Sei sulla pagina 1di 4

CRITICA DELLA RAGION PURA

In questo saggio volle affrontare la critica alle strutture mentali aprioriche e volle
rispondere anche allo scetticismo humiano, sfuggendo dagli esiti a cui questi era giunto
(tra cui l’abolizione del concetto di scienza e della legge scientifica). Kant voleva restituire
alla scienza e alla filosofia valore conoscitivo certo, entro i limiti dell’intelletto umano, e
rifondare la metafisica su basi scientifiche.
Per prima cosa, Kant recuperò la considerazione costruttivistica della matematica.
Precedentemente essa era stata considerata come una scienza definitoria; per Kant la
matematica non era né solo definitoria, né solo empirica. Le verità matematiche né erano
tali per definizione né di ragione. Kant, invece, le riteneva costruttive, nate da presupposti a
priori della mente a contatto con l’esperienza. Le verità matematiche erano dunque, sia
aprioriche sia feconde nella esperienze (sintetiche). Queste verità infatti hanno un
elemento di fecondità nell’esperienza ma ne hanno anche uno di universalità, dato che
tutti gli uomini rielaborano le informazioni alla stessa maniera.
Pertanto la matematica era apriorica perché proveniva dalle strutture della mente umana
ma si attivava a contatto con l’esperienza. Da ciò deduciamo che per Kant la mente umana
era costruita su basi matematiche.
Secondo Kant, la filosofia doveva adottare il metodo matematico nell’espressione dei
giudizi.

Tutti i filosofi avevano cercato di esporre le facoltà conoscitive umane. Per Kant esse erano:
-sensibilità: divisa in senso interno e sensi esterni.
-intelletto (Verstand): facoltà che si attiva quando si struttura la percezione.
-ragione (Vernunft): con questa facoltà l’uomo tendeva ad andare oltre l’esperienza. Era
tipico della mente umana, infatti, andare oltre l’esperienza, verso il trascendente ma questo
non voleva dire che giungeva a conoscenza certa.
Schema della Critica della Ragion Pura

Con le categorie Kant descrive come giungere a conoscenza certa. Nella dialettica, analizza
i processi conoscitivi che non giungono a conoscenza certa, le tensioni oltre l’esperienza e
gli errori più comuni.
ESTETICA TRASCENDENTALE
Kant aveva una visione idealista dello spazio e del tempo e quindi contraria al realismo di
Newton. Questi l’aveva ritenuti assoluti. Però, già l’empirismo aveva introiettato spazio e
tempo. Kant criticò il realismo dicendo che spazio e tempo, diversamente da tutte le altre
cose, erano “non-cose” perché non hanno proprietà (colore, sapore, esistenza). Essi,
dunque, erano nel soggetto che esperiva. La posizione di Kant, però, era contraria anche a
Leibnitz (che l’aveva ritenuti il complesso di relazione tra gli oggetti). Per Kant questa
posizione non era accettabile perché se spazio e tempo fossero stati relazioni l’uomo non
potrebbe conoscere spazio e tempo tra le cose; invece, l’uomo poteva conoscere lo Spazio
e il Tempo perché erano dentro l’uomo. Spazio e Tempo erano le strutture innate nella
mente, che non provenivano dall’esperienza ma la permettevano.
Essi erano soggettivi in quanto pertenevano al soggetto conoscente, ma erano anche
uguali in tutti i soggetti e per questo universali. Le forme pure di spazio e di tempo si
legavano alla struttura matematica della mente (tempo stava a matematica come spazio
stava a geometria). Ogni volta che si faceva esperienza sensibile c’erano questi elementi.
Conoscere, però, non era solo approcciare l’oggetto attraverso i sensi (altrimenti i bambini
conoscerebbero). Infatti, per poter conoscere era necessario che la percezione venisse data
nella sensibilità e nell’intelletto.
LOGICA TRASCENDENTALE: ANALITICA
Protagonisti sono l’intelletto e la ragione. Alle intuizioni che provenivano dalla sensibilità si
doveva accompagnare una introiezione dell’oggetto. Esso doveva essere interiorizzato,
pensato. Kant, infatti diceva che “Le intuizioni senza i concetti sono cieche”: esse infatti non
davano conoscenza di per sé perché l’oggetto percepito doveva essere interiorizzato. Kant,
però, diceva anche che “I concetti senza le intuizioni sono vuoti”: ovvero, i concetti
dovevano avere una corrispondenza nell’intuizione.
Per Kant pensare voleva dire formulare giudizi. Quando l’oggetto venivano dati
nell’esperienza esso poteva essere conosciuto attraverso le intuizioni (forme pure: spazio e
tempo) ma poi doveva pensare l’oggetto cioè dargli un giudizio (attribuire un predicato ad
un soggetto). Esistevano due differenti tipi di giudizi:
-giudizi empirici (a posteriori): venivano formulati dopo che si era fatta esperienza. Essi,
però, potevano essere formulati solo in virtù del fatto che nella mente umana esistevano
certe strutture di giudizio che erano innate, non empiriche, pure.
-giudizi puri (a priori): sono quelle suddette strutture di giudizio innate e pure che
permettono la formulazione di giudizi empirici.
A quelle strutture di giudizio, poi, corrispondevano concetti (o categorie). L’uomo aveva
concetti nella propria mente che prima non aveva e che aveva appreso empiricamente.
Oltre a questo, però, vi erano concetti puri che corrispondevano alle strutture di giudizio
innate.
Pensare l’oggetto voleva dire, quindi, strutturarlo attraverso gli schemi propri dell’intelletto
(strutture di giudizio e corrispondenti categorie)
Kant diceva che il processo conoscitivo consisteva in uno schematismo trascendentale
(ovvero il modo in cui l’oggetto veniva pensato attraverso le strutture di giudizio e le
corrispondenti categorie/concetti). Erano queste le modalità con cui la mente interiorizzava
l’oggetto.
Nella mente esistevano 12 strutture di giudizio innate e le corrispondenti categorie:

TAVOLA DEI GIUDIZI TAVOLA DELLE CATEGORIE


I. QUALITA’
1. Universali 1. Unità
2. Particolari 2. Pluralità
3. Singolari 3. Totalità
II. QUALITA’
1. Affermativi 1. Realtà
2. Negativi 2. Negazione
3. Disgiuntivi 3. Limitazione
III. RELAZIONE
1. Categorici 1. Sostanzialità
2. Ipotetici 2. Causalità
3. Disgiuntivi 3. Comunanza
IV. MODALITA’
1. Problematici 1. Possibilità
2. Assertori 2. Esistenza
3. Apodittici 3. Necessità

La deduzione trascendentale dei concetti puri dell’intelletto era un ragionamento deduttivo


che partiva dall’Io penso. Questo voleva dire che l’uomo pensava e i pensieri erano tutti
collegati. Quindi c’era una unità dei fenomeni del senso interno (pensieri). Quindi, se l’uomo
pensava e i pensieri erano collegati, anche tutti i fenomeni del senso esterno erano collegati.
Il modo con cui i fenomeni del senso interno erano legati doveva essere grossomodo lo
stesso dei fenomeni del senso esterno. Questo faceva sì che ci fosse una corrispondenza tra
le 12 categorie dell’intelletto e le leggi di natura. Il modo in cui percepivamo il mondo era
essenzialmente reale.

LOGICA TRASCENDENTALE: DIALETTICA


Veniva messa a tema la ragione. Essa voleva andare al di là dell’esperienza e formulava,
quindi, pensieri fallimentari, falsi.
Questo aveva portato alla teologica, cosmologia e psicologia razionali che erano pieni di
errori.
La teologia razionale aveva pensato di poter parlare di Dio attraverso strumenti umani. Qui
Kant disse che tutte le prove della dimostrazione di Dio erano impossibili.
Kant volle criticare anche la psicologia razionale, che credeva di poter dimostrare l’esistenza
dell’anima. La metafisica, infatti, aveva costruito dei paralogismi: ragionamento che supera
le possibilità della logica. Posto che l’uomo faceva esperienza di pensare, altra cosa era poter
dimostrare che poteva esistere una sostanza pensante, una coscienza. L’errore della
psicologia razionale era di aver fatto confusione tra l’unità sintetica della percezione
trascendentale (unità del flusso dei pensieri) e il collegamento dei pensieri. L’uomo non
poteva esperire la sua anima per cui essa non poteva essere trascendentale.
Kant smontò anche la cosmologia razionale (quella parte di metafisica che aveva tentato di
dimostrare il mondo). Ovvero, l’uomo poteva dimostrare i singoli fenomeni ma non il mondo
nella sua interezza.
I filosofi erano incappati in antinomie: tesi non conciliabili. C’era chi aveva detto che la
materia era finita, altri che la ritenevano indivisibile ecc…
Dalla questione se il mondo era libero o meno, Kant proseguì e scendendo nel particolare
umano e sostenendo di non essere in grado di dimostrarlo perché per fare ciò bisognava
partire dall’io penso.

In sostanza, nella Critica della ragion pura, Kant ha respinto il dogmatismo e lo scetticismo
in favore del criticismo: domandarsi cosa l’uomo conosce e con quali mezzi.

Potrebbero piacerti anche