Sei sulla pagina 1di 11

Corso di: Chimica Analitica con Elementi di statistica

Laurea in Farmacia -- A.A. 2016-2017


Esercizi di verifica

Domande a risposta multipla: esatta 2 punti, nulla 0 punti, errata -1 punto Esercizi: 8 punti

1. La determinazione del punto finale della titolazione si può effettuare in diversi modi, tra questi:
a. Facendo l’integrale della curva di titolazione
b. Facendo la derivata prima della curva di titolazione
c. Estraendo il logaritmo in base dieci della curva di titolazione

2. Si supponga di voler verificare che un'impurezza di un farmaco sia entro il limite di legge pari a
0.01 M. Il valore sperimentale ottenuto sia ora pari a (0.01013 ± 0.00017) M (95%)
a. Dire che il valore è fuori dal limite comporta uno sbaglio è chiamato del secondo tipo
b. Dire che il valore è dentro il limite comporta uno sbaglio di tipo alfa
c. Dire che il valore è fuori dal limite comporta uno sbaglio chiamato del primo tipo

3. Un certo componente A in un farmaco deve per legge essere inferiore a 0.01 M, quali dei seguenti
tre farmaci ha una concentrazione di componente fuorilegge?
a. Primo farmaco: C0A = (0.01042 ± 0.00062) M (95%)
b. Secondo farmaco: C0A = (0.00978 ± 0.00038) M (95%)
c. Terzo farmaco: C0A = (0.01084 ± 0.00071) M (95%)

4. Quali tra i seguenti analiti non si possono determinare mediante una titolazione iodometrica:
a. Ione arseniato
b. Ione cloruro
c. Ione ipoclorito

5. Quale dei seguenti numeri è scritto con due cifre significative?:


a. 5.80108
b. 0.001
c. 0.024

6. Sapendo che 𝑎 = 0.2241 ± 0.0012, 𝑏 = 2.24 ± 0.03 e 𝑐 = 1.04 ± 0.05 quale sarà il valore di
𝑓 ed il relativo errore 𝛿𝑓 determinato per propagazione in quadratura dell’errore nella funzione
𝑓 = (𝑎 ∙ 𝑙𝑛𝑏)/𝑐 :
a. 0.17380.026
b. 0.1740.009
c. 0.170.05

7. Dati i valori di concentrazione 0.004367, 0.004299, 0.004063, 0.004187, 0.004431 quale sarà il
valore medio, la deviazione standard e l’errore della media?
a. 𝑥̅ = 0.00427 ; 𝜎𝑥 = 1.310−4 ; 𝛿𝑥 = 610−5
b. 𝑥̅ = 0.004269 ; 𝜎𝑥 = 1.3110−5 ; 𝛿𝑥 = 5.810−5
c. 𝑥̅ = 0.0042 ; 𝜎𝑥 = 110−4 ; 𝛿𝑥 = 110−4

8. Sapendo che 𝑎 = 0.2041 ± 0.0012, 𝑏 = 3.24 ± 0.03 e 𝑐 = 1.14 ± 0.05 quale sarà il valore di
𝑓 ed il relativo errore 𝛿𝑓 determinato per propagazione in quadratura dell’errore nella funzione
𝑓 = (𝑎 ∙ 𝑏)/𝑐 :
a. 0.5800.026
b. 0.580.03
c. 0.750.03
Corso di: Chimica Analitica con Elementi di statistica
Laurea in Farmacia -- A.A. 2016-2017
9. Zn2+ forma un complesso con EDTA quale è il valore di costante di complessamento scritto in
maniera più corretta?
a. K ZnY2− = 3.21 ∙ 1016
b. K ZnY2− = 3.214 ∙ 1016
c. K ZnY2− = 3 ∙ 1016

10. La precisione teorica sulla concentrazione può essere migliorata:


a. In maniera indefinita utilizzando una bilancia sempre più precisa
b. In maniera indefinita utilizzando una bilancia molto precisa
c. Fintantoché la precisione sulla pesata è significativa rispetto a quello sul volume

11. L’impurezza di un farmaco è (0.01023 ± 0.00017) M (95%), il limite di legge è 0.01 M allora si
può dire che?
a. Il farmaco è fuori legge
b. Il farmaco è nei limite di legge
c. Una valutazione sbagliata comporta un errore di tipo alfa

12. Per stimare la statistica sul valore vero dobbiamo:


a. conoscere la statistica sulle deviazioni standard
b. conoscere la statistica sulle medie
c. conoscere la statistica sugli errori delle medie

13. la distribuzione di Student è:


a. una distribuzione statistica con formula analitica simile a quella di Gauss
b. una funzione statistica simile a quella di Gauss
c. una distribuzione statistica con forma simile a quella di Gauss

14. il valore della t di Student dipende da::


a. dal grado di probabilità e dal numero di misure
b. dal numero di misure
c. dal grado di fiducia

15. In una titolazione complessometrica il salto di pM al punto equivalente cresce


a. al crescere di K’
b. al diminuire di K’
c. al diminuire della concentrazione di metallo iniziale

16. La salda d’amido è un indicatore


a. Utilizzato nelle titolazioni di complessamento
b. La cui colorazione si origina da una reazione di complessamento
c. La cui colorazione si origina da una reazione redox

17. L’agente titolante in una titolazione idometrica è


a. Il tetrationato di sodio
b. Il tiosolfato di sodio
c. Il solfato di sodio

18. La determinazione del punto finale della titolazione si può effettuare in diversi modi, tra questi:
a. Facendo l’integrale della curva di titolazione
b. Facendo la derivata prima della curva di titolazione
c. Estraendo il logaritmo in base dieci della curva di titolazione
Corso di: Chimica Analitica con Elementi di statistica
Laurea in Farmacia -- A.A. 2016-2017
19. Si supponga di voler verificare che un'impurezza di un farmaco sia entro il limite di legge pari a
0.01 M. Il valore sperimentale ottenuto sia ora pari a (0.01013 ± 0.00017) M (95%)
a. Dire che il valore è fuori dal limite comporta uno sbaglio è chiamato del secondo tipo
b. Dire che il valore è dentro il limite comporta uno sbaglio di tipo alfa
c. Dire che il valore è fuori dal limite comporta uno sbaglio chiamato del primo tipo

20. Un certo componente A in un farmaco deve per legge essere inferiore a 0.01 M, quali dei seguenti
tre farmaci ha una concentrazione di componente fuorilegge?
a. Primo farmaco: C0A = (0.01042 ± 0.00062) M (95%)
b. Secondo farmaco: C0A = (0.00978 ± 0.00038) M (95%)
c. Terzo farmaco: C0A = (0.01084 ± 0.00071) M (95%)

21. Sapendo che 𝑎 = 0.2241 ± 0.0012, 𝑏 = 2.24 ± 0.03 e 𝑐 = 1.04 ± 0.05 quale sarà il valore di
𝑓 ed il relativo errore 𝛿𝑓 determinato per propagazione in quadratura dell’errore nella funzione
𝑓 = (𝑎 ∙ 𝑙𝑛𝑏)/𝑐 :
a. 0.17380.026
b. 0.1740.009
c. 0.170.05

22. Dati i valori di concentrazione 0.004367, 0.004299, 0.004063, 0.004187, 0.004431 quale sarà il
valore medio, la deviazione standard e l’errore della media?
a. 𝑥̅ = 0.00427 ; 𝜎𝑥 = 1.310−4 ; 𝛿𝑥 = 610−5
b. 𝑥̅ = 0.004269 ; 𝜎𝑥 = 1.3110−5 ; 𝛿𝑥 = 5.810−5
c. 𝑥̅ = 0.0042 ; 𝜎𝑥 = 110−4 ; 𝛿𝑥 = 110−4

23. Sapendo che 𝑎 = 0.2041 ± 0.0012, 𝑏 = 3.24 ± 0.03 e 𝑐 = 1.14 ± 0.05 quale sarà il valore di
𝑓 ed il relativo errore 𝛿𝑓 determinato per propagazione in quadratura dell’errore nella funzione
𝑓 = (𝑎 ∙ 𝑏)/𝑐 :
a. 0.5800.026
b. 0.580.03
c. 0.750.03

24. Zn2+ forma un complesso con EDTA quale è il valore di costante di complessamento scritto in
maniera più corretta?
a. K ZnY2− = 3.21 ∙ 1016
b. K ZnY2− = 3.214 ∙ 1016
c. K ZnY2− = 3.2 ∙ 1016

25. La precisione teorica sulla concentrazione può essere migliorata:


a. In maniera indefinita utilizzando una bilancia sempre più precisa
b. In maniera indefinita utilizzando una bilancia molto precisa
c. Fintantoché la precisione sulla pesata è significativa rispetto a quella sul volume

26. L’impurezza di un farmaco è (0.01023 ± 0.00017) M (95%), il limite di legge è 0.01 M allora si
può dire che?
a. Il farmaco è fuori legge
b. Il farmaco è nei limite di legge
c. Una valutazione sbagliata comporta un errore di tipo alfa
Corso di: Chimica Analitica con Elementi di statistica
Laurea in Farmacia -- A.A. 2016-2017
27. Per stimare la statistica sul valore vero dobbiamo:
a. conoscere la statistica sulle deviazioni standard
b. conoscere la statistica sulle medie
c. conoscere la statistica sugli errori delle medie

28. la distribuzione di Student è:


a. una distribuzione statistica con formula analitica simile a quella di Gauss
b. una funzione statistica simile a quella di Gauss
c. una distribuzione statistica con forma simile a quella di Gauss

29. il valore della t di Student dipende da::


a. dal grado di probabilità e dal numero di misure
b. dal numero di misure
c. dal grado di fiducia

30. In una titolazione complessometrica il salto di pM al punto equivalente cresce


a. al crescere di K’
b. al diminuire di K’
c. al diminuire della concentrazione di metallo iniziale

31. nella reazione 2𝐼𝑂3 − + 10𝐴𝑔 + 12𝐻3 𝑂+ ⇆ 𝐼2 + 10𝐴𝑔+ + 18𝐻2 𝑂 il bilancio stechiometrico
corretto è :
a. [𝐴𝑔+ ] = 10[𝐼2 ]
b. 10[𝐴𝑔+ ] = [𝐼2 ]
c. Non si può fare perché non è una reazione di disproporzione

32. La salda d’amido è un indicatore


a. Utilizzato nelle titolazioni di complessamento
b. La cui colorazione si origina da una reazione di complessamento
c. La cui colorazione si origina da una reazione redox

33. L’agente titolante in una titolazione idometrica è


a. Il tetrationato di sodio
b. Il tiosolfato di sodio
c. Il solfato di sodio

34. Quale dei seguenti numeri è scritto con tre cifre significative?:
a. 0.80·10–8
b. 0.021
c. 2.40
𝑜 𝑜
35. Dati i potenziali delle coppie redox 𝐸𝐶𝑒 4+ /𝐶𝑒 3+ = 1.76 𝑉 e 𝐸𝐹𝑒 3+ /𝐹𝑒 2+ = 0.77 𝑉, determinare il

potenziale che si otterrebbe al punto equivalente nell’ipotesi che una soluzione di Fe2+ venisse
titolata con una soluzione standardizzata di 𝐶𝑒 4+ :
a. 0.99 V
b. 2.53 V
c. 1.27 V

36. Quale dei seguenti numeri è scritto con tre cifre significative? :
a. 4.80108
b. 0.007
c. 0.024
Corso di: Chimica Analitica con Elementi di statistica
Laurea in Farmacia -- A.A. 2016-2017

37. Quale dei seguenti numeri è scritto con tre cifre significative?:
a. 5.80108
b. 0.001
c. 0.024
𝑜 𝑜
38. Dati potenziali delle coppie redox 𝐸𝐻𝐵𝑟𝑂/𝐵𝑟 2
= 1.60 e 𝐸𝐹𝑒 3+ /𝐹𝑒 2+ = 0.771, determinare il

potenziale che si otterrebbe al punto equivalente nell’ipotesi che una soluzione di Fe2+ venisse
titolata con una soluzione standardizzata di 𝐻𝐵𝑟𝑂 ad un pH tamponato pari a 4. Considerare che
al P.E. la concentrazione residua di [𝐻𝐵𝑟𝑂] = 10−8 (si consiglia di bilanciare opportunamente
le semireazioni):
a. 1.639 V
b. 1.008 V
c. 0.790 V
𝑜
39. Dati potenziali delle coppie redox 𝐸𝐻𝑜2 𝑂/𝐻2 𝑂2 = 1.776 e 𝐸𝐹𝑒 3+ /𝐹𝑒 2+ = 0.771, determinare il

potenziale che si otterrebbe al punto equivalente nell’ipotesi che una soluzione di H2O2 venisse
titolata con una soluzione standardizzata di Fe2+ ad un pH tamponato pari a 2 (si consiglia di
bilanciare opportunamente le semireazioni):
a. 1.118 V
b. 1.273 V
c. 1.453 V

40. Sapendo che 𝑎 = 0.2041 ± 0.0012, 𝑏 = 3.24 ± 0.03 e 𝑐 = 1.123 ± 0.005 quale sarà il valore
di 𝑓 ed il relativo errore 𝛿𝑓 determinato via propagazione in quadratura dell’errore nella funzione
𝑓 = (𝑎 ∙ 𝑏)/𝑐 :
a. 0.5890.007
b. 0.5890.012
c. 0.58850.0069

41. Dalle n misure ripetute (0.1112, 0.1108, 0.1154, 0.1199, 0.1091), calcolare l’intervallo entro il
quale il valore vero è compreso con una probabilità del 95%, sapendo che per 𝑛 = 5 e 𝑡 =
2.776:
a. x̅ = (0.1133 ± 0.0018) M (95%)
b. x̅ = (0.1133 ± 0.0022) M (95%)
c. x̅ = (0.1133 ± 0.0054) M (95%)

42. Determinare la costante di equilibrio per la reazione redox Cu + Ce4+  Cu2+ + Ce3+ (da
o o
bilanciare), sapendo che 𝐸𝐶𝑢 2+ /𝐶𝑢 = 0.34 V e 𝐸𝐶𝑒 4+ /𝐶𝑒 3+ = 1.76 V:

a. 9.41047
b. 8.81070
c. 1.110-48

43. Determinare la fem standard per la reazione redox Cu + Fe2+  Cu2+ + Fe3+ (da bilanciare), sapendo
o o
che 𝐸𝐶𝑢 2+ /𝐶𝑢 = 0.34 Ve 𝐸𝐹𝑒 3+ /𝐹𝑒 2+ = 0.77 V:

a. 0.56 V
b. 1.11 V
c. 0.43 V
Corso di: Chimica Analitica con Elementi di statistica
Laurea in Farmacia -- A.A. 2016-2017
44. La sensibilità strumentale è una tipologia di errore che rientra tra gli errori di tipo:
a. sistematico;
b. casuale;
c. grossolano.

45. Dalle n misure ripetute (0.0244, 0.0245, 0.0246, 0.0240, 0.0239), calcolare l’intervallo entro il quale il
valore vero è compreso con una probabilità del 95%, sapendo che per n = 5 , t = 2.776:
a. 𝑥̅ = (0.0243 ± 0.0009) M (95%);
b. 𝑥̅ = (0.0243 ± 0.0004) M (95%);
c. 𝑥̅ = (0.02428 ± 0.00017) M (95%) ;

46. Sapendo che [H + ] = 0.0062 M e che e l’incertezza relativa è dell’1%, quale sarà il pH ed il suo errore
associato:
a. 2.2080.004
b. 2.2080.012
c. 2.2080.001

47. L’elemento sensibile di un elettrodo a pH è


a. membrana di vetro
b. setto poroso
c. elettrodo redox in platino

48. L’errore alcalino associato ad una misura potenziometrica di pH è di tipo


a. casuale
b. grossolano
c. sistematico

49. La deviazione standard è indice di quanto i valori sono dispersi attorno al


a. Valore vero
b. Valore medio
c. Valore esatto

50. Sapendo che 𝑎 = 2.041 ± 0.012, 𝑏 = 3.24 ± 0.03 e 𝑐 = 1.123 ± 0.005 quale sarà il valore di
𝑓 ed il relativo errore 𝛿𝑓 determinato via propagazione in quadratura dell’errore nella relazione
funzionale 𝑓 = (𝑎 ∙ 𝑏)/𝑐 :
a. 5.890.012
b. 5.890.07
c. 5.8890.069

51. Dalle n misure ripetute (0.2112, 0.2108, 0.2154, 0.2199, 0.2091), calcolare l’intervallo entro il
quale il valore vero è compreso con una probabilità del 95%, sapendo che per 𝑛 = 5 e 𝑡 =
2.776:
a. x̅ = (0.2133 ± 0.0054) M (95%)
b. x̅ = (0.2133 ± 0.0020) M (95%)
c. x̅ = (0.2133 ± 0.0044) M (95%)

52. Sapendo che [H + ] = 0.0072 M e che e l’incertezza relativa è dell’1%, quale sarà il pH ed il suo
errore associato:
a. 2.1430.004
b. 1.0170.012
c. 4.930.01
Corso di: Chimica Analitica con Elementi di statistica
Laurea in Farmacia -- A.A. 2016-2017
53. Nella titolazione di una soluzione di acido citrico si riesce a rilevare solo il terzo punto equivalente che
viene raggiunto aggiungendo 300 mL di NaOH 0.040 M. Calcolare le moli di acido citrico presenti in
soluzione:
a. 1.210-3
b. 3.610-3
c. 0.4010-3

54. Che cosa succede in corrispondenza dell’intervallo di viraggio di un indicatore colorimetrico acido/base?
a. La colorazione della soluzione cambia perché l’indicatore si ossida e leforme ridotta ed ossidata
hanno colori diversi
b. La colorazione della soluzione cambia perché l’indicatore passa dalla forma acida alla base
coniugata e queste hanno colori diversi
c. La colorazione della soluzione cambia perché l’indicatore passa dalla forma acida alla base
coniugata ed entrambe sono incolori
55. l’utilizzo di una soluzione non standardizzata per la titolazione di un analita comporta un tipo di errore:
d. casuale
e. sistematico
f. grossolano
g.
56. La deviazione standard è indice di quanto i valori sono:
a. Dispersi attorno al valore esatto;
b. Dispersi attorno al valore vero;
c. Dispersi attorno al valore medio.

57. L’utilizzo di un titolante che permetta l’ottenimento di una curva di titolazione molto ripida
comporta la diminuzione dell’errore:
a. grossolano
b. sistematico
c. casuale

58. Sapendo che 𝑎 = 2.041 ± 0.012, 𝑏 = 3.24 ± 0.03 e 𝑐 = 1.123 ± 0.005 quale sarà il valore di 𝑓 ed il
relativo errore 𝛿𝑓 determinato via propagazione in quadratura dell’errore nella relazione funzionale 𝑓 =
(𝑎 ∙ 𝑏)/𝑐 :
a. 5.890.012
b. 5.890.07
c. 5.8890.069

59. Nella titolazione di una soluzione di 200 ml di acido solforico il secondo punto equivalente si ottiene
aggiungendo 30.0 ml di KOH 0.0350 M. Calcolare la concentrazione iniziale dell’acido solforico:
a. 2.62×10–3 M
b. 5.25×10–3 M
c. 1.05×10–2 M

60. Quale dei seguenti indicatori NON si può usare per la titolazione dell’ammoniaca (base debole)
a. verde di bromocresolo (intervallo di pH di viraggio: 3.8 – 5.4)
b. rosso metile (intervallo di pH di viraggio: 4.2 – 6.2)
c. fenolftaleina (intervallo di pH di viraggio: 8.0 – 9.6)

61. Per titolare una acido forte come titolante si usa:


a. Base forte
b. Base Debole
c. Acido Forte
Corso di: Chimica Analitica con Elementi di statistica
Laurea in Farmacia -- A.A. 2016-2017
62. La salda d’amido è un indicatore
a. Utilizzato nelle titolazioni complessometriche
b. La cui colorazione si origina da una reazione di complessamento
c. La cui colorazione si origina da una reazione redox

63. In una titolazione complessometrica il salto di pM al punto equivalente cresce


a. al crescere di K’
b. al diminuire di K’
c. al diminuire della concentrazione di metallo iniziale

64. Quale dei seguenti indicatori colorimetrici si può utilizzare per trovare il punto di fine nella titolazione
dell’ammoniaca con HBr (tra parentesi sono forniti gli intervalli di viraggio)?
a. Fenolftaleina (8.00 – 9.60)
b. Timolftaleina (9.30 – 10.50)
c. Rosso metile (4.20 – 6.30)

65. Dalle n misure ripetute (0.112, 0.118, 0.115, 0.109, 0.111), calcolare l’intervallo entro il quale il
valore vero è compreso con una probabilità del 95%, sapendo che per 𝑛 = 5 e 𝑡 = 2.776:
a. x̅ = (0.1130 ± 0.0019) M (95%)
b. x̅ = (0.113 ± 0.004) M (95%)
c. x̅ = (0.1130 ± 0.0044) M (95%)

Domande aperte:
1. Sapendo che 𝑎 = 0.225 ± 0.005 e 𝑏 = 2.20 ± 0.05 quale sarà il valore di 𝑦 ed il relativo errore
𝛿𝑦 determinato via propagazione in quadratura dell’errore nella funzione 𝑦 = (𝑎 𝑏).

2. Dalle n misure ripetute (0.128, 0.124, 0.126, 0.122, 0.121), calcolare l’intervallo entro il quale il
valore vero è compreso con una probabilità del 95%, sapendo che per 𝑛 = 5 e 𝑡 = 2.776:

1. Dalle n misure ripetute (0.1112, 0.1113, 0.1113, 0.1121, 0.1115), calcolare l’intervallo entro il quale il
valore vero è compreso con una probabilità del 95%, sapendo che per 𝑛 = 5 e 𝑡 = 2.776:

2. Sapendo che 𝑎 = 0.224 ± 0.001 e 𝑏 = 2.04 ± 0.05 quale sarà il valore di 𝑦 ed il relativo errore
𝛿𝑦 determinato via propagazione in quadratura dell’errore nella funzione 𝑦 = (𝑎/𝑏).

3. Dalle n misure ripetute (0.115, 0.116, 0.115, 0.119, 0.111), calcolare l’intervallo entro il quale il
valore vero è compreso con una probabilità del 95%, sapendo che per 𝑛 = 5 e 𝑡 = 2.776:

4. Sapendo che 𝑎 = 0.2041 ± 0.0012, 𝑏 = 3.24 ± 0.03 e 𝑐 = 1.123 ± 0.005 quale sarà il valore
di 𝑦 ed il relativo errore 𝛿𝑦 determinato via propagazione in quadratura dell’errore nella funzione
𝑦 = (𝑎 ∙ 𝑏)/𝑐 :

5. Data la reazione 𝐶𝑑 + 2𝐶𝑒 4+ ⇆ 𝐶𝑑 2+ + 2𝐶𝑒 3+ ed i potenziali standard delle coppie redox


𝑜 𝑜
𝐸𝐶𝑒 4+ /𝐶𝑒 3+ = 1.76 𝑉 e 𝐸𝐶𝑑2+ /𝐶𝑑 = −0.40 𝑉, determinare il potenziale al quale tutto il Cd viene

convertito a Cd2+ utilizzando una soluzione di 𝐶𝑒 4+ :


Corso di: Chimica Analitica con Elementi di statistica
Laurea in Farmacia -- A.A. 2016-2017
Esercizio 1
L’azione ossidante del permanganato (MnO− 4 ) è di tipo redox, ovvero ossida una specie chimica
riducendosi a sua volta. Si consideri di aggiungere una soluzione 0.1 M di MnO− 4 ad una soluzione di
50 mL di Fe2+ 0.25 M tamponata a pH = 5; allora possiamo considerare che si instauri l’equilibrio:

MnO−
4 + Fe
2+
⇌ MnO2 + Fe3+
Si richiede di:
• Bilanciare correttamente la reazione, definire le semireazioni e le rispettive equazioni di
Nernst;
• Definire e determinare la f.e.m. della reazione in condizioni standard (attività unitarie),
𝑜 𝑜
sapendo che 𝐸𝐹𝑒 3+ /𝐹𝑒 2+ = 0.771 𝑉 e 𝐸MnO− /MnO = 1.679 𝑉
4 2

• Definire e determinare K di equilibrio e la corrispondente K’ formale (pH = 5);


• Determinare il potenziale al punto equivalente
• Determinare il potenziale del sistema dopo l’aggiunta di 5 mL di MnO− 4;
• Scrivere i valori di concentrazioni all’equilibrio e delle costanti con il corretto numero di cifre
significative.

Esercizio 2

a) Calcolare la concentrazione di 300 ml di soluzione di ammoniaca sapendo che sono stati utilizzati 85,96
ml di HBr 0.0513 M per raggiungere il punto equivalente della titolazione;
b) Calcolare il pH all’inizio della titolazione e dopo che sono stati aggiunti 50 ml di HBr.
Verificare le approssimazioni fatte.
Lo ione ammonio ha pKa= 9.25.

Esercizio 3

Calcolare:
a) quanti mL di NaOH 0.05243 M sono necessarie per titolare 350.0 mL di una soluzione di acido
butanoico 0.02467 M
b) calcolare il pH all’inizio (nessuna aggiunta di titolante) ed al punto equivalente della titolazione e
verificare le approssimazioni fatte
Per l’acido butanoico pKa = 4.83
Corso di: Chimica Analitica con Elementi di statistica
Laurea in Farmacia -- A.A. 2016-2017
Esercizio 4:
L’ipoclorito (HClO) è un composto utilizzato nei presidi medico chirurgici (AMUCHINA) come
agente antibatterico e disinfettante per la sua azione ossidante. È inoltre utilizzato in soluzioni diluite
nei trattamenti dermatologici; le patologie interessate possono essere di origine virale, microbica,
micotica o protozoaria.
L’azione dell’ipoclorito è di tipo redox, ovvero ossida una specie chimica riducendosi a sua volta. Si
consideri di aggiungere una soluzione 0.1 M di HClO ad una soluzione di 50 mL di Fe2+ 0.25 M
tamponata a pH = 2; allora possiamo considerare che si instauri l’equilibrio:

HClO + Fe2+ ⇌ Fe3+ + Cl−


Si richiede di:
• Bilanciare correttamente la reazione, definire le semireazioni e le rispettive equazioni di
Nernst; (punti 1)
• Definire e determinare la f.e.m. della reazione in condizioni standard (attività unitarie),
𝑜 𝑜
sapendo che 𝐸𝐹𝑒 3+ /𝐹𝑒 2+ = 0.771 𝑉 e 𝐸𝐻𝐶𝑙𝑂/𝐶𝑙 − = 1.482 𝑉;

• Definire e determinare K di equilibrio e la corrispondente K’ formale (pH = 2) (punti 2);


• Determinare il potenziale al punto equivalente;
• Determinare il potenziale del sistema dopo l’aggiunta di 5 mL di HClO;
• Scrivere i valori di concentrazioni all’equilibrio e delle costanti con il corretto numero di cifre
significative.

Esercizio 5:
L’acido ipobromoso (HBrO) è usato come sbiancante, ossidante, deodorante e come disinfettante,
grazie alla sua abilità di uccidere le cellule di alcuni patogeni.
L’azione dell’acido ipobromoso è di tipo redox, ovvero ossida una specie chimica riducendosi a sua
volta. Si consideri di aggiungere una soluzione 0.2 M di HBrO ad una soluzione di 50 mL di Fe2+ 0.2
M tamponata a pH = 3; allora possiamo considerare che si instauri l’equilibrio:

HBrO + Fe2+ ⇌ Fe3+ + Br −


Si richiede di:
• Bilanciare correttamente la reazione, definire le semireazioni e le rispettive equazioni di
Nernst; (punti 1)
• Definire e determinare la f.e.m. della reazione in condizioni standard (attività unitarie),
𝑜 𝑜
sapendo che 𝐸𝐹𝑒 3+ /𝐹𝑒 2+ = 0.771 𝑉 e 𝐸𝐻𝐵𝑟𝑂/𝐵𝑟 − = 1.331 𝑉;

• Definire e determinare K di equilibrio e la corrispondente K’ formale (pH = 3);


• Determinare il potenziale al punto equivalente;
• Determinare il potenziale del sistema dopo l’aggiunta di 5 mL di HBrO;
• Scrivere i valori di concentrazioni all’equilibrio e delle costanti con il corretto numero di cifre
significative (punti 0.5).
Corso di: Chimica Analitica con Elementi di statistica
Laurea in Farmacia -- A.A. 2016-2017
Esercizio 6:

5 mL di una soluzione contenente MnO4 sono addizionati con un eccesso di ioduro (I–). Avviene la
reazione (da bilanciare):

MnO4 + I − ⇆ I3 − + Mn2+ (1)

I3– così prodotto viene titolato con Na2S2O3 0.02 M secondo la classica titolazione iodometrica. Il
viraggio dell'indicatore si osserva per Vt = 12.0 mL. Si richiede:

• Quale è e come si chiama la reazione di titolazione


• Il tipo di indicatore utilizzato nelle titolazioni iodometriche
• Che colorazione assume al punto di titolazione zero ed al punto equivalente
• Di bilanciare la reazione (1);
• Di calcolare la concentrazione ed il numero di moli di MnO4 presenti inizialmente.