Sei sulla pagina 1di 65

Guida d’Uso

TD-W8901G
Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Rev: 1.0.0
1910010293
COPYRIGHT & TRADEMARKS
Le specifiche sono soggette a modifiche senza preavviso. è un marchio
registrato di TP-LINK TECHNOLOGIES CO., LTD. Tutti gli altri marchi e nomi di prodotto sono
marchi registrati dai rispettivi proprietari.
Nessuna parte delle specifiche può essere riprodotta, neppure parzialmente, in alcuna forma o
mezzo o utilizzato per fare traduzioni, modifiche o adattamento senza specifica autorizzazione
scritta da parte di TP-LINK TECHNOLOGIES CO., LTD. Copyright © TP-LINK TECHNOLOGIES
CO., LTD. Tutti i diritti sono riservati.

http://www.tp-link.com
DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ FCC

• Questo apparecchio è stato testato ed è risultato conforme ai limiti per i dispositivi digitali di
Classe B, in conformità alle norme FCC parte 15. Questi limiti hanno lo scopo di assicurare
una protezione adeguata dalle interferenze dannose in una installazione residenziale.
Questo apparecchio genera, utilizza e può irradiare energia a radiofrequenza e, se non viene
installato ed utilizzato in conformità alle istruzioni del produttore, può causare interferenze
dannose nella ricezione delle comunicazioni radio. Non vi è comunque alcuna garanzia che
tali interferenze non si verifichino in un’ installazione specifica. Qualora il dispositivo dovesse
essere causa di interferenze dannose nella ricezione radiotelevisiva, che può essere
verificata accendendo e spegnendo l'apparecchio, si consiglia all’utente di provare a
correggere l'interferenza adottando una o più delle seguenti misure:
• Riorientare o riposizionare l'antenna ricevente.
• Aumentare la distanza tra l'apparecchio ed il ricevitore.
• Collegare l'apparecchio a una presa di un circuito diverso da quello a cui è collegato il
ricevitore.
• Consultare il rivenditore o un tecnico esperto radio / TV per suggerimenti.

Questo dispositivo è conforme alla norme FCC parte 15. Il funzionamento è soggetto alle due
seguenti condizioni:

1) Questo dispositivo non deve causare interferenze dannose.

2) Questo dispositivo deve accettare qualsiasi interferenza ricevuta, incluse interferenze che
potrebbero comprometterne il funzionamento.

Qualsiasi cambiamento o modifica apportate all’apparecchio non espressamente approvate dalla


parte competente in materia di conformità può invalidare il diritto dell'utente ad utilizzare
l’apparecchio.

Dichiarazione di conformità all’esposizione a radiazioni FCC RF


Questo apparecchio è conforme ai limiti stabiliti dalle norme FCC RF relative all’ esposizione a
radiazioni in ambiente non controllato. Questo dispositivo e la sua antenna non devono essere
collocati nelle vicinanze oppure utilizzati contemporaneamente con qualsiasi altra antenna o
trasmettitore. "Per soddisfare i requisiti di conformità all’esposizione a radiazioni FCC RF , questa
dichiarazione di conformità è applicabile solo in configurazioni Mobile. Le antenne utilizzate per
questo trasmettitore devono essere installate in modo da rispettare una distanza minima di 20 cm
dagli utenti e non devono essere collocate nelle vicinanze oppure utilizzate in contemporanea con
qualsiasi altra antenna o trasmettitore. "
CE Mark Warning

Questo è un prodotto digitale di classe B. In un ambiente domestico, questo prodotto può causare
interferenze radio, nel qual caso l'utente è tenuto a prendere misure adeguate.

Restrizioni nazionali
2400.0-2483.5 MHz

Nazione Restrizioni Motivo / annotazione


Richiesta di autorizzazione generale per uso in
Bulgaria
esterni e di pubblico servizio.

Uso Radio-localizzazione militare. Negli ultimi anni è in


Uso limitato in esterni a 10
corso l’assegnazione della banda a 2,4 GHz per
Francia mW EIRP entro la lunghezza
permettere più flessibilità. Piena attuazione pianificata
di banda 2454-2483.5 MHz
per il 2012.

Se utilizzati al di fuori dai propri locali, è richiesta una


Italia
autorizzazione generale.

Richiesta di autorizzazione generale per la rete e la


Lussemburgo Nessuna
fornitura del servizio (non per lo spettro)

Questa sottosezione non si applica per l'area geografica


Norvegia Attuato
nel raggio di 20 km dal centro di Ny-Ålesund

Federazione Russa Solo per operatività in interni.

Note: In Francia si prega di non utilizzare il prodotto in ambienti esterni.


TP-LINK TECHNOLOGIES CO., LTD

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA '

Per le seguenti apparecchiature:

Descrizione del prodotto: Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Modello n.: TD-W8901G

Marchio: TP-LINK

Si dichiara sotto la propria responsabilità, che il prodotto soddisfa tutte le regolamentazioni


tecniche applicate secondo le prescrizioni delle Direttive del Parlamento Europeo e del consiglio.

Direttiva 1999/5/EC

Il prodotto di cui sopra è conforme alle seguenti norme ed altri documenti normativi:
ETSI EN 300 328 V1.7.1: 2006
ETSI EN 301 489-1 V1.8.1:2008 & ETSI EN 301 489-17 V1.3.2:2008
EN60950-1:2006
EN62311:2008

Direttiva 2004/108/EC

Il prodotto di cui sopra è conforme alle seguenti norme ed altri documenti normativi:
EN 55022:2006+A1:2007
EN 55024:1998+A1:2001+A2:2003
EN 61000-3-2:2006
EN 61000-3-3:1995+A1:2001+A2:2005

Direttiva 2006/95/EC

Il prodotto di cui sopra è conforme alle seguenti norme ed altri documenti normativi:

EN60950-1:2006
La persona responsabile per questa dichiarazione

Yang Hongliang
Product Manager of International Business

TP-LINK TECHNOLOGIES CO., LTD.


South Building, No.5 Keyuan Road, Central Zone, Science & Technology Park, Nanshan,
Shenzhen, P. R. China
INDICE

Capitolo 1 Introduzione......................................................................................... 2
1.1 Panoramica del prodotto ....................................................................... 2
1.2 Caratteristiche principali ........................................................................ 2
1.3 Convenzioni .......................................................................................... 3

Capitolo 2 Installazione Hardware ....................................................................... 4


2.1 Pannello frontale ................................................................................... 4
2.2 Pannello posteriore ............................................................................... 5
2.3 Ambiente d’installazione ....................................................................... 5
2.4 Collegamento del Router ...................................................................... 6

Capitolo 3 Guida rapida d'installazione............................................................... 8


3.1 Configurazione del PC .......................................................................... 8
3.2 Accesso .............................................................................................. 11

Capitolo 4 Configurazione Software .................................................................. 14


4.1 Stato del Router .................................................................................. 14
4.1.1 Informazioni sul dispositivo...................................................................... 14
4.1.2 Accesso al sistema.................................................................................. 15
4.1.3 Statistiche ................................................................................................ 16

4.2 Quick Start .......................................................................................... 18


4.3 Impostazioni Interfaccia ...................................................................... 18
4.3.1 Internet .................................................................................................... 19
4.3.2 LAN ......................................................................................................... 23
4.3.3 Wireless................................................................................................... 26

4.4 Impostazioni Avanzate ........................................................................ 30


4.4.1 Firewall .................................................................................................... 31
4.4.2 Routing .................................................................................................... 31
4.4.3 NAT (Network Address Translation) ........................................................ 32
4.4.4 QoS (Quality of Service).......................................................................... 35
4.4.5 VLAN (Rete Locale Virtuale).................................................................... 37
4.4.6 ADSL ....................................................................................................... 39

4.5 Gestione Accessi ................................................................................ 40


4.5.1 ACL ......................................................................................................... 40
4.5.2 Filtro ........................................................................................................ 41
4.5.3 SNMP (Simple Network Management Protocol)...................................... 48
4.5.4 UPnP (Universal Plug & Play) ................................................................. 49
4.5.5 DDNS (Dynamic Domain Name System) ................................................ 49
4.5.6 CWMP ..................................................................................................... 50

4.6 Manutenzione...................................................................................... 51
4.6.1 Amministratore di Sistema....................................................................... 51
4.6.2 Fuso Orario.............................................................................................. 52
4.6.3 Firmware.................................................................................................. 53
4.6.4 Riavvio del Sistema ................................................................................. 55
4.6.5 Diagnostica.............................................................................................. 56

4.7 Aiuto.................................................................................................... 56

Appendice A: Specifiche tecniche........................................................................ 58


Contenuto della confezione
La confezione contiene i seguenti prodotti:
¾ Un Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+ TD-W8901G
¾ Un Adattatore DC per Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+ TD-W8901G
¾ Guida rapida all'installazione
¾ Un cavo RJ45
¾ Due cavi RJ11
¾ Uno splitter ADSL
¾ Un CD Risorse, che include:
z Guida all’utente
z Altre Informazioni utili

) Nota:
Assicurarsi che il pacchetto contenga gli elementi di cui sopra. Se uno qualsiasi degli elementi
sopra elencati risultano essere danneggiati o mancanti, si prega di contattare il proprio
distributore.

1
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Capitolo 1 Introduzione
Grazie per aver scelto il Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+ W8901G.

1.1 Panoramica del prodotto

Il dispositivo è stato progettato per fornire la connessione ADSL ad Internet in modo semplice ed
economico per una rete privata Ethernet oppure per una rete wireless 802.11g/802.11b.

Il TD-W8901G si connette a una rete LAN Ethernet o computer tramite le tradizionali porte
Ethernet. La connessione ADSL ad internet si effettua utilizzando la linea telefonica tradizionale
con connettori standard. Più di una postazione di lavoro può essere collegata in rete e connessa
ad Internet utilizzando un'unica interfaccia WAN (Wide Area Network) ed un unico indirizzo IP.
Fornisce sicurezza avanzata con i filtri Filtro IP/MAC, e Filtro URL e protegge la rete dalle
potenziali intrusioni dannose da parte di agenti esterni alla vostra rete.

Viene fornito un programma Quick Start su Web per facilitare la configurazione. È possibile
gestire la rete ed il Router mediante l’utility su Web alla quale si accede tramite Ethernet locale
utilizzando qualsiasi browser web.

ADSL
Il TD-W8901G supporta connettività full-rate ADSL2+ conforme alle specifiche ITU e ANSI. In
aggiunta alle funzioni di DMT Physical layer, l’ ADSL2+ PHY supporta doppia latenza ADSL2 +
framing (veloce e interfogliato) e la I.432 ATM Physical Layer.

Wireless
Il Router fornisce diverse misure di sicurezza assicurando una protezione wireless efficace. Può
essere impostato per spegnere la rete wireless in base al nome broadcast (SSID) in modo da
rendere possibile il collegamento solo per le stazioni con SSID. Il Router Wireless fornisce la
sicurezza crittografica WEP a 64/128 bit, autenticazione WPA-PSK/WPA2-PSK, e sicurezza
crittografica TKIP / AES.

1.2 Caratteristiche principali


¾ Quattro porte LAN RJ45 10/100mbps con Auto-Negoziazione ( Auto MDI/MDIX ), una porta
RJ11.
¾ Fornisce splitter esterni.
¾ Adotta la tecnologia di demodulazione avanzata e modulazione DMT.
¾ Supporta la modalità bridge e le funzionalità Router.
¾ Permette di condividere la connessione ad internet a più utenti.
¾ Velocità trasmissione dati fino a 24Mbps, in ricezione fino a 3,5Mpbs(con Annex M attivato).

¾ Consente lunghe distanze, la lunghezza massima della linea può arrivare a 6,5 km.

2
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

¾ Supporta configurazione e gestione remota tramite SNMP e CWMP.

¾ Supporta PPPoE, consente il collegamento Internet quando è attivo e la disconnessione da


Internet quando inattivo.

¾ Fornisce la funzione ESD (Electro Static Discharge ) e la funzione surge-protection


(protezione in caso di sovraccarico) con una veloce risposta del sistema di protezione

¾ Le modalità di trasmissione Hight Speed e asymmetrical data, consentono una larghezza di


banda efficace e protetta.

¾ Supporta tutti gli standard ADSL industriali.

¾ Compatibile con tutti i tradizionali DSLAM (CO).

¾ Fornisce l’accesso ad Internet e la funzione Route ideale per gli utenti SOHO.

¾ Configurazione in tempo reale e monitoraggio del dispositivo.

¾ Supporta Multiple PVC (Permanent Virtual Circuit).

¾ Server DHCP integrato.

¾ Il firewall incorporato, supporta il filtro IP/MAC, filtro applicazione e filtro URL.

¾ Supporta Virtual Server, host DMZ e indirizzo IP Mapping.

¾ Supporta DNS Dinamico, UPnP e Routing Statico.

¾ Supporta le funzionalità Log di Sistema e Statistiche.

¾ Supporta aggiornamenti firmware e gestione su WEB.

¾ Fornisce sicurezza dati WPA-PSK/WPA2-PSK e sicurezza crittografica TKIP/AES.

¾ Fornisce sicurezza crittografica WEP a 64/128-bit e wireless LAN ACL (Access Control List).

1.3 Convenzioni
Il Router, oppure il dispositivo, menzionato in questa guida d’uso fa riferimento al TD-W8901G
senza ulteriori spiegazioni.
I passaggi descritti nelle figure s’intendono solo di riferimento generico per l’installazione del
prodotto e potrebbero risultare diversi.

3
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Capitolo 2 Installazione Hardware


2.1 Pannello frontale

Figura 2-1
Gli indicatori LED situati sulla parte frontale del pannello, indicano lo stato di lavoro del dispositivo.
Per maggiori dettagli fare riferimento alla spiegazione degli indicatori LED.

Spiegazione indicatori LED :

Nome Stato Indicazione

acceso Acceso.
Alimentazione
spento Spento.

lampeggio La connessione ADSL è in corso.

ADSL acceso La porta LINE è collegata.

spento La porta LINE è scollegata.

Non c’è nessuna connessione PPP oppure il Router funziona in


spento
modalità Bridge.
Internet
acceso E’ stata creata una connessione PPP con successo.

lampeggio I dati vengono trasferiti ad Internet.

On acceso La funzione wireless è abilitata ma i dati non vengono trasmessi.

WLAN lampeggio I dati wireless vengono trasmessi.

spento La funzione wireless è disabilitata.

lampeggio I dati vengono trasferiti sulle porte 1-4 (LAN).

Sono state correttamente connesse le porte 1-4 (LAN)


acceso
LAN(1-4) corrispondenti , ma non sono attive.

Non sono state connesse le porte 1-4 (LAN) corrispondenti,


spento
oppure la connessione non viene rilevata.

4
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

2.2 Pannello posteriore

Figura 2-2
¾ POWER: Collegare il cavo dell’alimentatore esterno alla presa Power.
¾ RESET: Ci sono due possibilità per ripristinare le impostazioni predefinite del Router.
Opzione 1: Con il Router acceso, tenere premuto il pulsante Reset per almeno 5 secondi. Il
Router si riavvierà con le impostazioni predefinite di fabbrica.
Opzione 2: Ripristinare le impostazioni predefinite dalle Utility del Router su web con la
funzione “Maintenance-SysRestart”.
¾ 1, 2, 3, 4 (LAN): Tramite le porte, è possibile collegare il Router al vostro PC oppure ad altri
dispositivi Ethernet.
¾ LINE: Tramite questa porta, è possibile collegare il Router con il telefono. Oppure può essere
collegato con uno splitter esterno. Per maggiori dettagli fare riferimento al punto 2.4 .
¾ Antenna: Consente il funzionamento wireless e la trasmissione dati.

2.3 Ambiente d’installazione


¾ Il prodotto non deve essere esposto ad un’eccesiva umidità o fonte di calore.
¾ Posizionare il Router dove può essere collegato a vari dispositivi e a una presa di corrente.
¾ Assicurarsi che i cavi ed i cavi di corrente siano posizionati in modo da non costituire pericolo
d’inciampo.
¾ Il Router può essere collocato su un ripiano o sulla scrivania.
¾ Tenere lontano il dispositivo dalle forti radiazioni elettromagnetiche e da dispositivi sensibili
alle radiazioni elettromagnetiche.

5
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

2.4 Collegamento del Router


Prima di installare il dispositivo, si prega di controllare che il servizio fornito dal proprio ISP
sia disponibile. Se il servizio non è attivo si prega di contattare il vostro ISP. Prima di iniziare
il collegamento dei cavi, staccare l’alimentatore ed assicurarsi di avere le mani asciutte. I
passaggi sotto riportati vi guideranno all’installazione.
Passaggio 1: Collegare la linea ADSL.
Metodo 1: Collegare un'estremità del cavo ADSL twisted-pair nella porta ADSL LINE sul
pannello posteriore del TD-W8901G e inserire l'altra estremità nella presa a muro.
Metodo 2: È possibile utilizzare uno splitter. Gli splitter esterni riconoscono e
suddividono i dati e la voce, quindi è possibile accedere a Internet ed effettuare chiamate
allo stesso tempo. Lo splitter esterno dispone di tre porte:
• LINE: Collegare alla presa di corrente a muro
• PHONE: Collegare l’apparecchio telefonico
• MODEM: Collegare alla porta ADSL LINE del TD-W8901G
Collegare un'estremità del cavo ADSL twisted-pair nella porta ADSL LINE sul pannello
posteriore del TD-W8901G. Collegare l'altra estremità alla porta modem dello splitter
esterno.
Passaggio 2: Collegare il cavo Ethernet. Collegare un'estremità del cavo di rete alla porta
Ethernet del computer oppure ad una porta di un hub/switch, e l'altra estremità alla porta LAN
del TD-W8901G.
Passaggio 3: Accendere il computer e i dispositivi LAN.
Passaggio 4: Collegare l’alimentatore. Collegare l’alimentatore alla spina Power sul retro del
dispositivo e poi collegare l'adattatore ad una presa a muro di corrente o ad una prolunga.

6
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 2-3

7
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Capitolo 3 Guida rapida d'installazione


3.1 Configurazione del PC
Dopo aver collegato il vostro computer direttamente al TD-W8901G oppure ad un Hub/Switch
collegato al Router, è necessario configurare l'indirizzo IP del vostro PC. Seguire la seguente
procedura per configurarlo.
Passaggio 1: Fare click sul menù Start sul desktop, fare click con il tasto destro del mouse su
Risorse di rete, e quindi Selezionando Proprietà (Vedi Figura 3-1).

Figura 3-1
Passaggio 2: Fare click con il tasto destro del mouse su Connessione alla rete locale (LAN), e
quindi scegliere Proprietà.

8
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 3-2
Passaggio 3: Selezionando la pagina Generale, evidenziare Protocollo Internet (TCP/IP) e
quindi fare click su Proprietà.

Figura 3-3
9
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Passaggio 4: Configurare l’indirizzo IP come da figura 3-4 poi fare click su OK.

Figura 3-4

) Nota:
È possibile configurare il PC in modo da ottenere automaticamente un indirizzo IP, Selezionando
“Ottieni automaticamente un indirizzo IP” e "Ottieni indirizzo server DNS automaticamente” vedi
figura di cui sopra.

Ora, è possibile eseguire il comando Ping nel prompt dei comandi per verificare la connessione di
rete. Fare click sul menu Start del desktop, Selezionando Esegui, digitare cmd o command e
premere Invio. Digitare ping 192.168.1.1 sulla prossima schermata, quindi premere Invio. Se il
risultato visualizzato è come nella schermata sotto, la connessione tra il PC e il router è stata
stabilita.

Figura 3-5
Se il risultato visualizzato è come nella schermata di seguito, significa che il vostro PC non è
collegato al Router.

10
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 3-6

È possibile verificare tramite la seguente procedura:

1) PC e Router sono collegati correttamente?


Gli indicatori LED della porta LAN alla quale si collega il dispositivo e l’indicatore LED sulla
scheda del PC devono essere accesi.
2) La configurazione TCP/IP del vostro PC è corretta?
Se l'indirizzo IP del Router è 192.168.1.1, l'indirizzo IP del PC deve essere compreso tra
192.168.1.2 ~ 192.168.1.254.

3.2 Accesso
Una volta che il PC host è configurato correttamente, procedere come indicato qui di seguito per
utilizzare le Utility sul Web: Avviare il browser Web e digitare l'indirizzo IP del router nel campo
URL:192.168.1.1.

Viene visualizzata la schermata mostrata qui sotto, inserire il Nome Utente predefinito admin e la
password predefinita admin e quindi fare click su OK per accedere alla schermata guida rapida
d’installazione Quick Setup. Seguire i passaggi sotto riportati per completare l’installazione.

Figura 3-7

11
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Passaggio 1: Selezionando Quick Start , poi fare click su AVVIO WIZARD, ed apparirà la
prossima schermata. Fare click su AVANTI .

Figura 3-8
Passaggio 2: Configurare l’ora locale del Router e poi fare click su AVANTI.

Figura 3-9
Passaggio 3: Selezionando il tipo di connessione per connettersi all’ISP (per esempio
selezioniamo PPPoE/PPPoA ), poi fare click su AVANTI.

Figura 3-10
Passaggio 4: Configurare le seguenti opzioni fornite dal proprio ISP: Username, Password, VPI,
VCI e Connection Type. Fare click su AVANTI.
12
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 3-11
Passaggio 5: Impostare le regole per la rete WLAN, fare click su AVANTI.

Figura 3-12

) Nota:
Se l’Access Point è attivato, la funzione wireless sarà disponibile anche senza l'antenna esterna
grazie a un'antenna supplementare integrata. Per adottare le misure di sicurezza wireless,
consultare la sezione 4.3.3.
Passaggio 6: Fare click su AVANTI per terminare il programma Quick Start.

Figura 3-13

13
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Capitolo 4 Configurazione Software


Questa Guida d’Uso consiglia di utilizzare per la prima installazione la “guida rapida
d’installazione”. Per gli utenti più esperti che desiderano sfruttare le funzioni avanzate di questo
dispositivo, in questo capitolo saranno descritte le informazioni per configurare le impostazioni
avanzate mediante le Utility su Web.
Ad accesso avvenuto, è possibile configurare e gestire il dispositivo. Troverete i menù principali
sulla parte superiore dell’Utility su Web; dopo aver cliccato su uno dei menu principali che
descrivono nei dettagli la configurazione e le informazioni di stato, si apriranno diversi sottomenù.
Per applicare le impostazioni, fare click sul tasto SALVA.

4.1 Stato del Router


Scegliere “Stato”, vengono visualizzati i seguenti sottomenù: Informazioni dispositivo, Log di
sistema e Statistiche. Fare click per configurare la funzione corrispondente.

Figura 4-1

4.1.1 Informazioni sul dispositivo

Scegliere "Stato del sistema→Informazioni dispositivo " dal menù e saranno visualizzate le
informazioni relative al dispositivo, tra cui LAN, WAN e ADSL. Le informazioni possono variare a
seconda delle impostazioni della configurazione del router sulla schermata Informazioni
dispositivo.

14
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-2

) Nota:
Fare click sul menu Log di sistema o Statistiche vedi 4-1, e saranno visualizzate le informazioni
di accesso al sistema e le statistiche di traffico sul Router.

4.1.2 Accesso al sistema

Scegliere “Stato del sistema→Log di sistema” dal menù per verificare gli accessi al Router.

15
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-3

Il Router è in grado di memorizzare tutto il traffico di rete. È possibile verificare tutti gli accessi al
Router

Fare click sul tasto ANNULLA LOG per cancellare gli accessi.

Fare click sul tasto SALVA LOG per salvare gli accessi.

4.1.3 Statistiche

Scegliere “Stato del sistema→Statistiche” dal menu, e sarà visualizzato il traffico di rete su
Ethernet, ADSL e WLAN.

Figura 4-4

16
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

¾ Interfaccia: E’ possibile Selezionando Ethernet, ADSL e WLAN per visualizzare il traffico di


rete corrispondente nelle diverse porte.
¾ Selezionando Ethernet, verrà visualizzata la tabella delle statistiche, come qui di seguito.

Tabella statistiche:

Frames trasmessi Frames trasmessi sulla porta Ethernet.

Multicast Frames trasmessi Frame multicast trasmessi sulla porta Ethernet.

Statistiche Bytes totali trasmessi Bytes totali trasmessi sulla porta Ethernet.
di
La collisione quando i dati sulla porta Ethernet
trasmissione Collisioni trasmesse
vengono trasmessi.

I frames di errore sulla porta Ethernet quando i dati


Frames errati trasmessi
vengono trasmessi.

Frames ricevuti Frames ricevuti sulla porta Ethernet.

Multicast Frames ricevuti Frame multicast ricevuti sulla porta Ethernet.

Bytes totali ricevuti Bytes totali ricevuti sulla porta Ethernet.


Statistiche
di ricezione Gli errori CRC sulla porta Ethernet quando i dati
Errori CRC ricevuti
vengono ricevuti.

Frames sottodimensionati Frames Under-size ricevuti sulla porta Ethernet.

ricevuti

¾ Seleziona ADSL e verrà visualizzata la tabella statistiche, come qui di seguito.

Tabella statistiche:
Statistiche PDUs totali trasmessi I PDUs totali trasmessi sulla porta ADSL.
di
Numero di errori totali trasmessi Gli errori totali dati in trasmissione sulla porta ADSL.
trasmissione

17
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Statistiche PDUs totali ricevuti I PDUs totali ricevuti sulla porta ADSL.
di ricezione Numero di errori totali ricevuti Gli errori totali dati ricevuti sulla porta ADSL.

¾ Seleziona WLAN e verrà visualizzata la tabella statistiche, come qui di seguito.

Tabella statistiche:
Numero Frames Frames trasmessi sulla porta WLAN quando i dati wireless
trasmessi vengono trasmessi.
Statistiche
Numero Errori
di Errori sulla WLAN quando i dati wireless vengono trasmessi.
trasmessi
trasmissione
Numero di pacchetti
Drops sulla WLAN quando i dati wireless vengono trasmessi.
scartati trasmessi
Numero Frames Frames ricevuti sulla porta WLAN quando i dati wireless
ricevuti vengono ricevuti.
Statistiche Numero Errori
Errori sulla WLAN quando i dati wireless vengono ricevuti.
di ricezione ricevuti
Numero di pacchetti
Drops sulla WLAN quando i dati wireless vengono ricevuti.
scartati ricevuti

Fare click su AGGIORNA per aggiornare.

4.2 Quick Start


Si prega di fare riferimento a " 3.2: Accesso".

4.3 Impostazioni Interfaccia


Scegliere “Impostazioni Interfaccia”, si visualizza il sottomenù successivo: Internet , LAN e
Wireless.

Figura 4-5

Fare Click sulla funzione corrispondente che si intende configurare.

18
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

4.3.1 Internet

Scegliere “Impostazioni Interfaccia→Internet” dal menù, sarà possibile configurare i parametri


per le porte WAN nella schermata successiva (vedi Figura 4-6).

Figura 4-6
¾ ATM VC: Le impostazioni ATM permettono la connessione al vostro ISP. L’ ISP vi fornirà le
impostazioni VPI (Virtual Path Identifier), VCI (Virtual Channel Identifier). In questo
dispositivo è possibile impostare fino a 8 circuiti virtuali (VCs) su diverse modalità di
incapsulamento, se sono attivi 8 diversi circuiti virtuali dal vostro ISP. Occorre abilitare il
circuito virtuale VC per renderlo attivo. Per la gestione del circuito virtuale privato (PVCs), si
può utilizzare la funzione QoS su una rete ATM per impostare le priorità del traffico sulla linea
del circuito virtuale privato PVC.
• Circuito Virtuale: Selezionando il numero di circuiti virtuali (VC) che si desiderano
impostare, PVC0~PVC7.
19
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

• Stato del sistema: Se si vuole utilizzare un circuito virtuale (VC) specifico, occorre
attivarlo.
• VPI: Identifica i percorsi virtuali tra i punti più lontani tra loro nella rete ATM. La distanza
è valida da 0 a 255. Si prega di inserire il valore fornito dal vostro ISP.
• VCI: identifica i canali virtuali più lontani tra loro nella rete ATM. La distanza valida è da
32 a 65535 (da 1 a 31 è riservato per protocolli conosciuti). Si prega di inserire il valore
fornito dal vostro ISP.
• Indice PVC: fare click sul pulsante e saranno visualizzate informazioni generiche sul
circuito virtuale privato (PVCs).
• QoS: Selezionando i tipi di QoS (Quality of Service) per questo circuito virtuale, inclusi
CBR (Constant Bit Rate), UBR (Unspecified Bit Rate) e VBR (Variable Bit Rate). Queste
tipologie di QoS sono controllate dai parametri sotto specificati, incluso PCR (Peak Cell
Rate), SCR (Sustained Cell Rate) e MBS (Maximum Burst Size), si prega di configurarli
in base alle vostre necessità.
¾ Incapsulamento: Ci sono quattro tipi di connessione: Indirizzo IP Dinamico, Indirizzo IP
Statico, PPPoA/PPPoE e Bridge Mode. Si prega di Selezionando il tipo in base alle vostre
esigenze. Poi seguire la configurazione descritta qui sotto per procedere:

1) Indirizzo IP Dinamico
Selezionando questa opzione se il vostro ISP vi ha fornito un indirizzo IP in automatico. Questa
opzione in genere viene usata per servizi via cavo. Si prega di inserire le informazioni sull’ IP
dinamico corrispondente.

Figura 4-7
¾ Incapsulamento: Selezionando la modalità di incapsulamento appropriata per l’indirizzo IP
dinamico, si può lasciare come da default.
¾ NAT: Selezionando questa opzione per attivare/disattivare la funzione NAT (Network
Address Translation) per questo circuito virtuale. La funzione NAT può essere attivata o
disattivata in base al circuito virtuale privato PVC.

20
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

¾ Route di default: Se si abilita questa funzione, il PVC attivo sarà considerato come gateway
predefinito dal dispositivo verso internet.
¾ Opzioni TCP MTU: inserire il TCP MTU come desiderato.
¾ Route dinamica: Selezionando questa opzione per definire la RIP (Routing Information
protocol) per l’interfaccia WAN, include RIP1, RIP2-B e RIP2-M. RIP2-B e RIP2-M sono
entrambi inviati in formato RIP2, la differenza è che RIP2-M utilizza Multicast, mentre RIP2-B
utilizza il formato Broadcast.
• Direzione: Selezionando questa opzione per definire la direzione RIP. None è per
disattivare la funzione RIP. Both significa che il Router ADSL invierà periodicamente le
informazioni sul routing e che saranno poi aggiornate nella tabella routing. IN only
significa che il Router ADLS accetta ma non invia i pacchetti RIP. OUT only significa che
il Router ADLS invia ma non accetta i pacchetti RIP.
¾ Multicast: Selezionando la versione IGMP oppure disattivare la funzione. IGMP (Internet
Group Multicast Protocol) è un protocollo session-layer utilizzato per stabilire una lista
membri in un gruppo multicast. I’ADSL ATU-R supporta sia la IGMP versione 1 (IGMP v1) e
IGMP versione 2 (IGMP v2). Selezionando “Disabled” per disattivarla.

2) Indirizzo IP Statico
Selezionando questa opzione se il vostro ISP vi fornisce le informazioni sull’IP statico. Occorre
impostare l’indirizzo IP statico, IP subnetmask e indirizzo del gateway nella schermata qui sotto
(vedi Figura 4-8).

Figura 4-8

) Nota:
Ogni indirizzo IP inserito deve essere nella forma IP appropriata, quindi 4 valori numerici separati
da un punto, come ad esempio 192.168.1.100. Il Router non accetta gli indirizzi IP se non in
questo formato.

21
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

3) PPPoA/PPPoE
Selezionando questa opzione se il vostro ISP vi richiede di utilizzare una connessione PPPoE.
Questa opzione in genere viene utilizzata per servizi i DSL. Selezionando Dynamic PPPoE per
ottenere un indirizzo IP in automatico per la vostra connessione PPPoE. Selezionando Static
PPPoE per utilizzare un indirizzo IP statico per la vostra connessione PPPoE. Si prega di inserire
le informazioni desiderate.

Figura 4-9
¾ Nome Servizio: Digitare un nome per identificare la connessione o lasciare in bianco.
¾ Nome Utente: Inserire il Nome Utente per la vostra connessione PPPoE/PPPoA.
¾ Password: inserire la password per la vostra connessione PPPoE/PPPoA.
¾ Incapsulamento: Per entrambe le connessioni PPPoE/PPPoA occorre specificare il tipo di
Multiplexing, LLC oppure VC Mux.
¾ Connessione: Per la connessione PPPoE/PPPoA, è possible Selezionando Sempre Attivo
o Connetti su Richiesta o Connetti manualmente. Connetti su Richiesta la connessione
viene attivata in base al traffico di rete. Se non viene rilevato traffico di rete oppure è in pausa
per un periodo determinato di tempo, la connessione si disattiva. Appena vengono rilevati
dati in trasmissione o ricezione, la connessione si riattiva automaticamente.

22
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

¾ Trova indirizzo IP: per la connessione PPPoE/PPPoA, occorre specificare l’indirizzo IP


pubblico per questo Router ADSL. L’indirizzo IP può essere sia dinamico (via DHCP) oppure
può essere l’indirizzo IP fornito dal vostro ISP. Per l’ IP Statico, occorre specificare l’indirizzo
IP, Subnet Mask ed Indirizzo IP Gateway.
¾ Route di default: Se si abilita questa funzione, il PVC attivo sarà considerato come gateway
predefinito dal dispositivo verso internet.

4) Modalità Bridge
Se si seleziona questo tipo di connessione, il modem può essere configurato ed agire come
dispositivo bridge tra la vostra LAN ed il vostro ISP. I Bridges sono dispositivi che consentono a
due o più reti di comunicare tra loro come se fossero segmenti nella stessa LAN.

Figura 4-10

) Nota:
Dopo aver terminato la configurazione Internet, si prega di fare click su SALVA per applicare le
impostazioni.

4.3.2 LAN

Scegliere “Impostazioni Interfaccia→LAN” dal menu, e verrà visualizza la schermata LAN (vedi
Figura 4-11). Si prega di configurare i parametri per la porta LAN in base alle descrizioni sotto
riportate.

23
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-11
¾ Router IP Locale: Queste sono le impostazioni IP per il dispositivo dell’interfaccia LAN.
Queste impostazioni possono essere stabilite come private. È possibile modificare l’indirizzo
IP della LAN se necessario. L’indirizzo IP della LAN è privato e non può essere visto
dall’esterno.
• Indirizzo IP: Inserire l’indirizzo locale IP del Router, poi è possibile accedere alle Utility
su Web tramite l’indirizzo IP, il valore predefinito è 192.168.1.1.
• IP Subnet Mask: Inserire la Subnet Mask del Router, Il valore predefinito è
255.255.255.0.
• Rotta dinamica: Selezionando questa opzione per definire la versione RIP (Routing
Information Protocol) per l’interfaccia LAN, include RIP1, RIP2-B e RIP2-M. RIP2-B e
RIP2-M sono entrambi inviati in formato RIP2, la differenza è che RIP2-M utilizza
Multicast, mentre RIP2-B utilizza il formato Broadcast.
• Direzione: Selezionando questa opzione per definire la direzione RIP. Nessuno è per
disattivare la funzione RIP. Entrambi significa che il Router ADSL invierà
periodicamente le informazioni del routing e che saranno poi aggiornate nella tabella
routing. Solo IN significa che il router ADLS accetta ma non invia i pacchetti RIP. Solo
OUT significa che il router ADLS invia ma non accetta i pacchetti RIP
• Multicast: Selezionando la versione IGMP oppure disattivare la funzione. IGMP
(Internet Group Multicast Protocol) è un protocollo session-layer utilizzato per stabilire
una lista membri in un gruppo multicast. I’ADSL ATU-R supporta entrambe le versioni
IGMP versione 1 (IGMP v1) e IGMP versione 2 (IGMP v2). Selezionando “Disabled” per
disabilitarla.

24
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

• IGMP Snoop: Abilitare se necessario.


¾ Server DHCP: Selezionando Abilitato e verrà visualizzata la schermata sotto (vedi Figura
4-12). Il Router può funzionare da Server DHCP e da gateway predefinito per i client DHCP
ad esso connessi. DHCP significa Dynamic Host Control Protocol. Il Server DHCP assegna
gli indirizzi IP quando all’avvio il dispositivo richiede un indirizzo IP per accedere alla rete.
Quel dispositivo deve essere impostato come client DHCP per ottenere l’indirizzo IP in
automatico. Il Server DHCP è attivato di default. Il DHCP address pool contiene la gamma
degli indirizzi IP che verranno assegnati in automatico ai client della rete.

Figura 4-12
• Indirizzo IP d'origine: Inserire l’indirizzo IP che deve essere assegnato per primo dal
server DHCP. Dato che l’indirizzo IP predefinito per il Router è 192.168.1.1, il primo
indirizzo assegnato è 192.168.1.2, l’indirizzo IP iniziale deve essere 192.168.1.2 o
maggiore, ma più piccolo di 192.168.1.254.
• Conteggio IP Pool: Il numero massimo di utenti consentiti.
• Tempo rilascio: la durata di scadenza dell’IP. Una volta scaduto l’indirizzo IP dinamico,
all’utente viene assegnato in automatico un nuovo indirizzo IP dinamico. Sono impostati
come predefiniti 259200 secondi.
¾ Tabella DHCP: Visualizza le informazioni del client DHCP.

• Hostname: Mostra il nome del client DHCP.


• Indirizzo IP: Mostra l’indirizzo IP del client DHCP.
• Indirizzo MAC: Mostra l’indirizzo MAC del client DHCP.
• Stato: Mostra lo stato degli indirizzi IP assegnati, può essere Static o Auto. Static
indica che l’indirizzo IP è legato all’indirizzo MAC, mentre Auto indica che l’indirizzo IP
viene assegnato all’indirizzo MAC in automatico.

25
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Come si assegna un indirizzo IP ad un client ?


1). Selezionando Indirizzo IP dalla lista a cascata.
2). Inserire il Indirizzo MAC del client sulla tabella.

• DNS Relay: Se si desidera disabilitare questa funzione, occorre semplicemente


impostare IP primario e secondario del DNS a 0.0.0.0. Se si desidera utilizzare DNS
relay, occorre impostare l’IP del server DNS a 192.168.1.1 sul computer. Altrimenti il
dispositivo non funzionerà come DSN relay.
• Server DNS Primario: Inserire il primo server DNS preferito.
• Server DNS Secondario: inserire il secondo DNS server preferito.

) Nota:
Se viene selezionato Utilizza solo server auto discovered DNS in DNS Relay questo Router
accetterà prima i DNS ricevuti da uno tra i PPPoA, PPPoE o MER/DHCP attivati PVC(s) durante
la connessione stabilita. Se viene selezionato Utilizza solo server User discovered DNS in DNS
Relay occorre inserire manualmente l’indirizzo IP primario del server DNS e facoltativamente il
secondario. Dopo aver inserito gli indirizzi fare click sul tasto SALVA per salvare e rendere le
impostazioni attive.

¾ DHCP Trasmesso: Selezionando Trasmesso, verrà visualizzato la schermata (vedi Figura


4-13) e il Router funzionerà come un DHCP Relay. Un DHCP relay è un computer che invia i
dati DHCP ai computer che richiedono un Indirizzo IP; è il server DHCP che assegna gli
indirizzi. L’interfaccia di ogni computer può essere configurata come DHCP relay. Se attivato,
le richieste al DHCP dai computer locali saranno inviate al server DHCP della WAN. Questa
funzione, per poter operare correttamente deve essere applicata solo in modalità router,
disabilitare il DHCP server sulla porta LAN e assicurarsi che nella tabella routing ci siano i
dati corretti.

Figura 4-13
• DHCP Server IP per Relay Agent: Inserire l’indirizzo IP del server DHCP della WAN.

) Nota:
Se si seleziona Disabilitato le funzioni DHCP non sono attive.

4.3.3 Wireless

Selezionando “Impostazioni Interfaccia→Wireless” dal menù, verrà visualizzata la schermata


wireless (vedi Figura 4-14 ). Si prega di configurare i parametri wireless in base alle descrizione
sotto.

26
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-14
¾ Impostazioni Access Point: Sono le impostazioni dell’Access Point. Si possono impostare
le regole che permettono ad un computer e ad altri dispositivi di comunicare in una rete
wireless.
• Access Point: Selezionando Sttivato per permettere ai dispositivi wireless di
connettersi all’access point.
• Canale: seleziona il canale che si desidera utilizzare dalla lista a cascata. Questo
campo determina quale frequenza operativa sarà utilizzata. Non è necessario modificare
il canale wireless a meno che non si rilevino problemi di interferenza con un access point
nelle vicinanze.
• Intervallo Beacon: inserire un valore tra 20-1000 millisecondi. Il valore del Beacon
Interval indica la frequenza di intervallo tra i beacon. Un beacon è un pacchetto di
informazioni inviato dal Router per sincronizzare la rete wireless. Il valore predefinito è
100.
• Soglia RTS/CTS: Se dovesse verificarsi un flusso di dati incostante, sono
raccomandate solo minime riduzioni del valore di default 2347. Se il pacchetto di rete è
più piccolo della misura RTS prestabilita, Il meccanismo RTS/CTS non verrà attivato. Il
Router invia frames Request to Send (RTS) ad una stazione ricevente specifica e

27
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

negozia i data frame inviati. Dopo aver ricevuto un RTS, la stazione wireless risponde
con un frame Clear to Send (CTS) per acconsentire l’inizio della trasmissione dati. Nella
maggior parte dei casi mantenere il valore di default 2347.
• DTIM: Questo valore, tra 1 e 255, indica l’intervallo del messaggio Delivery Traffic
Indication Message (DTIM). Un campo DTIM è un contatore che allerta i client ai
messaggi di broadcast e multicast. Quando il Router riceve i messaggi broadcast o
multicast per i client associati, invia il prossimo DTIM con l’intervallo di tempo indicato
nel DTIM. I suoi client vengono allertati a ricevere i messaggi bradcast e multicast. Il
valore predefinito è 1.
• 802.11 b/g: nella lista a cascata si può scegliere “802.11g (54Mbps)” o “802.11b
(11Mbps)”. "802.11 b+g (54Mbps & 11Mbps)" permette ad entrambe le stazioni wireless
802.11g e 802.11b di connettersi al Router.
¾ Impostazioni SSID: Sono le impostazioni dell’ SSID.
• SSID Indice: La lista dell’ SSID. In questo modello non è possibile modificare il valore
predefinito : 1.
• Broadcast SSID: Quando i client wireless ricercano la rete wireless alla quale
connettersi rilevano il broadcast SSID dal Router. Mantenere i valori predefiniti per il
Broadcast SSID del Router. Selezionando “No” se non si desiderano i broadcast SSID
del Router.
• SSID: Il nome della rete wireless condivisa tra tutti i punti della rete. L’SSID deve essere
identico per tutti i dispositivi nella rete wireless. È un campo sensibile ai caratteri e non
deve eccedere i 32 (si possono utilizzare tutti i caratteri della tastiera). Assicurarsi che
questa impostazione sia la medesima per tutte le postazioni nella vostra rete wireless.
Inserire l’SSID desiderato nell’apposito spazio.
• Tipo di autenticazione: Selezionando un tipo di autenticazione dalla lista a cascata che
consenta di configurare le caratteristiche di sicurezza sull’interfaccia wireless LAN. Le
opzioni disponibili sono: “Disabled”, “WEP-64Bits”, “WEP-128Bits”, “WPA-PSK”, e
WPA2-PSK.
¾ Filtro Wireless MAC Address: l’accesso al wireless può essere filtrato utilizzando l’indirizzo
MAC del dispositivo wireless della rete wireless.
• Attivo: Se si desidera utilizzare l’indirizzo MAC Selezionando “Activated”, e “Deactived”
se si intende disattivarlo.
• Azione: Per filtrare gli utenti wireless tramite l’indirizzo MAC, Selezionando “Allow
Association” o “Deny Association”.
• Indirizzo MAC: Inserire l’indirizzo MAC che si desidera filtrare.

) Nota:
Per la maggior parte degli utenti si raccomanda di mantenere le impostazioni wireless LAN
predefinite. Qualsiasi cambiamento a queste impostazioni potrebbe causare prestazioni
peggiorative della rete wireless. In alcune circostanze le modifiche possono migliorarne le
prestazioni. Si consiglia di valutare attentamente ogni modifica dei valori prestabiliti.

28
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

1) WEP-64Bits
Per configurare le impostazioni WPA-64Bits, Selezionando l’opzione WPA-64Bits dal menù a
cascata. Il menù offre le impostazioni appropriate. WPA-64Bits è un meccanismo che mantiene la
privacy dei dati in base ad un algoritmo a 64-bit come descritto nei prodotti IEEE 802.11g
standard.

Figura 4-15

2) WEP-128Bits
Per configurare le impostazioni WPA-128Bits, Selezionando l’opzione WPA-128Bits dal menù a
cascata. Il menù offre le impostazioni appropriate. 128-bit è più potente di 64-bit.

Figura 4-16

3) WPA-PSK
Per configurare le impostazioni WPA-PSK (WPA Pre-Shared key), Selezionando l’opzione
WPA-PSK dal menù a cascata. Il menu offre le impostazioni appropriate. WPA-PSK richiede una
chiave condivisa e non utilizza un server separato per l’autenticazione. La chiave condivisa PSK
può essere ASCII o Hex type.

29
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-17
¾ Cifratura: Selezionando la crittografia che si desidera utilizzare: “Automatic”, “TKIP o AES”
(AES è un metodo di crittografia più potente di TKIP).
• TKIP (Temporal Key Integrity Protocol) – un protocollo di crittografia wireless che
fornisce una chiave di crittografia dinamica per ogni pacchetto trasmesso.
• AES (Advanced Encryption Standard) - Un metodo di sicurezza che utilizza la
crittografia dati a 128-bit.
¾ Pre-Shared Key: Inserire la chiave condivisa dal Router e dagli altri dispositivi in rete. Deve
avere 8-63 caratteri ASCII oppure 64 cifre esadecimali.

4) WPA2-PSK
Per configurare le impostazioni WPA2-PSK (WPA2 Pre-Shared key), Selezionando l’opzione
WPA2-PSK dal menù a cascata. Il menù offre le impostazioni appropriate. WPA2-PSK richiede
una chiave condivisa e non utilizza server separati per l’autenticazione. La chiave condivisa PSK
può essere ASCII o Hex type.

Figura 4-18

4.4 Impostazioni Avanzate


Selezionando “Impostazioni Avanzate”, si visualizzano i seguenti sottomenu:

Figura 4-19
Fare click sulla funzione che si desidera configurare.

30
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

4.4.1 Firewall

Selezionando “Impostazioni Avanzate→Firewall” dal menù, si visualizza la seguente schermata


(vedi Figura 4-20).

Figura 4-20
¾ Firewall: Selezionando questa opzione per rilevare e bloccare automaticamente attacchi
Denial of Service (DoS), come Ping of Death, SYN Flood, Port Scan e Land Attack.
¾ SPI: Se si attiva SPI (Stateful Package Inspection), tutto il traffico in entrata dalla WAN viene
bloccato, incluso DMZ, Server Virtuale e ACL (Access Control List) della WAN.

4.4.2 Routing

Selezionando “Impostazioni Avanzate→Routing” dal menù, si visualizzano le informazioni sulle


tabelle di routing sullo schermo (vedi Figura 4-21).

Figura 4-21
Fare click sul tasto AGGIUNGI ROUTE sul prossimo schermo per aggiungere un nuovo percorso
statico (vedi Figura 4-22).

Figura 4-22

31
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

¾ Destinazione Indirizzo IP: Questo parametro specifica l’indirizzo IP del computer di


destinazione.
¾ IP Subnet Mask: Inserire la subnet mask per la destinazione.
¾ Indirizzo IP Gateway: Inserire l’indirizzo IP del gateway. Il gateway è un vicino del vostro
Router ADSL che veicola i pacchetti dati a destinazione finale. Sulla LAN, il gateway deve
essere una rotta sullo stesso segmento del vostro Router; su Internet (WAN) il gateway deve
essere l’indirizzo IP di uno dei nodi remoti.
¾ Misura: Il campo Metric rappresenta il "cost", unità di misura di trasmissione per il router. L’IP
Routing usa un contatore per misurare il “cost”, con un minimo di 1 per reti connesse
direttamente. Inserire un numero appropriato di “cost” per questo link. Non è necessario
essere precisi ma il numero deve essere un valore tra 1 e 15. In genere, 2 o 3 sono valori
giusti.
¾ Annunciato in RIP: Questo parametro determina se il Router ADSL include la rotta verso il
nodo remoto nel broadcast RIP. Se impostato su “Si”, la rotta del nodo remoto può essere
propagandata ad altri host tramite broadcasts RIP. Se impostato sul “No”, questa rotta viene
tenuta private e non è inclusa nel broadcasts RIP.

4.4.3 NAT (Network Address Translation)

Selezionando “Impostazioni Avanzate→NAT” dal menù, è possible impostare la funzione NAT


(Network Address Translation) per il Router (vedi Figura 4-23).

Figura 4-23
¾ Circuito Virtuale: Inserire il tipo di circuito virtuale pianificato per la funzione NAT.
¾ Status NAT: Questo campo mostra lo stato attuale della funzione NAT per il circuito virtuale
attivo. È possibile tornare alla schermata precedente (come nella Figura 4-8) per attivare la
funzione.
¾ Numero di IPs: Questo campo specifica quanti IP vengono forniti dal vostro ISP per il
circuito virtuale attivo. Possono essere IP singoli (singol) o IP multipli (multiple).
Selezioniamo “Multiple” come esempio.

) Nota:
Per circuiti virtuali con IP singolo, si condividono i DMZ e Virtual Server; per circuiti virtuali con IP

32
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

multipli, per ogni circuito virtuale si può impostare un DMZ ed un Server Virtuale. Inoltre, per
circuiti virtuali con IP multipli, si possono definire le regole per il Mapping; per circuiti virtuali con
IP singolo, che hanno solo un IP, non vi è necessità di definire una regola individuale per il
Mapping.

4.4.3.1 DMZ

Selezionando “Impostazioni Avanzate → NAT → DMZ” nella prossima schermata si può


configurare l’host DMZ, come nella Figura 4-24. Un DMZ (zona smilitarizzata) è un host tra una
rete privata locale e la rete pubblica esterna. Blocca gli utenti esterni dall’accedere direttamente al
server che ha i dati dell’azienda. Gli utenti della rete pubblica esterna all’azienda possono
accedere a tutti i servizi in esecuzione sull’ host DMZ.

Figura 4-24
¾ Indirizzo IP Host DMZ: Digitare l’indirizzo IP specifico per l’host DMZ sulla LAN.

4.4.3.2 Server Virtuale

Selezionando “Impostazioni Avanzate→NAT→Server Virtuale” nella prossima schermata è


possibile configurare il server virtuale come nella Figura 4-25.
Il Server Virtuale (Virtual Server) è il server o server(s) dietro al NAT (sulla LAN), per esempio, il
server Web oppure il server FTP, che si può rendere visibile all’esterno anche se il NAT fa
apparire all’esterno il tuo network interno come un singolo dispositivo.

Figura 4-25
¾ Indice Regola: L’elenco delle regole del server virtuale per questo VC. Si possono
specificare al massimo 10 regole. Tutti i VCs con IP singolo utilizzeranno le stesse regole del
Virtual Server.

33
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

¾ Applicazione: Il Virtual Server può essere utilizzato per impostare i servizi pubblici della rete
LAN.
¾ Protocollo: Il protocollo utilizzato in questa applicazione.
¾ Numero porta iniziale&Numero porta finale: Inserire il numero specifico delle porte “porta
iniziale” ed “porta finale”. Se c’è solo una porta si inserisce lo stesso numero su “porta
iniziale” e su “porta finale “. Per esempio, se si desidera impostare il server virtuale FTP, si
può impostare il valore numerico a 21 su “porta iniziale” e “porta finale”.
¾ Indirizzo IP Locale: Inserire l’indirizzo IP per il Server Virtuale della rete LAN.
¾ Lista Virtual Server: Mostra le informazioni impostate sul Server Virtuale.

Per aggiungere un Server Virtuale:


Passaggio 1: Selezionando “Circuito virtuale” e poi Selezionando “Server Virtuale”.

) Nota:
Per Circuiti Virtuali con IP singolo, Selezionando Singolo; per Circuiti Virtuali con IPs multiplo,
Selezionando Multiplo come opzione.
Passaggio 2: Selezionando “Indice Regola” come mostrato nella Figura 4-25.
Passaggio 3: Selezionando l’opzione desiderata dal menù a cascata, così il protocollo ed il
numero di porta saranno aggiunti al campo corrispondente in automatico, occorre solo
Selezionando l’indirizzo IP per il server virtuale; se la lista delle applicazioni non contiene il
servizio desiderato, si prega di configurare manualmente il Numero di Porta, l’indirizzo IP ed il
protocollo.
Passaggio 4: Fare click su SALVA per attivare le impostazioni.

Altre operazioni come mostrato nella Figura 4-25:


Inserire l’indirizzo delle voci assegnate e fare click sul tasto ANNULLA per eliminare.
Fare click sul tasto INDIETRO per ritornare alla schermata precedente.
Fare click sul tasto CANCELLA per cancellare la voce che si è creata.

4.4.3.3 Mappa Indirizzi IP

Selezionando Multiplo per Numero di IPs come nella Figura 4-21 e scegliere “Impostazioni
Avanzate→NAT→Mappa Indirizzi IP (per multipli IP Service)”. È possibile configurare le
regole per Address Mapping sulla prossima schermata. L’ IP Address Mapping è per quei Circuiti
Virtuali configurati con multipli IP. La regola impostata per l’ IP Address Mapping è per i Circuiti
Virutali (solo per Circuiti Virtuali con multipli IP).

34
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-26
¾ Indice regola: Selezionando l’indice delle regole del Server Virtuale per il Circuito Virtuale. É
possibile definire al massimo 8 regole.
¾ Tipo di regola: Ci sono quattro tipologie: One-to-One, Many-to-One, Many-to-Many
Overload e Many-to-Many No-overload.
¾ IP locale d'origine & IP locale di destinazione: Inserire l’indirizzo IP locale che si vuole
impostare. Local Start IP è l’indirizzo IP di origine e Local End IP è l’indirizzo IP di
destinazione. Se la regola vale per tutti gli indirizzi IP, allora Start IP sarà 0.0.0.0 e End IP
sarà 255.255.255.255.
¾ IP pubblico iniziale & IP pubblico finale: Inserire l’indirizzo IP sul quale si desidera attivare
la funzione NAT. Public Start IP è l’indirizzo IP di origine e Public End IP è l’indirizzo IP di
destinazione. Se avete un IP dinamico inserire 0.0.0.0 come Public Start IP.
¾ Lista di mapping degli indirizzi: Mostra le informazioni sull’Address Mapping.

Per aggiungere una regola per il mapping:


Passaggio 1: Selezionando il “Circuito virtuale” e poi Multiple per il “Numero di IPs”. Poi
Selezionando Mappa Indirizzi IP (Vedi Figura 4-21).

) Nota:
Mappa Indirizzi IP è possibile solo nei Circuiti virtuali con IP multipli.

Passaggio 2: Selezionando “Indice regola” per definire la regola come mostra la Figura 4-26.
Passaggio 3: Selezionando il tipo di regola disponibile nel menu a cascata.
Passaggio 4: inserire l’indirizzo IP Pubblico e Locale nei campi corrispondenti.
Passaggio 5: Fare click su SALVA per rendere attive le impostazioni.

Altre operazioni come mostrato nella Figura 4-26:


Inserire l’indirizzo delle voci assegnate e fare click sul tasto ANNULLA per eliminare la voce.
Fare click sul tasto INDIETRO per ritornare alla schermata precedente.
Fare click sul tasto CANCELLA per cancellare la voce che si è creata..

4.4.4 QoS (Quality of Service)

Selezionando “Impostazioni Avanzate→QoS” nella prossima schermata per configurare la


funzione QoS. QoS assegna la priorità ai dati in entrata dal router. QoS identifica e determina la
35
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

priorità in entrata dei pacchetti dati in base alle regole definite dall’Utente. Questa funzione può
essere utile nel caso si voglia dare precedenza a specifici dati in entrata ad esempio a pacchetti
dati audio rispetto ai pacchetti dati web. Questa opzione permette una selezione del traffico di
rete migliore rispetto ad altre tecnologie.

Figura 4-27
¾ QoS: Selezionando questa opzione per Attivare/Disattivare le diverse tipologie di IP QoS (IP
ToS e DiffServ).
¾ Sommario: Fare click sul tasto per visualizzare le impostazioni QoS.
¾ Regola: Serve a configurare le regole per il QoS. Se il traffico è conforme alla regola il router
agirà in base alla funzione corrispondente a quella regola.
• Indice regola: Selezionando la regola che si vuole configurare.
• Attivo: Attiva la regola. La regola funziona solo se è selezionato “Activated”.
• Applicazione: Selezionando l’applicazione per la quale la regola è stata creata.
• Porta fisica: Seleziona la porta alla quale la regola del flusso di traffico fa riferimento.
• MAC di destinazione & IP & Maschera & Intervallo porta: Inserire le informazioni IP

36
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

per l’host di destinazione per la regola.


• MAC sorgente & IP & Maschera & Intervallo porta: Inserire le informazioni IP per
l’host di origine per la regola.
• Protocollo ID: Selezionando uno tra i protocolli TCP/UDP, TCP, UDP o ICMP per
l’applicazione.
• Intervallo ID Vlan: Inserire l’area di rete virtuale (Vlan) sulla quale rendere attiva la
regola.
• IPP/DS Field: Selezionando il tipo di azione a cui assegnare priorità.
Se si seleziona IPP/TOS si assegna priorità tramite l’IP. La funzione IP QoS è stata ideata per
consentire all’operatore di controllare la rete.
• Intervallo precedenza IP: Inserire il raggio di priorità IP sulla quale il Router deve
Selezionando il traffico.
• Tipo di servizio: Selezionando il tipo di servizio che il Router deve tenere in
considerazione per gestire il traffico.
• 802.1p: Selezionando il raggio di priorità per la regola.
Quando si seleziona DSCP è possibile assegnare la priorità mediante DHCP. Mostra il gruppo IP
con la classe di servizio corrispondente.
• Intervallo DSCP: Inserire il raggio DSCP per differenziare il traffico.
• 802.1p: Selezionando il raggio di priorità relativo alla regola.
¾ Azione Serve a configurare l’azione del Router per gestire il traffico in base alla regola.
• IPP/DS Field: Selezionando la tipologia dell’azione.
• Remarking precedenza IP: Selezionando il numero di priorità per l’IP.
• Tipo del servizio di Remarking: Selezionando il tipo di priorità del servizio.
• DSCP Remarking: Inserire il numero di priorità del DSCP.
• 802.1p Remarking: Selezionando il tipo di priorità dell’ 802.1p.
• Coda: Selezionando il tipo di priorità per l’azione.

4.4.5 VLAN (Rete Locale Virtuale)

Scegliere “Impostazioni Avanzate→VLAN”, nella prossima schermata è possibile attivare le


funzioni della VLAN (Rete Locale Virtuale).

La rete locale virtuale VLAN (Virtual Local Area Network) è un gruppo di dispositivi su una o più
reti locali configurati in modo tale da comunicare come se fossero collegati alla stessa rete,
mentre in realtà sono collegati a diversi segmenti di rete. Dato che le VLANs sono basate su
connessioni logiche invece che fisiche consentono maggiore flessibilità per la gestione di
user/host, per l’ottimizzazione delle risorse e per l’assegnazione della larghezza di banda. Ci
sono le seguenti due tipologie di VLAN:

VLAN per porta (Port-Based VLAN): Ogni porta dello switch è configurata in base ad una lista di
accesso che specifica la membership in un gruppo di VLANs.
ATM VLAN: Utilizza il protocollo LAN Emulata (ELAN) per identificare i pacchetti Ethernet
all’interno delle celle ATM ed inviarle a destinazione convertendo un indirizzo MAC Ethernet in un

37
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

indirizzo ATM.

Figura 4-28

1) Assegna VLAN PVID per ogni interfaccia

Fare click su Assegna VLAN PVID per ogni interfaccia vedi Figura 4-28, si può assegnare un
PVID per ogni singola interfaccia sulla prossima schermata (Vedi Figura 4-29).

Figura 4-29
¾ PVID: Ogni porta ha un’ impostazione predefinita VID (VLAN ID) chiamata PVID (Porta VID).
PVID viene assegnato ad un pacchetto di untagged frames oppure ad un pacchetto
prioritario di tagged frames (frames con valore nullo (0) VID) ricevuti da questa porta.

2) Definisci il gruppo VLAN

Fare click su Definisci il gruppo VLAN come nella Figura 4-28, è possibile definire i gruppi VLAN
nella prossima schermata (vedi Figura 4-30).

38
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-30
¾ Indice VLAN: Selezionando il tipo VLAN per questo Circuito virtuale. Si possono definire fino
a 8 gruppi al massimo.
¾ VLAN ID: Identifica il gruppo di VLAN.
¾ ATM VCs: Selezionando “ATM VCs” come appartenente alla VLAN, se si lascia il “Tagged”
vuoto, i tag nei frames saranno eliminati quando si trasmette sul Circuito VIrtuale.
¾ Ethernet: Selezionando la porta Ethernet come appartenente alla VLAN.
¾ Wireless LAN: Selezionando la porta LAN come appartenente alla VLAN, se si lascia il
Tagged vuoto, i tag nei frames saranno eliminati quando si trasmette dalla porta.
¾ Sommario gruppo VLAN: Mostra le informazioni relative ai gruppi VLAN.

4.4.6 ADSL

Selezionando “Impostazioni Avanzate→ADSL” sulla prossima schermata si può selezionare il


tipo e la modalità ADSL. La funzione ADSL può essere selezionata se si incontrano problemi di
connessione. Si prega di verificare le impostazioni appropriate con il proprio ISP.

39
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figure 4-31
¾ Modalità ADSL: Selezionando la modalità operativa dell’ ADSL utilizzata dalla vostra
connessione ADSL.
¾ Tipo ADSL: Selezionando la tipologia operativa ADSL utilizzata dalla vostra connessione
ADSL.

4.5 Gestione Accessi


Selezionando “Gestione Accessi”, si visualizzano i seguenti sottomenu:

Figure 4-32
Fare click sulla funzione corrispondente che si desidera configurare.

4.5.1 ACL

Selezionando “Gestione Accessi→ACL” si visualizza la prossima schermata (vedi Figure 4-33).


Si può specificare il client per accedere al Router ADSL dopo aver selezionato l’IP come “Secure
IP Address” mediante le applicazioni selezionate.

40
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figure 4-33
¾ ACL: Se Attivato, gli indirizzi IP che sono nella lista di gestione accessi possono accedere al
Router. Se Disattivato, tutti gli indirizzi IP possono accedere al Router.
¾ Indice regole ACL: Seleziona la regola ACL per questa voce.
¾ Attivo: Abilita la regola ACL.
¾ Indirizzo IP sicuro: Seleziona gli indirizzi IP dai quail è permesso accedere al Router da
remoto. Con l’ IP predefinito 0.0.0.0, a qualsiasi client sarà permesso accedere al Router
ADSL da remoto.
¾ Applicazione: Selezionando l’applicazione per la regola ACL attraverso la quale è possibile
accedere al Router.
¾ Interfaccia: Selezionando l’interfaccia di accesso: LAN, WAN o Entrambe.
¾ Elenco Controllo Accessi: Mostra le informazioni sulle regole ACL.

4.5.2 Filtro

Scegliere “Gestione Accessi → Filtro”, viene visualizzata la schermata Filtri (predefinita è


IP/MAC Filter screen come mostra la Figure 4-34 ). Le funzioni di filtro includono IP/MAC Filter,
Application Filter, e URL Filter. Questa funzione permette all’amministratore di controllare gli
accessi ad internet degli utenti e quindi proteggere la rete.

4.5.2.1 Filtro IP

Selezionando Filtro IP/MAC come tipo di filtro, Selezionando IP come tipo di regola (vedi Figure
4-34), in questo modo sarà possibile configurare le regole del Filtro in base all’indirizzo IP. Il Filtro
include Outgoing e Incoming, le descrizioni dettagliate sono descritte qui sotto.

41
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figure 4-34
¾ Selezione Tipo Filtro: Selezionando il tipo di filtro per la configurazione sotto.
¾ Filtro IP / MAC Set Indice: Selezionando l’impostazione per il filtro IP. Questa lista può
abbinare sei regole di filtraggio IP / MAC.
¾ Interfaccia: Selezionando l’interfaccia alla voce relativa.

) Nota:
Se si seleziona PVC0~PVC7 come interfaccia, Il filtro abbina il traffico IP della porta WAN con gli
IP specifici (Source IP Address e Destination IP Address). Se si seleziona LAN come interfaccia,
il filtro abbina il traffico IP della porta LAN con gli IP specifici.
¾ Direzione: Selezionando la direzione per questa regola di filtro IP. Ci sono tre direzioni di
filtraggio: Both, Incoming, Outgoing.

) Nota:
Incoming indica il traffico IP in entrata nel Router e Outgoing indica il traffico IP in uscita dal
Router.
¾ Filtro IP / MAC Rule Indice: Selezionando la regola per la voce relativa del filtro IP.

42
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

) Nota:
Si dovrebbero impostare i campi Filtro IP / MAC Set Indice e Filtro IP / MAC Rule Indice
assieme per destinare l’indirizzo (come mostrato nella Lista Filtri) alla regola di filtro IP. Per
esempio (1, 2), indica che la regola verrà mostrata nella riga 2 “Filtro IP / MAC Set Indice “1.
¾ Tipo regola: Per il tipo di Filtro IP, si prega di Selezionando l’IP relativo.
¾ Attivo: Selezionando “Yes” per rendere attiva la regola.
¾ Indirizzo IP di origine: Inserire l’indirizzo IP per il quale si desidera definire la regola. Se
viene impostato su 0.0.0.0 significa che tutti gli indirizzi IP saranno controllati dalla regola.
¾ Indirizzo IP di destinazione: Inserire l’indirizzo IP di destinazione per la regola. Se viene
impostato su 0.0.0.0 significa che tutti gli indirizzi IP sono controllati dalla regola. Le
impostazioni della Subnet Mask e del Numero di Porta sono uguali al “Source IP Address”.
¾ Subnet Mask: Inserire la Subnet Mask per il quale si desidera definire la regola.
¾ Numero porta: Inserire il numero di porta per la quale applicare la regola. Se viene
impostato su 0 significa che tutte le porte saranno controllate dalla regola impostata.
¾ Protocollo: Selezionando il protocollo: TCP, UDP o ICMP per la regola di filtraggio.
¾ Regola non adatta: Se la regola attuale non corrisponde e si seleziona Inoltra, il Router non
terrà conto della regola e trasmetterà i dati direttamente. Se si seleziona AVANTI, il Router
troverà la prossima regola di filtro corrispondente disponibile (vedi in Lista Filtri ).
¾ Filtro IP / MAC Listing: Mostra le informazioni relative alle regole di filtro IP.

Aggiungere un filtro all’ indirizzo IP:

Esempio: Se si desidera bloccare le E-mail in entrata e in uscita dall’indirizzo IP 192.168.1.7


sulla vostra rete locale; e se si desidera che al computer con indirizzo IP192.168.1.8 non sia
permesso di accedere alla pagina web all’indirizzo IP 202.96.134.12, mentre a tutti gli altri
computer non vengono posti limiti, si può configurare il filtro come descritto di seguito.
Supponiamo che entrambe le regole si riferiscano all’interfaccia PVC0, e che le loro liste siano (1,
1), (1, 2) e (1, 3).
Passaggio 1: Selezionando l’ “Filtro IP/MAC” come “Selezione Tipo Filtro” (vedi Figure 4-34).

Selezionando “IP” come “Tipo regola” sulla schermata Filtri, poi si procede a configurare
la regola come segue:

Passaggio 2: Selezionando Filtro IP / MAC Set Indice e Filtro IP / MAC Rule Indice per
impostare la regola poi Selezionando l’interfaccia “PVC0” e Selezionando “Entrambi” nel campo
“Direzione” come prima regola.

43
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

) Nota:
Se si desidera rendere attiva la regola si prega di Selezionando Si.
Passaggio 3: Inserire i dati “Indirizzo IP di origine”, “Indirizzo IP di destinazione”, “Subnet Mask”
e “Numero porta” nei campi corrispondenti.

Passaggio 4: Selezionando il “Protocollo” come “TCP” e impostare “regola non adatta” su


“Avanti”.
Passaggio 5: Infine fare click su SALVA per salvare le impostazioni.
Passaggio 6: Vedi il Passaggio 2 per configurare la prossima regola: Blocca E-mail in entrata
dall’indirizzo IP 192.168.1.7 sulla rete locale; rende il Pc con indirizzo IP 192.168.1.8 inabilitato ad
accedere alla pagina web all’indirizzo IP 202.96.134.12.

) Nota:
Dopo aver completato l’impostazione della regola di Filtro IP come nell’esempio, la Lista Filtri
apparirà come mostrato di seguito. È possibile Selezionando Filtro IP / MAC Set Indice per
visualizzare le regole impostate.

Altre operazioni come mostrato nella Figure 4-34:


Selezionando Filtro IP / MAC Set Indice e Filtro IP / MAC Rule Indice per visualizzare o
modificare le impostazioni.

Selezionando Filtro IP / MAC Set Indice e Filtro IP / MAC Rule Indice per localizzare la regola e
44
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

poi fare click sul tasto CANCELLA per cancellare l’impostazione.

4.5.2.2 Filtro MAC

Selezionando Filtro IP/MAC su “Selezione Tipo Filtro”. Selezionando MAC su “Tipo regola” (vedi
Figura 4-35), e poi è possibile configurare le regole di filtro relative agli indirizzi MAC.

Figura 4-35
¾ Tipo regola: Selezionando MAC per impostare la regola del Filtro MAC.
¾ Attivo: Selezionando “Si” per rendere la regola attiva.
¾ Indirizzo MAC: Inserire l’indirizzo MAC per la regola impostata.
¾ Regola non adatta: Se la regola attuale non corrisponde e si seleziona Inoltra il Router non
terrà conto della regola e trasmette i dati direttamente. Se si seleziona AVANTI, il router
utilizza la prossima regola corrispondente disponibile (vedi Lista Filtri).
¾ Filtro IP / MAC Listing: Mostra le informazioni delle regole impostate per il Filtro MAC.

Aggiungere un filtro per l’indirizzo MAC:

Esempio: Se si desidera bloccare l’accesso ad internet ai PC con l’indirizzo MAC


00:0A:EB:00:07:BE e 00:0A:EB:00:07:5F, si può procedere come descritto qui di seguito;
Supponiamo che entrambe le regole si riferiscano all’interfaccia PVC0, e che le loro Liste siano (1,
1) e (1, 2).
Passaggio 1: Selezionando “Filtro IP/MAC” come “Selezione Tipo Filtro”:

45
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Selezionando “MAC” come “Tipo regola” sulla schermata Filter (vedi Figura 4-35).

, poi si può configurare la regola specifica per l’esempio.


Passaggio 2: Selezionando Filtro IP / MAC Set Indice e Filtro IP / MAC Rule Indice per
impostare la regola, poi selezionare l’interfaccia “PVC0” e selezionare “Entrambi” nel campo
“Direzione” come prima regola.

) Nota:
Per rendere attive le impostazioni si prega di Selezionando Si.
Passaggio 3: Inserire il “Indirizzo MAC” e impostare “regola non adatta” su “AVANTI”.

Passaggio 4: Infine fare click su SALVA per salvare le impostazioni.


Passaggio 5: Vedi Passaggio 2 per configurare la prossima regola: Bloccare l’accesso ad
internet al PC con indirizzo MAC 00:0A:EB:00:07:5F.

) Nota:
Dopo aver completato l’impostazione della regola per il filtro MAC come nell’esempio, la lista dei
Filtri apparirà come descritto qui di seguito. É possibile inserire Filtro IP / MAC Set Indice per
mostrare le informazioni relative alla regola impostata.

Altre operazioni come mostrato nella Figure 4-34:


Selezionando Filtro IP / MAC Set Indice e Filtro IP / MAC Rule Indice per visualizzare o
modificare le impostazioni.

Selezionando Filtro IP / MAC Set Indice e Filtro IP / MAC Rule Indice per localizzare una
regola specifica e poi fare click sul tasto CANCELLA per cancellare la regola.

46
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

4.5.2.3 Filtro Apllicazlone

Selezionando Filtro Apllicazlone in “Selezione Tipo Filtro” (vedi Figura 4-36) e sarà possibile
configurare la regola per il filtro relativa all’applicazione.

Figura 4-36
¾ Selezione Tipo Filtro: Selezionando “Filtro Apllicazlone” per la prossima configurazione.
¾ Filtro Apllicazione: Attiva o Disattiva la funzione.
¾ ICQ & MSN & YMSG & Real Audio/Video: Selezionando Permetti o Rifiuta per queste
applicazioni. Se si seleziona “Permetti” il Router accetterà l’applicazione; se si seleziona
“Rifiuta” il Router proibirà l’applicazione.

4.5.2.4 URL

Selezionando Filtro URL come “Selezione Tipo Filtro” (Vedi 4-36) sarà possibile configurare la
regola per il filtro relativa alla URL.

47
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-37
¾ Selezione Tipo Filtro: Selezionando Filtro URL per la prossima configurazione.
¾ Attivo: Selezionando “Si” affinchè la regola abbia effetto.
¾ URL Index: Selezionando la Lista “Index” corrispondente al Filtro URL.
¾ URL: Inserire la URL per questo Filtro URL.
¾ URL Filter Listing: Questa tabella mostra le informazioni relative alle regole del Filtro URL.

Per aggiungere un Filtro URL:

Esempio: Se si desidera impedire all’ utente di accedere al sito WEB: www.yahoo.com


supponiamo che entrambe le regole si riferiscano all’interfaccia PVC0 e che le loro lista sia “1”
Passaggio 1: Selezionando “Filtro URL” in Selezione Tipo Filtro (vedi Figura 4-37).
Passaggio 2: Selezionando Index per impostare la regola e poi inserire il sito WEB nel campo
URL.
Passaggio 3: Infine, Selezionando Si per attivare la regola, quindi fare click su SALVA per
salvare.

Altre operazioni come mostrato nella Figure 4-34:


Selezionando URL Index per visualizzare o modificare le impostazioni.
Selezionando URL Index per localizzare una regola specifica e poi fare click sul tasto
CANCELLA per cancellare l’impostazione.

4.5.3 SNMP (Simple Network Management Protocol)

Selezionando “Gestione Accessi→SNMP”, viene visualizzata la schermata SNMP. Il protocollo


Simple Network Management Protocol (SNMP) serve a gestire lo scambio di informazioni tra i
dispositivi di rete.

48
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-38
¾ Ottieni la Community: Impostare la password per accettare le informazioni in entrata e
raccogliere le richieste.
¾ Imposta la Community: Impostare la password per definire le informazioni in entrata.

4.5.4 UPnP (Universal Plug & Play)

Selezionando “Gestione Accessi→UPnP”, sulla prossima schermata è possibile configurare l’


UPnP (vedi Figura 4-39).

UPnP (Universal Plug & Play) è una rete aperta standard che utilizza TCP/IP per una
connessione di rete peer-to-peer tra i dispositivi. Un dispositivo UPnP può unirsi alla rete in
modo dinamico, ottenere un indirizzo IP, identificare la presenza e le funzionalità di altre
periferiche della rete. Inoltre questo dispositivo può disconnettersi dalla rete automaticamente e
semplicemente quando non viene usato. Sono consentiti broadcast UpnP solo sulla LAN.

Figura 4-39
¾ UPnP: Attiva o Disattiva la funzione UPnP. Solo quando la funzione è “activated” UPnP
diventa attivo.
¾ Configurato Automaticamente: Se si attiva la funzione, i dispositivi UPnP in rete possono
automaticamente configurare gli indirizzi di rete, annunciare la loro presenza in rete ad altri
dispositivi UPnP e permettere lo scambio di semplici informazioni.

4.5.5 DDNS (Dynamic Domain Name System)

Selezionando “Gestione Accessi→DDNS” sul prossimo schermo è possibile configurare la


funzione DDNS (vedi Figura 4-40).

Il router offre la funzione Dynamic Domain Name System (DDNS). Questa funzione consente di
usare un nome di host statico con un indirizzo IP dinamico. L’utente deve inserire il nome host,
49
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

nome utente e password assegnato al Router ADSL dal vostro fornitore di DNS dinamico.
L’utente può anche scegliere se attivare DYNDNS Wildcard.

Figura 4-40
¾ DNS Dinamico: Attiva o Disattiva la funzione DDNS.
¾ Service Provider: Questo campo mostra il fornitore del servizio di DDNS.
¾ Nome del mio Host: inserire qui il vostro nome host.
¾ Indirizzo E-mail: inserire qui il vostro l’indirizzo E-mail.
¾ Nome Utente & Password: inserire “Nome Utente” e “Password” del vostro DDNS.
¾ Supporto carattere jolly: Selezionando questa opzione per attivare la funzione Wildcard.

4.5.6 CWMP

Selezionando “Gestione Accessi→CWMP” nella prossima schermata è possibile configurare il


protocollo CWMP (Vedi Figura 4-41).

Il Router offre la funzione CWMP. La funzione supporta il protocollo TR-069 che raggruppa le
informazioni, identifica i dispositivi e li configura automaticamente tramite ACS
(Auto-Configuration Server).

50
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-41
¾ CWMP: Selezionando Activate per attivare la funzione CWMP.
¾ URL: Inserire la pagina Web ACS che viene fornita dal vostro ISP.
¾ Nome Utente/Password: Inserire Nome Utente e password per accedere al server ACS.
¾ Percorso: Inserire il percorso per collegarsi al server ACS.
¾ Porta: Inserire la porta per connettersi al server ACS.
¾ Nome Utente /Password: Inserire Nome Utente e Password per far accedere il server ACS
al Router.
¾ Informazione periodica: Attivare o Disattivare questa funzione. Se attivata, le informazioni
saranno inviate al server ACS periodicamente.
¾ Intervalli(s): Inserire qui l’intervallo di tempo .

4.6 Manutenzione
Selezionando “Manutenzione” si visualizza il seguente sottomenù:

Figura 4-42
Fare click su un sottomenù per configurare la funzione corrispondente.

4.6.1 Amministratore di Sistema

Selezionando “Manutenzione→Amministrazione” è possibile impostare la password per


l’amministratore di sistema nella prossima schermata (vedi Figura 4-43).

51
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-43

) Nota:
1) Un solo account può accedere all’interfaccia di gestione su Web (Web-Management).
L’account predefinito è "admin", e la password è "admin". Admin ha privilegio di
scrittura/lettura.
2) Quando si cambia la password, si deve inserire la nuova password due volte, e poi fare click
su SALVA per rendere attiva la nuova password.

4.6.2 Fuso Orario

Selezionando “Manutenzione→Fuso Orario”, è possibile configurare l’orario del sistema nella


prossima schermata (Vedi Figure 4-44).

L’orario del sistema è l’orario che utilizza il sistema per le operazioni pre-programmate. Ci sono
tre metodi per configurare l’orario. É possibile impostare l’orario manualmente oppure connettersi
al server NTP (Network Time Protocol). Se è impostato un server NTP occorrerà solo impostare il
fuso orario. Se si imposta l’orario manualmente si possono anche impostare i parametri per l’ora
legale ed il sistema si aggiornerà in automatico in base ai dati inseriti.

1) Server NTP automatico


Selezionando Server NTP automatico in “Sincronizza Ora con”, occorre quindi solo impostare il
fuso orario.

Figure 4-44

52
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

) Nota:
Il Router ADSL integra alcuni Server NTP, quando il Router si connette ad Internet, il Router
ottiene l’orario del sistema automaticamente dal Server NTP. È anche possibile configurare
l’indirizzo del Server NTP manualmente, il Router ottiene così l’orario dal Server specificato.

2) Orologio PC
Selezionando Orologio PC in “Sincronizza Ora con” non è necessario impostare altro.

Figura 4-45

3) Manualmente
Selezionando Manualmente in “Sincronizza Ora con” è necessario impostare la data e l’ora
attuale.

Figura 4-46

4.6.3 Firmware

Selezionando “Manutenzione→Firmware” è possibile aggiornare il firmware del Router nel


prossimo schermo (vedi Figura 4-47). Assicurarsi che il firmware o il romfile che si vuole
utilizzare si trovi sul disco fisso del computer. Fare click su Browse per localizzare il firmware o il
romfile sul disco fisso da utilizzare per l’aggiornamento.

53
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-47

Per aggiornare il firmware del Router, seguire le seguenti istruzioni:


Passaggio 1: Scaricare una versione recente di firmware dal sito TP-LINK (www.tp-link.com).
Passaggio 2: Inserire il percorso ed il nome del file di aggiornamento nel campo “Localizzazione
Nuovo Firmware”. Oppure fare click sul tasto Browse per localizzare il file di aggiornamento.
Passaggio 3:Fare click sul tasto AGGIORNAMENTO.

) Nota:
1) Le versioni aggiornate del firmware si trovano su www.tp-link.com e possono essere
scaricate gratuitamente. Se il router funziona correttamente non vi è alcun bisogno di
scaricare una versione più recente del firmware a meno che la versione integri una
funzione nuova che si vuole utilizzare.
2) Quando si aggiorna il firmware si potrebbero perdere le configurazioni attuali del Router
pertanto si consiglia di fare una copia di salvataggio dati prima di iniziare
l’aggiornamento del firmware.
3) Non spegnere il Router o premere il tasto Reset mentre il firmware è in corso di
aggiornamento.
4) Il Router si riavvia una volta terminato l’aggiornamento.

Per il back up del Router , seguire le seguenti istruzioni:


Passaggio 1: fare click sul tasto ROMFILE SALVA (Vedi Figura 4-47) per procedere, fare click
sul tasto SALVA nella prossima schermata (vedi Figura 4-48).

54
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-48
Passaggio 2: salvare il file con il nome appropriato (Vedi Figura 4-49).

Figura 4-49
Per ripristinare le impostazioni del Router:
Passaggio 1: Fare click sul tasto Browse per localizzare il firmware per il dispositivo, oppure il
percorso esatto nel campo “Localizzazione Nuovo Romfile”.
Passaggio 2: Fare click sul tasto SALVA per completare.

4.6.4 Riavvio del Sistema

Selezionando “Manutenzione → Riavvio Sistema” sulla prossima schermata é possibile


scegliere il ripristino del sistema mantenendo le impostazioni attuali o ripristinare le impostazioni
predefinite di fabbrica. (Vedi Figura 4-50).

55
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-50

4.6.5 Diagnostica

Selezionando “Manutenzione→Diagnostica” sullo schermo si possono visualizzare i test di


verifica dei physical layer e protocol layer sia per la connessione LAN che per la WAN (vedi Figura
4-51).

Figura 4-51

4.7 Aiuto
Selezionando “Aiuto” per visualizzare l’aiuto per la configurazione delle varie funzioni.

56
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Figura 4-52

) Nota:
Fare click sulla descrizione per la quale si desidera avere informazioni.

57
TD-W8901G Guida d’Uso Modem Router 54Mbps Wireless G ADSL2+

Appendice A: Specifiche tecniche


Generali
ANSI T1.413, ITU G.992.1, ITU G.992.2, ITU G.992.3, ITU G.992.5
Standards e Protocolli IEEE 802.11b, IEEE 802.11g ,IEEE 802.3, IEEE 802.3u, TCP/IP,
PPPoA , PPPoE, SNTP, HTTP, DHCP, ICMP, NAT
Sicurezza & Emissioni FCC,CE
4 porte RJ45 10/100M Auto-Negoziazione(Auto MDI/MDIX)
Porte
1 porte RJ11
Indicatori LED Alimentazione, ADSL, Internet, WLAN, 1,2,3,4(LAN)
10Base-T: UTP cavo Cat. 3, 4, 5
Network Medium 100Base-TX: UTP Cat. 5
Lunghezza massima: 6.5Km
Velocità trasferimento Downstream: fino a 24Mbps
dati Upstream: fino a 3.5Mbps(con Annex M attivato)
Internet Explorer 5.0 or later, Netscape Navigator 6.0 or later
Sistema Operativo
Win 9x/ME/2000/XP/Vista
Ambiente
Temperatura di Lavoro 0℃ ~ 40℃
Umidità di Lavoro 10% ~ 90% RH (senza condenza)
Temperatura di
-40℃ ~ 70℃
Immagazzinamento
Umidità di
5% ~ 90% RH (senza condenza)
Immagazzinamento

58