Sei sulla pagina 1di 2

56 LA DIFESA DEL POPOLO CULTURA

LIBRI

LE VICENDE DEGLI INSEDIAMENTI GRECO-ORTODOSSI, PROTESTANTI ED EBRAICI NEL VENETO

Minoranze, una lunga storia


La Serenissima fu ponte verso altre culture
anche se non più prevalen- scelta dal 1991 come sede e prosperi in Europa. Non a o più fonderie, geto o getto,

L
a storia delle mino- comune si riversa a occi-
ranze è sempre af- dente. Venezia, la città più temente di lingua greca – della metropolia d’Italia. caso proprio nella città la- che erano nelle vicinanze),
fascinante, perché “orientale” d’Italia, diventa conosce un importante re- Così come quella greco-or- gunare Shakespeare alla fi- che darà il nome tutti i
è in parte anche la in poco tempo uno dei cen- vival; in questo le relazioni todossa, anche la presenza ne del Cinquecento am- quartieri analoghi che da al-
storia della lotta dell’uomo tri culturali dell’ortodossia: storiche del Veneto con l’or- ebraica affonda profonda- bienta il suo Mercante di lora sorgeranno in Europa.
per preservare e conservare qui per diversi anni risiede todossia sono state ricono- mente le radici nella storia Venezia; proprio qui nel Il protestantismo, infine,
la propria identità. A questo il metropolita di Filadelfia; sciute e rinsaldate, visto veneta: la Serenissima fu in- 1516 era anche nato il pri- conosce il momento di
riguardo il volume Insedia- sempre nella città lagunare che proprio la chiesa di San fatti anche un fiorente cen- mo ghetto (il toponimo de- maggior diffusione nel corso
menti greco-ortodossi, pro- si continua a stampare la Giorgio dei greci è stata tro ebraico, tra i più famosi riva probabilmente da una degli ultimi due secoli: se in
testanti, ebraici edito dalla maggior parte dei libri in
Gregoriana, 11a uscita della greco mentre nel 1573, do- L ’ I N T E R V I S T A
ormai storica collana “Sto- po 34 anni di lavori e a più
ria religiosa del Veneto”, in- di un secolo dalle prime ri-
daga sulla presenza delle al-
tre comunità religiose nella
chieste, viene finalmente
inaugurata la chiesa di San
Nello scambio un arricchimento reciproco
regione italiana cattolica Giorgio dei greci. Da allora Renato D’Antiga, ortodosso - tra i curatori del volume
per antonomasia. Cattolica in avanti la comunità divie-
sì ma, fin dal medioevo, ne sempre più un elemento rtodosso di nazionalità italiana, la comunità ebraica di Venezia è stata esempio l’affaire di fra Paolo Sarpi e
complice la fortuna della re-
pubblica veneziana, tutt’al-
tro che estranea ai grandi
essenziale della vita della
città e del melting pot vene-
ziano. I problemi semmai
O specializzato in storia e spiritua-
lità dell’Oriente cristiano, Renato
D’Antiga svolge attività teologica pres-
un punto di riferimento per tutto
l’ebraismo d’occidente, anche perché
erano presenti le principali correnti,
l’interdetto del 1606. Non bisogna
inoltre dimenticare che Venezia
estendeva il suo dominio sul Mediter-
movimenti di merci, perso- arriveranno a partire dal so la metropolìa ortodossa d’Italia, ap- dalla sefardita all’askenazita. Qui gli raneo orientale, con oltre 200 mila
ne e quindi culture. 1797, con la fine della re- partenente al patriarcato ecumenico ebrei erano apprezzati non solo come sudditi greci, doveva applicare per for-
Un esempio importante è pubblica e l’inizio delle do- di Costantinopoli. È tra i curatori del prestatori, ma anche come professio- za una politica di mediazione».
costituito dalla comunità minazioni straniere: Napo- volume della Gregoriana. nisti, soprattutto medici. Una presen- Significa che il Veneto non ha
greco-ortodossa, la cui pre- leone sopprime la confra- Cosa imparare oggi dalla storia za luterana risale all’inizio del Cinque- un’identità religiosa monolitica?
senza risale fino agli albori ternita greca, confiscando- delle minoranze religiose? cento, al fontego dei tedeschi, ma si «Occorre distinguere: certamente un
della Serenissima, nata pro- ne i beni, mentre gli au- «Quello che ho voluto mettere in luce, afferma soprattutto a fine Ottocento». pluralismo c’è stato, ma non si può di-
prio come colonia bizanti- striaci saranno sempre re- parlando soprattutto dei rapporti con Come mai questo fiorire delle mi- sconoscere il valore della chiesa nella
na. Il rapporto si rovescia stii a concedere all’ormai il mondo ortodosso, è la dimensione noranze religiose sotto la Serenis- formazione della cultura e della so-
con la decadenza di Costan- piccola comunità ortodossa di scambio e arricchimento reciproco. sima: Venezia era una città laica? cietà veneta. La nuova civiltà nata con
tinopoli e l’estendersi del l’autonomia che questa ave- A partire dal culto di san Teodoro, pri- «Non era certamente laica nel senso le invasioni barbariche è essenzial-
dominio della repubblica va avuto nei secoli prece- mo protettore della città, soprattutto a che oggi diamo al termine; direi piut- mente cattolica; basta considerare
nel Mediterraneo; il 29 mag- denti. Venezia l’influsso ortodosso è eviden- tosto che aveva una “chiesa naziona- l’importanza che assumono nella rina-
gio 1453 Bisanzio cade defi- Oggi soprattutto con le mi- te: in riti, spiritualità, e financo nell’ar- le”, nata bizantina, con una politica di scita delle città il culto di santi e mar-
nitivamente in mano ai tur- grazioni dai paesi dell’Est, te e nell’iconografia. Anche i rapporti forte autonomia rispetto al papato. tiri: Teodoro e poi Marco a Venezia,
chi e una massa di artigiani, Romania e Moldavia in te- tra cristiani ed ebrei furono proficui: Questo spiega molte cose, come ad Giustina a Padova, Zeno a Verona...».
intellettuali, prelati e gente sta, la comunità ortodossa –

SALUTE E BENESSERE / Novità del settore delle protesi acustiche. Dalla ricerca Maico un prodotto rivoluzionario.

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
È nato l’apparecchio acustico che funziona come l’orecchio umano
Una caduta delle facoltà uditive, anche se può rappresentare protesica della sordità. Chi lo indossa può anche dimenticarse-
un trauma psicologico, oggi non fa più paura come un tempo. lo visto che fa tutto da sé.
Tecnologie avanzatissime, frutto di ricerche specializzate, han- Prova ne sia che nello spazio di tempo necessario ad effettuare
no consentito di realizzare protesi acustiche talmente piccole col braccio una qualunque operazione di regolazione, l’appa-
ed efficienti da poter considerare l’ipoacusia, o diminuzione recchio ne ha già effettuate ben 16 mila, per ottenere il miglior
dell’udito che dir si voglia, una patologia superabile nella stra- risultato uditivo.
grande maggioranza dei casi e con risultati fino a pochi anni fa
impensabili.
È stata presentata alla stampa nazionale la rivoluzionaria prote-
si acustica messa sul mercato oggi da Maico, industria leader
mondiale del settore. È un nuovo microprocessore ultraveloce, Apparecchi digitali
capace di offrire un suono naturale e di qualità superiore.
Il nuovo apparecchio elabora infatti il suono nella sua totale in-
Gratis anche a domicilio:
tegrità e totalità, senza spezzettarlo in canali, come avviene
per i prodotti attualmente in commercio. Grazie alle sue 16 mi- Prove, Controllo dell’udito,
la regolazioni per secondo, possiede il totale dominio della fre- Assistenza
quenza e dell’intensità sonora. Ottimale risulta quindi il confor-
to uditivo in qualunque situazione di ascolto e, nel contempo, Apparecchi
la reale capacità di focalizzarsi sul parlato.
Un prodotto innovativo che garantisce un suono più naturale, invisibili e automatici
una completa assenza di fischi e rumori, un parlato sempre “a
fuoco” in ogni circostanza, un grande comfort di ascolto, Convenzione ASL
un’estetica adeguata alle piccole dimensioni che nei modelli in-
tracanalari lo rendono invisibile dall’esterno. Rottamazione
È un vero e proprio gioiello di tecnologia, in base al quale Mai-
Vecchio apparecchio
co ha realizzato un congegno veramente automatico, capace
di adattarsi a ogni ambiente acustico senza la necessità di pro-
grammi, né di regolazione del volume. Questo apparecchio
acustico una volta acceso e indossato, fa tutto da solo. PROVE GRATUITE SENZA IMPEGNO
Nasce così la prima generazione di prodotti completi, di sem-
plice utilizzo e dalla grande resa acustica. Da oggi chi ha pro-
ANCHE A DOMICILIO
blemi di udito può tornare a sentire bene e a condurre una vita vendita, assistenza,
normale. riparazione di tutte le marche,
Lo indossi e lo dimentichi accessori,
Il primo apparecchio acustico “mettilo e dimenticalo”. Com-
pletamente automatico, è la massima espressione della cura tappi antirumore e antiacqua

PADOVA - Vicolo S. Maria Assunta 1 PADOVA - CENTRO GIOTTO - V.le Venezia 65 VIGONZA - PD - Via Roma 4 ABANO TERME - PD - P.zza Dondi dell’Orologio 1
(zona Bassanello) Tel. 049.681865 (presso centro ottico) Tel. 049.8073584 Tel. 049.7388064 (presso centro ottico) Tel. 049.667498
CULTURA 21 DICEMBRE 2008 57
LIBRI

Da sinistra: PER RAGAZZI NATALE IN FAMIGLIA STORIE DI FEDE LE DOMANDE


la copertina
DELLE MEDIE DEI BAMBINI
del volume
della Gregoriana; La tradizione Rime
contratto nuziale
ebraico manoscritto Avventure e i sapori per le storie Racconti
esposto nel museo
ebraico di Venezia;
la chiesa di San
di amicizia magici dei santi capaci
Giorgio dei greci
a Venezia. in cucina del presepio bambini di risposte
principio la controriforma diritto costituzionale. Sem- ■ Senza dubbio un libro ■ Le domande dei bambi-
era riuscita ad arginarne la pre a Padova nello stesso divertente dai ritmi veloci e ni non sono mai banali: na-
diffusione nel nostro paese, periodo erano in molti a di- spigliati. Una scrittura sim- scondono paure, insicurez-
soprattutto dopo la presa di re che è il vescovo «l’unico patica e sbarazzina capace ze e chiedono risposte fede-
Roma del 1870 questa pro- cattolico a contare in città», di invoglia i ragazzi ad apri- li, capaci di serenità. Piccole
fessione conosce un certo spesso in contrapposizione re il libro e perché no... an- storie per diventare grandi
successo, soprattutto tra le con l’amministrazione co- che il frigorifero! è un aiuto in questo senso.
classi alte. Numerose nel- munale, guidata dal sindaco Avventure in cucina. Ricet- Attraverso la lettura serale
l’Ottocento sono le iniziati- Giacomo Levi-Civita. Si te per ridere racconta l’av- dei 50 brevi racconti del li-
ve della piccola comunità trattava del culmine di ventura estiva di Matteo alle ■ È il sogno di ogni bambi- ■ Parlare dei santi non è bro si affrontano con i bam-
protestante, soprattutto nel quella che è stata definita prese con la gestione del ri- no: poter entrare nel prese- mai facile. Ma i bambini, bini grandi temi che spesso
campo delle opere benefi- “l’età d’oro degli ebrei pado- storante dello zio, improvvi- pio e vivere tutta la magia più vicini al senso del divi- per loro sono fonte anche di
che: è il caso ad esempio vani”, in cui i vari Wollen- samente ricoverato in ospe- della notte santa. no, amano sentirsi raccon- ricadute psicologiche non
della cucine popolari a Pa- borg, Trieste, Romanin-Ja- dale per un’appendicite che Lucia Antoniadis regala la tare le loro storie, spinti an- trascurabili: il timore del
dova che, prima di passare cur, Viterbi, Da Zara, Treves affida al nipote questo quan- storia di una famiglia, alle che dallo spirito di emula- buio, la famiglia e l’autorità,
alla diocesi, furono fondate de Bonfili, Luzzatti e tanti to mai strano e oneroso prese con la costruzione zione. Quando poi i santi in i litigi e il divorzio dei geni-
nel 1882 dalla protestante altri assursero ai massimi compito per un ragazzino giorno per giorno del prese- questione sono bambini, tori, la scuola, la timidezza,
Stefania Omboni, al fine di gradi della vita politica, eco- della sua età. Matteo, appe- pio, e di un nonno capace l’affinità è maggiore. Agata il bullismo, la guerra, la vio-
soccorrere le vittime dell’al- nomica e intellettuale della na conclusa la terza media, ogni sera di regalare al nipo- Barbagallo, mamma e inse- lenza. Ogni racconto è ac-
luvione di quell’anno. città, in un cammino che viene così travolto dal susse- te storie mai ascoltate. gnante di lettere, ha scelto compagnato da una scheda
Fino ai Patti lateranensi del sarà interrotto solo dalle guirsi di eventi tra compa- Natale al mulino è un viag- di presentare 24 figure di dove i genitori possono tro-
1929, a causa del non expe- leggi razziali del 1938. Oggi gni di cucina strampalati gio da fare con i propri santi bambini, a partire dai vare alcune linee pedagogi-
dit pontificio, i cattolici era- la comunità ebraica, anche (che si riveleranno ottimi bambini e da assaporare an- primi martiri cristiani fino a che e suggerimenti concreti
no di fatto esclusi dalla vita se decimata dalla persecu- amici), ricette da inventare che da adulti: è il racconto giovani testimoni contem- per affrontare di volta in
pubblica e le minoranze, ol- zione subita durante l’ulti- e mettere in atto e clienti da di un Natale tradizionale, poranei. Storie di bambini volta le diverse situazioni.
tre all’emancipazione, co- ma guerra e dall’emigrazio- affezionare. Un libro che dai sapori casalinghi e veri che affrontano con coraggio I bambini ritroveranno in
nobbero un momento di in- ne, mantiene un ruolo im- parla di cibo e invita i ragaz- sentimenti. Nicola ed Elisa, malattie, martirio, sofferen- queste storie il loro mondo,
sperata fortuna: tra il 1905 portante nel salvaguardare zi ad avvicinarsi all’arte culi- i due bambini protagonisti, za affidandosi a Dio. i grandi una strada utile per
e 1911, ad esempio, alla la memoria della città. Il naria, imparando anche a vivono con mamma, papà e I testi sono scritti tutti in ri- sentirsi un po’ meno “im-
guida del paese si succedet- protestantesimo dal canto scegliere ciò che mangiano. il nonno nel vecchio mulino ma e nell’ultima parte del li- preparati” e per aiutare i
tero quasi senza soluzione suo è in crescita, alimenta- Una curiosità: i capitoli se- del paese. Questo è lo sce- bro i lettori sono invitati a piccoli ad acquisire maggior
di continuità un primo mi- to dai nuovi gruppi evange- guono l’ordine delle portate, nario che accoglie la storia colorare le figure dei santi. fiducia in se stessi e a com-
nistro protestante, l’anglica- lici ma soprattutto dall’im- dall’antipasto al digestivo. natalizia che ha un finale a C. Be. prendere alcune dinamiche
no di origini ebraiche Sid- migrazione. C. Be. soppresa. ■ Agata Reitano Barbagallo, della vita sociale.
ney Sonnino, e due ebrei, Daniele Mont D’Arpizio ■ Emanuela Da Ros, Avventure in C. Be. In compagnia degli angeli. C. Be.
Alessandro Fortis e il vene- ■ Vari, Insediamenti greco- cucina. Ricette per ridere, ■ Lucia Antoniadis, Natale al Facciamo amicizia con i santi ■ Sophie Carquain, Piccole storie
ziano Luigi Luzzatti, che ortodossi, protestanti, ebraici, Nuove edizioni romane, pp 139, mulino, Imprimenda, pp 127, bambini, Gregoriana, pp 83, per diventare grandi, Elledici,
proprio a Padova insegnava Gregoriana, pp 396, € 29,00. € 9,50. € 10,00. € 10,00. pp 265, € 17,00.

PROFUMERIE
BEGHIN

A NATALE
UN CLASSICO
PADOVA - via Zabarella 87 - galleria Europa 10 - via Vandelli 1 - www.profumeriabeghin.it