Sei sulla pagina 1di 6

PRESENTAZIONE

CENTRO“ALTIERO SPINELLI”

Il Centro “Altiero Spinelli” nasce nel 2003, nell’ambito del programma di azione comunitaria
Jean Monnet per la costituzione di poli di eccellenza a sostegno delle attività scientifiche e
didattiche nel campo dell’integrazione europea. La denominazione completa del Centro, dedicato a
una delle figure più illustri di ‘europeisti’ italiani, la cui opera e il cui impegno hanno segnato sin
dalle origini l’avvio e il consolidamento delle istituzioni europee, è: Centro Altiero Spinelli per
l’Europa dei popoli e la pace nel mondo – Polo di eccellenza Jean Monnet.

Istituzione

Il Centro è stato istituito, sulla base di apposita convenzione con l’Università degli Studi “Roma
Tre”, per iniziativa della Commissione europea, a seguito di una selezione relativa all’intera area
dei paesi membri dell’Unione europea, che ha positivamente riconosciuto il lavoro svolto nel corso
degli anni, a partire dal 1999, dalla Cattedra Jean Monnet di Diritto e istituzioni dell’Unione
europea.

Natura, scopi e rapporti istituzionali

Il Centro, inserito nella rete dei poli di eccellenza Jean Monnet, ha natura di centro operante in
ambito comunitario per promuovere e sviluppare iniziative quali, in particolare, attività di ricerca,
svolgimento di corsi di alta formazione (master e corsi post-laurea), convegni, seminari,
pubblicazioni, nonché attività di assistenza e consulenza nei settori dell’integrazione europea e
delle politiche comunitarie.

Rapporti di partenariato e collaborazione istituzionale

Nel corso degli anni e nel perseguimento dei propri scopi istituzionali, per quanto
concerne attività di ricerca, didattiche e varie altre attività ed iniziative di carattere
scientifico-culturale, il Centro ha avviato, in forma di partenariato e in genere
convenzionale, oppure in virtù di appositi progetti o altri strumenti ad hoc, rapporti con
ministeri e dipartimenti, enti del territorio, enti di ricerca, istituzioni di alta formazione,
associazioni, fondazioni, società. Da tali rapporti sono derivati, tra l’altro, contributi per
la messa a disposizione di assegni e/o borse di studio per giovani ricercatori attivi presso
il Centro.
In particolare rapporti (passati e presenti) sono stati attivati con:
- Ministero dell’Interno (Scuola Superiore
dell’Amministrazione dell’Interno:SSAI);
- Ministero degli Affari Esteri (Direzione Generale
per l’Integrazione Europea: DGIE);
- Ministero dei Beni e delle Attività Culturali (Mibac);
- Dipartimento per le Politiche
Comunitarie (Osservatorio per la Cittadinanza Europea);
- Servizio Studi Camera dei Deputati;
- Consiglio Regionale, Presidenza, Regione
Lazio;
- Provincia di Roma;
- Comune di Roma;
- Commissione Europea, Rappresentanza in
Italia;
- Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR);
- Scuola Superiore di Polizia;
- Scuola di Polizia Tributaria;
- Istituto Affari Internazionali (IAI);
- Società Arcus, Spa;
- InviItalia (già Sviluppo Italia);
- SKY Italia;
- Centro Italiano di Documentazione Europea
(CIDE).

Internazionalizzazione

Il Centro, inoltre, è stato ed è assegnatario di fondi per l’internazionalizzazione del Ministero


dell’Università e della Ricerca sulla base dei quali ha elaborato e realizzato progetti di
internazionalizzazione per la formazione post-laurea (master in Cittadinanza Europea) e più in
generale corsi di alta formazione con strutture universitarie di paesi europei ed extra-europei.
In particolare rapporti (passati e presenti) sono stati attivati con:
- Università di Liegi (Département de Science Politique), nell’ambito della internazionalizzazione
(rilascio del titolo in Cittadinanza Europea a firma congiunta del Rettore dell’Università « Roma
Tre » e del Rettore dell’Università di Liegi) ;
- Università di Oradea, Facoltà di Scienze politiche e Scienze della Comunicazione, Romania;
- Cultural Altiero Spinelli de Studiere a Organizarii Europene, Universitatea Babes-Bolayi, Cluj-
Napoca, Romania;
- Universidad Argentina de la Impresa, UADE, Argentina;
- Universidad Nacional de La Plata – Direzione per la cooperazione internazionale, Argentina;
- Facultade Baiana de Direito, Salvador, Brasile.

Gruppi di studio

A seguito della partecipazione sempre più numerosa e qualificata di giovani (a cominciare dai
laureati in corsi di studio e discipline d’interesse europeo), che collaborano con le attività del
Centro, è stata costituita al suo interno l’Associazione Centro Altiero Spinelli, con sede presso il
Centro medesimo, allo scopo di potenziarne le attività e favorire al riguardo il coinvolgimento di
una fascia di giovani impegnati nel campo degli studi in materia di integrazione europea.

Attività istituzionali: a) attività di ricerca

Il Centro è impegnato in via principale su temi e problemi connessi con il processo di integrazione
europea, considerati nei loro molteplici aspetti e risvolti di ordine politicoistituzionale, giuridico,
economico e socioculturale, relativamente in particolare ai seguenti settori e argomenti di studio:
spazio di libertà, sicurezza e giustizia; cooperazione di polizia; politiche di immigrazione; diritti di
cittadinanza e tutele giurisdizionali; politica estera e di difesa comune; politiche di sicurezza e di
cooperazione allo sviluppo sistemi politico-elettorali europei; sistemi giuridici europei e diritto
uniforme; dialogo interculturale; disciplina della concorrenza; politiche di difesa ambientale
politiche culturali, tutela e valorizzazione dei beni culturali.
Tra i progetti di ricerca svolti si ricordano:
- progetto nell’ambito della Convenzione quadro con il Consiglio Regionale della Regione Lazio
(Commissione Speciale per l’Europa). Questo progetto, dedicato all’approfondimento e
aggiornamento in materia di: costituzione europea e assetto istituzionale dell’Unione - politica
economica (con particolare riguardo al patto di stabilità) - politica sociale dell’Unione con
particolare riguardo alle politiche previdenziali e per la famiglia - parità e non discriminazione tra
lavoratori e lavoratrici nel diritto comunitario - principio di sussidiarietà e partecipazione delle
Regioni al processo decisionale - diritto europeo dei consumatori - comunicazione istituzionale
dell’UE, ha permesso di realizzare e gestire un accesso riservato alla documentazione sulle
tematiche predette all’interno del sito web del Centro (www.centrospinelli.it).

- progetto I beni culturali nell’Unione europea: Politiche per la tutela e la valorizzazione dei beni
culturali – armonizzazione delle legislazioni nazionali. Questo progetto, realizzato con il co-
finanziamento della Società Arcus spa, ha permesso di realizzare, attraverso la raccolta e
sistemazione delle fonti comunitarie e nazionali in tema di tutela, circolazione e valorizzazione dei
beni culturali, la generazione e manutenzione di un data-base per la ricerca e consultazione on line
della documentazione rilevante.

- Il cinema in Europa – La legislazione nel settore dell’audiovisivo nell’Unione Europea. Questo


progetto, realizzato su base convenzionale per iniziativa del Mibac, ha portato ad operare una
dettagliata analisi dell’evoluzione della normativa comunitaria in materia di cinema e industria
audiovisiva, considerato il rilievo che tale settore ha in tempi più recenti assunto come mezzo di
espressione della cittadinanza e della cultura in funzione della costruzione di un’identità europea.

Attività istituzionali: b) attività didattiche.

Il Centro, proseguendo nelle attività a suo tempo avviate dalla Cattedra Jean Monnet di diritto
dell’Unione europea, è stato impegnato, fino al 2007, nella organizzazione ed erogazione delle
attività formative del Master di II livello in Cittadinanza europea e Amministrazioni pubbliche. Il
corso è stato tenuto in partenariato con enti, amministrazioni, organizzazioni pubbliche e private.
In forza del partenariato esistente con l’Università di Liegi (Département de Science Politique) - ,
alcuni partecipanti al Master sono selezionati per la frequenza di una sessione riservata, organizzata
d’intesa con l’Università partner, con presenza in loco e rilascio del titolo a firma congiunta dei
Rettori delle Università partner di Master in Cittadinanza Europea, nell’ambito dei programmi di
internazionalizzazione promossi e sostenuti dal Ministero dell’Università e Ricerca (MUR).
Il Centro, inoltre, affianca e sostiene le attività della Cattedra Jean Monnet con i moduli Jean
Monnet, nell’ambito dell’offerta formativa della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università “Roma
Tre”.
Nell’anno accademico 2008-2009, il Master predetto è stato trasformato nel Master di II livello in
Cittadinanza europea e integrazione euro-mediterranea, tenuto in partenariato con la Fondazione
Anna Lindh per il dialogo tre le culture, con il concorso di altri enti. Per tale nuova iniziativa il
Centro ha ottenuto un contributo all’internazionalizzazione da parte del Ministero dell’Istruzione e
dell’Università per iniziative di mobilità studenti e docenti con università della Romania.
Attività istituzionali: c) pubblicazioni e attività editoriali on-line.

Tra le attività editoriali del Centro si annoverano:

- la pubblicazione del periodico (a cadenza semestrale) la Cittadinanza europea – Rivista di studio


e documentazione sull’integrazione europea (giunto al suo quinto anno di vita);
- la pubblicazione della serie Quaderni della stessa Rivista (con 4 numeri già usciti).
Gli indici di tali pubblicazioni sono consultabili sul sito del centro www.centrospinelli.it.
A tali pubblicazioni si affianca quella della Serie Quaderni del Centro (con un numero già uscito).
Sin dalle sue origini, il Centro ha curato lo sviluppo di attività editoriali on-line, tra cui si segnala
Euroclic (Europa a portata di clic) che, come si legge nell’introduzione “vuol essere un ausilio
offerto ai principianti, agli aspiranti esperti ed agli esperti di questioni europee: per metterli in
condizione di beneficiare al meglio delle potenzialità del mezzo elettronico, per essere informati,
per fare ricerca, per consultare documenti, sull’Unione europa”.
Il programma (consultabile sul sito del Centro) contiene, oltre ad una parte documentale, una
ragionata e selezionata esposizione del sito “Europa”, per accedere a tutto il materiale informatico
disponibile sulla vita dell’Unione, le sue istituzioni, le sue politiche, le sue attività. Un materiale
divenuto ormai immenso nelle sue proporzioni, così come nelle sue potenzialità informative e
formative.
Il Centro cura inoltre l’allestimento del sito web d’informazione, consultazione e divulgazione
di documenti riguardanti l’integrazione europea.
Tra le ulteriori attività editoriali on-line, si segnala la serie Papers (anch’essa consultabile sul
sito www.centrospinelli.it).
Al Centro fa altresì capo il sito web (www.centrospinelli.altervista.it) progettato e realizzato
per iniziativa dell’Associazione Centro Spinelli nell’ambito della ricerca (co-finanziata dalla società
Arcus SPA) sui Beni Culturali nell’Unione europea.

Programma delle attività per il biennio 2008-2009

Il Centro, nel perseguire l’obiettivo di un radicamento e posizionamento non solo come


specifico luogo della ricerca in campo europeo, ma anche come erogatore di servizi di
informazione e consulenza in tale campo, intende farsi promotore e diffusore di iniziative
didattiche, specie al livello dell’alta formazione, nonché di iniziative in senso ampio
culturali; intende inoltre attivarsi come soggetto di progettazione e proposta, capace di
attingere finanziamenti, in collegamento con altri enti e soggetti partner.
A tal fine, il programma biennale 2008-2010 delle attività di ricerca, didattiche e varie
altre attività ed iniziative di carattere scientifico-culturale si prefigge lo scopo di
sviluppare e consolidare a livelli di eccellenza e di diffusione all’interno dell’ateneo e sul
territorio le proprie capacità di azione come soggetto promotore di iniziative scientifico-
culturali e di formazione, nonché di progettazione e proposta nel campo degli studi
europei.
Tale programma prevede, nel biennio 2008-2009, lo svolgimento delle seguenti attività:

1) raccolta, analisi ed elaborazione di materiali (in formato cartaceo e/o elettronico) a


scopo di documentazione e/o per uso didattico con riguardo in particolare ai seguenti
settori ―
politiche comuni dell’Unione europea
politiche regionali in concorso con le politiche nazionali ed europee
federalismo e riforma delle istituzioni europee
politiche di cooperazione e sicurezza con particolare riguardo all’area mediterranea
governance del territorio e alle politiche di integrazione socio-economico culturale
cittadinanza europea e tutela dei diritti fondamentali;

2) internazionalizzazione e rapporti di partenariato con istituti universitari esteri (sia di


paesi membri UE che di paesi terzi) a scopi di mobilità studenti e docenti, e connesse
politiche di scambio per l’organizzazione, anche presso tali istituti, di corsi a valenza di
iniziative congiunte per il rilascio di titoli e attestati;

3) elaborazione, direttamente a cura del Centro o in partenariato con altri enti e soggetti
sia pubblici e privati, di progetti di studio e relativi alla realizzazione di strumenti e/o
eventi, tra cui i seguenti ―

- progetto “Politiche europee per la sicurezza e la cooperazione allo sviluppo: la


cooperazione decentrata”, avente ad oggetto la realizzazione ―

a) di un apposito studio da parte di un team di esperti e specialisti sui profili teorici e


operativi di un fenomeno che vede sempre più il coinvolgimento del territorio
nell’attuazione di politiche regionali di intervento nel più generale quadro dei processi di
coesione-integrazione economico-sociale, con particolare riguardo all’area del
Mediterraneo, con relativa pubblicazione dei risultati di tale studio in un Quaderno
monografico della Rivista “La Cittadinanza Europea”;

b) di una banca dati e di un search engine a supporto ai processi decisionali, di


monitoraggio e valutazione, nonché di informazione-comunicazione in materia di
cooperazione allo sviluppo e cooperazione decentrata;

- progetto “anno europeo della creatività e dell’innovazione”, avente ad oggetto la


definizione di percorsi formativi finalizzati alla sensibilizzazione del mondo della scuola
per iniziative di impegno artistico-culturale di coinvolgimento dei giovani al fine di
favorirne le capacità di ideazione e approcci innovativi nei campi delle attività culturali e
d’impresa per il loro migliore inserimento sociale e professionale in qualità di cittadini
europei;

- progetto di istituzione del premio “Cittadinanza Europea per l’Europa dei popoli e la
pace nel mondo”, inteso a rafforzare nell’opinione pubblica l’idea, i valori e obiettivi
dell’Unione Europea, mediante l’assegnazione di un premio a soggetti (enti, pubblici o
privati, o individui) che con le proprie attività abbiano conseguito risultati meritori e di
riconosciuto rilievo nel campo dell’integrazione europea;

- progetto “multiculturalismo e dialogo tra culture: un modello euro-mediterraneo


di coesione economico-sociale”, avente ad oggetto un’indagine conoscitiva realizzata
attraverso metodologie di ricerca sociale (somministrazione di questionari, focus group)
per analizzare, documentare e approfondire il fenomeno immigrazione in ambito
territoriale ed elaborare strumenti intesi allo sviluppo, nello stesso ambito, di politiche
dell’accoglienza;

- progetto “aspetti normativi, politico-istituzionali, manageriali e socio-economici in


tema di tutela e valorizzazione dei beni artistico-culturali e ambientali”, avente ad
oggetto, attraverso lo studio delle legislazioni nazionali, la realizzazione di una banca
dati e relativo search engine per la ricerca e consultazione dei dati in materia;
- progetto multimediale “voci d’Europa”, avente ad oggetto la realizzazione di interviste
con esperti ed esponenti del mondo delle istituzioni e della cultura su questioni di
interesse europeo, da raccogliere e diffondere su supporto elettronico (cd) e on line,
nell’ambito del sito del Centro, come mezzo di conoscenza di significative esperienze di
vita professionale in rapporto all’Europa unita;

- progetto di ristrutturazione, revisione e manutenzione del sito del Centro Spinelli


(www.centrospinelli.it), al fine di accrescerne sia il potenziale documentario e
informativo, anche mediante l’edizione di una newsletter e di altri strumenti
comunicativi, sia la flessibilità-adattabilità per fungere da piattaforma per l’erogazione di
servizi on line (download di materiali didattici e in genere informativi, search engine,
multimedialità).

IL PRESIDENTE

Prof. Luigi Moccia