Sei sulla pagina 1di 2

www.informatoreagrario.

it

Edizioni L’Informatore Agrario


Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d’Autore e le sue
sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest’opera per usi diversi da quello
personale e privato è tassativamente vietato. Edizioni L’Informatore Agrario
S.p.A. non potrà comunque essere ritenuta responsabile per eventuali
malfunzionamenti e/o danni di qualsiasi natura connessi all’uso dell’opera.
LEGGI TRIBUTI
● SI AMPLIA LA GAMMA DEI PRODOTTI CONSIDERATI Tali attività devono, inoltre, essere
usualmente esercitate nell’ambito del-

Pane, grappa e birra l’attività agricola, ci deve dunque esse-


re connessione tra l’attività agricola e il
bene prodotto (risoluzione n. 158 del 5-

nelle nuove
7-2007), in caso contrario si rientra nel
reddito d’impresa e si determina l’impo-
nibile fiscale sulla base della differenza
tra costi e ricavi di esercizio.

attività connesse Con la risoluzione n. 127 del 13-9-2005,


l’Agenzia delle entrate ha inoltre chiarito
che anche il reddito dell’attività di ma-
nipolazione e trasformazione di prodot-
ti derivanti da allevamento eccedente,
reddito imponibile su base catastale. compresi nel decreto ministeriale, è già
Pubblicato il nuovo Per beneficiare della tassazione catasta- compreso nel reddito dell’allevamento
elenco delle attività le, la produzione di beni, oltre che rientra- stesso (calcolato forfettariamente).
agricole connesse re nel citato elenco, deve avvenire trasfor- Se i beni non provengono in misura
mando o manipolando prodotti prevalen- prevalente dalla produzione dell’agri-
che possono usufruire temente derivanti dalla propria attività coltore, i redditi derivanti dall’attività
della tassazione agricola di coltivazione del fondo o del bo- rientrano nel reddito agrario, per la par-
su base catastale sco, o dall’allevamento di animali; una o te compresa nei limiti normativi, mentre
più fasi del processo produttivo può anche per la parte eccedente il reddito va de-
con effetto essere affidata a terzi, pur facendo sempre terminato analiticamente sulla base dei
nel periodo capo all’imprenditore agricolo. costi e ricavi di esercizio.
d’imposta 2010 Le altre attività agricole connesse che,
Il concetto di prevalenza pur rispettando i requisiti di prevalenza
di cui sopra, non sono comprese nella
di Daniele Hoffer In merito alla citata prevalenza, il cal- tabella allegata al decreto ministeriale,
colo va effettuato in base alla quantità, sono soggette alla determinazione for-

N ella Gazzetta Ufficiale n. 212


del 10 settembre scorso è sta-
to pubblicato il decreto mi-
nisteriale 5-8-2010 che com-
prende i nuovi beni che possono rientrare
tra le attività agricole connesse soggette a
tassazione su base catastale. Tra le novi-
se i prodotti acquistati sono uguali ai
propri, oppure in base al valore, se di
natura diversa (però della stessa catego-
ria merceologica); la parte dei beni che
viene acquistata da terzi per essere poi
lavorata può servire ad ampliare la gam-
ma dei prodotti offerti, oppure a miglio-
fettaria del reddito imponibile, sulla base
del 15% del fatturato, ai sensi dell’arti-
colo 56-bis del dpr n. 917/1986, qualora
siano usualmente esercitate nell’ambito
dell’attività agricola.

Le nuove entrate
tà spiccano la produzione di prodotti di rarne la qualità o la quantità, e i prodotti
panetteria freschi, tra cui pane, panini e che si acquistano devono rientrare nel- Rispetto al precedente elenco, le nuove
cialde, la produzione di grappa e quella lo stesso comparto produttivo dei pro- produzioni che sono comprese nel decreto
di malto e birra. pri (ad esempio, un produttore di vino sono la produzione di farina o sfarinati di
Il nuovo elenco di beni, le cui produzio- Cabernet può acquistare da terzi l’uva legumi da granella secchi, di radici o tu-
ni rientrano tra le attività che versano le per produrre vino bian- beri o di frutta in guscio
imposte sul reddito determinato catastal-
mente (individuate sulla base della classi-
co e aumentare così la
gamma di prodotti of- ▶ La produzione
commestibile, la produ-
zione di prodotti di pa-
ficazione delle attività economiche «Ateco ferti alla clientela, ma di panetteria netteria freschi, tra cui
2007»), produce effetto dal periodo d’im- non pomodori per fare fresca è ora pane, panini e cialde, la
posta successivo a quello in corso al 31-12- conserve). considerata produzione di grappa e
2009, ovvero dal 2010 per la stragrande attività connessa quella di malto e birra.
maggioranza dei contribuenti, per i quali Per quanto riguarda il
il periodo d’imposta coincide con l’anno a quella agricola pesce, alla voce già con-
solare; il nuovo elenco sostituisce, con un tenuta nell’elenco è stato
po’ di ritardo, quello precedente approvato aggiunto il termine «pro-
con decreto ministeriale 11-7-2007. duzione», oltre a conservazione, con l’ef-
L’elenco delle attività agricole connes- fetto di ampliare notevolmente le attività
se rientranti nei limiti di cui all’ar- rientranti nella tassazione catastale; la
ticolo 32 del Tuir (ovvero nel reddi- nuova denominazione risulta quindi
to agrario) dovrebbe essere emanato «produzione e conservazione di pesce,
ogni biennio e interessa, oltre a per- crostacei e molluschi, mediante con-
sone fisiche e società semplici, anche le gelamento, surgelamento, essiccazione,
società di persone, snc e sas, nonché le aff umicatura, salatura, immersione in
srl con la qualifica di società agricola che salamoia, inscatolamento e produzione
hanno optato per la determinazione del di fi letti di pesce». •
34/2010 • L’Informatore Agrario 27