Sei sulla pagina 1di 5

15/03/14

Dipartimento di Meccanica,
Università della Calabria

Il Concetto di Apparecchio di Misura

Definizione di apparecchio per misurazione

(UNI EN ISO 10012)

Strumento per misurazione, software,


campione di misura, materiale di
riferimento o apparecchiatura ausilia-
ria o loro combinazione, necessari per
attuare un processo di misurazione.

Apparecchio per misurazione


Un apparecchio per misurazione posto in interazione con un sistema misurato
(misurando dal quale proviene una informazione sotto forma di segnale di
ingresso) fornisce un risultato al sistema utilizzatore (sotto forma di segnale di
uscita) rappresentante un'informazione quantitativa del misurando influenzata
dall’interazione con il sistema ambiente.

Sistema
ambiente

Sistema Apparecchio per Sistema


misurato misurazione utilizzatore

Segnale di Segnale di
ingresso uscita

1
15/03/14

Classificazione degli apparecchi per misurazione


Gli apparecchi per misurazione sono classificabili in campioni di misura e strumenti per
misurazioni:

a) l'apparecchio per misurazione è chiamato campione di misura se rende disponibile una


grandezza di uscita identificata dal suo valore nominale (unico o selezionato tra un insieme
di valori discreto o continuo);
b) l'apparecchio per misurazione è chiamato strumento per misurazione se fornisce un
segnale di uscita dipendente dalla grandezza applicata al suo ingresso.

Segnale di
Campione di uscita (valore
misura nominale)

Segnale di
Segnale di Strumento per uscita (valore
ingresso misurazione di lettura)

Tipologie applicative
degli strumenti di misura

•  monitoraggio di operazioni e processi;

•  controllo di operazioni e processi;

•  analisi per mezzo dell’ingegneria


sperimentale.

Monitoraggio di processi
•  Semplice visualizzazione dei valori assunti dai
segnali.

•  Esempi familiari sono


i contatori domestici
dell'acqua, del gas,
dell'energia elettrica,
che misurano la
quantità utilizzata di
una specifica risorsa.

2
15/03/14

Controllo di un processo
•  In base al valore misurato dell’uscita, un dispositivo di controllo modifica gli
ingressi per ottenere una desiderata evoluzione nel tempo delle uscite.
•  Un esempio ben noto è il sistema di riscaldamento domestico, in cui un dispositivo
misura la temperatura in una stanza e fornisce così l'informazione necessaria per
l'appropriato funzionamento del sistema di controllo della temperatura. Molti dispositivi
biomedici per diagnosi e terapia funzionano in retroazione. Un esempio è il moderno pace-
maker, che impone un valore della frequenza cardiaca variabile in base ad un misura delle
necessità metaboliche dell'organismo.

ingresso di energia e/ variabile controllata


o materiale processo

Strumento

Controllore

Valore desiderato della variabile


controllata

Analisi sperimentale
•  Molti problemi dell'ingegneria richiedono, per la loro soluzione, metodi sia teorici
sia sperimentali. In particolare, i problemi alla frontiera della conoscenza spesso
necessitano di approfonditi studi sperimentali, non essendo ancora disponibili
teorie adeguate.
•  Ad esempio, la figura mostra lo schema a blocchi di un esperimento in cui i sistemi
di misura 1 e 2 forniscono i dati necessari per identificare una relazione (algebrica
o dinamica) in grado di descrivere il legame tra la funzione di ingresso u e quella di
uscita y del sistema S.

u y
sistema

Strumento 2 Strumento 1

Procedura di
Identificazione

Misura della
temperatura monitoraggio

controllo

analisi sperimentale

3
15/03/14

Dipartimento di Meccanica,
Università della Calabria

Descrizione Funzionale dei


Sistemi di Misura

Elementi funzionali di uno


strumento di misura
•  Per l’analisi di uno strumento già esistente o
per la progettazione di uno nuovo è sempre
utile individuare e raggruppare i componenti
dello strumento che insieme operano per
svolgere una determinata funzione. In tal modo
qualsiasi strumento potrà essere schematizzato
non attraverso i componenti (meccanici,
elettrici, ottici, ecc) che lo costituiscono ma
bensì mediante una serie di elementi
funzionali.

Elementi funzionali di uno


strumento per misurazione

Elemento Elemento di Elemento di


misurando
sensibile conversione manipolazio-
primario ne

Elemento di Elemento di
presentazione trasmissione

Elemento di
registrazione

4
15/03/14

Elementi funzionali di uno strumento per misurazione


L’elemento sensibile primario è quello che per primo riceve energia dal mezzo
su cui si sta effettuano la misura.
L’elemento di trasmissione permette di trasmettere i dati da un elemento ad un
altro qualora questi si trovino fisicamente distanti tra di loro.

L’elemento di manipolazione permette di cambiare il valore numerico


dell’ngresso secondo una prestabilita regola senza variarne la sua natura fisica.

L’elemento di registrazione dati conserva i risultati delle misurazioni per


consentirne un’analisi successiva.
L’elemento di conversione trasforma la variabile di ingresso in una di tipo
diverso.
L’elemento di presentazione dati ha il compito di comunicare all’osservatore il
valore misurato.
E’ evidente che in uno specifico strumento possono non essere presenti alcuni
elementi funzionali oppure possono esserci elementi funzionali dello stesso tipo
o ancora che gli elementi funzionali siano disposti in ordine differente da quello
di figura.

Sistema in
Manometro scala esame fluido

a molla indice
misurando pressione

molla Elemento
sensibile
leva primario
pistone
asta
Elemento di
conversione
pistone fluido forza

Elemento di asta
trasmissione
forza

moto Elemento di
Elemento di moto Elemento di
presentazione manipolazione conversione

utilizzatore scala e indice molla


leveraggio

Termometro Tubo di Bourdon


misurando fluido

a fluido tubo
temperatura

Elemento
sensibile
primario
bulbo
leveraggio
bulbo Elemento di
indice conversione

pressione
fluido
scala
Elemento di tubo
trasmissione
pressione

moto Elemento di
Elemento di moto Elemento di
presentazione manipolazione conversione

utilizzatore scala e indice Tubo di Bourdon


leveraggio