Sei sulla pagina 1di 4

Alla QUESTURA

- Ufficio Armi ed Esplosivi - di


RAVENNA
(email ammin.quest.ra@pecps.poliziadistato.it)
(tel. 0544/294506 – 507- 513)
RIPETIZIONE DELLA DENUNCIA DI DETENZIONE DI ARMI/MUNIZIONI
PER CAMBIO RESIDENZA E/O LUOGO DI DETENZIONE
(N.B.: da trasmettere via e-mail o prodursi in DUPLICE copia, SCRITTA IN STAMPATELLO O AL COMPUTER)

Il/la sottoscritto/a_____________________________________________, nato/a il_____________


a________________________________(__), C.F. , residente
a_____________________________(__) in via/piazza ____________________________ nr._____
tel_______________, e-mail___________________________________ in possesso di:
di licenza di porto d’armi:

uso Tiro a Volo uso Caccia Difesa Personale G.P.G. _________________


(altro titolo)

n._______________ rilasciato il _________ dal Questore, Prefetto, _________________


(altro ente rilasciate)
di _______________________,

Certificazione medica per la detenzione di armi rilasciata il ____________ valida per 6 anni.
(solo in caso di sola detenzione di armi senza essere in possesso di porto d’armi in corso di validità)

DENUNCIA
di avere trasferito il luogo di detenzione di armi / munizioni:
che pertanto ora detenuto:
nel domicilio di cui sopra;

in ________________________________________ al seguente indirizzo _________________


____________________________________________________________________________

Il suddetto materiale era già stato denunciato al ________________________________________


di ___________________________________________________ in data ___________________.

Oltre a quanto sopra specificato, allego:

Copia della licenza di collezione (se posseduta);


ORIGINALI delle denunce di detenzione armi di cui viene dichiarato il cambio luogo di detenzione;
Modello 38 debitamente compilato.
N.B. Qualora le armi siano state trasportate da persona munita di porto d’armi, indicare i seguenti dati:
Consapevole delle sanzioni penali richiamate dall’art.76 del D.P.R. 28/12/2000, n.445 in caso di
dichiarazioni mendaci e di formazione o uso di atti falsi, dichiaro che il trasferimento delle armi è
stato eseguito da:
Cognome e nome _____________________________________________, nato/a il_____________
a__________________________________(__), residente a_____________________________(__)
in via/piazza_______________________________________ nr._____ tel____________________ titolare di licenza
di porto d’armi n.___________________ rilasciata il ___________________ dal Questore Prefetto di
__________________________con scadenza____________________.

DETENGO LE SEGUENTI ARMI E MUNIZIONI:


ARMI COMUNI DIVERSE DA QUELLE PER “USO VENATORIO” o “USO SPORTIVO”:
TIPO MARCA MODELLO CALIBR MATRICOLA /CANNA NR. CAT.
O NAZ.

ARMI CATALOGATE “PER USO SPORTIVO”:


TIPO MARCA MODELLO CALIBR MATRICOLA /CANNA NR. CAT. NAZ.
O

ARMI CATALOGATE “PER USO VENATORIO” E CANNE INTERCAMBIABILI:


TIPO MARCA MODELLO CALIBR MATRICOLA /CANNA NR. CAT. NAZ.
O

SEGUE ELENCO ALLEGATO;

ARMI ANTICHE (d’epoca anteriore al 1890) detenute fuori collezione :


TIPO MARCA MODELLO CALIBRO MATRICOLA

ALTRO:
TIPO DESCRIZIONE

SEGUE ELENCO ALLEGATO;

LEGENDA TIPO ARMA:

ARCHIBUGIO FUCILE SOVRAPOSTO


CANNA DI RICAMBIO LANCIARAZZI
CARABINA LANCIASIRINGHE
CARABINA A.C. MOSCHETTO
DOPPIETTA PISTOLA
DRILLING (FUCILE A TRE CANNE) RIVOLTELLA/REVOLVER
FUCILE A POMPA SPINGARDA
FUCILE SEMIAUTOMATICO TROMBONCINO AVANCARICA
FUCILE MONOCANNA

MUNIZIONI / POLVERE DA SPARO:


A PALLA SPEZZATA (pallini o pallettoni) PER FUCILI DA CACCIA : nr.
A PALLA SINGOLA PER CARABINE O FUCILI DA CACCIA: nr.
PER PISTOLA O RIVOLTELLA : nr.
POLVERE DA SPARO: kg.
SEGUE ELENCO ALLEGATO;

Autorizzazione del Prefetto di ___________________ emessa il ________________ (per eccedenze


dei limiti massimi di munizioni o polvere da sparo detenibili, fissati dall’art.97 Reg.to T.U.L.P.S.),
qui in copia allegata.

NOTE:

1) Chiunque detiene armi, munizioni o materie esplodenti di qualsiasi genere e in qualsiasi


quantità deve farne immediata denuncia e non oltre le 72 ore successive (direttamente o con
lettera raccomandata A.R. o tramite comunicazione con posta elettronica certificata) all'Ufficio
locale di Pubblica Sicurezza (Questura o Commissariato) o, se questo manchi, al Comando dei
Carabinieri competente per territorio. Si ha “detenzione” nel momento in cui si acquista la
materiale disponibilità delle armi o delle munizioni (ovvero il “concreto esercizio di un potere di
fatto e di disposizione” sul citato materiale). I ritardi dovuti a causa di forza maggiore dovranno
essere opportunamente documentati.
2) Se trattasi di arma priva del numero di matricola in quanto anteriore al 1920 e mai punzonata,
nell’apposita casella dovrà essere espressamente indicato “arma prodotta prima del 1920”. Se
trattasi di arma priva del numero di iscrizione nel Catalogo Nazionale delle Armi in quanto
prodotta o importata prima dell’entrata in vigore delle norme sull’applicazione del numero di
catalogo, nell’apposita casella dovrà essere espressamente indicato “arma precatalogo”. Si
rammenta comunque che le armi da caccia a canna liscia, le armi antecedenti al 1890 (classificate
Antiche) e le repliche di armi ad avancarica, non sono catalogate. Tutte le armi antecedenti al
1920 possono essere detenute anche senza la matricola e non sono inserite nel catalogo. Tutte le
armi antecedenti al 1975 e successive all'anno 1920, hanno l'obbligo della matricola per essere
detenute ma non sono inserite nel catalogo.
3) Si possono detenere al massimo, senza licenza di collezione:
a) tre armi comuni da sparo (sia lunghe che corte) diverse dalle armi da caccia o sportive;
b) sei armi comuni da sparo classificate sportive;
c) otto armi antiche;
d) nessuna limitazione è posta al numero di armi da caccia detenibile.
4) Chi denuncia un'arma deve anche indicare tutte le altre armi di cui è in possesso e il luogo dove si
trovano, anche se sono state precedentemente denunciate
5) Ai sensi dell’art. 4 D. L.vo 1274/56 in caso di cessione dell’arma il cedente ha l’obbligo di dichiararlo
all’Autorità di P.S., pena l’arresto fino a 3 mesi o l’ammenda fino ad €.206,00.
6) L’art. 38 T.U.L.P.S., 4° comma: “Chiunque detiene armi senza essere in possesso di alcuna
licenza di porto d’armi, deve presentare ogni 6 anni la certificazione medica di cui all’art.35
comma 7° T.U.L.P.S. :
Certificazione comprovante l’idoneità psico-fisica, rilasciata dall’A.S.L. di residenza
ovvero dagli Uffici medico-legali e dalle strutture sanitarie militari e della Polizia di Stato,
così come previsto dall’art. 3, comma 1, D.M. Sanità. 28.4.1998; (prima recarsi dal medico
curante per ottenere il certificato anamnestico );
La mancata presentazione del certificato medito autorizza il Prefetto a vietare la detenzione
delle armi denunciate, ai sensi dell’art. 39 T.U.L.P.S.

PRESCRIZIONI PER LA DETENZIONE DI DETENZIONE ARMI E MUNIZIONI:

1) l’obbligo ex art.58 del Regolamento T.U.L.P.S. di comunicare tempestivamente e non oltre le 72 ore a questo
ufficio l’eventuale acquisto/cessione a terzi di armi o munizioni (per i contravventori: arresto fino a due mesi
o ammenda fino a 103,00€);
2) l’obbligo di custodire le armi con ogni diligenza nell’interesse della sicurezza pubblica, secondo quanto
disposto dalli artt. 20 e 20bis della legge n.110/75 e da questo ufficio:

ARMI LUNGHE AD ANIMA LISCIA: dovranno essere riposte in armadio metallico o in
vetrinette munite di vetro antisfondamento e di idonea chiusura di sicurezza; in alternativa le
predette armi potranno essere custodite con ancoraggio al muro per mezzo di catena di adeguato
spessore o tondino in acciaio del diametro di 10 mm. Passante per il ponticello del grilletto, con
apertura assicurata da lucchetto;
 ARMI LUNGHE A CANNA RIGATA ED ARMI CORTE: oltre alle predette prescrizioni
dovranno, ove possibile, essere private di una parte essenziale, custodendole a parte;
3) ESPLOSIVI: la polvere da lancio e le cartucce devono essere custodite separatamente alle armi in
contenitore munito di serratura;
4) è fatto divieto di detenere polvere da lancio e/o cartucce a chi detiene armi e non è in possesso di attestazione
per il maneggio delle armi;
5) L’inosservanza o la non attuazione delle presenti prescrizioni entro 60 giorni, decorrenti dalla data della
denuncia, oltre al deferimento all’A.G., comporterà l’adozione di provvedimenti amministrativi quali
l’obbligo di disfarsi delle armi o, in alternativa, di depositarle per il tempo necessario all’installazione delle
citate misure.

Ravenna, _____________
IN FEDE

________________________________

SPAZIO RISERVATO ALL’UFFICIO ACCETTANTE *

QUESTURA DI RAVENNA
DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA, SOCIALE E DELL’IMMIGRAZIONE
- Ufficio Armi ed Esplosivi -
(email ammin.quest.ra@pecps.poliziadistato.it)
(telefono 0544/294506 – 507- 513)

Il sottoscritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ., ai sensi dell’art. 38, d.p.r. 445/2000, attesta che


l’istanza è stata firmata dall’interessato in sua presenza , previo accertamento dell'identità personale risultante dalla
esibizione del documento:
. . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
....
. . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
....
* si richiama la possibilità di avvalersi delle ulteriori modalità di presentazione indicate nell'art. 38 del d.p.r.
445/2000.

COPIA DELLA DENUNCIA DEVE ESSERE SEMPRE CONSERVATA NEL LUOGO OVE L’ARMA È DETENUTA.

Ravenna, lì ________________
L’ADDETTO

________________________________________

Potrebbero piacerti anche