Sei sulla pagina 1di 4

L'IMPERO DI ISIDE

tratto dal blog http://ilgrandeignoto.blogspot.com di Angelo Ciccarella

TRA MONDIALISMO, GURU, APOCALISSI GNOSTICHE E FUGA NEL FUTURO

Questo post per certi versi è il seguito di Bianconiglio, un continuum quasi sinfonico con una
costruzione cinematografica, che galleggia trasportato da nuvole fatte da diversi motivi. Userei
volentieri la parola "montaggio" per questi miei lavori esoterici. Montaggio in senso etimologico, nel
senso di combinazione di fonti diverse, in parte elencate con puntiglio ma anche intuitive, spontanee,
da ascolti e incontri straordinari.

EVENTO IMMINENTE
“Ci sarà prossimamente un evento decisamente serio, a cavallo del 2010/2011 che permetterà al
Gruppo di fare del Medio Oriente parte del nuovo ordine mondiale, e poi toccherà a quelle sacche
geopolitiche fuori controllo… questo risulterà dall'evento. La regia sarà la stessa, come il lavoro
interno dell'11 Settembre”.
Così mi ha riferito il contatto, un tipo ben addentro in cose di intelligence. Mi dice che più volte è stato
avvicinato da alti oligarchi del Gruppo che volevano cooptarlo nel quadro del progetto per il governo
unico mondiale: gli avrebbero promesso in cambio di esentarlo da ogni misura da Stato di polizia che
stanno infliggendo ai cittadini in generale; ma lui ha rifiutato, dice che tutte le cose che ha saputo da
quelle frequentazioni le ha fatte senza paura delle conseguenze, perché sarebbe in gioco la libertà
delle generazioni future: affermazione in puro stile David Icke.
Non vi sono soltanto i mezzi militari per instaurare il mondialismo. I membri dell'elite bancaria sono
ossessionati dal progetto di creare una società mondiale del controllo, che obbligherà ciascuno a
portare con sé documenti d'identità ed essere identificati in qualunque momento. L'Alta Finanza non
ha interesse di evitare le guerre, visto che le finanzia, per giungere al controllo totale tutto è lecito per
loro, purché si faccia presto. Il motto del sistema internazionale bancario è sempre quello: DAL
DEBITO DEI POPOLI NOI TRAIAMO LA FORZA PER DOMINARE IL MONDO. Avrete, immagino, già
sentito tale analisi. In certi ambienti reazionari e anarcoidi è sostenuta da alcuni anni la tesi secondo
la quale un'oligarchia globale cospira ai danni dei popoli per egemonizzarli con tutti i mezzi. Tale tesi
viene ritenuta balorda se non frutto di patologia psichiatrica dai media al soldo dei padroni del vapore:
ovviamente. Su tutti, Icke è il capofila dei fissati del complotto mondiale. Al contrario del mio contatto,
David Icke è un provocatore, che si infiltra nei gruppi alla ricerca della verità alternativa, ne accoglie le
tesi esagerandole fino a renderle incredibili, allo scopo di screditare la parte di verità che contengono.
È un'antica tattica militare: infiltrare dietro le linee nemiche agenti esperti di sabotaggio e di raccolta
informazioni.

LA PORTA CELESTE
Ci sono fatti che lasciano intendere che dietro la coltre di fumo dell'informazione ufficiale, dietro la

L'IMPERO DI ISIDE / tratto dal blog http://ilgrandeignoto.blogspot.com di Angelo Ciccarella 1


cronaca addomesticata da potenti agenzie internazionali, dietro la stessa Storia che ci raccontano sin
dalle elementari; ebbene, dietro il velo di Iside vi sono fatti che sconvolgono ogni ragione, ogni
meccanica di causa/effetto e che, pertanto, diventano chiavi di accesso ad altre verità. Terribili.
Rancho Santa Fe, California. È il 26 marzo '97, un giorno particolarmente afoso (è una condizione
speciale richiesta in certi esperimenti magici) e di fibrillazione intorno alla magione in cui la setta
Heaven's Gate si ritrova solitamente a discutere e pregare affinché i corpi dei fedeli siano risucchiati,
come in un Cocoon impazzito, da una spirale cosmo-mistica verso l'incontro con i Creatori: superalieni
disposti ad incontrare un'èlite del genere umano. Il Verbo della setta è elaborato e proferito da
Marshall Applewhite, ex insegnante di musica, le cui apparizioni su Web sono frequenti e frequentate:
il sito della setta navigatissimo, al punto che qualche magazine si è già occupato del fenomeno dei
culti in piena era Internet partendo proprio dall'esempio di Heaven's Gate, che propone il web come
medium di affiliazione. Il 26 marzo, nella tranquilla villetta del gruppo religioso fa il suo ingresso,
telecamere al seguito, gli uomini dello sceriffo della Contea avvisato dell'accaduto da un consulente
informatico della setta. Lo spettacolo a cui assistono cameramen e poliziotti è allucinante: 39 corpi
distesi su letti a castello, indossavano tute nere, Nike ai piedi, velo triangolare violaceo (il colore viola,
è un'altra condizione speciale magica) a coprire il volto. Sono i cadaveri dei membri di Heaven's Gate,
che hanno dato seguito alle direttive del loro leader Applewhite, anch'egli ritrovato senza vita su un
letto in una stanza appartata. Ventuno donne e diciotto uomini, la maggior parte intorno ai
quarant'anni: l'identificazione lunga e complessa viene realizzata grazie a un numero verde a cui
chiamano migliaia di persone che temono che un proprio parente si sia affiliato alla setta del Cancello
Celeste. Secondo il coroner, i membri della compagine religiosa sono morti da tre giorni, suicidatisi
tutti grazie a una robusta ingestione di fenorbital e vodka: un cocktail letale per una dolce morte.
Iniziano le indagini. Anzitutto viene ritrovato il video dell'ultimo messaggio inciso da un Marshall
Applewhite in stato di evidente follia: parla della fine dei tempi, dice di non essere un messia come gli
altri, bensì un canale di comunicazione che deve lanciare l'appello per l'incontro tra l'umanità e i
Creatori alieni. Spiega anche come tecnicamente avrà luogo l'abbraccio tra le entità e l'èlite umana
prescelta per questa epocale e apocalittica esperienza: bisogna abbandonare il proprio corpo fisico,
sfruttando il passaggio vicino alla Terra della cometa Hale-Bopp. Applewhite, rinominatosi "DO" (tutti i
membri di HG assumevano un nuovo nome, solitamente col postfisso "ody"), aveva elaborato una
dottrina sincretica che mischiava cristianesimo e ufologia, asserendo di avere eretto in questo modo
"il culto dei culti". Già nel '75 Applewhite aveva fatto centinaia di adepti al suo culto. Allora era in
compagnia di "TI", l'infermiera che lo aveva assistito dopo un incidente che aveva procurato al
santone una "near death experience", dalla quale era ritornato trasformato. L'infermiera, Bonnie Lu
Trusdale Nettles, lo aveva convinto che il suo ritorno dalla morte era un segno divino e, con lui, aveva
fondato il culto di Heaven's Gate, prima di morire di tumore nell'85. Applewhite aveva continuato il suo
ministero di fede, trascinandolo al suo esito fatale.

Ebbene: i cadaveri furono scoperti dall'imprenditore informatico Nick Matzorkis, che curava i siti web
della setta. Matzorkis divenne istantaneamente celebre e conteso dalle TV americane. La
sovraesposizione mediatica consentì all'FBI di riconoscerlo, era infatti ricercato da anni per truffe e

L'IMPERO DI ISIDE / tratto dal blog http://ilgrandeignoto.blogspot.com di Angelo Ciccarella 2


furti e finì in galera. Ma fu cosa di poco conto. Presto Matzorkis, uscito dal carcere, riesce a
raccogliere 54 milioni di dollari in una offerta iniziale d'acquisto per una sua impresa, chiamata US
Search.com. Una sommetta niente male per un pregiudicato senza apparenti addentellati nel mondo
della finanza. E la nuova impresa ha successo. Tanto che nel 2002 il personaggio lancia nella Cina
comunista una ditta del settore, GlobalAgora con un socio importante. Il socio è N. R.. Rampollo di
una delle più grandi famiglie di banchieri del mondo. Viene facile sospettare che vi sia una qualche
connessione:

Matzkorkis + Heaven's Gate + Matzkorkis + N.R.

La grande famiglia da cui proviene il finanziatore di Matzkorkis, ha per gli UFO ed altre mitologie, un
interesse di lunga data. Questa passione è comprovata da diverse iniziative di sostegno finanziario a
ricerche e studi su tematiche del mistero. Come vedete, oltre a sponsorizzare ricerche scientifiche,
fondare università, istituire movimenti di opinione sociale e politica in giro per il mondo (comitati pro
aborto, eutanasia, demitizzazione culturale, pensiero unico, new age, per fare alcuni esempi) i
banchieri americani dimostrano un interesse spasmodico per l'occulto. Qualcuno potrebbe pensare
che tali interessi derivino da probabili affiliazioni massoniche. Già, ma credo che vi sia ben altro, molto
di più del Quarto Livello teorizzato dal giudice Palermo.
Forse fu un vero esperimento quello dei seguaci della setta. La loro morte fu necessaria, come
apripista per stabilire contatti, sbloccare limiti spazio/tempo, e tutto questo coperto da organi
governativi USA, con la compiacenza dei mass media, utilissimi nel far apparire il tutto come un
tragico caso di isteria religiosa, provocata dalle farneticazioni di un pazzo. È una storia che sfocia in
sottofondi da cui non è possibile trarre documentazione e certezze; ma non per questo mi fermo a
quel limitare. Forse è possibile, dopotutto, che io dica la verità. O almeno quella parte di verità che si
può dire, da quei bassi oscuri ed occultissimi che sgorgano dal mare gnostico del potere mondialista.
Forse il solo modo di dire quelle verità è quello mio: da pazzo, da incredibile, da screditabile.

ISIDE, NOME IN CODICE SALAMANDRA


Più volte ho accennato alla Salamandra, capo in testa de Il Gruppo. È una persona in carne ed ossa o
un arconte? Un alieno o un demonio? Ho ragione di credere che sia un ibrido. La Salamandra è Iside,
Kali, Isais, la Donna Occulta che ogni mago vorrebbe possedere ma ne è irrimediabilmente
posseduto. È la Regina dai mille volti, ladra archetipica del sangue umano. Iside pontide, al cui culto
migliaia di adepti da millenni si sono votati fino all'estinzione. Ecco, è di Lei che stiamo parlando. E
pensare che i novelli gnostici ne tributano sacrifici e lodi. E pensare che fior di antroposofi si son fatti
ingannare dalle sue suadenti maniere e perverse promesse di conoscenza. La Salamandra, altro
nome col quale si firma, è a capo del mondialismo ed è penetrata in ogni religione istituzionale,
governo, loggia e conventicola di potere. Finge di trasmettere sapienza e bellezza. Molti, troppi
cadono ai suoi piedi, non ultimo il partenopeo Formisano che ha trascinato dietro di sé l'antica scuola
napoletana magico-iniziatica. Anche grandi uomini di conoscenza rischiano, basta una falla nella loro
anima e il gioco è fatto. L'Egitto faranoico crollò verso il nulla cosmico a causa di Iside, checchè ne

L'IMPERO DI ISIDE / tratto dal blog http://ilgrandeignoto.blogspot.com di Angelo Ciccarella 3


dicano gli storici accademici, atei e riduzionisti. Al contrario di quanto sostengono i devoti isiaci come
Hancock e West, il mondo così come lo conosciamo potrebbe cadere allo stesso modo. Scandurra –
mi ricordo la sua tensione quando ci avvertiva – ci indicava una grande prova da superare, quella
della Donna Scarlatta con la quale tutti, o prima o poi avremmo dovuto confrontarci. La tentazione
sarebbe stata grande. Ma chi cammina sull'abisso non può scegliersi le prove. Ritornerò su codesti
concetti.
Il 2012 è punto di svolta. Finire e ricominciare. Il Gruppo insieme alla Cina hanno un comune
obiettivo: traguardare il Varco. Quello che sarà poi il destino dei popoli, della gente ignara, schiacciata,
perseguitata, disorientata, non vi è alcun cenno nell'Agenda mondialista. Ora, Il Gruppo è alla ricerca
spasmodica di una Porta Celeste, una via di fuga. Da anni si sta attrezzando per realizzare un portale,
alla StarGate, o comunque un sistema capace di accedere ad un altro universo. La Salamandra ha il
braccino corto, poco concederà ai suoi seguaci terrestri. Il Gruppo crede di poter patteggiare con i
saturniani, ma la Salamandra li userà come legna da ardere.
A fronte di ciò, ci bombardano tutti i santi giorni con insulsi simulacri di realtà, ci somministrano
narcoipnosi massive, strisciate malefiche ci cadono dal cielo, sorgenti audio-video subliminari ci
avviluppano, assistiamo attoniti ad una sarabanda di pagliacci vestiti a festa che si agitano per un
quarto d'ora di celebrità. I regimi dittatoriali e democratici attuali, non sanno, non possono, non
vogliono respingere l'abbraccio serpentino de Il Gruppo. Le orde di Gog e Magog non verranno più da
Oriente, ma ce le ritroveremo già dentro le mura della città. Il bollettino è tragico ma c'è sempre la
pubblicità. Amano far cassa anche alla vigilia della fine.

Chi rimane a custodire il Fuoco Segreto? Chi è ancora in grado di portare alla luce antiche
conoscenze, sepolte nella memoria biostorica dell'umanità? Esiste ancora un passaggio verso la
Terra di Mezzo? Cosa vi ricorda? Ma sì, la botola scandurriana. Forse, un Gandalf in sedicesimo sta
radunando coraggiosi cittadini dei due mondi, per un'ultima missione. C'è ancora tempo per
rispondere alla chiamata.

L'IMPERO DI ISIDE / tratto dal blog http://ilgrandeignoto.blogspot.com di Angelo Ciccarella 4