Sei sulla pagina 1di 11

Lezioni

 del  04/12/2013  
a  cura  di  Matteo  Cipollini  

1.1  Linee  di  influenza  per  travi  tipo  Gerber  


Le   travi   di   tipo   Gerber   sono   strutture   isostatiche.   Come   abbiamo   visto   nella   scorsa   lezione   gli  
schemi   più   diffusi   sono   quelli   del   tipo   Niagara   e   del   tipo   Kentucky.   Studiamo   il   comportamento  
delle  travi  Gerber  attraverso  le  linee  di  influenza  (LdI)  di  alcune  sezioni  di  una  trave  Kentucky.  
 

Figura  1.  Trave  Gerber  di  tipo  Kentucky  


 
1.1.1  LdI  del  taglio  
Per   determinare   la   linea   d’influenza   del   taglio   nella   sezione   S1   si   dovrà   introdurre   un’opportuna  
sconnessione   (un   bipendolo)   nella   suddetta   sezione   e   disegnare   la   deformata   della   struttura.  
Essendo   uno   schema   isostatico,   togliendo   un   grado   di   libertà,   la   struttura   diventerà   un  
meccanismo   e   la   deformata   sarà   rappresentata   dal   movimento   rigido   delle   varie   parti   della  
travata,  ovvero  dall’unione  di  più  spezzate.  

Figura  2.  LdI  del  taglio  nella  sezione  1  

 
Allo  stesso  modo  si  procederà  per  ricercare  le  linee  di  influenza  del  taglio  nelle  sezioni  S2  ed  S3.  

Figura  3.  LdI  del  taglio  nelle  sezioni  2  e  3  

 
   

1  
 
1.1.2  LdI  del  momento  flettente  
Per   la   ricerca   delle   linee   di   influenza   del   momento   flettente   si   dovrà,   invece,   introdurre   una  
cerniera   nelle   sezioni   interessate,   in   modo   da   generare   una   distorsione   angolare   tale   da   far  
compiere  lavoro  alla  caratteristica  della  sollecitazione  in  esame.  

Figura  4.  LdI  del  momento  flettente  nelle  sezioni  1,  2    e  3  

 
1.1.2  Confronto  tra  trave  Gerber  e  trave  continua  
Rimuovendo   le   cerniere   in   C   e   D   lo   schema   si   trasforma   in   quello   di   trave   continua.   Se,   per  
esempio,   si   decidesse   di   ricercare   la   LdI   del   momento   flettente   nella   sezione   S1,   si   nota   come  
questa   vada   a   interessare   tutta   la   struttura   e   non   solo   le   zone   strettamente   connesse   all’area  
caricata.   Pur   essendoci   uno   smorzamento   delle   sollecitazioni,   anche   le   campate   adiacenti   (EF),  
scariche  nel  caso  di  trave  Gerber,  risultano  soggette  a  momento.  Ci  si  può  immaginare,  infatti,  il  
tratto   CD   come   un   pendolo   che   non   trasmette   taglio   tra   le   campate   di   destra   e   sinistra.   È  
altrettanto  vero,  però,  che  la  minor  dissipazione  della  sollecitazione  genera  dei  picchi  di  momento  
massimo  più  elevati  nel  caso  isostatico.  

Figura  5.  LdI  del  momento  flettente  nella  sezione  1  per  una  trave  continua  

 
   
2  
 
2.1  Linee  di  influenza  per  travi  reticolari  
Le  travi  reticolari  sono,  o  dovrebbero  sempre  essere,  caricate  esclusivamente  nei  nodi.  Pertanto  
sono   strutture   soggette   principalmente   a   carico   indiretto.   Nell’esempio   si   immagini,   quindi,   un  
ponte  a  via  superiore.  

 
L’unica  caratteristica  della  sollecitazione  presente  è  lo  sforzo  normale  e  si  utilizzerà  il  metodo  di  
Ritter  per  determinarlo.  Tale  metodo  si  basa  sul  principio  che  se  una  struttura  è  in  equilibrio,  allora  
lo   sarà   ogni   sua   parte.   Si   divide   quindi   la   struttura   in   due   parti   e   si   determinano   tramite   le  
equazioni  di  equilibrio  statico  gli  sforzi  normali  nelle  aste.    
 

Figura  6.  Sezione  di  Ritter  

 
 
 
 
   
   

3  
 
Dato  che  il  polo  di  rotazione  di  un’asta  è  il  punto  di  incontro  tra  le  altre  due,  per  l’asta  1  il  polo  
sarà  A.  Posso  quindi  anche  scrivere:  

!! ∙ !! − !! = 0  

ovvero  

!!
!! =  
!!

con   !!   distanza   polare,   ovvero   la   distanza   tra   il   polo   dell’asta   e   l’asta   stessa,   ed   M!   momento  
calcolato  nel  polo  A.  
Da  questa  scrittura  si  può  notare  come  lo  sforzo  normale  nell’asta  1  sia  proporzionale,  tramite  la  
costante  1 !! ,  al  momento  flettente  nella  sezione  A  della  corrispondente  trave  appoggiata.  

Figura  7.  LdI  del  momento  flettente  nella  sezione  A  

4  
 
!! ∙(ℓ!!!)
Da  questa  noto  che  il  massimo  valore  si  ottiene  proprio  in  corrispondenza  di  A  e  vale   ℓ
.  Per  
passare,  quindi,  allo  sforzo  normale  basterà  dividere  tutto  per  !!  e  ricordarsi  che  siamo  nel  caso  di  
carico   indiretto.   Per   farlo   si   disegnano   le   verticali   dai   punti   di   applicazione   del   carico   fino   a  
intersecare  con  la  LdI  a  carico  diretto  e  poi  di  uniscono  con  delle  spezzate  tali  punti  di  intersezione.  

Figura  8.  LdI  dello  sforzo  normale  nell'asta  1  

 
Analogamente  per  l’asta  3  potrò  scrivere:  
 
!!
!! =  
!!
 
Ancora   una   volta   si   dovrà   scalare   la   LdI   del   momento   flettente   in   D   di   un   fattore   !! .   Poiché  
stavolta  il  polo  D  giace  in  corrispondenza  della  verticale  per  il  punto  di  applicazione  di  un  carico,  mi  
posso  fermare  alla  valutazione  della  trave  a  carico  diretto.    

Figura  9.  LdI  dello  sforzo  normale  nell'asta  3  

5  
 
Per   l’asta   2   si   deve   ricercare   il   polo   come   da   definizione,   ovvero   come   prolungamento   delle   aste   1  
e  3.  Per  semplicità  rappresentativa,  si  è  leggermente  variata  la  geometria  del  problema,  così  da  far  
rientrare  il  polo  C  nei  contorni  della  figura.  
Ancora  una  volta  varrà  la  relazione:  
!!
!! =  
!!
   

Figura  10.  LdI  dello  sforzo  normale  nell'asta  2  

6  
 
La  differenza  con  quanto  di  precedentemente  sviluppato  è  la  ricerca  del  polo  C.  Il  procedimento  
rimane   tuttavia   lo   stesso:   puntando   il   compasso   nei   punti   rappresentanti   gli   appoggi   della  
travatura,  si  effettuano  una  rotazione  oraria  dall’appoggio  di  sinistra  e  una  antioraria  da  quello  di  
destra   partendo   dalla   proiezione   del   punto   C.   Dopodiché   si   uniscono   le   intersezioni   tra   archi   e  
prolungamento  delle  verticali  degli  appoggi  con  l’altro  appoggio.    Per  verificare  se  la  costruzione  è  
ben  fatta,  il  prolungamento  delle  due  rette  appena  descritte  deve  generare  un’intersezione  sulla  
verticale  del  punto  C.  
Per   rispettare   la   condizione   di   carico   indiretto,   si   tracceranno   ancora   le   verticali   dai   punti   di  
applicazione   del   carico,   facendo   però   attenzione   a   raggiungere   la   retta   inferiore   per   i   punti   alla  
sinistra  del  taglio,  effettuato  applicando  il  metodo  di  Ritter,  e  fermandosi  alla  retta  superiore  per  
quelli  che  si  trovano  alla  destra.  
 
Osservazione:  in  quest’ultimo  caso  non  si  è  tracciata  prima  la  LdI  nel  caso  di  carico  diretto  perché  
questa  non  è  univoca.  Infatti  per  le  considerazioni  fatte  potrei  tracciare  una  qualunque  verticale  
tra  i  punti  D  ed  E,  come  per  esempio  le  rette  r  ed  s  in  figura.    
 
Osservazione:  se  invece  del  metodo  di  Ritter  avessi  voluto  usare  Land,  avrei  dovuto  inserire  una  
sconnessione   a   sforzo   normale   per   fare   allontanare   o   avvicinare   le   due   facce   dell’asta,   facendo  
compiere  lavoro  allo  sforzo  normale.    

7  
 
2.2  La  trave  Mohnié  
La  trave  Mohnié  è  un  caso  particolare  di  trave  reticolare,  dove  tutti  i  montanti  sono  paralleli  tra  
loro  e  i  correnti  superiori  sono  paralleli  a  quelli  inferiori.    
Questa  tipologia  strutturale  risulta  poco  conveniente  per  i  ponti  stradali,  ma  trova  la  sua  fortuna  
nei  ponti  ferroviari,  perché  permette  di  raggiungere  elevate  rigidezze  (grazie  all’importante  altezza  
della   struttura)   a   parità   di   materiale,   ottenendo   così   una   struttura   relativamente   leggera,   ma  
rigida.   Quest’ultima   caratteristica   è   fondamentale   nei   ponti   ferroviari,   dove   anche   deformazioni  
modeste  possono  mettere  a  rischio  la  sicurezza  del  transito.    
Nei   ponti   stradali,   invece,   si   ha   a   che   fare   con   carichi   minori   e   questa   soluzione   risulta  
economicamente  sconveniente,  preferendogli  la  soluzione  in  parete  piena.  

Figura  11.  Schema  della  trave  Mohnié  

Per  cercare  le  LdI  ricorro  ancora  al  metodo  di  Ritter.  Per  i  correnti  (come  per  esempio  le  aste  1  e  3)  
la   situazione   è   semplice   e   paragonabile   al   caso   precedente   per   l’asta   3,   dove   la   LdI   per   il   carico  
diretto   coincide   con   quella   a   carico   indiretto,   data   la   verticalità   dei   montanti.   Un’altra  
semplificazione  viene  data  dal  fatto  che  la  distanza  polare  risulta  essere  sempre  ℎ  per  i  correnti,  
quindi  ogni  LdI  del  momento  flettente  verrà  ridotta  di  un  fattore  ℎ.  
 

 
Figura  12.  Sezione  di  Ritter  considerata  

   

8  
 
!!
Prendiamo  per  esempio  in  considerazione  l’asta  1,  allora  posso  scrivere:       !! = !
 

Figura  13.  LdI  dello  sforzo  normale  nell'asta  1  

 
!!
Allo  stesso  modo  si  procede  per  l’asta  3:        !! = !
 
 
   

Figura  14.  LdI  dello  sforzo  normale  nell'asta  3  


9  
 
Per   l’asta   2   il   calcolo   è   più   complicato   perché,   essendo   i   correnti   paralleli,   il   polo   è   improprio.  
Possiamo  però  affidarci  ancora  al  metodo  di  calcolo  proposto  da  Ritter  e  scrivere  l’equazione  alla  
traslazione  verticale  per  la  porzione  a  sinistra  della  sezione  considerata,  notando  che  la  somma  dei  
carichi  applicati  fino  alla  sezione  in  esame  è  proprio  il  taglio  di  tale  sezione.  

Figura  15.  Sezione  di  Ritter  considerata  

!! cos ! = !  
 
!
!! =  
cos !
 
Si  osserva,  quindi,  che  LdI  dello  sforzo  normale  nell’asta  2  è  uguale,  a  meno  del  fattore  minore  di  1  
cos !,  alla  LdI  del  taglio.    

Figura  16.  LdI  dello  sforzo  normale  nell'asta  2  

10  
 
Ancora   una   volta   si   possono   definire   infinite   LdI   nel   caso   a   carico   diretto   in   quanto   la   soluzione  
dipende  dal  punto  appartenente  all’asta  2  che  si  è  scelto  per  tracciare  la  sezione,  quello  che  conta  
è   unire   le   intersezioni   delle   verticali   per   A   e   B.   Successivamente   non   resta   che   inserire   il   fattore   di  
scala.  
 
Osservazione:  solo  nelle  travature  a  correnti  paralleli  si  può  fare  l’ipotesi  che  i  correnti  assorbano  il  
momento  flettente  mentre  i  montanti  bilancino  il  taglio.  
 
Osservazione:  se  le  diagonali  sono  discendenti  verso  il  centro  (come  in  figura),  allora,  per  carichi  
verticali  rivolti  verso  il  basso,  sono  tese,  quindi  si  sfruttano  meglio  le  loro  proprietà  di  materiale  e  
si  evita  di  doverle  verificare  a  stabilità.  
 
Osservazione:  il  fatto  che  la  via  di  carico  sia  superiore  o  inferiore  non  ha  importanza  per  i  correnti,  
ma  per  le  aste  di  parete.  
 
Osservazione:  a  parità  di  carico  lo  sforzo  nelle  diagonali  è  sempre  maggiore  di  quello  nei  montanti.  
 
!! > !!  
 
 
!! = ! = !! + !! − !!           !! = ! !"# ∝      

Figura  17.  Due  diverse  sezioni  di  Ritter  

 
Per   le   considerazioni   fatte   in   precedenza   si   può   notare,   dalla   figura   17,   come   lo   sforzo   !!   sia  
maggiore   nel   caso   a   destra.   Questo   perché   a   sinistra   !!   è   proprio   pari   al   taglio   mentre   nel   caso   di  
destra  si  deve  dividere  il  valore  del  taglio  per  cos !,  fattore  minore  di  1.  

11