Sei sulla pagina 1di 1

fasori.

nb 1

PRECISAZIONI FASORI

v HtL = Vm cos Hw t + fL; ad esempio Volt


w e ' in rad ê sec Hscelta opportuna per l ' uso dei fasoriL;
f puo' essere espressa in gradi o rad

FASORE
V = Vm < f = Vm e+j f fissata w e ' in rad ê sec
`

VETTORE ROTANTE
`
V e+j w t = Vm e+j f e+j w t in questo caso si deve avere stessa unita' di misura tra f e w t,
quindi riportiamo anche f in rad;

d v HtL
FASORE della derivata

ÄÄÄÄÄÄÄÄÄÄÄÄÄÄÄÄÄÄÄ = -w Vm sin Hw t + fL = w Vm cos Hw t + f + 90 °L = w Vm cos Jw t + f + ÄÄÄÄÄ N;


p
dt 2
V ' = w Vm < Jf + ÄÄÄÄÄ N =
` p
2
+j Hf+ ÄÄÄÄ2Ä L
= w Vm < Hf + 90 °L = Vm e+j Hf+90 °L fissata w e ' in rad ê sec
p
Vm e

rad e ' un rapporto tra arco e raggio Hnumero puroL.


Le unita' di misura sono rispettate in quanto

La derivata di v HtL ha come unita' di misura


l ' unita' di misura di v HtL diviso il tempo.

misura. Se esprimiamo w in rad ê sec otteniamo l ' unita' di misura


Anche il fasore della derivata deve avere questa unita' di

di v HtL diviso il tempo in base alla definizione del radiante.

altre unita' di misura ad esempio gradi ê sec ... questa


In fisica w potrebbe essere espressa anche in termini di

fasori per il calcolo di derivate ê integrali e quindi l ' uso


assunzione non permetterebbe l ' uso automatico dei

consueto nell ' analisi di circuiti con componenti reattivi.


Con queste deduzioni e ' possibile comprendere le conversioni di
unita' di misura tra Farad, Henry, Ohm anche nel dominio dei fasori.