Sei sulla pagina 1di 51

ALDOBELLO PANARO

LA MODELLISTICA
CON LOGICA E CREATIVITÀ
& TRASFORMAZIONI

METODO TEORICO PRATICO


BASATO SUL SISTEMA PROPORZIONALE

PER ISTITUTI CON SETTORE MODA

VOLUME 1

A. PANARO EDITORE


9LD1REHO&RQYHUVDQR (BA)
CELL. 340.6037671 - TEL. e FAX 080.
B INDICE
PREFAZIONE .........................................................................................................................pag. 9

A MODULO NOZIONI BASE


1.UNITA’ DIDATTICA - Aritmetica- Le frazioni .................................................................................... » 11
- Scale di riduzione .......................................................................................... » 12
2.UNITA’ DIDATTICA - Geometria piana ............................................................................................. » 13
3.UNITA’ DIDATTICA - Anatomia ......................................................................................................... » 17
4.UNITA’ DIDATTICA - Proporzioni del corpo con sezione aurea ....................................................... » 21
5.UNITA’ DIDATTICA - Cartamodelli su taglia e su misure dirette ...................................................... » 24

B MODULO GONNE
1. UNITA’ DIDATTICA - Gonna diritta su taglia ..................................................................................... » 29
2. UNITA’ DIDATTICA - Gonna diritta su stoffa ..................................................................................... » 37
3. UNITA’ DIDATTICA - Gonna diritta su misure dirette ........................................................................ » 39
- Verifica cartamodelli su misure dirette ............................................................ » 43
4. UNITA’ DIDATTICA - Gonna diritte increspate in vita ........................................................................ » 45
5. UNITA’ DIDATTICA - Gonna abbottonata davanti ............................................................................ » 50
6. UNITA’ DIDATTICA - Gonna a portafogli .......................................................................................... » 52
7. UNITA’ DIDATTICA - Gonna con spostamenti di cucitura ................................................................ » 53
8. UNITA’ DIDATTICA - Gonne circolari aderenti in vita ........................................................................ » 55
- Gonna a 4/4 aderente in vita ........................................................................... » 57
- Gonna a 3/4 aderente in vita ........................................................................... » 58
- Gonna a 2/4 aderente in vita..................................................... ..................... » 59
- Gonna a 1/4 aderente in vita............................................................... ............ » 59
- Gonna a 5/8 aderente in vita..................................................................... ...... » 60
- Gonna a 7/8 aderente in vita ........................................................................... » 61
9. UNITA’ DIDATTICA - Gonne circolari su stoffa.................................................................................. » 62
10. UNITA’ DIDATTICA - Gonne circolari increspate in vita .................................................................... » 65
- Gonna a 4/4 increspata in vita cm. 30 ............................................................. » 66
- Gonna a 3/4 increspata in vita cm. 30 ............................................................. » 67
- Gonna a 2/4 increspata in vita cm. 30 ............................................................. » 67
- Gonna a 1/4 increspata in vita cm. 30 ............................................................. » 67
11. UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazioni delle gonne ......................................................................... » 68
- Spostamenti di ripresa..................................................................................... » 69
12. UNITA’ DIDATTICA - Eliminazione totale delle riprese ..................................................................... » 73
13. UNITA’ DIDATTICA - Eliminazione parziale....................................................................................... » 76
14. UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazioni delle gonne - metodo diretto ............................................... » 80
- Gonna diritta con garbi curvi e pieghe............................................................. » 81
- Gonna diritta con baschina.............................................................................. » 83
- Gonna diritta - increspata con baschina .......................................................... » 85
- Gonna diritta con pieghe oblique..................................................................... » 90
15. UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazioni delle gonne diritte - metodo indiretto ................................. » 92
16. UNITA' DIDATTICA - Gonne a pieghe ............................................................................................... » 94
- Gonna con 1 piega verticale............................................................................ » 95
- Gonna con 2 pieghe verticali equidistanti....................................................... » 96
- Gonna con tre pieghe verticali equidistanti ..................................................... » 97
- Gonna tutta a pieghe verticali equidistanti ...................................................... » 98
- Gonna a pieghe orizzontali equidistanti .......................................................... » 100
- Gonna a pieghe oblique equidistanti ............................................................... » 102
- Gonna a pieghe oblique non equidistanti ........................................................ » 106
- Costruzione di un cartamodello con pieghe ................................................... » 107
17. UNITA' DIDATTICA - Gonna diritta con piegone al centro davanti ................................................... » 109
- Gonna diritta con piegone al centro dietro ..................................................... » 110
18. UNITA' DIDATTICA - Gonna diritta con 1 telino 2 pieghe................................................................. » 111
19. UNITA' DIDATTICA - Gonna diritta con 1 telino 6 pieghe.................................................................. » 113
20. UNITA' DIDATTICA - Gonna diritta con 1 telino 2 pieghe 1 baschina ............................................... » 114
21. UNITA' DIDATTICA - Gonne a teli .................................................................................................... » 115
- Godet simmetrici con numero pari di teli ....................................................... » 115
- Lunghezza ed ampiezza dei godet ................................................................. » 117
- Godet simmetrici con numero dispari di teli ................................................... » 118
- Godet con spicchi ........................................................................................... » 120
- Godet asimmetrici con numero dispari di teli ................................................. » 121
- Gonna con teli svasati simmetrici ................................................................... » 123

5
22. UNITA’ DIDATTICA - Gonna diritta con linee spezzate ...................................................................pag. 124
23. UNITA' DIDATTICA - Gonna a pantaloni senza piegone su taglia ................................................... » 127
- Gonna a pantaloni con piegone su taglia ........................................................ » 129
- Variabilità delle caratteristiche delle gonne a pantaloni................................... » 130
24. UNITA' DIDATTICA - Gonna circolare e a pantaloni ......................................................................... » 131
25. UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazioni delle gonne - metodo indiretto ............................................ » 132

C MODULO PANTALONI
1. UNITA’ DIDATTICA - Pantaloni classici, su taglia ............................................................................. » 137
2. UNITA’ DIDATTICA - Pantaloni aderenti, tipo jeans, su taglia........................................................... » 147
3. UNITA' DIDATTICA - Pantaloni “Palazzo” ......................................................................................... » 150
4. UNITA' DIDATTICA - Pantaloni su stoffa ........................................................................................... » 152
5. UNITA’ DIDATTICA - Pantaloni classici, su misure dirette ................................................................ » 153
- Variabilità della larghezza bacino e abbassamento cavallo ........................... » 155
- Variabilità della punta di cavallo ...................................................................... » 156
- Verifica su misure dirette ................................................................................. » 157
- Scheda costo modello finito ............................................................................ » 158
6. UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazioni dei pantaloni - metodo diretto ............................................. » 159
- Pantaloni svasati dal polpaccio al fondo ........................................................ » 159
- Pantaloni svasati dal ginocchio al fondo ........................................................ » 160
- Pantaloni svasati dalla coscia al fondo ........................................................... » 161
- Variabilità ampiezza al fondo e a vari livelli .................................................... » 162
- Pantaloni redingote 4 teli- ampiezza polpaccio-fondo .................................... » 163
- Pantaloni redingote 6 teli- ampiezza ginocchio-fondo .................................... » 164
7. UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazioni dei pantaloni - metodo indiretto .......................................... » 165

D MODULO CORPETTO
1. UNITA' DIDATTICA - Corpetto a sacco senza ripresa sul seno, su taglia ......................................... » 171
2. UNITA’ DIDATTICA - Corpetto su stoffa ............................................................................................ » 183
3. UNITA' DIDATTICA - Corpetto semiaderente senza ripresa sul seno ............................................... » 185
4. UNITA' DIDATTICA - Corpetto aderente senza ripresa seno ............................................................ » 187
5. UNITA' DIDATTICA - Corpetto con ripresa sul seno, a sacco, su taglia............................................ » 188
6. UNITA’ DIDATTICA - Corpetto con ripresa sul seno, semiaderente.................................................. » 193
7. UNITA’ DIDATTICA - Corpetto con ripresa sul seno, aderente ......................................................... » 196
8. UNITA’ DIDATTICA - Corpetto svasato con ripresa sul seno ............................................................ » 199
9. UNITA’ DIDATTICA - Corpetto con abbottonatura in varie posizioni ................................................. » 201
10. UNITA’ DIDATTICA - Corpetto a sacco, su misure dirette................................................................. » 203
- Variazioni dell’ampiezza ripresa sul seno ....................................................... » 208
- Verifiche su misure dirette .............................................................................. » 210
11. UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazioni dei corpetti- nozioni preliminari .......................................... » 211
12. UNITA’ DIDATTICA - Spostamenti di ripresa..................................................................................... » 213
13. UNITA’ DIDATTICA - Eliminazione totale delle riprese sul seno ...................................................... » 219
14. UNITA’ DIDATTICA - Eliminazione parziale delle riprese sul seno ................................................... » 221
15. UNITA’ DIDATTICA - Eliminazione totale o parziale di 4 riprese ...................................................... » 225
- Test di verifica ................................................................................................. » 226
16. UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazione dei corpetti -metodo diretto ................................................ » 230
- Corpetto increspato davanti ............................................................................ » 230
- Corpetto increspato con carrè curvo .............................................................. » 235
- Corpetto asimmetrico increspato sotto il seno ................................................ » 238
17. UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazioni dei corpetti .......................................................................... » 241
- Progetto anni ‘60 - Casacca e pantaloni ........................................................ » 249
18. UNITA’ DIDATTICA - Reticolo base per camicia ed abito ................................................................. » 252
19. UNITA’ DIDATTICA - Abito a sacco, senza ripresa sul seno, su taglia.............................................. » 254
20. UNITA’ DIDATTICA - Abito semiaderente, senza ripresa sul seno, su taglia .................................... » 257
21. UNITA’ DIDATTICA - Abito aderente, senza ripresa sul seno, su taglia ............................................ » 262
22. UNITA’ DIDATTICA - Abito a sacco, con ripresa sul seno, su taglia ................................................. » 263
23. UNITA’ DIDATTICA - Abito semiaderente, con ripresa sul seno, su taglia ........................................ » 264
24. UNITA’ DIDATTICA - Abito aderente, con ripresa sul seno, su taglia................................................ » 265
25. UNITA’ DIDATTICA - Abito su misure dirette ..................................................................................... » 267
- Verifiche cartamodelli su misure dirette ......................................................... » 271
26.UNITA’ DIDATTICA - Linea - stile .................................................................................................... » 272

6
E MODULO MANICHE
1. UNITA’ DIDATTICA - Manica un sol pezzo - su taglia .....................................................................pag. 277
- Posizione del 1° attacco manica ..................................................................... » 284
- Controllo rotondità del giro .............................................................................. » 284
- Variabilità delle proporzioni e della mollezza .................................................. » 285
- Manica un sol pezzo con polsino ................................................................... » 287
2. UNITA’ DIDATTICA - Manica un sol pezzo con cucitura dal 2° attacco manica ............................... » 288
3. UNITA’ DIDATTICA - Manica tipo camicia ........................................................................................ » 289
4. UNITA’ DIDATTICA - Manica per giro scavato .................................................................................. » 290
5. UNITA’ DIDATTICA - Manica su misure dirette ................................................................................. » 291
- Manica per braccio sviluppato ......................................................................... » 292
6. UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazioni della manica - metodo diretto ............................................. » 293
- Manica increspata sulla tromba....................................................................... » 293
- Manica increspata al fondo ............................................................................. » 295
- Manica increspata uniformemente .................................................................. » 297
7. UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazioni della manica - metodo indiretto........................................... » 299

F
1. UNITA’ DIDATTICA - Corpetto senza ripresa sul seno, con cuciture a bretelle, semiaderente......... » 303
2. UNITA’ DIDATTICA - Corpetto con ripresa sul seno, con cuciture a bretelle, semiaderente ............ » 304
3. UNITA’ DIDATTICA - Corpetto con ripresa sul seno, con cuciture a bretelle, aderente ................... » 305
4. UNITA’ DIDATTICA - Eliminazione totale o parziale delle cuciture a bretelle.................................... » 306
5. UNITA’ DIATTICA - Le trasformazione del corpetto con cucitura a bretella - metodo diretto ........ » 307
- Corpetto con due fasce laterali increspato ...................................................... » 307
- Corpetto increspato al centro .......................................................................... » 309
- Corpetto asimmetrico, con pieghe al lato destro ............................................. » 311
- Corpetto asimmetrico, con pieghe sul lato sinistro .......................................... » 313
- Le regole di trasformazione ............................................................................ » 314
6. UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazioni delle cuciture a bretelle -metodo indiretto ......................... » 315
7. UNITA’ DIDATTICA - Abito con cuciture a bretelle, aderente, senza ripresa sul seno ...................... » 320
8. UNITA’ DIDATTICA - Abito con cuciture a bretelle, aderente, con ripresa sul seno .......................... » 321
9. UNITA’ DIDATTICA - Eliminazione totale delle cuciture a bretelle .................................................... » 322
10. UNITA’ DIDATTICA - Eliminazione parziale delle cuciture a bretelle ................................................ » 323
11.UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazione di abito con cuciture a bretelle - metodo diretto ................ » 324
- Abito con increspature sotto il seno ed al bacino ............................................ » 325
- Abito aderente con baschina in vita................................................................. » 329
12. UNITA’ DIDATTICA - Le trasformazioni abiti con cuciture a bretelle -metodo indiretto..................... » 331

G MODULO GIACCHE
1. UNITA’ DIDATTICA - Giacca a sacco senza ripresa sul seno su taglia ........................................... » 336
- Scheda costo della giacca finita .................................................................... » 346
2. UNITA’ DIDATTICA - Giacca semiaderente, senza ripresa sul seno, su taglia ................................. » 347
3. UNITA’ DIDATTICA - Giacca aderente, senza ripresa sul seno, su taglia......................................... » 349
4. UNITA’ DIDATTICA - Giacca semiaderente, a due petti, senza ripresa sul seno, su taglia .............. » 350
5. UNITA’ DIDATTICA - Cappotto semiaderente, ad un petto, senza ripresa sul seno, su taglia.......... » 351

H MODULO COLLETTI
1. UNITA’ DIDATTICA - Colletti.............................................................................................................. » 353
- Colletti sportivi piatti montati............................................................................ » 354
2. UNITA’ DIDATTICA - Colletti tipo camicia.......................................................................................... » 356
- Colletti tipo camicia con cucitura ..................................................................... » 357
3. UNITA’ DIDATTICA - Colletti montati dietro e piatti davanti .............................................................. » 358
- Colletti montati davanti e piatti dietro .............................................................. » 359
4. UNITA’ DIDATTICA - Colletti piatti ..................................................................................................... » 360
5. UNITA’ DIDATTICA - Colletti su stoffa ............................................................................................... » 364
7. UNITA’ DIDATTICA - Colletti classici ................................................................................................. » 366

7
I MODULO CHIMONO
1. UNITA’ DIDATTICA - Chimono a sacco con manica orizzontale, su taglia .....................................pag. 370
- Camicetta chimono.......................................................................................... » 373
2. UNITA’ DIDATTICA - Chimono con manica orizzontale, con garbo a giro ........................................ » 375
3. UNITA’ DIDATTICA - Chimono orizzontale, con garbo a raglan........................................................ » 376
4. UNITA’ DIDATTICA - Abito a chimono, a sacco, con manica orizzontale, abbottonato sul dietro ..... » 377
5. UNITA’ DIDATTICA - Chimono su stoffa............................................................................................ » 380
6. UNITA’ DIDATTICA - Chimono con colletto asimmetrico, semiaderente........................................... » 381
7. UNITA’ DIDATTICA - Abito chimono aderente, manica orizzontale................................................... » 382
8. UNITA’ DIDATTICA - Abito a chimono, con inclinazione manica di cm. 1,5 ...................................... » 383
9. UNITA’ DIDATTICA - Abito a chimono, con inclinazione manica di cm. 1,5 e cm. 10 ....................... » 385
10. UNITA’ DIDATTICA - Abito a chimono, con inclinazione manica al punto spalla .............................. » 386
11. UNITA’ DIDATTICA - Camicia a chimono, con tassello inserito ........................................................ » 387
12. UNITA’ DIDATTICA - Giacca a chimono, semiaderente, a due petti ................................................. » 389
13. UNITA’ DIDATTICA - Chimono su misure dirette............................................................................... » 390
14. UNITA’ DIDATTICA - Variabilità di inclinazione delle maniche a chimono......................................... » 391
- Variabilità delle larghezze e profondità del giro nei chimono........................... » 394

L MODULO ELASTICIZZATI
1. UNITA’ DIDATTICA - Gli elasticizzati................................................................................................. » 395
2. UNITA’ DIDATTICA - Gonna diritta, tessuto monoelastico in trama .................................................. » 397
3. UNITA’ DIDATTICA - Abito aderente, tessuto monoelastico in trama ............................................... » 398
4. UNITA’ DIDATTICA - Body aderente, tessuto bielastico ................................................................... » 399
5. UNITA’ DIDATTICA - Fuseaux, tessuto bielastico ............................................................................. » 400
6. UNITA’ DIDATTICA - Giacca con fianchetto, tessuto monoelastico in trama .................................... » 401

M MODULO VESTIBILITÀ
1. UNITA’ DIDATTICA - La vestibilità..................................................................................................... » 402
- Misure fisiche e misure del cartamodello ........................................................ » 402
2. UNITA’ DIDATTICA - La vestibilità zero............................................................................................. » 404
3. UNITA’ DIDATTICA - Vestibilità cm1 metà cartamodello ................................................................... » 405
4.UNITA’ DIDATTICA - Variabilità della vestibilità in abito, giacca e cappotto...................................... » 406
5.UNITA’ DIDATTICA - Variabilità della vestibilità in funzione del peso dei tessuti .............................. » 409
6. UNITA’ DIDATTICA - Vestibilità small, middle, large ........................................................................ » 410

8
PREFAZIONE

Il titolo del libro non è casuale. Esso permette di evidenziare la caratteristica fondamentale del testo:
superare il diffuso nozionismo per inserire concetti logici. In detta ottica, le basi dei cartamodelli non
sono presentate tramite un’arida sequenza di numeri da apprendere mnemonicamente. Infatti, accanto
ai valori che caratterizzano il cartamodello base di un normotipo, sono anche espressi quelli variabili,
che cambiano da individuo ad individuo e trovano riscontro nelle nozioni di anatomia introdotte nel
modulo A.
Tutto ciò permette di facilitare la costruzione di cartamodelli su misure dirette senza trascurare
la normalità. E’ in questo contesto che si devono considerare sia le variabilità dei numeri, sia i valori
riscontrabili nelle basi dei cartamodelli.
Alcuni schemi, contribuiscono a fornire un quadro d’assieme molto rapido ed efficace delle misure nella
popolazione, contemporaneamente suggeriscono la sequenza logica delle unità didattiche, non affidata
al caso, o ad una didattica tradizionale.
La possibilità di utilizzo del libro va ben oltre. Il testo, basato sul sistema proporzionale, prende in
considerazione la normativa dei programmi Ministeriali, che prestabilisce, con il corso di “modellista”,
di fornire a tutti gli allievi “i tracciati graduali di tutte le basi del taglio sia su taglia, sia su misure dirette”.
Pertanto, uno dei fili conduttori del testo, è la trattazione in parallelo delle basi dei cartamodelli, eseguiti,
oltre che su taglia, anche su misure dirette, in modo di coniugare l’artigianato all’industria. Inoltre, si
giunge al cartamodello finito mediante numerosissimi grafici, appunto “graduali”, che permettono agli
allievi di realizzare, spesso, un cartamodello anche senza l’ausilio del docente, perché le istruzioni
divengono superflue.
Originale è anche il modo di trattare le trasformazioni, perché quest’ultime sono sempre precedute
dai concetti preliminari riguardanti le riprese, ossia gli spostamenti, eliminazioni totali e parziali delle
riprese.
Nondimeno, la novità assoluta, è la comparsa, per la prima volta, delle tabelle delle misure fisiche,
di quelle del cartamodello, oltre alle differenze fra le misure del cartamodello e quelle delle misure fisiche
che introducono le basi. In tal modo si permette agli allievi di conoscere, preventivamente, l’ampiezza
dell’indumento che si sta costruendo, nonché di variarla, aumentandola o diminuendola, in modo di
adattarla alle esigenze della moda o dei clienti. A tale scopo corrisponde il modulo sulla vestibilità, che
permette di realizzare indumenti small, middle e large.
Sostanzialmente, gli allievi hanno a disposizione un testo altamente professionale che permetterà
loro di ottenere una preparazione completa e qualificata. L’originalità del testo descritta in modo
sintetico e parziale, supportata dai test a risposta multipla (forniti ai docenti), permettono, ai docenti
stessi, di verificare la validità di un rapido apprendimento degli allievi.

Aldobello Panaro

9
A ARITMETICA
LE FRAZIONI
1

La denominazione frazione deriva dalla parola frazionare, cioè dividere un oggetto o una unità (una torta, una
mela, un segmento, un rettangolo, un angolo, ecc.) in più parti uguali.
Dopo la suddivisione dell’unità in più parti, si prende una o più di queste parti. Quindi la frazione rappresenta una
o più parti di qualsiasi unità: ad es. una parte di torta, due parti di torta, tre parti di un segmento, una o più parti
di un numero,ecc.
La frazione è composta da due numeri, i quali si scrivono uno sotto l’altro, separati da una linea orizzontale.
Il numero posto al di sopra della linea di frazione si chiama numeratore e quello situato sotto la linea,
denominatore.
Esempio di frazione:
2 numeratore
linea di frazione
3 denominatore
Il denominatore indica in quante parti uguali è stata divisa l’unità; il numeratore indica le parti che si
prendono.

Tratteremo solo le frazioni con il numeratore più piccolo del denominatore, poiché sono quelle che utilizzeremo
in seguito.

Esempio pratico:

INTERO Frazione 1/2 Frazione 2/3 Frazione 1/4 Frazione 2/5 Frazione 1/6
Nei cinque esempi di frazioni, la parte retinata indica la parte o le parti di una torta (o di un cerchio) che sono
state prese in considerazione.

a. la frazione 1/2 significa che la torta è stata divisa in 2 parti uguali ed è stata presa una metà;
b. la frazione 2/3 significa che la torta è stata divisa in 3 parti uguali e sono state prese due parti;
c. la frazione 1/4 significa che la torta è stata divisa in 4 parti uguali ed è stata presa una sola parte;
d. la frazione 2/5 significa che la torta è stata divisa in 5 parti uguali e sono state prese solo due;
e. la frazione 1/6 significa che la torta è stata divisa in 6 parti uguali ed è stata presa solo una.

COME CALCOLARE LA FRAZIONE DI UN NUMERO


Se dobbiamo calcolare la frazione di un numero, anziché di un oggetto, il procedimento è il seguente:

1/3 di 44 (44 è la misura di metà circonferenza seno).


Si divide 44 in 3 parti uguali;
44:3=14,66 ; si moltiplica 14,66 per il numeratore e cioè 14,66 X1=14,66
Il numero 14,66 rappresenta una parte del numero su tre.

Calcoliamo 2/3 di 44.


Si divide 44 per il denominatore:
44:3=14,66

Per prendere due parti del numero come indicato dal numeratore si moltiplica 14,66x2 (numeratore)= 29,32
Esistono anche le cosiddette frazioni miste, formate da una frazione a cui si trova aggiunto un numero intero.
Queste frazioni saranno utilizzate per costruire i rettangoli base di pantaloni, corpetti, maniche, ecc.
Esempio:1/3 +1; 1/3+2; 2/3+1; 2/3 +2 e così via.
I calcoli si eseguono nel seguente modo:
1/3 di 44+1. Si calcola prima 1/3 di 44=14,66;
si aggiunge successivamente 1 e cioè: 14,66+1= 15,66
1/3 di 44+2. Si calcola prima 1/3 di 44=14,66
e poi si aggiunge 2 e cioè 14,66+2=16,66
2/3 di 48+1. Si calcola prima 2/3 di 48=32
e poi si aggiunge 1 e cioè 32+1=33
2/3 di 48+2. Si calcola prima 2/3 di 48=32 e poi si aggiunge 2 e cioè 32+2=34.

11
SCALE DI RIDUZIONE
Nei laboratori di confezione, i cartamodelli sono realizzati in grandezza reale o scala reale (indicata con 1:1) e
vengono appesi ad un carrello, uno dietro l’altro, per cui bisogna avere a disposizione un grande spazio per poterli
conservare e, poiché sono numerosi (anche 1000), si perde parecchio tempo per rintracciare le singole basi,
anche se sono state catalogate.
In un testo scolastico o nell’album dell’allieva, invece, i predetti cartamodelli di grandezza reale vengono
disegnati, per esigenze pratiche di spazio, in dimensioni minori, utilizzando scale di riduzione.
La scala indica quante volte la lunghezza reale è stata ridotta e si esprime a mezzo
frazioni, quali ad es. 1/2, 1/4, 1/5, 1/8, 1/10. Queste frazioni si riferiscono alle scale
e cioè: scala un mezzo; scala un quarto; scala un quinto; scala un ottavo; scala un
decimo.
La scala si può anche rappresentare a mezzo divisioni (1:2; 1:4; 1:5; 1:8; 1:10) ed
in questo caso leggeremo: scala uno a due, uno a quattro, uno a cinque; scala uno
a otto; scala uno a dieci.
Maggiore è il denominatore, più piccola è la scala di riduzione e più piccolo
è il grafico.
Così la scala 1/2 permette di disegnare i grafici a metà rispetto alla dimensione reale;
1/4 ad un quarto della loro grandezza reale; 1/10 (che non è la più usata,perché
riduce troppo i grafici e non permette di visualizzare bene le curve dei cartamodelli)
riduce i grafici alla decima parte.
Nel nostro testo abbiamo utilizzato la scala 1/5.
Se una gonna ad es. è lunga 100 cm, il corrispondente grafico ridotto 1/5 avrà la
seguente lunghezza:
Si divide 100 per il denominatore 5 e si ottiene cm.20. Nel testo il grafico della
gonna sarà alto cm.20, anziché cm.100 (che è la lunghezza reale).
Viceversa, se dal grafico del testo ridotto 1/5,vogliamo risalire alla grandezza
reale della gonna, si esegue l’operazione inversa. Ad es. abbiamo riscontrato che il
grafico della gonna è alto cm.20; si moltiplica cm.20 x5 (denominatore) = cm.100 e
si ottiene la misura reale del cartamodello.
Per esigenza di spazio, alcuni grafici del testo sono stati rimpiccioliti a dimensioni
tali da permettere il loro inserimento nella pagina.

FORBICI FORBICI FORBICI FORBICI FORBICI


ALTE 2 cm ALTE 2,5 cm ALTE 5 cm ALTE 10 cm ALTE 20 cm
in scala 1:10 in scala 1:8 in scala 1:4 in scala 1:2 in scala reale 10:10

12
A GEOMETRIA PIANA
GLI ELEMENTI FONDAMENTALI
2

Ogni cartamodello viene disegnato su un foglio di carta (o cartone per i cartamodelli industriali) cioè su un piano
e l’allievo deve conoscere le principali nozioni di geometria piana, poiché nel percorso analitico utilizzato per la
costruzione dei cartamodelli ricorrono termini usati correntemente in geometria.
Se lasciamo scorrere una matita lungo una riga da disegno, sul foglio di carta rimarrà impressa una linea che si
chiama retta. La retta, per definizione, non ha un inizio nè un termine.
Rispetto all’osservatore che sta disegnando, una sola retta nel piano di carta può assumere tre direzioni
fondamentali:
orizzontale
UNA RETTA verticale
obliqua

Nella costruzione del cartamodello, compaiono altri due


termini e cioè:
semiretta e segmento.
La semiretta è una parte di retta, che ha un punto di
inizio (punto A), ma non ha una fine.
Il segmento, invece, è una parte di retta compresa fra
due punti (A e B), quindi il segmento ha un inizio ed una
fine.

Se consideriamo, invece, le possibili varie posizione che


due rette possono assumere nel piano di carta fra loro,
risultano le seguenti possibilità:

- parallele: se le distanze fra le due rette è sempre


uguale;

- incidenti: se una retta incontra l’altra in un punto


qualsiasi;

- perpendicolari: se una retta incontra l’altra e forma un


angolo a squadra, cioè di 90°.

13
GLI ANGOLI
Se tracciamo sul foglio di carta due semirette che iniziano
dallo stesso punto, ad es. A, avremo disegnato un angolo.
L’angolo, quindi, è una parte del piano di carta delimitata
da due semirette o da due segmenti. Il punto da cui
partono le due semirette (o i due segmenti) si chiama
vertice e le due semirette o i due segmenti che delimitano
l’angolo si chiamano lati.
Ogni angolo ha una sua ampiezza, determinata dal fatto
che le due semirette che escono dal vertice possono
essere più vicine o più distanti fra loro, quindi si hanno
angoli meno ampi o più ampi, più grandi o più piccoli.
Per stabilire la loro ampiezza, si usa una unità di misura
che è il grado, che viene indicato con un numero ed un
piccolo cerchietto in alto a destra: 1° (un grado).

Gli angoli si classificano tenendo presente la loro ampiezza e prendono nomi diversi:

retti
acuti
AMPIEZZA ANGOLI ottusi
piatti
giro

Consideriamo dapprima l’angolo retto e riferiamo gli altri angoli ad esso per facilitare la comprensione.
Si ottiene un angolo retto, quando si traccia una retta perpendicolare ad un’altra in un punto, ad es. in V. L’angolo
retto ha un’ampiezza di 90°.
Gli angoli acuti sono tutti quelli che hanno un’ampiezza minore dell’angolo retto (ad es. 80°, 60°,40°,ecc).
Gli angoli ottusi sono quelli che hanno un’ampiezza maggiore dell’angolo retto (ad es. 95°,110°,130° ecc.).
Si arriva così a definire l’angolo piatto, che risulta da due angoli retti affiancati (si dicono adiacenti). Quindi la sua
ampiezza è di 180° (90°+90°).
L’angolo giro si ottiene da 4 angoli retti messi uno di seguito all’altro, in modo da formare un angolo di 360°
(90°+90°+90°+90°).
Nella descrizione del cartamodello, può essere richiesto di disegnare la bisettrice.
Questa è una semiretta che divide l’angolo che abbiamo disegnato in due metà uguali. Se l’angolo è di 50°, la
bisettrice dividerà l’angolo in due angoli uguali ciascuno di 25°; se l’angolo è di 90°, la bisettrice lo dividerà in due
angoli uguali, ciascuno di 45°.

14
I POLIGONI
Se disegniamo uno di seguito all’altro almeno 3 segmenti, in modo che il primo e l’ultimo si tocchino, avremo una
figura geometrica nel piano di carta che si chiama triangolo ( il termine significa che i tre segmenti formano tre
angoli). Il triangolo è un poligono ( il termine significa che, al suo interno, ha più di due angoli). Ogni segmento
del triangolo si chiama lato e il punto di incontro di due segmenti consecutivi vertice. Quindi il triangolo è una
parte del piano di carta delimitato da segmenti consecutivi. In base alla diversa lunghezza dei segmenti e
all’ampiezza degli angoli, i triangoli si classificano in:

equilateri
isosceli
TRIANGOLI scaleni
rettangoli

I triangoli equilateri hanno tre lati sempre uguali, isosceli hanno due lati sempre uguali, scaleni hanno i tre lati
sempre disuguali. Un caso particolare è il triangolo rettangolo che è caratterizzato sempre da un angolo retto e
può avere due lati uguali o tutti e tre disuguali.
I segmenti consecutivi che si uniscono per formare le figure geometriche piane (o poligoni) possono essere in
numero maggiore di tre: 4, 5 o più. In base al numero dei lati i poligoni si classificano con nomi diversi.
quadrato
rettangolo
quadrilateri
trapezio
rombo
CLASSIFICAZIONE DEI POLIGONI
pentagoni
esagoni

Il quadrato è formato da 4 lati sempre uguali e disposti nel piano in modo tale da formare sempre 4 angoli retti;
il rettangolo è formato da quattro segmenti o lati,uguali a due a due e da 4 angoli retti; il trapezio è formato da
4 lati che sono tutti disuguali (trapezio scaleno), oppure da due lati uguali e due disuguali (trapezio isoscele), o
da tre lati disuguali ed uno verticale, il quale forma un angolo retto (trapezio rettangolo); il rombo è formato da 4
lati uguali e da angoli interni a 2 a 2 uguali .
Da un punto di vista applicativo, nella modellistica il rombo lo ritroveremo come tassello nei chimono, i triangoli
come tasselli nelle gonne a godet, il rettangolo nella costruzione della manica, dei pantaloni, il trapezio nella linea
svasata al fondo e così via.

15
LA CIRCONFERENZA
E’ una linea curva chiusa che si può disegnare utilizzando una matita, uno spillo ed un filo di cotone o di seta di
varia lunghezza.
Fissando lo spillo (punto fisso) sul foglio di carta e con la matita all’estremità del filo di cotone ben teso, si disegna
una linea curva che prende il nome di circonferenza. Avremo così una parte del piano di carta delimitato,
anziché dai segmenti, da una linea curva chiusa.
Questa operazione pratica viene eseguita con il compasso, che presenta due aste incernierate fra loro e mobili
attorno alla cerniera:un’asta presenta all’estremità una punta metallica (lo spillo), la seconda asta presenta
all’estremità una punta di grafite (la matita); l’apertura di compasso è variabile e permette di avere curve più
grandi o più piccole a seconda anche della lunghezza delle aste: più lunghe sono le aste e più grandi sono le
circonferenze.
Dal modo di disegnare questa curva chiusa, discende che tutti i punti della circonferenza hanno la stessa distanza

dallo spillo, che rappresenta il centro della circonferenza.


La distanza fra il centro e qualsiasi punto della circonferenza si chiama raggio. Il segmento che passa per il
centro e unisce due punti qualsiasi della circonferenza si chiama diametro. Sia il raggio che il diametro hanno
lunghezza variabile a seconda dell’apertura di compasso.
A volte è ricorrente nella modellistica (gonne a ruota, gonne con godet, ecc.) la necessità di disegnare una parte
di circonferenza, anziché l’intera circonferenza. Con la punta di acciaio del compasso fissato sul piano del foglio
di carta, con l’apertura desiderata del compasso, si disegna una parte di circonferenza che prende il nome di
arco. Questa parte di circonferenza o arco può avere diversa ampiezza e viene misurato in gradi, ad es.30°,50°,
90°,180° o più.
Questi archi di circonferenza li ritroveremo spesso, ad es. nel godet delle gonne, nelle gonne circolari.
Per calcolare e conoscere la lunghezza di una circonferenza, bisogna necessariamente conoscere il suo
raggio, come risulta dalla formula:
lunghezza della circonferenza = 2 π r
dove pi greco (π) è un numero fisso il cui valore è sempre π = 3,14. Se non si ha il valore del raggio, non si può
conoscere la lunghezza della circonferenza.
Se invece già conosciamo la lunghezza della circonferenza (ad es. la lunghezza della circonferenza vita=cm.68),
possiamo trovare la lunghezza del raggio, che serve per disegnare gli archi di circonferenza nelle gonne
circolari.
Si applica una formula inversa e cioè:
2 π r = cm. 68; r = 68 : 2π ; r = 68 : 6,28; r = 10.8 (raggio della gonna circolare)

16
A ANATOMIA 3

La modellistica richiede una buona conoscenza


del corpo umano, sia perché nella costruzione dei
cartamodelli ricorrono termini che si riferiscono
all’anatomia,sia perché il modellista deve conoscere la
variabilità delle conformazioni di ciascun individuo,
per poter costruire il cartamodello su misure dirette,
idoneo cioè ad una determinata persona, sul quale si
applicano preventivamente le regole di costruzione.
Dall’osservazione e dallo studio degli individui che
compongono una popolazione, si nota che la maggior
CURV
VA
parte di essa viene individuata da caratteristiche
7 CERVICA
ALE
somatiche (scheletriche e muscolari) abbastanza
simili, tali che permettono di raggruppare gli individui
in una categoria denominata normotipo, nella quale
confluiscono tutti coloro che presentano caratteri CURVA
A
fisici nella media. Esso cambia da popolazione a DORSALE
popolazione. Quindi il normotipo della Cina, della
Germania, dell’ Africa o di altre nazioni è diverso da 19
9
quello dell’Italia. Di ciò si tiene conto, nella produzione
industriale degli indumenti.
In ogni popolazione, però, accanto al normotipo, CURV
VA
esistono altri individui le cui caratteristiche fisiche si LOMBA
ARE
discostano dalla media. 2
24
Ad esempio, se la statura media della popolazione
italiana è di m.1,73 ed interessa oltre il 65% degli CURVA
individui, è anche vero che esistono persone meno 29 SAC
CRO-COCC
CIGEA
alte la cui statura è di m.1,50 (brachitipi) oppure più
alte della media, ad es. di m.1,80 (longitipi) o di altra 34
statura.
Così oltre a donne che hanno una circonferenza seno
in media di cm. 88, esistono altre con la circonferenza
seno minore, cioè di cm.86, oppure maggiore ad es.
di cm.92 o più.
Il concetto di caratteristiche medie vale anche
per le altre misure fisiche: larghezza delle spalle,
circonferenza della vita, circonferenza del bacino e
così via.
La perfetta conoscenza dell’anatomia, correlata al
normotipo ed al fisico di ciascuna persona, permettono
al modellista di realizzare il cartamodello industriale
su taglia che soddisfi la media della popolazione e/o,
quello su misure dirette, che risulti più rispondente
alla realtà di ciascun individuo.
Le conformazioni fisiche dipendono da 2 componenti:
scheletro e muscoli.
a. scheletro
Conformazioni fisiche b. muscoli
c. scheletro e muscoli
E’ necessario perciò avere una buona conoscenza
dell’anatomia.
La struttura più importante del corpo umano è lo
scheletro, perché sorregge tutta la parte muscolare;
nello stesso scheletro, la struttura portante è la
colonna vertebrale, la quale, come dice la stessa
parola, è una colonna di sostegno a tutte le altre
strutture scheletriche e muscolari, particolarmente
se consideriamo la parte superiore del corpo umano.

17
Essa è formata da 33-34 unità sovrapposte, ciascuna delle quali si chiama vertebra. Esse vengono suddivise in:
vertebre cervicali (7), dorsali (12), lombari (5), sacrali (5) e coccigee (4 o 5).
La colonna vertebrale considerata di profilo presenta una doppia curva, cioè 2 concavità (cervicale e lombare)
e 2 convessità ( dorsale e sacro-coccigea) e frontalmente è diritta.

FOSSETTA STERNALE 7° VERRTEBRA CERVICALE


CLAAVICOLA ESTREMITà
E SCAPOLA

STEERNO SCAPO
OLA

CENTRO SENO

OM
MERO (Braccio)
CENTRRO DIETRO
CENTRO DAVANTI

VITTA GOMITTO

OM
MBELICO
ESTTREMITA’ OSSO ILIACO
AVAAMBRACCIO
BACINO

NATICAA
FIAANCO (ANCHE)

COSCIA
CO
OSCIA

GINNOCCHIO

POLPAACCIO

Denominazioni anatomiche finalizzate allo studio della modellistica.

18
In entrambe le posizioni, si riscontrano deviazioni dalla norma, che sono abbastanza frequenti e di cui bisogna
tener conto preventivamente nella costruzione del cartamodello.
a. scoliosi
Alterazioni della colonna vertebrale b. cifosi
c. lordosi
Anziché diritta, oggi, a causa della scarsa attività fisica e di zaini troppo pesanti e/o per una scorretta posizione
di studio, si riscontrano casi di scoliosi (deviazione laterale, in genere a destra, della colonna vertebrale,che può
verificarsi a vari livelli della colonna), per cui il lato destro del corpo (spalla,seno,bacino) si presenta più basso e
non orizzontale. Questa conformazione crea difetti all’indumento se sul cartamodello che presenta le due metà
simmetriche non si apportano le opportune modifiche.
Anche le curve della colonna vertebrale possono presentare alterazioni. Esistono, infatti, casi di cifosi ( curvatura
eccessiva delle vertebre dorsali, dovuta per lo più al tipo di lavoro svolto) o lordosi (curvatura eccessiva in
avanti delle vertebre lombari e parte delle dorsali, che nelle donne incinte diviene fisiologica, poiché la curva
lombare assume una maggiore curvatura verso il davanti). Bisogna, quindi, intervenire preventivamente sui capi
di abbigliamento per evitare che aprano al fondo sul centro del davanti e risultino staccati dal collo (in caso di
cifosi), o viceversa (in caso di lordosi).
Al contrario, si può riscontrare un raddrizzamento delle vertebre dorsali e quindi della curva dorsale. Si verifica
nelle donne che presentano una misura di circonferenza seno di cm.100 o più. Durante lo sviluppo eccessivo
del seno, le donne tendono ad assumere un portamento che serve a bilanciare lo spostamento del baricentro in
avanti, per cui la curva dorsale tende a raddrizzarsi (l’indumento realizzato per un normotipo tende ad alzarsi
sul centro davanti e a chiudersi al fondo, a scendere sul dietro, dove si formano delle pieghe orizzontali sotto la
nuca e sotto il colletto.
Anche le scapole hanno la loro importanza, perché da esse dipende la larghezza e l’abbassamento delle
spalle. Accanto ad una larghezza media delle spalle, si riscontrano individui che hanno spalle più strette, perché
le scapole risultano più ravvicinate e/o più piccole, altri invece presentano spalle più larghe; oppure si trovano
individui che presentano spalle troppo basse, causate dal fatto che le estremità inferiori delle scapole non
sono ben incollate alla gabbia toracica, o troppo alte, perché le scapole sono ben aderenti alla gabbia toracica.
L’indumento preventivamente non ben costruito presenterà o un abbandono della parte estrema della spallina
(se le spalle sono basse), che può essere eliminato con l’inserimento di una spallina di ovatta o sintetica, oppure
delle pieghe orizzontali sotto la nuca e sotto il colletto ( se le spalle sono alte).
La gabbia toracica può presentare alcune variazioni dovute non alla colonna vertebrale, ma al suo sviluppo in
ampiezza. E’ possibile, infatti, riscontrare due donne che, pur avendo la stessa misura di circonferenza seno, ad
es. cm.96, presentano una la gabbia toracica sviluppata e seno piccolo e l’altra gabbia toracica ristretta e seno
più sviluppato del normale. Ciò comporterà un’apertura o ampiezza minore o rispettivamente maggiore della
normale ripresa sopra il seno.
La cintura pelvica è formata da 3 paia di ossa (ileo,ischio e pube), che delimitano una cavità a tronco di cono,
schiacciata in senso antero-posteriore. La cintura pelvica è chiusa posteriormente dal sacro e dal coccige,
sostiene la colonna vertebrale e fornisce l’appoggio ai due femori. Essa può presentare forme diverse rispetto
alla norma, perché può risultare più o meno schiacciata in senso antero-posteriore e/o più o meno alta. Le
variazioni più frequenti, di cui bisogna tenere conto nel disegnare il cartamodello dei pantaloni su misure dirette
riguardano la misura di abbassamento cavallo, che ci permette di conoscere l’altezza della cintura pelvica.
Questa cavità rivestita dalle masse muscolari (glutei) prende il nome di bacino. Questo, se si considera la
misura di circonferenza bacino, si presenta generalmente più sviluppato nella donna rispetto all’uomo, per
cause prevalentemente genetiche. Esso è formato anteriormente dall’addome, lateralmente dai fianchi ( detti
anche) e posteriormente dalle natiche. La sua conformazione va tenuta presente principalmente nei cartamodelli
delle gonne e dei pantaloni. Infatti,si possono riscontrare due donne che pur avendo la stessa misura di
semicirconferenza bacino = cm. 46 una presenta un abbassamento cavallo di cm. 23 (normotipo) e l’altra un
abbassamento cavallo di cm. 22 o 24. Di questa differenza di misure si deve tener conto nella costruzione del
reticolo base dei pantaloni.
Le conformazioni sopra elencate sono quelle che dipendono dallo scheletro, che si riscontrano più frequentemente
in ogni popolazione e che interessano la preparazione del modellista.
Anche i muscoli possono dar luogo a casi di individui che non rientrano nella norma, sia perché essi si sviluppano
notevolmente quando vengono esercitati, sia per fattori genetici. I muscoli si dividono in lunghi (interessano gli
arti), larghi (es. muscoli dell’addome) e corti (es. quelli che circondano le articolazioni).
Vanno ricordati i seguenti principali muscoli:

braccio: deltoide, bicipite e tricipite brachiale;


dorso: trapezio, grande dorsale e glutei
torace: grandi pettorali, muscoli intercostali
MUSCOLI PRINCIPALI addome: grande retto dell’addome e grande obliquo
coscia: retto del femore,sartorio, bicipite femorale posti anteriormente
e il quadricipite posteriormente
natiche: glutei

19
La conformazione anatomica femminile evidenzia, rispetto all’uomo, alcune differenze che la
contraddistinguono.

a. glutei (o natiche)
SVILUPPO MASSE MUSCOLARI b. fianchi (o anche)
c. glutei e fianchi

A livello muscolare le donne presentano, rispetto all’uomo, particolarmente in corrispondenza del cinto pelvico o
bacino, un eccessivo sviluppo, oppure uno scarso sviluppo delle masse muscolari.
Nei predetti casi, la circonferenza bacino risulterà fuori della norma e il modellista dovrà agire preventivamente
sul cartamodello delle gonne e dei pantaloni, utilizzando una misura di circonferenza bacino maggiore o
rispettivamente minore.
E’ possibile riscontrare anche le conformazioni con natiche (o glutei) poco sviluppate ma piatte e/o natiche in più
in alto o più in basso rispetto alla norma. Questi casi saranno considerati nelle unità didattiche dei cartamodelli
su misure dirette.
A volte sono i bicipiti- tricipiti del braccio che risultano sviluppati oltre la norma, a causa di lavori pesanti o per
fattori genetici. In tal caso va rilevata la misura della circonferenza del braccio alla metà lunghezza dell’omero.
Il cartamodello della manica su misure dirette sarà costruito in modo da dare una maggiore ampiezza a metà
braccio.
Stessa considerazione va fatta per le cosce, che possono essere molto sviluppate (nella costruzione del
cartamodello dei pantaloni bisogna dare più ampiezza alla punta di cavallo sotto l’abbassamento cavallo);
oppure poco sviluppate in circonferenza (i pantaloni dovranno avere meno ampiezza alla punta di cavallo al
livello dell’abbassamento cavallo).
Alcune conformazioni, infine, possono presentare deviazioni dalla media che sono da attribuire allo scheletro ed
alle masse muscolari contemporaneamente.

20
A PROPORZIONI DEL CORPO UMANO
CON LA SEZIONE AUREA
4

Le figure del davanti e del dietro del corpo umano femminile sono state costruite tenendo presente il principio
matematico della sezione aurea, ricercata e realizzata dai Greci e che si riscontra in tutte le armonie della natura,
compreso il corpo umano. I greci la quantificarono moltiplicando la misura di cui si vuole trovare la sezione aurea
per il numero fisso 0
0.61.
61

LINEA DELLA 7° VERTEBRA CERVICALE


E

LINEA DELLA SEZIONE AUREA


A

TAVOLA 1 - Davanti del corpo umano costruito secondo il principio della sezione aurea.

Dalle indagini successive di Leonardo da Vinci è scaturita la rappresentazione della figura maschile divisa in 8
moduli, che ha un’armonia analoga a quella del corpo femminile, anche se sussistono lievi differenze (spalla e
bacino sono inscrivibili in un rettangolo nella donna ed in un trapezio nell’uomo; le spalle sono un po’ più strette
nella donna). Così ad esempio l’ombelico femminile scaturisce dalla ricerca della sezione aurea dell’altezza della
figura ( ad esempio cm. 160 x 0.61 = cm. 97.5). Osservando la figura, si nota che il corpo femminile è inserito in
un quadrato pari alla dimensione dell’altezza. I movimenti che gli arti inferiori e superiori compiono in rotazione,
insistono su una circonferenza il cui centro è posto sull’asse del corpo, alla sua sezione aurea, calcolata dai piedi,
esattamente nel punto O. Tutte le altre parti del corpo hanno identica matrice aurea.

21
Questa rappresentazione del corpo umano a mezzo 8 teste assume la sua importanza pratica nel campo
dell’operatore dell’abbigliamento moda, in quanto permette di determinare soprattutto i valori dei vari livelli del
corpo umano o abbassamenti, poiché questi possono essere derivati anche facendo riferimento all’altezza del
corpo umano oltre che alla circonferenza seno. Così ad esempio la posizione della 7° vertebra cervicale ( a cui si
fa riferimento per misurare la lunghezza vita dietro) corrisponde ad 1 testa + 1/4 di essa; la larghezza spalla è
di 2 teste nell’uomo e di 1 testa e 3/4 nella donna ( cioè essa è un po’ meno larga), la lunghezza vita dietro dalla
7° vertebra cervicale alla vita (che quasi coincide con l’ombelico) è di 2 teste, l’altezza del pube corrisponde a 4
teste, cioè si trova esattamente a metà dell’altezza della persona, la linea del ginocchio è di 6 teste, la lunghezza
della vita al pavimento ( per i pantaloni) equivale a 5 teste. Su tali concetti è stata elaborata a titolo di esempio
non limitativo la tavola del davanti e quella del dietro del corpo umano.

LINEA DELLA 7° VERTEBRA CERVICALE

LINEA DELLA SEZIONE AUREA

TAVOLA 2 - Dietro del corpo umano costruito secondo il principio della sezione aurea.

22
FIG. 3 - Dietro del corpo umano costruita con il principio della FIG. 4 - Davanti del corpo umano costruita con il principio della
sezione aurea. sezione aurea.

23
A CARTAMODELLI
SU TAGLIA E SU MISURE DIRETTE
5

Il primo concetto che l’allievo deve apprendere, sin dalle prime lezioni di modellistica, è la distinzione fra
cartamodelli su taglia e quelli su misure dirette. Tale distinzione rappresenta uno dei fili conduttori che
caratterizzano tutto il testo.
I cartamodelli su taglia interessano una produzione in serie di indumenti, che debbono poter vestire la
percentuale più alta possibile di individui, ad es. più del 70%. Questa risultato si ottiene abbastanza facilmente se
si tratta di indumenti di linea ampia o realizzati con tessuti elasticizzati. La percentuale si abbassa, se si tratta di
indumenti aderenti, realizzati con tessuti normali.
Per poter eseguire i cartamodelli su taglia, è necessario avere a disposizione una tabella, che varia da azienda
ad azienda, da nazione a nazione, che riporti le misure fisiche più ricorrenti e frequenti nella popolazione. Quindi,
esistono numerose tabelle di misure e ogni azienda ne ha una personale.
I cartamodelli su misure dirette sono quelli che sono realizzati per vestire le singole persone, tutte diverse
fra loro. In questo caso ci si avvale delle misure rilevate direttamente sull’individuo e non delle misure medie
riportate nelle tabelle.
Per entrambi i tipi di cartamodelli, è bene che l’allievo conosca le misure principali che caratterizzano un
soggetto normale o normotipo, perché questo rappresenta un punto di riferimento molto importante, sia per
comprendere qualsiasi tabella di proporzioni umane, sia per la costruzione dei cartamodelli. L’operatore, infatti,
potrà paragonare le misure del soggetto che sta esaminando a quelle del normotipo e incontrerà meno difficoltà
nel lavoro di costruzione del cartamodello.
Le misure principali, procedendo dalla testa in giù, debbono prendere in considerazione i 3 livelli più importanti
e cioè:
1.livello del seno; 2. livello della vita; 3. livello del bacino.
Il livello del seno corrisponde al piano orizzontale che passa attraverso il centro seno (capezzolo), che è la parte
più sporgente del busto;il livello della vita corrisponde al piano orizzontale che passa attraverso la parte più
stretta del busto (un po’ più su dell’ombelico); il livello del bacino corrisponde al piano orizzontale che passa
attraverso la parte più sporgente del bacino (le natiche).
Sono questi 3 livelli che fungono da guida nella costruzione dei cartamodelli su taglia e su misure dirette. Ed è in
corrispondenza dei suddetti livelli che si considerano le relative misure di circonferenza seno, circonferenza
vita e circonferenza bacino, che sono in stretta correlazione fra di loro. In particolare, la misura fondamentale
è quella della circonferenza seno, che rappresenta la parte più sporgente del busto di una donna. Le altre due
misure, in un normotipo, sono proporzionate alla misura del seno, come ribadiremo qui di seguito. Ciò si legge
nella tabella esemplificativa che segue, in cui le suddette tre misure di circonferenza sono annotate, non per
intero, ma a metà, perché il cartamodello si disegna a metà:

TABELLA MISURE FISICHE

CIRCONFERENZA SENO (META’) 42 44 46 48 50 52 54

CIRCONFERENZA VITA (META’) 32 34 36 38 40 42 44

CIRCONFERENZA BACINO (META’) 44 46 48 50 52 54 56

Dall’analisi della tabella scaturisce quanto segue:


- la metà circonferenza della vita è più piccola di cm.10 rispetto alla misura della metà circonferenza seno
in un normotipo; tale misura può essere minore anche di cm.12 nelle indossatrici; nei paesi industrializzati, la
popolazione, a causa di un eccesso di alimentazione, presenta una vita un po’ più grande e perciò la differenza
fra seno e vita è di cm. 9 o 8. La variabilità della misura della circonferenza vita può dipendere anche da fattori
genetici.
- la metà circonferenza bacino, invece, in un normotipo, è maggiore di cm.2 rispetto alla metà circonferenza
seno; generalmente, però, essa è più grande di cm. 3 o più nelle donne, a causa di una dieta ipercalorica, per
scarsa attività fisica o per costituzione genetica.

La tabella innanzi riportata si riferisce alle misure fisiche o reali dell’individuo. Per ottenere le misure del
cartamodello, bisogna aggiungere ai livelli desiderati la vestibilità prescelta.

24
CARTAMODELLI SU TAGLIA
Se si vuole costruire un cartamodello su taglia per donna si può partire anche dalla sola misura del seno, poiché
le misure di vita e bacino sono correlate ad essa; ma è consigliabile avere a disposizione contemporaneamente
le predette tre misure.
Commercialmente, se si acquista un indumento, nei cartellini esplicativi non compaiono le misure fisiche, ma si
trova allegato un cartellino con il termine “taglia”. Esso si riferisce alla misura della metà circonferenza torace. Ad
esempio, se la misura della metà circonferenza torace
ese
èd di cm.42, la taglia risulterà 42. A questa misura in
Italia (ma non nelle altre Nazioni) corrispondono cm.44
di semicirconferenza seno, come si legge nella tabella
che e segue, in cui si riscontra una differenza di cm. 2
fra
a la semicirconferenza seno e la semicirconferenza
torrace. In genere ciò è frequente nelle misure di seno
picccole. Passando gradualmente alle misure superiori,
poiché c’è un maggior sviluppo del seno, la differenza
fra
a seno e torace può risultare di cm.3,4 o più.

LIVELLO TORACE
LIVELLO SENO

LIVELLO VITA

LIVELLO BACINO

25
TABELLA MISURE FISICHE PER DONNE

TAGLIA (Circonferenza torace a metà) 40 42 44 46 48 50 52

CIRCONFERENZA SENO (META’) 42 44 46 48 50 52 54

CIRCONFERENZA VITA (META’) 32 34 36 38 40 42 44

CIRCONFERENZA BACINO (META’) 44 46 48 50 52 54 56

Alcune aziende fanno corrispondere, ad una determinata taglia, una misura di seno, vita e bacino più grande,
per un problema di maggiore vendibilità. Così, ad esempio alla taglia 40 si fa corrispondere una misura di seno
di cm.44 (anziché 42), di vita di cm.34 (anziché cm.32) e di bacino di cm.46 (anziché cm.44), come risulta dalla
tabella che segue.

TAGLIA (Circonferenza torace a metà) 40 42 44 46 48 50 52

CIRCONFERENZA SENO (META’) 44 46 48 50 52 54 56

CIRCONFERENZA VITA (META’) 34 36 38 40 42 44 46

CIRCONFERENZA BACINO (META’) 46 48 50 52 54 56 58

Le tabelle possono essere compilate riportando le misure di seno,vita e bacino per intero, anziché per metà;
mentre, la misura di torace, cioè la taglia, rimane sempre annotata per metà, per convenzione.

TAGLIA (Circonferenza torace a metà) 40 42 44 46 48 50 52

CIRCONFERENZA SENO (META’) 84 88 92 96 100 104 108

CIRCONFERENZA VITA (META’) 64 68 72 76 80 84 88

CIRCONFERENZA BACINO (META’) 88 92 96 100 104 108 112

Le sole misure di seno,vita e bacino non sono sempre sufficienti a permettere la costruzione di un indumento che
meglio risponda alle misure fisiche medie della popolazione. Per questo motivo, ogni azienda ha a disposizione
tabelle in cui sono riportate altre misure, scaturite da un’accurata indagine antropometrica di alcune migliaia
di persone, considerate a caso. Le misure rilevate vengono mediate e vengono fuori tabelle che rispecchia le
misure fisiche medie della popolazione interessata. Più alto è il numero degli individui oggetto di rilevazione e
più attendibili risultano le tabelle. Proponiamo,a titolo esemplificativo, la seguente tabella, in cui le misure di
circonferenza sono annotate per intero:

TABELLA MISURE FISICHE PER DONNE

TAGLIA (Semicirconferenza torace) 40 42 44 46 48 50 52

CIRCONFERENZA SENO 84 88 92 96 100 104 108

CIRCONFERENZA VITA 64 68 72 76 80 84 88

CIRCONFERENZA BACINO 88 92 96 100 104 108 112

ABBASSAMENTO SENO 25 26 27 28 28.5 29 29.5

LUNGHEZZA VITA DAVANTI 43.5 44,5 45 45.5 46 46.5 46.5

LUNGHEZZA VITA DIETRO 41.5 42.5 43 43.5 44 44.5 44.5

LARGHEZZA SPALLA 37 38 39 40 41 41.5 42

LUNGHEZZA MANICA 58 59 60 61 62 62.5 62.5

26
Le misure di seguito descritte non tengono conto dell’ordine di rilevamento. A tali misure si aggiunge nell’indumento,
ai livelli prescelti,la vestibilità desiderata.
Circonferenza torace: si rileva facendo passare il centimetro sulle scapole, sotto le ascelle e sul torace, alla base
del seno. La metà di questa misura rappresenta la taglia.
Circonferenza seno: si fa passare il centimetro sulla parte più sporgente delle scapole (per evitare che si abbia
una misura più piccola), sotto le ascelle e sulla parte più sporgente del seno (capezzoli).
Circonferenza vita: si fa passare il centimetro attorno alla parte più stretta del busto. E’ buona regola avvolgere
la vita con un nastrino sottile e stretto, in modo da avere sempre presente l’esatta posizione del livello vita.
Circonferenza bacino: si rileva facendo passare il centimetro sulla parte più sporgente delle natiche e della
pancia sul davanti, disponendo il centimetro obliquamente, per evitare che si abbia una misura troppo piccola e
quindi i pantaloni potrebbero risultare troppo stretti.
Abbassamento seno: si rileva dal punto più alto della spallina, situato verticalmente sotto l’orecchio, fino al
centro seno (capezzolo).
Lunghezza vita davanti: si rileva dal punto più alto della spallina, situato verticalmente sotto l’orecchio, passando
dal centro seno (capezzolo) fino ad arrivare al nastrino posto in vita precedentemente.
Lunghezza vita dietro: si rileva poggiando il centimetro sull’’osso della nuca (7° vertebra cervicale) per arrivare
fino alla vita, dove è stato collocato precedentemente il nastrino. La lunghezza vita dietro rilevata sul grafico del
dietro del corpetto è più lunga di questa misura.
Larghezza spalla: si rileva, facendo passare il centimetro sulla parte più alta della spalla, posizionandolo
all’estremità di una scapola (acromion) per arrivare fino all’estremità dell’altra scapola.
Lunghezza manica: si rileva tenendo il braccio piegato a 90° (per evitare che a braccio disteso la misura risulti
troppo corta), posizionando il centimetro all’estremità della scapola (acromion) e facendolo passare dal gomito
per arrivare fino al polso.

Il modellista, per disegnare il cartamodello su taglia, deve:


- conoscere le proporzioni che permettono di calcolare le misure di larghezza e profondità di un indumento. I
calcoli con le proporzioni si fanno riferendosi alla misura di semicirconferenza seno e saranno utilizzate in
questo testo per la costruzione del reticolo base dei vari indumenti (rappresentato nei grafici dalle linee sottili
e tratteggiate);
- conoscere le regole di costruzione del grafico del cartamodello.
- avere a disposizione una tabella delle misure fisiche, che gli permettono di orientarsi nello stabilire la
vestibilità che il modellista intende dare all’indumento.

Ed ecco alcune proporzioni che l’allieva ritroverà in seguito nel testo.

PROPORZIONI

LARGHEZZA ACCOLLATURA DIETRO 1/10 + 2

LARGHEZZA ACCOLLATURA DAVANTI 1/10 + 2

LARGHEZZA SPALLINA 1/4 + 2

LARGHEZZA SPALLE 1/3 + 3

LARGHEZZA DAVANTI 1/2 - 3

CENTRO SENO (Capezzolo) 1/4 - 2,5 dal centro davanti

CIRCONFERENZA DEL COLLO 1/3 + 2

ABBASSAMENTO SPALLA 1/10

PROFONDITA’ GIRO 1/4 + 5

1/3 + 2 (corpetti)
LARGHEZZA MANICA 1/3 + 3 (giacche)
1/3 + 4 (cappotti)

27
Facciamo un esempio di calcolo con le proporzioni, considerando la misura 44 di semicirconferenza seno
(taglia 42).

La proporzione per calcolare la larghezza accollatura è: 1/10 + 2.


1/10 di 44= cm.4,4; cm.4.4+2= cm.6.6

La proporzione per calcolare la larghezza spallina è: 1/4 + 2.


¼ di 44= cm. 11 ; cm.11+2= 13.

Questo procedimento si usa per calcolare le misure di larghezza e di profondità per tutte le taglie e le misure di
semicirconferenza seno ( 46 ,48 e così via).

Le proporzioni esaminate non sono fisse; il modellista può variarle quando egli desidera ottenere un reticolo base
più grande o più piccolo. Tali variazioni dipendono dalle tendenze della moda, dalle ampiezze che si vogliono
avere negli indumenti (confronta modulo della vestibilità small o S, middle o M, large o L), dai livelli mantenuti
più bassi (confronta pantaloni a vita bassa) o più alti (corpetti sopra la vita).

CARTAMODELLI SU MISURE DIRETTE


Per costruire un cartamodello su misure dirette, il modellista non ha bisogno della taella delle misure fisiche,
poichè tutte le misure vengono rilevate direttamente su ogni singolo individuo. Se un indumento è di linea
ampia, non ci si pone il problema di rilevare tutte le misure dirette. A mano a mano che si passa a indumenti più
aderenti, il numero delle misure da rilevare risulta sensibilmente maggiore, se si vuole che l’indumento modelli
perfettamente il corpo.
Una delle chiavi di lettura del testo permette di scoprire che in ogni modulo vi è il filo logico di: indumenti su taglia
e su misure dirette. Quindi, il modulo delle gonne comprenderà gonne su taglia e su misure dirette; il modulo
dei pantaloni comprenderà pantaloni su taglia e su misure dirette e proseguendo avremo corpetti su taglia e su
misure dirette; abiti su taglia e su misure dirette e così via.
Il procedimento per la costruzione del cartamodello su misure dirette è il seguente:
- si disegna il reticolo base dell’indumento;
- sul reticolo si segnano le larghezze e le profondità utilizzando le proporzioni;
- bisogna conoscere le regole che permettono di costruire il cartamodello su taglia, il quale subirà le modifiche in
seguito all’applicazione delle misure dirette.
Le tabelle misure fisiche, quindi, divengono facoltative e svolgono solo la funzione di far comprendere se la
cliente presenta delle sproporzioni ai vali livelli del corpo.

28
B GONNA DIRITTA
SU TAGLIA
1

Il cartamodello che andremo a costruire sulla taglia 42 rappresenta una gonna diritta che è aderente in vita ed al
bacino, come risulta dalla lettura della tabella misure del cartamodello paragonata a quella delle misure fisiche.

TABELLA MISURE FISICHE

TAGLIA (Circonferenza torace a metà) 40 42 44 46 48 50 52

CIRCONFERENZA VITA (META’) 32 34 36 38 40 42 44

CIRCONFERENZA BACINO (META’) 44 46 48 50 52 54 56

TABELLA MISURE DEL CARTAMODELLO (A METÀ)

TAGLIA (Circonferenza torace a metà) 40 42 44 46 48 50 52

CIRCONFERENZA VITA (META’) 32 34 36 38 40 42 44

CIRCONFERENZA BACINO (META’) 44 46 48 50 52 54 56

Le due tabelle (misure fisiche e cartamodello) risultano uguali perché la gonna non presenta alcuna vestibilità
al livello vita e bacino.

DIFFERENZA FRA MISURE CARTAMODELLO E MISURE FISICHE

TAGLIA (Circonferenza torace a metà) 40 42 44 46 48 50 52

CIRCONFERENZA VITA (META’) 0 0 0 0 0 0 0

CIRCONFERENZA BACINO (META’) 0 0 0 0 0 0 0

Dalla differenza (in corrispondenza di ciascuna taglia) fra le misure del cartamodello (a metà) della gonna
diritta che stiamo per costruire e le misure fisiche, si conosce la quantità di vestibilità. Ad esempio, per la
taglia 42 risulta:
- Livello vita: cm.34 (semicirconferenza vita) – 34 ( misura del cartamodello) = cm.0
- Livello bacino: cm. 46 (semicirconferenza bacino) – cm.46 (misura del cartamodello) = cm.0

Per impostare un cartamodello di una gonna su taglia (e questo criterio viene seguito dalle industrie di confezioni
in serie), é sufficiente disporre anche della sola misura di semicirconferenza bacino, poiché quella della semicir-
conferenza vita può essere ricavata ricordando che esiste nel corpo umano una differenza (fra le predette due
misure) di cm. 12 circa.

Abbiamo evidenziato in neretto la misura del bacino, essendo questa la più importante, in quanto ad essa vengono
correlate le altre misure necessarie alla esecuzione del tracciato delle gonne e dei pantaloni.

Questa gonna diritta rappresenta la gonna base, che é fondamentale, poiché da essa potranno essere derivati,
per successive trasformazioni, tutti gli altri tipi di gonne, anche quelle con garbi a fantasia, drappeggiate o asim-
metriche.

29
ISTRUZIONI
Disegnare un angolo retto in A.
Sulla verticale A-55 si segnano i seguenti abbassamenti:
1. Abbassamento bacino (da A a 20) = cm. 20. Per i cartamodelli su taglia, esso é abbastanza fisso, soprattutto
negli adulti, ma per quelli su misure dirette è variabile.
2. Lunghezza gonna (da A a 55) = dall'angolo A si abbassano cm. 55.La lunghezza varia con la moda.
In genere la lunghezza sopra il ginocchio è di cm. 55 (lunghezza che abbiamo preferito per esigenze di spazio),
al ginocchio di cm. 60, al polpaccio di cm. 70 ed alla caviglia di cm. 90-95 sempre riferita ai soggetti normali.
Dopo aver ottenuto i punti A, 20 e 55, da questi si tracciano delle linee orizzontali.

Sulla linea orizzontale dell'abbassamento bacino, si


riporta la misura di semicirconferenza bacino cioè
cm.46 (vedi centimetro). Con una linea verticale (A’ - 46
- fondo), si chiude il rettangolo, la cui larghezza risulterà
quindi uguale alla misura di semicirconferenza bacino.
Si traccia un’altra verticale alla metà del rettangolo cioè
a cm. 23 dal punto 20, in modo da avere la linea del
fianco, che separa il dietro dal davanti.Abbiamo così
costruito il reticolo base, rappresentato dalle linee
sottili, a tratteggio.
Per ottenere l’aderenza della gonna in vita, bisogna
sempre calcolare la differenza fra la semi
Per impostare un cartamodello di una gonna su taglia (e
questo criterio viene seguito dalle industrie di confezioni
in serie), é sufficiente disporre anche della sola misu-
ra di semicirconferenza bacino, poiché quella della
semicirconferenza vita può essere ricavata ricordando
che esiste nel corpo umano una differenza (fra le predette
due misure) di cm. 12 circa.

Abbiamo evidenziato in neretto la misura del bacino,


essendo questa la più importante, in quanto ad essa
vengono correlate le altre misure necessarie alla ese-
cuzione del tracciato delle gonne e dei pantaloni.

Questa gonna diritta rappresenta la gonna base, che é


fondamentale, poiché da essa potranno essere derivati,
per successive trasformazioni, tutti gli altri tipi di gon-
ne, anche quelle con garbi a fantasia, drappeggiate o
asimmetriche.

Disegnare un angolo retto in A.


Sulla verticale A-55 si segnano i seguenti abbas-
samenti:
1. Abbassamento bacino (da A a 20) = cm. 20. Per
i cartamodelli su taglia, esso é abbastanza fisso, so-
prattutto negli adulti, ma per quelli su misure dirette
è variabile.
2. Lunghezza gonna (da A a 55) = dall'angolo A si ab-
bassano cm. 55.La lunghezza varia con la moda.
In genere la lunghezza sopra il ginocchio è di cm.
55 (lunghezza che abbiamo preferito per esigenze di
spazio), al ginocchio di cm. 60, al polpaccio di cm. 70
ed alla caviglia di cm. 90-95 sempre riferita ai soggetti
normali.
Dopo aver ottenuto i punti A, 20 e 55, da questi si trac-
ciano delle linee orizzontali.
Sulla linea orizzontale dell'abbassamento bacino, si
riporta la misura di semicirconferenza bacino cioè
FIG. 1 - Modo di rilevare la misura della circonferenza bacino, ne-
cessaria per eseguire la gonna base su taglia. La misura va presa cm.46 (vedi centimetro). Con una linea verticale (A’ - 46
aderente ed il centimetro va disposto obliquamente, dal basso verso - fondo), si chiude il rettangolo, la cui larghezza risulterà
l'alto, per rilevare le parti più sporgenti sul dietro e sul davanti. quindi uguale alla misura di semicirconferenza bacino.

30
Si traccia un’altra verticale alla metà del rettangolo cioè a cm. 23 dal punto 20, in modo da avere la linea del
fianco, che separa il dietro dal davanti.Abbiamo così costruito il reticolo base, rappresentato dalle linee sottili,
a tratteggio.

Per ottenere l’aderenza della gonna in vita, bisogna sempre calcolare la differenza fra la semicirconferenza bacino
e quella della vita. Se teniamo presente la tabella di proporzioni di un individuo normale, notiamo che la differenza
è sempre uguale a cm. 12. Considerando, quindi, la semicirconferenza bacino =cm.46 (taglia 42), avremo: cm.
46 (semicirconferenza bacino) - cm. 34 (semicirconferenza vita) = cm. 12.

Questa differenza viene utilizzata per eseguire tre riprese:


una ripresa sul dietro, una sul davanti e una sui fianchi.

La loro profondità sarà la seguente:


- sul dietro (in vita), a partire dal punto A, si riporta metà semicirconferenza vita cioè cm. 17 + cm. 3 per la
profondità della ripresa = cm.20;
- sul davanti (in vita) si riporta metà semicirconferenza vita cioè cm. 17 + cm. 3 per la ripresa = cm.20;
- sui fianchi si effettua una terza ripresa, la cui profondità viene fuori automaticamente e deve essere tale da
permettere l’aderenza della gonna in vita. In questo caso, essa sarà di cm. 6 (cm. 3 sul fianco del dietro e cm. 3
sul fianco del davanti).
In tal modo, abbiamo distribuito i cm. 12 di larghezza che si riscontrano in più in vita (rispetto al bacino) in uguale
quantità sul dietro e sul davanti della gonna e precisamente: cm. 3 sul dietro, cm. 3 sul fianco dietro, cm. 3 sul
fianco davanti e cm. 3 sul davanti.
Per alcune aziende la differenza fra bacino e vita viene considerata di cm. 10 oppure 11, anziché 12 con lo scopo di
vestire una maggiore percentuale di individui cioè anche coloro che hanno una vita un po’ più larga del normale.
Dopo aver disegnato tutte le riprese, s’innalza cm. 1 sul fianco, al dietro e al davanti.
Per ottenere la linea perfettamente curva della vita è necessario chiudere sempre, sul cartamodello, le tre riprese
fermandole con gli spilli. Quindi si traccia la linea curva della vita che parte dal punto A, passa per il punto 1 sul
fianco ed arriva al punto A’. Soltanto in questo modo si è sicuri di avere una perfetta linea circolare in vita.
Si completa il grafico con la linea del centro dietro, del fianco, del centro davanti e del fondo.
Per la posizione delle riprese, abbiamo sistemato la ripresa del dietro esattamente a metà distanza fra l’angolo
A e la cucitura del fianco, così come quella del davanti, che viene posizionata a metà distanza fra A’ ed il fianco.
La posizione delle riprese é variabile perché esse possono essere spostate verso il centro dietro o verso il centro
davanti, a seconda della conformazione della cliente, del gusto personale o della moda.

Come si può notare la lunghezza delle riprese sono variabili (questo vale soprattutto per i bambini, che rivelano un
rapido accrescimento in altezza) e per calcolarle si potrebbero applicare le proporzioni di 1/6 di semicirconferenza
bacino + cm. 1 (variabile) per le riprese sul davanti e di 1/4 di semicirconferenza bacino + cm. 1 (variabile) per
le riprese sul dietro.

La lunghezza delle riprese è la seguente: cm. 14 sul dietro (variabili), cm. 9 sul davanti (variabili) e cm. 15 sui
fianchi (variabili).
La lunghezza delle riprese è variabile. Questo vale soprattutto per i bambini, che rivelano un rapido accrescimento
in altezza. Per essi si potrebbero applicare le proporzioni di 1/6 di semicirconferenza bacino + cm. 1 (variabile) per
le riprese sul davanti e di 1/4 di semicirconferenza bacino + cm. 1 (variabile) per le riprese sul dietro.
Sul fianco sinistro si inserisce la cerniera, lunga cm.18.

31
FIG. 2 -Si disegna un angolo retto in A e sulla verticale A-55 si riportano cm. 20 (abbassamento bacino) e cm. 55 (lunghezza totale).

FIG. 3 -Si tracciano le orizzontali dai punti 20 e 55. Sull’orizzontale 20-46 si riportarno cm. 46 ( metà circonferenza bacino).

32
FIG. 4 - Si chiude il rettangolo con la verticale A' fino al fondo e si traccia la linea del fianco che si trova esattamente a metà distanza fra A
ed A'. Si notino le principali denominazioni, che troveremo nei grafici successivi.

FIG. 5 - Si disegnano tre riprese: quella del dietro, del fianco e del davanti.Si noti che la ripresa del fianco è stata innalzata di cm. 1.

33
FIG. 6 -Sul cartamodello si chiudono le tre ripres, che vengono bloccate con gli spilli.

FIG. 8 - Si disegna il garbo curvo della vita.

34
SCALA 1:5

FIG. 8 - Si aprono le riprese e si completa il disegno della gonna con la linea del centro dietro, del fianco, del centro davanti e del fondo.

IL CINTURINO
Si possono realizzare 2 tipi di cinturino
1° CASO
Il cinturino si disegna in due pezzi (anziché intero) perché alcune aziende hanno un loro sistema di cucito: si cuciono
le riprese; si attacca il cinturino e poi la fodera per il dietro e poi per il davanti. Questo sistema presenta il vantaggio
di poter effettuare sulla gonna le modifiche sui fianchi, in modo da poterla restringere o allargare. In questo caso
la gonna presenta la cucitura sul fianco destro, perché sul fianco sinistro vi è la cerniera e l’abbottonatura.
La costruzione del cinturino in 2 pezzi si esegue nel seguente modo. Per il dietro si disegna un rettangolo alto
cm.8 e lungo quanto la semicirconferenza vita cioè cm.34 a cui si aggiungono cm.3 sul fianco sinistro per l’ab-
bottonatura = cm.37. Per il davanti si disegna un rettangolo alto cm.8 e lungo quanto la semicirconferenza vita =
cm.34. Tutt’attorno si lasciano i rimessi di cm.1 per le cuciture.

2° CASO
La costruzione del cinturino intero avviene nel seguente modo.
Si disegna un rettangolo alto cm.8. La sua lunghezza è uguale alla misura della circonferenza vita (cm.68) + cm.3
per l’abbottonatura = cm.71. Poggiando il cinturino sulla stoffa, si lasciano i rimessi di cm.1 tutt’attorno.

35
FIG. 9 - Corrispondenza fra la terminologia del cartamodello ed il corpo
orpo umano visto frontalmente e dorsalmente.
dorsalmente

36
ISTRUZIONI PER IL DAVANTI
Per disegnare il davanti, si prolungano tutte le orizzontali corrispondenti ai punti A-4.4-17 e 42.5 del dietro, poiché
gli abbassamenti del dietro sono uguali a quelli del davanti.
Il davanti va disegnato dopo aver completato il tracciato del dietro. Ma, se si desidera, si può incominciare a di-
segnare prima il davanti e poi il dietro. È preferibile disegnare dietro e davanti uniti, in modo da poter avere un
migliore controllo dell’ovale del giro, come già detto precedentemente; mentre si lascia un po’ di spazio fra dietro
e davanti per i corpetti svasati, affinché le linee dei fianchi non si accavallino.
Poiché gli abbassamenti del davanti sono uguali a quelli del dietro, sulla orizzontale A’-6, si calcolano soltanto le
larghezze, utilizzando le proporzioni del grafico e precisamente:
1. Larghezza accollatura davanti (da A’ a 6,4) = 1/10 di seno + 2 = cm. 4,4 + 2 = cm. 6,4. Come si può notare la
larghezza accollatura del dietro e quella del davanti sono uguali.
2. Larghezza davanti (da A’ a 19) = 1/2 seno – 3 = cm. 22 – 3 = cm. 19.
3. Larghezza sottofianco (da 19 a 6) = 1/8 di seno + 0,5 = cm.5,5 + 0.5 = cm. 6. Anche qui va notato che la lar-
ghezza sottofianco del dietro è uguale a quella del davanti.
Si completa il reticolo base del davanti, rappresentato dal tratteggio sottile.
Si comincia a disegnare i contorni del corpetto.
Dal punto 6.4 si innalzano cm. 1.5 variabili con la taglia (cm. 1.5 per le taglie 42 e 44; cm. 2 per la 46; cm. 2.5 per
le taglie 48 e 50; cm. 3 per 52 e 54; cm. 3,5 per 56 e 58; cm. 4 per 60).Questa variabilità di valori si spiega se si
tiene presente che la lunghezza del davanti (dalla vita fino al punto 1.5) è sempre maggiore di quella del dietro,
per lo sviluppo e la presenza del seno. Di conseguenza si comprende che l’innalzamento della scollatura del
davanti varia anche in funzione della cliente. Quindi, nei cartamodelli su misure dirette, va osservato se la persona
ha il seno più sviluppato del normale (in questo caso l’innalzamento sarà maggiore ed è preferibile applicare la
misura di controllo «lunghezza vita davanti») o meno sviluppato (in tal caso l’innalzamento sarà minore). Se poi le
clienti sono senza seno, i due montanti (lunghezza vita davanti e quella del dietro) sono uguali. L’innalzamento
scollatura è fondamentale nel determinare un buon appiombo del corpetto o della giacca. In caso di errata rile-
vazione della misura di controllo, i montanti del davanti tenderanno ad accavallarsi al fondo (scarso innalzamento)
oppure ad aprirsi (eccessivo innalzamento).
Con una linea curva, quasi circolare, si disegna la scollatura davanti, abbassandosi di cm. 1 (fisso) rispetto alla
linea di «abbassamento spalle».

FIG. 16 - Reticolo base del dietro e del davanti di un corpetto con le relative proporzioni da usare per il loro impianto relativamente a tutte
le taglie. Misurando il dietro ed il davanti (come indicato dal centimetro) deve risultare la misura del seno più una vestibilità che aumenta
passando dalla taglia più piccola a quelle maggiori (vedi ultimo capitolo).

178
Dal punto 1.5 si traccia il segmento obliquo della spallina, che ha la stessa inclinazione della spallina dietro (esso
arriva, infatti, fino all’incrocio fra la linea di «abbassamento spalle» e quella della «larghezza sottofianco»). Si mi-
sura la larghezza della spallina del dietro (cm. 13) e e la si riporta sul segmento obliquo della spallina davanti ad
incominciare dal punto 1.5. In tal modo le spalline del dietro e del davanti risulteranno uguali. Nelle taglie small,
specialmente se la stoffa è morbida ed assorbe mollezza, si preferisce mantenere la larghezza spallina davanti
più stretta di cm. 1 (in questo caso essa risulterà di cm. 12), perché per il dietro si ha bisogno di un maggiore movi-
mento, nel movimento delle braccia in avanti.
Per tracciare la curva del giro davanti, occorre fissare il primo punto di attacco manica. Esso si trova sempre
(per i corpetti senza ripresa sopra il seno) sulla linea della «larghezza davanti», innalzando cm. 2 dalla linea della
«profondità giro». Questo punto di attacco manica sarà rappresentato, dal simbolo di un quadratino, anche nei
grafici che seguiranno.
Possiamo ora disegnare la curva del giro davanti, che arriva fino al fianco.Si completa il grafico con le linee del
fianco, del fondo e del centro davanti.

FIG. 17 - Per disegnare il davanti, occorre prolungare le linee orizzontali del dietro, poiché gli abbassamenti o profondità sono uguali al dietro
ed al davanti.

FIG. 18 - Dietro del corpetto completo e reticolo base del davanti di un corpetto a sacco senza ripresa sul seno. Oltre le varie denominazioni,
va notato che la larghezza accollatura del dietro è uguale a quella del davanti e lo sono anche la larghezza sottofianco dietro e la larghezza
sottofianco davanti.

179
FIG. 19 - Modo di tracciare la scollatura FIG. 20 - Si disegna la spallina, congiun- FIG. 21 - Eseguire il garbo curvo del
del davanti che è stata abbassata di cm. gendo, mediante un segmento, la punta giro davanti (unito a quello del dietro
1 (fisso) dalla linea di abbassamento di scollatura con la larghezza sottofianco devono formare un ovale perfetto), che
spalla ed innalzata di cm. 1.5 (variabili) in corrispondenza dell’abbassamento deve passare dal punto 12, dal punto 2
dal punto di accollatura. spalla. Va segnato anche il punto di at- ed arrivare fino al fianco.
tacco manica, che si trova innalzandosi
di cm. 2 dalla linea di larghezza davanti
partendo dalla linea di profondità giro.Si
misura poi la larghezza spallina del dietro
(cm. 13) e la si riporta sul davanti meno
cm. 1= cm.12.

FIG.22 - Completare il davanti con le linee del fianco, fondo e centro FIG. 23 - Spostamento di cucitura sul davanti del corpetto, che si
davanti. ottiene togliendo cm. 1 alla punta di scollatura e cm. 2 all’estremità
del giro. Cioè abbiamo tolto alla spallina del davanti quel quantitativo
che abbiamo aggiunto al dietro.Questo spostamento permette di avere
la cucitura della spallina in corrispondenza del lobo dell'orecchio e
si avrà un giusto equilibrio fra il montante davanti e dietro.Il punto 2
corrisponde al 2° punto di attacco per la manica e viene simboleg-
giato da una stellina.

180
FIG. 24 - Dietro e davanti (separati e completati) di un corpetto a sacco senza ripresa sul seno.

FIG. 25 - Dietro e davanti uniti, per mettere in evidenza l’ovale perfetto del giro del corpetto. Si noti anche la simbologia dei tre punti di
attacco manica (quadratino, stellina e triangolino), che sarà conservata in tutti i grafici.

181
TERMINOLOGIA DEL CARTAMODELLO E ANATOMIA

182
D CORPETTO A SACCO SU STOFFA
SENZA RIPRESA SUL SENO
2

FIG.1- Modo di sistemare sulla stoffa di una altezza (h. cm. 80) il dietro ed il davanti di un corpetto a sacco. Dal grafico si può ricavare la
quantità di stoffa necessaria per il corpetto su taglia 42. Da notare, inoltre, che i rimessi per le cuciture non sono costanti: cm. 1 alla scollatura
ed al giro; cm. 2 al centro spallina ed al fianco; cm. 4 al fondo.

183
FIG. 2 - Modo di sistemare sulla stoffa alta cm.140 il dietro ed il davanti di un corpetto a sacco.

FIG. 3 - Modo di sistemare sullo sbieco della stoffa dietro e davanti di un corpetto a sacco.

184
D CORPETTO SEMIADERENTE
SENZA RIPRESA SUL SENO
3

FIG. 2 - Dietro e davanti di un corpetto senza ripresa sul seno. Misurare la lar-
ghezza del dietro e del davanti (vedi centimetro). Risulta una maggiore ampiezza
in vita di cm. 14,66.

FIG. 3 - Si stabilisce preventivamente la quantità di semiaderenza che si FIG.1 - Corpetto senza ripresa sul seno, semia-
desidera in vita. Dalla larghezza in più che si trova in vita (cm. 14,66), abbiamo derente.
deciso, sempre preventivamente, di scartare cm. 4,5 al fianco dietro e cm. 4,5
al fianco davanti per un totale di cm. 9.

185
FIG. 4- Per disegnare la linea al fondo del corpetto, sul cartamodello si uniscono la linea del fianco destro con quella del fianco davanti e si
arrotonda al fondo con un lieve garbo curvo.

FIG. 5 - Dietro e davanti, ultimati, di un corpetto senza ripresa sul seno, semiaderente.

186
D CORPETTO ADERENTE
SENZA RIPRESA SUL SENO
4

FIG. 2 - Per avere l’aderenza del corpetto in vita, abbiamo scartato i cm. 14,66 che si
riscontrano in più in vita nelle seguenti riprese: fianco dietro cm. 4,3; fianco davanti
cm. 4,3; centro dietro cm. 3 e centro davanti cm. 3, per un totale di cm. 14,66. Per
poter poi disegnare la linea della vita al fondo del corpetto, è necessario chiudere
tutte le riprese sul cartamodello e disegnare il garbo in vita, arrotondato.

FIG. 3- Dietro e davanti di un corpetto aderente senza ripresa sul seno, con gli FIG. 1 - Corpetto senza ripresa sul seno, ade-
scarti calcolati in modo da avere l’aderenza in vita. Per maggiori dettagli, si rimanda rente.
il lettore alla lezione del corpetto aderente, con ripresa sul seno.

187
D CORPETTO A SACCO SU TAGLIA
CON RIPRESA SUL SENO
5

Abbiamo preferito trattare prima l’impianto base del


corpetto a sacco, senza ripresa sul seno, poichè più
semplice nell’esecuzione.
Il corpetto a sacco, con ripresa sul seno ha la preroga-
tiva di dare più forma al seno, grazie alla presenza della
ripresa, per cui la linea o la cadenza cambia, essendo
il corpetto più aderente al seno nella parte superiore.
Perciò, per le taglie più alte, è da preferirsi.

ISTRUZIONI

Il procedimento per disegnare l’impianto base di questo


corpetto con ripresa sul seno è uguale a quello del
corpetto base senza ripresa sul seno, perché si usano
le stesse proporzioni sia per calcolare le larghezze che
le profondità del reticolo base.
La differenza si riscontra sul davanti, perchè bisogna
seguire il procedimento per costruire la ripresa, illustrato
progressivamente dai grafici.
Vi è una differenza fra l’ovale del giro del corpetto "con
ripresa sul seno" e quello del corpetto "senza ripresa sul
seno". Nel corpetto "con ripresa sul seno", infatti, il 1°
punto di attacco manica si trova spostandosi di cm.
1 a destra della linea “larghezza davanti”, dopo aver
innalzato cm. 2 dalla linea di «profondità giro».
FIG.1 - Corpetto a sacco con ripresa sul seno.

188
FIG. 2 - Dietro del corpetto a sacco con ripresa sul seno, eseguito sulla taglia 42, semicirconferenza seno = cm.44. La costruzione del reticolo
base e del dietro del corpetto è uguale a quello del corpetto a sacco senza ripresa "senza ripresa sul seno". L’unica variante è rappresentata
dalla forma del giro che in questo caso è meno curvo, perchè bisogna rispettare la regola dell’ovale perfetto. Per disegnare il davanti, si
prolungano le orizzontali del dietro, poichè abbiamo già detto che le profondità del davanti sono uguali a quelle del dietro.

FIG. 3 -Si chiude il rettangolo del davanti tracciando una verticale dal punto A' ed applicando le proporzioni già considerate nel corpetto "senza
ripresa sul seno". Il reticolo del davanti quindi è uguale in entrambi i corpetti.

189
D ABITO A SACCO SU TAGLIA
CON RIPRESA SUL SENO
22

FIG. 1 - Abito a sacco, con ripresa sul seno. FIG. 2 - Dietro e davanti di un abito a sacco, con ripresa sul seno.

263
D ABITO SEMIADERENTE
CON RIPRESA SUL SENO
23

FIG. 2 - Dietro e davanti di un abito con ripresa sul seno, semiaderente in vita ed FIG. 1 - Abito semiaderente, con ripresa sul seno.
aderente al bacino. La semiaderenza in vita è stata ottenuta scartando cm. 4 al
fianco dietro, cm. 4 al fianco davanti per un totale di cm. 8 su cm. 14,66; l’aderenza
al bacino è stata ottenuta scartando tutta la larghezza in più al bacino cioè cm.
1,33 + 1,33 = cm. 2,66.

264
D ABITO ADERENTE SU TAGLIA
CON RIPRESA SUL SENO
24

FIG. 1 - Abito aderente, con ripresa sul seno. FIG. 2 - Dietro e davanti di un abito aderente, con ripresa sul seno. L’aderenza in
vita è stata ottenuta scartando tutta la larghezza in più che si trova in vita (cm. 14,66)
mediante una ripresa sul dietro di cm. 3, uno scarto sul fianco dietro di cm. 4,33 uno
scarto sul fianco davanti di cm. 4,33 ed una ripresa di cm. 3 sul davanti per un totale
di cm. 14,66. L’aderenza al bacino è stata ottenuta scartando tutta la larghezza in più
che si trova al bacino (cm. 2,66), in uno scarto di cm. 1,33 al fianco dietro ed uno scarto
di cm. 1,33 al fianco davanti.

265
FIG. 3 - Dietro e davanti di un abito aderente con ripresa sul seno. Confrontando questa base con quella della fig. 306 si può notare che è
presente una cucitura al centro dietro, per cui è stato possibile eliminare la ripresa di cm. 3 sul dietro, per effettuare invece uno scarto di cm.
3 al centro dietro in vita.

266
D ABITO SU MISURE DIRETTE
25

FIG. 1 - Modo di rilevare sulla cliente posta di spalle le seguenti FIG.2 - Modo di rilevare sulla cliente posta di fronte le seguenti
principali misure dirette: lunghezza vita dietro, lunghezza totale, principali misure dirette: circonferenza seno, circonferenza vita,
larghezza spalle, lunghezza manica. circonferenza bacino.

267
MISURE DIRETTE
La costruzione del reticolo base del cartamodello di un abito su misure dirette è uguale a quello su taglia, in
quanto anch’esso viene costruito con le proporzioni già note. La differenza sostanziale consistenel fatto che su
di esso vengono riportate tutte le misure rilevate direttamente sulla cliente, anziché quelle delle apposite tabelle.
Pertanto, nel caso di un abito su misure dirette, occorre rilevare sull’individuo almeno le seguenti misure:
1. Lunghezza vita dietro: dalla nuca al livello vita, avendo cura di legare un cordellino molto sottile in vita.
2. Lunghezza totale: dalla nuca (passando per il punto vita) fino alla lunghezza desiderata.
3. Larghezza spalle: da una estremità di una scapola all’altra.
4. Lunghezza manica: dall’estremità della scapola fino al polso, passando per il gomito ed avendo l’accortezza
di mantenere il braccio piegato a 90°.
5. Circonferenza seno: si rileva facendo passare il centimetro sulla parte più sporgente delle scapole sul dietro
e sulla parte più sporgente del seno sul davanti.
6. Circonferenza vita: si rileva facendo passare il centimetro intorno alla vita.
7. Circonferenza bacino: si rileva facendo passare il centimetro, posto obliquamente, sulla parte più sporgente
delle natiche sul dietro e sulla parte più sporgente della pancia sul davanti.
Le suddette misure vanno rilevate in maniera giusta, quindi nè larghe nè strette, poiché la vestibilità va stabilita
al momento dell’esecuzione del cartamodello.
Quindi, se le misure vengono prese ad esempio larghe, l’indumento verrà più largo e non della taglia corrispon-
dente al soggetto.
Se, invece, esse vengono rilevate troppo strette, l’indumento risulterà troppo stretto.
Ricordiamo, infine, che per un abito base con ripresa sul seno, occorrono altre misure di controllo, di cui abbiamo
già parlato a proposito dei corpetti su misure dirette.
Riportiamo, a semplice scopo dimostrativo, le seguenti misure dirette, che saranno utilizzate per un abito se-
miaderente e per uno aderente:
1. Lunghezza vita dietro . . . . . cm. 39
2. Lunghezza totale . . . . . . . cm. 80
3. Larghezza spalle (metà) . . . . . cm. 22
4. Lunghezza manica . . . . . . cm. 58
5. Circonferenza torace (metà) . . . cm. 41,5
6. Circonferenza seno (metà) . . . cm. 45
7. Circonferenza vita (metà) . . . . cm. 37
8. Circonferenza bacino (metà) . . . cm. 48
9. Abbassamento bacino . . . . . cm. 19
10. Abbassamento seno . . . . . . cm. 23
11. Distanza seno (metà) . . . . . cm. 10

ISTRUZIONI
Premesso che abbiamo scelto di proposito, per il cartamodello su misure dirette, una misura di seno dispari cioè di
cm. 45, per impostarne il reticolo base, bisogna distinguere le tre possibilità di indumenti a sacco, semiaderenti
ed aderenti.

1. Se l’abito è a sacco e ampio, si può impostare il reticolo base della 46 (anzichè della 45) utilizzando una co-
mune riga e le proporzioni già note.
2. se l’abito è a sacco e poco ampio, si può impostare il reticolo base della taglia 42;

3. se si desidera un abito giusto ed esatto cioé aderente, si può direttamente impostare il reticolo base del dietro
e del davanti con le proporzioni, facendo riferimento per i calcoli alla misura di cm. 45 (semicirconferenza seno).

Successivamente, sul dietro del reticolo si riportano le misure riscontrate sulla cliente nel seguente ordine: scolla-
tura, larghezza spalla e spallina aggiungendo cm. 1 per la mollezza, necessaria per il movimento delle braccia in
avanti. Subito dopo, sul davanti, si disegna la scollatura e la spallina, riportando la misura spallina dietro meno
cm. 1 (che era stato aggiunto per la mollezza).

Se la parte superiore dell’abito presenta la ripresa sul seno, il lettore deve consultare la relativa lezione sul cor-
petto, tenendo presente che in questo caso però la semicirconferenza torace è di cm. 41,5.
Eseguita la ripresa sul seno, questa viene chiusa e si completa la spallina del davanti.

268
Per disegnare il garbo del fianco a del bacino, bisogna tener presenti i 3 casi di abito a sacco, semiaderente
ed aderente.

1. Se è un abito a sacco, le larghezze in corrispondenza del seno sono uguali in vita, al bacino ed al fondo.

2. Se, invece, si tratta di un abito semiaderente, bisogna decidere preventivamente la vestibilità che si intende
lasciare in vita.

Se si desidera lasciare cm. 6 di vestibilità al dietro ed al davanti, si misura la larghezza del reticolo base che in
questo caso è di cm. 49,7 e si fa la differenza fra 49,7 e cm. 37 (semicirconferenza vita della cliente) e cioè cm.
49,7 - 37 = cm. 12,7 che è la vestibilità in più riscontrata in vita, al dietro ed al davanti.
Dalla differenza fra cm. 12,7 e cm. 6 (vestibilità che si intende lasciare al dietro ed al davanti) si ottengono cm. 6,7
che verranno scartati in vita metà sul dietro (cm. 3,35) e metà sul davanti (cm. 3,35).

FIG. 3 - Dietro e davanti di un abito semiaderente, su misure dirette. È uno dei tanti esempi che proponiamo all’allievo, come guida
per gli altri cartamodelli. Il reticolo base è stato impostato utilizzando le proporzioni già note già note di 1/3 + 3 per la larghezza spalla,
1/2 - 3 per la larghezza davanti, 1/8 + 0,5 per la larghezza sottofianco, 1/10 per l’abbassamento spalla e 1/4 + 6 per la profondità giro ed
effettuando i calcoli sulla misura 45 di semicirconferenza seno. Si noti che questa è una misura dispari.

269