Sei sulla pagina 1di 13
os ‘ve aunneons auoumcnzont Imonogie missin eerie Conia pied uo sua do temo pl prin esto Cio dave ele See mi Puke. Nala poss che ls pscer del un cae 2s det so spt, perenne sal on Fa nid sua ne conecono, ep pret d- aan el sera det mondo Iso sui vento TERRE emperor gotdsegl nat per vlna ems a a cope dl Dien pros pene. Le pace See ee te tense rsh duno, Darn = Bid So det el npr ela roa era wis Sth mace hy Hg delfwonsemantiee m se ios bts ssa or Ice perdia oc TESLLSoche ms Dio go, puns nal fiers son saci see dtaico Patent cat gute pening deb he pi ee ae “ove ns non anor nunca pean’ demonae I ove ease gi peoeat, Ora von lo sci pr ta Fes Hee ce Semplments dl anda: ete vole che te pede emote (2,19) sea eleva dl ‘Ser Meum ene cntinonent sun che alli Repub ere pet, come poe eerie un sips fed Beno meso, funico ed eero, a innaleat I Sacerdte eter i Bec ga een, he mea sent I doo eee SAE ono fs fle le sane per ntl tempo, veo Seen Bo panes i vio bent del are eto cnpiment. parts orient aon FEES nic lfm: Ops ieo x pone. Reta rl tr cin spel soa ot cari ogni dec geo sla miernacomesin, esi Tasca cen c amano, cmp (oud Renee PR curr din ‘caprrovo QuarronDIcssINO IL titorno del Signore Paolo pasa del Crist poeumatco: quello sort rsfomato€ seafigurat olla risueresioe, Del Cis, che 2 spt; che non 4g Bice pi ae alcuna barser di spai,eempo, bsogno umano, im ‘mess dll piso Sano, opera nel csitenza del redente. descr one della sua rele st eappoes in certo modo a due pol, Lana sta nels fers di Do a nl sortrata, dove Crsto&eeoaat: Seve sete ise con Cristo, cerate le cowed laid, dove Crist, redao lla desea di Dio: pensar a cd che ina, nomad che & alla terrae (il 3, 1-2) La vive Casta nel etera eal dliDi, con la gli che eli aveva prima che il mondo fore» (Go 17,5), Lo seso Cristo p= ‘anche nelwomo,e atta alia vies del sngolo come in ques del !nsovo popolo di Dio sempee di auovo a vita sua propria. Ma con ‘gest on i essuicono ancora a reslh« poten d Cris, anche Coli che vers. Noa seo solento nella sera di Dios no saat ne dvenze stoic del tempo, ma anche alla fine di eae le cose, B pare I con potenza, non soo in ates, ma nellimpulso che vi pene a, ffat eplivera preston, pore ine all storia (p22, 20). Soprateueto le due Later af Teale anansian i itoroo & Civ, Nella prim dice or sso, a.un dine al voce darangel eal sen della bi df Di, dnendet dal io pri trgetnne t mor in typ che vvamo e che ancora vine stn api lle nb ise oa Toe icone a igre, ea stem inieme al Signor» (T4167). Similmencela pina Later i Corin Mav eo ques, fnteli cae «sang oon possno edit Rego “Dio, niche a comomnpe ee inoue, Be, dc un $n tue addoementeremo oll more, ma taro el ‘main un ant, o'un bate oct, a [sno dl kina tombs (Se nfiet snert mor igen incor nse ea 60 somone cuoumcaon ‘mat, Poh &necestro cheque (corpo const sventa Poco ie queso (orpl marl inse noes (1G 13,903). [Noi sentiamo il aratere misteros delle eas. Sono esprese non in seas eotetio, main s¥ermenco una visione, Con tte a vigo- rive insime nese di ali vision, Paolo ha coneemplao Imagine del Signore sl s30 ror, mprorviamente i Signore vereh invin velo del tempo. La eromba seule lo serumentaapocali- tio, ica suono ecctane era udito al Sinai eprobiva sl popolo di accedete al monte che tremava; che echeggi® per sete gen attoro ' Geri inch lated roll see Tasaleo dela potenzs divin; a trom, els guile pane dce che l seo delle sete tombe ompersnno sl mondo gl kim ore I Signore ver dal cielo © ‘himerd i mori dilla err a nuova via. Ma coloro che sone ancora Jn vie, sarano easformat in quell stat che i esto rsort ha ape toalluomo come possbilis awvenit, Eee color che appartengono 4 Cento, saranno tapi icone ala per ua mister dt union ed ‘ompiment ald lag comprensioe. Poi gui i giudio, Questo torn per Paolo tutavt non si colloc sol alla fine del emp, mas fa valee git ort. Opera gi adeso nel sistena erstiae ‘a, come eg la sperimenta, Finguietine, che & per cost dre poi ‘tain acieipo da quelFeveroimmenso. Gib rales chiro in pis pam. Cost Paolo nella pio Ls a Covi pasa dal Bcaitne dce: ls se dl Ste ih che vib ne ne ge sen ne peo ee Scientia coo et pre a grt enone ie hese me, tp fake po ne dae oco ic toe Pa me mp og so cc cate eg ‘Scan Opts cnt sent sun enucsnse Sige, eh ge Bert 1a clbasione ccc on apt con in sma da oleae neam Eert meioe mame na stb pte © precnece ch cre pana, ce quato Cio anne Scns coe: bora ps no ed pi fre dele {gl goto incor ov Rego dl Pare mie 26, Mnaonooesicnons 1 29), Fase misteriosa! Non smo in geo di dis che cos signifi, ‘na sentiamo che intende un compinent nfinito~analogamente ale "ala «Not vertemo a ie pendereme dima peso dla (Ge 4 23) ed: «Bnererb da li ecened co i (Ap 3,20), “Anche nel rapporto del ersiano con le cose del mondo fa val ‘ei tomo del Sigoore. Nella prima Later a Cori Palo paca del ‘apport coni val delsistenz, del matron, dela prope, deFoccupars dele core del snd “Ma queso vi dio, aa: il emp & breve Peril te ance quel ce hanno oghe, sino cme se non Taveser; que he plangon cone ton pangs; gull che alan come cmon i alegre uel le comperano, came enon eattenesr ls gull che we (a) ‘mono comes one wns, pa ura cd gus met, ‘ao vopiche vo sate ena pupae TC 1, 2-3 ‘Sono le fas spesso addote, con le qual si presume ce Aposto- 4o deb esprimere suo dprezo per mondo « peri al dees senza umana, sopracacto per il matrimonio, In veh stata sia di tale disprezzo. Le parole nn hanno senso universe Principio, ma Paolo le pronunciaaengendo all sperienaa divi che Farivo del Signore ia ncombenre, Eglo cre molto vicino, ane ‘onvnto che Tut sesso ancozs por faene da vivo Vesperieaes di lronte a questo evento inmane, al qual la igure del mondo passa per fare sparo aun mondo arvenite, pet li valid queste igure el mondo dvengonoinessenaiali. Cos eli dice: non legate. Mante- neti libs per istane che camber tutto! E lo stato anime ses +0, che nl apprendiam ache dag idl Apu, quando molt vendono laloro proprieteconsegnano ali apostldricrat, perce ‘lo dscibuiscano ai isognas I Signore & vicin, ace ora serve anc ‘il poseso? Cas come non i eats di un comanism, in asolato una teoin dl reo possedere, ms de vei inesenile di og Possess a fant della prossimih dele cose wltime, qu aon seat una svalucazione in lines di peincipio dl matrimenio& nvero pro prio Paolo a fonda nl suo valor vino, in quato ede la ux hoe ma nel vincoo che susie era Cit a Chiesa (5, 20-28), In genre attaveroTintera letters dell Aporto pas il sent- mento: presto veer il Signore, Alloa cut camber! Cio confedsce 2 ‘LnsumaoNes commence alfesitenzacritana, quale el la sperimentse quale csi prsenca anche dag At del Apne dai pimi serie erin}, quel co rnttere intense. Divenve cristiano significa asumere Fatepgia> _mento di dsponiiia verso cid che presto avverrh. Tutti gale son Ceci esi vegetano come gi omni prim del duo univer, I ‘tistano se ene prone pe ci che vere. Dil, euteo&apiegato jn mode coi vigil, cos pene, csi immune da quasi csv. Di 1a ci che non @ eterno pede canto di peso. Qui sta per forse anche _quano ci separa ell maniers pi profonda dal mondo del Nuovo Te- amen — questo ci pore devant al wero inerogatvo: quando tomer Signore? Paolo manifesameace era dell opinione che cid sarebbesccadata ‘mole pesto, ancora el tempo della sua vite: «Noi non adore ‘eremo (nella more] tte, meat saree tasformat- ICar 13, 51) Bg srk dunque ancora inves, quando Gb ever. Ma poi, al corso del tempo ln sn opnione mia, Tanto Tesperinga che quanto tematteso non &subentat, come anche lncama crescene det fan. ‘0s che egl conc slla pss chefs resto nn deb compere in vie esperienz del rior del ignore. Cs eg serie ai lippes Poh a min ces lana sper 2 che in all eng dels, in ut rancher, che Cito, come sempre, sath qlocato ache ot al ni coro, si mean laf] vit, sin staves ln (mi more: Pe me Inf vivre & Caio e mere an gudagno, Ma sei vet ll cao fo destino, llora® pe me fet de mi] dco deb se lier, nan Sone sutton eae ea du oe pic ho dedi die Sere si a ques ve eel eee con Cot ee see mol te lio. Ma pee vi pia seca che manga lla ce 1, 20-24), asso ha uaa conaliesdiversa da quello addoto dalla prima Ltt i Tesalones. Vugenra dlfates i quits. Lo sguatdo scopre anche certo, sort lo seat carismatic ed erico dllestenzn ristang, quello quordisno ecomincin a inendere da qua vile la imensionecrisana. Coil penser x immerge pi prfondamente ‘el senso del messaggio sul koro (4k Crito] ericonosce che quel «presto» non si pub misurare in tezmia conolgic e€ vero che i Signore stesso ha deo che snesina canoe nl gio né Forae (lr 24,36), Paolo stesso ha anche cao git da sempre sgn, che de 1 anton omstnone 633 ‘ono verifcusi prima che il Signore venga: la mltcuine dei pagan deve entrare rela Chiesa e i popolo sacle deve converts. Ma ‘quando cb arvenga rane in sores soins non wlio fate, che ignviate quero miter, fine noo Site elie vases: indrnent = Tetons spray to-2 une pte dele, nce la oe del pagent Cl fe, oa ut sae st salts, come te sit: oid So irate, ‘listome empieel da Gis: Equi min pt co ad ‘ogber eo pecs (Rw 1, 25-27 Deve anche appaie Fanci Nessuno vi deve inganste in lem mad. oie dapprin deve vise Faposcasn deve rel ome deinigit ifighe del perine, aver col che Female opal cot chia ear car ‘io cat da neta nel end Di a ichinrae este Do Non ‘cordate che ov diewo quest cove, qoune er ancora prev va? a ‘ol speech can ration, nhé el mann nel seem ti seo deliniguth gi ine ler, ma pina deve eee alto meno Colt che ancora lo tatine Ball dema legge th inl, Signore Geilo cline con Tato dl sus boca elo ierogger on Cappaite lsu vena, a csv see ll fra sata oa eg po ‘enza, cn soa, pod menage econ og nga dling n da ‘mi quell che anno ia rovina ere non acco Tamore sl vey conida sere sae 2712, 3-10, (Quest sega oa si sono ancora vet, comes doveebhe po ter die quando veriichersn? 1a comunichpemidiva ha credo «un storno posing del S- ‘anor e mle clement dla sua vee del so ateggiamento pono tssere capitisltaneo parendo da ci. Pi questa cncenea spend 1a presione, che grava sul eistenss cristina singe iaibolat alla dedisione appassionata una teal toealmente ales tsa pet un ‘tempo vicino, alle. Disistima e persecunine esano. Este ce iano diventsqualeoa cli normale, anal ifine ua presuppost owo kel ia dels general, Nascono wna rere un cultura cine, ‘he devono naturalmence desiderere non it rail, maf dutta ompimenco. Con epoca moderna x muta pot Tntera immagine del ‘mondo, Soe Finfuso dla sina, sa essen conc, sn quella ‘sorica vengono concepite come quslcosa dis stanes auono0no, oa ve aataioner ccm ONE ches svoge secondo lg propre. Cal In fede che Cristo deb ti tomare «pore Hine a questa estes, deve necessriamenteapparite priva di seme, Certo non dia troppo quando steniamo che a coscenza de ritorno el Signore anche nella vite ciiana non abbia pit un sigai ‘ao stro, Esto viene smmesso come wn evento lntasd, cos lontano ‘he li lascin non considers Teae0 ela propria estenza si fap- Poe come un baluardo la prospetivascenien sul mond Ma Pes- ‘Scena critanain questo modo non per qualeor dese? Est {installa nel mondo, Come "ithe ealtacacsiana”&divenuta tan parte costae del mondo nel uo complesn feilment i torno del Sigaore vine atecat con quella ine della sera, che lta ‘aturlmente di pe estes, Cot Tedieraaesiteaa cstiana manct {quelle sensione che colnava primi scl il gore della ditncio- ‘ela pasion delimpegao,Fimpuso instante nelfatmosera nel ‘eimentoinsieme con quella acct della coscenaa e quella serie che venivano dal feo che la magaioe parte de cristian si erano vo alla fede nee gid mara. Tutavia a ede nel coro del Signore 2, ogni fede hai caattere del germe. Pu rimanere docminte esv- ‘ee: Fore perce ib nrvengaTesiensa cana deve petdee di ov vet Deve rtornare ciao quant di peoblematio vin una "eve ‘cultura cviana”- La spaccituta ca Rivelaionee mondo deve api- di nuovo, Fore sono neceraie ancora epoche di bandoe i perse- ‘usione del ristianesimo, afinché st relia coscienza del earartre Daricolaredelexscenca secondo eo. llr omnes ancora fai t~ ‘este la consapevoletea del Signore che viene, Turava cro 0 5 pub die male in proposite. Anche i sngolielament dell vetch eo- ana hanno Toro temp. Temps in ui sono laminos poten, ecem- Di in eu perdono d'importanaa cosenteeafondano pet po rill ‘atl coat nigpost a inecogatv cis vva una naga especenz Parte settima Tempo ed eterita ESALITO AL CIELO-SIEDE ALLA DESTRA DI DIO PADRE EDINUOVO VERRA NELLA GLORIA Titi auto angel, come anche apport dlisan Paolo sulla risuezezione in 1 Corie! 15, presuppongono che il petiodo delle apparizion’ del Risorto sia stato limitato nel tempor Paolo & consapevole che lui, come ultimo, stato conces: 30 ancora un incontro coa il Cristo risoro, Anche senso delle apparizioni chiara in tutta la ade zione: si tratta, innanzitutt, di raccogliere una cetchia di discepoli che possano testimoniare che Gesit non & rimasto nel sepol La loro testimonianza conereta si traduce even ‘ialmente in una missione: devono annuncare a ™mondo che Gest i Vivente~la Vila stesa, Hanno il compito di tentareanziatto ancora una volta di racoglier Israel attomo al Gest risorto, Anche per Paolo Tannuncto comtincia sempre con i testimonianza davanti ai Ghd al qual In salvezza 2 destnala in primo luogo, Me la destinazione ult leg invat ci Gest ® universe: «A met stato dato ogni potere in cielo e sla terra, Andate dane ‘que e fate discepol tutti i popoli> (ME 2818), «A Saree testimon’ a Gerusalemme, in tutta la Gidea € Ja Samaria e fino aj confini della ter «Va, dice infin il Risorto a Paolo, perché io ti man ero Tontano, alle naziont» (At 22.3), ‘ma che Fa parte del messaggio dei testimoni anche Yan nurnlo che Gesi vert di nuovo per giudicare iv viel morte per stabilire definitivamente il regno i Dio nel mando, Una grande corrente della to Jogia moderna ha dichiarato questo annuncio il contenuto principale, se non addiriehura unico rncleo del messaggio. Cosi si asserisce che Gesit stesso avrebbe gia pensato esclusivamente in cate- gorie escatologiche. Leattesa immediata» del re- {gno sarebbe stata il vero elemento specifico det '5uo messaggio ei primo annuncio apostlico non sarebbe stato divers, ‘Se questo foase vero ~ cist interry avrcbbe potuto persstere la fede crstana quando Fattesaimmediata non i compl? Di fatto, una tale teoria @ in contrasto con testi come anche con la reat del cristianesimo nascente, che speriment> Ia fede quale forza operante nel presente ¢, insie- me, quale speranza I discepoli hanno, certamente, parato del stom di Gest, ma soprattutto hanno testimoniato che Eli Colt che ora vive, che ® Ia Vita stessa in virla della quale anche noi diventiamo vivent (cfe Gp 14,19), Ma come si realizza questo? Dove lo troviamo? Lai il Risorto, I Innalzato alla destea i Dio» (els At 2,38) non @ forse, di conseguenza, el tuto assente? 0 imvece in qualche modo rag, giungibile? Possiamo nol inotrarc fino ealla de- Sra del Padees? Esiste,tutavia,nell’assenza an- ‘che una reale presenza? Non viene forte a noi slo in un ultimo giorno non noto? Pud venite anche ng? 10 Queste domande caratterizzano il Vangelo di Gioceni, e anche le Lettered sin Paolo offrona ck han gl A dg yal Volginmexidungue ls conelsone dl Ving ti ot pare gl aon ada a Graal. El mangle oe icon: “Po condsee fur weno ine ek ‘at man, bende. Newel beset tpi andes G05 sm lontanate dita ts os Re a spsteremmo I contri‘ sapere = fosero rman sconcral wit Tne Jontanato da loro. Avevano ricevu i scan comp diva dildo one Con senlarsi davai alla gente im Geresnemma in parentemente fall, ¢invece'l Saker ian, tots? Opn sd lois Seto et a niivo? pure slegge che esi torarono a Gen Preto che in ogi caso at pub dedume chef Stile lontano da loro. Evdestemente sono cer diana presenza nova di Gest Son seri ce i Hr Come sendo Mat Eg aver anche tra manera nuova «poet st sno che la detta di Diom ala quae Fi ora «innalzaton, implica un nuovo modo dela sua prseza, che non pub pit perder = il modo, appar, nc Ta pia del dlscepoi dopo ascension» cor reggela naira immagine dial evento, ace Cosi la conctusione del Vangelo di Luca ct ata a ‘comprendere. meglio inizio degl Att degli Apo Sto in cui Tcascensione di Gest viene narrata explictamente. La dipartita di Gest & qui prece- uta da un colloguio in cu i discepolt ~ ancora tinchiusi nelle loro vecchie idee ~ domandano se nom sia giunto adesso il momento di stabi il re gro di Traete Ta proms che ea saronno coal della fora 312 dello Spirto Santo; Vincatio consiste nel fatto che dovranin essere I suo testiman fino ai confini del mondo, Vier respints esplicitamente la domandacieca i tempi e i moment. Latteggiamento dei discepolt non deve essere né di spectlare sulla storia né di proiettare lo sguardo verso V'avvenire ignoto. Il cristianesimo & presenza: dono e compit; essere {ratiticeti dalla Vicinanza interiore di Dio e brave cid ~ essere attivi nel vore di Gesit Crist, testimonianza in fa- 1m questo contesto si pone poi Fannotazione citea la nube che lo accoglie¢ lo sottte ai loro 0 chi, La mube ci ricorda i momento della tasfigus ‘azione in cui una ube lumincsa si posa sa Gest € su discepol (cfr Mt 175; Me 97; Le9.44). Cir sm Esistono, per, anche mod epoca di tale ve ruta, Loperare dele de grand figure ~ France sco e Domenico ~ tail Xitel XII solo @ stato tun mode in cul Cesto entrato nuovamente nella tola Chiesa e mosso la storie vers i sé Una cos analoga possiamo dize delle figure dei sant del XVI secolo: Teens Avil, Govan della Croce Ignazio di Loyola, Francesco Saverio prtano con nuove iruzion’ del Signore nella storia conusa el loro secolo che andava alla deriva allotanan dlosi da Lui. suo mistro, la sa figura appare !uovamente ¢sopratto a sun fora, ce ta “Possiamo dung pregare pe la venuta di Ge Vien, Signore Gesi's? lo possiamo, Non solo Jo dobbiamo! Chiediamo antciparion dela sua presenzarinnovarice de! mondo in moment di trpolazione personal lo preghiamo: Vien Signo re Gest, e asco I nia vita nella presen del tuo potere Benigno. Ci chediamo di renders vi preoccupati.Lo preghiamo di renders effcace- ‘mente presente nella sua Chiesa. E perché non chiedere a Li di donari anche oggltestimoni nuovi della sua presenca nei qual Eg stesso vavvieini a no? E-questa preghera, che non mira immeditamente alla fine del mon porta in sé tua Ts pezza di quella preghiera 323 che Bgl stesso ci a insegnato: «Venga il tuo re sgnol» Vien, Signore Gest! Ritorniamo ancora tna volta alla conelusione del Vangelo dé Luca Betania, ci viene detto.« Alzate le mani, li bene: disse, Mentre I benediceva, si staccd da loro e ve niva portato si, in cielo» (24,505). Gest parte be- nedicendo, Benedicendo se ne va e nella benedi Zone Fgh rimane. Le sue mani restano stese {questo mondo, Le mani benedicenti di Cristo sono ome un ftto che ci protegge. Ma sono al contem: [po un gesto di apertura che squarcia il mondo af Finch il cielo penets in ess0 e possa diventarvi ‘una presenza, Nel gesto delle mani benedicenti si esprime il rapporto duraturo di Gesit con i suoi discepoli, onl mondo, NelVandarsene Egli viene per sole vate al di sopra di noi stssi ed aprie il mondo a Dio. Per questo i discepoli poterono gioire, quan- do da Betania tonnarono a casa. Nella fede sappia mo che Gest, benedicendo, tiene le sue mani sese Sui noi, B questa la ragione permanente della fio cristiana st condusse i suoi vicino a BIBLIOGRAFIA