti (1404-72), nato a Genova da una famiglia fiorentina di mercanti che
viveva in esilio, conduce studi di lettere e giurisprudenza, ed è architetto, pittore, scultore;
scrive di arte (Della pittura, De re aedificatoria) e di temi morali. La sua concezione dell’ar-
chitettura e della pittura, così come la sua attività di artista, testimoniano l’importanza
che viene assumendo il richiamo all’arte antica, rivissuta come mondo in cui dominano
proporzione e armonia, considerate condizioni del bello nell’arte.
Nei suoi dialoghi Della famiglia (1443) vengono presentati modelli di vita propri di un
mondo in cui il modo di vivere del mercante si presenta come punto di riferimento per
l’intera società. Il mercante è l’accorto padre di famiglia che presiede a complesse attività
economiche; egli trova nella donna la custode dei beni da lui accumulati e nei figli i conti-
nuatori della sua opera. L’argomento dell’opera non è esplicitamente filosofico. Si tratta di
una serie di indicazioni, presentate nello stile del dialogo, su come gestire la propria casa
e i propri affari nel modo più saggio e più proficuo. In esse è tuttavia espressa pienamente
la «filosofia pratica» del mercante, il nuovo modo di concepire se stesso, i rapporti con gli
altri, il proprio ruolo sociale, tanto che uno dei libri, il terzo, è dedicato alla «masserizia»,
cioè all’arte di gestire i propri beni.
Nel dialogo, il personaggio che ha la parte di maggior rilievo si chiama Giannozzo. Egli
afferma, in un noto passo, che l’uomo può definire veramente «sue» tre cose: l’animo, il
corpo, il tempo. Il buon uso dell’animo è la virtù, intesa come capacità di instaurare buoni
rapporti umani, mantenere l’animo lieto, mai turbato da passioni, e non fare mai cosa di
cui si dubiti se sia buona. Il buon uso del corpo consiste nel conservare la salute attraver-
so l’esercizio fisico e la dieta. Il buon uso del tempo, la sua «amministrazione» finalizzata
al miglioramento delle proprie condizioni di vita, rappresenta l’aspetto di maggior rilievo
dal punto di vista filosofico. Il tempo non è più di Dio, come nella concezione medievale,
ma dell’uomo, fa quasi parte della sua natura, come il corpo.

„ Lorenzo Valla: filologia ed epicureismo


La filologia Il filosofo per eccellenza dell’Umanesimo è Lorenzo Valla (1407-57), celebre soprattutto
di Valla per i suoi studi filologici che portano alla confutazione della «Donazione di Costanti-
no», l’atto che legittimava il potere temporale della Chiesa. Nello scritto De falsa credita
et ementita Constantini donatione (1440), egli giunge a contestare l’autenticità della «Do-
nazione di Costantino», testo che, secondo la Chiesa, documentava la cessione da parte
dell’imperatore Costantino dei territori dell’Impero d’Occidente al papa. Mettendo in luce
inverosimiglianze, gravi improprietà linguistiche e incoerenze, Valla giunge alla conclu-
sione che si tratta di un falso, scritto non ai tempi di Costantino, come si sarebbe voluto
far credere, ma molto tempo dopo, probabilmente intorno alla metà del secolo viii, cioè ai
tempi della donazione di Pipino il Breve.
18
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
1. Aspetti dell’Umanesimo

L’epicu- Dal punto di vista filosofico, nel dialogo che intitola prima De voluptate (1431), poi De vero
reismo falsoque bono, Valla si richiama a un epicureismo reinterpretato secondo un’ottica cri-
stiana. Valla afferma che comunemente si considera bene ciò che procura piacere, volup-
tas, come, in primo luogo, i beni del corpo quali la salute, la bellezza, il vigore. La ricerca
del piacere è il vero motivo dell’azione umana, anche se spesso lo si maschera dietro altri
nomi o concetti. A proposito dell’onestà, sostiene che hanno agito in vista di un’utilità
personale sia personaggi elogiati dai posteri per la loro grandezza morale, sia predoni e
pirati. Se si ammirano i primi e si deplorano i secondi, è solo perché si ritiene che i primi
abbiano arrecato vantaggi all’umanità, mentre i secondi sono considerati nocivi: il punto
di vista che regola ogni giudizio è sempre quello dell’utilità.

PROFILO
La divina Questo vale anche per il cristianesimo: il cristiano rinuncia ai beni terreni che possono
voluptas spingerlo al peccato, in quanto così facendo può aspirare a maggiori beni nell’aldilà; ri-
nuncia ai piaceri immediati per un piacere infinitamente maggiore, per una divina
voluptas. La scelta, dunque, è anche in questo caso basata sul piacere e sull’utile.
Voluptas La rivalutazione della divina voluptas non è però in contrasto con la ricerca del piacere
umana nella vita terrena: la ricerca del piacere non incompatibile con la salvezza dell’anima
e divina
rimane il fine principale dell’individuo e testimonia la rivalutazione della bellezza, della
gioia di vivere, del corpo e delle sensazioni che caratterizzano l’Umanesimo.

X Che significato ha la filologia? Perché è così importante?


GUIDA
ALLO X Quali sono i temi principali dell’Umanesimo?
STUDIO X A quale filosofo si ispira Petrarca nel Secretum?
X Quale atteggiamento verso il tempo caratterizza il Della famiglia di Alberti?
X Perché a proposito di Valla si può parlare di «epicureismo cristiano»?

LA STORIA E La nascita della filologia


LA CULTURA DEL TEMPO

Dal greco phílos («amico», «amante») e lógos («di- scritto originale non era più disponibile ma esisteva-
scorso», «linguaggio»), letteralmente è la disciplina no soltanto trascrizioni, venivano raccolte e confron-
che studia il linguaggio e, in senso più specifico, i tate tutte le versioni disponibili, come fa Coluccio
documenti testuali, per interpretarli secondo il loro Salutati per Seneca e per Agostino, o come Nicoletto
significato originario. Vernia cerca di fare per le opere di Aristotele.
Nel mondo romano classico, il termine philología in- La ricostruzione filologica conduce anche a una ri-
dica l’amore per gli studi letterari e per la conoscenza visitazione dei filosofi classici: Marsilio Ficino tra-
dell’antichità in genere; nel Medioevo è usato come duce i dialoghi di Platone e le Enneadi di Plotino
sinonimo di sapienza, in particolare letteraria. dall’originale greco, liberando il campo da tutte le
La filologia assume durante l’Umanesimo una parti- traduzioni parziali elaborate in età medievale.
colare valenza filosofica, come recupero dell’auten- Il ritorno al testo originale per individuarvi il messag-
ticità storica di opere che la tradizione medievale gio autentico riguarda anche i testi sacri. Le tradu-
aveva spesso modificato profondamente, piegandole zioni nelle lingue «volgari» iniziano già nel Trecento,
alla visione cristiana. Attraverso il ritorno ai testi clas- con John Wycliffe (1330-84), diventando poi siste-
sici la filologia è, in questo periodo, strumento della matiche con Lutero e con la diffusione del protestan-
riscoperta dell’antichità in generale e dei valori di im- tesimo. Si tratta di operazioni che hanno più finalità:
pegno civile e di positivo attaccamento alla vita ter- da una parte il ritorno al testo originario, con un forte
rena da essa espressi. Proprio il fatto che questi valori significato critico verso le interpretazioni della Chie-
si rintraccino nei testi classici costituisce per gli uma- sa romana; dall’altra l’intento di rendere possibile a
nisti un’autorevole base della loro legittimazione. Per tutti un rapporto diretto con la parola di Dio, senza
recuperare il significato originario, quando il mano- la mediazione della gerarchia ecclesiastica.

19
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

2 I nuovi atteggiamenti culturali


del Rinascimento
Il nuovo Il pensiero rinascimentale risponde a trasformazioni di natura economica, sociale e politica.
contesto La variabile principale è l’affermazione del ceto borghese e delle nuove attività che cambia-
no la condizione dell’uomo e il rapporto tra individuo e società: avviene infatti il passaggio,
già iniziato nel periodo comunale, a un nuovo tipo di economia, basata sul commercio e
sulla produzione artigianale, che sostituisce l’economia feudale basata sull’agricoltura.
L’atteggia- L’economia agraria medievale dipendeva strettamente dagli eventi naturali: la natura
mento verso veniva perciò considerata come qualcosa di non controllabile, dipendendo completamente
la natura
dalla volontà di Dio. Una gelata, una lunga siccità, significavano carestia, fame e spesso
morte. L’unica forma di «controllo» possibile era la preghiera, indirizzata a Dio e soprat-
tutto ai santi, perché liberassero dalla grandine o dal gelo e rendessero la natura benigna.
Ne risultava una mentalità fatalista, per la quale solo Dio poteva controllare la natura e
all’uomo non restava che pregare e accettare il volere divino.
La La nuova economia, manifatturiera e mercantile, è invece largamente indipendente da-
possibilità gli eventi naturali. Il successo economico non dipende più da una forza incontrollabile,
di
controllare ma dalle capacità e dalla formazione dei singoli, dall’abilità nell’organizzare e gestire i
la natura rapporti sociali e politici all’interno della città. La nuova economia consente all’uomo una
larga indipendenza dalla natura e nello stesso tempo pone l’esigenza di comprenderla e
controllarla, per la produzione manifatturiera e per i commerci. Con questo nuovo atteg-
giamento si pongono le basi della imminente rivoluzione scientifica: l’uomo considera la
natura come una realtà regolata da princìpi prevedibili e afferma che, pur essendo creata da
Dio, essa non è riconducibile al suo esclusivo controllo. Si ripresenta quindi la prospettiva
che aveva caratterizzato gran parte della filosofia greca, secondo cui la natura è razionale
e la ragione che guida la natura corrisponde alla ragione umana, per cui l’uomo è in grado
di capire la realtà e anche di trasformarla. Il Rinascimento è un’epoca di invenzioni e di
scoperte. Il sapere non è più quello teologico finalizzato alla comprensione della fede, ma
diventa un sapere finalizzato al miglioramento della vita terrena.
La L’affermarsi di una mobilità di classe legata alle capacità individuali determina l’interesse
centralità per la formazione dell’individuo. L’uomo è artefice del proprio destino, è faber suae fortu-
dell’uomo
nae: da qui la centralità che la riflessione sull’uomo assume per la filosofia e per il sapere
in generale. Ne consegue la rivalutazione della vita terrena e la definizione di nuovi valori,
fondati sulla responsabilità dell’individuo, verso se stesso e verso la società.
Il rapporto Anche il rapporto con Dio si trasforma nella stessa direzione: il principio di autorità è con-
con Dio testato, l’individuo vuole essere protagonista della propria fede e stabilire un rapporto
diretto con Dio: la religiosità di Erasmo e la Riforma costituiscono le espressioni più visibili
di un fermento che attraversa tutta la società. La gerarchia ecclesiastica è messa in discus-
sione, è contestata la necessità di intermediari nell’interpretazione delle Scritture, viene
rivendicato un ruolo attivo dell’individuo nel modo di vivere la propria fede.
L’atteggia- Nel mutamento complessivo della mentalità, cambia inoltre l’atteggiamento verso il tem-
mento verso po, controllato anch’esso dall’uomo, e scandito in modo sempre più preciso, perché ades-
il tempo
so coincide con il denaro: il tempo agricolo è regolato dalla natura, quello della nuova
economia si traduce nel valore delle merci prodotte e nei salari da pagare agli operai.
20
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
2. I nuovi atteggiamenti culturali del Rinascimento

Misurandolo con precisione, l’uomo è in grado di dominarlo e l’esigenza di quantificare e


ridurre a numero i vari aspetti della realtà prelude alla rivoluzione scientifica.
L’atteggia- Anche verso lo spazio viene definendosi un atteggiamento simile: per poterlo compren-
mento verso dere e quindi modificare, lo si deve quantificare e rappresentare graficamente. In am-
lo spazio
bito architettonico viene introdotta la prospettiva, una rappresentazione dello spazio
attraverso la tecnica, tesa a controllarne la riproducibilità in modo esatto, matematico. In
ambito geografico la rappresentazione cartografica si trasforma completamente: men-
tre la cartografia del Medioevo era simile alla raffigurazione pittorica, adesso si avverte
l’esigenza di una rappresentazione più fedele del mondo, per fini pratici, come il commer-
cio o la navigazione.

PROFILO
La nuova concezione della natura, la centralità dell’uomo, i nuovi atteggiamenti culturali
che vanno definendosi, costituiscono il punto di riferimento necessario per comprendere
le diverse concezioni filosofiche, che, pur non essendo riducibili a questi soli aspetti, sono
profondamente radicate in questa nuova realtà.

X Come cambia nel Rinascimento l’atteggiamento verso la natura? Che rapporto c’è fra tale cambia-
GUIDA
ALLO mento e la nuova economia? Perché viene superato il fatalismo?
STUDIO X Quali sono le cause della centralità dell’uomo? Da quali aspetti è caratterizzata?
X Come viene ridefinito il rapporto uomo-Dio?
X Quali sono gli aspetti principali del nuovo atteggiamento verso il tempo? E di quello verso lo spazio?

Due opere di uno dei massimi esponenti della cultura rinascimentale, Piero della Francesca, noto per la luminosità dei colori, la
nitidezza del tratto e il rigoroso ordine compositivo dei suoi quadri. A sinistra: Sacra conversazione, 1472-74, olio su tela (Milano,
Pinacoteca di Brera). A destra: Ritratto di Federico da Montefeltro, 1465 ca., olio su tavola (Firenze, Galleria degli Uffizi).

21
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

3 La filosofia rinascimentale
estrinsecazione
di Dio
è
l’universo
infinito

vitale
IL NEOPLATONISMO afferma che è
la natura
RINASCIMENTALE
razionale

spirito
è media tra
l’anima copula mundi
materia

è un unico
l’universo organismo vivente

animata
IL NATURALISMO afferma che è
la natura
RINASCIMENTALE
regolata da leggi

intelletto
partecipa alla perché crea con
l’uomo creazione divina
mani

I nuclei La filosofia rinascimentale ruota intorno a due concetti principali: la nuova centralità
della dell’uomo e una nuova concezione della natura. L’uomo è visto come padrone del proprio
filosofia
rinasci- destino, in grado di determinare, con le sue capacità, la propria vita e il proprio posto nella
mentale società, ma anche, e forse soprattutto, come faber sui, come artefice di se stesso, potendo in-
nalzarsi fino alla natura angelica, se segue la ragione, oppure degradandosi fino alla natura
animalesca se segue gli istinti (come afferma Pico della Mirandola). La natura è vista come
razionale e dunque come comprensibile dalla mente umana e con essa in sintonia.
Queste due concezioni sono strettamente collegate, trovando espressione nella corrispon-
denza, comune a tutte le filosofie rinascimentali, tra il «microcosmo» e il «macrocosmo».
L’uomo è inteso come un «microcosmo» la cui struttura, anche anatomica, riproduce quel-
la dell’universo, del «macrocosmo», che è anch’esso dotato d’anima, come l’uomo.
22
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
3. La filosofia rinascimentale

La filosofia rinascimentale sviluppa la consonanza tra uomo e universo in più direzioni:


sottolineando l’opera creatrice dell’uomo che affianca quella immanente di Dio (Bruno),
oppure parlando dell’influsso delle stelle sulla vita umana (Campanella), o ancora sot-
tolineando la «medietà» dell’uomo tra il mondo materiale e quello spirituale (Cusano e
Ficino), o riconducendo sia l’uomo sia il cosmo agli stessi princìpi, con la conclusione che
anche il cosmo, in ognuno degli esseri che lo compongono, è animato e avverte sensazio-
ni, come l’uomo (Telesio).
Articola- Pur ruotando intorno a un nucleo unitario di temi, la filosofia rinascimentale appare mol-
zione della to variegata sia nei motivi ispiratori sia nelle prospettive di ricerca che privilegia. Per
filosofia
il primo aspetto, ad esempio, al neoplatonismo che costituisce il motivo dominante si

PROFILO
rinasci-
mentale affiancano l’aristotelismo, il pitagorismo, l’epicureismo, il richiamo a tradizioni magico-
esoteriche, e così via. Per il secondo aspetto, accanto al naturalismo e al problema del
rapporto tra Dio e il mondo, che sono i temi centrali dei filosofi trattati in questo capitolo,
assumono un rilievo fondamentale la politica e la problematica religiosa legata alla Rifor-
ma e alla Controriforma.
Natura- Il neoplatonismo e il naturalismo, oltre a presentare importanti elementi comuni, alle vol-
lismo e te si sovrappongono. Basti pensare alla figura di Giordano Bruno, tradizionalmente col-
neopla-
tonismo locato nel secondo ambito ma nella cui filosofia i motivi neoplatonici hanno un ruolo per
molti versi centrale; o, d’altro lato, alle molte analogie tra La città del Sole di Campanella
e La Repubblica di Platone; o ancora all’interesse, comune a quasi tutti i filosofi qui consi-
derati, per la magia, che aveva trovato dignità filosofica in riferimento a un pitagorismo
ricco di sintesi con il platonismo e alla traduzione, a opera di Ficino, degli scritti attribuiti
a Ermete Trismegisto.
L’impor- L’aspetto di più esplicita convergenza fra le due tendenze è la centralità che in esse assume
tanza della la natura e il nuovo modo di intenderla, per molti versi simile. Tale centralità è d’altro lato
natura
uno dei denominatori comuni del Rinascimento e si spiega con la quantità di significati
e di nuove istanze che si esprimono attraverso la rivalutazione della natura. Essa è in
primo luogo affermazione della centralità dell’uomo e della vita terrena, sacralizzata
dalla presenza immanente della divinità. L’unificazione astronomica, con Copernico, fra
la Terra e le sfere celesti è anche unificazione del terreno e del divino, è il superamen-
to di quel modello cosmologico aristotelico-tolemaico che separava nettamente le cose
dell’uomo dalle cose divine (mondo sublunare e mondo celeste). Sia il naturalismo sia il
neoplatonismo affermano inoltre la razionalità della natura; da qui deriva la possibilità
di studiarla e di comprenderla, in una prospettiva che porta alla nascita della mentalità
scientifica. Nel Rinascimento si delinea la possibilità di controllare la natura, di modifi-
carne il corso, di utilizzarne le leggi per prevederne il comportamento. Sia Cusano sia
Bruno affermano che l’uomo deve cooperare con la creazione divina, e parallelamente
Telesio e Campanella sottolineano come l’uomo sia parte del vitalismo della natura, possa
conoscerla e trasformarla dall’interno, utilizzandone le leggi e le forze che la animano.
Platonismo La filosofia neoplatonica conosce una larga diffusione nel Rinascimento, sia per la sua
e aristo- capacità di interpretarne, come abbiamo visto, alcuni dei motivi di fondo, sia per l’im-
telismo
pulso dato alla sua diffusione dall’opera di Marsilio Ficino e dell’Accademia platonica
fiorentina. Aristotele era invece troppo legato alla Scolastica per attirare l’interesse dei
nuovi filosofi. Tuttavia, anche il suo pensiero viene riletto nel Rinascimento alla luce di
traduzioni che ne rivelano l’impronta naturalistica e razionale al di là delle interpreta-
zioni medievali. A uno sguardo filologicamente attento, anzi, la sua filosofia mostrava
una spiegazione immanente della natura, basata su leggi proprie che dovevano essere
23
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

scoperte mediante l’osservazione, a differenza dell’approccio platonico che conservava


una prospettiva trascendente di fondo, nonostante concetti quali «l’anima del mondo»
che consentivano una diversa lettura.
Lo sviluppo dell’aristotelismo rimane prevalentemente all’interno delle università, ma in
alcuni casi con accentuazioni decisamente antiscolastiche e orientate a un recupero del
pensiero autentico del grande filosofo. In particolare, il centro del nuovo aristotelismo è
costituito dall’Università di Padova, dove insegna per alcuni anni Pietro Pomponazzi, il
principale esponente di questo orientamento filosofico. L’aristotelismo rinascimentale si
differenzia da quello medievale, ancora dominante nelle univer-
sità, in quanto non fa riferimento al tomismo, ma alle interpreta-
zioni di Averroè e di Alessandro d’Afrodisia. Il primo sosteneva
l’esistenza di un intelletto universale, separato dai singoli indi-
vidui la cui anima è quindi mortale; il secondo affermava l’im-
manenza dell’intelletto, strettamente congiunto al corpo. Al di
là delle differenze, quindi, queste interpretazioni concordano
sul fatto che l’anima è mortale, distinguendosi nettamente
dall’interpretazione di Tommaso d’Aquino. Affermano però an-
che la netta distinzione della ragione dalla fede, concedendo
che accanto alle verità dimostrate dalla ragione possano esserci
Pietro Pomponazzi, anche quelle affermate dalla fede ed elaborando di conseguenza
incisione (Roma, Gabinetto
delle Stampe). la controversa tesi della «doppia verità». La ragione ci porta a
sostenere che l’anima, probabilmente, è mortale, mentre la fede
ne afferma l’immortalità. Si discute ancora su questo atteggiamento, che alcuni conside-
rano un espediente per sottrarsi alla condanna della Chiesa (lo stesso Pomponazzi, che
sosteneva la tesi di un’anima mortale, fu costretto a ritrattare e durante la sua vita non
pubblicò più opere sull’argomento, pur lasciando molti inediti), altri interpretano come
un’esigenza autentica di liberare la ricerca filosofica dai condizionamenti religiosi, ma
senza rinunciare individualmente alla propria fede.
In ogni caso, il nuovo aristotelismo si inserisce nella filosofia della natura del Rinasci-
mento, sottolineando il metodo empirico seguito da Aristotele, congiuntamente con la
necessità di individuare però, partendo dall’osservazione, i princìpi razionali e le leggi
che regolano gli eventi naturali.
In un primo momento, intorno alla metà del Quattrocento, tra platonici e aristotelici si
sviluppa una disputa dai toni accesi, che coinvolge studiosi di secondo piano e trova una
mediazione nel cardinale Giovanni Bessarione (1403-72), secondo il quale tra i due gran-
di filosofi c’è una consonanza di fondo, pur essendo Platone più vicino al cristianesimo. I
filosofi successivi eviteranno ogni contrapposizione, sviluppando le due prospettive filo-
sofiche sul comune terreno del naturalismo, pur senza negare o nascondere le diversità
di fondo.

X Quali sono le due tendenze principali della filosofia rinascimentale?


GUIDA
ALLO X Da quali filosofie classiche è influenzata?
STUDIO X In che senso il pensiero rinascimentale prelude alla rivoluzione scientifica?
X Dove si sviluppano il platonismo e l’aristotelismo rinascimentali? Quali sono i rapporti tra questi
approcci filosofici?

24
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
3. La filosofia rinascimentale

LA STORIA E Scienza e pittura


LA CULTURA DEL TEMPO in Leonardo da Vinci
Leonardo da Vinci (1452-1519) è il simbolo
dell’uomo rinascimentale, ancora oggi considerato
l’esempio dell’intellettuale cosmopolita, più euro-
peo che italiano, artista, poeta, filosofo, scienziato
e artigiano allo stesso tempo.
Con Leonardo la natura è insieme oggetto di in-
teresse artistico e di intervento tecnico. Ai suoi

PROFILO
tempi le «botteghe» degli artisti fiorentini era-
no laboratori in cui l’apprendistato artistico era
strettamente collegato ad apprendimenti scien-
tifici e all’acquisizione di abilità manuali. L’elogio
della manualità si collega in Leonardo all’elogio
dell’esperienza, posta esplicitamente in rapporto
con la conoscenza scientifica, in quanto a suo av-
viso la separazione tra esperienza e ragione è un
grave ostacolo alla conoscenza. La prima, infatti,
fornisce alla seconda le osservazioni senza le qua-
li nascono teorie vuote di significato, e inoltre dà
conferma alle elaborazioni della ragione. La scien-
za richiede tanto la ragione quanto l’esperienza, e
deve inoltre essere utile; la meccanica, egli dice, è
il paradiso delle scienze matematiche.
Leonardo studia il movimento dei solidi e dei liqui-
di, il fenomeno della visione, l’attività motoria degli Leonardo da Vinci, Dama con l’ermellino (ritratto
animali, la meccanica del volo, il funzionamento del di Cecilia Gallerani), 1488-90, tavola (Cracovia,
cuore e si rende conto della possibilità di ricostruire Czartoryski Museum).
la storia della Terra attraverso l’osservazione delle
rocce. Egli afferma che tutto nel mondo è animato, in
tutto si manifesta un ordine necessario; in tale ordine In quanto raffigura le opere della natura, la pittura
può inserirsi l’attività umana guidata dalla ragione. è superiore alla poesia, che rappresenta le parole,
L’arte ha un’importante valenza conoscitiva. La opere degli uomini. Rispetto alla poesia, la pittu-
pittura è un modo ra ha una maggiore forza comunicativa: si rivolge
di accostarsi alla all’occhio, senza richiedere interpreti o conoscenze
realtà, di studiar- linguistiche particolari, risultando comprensibile in
la, di fissarla sot- maniera immediata e intuitiva.
traendola al vol- La prospettiva, l’anatomia, lo studio della luce e
gere del tempo. dei colori consentono al pittore di svelare la realtà,
di conoscere e far conoscere la natura attraverso
la creazione di una nuova realtà, l’opera d’arte. La
pittura è figlia della natura, dice Leonardo. Anche
il disegno tecnico non si distacca molto, per la sua
funzione, dalla creazione artistica: Leonardo stu-
dia le piante disegnandole, si serve del disegno per
i suoi progetti di macchine che utilizzino le leggi
della meccanica per il miglioramento della vita
Leonardo da
Vinci, Studi umana: una macchina scavatrice, una macchina
anatomici, 1510: per volare, una per andare sott’acqua.
muscolatura del Con Leonardo la sintesi di arte e scienza, di poe-
braccio umano dal
Codice atlantico di sia e tecnica, raggiunge il suo culmine, ma anche
Leonardo (Londra, il suo ultimo rilevante esempio, prima delle grandi
Royal Collection). fratture dei secoli seguenti.

25
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

4 Il neoplatonismo: Cusano
il sapere umano ma può essere esteso metafora del poligono inscritto
è limitato all’infinito nella circonferenza

sostiene che Dio è complicatio


CUSANO
dell’universo

quindi se l’universo allora


l’universo è l’universo
conserva in sé
explicatio di Dio è infinito
gli attributi divini

La dotta Niccolò Krebs (1401-64), detto «il Cusano» dal luogo di nascita, il villaggio di Cues, pres-
ignoranza so Treviri, nella sua opera più nota, La dotta ignoranza (1440), muove da un’analisi delle
possibilità conoscitive dell’uomo. La conoscenza consiste sempre nella proporzione tra
ciò che è certo e ciò che è incerto, tra ciò che è noto e ciò che non lo è. Mentre la cono-
scenza umana è limitata, quella divina, cioè la verità, è infinita, quindi non se ne può
avere conoscenza, ma soltanto una «dotta ignoranza», un sapere di non sapere. «La cosa
più perfetta che un uomo quanto mai interessato al sapere potrà conseguire nella sua dot-
trina è la consapevolezza piena di quell’ignoranza che gli è propria» (La dotta ignoranza,
I, i, par. 5, p. 69). Nell’uomo esiste però un desiderio di sapere, che lo porta ad ampliare
sempre di più la propria conoscenza. Secondo la celebre metafora proposta da Cusano,
essa tende verso la conoscenza perfetta, ma è lo stesso tendere del poligono inscritto nella
circonferenza, che si approssima a questa via via che aumenta il numero dei lati, senza
tuttavia poter mai coincidere con essa. Anche la conoscenza umana è suscettibile di un
progresso all’infinito, che non potrà però mai condurre alla verità perfetta. Ciò non pre-
clude la possibilità della conoscenza, ma ne sottolinea il carattere comunque ipotetico e
perennemente orientato alla ricerca, senza un punto di arrivo definitivo.
L’infinità Cusano è noto soprattutto per la sua concezione cosmologica, che anticipa concetti im-
dell’uni- portanti della rivoluzione copernicana e addirittura scoperte molto più recenti. Egli
verso
nega il geocentrismo, afferma l’infinità dell’universo e dei mondi, supera il dualismo
T1
del sistema aristotelico-tolemaico sostenendo l’omogeneità fra la Terra e i corpi celesti,
WEB
ritiene infine che l’universo sia pieno di forme di vita diverse da quelle conosciute. Tutta
X I testi, Cusa- questa complessa costruzione viene elaborata come deduzione e corollario di una conce-
no: Gli abitanti
degli altri mon- zione teologica fortemente caratterizzata da elementi platonici, che fanno di Cusano il
di (La dotta
ignoranza) principale rappresentante del platonismo rinascimentale.
Dio e Dio comprende in sé tutto l’universo, pur non identificandosi con esso. L’universo non
l’universo può avere in sé nulla che non sia già in Dio, che è tutto. Ma nell’universo la realtà divina
si spazializza nelle forme della pluralità: l’unità diventa molteplicità, secondo uno sche-
ma matematico che, seguendo il Platone del Timeo, Cusano considera come struttura
dell’universo.
Il rapporto tra Dio e l’universo viene spiegato da Cusano mediante i concetti, già usati
dalla scuola di Chartres, di complicatio ed explicatio. Complicare vuol dire, letteralmente,
«piegare insieme», come quando si piega un fazzoletto in modo che le diverse parti si
26
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
4. Il neoplatonismo: Cusano

sovrappongano e coincidano. In Dio tutte le cose ritornano all’unità, Egli è la complicatio


dell’universo. Reciprocamente, Dio si spazializza e si dispiega nell’universo, che ne costi-
tuisce la explicatio.
L’universo Se l’universo è explicatio di Dio, deve conservarne gli attributi. Da queste premesse, Cu-
ha gli stessi sano deriva la concezione innovativa dell’universo, la nuova cosmologia, costruita per via
attributi
di Dio deduttiva. L’universo è infinito, come Dio, e come tale non ha un centro, né è ammissibile
la sfera delle stelle fisse intesa come limite dell’universo. Solo Dio, il principio dell’univer-
so, ne è centro e limite: la macchina del mondo avrà il centro dovunque e la circonferenza
in nessun luogo, perché la sua circonferenza e il suo centro sono Dio che è dovunque e in
nessun luogo. La Terra è una stella su cui abitano gli uomini; ogni altra stella è un mondo

PROFILO
con i suoi abitanti, di cui non possiamo saper nulla.
La teologia In quanto limitato, l’uomo non può conoscere l’infinito: quindi non può conoscere l’uni-
negativa verso nella sua totalità né Dio. Il discorso su Dio muove proprio dall’impossibilità di defi-
nirlo (teologia negativa). Possiamo soltanto dirne che è al di là dei limiti della conoscenza
umana, che è il massimo – in senso matematico – e come tale inattingibile.
Dio come Essendo il tutto non ancora spazializzato nell’universo, Dio è anche coincidenza degli
coinci- opposti, che si distinguono uno dall’altro soltanto nel processo di explicatio. Dio è la to-
denza degli
opposti talità da cui hanno origine tutte le cose, ma non è la totalità delle cose, la loro somma.
Per questo non si identifica con l’universo, in quanto in esso le singole cose sono distinte,
separate, mentre Dio è l’unità prima della separazione. Dio è unità dei contrari anche
sul piano logico. A lui non è applicabile il principio di non contraddizione, in quanto ogni
determinazione, sia come affermazione sia come negazione, ne negherebbe l’unità, ricon-
ducendolo nell’ambito del finito.
L’uomo Anche se l’uomo non può conoscere la totalità dell’universo, la sua conoscenza può pro-
crea gli gredire continuamente, all’infinito. Come Dio crea le cose, la mente crea gli oggetti della
strumenti
della propria conoscenza, e in particolare gli enti matematici, attraverso i quali è possibile in-
conoscenza terpretare l’esperienza e dare un significato razionale ai dati della sensazione. Noi, infatti,

J. de’ Barbari, Ritratto


di Luca Pacioli, 1495
(Napoli, Gallerie di
Capodimonte). Il
quadro raffigura il
matematico Luca Pacioli
nell’atto di dimostrare
la proposizione 8 degli
Elementi di Euclide
a Guidubaldo da
Montefeltro, figlio del
duca di Urbino Federico.

27
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

conosciamo razionalmente la realtà solo quando ne individuiamo i rapporti matematici,


mediante concetti (punto, linea, angolo, figura geometrica) che noi stessi abbiamo co-
struito. L’uomo è dunque simile a Dio. In Cusano nuova visione del cosmo e centralità
dell’uomo sono complementari e si conciliano. La struttura dell’universo è matematica.
Dio ha compiuto la creazione seguendo modelli matematici e infondendoli nella realtà.
Gli enti matematici, però, possono essere creati anche dalla mente umana. Questa
possibilità fa sì che esista una forte consonanza tra l’universo e la mente dell’uomo che, a
livello conoscitivo, è creatore, come Dio lo è nell’ambito della realtà.
La struttura La struttura matematica creata dall’uomo non è identica a quella presente nell’univer-
gerarchica so, per cui la conoscenza è sempre congetturale, mai certa. Con questa prudenza, Cusano
dell’uni-
verso avanza ipotesi sulla organizzazione dell’universo, distinguendo quattro unità: Dio, l’in-
telligenza, la ragione o anima, il solido o corpo. L’uomo occupa la posizione mediana:
partecipa delle idee con l’intelletto, ma ha bisogno anche del corpo, cioè della sensazione,
per conoscere le cose. I sensi non danno la conoscenza della realtà, che deriva dagli enti
matematici costruiti dalla mente umana, ma forniscono il materiale al quale applicare le
funzioni della mente. La teoria della conoscenza di Cusano è fondamentalmente razio-
nalistica, anche se i sensi vi svolgono, a causa dei limiti propri della natura umana, una
funzione importante.

X In che senso Cusano parla di «dotta ignoranza»?


GUIDA
ALLO X Su quali basi afferma l’infinità dell’universo?
STUDIO X Qual è il rapporto tra l’universo e Dio?

LA PRIMAVERA DI BOTTICELLI
S. Botticelli, La Primavera, 1477-78, tempera su tavola (Firenze, Galleria degli Uffizi).

La Primavera di Sandro Botticelli è testimonianza visiva del platonismo rinascimentale, in particolare del motivo
dell’amore platonico. Secondo una delle interpretazioni più accreditate, dovuta allo studioso Edgard Wind, la scena
rappresenta il trionfo dell’amore «umano», moderato dall’intelletto e nettamente superiore alla passione soltanto
sensuale. Mostra, inoltre, la pro-
gressione platonica dall’amore
carnale alla passione intellet-
tuale. L’immagine deve essere
letta da destra a sinistra: il dio
Zefiro avvinghia la ninfa Clo-
ri, di cui è invaghito; a seguito
dell’unione Clori si trasforma
nella ninfa Flora, che incede si-
cura e leggera, spargendo fiori.
Venere, con il ventre legger-
mente rigonfio, spande dolcez-
za e armonia sull’intera scena,
mentre le tre Grazie intrecciano
un festoso girotondo. Sul lato
sinistro dell’immagine si trova
Mercurio, dio dell’intelletto, che
ha il compito di disperdere le
nubi dell’attaccamento umano
alle cose materiali.

28
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
5. Il neoplatonismo: Ficino

5 Il neoplatonismo: Ficino
prima ipostasi:
Dio
livello costituito da
spirituale
seconda ipostasi:
natura angelica

PROFILO
anima
del mondo
la gerarchia si suddivide in ovvero terza ipostasi: costituita da
copula
dell’universo mundi anima
anima
dell’uomo
quarta ipostasi:
qualità
livello costituito da
materiale
quinta ipostasi:
corpo

Ficino e Il neoplatonismo italiano fa riferimento a Marsilio Ficino (1433-99) come suo massimo
il neopla- rappresentante e divulgatore. Cusano, infatti, resta in ampia misura estraneo alla cul-
tonismo
tura italiana e le sue opere non hanno qui molta diffusione. Inoltre, Ficino esprime una
tendenza molto viva nella filosofia italiana del Rinascimento e in gran parte estranea al
pensiero di Cusano: il riferimento a fonti diverse da quelle platoniche e non circoscritte al
neoplatonismo cristiano, quali ad esempio la tradizione ermetica. Nell’Accademia plato-
nica fiorentina, istituita nel 1462 nella villa suburbana di Careggi offertagli da Cosimo il
Vecchio de’ Medici, Ficino traduce in latino l’intera opera di Platone, ma anche le Enneadi
di Plotino, e ancora Porfirio, Giamblico, Proclo, lo Pseudo-Dionigi.
Le cinque Nei suoi tratti principali, la filosofia di Ficino si richiama esplicitamente al neoplatonismo
ipostasi di Plotino. La realtà metafisica è costituita da cinque ipostasi, disposte gerarchicamente
in ordine discendente. Al vertice abbiamo Dio, poi la natura angelica, l’anima, la qualità
(cioè la forma) e il corpo. Da Dio procedono le altre ipostasi, create e non emanate, con
una libera scelta di Dio come persona che produce gli altri gradi dell’essere per un atto di
amore. La creazione procede però dall’interno, per cui Dio, pur essendo trascendente, si
manifesta nel mondo e attraverso il mondo.
Il rapporto L’ordine gerarchico è determinato dalla proporzione tra unità e molteplicità. L’unità
tra unità e senza molteplicità è Dio, la molteplicità senza unità è il corpo. La qualità, cioè la for-
molteplicità
ma, conferisce unità al corpo, ma partendo dalla molteplicità, che è ancora prevalente;
nell’anima, al contrario, è l’unità a prevalere. Nella natura angelica esiste soltanto l’unità,
però moltiplicata: negli angeli infatti non ci sono più individui per la stessa specie, ma ci
sono più specie, come avviene nell’intelletto della tradizione neoplatonica, cui la natura
angelica corrisponde: ogni idea è unica, ma l’intelletto è formato da una pluralità di idee.
Infine in Dio non c’è né molteplicità né pluralità, ma unità assoluta.
29
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

L’anima L’anima è considerata in generale come il principio razionale che regola la realtà secondo
del mondo i modelli delle idee e le dà vita. Essa non è perciò propria soltanto dell’uomo, ma anche del
T4 mondo e delle sfere celesti, cioè di tutto ciò che è organizzato secondo ragione e orien-
tato verso una finalità. L’anima del mondo forgia la natura come un artista immanente,
come un artigiano che plasma dall’interno alberi e animali. La filosofia di Ficino è una
vera esaltazione della natura, la quale è provvista di una razionalità complessiva ed è
vivente in ogni sua parte, anche nei corpi che appaiono come inanimati. Questi non han-
no un’anima individuale, ma sono tutti pervasi dalla vita dell’anima del mondo. Ficino ri-
tiene che ognuno dei quattro elementi naturali (terra, acqua, aria e fuoco) abbia un’anima
propria, così come ognuna delle sfere celesti. Inoltre, gli animali hanno anime individuali,
poiché possono spostarsi liberamente senza dipendere dall’elemento che li ospita. Tutte
le anime, compresa quella della terra, che è la più bassa, sono dotate, anche se in grado
diverso, di ragione, che raggiunge il massimo nell’uomo.

LA STORIA E L’ermetismo
LA CULTURA DEL TEMPO

Intorno alla figura mitica di Ermete Trismegisto Questi scritti ermetici sono contemporanei de-
(dal greco trísmegistos, «tre volte grandissimo») gli Oracoli Caldaici, considerati nel Rinascimento
sono organizzati una serie di scritti di provenienza come appartenenti allo stesso corpus di scritti.
alessandrina, risalenti al II secolo d. C. Il mosaico Nel 1471 Ficino completa la traduzione del Cor-
sul pavimento del duomo di Siena mostra Erme- pus hermeticum, in diciannove trattati. Si tratta di
te con un copricapo egizio mentre dona la co- scritti eclettici, in cui si avverte l’influenza della
noscenza agli uomini (gli si attribuiva addirittura tradizione orfico-pitagorica e platonica, ma an-
l’invenzione della scrittura). Il pannello sulla de- che quella della cosmologia stoica e soprattutto
stra mostra una iscrizione tratta dall’Asclepio, un della gnosi (dottrina che ruota attorno a un duali-
importante testo ermetico, densa di allusioni alla smo esasperato tra spirito e materia e all’idea che
filosofia gnostica: «Dio, creatore di tutte le cose, la visione divina sia un’illuminazione, di natura
creò un secondo Dio visibile e fu questi il primo conoscitiva, riservata a pochi). Come per la gnosi,
Dio che egli fece e in cui si compiacque e questo la conoscenza è affidata alla rivelazione; per molti
Figlio fu chiamato santo Verbo». aspetti, però, gli scritti ermetici sono in sintonia
con il platonismo rinascimentale: Dio è incono-
scibile e ineffabile, ma si manifesta nell’universo,
con il quale tende a essere identificato. L’uomo è
considerato il termine medio e la sintesi di tutto
l’universo, «il miracolo più grande della natura»,
secondo un’espressione che Ficino riprende da
questi scritti. L’anima umana può ricongiungersi
con Dio in virtù della conoscenza.
A questi tratti l’ermetismo unisce una concezio-
ne organicistica dell’universo, secondo la quale
esiste una forte corrispondenza tra gli elemen-
ti dei corpi terrestri e il cosmo. Da qui deriva la
concezione dell’uomo come microcosmo, come
«piccolo mondo» che riflette la composizione e la
struttura del macrocosmo, cioè dell’universo.

Ermete Trismegisto, mosaico, Duomo di Siena.

30
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
5. Il neoplatonismo: Ficino

Il mondo è Il mondo è un unico essere animato, un grande animale, un unico organismo. Fra tutti
un unico gli esseri sussiste una completa interdipendenza, una consonanza. Le anime costitui-
organismo
scono il tramite che mette in rapporto gli individui di ogni ordine, congiungendoli in un
unico principio. L’anima è fonte di movimento e di vita, e presiede all’organizzazione del
mondo visibile, di ciò che cambia, mentre Dio e l’intelletto sono immutabili. Anche Dio
e l’intelletto partecipano alla formazione del mondo, che nell’insieme risulta costituito
e organizzato da tutti gli elementi superiori. La visione di Ficino può essere definita un
«organicismo dinamico», per il quale il mondo presenta una unità e un senso comples-
sivi che derivano da Dio, una connessione tra le varie parti che deriva dalle idee e una
vitalità e dinamicità prodotte dall’anima.

PROFILO
L’anima I gradi superiori, immobili, non potrebbero però congiungersi in alcun modo con la ma-
copula teria. Occorre un tramite, la cui natura tocchi per un verso la realtà superiore e per altro
mundi
verso la materia. L’anima razionale, quella umana in modo particolare, è anche, essen-
do ragione e sensibilità, il punto di unione, la cerniera tra spirituale e materiale.
L’anima si trova nel punto medio dell’ordinamento universale, al terzo gradino della
scala delle ipostasi sia in ordine discendente che ascendente. Questa «terza essenza»,
come la definisce Ficino, è il centro dell’essere, il punto di unione dei diversi gradi, la
copula mundi.
L’anima, in quanto essenza intermedia, partecipa della natura di tutte le cose, è insie-
me divisibile e indivisibile, si mescola con le cose mortali ma è immortale, ha in sé l’im-
magine delle cose divine e produce i modelli delle cose inferiori. Per questa sua natura,
l’anima ha la capacità di congiungere i diversi gradi dell’universo, di unificare la realtà.
L’anima di cui parla Ficino è quella del mondo, ma è anche e soprattutto quella dell’uo-
mo, che opera la congiunzione tra razionalità e istinto, tra la natura angelica e la ma-
teria, nella creatura che è il vertice della creazione. In questo ruolo di tramite, all’uomo
spetta una funzione privilegiata, che ne fa un essere unico e il centro dell’universo.
La teoria In quanto tocca il mondo superiore e quello inferiore, l’uomo, come aveva sostenuto
dell’amore Cusano, può orientarsi verso l’uno o l’altro tramite la volontà, e può congiungerli at-
traverso la forza che deriva dalla volontà: l’amore. La teoria ficiniana dell’amore prende
le mosse dall’eros platonico, spogliandolo però dell’aspetto gnoseologico (la contempla-
zione delle idee) e accentuando quello volontaristico e della scelta dei valori (il bene,
concepito soprattutto come armonia e unione tra i gradi superiori e quelli inferiori
dell’essere). Di conseguenza, l’amore non ha in Ficino, come invece in Platone e nel neo-
platonismo, solo la funzione di liberazione dal corpo e dalla materia per ascendere verso
l’intelletto e Dio, ma anche quella di un riscatto universale, che recupera la negatività
dei gradi inferiori per conferire alla natura e al corpo una dignità spirituale. La riva-
lutazione del mondo naturale e la centralità dell’uomo, motivi conduttori dell’analisi
di Ficino, trovano nell’amore una sintesi. La spiritualità che, attraverso l’amore, può
essere raggiunta dal mondo naturale, si concilia con la rivalutazione, da parte di Ficino,
dell’astrologia e della magia.
La posizione privilegiata dell’anima si traduce in una funzione centrale assegnata
all’uomo.
L’uomo L’uomo non è però solo medium tra gradi inferiori e superiori, ma ha in sé una tenden-
tende a za naturale, data direttamente da Dio, a elevarsi verso i gradi superiori, verso Dio.
diventare
come Dio L’anima, scrive Ficino con una espressione che riassume uno dei tratti fondamentali
dell’Umanesimo e del Rinascimento, cioè la centralità e la dignità dell’uomo, «tende a
indiarsi» (Teologia platonica, XIV, i, vol. II, p. 199. L’espressione latina così tradotta, che
31
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

è parte del titolo del capitolo, è anima nitatur Deus fieri). Ficino interpreta questa ten-
denza come una prova dell’immortalità dell’anima.

X Quali sono, secondo Ficino, le ipostasi?


GUIDA
ALLO X Che posto occupa, tra queste, l’anima del mondo? Quali funzioni svolge?
STUDIO X Perché l’anima è definita «copula mundi»? Anche l’anima umana ha una funzione di unione tra
realtà diverse?
X In che senso si può parlare di organicismo per Ficino?
X Qual è il rapporto fra unità e molteplicità?
X Qual è la funzione dell’amore per Ficino? Che differenze ci sono rispetto all’eros platonico?

LA STORIA E La magia rinascimentale


LA CULTURA DEL TEMPO

La magia è l’arte finalizzata a controllare le forze un contesto in cui l’attesa religiosa di un rinnova-
della natura mediante pratiche rituali di tipo non mento imminente si lega all’intento di operare al
scientifico. Poggia sulla convinzione che la natura servizio dell’uomo. Per quanto riguarda l’alchimia,
sia dominata da forze occulte o spirituali. essa non va identificata con la ricerca di modi di
La magia conosce una grande diffusione nel pe- ottenere l’oro o l’elisir di lunga vita, ma riguarda
riodo rinascimentale, attingendo a radici diverse, trasformazioni di una sostanza in un’altra, in base
ma convergendo verso un comune interesse: la ad assunzioni di somiglianze o dissomiglianze,
conoscenza e il controllo della natura. Le radici spesso mediante l’attribuzione ai diversi elementi
della magia vanno ricercate prima di tutto nella di significati simbolici.
diffusione, grazie alla traduzione fattane da Ficino, La richiesta di predizioni astrologiche era all’epoca
delle opere attribuite a Ermete Trismegisto, nelle molto diffusa: in tempi di accese lotte politiche e
quali si evidenzia una visione unitaria e organici- sconvolgimenti sociali, si cercava conforto e ap-
stica del cosmo. L’uomo, la sua natura e il suo de- poggio nelle predizioni di studiosi che facevano
stino, sono strettamente congiunti agli astri e agli della astrologia una professione, spesso ben re-
elementi naturali. La concezione dell’uomo come munerata, ma anche instabile e rischiosa in quanto
microcosmo, che riassume in sé la composizione soggetta all’arbitrio dei potenti. Cornelio Agrippa
e le dinamiche dell’universo, completa l’organici- (1486-1535) fu astrologo alla corte di Francia (e
smo legandolo con la filosofia neoplatonica e con anche medico; ma ai suoi oroscopi si teneva molto
il naturalismo. di più che alla sua attività di medico). Paracelso
Gli elementi magici sono, nel Rinascimento, stret- (1493-1541), il cui vero nome era Philipp Theo-
tamente congiunti con quelli filosofici e antici- phrast Bombast von Hohenheim, deve gran parte
pano per alcuni aspetti la rivoluzione scientifica. della sua notorietà alle sue predizioni, soprattutto
La magia ha, infatti, un ruolo simile, sul piano a quei Pronostici che pubblicò nel 1536.
concettuale, a quello che assumerà la tecnologia L’intento dell’opera più nota di Agrippa, De occul-
nell’ambito della rivoluzione scientifica: l’una e ta philosophia (1510), che avrà grande diffusione,
l’altra si propongono l’utilizzazione del sapere per è la giustificazione teorica della magia. Fra i tre
controllare la natura e migliorare le condizioni di mondi creati da Dio – quello degli elementi, quello
vita dell’uomo. Non è un caso che gli ambiti princi- delle stelle e quello degli angeli – si trova l’uomo,
pali dell’applicazione della magia siano da un lato al centro in quanto partecipa di tutt’e tre; l’uomo
l’alchimia, dall’altro la medicina, oltre all’astrolo- è un microcosmo che rispecchia il macrocosmo, e
gia che ne costituisce il motivo centrale. in quanto tale può conoscere ogni cosa. L’uomo
La medicina costituisce in questo periodo terreno può scoprire le forze nascoste nella natura per
d’insorgenza per un sapere che si sviluppa ai mar- usarle ai suoi fini; può giungere a utilizzare le forze
gini della cultura universitaria ufficiale, rinnovan- del mondo degli angeli.
do antichi interessi per l’alchimia e l’astrologia in Paracelso, che era figlio di un medico, unì alla pro-

32
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
5. Il neoplatonismo: Ficino

fessione del padre quelle di alchimista e astrolo- capacità di prevedere in sogno gli avvenimenti con
go. Aveva studiato medicina in Italia, a Ferrara; per la massima precisione, sostiene di avere l’assisten-
un breve periodo insegnò nell’Università di Basilea. za di uno spirito, riferisce di guarigioni miracolose
Egli ostentò disinteresse per la medicina ufficiale, che avrebbe ottenute.
e in genere per le professioni dotte; volle carat- Alla matematica Cardano ha dato importanti con-
terizzare la propria come medicina popolare, in tributi occupandosi di algebra. Nonostante molte
stretto rapporto con la pratica. Contro la medicina opposizioni, ha insegnato medicina nell’univer-
ufficiale di quei tempi, Paracelso elaborò una pro-
sità, a Pavia e a Bologna. Lo hanno reso famoso
pria concezione ponendo in connessione la sanità
soprattutto le opere De subtilitate (1547) e De re-
e il modo di recuperarla con una filosofia della
rum varietate (1557), in cui espone le proprie idee
natura legata a tesi alchimistiche e astrologiche.

PROFILO
sulla conoscenza e sulla natura, e un commento a
Il corpo dell’uomo è costituito da elementi che
Tolomeo in cui si propone una rifondazione della
si trovano nella natura; per l’azione dall’esterno
astrologia.
di tali elementi l’uomo può perdere la salute, così
come può recuperarla. Il recupero della salute è in- L’interesse di Cardano per la natura è volto alla
teso come restaurazione della natura: al di là del varietà dei fenomeni, al nuovo e allo straordi-
suo valore per l’individuo, si attribuisce a esso un nario. La natura manifesta una sua «sottigliez-
valore cosmico. La preparazione di medicamenti za»; ma una analoga sottigliezza è pure propria
per tale recupero viene considerata parte essen- dell’uomo, che può pervenire a svelarne i segreti
ziale dell’arte medica. attraverso la magia naturale, cioè lo studio delle
L’italiano Girolamo Cardano (1501-76) fu irre- proprietà delle cose e delle affinità che legano
quieto cultore di un sapere ampiamente aperto una cosa a un’altra rendendo possibile un in-
alla astrologia e alla magia. Arrestato nel 1570 tervento operativo dell’uomo. Cardano è molto
sotto l’accusa di pratiche magiche, dovette abiu- critico nei confronti del sapere tradizionale e in-
rare, lasciare l’insegnamento e impegnarsi a non siste sull’importanza dei sensi, della conoscen-
pubblicare più. Cardano diffida dei princìpi astratti za diretta, dell’esperimento. Egli è alla ricerca di
e insiste sull’uso dei sensi. È medico e matemati- nuove strade che siano un modo diverso di far
co, esperto di astrologia e di magia naturale; nella teoria e un modo diverso di mettere in relazio-
sua autobiografia, De vita propria (1575), presenta ne la teoria con la pratica: appunto per questa
se stesso come un essere eccezionale: racconta esigenza operativa, in contrapposizione a quello
gli eventi straordinari che hanno accompagnato i ufficiale, il nuovo sapere trova espressione anche
momenti importanti della sua vita, parla della sua nella magia.

Tavole di Mercurio in numeri.

33
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

LA STORIA E Pico della Mirandola


LA CULTURA DEL TEMPO e la tesi della libertà umana
Pico della Mirandola (1463-94) tenta la conci- spinge l’uomo a una ammirazione delle opere del
liazione di fedi e filosofie diverse, invitando nel Signore dalla quale conseguono carità, fede e spe-
1486 a Firenze i maggiori studiosi del tempo per ranza.
un’imponente discussione comune, in preparazio- La grande assemblea voluta da Pico non si farà,
ne della quale scrive e diffonde novecento tesi, per la condanna papale di alcune delle nove-
stampate con il titolo Conclusiones philosophicae, cento tesi. Pico reagisce con un’Apologia (1487)
cabalisticae et theologicae. Pico premette alle sue che peggiora la situazione; è costretto a fuggire,
tesi un Discorso sulla dignità dell’uomo. Quel che ma non riesce a evitare l’arresto. Liberato dopo
distingue l’uomo dagli altri esseri è la sua natura un paio di mesi, è invitato da Ficino a stabilirsi a
non definita: la natura angelica è razionale e dun- Firenze.
que il comportamento dell’angelo è sempre de-
Come Ficino, ma con maggiore impegno filoso-
terminato dalla ragione; la natura dell’animale è
fico, Pico aspira a una stretta compenetrazione
istintuale e l’animale è necessariamente guidato
tra filosofia e religione, per la quale il cristiane-
dall’istinto; l’uomo è libero, dipende da lui sce- simo si manifesti nella sua pienezza di religione
gliere la strada che vuol seguire. L’uomo può de- universale. A questa impresa lavora per tutta la
generare in ciò che è inferiore o rigenerarsi in ciò vita; quando muore nel 1494, a soli trentun’anni,
che è superiore; sappia, dice Pico, profittare della ha in corso un’opera in cui intende dimostrare la
libera scelta che gli è concessa. La via che si apre concordia tra i filosofi. La sola parte già compiuta
all’uomo verso ciò che è superiore comincia con (nel 1492) si intitola De ente et uno: è un’elabora-
il dominio delle passioni e prosegue con la cono- ta presa di posizione per la quale si tenta di conci-
scenza: nell’anima composta e purificata, scrive liare Platone e Aristotele. Secondo la sua analisi,
Pico, diffondiamo la luce della filosofia naturale, il termine «ente» va riferito a ogni cosa che è;
recandola finalmente a perfezione con la cono- ma Dio è l’Essere stesso, alla cui conoscenza l’uo-
scenza delle cose divine (vedi il brano centrale del mo aspira. La conoscenza di Dio è ricerca che non
Discorso nelle Questioni che contano, pp. 88-89: raggiunge mai compiutamente il suo oggetto;
L’homo faber sui). al di là della conoscenza è l’amore. Pico insiste
Pico della Mirandola tenta una conciliazione tra qui a un tempo sulla validità della ricerca di Dio
le varie posizioni filosofiche, che meritano tutte attraverso la conoscenza e sul limite dove tale
di essere prese in considerazione. In particolare, conoscenza deve arrestarsi.
ritiene di poter proporre «l’accordo fra Platone e Il pensiero di Pico rappresenta alcune delle mag-
Aristotele»: alcune delle tesi che presenta sosten- giori tendenze della filosofia rinascimentale non
gono che «sono d’accordo i pareri ritenuti con- soltanto per l’esaltazione della dignità umana,
trastanti di Scoto e di Tommaso, di Averroè e di ma anche per il nuovo atteggiamento verso la
Avicenna». natura, che deve essere studiata e capita, e i cui
Il sapere umano si estende anche alla magia: eventi hanno una spiegazione razionale. È un at-
non la magia che si basa sull’opera dei demoni, teggiamento che prelude alla rivoluzione scienti-
ma quella che è la prosecuzione e il totale com- fica, anche se ancora la razionalità della natura
pimento della filosofia naturale. La magia in viene cercata mediante le grandi filosofie clas-
questo secondo senso è conoscenza dei misteri siche e mediante la magia e non con il metodo
dell’universo, è un subordinare le forze inferiori sperimentale che caratterizzerà il nuovo sapere
a ciò che è superiore; non allontana da Dio, anzi del secolo XVII.

34
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
6. La filosofia della natura di Telesio

6 La filosofia della natura di Telesio


animata pampsichismo
è
la natura
regolata da
leggi immutabili
i princìpi sono passivo: materia costituiscono
della

PROFILO
natura attivi: caldo e freddo

i sensi sensismo
conosce con
l’uomo come
essere
naturale considerando bene ciò che
agisce
favorisce la conservazione
e provoca dilatazione e caldo

ernardino Telesio (1509-88), nato a Cosenza, studia per alcuni anni a Roma e a Milano, laureandosi
Notizie
bio-biblio-
grafiche
B nel 1535 a Padova, dove si era occupato di medicina e filosofia aristotelica. Dopo essersi ritirato a
meditare in un convento benedettino, soggiorna in varie città italiane e nel 1565 pubblica una prima
edizione del De rerum natura iuxta propria principia, ristampata con alcune aggiunte nel 1570 e infine,
nella versione definitiva, nel 1586. A parte alcuni opuscoli su questioni naturali, pubblicati postumi,
il De rerum natura riassume tutta la sua produzione. A differenza di Bruno e Campanella, Telesio non
subisce, durante la sua vita, condanne da parte della Chiesa. Anzi, per la sua notorietà, è invitato da
papa Gregorio XIII a recarsi a Roma per esporre le sue dottrine. Soltanto dopo la sua morte la sua
opera verrà messa all’Indice.

La critica Telesio critica radicalmente le filosofie del passato per come hanno studiato la natura,
alle principalmente l’aristotelismo e la scolastica, ma anche il neoplatonismo rinascimentale.
filosofie
della natura Tutte, a suo parere, si sono costruite «un mondo a loro arbitrio», sulla base delle esigenze
delle premesse filosofiche e non dell’osservazione della natura. Più in generale, Telesio
sottolinea la necessità di liberarsi da ogni sistema anteriore allo studio della natura,
in modo da non interpretarla prima ancora di conoscerla. Inoltre, ogni spiegazione delle
cose naturali deve partire dall’osservazione sensoriale, perché soltanto i sensi ci metto-
no in relazione con il mondo e ci forniscono informazioni su com’è la natura in sé, e non
per noi.
Spiegare In questa prospettiva, come suggerisce il titolo della sua opera principale, De rerum natu-
la natura ra iuxta propria principia, il proposito di Telesio è quello di spiegare la natura delle cose
secondo
leggi «secondo i propri princìpi», cioè sulla base di leggi immanenti. I princìpi di tutte le cose
sono ricondotti da Telesio a tre: uno passivo, la materia, e due dinamici, responsabili del
divenire, il caldo e il freddo. Il primo provoca dilatazione e movimento, il secondo con-
trazione e quiete. Essi sono riferibili a due polarità cosmiche, il Sole e la Terra, e la loro
interazione determina e consente di spiegare tutti i fenomeni osservabili, non solo quelli
fisici ma anche quelli morali.
Un coerente I tre princìpi, costituendo tutta la realtà, devono dar ragione di ogni fenomeno, quindi an-
pam- che della sensibilità. Se alcuni esseri sentono e reagiscono, queste caratteristiche devono
psichismo
essere proprie dei princìpi stessi, cioè del caldo e del freddo, e non della materia, che è solo
35
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

passività. Telesio afferma, sviluppando tale premessa, un coerente pampsichismo: tutte


le cose hanno un’anima e sono capaci di sensazioni.
La teoria La fonte di ogni conoscenza è rappresentata dalle sensazioni. Telesio afferma un rigoroso
della sensismo che riconduce anche le idee a questa origine. Anzi, le idee non sono altro che
conoscenza
sensazioni ricordate, e proprio per questo meno perfette e possibile origine dell’errore.
I sensi non possono mai ingannarci, perché mettono direttamente in contatto l’anima
con le cose.
Il sensismo L’intelletto deve necessariamente fondarsi sui sensi, e ogni ragionamento si riconduce ad
essi. La conoscenza intellettiva è ricordo delle sensazioni, quindi è meno precisa e a vol-
te è relativa a cose che non sono state percepite o non possono esserlo, per cui può indur-
re in errore. Secondo Telesio è necessario affidarsi all’intelletto quando non è possibile
conoscere con i sensi, ma tutte le volte che al ragionamento può sostituirsi l’esperienza
diretta, questa è sicuramente più attendibile: è una posizione di coerente sensismo.
La morale Dai princìpi che regolano il mondo naturale deriva anche la morale, in cui si presenta lo
stesso grado di necessità riscontrabile nella natura stessa. Il fondamento della morale è
la tendenza di tutti gli esseri alla propria conservazione e al proprio accrescimento. Le
cose o gli eventi che favoriscono questi processi producono una dilatazione dell’anima,
che corrisponde a una sensazione di calore, alla quale si associa una reazione di piacere.
A questa diamo il nome di «bene». Al contrario, altri fatti provocano una contrazione
dell’anima, corrispondente al freddo e causa del dolore. Ad essi diamo il nome di «male».
Bene e male sono dunque conseguenze della reazione dell’anima a certi eventi, e han-
no quindi un fondamento esclusivamente naturale. Il comportamento dell’uomo è de-
terminato dalla tendenza spontanea a ricercare il piacere e a fuggire il dolore. L’unico
spazio esistente per la volontà è un calcolo del piacere maggiore anche se meno vicino nel
tempo, e quindi la possibilità di rinunciare a un piacere immediato per uno più grande nel
futuro, o l’accettazione di un dolore per evitarne uno peggiore nel futuro.
L’etica di Telesio viene definita «descrittiva», in contrapposizione con le morali di tipo
«prescrittivo». Una teoria etica è «prescrittiva» quando da essa derivano norme che dob-
biamo seguire o che è preferibile seguire, come avviene nella maggior parte delle teorie
etiche precedenti (si pensi ai «comandamenti» biblici, ma anche alle virtù per Aristotele o
al «tetrafarmaco» di Epicuro). Una teoria etica è, invece, descrittiva se non fissa precetti,
ma si limita a descrivere i comportamenti umani. Nel caso di Telesio, poiché viene negata
l’esistenza del libero arbitrio, ne consegue che l’uomo non sceglie, ma agisce in base a leg-
gi. In questa prospettiva, non ha senso dettare norme morali, cioè dire che cosa si dovreb-
be fare: non resta che descrivere le cause del comportamento, il quale è indipendente
dalla volontà dell’individuo.

Sensismo
È la concezione secondo la quale sensazioni, e sono perciò legate da ma costituisce un’interpretazione
tutta la conoscenza deriva dai sensi. una serie di corrispondenze e di complessiva della natura. In questa
Nel Rinascimento l’accezione clas- influssi reciproci, che collegano il accezione si parla di solito di pam-
sica si colora di un significato vita- mondo umano e la natura. Il sensi- psichismo (tutto ha un’anima) o di
listico: per Telesio e per Campanella smo, in questo caso, non ha più un panvitalismo (tutto è vivente, anche
«tutte le cose hanno senso», cioè significato soltanto gnoseologico, ciò che appare come inanimato).

36
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
7. Giordano Bruno: naturalismo e neoplatonismo

La forma L’analisi che Telesio fa della morale è naturalistica e descrittiva, escludendo ogni fi-
superaddita nalismo e ogni origine soprannaturale della morale stessa. Anche l’anima, regolata dai
princìpi naturali del caldo e del freddo, è mortale. Telesio parla però anche di un’anima
immortale, una forma superaddita che Dio unisce direttamente agli esseri umani, diver-
samente da quello che accade per tutti gli altri. Non è possibile stabilire in che misura
Telesio fosse convinto dell’esistenza della forma superaddita e quanto invece abbia giocato
il timore dell’Inquisizione, che non avrebbe ovviamente tollerato la negazione dell’im-
mortalità dell’anima. È certo che questo concetto non si inserisce in modo organico nella
sua filosofia e che ad esso non farà ricorso nella spiegazione del comportamento e della
morale.

PROFILO
X Che cosa significa De rerum natura iuxta propria principia?
GUIDA
ALLO X Quali sono e come agiscono i princìpi in ambito fisico?
STUDIO X Mediante gli stessi princìpi possiamo spiegare anche la morale: in che modo?
X Perché la morale di Telesio può essere definita «descrittiva»?

X La cartella di Diogene,
Bruno: un filosofo sempre WEB
attuale

7 Giordano Bruno:
naturalismo e neoplatonismo

ne consegue il quindi l’universo è


permane panteismo
nell’effetto infinito

Dio è causa come principio


e principio eroici furori:
l’uomo può
la conoscenza
modifica dato che trasformare ne consegue esaltazione è tensione
la natura la natura, dell’homo verso Dio,
dall’interno cooperando faber partecipazione
alla creazione alla creazione

ilippo Bruno (1548-1600) prende il nome di Giordano, con il quale è universalmente noto, quando
Notizie
bio-biblio-
grafiche
F entra, giovanissimo, nell’ordine dei domenicani. Le sue idee poco ortodosse in ambito religioso lo
costringono a un lungo esilio per sottrarsi alla repressione del periodo della Controriforma. Dal 1581
è a Parigi, poi si trasferisce in Inghilterra al seguito dell’ambasciatore francese, e pubblica a Londra,
tra il 1584 e il 1585, i Dialoghi italiani, chiamati così perché redatti in italiano. I Dialoghi italiani sono
solitamente distinti in Dialoghi metafisici e Dialoghi morali. I dialoghi metafisici sono La cena delle
Ceneri (sulla rivoluzione copernicana); De la causa, principio e uno; De l’infinito, universo e mondi; i
dialoghi morali sono lo Spaccio della bestia trionfante, la Cabala del cavallo pegaseo, Degli eroici furori.
Dopo un soggiorno in Germania, viene chiamato a Venezia dal patrizio Mocenigo, che desiderava istru-
irsi nella mnemotecnica. Denunciato all’Inquisizione, subisce un lungo processo, che si conclude con la
morte sul rogo, nella piazza romana del Campo dei Fiori, nel 1600.

37
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

Bruno e Nella seconda metà del secolo xvi il copernicanesimo era al centro di molte polemiche. A
il coperni- Londra nel 1584 Giordano Bruno viene invitato a esporre le sue idee sulle tesi di Coper-
canesimo
nico in una riunione amichevole – svoltasi nel primo giorno di Quaresima, il giorno delle
Ceneri. Da questo incontro trae spunto la Cena delle Ceneri, cinque dialoghi in cui Bruno
espone la propria concezione dell’universo. Copernico, proponendo una cosmologia in
cui la Terra è un astro in movimento, elimina ogni subordinazione del mondo terrestre al
mondo celeste. Bruno coglie nella rivoluzione copernicana un profondo significato mora-
le di liberazione dalla superstizione e dall’accettazione acritica dei filosofi del passato,
in particolare Aristotele. Il nuovo universo infinito è frutto della ricerca razionale, contro
il principio di autorità.
L’universo L’infinità dell’universo è posta in relazione con l’infinità della causa, cioè di Dio. L’univer-
infinito so è manifestazione, «vestigio» di Dio, e attraverso la sua conoscenza scopriamo Dio.
T2 Aver abbattuto le muraglie delle sfere celesti vuol dire anche aver liberato la conoscenza,
WEB che adesso ha come oggetto l’infinito. La divinità non è più trascendente, come il motore
X I testi, Bruno: immobile di Aristotele. È nell’universo, lo compenetra (naturalismo), è dentro di noi più
L’intelletto
universale di quanto lo siamo noi stessi.
Spiegazioni Pur non essendo astronomo, Bruno si pone il problema di spiegare il moto apparente degli
fisiche astri e lo fa anticipando la «relatività galileiana», secondo la quale stando all’interno di un
sistema non è possibile stabilire se esso si muova o sia in quiete. Come conseguenza, il
moto apparente dell’intero universo intorno alla Terra deve essere ricondotto al moto
rotatorio della Terra intorno a se stessa.
Dio è L’infinità dell’universo è spiegata, sulle orme di Cusano, a partire dal rapporto tra Dio e
causa e il mondo, analizzato sulla base dei concetti di «causa» e «principio». «Principio» è ciò che
principio
diventa l’effetto che determina, come il seme rispetto alla pianta, mentre «causa» si riferi-
sce a qualcosa che determina un effetto ma ha una sua realtà separatamente da esso, come
il falegname che costruisce un mobile. Se Dio è principio, allora permane nel mondo, è in
esso. Di conseguenza, tutta la natura è animata, la vita è in tutte le cose.
L’universo L’universo è concepito da Bruno in modo panteistico, come Uno-tutto, come totalità che
T3 dà significato alle parti, come unico organismo vivente che racchiude in sé ogni divenire,
rimanendo però immobile e identico a se stesso. La tesi della infinità dell’universo e della
universale animazione è anche al centro di una delle ultime opere pubblicate da Bruno
prima dell’arresto, il De immenso (1591). Una delle conseguenze di tale tesi è l’ammissione
di una pluralità di mondi, e della presenza di esseri viventi in altri mondi: la forza ani-
matrice della natura agisce ovunque, non soltanto sulla Terra.
Dio e Nonostante che la filosofia di Bruno possa essere definita panteistica, l’identificazione
l’universo con la natura non esaurisce la divinità. Bruno parla di Dio come mens insita omnibus, sot-
tolineandone l’immanenza, ma anche come mens super omnia, salvandone in qualche mi-

Naturalismo
In senso proprio il naturalismo è Dio e natura tendono però a esse- zionale e non personale. La natura,
la concezione secondo la quale la re identificati, con l’affermazione di di conseguenza, ha leggi proprie,
natura costituisce il principio uni- un panteismo, più o meno esplicito, necessarie, risultando perciò rego-
co della realtà. Nel Rinascimento come avviene in Cusano, Telesio, lare e prevedibile. In questo senso
esso è corretto dall’ammissione, Bruno e Campanella. La divinità con il naturalismo prepara la rivoluzione
accanto e prima della natura, di la quale viene identificata la natura scientifica.
Dio come principio fondamentale. è concepita come un principio ra-

38
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
7. Giordano Bruno: naturalismo e neoplatonismo

sura la trascendenza. Si discute ancora su quanto questa distinzione sia parte organica
della sua filosofia e quanto sia una concessione per evitare una condanna troppo netta da
parte della Chiesa, ma indubbiamente il primo significato è quello che approfondisce e
sviluppa maggiormente.
Il Il merito maggiore di Bruno è di aver colto il profondo significato culturale ed etico della
significato nuova cosmologia, che è insieme anche liberazione dalla superstrizione. Egli si attribuisce
morale
della nuova il merito di aver distrutto le «muraglie» che separavano le diverse regioni dell’universo
visione aristotelico-tolemaico (le sfere cristalline); ma con ciò stesso ha infranto anche le mura-
dell’uni- glie della rassegnazione, dell’accettazione acritica del pensiero del passato, del principio
verso
d’autorità. Insieme al nuovo universo nasce anche una nuova concezione dell’uomo, del

PROFILO
suo posto nel mondo, del suo rapporto con Dio.
La morale La tesi della infinità dell’universo e della universale animazione che testimonia la pre-
senza di Dio in esso è infatti il fondamento della concezione morale di Bruno, espressa
soprattutto nei dialoghi Spaccio della bestia trionfante e Degli eroici furori. Lo Spaccio della
bestia trionfante è costituito a sua volta da cinque dialoghi che si svolgono nei cieli, tra gli
dèi convocati da Giove per procedere a liberare i cieli stessi dalle bestie che hanno dato il
nome alle costellazioni e che simboleggiano le false virtù, i vecchi valori da eliminare. Nel-
la immaginosa cornice dello Spaccio della bestia trionfante, Giove colloca al primo posto tra
le virtù la Verità, accanto alla quale sta una dea con due nomi: Provvidenza e Prudenza.
Essa è Provvidenza in quanto attività di Dio, Prudenza in quanto azione propria dell’uo-
mo, che grazie alla Prudenza può conciliarsi con la Provvidenza divina. L’Ozio, scacciato
dai cieli per far posto alla Sollecitudine, esalta se stesso riferendosi alla beata età dell’oro,
in cui gli uomini vivevano tranquilli. Ma Giove vuole invece la Sollecitudine: egli fa l’elogio
dell’attività umana e dello sviluppo della civiltà. Gli uomini dell’età dell’oro erano forse
più felici, avevano forse meno vizi, ma avere meno vizi non significa essere più virtuosi.

BRUNO E LA MNEMOTECNICA
G. Bruno, immagine dal De umbris idearum.

Nella filosofia di Giordano Bruno i


temi dell’ermetismo rinascimentale si
combinano con le tecniche dell’incre-
mento della memoria (mnemotecnica),
che erano state studiate dal catalano
Raimondo Lullo (1232-1315). Secondo
Lullo, ponendo nelle caselle disposte
su un sistema di ruote concentriche
le nozioni concettuali che definiscono
ogni campo del sapere, ruotando poi i
cerchi e collegando le nozioni secondo
schemi prestabiliti, si potrebbero otte-
nere inusitate e stimolanti associazioni
concettuali. Usando le ruote combi-
natorie di Lullo, nel De umbris idearum
Giordano Bruno immaginò schemi
molto complessi.

39
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

La critica Nel discorso sul rinnovamento dei valori la religione è ovviamente presente, pur non rap-
al cristia- presentando l’argomento centrale, costituito invece dalle virtù civili che sono alla base
nesimo
della convivenza umana. Bruno usa toni sarcastici verso la figura di Cristo, identificata
con il centauro Chirone, in riferimento alle due nature, umana e divina, che convivono
nella persona di Cristo. La satira al cristianesimo sarà ancora più dura nella Cabala del ca-
vallo pegaseo, rivolta in modo particolare contro il luteranesimo e contro la dottrina della
inefficacia delle opere per la salvezza.
Al posto del cristianesimo trinitario, Bruno indica una religione universale, che vede
nella natura la manifestazione di Dio. Non importa, suggerisce Bruno, che si rivolga il
culto al sole o alla luna o, come avveniva nell’antico Egitto, ai coccodrilli e alle cipolle, se
in questi esseri si coglie un tramite per giungere alla divinità. La filosofia, a differenza
della religione, non ricorre a intermediari, ma contempla direttamente Dio nella natura
come unità e totalità.
L’homo L’uomo, operando con l’intelletto e con le mani, può formare «altre nature e altri corsi»,
faber divenendo creatore, come Dio, e affiancandolo nella sua opera di trasformazione e vivifi-
cazione della natura. Bruno esalta l’attività e il lavoro conferendo loro sacralità, facen-
done un modo per avvicinarsi a Dio. Se la natura è il «vestigio» attraverso cui possiamo
conoscerlo, è perché Dio è immanente alla natura, opera in essa dall’interno. Trasforman-
dola, l’uomo non solo lo conosce, ma si fa come Lui.
L’eros L’elogio dell’attività e delle opere viene inserito in una concezione per la quale si insiste
come molla sul particolare significato delle aspirazioni umane. L’uomo è mosso dall’amore, che può
dell’agire
umano indirizzarsi a singoli esseri ma può anche, con la mediazione della conoscenza, volgersi
a Dio. È questo il tema del dialogo Degli eroici furori. Gli «eroici furori» costituiscono la
tensione verso l’azione e la conoscenza che caratterizza l’uomo: «eroici» deriva da eros,
nel significato platonico del termine, da intendersi cioè come tensione spirituale verso
il divino, come superamento dei limiti individuali. L’opera è divisa in due parti, ognuna
di cinque dialoghi. La filosofia si coniuga con la poesia: tutti i dialoghi sono commenti
di poesie, in genere sonetti, alcuni di Bruno, altri di Luigi Tansillo, un amico del filosofo,
morto nel 1568, che compare come protagonista dei dialoghi, insieme a un non identifi-
cato Cicada o Cicala.
La purifi- Bruno sembra qui allontanarsi dall’attivismo dello Spaccio della bestia trionfante per av-
cazione vicinarsi all’ideale platonico di purificazione, di liberazione dal corpo e dalle passioni,
dalle
passioni per giungere così alla contemplazione della verità. Il furore eroico è ansia di ricerca, al
di là del mondo sensibile, della verità divina, e interpreta l’aspirazione dell’uomo verso
l’infinito.

X Come viene dimostrata da Bruno l’infinità dell’universo?


GUIDA
ALLO X Che significati attribuisce a questa nuova concezione astronomica?
STUDIO X Che differenza c’è tra «causa» e «principio»? Come essi definiscono il rapporto tra Dio e l’universo?
X In che modo l’uomo può cooperare alla creazione divina?

40
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
7. Giordano Bruno: naturalismo e neoplatonismo

FONTI E Il mito di Atteone come


SCRITTI immagine degli «eroici furori»
Il furore eroico è ansia di ricerca, al di là del acque di un fiume. La vista della divina bellez-
mondo sensibile, della verità divina, ed è rias- za lo rapisce e i cani, simbolo dei suoi pensieri,
sunto metaforicamente dal mito di Atteone, al si rivolgono contro di lui, sbranandolo. In questo
cui commento è dedicato il quarto dialogo degli modo lo liberano dalla prigione del corpo e dai
Eroici furori. Il cacciatore Atteone sta inseguen- suoi limiti, ed egli può contemplare nella sua pie-
do un cervo con i suoi cani. All’improvviso scorge nezza la divina verità. Il significato metaforico del
la dea Diana, che sta immergendosi nuda nelle brano è oggetto del dialogo.

PROFILO
La divinità in noi
Tansillo – Sai bene che l’intelletto apprende le cose intelligibilmente, idest secondo il suo modo; e
la voluntà perseguita le cose naturalmente, cioè secondo la raggione con la quale sono in sé. Cossì
Atteone con que’ pensieri, quei cani che cercavano estra1 di sé il bene, la sapienza, la beltade, la
fiera boscareccia, ed in quel modo che giunse alla presenza di quella2, rapito fuor di sé da tanta
bellezza, dovenne preda, veddesi convertito in quel che cercava; e s’accorse che de gli suoi cani, de
gli suoi pensieri egli medesimo venea ad essere la bramata preda, perché già avendola contratta in
sé, non era necessario di cercare fuor di sé la divinità.
Cicada – Però3 ben si dice il regno de Dio esser in noi, e la divinitade abitar in noi per forza del
riformato4 intelletto e voluntade.
(G. Bruno, Degli eroici furori, parte I, Dialogo quarto, in Dialoghi italiani, p. 1008)
1. estra: fuori.
2. quella: la dea Diana.
3. Però: perciò.
4. riformato: purificato, ma anche convertito, nel senso che si è liberato dalle false virtù e dalle superstizioni.

La divinità è «contratta» in ogni essere, nel senso no essere considerati come un invito all’ascesi,
che Cusano dava a questo termine. L’immensità come una sconfessione all’impegno verso la tra-
di Dio si contrae, si individualizza, di modo che sformazione del mondo mediante «l’intelletto e
ognuno deve cercare la verità dentro di sé. Atteone le mani», ma come l’affermazione della centralità
cerca la divinità, e, illuminato dalla bellezza divi- dell’uomo che ha in sé le idee dello stesso intel-
na, diviene ciò che stava cercando, la scopre in sé. letto universale. Mediante esse, trovandole in sé,
Nell’intelletto l’uomo ha le idee delle cose, senza non semplicemente con la riflessione, ma spinto
conoscere le quali non può intendere neppure il dall’amore per la verità, può raggiungere la cono-
mondo della natura. Gli eroici furori non debbo- scenza e la contemplazione del divino.

Parmigianino, Il mito di Diana e


Atteone, particolare, 1523 ca., affresco
(Fontanellato, Rocca).

41
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

8 Naturalismo e magia
nel pensiero di Campanella

non conosce
le cose in sé

L’UOMO
il sensus inditus
conosce le modificazioni delle quindi possiede
cose dentro di sé primalità:
tre verità 1) potere
autoevidenti 2) sapere
3) volere

è un
organismo unitario

L’UNIVERSO

è mosso da 1) simpatia
due princìpi 2) antipatia

ato a Stilo, in Calabria, Tommaso Campanella (1568-1639) entra appena quattordicenne nell’or-
Notizie
bio-biblio-
grafiche
N dine domenicano, cambiando il suo nome, Giovanni Domenico, in quello con il quale è ricordato.
Nella sua filosofia si intrecciano due motivi fondamentali: quello politico e quello naturalistico. Per
il primo aspetto, cerca di tradurre i progetti utopistici affidati alla Città del Sole (1602) in intervento
concreto, prima con appelli ai principi italiani (Discorsi ai principi d’Italia, 1594), poi con la partecipa-
zione a una congiura antispagnola, che gli vale, nel 1599, l’arresto per sedizione ed eresia. Resta in
carcere fino al 1626 e in questo periodo scrive le sue opere più importanti: la già ricordata Città del
Sole, il De sensu rerum et magia (1604), la Metaphysica (1623). Dal carcere scrive anche una Apologia
pro Galilaeo, in occasione del primo processo, nel 1616.

Il pan- Campanella studia la natura cercando in essa stessa il principio dell’animazione uni-
vitalismo versale, dal quale dipendono movimento e ordine. Nella sua opera principale, De sensu
rerum et magia sostiene che in natura tutto è animato e tutto ha senso (sensazione).
Questa è la tesi di fondo, intorno alla quale Campanella sviluppa una visione del mondo
caratterizzata da una stretta unità tra gli esseri, che interagiscono sulla base di sen-
timenti di simpatia e di antipatia, consapevoli di sé e delle relazioni con il resto della
natura.
Il teleolo- Non soltanto la natura ha senso, ma ha anche consapevolezza del proprio fine, e opera
gismo per raggiungerlo. Campanella disegna un teleologismo universale che vede in Dio il ter-
mine ultimo. Nel mondo descritto da Campanella non c’è spazio per cause efficienti: ogni
evento naturale avviene in vista di un fine, ogni essere opera per svolgere la propria
parte nel progetto complessivo.
42
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
8. Naturalismo e magia nel pensiero di Campanella

La La sensibilità è, secondo Campanella, in tutte le cose, in quanto dipende dal calore. L’ele-
sensibilità mento più senziente è perciò il fuoco, e quindi la luce, sua diretta emanazione. Per questo
delle cose...
le stelle, che sono fatte di luce, sono gli esseri più senzienti dell’universo, e attraverso
la luce ne conoscono ogni aspetto.
... e degli Campanella insiste a lungo anche sulla sensibilità negli animali, mettendo in luce come
animali in molti dia origine non solo alla memoria, ma anche al «discorso», intendendo per tale
il conseguimento di una conoscenza a partire da un’altra: i cani, per esempio, capiscono
dall’odore quale sia la cosa odorata, e dal fruscio della vegetazione sono indotti a pen-
sare che qualche animale si muova in essa. Quel che vi è di peculiare nell’uomo non è
quindi il discorso.

PROFILO
I concetti La capacità di intendere l’universale non può a sua volta essere ritenuta come propria ed
sono esclusiva dell’uomo. Per Campanella, l’intendere l’universale non è una capacità specifica
sensazioni
confuse e superiore alla sensibilità; al contrario, è una forma di conoscenza confusa, in alcuni casi
imprecise provvisoria rispetto alla conoscenza sensibile: vedendo una persona a grande distanza,
argomentiamo per universali, e diciamo che è un animale perché si muove. Quando la
distanza diminuisce, la riconosciamo come uomo, ma la nostra percezione è ancora indi-
stinta. Soltanto quando possiamo conoscerla interamente con i sensi, la identifichiamo
con un particolare individuo.
I sensi, dunque, ci danno una conoscenza precisa della realtà, gli universali ce ne dan-
no una confusa e approssimativa. Per l’uomo, è il senso la fonte d’ogni certezza. Solo
in mancanza di un’esperienza diretta si cerca di supplirvi con il ragionamento, sempre
partendo da ciò che è conosciuto attraverso i sensi.
Il sensus La sensazione presuppone però (e qui Campanella si allontana da Telesio e precorre Car-
inditus tesio) la conoscenza di sé (il sensus inditus, come lo chiama Campanella), che non deriva
dalle cose, ma è innata. Nel ricevere una sensazione siamo da essa modificati e avver-
tiamo tale cambiamento. Non sentiamo il caldo, ma noi stessi riscaldati, cioè l’oggetto
della nostra conoscenza sono sempre le modificazioni che le sensazioni provocano in noi,
non le cose in quanto tali.
La conoscenza di sé, presupposto di ogni altra conoscenza, deve essere originaria. Se-
condo Campanella in ogni uomo esistono nozioni evidenti, che non hanno bisogno di
dimostrazione. La prima tra queste è la certezza del nostro essere, in riferimento alla
quale si definisce ogni altra conoscenza.
La Il punto di partenza di Campanella è quindi il soggetto. La conoscenza di sé è più certa
centralità di quella delle cose, che anzi, a differenza di quanto sosteneva Telesio, si rivelano «par-
del soggetto
conoscente zialmente e confusamente». Il soggetto, l’io, accompagna sempre ogni sensazione, ogni
conoscenza, ogni moto della volontà rivolto a qualcosa di esterno.
La teoria di Campanella, prendendo le mosse dal sensismo telesiano, presenta rispetto
a questo una più complessa articolazione. La conoscenza dei sensi non è più, come per
Telesio, evidente di per sé e sicuramente vera, ma relativa ai cambiamenti che provoca
in noi e quindi incerta, perché indiretta.
Le tre Attraverso la coscienza di sé l’uomo è anche consapevole delle tre funzioni che forma-
«primalità» no l’essenza della propria anima: la sapienza, la potenza e l’amore (le tre «primalità»,
o princìpi dell’essere). Esse sono l’immagine nell’uomo, e in tutti gli esseri, della tri-
nità divina che si esplica anch’essa nelle tre primalità; sono la struttura costitutiva di
ogni essere, ma in Dio si realizzano in modo infinito, nell’uomo e nella natura in modo
parziale.
43
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

Le La coscienza di sé e delle primalità consentono all’uomo di andare al di là dei dati senso-


«primalità» riali. Egli può indagare e conoscere ogni cosa, ma si tratta di una conoscenza che rimane
e la
specificità incerta, per la sua limitatezza. L’uomo con il suo pensiero non si arresta a un ambito
dell’uomo definito e in questa sua inappagabilità mostra di partecipare in qualche modo dell’infi-
nito. Non può infatti esserci nell’effetto qualcosa che non sia già nella causa: se conside-
riamo l’uomo come causa e il suo pensare come effetto, dovremo ammettere la presenza
di un’aspirazione all’infinito nell’uomo. A differenza di quanto avviene negli animali,
un’inesausta tensione all’infinito spinge l’uomo al desiderio, mai soddisfatto, di conosce-
re la realtà come totalità. Egli, infatti, non si appaga della sua condizione presente, ma
sempre e infinitamente aspira a un’altra vita. In questa tensione esprime la sua diversità
rispetto agli animali, della quale si possono riconoscere molti segni. L’uomo domina tut-
ti gli animali e piega ai suoi scopi ogni cosa nella natura; l’uomo introduce leggi e fonda
città, ha la religione, studia gli astri e giunge a prevederne i movimenti. Intendendo la na-
tura e imitandola, l’uomo può operare con arte costruendo oggetti, trasformando piante
e animali, modificando il proprio modo di vivere.
Le «primalità» sono anche alla base dell’utopia politica di Campanella, illustrata nell’opera
La città del Sole, di cui parleremo, più avanti, nel paragrafo relativo al pensiero politico.

X Che posto occupa la magia nella filosofia di Campanella?


GUIDA
ALLO X La sua concezione della natura può essere definita meccanicistica?
STUDIO X Perché «tutte le cose hanno senso»? A che cosa si riferisce questa espressione?
X Che cos’è il sensus inditus? Che importanza ha per la teoria della conoscenza?
X Che cosa sono e quali sono le tre «primalità»?
X Che cosa differenzia l’uomo dagli animali?

IL PRINCIPIO DI CORRISPONDENZA
La fronte e i pianeti
G. Cardano, La corrispondenza fra i sette pianeti e le zone della fronte, Metoposcopia, 1658.

Il pensiero magico si fonda sul principio della corri-


spondenza universale: vi sono relazioni nascoste fra gli
enti: a ogni tipo d’uomo, ad esempio, corrisponde un
animale, una pianta, un profumo, un astro celeste e così
via. Queste corrispondenze possono essere attrattive o
repulsive: simpatia e antipatia non sono solo attributi
della psicologia umana ma forze universalmente diffuse
in tutto il creato.
Esistono precise corrispondenze, secondo Gerolamo
Cardano, fra gli astri del cielo e le rughe che solcano la
fronte di un uomo. La medicina astrale, che considera
il corpo umano come una mappa cosmica in cui ogni
singolo organo è in relazione attiva con un corpo celeste,
fu introdotta in Europa solo verso la fine del Medioevo, a
seguito dell’incontro con la cultura araba. A sostegno di
tale ipotesi stava la considerazione empirica che le epi-
demie di peste tendevano a ripresentarsi in modo ciclico,
ogni 10-12 anni, in occasione, si pensava, di congiunzioni
astrali particolarmente sfavorevoli.

44
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
9. Naturalismo e aristotelismo in Pomponazzi

9 Naturalismo e aristotelismo
in Pomponazzi

Il richiamo Seppure l’interesse filosofico verso la natura sia orientato, durante il Rinascimento, pre-
ad valentemente in senso neoplatonico, anche in chi si richiama a tradizioni diverse, come
Aristotele
Pietro Pomponazzi (1462-1525) che fa riferimento ad Aristotele, l’interpretazione della

PROFILO
natura costituisce un aspetto importante. Dopo la laurea in medicina conseguita a Pado-
va, Pomponazzi insegna filosofia in diverse università. Il suo aristotelismo è molto diver-
so da quello cristianizzato di san Tommaso.
La Secondo l’interpretazione di Pomponazzi, la filosofia di Aristotele è naturalistica e spiega
razionalità l’ordine del mondo in base a princìpi immanenti, contrapponendosi alla trascendenza
del mondo
delle idee platoniche. La natura ha in se stessa la propria ragion d’essere e la spiegazione
degli eventi naturali deve essere ricercata nella razionalità stessa del mondo.
Il tema Al di là dell’ossequio formale alla rivelazione cristiana, la filosofia di Pomponazzi mette
dell’immor- in luce il conflitto tra ragione e fede relativamente ad alcuni aspetti cruciali, in partico-
talità
dell’anima lare per quanto riguarda l’immortalità dell’anima. Il trattato De immortalitate animae,
pubblicato nel 1516, è di fatto una razionale argomentazione a sostegno della mortalità
dell’anima. Essa, infatti, non può sussistere indipendentemente dal corpo, con il quale,
come sosteneva Aristotele, costituisce un sinolo, un’unione inscindibile. Infatti l’anima
sensitiva ha bisogno del corpo sia perché la sensazione avviene mediante organi materia-
li, sia perché ha come oggetto altri corpi. L’anima intellettiva, pur non avendo bisogno del
corpo come soggetto, ne ha bisogno come oggetto, in quanto la conoscenza intellettiva,
come sosteneva Aristotele, deve necessariamente partire dall’esperienza e quindi dalla
conoscenza sensoriale, che poi rielabora.
La Infatti il modo di conoscere dell’uomo è quello proprio di un intelletto intrinsecamen-
conoscenza te congiunto alla sensibilità. «Non c’è nulla nell’intelletto che prima non sia stato nei
sensi», affermava Aristotele, e quindi neppure l’anima intellettiva può conoscere ed
esistere senza essere congiunta a un corpo. Solo le intelligenze separate (le sostanze
angeliche della filosofia medievale) conoscono l’universale per se stesso, separato dalle
cose particolari. Le bestie conoscono solo le cose particolari. L’uomo sta nel mezzo: ha
la capacità di conoscere l’universale, ma solo concretizzato in un’immagine particolare.
Essendo l’anima umana intrinsecamente legata al corpo, non si può sostenere la sua
immortalità. La tesi dell’immortalità dell’anima è estranea all’aristotelismo e con esso
inconciliabile.
La morale Pomponazzi rifiuta anche la convinzione secondo cui ai fini di un controllo del compor-
tamento umano sarebbe necessario ammettere l’immortalità dell’anima e la conseguente
possibilità di premi e punizioni dopo la morte. La morale deve essere, a suo parere, basata
su un altro tipo di considerazioni. La virtù è a tutti accessibile ed è premio a se stessa;
l’uomo giusto è, dunque, felice. Con queste considerazioni Pomponazzi segnala l’autono-
mia della morale dalla religione.
A un’altra obiezione alla tesi della mortalità dell’anima Pomponazzi ritiene di dover dare
una risposta: vi sono, si dice, visioni e prodigi che provano la permanenza delle anime
dopo la morte. La risposta di Pomponazzi è che in molti casi si tratta di imbrogli o illu-
45
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

sioni; in altri casi, si tratta di fatti eccezionali, ma non soprannaturali, che dipendono
dall’influenza degli astri.
La ragione Occorre però separare le argomentazioni filosofiche dalle ragioni della fede. A suo parere
e la fede vi sono questioni sulle quali la ragione non può in alcun modo giustificare quanto si crede
per fede; di questo occorre prendere atto. Egli dichiara di non avere dubbi sull’immortali-
tà dell’anima, ma osserva che si deve riconoscere che la certezza di una vita ultraterrena
può venire solo dalla rivelazione, non da una qualche argomentazione razionale che anzi,
come abbiamo visto, va in direzione contraria.
Un doppia Non sappiamo quanto la posizione di Pomponazzi e la conciliazione tra ragione e fede
verità? (che si presenta piuttosto come una giustapposizione) siano dettate da un sentimento
autentico e quanto dall’esigenza di evitare condanne o persecuzioni. È certo che lo spazio
dedicato alla dimostrazione che ci sono buone ragioni per ritenere l’anima mortale è mol-
to più ampio di quello dato alle esigenze della fede.
I miracoli Sul tema dei prodigi e del loro posto nelle religioni Pomponazzi ritorna in un’opera che
si intitola De naturalium effectuum admirandorum causis, sive de incantationibus, scritta nel
1520 e pubblicata postuma nel 1556. Ci sono falsi miracoli, eventi ritenuti tali dagli igno-
ranti, in realtà facilmente spiegabili come conseguenza d’impostura o di suggestione; vi
sono inoltre miracoli che sono anch’essi degli eventi naturali, controllati dagli astri e che
quindi rientrano nell’ordine razionale della natura, anche se si manifestano raramente.
Tali miracoli caratterizzano le religioni nelle loro origini. Ogni religione ha un suo cor-
so storico, per il quale nasce, si sviluppa, si indebolisce, muore. I miracoli annunziano il
sorgere di una religione e caratterizzano soprattutto la fase iniziale del suo corso storico.
Quando ai miracoli succedono i falsi miracoli vuol dire che una religione è vicina al suo
termine.
Determi- Se in questo modo è possibile ricondurre anche i miracoli nell’ambito della razionalità del-
nismo la natura, risulta più difficile conciliarla con il libero arbitrio, che d’altro lato è essenziale
e libero
arbitrio per poter parlare di moralità. Pomponazzi affronta esplicitamente questo problema nel
De fato, del 1520. Il libero arbitrio va conciliato da una parte con la necessità naturale,
dall’altra con la prescienza divina. Più che proporre una soluzione, Pomponazzi passa in
rassegna i filosofi che hanno discusso il problema, sottolineando che la teoria più corretta
è probabilmente quella degli stoici. Essi infatti evitano le due contraddizioni nelle quali
cade il cristianesimo: la presenza del male nonostante l’onnipotenza e l’infinita bontà di
Dio, e la conciliazione tra l’onniscienza e la possibilità che l’uomo si danni per l’eternità
senza che Dio lo impedisca. Il lógos degli stoici non ha una volontà individuale, ma espri-
me la razionalità del tutto; inoltre, per questa filosofia il male è soltanto apparente ed è
parte del bene che complessivamente caratterizza il tutto. Anche in questo caso, Pompo-
nazzi conclude affermando che la ragione farebbe inclinare per queste conclusioni, ma che
ad esse sono comunque da preferire le verità dettate dalla fede.

X Che immagine della natura propone Pomponazzi?


GUIDA
ALLO X Che cosa afferma a proposito dell’immortalità dell’anima? Perché?
STUDIO X È possibile conciliare la razionalità della natura con la libertà umana?

46
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
10. Il rinnovamento religioso e la Riforma protestante

10 Il rinnovamento religioso
e la Riforma protestante
una religiosità
vissuta
che afferma
Erasmo
un rapporto
diretto con Dio

PROFILO
trova
esigenza di espressione in
Lutero
rinnovamento i quali che si la fede
religioso sostengono manifesta con quindi
PREDESTINAZIONE
positività
sociale
Calvino la gerarchia
ecclesiastica
«spirito del è inutile
capitalismo»

Conflitti I conflitti religiosi che dai primi decenni del Cinquecento fino alla metà del Seicento si
religiosi e manifestano a livello sia interno sia internazionale esprimono il passaggio, spesso dram-
trasforma-
zioni socio- matico, dal Medioevo all’età moderna: con la riforma luterana e calvinista si affermano
politiche nuove realtà nazionali e una moderna concezione dello Stato; si definisce una nuova
mentalità; trova espressione un’organizzazione sociale basata sulla mobilità di classe e
sull’intraprendenza individuale. A queste trasformazioni si aggiungerà la richiesta, com-
plementare, di partecipazione alla vita pubblica, in un lungo processo di passaggio dalla
condizione di sudditi a quella di cittadini, che troverà le sue prime realizzazioni in Olanda
e in Inghilterra grazie all’azione determinante dei calvinisti.
Se si interpreta la riforma come l’affermazione di una nuova realtà sociale ed economica,
non sorprende che esploda con più violenza proprio in Germania, paese per molti versi
ancora feudale ma le cui città sono tra le più progredite in Europa. Neppure stupisce che
il calvinismo si diffonda nelle nazioni dove il processo di trasformazione è più avanzato:
l’Olanda, l’Inghilterra e le colonie americane.
Lo sfondo Nei primi decenni del Cinquecento la cultura umanistica si consolida e si diffonde in
storico un’Europa ben presto agitata da conflitti religiosi di portata ampia quanto mai ne aveva-
no avuta nei secoli precedenti. A partire dal 1519, anno dell’elezione al trono imperiale
di Carlo V, si viene delineando sempre più minaccioso lo scontro politico nel quale si in-
seriscono i contrasti religiosi. Due grandi potenze si contendono il dominio dell’Europa:
la monarchia nazionale francese e lo sterminato impero di Carlo V. Il movimento pro-
testante in Germania, appoggiato dai principi tedeschi, costituisce ben presto una forza
politica in questo gioco di potere; intorno a Carlo V risorge per contro il mito imperiale,
secondo cui il sovrano è chiamato a mettere ordine nella Chiesa universale. Si tratta però
di un sogno di breve durata: il diffondersi delle diverse fedi religiose rafforza l’Europa
delle nazioni contro ogni ritorno all’unità politica dell’impero.
L’esigenza Le dinamiche sociali ed economiche sono indubbiamente sullo sfondo e costituiscono le
di un cause principali del processo di riforma, che però si definisce anche, fondamentalmente,
rinnova-
mento come esigenza di rinnovamento religioso e filosofico. Fin dalla metà del xv secolo la cul-
religioso tura umanistica aveva preso a diffondersi anche nella Chiesa e a generare un’aspirazione
47
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

al rinnovamento sia della dottrina religiosa sia dell’istituzione ecclesiastica: si vuole un


cristianesimo che sia esperienza personale, basata sulla conoscenza della Scrittura, con
accesso diretto alla Bibbia da parte di ognuno, piuttosto che pura obbedienza esteriore o
pratica di atti di culto passivamente accettati. Vengono criticati gli abusi del potere eccle-
siastico e l’ignoranza del clero; si studiano i testi sacri con criteri filologici per risalire, al
di là della versione latina tradizionalmente usata, al testo originario, ma si avverte anche
l’esigenza di tradurli nelle lingue correnti, per garantire il massimo di accessibilità.
Il recupero del testo originario della Bibbia, contro le deformazioni medievali, va di pari
passo con l’esigenza, particolarmente avvertita da Erasmo, come vedremo, ma molto dif-
fusa tra la nuova borghesia, di un recupero dei valori originari del cristianesimo, di un
rapporto più diretto con Dio in modo da superare o almeno da porre in secondo piano il
ruolo di mediazione della Chiesa, di una spiritualità basata sul coinvolgimento personale.

L’Umanesimo di Erasmo
Per un La prospettiva di un rinnovamento religioso alla luce delle istanze dell’Umanesimo trova
cristiane- espressione in Erasmo Desiderio, più noto come Erasmo da Rotterdam (1466/69 - 1536).
simo
vissuto Rispondendo alle esigenze cui accennavamo in precedenza, Erasmo traduce direttamen-
te dal greco il Nuovo Testamento, per recuperarne la lettera e lo spirito originari, con
WEB
un’operazione insieme filologica, di riscoperta del significato autentico, e filosofica, di
X La storia rivitalizzazione dei valori originari.
e la cultura
del tempo,
L’introduzione La sua prima opera di rilievo, Il manuale del soldato cristiano (1502) afferma una religio-
della stampa
e la diffusione sità vissuta che riprende e definisce la concezione dell’imitatio Christi che era andata
delle idee
diffondendosi a partire dalla fine del Trecento ed esprimeva l’esigenza di rinnovamento
spirituale propria dell’Umanesimo.
L’imitatio Christi si caratterizza come una corrente di risveglio spiritualistico di matrice
agostiniana, tesa alla ricerca interiore di Dio attraverso il tramite della lettura diretta delle
Scritture e in particolare del Vangelo. Per questo mezzo, si raggiunge l’incontro con Cri-
sto, che deve cambiare la persona e la vita, rinnovandola a imitazione di Cristo stesso.
Per Erasmo, dunque, il cristianesimo non è un insieme di dogmi e di riti, ma la testimo-
nianza della fede, nella vita di tutti i giorni. Deve essere capito anche dagli umili, deve
applicarsi alla morale e non alla conoscenza.
Stoltezza La critica al cristianesimo ufficiale, alla teologia e alla filosofia scolastica, la riaffermazio-
e pazzia ne di un cristianesimo che abbia il proprio centro nella carità e nella «pazzia della croce»,
sono i temi dell’opera più nota di Erasmo, l’Elogio della pazzia (1511). In quest’opera, la
critica ironica e a tratti sarcastica è rivolta soprattutto alla «ragionevolezza» di un cristia-
nesimo ritualizzato, adattato a ogni esigenza mondana e conciliabile con ogni stile di vita.
A questa concezione Erasmo contrappone la proposta di un cristianesimo che coinvolga
completamente l’individuo, teso ad andare oltre il proprio egoismo e i calcoli della pru-
denza, in una «follia» simile alla tensione esistenziale dell’eros platonico. L’Elogio si snoda
in più direzioni: da un lato, colpisce in forma ironica la stultitia dei ricchi e dei potenti,
dei nobili e dei prelati; dall’altro, esalta la pazzia di avventurieri ed esploratori, dei
nuovi scienziati che rinunciano al quieto vivere per penetrare la conoscenza della natura;
infine, e soprattutto, tesse l’elogio di coloro che abbandonano i loro beni per la fede, fino
alla pazzia suprema, quella «follia della croce» che Cristo scelse per redimere l’uomo.
48
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
10. Il rinnovamento religioso e la Riforma protestante

La Riforma luterana
La Figlio di minatori, Martin Lutero (1483-1546) studia a Magdeburgo, presso i Fratel-
formazione li della Vita Comune, congregazione laica che seguiva la cosiddetta devotio moderna,
corrente spiritualistica di ascendenza agostiniana. Essa predicava la ricerca di Dio me-
diante la meditazione e la lettura diretta delle Scritture, e faceva dell’imitazione di
Cristo il fulcro della propria proposta.
L’influenza Sulla religiosità di Lutero ha molta influenza la lettura di san Paolo e in particolare del-
di la Lettera ai Romani. In questa lettera san Paolo parla dell’impossibilità per l’uomo di
san Paolo
seguire i comandamenti, che diventano per lui la pietra di paragone della corruzione

PROFILO
della sua natura. L’uomo, dopo il peccato originale, di fronte a Dio è sempre peccato-
re, e quindi la giustizia di Dio non può che condannarlo alla dannazione.
La giusti- Ma proprio dalla lettura della Lettera ai Romani Lutero ricava un’interpretazione della
ficazione giustizia divina che costituisce la chiave di volta del suo sistema: la giustizia divina non
per fede
è il giudizio dell’uomo sulla base dei suoi meriti e delle sue colpe, perché in questo
caso nessun uomo sarebbe salvato; essa è invece giustificazione dell’uomo, cui la bontà
di Dio non imputa l’inclinazione al peccato. Dio accoglie gli uomini, o meglio alcuni
uomini, non imputando loro il peccato e trasformandone la natura, cioè rendendoli
giusti (è questo il significato di «giustificazione»). Questo atto di Dio non può esse-
re causato dai meriti dell’uomo. Lutero ha una visione drammatica e angosciosa del
peccato originale, che corrompe la natura umana orientandola necessariamente al
male: l’uomo non può non peccare, e il peccato contro l’immensità di Dio non può non
schiacciare e condannare l’uomo. Nessuna opera buona può avvicinare l’uomo a Dio. È
lui, al contrario, che scende verso l’uomo e lo giustifica con la propria grazia, cioè con
un intervento gratuito, non meritato dall’uomo se non con la fede. La giustificazione
per la sola fede è uno dei punti centrali della teologia luterana. Essa implica un abban-
dono completo alla volontà di Dio, che è imperscrutabile per l’uomo. Lutero respinge la
pretesa dei filosofi medievali di comprendere la fede alla luce della ragione.
La fede Da queste premesse che potrebbero apparire come una svalutazione dell’uomo e del
come segno suo ruolo nella religione, scaturisce però una riflessione che si inserisce nel clima di
della grazia
divina trasformazione rinascimentale e ne interpreta le esigenze. Dalla tesi della giustifica-
zione per fede Lutero trae la conseguenza che la fede è il segno della salvezza operata
dalla grazia divina. Alla fede si accompagnano le opere buone, non però come mezzo
per ottenerla, ma anch’esse come conseguenza della grazia divina. Come un albero
produce necessariamente i frutti conformi alla propria natura, afferma Lutero con
una celebre similitudine, così l’uomo peccatore non può che produrre cattivi frutti.
Soltanto Dio può «giustificarlo», nel senso letterale di «renderlo giusto», trasforman-
done mediante la grazia la natura stessa. Soltanto dopo aver ricevuto questo dono
la natura umana sarà profondamente modificata, sarà resa giusta, e l’uomo compi-
rà spontaneamente le opere buone corrispondenti alla nuova natura. Le opere non
sono perciò il mezzo per ottenere la grazia, ma ne costituiscono una conseguenza e
una testimonianza.
L’inutilità Se la grazia è una concessione che Dio fa al singolo, allora si stabilisce un rapporto
della diretto fra Dio stesso e gli individui, rendendo inutile la mediazione della Chiesa. In
gerarchia
ecclesia- questo modo la centralità dell’uomo viene riproposta con forza, ogni singolo individuo
stica è interlocutore diretto di Dio. I predestinati, coloro che sono trasformati dalla grazia,
sono per ciò stesso testimoni di Dio e operano per la sua gloria. Il sacerdozio non è
49
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

un sacramento che la Chiesa possa amministrare e concedere a chiunque, ma dipende


dalla grazia. Tutti gli eletti, di conseguenza, sono sacerdoti (sacerdozio universale)
e, in quanto la loro natura è resa giusta da Dio, sono direttamente illuminati dal suo
spirito e in grado quindi di comprendere direttamente la sua parola (libero esame delle
Scritture). Tra l’uomo e Dio esiste un rapporto diretto. Lutero contesta in questo modo
la funzione mediatrice della Chiesa e l’esistenza stessa della gerarchia ecclesiastica.

LA STORIA E La diffusione
LA CULTURA DEL TEMPO del luteranesimo
La causa immediata della Riforma protestante è stenti dei raccolti. I principi dell’Impero tedesco e
l’ondata di vendite delle indulgenze, lanciata dalla i signori locali, d’altra parte, aspiravano a impos-
Chiesa di Roma per raccogliere il denaro necessa- sessarsi delle proprietà del clero.
rio alla «fabbrica di San Pietro»: i versamenti alla Nel 1525 ha luogo la sanguinosa rivolta dei con-
banca tedesca dei Függer in favore della «fabbrica» tadini che rivendicano, sotto la guida di Thomas
garantivano l’indulgenza, parziale o plenaria per i Müntzer (1489 ca.-1525), la fine della servitù
peccatori, cioè la remissione delle pene del purga- della gleba e delle discriminazioni sociali, in nome
torio, almeno nella interpretazione popolare. del precetto evangelico dell’uguaglianza di tut-
Nel 1517 Lutero prende pubblicamente posizione ti gli uomini. I principi tedeschi organizzano una
contro questa operazione e più in generale contro dura repressione, che culmina con la cattura, la
l’efficacia delle indulgenze, affiggendo sulla por- condanna a morte e la decapitazione di Müntzer.
ta della cattedrale di Wittenberg le 95 tesi, che Contro le tesi degli insorti, espresse nei Dodici ar-
contestano, più in generale, la possibilità di sal- ticoli dei contadini di Svevia, Lutero propone prima
varsi mediante le opere. Le Tesi vengono diffuse una risposta argomentata, poi, con il dilagare della
in moltissime copie, sia in tedesco sia in latino, e rivolta, radicalizza la propria posizione, invitando i
danno inizio a un periodo di vivaci discussioni in principi al massacro (Contro le empie e scellerate
tutta Europa. bande dei contadini).
Nel 1520, dopo l’iniziale prudenza, il papa minac- La condanna della rivolta dei contadini avvicina i
cia di scomunica Lutero con la bolla Exsurge Do- principi a Lutero. Già a partire dal 1521, allorché
mine. Lutero risponde con tre brevi ma importanti l’imperatore del tempo, il cattolico Carlo V, si era
scritti: la lettera Alla nobiltà cristiana della nazione schierato con papa Leone X contro Lutero, i prin-
tedesca, La cattività babilonese della Chiesa e La cipi avevano visto nell’appoggio a quest’ultimo
libertà del cristiano. In essi vengono precisati gli un’opportunità di contrastare lo strapotere impe-
orientamenti di fondo di un cristianesimo rifor- riale a favore di maggiori autonomie locali.
mato: ritorno alla Bibbia, centralità della consape- Fino al 1530 Carlo V è impegnato in Italia, dove si
volezza del peccato e della incapacità dell’uomo combatte il cosiddetto «duello franco-asburgico»,
di operare per la propria salvezza senza l’aiuto di cioè lo scontro con la Francia di Francesco I. Carlo
Dio, limitazione del potere ecclesiastico, semplifi- V invia in Italia un esercito composto soprattut-
cazione del culto. to da lanzichenecchi, cioè mercenari tedeschi, che
In Germania, in un contesto di malessere econo- giunge in poco tempo fino a Roma, invadendola e
mico-sociale e di diffuso bisogno di rinnovamento saccheggiandola (sacco di Roma, 1527). La vittoria
religioso, i richiami anticlericali e antipapali di Lu- di Carlo V è definitivamente sancita dalla Pace di
tero incontrano il favore di molti, anche grazie alla Cambrai (1529) e dalla sua incoronazione simbo-
capillare opera di propaganda avviata dai soste- lica a re d’Italia.
nitori del nuovo messaggio e alla diffusione della Pacificata l’Italia e sconfitto, per il momento,
Bibbia tradotta in tedesco. Francesco I, Carlo V affronta il problema della
Le istanze di riforma religiosa si saldano presto diffusione del luteranesimo. Già nel 1529 aveva
con aspirazioni economiche e mire politiche. Da convocato a tale scopo una dieta a Spira, ma di
un lato, i contadini apprezzavano l’idea dell’abo- fronte al suo tentativo di repressione, i principi
lizione delle istituzioni ecclesiastiche, che posse- luterani avevano redatto una protestatio (e da al-
devano ampi latifondi e riscuotevano parti consi- lora verranno definiti protestanti). Nel 1530, forte

50
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
10. Il rinnovamento religioso e la Riforma protestante

„ La controversia tra Erasmo e Lutero sulla libertà umana


Erasmo e Erasmo segue il diffondersi del luteranesimo senza schierarsi in un primo momento aper-
la Riforma tamente, seppure sollecitato più volte dai pontefici che in quegli anni si succedono. Pri-
luterana
ma Leone X, nel 1521, poi Adriano VI, l’anno successivo, infine Clemente VII, nell’aprile
1524, quando già Erasmo ha rotto gli indugi e sta preparando il De libero arbitrio, pubbli-
cato nel settembre dello stesso anno, lo invitano a prendere pubblicamente posizione.

della vittoria in Italia, Carlo V convoca la dieta di territoriali, correnti diverse del protestantesimo.
Augusta, ma i principi protestanti ribadiscono le

PROFILO
In Svizzera fallisce il tentativo di Huldrych Zwin-
proprie convinzioni religiose nella Dichiarazione di gli (1484-1531) di estendere la Riforma a tutti i
Augusta e, di fronte ai successivi tentativi imperia- cantoni: nel 1531 egli trova la morte nella batta-
li di repressione militare, si organizzano nella Lega glia di Kappel contro i cattolici. Nel 1534 l’Atto di
di Smalcalda. Nel 1555, con la dieta di Augusta, Supremazia votato dal parlamento inglese segna
viene formalmente accettata l’esistenza di aree lo scisma da Roma e l’inizio della riforma angli-
luterane all’interno del Sacro Romano Impero. cana, mentre la predicazione di Giovanni Calvino,
Ormai la diffusione della riforma in Europa è inar- irradiandosi da Ginevra, si diffonde nei Paesi euro-
restabile e cominciano a delinearsi, nelle varie aree pei economicamente più avanzati.

Luterani
Calvinisti
Anglicani
Cattolici
Hussiti
Ortodossi

51
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

Respinge d’altra parte anche le insistenti sollecitazioni di Lutero a schierarsi in favore


della Riforma, o aderendo ad essa o almeno sostenendola nel contrasto sempre più aperto
con la Chiesa cattolica.
La polemica Erasmo coglie nella negazione del libero arbitrio, sostenuta da Lutero, il punto centrale
sul libero della Riforma. Se infatti lo si ammette, ne consegue la responsabilità morale e la possi-
arbitrio
bilità di agire bene o male sulla base della propria volontà. Da qui deriva l’efficacia delle
buone opere, contro la quale Lutero si era scagliato con violenza.
D’altra parte, la questione del libero arbitrio costituisce anche il punto più evidente di
frattura tra l’Umanesimo cristiano di Erasmo e la Riforma luterana, che per altri versi,
invece, e soprattutto per la critica alla corruzione della Chiesa romana e per il rapporto
diretto tra l’uomo e Dio, sono su posizioni convergenti. Ma l’Umanesimo si caratterizza
per la centralità dell’uomo: negarne il libero arbitrio ne vanificherebbe l’azione.
Libero La filosofia di Erasmo è finalizzata alla morale. La religione come imitatio Christi significa
arbitrio e essenzialmente porre al centro non gli aspetti dottrinari e dogmatici, ma le conseguenze
respon-
sabilità relativamente alle norme che devono guidare il comportamento. Da questo punto di vista,
morale la negazione del libero arbitrio implicherebbe il venir meno della responsabilità mora-
le stessa. È questa la tesi di fondo che Erasmo sostiene nella Diatriba sul libero arbitrio (De
libero arbitrio diatribe sive collatio, 1524). Il titolo si riferisce alla collazione che Erasmo fa
delle tesi pro o contro il libero arbitrio degli autori classici e dei Padri della Chiesa.
Erasmo definisce il libero arbitrio come «un potere della volontà umana in virtù del quale
l’uomo può sia applicarsi a tutto ciò che lo conduce all’eterna salvezza, sia, al contrario,
allontanarsene» (Il libero arbitrio, in M. Lutero, Il servo arbitrio, p. 59).
Due Al di là delle rispettive posizioni sulla questione specifica, le posizioni di Erasmo e di Lutero
opposte delineano due diverse concezioni dell’uomo. Per il primo, la natura umana, benché corrotta
concezioni
dell’uomo dal peccato originale, è fondamentalmente incline al bene, pur non potendo conseguirlo
pienamente. Anche le filosofie «pagane» hanno una loro positività. Prima ancora della «leg-
ge della fede», rivelata da Cristo, a tutti gli uomini è data una legge naturale, che non è in
contrasto con essa e orienta verso il bene anche nell’ignoranza del messaggio evangelico.
Erasmo considera il peccato originale un indebolimento dell’uomo, ma non una sua tra-
sformazione; egli rimane orientato verso il bene, ma è incapace di oltrepassare certi limiti.
La legge naturale detta all’uomo il principio della reciprocità, secondo il quale non si deve
fare ad altri ciò che non si vorrebbe fosse fatto a sé, ma non può concepire l’amore per i
propri nemici, predicato da Cristo.
Secondo Lutero, invece, il peccato originale corrompe e trasforma la natura umana, che
diviene incapace di fare il bene e inevitabilmente orientata verso il male. Soltanto l’inter-
vento di Dio può convertirla, rendendola di nuovo buona.
L’interpre- Dopo aver preso posizione a favore del libero arbitrio, Erasmo esamina i passi delle Scrit-
tazione ture che sembrano asserirlo o negarlo. Soltanto pochi possono essere considerati come
delle
Scritture interpretabili nel secondo senso, ma dato che nelle Scritture, dettate tutte da Dio, non
può esservi contraddizione, questi passi vanno letti come una concessione alla mentalità
dell’epoca in cui sono stati scritti. Più complessa è l’analisi del pensiero di san Paolo, al qua-
le si richiamava Lutero per sostenere l’inutilità delle opere e la centralità della fede. Erasmo
cita molti brani che possono essere letti come affermazione del ruolo attivo dell’uomo per
la salvezza, contro l’interpretazione in senso contrario di Lutero. Egli riconosce, tuttavia,
la validità di alcune delle ragioni che spingono Lutero a negare il libero arbitrio: il motivo
contingente della lotta contro la vendita delle indulgenze, e quello, più importante, secon-
52
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
10. Il rinnovamento religioso e la Riforma protestante

do il quale l’uomo, se potesse fare il bene da sé, sarebbe autosufficiente. Secondo Lutero,
una tale asserzione limiterebbe l’onnipotenza divina, farebbe peccare l’uomo di orgoglio e
di superbia e renderebbe incomprensibile il sacrificio stesso di Cristo.
Erasmo conclude in modo prudente, concordando sull’inammissibilità di un pieno otti-
mismo circa la bontà della natura umana, ma sottolineando anche che la teoria luterana
risulterebbe ancor più pericolosa per il cristianesimo.
La replica Lutero risponde a Erasmo con un lungo saggio, intitolato polemicamente De servo ar-
di Lutero bitrio, pubblicato nel 1525. Alle tesi erasmiane, basate sulla ragione, contrappone argo-
a Erasmo
menti tratti dalle Scritture ma soprattutto relativi alla natura di Dio e a quella dell’uomo.
Se l’uomo è libero, Dio non è onnipotente, perché non tutto dipende da lui.

PROFILO
Tutto deve accadere per necessità, in quanto dipende dal volere di Dio che ha determinato
tutti i fatti e le cose prima del loro accadere o essere, inserendoli in un disegno perfetto in cui
tutto contribuisce alla realizzazione complessiva. Tale disegno non sarebbe formulabile se do-
vesse continuamente adattarsi alla libera volontà umana e agli eventi da essa determinati.
Le obiezioni di Erasmo non riguardano il piano teologico, ma soprattutto quello etico:
negare il libero arbitrio cancellerebbe la responsabilità morale. Lutero riconduce invece
la questione al rapporto tra l’uomo e Dio: la distanza che sussiste tra loro è tale che ogni
peccato, per quanto piccolo, condanna l’uomo.
La contrap- La posizione di Lutero si contrappone a tutta la tradizione umanistica, che aveva fatto
posizione della possibilità di scelta dell’uomo la caratteristica essenziale della sua natura. Per Cusa-
all’Umane-
simo no, per Ficino, per Pico della Mirandola, la natura dell’uomo è intermedia tra gli animali e
la materia da un lato e gli angeli e Dio dall’altro. Sta a lui scegliere se orientare la propria
volontà nell’uno o nell’altro senso, se elevarsi o abbrutirsi. Per Pico, addirittura, questa
possibilità di autodeterminazione, legata alla scelta morale, rende l’uomo superiore in
dignità agli angeli, che non possono fare il male perché portati per natura verso il bene e
dunque sono univocamente determinati. L’uomo soltanto è artefice del proprio destino,
e della sua stessa natura.

„ Il luteranesimo istituzionalizzato: Melantone


Il luteranesimo trova una sua organizzazione e un profondo radicamento nella società
grazie all’opera di Filippo Melantone (1497-1560), come venne chiamato Philipp Schwar-
zerd. Professore di greco all’Università di Wittenberg,
diviene presto uno dei principali collaboratori di Lute-
ro; di formazione umanistica, corregge gli aspetti più
radicali della sua proposta dottrinale.
L’uomo è Melantone propone nel 1521 un’esposizione sistemati-
respon- ca e organica del pensiero riformato nei Loci communes
sabile delle
opere che rerum theologicarum. La teologia elaborata da Melan-
compie tone modifica la nozione luterana di fede, conferendo
maggiore rilievo alla possibilità umana di conoscenza
e di determinazione autonoma. Per Lutero, la fede
è segno della giustificazione, che si manifesta nelle
opere; per Melantone, la fede permette di conoscere
la salvezza che viene da Dio, ma l’uomo è responsabile
delle opere che compie. Partendo da questi presuppo-

L. Cranach il Giovane, Filippo Melantone, 1559.

53
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

sti, egli contesta, senza tuttavia rompere con Lutero, il De servo arbitrio, l’opera in cui è
sostenuta con maggior rigore non solo l’inutilità delle opere, ma anche l’impossibilità da
parte dell’uomo di determinare la propria volontà in modo autonomo. Nella seconda edi-
zione dei Loci communes, del 1535, giunge a negare esplicitamente la predestinazione,
sostituendo all’espressione luterana «Dio salva chi vuole» quella che sottolinea il ruolo
dell’individuo, «Dio salva chi lo vuole».
Melantone Melantone riesce a dare al luteranesimo un’organizzazione ecclesiastica che ne con-
diffonde il sente un’ampia diffusione nell’Europa settentrionale: esso si istituzionalizza e divie-
luteranesimo
ne religione di Stato in Svezia, in Danimarca e in Norvegia, come già era avvenuto in
molti principati tedeschi.

La riforma nell’orizzonte dell’Umanesimo: Zwingli e Calvino


Zwingli A partire dagli anni Venti del xvi secolo, mentre il luteranesimo diventa religione di Sta-
to in alcuni principati tedeschi e in alcune città svizzere si afferma una diversa riforma,
che si inserisce in un processo di contrapposizione da parte di governi locali al dominio di
forze politiche centrali.
I rapporti con il potere politico sono rilevanti nell’opera di due grandi riformatori: Hul-
drych Zwingli (1484-1531) e Jean Cauvin, italianizzato in Giovanni Calvino (1509-64),
svizzero di nascita il primo, d’adozione il secondo.
Fede e Zwingli, promotore della riforma a Zurigo, è anch’egli sostenitore della giustificazione
ragione nel per la sola fede. Ma la sua posizione è diversa da quella di Lutero. Per Lutero, la Scrittura
pensiero di
Zwingli è tramite necessario ed esclusivo tra Dio e l’uomo. Zwingli, di formazione umanistica,
sensibile alle influenze dell’universalismo cristiano di Pico della Mirandola e del cristia-
nesimo etico di Erasmo, ammette invece che la rivelazione di Dio all’uomo avvenga non
soltanto attraverso la Scrittura, ma anche attraverso la ragione.
La filosofia Zwingli concorda con Lutero anche sulla critica alla Chiesa romana e sulla centralità del-
di Zwingli la Scrittura che ognuno può liberamente esaminare, guidato direttamente dallo Spirito
Santo. La presenza di Dio è però per lui costante nel mondo, non soltanto sul piano morale
e della grazia, ma anche su quello ontologico. Dio
soltanto, infatti, è propriamente essere, e le creatu-
re non potrebbero sussistere senza una sua costan-
te presenza in loro. Non soltanto la salvezza, ma
l’essere stesso deve derivare in ogni momento da
Dio: egli è l’Uno-tutto, fuori dal quale non c’è bene
morale ma neppure esistenza. Questo rapporto
tra Dio e le creature richiama certe concezioni im-
manentistiche tipiche del rinascimento, pur senza
caratterizzarsi come panteismo. L’impostazione di
Zwingli differisce dalle posizioni di Lutero nell’af-
fermazione di una più esplicita predestinazione:
tutto ciò che avviene nel mondo, e dunque anche
la sorte degli uomini, non può non avere il proprio
fondamento in Dio.

Anonimo, Ritratto di Calvino, XVII secolo, olio su tela


(Ginevra, Collezione Albert Rilliet).

54
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
10. Il rinnovamento religioso e la Riforma protestante

La Al tempo stesso, l’unità di tutto il creato in Dio accentua la componente sociale nel suo
dimensione pensiero: la positività dell’individuo, il suo essere scelto da Dio per la realizzazione dei
comunitaria
suoi fini, si manifesta attraverso il senso di unità e di partecipazione alla vita della co-
munità che distingue l’uomo giustificato, il quale si sente uno con tutti in Dio, dall’in-
dividuo chiuso nella propria egoità, e perciò separato da Dio stesso. Tale separazione è il
vero significato del peccato. Per lo stesso motivo, i credenti avrebbero dovuto organizzarsi
in modo comunitario e democratico, sulla base dei princìpi della solidarietà e dell’auto-
governo.
Zwingli Da Lutero, Zwingli si distingue anche per una posizione più radicale rispetto ai sacra-
e Lutero menti: egli nega decisamente sia la transustanziazione (il dogma della Chiesa di Roma,

PROFILO
secondo il quale le specie eucaristiche si trasformano nel corpo e nel sangue di Cristo)
sia la consustanziazione (la posizione di Lutero, che ammetteva la conservazione della
sostanza del pane e del vino, cui si aggiungeva quella di Cristo), assegnando all’eucarestia
un semplice valore simbolico e commemorativo. Il culto, poi, in tedesco e non in latino, si
riduce alla lettura e alla discussione in comune delle Scritture, e non deve essere rivolto
né ai santi né alla Madonna, né a immagini o reliquie di alcun tipo.
L’umane- La dipendenza di tutto l’esistente dall’unico essere, Dio, affermata da Zwingli, trova
simo di un’ulteriore accentuazione in Giovanni Calvino. Nato a Noyon, in Francia, nel 1509, stu-
Calvino
dia a Parigi dove si avvicina alla Riforma luterana attorno al 1530. Nel 1533 deve lasciare
la città per sfuggire alle persecuzioni, rifugiandosi in Svizzera, a Basilea. In questa città,
Calvino matura una propria interpretazione della Riforma, già compiutamente definita
nel 1536, quando pubblica la voluminosa Institutio christianae religionis (Istituzione della
religione cristiana).
L’organizza- Nello stesso anno in cui esce l’Institutio, Calvino si trasferisce a Ginevra, dove inizia la sua
zione di opera di applicazione delle idee riformate a una realtà politica concreta. Con le Ordinanze
Ginevra
ecclesiastiche del 1541, dà alla propria Chiesa un’organizzazione che finirà per inglobare
anche quella della città, facendone una città-chiesa rigidamente confessionale o, come
si dirà, una «repubblica di santi». Organizzata in modo democratico all’interno, la città è
fortemente intollerante verso l’eresia (il medico spagnolo Michele Serveto è condannato
al rogo per le sue posizioni antitrinitarie), determinando un duplice processo di emigra-
zione dei dissidenti e afflusso dei seguaci della
nuova religione. Tutta la vita pubblica viene
organizzata sulla base della morale calvini-
sta: sono proibiti i banchetti, le feste e gli spet-
tacoli teatrali, chiusi i luoghi di divertimento,
proibito il lusso nell’abbigliamento.
La Aperta però alla cultura europea, Ginevra divie-
diffusione ne il polo di irradiazione di una riforma che rag-
del
calvinismo giunge velocemente Francia, Olanda e Inghil-
terra. Il calvinismo si diffonde nelle aree più
avanzate d’Europa (e ben presto anche nelle
colonie inglesi d’America), per la sua capacità di
interpretare, secondo la celebre analisi di We-
ber, «lo spirito del capitalismo», non tanto sul
piano teologico, ma per l’etica che ne deriva.

Calvino in cattedra, incisione in bianco e nero.

55
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

La teologia Secondo Calvino, Dio è l’unico essere necessario, per cui nessuna creatura potrebbe sussi-
stere senza il suo intervento, attuale e continuo, non limitato al momento della creazione.
Le creature non hanno l’essere in sé, ma lo ricevono da Dio. Ogni evento è regolato da
Dio. Tutto ubbidisce alla volontà di Dio, tutto è da lui prodotto. Questo determinismo
è giustificato dall’onnipotenza divina, che sarebbe limitata e compromessa anche da un
solo evento nato in modo indipendente. Il mondo è preordinato secondo una razionalità
che sfugge però alla comprensione umana. Calvino, in modo ancora più radicale di Lutero,
parla di doppia predestinazione: Dio sceglie chi si salverà ma anche coloro che saranno
dannati, perché nulla può avvenire indipendentemente dalla sua volontà.
Calvinismo La predestinazione non implica però il fatalismo e non esclude l’impegno morale dell’uo-
e spirito del mo. L’uomo non può decidere di credere così come non può decidere di fare il bene, ma la
capitalismo
fede e le buone opere sono un segno dell’elezione, per cui si cercherà di produrre nella
propria vita i segni della scelta divina, della chiamata di Dio. Calvino parla a tale proposi-
to di vocazione: coloro che hanno ricevuto la chiamata divina, che sono stati scelti come
strumenti per la realizzazione del proprio piano, avvertono dentro di sé la certezza di tale
elezione e ne trovano la conferma nei segni della grazia, nel successo che la loro azione
consegue, nel ruolo positivo che svolgono all’interno della società, nel successo della pro-
pria attività lavorativa. Dio benedice l’attività degli eletti, garantisce ad essa efficacia e
rilievo nel contesto della comunità. Più tardi, nell’ambito del calvinismo, anche il successo
economico verrà considerato segno dell’elezione, ma in Calvino sono molto più accen-
tuati i concetti di missione, di ruolo socialmente positivo e apprezzato, di professiona-
lità nel lavoro. Il messaggio di Calvino, diffondendosi nelle nazioni economicamente più
sviluppate, avrà di fatto una forte carica innovativa, fondendosi con le istanze liberali
della borghesia. Calvinisti sono i puritani inglesi, componente essenziale delle due ri-
voluzioni del Seicento; calvinisti gli
olandesi che lottano per l’indipen-
denza del loro territorio dalla Spagna
e riescono a costituire la Repubblica
delle Sette Province Unite; calvinista
è, infine, secondo l’analisi di Weber
ricordata sopra, la matrice culturale
delle colonie (in particolare quelle
settentrionali) che daranno vita nel
Settecento agli Stati Uniti.

Incisione anonima del XVI secolo. I protestanti


di fronte ai cattolici sul piatto della bilancia
(Noyon, Musée Calvin).

X In che senso Erasmo fa un elogio della pazzia?


GUIDA
ALLO X Come viene giustificata da Lutero la predestinazione?
STUDIO X Come viene giustificato il libero arbitrio da Erasmo? Come considera il peccato originale? Perché
per Lutero non si può parlare di libero arbitrio?
X Quali sono gli aspetti del pensiero luterano più vicini alle istanze rinascimentali?
X Qual è per Lutero il segno della grazia divina e della giustificazione? E per Calvino?
X Quali sono le principali differenze fra la dottrina di Lutero e quella di Melantone?
X Sai spiegare le motivazioni della diversa diffusione del luteranesimo e del calvinismo?
56
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
11. Il pensiero politico rinascimentale: realismo e utopia

11 Il pensiero politico rinascimentale:


realismo e utopia
religione
è autonoma da e morale
la politica
è fondata su natura umana e
verità effettuale

PROFILO
sostiene che l’uomo è padrone mediante la che argina la
MACHIAVELLI virtù fortuna
del proprio destino

costituire agendo libero dalla


moralità
lo Stato
deve
il Principe
mantenere mediante la riduzione
lo Stato ai princìpi

l’abolizione della
proprietà privata
MORO

sono esponenti del pensiero che sostiene


il lavoro in comune
utopistico

CAMPANELLA
l’organizzazione
razionale della società

Il pensiero politico rinascimentale si caratterizza per due tendenze apparentemente an-


titetiche: il realismo politico di Machiavelli e i racconti utopistici, talmente diffusi da
costituire un nuovo genere letterario. Nonostante l’apparente distanza, i due approcci
sono alimentati dallo stesso humus, una società in rapida trasformazione che sta modi-
ficando le strutture sociali e i rapporti di potere. Mentre il realismo politico studia accu-
ratamente questi processi cercando di farne una analisi scientifica, i trattati utopistici, da
quello di Moro che dà il nome al genere, alla Città del Sole di Campanella, non mirano tanto
a un’analisi dell’attualità sociale e politica, quanto, facendo ricorso a descrizioni di luoghi
immaginari, a una contestazione dei vecchi privilegi feudali e delle disuguaglianze sociali
indotte dalla stessa trasformazione economica operata dalla borghesia. Così, se da un lato in
queste tendenze trovano espressione istanze moderne orientate verso il riconoscimento
dei diritti di libertà e di uguaglianza, dall’altro vi traspare il malessere di quei ceti socia-
li, come in particolare la gran parte della popolazione contadina, penalizzati dalla nuova
economia non meno che dai diritti feudali ancora presenti. Non a caso, all’utopia letteraria
è contemporaneo il tentativo di realizzare concretamente una società egualitaria, con la ri-
volta dei contadini tedeschi, capeggiata dal riformatore religioso tedesco Thomas Müntzer
(1467-1525) e repressa nel sangue dai principi tedeschi, con l’avallo di Lutero.
57
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

Il realismo di Machiavelli
Vita e opere Niccolò Machiavelli (1469-1527) fonda la sua teoria politica sull’analisi dell’uomo e delle
condizioni della sua esistenza. Entrato al servizio della Repubblica fiorentina nel 1498,
quando si chiudeva l’esperienza di Savonarola, come segretario di cancelleria, Machiavelli
vi svolge un ruolo sempre più importante. Nel 1512, con il ritorno dei Medici, è però
costretto a lasciare il proprio incarico, ritirandosi per alcuni anni in campagna. In questo
periodo scrive le sue opere più importanti: Il Principe, nel 1513, e i Discorsi sopra la prima
deca di Tito Livio, ultimati nel 1517. Tornato a Firenze nel 1520, riceve dai Medici l’incari-
co di scrivere la storia della città: nascono da questo impegno le Istorie fiorentine.
L’autonomia Machiavelli parte dal presupposto che la politica debba essere del tutto indipendente
della dalla religione e dalla morale, fondandosi su princìpi propri, autonomi. Essi sono da un
politica
lato la natura umana, dall’altro la verità effettuale.
La natura L’arte politica richiede che si guardi alla natura umana, soffermandosi su quel che gli uo-
umana mini sono, non su quel che dovrebbero essere: solo così sarà possibile intervenire sul
corso degli eventi. Gli uomini sono fondamentalmente egoisti, guidati dall’ambizione e
dall’avidità anche quando i motivi dichiarati della loro azione appaiono di altro tipo.
La verità Parallelamente non bisogna, scrive Machiavelli, immaginare repubbliche che non sono
effettuale mai esistite, ma considerare le condizioni concrete nelle quali si sviluppa l’azione politi-
ca, la verità effettuale, conoscendo e utilizzando la quale il principe potrà costituire uno
Stato e conservarlo. La conoscenza della verità effettuale, cioè della situazione di fatto, è,
insieme, uno strumento dell’azione politica e un presupposto metodologico della nuova
scienza: di essa deve tener conto l’uomo politico e al tempo stesso lo studioso che voglia
comprenderne l’operato e analizzare le cause del suo successo o fallimento.
La virtù Partendo da questi presupposti, l’uomo può controllare, almeno in parte, la propria sor-
te e decidere del proprio destino. Nei Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio (1517), Ma-
chiavelli scrive che gli uomini possono assecondare la fortuna piuttosto che opporsi ad
essa, e utilizzarla, conoscendo le circostanze, per i propri fini. Il corso degli eventi non
dipende dall’uomo, ma dipende da lui, dalla sua «virtù» (il latino virtus viene da vir, che
significa uomo), il saper adattare il proprio modo d’agire agli eventi, ed è la storia che ci
insegna quali siano i modi più adeguati di affrontare determinate situazioni. A un fiume
in piena non si è in grado di resistere; ma premunendosi per tempo si possono predisporre
argini e canali che ne attenuino i danni.
Virtù e Nel lessico di Machiavelli, il termine «virtù» perde ogni connotazione religiosa e morale
fortuna per assumere il significato di controllo razionale degli eventi, tale per cui si possa es-
serne padroni. La «fortuna», parallelamente, si sostituisce alla «provvidenza» cristiana,
generando un cambiamento di prospettiva importante: la provvidenza è l’intervento di
Dio nella storia, e dunque opporsi ad essa sarebbe non soltanto inutile, ma blasfemo; da
qui deriva la rassegnazione e la passività di fronte agli eventi che, in linea di massima, ha
contraddistinto il mondo feudale. Introdurre al suo posto la fortuna significa riconoscere
che nella storia non tutto dipende dall’uomo, che esiste qualcosa per lui incomprensibile
e imprevedibile. Ma, conferendo a questo elemento il carattere del semplice caso, si apre
la possibilità e la legittimità di controllarlo, secondo la formula rinascimentale per la
quale l’uomo è artefice del proprio destino.
Forse ancora più importanti sono le conseguenze di questo punto di vista in ambito meto-
dologico. La provvidenza, infatti, in quanto opera dell’azione divina, non solo esclude l’uo-
58
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
11. Il pensiero politico rinascimentale: realismo e utopia

mo dall’essere «autore» degli eventi, riducendolo ad attore, ma costituisce al contempo un


principio razionale superiore allo stesso piano umano: per questi motivi non è possibile
proporre una conoscenza scientifica della storia. Se questa è invece dominata dalla fortu-
na, e quindi dal caso e dall’irrazionale, allora l’uomo può studiarla perché, per compren-
derla, deve introdurre la propria razionalità negli eventi: la società e la storia, esito di
un agire umano, diventano così intelligibili e possono essere studiate scientificamente.
Il Principe L’innovazione maggiore di Machiavelli consiste infatti nell’affermazione che la politica ha
le proprie leggi, indipendenti dalla morale e dalla religione. Questa analisi è sviluppata
soprattutto nel trattato Il Principe, composto nel 1513 ma pubblicato postumo, nel 1532.
Nei primi capitoli del Principe Machiavelli tratta delle forme di governo. Successivamente

PROFILO
si sofferma sulla figura dell’uomo che esercita il potere: dalle sue qualità dipende infatti,
secondo Machiavelli, la possibilità di conquistare e ingrandire lo Stato. Il discorso corrente,
in età umanistica, insisteva sull’importanza delle qualità morali. Sarebbe desiderabile che
il «principe» avesse tutte le virtù, dice Machiavelli, ma quel che veramente conta è che sap-
pia agire nell’interesse dello Stato: va tenuto presente che comportamenti comunemente
considerati virtuosi possono essere dannosi per lo Stato, mentre comportamenti conside-
rati riprovevoli possono essere utili. La politica è del tutto separata dalla morale.
La virtù del La virtù del principe consiste nell’adattare la propria azione alla realtà in cui si colloca,
principe tenendo conto della natura umana e del carattere degli individui coinvolti nei suoi piani,
della situazione interna e internazionale, delle forze in campo e dei rapporti di alleanza o
di contrasto esistenti tra di esse, per poterne approfittare.
Il principe Nell’azione per costruire un nuovo Stato, il principe non deve tener conto dei princìpi
deve essere morali affermati dalla religione o condivisi dai contemporanei. Dal punto di vista politico,
«amorale»
è «buono» tutto ciò che è efficace per conseguire il fine, «cattivo» tutto ciò che lo osta-
cola. Non si tratta però di negare validità alla morale in genere, ma di rendere l’azione po-
litica indipendente da essa. Il fine di
tale azione è infatti la costruzione e
la conservazione di uno Stato, dalla
cui solidità dipendono la sicurezza,
la prosperità e a volte la vita di intere
popolazioni. In questo contesto, gli
strumenti «immorali» (l’assassinio,
il tradimento ecc.) ai quali il principe
può eventualmente far ricorso sono
dei mali trascurabili: un fine supe-
riore, capace di assicurare il benesse-
re di molti, consente al principe di
ignorare la morale corrente, il che
non implica affatto che possa farlo
per conseguire obiettivi particolari
o personali, in una identificazione di

A. Meloni, Ritratto di Cesare Borgia, olio


su tela (Bergamo, Accademia Carrara).

59
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

machiavellismo e cinismo politico che sarà incoraggiata e in una certa misura costruita
dalla Chiesa, quando le opere del Machiavelli saranno tutte inserite nell’Indice dei libri
proibiti.
Il Duca Nel Principe, Machiavelli prende a modello Cesare Borgia (1475-1507), protagonista tra
Valentino il 1499 e il 1503 del tentativo di costruire un nuovo principato nell’Italia centrale. Era
chiamato anche «il Duca Valentino» perché aveva ricevuto dal re di Francia Luigi XII il du-
cato di Valentinois. Figlio del papa Alessandro VI Borgia, grazie all’appoggio paterno e a
quello dei francesi, inizia nel 1499 la conquista dei territori appartenenti allo Stato della
Chiesa, dei quali si erano impadroniti alcuni signorotti locali; estende poi il suo controllo
sulle aree limitrofe. Conquista Imola, Forlì, Cesena, Rimini e Faenza, poi, nel 1502, Ur-
bino e Camerino. Riesce quindi a edificare dal nulla un nuovo principato tra la Romagna,
l’Umbria e le Marche, usando tutti i mezzi possibili, compresi il tradimento, l’inganno,
l’omicidio.
Machiavelli ne fa il modello del principe amorale, cui è lecito l’uso di mezzi di per sé
condannabili, perché il fine di costruire uno Stato solido è superiore a qualsiasi conside-
razione di tipo etico.
Quando Cesare Borgia progettava di marciare contro Siena, per estendere progressiva-
mente il proprio dominio anche alla Toscana, il padre muore improvvisamente, nel 1503,
e, dopo la parentesi di Pio III, papa per meno di un mese, sale al soglio pontificio Giulio
II. Il nuovo papa proveniva dalla famiglia dei Della Rovere, nemici giurati dei Borgia. Pri-
vo dell’appoggio paterno e vittima della forte ostilità di Giulio II, Cesare Borgia perde
rapidamente i propri domini, fino a essere arrestato per ordine del papa stesso, che lo fa
trasferire, prigioniero, in Spagna. Il Valentino riesce però a evadere dal carcere, trovando
la morte in battaglia nel 1507, nell’assedio di Viana, in Navarra.
L’analisi L’indipendenza della politica dalla morale ha soprattutto carattere metodologico. La po-
politica litica si fonda su princìpi autonomi, segue leggi proprie, sulla base delle quali deve essere
analizzata l’azione perché possa essere compresa. Anche se non sono estranee al Principe
finalità pratiche (il breve saggio è presentato dallo stesso Machiavelli come un trattato
per guidare l’azione del principe), la sua importanza filosofica è legata proprio a questo
aspetto. Per capire la politica non debbono essere presi in considerazione gli intenti o
i princìpi morali, ma i comportamenti concreti nel contesto in cui si inseriscono. Lo
stesso richiamo alla verità effettuale ha questa duplice valenza: è un suggerimento per chi
voglia costruire o conservare uno Stato, ma anche l’indicazione del piano empirico dal
quale deve muovere l’analisi. La verità effettuale costituisce l’insieme dei dati, potremmo
dire, che lo studioso deve raccogliere prima di qualsiasi valutazione. Sulla base di questi,
saranno interpretati i comportamenti, non valutandone la moralità o la giustizia, ma la
razionalità, il modo in cui si inseriscono nel loro contesto e sono in grado di modificarlo
o meno. La razionalità, cioè la capacità di adeguare la propria azione alla situazione
di fatto, costituisce la vera virtù del principe. Questo termine diviene, come si è detto,
indipendente dalla morale cristiana, che Machiavelli esplicitamente condanna, in quanto
invita alla rassegnazione e al fatalismo invece che alla fiducia nell’uomo e nella sua capa-
cità di dominare la fortuna.
La Se l’azione per la conquista di un nuovo Stato può svilupparsi sulla base della virtù del
conserva- principe, più complessa è la questione della sua conservazione. Ogni formazione poli-
zione dello
Stato tica tende a decadere se non è animata da valori forti, che non sono però universali. Il
principe deve individuare quelli più adatti al popolo che amministra e usarli per rendere
duraturo il proprio potere. Machiavelli parla a tale proposito di riduzione ai princìpi. Non
60
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
11. Il pensiero politico rinascimentale: realismo e utopia

esistono princìpi validi per ogni popolo, ma ciascuno deve individuare quelli più adatti
alla propria natura, che sono gli stessi intorno ai quali un determinato popolo si è ori-
ginariamente formato. Per l’Italia, ad esempio, i princìpi ai quali occorre ricondursi sono
quelli dell’antica repubblica romana.
L’unifica- L’analisi dei valori originari è importante perché l’intento dichiarato del Principe è di fa-
zione vorire l’azione di chi voglia farsi carico di condurre l’Italia all’unità. In questo senso,
dell’Italia
l’appello che chiude l’opera sarà letto nel Risorgimento come una prima affermazione di
WEB
patriottismo, anche se non è questo il carattere di fondo che lo motiva. In modo molto più
X La storia pragmatico, Machiavelli è consapevole del processo di costituzione delle grandi monar-
e la cultura
del tempo, chie nazionali: un’Italia divisa è destinata a essere dominata dagli Stati più forti. L’Ita-

PROFILO
L’Italia nel
Rinascimento lia può risollevarsi grazie all’azione di un principe che riesca a imporsi sui diversi governi
X Questioni
che contano,
regionali, ma soprattutto grazie all’apporto decisivo del popolo.
Machiavelli e
l’Italia

LA STORIA E La politica come analisi del


LA CULTURA DEL TEMPO «particulare»: Guicciardini
Fiorentino come Machiavelli e di soli quattordici ciardini sottolinea l’indipendenza della politica
anni più giovane, Francesco Guicciardini (1483- dalla metafisica e dalla stessa religione e invita a
1540) opera all’interno di una diversa realtà sto- considerare la particolarità dei fatti e la specificità
rica: la repubblica fiorentina è definitivamente di ogni contesto politico.
scomparsa e sull’Italia si esercita ormai incontra- Guicciardini si allontana invece nettamente da Ma-
stata l’egemonia di Carlo V. chiavelli a proposito della valutazione della realtà
Con i Ricordi politici e civili (1527-30) Guicciardini italiana e della funzione del papato. La ricchezza
si inserisce nella corrente del realismo politico, ri- culturale espressa dall’Italia deriva in buona misura
proponendosi, come Machiavelli, l’analisi delle cir- proprio dalla sua frammentazione politica, che è
costanze concrete e delle espressione della varietà
dinamiche dell’epoca. A delle tradizioni regionali,
differenza di Machiavelli, combinata con la valenza
però, Guicciardini rinun- spirituale derivante dalla
cia alla definizione di presenza della sede pa-
princìpi generali, sia pure pale, cioè del fulcro della
per calarli nelle concre- religiosità cristiana. Que-
te situazioni storiche, e sta ricchezza risulterebbe
sottolinea invece la spe- inevitabilmente compro-
cificità di ogni contesto messa da un’eventuale
in cui si colloca l’azione unificazione.
politica. Secondo la sua
nota espressione, l’ana-
lisi deve individuare il
«particulare», la speci-
ficità del fenomeno, mai
riconducibile a regole o
a leggi e deve astenersi
dalla pretesa di formu-
lare teorie di carattere Francesco Guicciardini,
universale. Anche Guic- incisione del XVII secolo.

61
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

NODI Interpretazioni su Machiavelli


DI DISCUSSIONE e il machiavellismo
Il pensiero di Machiavelli è talmente caratteristico Molti dei grandi filosofi hanno preso posizione
che è entrato a far parte di numerosi modi di dire, sull’autore del Principe.
dall’aggettivo «machiavellico», usato per indicare Cartesio, in una lettera alla principessa Elisabetta
persona o atteggiamento privi di scrupoli mora- del Palatinato, gli rimprovera di non distinguere tra
li, alla frase (in realtà mai scritta da Machiavelli) princìpi legittimi e illegittimi e quindi, in definitiva,
«il fine giustifica i mezzi». Già poco dopo la sua di aver separato la politica dalla morale.
morte sorse un vero e proprio movimento di «an-
Il filosofo tedesco Georg Wilhelm Friedrich He-
timachiavellismo», che rifiutava in particolare la
gel, agli inizi dell’Ottocento, parla di Machiavelli
separazione tra politica e morale. La Controrifor-
nella Costituzione della Germania (1802), quan-
ma condannò decisamente il pensiero di Machia-
do analizza le dinamiche che portarono Francia e
velli, inserendone tutte le opere nell’Indice dei libri
Spagna a costituire monarchie nazionali e, al con-
proibiti.
trario, Italia e Germania a perpetuare il loro stato
Al di là della condanna da parte della Chiesa cat- di frammentazione. Respingendo le interpretazioni
tolica, il pensiero di Machiavelli sarà oggetto di che vedono nel pensiero di Machiavelli un’espres-
interpretazioni e di analisi di vario segno. sione di cinismo, Hegel sottolinea l’importanza
Da un lato, il pensatore fiorentino viene accusa- conferita dal filosofo all’unificazione nazionale,
to di cinismo e di spregiudicatezza, di immoralità alla costituzione di uno Stato, come condizione
nella politica. Dall’altro, è considerato il fondatore, preliminare per garantire ai cittadini una libertà
o il precursore, della politica come scienza, del- effettiva. L’analisi di Hegel tende soprattutto a
la separazione tra politica e morale: si dovrebbe collocare Machiavelli nel suo contesto storico,
parlare, secondo i sostenitori di questa lettura, di all’interno del quale acquistano un senso l’invito
«amoralità» (e non di «immoralità») del pensie- all’unificazione nazionale e anche l’uso di mezzi
ro di Machiavelli. Il cosiddetto «cinismo» viene in che giudicheremmo immorali, ma di cui all’epoca
questa prospettiva interpretato come realismo si faceva largo uso.
politico, come risposta all’intento dichiarato di Il politico e intellettuale italiano Antonio Gramsci
descrivere la «realtà effettuale», gli effettivi mec- (1891-1937), di orientamento marxista, interpre-
canismi del potere. È l’interpretazione immortala- ta la teoria di Machiavelli non come cinismo ma
ta dal poeta Ugo Foscolo (1778-1827) nei Sepol- come realismo storico, assumendolo addirittura
cri, quando definisce Machiavelli: come modello di riferimento del «moderno prin-
quel grande cipe», cioè del partito di massa, il Partito comu-
che temprando lo scettro a’ regnatori nista.
gli allòr ne sfronda, ed alle genti svela Tra le interpretazioni più recenti, è particolarmen-
di che lagrime grondi e di che sangue te interessante quella del filosofo francese Louis
Althusser (1918-90), anch’egli di orientamento
marxista, che al Segretario fiorentino ha dedicato
un intero libro, Machiavelli e noi, pubblicato postu-
mo. In Machiavelli in qualche modo Althusser si
rispecchia: l’autore del Principe ha «pensato l’im-
pensabile», tentando di elaborare una teoria uni-
versale della politica, ma ancorata all’analisi di una
«verità effettuale» contingente e storicamente
determinata, coniugando dimensione particolare
e leggi universali.

Maestro del Cinquecento, Ritratto di Cesare Borgia


il Valentino e Niccolò Machiavelli in conversazione
davanti al cardinale Pedro Loys Borgia e al segretario
don Micheletto Corella, XVI secolo, olio su tela (Roma,
Collezione privata).

62
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
11. Il pensiero politico rinascimentale: realismo e utopia
X Il film, Un uomo per
WEB
tutte le stagioni

Il pensiero utopistico
L’utopia «Utopia» (che propriamente significa «non luogo») è un neologismo coniato dall’avvocato
come inglese Tommaso Moro (1478-1535) e che dà il titolo alla sua opera principale, pubblicata
genere
letterario nel 1516. Tra il Cinquecento e il Seicento i racconti utopistici si diffondono, caratteriz-
zandosi come un vero e proprio genere letterario, che guarda da un lato alla Repubblica
di Platone, al mito esiodeo dell’età dell’oro e ad altri autori classici, dall’altro ai viaggi di
esplorazione, che iniziavano a dare notizia di popolazioni diverse, ma basandosi ancora
sui racconti non sempre fedeli di marinai, viaggiatori o avventurieri.
Strumento In realtà, a prescindere dalle occasioni o dai riferimenti filosofici, nel racconto utopistico

PROFILO
di critica si esprime la critica alla società dell’epoca, collocata in un contesto immaginifico che può
sociale
renderla indiretta e così sottrarla alle condanne della Controriforma o alla repressione po-
litica. Tale critica è rivolta al modello aristocratico-feudale ancora presente in buona parte
d’Europa, ma anche alla nuova società che si va annunciando, dominata dalle grandi ric-
chezze di una borghesia che, grazie all’oro americano e alla rivoluzione dei prezzi, sta ormai
operando trasformazioni economiche e sociali radicali. Parallelamente, la trasformazione
economica crea una nuova povertà, più massiccia e soprattutto più visibile rispetto a quel-
la medievale, in quanto non istituzionalizzata e non inserita, come invece era quella, nel
tessuto sociale, ma in rapida espansione perché prodotta dalla disoccupazione legata alla
crisi dell’agricoltura e dell’artigianato. Si tratta quindi di un’emarginazione di persone che
avevano avuto un proprio ruolo attivo, e a volte anche di un certo prestigio, nella società.
Aspetti Gli aspetti comuni tra l’isola di Utopia di Moro e la città del Sole di Campanella riguardano
comuni l’assenza della proprietà privata, l’uguaglianza sociale, la giustizia. Nelle descrizioni
utopistiche, oltre alla denuncia sociale e ai progetti di riforma, sono presenti altre compo-
nenti, che assumono una specifica valenza filosofica. Elemento comune è la ridefinizione
del sapere, sia nella sua organizzazione, sia nelle sue finalità. Moro e ancor più Campanel-
la sottolineano l’esigenza di un sapere indirizzato al miglioramento della qualità della
vita umana, come, in modo più legato alla rivoluzione scientifica, fa Bacone, nella sua
utopia tecnologica affidata alla Nuova Atlantide (vedi p. 117).
L’Utopia Tommaso Moro descrive l’isola di Utopia, dove non esistono la proprietà privata e i mali
ad essa legati, quali furti, omicidi ecc. Ognuno ha di che provvedere ai propri bisogni e
contribuisce al benessere comune attraverso il lavoro che occupa soltanto poche ore della
giornata, lasciando a ciascuno tempo libero per attività ricreative e di istruzione. Gli abi-
tanti di Utopia regolano il proprio comportamento sulla base della ragione (e quindi dei
diritti naturali) e, anche se credono a un essere superiore, sono tolleranti verso qualsiasi
fede. L’opera di Moro è anche una denuncia dei processi di modernizzazione, e in parti-
colare del sistema delle recinzioni (enclosures), con cui i proprietari, delimitano i campi
aperti per incrementare l’allevamento delle pecore, preferito per l’alta richiesta di lana
della manifattura tessile. Queste dinamiche obbligano i contadini a lasciare le terre da
destinare al pascolo, costringendoli a riparare nelle città dove conducono spesso un’esi-
stenza ai limiti della sopravvivenza.
La città L’utopia di Tommaso Campanella (1568-1639), esposta nell’opera La città del Sole (1602),
del Sole e poggia sulla corrispondenza, di tipo platonico, tra individuo e Stato. Alle tre facoltà, o
«primalità», dell’uomo, potenza, sapienza e volontà (amore), corrispondono nello Stato
tre ministri, Pon, Sin e Mor, che si occupano rispettivamente dell’ordine e della difesa, della
scienza e dell’educazione, della regolamentazione delle unioni e delle nascite. I ministri sono
gli strumenti del Sole, o Metafisico, che ne coordina l’azione e guida lo Stato.
63
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

L’abolizione Nella città ideale non esiste la proprietà privata e tutti lavorano soltanto quattro ore al
della giorno, potendo così dedicarsi anche allo studio e a tutto ciò che favorisce la realizzazione
proprietà
privata personale. Nessuno manca del necessario, che può essere prelevato dai magazzini comuni
senza nessuna forma di pagamento o di controllo. Nella città immaginata da Campanella
non esiste divisione in classi: tutti svolgono lavori manuali e tutti si dedicano allo studio.
L’educa- L’abolizione della famiglia comporta che allo Stato sia affidato il compito di far crescere ed
WEB
zione educare i bambini. Essi vivono in locali comuni e non conoscono i propri genitori naturali.
X La storia e L’educazione e l’istruzione costituiscono uno dei fondamenti della città, le cui sette cerchia
la cultura del
tempo, L’uto- di mura sono tutte istoriate, ciascuna con soggetti attinenti a un diverso settore del sa-
pia pedagogica
di Comenio
pere, in modo da costituire un sussidio continuo per l’apprendimento.
La genera- Particolare cura viene dedicata alla generazione. I sacerdoti decidono da quali individui debba-
zione no essere formate le coppie e si ispirano in questo al criterio di armonizzare le caratteristiche
individuali per procreare una prole sana e ben formata. A questo fine, essi stessi stabiliscono,
in base alle coincidenze astrali, il momento più propizio al concepimento.
La L’astronomia e l’astrologia hanno molta importanza, sia per prevedere gli eventi della
tolleranza vita e per favorirne il buon esito, sia per il culto, basato su una religione astrale. Nella
religiosa
città del Sole vige però la massima tolleranza, con l’unica eccezione dell’ateismo, consi-
derato socialmente pericoloso. Gli atei non vengono perseguitati, ma si proibisce loro di
ricoprire cariche pubbliche e di propagare le proprie idee.

X Perché il pensiero politico rinascimentale si esprime sia nel realismo di Machiavelli sia nell’uto-
GUIDA
ALLO pia? Quali aspetti traducono questi due atteggiamenti?
STUDIO X Su che cosa deve basarsi per Machiavelli la politica?
X Che cosa è per lui la «virtù»? In che rapporto è con la «fortuna»?
X In che senso il principe deve essere «amorale»?
X Quali aspetti della modernità sono criticati nell’Utopia di Moro?
X Quali sono gli aspetti comuni dei vari racconti utopistici?
X Come è organizzata la città del Sole?

L’ISOLA DI UTOPIA
A sinistra: Cartina di Utopia inserita nella prima edizione (1516) di Utopia di Tommaso Moro (1478-1535).
A destra: La carta dell’isola di Utopia, dall’edizione del 1518 dell’opera.

Le due cartine rappresentano l’isola di Utopia


e furono annesse all’opera di Moro, per volontà
dell’autore: la prima, più schematica e rudimentale,
accompagnava l’edizione originale del 1516; l’altra,
opera di Ambrosius Holbein, comparve nell’edizi-
ne definitiva del 1518. Questa seconda cartina, pur
ricalcando il disegno della prima, è più precisa e cu-
rata e in primo piano presenta i tre personaggi del
dialogo (Raphael, Giles e Tommaso Moro stesso).
Dato il carattere di «non luogo» dell’isola, non si
può pensare che le cartine rispondano a un intento
di raffigurazione realistica. Al contrario, Moro ne fa
un uso ironico: nella loro schematicità e nella di-
vergenza di molti particolari da quanto scritto nel
testo, esse sottolineano che l’Utopia non è rappre-
sentabile, e non esiste se non nella descrizione che
ne fa il testo.

64
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
12. Il pensiero politico nel Rinascimento europeo

12 Il pensiero politico
nel Rinascimento europeo
WEB Mentre in Italia il Rinascimento si afferma tra la fine del Quattrocento e la prima metà
X Filosofia e del Cinquecento, per lasciare poi il posto a una rapida decadenza in seguito alla domina-
Costituzione,
Il giusnaturali- zione spagnola, in Europa si diffonde soprattutto nella seconda metà del Cinquecento e
smo
Il contrattua-
nei primi decenni del Seicento. Dal punto di vista politico, è proprio in questo periodo che

PROFILO
lismo e la
Costituzione
vengono definite le idee che costituiranno il fondamento della moderna concezione del
diritto e dello Stato, in particolare il contrattualismo, il giusnaturalismo e il concetto di
sovranità popolare.
Il contrat- Contro la nozione dell’origine divina del potere, caratteristica del Medioevo ma ancora
tualismo diffusa in questo periodo, si afferma il contrattualismo: l’origine dello Stato è ricondotta
a un patto liberamente sottoscritto tra gli individui non ancora associati. Di conseguenza,
il potere non deriva da Dio, ma dagli uomini. È la tesi sostenuta da Johannes Althusius
(1557-1638), calvinista, professore nell’Università di Herborn, in Germania. Nella sua
opera principale, Politica (1603), analizza la nascita dello Stato come associazione pub-
blica generale, costituito da città e province che si accordano tra loro per formare un’or-
ganizzazione comune. Ha così origine, sulla base di un contratto che impegna tutti i
contraenti, la sovranità, che può essere definita «potere universale di dominio, che non
riconosce altro potere superiore, eguale o associato».
Società In Althusius è molto chiara la distinzione tra società civile e potere politico. La prima
civile e preesiste al secondo e sussiste indipendentemente da esso. L’ulteriore patto che sancisce
potere
politico il passaggio dalle associazioni private e parziali a quella pubblica unitaria non cancella
perciò le organizzazioni esistenti, che conservano i loro diritti e la loro dinamica anche
all’interno dello Stato, il cui potere ha dunque limiti precisi.
La sovranità Il popolo può delegare dei magistrati per rappresentarlo ed esercitare in sua vece il potere,
popolare ma conserva sempre la sovranità e può esautorare i propri rappresentanti, anche con la
forza, quando non si comportino secondo quanto stabilito dal patto comune o quando
cerchino di diventare tiranni.

Sovranità
L’autonomia della politica dalla reli- tà civile. In questa prima accezione vranità» teorizza la nuova entità
gione e dalla morale viene sostenuta, costituisce la base dell’assolutismo politica, la nazione, che si impone in
oltre che da Machiavelli, dal france- e sarà pienamente sviluppato da epoca moderna contro gli universa-
se Jean Bodin (1530-96), cui si deve Hobbes. In un secondo significato, lismi medievali, attraverso un lungo
l’elaborazione di un concetto fonda- esso indica l’indipendenza dello Sta- processo in cui la monarchia trova
mentale per la moderna concezione to da ogni autorità esterna, nel caso l’appoggio della borghesia contro
dello Stato, quello di sovranità. specifico dalla Chiesa. I due signifi- la vecchia classe nobiliare. Tale pro-
Il concetto di sovranità, che in cati sono complementari e ben si cesso si compirà, storicamente, con
generale indica un potere non limi- comprendono nel quadro dell’epoca l’affermarsi delle monarchie nazio-
tato da altri, assume in Bodin due storica in cui vive Bodin, caratteriz- nali e dell’assolutismo, che costi-
significati complementari. Da un zata dal definirsi dello Stato mo- tuisce un importante momento di
lato designa il potere assoluto dello derno nel periodo travagliato delle passaggio prima del successivo svi-
Stato, non sottoposto al controllo guerre di religione. Congiungendo i luppo dello Stato in senso liberale e
di altri poteri e dominante la socie- due significati, il concetto di «so- costituzionale.

65
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

Il giusnatu- Il giusnaturalismo (da ius naturalis) è la teoria secondo la quale esiste un diritto natura-
ralismo e le, un insieme di norme derivanti cioè dalla stessa natura umana e quindi dalla ragione
Grozio
che la caratterizza, anteriori al patto che istituisce la società.
Il concetto è già presente negli stoici e in Tommaso d’Aquino, ma viene compiutamente
teorizzato in epoca moderna, costituendo in seguito uno dei capisaldi del pensiero politi-
co, dall’olandese Huig van Groot, italianizzato in Ugo Grozio (1583-1645). Nella sua ope-
ra di maggior rilievo, Il diritto della guerra e della pace (De iure belli ac pacis, 1625), egli ana-
lizza la guerra come situazione-limite, nella quale il diritto positivo, cioè le leggi scritte
degli Stati coinvolti, vengono sospese e non hanno valore. Ma anche in questa situazione,
alcuni princìpi conservano la propria validità, perché non sono basati sull’autorità dei
singoli Stati, ma sulla stessa ragione umana, e quindi restano validi in qualsiasi luogo e
in qualsiasi circostanza.
La ragione Grozio afferma l’indipendenza del diritto naturale anche da Dio: Dio prescrive o vieta
come un’azione in quanto essa è conforme o meno alla natura razionale, quindi il diritto na-
fondamento
del diritto turale è derivabile direttamente dalla ragione. La ragione è autonoma e dipende da Dio
naturale unicamente perché è da lui creata, ma una volta stabilita è autosufficiente. Il diritto di-
vino, infatti, cioè le leggi positive date da Dio e non evidenti per natura, è distinto da
quello naturale, allo stesso modo delle leggi civili. Entrambi intervengono in materie non
derivabili dalla ragione e fissano perciò il lecito e l’illecito in aggiunta a ciò che il diritto
naturale prescrive, ma non possono essere in alcun caso in contrasto con esso. Neppu-
re Dio può modificarlo, così come non può modificare le leggi della logica o le verità della
matematica.

13 Il Rinascimento europeo: Montaigne


Il confronto Nonostante la sua vita appartata e lontana dalla partecipazione diretta ai dibattiti
con le altre dell’epoca, l’opera di Michel de Montaigne (1533-92) è tra le più significative del Rina-
culture
scimento francese e del nuovo clima culturale. Nella sua riflessione emerge soprattutto
il confronto con il diverso, con i nuovi popoli che prima le scoperte geografiche, poi la
colonizzazione, avevano posto in rapporto con la civiltà europea. La diversità culturale
è uno specchio attraverso cui guardare la propria cultura, percependone, nel confronto,
la relatività dei valori, il loro legame con un determinato contesto sociale, che li spoglia
della loro assolutezza e apre all’analisi il problema della loro validità.
Noi e I suoi Saggi (1582) sono un genere nuovo di opera, che si colloca al di fuori della cultura
i selvaggi dei dotti. In nome della natura come principio originario, Montaigne contesta la con-
trapposizione tra selvaggi e uomini civilizzati; o meglio, la rovescia in favore dei primi.
WEB
Innanzitutto è solo a causa di una prospettiva centrata su noi stessi che giudichiamo
X La storia
e la cultura «barbari» coloro che sono diversi da noi: ognuno prende come punto di riferimento gli usi
del tempo,
Montaigne e e le opinioni prevalenti nel proprio paese e disapprova quanto gli è estraneo. La civiltà
la scoperta
della diversità
ha allontanato gli uomini dalla semplicità originaria, che si manifesta invece nei cosiddet-
culturale ti selvaggi.
66
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
13. Il Rinascimento europeo: Montaigne

Relativismo Per Montaigne, la rivalutazione dei «selvaggi» è l’occasione per guardare dall’esterno ai va-
etico lori e alle convinzioni della nostra civiltà, per mettere in discussione ciò che è accettato
in virtù della tradizione, ma non può essere dimostrato né come giusto, né, tanto meno,
come superiore.
Scetticismo La critica di Montaigne non si limita ad affermare la relatività dei valori, ma investe an-
gnoseo- che le certezze nell’ambito della conoscenza, attraverso un’analisi che si conclude nello
logico
scetticismo. L’uomo, infatti, non può conoscere che attraverso se stesso; quando presu-
me di estendere le proprie conoscenze, egli assume come modello le cose che rientrano
nell’ambito della sua esperienza diretta. La filosofia non ci presenta ciò che è, ma quello
che essa stessa costruisce. Se un frutto si può trarre, quindi, dalla filosofia, esso è la con-

PROFILO
sapevolezza della vanità del sapere: tutte le conoscenze sono relative e incerte, come è
chiaramente dimostrato dalla molteplicità dei sistemi filosofici in contraddizione l’uno
con l’altro. L’uomo non ha fatto altro, con lo sviluppo della civiltà, che tentare di masche-
rare l’impossibilità di un sapere certo, che è caratteristica costitutiva della sua natura. Il
nostro linguaggio non è adatto a esprimere il dubbio; se si vuole evitare ogni presunzione
di certezza, si deve ricorrere alla forma interrogativa: «Che cosa so io?».
La serenità La sfiducia di Montaigne nel sapere è strettamente connessa con la condanna della pre-
interiore sunzione di chi vuole cambiare il mondo, in una sintesi originale tra uno scetticismo
metafisico e gnoseologico e un atteggiamento stoico sul piano pratico, tutto orientato
alla ricerca di una serenità interiore, indipendente dagli accadimenti esterni e dalla preca-
rietà dell’esistenza umana. Il primo e fondamentale interesse dell’uomo, egli afferma, non
può essere che se stesso. Chi sostiene di porre scopi altruistici
al centro della propria vita, in realtà è mosso dall’ambizione,
dalla ricerca del piacere, dal desiderio di gloria: dietro a ogni
comportamento ritenuto altruistico è sempre individuabile la
ricerca del proprio piacere come motivazione di fondo.
Anche in ambito politico in Montaigne è presente un marcato
scetticismo, alimentato anche dall’esperienza disastrosa del-
le guerre civili e delle loro rovinose conseguenze. Montaigne
aveva accettato, infatti, di fare il sindaco; ma dice: «il sindaco
e Montaigne sono sempre stati due, con una ben netta divisio-
ne». Fare quel che occorre, ma niente più di quel che occorre: è
questa la via della saggezza.
La condizione di vita dei grandi della terra non è in alcun modo
desiderabile. Il dominio, sia da dominati sia da dominatori, è
sempre negativo per i singoli e per la società; la condizione
desiderabile è un tranquillo distacco. L’arte di vivere consiste
nell’occuparsi in primo luogo di se stessi e della propria sere-
nità interiore.

X Perché per Montaigne l’analisi della diversità culturale è importante?


GUIDA
ALLO X Che cos’è il relativismo etico?
STUDIO X Che significato ha la domanda: «Che cosa so io?»

H. Bosch, Morte di un avaro, 1490-1500, olio su tavola (Washington, National


Gallery of Art). Tra i vizi umani più duramente criticati da Montaigne e dagli altri
umanisti è l’avarizia, presa di mira con frequenza anche dalla pittura del tempo.

67
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1

Sintesi
La filosofia rinascimentale forze dinamiche, il caldo e il freddo. Caldo e freddo
sono i princìpi della sensibilità, che è perciò propria
X Il nuovo atteggiamento verso l’uomo e la natura di ogni essere (pampsichismo). La natura è regolata,
trova espressione nel neoplatonismo e nel naturali- a partire da questi, sulla base di leggi date da Dio, e
smo rinascimentali. Il primo ha i suoi rappresentan- perciò immutabili. Ogni evento deve di conseguenza
ti principali in Cusano e in Ficino, oltre a esercitare essere spiegato sulla base di un rigido determini-
notevole influenza sul pensiero di Giordano Bruno. smo, così anche la conoscenza e l’etica. Conosciamo
Il secondo trova espressione principalmente nelle attraverso i sensi (sensismo) che imprimono nella
filosofie di Telesio, Bruno e Campanella. nostra anima la forma delle cose.
X Il comportamento è determinato dal principio del-
Il neoplatonismo: Cusano la conservazione del proprio essere: tutto ciò che
giova ad esso provoca una sensazione di calore ed
X Cusano muove dalla constatazione della incom- è giudicato bene, ciò che lo contrasta provoca la
mensurabilità tra Dio e l’uomo, sostenendo che la sensazione opposta ed è considerato male. Bene e
conoscenza umana può approssimarsi a quella divi- male non derivano perciò da princìpi superiori, ad
na senza però raggiungerla (dotta ignoranza), così esempio religiosi, ma da princìpi immanenti all’uo-
come la superficie del poligono inscritto non coinci- mo stesso.
derà mai con quella del cerchio per quanto aumen-
tiamo il numero dei lati.
X Dio si spazializza nell’universo, che è explicatio di Giordano Bruno: naturalismo
Dio, il quale a sua volta è l’universo contratto, la e neoplatonismo
complicatio dell’universo stesso. Essendo explicatio
X Bruno è esponente del naturalismo rinascimentale,
di Dio, l’universo deve conservarne gli attributi ed è
quindi infinito. Non può perciò avere un centro né ma la sua filosofia presenta anche importanti com-
presentare differenze qualitative tra le varie parti: ponenti neoplatoniche.
X Egli individua e sottolinea le conseguenze della ri-
Cusano anticipa la rivoluzione astronomica, negan-
do la validità del geocentrismo e del sistema aristo- voluzione copernicana per un rinnovamento dei
telico-tolemaico. valori e dell’intera concezione del mondo. L’uni-
verso è infinito in quanto prodotto da Dio, che ne
è causa ma anche principio che permane in esso
Il neoplatonismo: Ficino (panteismo). La critica alla concezione aristotelico-
X Ficino fonda a Firenze l’Accademia platonica, tradu- tolemaica è radicale: non esistono le sfere, non c’è
cendo in latino l’intera opera di Platone e di Ploti- un centro dell’universo, tutti i mondi sono simili alla
no. La sua filosofia è influenzata anche dalla magia Terra e popolati da esseri intelligenti. L’uomo cono-
e dall’ermetismo rinascimentali. Richiamandosi a sce Dio «per vestigia», ritrovandolo nella natura, il
Plotino, Ficino parla di una gerarchia delle sostanze, cui studio e la cui trasformazione («l’intelletto e le
da Dio alla natura angelica, all’anima, alla qualità e, mani»), animati da «eroico furore» (dove l’agget-
infine, alla materia. L’anima è al centro dell’universo, tivo è da leggere in senso platonico), lo avvicinano
rappresentando la copula mundi, il punto di congiun- alla divinità fino a immedesimarsi con essa.
zione tra la realtà spirituale e quella materiale. Dalla
filosofia di Ficino deriva un vitalismo immanentisti-
co: la natura è plasmata e orientata teleologicamen-
Naturalismo e magia nel
te dall’anima del mondo, che agisce al suo interno, pensiero di Campanella
dandole forma, come un artista immanente. X Campanella elabora posizioni di naturalismo coniu-
gandole con la magia rinascimentale. Tutti gli esseri
La filosofia della natura sono dotati di sensibilità e vita, legati l’uno all’altro
mediante rapporti di simpatia, di affinità e di corri-
di Telesio spondenze dal sapore magico-alchimistico.
X Telesio si propone di studiare la natura secondo X L’uomo conosce, come gli animali, attraverso i sen-
i tre prìncipi che le sono propri: la materia e due si, che sono l’unica fonte di verità. La conoscenza

68
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Umanesimo e Rinascimento

sensoriale presuppone però la coscienza di sé (sen- senza l’intervento della grazia divina, che non può
sus inditus), in quanto con i sensi non avvertiamo essere meritata con le opere ma unicamente elargi-
le cose, ma le modificazioni che provocano in noi. Il ta direttamente da Dio (giustificazione per fede).
sensus inditus ci rende coscienti anche delle tre pri- Contro la gerarchia romana, Lutero afferma la tesi
malità che formano il nostro essere: la sapienza, la del sacerdozio universale (ogni eletto è testimone
potenza e l’amore. Le tre primalità sono costitutive e sacerdote di Cristo, senza bisogno di uno speciale
dell’essere in generale e devono guidare anche l’or- sacramento) e del libero esame (ognuno è in gra-
ganizzazione sociale e politica, idealizzata nella Cit- do di comprendere da sé le Sacre Scritture, guidato
tà del Sole. Questa profonda consonanza tra uomo, unicamente dallo Spirito Santo). Le teorie di Lutero
cosmo e Stato costituisce il tratto distintivo della si traducono nell’affermazione del rapporto diret-

SINTESI
filosofia di Campanella. to tra l’uomo e Dio e dell’inutilità della gerarchia e
della stessa Chiesa di Roma.
X
Naturalismo e aristotelismo Calvino. La filosofia di Calvino poggia su un rigido
determinismo teologico: l’essere dipende da Dio
in Pomponazzi sia nella propria esistenza sia nelle sue manifesta-
X Secondo Pietro Pomponazzi la filosofia di Aristotele zioni. Ogni evento, fisico ma anche morale, deve de-
è naturalistica e spiega l’ordine del mondo in base a rivare da Dio stesso perché non può sussistere auto-
principi immanenti: la natura, infatti, ha in se stes- nomamente. Anche il destino di ogni uomo dipende
sa la propria ragion d’essere e la spiegazione degli interamente da Dio, e Calvino formula la teoria della
eventi naturali deve essere ricercata nella raziona- doppia predestinazione: Dio ha predestinato alcuni
lità del mondo. uomini alla salvezza, altri alla dannazione. Non ne
X Pomponazzi mette in luce il conflitto tra ragione e deriva però un atteggiamento di rassegnazione: pur
fede. Nel De immortalitate animae, argomenta razio- non potendo fare nulla per la propria salvezza, l’uo-
nalmente a favore della mortalità dell’anima: l’ani- mo può cogliere nella propria esistenza i segni della
ma è inscindibilmente congiunta al corpo e così non predestinazione e della grazia divine. Gli eletti, in
vi può essere neppure conoscenza senza esperienza. quanto resi giusti (giustificati) dalla grazia divina,
Queste tesi, sostenute e argomentate razionalmente, manifestano la chiamata (vocazione) nell’azione
sono messe in conflitto con ciò che si crede per fede: positiva all’interno della comunità, attraverso un’at-
Pomponazzi afferma di non aver dubbi sull’immorta- tività sociale e lavorativa caratterizzata dal succes-
lità dell’anima, anche se questa non è una certezza so e dall’approvazione.
razionale, bensì derivante dalla rivelazione.
Il pensiero politico
Il rinnovamento religioso rinascimentale: realismo
e la Riforma protestante e utopia
X L’Umanesimo di Erasmo. Nel contesto del Rinasci- X Nel Rinascimento la politica si afferma come am-
mento si manifesta la richiesta di una religiosità rin- bito autonomo, indipendente dalla morale e dalla
novata, il cui simbolo è Erasmo da Rotterdam. Nella religione. Accanto al realismo politico si diffonde il
sua opera principale, L’elogio della pazzia, egli con- pensiero utopistico, che esprime la denuncia delle
danna la stoltezza, legata al vecchio sapere e alla situazioni problematiche indotte dai processi di mo-
religione ridotta a teologia o a ritualità, ed esalta la dernizzazione.
divina follia di esploratori e scienziati che impegna- X Il realismo di Machiavelli. La politica si presenta
no o rischiano la propria vita per l’umanità, insieme come ambito di indagine autonomo, avente quali
alla pazzia del cristianesimo, inteso come profondo princìpi fondamentali la natura umana, essenzial-
coinvolgimento esistenziale nell’imitazione del mo- mente egoista e calcolatrice, e la verità effettuale,
dello di Cristo. ossia la realtà di fatto in cui si inserisce concreta-
X La Riforma luterana. Lutero fa della predestina- mente l’azione dell’uomo.
zione l’asse portante della propria proposta: dopo il X Coerentemente con i presupposti dell’Umanesimo,
peccato l’uomo è divenuto incapace di fare il bene Machiavelli afferma la possibilità dell’uomo di esse-

69
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento
Sintesi
re padrone del proprio destino, superando il fata- dere ai propri bisogni e contribuisce al benessere
lismo tipico del Medioevo. Con una nota metafora, comune attraverso il lavoro che, essendo svolto da
egli paragona gli eventi fortuiti a un fiume in piena: tutti, occupa solo poche ore della giornata. Gli abi-
se abbiamo costruito per tempo solidi argini (la vir- tanti di Utopia regolano il proprio comportamento
tù) possiamo evitare di esserne travolti. La virtù non sulla base della ragione (e quindi dei diritti natura-
è da intendersi in senso cristiano, ma come capacità li) e, anche se credono a un essere superiore, sono
di organizzare razionalmente la propria esistenza. tolleranti verso qualsiasi fede.
X L’opera più nota di Machiavelli, Il Principe, è dedicata X L’utopia politica di Tommaso Campanella è espo-
a chi voglia costruire uno Stato. A costui in prima sta nell’opera La città del Sole e poggia sulla sua
istanza spetta il compito di conoscere accurata- articolata concezione filosofica, che riprende la cor-
mente la natura umana e la verità effettuale, per rispondenza platonica tra individuo e Stato. Alle tre
poter conseguire, a prescindere da considerazioni facoltà, o «primalità», dell’uomo, potenza, sapien-
morali, le proprie finalità politiche, per poter cioè za e amore, corrispondono nello Stato tre ministri,
realizzare uno Stato solido. Pon, Sin e Mor, che si occupano rispettivamente
X Dal momento che quest’ultimo è in grado di garan- dell’ordine e difesa, della scienza ed educazione,
tire la sicurezza e la prosperità di migliaia di persone, della regolamentazione delle unioni e delle nascite.
passano in secondo piano i criteri morali: anche I ministri sono gli strumenti del Sole, o Metafisico,
l’assassinio, l’inganno, il tradimento sono permessi, che ne coordina l’azione e guida lo Stato.
ma solo per il principe, in quanto dalla sua azione X Nella città ideale non esiste la proprietà privata e
dipende il destino di un popolo. tutti lavorano soltanto quattro ore al giorno, poten-
X Se la costruzione dello Stato può prescindere da prin- do così dedicarsi anche allo studio e a tutto ciò che
cìpi morali, la sua conservazione impone che esso si favorisce la realizzazione personale.
fondi su valori condivisi da un intero popolo. Essi
non dovranno essere cercati nella religione, ma nel- Il Rinascimento europeo:
la storia e nelle caratteristiche particolari del popolo
stesso, che deve riscoprire i propri valori originari, Montaigne
quelli che ne hanno accompagnato la prima forma- X Montaigne, nei suoi Saggi, non contrappone cultu-
zione. Per l’Italia, vanno individuati in particolare nel- ra primitiva e civiltà: l’uomo europeo indica come
le virtù civiche dell’antica Roma repubblicana. barbaro chi è diverso, privilegiando dunque una
X Il pensiero utopistico. Il pensiero utopistico ha prospettiva centrata sulla propria cultura. Occorre-
un’ampia diffusione nel Rinascimento. Le figure più rebbe invece, per Montaigne, mettere in discussione
rappresentative sono quelle di Moro e Campanella. tale presunta superiorità, in nome di un relativismo
X Tommaso Moro descrive l’isola di Utopia, dove non etico e di uno scetticismo gnoseologico che pon-
esistono la proprietà privata né i mali ad essa legati, gano in luce le incertezze e i limiti delle nostre co-
quali furti, omicidi ecc. Ognuno ha di che provve- noscenze.

70
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Itinerari di lettura

SOMMARIO
T1 CUSANO
(da La dotta ignoranza)
1 L’universo infinito L’universo infinito, senza centro
né circonferenza
T2 BRUNO

ITINERARI DI LETTURA
(dalla Cena delle Ceneri)
La rivoluzione astronomica è in realtà una rivoluzio- La nuova cosmologia
ne del modo di pensare. Prima ancora di affermarsi in T3 BRUNO
ambito scientifico con Copernico, si manifesta in filo- (da De la causa)
L’universo come Uno-tutto
sofia con Cusano, che sostiene, in modo più radicale ri-
spetto a quanto farà Copernico, l’infinità dell’universo,
che dunque non ha un centro (neppure il Sole). La nuova visione cosmologica deriva dal
ripensamento del rapporto fra Dio e il mondo, nel pensiero di Cusano come, più tardi,
in quello di Bruno: se il mondo deriva da Dio, se Dio è presente in esso, allora i predicati
dell’uno devono essere propri anche dell’altro. Non è possibile immaginare un universo
vivificato da Dio che non sia anch’esso infinito.
L’affermazione dell’infinità dell’universo non comporta però una svalutazione dell’uomo,
che adesso non ne è più al centro. Anzi, in un universo senza più centro, l’uomo deve trovare
in se stesso il punto di riferimento per orientarsi nel cosmo e per dare senso alla realtà.

T1 Cusano: L’universo infinito, senza centro né circonferenza


Il mondo è explicatio di Dio e quindi non può avere limiti, pur non essendo propriamente in-
finito. Se non ha limiti, non ha neppure un centro né una circonferenza: il cosmo aristotelico-
tolemaico viene messo in discussione, anche se con qualche incertezza.

Ricostruisci Il centro del mondo coincide con la circonferenza. Ma il mondo non ha circonferenza.
le argomen- Se avesse un centro, il mondo avrebbe anche una circonferenza, e avrebbe in se stesso,
tazioni
di Cusano al suo interno, l’inizio e la fine, e avrebbe dei limiti in rapporto a qualcosa d’altro e, al
di fuori del mondo, vi sarebbe dell’altro e vi sarebbero altri luoghi ancora. Afferma-
5 zioni tutte senza verità. Essendo impossibile che il mondo si racchiuda fra un centro
corporeo e una circonferenza, il mondo risulta inintelligibile, e Dio stesso ne è centro
e circonferenza. E sebbene il mondo non sia infinito, tuttavia non lo si può concepire
nemmeno finito, mancante com’è di termini che lo racchiudano.
Sai cogliere Perciò quella Terra, che non può essere il centro del mondo, non è del tutto priva di moto.
alcune 10 È necessario che essa si muova di tal moto che possa divenire minore di quello che è1, all’in-
contrad-
dizioni o finito. Come la Terra non costituisce il centro del mondo, così nemmeno la sfera delle stelle
incertezze fisse ne costituisce la circonferenza, sebbene, paragonando fra loro la Terra e quel cielo, la
presenti prima appaia essere più vicina al centro e il secondo più vicino ad essere la circonferenza.
nel brano?
(La dotta ignoranza, II, xi, par. 156, p. 171)

1. che possa ... che è: la Terra non può essere il centro, perché il centro del mondo è Dio, ma è vicina al centro del mondo, come si
legge subito sotto. Cusano non si è ancora del tutto liberato dal modello tolemaico; di conseguenza, la Terra deve muoversi in quanto non
è centro, ma il suo movimento deve poter decrescere all’infinito, tendendo verso il centro e verso Dio.

71
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

GUIDA ALL’ANALISI

Nonostante la modernità della concezione astronomi- traddizioni della cosmologia di Cusano si spiegano con il
ca che sostiene, soprattutto se si considera che scrive fatto che egli non supera completamente la concezione
circa un secolo prima rispetto a Copernico, Cusano pre- aristotelico-tolemaica. Il suo è piuttosto un universo to-
senta ancora incertezze nel delineare la nuova immagine lemaico dilatato all’infinito, che perde perciò un centro
dell’universo. Ad esempio, l’universo è illimitato in quanto immobile e le sfere chiuse, ma ne conserva i punti di ri-
explicatio di Dio, ma non può essere infinito altrimenti ferimento (centro, circonferenza ecc.), seppure sottratti al
coinciderebbe completamente con Lui. Queste e altre con- loro significato originario.

T2 Bruno: La nuova cosmologia


Nella seconda metà del secolo xvi il copernicanesimo è al centro di molte polemiche. A Londra nel
1584 Giordano Bruno viene invitato a esporre le sue idee sulle tesi di Copernico in una riunione
amichevole, svoltasi nel primo giorno di Quaresima, il giorno delle Ceneri. Da questo incontro
trae spunto la Cena delle Ceneri, consistente in cinque dialoghi nei quali Bruno espone la pro-
pria visione dell’universo. Copernico apre la strada alla liberazione dell’umanità dalle tenebre
dell’ignoranza. Bruno rivendica di averne completato l’opera. Nel dialogo, il protagonista Teofi-
lo, dopo aver parlato di Copernico, tesse l’elogio dello stesso Bruno, definito «il Nolano».

Elogio di Or ecco quello, ch’ha varcato l’aria, penetrato il cielo, discorse le stelle, trapassati gli
Bruno margini del mondo, fatte svanir le fantastiche muraglia de le prime, ottave, none, deci-
me ed altre1, che vi s’avesser potuto aggiungere, sfere, per relazione de vani matematici
e cieco veder di filosofi volgari; cossì al cospetto d’ogni senso e raggione, co’ la chiave di
5 solertissima inquisizione aperti que’ chiostri de la verità, che da noi aprir si posseano,
nudata la ricoperta e velata natura, [...] n’apre gli occhi a veder questo nume, questa
nostra madre, che nel suo dorso ne alimenta e ne nutrisce, dopo averne produtti dal
suo grembo, al qual di nuovo sempre ne riaccoglie [...].
Il rinnova- Cossì conoscemo tante stelle, tanti astri, tanti numi, che son quelle tante centinaia
mento della 10 di migliaia, ch’assistono al ministerio2 e contemplazione del primo, universale, infinito
conoscenza
si intreccia ed eterno efficiente. Non è più imprigionata la nostra raggione coi ceppi de’ fantastici
con quello mobili e motori otto, nove e diece. Conoscemo, che non è ch’un cielo, un’eterea reggio-
etico e ne immensa, dove questi magnifici lumi serbano le proprie distanze, per comodità de
religioso
la participazione de la perpetua vita. Questi fiammeggianti corpi son que’ ambasciato-
15 ri, che annunziano l’eccellenza de la gloria e maestà di Dio.
Che cos’è Cossì siamo promossi a scuoprire l’infinito effetto dell’infinita causa, il vero e vivo
«l’infinito vestigio de l’infinito vigore; ed abbiamo dottrina di non cercar la divinità rimossa da
effetto
dell’infinita noi, se l’abbiamo appresso, anzi di dentro, più che noi medesmi siamo dentro a noi;
causa»? non meno che gli coltori degli altri mondo non la denno cercare appresso di noi, l’aven-
20 do appresso e dentro di sé, atteso che non più la luna è cielo a noi, che noi alla luna.
(Cena delle Ceneri, Dialogo primo, in Dialoghi italiani, pp. 33-34)

1. fantastiche ... ed altre: il riferimento, come si dice subito dopo, è all’universo aristotelico-tolemaico, nel quale le sfere cristalline,
nella loro solidità, erano per Bruno come «muraglia», parola che assume anche un evidente senso metaforico, in quanto indica un ostacolo
posto alla conoscenza.
2. ministerio: la dilatazione dell’universo e la moltiplicazione dei corpi celesti sono un tributo all’infinità di Dio, al cui culto presenziano
(«assistono al ministerio»).

72
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
1. L’universo infinito

GUIDA ALL’ANALISI

Bruno, elencando i propri meriti per bocca di Teofilo, pro- to non è però solo scientifico, ma morale, perché la nuova
pone una nuova cosmologia che contribuirà a demolire il astronomia ha liberato la ragione dai ceppi della tradizione
modello aristotelico-tolemaico: l’universo, non avendo più e ha aperto di nuovo la strada della ricerca.
margini, è diventato infinito; sono venute meno le sfere Da ultimo, l’infinità dell’universo è fatta derivare, come
celesti che trasportavano i corpi celesti, come anche tutte in Cusano, dall’infinità di Dio che lo ha prodotto. Ne conse-
le sfere aggiuntive, introdotte per spiegare i diversi moti gue un esplicito panteismo che si traduce in un avvicina-
celesti. La nuova visione astronomica si coniuga con una mento dell’uomo a Dio. Altro elemento suggestivo della co-
nuova concezione della natura, considerata un unico gran- smologia bruniana, già presente in Cusano, è il tema degli

ITINERARI DI LETTURA
de organismo del quale tutti facciamo parte. Il rinnovamen- infiniti mondi, che ospitano un’infinità di forme di vita.

T3 Bruno: L’universo come Uno-tutto


L’universo è concepito da Bruno come Uno-tutto, come totalità che dà significato alle parti, come
unico organismo vivente che racchiude in sé ogni divenire, rimanendo però immobile e identico
a se stesso. L’universo è un «capace loco di moto e di quiete», cioè accoglie in sé diverse forme
di moto o di quiete, ma come totalità è immobile; è in continuo divenire nelle singole parti, ma
come unità è inalterabile, e così via. Dio rispetto all’universo ha un rapporto di immanenza-
trascendenza. Dio è mens super omnia e mens insita omnibus, ma l’universo, cioè la natura,
è la sua manifestazione immediata, e partecipa dei suoi attributi. In questo passo sta parlando
Teofilo, il filosofo che, come nella Cena delle Ceneri, funge da alter ego di Bruno.

In quali Teo. – È dunque l’universo uno, infinito, inmobile. Una, dico, è la possibilità assoluta,
significati uno l’atto, una la forma o anima, una la materia o corpo, una la cosa, uno lo ente, uno
Bruno
definisce il massimo ed ottimo; il quale non deve posser essere compreso; e però infinibile e
l’universo interminabile, e per tanto infinito e interminato, e per conseguenza immobile. Questo
«immo- 5 non si muove localmente, perché non ha cosa fuor di sé ove si trasporte, atteso che sia
bile»?
il tutto. Non si genera; perché non è altro essere, che lui possa desiderare o aspettare,
atteso che abbia tutto lo essere. Non si corrompe; perché non è altra cosa in cui si can-
Il filosofo ge, atteso che lui sia ogni cosa. Non può sminuire o crescere, atteso che è infinito; a cui
nega il come non si può aggiongere, cossì è da cui non si può sottrarre, per ciò che lo infinito
cambia-
mento 10 non ha parte proporzionabili. Non è alterabile in altra disposizione, perché non ha
nell’uni- esterno, da cui patisca e per cui venga in qualche affezione. Oltre che, per comprender
verso o tutte contrarietadi nell’esser suo in unità e convenienza, e nessuna inclinazione pos-
dell’uni-
verso?
ser avere ad altro e novo essere, o pur ad altro e altro modo di essere, non può esser
soggetto di mutazione secondo qualità alcuna, né può aver contrario o diverso, che
15 lo alteri, perché in lui è ogni cosa concorde. Non è materia, perché non è figurato né
figurabile, non è terminato né terminabile. Non è forma, perché non informa né figura
altro, atteso che è tutto, è massimo, è universo. Non è misurabile né misura.
(De la causa, principio e uno, Dialogo quinto, in Dialoghi italiani, pp. 318-19)

GUIDA ALL’ANALISI

Ricostruiamo l’argomentazione di Bruno, che si arti- analogia l’importanza del concetto di unità nell’indagine
cola in vari passaggi. filosofica e nella descrizione del mondo (una la possibi-
3. La premessa generale è l’unità del tutto, che viene af- lità, una l’anima, uno l’ente ecc.).
fermata inizialmente come postulato, richiamando per 4. Inizialmente Bruno enuncia la tesi che poi dimostrerà nei
73
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

diversi aspetti: l’universo è uno, dunque non può essere perché non è un principio spirituale nella natura o semplice
compreso (da altro, perché se vi fosse altro non sarebbe materia senza un principio formale: la natura comprende in
uno), quindi è infinito e perciò immobile. sé questi diversi aspetti, ma non si identifica con nessuno
5. Poste le premesse e la tesi, segue la dimostrazione in particolare.
dell’immobilità dell’universo, secondo tutti i diversi si- La natura-tutto di Bruno è l’unità di tutte le cose, è l’uni-
gnificati del movimento (che sono quelli distinti e de- verso concepito come un unico organismo, come un essere
scritti anticamente da Aristotele), compreso ovviamente che comprende in sé tutti gli enti e dà loro senso. Il singolo
il divenire: uomo, la singola pianta, il singolo animale nascono, cresco-
– non si muove di moto locale, perché se è tutto, non no, muoiono, cioè divengono, ma il tutto in cui ciò avviene
avrebbe altro luogo dove andare fuori di sé; è sempre uguale a se stesso.
– non può generarsi, perché ha già tutto l’essere; Nella filosofia di Bruno c’è un panteismo di fondo,
– non può corrompersi, perché, essendo tutto, non può anche se in qualche modo il filosofo nolano cercherà di
cambiarsi in altro. salvare anche la trascendenza divina, parlando di mens
Merita un commento la chiusura: non è forma né materia super omnia.

LAVORO 1 T1 Trova i residui dell’universo tolemaico in Cusano.


SUL X Individua nel brano le concessioni che Cusano ancora fa al sistema aristotelico-tolemaico, sot-
TESTO
tolineando le espressioni che esprimono questa adesione.

2 T1-T2 Confronta l’universo di Cusano con quello bruniano.


X Ricava dalla lettura dei tre brani un confronto tra la cosmologia di Cusano e quella di Bruno,
evidenziando analogie e differenze.

3 T2 Leggi il brano con attenzione e rintraccia l’argomento a favore dell’infinità dell’uni-


verso.
X Sottolinea e commenta la frase in cui si concentra l’argomento.
X Pur negando che l’universo sia finito e racchiuso entro le mura delle sfere celesti, Cusano non ne
afferma la positiva infinità. Il termine usato dal pensatore tedesco al riguardo è «interminato». Il
primo ad asserire esplicitamente l’infinità dell’universo è Giordano Bruno. Tale sua visione non è
il risultato di osservazioni astronomiche o di calcoli matematici, bensì di un argomento di carat-
tere metafisico, presente già nella tarda Scolastica. Rintraccialo nel brano.

SOMMARIO
T4 FICINO
(dalla Teologia platonica)
2 La natura vivente L’anima del mondo
T5 FICINO
(dalla Teologia platonica)
L’artista immanente
Uno degli aspetti più caratteristici e affascinanti del T6 CAMPANELLA
Rinascimento è il vitalismo: tutta la natura viene con- (da Del senso delle cose e della magia)
siderata vivente, anche ciò che di solito sembra inerte Il senso delle stelle o
inorganico. In realtà, nella concezione rinascimentale
74
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
2. La natura vivente

della natura non esiste l’«inorganico»: anche le pietre (si pensi all’alchimia) influenzano
gli uomini, o si trasformano, o producono cambiamenti (più tardi si dirà «reazioni chi-
miche»). Le stelle influenzano il destino degli uomini e tutti gli esseri dell’universo sono
legati da fili invisibili, costituendo nel loro insieme un unico grande organismo.
Nella tradizione neoplatonica questa visione è sorretta filosoficamente dall’idea che
esista un’anima del mondo, che unisce e vivifica il tutto; nel naturalismo è giustificata,
in forme a volte ingenue, dalla magia, come in Campanella. Il denominatore comune a
queste diverse concezioni è che il cosmo è un tutto organico, è animato da un principio
razionale, l’anima del mondo, comprendendo la quale possiamo conoscerlo e prevederne
il comportamento. La stessa magia non rinvia a un mondo irrazionale e superstizioso, ma

ITINERARI DI LETTURA
alla possibilità di controllarlo e padroneggiarlo con la conoscenza degli elementi che lo co-
stituiscono: è con questa conoscenza che l’uomo può dedurre i princìpi che governano la
natura, riuscendo a comprenderla senza dover più necessariamente farla dipendere dalla
volontà divina. È quell’atteggiamento di attenzione sistematica e razionale per la natura
che prepara la strada al metodo scientifico.

T4 Ficino: L’anima del mondo


L’anima è considerata da Ficino, in generale, come il principio razionale che struttura la realtà
secondo i modelli delle idee e le dà vita. Essa non è perciò propria soltanto dell’uomo, ma anche
del mondo e delle sfere celesti, cioè di tutto ciò che è organizzato secondo ragione e orientato
verso una finalità.

Quali sono Tre sono i gradi delle anime razionali: l’anima del mondo; le anime delle sfere; le anime
le tre anime degli esseri viventi; e ciascun grado abbraccia una sfera determinata.
di cui parla
Ficino? Ponemmo, in principio, cinque gradi, ascendendo dall’infimo al supremo, e poi li
abbiamo comparati fra loro in ordine discendente concludendo col porre su un pia-
5 no medio fra essi l’anima razionale. Sarà ora oggetto della nostra indagine secondo
il procedimento dei teologi mercuriali1 – il grado di quest’anima. La generazione è il
principio del nutrimento e della crescita: nulla, infatti, può nutrirsi o crescere senza la
generazione di alcune parti.
La Terra è D’altra parte l’esperienza ci ha insegnato che là dove nutrizione e crescita tengono
vista come 10 dietro alla generazione, ivi esistono anche vita ed anima. Vediamo che la terra da semi
un unico
organismo determinati genera innumerevoli alberi ed animali non solo, ma che anche li alimenta
durante la crescita. Vediamo che essa fa crescere anche pietre, a mo’ quasi di denti,
nonché erbe svariate, quasi suo vello, le quali crescono sin tanto che siano attaccate
alle loro radici, mentre, una volta strappate dalla terra, avvizziscono. E chi potrebbe
15 sostenere che manchi di vita il grembo di questa donna che tanti feti spontaneamente
procrea ed alimenta, che da se stesso si sostiene, sul cui dorso spuntano e denti e vel-
lo? Allo stesso modo va considerata la massa dell’acqua. Hanno dunque un’anima sia
l’acqua che la terra.
(Teologia platonica, IV, i, vol. I, p. 239)

1. teologi mercuriali: i seguaci di Ermete Trismegisto.

75
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

T5 Ficino: L’artista immanente


Ficino si chiede se la causa della formazione degli esseri naturali sia immanente o trascendente.
Non esclude l’influenza di intelligenze celesti, ma esse dovrebbero in ogni caso operare attra-
verso un principio mediatore tra loro e la materia, cioè tramite un’anima. È questa dunque che,
agendo dall’interno, forgia la natura. La filosofia di Ficino è una vera esaltazione della natura,
la quale è provvista di una razionalità complessiva ed è vivente in ogni sua parte, anche nei corpi
che appaiono come inanimati. Questi non hanno un’anima individuale, ma sono tutti pervasi
dalla vita dell’anima del mondo.

Tali cause dunque dovranno trovarsi nell’anima della terra, la quale, tramite la natura-
le ed essenziale idea per esempio della vite, genererà la vite, per mezzo dell’idea delle
mosche, produrrà le mosche. E l’anima produrrà questi o quei determinati effetti nella
materia dopo che questa sia stata disposta in questo o quel modo dall’anima stessa
5 nell’atto in cui, per disporre la materia come la dispone, essa determina gli influssi del
mondo in questo o quel determinato modo.
Come E se l’arte degli uomini null’altro è se non una imitazione della natura, e quest’arte
valuta realizza le sue opere tramite certi ben determinati mezzi tecnici di esecuzione, simil-
Ficino
l’arte? mente opera la natura, e con arte tanto più viva e sapiente quanto più efficace è la sua
10 esecuzione e quanto più belle sono le sue opere. E se possiede principi vitali di creazio-
ne l’arte, che pur plasma opere prive di vita e non si serve nell’atto creativo di forme
né principali né integre, quanto a maggior ragione si deve supporre che siano presenti
principi vitali di creazione nella natura, la quale crea esseri viventi e produce forme
principali ed integre! Cos’è infatti l’arte dell’uomo? È una natura che tratta dall’esterno
15 la materia. Cos’è invece la natura? È l’arte che modella dall’interno la materia proprio
come se il falegname fosse dentro il legno. Ché se l’arte umana, pur trovandosi esterna
alla materia, tuttavia a tal punto armonizza e si accosta all’opera che deve eseguire da
riuscire a realizzare determinate opere secondo determinate idee, quanto più un simile
Qual è la risultato sarà in grado di ottenere l’arte della natura, la quale non si limita a toccare la
differenza 20 superficie della materia tramite le mani od altri strumenti esterni a lei – come l’anima
tra arte e
natura per del geometra tocca dall’esterno la superficie della sabbia quando vi disegna le figure –
Ficino? ma agisce piuttosto come la mente geometrica nell’atto in cui formula e definisce den-
tro di sé la sua materia fantastica. Come, infatti, la mente del geometra quando medita
entro di sé figure e loro proprietà essenziali forma, tramite le immagini di quelle figu-
25 re, un interno mondo fantastico, e tramite ciò manifesta e realizza anche uno spirito
fantastico, senza per questo compiere una particolare azione cosciente, così nell’arte
della natura una sapienza divina, tramite modi determinati dell’intelletto, immette
nei semi naturali la potenza vivifica e motrice che le è propria e per mezzo di questa
con facilità estrema forma dall’interno anche la materia. Che cos’è mai un’opera d’arte?
30 La mente dell’artista realizzata in una materia a lei esterna. E che cosa è un’opera della
natura? La mente della natura realizzata in una materia a lei intimamente congiunta.
(Teologia platonica, IV, i, vol. I, pp. 243-44)

76
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
2. La natura vivente

GUIDA ALL’ANALISI

Il brano è fin dall’inizio di ispirazione platonica: l’anima del to, bensì come principio vitale che agisce da dentro le cose.
mondo genera i vari enti a partire dalle idee. La produzione Il seme che diviene pianta non è un semplice processo di
delle cose avviene però dall’interno, con un processo che crescita, ma è, per così dire, una crescita guidata, per cui
Ficino descrive in termini suggestivi: la natura plasma la l’anima del mondo, immanente, plasma la materia secondo
materia, ma non come l’artista che rimane da essa separa- l’idea di quel determinato ente.

ITINERARI DI LETTURA
T6 Campanella: Il senso delle stelle
La sensibilità è, secondo Campanella, in tutte le cose, in quanto dipende dal calore. L’elemento
più senziente è perciò quello più caldo, cioè il fuoco, e quindi la luce, sua diretta emanazione. Per
questo, gli occhi, organo della vista, sono il senso più simile all’anima; per questo le stelle, che
sono fatte di luce, sono gli esseri più senzienti dell’universo, e attraverso la luce ne conoscono
ogni aspetto.

Si può stimare che le stelle, mandandosi la luce l’una all’altra, si manifestino i loro
secreti, poiché la luce infarsi d’ogni passione1 per la sua schiettezza vedemo, e il loro
senso esser voluptuoso2 e non doloroso, perché non han contrarietà di qualità3, ma più
e meno viva luce, e che esse sappino cose infinite di qua giù, poiché i raggi per tutto
5 stendono, e vedono infacendosi4 i raggi, e odono communicandosi il moto.
Perché le Già s’è visto che non vede l’occhio, né l’orecchio ode ne’ morti e dormienti, ma che
stelle sanno lo spirito sottile nell’occhio vede e nell’orecchio ode. Dunque le sottilissime stelle tutte
molte più
cose di noi? sono occhio e udito e sentimento esquisito; né credo che tra loro sia oblio ed errore,
perché non esalano e non si perturbano, e però sappian l’origine del mondo, forse, o
10 dubitano,perché il naso non sa quel che sa tutta l’anima. Ma dunque, essendo le stelle
parti, non sanno quel che sa tutta l’anima del mondo e tutto il mondo, ma quel che a
loro è avvenuto dopo che nacquero e le cose che sono da venire al mondo in gran parte
sàpeno [...].
(Del senso delle cose e della magia, III, cap. 4, pp. 173-74)

1. infarsi d’ogni passione: immedesimarsi in ogni passione.


2. voluptuoso: piacevole.
3. contrarietà di qualità: non c’è in loro una natura contraria che possa contrastare la tendenza naturale, non c’è il contrasto tra
caldo e freddo.
4. infacendosi: rappresentandosi.

77
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

LAVORO 1 T4 Chiarisci i significati di «anima».


X
SUL In questo brano, Ficino propone una complessa articolazione dell’anima, distinguendone tre di-
TESTO
verse accezioni. Commentale singolarmente, chiarendo la funzione di ognuna.

2 T5 Esplicita gli elementi del confronto tra artista e natura.


X Ficino stabilisce una correlazione tra l’artista e la natura. Perché? Che cosa vuol dimostrare?
– L’artista e la natura (l’anima del mondo) vengono messi a confronto, individuando alcune somi-
glianze ma anche importanti differenze. Enumera in una tabella le une e le altre.

3 T6 Leggi con attenzione il brano ed esamina le spiegazioni presentate da Campanella.


X La visione rinascimentale della natura è fortemente segnata dal panvitalismo: tutto è animato,
tutti gli esseri si influenzano l’un l’altro. A ciò concorre lo sviluppo dell’alchimia che, seppure
con metodo non scientifico, mostra l’attività degli elementi non viventi. L’affinità tra i viventi, tutti
egualmente animati, viene spesso spiegata anche con l’analogia, il procedimento dimostrativo
per eccellenza del Rinascimento, di cui Campanella fa largo uso.
– Esamina ognuna delle spiegazioni (tutte le volte che trovi le parole «perché», «poiché», «dun-
que») di Campanella, chiarendo dove vengono applicate l’analogia o la metafora (per esempio, le
stelle si raccontano i segreti tramite la luce, che in quanto luminosa è anche schietta e non può
nascondere nulla).

Indicazioni bibliografiche
X Opere da cui sono tratti i testi • M. Lutero, Il servo arbitrio, a • P. O. Kristeller, La tradizione
• L. B. Alberti, I libri della famiglia, cura di R. Jouvenal, Torino, Clau- classica nel pensiero del Rinasci-
a cura di R. Romano e A. Tenenti, diana, 1969 mento, Firenze, La Nuova Italia,
nuova ed. a cura di F. Furlan, Tori- • N. Machiavelli, Tutte le opere, a 1965
no, Einaudi, 1994 cura di A. Artelli, Firenze, Sansoni, – Il pensiero filosofico di Marsilio
• G. Bruno, Dialoghi italiani, a 1971 Ficino, Firenze, Sansoni, 1953
cura di G. Gentile (3a ed. a cura di • T. Moro, L’Utopia, a cura di M. • J. Le Goff, Nel medioevo: tempo
G. Aquilecchia), Firenze, Sansoni, Isnardi Parente, Roma-Bari, Later-
della chiesa e tempo del mercante,
1958 za, 1993
Torino, Einaudi, 1977
• T. Campanella, Del senso delle • A. Sani, Infinito, Firenze, La Nuo-
cose e della magia, a cura di A. X Saggi critici citati o consigliati
va Italia, 1998
Bruers, Bari, Laterza, 1925 • M. Ciliberto, Giordano Bruno,
– Metafisica, a cura di G. Di Napoli, Roma-Bari, Laterza, 1990 • G. Santinello, Introduzione a
Niccolò Cusano, Bari, Laterza,
Bologna, Zanichelli, 1967, 3 voll. • L. Febvre, Problemi di metodo
• N. Cusano, La dotta ignoranza, storico, Torino, Einaudi, 1966 1971
Le congetture, a cura di G. Santi- • L. Firpo, L’utopismo, in Storia • G. Sasso, Studi su Machiavelli,
nello, Milano, Rusconi, 1988 delle idee politiche, economiche, Napoli, Morano, 1967
• M. Ficino, Teologia platonica, sociali, vol. III, Torino, Utet, 1987 • F. A. Yates, Giordano Bruno e la
a cura di M. Schiavone, Bologna, • E. Garin, L’umanesimo italiano, tradizione ermetica, Roma-Bari,
Zanichelli, 1965, 2 voll. Roma-Bari, Laterza, 1981 Laterza, 1981

78
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Laboratorio
TEST DI AUTOVALUTAZIONE

Il neoplatonismo: Cusano V F Naturalismo e magia V F


1. La dotta ignoranza implica la rinuncia alla nel pensiero di Campanella
conoscenza perché soggettiva e opinabile. 16. Campanella si allontana dal sensismo di
2. L’universo è infinito e coincide in tutto Telesio perché sottolinea il ruolo attivo del
e per tutto con Dio. soggetto nella conoscenza.
3. Anche l’uomo è creatore, perché crea gli 17. Secondo Campanella, non conosciamo con
strumenti per la propria conoscenza, i sensi, ma con la ragione.
producendo, in particolare, gli enti 18. La conoscenza è sempre relativa ai
matematici. cambiamenti che le sensazioni producono
in noi.
Il neoplatonismo: Ficino 19. Dentro di noi, troviamo le verità comuni,
4. Ficino si richiama a Plotino, sostenendo, che comprendono anche le tre primalità.
però, che Dio è superiore all’Uno. 20. Le tre primalità sono: credere, sapere, volere.
5. L’anima è l’ipostasi più significativa, perché 21. Tra gli esseri provvisti di anima (gli animali
congiunge le realtà spirituale e materiale. e le piante) ci sono sentimenti di simpatia
6. Ficino vede il mondo come un organismo e antipatia, che ne spiegano le interazioni.
unico, nel quale tutti gli esseri sono
interconnessi. Il rinnovamento religioso e la Riforma protestante
22. Erasmo afferma che l’uomo può essere
La filosofia della natura di Telesio salvato soltanto dalla grazia divina,
7. Secondo Telesio, la natura è regolata da senza alcun contributo da parte sua.
leggi necessarie. 23. Secondo Lutero, possiamo salvarci
8. I princìpi dinamici della materia sono il caldo, grazie alla fede e alle opere buone.
il freddo e il movimento. 24. Sia Lutero sia Calvino affermano il principio
9. Tutte le cose, tranne quelle composte solo del libero esame delle Scritture.
da materia inerte, hanno sensazioni. 25. Calvino parla di doppia predestinazione.
10. Per Telesio, conosciamo con i sensi, e dunque
la conoscenza cambia da individuo Il pensiero politico rinascimentale:
realismo e utopia
a individuo.
26. Machiavelli sostiene l’indipendenza della
11. Per Telesio, non esiste il libero arbitrio, perché
politica dalla religione e dalla morale.
anche il comportamento umano è soggetto
27. Mediante la virtù l’uomo può essere
a leggi necessarie.
padrone della propria esistenza, eliminando
del tutto la fortuna.
Giordano Bruno: naturalismo e neoplatonismo
28. La conservazione dello Stato è possibile
12. Per Bruno Dio, in quanto principio,
se si fa ritorno ai valori originari
è immanente alla natura.
(riduzione ai princìpi).
13. L’universo, afferma Bruno, non può essere
29. «Utopia» significa «non luogo».
infinito perché altrimenti sarebbe pari a Dio. 30. Sia Moro sia Campanella auspicano
14. Bruno esalta l’homo faber, perché l’abolizione della proprietà privata.
modificando la natura l’uomo partecipa
all’opera di Dio. Confronta ora le tue risposte con le soluzioni di
15. Negli Eroici furori Bruno teorizza la necessità
p. 488 e scrivi il tuo punteggio.
di compiere imprese eccezionali per realizzare
la natura divina dell’uomo. PUNTEGGIO: ……………/30

79
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

L’OFFICINA DEL FILOSOFO


CONCETTUALIZZARE

Umanesimo
1 Completa la mappa sul rinnovamento culturale prodotto dall’Umanesimo
utilizzando le seguenti parole:

tempo • atteggiamento • centralità • classicità • filologia • verità

humanae litterae

elaborazione di si articola in
un nuovo sapere
come ..............................
.............................. storica: Valla

come

riscoperta dei valori


della ..........................

rinnovamento inteso come


culturale

.............................. ne deriva rapporto diretto


dell’uomo con Dio

importanza
degli affari e
della famiglia
nuova visione si articola in
del mondo
l’uomo padrone
del proprio
..............................

nuovo
..............................
verso la natura

80
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Umanesimo e Rinascimento

Lutero e Calvino
2 Nella tabella seguente, stabilisci se in relazione ai concetti indicati le posizio-
ni di Lutero e di Calvino sono uguali (=), simili (≈) o diverse (≠):

Concetto o tema Posizioni

1. predestinazione

2. sacramenti

3. posizione verso la gerarchia ecclesiastica

LABORATORIO
4. segni della grazia

5. rapporto uomo-Dio

6. conseguenze del peccato originale

7. libero arbitrio

Machiavelli
3 Completa le definizioni usando le seguenti parole:

volontà divina • razionalizzare • concreta • valori

1. il ritorno ai ………………….…………. originari di un popolo per costruire un’identità comune


2. la capacità di ………………….…………. la propria azione in riferimento alle circostanze
3. l’insieme degli eventi non prevedibili, che non dipendono però dalla ………………….…………. ma dal caso
4. la realtà ………………….…………. nella quale si colloca l’azione

• Attribuisci ora ogni definizione da te ottenuta alle parole-chiave seguenti:


a. fortuna; B. virtù; C. verità effettuale; D. riduzione ai princìpi

ARGOMENTARE

Bruno
4 Bruno sottolinea l’importanza della nuova cosmologia per il rinnovamento
della conoscenza, superando pregiudizi e superstizioni. Ricostruisci l’argo-
mentazione di questo tema, facendo riferimento al seguente brano e inseren-
do parole ed espressioni seguenti:
dentro noi stessi • organismo • ragione • cosmologica • panteistica • sull’autorità • la natura
Bruno è cosciente dell’importanza della nuova concezione ………………….…………. per la conoscenza, che non si
fonda più ………………….…………., ma sui sensi e sulla ………………….…………., che non consente di capire tutto, ma
ci permette comunque di conoscere ………………….………….. Essa è intesa come un unico ………………….…………., che
produce i diversi esseri viventi, alimentandoli sul suo dorso (la superficie della Terra), accogliendoli poi di
nuovo nel proprio grembo.
La nuova cosmologia conduce a una concezione ………………….…………., poiché l’universo è la manifestazione
di Dio come effetto infinito della causa infinita. Ne deriva una religiosità che pervade tutto l’universo,
in cui ogni astro è ambasciatore della gloria di Dio e tutto partecipa di tutto, tanto che non dobbiamo
cercare Dio in una dimensione trascendente, ma ………………….…………., così come ogni essere dell’universo
deve cercarlo in sé.
81
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

COMPRENDERE
Ficino
5 Riordina le seguenti frasi, in modo da ricostruire una sintesi della filosofia di
Ficino:
a. cioè il punto di unione tra la realtà spirituale e quella inferiore
b. perciò è definita copula mundi
c. Ficino parla di una gerarchia delle sostanze, o ipostasi
d. l’anima del mondo plasma la natura e la orienta teleologicamente
e. le ipostasi sono cinque: Dio, la natura angelica, l’anima, la qualità e, infine, la materia
f. l’anima è al centro dell’universo

Umanesimo e Rinascimento
6 Indica quali delle seguenti frasi sono vere e quali false: V F
1. L’universo per Cusano è infinito perché Dio, essendo onnipotente e sommamente buono,
lo ha fatto il migliore possibile
2. Ficino si richiama a Plotino, affermando che la materia è non essere
3. Secondo Ficino l’anima del mondo regola la natura, garantendone la razionalità
4. Secondo Telesio, anche il comportamento dell’uomo è regolato da leggi necessarie
5. Per Bruno Dio è causa e principio e in quanto causa è immanente alla natura
6. Pur essendo l’universo infinito, solo la Terra, per Bruno, è abitata da esseri razionali
7. Campanella parla di un sensus inditus mediante cui comprendiamo dall’interno la natura
8. Per Lutero, l’uomo non può meritare la salvezza mediante le opere buone
9. Sia Lutero sia Calvino negano che i sacerdoti siano tali in virtù di un sacramento
10. Per Machiavelli la virtù politica richiede che si parta dalla verità effettuale

PROBLEMATIZZARE

Telesio
7 Rifletti sulle questioni poste seguendo le domande-guida.
Telesio considera l’uomo un essere naturale, ritenendo di conseguenza che il suo comportamento sia
riconducibile agli stessi princìpi che spiegano la natura. Come gli eventi naturali, anche i comportamenti
umani sono determinati da leggi necessarie e immutabili. Non si può parlare quindi di volontà e di libero
arbitrio. Da queste premesse consegue che la morale non può stabilire che cosa è bene o male, ma può
soltanto cercare di capire le cause efficienti di un determinato comportamento.
Oggi le diverse scienze dell’uomo (psicologia, sociologia ecc.) sono orientate a individuare le cause che spiegano
il comportamento, considerandolo spesso come il risultato di condizionamenti sociali, psicologici o biologici.
• Qual è la tua opinione a riguardo? Quali possono essere le conseguenze di questa tesi? Confronta le tue
considerazioni con quelle dei tuoi compagni.
Machiavelli
8 Rifletti sulle questioni poste seguendo le domande-guida.
La politica di Machiavelli è diventata il simbolo dell’azione spregiudicata che usa qualsiasi mezzo per
raggiungere i propri fini. Anche se, come abbiamo visto, la «amoralità» riguarda solo l’uomo politico
nell’interesse superiore dello Stato, questa visione può essere discussa. Se un politico facesse commet-
tere dei crimini, ad esempio eliminando testimoni scomodi, o sopprimendo con la violenza altri politici
ritenuti pericolosi, e tutto ciò andasse davvero a vantaggio della sicurezza dello Stato, lo riterresti lecito?
Oppure la morale è superiore alla politica e deve comunque essere rispettata?
82
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
PREPARARSI ALL’INTERROGAZIONE

Confronto tra filosofi


1 Cusano, Ficino e Bruno

Cusano Ficino Bruno

PREPARARSI ALL’INTERROGAZIONE
Dio Trascendente e immanente Trascendente e immanente Trascendente e immanente
(complicatio del mondo, che (come anima del mondo). (mens super omnia e mens
è explicatio di Dio). insita omnibus; causa e
principio).

Universo Explicatio di Dio. Animato da Dio, che ne costi- Vestigio di Dio.


tuisce il principio razionale.

Conseguenze Universo infinito; panteismo. Universo infinito. Universo infinito; panteismo.

Uomo Realtà intermedia tra Dio e la Realtà intermedia tra Dio e la Dio ne compenetra la natura
materia. materia. (Dio è vicino a noi più di
quanto lo siamo noi stessi).

Tutti e tre i filosofi fanno riferimento a Platone e a Plotino, in modo esplicito i primi due, indirettamente ma
in misura comunque rilevante il terzo.

2 Telesio, Bruno e Campanella

Telesio Bruno Campanella

La natura È animata (pampsichismo). È divina (ha in sé Dio come È animata (tutte le cose han-
principio). no sensibilità).

Uomo/natura L’uomo può comprendere i L’uomo può modificare la L’uomo può comprendere la
princìpi della natura. natura, cooperando con la natura mediante la magia.
creazione divina.

L’etica Descrittiva: l’uomo agisce in Esaltazione dell’homo faber e Primalità e importanza del
base al principio di conserva- delle nuove virtù; la supersti- volere (l’amore).
zione di sé. zione produce vizi.

I tre filosofi appartengono al naturalismo rinascimentale. Li accomuna una visione razionale della natura, che
l’uomo può comprendere e modificare. Per tutti e tre essa è animata (vitalismo), per Bruno e soprattutto per
Campanella ha una dimensione spirituale.
83
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

3 Lutero e Calvino

Lutero Calvino

Grazia predestinazione doppia predestinazione

Segni della grazia divina la fede la positività sociale

Libero arbitrio non esiste

Organizzazione religione di Stato o comunità comunità

Confronto tra idee


La natura

Definizione Il termine deriva dal latino natura e quindi da natus, il quale a sua volta rinvia alla radice gna,
che significa «nascita, generazione»; il corrispondente greco di «natura» è phýsis, che rimanda
alla radice phýo nel significato di «produco», «genero». In entrambi i casi si sottolinea quindi
la vitalità, l'organicità. La natura è intesa come materia vivente e organizzata, sia a livello dei
singoli individui, sia nel suo insieme, come razionalità e unità complessive. È questo il significato
prevalente, anche se non l’unico, nella storia della filosofia. Il problema di fondo è se la natura è
organizzata da un principio intelligente o è il risultato di una evoluzione casuale della materia, se
il principio vitale deriva dalla materia stessa o ha natura distinta e penetra in essa organizzando-
la. La tradizione rinascimentale si richiama in misura rilevante a Platone o ad Aristotele.

Platone La natura è animata da un principio razionale (anima del mondo) ed è organizzata secondo una
struttura matematica.
È orientata verso un fine, il Bene (teleologismo).

Aristotele La natura ha una razionalità immanente, ma non un’anima.


È orientata verso un fine, Dio (teleologismo).

Cusano La natura ha una struttura matematica e può esser compresa dall’uomo anche se mai completa-
mente (dotta ignoranza). Dio è la natura (panteismo), quindi l’universo è infinito.

Bruno Dio è la natura (panteismo) quindi l’universo è infinito.

Telesio La natura è animata da princìpi propri, da leggi immutabili che la rendono comprensibile
all’uomo. Tutto è animato in quanto lo sono i princìpi fondamentali (caldo e freddo), che hanno
sensibilità.

Campanella La natura è animata e possiede sensibilità. L’uomo può comprenderla mediante la magia. Esiste
una corrispondenza, una «simpatia» tra gli esseri e anche tra l’uomo e il cosmo.

Pomponazzi La natura è regolata da leggi, ha in sé una razionalità immanente che possiamo comprendere
a partire dalla conoscenza empirica. Non esistono miracoli, perché violerebbero la razionalità
della natura. A volte scambiamo per miracoli influenze astrali che sono però anch’esse naturali.
L’anima, in quanto forma dell’uomo, è mortale.

84
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Questioni che contano

FILOSOFIA E ALTRI LINGUAGGI

Campanella poeta
Campanella ha lasciato molte poesie, in gran parte di argomento filosofico. Quella che ripor-
tiamo chiarisce il suo approccio filosofico, rivolto alla natura come tempio vivente di Dio, la

QUESTIONI CHE CONTANO


cui comprensione ci avvicina a Lui e assume pertanto una valenza metafisica e religiosa.

T7 Campanella: La natura come tempio vivente di Dio


Modo di filosofare
Il mondo è il libro dove il Senno Eterno scrisse i proprii concetti, e vivo tempio
dove, pingendo1 i gesti e ’l proprio esempio,
di statue vive ornò l’imo e ’l superno;
perch’ogni spirto qui l’arte e ’l governo
leggere e contemplar, per non farsi empio,
debba, e dir possa: – Io l’universo adempio,
Dio contemplando a tutte cose interno. –
Ma noi, strette alme a’ libri e tempii morti,
copiati dal vivo con più errori,
gli anteponghiamo a magistero tale.
O pene, del fallir fatene accorti,
liti, ignoranze, fatiche e dolori:
deh, torniamo, per Dio, all’originale!
(T. Campanella, La città del Sole e Scelta d’alcune poesie filosofiche,
a cura di A. Seroni, Milano, Feltrinelli, 1962, p. 6)

1. pingendo: dipingendo, raffigurando.

DALLA X Prova a fare la parafrasi del sonetto. Poi confrontala con quella fatta dallo stesso Campanella,
FILOSOFIA
ALL’ che riportiamo sotto:
ESPERIENZA
In questo sonetto mostra che ’l mondo è libro e tempio di Dio, e che in lui si deve leggere
l’arte divina e imparare a vivere in privato e ’n pubblico e indrizzare ogni azione al Fattor
del tutto; e non studiare i libri e tempii morti delli uomini, ch’anteponghiamo al divino
empiamente, e ci avviliamo l’animo, e cadiamo in errori e dolori e pene, le quali ormai
doverebbono farci tornar all’original libro della natura, e lasciar le sètte vane e le guerre
grammaticali e corporali.
(Ibidem)
85
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

X Tommaso Campanella ha scritto 163 poesie, molte delle quali di argomento filosofico. Puoi trovar-
le nel sito Intratext (www. intratext.com). Scegline una e commentala (ad esempio Del mondo e
sue parti, Anima immortale, Delle radici de’ grandi mali del mondo).

FILOSOFIA E CITTADINANZA

Giordano Bruno e il libero pensiero


Intorno al 17 febbraio 2000, quarto centenario della morte sul rogo di Bruno, tutti i maggiori
quotidiani nazionali dedicarono uno o più articoli alla commemorazione dell’evento, affron-
tando, in modo più o meno diretto, il tema della laicità. Puoi trovare un’ampia rassegna di
questi articoli al seguente indirizzo Internet: www.swif.uniba.it/lei/rassegna/quarto.htm
Riportiamo alcuni brani da un articolo pubblicato sul quotidiano «la Repubblica» del 2
febbraio 2000, a cura del giornalista Sergio Frau.

T8 Frau: Giordano Bruno, processo al libero pensiero


«Venezia, 23 maggio 1592. Giovanni Mocenigo all’Inquisitore di Venezia...». È l’inizio di
tutto: «Denuncio, per obbligo della mia coscienza e per ordine del mio confessore, di aver
sentito dire a Giordano Bruno che è bestemmia grande quella dei cattolici di dire che il
pane diventa carne; che lui è nemico della Messa; che nessuna religione gli piace; che Cri-
sto fu un tristo figuro; e che faceva miracoli apparenti; e ch’era un mago...». È una diga che
si rompe questo Zuane1 Mocenigo che accusando Bruno allaga di veleno le prime pagine
del libro. Nobile, intellettuale, curioso, ambizioso era stato lui a contattare a Francoforte
l’ex domenicano – allora quarantaquattrenne – perché, a pagamento, si recasse a casa sua
ad insegnargli quelle regole di mnemotecnica2 per cui era diventato famoso.
Bruno accettò. L’avesse mai fatto... [...]
È un’Internazionale delle Malelingue quella che si mette in moto, un pettegolezzo tira
l’altro. Il primo libraio: «Non so come stia lì da voi a Venezia, perché a Francoforte è consi-
derato uomo senza alcuna religione». E l’altro, poche ore dopo: «Certo faceva le sue letture
a dottori eretici, perché tutti in quella città sono eretici». [...]
Il Mocenigo, nel frattempo, si è fatto venire in mente qualcos’altro. Terza denuncia,
29 maggio 1592: «Mi son ricordato anche di avergli sentito dire che gli Apostoli con le
prediche e con gli esempi di buona vita convertivano la gente, non come ora che si usa la
forza e non l’amore».
Il giorno dopo ancora, Giordano, è di nuovo sotto torchio: «Ho fatto una lista di tutti i
miei libri stampati e di quelli pronti non ancora pubblicati... Quelli che c’è scritto stampati
a Venezia in realtà furono stampati in Inghilterra perché altrimenti si sarebbero venduti
con maggiore difficoltà... E credo che in essi non si ritrovino cose per le quali io possa venir

1. Zuane: storpiatura in dialetto veneto del nome Giovanni.


2. mnemotecnica: tecnica di potenziamento della memoria.

86
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Umanesimo e Rinascimento

giudicato nonostante molte empietà io posso aver analizzato e spiegato». Più parla, più
s’inguaia, povero Giordano. Dai verbali non risulta chi ha davanti ma, presumibilmente,
ci devono essere almeno quattro alti prelati più lo scriba. Figurarsi quelli, quando poi lui
si scalda nell’esporre le sue teorie e si lascia andare con sincerità, confessando le sue colte
perplessità che, però, restano agli atti: «Insomma io penso a un universo infinito, effetto
della infinita divina potenza: stimavo infatti cosa indegna della Divina Bontà e Potenza
che, potendo creare oltre a questo mondo un altro e altri ancora infiniti, ne avesse prodot-
to uno solo finito. Così che io ho parlato di infiniti mondi particolari simili a questo della
Terra; la quale – con Pitagora – io intendo un astro, simile alla luna, agli altri pianeti, alle
stelle le quali sono infinite...». E anche: «E in questo universo io metto una provvidenza

QUESTIONI CHE CONTANO


universale, in virtù della quale ogni cosa vive, vegeta e si muove...». (Insomma una sorta
di animismo all’antica che vede il divino ovunque, anche nella natura, quasi del tipo che
il papa di oggi tollera in quanto tutte le strade sono buone se conducono all’idea di Dio).
[...]
Quinto interrogatorio, mercoledì 3 giugno 1592.
Continuano le confessioni: sì, ha mangiato carne anche il venerdì; sì, in una dedica ha
chiamato Diva quell’eretica della Regina d’Inghilterra; sì, ha avuto dubbi sulla fede catto-
lica («Ora però io li detesto e li aborro e ne sono pentito...»). Tutta roba poi riassunta in
un paio di paginette al vetriolo3 che relazionano il caso all’Inquisizione di Roma invitando
a far «giustizia».
«Giustizia» sarà fatta otto anni dopo quando la sentenza veneziana di colpevolezza e
di affidamento ai giudici romani sarà confermata dall’Inquisizione romana come testimo-
niano alcuni avvisi del febbraio 1600 saltati fuori dagli archivi e una lettera di un tedesco
che, proprio il 17 febbraio, scrive del rogo a un amico in Germania: «Egli volse il viso pie-
no di disprezzo quando, ormai morente, gli venne posto innanzi il crocefisso. Così morì
bruciato miseramente... Ecco qui il modo con cui procediamo contro gli uomini, o meglio
contro i mostri di tal specie».
Al momento di andare in stampa non risulta che la Chiesa abbia intenzione di chiede-
re scusa per quel suo sacrificio, né che Roma abbia in programma nulla di adeguato per
ricordarlo.

3. al vetriolo: nel senso di «corrosive», fortemente provocatorie.

DALLA X Nel 1600, quando Giordano Bruno venne messo al rogo, la Chiesa controllava in larga misura la
FILOSOFIA
ALL’ vita culturale, anche attraverso l’Indice dei libri proibiti e la necessità dell’imprimatur ecclesia-
ESPERIENZA stico per la pubblicazione di qualsiasi libro. Progressivamente, a partire dal Seicento, si afferma
il concetto di laicità, cioè della separazione tra vita civile e istituzioni religiose. Ancora oggi tale
concetto è oggetto di discussione, soprattutto in Italia.
– Che cosa significa «laicità»? Perché alcuni parlano della necessità di distinguere «laicità» e «lai-
cismo»?
– Ci sono ancora oggi casi di intolleranza religiosa? Hai sentito parlare, ad esempio, del «caso
Rushdie»? Documentati in Internet, inserendo in un motore di ricerca «Salman Rushdie», oppure
«caso Rushdie».
87
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 1 Umanesimo e Rinascimento

FILOSOFIA E CONOSCENZA DI SÉ

L’homo faber sui


Pico della Mirandola, nel suo celebre Discorso, afferma il concetto dell’homo faber sui, cioè
artefice non solo del proprio destino, ma della propria personalità, anzi della sua stessa na-
tura.

T9 Pico della Mirandola: Il Discorso sulla dignità dell’uomo


Negli scritti degli Arabi ho letto, Padri venerandi, che Abdalla Saraceno, richiesto di che
gli apparisse sommamente mirabile in questa specie di teatro che è il mondo, rispondesse
che nulla scorgeva più splendido dell’uomo. [...]
Ora mentre ricercavo il senso di queste sentenze, non mi soddisfacevano gli argomenti
che in gran numero molti recano sulla grandezza della natura umana: esser l’uomo vinco-
lo delle creature, familiare a quelle superiori, sovrano di quelle inferiori, interprete della
natura per l’acume dei sensi, per l’indagine della ragione, per la luce dell’intelletto, inter-
medio fra il tempo e l’eternità [...].
Ma alla fine mi parve di avere compreso perché l’uomo sia il più felice degli esseri
animati e degno perciò di ogni ammirazione e quale sia infine quella sorte che, toccatagli
nell’ordine universale, è invidiabile non solo ai bruti, ma agli astri e agli spiriti oltremon-
dani. Cosa incredibile e meravigliosa! E come altrimenti, se è per essa che giustamente
l’uomo ven proclamato e ritenuto un grande miracolo e meraviglia fra i viventi! Ma quale
essa sia, ascoltate, o Padri, e benigno orecchio porgete, nella vostra cortesia, a questo mio
parlare. Già il sommo Padre, Dio creatore, aveva foggiato, secondo le leggi di un’arcana
sapienza, questa dimora del mondo, quale ci appare, tempio augustissimo delle divinità.
Aveva abbellito l’iperuranio, aveva avvivato di anime eterne gli eterei globi, aveva popolato
di una turba di animali d’ogni specie le parti vili e turpi del mondo inferiore. Sennonché,
recata l’opera a compimento, l’artefice desiderava che vi fosse qualcuno capace di afferrare
la ragione di un’opera sì grande, di amarne la bellezza, di ammirarne l’immensità. Per-
ciò, compiuto ormai il tutto, come attestano Mosè e Timeo, pensò ad ultimo a produrre
l’uomo. Ma degli archetipi non ne restava alcuno su cui foggiare la nuova creatura, né dei
tesori uno ve n’era da elargire in retaggio al nuovo figlio [...].
Stabilì finalmente l’ottimo artefice che a colui, cui nulla poteva dare di proprio, fos-
se comune tutto ciò che singolarmente aveva assegnato agli altri. Accolse perciò l’uomo
come opera di natura indefinita e postolo nel cuore del mondo così gli parlò: «Non ti ho
dato, Adamo, né un posto determinato, né un aspetto tuo proprio, né alcuna prerogativa
tua, perché quel posto, quell’aspetto, quelle prerogative che tu desidererai, tutto appunto,
secondo il tuo voto e il tuo consiglio, ottenga e conservi. La natura determinata degli altri
è contenuta entro leggi da me prescritte. Tu te la determinerai, da nessuna barriera co-
stretto, secondo il tuo arbitrio, alla cui potestà ti consegnai. Ti posi nel mezzo del mondo,
perché di là tu meglio scorgessi tutto ciò che è nel mondo. Non ti ho fatto né celeste né
terreno, né mortale né immortale, perché di te stesso quasi libero e sovrano artefice ti
plasmassi e ti scolpissi nella forma che tu avessi prescelto. Tu potrai degenerare nelle cose
88
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Umanesimo e Rinascimento

inferiori, che sono i bruti; tu potrai rigenerarti, secondo il tuo volere, nelle cose superiori
che sono divine».
O suprema liberalità di Dio Padre! O suprema e mirabile felicità dell’uomo! a cui è
concesso di ottenere ciò che desidera, di essere ciò che vuole. I bruti nel nascere recano
seco dal seno materno, come dice Lucilio, tutto quello che avranno. Gli spiriti superni o
dall’inizio o poco dopo furono ciò che saranno nei secoli dei secoli. Nell’uomo nascente il
Padre ripose semi d’ogni specie e germi d’ogni vita. E secondo che ciascuno li avrà colti-
vati, quelli cresceranno e daranno in lui i loro frutti. E se saranno vegetali, sarà pianta; se
sensibili, sarà bestia; se razionali, diventerà animale celeste; se intellettuali, sarà angelo e
figlio di Dio. Ma se, non contento della sorte di nessuna creatura, si raccoglierà nel centro

QUESTIONI CHE CONTANO


della sua unità, fatto un solo spirito con Dio, nella solitaria caligine del Padre, colui che fu
posto sopra tutte le cose starà sopra tutte le cose.
(P. della Mirandola, Discorso sulla dignità dell’uomo,
trad. it. di E. Garin, Brescia, La Scuola, 1987, pp. 3-7)

DALLA X La dignità dell’uomo consiste per Pico nel poter determinare la propria natura, nel poter scegliere
FILOSOFIA
ALL’ che cosa essere, eventualmente decidendo anche di cedere agli istinti e alla parte meno razio-
ESPERIENZA nale di sé. Sei d’accordo con questa concezione? Argomenta la risposta.
X È proprio vero, secondo te, che ognuno è padrone di se stesso e può scegliere che cosa diven-
tare, oppure la nostra personalità è in gran parte determinata da fattori genetici e ambientali, o,
in ogni caso, da componenti che non possiamo scegliere né controllare e che influenzano larga-
mente il nostro modo di essere? Discutine con i tuoi compagni.
X I «bruti» sono controllati dall’istinto, la natura angelica è pura razionalità. La scelta, secondo
Pico, riguarda da un lato gli istinti e le passioni, dall’altro la ragione e l’intelletto. Tra queste
componenti della nostra personalità c’è davvero, secondo te, una frattura così netta? Dobbiamo
scegliere necessariamente una di queste due alternative, oppure è possibile conciliare passioni
e ragione, istinto e intelletto?

89
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Eidos: dalle idee all’immaginario

Riflettere sulle immagini

La scuola d’Atene
La scuola d’Atene, l’affresco dipinto da Raffaello per papa Giulio II nelle sue stanze private
in Vaticano, è un documento prezioso per capire il particolare modo in cui i rinascimentali
si avvicinavano alla tradizione filosofica. Nel progettarlo, infatti, il pittore si è fatto quasi
certamente assistere da un gruppo di teologi ed esperti.
Il primo dato che appare in evidenza è la straordinaria importanza attribuita alla filosofia,
non più considerata, come nei secoli precedenti, una disciplina subordinata alla teologia
(ancilla theologiae). La filosofia è ormai una scienza autonoma, del tutto emancipata; il
suo prestigio è sottolineato dalla monumentalità dell’edificio, dalla centralità del punto di
vista che costruisce una fuga prospettica grandiosa e simmetrica. I filosofi vi si affollano
discutendo fra loro in piccoli gruppi, segno dell’importanza attribuita al dialogo fra le
varie scuole filosofiche al fine di giungere a una conciliazione fra esse. In ultima analisi la
tesi sostenuta nel dipinto consiste nell’idea che sia possibile giungere a una sintesi unita-
ria fra le dottrine sostenute da tutti i grandi pensatori. A sinistra si dispongono i maestri
del pensiero mistico e neoplatonico (Orfeo, Pitagora), sulla destra i filosofi della natura e
gli scienziati (Tolomeo, Euclide, Zoroastro).

La dignità
della filosofia
Raffaello, La
scuola d’Atene,
particolare,
1509-11,
affresco (Roma,
Musei Vaticani).

ATTIVITÀ X Raffaello attribuì a Platone il volto di un suo celebre contemporaneo. Sai indicare quale?
X Anche la figura di Eraclito, ritratto in primo piano nella classica postura della malinconia (con la
mano appoggiata sulla guancia) ha il volto di un grande rinascimentale. Se osservi bene non ti
sarà difficile scoprire quale.
X Il filosofo isolato dal contesto, scompostamente sdraiato sui gradini della scala, è Diogene. Per-
ché è rappresentato in questo modo?
X Riesci a riconoscere Socrate tra i vari personaggi? In quale atteggiamento è rappresentato?
90
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Eidos: dalle idee all’immaginario

L’UOMO VITRUVIANO
Leonardo Da Vinci, Homo ad circulum, 1490 circa, tecnica mista su carta (Venezia,
Gallerie dell’Accademia).
L’occasione di poter leggere il De Architectura di Vitruvio (con l’aiuto di un amico
traduttore, perché non conosceva il latino) suggerisce a Leonardo la trasformazione del
tema dell’homo ad circulum in uno studio sull’armonia e la perfezione del corpo umano.
Il risultato è uno dei simboli fondamentali della tradizione culturale dell’Occidente.

Il cerchio e il quadrato in cui


le membra umane risultano
perfettamente inscrivibili,
puntando un compasso
sull’ombelico, sono i simboli Le note sopra e sotto
tradizionali rispettivamente l’immagine specificano con
del mondo divino e di quello grande minuzia le proporzioni
umano. L’intento di Leonardo, perfette del corpo secondo i
però, eminentemente artistico, canoni della classicità: «4 diti
sta nella ricerca di una fa 1 palmo, et 4 palmi fa 1 pie,
descrizione matematica delle 6 palmi fa un chubito, 4 cubiti
proporzioni ad uso dei pittori. fa 1 homo».

LE CORRISPONDENZE MAGICHE
Cornelio Agrippa, De occulta philosophia, 1533 (Colonia).
L’equiparazione uomo-universo diventa un tema fondamentale nel pensiero magico
rinascimentale, offrendo un’efficace sintesi della rete di corrispondenze e simpatie che
lega l’uomo al mondo in cui vive Agrippa.

I cinque simboli posti ai


vertici del pentacolo, spesso
denominato dai maghi «anello
di re Salomone», indicano sia
i pianeti sia le cinque sostanze
che compongono tutto il reale:
La stella a cinque punte, il terra, aria, acqua, fuoco e
pentagramma che collega «quinta essenza».
l’uomo all’universo, era
considerata nella tradizione
pitagorica un simbolo della
perfezione, forse perché è una Oltre al pentagramma, la figura
figura geometrica complessa presenta due assi ortogonali
tracciabile intrecciando centrati sugli organi sessuali,
un’unica linea, senza staccare simbolo della capacità
la matita dal foglio. generativa e creatrice.
92
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
LA MEDICINA ASTRALE
Corrispondenze fra l’uomo e le costellazioni, miniatura, inizio XV secolo.
La medicina greco-romana era profondamente «ecologica» perché prestava molta
attenzione alle condizioni ambientali, stagionali, climatiche e lunari. Ad esempio, il
regime e soprattutto la tempistica dei salassi e delle purghe (allora i più importanti
strumenti terapeutici) era regolato sulla base delle fasi lunari (oltre che delle stagioni)
a partire dall’evidenza che queste influiscono sulla nascita e lo sviluppo delle piante.
Solo dopo il contatto con il mondo arabo questo approccio classico, prudente ed emi-
nentemente scientifico, si trasforma in una medicina astrale, nella credenza cioè che vi
siano nascoste ma potenti relazioni fra il corpo umano e l’intero universo.

EIDOS: DALLE IDEE ALL’IMMAGINARIO


Il corpo umano è
leggibile come una
mappa cosmica dotata
di potere diagnostico,
perché il verificarsi di
congiunzioni astrali
positive o negative
provoca rispettivamente
salute o malattia.
Se la costellazione
dei Gemelli, che
nel corpo umano
presiede all’attività
dei polmoni, si trova
in un’associazione
astronomica negativa,
per esempio con Giove,
si determina una
predisposizione alle
malattie polmonari.

Le associazioni magiche fondano persino la


farmacopea: già nell’antichità, ad esempio,
la preparazione farmacologica più diffusa, la
teriaca, era a base di carne di vipera, soprattutto
a causa dell’immaginario simbolico collegato a
questo animale e della credenza che possedendo
esso un veleno debba necessariamente
possederne anche l’antidoto.

93
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Eidos: dalle idee all’immaginario

CORRISPONDENZE NATURALI
Gianbattista Della Porta De humana physiognomonia, 1586.
Il paradigma del confronto fra uomo e cosmo è stato declassato a mera superstizione
magica dalla scienza moderna (a parte un inaspettato ritorno nell’ecologismo estremo
contemporaneo). Ma è significativo come i primi approcci scientifici si siano sviluppati
proprio all’interno del vecchio paradigma.

Della porta concepisce il confronto


fra un animale e un tipo d’uomo
come un’indagine naturalistica in
polemica con la psicologia astrale
d’impronta magica, ed estende il
confronto anche al mondo vegetale:
il cuore corrisponde a tuberi
sotterranei, l’occhio ai fiori, i denti
alle squame delle pigne e così via. È
uno studio sulla forma e la funzione
degli organi che se non è ancora
scienza non è più neppure magia.

IL PIANETA CHE VIVE


Athanasius Kircher, I canali sotterranei di un vulcano, da Mundus Subterraneus, Amstelo-
dami, 1665.
Tramontata in ambito medico a partire dal Seicento, la metafora uomo-cosmo man-
tiene una discreta udienza nelle scienze geologiche, in cui è il corpo umano a essere
assunto come modello esplicativo della Terra, secondo un paradigma organicistico che
sembra ripresentarsi in varie epoche: agli inizi dell’Ottocento nella «filosofia della na-
tura» romantica e oggi nella deep ecology: «Il pianeta che vive», ad esempio, è il titolo
di una noto programma ecologico televisivo.

Gli antichi speculavano sul


confronto uomo-Terra in modo
molto immaginifico: le foreste sono
i peli del pianeta, le gocce di pioggia
le sue lacrime, le caverne in cui
nascono gemme sono uteri materni
e così via. Qui Kircher descrive i
canali sotterranei di un focolaio
vulcanico e le sorgenti di acqua
calda e fredda che ne derivano
prendendo come modello il sistema
cardio-arterioso umano.

I TESTI rivoluzione astronomi-


ca. Cusano non arriva
che contiene dentro di sé
una pluralità di esseri in
vi è di più meraviglioso
al mondo e più degno di
X M1, T1, Cusano: L’univer- ad affermare l’infinità divenire. È un organismo, ammirazione dell’essere
so infinito, senza centro dell’universo, anche se, un super-essere, una tota- umano, la cui medietà
né circonferenza Come è a costo di apparire in con- lità che non si riduce alla lo rende da una parte
possibile pensare l’univer- traddizione, ne predica semplice somma delle familiare alle superiori
so? L’immagine tolemaica l’illimitatezza. parti che la compongono. creature angeliche dall’al-
del mondo entra in crisi X M1, T3, Bruno: L’universo X M1, T9, Pico della Mi- tra sovrano della natura
ancor prima che Coper- come Uno-tutto L’univer- randola: Il Discorso sulla intera, di cui è una specie
nico operi la sua celebre so è un’immobile unità dignità dell’uomo Nulla di vivente riassunto.
94
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Il contesto
storico-culturale

Le trasformazioni in atto 2) l’affermarsi, nel corso del Quattrocento, del-


La rivoluzione scientifica è il punto di arrivo di la cosiddetta «cultura delle botteghe». Le bot-
un processo di ridefinizione del sapere che ha teghe degli artigiani sono al tempo stesso delle
nel Rinascimento il suo fulcro. Questo processo scuole di specializzazione e dei laboratori di ri-
poggia su profonde trasformazioni economiche cerca, dove si inventano e si sperimentano nuove
e sociali che avevano determinato prima il sorge- tecniche in tutti i campi, dalla pittura alla lavora-
re del Comune e dell’economia cittadina, poi lo zione dei tessuti;
sviluppo della manifattura e dell’industria fino a 3) l’alchimia e la magia, che conoscono un rapido
delineare un’economia e una mentalità che prelu- sviluppo nel Quattrocento e nel Cinquecento, non
dono alla nascita del capitalismo. I tratti salienti sono in contrasto con la futura rivoluzione scien-
di questa trasformazione sono i seguenti: tifica, ma la preparano. Esse partono infatti dal
1) la nuova economia necessita di un sapere pra- presupposto che l’uomo possa modificare la natu-
tico, da applicare ai processi produttivi, ai tra- ra, in quanto è regolare e basata su princìpi, cono-
sporti ecc. La nuova scienza è finalizzata infatti scendo i quali è possibile dominarla. I metodi sono
al miglioramento della vita umana, mediante ap- radicalmente diversi da quelli che si affermeranno
plicazioni tecnologiche delle nuove teorie; con la nuova scienza, ma la fiducia nella raziona-

LE IDEE 1466/69-1536 1483-1546 1588-1679


Erasmo: le opere buone Lutero: per la salvezza Hobbes: ogni conoscenza può
salvano l’uomo conta la grazia essere ricondotta a calcolo

1473-1543 1561 1564


Copernico nasce nasce
Bacone Galilei

La rivoluzione 1450 1500 1550


scientiica
1543
Copernico,
De revolutionibus
orbium coelestium

1512 1525
fine della battaglia di Pavia tra Carlo V e Francesco I.
1469 1492 seconda La Francia è sconfitta 1559
Lorenzo il Magnifico scoperta repubblica 1521-26 la Chiesa istituisce
signore di Firenze dell’America fiorentina Carlo V imperatore l’Indice dei libri proibiti

96
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
lità della natura e nell’intervento umano rappre- con la vecchia concezione del sapere: dal punto
sentano una netta frattura con la concezione me- di vista teoretico afferma un rigoroso mecca-
dievale secondo cui la natura è controllata da Dio e nicismo, rifiutando le spiegazioni finalistiche
l’uomo può soltanto subirla, senza pretendere né tipiche della filosofia greca e cristiana. In am-
di capirla né tanto meno di modificarla; bito sociale, afferma due princìpi importanti
4) la diffusione e l’importanza che assume nel e innovativi: a) la finalità pratica del sapere,
Rinascimento la filosofia neoplatonica. Il neo- che deve tradursi in contributi al miglioramen-
platonismo afferma l’esistenza di un’anima del to della vita umana; b) il carattere cumulativo
mondo, che garantisce la razionalità della natura, e collaborativo della ricerca scientifica, che
ma soprattutto teorizza la struttura matematica deve stabilire metodi e criteri perché il sapere
dell’universo, concezione attorno alla quale ruo- sia comunicabile e possa essere elaborato me-
ta la rivoluzione scientifica che, sia con Galilei sia diante l’attività congiunta di studiosi anche di
con Keplero, fa riferimenti più o meno diretti al Paesi diversi.
neoplatonismo. L’aspetto centrale della nuova scienza è costituito
Il nuovo metodo scientifico dal metodo di ricerca, che viene completamente
La nuova scienza rappresenta una rottura netta ridefinito rispetto alla filosofia precedente.

1596-1650 1632-77 1646-1716


Cartesio: Spinoza: Dio è l’«ordine geometrico» Leibniz: la scienza
cogito, ergo sum scoperto dalla scienza è deduttiva

1626 1633 1642 1727


muore Bacone processo morte di Galilei; muore Newton
a Galilei nasce Newton

1600 1650 1700 1750

1610 1620 1632 1687


Galilei, Bacone, Galilei, Dialogo Newton,
Sidereus Novum sopra i due massimi Philosophiae naturalis
Nuncius Organum sistemi del mondo principia mathematica

1707
1618 1701-14 nascita della
inizia la Guerra guerra di successione Gran Bretagna
dei Trent’anni spagnola con l’Union Act

97
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Il contesto storico-culturale

LA NUOVA SCIENZA DI GALILEI E NEWTON


Tra il Cinquecento e il tematico toscano che
Seicento alcuni scien- insegna prima a Pisa e
ziati, come Copernico a Padova, per trasferir-
(polacco che studia a si infine a Firenze, con
Cracovia, Bologna e l’uso del cannocchiale e
Padova), sostenitore ricorrendo a strumenti
dell’eliocentrismo, e matematici, riesce defi-
Keplero (che insegna nitivamente a mettere
Cambridge a Graz e a Praga), sco- in crisi la cosmologia
pritore delle tre leggi tradizionale, dimostran-
del moto dei pianeti, do l’inesistenza di una
sono alla base di una distinzione tra mondo
rivoluzione che investe lunare e mondo sublu-
Cracovia i fondamenti del meto- nare. Questo processo
Praga
do scientifico e mette giunge a compimen-
in crisi le tradizionali to con l’inglese Isaac
credenze (come quella Newton, che, dopo gli
Graz geocentrica) professate studi compiuti a Cam-
dalla Chiesa. L’ingle- bridge, scopre la legge
Padova
se Bacone propone di gravitazione univer-
Bologna un metodo induttivo, sale e le tre leggi della
Pisa Firenze basato sull’esperien- dinamica. Con il metodo
za, che però non riesce newtoniano la matema-
a slegarsi del tutto dal tica diventa l’unico stru-
metodo tradizionale, di mento che possa dare
derivazione aristoteli- un fondamento allo
ca. Galilei, invece, ma- studio della natura.

98
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
Uno sguardo
d’insieme

IL SAPERE TRADIZIONALE LA NUOVA SCIENZA

è caratterizzato da propugna

finalismo meccanicismo

scienza teorica scienza al servizio della pratica utopia tecnologica di Bacone

disprezzo per le arti meccaniche valorizzazione delle arti meccaniche Galilei si interessa al sapere dei capomastri

diffusione delle accademie;


sapere posseduto da pochi sapere cumulativo e collaborativo importanza del metodo di ricerca

determinazioni qualitative determinazioni quantitative sviluppo e applicazione della matematica

L a nuova scienza non costituisce semplicemen-


te un approfondimento e un’estensione della
conoscenza, ma una profonda ridefinizione del
sperimentale, che ha bisogno della tecnica per co-
struire esperimenti in cui le variabili in gioco pos-
sano essere misurate con esattezza.
modello, o paradigma, del sapere in generale. Le accademie. Il nuovo sapere scientifico non
I cambiamenti più significativi riguardano i se- trova spazio nelle università, ancora controllate
guenti ambiti: dalla Chiesa. Nel Seicento sorgono però nuovi
Il meccanicismo. Platone e Aristotele spiega- centri della ricerca e del sapere, finanziati da as-
vano il divenire sulla base delle cause finali. Il cri- sociazioni o dalle stesse monarchie nazionali e vo-
stianesimo medievale si richiamava a questi pen- luti dalla nuova classe borghese, perché il nuovo
satori, accentuandone il carattere teleologico. La sapere si traduce in conoscenze e in tecnologia
nuova scienza si basa invece sul presupposto che direttamente applicabili all’economia mercan-
le uniche cause da considerare per la spiegazione tile e manifatturiera. Con le accademie il nuovo
scientifica sono quelle di tipo meccanico. modello di sapere si caratterizza, oltre che per il
La scienza al servizio della pratica. Il Medioevo metodo, anche per la ricerca collaborativa e cu-
distingueva nettamente il sapere inteso come ricer- mulativa.
ca senza finalità pratiche (definito «liberale») dalle Il nuovo metodo. La possibilità di una ricerca
arti meccaniche, considerate «servili». A partire dal comune si fonda sulla caratteristica principale del
Rinascimento la conoscenza si lega strettamente nuovo metodo, l’uso della matematica e la quan-
all’applicazione pratica. Ma è con la nuova scienza, tificazione dei fenomeni studiati. Se Bacone con-
e particolarmente con Bacone, che la tecnologia di- sidera ancora la matematica semplicemente come
venta una delle finalità principali della ricerca. uno dei tanti settori della conoscenza, per Galilei
Valorizzazione delle arti meccaniche. La essa costituisce il linguaggio stesso dell’universo e
scienza del Seicento definisce e adotta il metodo lo strumento fondamentale di ogni ricerca.

99
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

1 La rivoluzione X Dialoghi filosofici, La


rivoluzione copernicana
La rivoluzione scientifica
WEB

astronomica

è superato da teorizzando
geocentrismo Copernico eliocentrismo

dualismo tra mondo


celeste e sublunare
sono superati da teorizzando omogeneità
Galilei
dell’universo
inalterabilità
dei cieli

NELLA NUOVA sono superate da teorizzando


sfere cristalline Brahe orbite
COSMOLOGIA

è superato da teorizzando
moto circolare Keplero moto ellittico
perfetto

primo motore forza


immobile gravitazionale
sono superati da teorizzando
Newton
legge di
teoria dei
gravitazione
luoghi naturali
universale

Importanza La rivoluzione astronomica rappresenta una vera e propria svolta nella visione del mon-
della do in generale, come è testimoniato, prima ancora che dagli astronomi, dai filosofi, che da
rivoluzione
astrono- essa derivano una serie di conseguenze di ordine metafisico e ontologico. Essa rappresen-
mica ta il superamento di un modello consolidato da quasi due millenni, ma anche la critica
al principio di autorità in nome della ricerca e dell’osservazione diretta, l’affermazione
della centralità dell’uomo e della sua capacità di conoscere direttamente il mondo.
Dal punto di vista tecnico, il sistema aristotelico-tolemaico presentava una sua coerenza
e sarà necessario demolire uno a uno i diversi aspetti che lo caratterizzano prima che il
nuovo modello possa imporsi. Il vecchio modello rispondeva bene al senso comune, dato
che il movimento del Sole (e degli altri corpi) nel cielo, intorno alla Terra, è esperienza
quotidiana. La nuova scienza si affermerà contro l’esperienza quotidiana.
100
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
1. La rivoluzione astronomica

Il modello aristotelico-tolemaico
Il geo- Il modello di universo che costituiva il punto di riferimento indiscutibile della filosofia
centrismo scolastica era stato proposto quasi due millenni prima da Aristotele, nel iv secolo a. C., e
poi era stato perfezionato dall’astronomo greco Claudio Tolomeo, nel ii secolo d. C. Tale
modello è caratterizzato dal geocentrismo, che risulta particolarmente in sintonia con il
senso comune e con i dati immediati dell’esperienza, dato che vediamo il Sole sorgere e tra-
montare, girando intorno alla Terra, e i pianeti e le stelle compiere una rotazione simile.
Il dualismo Nella concezione aristotelica, l’universo è nettamente diviso in due regioni (dualismo).
e la teoria Quella circostante la Terra, in cui si trovano i quattro elementi (terra, acqua, aria e fuoco)

PROFILO
dei luoghi
naturali che, aggregandosi e disgregandosi, danno luogo al divenire. Quella superiore o celeste,
dal cielo della Luna che circonda la Terra in poi, dove esiste un solo elemento, l’etere, e
quindi non può esservi né aggregazione né disgregazione né, di conseguenza, alterazione
o cambiamento. I cieli sono quindi immutabili e perfetti. Aristotele perviene a queste
conclusioni sulla base della teoria dei luoghi naturali, considerata da lui la legge fonda-
mentale della natura. In base ad essa, la terra tende verso il basso perché è quello il suo
luogo naturale, mentre l’acqua tende a disporsi sopra alla terra, l’aria sopra all’acqua e il
fuoco intorno all’aria: ogni elemento tende a disporsi in questo modo per raggiungere il
luogo che gli è proprio per natura. Aristotele formula questa teoria sulla base di semplici
osservazioni empiriche: un sasso immerso nell’acqua affonda, perché – secondo la sua
spiegazione – il suo luogo naturale è più in basso di quello dell’acqua, mentre se immer-
giamo una vescica piena d’aria e poi la apriamo, l’aria sale verso l’alto per raggiungere il
proprio luogo naturale e per lo stesso motivo una fiamma tende a salire nell’aria. Ma se
terra, acqua, aria e fuoco sono nel nostro mondo, vuol dire che quello è il loro luogo natu-
rale. La terra tende verso il basso, perciò il nostro mondo deve rappresentare «il basso»
dell’universo, che è sferico. Ora, il «basso» di una sfera è il suo centro e dunque il nostro
mondo, contenendo la terra e gli altri elementi, deve essere al centro dell’universo.
L’etere e D’altra parte, per la stessa teoria, tutta la terra presente nell’universo deve essere nel nostro
le sfere mondo, suo luogo naturale, e lo stesso vale per gli altri elementi che, per quanto tendono
meno verso il basso rispetto alla terra o all’acqua, hanno comunque in esso il proprio luogo
naturale. Se ne conclude, prosegue Aristotele, che nel resto dell’universo non possono es-
servi questi elementi. Però per Aristotele non esiste il vuoto, quindi l’universo deve essere
composto da un quinto elemento, una quinta essenza, l’etere. Esso è organizzato in sfere
via via più ampie che circondano la Terra e che sostengono i diversi corpi celesti: la Luna,
Mercurio, Venere, il Sole, Marte, Giove, Saturno e infine una sfera che chiude l’universo (il
quale, essendo sferico, non può essere infinito), che sostiene tutte le stelle fisse.
L’elabora- Se questo sistema spiega le osservazioni legate al senso comune, non dà però ragione di quel-
zione di le astronomiche, dato che le orbite dei pianeti non sono circolari. Tolomeo introduce allora
Tolomeo
delle sfere aggiuntive in modo da ricondurre il moto dei pianeti alla combinazione di più
moti circolari, arrivando a teorizzare l’esistenza di 55 sfere e ipotizzando tra l’altro una serie
di movimenti secondari (gli epicicli e i moti deferenti) per accordare la teoria con i calcoli.
Nonostante la complessità del sistema, il geocentrismo (e di conseguenza la centralità e l’uni-
cità dell’uomo nell’universo) e la perfezione dei cieli, in moto rotatorio intorno alla Terra,
andavano incontro al senso comune e ad alcune affermazioni della Bibbia, in cui si parla espli-
citamente della posizione della Terra al centro dell’universo e del Sole che gira intorno ad essa.
Per questo, la teoria aristotelico-tolemaica viene fatta propria dalla Chiesa, che per molto
tempo considera eretica quella copernicana, perché in contrasto con le Sacre Scritture.
101
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

Brahe e Keplero
Il supera- Il passo successivo viene compiuto da Tycho Brahe. Egli propone un complicato modello
mento dell’universo che cerca di conciliare geocentrismo ed eliocentrismo. La Terra conserva
della teoria
delle sfere la sua posizione al centro dell’universo, intorno ad essa gira il Sole, ma i vari pianeti
celesti orbitano intorno al Sole e non alla Terra. L’importanza di Brahe è legata però alle
osservazioni sistematiche, che producono una grande quantità di dati sui quali lavo-
reranno gli astronomi successivi (in particolare Keplero), ma ancor di più allo studio
delle comete, la cui orbita risultava incompatibile con l’esistenza delle sfere celesti.
Le orbite I dati raccolti da Brahe ed ereditati da Keplero contenevano osservazioni molto precise e
sono dettagliate delle diverse orbite planetarie, in particolare dell’orbita di Marte. Questi dati
ellittiche
risultavano incompatibili sia con il sistema tolemaico sia con quello copernicano. Keplero
cerca a lungo di individuarvi regolarità matematiche che ne consentano un’interpretazione,
partendo inizialmente dal presupposto comune ai due sistemi: la circolarità delle orbite. In-
fine, nella Astronomia nova, presenta l’ipotesi che le orbite non siano circolari ma ellittiche,
ipotesi che consente di descrivere con esattezza il moto planetario facendo a meno degli
epicicli e degli eccentrici, ai quali aveva continuato a far ricorso anche Copernico.

L’UNIVERSO INFINITO E LA PITTURA BAROCCA


G. Lanfranco, La gloria dei beati, 1641-44, affresco nella cupola della cappella di San Gennaro (Napoli, Duomo).
La nuova visione del cosmo introdotta dalla rivoluzione scientifica influenza profondamente l’arte barocca,
come segnala nel testo che segue lo storico dell’arte Arnold Hauser.

Con la teoria copernicana non soltanto il cosmo cessò di


volgersi intorno alla terra e all’uomo, ma fu privo di centro,
riducendosi a una somma di parti simili e di ugual valore, la
cui unità riposava esclusivamente sulla validità universale
della legge di natura. [...] L’uomo divenne un fattore piccolo e
insignificante in quel mondo ormai disincantato. Ma la cosa
più notevole fu che egli da questa mutata situazione acquistò
nuova fiducia in sé e nuovo orgoglio. La consapevolezza di
essere in grado di intendere la vastità, la possanza dispotica
dell’universo, di poterne calcolare le leggi conquistando in
tal modo la natura, divenne fonte di uno sconfinato orgoglio
fino allora ignoto. [...] Il terrore del giudice universale cede al
«brivido metafisico», [...] allo stupore per il lungo, ininterrotto
respiro dell’universo. Questo brivido, l’eco degli spazi infiniti,
l’intima unità dell’essere pervadono tutta l’arte barocca. E
simbolo dell’universo diventa l’opera d’arte nella sua totalità,
in quanto organismo coerente, vivo in ogni sua parte. Ognuna
infatti, come i corpi celesti , rimanda a un’infinita, ininterrotta
concatenazione; ognuna contiene la legge del tutto, in ognuna
agisce la stessa forza, lo stesso spirito. Le repentine diagonali,
gli improvvisi scorci prospettici, gli effetti di luce accentuati,
tutto esprime una possente, insaziabile brama d’infinito. Ogni
linea conduce l’occhio lontano, ogni forma in movimento pare
che voglia sorpassare se stessa, ogni motivo rivela una tensio-
ne, uno sforzo, come se l’artista non fosse mai del tutto sicuro
di riuscire veramente a esprimere l’infinito.
(A. Hauser, Storia sociale dell’arte, vol. II,
Torino, Einaudi, 1956, pp. 275-78)

104
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
1. La rivoluzione astronomica

„ Le leggi di Keplero
Le leggi Sviluppando l’ipotesi dell’ellitticità delle orbite, Keplero giunge alla formulazione delle
di Keplero prime due leggi che portano il suo nome:
1. le orbite dei pianeti sono ellissi, di cui il Sole occupa uno dei fuochi;
2. la velocità di ogni pianeta varia in modo tale che una retta congiungente il Sole e il pia-
neta percorre in uguali intervalli di tempo uguali porzioni di superficie.
La Nell’ipotesi di Keplero, dunque, le orbite non sono regolari e le velocità di rivoluzione
necessità di non sono costanti. Il loro movimento non può, di conseguenza, essere spiegato sulla
un «motore»
base della perfezione del moto orbitale e occorre individuare un «motore» che spieghi

PROFILO
un movimento non inerziale quale risulta essere quello dei pianeti, e dia inoltre ragione
delle accelerazioni e decelerazioni.
L’astronomia di Keplero è ricca di elementi neoplatonici ed egli vede nel Sole, l’astro più
nobile, la causa del movimento dei pianeti. Tale ipotesi gli sembra avvalorata dal fatto che
la loro velocità risulta maggiore al perielio (il punto di maggiore vicinanza al Sole) e mi-
nore all’afelio (il punto di maggiore distanza dal Sole), variando in funzione della distanza
dal Sole. Keplero immagina quindi che i pianeti siano spinti dai raggi del Sole, in moto di
rotazione su se stesso, con tanta maggiore forza quanto minore è la distanza.
Motivi neo- Si noti che l’universo di Keplero è ancora un universo «chiuso», e che la centralità del Sole
platonici è basata su considerazioni filosofiche e non fisiche. Lo scienziato definisce infatti il Sole
«Signore del cielo», motivando quindi il proprio eliocentrismo con il seguente ragiona-
mento: «Il Sole in verità è al centro del mondo, è il cuore del mondo, la fonte della luce, la
fonte del calore, l’origine della vita e del movimento del mondo. Ma sembra evidente che
l’uomo debba astenersi di buon grado da quel trono regale» (Discussione col Nunzio Sidereo,
Dissertatio, p. 69).
La terza Le ricerche di Keplero si appoggiano ai dati osservativi raccolti da Brahe e si basano sulla
legge convinzione, di derivazione neoplatonica, che l’universo abbia una struttura matemati-
ca. Fin dagli scritti giovanili, Keplero aveva cercato di individuare una legge che spiegasse la
disposizione dei pianeti e la loro distanza dal Sole. Nella sua prima opera, Mysterium cosmo-
graphicum (1596), aveva ipotizzato che le orbite, immaginate ancora come circolari, fossero
inscritte o circoscritte ai cinque solidi regolari di cui parlava anche Platone nel Timeo: il
cubo, il tetraedro, il dodecaedro, l’icosaedro e l’ottaedro. Più tardi si rende conto che questa
ipotesi è incompatibile con i dati, oltre che con l’ellitticità delle orbite, ma non rinuncia
alla ricerca di una relazione matematica che spieghi la disposizione dei pianeti, giungendo
alla formulazione della terza legge, secondo la quale i quadrati dei tempi di rivoluzione dei
pianeti sono direttamente proporzionali ai cubi delle loro distanze medie dal Sole.
Astronomia La nuova concezione astronomica solleva importanti interrogativi relativamente alle leggi
e fisica fisiche, per spiegare che cosa fa muovere i corpi e da quali princìpi è regolato il movimento.
La rivoluzione astronomica si salderà quindi, a partire da Galilei, con la nascita della nuo-
va fisica, mediante un processo che troverà un importante punto di arrivo nella teoria di
Newton, in grado di unificare meccanica e astronomia, fisica terrestre e fisica celeste.

X Quali conseguenze deduce Brahe dallo studio delle comete?


GUIDA
ALLO X Keplero considera le orbite ellittiche, invece di ricondurle a una combinazione di circoli. Quali
STUDIO sono i vantaggi di questa concezione? Quali nuovi problemi sorgono?
X Spiega la seconda legge di Keplero.
X Quali motivi neoplatonici sono presenti in Keplero?
105
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

2 Bacone e il nuovo X Dialoghi filosofici,


Bacone WEB

sapere scientifico
osservazione
tavole
sistematica

prima formulazione
vendemmia ipotesi
nuovo le cui fasi sono ovvero
metodo
controllo
esperimenti
ipotesi

natura del teoria


fenomeno scientifica

verificare
la teoria
IL NUOVO si basa su il cui fine è
tecnologia
SAPERE
migliorare
la vita umana
è
– sperimentale
– cumulativo
– collaborativo

collaborazione
tra scienziati
che esige
enciclopedia
più livelli
nella ricerca

rancis Bacon, italianizzato in Francesco Bacone (1561-1626), figlio di Sir Nicholas Bacon, guar-
Notizie
bio-biblio-
grafiche
F dasigilli della regina Elisabetta, è avviato dal padre agli studi politici e giuridici, che segue senza
entusiasmo e che non gli consentiranno, sotto il regno di Elisabetta I, di rivestire cariche pubbliche di
rilievo. Quando nel 1603 diventa re d’Inghilterra Giacomo I, il favore del sovrano nei suoi confronti
lo spinge a riprendere la carriera politica e nel 1618 raggiunge la più alta carica pubblica divenendo
Lord Cancelliere. La sua opera più nota – il Novum Organum – viene pubblicata nel 1620: è solo una
parte del progetto di rifondazione complessiva del sapere, la Instauratio Magna. Un anno dopo, una
condanna per corruzione mette fine alla sua carriera politica; da allora si dedicherà esclusivamente
agli studi, lavorando instancabilmente a realizzare il suo ambizioso progetto di aprire la strada a un
totale rinnovamento del sapere. Pubblica nel 1623 una rielaborazione, in latino, di Dignità e progresso
del sapere, edita in prima stesura nel 1605, una rassegna del sapere esistente e dei settori di ricerca da
considerare manchevoli, in modo da rendere sistematica la ricerca. La nuova scienza avrebbe dovuto
migliorare le condizioni di vita, realizzando un mondo libero dal bisogno perché l’uomo avrebbe domi-
nato completamente la natura. Bacone racconta questa utopia tecnologica in un romanzo, La Nuova
Atlantide, pubblicato postumo nel 1627.

106
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
2. La rivoluzione astronomica

Una scienza Il pensiero di Bacone si sviluppa esplicitamente a partire dalla consapevolezza della ne-
per il cessità di dare alla scienza una finalità pratica, mettendola al servizio del genere umano:
progresso
questo punto di vista interpreta la visione del mondo della nuova borghesia mercantile.
Nel saggio Sulla interpretazione della natura (1603) egli scrive: «Fra i benefici che possono
esser fatti all’umanità non ne ho trovato nessuno che sia più meritorio della scoperta di
cose nuove e del perfezionamento delle arti dalle quali viene migliorata la vita degli uo-
mini». Attraverso il sapere rinnovato l’uomo sarà in grado di dare attuazione alla propria
destinazione di essere razionale cui spetta il potere sulla natura. I tempi autorizzano,
prosegue Bacone, questa fiducia nel progresso. L’esplorazione di nuove terre ha arricchito
le conoscenze umane; invenzioni ignote agli antichi come l’arte della stampa, la polvere da

PROFILO
sparo, la bussola «hanno cambiato la faccia del mondo e le condizioni della vita sulla terra:
la prima nella cultura, la seconda nell’arte militare, la terza nella navigazione» (Pensieri e
conclusioni sulla interpretazione della natura o sulla scienza operativa). Da esse sono deriva-
te trasformazioni che hanno rivelato l’efficacia del sapere scientifico e tecnico. Il sapere
tradizionale, al contrario, non ha prodotto nulla di utile per l’umanità, è stato un sapere
«sterile di opere» e va di conseguenza respinto.
Nuovo La filosofia di Bacone esprime quindi la mentalità borghese dell’epoca, caratterizzata dalla
sapere e fiducia nelle capacità dell’uomo di conoscere scientificamente il mondo naturale e di tra-
borghesia
sformarlo con la tecnologia. È necessaria, a questo fine, una rottura radicale con la cultura
del passato e una vera e propria rifondazione del sapere sulla base di un metodo che ne
garantisca la cumulabilità e l’applicazione pratica: partire dall’esperienza, cioè dall’osser-
vazione, e tornare all’esperienza, mediante l’applicazione tecnologica: sono questi i due
pilastri sui quali si costruisce, secondo Bacone, la ricerca scientifica.
Caratte- Bacone è considerato il padre del metodo induttivo e uno dei fondatori del nuovo sapere
ristiche scientifico. La sua riflessione muove da due punti fondamentali: a) lo scopo del sapere
del nuovo
sapere è la conoscenza della natura, per poterla meglio utilizzare a fini pratici, cioè in vista del
T1 miglioramento della vita umana; b) il sapere deve essere cumulativo e collaborativo,
cioè organizzato in modo che gli scienziati possano utilizzare i risultati via via raggiunti
per aggiungere nuove pietre all’edificio della conoscenza e al tempo stesso possano unire
gli sforzi, scambiandosi i dati e cooperando a ricerche comuni.
Per raggiungere questi ambiziosi risultati sono necessarie, però, alcune condizioni: a)
un comune metodo di lavoro, che consenta di standardizzare la raccolta dei dati e la
loro elaborazione; b) l’organizzazione sistematica della ricerca, facendo l’inventario
delle conoscenze su cui c’è accordo e individuando le aree della scienza su cui è neces-
sario fare ricerca, in un progetto comune che renda sistematica e non occasionale la
scoperta.

La rifondazione del sapere


Le finalità e le condizioni della nuova scienza prefigurano una vera e propria rifondazione
del sapere, rompendo con la tradizione e in particolare con la conoscenza puramente teo-
rica, per privilegiare invece l’osservazione e lo studio dei fenomeni concreti, direttamente
osservabili e controllabili mediante esperimenti.
L’Instauratio A questo compito Bacone dedica buona parte della sua attività, presentandone i risultati
Magna in forma provvisoria nell’Instauratio Magna, pubblicata nel 1620. Quest’opera corrispon-
de solo parzialmente all’ambizioso progetto che ne era alla base.
107
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

L’Instauratio Magna avrebbe dovuto articolarsi in sei distinte parti: Divisione delle scienze;
Nuovo Organo, ovvero Princìpi dell’interpretazione della natura; Storia naturale e sperimen-
tale per la fondazione della filosofia; Scala dell’intelletto; Anticipazioni della Filosofia seconda;
Filosofia seconda, ovvero scienza attiva. Non tutte sono trattate nell’edizione a stampa, nel-
la quale anche le parti presenti sono, in misura maggiore o minore, incomplete.
Le colonne Il frontespizio dell’Instauratio Magna presenta l’illustrazione di un vascello a vele spie-
d’Ercole gate in atto di passare in mezzo a due colonne, le colonne d’Ercole che occorre superare
della
conoscenza per navigare nel mare aperto della scienza.
umana Per varcare le colonne d’Ercole le navi costruite in passato non sono adatte. Occorrono
nuove navi, capaci di affrontare il mare aperto, cioè, fuor di metafora, un nuovo metodo
tale da poter affrontare l’ignoto, per fare nuove scoperte e non limitarsi a riorganizzare
quelle già esistenti. L’uomo, scrive Bacone, deve contare sulle proprie forze, quindi sulla
capacità di ricerca, e non sulle sue ricchezze, cioè sul sapere che gli è stato tramandato.
Superare le colonne d’Ercole vuol dire avventurarsi nello studio diretto della natura, «ri-
farsi alle fonti delle cose». Per questa impresa, il sapere tradizionale non offre punti di
riferimento: occorre costruire nuove navi e soprattutto nuovi strumenti di navigazione.
Le selve L’esperienza infatti non è di per sé fonte di conoscenza, ma è un labirinto in cui bisogna
dell’espe- sapersi orientare. Nello studio diretto della natura lo scienziato si trova in una selva di
rienza
dati, che di per sé non sono significativi: occorre raccoglierli ordinatamente ed elabo-
rarli secondo criteri che ne consentano l’interpretazione.
Esperienza Il metodo induttivo rivaluta l’esperienza, che è la fonte originaria della conoscenza, cui
e ragione deve però accompagnarsi la ragione. Con una suggestiva immagine, Bacone paragona gli
T3 empirici (gli studiosi che si basano solo sull’esperienza) alle formiche, che accumulano
e conservano quello che trovano (i dati); i razionalisti ai ragni, che traggono da se stessi
il filo della propria tela (le teorie); gli scienziati, infine, alle api, che traggono la materia
prima, il nettare, dall’esperienza, ma la rielaborano (con la ragione e con il metodo) per
produrre qualcosa di nuovo e di diverso, il miele (cioè le teorie).
L’interpre- L’attività dello scienziato non consiste quindi nella semplice osservazione, ma è l’interpreta-
tazione zione della natura, come recita il sottotitolo del Novum Organum. Per raggiungere questo fine
della natura
occorre partire dalla natura e, prima di tutto, eliminare tutte le false conoscenze e i pre-
giudizi che, offrendo soluzioni già pronte ma errate, precludono la via della ricerca. La mente,
infatti, può riflettere la natura, come uno specchio, ma spesso è uno «specchio incantato», uno
di quegli specchi che si trovano nelle fiere di paese e che deformano in vario modo la realtà.
Liberare la Occorre liberare la mente dai pregiudizi soggettivi che deformano l’immagine della realtà.
mente dai Per questo, gran parte del primo libro del Novum Organum è dedicato alla trattazione di
fantasmi
fonti di errore che possono allontanare l’uomo dalla verità; di esse Bacone parla come di im-
magini che si frappongono tra l’uomo e la natura e le indica con il termine latino idòla (che
significa «immagini», ma anche «fantasmi»). Si tratta di ostacoli sul cammino della verità,
in parte provenienti dalla natura stessa dell’uomo, in parte dovuti all’influenza di modi di
pensare acquisiti: l’uomo, per poterli superare, deve diventarne consapevole.
Gli idoli Bacone individua quattro tipi di idòla, analizzandoli in modo dettagliato.
della tribù
Gli idòla tribus sono fondati sulla natura della famiglia umana, detta «tribù», e vengono
T2
posti in relazione con le particolari caratteristiche dell’intelletto. Esso «per la sua parti-
colare natura suppone facilmente nelle cose un ordine e una regolarità maggiori di quelli
che vi si riscontra» (La grande instaurazione, Novum Organum, libro I, par. xlv, in Scritti
filosofici, p. 562), ritenendo ad esempio erroneamente che le orbite dei corpi celesti siano
108
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
2. La rivoluzione astronomica

dei circoli perfetti. Inoltre, l’intelletto umano tende a interpretare i dati in modo che si
accordino con le concezioni già possedute, evidenziando le osservazioni che le conferma-
no e ignorando quelle contrarie. Ma, oltre a considerare i pregiudizi propri dell’intelletto,
occorre secondo Bacone tenere presente che esso è influenzato dalla volontà e dai sen-
timenti, e inclina quindi a ritenere vero ciò che vorrebbe che fosse tale.
Gli idoli Gli idòla specus dipendono dalla natura particolare del singolo e dalle circostanze nelle
della quali si è formato: educazione, abitudini ecc. Gli interessi e le propensioni individuali, che
spelonca
derivano da questi fattori, possono influenzare la ricerca e renderla unilaterale.
Gli idoli Gli idòla fori derivano dalla vita sociale e quindi dalle convenzioni che genera. Particolar-
del foro mente interessanti sono le osservazioni che Bacone dedica agli equivoci generati dal lin-

PROFILO
guaggio. «Gli uomini – scrive – credono che la loro ragione imperi sulle parole, ma accade
anche che le parole ritorcano e riflettano sull’intelletto la loro forza e ciò rende sofistiche
e inattive la filosofia e le scienze» (Ivi, libro I, par. lx, p. 570). Ciò si verifica quando ven-
gono coniate parole alle quali non corrispondono cose; l’uso delle parole determina però a
lungo andare la convinzione che le cose che indicano siano reali, come ad esempio è avve-
nuto per la «fortuna», per il «primo mobile», per le «sfere» dei pianeti ecc.
Gli idoli Gli idòla theatri sono i sistemi filosofici precedenti che, non potendo comprendere scien-
del teatro tificamente il mondo, ne danno rappresentazioni immaginifiche, simili a quelle teatrali,
non prive di fascino ma povere di contenuto conoscitivo.

X Quali sono gli aspetti principali della rifondazione del sapere perseguita da Bacone?
GUIDA
ALLO X Che cosa è illustrato nel frontespizio dell’opera principale di Bacone? Qual è il significato di que-
STUDIO sta immagine?
X Come viene considerata l’esperienza? Perché, a tale proposito, gli scienziati sono paragonati alle api?
X Che cosa sono gli idòla?

IL FRONTESPIZIO DELLA GRANDE INSTAURAZIONE


F. Bacone, Frontespizio dell’opera Instauratio Magna, 1620, incisione.
Nel frontespizio è rappresentata la navicella dell’ingegno umano nell’atto di oltrepassare le colonne d’Ercole.

In apertura Bacone fa cenno alle «colonne fatali»


che la scienza esita a voler superare. Scrive, infatti:
«Ci sembra che gli uomini non conoscano bene
né le loro ricchezze né le loro forze: delle prime
hanno una stima eccessiva, delle seconde un’idea
troppo bassa. Così avviene che essi, attribuendo
un valore eccessivo alle arti già acquisite, non
cerchino oltre; oppure, disistimando più del
giusto le loro forze, le consumino in cose di poco
conto e non le mettano invece alla prova in
quelle imprese che più importano. Per questo le
scienze hanno le loro colonne fatali: perché gli
uomini non sono spinti a penetrare più oltre né
dal desiderio né dalla speranza».
(F. Bacone, La grande instaurazione,
Prefazione, in Scritti filosofici, p. 521)

109
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

Un nuovo metodo per un nuovo sapere


Il metodo Bacone è considerato il fondatore del metodo induttivo, che consiste nel muovere dall’os-
induttivo servazione di una serie di casi particolari alla individuazione di princìpi o leggi generali.
e i suoi
momenti Si tratta però di un procedimento diverso da quello che Aristotele definiva con la stessa
T4 espressione e che «procede per enumerazione semplice» accumulando osservazioni senza
seguire un metodo strutturato. Quello proposto da Bacone è invece articolato in una serie
di passaggi, che possono essere così riassunti:
1) osservazione sistematica;
2) formulazione delle prime ipotesi (prima vendemmia);
3) esperimenti per confermare o meno le ipotesi iniziali;
4) individuazione dei princìpi generali;
5) applicazione tecnologica dei princìpi per modificare la natura.
Ripercorriamo attraverso l’analisi del Novum Organum queste tappe.

„ I momenti del metodo


L’applica- Bacone esemplifica il proprio metodo, cioè il procedimento che occorre applicare per sco-
zione del prire la natura delle cose (le forme, secondo la sua definizione: vedi L’oggetto della ricerca
metodo:
un esempio scientifica, p. 114), ripercorrendone i momenti relativamente alla ricerca della natura del
calore. Lo strumento principale dell’osservazione è costituito dalle tavole, mediante le
quali i dati possono essere raccolti in modo ordinato per consentire l’individuazione delle
correlazioni.
Le tavole costituiscono dei metodi per la raccolta sistematica dei dati (oggi potrebbero
essere definite protocolli osservativi, cioè procedure standardizzate per la raccolta delle
osservazioni). Bacone le distingue in tre tipologie:
1) tavola della presenza, nella quale si registrano tutte le circostanze in cui il fenomeno
viene osservato; ad esempio, per il calore vi registreremo i raggi del Sole, il fuoco, i fulmi-
ni, la lana e altri tessuti che riscaldano il corpo, e così via;
2) tavola dell’assenza in prossimità, dove si registrano i casi in cui il fenomeno indagato
non si presenta, nonostante fosse lecito attenderlo, perché simili a quelli individuati in
precedenza. Ad esempio, i raggi della Luna o la luce delle lucciole, i fuochi fatui ecc. La
compilazione di questa tavola conduce a eliminare alcune delle possibili associazioni tra
variabili suggerite dalla prima. Se avessimo associato il calore alla luce, l’osservazione dei
raggi lunari o delle lucciole ci condurrebbe a eliminare questa ipotesi;
3) la tavola dei gradi, infine, registra le circostanze in cui il fenomeno osservato aumenta
o diminuisce di intensità.
L’articola- Nell’economia della ricerca delineata da Bacone, questo lavoro di raccolta dei dati e di ana-
zione della lisi preliminare delle ipotesi, standardizzato mediante l’impiego delle tavole, è accessibile
ricerca
a chiunque abbia la preparazione necessaria e può essere quindi svolto a prescindere
da doti personali particolari. La scienza, a questo livello, deve diventare prassi normale,
svolta da ricercatori istruiti a determinati compiti, ai quali non è richiesto di produrre
teorie o interpretazioni innovative dei dati.
Alla raccolta dei dati segue la loro elaborazione per giungere, attraverso il procedimento
induttivo, alla formulazione delle prime ipotesi generali (prima vendemmia). Questo
secondo momento della ricerca chiarisce bene la procedura induttiva suggerita da Bacone.
Sono le osservazioni stesse che, correttamente interpretate, mostrano quali ipotesi sono
110
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
2. La rivoluzione astronomica

percorribili per arrivare a una generalizzazione del fenomeno e all’individuazione della


causa. Bacone procede per esclusione. L’analisi di ogni istanza delle tavole precedenti con-
duce a individuare la mancanza di relazione tra il calore e una delle possibili ipotesi sulla
sua natura: le osservazioni mostrano che il calore non è sempre correlato con la luce, né
con il fuoco, né con materiali specifici.
Confrontando con i dati delle tavole le diverse ipotesi esplicative, Bacone elimina quelle
contraddette anche da una sola osservazione, fino a individuare il denominatore costante
dei fenomeni osservati.
La conclu- Il fenomeno che sempre si accompagna al calore è il movimento. Bacone ripercorre tutte
sione della le istanze delle tre tavole confrontandole con questa variabile, senza trovare contraddi-

PROFILO
ricerca
zioni. Da tale analisi emergono le caratteristiche del movimento associato al calore: è
espansivo, in quanto provoca la dilatazione dei corpi; è diretto verso l’alto, come indica
l’esperienza di un corpo posto sopra una fonte di calore, il quale si riscalda più in fretta
rispetto allo stesso corpo posto accanto ad essa, anche se alla stessa distanza; è un movi-
mento trattenuto, in quanto, pur essendo vivace o anche impetuoso, non produce il mo-
vimento del corpo nel suo insieme, ma interessa, scrive Bacone, «le particelle minuscole,
non proprio le più sottili, ma quelle appena di poco più grandi». In conclusione di questa
«prima vendemmia sulla forma del caldo», Bacone formula la definizione generale: «Il
caldo è un moto espansivo, trattenuto, che opera mediante le parti minori del corpo. Ma la no-
zione di espansione va così determinata: che espandendosi in tutte le direzioni, tende
contemporaneamente verso l’alto. Anche l’operare mediante le particelle va così deter-
minato: non è fiacco, ma vivace e impetuoso» (La grande instaurazione, Novum Organum,
libro II, par. xx, in Scritti filosofici, p. 687).

UN FRONTESPIZIO
Frontespizio dell’opera Dignità e progresso del sapere,
1605.

Bacone, sulla sinistra,


aiuta le future
generazioni (il fanciullo
che sale) a progredire
nel sapere; il fanciullo
guarda però il filosofo
inglese, a indicare che
il fondamento della
nuova scienza è il
metodo baconiano.

111
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

Dalla La definizione del calore cui si è pervenuti mediante l’analisi precedente ne individua la
scienza alla natura e costituisce quindi un contributo sul piano della conoscenza. Ma nello stesso tem-
tecnologia
po si tratta di una definizione disponente – come la chiama Bacone – o, come potremmo
tradurre con espressione più moderna, operativa, nel senso che indica le operazioni da
compiere per la sua applicazione pratica: la conoscenza della forma del calore consente di
produrlo, ricavandolo dal movimento, e più in generale di trasformare il calore in movi-
mento e il movimento in calore.

„ Il metodo induttivo
Dal Il passaggio dalle osservazioni delle tavole alla «prima vendemmia» e da questa all’indi-
particolare viduazione degli assiomi, termine con il quale Bacone indica le definizioni della natura
all’uni-
versale dei corpi e le leggi che ne regolano le trasformazioni e le relazioni, avviene mediante il
metodo induttivo, che muovendo dall’osservazione di casi particolari, procede all’indi-
viduazione del generale. Tale metodo, che è il filo conduttore sotteso ai vari momenti
della ricerca, è descritto da Bacone come quello fondamentale per passare dalla semplice
osservazione della natura all’interpretazione della stessa.
Le istanze, Il controllo delle ipotesi avviene mediante gli esperimenti, che Bacone intende in un
o aiuti per senso molto lato, definendoli istanze, cioè domande poste alla natura perché riveli
l’intelletto
i propri segreti. Le istanze vengono suddivise in nove classi, che vanno dalle istanze
prerogative alla rettificazione dell’induzione, dagli ammenicoli dell’induzione alla deduzione
alla pratica, fino alla scala ascendente e discendente degli assiomi. Delle nove classi, Baco-
ne analizza soltanto la prima, interrompendo poi l’Instauratio Magna per dedicarsi alla
Storia naturale e sperimentale, considerata preliminare al completamento del metodo di
ricerca.
Le diverse istanze, così come le tavole, sono strumenti per standardizzare la ricerca, in
modo che ne risulti un sapere comunicabile e cumulabile e, in buona parte, alla portata di
ogni ricercatore. L’alto numero e la complessità delle istanze è motivata dal loro essere fina-
lizzate al processo induttivo vero e proprio, cioè al passaggio dall’osservazione sistematica
agli assiomi generali, che è il momento più problematico del metodo induttivo in generale.
Le istanze Tra le diverse istanze, particolare rilievo hanno le istanze cruciali, dette così, scrive Baco-
cruciali ne, «con termine preso in prestito alle croci che si mettono ai bivi delle strade ad indicare
la biforcazione» (La grande instaurazione, Novum Organum, libro II, par. xxxvi, in Scritti
filosofici, p. 717). Le istanze o esperimenti cruciali, infatti, consentono di scegliere in
modo univoco tra due ipotesi possibili ma contrapposte.
Bacone propone alcuni casi di istanze cruciali. Dovendo decidere per esempio se il moto delle
maree dipende da un innalzarsi e un abbassarsi del livello dell’acqua in tutti i mari o da un
loro ondeggiare come fa l’acqua in un catino, l’esperimento risolutivo consisterebbe nel con-
trollare se il fenomeno si presenta contemporaneamente oppure alternativamente nelle
due sponde opposte dell’oceano. Per accertare se la caduta dei corpi dipenda da una loro
qualità o dall’attrazione terrestre, si dovranno prendere due orologi, uno con meccanismo
a molla – indipendente dunque dall’eventuale forza di attrazione della Terra – l’altro mosso
da pesi, sincronizzarli e poi collocare il secondo su un’alta montagna: se il suo movimento
risulterà rallentato, se ne concluderà per l’influenza della Terra sul peso, altrimenti si accet-
terà l’ipotesi opposta.
Residui L’ambivalenza di Bacone, che il Settecento celebrerà come iniziatore delle nuove scienze
rinasci- della natura – la chimica, la biologia ecc. – ma che per certi versi è ancora legato ad alcuni
mentali?
presupposti dell’alchimia rinascimentale, è chiaramente presente nella trattazione delle
112
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
2. La rivoluzione astronomica

PROFILO
G. Cagnacci (1601-63), Allegoria dell’Astrologia sferica, olio su tela C. De Bonardis (XVII sec.), Scienziato che realizza un
(Vignola, collezione G.M.B.). esperimento, olio su tela.

cosiddette istanze evocanti, o citanti, cioè gli aiuti all’intelletto per individuare le cause
nascoste della natura dei corpi.
Con termine ripreso dal linguaggio giuridico, Bacone definisce citanti le istanze tese
a far comparire ciò che è invisibile, sia perché nascosto da altri corpi, sia perché trop-
po piccolo per stimolare i sensi. Tra le cose invisibili, colloca anche lo spirito, nella
convinzione che ogni corpo ne contenga uno. Allo spirito egli riconduce ogni forma di
vita, convinto ancora che essa possa prodursi anche spontaneamente, nei fenomeni
di putrefazione.
Lo spirito è considerato da Bacone come la logica o lo schema dell’organismo, ciò che gli
conferisce unità. Ma è visto anche come un’entità reale, studiabile scientificamente. Tali
convinzioni, come la credenza nella germinazione spontanea o l’ostilità per la teoria
copernicana, spiegano la posizione marginale di Bacone nella scienza del Seicento.
Bacone e la La sua concezione si differenzia da quella di Galilei o di Newton per due aspetti principali:
scienza del
Seicento 1) Bacone non individua un criterio per delimitare i confini della conoscenza scientifi-
ca, ritenendo possibile trattare, con il suo metodo, tutti i fenomeni;
2) Bacone non individua nella quantificazione e nella traduzione in rapporti matematici
delle relazioni causali il momento qualificante del metodo scientifico.
La scienza Secondo alcuni critici la concezione baconiana della scienza presenta residui dell’alchimia
baconiana rinascimentale; per altri invece si muove in un ambito diverso da quello della fisica e della
meccanica, che sono gli oggetti specifici della ricerca galileiana e newtoniana. In un certo
senso, la sua prospettiva è più moderna di quella dello stesso Galilei, perché si indirizza
più verso un’interpretazione chimica che fisica della realtà. Ciò spiega la fortuna che Ba-
113
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

cone conoscerà nel Settecento, quando si svilupperanno la chimica, la biologia e l’elettro-


logia, scienze per le quali la prospettiva indicata da Bacone sembrerà più feconda di quella
di Galilei o dello stesso Newton.
Bacone e la In ogni caso, Bacone si inserisce a pieno titolo nell’ambito della rivoluzione scientifica.
rivoluzione Nonostante le diversità con Galilei o con Newton, comune è la convinzione che la natu-
scientifica
ra sia regolata da leggi necessarie, che la via per scoprirle debba passare attraverso la
natura stessa – mediante l’osservazione sistematica e l’esperimento – che, infine, una
volta individuati i nessi causali, sarà possibile intervenire su di essi per produrre gli effetti
voluti. In più, in Bacone c’è la convinzione – o, per l’epoca, la pretesa utopistica – che sia
possibile trasformare i corpi, cambiarne le «nature», cioè le qualità, che è una conse-
guenza di un approccio mirante a scoprire la forma delle cose e non i rapporti quantitativi
tra i fenomeni.

X Dài una definizione del metodo induttivo. Da quali momenti è caratterizzato?


GUIDA
ALLO X Che cosa sono le «tavole»? Quali sono? Che funzione hanno nella ricerca?
X
STUDIO Che cos’è la «prima vendemmia»?
X Che cosa sono le «istanze»?
X Quali sono le principali interpretazioni della scienza baconiana?

L’oggetto della ricerca scientifica


Trasformare La prospettiva di ricerca di Bacone, a differenza di quella di Galilei e di Newton, è
la natura indirizzata prevalentemente verso aspetti qualitativi; il fine della scienza non è per
delle cose
lui quello di comprendere la natura riconducendola a un modello matematico, ma di
trasformarla, modificandone la struttura interna, quella che, con un termine aristo-
telico ma al quale dà un significato profondamente diverso, egli definisce la «forma».
Si tratta di un termine di derivazione aristotelica, ma usato in modo diverso. Come per
Aristotele, anche per Bacone la scienza è conoscenza di cause. Delle quattro cause
aristoteliche, il pensatore inglese esclude decisamente quella finale e prende in con-
siderazione soprattutto quella efficiente e quella formale. Il significato della nozione
baconiana di forma è da intendere come causa del fatto che una cosa abbia determinate
caratteristiche e come struttura della cosa stessa. Bacone asserisce esplicitamente di
usare questo termine perché ormai di uso comune. Tuttavia lo intende non in senso
metafisico, ma in un significato molto vicino a quello che assumerà in seguito l’espres-
sione «natura chimica» di un corpo. Sostiene, infatti, che «compito e scopo dell’umana
potenza è generare e introdurre una nuova natura o nuove nature in un corpo dato.
Compito e scopo dell’umana scienza è trovare la forma di una natura data, ossia la
differenza vera, o natura naturante o fonte di emanazione (questi sono i termini di cui
disponiamo che più si avvicinano ad indicare la cosa)» (La grande instaurazione, Novum
Organum, libro II, par. i, in Scritti filosofici, p. 639). Le espressioni usate per definire
il concetto di «forma» rimandano alla tradizione rinascimentale piuttosto che a quella
aristotelica.
Subito dopo Bacone aggiunge che compito della scienza è la «la trasformazione dei corpi
concreti l’uno nell’altro, possibile entro certi limiti» (Ivi, p. 640). Egli considera quindi la
forma come la struttura di un corpo, che può essere modificata per via sperimentale e
ovviamente riguarda l’ambito materiale; questa concezione si allontana, dunque, da quel-
la della forma aristotelica, che è distinta dalla materia stessa.
114
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
2. La rivoluzione astronomica

Processo Per individuare la forma, occorre cogliere il processo latente – la causa e le modalità del
e schema- cambiamento – e lo schematismo latente – la struttura dei corpi in quiete. Entrambi sono
tismo
latenti «latenti», cioè nascosti, impercettibili, e devono essere individuati mediante la ricerca. Il
processo latente è la legge che regola il divenire delle cose, la causa dei cambiamenti e
delle trasformazioni. Deve essere inteso in un senso molto concreto: sono processi laten-
ti, ad esempio, la fermentazione che produce il vino o la lievitazione, e in genere tutto
ciò che modifica le proprietà fisiche e chimiche di una cosa. Lo schematismo latente è la
struttura dei corpi. Esso è paragonato all’anatomia, la quale però è visibile e semplice da
studiare. Può essere inteso come la struttura chimica o addirittura molecolare della cosa
studiata: Bacone parla dello schematismo del ferro, che lo distingue da altri metalli o da

PROFILO
una pietra, oppure dello schematismo delle parti semplici delle piante e degli animali,
come la foglia, la carne, il sangue, le ossa.
Tra Un esempio proposto da Bacone indica come egli sia a metà tra intuizione della chimica e
alchimia residui dell’alchimia rinascimentale. Bacone definisce l’oro come una forma caratterizzata
e chimica
da una serie di «nature semplici», come il giallo, un certo grado di duttilità e di malleabilità
ecc. Chi fosse in grado di congiungere tali caratteristiche in un corpo, lo cambierebbe in
oro, trasformandone lo schematismo latente e quindi la natura.

X Qual è, per Bacone, lo scopo della scienza?


GUIDA
ALLO X Che cos’è lo schematismo latente? E il processo latente?
X
STUDIO
Come può essere inteso lo schematismo latente?
X In che senso la concezione dello schematismo e del processo latente conserva tracce dell’alchi-
mia medievale?

La scienza come sistema


Nodi di Uno dei requisiti principali per la costruzione della scienza della natura è, secondo Baco-
discussione,
Interpretazioni ne, che sia possibile una conoscenza confrontabile e verificabile (le tavole e gli esperimen-
del pensiero di
Bacone, p. 177 ti hanno questo scopo), e che sia quindi cumulativa e sommativa.
La scienza I risultati delle ricerche del passato devono poter costituire il punto di partenza di quelle
deve essere future, senza dovere ogni volta ricominciare da principio, e le ricerche devono poter esse-
cumulativa
re utilizzate da chiunque per raggiungere, attraverso l’esame delle esperienze particolari,
conoscenze complesse.
Le Per questo, Bacone sottolinea il ruolo che devono avere le accademie e le ricerche condot-
accademie te congiuntamente da più scienziati. D’altra parte, egli sollevava in Inghilterra un’esigenza
e la ricerca
comune che era già parte dello sfondo culturale dell’epoca. Le accademie rappresentavano ormai le
istituzioni in cui veniva elaborato il nuovo sapere, mentre il ruolo delle università diveniva
sempre meno centrale. L’Accademia dei Lincei, fondata a Roma nel 1603 (con l’importante
antecedente della fiorentina Accademia platonica), preludeva a una ricca fioritura di tali isti-
tuzioni che sarebbe culminata nella nascita delle prime accademie nazionali, come la Royal
Society che nascerà a Londra nel 1645 – ma solo nel 1662 otterrà il riconoscimento ufficiale
da parte della monarchia – e l’Académie Royale des Sciences, fondata a Parigi nel 1666.
Un piano Secondo Bacone, per il progresso della scienza è però essenziale che le ricerche particolari
di ricerca facciano riferimento a un progetto comune, che la scienza venga definita come un siste-
comune
ma, un corpo unico, all’interno del quale ognuno possa dare il suo contributo muovendo
da punti di riferimento comuni e da assunzioni generali condivise.
115
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

L’inventario Questa esigenza è alla base della Parasceve ad historiam naturalem et experimentalem (Pre-
del sapere parazione alla storia naturale e sperimentale), il saggio che, nell’edizione della Instauratio
tecnico e
scientifico Magna del 1620, fa seguito al Novum Organum. Il termine parasceve indica nella Bibbia il
giorno della preparazione al sabato ebraico, ed è stato probabilmente scelto da Bacone a
indicare che la Instauratio Magna, una volta completata, avrebbe inaugurato non soltanto
una nuova scienza, ma un nuovo modo di intendere la scienza in generale e un nuovo
mondo su di essa fondato.
L’enciclo- Il progetto presentato nella Parasceve è ambizioso: constatato che i sistemi filosofici non
pedia come hanno conseguito il proprio fine, occorre riprendere la fondazione del sapere direttamen-
esigenza
sistematica te dall’osservazione e dalla trasformazione della natura e ordinare tutto il materiale
prodotto in passato secondo un progetto unitario, che costituirà anche il punto di riferi-
mento per quello da raccogliere in futuro. In altre parole, si tratta di costruire una grande
enciclopedia delle scienze e delle tecniche. Ad essa ogni ricercatore potrà dare il proprio
contributo, più o meno importante ma sempre utilizzabile da altri. Basandosi su questo
materiale osservativo, gli scienziati potranno procedere gradualmente a una integrazione
sempre maggiore dei vari ambiti, formulando leggi generali. L’elaborazione teorica non
deve però precedere i fatti, ma fondarsi su analisi quanto più ampie e articolate delle de-
scrizioni esistenti, raccolte con criteri omogenei. L’enciclopedia del sapere si pone perciò
come il fondamento di un ampio lavoro condotto e utilizzato da tutti i ricercatori e gli
scienziati dei vari Paesi, lungo l’arco di più generazioni. A questo fine, Bacone delinea
una «storia naturale e sperimentale», considerata la parte principale e più difficile della
scienza, compiuta la quale «l’investigazione della natura e di tutte le scienze si ridurrà a un
lavoro di pochi anni». Poiché essa è fondamento di ogni ricerca, viene chiamata da Bacone
«storia prima» o «storia madre».
La mappa Bacone suddivide l’ambito delle scienze in settori e sottosettori, costruendo una mappa
del nuovo del sapere da investigare, o meglio il progetto di un’enciclopedia delle scienze, organizza-
sapere
ta ordinatamente, che raccolga per ogni ambito tutti i fatti e gli esperimenti osservati. Ol-
tre alla finalità metodologica, l’enciclopedia tratteggiata da Bacone è importante perché
ridefinisce profondamente gli oggetti del sapere scientifico: in essa non c’è spazio per la
metafisica, per la teologia, per la teoria dell’anima o per quella della sostanza. L’enciclope-
dia di Bacone precorre quella più nota degli illuministi, anzi ne costituisce in una certa
misura il modello, e gli enciclopedisti riconosceranno il proprio debito verso il filosofo
inglese, indicandolo come il padre della nuova concezione del sapere.
Eventi La suddivisione principale è posta tra eventi o specie naturali (quelli cioè che la natura
naturali e produce senza il concorso dell’uomo), generazioni irregolari, o mostri (cioè le produ-
artificiali
zioni naturali non conformi alla specie), e, infine, cose artificiali (i prodotti delle arti,
cioè dell’azione dell’uomo che modifica l’esistente o crea nuove realtà). Queste ultime
sono le più importanti, perché, nell’indicare i problemi e le difficoltà incontrate dall’uomo
nell’imporsi sulla natura, mostrano le caratteristiche delle cose con l’evidenza dell’esperi-
mento e dell’applicazione concreta. La storia delle diverse arti o tecniche – l’agricoltura, la
metallurgia ecc. – avrà perciò lo spazio maggiore nell’enciclopedia del sapere.
Gli ambiti Delle «storie» da ricostruire, cioè degli aspetti del mondo naturale e artificiale da investi-
della gare, Bacone dà poi un lungo elenco, individuando centotrenta campi di ricerca, divisi in
ricerca
quattro sezioni: storia del cielo (astronomia, meteorologia, storia dei moti della Terra e del
mare ecc.), storia delle «grandi masse» (i quattro elementi tradizionali: fuoco, aria, acqua
e terra), storie delle specie naturali (minerali, piante, animali) e infine storia dell’uomo.
L’ultima sezione è la più ricca e spazia dalla storia dell’anatomia e della fisiologia a quella
116
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
2. La rivoluzione astronomica

della medicina e della chirurgia, dalla storia degli affetti a quella delle facoltà intellettuali,
concludendo con la storia delle arti articolata in poco meno di trenta ambiti diversi, dalla
lavorazione dell’oro e della lana, a quella dei vimini e della cera, includendo l’agricoltura e
la pastorizia insieme con l’arte del cavalcare o la storia dei giochi.
L’utopia La scienza, una volta sviluppata secondo il metodo indicato nel Novum Organum e costru-
tecnologica ita sulla base dell’enciclopedia del sapere delineata nella Storia naturale e sperimentale,
T11 darà all’uomo il dominio sulla natura e offrirà un contributo decisivo al progresso e alla
T12 felicità. Bacone anticipa le potenzialità di questa prospettiva in un romanzo utopistico,
La Nuova Atlantide, pubblicato postumo nel 1627. Secondo lui, ha un senso solo la scienza
che si traduce in progresso umano e in miglioramento delle condizioni di vita: il sapere

PROFILO
ha quindi prevalentemente finalità pratiche. Anche per questo aspetto, Bacone sarà uno
dei punti di riferimento dell’Illuminismo, che troverà nella sua filosofia l’anticipazione
dell’idea di progresso e della scienza al servizio del crescente benessere dell’umanità.
La Dignità L’idea di un’enciclopedia del sapere viene riproposta anche nel saggio Dignità e progresso
e progresso della scienza, pubblicato nel 1623, ma come rielaborazione dello scritto del 1605 Dignità
della
scienza e progresso del sapere, a testimonianza del fatto che la riorganizzazione del sapere nel suo
insieme è la questione centrale che Bacone affronta, da punti di vista diversi, lungo tutto
l’arco della sua attività di studioso. Il criterio di ordinamento è qui in parte diverso: è più
ampio, includendo tutti gli ambiti della conoscenza, e conseguentemente meno orientato
verso un progetto di ricerca scientifica. Nelle edizioni della Instauratio Magna successive al
1623, la Dignità e progresso del sapere costituisce la prima parte, seguita dal Novum Orga-
num e dalla Parasceve, disegnando un percorso che muove da una definizione organica del
sapere in generale, per affrontare quindi il problema del metodo della conoscenza scienti-
fica e suggerendo infine un progetto di ricerca che affronti in modo organico ed esaustivo
i diversi ambiti della scienza della natura. Le ultime due parti sono indubbiamente le più
originali e quelle che caratterizzano la figura e l’attività di Bacone, ma è significativo il
fatto che siano pensate all’interno di una prospettiva di ridefinizione dell’intero sapere.
Un lavoro L’enciclopedia del sapere deve servire anche come programma di ricerca al quale possano
comune dare il proprio contributo scienziati che operano a vari livelli e il cui lavoro, se organiz-
zato secondo un metodo unitario, può confluire in una scienza sistematica e collabora-
La critica, tiva. In un celebre passo, Bacone scrive: «Il nostro metodo di invenzione delle scienze è
Bacone e la
scienza moderna tale da non lasciare molto posto all’acutezza e alla forza degli ingegni, ma da eguagliare
(ROSSI), p. 179
quasi gli ingegni e gli intelletti. Come infatti nel tracciare una linea retta o un cerchio
perfetto, molto dipende dalla fermezza e dall’esercizio della mano, se si disegna a mano
libera, e invece queste qualità contano poco o nulla se si fa uso di una riga o di un com-
passo, così è del nostro metodo» (Novum Organum, libro I, par. lxi, in Scritti filosofici,
p. 572). Questo brano è stato oggetto di interpretazioni critiche discordanti, soprattut-
to dove si sostiene che il metodo non lascia posto alle capacità personali ma uguaglia
«gli ingegni e gli intelletti». Alcuni vi hanno visto una banalizzazione della ricerca o una
presunzione circa un metodo che dovrebbe produrre da sé le varie invenzioni. Secondo
l’interpretazione di Benjamin Farrington (Francesco Bacone filosofo dell’età industriale, pp.
115 sgg.), che ci sembra da condividere, Bacone non intende eliminare dalla ricerca la
creatività o anche la genialità, o comunque la capacità dei singoli individui, ma vuole
fondare dei procedimenti mediante i quali, sotto la guida e seguendo le indicazioni di
chi progetta la ricerca stessa, chiunque (purché abbia ricevuto un’adeguata formazione)
possa dare un proprio contributo, a vari livelli, per il suo avanzamento. Non è esagerato
affermare che il progetto di Bacone va nella direzione di una scienza istituzionalizzata,
fondata su procedimenti di verifica e di controllo e su un linguaggio comune, in modo
117
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

da farne un’attività non eccezionale, ma una prassi stabilita, dalla quale e utilizzando
la quale possano definirsi ed emergere nuove scoperte senza che sia necessario innovare
ogni volta i princìpi.

X Quale deve essere il ruolo delle accademie?


GUIDA
ALLO X Perché è necessario un inventario del sapere tecnico e scientifico?
STUDIO X Quali sono le caratteristiche dell’«enciclopedia» baconiana? Perché prefigura un nuovo sapere?
In che senso è una delle premesse per un sapere collaborativo?

LA STORIA E Le accademie
LA CULTURA DEL TEMPO

Nel corso del Seicento conoscono una grande dif- quella dei Lincei è sostenuta dal marchese Federico
fusione le accademie, luoghi di elaborazione del Cesi, quella del Cimento dal principe Leopoldo de’
sapere alternativi alle università. In particolare, Medici, fratello del granduca Ferdinando II.
sorgono numerose accademie scientifiche, orien- Ben altra fortuna hanno invece le accademie eu-
tate alla ricerca cooperativa e finalizzata anche ropee, che potranno contare sul sostegno econo-
ad applicazioni tecnologiche. Le prime accademie mico e politico delle monarchie nazionali, come la
nascono in Italia, dove però non esiste uno Stato Royal Society, che nasce a Londra nel 1645 – ma
nazionale in grado di sostenerle; pertanto, dopo solo nel 1662 otterrà il riconoscimento ufficiale
l’iniziale fioritura perdono importanza a vantaggio della monarchia – e l’Académie Royale des Scien-
di quelle europee, finanziate direttamente dalle ces, fondata a Parigi nel 1666. La prima, presie-
monarchie nazionali. duta dal 1703 al 1727 da Newton, rappresenta
In Italia, una delle prime accademie scientifiche in modo esemplare il nuovo sapere, coniugan-
è quella dei Lincei (con la quale collabora Ga- do ricerche scientifiche di astronomia e di fisica
lilei), fondata a Roma nel 1603 e orientata verso con applicazioni tecnologiche per la metallurgia,
lo studio dell’astronomia e delle scienze fisiche e la navigazione, l’industria tessile. La seconda,
matematiche. Ispirandosi a Galilei, nel 1657 viene voluta dalla monarchia e fondata dal ministro
fondata a Firenze l’Accademia del Cimento, che delle finanze di Luigi XIV, Jean-Baptiste Colbert,
assume come proprio metodo quello sperimenta- costituirà un importante polo di ricerca scientifica
le (il «cimento» come esperimento per mettere fino al suo scioglimento, avvenuto nel 1792. Sul
alla prova le teorie), animata da scienziati galileiani modello dell’accademia francese, nasce nel 1700,
come Torricelli e Castelli. Di essa fanno parte scien- ad opera di Leibniz, l’accademia di Berlino, origina-
ziati come Vincenzo Viviani e Francesco Redi. Nono- riamente denominata Societas Regia Scientiarum,
stante la loro importanza, queste accademie hanno per diventare nel 1742, sotto il regno di Federico II,
vita breve perché vivono del mecenatismo privato: l’Accademia Reale Prussiana delle Scienze.

H. Testelin, Istituzione
dell’Accademia delle
Scienze e la fondazione
dell’Osservatorio a Parigi,
1666, olio su tela (Versailles,
Musée national du Chateau
de Versailles).

118
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
3. Galilei: sensate esperienze e certe dimostrazioni

3 Galilei: sensate esperienze


e certe dimostrazioni
principio di
ipotesi
critica il autorità

sensate che operano la quantificazione


si basa su esperienze dei dati che consentono
IL METODO

PROFILO
DI GALILEI esperimenti
certe che applicano ragionamenti
dimostrazioni matematici

verità formulazione
distingue tra rivelata della legge
come rapporto
verità matematico
naturale tra variabili

ato a Pisa, Galileo Galilei (1564-1642) vi frequenta in un primo tempo lo studio di Medicina, orien-
Notizie
bio-biblio-
grafiche
N tandosi ben presto verso la matematica, che studia a Firenze. Dopo la laurea torna a Pisa, insegnan-
do presso l’università per tre anni, durante i quali si occupa soprattutto dello studio del movimento. Nel
1592 gli viene affidata la cattedra di Matematica presso l’Università di Padova. Sono gli anni dedicati
soprattutto alle osservazioni astronomiche mediante il cannocchiale, che si concludono con l’opera Si-
dereus Nuncius, pubblicata nel 1610, anno in cui si trasferisce a Firenze, chiamatovi da Cosimo II de’
Medici, come matematico di corte. Nel 1616 la Chiesa condanna la teoria copernicana, chiamando Ga-
lilei ad assistere al processo, seppure non in veste di imputato, e imponendogli di non continuare più
gli studi in tale direzione. Nel 1618 scrive Il Saggiatore (1623). Galilei prosegue le proprie osservazioni
astronomiche, riassumendole in quella che è considerata la sua opera maggiore, il Dialogo sopra i due
massimi sistemi del mondo, pubblicata nel 1632, in cui difende il copernicanesimo, risolvendo il problema
del movimento della Terra, che aveva costituito l’obiezione maggiore degli oppositori. Dopo pochi mesi,
il libro viene posto sotto accusa, e con esso Galilei, convocato a Roma dal Tribunale dell’Inquisizione e
sottoposto a processo. Le sue tesi astronomiche vengono considerate eretiche e solo accettando di pro-
nunciare una abiura con la quale le sconfessa può avere salva la vita. È condannato al domicilio coatto
nella propria villa di Arcetri, presso Firenze, con il divieto di fare ricerche e di pubblicare. Riuscirà comun-
que a continuare la propria attività, affidando a un amico il manoscritto di una nuova opera, Discorsi e
dimostrazioni sopra due nuove scienze, pubblicata in Olanda nel 1638.

La teoria di Copernico era stata presentata, nella prefazione curata da Osiander, come una
semplice ipotesi matematica per semplificare i calcoli e non come la descrizione «vera»
dell’universo. Mancava d’altra parte all’epoca la possibilità di sostenere tale teoria con os-
servazioni e prove, mentre i diversi movimenti della Terra che occorreva presupporre per
conciliarla con i dati osservativi la rendevano distante dal senso comune.
Le prove del Le osservazioni rese possibili dal cannocchiale, perfezionato da Galilei e usato come tele-
copernica- scopio, incominciano a fornire prove osservative all’ipotesi copernicana, facendone una
nesimo
teoria astronomica e fisica e non soltanto un modello teorico per semplificare il calcolo
delle orbite. Le nuove osservazioni vengono esposte da Galilei in una delle sue opere prin-
cipali, il Sidereus Nuncius, pubblicato al termine del periodo padovano (1610).
In quest’opera vengono descritti importanti fenomeni celesti resi visibili dal nuovo stru-
mento ottico, che demoliscono alcuni dei presupposti del sistema aristotelico-tolemaico,
sostenendo contemporaneamente la teoria copernicana.
119
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

Le osservazioni astronomiche
La Il cannocchiale permette di vedere un numero di stelle molto superiore a quello prece-
dilatazione dentemente osservabile, rendendo evidente che non si trovano sullo stesso piano e dila-
dell’uni-
verso tando enormemente le dimensioni dell’universo. Viene meno la concezione del cielo delle
stelle fisse, secondo la quale tutte le stelle occupavano una stessa sfera che segnava i li-
miti dell’universo. Galilei non afferma ancora che l’universo è infinito (lo avevano fatto
in ambito filosofico Cusano e Bruno, e solo a partire da Newton lo si riconoscerà anche in
ambito astronomico), ma apre la strada a questa ipotesi.
I cieli La superficie della Luna, vista al telescopio, appare in dettaglio: se ne possono scorgere le
non sono irregolarità, percepire le valli e le montagne, ed essa appare simile a quella terrestre. Cade
immutabili
un altro fondamentale caposaldo del vecchio sistema del mondo: il dualismo, la separa-
zione tra mondo sublunare e mondo celeste, il primo imperfetto e soggetto al divenire, il
secondo formato da una sola sostanza (l’etere) e quindi immutabile, dato che il cambia-
mento era riferito alla diversa aggregazione degli elementi.
Le fasi di Il telescopio rende visibili anche le fasi di Venere, osservate e descritte dettagliatamente da
Venere Galilei. Esse risultano incomprensibili secondo il vecchio modello, mentre dimostrano il
moto di rivoluzione del pianeta intorno al Sole, come previsto dal sistema copernicano.
I satelliti La scoperta considerata da Galilei di maggior rilievo riguarda i satelliti di Giove (le «stelle
di Giove medicee», in onore dei Medici che lo avevano invitato a Firenze come astronomo di cor-
te), individuati in seguito a ripetute osservazioni puntualmente documentate nel Sidereus
Nuncius da una serie di disegni. Giove viene così a rappresentare quasi un modello del
sistema solare, ma ancor più l’esistenza di corpi celesti rotanti intorno ad altri distrug-
geva definitivamente la teoria delle sfere cristalline, già messa in discussione dalle os-
servazioni di Thyco Brahe sulle comete.
Il processo La teoria copernicana era guardata con sospetto dalla Chiesa, in quanto risultava in
del 1616 contrasto con alcuni passi della Bibbia. Fino ad allora non c’era stata una condanna espli-
cita, proprio perché era stata presentata come semplice ipotesi matematica, ma le osser-
vazioni di Galilei, che le davano una consistenza fisica, indussero le autorità ad aprire un
vero e proprio processo. Celebratosi nel 1616, esso era contro il copernicanesimo e non
contro la persona di Galilei, che venne però invitato e al quale fu richiesto il solenne im-
pegno di non sostenere in futuro questa teoria.
Si apriva così un radicale contrasto tra la visione scientifica e quella religiosa dell’universo
che porterà nel 1633 alla condanna di Galilei e al suo isolamento ad Arcetri.

X Perché le osservazioni galileiane con il cannocchiale sono importanti?


GUIDA
ALLO X Che cosa dimostrano le osservazioni della Luna? E quelle relative ai satelliti di Giove?
X
STUDIO Perché solo dopo le osservazioni di Galilei la teoria copernicana è condannata dalla Chiesa?

Ragione, esperienza e fede


Accordo tra Galilei è uomo di fede, oltre che di scienza. È cattolico convinto, amico di sacerdoti e di
ragione e cardinali, tra i quali Maffeo Barberini, papa dal 1623 al 1644 (dunque anche quando fu
Scritture
condannato) con il nome di Urbano VIII. Egli è profondamente convinto che tra la parola
di Dio (la Bibbia) e la ragione non può esservi conflitto, perché anche la ragione è stata
data all’uomo da Dio per conoscere il mondo da Lui creato.
120
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
3. Galilei: sensate esperienze e certe dimostrazioni

Le verità La Bibbia è parola divina, ma si rivolge a uomini di un determinato periodo storico, in cui
della c’erano determinate conoscenze sulla natura. Lo scopo della Bibbia è l’insegnamento mo-
Bibbia sono
morali, non rale, non quello scientifico. Le affermazioni sulla natura in essa contenute non vanno perciò
scientifiche prese alla lettera, perché Dio doveva necessariamente adattare la Sua parola alla mentalità
WEB degli uomini dell’epoca. Se quindi nella Bibbia è scritto che Giosuè esclamò: «Fermati o Sole»
X I testi,
o se in altri passi si legge che la Terra è ferma, queste frasi non vanno intese nel loro signi-
Galilei: Le ficato astronomico. In una celebre lettera al padre benedettino Castelli, Galilei sottolinea
Sacre Scritture
e la scienza che le Sacre Scritture e la natura procedono entrambe da Dio, ma le prime hanno dovuto
(Lettere a don
Benedetto adattarsi all’intendimento degli uomini, mentre la seconda procede necessariamente
Castelli)
secondo il proprio corso. Quindi, conclude, «quello de gli effetti naturali che o la sensata

PROFILO
esperienza ci pone innanzi a gli occhi o le necessarie dimostrazioni ci concludono, non deb-
ba in conto alcuno esser revocato in dubbio per luoghi della Scrittura ch’avesser nelle paro-
le diverso sembiante, poi che non ogni detto della Scrittura è legato a obblighi così severi
com’ogni effetto di natura« (Lettera a don Benedetto Castelli, in Opere, vol. I, p. 527).
Indipen- Galilei sottolinea con forza l’indipendenza della scienza dalla religione, ritenendo che nel-
denza della la prima si debba procedere sulla base delle esperienze compiute con i sensi («sensata
scienza
esperienza») e del ragionamento («certe dimostrazioni»). Nonostante l’ammonimento
del 1616, prosegue quindi le sue ricerche astronomiche facendo propria la teoria coper-
nicana, e producendo nel 1632 l’opera di maggior rilievo, il Dialogo sopra i due massimi si-
stemi del mondo, tolemaico e copernicano. Dal confronto tra i due «massimi sistemi» emerge
con chiarezza la superiorità del secondo. La pubblicazione dell’opera determinerà, come si
è detto, il processo e la condanna da parte del Tribunale dell’Inquisizione.
La critica Le osservazioni astronomiche non erano in disaccordo soltanto con alcune frasi della Bib-
al principio bia, ma soprattutto con il modello astronomico aristotelico-tolemaico, fatto proprio dalla
di autorità
Chiesa. Esse non mettevano in discussione soltanto la cosmologia tradizionale ma, come
aveva già sottolineato Bruno, conducevano al superamento del principio di autorità,
aprendo di nuovo la strada alla ricerca e all’esperienza diretta, superando i libri degli ari-
stotelici e le verità ritenute tali perché consolidate dal tempo. Aristotele, sottolinea Galilei,
partiva dall’esperienza e se fosse rinato a quell’epoca non avrebbe creduto ai suoi seguaci,
ma avrebbe usato i nuovi strumenti per controllare e rivedere le proprie teorie. Il bersaglio
polemico di Galilei sono quindi piuttosto «i Peripatetici, più parziali di Aristotele, che egli
medesimo non sarebbe», come scrive in una lettera a frà Paolo Sarpi del 12 febbraio 1611.
Ma è in una lettera a Narco Verseri del 14 agosto 1612, in cui lo informa sulle osservazio-
ni relative alle macchie solari, che il suo giudizio è particolarmente esplicito. «Sarà bene
– scrive – che per l’avvenire si torni a porgere orecchio a quei saggi filosofi che della celeste
sustanza diversamente da Aristotele giudicarono, e da i quali Aristotele medesimo non si
sarebbe allontanato se delle presenti sensate osservazioni avesse auta contezza: poi che egli
non solo ammesse le manifeste esperienze tra i mezi potenti a concludere circa i problemi
naturali, ma diede loro il primo luogo». E subito dopo aggiunge: «Anzi dirò di più, ch’io
stimo di contrariar molto meno alla dottrina d’Aristotele col porre (stanti vere le presenti
osservazioni) la materia celeste alterabile, che quelli che pur la volessero sostenere inaltera-
bile; perché son sicuro ch’egli non ebbe mai per tanto certa la conclusione dell’inalterabilità,
come questa, che all’evidente esperienza si deva posporre ogni umano discorso». Se Aristo-
tele avesse potuto osservare le macchie solari e le montagne della Luna, non avrebbe mai
sostenuto l’immutabilità dei cieli, come fanno i suoi seguaci. Il libro dal quale dobbiamo
imparare è quello della natura, come dirà altrove, e non quelli di Aristotele, o di chiunque
altro. L’autorità di chi sostiene una tesi non è una prova della sua validità: occorre sempre
confrontarla con le «sensate esperienze» e accettarla soltanto se è in accordo con loro.
121
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

La nuova immagine del cosmo


Immuta- La prima giornata del Dialogo sopra i due massimi sistemi è interamente dedicata alla critica
bilità non è del sistema tolemaico, che verrà ripresa e approfondita anche nella terza giornata. Prima
perfezione
ancora di entrare nel merito dei problemi legati al moto della Terra, affrontati nella se-
conda giornata, Galilei sostiene che se i cieli fossero davvero immutabili non sarebbero af-
fatto perfetti. La nobiltà della Terra deriva proprio da ciò che gli aristotelici considerano
«imperfezione», cioè dal cambiamento, che significa vita, generazione, nascita e morte.
Se i cieli fossero davvero immutabili, sarebbero sterili e inutili, come diamanti perfetti ma
privi di vita. Se non fosse per la scarsità dei diamanti e per l’abbondanza del terreno, che
fa dei primi degli oggetti di valore, dovremmo considerare molto più preziosa la Terra e il
fango, dai quali nasce la vita, rispetto a pietre dalle quali non può nascere nulla.
L’uomo non La visione aristotelica del mondo presenta poi, secondo Galilei, un’altra evidente contrad-
è il fine dizione. Da un lato considera la Terra imperfetta e inferiore rispetto ai cieli, ma dall’altro
dell’uni-
verso considera tutti i corpi celesti come creati da Dio in funzione degli uomini e quindi della
Terra stessa. Nel momento in cui svalutano la Terra, non cogliendo l’importanza del dive-
WEB nire e della vita, gli aristotelici affermano con grande presunzione che l’intero universo
X I testi,
è finalizzato all’uomo. Galilei non nega la provvidenza divina, ma considera fuorviante
Galilei: Contro spiegare l’universo in funzione dell’uomo. Per chiarire la propria posizione ricorre a una
il finalismo
(Dialogo sopra similitudine: ogni singolo grappolo d’uva, anzi ogni acino, riceve dal Sole tutto ciò che gli
i due massimi
sistemi del serve per la propria maturazione, quasi come se il Sole si applicasse soltanto ad esso, tan-
mondo)
to che non potrebbe fare di più né meglio; ma quell’acino d’uva sarebbe immensamente
presuntuoso se pensasse che il Sole esiste unicamente per produrre la propria maturazio-
ne. Anche l’uomo riceve da Dio ogni cura per la propria vita e la propria salvezza, ma non
può pretendere che la creazione di Dio sia stata fatta unicamente in funzione sua. Ciò
appare tanto più vero nel momento in cui, grazie alle osservazioni astronomiche, vengono
scoperti nuovi corpi (come i pianeti di Giove, le «stelle medicee») e migliaia di nuove stelle
che evidentemente non servivano all’uomo, dato che ne ignorava persino l’esistenza.
Nell’universo galileiano, quindi, la Terra è decisamente rivalutata proprio per il diveni-
re e per la vita che ne facevano un corpo imperfetto agli occhi degli aristotelici, mentre
l’ampliarsi del cosmo porta al superamento della interpretazione teleologica: dobbiamo
capire come funziona l’universo, superando la visione antropocentrica che vorrebbe spie-
gare ogni fenomeno in vista della sua utilità per l’uomo.

X La Bibbia contiene verità scientifiche? Con quali argomenti Galilei sostiene la propria posizione?
GUIDA
ALLO X Può esserci contrasto tra Bibbia e natura? Perché?
STUDIO X Perché Galilei contesta che l’immutabilità dei cieli sarebbe una qualità positiva?
X Perché è improbabile che l’intero universo sia finalizzato all’uomo?
X Che cosa si intende con «visione antropocentrica dell’universo»? Perché deve essere superata?

122
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
3. Galilei: sensate esperienze e certe dimostrazioni

LA STORIA E La Chiesa contro Galilei


LA CULTURA DEL TEMPO

L’opera principale di Copernico, il De revolutioni- del periodo più acceso della Controriforma. Il 17
bus orbium caelestium, viene pubblicata nel 1543, febbraio 1600 Giordano Bruno era stato arso sul
senza suscitare particolari reazioni né condanne rogo, Tommaso Campanella rimane in carcere fino
da parte della Chiesa romana. Ciò è dovuto a una al 1626 (e significativamente, proprio nel 1616
serie di motivazioni: l’opera è preceduta da una – l’anno del processo a Copernico – scrive un’ap-
prefazione, che pareva scritta da Copernico stesso, passionata difesa di Galilei, Apologia pro Galilaeo).
del teologo protestante tedesco Andreas Osian- L’Europa sta combattendo la sua ultima guerra di

PROFILO
der (1498-1552), in cui la nuova teoria è presenta- religione, la Guerra dei Trent’anni (1618-48) e solo
ta come un modello matematico per semplificare alla fine di questo lungo conflitto comincerà ad
i calcoli e non come la descrizione dell’universo; affermarsi uno spirito laico.
inoltre la Chiesa in quegli anni è impegnata nel Il papa Urbano VIII (al secolo Maffeo Barberini),
confronto con il luteranesimo e considera proba- eletto nel 1623, nonostante dimostri una cer-
bilmente marginale la questione. ta tolleranza (aveva disposto la scarcerazione di
Il processo a Copernico viene celebrato invece nel Campanella) e un atteggiamento benevolo verso
1616, a oltre settant’anni dalla sua morte, quando Galilei, non può opporsi alle pressioni dei gesuiti e
la situazione è profondamente cambiata, sia rela- della sua stessa corte cardinalizia. In un primo mo-
tivamente all’influenza della teoria copernicana, mento, il Dialogo sui massimi sistemi, pubblicato
sia per quanto riguarda le condizioni storiche. nel 1632, ottiene l’imprimatur, grazie a un’intro-
Galilei infatti aveva ripreso la teoria di Copernico duzione in cui l’autore dichiara di voler presentare
sostenendola con osservazioni astronomiche, che i due maggiori sistemi cosmologici senza prendere
aveva esposto nel Sidereus Nuncius (1610). L’ipo- parte né per l’uno né per l’altro. Non ci vuole mol-
tesi «matematica» diventava la descrizione fisica to, però, per capire la reale prospettiva seguita nel
dell’universo. Il processo del 1616 contro Coperni-
co è diretto soprattutto contro Galilei, che viene
infatti diffidato dal continuare le sue ricerche su
questo argomento.
Galilei continua però a lavorare alla dimostrazio-
ne del sistema copernicano e ritiene addirittura di
averne trovato la prova definitiva nel moto delle
maree. Nel 1624 progetta un’opera dal titolo Dia-
logo sopra il flusso e il reflusso delle maree, desti-
nata a dimostrare che il moto delle maree prova il
moto di rotazione della Terra. Si tratta ovviamen-
te di un errore, come gli fa notare Keplero in una
dura polemica epistolare, ma Galilei ne è talmente
convinto che dedica l’intera Quarta giornata della
sua opera principale, il Dialogo sopra i due mas-
simi sistemi del mondo, tolemaico e copernicano
(1632), alla discussione di questa tesi. Nonostante
Galilei dichiari una presunta neutralità nell’espo-
sizione dei due sistemi, l’intera opera è una difesa
e una dimostrazione del copernicanesimo – più
efficace nelle prime tre giornate che in quella con-
clusiva – ed è denunciata come tale dai gesuiti.
La rotazione della Terra e l’eliocentrismo erano
incompatibili con alcune affermazioni delle Scrit-
ture e quindi l’opera di Galilei, che forniva prove
fisiche del copernicanesimo, viene condannata so-
lennemente con il processo del 1633.
Dal punto di vista storico questi sono gli anni Galileo Galilei durante l’abiura. Incisione del 1880.

123
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

libro e la pubblicazione viene sospesa dopo pochi aver ricordato le accuse di eliocentrismo («sono
mesi per ordine dell’Inquisitore di Firenze. I Ge- stato giudicato veementemente sospetto d’eresia,
suiti avevano definito l’opera più pericolosa per cioè d’aver tenuto e creduto che il sole sia centro
la Chiesa degli scritti di Lutero e di Calvino. Il pri- del mondo e imobile e che la terra non sia centro e
mo di ottobre viene intimato a Galilei di recarsi a che si muova») sconfessa pubblicamente la teoria
Roma per presentarsi davanti al Sant’Uffizio. Gali- copernicana: «con cuor sincero e fede non finta
lei parte per Roma nel gennaio 1633 e si rende im- abiuro, maledico e detesto li sudetti errori e eresie,
mediatamente conto di essere oggetto di un vero e generalmente ogni e qualunque altro errore, ere-
e proprio processo per eresia. Gli viene contestato sia e setta contraria alla S.ta Chiesa». In seguito a
di non aver ottemperato al divieto, formulato nel questo atto solenne e pubblico, la pena del carcere
1616, di occuparsi della teoria copernicana. Gali- viene comminata prima nel soggiorno obbligato,
lei dichiara di non essere a conoscenza di questo per alcuni mesi, presso l’arcivescovato di Siena,
precetto ma non può negare a lungo di sostenere poi nel domicilio coatto, sotto sorveglianza e con
il copernicanesimo. Il 22 giugno viene emessa la divieto di scrivere, nella sua villa ad Arcetri, presso
sentenza, che è di condanna ma prevede soltanto Firenze, per il resto della vita.
il carcere e non l’esecuzione, a condizione che egli La condanna di Galilei verrà confermata dalla
accetti di abiurare pubblicamente al copernicane- Chiesa nei secoli successivi. Soltanto il 31 ottobre
simo e alle teorie da lui stesso sostenute. Galilei 1992 il papa Giovanni Paolo II riabiliterà lo scien-
pronuncia lo stesso giorno l’abiura solenne (pre- ziato, dopo un’istruttoria durata oltre un decen-
parata dal Tribunale dell’Inquisizione), in cui, dopo nio, condotta da una commissione istituita dallo
stesso pontefice il 10 novembre 1979.
Conviene aggiungere, però, che la Chie-
sa aveva progressivamente attenuato
la condanna del grande scienziato. Nel
1757 le opere di Galilei erano state tol-
te dall’Indice dei libri proibiti e in periodi
successivi molti studiosi all’interno del-
la Chiesa avevano sottolineato come
fosse anacronistica la condanna di Gali-
lei, che comunque venne ufficialmente
mantenuta.

Joseph-Nicolas Robert-Fleury (1837-1912),


Galileo Galilei davanti al Sant’Uffizio, olio su
tela (Parigi, Museo del Louvre).

Il sistema copernicano e la relatività galileiana


Il problema Il Dialogo sopra i due massimi sistemi non è solo una difesa del sistema copernicano, ma so-
del moto prattutto il tentativo di superare le accuse ad esso rivolte, connesse in particolare al mo-
della Terra
vimento della Terra. Dei tre protagonisti, Salviati difende il sistema copernicano, l’aristo-
telico Simplicio quello tolemaico, mentre Sagredo (discepolo e amico di Galilei a Padova)
funge da moderatore, anche se non nasconde il proprio apprezzamento per il primo.
L’argomento Il Dialogo è diviso in quattro giornate. Nella prima viene analizzata e criticata la cosmo-
del Dialogo logia aristotelica, in particolare per quanto riguarda la perfezione dei cieli. La seconda
Fonti e scritti, affronta l’ipotetico moto di rotazione della Terra, discutendo le obiezioni degli aristo-
Il Dialogo sopra
i due massimi telici, fino alla conclusione della cosiddetta «relatività galileiana», secondo la quale se la
sistemi del mondo,
tolemaico e coper- Terra girasse su se stessa non si manifesterebbe nessun effetto visibile. La terza affronta
nicano, p. 182 il moto di rivoluzione della Terra, sostenendo la teoria eliocentrica. Nell’ultima giorna-
124
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
3. Galilei: sensate esperienze e certe dimostrazioni

Dialogo tra ta, infine, Galilei cerca, sbagliando, di dimostrare la rotazione della Terra a partire dalle
filosofi,
Keplero e Galilei, maree, considerate una prova evidente di tale rotazione e polemizzando con la teoria di
p. 176
Keplero che ne individuava la causa nell’attrazione lunare.
Gran parte dei dialoghi è dedicata, piuttosto che a problemi astronomici, a problemi di
meccanica. Infatti, l’ipotesi eliocentrica deve prevedere, come aveva notato già Coperni-
co, il moto rotatorio della Terra, contro il quale gli aristotelici sollevavano obiezioni che
non potevano essere risolte che attraverso una nuova teoria del moto. Vediamo alcuni
passaggi del ragionamento galileiano, per ricostruire la nuova concezione del moto che
è alla base della fisica moderna.
La caduta Una delle principali obiezioni degli aristotelici, riportata da Simplicio, è che, se la Ter-

PROFILO
dei gravi ra si muovesse di moto diurno verso oriente, un grave lasciato andare dall’alto di
una torre dovrebbe cadere spostato verso occidente, così come, aggiunge Simplicio,
se lasciamo andare un sasso dalla cima dell’albero di una nave mentre questa avanza, il
sasso cadrà verso poppa e non ai piedi dell’albero. Il ragionamento di Simplicio riposa
sulla concezione aristotelica del moto, in base alla quale ogni movimento presuppone
un motore in atto per cui il sasso, lasciato cadere, non ha in sé alcun moto, a differenza
della nave. Sagredo chiede a Simplicio se abbia mai fatto questo esperimento e alla sua
risposta negativa risponde con un ragionamento sull’esperimento stesso, cioè con un
«esperimento mentale», come lo definisce Galilei. Se consideriamo il sasso prima che
venga lasciato cadere, dobbiamo ammettere che esso viaggia alla stessa velocità della
nave. Quando cade, tale velocità si conserva (cioè si conserva il moto), per cui il sasso
continuerà a seguire la nave e cadrà ai piedi dell’albero, indipendentemente dalla velocità
della nave stessa.
Qui tocchiamo il punto cruciale della nuova fisica: a differenza di quanto sosteneva Ari-
stotele, il moto, una volta impresso, appartiene al corpo, e si conserva finché non
intervengono cause contrarie. Per Aristotele il moto appartiene invece al motore e viene
meno non appena cessa l’azione del motore sul mobile.
La Di fronte alle perplessità di Simplicio, Salviati propone un altro esperimento mentale, che
dimostra- consente di comprendere ancora meglio la nuova concezione del moto. Immaginiamo,
zione
del moto dice Salviati, di porre una sfera alla sommità di un piano declive e di lasciarla andare. La
inerziale sfera inizierà a rotolare lungo il piano aumentando progressivamente la velocità. La causa
dell’accelerazione è la declività del piano. Immaginiamo adesso che alla fine del piano
in discesa ce ne sia uno in salita. La sfera
inizierà a salire perdendo via via velocità.
La causa della decelerazione è l’acclività
del piano. Ma che cosa succede se alla fine
del piano declive ne poniamo uno perfet-
tamente orizzontale, né declive né acclive?
Non ci sarà una causa di accelerazione né
di decelerazione, per cui la sfera continuerà
ad andare indefinitamente, cioè conserve-
rà il movimento.
Galilei ha così individuato il principio di
inerzia, o di conservazione del movimento.

T. Lessi, Incontro di Galilei e Viviani, XIX secolo, olio su tela


(Firenze, Istituto e Museo di Storia della Scienza).

125
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

I limiti della Nonostante questa intuizione, Galilei non arriva a formulare in modo esplicito tale
formula- principio, poiché la sua fisica rimane comunque una fisica dei corpi pesanti, o una «fi-
zione
galileiana sica dei gravi», come sottolinea Koyré nei suoi Studi galileiani (p. 244), in quanto è re-
lativa alla Terra e non è unificata, come avverrà con Newton, a quella celeste. Il moto
inerziale intuito con il ragionamento riportato sopra viene infatti da Galilei riferito
alla superficie terrestre e quindi assimilato a quello di una nave che la percorra. In
relazione a una sfera, infatti, il «piano non acclive né declive» è la superficie curva
che mantiene sempre la stessa distanza dal centro. Manca ancora, nella formulazio-
ne galileiana, l’idea di un moto rettilineo che prosegua all’infinito, indipendente-
mente dal sistema Terra. «Mai, nei Discorsi come nel Dialogo – scrive Koyré – Galileo
affermerà la conservazione del moto rettilineo. Ciò per la semplice ragione che un
tale movimento rettilineo dei gravi è una cosa impossibile, e che – per Galileo – dei
corpi non gravi cesserebbero di esser corpi e non potrebbero muoversi affatto» (Studi
galileiani, pp. 242-3).
Il «gran Dopo aver confutato altre obiezioni di Simplicio contro il moto della Terra, Salviati pro-
naviglio» pone l’esperimento mentale conclusivo, quello del «gran naviglio». «Riserratevi con
qualche amico nella maggiore stanza che sia sotto coverta di alcun gran navilio, e quivi
fate d’aver mosche, farfalle e simili animaletti volanti; siavi anco un gran vaso d’acqua,
e dentrovi de’ pescetti; sospendasi anco in alto qualche secchiello, che a goccia a goc-
cia vadia versando dell’acqua in un altro vaso di angusta bocca, che sia posto a basso: e
stando ferma la nave, osservate diligentemente come quelli animaletti volanti con pari
velocità vanno verso tutte le parti della stanza; i pesci si vedranno andar notando in-
differentemente per tutti i versi; le stille cadenti entreranno tutte nel vaso sottoposto;
e voi, gettando all’amico alcuna cosa, non piú gagliardamente la dovrete gettare verso
quella parte che verso questa, quando le lontananze sieno eguali; e saltando voi, come si
dice, a piè giunti, eguali spazii passerete verso tutte le parti» (Dialogo sopra i due massimi
sistemi del mondo, Giornata seconda, p. 227). Che cosa succede se la nave inizia a procede-
re, anche a grande velocità? Se il moto è uniforme, senza accelerazioni o decelerazioni,
non cambierà nulla: gli insetti continueranno a volare in tutte le direzioni senza essere
spinti a poppa, le gocce d’acqua cadranno esattamente dentro la bocca del vaso, i pesci
nuoteranno indifferentemente in tutte le direzioni ecc.
La relatività L’esperimento mentale si conclude con l’affermazione della «relatività galileiana»: all’in-
galileiana terno di un sistema non è possibile, mediante qualsivoglia esperimento, decidere se il
sistema stesso è in quiete o in moto uniforme, poiché in questo caso tutte le parti del
sistema partecipano del movimento generale. In questo modo risultano risolti i problemi
relativi al moto della Terra, dato che non potremmo accorgerci se è immobile o se viaggia
nello spazio di moto non accelerato, e nessuno degli eventi la cui assenza costituiva per
gli aristotelici una prova dell’immobilità della Terra si verificherebbe. Al tempo stesso
viene definita una nuova concezione del moto, come una quantità che può aumentare o
diminuire a seconda delle cause che agiscono sul corpo stesso, che si conserva in assenza
di cause di accelerazione o di decelerazione e, soprattutto, che è misurabile, quantifi-
cabile e su di esso è possibile compiere operazioni matematiche (sommare o sottrarre i
moti, calcolare rapporti ecc.).

X Quali erano le principali obiezioni contro il moto di rotazione della Terra?


GUIDA
ALLO X Con quali esperimenti mentali Galilei dimostra il moto inerziale?
X
STUDIO Perché la concezione galileiana del moto risolve le obiezioni contro il moto di rotazione?
X Che cosa si intende per «relatività galileiana»?
126
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
3. Galilei: sensate esperienze e certe dimostrazioni

Il metodo sperimentale
Perché gli Nel Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo vengono proposti esclusivamente esperimenti
esperimenti mentali, che hanno alcune funzioni importanti. Essi colgono la ragione dei fenomeni, com-
mentali?
presa la quale non è necessario ripetere le esperienze, perché è stato individuato il rapporto
causa-effetto che spiega ciò che accade e ne stabilisce la necessità logica. Analizziamo, per
Nodi di chiarire meglio questo punto, un altro celebre esperimento mentale. Nell’ultima opera, Discorsi
discussione,
Induzione e dedu- e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze, anch’essa in forma di dialogo tra gli stes-
zione nel pensiero
di Galilei, p. 178 si interlocutori della precedente, Galilei discute i risultati delle proprie ricerche sul moto uni-
formemente accelerato. Una delle conclusioni principali, ma anche una delle più sconcertanti

PROFILO
per l’esperienza comune, è che i corpi cadono nel vuoto con la stessa velocità, perché l’acce-
lerazione è funzione solo del tempo e non del peso. Alle obiezioni di Simplicio, che si appella
al senso comune secondo il quale un blocco di marmo cade molto più in fretta di una vescica
piena d’aria, risponde con il seguente ragionamento. Supponiamo di lasciar cadere due blocchi
di marmo di ugual peso. Essi toccheranno terra contemporaneamente dopo un certo intervallo
di tempo. Che cosa succede se, durante la caduta, i due blocchi vengono a contatto, costituendo
così un’unica massa? Evidentemente la velocità di caduta non varia. La diversa accelerazione
tra il blocco di marmo e la vescica dipende esclusivamente dalla resistenza dell’aria, tolta la
quale verrebbe annullata. L’esperienza è dunque importante, ma deve essere trattata scientifi-
camente, astraendo, in particolare, dagli «impedimenti della materia», ad esempio in questo
caso dalla resistenza dell’aria. Anche nell’esperimento mentale che dimostra la conservazione
del movimento, di cui si è detto sopra, occorre astrarre dall’attrito, dato che, in concreto, la
sfera su un piano non conserverà il proprio moto, ma lo perderà progressivamente.

LA COMUNITÀ DEGLI SCIENZIATI


Frontespizio del Dialogo di Galileo Galilei.
Sino all’epoca moderna i procedimenti usati per arrivare a determinate scoperte (ad esempio, nel Cinquecento, i
metodi per la soluzione di equazioni di grado superiore) venivano mantenuti segreti dallo scopritore. La scienza
era una questione di potere e successo personale. Solo a partire dal Seicento si impone l’idea di una comunità
scientifica (le Accademie), all’interno della quale confrontare, controllare e criticare non solo i risultati ma anche
ogni passaggio dell’esperienza scientifica. È un’idea enfatizzata da questo frontespizio del Dialogo galileiano.

Con un turbante di foggia


vagamente orientale la figura
immaginaria di Simplicio,
sostenitore acritico delle
antiche teorie tolemaiche. Filippo Salviati è il nobile
Fra le mani tiene una sfera e scienziato fiorentino che
armillare, il congegno formato nel Dialogo si fa portavoce
da cerchi mobili e concentrici delle teorie di Copernico,
che riproduceva i moti simboleggiate dallo
planetari previsti da Tolomeo. strumento che tiene in mano,
una ricostruzione plastica del
sistema solare copernicano.
Nell’atto di interrogare vi è
Giovanni Francesco Sagredo, il
veneziano colto e dalla mente Le navi che si scorgono
aperta, pur non esperto di sullo sfondo alludono
astronomia, che nel Dialogo probabilmente
funge da moderatore e all’esperimento del «gran
interlocutore, rappresentando naviglio» proposto nel corso
così il lettore critico. del Dialogo.

127
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

L’esperi- Per capire qual è il ruolo dell’esperienza e quale quello della ragione nel metodo galileiano
mento come occorre analizzarne meglio i diversi momenti, in relazione allo studio della caduta dei gravi
esperienza
costruita che porterà alla definizione della legge secondo la quale l’accelerazione è proporzionale al
quadrato dei tempi. Galilei opera mediante una serie di esperimenti, usando i famosi piani
inclinati conservati ancora oggi nel Museo Fiorentino della Scienza e della Tecnica. I piani
servono per rendere misurabile un fenomeno (la caduta dei gravi) che, senza questo stru-
mento, non sarebbe misurabile. Per la ricerca scientifica è infatti essenziale quantificare,
cioè misurare i fenomeni. Galilei inventa a questo scopo uno speciale orologio ad acqua
estremamente preciso anche per grandezze dell’ordine del decimo di secondo, inserendo
inoltre lungo il piano inclinato dei campanellini che consentono di accertare istantanea-
mente il passaggio della palla che rotola lungo il piano. Nel resoconto di queste esperienze
egli sottolinea la necessità che il piano sia perfettamente levigato, che le sfere utilizzate
siano di metallo duro e perfettamente liscio, in una parola che siano resi per quanto pos-
sibile costanti i fattori che non devono essere considerati nella misurazione.
La quantifi- Tutti questi accorgimenti hanno un significato preciso: l’esperienza sulla quale deve basarsi la
cazione scienza non è quella comune, ma quella quantificata che consente di applicare ai dati la mate-
dell’espe-
rienza matica, misurandoli con esattezza e usandoli per i calcoli. La nuova scienza vede nella quan-
tificazione dei dati il proprio punto centrale e nella matematica non un semplice strumento
La critica, ma un vero e proprio metodo per rielaborare le osservazioni e per poterle trattare scien-
Galileo, padre
della scienza tificamente. Ciò che non è misurabile, come vedremo meglio nel paragrafo successivo, non
moderna (KOIRÉ),
p. 179; Scienza, può essere conosciuto scientificamente. Con Galilei e poi con Newton si passa, come ricorda
matematica e
tecnica in Galileo il titolo di un importante saggio di Alexandre Koyré, «dal mondo del pressappoco all’universo
(GEYMONAT), p. 180 della precisione», ed è proprio questo aspetto che li distingue sia da Bacone sia da Cartesio, per
i quali la scienza era importante ma non si basava sulla quantificazione e sul calcolo.
Esperienza L’esperienza alla quale fa riferimento Galilei è molto diversa da quella quotidiana. Anzi, come
quotidiana abbiamo visto a proposito della concezione astronomica, l’esperienza comune tenderebbe a
ed
esperienza giustificare il sistema aristotelico, dato che «vediamo» il Sole e gli altri corpi celesti muoversi
scientifica e avvertiamo, senza ombra di dubbio, la Terra come immobile. Galilei sottolinea spesso come
sia necessario «difalcare gli impedimenti della materia», in modo che l’esperienza, così tratta-
ta, corrisponda ai calcoli. Il fondamento della nuova scienza non è quindi l’esperienza imme-
diata, ma quella costruita dallo scienziato in base a determinati criteri, cioè l’esperimento.
L’esperi- L’esperimento è il cuore del metodo galileiano, che è appunto definito metodo sperimen-
mento e tale. In che cosa consiste l’esperimento? È un’esperienza costruita in base a ipotesi, in
il metodo
induttivo- modo da isolare le variabili che vogliamo effettivamente misurare. Nell’esempio proposto
speri- abbiamo a che fare con una serie di variabili che potrebbero in diversa misura influenzare
mentale l’accelerazione: l’attrito del piano, quello della sfera, il materiale del quale sono composti,
la grandezza e il peso della sfera ecc. Nell’esperimento dobbiamo rendere costanti le varia-
bili che non ci interessano, come l’attrito e la grandezza della sfera, in modo che cambino
solo quelle che vogliamo misurare (la velocità della sfera in diversi punti del piano incli-
nato). Si tratta, cioè, di isolare alcune variabili, in base all’ipotesi che siano determinanti
per il fenomeno studiato. A questo punto possiamo misurare la loro variazione (per que-
sto si chiamano variabili) indipendentemente dagli altri fattori, che abbiamo reso costan-
ti. Il risultato è l’individuazione di un rapporto matematico costante tra due grandezze
correlate (tempo e accelerazione). Così costruito, l’esperimento può confermare o meno
la nostra ipotesi, consentendoci di accertare se il rapporto individuato si presenta in tutti
i casi. Se l’esperimento (il «cimento», come lo chiama Galilei) è positivo, possiamo trasfor-
mare la nostra ipotesi in una legge, che è espressione di un rapporto matematico, cioè di
un rapporto tra quantità misurabili.
128
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
3. Galilei: sensate esperienze e certe dimostrazioni

Quello che abbiamo descritto è il metodo induttivo-sperimentale: si parte dall’osserva-


zione, si formulano delle ipotesi, si traducono le ipotesi in esperimenti (cioè in esperien-
ze costruite in base ad esse) e si verificano, mediante gli esperimenti, le ipotesi iniziali.
Esperienza Come in Bacone, il metodo di Galilei rappresenta una sintesi di esperienza e ragione: la
e ragione ragione costruisce le esperienze in base alle proprie ipotesi, isolando le variabili tra le quali
T6 pensiamo che sussista un rapporto. Inoltre, la ragione va oltre gli impedimenti della mate-
ria, che non è possibile rimuovere. Ad esempio, se la sfera arriva sul piano in movimento e
secondo la nostra ipotesi dovrebbe conservarlo indefinitamente, cerchiamo di ridurre sem-
pre più l’attrito che impedisce che questo evento si realizzi concretamente. Notiamo che più
riduciamo l’attrito, più aumenta la conservazione del movimento; sviluppiamo matema-

PROFILO
ticamente questa tendenza, ponendo l’attrito uguale a zero e giungiamo alla conclusione
che in questo caso il movimento si conserverebbe all’infinito. Si tratta di una conclusione
matematica alla quale giungiamo partendo dall’esperienza costruita dalla ragione.

X Perché Galilei ricorre spesso a «esperimenti mentali»? Qual è la loro funzione?


GUIDA
ALLO X Qual è, secondo Galilei, il rapporto tra l’esperienza e la ragione?
X
STUDIO
Come possono essere definiti gli esperimenti?
X Perché il metodo galileiano è definito anche sperimentale?
X Perché nel metodo di Galilei la matematica è importante?

Il realismo di Galilei
L’impor- Non tutti i fenomeni possono essere conosciuti scientificamente, ma unicamente quelli
tanza della che possono essere trattati in modo matematico, cioè quelli quantificabili. La matema-
matematica
tica svolge un ruolo centrale nel metodo galileiano. L’universo, scrive Galilei, è un libro
T5
«scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi, ed altre figure geometri-
che, senza i quali mezzi è impossibile a intenderne umanamente parola; senza questi è un
aggirarsi vanamente per un oscuro laberinto» (Il Saggiatore, p. 38).
Qualità Galilei distingue nettamente tra qualità primarie e secondarie. Le prime sono oggettive,
oggettive e cioè appartengono alle cose e sono misurabili, le seconde invece, derivando dai sensi,
soggettive
sono soggettive e non possono essere studiate scientificamente. Per rendere più evidente
tale differenza propone un esempio: immaginiamo di muovere la mano su una statua o su
un uomo vivo. Il moto oggettivo della mano è lo stesso, ma l’uomo, se toccato in certi pun-
ti, sente solletico. Questa sensazione non appartiene però alla mano ma al soggetto che la
prova tanto che, se fosse di marmo come una statua, la sensazione stessa sparirebbe.
Alcune qualità, come la figura, la grandezza ecc., sono quindi proprie dei corpi, mentre altre,
come i colori, i sapori, gli odori ecc., sono proprie degli organi di senso. Le prime, una volta
quantificate, sono conosciute per quello che sono, cioè in modo oggettivo. La superficie di
un tavolo è un rettangolo di un metro e mezzo per un metro sia per chi lo osserva da vicino
sia per chi lo scorge da lontano, nonostante la diversità delle percezioni nei due casi, perché
figura e grandezza sono qualità del tavolo e non degli organi di senso di chi lo osserva.
Il realismo Da queste premesse deriva una prima, importante, conseguenza: il realismo di Galilei. Ciò
che la scienza può conoscere esiste davvero così come è conosciuto, cioè la scienza può
conoscere la realtà. Inoltre (altra conseguenza importante), ciò che è conoscibile scienti-
ficamente, coincidendo con la realtà, è conosciuto in modo perfetto, tanto da non potersi
immaginare una conoscenza più profonda o più completa. Quindi, in questo ambito, la no-
129
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

stra conoscenza è perfetta come potrebbe esserla quella di Dio. Galilei distingue a tale pro-
posito tra un conoscere extensive e un conoscere intensive: per estensione, la conoscenza
divina è infinitamente superiore a quella umana, perché Dio può conoscere tutto, l’uomo
solo gli aspetti quantificabili della realtà; ma per l’intensità, cioè per la perfezione della
conoscenza, non c’è nessuna differenza, perché Dio non può conoscere meglio dell’uomo
che due più due fa quattro o che l’accelerazione è proporzionale al quadrato dei tempi.
La conoscenza scientifica è circoscritta all’ambito dei fenomeni quantificabili ma, entro
questi limiti, è oggettiva ed esaustiva, cioè perfetta.
La ragione Nell’ambito di ciò che l’uomo può conoscere, la scienza può condurre alla verità. Galilei
e la natura ha una grande fiducia nella razionalità della natura, in quanto Dio è il creatore sia del
mondo naturale sia della nostra mente e non potrebbe aver voluto un disaccordo tra
le due. La natura è razionale e dunque conoscibile: perciò l’uomo, nell’ambito di cui si è
detto, può individuare leggi naturali che descrivono il comportamento reale e oggettivo
della natura. Scrive nei Discorsi e dimostrazioni: «tuttavia, dal momento che la natura si
serve di una certa forma di accelerazione nei gravi discendenti, abbiamo stabilito di stu-
diarne le proprietà, posto che la definizione che daremo del nostro moto accelerato abbia
a corrispondere con l’essenza del moto naturalmente accelerato. Questa coincidenza cre-
diamo di averla raggiunta finalmente, dopo lunghe riflessioni; soprattutto per il fatto che
le proprietà, da noi successivamente dimostrate, sembrano esattamente corrispondere e
coincidere con ciò che gli esperimenti naturali presentano ai sensi» (Discorsi e dimostrazio-
ni matematiche intorno a due nuove scienze, p. 727).
La nostra conoscenza è sempre e comunque relativa ai fenomeni osservabili, anzi, a
quelli quantificabili. Ma questi corrispondono al modo oggettivo di operare della na-
tura, consentendo quindi, come si diceva, di poter parlare di «verità» a proposito delle
leggi scientifiche.

X Che cosa differenzia le qualità oggettive da quelle soggettive?


GUIDA
ALLO X Che cosa intende Galilei per conoscere «intensive»?
X
STUDIO Perché sotto questo aspetto la nostra conoscenza è perfetta come quella di Dio?

L’eredità galileiana
Galilei è riconosciuto come il padre del metodo sperimentale, che verrà considerato il
metodo scientifico per eccellenza. Anche Bacone parla di esperimenti, ma lo fa in modo
molto meno rigoroso e soprattutto senza applicare la quantificazione e la matematica
alla ricerca scientifica. Proprio agli esperimenti di Galilei farà riferimento Kant per esem-
plificare la nascita della fisica moderna e la sua differenza rispetto a quella precedente.
In ambito astronomico, Galilei ha il merito di aver fornito, per primo, prove osservative
e sperimentali della teoria copernicana, dandole un fondamento fisico e non soltanto
ipotetico-matematico. Questi due aspetti saranno sviluppati da Newton, che porterà a
compimento le sue intuizioni, costruendo con Galilei la scienza moderna.
Ma Galilei è anche il simbolo dei contrasti tra scienza e fede, della libertà di pensiero
contro l’oscurantismo ecclesiastico, della persecuzione cui può andare incontro chi segue
la propria ragione invece delle tradizioni consolidate e del principio di autorità. È durante
l’Illuminismo che questo aspetto viene sottolineato maggiormente, e in una certa misura
utilizzato anche per la polemica anticlericale portata avanti da molti intellettuali dell’epoca.
130
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
3. Galilei: sensate esperienze e certe dimostrazioni

LA STORIA E Tecnica e scienza


LA CULTURA DEL TEMPO nel Seicento
Il legame tra scienza e tecnologia è sottolineato servazione del cielo: nasce il telescopio. Grazie a
soprattutto da Bacone, ma è ribadito da tutti gli questo strumento l’universo cambia dimensioni
scienziati dell’epoca. Lo sviluppo della scienza e e conformazione: le stelle visibili diventano mol-
quello della tecnica vanno di pari passo per più ra- te migliaia, Galilei può osservare le valli e i monti
gioni: la scienza quantitativa del Seicento richiede della Luna, i satelliti di Giove, le fasi di Venere, dati
strumenti sempre più precisi per la misurazione dei che gli consentono di portare argomenti a soste-
fenomeni; nello stesso periodo vengono inventati gno della teoria copernicana.

PROFILO
strumenti che amplificano le capacità sensoriali Newton perfeziona il telescopio, passando dal si-
umane, in particolare quella visiva, come il telesco- stema a rifrazione a quello a riflessione.
pio e il microscopio; infine, dalla scienza ci si aspet-
Come il telescopio rivoluziona l’astronomia, il mi-
tano applicazioni che migliorino la vita umana.
croscopio rivoluziona la biologia, la medicina e
a. Il mondo della precisione la chimica e al tempo stesso cambia il modo di
Galilei intitola una delle sue opere più note Il Sag- vedere la realtà, aprendo una porta sul mondo in-
giatore. Il saggiatore è il bilancino di precisione de- sospettato dell’infinitamente piccolo.
gli orafi, i quali, per il valore della merce che trat- Le lenti di ingrandimento erano state usate sin
tano, non possono accontentarsi di una precisione, dall’antichità, ma soltanto con il telescopio e il
ad esempio, al grammo, che andrebbe bene per la microscopio vengono abbinate per amplificarne
maggior parte delle necessità quotidiane. La nuo- l’effetto. Galilei costruisce anche il primo micro-
va scienza si basa su dati quantificati e ha per- scopio rudimentale, detto «occhialino di Galileo»
ciò bisogno di strumenti di misura estremamente e chiamato per la prima volta «microscopio» da
precisi. Quando Galilei fa rotolare le sfere su pia- padre Giovanni Faber di Bamberga, medico del
ni inclinati per determinarne l’accelerazione, non papa Urbano VIII.
può accontentarsi di una precisione al secondo, Il primo microscopio vero e proprio è attribui-
ma ha bisogno di misurare i decimi e i centesimi to all’olandese Anton van Leeuwenhoek (1632-
di secondo. Gli orologi incominciano a introdur- 1723), che con questo strumento, capace di rag-
re la lancetta dei secondi nel corso del Seicento e giungere ingrandimenti di circa 270 volte, riesce a
non sono strumenti di misurazione affidabili per osservare realtà completamente invisibili a occhio
gli esperimenti scientifici. Galilei inventa quindi nudo, come ad esempio i batteri, il lievito, la vita
l’orologio ad acqua, che gli consente di raggiun- presente in una goccia d’acqua.
gere una precisione minima al decimo di secondo.
Si passa così, come recita il titolo di un celebre c. Cambiare la realtà
saggio del filosofo francese di origine russa Alexan- La società del Seicento è caratterizzata da un gran-
dre Koyré (1892-1964), Dal mondo del pressapoco de sviluppo manifatturiero che crea le premesse per
all’universo della precisione (Torino, Einaudi, 2000). la rivoluzione industriale, alla quale le innovazioni
tecnologiche daranno un contributo decisivo. La
b. Vedere nuovi mondi tecnica è considerata inoltre importante anche per
Bacone definisce gli strumenti che accrescono le la sua capacità di migliorare le condizioni di vita,
capacità sensoriali, in particolare il microscopio contribuendo al progresso complessivo dell’uma-
e il telescopio, «istanze della porta», poiché am- nità. Nella Nuova Atlantide Bacone sottolinea con
plificano i sensi, che sono la «porta» mediante la forza le ricadute in ambito pratico della scienza
quale entriamo in comunicazione con il mondo esaltandone le possibilità, ma mostrandone anche i
esterno. La nuova scienza si basa sull’esperienza, rischi, tanto che nel suo romanzo affida agli scien-
quindi sui sensi, e gli strumenti che aumentano le ziati (i padri della Casa di Salomone) il compito di
capacità percettive permettono di sperimentare valutare quali scoperte divulgare e quali tenere se-
nuove realtà. grete, almeno per un certo tempo.
Il telescopio è lo strumento-simbolo del secolo Per Bacone la tecnologia ha anche l’importante
per le conseguenze che ha avuto sulla scienza e funzione di strumento di verifica della teoria. Se
sulla mentalità dell’epoca. Il primo cannocchiale una teoria produce macchine che funzionano, se
viene costruito nel 1608 da ottici olandesi e ven- è capace di modificare la realtà, allora la teoria è
duto come curiosità o come giocattolo. L’anno corretta, anzi vera, perché, riuscendo a trasformare
successivo Galilei lo perfeziona e lo usa per l’os- la natura, ne ha dato una giusta interpretazione.

131
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

4 Newton: le ricerche e il metodo

che si
parte generalizza con le quattro regole
dell’esperienza del filosofare

che consentono la

perché quantifica cui seguono i controlli e la formulazione


induttivo
i fenomeni sperimentali di leggi

formula
ipotesi
IL METODO è
DI NEWTON

perché deduce i dalle leggi ricavate dalla


deduttivo fenomeni induzione
generali

ato a Grantham, nella contea di Lincoln, il 25 dicembre 1642 (l’anno della morte di Galilei), New-
Notizie
bio-biblio-
grafiche
N ton porta a compimento la rivoluzione scientifica intrapresa da Galilei e da Keplero, definendo
un «sistema del mondo» che costituirà il punto di riferimento essenziale per la fisica e la meccanica
fino agli ultimi decenni dell’Ottocento. Dopo gli studi secondari a Grantham, Newton entra nel 1661
al Trinity College di Cambridge, dove studia il calcolo infinitesimale, mettendo a punto il metodo che
denomina delle «flussioni». Nello stesso periodo elabora la teoria corpuscolare della luce che inizia a
esporre al Trinity College di Cambridge, dove dal 1669 viene chiamato a insegnare matematica. Anche
in seguito alla polemica con Hooke sostenitore della teoria ondulatoria, Newton abbandona gli espe-
rimenti sulla luce e riprende gli studi giovanili di meccanica. Egli aveva già formulato la legge secondo
WEB la quale la forza gravitazionale che si esercita fra due corpi è direttamente proporzionale alle masse
e inversamente proporzionale al quadrato della distanza, spiegando tra l’altro con questo principio
X La storia
e la cultura
l’ellitticità delle orbite planetarie. I calcoli mediante i quali sottopone alla prova la teoria della gravita-
del tempo, La zione sembrano però smentirla, fino a quando l’astronomo francese Jean Picard (1620-83) determina
nascita della
Royal Society una nuova misura del raggio terrestre, che si rivelerà poi vicina a quella reale. Le nuove misure confer-
mano i calcoli di Newton ed egli riprende a lavorare alla teoria gravitazionale descrivendo, a partire
da questa, il moto dei pianeti e dando ragione delle apparenti irregolarità nelle loro orbite. La fama
di Newton aumenta progressivamente, finché nel 1703 viene eletto presidente della Royal Society,
carica che conserverà fino alla morte, esercitando un’influenza via via crescente sull’ambiente scien-
tifico inglese. Nel 1699 inizia la controversia con Leibniz sulla paternità del calcolo infinitesimale, che
si concluderà a favore dello scienziato inglese. Dopo l’Ottica (1704), Newton non scrive praticamente
più di argomenti scientifici. Si dedica invece a ricerche e a scritti, rimasti poi tutti inediti, di contenuto
religioso. Muore nel 1727.

132
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
4. Newton: le ricerche e il metodo

Le ricerche Le prime ricerche di Newton riguardano l’ottica, uno dei campi d’indagine privilegiati della
sull’ottica nuova scienza. Tale centralità riposa su diversi motivi. A partire da Galilei, l’osservazione
mediante strumenti ottici costituiva uno dei fondamenti della fisica, e di ottica si era occu-
pato anche Cartesio, cercando di ricondurla ai princìpi generali del movimento e quindi alla
meccanica. Ciò era possibile però solo se si assumeva come postulato l’assenza di vuoto, per
cui la propagazione della luce poteva essere trattata alla stregua delle onde sonore.

L’indagine sulla luce e il metodo sperimentale

PROFILO
Newton sostiene che la luce è costituita da corpuscoli solidi, ed è proprio questa teoria
a provocare reazioni negative da parte della Royal Society e in specie di Robert Hooke
(1635-1703), incaricato di controllare gli esperimenti di Newton e sostenitore della teoria
ondulatoria.
La natura Hooke, nella sua Micrographia (1665), sosteneva che i colori derivano dalla rifrazione su
dei colori materiali diversi dei raggi luminosi che sono, per loro natura, sempre bianchi. Newton
rovescia questa teoria, giungendo alla conclusione che i diversi colori derivano da raggi
con differente grado di rifrazione, e quindi diversi l’uno dall’altro. Il colore bianco della
luce dipende dalla fusione di questi diversi raggi.
Gli Newton perviene a queste tesi in seguito a una serie di esperimenti sulla scomposizione
esperimenti della luce. In una stanza oscurata, egli pratica un piccolo foro nelle imposte, in modo da
sulla luce
far filtrare soltanto la quantità di luce desiderata. Pone quindi un prisma di vetro dietro
al foro, proiettando il raggio sulla parete opposta. In base alle leggi della rifrazione, lo
spettro proiettato sulla parete avrebbe dovuto essere circolare. La sua forma effettiva era
invece fortemente oblunga. Un successivo esperimento dimostra che questa irregolarità
dipende dal diverso grado di rifrazione dei raggi luminosi.
La nuova La luce bianca è dunque composta da raggi distinti, ognuno dei quali ha un diverso grado
teoria di rifrazione dal quale dipende l’impressione cromatica che provoca sulla retina.
sulla luce
Questa caratteristica della luce dà luogo tra l’altro a una aberrazione ineliminabile nei
telescopi ottici, perché, attraversando la lente, i diversi raggi si rifrangono con angolo dif-
ferenziato, producendo una distorsione dell’immagine. Questo problema, già notato da
altri, non poteva essere risolto con un perfezionamento nella molatura delle lenti, come
fino ad allora, essendone sconosciuta la causa, si era ritenuto. Newton riesce a superarlo
con il telescopio a riflessione, nel quale la luce viene raccolta non da una lente, ma da uno
specchio concavo di metallo che non dà luogo ad aberrazione.
Ma l’aspetto più importante della scoperta di Newton consiste nel considerare i colori non
come qualità dei corpi, o comunque prodotti della irregolarità delle loro superfici, come
si era fino ad allora ritenuto, ma della luce. Tale diversità è riconducibile all’angolo di ri-
frazione, diverso da colore a colore e costante per ogni colore, quindi a una caratteristica
quantificabile, matematica. In questo modo, Newton opera una netta distinzione tra la
fisiologia della percezione dei colori e la fisica dei colori stessi, che viene individuata dal-
la loro struttura matematica, concentrando la ricerca sul secondo ambito.
Un metodo Il metodo utilizzato in queste prime ricerche sulla luce può essere definito matematico-spe-
sperimen- rimentale. Le ipotesi esplicative vengono ricavate da una nutrita serie di esperimenti, tesi a
tale
controllare le diverse variabili implicate, per esempio utilizzando condizioni di rifrazione
T8
e materiali diversi, in modo da isolare le costanti presenti nei vari fenomeni.
133
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

La matema- Questo procedimento conduce a una quantificazione dei fenomeni (in questo caso i colori)
tizzazione per poterli trattare con metodo matematico. Si tratta, prima di tutto, di un procedimento
dei
fenomeni induttivo, che già Bacone aveva teorizzato. Ma l’esigenza di giungere a una quantificazio-
ne dei fenomeni e a una formulazione matematica delle leggi colloca piuttosto Newton
in una linea di continuità con Galilei, anche se con alcune differenze. La principale è che
per Galilei esistono fenomeni qualitativi e quantitativi, e solo dei secondi è possibile una
conoscenza scientifica: il movimento, la forma, le dimensioni ecc. sono quantificabili, i
colori o gli odori no; i primi possono essere studiati scientificamente, i secondi sono sog-
gettivi. Newton distingue invece tra i fenomeni e le sostanze. I primi, in linea di massima,
ricadono tutti nell’ambito scientifico, purché si riesca a trattarli in modo quantitativo,
e questo è un problema di metodo e non della natura dei fenomeni stessi. I colori sono
qualitativi dal punto di vista percettivo, ma sono quantificabili in quanto ricondotti alla
diversità – misurabile – dell’angolo di rifrazione.
Sensi e Newton distingue nettamente i due piani, quello fisico e quello sensoriale-percettivo,
scienza non sulla base della specificità dei fenomeni, ma del modo di trattarli. In ogni fenome-
no sono presenti entrambi gli aspetti, occorre trovare il modo di determinare il primo,
individuando la variazione qualitativa responsabile del cambiamento dell’apparenza
sensoriale. Le sostanze, le cause ultime, la metafisica in generale, sono, come per Gali-
lei, inconoscibili scientificamente in quanto non possono essere controllate sulla base di
esperimenti né, ovviamente, sono trattabili matematicamente.

X Che cosa scopre Newton, analizzando la luce bianca?


GUIDA
ALLO X Come arriva a questa scoperta?
STUDIO X Perché la scoperta che la luce bianca è composta da più raggi di diversi colori è così importante?
X In che cosa vengono modificate le teorie di Galilei sulla quantificazione dei fenomeni?
X Qual è la differenza tra l’approccio sensoriale e quello fisico agli stessi fenomeni?

LA STORIA E Le ricerche di Boyle


LA CULTURA DEL TEMPO

Nato a Lismore, in Irlanda, Robert Boyle (1627-91) proprio scetticismo di fronte all’identificazione de-
ha dato un contributo essenziale alla definizione del gli elementi ultimi della materia con sostanze note;
metodo sperimentale e, al tempo stesso, al rapporto Il virtuoso cristiano (1690), in cui si sostiene il valore
fra la nuova scienza e il cristianesimo. Le sue ricerche religioso della
di chimica sono significative in quanto disegnano ricerca.
una concezione meccanicistica della natura, come
modello che deve guidare la ricerca, pur ammetten-
do in ambito separato l’esistenza di un’intelligenza
creatrice che opera secondo fini. Boyle teorizza e
illustra il metodo sperimentale, istituendo anche
la pratica, fatta propria da Newton nelle ricerche
di ottica, di presentare dettagliati resoconti degli
esperimenti di laboratorio, corredati di tutte le in-
formazioni utili perché potessero essere riprodotti
anche da altri studiosi. È tra i fondatori della Royal
Society. Tra le opere di Boyle, sono degne di nota:
Utilità della filosofia naturale sperimentale (1661),
in cui si considera il rapporto tra scienza e tecnica; Robert Boyle,
il Chimico scettico (1661), in cui Boyle manifesta il incisione.

134
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
4. Newton: le ricerche e il metodo

Il metodo induttivo
Il problema Il metodo della scienza è, per Newton, quello induttivo, teorizzato già da Bacone. Esso
dell’indu- presenta però un problema di fondamentale importanza, che verrà sottolineato più tardi
zione
da Hume: muovendo da un numero limitato di osservazioni, non è possibile la formu-
T7
lazione di proposizioni sicuramente vere, ma, al più, probabili. Da esso non possono es-
sere derivate, perciò, leggi scientifiche, universali e necessarie. Newton è consapevole del
problema, ma sembra, in un certo senso, rifiutare i limiti che ne deriverebbero. Anche se
il metodo induttivo non può produrre verità scientifiche indiscutibili, esso è comunque
l’unico impiegabile, e dunque deve essergli assegnata una funzione conoscitiva.

PROFILO
La Newton ritiene di poter superare i problemi dell’induzione sulla base della formulazione
soluzione di alcune regole, presentate quasi come condizioni irrinunciabili per la possibilità stessa
proposta da
Newton di una conoscenza scientifica.
T9 Delle quattro Regole del filosofare, esposte nel libro iii della sua opera maggiore, i Philo-
sophiae naturalis principia mathematica, 1687 (Principi matematici della filosofia naturale), la
seconda e la terza riguardano in particolare i problemi dell’induzione. La seconda stabilisce
l’uniformità della natura, sostenendo che effetti simili sono prodotti dalle stesse cause,
consentendo così la generalizzazione del nesso causale. La causa della caduta delle pietre in
America, esemplifica Newton, è la stessa che in Europa e, potremmo aggiungere, sulla Luna
o sui diversi corpi celesti. La terza afferma l’omogeneità della natura, per cui le proprietà
invarianti (come ad esempio l’impenetrabilità) accertabili nei corpi sui quali è possibile fare
esperimenti sono generalizzabili a tutti i corpi. Newton afferma cioè che la natura è rego-
lare, si comporta sempre nello stesso modo e la materia possiede alcune qualità univer-
sali. Sulla base di queste regole la generalizzazione oggettiva diviene legittima, anche se è
tutt’altro che dimostrata, dato che è basata su regole e non su dimostrazioni.
Le altre due regole affrontano questioni generali di metodo. La prima stabilisce la sempli-
cità della natura, per cui se viene individuata una causa non dobbiamo cercarne altre: in
questo modo si elimina la possibilità di spiegazioni metafisiche di fenomeni dei quali sia
nota la causa fisica. La quarta, infine, stabilisce che le proposizioni ricavate dai fenomeni
mediante il procedimento induttivo possono essere smentite solo da fenomeni contrari e
non da ipotesi astratte.

Ipotesi scientifiche e ipotesi metafisiche


Ipotesi La critica alle «ipotesi» contenuta nella quarta regola è un aspetto controverso del
legittime e metodo di Newton. È ovvio infatti che ogni generalizzazione dei dati ricavati da espe-
illegittime
rimenti, e ogni conseguente formulazione di leggi generali, deve in un certo senso
essere considerata un’ipotesi. Nella prima edizione dei Princìpi, quella del 1687, le Re-
gole del filosofare non hanno questo nome né la formulazione illustrata sopra. Al loro
posto, come premessa al terzo libro, Newton aveva inserito proprio delle «ipotesi»,
intese come presupposti non dimostrati, anche se plausibili, assunti come fondamen-
to del sistema. Ma nei Princìpi questo termine è usato anche per indicare teorie non
fondate induttivamente sui fenomeni, e perciò prive di qualsiasi valore scientifico.
Che cos’è Parlando della forza di gravità, Newton sostiene che è possibile descriverla e indivi-
la forza di duarne la legge che ne spiega il comportamento, ma non si può ricavare dai fenomeni la
gravità?
natura di questa forza. La domanda sulla natura di questa forza è quindi destinata a resta-
135
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

P. Pelagi, Newton scopre la rifrazione della luce,


1824-27, olio su tela (Brescia, Pinacoteca Tosio
Martinengo). Il quadro fornisce una ricostruzione di
fantasia della scoperta, un momento fondamentale
della storia scientifica.

re senza risposta. In un celebre brano,


egli afferma: «In verità non sono ancora
riuscito a dedurre dai fenomeni la ra-
gione di queste proprietà della gravità,
e non invento ipotesi. Qualunque cosa,
infatti, non deducibile dai fenomeni va
chiamata ipotesi; e nella filosofia speri-
mentale non trovano posto le ipotesi sia
metafisiche, sia fisiche, sia delle qualità
occulte, sia meccaniche. In questa filo-
sofia le proposizioni vengono dedotte dai fenomeni e sono rese generali per induzione.
[...] Ed è sufficiente che la gravità esista di fatto, agisca secondo le leggi da noi esposte,
e spieghi tutti i movimenti dei corpi celesti e del nostro mare» (Princìpi matematici della
filosofia naturale, Scolio generale, p. 792).
Quali Per capire il senso del rifiuto newtoniano delle ipotesi, conviene partire dalla definizione
ipotesi di scienza sperimentale. Gli esperimenti non sono ovviamente delle semplici osservazioni
devono
essere ma, come avevano chiarito sia Bacone sia Galilei, modi di porre domande alla natura per
rifiutate costringerla a dare risposte. Gli esperimenti riguardano perciò il comportamento della
natura, producono dei fatti, indicano come agiscono le forze, ma non sono in grado di
rivelare la natura dei corpi o di tali forze.
Newton ha rinunciato alla prospettiva baconiana di conoscere la forma delle cose, lo sche-
matismo latente o il processo latente, per muoversi invece in una prospettiva galileiana,
occupandosi unicamente di quantità e di variazioni – misurabili – degli aspetti quanti-
tativi. Da questo punto di vista, ciò che la scienza può conoscere è il modo di agire delle
forze della natura, e non la loro essenza. Quindi, non interessa sapere che cosa è la
gravità, ma come agisce.
Che La prospettiva di Newton non è però, d’altro canto, puramente fenomenistica. La legge
cosa può di gravitazione e quelle del moto sono leggi della natura, non modi soggettivi di conce-
conoscere
la scienza? pirla. Questi aspetti, a differenza della natura dei corpi, possono essere però osservati
e sottoposti a esperimenti. Questa possibilità è il criterio che discrimina l’ambito della
conoscenza scientifica da quello delle «ipotesi». Le teorie ricavate per induzione da espe-
rimenti sono, come suggerisce anche la quarta regola, scientificamente fondate, e quin-
di possono essere discusse, o eventualmente confutate, sulla base di altri esperimenti;
quelle nate al di fuori di questo contesto si collocano su un piano diverso, estraneo alla
conoscenza scientifica, e in questo senso vengono denominate «ipotesi».

X Qual è il problema del metodo induttivo? Come lo risolve Newton?


GUIDA
ALLO X Che cosa afferma la regola della uniformità della natura?
STUDIO X In che senso Newton parla di semplicità della natura? Perché è un principio metodologico importante?
X A che proposito e in che senso Newton scrive: «non invento ipotesi» (hypòtheses non fingo)?
X Quali sono i limiti della conoscenza scientifica?
136
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
4. Newton: le ricerche e il metodo

L’indagine matematica della natura


L’ontologia Newton si muove nella prospettiva galileiana secondo la quale è possibile trattare in
matematica modo scientifico soltanto ciò che è quantificabile, e può dunque essere espresso mediante
rapporti matematici, impostazione definita «ontologia matematica» da uno dei princi-
pali studiosi della rivoluzione scientifica seicentesca (A. Koyré, Studi newtoniani, p. 8).
Con questa espressione, Koyré sottolinea che, per la nuova fisica, esiste (come oggetto di
conoscenza scientifica) solo ciò che è traducibile in termini matematici (quantitativi).
Koyré scrive che la scienza classica «ha sostituito a un mondo di qualità un mondo di
quantità: come già Aristotele sapeva perfettamente, non vi sono infatti qualità nel mondo

PROFILO
dei numeri, né in quello delle figure geometriche. Le qualità non trovano posto nel regno
dell’ontologia matematica» (Ibidem). La gravitazione è definita come una forza diretta-
mente proporzionale alle masse e inversamente proporzionale al quadrato della distanza,
e la formula: (F = g (m1· m2) / d2), che esprime questi valori, è tutto ciò che, in ambito
scientifico, della gravitazione può essere detto.
Il modello Il carattere matematico dei Princìpi indica anche un riferimento al metodo degli Elementi
geometrico di Euclide, che avevano costituito per tutto il Seicento il modello seguito dai maggiori
filosofi, da Cartesio, a Hobbes, a Spinoza. Il «metodo geometrico» sembrava costituire il
fondamento stesso della conoscenza. Newton aveva individuato i princìpi della fisica at-
traverso il metodo induttivo-sperimentale, ma restava ancorato alla concezione galileiana
secondo la quale a un momento induttivo che risaliva dagli esperimenti alle leggi, dovesse
seguire la deduzione e la spiegazione dei vari fatti empirici.
Questi significati sono impliciti nel titolo dell’opera newtoniana e aderenti alla sua con-
cezione. Ma il carattere matematico dei Princìpi è di tipo più specifico. Newton dichiara
esplicitamente che non intende occuparsi dei fenomeni empirici, ma dei puri rapporti
matematici che è possibile stabilire tra le diverse variabili delle leggi del movimento. Il
procedimento è deduttivo, le dimostrazioni sono di tipo matematico. Soltanto nel terzo
libro, a partire dalla costruzione concettuale definita nei primi due, vengono dedotte
proposizioni relative al piano empirico, e più in particolare al moto dei corpi celesti.

«Induzione-deduzione»
Per Bacone il metodo scientifico è momento successivo, l’importan- verso il procedimento deduttivo
induttivo, cioè parte dal partico- za del procedimento deduttivo. risultano unificati. Dedurre i feno-
lare (dalle osservazioni) per giun- Se le leggi sono corrette, da esse meni dalle leggi generali significa
gere all’universale, ovvero alla for- devono poter essere dedotti tutti inoltre spiegarli e dimostrarne la
mulazione di leggi. Newton segue i fenomeni che ricadono nel loro necessità: se infatti possono esse-
questo procedimento, proponendo ambito. Newton muove pertanto re dedotti, non è possibile imma-
anche una soluzione al problema dall’osservazione e dagli esperi- ginare che siano diversi da come
dell’induzione, cioè alla legittimi- menti, giunge per questo tramite sono e, al tempo stesso, le leggi da
tà di passare da un numero finito alla formulazione di leggi e deduce cui li deduciamo ne costituiscono
di osservazioni a proposizioni ge- dalle leggi fondamentali la spiega- la spiegazione. Per questi motivi
nerali. A tal fine (vedi Il metodo zione dell’intero dominio della fi- il metodo della scienza moder-
induttivo, pp. 135 sgg.), egli sug- sica e del moto. Egli presuppone in na, compiutamente formulato da
gerisce alcune regole che autoriz- altri termini che le leggi individua- Newton, viene definito induttivo-
zano questa operazione. Newton te per via induttiva costituiscano deduttivo, anche se il fondamento
completa il metodo della scien- un sistema esaustivo per la spie- della conoscenza rimane comun-
za moderna sottolineando, come gazione dei fenomeni, che attra- que di natura induttiva.

137
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

Carattere I Princìpi matematici presentano dunque una costruzione di tipo deduttivo. Vengono pre-
deduttivo sentati innanzitutto gli assiomi e le definizioni, ai quali però Newton è pervenuto sulla
dei Princìpi
base di osservazioni ed esperimenti, cioè in modo induttivo. Egli presuppone che le leggi
individuate per via induttiva costituiscano un sistema esaustivo per la spiegazione dei
fenomeni, che attraverso il procedimento deduttivo risultano unificati. Dedurre i feno-
meni dalle leggi generali significa inoltre spiegarli e dimostrarne la necessità: se in-
fatti possono essere dedotti, non è possibile immaginare che siano diversi da come sono
e, al tempo stesso, le leggi da cui li deduciamo ne costituiscono la spiegazione. Per questi
motivi il metodo della scienza moderna, compiutamente formulato da Newton, viene de-
finito induttivo-deduttivo, anche se il fondamento della conoscenza rimane comunque
di natura induttiva.
Il concetto Tra le definizioni, ha particolare importanza il concetto di massa, che sostituisce l’iden-
di massa tificazione della materia con l’estensione, formulata da Cartesio, e la nozione generica di
corpo, utilizzata anche da Galilei che la congiungeva al peso, rimanendo nell’ambito di
una fisica dei gravi che avrebbe impedito l’unificazione dei fenomeni terrestri con quelli
astronomici. La massa è definita da Newton come la misura della quantità di materia
ricavata dal prodotto della densità per il volume. In questo modo il concetto di massa è
completamente distinto da quello di peso, che viene a dipendere dall’azione della forza di
gravità sulla massa. In termini fisici, la definizione di Newton non è però rigorosa: Ernst
Mach (1838-1916) sottolineerà che la densità è un rapporto tra massa e volume e non può
essere impiegata per definire la massa senza cadere in un circolo vizioso. L’aver ricondotto
la massa alla quantità di materia, separandola dal concetto di peso, rappresenta comun-
que per l’epoca un passo decisivo verso la nuova fisica.

Isaac Newton durante un esperimento: usa un prisma per frazionare un fascio di luce bianca in uno spettro di colori. Accanto a lui, il
suo compagno di università John Wickins.

138
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
4. Newton: le ricerche e il metodo

Le leggi Da assiomi e definizioni vengono ricavate le leggi fondamentali del moto, applicate poi
del moto sia alla fisica celeste sia a quella terrestre. In questo modo Newton definisce una sistema-
zione della meccanica moderna che rimarrà invariata nelle sue linee fondamentali fino
agli ultimi decenni dell’Ottocento. Le leggi già individuate da Galilei e da Cartesio, e gli
stessi princìpi di Keplero, vengono dedotti dagli assiomi e dalle definizioni, risultando
connessi in un sistema complessivo profondamente coerente al proprio interno e in grado
di interpretare in modo unitario i vari contributi particolari.
Le tre leggi La prima legge è quella di inerzia, già intuita da Galilei e formalizzata da Cartesio: «Cia-
scun corpo persevera nel proprio stato di quiete o di moto rettilineo uniforme, salvo che
sia costretto a mutare quello stato da forze impresse» (Princìpi matematici della filosofia

PROFILO
naturale, Assiomi o leggi del movimento, p. 117). La seconda, già formulata da Galilei, ri-
guarda la composizione del movimento: «Il cambiamento di moto è proporzionale alla
forza motrice impressa, ed avviene lungo la linea retta secondo la quale la forza è stata
impressa» (Ivi, p. 118). Solo la terza legge, quella di azione e reazione, è formulata per
la prima volta da Newton: «Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria:
ossia, le azioni di due corpi sono sempre uguali fra loro e dirette verso parti opposte»
(Ivi, p. 120).
Teoremi e Da queste leggi, unitamente alle definizioni iniziali, Newton deduce corollari e teore-
corollari mi che coprono l’intero ambito dei princìpi per la spiegazione di ogni movimento, sia
terrestre sia celeste. Per proporre soltanto un esempio, non essendo possibile un’analisi
articolata, si ricorderà il teorema della composizione delle forze, secondo il quale se a un
corpo vengono applicate due forze che agiscono in direzioni diverse, il corpo si muoverà
lungo la diagonale del parallelogramma che ha per lati le direzioni delle forze applicate.

„ Il tempo e lo spazio nella fisica newtoniana


Tempo Oltre a introdurre nuovi concetti, come quello di massa, Newton ridefinisce in modo ri-
e spazio goroso quelli già comunemente usati, in particolare le nozioni di tempo e spazio che ver-
assoluti
ranno da lui rielaborate nelle definizioni di spazio assoluto e tempo assoluto, più tardi
contestate dalla fisica della relatività. Lo spazio e il tempo assoluti svolgono una funzione
essenziale nel modello fisico di Newton. Lo stato normale del mondo, quello che non ri-
chiede di essere spiegato mediante il ricorso ad altri fattori, è inerziale ed euclideo. Ogni
volta che interviene una modificazione di tale stato, interviene una forza, che deve essere
spiegata sulla base di una legge fisica. In assenza di cambiamenti, occorre però ipotizzare
l’assenza di forze che agiscono. Il tempo e lo spazio assoluti corrispondono appunto a
questo stato. Per esempio, nella prima legge del movimento il moto rettilineo uniforme
presuppone l’assenza di accelerazioni e dunque il riferimento a uno spazio immobile e a
un tempo costante.
Il concetto La nozione di spazio assoluto viene esemplificata da Newton in relazione al moto, ripren-
di spazio dendo la nota immagine galileiana della nave in movimento. Un corpo immobile in una
assoluto
nave in movimento è fermo rispetto alla nave ma si sposta, con questa, nello spazio
assoluto. Sarebbe veramente fermo se non si muovesse rispetto allo spazio assoluto. Un
corpo in movimento su una nave si muoverà di un moto relativo alla nave, di un moto,
con la nave, relativo alla Terra, e di uno nello spazio assoluto che è la combinazione dei
primi due. Il movimento assoluto ha come riferimento lo spazio assoluto, immaginato da
Newton come estensione uniforme e unitaria, euclidea. Una nave ferma relativamente
alla costa si muove tuttavia con la Terra, occupando successive posizioni nello spazio asso-
luto. Se la nave si muove in senso contrario alla Terra di dieci parti, si sposta nello spazio
139
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

assoluto delle parti di spazio percorse dalla Terra stessa, meno quelle del moto relativo.
Lo spazio assoluto deve essere immaginato come lo sfondo immobile dell’universo, in re-
lazione al quale misurare tutti i moti relativi. Similmente, il tempo assoluto è lo scorrere
uniforme del tempo, in relazione al quale misuriamo le diverse durate.
Il carattere Il tempo e lo spazio assoluti non sono oggetto di osservazione, poiché le misure sen-
non sibili fanno sempre riferimento a tempi e spazi relativi; essi dunque non sono ricavati
scientifico
dei concetti dall’esperienza mediante un procedimento induttivo, ma assunti in via teorica come
di spazio postulati del sistema del mondo. Con queste nozioni, criticate a partire dalla fine
e tempo dell’Ottocento da Ernst Mach e superate soltanto con la teoria einsteiniana della relati-
assoluti
vità, Newton introduce concetti non dimostrabili in base ai criteri metodologici da lui
stesso definiti.

„ La gravitazione e il sistema del mondo


Il sistema Il terzo libro dei Principia mostra l’applicazione delle leggi alla descrizione del sistema
del mondo solare e più in generale dell’universo. Uno degli aspetti più importanti della teoria di New-
ton è l’unificazione della fisica terrestre e di quella celeste, sottoposte entrambe alle
stesse leggi. Prima, infatti, Newton stabilisce i princìpi generali a prescindere da riferi-
menti ad ambiti specifici, cioè, come recita il titolo, su base esclusivamente matematica, e
solo in un secondo momento ne mostra le applicazioni all’astronomia.
I presup- Nel primo libro Newton aveva dato un fondamento dimostrativo al principio, già noto,
posti della secondo il quale la forza centripeta è inversamente proporzionale al quadrato della di-
legge di
gravita- stanza. Nello stesso luogo, aveva derivato dalle leggi del moto e da quelle di Keplero le
zione caratteristiche delle orbite intorno ai corpi, giungendo alla conclusione che dovevano
T10 essere ellittiche. Le intuizioni di Keplero trovavano così una dimostrazione partendo
dai princìpi generali della meccanica, e non più soltanto da una base osservativa.
Tali leggi, d’altra parte, sono applicabili a qualsiasi forma di moto, anche, ovviamente,
a quelli terrestri. La meccanica è in questo modo unificata all’interno di un sistema
unitario.
L’enuncia- Dopo la descrizione di alcuni «fenomeni» assunti come base per l’applicazione dei prin-
zione cìpi della meccanica, Newton enuncia, attraverso una serie di proposizioni, la legge di
gravitazione universale, secondo la quale due corpi si attraggono con una forza diret-
tamente proporzionale al prodotto delle loro masse e inversamente proporzionale al
quadrato della distanza: (F = g (m1 · m2) / d2).
Conse- Dalla legge gravitazionale Newton deriva importanti conseguenze. La forza di attrazione
guenze e che ogni pianeta esercita sulle sue parti è proporzionale alla massa, per cui il peso di un
applica-
zioni della oggetto di uguale massa cambia sulla superficie dei diversi pianeti. La fisica supera con
gravita- Newton il concetto di peso come valore assoluto, presente ancora in quella galileiana, e le
zione sue leggi sono ridefinite in funzione della quantità di materia, cioè della massa. Inoltre
universale
è possibile, conoscendo l’orbita dei pianeti e quindi il rapporto tra la forza gravitaziona-
le verso il Sole e la forza centrifuga, calcolarne la massa e la densità. Infine, l’attrazio-
ne gravitazionale si esercita, in rapporto diretto rispetto alle masse e inverso rispetto al
quadrato della distanza, anche tra i singoli corpi del sistema solare. Questa osservazione
consente a Newton di spiegare l’irregolarità nel moto di alcuni pianeti rispetto a orbite
ellittiche non perturbate.
La La gravitazione universale consente a Newton di spiegare anche le maree mediante l’at-
spiegazione trazione lunare, riconducendo a un ambito scientifico quell’azione a distanza che Galilei
delle maree
aveva negato, in polemica con Keplero, considerandola un residuo rinascimentale.
140
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
4. Newton: le ricerche e il metodo

NEWTON VISTO DA BLAKE


W. Blake, Newton, 1795 (Londra, Tate Gallery).
William Blake (1757-1827) fu poeta, pittore e disegnatore, animato da un fervente misticismo e dotato di una
notevole cultura letteraria e filosofica. Illustrò in prima persona i propri libri, come i Canti dell’Innocenza (1789),
il Matrimonio del Cielo e dell’Inferno (1793), i Canti dell’Esperienza (1794) e il poema apocalittico Gerusalemme
(1804-20); realizzò disegni anche per opere altrui, tra cui la Divina Commedia e i Pensieri notturni di Young.
La sua arte, in cui confluiscono influenze gotiche e michelangiolesche, può essere considerata un’espressione
del «sublime» inglese.

Nota, in particolare,

PROFILO
il corpo muscoloso
e armonico dello
scienziato, che spicca
nudo su fondo scuro; la
stretta prossimità fra La rappresentazione di
l’uomo e la natura; il Newton tende a porre
compasso nella mano in rilievo gli elementi di
sinistra, strumento genialità dello scienziato,
di misurazione raffigurato come una
dell’universo. divinità greca nell’atto di
misurare l’universo.

La materia
Gli atomi L’Ottica, pubblicata nel 1704, si conclude con le Questiones, notazioni non sistematiche
e il vuoto su problemi suggeriti e raccolti nell’arco di quasi trent’anni. Molte delle Questiones con-
cernono l’ottica e chiariscono i princìpi proposti nell’opera. Altre, invece, soprattutto le
ultime, affrontano, muovendo dalla natura della luce, la costituzione del mondo fisico,
delineando in particolare due teorie: l’esistenza del vuoto e la composizione atomica
della materia. In entrambi i casi, il riferimento critico di Newton è Cartesio, il quale aveva
identificato la materia con l’estensione e proprio per questo negava l’esistenza del vuoto
in quanto, dal suo punto di vista, risultava inconcepibile un’estensione priva di materia.
Al contrario, per Newton l’esistenza del vuoto è essenziale per spiegare la propagazione
della luce, la cui natura corpuscolare esclude che possa diffondersi in modo rettilineo e
a velocità istantanea in uno spazio non vuoto. Un universo pieno, inoltre, costituirebbe
un fattore di resistenza al moto dei pianeti, introducendo una variabile della quale non
emerge la necessità nei calcoli delle orbite. L’esistenza di una materia sottile che occupa
tutto lo spazio vuoto dell’universo si presenta quindi come una ipotesi, nel senso negativo
del termine, in quanto non derivabile dagli esperimenti e inutile o addirittura dannosa
per i calcoli.
La teoria L’esistenza del vuoto è per Newton importante anche per spiegare i processi di aggrega-
atomica zione della materia a livello, diremmo oggi, atomico. Newton traccia nelle Questiones una
teoria della materia, prospettando anche la possibilità dell’applicazione a livello microco-
smico degli stessi princìpi validi in ambito macrocosmico.
141
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

Un’ipotesi La teoria atomica viene ricavata per induzione dall’osservazione e dagli esperimenti.
fondata su Una volta dimostrato, infatti, che la solidità, l’impenetrabilità ecc. sono caratteristiche
esperimenti
di tutti i corpi sui quali è possibile compiere esperimenti, la terza «regola del filosofare»
autorizza a ritenere queste qualità proprie di tutta la materia, anche dei singoli cor-
puscoli che la compongono, nonostante questi sfuggano, per le loro dimensioni, all’os-
servazione diretta.
Gli atomi Nulla di definitivo, perché in questo caso non è possibile applicare il procedimento induttivo,
e la gravità può essere invece detto a proposito della forza che tiene insieme i corpuscoli (gli atomi), an-
che se, per Newton, deve essere simile alla gravità. A supporto di questa ipotesi, egli descrive
esperimenti consistenti nell’avvicinare lastre di vetro a distanze diverse e molto piccole. Ne
conclude che la forza di attrazione è, come quella gravitazionale, inversamente proporzionale
al quadrato della distanza, ed è dunque la stessa, o almeno della stessa natura.

X Perché e a che proposito Koyré parla di «ontologia matematica»?


GUIDA
ALLO X In che senso la matematica costituisce anche un modello metodologico?
X
STUDIO
Che cosa significa «metodo induttivo-deduttivo»?
X Perché Newton parla di un tempo e di uno spazio «assoluti»?
X Perché e in che senso Newton nei Principia parla di «sistema del mondo»?
X Qual è la formula della legge di gravitazione universale?
X Perché è importante dedurre da essa le leggi di Keplero, nonostante fossero già state formulate?
X Con quali argomenti Newton sostiene l’esistenza del vuoto nell’universo?
X Che cos’è che tiene uniti gli atomi per formare i corpi?

La prospettiva metafisica e la religione


I problemi Le leggi della fisica lasciano insoluti, secondo Newton, alcuni problemi. Il movimento deve
aperti aver avuto un’origine, che la fisica non può spiegare. Inoltre, esso è soggetto a una costan-
te diminuzione, perché negli urti le forze contrapposte si annullano e una certa quantità del
moto totale dell’universo decade, perdendosi a ogni urto tra corpi o tra particelle.
L’entropia La diminuzione del movimento viene spiegata da Newton con una serie di esperimenti
e di osservazioni. Se due corpi molto densi oppure molli vengono fatti urtare, essi si ar-
restano. Di conseguenza, il movimento da essi posseduto si annienta. Anche nel caso di
corpi elastici, l’urto provoca l’esaurirsi del movimento, ma l’elasticità produce un nuovo
impulso, minore tuttavia di quello iniziale. L’universo tenderebbe quindi a evolvere verso
uno stato di progressiva diminuzione del moto complessivo, fino a raggiungere un equi-
librio stabile (processo noto come «entropia»). La conservazione del movimento esige la
presenza di princìpi attivi, capaci cioè di produrlo, come la forza gravitazionale o il calore
del Sole e del centro della Terra, o la fermentazione, che spiega, secondo Newton, anche la
circolazione sanguigna e la produzione di calore organico.
Dio La complessità e la varietà di queste forze, il fatto che siano tutte necessarie per la conserva-
interviene zione dell’universo, la finalità alla quale appaiono destinate, portano Newton a considerare
nell’uni-
verso necessaria l’esistenza di Dio. Egli non soltanto ha creato il mondo e gli ha dato il movimen-
to iniziale, come sosteneva Cartesio, ma interviene in esso, ed è necessario che lo faccia
per garantirne la continuità in ambito fisico. In alcuni passi degli scritti inediti, Newton
ipotizza addirittura che le comete siano lo strumento mediante il quale Dio regola l’universo
e interviene in esso per ristabilirvi l’equilibrio compromesso dall’entropia.
142
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
4. Newton: le ricerche e il metodo

La critica La necessità di un intervento continuo di Dio per correggere la propria opera è duramente
di Leibniz criticata dai contemporanei, in particolare da Leibniz, che paragona il Dio di Newton a un
orologiaio poco esperto: «Newton e i suoi seguaci hanno un’idea molto ridicola dell’opera
di Dio. Secondo loro, Dio ha bisogno di caricare di tanto in tanto il suo orologio, che altri-
menti cesserebbe di agire. Egli non ha avuto tanto accorgimento da imprimergli un moto
perpetuo. Inoltre la macchina di Dio è, secondo loro, così imperfetta che Dio è costretto,
di tempo in tempo, a ripulirla con un lavoro straordinario, e anche ad aggiustarla, come
fa un orologiaio con la sua opera; ma un operaio è un artefice tanto più inesperto quanto
più spesso è obbligato a ritoccarla e a correggerla» (Lettera di Leibniz a Clarke, novembre
1715, in Scritti filosofici, vol. I, p. 300).

PROFILO
Dio e Secondo Newton, Dio non soltanto crea il mondo, ma interviene in esso come fatto-
il mondo re causale, o come provvidenza fisica. Alcune espressioni, quali lo spazio inteso come
WEB «sensorio» di Dio, suscitano l’accusa, per esempio da parte di Leibniz, di panteismo (in-
X I testi,
terpretazione rigettata esplicitamente e con forza da Newton). Ma la lettura più accre-
Newton: il ditata, soprattutto da parte di Voltaire e dell’Illuminismo francese, vede in Newton un
teleologismo
(Ottica) deista. In effetti, Newton ritiene possibile comprendere con la ragione l’esistenza di Dio,
I limiti e i
compiti della e considerarlo come una causa intelligente dell’universo, e al tempo stesso come causa
filosofia natu-
rale (Ottica) dell’intelligenza nell’universo. Nonostante il meccanicismo che caratterizza la visione
newtoniana del mondo, egli non considera possibile che la vita, e soprattutto l’intelli-
genza e la coscienza, derivino per sviluppo naturale dalla materia, senza l’intervento e
la guida di un essere superiore che organizza il mondo in modo razionale.
La religione Se alcuni passi di Newton affermano una presenza di Dio in tutta la natura (e la sua con-
negli inediti cezione dello spazio come «sensorio» divino va in questa direzione), non sembra però
newtoniani
che si possa concluderne una concezione di Dio come semplice intelligenza immanen-
te alla natura stessa. D’altra parte, gli ultimi dubbi sono stati fugati dalla conoscenza
degli inediti newtoniani. Quelli di argomento
religioso sono copiosissimi, e molti erano già
stati rivisti e preparati per la stampa. Eppure
nessuno venne pubblicato, secondo alcuni
amici perché Newton temeva di essere coin-
volto in polemiche a causa delle sue idee poco
ortodosse in materia. Uno dei più corposi tra
questi trattati inediti è un commento dell’Apo-
calisse che si estende per 550 pagine. In que-
sto trattato, Dio viene considerato re e signore
dell’universo, assolutamente trascendente e
distinto dalla natura, come anche dalle leggi
che la regolano.
L’universo è comunque immagine di Dio, in
quanto sua opera, e questo costituisce, secondo
Newton, il fondamento di una verità oggetti-
va perché posta da Dio direttamente nelle cose
e nei rapporti matematici tra esse. La pubbli-
cazione degli inediti newtoniani è ancora agli
inizi e non è possibile per adesso trarre conclu-
sioni. È probabile che quando tutto il materia-
Ritratto di Newton pensoso sotto un melo prima
le sarà disponibile, la figura di Newton debba che intuisca la legge di gravitazione universale.
essere, almeno in parte, ridisegnata. Incisione.

143
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

X Perché, secondo Newton, Dio deve intervenire a intervalli regolari nell’universo?


GUIDA
ALLO X Quale critica viene rivolta a Newton da Leibniz per questa concezione del rapporto Dio-mondo?
STUDIO X Perché, nonostante l’interesse per la religione e per il finalismo, Newton è stato considerato per
secoli lo scienziato per antonomasia?

Problemi interpretativi
Newton Newton è stato considerato per due secoli il padre dell’interpretazione scientifica del
padre della mondo, di un sistema fisico che, unificando i princìpi e le leggi fino ad allora individuati,
scienza
moderna ha saputo raccoglierli in una sintesi organica capace di spiegare in modo unitario ogni
fenomeno della meccanica sia celeste sia terrestre. Il suo sistema è stato identificato con
un meccanicismo che liberava definitivamente la scienza da ogni spiegazione metafisica
e spiritualistica, dalle cause prime e dalle essenze, così come dal-
le cause occulte e dalla magia rinascimentale. Per questo venne
esaltato dall’Illuminismo come il padre della scienza moderna
e la scienza, così come era stata da lui costruita, apparve a Kant
l’esempio per eccellenza della possibilità di una conoscenza
universale, della quale occorreva stabilire i fondamenti. Per tutto
l’Ottocento il metodo sperimentale di Newton costituì il modello
epistemologico di riferimento delle scienze della natura e, in
alcune componenti della filosofia dell’Illuminismo prima, del po-
sitivismo poi, anche di quelle dell’uomo e della società.
Per motivi analoghi, visti da diversa prospettiva, il pensiero di
Newton fu condannato dall’idealismo tedesco come il simbolo di
un meccanicismo cieco, incapace di spiegare da un lato gli organi-
P. Longhi, Gli alchimisti, 1757, olio su tela smi viventi, l’elettrologia e il magnetismo, dall’altro il finalismo e
(Venezia, Ca’ Rezzonico). la spiritualità della vita e del divenire storico degli uomini.
Gli inediti La scoperta e la pubblicazione, in epoca recente, di un ricco materiale rimasto a lungo
e la nuova inedito, ha arricchito la figura di Newton e reso più complessa la sua interpretazione. In
immagine
di Newton questi scritti, Newton si occupa soprattutto di alchimia, di religione e di esegesi biblica,
offrendo di sé un’immagine profondamente contrastante rispetto a quella storicamente
consolidata.
La In realtà, questo contrasto è stato almeno in parte costruito dallo stesso Newton, che ha fil-
separazione trato il materiale pubblicato, utilizzando soltanto gli scritti matematici e fisici e tenendo per
degli scritti
scientifici sé gli altri. In definitiva questa scelta ha una legittimazione teoretica, poiché i due aspetti
da quelli sono in larga misura indipendenti. Newton infatti costruisce tutto il sistema fisico sulla
religiosi base di connessioni causali e osservazioni sperimentali, mettendo tra parentesi ogni
finalismo e teismo. Questi aspetti vengono invece da lui riconsiderati in relazione ai pro-
blemi per i quali non esiste una soluzione ricavabile per via induttiva dagli esperimenti.
I limiti Il sistema fisico del mondo è quindi fondato su presupposti meccanicistici, i quali però
della fisica danno ragione solo di alcuni aspetti della realtà (i comportamenti dei fenomeni e delle
e la fede
forze), ma non sono in grado di spiegare altri aspetti importanti, per i quali è necessario
il ricorso a un altro piano della conoscenza.

GUIDA X Quali sono gli argomenti prevalenti degli inediti newtoniani?


ALLO X Che influenza hanno gli interessi religiosi sulle ricerche di Newton nell’ambito della fisica?
STUDIO

144
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
4. Newton: le ricerche e il metodo

LA STORIA E Newton e gli scienziati


LA CULTURA DEL TEMPO del Seicento
Newton ha avuto rapporti talvolta conflittuali attrazione diminuisce con la distanza (riprenden-
con gli scienziati suoi contemporanei. Ricordiamo do una formulazione del fisico italiano Giovanni
i principali e i motivi di attrito o di continuità con Alfonso Borelli, 1608-79). Tuttavia egli resta lega-
Newton stesso. to alla concezione cartesiana della fisica dell’etere
(rifiutando quin-
Christiaan Huygens (1629-95), matematico e fi- di l’esistenza del
sico olandese, pubblica nel 1690 un Trattato sulla vuoto) e soprattut-

PROFILO
luce nel quale sostiene la natura ondulatoria del- to non applica mai
la luce, la cui propagazione implica l’esistenza di la matematica alle
un corpo rigido, l’etere. Huygens si contrappone sue intuizioni, limi-
a Newton anche per la concezione generale della tandosi a un’espo-
fisica, poiché è un sostenitore del modello car- sizione puramente
tesiano. Egli nega di conseguenza l’esistenza del qualitativa.
vuoto e sostiene la teoria dei vortici per spiegare il Hooke è presidente
movimento dei pianeti. della Royal Society
dal 1677 all’anno
della sua morte,
Frontespizio quando viene chia-
della
Micrographia di mato a succedergli
Robert Hooke. Newton stesso.

Edmond Halley (1656-1742), matematico e


astronomo inglese, contribuisce alla diffusione dei
Principi di Newton. Applica la teoria gravitazionale
alla determinazione dell’orbita delle comete, di-
mostrando tra l’altro l’influenza dell’attrazione di
Giove per spiegarne le perturbazioni. Fornisce una
base sperimentale all’intuizione di Newton secon-
do cui l’orbita delle comete può essere descritta
come una conica.
Ritratto di
Christiaan
Huygens.
Incisione.

Robert Hooke (1635-1703), matematico e fisico


inglese, si scontra con Newton in almeno tre occa-
sioni: la prima volta per la controversia sulla teoria
dei colori, determinati, secondo Hooke, dalla mate-
ria dei corpi, su cui si riflette la luce, per sua natura
bianca; la seconda volta a proposito della natura
della luce, che Hooke considera, in base alla teo-
ria ondulatoria, come movimento dell’etere; infine
a proposito della paternità della legge di gravita-
zione, che Hooke, che si dedica a lungo allo studio
delle forze centripete, rivendica. In effetti nella sua
Micrographia (1665) Hooke ipotizza che la Luna
eserciti una forza di attrazione simile a quella della
Terra e che la curvatura delle orbite sia la risultan-
za del moto rettilineo inerziale e della forza attrat-
tiva esercitata dal corpo posto al centro dell’or-
bita. Hooke è anche consapevole che la forza di Ritratto di Edmond Halley. Incisione.

145
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2

Sintesi
X
La rivoluzione astronomica Alla fine si perverrà alla scoperta della natura del
fenomeno studiato, articolata nel processo latente,
X Copernico afferma l’eliocentrismo ma conserva cioè la dinamica che regola la trasformazione, e nel-
molti aspetti del sistema aristotelico-tolemaico, in lo schematismo latente, la struttura del fenomeno,
particolare l’esistenza delle sfere cristalline. da considerare quasi in senso chimico.
X L’eliocentrismo richiede però più moti della Terra X Conoscendone la natura, sarà possibile modificarla
(di rivoluzione, di rotazione, di traslazione), aprendo per ottenere applicazioni tecnologiche che ne con-
la strada a ricerche di meccanica e fisica. sentiranno l’utilizzazione a fini pratici.
X Brahe nega l’esistenza delle sfere e propone un X La scienza come sistema. La scienza deve essere
modello cosmologico che cerca di conciliare geo- intesa come sistema: sarà necessario passare in
centrismo ed eliocentrismo. rassegna tutte le conoscenze consolidate in ambito
X Keplero afferma l’ellitticità delle orbite: il moto scientifico, ordinarle in modo sistematico e indivi-
della Terra non è quindi costante ma varia a seconda duare i settori ai quali applicare la ricerca.
della distanza dal Sole. X La scienza può costituire il fondamento di una nuo-
X È necessario individuare una forza che funga da mo- va società. Bacone tratteggia, nella Nuova Atlantide,
tore per spiegare il moto dei pianeti. Keplero ipotiz- un’utopia tecnologica, nella quale gli scienziati or-
za che sia il Sole, con i suoi raggi. ganizzano la ricerca in modo coordinato, per assi-
X Keplero individua anche una legge che mette in curare a tutti gli uomini la liberazione dai bisogni
rapporto i tempi di rivoluzione dei pianeti e la loro naturali.
distanza dal Sole. X Grazie a questa organizzazione, l’uomo potrà domi-
nare la natura ponendola al proprio servizio e ra-
Bacone e il nuovo sapere zionalizzare la società.

scientifico Galilei: sensate esperienze


X La rifondazione del sapere. Bacone sostiene la ne-
cessità di fondare un nuovo sapere, avente caratte-
e certe dimostrazioni
re cumulativo e finalizzato al miglioramento delle X Le osservazioni astronomiche. Convinto sostenito-
condizioni di vita dell’uomo, attraverso l’applica- re della teoria copernicana, Galilei osserva median-
zione tecnologica. Per fare ciò è necessario partire te il cannocchiale fenomeni celesti che la corrobora-
dall’esperienza, purificando però prima la mente da no: le fasi di Venere, le asperità della Luna, i satelliti
tutti i pregiudizi che possono deformare la cono- di Giove ecc.
scenza (gli idòla). X Ragione, esperienza e fede. La Chiesa basava il geo-
X Il nuovo sapere presuppone anche un nuovo meto- centrismo su alcuni passi della Bibbia. Galilei sostie-
do che indichi le modalità di elaborazione dell’espe- ne il valore morale e non scientifico dei testi sacri,
rienza stessa. che rispecchiavano sotto questo aspetto la menta-
X I momenti del metodo. Le esperienze devono esse- lità dell’epoca.
re registrate in modo sistematico e standardizzato X La ragione, dataci da Dio, non può essere in contra-
mediante tre tipi di tabulae, relative alla presenza sto con la Bibbia, che deve però essere correttamen-
(le occorrenze del fenomeno), all’assenza (le circo- te interpretata.
stanze in cui ci aspetteremmo il fenomeno, che però X Il sistema copernicano e la relatività galileiana.
non si manifesta) e al grado (la diversa intensità di La teoria copernicana richiede che la Terra si muova
manifestazione di un fenomeno). intorno al Sole e intorno al proprio asse, ma questi
X Sulla base dell’analisi e della comparazione delle movimenti non vengono percepiti.
tavole si procede alla prima vendemmia, cioè alla X Mediante una serie di esperimenti mentali, Galilei
formulazione delle prime ipotesi, procedendo con ridefinisce il concetto di moto, che secondo Aristo-
metodo induttivo, per generalizzazione delle osser- tele richiede un motore in atto; per Galilei, invece,
vazioni e dei rapporti tra i fenomeni. una volta impresso in un corpo, il moto si conserva
X Le ipotesi saranno poi sottoposte al controllo speri- se non intervengono cause contrarie.
mentale mediante le istanze, che le rafforzeranno o X Per questo, il moto della Terra è proprio anche di
ne determineranno l’abbandono. tutti i corpi con essa solidali, per cui il moto relativo

146
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
di un corpo verso la Terra prescinde da questo moto duzione: il passaggio da un numero limitato di casi
comune. osservati a una legge avente carattere universale
X Ne risulta la relatività galileiana: all’interno di un non è fondato su una necessità logica. Per superare
sistema, non è possibile impiantare esperimenti per tale difficoltà integra il proprio metodo con alcune
dimostrare se il sistema stesso si muove di moto «regole del filosofare», che stabiliscono tra l’altro la
uniforme oppure è immobile. possibilità di riferire a tutti i corpi le proprietà dei
X Il metodo sperimentale. Il metodo galileiano è spe- corpi sui quali è possibile operare con esperimenti e
rimentale. Si basa sulla quantificazione dei dati e di ricondurre effetti simili a cause simili.
sulla costruzione di esperienze in cui varino solo i X L’indagine matematica della natura. I problemi
valori che intendiamo misurare. dell’induzione portano a rivalutare alcuni aspetti del

SINTESI
X Egli ricorre però spesso a esperimenti mentali, che metodo deduttivo, costruendo il metodo induttivo-
dimostrano la necessità di una conclusione nel caso deduttivo.
in cui una variabile assuma un determinato valore X Dall’osservazione sperimentale si perviene alla for-
impossibile da raggiungere nella realtà. Ad esempio, è mulazione di leggi universali, cui si accompagnano
possibile dimostrare che i corpi cadono nel vuoto con definizioni e assiomi; da questi si deducono poi i
la stessa velocità, indipendentemente dal peso, anche fenomeni osservabili, in modo da dimostrarne la
se non era ancora possibile all’epoca produrre il vuoto. necessità e la ragion d’essere.
X Anche le leggi scientifiche devono essere espresse X Il tempo e lo spazio nella fisica newtoniana. Tra le
in modo matematico, stabilendo un rapporto co- definizioni generali che Newton pone a fondamen-
stante tra diverse variabili. to del proprio sistema, sono particolarmente impor-
X La scienza può studiare solo i fenomeni quantifi- tanti quelle relative al tempo assoluto e allo spazio
cabili, cioè connessi alle qualità primarie, che sono assoluto, concepiti come riferimenti invarianti delle
proprie degli oggetti e non dipendono dai sensi durate e dei moti. Egli distingue inoltre il concetto
(grandezza, peso ecc.). di massa da quello di peso.
X In questo ambito, la conoscenza scientifica è ogget- X La gravitazione e il sistema del mondo. Tra le leggi
tiva e quindi vera. Essa, nel proprio ambito, è per- generali la principale è quella di gravitazione uni-
fetta come quella che potrebbe avere Dio, che però versale, che stabilisce che tutti i corpi si attraggono
conosce tutto e non solo alcuni aspetti della realtà. con una forza direttamente proporzionale alle mas-
se e inversamente proporzionale al quadrato delle
Newton: le ricerche e il metodo distanze. Tale legge vale allo stesso modo per i corpi
celesti e per quelli terrestri. In questo modo Newton
X L’indagine sulla luce e il metodo sperimentale. Le perviene a un’unificazione della meccanica celeste
prime ricerche di Newton sono relative all’ottica, e di quella terrestre.
nel cui ambito egli perviene ad alcune importanti X La materia. La legge di gravitazione è applicabile
conclusioni: la luce bianca è composta da raggi di anche alla struttura elementare della materia. Se-
colori diversi; i raggi dei diversi colori hanno diffe- condo Newton, essa è composta da atomi, tenuti
renti angoli di rifrazione; la diversità cromatica è insieme dalla forza di gravitazione, o comunque da
ricondotta a una caratteristica matematica (l’ango- una forza di tipo gravitazionale.
lo di rifrazione), per cui il colore può essere trattato X La prospettiva metafisica e la religione. La fisica però
come fenomeno fisico, distinto dalla percezione non può dare risposta alle domande relative al senso
soggettiva. del mondo e al teleologismo che esso rivela. È perciò
X Il metodo induttivo. In queste prime ricerche New- necessario supporre, al di là delle cause che si posso-
ton segue il metodo induttivo-sperimentale, già no studiare scientificamente, una causa ultima e un
definito da Bacone e da Galilei. Aspetto centrale di principio razionale ordinatore identificato con Dio.
questo metodo è la possibilità di trattare in modo X Anche gli aspetti fisici dell’universo presuppongono
matematico i dati: essi devono essere quantificabili non solo l’esistenza, ma l’intervento di Dio. In par-
nel momento osservativo-sperimentale; inoltre, le ticolare, la quantità di movimento tende progres-
leggi devono essere espresse come rapporti mate- sivamente a decadere (entropia), per cui occorre
matici costanti tra i fenomeni. presupporre l’intervento di un essere superiore che
X Newton è consapevole dei problemi posti dall’in- ristabilisca periodicamente l’equilibrio.

147
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
1. Il metodo della nuova scienza

Il cammino deve perpetuamente compiersi all’incerta luce del senso che talora è sfol-
5 gorante, talora opaca, attraverso le selve dell’esperienza e dei fatti particolari. Anche
coloro che si offrono (come abbiamo detto) come guide per il cammino vi sono essi
stessi avvolti e aumentano il numero degli errori e degli erranti. In una situazione così
aspra bisogna disperare del giudizio umano sia per quanto riguarda la sua propria for-
za, sia per quanto concerne i casi fortunati nei quali esso si può trovare. Né l’eccellenza
10 degli ingegni, per quanto grande sia, né il caso negli esperimenti, per quanto spesso
si verifichi, potranno vincere queste difficoltà. I passi devono essere guidati da un filo
conduttore: l’intera via, fin dalle prime percezioni dei sensi, dev’essere costruita con
metodo sicuro.

ITINERARI DI LETTURA
Che cosa è [b] Non intendiamo affermare che in tutti i secoli precedenti e attraverso tanto
necessario 15 grandi fatiche, non si è realizzato assolutamente nulla. Al contrario non dobbiamo
per
navigare vergognarci di ciò che finora è stato scoperto, e senza dubbio gli antichi furono uomini
nell’oceano ammirevoli in quelle ricerche che sono fondate sul genio e sulla meditazione astratta.
della cono- Nei primi secoli gli uomini dirigevano il corso delle navigazioni solo attraverso l’osser-
scenza?
vazione delle stelle e riuscivano a bordeggiare le rive dell’antico continente o ad attra-
20 versare alcuni mari minori e mediterranei; perché essi riuscissero a varcare l’oceano e
a scoprire le terre del Nuovo Mondo fu necessaria la scoperta della bussola, guida più
sicura e certa per la navigazione. Allo stesso modo, quanto finora è stato scoperto nelle
arti e nelle scienze è di tal fatta che poté esser trovato mediante l’uso, la meditazione,
l’osservazione, l’argomentazione: si tratta infatti di cose molto vicine ai sensi e quasi
25 sottomesse alle nozioni comuni. Perché sia possibile tendere a fini più lontani e agli oc-
culti segreti della natura, si richiede necessariamente l’introduzione di un uso migliore
e di una più perfetta applicazione della mente e dell’intelletto.
(La grande instaurazione, Prefazione, in Scritti filosofici, pp. 526-27)

GUIDA ALL’ANALISI

Bacone scrive in modo facile e gradevole, perché usa ra che percorra il labirinto, senza che ogni volta si debba
spesso esempi, metafore, immagini che rendono visiva- ricominciare a cercare daccapo la giusta via.
mente evidenti i concetti di volta in volta presentati. [b] La seconda parte del brano presenta un paragone per
[a] In questa prima parte del brano le immagini sono evidenziare l’importanza di un metodo adatto. Molti de-
combinate in una scenografia che potremmo disegnare gli antichi erano senza dubbio geniali e superiori a molti
senza difficoltà: ad esempio è facile immaginare visiva- dei contemporanei, ma con gli strumenti che avevano a
mente la natura-labirinto, che, nel tentativo di aprirci un disposizione potevano navigare solo in prossimità della
varco tra le selve dell’esperienza, è rischiarata a tratti e riva o in mari chiusi; con strumenti più adeguati, uomini
in modo irregolare dalla luce dei sensi. L’alternativa non è non necessariamente più intelligenti hanno potuto varca-
tanto quella del «filo d’Arianna», cui si accenna alla fine re l’oceano. Lo stesso accadrà con un metodo scientifico
del primo capoverso, ma la costruzione di una strada sicu- adeguato.

T2 Bacone: La teoria degli idòla


Prima di intraprendere lo studio della natura, è necessario liberarsi dai pregiudizi che possono
falsarne la conoscenza. L’analisi degli idòla si sviluppa in due direzioni complementari: da un
lato è una riflessione sui fattori soggettivi, connessi alla natura umana (idòla tribus) o alle
specificità individuali (idòla specus), che impediscono o ostacolano una conoscenza oggettiva
149
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

della natura; d’altro lato è una radicale critica del sapere precedente, sia quello che deriva dalle
filosofie del passato (idòla theatri), sia quello che fa ormai parte del senso comune e delle con-
venzioni sociali ed è veicolato dal linguaggio stesso (idòla fori).

Ci sono xxxviii. Gli idoli e le false nozioni che sono penetrati nell’intelletto umano fissandosi
anche in profondità dentro di esso, non solo assediano le menti in modo da rendere difficile
dentro di
te i diversi l’accesso alla verità, ma addirittura (una volta che quest’accesso sia dato e concesso)
idòla di di nuovo risorgeranno e saranno causa di molestia anche nella stessa instaurazione
cui parla 5 delle scienze: almeno che gli uomini, preavvertiti, non si agguerriscano per quanto è
Bacone?
possibile contro di essi.
xxxix. Quattro sono i generi di idoli che assediano la mente umana. Per farci inten-
dere abbiamo imposto loro dei nomi: chiameremo il primo genere idoli della tribù; il
secondo idoli della spelonca, il terzo idoli del foro; il quarto idoli del teatro. [...]
Gli idoli 10 xli. Gli idoli della tribù sono fondati sulla stessa natura umana e sulla stessa tribù
della tribù o razza umana. Pertanto falsamente si asserisce che il senso è la misura delle cose. Al
contrario, tutte le percezioni, sia del senso sia della mente, derivano dall’analogia con
l’uomo, non dall’analogia con l’universo1. L’intelletto umano è simile a uno specchio
che riflette irregolarmente i raggi delle cose, che mescola la sua propria natura a quella
15 delle cose e le deforma e le travisa.
Qual è il xlii. Gli idoli della spelonca sono idoli dell’uomo in quanto individuo. Ciascuno
rapporto infatti (oltre alle aberrazioni proprie della natura umana in generale) ha una specie di
tra gli
idoli della propria caverna o spelonca che rifrange e deforma la luce della natura: o a causa della
spelonca natura propria e singolare di ciascuno, o a causa dell’educazione e della conversazione
e il mito 20 con gli altri, o della lettura di libri e dell’autorità di coloro che vengono onorati e ammi-
platonico
della
rati, o a causa della diversità delle impressioni a seconda che siano accolte da un animo
caverna? già condizionato e prevenuto oppure sgombro ed equilibrato. Cosicché lo spirito uma-
no (come si presenta nei singoli individui) è cosa varia e grandemente mutevole e quasi
soggetta al caso. Perciò giustamente affermò Eraclito che gli uomini cercano le scienze
25 nei loro piccoli mondi privati e non nel più grande mondo a tutti comune.
Gli idoli xliii. Vi sono poi gli idoli che derivano quasi da un contratto e dalle reciproche
del foro relazioni del genere umano: li chiamiamo idoli del foro a causa del commercio e del
consorzio degli uomini. Gli uomini infatti si associano per mezzo dei discorsi, ma i
nomi vengono imposti secondo la comprensione del volgo e tale errata e inopportu-
30 na imposizione ingombra straordinariamente l’intelletto. D’altra parte le definizioni
o le spiegazioni, delle quali gli uomini dotti si sono provveduti e con le quali si sono
protetti in certi casi, non sono in alcun modo servite di rimedio. Anzi, le parole fanno
violenza all’intelletto e confondono ogni cosa e trascinano gli uomini a innumerevoli e
vane controversie e finzioni.
Gli idoli 35 xliv. Vi sono infine gli idoli che sono penetrati nell’animo degli uomini dai vari
del teatro sistemi filosofici e dalle errate leggi delle dimostrazioni. Li chiamiamo idoli del te-
atro perché consideriamo tutte le filosofie che sono state accolte e create come al-
trettante favole presentate sulla scena e recitate, che hanno prodotto mondi fittizi
da palcoscenico.
(La grande instaurazione, Novum Organum, libro I, parr. xxxviii-xxxix, xli-xliv,
in Scritti filosofici, pp. 559-61)

1. le percezioni ... con l’universo: le percezioni rispecchiano il modo di essere dell’uomo, non quello dell’universo.

150
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
1. Il metodo della nuova scienza

GUIDA ALL’ANALISI

Alle spiegazioni sugli idòla fornite nel Profilo (vedi pp. 108-9), ad avere valori diversi, hanno anche diversi schemi mentali,
è opportuno qui aggiungere soltanto che gli «idòla tribus» diverse «visioni del mondo», che possono essere alla base
indicano il particolare modo umano di conoscere, ma po- del loro modo «differente» di intendere e di conoscere la
trebbe essere riferito anche alle diversità culturali: i diversi realtà che li circonda.
popoli, come ha dimostrato l’antropologia culturale, oltre

ITINERARI DI LETTURA
T3 Bacone: Formiche, ragni e api
Paragonando la vera filosofia alle api Bacone intende sottolineare il necessario legame tra l’espe-
rienza, senza la quale non è possibile nessuna conoscenza, e la ragione, senza la quale l’esperien-
za non può divenire scienza.

Esplicita Coloro che trattarono le scienze furono o empirici o dogmatici. Gli empirici, come le
i paragoni formiche, accumulano e consumano. I razionalisti, come i ragni, ricavano da se medesi-
mi la loro tela. La via di mezzo è quella delle api, che ricavano la materia prima dai fiori
dei giardini e dei campi, e la trasformano e la digeriscono in virtù di una loro propria
5 capacità. Non dissimile è il lavoro della vera filosofia che non si deve servire soltanto o
principalmente delle forze della mente; L’esperienza è soltanto il punto di partenza la
materia prima che essa ricava dalla storia naturale e dagli esperimenti meccanici, non
deve esser conservata intatta nella memoria ma trasformata e lavorata dall’intelletto.
Così la nostra speranza è riposta nell’unione sempre più stretta e più santa delle due
10 facoltà, quella sperimentale e quella razionale, unione che non si è finora realizzata.
(La grande instaurazione, Novum Organum, libro I, par. xcv in Scritti filosofici, pp. 607-8)

T4 Bacone: Le caratteristiche del metodo induttivo


Bacone definisce il metodo induttivo come una via in salita e in discesa: dall’esperienza si sale agli
assiomi, da questi si torna all’esperienza per interpretarla e comprenderla meglio. È però importante
che nel risalire dall’esperienza alle leggi generali il ricercatore proceda con gradualità e senza saltare
direttamente alle conclusioni: il metodo deve fornire all’intelletto non ali, ma piombo e pesi.

L’espe- [a] In verità, dopo che avremo sotto gli occhi la grande quantità dei particolari bene or-
rienza dinati, non bisogna mettersi subito a ricercare e ad inventare nuovi particolari e nuove
«letterata»
è quella opere: e comunque, se ciò accade, non bisogna fermarsi a questi. Certo, quando tutti
sistematica, gli esperimenti di tutte le arti fossero stati raccolti e riuniti, e sottoposti alla conoscen-
fatta 5 za e al giudizio di un solo uomo, costui – limitandosi a trasferire questi esperimenti da
intenzional-
mente per
un’arte all’altra e mediante l’esperienza che chiamiamo letterata – sarebbe in grado di
conoscere scoprire molte cose nuove, utili alla vita e alla condizione umana. Non neghiamo que-
sto, anche se le maggiori speranze non sono da riporre nell’esperienza letterata, ma
nella nuova luce degli assiomi, che sono ricavati dai particolari secondo regole certe e
151
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

10 che, a loro volta, indicano e designano particolari nuovi. La via da percorrere, infatti,
non è piana, ma in salita e in discesa: prima si sale agli assiomi, poi si discende alle
opere.
Il procedi- [b] Non si deve tuttavia permettere che l’intelletto salti e voli dai particolari agli
mento assiomi più lontani e generali (tali sono i cosiddetti principî delle arti e delle cose), per
classico e
quello della 15 poi provare e verificare gli assiomi medi alla luce della immobile verità di quelli. Finora
scienza si è proceduto così, in parte perché l’intelletto seguiva questa via per un impulso na-
turale, in parte perché a ciò lo avevano abituato le dimostrazioni di tipo sillogistico.
Si potrà bene sperare dalle scienze solo quando, attraverso una scala vera, per gradi
continui, senza salti o interruzioni, si potrà salire dai particolari agli assiomi minori,
20 da questi ai medi, poi agli altri superiori, e finalmente agli assiomi più generali. Gli
assiomi più bassi, infatti, non differiscono molto dalla nuda esperienza.
Perché, Quelli più alti o più generali (parlo di quelli di cui disponiamo attualmente) sono
proce- concettuali e astratti, privi di ogni solidità. Gli assiomi medi, invece, sono veri, solidi e
dendo
per via vivi: ad essi sono affidate le speranze e le fortune degli uomini. Su di essi, infine, si fon-
induttiva, 25 dano gli assiomi più generali, tali però da non essere astratti, ma da essere veramente
gli assiomi limitati dagli assiomi medi.
generali
non sono
[c] All’intelletto degli uomini, pertanto, non sono da aggiungere ali, ma piombo e
astratti? pesi per impedirgli di saltare e di volare. Ciò finora non è stato fatto; quando ciò sarà
fatto si potranno nutrire più alte speranze sul destino delle scienze.
Che cos’è 30 Per stabilire gli assiomi, si deve inoltre escogitare una forma di induzione diversa
l’induzione da quella finora in uso, che non deve soltanto trovare e provare i cosiddetti principî;
«per
enume- ma anche gli assiomi minori e medi e tutti gli altri. L’induzione che procede per enu-
razione merazione semplice è infatti una cosa puerile: le sue conclusioni sono precarie, essa è
semplice»? esposta al pericolo di un’istanza contraddittoria; giudica in base a un numero di fatti
Perché
Bacone la
35 inferiore al necessario, e solo in base a quelli che ha a portata di mano. L’induzione
critica? che sarà utile per l’invenzione e la dimostrazione delle scienze e delle arti deve invece
analizzare la natura mediante le debite reiezioni ed esclusioni; e finalmente, dopo un
numero sufficiente di negative, può concludere in base alle affermative.
(La grande instaurazione, Novum Organum, libro I, parr. ciii-cv, in Scritti filosofici, pp. 612-14)

GUIDA ALL’ANALISI

[a] La raccolta ordinata dei dati rimane nell’ambito della come un tipo particolare di movimento. Da questa, torna
scienza descrittiva. Da essa possono scaturire osservazioni al piano dell’esperienza, sia per interpretare il calore alla
importanti e anche ritrovati tecnici, ma non un’interpretazione luce della definizione generale, sia per applicare il princi-
della natura, cioè la comprensione delle forme. Per raggiun- pio individuato alla trasformazione del calore, per esempio
gere questa comprensione, occorre procedere per induzione, convertendolo in movimento o ricavandolo dal movimento,
secondo il percorso che qui viene riepilogato da Bacone. con l’impiego di opportuni mezzi tecnici.
La «via in salita e in discesa» riassume il metodo [b] Il processo induttivo deve avvenire per gradi continui,
proprio della scienza moderna, che può essere definito nel senso che gli assiomi generali non devono essere ri-
«induttivo-deduttivo», poiché prima risale alle leggi gene- cavati direttamente dall’esperienza ma da assiomi a minor
rali, poi ridiscende, partendo da questi presupposti, alla livello di generalità. Una prima elaborazione dell’espe-
spiegazione dei casi particolari. Si consideri, per esempio, rienza è data per esempio dalle tavole che, raccogliendo
lo studio del calore. Dall’osservazione sistematica delle i singoli casi, prospettano già una loro interpretazione. Da
tavole Bacone risale, attraverso una serie di passaggi gra- qui, Bacone è risalito alle ipotesi esplicative del fenomeno
duali, alla definizione generale della «forma» del calore, osservato, per esempio il calore, confrontandole poi con i
152
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
1. Il metodo della nuova scienza

dati sino a formulare una definizione generale del calore dati prima di procedere a generalizzazioni; così si impedisce
stesso, descritto come un tipo di movimento. Insieme al di passare dalla semplice raccolta di casi particolari a leggi
calore dovranno però essere considerati anche i princìpi generali, senza aver prima percorso i gradini intermedi. L’in-
che regolano gli altri movimenti, per formulare una teoria duzione per enumerazione semplice, invece, formula teorie a
generale relativamente a questo ambito. Si risale, in questo partire dalle osservazioni immediate, senza chiedersi, come
caso, non dall’esperienza agli assiomi, ma da assiomi «più Bacone invece fa con il metodo delle tavole, quali casi è ne-
bassi» ad altri più generali. cessario poter osservare per arrivare a conclusioni valide,
[c] Il piombo e i pesi di questa metafora particolarmente respingendo sulla base dei dati le ipotesi che possono costi-
densa sono costituiti dai momenti del metodo, che impon- tuire una possibile spiegazione del fenomeno osservato, fino
gono verifiche nei vari passaggi e una raccolta sufficiente di a isolare quella che resiste al confronto con l’esperienza.

ITINERARI DI LETTURA
T5 Galilei: La struttura matematica dell’universo
In uno dei passi più celebri del Saggiatore, Galilei paragona l’universo a un libro scritto in carat-
teri matematici, che non può essere inteso se non conosciamo questa lingua. Questo passaggio è
introdotto da una critica al sapere appreso dai libri, cioè al principio di autorità, ed è perciò un
invito a studiare direttamente la natura.
Il Saggiatore è un’analisi critica dell’opera di Lotario Sarsi Sigensano, più noto come padre Ora-
zio Grassi, un gesuita che sosteneva (correttamente) che le comete sono corpi celesti, mentre
Galilei tenta di dimostrare che sono semplici aberrazioni ottiche. Anche se Galilei ha torto nel
merito della questione, le sue considerazioni sul metodo scientifico costituiscono il vero contenu-
to interessante dell’opera.

Contro il Parmi, oltre a ciò, di scorgere nel Sarsi ferma credenza, che nel filosofare sia necessario
principio di appoggiarsi all’opinioni di qualche celebre autore, sì che la mente nostra, quando non
autorità
si maritasse col discorso d’un altro, ne dovesse in tutto rimanere sterile ed infeconda; e
forse stima che la filosofia sia un libro e una fantasia d’un uomo, come l’Iliade e l’Orlan-
5 do furioso, libri ne’ quali la meno importante cosa è che quello che vi è scritto sia vero.
Il libro Signor Sarsi, la cosa non istà così. La filosofia è scritta in questo grandissimo libro
dell’uni- che continuamente ci sta aperto innanzi a gli occhi (io dico l’universo), ma non si può
verso
intendere se prima non s’impara a intender la lingua, e conoscer i caratteri, ne’ quali
è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi, ed altre
10 figure geometriche, senza i quali mezi è impossibile a intenderne umanamente parola;
senza questi è un aggirarsi vanamente per un oscuro laberinto.
(Il Saggiatore, p. 38)

GUIDA ALL’ANALISI

Dal punto di vista del metodo, per Galilei possiamo co- ricorderà che nel Timeo Platone parla proprio di triangoli
noscere e trattare scientificamente soltanto i dati quanti- e altre figure geometriche, costituenti poi i solidi regola-
ficabili e quindi traducibili in numeri. Ma questo metodo ri, come le forme mediante le quali il Demiurgo modella
è applicabile perché la struttura stessa dell’universo è di la materia originaria, la chora, per ricavarne gli elementi
tipo matematico: questa convinzione, che è alla base della fondamentali – terra, acqua, aria e fuoco – mediante cui
rivoluzione scientifica, deriva dalla tradizione platonica. Si vengono forgiati poi tutti gli enti.

153
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

T6 Galilei: Esperienza e «certe dimostrazioni»


Quello riportato nel brano è uno degli «esperimenti mentali» più celebri di Galilei e costituisce
un passaggio fondamentale per illustrare la nuova concezione del movimento. Simplicio, l’inter-
locutore aristotelico, tenta di confutare il moto terrestre sostenendo che, se la Terra si muovesse,
un grave lasciato cadere dall’alto di una torre dovrebbe cadere spostato verso occidente, come un
grave lasciato cadere dall’alto dell’albero maestro di una nave cade verso poppa, perché la nave
continua ad andare intanto che il grave precipita. Salviati, il personaggio che riporta le idee di
Galilei, gli chiede se ha mai fatto questa esperienza, secondo lui chiaramente falsa.

Secondo [a] Salviati. Benissimo. Avete voi fatta mai l’esperienza della nave?
i libri un Simplicio. Non l’ho fatta; ma ben credo che quelli autori che la producono, l’abbiano
grave
lasciato diligentemente osservata: oltre che si conosce tanto apertamente la causa della dispa-
cadere rità, che non lascia luogo di dubitare.
dall’albero 5 Salviati. Che possa esser che quelli autori la portino senza averla fatta, voi stesso
della nave
cadrà verso
ne sete buon testimonio, che senza averla fatta la recate per sicura e ve ne rimettete a
poppa buona fede al detto loro: sì come è poi non solo possibile, ma necessario, che abbiano
fatto essi ancora, dico di rimettersi a i suoi antecessori, senza arrivar mai a uno che
l’abbia fatta; perché chiunque la farà, troverà l’esperienza mostrar tutto ’l contrario di
Che cosa ha 10 quel che viene scritto: cioè mostrerà che la pietra casca sempre nel medesimo luogo
in comune della nave, stia ella ferma o muovasi con qualsivoglia velocità. Onde, per esser la me-
l’esperienza
della nave desima ragione della Terra che della nave, dal cader la pietra sempre a perpendicolo al
con quella piè della torre non si può inferir nulla del moto o della quiete della Terra.
della torre? Simplicio. Se voi mi rimetteste ad altro mezo che all’esperienza, io credo bene che le
15 dispute nostre non finirebber per fretta; perché questa mi pare una cosa tanto remota
da ogni uman discorso, che non lasci minimo luogo alla credulità o alla probabilità.
Salviati. E pur l’ha ella lasciato in me.
Simplicio. Che dunque voi non n’avete fatte cento, non che una prova, e l’affermate
così francamente per sicura? Io ritorno nella mia incredulità, e nella medesima sicu-
20 rezza che l’esperienza sia stata fatta da gli autori principali che se ne servono, e che ella
mostri quel che essi affermano.
Salviati. Io senza esperienza son sicuro che l’effetto seguirà come vi dico, perché
così è necessario che segua; e più v’aggiungo che voi stesso ancora sapete che non può
seguire altrimenti, se ben fingete, o simulate di fingere, di non lo sapere. Ma io son
25 tanto buon cozzon di cervelli, che ve lo farò confessare a viva forza. [...]
Qual è il [b] Salviati. [...] Però ditemi: quando voi aveste una superficie piana, pulitissima
rapporto tra come uno specchio e di materia dura come l’acciaio, e che fusse non parallela all’ori-
l’esperi-
mento zonte, ma alquanto inclinata, e che sopra di essa voi poneste una palla perfettamente
della nave sferica e di materia grave e durissima, come, verbigrazia, di bronzo, lasciata in sua li-
e quello 30 bertà che credete voi che ella facesse? non credete voi (sì come credo io) che ella stesse
del piano
inclinato?
ferma?
Simplicio. Se quella superficie fusse inclinata?
Salviati. Sì, ché così già ho supposto.
Simplicio. Io non credo che ella si fermasse altrimente, anzi pur son sicuro ch’ella si
35 moverebbe verso il declive spontaneamente. [...]
Salviati. Così sta. E quanto durerebbe a muoversi quella palla, e con che velocità?
E avvertite che io ho nominata una palla perfettissimamente rotonda ed un piano
esquisitamente pulito, per rimuover tutti gli impedimenti esterni ed accidentarii: e
154
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
1. Il metodo della nuova scienza

così voglio che voi astragghiate dall’impedimento dell’aria, mediante la sua resistenza
40 all’essere aperta, e tutti gli altri ostacoli accidentarii, se altri ve ne potessero essere.
La declività Simplicio. Ho compreso il tutto benissimo: e quanto alla vostra domanda, rispon-
è la causa do che ella continuerebbe a muoversi in infinito, se tanto durasse la inclinazione del
dell’acce-
lerazione piano, e con movimento accelerato continuamente; ché tale è la natura de i mobili
gravi, che vires acquirant eundo1: e quanto maggior fusse la declività, maggior sarebbe
45 la velocità.
Salviati. Ma quand’altri volesse che quella palla si movesse all’insú sopra quella me-
desima superficie, credete voi che ella vi andasse?
Simplicio. Spontaneamente no, ma ben strascinatavi o con violenza gettatavi.

ITINERARI DI LETTURA
Salviati. E quando da qualche impeto violentemente impressole ella fusse spinta,
50 quale e quanto sarebbe il suo moto?
L’acclività Simplicio. Il moto andrebbe sempre languendo e ritardandosi, per esser contro a na-
è la causa tura, e sarebbe piú lungo o piú breve secondo il maggiore o minore impulso e secondo
della dece-
lerazione la maggiore o minore acclività.
Salviati. Parmi dunque sin qui che voi mi abbiate esplicati gli accidenti d’un mobile
50 sopra due diversi piani; e che nel piano inclinato il mobile grave spontaneamente de-
scende e va continuamente accelerandosi, e che a ritenervelo in quiete bisogna usarvi
forza; ma sul piano ascendente ci vuol forza a spignervelo ed anco a fermarvelo, e che ’l
moto impressogli va continuamente scemando, sì che finalmente si annichila. Dite an-
cora di piú che nell’un caso e nell’altro nasce diversità dall’esser la declività o acclività
55 del piano, maggiore o minore; sì che alla maggiore inclinazione segue maggior veloci-
tà, e, per l’opposito, sopra ’l piano acclive il medesimo mobile cacciato dalla medesima
forza in maggior distanza si muove quanto l’elevazione è minore. Ora ditemi quel che
accaderebbe del medesimo mobile sopra una superficie che non fusse né acclive né
declive.
60 Simplicio. Qui bisogna ch’io pensi un poco alla risposta. Non vi essendo declività,
non vi può essere inclinazione naturale al moto, e non vi essendo acclività, non vi può
esser resistenza all’esser mosso, talché verrebbe ad essere indifferente tra la propen-
sione e la resistenza al moto: parmi dunque che e’ dovrebbe restarvi naturalmente fer-
mo. Ma io sono smemorato, perché non è molto che ’l signor Sagredo2 mi fece intender
65 che così seguirebbe.
Salviati. Così credo, quando altri ve lo posasse fermo, ma se gli fusse dato impeto
verso qualche parte, che seguirebbe?
Simplicio. Seguirebbe il muoversi verso quella parte.
Salviati. Ma di che sorte di movimento? di continuamente accelerato, come ne’ pia-
70 ni declivi, o di successivamente ritardato, come negli acclivi?
Il principio Simplicio. Io non ci so scorgere causa di accelerazione né di ritardamento, non vi
della essendo né declività né acclività.
conserva-
zione del Salviati. Sì. Ma se non vi fusse causa di ritardamento, molto meno vi dovrebbe esser
movimento di quiete: quanto dunque vorreste voi che il mobile durasse a muoversi?
75 Simplicio. Tanto quanto durasse la lunghezza di quella superficie né erta né china.
Salviati. Adunque se tale spazio fusse interminato, il moto in esso sarebbe parimen-
te senza termine, cioè perpetuo?
Simplicio. Parmi di sì, quando il mobile fusse di materia da durare.
[...]

1. vires acquirant eundo: acquistano forza spostandosi.


2. Sagredo: per il ruolo del personaggio, vedi Il sistema copernicano e la relatività galileiana, pp. 124-26.

155
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

80 Salviati. Adunque una nave che vadia movendosi per la bonaccia del mare, è un di
quei mobili che scorrono per una di quelle superficie che non sono né declivi né acclivi,
e però disposta, quando le fusser rimossi tutti gli ostacoli accidentarii ed esterni, a
muoversi, con l’impulso concepito una volta, incessabilmente e uniformemente.
Simplicio. Par che deva esser così.
Perché 85 Salviati. E quella pietra ch’è su la cima dell’albero non si muov’ella, portata dalla
la pietra nave, essa ancora per la circonferenza d’un cerchio intorno al centro, e per conseguen-
continue-
rebbe a za d’un moto indelebile in lei, rimossi gli impedimenti esterni? e questo moto non è
muoversi egli così veloce come quel della nave?
dello stesso Simplicio. Sin qui tutto cammina bene. Ma il resto?
moto della
nave?
90 Salviati. Cavatene in buon’ora l’ultima conseguenza da per voi, se da per voi avete
sapute tutte le premesse.
Simplicio. Voi volete dir per ultima conclusione, che movendosi quella pietra d’un
moto indelebilmente impressole, non l’è per lasciare, anzi è per seguire la nave, ed in
ultimo per cadere nel medesimo luogo dove cade quando la nave sta ferma.
(Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo, pp. 176-82)

GUIDA ALL’ANALISI

Per l’analisi, possiamo dividere il brano in due parti dise- – se il piano fosse in salita (acclive) la palla, se provvista di
guali: l’apertura, dedicata ad alcuni problemi generali di un moto iniziale, salirebbe per un certo tratto, decelerando,
metodo, e il corpo principale, in cui si sviluppa un ragiona- fino a fermarsi e poi a invertire il movimento, discendendo;
mento articolato (l’esperimento mentale). – la causa dell’accelerazione, nel primo caso, è la declività
[a] Simplicio tende ad appoggiarsi all’autorità degli anti- del piano;
chi, primo fra tutti Aristotele, basando quindi spesso il suo – la causa della decelerazione, nel secondo caso, è l’accli-
ragionamento sul principio di autorità. In questo caso, Ga- vità del piano;
lilei è sarcastico verso questa tendenza, dimostrando che – se la palla fosse lanciata, con una velocità iniziale, su un
l’esperienza di Simplicio, mai fatta ma letta in numerosi piano né in salita né in discesa, che succederebbe? Non ac-
libri, in realtà non può essere stata fatta da nessuno. Ogni quisterebbe velocità perché mancherebbe la causa dell’ac-
libro, evidentemente, faceva riferimento ad altri libri che celerazione (declività), non la perderebbe perché manche-
la davano per scontata, senza che mai nessuno avesse per rebbe la causa della decelerazione (acclività);
davvero effettuato l’esperimento. – Simplicio deve dunque ammettere che il movimento con-
[b] Salviati intende dimostrare che, contrariamente a tinuerebbe all’infinito, cioè che verrebbe conservato dal
quanto può suggerire il senso comune, un grave lasciato corpo anche in assenza di un motore in atto;
cadere dall’alto dell’albero di una nave non cade verso pop- – tornando alla nave, anch’essa si muove su un piano né
pa, ma esattamente ai piedi dell’albero, sia che la nave sia in salita né in discesa, quindi conserverebbe il proprio mo-
ferma, sia che si muova, anche molto velocemente, purché vimento, se non ci fossero gli «impedimenti esterni» (resi-
di moto uniforme. stenza dell’acqua, attrito dell’aria ecc.);
Seguiamo i vari passaggi: – ma anche il sasso, muovendosi con la nave, possiede lo
– una sfera posta su un piano inclinato tenderebbe a muo- stesso moto;
versi verso il basso; si noti l’insistenza di Salviati nell’eli- – tale moto non verrebbe meno una volta lasciato cadere,
minare ogni possibile fattore di turbamento e in particolare quindi si muoverebbe con la stessa identica velocità della
l’attrito: la sfera e il piano devono essere perfettamente nave;
levigati ecc.; – conclusione: il sasso non cadrebbe verso poppa, come
– la palla continuerebbe a muoversi finché durasse la decli- la scienza aristotelica sarebbe indotta a concludere, ma ai
vità del piano, con moto accelerato; piedi dell’albero.

156
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
1. Il metodo della nuova scienza

T7 Newton: Il metodo induttivo


Nel metodo scientifico possiamo distinguere due momenti: quello induttivo (analisi), nel quale
partiamo da esperimenti e osservazioni per ricavarne princìpi generali; quello deduttivo (sinte-
si), nel quale ricaviamo dai princìpi stabiliti la spiegazione dei fenomeni relativi a un determi-
nato ambito.

Il «metodo Come in matematica, così nella filosofia naturale lo studio delle cose difficili, median-
analitico» e te il metodo analitico, dovrebbe sempre precedere il metodo sintetico. Questa analisi
il «metodo
consiste nel fare esperimenti e osservazioni e trarre da questi, mediante l’induzione,

ITINERARI DI LETTURA
sintetico»
conclusioni generali, non ammettendo contro di esse obiezioni, salvo che siano de-
Che cosa 5 rivate da esperimenti o da altre verità certe. Perché nella filosofia sperimentale non
si intende, bisogna tener conto delle ipotesi. E sebbene il trarre per induzione princìpi generali
qui, per
«ipotesi»? dagli esperimenti e dalle osservazioni non equivalga a dimostrarli, tuttavia è questo
il miglior modo di ragionare che la natura consenta, e può considerarsi tanto più sal-
do quanto più l’induzione è generale. E se nessuna eccezione sorge dai fenomeni, si
10 può enunciare una conclusione universale. Ma se, in seguito, dagli esperimenti sorgerà
qualche eccezione, allora si dovrà affermare una conclusione in accordo con queste
eccezioni. Mediante questo metodo analitico possiamo procedere dalle cose composte
alle cose semplici, dai movimenti alle forze che li producono e in generale dagli effetti
alle loro cause, e dalle cause particolari a quelle più generali, fino a giungere alle cau-
15 se generalissime. Questo è il metodo analitico; quello sintetico consiste nell’assumere
come princìpi le cause scoperte e provate e, mediante queste, spiegare i fenomeni che
ne derivano e provare tali spiegazioni.
(Ottica, libro III, i, in Scritti di ottica, pp. 603-4)

GUIDA ALL’ANALISI

Di solito il metodo analitico è legato a quello deduttivo, In questo brano, Newton descrive soprattutto il metodo in-
come ad esempio quello matematico. Ma Newton usa un duttivo, rendendosi conto delle difficoltà che presenta, ma
linguaggio un po’ diverso e bisogna cercare di evitare con- sostenendo che è l’unico che abbiamo a disposizione. Se
fusioni. Egli definisce «analitico» il metodo induttivo, perché completato con il momento deduttivo, diventa più affida-
considera i singoli casi o i singoli esperimenti, e «sintetico» bile. Infatti, se dai princìpi generali, anche non dimostrati
il momento in cui mettiamo insieme le singole osservazioni logicamente, possiamo dedurre altri fenomeni e spiegarli,
per ricavarne leggi generali. A partire da tali leggi, deducia- ciò costituisce una conferma della loro validità. Vedremo
mo i singoli fenomeni, potendoli spiegare perché siamo in nei brani seguenti come si arriva alla compiuta definizione
grado di individuarne le cause e i princìpi da cui derivano. del metodo induttivo-deduttivo.

T8 Newton: Il metodo sperimentale


Il brano descrive l’esperimento mediante il quale Newton perviene a scomporre un raggio lumi-
noso, dimostrando che la luce bianca è composta da molti raggi colorati e che questi diversi raggi
si rifrangono con angoli diversi.
157
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

Riesci a L’eliminazione graduale di questi sospetti mi condusse infine all’Experimentum crucis,


immaginare che fu il seguente: presi due assicelle, e una la collocai subito dietro il prisma sulla fine-
l’esperi-
mento? stra, in modo che la luce potesse passare attraverso un piccolo foro, praticato in essa a
Aiutati con questo scopo, e cadere sull’altra assicella che collocai a una distanza di circa 12 piedi1,
un disegno 5 avendo prima praticato anche in essa un piccolo foro, affinché una parte della luce in-
cidente lo attraversasse. Dietro questa seconda assicella collocai poi un altro prisma, in
modo che la luce, attraversate entrambe le assicelle, passasse anche attraverso quello
e venisse di nuovo rifratta prima di arrivare sulla parete. Fatto questo, presi in mano
il primo prisma, e ruotatolo lentamente avanti e indietro intorno al proprio asse, per
10 fare sì che le diverse parti dell’immagine, proiettate sulla seconda assicella, passasse-
ro una dopo l’altra attraverso il foro praticato in essa, potei osservare su quali luoghi
della parete il secondo prisma le avrebbe rifratte. E per effetto della variazione di quei
luoghi, notai che la luce diretta verso quell’estremità dell’immagine, in direzione della
I raggi quale avveniva la rifrazione del primo prisma, subiva nel secondo prisma una rifrazio-
della 15 ne considerevolmente maggiore di quella della luce diretta verso l’estremità opposta.
luce sono
diversa- In tal modo veniva scoperto che la vera causa della lunghezza di quell’immagine in al-
mente tro non consisteva che nel fatto che la luce è costituita di raggi diversamente rifrangibili,
rifrangibili i quali, indipendentemente dalla diversa incidenza, e in accordo con i propri gradi di
rifrangibilità, erano proiettati verso i diversi luoghi della parete.
(Nuova teoria sulla luce e sui colori, in Scritti di ottica, pp. 203-4)

1. 12 piedi: un piede equivale a circa 30 cm.

GUIDA ALL’ANALISI

Il metodo induttivo si basa sull’osservazione ma soprat- alla formulazione delle leggi generali. Da notare il risultato
tutto sugli esperimenti, cioè su esperienze costruite par- dell’esperimento descritto, commentato nel Profilo (vedi p.
tendo da ipotesi da controllare. Secondo Newton non è il 133): la luce è composta da più raggi, ognuno con un angolo
metodo definitivo, ma comunque è l’unico modo per ini- di rifrazione diversa. In questo modo il colore da fatto sog-
ziare la conoscenza dei fenomeni naturali. Poi si passerà gettivo viene quantificato e ricondotto a un dato oggettivo
al metodo induttivo-deduttivo, che comunque ha il proprio misurabile, passando dalla fisiologia del colore (la perce-
fondamento in quello sperimentale, perché è per questa zione) alla fisica del colore (le qualità misurabili: in questo
via, mediante gli esperimenti e l’induzione, che si giunge caso, l’angolo di rifrazione).

T9 Newton: Le regole del filosofare


Le Regole proposte da Newton rispondono a due ordini di problemi: la prima e l’ultima stabili-
scono criteri per distinguere la filosofia sperimentale da quella speculativa; le due centrali supe-
rano le difficoltà legate al procedimento induttivo, consentendo di generalizzare le osservazioni
empiriche.

La natura è [a] regola i


semplice Delle cose naturali non devono essere ammesse cause più numerose di quelle che sono vere
e bastano a spiegare i fenomeni.
Come dicono i filosofi: La natura non fa nulla invano, e inutilmente viene fatto
158
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
1. Il metodo della nuova scienza

5 con molte cose ciò che può essere fatto con poche. La natura, infatti, è semplice e non
sovrabbonda in cause superflue delle cose.
La natura è [b] regola ii
uniforme Perciò, finché può essere fatto, le medesime cause vanno assegnate ad effetti naturali
dello stesso genere.
10 Come alla respirazione nell’uomo e nell’animale, alla caduta delle pietre in Europa e
in America; alla luce nel fuoco domestico e nel Sole; alla riflessione della luce sulla terra
e sui pianeti.
La natura è [c] regola iii
omogenea Le qualità dei corpi che non possono essere aumentate e diminuite, e quelle che apparten-

ITINERARI DI LETTURA
15 gono a tutti i corpi sui quali è possibile impiantare esperimenti devono essere ritenute qualità
di tutti i corpi.
[...]
Abbiamo sperimentato che molti corpi sono duri. Ora, la durezza del tutto nasce
dalla durezza delle parti, quindi a buon diritto, concludiamo che non soltanto sono
20 dure le particelle indivise di quei corpi che vengono percepiti ma anche di tutti gli
altri. Concludiamo che tutti i corpi sono impenetrabili non con la ragione, ma col
senso. Gli oggetti che maneggiamo vengono riscontrati impenetrabili, ne conclu-
diamo che l’impenetrabilità è una proprietà dei corpi in generale. Che i corpi siano
mobili, e che per effetto di forze qualsiasi (che chiamiamo forze d’inerzia) perse-
25 verino nel moto o nella quiete, ricaviamo da queste proprietà dei corpi osservabili.
L’estensione, la durezza, l’impenetrabilità, la mobilità e la forza d’inerzia del tutto
nasce dall’estensione, dalla durezza, dalla impenetrabilità, dalla mobilità e dalle for-
ze d’inerzia delle parti; di qui concludiamo che tutte le minime parti di tutti i corpi
sono estese e dure, impenetrabili, mobili, e dotate di forze d’inerzia. E questo è il
30 fondamento dell’intera filosofia. [...]
Le ipotesi [d] regola iv
ricavate dai Nella filosofia sperimentale, le proposizioni ricavate per induzione dai fenomeni, devono,
fenomeni
possono nonostante le ipotesi contrarie, essere considerate vere o rigorosamente o quanto più possibi-
essere le, finché non interverranno altri fenomeni, mediante i quali o sono rese più esatte o vengono
smentite 35 assoggettate ad eccezioni.
solo da altri
fenomeni
Questo deve essere fatto affinché l’argomento dell’induzione non sia eliminato me-
diante ipotesi.
(Princìpi matematici della filosofia naturale, libro III, Regole del filosofare, pp. 609-13)

GUIDA ALL’ANALISI

Le Regole del filosofare sono premesse al terzo libro dei sperimentali agli attacchi della metafisica, imponendo un
Princìpi, intitolato Sistema del mondo. I primi due libri defi- ambito di discussione circoscritto ai fatti e agli esperimenti;
niscono i «princìpi matematici» in senso proprio. Da questi, la seconda e la terza fondano la possibilità di utilizzare il
Newton intende ricavare un sistema unitario della fisica. metodo induttivo per la formulazione di leggi universali.
Per far ciò, sono necessarie due operazioni: poter applicare [a] La prima regola, sulla semplicità della natura, è però
i princìpi, definiti per adesso nella loro formulazione mate- direttamente collegata a quelle relative al metodo, costi-
matica, al piano empirico e quindi ai fenomeni fisici; poter tuendo con esse un tutto unico. In effetti, a essa si richiama
generalizzare le leggi, individuate attraverso esperimenti direttamente non soltanto la seconda, ma anche la terza,
circoscritti, all’intero universo, cioè anche ai fenomeni che quando afferma che la natura «suole essere semplice e
non possono essere sottoposti a esperimenti. La prima e sempre conforme a sé». L’affermazione sulla semplicità
l’ultima regola tendono a sottrarre le leggi matematico- della natura contenuta nella prima regola può essere intesa
159
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

come la riproposizione di una sorta di rasoio di Ockham (il bile di critica – del metodo induttivo, e costituisce in realtà
criterio di economicità assunto nel XIV secolo da Guglielmo la premessa necessaria per giustificare anche la seconda
d’Ockham, che si riproponeva di evitare un’inutile moltipli- regola. L’invariabilità della natura legittima la generalizza-
cazione di enti e astrazioni per la spiegazione della natura) zione induttiva a partire dagli esperimenti, come Newton
per sgombrare l’ambito della scienza dal tentativo di intro- sottolinea nel commento che segue l’enunciato della rego-
durvi di nuovo ipotesi metafisiche, distinguendo tra diversi la. Tale generalizzazione è valida anche quando appaia in
livelli della spiegazione del mondo. contrasto con i sensi: l’aria non è percepita come dura e im-
[b] La seconda regola, nota anche come «legge dell’unifor- penetrabile, ma deve esserlo, poiché queste qualità devono
mità della natura», consente la generalizzazione del nesso essere proprie di tutti i corpi. Oltre agli aspetti metodologi-
causale a partire dai fenomeni osservabili. È il fondamento ci, il commento presenta anche elementi importanti della
per la formulazione di leggi universali, valide cioè in ogni teoria fisica di Newton e in particolare la giustificazione
luogo (come è suggerito dagli esempi) e in ogni tempo, cioè dell’atomismo: i costituenti elementari dei corpi, anche se
proiettabili anche nel futuro e costituenti la base per la pre- non possono essere percepiti, devono essere estesi, duri,
vedibilità degli eventi. Infatti, se effetti simili vanno ricon- impenetrabili ecc.
dotti alle stesse cause, reciprocamente dall’accertamento [d] La quarta regola affronta un altro aspetto del metodo
della causa è lecito inferire l’evento correlato, anche se non induttivo-sperimentale, quello del controllo delle teorie
se ne ha attualmente esperienza. scientifiche. Esse devono essere in accordo con i fenomeni,
[c] Nella terza regola (detta «legge dell’omogeneità della ma reciprocamente, finché questo accordo sussiste, devo-
natura»), Newton definisce la natura come regolare, stabi- no essere considerate vere. Soltanto fenomeni contrari, e
le, prevedibile. Questo, come sottolineerà Hume, è il postu- le ipotesi da essi ricavate, possono essere legittimamente
lato di fondo – indimostrabile e proprio per questo suscetti- usati per la confutazione di una proposizione scientifica.

T10 Newton: La deduzione delle leggi di Keplero


A partire dalla legge gravitazionale, Newton deduce anche princìpi già scoperti per altra via,
come ad esempio le leggi di Keplero. Keplero aveva individuato le proprie leggi per via induttiva,
osservando e misurando le successive posizioni dei diversi pianeti. Deducendole dai princìpi del
moto e dalla legge di gravitazione universale, Newton ne dà una spiegazione e, dimostrandole,
ne afferma la necessità.

proposizione xiii - teorema xiii


Le prime I pianeti sono mossi lungo ellissi che hanno un fuoco nel centro del Sole, e, con i raggi
due leggi condotti a quel centro, descrivono aree proporzionali ai tempi.
di Keplero
Discutevamo, prima, circa questi moti ricavati dai fenomeni. Ora, conosciuti i prin-
5 cìpi dei moti, da questi ricaviamo a priori i moti celesti. Poiché le gravità dei pianeti
verso il Sole sono inversamente proporzionali ai quadrati delle distanze dal centro del
Sole, se il Sole fosse in quiete e i pianeti rimanenti non agissero uno sull’altro, le loro
orbite sarebbero ellittiche, avendo il Sole come fuoco comune, e descriverebbero aree
proporzionali ai tempi (per le proposizioni i e xi ed il corol. i della prop. xiii del libro
10 I). Ma le azioni dei pianeti fra loro sono molto deboli (tanto che possono essere tra-
scurate) e perturbano il moto dei pianeti intorno al Sole mobile (per la prop. lxvi del
libro I) meno di quanto avverrebbe se questi moti venissero effettuati intorno al Sole
in quiete.
(Princìpi matematici della filosofia naturale, libro III, Le proposizioni, p. 643)
160
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
1. Il metodo della nuova scienza

GUIDA ALL’ANALISI

Newton unisce il momento induttivo, irrinunciabile punto to la ragione per cui devono essere così e non altrimenti.
di partenza della conoscenza, con quello deduttivo, che Ne abbiamo un esempio con la deduzione delle leggi di
consente di risolvere i problemi dell’induzione. Infatti, se Keplero. Sapere che le orbite dei pianeti sono ellittiche
da princìpi generali, la cui validità non può essere dimo- può essere il punto di arrivo di una serie di osservazio-
strata per via induttiva, possiamo ricavare per via dedutti- ni sistematiche; ma ricavare l’ellitticità delle orbite dalla
va fenomeni osservabili, abbiamo una conferma della loro legge di gravitazione universale significa anche spiegare
validità. Inoltre, i fenomeni così dedotti risultano anche questa caratteristica e affermarne la necessità, non solo
spiegati – e non solo descritti – perché abbiamo individua- accertarla empiricamente.

ITINERARI DI LETTURA
LAVORO 1 T1 Elenca tutte le metafore e le immagini presenti nel brano e traducile nei concetti che
SUL intendono rappresentare.
TESTO
2 T2 Lavora sulla teoria baconiana degli «idoli» e costruisci uno schema secondo le indi-
cazioni proposte.
X La mente umana – secondo Bacone – non assomiglia a uno specchio liscio e chiaro che riflette
fedelmente la realtà, ma piuttosto a uno «specchio incantato» che rimanda un’immagine della
natura deformata, di cui sono responsabili condizionamenti, pregiudizi ed errori di varia natura.
Essi sono denominati «idoli» per evidenziarne il carattere ingannevole e mistificante.
a. Sulla base di T2 e delle relative spiegazioni costruisci uno schema sul modello di quello che se-
gue che raccolga sistematicamente:
– le quattro classi degli «idoli»;
– le loro cause;
– uno o più esempi ricavabili dal testo.

idoli

cause

esempi

b. Spiega la denominazione di ciascuna classe di «idoli».

3 T3 Commenta la metafora delle api.


X Partendo dall’immagine metaforica delle api, illustra il concetto baconiano di esperienza, soffer-
mandoti sui seguenti punti:
– Come considerano l’esperienza gli empirici? In che cosa sbagliano?
– Come considerano l’esperienza i razionalisti? Perché vengono definiti anche «dogmatici»?

4 T4 Riassumi in una mappa concettuale i diversi momenti del metodo induttivo, commen-
tando poi i momenti più significativi del brano e in particolare la parte conclusiva [c].
X Spiega perché, per Bacone, si dovrà «escogitare una forma di induzione diversa da quella finora
in uso» (rr. 30-31).
161
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

5 T5 Distingui il concetto di matematica in Galilei e in Newton.


X Per Galilei e per Newton la matematica è fondamentale per la costruzione della nuova scienza,
sia per il modo di trattare i dati, sia per il metodo, sia, infine, per la formulazione delle leggi. Elenca
i diversi significati che ha la matematica nel metodo galileiano. Confrontala poi con l’uso che ne
fa Newton (da T7 a T10), sottolineando analogie e differenze.

6 T6 Indica con una crocetta le risposte corrette.


X Quali delle seguenti affermazioni, contenute nel brano, corrispondono al punto di vista di Galilei?
a) È stato dimostrato sperimentalmente che una pietra, lasciata cadere dall’albero di una nave,
cade sempre nello stesso luogo, sia che la nave si muova sia che si trovi ferma.
b) Molte delle tesi sostenute dagli aristotelici non derivano dall’esperienza.
c) Una sfera perfetta che, in assenza di ostacoli, scivolasse lungo un piano declive, continuerebbe
a muoversi con moto accelerato finché durasse la declività del piano.
d) Una sfera perfetta che, in assenza di ostacoli, scivolasse lungo un piano né in salita né in disce-
sa, dopo qualche tempo si arresterebbe.
e) Un sasso lasciato cadere dall’albero della nave, quando la nave è in movimento, cadrebbe ai
piedi dell’albero.

7 T7 Rileva i momenti salienti dell’induzione newtoniana.


X Riassumi attraverso una sequenza argomentativa i momenti del metodo induttivo di Newton.
X Indica l’espressione usata per definire l’induzione;
– individua la proposizione in cui viene negato a tale metodo il carattere dimostrativo;
– rintraccia infine lo scopo attribuito al metodo induttivo.

8 T8 A partire dal brano, elabora un confronto tra la scienza di Newton e quella di Galilei.
X Sia Galilei sia Newton usano il metodo sperimentale. Diverso, però, è il modo di trattare i fenomeni.
– Quale esperimento viene descritto nel passo?
– Galilei sosteneva che solo degli aspetti quantificabili dei fenomeni è possibile fare scienza. Quale
nuova prospettiva introduce, invece, Newton?
– In che senso l’esperimento descritto nel brano mostra il superamento, da parte di Newton, della
distinzione fra qualità primarie e qualità secondarie?

9 T9 Leggi attentamente il brano e rispondi ai quesiti secondo le indicazioni proposte.


X Newton formula quattro regole per l’indagine fisica, in modo da superare alcuni problemi di me-
todo. Le prime tre indicano altrettanti caratteri della natura che legittimano l’uso dell’induzione;
la quarta regola riguarda invece criteri relativi alle proposizioni scientifiche. Dopo aver letto at-
tentamente il T9 e la Guida all’analisi:
– spiega quali regole sono riconducibili al presupposto dell’omogeneità della natura;
– metti in luce come il presupposto dell’omogeneità della natura consenta a Newton di elaborare
un modello di ricerca scientifica idoneo a formulare leggi universali che descrivono il «sistema
del mondo» e a evitare il ricorso a princìpi metafisici.
X La terza regola è propriamente quella che giustifica la validità dell’induzione newtoniana.
– Rinvieni in essa il fondamento del metodo induttivo;
– spiega la natura di tale fondamento (metafisico, fisico, logico ecc.);
– richiama poi anche il fondamento della validità del metodo sperimentale galileiano e individuane
la natura.
162
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
2. L’utopia tecnologica di Bacone

SOMMARIO
T11 BACONE
(da La Nuova Atlantide)
2 L’utopia tecnologica di Bacone La Casa di Salomone
T12 BACONE
(da La Nuova Atlantide)
L’organizzazione della ricerca
La Nuova Atlantide, il romanzo al quale Bacone affida la
propria utopia tecnologica, è un’opera di straordinaria
attualità perché anticipa invenzioni e settori di ricerca che in parte si stanno ancor oggi
realizzando. Al tempo stesso, anche se in forma narrativa, riprende ed esemplifica le idee
di fondo della filosofia baconiana: l’importanza pratica della scienza, l’organizzazione del-

ITINERARI DI LETTURA
la ricerca, il lavoro d’équipe, le riflessioni morali su alcune applicazioni tecnologiche ecc.
Il romanzo è pubblicato postumo nel 1627, come appendice della Sylva sylvarum, una pri-
ma raccolta di dati per la costruzione della progettata Storia naturale e universale. I pro-
tagonisti, imbarcati su una nave in rotta dal Perù verso la Cina, vengono trascinati da un
forte vento verso sud. Smarriti in mare, senza più provviste, si trovano all’improvviso in
un fitto banco di nebbia, che nasconde un’isola. È l’isola di Bensalem, la Nuova Atlantide.
Vengono salvati e ospitati dagli abitanti, e guidati alla conoscenza di una civiltà molto
sviluppata, nella quale la scienza è posta al servizio del benessere umano.

T11 Bacone: La Casa di Salomone


Questo lungo brano descrive l’organizzazione della Casa di Salomone, il centro della ricerca
scientifica e il cuore stesso della Nuova Atlantide. I laboratori e i settori di ricerca qui descritti
anticipano in alcuni casi progetti che si realizzeranno in seguito o, addirittura, che si stanno rea-
lizzando oggi. La ricerca scientifica è finalizzata al miglioramento della qualità della vita umana
mediante il dominio della natura.

«Dio ti benedica, figlio mio. Io ti darò la gemma più preziosa che possiedo: ti svelerò
infatti, per amore di Dio e degli uomini, la vera organizzazione della Casa di Salomone.
E per fartela conoscere, figlio mio, seguirò quest’ordine: in primo luogo ti rivelerò il
fine della nostra istituzione; in secondo luogo i mezzi e gli strumenti che possediamo
5 per i nostri lavori; in terzo luogo i diversi impieghi e funzioni assegnati a ciascuno dei
nostri fratelli; in quarto luogo infine le norme e i riti che osserviamo.
«Fine della nostra istituzione è la conoscenza delle cause e dei segreti movimenti
delle cose per allargare i confini del potere umano verso la realizzazione di ogni possi-
bile obiettivo.
10 «I mezzi e gli strumenti sono i seguenti: abbiamo ampie caverne più o meno pro-
fonde, le più profonde nelle quali si addentrano nella terra fino a seicento cubiti1. [...]
Chiamiamo queste caverne «regioni inferiori» e ce ne serviamo per esperienze di co-
agulazione, indurimento, refrigerazione e conservazione dei corpi. Ne usiamo anche,
a imitazione delle miniere naturali, per la produzione di nuovi metalli artificiali me-
La speleo- 15 diante la combinazione di vari materiali ivi giacenti da moltissimi anni. Ma ti stupirà
terapia è molto sapere che usiamo talvolta queste caverne anche per la cura di certe malattie e
una pratica
medica per esperienze sul prolungamento della vita che facciamo su alcuni eremiti che hanno
affermata scelto di vivere laggiù. [...]

1. cubiti: il cubito inglese equivale a 45,72 cm.

163
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

«Possediamo inoltre alte torri, la più alta delle quali misura un mezzo miglio2. Alcu-
20 ne di esse sorgono su alte montagne cosicché, sommando l’altezza della torre con quel-
la della montagna, si raggiunge, nella torre più alta, l’altezza di tre miglia. Chiamiamo
questi posti «regioni superiori», considerando l’aria compresa fra le regioni alte e le
basse come «regione intermedia». Ci serviamo di queste torri, in relazione alle loro di-
verse altezze e posizioni, per esperimenti di insolazione, di refrigerazione e di conser-
25 vazione e per l’osservazione dei fenomeni atmosferici come i venti, le piogge, la neve,
la grandine e i meteoriti ignei. Anche su qualcuna di queste torri vivono degli eremiti
che visitiamo ogni tanto istruendoli sulle osservazioni che debbono compiere. [...]
Abbiamo anche case grandi e spaziose, dove imitiamo e riproduciamo i fenomeni
meteorologici, come la neve, la grandine, la pioggia, le piogge artificiali di corpi non
30 acquosi, i tuoni e i fulmini. In queste case sperimentiamo anche la generazione aerea
di animali come le rane, le mosche e molti altri.
Quali «Disponiamo anche di alcune stanze che chiamiamo camere di salute dove condi-
intuizioni zioniamo l’aria per renderla salubre e adatta alla cura di varie malattie e alla conser-
baconiane
sono state vazione della salute. [...]
realizzate? 35 «Abbiamo costruito poi grandi frutteti e giardini dalle diverse colture, nei quali
non guardiamo tanto alla bellezza quanto alla varietà del terreno e alla sua idoneità
alla coltivazione di piante ed erbe diverse: in alcuni di essi, molto spaziosi, cresco-
no, oltre ai vigneti, alberi e arbusti fruttiferi con i quali prepariamo diversi tipi di
Intuiva già, bevande. Qui pratichiamo una serie di esperimenti di innesti e inoculazioni, sia su
Bacone, la 40 piante selvatiche sia su piante da frutta, e otteniamo importanti risultati. In questi
possibilità
di manipo- stessi frutteti e giardini facciamo nascere artificialmente piante e fiori più presto o
lazioni più tardi della stagione in cui esse nascerebbero naturalmente e li facciamo fiorire e
genetiche fruttificare più rapidamente del normale. Siamo in grado anche di ottenere piante
(OGM)?
molto più grandi delle normali, e i frutti di queste piante sono più grandi, più dolci e
45 differenti di gusto, profumo, colore e forma dagli altri della specie originaria. E molti
di questi frutti così trattati acquistano virtù medicinali.
«Conosciamo anche dei sistemi per far nascere, mediante combinazioni di terre-
ni, varie piante senza semi, per produrre nuove specie di piante diverse dalle comuni
e infine per trasformare una pianta in un’altra.
Vi sono 50 «Disponiamo anche di parchi e di recinti per animali e uccelli di ogni tipo, i quali
esperimenti ci servono non tanto come spettacolo curioso, quanto per esperimenti di dissezione,
descritti da
Bacone che mediante i quali gettiamo luce sugli studi intorno al corpo umano. In questo campo ab-
giudichi biamo raggiunto straordinari risultati, come la continuazione della vita quando diversi
immorali? organi, che voi considerate vitali, sono morti e asportati, la resurrezione di corpi che
55 all’apparenza sembrano morti e così via. Esperimentiamo anche su di essi veleni e me-
dicinali e li sottoponiamo a cure mediche e a esperimenti chirurgici. Riusciamo a ren-
derli artificialmente più grossi o più alti degli altri membri della loro specie, o viceversa
più piccoli, arrestando il loro sviluppo. Li rendiamo più fecondi e prolifici del normale
oppure sterili e infecondi. Possiamo variarne il colore, la forma, le attività. Riusciamo
60 a fare incroci e accoppiamenti diversi che generano nuove specie e non sono infecondi
come reputa l’opinione comune. Otteniamo numerose specie di serpenti, vermi, inset-
ti e pesci da sostanze in putrefazione e alcuni di questi animali sono arrivati a essere
creature perfette come gli animali e gli uccelli: provvisti di sesso e capaci di propagarsi.
E nulla di tutto ciò avviene per caso giacché sappiamo in antecedenza quale specie di
65 creatura nascerà da una determinata materia o incrocio. [...]

2. miglio: il miglio terrestre equivale a circa 1,6 km.

164
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
2. L’utopia tecnologica di Bacone

«Trattiamo anche le acque in modo tale da renderle nutrienti e così piacevoli che
molti non usano altra bevanda. Abbiamo pane confezionato con varie specie di gra-
no, di radici e di ghiande e perfino con carne e con pesce essiccato, con vari tipi di
lieviti e condimenti in modo da renderlo al massimo grado appetitoso; alcuni di que-
70 sti pani sono così nutrienti che molti vivono solo di essi senza bisogno di alcun altro
cibo e raggiungono età assai avanzate. [...]
«Conosciamo anche diverse arti meccaniche a voi ignote e, con esse otteniamo
prodotti come carta, tela, seta, tessuti, eleganti lavori realizzati con lucenti piume,
ottime tinture e molti altri prodotti.
75 [...]

ITINERARI DI LETTURA
Potremmo Riusciamo a colorare la luce e a compiere ogni sorta di inganni e illusioni ottiche
già parlare nelle figure, grandezze, movimenti e colori e a proiettare ogni genere di ombre. Ab-
di realtà
virtuale biamo sistemi, a voi ancora sconosciuti, per produrre da corpi diversi una originaria
sorgente di luce. Ci siamo procurati mezzi per vedere gli oggetti lontani nel cielo e
80 nei luoghi più remoti e per fare apparire lontane cose vicine e viceversa, come co-
struendo distanze fittizie. Possediamo anche aiuti per la vista assai migliori delle vo-
stre lenti e dei vostri occhiali. Abbiamo lenti e strumenti per vedere perfettamente e
distintamente i corpi più minuti, come le forme e i colori di piccoli insetti o vermi, la
grana o le venature nelle gemme, la composizione dell’urina e del sangue, altrimenti
80 invisibili.
[...]
«Abbiamo costruito anche «Case dei suoni» dove facciamo esperimenti su tutti
i suoni e sulla loro generazione. Conosciamo armonie a voi sconosciute di quarti di
toni e di passaggi ancora minori. [...] Imitiamo e riproduciamo tutti i suoni artico-
90 lati, le lettere, le voci e le note degli animali e degli uccelli. Abbiamo strumenti che,
applicati all’orecchio, rafforzano l’udito, e anche diversi echi strani e artificiali che
ripetono le voci varie volte come ripercuotendosi. Alcuni di questi echi respingono
le voci più forti e acute; altri più profonde; mentre altri ancora le rimandano diverse
nel tono e nel timbro. Possiamo infine trasmettere i suoni a distanza mediante tubi
95 e condotti che corrono rettilinei o tortuosamente. [...]
«Abbiamo poi le «Case dei profumi» nelle quali compiamo esperimenti sul gusto
e ove riusciamo (cosa molto strana a credersi) a moltiplicare gli odori. Riusciamo a
imitare i profumi traendoli da misture diverse da quelle che li producono abitual-
mente. Possiamo imitare i sapori così perfettamente da poter ingannare il gusto di
100 qualunque uomo. [...]
«Abbiamo inoltre officine meccaniche dove fabbrichiamo macchine e strumenti
per ogni genere di movimenti: qui facciamo esperimenti per realizzare moti più ve-
loci di quelli che voi avete realizzato sia con le vostre bocche da fuoco sia con qualun-
que altra vostra macchina e per realizzare il movimento e moltiplicarlo, servendoci
105 di deboli forze, mediante ingranaggi e altri sistemi e infine per rendere questi moti
più forti e potenti dei vostri. [...]
Molte «Imitiamo il volo degli uccelli e riusciamo entro certi limiti a librarci nell’aria.
intuizioni Abbiamo navi e imbarcazioni per navigare sott’acqua e per resistere alle tempeste
anticipano
felicemente marine, e cinture di sicurezza e congegni per reggersi a galla. Possediamo diversi
invenzioni 110 strani orologi, strumenti che si muovono in modo ricorrente, e altri capaci di moto
future perpetuo. [...]
«Possediamo una «Casa della matematica» dove si conservano tutti gli strumenti
perfettamente costruiti, necessari alla geometria e all’astronomia.
«Abbiamo infine le «Case per gli inganni dei sensi» ove compiamo ogni specie di
165
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

115 giochi di prestigio, di false apparizioni, di illusioni, di imposture con i relativi ingan-
ni. Potrai certo capire facilmente come noi, che possediamo tante cose che, pur es-
sendo perfettamente naturali, generano stupore, potremmo in molti casi particolari
ingannare i sensi, se volessimo mascherare queste cose e farle apparire miracolose».
(La Nuova Atlantide, in Scritti filosofici, pp. 857-62)

T12 Bacone: L’organizzazione della ricerca


Gli studiosi raccolti nella Casa di Salomone sono organizzati in équipe, con una suddivisione
dei compiti e un coordinamento che consentono un progresso continuo della scienza e una sua
applicazione a beneficio della società. La ricerca è articolata in momenti diversi, dalla raccolta
dei dati alla loro elaborazione, dall’applicazione tecnologica alle scoperte e alla formulazione dei
princìpi generali. Ognuno di questi compiti è affidato a una diversa categoria di studiosi.

Importanza Quanto ai diversi compiti ed uffici di noi confratelli, dodici sono incaricati di visitare
del lavoro i paesi stranieri, fingendo di appartenere ad altre nazioni (infatti teniamo nascosta la
d’équipe
nostra origine). Essi ci portano libri, sommari ed esemplari delle scoperte di tutti gli
altri paesi: questi sono chiamati «Mercanti di luce».
5 Altri tre membri sono incaricati di raccogliere gli esperimenti esposti nei libri e
sono detti «Predoni».
Altri tre raccolgono gli esperimenti delle arti meccaniche, delle arti liberali1 e anche
quelle pratiche che non sono ancora pervenute al piano delle arti. Questi sono chiama-
ti gli «Uomini del mistero».
10 Altri tre tentano i nuovi esperimenti che credono opportuni e son detti «Pionieri»
o «Minatori».
Altri tre membri raccolgono gli esperimenti delle quattro categorie precedenti in
classi e tabelle per meglio illuminarli e per ricavarne osservazioni ed assiomi. Questi
son detti «Classificatori».
Il lavoro 15 Altri tre si applicano a studiare gli esperimenti dei loro confratelli per ricavarne
degli risultati di uso pratico per la vita umana o cognizioni sia per altri lavori sia per la
inventori
è reso spiegazione delle cause e dei mezzi di divinazione naturale e per un facile e chiaro
fecondo intendimento delle virtù e parti dei corpi. Questi sono chiamati «Uomini di dote» o
dall’orga- «Benefattori».
nizzazione
della
20 Tre di noi poi, dopo diversi incontri e consultazioni di tutti per considerare il lavoro
ricerca precedente e i risultati, si preoccupano di compiere su questa base nuovi esperimenti
più luminosi e che penetrano più profondamente dei primi nella natura. Questi sono
chiamati «Fiaccole».
Tre altri eseguono gli esperimenti loro affidati e ne riferiscono. Vengon detti «Ino-
25 culatori».
Finalmente altri innalzano le prime invenzioni, mediante esperimenti, in più vaste
osservazioni, assiomi ed aforismi. Noi li chiamiamo «Interpreti della natura».
(La Nuova Atlantide, in Scritti filosofici, pp. 863-64)

1. arti liberali: le arti liberali erano, anticamente, quelle adatte a uomini liberi, contrapposte a quelle meccaniche, proprie degli schiavi
o dei servi. Indicheranno in seguito le arti prevalentemente intellettuali, contrapposte a quelle manuali. Nel Medioevo alle sette arti liberali
classiche (grammatica, dialettica, retorica, geometria, aritmetica, astronomia, musica) se ne aggiungono altre, tra le quali le più importanti
sono la filosofia e la teologia.

166
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
2. L’utopia tecnologica di Bacone

GUIDA ALL’ANALISI

Lo scopo della scienza è il controllo della natura per mi- scientifici applicazioni che migliorano la vita pratica.
gliorare la vita umana. L’organizzazione della scienza, nella Non tutte le scoperte devono essere rese pubbliche. I
Nuova Atlantide, è quella che Bacone auspica per la sua Padri della Casa di Salomone si riuniscono per decidere qua-
epoca: una suddivisione di compiti, per cui le scoperte non li scoperte sia opportuno non divulgare: Bacone è consape-
siano più eventi eccezionali, ma il prevedibile risultato di vole del potere della scienza ma anche della sua potenziale
programmi di ricerca coordinati. Occorre soprattutto, secon- pericolosità, e suggerisce una sorta di codice morale degli
do Bacone, creare un terreno fertile per lo sviluppo scienti- scienziati. I Padri si occupano della diffusione nelle varie
fico, un terreno dove la ricerca e la raccolta dei dati siano città delle invenzioni ritenute utili, conservando uno stretto

ITINERARI DI LETTURA
attività abituali e continue, rese ordinate da una sistemati- riserbo su quelle pericolose, che sono comunque sviluppate
ca classificazione. Su questo sfondo può collocarsi l’opera sul piano della conoscenza, poiché la comprensione della
degli scienziati veri e propri (le «Fiaccole» e gli «Interpreti natura è sempre positiva. Bacone introduce una distinzione
della natura») che non è più eccezionale e isolata, anche se netta tra la ricerca scientifica, da perseguire comunque, e
richiede doti non comuni. Altrettanto importante è la ricer- la sua applicazione, che deve essere sottoposta a controlli
ca tecnologica dei «Benefattori», che ricavano dai princìpi politici ed etici.

1 T11-T12 Scrivi un breve saggio sull’utopia baconiana seguendo le indicazioni proposte.


X Dopo aver letto i brani, esponi brevemente le tue considerazioni personali sull’utopia tecnologica
descritta da Bacone, soffermandoti sui seguenti punti:
– Quali sono gli aspetti della «Casa di Salomone» che ti sembrano più interessanti o più attuali?
– Pensi che la tecnologia dovrebbe avere un ruolo così importante come quello assegnatole da
Bacone?
– Nella Nuova Atlantide, i Padri della Casa di Salomone (che sono scienziati ma anche filosofi) pos-
sono decidere, pur proseguendo la ricerca, di non divulgare alcune scoperte o invenzioni se ritenu-
te, al momento, socialmente pericolose. Pensi che anche oggi dovrebbe esservi un controllo sulla
scienza e sulla tecnologia? Dovrebbe limitarsi alle applicazioni o riguardare anche la ricerca in
quanto tale (pensa, ad esempio, al problema dell’ingegneria genetica)? Esprimi le tue valutazioni.

Indicazioni bibliografiche
X Opere da cui sono tratti i testi Torino, Utet, 1967, 2 voll. Torino, Einaudi, 1969
• F. Bacone, Scritti filosofici, a cura • I. Newton, Princìpi matematici • A. Koyré, Studi newtoniani,
di Paolo Rossi, Torino, Utet, 1975 della filosofia naturale, a cura di A. Torino, Einaudi, 1972
• G. Galilei, Opere, a cura di F. Pala, Torino, Utet, 1989 – Studi galileiani, Torino, Einaudi,
Brunetti, Torino, Utet, 1964, 2 voll. – Scritti di ottica, a cura di A. Pala, 1976
– Il Saggiatore, a cura di L. Sosio, Torino, Utet, 1978 – Dal mondo del pressapoco
Milano, Feltrinelli, 1965 – Tutte le opere di Galilei sono all’universo della precisione, Tori-
– Dialogo sopra i due massimi si- disponibili in edizione elettronica no, Einaudi, 2000
stemi del mondo, a cura di L. Sosio, nel sito: www.liberliber.it.
Torino, Einaudi, 1975
• T. Kuhn, La rivoluzione coperni-
X Saggi critici citati o consigliati cana. L’astronomia planetaria nello
• I. Kant, Critica della ragion pura,
Roma-Bari, Laterza, 2000 • I. Cohen, La rivoluzione newto- sviluppo del pensiero occidentale,
• J. Kepler, Discussione col Nunzio niana, trad. it. di L. Sosio, Milano, trad. it. di G. Gaino, Torino, Einaudi,
Sidereo e Relazione sui quattro Feltrinelli, 1982 1991
satelliti di Giove, Dissertatio, a cura • B. Farrington, Francesco Bacone, • M. Mamiani, Introduzione a
di E. Pascoli e G. Tabarroni, Torino, filosofo dell’età industriale, a cura Newton, Roma-Bari, Laterza, 1990
Bottega d’Erasmo, 1972 di Paolo Rossi, Torino, Einaudi, 1967 • Paolo Rossi, I filosofi e le mac-
• W. G. Leibniz, Scritti filosofici, • L. Geymonat, Galileo Galilei, chine, Milano, Feltrinelli, 1976

167
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2

Laboratorio
TEST DI AUTOVALUTAZIONE

La rivoluzione astronomica V F V F
1. Copernico, affermando l’eliocentrismo, 17. Galilei dimostra con un esperimento
dimostra l’inesistenza delle sfere cristalline. mentale il principio di inerzia.
2. Secondo Keplero i pianeti vengono mossi 18. La relatività galileiana è la negazione di uno
dalla forza dei raggi solari. spazio e di un tempo assoluti, perché sono
3. Keplero afferma che il Sole è al centro entrambi relativi al sistema di riferimento.
di tutto l’universo. 19. Il metodo galileiano può essere definito
«sperimentale».
Bacone e il nuovo sapere scientiico 20. La matematica è importante nella ricerca,
4. Bacone usa il metodo induttivo, sostenendo perché consente di ricavare dalla teoria
che la conoscenza scientifica deve partire le applicazioni tecnologiche.
dall’esperienza. 21. Possiamo conoscere scientificamente,
5. L’esperienza è vera e significativa di per sé; secondo Galilei, soltanto dati quantificabili.
il metodo scientifico deve provvedere 22. Per Galilei non è possibile una
soltanto a generalizzarla. conoscenza oggettiva.
6. Bacone paragona gli scienziati alle formiche,
che raccolgono pazientemente i chicchi di Newton: le ricerche e il metodo
grano così come gli scienziati raccolgono 23. Newton usa un metodo deduttivo,
i dati dell’esperienza. dando poca importanza alle osservazioni
7. Bacone non prevede l’impiego di e agli esperimenti.
esperimenti, come farà invece Galilei. 24. Secondo Newton sono oggetto della
8. Il processo latente è lo sviluppo nel tempo conoscenza scientifica soltanto i dati
del fenomeno, la legge che ne regola quantitativi, legati alle qualità primarie
il divenire. dei fenomeni.
9. Secondo Bacone, la ricerca deve diventare 25. Newton individua nel metodo induttivo
collaborativa e cumulativa. problemi che cerca di superare mediante
10. Bacone dà poca importanza alle applicazioni le quattro «regole del filosofare».
pratiche della scienza, privilegiando il 26. Una di queste regole afferma che
momento teorico. non dobbiamo inventare ipotesi, ma usare
esclusivamente dati accertati.
Galilei: sensate esperienze e 27. L’indagine di Newton usa la matematica
necessarie dimostrazioni sia per il trattamento dei dati, sia come
11. Osservando la Luna con il telescopio, Galilei riferimento metodologico.
dimostra che non esistono le sfere cristalline. 28. Il metodo di Newton può essere
12. Mediante le osservazioni delle fasi di Venere, definito «induttivo-deduttivo».
Galilei dimostra che questo pianeta ruota 29. Newton teorizza l’esistenza di un tempo
intorno al Sole. e di uno spazio assoluti.
13. Osservando la Luna con il telescopio, 30. Secondo Newton Dio esiste,
Galilei dimostra che i corpi celesti sono ma non interviene nell’universo.
simili alla Terra.
14. Secondo Galilei le affermazioni della Bibbia
sul mondo naturale sono sempre vere.
15. L’uomo è il fine dell’universo, anche se la
Terra non ne occupa più il centro. Confronta ora le tue risposte con le soluzioni di
16. Galilei dimostra che anche se la Terra p. 488 e scrivi il tuo punteggio.
ruotasse su se stessa non ne seguirebbero
effetti visibili. PUNTEGGIO: ..... / 30

168
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
La rivoluzione scientifica

L’OFFICINA DEL FILOSOFO


CONCETTUALIZZARE

Rivoluzione scientifica
1 Completa gli schemi sul metodo scientifico.
Parlando del metodo induttivo, Bacone scrive: «La via da percorrere, infatti, non è piana, ma in salita e in disce-
sa» (La grande instaurazione, Novum Organum, I, parr. 103-5, in Scritti filosofici, p. 612). Lo schema che segue
riassume le caratteristiche del metodo proprie in generale della scienza del Seicento. Completa lo schema,
riferendo a ognuna delle caselle da completare uno dei concetti riportati sotto. Abbina poi a ognuno di essi
l’autore che lo ha trattato in modo più esplicito o approfondito.

LABORATORIO
porta a attraverso si formulano che consentono
ipotesi leggi

............................................. rapporti matematici,


esperienza rapporti quantitativi esperimenti natura del fenomeno applicazioni
tra variabili

............................................. ............................................. tecnologia


tavole, istanze, .............................................
quantificazione cimento

concetti autori

deduzione dei fenomeni

esperimenti mentali

prima vendemmia

sensate esperienze

Bacone
2 Abbina le definizioni ai relativi concetti caratteristici della filosofia di Bacone.
1. Novum Organum a. esperimenti e più in generale strumenti o procedimenti che usiamo per
interrogare la natura
2. Tavole
b. insieme delle dinamiche che determinano il cambiamento del fenomeno o
3. Metodo induttivo dell’oggetto studiato
c. nuovo metodo per la conoscenza
4. Schematismo latente
d. pregiudizi che possono compromettere la corretta conoscenza della natura
5. Processo latente e. procedimento che parte dalla raccolta di dati empirici per ricavarne leggi
generali
6. Istanze
f. strumenti per raccogliere in modo ordinato e sistematico i dati empirici
7. Idòla g. struttura nascosta del fenomeno o dell’oggetto studiato

ARGOMENTARE

Copernico
3 Nella sua opera principale, La rivoluzione delle sfere celesti, Copernico sostie-
ne la nuova teoria astronomica con un’argomentazione che qui proponiamo.
Ricostruiscila ordinando in modo opportuno le proposizioni che seguono:
169
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

a. ammettendo un moto della Terra su se stessa, da occidente a oriente


b. ciò spiegherebbe tutti i moti apparenti
c. come avviene durante la rivoluzione quotidiana dei cieli, che sembrano girare intorno alla Terra
d. essi ritengono impensabile che possa muoversi
e. gli studiosi in generale ritengono che la Terra sia immobile al centro dell’universo
f. infatti il movimento può dipendere dal moto dell’oggetto oppure da quello del soggetto che lo percepisce
g. perciò è più probabile che si muova la Terra, contenuta nei cieli, piuttosto che i cieli che la contengono
h. però non possiamo considerare dimostrata questa tesi
i. quando il soggetto e l’oggetto si muovono uniformemente nella stessa direzione, il moto non viene
percepito
j. quindi se la Terra si muovesse, percepiremmo un moto analogo, ma in direzione opposta, in tutto
l’universo

COMPRENDERE

Rivoluzione scientifica
4 Indica quali delle seguenti frasi sono vere e quali false: V F
1. Copernico afferma che l’universo è finito
2. Secondo Bacone, la conoscenza scientifica si basa sul metodo induttivo
3. Secondo Bacone, la scienza non può cogliere la natura delle cose, ma deve limitarsi ai fenomeni
4. Galilei afferma che la scienza può farci conoscere oggettivamente alcuni aspetti della realtà
5. Gli esperimenti mentali, per Galilei, devono essere sempre seguiti da esperimenti fisici,
per poter dimostrare qualcosa
6. Galilei spiega le maree mediante l’attrazione lunare sulla Terra
7. La matematica è importante perché le leggi scientifiche sono rapporti numerici tra variabili
8. Secondo Newton, la materia è costituita da atomi
9. Mediante le “regole del filosofare” Newton si propone di risolvere i problemi
del metodo induttivo
10. Dio, per Newton, ha nello spazio il proprio sensorio, tanto da compenetrare l’universo,
identificandosi con esso

PROBLEMATIZZARE

Bacone
5 Rifletti sulle questioni poste seguendo le domande-guida.
Bacone parla dei pregiudizi soprattutto in relazione alla conoscenza della natura, ma essi valgono anche
nella conoscenza degli altri e hanno conseguenze dirette in ambito etico.
• Discuti con i tuoi compagni le quattro tipologie degli idòla in questa chiave. Ad esempio, gli idòla specus
possono riferirsi al fatto che ciò che riguarda direttamente noi è più importante di ciò che riguarda gli altri;
gli idòla theatri si riferiscono anche alle ideologie, che ci fanno giudicare una persona in base alla sua affinità
o meno, ad esempio, con le nostre convinzioni politiche. Formula altri esempi su questi e sugli altri idòla.

Origine dell’universo
6 Rifletti sulle questioni poste seguendo le domande-guida.
La complessità dell’universo ha indotto molti scienziati a ipotizzare un Autore intelligente, ma altrettanti
hanno ritenuto e ritengono che l’universo abbia la propria spiegazione in se stesso e questo fatto lo ren-
de ancor più affascinante, dato che la materia, regolata dalle leggi fisiche e in parte dal caso, ha potuto
produrre forme di vita complesse come la nostra.
• Qual è il tuo parere? L’universo così come esiste può essere il risultato naturale di un’evoluzione in
tempi lunghissimi o rimanda a un essere superiore che lo ha creato? Discutine con i tuoi compagni.
170
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
PREPARARSI ALL’INTERROGAZIONE

Confronto tra filosofi


1 La nuova cosmologia

Conservazione di aspetti del sistema tolemaico Innovazioni

Copernico Sfere cristalline. Eliocentrismo.

PREPARARSI ALL’INTERROGAZIONE
Universo finito. Moti della Terra.
Moto circolare come moto perfetto.
Brahe Geocentrismo dell’universo. Orbite e non sfere.
Universo finito. Eliocentrismo per tutti i pianeti ad eccezione
Moto circolare come perfetto. della Terra.
Keplero Universo finito. Eliocentrismo.
Orbite ellittiche.
Moto causato da una forza fisica (raggi solari).
Galilei Universo finito. Omogeneità dell’universo.
Fisica dei gravi (il moto inerziale dei corpi che Prove fisiche della struttura copernicana del cosmo:
ruotano intorno alla Terra è quello circolare): – fasi di Venere
è più un limite che un’analogia con il sistema – osservazioni della Luna
aristotelico. – pianeti di Giove
– macchie solari
Newton Newton. Universo infinito.
Forza gravitazionale e spiegazione del moto dei
pianeti.
Unificazione della fisica celeste e terrestre.

2 Il metodo: Galilei e Bacone

Bacone Galilei

L’esperienza È il punto di partenza, ma può essere fuorviante se non trattata in modo opportuno (Baco-
ne: «Le selve dell’esperienza»; Galilei: «Gli impedimenti della materia»).

I dati osservativi Da trattare in modo sistematico mediante le Devono essere di tipo quantitativo (impor-
«tavole». tanza della matematica).

Il metodo Induttivo. Induttivo, ma a volte l’inferenza razionale


va oltre l’esperienza e dimostra una tesi
(esperimenti mentali).
Gli esperimenti Tutte le esperienze che trasformano i feno- Esperienze costruite ad hoc,
meni, anche quelle spontanee o naturali. agendo su variabili misurabili.

Fine della ricerca Scoprire la «natura» della cosa per poterla Individuare la relazione matematica tra
modificare. variabili.

171
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
M 2 La rivoluzione scientifica

3 Il metodo: Galilei e Newton

Galilei Newton

I dati osservativi Possono essere studiati scientificamente I dati devono essere quantificati, ma in
soltanto quelli quantitativi. via di principio possono esserlo tutti, se si
riesce a distinguere l’aspetto percettivo da
quello fisico (v. i colori).

Il metodo Induttivo, con qualche concessione im- Individua i problemi dell’induzione e segue
plicita all’inferenza razionale (esperimenti un metodo induttivo-deduttivo.
mentali, che comunque partono sempre Formulazione di definizioni non dimostrabili
dall’esperienza). (tempo e spazio assoluti).

Gli esperimenti Esperienze costruite ad hoc, agendo su variabili misurabili.

Fine della ricerca Individuare leggi naturali, intese come relazioni matematiche tra variabili.

4 Religione e metafisica: Galilei e Newton

Galilei Newton

Religione e Indipendenza e separazione: la Bibbia non Molto interesse per la religione e per l’esegesi
scienza si occupa di verità naturali, ma morali. biblica. Indipendenza di massima tra religione
e scienza, ma intervento di Dio nella natura.

Dio Non interviene nella natura dal punto di Dio interviene regolarmente nella natura
vista fisico, dato che essa è regolata da per comunicarle movimento, che gradual-
leggi immutabili. mente tende a decadere (entropia).

Infinità dell’uni- Non si pronuncia esplicitamente, anche se Afferma esplicitamente l’infinità dell’univer-
verso la sua fisica è riferita alla gravità terrestre so e l’importanza del vuoto.
(fisica dei corpi pesanti).

Oggettività della Ciò che possiamo conoscere in modo quan- La conoscenza è oggettiva, ma per raggiun-
conoscenza titativo, lo conosciamo oggettivamente e in gerne una conoscenza vera dobbiamo coniu-
modo perfetto. gare metodo induttivo e metodo deduttivo.

172
Loescher Editore - Vietata la vendita e la diffusione
La rivoluzione scientifica

Confronto tra idee


La cosmologia

Definizione Il termine «cosmologia» deriva dal greco Kósmos, «ordine», «mondo» e lógos, «discorso». Significa
quindi lo studio del mondo come sistema ordinato, retto da leggi. Il termine viene introdotto in filosofia
da Wolff, alla fine del Settecento, ed è poi ripreso e reso d’uso comune da Kant.
La nuova cosmologia, nata con Copernico, fa riferimento, in positivo o in negativo, a Platone e ad
Aristotele.

Platone Illustra la propria teoria cosmologica nel Timeo. Il cosmo ha una struttura matematica, poiché i

PREPARARSI ALL’ INTERROGAZIONE


quattro elementi fondamentali (terra, acqua, aria e fuoco) vengono modellati dal Demiurgo sulla
base dei solidi regolari, riconducibili a loro volta a triangoli. Il cosmo ha anche un’intelligenza
immanente, un’anima del mondo. Il secondo aspetto è stato particolarmente importante nel
Rinascimento, il primo viene fatto proprio dagli scienziati: Keplero è esplicitamente neoplatonico,
Galilei considera l’universo, secondo la celebre frase del Saggiatore, come un libro «scritto in
lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi, ed altre figure geometriche, senza i quali
mezi è impossibile a intenderne umanamente parola» (T5).

Aristotele Afferma la teoria dei luoghi naturali, secondo cui ognuno dei quattro elementi fondamentali ha
un luogo specifico che tende a raggiungere se il suo movimento non viene contras