Sei sulla pagina 1di 15

REUMATOLOGIA

D- nei pz con gotta primaria o idiopatica è infrequente il riscontro di


calcolosi renale
Qual è la tipica presentazione dell'artrite in corso di artrite reumatoide:
A- monoarticolare Quale è l'articolazione tipicamente interessata dalla gotta:
B- al rachide lombare A- seconda metacarpofalangea
C- ai cingoli B- ginocchio
D- simmetrica C- prima metatarsofalangea
D- gomito
Quale delle seguenti affermazioni è riferibile a pazienti con artrite
reumatoide: Quale dei seguenti esami può essere utile nella diagnosi della gotta:
A- la rigidità mattutina è prolungata per più di 1 ora A- rx mani e polsi
B- l'artrite è generalmente oligoarticolare e asimmetrica B- RM ginocchio
C- le interfalangee distali delle mani sono frequentemente interessate C- esame del liquido sinoviale
D- la maggior parte dei pazienti non è positivo per il fattore reumatoide e ab D- nessuna delle precedenti
anti-proteine citrullinate
Viene eseguita un'artrocentesi ad una donna di 70 anni che da 3 giorni
Una monoartrite acuta di una grossa articolazione è più frequentemente presenta una tumefazione dolente al ginocchio destro. L'analisi del liquido
dovuta a tutte tranne: sinoviale rivela la presenza di cristalli con birifrangenza positiva. Pensate a
A- emartro una:
B- gotta A- condrocalcinosi
C- artrite reumatoide B- gotta
D- artrite reattiva C- artrite settica
D- artrite psoriasica
Quale delle seguenti deformità articolari NON è tipica dell'AR:
A- cisti gangliare All'esame del liquido sinoviale di un paziente con condrocalcinosi è possibile
B- dita a collo di cigno osservare cristalli di:
C- deviazione ulnare della mano A- idrossido di calcio
D- pollice a Z B- urato monosodico
C- pirofosfato di calcio
Quale delle seguenti affermazioni è riferibile a pazienti con artrite D- nessuna delle precedenti
reumatoide:
A- la rigidità mattutina superiore a 1 ora è un elemento tipico Quale delle seguenti affermazioni sull'esame del liquido sinoviale è corretta:
B- l'artrite è generalmente monoarticolare e delle grosse articolazioni A- non è utile nella diagnosi della gotta
C- le interfalangee distali delle mani sono frequentemente interessate B- l'artrocentesi è una manovra gravata da complicanze nell'80% dei casi
D- l'interessamento assiale è frequente C- consente di effettuare la ricerca di microcristalli
E- la rigidità mattutina inferiore a 1 ora è un elemento tipico D- è indicato della DD dell'artropatia di Jaccoud

Quale delle seguenti affermazioni NON è riferibile alla artrite reumatoide:
A- usualmente l'impegno articolare è periferico Quali articolazioni sono tipicamente interessate nei pazienti con
B- usualmente l'impegno articolare è assiale spondiloartriti sieronegative:
C- può comportare la compara di vasculite A- rachide lombosacrale
D- usualmente l'impegno articolare è simmetrico B- ginocchia
C- sacroiliache
Quale delle seguenti affermazioni NON è riferibile a pazienti con artrite D- rachide cervicale
reumatoide:
A- la rigidità mattutina prolungata (superiore a 1 ora) è un elemento tipico L'interessamento infiammatorio delle articolazioni sacroiliache è tipico di:
B- l'artrite è generalmente polistazionale e simmetrica A- spondiloartriti sieronegative
C- le interfalangee distali delle mani sono frequentemente interessate B- artrite reumatoide
D- la maggior parte dei pazienti presenta positività per fattore reumatoide e C- artrite da microcristalli
ab anti-proteine citrullinate D- polimialgia reumatica

Il processo patologico dell'artrite reumatoide colpisce primitivamente: la Le spondiloartriti sieronegative sono caratterizzate da:
membrana sinoviale A- entesiti
B- interessamento oculare
Lo "squeeze test" è un modo facile e veloce per indagare l'interessamento C- interessamento cardiaco
infiammatorio di: D- tutte le precendenti
articolazioni metatarso e metacarpofalangee
Uveiti, aortiti ed entesiti sono manifestazioni extra-articolari che possono
osservarsi in corso di:
Quale delle seguenti affermazioni sull'esame del liquido sinoviale NON è A- polimialgia reumatica
corretta: B- spondiloartriti sieronegative
A- non è utile nella diagnostica della gotta C- artrite reumatoide
B- l'artrocentesi è una manovra raramente gravata da complicanze maggiori D- LES
C- consente di effettuare la ricerca di microcristalli
D- non è indicato nella diagnostica differenziale dell'artropatia di Jaccoud Tra le manifestazioni extra-articolari delle spondiloartriti sieronegative NON
E- è indicato nella diagnostica differenziale delle monoartriti si osserva tipicamente:
A- calcificazioni sottocutanee
Cosa può scatenare un attacco di gotta: B- insufficienza aortica
A- assunzione di diuretici C- psoriasi
B- ipotiroidismo D- uveite anteriore
C- assunzione di FANS
D- nessuna delle precedenti Un uomo di 30 anni, muratore, lamenta dolore lombare presente da circa
un paio di mesi. Il dolore si accentua con il riposo. È presente rigidità del
Nella gotta è vera una sola delle seguenti affermazioni: rachide da sveglio. Con il movimento le algie tendono a migliorare. Qual è il
A- i cristalli di urato monosodico nel liquido sinoviale appaiono con intensa vostro approccio diagnostico:
birifrangenza positiva A- sospettare una lombalgia meccanica secondaria all'attività lavorativa e
B- il cosiddetto pool miscibile è, nella donna, circa 1500 mg prescrivere una TAC del rachide
C- l'iperuricemia di per sé è sufficiente per determinare un attacco acuto di B- sospettare una forma di spondilite e far eseguire una radiografia in toto
gotta del rachide
C- sospettare dei crolli vertebrali e far eseguire una mineralometria ossea Quale patogeno non è causa di artrite reattiva: streptococco, gonococco,
D- sospettare una forma di spondilite e fare eseguire una RM del bacino ureaplasma, nessuno dei precedenti
con studio delle sacro-iliache
In quale ordine si presentano le fasi cliniche del fenomeno di Raynaud:
Quale delle seguenti affermazioni sulla spondilite anchilosante non è A- ischemica, cianotica, eritematosa
corretta: B- cianotica, eritematosa, ischemica
A- si associa frequentemente alla presenza di HLA-B27 C- eritematosa, ischemica, cianotica
B- interessa generalmente le articolazioni sacro-iliache D- cianotica, vasomotoria, ischemica
C- è più frequente nel sesso femminile
D- può esserci un interessamento extra-articolare della malattia Il fenomeno di Raynaud:
A- è caratterizzato da vasospasmo circolatorio
Il dolore lombare infiammatorio presenta tutte queste caratteristiche B- viene indagato mediante la capillaroscopia periungueale delle mani
tranne: C- è il tipico sintomo di esordio della sclerosi sistemica
A- insorgenza notturna D- si distingue in 1° e 2° tipo
B- miglioramento con la posizione supina E- tutte le precedenti sono corrette
C- rigidità mattutina
D- ottima risposta ai FANS La capillaroscopia periungueale delle mani:
A- consente la diagnosi precoce di disturbi vasomotori su base di
Sono caratteristiche del dolore lombare infiammatorio tutte le seguenti disfunzione autonomica
tranne: B- è un esame invasivo
A- migliora con l'esercizio C- va richiesta nei soggetti con onicopatia cronica
B- trova beneficio nell'utilizzo di FANS D- nessuna delle precedenti
C- si associa a rigidità mattutina
D- ha esordio acuto Per confermare un sospetto di LES è utile ricercare:
A- anticorpi anti-nucleo
Un giovane uomo di 27 anni lamenta da tre mesi artromialgia lombare B- anticorpi anti-ENA
prevalentemente notturna che tende a risolversi con il movimento. Al C- anticorpi anti-citrullina
risveglio presenta rigidità diffusa al rachide e le algie migliorano con i FANS. D- fattore reumatoide
Quali esami eseguo:
A- dosaggio indici di flogosi, ricerca HLA B27, RM bacino sacroiliache Cosa si fa in presenza di un fenomeno di Raynaud:
B- dosaggio di Ro/SSA e La/SSB A- differenzio forme primitive e secondarie
C- ricerca di U1RNP B- richiedo capillaroscopia e ANA
D- rx in due proiezioni C- escludo sclerosi sistemica all'esordio
D- tutte le precedenti
Un paziente con artrite cronica delle interfalangee distali delle mani potrà
farvi sospettare: La manifestazione più frequente nei pazienti con LES:
A- artrite reumatoide A- artrite
B- artrite psoriasica B- miosite
C- artrite lupica C- sierosite
D- nessuna delle precedenti D- epatite

È una caratteristica dell'artrite psoriasica: Una donna di 30 anni lamenta artrite alle mani e ai polsi, aftosi orale
A- interessamento simmetrico delle metacarpofalangee ricorrente, spiccata fotosensibilità. Gli esami mostrano positività per
B- erosioni ad alabarda anticorpi anti-nucleo a titolo elevato. Nel sospetto di LES, quali indagini
C- erosioni ad ala di gabbiano ulteriori prescrivereste:
A- anti-DNA
Quale tra questi aspetti è tipico dell'artrite psoriasica? B- anti-ENA
A- dattilite C- anti-fosfolipidi
B- aspetto radiologico pencil in the cup D- tutte le precedenti
C- pitting ungueale Quale patologia causa eritema interarticolare al dorso delle mani che
D- tutte le precedenti risparmia le nocche, dolore lombare e interessamento interfalangeo distale:
LES
Quale dei seguenti distretti anatomici è frequentemente interessato in
corso di artrite sieronegativa: Cosa non rientra nei criteri diagnostici del LES:
A- rachide cervicale A- eritema a farfalla
B- articolazioni interfalangee distali B- coinvolgimento renale
C- cingolo scapolare e pelvico C- coinvolgimento neurologico
D- tutte le precedenti D- aborti ricorrenti

Qual è la diagnosi differenziale di un interessamento artritico delle Quale tra le seguenti manifestazioni è poco frequente nel LES:
interfalangee distali delle mani: A- leucopenia
A- artrite reumatoide vs artrite psoriasica B- miosite
B- artrite psoriasica vs artrosi erosiva C- artrite delle mani
C- artrite reumatoide vs artrosi erosiva D- ipergammaglobulinemia monoclonale
D- polimialgia reumatica vs artrosi erosiva
È una caratteristica del LES:
Nell'ambito delle spondiloartriti sieronegative, la gonartrite è più frequente A- livedo reticularis
in corso di: B- ab anti-Sm
A- spondilite anchilosante C- ab anti-Ro
B- gotta D- fenomeno di Raynaud
C- artrite reattiva
D- nessuna delle precedenti Nel sospetto di LES, quali anticorpi è utile richiedere:
A- anti-nucleo, anti-ENA, anti-DNA nativo
Le artriti reattive sono generalmente secondarie ad infezioni: B- ANCA
A- genitourinarie C- anti-fosfolipidi
B- polmonari D- a+c
C- mucocutanee
D- oculari Per confermare il LES è utile ricercare:
A- ab anti-citrullina
B- anti-ENA E- porpora palpabile
C- fattore reumatoide Una donna di 50 anni lamenta da diversi mesi astenia intensa, sindrome
D- ANCA sicca e poliartralgie, gli esami di laboratorio mostrano positività ad alto
titolo per ab anti-nucleo e per anti-Ro/SSA. Qual è l'orientamento
In un paziente con afte orali non dolenti, ab anti-DNA e anti-ENA, artralgie diagnostico:
delle interfalangee prossimali cosa sospetti: LES A- sindrome di Sjogren
B- LES
Quale di queste manifestazioni NON viene descritta come associata alla C- connettivite indifferenziata
presenza di ab antifosfolipidi: D- artrite reumatoide
A- aborti ricorrenti
B- trombosi arteriose Sono tutti test indicati per valutare il paziente con xeroftalmia tranne:
C- eritema liliaceo A- BUT
D- papule di Gottron B- test di Schirmer
E- livedo reticularis C- test di Phalen
D- test al rosa di bengala
La sindrome da anticorpi antifosfolipidi:
A- si associa a patologia ostetrica Il linfoma è una delle manifestazioni a lungo termine più temibili di:
B- esiste esclusivamente nella forma primaria sindrome di Sjogren
C- interessa maschi e femmine in ugual proporzione
D- non è diagnosticabile mediante la ricerca degli anticorpi anticardiolipina Quali dei seguenti quadri patologici NON rientra nei sintomi
extraghiandolari della sindrome di Sjogren:
Per la sindrome da ab antifosfolipidi è necessario dosare: A- porpora palpabile
A- lupus anticoagulant (LAC), ab anti-cardiolipina, ab anti-glicoproteina β1 B- artralgie/artrite
B- ENA, ANA C- glomerulonefrite
C- ab anti-Ro, ab anti-La D- nefrite interstiziale
D- ab anti-Jo1
Sono caratteristiche di laboratorio tipiche della sindrome di Sjogren:
I soggetti portatori di ab antifosfolipidi sono maggiormente a rischio di A- b+d
sviluppare le seguenti manifestazioni tranne una: B- positività per ab anti-Ro/SSA e/o ab anti-La/SSB
A- trombosi venosa profonda C- positività per anticorpi anti-trombina
B- aborti spontaei D- ipergammablobulinemia monoclonale
C- scompenso cardiaco
D- ischemia cerebrale Qual è la manifestazione clinica più suggestiva di una forma di
dermato/polimiosite:
Quale tra le seguenti manifestazioni cliniche NON è da considerarsi tipica A- debolezza muscolare
della sindrome da Ab antifosfolipidi: B- dolore intenso ai cingoli
A- piastrinopenia C- poliartrite
B- microangiopatia D- a+b
C- artrite delle metacarpofalagee
D- livedo reticularis Una donna di 35 anni si presenta lamentando facile affaticabilità, debolezza
muscolare e incapacità nel passaggio dalla posizione accovacciata a quella
Sono possibili manifestazioni ostetriche della sindrome da Ab antifosfolipidi: eretta. Qual è l'ipotesi diagnostica più probabile:
A- malformazione fetale A- polimialgia reumatica
B- preeclampsia grave B- LES
C- aborti ricorrenti C- gotta
D- b+c D- polimiosite

Una signora con diagnosi di sindrome da ab anti-fosfolipidi e una anamnesi Qual è la principale ipotesi diagnostica in una donna di 30 anni con difficoltà
di insuccessi ostetrici (non trombosi) ha recentemente portato a termine ad alzarsi dalla posizione accovacciata e ad elevare le braccia sopra le spalle,
una gravidanza (trattata con eparina e basse dosi di aspirina) con buon che persiste da circa 2 mesi, associato ad un rash del volto e alle nocche
esito. Ritorna quindi dal medico di medicina generale che avrà il compito di: delle mani:
A- rassicurarla, non ha mai avuto trombosi in passato e non ne avrà in A- sclerosi sistemica
futuro B- fibromialgia primaria
B- consigliarle estroprogestinici orali onde evitare future gravidanze C- dermatomiosite
potenzialmente a rischio D- LES
C- attuare una attenta profilassi di possibili fatti trombotici futuri (in
particolare nei periodi a rischio) La debolezza muscolare, soprattutto prossimale, è sintomo cardine di:
D- nessuna delle precedenti A- polimialgia reumatica
B- fibromialgia primaria
Sono tipici della malattia di Sjogren tutti tranne: C- dermato-polimiosite
A- sindrome sicca D- artrite reumatoide
B- sciatica mozza
C- ipergammaglobulinemia policlonale La polimiosite NON ha come complicanza:
D- artrite A- calcinosi
B- cardiomiopatia
Alterazioni di laboratorio tipiche della sindrome di Sjogren sono tutte C- fibrosi polmonare
tranne: D- artrite delle interfalangee distali
A- ipergammaglobulinemia policlonale
B- leucopenia Gli anticorpi anti-Jo1 si associano a:
C- positività per anticorpi anti-Sm A- LES
D- positività per fattore reumatoide B- connettivite mista
E- positività per anti-Ro/SSA C- dermato-polimiosite
D- sindrome di Sjogren
Quale dei seguenti rilievi clinico/laboratoristici non è tipico della sindrome E- sclerosi sistemica
di Sjogren: Di quale patologia è caratteristico il rash eliotropo: dermatomiosite
A- positività al test di Schirmer
B- tumori ghiandole sottomandibolari Quale delle seguenti attività è preclusa in paziente con dermato/polimiosite
C- aumento delle CPK attiva:
D- disfagia per cibi asciutti A- alzarsi dalla posizione accovacciata
B- sollevare le braccia al di sopra della testa Per confermare un sospetto di malattia mista del connettivo è utile
C- mantenere la posizione di Mingazzini ricercare:
D- tutte le precedenti A- anti-citrullina
B- anti-ENA
Quale dei sintomi elencati non è tipico della sclerosi sistemica: C- fattore reumatoide
A- fenomeno di Raynaud D- ANCA
B- presenza di teleangectasie
C- presenza di papule di Gottron Gli ab anti-U1RP sono marker per: connettivite mista
D- disfagia
In una donna di 35 anni che presenta da 2 mesi fenomeno di Raynaud alle
Il fenomeno di Raynaud (segnare l'affermazione errata): mani con dita a salsicciotto, discinesia esofagea, artrite e anticorpi anti-
A- va classificato in forma “primaria” versus “secondaria” U1RPNP ad alto titolo il vostro orientamento diagnostico è:
B- viene indagato mediante la capillaroscopia ungueale delle mani A- sclerosi sistemica limitata
C- è riscontrabile nelle connettiviti sistemiche eccetto che nella sclerosi B- connettivite indifferenziata
sistemica C- fenomeno di Raynaud idiopatico
D- è composto di tre fasi sequenziali (ischemica, cianotica, eritematosa) D- malattia mista del connettivo
Quale delle seguenti è una vasculite dei vasi di grosso calibro:
Qual è l'autoanticorpo che si associa alla sclerosi sistemica, variante A- panarterite nodosa
limitata: anti-centromero B- arterite a cellule giganti
C- malattia di Churg-Strauss
Qual è l'autoanticorpo che generalmente si associa alla sclerosi sistemica, D- vasculite leucocitoclastica
variante diffusa: anti-Scl70
Quale affermazioni NON è pertinente all'arterite di Horton:
Quale delle seguenti affermazioni NON è caratteristica della sindrome da A- risponde ad alte dosi di steroidi
anti-sintetasi: B- risponde a basse dosi di steroidi
A- presenza di miosite C- può portare a gravi conseguenze
B- presenza di fibrosi polmonare D- è associata a cefalea
C- presenza di anticorpi anti-DNA
D- presenza di anticorpi anti-Jo1 Segna la affermazione giusta per l'arterite a cellule giganti ovvero arterite di
Horton:
La sindrome da ab anti-sintetasi si caratterizza per la coesistenza dei A- raramente si associa a sintomi sistemici come febbre, calo ponderale e
seguenti quadri clinici: astenia intensa
A- trombosi ricorrenti, poliabortività, piastrinopenia B- non è diagnosticabile istologicamente
B- fenomeno di Raynaud, ulcere cutanee, contratture articolari C- va trattata precocemente e tempestivamente per evitare gravi
C- tender point positivi, dolore miofasciale diffuso, cefalea complicanze
D- artrite, interstiziopatia polmonare, polmonite, miosite D- si associa frequentemente alla gotta
Sono anticorpi anti-sintetasi: E- si associa frequentemente all'artrite reumatoide
A- anti-centromero
B- anti-ENA L'arterite a cellule giganti: può occludere il lume
C- anti-Ro/SSA
D- anti-Jo1 Quale delle seguenti manifestazioni cliniche NON è connessa a vasculiti
ANCA associate:
Sono anticorpi noti per la loro associazione con complicanze ostetriche tutti A- interessamento dell'arco aortico
tranne: B- glomerulonefrite
A- Anti-cardiolipina C- fibrosi polmonare
B- Lupus anticoagulant D- mononeuriti multiple
C- Anti-Ro/SSA
D- Anti-Scl70 Quale delle seguenti è classificata come vasculite ANCA-associata:
A- panarterite nodosa
Cosa non è tipico della sindrome anti-sintetasi: B- arterite di Takayatsu
A- presenza di ab anti-DNA C- poliangioite granulomatosa
B- miosite D- vasculite leucocitoclastica
C- mani da meccanico
D- coinvolgimento polmonare In un paziente con porpora cutanea palpabile agli arti inferiori posso
sospettare:
Una signora di 45 anni presenta da pochi mesi fenomeno di Raynaud alle A- vasculite ANCA associata
mani. Negli esami di laboratorio sono presenti Ab anti-centromero. Voi B- una sclerosi sistemica
sospettate: C- a+d
A- crioglobulinemia D- una crioglobulinemia
B- sclerosi sistemica variante diffusa
C- sclerosi sistemica variante limitata Quale delle seguenti è classificata come vasculite dei vasi di medio calibro:
D- sindrome di Sjogren A- panarterite nodosa
E- dermatopolimiosite B- malattia di Wegener
C- poliangioite microscopica
Quale delle seguenti manifestazioni NON è caratteristica della sclerosi D- sindrome di Churg-Strauss
sistemica:
A- fenomeno di Raynaud L'infezione da virus B dell'epatite può contribuire all'insorgenza di:
B- teleangectasie A- dermato/polimiosite
C- rash eliotropo B- LES
D- disfagia C- panarterite nodosa
D- fibromialgia primaria
Sono manifestazioni più frequenti della sclerosi sistemica con
+
interessamento cutaneo limitato rispetto a quella con interessamento In un paziente di 50 anni (HBsAg ) che presenta da 2 settimane febbre,
cutaneo diffuso tranne: aumento significativo della VES, leucocitosi, calo ponderale, artralgie,
A- calcinosi astenia, ipertensione arteriosa, livedo reticularis dell'arto inferiore sx e
B- teleangectasie recente IMA sospetto:
C- fibrosi polmonare A- panarterite nodosa
D- ipertensione polmonare isolata B- sindrome da ab antifosfolipidi
C- crioglubulinemie
D- spondilite anchilosante Quali delle seguenti affermazioni NON è riferibile ad un paziente con
polimialgia reumatica:
La panarterite nodosa può associarsi a un'infezione virale. Quale tra queste: A- può esserci una concomitante arterite temporale
A- CMV B- è frequente l'interessamento delle articolazioni interfalangee distali
B- HBV delle mani
C- HCV C- è presente impotenza funzionale dei cingoli scapolare e pelvico
D parvovirus B19 D- può accompagnare l'esordio di una forma di artrite reumatoide
soprattutto ad insorgenza senile
Quale delle seguenti non rientra nella classificazione di Chapel Hill delle
vasculiti dei piccoli vasi: Quale distretto anatomico è più frequentemente interessato in corso di
A- panarterite nodosa polimialgia reumatica:
B- granulomatosi di Wegener A- rachide cervicale
C- poliangioite microscopica B- articolazioni interfalangee delle mani
D- sindrome di Churg-Strauss C- cingoli scapolare e pelvico
D- tutte le precedenti
Sono tutte vasculiti che coinvolgono i vasi di piccolo calibro tranne:
A- arterite di Takayasu Una signora di 70 anni si presenta in PS lamentando dolore ai cingoli e
B- porpora di Schonlein-Henoch difficoltà nei passaggi posturali e nelle attività quatidiane (e.g. vestirsi,
C- granulomatosi eosinofila con poliangiute lavarsi). L'esordio dei sintomi è stato improvviso.Qual è l'ipotesi diagnostica:
D- vasculite crioglobulinemica A- polimialgia reumatica
B- spondilite
Nella sindrome di Churg-Strauss: C- lombalgia cronica
A- gli ANCA non sono rilevabili D- polimiosite
B- non vi è interessamento delle vie aeree
C- è rara l'ipereosinofilia La polimialgia reumatica colpisce più spesso: soggetti anziani
D- nessuna delle precedenti
Terapia polimialgia reumatica alla diagnosi: corticosteroidi x os ad alte dosi
L'asma ingravescente resistente alla terapia è caratteristica tipica di quale
tra le seguenti vasculiti: In una signora di 65 anni con insorgenza improvvisa di dolore e impotenza
sindrome di Churg-Strauss funzionale al cingolo scapolare e disturbi del visus, accompagnati da un
aumento degli indici di flogosi con CPK normali e assenza di autoanticorpi, il
Nella sindrome di Churg-Strauss quale di queste affermazioni corrisponde al vostro sospetto diagnostico è:
vero: A- polimiosite/dermatomiosite
A- gli ANCA non sono rilevabili B- polimialgia reumatica con possibile arterite temporale associata
B- non vi è interessamento delle vie aeree C- fibromialgia reumatica
C- può esserci sindrome nefrosica D- connettivite non differenziata
D- è frequente l'ipereosinofilia
In quale delle seguenti condizioni non è riscontrabile un interessamento
Quale di queste NON è associata alla sindrome di Churg-Strauss: infiammatorio delle articolazioni (artrite):
A- glomerulonefrite necrotizzante A- polimialgia reumatica
B- ipereosinofilia modesta B- fibromialgia primaria
C- assenza di positività per ANCA C- LES
D- non dà sintomi a carico delle vie aeree D- sclerosi sistemica
E- sindrome di Sjogren
Quale delle seguenti è classificata come vasculite NON-ANCA associata:
A- poliangioite microscopica Una paziente affetta da fibromialgia spesso riferisce anche:
B- sindrome di Churg-Strauss A- insonnia
C- granulomatosi di Wegener B- a+d
D- vasculite leucocitoclastica C- amenorrea
D- dismenorrea
Le crioglobuline:
A- sono anticorpi monoclonali Sono tutti tessuti connettivi organizzati tranne: tessuto cerebrale
B- non sono in grado di attivare il complemento
C- possono dare vasculite con interessamento dei glomeruli renali Quale delle seguenti articolazioni non è sede tipica di artrosi primaria:
D- sono associate ad infezione del virus dell'epatite A A- trapezio metacarpale
B- gomito
D-Una signora di 64 anni che lamenta la comparsa improvvisa di dolore e C- interfalangee prossimali delle mani
impotenza funzionale al movimento usuale del cingolo scapolare ed ha D- interfalangee distali delle mani
indici di flogosi elevati, vi farà sospettare diagnosi di:
A- fibromialgia reumatica Quale articolazione non è coinvolta nell'artrosi primaria:
B- polimialgia reumatica A- ginocchio
C- artrite reumatoide B- gomito
D- artrosi C- spalla
D- anca
Un uomo di 60 anni si presenta lamentando dolore ai cingoli e difficoltà nei
passaggi posturali e nelle attività quotidiane. L'esordio dei sintomi è stato Quale tra le seguenti è l'ordine corretto della prevalenza delle malattie
improvviso. Qual è l'ipotesi diagnostica più probabile: (ordine decrescente):
A- polimialgia reumatica A- osteoartrosi, febbre reumatica, gotta, AR
B- fibromialgia B- gotta, osteoartrosi, AR, febbre reumatica
C- gotta C- osteoartrosi, AR, gotta, febbre reumatica
D- polimiosite D- febbre reumatica, AR, osteoartrosi, gotta

Quali tra queste affermazioni NON è pertinente alla polimialgia reumatica:
A- ha carattere fortemente infiammatorio
B- interessa soggetti tra i 30 e i 50 anni
C- può associarsi ad arterite gigantocellulare
D- è responsiva al trattamento steroideo


12) Della famiglia delle "tropomiosine" fanno parte allergeni crocianti
presenti in:
A- uova e carni di pollame
IMMUNOLOGIA CLINICA, ALLERGOLOGIA B- latte dei vari mammiferi
C- muscoli di roditori, quindi e bovini
1) Ragazzo di 17 anni, affetto da oculorinite stagionale determinata da D- acari, crostacei, molluschi e scarafaggi
sensibilizzazione allergica a polline di betulla ed altri alberi a fioritura
precoce. Da oltre 1 anno lamenta episodi di angioedema labiale in seguito 13) L'abuso del termine "allergia" ha condotto ad estenderlo erroneamente
ad assunzione di alimenti. Tra i seguenti, qual è l'accertamento più corretto, a tutte le reazioni avverse agli alimenti, con conseguente notevole
verosimilmente dirimente? confusione. Il 25% circa della popolazione crede di essere "allergico" agli
A- dosaggio del C1s-INH (inibitore) alimenti e modifica di ocnseguenza la propria dieta: in realtà, quando
B- dosaggio delle IgE sieriche totali (PRIST) vengono usati metodi diagnostici validati, risulta allergico:
C- test cutanei con alimenti del gruppo "noci-semi" A- 2-4% dei bambini, 0,5-1% degli adulti
D- test epicutanei per alimenti (atopy patch test) B- 6-8% dei bambini, 2-4% degli adulti
C- 10-12% dei bambini, 6-8% degli adulti
2) Qual è in età pediatrica la principale causa di shock anafilattico? D- 16-18% dei bambini, 10-12% degli adulti
A- antibiotici
B- FANS 14) Per quali pazienti può essere indicata l'ITS:
C- alimenti A- solo per i pazienti con allergia IgE-mediata a veleno di imenotteri
D- puntura da imenotteri B- solo per i pazienti affetti da rinocongiuntivite allergica
C- per i pazienti con una allergia IgE-mediata respiratoria, a punture di
3) Quale delle seguenti condizioni può associarsi ad iper-eosinofilia: imnotteri, al lattice
A- parassitosi D- per tutti i pazienti asmatici
B- linfoma di Hodgkin
C- sindrome di Churg-Strauss 15) Sono sintomi tipici di rinite allergica tutti i seguenti tranne:
D- tutte le precedenti A- rinorrea acquosa
B- rinorrea mucopurulenta
4) Quando è assolutamente indicata l'immunoterapia (ITS) dopo reazione C- ostruzione nasale
allergica IgE-mediata a puntura di imenottero: D- prurito nasale
A- sempre
B- solo in caso di reazioni cutanee estese 16) Non si esegue MAI un test di scatenamento con un farmaco se questo
C- solo in caso di reazioni sistemiche ha provocato in precedenza:
D- solo in caso di concomitante allergia ad inalanti A- shock anafilattico
B- dermatiti esfoliative
5) Quale delle caratteristiche sotto elencate non è necessaria per la diagnosi C- orticaria diffusa con/senza angioedema
di asma bronchiale: D- sintomi gastroenterici (vomito, diarrea)
A- flogosi cronica
B- iper-reattività bronchiale
C- broncospasmo reversibile 17) Le manifestazioni cliniche in corso di angioedema di Quinke sono
D- presenza di allergia mediate da:
A- anafilotossine C4a e C2b
6) Le anemie emolitiche da farmaci in genere riconoscono un meccanismo B- PAF
patogenetico: C- angiotensina
A- IgE-mediato (tipo I di Gell e Coombs) D- bradichinina
B- citolitico anticorpo (IgG)-dipendente (tipo II di Gell e Coombs)
C- cellulo-mediato (tipo IV di Gell e Coombs) 18) Con il termine di co-sensibilizzazione si intende:
D- nessuno dei precedenti A- presenza contemporanea di IgE specifiche dirette contro epitopi distinti
presenti in fonti allergeniche diverse
7) Qual è il principale agente responsabile di allergie respiratorie in Italia: B- presenza contemporanea di IgE specifiche dirette contro epitopi distinti
polline graminacee presenti nelle stesse fonti allergeniche
C- produzione di IgE specifiche dirette contro fonti allergiche differenti che
8) La mancata efficacia dell'ITS (immunoterapia specifica) può essere dovuta condividono molecole omologhe
a: D- produzione di IgE specifiche contro superantigeni
A- non responsività del soggetto
B- diagnosi errata 19) Tutti i seguenti sono sintomi o segni tipici di una congiuntivite allergica
C- utilizzo di estratti inattivati e/o scaduti tranne:
D- tutte le precedenti A- bilateralità
B- iperemia
C- secchezza
D- prurito
9) Un soggetto allergico alla mela manifesta sintomi di oculorinite
stagionale; probabilmente sarà allergico al polline di: 20) Tutte le seguenti manifestazioni cliniche possono comparire in un
A- graminacee soggetto affetto da deficit di C1s-INH, tranne:
B- parietaria A- dolore addominale
C- betulla B- edema glottico
D- artemisia (composite) C- prurito
D- edema delle mani
10) L'asma bronchiale indotta da aspirina si associa frequentemente a:
A- sensibilizzazione agli acari maggiori (dermatofagoidi) 21) L'acido acetilsalicilico può indurre asma bronchiale mediante
B- poliposi nasale meccanismo di:
C- allergia alimentare al grano A- ipersensibilità IgE-mediata
D- dermatite allergica da contatto (DAC) da sensibilizzazione al nichel B- ipersensibilità da immunocomplessi
C- ipersensibilità cellulo-mediata
11) La lesione elementare tipica dell'orticaria è: D- ipersensibilità non allergica
A- vescicola
B- bolla 22) Tutte le seguenti sono componenti allergiche molecolari caratterizzanti
C- pomfo la sensibilizzazione primaria a pollini, tranne una, quale:
D- nodulo A- rBet v 1 (betulla)
B- rPhl p 5 (graminacea)
C- nAmb a 1 (ambrosia) L'epidermide è costituito da:
D- rAlt a 1 (alternaria) A- quattro strati
B- quattro strati, cinque in regione palmo-plantare
23) Qual è la principale allergia alimentare dei bambini: proteine del latte e C- cinque strati
dell'uovo D- tre strati

24) L'allergene molecolare LTP: non è degradato né dal calore né dalle L'epidermide è un:
proteasi A- epitelio pavimentoso pluristratificato
B- epitelio cilindrico pluristratificato
25) Tra i metodi validati per la diagnosi di ipersensibilità alimentare C- epitelio squamoso pluristratificato
(allergica e non) NON rientra: D- epitelio pseudostratificato
A- breath test per lattosio
B- dosaggio delle IgE sieriche specifiche per alimenti Quali cellule si trovano nell'epidermide: cheratinociti, melanociti, cellule di
C- dosaggio delle IgG sieriche specifiche per alimenti Langherans e cellule di Merkel
D- bouble bind placebo controlled food challenge test (DBPCFC)
La migrazione del cheratinocita dallo strato basale allo strato corneo
avviene in: 28 gg
26) L'allergia IgE mediata o reaginica o atopica si manifesta sempre con uno
dei seguenti quadri clinici, ad eccezione di: Il colore della cute dipende da: pigmenti, crasi ematica, fattori razziali,
A- rinite-congiuntivite ed asma bronchiale costituzione, sede corporea, età
B- interstiziopatia polmonare
C- orticaria o angioedema La differente pigmentazione tra individui di razza bianca ed individui di razza
D- shock anafilattico nera è dovuta a:
A- differente numero di melanociti
27) Le seguenti condizioni rappresentano controindicazioni assolute ad B- differente concentrazione di melanina secreta
eseguire ITS per allergeni inalanti, tuttavia in caso di ITS per veleno di C- differente forma, dimensione e localizzazione cellulare dei melanosomi
imenotteri, sono controindicazioni relative: D- differente forma e dimensione del melanocita
A- neoplasie maligne
B- malattie cardiovascolari gravi L'enzima coinvolto nelle fasi iniziali della produzione di melanina è:
C- scarsa compliance del paziente tirosinasi
D- immunodeficit
La matrice dermica è principalmente costituita da:
28) In allergologia con il termine di anafilassi sistemica si intende: A- collagene, cheratina, mucopolisaccaridi e derivati dell'acido ialuronico
A- una reazione allergica sistemica severa, potenzialmente fatale, che B- collagene, fibre elastiche, cheratina e mucopolisaccaridi
avviene improvvisamente dopo il contatto con l'antigene C- collagene, fibre elastiche, mucopolisaccaridi e derivati dell'acido
B- qualsiasi reazione sistemica caratterizzata da ipotensione marcata ialuronico
C- tutte le reazioni sistemiche IgE mediate D- collagene, fibre elastiche, cheratina, derivati dell'acido ialuronico
D- solo le reazioni sistemiche nelle quali sia documentabile un marcato
aumento della triptasi sierica Il collagene risulta tra i principali costituenti di: derma

29) Per desensibilizzazione ad un farmaco si intende: Dove sono vasi e nervi dell'epidermide:
A- la possibilità di far tollerare un farmaco precedentemente responsabile di A- derma e tessuto adiposo
reazioni avverse mediante contemporanea somministrazione di B- strato basale
antistaminici e/o cortisonici C- tessuto adiposo
B- un processo definitivo e stabile di tolleranza verso un farmaco in D- epidermide
precedenza causa di reazioni avverse
C- un processo reversibile e dinamico che consiste nell'induzione di un Quali sono gli annessi cutanei: peli, unghie, ghiandole
temporaneo stato di tolleranza verso un farmaco responsabile di una
precedente reazione di ipersensibilità Dove sono localizzate le ghiandole eccrine:
D- la perdita dell'efficacia terapeutica di un farmaco A- inguine, ascelle, areola, regione periombelicale
B- spalle, inguine, ascella
30) Quale dei seguenti farmaci può essere causa di una falsa negatività dei C- ascella, fronte
test allergometrici cutanei (skin prick test): D- ubiquitarie ma più presenti in regione palmo-plantare, ascelle, fronte
A- cromoni (disodiocromoglicato e nedocromile sodico)
B- antistaminici
C- cortisonici a basso dosaggio
D- beta2-adrenergici Dove sono localizzate le ghiandole apocrine:
A- inguine, ascelle, areola, regione periombelicale
31) L'immunoterapia allergene specifica (ITS) consiste nella B- spalle, inguine, ascella
somministrazione al soggetto allergico di dosi crescenti di allergene (pollini, C- ascella, fronte
acari, muffe, veleno di imenotteri, lattice) fino a raggiungere una dose tale D- ubiquitarie ma più presenti in regione palmo-plantare, ascelle, fronte
da ridurre i sintomi dovuti all'allergene e l'uso di farmaci sintomatici in
occasione di future esposizioni. Si tratta perciò di un processo di de- Con "macula" si intende:
sensibilizzazione o ipo-sensibilizzazione. Lo schema di trattamento A- lesione cutanea visibile e non palpabile di diametro inferiore a 0.5 cm
desensitizzante continuo tutto l'anno è indicato in caso di: B- lesione cutanea visibile e palpabile con superficie piana e liscia di
A- allergopatia da dermatofagoidi diametro inferiore a 0.5 cm
B- allergia alimentare C- lesione cutanea caratterizzata da una raccolta liquida di diametro
C- allergia da pollini inferiore a 0.5 cm
D- allergia da nichel D- lesione cutanea rilevata e fugace di diametro inferiore a 0.5 cm

32) Si definisce cronica una forma di orticaria/angioedema quando dura: > 6 Con il termine "vescicola" si intende:
settimane A- Una lesione cutanea visibile e non palpabile
B- Una raccolta di liquido sieroso inferiore a 0.5 cm
C- Una lesione cutanea rilevata e fugace

D- Una raccolta di liquido sieroso o siero-ematico superiore a 0.5 cm

Una vescicola può essere presente:
DERMATOLOGIA A- in sede dermica
B- in sede epidermica
C- in sede intradermica e funzionale
D- in sede ipodermica I carcinomi basocellulari compaiono più frequentemente: al viso

Per "pomfo" si intende: Tutti i basaliomi compaiono in presenza di una mutazione della via di:
A- una lesione eritematosa non palpabile A- p53
B- una lesione cutanea contenente una raccolta liquida B- p21
C- una lesione cutanea eritemato-edematosa fugace C- sonic hedgehog
D- una lesione cutanea ipercheratosica e permanente D- nucleotide excision repair (NER)

Il pomfo è causato da: La definizione di "lesione papulo nodulare incassata nel derma e variamente
A- infiltrato cellulare infiammatorio di consistenza dura" descrive:
B- accumulo di materiale cheratinocitario A- melanoma
C- vasodilatazione ed edema del derma papillare e medio B- fibroma
D- accumulo di liquido sierosa intradermico C- basalioma
D- cheratosi seborroica
Le "pustole" sono:
A- lesioni elementari primitive derivanti dalla confluenza di papule
B- lesioni elementari primitive derivanti dalla confluenza di bolle
C- lesioni elementari primitive derivanti dalla confluenza di vescicole Al bordo di un basalioma troviamo spesso:
D- nessuna delle precedenti A- perle epiteliali
B- iperpigmentazione
Per "pustola" si intende: C- ulcerazione
A- una lesione elementare primitiva dovuta ad una raccolta sierosa o siero- D- alone eritematoso
ematica intraepidermica
B- una lesione elementare primitiva dovuta ad una raccolta purulenta Una delle seguenti NON è una variante di basalioma: corno cutaneo
intraepidermica o follicolare
C- una lesione elementare primitiva dovuta ad una raccolta purulenta Il morbo di Bowen è:
intraepidermica o dermica A- un K squamocellulare in situ localizzato sulla mucosa genitale
D- una lesione elementare primitiva dovuta ad una raccolta purulenta B- un K squamocellulare in situ localizzato sulla mucosa orale
dermica o follicolare C- un K squamocellulare cutaneo in situ
D- un K basocellulare in situ
Con il termine "placca" si definisce:
A- lesioni cutanee rilevate, di dimensioni ampie ed a margini ben Il morbo di Bowen si presenta con:
delimitati A- un nodulo eritematoso e desquamante
B- lesioni cutanee dovute alla confluenza di macule B- un'ulcerazione cronica
C- lesioni cutanee dovute a raccolte liquide sierose o siero-ematiche C- una placca desquamante e poco infiltrata
D- lesioni cutanee rilevate di dimensioni inferiori al centimetro D- un tumore
Il termine "flemmone" indica:
A- processo infiammatorio ad evoluzione suppurativa coinvolgente Quale tra questi rappresenta un fattore eziologico del morbo di Bowen:
l'epidermide A- infezione da HPV
B- processo infiammatorio ad evoluzione suppurativa della regione B- radiazione infrarossa
perifollicolare C- radiazioni non ionizzanti
C- processo infettivo ad evoluzione suppurativa del derma profondo e D- radiazioni ionizzanti
dell'ipoderma
D- processo infettivo ad evoluzione suppurativa dell'ipoderma coinvolgente La cheratosi attinica nella fase iniziale di presenta con una:
i tessuti muscolari A- placca
B- nodulo
Per "antrace" o "favo" si intende: C- macula
A- processo infiammatorio confluente di più ghiandole sebacee e apocrine a D- ulcerazione
carattere suppurativo e necrotico
B- processo infiammatorio confluente di più ghiandole sebacee ed eccrine a Le cheratosi attiniche si presentano come lesioni:
carattere vegetante A- nodulari e lisce
C- processo infiammatorio colliquativo del derma e ipoderma B- superficiali e desquamanti
D- processo infiammatorio confluente di più ghiandole sebacee e follicoli C- ulcerate
piliferi a carattere suppurativo-necrotico D- vescicolose

Per eritrodermia si intende un coinvolgimento cutaneo generalizzato La cheratosi attinica presenta di frequente alterazioni del gene che codifica:
caratterizzato da: p53
A- eritema
B- eritema e desquamazione Il corno cutaneo è una variante clinica di: cheratosi attinica
C- eritema e pustolazione
D- eritema e vescicolazione La cheratosi attinica deriva pressoché esclusivamente dall'esposizione
solare. Le alterazioni genetiche più frequenti da esposizione UVB sono:
Le lesioni papulari sono dovute a: dimeri della timina
A- formazione di una raccolta liquida in qualsiasi sede cutanea
B- confluenza di lesioni maculari Le cheratosi attiniche sono più frequenti su: viso
C- accumulo di pigmento
D- aumento di spessore dell'epidermide e/o ad un infiltrato dermico La cheratosi attinica può evolvere in: carcinoma spinocellulare

Una bolla NON può trovarsi a livello: del derma Quale tra le seguenti affermazioni sulle cheratosi attiniche NON è vera: è
una lesione precancerosa, ovvero una lesione benigna che può evolvere in
La spongiosi è un quadro istologico caratteristico di: un K basocellulare
A- psoriasi
B- eczema
C- lichen Il cheratocarcinoma è considerato un carcinoma squamocellulare a basso
D- vitiligine grado di malignità. Il decorso è caratterizzato da:
A- frequente evoluzione verso la metastatizzazione
Quali sono le varianti del carcinoma basocellulare: nodulare, pigmentato, B- possibile risoluzione spontanea
superficiale, sclerodermiforme, ulcus rodens C- frequente evoluzione verso l'infiltrazione di tessuti profondi
D- frequente trasformazioni in un carcinoma basocellulare A- intensa pigmentazione
B- superficie verrucosa
Nel carcinoma spinocellulare, l'indice di Broders indica: il grado di C- una ricca componente vascolare
differenziazione citologica D- displasia istologica

La prognosi del K squamocellulare dipende da: Tra i fattori di rischio per l'insorgenza del melanoma ritroviamo tutti i
A- grado di atipia cellulare (indice di Broders) seguenti tranne:
B- grado di invasione nel derma (indice di Breslow) A- familiarità
C- entrambe B- elevata esposizione solare
D- nessuna delle precedenti C- età giovane ed adulta
D- presenza di un numero elevato di nevi (maggiore di 50)
Quale tra le seguenti affermazioni sul K squamocellulare è corretta:
A- insorge dopo i 60 anni Tra i criteri prognostici negativi per i pazienti affetti da melanoma rientrano
B- insorge in soggetti maschi tutti i seguenti fattori ad eccezione di:
C- insorge su cute sana o su lesioni precancerose A- lo spessore elevato del tumore secondo Breslow
D- non si localizza sui genitali B- elevato livello di invasione dermica secondo Clark
C- anaplasia cellulare o accrescimento centrifugo della lesione (crescita
Da cosa è caratterizzato il nevo di Sutton o Halo Nevus: orizzontale)
A- alone periferico eczematiforme D- presenza di ulcerazione
B- alone periferico iperpigmentato
C- alone periferico ipocromico Gli indici prognostici più rilevanti per il melanoma sono:
D- alone periferico eritematoso A- gli indici di Clark e di Breslow
B- gli indici di Clark e di Broders
Il nevo melanocitico congenito è una lesione pigmentata presente alla C- gli indici di Broders e di Breslow
nascita che si caratterizza clinicamente per: D- gli indici di Broders e Nikolski
A- estremo polimorfismo clinico: chiazze-placche-noduli di varie
dimensioni, piani o peduncolati-sessili, di colore bruno, a superficie Quale melanoma è più raro nelle sedi non fotoesposte: melanoma acrale
liscia o papillomatosa-verrucosa, con peli terminali all'interno della lentigginoso
lesione
B- monomorfismo clinico: lesioni piane, di colore omogeneo, di superficie
liscia senza peli terminali L'acne è una patologia infiammatoria:
C- monomorfismo clinico: chiazze brune omogenee con numerosi peli e A- del sottocute
contorni regolari B- dell'unità pilo-sebacea
D- polimorfismo clinico: placche e noduli di colore da giallastro a nero prive C- della ghiandola apocrina
di peli D- del derma

Con che frequenza i nevi melanocitari evolvono in melanoma: L'acne si caratterizza per la comparsa di:
A- bassa A- comedoni, papule, pustole
B- media B- comedoni, vescicole, pustole, cisti
C- elevata C- comedoni, macule, papule, noduli
D- molto elevata D- comedoni, papule, pustole, noduli, cisti

Il nevo di Spitz è: Non è una lesione elementare dell'acne: comedone, pustola, papula, placca
A- una lesione melanocitica acquisita di colore rosso-rosa localizzato per lo
più al volto che insorge più tipicamente nell'infanzia L'acne volgare può colpire:
B- una lesione melanocitaria acquisita di colore bruno scuro, localizzata più A- viso, spalle. capillizio
tipicamente agli arti inferiori, che insorge in soggetti di sesso femminile tra B- viso, spalle, area presternale
la seconda e la terza decade C- viso, spalle, ascelle
C- una lesione esofitica acquisita peduncolata o sessile spesso D- viso spalle, natiche
papillomatosa di colore bruno localizzata su tronco e collo
D- una lesione acquisita cupoliforme di colore bruno chiaro localizzata più La couperose è una manifestazione clinica tipica delle fasi intermedie della
tipicamente al volto rosacea e consiste in:
A- comparsa di eritrosi associata a teleangectasie
Il nevo di Sutton: B- improvvisi episodi di vasodilatazione con comparsa clinicamente di
A- ha elevato rischio di degenerazione eritema ed edema della zona corporea interessata
B- si presenta esclusivamente in età infantile C- incremento delle dimensioni di una porzione del volto, che diviene
C- è un nevo in regressione con alone acromico grosso, bitorzoluto e ricoperto da teleangectasie
D- è un nevo congenito D- comparsa di papule e pustole localizzate prevalentemente nelle regioni
centro-facciali associate a teleangectasie diffuse
Da cosa è caratterizzato il nevo di Sutton o Halo nevus:
A- alone periferico eczematiforme La micosi fungoide è:
B- alone periferico iperpigmentato A- una forma di infezione micotica cutanea
C- alone periferico ipocromico-acromico B- una forma di linfoma primitivo T della cute
D- alone periferico eritematoso C- una forma di linfoma primitivo B della cute
E- limiti netti con la cute circostante sana D- una forma di linfoma primitivo T o B della cute

Il nevo blu è : Le lesioni d'esordio della micosi fungoide (chiazze eritemato-desquamative
A- un nevo melanocitico composito rotondeggianti e ovalari a bordi netti e tendenza alla confluenza) si devono
B- un nevo melanocitico dermico porre in diagnosi differenziale con le seguenti patologie ad eccezione di:
C- una forma iniziale di melanoma A- eczema
D- un nevo congenito B- tinea corporis
C- erisipela
Il nevo di Reed è: D- psoriasi
A- un nevo displastico dei bambini
B- un nevo autorisolutivo dell'infanzia circondato da un alone acromico Gli stadi della micosi fungoide sono:
C- simile al nevo di Spitz ma compare agli arti A- placca, bolla, tumore, eritrodermia
D- un nevo moriforme privo di potenziale maligno B- chiazza, placca, tumore, eritrodermia
C- chiazza, placca, bolla, tumore
Il nevo di Clark presenta: D- placca, nodulo, tumore, eritrodermia
C- presenta lesioni pustolose diffuse su tutte le dita
La micosi fungoide in fase leucemica si chiama: sindrome di Sezary D- presenta lesioni pustolose diffuse su alcune dita

L'acrodermatite pustolosa di Hallopeau evolve con:
A- lesioni pigmentate persistenti
La sindrome di Sezary è: B- lesioni atrofiche cutanee
A- una forma aggressiva e leucemizzante di linfoma cutaneo C- lesioni atrofiche cutanee e riassorbimento osseo
B- una forma iniziale di micosi fungoide D- lesioni ulcerose a lenta risoluzione
C- una forma di linfoma B cutaneo
D- una forma di linfoma cutaneo secondaria in corso di linfoma sistemico Il riassorbimento osseo è frequente in corso di:
A- psoriasi palmo plantare di Barber
Cosa è la psoriasi: iperproliferazione causata da un infiltrato infiammatorio B- psoriasi pustolosa di Zumbush
+
di CD4 C- acrodermatite papulosa di Hallopeau
D- eritrodermia psoriasica
La psoriasi si caratterizza per la presenza di:
A- eritema, infiltrazione, desquamazione La psoriasi guttata è caratteristica dei giovani e segue di solito un'infezione
B- eritema, vescicolazione, squame, croste da: strepotococco β-emolitico
C- eritema, infiltrazione, vescicolazione
D- eritema, infiltrazione, squame, croste Con il termine "acantosi" si intende una caratteristica istologica della
psoriasi che consiste in:
Qual è la citochina che gioca un ruolo chiave nella patogenesi della psoriasi: A- l'aumento delle cellule nello strato basale
A- IL-1 B- l'aumento delle cellule nello strato spinoso
B- IL-4 C- l'aumento delle cellule nello strato corneo
C-IL-8 D- aumento della cellularità in tutti gli strati epidermici
D- TNF alfa
La psoriasi pustolosa generalizzata (di Von Zumbush) si associa sempre a:
Nella terapia locale della psoriasi, oltre ai corticosteroidi, sono utilizzanti: A- febbre
A- analoghi delle vitamine A ed E B- prurito
B- analoghi delle vitamine A e D C- dolore articolare
C- analoghi delle vitamine D ed E D- cefalea
D- analoghi delle vitamine C e B
La psoriasi artropatica quando localizzata alle mani, a differenza dell'artrite
Con il termine "paracheratosi" si intende: reumatoide, colpisce:
A- lo strato corneo è ispessito A- i polsi
B- le cellule dello strato corneo hanno perso il nucleo B- le articolazioni metacarpo falangee
C- le cellule dello strato corneo mantengono il nucleo C- le articolazioni interfalangee prossimali
D- lo strato corneo è assottigliato D- le articolazioni interfalangee distali

Cosa si intende per cheratosi paracheratosica: ispessimento dello strato
corneo con assenza di nuclei In confronto alla psoriasi volgare, la psoriasi inversa si presenta con:
A-lesioni più infiltrate, ipercheratosiche e desquamanti
L'ipercheratosi della psoriasi è: paracheratosica B- lesioni più ipercheratosiche e desquamanti
C- lesioni meno infiltrate, ipercheratosiche e desquamanti
La patogenesi della psoriasi è sostenuta da un infiltrato cutaneo D- lesioni meno infiltrate, ma più ipercheratosiche e desquamanti
prevalentemente costituito da: linfociti T
L'isomorfismo reattivo o fenomeno di Koebner è presente nelle seguenti
Le squame della psoriasi caratteristicamente conservano il nucleo al loro patologie ad eccezione di una:
interno. Questo fenomeno si chiama: paracheratosi A- psoriasi
B- lichen
La velocità di transito dei cheratinociti nell'epidermide del soggetto con C- vitiligine
psoriasi è di: 4 giorni D- eczema

I farmaci che possono peggiorare la psoriasi sono: litio e IFN-γ Per "fenomeno di Koebner" o isomorfismo reattivo si intende:
A- la comparsa di lesioni in sede di recente trauma
La psoriasi delle aree seborroiche entra in DD con: B- l'estensione periferica di una lesione bollosa esercitando una pressione
A- dermatite seborroica diretta sulla bolla
B- cheratosi seborroica C- lo sfaldamento di una squama in seguito a grattamento
C- pemfigo seborroico D- uno scollamento della cute strisciando sulla cute sana prossima ad una
D- pemfigo volgare bolla

La manovra semeiotica diagnostica della psoriasi è: L'agente eziologico responsabile della sifilide è: T. pallidum
A- grattamento metodico di Brocq
B- segno di Auspiz La lesione primitiva della sifilide, sifiloma, è:
C- esame citodiagnostico A- nodulo ulcerato, indurato, indolente, localizzato ai genitali
D- colorimetria B- nodulo ulcerato, molle, indolente, localizzato ai genitali
C- nodulo ulcerato, molle, dolente, localizzato ai genitali
La psoriasi eritrodermica si presenta con: D- nodulo ulcerato, indurato, dolente, localizzato ai genitali
A- lesioni infiltrate, desquamanti, ben delimitate
B- eritema cutaneo diffuso poco infiltrato e poco desquamante Dopo quanto tempo dal contagio compaiono le lesioni della sifilide
C- eritema cutaneo diffuso poco infiltrato e poco desquamante, con pustole primaria:
sterili A- 24 ore
D- eritema cutaneo diffuso con lesioni infiltrate, desquamanti, ben B- circa una settimana
delimitate, con pustole sterili C- circa 2-3 settimane
D- circa 2 mesi
L'acrodermatite pustolosa di Hallopeau è una variante di: psoriasi
Il sifiloma primario è sempre accompagnato da:
L'acrodermatite pustolosa di Hallopeau: A- pemfigoide
A- presenta lesioni pustolose sulla parte terminale di alcune dita B- congiuntivite
B- presenta lesioni pustolose sulla parte terminale di tutte le dita C- linfoadenopatia
D- alopecia A- tampone cutaneo per impostare una terapia antibiotica mirata
B- esami allergologici vista l'alta frequenza di atopia
Dopo quanto tempo compaiono le lesioni della sifilide secondaria: C- marker di epatite
A- 2-3 settimane D- ricerca di streptococco in faringe
B- 60 giorni
C- 30 giorni La TEN è causata da:
D- 24 ore A- esfoliatine secrete da staphilococchi coagulasi positivi
B- da farmaci
Come si manifesta nell'uomo la gonorrea: uretrite associata ad essudazione C- anticorpi anti BP180 e BP230
giallo-verdastra D- anticorpi antidesmogleina 1

Quale di queste NON rappresenta una lesione presisponente a K genitale La TEN è caratterizzata morfologicamente da:
squamocellulare: herpes genitale A- ampie placche verrucose
B- porpora generalizzata
Lesioni di HPV a livello genitale: condilomi acuminati C- disepitelizzazione
D- esantema pustoloso
Il foruncolo è un'infezione:
A- delle ghiandole apocrine La prognosi della TEN é:
B- del follicolo pilifero e della ghiandola sebacea A- favorevole con risoluzione anche spontanea
C- del derma B- ad elevata mortalità
D- di qualunque annesso cutaneo C- risolve rapidamente con un'adeguata terapia antistaminica
D- risolve rapidamente con un'adeguata terapia antibiotica
L'impetigine può essere: cutanea o follicolare
La principale diagnosi differenziale della TEN è rappresentata dalla:
L'impetigine volgare è causata da: batteri gram + (stafilococchi e A- staphylococcical scalded skin syndrome
streptococchi) B- pemfigo foliaceo
C- psoriasi pustolosa
L'impetigine bollosa è causata da: S. aureus D- sindrome di Sezary

L'idrosadenite suppurativa colpisce: La borreliosi viene trasmessa all'uomo da: zecca
A- il capillizio
B- gli arti L'eritema cronico migrante è la prima manifestazione clinica di: borreliosi
C- il torace
D- le grandi pieghe Il lupus volgare è una malattia cutanea:
A- di natura autoimmune
La presenza di concrezioni e croste mieliceriche è patognomonica di: B- causata dal bacillo di Hansen
A- psoriasi pustolosa C- causata da M. tuberculosis
B- dermatite seborroica D- causata da T. pallidum
C- impetigine volgare
D- dermatite erpetiforme L'esame istologico di un lupus volgare mostra:
A- un infiltrato plasmacellulare
L'agente eziologico dell'erisipela è: B- un infiltrato granulomatoso
A- Staphilococcus aureus C- una follicolite e perifolite
B- Streptococcus piogenes D- un infiltrato linfocitario sub-epidermico
C- Corynebacterium minutissimum
D- Bartonella henselae Nella lebbra tubercoloide vi sono chiazze acromiche caratterizzate da:
A- dolore
L'erisipela una volta curata: B- prurito
A- non si ripete mai più C- bruciore
B- tende a recidivare D- anestesia
C- spesso cronicizza
D- evolve in gangrena L'Herpes zoster può essere:
A- bilaterale
Nell'erisipela febbre, vomito e dolore: B- varicelloide
A- possono essere assenti C- recidivante
B- compaiono solo dopo l'eruzione della placca D- erisipeloide
C- precedono la comparsa della placca
D- talora prevedono e talora seguono la comparsa della placca Come si manifesta la malattia mani-piedi-bocca: vescicole su mucosa orale,
piedi, mani
In quale gruppo di pazienti è più frequente l'erisipela:
A- cardiopatici L'acrodermatite papulosa di Gianotti-Crosti è una patologia ad eziologia:
B- ipertesi A- batterica
C- ipertiroidei B- virale
D- diabetici C- infiammatoria
D- immunomediata
L'erisipela si associa più frequentemente a:
A- polmonite Come appaiono i lieviti: cellule tonde e ovalari
B- nefrite
C- endocardite Le intertrigini da candida si distinguono dalle altre intertrigini per la
D- linfangite e linfoadenite presenza di:
L'erisipela si manifesta clinicamente con la comparsa di: A- intensa sintomatologia pruriginosa
A- placca eritematosa, rilevata, a bordi netti, associata a febbre e B- fluorescenza corallo alla luce di Wood
malessere generale C- piccole pustole localizzate alla periferia delle placche
B- lesioni papulari associate a febbre e malessere generale D- lesioni in chiazza monolaterali
C- lesioni vescicolose, fragili, con tendenza alla rottura e conseguente
formazione di lesioni crostose L'eritrasma si differenzia dalle altre intertrigini per:
D- lesioni ascessuali, dolorose con febbre elevata A- caratteristiche cliniche: chiazza eritematosa essudante e macerata,
associata a pustolazione periferica
Quale indagine di laboratorio eseguire in un paziente con eritema nodoso:
B- caratteristiche cliniche: chiazza brunastra, lievemente desquamante, a Diagnosi della scabbia: esame microscopico e dermatoscopico
contorni netti, prive di sintomatologia pruriginosa, associate alla tipica
fluorescenza color corallo alla luce di Wood La pediculosi del corpo viene trasmessa:
C- caratteristiche cliniche: chiazza eritemo-desquamante, a margini netti e A- per contatto interumano
pseudo-vescicolosi, a risoluzione centrale ad associata ad intensa B- per contatto con indumenti, lenzuola o coperte parassitati
sintomatologia pruriginosa; fluorescenza verdastra alla luce di Wood C- per contatto interumano o per scambio di con indumenti, lenzuola o
D- caratteristiche cliniche: lesioni in chiazza, vegetanti, associate ad coperte parassitati
essudazione ed a macerazione nella porzione centrale D- per contatto con qualunque oggetto

La terapia della candidosi si basa su: fluconazolo e itraconazolo I pidocchi (sono insetti) capaci di parassitare l'uomo appartengono alla
specie:
La Tinea corporis trattata erroneamente con cortisonici locali: A- Pediculus humanus
A- guarisce B- Phtirus pubis
B- guarisce ma recidiva in poco tempo C- Pediculus humanus e Phtyrus pubis
C- si estende ma riduce l'intensità dell'infiammazione D- Sarcoptes scabiei
D- rimane e diviene più infiammatoria
Le uova deposte dalla femmina di Pediculus humanus capitis si chiamano:
L'utilizzo di corticosteroidi nella Tinea può: lendini
A- risolvere la malattia
B- peggiorare la malattia Le manifestazioni cliniche di Leshmaniosi (bottone d'Oriente) sono:
C- dare tinea incognita A- due: cutanea e viscerale
D- risolvere ma facilitare le recidive B- due: cutanea localizzata e diffusa
C- tre: viscerale, cutanea localizzata e diffusa
D- cinque: viscerale, cutanea localizzata, cutanea diffusa, cutanea
Le infezioni ungueali da dermatofiti, a differenza di quelle da Candida, non recidivante, mucocutanea
presentano mai:
A- ispessimento ungueale Qual è il vettore più comune della Leishmania: pappatacio
B- onicolisi
C- perionissi L'agente eziologico responsabile della Leshmaniosi è: un protozoo
D- alterazioni del colore della lamina
Le strie di Wickham sono un segno clinico caratteristico di:
Trichophyton, Epidermophyton e Microsporum sono agenti eziologici di A- psoriasi
quale malattia: B- pemfigo
A- dermatofitosi C- pemfigoide
B- pediculosi D- lichen
C- virosi
D- infezioni batteriche Quale lichen non esiste: sclerodermico

Agente eziologico della Pytiriasis versicolor: Malassezia furfur Da cosa è maggiormente rappresentato l'infiltrato infiammatorio del lichen:
linfociti T
Quale delle seguenti affermazioni sulla Pytiriasis versicolor è corretta:
A- le squame sono di tipo lamellare L'immunofluorescenza indiretta per la diagnosi di malattie bollose
B- predilige il sesso femminile autoimmuni cutanee si esegue su:
C- compare tipicamente agli arti inferiori A- siero
D- ha la tendenza alla recidiva B- biopsia
C- urine
Dopo esposizione solare, le lesioni di Pityriasis versicolor diventano: D- liquor
A- eritematose
B- pigmentate Il pemfigo foliaceo:
C- atrofiche A- si localizza prevalentemente alle mucose
D- leucodermiche B- si localizza prevalentemente alla cute
C- si localizza su cute e mucose
Per chiazza madre si intende la lesione d'esordio di quale patologia: Pytiriasi D- si localizza prevalentemente nelle donne gravide
rosea di Gibert
Il pemfigo foliaceo è caratterizzato istologicamente da:
La lesione patognomonica della scabbia è: cunicolo A- distacco dei cheratinociti basali
B- acantosi alta
Il cunicolo, lesione patognomonica della scabbia, non è mai localizzato C- acantosi bassa
nell'adulto: D- acantosi follicolare
A- al cuoio capelluto
B- spazi interdigitali
C- genitali Per segno di Nikolski si intende:
D- pieghe ascellari A- lo scollamento della cute effettuando una trazione sulla cute sana
prossima ad una bolla
Le lesioni della scabbia non sono presenti a livello di: B- lo sfaldamento di una squama in seguito al grattamento
A- viso C- lo stilicidio ematico conseguente all'asportazione di una squama
B- genitali D- la comparsa di una lesione pomfoide in seguito al grattamento di cute
C- ascelle e inguine sana
D- mani e piedi
Il segno di Nikolski è positivo in quale di queste patologie:
Sintomo principale della scabbia è: A- pemfigoide
A- prurito maggiormente presente nelle ore notturne B- pemfigo volgare
B- prurito maggiormente presente durante l'attività fisica C- dermatite erpetiforme
C- dolore localizzato nelle sedi in cui sono presenti i cunicoli D- psoriasi
D- la scabbia non si associa ad alcuna sintomatologia
Gli autoanticorpi del pemfigo sono diretti verso:
La scabbia norvegese è: una variante di scabbia molto severa che si A- antigeni BP 180 e 230
presenta con eruzioni cutanee squamose e croste B- antigeni nucleari estraibili (ENA)
C- desmogleine I e III
D- gliadina D- dermatite allergica da contatto

Il pemfigoide bolloso colpisce prevalentemente: Le lesioni cutanee cheratosiche che compaiono in età adulta o vecchiaia,
A- anziani con superficie verrucosa e sbocchi follicolari dilatati riempiti di materiale
B- bambini corneo sono:
C- donne in età fertile A- cheratosi seborroiche
D- immunodepressi B- fibromi
C- nevi monomorfi
BP 180 e BP 230 sono proteine costitutive di: emidesmosomi D- granulomi pigmentati

Nel pemfigoide bolloso: L'eritema a farfalla del viso è caratteristico di: lupus eritematoso acuto
A- il segno di Nikolski è sempre positivo
B- il segno di Nikolski è sempre negativo
C- il segno di Nikolski lesionale è positivo L'eritema nodoso può essere secondario a:
D- il segno di Nikolski perilesionale è positivo A- tubercolosi
B- sarcoidosi
Nel pemfigoide l'interessamento delle mucose è frequente: C- nessuna delle precedenti
A- sempre D- entrambe le precedenti
B- solo nella variante cicatriziale
C- nei bambini La lentigo maligna melanoma colpisce preferenzialmente:
D- negli anziani solo se defedati A- tronco
B- arti superiori
L'esame istologico del pemfigoide bolloso evidenzia: C- arti inferiori
A- scollamento alla giunzione dermo-epidermica D- viso
B- acantolisi
C- pseudoascessi di Pautrier Le fotodermatiti fototossiche possono essere scatenate da tutti i seguenti
D- ipercheratosi paracheratosica fattori tranne:
A- assunzione di farmaci quali FANS, tetracicline, tiazidici, sulfaniluree,
L'immunofluorescenza diretta del pemfigoide bolloso evidenzia depositi di: sulfamidici
A- IgA granulari B- contatto con piante quali agrumi o fico
B- IgG lineari alla giunzione dermo-epidermica C- applicazione di farmaci topici quali FANS, derivati del catrame,
C- IgG a canestro intorno a tutti i cheratinociti prometazina
D- IgM e IgA periannessiali D- contatto con metalli allergizzanti quali nichel, cromo, cobalto

Il patch test si legge dopo:
A- immediatamente dopo l'applicazione
B- dopo un'applicazione di 30 minuti
Il pemfigoide cicatriziale esiste nelle forme: C- dopo un'applicazione di 24h
A- cutanea, mucosa e cutaneo-mucosa D- dopo un'applicazione di 48h
B- interessa solo la cute
C- interessa solo le mucose Il prick test si esegue nel percorso diagnostico per:
D- interessa solo gli annessi A- dermatite atopica
B- dermatite allergica da contatto
La dermatite erpetiforme di Duhring si associa a: C- dermatite irritativa da contatto
A- immunodeficienza D- dermatite fototossica
B- atopia
C- celiachia L'esame sierologico per valutare il titolo delle IgE totali è:
D- diabete A- RAST
B- PRIST
Le lesioni elementari primitive della dermatite erpetiforme sono: C- PRICK
A- papule e vescicole D- microarray per allergie
B- placche
C- bolle La più frequente sensibilizzazione da contatto nella donna è: nichel
D- erosioni
I patch test o test epicutanei valutano:
Quale delle seguenti patologie NON è bollosa: dermatite eczematosa A- la presenza di autoanticopri IgE su mastociti sensibilizzati o reazione
immunologica di tipo I
Le patologie autoimmuni (LES o patologia tiroidea autoimmune) possono B- la presenza di linfociti T sensibilizzati verso un aptene o reazione di
essere associate a quale forma di orticaria: ipersensibilità di tipo IV
A- orticaria solare C- la presenza di immunocomplessi circolanti o reazione di ipersensibilità di
B- orticaria acquagenica tipo III
C- orticaria cronica idiopatica D- la comparsa di un'azione citotossica o reazione di ipersensibilità di tipo II
D- orticaria da pressione
La morfea è una forma di sclerodermia solo cutanea e si associa alla
Principale causa di orticaria: farmaci e cosmetici presenza di ab circolanti:
A- anti-RNP
Caratteristiche del pomfo dell'orticaria solare: B- anti-Scl70
C- entrambi
La manifestazione clinica cutanea dell'orticaria è: D- nessuno
A- pomfo fugace associato a sintomatologia pruriginosa
B- macule pruriginose Quando si presenta la dermatite allergica: al secondo contatto con
C- eruzione papulo-vescicolosa non pruriginosa l'antigene
D- vescicole e pustole scarsamente pruriginose

Date le manifestazioni cliniche cutanee, la dermatite seborroica si pone L'angioedema si accompagna sempre a:
principalmente in DD con: A- prurito
A- dermatite irritativa da contatto B- dolore
B- micosi C- bruciore
C- psoriasi D- asintomatico
D- Anamnesi patologica remota positiva per eczema
Le fibre elastiche nella cute dell'anziano con danni da esposizione cronica al
sole sono: La vitiligine di presenta con:
A- aumentate e più efficienti A- chiazza acromica
B- aumentate ma degradate dai macrofagi per elastofagocitosi B- chiazza bollosa
C- aumentate ma alterata strutturalmente per elastosi C- chiazza eritematosa
D- diminuite per elastosi D- chiazza desquamante

Dopo il primo contatto con l'antigene le cellule di Langherans:
A- producono anticorpi
B- richiamano linfociti B
C- richiamano linfociti T
D- migrano nel linfonodo satellite

La scottatura da esposizione solare eccessiva è dovuta prevalentemente a:
UVB

Il Sun Protection Factor delle creme antisolari indica la protezione dalla
radiazione: UVB

L'orticaria colinergica è scatenata da: esercizio fisico

L'alopecia areata è un'alopecia:
A- in chiazze cicatriziali
B- in chiazze non cicatriziali
C- in chiazze diffuse cicatriziali
D- in chiazze diffuse non cicatriziali

Il meccanismo patogenetico dell'alopecia areata sembra essere dovuto a:
A- processo autoimmune cellulo mediato diretto contro il cheratinocita
della matrice pilare
B- fattori ormonali (androgeni) che comportano un'accelerazione della fase
mitotica del ciclo pilare
C- processo immunologico mediato da ab diretti contro la cheratina pilare
D- processo immunologico mediato da ab diretti contro antigeni di natura
infettiva (batteri colonizzanti l'unità pilo-sebacea)

L'alopecia areata universale colpisce:
A- solo i capelli
B- i capelli e tutti i peli del corpo
C- i capelli e tutti i peli del corpo, tranne le sopracciglia
D- i capelli e tutti i peli del corpo, tranne la barba

Per ofiasi di intende: una variante dell'alopecia areata

L'alopecia ippocratica più frequentemente comincia:
A- cute frontale
B- cute occipitale
C- cute temporale
D- cute retroauricolare



Le alopecie cicatriziali acquisite possono essere dovute a tutte le seguenti
patologie tranne:
A- lichen planus
B- LES
C- psoriasi
D- trauma

L'alopecia androginica nella donna è causata da:
A- patologia ovarica o surrenalica
B- patologia ovarica, surrenalica o tiroidea
C- patologia autoimmune
D- patologia ovarica o tiroidea

Il minoxidil è la terapia di scelta in quale patologia dermatologica: alopecia
androgenetica

La crioterapia si esegue con: azoto

Quali sono gli effetti collaterali della fototerapia: eritema, bruciore, rossore
dopo 24-36h

Quale tra queste è una controindicazione assoluta per l'inizio di una
fototerapia:
A- Anamnesi patologica remota positiva per lichen
B- Anamnesi patologica remota positiva per melanoma
C- Anamnesi patologica remota positiva per psoriasi
DERMATOLOGIA 10. Quale delle seguenti condizioni è meno probabile nel caso di
1. La sintomatologia pruriginosa nella scabbia: un artrite in un giovane di 19 anni:
è prevalentemente notturna condrocalcinosi

2. Con il termine “eritrasma” si indica: 11. Qual è l’anticorpo che generalmente si associa alla sindrome
l’infezione batterica da Corynebacterium minutissimum anti-sintetasi?
Jo-1
3. La pitiriasi versicolor:
è sostenuta da Malassezia furfur ALLERGO
1. Per reazione locale estesa da puntura di imenottero si intende:
4. L’erisipela: gonfiore in sede di puntura con diametro > 10cm e durata sopra le 24-48
è un’infezione batterica cutanea da streptococco beta-emolitico ore

5. Il Mycobacterium leprae si localizza tipicamente: 2. Principale allergene inalatorio perenne:
in sede perineurale dermatofagoidi

6. Quale affermazione è vera: 3. Fra i mediatori neoformati prodotti dai mastociti in seguito a
la leishmaniosi cutanea viene trasmessa all’uomo attraverso la puntura di degranulazione, i principali sono:
flebotomi leucotrieni

7. Indicare l’affermazione sbagliata: 4. Quali tra i seguenti test in vivo ed in vitro non è validato?
l’infezione erpetica genitale è prevalentemente dovuta a HSV1 Dosaggio delle IgG sieriche specifiche per alimenti

8. Il mollusco contagioso: 5. Valori elevati di IgE sieriche totali possono trovarsi in soggetti:
è un’infezione virale da Poxvirus tutte le precedenti (allergici, infezioni elmintiche, neoplasie)

9. L’eritema polimorfo è più spesso dovuto a: 6. Le possibili comorbidità della rinite allergica sono:
recidiva di herpes simplex tutte le precedenti (sinusite, otite…)

10. La pustolosi esantematica acuta generalizzata:
esordisce con piccole pustole non follicolari in corrispondenza delle pieghe

11. L’eritema fisso da medicamento:
si manifesta con placche discoidi eritemato-violacee spesso in sede genitale

12. Quale classe di farmaci si associa più frequentemente ad angioedema
isolato: ACE-inibitori

13. La sindrome DRESS da farmaco: tutte le precedenti (febbre…)

14. Le lesioni dell’eritema polimorfo presentano una forma: placche anulari
a coccarda

15. La necrolisi epidermica tossica è:
reazione avversa a farmaco grave con alta mortalità

16. Le reazioni fotoallergiche:sono spesso causate da FANS ad utilizzo topico

REUMATO
1. Quale delle seguenti affermazioni non è riferibile alla malattia artrosica:
la variante erosiva entra in DD con l’artrite reumatoide

2. Una signora di 55 anni…
Polimiosite

3. Per indagare la positività per anticorpi antiRo/SSA andrà richiesta la
ricerca di:
anticorpi anti-ENA

4. Quale delle seguenti affermazioni sull’esame del liquido sinoviale non è
corretta:
non è utile nella diagnostica della gotta

5. Qual è l’alterazione di laboratorio tipica della sindrome di Sjogren:

6. Nella sindrome di Churg Strauss:
può esserci glomerulonefrite necrotizzante

7. Quale tra le seguenti manifestazioni cliniche non è tipicamente presente
nella sindrome da anticorpi anti-fosfolipidi?
Artrite delle metacarpofalangee

8. Un uomo di 70 anni con nota infezione cronica da HCV:
crioglobulinemia

9. Una monoartrite acuta è più frequentemente dovuta a tutte le seguenti
condizioni tranne:
artrite reumatoide